Verifiche di fine Unità Volume 3. Questa pagina può essere fotocopiata esclusivamente per uso didattico Loescher Editore - Torino

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Verifiche di fine Unità Volume 3. Questa pagina può essere fotocopiata esclusivamente per uso didattico Loescher Editore - Torino"

Transcript

1 Le verifiche che seguono corrispondono alle 33 unità didattiche del corso. Ogni verifica consente di valutare le conoscenze relative all unità svolta, senza tenere conto degli Approfondimenti. Qualche volta, invece, si fa riferimento alle Attività di laboratorio, ma sempre in modo che, anche chi non ha potuto realizzare le esperienze proposte, possa, con le informazioni fornite, sviluppare un certo tipo di ragionamento. Le verifiche sono test oggettivi, facili da correggere e valutare, seguendo le indicazioni sui punteggi fornite di fianco alle relative soluzioni. Ogni verifica è divisa in due sezioni: Consolidare le conoscenze e Sviluppare le competenze, che permettono di valutare il livello degli allievi, che sugli stessi obiettivi si sono già misurati svolgendo gli esercizi e l autoverifica presenti nel testo. Verifiche di fine Unità Volume 1 Verifiche di fine Unità Volume 2 Verifiche di fine Unità Volume 3 XXX XXX XXX

2 Vol. 1 Cap. 1 Vol. A Cap. 1 Cognome... Classe... Nome... Data... Conoscenze Metti una crocetta su V se l affermazione è vera, su F se è falsa. 8 punti a. Le sferette con cui viene rappresentata una sostanza indicano le molecole. V F b. Tutto ciò che ha peso e volume è materia. V F c. I gas non hanno peso. V F d. Un liquido occupa tutto lo spazio del recipiente che lo contiene. V F e. Un corpo è più denso di un altro quando pesa di più. V F f. In un miscuglio omogeneo le sostanze che lo costituiscono non si distinguono fra loro. V F g. L acqua è una sostanza liquida. V F h. L acqua sale di più nei vasi capillari. V F Metti in corrispondenza ogni proprietà con la sua descrizione (una è da scartare). 1. adesione 2. capillarità 3. elasticità a. attrazione fra particelle di uno stesso corpo b. fenomeno per cui un liquido raggiunge lo stesso livello in vasi comunicanti c. proprietà di un corpo di tornare alle condizioni iniziali cessata la forza che ne ha prodotto la deformazione d. fenomeno per cui un liquido raggiunge un livello più alto in un vaso sottilissimo Completa la tabella, inserendo le parole variabile o costante. Stato Forma Volume solido liquido aeriforme (o gassoso) variabile Metti una crocetta di fianco alle proprietà di un corpo allo stato liquido. a. Ha un peso. b. Ha un volume variabile. c. Le sue molecole si attraggono più debolmente che nei corpi solidi. d. Prende la forma del recipiente che lo contiene. e. Travasato in un recipiente più grande, ne occupa tutto lo spazio. 5 punti

3 Completa la tabella. Grandezza Unità di misura Strumento di misura bilancia a due piatti newton cilindro tarato Completa le frasi, scegliendo le parole mancanti fra quelle elencate sotto. a. I miscugli omogenei possono anche essere chiamati... b. I miscugli in cui si distinguono i componenti sono detti... c. Il componente più abbondante di un miscuglio omogeneo si chiama... solvente soluzione soluto eterogenei omogenei Competenze Leggi il brano e rispondi alle domande, mettendo una crocetta sulla risposta esatta. Omar versa in un cilindro graduato 150 cm 3 di acqua e vi immerge delicatamente 10 biglie uguali. Il livello dell acqua sale fino a 210 cm Quale è il volume delle 10 biglie? a. 210 cm 3. b. 360 cm 3. c. 60 cm Che cosa deve fare Omar per trovare il volume di una sola biglia? a. Dividere il volume trovato per 10. b. Misurare il volume di una biglia. c. Sottrarre al volume di 10 biglie quello di 9 biglie. Rispondi alla domanda, mettendo una crocetta sulla risposta esatta. Claudia versa in un bicchiere dell acqua e quindi aggiunge dell olio. Mescola, agitando bene, aspetta qualche minuto e poi osserva che l olio forma uno straterello giallo sull acqua. Che tipo di miscuglio ha formato? a. Un miscuglio omogeneo, perché formato da due liquidi. b. Un miscuglio eterogeneo, perché riesce a distinguere i due liquidi nel miscuglio. c. Una soluzione, perché l acqua fa da solvente. d. Un miscuglio eterogeneo, perché i due liquidi hanno colori diversi. (2 + 2)

4 Risolvi il problema, mettendo una crocetta sulla risposta esatta. Un cubetto di legno ha la massa di 45 g e un volume di 90 cm 3. 5 punti (3 + 2) 1. Qual è la densità del legno? a. 0,5 g/cm 3. b. 5 g/cm 3. c. 50 g/cm 3. d. 2 g/cm Considera un cubetto dello stesso legno, ma di peso doppio. Quale sarebbe la sua densità? a. Il doppio della precedente. b. Uguale alla precedente. c. La metà della precedente. Rifletti e rispondi. 2 punti Il disegno è errato perché... a. nei vasi comunicanti l acqua si dispone alla stessa altezza. b. nei vasi capillari l acqua si dispone alla stessa altezza. c. nei vasi comunicanti l acqua si dispone a diverse altezze, a seconda del diametro dei vasi. Osserva il disegno. 1. Metti una crocetta sulla misura (espressa in grammi) della massa del cubo. a. 556 b. 56,005 c. 56,5 d. 56,05 2. Metti una crocetta sul completamento esatto. Se la bilancia non fosse in equilibrio e il piatto con il cubo si trovasse più in basso dell altro, ciò significherebbe che... a. il cubo ha massa minore di quella delle masserelle. b. le masserelle hanno la stessa massa del cubo. c. il cubo ha una massa che non si può misurare con quella bilancia. d. il cubo ha massa maggiore di quella delle masserelle. 6 punti (3 + 3)

5 Osserva le figure che rappresentano due dinamometri uguali (posti sulla Terra) e leggi le affermazioni che si riferiscono alla situazione. Metti una crocetta sulle affermazioni esatte. 2 punti A B a. I due corpi hanno lo stesso peso. b. I due corpi hanno la stessa massa. c. Il corpo A ha peso maggiore del corpo B. d. I due corpi hanno peso diverso, ma potrebbero avere la stessa massa. e. La molla è più allungata quando è appeso il corpo con maggior peso. Scrivi sotto ogni figura lo stato fisico che rappresenta. a.... b.... c.... Competenze disciplinari* e trasversali** *Esplorare e sperimentare, in laboratorio e all aperto, lo svolgersi dei più comuni fenomeni, immaginarne e verificarne le cause, ricercare soluzioni ai problemi utilizzando le conoscenze acquisite. ** Dimostrare una padronanza della lingua italiana tale da consentire di comprendere enunciati e testi di una certa complessità, di esprimere le proprie idee, di adottare un registro linguistico appropriato alle diverse situazioni (terminologia e linguaggio scientifico). ** Possedere un patrimonio di conoscenze e nozioni di base ed essere allo stesso tempo capace di ricercare e di procurarsi velocemente nuove informazioni e impegnarsi in nuovi apprendimenti anche in modo autonomo. Verifiche di fine unità: sviluppare le competenze es. 1; es. 2; es. 3; es. 4; es. 5; es. 6. es.5. es. 1; es. 3; es. 5.

6 Vol. 1 Cap. 2 Vol. A Cap. 2 Cognome... Classe... Nome... Data... Conoscenze Metti una crocetta su V se l affermazione è vera, su F se è falsa. 8 punti a. Il calore e la temperatura si misurano con unità diverse. V F b. La sublimazione è un passaggio di stato diretto da solido a gas o viceversa. V F c. Quando un cubetto di ghiaccio diventa liquido si dice che si scioglie. V F d. L evaporazione è il rapido passaggio dallo stato liquido a quello gassoso. V F e. La conduzione si verifica solo nei solidi. V F f. Le radiazioni infrarosse trasmettono calore. V F g. La dilatazione termica è la proprietà dei corpi di allungarsi, quando sono soggetti a una forza. V F h. L acqua bolle a 90 C. V F Completa le frasi con una sola parola. a. In un termometro il liquido è contenuto nel... b. Il liquido del termometro si dilata quando si alza la... c. I valori della temperatura si leggono su una scala... d. I punti fissi usati per tarare il termometro sono la temperatura dell acqua bollente e quella del ghiaccio... Completa le frasi, scegliendo le parole mancanti fra quelle elencate sotto. La temperatura di un corpo è tanto più alta quanto a... è l agitazione molecolare. Quando mettiamo a contatto due corpi a differente temperatura, le molecole più b... del corpo più caldo trasmettono la loro c... alle molecole più d... del corpo più freddo. energia maggiore minore tranquille agitate massa Metti una crocetta sull affermazione esatta. Il calore specifico di un corpo è a. il calore contenuto in un certo tipo di sostanza. c. il calore necessario per aumentare di 1 C la temperatura di 1 kg di acqua distillata. c. la quantità di calore necessaria per aumentare di 1 C la temperatura di 1 kg di una certa sostanza. d. la quantità di calore necessaria per portare a ebollizione 1 kg di una sostanza. Rispondi alle domande. a. Come si chiama la modalità di trasmissione del calore tipica dei solidi? b. Come si chiama l unica modalità di trasmissione del calore che si può verificare nel vuoto? c. Come si chiama la modalità di trasmissione del calore che si verifica in un liquido o in un gas riscaldato dal basso?

