LE NOVITA DEL MODELLO UNICO 2013

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LE NOVITA DEL MODELLO UNICO 2013"

Transcript

1 CATANIA, 8 MAGGIO 2013 LE NOVITA DEL MODELLO UNICO 2013 Dott. Ernesto GATTO INDICE DEGLI ARGOMENTI PERDITE SU CREDITI DI MODESTO IMPORTO ESONERO DA IRPEF PER GLI IMMOBILI NON LOCATI AUMENTO DELLE DEDUZIONI IRAP PER I DIPENDENTI DEDUCIBILITA IRAP PAGATA SUL COSTO DEL LAVORO ABOLIZIONE DURATA MINIMA CONTRATTI DI LEASING MODIFICHE PLAFOND DEL 5% SU SPESE DI MANUTENZIONE 1

2 INDICE DEGLI ARGOMENTI LE SOCIETA IN PERDITA SISTEMICA LE MODIFICHE AL REGIME DEI CONTRIBUENTI MINIMI REGIME PREMIALE PER SOGGETTI CONGRUI E COERENTI LA DETRAZIONE IRPEF DEL 50% SULLE RISTRUTTURAZIONI IL REDDITO DA CONCESSIONE BENI IN USO AI SOCI LA DETRAZIONE SUGLI INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEDUCIBILITA IRAP SUL COSTO DEL LAVORO DAL 2012 E DEDUCIBILE (CRITERIO DI CASSA) DALL IRES E DALL IRPEF L IRAP RELATIVA AL COSTO DEL PERSONALE DAL 2012 LA DEDUZIONE RELATIVA AI DIPENDENTI CON CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO E AUMENTATA PER I GIOVANI < 35 ANNI E LE DONNE: DA A NEL CENTRO-NORD DA A NEL MEZZOGIORNO ABRUZZO, CALABRIA, CAMPANIA, PUGLIA, SICILIA, BASILICATA, SARDEGNA E MOLISE 4 2

3 DEDUCIBILITA IRAP SUL COSTO DEL LAVORO ALLA DEDUZIONE ANALITICA SI PUO CUMULARE QUELLA FORFETTARIA DEL 10% SE SONO CONTESTUALMENTE PRESENTI ONERI FINANZIARI GLI ACCONTI SI CONSIDERANO DEDUCIBILI NELL ANNO IN CUI SONO STATI VERSATI A PATTO E NELLA MISURA IN CUI NON ECCEDANO L IMPOSTA DOVUTA PER L INTERO ESERCIZIO LA DEDUCIBILITA SI ESPRIME ATTRAVERSO UNA VARIAZIONE IN DIMINUZIONE DAL REDDITO CON POTENZIALE RISPARMIO ESTESO (OLTRE A IRES/IRPEF) AI CONTRIBUTI PREVIDENZIALI DEDUCIBILITA IRAP SUL COSTO DEL LAVORO CIRCOLARE N. 8/E DEL 3 APRILE 2013 LA VARIAZIONE IN DIMINUZIONE DAL REDDITO D IMPRESA POTREBBE AVER TRASFORMATO UN RISULTATO FISCALE POSITIVO IN NEGATIVO CIO POTREBBE COMPORTARE CHE LA SOCIETA PER IL 2012 SIA DI COMODO PERCHE IN PERDITA SISTEMICA QUALORA ABBIA REGISTRATO TRE RISULTATI FISCALI NEGATIVI NEL TRIENNIO 2009/2011 OVVERO DUE PERDITE E UN UTILE INFERIORE A QUELLO MINIMO EX ART.30 LEGGE 724/94 3

4 DEDUCIBILITA IRAP SUL COSTO DEL LAVORO LA COMPONENTE COSTO DEL LAVORO CUI COMMISURARE L IRAP PAGATA VA CONSIDERATA AL NETTO DELLE DEDUZIONI E DELLE VOCI ANALITICAMENTE DEDUCIBILI MA AL LORDO DEI COMPENSI AD AMMINISTRATORI E CO.CO.PRO. CONTRIBUTI INAIL, CONTRIBUTI PREVIDENZIALI RELATIVI AI DIPENDENTI CON CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO, DEDUZIONI DA RIDUZIONE CUNEO FISCALE CREDITO DA ISTANZE DI RIMBORSO PER IRAP NON DEDOTTA MODALITA DI RAPPRESENTAZIONE IN BILANCIO NEL BILANCIO AL 31/12/2012 SARA ISCRITTO IL CREDITO VERSO L ERARIO (STATO PATRIMONIALE) E LA SOPRAVVENIENZA ATTIVA NON TASSABILE (CONTO ECONOMICO) 4

5 PRESENTAZIONE ISTANZA DI RIMBORSO CORRETTIVA QUALORA IL CONTRIBUENTE VOGLIA MODIFICARE IL CONTENUTO DI UNA ISTANZA DI RIMBORSO GIA TRASMESSA ALLA LUCE DEI CHIARIMENTI PORTATI DALLA CIRCOLARE 8/E DEL 03/04/2013 POTRA TRASMETTERE UNA NUOVA ISTANZA DI RIMBORSO ENTRO IL 31/05/2013 BARRANDO LA CASELLA CORRETTIVA NEI TERMINI MANTENENDO COMUNQUE L ORDINE CRONOLOGICO DI RIMBORSO ACQUISITO CON L INVIO DELLA PRIMA ISTANZA LA DEDUCIBILITA DELLE PERDITE SU CREDITI DAL 2012 GLI ELEMENTI CERTI E PRECISI CHE CONSENTONO LA DEDUZIONE DEL COSTO SUSSISTONO QUANDO CONTEMPORANEAMENTE: SONO DECORSI OLTRE 6 MESI DALLA SCADENZA DEL PAGAMENTO IL CREDITO E INFERIORE A PER LE IMPRESE DI RILEVANTE DIMENSIONE, PER LE ALTRE IL LIMITE DIMENSIONALE E POSTO A DI VOLUME D AFFARI 5

6 LA DEDUCIBILITA DELLE PERDITE SU CREDITI GLI ELEMENTI CERTI E PRECISI CHE CONSENTONO LA DEDUZIONE DEL COSTO SUSSISTONO IN OGNI CASO QUALORA: IL DIRITTO ALLA RISCOSSIONE E PRESCRITTO (NORMALMENTE DOPO 10 ANNI) IN QUESTO CASO LA DEDUCIBILITA FISCALE PRESCINDE DALL IMPORTO LA DEDUCIBILITA DELLE PERDITE SU CREDITI IL TERMINE DEI SEI MESI DALLA SCADENZA CHE CONSENTE LA DEDUCIBILITA DELLA PERDITA DAL PUNTO DI VISTA DELLA TECNICA CONTABILE SI RITIENE CHE LA DEDUZIONE PRESCINDA VA CONSIDERATO COME IL PUNTO DI PARTENZA PER LA DEDUCIBILITA EFFETTIVA DELLA PERDITA STESSA DAL FATTO CHE IL COSTO VENGA RILEVATO COME MERA SVALUTAZIONE (ANCHE PARZIALE) SENZA STRALCIO DEL CREDITO 6

7 LA DEDUCIBILITA DELLE PERDITE SU CREDITI IN PRESENZA DI UNA PLURALITA DI CREDITI VERSO LO STESSO DEBITORE IN OGNI CASO PER GODERE DELLA DEDUCIBILITA FISCALE DELLA PERDITA SU CREDITI SI RITIENE CHE IL LIMITE VADA RIFERITO AL VALORE NOMINALE DEL SINGOLO CREDITO APPARE NECESSARIO CHE L APPOSTAZIONE CONTABILE TRANSITI DAL CONTO ECONOMICO SE NO COME SI INDIVIDUA LA SCADENZA DEI SEI MESI? LA DEDUCIBILITA DELLE PERDITE SU CREDITI AI FINI DEL RISPETTO DEL LIMITE SI RITIENE CHE IL CREDITO VADA CONSIDERATO IVA INCLUSA LO STRALCIO PARZIALE DEL CREDITO NON PREGIUDICA EVENTUALI AZIONI DI RECUPERO AI FINI DEL RISPETTO DEL LIMITE SI RITIENE VADA CONSIDERATO IL VALORE NOMINALE DEL CREDITO IN OGNI CASO RESTANO DEDUCIBILI LE PERDITE SOPRA SOGLIA IN PRESENZA DEI VECCHI REQUISITI DI CERTEZZA E PRECISIONE E NON LA PERDITA CONTABILIZZATA 7

