PREVENZIONE/GESTIONE DEGLI ARROSSAMENTI E BRUCIORI CUTANEI NEL PAZIENTE INCONTINENTE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PREVENZIONE/GESTIONE DEGLI ARROSSAMENTI E BRUCIORI CUTANEI NEL PAZIENTE INCONTINENTE"

Transcript

1 PREVENZIONE/GESTIONE DEGLI ARROSSAMENTI E BRUCIORI CUTANEI NEL PAZIENTE INCONTINENTE

2 Agenda Obiettivi e metodologia Sezione Medici di Medicina Generale Sezione pazienti

3 Obiettivi della ricerca Approfondire la conoscenza sulla gestione delle lesioni cutanee nei pazienti incontinenti da due punti di vista: Medico di Medicina Generale Paziente

4 Metodologia Per rispondere agli obiettivi sono stati elaborati 2 questionari, il primo somministrato ai MMG, il secondo somministrato ai pazienti incontinenti; I questionari destinati ai medici sono stati somministrati grazie alla collaborazione della FIMMG; I questionari destinati ai pazienti sono stati distribuiti: In sedi di assistenza residenziale; Nelle sedi FederAnziani; Tramite gli studi medici della FIMMG; In totale sono stati raccolti: 100 questionari da pazienti, per lo più incontinenti; 100 questionari da Medici di Medicina Generale;

5 A 100 Medici di Medicina Generale è stato sottoposto un questionario composto da 14 domande dirette ad analizzare: a) Tipo e grado di Incontinenza dei pazienti da loro seguiti; b) Presidi assorbenti utilizzati dai loro pazienti c) Prevenzione, tutela e gestione delle lezioni cutanee della regione genitale Il questionario è diviso in 3 Sezioni: A. DATI GENERALI RELATIVI AI PAZIENTI INCONTINENTI; B. PAZIENTE INCONTINENTE CON CUTE SANA; C. PAZIENTE INCONTINETE CON CUTE LESA; Sezione MMG

6 MMG - Sezione A Dati Generali Relativi ai Pazienti Incontinenti

7 Sezione A - Domande 1) Quanti Pazienti Incontinenti ha in cura? 2) Quanti pazienti incontineti visita in percentuale in un mese? Media: 76 Media: 27,47% Così Composta: <30% >=30% <50% >=50% <70% >=70% 56,12% 21,43% 16,33% 6,12% 3) Quanti, in percentuale, soffrono dei seguenti tipi di incontinenza? 4) Quanti, in percentuale, utilizzano i seguenti tipi di presidi? 5) Quanti, in percentuale, effettuano l'igiene locale ad ogni cambio del presidio assorbente? Urinaria Leggera Urinaria Completa Fecale Urinaria e Fecale 39,12% 26,08% 12,36% 22,44% Pannolone a Mutandina Pannolino Assorbente 56,99% 32,37% Media : 56,99% Così Composta: <30% >=30% <60% >=60% <80% >=80% 48,3% 35,6% 9,2% 6,9%

8 Sezione A Approfondimento MMG, Prevalenza dei vari tipi di Incontinenza tra i loro Pazienti Urinaria e Fecale; 22,44% Uninaria Leggera; 39,12% Fecale; 12,36% Urinaria Completa; 26,08%

9 Sezione A Approfondimento MMG, Quanti Pazienti in percentuale effettuano l Igiene Locale ad ogni cambio del presidio 6,9% 9,2% 35,6% 48,3% <30% >=30% <60% >=60% <80% >=80%

10 MMG - Sezione B Paziente Incontinente con Cute Sana

11 Sezione B - Domande 6) In caso di paziente con cute sana, Lei prescrive/consiglia l'acquisto di dispositivi per l'igiene e la cura della cute al cambio del pannolone? 7) La procedura di igiene consigliata ai pazienti al cambio del pannolone prevede anche l'applicazione di un protettivo cutaneo? 8) Consiglia di applicare il protettivo cutaneo a tutti i cambi del pannolone? Si No 69,79% 30,21% Quali Prodotti? Sapone Solido Sapone Liquido Salviettine Imbevute Traversa Altro 20,22% 58,89% 26,67% 36,67% 0,00% Si No 71,43% 28,57% Tipo di Protettivo Cutaneo: Ossido di Zinco Crema Barriera Film Barriera Crema Idratante Altro 38,04% 19,78% 15,56% 25,56% 1,07% Si No 56,25% 43,75%

12 Sezione B - Approfondimento MMG, Che tipo di Protettivo Cutaneo consiglia ai Pazienti con Cute Sana al cambio del presidio. Altro; 1,07% Crema Idratante; 25,56% Film Barriera; 15,56% Crema Barriera; 19,78% Ossido di Zinco; 38,04%

13 MMG - Sezione C Paziente Incontinente con Cute Lesa

14 Sezione C Domande (1) 9) Nel paziente incontinente quali lesioni cutanee rileva? 10) Nel paziente incontinente, con quale frequenza rileva lesioni cutanee? Arrossamento Erosione Escoriazione Infezione Altro 78,00% 54,00% 29,00% 28,87% 4,00% Spesso Qualche Volta Raramente Mai 32,00% 51,00% 17,00% 0,00% Visita Specialistica Protettivo Cutaneo Altro 11) Nel paziente incontinente con lesioni cutanee, cosa prescrive? 23,17% 76,83% 0,00% Quale Protettivo Cutaneo? Ossido di Zinco Crema Barriera Film Barriera Crema Idratante 43,48% 37,6% 19,57% 23,86%

15 Sezione C Approfondimento MMG, Nel Paziente Incontinente quali Lesioni Cutanee rileva? 90,00% 80,00% 70,00% 60,00% 50,00% 40,00% 30,00% 20,00% 10,00% 0,00% 78,00% 54,00% 29,00% 28,87% 4,00% Arrossamento Erosione Escoriazione Infezione Altro

16 Sezione C Approfondimento MMG, Nel Paziente con Cute Lesa con quale frequenza rileva lesioni cutanee? Mai; 0,00% ; 0 Raramente; 17,00% Spesso; 32,00% Qualche Volta; 51,00%

17 Sezione C Domande (2) 12) Consiglia di applicare il protettivo cutaneo a tutti i cambi del pannolone? Si No 72,16% 27,84% 13) Il prodotto da Lei prescritto ha risolto in maniera efficace le lesioni cutanee? Si No 87,63% 12,37% 14) Ritiene che qualcuno dei prodotti elencati alla domanda n 11 possa interferire con il grado di assorbenza del pannolone? Si No 7,45% 92,55%

18 A 100 Pazienti è stato sottoposto un questionario composto da 36 domande dirette ad analizzare: a) Tipo e grado di Incontinenza cui sono affetti; b) Tipo/i di presidio/i assorbente/i utilizzato/i; c) Igiene delle parti intime d) Tutela e gestione degli arrossamenti e bruciori della regione genitale Il questionario è diviso in 3 Sezioni: A. INFORMAZIONI SUL CITTADINO/PAZIENTE; Sezione Pazienti B. INFORMAZIONI RELATIVE ALL USO E AL CAMBIO DEL PRESIDIO ASSORBENTE; C. INFORMAZIONI RELATIVE AD ARROSSAMENTI ED IRRITAZIONI DELLA REGIONE GENITALE;

19 Pazienti - Sezione A Informazioni sul Cittadino/Paziente

20 Sezione A Domande (1) 1) Età 2) Sesso 3) Lei è: 4) Lei è Incontinente? Media 70,16 Di cui: <65 >=65 19,4% 80,6% M F 34,25% 65,75% Di cui: Maschi Femmine <65 >=65 <65 >=65 16,7% 83,3% 21,3% 78,7% M F Età Media Autonomo 36,0% 62,5% 66,00 Sedia a Rotelle 16,0% 8,3% 74,97 Allettato 32,0% 22,9% 75,26 Altro 4,0% 4,2% 73,77 Si No 91,89% 8,11% Di cui i Si (% sul Sesso): Maschi Femmine Età Media 92,0% 91,7% 71,44 Di cui i No (% sul Sesso): Maschi Femmine Età Media 8,0% 8,3% 56,16

21 Sezione A Approfondimento Pazienti, Livello di Autosufficienza Altro; 4,29% Allettato; 27,14% Sedia a Rotelle; 11,43% Autonomo; 57,14%

22 Sezione A Domande (2) % su Tot Incontinenza Urinaria Urinaria: 90,54% % su M % su F Età Media Urinaria Lieve 71,21% 64,00% 62,50% 70,87 Urinaria Totale 28,79% 24,00% 27,08% 74,77 Fecale: 51,35% 5) Tipo di Incontinenza % su Tot Incontinenza Fecale % su M % su F Età Media Non trattiene Gas 50,00% 40,00% 18,75% 71,77 Non trattiene Feci Liquide 26,32% 20,00% 10,42% 76,21 Non trattiene Feci Solide 10,53% 4,00% 6,25% 75,13 Non trattiene Gas e Feci Liquide 2,63% - 2,08% 78,00 Non trattiene Gas e Feci Solide 2,63% 4,00% - 61,00 Non trattiene Gas, Feci Liquide e Feci Solide 7,89% 4,00% 4,17% 76,33