7 Completa le frasi scrivendo assorbire calore o cedere calore. a. Per condensarsi, un vapore deve... b. Per fondersi, un solido deve... c. Per evaporare, un liquido deve... Competenze Risolvi i seguenti problemi. a. Calcola la quantità di calore necessaria per scaldare 2 litri di acqua (2 kg) da 20 C a 50 C.... b. Sapendo che il calore specifico dell olio è 0,40, calcola quanto calore occorre per scaldare 50 g di olio da 21 C a 151 C. (2 + 2) Leggi e rispondi alle domande, mettendo una crocetta sulla risposta esatta. Luigi e Filippo preparano due provette identiche con acqua e un cubetto di ghiaccio che galleggia. Luigi riscalda la provetta dall alto, spingendo il cubetto verso il fondo (A). Filippo riscalda l altra provetta dal basso, lasciando galleggiare il ghiaccio (B). Dopo un po si è fuso solo il ghiaccio di Filippo. Perché? A ghiaccio ghiaccio a. Il ghiaccio della provetta di Filippo viene riscaldato dal basso dall acqua calda e dall alto per irraggiamento (dall aria). b. Il ghiaccio di Filippo non è stato toccato. c. Il ghiaccio di Luigi non ha ricevuto abbastanza calore perché è lontano dalla fiamma. d. Il ghiaccio di Filippo si è riscaldato sia per conduzione sia per convezione. Osserva la figura che mostra una pentola d acqua sul fuoco. Disegna le frecce che rappresentano le correnti convettive. B 2 punti

8 Leggi la premessa e risolvi i problemi, mettendo una crocetta sulla risposta esatta. Il calore specifico dell olio è 0,40, quello dell acqua è 1, quello dell acciaio 0,12 e quello del rame 0, Due pentole d acciaio uguali vengono riempite l una con acqua e l altra con olio. Le due quantità di liquidi sono uguali. Le due pentole vengono poi scaldate allo stesso modo per lo stesso tempo. Al termine del riscaldamento, come sarà la temperatura nelle due pentole? a. Sarà maggiore la temperatura dell olio. b. Sarà maggiore la temperatura dell acqua. c. Le due temperature saranno uguali. (2 + 2) 2. Due pentole uguali per forma e dimensione, l una di rame e l altra di acciaio, vengono riempite con la stessa quantità di olio. Le due pentole vengono poi scaldate allo stesso modo per lo stesso tempo. Al termine del riscaldamento, come sarà la temperatura nelle due pentole? a. Le due temperature saranno uguali. b. Sarà maggiore la temperatura dell olio nella pentola d acciaio. c. Sarà maggiore la temperatura dell olio nella pentola di rame. Leggi e metti una crocetta sui suggerimenti corretti. Miriam ha macchiato il vestito: lo lava e vuole asciugarlo rapidamente per indossarlo di nuovo. Che cosa le suggerisci di fare? a. Usare la lavatrice. b. Stendere bene il vestito al sole. c. Ripiegare bene il vestito e metterlo in bagno. d. Asciugarlo con un phon. e. Stenderlo vicino a un termosifone. Scrivi ogni fase della taratura di un termometro nelle caselle del diagramma. a. Segnare con una tacca il punto zero. b. Dividere l intervallo fra le due tacche in 100 parti uguali. c. Immergere il bulbo del termometro nel ghiaccio fondente. d. Immergere il bulbo del termometro nei vapori di acqua bollente. e. La distanza fra ogni tacca e la successiva corrisponde a 1 C. f. Segnare con una tacca il punto tempo

9 Osserva i grafici e rispondi alle domande, mettendo una crocetta sulla risposta esatta. a. b. c. 5 punti (2 + 3) temperatura ( C) temperatura ( C) temperatura ( C) 0 tempo (minuti) 0 tempo (minuti) 0 tempo (minuti) 1. Quale grafico rappresenta meglio il variare della temperatura dell acqua fino all ebollizione? a. b. c. 2. Perché? a. Perché la temperatura prima sale e poi si mantiene costante durante il passaggio di stato. b. Perché la temperatura dell acqua sale regolarmente durante tutto il riscaldamento. c. Perché la temperatura dell acqua varia al variare del calore fornito. d. Perché il grafico che rappresenta la situazione è sempre una linea retta. Competenze disciplinari* e trasversali** *Esplorare e sperimentare, in laboratorio e all aperto, lo svolgersi dei più comuni fenomeni, immaginarne e verificarne le cause, ricercare soluzioni ai problemi utilizzando le conoscenze acquisite. * Sviluppare semplici schematizzazioni e modellizzazioni di fatti e fenomeni ricorrendo, quando è il caso, a misure appropriate e a semplici formalizzazioni. ** Dimostrare una padronanza della lingua italiana tale da consentire di comprendere enunciati e testi di una certa complessità, di esprimere le proprie idee, di adottare un registro linguistico appropriato alle diverse situazioni (terminologia e linguaggio scientifico). ** Possedere un patrimonio di conoscenze e nozioni di base ed essere allo stesso tempo capace di ricercare e di procurarsi velocemente nuove informazioni e impegnarsi in nuovi apprendimenti anche in modo autonomo. Verifiche di fine unità: sviluppare le competenze es. 2; es. 4; es. 5. es.3; es.6 es.2; es.4. es. 1; es. 4; es. 7.

10 Vol. 1 Cap. 3 Vol. B Cap. 1 Cognome... Classe... Nome... Data... Conoscenze Metti una crocetta su V se l affermazione è vera, su F se è falsa. 9 punti a. Ogni organismo si procura sostanze che provengono dall ambiente esterno. V F b. Per movimento si intende solo lo spostamento dell intero organismo. V F c. Le piante non posseggono la caratteristica del movimento. V F d. Il microscopio è lo strumento che ha permesso di capire che gli organismi si evolvono. V F e. La capacità di regolare il proprio ambiente interno è una caratteristica comune a tutti i viventi. V F f. Nel corso dell evoluzione alcuni organismi si estinguono. V F g. La membrana cellulare è presente solo nelle cellule animali. V F h. La parete cellulare è presente sia in cellule eucariotiche che procariotiche. V F i. Al Regno degli animali appartengono solo organismi eterotrofi. V F Collega con una freccia ogni struttura o organulo cellulare con la corrispondente funzione. Strutture cellulari a. membrana cellulare b. reticolo endoplasmatico c. mitocondrio d. nucleo Collega ciascun processo alla funzione svolta. Funzioni svolte 1. comanda e coordina tutte le funzioni della cellula 2. collega le varie parti della cellula 3. consente il passaggio di sostanze dall esterno all interno della cellula e viceversa 4. produce energia La temperatura di un corpo è tanto più alta quanto a... è l agitazione molecolare. Quando mettiamo a contatto due corpi a differente temperatura, le molecole più b... del corpo più caldo trasmettono la loro c... alle molecole più d... del corpo più freddo. energia maggiore minore tranquille agitate massa Metti una crocetta sull affermazione esatta. Processo a. respirazione b. fotosintesi c. nutrizione Funzione 1. fabbricare sostanze organiche 2. ottenere sostanze per ricavare energia e materiale da costruzione 3. ottenere energia

11 Completa le frasi, scegliendo le parole mancanti fra quelle elencate sotto. 6 punti I progenitori degli organismi odierni erano a.... da cui derivarono b...., c.... e eucarioti. Gli eucarioti formano un d.... diviso in 4 regni: protisti, funghi, e.... e f.... Piante animali protozoi unicellulari procarioti alghe archibatteri dominio eubatteri Metti in corrispondenza con una freccia i 3 termini scritti a sinistra con la frase che meglio li definisce. a. Organo b. Tessuto c. Sistema 1. Insieme di cellule diverse che collaborano nello svolgere una stessa funzione 2. Insieme di cellule simili nella forma e nella specializzazione 3. Insieme di tessuti che collaborano nello svolgere una stessa funzione 4. Insieme di più organi che cooperano per svolgere una stessa funzione Competenze Leggi ed esegui quanto richiesto. 1. Osserva le immagini e disponile in ordine di tempo. (2 + 1) A. mammut B. elefante africano C. meriterio 2. Pensi che le prime forme siano ancora viventi? Metti una crocetta sulla risposta esatta. a. Sì. b. No. Scrivi sotto ogni figura se si tratta di riproduzioneasessuale per: a. b. c. d. (0,5 x 4)

