Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM Futuro Remoto. Dispensa AFFIDABILITA CREDITIZIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Dispensa AFFIDABILITA CREDITIZIA"

Transcript

1 AREA FINANZA

2 DISPENSA FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM Futuro Remoto Dispensa AFFIDABILITA CREDITIZIA ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA

3 INDICE Affidabilità creditizia 3 Introduzione 3 Prestiti personali 3 Stabilità... 4 Informazioni personali... 4 Reddito... 4 Dati pubblici... 4 Altre fonti informative sui crediti... 5 Criteri dei finanziatori... 6 Prestiti alle Imprese 6 Referenze commerciali... 7 Referenze bancarie... 7 Agenzie di Referenze finanziarie... 7 Cambiamenti indotti dall applicazione in Italia del nuovo accordo sul capitale (Basilea 2) 8 Perché Basilea Modalità di valutazione dell affidabilità delle imprese... 9 Basilea 2 per lo start up d impresa

4 AFFIDABILITÀ CREDITIZIA INTRODUZIONE Proviamo a riflettere a partire da un quesito. Come rispondereste a qualcuno che vi chiede di acquistare oggi un prodotto che andrà a pagarvi tra un mese? E assai probabile che il tipo di risposta che andrete a dare dipende dalla persona che vi fa la richiesta. Se si tratta di una persona che già conoscete e di cui vi fidate potreste essere propensi a rispondere positivamente. Ma se, invece, si trattasse di una persona a voi non nota la tentazione di non accogliere la richiesta sarebbe forte. E fareste bene ad essere accorti visto che, dopotutto, i ritardi nei pagamenti, e soprattutto i crediti non riscossi, rappresentano uno dei motivi principali che spingono al fallimento le imprese. Appare logico, pertanto, ritenere che un azienda debba sempre verificare preliminarmente l affidabilità di un cliente prima di offrirgli della merce o dei servizi a credito in modo da limitare il rischio di non veder onorato il previsto pagamento. Per meglio comprendere l esigenza proviamo a concentrarci anche sull altra faccia della medaglia. Se fossimo noi a dover chiedere un prestito ad un fornitore o ad una banca dovremmo attenderci una loro verifica preventiva all eventuale concessione. Come ci renderemo presto conto, sarà possibile acquisire le necessarie informazioni presso molteplici fonti. Il grado di affidabilità creditizia assegnato ad una persona o ad un azienda sta ad indicare ad un potenziale creditore il grado di rischio che sta andando ad assumere laddove vada a concordare un credito proprio a quella persona o a quell azienda. Naturalmente si tratta di una valutazione che non fornisce alcuna garanzia sull effettivo rispetto da parte del debitore dei tempi di pagamento ma, almeno, fornisce una misura preventiva sulla base della quale decidere se concedere o meno il credito, entro quali limiti e a quali condizioni. Visto dal punto di vista di chi sta andando a richiedere un credito, poter contare su una buona affidabilità creditizia (definita anche come merito del credito ) significa vedere aumentate significativamente le proprie possibilità di trovare accolte le proprie esigenze. Ciò, naturalmente, comporta spesso anche l applicazione di migliori condizioni proprio nei confronti di quei soggetti in grado di rappresentare una migliore affidabilità creditizia. PRESTITI PERSONALI Molte piccole nuove imprese si affidano a forme di prestito personali per supportare le proprie aziende fin tanto che non sia raggiunto un significativo livello di operatività. Ciò si deve soprattutto in virtù della maggiore facilità con cui è possibile accedere a queste forme di finanziamento rispetto alla concessione di uno scoperto bancario o di un mutuo. E, comunque sia, è noto come le banche frequentemente sollecitino ad offrire la casa o altro bene quale garanzia a supporto della concessione di uno scoperto bancario o di un mutuo. Gran parte delle richieste di prestiti personali sono esaminate rispetto a dei criteri prestabiliti. Soddisfacendo alle richieste del finanziatore si vanno ad incrementare le possibilità che la richiesta sia accolta senza alcun rimaneggiamento delle informazioni mirata a garantire un indebito vantaggio che rientrerebbe nell ambito delle frodi. Del resto dal solo nome ed indirizzo il finanziatore può accedere ad una grande mole di informazioni che possono essere utilizzate per verificare la correttezza, l accuratezza e l affidabilità delle vostre risposte. La gran parte dei finanziatori adotta una tecnica di classificazione del credito che serve a valutare le richieste di concessione di prestiti personali. In qualche caso, la valutazione è fatta a mano a partire dalle informazioni acquisite all interno di un modulo sottoscritto dal richiedente anche se, sempre più spesso, si procede automaticamente avvalendosi delle moderne tecnologie informatiche. Le tecniche alla base della classificazine del credito sono abbastanza semplici ed hanno quale base il principio che il futuro è assimilabile al passato. 3

5 In virtù di questa assunzione, il personale incaricato del sistema di classificazione del credito va ad esaminare i dati relativi al recente passato (in genere relativo agli ultimi mesi) alla ricerca delle similitudini o delle differenze che sono poi utilizzate per determinare le caratteristiche tipo delle categorie dei cliente buoni, cattivi o indeterminati. In pratica, sulla base degli elementi raccolti si va a delineare il profilo del richiedente ideale, ovverosia di quello che certamente onorerà il proprio debito! A partire da questo profilo si procede, quindi, all esame delle singole richieste per comparazione con concomitante assegnazione di punteggi a seconda, sia di quanto le singole caratteristiche risultino prossime a quelle del richiedente ideale, sia della rilevanza della singola caratteristica rispetto alla valutazione complessiva. Nel corso dell elaborazione si va, generalmente, ad assegnare punteggi relativamente alle seguenti categorie: Stabilità Il punteggio acquisito dipende dalle risposte fornite con riferimento a quesiti incentrati sul fattore tempo, quale ad esempio l età, i tempi di residenza e l anzianità lavorativa. Si tratta di elementi difficile da migliorare senza incorrere in bugie. Conviene inoltre non cambiare indirizzo troppo di frequente e, comunque sia, disporre dell elenco di indirizzi degli ultimi tre anni; senza una chiara traccia dei propri spostamenti si corre il rischio di essere valutati come soggetti che vogliano nascondersi. Informazioni personali In questo caso si vanno ad esaminare le risposte fornite a quesiti quali se si è sposati o meno, se si ha figli, quale sia l occupazione, se si è proprietari dell appartamento in cui si vive, nonché se la richiesta sia effettuata a titolo personale o anche per conto di un partner. Anche in questo caso è piuttosto difficile barare ma dalle risposte offerte si possono offrire contributi a incrementare le speranze di accoglimento delle richieste. Ove vi siano le condizioni, conviene presentare una richiesta congiuntamente con il proprio partner in quanto ciò fornisce al finanziatore la garanzia che siano a disposizione due redditi per il ripianamento del debito (nonché due soggetti su cui attivarsi con azioni di recupero nel caso le cose dovessero andare male!). Ciò vale soprattutto nei casi di regime di separazione dei beni. E opportuno non indicare i figli maggiorenni, specie se già lavorano in quanto tale informazione porta a far ritenere che si tratta di soggetti che, impropriamente, continuano ad essere a carico della famiglia. Occorre poi accertarsi che i campi relativi all impiego siano stati opportunamente compilati: in termini di punteggio la classificazione prevede per professionisti, impiegati e operai l applicazione di punteggi via, via inferiori. Il proprio lavoro va quindi opportunamente evidenziato. Non va dimenticato, ovviamente, che i ruoli di responsabilità o di supervisione sono valutati meglio, in termini di punteggio attribuito, rispetto a mansioni prive di alcuna responsabilità. Reddito A dispetto di quanto si possa pensare, i redditi e le spese non contribuiscono molto nella classificazione in termini di punteggio. Tuttavia, questioni legali sui livelli di debito personali e sulla condivisione di responsabilità da parte del concedente il credito hanno sollecitato l inserimento di questi campi, che consentono di determinare un indice di sostenibilità, ovverosia, sei in grado di garantire la restituzione? Questa sezione dovrebbe rappresentare una sorta di analisi preventiva sulla base del budget in modo da evitare di sottoporre richieste in caso, poi, non si sia in grado di adempiere alle relative conseguenze. Bisogna quindi accertarsi di aver ben compreso i criteri e, ove previsto, fornire i dati relativi al reddito sia prima che dopo le tasse. Inoltre, occorre controllare quali redditi aggiuntivi possano essere evidenziati ed elencare le uscite su base realistica. Come al solito ciò che conta di più è essere chiari. Dati pubblici Questi comprendono tutte le informazioni archiviate su ciascuna persona, sull ambito in cui vive e lavora, così come sono desunti da numerose fonti informative. Naturalmente si tratta di dati 4