23 Sezione A Approfondimento Pazienti, Distinzione per Tipologia di Incontinenza Urinaria Urinaria Totale; 28,79% Urinaria Lieve; 71,21%

24 Sezione A Approfondimento Pazienti, Distinzione per Tipologia di Incontinenza Fecale 2,63% 2,63% 7,89% Non trattiene Gas 10,53% 26,32% 50,00% Non trattiene Feci Liquide Non trattiene Feci Solide Non trattiene Gas e Feci Liquide Non trattiene Gas e Feci Solide

25 Sezione A Approfondimento Urinaria Lieve + Fecale (1 tipologia) % su Tot Incontinenza Urinaria Lieve + ecc % su M % su F Età Media Lieve + non Gas 61,29% 40,0% 18,8% 71,26 Lieve + non Liquide 22,58% 4,0% 10,4% 78,86 Lieve + non Solide 16,13% 8,0% 6,3% 79,00 Urinaria Totale + Fecale (1 tipologia) % su Tot Incontinenza Urinaria Totale + ecc % su M % su F Età Media Totale + non Gas 27,27% 0,0% 6,3% 79,50 Totale + non Liquide 54,55% 16,0% 4,2% 78,67 Totale + non Solide 18,18% - 4,2% 72,50 Urinaria (Lieve o Totale) + Fecale (2 o più Tipologie) Lieve + non Gas + non Liquide + non Solide % su Tot Incontinenza Urinaria + ecc % su M % su F Età Media 60,00% 4,00% 4,17% 76,33 Lieve + non Gas + non Liquide 20,00% - 2,08% 78 Non Gas + Non Solide 20,00% 4,00% - 61 Domanda 5: Approfondimento di analisi mirato a individuare i pazienti affetti da più di una tipologia di Incontinenza.

26 Sezione A Domande (3) Si % su F % su M Età Media 6) Che tipo di presidio assorbente utilizza per l'incontinenza Urinaria Pannolino Assorbente Pannolone a Mutandina 54,2% 62,5% 36,0% 70,91 35,6% 25,0% 52,0% 73,77 Utilizzazione del Pannolino Assorbente a seconda della tipologia di Incontinenza di cui si è affetti: Urinaria Lieve 71,79% Urinaria Totale 28,21% Utilizzazione del Pannolone a Mutandina a seconda della tipologia di Incontinenza di cui si è affetti: Urinaria Lieve 65,4% Urinaria Totale 34,6%

27 Sezione A Approfondimento Pazienti, Incontinenza Urinaria, Tipo di Presidio utilizzato a seconda della Tipologia di Incontinenza Pannolino Assorbente Pannolone a Mutandina Urinaria Totale; 28,21% Urinaria Lieve; 71,79% Urinari a Totale; 34,6% Urinari a Lieve; 65,4%

28 Sezione A Domande (4) 7) Che tipo di presidio assorbente utilizza per l'incontinenza Fecale Si % su F % su M Età Media Pannolino Assorbente 14,9% 10,42% 24,00% 75,92 Pannolone a Mutandina 24,3% 20,83% 28,00% 74,28 Utilizzazione del Pannolino Assorbente a seconda della tipologia di Incontinenza di cui si è affetti: Non Trattiene Gas 45,45% Non Trattiene Feci Liquide 27,27% Non Trattiene Feci Solide 27,27% Utilizzazione del Pannolone a Mutandina a seconda della tipologia di Incontinenza di cui si è affetti: Non Trattiene Gas 33,33% Non Trattiene Feci Liquide 42,86% Non Trattiene Feci Solide 23,81%

29 Sezione A Approfondimento Pazienti, Incontinenza Fecale, Tipo di Presidio utilizzato a seconda della Tipologia di Incontinenza Pannolino Assorbente Pannolone a Mutandina Non trattiene Feci Solide; 27,27% Non trattiene Feci Liquide; 27,27% Non trattiene Gas; 45,45% Non trattiene Feci Solide; 23,81% Non trattiene Feci Liquide; 42,86% Non trattiene Gas; 33,33%

30 Sezione A Domande (5) Si Età Media Acquistato 42,86% 66,73 8) Il presidio assorbente viene: Fornito gratuitamente dall'asl 57,14% 74,97 Tra i forniti gratuitamente dalla ASL a seconda del tipo di incontinenza e del tipo di presidio fornito si ha: (% sul numero totale degli utilizzatori del presidio) Pannolone a Mutandina 83,33% Fecale Pannolino Assorbente 81,82% Urinaria Pannolone a Mutandina 73,08% Pannolino Assorbente 46,15% Quanti ausili utilizza al di (media) 4,50 9) Quanti pannolini assorbenti/pannoloni a mutandina utilizza al giorno? URINARIA LIEVE 3,88 URINARIA TOTALE 5,84 FECALE NO GAS 4,34 FECALE NO LIQUIDE 6,23 FECALE NO SOLIDE 5,14

31 Sezione A Approfondimento Pazienti, Presidi forniti Gratuitamente dall ASL, Percentuale sul N di Utilizzatori del presidio 90,00% 80,00% 70,00% 83,33% 81,82% 73,08% 60,00% 50,00% 46,15% 40,00% 30,00% 20,00% 10,00% 0,00% Pannolone a Mutandina Pannolino Assorbente Pannolone a Mutandina Pannolino Assorbente

32 Pazienti - Sezione B Informazioni Relative all Uso e al Cambio del Presidio Assorbente

33 Sezione B Domande (1) 10) Esegue la pulizia della regione genitale al cambio del presidio assorbente? 11) Quanto tempo impiega per la sua igiene intima ogni volta che cambia il presidio assorbente? 12) Chi si occupa del lavaggio della regione genitale e del cambio pannolino? si no 95,52% 4,48% 10.1) Come esegue la pulizia? Carta Igienica 17,57% Sapone Solido 8,11% Sapone Liquido 74,32% Salviettine Imbevute 18,92% Asciugamani 33,78% Traversa 16,22% Altro 1,35% meno di un minuto tra 1 e 3 minuti oltre 3 minuti 2,70% 35,14% 62,16% Lei Stesso 56,76% Un Familiare 20,27% Infermiere 5,41% Badante 18,92% Altra Persona 4,05%

34 Sezione B Approfondimento Pazienti, Quanto tempo impiega per l Igiene Intima al Cambio del Presidio meno di un minuto; 2,70% oltre 3 minuti; 62,16% tra 1 e 3 minuti; 35,14%

35 Sezione B Domande (2) 13) Ha ricevuto dei consigli su come cambiare il presidio assorbente e come eseguire il lavaggio delle parti intime al cambio del presidio? 14) Ha notato arrossamenti delle parti genitali al cambio del presidio assorbente? Risposte % Età Media si 52,8% 74,27 no 47,2% 65,5 13.1) Se si, da chi ha ricevuto informazioni? Amico 4,11% MMG 25,68% ASL 2,70% Familiare 8,11% Specialista 2,74% Infermiere 14,86% Farmacista 2,70% Altro 6,76% Risposte % Età Media si 64,4% 71,28 no 35,6% 68,57 Il 42,55% dei pazienti che riscontrano arrossamenti non ha ricevuto alcun consiglio.

36 Sezione B Approfondimento 13) Ha ricevuto dei consigli su come cambiare il presidio assorbente e come eseguire il lavaggio delle parti intime al cambio del presidio? Tra i No, distinguendo i pazienti per tipo di incontinenza, non hanno ricevuto consigli (% sul tot di affetti dalla singola tipologia di incontinenza): lieve totale non gas non Liquida non Solida 42,55% 36,84% 29,17% 42,86% 37,50% 14) Ha notato arrossamenti delle parti genitali al cambio del presidio assorbente? Tra i Si, distinguendo i pazienti per tipo di incontinenza, hanno riscontrato arrossamenti (% sul tot di affetti dalla singola tipologia di incontinenza): lieve totale non gas non Liquida non Solida Domanda 13: Approfondimento di analisi mirato a isolare i pazienti che non hanno ricevuto alcun consiglio distinti per il tipo di incontinenza cui sono affetti. Domanda 14: Approfondimento di analisi mirato a isolare i pazienti che hanno riscontrato arrossamenti distinguendoli per tipo di Incontinenza 57,45% 84,21% 58,33% 78,57% 50,00%

37 Sezione B Domande (3) 15) In assenza di arrossamenti cutanei viene utilizzato un protettivo cutaneo al cambio del pannolino? 16) Che cosa usa? 17) In presenza di arrossamenti cutanei viene utilizzato un protettivo cutaneo al cambio del pannolino? 18) Che cosa usa? Risposte % Età Media si 51,47% 74,38 no 48,53% 65,62 Pasta Crema Pomata Polvere / Talco Altro 57,14% 37,14% 20,00% 14,29% 11,43% Risposte % Età Media si 89,71% 70,98 no 10,29% 61,42 Pasta Crema Pomata Polvere / Talco Altro 42,62% 29,51% 19,67% 8,20% 9,84% Il 100% di chi, in presenza di arrossamenti, non utilizza il protettivo cutaneo al cambio del presidio non ha ricevuto consigli su come cambiare il presidio assorbente; il 51,52% tra chi non usa il protettivo in assenza di arrossamenti.

