Verifiche di fine Unità Volume 3. Questa pagina può essere fotocopiata esclusivamente per uso didattico Loescher Editore - Torino

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Verifiche di fine Unità Volume 3. Questa pagina può essere fotocopiata esclusivamente per uso didattico Loescher Editore - Torino"

Transcript

1 Le verifiche che seguono corrispondono alle 33 unità didattiche del corso. Ogni verifica consente di valutare le conoscenze relative all unità svolta, senza tenere conto degli Approfondimenti. Qualche volta, invece, si fa riferimento alle Attività di laboratorio, ma sempre in modo che, anche chi non ha potuto realizzare le esperienze proposte, possa, con le informazioni fornite, sviluppare un certo tipo di ragionamento. Le verifiche sono test oggettivi, facili da correggere e valutare, seguendo le indicazioni sui punteggi fornite di fianco alle relative soluzioni. Ogni verifica è divisa in due sezioni: Consolidare le conoscenze e Sviluppare le competenze, che permettono di valutare il livello degli allievi, che sugli stessi obiettivi si sono già misurati svolgendo gli esercizi e l autoverifica presenti nel testo. Verifiche di fine Unità Volume 1 Verifiche di fine Unità Volume 2 Verifiche di fine Unità Volume 3 XXX XXX XXX

2 Vol. 1 Cap. 1 Vol. A Cap. 1 Cognome... Classe... Nome... Data... Conoscenze Metti una crocetta su V se l affermazione è vera, su F se è falsa. 8 punti a. Le sferette con cui viene rappresentata una sostanza indicano le molecole. V F b. Tutto ciò che ha peso e volume è materia. V F c. I gas non hanno peso. V F d. Un liquido occupa tutto lo spazio del recipiente che lo contiene. V F e. Un corpo è più denso di un altro quando pesa di più. V F f. In un miscuglio omogeneo le sostanze che lo costituiscono non si distinguono fra loro. V F g. L acqua è una sostanza liquida. V F h. L acqua sale di più nei vasi capillari. V F Metti in corrispondenza ogni proprietà con la sua descrizione (una è da scartare). 1. adesione 2. capillarità 3. elasticità a. attrazione fra particelle di uno stesso corpo b. fenomeno per cui un liquido raggiunge lo stesso livello in vasi comunicanti c. proprietà di un corpo di tornare alle condizioni iniziali cessata la forza che ne ha prodotto la deformazione d. fenomeno per cui un liquido raggiunge un livello più alto in un vaso sottilissimo Completa la tabella, inserendo le parole variabile o costante. Stato Forma Volume solido liquido aeriforme (o gassoso) variabile Metti una crocetta di fianco alle proprietà di un corpo allo stato liquido. a. Ha un peso. b. Ha un volume variabile. c. Le sue molecole si attraggono più debolmente che nei corpi solidi. d. Prende la forma del recipiente che lo contiene. e. Travasato in un recipiente più grande, ne occupa tutto lo spazio. 5 punti

3 Completa la tabella. Grandezza Unità di misura Strumento di misura bilancia a due piatti newton cilindro tarato Completa le frasi, scegliendo le parole mancanti fra quelle elencate sotto. a. I miscugli omogenei possono anche essere chiamati... b. I miscugli in cui si distinguono i componenti sono detti... c. Il componente più abbondante di un miscuglio omogeneo si chiama... solvente soluzione soluto eterogenei omogenei Competenze Leggi il brano e rispondi alle domande, mettendo una crocetta sulla risposta esatta. Omar versa in un cilindro graduato 150 cm 3 di acqua e vi immerge delicatamente 10 biglie uguali. Il livello dell acqua sale fino a 210 cm Quale è il volume delle 10 biglie? a. 210 cm 3. b. 360 cm 3. c. 60 cm Che cosa deve fare Omar per trovare il volume di una sola biglia? a. Dividere il volume trovato per 10. b. Misurare il volume di una biglia. c. Sottrarre al volume di 10 biglie quello di 9 biglie. Rispondi alla domanda, mettendo una crocetta sulla risposta esatta. Claudia versa in un bicchiere dell acqua e quindi aggiunge dell olio. Mescola, agitando bene, aspetta qualche minuto e poi osserva che l olio forma uno straterello giallo sull acqua. Che tipo di miscuglio ha formato? a. Un miscuglio omogeneo, perché formato da due liquidi. b. Un miscuglio eterogeneo, perché riesce a distinguere i due liquidi nel miscuglio. c. Una soluzione, perché l acqua fa da solvente. d. Un miscuglio eterogeneo, perché i due liquidi hanno colori diversi. (2 + 2)

4 Risolvi il problema, mettendo una crocetta sulla risposta esatta. Un cubetto di legno ha la massa di 45 g e un volume di 90 cm 3. 5 punti (3 + 2) 1. Qual è la densità del legno? a. 0,5 g/cm 3. b. 5 g/cm 3. c. 50 g/cm 3. d. 2 g/cm Considera un cubetto dello stesso legno, ma di peso doppio. Quale sarebbe la sua densità? a. Il doppio della precedente. b. Uguale alla precedente. c. La metà della precedente. Rifletti e rispondi. 2 punti Il disegno è errato perché... a. nei vasi comunicanti l acqua si dispone alla stessa altezza. b. nei vasi capillari l acqua si dispone alla stessa altezza. c. nei vasi comunicanti l acqua si dispone a diverse altezze, a seconda del diametro dei vasi. Osserva il disegno. 1. Metti una crocetta sulla misura (espressa in grammi) della massa del cubo. a. 556 b. 56,005 c. 56,5 d. 56,05 2. Metti una crocetta sul completamento esatto. Se la bilancia non fosse in equilibrio e il piatto con il cubo si trovasse più in basso dell altro, ciò significherebbe che... a. il cubo ha massa minore di quella delle masserelle. b. le masserelle hanno la stessa massa del cubo. c. il cubo ha una massa che non si può misurare con quella bilancia. d. il cubo ha massa maggiore di quella delle masserelle. 6 punti (3 + 3)