8 LA DEDUCIBILITA DELLE PERDITE SU CREDITI QUALORA SI PROPENDA PER LA SVALUTAZIONE DEL CREDITO SI RITIENE CHE LE PERDITE POSSANO TRANSITARE DAL CONTO ECONOMICO DOPO CHE IL FONDO SIA STATO COMPLETAMENTE EROSO IL CREDITO SVALUTATO (NON STRALCIATO) NON DEVE CONCORRERE AL LIMITE DELLO 0,5% PREVISTO DALL ART.106 TUIR NUOVA NORMATIVA SULLE SOCIETA DI COMODO DAL 2012 SI APPLICA UNA MAGGIORAZ. DELL ALIQUOTA IRES DEL 10,50% ALLE SOLE SOCIETÀ DI COMODO COSTITUITE SOTTOFORMA DI SOCIETÀ DI CAPITALI (NON COOPERATIVE) SI CONSIDERANO DI COMODO LE SOCIETÀ CHE REGISTRANO PERDITE PER TRE ESERCIZI CONSECUTIVI (ANCHE SE SUPERANO I RICAVI MINIMI) STESSA SORTE ALLE SOCIETÀ IN PERDITA PER DUE ESERCIZI SU TRE E UN ANNO CON REDDITO INFERIORE A QUELLO VIRTUALE EX ART. 30, COMMA 3 LEGGE 724/94 ULTIMA ANCORA DI SALVATAGGIO: L ISTANZA DI INTERPELLO DISAPPLICATIVO (ART.37/BIS 8^ COMMA D.P.R. N. 600/73)2 8

9 CAUSE AUTOMATICHE DI DISAPPLICAZIONE DELLA NORMATIVA SULLE SOCIETA NON OPERATIVE CHE ESONERANO DALL ISTANZA D INTERPELLO DISAPPLICATIVO SOCIETA IN STATO DI LIQUIDAZIONE CON IMPEGNO ALLA CANCELLAZIONE DAL R.I. SOCIETA ASSOGGETTATE ALLE PROCEDURE DI CUI ALL ART.101, COMMA 5 DEL T.U.I.R. SOCIETA SOTTOPOSTE A SEQUESTRO PENALE O CONFISCA SOCIETA CON PARTECIPAZIONI IN SOGGETTI CON ISTANZA DI DISAPPLICAZIONE ACCOLTA SOCIETA CON M.O.L. POSITIVO IN ALMENO UN PERIODO D IMPOSTA SOCIETA CHE ESERCITANO ESCLUSIVAMENTE ATTIVITA AGRICOLA SOCIETA CON PARTECIPAZIONI IN SOGGETTI NON IN PERDITA SISTEMICA SOCIETA CHE HANNO OTTENUTO LA DISAPPLICAZIONE IN PRECEDENTI PERIODI SOCIETA CON ADEMPIMENTI E/O VERSAMENTI TRIBUTARI SOSPESI O DIFFERITI SOCIETA CHE RISULTANO CONGRUE E COERENTI AI FINI DEGLI STUDI DI SETTORE SOCIETA CHE SI TROVANO NEL PRIMO PERIODO D IMPOSTA SOCIETA CON PERDITA FISCALE DI PERIODO INFERIORE AI PROVENTI ESENTI ANCHE IN VIRTU DI DISPOSIZIONI AGEVOLATIVE LA DURATA DEI CONTRATTI DI LEASING DAL 2012 E STATO ELIMINATO IL REQUISITO DELLA DURATA MINIMA AI FINI DELLA DEDUCIBILITA DEI CANONI LEASING FERMO RESTANDO L OBBLIGO DI RISPETTARE L ARCO TEMPORALE MINIMO PREVISTO DALLA NORMATIVA FISCALE PER LA DEDUCIBILITA DEI CANONI CHE NORMALMENTE E PARI AI 2/3 DEL PERIODO DI AMMORTAMENTO FISCALE DEL BENE PER I BENI IMMOBILI TRA 11 E 18 ANNI A SECONDA DEL COEFFICIENTE DI AMMORTAMENTO APPLICABILE PER GLI AUTOVEICOLI (DIVERSI DA QUELLI STRUMENTALI O CONCESSI IN USO PROMISCUO) IN MISURA PARI AL PERIODO DI AMMORTAMENTO (4 ANNI) 9

10 LA DURATA DEI CONTRATTI DI LEASING LE NUOVE REGOLE SI APPLICANO AI CONTRATTI STIPULATI A DECORRERE DAL 29/04/2012 LE LIMITAZIONI TEMPORALI NON SI APPLICANO AI FINI IRAP AI SOGGETTI IN CONTABILITA ORDINARIA NECESSARIO DEPURARE I CANONI DELLA QUOTA INDEDUCIBILE RELATIVA AL TERRENO LA QUOTA INTERESSI VERRA DETERMINATA IN MODO DIVERSIFICATO TRA IRES ED IRAP IL PLAFOND PER LE SPESE DI MANUTENZIONE DAL PERIODO D IMPOSTA IN CORSO AL 29/04/2012 IL PLAFOND DEL 5% SI APPLICA SUL VALORE DEI BENI AMMORTIZZABILI ALL INIZIO DELL ESERCIZIO SINO AL 2011 ERA NECESSARIO OPERARE IL RAGGUAGLIO TEMPORALE PER I BENI CEDUTI O ACQUISTATI IN CORSO D ANNO PER L ESERCIZIO DI INIZIO ATTIVITA IL PLAFOND SI CALCOLA SUI BENI PRESENTI ALLA FINE DELL ESERCIZIO STESSO L ECCEDENZA SARA DEDUCIBILE IN QUOTE COSTANTI NEI 5 ESERCIZI SUCCESSIVI 10

11 REGIME PREMIALE I SOGGETTI CONGRUI E COERENTI PER I CONTRIBUENTI CONGRUI, COERENTI E NORMALI NON E CONSENTITO L INVIO DI AVVISI DI ACCERTAMENTO BASATI SU PRESUNZIONI SEMPLICI I TERMINI PER L ACCERTAMENTO DELLE IMPOSTE DIRETTE ED IVA SONO RIDOTTI DI UN ANNO L ACCERTAMENTO SINTETICO E VALIDO SOLO SE IL REDDITO RICOSTRUITO E SUPERIORE DI 1/3 RISPETTO A QUELLO DICHIARATO (LIMITE NORMALE 1/5) MAGGIORI PENALITA CONNESSE AGLI STUDI DI SETTORE PREVISTO L ACCERTAMENTO INDUTTIVO IN CASO DI INDICAZIONE DI CAUSE DI ESCLUSIONE O INAPPLICABILITA INESISTENTI SARA PRIVILEGIATO LO STRUMENTO DELLE INDAGINI FINANZIARIE PER I SOGGETTI NON CONGRUI O NON COERENTI PREVISTO L ACCERTAMENTO INDUTTIVO IN CASO DI OMESSO INVIO DELL ALLEGATO MODELLO STUDI DI SETTORE PREVISTO L ACCERTAMENTO INDUTTIVO ANCHE NEL CASO IN CUI LO SCOSTAMENTO TRA RICAVI DICHIARATI E RICAVI CONGRUI SUPERI IL 15% O COMUNQUE

