CICLO DI INCONTRI IN TEMA DI BILANCIO. ADEMPIMENTI IN MATERIA DI BILANCIO Sala 2 - Palazzo Regione Emilia Romagna Viale Silvani 6 - Bologna

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CICLO DI INCONTRI IN TEMA DI BILANCIO. ADEMPIMENTI IN MATERIA DI BILANCIO Sala 2 - Palazzo Regione Emilia Romagna Viale Silvani 6 - Bologna"

Transcript

1 CICLO DI INCONTRI IN TEMA DI BILANCIO ADEMPIMENTI IN MATERIA DI BILANCIO Sala 2 - Palazzo Regione Emilia Romagna Viale Silvani 6 - Bologna lunedì 6 marzo 2006 Relatore: Dott.ssa Roberta Gaudenzi, Consulente esperto Non profit materiale allegato: 1. PRIMA NOTA CASSA ESEMPIO 2. GIORNALMASTRO ESEMPIO 3. ESEMPIO DI RENDICONTO ECONOMICO E FINANZIARIO 4. SCHEMA DI RENDICONTO ECONOMICO 5. NOTA INFORMATIVA X REDAZIONE RENDICONTO 6. RICEVUTE FACSIMILI X ASSOCIAZIONE 460_97 7. RIMBORSO SPESE AI SOCI CHE PRESTANO ATTIVITA 8. RENDICONTO RACCOLTE FONDI 9. EROGAZIONI LIBERALI APS

2 DATA DESCRIZIONE OPERAZIONE ESEMPIO PRIMA NOTA CASSA - BANCA - POSTA CASSA BANCA POSTA ENTRATE USCITE SALDO ENTRATE USCITE SALDO ENTRATE USCITE SALDO

3 DATA DESCRIZIONE OPERAZIONE ESEMPIO GIORNALMASTRO CASSA BANCA POSTA ONERI PROVENTI E U S.DO E U S.DO E U S.DO utenze affitto postali cancelleria quote assoc. contributi raccolta fondi attività sociali

4 ESEMPIO DI RENDICONTO ECONOMICO E FINANZIARIO CASSA INIZIALE BANCA INIZIALE ENTRATE ORDINARIE USCITE ORDINARIE - Quote associative: Euro Tesseramento:Euro Tessere XY Tessere XY Tessere AZ Tessere AZ.. - servizi tipici ai soci. - servizi tipici ai soci. bar bar tombole tombole CONTRIBUTI - spese generali DONAZIONI, LASCITI - spese amministrative RACCOLTA FONDI - RACCOLTA FONDI - COMPENSI coll.coord.cont. ass.in part. Rimborsi ENTRATE STRAORDINARIE USCITE STRAORDINARIE Vendita attrezzature Acquisto attrezzature TOTALE ENTRATE TOTALE USCITE RISULTATO DI GESTIONE CASSA FINALE. BANCA FINALE

5 SCHEMA DI RENDICONTO ECONOMICO (con eventuale attività commerciale) Esercizio Sociale.. ATTIVITÀ ISTITUZIONALE ATTIVITÀ COMMERCIALI TOTALI a) RICAVI: - Quote sociali - Iscrizioni a corsi e manifestazioni - Iniziative sociali - Contributi da Enti pubblici - Donazioni ed erogazioni liberali - Raccolta pubblica occasionale fondi (*) - Pubblicità e sponsorizzazioni - I.V.A./L TOTALE RICAVI.. b) COSTI: - Affiliazioni - Acquisto tessere - Corsi e manifestazioni - Iniziative sociali - Collaboratori - Compensi - Viaggi e trasferte - Utilizzo impianti - Spese di gestione - Raccolta occasionale fondi (*) - Pubblicità e sponsorizzazioni - I.V.A. /L Imposte (redditi-irap-intrattenimenti) ATTIVITA ISTITUZIONALE ATTIVITA COMMERCIALE COSTI PROMISCUI TOTALE TOTALE COSTI RIEPILOGO TOTALE RICAVI TOTALE COSTI Euro Euro SALDO FINALE Euro ============================= (*) rendiconto e relazione a parte Per le associazioni con attività limitate, in alternativa alla redazione dello stato patrimoniale, si consiglia, oltre alla compilazione del rendiconto economico, di indicare esclusivamente i saldi iniziali e finali del conto cassa, del conto banca e del conto corrente postale producendo e conservando la relativa documentazione. SALDI INIZIALI/ FINALI (AL / / ) CASSA Euro. BANCA Euro. C/C POSTALE Euro.

6 REDAZIONE DI UN RENDICONTO ECONOMICO-FINANZIARIO Le associazioni che intendono usufruire delle agevolazioni fiscali previste dalla normativa (D.Lgs n. 460/97) hanno l obbligo di redigere il rendiconto annuale. Di seguito si fornisce uno schema possibile di tale rendiconto da utilizzare tenendo in debita considerazione le seguenti osservazioni: Si tratta di uno schema generale e generico e come tale presenta il difetto che non può prendere in considerazione le situazioni particolari di ogni realtà e quindi ogni voce o raggruppamento deve essere adattata al caso specifico; Il rendiconto deve essere conservato per 4 anni più l anno in corso ai fini fiscali e per 10 anni ai fini civilistici (C.M. n.124/e del 12/5/98); Il rendiconto deve essere accompagnato da documenti giustificativi di supporto (C.M. n.124/e del 12/5/98): questo vuol dire che per quanto riguarda i costi relativi alla sfera istituzionale si avranno scontrini fiscali o fatture intestate all associazione con indicazione del proprio codice fiscale, mentre per i costi relativi alla sfera commerciale si dovrà avere solo fatture intestate all associazione con indicazione della propria partita IVA. Per quanto concerne i ricavi di natura commerciale la documentazione appropriata consiste in fatture emesse o comunque nei corrispettivi iscritti nell apposito prospetto di cui al D.M , mentre per i ricavi istituzionali è possibile che non si sia in possesso di alcun documento: in questo caso il consiglio (N.B. le norme in merito non specificano nulla!) è di rilasciare una ricevuta ad ogni socio che versa una quota di partecipazione ad una iniziativa organizzata dall associazione con le seguenti avvertenze: intestare le ricevute indicando i dati e il codice fiscale dell associazione, scrivere sulle stesse una frase tipo operazione non soggetta ad IVA ai sensi dell art. 4 DPR n.633/72 e successive modificazioni e qualora la ricevuta superasse la somma di 77,47 applicare sull originale una marca da bollo da 1,81 e annullarla e sulla copia scrivere imposta di bollo assolta sull originale nei casi previsti dalla legge. In caso di esercizio di attività commerciale esiste l obbligo di tenere la contabilità separata: per chi avesse optato per il regime ai sensi della L. n. 398/91 riteniamo (N.B. nello specifico anche in questo caso la normativa non precisa nulla!) che l indicazione distinta dei costi e dei ricavi dell attività commerciale in rendiconto possa essere considerata sufficiente ai fini del rispetto del suddetto adempimento. Chi esercita attività commerciale e sostiene costi promiscui può dedurre la parte di tali costi in una percentuale che si ottiene dal rapporto fra l ammontare dei ricavi commerciali e l ammontare dei ricavi complessivi (N.B. chi avesse optato per il regime ai sensi della L. n. 398/91 calcola in modo forfetario l ammontare dei costi deducibili pari al 97% del reddito imponibile); Nel caso in cui venissero realizzate raccolte pubbliche di fondi occasionali in occasione di celebrazioni, ricorrenze o campagne di sensibilizzazione ai sensi dell art. 2 del D.Lgs 460/97 si ricorda che si deve anche redigere, entro 4 mesi dalla chiusura dell esercizio, un apposito e separato rendiconto per ogni manifestazione effettuata, eventualmente accompagnato da una relazione illustrativa. È inteso che qualsiasi forma diversa di redazione del rendiconto, tenendo conto che il regime contabile adottato potrebbe condurre alla redazione di Stato patrimoniale e Conto economico secondo Codice Civile, è accettabile purché trasparente e chiara. 1