6 che non comprendono le cosiddette informazioni sensibili quali l appartenenza ad una fede religiosa, l iscrizione ad una formazione politica ecc.. Possono, tuttavia comprendere l iscrizione ad una sezione elettorale visto che, in caso di problemi legali, interviene l inibizione al diritto di voto. In tal senso, è sempre bene evidenziare l assenza di vuoti nelle registrazioni presso le sezioni elettorali. Dati provenienti sia dai censimenti che da ricerche di marketing possono fornire elementi descrittivi sulle caratteristiche della zona in cui vive ed opera il debitore. Se nei fatti non è consentita l applicazione di linee rosse (la pratica di non concedere prestiti a chiunque risieda in particolari località o in particolari indirizzi), le informazioni disponibili a livello di codice postale sono comunque utili a fornire un contributo sul merito del credito di un richiedente soprattutto se incrociate con altre informazioni. Rientrano, inoltre, tra i dati pubblici anche gli archivi sui cittadini protestati a fronte di precedenti insolvenze e quelli dei soggetti che abbiano precedentemente contribuito a fallimenti. Altre fonti informative sui crediti Sul mercato operano una serie di società private la cui attività è di raccogliere informazioni sui crediti di cittadini e/o imprese. La chiave di successo di queste società sta nel costruire delle basi informative condivise in cui confluiscono le transazioni contabili dei conti correnti che, consolidati su più anni, vanno a costituire un patrimonio informativo di centinaia di milioni di registrazioni. Tra questi elementi vi sono informazioni dettagliate sia sui prestiti concessi che sulle restituzioni, sia sulle nuove aperture di conti correnti che sulle chiusure e molto altro ancora. In questo caso il finanziatore ha la possibilità di verificare preventivamente l esistenza di altri prestiti ed i rispettivi importi che potranno essere utilizzati, sia per valutare la sostenibilità effettiva, sia per confrontarli con i dati raccolti nel formulario di richiesta. Un fattore che contribuisce alla valutazione del cliente è, inoltre, il numero stesso di ricerche archiviate da parte dei vari utenti a questi tipi di servizi. Il trovar traccia di eccessive e frequenti richieste su una società o su una persona può essere, infatti, sintomatica di uno stato di disperazione o di potenziali frodi. Va tenuto presente quindi, che nel richiedere una nuova carta di credito gratuita o nello sfruttare dilazioni di pagamento a tasso zero, vi sono sempre interrogazioni a questi tipi di servizi e che le stesse sono puntualmente registrate e vanno ad incrementare il numero di ricerche sul conto di ciascuna persona. Trovare traccia entro un breve periodo di un numero elevato di ricerche sul conto di una persona (ad esempio in meno di sei mesi) è presumibile porti con sè anche qualche impatto sulla valutazione della relativa affidabilità creditizia. E consigliabile farsi verificare la propria affidabilità creditizia almeno una volta l anno e, comunque, ogni qual volta vi sia un inatteso rifiuto nella concessione di un credito. Si tratta di una richiesta del tutto legale ed il cui costo risulta abbastanza contenuto (nell ordine di qualche euro). In questo caso, qualsiasi anomalia potrà essere indirizzata ad una giusta soluzione, anche attraverso delle richieste di rettifica formalizzate al proprio finanziatore attraverso proprie illustrazioni dei fatti e corredate dell invito a condividere la rettifica con altri finanziatori. Contrariamente a quanto si dica, non esiste alcuna lista nera stilata dalle agenzie, ma semplicemente queste possono contare su un patrimonio condiviso di informazioni provenienti da molteplici fonti e costantemente aggiornato. Attraverso il contenuto di questi archivi, gli operatori sono in grado di fornire risposte ai finanziatori che, sulla base della loro attitudine al rischio, potranno decidere se concedere o meno il credito nonché a stabilirne le relative condizioni. Ciò significa che, se è vero che alcune forme di credito sono a disposizione della gran parte della popolazione maggiorenne, le condizioni potrebbero essere più stringenti e più costose verso coloro che precedentemente si siano resi protagonisti di prestiti non restituiti nei termini concordati. 5

7 Criteri dei finanziatori I singoli finanziatori sono in concorrenza nell accaparrarsi un numero limitato di buoni clienti poco rischiosi a cui desiderano dare in prestito una quantità limitata di denaro. E importante comprendere la propensione al rischio che un particolare finanziatore decide di adottare. Si tratta di un elemento non formalmente divulgato, ma gli intermediari sono in grado di comprendere se un determinato livello di rischio possa essere accettato o meno. In proposito si evidenzia come proprio per effetto di questa sensibilità sia andata prendendo piede la presenza di operatori intermedi in grado di indirizzare al meglio le richieste di finanziamento, soprattutto nel caso di quelle a più alto rischio che sono tipicamente bilanciate a fronte dell applicazione di più alti tassi di interesse. Inutile dire come i finanziatori operino all insegna della propria redditività. In termini di costi, il processo sottostante alla concessione di un prestito da 500 è del tutto assimilabile a quello sottostante un prestito da ed è proprio per questo che spesso risultano scoraggiati ed osteggiati i prestiti di bassa entità sino a sembrare i più difficili da ottenere. Gli obiettivi di redditività spingono, inoltre, gli operatori a valutare se il finanziamento possa essere affiancato dalla collocazione di ulteriori prodotti e/o servizi, con influenza stessa nella decisione sul rischio da assumere. PRESTITI ALLE IMPRESE Le imprese possono contare su numerose fonti di finanziamento che vanno dall apporto di capitale di rischio da parte di società di venture capital e business angels, sino allo scoperto bancario o ai mutui a condizioni prefissate da parte delle banche. E assai probabile che la gran parte dei finanziatori adotti qualche criterio di valutazione sull affidabilità creditizia delle imprese. Più nello specifico, alcune banche hanno avviato l utilizzo di un sistema di classificazione del credito simile a quello utilizzato per le richieste di credito personale. Si tratta tuttavia di sistemi non più utilizzati nei confronti degli start up aziendali. Un altra fonte finanziaria piuttosto diffusa tra le aziende è costituita dal credito commerciale concesso dai fornitori. E chiaro come il principale beneficio derivante dalla possibilità di potersi avvalere di merce e servizi a credito sia quello di non dover provvedere al contestuale pagamento con ovvie benefiche ripercussioni sui flussi di cassa. Consente inoltre di iniziare a sviluppare una credibilità storica in relazione al credito che possa essere successivamente utilizzata per future esigenze. Abbastanza semplicemente, infatti, nel caso un azienda sia in grado di testimoniare la fiducia riscossa presso un impresa fornitrice e la propria capacità di onorare nei termini i propri debiti, sarà probabile che possa riuscire a trovare altre imprese che saranno disponibili a concedere crediti. Naturalmente, gli elementi fondamentali alla base dell attrattività dell acquisto a credito di beni e servizi da parte delle imprese è costituito dall assenza di immediato esborso mentre ciò che spinge i fornitori a concedere crediti ai propri clienti è la possibilità di poter contare su dei punti vendita anche in assenza di un proprio investimento diretto. E ciò naturalmente configura la presenza di benefici reciproci in favore dei due soggetti coinvolti. Non per nulla le aziende che forniscono i propri clienti, concedendo loro dei crediti, vendono di più rispetto a quelle che, invece, sollecitano un pagamento in contanti. Ciò sollecita implicazioni in termini di fiducia riposta nella vendita a credito che, tuttavia, va a rafforzare la relazione tra cliente e proprio fornitore. Ciò non significa che diventi sempre più facile ottenere crediti dai propri fornitori. L offerta di credito da parte di un fornitore dipende, del resto, da numerosi fattori alcuni dei quali non hanno nulla a che fare con il cliente. Ad esempio, le imprese che vendono beni durevoli si dimostrano più orientate a concedere crediti rispetto a quelle impegnate nella commercializzazione di beni più rapidamente deperibili. L impostazione dipende inoltre dalle politiche sul credito adottate dai loro stessi concorrenti. Laddove tutti i loro principali concorrenti stiano offrendo la concessione di termini di pagamento ampi ai loro 6