38 Sezione B Approfondimento 15) In assenza di arrossamenti cutanei viene utilizzato un protettivo cutaneo al cambio del pannolino? Tra i Si, distinguendo i pazienti per tipo di incontinenza, utilizzano un protettivo cutaneo al cambio del presidio (% sul tot di affetti dalla singola tipologia di incontinenza): lieve totale non gas non Liquida non Solida 46,81% 63,16% 54,17% 92,86% 62,50% Il 51,52% di chi non utilizza il protettivo non ha ricevuto consigli su come cambiare il presidio assorbente 17) In presenza di arrossamenti cutanei viene utilizzato un protettivo cutaneo al cambio del pannolino? Tra i Si, distinguendo i pazienti per tipo di incontinenza, utilizzano un protettivo cutaneo al cambio del presidio (% sul tot di affetti dalla singola tipologia di incontinenza): lieve totale non gas non Liquida non Solida 80,85% 89,47% 83,33% 100,00% 87,50% Il 100% di chi non utilizza il protettivo non ha ricevuto consigli su come cambiare il presidio assorbente Domanda 15: Approfondimento di analisi mirato a isolare i pazienti che in assenza di arrossamenti utilizzano il protettivo distinguendo per tipo di incontinenza. Domanda 17: Approfondimento di analisi mirato a isolare i pazienti che in presenza di arrossamenti utilizzano il protettivo distinguendo per tipo di incontinenza.

39 Sezione B Approfondimento Pazienti, Utilizzo Protettivo Cutaneo al cambio del Presidio in Assenza di Arrossamenti (% sul totale degli affetti dal singolo tipo di Incontinenza) 100,00% 90,00% 80,00% 70,00% 60,00% 50,00% 40,00% 30,00% 20,00% 10,00% 0,00% 92,86% 63,16% 62,50% 54,17% 46,81% lieve totale non gas non Liquida non Solida

40 Sezione B Approfondimento Pazienti, Utilizzo Protettivo Cutaneo al cambio del Presidio in Presenza di Arrossamenti (% sul totale degli affetti dal singolo tipo di Incontinenza) 100,00% 90,00% 80,00% 70,00% 60,00% 50,00% 40,00% 30,00% 20,00% 10,00% 0,00% 100,00% 89,47% 80,85% 83,33% 87,50% lieve totale non gas non Liquida non Solida

41 Sezione B Domande (4) 19) Lei usa la crema all'ossido di Zinco? 20) Qual è il nome della marca/nome commerciale? 21) Chi ha consigliato il protettivo cutaneo? 22) Secondo Lei, il protettivo cutaneo utilizzato riduce il potere assorbente del presidio? Risposte % Età Media si 61,2% 70,98 no 38,8% 61,42 Fissan Dicofarm Bepanthenol ND altri 29,73% 6,76% 4,05% 44,59% 14,86% Amico 2,70% MMG 28,38% ASL 1,35% Familiare 13,51% Specialista 10,81% Infermiere 13,51% Farmacista 16,22% Altro 2,70% Risposte % Età Media si 21,51% 73,28 no 78,49% 65,72

42 Sezione B Approfondimento 19) Lei usa la crema all'ossido di Zinco? Tra i Si, distinguendo i pazienti per tipo di incontinenza, utilizzano la crema all'ossido di zinco (% sul tot di affetti dalla singola tipologia di incontinenza): lieve totale non gas non Liquida non Solida 57,45% 47,37% 45,83% 71,43% 75,00% 22) Secondo Lei, il protettivo cutaneo utilizzato riduce il potere assorbente del presidio? Tra i Si, distinguendo le risposte per il protettivo cutaneo utilizzato, si riscontra (% sul tot di utilizzatori del singolo protettivo): Pasta Crema Pomata Polvere / Talco Altro 22,12% 39,74% 22,62% 0,00% 20,83% Domanda 19: Approfondimento di analisi mirato a isolare i pazienti che utilizzano la crema all ossido di zinco distinguendo per tipo di incontinenza. Domanda 22: Approfondimento di analisi mirato a isolare i pazienti che ritengono il protettivo da loro utilizzato in grado di ridurre l assorbenza del presidio distinguendo per tipo di protettivo utilizzato.

43 23) E' soddisfatto del protettivo cutaneo in uso? 24) Quali sono i vantaggi dell'utilizzo del protettivo cutaneo? Sezione B Domande (5) Si: 95,4% Azione Emolliente e Protettiva % su azione % su prodotto Pasta 42,11% 92,31% Crema 28,07% 88,89% Pomata 17,54% 83,33% Polvere/Talco 5,26% 60,00% Altro 10,53% 100,00% Crema Ossido di Zinco 63,16% 87,80% Azione a Lunga Durata % su azione % su prodotto Pasta 35,29% 23,08% Crema 11,76% 11,11% Pomata 35,29% 50,00% Polvere/Talco 0,00% 0,00% Altro 11,76% 33,33% Crema Ossido di Zinco 47,06% 19,51% Costo non Elevato % su azione % su prodotto Pasta 52,94% 34,62% Crema 29,41% 27,78% Pomata 17,65% 25,00% Polvere/Talco 11,76% 40,00% Altro 0,00% 0,00% Crema Ossido di Zinco 76,47% 31,71% Domanda 24 e 25, aiuto alla lettura del dato - % su azione: Indica la % di pazienti che ritengono il protettivo da loro utilizzato portatore della caratteristica indagata, distinta per singola tipologia di protettivo utilizzato. - % su prodotto: Facendo 100 il numero di utilizzatori della singola tipologia di protettivo cutaneo, indica il numero di pazienti che individuano nel protettivo da loro usato la caratteristica oggetto di indagine.

44 Pasta Crema Pomata Polvere/Talco Altro Pasta Crema Pomata Polvere/Talco Altro Pasta Crema Pomata Polvere/Talco Altro Sezione B Approfondimento Pazienti, Vantaggi del Protettivo Cutaneo Utilizzato (% su azione tassi normalizzati) 50,00% 45,00% 40,00% 35,00% 30,00% 25,00% 20,00% 15,00% 10,00% 5,00% 0,00% 40,68% 27,12% 16,95% 10,17% 5,08% 37,50% 12,50% 37,50% 0,00% 12,50% 47,37% 26,32% 15,79% 10,53% 0,00% Azione Emolliente e protettiva Lunga durata Basso costo

45 Sezione B Domande (6) a) Rimozione Difficile b) Applicazione ad ogni Cambio % su azione % su prodotto % su azione % su prodotto Pasta 41,18% 26,92% Pasta 31,58% 46,15% Crema 35,29% 33,33% Crema 36,84% 77,78% Pomata 11,76% 16,67% Pomata 18,42% 58,33% Polvere/Talco 0,00% 0,00% Polvere/Talco 10,53% 80,00% 25) Quali sono gli svantaggi dell'utilizzo del protettivo cutaneo? Altro 17,65% 50,00% Altro 10,53% 66,67% Crema Ossido di Crema Ossido di 52,94% 21,95% 57,89% 53,66% Zinco Zinco c) No Visualizzazione Cute d) Brucia all'applicazione % su azione % su prodotto % su azione % su prodotto Pasta 60,00% 11,54% Pasta 0,00% 0,00% Crema 40,00% 11,11% Crema 50,00% 11,11% Pomata 0,00% 0,00% Pomata 50,00% 16,67% Polvere/Talco 0,00% 0,00% Polvere/Talco 0,00% 0,00% Altro 0,00% 0,00% Altro 25,00% 16,67% Crema Ossido di Zinco 60,00% 7,32% Crema Ossido di Zinco 100,00% 9,76%

46 Pasta Crema Pomata Polvere/Talco Altro Pasta Crema Pomata Polvere/Talco Altro Pasta Crema Pomata Polvere/Talco Altro Pasta Crema Pomata Polvere/Talco Altro Sezione B Approfondimento Pazienti, Svantaggi del Protettivo Cutaneo Utilizzato (% su azione tassi normalizzati) 70,00% 60,00% 50,00% 40,00% 30,00% 20,00% 10,00% 0,00% 38,9% 33,3% 11,1% 0,0% 16,7% 34,1% 29,3% 17,1% 9,8% 9,8% 60,0% 40,0% 0,0% 0,0% 0,0% 0,0% 40,0% 40,0% 0,0% 20,0% Rimozione Difficile Applicazione ogni cambio No visualizzazione cute Bruciore

