Rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE)

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE)"

Transcript

1 Raee, veicoli fuori uso, rifiuti con pcb e da imballaggi in Emilia-Romagna ARPA Rivista N. 2 marzo-aprile L importanza della conoscenza, dati e informazioni su particolari tipologie di rifiuti Un efficace e completa base conoscitiva sui rifiuti rappresenta lo strumento più idoneo per attuare un sistema adeguato di controlli in un settore che risulta particolarmente a rischio di illeciti. La principale fonte informativa per quantificare la produzione di rifiuti e accertarne le modalità di gestione è costituita dalle dichiarazioni effettuate ai sensi della L 70/94 attraverso il modello unico di dichiarazione ambientale (MUD). Essa non consente la quantificazione dell intera produzione di rifiuti speciali in quanto sono previste diverse esenzioni 1 dall obbligo di dichiarazione. In Emilia-Romagna per sopperire a questa carenza di informazioni in particolare per quanto riguarda le apparecchiature elettroniche, i veicoli fuori uso, i policlorobifenili, gli imballaggi e rifiuti da imballaggio l analisi è stata effettuata incrociando i dati MUD con quelli derivati da altre fonti. Nelle pagine che seguono un inquadramento normativo, la produzione e la gestione di questi rifiuti in Emilia-Romagna. Rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE) Rappresentano uno dei flussi di rifiuti individuati come prioritari dalle politiche dell Unione europea sia per la loro complessa composizione, spesso caratterizzata dalla presenza di sostanze pericolose, sia per l elevata produzione registrata negli ultimi anni. Il Decreto legislativo 151/2005 Attuazione delle direttive 2002/95/CE, 2002/96/CE e 2003/108/CE, relative alla riduzione dell uso di sostanze pericolose nelle apparecchiature elettriche ed elettroniche, nonché allo smaltimento dei rifiuti prevede che a farsi carico di seguire il ciclo delle apparecchiature elettriche ed elettroniche (AEE), compreso il fine vita, siano i produttori e i distributori, individualmente o attraverso forme consortili, e fissa obiettivi minimi di reimpiego, riciclaggio e recupero che i produttori dovranno raggiungere. Per poter assicurare il conseguimento di tali obiettivi, si sta passando dal sistema esistente (i Comuni come unici responsabili della gestione dei RAEE domestici) a quello nuovo, incentrato sui sistemi individuali e collettivi dei produttori. Il Dlgs 151/2005 prevede che, alla data di adozione dei provvedimenti attuativi e comunque non oltre il 30 giugno 2007, i commercianti saranno tenuti a garantire il ritiro gratuito delle apparecchiature dismesse dai consumatori, i costi di raccolta dalle piattaforme predisposte dai Comuni e quelli di recupero e smaltimento saranno a carico dei produttori e degli importatori, vi saranno obblighi di marcatura dei prodotti e obiettivi di riciclaggio e di recupero dei materiali e dei componenti contenuti nei Tab. 1 - Raccolta differenziata dei RAEE provenienti dai nuclei domestici Anno * * t/anno Pro-capite kg/ab*anno , , ,22 RAEE che oscillano, secondo le diverse tipologie, fra il 50 e l 80% rispetto al peso medio dell apparecchio. L obiettivo di raccolta differenziata da raggiungere a livello europeo è di 4 kg per persona entro il 31 dicembre LA PRODUZIONE E LE ATTUALI MODALITÀ DI GESTIONE I quantitativi di RAEE prodotti in Emilia-Romagna possono essere stimati sulla base dei dati di immesso al consumo a livello nazionale e del tasso medio di ritorno a fine vita fornito da Anie e Fise Assoambiente. Tali stime, poiché contengono approssimazioni legate sia alla quantificazione di alcune tipologie di AEE, sia all estrapolazione dei dati di livello nazionale alla scala regionale, non sono da considerarsi come valori assoluti bensì come ordini di grandezza. I valori di immesso al consumo di AEE (domestici+professionali) tra il 1999 e il 2003 sono passati da circa a tonnellate che corrisponde a una crescita annua pari all 8,9%; parallelamente i RAEE sono passati da circa a tonnellate, pari a un incremento annuo del 9%. L analisi del sistema di gestione dei rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche a livello regionale e provinciale è stata condotta utilizzando i dati provenienti dai Rendiconti comunali presentati ai sensi della Lr 27/94 per i RAEE di origine domestica e quelli contenuti nelle dichiarazioni MUD presentate dai soggetti obbligati ai sensi della L 70/94 e smi, per i RAEE professionali. Per quanto riguarda i RAEE domestici dei 285 comuni (dati riferiti all anno 2004) che effettuano la raccolta differenziata dei rifiuti ingombranti, 150 realizzano la raccolta separata dei RAEE tramite le stazioni ecologiche attrezzate (297 distribuite su tutto il territorio regionale), 30 utilizzano il sistema del ritiro a domicilio (29 per prenotazione e 1 secondo scadenze mensili), mentre 103 comuni utilizzano entrambi i sistemi. Fanno eccezione 2 comuni ove la raccolta avviene in aree attrezzate aperte al pubblico. I RAEE raccolti in modo differenziato nel quadriennio 2003, 2004, 2005 e 2006 sono indicati nella tabella 1. Nel 2006 il quantitativo di RAEE provenienti dal circuito della raccolta differenziata è stato di circa tonnellate, il 12,6% in più rispetto al 2005 e ha raggiunto i 2,47 kg/abitante. In regione sono operativi 10 impianti per la gestione dei RAEE domestici che effettuano essenzialmente operazioni di recupero di materia (R4 - Metalli o composti metallici e R5 - Altre sostanze inorganiche). La quantità di RAEE domestici gestita in Emi , *: frigoriferi, surgelatori, condizionatori contenenti CFC *: televisori, monitor di computer : grandi elettrodomestici, lavatrici, lavastoviglie e frigoriferi, surgelatori, condizionatori non contenenti CFC, altre apparecchiature Fonte: elaborazioni Arpa sui dati provenienti dai Rendiconti comunali 1 Alle esenzioni già indicate dal Dlgs 22/97 si aggiungeranno, a partire dal 2006 quelle indicate dall art. 189 del Dlgs 152/06 che introducendo l esonero della dichiarazione MUD per tutti i produttori di rifiuti speciali non pericolosi rende ancora più problematica la messa a punto di un sistema di contabilità dei rifiuti. * I rifiuti contrassegnati con asterisco * nell elenco 2002 sono rifiuti classificati come pericolosi ai sensi della direttiva 91/689/CE

2 ARPA Rivista N. 2 marzo-aprile 2007 Tab. 2 - RAEE provenienti da raccolta differenziata e avviati a recupero/smaltimento (t/anno 2004) gestito Riciclo % Recupero Energetico % Discarica % Altre forme smaltimento % * ,22-0,00 0 0, , * ,65-0,00 0 0, , ,08-0,00 1 0, , ,32-0,00 1 0, ,18 Fonte: elaborazioni Arpa su dati MUD lia-romagna nel 2004 è stata di circa t, di queste t pari all 86% sono state recuperate, mentre 694 t sono state smaltite. La tabella 2 riporta i dati relativi alle modalità di gestione nel 2004 (ultimo anno disponibile per i dati MUD). Per quanto riguarda i RAEE professionali, l analisi delle quantità prodotte, della gestione, dei flussi in entrata e in uscita rispetto alla regione e delle quote di rifiuti avviate a recupero/smaltimento complessivo, è stata effettuata sulla base dei dati MUD 2004, per le seguenti tipologie: *: trasformatori e condensatori contenenti PCB *: apparecchiature fuori uso contenenti PCB o da essi contaminate, diverse da quelle di cui alla voce *: apparecchiature fuori uso, contenenti clorofluorocarburi, HCFC, HFC *: apparecchiature fuori uso, contenenti amianto in fibre libere *: apparecchiature fuori uso, contenenti componenti pericolosi diversi da quelli di cui alle voci e : apparecchiature fuori uso, diverse da quelle di cui alle voci da a Sono state analizzate anche le componenti pericolose rimosse da apparecchiature fuori uso ( *) e le componenti rimosse da apparecchiature fuori uso, diverse da quelle di cui alla voce (160216). La quantità di RAEE provenienti dalle attività produttive e di servizi che non conferiscono al servizio pubblico di raccolta, prodotta nel 2004, è stata pari a t, mentre, il quantitativo totale gestito è stato di t ( t recuperate e t smaltite). L analisi dei flussi in entrata e in uscita rispetto al territorio regionale (MUD 2004) mostra che il quantitativo complessivo in entrata (pari a t) è stato più basso di quello in uscita (pari a t); i flussi principali sono diretti verso impianti del Veneto, della Lombardia, delle Marche e del Piemonte. Gli impianti presenti nel territorio regionale che gestiscono RAEE professionali con recupero dei metalli o dei composti metallici e recupero di altre sostanze inorganiche (operazioni di recupero R4/R5), sono 15, gli impianti che effettuano trattamento fisico-chimico (D9), seppur per quantitativi ridotti, sono due. Veicoli fuori uso (VFU) La gestione dei veicoli fuori uso è disciplinata dal Dlgs 209/2003, in attuazione alla Direttiva 2000/53/CE. Per una corretta gestione dei rifiuti derivanti dai VFU le Autorità competenti favoriscono il reimpiego dei componenti suscettibili di riutilizzo e il riciclaggio dei componenti non riutilizzabili dei materiali. Gli operatori economici devono garantire percentuali crescenti di riutilizzo tra il 2006 e il Dal 1 luglio 2003, a eccezione di alcuni casi, è vietata la produzione o l immissione sul mercato di materiali e di componenti di veicoli contenenti piombo, mercurio, cadmio o cromo esavalente. Il Dlgs 209/2003 si applica ai veicoli, ai veicoli fuori uso e ai relativi componenti e materiali, a prescindere dal modo in cui il veicolo è stato sottoposto a manutenzione o riparazione nel corso del suo utilizzo, nonché dal fatto che esso sia dotato di componenti forniti dal produttore o d altri componenti il cui montaggio come ricambio corrisponde alle norme comunitarie o nazionali in materia. Gli scopi generali prefissati sono: - ridurre al minimo l impatto dei VFU sull ambiente, al fine di contribuire alla protezione, alla conservazione e al miglioramento della qualità dell ambiente - evitare distorsioni della concorrenza, soprattutto per quanto riguarda l accesso delle piccole e medie imprese al mercato della raccolta, della demolizione, del trattamento e del riciclaggio dei VFU - determinare i presupposti e le condizioni che consentono lo sviluppo di un sistema che assicuri un funzionamento efficiente, razionale ed economicamente sostenibile della filiera di raccolta, di recupero e di riciclaggio dei materiali degli stessi veicoli. Per una corretta gestione dei rifiuti derivanti dai VFU, le Autorità competenti favoriscono: il reimpiego dei componenti suscettibili di riutilizzo il riciclaggio dei componenti non riutilizzabili dei materiali, se sostenibile dal punto di vista ambientale. Gli operatori economici garantiscono il raggiungimento degli obiettivi (art. 7): - entro il 1 gennaio 2006, per tutti i VFU prodotti a partire dal 1 gennaio 1980, la percentuale in peso di reimpiego e recupero deve essere almeno dell 85% del peso medio del veicolo per anno, e quella di reimpiego e riciclaggio per gli stessi veicoli è pari almeno all 80% del peso medio del veicolo per anno. Per i veicoli prodotti anteriormente al 1 gennaio 1980, la percentuale di reimpiego e di recupero è pari ad almeno il 75% del peso medio per veicolo e per anno e la percentuale di reimpiego e riciclaggio è pari ad almeno al 70% del peso medio per veicolo e per anno - entro il 1 gennaio 2015 per tutti i VFU, la percentuale di reimpiego e recupero è pari almeno al 95% del peso medio del veicolo per anno e la percentuale di reimpiego e riciclaggio è pari ad almeno all 85% del peso medio per veicolo e per anno. Inoltre il Decreto vieta dal 1 luglio 2003, a eccezione dei casi contenuti nell Allegato II, la produzione o l immissione sul mercato di materiali e di componenti di veicoli contenenti piombo, mercurio, cadmio o cromo esavalente. LA PRODUZIONE E LE MODALITÀ DI GESTIONE IN EMILIA-ROMAGNA Lo studio dei veicoli fuori uso (VFU) risulta assai articolato e complesso, sia per i diversi codici coinvolti (da un singolo veicolo avviato a demolizione si possono originare flussi di rifiuti con numerose codifiche diverse, che risulta difficile seguire nei diversi passaggi di stoccaggio, recupero, smaltimento), sia per la dimensione che tale nicchia ha assunto all interno del mondo dei rifiuti. In generale, le informazioni e i dati utili necessari per lo studio della filiera dei veicoli 15

