Scala Rankin modificata

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Scala Rankin modificata"

Transcript

1 Scala di disabilità Scala Rankin modificata -Sei livelli: da 0 a 5 -Nei casi di decesso viene a volte assegnato il il punteggio arbitrario 6 Affidabile, viene usata largamente in caso di Ictus -Nei trials per la trombolisi (NINDS, ECASS) -Nei trials di prevenzione secondaria

2 Scala Rankin modificata 0.Nessuna sintomatologia 1.Nessuna disabilità significativa malgrado i i sintomi: è in in grado di di svolgere tutte le le attività e i i compiti abituali 2.Disabilità lieve: non riesce più di di svolgere tutte le le attività precedenti, ma è autonomo/a nel camminare e nelle attività della vita quotidiana 3.Disabilità moderata: richiede qualche aiuto nelle attività della vita quotidiana, ma cammina senza assistenza 4.Disabilità moderatamente grave: non è più in in grado di di camminare senza aiuto né né di di badare ai ai propri bisogni corporali 5.Disabilità grave: costretto/a a letto, incontinente e bisognoso/a di di assistenza infermieristica e di di attenzione costante

3 Livello 1 della scala Rankin Assenza di di disabilità di di rilievo malgrado la la presenza di di sintomi; si si mantiene la la capacità di di realizzare le le attività abituali -Aree dei dei sintomi fisico/cognitivi Difficoltà nell espressione verbale, nella lettura o nella scrittura Difficoltà nei nei movimenti, nelle sensazioni, visione o capacità di di inghiottire Umore -Il -Il paziente è in in grado di di realizzare (portare avanti) le le sue sue precedenti attività lavorative, sociali o hobbies - Ci sono cose che che non non riesce più più a fare fare e che che faceva sino al al momento dell Ictus? -Si -Si considerano attività abituali quelle che che si si compiono con con frequenza almeno mensile

4 Livello 2 della scala Rankin Disabilità lieve: non riesce più di di svolgere tutte le le attività precedenti, ma è autonomo/a nel camminare e nelle attività della vita quotidiana -Incapacità di di realizzare alcune delle attività abituali prima dell Ictus Guidare un un veicolo, ballare, leggere o lavorare -Comunque in in grado di di prendersi cura di di se se senza assistenza quotidiana Vestirsi, muoversi nell abitazione, nutrirsi, igiene personale, preparare pasti semplici, fare fare spese o fare fare viaggi brevi -Non è richiesta supervisione -Il -Il paziente può può essere lasciato da da solo in in casa, per per periodi anche superiori ad ad una una settimana, senza preoccupazione

5 Livello 3 della scala Rankin Disabilità moderata: richiede qualche aiuto nelle attività della vita quotidiana, ma cammina senza assistenza -E -E in in grado di di muoversi da da solo.con ausilio di di bastone, stampella o girello -E -E in in grado di di vestirsi da da solo, provvedere alla alla propria igiene personale e ad ad alimentarsi -Necessita di di aiuto per per le le attività più più complesse Fare acquisti, cucinare o fare fare le le pulizie Richiede di di essere assistito più più frequentemente di di una una volta la la settimana -Richiede inoltre di di essere consigliato Necessita di di supervisione finanziaria

6 Livello 4 della scala Rankin Disabilità moderatamente grave: non è più in in grado di di camminare senza aiuto né di di badare ai ai propri bisogni corporali -Non è in in grado di di muoversi da da solo -Necessita di di aiuto per alcune attività quotidiane Camminare, vestire, nutrirsi o seguire l igiene personale Necessita di di visite perlomeno quotidiane o deve deve vivere in in prossimità di di qualcuno che che lo lo aiuti aiuti -Il -Il paziente può essere lasciato solo con regolarità per brevi periodi durante la la giornata

7 Livello 5 della scala Rankin Disabilità grave: costretto/a a letto, incontinente e bisognoso/a di di assistenza infermieristica e di di attenzione costante -Presenza di di qualcuno che sia sia costantemente disponibile durante il il giorno ed ed eventualmente durante la la notte; non necessariamente un un infermiere professionale, può trattarsi di di un un badante.

8 Alcune domande discriminanti Ha sintomi residui? E in in grado di di realizzare (portare avanti) tutte le le sue attività abituali? Si sente indipendente per la la gestione della sua vita quotidiana? Riesce a camminare senza assistenza da parte di di altri (ad esempio con un bastone)? Può essere lasciato solo per alcune ore della giornata, o richiede supporto costante da parte di di una badante/infermiera? 0 o 1 1 o 2 2 o 3 3 o 4 4 o 5

9 Criteri di classificazione -La scala è di di tipo gerarchico -In caso di di dubbio affidarsi ai ai principali criteri discriminanti Sintomatologia residua 1, non Incapacità a realizzare le le attività abituali 2, non Necessità di di supporto per le le attività quotidiane 3, non Incapacità a camminare senza assistenza 4, non Costretto a letto, necessità di di supporto infermieristico 5, non 4 -In caso di di ulteriori dubbi fare riferimento al al livello più grave.

LE SCALE DI VALUTAZIONE:

LE SCALE DI VALUTAZIONE: LE SCALE DI VALUTAZIONE: Scale di valutazione Rappresentano parte della semeiotica della riabilitazione Sono state elaborate a partire dagli anni 50 Esistono migliaia di scale di valutazione Proprietà

Dettagli

SCALA DI NORTON modificata secondo Nancy A. Scotts

SCALA DI NORTON modificata secondo Nancy A. Scotts SCALA DI NORTON modificata secondo Nancy A. Scotts INDICATORI 1 2 3 4 indice Condizioni generali: livelli di assistenza richiesti per le ADL( fare il bagno, di vestirsi, di usare i servizi igienici, mobilità,

Dettagli

De g e n z a. Dott. Claudio Tedeschi - Direttore. Coordinatore Infermieristico Daniela Sassi 0522 296169-296166

De g e n z a. Dott. Claudio Tedeschi - Direttore. Coordinatore Infermieristico Daniela Sassi 0522 296169-296166 Medicina Fisica e Riabilitativa De g e n z a Dott. Claudio Tedeschi - Direttore Coordinatore Infermieristico Daniela Sassi 0522 296169-296166 Segreteria Maria Rosaria Amelio - Maria Flavia Malavenda Federica