47 Pazienti - Sezione C Informazioni Relative ad Arrossamenti ed Irritazioni della Regione Genitale

48 Sezione C Domande (1) 26)Con che frequenza nota arrossamenti o irritazione al cambio del presidio? Risposte % Età Media Sempre 6,45% 77,75 Spesso 37,10% 71,36 Saltuariamente 33,87% 71,48 Raramente 22,58% 63,14 Tra i Sempre: Urinaria Lieve Lieve + Non Gas Totale + Non Liquide Lieve + Non Solide 25,00% 25,00% 25,00% 25,00% Tra gli Spesso: Urinaria Lieve Lieve + Non Gas Lieve + Non Liquide Lieve + non Gas,Liq,Sol 30,43% 21,74% 4,35% 4,35% Urinaria Totale Totale + Non Gas Totale + Non Liquide Totale + Non Solide 4,35% 8,70% 13,04% 4,35% Fecale - Non Trattiene Gas 4,35% Tra i Saltuariamente Urinaria Lieve Lieve + Non Gas Lieve + Non Liquide Lieve + non Gas,Liq,Sol 28,57% 23,81% 9,52% 9,52% Urinaria Totale Totale + Non Liquide Totale + Non Solide 14,29% 9,52% 4,76% Tra i Raramente: Urinaria Lieve Lieve + Non Gas Lieve + non Gas + Liquide 21,43% 28,57% 7,14% Urinaria Totale 14,29% Fecale - Non Liquide 7,14% ND 21,43%

49 Sezione C Approfondimento Pazienti, Frequenza Arrossamenti o Irritazioni Sempre; 6,45% Raramente; 22,58% Saltuariamente; 33,87% Spesso ; 37,10%

50 Sezione C Domande (2) 27) In presenza di arrossamento cutaneo, lei lamenta bruciore o fastidio? 28) Ha risolto Lei stesso l'arrossamento/bruciore? Si: 87,50% I No utilizzano: Pasta Crema Pomata Polvere/Talco Altro (Fissan) 37,50% 12,50% 37,50% 0,00% 12,50% Si 83,08% No 16,92% Si 55,7% No 44,3% Tra i Si, a chi a chiesto aiuto? 30, 31) Ha chiesto una consulenza esterna per trattare queste problematiche di arrossamenti e/o bruciore? E se Si, a chi? Amico 7,55% MMG 26,42% ASL 3,77% Familiare 13,21% Specialista 24,53% Infermiere 15,09% Farmacista 9,43% Altro -

51 Sezione C Approfondimento Pazienti, Protettivo Cutaneo utilizzato dai pazienti che in presenza di Arrossamento Cutaneo non lamentano Bruciore o Fastidio Polvere/Talco; 0,00% Altro (Fissan); 12,50% Pomata; 37,50% Pasta; 37,50% Crema; 12,50%

52 Sezione C Domande (3) 32) La persona cui si è rivolto, Le ha consigliato un protettivo cutaneo per trattare l'arrossamento? 33) Quale protettivo cutaneo? 34) Il prodotto consigliato è stato acquistato privatamente? 35) Il prodotto consigliato è stato acquistato in forma convenzionata? 36) Il prodotto consigliato ha risolto in maniera efficace l'irritazione/bruciore? Si 84,48% No 15,52% Percentuale di esterni che hanno consigliato un protettivo Amico 100,00% MMG 85,71% ASL 100,00% Familiare 71,43% Specialista 100,00% Infermiere 87,50% Farmacista 100,00% Altro - Fissan Crema all'ossido di Zinco Dicofarm Canesten Altri 27,03% 24,32% 16,22% 8,11% 24,32% Risposte % Età Media Si 90,57% 69,51 Risposte % Età Media Si 16,33% 80,75 Si Poco No 78,57% 17,86% 3,57%

DEGLI AUSILI AD ASSORBENZA PER L INCONTINENZA: L ESPERIENZA DELL ASL DELLA PROVINCIA DI

DEGLI AUSILI AD ASSORBENZA PER L INCONTINENZA: L ESPERIENZA DELL ASL DELLA PROVINCIA DI UN METODO DI ASSEGNAZIONE DEGLI AUSILI AD ASSORBENZA PER L INCONTINENZA: L ESPERIENZA DELL ASL DELLA PROVINCIA DI MONZA E BRIANZA 1 Anna Ballan Referente Protesica Minore - Integrativa, Servizio Assistenza

Dettagli

Punto Insieme Sanità. Tavolo Tecnico Dermatologia Relazione conclusiva

Punto Insieme Sanità. Tavolo Tecnico Dermatologia Relazione conclusiva Punto Insieme Sanità Tavolo Tecnico Dermatologia Relazione conclusiva 25 Marzo 2015 Raccomandazioni Generali: È prioritario inserire nei LEA la prevenzione e il trattamento delle lesioni cutanee e creare

Dettagli

Allegato 39. Metodo dello studio (1)

Allegato 39. Metodo dello studio (1) Allegato 39 Protocollo per la valutazione della tollerabilità e accettabilità del prodotto a base alcolica per la frizione delle mani, in corso di utilizzo Metodo dello studio (1) All incirca 40 partecipanti

Dettagli

Guida informativa. Consulta il tuo farmacista per avere i prodotti TENA. Scopri quali sono gli ausili assorbenti prescrivibili in convenzione.

Guida informativa. Consulta il tuo farmacista per avere i prodotti TENA. Scopri quali sono gli ausili assorbenti prescrivibili in convenzione. Guida informativa Ausili assorbenti Consulta il tuo farmacista per avere i prodotti TENA. Scopri quali sono gli ausili assorbenti prescrivibili in convenzione. Una linea completa di protezioni specifiche

Dettagli

CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE FEDERANZIANI SUL CANCRO DEL COLON RETTO

CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE FEDERANZIANI SUL CANCRO DEL COLON RETTO CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE FEDERANZIANI SUL CANCRO DEL COLON RETTO A CURA DEL Centro studi SIC Sanità in Cifre Anno 2013 Nota metodologica Metodologia: Questionario strutturato, somministrato a diverse

Dettagli

L INCONTINENZA URINARIA

L INCONTINENZA URINARIA L INCONTINENZA URINARIA MECCANISMO DELLA CONTINENZA La vescica si riempie Il segnale di vescica piena viene inviato al cervello Il cervello trattiene d urina in vescica Quando conveniente, il cervello

Dettagli

F E D E R C O N S U M A T O R I

F E D E R C O N S U M A T O R I * INDAGINE SULLA CONOSCENZA DEI FARMACI EQUIVALENTI/GENERICI Sintesi ricerca F E D E R C O N S U M A T O R I FEDERAZIONE NAZIONALE CONSUMATORI E UTENTI Roma, 21 giugno 2012 Presentazione a cura di Roberto

Dettagli

LA GESTIONE DELLA PERSONA CON CATETERE VESCICALE A PERMANENZA

LA GESTIONE DELLA PERSONA CON CATETERE VESCICALE A PERMANENZA OPUSCOLO INFORMATIVO LA GESTIONE DELLA PERSONA CON CATETERE VESCICALE A PERMANENZA SERVIZIO DI ASSISTENZA INFERMIERISTICA DOMICILIARE AZIENDA USL 12 VERSILIA Questa guida è stata pensata per aiutarla a

Dettagli

La prevenzione delle lesioni da pressione. a cura di Eleonora Aloi Coord. Inf. Lungodegenza

La prevenzione delle lesioni da pressione. a cura di Eleonora Aloi Coord. Inf. Lungodegenza La prevenzione delle lesioni da pressione a cura di Eleonora Aloi Coord. Inf. Lungodegenza Le lesioni da pressione: Sono aree localizzate di danno della cute e del tessuto sottostante che si realizzano

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 21. Norme in favore dei soggetti stomizzati

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 21. Norme in favore dei soggetti stomizzati Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 21 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori BIANCONI, CARRARA e GHIGO COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 29 APRILE 2008 Norme in favore dei soggetti stomizzati TIPOGRAFIA

Dettagli

Arsenàl.IT. Centro Veneto Ricerca e Innovazione per la Sanità Digitale

Arsenàl.IT. Centro Veneto Ricerca e Innovazione per la Sanità Digitale Risultati del questionario di valutazione del servizio di scarico online del referto nelle aziende riusanti Arsenàl.IT Centro Veneto Ricerca e Innovazione per la Sanità Digitale Informazioni preliminari

Dettagli

Il Pianeta dei Bambini...il Benessere dei Bimbi

Il Pianeta dei Bambini...il Benessere dei Bimbi Il Pianeta dei Bambini...il Benessere dei Bimbi PRODOTTI PER LA CURA DEL TUO BAMBINO BAGNO DOCCIA Il Bagno Doccia Il Pianeta dei Bambini ha cura della pelle dei bambini e la deterge delicatamente. E ideale

Dettagli

Indagine sulla prevalenza di alcune condizioni patologiche a rilevante impatto sociale

Indagine sulla prevalenza di alcune condizioni patologiche a rilevante impatto sociale sdfs AGENZIA REGIONALE SANITARIA R E G I O N E M A R C H E Indagine sulla prevalenza di alcune condizioni patologiche a rilevante impatto sociale Susanna Cimica Osservatorio Epidemiologico Agenzia Sanitaria,

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 NOVEMBRE 2003, N. 34. NORME IN FAVORE DEI SOGGETTI STOMIZZATI DELLA REGIONE VENETO.