3 Raee, veicoli fuori uso, rifiuti con pcb e da imballaggi in Emilia-Romagna ARPA Rivista N. 2 marzo-aprile 2007 Tab. 3 - VFU, numero di veicoli immatricolati in Regione e categoria nell anno 2004 Autobus Autocarri trasporto merci Autoveicoli speciali / specifici Autovetture Motocarri e quadricicli trasporto merci Motocicli Motoveicoli e quadricicli speciali / specifici Rimorchi e semirimorchi speciali / specifici Rimorchi e semirimorchi trasporto merci Trattori stradali o motrici complessivo Fonte dati: Aci 16 fuori uso possono essere forniti dall Aci, per quanto riguarda la fase di immatricolazione e deregistrazione dei veicoli stessi e dalla banca dati MUD, per quanto concerne le modalità di gestione. Prendendo come fonte i dati forniti dall Aci si osserva che, in Italia, il parco veicolare rimane praticamente stabile nel triennio (con valori che oscillano circa tra i 43 e i 44 milioni di veicoli). Nel 2004 in particolare il parco circolante è di 43,9 milioni di veicoli, dei quali oltre il 77% è costituito da autovetture, che risultano ancora in numero elevato di età superiore a dieci anni (quasi il 35%). Il dettaglio relativo all Emilia-Romagna, riportato in tabella 3, segue l andamento evidenziato a livello nazionale per l anno Altro dato utile fornito dall Aci e riportato in tabella 4 è il numero di veicoli radiati e demoliti dal 2002 al 2004 in Italia, e in dettaglio in Emilia-Romagna. Il numero totale di veicoli radiati comprende quelli effettivamente demoliti (gli unici di nostro interesse), quelli esportati all estero, quelli destinati a circolare in aree private e, infine, quelli rientranti in categorie minori. Prendendo come fonte la banca dati MUD, relativa all anno 2004, si limita lo studio al * (veicoli fuori uso contenenti sostanze pericolose), voce estremamente importante in quanto questi rifiuti hanno un potenziale impatto paesaggistico e ambientale rilevante. (tabella 5). Il confronto tra i dati forniti dall Aci (numero di veicoli immatricolati, radiati e/o demoliti) e i dati di produzione e trattamento elaborati dai dati MUD (in tonnellate/anno) evidenzia differenze consistenti. Considerando un peso medio dell autoveicolo pari a 1,25 t (perché variabile tra 1 t e 1,5 t, a seconda della categoria di veicolo considerata), e la quantità complessiva di veicoli trattati (con riferimento ai dati MUD, tabella 5) risultano nel 2004 circa veicoli avviati a trattamento, valore inferiore rispetto ai dati Aci riportati in tabella 4, che segnalano la demolizione di veicoli. La modalità di trattamento prevalente per questa categoria di rifiuti, risultante dall elaborazione dei dati MUD, è l attività R4 (riciclo/recupero dei metalli e dei composti metallici), seguita dall R13 (messa in riserva di rifiuti per sottoporli ad operazioni di recupero). I dati riportati evidenziano chiaramente come sia difficile seguire il flusso di questa tipologia di rifiuti, la quota dichiarata prodotta non corrisponde con quanto è stato trattato in regione, questo perché esistono flussi che entrano da fuori regione (secondo la banca dati MUD nel 2004 sono entrati in regione oltre t di rifiuti con ) e quote che, pur essendo state prodotte in regione, vengono avviate a trattamento fuori regione (secondo i dati MUD nel 2004 sono usciti dalla regione oltre t di rifiuti con ). Il monitoraggio del flusso dei rifiuti derivanti dalla demolizione dei veicoli a fine vita rappresenta, allo stato attuale, un punto critico del sistema. Al fine di superare tali criticità, il Dpcm del 22 dicembre 2004 ha introdotto una sezione speciale del MUD (in attuazione della Direttiva 2000/53/CE) dedicata ai soggetti che gestiscono questa particolare tipologia di rifiuti. Il nuovo modello prevede schede specifiche identificative dei soggetti gestori delle diverse tipologie di impianti di trattamento dei veicoli fuori uso: autodemolitori, rottamatori e frantumatori. Le informazioni fornite nella sezione veicoli fuori uso ancora incomplete nell anno 2004, consentiranno nel futuro una più completa e corretta analisi del flusso di questa categoria di rifiuti. I policlorobifenili (PCB) Le priorità della normativa europea: eliminare progressivamente l uso e l immissione sul mercato di PCB (policlorobifenili) e PCT (policlorotrifenili) e degli impianti, apparecchi e fluidi in cui tali sostanze sono contenute. Sono fissati obblighi temporali di decontaminazione e smaltimento. La Direttiva 96/59/CE è stata recepita nell'ordinamento statale con il Decreto legislativo 209/1999 Attuazione della direttiva 96/59/CE relativa allo smaltimento dei PCB e PCT, a cui sono seguite ulteriori disposizioni tecniche emanate con il Dm del 11 ottobre 2001 Condizioni per l utilizzo dei trasformatori contenenti PCB in attesa della loro decontaminazione e dello smaltimento. Secondo il Dlgs 209/1999 tutti i detentori di apparecchi contenenti PCB per un volume superiore a 5 dm 3, sono tenuti a comunicare alla Sezione regionale del Catasto dei rifiuti una serie di informazioni che servono per la predisposizione dell inventario (art. 3, Dlgs 209/99). La comunicazione dei dati da parte dei detentori deve essere effettuata con cadenza biennale. Lo stesso Decreto Tab. 4 - VFU, numero di veicoli radiati e demoliti dal 2002 al totale veicoli di cui vetture totale veicoli di cui vetture totale veicoli di cui vetture RER rad dem ITA rad dem Fonte dati: Aci