8 clienti è assai probabile che il vostro fornitore si senta sotto pressione ed a rischio di perdere i clienti già consolidati. Di converso, nel caso lo standard di un settore di business preveda il pagamento anticipato per quale motivo un fornitore dovrebbe assumersi il rischio di offrire crediti ai propri clienti? E naturalmente, tanto più risultino problematici i flussi di cassa di un fornitore, tanto maggiore sarà la possibilità di non poter garantire alcuna concessione di crediti ai propri clienti. Se così fosse non vi sarebbe alcuna alternativa rispetto a quella di dover pagare la merce acquistata in contanti. Ipotizziamo che un fornitore sia propenso a concedere inizialmente dei crediti ai propri clienti e, in tal senso, vada ad effettuare una valutazione del richiedente. Ci sono quattro quesiti chiave a cui il fornitore deve fornire risposta (analogamente avverrebbe nel caso si decida di concedere crediti ai propri clienti): Il cliente potrà pagare? Il cliente pagherà? Se così fosse, quando pagherà? In caso contrario, posso vincolare il cliente al pagamento? Per rispondere a questi quesiti il fornitore va, tipicamente, a ricercare informazioni sul credito su di voi presso le seguenti fonti: Referenze commerciali Si tratta di elementi che costituiscono uno strumento piuttosto diffuso per valutare l affidabilità creditizia di un cliente. Ma è in ribasso per almeno due motivi. Innanzitutto vi è la tendenza dei clienti a riportare come proprie referenze solo quelle imprese nei cui confronti abbia provveduto a pagare prontamente. Inoltre, vi è una certa riluttanza delle imprese a fornire delle informazioni che potrebbero favorire un azienda concorrente. Si tratta tuttavia di informazioni ancora utilizzate, soprattutto quando vi siano poche alternative disponibili. Referenze bancarie Anche l utilizzo delle referenze bancarie sta assistendo ad un significativo declino contemporaneamente al rafforzamento di altre fonti informative. Tuttavia, al pari delle referenze commerciali, sono ampiamente utilizzate quando vi siano poche alternative praticabili. Le banche poi stanno diventando sempre più sensibili ai problemi potenziali a cui potrebbero dover rispondere sui soggetti che, nonostante le referenze consolidate nei rapporti con il sistema bancario, dovessero poi finire male. In tal senso, provvedono spesso a fornire referenze unicamente ad altre banche ed utilizzando un proprio linguaggio specifico. L indagine più comune va delineandosi nei termini di Vi prego di fornirci la vostra opinione circa l affidabilità della X srl per Y mensili. Le risposte tendono a classificarsi in: - Priva di dubbi rappresenta la migliore referenza disponibile - Sembra risultare buona rappresenta una risposta standard che significa che il conto è in ordine - Sebbene gli elementi sembrano essere superiori a quelli soliti, riteniamo che la X srl non vada a compromettersi in azioni che non possa soddisfare significa che il conto è in ordine ma che l importo a credito potrebbe creare qualche problema - Rispettabilmente introdotta hanno altre relazioni o precedenti relazioni con il direttore ma è probabile sia una nuova società - Non abbiamo adeguate conoscenze probabilmente si tratta di un nuovo conto o di un conto secondario - Non siamo in grado di rappresentare elementi potrebbe trattarsi di un nuovo conto ma è probabile che sia un chiaro avvertimento di problemi che la banca potrebbe incontrare Agenzie di Referenze finanziarie C è molta più competizione nello scenario commerciale che nell utilizzo dei dati sul credito personale. Non sono infatti molti gli operatori accreditati. 7

9 Nella maggior parte dei casi si tratta di operatori in grado di fornire informazioni secondo una scala di prezzi più si è disponibili a pagare, maggiori dettaglio si hanno. Un report tipico medio comprende elementi dedotti dagli ultimi estratti conto, dettagli sulla dirigenza fino a qualche raccomandazione sui limjti di credito. Report più dettagliati vanno ad incrociare gli elementi con quelli provenienti da altre fonti tra le quali quelle giudiziarie. Potrebbero inoltre comprendere anche dati di trend contabili e i principali indicatori. La maggior parte di queste informazioni provengono dalla Centrale dei Bilanci e l azienda non ha alcuna possibilità di influenzare il modo in cui queste informazioni siano presentate. Senza ricorrere a contabilità creativa è assai difficile influenzare questi indici, soprattutto quando osservati lungo un orizzonte di medio-lungo periodo. CAMBIAMENTI INDOTTI DALL APPLICAZIONE IN ITALIA DEL NUOVO ACCORDO SUL CAPITALE (BASILEA 2) La prevista introduzione con decorrenza 2007 del nuovo accordo sul capitale meglio noto come Basilea 2 formulato dal Comitato per la Vigilanza bancaria sta suscitando curiosità unite a perplessità e timori circa i risvolti che la sua applicazione comporterà soprattutto per le piccole e medie imprese. Con Basilea 2, il nuovo accordo internazionale sui requisiti patrimoniali, i soggetti finanziatori tenderanno ad adottare sistemi di analisi più efficaci che saranno tanto più pregnanti quanto più, in linea con la naturale tendenza anche da parte delle misure agevolative statali e a carattere locale, legate a meccanismi di rimborso del finanziamento riconosciuto Il dubbio per il tessuto imprenditoriale è che Basilea 2 rappresenti un freno allo sviluppo delle imprese e che i giudizi su queste possano uscire penalizzati dall applicazione dei sistemi di rating, benché basati su metodologie statistiche consolidate nell esercizio pluriennale. A tal proposito di seguito si riporta una breve panoramica delle principali caratteristiche dei modelli di rating, il cui obiettivo del normatore è di non costituire un voto ma un indicatore sintetico, condivisibile ed utilizzabile nell ambito stesso dei processi di finanziamento alle imprese. Perché Basilea 2 Ogni volta che un soggetto concede un prestito, sia esso lo Stato attraverso le sue dirette emanazioni o semplicemente un istituto finanziario, è chiamato ad accantonare una certa parte del proprio patrimonio per far fronte all ipotesi che il prestito non sia rimborsato. Con Basilea 2 si prevede che: ciascuna di queste operazioni comporti l assunzione di un rischio il rischio debba essere preventivamente quantificato e supportato da capitale di vigilanza Si tratta di regole mirate a assicurare una maggiore solidità ed efficienza al sistema e che diverranno operative a partire dal Nei fatti Basilea 2 riguarda in modo diretto ed immediato il sistema finanziario (principalmente le banche) ma va a coinvolgere indirettamente il sistema delle imprese (comprese quelle individuali, di artigiani, familiari ecc..) perché il sistema basato sui meccanismi di accantonamento del patrimonio sono correlati all affidabilità delle imprese stesse. L effetto atteso ed auspicato è quello di dar vita ad un ciclo virtuoso mirato a incentivare e a valutare le imprese in modo più rigoroso in modo da favorire quelle più meritevoli attraverso migliori condizioni di accesso al credito. A parità di merito creditizio, l obiettivo indiretto di Basilea 2 è di andare a premiare le imprese più trasparenti. La contropartita è data dall acquisizione di informazioni più dettagliate utili a valutare in maniera più efficiente la capacità di credito ed il futuro dell impresa: riguardo elementi qualitativi rispetto alle prospettive strategiche di tipo commerciale, produttive, di mercato ecc. riguardo elementi quantitativi, principalmente riferiti ai flussi economico-finanziari (bilanci, budget, crediti vs. debiti, capitale circolante ecc.) 8