7 RENDICONTO ECONOMICO - FINANZIARIO AL 31/12/200X APERTURA CONTI Importi in riporto avanzo-disavanzo di banca al 1 gennaio 0,00 riporto avanzo-disavanzo di posta al 1 gennaio 0,00 tot. anno precedente: riporto avanzo di cassa al 1 gennaio 0,00 0,00 ENTRATE AREA ISTITUZIONALE Quote Associative Incasso quote associative annuali 0,00 Incasso Tessere ENTE. 0,00 Attività Istituzionale Quote di partecipazione a manifestazioni ed iniziative sociali 0,00 Iscrizioni a corsi di(es. teatro, informatica, fotografia, ginnastica, ecc.) 0,00 Ricavi vendita propria pubblicazione o giornalino 0,00 Incassi serate di ballo 0,00 Incassi tombole 0,00 Altre entrate istituzionali 0,00 Contributi da enti pubblici Contributi da Enti Locali 0,00 Contributi da USL 0,00 Donazioni ed Erogazioni Liberali Donazioni da privati 0,00 Donazioni da soci 0,00 Raccolte Pubbliche di Fondi Occasionali Incasso Evento del... 0,00 Incasso Manifestazione del. 0,00 Proventi Finanziari Interessi attivi su c/c bancario o postale 0,00 Ricavi Straordinari Vendita attrezzature 0,00 Totale Entrate Istituzionale 0,00 0,00 AREA COMMERCIALE Attività Commerciale Pubblicità (imponibile fatture) 0,00 Sponsorizzazioni (imponibile fatture) 0,00 Servizi a terzi non soci (imponibile) 0,00 Cessione di beni (imponibile) 0,00 Contributi pubblici da convenzione per corrispettivi (imponibile) 0,00 Totale Entrate Commerciale Proventi da servizio di ristorazione ai soci 0,00 0,00 I.V.A. IVA Incassata Legge N.398/91 0,00 TOTALE ENTRATE: 0,00 2

8 USCITE AREA ISTITUZIONALE Tesseramento Spese Tessere ENTE. 0,00 Spese Adesione ENTE. 0,00 Attività Istituzionale Spese per manifestazioni e iniziative sociali 0,00 Spese per organizzazione corsi di(teatro, informatica, fotografia, ginnastica, ecc.) 0,00 Spese per organizzazione tombole 0,00 Spese serate di ballo 0,00 Spese stampa giornalino sociale 0,00 Spese stampa e propaganda attività istituzionale 0,00 Altre spese attività istituzionale 0,00 Contributi Erogati a Fini di Solidarietà Contributi ad altre associazioni 0,00 Contributi ad enti o istituzioni 0,00 Spese Per Raccolte Pubbliche Di Fondi Occasionali Spese Evento del 0,00 Spese Manifestazione del 0,00 Costi Amministrativi Autorizzazioni e licenze 0,00 SIAE 0,00 Canone TV 0,00 Imposte e tasse 0,00 Costi del Personale Collaborazioni occasionali (netto corrisposto) 0,00 Collaborazioni a progetto (ex co.co.co.) (netto corrisposto) 0,00 INPS su collaborazioni 0,00 Ritenuta d acconto versata su collaborazioni 0,00 Premio INAIL 0,00 Totale Uscite Istituzionale Rimborsi spese documentate 0,00 0,00 AREA PROMISCUA Costi Generali Affitto 0,00 Spese condominiali 0,00 Telefono 0,00 Energia elettrica 0,00 Acqua e gas 0,00 Cancelleria 0,00 Spese postali 0,00 Assicurazione 0,00 Manutenzione ordinaria 0,00 Abbonamenti a giornali e riviste 0,00 Pulizia locali 0,00 Costi Amministrativi Autorizzazioni e licenze - Area Promiscua 0,00 SIAE - Area Promiscua 0,00 Costi del Personale Collaborazioni occasionali (netto corrisposto) Area Promiscua 0,00 Collaborazioni a progetto (ex co.co.co.) (netto corrisposto) Area Promiscua 0,00 INPS su collaborazioni Area Promiscua 0,00 Ritenuta d acconto versata su collaborazioni Area Promiscua 0,00 3

9 Premio INAIL Area Promiscua 0,00 Rimborsi spese documentate Area Promiscua 0,00 Oneri Finanziari Interessi passivi e competenze su c/c bancario o postale 0,00 Costi Straordinari Acquisto macchine e attrezzature 0,00 Manutenzione straordinaria 0,00 Totale Uscite Promiscua 0,00 0,00 AREA COMMERCIALE Attività Commerciale Costi per pubblicità 0,00 Costi per sponsorizzazioni 0,00 Costi per servizi resi a terzi non soci 0,00 Acquisto beni per la rivendita 0,00 Acquisto prodotti per servizio ristorazione ai soci 0,00 Costi per tenuta contabilità dell attività commerciale / per presentazione dichiarazione dei redditi 0,00 IVA Legge n.398/91 versata con Mod. F24 0,00 Totale Uscite Commerciale Imposte e tasse su attività commerciale 0,00 0,00 TOTALE USCITE: 0,00 AVANZO - DISAVANZO dell'esercizio 0,00 saldo generale così composto: 0,00 cassa 0,00 banca 0,00 posta 0,00 totale disponibilità liquide finali 0,00 MONITORAGGIO PREVALENZA ATTIVITA' ISTITUZIONALE Entrate Istituzionali 0,00 Entrate Totali 0,00 % Attenzione, la percentuale deve essere > 50% 4

10 RICEVUTA PER VERSAMENTO QUOTA ASSOCIATIVA 1 Associazione sede nel Comune di Via/Piazza Tel. Fax Cod. Fiscale Data, RICEVUTA n / Gent.mo (cognome e nome o denominazione) (indirizzo) (Cap) (Comune) Descrizione: quota associativa anno Importo Operazione fuori campo IVA ex artt. 1 e 4 DPR 633/72 1 Le ricevute relative all incasso delle quote associative non sono assoggettate all imposta di bollo.

11 ASSOCIAZIONE ADEGUATA AL D.LGS 460/97 RICEVUTA PER PRESTAZIONI A PAGAMENTO RIVOLTE AI SOCI Associazione sede nel Comune di Via/Piazza Tel. Fax Cod. Fiscale Data, RICEVUTA n / Gent.mo (cognome e nome o denominazione) (indirizzo) (Cap) (Comune) Descrizione: quota di partecipazione 2 Importo 3 Operazione fuori campo IVA ex art. 4, comma 4, DPR 633/ Indicare l attività per la quale si richiede al socio il pagamento di una quota supplementare, ad esempio per la partecipazione ad un corso di teatro, ginnastica, fotografia, ecc. 3 Per gli importi superiori ad 77,47 occorre apporre una marca da bollo da 1.81 sull originale della ricevuta. 4 Si precisa che solo le prestazioni rese a favore dei soci, anche a pagamento, in conformità alle finalità istituzionali dell associazione non rilevano fiscalmente ai fini IVA né ai fini delle imposte sui redditi a condizione che lo statuto recepisca i requisiti dettati dal D.Lgs. 460/97. 5 Alcune prestazioni sono considerate in ogni caso commerciali (e quindi hanno rilevanza fiscale), indipendentemente dal rispetto delle condizioni di cui alla nota 4. Elenco attività sempre commerciali (stralcio art. 4 DPR 633/72): a) cessioni di beni nuovi prodotti per la vendita, escluse le pubblicazioni delle associazioni politiche, sindacali e di categoria, religiose, assistenziali, culturali sportive dilettantistiche, di promozione sociale e di formazione extra-scolastica della persona cedute prevalentemente ai propri associati; b) erogazione di acqua e servizi di fognatura e depurazione, gas, energia elettrica e vapore; c) gestione di fiere ed esposizioni a carattere commerciale; d) gestione di spacci aziendali, gestione di mense e somministrazione di pasti; e) trasporto e deposito di merci; f) trasporto di persone; g) organizzazione di viaggi e soggiorni turistici; prestazioni alberghiere o di alloggio; h) servizi portuali e aeroportuali; i) pubblicità commerciale; l) telecomunicazioni e radiodiffusioni circolari.