LEGGE REGIONALE 20 NOVEMBRE 2003, N. 34. NORME IN FAVORE DEI SOGGETTI STOMIZZATI DELLA REGIONE VENETO. LEGGE REGIONALE 20 NOVEMBRE 2003, N. 34. NORME IN FAVORE DEI SOGGETTI STOMIZZATI DELLA REGIONE VENETO. (BUR n. 111/2003) Art. 1 - Finalità 1. La presente legge disciplina le tipologie e le modalità di

Dettagli

La prevenzione e il trattamento delle lesioni cutanee

La prevenzione e il trattamento delle lesioni cutanee Corso di base per Assistenti familiari 29 novembre 2014 Cascina Brandezzata La prevenzione e il trattamento delle lesioni cutanee Adele Calori Coordinatrice Infermieristica Argomenti della lezione v Competenze

Dettagli

R.S.A : PREVENZIONE e GESTIONE INFERMIERISTICA dell IDRATAZIONE

R.S.A : PREVENZIONE e GESTIONE INFERMIERISTICA dell IDRATAZIONE CAPITOLO 3 R.S.A : PREVENZIONE e GESTIONE INFERMIERISTICA dell IDRATAZIONE 1-OBBIETTIVI Gli obbiettivi di questo studio è quello di descrivere i fattori di rischio più comuni per la disidratazione o la

Dettagli

LINEA VERDE ALZHEIMER 800 679 679

LINEA VERDE ALZHEIMER 800 679 679 LINEA VERDE ALZHEIMER 800 679 679 Rilevazione dalla Linea Verde: 2009/2010 2010/2011 (base: circa 1500 2000) www.alzheimer-aima.it Profilo sociodemografico del caregiver Età del caregiver (media) 56 anni

Dettagli

Informazioni per potenziali partecipanti. Possiamo sciogliere l'amiloidosi AL?

Informazioni per potenziali partecipanti. Possiamo sciogliere l'amiloidosi AL? Informazioni per potenziali partecipanti Possiamo sciogliere l'amiloidosi AL? È ora di affrontare diversamente l amiloidosi AL? L amiloidosi AL è una malattia rara e spesso fatale causata dall accumulo

Dettagli

! "! #$ %!& ' $ $ ( $ % )!%

! ! #$ %!& ' $ $ ( $ % )!% !"! #$%!&' $$( $%)!% CARATTERISTICHE COMUNI A SERVIZI DI SALUTE MENTALE E MEDICINA GENERALE O DI FAMIGLIA (P.Carbonatto, SIMG)!"!"!#!! "!$ %! &' ( Agenzie sanitarie di primo livello Agenzie sanitarie

Dettagli

X che negli ultimi due anni NON ha avuto rapporti diretti di finanziamento con

X che negli ultimi due anni NON ha avuto rapporti diretti di finanziamento con Il sottoscritto BERTOLIN ANNALISA ai sensi dell art. 3.3 sul Conflitto di Interessi, pag. 17 del Reg. Applicativo dell Accordo Stato Regione del 5 novembre 2009, dichiara X che negli ultimi due anni NON

Dettagli

A cura del socio dell associazione

A cura del socio dell associazione Si prega di compilare ed inviare questo questionario via mail a: pollicino@uniamo.org oppure via fax al numero: 049.8215701 entro martedì 31 luglio 2007, all attenzione della dott.ssa Oliviana Gelasio.

Dettagli

QUESTIONARIO PER ASSISTENTI EDUCATORI

QUESTIONARIO PER ASSISTENTI EDUCATORI Pagina1 QUESTIONARIO PER ASSISTENTI EDUCATORI PROFILO ANAGRAFICO 1. SESSO M F Età PROFILO PROFESSIONALE 2. Presta servizio come educatore in una sola scuola o più scuole? In una sola scuola in n. scuole

Dettagli

Dimensione 4: Rilevazione dell opinione degli studenti frequentanti

Dimensione 4: Rilevazione dell opinione degli studenti frequentanti Dimensione 4: Rilevazione dell opinione degli studenti frequentanti L Università Unitelma Sapienza nel corso dell a.a. 2013/2014 ha attivato i 2 questionari previsti dall ANVUR relativi alla valutazione

Dettagli

DISTRETTO SOCIO SANITARIO - U.O.S.D. RETE ASSISTENZIALE OSPEDALE DI COMUNITA - RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2013

DISTRETTO SOCIO SANITARIO - U.O.S.D. RETE ASSISTENZIALE OSPEDALE DI COMUNITA - RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2013 DISTRETTO SOCIO SANITARIO - U.O.S.D. RETE ASSISTENZIALE OSPEDALE DI COMUNITA - RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2013 1.1 UNO SGUARDO D INSIEME 1.1.1 Il contesto di riferimento L UOSD Rete Assistenziale comprende

Dettagli

Indagine sulla soddisfazione per i servizi sanitari dei cittadini del territorio dell ULSS 3 di Bassano del Grappa

Indagine sulla soddisfazione per i servizi sanitari dei cittadini del territorio dell ULSS 3 di Bassano del Grappa Indagine sulla soddisfazione per i servizi sanitari dei cittadini del territorio dell ULSS 3 di Bassano del Grappa Rocco Micciolo Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale Università degli Studi di

Dettagli

Università Commerciale Luigi Bocconi, Milano. Progetto Orientamento scolastico e percorsi di studio al termine delle scuole medie

Università Commerciale Luigi Bocconi, Milano. Progetto Orientamento scolastico e percorsi di studio al termine delle scuole medie Università Commerciale Luigi Bocconi, Milano Progetto Orientamento scolastico e percorsi di studio al termine delle scuole medie SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO ANGELO CANOSSI, GARDONE VAL TROMPIA La scelta

Dettagli

Alzheimer a casa: buone prassi per l assistenza domiciliare

Alzheimer a casa: buone prassi per l assistenza domiciliare Alzheimer a casa: buone prassi per l assistenza domiciliare Un contributo di A. Zaro (Direttore Generale), E. Maccianti (Direttore Sanitario), T.Bernacchi (Psicologo) e M. Mainini (Assistente Sociale),

Dettagli

CHI HA PAURA DEL FARMACO GENERICO? Una ricerca per e con la popolazione di Bergamo e provincia

CHI HA PAURA DEL FARMACO GENERICO? Una ricerca per e con la popolazione di Bergamo e provincia CHI HA PAURA DEL FARMACO GENERICO? Una ricerca per e con la popolazione di Bergamo e provincia Paola Mosconi Laboratorio di ricerca sul coinvolgimento dei cittadini in sanità Bergamo, 17 novembre 2007

Dettagli

Consigli ai genitori. La dermatite atopica Come curarla

Consigli ai genitori. La dermatite atopica Come curarla Consigli ai genitori La dermatite atopica Come curarla I consigli Quando? Al momento di una diagnosi certa o nelle ricadute Come? Con spiegazioni orali, con scheda Perché Serve a rendere autonomo il genitore,

Dettagli

PROTOCOLLO DI PREVENZIONE DELLE LESIONI DA DECUBITO

PROTOCOLLO DI PREVENZIONE DELLE LESIONI DA DECUBITO PROTOCOLLO DI PREVENZIONE DELLE LESIONI DA DECUBITO IVANO RODOLFI 1 Introduzione Questo documento ha lo scopo di uniformare e definire linee comuni di approccio e prevenzione delle lesioni da decubito

Dettagli

L igiene. Si rimandano i lettori all opera completa, pubblicata da Maggioli Editore. **** Puoi ordinare una copia qui. a) Cambio biancheria del letto:

L igiene. Si rimandano i lettori all opera completa, pubblicata da Maggioli Editore. **** Puoi ordinare una copia qui. a) Cambio biancheria del letto: L articolo che segue è tratto dal testo Assistere a casa. Suggerimenti e indicazioni per prendersi cura di una persona malata di G. Casale e C. Mastroianni. Si rimandano i lettori all opera completa, pubblicata

Dettagli

Customer Satisfaction in RSA. Qualità percepita e Miglioramento del Servizio

Customer Satisfaction in RSA. Qualità percepita e Miglioramento del Servizio Customer Satisfaction in RSA Qualità percepita e Miglioramento del Servizio R. Bagarolo, M. Crippa, A. Bordi, R. Brambilla, A. Castaldo, N. Ferrari Piccolo Cottolengo di Don Orione Milano Introduzione:!