4 ARPA Rivista N. 2 marzo-aprile 2007 fissa degli obblighi di decontaminazione e smaltimento. I PCB e gli apparecchi contenenti PCB devono essere decontaminati o smaltiti e i PCB usati devono essere smaltiti entro il 31 dicembre La decontaminazione o lo smaltimento degli apparecchi soggetti a inventario ai sensi dell articolo 3 devono essere effettuati entro e non oltre il 31 dicembre 2010, mentre gli apparecchi soggetti a inventario che contengono fluidi con concentrazione di PCB compresa fra 50 e 500 ppm devono essere smaltiti alla fine della loro esistenza operativa, qualora non vengano decontaminati entro il 2005 o il Inoltre, esiste in particolare il programma temporale di smaltimento, introdotto dalla legge 62/2005, art.18, secondo cui: a) la dismissione di almeno il 50% degli apparecchi detenuti alla data del 31 dicembre 2002 avviene entro il 31 dicembre 2005 b) la dismissione di almeno il 70% degli apparecchi detenuti al 31 dicembre 2002 avviene entro il 31 dicembre 2007 c) la dismissione di tutti gli apparecchi detenuti alla data del 31 dicembre 2002 avviene entro il 31 dicembre 2009 d) i trasformatori che contengono fluidi con una percentuale di PCB compresa tra lo 0,05% e lo 0,005% in peso possono essere smaltiti alla fine della loro esistenza operativa nel rispetto delle condizioni stabilite dall'articolo 5, comma 4, del citato decreto legislativo n. 209 del La Sezione regionale del Catasto rifiuti (c/o Arpa Emilia-Romagna), detiene l inventario regionale degli apparecchi contenenti PCB ed è deputata alla raccolta delle dichiarazioni di detenzione che, dopo una verifica e l implementazione in un apposito database, sono trasmesse alla Sezione nazionale del Catasto dei rifiuti presso l Apat. ANALISI DEI DATI DA INVENTARIO La tabella 6 riporta i dati dell inventario relativi all ultimo biennio , secondo il formato di trasmissione all Apat. La necessità di un conteggio specifico per gli stabilimenti Enel è legata, come si vede, all elevato numero di apparecchi detenuti. Si tratta in ogni caso di apparecchi con una concentrazione di PCB minore di 500 ppm, per cui non è prevista, nella dichiarazione, la comunicazione del quantitativo di PCB contenuto. Gli apparecchi con una concentrazione superiore a tale soglia sono allocati presso gli altri soggetti. Il quantitativo complessivo di PCB contenuto in questi apparecchi è pari a circa 63,3 t. I dati riguardanti i soggetti detentori diversi da Enel non sono da considerarsi definitivi in quanto non sono pervenute tutte le dichiarazioni entro il termine previsto dalla normativa. Tuttavia è possibile fornire il dato parziale degli apparecchi che sono stati sicuramente smaltiti in base alle sole dichiarazioni pervenute: si tratta di 215 apparecchi, pari al 15% degli apparecchi risultanti dalle dichiarazioni relative al biennio I dati relativi agli apparecchi posseduti dagli stabilimenti Enel sono invece completi e confrontabili con il biennio precedente. Nella tabella 7 viene quindi riportato un confronto fra i dati relativi al biennio e quelli relativi all ultimo biennio che mostra come siano stati smaltiti circa apparecchi poco meno di 1/3 rispetto al biennio precedente. ANALISI DEI DATI DA ELABORAZIONE MUD È possibile anche ricavare dall analisi dei dati MUD, il quantitativo di rifiuti contenenti PCB prodotti e gestiti in regione. Il dato in questione non è paragonabile a quello ricavato dall inventario, in quanto i quantitativi che derivano dall inventario si riferiscono al peso del PCB contenuto negli apparecchi detenuti con un volume superiore ai 5 dm 3 mentre il quantitativo ricavato dalle elaborazioni MUD si riferisce al peso dell apparecchiatura dismessa compreso il PCB contenuto. Nella tabella 8 sono riportati i dati relativi al triennio , riguardanti le seguenti tipologie di rifiuti con i relativi codici: *: oli per circuiti idraulici contenenti PCB *: oli isolanti e termoconduttori contenenti PCB *: trasformatori e condensatori contenenti PCB *: apparecchiature fuori uso contenenti PCB o da essi contaminate. Il quantitativo dei rifiuti contenenti PCB gestiti è sempre minore di quello prodotto, ciò sta a indicare che lo smaltimento finale avviene in parte in impianti al di fuori della regione. SITUAZIONE IMPIANTISTICA Il numero di impianti, che in regione sono autorizzati a effettuare le operazioni di smaltimento per i rifiuti contenenti PCB, è riportato nella tabella 9; la maggior parte di essi è autorizzata solo allo stoccaggio o deposito e solo una piccola parte effettua operazioni di decontaminazione, selezione/cernita, trattamento chimico-fisico e termodistruzione. Tab. 5 - VFU, *: produzione, numero di impianti e quantità trattate nel 2004 Provincia Fonte dati: MUD Prod. veicoli fuori uso t/a N. impianti Veicoli trattati t/a Bologna Ferrara Forlì - Cesena Modena Parma Piacenza Ravenna Reggio Emilia Rimini Emilia-Romagna Tab. 6 - PCB, sintesi dei dati ricavati dall inventario regionale (biennio ) Soggetti detentori diversi da Enel N totale di apparecchi * dati parziali Fonte dati: Inventario regionale Arpa con conc > 500 con conc [50-500] Q.tà totale (kg) di PCB per apparecchi con conc > * 309* 276* ,5 Enel ,5 Tab. 7 - PCB, numero di apparecchi detenuti da Enel soggetti a inventario nei bienni e Enel N totale di apparecchi Fonte dati: Inventario regionale Arpa con conc > 500 con conc [50-500] % - 31,5 0-31,5 17

5 Raee, veicoli fuori uso, rifiuti con pcb e da imballaggi in Emilia-Romagna ARPA Rivista N. 2 marzo-aprile Gli imballaggi e i rifiuti di imballaggio Le normative italiane e comunitarie indicano strategie finalizzate al recupero, al riciclaggio e alla prevenzione intesa sia in termini di riduzione della quantità immessa al consumo, sia di miglioramento della compatibilità ambientale degli imballaggi. Gli enti locali titolari dei Piani per la gestione dei rifiuti devono inserirvi un capitolo dedicato agli imballaggi. Un quadro conoscitivo complessivo è fornito dal confronto tra i dati contenuti nella relazione annuale del Conai (Consorzio nazionale per il recupero degli imballaggi), i dati delle dichiarazioni MUD e i Rendiconti comunali. Nel 2003 in Emilia-Romagna la quota che risulta avviata a recupero è circa il 32,98% rispetto al totale immesso al consumo. La gestione degli imballaggi e dei rifiuti da essi derivati è divenuto un aspetto centrale nella tematica della gestione dei rifiuti. Le vigenti normative italiane e comunitarie indicano strategie finalizzate non solo al recupero e al riciclaggio, ma anche alla prevenzione intesa sia in termini di riduzione della quantità immessa al consumo, sia di miglioramento della compatibilità ambientale degli imballaggi e invitano gli enti delegati alla programmazione a inserire, nei loro Piani per la gestione dei rifiuti, un apposito capitolo dedicato agli imballaggi. Allo stato attuale, sia a livello nazionale, sia a livello comunitario, non esiste ancora un sistema certificato e condiviso che fornisca dati certi sulla produzione degli imballaggi e sulla gestione dei rifiuti di imballaggio. Una delle principali fonti di dati, a livello nazionale, è rappresentata dal Programma generale di prevenzione e gestione degli imballaggi e dei rifiuti di imballaggi che il Conai pubblica annualmente. Esso contiene dati sulla produzione, sull immesso al consumo, sulla gestione e recupero degli imballaggi e dei rifiuti di imballaggio. A essa si affianca il Catasto regionale rifiuti che elabora annualmente i Tab. 8 - Trend triennale dei rifiuti contenenti PCB prodotti e gestiti. Dati espressi in tonnellate Fonte dati: MUD Produzione 913,97 512,22 638,44 Gestione 684,99 316,53 582,19 Tab. 9 - Numero impianti autorizzati allo stoccaggio e al trattamento dei rifiuti contenenti PCB Provincia Fonte: Osservatori provinciali rifiuti Impianti autorizzati allo stoccaggio e al trattamento dei rifiuti contenenti PCB Impianti autorizzati al trattamento Piacenza 5 1 Parma 1 0 Reggio Emilia 3 0 Modena 6 0 Bologna 10 2 Ferrara 2 0 Ravenna 2 5 Forlì-Cesena 5 0 Rimini 1 1 Emilia-Romagna 35 9 dati contenuti nell archivio dei rendiconti annuali del servizio di raccolta differenziata e finalizzata (Lr 27/94 e Dgr 1620/01) e quelli presenti nell archivio delle dichiarazioni MUD (L. 70/94). Le fonti appena descritte sono state analizzate e commentate in maniera distinta in quanto non è possibile integrarle poiché le informazioni che forniscono non sono confrontabili. QUADRO CONOSCITIVO SECONDO I DATI FORNITI DAL CONAI I dati forniti dal Conai sono stati utilizzati per stimare l immesso al consumo (che si considera per convenzione equivalente ai rifiuti di imballaggio prodotti), e i quantitativi di imballaggi avviati a recupero di materia e di energia; tali elementi costituiscono la base di riferimento per il calcolo del tasso di recupero e riciclaggio dei rifiuti di imballaggio, finalizzato alla verifica del raggiungimento degli obiettivi previsti dalla normativa. Il Conai ha pubblicato, nel Programma generale del 2005, i dati dell immesso al consumo degli imballaggi sul territorio nazionale relativi al biennio L immesso al consumo degli imballaggi sul territorio nazionale è stato stimato utilizzando, come fonte primaria, i dati provenienti dalle dichiarazioni del Contributo ambientale Conai, poi confrontato, in base a procedure certificate, con altre fonti tratte da banche dati dei Consorzi di materiali, da ricerche di settore e dalle associazioni di categoria. A livello regionale gli unici dati ufficiali disponibili, relativi all immesso al consumo, sono quelli che si riferiscono al 2002 forniti dal Conai. Quindi i dati di immesso al consumo, a livello provinciale/regionale, relativi agli anni 2003 e 2004 sono stati stimati, correlando i valori di immesso al consumo a due variabili che caratterizzano la popolazione e le singole realtà territoriali: il Pil utilizzato solo per il calcolo di immesso al consumo regionale e il numero di abitanti legali, utilizzato per il calcolo dell immesso al consumo provinciale. A scala regionale nel 2002 il quantitativo di imballaggi immesso al consumo è risultato pari a t, nel 2003 a t e nel 2004 a t, con un aumento percentuale medio del 5,7%. A livello nazionale l immesso al consumo, secondo dati Conai, è di circa 12 milioni di tonnellate con incrementi annui pari al 4,2%. Bologna è la provincia che immette al consumo il più alto quantitativo di imballaggi, seguita dalle province di Modena e Reggio Emilia; le frazioni di imballaggi maggiormente commercializzate, in ordine decrescente, sono carta, legno, plastica e vetro. Il sistema Conai/Consorzi di filiera, gestisce direttamente il riciclo e il recupero soltanto di una parte dei rifiuti di imballaggio. L altra parte è lasciata al libero mercato ed è documentabile unicamente dalle dichiarazioni MUD. Le convenzioni stipulate fra i Comuni (o loro delegati) e i diversi Consorzi di Filiera nell ambito dell accordo Anci-Conai, rappresentano lo strumento attraverso il quale Conai collabora con le amministrazioni pubbliche, erogando corrispettivi a sostegno dei costi della raccolta differenziata. Le convenzioni stipulate tra i Comuni, o direttamente o tramite loro delegati, e i vari Consorzi di filiera del Conai, al 31 dicembre 2004 erano, in Emilia-Romagna, I materiali con la più alta diffusione di convenzioni sono: la carta, la plastica e il legno rispettivamente con l 89%, l 87% e l 82%, seguiti dall alluminio e dall acciaio, rispettivamente con il 70% e il 62%. Il materiale che presenta la più bassa copertura è il vetro con solo il 39% di Comuni convenzionati. Nel 2004 il quantitativo totale di rifiuti di imballaggio, raccolto in modo differenziato, a scala regionale, e conferito ai Consorzi di filiera è stato pari a tonnellate. In termini quantitativi sono i rifiuti in carta a incidere maggiormente sui quantitativi complessivi, seguiti dai rifiuti in legno. I due materiali, infatti, rappresentano complessivamente il 64% dei rifiuti di imballaggi complessivamente entrati nel circuito consortile nel Se si considerano anche i rifiuti di imballaggio destinati a termovalorizzazione per i quali il nuovo Accordo quadro Anci-Conai prevede un contributo economico come forma di incentivo al recupero la quantità complessivamente recuperata (materia ed energia) nel 2004 è stata pari a t, che rappresenta il 24,6% degli imballaggi immessi al consumo (18,2% recupero di materia e 6,4% recupero di energia); tuttavia l incompletezza dei dati forniti dal Conai non consente la verifica a livello regionale del raggiungimento degli obiettivi di legge, in quanto: - i dati di gestione relativi al recupero di materia forniti dai consorzi si rife-