10 Ciascuna impresa sarà chiamata a presentarsi con le carte in regola e aperta a creare con il proprio finanziatore un rapporto costruttivo e basato su trasparenza e fiducia. Modalità di valutazione dell affidabilità delle imprese Con Basilea 2 ciascun operatore/finanziatore continuerà ad essere libero di definire un proprio sistema di valutazione a partire da tre metodi (standard, dei rating interni nelle due varianti base ed avanzato) che si vanno ad adattare sulle dimensioni e sulle capacità di gestione del rischio. La scelta è comunque condizionata da due fattori: di investimento per la implementazione in quanto più sono complessi e più tendono a costare di autorizzazione da parte della Banca d Italia per l utilizzo del modello ai fini del calcolo dei requisiti patrimoniali nei casi di metodi dei rating interni. Al centro del modello vi è il rating inteso quale giudizio con il quale va ad esprimersi la capacità del soggetto richiedente l accesso al finanziamento di poterlo rifonderlo. Alla fine del processo all impresa viene così assegnata una classe di rating di appartenenza, sintesi delle informazioni qualitative e quantitative poste a disposizione o eventualmente acquisite su altri fronti. Si tratta di un rating che, in particolare nelle richieste di accesso a misure finanziarie agevolative, risulterà elaborato sulla base di metriche interne presumibilmente ricondotte al metodo standard e che risulterà non immutabile ma destinato a controlli ed aggiornamenti periodici sulla base delle informazioni disponibili. Ciascun soggetto finanziatore potrà elaborare dei propri modelli di valutazione attraverso i quali giungere a giudizi anche differenti rispetto ad un medesimo soggetto, seppure presumibilmente non molto discordanti laddove validati dall autorità vigilante e, pertanto, associati ad una procedura oggettiva, documentata, perfezionata nel tempo e fondata su dati storici ampi ed approfonditi. Gli elementi rispetto ai quali sarà posto principalmente l accento sono in parte già quelle di rilievo nella valutazione dei Piani d Impresa quali: caratteristiche dell impresa e del suo business finalità per cui si richiede l accesso alla misura/forma finanziaria/agevolativa capitale investito nell impresa a cui vanno ad aggiungersi ulteriori elementi quali: capacità di rimborso insieme delle relazioni intercorse nel tempo tra impresa e sistema creditizio/ finanziario Lo schema di Basilea2 non prevede una lista di informazioni obbligatorie o predefinite ai fini della valutazione delle imprese e di definizione del rating ad essa corrispondente. Ciascun soggetto procederà come oggi ad una sua istruttoria tenendo conto delle dimensioni, delle caratteristiche e del fabbisogno dell impresa richiedente il finanziamento. Ciò che potrebbe cambiare è soprattutto la qualità delle informazioni che saranno richieste ed il modo di valutarle. Basilea 2 per lo start up d impresa Nel caso di start up, l assenza di informazioni storiche sul soggetto richiedente dal quale dedurre il valore dell impresa, sposta il baricentro della valutazione sulle informazioni di carattere qualitativo. Se si vuole è proprio il segmento delle neo-nate imprese, ed in particolare quelle destinate a nascere con il supporto finanziario esterno di soggetti terzi, a risultare modificato in modo assolutamente marginale da Basilea 2. In questo ambito continuerà a risultare fondamentale la messa a disposizione con adeguato dettaglio delle informazioni relative alle previsioni economico-finanziarie elaborate a fronte di business plan, piani di sviluppo ed analisi del mercato. Nel contempo ulteriori elementi rilevanti che saranno presi in particolare considerazione saranno la qualità del management nonché il capitale di rischio posto a disposizione dall imprenditore stesso e dai suoi soci. Per quanto riguarda gli ulteriori elementi: continuerà a risultare fondamentale ai fini del rating l andamento nel tempo della redditività 9

11 risulteranno penalizzate le condizioni di sottocapitalizzazione, ovverosia caratterizzate da un supporto di capitale di rischio inferiore a quelle funzionali a assicurare le auspicate prospettive di sviluppo risulteranno avvantaggiate le condizioni di equilibrio finanziario caratterizzate da un basso indebitamento rispetto al patrimonio e da un ricorso non diffuso dell indebitamento a breve termine il settore in cui andrà ad operare l impresa nascente sarà utilizzato dal valutatore per giudicare le effettive prospettive reddituali e di mercato 10

IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE

IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE Un decalogo per l impresa ODCEC Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Macerata e Camerino Confidi Macerata Società Cooperativa per Azioni Possiamo

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING Relatore : Marino Baratti Credemfactor spa Pag. 1/8 Il rapporto tra PMI e Sistema creditizio L applicazione della nuova

Dettagli

Le Operazioni di Impiego: ISTRUTTORIA DI FIDO E VALUTAZIONE DELLE GARANZIE. Università degli Studi di Teramo - Prof.

Le Operazioni di Impiego: ISTRUTTORIA DI FIDO E VALUTAZIONE DELLE GARANZIE. Università degli Studi di Teramo - Prof. ISTRUTTORIA DI FIDO E VALUTAZIONE DELLE GARANZIE 1 Ogni operazione di prestito concessa dalle banche a favore del soggetto che ne ha fatto richiesta prevede due FASI PRELIMINARI alla stipula del contratto

Dettagli

LA GESTIONE PRESTITI

LA GESTIONE PRESTITI LA GESTIONE PRESTITI LA MANIFESTAZIONE DEL RISCHIO DI CREDITO IL CONTRATTO DI DEBITO (PRESTITO) PREVEDE DUE PRESTAZIONI NON CONTESTUALI E UNA CONDIZIONE DI INCERTEZZA FINO ALLA DATA DEL RIMBORSO NELL IPOTESI

Dettagli

IL FIDO BANCARIO. Prof. Pietro Samarelli

IL FIDO BANCARIO. Prof. Pietro Samarelli IL FIDO BANCARIO Prof. Pietro Samarelli In questo modulo: il fido bancario e le sue classificazioni modalità di utilizzo regole tecniche e amministrative dei fidi la Centrale dei rischi i Confidi Basilea

Dettagli

Regione Liguria. Vademecum BASILEA 2. In collaborazione con

Regione Liguria. Vademecum BASILEA 2. In collaborazione con Regione Liguria Vademecum BASILEA 2 In collaborazione con BASILEA2: RISCHIO O OPPORTUNITÀ IL NUOVO ACCORDO DI BASILEA SUL CAPITALE A GARANZIA DELLA SOLVIBILITÀ DEL SISTEMA BANCARIO INTERNAZIONALE I TRE

Dettagli

Il fido bancario quale forma di finanziamento delle imprese industriali

Il fido bancario quale forma di finanziamento delle imprese industriali Il fido bancario quale forma di finanziamento delle imprese industriali Traccia di Economia aziendale di Emanuele Perucci Il candidato, dopo aver sinteticamente illustrato le varie forme di finanziamento

Dettagli

L ECONOMICITÀ AZIENDALE

L ECONOMICITÀ AZIENDALE L ECONOMICITÀ AZIENDALE IMPRESA tende alla sopravvivenza (autonoma) nel tempo 1 a condizione: Equilibrio economico Risorse consumo (utilizzazione) Collocamento l azienda deve conseguire in volume di ricavi

Dettagli

IL COLLEGIO DI MILANO

IL COLLEGIO DI MILANO IL COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: - Prof. Avv. Antonio Gambaro Presidente (Estensore) - Prof. Avv. Emanuele Cesare Lucchini Guastalla Membro designato dalla Banca d'italia - Avv. Valerio Sangiovanni

Dettagli

PRIMA PARTE Dalla Relazione sulla gestione al bilancio di Alfa spa al 31/12/2014 si desumono le seguenti informazioni:

PRIMA PARTE Dalla Relazione sulla gestione al bilancio di Alfa spa al 31/12/2014 si desumono le seguenti informazioni: Svolgimento a cura di Lucia Barale Pag. 1 a 13 Esame di Stato 2015 Istituto Tecnico - Settore economico Indirizzi: Amministrazione, Finanza e Marketing e Articolazione Sistemi informativi aziendali Svolgimento

Dettagli

Cogliere le opportunità del mercato del credito al consumo

Cogliere le opportunità del mercato del credito al consumo Cogliere le opportunità del mercato del credito al consumo Per cogliere le opportunità offerte dal mercato del credito al consumo è fondamentale per gli operatori dotarsi di un reale vantaggio competitivo

Dettagli

IL LEASING FINANZIARIO E GLI ALTRI FINANZIAMENTI: CONFRONTO AI FINI DELLA RAPPRESENTAZIONE IN BILANCIO E DEI RISVOLTI SUL RATING

IL LEASING FINANZIARIO E GLI ALTRI FINANZIAMENTI: CONFRONTO AI FINI DELLA RAPPRESENTAZIONE IN BILANCIO E DEI RISVOLTI SUL RATING IL LEASING FINANZIARIO E GLI ALTRI FINANZIAMENTI: CONFRONTO AI FINI DELLA RAPPRESENTAZIONE IN BILANCIO E DEI RISVOLTI SUL RATING 1. Introduzione L imprenditore intenzionato ad acquisire un nuovo bene per

Dettagli

Le 6 regole fondamentali per un sicuro accesso al credito.