Dettagli

Paolo Liberini II U.O. Neurologia, Spedali Civili Brescia

Paolo Liberini II U.O. Neurologia, Spedali Civili Brescia Paolo Liberini II U.O. Neurologia, Spedali Civili Brescia Anamnesi EON Diagnostica Strumentale 60% ISCHEMICO 30% EMORRAGICO ANALISI CLUSTER DI PROBABILITA Età M > F Familiarità Fumo Estroprogestinici Ipertensione

Dettagli

LESIONI DA DECUBITO Prevenzione e trattamento

LESIONI DA DECUBITO Prevenzione e trattamento LESINI DA DECUBIT Prevenzione e trattamento Modulo1 Lezione 3 LE SCALE DI VALUTAZINE DEL RISCHI Lo scopo di uno strumento di valutazione del rischio è quello di identificare gli individui a rischio di

Dettagli

Per il calcolo dell indice ADL (ACTIVITIES OF DAILY LIVING) si ricorre a una scala semplificata che prevede l assegnazione di un punto per ciascuna

Per il calcolo dell indice ADL (ACTIVITIES OF DAILY LIVING) si ricorre a una scala semplificata che prevede l assegnazione di un punto per ciascuna Per il calcolo dell indice ADL (ACTIVITIES OF DAILY LIVING) si ricorre a una scala semplificata che prevede l assegnazione di un punto per ciascuna funzione indipendente così da ottenere un risultato totale

Dettagli

Regione Campania Scheda Rilevazione Dati Assistiti Ultrasessantacinquenni

Regione Campania Scheda Rilevazione Dati Assistiti Ultrasessantacinquenni Componente Sanitaria ad opera del MMG Anagrafica assistito cognome e nome codice fiscale domicilio telefono persona di riferimento telefono medico curante codice regionale Secondo le informazioni in possesso

Dettagli

VALUTAZIONE COGNITIVA E FUNZIONALE

VALUTAZIONE COGNITIVA E FUNZIONALE REGIONE CAMPANIA ALLEGATO B S.VA.M.A. Scheda per la Valutazione Multidimensionale delle persone Adulte e Anziane (strumento per l accesso ai servizi sociosanitari di rete residenziali, semiresidenziali

Dettagli

Patient Details. Section to be completed by the RITAZAREM Participant

Patient Details. Section to be completed by the RITAZAREM Participant EQ5D FORM-MONTH 0 Section to be completed by the RITAZAREM Participant Indicare quale delle seguenti affermazioni descrive meglio il suo stato di salute oggi, segnando con una crocetta (così) una sola

Dettagli

INDAGINE CONOSCITIVA SULLA CONDIZIONE DEGLI ANZIANI

INDAGINE CONOSCITIVA SULLA CONDIZIONE DEGLI ANZIANI 116 questionari compilati in modo completo su 154 inviti con visita a domicilio CENTRO 64 S.PIETRO-S.GALLO LIMITROFI 7 MASCHI 45 9% ONETA E LIMITROFI 1 FEMMINE 1 88% CORNALITA 11 C. RIPOSO-OSP. DA PARENTI

Dettagli

Ambito di Carate Brianza Comune di Albiate Regolamento distrettuale del Servizio di Assistenza Domiciliare

Ambito di Carate Brianza Comune di Albiate Regolamento distrettuale del Servizio di Assistenza Domiciliare Approvato con deliberazione C.C. n. 37 del 20.12.2011 Ambito di Carate Brianza Comune di Albiate Regolamento distrettuale del Servizio di Assistenza Domiciliare (Approvato dall Assemblea dei Sindaci del

Dettagli

QUESTIONARIO DA ALLEGARE ALLA DENUNCIA DEL SINISTRO (Questionario di Invalidità Totale e Permanente - Medico)

QUESTIONARIO DA ALLEGARE ALLA DENUNCIA DEL SINISTRO (Questionario di Invalidità Totale e Permanente - Medico) Poste Vita S.p.A. 00144, Roma (RM), Piazzale Konrad Adenauer, 3 Tel.: (+39) 06 549241 Fax: (+39) 06 54924203 www.postevita.it Partita IVA 05927271006 Codice Fiscale 07066630638 Capitale Sociale Euro 1.216.607.898,00

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE MULTIDIMENSIONALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE MULTIDIMENSIONALE Mod. DISTRETTO SOCIOSANITARIO UNITÀ DI VALUTAZIONE TERRITORIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE MULTIDIMENSIONALE PAZIENTE Cognome e Nome Sesso Luogo di nascita Data di nascita Residente a Via Telefono Codice Fiscale:

Dettagli

COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER?

COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER? COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER? E la forma più frequente di demenza. La DEMENZA è la perdita delle funzioni intellettive (il RICORDARE, il PENSARE, il RAGIONARE) di gravità tale da rendere la persona malata

Dettagli

Funzionigramma Comunità Panta Rei

Funzionigramma Comunità Panta Rei Funzionigramma Comunità Panta Rei Sanitario Psicoterapia/Psichiatra: In collaborazione con la Psicoterapeuta/Psicologa/NPI si occupa della valutazione clinica degli utenti nella fase del preingresso e

Dettagli

REGOLAMENTO BENEFICI ASSISTENZIALI. 2 EPPI - Benefici Assistenziali 2014

REGOLAMENTO BENEFICI ASSISTENZIALI. 2 EPPI - Benefici Assistenziali 2014 REGOLAMENTO BENEFICI ASSISTENZIALI 2 Dove cercare 3 4 5 Benefici assistenziali Parte I - Erogazione di contributi in conto interessi a fronte di mutui ipotecari e prestiti chirografari. Parte II - Erogazione

Dettagli

ISTRUZIONI PER L UTILIZZO SCALA DI VALUTAZIONE RELATIVA ALLE PRINCIPALI ATTIVITÀ DI VITA QUOTIDIANA

ISTRUZIONI PER L UTILIZZO SCALA DI VALUTAZIONE RELATIVA ALLE PRINCIPALI ATTIVITÀ DI VITA QUOTIDIANA AMBITO TERRITORIALE BR DISTRETTO SOCIO-SANITARIO BR nome: Data di nascita: SEDE DI VALUTAZIONE: DATA: ISTRUZIONI PER L UTILIZZO SCALA DI VALUTAZIONE RELATIVA ALLE PRINCIPALI ATTIVITÀ DI VITA QUOTIDIANA