12 ! " # $%& " # " # " # ' ( ) *+

13 ,,,,,, -!!!" ## $$##.# /,,0,,0,,,,, $#1* *,, 0,,,,,, 2#13 *,, 0,,,,,, 4#* *,, 0,,,,,, 5#* *,, 0,,,,,, 6# *,, 0,,,,,, 7#8 *,, 0,,,,,, 9#,,,,,,,, *,, 0,,,,,, :#,,,,,,,, *,, 0,,,,,, ;;;;;;;;;;;;;;;;;;;! %%&&&%% ' %% ;;;;;;;;;;;;;;;;;;; ' ) *,,,, ) 3,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,

14 RENDICONTO PER LE RACCOLTE PUBBLICHE OCCASIONALI DI FONDI Gli Enti non Commerciali che effettuano raccolte pubbliche di fondi in occasioni di ricorrenze, celebrazioni o campagne di sensibilizzazione (vecchio Art. 108, comma 2 bis lett. A, ora art. 143 comma 3 del TUIR) hanno l obbligo di redigere (art. 20, comma 2 del DPR 600/73), indipendentemente dalla redazione del rendiconto annuale, ed entro 4 mesi dalla chiusura dell esercizio, un apposito e separato rendiconto contenente le entrate e le spese singolarmente per ciascuna raccolta, in modo chiaro e trasparente, anche corredato da apposita relazione illustrativa. Tale rendiconto deve essere tenuto e conservato secondo le modalità previste dall art. 22 del DPR 600/73. L interpretazione letterale della norma va intesa che il rendiconto possa essere tenuto in un apposito registro, chiamato ad esempio Registro rendiconti raccolte occasionali di fondi, da numerare prima della messa in uso (art c.c.) e da tenere secondo le norme di una ordinata contabilità (art c.c.). Oblazioni in contanti Oblazioni mediante versamento in c/c postale Incasso vendita beni acquistati gratuitamente Incasso vendita beni acquistati a titolo oneroso Incasso servizi prestati TOTALE ENTRATE Acquisto di beni da cedere durante la raccolta Spese noleggio stand Rimborso spese soci volontari Spese di promozione della raccolta (pubblicità, manifestazioni spettacolistiche, ecc.) Stampe e spese postali Spese per utenze Spese per altri servizi RISULTATO NETTO RACCOLTA

15 FACSIMILE RICEVUTA PER EROGAZIONI LIBERALI IN DENARO DA PRIVATI CARTA INTESTATA ASSOCIAZIONE Data Si riceve da residente a codice fiscale la somma di Euro mediante 1 assegno non trasferibile n. dell istituto di credito a titolo di erogazione liberale per le iniziative istituzionali dell associazione, ai sensi dell art. 15, comma 1, lettera i-quater) DPR 917/86. p. l Associazione FIRMA (Qualora l importo superasse la cifra di 77,47 occorre apporre una marca da bollo da 1,81 sull originale) 1 Si precisa che si fini della detraibilità per i privati il pagamento deve avvenire mediante assegno non trasferibile intestato all associazione o altri sistemi di pagamento ammessi dal Ministero delle finanze (bonifico, carta di credito, versamento con bollettino postale, ecc.)

16 FACSIMILE RICEVUTA PER EROGAZIONI LIBERALI IN DENARO DA IMPRESE CARTA INTESTATA ASSOCIAZIONE Data Si riceve da con sede in partita IVA la somma di Euro a titolo di erogazione liberale per le iniziative istituzionali dell associazione, ai sensi dell art. 100, comma 2, lettera l) DPR 917/86. p. l Associazione FIRMA (Qualora l importo superasse la cifra di 77,47 occorre apporre una marca da bollo da 1,81 sull originale)

17 FACSIMILE RICEVUTA PER EROGAZIONI LIBERALI IN DENARO DA PRIVATI CARTA INTESTATA ASSOCIAZIONE Data Si riceve da residente a codice fiscale la somma di Euro mediante 1 assegno non trasferibile n. dell istituto di credito a titolo di erogazione liberale per le iniziative istituzionali dell associazione, ai sensi dell art. 15, comma 1, lettera i-quater) DPR 917/86. p. l Associazione FIRMA (Qualora l importo superasse la cifra di 77,47 occorre apporre una marca da bollo da 1,81 sull originale) 1 Si precisa che si fini della detraibilità per i privati il pagamento deve avvenire mediante assegno non trasferibile intestato all associazione o altri sistemi di pagamento ammessi dal Ministero delle finanze (bonifico, carta di credito, versamento con bollettino postale, ecc.)

18 FACSIMILE RICEVUTA PER EROGAZIONI LIBERALI IN DENARO DA IMPRESE CARTA INTESTATA ASSOCIAZIONE Data Si riceve da con sede in partita IVA la somma di Euro a titolo di erogazione liberale per le iniziative istituzionali dell associazione, ai sensi dell art. 100, comma 2, lettera l) DPR 917/86. p. l Associazione FIRMA (Qualora l importo superasse la cifra di 77,47 occorre apporre una marca da bollo da 1,81 sull originale)

MAURO O. ANDRETTA DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE

MAURO O. ANDRETTA DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE LE AGEVOLAZIONI FISCALI A FAVORE DELL ATTIVITA SPORTIVA DILETTANTISTICA (II PARTE) Nel mondo dell associazionismo sportivo tutti i dirigenti sportivi affrontano con abnegazione e spirito di sacrificio

Dettagli

a cura del Dott. Stefano Setti

a cura del Dott. Stefano Setti TRATTAMENTO FISCALE AI FINI IVA DEGLI ENTI NON-COMMERCIALI a cura del Dott. Stefano Setti Ai sensi dell art. 4, quarto comma, del DPR n. 633/72 per gli enti non commerciali si considerano effettuate nell

Dettagli

ASPETTI AMMINISTRATIVI E CONTABILI DELLE ASSOCIAZIONI. Relatore Dott.ssa Luisa Mortati

ASPETTI AMMINISTRATIVI E CONTABILI DELLE ASSOCIAZIONI. Relatore Dott.ssa Luisa Mortati ASPETTI AMMINISTRATIVI E CONTABILI DELLE ASSOCIAZIONI Relatore Dott.ssa Luisa Mortati WORKSHOP IL FISCO E LA SICUREZZA PER LE ASSOCIAZIONI Giovedì, 16 Ottobre 2014 AGENDA LE ASSOCIAZIONI COSTITUZIONE e

Dettagli

Adempimenti IVA e dichiarativi fiscali

Adempimenti IVA e dichiarativi fiscali Corso di Formazione Adempimenti IVA e dichiarativi fiscali delle associazioni Sportive Brindisi 5 febbraio 2014 LO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA In sede di conversione del DL n. 72/2004

Dettagli

La disciplina fiscale delle ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE

La disciplina fiscale delle ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE La disciplina fiscale delle ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE Le fonti normative Normativa fiscale Riferimenti D.P.R. 917/86 (T.U.I.R.) Artt. 73, 143-150 L. 398/91 Regime forfetario di determinazione

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE 2014. Approfondimenti fiscali e giuridici per le società affiliate FIV

CORSO DI FORMAZIONE 2014. Approfondimenti fiscali e giuridici per le società affiliate FIV CORSO DI FORMAZIONE 2014 Approfondimenti fiscali e giuridici per le società affiliate FIV LEGGE 398 DEL 16/12/1991 REQUISITI OGGETTIVI Esercizio dell opzione Rispetto del limite dimensionale non superiore

Dettagli

MAURO O. ANDRETTA DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE

MAURO O. ANDRETTA DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE LE AGEVOLAZIONI FISCALI A FAVORE DELL ATTIVITA SPORTIVA DILETTANTISTICA (IV PARTE) Nel mondo dell associazionismo sportivo tutti i dirigenti sportivi affrontano con abnegazione e spirito di sacrificio

Dettagli

Erogazioni liberali e raccolta fondi

Erogazioni liberali e raccolta fondi In che modo è possibile per chi fa una donazione ad una associazione scaricarla dalla dichiarazione dei redditi? Affinché il soggetto che elargisce un erogazione liberale in denaro nei confronti di un

Dettagli

Piano dei conti per competenza

Piano dei conti per competenza Piano dei conti per competenza PATRIMONIALE: da prima apertura contabile movimento i conti con saldo diverso da zero al 31 dicembre dell anno precedente. Il conto Patrimoniale, attivo e passivo, evidenzia

Dettagli

Il sottoscritto... in qualità di... (indicare la carica ricoperta, es. Presidente)

Il sottoscritto... in qualità di... (indicare la carica ricoperta, es. Presidente) AL SIG. SINDACO del Comune di CAMPO SAN MARTINO Oggetto: RICHIESTA CONTRIBUTO DA PARTE DI ASSOCIAZIONI, GRUPPI, COMITATI PER L ATTIVITÀ COMPLESSIVA SVOLTA NEL CORSO DELL ANNO Il sottoscritto... in qualità

Dettagli

SOGGETTI INTERESSATI

SOGGETTI INTERESSATI Associazione Nazionale Tributaristi L.A.P.E.T. I REGIMI CONTABILI DEGLI ENTI NON COMMERCIALI GIAMPIERO LA TORRE Tributarista in Gradisca d'isonzo (GO) SOGGETTI INTERESSATI Associazioni Sportive Dilettantistiche

Dettagli

Quali enti sono tenuti a pagare l Irap? Tutti indistintamente, sia che svolgano attività commerciale sia che non la svolgano.