5 Osserva le figure che rappresentano due dinamometri uguali (posti sulla Terra) e leggi le affermazioni che si riferiscono alla situazione. Metti una crocetta sulle affermazioni esatte. 2 punti A B a. I due corpi hanno lo stesso peso. b. I due corpi hanno la stessa massa. c. Il corpo A ha peso maggiore del corpo B. d. I due corpi hanno peso diverso, ma potrebbero avere la stessa massa. e. La molla è più allungata quando è appeso il corpo con maggior peso. Scrivi sotto ogni figura lo stato fisico che rappresenta. a.... b.... c.... Competenze disciplinari* e trasversali** *Esplorare e sperimentare, in laboratorio e all aperto, lo svolgersi dei più comuni fenomeni, immaginarne e verificarne le cause, ricercare soluzioni ai problemi utilizzando le conoscenze acquisite. ** Dimostrare una padronanza della lingua italiana tale da consentire di comprendere enunciati e testi di una certa complessità, di esprimere le proprie idee, di adottare un registro linguistico appropriato alle diverse situazioni (terminologia e linguaggio scientifico). ** Possedere un patrimonio di conoscenze e nozioni di base ed essere allo stesso tempo capace di ricercare e di procurarsi velocemente nuove informazioni e impegnarsi in nuovi apprendimenti anche in modo autonomo. Verifiche di fine unità: sviluppare le competenze es. 1; es. 2; es. 3; es. 4; es. 5; es. 6. es.5. es. 1; es. 3; es. 5.

6 Vol. 1 Cap. 2 Vol. A Cap. 2 Cognome... Classe... Nome... Data... Conoscenze Metti una crocetta su V se l affermazione è vera, su F se è falsa. 8 punti a. Il calore e la temperatura si misurano con unità diverse. V F b. La sublimazione è un passaggio di stato diretto da solido a gas o viceversa. V F c. Quando un cubetto di ghiaccio diventa liquido si dice che si scioglie. V F d. L evaporazione è il rapido passaggio dallo stato liquido a quello gassoso. V F e. La conduzione si verifica solo nei solidi. V F f. Le radiazioni infrarosse trasmettono calore. V F g. La dilatazione termica è la proprietà dei corpi di allungarsi, quando sono soggetti a una forza. V F h. L acqua bolle a 90 C. V F Completa le frasi con una sola parola. a. In un termometro il liquido è contenuto nel... b. Il liquido del termometro si dilata quando si alza la... c. I valori della temperatura si leggono su una scala... d. I punti fissi usati per tarare il termometro sono la temperatura dell acqua bollente e quella del ghiaccio... Completa le frasi, scegliendo le parole mancanti fra quelle elencate sotto. La temperatura di un corpo è tanto più alta quanto a... è l agitazione molecolare. Quando mettiamo a contatto due corpi a differente temperatura, le molecole più b... del corpo più caldo trasmettono la loro c... alle molecole più d... del corpo più freddo. energia maggiore minore tranquille agitate massa Metti una crocetta sull affermazione esatta. Il calore specifico di un corpo è a. il calore contenuto in un certo tipo di sostanza. c. il calore necessario per aumentare di 1 C la temperatura di 1 kg di acqua distillata. c. la quantità di calore necessaria per aumentare di 1 C la temperatura di 1 kg di una certa sostanza. d. la quantità di calore necessaria per portare a ebollizione 1 kg di una sostanza. Rispondi alle domande. a. Come si chiama la modalità di trasmissione del calore tipica dei solidi? b. Come si chiama l unica modalità di trasmissione del calore che si può verificare nel vuoto? c. Come si chiama la modalità di trasmissione del calore che si verifica in un liquido o in un gas riscaldato dal basso?

7 Completa le frasi scrivendo assorbire calore o cedere calore. a. Per condensarsi, un vapore deve... b. Per fondersi, un solido deve... c. Per evaporare, un liquido deve... Competenze Risolvi i seguenti problemi. a. Calcola la quantità di calore necessaria per scaldare 2 litri di acqua (2 kg) da 20 C a 50 C.... b. Sapendo che il calore specifico dell olio è 0,40, calcola quanto calore occorre per scaldare 50 g di olio da 21 C a 151 C. (2 + 2) Leggi e rispondi alle domande, mettendo una crocetta sulla risposta esatta. Luigi e Filippo preparano due provette identiche con acqua e un cubetto di ghiaccio che galleggia. Luigi riscalda la provetta dall alto, spingendo il cubetto verso il fondo (A). Filippo riscalda l altra provetta dal basso, lasciando galleggiare il ghiaccio (B). Dopo un po si è fuso solo il ghiaccio di Filippo. Perché? A ghiaccio ghiaccio a. Il ghiaccio della provetta di Filippo viene riscaldato dal basso dall acqua calda e dall alto per irraggiamento (dall aria). b. Il ghiaccio di Filippo non è stato toccato. c. Il ghiaccio di Luigi non ha ricevuto abbastanza calore perché è lontano dalla fiamma. d. Il ghiaccio di Filippo si è riscaldato sia per conduzione sia per convezione. Osserva la figura che mostra una pentola d acqua sul fuoco. Disegna le frecce che rappresentano le correnti convettive. B 2 punti

8 Leggi la premessa e risolvi i problemi, mettendo una crocetta sulla risposta esatta. Il calore specifico dell olio è 0,40, quello dell acqua è 1, quello dell acciaio 0,12 e quello del rame 0, Due pentole d acciaio uguali vengono riempite l una con acqua e l altra con olio. Le due quantità di liquidi sono uguali. Le due pentole vengono poi scaldate allo stesso modo per lo stesso tempo. Al termine del riscaldamento, come sarà la temperatura nelle due pentole? a. Sarà maggiore la temperatura dell olio. b. Sarà maggiore la temperatura dell acqua. c. Le due temperature saranno uguali. (2 + 2) 2. Due pentole uguali per forma e dimensione, l una di rame e l altra di acciaio, vengono riempite con la stessa quantità di olio. Le due pentole vengono poi scaldate allo stesso modo per lo stesso tempo. Al termine del riscaldamento, come sarà la temperatura nelle due pentole? a. Le due temperature saranno uguali. b. Sarà maggiore la temperatura dell olio nella pentola d acciaio. c. Sarà maggiore la temperatura dell olio nella pentola di rame. Leggi e metti una crocetta sui suggerimenti corretti. Miriam ha macchiato il vestito: lo lava e vuole asciugarlo rapidamente per indossarlo di nuovo. Che cosa le suggerisci di fare? a. Usare la lavatrice. b. Stendere bene il vestito al sole. c. Ripiegare bene il vestito e metterlo in bagno. d. Asciugarlo con un phon. e. Stenderlo vicino a un termosifone. Scrivi ogni fase della taratura di un termometro nelle caselle del diagramma. a. Segnare con una tacca il punto zero. b. Dividere l intervallo fra le due tacche in 100 parti uguali. c. Immergere il bulbo del termometro nel ghiaccio fondente. d. Immergere il bulbo del termometro nei vapori di acqua bollente. e. La distanza fra ogni tacca e la successiva corrisponde a 1 C. f. Segnare con una tacca il punto tempo

