Comunicazione istituzionale on line. Il linguaggio per il web

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Comunicazione istituzionale on line. Il linguaggio per il web"

Transcript

1 Comunicazione istituzionale on line Il linguaggio per il web COLLANA STRUMENTI 4 Questa guida è rivolta prioritariamente ai referenti aziendali per la comunicazione web, nell ambito del processo di sviluppo del portale aziendale RIMINI SALUTE (gestito con il Content Management System Open Source MAMBO). Le indicazioni pratiche in essa contenute possono essere di aiuto a tutti coloro che scrivono per il web o redigono testi istituzionali. I contenuti della guida sono tratti dal volume STRUMENTI/2 Guida alla comunicazione istituzionale on line realizzato dal Dipartimento della Funzione Pubblica - Progetto Urpdegli Urp e della Regione Emilia Romagna (a cura di Emilio Simonetti) e dalle Linee guida per la redazione del portale Ermes della Regione Emilia-Romagna. Redazione a cura di: Dr.ssa Antonella Chiadini - Dr. Enrico Properzi - Grafica: Dorotea Denicolò - U.O. Rapporti con il Pubblico Gennaio

2 COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE ON LINE La comunicazione istituzionale è l insieme di attività delle P.A. (art. 1 e 8 della Legge 150/2000) per il perseguimento di obiettivi di comunicazione: di certezza normativa (pubblicità legale/obbligatoria degli atti pubblici) della normativa dei procedimenti amministrativi delle attività istituzionali delle attività di semplificazione e modernizzazione di pubblica utilità e sociale di promozione dell immagine Cos è la comunicazione istituzionale on line é parte integrante della comunicazione pubblica per le caratteristiche di velocità, connettività universale, interattività e bassi costi di transazione tipiche della rete, rappresenta la forma più adeguata all attuale sviluppo della Società dell informazione é strumento strategico per il miglioramento delle relazioni fra istituzione e cittadino 3 Quali servizi fornisce la comunicazione istituzionale on line informazione comunicazione/ascolto gestione trasparenza funzione di sportello: unico, polifunzionale, multiente partecipazione promozione dei processi di semplificazione e organizzazione customer satisfaction controllo e veicolazione della qualità dei servizi marketing Quale funzione ha il web nei servizi di comunicazione istituzionale on line Il web si affianca alle modalità più tradizionali di erogazione dei servizi é interattivo essendo un canale a due vie e permette il costante dialogo con l utenza consente massima diffusione, accessibilità, trasparenza, interattività e completezza del servizio erogato. 4

3 Funzioni potenziali dei siti della P.A. Informative Comunicative Organizzative Di servizio Di trasparenza e accesso Relazionali Partecipativi Formative Identitari Informazioni diffuse e distribuite, specifiche e personalizzate Comunicazione istituzionale Promozione iniziative Consolidamento immagine ente Razionalizzazione processi amm.vi e di governo dell ente Ammodernamento P.A. e incremento efficienza/efficacia Erogazione di servizi a valore aggiunto (in grado di generare economia: economiche ma anche di tempo, di spostamenti, ecc.) Trasparenza dei procedimenti, accesso agli atti (secondo le normative vigenti) Comunicazione bidirezionale tra amministratori e amministrati Partecipazione dei cittadini al dibattito politico e alla gestione della cosa pubblica Educazione utenti rispetto a diritti e doveri (cittadini consapevoli) Ricostruzione e rinsaldamento dell identità collettiva su base territoriale/virtuale Di cittadinanza Promozione diritti di cittadinanza e integrazione anche dei soggetti deboli e svantaggiati 5 Quali sono i livelli di interazione dei servizi on line? Livello 1 Informazione Sono fornite informazioni sul servizio e/o sulle sue modalità di erogazione (es, Guida ai servizi) Livello 2 Interazione a una via E possibile ottenere on line i moduli per la richiesta di erogazione del servizio che dovrà poi essere inoltrata, per canali tradizionali (es. modulo di autocertificazione) Livello 3 interazione a due vie E possibile avviare on line la procedura di erogazione del servizio (es. modulo da riempire e inviare on line) Livello 4 Transazione completa Il servizio viene erogato interamente on line, incluso l eventuale pagamento del suo costo 6

4 Cosa significa livello di interazione 1 INFORMAZIONE - Pubblicare informazioni complete, attendibili, accessibili e di facile consultazione sui servizi e le attività di pubblico interesse dell ente, ed eventualmente, di altri enti di riferimento Verificare, controllare e aggiornare periodicamente tali contenuti presso gli uffici che li producono o li detengono in banca dati Adeguare il linguaggio secondo il Manuale di stile (www.funzionepubblica.it/chiaro) per le comunicazioni scritte delle P.A. e di webwriting, prima che entri nel web-publishing Mantenere la consistenza tra le informazioni veicolate via web e quelle veicolate attraverso altri canali (stampa, bacheche, altri sportelli) Garantire la coerenza fra le informazioni date in diverse parti dello stesso sito o in diversi siti In sintesi: presidiare la qualità dei contenuti a tutti i livelli di web content management 7 Cosa significa livello di interazione 2 INTERAZIONE A UNA VIA - Rendere disponibile, in formato elettronico, la modulistica relativa ai servizi e le pratiche necessarie per accedere ai servizi Creare e gestire un indice ragionato della modulistica, curandone l aggiornamento, l usabilità e la navigabilità Predisporre il formato elettronico di moduli e stampati, secondo le regole del Manuale di stile per le comunicazioni scritte delle P.A. Seguire le direttive e le linee guida in tema di accessibilità e design universale Rendere disponibile, per ciascun modulo, una guida alla compilazione, interattiva o stampabile insieme al modulo Prevedere diversi formati dei moduli (.pdf,.txt,.rtf,.xls) dando la preferenza a soluzioni non proprietarie e open source Garantire l allineamento fra la modulistica di sportello e quella su web In sintesi: presidiare la predisposizione della modulistica sei servizi dell ente e applicare i criteri di usabilità e accessibilità al formato elettronico 8

5 Cosa significa livello di interazione 3 INTERAZIONE A DUE VIE - Prevedere la possibilità da parte degli utenti di attivare una richiesta di servizio inviando, tramite web, la modulistica necessaria Gestire la compilazione dei moduli on line, con help interattivi e finestre di dialogo ad hoc Gestire lo scambio elettronico di moduli, dati e comunicazione con gli utenti tramite pulsanti di controllo e finestre di verifica Gestire l identificazione (debole) degli utenti (p.e. userid e pwd) e le regole di autorizzazione ai diversi servizi Disporre sistemi che diano agli utenti la certezza dell invio/ricezione delle pratiche tramite posta elettronica certificata, protocollazione informatica dei documenti, sistemi di document flow management Disporre di sistema di back-office che gestisca il trattamento dei dati/info/documenti inviati tramite web, nel rispetto della privacy In sintesi: significa ridisegnare e adattare i processi di erogazione dei servizi al web, verificare l integrazione del web con i sistemi di back-office di gestione dei servizi, presidiare l informatizzazione del sistema di protocollo e del document flow management 9 Cosa significa livello di interazione 4 TRANSAZIONE - Realizzare la completa erogazione web di tutti i servizi di sportello Indicizzare i servizi e ridisegnare i processi di servizio in ottica web Garantire l aderenza dei servizi erogati on line, con i servizi tradizionali e con le norme vigenti Fornire sistemi di help on line e call center Gestire l accesso sicuro ai servizi e le liste di autorizzazione tramite identificazione utenti (smart card, carta d identità elettronica, ecc.) Adeguare l infrastruttura di sicurezza ai servizi erogati e ai dati trattati Integrare le procedure informatiche di backend con il front end, curando, per i servizi multiente, l integrazione e lo scambio di dati Tracciare lo stato dei processi di erogazione dei servizi con sistemi di workflow management In sintesi: significa presidiare i cicli di vita del processo di informatizzazione dell offerta dei servizi e di web content management, per orientarli al miglioramento della qualità percepita dagli utenti 10