12 NOVITA 2012 REGIME DEI MINIMI NUOVO QUADRO LM MODELLO UNICO 2013 PF ABOLITA LA RITENUTA DI ACCONTO IRPEF DEL 20% CON ELIMINAZIONE DELL APPOSITO RIGO E PROBLEMI NEL RECUPERO DELLE RITENUTE ERRONEAMENTE OPERATE RIDOTTA L IMPOSTA SOSTITUTIVA DA 20% A 5% CON LIMITAZIONE AI SOLI CONTRIBUENTI CHE ABBIANO INIZIATO UNA NUOVA ATTIVITA DALL ANNO 2008 LIMITATA LA DURATA MAX DEL REGIME A 5 ANNI CON POSSIBILITA DI ESTENSIONE OLTRE I 5 ANNI PER I GIOVANI E SINO AL COMPIMENTO DEI 35 ANNI DI ETA RAPPORTI TRA L IMU E LE IMPOSTE SUI REDDITI DAL 2012 L IMU SOSTITUISCE L IRPEF E LE ADDIZIONALI SUI REDDITI FONDIARI DEI BENI NON LOCATI CIRCOLARE N. 5/E DELL 11/03/2013 L ESCLUSIONE DA IRPEF HA EFFETTO ANCHE SULLA DETERMINAZIONE DI DEDUZIONI E DETRAZIONI L ESCLUSIONE DA IRPEF POTREBBE DETERMINARE LA CESSAZIONE DELL OBBLIGO DICHIARATIVO IN PRESENZA DI TERRENI NON AFFITTATI ANDRA DICHIARATO IL SOLO REDDITO AGRARIO (NON DOVRA ESSERE INDICATO IL REDDITO DOMINICALE) RIENTRANO TRA GLI IMMOBILI NON LOCATI QUELLI CONCESSI IN COMODATO E QUELLI DESTINATI A USO PROMISCUO DEL PROFESSIONISTA 12

13 RAPPORTI TRA L IMU E LE IMPOSTE SUI REDDITI RAPPORTI TRA IMU E IMPOSTE SUI REDDITI (CHIARIMENTI DELLA CIRCOLARE N. 5/E DELL 11/03/2013) L IMU NON SOSTITUISCE IN NESSUN CASO L IRES DOVUTA SUI REDDITI FONDIARI GLI IMMOBILI ESENTI DA IMU SCONTANO NORMALMENTE L IRPEF E LE ADDIZIONALI PER GLI IMMOBILI LOCATI PER UNA PARTE DELL ANNO IL REDDITO DEVE ESSERE SUDDIVISO IN DUE PARTI PERMANE L OBBLIGO DI INDICARE IN DICHIARAZIONE DEI REDDITI GLI IMMOBILI ESCLUSI DA IRPEF RAPPORTI TRA L IMU E LE IMPOSTE SUI REDDITI RAPPORTI TRA IMU E IMPOSTE SUI REDDITI (CHIARIMENTI DELLA CIRCOLARE N. 5/E DELL 11/03/2013) IN CASO DI AGEVOLAZIONI IMU CHE COMPORTANO SOLO LA RIDUZIONE DELL IMPORTO DOVUTO E IL CASO DEGLI IMMOBILI INAGIBILI O INABITABILI E DEI FABBRICATI D INTERESSE STORICO ARTISTICO PERMANE L ESCLUSIONE DA IRPEF DEI RELATIVI REDDITI FONDIARI 13

14 DETRAZIONE IRPEF RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE DAL 26/06/2012 (DATA BONIFICO) VIENE INNALZATA SIA LA PERCENTUALE DI DETRAZIONE CHE IL LIMITE MASSIMO DI SPESA LA DETRAZIONE IRPEF PASSA DAL 36% AL 50% PER LE SPESE SOSTENUTE SINO AL 30/06/2013 IL LIMITE MAX DI SPESA PER SINGOLA UNITA IMMOBILIARE PASSA DA A SINO AL 30/06/2013 DETRAZIONE IRPEF/IRES RISPARMIO ENERGETICO NOVITA SULLA DETRAZIONE PER GLI INVESTIMENTI DI RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI GIA ESISTENTI LA MISURA DELLA DETRAZIONE RESTA PARI AL 55% SINO AL 30/06/2013 (DATA BONIFICO) LA DETRAZIONE PER LE SPESE SOSTENUTE DAL 01/07/2013 VERRA UNIFORMATA AL 36% (SOLO IRPEF) 14

15 I BENI CONCESSI IN GODIMENTO AI SOCI DAL 2012 NUOVA IPOTESI DI REDDITO DIVERSO (ART.67, COMMA 1- LETT.H-TER DEL TUIR) NUOVO RIGO RL 10 UNICO 2013 PF IL REDDITO PRESCINDE DAL CRITERIO DI CASSA E PARI ALLA DIFFERENZA TRA VALORE DI MERCATO DEL BENE E CORRISPETTIVO DOVUTO DAL SOCIO RIGUARDA I SOCI DELLA SOCIETA E I FAMILIARI DELL IMPRENDITORE NESSUN REDDITO DA DICHIARARE SE IL CORRISPETTIVO DOVUTO DAL SOCIO/ FAMILIARE E CONGRUO RISPOSTE AI QUESITI 15

16 Le slide relative al corso saranno scaricabili dal nostro sito all indirizzo: GRAZIE E ARRIVEDERCI 16

Focus di pratica professionale di Norberto Villa. Le società di comodo in Unico 2011

Focus di pratica professionale di Norberto Villa. Le società di comodo in Unico 2011 Focus di pratica professionale di Norberto Villa Le società di comodo in Unico 2011 Il prospetto del quadro RF Il quadro RF del modello Unico SC 2011 contiene le informazioni necessarie per verificare

Dettagli

Regime fiscale agevolato per autonomi

Regime fiscale agevolato per autonomi 1 REGIME FORFETARIO PER AUTONOMI Regime fiscale agevolato per autonomi L art. 1, c. 54 89, della legge di stabilità 2015 disciplina il nuovo regime fiscale agevolato per autonomi, destinato agli esercenti

Dettagli

IRAP determinazione imponibile

IRAP determinazione imponibile Imposta Regionale sulle Attività Produttive - IRAP L IRAP è stata introdotta nel 1997, dando seguito a moltissime polemiche, in quanto si presenta come un imposta del tutto atipica sia per quanto riguarda

Dettagli

La disciplina delle società di comodo in Unico 2013

La disciplina delle società di comodo in Unico 2013 SEGRETERIA PROVINCIALE - TORINO La disciplina delle società di comodo in Unico 2013 A cura di Riccardo Perinetto DAL 2012 ESISTONO DUE TIPOLOGIE DI SOCIETA DI COMODO SOCIETA NON OPERATIVE (problemi ricavi)

Dettagli

NOTIZIARIO FISCALE N. 1 DEL 14 GENNAIO 2008

NOTIZIARIO FISCALE N. 1 DEL 14 GENNAIO 2008 NOTIZIARIO FISCALE N. 1 DEL 14 GENNAIO 2008 PARTE I PESCA E ACQUACOLTURA Legge Finanziaria per il 2008 (L. 24 dicembre 2007 n. 244, pubblicata nel Supplemento Ordinario n. 285 della G.U. 28 dicembre 2007,

Dettagli

REGIME FISCALE PER CONTRIBUENTI MINORI E MINIMI. revisione del sistema di tassazione e nuovo regime contributivo per le imprese di minori dimensioni

REGIME FISCALE PER CONTRIBUENTI MINORI E MINIMI. revisione del sistema di tassazione e nuovo regime contributivo per le imprese di minori dimensioni REGIME FISCALE PER CONTRIBUENTI MINORI E MINIMI revisione del sistema di tassazione e nuovo regime contributivo per le imprese di minori dimensioni E INTRODOTTO IL REGIME FISCALE AGEVOLATO RISERVATO AI