Le 6 regole fondamentali per un sicuro accesso al credito. Le 6 regole fondamentali per un sicuro accesso al credito. Torino, 18 settembre 2006 Indice Introduzione...p. 3 Le 6 regole fondamentali...p. 3 Introduzione Come abbiamo rilevato nei precedenti articoli

Dettagli

CAP. 4. IL BUSINESS PLAN: UNO STRUMENTO GESTIONALE A SUPPORTO. 4.1 Introduzione. 4.2. Struttura del business plan

CAP. 4. IL BUSINESS PLAN: UNO STRUMENTO GESTIONALE A SUPPORTO. 4.1 Introduzione. 4.2. Struttura del business plan CAP. 4. IL BUSINESS PLAN: UNO STRUMENTO GESTIONALE A SUPPORTO DELL ATTIVITA ESTRATTIVA 4.1 Introduzione Il business plan è lo strumento alla base di ogni processo di pianificazione sistematico ed efficace.

Dettagli

prima della gestione.

prima della gestione. 1 Il Business Plan per l impresa alberghiera è uno strumento fondamentale per programmare e controllare la gestione delle attività alberghiere volto ad esplicitare, esaminare e motivare in modo completo

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Metodologia di rating

CERVED RATING AGENCY. Metodologia di rating CERVED RATING AGENCY Metodologia di rating maggio 2014 1 SOMMARIO IL RATING - DEFINIZIONE...3 LA SCALA DI RATING...3 IL MODELLO DI RATING...5 LA BASE INFORMATIVA...6 LE COMPONENTI DELL ANALISI...7 Cebi

Dettagli

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito I servizi di finanziamento Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito I servizi di finanziamento e di hedging I prestiti sono concessi nell ambito di un predefinito rapporto di fido o di affidamento

Dettagli

Informazioni di base...3. Principali tipologie di mutuo...5 MUTUO A TASSO FISSO...5 MUTUO A TASSO VARIABILE...6 MUTUO A TASSO MISTO...

Informazioni di base...3. Principali tipologie di mutuo...5 MUTUO A TASSO FISSO...5 MUTUO A TASSO VARIABILE...6 MUTUO A TASSO MISTO... GUIDA SUI MUTUI Sommario Informazioni di base...3 Principali tipologie di mutuo...5 MUTUO A TASSO FISSO...5 MUTUO A TASSO VARIABILE...6 MUTUO A TASSO MISTO...7 MUTUO A DUE TIPI DI TASSO...8 MUTUO A TASSO

Dettagli

Nuove Relazioni tra Piccole Industrie e Banca per uscire dalla crisi

Nuove Relazioni tra Piccole Industrie e Banca per uscire dalla crisi Nuove Relazioni tra Piccole Industrie e Banca per uscire dalla crisi Rosella Sciolla Responsabile Direzione Crediti Regionale Piemonte Nord Valle d Aosta di UniCredit Banca Torino, 27 Maggio 2010 2 Basilea

Dettagli

Tesoreria. L importanza dell analisi andamentale nel rapporto banca-impresa. di Emanuele Facile (*) e Andrea Giacomelli (**)

Tesoreria. L importanza dell analisi andamentale nel rapporto banca-impresa. di Emanuele Facile (*) e Andrea Giacomelli (**) PAGINA: 60-64 L importanza dell analisi andamentale nel rapporto banca-impresa di Emanuele Facile (*) e Andrea Giacomelli (**) Nel nuovo contesto derivante dall introduzione di Basilea 2 l analisi dei

Dettagli

LA BANCA COME UN IMPRESA

LA BANCA COME UN IMPRESA . Direzione crediti LA BANCA COME UN IMPRESA La legislatura italiana definisce la Banca come un impresa autorizzata a raccogliere il risparmio, tramite forme diverse, presso il pubblico ed a erogare il

Dettagli

CRM Basilea 2 :: :: :: :: PMI Center. -CRM per Basilea 2 - Cedac Software Srl

CRM Basilea 2 :: :: :: :: PMI Center. -CRM per Basilea 2 - Cedac Software Srl PMI Center -CRM per Basilea 2 - Cedac Software Srl 1 La tecnologia ha rimodulato i rapporti fra PMI e sistema Bancario a) anno 1987 - scambio telematico flussi informativi e dispositivi monobanca b) anno

Dettagli

GESTIONE DEL CREDITO

GESTIONE DEL CREDITO GESTIONE DEL CREDITO SOMMARIO schema di sintesi chiarimenti costo del credito nelle valutazioni aziendali La gestione del credito commerciale dall inizio della crisi finanziaria sta diventando sempre più

Dettagli

FINANZIAMENTI A BREVE

FINANZIAMENTI A BREVE FINANZIAMENTI A BREVE Il presupposto per accedere a finanziamenti da parte delle banche è la concessione del fido. Un soggetto affidato può accedere ad operazioni di finanziamento di diverso genere, tra

Dettagli

I crediti di firma ed il credito al consumo

I crediti di firma ed il credito al consumo I crediti di firma ed il credito al consumo Economia delle aziende di credito A.A. 2008/2009 1 I crediti di firma 1) Introduzione 1.1 I crediti di firma 1.2 Funzione dei crediti di firma 2) Le accettazioni

Dettagli

Pianificazione finanziaria

Pianificazione finanziaria Pianificazione finanziaria La rappresentazione della dinamica finanziaria prospettica capitolo 7 La dinamica finanziaria prospettica Il capitolo 7 approfondisce il tema della proiezione della dinamica

Dettagli

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Il Piano Economico Finanziario Il piano economico-finanziario costituisce la porzione più

Dettagli

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico Introduzione I.1 Premessa Analizzare la situazione economico-finanziaria di un impresa significa poter affrontare alcune questioni critiche della gestione dell azienda e cioè essere in grado di poter rispondere

Dettagli

Cinque regole per una relazione di qualità con il sistema bancario. a cura dell Area Finanza di Assolombarda. Sintesi dei contenuti

Cinque regole per una relazione di qualità con il sistema bancario. a cura dell Area Finanza di Assolombarda. Sintesi dei contenuti LE 5 C DEL CREDITO Cinque regole per una relazione di qualità con il sistema bancario a cura dell Area Finanza di Assolombarda Sintesi dei contenuti 1 Consapevolezza L'impresa deve avere consapevolezza

Dettagli

Adozione di un metodo di valutazione ad uso dei Confidi

Adozione di un metodo di valutazione ad uso dei Confidi Adozione di un metodo di valutazione ad uso dei Confidi La presente griglia fornisce un metodo di pre-valutazione delle imprese richiedenti l intervento in garanzia del Fondo di prevenzione antiusura e

Dettagli

BUSINESS PLAN e FINANZIAMENTI

BUSINESS PLAN e FINANZIAMENTI BUSINESS PLAN e FINANZIAMENTI 1 PREVENIRE I RISCHI si può? Sì, prima di avviare l impresa, con realismo e piedi per terra business plan (fatto da soli, vedi sito www. pd.camcom.it, miniguide) 2 PREVENIRE

Dettagli

Utilizzo dei flussi di segnalazione di Vigilanza e di Centrale Rischi trasmessi e ricevuti dalla Banca d Italia a fini di controllo e di gestione

Utilizzo dei flussi di segnalazione di Vigilanza e di Centrale Rischi trasmessi e ricevuti dalla Banca d Italia a fini di controllo e di gestione Utilizzo dei flussi di segnalazione di Vigilanza e di Centrale Rischi trasmessi e ricevuti dalla Banca d Italia a fini di controllo e di gestione Claudia Pelliccia CO.BA.CO. Srl ROMA, 12-13 DICEMBRE 2012

Dettagli

La valutazione di affidabilità creditizia: l istruttoria di fido

La valutazione di affidabilità creditizia: l istruttoria di fido La valutazione di affidabilità creditizia: l istruttoria di fido Corso di finanziamenti di impresa a.a. 2014-2015 Dott.ssa Diletta Tancini diletta.tancini@yahoo.it Agenda Rischio di credito e merito creditizio

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it mauro.aliano@unica.it 1 La gestione della raccolta In termini generali l espressione politica della raccolta è sinonimo dell

Dettagli

LE BANCHE. Barbarossa Salvatore Marco Classe 5 ^ D MERCURIO ITE A. BASSI

LE BANCHE. Barbarossa Salvatore Marco Classe 5 ^ D MERCURIO ITE A. BASSI LE BANCHE Barbarossa Salvatore Marco Classe 5 ^ D MERCURIO ITE A. BASSI Cos è una banca? L'attività bancaria è definita come l'esercizio congiunto dell'attività di raccolta di risparmio tra il pubblico