12 6 punti Leggi i brani e rispondi alle domande, mettendo una crocetta sulla risposta esatta. (3 + 3) 1. Un compagno dice a Carlo che Hooke, dopo aver scoperto le cellule, inventò il microscopio per osservarle meglio. Carlo risponde al compagno che non è vero. Perché? a. Hooke non conosceva ancora le cellule. b. Hooke non aveva bisogno del microscopio per osservare le cellule. c. Hooke inventò il microscopio e con questo scoprì le cellule. d. Hooke non scoprì le cellule, ma inventò il microscopio. 2. Uno scienziato scopre un nuovo tipo di microrganismo unicellulare, che è autotrofo, ha un nucleo ben definito e possiede la parete cellulare. In quale Regno lo classifica? a. Nel Regno dei funghi. b. Nel Regno delle piante. c. Nel Regno degli animali. d. Nel Regno dei protisti. Rifletti e rispondi. Leggi le seguenti affermazioni che si riferiscono all eccitabilità di diversi organismi: individua stimolo e risposta e scrivili sui puntini. a. La foglia di mimosa si ripiega sotto il tocco della mano. Stimolo:... Risposta:... b. Alcuni microrganismi fuggono di fronte alla luce. Stimolo:... Risposta:... c. La sarta si punge il dito con uno spillo e sente dolore. Stimolo:... Risposta:... Osserva la figura e scegli la didascalia corretta. a. Si sono formati i vermi perché la carne è stata lasciata esposta all aria. b. I vermi sono nati perché la carne non era fresca. c. I vermi sono nati dalle uova che le mosche hanno depositato sulla carne. 2 punti

13 Metti in corrispondenza con una freccia ciascuna frase con il termine da essa spiegato (uno è da scartare). a. necessità di procurarsi il nutrimento introducendo nel corpo sostanze organiche b. capacità di fabbricarsi il nutrimento a partire da sostanze inorganiche c. consumo di ossigeno e sostanze organiche e produzione di anidride carbonica e acqua con liberazione di energia d. consumo di anidride carbonica e acqua e produzione di glucosio, con eliminazione di ossigeno 1. respirazione cellulare 2. autotrofia 3. eterotrofia 4. fotosintesi 5. traspirazione Indica con una crocetta l'affermazione che si riferisce all'attuale classifica dei viventi. a. I viventi sono classificati in 5 regni b. I viventi sono classificati in tre domini e il dominio degli degli aucarioti è suddiviso in 4 regni. c. I viventi sono classificati in due domini procariti ed eucarioti e gli eucarioti sono divisi in 4 regni c. I viventi sono classificati in due domini monere ed eucarioti e gli eucarioti sono divisi in 5 regni Scegli tra gli schemi proposti quello che meglio rappresenta la classificazione attuale. a. b. c. Competenze disciplinari* e trasversali** *Esplorare e sperimentare, in laboratorio e all aperto, lo svolgersi dei più comuni fenomeni, immaginarne e verificarne le cause, ricercare soluzioni ai problemi utilizzando le conoscenze acquisite. * Sviluppare semplici schematizzazioni e modellizzazioni di fatti e fenomeni ricorrendo, quando è il caso, a misure appropriate e a semplici formalizzazioni. * Avere una visione della complessità del sistema dei viventi e della sua evoluzione nel tempo; riconoscere nella loro diversità i bisogni fondamentali di animali e piante, e i modi di soddisfarli negli specifici contesti ambientali. ** Dimostrare una padronanza della lingua italiana tale da consentire di comprendere enunciati e testi di una certa complessità, di esprimere le proprie idee, di adottare un registro linguistico appropriato alle diverse situazioni (terminologia e linguaggio scientifico). ** Possedere un patrimonio di conoscenze e nozioni di base ed essere allo stesso tempo capace di ricercare e di procurarsi velocemente nuove informazioni e impegnarsi in nuovi apprendimenti anche in modo autonomo. Verifiche di fine unità: sviluppare le competenze es. 2. es. 7. es. 4. es. 3; es. 6; es. 7. es. 1; es. 2; es. 3; es. 5; es. 6-7.

14 Vol. 1 Cap. 4 Vol. B Cap. 2 Cognome... Classe... Nome... Data... Conoscenze Metti una crocetta su V se l affermazione è vera, su F se è falsa. 10 punti a. Il Regno dei protisti comprende protozoi e alghe. V F b. Le cellule dei funghi hanno i cloroplasti. V F c. Le spore sono cellule tondeggianti che il fungo libera per riprodursi. V F d. Le ife sono tipiche dei batteri. V F e. Gli Eubatteri possono anche essere pluricellulari. V F f. Le muffe non posseggono la clorofilla. V F g. I licheni sono un esempio di micorriza. V F h. Nelle micorrize gli organismi interessati traggono reciproco vantaggio. V F i. I lieviti sono funghi microscopici. V F j. Tutte le alghe sono pluricellulari V F Metti in relazione ogni gruppo di alghe con il pigmento che le caratterizza: a. Rodofite b. Cromofite c. Vere alghe brune (particolari cromofite) d. Clorofite 1. Xantofille 2. Clorofilla 3. Ficoeritrina 4. Fucoxantina Completa le frasi, scegliendo le parole mancanti fra quelle elencate sotto. Il paramecio ha strutture specializzate per la nutrizione: la bocca cellulare o a...., il retrobocca o b...., il c...., che funziona come un piccolo stomaco, e il poro anale o d.... citofaringe vacuolo digestivo citopige citostoma Completa le frasi, scegliendo le parole mancanti fra quelle elencate sotto. La micorriza è una forma di a.... che si stabilisce tra b.... e le radici di una pianta. I licheni sono una forma di c.... che si stabilisce tra un alga e un fungo. simbiosi parassitismo un alga un fungo

15 Completa le frasi con una o due parole. a. La sostanza di cui è composta la parete delle cellule dei funghi è la... b. I funghi che traggono nutrimento da resti originati da altri organismi si dicono... c. Un singolare tipo di associazione tra funghi e alghe è dato dai... d. La trasformazione del glucosio in alcool etilico e anidride carbonica è detta... Competenze Metti in relazione ogni organismo con il motivo per cui viene classificato in un certo modo. a. paramecio, è un xxxxxxxxx perché... b. focus, è un alga bruna perché... c. Sulpholobus è un archibatteri perché... d. Valvose è un'alga perche è un monocellulare procariotico che vive in un ambiente esterno. 2. è unicellulare eterotrofo con cellula animale 3. è un protiste con cellula vegetale 4. è un pluricellulare con xxxxxxxx xxxxxx xxxxxx x x xxx xxxxxx xxxxx xxx 6 punti Leggi e metti una crocetta sulla risposta esatta. (3 + 3) Quando si raccolgono i funghi che crescono spontaneamente nei boschi, bisogna seguire due indicazioni fondamentali: non utilizzare sacchetti di plastica dove riporre i funghi, ma utilizzare solo cestini a maglie larghe; tagliare il fungo alla base del gambo senza strappare le ife. 1. Scegli, tra le seguenti, la giusta motivazione per la prima indicazione. a. I funghi nel sacchetto marciscono e sono più belli senza ife. b. Nel sacchetto le ife si romperebbero. c. Sono accorgimenti che favoriscono la riproduzione dei funghi nel territorio circostante: le spore possono cadere nel terreno. d. Le ife sono velenose e la plastica potrebbe rendere il fungo immangiabile. 2. Scegli ora la giusta motivazione per la seconda indicazione. a. Una volta eliminate le ife, il fungo non può assorbire acqua dal terreno. b. Le ife permettono la riproduzione di nuovi funghi. c. Strappando le ife, il terreno si impoverisce di sostanze nutritive. d. Non bisogna mai alterare l ambiente naturale. Rifletti e rispondi. Quale, tra le seguenti, ti sembra possa essere la procedura più valida per eliminare dei batteri anaerobi presenti su di uno strumento chirurgico? a. Raffreddare lo strumento a temperature molto basse. b. Usare disinfettanti specifici che producono ossigeno. c. Lavare con acqua. d. Scaldare un po lo strumento.

16 Osserva la figura e completala scrivendo sui puntini le parole mancanti, scegliendole tra quelle elencate sotto. 5 punti a. b. e. d. c. anello ife lamelle verruche gambo spore cappello Indica con una crocetta il comportamento corretto. Nei licheni alga e fungo trattengono reciproco vantaggio perché: a. il fungo fornisce nutrimento all'alga e l'alga fornisce l'ossigeno al fungo. b. il fungo dà sostegno all'alga e l'algaprotegge il fungo. c. lìalga fornisce il nutrimento al fungo e il fungo fornisce l'acqua necessaria all'alga. 2 punti Competenze disciplinari* e trasversali** *Esplorare e sperimentare, in laboratorio e all aperto, lo svolgersi dei più comuni fenomeni, immaginarne e verificarne le cause, ricercare soluzioni ai problemi utilizzando le conoscenze acquisite. * Avere una visione della complessità del sistema dei viventi e della sua evoluzione nel tempo; riconoscere nella loro diversità i bisogni fondamentali di animali e piante, e i modi di soddisfarli negli specifici contesti ambientali. * Essere consapevole del ruolo della comunità umana sulla terra, del carattere finito delle risorse, nonché dell ineguaglianza dell accesso ad esse e adottare modi di vita ecologicamente responsabili ** Dimostrare una padronanza della lingua italiana tale da consentire di comprendere enunciati e testi di una certa complessità, di esprimere le proprie idee, di adottare un registro linguistico appropriato alle diverse situazioni (terminologia e linguaggio scientifico). ** Possedere un patrimonio di conoscenze e nozioni di base ed essere allo stesso tempo capace di ricercare e di procurarsi velocemente nuove informazioni e impegnarsi in nuovi apprendimenti anche in modo autonomo. Verifiche di fine unità: sviluppare le competenze es. 3. es.2; es. 5. es.2. es.1; es.2; es.5. es. 1; es. 3; es. 4.