Quali enti sono tenuti a pagare l Irap? Tutti indistintamente, sia che svolgano attività commerciale sia che non la svolgano. Cos è l Irap? E una sorta di tassa sul costo del lavoro. Se l associazione ha personale dipendente, un collaboratore a progetto o delle prestazioni di lavoro autonomo occasionale deve pagare l Irap su

Dettagli

All UFFICIO SERVIZI SOCIALI del Comune di 35020 PONTE SAN NICOLO

All UFFICIO SERVIZI SOCIALI del Comune di 35020 PONTE SAN NICOLO All UFFICIO SERVIZI SOCIALI del Comune di 35020 PONTE SAN NICOLO Oggetto: RICHIESTA CONTRIBUTO DA PARTE DI ASSOCIAZIONI, GRUPPI, COMITATI PER L ATTIVITÀ COMPLESSIVA SVOLTA NEL DELL ANNO Il sottoscritto...

Dettagli

Estratto dal D. L. 04/12/97 n. 460

Estratto dal D. L. 04/12/97 n. 460 Estratto dal D. L. 04/12/97 n. 460 1. RIFORMA DELLA DISCIPLINA TRIBUTARIA DEGLI ENTI NON COMMERCIALI E ISTITUZIONE DELLE ONLUS modifica la disciplina degli enti non commerciali in materia di imposte sul

Dettagli

BREVI NOTE SUL SOGGETTO GIURIDICO ASSOCIAZIONE E COMPATIBILITA CON IL LAVORO CON COMPENSO

BREVI NOTE SUL SOGGETTO GIURIDICO ASSOCIAZIONE E COMPATIBILITA CON IL LAVORO CON COMPENSO BREVI NOTE SUL SOGGETTO GIURIDICO ASSOCIAZIONE E COMPATIBILITA CON IL LAVORO CON COMPENSO L Associazione è disciplinata, dal punto di vista giuridico, dal Codice Civile fra gli enti collettivi senza scopo

Dettagli

ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE. Principali disposizioni fiscali e tributarie

ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE. Principali disposizioni fiscali e tributarie ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE Principali disposizioni fiscali e tributarie OBBLIGHI FISCALI L Associazione è soggetta a specifiche norme fiscali, anche se svolge soltanto l attività

Dettagli

Regime Iva delle associazioni di volontariato non iscritte nei registri regionali di Sebastiano Di Diego*

Regime Iva delle associazioni di volontariato non iscritte nei registri regionali di Sebastiano Di Diego* SCHEDE OPERATIVE n.1/2006 non OdV Regime Iva delle associazioni di volontariato non iscritte nei registri regionali di Sebastiano Di Diego* Come per l Ires, anche in materia di Iva, è l iscrizione o meno

Dettagli

CONTABILITA E BILANCIO DEGLI ENTI NON COMMERCIALI

CONTABILITA E BILANCIO DEGLI ENTI NON COMMERCIALI Direzione Regionale della Lombardia VIII CONVEGNO ANNUALE CODIS CONTABILITA E BILANCIO DEGLI ENTI NON COMMERCIALI GIAN MARIO COLOMBO 9 Novembre 2011 - Teatro Angelicum Milano CONTABILITA FISCALE DEGLI

Dettagli

STUDIO ANDRETTA & PARTNERS MAURO O. ANDRETTA DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE

STUDIO ANDRETTA & PARTNERS MAURO O. ANDRETTA DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE REGIMI CONTABILI DEGLI ENTI NON COMMERCIALI In base alla normativa in vigore i regimi contabili previsti per gli enti non commerciali sono i seguenti: a) regime ordinario; b) regime semplificato; c) regime

Dettagli

Allegato A - ELENCO DOCUMENTAZIONE RICHIESTA PROGETTI DI RICERCA INDUSTRIALE E SVILUPPO PRECOMPETITIVO

Allegato A - ELENCO DOCUMENTAZIONE RICHIESTA PROGETTI DI RICERCA INDUSTRIALE E SVILUPPO PRECOMPETITIVO Allegato A - ELENCO DOCUMENTAZIONE RICHIESTA PROGETTI DI RICERCA INDUSTRIALE E SVILUPPO PRECOMPETITIVO 1) SPESE RENDICONTATE IN A) Personale Per le spese A.1 Personale dipendente i documenti richiesti

Dettagli

GUIDA OPERATIVA ALL ADEMPIMENTO DELL ARTICOLO 30

GUIDA OPERATIVA ALL ADEMPIMENTO DELL ARTICOLO 30 GUIDA OPERATIVA ALL ADEMPIMENTO DELL ARTICOLO 30 Come compilare correttamente il Modello EAS Ottobre 2009 Seconda edizione PRIMA PARTE Articolo 30: cosa cambia per l'associazionismo italiano Il 2 settembre

Dettagli

Le associazioni sportive

Le associazioni sportive L IVA nelle associazioni sportive dilettantistiche 1 Attività «ISTITUZIONALE» Attività «COMMERCIALE» applicazione del regime «ORDINARIO» liquidazione ordinaria dell IVA eccezione per attività spettacolistiche

Dettagli

LA PERSONALITA GIURIDICA

LA PERSONALITA GIURIDICA LA PERSONALITA GIURIDICA LA PERSONALITA GIURIDICA delle Associazioni RICONOSCIUTE (ARTT. 12 35 CODICE CIVILE) dotate di personalità giuridica - rispondono solo con il patrimonio sociale - il riconoscimento

Dettagli

Alcuni rilievi emersi in sede di controllo. Antonio Cologno 27 gennaio 2015

Alcuni rilievi emersi in sede di controllo. Antonio Cologno 27 gennaio 2015 Alcuni rilievi emersi in sede di controllo Antonio Cologno 27 gennaio 2015 1 Principali rilievi/criticità esclusiva o prevalente attività comm.le tracciabilità pagamenti mancanza attività istituzionale

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 4314 del 29 dicembre 2009 pag. 1/5

ALLEGATOA alla Dgr n. 4314 del 29 dicembre 2009 pag. 1/5 giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 4314 del 29 dicembre 2009 pag. 1/5 BILANCIO FINANZIARIO (Modello 1) IMPORTI PARZIALI IMPORTI TOTALI 1. LIQUIDITA INIZIALE (cassa+banca+titoli) ENTRATE

Dettagli

Associazioni Sportive Dilettantistiche

Associazioni Sportive Dilettantistiche http://www.amministrazioneaziendale.com/associazioni-sportive-dilettantistiche.php Associazioni Sportive Dilettantistiche Negli ultimi anni l attività sportiva dilettantistica ha ricevuto particolare attenzione

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO DI NOTORIETÀ (art.47 D.P.R. 445/2000)

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO DI NOTORIETÀ (art.47 D.P.R. 445/2000) MODELLO DI RENDICONTAZIONE (All. B all Avviso Pubblico) Spett. U.O. Sport e Servizi Amministrativi Direzione Cultura e Turismo del Comune di Rimini C.so d Augusto, n. 154 47900 Rimini RN Oggetto: rendicontazione

Dettagli

Adempimenti ed agevolazioni delle società ed associazioni sportive dilettantistiche

Adempimenti ed agevolazioni delle società ed associazioni sportive dilettantistiche FIPAV - Comitato Provinciale di Rimini Dott. Andrea Biselli Dott. Marco Frassini Adempimenti ed agevolazioni delle società ed associazioni sportive dilettantistiche Sommario 1. Forma giuridica e requisiti

Dettagli

I PRINCIPALI ADEMPIMENTI DEI CIRCOLI CULTURALI E RICREATIVI, DEI GRUPPI FOLKLORISTICI E DEI GRUPPI RIEVOCATIVI STORICI.