Dettagli

REGIME FISCALE AGEVOLATO PER AUTONOMI o NUOVO REGIME FORFETARIO

REGIME FISCALE AGEVOLATO PER AUTONOMI o NUOVO REGIME FORFETARIO REGIME FISCALE AGEVOLATO PER AUTONOMI o NUOVO REGIME FORFETARIO REGIME FORFETARIO PER AUTONOMI L art. 1 co. 54-89 della legge di stabilità 2015 disciplina il nuovo regime fiscale agevolato per autonomi,

Dettagli

IRPEF: redditi da lavoro autonomo e redditi d impresa - D.P.R. 917/86 Tuir -

IRPEF: redditi da lavoro autonomo e redditi d impresa - D.P.R. 917/86 Tuir - PLANNING E CONSULENZA FISCALE E SOCIETARIA a.a.2013-2014 IRPEF: redditi da lavoro autonomo e redditi d impresa - D.P.R. 917/86 Tuir - 1 IRPEF IRPEF: redditi da lavoro autonomo L IRPEF è un imposta personale

Dettagli

SOCIETA NON OPERATIVE DOPO LE NOVITA DELLA FINANZIARIA 2007

SOCIETA NON OPERATIVE DOPO LE NOVITA DELLA FINANZIARIA 2007 SOCIETA NON OPERATIVE DOPO LE NOVITA DELLA FINANZIARIA 2007 La legge Finanziaria 2007 è nuovamente intervenuta sulla disciplina delle società non operative, già oggetto di modifiche da parte del Decreto

Dettagli

LE SOCIETÀ NON OPERATIVE alla luce del provvedimento e della circolare dell Agenzia delle Entrate dell 11/06/2012. Lelio Cacciapaglia

LE SOCIETÀ NON OPERATIVE alla luce del provvedimento e della circolare dell Agenzia delle Entrate dell 11/06/2012. Lelio Cacciapaglia alla luce del provvedimento e della circolare dell Agenzia delle Entrate dell 11/06/2012 Lelio Cacciapaglia NUOVA TIPOLOGIA DI SOCIETÀ DI COMODO Le società che presentano dichiarazioni in perdita fiscale

Dettagli

CIRCOLARE DI AGGIORNAMENTO AI CLIENTI

CIRCOLARE DI AGGIORNAMENTO AI CLIENTI CIRCOLARE DI AGGIORNAMENTO AI CLIENTI Anno IV, n. 1 GENNAIO 2014 I N D I C E LEGGE DI STABILITà n. 147/2013... 3 Canoni di locazione Immobili abitativi... 3 Aumento detrazione Irpef lavoro dipendente...

Dettagli

Corso di ragioneria generale ed applicata Prof. Paolo Congiu A. A. 2013-2014 IMPOSTE DIRETTE SOCIETÀ DI CAPITALI IRES

Corso di ragioneria generale ed applicata Prof. Paolo Congiu A. A. 2013-2014 IMPOSTE DIRETTE SOCIETÀ DI CAPITALI IRES Corso di ragioneria generale ed applicata Prof. Paolo Congiu A. A. 2013-2014 1 IMPOSTE DIRETTE SOCIETÀ DI CAPITALI IRES Imposta proporzionale sui redditi complessivi delle società. Risultato di bilancio

Dettagli

Studio Dottori Commercialisti Dottori Commercialisti e Revisori Contabili

Studio Dottori Commercialisti Dottori Commercialisti e Revisori Contabili Roma, 24 gennaio 2014 Gent.li CLIENTI Loro Sedi Via mail Oggetto: Circolare n. 2/2014 principali novità fiscali 2014 1 Gentili Clienti, La legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 1473), in vigore dall

Dettagli

ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI.

ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI. REGIMI CONTABILI ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI. 1 REGIME ORDINARIO 2 REGIME SEMPLIFICATO

Dettagli

I TRIBUTI. Tributi locali (ICI sostituita a far data dall anno 2012 dall IMU)

I TRIBUTI. Tributi locali (ICI sostituita a far data dall anno 2012 dall IMU) I TRIBUTI I cittadini sono tenuti a concorrere alla spese pubblica in ragione della loro capacità contributiva, come recita l articolo 53 della Costituzione Italiana. I tributi che gravano sui cittadini

Dettagli

CIRCOLARE N. 32 2013/2014 DEL 15 GENNAIO 2014

CIRCOLARE N. 32 2013/2014 DEL 15 GENNAIO 2014 CIRCOLARE N. 32 2013/2014 DEL 15 GENNAIO 2014 Lega Italiana Calcio Professionistico Alle Società di 1 a e 2 a Divisione della Lega Italiana Calcio Professionistico LORO SEDI Circolare n. 1 2014 dell Ufficio

Dettagli

REQUISITI PER L ACCESSO E DURATA DEL REGIME

REQUISITI PER L ACCESSO E DURATA DEL REGIME 2 REQUISITI PER L ACCESSO E DURATA DEL REGIME Il REGIME DI VANTAGGIO o nuovo regime dei minimi si rende applicabile: per il periodo d imposta in cui è iniziata l attività e per i 4 successivi; anche oltre

Dettagli

Roma, 22 ottobre 2001

Roma, 22 ottobre 2001 RISOLUZIONE N. 163/E Roma, 22 ottobre 2001 OGGETTO: Istanza di interpello n..2001, ai sensi dell articolo 11, della legge n. 212 del 2000, presentato dal Signor in ordine all assoggettabilità all imposta

Dettagli

Le novità dei modello UNICO 2013. DC SAC Modulistica Agenzia delle entrate

Le novità dei modello UNICO 2013. DC SAC Modulistica Agenzia delle entrate Le novità dei modello UNICO 2013 DC SAC Modulistica Agenzia delle entrate Le novità del modello UNICO 2013 Persone fisiche Fascicolo 1 ARGOMENTI PRINCIPALI Tra le principali novità del modello Unico PF

Dettagli

DECRETO SVILUPPO 2011

DECRETO SVILUPPO 2011 CIRCOLARE INFORMATIVA N. 3 AGOSTO 2011 DECRETO SVILUPPO 2011 E stata pubblicata sulla gazzetta ufficiale 12.07.2011, n. 160, la Legge 12.07.2011 n. 106 di conversione del D.L. 70/2011 c.d. Decreto Sviluppo.

Dettagli

3. Detrazione per acquisto di mobili e grandi elettrodomestici

3. Detrazione per acquisto di mobili e grandi elettrodomestici CIRCOLARE gennaio 2014: La Legge di Stabilità e le altre novità fiscali Vi riepiloghiamo le principali e più rilevanti novità introdotte in materia fiscale dalla Legge 27.12.2013 n 147 (Legge di Stabilità

Dettagli

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI Circolare numero 17 del 28/09/2011 Oggetto: Manovra bis di ferragosto (D.L 138/2011). Conversione in legge del decreto. Il 17 settembre u.s. è entrata in vigore la legge di conversione del D.L. 138/2011

Dettagli

DEDUCIBILITA INTERESSI PASSIVI. 16 marzo 2009 Dott. Rag. Vito Dulcamare

DEDUCIBILITA INTERESSI PASSIVI. 16 marzo 2009 Dott. Rag. Vito Dulcamare DEDUCIBILITA INTERESSI PASSIVI 16 marzo 2009 Dott. Rag. Vito Dulcamare DEDUCIBILITA INTERESSI PASSIVI ALTRI INTERESSI SU IMMOBILI PATRIMONIO SU VEICOLI A MOTORE SOGGETTI IRPEF SOGGETTI IRES BANCHE ASSICURAZIONI

Dettagli

I REGIMI FISCALI E CONTABILI IL REGIME DEI CONTRIBUENTI MINIMI

I REGIMI FISCALI E CONTABILI IL REGIME DEI CONTRIBUENTI MINIMI I REGIMI FISCALI E CONTABILI IL REGIME DEI CONTRIBUENTI MINIMI I regimi contabili e fiscali per imprese e professionisti Regime ordinario artt. 14-16 DPR 600/73 Regime semplificato art. 18 DPR 600/73 Regime

Dettagli

AMMORTAMENTI (COMPRESI ONERI PLURIENNALI) LEASING INTERESSI PASSIVI

AMMORTAMENTI (COMPRESI ONERI PLURIENNALI) LEASING INTERESSI PASSIVI AMMORTAMENTI (COMPRESI ONERI PLURIENNALI) LEASING INTERESSI PASSIVI 1 L AMMORTAMENTO (NOZIONE GIURIDICA) il costo delle immobilizzazioni, materiali ed immateriali, la cui utilizzazione è limitata nel tempo

Dettagli

IMU ed imposte sui redditi

IMU ed imposte sui redditi I Dossier Fiscali IMU ed imposte sui redditi I chiarimenti dell Agenzia delle Entrate (C.M. 5/E/2013) SOMMARIO IMU ed imposte sui redditi... 3 IMU in sostituzione dell IRPEF Effetti sui singoli redditi...