Dettagli

53 Congresso Nazionale Sigg L Italia? Non è un paese per vecchi 7 Corso di Riabilitazione geriatrica: un approccio globale Firenze 26/29-11-2008

53 Congresso Nazionale Sigg L Italia? Non è un paese per vecchi 7 Corso di Riabilitazione geriatrica: un approccio globale Firenze 26/29-11-2008 53 Congresso Nazionale Sigg L Italia? Non è un paese per vecchi 7 Corso di Riabilitazione geriatrica: un approccio globale Firenze 26/29--28 Linee guida T.O. C Cotroneo T.O. M. Quadrana, T.O. D. russo

Dettagli

Scala di valutazione della funzionalità geriatrica

Scala di valutazione della funzionalità geriatrica Scala di valutazione della funzionalità geriatrica (H. Grauer modificato da Palombi L. ) n. Nome Cognome Anno di nascita Indirizzo Sesso M F Stato civile: celibe/nubile coniugato/a vedovo/a divorziato/a

Dettagli

Consigli utili p er prevenire le cadute

Consigli utili p er prevenire le cadute International Network of Health Promoting Hospitals & Health Services A.O. Ospedale Civile di Legnano Consigli utili p er prevenire le cadute A.O. Guido Salvini Garbagnate Milanese R.S.A. Emilio Bernardelli

Dettagli

SET MINIMO DI DATI PER CLASSIFICARE LA NON AUTOSUFFICIENZA

SET MINIMO DI DATI PER CLASSIFICARE LA NON AUTOSUFFICIENZA SET MINIMO DI DATI PER CLASSIFICARE LA NON AUTOSUFFICIENZA Considerazioni preliminari La raccolta di dati si riferisce alle persone non autosufficienti, cioè a coloro che subiscono una perdita permanente,

Dettagli

mecwacare Servizi domiciliari infermieristici e assitenziali

mecwacare Servizi domiciliari infermieristici e assitenziali Recapiti 450 Waverley Road, Malvern East VIC 3145 Chiamata gratuita 1800 163 292 www.mecwacare.org.au enquiries@mecwacare.org.au Per il servizio interpreti chiama il Ministero dell immigrazione e della

Dettagli

Chi sono i nostri utenti

Chi sono i nostri utenti Chi sono i nostri utenti anziani con età > 65/70 anni Con polipatologie Con cadute ripetute in anamnesi Già con storia di fr. di femore Con accidenti del sistema cardiovascolare Con esiti di ictus cerebri

Dettagli

RIABILITAZIONE DELLE MALATTIE NEUROMUSCOLARI

RIABILITAZIONE DELLE MALATTIE NEUROMUSCOLARI RIABILITAZIONE DELLE MALATTIE NEUROMUSCOLARI Approccio multidisciplinare alla riabilitazione del malato neuromuscolare Riabilitazione Terapia occupazionale Assistenza Linee-guida per le attività di riabilitazione

Dettagli

Azienda Speciale Servizi alla Persona

Azienda Speciale Servizi alla Persona Azienda Speciale Servizi alla Persona ANZIANI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI E DISABILI (S.A.D.) Cosa offre il servizio SAD L'assistenza domiciliare è un tipo di servizio erogato direttamente

Dettagli

ABBIGLIAMENTO PER LA NON AUTOSUFFICIENZA un opportunità di sviluppo per il distretto. Loredana Ligabue Direttore ANZIANI E NON SOLO soc.

ABBIGLIAMENTO PER LA NON AUTOSUFFICIENZA un opportunità di sviluppo per il distretto. Loredana Ligabue Direttore ANZIANI E NON SOLO soc. ABBIGLIAMENTO PER LA NON AUTOSUFFICIENZA un opportunità di sviluppo per il distretto Loredana Ligabue Direttore ANZIANI E NON SOLO soc. coop Invecchiamento della popolazione L invecchiamento della popolazione

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL BISOGNO SOCIALE la pratica professionale

LA VALUTAZIONE DEL BISOGNO SOCIALE la pratica professionale LA VALUTAZIONE DEL BISOGNO SOCIALE la pratica professionale Corso di Preparazione agli esami di Stato Padova, 6-7 giugno 2012 Dott.ssa Giorgia Goffo Assistente Sociale e Consigliere dell Ordine degli Assistenti

Dettagli

PROBLEMI FISICI DEL DISABILE

PROBLEMI FISICI DEL DISABILE PROBLEMI FISICI DEL DISABILE Scale di valutazione funzionale e classificazione della disabilita Classificazione malattie (eziologia, clinica) nell ICD della Organizzazione Mondiale Sanità 1970 Non riportata

Dettagli

COMUNE DI SESTU PROVINCIA DI CAGLIARI

COMUNE DI SESTU PROVINCIA DI CAGLIARI COMUNE DI SESTU PROVINCIA DI CAGLIARI REGOLAMENTO PER L ACCESSO DEI CITTADINI AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI, DISABILI E FAMIGLIE IN DIFFICOLTÀ Indice generale Articolo 1...3 Articolo 2...3

Dettagli

Fondi Pensione e Casse di Previdenza:

Fondi Pensione e Casse di Previdenza: Fondi Pensione e Casse di Previdenza: Cattolica Previdenza: un veicolo per gestire il rischio finanziario e demografico. Massimo Montecchio Responsabile Sistema di Offerta Vita e Previdenza Gruppo Cattolica

Dettagli

Percorso Ictus e Tia EXPANDED CHRONIC CARE MODEL

Percorso Ictus e Tia EXPANDED CHRONIC CARE MODEL Percorso Ictus e Tia EXPANDED CHRONIC CARE MODEL Elaborato a cura di: M.Bonini ; D.Cerullo ; R.Salvadori ; R.Torselli Direttore UFC Assistenza Sanitaria di Comunità SdS Valdinievole Direttore UFC Assistenza