I PRINCIPALI ADEMPIMENTI DEI CIRCOLI CULTURALI E RICREATIVI, DEI GRUPPI FOLKLORISTICI E DEI GRUPPI RIEVOCATIVI STORICI. I PRINCIPALI ADEMPIMENTI DEI CIRCOLI CULTURALI E RICREATIVI, DEI GRUPPI FOLKLORISTICI E DEI GRUPPI RIEVOCATIVI STORICI. Franca Della Pietra Dottore Commercialista - Revisore legale dei conti - Trento Via

Dettagli

Richiesta liquidazione a saldo finanziamento Piano Giovani di Zona 2013

Richiesta liquidazione a saldo finanziamento Piano Giovani di Zona 2013 Marca da bollo 14,62 Richiesta liquidazione a saldo finanziamento Piano Giovani di Zona 2013 (da compilare al termine della realizzazione del progetto, per la liquidazione del finanziamento COMUNQUE NON

Dettagli

Rendiconto economico-finanziario delle attività anno 2011.

Rendiconto economico-finanziario delle attività anno 2011. Associazione Il Buonarroti Rendiconto economico-finanziario delle attività anno 2011. In data 04 febbraio 2012 si riunisce presso la sede legale dell Associazione Il Buonarroti Via Matteotti 8 di Monfalcone

Dettagli

Il/La sottoscritto/a in qualità di presidente del Circolo/Associazione denominato/a

Il/La sottoscritto/a in qualità di presidente del Circolo/Associazione denominato/a N.B.: 1. L'ATTIVITA' POTRA' ESSERE INTRAPRESA PREVIA PRESENTAZIONE DELLA S.C.I.A. SANITARIA AL S.U.A.P. DEL COMUNE AI FINI DELL'INOLTRO ALLA A.U.S.L. COMPETENTE 2. TUTTI I DOCUMENTI DOVRANNO ESSERE FIRMATI

Dettagli

RACCOLTE PUBBLICHE DI FONDI

RACCOLTE PUBBLICHE DI FONDI RACCOLTE PUBBLICHE DI FONDI SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI TRATTAMENTO FISCALE OBBLIGO DI RENDICONTAZIONE ATTIVITÀ DI VIGILANZA MODULISTICA Art. 143, c. 3, lett. a) D.P.R. 22.12.1986, n. 917 - Artt. 20, 22

Dettagli

Domanda di contributo per la concessione di finanziamenti per lo sviluppo e la promozione dell attività sportiva. Esercizio finanziario anno.

Domanda di contributo per la concessione di finanziamenti per lo sviluppo e la promozione dell attività sportiva. Esercizio finanziario anno. Ala, OGGETTO: Domanda di contributo per la concessione di finanziamenti per lo sviluppo e la promozione dell attività sportiva. Esercizio finanziario anno. Al COMUNE DI ALA Piazza S. Giovanni 1 38061 -

Dettagli

Il punto su sport dilettantistico e fisco

Il punto su sport dilettantistico e fisco Il punto su sport dilettantistico e fisco 5 /7/ 2011 09:30 14:30 Sarmeola di Rubano Villa Borromeo Il contratto di sponsorizzazione sportiva : aspetti fiscali Dott. Luca Caramaschi 2 Definizione Concessione,

Dettagli

n 5 maggio 2014 Regime Enti non commerciali

n 5 maggio 2014 Regime Enti non commerciali 1. Agevolazioni per l imposta sul reddito: IMPOSTE DIRETTE 2. Agevolazioni per l imposta sul reddito: IRAP 3. Detrazione IRPEF per la pratica sportiva dilettantistica 4. Cinque per Mille 5. Adempimenti

Dettagli

Le associazioni sportive

Le associazioni sportive L IVA nelle associazioni sportive dilettantistiche 1 Attività «ISTITUZIONALE» Attività «COMMERCIALE» applicazione del regime «ORDINARIO» liquidazione ordinaria dell IVA eccezione per attività spettacolistiche

Dettagli

Codice fiscale 97219890155. Bilancio 2014. Bilancio di esercizio al 31/12/2014 Pagina 1 di 15

Codice fiscale 97219890155. Bilancio 2014. Bilancio di esercizio al 31/12/2014 Pagina 1 di 15 Bilancio 2014 Bilancio di esercizio al 31/12/2014 Pagina 1 di 15 AITR ASSOCIAZIONE ITALIANA TURISMO RESPONSABILE Codice fiscale 97219890155 Partita iva 08693820964 VIA TOMMASO DA CAZZANIGA SNC - 20144

Dettagli

(importi in euro) 31.12.2012 31.12.2011

(importi in euro) 31.12.2012 31.12.2011 Tirreno Acque S.c.r.l. - Bilancio finale di liquidazione Codice Fiscale 01500410509 Tirreno Acque - Società consortile a responsabilità limitata in liquidazione Capitale sociale 70.232,00 i.v. Sede in

Dettagli

l esclusione anche dal campo di applicazione dell'imposta sul valore aggiunto; l'esenzione da ogni altro tributo, sia erariale che locale.

l esclusione anche dal campo di applicazione dell'imposta sul valore aggiunto; l'esenzione da ogni altro tributo, sia erariale che locale. a cura di Flavio Chistè RACCOLTE PUBBLICHE DI FONDI E OBBLIGHI DI RENDICONTAZIONE La raccolta di fondi costituisce, da sempre, una delle principali fonti di finanziamento delle iniziative e dei progetti

Dettagli

LA FISCALITA PER IL MONDO ASSOCIATIVO. 21 NOVEMBRE 2015 Rag. Francesco Ravasio

LA FISCALITA PER IL MONDO ASSOCIATIVO. 21 NOVEMBRE 2015 Rag. Francesco Ravasio LA FISCALITA PER IL MONDO ASSOCIATIVO 21 NOVEMBRE 2015 Rag. Francesco Ravasio Gli Enti Associativi - definizione Un ente associativo è una persona giuridica privata, ossia un complesso organizzato di persone

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 08 26.02.2014 Enti non profit: le scritture contabili Categoria: Associazioni Sottocategoria: Varie Gli enti non commerciali rappresentano un fenomeno

Dettagli

Rendiconto economico-finanziario delle attività anno 2010.

Rendiconto economico-finanziario delle attività anno 2010. Rendiconto economico-finanziario delle attività anno 2010. In data 29 gennaio 2011 si riunisce presso la sede legale dell Associazione Il Buonarroti Via Matteotti 8 di Monfalcone presso l ISIS Michelangelo

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE DEL BILANCIO FINANZIARIO

ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE DEL BILANCIO FINANZIARIO ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE DEL BILANCIO FINANZIARIO Modalità di classificazione 1 Quote associative 2 Contributi per progetti e attività Analisi delle entrate Le macrovoci le entrate vanno classificate

Dettagli

IL FINANZIAMENTO DEGLI ENTI NON PROFIT

IL FINANZIAMENTO DEGLI ENTI NON PROFIT ORATORI E CIRCOLI IL FINANZIAMENTO DEGLI ENTI NON PROFIT (a cura della Segreteria Nazionale) La raccolta fondi Dopo il periodo iniziale della loro vita in cui l entusiasmo dei fondatori e dei volontari

Dettagli

l agenzia in f orma LE AGEVOLAZIONI FISCALI A FAVORE DELL ATTIVITÀ SPORTIVA DILETTANTISTICA

l agenzia in f orma LE AGEVOLAZIONI FISCALI A FAVORE DELL ATTIVITÀ SPORTIVA DILETTANTISTICA l agenzia in f orma LE AGEVOLAZIONI FISCALI A FAVORE DELL ATTIVITÀ SPORTIVA DILETTANTISTICA AGGIORNATA CON IL DECRETO 28 MARZO 2007 DELLA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LE POLITICHE