9 Osserva i grafici e rispondi alle domande, mettendo una crocetta sulla risposta esatta. a. b. c. 5 punti (2 + 3) temperatura ( C) temperatura ( C) temperatura ( C) 0 tempo (minuti) 0 tempo (minuti) 0 tempo (minuti) 1. Quale grafico rappresenta meglio il variare della temperatura dell acqua fino all ebollizione? a. b. c. 2. Perché? a. Perché la temperatura prima sale e poi si mantiene costante durante il passaggio di stato. b. Perché la temperatura dell acqua sale regolarmente durante tutto il riscaldamento. c. Perché la temperatura dell acqua varia al variare del calore fornito. d. Perché il grafico che rappresenta la situazione è sempre una linea retta. Competenze disciplinari* e trasversali** *Esplorare e sperimentare, in laboratorio e all aperto, lo svolgersi dei più comuni fenomeni, immaginarne e verificarne le cause, ricercare soluzioni ai problemi utilizzando le conoscenze acquisite. * Sviluppare semplici schematizzazioni e modellizzazioni di fatti e fenomeni ricorrendo, quando è il caso, a misure appropriate e a semplici formalizzazioni. ** Dimostrare una padronanza della lingua italiana tale da consentire di comprendere enunciati e testi di una certa complessità, di esprimere le proprie idee, di adottare un registro linguistico appropriato alle diverse situazioni (terminologia e linguaggio scientifico). ** Possedere un patrimonio di conoscenze e nozioni di base ed essere allo stesso tempo capace di ricercare e di procurarsi velocemente nuove informazioni e impegnarsi in nuovi apprendimenti anche in modo autonomo. Verifiche di fine unità: sviluppare le competenze es. 2; es. 4; es. 5. es.3; es.6 es.2; es.4. es. 1; es. 4; es. 7.

10 Vol. 1 Cap. 3 Vol. B Cap. 1 Cognome... Classe... Nome... Data... Conoscenze Metti una crocetta su V se l affermazione è vera, su F se è falsa. 9 punti a. Ogni organismo si procura sostanze che provengono dall ambiente esterno. V F b. Per movimento si intende solo lo spostamento dell intero organismo. V F c. Le piante non posseggono la caratteristica del movimento. V F d. Il microscopio è lo strumento che ha permesso di capire che gli organismi si evolvono. V F e. La capacità di regolare il proprio ambiente interno è una caratteristica comune a tutti i viventi. V F f. Nel corso dell evoluzione alcuni organismi si estinguono. V F g. La membrana cellulare è presente solo nelle cellule animali. V F h. La parete cellulare è presente sia in cellule eucariotiche che procariotiche. V F i. Al Regno degli animali appartengono solo organismi eterotrofi. V F Collega con una freccia ogni struttura o organulo cellulare con la corrispondente funzione. Strutture cellulari a. membrana cellulare b. reticolo endoplasmatico c. mitocondrio d. nucleo Collega ciascun processo alla funzione svolta. Funzioni svolte 1. comanda e coordina tutte le funzioni della cellula 2. collega le varie parti della cellula 3. consente il passaggio di sostanze dall esterno all interno della cellula e viceversa 4. produce energia La temperatura di un corpo è tanto più alta quanto a... è l agitazione molecolare. Quando mettiamo a contatto due corpi a differente temperatura, le molecole più b... del corpo più caldo trasmettono la loro c... alle molecole più d... del corpo più freddo. energia maggiore minore tranquille agitate massa Metti una crocetta sull affermazione esatta. Processo a. respirazione b. fotosintesi c. nutrizione Funzione 1. fabbricare sostanze organiche 2. ottenere sostanze per ricavare energia e materiale da costruzione 3. ottenere energia

11 Completa le frasi, scegliendo le parole mancanti fra quelle elencate sotto. 6 punti I progenitori degli organismi odierni erano a.... da cui derivarono b...., c.... e eucarioti. Gli eucarioti formano un d.... diviso in 4 regni: protisti, funghi, e.... e f.... Piante animali protozoi unicellulari procarioti alghe archibatteri dominio eubatteri Metti in corrispondenza con una freccia i 3 termini scritti a sinistra con la frase che meglio li definisce. a. Organo b. Tessuto c. Sistema 1. Insieme di cellule diverse che collaborano nello svolgere una stessa funzione 2. Insieme di cellule simili nella forma e nella specializzazione 3. Insieme di tessuti che collaborano nello svolgere una stessa funzione 4. Insieme di più organi che cooperano per svolgere una stessa funzione Competenze Leggi ed esegui quanto richiesto. 1. Osserva le immagini e disponile in ordine di tempo. (2 + 1) A. mammut B. elefante africano C. meriterio 2. Pensi che le prime forme siano ancora viventi? Metti una crocetta sulla risposta esatta. a. Sì. b. No. Scrivi sotto ogni figura se si tratta di riproduzioneasessuale per: a. b. c. d. (0,5 x 4)

12 6 punti Leggi i brani e rispondi alle domande, mettendo una crocetta sulla risposta esatta. (3 + 3) 1. Un compagno dice a Carlo che Hooke, dopo aver scoperto le cellule, inventò il microscopio per osservarle meglio. Carlo risponde al compagno che non è vero. Perché? a. Hooke non conosceva ancora le cellule. b. Hooke non aveva bisogno del microscopio per osservare le cellule. c. Hooke inventò il microscopio e con questo scoprì le cellule. d. Hooke non scoprì le cellule, ma inventò il microscopio. 2. Uno scienziato scopre un nuovo tipo di microrganismo unicellulare, che è autotrofo, ha un nucleo ben definito e possiede la parete cellulare. In quale Regno lo classifica? a. Nel Regno dei funghi. b. Nel Regno delle piante. c. Nel Regno degli animali. d. Nel Regno dei protisti. Rifletti e rispondi. Leggi le seguenti affermazioni che si riferiscono all eccitabilità di diversi organismi: individua stimolo e risposta e scrivili sui puntini. a. La foglia di mimosa si ripiega sotto il tocco della mano. Stimolo:... Risposta:... b. Alcuni microrganismi fuggono di fronte alla luce. Stimolo:... Risposta:... c. La sarta si punge il dito con uno spillo e sente dolore. Stimolo:... Risposta:... Osserva la figura e scegli la didascalia corretta. a. Si sono formati i vermi perché la carne è stata lasciata esposta all aria. b. I vermi sono nati perché la carne non era fresca. c. I vermi sono nati dalle uova che le mosche hanno depositato sulla carne. 2 punti