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it mauro.aliano@unica.it 1 Il rischio di interesse 2 Il rischio di tasso di interesse Il rischio di tasso di interesse può essere

Dettagli

Relazione sulla gestione al bilancio chiuso al 31.12.2013

Relazione sulla gestione al bilancio chiuso al 31.12.2013 AZIENDA SERVIZI STRUMENTALI S.r.l. Sede in Via della Resistenza n. 4-45100 ROVIGO Capitale sociale Euro 215.600 i.v. Codice Fiscale 01396160291 Reg.Imp. 01396160291 Rea 152660 RO Relazione sulla gestione

Dettagli

Lezioni di economia degli intermediari finanziari

Lezioni di economia degli intermediari finanziari Lezioni di economia degli intermediari finanziari Prof.Alessandro Berti Istituto di studi aziendali Facoltà di Economia Università di Urbino Carlo Bo a.berti@econ.uniurb.it Urbino, a.a. 2003-2004 La gestione

Dettagli

Sede Provinciale Pontecagnano Faiano (SA) Via Italia n. 102/B. Tel/Fax 089 9781281 - e-mail: info@assoapisalerno.it

Sede Provinciale Pontecagnano Faiano (SA) Via Italia n. 102/B. Tel/Fax 089 9781281 - e-mail: info@assoapisalerno.it Verificare la propria esposizione debitoria attraverso: visura Crif, visura protesti, centrale rischi, ipoteche Quantificare l importo di cui si ha bisogno Definire la sopportabilità delle rate in base

Dettagli

I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO

I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO La banca che accorda la concessione di un credito deve effettuare una preventiva valutazione della qualità/affidabilità del cliente nonché quantificare la qualità/rischiosità

Dettagli

5. Considerazioni conclusive

5. Considerazioni conclusive 5. Considerazioni conclusive Il quadro emerso dallo studio mostra come il sistema creditizio provinciale sia caratterizzato dalla forte presenza di piccole banche e/o di banche locali e da una buona copertura

Dettagli

INTERVENTI. L ACCORDO DI BASILEA 2 Nuovi rapporti tra imprese e banche

INTERVENTI. L ACCORDO DI BASILEA 2 Nuovi rapporti tra imprese e banche INTERVENTI L ACCORDO DI BASILEA 2 Nuovi rapporti tra imprese e banche di MAURIZIO CALELLO È arrivato a conclusione dopo un lungo e intenso lavoro il nuovo accordo internazionale sui requisiti patrimoniali

Dettagli

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio OLTRE LA CRISI MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio Nel nostro mondo sempre più globalizzato viviamo in una condizione di interdipendenza

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO ASSOFIN - CRIF - PROMETEIA OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO DICEMBRE 2005 NUMERO DICIANNOVE CON DATI AGGIORNATI AL 30 GIUGNO 2005 INDICE pag.5 PREMESSA TEMI DEL RAPPORTO 7 CAPITOLO 1 LO SCENARIO MACROECONOMICO

Dettagli

SERVIZI PER LE AZIENDE

SERVIZI PER LE AZIENDE CHI SIAMO Consultique SIM è una società di analisi e consulenza finanziaria indipendente sotto il controllo di Consob e Banca d Italia, che eroga servizi a investitori privati (family office), aziende,

Dettagli

Stato patrimoniale al 31/12/n

Stato patrimoniale al 31/12/n Tema d esame Gestione economica delle imprese ristorative, analisi di bilancio e fonti di finanziamento di Grazia BATARRA ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE ECONOMICHE (Classe 5 a IP Tecnico servizi ristorativi)

Dettagli

CONSULENZA COSTO FUNDING

CONSULENZA COSTO FUNDING CONSULENZA COSTO FUNDING (compresa nell abbonamento ad entrambe le membership Tassi Imprese & Professionisti e Plus Tesorerie aziendali ). Il Cliente ha a disposizione il servizio di consulenza denominato

Dettagli

Le Operazioni di Impiego: I FINANZIAMENTI BANCARI A BREVE TERMINE. Università degli Studi di Teramo - Prof. Paolo Di Antonio

Le Operazioni di Impiego: I FINANZIAMENTI BANCARI A BREVE TERMINE. Università degli Studi di Teramo - Prof. Paolo Di Antonio Le Operazioni di Impiego: I FINANZIAMENTI BANCARI A BREVE TERMINE 1 Le Operazioni di Impiego: I Finanziamenti a Breve Termine Finanziamenti Bancari Finanziamenti a breve termine Finanziamenti a medio-

Dettagli

Un unico grande gruppo al tuo servizio

Un unico grande gruppo al tuo servizio Un unico grande gruppo al tuo servizio Un unico grande gruppo al tuo servizio Cerved Group nasce dall unione di otto marchi, ognuno dei quali leader di presidio, che grazie alla loro competenza ed esperienza

Dettagli

GUIDA AL BUSINESS PLAN*

GUIDA AL BUSINESS PLAN* GUIDA AL BUSINESS PLAN* *La guida può essere utilizzata dai partecipanti al Concorso che non richiedono assistenza per la compilazione del businnes plan INDICE Introduzione 1. Quando e perché un business

Dettagli

PRESENTARSI IN BANCA. mini guide. operative. per futuri e nuovi. imprenditori. di Andrea Binello. Il primo approccio con le banche

PRESENTARSI IN BANCA. mini guide. operative. per futuri e nuovi. imprenditori. di Andrea Binello. Il primo approccio con le banche mini guide operative per futuri e nuovi imprenditori PRESENTARSI IN BANCA di Andrea Binello Il primo approccio con le banche collana oggi e domani imprenditore per futuri e nuovi imprenditori collana

Dettagli

Il merito creditizio. Giuseppe Squeo

Il merito creditizio. Giuseppe Squeo Il merito creditizio Giuseppe Squeo 1 Il rischio di credito Il rischio di credito consiste: nell eventualità che alle scadenze previste dal contratto il cliente finanziato si riveli insolvente in misura

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO E CONSIDERATO, TRA LE PARTI SI CONVIENE QUANTO SEGUE:

TUTTO CIO PREMESSO E CONSIDERATO, TRA LE PARTI SI CONVIENE QUANTO SEGUE: 1 CONVENZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGETTO MICROCREDITO PER IL JOB CREATION ANNUALITÀ 2012/2013, TESO A PREVENIRE IL FENOMENO DELL USURA E RIVOLTO PRIORITARIAMENTE AI CITTADINI RESIDENTI NEL COMUNE DI

Dettagli

Caro Lettore, Buona lettura!

Caro Lettore, Buona lettura! GUIDA PRATICA Caro Lettore, Semplificare e agevolare l accesso al credito. In questo momento di difficile congiuntura economica, sono queste le parole d ordine che hanno portato governo, banche e imprese

Dettagli

IL CREDITO COOPERATIVO DI FRONTE ALLE SFIDE DELLA CRISI SILVIO GOGLIO 1

IL CREDITO COOPERATIVO DI FRONTE ALLE SFIDE DELLA CRISI SILVIO GOGLIO 1 IL CREDITO COOPERATIVO DI FRONTE ALLE SFIDE DELLA CRISI TRENTO 17 GIUGNO 2009 SILVIO GOGLIO 1 1. Il nuovo contesto bancario. Il sistema finanziario europeo ed italiano ha subito profondi cambiamenti negli

Dettagli

STRUMENTO DESCRIZIONE ASPETTI BANCARI ASPETTI FISCALI

STRUMENTO DESCRIZIONE ASPETTI BANCARI ASPETTI FISCALI Mutuo ( a medio/lungo termine, utilizzato per gli investimenti di immobilizzazioni) È un per immobilizzazioni, come l acquisto, la costruzione o la ristrutturazione di immobili, impianti e macchinari.