Dettagli

PROCEDURA GESTIONE CENTRI RESIDENZIALI PER ANZIANI

PROCEDURA GESTIONE CENTRI RESIDENZIALI PER ANZIANI titolo documento PROCEDURA GESTIONE CENTRI RESIDENZIALI PER ANZIANI SCOPO e CAMPO DI APPLICAZIONE Lo scopo della presente procedura è di definire le modalità con cui la Cooperativa Promozione Lavoro gestisce

Dettagli

INDAGINE LE DONNE AFFETTE DA LES E I MEDICI DI MEDICINA GENERALE:

INDAGINE LE DONNE AFFETTE DA LES E I MEDICI DI MEDICINA GENERALE: INDAGINE LE DONNE AFFETTE DA LES E I MEDICI DI MEDICINA GENERALE: Il Lupus Eritematoso Sistemico: quale conoscenza, consapevolezza ed esperienza? Sintesi dei risultati di ricerca per Conferenza Stampa

Dettagli

Indagini di Customer Satisfaction. Museo Napoleonico. Settembre Ottobre 2011. Data 13/11/2011

Indagini di Customer Satisfaction. Museo Napoleonico. Settembre Ottobre 2011. Data 13/11/2011 Data 13/11/2011 Indagini di Customer Satisfaction Museo Napoleonico Settembre Ottobre 2011 Indice Il documento si articola nei seguenti capitoli: Premessa e nota metodologica Sintesi dei risultati Medie

Dettagli

Questionario sulla Gestione dei disturbi Mentali comuni nelle cure Primarie (GMP) Medico Psichiatra

Questionario sulla Gestione dei disturbi Mentali comuni nelle cure Primarie (GMP) Medico Psichiatra Questionario sulla Gestione dei disturbi Mentali comuni nelle cure Primarie (GMP) Medico Psichiatra 1 Caro collega, La invitiamo a rispondere alle domande del presente questionario sulla gestione dei Disturbi

Dettagli

Caratteristiche dell indagine

Caratteristiche dell indagine L indagine condotta dall Associazione Vivere senza dolore Negli ultimi mesi si è parlato spesso di dolore in vari contesti, dove è stato possibile ascoltare la voce di esperti, medici, politici, aziende

Dettagli

Analisi del Questionario di gradimento del Servizio di Assistenza Domiciliare erogato nell ambito territoriale del Comune di Spinea

Analisi del Questionario di gradimento del Servizio di Assistenza Domiciliare erogato nell ambito territoriale del Comune di Spinea Analisi del Questionario di gradimento del Servizio di Assistenza Domiciliare erogato nell ambito territoriale del Comune di Spinea Indagine 2013 A cura di Àncora Servizi Società Coop. Sociale 1 Premessa

Dettagli

Report relativo all analisi di Customer Satisfaction

Report relativo all analisi di Customer Satisfaction Report relativo all analisi di Customer Satisfaction Committente: Firenze Parcheggi SpA Società incaricata: Process Factory Srl Via Masaccio 153, 50132 Firenze Data del report: 11/05/2015 Sommario 1. Premessa...

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DELLA RSA

CARTA DEI SERVIZI DELLA RSA CARTA DEI SERVIZI DELLA RSA NOTA DI ACCOGLIENZA Gentile Signora, Gentile Signore, con la presente Le vogliamo fornire una Guida che Le sia di aiuto per orientarsi e conoscere la Struttura Sanitaria alla

Dettagli

ASIA Associazione Servizi Infermieristici Ausiliari

ASIA Associazione Servizi Infermieristici Ausiliari ASIA e GSA Soc. Coop, da molti anni sono impegnate nel campo dell assistenza alla persona. Oggi, ASIA e GSA combinano tutte le proprie conoscenze nel campo dell assistenza domiciliare e attivano un innovativo

Dettagli

IGIENE PERSONALE E RIFACIMENTO LETTO

IGIENE PERSONALE E RIFACIMENTO LETTO IGIENE PERSONALE E RIFACIMENTO LETTO Dr.ssa Roberta Boldrini Roma, 28 gennaio 2012 Le cure igieniche L igiene è la scienza della salute e del suo mantenimento L igiene personale è la cura di sé con la

Dettagli

Innovazione e buone pratiche per la cura della malattia di Alzheimer: attivazione Voucher Demenza a Bergamo

Innovazione e buone pratiche per la cura della malattia di Alzheimer: attivazione Voucher Demenza a Bergamo Servizio Cure Domiciliari e Riabilitazione La Cura della demenza a casa e nella rete dei servizi Innovazione e buone pratiche per la cura della malattia di Alzheimer: attivazione Voucher Demenza a Bergamo

Dettagli

Numero 22 /2015 Prime analisi dei dati desunti dall Allegato 3B del D.Lgs 81/2008

Numero 22 /2015 Prime analisi dei dati desunti dall Allegato 3B del D.Lgs 81/2008 Numero 22 /2015 Prime analisi dei dati desunti dall Allegato 3B del D.Lgs 81/2008 L art. 40 ha introdotto per il medico competente, al fine di favorire un utile rapporto di questi con il SSN, l obbligo

Dettagli

DOMANDA. DPCS 2015 Analisi di Contesto. Assistenza programmata al domicilio (ADI)

DOMANDA. DPCS 2015 Analisi di Contesto. Assistenza programmata al domicilio (ADI) Assistenza programmata al domicilio (ADI) Le Cure domiciliari hanno assunto una valenza sempre più strategica a causa dell aumento dell aspettativa di vita e del concomitante incremento della patologia

Dettagli

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA AZIENDA ULSS 20 DI VERONA Sede legale: via Valverde n.42-37122 Verona - tel. 045/8075511 Fax 045/8075640Cod. Fiscale e P. IVA 02573090236 Dipartimento delle Unità Organizzative della Direzione dei Servizi

Dettagli

RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE

RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA AllegatoRSA rev1 feb2014 ALLEGATO RSA 1. RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE (RSA)... 3 1.1. La struttura residenziale... 3 1.2. Coordinamento dei servizi... 3 1.3.

Dettagli

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n.

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. 73) anno accademico 2008/2009 Aprile 2010 INDICE 1. Obiettivi 2. Metodologia

Dettagli

MODULO CENTRO DIURNO INTEGRATO ALZHEIMER OSPITALITÀ. Il/la sig. Nato/a prov. il. Residente a Prov. cap. Via. ASL di appartenenza cod.

MODULO CENTRO DIURNO INTEGRATO ALZHEIMER OSPITALITÀ. Il/la sig. Nato/a prov. il. Residente a Prov. cap. Via. ASL di appartenenza cod. Pagina 1 / 8 ALZHEIMER DOMANDA DI OSPITALITA Il/la sig. Nato/a prov. il Residente a Prov. cap. Via ASL di appartenenza cod. fiscale Cod. tessera sanitaria Coniugato vedovo Con/di n. figli: maschi femmine

Dettagli

Report - ESPERIENZA PRATICA NELL APPLICAZIONE DI DERMASILK SU BAMBINI CON DERMATITE ATOPICA

Report - ESPERIENZA PRATICA NELL APPLICAZIONE DI DERMASILK SU BAMBINI CON DERMATITE ATOPICA Report - ESPERIENZA PRATICA NELL APPLICAZIONE DI DERMASILK SU BAMBINI CON DERMATITE ATOPICA Dr. Kristin Kernland Lang, Dirigente Medico e Consulente di Dermatologia pediatrica, Clinica Dermatologica Universitaria,

Dettagli

INTEGRAZIONE DELLA FIGURA OSS E INFERMIERE. Dott.ssa Flavia Fattore Unità Operativa Medicina Macerata

INTEGRAZIONE DELLA FIGURA OSS E INFERMIERE. Dott.ssa Flavia Fattore Unità Operativa Medicina Macerata INTEGRAZIONE DELLA FIGURA OSS E INFERMIERE Dott.ssa Flavia Fattore Unità Operativa Medicina Macerata L infermiere Dal D.M. 14 Settembre 1994 n, 739: Art. 1: l infermiere è responsabile dell assistenza

Dettagli

[LA NOSTRA STORIA] Tutto questo per offrire ai nostri clienti prodotti di alta qualità per la cura della pelle sensibile con la massima affidabilità.

[LA NOSTRA STORIA] Tutto questo per offrire ai nostri clienti prodotti di alta qualità per la cura della pelle sensibile con la massima affidabilità. [LA NOSTRA STORIA] Da tre generazioni Delab si dedica a ricerca, sviluppo e produzione di prodotti farmaceutici e cosmetici. Nei nostri prodotti sono racchiuse le conoscenze e competenze in campo dermocosmetico,

Dettagli

Progetto sui comportamenti a rischio di IST:

Progetto sui comportamenti a rischio di IST: Progetto sui comportamenti a rischio di IST: studio nel Centro fiorentino Cipriani F., Silvestri C., Alice B. Osservatorio di Epidemiologia - ARS Toscana www.ars.toscana.it francesco.cipriani@ars.toscana.it

Dettagli

Indagine sul rischio movimentazione manuale pazienti ASL Salerno.