6 ARPA Rivista N. 2 marzo-aprile 2007 riscono alla sola gestione consortile e ai soli rifiuti raccolti su suolo pubblico; non esiste nessun riferimento relativo alla raccolta extra consortile e ai rifiuti provenienti da suolo privato - i dati relativi al recupero energetico, si riferiscono ai soli quantitativi per i quali viene richiesto dai gestori, e riconosciuto, il corrispettivo economico dell Accordo quadro e non ai quantitativi di materiali avviati effettivamente a recupero energetico. Il sistema impiantistico regionale di raccolta e trattamento dei rifiuti di imballaggio è costituito da: stazioni ecologiche attrezzate, impianti denominati centri di valorizzazione, piattaforme mono e plurimateriale per il conferimento di imballaggi secondari e terziari. In particolare i centri di valorizzazione trattano alcune frazioni merceologiche provenienti dalla raccolta differenziata svolta presso i comuni, ma anche provenienti da soggetti privati, per renderle idonee al recupero di materia. I centri di valorizzazione presenti sul territorio regionale aggiornati al 31 dicembre 2004 sono 91; il materiale con il più alto numero di centri è il legno seguito dalla carta e cartone e dai metalli. QUADRO CONOSCITIVO SECONDO LE DICHIARAZIONI MUD E I RENDICONTI COMUNALI L analisi della quantità di rifiuti di imballaggi prodotti, della gestione e delle quote di rifiuti avviate a recupero complessivo, è stata effettuata per le seguenti frazioni merceologiche ( 2002): carta e cartone e imballaggi in carta e cartone, vetro, imballaggi in vetro, plastica e imballaggi in plastica, metalli e imballaggi metallici, legno e legno contenente sostanze pericolose, imballaggi in legno e imballaggi compositi, imballaggi in più materiali, imballaggi contenenti residui di sostanze pericolose o contaminati da tali sostanze. Per ciascuna frazione sono stati considerati sia i quantitativi provenienti dal circuito della raccolta differenziata, sia i quantitativi provenienti dalle attività produttive e di servizi che non conferiscono al servizio pubblico di raccolta. Nel 2001 il quantitativo di rifiuti di imballaggio prodotti è risultato pari a t, nel 2002 a t e nel 2003 a t di cui t provenienti da sola raccolta pubblica. Per quanto riguarda le singole frazioni quelle maggiormente prodotte sono state carta/cartone e legno seguite dagli imballaggi in più materiali. Si ricorda che il valore della produzione stimata sulla base dei dati MUD non è direttamente confrontabile con il valore dell immesso al consumo/produzione calcolato su base Conai ( t nel 2003 contro le t) in quanto l immesso al consumo deriva da una discesa di scala dei dati forniti dal Conai a scala nazionale, non tiene conto dei flussi in entrata e in uscita dalla Regione e non tiene conto che alcune tipologie di imballaggi vengono riutilizzati (es. bottiglie di vetro o cassette di plastica per verdura e frutta); mentre i dati MUD considerano i soli rifiuti di imballaggio identificati con i codici 1501** e non tengono conto della quota di imballaggi presenti nelle singole frazioni raccolte in modo differenziato che il gestore spesso tratta unitamente alle così dette frazioni similari. Nel 2003 il quantitativo totale di rifiuti di imballaggio gestiti sul territorio regionale è stato di t. di cui avviati a recupero e avviati a termodistruzione. I rifiuti di imballaggio in più materiali costituiscono la frazione che maggiormente incide sul quantitativo complessivamente gestito, rappresentando infatti, circa il 33% del totale gestito sul territorio regionale, seguiti dai rifiuti in carta e cartone la cui quota rappresenta circa il 27% del totale gestito (i rifiuti gestiti sono superiori rispetto ai quantitativi prodotti nello stesso anno in quanto influiscono sia i flussi in entrata e in uscita sia i quantitativi di rifiuti stoccati e posti in deposito temporaneo nell anno precedente rispetto a quello di riferimento, nel corso del quale poi vengono gestiti). Analizzando i dati di produzione e gestione relativi al 2003 emerge quanto segue: - i rifiuti di imballaggio complessivamente avviati a recupero corrispondono al 75% rispetto al totale prodotto. La quota avviata a riciclo (recupero di materia) corrisponde al 74% mentre la quota avviata a recupero di energia corrisponde a 1,74% - il quantitativo di rifiuti di imballaggio complessivamente stoccati nell anno 2003 è di t pari a 18% del totale gestito. Poiché tali rifiuti possono essere o utilizzati come combustibile e quindi avviati a recupero energetico o recuperati come materia, non vengono computati né nel calcolo dei rifiuti avviati a riciclo né nel calcolo dei rifiuti avviati a recupero energetico - la quota conferita in discarica corrisponde al 16% del prodotto ed è principalmente costituita da rifiuti di imballaggio in materiale misto e da rifiuti di imballaggio in metallo. CONFRONTO TRA I DUE QUADRI CONOSCITIVI Confrontando i valori di immesso al consumo ottenuti dall elaborazione dei dati forniti dal Conai, con quelli sulle modalità di recupero ottenuti dall elaborazione dei dati MUD si osserva che la quota che risulta avviata complessivamente a recupero è circa il 32,98% rispetto al totale immesso al consumo; di questi il 32,59% è stato riciclato mentre la quota avviata a recupero energetico corrisponde a circa lo 0,39%. Si rileva che l obiettivo minimo di riciclaggio complessivo, fissato al 25% dell immesso al consumo dalla Direttiva 94/62, è stato conseguito, mentre il recupero totale non ha ancora raggiunto l obiettivo minimo fissato al 50%. Il quadro che emerge dall analisi dei dati sintetizzata nelle pagine precedenti, mostra per i rifiuti di imballaggio complessivamente un livello di recupero elevato. Occorre tenere presente inoltre che i numeri relativi al recupero (dati MUD) sono sottostimati in quanto: - considerano i soli rifiuti di imballaggio identificati con i codici 1501** e non tengono conto della quota di imballaggi presente nelle singole frazioni raccolte in modo differenziato che il gestore spesso tratta unitamente alle così dette frazioni similari - non considerano la quota di rifiuti di imballaggio stoccati e quindi non gestiti nell anno di riferimento. Di fondamentale importanza sarà monitorare e verificare l evoluzione del recupero complessivo che potrebbe, nonostante i buoni risultati ottenuti, essere ulteriormente incrementato adottando, per esempio, azioni specifiche che permettano di avviare a recupero di materia o di energia anche le quote di rifiuti di imballaggio presenti nel rifiuto urbano misto, che non sono intercettate dal sistema di raccolta differenziata. Emiliano Altavilla Cecilia Cavazzuti Tanya Fontana Maria Concetta Peronace Barbara Villani Arpa Emilia-Romagna FOTO D. RAFFAELLI 19

Gli imballaggi e i rifiuti di imballaggio

Gli imballaggi e i rifiuti di imballaggio Gli imballaggi e i rifiuti di imballaggio Gli imballaggi hanno molteplici funzioni quali quelle di contenere, proteggere, trasportare, garantire sicurezza igienica e informazione al consumatore e pertanto

Dettagli

I rifiuti speciali 47

I rifiuti speciali 47 47 Il quadro conoscitivo relativo alla produzione e alle modalità di gestione dei rifiuti speciali nel 26, si basa sulle dichiarazioni MUD (Modello Unico di Dichiarazione ambientale), presentate nell anno

Dettagli

Responsabilità estesa dei produttori: il modello nella gestione degli imballaggi. Luca Piatto Responsabile Area Territorio Roma, 15 giugno 2011

Responsabilità estesa dei produttori: il modello nella gestione degli imballaggi. Luca Piatto Responsabile Area Territorio Roma, 15 giugno 2011 Responsabilità estesa dei produttori: il modello nella gestione degli imballaggi Luca Piatto Responsabile Area Territorio Roma, 15 giugno 2011 La gestione degli imballaggi è impostata su due cardini legislativi

Dettagli

Il riciclo ed il recupero di materia dagli imballaggi: focus regionale

Il riciclo ed il recupero di materia dagli imballaggi: focus regionale Seminario Il nuovo accordo ANCI CONAI 2014-2019 Una nuova fase della raccolta e del recupero degli imballaggi Bologna, 13 gennaio 2016 Il riciclo ed il recupero di materia dagli imballaggi: focus regionale

Dettagli

Il DPCM 12 dicembre 2013 Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2014 (GU Serie Generale n. 302 del 27.