Dettagli

Dott. Enrico Maria Vidali CONVEGNO ASSOCIAZIONI SPORTIVE L ATTIVITA DI ACCERTAMENTO E LA COMPLIANCE FISCALE

Dott. Enrico Maria Vidali CONVEGNO ASSOCIAZIONI SPORTIVE L ATTIVITA DI ACCERTAMENTO E LA COMPLIANCE FISCALE Dott. Enrico Maria Vidali CONVEGNO ASSOCIAZIONI SPORTIVE L ATTIVITA DI ACCERTAMENTO E LA COMPLIANCE FISCALE 1 PRESUPPOSTO IMPOSITIVO Ai sensi dell art. 2 del D.Lgs. 446/97 il presupposto dell'irap e' costituito

Dettagli

Deducibilità dei canoni di leasing

Deducibilità dei canoni di leasing Circolare Monografica 11 giugno 2014 n. 1989 DICHIARAZIONI Deducibilità dei canoni di leasing Modifiche normative e gestione in UNICO 2014 di Marianna Annicchiarico, Giuseppe Mercurio La Legge 27 dicembre

Dettagli

Agevolazioni fiscali per le nuove iniziative e per investimenti nell Energy Saving

Agevolazioni fiscali per le nuove iniziative e per investimenti nell Energy Saving 26-06-2012, Camera di Commercio di Pisa Agevolazioni fiscali per le nuove iniziative e per investimenti nell Energy Saving relatore: Dott. MASSIMO ANTONINI Dottore commercialista - Revisore contabile Membro

Dettagli

LE NOVITÀ DEL MOD. UNICO 2013 SC

LE NOVITÀ DEL MOD. UNICO 2013 SC INFORMATIVA N. 081 25 MARZO 2013 DICHIARAZIONI LE NOVITÀ DEL MOD. UNICO 2013 SC Istruzioni mod. UNICO 2013 SC Nel mod. UNICO 2013 SC sono presenti alcune novità connesse con l operatività di una serie

Dettagli

Circolare Studio Prot. N 10/15 del 03/03/2015

Circolare Studio Prot. N 10/15 del 03/03/2015 Circolare Studio Prot. N 10/15 del 03/03/2015 MD/cm Monza, lì 03/03/2015 A Tutti i C l i e n t i Loro Sedi Oggetto : NUOVO REGIME FORFETTARIO PER PERSONE FISICHE Riferimenti: Legge n. 190/2014 (c.d. Legge

Dettagli

Regime contabile: ordinario o semplificato

Regime contabile: ordinario o semplificato Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 02 20.01.2014 Regime contabile: ordinario o semplificato A cura di Devis Nucibella Categoria: Versamenti Sottocategoria: In compensazione

Dettagli

Leasing e Super Ammortamento

Leasing e Super Ammortamento Leasing e Super Ammortamento Gianluca De Candia Direttore Assilea Associazione Italiana Leasing Leasing - Favorire la ripresa attraverso gli investimenti Mercoledì 16 dicembre 2015 DAL 1 GENNAIO 2014 IMPORTANTI

Dettagli

Dott. Mauro Nicola Presidente dell Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Novara

Dott. Mauro Nicola Presidente dell Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Novara ASPETTI TRIBUTARI DEL IL BILANCIO D ESERCIZIO 2012 Dott. Mauro Nicola Presidente dell Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Novara I beni aziendali in uso ai soci Beni ai soci e spesometro

Dettagli

LA COMPILAZIONE DEL QUADRO CM UNICO/2012. Premessa Normativa

LA COMPILAZIONE DEL QUADRO CM UNICO/2012. Premessa Normativa LA COMPILAZIONE DEL QUADRO CM UNICO/2012 Premessa Normativa Questo regime è disciplinato dalla legge 244-2007 e vi possono accedere i Contribuenti persone fisiche in possesso dei seguenti requisiti:-hanno

Dettagli

STUDIO. Monosi dott. Raffaele. Dottore Commercialista Revisore Contabile

STUDIO. Monosi dott. Raffaele. Dottore Commercialista Revisore Contabile Circolare di gennaio 14 Santa Lucia di Piave, lì 7 gennaio 14 Oggetto: : Finanziaria 2014 prima parte È stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale la Finanziaria 2014 (Legge 27.12.2013, n. 147) c.d. «Legge

Dettagli

FAI LA MOSSA GIUSTA PER DIVENTARE IMPRENDITORE

FAI LA MOSSA GIUSTA PER DIVENTARE IMPRENDITORE FAI LA MOSSA GIUSTA PER DIVENTARE IMPRENDITORE CONFCOMMERCIO MILANO PER GLI ASPIRANTI IMPRENDITORI E LE NEO IMPRESE A cura di Direzione servizi tributari dott.ssa Federica Sottotetti IMPOSTE SUI REDDITI

Dettagli

SCRITTURE E REGIMI CONTABILI

SCRITTURE E REGIMI CONTABILI SCRITTURE E REGIMI CONTABILI Parte III I regimi contabili per imprese e professionisti Dott. Alberto Marengo Dott. Umberto Terzuolo Dott. Piercarlo Bausola Regimi adottabili: I REGIMI CONTABILI PER IMPRESE

Dettagli

DAL CALCOLO DELL IMPOSTA AL CONGUAGLIO

DAL CALCOLO DELL IMPOSTA AL CONGUAGLIO DAL CALCOLO DELL IMPOSTA AL CONGUAGLIO IL MODELLO 730-3: La STRUTTURA e i DATI IDENTIFICATIVI. Le sezioni del prospetto di liquidazione 730-3 Il risultato dell elaborazione dei dati esposti nel modello

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

IRAP E COSTO DEL LAVORO : DEDUCIBILITA DAL PERIODO D IMPOSTA 2015

IRAP E COSTO DEL LAVORO : DEDUCIBILITA DAL PERIODO D IMPOSTA 2015 IRAP E COSTO DEL LAVORO : DEDUCIBILITA DAL PERIODO D IMPOSTA 2015 La Legge 190/2014, Legge di Stabilità 2015, ha previsto significative novità per soggetti IRAP con i commi da 20 a 25 dell articolo 1.