Dettagli

IRPEF: redditi da lavoro autonomo e redditi d impresa - D.P.R. 917/86 Tuir -

IRPEF: redditi da lavoro autonomo e redditi d impresa - D.P.R. 917/86 Tuir - PLANNING E CONSULENZA FISCALE E SOCIETARIA a.a.2013-2014 IRPEF: redditi da lavoro autonomo e redditi d impresa - D.P.R. 917/86 Tuir - 1 IRPEF IRPEF: redditi da lavoro autonomo L IRPEF è un imposta personale

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE DEL RENDICONTO ECONOMICO

ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE DEL RENDICONTO ECONOMICO ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE DEL RENDICONTO ECONOMICO Modalità di classificazione 1 Quote associative 2 Contributi per progetti e attività Analisi delle entrate Le macrovoci le entrate vanno classificate

Dettagli

Decreto legislativo sulla disciplina Tributaria degli enti non commerciali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale (ONLUS) DLGS 460/97

Decreto legislativo sulla disciplina Tributaria degli enti non commerciali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale (ONLUS) DLGS 460/97 Decreto legislativo sulla disciplina Tributaria degli enti non commerciali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale (ONLUS) DLGS 460/97 Agevolazioni ai fini delle imposte sui redditi ARTICOLO

Dettagli

REQUISITI PER L ACCESSO E DURATA DEL REGIME

REQUISITI PER L ACCESSO E DURATA DEL REGIME 2 REQUISITI PER L ACCESSO E DURATA DEL REGIME Il REGIME DI VANTAGGIO o nuovo regime dei minimi si rende applicabile: per il periodo d imposta in cui è iniziata l attività e per i 4 successivi; anche oltre

Dettagli

1.a. Aspetti gestionali

1.a. Aspetti gestionali 1.a. Aspetti gestionali Per le Associazioni sportive l attività istituzionale è quella svolta in conformità alle finalità statutarie e rivolta agli associati. Il decreto legislativo del 4 dicembre 1997,

Dettagli

Giovani in Associazione

Giovani in Associazione Giovani in Associazione 16 NOVEMBRE 2011 A cura dei Dottori: Piero Cevola Riccardo Petrignani Componenti del Gruppo di Studio Enti No Profit Ordine Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Torino

Dettagli

IL BILANCIO E LA CONTABILITA NEGLI ENTI NON COMMERCIALI CENNI GENERALI

IL BILANCIO E LA CONTABILITA NEGLI ENTI NON COMMERCIALI CENNI GENERALI S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO IL BILANCIO E LA CONTABILITA NEGLI ENTI NON COMMERCIALI CENNI GENERALI Dott. Corrado Colombo 6/2/2012 - Sala Convegni, corso Europa, 11 - Milano- S.A.F. SCUOLA

Dettagli

Il/La sottoscritto/a. nato/a il. residente in Via/Piazza. in qualità di Legale rappresentante dell Associazione. indirizzo tel.

Il/La sottoscritto/a. nato/a il. residente in Via/Piazza. in qualità di Legale rappresentante dell Associazione. indirizzo tel. LIQUIDAZIONE A SALDO CONTRIBUTO PER ATTIVITA - ANNO Alla COMUNITA ALTO GARDA E LEDRO Ufficio segreteria generale 2 piano Via Rosmini, 5/b 38066 RIVA DEL GARDA Il/La sottoscritto/a nato/a il residente in

Dettagli

RENDICONTO DI GESTIONE AL 31 DICEMBRE 2007. ATTIVO Immobilizzazioni immateriali Software Altre immobilizzazioni immateriali

RENDICONTO DI GESTIONE AL 31 DICEMBRE 2007. ATTIVO Immobilizzazioni immateriali Software Altre immobilizzazioni immateriali Società del Quartetto di Milano Associazione riconosciuta con D.P.R. Lombardia n. 011459 del 16 ottobre 2006 Sede Sociale: Milano - via Durini, 24 Registro Regionale delle Persone Giuridiche n. 2209 Codice

Dettagli

ALLEGATO _A_ Dgr n. 4314 del 29/12/2009 pag. 1/5

ALLEGATO _A_ Dgr n. 4314 del 29/12/2009 pag. 1/5 giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO _A_ Dgr n. 4314 del 29/12/2009 pag. 1/5 BILANCIO FINANZIARIO 2009 (Modello 1) IMPORTI PARZIALI IMPORTI TOTALI 1. LIQUIDITA INIZIALE (cassa+banca+titoli) 15.675,70

Dettagli

GEO-C.A.M. RENDICONTO DELLA GESTIONE AL 31 DICEMBRE 2011 ***

GEO-C.A.M. RENDICONTO DELLA GESTIONE AL 31 DICEMBRE 2011 *** GEO-C.A.M. RENDICONTO DELLA GESTIONE AL 31 DICEMBRE 2011 *** PREVENTIVO 2012 SOMMARIO Situazione Patrimoniale e Rendiconto di Gestione Attività Istituzionale alla data del 31/12/2011 Situazione Patrimoniale

Dettagli

ALLEGATO A Modello di domanda di iscrizione nell Elenco regionale delle associazioni dei consumatori e degli utenti. Domanda di iscrizione

ALLEGATO A Modello di domanda di iscrizione nell Elenco regionale delle associazioni dei consumatori e degli utenti. Domanda di iscrizione ALLEGATO A Modello di domanda di iscrizione nell Elenco regionale delle associazioni dei consumatori e degli utenti Alla REGIONE LIGURIA Settore Staff del Dipartimento Sviluppo Economico e Affari Giuridici

Dettagli

COMUNE DI TOIRANO. Provincia di Savona REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ECONOMATO

COMUNE DI TOIRANO. Provincia di Savona REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ECONOMATO COMUNE DI TOIRANO Provincia di Savona REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ECONOMATO TITOLO I Disposizioni generali Art. 1 Oggetto e scopo del regolamento 1. Il presente regolamento disciplina le procedure di acquisto,

Dettagli

IL MODELLO EAS: LA COMUNICAZIONE DEI DATI RILEVANTI AI FINI FISCALI

IL MODELLO EAS: LA COMUNICAZIONE DEI DATI RILEVANTI AI FINI FISCALI IL MODELLO EAS: LA COMUNICAZIONE DEI DATI RILEVANTI AI FINI FISCALI Cos è il modello EAS L art. 30, commi 1,2,3 e 3 bis del decreto legge 29 novembre 2008, n.185, convertito, con modificazioni dalla legge

Dettagli

CASSA SANITARIA BNL PER IL PERSONALE APPART. ALLE AREE PROFESSIONALI ED AI QUADRI DIRETTIVI

CASSA SANITARIA BNL PER IL PERSONALE APPART. ALLE AREE PROFESSIONALI ED AI QUADRI DIRETTIVI CASSA SANITARIA BNL PER IL PERSONALE APPART. ALLE AREE PROFESSIONALI ED AI QUADRI DIRETTIVI Stato dimostrativo dei conti dal 01/01/2013 al 31/12/2013 Sede in ROMA, VIA DEGLI ALDOBRANDESCHI, 300 Codice

Dettagli

COME AFFILIARSI ALLA FIBa e COME COSTITUIRE UNA NUOVA A.S.A. (Associazione Sportiva Affiliata)

COME AFFILIARSI ALLA FIBa e COME COSTITUIRE UNA NUOVA A.S.A. (Associazione Sportiva Affiliata) COME AFFILIARSI ALLA FIBa e COME COSTITUIRE UNA NUOVA A.S.A. (Associazione Sportiva Affiliata) Come ci si affilia alla FIBa? Come ci si affilia alla FIBa? Innanzitutto occorre dire che sono le Associazioni

Dettagli

TRATTAMENTO FISCALE DI MISSIONI E RIMBORSI SPESE

TRATTAMENTO FISCALE DI MISSIONI E RIMBORSI SPESE TRATTAMENTO FISCALE DI MISSIONI E RIMBORSI SPESE Si riporta di seguito una sintesi delle principali disposizioni normative riguardanti il trattamento di missione e i rimborsi spese. Per maggiori dettagli