Il DPCM 12 dicembre 2013 Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2014 (GU Serie Generale n. 302 del 27. Il DPCM 12 dicembre 2013 Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2014 (GU Serie Generale n. 302 del 27 dicembre 2013 Suppl. Ordinario n. 89) Rosanna Laraia IL DPCM 12 dicembre

Dettagli

apparecchi e dei PCB in esso contenuti in attuazione del decreto legislativo 209/1999 e della direttiva 69/59/CE

apparecchi e dei PCB in esso contenuti in attuazione del decreto legislativo 209/1999 e della direttiva 69/59/CE Allegato di Piano 9 - Decontaminazione e smaltimento degli apparecchi e dei PCB in esso contenuti in attuazione del decreto legislativo 209/1999 e della direttiva 69/59/CE. SOMMARIO PREMESSA : I PCB 3

Dettagli

Il riciclo e il recupero

Il riciclo e il recupero 22 Rapporto di sostenibilità Conai 213 Il riciclo e il recupero Conai si fa carico del conseguimento degli obiettivi fissati dalla normativa europea e nazionale in materia di gestione ambientale dei rifiuti

Dettagli

PREVENZIONE E RECUPERO per una gestione sostenibile dei rifiuti in Emilia Romagna. Dott. Marco Gasperoni, Responsabile Area Tecnica

PREVENZIONE E RECUPERO per una gestione sostenibile dei rifiuti in Emilia Romagna. Dott. Marco Gasperoni, Responsabile Area Tecnica PREVENZIONE E RECUPERO per una gestione sostenibile dei rifiuti in Emilia Romagna Dott. Marco Gasperoni, Responsabile Area Tecnica Bologna, 16 Ottobre 2007 Rilegno la mission e il sistema consortile LA

Dettagli

Quadro conoscitivo su produzione e gestione dei rifiuti speciali da C&D

Quadro conoscitivo su produzione e gestione dei rifiuti speciali da C&D Quadro conoscitivo su produzione e gestione dei rifiuti speciali da C&D Barbara Villani bvillani@arpa.emr.it, Cecilia Cavazzuti ccavazzuti@arpa.emr.it, Giacomo Zaccanti gzaccanti@arpa.emr.it I rifiuti

Dettagli

INDICATORI DEGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO: GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI Approfondimento sulla rilevazione di riferimento ISPRA

INDICATORI DEGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO: GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI Approfondimento sulla rilevazione di riferimento ISPRA Denominazione indicatori Definizione tecnica indicatori Fonte dei dati Responsabilità produzione dato Inclusione nel PSN Principali elementi sulla rilevazione S.07 - Rifiuti urbani smaltiti in discarica

Dettagli

Decreto Legislativo 152/2006 e Direttiva 94/62/CE, requisiti essenziali degli imballaggi in acciaio

Decreto Legislativo 152/2006 e Direttiva 94/62/CE, requisiti essenziali degli imballaggi in acciaio Decreto Legislativo 152/2006 e Direttiva 94/62/CE, requisiti essenziali degli imballaggi in acciaio Simona Fontana Responsabile Centro Studi - Area Prevenzione Rimini, 5 novembre 2014 Il Sistema CONAI,

Dettagli

CAPITOLO 2 GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

CAPITOLO 2 GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI CAPITOLO 2 - LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 2.1 LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI Nel presente capitolo sono illustrati i dati riguardanti la gestione dei rifiuti speciali sul territorio nazionale negli

Dettagli

Presentazione della metodologia di studio per la mappatura dei flussi delle frazioni oggetto di raccolta differenziata fino all'avvio a riciclaggio

Presentazione della metodologia di studio per la mappatura dei flussi delle frazioni oggetto di raccolta differenziata fino all'avvio a riciclaggio Convegno Propostametodologica: analisi dell efficacia delle filiere di recupero di materia dai rifiuti Mercoledì 5 Novembre Presentazione della metodologia di studio per la mappatura dei flussi delle frazioni

Dettagli

Il nuovo Pacchetto di Direttive sull economia circolare

Il nuovo Pacchetto di Direttive sull economia circolare Il nuovo Pacchetto di Direttive sull economia circolare Edo Ronchi Fondazione per lo sviluppo sostenibile Sponsor Le modifiche alle Direttive sui rifiuti del pacchetto sull economia circolare La Direttiva

Dettagli

Relazione sullo Stato dell Ambiente Comuni di Capurso (capofila), Cellamare e Triggiano Bozza Aprile 2006

Relazione sullo Stato dell Ambiente Comuni di Capurso (capofila), Cellamare e Triggiano Bozza Aprile 2006 7. RIFIUTI 7.1. Inquadramento Il rapido sviluppo industriale ed il miglioramento delle condizioni economiche hanno comportato negli ultimi decenni un aumento sempre maggiore dei consumi e della conseguente

Dettagli

LA DIRETTIVA COMUNITARIA 2002/96 E LE NORME APPLICATIVE. Roberto Caggiano Federambiente Carpi, 27 maggio 2005

LA DIRETTIVA COMUNITARIA 2002/96 E LE NORME APPLICATIVE. Roberto Caggiano Federambiente Carpi, 27 maggio 2005 LA DIRETTIVA COMUNITARIA 2002/96 E LE NORME APPLICATIVE Roberto Caggiano Federambiente Carpi, 27 maggio 2005 Il Consiglio dei Ministri ha licenziato lo schema di Decreto legislativo di recepimento delle

Dettagli

INVENTARIO APPARECCHIATURE CONTENENTI PCB

INVENTARIO APPARECCHIATURE CONTENENTI PCB INVENTARIO APPARECCHIATURE CONTENENTI PCB (D. Lgs. 209/99) Aggiornamento al 31 marzo 2015 S e z i o n e R e g i o n a l e C a t a s t o R i f i u t i A R P A P i e m o n t e P i e m o n t e ARPA Piemonte

Dettagli

L Accordo Quadro Anci-Conai e la valorizzazione dei rifiuti di imballaggio

L Accordo Quadro Anci-Conai e la valorizzazione dei rifiuti di imballaggio Levanto, 9 luglio 2015 L Accordo Quadro Anci-Conai e la valorizzazione dei rifiuti di imballaggio Pierluigi Gorani Area Rapporti con il Territorio Gli imballaggi Una parte del problema 2 La crescita del

Dettagli

Figura 4. Andamento della produzione di rifiuti speciali non pericolosi per macro CER.

Figura 4. Andamento della produzione di rifiuti speciali non pericolosi per macro CER. Capitolo 9 - Rifiuti 201 Figura 4. Andamento della produzione di rifiuti speciali non pericolosi per macro CER. Figura 5. Andamento della produzione di rifiuti speciali pericolosi per macro CER. Da un

Dettagli

Elaborazione dati MUD: l esperienza CiAl

Elaborazione dati MUD: l esperienza CiAl CiAl - Consorzio Imballaggi Alluminio N. Registro I-000492 Elaborazione dati MUD: l esperienza CiAl Gino Schiona, Direttore Generale Milano, 30 gennaio 2008 Network Sviluppo Sostenibile Camera di Commercio

Dettagli

RIFIUTI OBIETTIVI INDICATORI. Analizzare l andamento della produzione di rifiuti e verificarne il disaccoppiamento con la crescita economica

RIFIUTI OBIETTIVI INDICATORI. Analizzare l andamento della produzione di rifiuti e verificarne il disaccoppiamento con la crescita economica OBIETTIVI Analizzare l andamento della produzione di rifiuti e verificarne il disaccoppiamento con la crescita economica Fornire un indicazione sull efficacia delle politiche di gestione dei rifiuti Misurare

Dettagli

Il ruolo di CONAI nella filiera del riciclo

Il ruolo di CONAI nella filiera del riciclo Il ruolo di CONAI nella filiera del riciclo Pierluigi Gorani Area Tecnica CONAI Piacenza, 15 maggio 2013 INDICE Il Sistema CONAI Composizione Obiettivi Finanziamento del Sistema Accordo Quadro Anci CONAI

Dettagli

La gestione integrata dei rifiuti di imballaggio: una opportunità per i comuni di risparmio e miglioramento dell ambiente

La gestione integrata dei rifiuti di imballaggio: una opportunità per i comuni di risparmio e miglioramento dell ambiente La gestione integrata dei rifiuti di imballaggio: una opportunità per i comuni di risparmio e miglioramento dell ambiente Eugenio Bora Milano, 15 febbraio 2006 Rifiuti e legislazione I rifiuti sono un

Dettagli

La normativa sui rifiuti di apparecchiature elettriche

La normativa sui rifiuti di apparecchiature elettriche La normativa sui rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE) AIRI TUTORIAL MEETING TECNOLOGIE MODERNE ED EMERGENTI PER LE PMI Perché una regolamentazione La politica ambientale dell'unione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA CONFSERVIZI ER: AVANTI TUTTA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO RAEE

COMUNICATO STAMPA CONFSERVIZI ER: AVANTI TUTTA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO RAEE Rimini, 27/10/05 Agli organi di informazione COMUNICATO STAMPA CONFSERVIZI ER: AVANTI TUTTA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO RAEE Dopo la prima presentazione in aprile, sono proseguiti in questi mesi

Dettagli

Domande e risposte sulle politiche comunitarie nel settore dei rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche

Domande e risposte sulle politiche comunitarie nel settore dei rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche MEMO/05/248 Bruxelles, 11 agosto 2005 Domande e risposte sulle politiche comunitarie nel settore dei rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche 1) Quali sono i problemi causati dai rifiuti di

Dettagli

RECUPERO E RICICLO DEI RIFIUTI DI IMBALLAGGIO RISULTATI 2008

RECUPERO E RICICLO DEI RIFIUTI DI IMBALLAGGIO RISULTATI 2008 RECUPERO E RICICLO DEI RIFIUTI DI IMBALLAGGIO RISULTATI 2008 Quadro economico Ricavi e costi del Sistema Attività industriale Risultati di riciclo e recupero degli imballaggi Attività sul territorio Accordo

Dettagli

Certificazione dell'efficienza della raccolta differenziata dei RU relativa all'anno 2010 finalizzata al pagamento del tributo in discarica

Certificazione dell'efficienza della raccolta differenziata dei RU relativa all'anno 2010 finalizzata al pagamento del tributo in discarica Certificazione dell'efficienza della raccolta differenziata dei RU relativa all'anno 2010 finalizzata al pagamento del tributo in discarica Agenzia Regionale Recupero Risorse Lucia Corsini Audizione VI

Dettagli

CONAI: BILANCIO DI DIECI ANNI DI ATTIVITA

CONAI: BILANCIO DI DIECI ANNI DI ATTIVITA CONAI: BILANCIO DI DIECI ANNI DI ATTIVITA A distanza di 10 anni dall inizio della sua attività è possibile fare un primo bilancio dei risultati dell impegno che il sistema delle imprese, rappresentato

Dettagli

Il sistema di recupero dei rifiuti elettrici ed elettronici Criticità e soluzioni. Milano, 28 giugno 2005

Il sistema di recupero dei rifiuti elettrici ed elettronici Criticità e soluzioni. Milano, 28 giugno 2005 Il sistema di recupero dei rifiuti elettrici ed elettronici Criticità e soluzioni Milano, 28 giugno 2005 IL RUOLO DEI PRODUTTORI E LE PROBLEMATICHE ANCORA APERTE Dr.ssa Daniela Capaccioli Responsabile

Dettagli

Quale strada? Roma 9 aprile 2014, ATIA ISWA. Valter Facciotto Direttore Generale CONAI

Quale strada? Roma 9 aprile 2014, ATIA ISWA. Valter Facciotto Direttore Generale CONAI Raggiungere in Italia il 50% di riciclo Quale strada? Roma 9 aprile 2014, ATIA ISWA Valter Facciotto Direttore Generale CONAI L ESPERIENZA DEL SETTORE IMBALLAGGI La Direttiva 1994/62 CE e la Direttiva

