Internet :29 La Repubblica Roma.it Homepage - Rifiuti, addio alle buste di plastica e ai volantini 1

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Internet 26-11-14 21:29 La Repubblica Roma.it Homepage - Rifiuti, addio alle buste di plastica e ai volantini 1"

Transcript

1 Indice Internet 21:29 La Repubblica Roma.it Homepage - Rifiuti, addio alle buste di plastica e ai volantini 1 Internet 21:16 osservatorelaziale.it Homepage - RIFIUTI, VALENTINI - AVENALI (PL): LINEE GUIDA PER RIDUZIONE RIFIUTI ALTRO PASSO AVANTI VERSO NUOVA GESTIONE 2 Dire 18:48 (LZ) RIFIUTI. VALENTINI-AVENALI: CON LINEE AVANTI NUOVA GESTIONE 3 AGENPARL 18:27 Rifiuti, Valentini - Avenali (PL), linee guida per riduzione altro passo avanti verso nuova gestione 4 Omniroma TEXT 18:21 Omniroma-RIFIUTI, VALENTINI-AVENALI (PL): LINEE GUIDA PASSO AVANTI PER NUOVA 5 Dire 15:55 (LZ) RIFIUTI. STOP BUSTE PLASTICA E VOLANTINI: ECCO... /FOTO 6 Dire 15:55 (LZ) RIFIUTI. DA REGIONE OPERA IN REGALO A COMUNE CHE... /VIDEO 7 Italpress 15:33 LAZIO: RIFIUTI, NIENTE SACCHETTI PLASTICA E VOLANTINI 8 Dire 15:30 RIFIUTI. REGIONE LAZIO, STOP A BUSTE DI PLASTICA E VOLANTINI 9 Italpress 15:29 RIFIUTI: NIENTE SACCHETTI PLASTICA E VOLANTINI,LINEE PIANO REGIONE LAZIO 10 Dire 15:08 (LZ) RIFIUTI. DA REGIONE OPERA IN REGALO A COMUNE CHE RICICLA PIÙ 10 Omniroma TEXT 14:36 Omniroma-RIFIUTI, ADDIO SACCHETTI PLASTICA E VOLANTINI: ECCO LINEE GUIDA 11 Agi 14:28 Rifiuti: stop sacchetti plastica, linee guida della regione Lazio = 12 Ansa 14:26 Rifiuti:addio sacchetti e volantini,ecco linee guida Lazio 12 Dire 14:20 (LZ) RIFIUTI. STOP BUSTE PLASTICA E VOLANTINI: ECCO LINEE REGIONE 13

2 Internet 21:29 La Repubblica Roma.it Homepage - Rifiuti, addio alle buste di plastica e ai volantini Approvate le nuove linee guida della Regione che prevede anche accordi con la Grande distribuzione per l'eliminazione dei volantini pubblicitari e l'uso di prodotti locali che privilegiano la filiera corta 26 novembre 2014 Rifiuti, addio alle buste di plastica e ai volantiniil presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti Abolizione dei sacchetti di plastica, eliminazione dei volantini pubblicitari, uso di prodotti locali che privilegiano la filiera corta e le produzioni bio per evitare il deterioramento dei prodotti. Ma anche la diffusione di marchi ecologici nel settore turismo, di un marchio regionale di sostenibilità ambientale e diffusione di dosatori per i detergenti ed erogatori di bevande 'sfuse'. Sono alcune delle novità contenute nelle linee guida per la redazione del futuro Programma regionale di prevenzione rifiuti del Lazio, approvate con delibera della giunta regionale, nel rispetto della direttiva Ue del 2008 e presentate dal presidente Nicola Zingaretti con l'assessore ai Rifiuti Michele Civita e la consigliera regionale Cristiana Avenali (PiL), già dirigente di Legambiente. L'Europa infatti ha introdotto l'obbligo per gli Stati membri di elaborare dei programmi specifici e l'amministrazione regionale - a cui è demandata la pianificazione e la programmazione - si è adeguata, prevedendo misure generali e specifiche. Ed ecco dunque l'idea di ridurre gli sprechi dei prodotti alimentari che non rispettano più gli standard estetici, promuovere i centri del riuso, ma anche protocolli d'intesa con gli industriali per produrre imballaggi biodegradabili o riutilizzabili o la prevenzione della produzione di rifiuti nella Grande distribuzione organizzata. In questo senso andrà un protocollo d'intesa tra la Regione e la Gdo che sarà sottoscritto nelle prossime settimane per ridurre in particolare gli scarti alimentari, gli imballaggi e i rifiuti elettronici. Tra le linee guida anche la vendita di prodotti sfusi (pasta, detersivi, bevande), l'incentivo all'uso dell'acqua di rubinetto, i vuoti a rendere. "Il miglior rifiuto è quello che non viene prodotto- ha sottolineato il governatore del Lazio, Nicola Zingaretti- con il Comieco abbiamo stipulato un protocollo che porterà tutta una serie di iniziative incentivanti alla non produzione dei rifiuti, con la grande distribuzione lavoreremo per eliminare gli imballaggi il più possibile, con le società pubbliche e private per intervenire in tutte le azioni positive che portino a evitare la produzione dei rifiuti". Tags Argomenti: rifiuti regione lazio