6 Il ruolo dell URP per il web: le priorità 1 L Urp e la redazione web L Urp coordina la gestione e la redazione del sito attraverso la comunicazione interna (flussi informativi). Gestisce la catena del CMS, presidiandone contenuti e aggiornamenti. 2 Il web come front office dei servizi L Urp coordina la gestione del front-office on line (relazione telematica con l utenza). 3 L Urp facilitatore di accesso ai servizi L Urp fornisce supporto e promuove lo sviluppo dei servizi fruibili on line (facilitatore d accesso). 4 Monitoraggio utenza, verifica qualità servizi on line, internet marketing L Urp informa sui servizi on line. Promuove monitoraggi sul controllo di qualità e soddisfazione. 5 Accessibilità e usabilità L Urp promuove, informa, adotta gli standard di accessibilità/usabilità per i siti pubblici puntando al più alto livello di accessibilità/usabilità secondo le linee guida del progetto WAI - WC3 (WCAG, UAAG, ATAG, XAG). Promuove/esegue test di usabilità (metodologia d analisi euristica/empirica) 11 Contenuti indispensabili nella sezione Urp recapiti fisici recapiti telematici nome di responsabile e addetti front office orari con info per raggiungere la sede missione, competenze e attività (regolamento ex lege 150/2000, organigramma) guida (o link) e modulistica e.mail, format per segnalazione disservizi, reclami, suggerimenti Accessibilità L accessibilità è la garanzia di fruibilità, indipendentemente dal dispositivo tecnico utilizzato, anche per le persone con disabilità di vario tipo, comprese quelle sensoriali. E il diritto di accesso senza discriminazioni attraverso la condivisione di regole comuni. Lo standard è definito nel progetto WAI del W3C che comprende: consigli generali (Web Content Accessibilità Guidelines 1.0), immagini e animazioni, immagini ciccabili, multimedia, link ipertestuali, organizzazione, figure e diagrammi, script, applet e plug in, cornici (frames) tabelle, validazione del lavoro. 12

7 Usabilità Usabilità significa facile navigabilità e chiarezza dei contenuti del sito, rispetto ai destinatari. L usabilità è un fatto progettuale, l accessibilità è conformità alle raccomandazioni/standard W3C. Presenza di motori di ricerca Possibilità di raggiungere le info principali dalla home page Presenza della mappa del sito o indice delle info Titolo di pagina coerente con il contenuto Presenza barre di navigazione ds e sin schermo (almeno primi 2 liv) Possibilità di tornare all home page da ogni pagina Architettura informativa del sito per la localizzazione della pagina Immagini funzionali e coerenti ai servizi offerti Immagini di peso complessivo inferiore a 70K Possibilità di escludere l uso della grafica Assenza di pagine splash, intro solo grafiche Compatibilità con principali browser e piattaforme tecnologiche Tempo medio scaricamento pag = o < a 10 con modem 56K Presenza di aiuto alla navigazione (help on line) N azioni (click) per ottenere un servizio < a Privacy e sicurezza Normativa di riferimento Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 Codice in materia di protezione dei dati personali Decreto Legislativo 9 aprile 2003, n. 68 Attuazione direttiva 2001/29/CE sull armonizzazione di taluni aspetti del diritto d autore e dei diritti connessi nella società dell informazione. Direttiva 2002/58/CE del 12 luglio 2002 Trattamento dei dati personali e tutela della vita privata nel settore delle comunicazioni elettroniche Decreto P.C.M. 11 aprile 2002 Schema per la valutazione e la certificazione della sicurezza delle tecnologie dell informazione, ai fini della tutela delle informazioni classificate concernenti la sicurezza interna ed esterne dello Stato Decreto P.C.M. 16 gennaio 2002 Dipartimento per l Innovazione e le Tecnologie Sicurezza informatica e delle Telecomunicazioni nelle pubbliche amministrazioni Statali Decreto P.R. 28 luglio 1999, n. 318 Regolamento recante norme per l individuazione delle misure minime di sicurezza per il trattamento dei dati personali, a norma dell art.15, comma 2, della legge 31 dicembre 1996, n.675 Decreto Legislativo 11 maggio 1999, n. 135 Disposizioni integrative della legge 31 dicembre 1996, n.676, sul trattamento dei dati sensibili da parte dei soggetti pubblici Legge 31 dicembre 1996, n. 676 Delega al Governo in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali Legge 31 dicembre 1996, n. 675 Tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali

8 IL LINGUAGGIO PER IL WEB 15 IL LINGUAGGIO PER IL WEB 1 Considerato il pubblico molto vasto a cui in genere si rivolgono i siti web, è fondamentale organizzare le informazioni da pubblicare prestando particolare attenzione sia alla struttura dei testi che al contenuto. Leggere un testo a video non è come leggere un testo cartaceo: la limitata dimensione dello schermo richiede brevità e chiarezza; inoltre, la natura ipertestuale dei web obbliga a passare da una scrittura lineare a una scrittura profonda ed espansa che richiede un accurata progettazione. L organizzazione delle informazioni 1. Strutturare l informazione: raccogliere tutte le informazioni necessarie (rispettare la regola delle 5W: who, what, when, where, why), decidere la gerarchia delle informazioni (distinguere le informazioni principali da quelle secondarie), suddividere il testo in paragrafi, ognuno contenente un argomento diverso, collocando le informazioni principali all inizio e collegando i paragrafi tra loro; 2. Pensare al testo in termini visivi: scrivere colonne di testo di larghezza e lunghezza 1 Tratto e adattato da Linee guida per la redazione e composizione di testi per il web della Regione Emilia-Romagna 16

9 omogenea, lasciare spazi vuoti, usare il grassetto per evidenziare brevi concetti fondamentali; 3. Scrivere microcontenuti significativi: inserire titoli, sottotitoli, link e voci di indice per sintetizzare i contenuti presenti sulla pagina e fornire una guida per il lettore. La chiarezza dei testi Riguardo al contenuto dei testi, è consigliabile utilizzare un linguaggio semplice e chiaro, rispettando quelli che comunemente vengono indicati come i criteri di base per la chiarezza dei testi: 1. Scrivere frasi brevi: non più di 25/30 parole e di 2 frasi per ogni periodo. Un metodo semplice per capire se una frase è troppo lunga (oppure manca della necessaria punteggiatura) è quello di leggerla ad alta voce. Se si rimane senza fiato è sicuramente da tagliare. Evitare di concentrare nelle frasi troppe informazioni. Una frase con troppe idee o informazioni è lunga e può risultare difficile, mentre quelle che contengono una sola informazione principale non richiedono particolari sforzi di comprensione o più riletture. Se si hanno 17 molte informazioni da dare è meglio spezzare il periodo in più proposizioni principali. 2. Scrivere frasi semplici e lineari Scrivere frasi di una sola proposizione con soggetto, verbo e qualche complemento. Se la frase è formata da più proposizioni, preferire la forma coordinata a quella subordinata. 3. Specificare sempre il soggetto della frase Il soggetto nella frase evita ambiguità e facilita la comprensione. Nel periodo composto da varie proposizioni è necessario specificare i diversi soggetti, soprattutto quando non coincidono. 4. Preferire la forma attiva dei verbi a quella passiva o impersonale La forma attiva è più chiara perché identifica meglio il soggetto dell azione. 5. Preferire modi e tempi verbali semplici Tra i modi verbali è preferibile scegliere quelli più semplici che sono anche i più usati nel linguaggio comune. L indicativo è preferibile al congiuntivo o al condizionale, perché è il modo della concretezza, della realtà. I tempi presente, passato prossimo e futuro sono meglio del passato remoto e del futuro anteriore. Preferire le congiunzioni più usate nella lingua parlata (se, anche se, perché, quando, ecc.) che 18