Dettagli

Direttiva 2002/96/CE (RAEE) - Obiettivi

Direttiva 2002/96/CE (RAEE) - Obiettivi Direttiva 2002/96/CE (RAEE) - Obiettivi PROMUOVERE LA PREVENZIONE DELLA PRODUZIONE DI RAEE, IL REIMPIEGO, IL RICICLAGGIO E ALTRE FORME DI RECUPERO IN MODO DA RIDURRE I RIFIUTI DA SMALTIRE; MIGLIORARE,

Dettagli

Impatto ambientale e problematiche nella gestione dei refrigeranti in Italia IL RAPPORTO di LEGAMBIENTE

Impatto ambientale e problematiche nella gestione dei refrigeranti in Italia IL RAPPORTO di LEGAMBIENTE Impatto ambientale e problematiche nella gestione dei refrigeranti in Italia IL RAPPORTO di LEGAMBIENTE Giorgio Zampetti, responsabile scientifico di Legambiente e Marco Mancini, ufficio scientifico di

Dettagli

Gestione degli imballaggi

Gestione degli imballaggi Gestione degli imballaggi Attività di gestione dei rifiuti di imballaggio; obiettivi; obblighi dei produttori e degli importatori; raccolta differenziata e obblighi della pubblica amministrazione; organizzazione

Dettagli

Il Nuovo Accordo di Programma Quadro ANCI CONAI 2009-2013

Il Nuovo Accordo di Programma Quadro ANCI CONAI 2009-2013 Il Nuovo Accordo di Programma Quadro ANCI CONAI 2009-2013 Luca Piatto Pordenone, 19 novembre 2009 Il nuovo Accordo Quadro ANCI CONAI Gli allegati tecnici: le principali novità Viviamo da un anno nella

Dettagli

VISTO il decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, ed in particolare la parte quarta, relativa alla gestione dei rifiuti;

VISTO il decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, ed in particolare la parte quarta, relativa alla gestione dei rifiuti; REGOLAMENTO RECANTE ISTITUZIONE DEL REGISTRO NAZIONALE DEI SOGGETTI OBBLIGATI AL FINANZIAMENTO DEI SISTEMI DI GESTIONE DEI RIFIUTI DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE (RAEE), COSTITUZIONE DI

Dettagli

OSSERVATORIO REGIONALE RIFIUTI - ABRUZZO / NEWSLETTER SITO WEB - SEZIONE GESTIONE RIFIUTI E BONIFICHE

OSSERVATORIO REGIONALE RIFIUTI - ABRUZZO / NEWSLETTER SITO WEB - SEZIONE GESTIONE RIFIUTI E BONIFICHE OSSERVATORIO REGIONALE RIFIUTI - ABRUZZO / NEWSLETTER SITO WEB - SEZIONE GESTIONE RIFIUTI E BONIFICHE A cura di: ORR - Segreteria tecnico-ammistrativa Informazioni su news, eventi, corsi di formazione,

Dettagli

Il destino dei RIFIUTI

Il destino dei RIFIUTI Comune di Padova Settore Ambiente Il destino dei RIFIUTI Osservatorio Ambientale sull inceneritore DEFINIZIONI RIFIUTO: Qualsiasi sostanza od oggetto di cui il detentore si disfi o abbia deciso o abbia

Dettagli

IL SISTEMA DI GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI IN EMILIA- ROMAGNA

IL SISTEMA DI GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI IN EMILIA- ROMAGNA IL SISTEMA DI GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI IN EMILIA- ROMAGNA I Rifiuti Speciali Il quadro conoscitivo sulla produzione e sulle modalità di gestione dei rifiuti speciali si basa sulle dichiarazioni MUD

Dettagli

Il recupero dei rifiuti in Italia: alcune buone pratiche settoriali

Il recupero dei rifiuti in Italia: alcune buone pratiche settoriali Il recupero dei rifiuti in Italia: alcune buone pratiche settoriali Silvia Navach, FISE UNIRE I numeri del riciclo nel 2012 Carta e cartone: avviata a riciclo 3,6 Mton pari all 84% dell immesso al consumo

Dettagli

D.Lgs. 209/99 - Inventario Apparecchi contenenti PCB e Programma di smaltimento e decontaminazione di cui alla DCRT n. 86/04 e alla L.

D.Lgs. 209/99 - Inventario Apparecchi contenenti PCB e Programma di smaltimento e decontaminazione di cui alla DCRT n. 86/04 e alla L. D.Lgs. 209/99 - Inventario contenenti PCB e Programma di smaltimento e decontaminazione di cui alla DCRT n. 86/04 e alla L. 62/05 Rapporto 2010 aggiornamento al 25/01/2010 pcb_relazione_2010.doc ARPAT

Dettagli

PROSPETTIVE E SVILUPPO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA IN PROVINCIA DI RIETI

PROSPETTIVE E SVILUPPO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA IN PROVINCIA DI RIETI PROSPETTIVE E SVILUPPO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA IN PROVINCIA DI RIETI Marco Gentilini, Nova Consulting Rieti, 25.9.2014 CORSO DI FORMAZIONE PER TECNICI COMUNALI Obiettivo principale: migliorare la

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GERARDINI. Disposizioni in materia di raccolta e riciclaggio di pneumatici

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GERARDINI. Disposizioni in materia di raccolta e riciclaggio di pneumatici Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 7594 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato GERARDINI Disposizioni in materia di raccolta e riciclaggio di pneumatici Presentata il 6

Dettagli

I NUOVI SCENARI DELL ECONOMIA DEL FUTURO. Bologna, 30 Novembre 2011

I NUOVI SCENARI DELL ECONOMIA DEL FUTURO. Bologna, 30 Novembre 2011 Il mercato degli acquisti verdi della pubblica amministrazione nell ambito dei manufatti in legno I NUOVI SCENARI DELL ECONOMIA DEL FUTURO Bologna, 30 Novembre 2011 Patrizia Bianconi I progetti regionali

Dettagli

SMALTIMENTO DEI POLICLORODIFENILI E POLICLOROTRIFENILI (PCB)

SMALTIMENTO DEI POLICLORODIFENILI E POLICLOROTRIFENILI (PCB) Attenzione: la Guida che state stampando è aggiornata al 05/03/2007. I file allegati con estensione.doc,.xls,.pdf,.rtf, etc. non verranno stampati automaticamente; per averne copia cartacea è necessario

Dettagli

SEZIONE II RIFIUTI SPECIALI. Sezione II Rifiuti speciali Pagina 115

SEZIONE II RIFIUTI SPECIALI. Sezione II Rifiuti speciali Pagina 115 SEZIONE II RIFIUTI SPECIALI Sezione II Rifiuti speciali Pagina 115 Osservatorio Rifiuti Provincia di Torino Pagina 116 Rapporto sullo stato del sistema di gestione dei rifiuti Giugno 2006 Capitolo 7 Quadro

Dettagli

Abitanti 183.136 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 183.136 Ab. dei Comuni che non hanno compilato la scheda 0

Abitanti 183.136 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 183.136 Ab. dei Comuni che non hanno compilato la scheda 0 Provincia di Sondrio N dei comuni 78 N delle schede da compilare 75 N delle schede compilate 75 % di copertura 1,% Abitanti 183.136 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 183.136 Ab. dei Comuni che

Dettagli

RINNOVO PROTOCOLLO D INTESA tra REGIONE PIEMONTE e CONSORZIO NAZIONALE IMBALLAGGI

RINNOVO PROTOCOLLO D INTESA tra REGIONE PIEMONTE e CONSORZIO NAZIONALE IMBALLAGGI RINNOVO PROTOCOLLO D INTESA tra REGIONE PIEMONTE e CONSORZIO NAZIONALE IMBALLAGGI Il CONAI, Consorzio Nazionale Imballaggi, con sede in Roma, Via Tomacelli 132, in persona del Vice Direttore Generale,

Dettagli

I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA

I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA MONITORAGGIO SULLA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI E SULLA RACCOLTA DIFFERENZIATA DESTINATA AL RICICLAGGIO Per poter premiare le situazioni più virtuose nella gestione

Dettagli

Esperienze di gestione RAEE sulla base del rapporto costi/benefici

Esperienze di gestione RAEE sulla base del rapporto costi/benefici Esperienze di gestione RAEE sulla base del rapporto costi/benefici -Esempio di classificazione delle apparecchiature da smaltire - Esempio di organizzazione del servizio di smaltimento - Costi del servizio

Dettagli

%FMJCFSBOm PHHFUUP -3 %-(4 1*"/0 3&(*0/"-& %* (&45*0/& %&* 3*'*65* 130(3"..";*0/&"55*7*5}1*"/*'*$"503*"

%FMJCFSBOm PHHFUUP -3 %-(4 1*/0 3&(*0/-& %* (&45*0/& %&* 3*'*65* 130(3..;*0/&55*7*5}1*/*'*$503* %FMJCFSBOm &TUSBUUPEFMQSPDFTTPWFSCBMFEFMMBTFEVUBEFM HFOOBJP PHHFUUP -3 %-(4 1*"/0 3&(*0/"-& %* (&45*0/& %&* 3*'*65* 130(3"..";*0/&"55*7*5}1*"/*'*$"503*" %FCPSB4&33"$$)*"/* 4FSHJP#0-;0/&--0 1SFTJEFOUF 7JDF1SFTJEFOUF

Dettagli

TRA VISTI. - il D.Lgs. 3 aprile 2006, n. 152 Norme in materia ambientale ;

TRA VISTI. - il D.Lgs. 3 aprile 2006, n. 152 Norme in materia ambientale ; Accordo tra Regione Emilia-Romagna, ATERSIR e Centro di Coordinamento RAEE, per favorire il recupero e l incremento dei tassi di raccolta differenziata dei RAEE di origine domestica attraverso la sperimentazione

Dettagli

Una nuova filosofia di raccolta

Una nuova filosofia di raccolta Una nuova filosofia di raccolta Network Raee CONFCOMMERCIO-ANCRA PREMESSA In occasione dell acquisto di una nuova apparecchiatura elettronica, il distributore deve ritirare gratuitamente dal cittadino

Dettagli

La termovalorizzazione nel nuovo Programma Regionale per la Gestione Rifiuti

La termovalorizzazione nel nuovo Programma Regionale per la Gestione Rifiuti La termovalorizzazione nel nuovo Programma Regionale per la Gestione Rifiuti Con contributi di: Dario Sciunnach S. Cappa, L. Losa, U. Parravicini, P. Zerbinati (Regione Lombardia) M. Lombardi (ARPA Lombardia)