Dettagli

Riferimenti il Coordinamento della Gerbera Gialla C.F. 92016330802 Via XXV luglio 1/a 89128 Reggio Calabria

Riferimenti il Coordinamento della Gerbera Gialla C.F. 92016330802 Via XXV luglio 1/a 89128 Reggio Calabria Reggio Calabria Pag. 1 a 7 BILANCIO FINANZIARIO IMPORTI PARZIALI IMPORTI TOTALI 1. LIQUIDITA INIZIALE (cassa+banca+titoli) 6.315,00 ENTRATE 1. QUOTE ASSOCIATIVE 30.00 2. CONTRIBUTI PER PROGETTI E/O ATTIVITA

Dettagli

Capitolo 4 Parte I Contabilità e Bilancio

Capitolo 4 Parte I Contabilità e Bilancio Capitolo 4 Parte I Contabilità e Bilancio 4. 1. Attività istituzionale Definizione. L Attività istituzionale è lo scopo per il quale l associazione si è costituita, uno scopo che non può essere di natura

Dettagli

Relazione al bilancio e nota integrativa

Relazione al bilancio e nota integrativa Alla C.A. dei membri del Co.P.E. Catania, lì 22.04.2014 Relazione al bilancio e nota integrativa Il bilancio chiuso al 31/12/2013, di cui la presente relazione costituisce parte integrante, corrisponde

Dettagli

BILANCIO FINANZIARIO al 31/12/2012

BILANCIO FINANZIARIO al 31/12/2012 Associazione "Erga Omes" - O.n.l.u.s. Finale Emilia IMPORTI PARZIALI IMPORTI TOTALI 1. LIQUIDITA INIZIALE (cassa+banca+titoli) ENTRATE 1. QUOTE ASSOCIATIVE 250,00 2. CONTRIBUTI PER PROGETTI E/O ATTIVITA

Dettagli

ALLEGATO A Dgr n. 4314 del 29/12/2009 1

ALLEGATO A Dgr n. 4314 del 29/12/2009 1 ALLEGATO A Dgr n. 4314 del 29/12/2009 1 BILANCIO FINANZIARIO (Modello 1) IMPORTI PARZIALI IMPORTI TOTALI 1. LIQUIDITA INIZIALE (cassa+banca+titoli) 63,46 ENTRATE 1. QUOTE ASSOCIATIVE 270,00 2. CONTRIBUTI

Dettagli

COMITATO PER IL DONO - ONLUS BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2013 STATO PATRIMONIALE

COMITATO PER IL DONO - ONLUS BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2013 STATO PATRIMONIALE BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2013 STATO PATRIMONIALE ATTIVITA 2013 2012 PASSIVITÀ 2013 2012 Conto corrente 214.612 72.485 Fondi patrimoniali 63.044 0 Immobilizzazioni Software 678 1.355 Riserve 15.396 0 Beni

Dettagli

MEDICI SENZA FRONTIERE ONLUS SITUAZIONE PATRIMONIALE AL 31 DICEMBRE 2009 (IN EURO) 2009 2008 parziali totali parziali totali

MEDICI SENZA FRONTIERE ONLUS SITUAZIONE PATRIMONIALE AL 31 DICEMBRE 2009 (IN EURO) 2009 2008 parziali totali parziali totali ATTIVO A) CREDITI VERSO ASSOCIATI PER VERSAMENTO QUOTE B) IMMOBILIZZAZIONI MEDICI SENZA FRONTIERE ONLUS SITUAZIONE PATRIMONIALE AL 31 DICEMBRE 2009 (IN EURO) 2009 2008 parziali totali parziali totali I

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER DIRIGENTI SPORTIVI DIRIGERE IL VOLLEY. Le problematiche fiscali e le buone prassi nella gestione

CORSO DI FORMAZIONE PER DIRIGENTI SPORTIVI DIRIGERE IL VOLLEY. Le problematiche fiscali e le buone prassi nella gestione CORSO DI FORMAZIONE PER DIRIGENTI SPORTIVI DIRIGERE IL VOLLEY Le problematiche fiscali e le buone prassi nella gestione delle Associazioni Sportive Dilettantistiche A cura del Dott. Fabio Romei Dottore

Dettagli

BILANCIO AL 31.12.2010

BILANCIO AL 31.12.2010 ASSOCIAZIONE DYNAMO CAMP ONLUS Via Ximenes n.716 51028 San Marcello Pistoiese (PT) BILANCIO AL 31.12.2010 ATTIVO Esercizio 2010 Esercizio 2009 A) CREDITI VERSO ASSOCIATI PER VERSAMANTO QUOTE B)IMMOBILIZZAZIONI

Dettagli

SCADENZIARIO FISCALE PER IL MESE DI. Gennaio 2011. Approfondimento su: Rendicontazione del 5 per mille dell irpef

SCADENZIARIO FISCALE PER IL MESE DI. Gennaio 2011. Approfondimento su: Rendicontazione del 5 per mille dell irpef SCADENZIARIO FISCALE PER IL MESE DI Gennaio 2011 Approfondimento su: Rendicontazione del 5 per mille dell irpef Sab. 15 (termine prorogato a lunedì 17) Fattura differita Scade oggi il termine per l emissione

Dettagli

Molti centri sportivi si

Molti centri sportivi si il consulente del club di Luca Mattonai Molti centri sportivi si domandano se possono fare la pubblicità alla propria struttura o ai corsi che istituiscono, ma ad oggi nessun chiarimento è mai giunto da

Dettagli

ISTANZA. Nome e cognome CHIEDE

ISTANZA. Nome e cognome CHIEDE ALLEGATO A/1 ISTANZA ALLA REGIONE LAZIO DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE ECONOMICA E SOCIALE DIREZIONE REGIONALE CULTURA, ARTE E SPORT Area Spettacolo dal Vivo - Promozione e diffusione della Cultura del Cinema,

Dettagli

ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI.

ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI. REGIMI CONTABILI ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI. 1 REGIME ORDINARIO 2 REGIME SEMPLIFICATO

Dettagli

NOTA INFORMATIVA N. 09/2008. MANOVRA D ESTATE 2008 (D.L. 112/2008 convertito in legge in data 05/08/08) PRINCIPALI NOVITA FISCALI

NOTA INFORMATIVA N. 09/2008. MANOVRA D ESTATE 2008 (D.L. 112/2008 convertito in legge in data 05/08/08) PRINCIPALI NOVITA FISCALI Dottori Commercialisti Associati ASSOCIATI: prof. dott. GIOVANNI ALBERTI Professore Ordinario di Economia Aziendale all Università di Verona commercialista revisore contabile dott. CLAUDIO UBINI commercialista

Dettagli

CONTO CONSUNTIVO PER L'ESERCIZIO FINANZIARIO 2013

CONTO CONSUNTIVO PER L'ESERCIZIO FINANZIARIO 2013 RIUNIONE DEL CONSIGLIO DIRETTIVO DEL 14 APRILE 2014 CONTO CONSUNTIVO PER L'ESERCIZIO FINANZIARIO 2013 RENDICONTO FINANZIARIO 2013 CONTO PATRIMONIALE 2013 CONTO ECONOMICO 2013 ATTI DI BILANCIO 2013 CONTO

Dettagli

MODULO CONSUNTIVO 2011

MODULO CONSUNTIVO 2011 Spedire a mezzo RACCOMAN A/R (fa fede il timbro postale) entro il 14/09/2012 Alla Regione Piemonte Direzione Cultura Turismo e Sport Settore Sport Via Avogadro, 30 10121 Torino CODICE CUP: J68J11000360009

Dettagli

Associazione Dimore Storiche Italiane

Associazione Dimore Storiche Italiane Associazione Dimore Storiche Italiane BILANCIO CONSOLIDATO AL 31/12/2009 ATTIVITA' SEDE CENTRALE SEZIONI COMMERCIALE CONSOLIDATO CONSOLIDATO 2009 2008 MOBILI E ARREDI 7.651,38 0,00 0,00 7.651,38 7.651,38