17 Vol. 1 Cap. 5 Vol. B Cap. 3 Cognome... Classe... Nome... Data... Conoscenze Metti una crocetta su se l affermazione è vera, su se è falsa. 10 punti a. Le briofite sono piante pluricellulari. V F b. Le pteridofite hanno la radice. V F c. I vasi legnosi conducono acqua e sali alle foglie. V F d. Le piante eliminano ossigeno con la traspirazione. V F e. L organo specializzato per l assorbimento è la radice. V F f. Gli stomi sono piccole aperture poste nell epidermide delle foglie e servonoper far passare i liquidi. V F g. Le gimnosperme sono piante senza frutti. V F h. Il fiore si forma dalla trasformazione dell ovario. V F i. Il seme si forma dalla fecondazione dell ovulo. V F j. Attraverso gli stomi si ha un passaggio di sostanze gassose. Completa le frasi, scegliendo le parole mancanti tra quelle elencate sotto. Le a. hanno un corpo a tallo, come le alghe. Le pteridofite sono bene adattate alla b.. La radice assorbe acqua e sali minerali dal terreno attraverso i c.. pteridofite peli radicali briofite vasi legnosi terraferma vita acquatica Rispondi alle domande con una sola o al massimo due parole. a. Come si chiama la perdita di acqua attraverso le foglie? b. Qual è l organo che nelle piante complesse svolge la funzione di trasporto dei liquidi? c. Come si chiama la sostanza organica prodotta con la fotosintesi? d. Come si chiamano i corpuscoli che contengono la clorofilla? Completa le frasi, scegliendo le parole mancanti fra quelle elencate sotto. Il a.. è un vero sistema di riproduzione sessuale; l organo riproduttore femminile è il b.., mentre gli stami costituiscono l organo riproduttore c... fiore pistillo maschile ermafrodita Collega con una freccia ogni organo o struttura delle piante con fiori alle rispettive funzioni principali. Organi Funzioni 5 punti a. peli radicali b. tubi cribrosi c. stomi d. cuffia radicale e. vasi legnosi 1. protezione della radice per consentire la sua penetrazione nel suolo 2. assorbimento dell acqua e dei sali dal terreno 3. trasporto della linfa grezza 4. trasporto della linfa elaborata 5. scambio di gas tra pianta e ambiente

18 Competenze Indica per ciascuno dei tre schemi riproduttivi l organismo o il gruppo di piante a cui esso appartiene. a. PIANTA ADULTA fiore polline e ovulo zigote b. PIANTA ADULTA sori spore protalo zigote gameti c. PIANTA capsula a forma di ADULTA urna spore germogli zigote gameti a.:... b.:... c.:...

19 Osserva e rispondi. La figura rappresenta il trasporto della linfa attraverso il fusto. 8 punti ( ) 1. Dove passa la linfa grezza? a. Nel canale 1. b. Nel canale 2. c. Sia nel canale 1 che nel canale In quale verso si muove la linfa nel canale 1? a. Verso l alto. b. Verso il basso. c. A volte in un verso, a volte nell altro. 2. Dove passa la linfa elaborata? a. Nel canale 1. b. Nel canale 2. c. Sia nel canale 1 che nel canale 2. Completa lo schema, scegliendo le parole mancanti fra quelle elencate sotto. con seme non protetto b.... angiosperme fiore gimnosperme seme PIANTA COMPLESSE 4. In quale verso si muove la linfa nel canale 2? a. Verso l alto. b. Verso il basso. c. A volte in un verso, a volte nell altro. con a.... protetto dai frutti c....

20 Osserva la figura e scegli la didascalia corretta. 2 punti a. L apertura e la chiusura degli stomi regolano la traspirazione. b. Il trasporto dei liquidi in una pianta avviene in un sistema di canali. c. L assorbimento dell acqua da parte delle cellule radicali avviene per osmosi. Osserva la figura e rispondi. 6 punti ( ) Nella figura vedi due gambi di sedano immersi in acqua; la superficie libera dell acqua è coperta da un sottile strato di olio. 1. Che cosa ti aspetti che succeda dopo uno o due giorni? a. Il livello dell acqua rimane invariato. b. Il livello dell acqua è minore nel recipiente con il sedano senza foglie. c. Il livello dell acqua è minore nel recipiente con il sedano ricco di foglie. 2. Quale pensi possa essere la spiegazione? a. Attraverso le foglie il sedano perde acqua per traspirazione. b. Attraverso le foglie il sedano può compiere la fotosintesi. c. Senza le foglie il sedano può traspirare. 3. Quale pensi sia la funzione dell olio? a. Protegge l acqua dalla polvere. b. Impedisce all acqua di evaporare. c. Impedisce all acqua di aumentare di livello.

IL REGNO DEGLI ANIMALI

IL REGNO DEGLI ANIMALI STITUTO COMPRENSIVO COMPLETO STATALE DI MALEO SCUOLA PRIMARIA DI MALEO CLASSE 5^B DOCENTE: RAFFAELLA CECCONI IL REGNO DEGLI ANIMALI l regno animale è costituito da circa 1 milione e mezzo di specie viventi,

Dettagli

Gli organismi viventi

Gli organismi viventi Gli organismi viventi Gli organismi viventi Quali caratteristiche contraddistinguono i viventi? È facile distinguere un organismo vivente da un oggetto non vivente? Gli organismi viventi Tutti gli organismi

Dettagli

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Le piante Le piante Piante senza fiori Piante con fiori La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Piante senza fiori Milioni di anni fa esistevano sulla Terra soltanto piante senza fiori

Dettagli

IL CICLO VITALE DELLE PIANTE E DEGLI ANIMALI

IL CICLO VITALE DELLE PIANTE E DEGLI ANIMALI IL CICLO VITALE DELLE PIANTE E DEGLI ANIMALI Le piante, gli animali e anche l uomo nascono, crescono e poi muoiono. Questi passaggi dalla nascita, alla crescita e alla morte si chiamano ciclo vitale. 6

Dettagli

Verifica - Conoscere le piante

Verifica - Conoscere le piante Collega con una linea nome, descrizione e disegno Verifica - Conoscere le piante Erbe Hanno il fusto legnoso che si ramifica vicino al terreno. Alberi Hanno il fusto legnoso e resistente che può raggiungere

Dettagli

LE PIANTE. acqua anidride carbonica

LE PIANTE. acqua anidride carbonica Unità La foglia e la fotosintesi La foglia è la parte principale della pianta, perché nelle foglie la pianta produce il proprio cibo. luce solare acqua anidride carbonica clorofilla glucosio ossigeno Nella

Dettagli

Azione 1- Italiano come L2-La lingua per studiare

Azione 1- Italiano come L2-La lingua per studiare Azione 1- Italiano come L2-La lingua per studiare Disciplina:Scienze Livello:A2-B1 COME SI NUTRE UNA PIANTA? Gruppo 6 Autori:Albanello Aida, Peretti Chiara, Pontara Susanna, Pignataro Stefania. Destinatari:Percorso

Dettagli

Temperatura e Calore

Temperatura e Calore Temperatura e Calore 1 Temperatura e Calore Stati di Aggregazione Temperatura Scale Termometriche Dilatazione Termica Il Calore L Equilibrio Termico La Propagazione del Calore I Passaggi di Stato 2 Gli

Dettagli

L apparato circolatorio. Prof.ssa Paola Sirigu

L apparato circolatorio. Prof.ssa Paola Sirigu L apparato circolatorio COME SIAMO FATTI? Il nostro corpo è composto da milioni e milioni di cellule. Le cellule che svolgono funzioni simili sono organizzate in tessuti. Un insieme di diversi tessuti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO T: ANARDI SCUOLA PRIMARIA S. MARIA DELLE GRAZIE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 - CLASSE III D IPERTESTO. Il mondo della natura

ISTITUTO COMPRENSIVO T: ANARDI SCUOLA PRIMARIA S. MARIA DELLE GRAZIE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 - CLASSE III D IPERTESTO. Il mondo della natura ISTITUTO COMPRENSIVO T: ANARDI SCUOLA PRIMARIA S. MARIA DELLE GRAZIE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 - CLASSE III D IPERTESTO Il mondo della natura Non viventi Viventi animali piante funghi invertebrati vertebrati

Dettagli

Calore e temperatura. Calore e temperatura. Cos'è il calore? Il calore si chiama anche energia termica.