Dettagli

Regione Calabria ARPACAL. Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Calabria DIREZIONE SCIENTIFICA SEZIONE REGIONALE CATASTO RIFIUTI

Regione Calabria ARPACAL. Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Calabria DIREZIONE SCIENTIFICA SEZIONE REGIONALE CATASTO RIFIUTI CERTIFICAZIONE DELLE PERCENTUALI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI NELLA REGIONE CALABRIA PREMESSA...2 DEFINIZIONI...2 CALCOLO DELLA PERCENTUALE DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA...5 ESCLUSIONI DAL

Dettagli

La nuova normativa sui RAEE desta subito alcune perplessità

La nuova normativa sui RAEE desta subito alcune perplessità La nuova normativa sui RAEE desta subito alcune perplessità Andrea Quaranta Il 29 luglio 2005 è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il D.Lgs. n. 151/2005, che ha recepito le direttive 2002/95/CE,

Dettagli

Rifiuti. Arpa Emilia-Romagna - Annuario regionale dei dati ambientali 2009

Rifiuti. Arpa Emilia-Romagna - Annuario regionale dei dati ambientali 2009 443 Cap 5 - Rifiuti Autori: Barbara VILLANI ( 1 ), Cecilia CAVAZZUTI ( 1 ), Maria Concetta PERONACE ( 1 ), Rosalia COSTANTINO ( 1 ), Elisa BONAZZI ( 1 ), Paolo GIRONI ( 1 ) ( 1 ) ARPA DIREZIONE TECNICA

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA Ottimizzazione della gestione dei rifiuti sanitari

PROTOCOLLO DI INTESA Ottimizzazione della gestione dei rifiuti sanitari ALLEGATO REGIONE ABRUZZO REGIONE ABRUZZO DIREZIONE PARCHI TERRITORIO AMBIENTE ENERGIA SERVIZIO GESTIONE RIFIUTI DIREZIONE SANITA SERVIZIO OSPEDALITA PUBBLICA E PRIVATA LUCRATIVA E NON LUCRATIVA PROTOCOLLO

Dettagli

Abitanti 3.166.486 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 3.166.486 Ab. dei Comuni che non hanno compilato la scheda 0

Abitanti 3.166.486 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 3.166.486 Ab. dei Comuni che non hanno compilato la scheda 0 Provincia di Milano N dei comuni 134 N delle schede da compilare 134 N delle schede compilate 134 % di copertura 100,0% Abitanti 3.166.486 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 3.166.486 Ab. dei

Dettagli

Progetto di Educazione Ambientale DAI COLORE AL GRIGIO

Progetto di Educazione Ambientale DAI COLORE AL GRIGIO Progetto di Educazione Ambientale DAI COLORE AL GRIGIO Cooperativa Sociale l Ulivo s.c.r.l. Via del Lavoro 25/h 40127 Bologna Tel 051 255934 Fax 051 255981 Codice Fiscale e Partita Iva : 03604680375 info@ulivo.coop

Dettagli

LA GESTIONE DEI RAEE E IL RITIRO UNO CONTRO UNO

LA GESTIONE DEI RAEE E IL RITIRO UNO CONTRO UNO LA GESTIONE DEI RAEE E IL RITIRO UNO CONTRO UNO I - Il sistema di ritiro uno contro uno : inquadramento giuridico e problematiche emergenti IL SISTEMA DI RITIRO UNO CONTRO UNO 1 GESTIONE DEI RAEE: perché

Dettagli

Normativa attuale sulla gestione dei rifiuti.

Normativa attuale sulla gestione dei rifiuti. Giornata tecnica sulla Gestione dei Rifiuti Evento organizzato dal progetto LANDCARE MED Normativa attuale sulla gestione dei rifiuti. Cagliari, 21 Dicembre 2015 Quadro Normativo NORMATIVA EUROPEA Direttiva

Dettagli

SINTESI D.M. 8 Marzo 2010, n 65 RAEE Domestici

SINTESI D.M. 8 Marzo 2010, n 65 RAEE Domestici SINTESI D.M. 8 Marzo 2010, n 65 RAEE Domestici Codice Europeo Rifiuti (C.E.R.) Descrizione 200121* Tubi fluorescenti ed altri rifiuti contenenti mercurio 200123* Apparecchiature fuori uso contenenti clorofluorocarburi

Dettagli

R E G I O N E P U G L I A

R E G I O N E P U G L I A - Visto il decreto legislativo 5 febbraio 1997, n.22 (sostituito dal decreto legislativo 3 aprile 2006, n.152); - Visto il decreto legislativo 13 gennaio 2003, n.36; - Visto il decreto ministeriale 5 febbraio

Dettagli

Tariffe 2007 - COMUNI SOCI DELLA SRT

Tariffe 2007 - COMUNI SOCI DELLA SRT Tariffe 2007 - COMUNI SOCI DELLA SRT Rifiuti solidi urbani indifferenziati (1) 92,50 (*) 10% Pneumatici assimilati agli urbani e conferiti in modo differenziato alle piattaforme di lavorazione (1) 92,50

Dettagli

Argomento Istruzioni Scheda

Argomento Istruzioni Scheda Comunicazione / Scheda / modello 0) Scheda Anagrafica autorizzazioni 1) Comunicazione rifiuti semplificata 1) Comunicazione rifiuti semplificata Scheda SRS 1/2/3/4 1) Comunicazione rifiuti semplificata

Dettagli

Accordo ANCI-RICREA ALLEGATO TECNICO IMBALLAGGI IN ACCIAIO

Accordo ANCI-RICREA ALLEGATO TECNICO IMBALLAGGI IN ACCIAIO 1. OGGETTO: Accordo ANCI-RICREA ALLEGATO TECNICO IMBALLAGGI IN ACCIAIO Nell ambito dell Accordo Quadro ANCI-CONAI, siglato il 01/04/2014 il presente Allegato Tecnico definisce le modalità di gestione dei

Dettagli

Abitanti 3.176.180 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 3.176.180 Ab. dei Comuni che non hanno compilato la scheda 0

Abitanti 3.176.180 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 3.176.180 Ab. dei Comuni che non hanno compilato la scheda 0 Provincia di Milano N dei comuni 134 N delle schede da compilare 134 N delle schede compilate 134 % di copertura 10 Abitanti 3.176.180 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 3.176.180 Ab. dei Comuni

Dettagli

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 14/013/CU17/C5

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 14/013/CU17/C5 CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 14/013/CU17/C5 PARERE SULLO SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 2012/19/UE SUI RIFIUTI DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE

Dettagli

Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali

Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali MODULO 1 Organizzazione della prevenzione aziendale e valutazione dei rischi Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali Ing. Sabrina Arras Principali normative di riferimento D.Lgs. 152/2006

Dettagli

L industria del riciclo in Italia

L industria del riciclo in Italia L industria del riciclo in Italia Roberto Magnaghi Responsabile Settore Tecnico Firenze, 19 febbraio 2008 Industria del recupero/riciclo Industria del recupero: insieme delle attività ed operazioni che,

Dettagli

Il Piano è stato predisposto dal team di progetto costituito da: per la Provincia di Ravenna Sergio Baroni Direzione e coordinamento Silvia Boghi

Il Piano è stato predisposto dal team di progetto costituito da: per la Provincia di Ravenna Sergio Baroni Direzione e coordinamento Silvia Boghi Il Piano è stato predisposto dal team di progetto costituito da: per la Provincia di Ravenna Sergio Baroni Direzione e coordinamento Silvia Boghi per ARPA Ingegneria Ambientale Barbara Villani Responsabile

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI. Classe III A MRA UDA di Storia - Diritto - Economia Politica

LA GESTIONE DEI RIFIUTI. Classe III A MRA UDA di Storia - Diritto - Economia Politica LA GESTIONE DEI RIFIUTI Classe III A MRA UDA di Storia - Diritto - Economia Politica La disciplina della gestione dei rifiuti è regolata dal Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n.152 ed è rivolta a tutti

Dettagli

Regione Abruzzo D.Lgs.151/05 RAEE. Dott. Franco Gerardini Regione Abruzzo Servizio Gestione Rifiuti

Regione Abruzzo D.Lgs.151/05 RAEE. Dott. Franco Gerardini Regione Abruzzo Servizio Gestione Rifiuti D.Lgs.151/05 RAEE Dott. Franco Gerardini Servizio Gestione Rifiuti La gestione integrata dei rifiuti Criticità del sistema regionale di gestione dei rifiuti la L.R.83/00 (contenente il PRGR) non recepisce

Dettagli

I vantaggi ambientali, sociali ed economici del recupero degli imballaggi. Presidente CONAI Roberto De Santis Verona, 16 giugno 2015

I vantaggi ambientali, sociali ed economici del recupero degli imballaggi. Presidente CONAI Roberto De Santis Verona, 16 giugno 2015 I vantaggi ambientali, sociali ed economici del recupero degli imballaggi Presidente CONAI Roberto De Santis Verona, 16 giugno 2015 CONAI, il Consorzio Nazionale Imballaggi Riferimenti normativi: D.Lgs

Dettagli

RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati

RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati Contesto europeo Secondo i dati resi disponibili da Eurostat, integrati con i dati ISPRA per quanto riguarda l Italia, nel 2011 i 27 Stati membri dell

Dettagli

a) direttamente ad un centro di raccolta, qualora iscritto all Albo nazionale dei gestori ambientali

a) direttamente ad un centro di raccolta, qualora iscritto all Albo nazionale dei gestori ambientali Servizi alla Comunità Sede Nazionale 00161 Roma Via G. A. Guattani, 13 Tel (06) 441881 Fax (06) 44249515 Email: servizi.comunita@cna.it Sede di Bruxelles Ufficio Europeo ISB 36-38 Rue Joseph II Tel + 322

Dettagli

Il ruolo del CONAI nella filiera del recupero

Il ruolo del CONAI nella filiera del recupero Il ruolo del CONAI nella filiera del recupero Latina, 28 maggio 2009 Giancarlo Longhi Direttore Generale CONAI Adempimenti nella gestione degli imballaggi e dei rifiuti di imballaggio 1 Prevenire la formazione

Dettagli

Documento scaricato da www.gestione-rifiuti.it

Documento scaricato da www.gestione-rifiuti.it DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 23 dicembre 2003, n. 48-11386 Modifica della scheda di rilevamento dei dati di produzione dei rifiuti urbani di cui alla D.G.R. 17-2876 del 2 maggio 2001 (B.U. n. 5

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI NEL 2008

LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI NEL 2008 LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI NEL 28 La gestione dei rifiuti riguarda due tipologie di attività previste dalla normativa: il recupero (R) e lo (D). In linea generale, però, con il termine gestione possono

Dettagli

anche operatori del recupero ed associazioni della filiera cartaria.

anche operatori del recupero ed associazioni della filiera cartaria. CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI Carta dei Servizi 3 Premessa Per assicurare il riciclo degli imballaggi, in Italia è operativo un sistema consortile costituito da sei Consorzi di filiera, uno per

Dettagli

ELABORATO 2 - UTILIZZO DI BENI, STRUTTURE E SERVIZI DI TERZI

ELABORATO 2 - UTILIZZO DI BENI, STRUTTURE E SERVIZI DI TERZI 2 ELABORATO 2 - UTILIZZO DI BENI, STRUTTURE E SERVIZI DI TERZI 2.1 PREMESSA... 3 2.2 SMALTIMENTO RIFIUTI URBANI NON DIFFERENZIATI... 3 2.3 RACCOLTA, SELEZIONE E RECUPERO MULTIMATERIALE... 4 2.4 RACCOLTA,

Dettagli

Ambiente. Mud 2013. Approfondimenti.