Indagine sul rischio movimentazione manuale pazienti ASL Salerno. MEDICINA del LAVORO AZIENDALE Struttura di Staff alla DIREZIONE GENERALE Sede Istituzionale : via Nizza 146 Salerno, via G. Falcone 50 Nocera Inferiore Sede Operativa: D.E.A. III livello - P.O. Umberto

Dettagli

A relazione dell'assessore Saitta:

A relazione dell'assessore Saitta: REGIONE PIEMONTE BU6 12/02/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 12 gennaio 2015, n. 20-891 Programmi operativi 2013-2015. Razionalizzazione ed uniformita' delle procedure di prescrizione degli ausili

Dettagli

Indagine sul Benessere organizzativo aziendale

Indagine sul Benessere organizzativo aziendale Indagine sul Benessere organizzativo aziendale L'Azienda Sanitaria ASM di Matera ha avviato L'indagine sul "Benessere Organizzativo Aziendale" nell'anno 2015, secondo le indicazione del Decreto legislativo

Dettagli

SCHEDA PRE-INGRESSO NUOVO OSPITE

SCHEDA PRE-INGRESSO NUOVO OSPITE STRUTTURA Mod 10/2ab Rev.1 Pag. 1 di 4 SCHEDA PRE-INGRESSO NUOVO OSPITE SIG./RA SESSO M F NATO/A A IL RESIDENTE A PROV. VIA N. DOMICILIO (se diverso dalla residenza) STATO CIVILE PRESENZA DI RAPPRESENTANTE

Dettagli

Scala Rankin modificata

Scala Rankin modificata Scala di disabilità Scala Rankin modificata -Sei livelli: da 0 a 5 -Nei casi di decesso viene a volte assegnato il il punteggio arbitrario 6 Affidabile, viene usata largamente in caso di Ictus -Nei trials

Dettagli

www.unionecomuni.re.it - info@unionecomuni.re.it www.parcoappennino.it

www.unionecomuni.re.it - info@unionecomuni.re.it www.parcoappennino.it LINEE GUIDA PRESTAZIONI SOCIO ASSISTENZIALI DOMICILIARI Note di carattere generale: 1. Ogni operatore dovrà essere dotato di ausili, conservati in spazi appositi e separati; 2. ogni operatore deve indossare

Dettagli

Questionario di gradimento dell Assistenza domiciliare

Questionario di gradimento dell Assistenza domiciliare Questionario di gradimento dell Assistenza domiciliare Gentile Signora/Signore, il questionario che Le chiediamo di compilare ha lo scopo di farci capire se l assistenza domiciliare che Le è stata fornita

Dettagli

DIREZIONE SERVIZI CIVICI, LEGALITA E DIRITTI SERVIZI ELETTORALI INDAGINE SUI SERVIZI ELETTORALI DEL COMUNE DI GENOVA

DIREZIONE SERVIZI CIVICI, LEGALITA E DIRITTI SERVIZI ELETTORALI INDAGINE SUI SERVIZI ELETTORALI DEL COMUNE DI GENOVA DIREZIONE SERVIZI CIVICI, LEGALITA E DIRITTI SERVIZI ELETTORALI INDAGINE SUI SERVIZI ELETTORALI DEL COMUNE DI GENOVA QUESTIONARIO Obiettivo: indagare il grado di soddisfazione dei cittadini sui servizi

Dettagli

richiesta scritta del medico, dove sono indicate le medicine da comprare

richiesta scritta del medico, dove sono indicate le medicine da comprare Modulo Assistenza familiare Unità 2 Servizi Sanitari e Farmaci In questa unità imparerai: a comprendere un testo che dà informazioni sulla ricetta medica del servizio sanitario nazionale parole relative

Dettagli

INDICAZIONI PER IL LAVAGGIO DELLE MANI

INDICAZIONI PER IL LAVAGGIO DELLE MANI INDICAZIONI PER IL LAVAGGIO DELLE MANI (Ministero della Salute - http://www.salute.gov.it) INTRODUZIONE Le mani sono un ricettacolo di germi; circa il 20% è rappresentato da microrganismi non patogeni,

Dettagli

Ufficio Servizi Sociali Comune di Oristano Piazza Eleonora 09170 ORISTANO

Ufficio Servizi Sociali Comune di Oristano Piazza Eleonora 09170 ORISTANO Ufficio Servizi Sociali Comune di Oristano Piazza Eleonora 09170 ORISTANO OGGETTO: Fondo per la non autosufficienza: interventi immediati (art. 34, comma 4 lettera a) L.R. n 2 del 29.05.2007 - Deliberazione

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

OSS E OSS COMPLEMENTARE: Analisi dell'evoluzione del profilo professionale delle figure di supporto

OSS E OSS COMPLEMENTARE: Analisi dell'evoluzione del profilo professionale delle figure di supporto OSS E OSS COMPLEMENTARE: Analisi dell'evoluzione del profilo professionale delle figure di supporto Tiziana De Donno TORINO 12 febbraio 2010 Tiziana De Donno Cisl 1 Nascita dell OSS: perché? Tiziana De

Dettagli

La Regione Piemonte per concretizzare il progetto obiettivo nazionale Tutela della salute degli anziani ha istituito l Unità di Valutazione

La Regione Piemonte per concretizzare il progetto obiettivo nazionale Tutela della salute degli anziani ha istituito l Unità di Valutazione Perchè L A.S.L. deve farsi carico dei costi sanitari derivanti dagli interventi assistenziali rivolti ad anziani non autosufficienti, pertanto si avvale della Commissione per avere una valutazione tecnica

Dettagli

COCAINA 10.1 WEB CO CARE : UN SERVIZIO IN LINEA. Premessa

COCAINA 10.1 WEB CO CARE : UN SERVIZIO IN LINEA. Premessa 10.1 WEB CO CARE : UN SERVIZIO IN LINEA Agusto Consoli, Teresio Minetti Dipartimento Patologia delle Dipendenze Asl 4, Torino Premessa Il rendersi conto che il consumo di cocaina possa diventare problematico

Dettagli

Le strutture socio-assistenziali e socio-sanitarie nella provincia di Piacenza

Le strutture socio-assistenziali e socio-sanitarie nella provincia di Piacenza Provincia di Piacenza Osservatorio del sistema sociosanitario Le socio-assistenziali e socio-sanitarie nella provincia di Piacenza I dati riassuntivi di seguito esposti sono elaborati dal Settore Sistema

Dettagli

Numero 49 /2014 Istat: i dati dell indagine sui problemi di salute lavoro-correlati

Numero 49 /2014 Istat: i dati dell indagine sui problemi di salute lavoro-correlati Numero 49 /2014 Istat: i dati dell indagine sui problemi di salute lavoro-correlati Nelle scorse settimane l ISTAT ha presentato, nell ambito dell Indagine Forze di lavoro, l approfondimento Salute e Sicurezza

Dettagli

Relatore: Silvano Casazza Coautori: S. Marson, G. Cassavia, O. Manzi Affiliazione: CARD Lombardia

Relatore: Silvano Casazza Coautori: S. Marson, G. Cassavia, O. Manzi Affiliazione: CARD Lombardia Mettere a sistema le dimissioni protette: un possibile modello Relatore: Silvano Casazza Coautori: S. Marson, G. Cassavia, O. Manzi Affiliazione: CARD Lombardia In letteratura, sono stimate nel 2-3% di

Dettagli

CURRICOLO DI CLASSE. CLASSE III Sez.

CURRICOLO DI CLASSE. CLASSE III Sez. I.C. ERODOTO - CORIGLIANO (CS) SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO CURRICOLO DI CLASSE Anno Scolastico 2015/ 2016 CLASSE III Sez. DISCIPLINA : SCIENZE MATEMATICHE SITUAZIONE DELLA CLASSE COMPOSIZIONE Alunni :

Dettagli

Gli anziani 4.2 GLI ANZIANI

Gli anziani 4.2 GLI ANZIANI 4.2 GLI ANZIANI L analisi proposta in questa sezione nasce dall intento di fornire alcuni elementi di caratterizzazione relativi ad un gruppo particolare di utenza che, visto l incremento numerico progressivo

Dettagli

REPORT DI SINTESI RELATIVO ALL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION ESEGUITA PRESSO LA SEDE AOU SASSARI

REPORT DI SINTESI RELATIVO ALL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION ESEGUITA PRESSO LA SEDE AOU SASSARI REPORT DI SINTESI RELATIVO ALL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION ESEGUITA PRESSO LA SEDE AOU SASSARI Settembre/Ottobre 2009 QUESTIONARIO: Analisi della soddisfazione del paziente sul servizio. U.O. coinvolte

Dettagli

A.S.E.R. - Convegno Innovazione e PMI - Milano, 11/10/09. A.S.E.R. - Convegno Innovazione e PMI - Milano, 11/10/09

A.S.E.R. - Convegno Innovazione e PMI - Milano, 11/10/09. A.S.E.R. - Convegno Innovazione e PMI - Milano, 11/10/09 Sesso dei partecipanti Femmine 43,6% Maschi 56,4% Età dei partecipanti Oltre 60 anni 18,1% Fino a 30 anni 42,3% Da 30 a 60 anni 39,6% Come ritiene che evolverà la situazione economica? - Totale 14,7% 41,3%

Dettagli

erogati per conto dell Agenzia Capitolina sulle Tossicodipendenze nel corso dell anno 2010. È stata

erogati per conto dell Agenzia Capitolina sulle Tossicodipendenze nel corso dell anno 2010. È stata L obiettivo della presente analisi è quello di offrire un panorama sullo stato dell arte dei servizi erogati per conto dell Agenzia Capitolina sulle Tossicodipendenze nel corso dell anno 2010. È stata

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Servizio Assistenza Domiciliare. del Comune di. Poggio Rusco (MN)

CARTA DEI SERVIZI. Servizio Assistenza Domiciliare. del Comune di. Poggio Rusco (MN) C O M U N E D I P O G G I O R U S C O c. a. p. 46025 T e l. 0386 / 51001 PROVINCIA DI MANTOVA CAP 46025 - Piazza 1 Maggio, 5 SERVIZI SOCIALI P a r t. I V A 0040203 020 9 Fax 0386/733009 Codice Ente 10860

Dettagli

UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO ANALISI DATI RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA NELLA STRUTTURA SEMPLICE DIPARTIMENTALE PRONTO SOCCORSO Anno 21 A cura di Daniela Negrini, Manuela Spoglianti Marzo 211