Dettagli

Vademecum per accollo mutuo

Vademecum per accollo mutuo Vademecum per accollo mutuo 1. ACCOLLO MUTUO: di cosa si tratta? La Cooperativa dà la possibilità ai propri Soci assegnatari di accollarsi una quota di mutuo da essa stipulato per l intervento, quale modalità

Dettagli

Business Plan. Accesso alle fonti di finanzamento

Business Plan. Accesso alle fonti di finanzamento Il business plan Definizione Il Business Plan, o piano economico-finanziario, è il documento che permette di definire e riepilogare il progetto imprenditoriale, le linee strategiche, gli obiettivi e la

Dettagli

Assistenza al Credito

Assistenza al Credito Assistenza al Credito GUIDA PRATICA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE 2 Caro lettore, PattiChiari è il Consorzio di banche nato per semplificare l uso dei prodotti bancari e migliorare le conoscenze finanziarie

Dettagli

Chi Siamo. Il nostro obiettivo. www.obiettivamente.eu Obiettivamente S. C. StradaCancelloRotto, 3 70125 Bari

Chi Siamo. Il nostro obiettivo. www.obiettivamente.eu Obiettivamente S. C. StradaCancelloRotto, 3 70125 Bari Chi Siamo Il progetto Obiettivamente nasce con lo scopo di offrire una pronta risposta alle mutevoli richieste di credito da parte delle imprese, garantendo un servizio di consulenza sempre attento, innovativo

Dettagli

FONDO MICROCREDITO FSE

FONDO MICROCREDITO FSE FONDO MICROCREDITO FSE DIRETTIVE DI ATTUAZIONE Art. 1- OGGETTO E RIFERIMENTI NORMATIVI Il presente documento costituisce il riferimento e la base per l attuazione del Fondo Microcredito FSE, che ha l obiettivo

Dettagli

I FINANZIAMENTI NEL CONCORDATO PREVENTIVO: SCHEMI DI SINTESI

I FINANZIAMENTI NEL CONCORDATO PREVENTIVO: SCHEMI DI SINTESI I FINANZIAMENTI NEL CONCORDATO PREVENTIVO: SCHEMI DI SINTESI 28.6.2013 di Giovanni Sandrini, Commercialista Sommario: 1. Premesse - 2. I finanziamenti nelle imprese in crisi - 3. I finanziamenti suddivisi

Dettagli

Politiche di ottimizzazione della struttura finanziaria: il caso EUROSTYLE. di Pietro Dalena (*)

Politiche di ottimizzazione della struttura finanziaria: il caso EUROSTYLE. di Pietro Dalena (*) Strumenti di P&C Pianificazione Politiche di ottimizzazione della struttura finanziaria: il caso EUROSTYLE di Pietro Dalena (*) L attività di comunicazione dello stato di salute gestionale si deve strutturare

Dettagli

Seminario CRISI E INTERNAZIONALIZZAZIONE. La finanza di impresa nell ottica della riorganizzazione finanziaria e del sostegno allo sviluppo

Seminario CRISI E INTERNAZIONALIZZAZIONE. La finanza di impresa nell ottica della riorganizzazione finanziaria e del sostegno allo sviluppo Business School Seminario CRISI E INTERNAZIONALIZZAZIONE La finanza di impresa nell ottica della riorganizzazione finanziaria e del sostegno allo sviluppo Dott. FRANCO VASELLI Siena, 22 Novembre 2012 CRISI

Dettagli

TERRE DI SIENA CREATIVE

TERRE DI SIENA CREATIVE Amministrazione Provinciale di Siena BANDO DI CONCORSO TERRE DI SIENA CREATIVE Data pubblicazione : 1. Oggetto e finalità L Amministrazione Provinciale di Siena e la CCIAA di Siena promuovono il bando

Dettagli

Il ruolo del credito per favorire l integrazione

Il ruolo del credito per favorire l integrazione Il ruolo del credito per favorire l integrazione Corrado Piazzalunga Direttore Regione Commerciale Ovest Forte di Bard, 26 settembre 2008 AGENDA Le caratteristiche delle imprese italiane: struttura finanziaria

Dettagli

La gestione del credito: un approccio analitico al rating

La gestione del credito: un approccio analitico al rating La gestione del credito: un approccio analitico al rating di Giuseppe R. Grasso (*) Oggi le aziende sono chiamate a farsi carico del rischio finanziario associato al proprio portafoglio crediti, rischio

Dettagli

libri di base Ombretta Valsecchi tecnica aziendale 2 MURSIA

libri di base Ombretta Valsecchi tecnica aziendale 2 MURSIA libri di base Ombretta Valsecchi tecnica aziendale 2 MURSIA indice modulo d la gestione dell azienda capitolo 1 la gestione aziendale...5 1.1 Le operazioni di gestione...7 1.2 Le operazioni di finanziamento...9

Dettagli

Condotta nei rapporti con SOGGETTI FINANZIARI. A cura del Prof. Maurizio Berruti

Condotta nei rapporti con SOGGETTI FINANZIARI. A cura del Prof. Maurizio Berruti Condotta nei rapporti con SOGGETTI FINANZIARI A cura del Prof. Maurizio Berruti Le situazioni di difficoltà ed i consigli da seguire Situazioni di difficoltà Pagamento in scadenza Spesa imprevista Evitare

Dettagli

IL RAPPORTO BANCA-IMPRESA ALLA LUCE DI BASILEA

IL RAPPORTO BANCA-IMPRESA ALLA LUCE DI BASILEA Area di interesse FINANZA Oggetto: IL RAPPORTO BANCA-IMPRESA ALLA LUCE DI BASILEA 2: quali parametri utilizzeranno le banche per valutare il grado di rischio delle aziende? Quali sono gli indicatori cruciali

Dettagli

INFORMATIVA SULLA PRIVACY AI SENSI DELL'ART. 13 e 23 DEL D. LGS. 196/2003 ("Codice in materia di protezione dei dati personali")

INFORMATIVA SULLA PRIVACY AI SENSI DELL'ART. 13 e 23 DEL D. LGS. 196/2003 (Codice in materia di protezione dei dati personali) INFORMATIVA SULLA PRIVACY AI SENSI DELL'ART. 13 e 23 DEL D. LGS. 196/2003 ("Codice in materia di protezione dei dati personali") Gentile Cliente, ai sensi dell'articolo 13 del D.Lgs. 30 giugno 2003 n.

Dettagli

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014 SURVEY Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto 17 Luglio 2014 Il CLUB FINANCE La mission Il Club rappresenta a livello nazionale un centro di riferimento, di informazione

Dettagli

SEMINARIO: LE AGENZIE DI RATING * * *

SEMINARIO: LE AGENZIE DI RATING * * * * * * Milano, 9 gennaio 2013 Avv. Silvia Beccio Senior Associate Tonucci & Partners Le agenzie di rating sono definite dagli studiosi come soggetti di diritto privato specializzati nel valutare il merito

Dettagli

LA CONDOTTA DA TENERE NEI RAPPORTI CON SOGGETTI FINANZIARI

LA CONDOTTA DA TENERE NEI RAPPORTI CON SOGGETTI FINANZIARI LA CONDOTTA DA TENERE NEI RAPPORTI CON SOGGETTI FINANZIARI Le situazioni di difficoltà ed i consigli da seguire Situazioni di difficoltà Pagamento in scadenza Spesa imprevista Evitare sempre annunci invoglianti

Dettagli

CREDITI CORPORATE LENDING

CREDITI CORPORATE LENDING CREDITI partner affidabili CORPORATE LENDING PERCHÉ UN FINANZIAMENTO IN POOL? Come noto, i motivi per cui una banca può essere indotta a sindacare un operazione di finanziamento possono essere molteplici:

Dettagli

FINANZIAMENTI E RAPPORTI CON IL SISTEMA CREDITIZIO

FINANZIAMENTI E RAPPORTI CON IL SISTEMA CREDITIZIO FINANZIAMENTI E RAPPORTI CON IL SISTEMA CREDITIZIO C.C.I.A.A. (RE), nov-dic 2012 IFOA - Cosimo Scarafile 1 ASSUNZIONE DI RISCHIO Le pre-condizioni per la banca 1. Progetto di investimento credibile (realisticamente

Dettagli

Commenti al Documento di consultazione Disciplina dei limiti agli investimenti e dei conflitti d interesse per i fondi pensione

Commenti al Documento di consultazione Disciplina dei limiti agli investimenti e dei conflitti d interesse per i fondi pensione A: Dipartimento del Tesoro dt.direzione4.ufficio2@tesoro.it Da: PROMETEIA Data: 31 gennaio 2008 Oggetto: Commenti al Documento di consultazione Disciplina dei limiti agli investimenti e dei conflitti d

Dettagli

Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING

Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING Il Comitato di Basilea Il Comitato di Basilea viene istituito nel 1974 dai Governatori delle Banche Centrali dei 10 paesi