10 reggono l indicativo rispetto a quelle di tono più elevato (a condizione che, qualora, ove, purché, benché, dal momento che, affinché, ecc.) che richiedono invece l uso del congiuntivo. 6. Limitare l uso del gerundio Limitare l uso del gerundio, specie se ha un soggetto diverso da quello della frase principale. Il gerundio appesantisce la frase e la rende meno incisiva. 7. Usare la punteggiatura per rendere il testo più chiaro e leggibile Usare frequentemente il punto e il punto e a capo, scrivendo frasi della lunghezza massima di parole: le frasi brevi rendono il testo più leggibile. La virgola serve a separare elementi di un elenco, incisi, proposizioni subordinate. Non va usata all interno di blocchi unitari, per esempio tra soggetto e predicato verbale o tra quest ultimo e il suo complemento oggetto. I due punti servono a introdurre elenchi, spiegazioni, chiarimenti. Evitano il ricorso a troppe subordinate e quindi facilitano la comprensione del testo. Il punto e virgola è usato solitamente nei periodi lunghi. Dal momento che questi sono da evitare, evitiamo anche il punto e virgola. 19 Le virgolette devono essere usate, di norma, solo per isolare le citazioni. I trattini e le parentesi sono usati per isolare incisi all interno della frase. Poiché gli incisi spostano l attenzione del lettore dagli elementi principali della frase, è preferibile evitarli. 8. Scrivere per punti Quando c è l esigenza di fornire molte informazioni, è consigliabile utilizzare una struttura di elenchi puntati/numerati. Le liste aiutano la leggibilità e la comprensione, chiariscono la sequenza e la relazione tra le idee e fatti esposti nel testo. Evitano inoltre l uso di frasi subordinate. Le liste possono avere più livelli e quindi ogni voce può avere varie sottovoci. Due livelli vanno benissimo, di più creano confusione e rischiano di vanificare il principale obiettivo di una lista: la chiarezza. Ricordare comunque che: - ogni livello deve essere indentato rispetto al precedente; - ogni livello deve avere il suo simbolo grafico riconoscibile rispetto a quello degli altri; - il livello superiore deve avere un simbolo grafico visivamente più forte. 9. Utilizzare parole ed espressioni comuni Le espressioni più chiare ed efficaci sono quelle che vengono usate ogni giorno e tutti comprendono senza dover ricorrere al vocabolario. 20

11 E buona norma evitare i sinonimi per lo stesso concetto. Le ripetizioni indicano che si sta ancora parlando dello stesso argomento, limitando la possibilità di confusione. 10. Evitare espressioni prolisse, perifrasi, circonlocuzioni, frasi fatte, anglismi, latinismi, forme arcaiche e termini tecnici e specialistici Al posto di termini tecnico-specialistici usare parole di uso comune, se possibile. Fornire sempre una breve spiegazione quando il testo riporta un termine tecnico. Nei testi che contengono numerosi termini tecnici può essere utile fornire un glossario con il loro significato. 11. Spiegare sigle e acronimi Limitare al massimo abbreviazioni e sigle, soprattutto quando sono poco comuni. Spiegare per esteso il significato della sigla la prima volta che compare nel documento, specie nei testi diretti a un pubblico non specialistico. 21 L efficacia dei testi Oltre a scrivere il testo in modo semplice e corretto, si possono utilizzare altri accorgimenti per renderlo più efficace e vicino al lettore: 1. Rivolgersi direttamente a chi legge Rivolgersi direttamente al lettore/utente, esprimersi con stile personale e riconoscibile è importante per qualsiasi testo, ma diventa indispensabile per i testi on-line. Far sentire al lettore che dietro alle parole non c è solo un azienda o un istituzione, ma ci sono delle persone, significa coinvolgerlo e attirarne l attenzione. 2. Privilegiare i verbi rispetto ai sostantivi I verbi sono le parole più forti della lingua. E tipico del linguaggio burocratico spegnere l energia di un verbo trasformandolo in un sostantivo che ha bisogno di un altro verbo (es.: anziché a fini di programmazione e monitoraggio utilizzare per programmare e controllare ). 3. Preferire sempre espressioni concrete e dirette piuttosto che astratte e involute Un testo risulta comprensibile ed efficace se utilizza parole comuni, semplici e concrete (es.: verificare e non procedere alla verifica, soldi 22

12 e non liquidi ). A queste caratteristiche è possibile aggiungerne un ultima: la brevità. Tra due parole con lo stesso significato privilegiare sempre quella più corta. 4. Usare un linguaggio positivo Privilegiare la forma affermativa delle frasi a quella negativa ed evitare la doppia negazione. Di fronte a una frase negativa, spesso i lettori devono tradurla in positivo per capirla. La comprensione è ostacolata quando il lettore deve eseguire un rovesciamento logico, come nei seguenti casi: non molti pochi non lo stesso diverso non abbastanza forte debole non ricordavo ho dimenticato 5. Evitare i luoghi comuni Le frasi fatte e i luoghi comuni sono assolutamente da evitare, perché banalizzano il testo, distolgono l attenzione del lettore e possono comunque non venire compresi da tutti. 23 Composizione di testi per utenti con disabilità acustiche gravi Particolare attenzione va posto all uso del linguaggio quando si pensa che i nostri utenti possono essere disabili acustici. Per approfondimenti vedi il documento Dar voce al web - L accessibilità dei siti web per persone con disabilità acustiche gravi ; Volume 8 della Collana Emilia Romagna digitale. 24

13 SITOGRAFIA Pubblica Amministrazione e Web Ministero per l Innovazione e le Tecnologie Ministero delle comunicazioni CRC Centri Regionali di Competenza Formez E-government Standard Web W3C World Wide Web Consortium ISO International Organization for Standardization Web Writing Il mestiere di scrivere 25 Note 26

14 Collana Strumenti 1 Accordo Attuativo Locale MMG 2005 (settembre 2005) 2 Specialistica Ambulatoriale: prestazioni prioritarie (settembre 2005) 3 Assistenza Informatica Doctor 2001 MMG (settembre 2005) 4 Comunicazione istituzionale/il linguaggio per il web (gennaio 2006) di prossima pubblicazione: 5 Guida telefonica Azienda Usl Rimini 6 La semplificazione del linguaggio amministrativo Collana a cura dell U.O. Rapporti con il Pubblico Azienda Usl Rimini 27 Indice Comunicazione istituzionale on line.. pag. 3 Funzioni potenziali dei siti della PA pag. 5 Livelli di interazione dei servizi on line... pag. 6 Livello di interazione 1. pag. 7 Livello di interazione 2.. pag. 8 Livello di interazione 3. pag. 9 Livello di interazione 4.. pag. 10 L Urp e il web... pag. 11 Contenuti indispensabili pagine Urp... pag. 12 Accessibilità... pag. 12 Usabilità pag. 13 Privacy e sicurezza. pag. 14 Il linguaggio per il web pag. 16 L organizzazione delle informazioni.. pag. 16 La chiarezza dei testi pag. 17 L efficacia dei testi..pag. 21 Composizione testi per disabili acustici gravi... pag. 23 Sitografia. pag. 24 Collana Strumenti. pag

15 AZIENDA USL RIMINI U.O. Rapporti con il Pubblico Gennaio

APPENDICE 2. 1) Scrivere frasi brevi: non più di 25 o 30 parole e non più di 2 frasi per ogni periodo.