Calore e temperatura. Calore e temperatura. Cos'è il calore? Il calore si chiama anche energia termica. sono due cose diverse (in scienze si dice sono due grandezze diverse). 01.1 Cos'è il calore? Per spiegare cos è il calore facciamo degli esempi. Esempi: quando ci avviciniamo o tocchiamo un oggetto caldo

Dettagli

La storia della Terra

La storia della Terra Gli uomini, fin dai tempi antichi e in tutti i luoghi del mondo si sono fatti delle domande. Per esempio: come ha avuto origine la Terra? come hanno avuto origine il Sole e la Luna? come hanno avuto origine

Dettagli

Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia

Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia 1.Gli stati fisici della materia 2.I sistemi omogenei e i sistemi eterogenei 3.Le sostanze pure e i miscugli 4.I passaggi di stato 5. la teoria particellare

Dettagli

IL MONDO DELLE PIANTE

IL MONDO DELLE PIANTE PROVINCIA DI BERGAMO Settore Politiche Sociali e Salute IL MONDO DELLE PIANTE 2010 Realizzato dall Istruttore Educativo: Colella Anna 1 INDICE Classificazione delle piante pag. 3 Le parti della pianta

Dettagli

LA TERMOLOGIA. studia le variazioni di dimensione di un corpo a causa di una

LA TERMOLOGIA. studia le variazioni di dimensione di un corpo a causa di una LA TERMOLOGIA La termologia è la parte della fisica che si occupa dello studio del calore e dei fenomeni legati alle variazioni di temperatura subite dai corpi. Essa si può distinguere in: Termometria

Dettagli

Fenomeni fisici. ESPERIENZA n 1. Recipiente di vetro, zucchero, acqua, cucchiaino, vetrino, microscopio.

Fenomeni fisici. ESPERIENZA n 1. Recipiente di vetro, zucchero, acqua, cucchiaino, vetrino, microscopio. ESPERIENZA n 1 Fenomeni fisici Recipiente di vetro, zucchero, acqua, cucchiaino, vetrino, microscopio. Osserviamo dello zucchero al microscopio. Esso si presenta in forma di piccoli granelli trasparenti,

Dettagli

I fenomeni termici e le leggi dei gas

I fenomeni termici e le leggi dei gas modulo c indice glossario costanti calcolatrice I fenomeni termici e le leggi dei gas unitàc1 La temperatura e l equilibrio termico unitàc2 Il calore e i passaggi di stato 1 La temperatura 2 La dilatazione

Dettagli

UN GIORNO IN RIVA ALLO STAGNO

UN GIORNO IN RIVA ALLO STAGNO Classe terza Caspoggio UN GIORNO IN RIVA ALLO STAGNO LO ZIO DI MARCO E SARA È UN FOTOGRAFO NATURALISTA E DEVE PREPARARE UN SERVIZIO FOTOGRAFICO SULLO STAGNO PER UNA RIVISTA CHE SI OCCUPA DI NATURA. LO

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO LEONARDO da VINCI REGGIO CALABRIA PROGRAMMA DI SCIENZE NATURALI CLASSE 2 a SEZ. Q A.S. 2012/2013

LICEO SCIENTIFICO LEONARDO da VINCI REGGIO CALABRIA PROGRAMMA DI SCIENZE NATURALI CLASSE 2 a SEZ. Q A.S. 2012/2013 LICEO SCIENTIFICO LEONARDO da VINCI REGGIO CALABRIA PROGRAMMA DI SCIENZE NATURALI CLASSE 2 a SEZ. Q A.S. 2012/2013 CHIMICA NUCLEO FONDANTE A : MISURE E GRANDEZZE TRASFORMAZIONI CHIMICO-FISICHE DELLA MATERIA

Dettagli

Il verbo nascere è sempre accompagnato dall ausiliare essere. Completa. Io sono nato. Noi... Tu...

Il verbo nascere è sempre accompagnato dall ausiliare essere. Completa. Io sono nato. Noi... Tu... LE PIANTE Le piante, gli animali e gli uomini sono tutti esseri viventi. Gli esseri viventi nascono, crescono, muoiono: questo è il loro ciclo vitale. Le piante sono molto importanti per la vita degli

Dettagli

COMPETENZE SPECIFICHE

COMPETENZE SPECIFICHE COMPETENZE IN SCIENZE DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: SCIENZE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE FISSATI DALLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2012. SCIENZE TRAGUARDI ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

Dettagli

Diversità tra i viventi

Diversità tra i viventi Diversità tra i viventi PROPRIETÀ della VITA La CELLULA CLASSIFICAZIONE dei VIVENTI Presentazione sintetica Alunni OIRM Torino Tutti i viventi possiedono delle caratteristiche comuni Ciascun vivente nasce,

Dettagli

La storia della vita sulla Terra

La storia della vita sulla Terra La storia della vita sulla Terra Era Anni (milioni) Eventi principali Precambriano 4600 4000 3500-590 Paleozoico 590-505 505-480 480-408 408-360 360-286 286-248 Mesozoico 248-213 213-144 144-65 Nasce Terra,

Dettagli

CLASSIFICAZIONE A 6 REGNI

CLASSIFICAZIONE A 6 REGNI organismi eucariotici, unicellulari o pluricellulari, che si nutrono per assorbimento CLASSIFICAZIONE A 6 REGNI Biologia generale 2015 regno Mycota o Fungi Sono organismi eucarioti caratterizzati da :

Dettagli

ENDOSIMBIOSI. E non è finita qui

ENDOSIMBIOSI. E non è finita qui ENDOSIMBIOSI I BATTERI nelle loro bellissime, infinite varietà popolarono la Terra per miliardi di anni, riempiendola di straordinari, bellissimi colori poi accadde qualcosa Forse una crisi biologica forse

Dettagli

La cellula è l unità fondamentale di tutti gli organismi viventi ed è la più piccola struttura ad essere classificabile come vivente.

La cellula è l unità fondamentale di tutti gli organismi viventi ed è la più piccola struttura ad essere classificabile come vivente. CHE COS E LA CELLULA? La cellula è l unità fondamentale di tutti gli organismi viventi ed è la più piccola struttura ad essere classificabile come vivente. DA COSA SONO COSTITUITE LE CELLULE? Tutte le

Dettagli

SCIENZE FACILI PER LA CLASSE QUINTA

SCIENZE FACILI PER LA CLASSE QUINTA Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Carlo Scataglini SCIENZE FACILI PER LA CLASSE QUINTA Il corpo umano, il Sistema Solare

Dettagli

Programmazione didattica classe 1A Schilpario, Anno Scolastico: 2014/2015

Programmazione didattica classe 1A Schilpario, Anno Scolastico: 2014/2015 METODOLOGIA DIDATTICA E STRUMENTI Le lezioni teoriche vengono sviluppate a partire da momenti pratici e di osservazione di fenomeni. I principi teorici verranno quindi o presentati dall insegnate o ricavati

Dettagli

SCHEDA INSEGNAMENTO RIFERIMENTI GENERALI

SCHEDA INSEGNAMENTO RIFERIMENTI GENERALI Pag. 1 di 5 RIFERIMENTI GENERALI Corso di laurea: SCIENZE AGRARIE E AMBIENTALI Anno di Corso: 1 Semestre: 1 Insegnamento: BOTANICA Modulo: BOTANICA GENERALE CFU: 6 Ore complessive di attività con il docente:

Dettagli

vari contenitori di capacità 1 l tarati un litro d acqua dentro una bacinella

vari contenitori di capacità 1 l tarati un litro d acqua dentro una bacinella di Beatrice MATERIALI: vari contenitori di capacità 1 l tarati un litro d acqua dentro una bacinella Verso l acqua della bacinella in vari contenitori. La travaso ogni volta. OSSERVAZIONI: L acqua nel

Dettagli

I segnali sensoriali (vista, udito, gusto, odorato, tatto) arrivano al cervello attraverso A. i muscoli. C. le arterie. B. i nervi. D. le vene.

I segnali sensoriali (vista, udito, gusto, odorato, tatto) arrivano al cervello attraverso A. i muscoli. C. le arterie. B. i nervi. D. le vene. Tema 2. Corpo umano 29 I segnali sensoriali (vista, udito, gusto, odorato, tatto) arrivano al cervello attraverso A. i muscoli. C. le arterie. B. i nervi. D. le vene. 30 Quale delle seguenti NON è una

Dettagli

Scuola E. DE AMICIS S. Maria del Giudice anno scolastico 2011/12 Classe IV INS. Bandini Monica

Scuola E. DE AMICIS S. Maria del Giudice anno scolastico 2011/12 Classe IV INS. Bandini Monica Scuola E. DE AMICIS S. Maria del Giudice anno scolastico 2011/12 Classe IV INS. Bandini Monica Oggi 10 Novembre abbiamo osservato alcuni semi: semi di lenticchie, di fagiolo, di mais. Tutti i semi al tatto

Dettagli

La tensione superficiale dà l'impressione che l'acqua abbia una sorte di pelle elastica e sottile.