Dettagli

Le Società e le Associazioni Sportive Dilettantistiche

Le Società e le Associazioni Sportive Dilettantistiche Le Società e le Associazioni Sportive Dilettantistiche DISPOSIZIONI E ADEMPIMENTI FISCALI PER L ATTIVITA SPORTIVA DILETTANTISTICA 1 REQUISITI FORMALI la COSTITUZIONE Ai sensi dell art. 90 L. 289/2002 e

Dettagli

Richiesta liquidazione a saldo finanziamento Piano Giovani di Zona 2014

Richiesta liquidazione a saldo finanziamento Piano Giovani di Zona 2014 Richiesta liquidazione a saldo finanziamento Piano Giovani di Zona 2014 N.B.: da compare al termine della realizzazione del progetto, per la liquidazione del finanziamento e COMUNQUE NON OLTRE IL 31/01/2015

Dettagli

FONDAZIONE VIALLI E MAURO PER LA RICERCA E LO SPORT - ONLUS

FONDAZIONE VIALLI E MAURO PER LA RICERCA E LO SPORT - ONLUS FONDAZIONE VIALLI E MAURO PER LA RICERCA E LO SPORT - ONLUS NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO AL 31.12.2007 La Fondazione Vialli e Mauro per la Ricerca e lo Sport Onlus, è un ente che non svolge attività commerciale

Dettagli

FONDO FORMAZIONE SERVIZI PUBBLICI INDUSTRIALI

FONDO FORMAZIONE SERVIZI PUBBLICI INDUSTRIALI FONDO FORMAZIONE SERVIZI PUBBLICI INDUSTRIALI Sede in PIAZZA CAVOUR 3-00100 ROMA (RM) Codice Fiscale 97617590589 Premessa Signori Associati, Attività svolte La vostra Associazione, come ben sapete, promuove

Dettagli

PAGAMENTO COMPENSI MAESTRI

PAGAMENTO COMPENSI MAESTRI 1 PAGAMENTO COMPENSI MAESTRI La Legge Finanziaria per il 2005 ha portato, finalmente, la modifica dell art.67 del Tuir ; modifica che consente di trattare come redditi diversi i compensi erogati ai maestri

Dettagli

Legge 80/2005: Guida alla nuova normativa sulle donazioni

Legge 80/2005: Guida alla nuova normativa sulle donazioni Legge 80/2005: Guida alla nuova normativa sulle donazioni Via Napoleone I, 8-37138 Verona Tel. 045 8102419 - Fax 045 8195686 info@csv.verona.it www.csv.verona.it A. Chi può donare Soggetti all Imposta

Dettagli

SINISTRA ECOLOGIA LIBERTA' Sede in Roma - Via Goito, 39 Codice Fiscale 97591380585. Nota integrativa al Rendiconto chiuso al 31/12/2010

SINISTRA ECOLOGIA LIBERTA' Sede in Roma - Via Goito, 39 Codice Fiscale 97591380585. Nota integrativa al Rendiconto chiuso al 31/12/2010 SINISTRA ECOLOGIA LIBERTA' Sede in Roma - Via Goito, 39 Codice Fiscale 97591380585 Nota integrativa al Rendiconto chiuso al 31/12/2010 Premessa Il rendiconto chiuso al 31/12/2010 ai sensi della legge n.

Dettagli

BILANCIO ECONOMICO ANNO 2014 STATO PATRIMONIALE

BILANCIO ECONOMICO ANNO 2014 STATO PATRIMONIALE BILANCIO ECONOMICO ANNO 214 STATO PATRIMONIALE ATTIVO AL 31/12/214 AL 31/12/213 BENI DUREVOLI CASSA 884 BANCA 28.628 21.12 Conto corrente bancario 1.251 1.422 Conto corrente postale 8.466 3.81 Conto corrente

Dettagli

COBE DIREZIONALE SPA Bilancio al 31 dicembre 2013 Dettaglio costi-ricavi per iniziativa

COBE DIREZIONALE SPA Bilancio al 31 dicembre 2013 Dettaglio costi-ricavi per iniziativa GESTIONE OPERE ACCADEMIA CARRARA Gestione opere Carrara 150.000,00 Riaddebito costi assicurazione 1.781,51 151.781,51 Affitto depositi 29.700,00 Assicurazione 72.102,44 Manutenzione impianti 650,00 Spese

Dettagli

VADEMECUM PER LE ASSOCIAZIONI

VADEMECUM PER LE ASSOCIAZIONI VADEMECUM PER LE ASSOCIAZIONI ASSOCIAZIONE L associazione è un raggruppamento di almeno tre persone che si propongono di perseguire uno scopo comune. Caratteristiche delle associazioni sono: 1. lo scopo

Dettagli

Nota Integrativa al Bilancio Associazione Change Onlus 2012

Nota Integrativa al Bilancio Associazione Change Onlus 2012 Nota Integrativa al Bilancio Associazione Change Onlus 2012 L Associazione si è costituita a Milano il 7 Novembre del 2005 con l obiettivo di destinare il proprio aiuto ai paesi più poveri, attraverso

Dettagli

Carlo Mazzini Consulente Ciessevi -2015 -

Carlo Mazzini Consulente Ciessevi -2015 - Carlo Mazzini Consulente Ciessevi -2015 - Chi, cosa, quando Chi Quando deve rendicontare Cosa Rendicontare correttamente il 5 per mille 2 Chi Onlus incluse ODV Associazioni di promozione sociale iscritte

Dettagli

Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Verona

Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Verona 1 Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Verona 2 Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Verona 3 Ordine degli

Dettagli

La Gestione Separata. Giornata nazionale della previdenza Milano 18 maggio 2013

La Gestione Separata. Giornata nazionale della previdenza Milano 18 maggio 2013 La Gestione Separata Giornata nazionale della previdenza Milano 18 maggio 2013 1 2 L iscrizione E a carico del lavoratore o del professionista Deve essere presentata entro 30 giorni dall inizio dell attività.

Dettagli

I REDDITI DI LAVORO AUTONOMO

I REDDITI DI LAVORO AUTONOMO Torino, 06 maggio 2014 I REDDITI DI LAVORO AUTONOMO Dott. Gustavo Desana DEFINIZIONE CIVILISTICA Il lavoro autonomo civilisticamente ricade nella categoria dei contratti d opera. L art. 2222 C.c. definisce

Dettagli

NOTA INTEGRATIVA AL 31 DICEMBRE 2014

NOTA INTEGRATIVA AL 31 DICEMBRE 2014 Asimmetrie Associazione Italiana per lo studio delle asimmetrie economiche A.P.S. Via Filippo Marchetti, 19 - Roma C.F.: 97758590588 *********************** NOTA INTEGRATIVA AL 31 DICEMBRE 2014 L Associazione

Dettagli

= circolare n. 7 03.12.2008

= circolare n. 7 03.12.2008 = circolare n. 7 03.12.2008 = scadenziario + 16 dicembre + pagamento ritenute, contributi INPS, imposte e l IVA relativo al mese di novembre; versamento del saldo ICI anno 2008 + 29 dicembre + versamento

Dettagli

Regime contabile: ordinario o semplificato

Regime contabile: ordinario o semplificato Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 02 20.01.2014 Regime contabile: ordinario o semplificato A cura di Devis Nucibella Categoria: Versamenti Sottocategoria: In compensazione

Dettagli

STATO PATRIMONIALE. Patrimonio anno precedente 666.346,11 Risultato dell'esercizio 83.511,54 749.857,65

STATO PATRIMONIALE. Patrimonio anno precedente 666.346,11 Risultato dell'esercizio 83.511,54 749.857,65 CREDITI ATTIVITA' STATO PATRIMONIALE ANNO 2014 Crediti per Irap 310,31 Ritenute fiscali 323,71 Totale crediti 634,02 DISPONIBILITA' LIQUIDE C/c bancari Cariparama 458.562,14 Banco Popolare 58.333,42 Unicredit

Dettagli

Procedura. Amministrativo-Contabile. Servizio di Cassa Interno. Gestione Servizio di Cassa Interno

Procedura. Amministrativo-Contabile. Servizio di Cassa Interno. Gestione Servizio di Cassa Interno Procedura Amministrativo-Contabile Servizio di Cassa Interno Gestione Servizio di Cassa Interno (Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 27/06/2012) Art. 1. OBIETTIVO La presente procedura contiene

Dettagli