Dettagli

INTRODUZIONE LA VALUTAZIONE TRAMITE QUESTIONARIO

INTRODUZIONE LA VALUTAZIONE TRAMITE QUESTIONARIO INTRODUZIONE Anche quest anno, Piscine Forlì S.S.D. A.R.L. ha proposto ai suoi utenti un questionario per rilevarne la soddisfazione. L intento del gestore è stato molto ambizioso, non si è limitato infatti

Dettagli

IL PAZIENTE AD ALTA COMPLESSITA SANITARIA L ASPETTO ASSISTENZIALE SUL TERRITORIO A DOMICILIO E IN RESIDENZA

IL PAZIENTE AD ALTA COMPLESSITA SANITARIA L ASPETTO ASSISTENZIALE SUL TERRITORIO A DOMICILIO E IN RESIDENZA IL PAZIENTE AD ALTA COMPLESSITA SANITARIA L ASPETTO ASSISTENZIALE SUL TERRITORIO A DOMICILIO E IN RESIDENZA Dott.ssa Laura Traverso UO Anziani Savona Dip. Cure primarie IL PAZIENTE AD ALTA INTENSITA E

Dettagli

richiesta scritta del medico, dove sono indicate le medicine da comprare

richiesta scritta del medico, dove sono indicate le medicine da comprare Modulo Assistenza familiare Unità 2 Servizi Sanitari e Farmaci CHIAVI In questa unità imparerai: a comprendere un testo che dà informazioni sulla ricetta medica del servizio sanitario nazionale parole

Dettagli

Servizio Regionale di Accoglienza Telefonica LINEAVERDEDROGA

Servizio Regionale di Accoglienza Telefonica LINEAVERDEDROGA Servizio Regionale di Accoglienza Telefonica LINEAVERDEDROGA Grande B. S., Bevacqua T., Sorrentino C. LineaVerdeDroga (Ser.T. di Catanzaro) Introduzione LineaVerdeDroga (LVD) è il Servizio di Accoglienza

Dettagli

Disagio giovanile ed interventi di prevenzione. partecipano e collaborano alla Ricerca le associazioni:

Disagio giovanile ed interventi di prevenzione. partecipano e collaborano alla Ricerca le associazioni: Disagio giovanile ed interventi di prevenzione partecipano e collaborano alla Ricerca le associazioni: Studio/intervento dei fenomeni di disagio giovanile al fine di individuarne forme e fattori di rischio

Dettagli

SIMPOSIO 2 dicembre 2010

SIMPOSIO 2 dicembre 2010 SIMPOSIO 2 dicembre 2010 L evoluzione del VAOR da strumento di gestione clinica a strumento di ricerca e di governo clinico della rete dei servizi di assistenza continuativa all anziano non autosufficiente:

Dettagli

Igiene femminile: momenti intimi

Igiene femminile: momenti intimi Igiene femminile: momenti intimi Per quanto riguarda l importante step di freschezza, l igiene intima femminile, innanzitutto occorre prendere in considerazione l ecosistema vaginale, che preserva i naturali

Dettagli

Questionario Informativo

Questionario Informativo Medicina del Dolore e Cure Palliative Questionario Informativo Gentile Signore, Gentile Signora, Le chiediamo solo pochi minuti del Suo tempo per compilare il presente questionario: poche domande che hanno

Dettagli

L obiettivo di questa breve analisi è quello di offrire un panorama sullo stato dell arte dei servizi erogati per conto dell Agenzia Comunale per le

L obiettivo di questa breve analisi è quello di offrire un panorama sullo stato dell arte dei servizi erogati per conto dell Agenzia Comunale per le L obiettivo di questa breve analisi è quello di offrire un panorama sullo stato dell arte dei servizi erogati per conto dell Agenzia Comunale per le Tossicodipendenze nel corso dell anno 2009. Si è dunque

Dettagli

Non siamo nati per soffrire

Non siamo nati per soffrire Non siamo nati per soffrire Dolore cronico e percorsi assistenziali ABSTRACT con il sostegno di Non siamo nati per soffrire. Dolore cronico e percorsi assistenziali ABSTRACT Non siamo nati per soffrire.

Dettagli

Non autosufficienza e carichi familiari in Lombardia: ieri, oggi e domani

Non autosufficienza e carichi familiari in Lombardia: ieri, oggi e domani Lombardia Statistiche Report N 1 / 8 febbraio 2016 Non autosufficienza e carichi familiari in Lombardia: ieri, oggi e domani Sintesi Al 2013 la diffusione di limitazioni nello svolgimento delle attività

Dettagli

Per il trattamento di dermatite associata a incontinenza (IAD), lesioni da umidità, lesioni da decubito*, dermatite da pannolino e intertrigine

Per il trattamento di dermatite associata a incontinenza (IAD), lesioni da umidità, lesioni da decubito*, dermatite da pannolino e intertrigine Per il trattamento di dermatite associata a incontinenza (IAD), lesioni da umidità, lesioni da decubito*, dermatite da pannolino e intertrigine Riduzione dei costi e versatilità di utilizzo, a cui si aggiunge

Dettagli

Criteri di selezione del collettivo e definizioni

Criteri di selezione del collettivo e definizioni Appendice A Criteri di selezione del collettivo e definizioni Introduzione L indagine sull integrazione sociale delle persone con disabilità è stata realizzata nell ambito del progetto Sistema di Informazione

Dettagli

L IGIENE DELLE MANI NELLA GESTIONE DEL CATETERE VESCICALE UN PERCORSO DI FORMAZIONE SUL CAMPO

L IGIENE DELLE MANI NELLA GESTIONE DEL CATETERE VESCICALE UN PERCORSO DI FORMAZIONE SUL CAMPO Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari Provincia Automa di Trento L IGIENE DELLE MANI NELLA GESTIONE DEL CATETERE VESCICALE UN PERCORSO DI FORMAZIONE SUL CAMPO Inf. Coord. ICI Renata Lazzeri Bologna,

Dettagli

La malnutrizione: ruolo fondamentale nella patogenesi delle ulcere da pressione

La malnutrizione: ruolo fondamentale nella patogenesi delle ulcere da pressione La malnutrizione: ruolo fondamentale nella patogenesi delle ulcere da pressione Dr. Paolo Bodoni Medico di Medicina Generale ASL TO4 PREVENZIONE LdD 1) Individuare i soggetti a rischio (IPOMOBILITA ) valutare

Dettagli

Pannolini, Pannoloni e Assorbenti Igienici Lavabili

Pannolini, Pannoloni e Assorbenti Igienici Lavabili Capannori 19-05-2012 Pannolini, Pannoloni e Assorbenti Igienici Lavabili Ecologia Salute Sostenibilità La nostra storia La nostra Storia Carta d identità Data di nascita: 8 marzo 2002 Luogo di nascita:

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 138 del 22 10 2015 ALLEGATI

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 138 del 22 10 2015 ALLEGATI Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 138 del 22 10 201 6173 ALLEGATI 617 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 138 del 22 10 201 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 138 del 22 10

Dettagli

L età dei vincitori La presenza femminile. L età dei vincitori La presenza femminile. Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato

L età dei vincitori La presenza femminile. L età dei vincitori La presenza femminile. Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato Premessa Corso-concorso ordinario L età dei vincitori La presenza femminile Corso-concorso riservato L età dei vincitori La presenza femminile Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato

Dettagli

Servizi Pubblici 0. Cure Familiari 0. Familiare Non convivente 1. Volontariato 2. Assistente familiare domiciliare 3

Servizi Pubblici 0. Cure Familiari 0. Familiare Non convivente 1. Volontariato 2. Assistente familiare domiciliare 3 Colonna A Colonna B Colonna C Colonna D E F G Colonna F ADL Descrizione Valutazione Prestazione Prevalente * V.P. P. Programma Socio Assistenziale Familiare Piena mobilità domestica 1 Mobilità domestica

Dettagli

Questionario sull utilizzo di strumenti "on line" da parte di cittadini con 65 o più anni

Questionario sull utilizzo di strumenti on line da parte di cittadini con 65 o più anni Questionario sull utilizzo di strumenti "on line" da parte di cittadini con 65 o più anni Caratteristiche dell intervistato età tra 65 e 74 anni tra 75 e 84 anni oltre 84 anni genere femmina maschio scolarità

Dettagli

Sono di importanza fondamentale:

Sono di importanza fondamentale: La Pandemia influenzale H1N1 2009 Misure di protezione per operatori sanitari Paola Bertoli - Resp. Servizio Prevenzione Protezione Azienda USL di Parma Sono di importanza fondamentale: 1) Per tutta la

Dettagli

Ospedale: Reparto: Data intervista: g m a Iniziali intervistatore: Scolarità: Analfabeta Elementare Medie Diploma SMS Laurea Non nota

Ospedale: Reparto: Data intervista: g m a Iniziali intervistatore: Scolarità: Analfabeta Elementare Medie Diploma SMS Laurea Non nota STUDIIO EoLO ( End of Liife iin Ospedalle) Codice paziente Ospedale: Reparto: Data intervista: g m a Iniziali intervistatore: Dati anagrafici del paziente Sesso: M F Anno di nascita: g m a Data del decesso

Dettagli