La tensione superficiale dà l'impressione che l'acqua abbia una sorte di pelle elastica e sottile. LA TENSIONE SUPERFICIALE Osserviamo l acqua che sgocciola da un rubinetto chiuso male. Ogni goccia che si forma rimane attaccata al rubinetto per un istante, prima di cedere alla gravità e di cadere in

Dettagli

SCIENZE. Il Sistema Circolatorio. Chi sono? il testo:

SCIENZE. Il Sistema Circolatorio. Chi sono? il testo: 01 Chi sono? Uno è piccolo come una mosca, l altro è grande come un giocatore di basket, ma in tutti gli esseri viventi il cibo che essi mangiano (assorbono) e l aria (ossigeno) che respirano devono andare

Dettagli

L ENERGIA. L energia si trasforma. L energia compie lavoro. A cura di M. Aliberti

L ENERGIA. L energia si trasforma. L energia compie lavoro. A cura di M. Aliberti A cura di M. Aliberti L ENERGIA Spunti per la ricerca Che cos è l energia? Come si manifesta concretamente l energia? Quali forme può assumere? E possibile passare da una forma di energia all altra? Con

Dettagli

Istituto Comprensivo 15 - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO G. ZAPPA Programmazione annuale di matematica e scienze

Istituto Comprensivo 15 - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO G. ZAPPA Programmazione annuale di matematica e scienze Istituto Comprensivo 15 - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO G. ZAPPA Programmazione annuale di matematica e scienze CLASSE 1 C Anno scolastico 2013/2014 Docente Prof. Maria Concetta Battista Traguardi per

Dettagli

TIPI DI CELLULE : PROCARIOTE ED EUCARIOTE

TIPI DI CELLULE : PROCARIOTE ED EUCARIOTE TIPI DI CELLULE : PROCARIOTE ED EUCARIOTE Tutti i tipi cellulari presenti sul nostro pianeta appartengono ad uno di due gruppi fondamentali: procarioti ed eucarioti. I termini procariota (dal greco pro

Dettagli

A COSA SERVONO LE FOGLIE?

A COSA SERVONO LE FOGLIE? A COSA SERVONO LE FOGLIE? Le foglie fabbricano il cibo della pianta, trasformando aria e acqua in glucosio (zucchero). Una foglia è formata da: Di solito la foglia è formata LAMINA da una parte appiattita

Dettagli

Temperatura e Calore

Temperatura e Calore Temperatura e Calore La materia è un sistema fisico a molti corpi Gran numero di molecole (N A =6,02 10 23 ) interagenti tra loro Descrizione mediante grandezze macroscopiche (valori medi su un gran numero

Dettagli

TEST D INGRESSO DI MATEMATICA INFORMATICA - SCIENZE

TEST D INGRESSO DI MATEMATICA INFORMATICA - SCIENZE TEST D INGRESSO DI MATEMATICA INFORMATICA - SCIENZE Classe 1^, sez. - Anno Scolastico 2013-2014 Alunno Data: Il presente test composto da n.30 domande, molte delle quali supportate da un grafico, è un

Dettagli

LE ORIGINI pagine per l insegnante

LE ORIGINI pagine per l insegnante LE ORIGINI pagine per l insegnante Come è nato l Universo Lo studio delle origini dell Universo e della Terra non può prescindere dalla conoscenza di cosa siano l Universo e la Terra perciò, dopo aver

Dettagli

Altri materiali biodegradabili: segatura, trucioli di legno non trattato, tovagliolini di carta bianchi

Altri materiali biodegradabili: segatura, trucioli di legno non trattato, tovagliolini di carta bianchi 1. Cos è Il compostaggio è il risultato di un nuovo modo di trattare i rifiuti organici e vegetali. È semplice: noi tutti produciamo una certa quantità di rifiuti ogni giorno. Parte dei rifiuti prodotti

Dettagli

Il passaggio dal qualitativo al quantitativo: quando è necessario misurare Le condizioni delle misure: individuazione e controllo delle variabili significative Determinare una grandezza misurandone un

Dettagli

Quesiti e problemi. 6 Indica l affermazione corretta. 7 Qual è la differenza tra un sistema omogeneo e un

Quesiti e problemi. 6 Indica l affermazione corretta. 7 Qual è la differenza tra un sistema omogeneo e un Quesiti e problemi SUL LIBRO DA PAG 39 A PAG 42 1 Gli stati tifisici i idella materia 2 I sistemi i omogenei e i sistemi i eterogenei 1 Costruisci una tabella che riassuma le caratteristiche degli stati

Dettagli

Che cosa è la fisica? Per arrivare ad una legge fisica si fa un insieme di cose pratiche (procedura) che si chiama metodo scientifico.

Che cosa è la fisica? Per arrivare ad una legge fisica si fa un insieme di cose pratiche (procedura) che si chiama metodo scientifico. 01 Che cosa è la fisica? In questa lezione iniziamo a studiare questa materia chiamata fisica. Spesso ti sarai fatto delle domande su come funziona il mondo e le cose che stanno attorno a te. Il compito

Dettagli

L apparato tegumentario

L apparato tegumentario L apparato tegumentario... o di rivestimento protegge il nostro corpo e permette gli scambi con l esterno, è formato da pelle o cute + annessi cutanei La pelle riveste tutta la parte esterna del corpo.

Dettagli

Termologia. Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti

Termologia. Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti Termologia Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti Trasmissione del calore Legge di Wien Legge di Stefan-Boltzmann Gas

Dettagli

Archaea (archebatteri o. si dividono in. tre domini. (archebatteri o che comprende quattro regni. «batteri antichi»)

Archaea (archebatteri o. si dividono in. tre domini. (archebatteri o che comprende quattro regni. «batteri antichi») Eubacteria Archaea (eubatteri o (archebatteri o unità «batteri 6. veri») Il mondo dei «batteri antichi») viventi che comprende quattro regni Eukaria bacilli cocchi spirilli Gli esseri viventi si dividono

Dettagli

I.C. Giovanni Pascoli di Benevento Scuola Secondaria di 1 Grado Classe 1 sez. C. La Tensione superficiale e la Capillarità

I.C. Giovanni Pascoli di Benevento Scuola Secondaria di 1 Grado Classe 1 sez. C. La Tensione superficiale e la Capillarità I.C. Giovanni Pascoli di Benevento Scuola Secondaria di 1 Grado Classe 1 sez. C La Tensione superficiale e la Capillarità La Tensione Superficiale Abbiamo imparato che le molecole d acqua si attraggono

Dettagli

La biodiversità del suolo

La biodiversità del suolo Microfauna in fuga La biodiversità del suolo Il suolo è un prodotto biologico. Esso può essere di tre tipi : Secco, ricco di organismi aerobionti; Umido; Bagnato, ricco di organismi idrobionti. Aerobionti

Dettagli

IL LEGNO. Che cos è il legno? Il legno è un materiale da costruzione che si ricava dal tronco degli alberi.si chiama anche:

IL LEGNO. Che cos è il legno? Il legno è un materiale da costruzione che si ricava dal tronco degli alberi.si chiama anche: IL LEGNO 1 Perché è importante il legno? E stato il primo combustibile usato dall uomo per scaldarsi, per cuocere i cibi e fondere i metalli. E stato il primo materiale utilizzato per costruire case, recinti,

Dettagli

ISOLE DI BRISSAGO INDICE DELLE SCHEDE DIDATTICHE. Isole di Brissago- Schede didattiche ad uso delle scuole obbligatorie. Pagina Argomento Classe

ISOLE DI BRISSAGO INDICE DELLE SCHEDE DIDATTICHE. Isole di Brissago- Schede didattiche ad uso delle scuole obbligatorie. Pagina Argomento Classe 1 INDICE DELLE SCHEDE DIDATTICHE ISOLE DI BRISSAGO Pagina Argomento Classe 1 Indice e tabella riassuntiva 2 Scheda 1 per docente: gioco di ricerca sull isola Elementare/prima media 3 Scheda 1 per allievi

Dettagli

SINTESI 0. Grandezze e unità di misura

SINTESI 0. Grandezze e unità di misura Le grandezze fisiche Per studiare la composizione e la struttura della materia e le sue trasformazioni, la chimica e le altre scienze sperimentali si basano sulle grandezze fisiche, cioè su proprietà che

Dettagli

Prof.ssa: R. M. Dierna. Materia: Scienze naturali. Classe: IV Corso: Liceo Scientifico a.s.: 2015/2016

Prof.ssa: R. M. Dierna. Materia: Scienze naturali. Classe: IV Corso: Liceo Scientifico a.s.: 2015/2016 Prof.ssa: R. M. Dierna Materia: Scienze naturali Classe: IV Corso: Liceo Scientifico a.s.: 2015/2016 All inizio dell anno scolastico si è verificato lo stato delle conoscenze e l accertamento dei prerequisiti,

Dettagli

Liceo Statale A. Meucci Anno Scolastico 2014-2015. Invertebrati. Prof. Neri Rolando

Liceo Statale A. Meucci Anno Scolastico 2014-2015. Invertebrati. Prof. Neri Rolando Liceo Statale A. Meucci Anno Scolastico 2014-2015 Invertebrati Prof. Neri Rolando Caratteristiche degli INVERTEBRATI INVERTEBRATI: NON HANNO UN SISTEMA DI SOSTEGNO OPPURE LO HANNO INTERNO PORIFERI: NON

Dettagli

Calore, temperatura e passaggi di stato

Calore, temperatura e passaggi di stato Calore, temperatura e passaggi di stato Temperatura e calore sono due concetti molto simili, al punto tale che molto spesso vengono utilizzati come sinonimi. In realtà i due termini esprimono due concetti

Dettagli

9. Test ufficiali assegnati alle prove di selezione dei corsi di laurea in Scienze motorie

9. Test ufficiali assegnati alle prove di selezione dei corsi di laurea in Scienze motorie 9. Test ufficiali assegnati alle prove di selezione dei corsi di laurea in Scienze motorie 9.1 PROVA N. 1 Biologia TEST DI VERIFICA S O L U Z I O N I A P A G I N A 2 8 7 9 01 Il colon fa parte di: a intestino

Dettagli

UNITÀ 6. Il mondo dei viventi: gli animali

UNITÀ 6. Il mondo dei viventi: gli animali Poriferi Celenterati Platelminti Il regno degli animali si divide in due gruppi fondamentali Invertebrati (privi di colonna vertebrale) Nematodi Anellidi Molluschi Artropodi Echinodermi Bivalvi Gasteropodi

Dettagli

Come fa l acqua a trasformarsi nei diversi stati, per esempio come fa l acqua a diventare ghiaccio o vapore?