Dettagli

VALUTAZIONE DELLA INTENSITA ASSISTENZIALE RESIDENZIALE

VALUTAZIONE DELLA INTENSITA ASSISTENZIALE RESIDENZIALE VALUTAZIONE DELLA INTENSITA ASSISTENZIALE RESIDENZIALE Sig/Sig.ra.. Punteggio A.D.L. (funzioni+mobilità) Punteggio S.P.M.S.Q. Punteggio A.Di.Co. Punteggio D.M.I. Totale L attribuzione ad una fascia di

Dettagli

Allegato B DESCRIZIONE SINTETICA DEL PROFILO PROFESSIONALE

Allegato B DESCRIZIONE SINTETICA DEL PROFILO PROFESSIONALE Allegato B DESCRIZIONE SINTETICA DEL PROFILO PROFESSIONALE L Operatore socio-sanitario con formazione complementare in assistenza sanitaria, oltre a svolgere tutte le attività tipiche dell Operatore Socio

Dettagli

Cosa cambia con la Casa della Salute Il sociale e il sanitario insieme nella Casa della Salute. Claretta Zambelli, Nadia Bergonzini

Cosa cambia con la Casa della Salute Il sociale e il sanitario insieme nella Casa della Salute. Claretta Zambelli, Nadia Bergonzini Cosa cambia con la Casa della Salute Il sociale e il sanitario insieme nella Casa della Salute Claretta Zambelli, Nadia Bergonzini ACCESSO AL SERVIZIO SOCIALE Sportello sociale Equipe di Coordinamento

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE DI SEREGNO. Modello gestionale ed operativo per l attuazione della DGR 740/2013

AMBITO TERRITORIALE DI SEREGNO. Modello gestionale ed operativo per l attuazione della DGR 740/2013 AMBITO TERRITORIALE DI SEREGNO Modello gestionale ed operativo per l attuazione della DGR 74/213 Finalità ed obiettivi della presa in carico integrata La finalità principe della presa in carico integrata

Dettagli

MODULO CENTRO DIURNO INTEGRATO ALZHEIMER OSPITALITÀ. Il/la sig. Nato/a prov. il. Residente a Prov. cap. Via. ASL di appartenenza cod.

MODULO CENTRO DIURNO INTEGRATO ALZHEIMER OSPITALITÀ. Il/la sig. Nato/a prov. il. Residente a Prov. cap. Via. ASL di appartenenza cod. Pagina 1 / 8 ALZHEIMER DOMANDA DI OSPITALITA Il/la sig. Nato/a prov. il Residente a Prov. cap. Via ASL di appartenenza cod. fiscale Cod. tessera sanitaria Coniugato vedovo Con/di n. figli: maschi femmine

Dettagli

Criteri di selezione del collettivo e definizioni

Criteri di selezione del collettivo e definizioni Appendice A Criteri di selezione del collettivo e definizioni Introduzione L indagine sull integrazione sociale delle persone con disabilità è stata realizzata nell ambito del progetto Sistema di Informazione

Dettagli

SCHEDA SANITARIA (redatta da MMG)

SCHEDA SANITARIA (redatta da MMG) Cognome me Nata/o a prov. il Residente a prov. c.a.p. via n. Anamnesi patologica remota Anamnesi patologica prossima Barthel Index [A] [B] [C] [A] dipende [B] con aiuto o saltuariamente [C] indipendente

Dettagli

UNIVERSITA' CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA "A. GEMELLI"- ROMA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA. Protocollo n...

UNIVERSITA' CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA A. GEMELLI- ROMA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA. Protocollo n... UNIVERSITA' CATTLICA DEL SACR CURE FACLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA "A. GEMELLI"- RMA CRS DI LAUREA IN INFERMIERISTICA Protocollo n... Prevenzione delle Ulcere da Pressione Definizione: lesione tessutale,

Dettagli

I.R.C.C.S. S. Maria Nascente. Domotica Ausili Terapia Occupazionale

I.R.C.C.S. S. Maria Nascente. Domotica Ausili Terapia Occupazionale I.R.C.C.S. S. Maria Nascente Domotica Ausili Terapia Occupazionale Marco Pastori Terapista Occupazionale Fondazione Don Gnocchi Onlus IRCCS S.Maria Nascente Milano Ambiti di intervento: La Terapia Occupazionale

Dettagli

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Distretto di Carpi Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011 Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Settore Area Fragili U. O. Cure Primarie Area Disabili Area

Dettagli

RIDUZIONE DELLA CONTENZIONE FISICA IN CASA DI RIPOSO. Sperimentazione di un protocollo per la valutazione e gestione dei residenti a rischio di caduta

RIDUZIONE DELLA CONTENZIONE FISICA IN CASA DI RIPOSO. Sperimentazione di un protocollo per la valutazione e gestione dei residenti a rischio di caduta RIDUZIONE DELLA CONTENZIONE FISICA IN CASA DI RIPOSO. Sperimentazione di un protocollo per la valutazione e gestione dei residenti a rischio di caduta Zanetti E*., Zani M*., Negri E.^, Trabucchi M.* *Gruppo

Dettagli

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro Premessa L Ictus Cerebrale, pur essendo in Italia la prima causa di invalidità, la seconda di demenza e la terza di morte, non ha ricevuto finora, a differenza di altre malattie altrettanto gravi per l

Dettagli

REGOLAMENTO ALLOGGI CON SERVIZI PIAZZA ALLENDE n.7, RONCOFREDDO

REGOLAMENTO ALLOGGI CON SERVIZI PIAZZA ALLENDE n.7, RONCOFREDDO ASP DEL RUBICONE VIA MANZONI 19 SAN MAURO PASCOLI Prot. n. 2989 del 22/10/2012 REGOLAMENTO ALLOGGI CON SERVIZI PIAZZA ALLENDE n.7, RONCOFREDDO 1 TURA E FILITA DEL SERVIZIO Gli alloggi con servizi sono

Dettagli

VALUTAZIONE NUOVO OPERATORE SOCIO SANITARIO

VALUTAZIONE NUOVO OPERATORE SOCIO SANITARIO VALUTAZIONE NUOVO OPERATORE SOCIO SANITARIO Cognome e Nome Data e luogo di nascita matr. Titolo conseguito Il presso Voto Esperienze lavorative-professionali precedenti: Corsi di formazione e aggiornamento

Dettagli

Esercitazione di gruppo

Esercitazione di gruppo 12 Maggio 2008 FMEA FMECA: dalla teoria alla pratica Esercitazione di gruppo PROCESSO: accettazione della gravida fisiologica a termine (38-40 settimana). ATTIVITA INIZIO: arrivo della donna in Pronto

Dettagli

Allegato 2. Strumenti per la valutazione multidimensionale del bisogno. Indice. Premessa... 2. 1. Il processo di valutazione del bisogno...