Ambiente. Mud 2013. Approfondimenti. 11 Circolare n. 04 del 29/01/2013 FC-fa Ambiente Mud 2013 Approfondimenti. Il DPCM 20 dicembre 2012 Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l'anno 2013 ha abrogato e sostituito il

Dettagli

Quanti sono, come sono, cosa ne dovremmo fare... Contiene anche dati specifici sul Progetto Cartesio.

Quanti sono, come sono, cosa ne dovremmo fare... Contiene anche dati specifici sul Progetto Cartesio. Un pò di dati sui rifiuti in Italia: Quanti sono, come sono, cosa ne dovremmo fare... Contiene anche dati specifici sul Progetto Cartesio. A cura di Giacomo Giargia (Ufficio Tecnico) TEMPI DI BIODEGRADAZIONE

Dettagli

Spett.le ASIT S.p.A. Largo S.Francesco, 1 05035 TERNI

Spett.le ASIT S.p.A. Largo S.Francesco, 1 05035 TERNI Spett.le ASIT S.p.A. Largo S.Francesco, 1 05035 TERNI Oggetto: Richiesta di CONVENZIONE per il conferimento dei rifiuti assimilati agli urbani presso il Centro di Raccolta del Comune di Narni sito in Strada

Dettagli

PROGETTO MALENA GLI INCENTIVI PER LA PRODUZIONE DI BIOMETANO

PROGETTO MALENA GLI INCENTIVI PER LA PRODUZIONE DI BIOMETANO PROGETTO MALENA GLI INCENTIVI PER LA PRODUZIONE DI BIOMETANO Roberto Murano Catania, Venerdì 14 Marzo 2014 Biometano: che cosa è? Il biogas è prodotto attraverso la decomposizione biologica di sostanza

Dettagli

La gestione sostenibile dei rifiuti. Stefano Ciafani Vice Presidente nazionale di Legambiente

La gestione sostenibile dei rifiuti. Stefano Ciafani Vice Presidente nazionale di Legambiente La gestione sostenibile dei rifiuti Stefano Ciafani Vice Presidente nazionale di Legambiente Cenni sulla normativa Le prime direttive europee sui rifiuti risalgono alla seconda metà degli anni 70 1975:

Dettagli

Il DPCM 20 dicembre 2012 e la struttura del nuovo modello di dichiarazione ambientale. Rosanna Laraia

Il DPCM 20 dicembre 2012 e la struttura del nuovo modello di dichiarazione ambientale. Rosanna Laraia Il DPCM 20 dicembre 2012 e la struttura del nuovo modello di dichiarazione ambientale Rosanna Laraia Il nuovo MUD Il DPCM 20 dicembre 2012 nasce dalla necessità di garantire l acquisizione delle necessarie

Dettagli

Olivia Postorino: Regione Lombardia-D.G. Infrastrutture e Mobilità

Olivia Postorino: Regione Lombardia-D.G. Infrastrutture e Mobilità Olivia Postorino: Regione Lombardia-D.G. Infrastrutture e Mobilità Intervento Convegno ANAV del 17 /2/2004. (Noleggio autobus ai sensi della l. 218/2003) Con la legge quadro n. 218/2003, entrata in vigore

Dettagli

WORKSHOP RAEE. La nuova normativa nazionale RAEE

WORKSHOP RAEE. La nuova normativa nazionale RAEE WORKSHOP RAEE La nuova normativa nazionale RAEE PV CYCLE 2014 INDICE La Direttiva europea RAEE Finalità, obbiettivi, scadenze e campo di applicazione La nuova normativa nazionale RAEE Introduzione e principali

Dettagli

CITTA DI AFRAGOLA Provincia di Napoli Settore AA.TT.OO.PP Servizio Ambiente e Igiene Urbana

CITTA DI AFRAGOLA Provincia di Napoli Settore AA.TT.OO.PP Servizio Ambiente e Igiene Urbana 1di6 CITTA DI AFRAGOLA Provincia di Napoli Settore AA.TT.OO.PP Servizio Ambiente e Igiene Urbana OGGETTO : Relazione Tecnica Descrittiva ex art. 279 Lettera a) D.P.R. n. 207/2010 Regolare Esecuzione CCP

Dettagli

#$2.#2 #2 #$2 3 44&2" 4 & "&43 3 3 # 0.#$2 #5754854#95:&'"(" '()*+,! !""" '*+,!6) *788)(-!- "# $ #$$"%" 0#12 ! % #$$"%! #$$"%"3"! #$$"%#4& !

#$2.#2 #2 #$2 3 44&2 4 & &43 3 3 # 0.#$2 #5754854#95:&'( '()*+,! ! '*+,!6) *788)(-!- # $ #$$% 0#12 ! % #$$%! #$$%3! #$$%#4& ! '"(" '()*+, -- " "./. (4./ % '*+,6) *788)(-- ' ( ) ( ( ) ( "# $ #$$"% #$"$$"% " *,)"' "- -"'% "$.%" %"/ 01'1 1$ % #$ 0#12 3 5 % $1$.. 5'"3'" 6''665"36 3 442" % #$2.#2 #$$"%" #$$"% #$$"%"3" #$$"%#4 #$$"%"

Dettagli

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO Anno 2011 ARPAV Direzione Tecnica Servizio Osservatorio Rifiuti OSSERVATORIO REGIONALE RIFIUTI Ottobre 2012 PRINCIPALI INDICATORI DEI RIFIUTI URBANI

Dettagli

CASE-HISTORY REGIONE EMILIA-ROMAGNA, LA GESTIONE DEI RIFIUTI

CASE-HISTORY REGIONE EMILIA-ROMAGNA, LA GESTIONE DEI RIFIUTI CASE-HISTORY REGIONE EMILIA-ROMAGNA, LA GESTIONE DEI RIFIUTI Regione Emilia-Romagna Servizio Sanità Pubblica AUSL Cesena Direzione Medica di Presidio Davide Sgarzi Annalisa Venturi Casadei Rimini, 29 ottobre

Dettagli

SERVIZIO: CHIUSURA DEL CICLO DEI RIFIUTI URBANI

SERVIZIO: CHIUSURA DEL CICLO DEI RIFIUTI URBANI Allegato a) - SCHEDE TECNICHE DEI SERVIZI RESI SCHEDA a.3 SERVIZIO: CHIUSURA DEL CICLO DEI RIFIUTI URBANI DEFINIZIONE Oggetto del servizio è la gestione dei rifiuti urbani provenienti dalla raccolta per

Dettagli

PROPOSTA DI Piano Regionale Gestione rifiuti

PROPOSTA DI Piano Regionale Gestione rifiuti PROPOSTA DI Piano Regionale Gestione rifiuti Sezione Rifiuti Speciali 21 febbraio 2014 PGR parte rifiuti speciali Per quanto attiene i rifiuti speciali, la disciplina legislativa prevede un regime differenziato

Dettagli

info@ea.ancitel.it - ea.ancitel@pec.it Tel. 06 95948402 www.ea.ancitel.it

info@ea.ancitel.it - ea.ancitel@pec.it Tel. 06 95948402 www.ea.ancitel.it - ea.ancitel@pec.it Tel. 06 95948402 CHI SIAMO Ancitel Energia e Ambiente è la società del Gruppo ANCI, controllata da Ancitel S.p.A., nata nel 2007 per realizzare progetti e servizi per i Comuni italiani

Dettagli

LE DIRETTIVE R.A.E.E. E V.F.U. E LORO MODALITA DI ATTUAZIONE

LE DIRETTIVE R.A.E.E. E V.F.U. E LORO MODALITA DI ATTUAZIONE Tecnologie di Recupero e Riciclo dei Materiali Alberto Simboli - a.a. 2013/14 7. LE DIRETTIVE R.A.E.E. E V.F.U. E LORO MODALITA DI ATTUAZIONE I VEICOLI FUORI USO 2 LA DIRETTIVA E.O.L- VEHICLES E LA SUA

Dettagli

RAPPORTO SULLO STATO DEL SISTEMA DI GESTIONE RIFIUTI Dicembre 2014

RAPPORTO SULLO STATO DEL SISTEMA DI GESTIONE RIFIUTI Dicembre 2014 Provincia di Torino Osservatorio Rifiuti RAPPORTO SULLO STATO DEL SISTEMA DI GESTIONE RIFIUTI Dicembre 2014 Organizzazione e redazione a cura di: Provincia di Torino: Servizio Pianificazione e Gestione

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI LAVORAZIONE RIFIUTI PRESSO LE PIATTAFORME DI VALORIZZAZIONE - ALLEGATO A.2 -

CAPITOLATO SPECIALE PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI LAVORAZIONE RIFIUTI PRESSO LE PIATTAFORME DI VALORIZZAZIONE - ALLEGATO A.2 - Strada Vecchia per Bosco Marengo 15067 NOVI LIGURE (Alessandria) Tel. 0143 744.516 - Fax 0143 321.556 - www.srtspa.it - e-mail: srtspa@srtspa.it Cod. Fisc./Part. IVA/R.I. AL n 02021740069 - R.E.A. n 219668

Dettagli