Come fa l acqua a trasformarsi nei diversi stati, per esempio come fa l acqua a diventare ghiaccio o vapore? GLI STATI DELL ACQUA Di solito vediamo l acqua allo stato liquido, ma l acqua può esistere in tre stati diversi: liquido, solido e gassoso. L acqua che bevi e che usi per lavarti, l acqua dei fiumi Stato:

Dettagli

LA MATERIA MATERIA. COMPOSIZIONE (struttura) Atomi che la compongono

LA MATERIA MATERIA. COMPOSIZIONE (struttura) Atomi che la compongono LA MATERIA 1 MATERIA PROPRIETÀ (caratteristiche) COMPOSIZIONE (struttura) FENOMENI (trasformazioni) Stati di aggregazione Solido Liquido Aeriforme Atomi che la compongono CHIMICI Dopo la trasformazione

Dettagli

Scuola Secondaria di 1 grado P. E. Barsanti. RELAZIONE FINALE Anno scolastico 2013/2014 CLASSE I SEZ. D SITUAZIONE DI PARTENZA

Scuola Secondaria di 1 grado P. E. Barsanti. RELAZIONE FINALE Anno scolastico 2013/2014 CLASSE I SEZ. D SITUAZIONE DI PARTENZA Scuola Secondaria di 1 grado P. E. Barsanti RELAZIONE FINALE Anno scolastico 2013/2014 CLASSE I SEZ. D SITUAZIONE DI PARTENZA La classe 1 a D è costituita da 23 alunni, di cui 10 maschi e 13 femmine (un'alunna

Dettagli

Incremento delle rese e della produttività del suolo. Migliore infiltrazione dell acqua

Incremento delle rese e della produttività del suolo. Migliore infiltrazione dell acqua ACIDO CARBOSSILICO CARBOSOIL PROMOTORE DELLA RADICAZIONE E DELLO SVILUPPO DELLE PIANTE A BASE DI ACIDI CARBOSSILICI STIMOLA LA DIVISIONE CELLULARE PRODUCE LA FORMAZIONE DI GERMOGLI RALLENTA L INVECCHIAMENTO

Dettagli

Prove associate al percorso INVESTIGAZIONI SUL MODELLO PARTICELLARE

Prove associate al percorso INVESTIGAZIONI SUL MODELLO PARTICELLARE Titolo: Prove associate al percorso INVESTIGAZIONI SUL MODELLO PARTICELLARE Autore: Elisabetta Caroti Percorsi didattici associati: 1. Investigazioni sul modello particellare AVVERTENZA: Le domande che

Dettagli

Quando le piante cominceranno a riempirsi di boccioli, vuol dire che i tempi sono maturi per cominciare a fruttificare.

Quando le piante cominceranno a riempirsi di boccioli, vuol dire che i tempi sono maturi per cominciare a fruttificare. La fruttificazione Quando le piante cominceranno a riempirsi di boccioli, vuol dire che i tempi sono maturi per cominciare a fruttificare. La fruttificazione porterà la pianta a produrre frutti carichi

Dettagli

VERIFICA La struttura generale e il rivestimento

VERIFICA La struttura generale e il rivestimento ERIICA La struttura generale e il rivestimento Cognome Nome Classe Data I/1 ero o also? Gli organismi unicellulari sono costituiti da tessuti In un organo ci sono tessuti di tipo diverso Un sistema è costituito

Dettagli

P.D 4 Acqua come solvente P.D 4A Miscugli e separazione di miscugli Schede esperimenti Scuola secondaria di primo grado

P.D 4 Acqua come solvente P.D 4A Miscugli e separazione di miscugli Schede esperimenti Scuola secondaria di primo grado P.D 4 Acqua come solvente P.D 4A Miscugli e separazione di miscugli Schede esperimenti Scuola secondaria di primo grado ESPERIENZA: LE SOLUZIONI 3 bicchierini di plastica trasparenti sale zucchero Riempiamo

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

BIOLOGIA DEL SUOLO Marco Acutis

BIOLOGIA DEL SUOLO Marco Acutis BIOLOGIA DEL SUOLO Marco Acutis Corso di studi in Produzione e Protezione delle Piante e dei Sistemi del Verde BIOLOGIA del SUOLO Reazioni nel suolo Riguardano: Chimiche, poche Biologiche, la maggior parte

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

Norme d igiene per proteggere il sistema nervoso

Norme d igiene per proteggere il sistema nervoso Norme d igiene per proteggere il sistema nervoso Colora il quadratino posto accanto alle indicazioni corrette. Per mantenere il nostro sistema nervoso sano ed efficiente è opportuno... ALLA SALUTE respirare

Dettagli

Perché un bollettino?

Perché un bollettino? Numero 00 M a r z o 2012 Anno 1 Perché un bollettino? Sommario: Il Pesce Rosso Carassius auratus 2 Arrivo a casa... 2 Pulizia 3 Terrari e Paludari 3 Attrezzatura indispensabile ed utile 3 Avete voglia

Dettagli

PIANO DIDATTICO CLASSE II BIOLOGIA ANNO SCOLASTICO 2010 2011 PERCORSO FORMATIVO

PIANO DIDATTICO CLASSE II BIOLOGIA ANNO SCOLASTICO 2010 2011 PERCORSO FORMATIVO Liceo Scientifico Statale Vito Volterra - Ciampino PIANO DIDATTICO CLASSE II BIOLOGIA ANNO SCOLASTICO 2010 2011 Finalità - Comprensione del testo e sua utilizzazione come strumento conoscitivo - Sviluppo

Dettagli

Struttura e funzioni della cellula. Corso di Biofisica, Università di Cagliari 1

Struttura e funzioni della cellula. Corso di Biofisica, Università di Cagliari 1 Struttura e funzioni della cellula 1 Riferimenti Books and others Biological Physics (updated 1 st ed.), Philip Nelson, Chap. 2 Physical Biology of the Cell, Phillips et al., Chap. 2 Movies Exercise 2

Dettagli

Liceo Scientifico "F.Lussana" - Anno Scolastico 2013/14 - Classe 1 P

Liceo Scientifico F.Lussana - Anno Scolastico 2013/14 - Classe 1 P Liceo Scientifico "F.Lussana" - Anno Scolastico 2013/14 - Classe 1 P Programma svolto di FISICA - Prof. De Giampaulis Marco MODULO 1. LA MISURA DELLE GRANDEZZE FISICHE Grandezze fisiche, unità di misura,

Dettagli

Temperatura. V(t) = Vo (1+at) Strumento di misura: termometro

Temperatura. V(t) = Vo (1+at) Strumento di misura: termometro I FENOMENI TERMICI Temperatura Calore Trasformazioni termodinamiche Gas perfetti Temperatura assoluta Gas reali Principi della Termodinamica Trasmissione del calore Termoregolazione del corpo umano Temperatura

Dettagli

La zanzara tigre (Aedes albopictus)

La zanzara tigre (Aedes albopictus) La zanzara tigre (Aedes albopictus) Introduzione In questo capitolo saranno descritte alcune caratteristiche della zanzara tigre al fine di capire meglio: perché la si cerca e combatte come riconoscerla

Dettagli

GLI INSETTI. L apparato boccale può essere vario: adatto per masticare (cavallette), succhiare (farfalle), pungere (zanzare) ecc.

GLI INSETTI. L apparato boccale può essere vario: adatto per masticare (cavallette), succhiare (farfalle), pungere (zanzare) ecc. GLI INSETTI il corpo è suddiviso in tre zone denominate capo, torace e addome, su cui si inseriscono le antenne, le zampe e le ali. Sono ricoperti da uno scheletro esterno detto esoscheletro, formato da

Dettagli

bicchieri di varia dimensione con un beccuccio per facilitare i travasi.

bicchieri di varia dimensione con un beccuccio per facilitare i travasi. Per contenere, prelevare e travasare liquidi e altre sostanze è indispensabile utilizzare strumenti di vetro che consentono un facile controllo visivo, si puliscono facilmente e non si corrodono. Per i

Dettagli

il regno degli animali

il regno degli animali il regno degli animali Perché studiamo gli animali? Perché, per quanto possa sembrare strano, anche l uomo appartiene al regno animale. Perché gli animali ci forniscono nutrimento, in particolare le proteine,

Dettagli

MATERIA: tutto ciò che ha una MASSA, occupa un VOLUME e ha ENERGIA

MATERIA: tutto ciò che ha una MASSA, occupa un VOLUME e ha ENERGIA La materia La materia MATERIA: tutto ciò che ha una MASSA, occupa un VOLUME e ha ENERGIA Il mondo che ci circonda è costituito da materia. La chimica studia le proprietà della materia e i suoi cambiamenti.