13 Metti in corrispondenza con una freccia ciascuna frase con il termine da essa spiegato (uno è da scartare). a. necessità di procurarsi il nutrimento introducendo nel corpo sostanze organiche b. capacità di fabbricarsi il nutrimento a partire da sostanze inorganiche c. consumo di ossigeno e sostanze organiche e produzione di anidride carbonica e acqua con liberazione di energia d. consumo di anidride carbonica e acqua e produzione di glucosio, con eliminazione di ossigeno 1. respirazione cellulare 2. autotrofia 3. eterotrofia 4. fotosintesi 5. traspirazione Indica con una crocetta l'affermazione che si riferisce all'attuale classifica dei viventi. a. I viventi sono classificati in 5 regni b. I viventi sono classificati in tre domini e il dominio degli degli aucarioti è suddiviso in 4 regni. c. I viventi sono classificati in due domini procariti ed eucarioti e gli eucarioti sono divisi in 4 regni c. I viventi sono classificati in due domini monere ed eucarioti e gli eucarioti sono divisi in 5 regni Scegli tra gli schemi proposti quello che meglio rappresenta la classificazione attuale. a. b. c. Competenze disciplinari* e trasversali** *Esplorare e sperimentare, in laboratorio e all aperto, lo svolgersi dei più comuni fenomeni, immaginarne e verificarne le cause, ricercare soluzioni ai problemi utilizzando le conoscenze acquisite. * Sviluppare semplici schematizzazioni e modellizzazioni di fatti e fenomeni ricorrendo, quando è il caso, a misure appropriate e a semplici formalizzazioni. * Avere una visione della complessità del sistema dei viventi e della sua evoluzione nel tempo; riconoscere nella loro diversità i bisogni fondamentali di animali e piante, e i modi di soddisfarli negli specifici contesti ambientali. ** Dimostrare una padronanza della lingua italiana tale da consentire di comprendere enunciati e testi di una certa complessità, di esprimere le proprie idee, di adottare un registro linguistico appropriato alle diverse situazioni (terminologia e linguaggio scientifico). ** Possedere un patrimonio di conoscenze e nozioni di base ed essere allo stesso tempo capace di ricercare e di procurarsi velocemente nuove informazioni e impegnarsi in nuovi apprendimenti anche in modo autonomo. Verifiche di fine unità: sviluppare le competenze es. 2. es. 7. es. 4. es. 3; es. 6; es. 7. es. 1; es. 2; es. 3; es. 5; es. 6-7.

14 Vol. 1 Cap. 4 Vol. B Cap. 2 Cognome... Classe... Nome... Data... Conoscenze Metti una crocetta su V se l affermazione è vera, su F se è falsa. 10 punti a. Il Regno dei protisti comprende protozoi e alghe. V F b. Le cellule dei funghi hanno i cloroplasti. V F c. Le spore sono cellule tondeggianti che il fungo libera per riprodursi. V F d. Le ife sono tipiche dei batteri. V F e. Gli Eubatteri possono anche essere pluricellulari. V F f. Le muffe non posseggono la clorofilla. V F g. I licheni sono un esempio di micorriza. V F h. Nelle micorrize gli organismi interessati traggono reciproco vantaggio. V F i. I lieviti sono funghi microscopici. V F j. Tutte le alghe sono pluricellulari V F Metti in relazione ogni gruppo di alghe con il pigmento che le caratterizza: a. Rodofite b. Cromofite c. Vere alghe brune (particolari cromofite) d. Clorofite 1. Xantofille 2. Clorofilla 3. Ficoeritrina 4. Fucoxantina Completa le frasi, scegliendo le parole mancanti fra quelle elencate sotto. Il paramecio ha strutture specializzate per la nutrizione: la bocca cellulare o a...., il retrobocca o b...., il c...., che funziona come un piccolo stomaco, e il poro anale o d.... citofaringe vacuolo digestivo citopige citostoma Completa le frasi, scegliendo le parole mancanti fra quelle elencate sotto. La micorriza è una forma di a.... che si stabilisce tra b.... e le radici di una pianta. I licheni sono una forma di c.... che si stabilisce tra un alga e un fungo. simbiosi parassitismo un alga un fungo

15 Completa le frasi con una o due parole. a. La sostanza di cui è composta la parete delle cellule dei funghi è la... b. I funghi che traggono nutrimento da resti originati da altri organismi si dicono... c. Un singolare tipo di associazione tra funghi e alghe è dato dai... d. La trasformazione del glucosio in alcool etilico e anidride carbonica è detta... Competenze Metti in relazione ogni organismo con il motivo per cui viene classificato in un certo modo. a. paramecio, è un xxxxxxxxx perché... b. focus, è un alga bruna perché... c. Sulpholobus è un archibatteri perché... d. Valvose è un'alga perche è un monocellulare procariotico che vive in un ambiente esterno. 2. è unicellulare eterotrofo con cellula animale 3. è un protiste con cellula vegetale 4. è un pluricellulare con xxxxxxxx xxxxxx xxxxxx x x xxx xxxxxx xxxxx xxx 6 punti Leggi e metti una crocetta sulla risposta esatta. (3 + 3) Quando si raccolgono i funghi che crescono spontaneamente nei boschi, bisogna seguire due indicazioni fondamentali: non utilizzare sacchetti di plastica dove riporre i funghi, ma utilizzare solo cestini a maglie larghe; tagliare il fungo alla base del gambo senza strappare le ife. 1. Scegli, tra le seguenti, la giusta motivazione per la prima indicazione. a. I funghi nel sacchetto marciscono e sono più belli senza ife. b. Nel sacchetto le ife si romperebbero. c. Sono accorgimenti che favoriscono la riproduzione dei funghi nel territorio circostante: le spore possono cadere nel terreno. d. Le ife sono velenose e la plastica potrebbe rendere il fungo immangiabile. 2. Scegli ora la giusta motivazione per la seconda indicazione. a. Una volta eliminate le ife, il fungo non può assorbire acqua dal terreno. b. Le ife permettono la riproduzione di nuovi funghi. c. Strappando le ife, il terreno si impoverisce di sostanze nutritive. d. Non bisogna mai alterare l ambiente naturale. Rifletti e rispondi. Quale, tra le seguenti, ti sembra possa essere la procedura più valida per eliminare dei batteri anaerobi presenti su di uno strumento chirurgico? a. Raffreddare lo strumento a temperature molto basse. b. Usare disinfettanti specifici che producono ossigeno. c. Lavare con acqua. d. Scaldare un po lo strumento.