APPENDICE 2. 1) Scrivere frasi brevi: non più di 25 o 30 parole e non più di 2 frasi per ogni periodo. APPENDICE 2 - Web-writing (ovvero scrivi come navighi) APPENDICE 2 WEB-WRITING (OVVERO SCRIVI COME NAVIGHI) Queste pagine sono tratte e adattate dalla pubblicazione "Linee guida per la redazione e composizione

Dettagli

2. Orientarsi nell operare 2.1 Vademecum della comunicazione istituzionale on line

2. Orientarsi nell operare 2.1 Vademecum della comunicazione istituzionale on line 2. Orientarsi nell operare 2.1 Vademecum della comunicazione istituzionale on line a cura del Laboratorio di benchmarking URPdegliURP sulla qualità della comunicazione pubblica su Internet. 37 2. Orientarsi

Dettagli

Piano di Informatizzazione delle Procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni online

Piano di Informatizzazione delle Procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni online Allegato 1) Provincia di Como Piano di Informatizzazione delle Procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni online Approvato con la deliberazione del Presidente della Provincia

Dettagli

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE, DICHIARAZIONI E SEGNALAZIONI ON LINE

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE, DICHIARAZIONI E SEGNALAZIONI ON LINE COMUNE DI CASTEL MELLA Provincia di Brescia PIANO DI INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE, DICHIARAZIONI E SEGNALAZIONI ON LINE (articolo 24 c. 3 bis del D.L. 90/2014, convertito

Dettagli

Linee guida per la redazione di testi di comunicazione pubblica

Linee guida per la redazione di testi di comunicazione pubblica Linee guida per la redazione di testi di comunicazione pubblica a cura di Chiara Di Benedetto, Elena Lombardo, Marianna Schiavon, Matteo Viale, con il coordinamento di Michele A. Cortelazzo Sii chiaro

Dettagli

Pag 1. Approvato con la deliberazione della Giunta Comunale n. 19 del 11/02/2015

Pag 1. Approvato con la deliberazione della Giunta Comunale n. 19 del 11/02/2015 COMUNE DI VILLACHIARA Provincia di Brescia PIANO DI INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE, DICHIARAZIONI E SEGNALAZIONI ON LINE (articolo 24 c. 3 bis del D.L. 90/2014, convertito

Dettagli

Pag 1. Approvato con la deliberazione di Consiglio Comunale

Pag 1. Approvato con la deliberazione di Consiglio Comunale COMUNE DI TOSCOLANO MADERNO Provincia di Brescia PIANO DI INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE, DICHIARAZIONI E SEGNALAZIONI ON LINE (articolo 24 c. 3 bis del D.L. 90/2014,

Dettagli

Pag 1. Approvato con la deliberazione della Giunta Comunale n. 21 del 10/02/2014

Pag 1. Approvato con la deliberazione della Giunta Comunale n. 21 del 10/02/2014 COMUNE DI TOSCOLANO MADERNO Provincia di Brescia PIANO DI INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE, DICHIARAZIONI E SEGNALAZIONI ON LINE (articolo 24 c. 3 bis del D.L. 90/2014,

Dettagli

Manuale della trasparenza digitale

Manuale della trasparenza digitale Indice 1. Scopo 2. Campo di applicazione 3. Riferimenti 4. Definizioni 5. Responsabilità 6. Indicazioni operative 6.1. Plan 6.1.1 La trasparenza e la pubblicazione degli atti e dei contenuti sul sito istituzionale

Dettagli

Altri strumenti di comunicazione degli Enti locali

Altri strumenti di comunicazione degli Enti locali Altri strumenti di comunicazione degli Enti locali 18-19 lezione - 3 novembre 2011 La Guida ai Servizi realizzata da molte Pubbliche Amministrazioni rappresenta uno degli strumenti cartacei più tradizionali

Dettagli

Il Nuovo Portale Istituzionale della Provincia di Lecce

Il Nuovo Portale Istituzionale della Provincia di Lecce PROVINCIA DI LECCE SERVIZIO INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE SERVIZIO INNOVAZIONE TECNOLOGICA Il Nuovo Portale Istituzionale della Provincia di Lecce Il nuovo portale istituzionale, che oggi presentiamo, è

Dettagli

EGOV.COMUNE.VENEZIA.IT il portale dei servizi del Comune di Venezia

EGOV.COMUNE.VENEZIA.IT il portale dei servizi del Comune di Venezia Portali EGOV.COMUNE.VENEZIA.IT il portale dei servizi del Comune di Venezia L ESIGENZA Nel quadro delle politiche di e-government e per migliorare i servizi ai cittadini, molte amministrazioni locali hanno

Dettagli

La carta di identità elettronica per il sistema dei servizi

La carta di identità elettronica per il sistema dei servizi La carta di identità elettronica per il sistema dei servizi L AMMINISTRAZIONE LOCALE: IL FRONT OFFICE DELL INTERO MONDO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Con il Piano di E-Government, con il ruolo centrale

Dettagli

UN MODELLO DI QUALITà PER I SITI WEB - Sintesi delle linee guida e best practice 1

UN MODELLO DI QUALITà PER I SITI WEB - Sintesi delle linee guida e best practice 1 UN MODELLO DI QUALITà PER I SITI WEB - Sintesi delle linee guida e best practice 1 Per ogni caratteristica di qualità del modello, vengono qui elencate le principali linee guida e best practice menzionate

Dettagli

Scrivere per il web in modo corretto ed efficace

Scrivere per il web in modo corretto ed efficace Scrivere per il web in modo corretto ed efficace Presentazione linee guida editoriali per il web Giovedì 29 gennaio 2015 Servizio Comunicazione Scrivere per il web Linee guida editoriali per il web Cosa

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL SITO WEB AZIENDALE

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL SITO WEB AZIENDALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N. 6 FRIULI OCCIDENTALE 33170 Pordenone - Via Vecchia Ceramica, 1 - C.P. 232 Tel. 0434/369111 - Fax. 0434/523011 - C.F. / P. Iva 01278420938 PEC: Ass6PN.protgen@certsanita.fvg.it

Dettagli

Chiaro! amministrazioni. Direttiva sulla semplificazione del linguaggio dei testi amministrativi. A tutte le Pubbliche Amministrazioni

Chiaro! amministrazioni. Direttiva sulla semplificazione del linguaggio dei testi amministrativi. A tutte le Pubbliche Amministrazioni e DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE a PUBBLICA per l efficienza delle amministrazioni Direttiva sulla semplificazione del linguaggio dei testi amministrativi A tutte le Pubbliche Amministrazioni Roma, 8 maggio

Dettagli

Manuale della trasparenza digitale e. della gestione del sito ersucam.it

Manuale della trasparenza digitale e. della gestione del sito ersucam.it Pagina 1 di 16 Descrizione delle Revisioni Rev. 1: Aggiornamento della normativa al 30-11-2011 5 4 3 2 1 0 Rev. Organo GRUPPO LAVORO Firma DIRETTORE Firma CONSIGLIO AMMINISTRAZIONE DATA APPROVAZIONE REDAZIONE