Dettagli

PROVE TIMSS 2007. Prove rilasciate di Scienze IV Classe primaria

PROVE TIMSS 2007. Prove rilasciate di Scienze IV Classe primaria PROVE TIMSS 2007 Versione 2.0 Prove rilasciate di IV Classe primaria IVALSI Villa Falconieri - Via Borromini, 5-00044 Frascati RM tel. 06 9485 - fax 06 948525 S www.invalsi.it - c.f. 92000450582 Timss

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2004 2005 PROVA DI SCIENZE. Scuola Secondaria di II grado. Classe Prima. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2004 2005 PROVA DI SCIENZE. Scuola Secondaria di II grado. Classe Prima. Codici. Scuola:... Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Istituto Nazionale per la valutazione del sistema educativo di istruzione e di formazione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2004

Dettagli

Ripetizioni Cagliari di Manuele Atzeni - 3497702002 - info@ripetizionicagliari.it

Ripetizioni Cagliari di Manuele Atzeni - 3497702002 - info@ripetizionicagliari.it Calorimetria: soluzioni Problema di: Calorimetria - Q0001 Problema di: Calorimetria - Q0002 Scheda 8 Ripetizioni Cagliari di Manuele Atzeni - 3497702002 - info@ripetizionicagliari.it Testo [Q0001] Quanta

Dettagli

CHIMICA. Una teoria è scientifica solo se è falsificabile (cioè se è possibile sperimentalmente smentire le sue previsioni)

CHIMICA. Una teoria è scientifica solo se è falsificabile (cioè se è possibile sperimentalmente smentire le sue previsioni) CHIMICA SCIENZA SPERIMENTALE: cioè si basa sul metodo sperimentale (Galileo è il precursore). Osservazione dei fenomeni (raccolta e interpretazioni dati) Formulazione ipotesi Verifica sperimentale (eventualmente

Dettagli

II ISTITUTO COMPRENSIVO ARDIGO PADOVA PLESSO MAMELI CLASSE 1^ C anno 2011-2012 PIANO DI LAVORO DI MATEMATICA E SCIENZE prof.

II ISTITUTO COMPRENSIVO ARDIGO PADOVA PLESSO MAMELI CLASSE 1^ C anno 2011-2012 PIANO DI LAVORO DI MATEMATICA E SCIENZE prof. II ISTITUTO COMPRENSIVO ARDIGO PADOVA PLESSO MAMELI CLASSE 1^ C anno 2011-2012 PIANO DI LAVORO DI MATEMATICA E SCIENZE prof. Francesca Rosati MATEMATICA NUCLEI TEMATICI OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

Dettagli

ARIA. MATERIALE/STRUMENTI: 2 becker: uno con dentro l'acqua del rubinetto e. gocce di bromotimolo.

ARIA. MATERIALE/STRUMENTI: 2 becker: uno con dentro l'acqua del rubinetto e. gocce di bromotimolo. ARIA 1 ESPERIMENTO: ACIDITA' E BASICITA' MATERIALE/STRUMENTI: 2 becker: uno con dentro l'acqua del rubinetto e l'altro riempito con acqua piovana e infine un paio di gocce di bromotimolo. ESECUZIONE: in

Dettagli

La natura e i suoi elementi Corso di Scienze

La natura e i suoi elementi Corso di Scienze Ezia Nicoletti - Paola Peretti - Gabriella Somaschi Il corso è disponibile nelle seguenti opzioni di vendita Ezia Nicoletti - Paola Peretti - Gabriella Somaschi Ezia Nicoletti - Paola Peretti - Gabriella

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

Emidio Tribulato. "Le scienze" SCHEDE PROGRAMMATE PER L APPRENDIMENTO DELLE SCIENZE. Centro Studi Logos - Messina

Emidio Tribulato. Le scienze SCHEDE PROGRAMMATE PER L APPRENDIMENTO DELLE SCIENZE. Centro Studi Logos - Messina Emidio Tribulato "Le scienze" SCHEDE PROGRAMMATE PER L APPRENDIMENTO DELLE SCIENZE Centro Studi Logos - Messina 1 CENTRO STUDI LOGOS ONLUS CENTRO DI RICERCHE PSICOPEDAGOGICHE VIA PRINCIPE TOMMASO 2 - MESSINA

Dettagli

CALORE. Compie lavoro. Il calore è energia. Temperatura e calore. L energia è la capacità di un corpo di compiere un lavoro

CALORE. Compie lavoro. Il calore è energia. Temperatura e calore. L energia è la capacità di un corpo di compiere un lavoro Cos è il calore? Per rispondere si osservino le seguenti immagini Temperatura e calore Il calore del termosifone fa girare una girandola Il calore del termosifone fa scoppiare un palloncino Il calore del

Dettagli

COMUNE DI CREAZZO (VI) Incontri pubblico COMPOSTAGGIO DOMESTICO

COMUNE DI CREAZZO (VI) Incontri pubblico COMPOSTAGGIO DOMESTICO COMUNE DI CREAZZO (VI) Incontri pubblico COMPOSTAGGIO DOMESTICO SCOPO DEGLI INCONTRI Fornire informazioni sulle modalità operative per la realizzazione del compostaggio domestico Fornire indicazioni sulle

Dettagli

1. Ripensare la fisica

1. Ripensare la fisica Giuseppina Rinaudo Fondamenti di Fisica Corso SIS Indirizzi FIM e SN classe 059 - a.a. 2006/07 Sito web: http://www.iapht.unito.it/fsis/fondam059/fondamenti.html giuseppina.rinaudo@unito.it 1. Ripensare

Dettagli

C V. gas monoatomici 3 R/2 5 R/2 gas biatomici 5 R/2 7 R/2 gas pluriatomici 6 R/2 8 R/2

C V. gas monoatomici 3 R/2 5 R/2 gas biatomici 5 R/2 7 R/2 gas pluriatomici 6 R/2 8 R/2 46 Tonzig La fisica del calore o 6 R/2 rispettivamente per i gas a molecola monoatomica, biatomica e pluriatomica. Per un gas perfetto, il calore molare a pressione costante si ottiene dal precedente aggiungendo

Dettagli

I FENOMENI TERMICI. I fenomeni termici Fisica Medica Lauree triennali nelle Professioni Sanitarie. P.Montagna ott-07. pag.1

I FENOMENI TERMICI. I fenomeni termici Fisica Medica Lauree triennali nelle Professioni Sanitarie. P.Montagna ott-07. pag.1 I FENOMENI TERMICI Temperatura Calore Trasformazioni termodinamiche Gas perfetti Temperatura assoluta Gas reali Principi della Termodinamica Trasmissione del calore Termoregolazione del corpo umano pag.1

Dettagli

Apparato Riproduttore

Apparato Riproduttore Apparato Riproduttore LA RIPRODUZIONE. Ogni essere vivente può creare un altro essere vivente, ed è possibile grazie alla RIPRODUZIONE. La riproduzione è possibile grazie all APPARATO RIPRODUTTORE. A differenza

Dettagli

L APPARATO CIRCOLATORIO

L APPARATO CIRCOLATORIO L APPARATO CIRCOLATORIO Tutte le cellule del nostro corpo hanno bisogno di sostanze nutritive e di ossigeno per svolgere le loro funzioni vitali. Così, esiste il sangue, un tessuto fluido che porta in

Dettagli

L ACQUA INTORNO A NOI Brevi indicazioni per l insegnante.

L ACQUA INTORNO A NOI Brevi indicazioni per l insegnante. L ACQUA INTORNO A NOI Brevi indicazioni per l insegnante. Iniziamo il percorso con una fase di spiegazione e un esperimento; successivamente lavoriamo in maniera cooperativa-guidata sul quaderno e con

Dettagli

5. I Trasferitori di Energia

5. I Trasferitori di Energia 5.1. Fonti e ricevitori trasferiscono energia 5. I Trasferitori di Le fonti di energia, come il nome lascia ben intuire, cedono energia. Da dove ricevono però l energia che cedono? La ricevono da altre

Dettagli

Manuale d istruzioni per l uso Kit per la determinazione di densità

Manuale d istruzioni per l uso Kit per la determinazione di densità KERN & Sohn GmbH Ziegelei 1 D-72336 Balingen E-mail: info@kern-sohn.com Tel.: +49-[0]7433-9933-0 Fax: +49-[0]7433-9933-149 Sito web: www.kern-sohn.com Manuale d istruzioni per l uso Kit per la determinazione

Dettagli

L H 2 O nelle cellule vegetali e

L H 2 O nelle cellule vegetali e L H 2 O nelle cellule vegetali e il suo trasporto nella pianta H 2 O 0.96 Å H O 105 H 2s 2 2p 4 tendenza all ibridizzazione sp 3 H δ+ O δ- δ+ 1.75 Å H legame idrogeno O δ- H H δ+ δ+ energia del legame

Dettagli