16 Osserva la figura e completala scrivendo sui puntini le parole mancanti, scegliendole tra quelle elencate sotto. 5 punti a. b. e. d. c. anello ife lamelle verruche gambo spore cappello Indica con una crocetta il comportamento corretto. Nei licheni alga e fungo trattengono reciproco vantaggio perché: a. il fungo fornisce nutrimento all'alga e l'alga fornisce l'ossigeno al fungo. b. il fungo dà sostegno all'alga e l'algaprotegge il fungo. c. lìalga fornisce il nutrimento al fungo e il fungo fornisce l'acqua necessaria all'alga. 2 punti Competenze disciplinari* e trasversali** *Esplorare e sperimentare, in laboratorio e all aperto, lo svolgersi dei più comuni fenomeni, immaginarne e verificarne le cause, ricercare soluzioni ai problemi utilizzando le conoscenze acquisite. * Avere una visione della complessità del sistema dei viventi e della sua evoluzione nel tempo; riconoscere nella loro diversità i bisogni fondamentali di animali e piante, e i modi di soddisfarli negli specifici contesti ambientali. * Essere consapevole del ruolo della comunità umana sulla terra, del carattere finito delle risorse, nonché dell ineguaglianza dell accesso ad esse e adottare modi di vita ecologicamente responsabili ** Dimostrare una padronanza della lingua italiana tale da consentire di comprendere enunciati e testi di una certa complessità, di esprimere le proprie idee, di adottare un registro linguistico appropriato alle diverse situazioni (terminologia e linguaggio scientifico). ** Possedere un patrimonio di conoscenze e nozioni di base ed essere allo stesso tempo capace di ricercare e di procurarsi velocemente nuove informazioni e impegnarsi in nuovi apprendimenti anche in modo autonomo. Verifiche di fine unità: sviluppare le competenze es. 3. es.2; es. 5. es.2. es.1; es.2; es.5. es. 1; es. 3; es. 4.

17 Vol. 1 Cap. 5 Vol. B Cap. 3 Cognome... Classe... Nome... Data... Conoscenze Metti una crocetta su se l affermazione è vera, su se è falsa. 10 punti a. Le briofite sono piante pluricellulari. V F b. Le pteridofite hanno la radice. V F c. I vasi legnosi conducono acqua e sali alle foglie. V F d. Le piante eliminano ossigeno con la traspirazione. V F e. L organo specializzato per l assorbimento è la radice. V F f. Gli stomi sono piccole aperture poste nell epidermide delle foglie e servonoper far passare i liquidi. V F g. Le gimnosperme sono piante senza frutti. V F h. Il fiore si forma dalla trasformazione dell ovario. V F i. Il seme si forma dalla fecondazione dell ovulo. V F j. Attraverso gli stomi si ha un passaggio di sostanze gassose. Completa le frasi, scegliendo le parole mancanti tra quelle elencate sotto. Le a. hanno un corpo a tallo, come le alghe. Le pteridofite sono bene adattate alla b.. La radice assorbe acqua e sali minerali dal terreno attraverso i c.. pteridofite peli radicali briofite vasi legnosi terraferma vita acquatica Rispondi alle domande con una sola o al massimo due parole. a. Come si chiama la perdita di acqua attraverso le foglie? b. Qual è l organo che nelle piante complesse svolge la funzione di trasporto dei liquidi? c. Come si chiama la sostanza organica prodotta con la fotosintesi? d. Come si chiamano i corpuscoli che contengono la clorofilla? Completa le frasi, scegliendo le parole mancanti fra quelle elencate sotto. Il a.. è un vero sistema di riproduzione sessuale; l organo riproduttore femminile è il b.., mentre gli stami costituiscono l organo riproduttore c... fiore pistillo maschile ermafrodita Collega con una freccia ogni organo o struttura delle piante con fiori alle rispettive funzioni principali. Organi Funzioni 5 punti a. peli radicali b. tubi cribrosi c. stomi d. cuffia radicale e. vasi legnosi 1. protezione della radice per consentire la sua penetrazione nel suolo 2. assorbimento dell acqua e dei sali dal terreno 3. trasporto della linfa grezza 4. trasporto della linfa elaborata 5. scambio di gas tra pianta e ambiente

18 Competenze Indica per ciascuno dei tre schemi riproduttivi l organismo o il gruppo di piante a cui esso appartiene. a. PIANTA ADULTA fiore polline e ovulo zigote b. PIANTA ADULTA sori spore protalo zigote gameti c. PIANTA capsula a forma di ADULTA urna spore germogli zigote gameti a.:... b.:... c.:...

19 Osserva e rispondi. La figura rappresenta il trasporto della linfa attraverso il fusto. 8 punti ( ) 1. Dove passa la linfa grezza? a. Nel canale 1. b. Nel canale 2. c. Sia nel canale 1 che nel canale In quale verso si muove la linfa nel canale 1? a. Verso l alto. b. Verso il basso. c. A volte in un verso, a volte nell altro. 2. Dove passa la linfa elaborata? a. Nel canale 1. b. Nel canale 2. c. Sia nel canale 1 che nel canale 2. Completa lo schema, scegliendo le parole mancanti fra quelle elencate sotto. con seme non protetto b.... angiosperme fiore gimnosperme seme PIANTA COMPLESSE 4. In quale verso si muove la linfa nel canale 2? a. Verso l alto. b. Verso il basso. c. A volte in un verso, a volte nell altro. con a.... protetto dai frutti c....