Dettagli

Gli aspetti redazionali di un sito. la costruzione di pdf accessibili

Gli aspetti redazionali di un sito. la costruzione di pdf accessibili La forza del web sta nella sua universalità. L accesso da parte di chiunque, indipendentemente dalle disabilità, ne è un aspetto essenziale Tim Berners Lee Gli aspetti redazionali di un sito e la costruzione

Dettagli

La comunicazione istituzionale e i nuovi mezzi di comunicazione

La comunicazione istituzionale e i nuovi mezzi di comunicazione La comunicazione istituzionale e i nuovi mezzi di comunicazione Graziella Priulla Docente di Sociologia dei processi comunicativi presso l Università di Catania 1 Premessa Nelle società aperte non si può

Dettagli

Lista dei punti di controllo per l accessibilità

Lista dei punti di controllo per l accessibilità Lista dei punti di controllo per l accessibilità Parte Prima Punti di controllo obbligatori Aa. In generale 3 Per ogni elemento non di testo è fornito un equivalente testuale (per esempio, mediante "alt",

Dettagli

PROGETTAZIONE DI UN SITO WEB

PROGETTAZIONE DI UN SITO WEB PROGETTAZIONE DI UN SITO WEB UN BUON SITO DEVE AVERE DUE CARATTERISTICHE: USABILITA ACCESSIBILITA Navigazione fluida con contenuti facilmente reperibili. Organizzazione dei contenuti e predisposizione

Dettagli

LO STRUMENTO PRINCIPALE: IL SITO WEB

LO STRUMENTO PRINCIPALE: IL SITO WEB LO STRUMENTO PRINCIPALE: IL SITO WEB 1 Content Management System (CMS) Software (web based) dedicati alla gestione di un sito web: portali, siti aziendali, intranet, blog, Wiki L obiettivo è consentire

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2013/2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2013/2015 www.comune.bottanuco.bg.it mail: comune.bottanuco@tin.it p.e.c. : comune.bottanuco@postecert.it PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2013/2015 (Art. 11, comma 2, del D.Lgs 27.10.2009,

Dettagli

Obiettivi di accessibilità per l anno 2013

Obiettivi di accessibilità per l anno 2013 Comune di Brunate Obiettivi di accessibilità per l anno 2013 Redatto ai sensi dell articolo 9, comma 7 del decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179. Redatto il 31/03/2014 1 SOMMARIO Obiettivi di accessibilità

Dettagli

Dichiarazione di accessibilità del sito di Ulisse - Nella rete della scienza

Dichiarazione di accessibilità del sito di Ulisse - Nella rete della scienza Dichiarazione di accessibilità del sito di Ulisse - Nella rete della scienza I riferimenti riguardano quanto indicato nelle Recommendation del World Wide Web Consortium (W3C) ed in particolare in quelle

Dettagli

PIANO TRIENNALE PER L ICT 2009-2011 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLE BOZZE DI PIANO DA PARTE DELLE AMMINISTRAZIONI

PIANO TRIENNALE PER L ICT 2009-2011 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLE BOZZE DI PIANO DA PARTE DELLE AMMINISTRAZIONI Centro nazionale per l informatica nella pubblica amministrazione Area Amministrazioni centrali PIANO TRIENNALE PER L ICT 2009-2011 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLE BOZZE DI PIANO DA PARTE DELLE AMMINISTRAZIONI

Dettagli

USABILITÀ DEL SITO (*)

USABILITÀ DEL SITO (*) USABILITÀ DEL SITO (*) In generale un progetto software tecnicamente perfetto ma difficile da usare è destinato a non essere usato! Pertanto l'usabilità di un'applicazione software rappresenta una delle

Dettagli

Il nuovo codice della PA digitale

Il nuovo codice della PA digitale Il nuovo codice della PA digitale 1. Cosa è e a cosa serve Le pubbliche amministrazioni sono molto cambiate in questi ultimi anni: secondo i sondaggi i cittadini stessi le vedono mediamente più veloci

Dettagli

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità (2013-2015)

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità (2013-2015) Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità (2013-2015) Premessa Il Programma Triennale per la Trasparenza e l integrità dell azienda è redatto in ottemperanza alle seguenti fonti normative: D.Lgs

Dettagli

IL CODICE DELL AMMINISTRAZIONE DIGITALE

IL CODICE DELL AMMINISTRAZIONE DIGITALE IL CODICE DELL AMMINISTRAZIONE DIGITALE SCHEDA Il Codice è il risultato di oltre due anni di lavoro, di continue interazioni con tutti i livelli istituzionali, con le Regioni e le Autonomie Locali. È stato

Dettagli

Obiettivi di accessibilità per l anno 2014

Obiettivi di accessibilità per l anno 2014 COMUNE DI MONTEVARCHI Obiettivi di accessibilità per l anno 2014 Redatto ai sensi dell articolo 9, comma 7 del decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179. Redatto il 27/03/2014 1 SOMMARIO Obiettivi di accessibilità

Dettagli

Elementi di scrittura per il web

Elementi di scrittura per il web Elementi di scrittura per il web Rosa Sanrocco Redazione web chi scrive per il web vuole farsi trovare sceglie bene le parole chiave controlla il posizionamento nei motori di ricerca siti web istituzionali

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE E DI INFORMAZIONE DEL COMUNE DI ANCONA. ART 1 Principi generali: oggetto e finalità

REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE E DI INFORMAZIONE DEL COMUNE DI ANCONA. ART 1 Principi generali: oggetto e finalità REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE E DI INFORMAZIONE DEL COMUNE DI ANCONA ART 1 Principi generali: oggetto e finalità Il Comune di Ancona, con il presente regolamento, disciplina le attività d

Dettagli

Piano Triennale della Trasparenza e Integrità 2015-2016-2017. Aggiornamento.

Piano Triennale della Trasparenza e Integrità 2015-2016-2017. Aggiornamento. COMUNE DI MONTEPRANDONE Provincia di Ascoli Piceno Piano Triennale della Trasparenza e Integrità 2015-2016-2017. Aggiornamento. 1) QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO La principale fonte normativa per la stesura

Dettagli

PROVINCIA DI MATERA. Regolamento per il funzionamento. dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Matera

PROVINCIA DI MATERA. Regolamento per il funzionamento. dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Matera PROVINCIA DI MATERA Regolamento per il funzionamento dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Matera SOMMARIO Art. 1 Principi generali Art. 2 Finalità e funzioni dell Ufficio Relazioni

Dettagli

Come viene definito un layout studiato per una dimensione standard, di cui non è possibile variare la larghezza ridimensionando la finestra del

Come viene definito un layout studiato per una dimensione standard, di cui non è possibile variare la larghezza ridimensionando la finestra del Come viene definito un layout studiato per una dimensione standard, di cui non è possibile variare la larghezza ridimensionando la finestra del browser o cambiando la dimensione del testo? Layout elastic

Dettagli

Regolamento sull ordinamento e l organizzazione dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Lecce

Regolamento sull ordinamento e l organizzazione dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Lecce Regolamento sull ordinamento e l organizzazione dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Lecce (ai sensi dell art. 8 della legge 150/2000) Approvato con Delibera di Giunta n. 273 del 6

Dettagli

Parlare al cittadino e comunicare attraverso Internet: progettazione, accessibilità e manutenzione