Allegato 2. Strumenti per la valutazione multidimensionale del bisogno. Indice. Premessa... 2. 1. Il processo di valutazione del bisogno... Allegato 2 Strumenti per la valutazione multidimensionale del bisogno Indice Premessa... 2 1. Il processo di valutazione del bisogno... 2 2. Il triage... 3 3. La valutazione di secondo livello... 3 4.

Dettagli

SCHEDA VALUTAZIONE DISABILITA E SETTING

SCHEDA VALUTAZIONE DISABILITA E SETTING SCHEDA VALUTAZIONE DISABILITA E SETTING ASSISTENZIALE-RIABILITATIVO(ver. 2.5) Per informazioni sulla compilazione contattare il 0718003276 o scrivere a o.mercante@inrca.it COGNOME NOME M F Data nascita

Dettagli

Indagine sull integrazione degli alunni con disabilità nella scuola primaria e secondaria di primo grado

Indagine sull integrazione degli alunni con disabilità nella scuola primaria e secondaria di primo grado Indagine sull integrazione degli alunni con disabilità nella scuola primaria e secondaria di primo grado Condizioni di salute Che tipo di problemi ha l'alunno? Cecità Ipovisione Sordità profonda o grave

Dettagli

Scala unificata di valutazione della discinesia (UDysRS)

Scala unificata di valutazione della discinesia (UDysRS) Scala unificata di valutazione della discinesia (UDysRS) Data della valutazione: giorno mese anno Ora della valutazione: : (formato delle 24 ore) Parte I - Valutazione della discinesia in fase ON - Istruzioni

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE. Notizie Operative ed Informazioni Pratiche

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE. Notizie Operative ed Informazioni Pratiche CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE Notizie Operative ed Informazioni Pratiche 15/04/2014 ESTRATTO notizie operative ed informazioni pratiche numeri utili Relativi al servizio di Assistenza

Dettagli

ATTIVITA FISICA ADATTATA (AFA) Linee guida asl2 Lucca Dicembre 2009

ATTIVITA FISICA ADATTATA (AFA) Linee guida asl2 Lucca Dicembre 2009 ATTIVITA FISICA ADATTATA (AFA) Linee guida asl2 Lucca Dicembre 2009 Per attività fisica adattata (AFA) si intendono programmi di esercizio non sanitari svolti in gruppo appositamente predisposti per cittadini

Dettagli

- anziani o inabili adulti, soli, privi di sostegno familiare adeguato o in stato di abbandono ;

- anziani o inabili adulti, soli, privi di sostegno familiare adeguato o in stato di abbandono ; ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE REGOLAMENTO ART. 1 - DEFINIZIONE E FINALITA 1. Il Servizio di Assistenza Domiciliare è un insieme di prestazioni di carattere socio assistenziale

Dettagli

Test di prestazione fisica nell anziano

Test di prestazione fisica nell anziano Lezioni 9 & 10 Test di prestazione fisica nell anziano La valutazione funzionale dell efficienza fisica dell anziano può essere attuata mediante scale di autovalutazione quindi attraverso l uso di un questionario,

Dettagli

MODELLO A : per persone maggiorenni ( + di 18 anni)

MODELLO A : per persone maggiorenni ( + di 18 anni) MODELLO A : per persone maggiorenni ( + di 18 anni) ISTRUZIONI PER LA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA DI ACCERTAMENTO/AGGRAVAMENTO DI - INVALIDITÁ CIVILE (comprende anche l indennità di accompagnamento) -

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ATTRIBUZIONE DELL ASSEGNO DI CURA A PERSONE NON AUTOSUFFICIENTI

AVVISO PUBBLICO PER L ATTRIBUZIONE DELL ASSEGNO DI CURA A PERSONE NON AUTOSUFFICIENTI PIANO SOCIALE DI ZONA Ambito Territoriale Alto Tavoliere Capofila: Comune di San Severo Apricena - Chieuti - Lesina - Poggio Imperiale San Paolo di Civitate - Serracapriola - Torremaggiore AVVISO PUBBLICO

Dettagli

DOMANDA DI RICONOSCIMENTO DELLA PERDITA DI AUTOSUFFICIENZA PER I DIPENDENTI ISCRITTI AL FASIF (LONG TERM CARE)

DOMANDA DI RICONOSCIMENTO DELLA PERDITA DI AUTOSUFFICIENZA PER I DIPENDENTI ISCRITTI AL FASIF (LONG TERM CARE) DOMANDA DI RICONOSCIMENTO DELLA PERDITA DI AUTOSUFFICIENZA PER I DIPENDENTI ISCRITTI AL FASIF (LONG TERM CARE) da inviare a mezzo lettera raccomandata con ricevuta di ritorno a FASIF Casella Postale 107

Dettagli

STIAMO COI PIEDI PER TERRA. GUIDA per la PREVENZIONE DELLE CADUTE 1

STIAMO COI PIEDI PER TERRA. GUIDA per la PREVENZIONE DELLE CADUTE 1 STIAMO COI PIEDI PER TERRA GUIDA per la PREVENZIONE DELLE CADUTE 1 Le cadute che possono verificarsi in casa, per la strada, in ospedale o presso le strutture per anziani o disabili sono un grave problema

Dettagli

ANCHE IL LINFEDEMA SECONDARI O E MALATTIA DISABILITAN TE: UN INDICE DA PROPORRE ALL INPS

ANCHE IL LINFEDEMA SECONDARI O E MALATTIA DISABILITAN TE: UN INDICE DA PROPORRE ALL INPS ANCHE IL LINFEDEMA SECONDARI O E MALATTIA DISABILITAN TE: UN INDICE DA PROPORRE ALL INPS Dott. Maurizio Ricci U. O. Medicina Riabilitativa Azienda Ospedaliero- Universitaria Ospedali Riuniti di Ancona