Dettagli

Le novità di Unico 2013

Le novità di Unico 2013 Le novità di Unico 2013 4 di Efrem Carlo Longoni Sono stati numerosi gli interventi legislativi nel 2011 e 2012 che hanno interessato la determinazione del reddito d impresa, di lavoro autonomo o del carico

Dettagli

IL FISCO PER LA CRESCITA, MENO TASSE E ADEMPIMENTI, PIU «COMPLIANCE» in collaborazione con l Agenzia delle Entrate Direzione Regionale del Piemonte

IL FISCO PER LA CRESCITA, MENO TASSE E ADEMPIMENTI, PIU «COMPLIANCE» in collaborazione con l Agenzia delle Entrate Direzione Regionale del Piemonte 1 IL FISCO PER LA CRESCITA, MENO TASSE E ADEMPIMENTI, PIU «COMPLIANCE» in collaborazione con l Agenzia delle Entrate Direzione Regionale del Piemonte IL NUOVO REGIME AGEVOLATO PER I CONTRIBUENTI DI MINORI

Dettagli

SOMMARIO CAPITOLO 1 PREMESSA CAPITOLO 2 REDDITO D IMPRESA

SOMMARIO CAPITOLO 1 PREMESSA CAPITOLO 2 REDDITO D IMPRESA SOMMARIO CAPITOLO 1 PREMESSA 1.1 Principali novità fiscali della Legge di Stabilità 2014 CAPITOLO 2 REDDITO D IMPRESA 2.1 Novità in materia di deduzioni 2.2.1 Presupposto soggettivo 2.2.2 Misura dell agevolazione

Dettagli

BREVE GUIDA ALLE NOVITA 730/2013 REDDITI 2012

BREVE GUIDA ALLE NOVITA 730/2013 REDDITI 2012 BREVE GUIDA ALLE NOVITA 730/2013 REDDITI 2012 L IMU sostituisce, per la componente immobiliare, l Irpef e le relative addizionali in riferimento ai redditi fondiari relativi ai beni locati. Sono comunque

Dettagli

CAUSE DI ESCLUSIONE E DI DISAPPLICAZIONE

CAUSE DI ESCLUSIONE E DI DISAPPLICAZIONE S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO SOCIETÀ DI COMODO E/O IN PERDITA SISTEMATICA: PRESUNZIONI DI NON OPERATIVITÀ E CONSEGUENTE TASSAZIONE CAUSE DI ESCLUSIONE E DI DISAPPLICAZIONE FRANCESCA GEROSA

Dettagli

L adesione al Regime dei Contribuenti Minimi dal 2010 e la rettifica della detrazione Iva

L adesione al Regime dei Contribuenti Minimi dal 2010 e la rettifica della detrazione Iva Numero 32/2010 Pagina 1 di 10 L adesione al Regime dei Contribuenti Minimi dal 2010 e la rettifica della detrazione Iva Numero : 32/2010 Gruppo : Oggetto : Norme e prassi : ADEMPIMENTI REGIME FISCALE DEI

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 7/2012

NOTA OPERATIVA N. 7/2012 NOTA OPERATIVA N. 7/2012 OGGETTO: ristrutturazioni edilizie, detrazioni 36-50% - Introduzione I lavori di ristrutturazione edilizia consentono alle persone fisiche di beneficiare, ormai da molti anni,

Dettagli

imposte sui redditi e irap

imposte sui redditi e irap Imposte sui redditi e Irap ACCONTI d IMPOSTA di NOVEMBRE DOVUTI per l ANNO 2012 di Mario Jannaccone QUADRO NORMATIVO L art. 1, L. 23.3.1977, n. 97 [CFF ➋ 7316], ha introdotto nel nostro sistema tributario

Dettagli

Imposte sul reddito d esercizio

Imposte sul reddito d esercizio Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 25 novembre 29 Reddito esercizio e reddito fiscale Determinazione del reddito fiscale (IRAP e IRES) Imposte sul reddito d

Dettagli

RISOLUZIONE N. 251/E

RISOLUZIONE N. 251/E RISOLUZIONE N. 251/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 14 settembre 2007 Oggetto: Interpello - Alfa S.p.a. - Disciplina applicabile, ai fini IRES e IRAP, agli indennizzi assicurativi spettanti

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

Circolare informativa n.1/2015

Circolare informativa n.1/2015 Dott. Giuseppina Sica D o t t o r e C o m m e r c i a l i s t a A l b o u n i c o A V n. 6 2 7 R e v i s o r e d e i C o n t i n. 1 3 6. 6 9 2 C o n s u l e n t e T e c n i c o t r i b u n a l e A V n.

Dettagli

Il punto di pratica professionale. Novità modello 730/2013: come cambiano le modalità di compilazione della dichiarazione

Il punto di pratica professionale. Novità modello 730/2013: come cambiano le modalità di compilazione della dichiarazione Il punto di pratica professionale Novità modello 730/2013: come cambiano le modalità di compilazione della dichiarazione a cura di Carlo Cavalleri e Sergio Deangelis Consulenti del Lavoro in Genova Da

Dettagli

I chiarimenti del Fisco. Circolare 10/E del 14/05/2014

I chiarimenti del Fisco. Circolare 10/E del 14/05/2014 Fiscal Flash La notizia in breve N. 92 15.05.2014 I chiarimenti del Fisco Circolare 10/E del 14/05/2014 Categoria: Finanziaria Sottocategoria: 2014 Come di consueto l Agenzia delle Entrate, dopo aver fornito

Dettagli

LEGGE DI STABILITA 2016: ISTRUZIONI PER L USO

LEGGE DI STABILITA 2016: ISTRUZIONI PER L USO 2015 Studio Pavan Daniela dottore commercialista e revisore contabile via G. Garibaldi 104/A 35043 Monselice (PD) e-mail: daniela.pavan@studiopavan.eu sito web: http:// www.studiopavan.eu tel. 0429/73659

Dettagli

LA SCHEDA AMMINISTRATIVA di Roberto Gabrielli

LA SCHEDA AMMINISTRATIVA di Roberto Gabrielli LA SCHEDA AMMINISTRATIVA di Roberto LE NUOVE INIZIATIVE PRODUTTIVE (Aggiornata al 24.02.2009) Riferimenti normativi Regime contabile introdotto, a partire dal periodo di imposta 2001, con l art. 13 della

Dettagli

Novità modello 730/2013 e modello Unico Persone Fisiche2013 (Fascicolo1) Roma, 26 marzo 2013

Novità modello 730/2013 e modello Unico Persone Fisiche2013 (Fascicolo1) Roma, 26 marzo 2013 Novità modello 730/2013 e modello Unico Persone Fisiche2013 (Fascicolo1) Roma, 26 marzo 2013 RAPPORTO TRA IMU E IRPEF EFFETTI SUI REDDITI DEI TERRENI E DEI FABBRICATI RAPPORTO IMU -IRPEF REDDITI FONDIARI

Dettagli

Roma, 22 Gennaio 2013. Ai Corrispondenti C.A.F. UIL S.p.A. LORO SEDI. Circolare n. 05/2013

Roma, 22 Gennaio 2013. Ai Corrispondenti C.A.F. UIL S.p.A. LORO SEDI. Circolare n. 05/2013 Roma, 22 Gennaio 2013 Prot. n. 58/2013/CDA/SS/GN Ai Corrispondenti C.A.F. UIL S.p.A. LORO SEDI Circolare n. 05/2013 Oggetto: nuovo Modello 730/2013, redditi 2012: principali caratteristiche Con il provvedimento

Dettagli

OGGETTO: Eventi sismici del 6 aprile 2009 Ulteriori chiarimenti

OGGETTO: Eventi sismici del 6 aprile 2009 Ulteriori chiarimenti CIRCOLARE N. 50/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 novembre 2011 OGGETTO: Eventi sismici del 6 aprile 2009 Ulteriori chiarimenti La presente circolare intende fornire alcuni chiarimenti in ordine

Dettagli

SCELTA DEL REGIME FISCALE

SCELTA DEL REGIME FISCALE SCELTA DEL REGIME FISCALE a cura di Tommaso Valleri Disclaimer La presente guida ha un valore puramente indicativo. Non sostituisce in alcun modo la consulenza di un commercialista o di analogo professionista.