Parlare al cittadino e comunicare attraverso Internet: progettazione, accessibilità e manutenzione Parlare al cittadino e comunicare attraverso Internet: progettazione, accessibilità e manutenzione Marzo 2002 - Paolo Sensini 00 XX 1 Progettazione di un sito Comunicazione Grafica Layout Progettazione

Dettagli

NUOVE TECNOLOGIE SCHEDA DI VALUTAZIONE SULL AVANZAMENTO DELLE AZIONI PREVISTE DAL PIANO DI AZIONE REGIONALE

NUOVE TECNOLOGIE SCHEDA DI VALUTAZIONE SULL AVANZAMENTO DELLE AZIONI PREVISTE DAL PIANO DI AZIONE REGIONALE NUOVE TECNOLOGIE SCHEDA DI VALUTAZIONE SULL AVANZAMENTO DELLE AZIONI PREVISTE DAL PIANO DI AZIONE REGIONALE DIREZIONE ORGANIZZAZIONE, SISTEMI INFORMATIVI E TELEMATICA Premessa Le azioni intraprese dalla

Dettagli

LE REGOLE DELLA BUONA SCRITTURA

LE REGOLE DELLA BUONA SCRITTURA LE REGOLE DELLA BUONA SCRITTURA Nella redazione degli elaborati di esame è di fondamentale importanza porre molta attenzione alla scrittura, sotto tutti i profili: grafico, ortografico, semantico e stilistico.

Dettagli

CORSO PER REDATTORI DI SITI WEB

CORSO PER REDATTORI DI SITI WEB CORSO PER REDATTORI DI SITI WEB Prerequisiti: Conoscenza di base dei seguenti argomenti: linguaggi di marcatura (HTML), strumenti software per l'elaborazione di testi. Esperienza nella redazione e pubblicazione

Dettagli

La circolare USR Lombardia in 7 mosse

La circolare USR Lombardia in 7 mosse Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia Ufficio IX Comunicazione La circolare USR Lombardia in 7 mosse Sommario Premessa ----------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

SIAGAS Manuale Utente Utente non autenticato

SIAGAS Manuale Utente Utente non autenticato SIAGAS Manuale Utente Utente non autenticato 27 marzo 2007 v.1.7 SIAGAS: Manuale Utente: utente non autenticato 1/10 1 Introduzione 1.1 Destinatario del prodotto SIAGAS è uno Sportello Informativo per

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO PER LA COSTRUZIONE, GESTIONE E MANUTENZIONE SITO WEB ISTITUZIONALE DELL UNIONE DEI COMUNI DELL APPENNINO BOLOGNESE.

CAPITOLATO TECNICO PER LA COSTRUZIONE, GESTIONE E MANUTENZIONE SITO WEB ISTITUZIONALE DELL UNIONE DEI COMUNI DELL APPENNINO BOLOGNESE. CAPITOLATO TECNICO PER LA COSTRUZIONE, GESTIONE E MANUTENZIONE SITO WEB ISTITUZIONALE DELL UNIONE DEI COMUNI DELL APPENNINO BOLOGNESE. Articolo 1 Oggetto dell appalto 1. L appalto ha per oggetto la progettazione,

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE PIANO DI COMUNICAZIONE La legge regionale n. 5/2009 e il Piano Regionale della Salute 2011-2013 promuovono la centralità del cittadino e il suo coinvolgimento nei processi di miglioramento dei Servizi

Dettagli

Immagine coordinata - alcune regole di comportamento comunicativo uniforme

Immagine coordinata - alcune regole di comportamento comunicativo uniforme PROVINCIA DI VERONA Immagine coordinata - alcune regole di comportamento comunicativo uniforme Immagine coordinata L espressione si riferisce all identità riconoscibile e all immagine trasmessa dall Ente

Dettagli

Master diffuso per i CST/ALI e i piccoli Comuni 1 Edizione - ForumPA2011. I siti web pubblici. Ing. Elena Tabet DigitPA

Master diffuso per i CST/ALI e i piccoli Comuni 1 Edizione - ForumPA2011. I siti web pubblici. Ing. Elena Tabet DigitPA Master diffuso per i CST/ALI e i piccoli Comuni 1 Edizione - ForumPA2011 I siti web pubblici Ing. Elena Tabet DigitPA La Direttiva 8/2009 Rivolta alle amministrazioni pubbliche di cui all art. 1, comma

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2014-2015-2016

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2014-2015-2016 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2014-2015-2016 1. PREMESSA Con la redazione del presente programma triennale per la trasparenza e l integrità, il Comune di Sant Ilario d Enza

Dettagli

Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online

Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online Autore: Laura Manconi Creatore: Formez PA, Progetto Performance PA

Dettagli

UN MODELLO DI QUALITÀ PER I SITI WEB - Sintesi del modello completo 1 -

UN MODELLO DI QUALITÀ PER I SITI WEB - Sintesi del modello completo 1 - UN MODELLO DI QUALITÀ PER I SITI WEB - Sintesi del modello completo 1 - Le tabelle seguenti riportano una sintesi del modello, e possono essere utilizzate come promemoria durante la effettuazione del check-up

Dettagli

Linee guida per la redazione tecnica e l'uso dei CMS

Linee guida per la redazione tecnica e l'uso dei CMS Linee guida per la redazione tecnica e l'uso dei CMS tcworld Roadshow 2009 Managing multilingual contents Milano, 19 giugno 2009 La documentazione tecnica: scopi Per l utente Trasferire le conoscenze Istruire

Dettagli

Università della Svizzera italiana

Università della Svizzera italiana Università della Svizzera italiana Il sito dell Università della Svizzera italiana e l accessibilità Vs.1.0 11 / 12 / 2007 TEC-LAB WEB-SERVICE 1. INTRODUZIONE Avere accesso al web, per un utente disabile,

Dettagli

I Webinar di Formez PA

I Webinar di Formez PA I Webinar di Formez PA Accessibilità dei siti web 1 di 48 Indice degli argomenti La normativa italiana in materia di accessibilità dei siti web I nuovi requisiti tecnici per l accessibilità dei siti web

Dettagli

COMUNICAZIONE PER L INNOVAZIONE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

COMUNICAZIONE PER L INNOVAZIONE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE COMUNICAZIONE PER L INNOVAZIONE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Corso di Alta Formazione - Pubblica Amministrazione, Sanità e No Profit Premessa E comprovato che in ogni organizzazione la formazione riveste

Dettagli

Obiettivi di accessibilità per l anno 2014

Obiettivi di accessibilità per l anno 2014 GIUNTA REGIONE MARCHE Servizio Attività Normativa e Legale e Risorse Strumentali P.F. Sistemi Informativi e Telematici REGIONE MARCHE Obiettivi di accessibilità per l anno 2014 Redatto ai sensi dell articolo

Dettagli

Corso di Alta Formazione Comunicazione per l innovazione della Pubblica Amministrazione

Corso di Alta Formazione Comunicazione per l innovazione della Pubblica Amministrazione Corso di Alta Formazione Comunicazione per l innovazione della Pubblica Amministrazione I contenuti La comunicazione organizzativa leva del cambiamento (I sessione) - L articolazione delle strutture nelle

Dettagli

Dall idea alla progettazione di un sito web. Leo Spadaro l.spadaro@glauco.it

Dall idea alla progettazione di un sito web. Leo Spadaro l.spadaro@glauco.it Dall idea alla progettazione di un sito web Leo Spadaro l.spadaro@glauco.it Da Chiesa in rete 2.0 (Gennaio 2009) Diocesi italiane (226) su web, con almeno un sito Dicembre 2008 : 205 Ottobre 2010: 216