Dettagli

SCLEROSI LATERALE AMIOTROFICA: INFORMAZIONI UTILI A CURA DI

SCLEROSI LATERALE AMIOTROFICA: INFORMAZIONI UTILI A CURA DI SCLEROSI LATERALE AMIOTROFICA: INFORMAZIONI UTILI A CURA DI CLINICA NEUROLOGICA DI PADOVA CENTRO SPECIALIZZATO PER LE MALATTIE NEUROMUSCOLARI E PER LA SCLEROSI LATERALE AMIOTROFICA È un Centro specializzato

Dettagli

DISTURBO DA ALIMENTAZIONE INCONTROLLATA (BED) Chi colpisce, che cos'è CHI COLPISCE

DISTURBO DA ALIMENTAZIONE INCONTROLLATA (BED) Chi colpisce, che cos'è CHI COLPISCE DISTURBO DA ALIMENTAZIONE INCONTROLLATA (BED) Chi colpisce, che cos'è CHI COLPISCE Significativi problemi di abbuffate, cioè assunzione di un elevata quantità di cibo associata a un senso di perdita di

Dettagli

La prestazione pensionistica in forma rateale: LA RENDITA

La prestazione pensionistica in forma rateale: LA RENDITA La prestazione pensionistica in forma rateale: LA RENDITA Guida alla scelta della migliore opzione per il socio iscritto che ha maturato i requisiti per la pensione complementare La Pensione Complementare

Dettagli

Informazioni sulle cadute per pazienti, familiari e badanti

Informazioni sulle cadute per pazienti, familiari e badanti Informazioni sulle cadute per pazienti, familiari e badanti Information about falls for patients, families and carers - Italian Quest opuscolo contiene informazioni importanti per la sicurezza dei pazienti

Dettagli

ASSOCIAZIONE PROMOZIONE SOCIALE C.F. 92059460854

ASSOCIAZIONE PROMOZIONE SOCIALE C.F. 92059460854 La salute a portata di mano ASSOCIAZIONE PROMOZIONE SOCIALE C.F. 92059460854 VIA SALLEMI - N 121 93100 - CALTANISSETTA Nel nostro territorio, oggi giorno, si presenta sempre più un alto numero di persone

Dettagli

I PRINCIPALI STRUMENTI PER L IDENTIFICAZIONE DEI PAZIENTI A RISCHIO

I PRINCIPALI STRUMENTI PER L IDENTIFICAZIONE DEI PAZIENTI A RISCHIO I PRINCIPALI STRUMENTI PER L IDENTIFICAZIONE DEI PAZIENTI A RISCHIO Traduzione Angela Corbella Si riportano i principali strumenti descritti nelle Linee Guida NICE 1 (National Institute for Clinical Excellence)

Dettagli

La Malattia di Alzheimer: approccio neuropsicologico

La Malattia di Alzheimer: approccio neuropsicologico La Malattia di Alzheimer: approccio neuropsicologico Dott.ssa Sara Fascendini Centro Alzheimer, Fondazione Europea di Ricerca Biomedica (FERB), Ospedale Briolini, Gazzaniga (BG) CHE COSA È LA DEMENZA?

Dettagli

INTEGRAZIONE DELLA FIGURA OSS E INFERMIERE. Dott.ssa Flavia Fattore Unità Operativa Medicina Macerata

INTEGRAZIONE DELLA FIGURA OSS E INFERMIERE. Dott.ssa Flavia Fattore Unità Operativa Medicina Macerata INTEGRAZIONE DELLA FIGURA OSS E INFERMIERE Dott.ssa Flavia Fattore Unità Operativa Medicina Macerata L infermiere Dal D.M. 14 Settembre 1994 n, 739: Art. 1: l infermiere è responsabile dell assistenza

Dettagli

COMUNICAZIONE A TUTTI GLI ISCRITTI UILCA LONG TERM CARE

COMUNICAZIONE A TUTTI GLI ISCRITTI UILCA LONG TERM CARE CREDITO, ESATTORIE E ASSICURAZIONI - UIL C.A. Aderente a Union Network International UNI email uilca.varese@uilca.it fax 02/70034510 internet: www.uilcavarese.it SEGRETERIA PROVINCIALE di VARESE COMUNICAZIONE

Dettagli

COMUNE DI NISCEMI Provincia di Caltanissetta Ripartizione Servizi Sociali tel/fax 0933/881310

COMUNE DI NISCEMI Provincia di Caltanissetta Ripartizione Servizi Sociali tel/fax 0933/881310 COMUNE DI NISCEMI Provincia di Caltanissetta Ripartizione Servizi Sociali tel/fax 933/883 SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE SOCIO-ASSISTENZIALE (ADA) IN FAVORE DI ANZIANI ULTR65ENNI NON AUTOSUFFICIENTI

Dettagli

La Long Term Care, componente importante nella gestione dei fondi sanitari: profili operativi

La Long Term Care, componente importante nella gestione dei fondi sanitari: profili operativi La Long Term Care, componente importante nella gestione dei fondi sanitari: profili operativi Milano, 13 Settembre 2010 Francesco Fidanza: Dirigente Responsabile Previdenza Corporate e Clienti Istituzionali

Dettagli

Il team riabilitativo. www.ilfisiatra.it 1

Il team riabilitativo. www.ilfisiatra.it 1 Il team riabilitativo www.ilfisiatra.it 1 TEAM Riabilitativo Fisiatra Fisioterapista Altri medici Infermiere Bioingegnere Psicologo Paziente Terapista occupazionale Logopedista Assistente sociale Educatore

Dettagli

DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI E DISABILI

DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI E DISABILI COMUNE DI BARANZATE Provincia di Milano Area Servizi alla Persona REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI E DISABILI Approvato con deliberazione del Commissario Straordianrio con i poteri

Dettagli

COMUNE DI FOSSO Provincia di Venezia REGOLAMENTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE

COMUNE DI FOSSO Provincia di Venezia REGOLAMENTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI FOSSO Provincia di Venezia REGOLAMENTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N. DEL ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1. Il presente regolamento disciplina il servizio