20 Osserva la figura e scegli la didascalia corretta. 2 punti a. L apertura e la chiusura degli stomi regolano la traspirazione. b. Il trasporto dei liquidi in una pianta avviene in un sistema di canali. c. L assorbimento dell acqua da parte delle cellule radicali avviene per osmosi. Osserva la figura e rispondi. 6 punti ( ) Nella figura vedi due gambi di sedano immersi in acqua; la superficie libera dell acqua è coperta da un sottile strato di olio. 1. Che cosa ti aspetti che succeda dopo uno o due giorni? a. Il livello dell acqua rimane invariato. b. Il livello dell acqua è minore nel recipiente con il sedano senza foglie. c. Il livello dell acqua è minore nel recipiente con il sedano ricco di foglie. 2. Quale pensi possa essere la spiegazione? a. Attraverso le foglie il sedano perde acqua per traspirazione. b. Attraverso le foglie il sedano può compiere la fotosintesi. c. Senza le foglie il sedano può traspirare. 3. Quale pensi sia la funzione dell olio? a. Protegge l acqua dalla polvere. b. Impedisce all acqua di evaporare. c. Impedisce all acqua di aumentare di livello.

Gli organismi viventi

Gli organismi viventi Gli organismi viventi Gli organismi viventi Quali caratteristiche contraddistinguono i viventi? È facile distinguere un organismo vivente da un oggetto non vivente? Gli organismi viventi Tutti gli organismi

Dettagli

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Le piante Le piante Piante senza fiori Piante con fiori La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Piante senza fiori Milioni di anni fa esistevano sulla Terra soltanto piante senza fiori

Dettagli

Verifica - Conoscere le piante

Verifica - Conoscere le piante Collega con una linea nome, descrizione e disegno Verifica - Conoscere le piante Erbe Hanno il fusto legnoso che si ramifica vicino al terreno. Alberi Hanno il fusto legnoso e resistente che può raggiungere

Dettagli

Calore e temperatura. Calore e temperatura. Cos'è il calore? Il calore si chiama anche energia termica.

Calore e temperatura. Calore e temperatura. Cos'è il calore? Il calore si chiama anche energia termica. sono due cose diverse (in scienze si dice sono due grandezze diverse). 01.1 Cos'è il calore? Per spiegare cos è il calore facciamo degli esempi. Esempi: quando ci avviciniamo o tocchiamo un oggetto caldo

Dettagli

IL MONDO DELLE PIANTE

IL MONDO DELLE PIANTE PROVINCIA DI BERGAMO Settore Politiche Sociali e Salute IL MONDO DELLE PIANTE 2010 Realizzato dall Istruttore Educativo: Colella Anna 1 INDICE Classificazione delle piante pag. 3 Le parti della pianta

Dettagli

Diversità tra i viventi

Diversità tra i viventi Diversità tra i viventi PROPRIETÀ della VITA La CELLULA CLASSIFICAZIONE dei VIVENTI Presentazione sintetica Alunni OIRM Torino Tutti i viventi possiedono delle caratteristiche comuni Ciascun vivente nasce,

Dettagli

A COSA SERVONO LE FOGLIE?

A COSA SERVONO LE FOGLIE? A COSA SERVONO LE FOGLIE? Le foglie fabbricano il cibo della pianta, trasformando aria e acqua in glucosio (zucchero). Una foglia è formata da: Di solito la foglia è formata LAMINA da una parte appiattita

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA CENTRIFUGAZIONE La centrifugazione è un processo che permette di separare una fase solida immiscibile da una fase liquida o due liquidi

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

Temperatura dilatazione lineare, superficiale, volumetrica

Temperatura dilatazione lineare, superficiale, volumetrica Temperatura dilatazione lineare, superficiale, volumetrica ESERCIZIO N 1 La temperatura in una palestra è di 18 C mentre all esterno il termometro segna la temperatura di 5 C. Quanto vale la differenza

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI?

A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI? A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI? Dopo la fecondazione il fiore appassisce e i petali cadono. L ovulo fecondato si trasforma in SEME, mentre l ovario si ingrossa e si trasforma in FRUTTO. Il SEME ha il compito

Dettagli

unità B3. Le teorie sull evoluzione

unità B3. Le teorie sull evoluzione documentazione fossile è provata da embriologia comparata anatomia comparata biologia molecolare L evoluzione avviene per selezione naturale microevoluzione può essere macroevoluzione speciazione allopatrica

Dettagli

Esercizi e Problemi di Termodinamica.

Esercizi e Problemi di Termodinamica. Esercizi e Problemi di Termodinamica. Dr. Yves Gaspar March 18, 2009 1 Problemi sulla termologia e sull equilibrio termico. Problema 1. Un pezzetto di ghiaccio di massa m e alla temperatura di = 250K viene

Dettagli

La struttura della materia

La struttura della materia Unità didattica 11 La struttura della materia Competenze 1 Descrivere il modello atomico di Dalton 2 Spiegare le caratteristiche macroscopiche e microscopiche delle principali trasformazioni fisiche 3

Dettagli

SVILUPPO EMBRIONALE (PARTE PRIMA)

SVILUPPO EMBRIONALE (PARTE PRIMA) SVILUPPO EMBRIONALE (PARTE PRIMA) Lo sviluppo embrionale è il processo che, per successive mitosi porta dallo zigote all'individuo completo. Lo sviluppo embrionale comprende in realtà vari aspetti, che

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

Esercitazione pratica di cucina N 11

Esercitazione pratica di cucina N 11 Esercitazione pratica di cucina N 11 Millefoglie di grana Con funghi porcini trifolati alla nepitella --------------------------------- Timballo di anelletti Siciliani al Ragù ---------------------------------

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO ndice 1 Fai come fa la Natura 2 Cosa ci metti per fare la terra? 3 Come funziona il Compostaggio 4 Le cose

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo Le forze inorganiche creano sempre solo l inorganico. Mediante una forza superiore che agisce nel corpo vivente, al cui servizio sono le forze

Dettagli

VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO

VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO Conserve: verdure sott'olio e sott'aceto VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO Le verdure non possono essere conservate semplicemente sott'olio: infatti, non hanno sufficiente acidità per scongiurare il pericolo