Dettagli

La qualità della comunicazione web

La qualità della comunicazione web La qualità della comunicazione web Incontro presso la Regione Calabria Dipartimento Presidenza Settore Internazionalizzazione, Cooperazione e Politiche di sviluppo Euro- Mediterranee Catanzaro, 6 novembre

Dettagli

TRA IN ATTUAZIONE PREMESSI

TRA IN ATTUAZIONE PREMESSI PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE PIEMONTE, UNIONE DELLE PROVINCE PIEMONTESI, ANCI PIEMONTE, UNCEM PIEMONTE, LEGA DELLE AUTONOMIE LOCALI, CONSULTA UNITARIA DEI PICCOLI COMUNI DEL PIEMONTE, PER LA COSTITUZIONE

Dettagli

LEGGI QUI! Come scrivere per il web in modo corretto ed efficace PREMESSA 2 1. LA SCRITTURA WEB CHE FUNZIONA..3

LEGGI QUI! Come scrivere per il web in modo corretto ed efficace PREMESSA 2 1. LA SCRITTURA WEB CHE FUNZIONA..3 LEGGI QUI! Come scrivere per il web in modo corretto ed efficace Niente è più facile dello scrivere difficile. Karl Popper INDICE PREMESSA 2 1. LA SCRITTURA WEB CHE FUNZIONA..3 2. IL TESTO: COME SCRIVERE

Dettagli

Il sito istituzionale tra tecnologia e innovazione

Il sito istituzionale tra tecnologia e innovazione Il sito istituzionale tra tecnologia e innovazione Forum PA 2010 Roma, 17 maggio 2010 Roma, 17 maggio 2010 Stato dell arte Roma, 17 maggio 2010 2 Il processo di rinnovamento del sito web Inps procede per

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COMUNICAZIONE PUBBLICA E L INFORMAZIONE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COMUNICAZIONE PUBBLICA E L INFORMAZIONE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COMUNICAZIONE PUBBLICA E L INFORMAZIONE TITOLO I PRINCIPI GENERALI ART. 1 - Principi generali 1. Il Comune di Sarezzo, con il presente documento, disciplina le attività di informazione

Dettagli

Domande WEB Modulo 1. ************* Introduzione alla Legge Stanca Definizioni *******************************

Domande WEB Modulo 1. ************* Introduzione alla Legge Stanca Definizioni ******************************* Domande WEB Modulo 1 ************* Introduzione alla Legge Stanca Definizioni ******************************* La Legge 9 gennaio 2004, n. 4, recante Disposizioni per favorire l'accesso dei soggetti disabili

Dettagli

Accessibilità dei siti Web e P.A. italiana

Accessibilità dei siti Web e P.A. italiana 1 Accessibilità dei siti Web e P.A. italiana Internet, 25 giugno 2013 Immagine: http://miriadna.com/preview/653 Cos è l accessibilità Fonte: http://www.sustainablesushi.net/wp-content/uploads/2009/07/hair-out-714605.jpg

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA (Approvato con deliberazione n. 5 del 1 febbraio 2013) Azienda Speciale Comunale CREMONA SOLIDALE Settore Affari Generali PREMESSA INTRODUTTIVA La trasparenza è intesa come

Dettagli

Le tre dimensioni dell usabilità

Le tre dimensioni dell usabilità Definire l usabilità ISO 9241 Ergonomic requirements for office work with visual display terminals, 1992 Il grado in cui un prodotto può essere usato da particolari utenti per raggiungere certi obiettivi

Dettagli

La Qualità del Web QUALITÀ, ACCESSIBILITÀ E USABILITÀ. Web: Modello di Qualità (Polillo) Web: Modello di Qualità. Qualità: Visualizzazione

La Qualità del Web QUALITÀ, ACCESSIBILITÀ E USABILITÀ. Web: Modello di Qualità (Polillo) Web: Modello di Qualità. Qualità: Visualizzazione La Qualità del Web QUALITÀ, ACCESSIBILITÀ E USABILITÀ Informatica Generale (AA 0-5) Web: Modello di Qualità Web: Modello di Qualità (Polillo) caratteristiche principali grafica autorevolezza accessibilità

Dettagli

Obiettivi di accessibilità per l anno 2015

Obiettivi di accessibilità per l anno 2015 GIUNTA REGIONE MARCHE Servizio Attività Normativa e Legale e Risorse Strumentali P.F. Sistemi Informativi e Telematici REGIONE MARCHE Obiettivi di accessibilità per l anno 2015 Redatto ai sensi dell articolo

Dettagli

Ottobre 2012. A cura di: UXlab-CINECA

Ottobre 2012. A cura di: UXlab-CINECA Linee Guida di Usabilità per redattori di contenuti web Ottobre 2012 A cura di: UXlab-CINECA UXlab - Laboratorio di User experience, usabilità, accessibilità e User-Centered Design CINECA - Dipartimento

Dettagli

RICOGNIZIONE DELLA SITUAZIONE ESISTENTE...7

RICOGNIZIONE DELLA SITUAZIONE ESISTENTE...7 COMUNE DI SPECCHIA Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione e la compilazione on-line da parte di cittadini e imprese delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni al Comune INDICE

Dettagli

EIPASS Web. Programma analitico d esame. ver. 3.0

EIPASS Web. Programma analitico d esame. ver. 3.0 EIPASS Web Programma analitico d esame ver. 3.0 Pagina 2 di 21 Premessa Questa pubblicazione, riservata ai Candidati agli esami per il conseguimento del titolo EIPASS nel profilo di riferimento, intende

Dettagli

Progetto TIC (trasparenza- informatica-comunicazione)

Progetto TIC (trasparenza- informatica-comunicazione) Progetto TIC (trasparenza- informatica-comunicazione) Il quadro normativo di seguito riportato evidenzia il ruolo che la Provincia avrà quale ente con funzioni di area vasta che potrà essere di supporto

Dettagli

Delibera del Direttore Generale n. 754 del 16/09/2014 IL DIRETTORE GENERALE DELIBERA

Delibera del Direttore Generale n. 754 del 16/09/2014 IL DIRETTORE GENERALE DELIBERA Servizio Sanitario Nazionale - Regione dell Umbria AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE UMBRIA N. 2 Sede Legale Provvisoria: Viale Donato Bramante 37 Terni Codice Fiscale e Partita IVA 01499590550 Delibera del

Dettagli

IL MINISTRO PER L INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE

IL MINISTRO PER L INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE IL MINISTRO PER L INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE VISTO l articolo 5 della legge 23 agosto 1988, n. 400, recante Disciplina dell attività di Governo e ordinamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri

Dettagli

Lista dei Punti di Controllo per l'accessibilità dei contenuti web

Lista dei Punti di Controllo per l'accessibilità dei contenuti web Lista dei Punti di Controllo per l'accessibilità dei contenuti web Questo documento è tratto dal sito del W3C http://www.w3.org/tr/wai-webcontent/full-checklist.html ed è stato tradotto dagli studenti

Dettagli

PART IV a MULTIMEDIA WEB INTERFACES: USABILITY AND ACCESSIBILITY

PART IV a MULTIMEDIA WEB INTERFACES: USABILITY AND ACCESSIBILITY PART IV a MULTIMEDIA WEB INTERFACES: USABILITY AND ACCESSIBILITY Prof. Alberto Del Bimbo Dipartimento Sistemi e Informatica Università degli Studi di Firenze Via S. Marta 3-50139 - Firenze - Italy Tel.