Dettagli

Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING

Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING Il Comitato di Basilea viene istituito nel 1974 dai Governatori delle Banche Centrali dei 10 paesi più industrializzati. Il Comitato non legifera, formula

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Seconda Parte Aspetti gestionali: scelte organizzative e distributive, la gestione dei rischi, il bilancio della banca 2 Argomenti

Dettagli

Il recupero crediti nel franchising

Il recupero crediti nel franchising Il recupero crediti nel franchising I crediti insoluti rappresentano un grave problema per le imprese, soprattutto nell attuale periodo di crisi economica. Il settore del franchising non è certo immune

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento APPROFONDIMENTO ICT Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento OBIETTIVI, STRATEGIE E TATTICHE DI MARKETING ON-LINE: L INTERNET MARKETING PLAN ORGANISMO BILATERALE

Dettagli

Il Fondo Seed della Regione Lombardia: un caso pratico

Il Fondo Seed della Regione Lombardia: un caso pratico Il caso pratico 45 di Laura Corsi Finanza agevolata per le imprese Ricerca e sviluppo Il Fondo Seed della Regione Lombardia: un caso pratico Il presente articolo analizza il caso di una società lombarda

Dettagli

Tecniche di misurazione e gestione del rischio di credito

Tecniche di misurazione e gestione del rischio di credito Insolvenza Tecniche di misurazione e gestione del rischio di credito di Tommaso Zarbo - Dottore commercialista e Revisore contabile Il rischio di credito Il rischio di credito generato dal portafoglio

Dettagli

Derivati e rischi finanziari: implicazioni per la professione del dottore commercialista

Derivati e rischi finanziari: implicazioni per la professione del dottore commercialista Derivati e rischi finanziari: implicazioni per la professione del dottore commercialista Convegno ODC Milano Milano 26 gennaio 2006 Intervento di Emanuele Facile e.facile@fin-innovations.com 1 Gli auspici

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole XIII Commissione Agricoltura Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole Giorgio Gobbi Servizio Studi di struttura economica e finanziaria della Banca d Italia Camera dei Deputati

Dettagli

Il Rating e il Pricing Risk Adjusted dei nuovi finanziamenti delle banche

Il Rating e il Pricing Risk Adjusted dei nuovi finanziamenti delle banche S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO IL RAPPORTO BANCA-IMPRESA Il Rating e il Pricing Risk Adjusted dei nuovi finanziamenti delle banche ROBERTO RIZZO 21 NOVEMBRE 2014 MILANO Agenda Premessa

Dettagli

Il factoring internazionale

Il factoring internazionale Il factoring internazionale Internazionale prefazione Le operazioni di factoring sono in misura crescente effettuate con controparti cedenti e debitrici estere per effetto della crescente internazionalizzazione

Dettagli

Informazioni di base...3. Principali tipologie di prestito...5 PRESTITO FINALIZZATO...5 PRESTITO NON FINALIZZATO...6. Tipi di prestito...

Informazioni di base...3. Principali tipologie di prestito...5 PRESTITO FINALIZZATO...5 PRESTITO NON FINALIZZATO...6. Tipi di prestito... GUIDA SUI PRESTITI Sommario Informazioni di base...3 Principali tipologie di prestito...5 PRESTITO FINALIZZATO...5 PRESTITO NON FINALIZZATO...6 Tipi di prestito...7 PRESTITO PERSONALE...7 CESSIONE DEL

Dettagli

Cosa c è in questa guida

Cosa c è in questa guida Cosa c è in questa guida? Le domande di base 3 passi per scegliere il mutuo >> Dalla richiesta alla stipula 2 3 12 i diritti del cliente 14! Le attenzioni del cliente 17 Aalla Z Il mutuo 19 dalla Memo

Dettagli

Cos è un Fondo Comune d Investimento/SICAV

Cos è un Fondo Comune d Investimento/SICAV Cos è un Fondo Comune d Investimento/SICAV Un Fondo Comune può essere paragonato ad una cassa collettiva dove confluiscono i risparmi di una pluralità di risparmiatori. Il denaro che confluisce in questa

Dettagli

Regolamento del processo di controllo. della rete di vendita esterna

Regolamento del processo di controllo. della rete di vendita esterna Regolamento del processo di controllo della rete di vendita esterna INDICE REGOLAMENTO DEL PROCESSO DI CONTROLLO DELLA RETE DI VENDITA ESTERNA... 3 1. PIANIFICAZIONE DELLA RETE DI VENDITA ESTERNA... 3

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AMMISSIONE ALL INTERVENTO DEL

REGOLAMENTO PER L AMMISSIONE ALL INTERVENTO DEL REGOLAMENTO PER L AMMISSIONE ALL INTERVENTO DEL FONDO DI GARANZIA A SOSTEGNO E PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE BENEFICIARIE DELLE AGEVOLAZIONI GESTITE DA SVILUPPO ITALIA SPA PAG. PARTE I DEFINIZIONI 2 PARTE

Dettagli

Per raggiungere tale scopo, un Business Plan deve contenere tutte le informazioni necessarie a:

Per raggiungere tale scopo, un Business Plan deve contenere tutte le informazioni necessarie a: GUIDA ALLA REDAZIONE DEL Business Plan Matteo Mangano Il Business Plan: aspetti generali Il Business Plan è un documento volto a rappresentare in ottica prospettica il progetto di sviluppo imprenditoriale

Dettagli

Il tuo partner innovativo per l estero

Il tuo partner innovativo per l estero Il tuo partner innovativo per l estero Chi siamo Export Trade Solutions Srl è una società di consulenza che opera in ambito nazionale ed internazionale assistendo le aziende nella loro fase di inserimento

Dettagli

PROCEDURE INTERNE PER L APPLICAZIONE DELLA COMMISSIONE ISTRUTTORIA VELOCE (C.I.V.) AI SENSI DEL D.M. n. 644/2012

PROCEDURE INTERNE PER L APPLICAZIONE DELLA COMMISSIONE ISTRUTTORIA VELOCE (C.I.V.) AI SENSI DEL D.M. n. 644/2012 PROCEDURE INTERNE PER L APPLICAZIONE DELLA COMMISSIONE ISTRUTTORIA VELOCE (C.I.V.) AI SENSI DEL D.M. n. 644/2012 Delibera CdA del 01.08.2012 Aggiornamento del 22 Gennaio 2014 INDICE PREMESSA... 3 1. CARATTERISTICHE

Dettagli

FINANZIAMENTO IMMOBILIARE

FINANZIAMENTO IMMOBILIARE BANCA JULIUS BAER & CO. SA Bahnhofstrasse 36 Casella postale 8010 Zurigo Svizzera Telefono +41 (0) 58 888 1111 Telefax +41 (0) 58 888 1122 www.juliusbaer.com Il Gruppo Julius Baer è presente in oltre 40

Dettagli

CRIF RATING METHODOLOGY. Emittenti Corporate. Febbraio 2014. Emittenti Corporate. È vietata la riproduzione. Pag. 1 di 11 CRIF Rating Methodology

CRIF RATING METHODOLOGY. Emittenti Corporate. Febbraio 2014. Emittenti Corporate. È vietata la riproduzione. Pag. 1 di 11 CRIF Rating Methodology CRIF RATING METHODOLOGY Febbraio 2014 È vietata la riproduzione. Pag. 1 di 11 Sommario 1 IL RATING CRIF: DEFINIZIONI... 3 2 SCALA DI RATING... 6 3 IL PROCESSO DI ATTRIBUZIONE DEL RATING... 7 4 METODOLOGIA

Dettagli

Come funziona il Fondo di garanzia?

Come funziona il Fondo di garanzia? Con il Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese, l Unione europea e lo Stato Italiano affiancano le imprese che hanno difficoltà ad accedere al credito bancario perché non dispongono di sufficienti

Dettagli

A cura de del Dr. Pietro Literio (Mail: literio.pietro@laretexlavorare.com) METTERSI IN PROPRIO

A cura de del Dr. Pietro Literio (Mail: literio.pietro@laretexlavorare.com) METTERSI IN PROPRIO METTERSI IN PROPRIO 1. L IMPRENDITORE e sue DEFINIZIONI. In Italia viene definito Imprenditore, a norma dell'articolo 2082 del Codice Civile: chi esercita professionalmente un'attività economica organizzata

Dettagli