Dettagli

CATANIA 15 MARZO 2011. Dott. Ernesto GATTO

CATANIA 15 MARZO 2011. Dott. Ernesto GATTO CATANIA 15 MARZO 2011 LA LEGGE DI STABILITA 2011 E LE ULTIME NOVITA PER PROFESSIONISTI E IMPRESE Dott. Ernesto GATTO BLOCCO COMPENSAZIONI DAL 2011 NON E PIU CONSENTITO UTILIZZARE IN COMPENSAZIONE I CREDITI

Dettagli

Calcolo del Reddito Imponibile di una Spa ai fini IRES e IRAP

Calcolo del Reddito Imponibile di una Spa ai fini IRES e IRAP Calcolo del Reddito Imponibile di una Spa ai In base alle risultanze del Conto Economico, e tenendo conto delle le informazioni che seguono, si determini: L imponibile IRES L IRES liquidata (l aliquota

Dettagli

Informativa per la clientela

Informativa per la clientela Informativa per la clientela Informativa n. 3 dell 11 gennaio 2012 Regime dei nuovi contribuenti minimi - Agevolazioni per i soggetti esclusi dal nuovo regime INDICE 1 Premessa... 2 2 Regime dei nuovi

Dettagli

Anno 2013 N. RF160. La Nuova Redazione Fiscale CONTRIBUENTI EX MINIMI: I PRINCIPALI ADEMPIMENTI DICHIARATIVI

Anno 2013 N. RF160. La Nuova Redazione Fiscale CONTRIBUENTI EX MINIMI: I PRINCIPALI ADEMPIMENTI DICHIARATIVI Anno 2013 N. RF160 ODCEC VASTO La Nuova Redazione Fiscale www.redazionefiscale.it Pag. 1 / 7 OGGETTO RIFERIMENTI CIRCOLARE DEL 12/07/2013 CONTRIBUENTI E MINIMI: I PRINCIPALI ADEMPIMENTI DICHIARATIVI ART.

Dettagli

CIRCOLARE N. 25/E. OGGETTO: Risposte a quesiti posti dalla stampa specializzata

CIRCOLARE N. 25/E. OGGETTO: Risposte a quesiti posti dalla stampa specializzata CIRCOLARE N. 25/E Direzione Centrale Normativa Roma, 19 giugno 2012 OGGETTO: Risposte a quesiti posti dalla stampa specializzata 2 INDICE 1 Detrazione del 36 per cento...4 1.1 Dichiarazioni ICI e detrazione

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 14 del 25 Ottobre 2013 Ai gentili clienti Loro sedi Ddl stabilità per il 2014: le prime anticipazioni della stampa Premessa Recentemente il Consiglio dei Ministri ha

Dettagli

DISCIPLINA FISCALE DEGLI INCENTIVI

DISCIPLINA FISCALE DEGLI INCENTIVI DISCIPLINA FISCALE DEGLI INCENTIVI PER GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI (rif. Circ. n. 46/E dell Agenzia Entrate del 19 luglio 2007 e risoluzione n. 13/E del 20 gennaio 2008 per lo scambio sul posto) 1 Principali

Dettagli

Il modello Unico 2013 Rapporti tra Imu e Irpef

Il modello Unico 2013 Rapporti tra Imu e Irpef Il modello Unico 2013 Rapporti tra Imu e Irpef Novità ed esempi di compilazione Giorgio Gavelli Maggio 2013 Premessa Dal 2012 l Imu sostituisce l Ici per la componente immobiliare, l Irpef e le addizionali

Dettagli

IL REGIME DEI NUOVI MINIMI regime fiscale di vantaggio per l imprenditoria giovanile e i lavoratori in mobilità

IL REGIME DEI NUOVI MINIMI regime fiscale di vantaggio per l imprenditoria giovanile e i lavoratori in mobilità IL REGIME DEI NUOVI MINIMI regime fiscale di vantaggio per l imprenditoria giovanile e i lavoratori in mobilità A cura del Dott. Michele Avesani A partire dal 1 gennaio 2012 è entrato in vigore il regime

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

Le novità normative introdotte restringono notevolmente la platea dei soggetti che potranno continuare ad applicare l attuale regime dei minimi.

Le novità normative introdotte restringono notevolmente la platea dei soggetti che potranno continuare ad applicare l attuale regime dei minimi. IL REGIME DEI MINIMI CAMBIA VOLTO (DAL 2012) La c.d. Manovra correttiva ha modificato il regime dei minimi che dal 2012 risulterà applicabile, al sussistere di specifiche condizioni, esclusivamente dalle

Dettagli

LA MANOVRA ESTIVA 2008

LA MANOVRA ESTIVA 2008 Seminario LA MANOVRA ESTIVA 2008 Arezzo 8 ottobre 2008 Lucca 9 ottobre 2008 Firenze 14 ottobre 2008 D.L. n. 112/2008 Le modifiche alla fiscalità di banche e assicurazioni, delle imprese petrolifere e delle

Dettagli

Burani & Lancellotti COMMERCIALISTI ASSOCIATI Modena

Burani & Lancellotti COMMERCIALISTI ASSOCIATI Modena Spett.li Clienti Loro Sedi, lì 14 Gennaio 2013 OGGETTO: Legge di stabilità 2013 ed altre disposizioni La Legge di Stabilità per il 2013 (L.228/2012) contiene molte novità e assorbe alcuni importanti provvedimenti

Dettagli

? INQUADRAMENTO NORMATIVO. Aspetti generali QUADRO RL. Inquadramento normativo. Redditi di capitale

? INQUADRAMENTO NORMATIVO. Aspetti generali QUADRO RL. Inquadramento normativo. Redditi di capitale Tratto da: Collana Dichiarazioni Fiscali 2009, Unico Persone Fisiche, a cura di: R. Artina V. Artina P. Monarca G. Cremona N. Tarantino Aspetti generali Inquadramento normativo Il quadro RL del modello

Dettagli

Oggetto: LE NOVITÀ DEL MODELLO 730/13

Oggetto: LE NOVITÀ DEL MODELLO 730/13 Villadose, 19 aprile 2013 Ai gentili Clienti Loro sedi Oggetto: LE NOVITÀ DEL MODELLO 730/13 Da una prima valutazione generale, possiamo affermare che la dichiarazione dei redditi 2013, per quanto concerne

Dettagli

Imposte differire: le voci da controllare

Imposte differire: le voci da controllare Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 125 29.04.2014 Imposte differire: le voci da controllare Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Ai fini della rilevazione in

Dettagli

L utilizzo della riserva da rivalutazione

L utilizzo della riserva da rivalutazione Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 92 26.03.2014 L utilizzo della riserva da rivalutazione Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Riserve L'art. 15, comma 18, D.L. 185/2008

Dettagli

CONTRIBUENTI MININI E SUPERMINIMI

CONTRIBUENTI MININI E SUPERMINIMI FONDAZIONE DOTTORI COMMERCIALISTI SICILIA CONTRIBUENTI MININI E SUPERMINIMI Art. 27, commi 1, 2 e 3, D.L. 6 luglio 2011, n.98 Enrico Licciardello Catania 9 febbraio 2012 Dottore Commercialista AGA Hotel

Dettagli

Fiscal News N. 170. Il Quadro RS e le ZFU nel Modello Unico SC. La circolare di aggiornamento professionale 20.06.2014

Fiscal News N. 170. Il Quadro RS e le ZFU nel Modello Unico SC. La circolare di aggiornamento professionale 20.06.2014 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 170 20.06.2014 Il Quadro RS e le ZFU nel Modello Unico SC Tra le novità ospitate dal quadro RS del Modello Unico SC vi è l agevolazione per le

Dettagli

LA MANOVRA ESTIVA 2008

LA MANOVRA ESTIVA 2008 Seminario LA MANOVRA ESTIVA 2008 Arezzo 8 ottobre 2008 Lucca 9 ottobre 2008 Firenze 14 ottobre 2008 D.L. n. 112/2008 Il nuovo regime fiscale dei fondi di investimento immobiliari Dott. Fabio Giommoni Fondi

Dettagli

NUOVI MINIMI (ART. 1, COMMI DA 96 A 117, LEGGE 244/2007 + ART. 27, COMMA 2, DL 98/2011)