Dettagli

La CNS e l accessibilità Progetto presentato dal Comune di Argenta, premiato durante il ForumPA 2006

La CNS e l accessibilità Progetto presentato dal Comune di Argenta, premiato durante il ForumPA 2006 Premio alle migliori azioni per rendere accessibili le amministrazioni e i servizi ai disabili e alle fasce deboli una iniziativa promossa da Commissione Interministeriale Permanente per l'impiego delle

Dettagli

Obiettivi di accessibilità per l anno 2015

Obiettivi di accessibilità per l anno 2015 MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Direzione Generale dei sistemi Informativi, dell innovazione tecnologica e della comunicazione Obiettivi di accessibilità per l anno 2015 Redatto ai sensi

Dettagli

Comune di Padova. Manuale pagine NoProfit. Guida alla redazione di pagine web per la sezione NoProfit di Padovanet

Comune di Padova. Manuale pagine NoProfit. Guida alla redazione di pagine web per la sezione NoProfit di Padovanet Comune di Padova Manuale pagine NoProfit Guida alla redazione di pagine web per la sezione NoProfit di Padovanet 1 2 1. INTRODUZIONE 1.1 Il Cms del NoProfit - Plone Che cos'è Plone? 1.2 Ruolo utenti Qual

Dettagli

AZIONI MIRATE PER LA TRASPARENZA

AZIONI MIRATE PER LA TRASPARENZA ALLEGATO C PROVINCIA DI MANTOVA SETTORE RISORSE SVILUPPO ORGANIZZATIVO E AFFARI ISTITUZIONALI AZIONI MIRATE PER LA TRASPARENZA 1 Mattiamoci la faccia: customer sui L ente ha già attivato un sistema di

Dettagli

Il Flusso Informativo dal Comune al Cittadino

Il Flusso Informativo dal Comune al Cittadino Il Flusso Informativo dal Comune al Cittadino Il Flusso Informativo dal Comune al Cittadino Introduzione e Metodologia Analisi della Richiami di altre esperienze Ipotesi e Conclusioni Introduzione e Metodologia

Dettagli

Web Internet Intranet. Social Network Facebook Youtube Flickr

Web Internet Intranet. Social Network Facebook Youtube Flickr Web Internet Intranet LA REDAZIONE Progetta, gestisce, coordina Banca dati informativa DB Rete Civica, DB manifestazioni Social Network Facebook Youtube Flickr Altri canali informativi Sms Newsletter Televideo

Dettagli

C i t t à d i B a c o l i (Prov. di Napoli)

C i t t à d i B a c o l i (Prov. di Napoli) COPIA C i t t à d i B a c o l i (Prov. di Napoli) SETTORE II DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 274 del 19.10.2012 OGGETTO: Ricerca sponsor per aggiornamento Sito web dell Ente. L anno DUEMILADODICI

Dettagli

ASL TERAMO. (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE

ASL TERAMO. (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE ASL TERAMO (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE (ai sensi della legge 150/2000, del DPR 422/2001, e della Direttiva della Presidenza del Consiglio dei

Dettagli

Comune di Nogarole Vicentino

Comune di Nogarole Vicentino Comune di Nogarole Vicentino (Provincia di Vicenza) SETTORE 1 Amministrativo Economico-finanziario Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2014-2016 Introduzione: organizzazione e funzioni

Dettagli

COLOGNO MONZESE INDICE ART. 1 DEFINIZIONE E PRINCIPI GENERALI ART. 2 FINALITA E FUNZIONI DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

COLOGNO MONZESE INDICE ART. 1 DEFINIZIONE E PRINCIPI GENERALI ART. 2 FINALITA E FUNZIONI DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO CRITERI PER L ORGANIZZAZIONE E IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO U.R.P. (art. 8 c. 2 della Legge n. 150/2000) Disciplina delle attività di informazione e di comunicazione delle pubbliche

Dettagli

Piano annuale della comunicazione

Piano annuale della comunicazione Agenzia Formazione Orientamento Lavoro di Monza e Brianza Piano annuale della comunicazione 2014 Approvato con verbale di determinazione dell amministratore unico n. 30 del 15/11/2013 SOMMARIO Premessa

Dettagli

CONTENT MANAGMENT SYSTEMS

CONTENT MANAGMENT SYSTEMS CONTENT MANAGMENT SYSTEMS ESTRATTO DA: Ileana D'Incecco, Progettare la comunicazione web per organizzazioni non-profit con strumenti open source: ideazione e realizzazione del sito web della Casa delle

Dettagli

STANDARD DI QUALITA DEI SERVIZI INFORMAGIOVANI SIRG REGIONE CAMPANIA

STANDARD DI QUALITA DEI SERVIZI INFORMAGIOVANI SIRG REGIONE CAMPANIA SETTORE POLITICHE GIOVANILI E DEL FORUM REGIONALE DELLA GIOVENTU STANDARD DI QUALITA DEI SERVIZI INFORMAGIOVANI SIRG ALLEGATO REGIONE 1 CAMPANIA AZIONE A DI SISTEMA COMUNE DI Allegato F SETTORE POLITICHE

Dettagli

L essenziale da sapere per rendere usabile un sito web

L essenziale da sapere per rendere usabile un sito web L essenziale da sapere per rendere usabile un sito web I principi base dell usabilità 5 8 linee guida per scrivere per il web 7 10 linee guida per l e-commerce 10 Pagina 2 I PRINCIPI BASE DELL USABILITÀ

Dettagli

All.A) alla deliberazione della Giunta Esecutiva nr. 134 del 12/12/2011

All.A) alla deliberazione della Giunta Esecutiva nr. 134 del 12/12/2011 All.A) alla deliberazione della Giunta Esecutiva nr. 134 del 12/12/2011 Programma triennale per la legalità e la trasparenza (2011-2013) (redatto ai sensi dell art. 11, comma 2, D. lgs. n. 150/2009 sulla

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA CIRCOLARE 13 marzo 2001, n.3/2001 Linee guida per l'organizzazione, l'usabilita' e l'accessibilita' dei siti Web delle pubbliche

Dettagli

Persone con sindrome di Down Tra stereotipi e realtà Cosa e la sindrome di Down? La sindrome di Down è una condizione genetica dovuta alla presenza di un cromosoma in più nella coppia 21 La sindrome di

Dettagli

:: Progettare e gestire un sito diocesano

:: Progettare e gestire un sito diocesano :: Progettare e gestire un sito diocesano :: Qualità: come raggiungerla e monitorarla A cura di Leo Spadaro l.spadaro@glauco.it 1 Qualità = usabilità Usabilità è il termine coniato per indicare e valutare

Dettagli

Quale ruolo per le Strutture di comunicazione e informazione istituzionale del SSR?

Quale ruolo per le Strutture di comunicazione e informazione istituzionale del SSR? ORGANIZZAZIONE Quale ruolo per le Strutture di comunicazione e informazione istituzionale del SSR? Lo stato dell arte della legislazione nazionale e regionale in materia. La necessità di raccordare le

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2012-2013-2014

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2012-2013-2014 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2012-2013-2014 1 PREMESSA Con la redazione del presente Programma Triennale per la trasparenza e l integrità, di seguito denominato Programma,

Dettagli

Ipertesto, navigazione e cenni HTML. Lezione Informatica I CLAWEB

Ipertesto, navigazione e cenni HTML. Lezione Informatica I CLAWEB Ipertesto, navigazione e cenni HTML Lezione Informatica I CLAWEB 1 Il concetto di Ipertesto (1/2) Definizione: Modello testuale in cui le diverse unità di contenuti non sono articolate secondo un ordine

Dettagli