Dettagli

SCHEDE DI VALUTAZIONE MULTIDIMENSIONALE

SCHEDE DI VALUTAZIONE MULTIDIMENSIONALE Allegato alla Delib.G.R. n. 33/1 3/1 del 30.6.01 SCHEDE DI VALUTAZIONE MULTIDIMENSIONALE NOME COGNOME NATO A IL / / COMUNE DI RESIDENZA VIA/PIAZZA TELEFONO EMAIL: @ CODICE SANITARIO N ASL PERSONA DI RIFERIMENTO

Dettagli

Consigli per assistere la Persona con Demenza

Consigli per assistere la Persona con Demenza Ospedale San Lorenzo Valdagno Dipartimento Medicina Interna Unità Operativa di Lungodegenza Responsabile dr. Marcello Mari Consigli per assistere la Persona con Demenza Strumenti per qualificare le cure

Dettagli

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Infermieristica della salute mentale Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Le competenze dell infermiere in psichiatria e all interno dell equipe multi professionale La

Dettagli

[PROTOCOLLO D INTESA OPERATORE SOCIO SANITARIO]

[PROTOCOLLO D INTESA OPERATORE SOCIO SANITARIO] [PROTOCOLLO D INTESA OPERATORE SOCIO SANITARIO] Protocollo per la definizione di procedure per il riconoscimento reciproco di crediti ECVET nell ambito di percorsi formativi per operatori socio-sanitari

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PREVENZIONE DELLE LESIONI DA DECUBITO

LINEE GUIDA PER LA PREVENZIONE DELLE LESIONI DA DECUBITO LINEE GUIDA SULLA PREVENZINE E TRATTAMENT DELLE LDD - 1 ottobre 2001 - Pagina 14 di 66 pagine LINEE GUIDA PER LA PREVENZINE DELLE LESINI DA DECUBIT Che cosa sono le lesioni da decubito (LDD)? Le LDD sono

Dettagli

CAPITOLATO D ONERI. Casa Anziani Alto Vedeggio 6805 Mezzovico Vira OPERATORE SOCIOSANITARIO (OSS) Denominazione della funzione

CAPITOLATO D ONERI. Casa Anziani Alto Vedeggio 6805 Mezzovico Vira OPERATORE SOCIOSANITARIO (OSS) Denominazione della funzione CAPITOLATO D ONERI Denominazione della funzione OPERATORE SOCIOSANITARIO (OSS) Obiettivo della funzione Si occupa in modo globale dei bisogni degli Ospiti Posizione gerarchica nell organizzazione 3.1 Superiori

Dettagli

SCHEDA UNICA DI INVIO E VALUTAZIONE PER RICOVERO IN UNITÀ DI CURE INTERMEDIE

SCHEDA UNICA DI INVIO E VALUTAZIONE PER RICOVERO IN UNITÀ DI CURE INTERMEDIE P R O V E N I E N Z A SCHEDA UNICA DI INVIO E VALUTAZIONE PER RICOVERO IN UNITÀ DI CURE INTERMEDIE Cognome e Nome Dat a Nasci ta Sesso M / F Residenza In Lombardia Citt adino Ext ra UE Invalidità Ac compagnamen

Dettagli

COMUNE DI GENZANO DI ROMA (Provincia di Roma) Via Italo Belardi, 81-00045 Tel. 06/ 93711 Fax. 06/ 9364816 www.comune.genzanodiroma.roma.

COMUNE DI GENZANO DI ROMA (Provincia di Roma) Via Italo Belardi, 81-00045 Tel. 06/ 93711 Fax. 06/ 9364816 www.comune.genzanodiroma.roma. COMUNE DI GENZANO DI ROMA (Provincia di Roma) Via Italo Belardi, 81-00045 Tel. 06/ 93711 Fax. 06/ 9364816 www.comune.genzanodiroma.roma.it REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI,

Dettagli

Misura vs. Valutazione. Valutazione quantitativa dell attività motoria. Misura

Misura vs. Valutazione. Valutazione quantitativa dell attività motoria. Misura Corso di Laurea specialistica in Scienze e tecniche delle attività motorie preventive e adattate Valutazione quantitativa dell attività motoria A. Buizza A.A. 2009/10 Misura vs. Valutazione Misura = descrizione

Dettagli

IL PERCORSO ASSISTENZIALE NELL AREA TERRITORIALE STEFANO MANTOVANI

IL PERCORSO ASSISTENZIALE NELL AREA TERRITORIALE STEFANO MANTOVANI 57 CONGRESSO NAZIONALE S.I.G.G. 13 CORS0 PER INFERMIERI MILANO, 22-23 NOVEMBRE 2012 IL PERCORSO ASSISTENZIALE NELL AREA TERRITORIALE STEFANO MANTOVANI LA DIMISSIONE PROTETTA Nella Dimissione Protetta è

Dettagli

LA GESTIONE DEL DOLORE NELLA PERSONA AFFETTA DA DEMENZA: PRESENTAZIONE DI UN ESPERIENZA. Albese con Cassano, Dicembre 2011 Infermiera GIUSY MIRAGLIA

LA GESTIONE DEL DOLORE NELLA PERSONA AFFETTA DA DEMENZA: PRESENTAZIONE DI UN ESPERIENZA. Albese con Cassano, Dicembre 2011 Infermiera GIUSY MIRAGLIA LA GESTIONE DEL DOLORE NELLA PERSONA AFFETTA DA DEMENZA: PRESENTAZIONE DI UN ESPERIENZA Albese con Cassano, Dicembre 2011 Infermiera GIUSY MIRAGLIA OBIETTIVO: Presentare il percorso intrapreso per superare

Dettagli

Corso Sorveglianza e prevenzione della malnutrizione nelle strutture assistenziali per anziani L ATTIVITA FISICA NELL ETA AVANZATA

Corso Sorveglianza e prevenzione della malnutrizione nelle strutture assistenziali per anziani L ATTIVITA FISICA NELL ETA AVANZATA Corso Sorveglianza e prevenzione della malnutrizione nelle strutture assistenziali per anziani L ATTIVITA FISICA NELL ETA AVANZATA GOTTIN Maurizio - Responsabile SSD Medicina Sportiva ASL TO4 Referente

Dettagli

OSS E OSS COMPLEMENTARE: Analisi dell'evoluzione del profilo professionale delle figure di supporto