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti. Charles Darwin (1809-1882)

Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti. Charles Darwin (1809-1882) Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti Charles Darwin (1809-1882) L evoluzione secondo LAMARCK (1744-1829) 1. Gli antenati delle giraffe

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

Equilibrio Termico tra Due Corpi

Equilibrio Termico tra Due Corpi Equilibrio Termico tra Due Corpi www.lepla.eu OBIETTIVO L attività ha l obiettivo di fare acquisire allo sperimentatore la consapevolezza che: 1 il raggiungimento dell'equilibrio termico non è istantaneo

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

Extatosoma tiaratum. Generalità

Extatosoma tiaratum. Generalità Extatosoma tiaratum Tassonomia Dominio: Eukaryota Regno: Animalia Sottoregno: Eumetazoa Ramo: Bilateria Phylum: Arthropoda Subphylum: Tracheata Superclasse: Hexapoda Classe: Insecta Sottoclasse: Pterygota

Dettagli

il Krill Letterio Guglielmo CNR - IFA

il Krill Letterio Guglielmo CNR - IFA il Krill Letterio Guglielmo II Krill (Euphausia superba) è il più abbondante crostaceo del mondo. Nonostante sia lungo 65 mm esso costituisce la principale fonte di alimento per una grande varietà di animali

Dettagli

COMUNICAZIONE TRA CELLULE E AMBIENTE

COMUNICAZIONE TRA CELLULE E AMBIENTE COMUNICAZIONE TRA CELLULE E AMBIENTE 1. LE CELLULE COMUNICANO TRA LORO Le cellule vegetali comunicano attraverso i plasmodesmi. Dato lo spessore della parete cellulare, come possono interagire tra loro

Dettagli

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi Evelina De Gregori Alessandra Rotondi al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze per la Scuola secondaria di primo grado UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Test d'ingresso NUMERI

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag.

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag. DEM8.5/10 Istruzioni per l uso............pag. 2 Use and maintenance manual....pag. 11 Mode d emploi et d entretien.....pag. 20 Betriebsanleitung.............pag. 29 Gebruiksaanwijzing..............pag.

Dettagli

Esercitazione IX - Calorimetria

Esercitazione IX - Calorimetria Esercitazione IX - Calorimetria Esercizio 1 Un blocco di rame di massa m Cu = 5g si trova a una temperatura iniziale T i = 25 C. Al blocco viene fornito un calore Q = 120J. Determinare la temperatura finale

Dettagli

Perché è importante che i pulcini siano a proprio agio?

Perché è importante che i pulcini siano a proprio agio? Controlla che I tuoi pulcini siano a proprio agio Perché è importante che i pulcini? Quando I pulcini nascono non sono in grado di controllare la loro temperatura corporea. La corretta temperatura di stoccaggio

Dettagli

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La termodinamica è quella branca della fisica che descrive le trasformazioni subite da un sistema (sia esso naturale o costruito dall uomo), in seguito

Dettagli

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP I mitocondri sono gli organuli responsabili della produzione di energia necessaria alla cellula per crescere e riprodursi. Queste reazioni, che nel loro insieme costituiscono il processo di "respirazione

Dettagli

DIDATTICA DELLA CHIMICA

DIDATTICA DELLA CHIMICA DIDATTICA DELLA CHIMICA LEZIONE INTRODUTTIVA: Concetto di modello LEZIONE N 1 Domanda problema : se consideriamo un pezzo di legno, un mucchietto di sabbia, che aspetto hanno questi 2 tipi di materia?

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

Costruire una pila in classe

Costruire una pila in classe Costruire una pila in classe Angela Turricchia, Grazia Zini e Leopoldo Benacchio Considerazioni iniziali Attualmente, numerosi giocattoli utilizzano delle pile. I bambini hanno l abitudine di acquistarle,

Dettagli

SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA

SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA 24 2 Sommario Perché questo opuscolo 3 Il benessere sostenibile e i consumi delle famiglie italiane 4 Le etichette energetiche 5 La scheda di prodotto 9 L etichetta

Dettagli

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove)

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove) mappa 3. Il sistema solare IL SISTEMA SOLARE il Sole Mercurio pianeti terrestri Venere Terra Marte 8 pianeti Giove Il Sistema solare 69 satelliti principali pianeti gioviani Saturno Urano Nettuno migliaia

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

Programmazione Modulare

Programmazione Modulare Indirizzo: BIENNIO Programmazione Modulare Disciplina: FISICA Classe: 2 a D Ore settimanali previste: (2 ore Teoria 1 ora Laboratorio) Prerequisiti per l'accesso alla PARTE D: Effetti delle forze. Scomposizione

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

GLI ANIMALI SI NUTRONO

GLI ANIMALI SI NUTRONO Azione 1 Italiano come L2 La lingua per studiare DISCIPLINA: SCIENZE Livello : A 2 GLI ANIMALI SI NUTRONO Gruppo 5 Autori: CRETI MARIELLA - GIONTI FRANCA Destinatari: alunni 1 biennio - scuola primaria

Dettagli

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1 1 La sostanza combustibile può essere: Solida Liquida o Gassosa. I combustibili utilizzati negli impianti di riscaldamento sono quelli visti precedentemente cioè: Biomasse Oli Combustibili di vario tipo

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

TRECCIA AL BURRO RICETTE

TRECCIA AL BURRO RICETTE TRECCIA AL BURRO RICETTE TRECCIA AL BURRO 1 kg di farina bianca 1 cucchiaio di sale (20 g ca.) 1 cubetto di lievito fresco (42 g) 1 cucchiaio di zucchero 120 g di burro 6 dl di latte 1 uovo sbattuto per

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

PER LA GESTIONE INFORMATIVO

PER LA GESTIONE INFORMATIVO Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e di Area Critica Direttore Dott. L. Zucchi UNITA DI TERAPIA SEMINTENSIVA RESPIRATORIA (UTSIR) OPUSCOLO INFORMATIVO PER LA GESTIONE A DOMICILIO DELLA TRACHEOSTOMIA

Dettagli

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta!