NUOVI MINIMI (ART. 1, COMMI DA 96 A 117, LEGGE 244/2007 + ART. 27, COMMA 2, DL 98/2011) DL 98/2011 CONVERTITO NELLA LEGGE 111/2011 MANOVRA DI LUGLIO REGIMI FISCALI AGEVOLATI NUOVI MINIMI (ART. 1, COMMI DA 96 A 117, LEGGE 244/2007 + ART. 27, COMMA 2, DL 98/2011) Il nuovo regime dei contribuenti

Dettagli

DAL CALCOLO DELL IMPOSTA AL CONGUAGLIO

DAL CALCOLO DELL IMPOSTA AL CONGUAGLIO DAL CALCOLO DELL IMPOSTA AL CONGUAGLIO IL MODELLO 730-3: La STRUTTURA e i DATI IDENTIFICATIVI. Le sezioni del prospetto di liquidazione 730-3 Il risultato dell elaborazione dei dati esposti nel modello

Dettagli

INCONTRO DI STUDIO IL PUNTO SULLE SOCIETA NON OPERATIVE

INCONTRO DI STUDIO IL PUNTO SULLE SOCIETA NON OPERATIVE INCONTRO DI STUDIO COMMISIONE DI STUDIO «IMPOSTE DIRETTE» IL PUNTO SULLE SOCIETA NON OPERATIVE a cura di Francesco Scuderi e Pierangela Maugeri Catania, 3 luglio 2014 1) PREMESSA LA DISCIPLINA DELLE SOCIETA

Dettagli

PROSPETTO DELLE SOCIETÀ DI COMODO. Dott. Enrico ZANETTI

PROSPETTO DELLE SOCIETÀ DI COMODO. Dott. Enrico ZANETTI PROSPETTO DELLE SOCIETÀ DI COMODO Dott. Enrico ZANETTI Lavoro autonomo, impresa e altre criticità delle dichiarazioni dei redditi PROFILI INTRODUTTIVI PROSPETTO NEL QUADRO RF 2 AMBITO DI APPLICAZIONE ESCLUSIONE

Dettagli

Il Modello UNICO per persone fisiche

Il Modello UNICO per persone fisiche Immacolata Di Rienzo (Commercialista in Caserta) Il Modello UNICO per persone fisiche Persone fisiche non esercenti attività di lavoro autonomo Persone fisiche esercenti attività di impresa o di arti e

Dettagli

ESERCITAZIONE DEL 12 NOVEMBRE 2013 (CON SOLUZIONI)

ESERCITAZIONE DEL 12 NOVEMBRE 2013 (CON SOLUZIONI) ESERCITAZIONE DEL 12 NOVEMBRE 2013 (CON SOLUZIONI) Si rilevino le seguenti scritture di rettifica di fine anno sul bilancio della società ABC Srl qui allegato. 1) Rilevazione delle seguenti quote di ammortamento:

Dettagli

RISOLUZIONE N. 99/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 99/E QUESITO RISOLUZIONE N. 99/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 08 aprile 2009 OGGETTO: Istanza di interpello Spese di ristrutturazione nell ambito della determinazione del reddito di lavoro autonomo

Dettagli

Oggetto: Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 5/E dell 11 Marzo 2013: rapporto tra IMU e imposte sui redditi - chiarimenti

Oggetto: Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 5/E dell 11 Marzo 2013: rapporto tra IMU e imposte sui redditi - chiarimenti Roma, 18 Aprile 2013 Prot. n.: 333/2013/CDA/SS/GN Ai Corrispondenti C.A.F. UIL S.p.A. LORO SEDI Circolare n. 20/2013 Oggetto: Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 5/E dell 11 Marzo 2013: rapporto tra

Dettagli

MODELLO UNICO 2001. a intermediari autorizzati (professionisti, associazioni di categoria, CAF, altri soggetti abilitati);

MODELLO UNICO 2001. a intermediari autorizzati (professionisti, associazioni di categoria, CAF, altri soggetti abilitati); MODELLO UNICO 2001 Sono obbligati a presentare la dichiarazione in forma unificata UNICO 2001 i contribuenti tenuti alla presentazione di almeno due delle seguenti dichiarazioni: Redditi; IVA; IRAP. A

Dettagli

Quadro RN CALCOLO DELL IRPEF

Quadro RN CALCOLO DELL IRPEF Quadro RN CALCOLO DELL IRPEF ADEMPIMENTO NOVITÀ 2015 CATEGORIE DI REDDITO DETERMINAZIONE DEL REDDITO SCADENZA COME SI COMPILA CASI PRATICI CASI PARTICOLARI Il Quadro RN è utilizzato ai fini del calcolo

Dettagli

Le norme tributarie disciplinanti la liquidazione

Le norme tributarie disciplinanti la liquidazione Le norme tributarie disciplinanti la liquidazione Art. 182 Tuir: regole di determinazione del reddito d impresa durante la fase di liquidazione; Art. 17 e 21 Tuir: condizioni e modalità per la tassazione

Dettagli

B R U Z Z O D O T T. A D O L F O D O T T O R E C O M M E R C I A L I S T A - R E V I S O R E C O N T A B I L E

B R U Z Z O D O T T. A D O L F O D O T T O R E C O M M E R C I A L I S T A - R E V I S O R E C O N T A B I L E B R U Z Z O D O T T. A D O L F O D O T T O R E C O M M E R C I A L I S T A - R E V I S O R E C O N T A B I L E Padova, 8/11/2010 Circolare n. 12 Ai gentili Clienti Loro sedi 1. VERSAMENTO DEGLI ACCONTI

Dettagli

ART. 164 DEL T.U.I.R.

ART. 164 DEL T.U.I.R. API NOTIZIE N. 16 DEL 07/09/2012 OGGETTO: LA NUOVA DEDUCIBILITÁ DEI COSTI DELLE AUTO AZIENDALI DAL 2013 Riferimenti: Legge 92/2012 Riforma del Lavoro (Legge Fornero) art. 4 commi 72 e 73. La Riforma del

Dettagli

RISPOSTE AI QUESITI PIU FREQUENTI CONTRIBUZIONE

RISPOSTE AI QUESITI PIU FREQUENTI CONTRIBUZIONE RISPOSTE AI QUESITI PIU FREQUENTI CONTRIBUZIONE Come viene alimentata la posizione previdenziale? Il finanziamento è attuato mediante contribuzione a carico del lavoratore, del datore di lavoro e tramite

Dettagli

The Hub Trentino Alto Adige

The Hub Trentino Alto Adige L AVVIO DI UN ATTIVITÀ DI IMPRESA O PROFESSIONALE Aspetti civilistici, fiscali e previdenziali Trento, lì 19 novembre 2014 1 FORME SOCIETARIE: SOCIETÀ PER AZIONI (S.P.A.) SOCIETÀ IN ACCOMANDITA PER AZIONI

Dettagli

Vito SARACINO Dottore Commercialista Revisore Contabile

Vito SARACINO Dottore Commercialista Revisore Contabile NUOVO REGIME FORFETARIO DEI MINIMI a cura del Dott. Vito SARACINO e in Bitonto (BA) L'art. 1, commi da 54 a 89, della legge 23.12.2014, n. 190 (Legge di Stabilità 2015), ha introdotto a partire dal 2015

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

I. ASPETTI G ENERALI DELLA TASSAZIONE DEI MEDICI (Le principali imposte cui è soggetto un medico)

I. ASPETTI G ENERALI DELLA TASSAZIONE DEI MEDICI (Le principali imposte cui è soggetto un medico) I. ASPETTI G ENERALI DELLA TASSAZIONE DEI MEDICI (Le principali imposte cui è soggetto un medico) Vediamo innanzi tutto quali sono le imposte a cui è soggetto il medico. I.A Imposte sui redditi I.A.1 IRPEF

Dettagli