OSS E OSS COMPLEMENTARE: Analisi dell'evoluzione del profilo professionale delle figure di supporto OSS E OSS COMPLEMENTARE: Analisi dell'evoluzione del profilo professionale delle figure di supporto Tiziana De Donno TORINO 12 febbraio 2010 Tiziana De Donno Cisl 1 Nascita dell OSS: perché? Tiziana De

Dettagli

LOTTO 1 - COOPERATIVA PROGEST

LOTTO 1 - COOPERATIVA PROGEST ASL TO3 di Collegno e Pinerolo (TO) Procedura aperta per l affidamento del servizio di gestione delle attività varie (n. 5 lotti) per utenti in carico al Dipartimento Funzionale di Salute Mentale della

Dettagli

FONDAZIONE PANGEA ONLUS

FONDAZIONE PANGEA ONLUS FONDAZIONE PANGEA ONLUS Le donne rappresentano il più vasto numero di persone soggette a discriminazioni, violenze, povertà e processi di impoverimento nel mondo, semplicemente perché appartenenti al genere

Dettagli

CITTA DI PALAZZOLO SULL OGLIO SERVIZI SOCIALI

CITTA DI PALAZZOLO SULL OGLIO SERVIZI SOCIALI CITTA DI PALAZZOLO SULL OGLIO SERVIZI SOCIALI Via XX Settembre n.32 25036 Palazzolo sull Oglio Tel.030/7405545 Fax 030/7405532 Piazza Indipendenza 3 - Palazzolo s/o- Fraz. San Pancrazio- Tel e Fax 030/738541

Dettagli

L Infermiere e l OSS: Valorizzazione delle Competenze per l integrazione Dott. Francesco Germini Dirigente Sanitario Area Infermieristica e Ostetrica

L Infermiere e l OSS: Valorizzazione delle Competenze per l integrazione Dott. Francesco Germini Dirigente Sanitario Area Infermieristica e Ostetrica L Infermiere e l OSS: Valorizzazione delle Competenze per l integrazione Dott. Francesco Germini Dirigente Sanitario Area Infermieristica e Ostetrica ASL Taranto La figura dell OSS Nasce dall accordo sancito

Dettagli

Corso di Collaboratrice Sanitaria (CS CRS) Croce Rossa Svizzera

Corso di Collaboratrice Sanitaria (CS CRS) Croce Rossa Svizzera Corso di Collaboratrice Sanitaria (CS CRS) Croce Rossa Svizzera Introduzione La Collaboratrice Sanitaria (CS) CRS è una persona che svolge la propria attività, dopo aver seguito una formazione riconosciuta

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari REGOLAMENTO PER L ACCESSO AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE APPROVATO CON DELIBERAZIONE C.C. N 109 DEL 11/12/14 1 INDICE ART. 1 DEFINIZIONE.. ART. 2 OBIETTIVI

Dettagli

PATROCINATE un disabile

PATROCINATE un disabile un bambino PATROCINATE un disabile Offrite loro nuove prospettive di vita! www.morija.org Impegnatevi accanto a Morija! Da più di 30 anni, Morija attua con i suoi partner locali progetti a carattere strettamente

Dettagli

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO IN ETA EVOLUTIVA

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO IN ETA EVOLUTIVA I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO IN ETA EVOLUTIVA IL DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE / IPERATTIVITA. 1. Che cos è l ADHD Il Disturbo da deficit di attenzione ed iperattività (DDAI), conosciuto anche con

Dettagli

La centralità dell'infermiere. nelle pratiche di cura domiciliare

La centralità dell'infermiere. nelle pratiche di cura domiciliare I luoghi della cura e dell apprendimento dall esperienza Un viaggio tra il sé professionale e il sistema delle cure domiciliari La centralità dell'infermiere nelle pratiche di cura domiciliare Biella,

Dettagli

AZIENDA SOCIALE COMUNI INSIEME

AZIENDA SOCIALE COMUNI INSIEME AZIENDA SOCIALE COMUNI INSIEME Comuni di Bregnano, Cadorago, Carbonate, Casnate con Bernate, Cassina Rizzardi, Cirimido, Fenegrò, Fino Mornasco, Grandate, Limido Comasco, Locate Varesino, Lomazzo, Luisago,

Dettagli

Appalto per l affidamento del servizio di ristorazione scolastica del Comune di Padova SCHEDA OFFERTA PREZZI SCHEDE SCOMPOSIZIONE PREZZI

Appalto per l affidamento del servizio di ristorazione scolastica del Comune di Padova SCHEDA OFFERTA PREZZI SCHEDE SCOMPOSIZIONE PREZZI Appalto per l affidamento del servizio di ristorazione scolastica del Comune di Padova SCHEDA OFFERTA PREZZI SCHEDE SCOMPOSIZIONE PREZZI Servizio di ristorazione scolastica periodo 1.01.2012 al 31.12.2012

Dettagli

5 - IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

5 - IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE 1 5 - IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PRESENTAZIONE E OBIETTIVI Il Servizio di Assistenza Domiciliare (S.A.D.) è un servizio di aiuto a carattere professionale realizzato presso il domicilio delle

Dettagli

FONDO NON AUTOSUFFICIENZA DGR 740/2013 AVVISO PUBBLICO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI A SOSTEGNO DI DISABILI GRAVI E ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI

FONDO NON AUTOSUFFICIENZA DGR 740/2013 AVVISO PUBBLICO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI A SOSTEGNO DI DISABILI GRAVI E ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI FONDO NON AUTOSUFFICIENZA DGR 740/2013 AVVISO PUBBLICO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI A SOSTEGNO DI DISABILI GRAVI E ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI PREMESSA Vista la quota del Fondo Nazionale per le Non

Dettagli

Laura Ghiro Elena Fipaldini Ospedale San Bortolo Vicenza

Laura Ghiro Elena Fipaldini Ospedale San Bortolo Vicenza CORPOrat(t)ivaMENTE. Confronti e prospettive sulle pratiche di lavoro integrato in età evolutiva IL CASO CLINICO CHE NON TI ASPETTI Laura Ghiro Elena Fipaldini Ospedale San Bortolo Vicenza A. è giunto

Dettagli