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Scuola dell Infanzia Istituto di Cultura e di Lingue Marcelline Progettazione Didattica Annuale a.s. 2014-2015 Dimensione valoriale L idea fondante del progetto

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

La prima cosa che dovremmo ricordarci pensando ad un

La prima cosa che dovremmo ricordarci pensando ad un COME FUNZIONA UN ALBERO di Mario Carminati e Massimo Ranghetti La prima cosa che dovremmo ricordarci pensando ad un albero è che si tratta di un essere vivente, proprio come noi. È un fatto scontato, certo,

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA 1 ATTREZZI MATERIALI 2 Tavoletta compensato Misure: 30cmx20-30 cm spellafili punteruolo cacciavite Nastro isolante Metro da falegname e matita Lampadine da 4,5V o 1,5V pinza

Dettagli

L EQUILIBRIO CHIMICO

L EQUILIBRIO CHIMICO EQUIIBRIO CHIMICO Molte reazioni chimiche possono avvenire in entrambe i sensi: reagenti e prodotti possono cioè scambiarsi fra di loro; le reazioni di questo tipo vengono qualificate come reazioni reversibili.

Dettagli

CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA

CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA Indagini dirette Scavi per ricerche minerarie, energetiche e idriche; carotaggi Non si giunge oltre i 12 km di

Dettagli

Innesti e Tecniche di Riproduzione

Innesti e Tecniche di Riproduzione Data inizio: 7-11-2011 Alberi da frutto Innesti e Tecniche di Riproduzione Sommario Perché innestiamo? 1 Innesto a Spacco 2 Innesto a Corona 3 Innesto a Triangolo 4 Innesti a Occhio 5 Innesto a Spacco

Dettagli

Svolgimento della prova

Svolgimento della prova Svolgimento della prova D1. Il seguente grafico rappresenta la distribuzione dei lavoratori precari in Italia suddivisi per età nell anno 2012. a. Quanti sono in totale i precari? A. Circa due milioni

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico La riparazione dell asfalto ha fatto strada. Sistemi MAPEI per la realizzazione di pavime I pannelli radianti sono

Dettagli

Orso Mario Corbino. Nozioni di Fisica per le scuole secondarie

Orso Mario Corbino. Nozioni di Fisica per le scuole secondarie Orso Mario Corbino Nozioni di Fisica per le scuole secondarie Vol. II Calore - Ottica - Elettrostatica e Magnetismo - Corrente elettrica - Elettrotecnica www.liberliber.it QUESTO E-BOOK: Questo e-book

Dettagli

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche REGOLAMENTO (CE) N. 1272/2008 Consigli di prudenza Consigli di prudenza di carattere generale P101 P102 P103 In caso di consultazione di un medico, tenere a disposizione il contenitore o l etichetta del

Dettagli

Meteo Varese Moti verticali dell aria

Meteo Varese Moti verticali dell aria Movimento verticale dell aria Le masse d aria si spostano prevalentemente lungo direzioni orizzontali a seguito delle variazioni della pressione atmosferica. I movimenti più importanti sono però quelli

Dettagli

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento Che cos è il compost Il compost è il terriccio (humus) che si forma dai rifiuti organici (erba, foglie, avanzi di frutta e verdura, ecc) grazie all azione del sole, dell aria e dei microrganismi presenti

Dettagli

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là,

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, Un uomo che dorme Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, dove la memoria identifica senza sforzo

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica Unità didattica 8 La corrente elettrica Competenze Costruire semplici circuiti elettrici e spiegare il modello di spostamento delle cariche elettriche. Definire l intensità di corrente, la resistenza e

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

1A ARITMETICA. I numeri naturali e le quattro operazioni. Esercizi supplementari di verifica

1A ARITMETICA. I numeri naturali e le quattro operazioni. Esercizi supplementari di verifica A ARITMETICA I numeri naturali e le quattro operazioni Esercizi supplementari di verifica Esercizio Rappresenta sulla retta orientata i seguenti numeri naturali. ; ; ; 0;. 0 Esercizio Metti una crocetta

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Come abbiamo visto nelle pagine precedenti il Sistema Solare è un insieme di molti corpi celesti, diversi fra loro. La sua forma complessiva è quella

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

IL FERRO Fe. Che cos è la siderurgia? E l insieme dei procedimenti per trasformare i minerali di ferro in Prodotti Siderurgici.

IL FERRO Fe. Che cos è la siderurgia? E l insieme dei procedimenti per trasformare i minerali di ferro in Prodotti Siderurgici. IL FERRO Fe 1 Il ferro è un metallo di colore bianco grigiastro lucente che fonde a 1530 C. E uno dei metalli più diffusi e abbondanti sulla terra e certamente il più importante ed usato: navi, automobili,

Dettagli

LA MEMBRANA PLASMATICA

LA MEMBRANA PLASMATICA LA MEMBRANA PLASMATICA 1. LE FUNZIONI DELLA MEMBRANA PLASMATICA La membrana plasmatica svolge le seguenti funzioni: 1. tenere concentrate tutte le sostanze indispensabili alla vita: è proprio la membrana

Dettagli

DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena

DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena TUTTO IL MATERIALE CHE È ENTRATO IN CONTATTO CON LE COLONIE AMMALATE DEVE ESSER DISTRUTTO

Dettagli

23 CAPITOLO 2: RELAZIONI TRA LE DIVERSE FASI DI UN CAMPIONE DI TERRENO

23 CAPITOLO 2: RELAZIONI TRA LE DIVERSE FASI DI UN CAMPIONE DI TERRENO v 23 CAPITOLO 2: RELAZIONI TRA LE DIERSE FASI DI UN CAMPIONE DI TERRENO CAPITOLO 2: RELAZIONI TRA LE DIERSE FASI DI UN CAMPIONE DI TERRENO Un campione di terreno viene considerato come un sistema multifase,

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

Appunti della panificazione rurale

Appunti della panificazione rurale Appunti della panificazione rurale MATERIE PRIME Dal grano duro coltivato nell area del Sarcidano con il metodo di produzione Biologica, alla produzione di farine e semole macinate nel mulino di Nurri,

Dettagli

Inizia presentazione

Inizia presentazione Inizia presentazione Che si misura in ampère può essere generata In simboli A da pile dal movimento di spire conduttrici all interno di campi magnetici come per esempio nelle dinamo e negli alternatori

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate.

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. INDICE La presente guida contiene suggerimenti e indicazioni di carattere generale e a scopo puramente informativo. Non si deve prescindere dal leggere attentamente

Dettagli