3 Protagonisti: nicola zingaretti This text is provided for reference in word searches only Source: Nov 2014 Internet 21:16 osservatorelaziale.it Homepage - RIFIUTI, VALENTINI - AVENALI (PL): LINEE GUIDA PER RIDUZIONE RIFIUTI ALTRO PASSO AVANTI VERSO NUOVA GESTIONE di Gennaro Giardino "Con l'approvazione delle Linee Guida per la prevenzione e riduzione dei rifiuti presentate questa mattina, la Regione Lazio ha fatto un altro passo importante verso una nuova gestione dei rifiuti. Una gestione più virtuosa rispetto al passato che recupera i ritardi accumulati negli anni passati, essendo tra le prime e poche Regioni ad aver compiuto questo passaggio, come stabilito dal nuovo piano di prevenzione e riduzione nazionale di ottobre 2013". Così in una nota congiunta Riccardo Valentini e Cristiana Avenali, rispettivamente capogruppo di Per il Lazio e consigliera di Per il Lazio, componente della Commissione Ambiente al Consiglio regionale, intervenuta questa mattina alla conferenza stampa presso la Regione Lazio, con il Presidente Zingaretti, l'assessore Civita. "Si tratta di linee û proseguono Valentini e Avenali û che non rimarranno sulla carta, come molto spesso accade, ma che da subito saranno applicate e finanziate a partire da due azioni importanti. La prima si sostanzierà con la firma di un protocollo d'intesa con la grande distribuzione organizzata per la riduzione degli imballaggi dei rifiuti elettrici ed elettronici e la lotta allo spreco degli scarti alimentari, tema quest'ultimo al centro della settimana europea della riduzione dei rifiuti in corso di svolgimento. La seconda riguarderà la realizzazione di centri del riuso. Tutto questo comporterà molti vantaggi ambientali, come dimostra la diminuzione del 5% dei rifiuti, che si ottiene dall'unico centro di preparazione al riutilizzo presento a Venezia, e si potrà creare anche nuova occupazione: la stima effettuata dalla commissione Ambiente europea è di 800mila posti di lavoro in Europa, ottenibili dal settore del riutilizzo. Le linee guida û sottolineano Valentini e Avenali û comprendono sia misure generali che specifiche. Tra quelle generali sono previsti interventi e adeguamenti legislativi e si punta su formazione, informazione, educazione, promozione e ricerca. Le specifiche prevedono, tra l'altro, la sottoscrizione di protocolli particolari: vendita di prodotti sfusi, la promozione di buone pratiche per la diminuzione della produzione dei rifiuti inerti, la diffusione di marchi ecologici nel settore turistico, un marchio

4 regionale di sostenibilità ambientale, gestione ecosostenibile delle mense pubbliche, GPP acquisti verdi per la pubblica amministrazione, iniziative a sostegno del compostaggio, incentivi di punti vendita a Km 0 e molto altro. Abbiamo voluto presentare queste linee guida nell'ambito della Settimana Europea della Riduzione dei Rifiuti per sottolinearne ancora di più l'importanza e il lavoro fatto in questi mesi dalla Regione Lazio. Per questo û concludono Riccardo Valentini e Cristiana Avenali û ringraziamo il Presidente Zingaretti e l'assessore Civita, per aver voluto intraprendere questa strada. Una strada attraverso la quale possiamo rilanciare con convinzione l'immagine dei rifiuti che generano lavoro e contribuiscono alla crescita. In un Lazio attento alla legalità, dove politiche serie come questa e il superamento delle discariche sono strumenti per sconfiggere l'illegalità presente nel settore, e dove la Regione si conferma capace di cogliere le innovazioni e collaborare con i Comuni puntando sull'ambiente per rilanciare l'economia". [tags] RIFIUTI VALENTINI - AVENALI (PL): LINEE GUIDA PER RIDUZIONE RIFIUTI ALTRO PASSO AVANTI VERSO NUOVA GESTIONE This text is provided for reference in word searches only Source: Nov 2014 Dire 18:48 (LZ) RIFIUTI. VALENTINI-AVENALI: CON LINEE AVANTI NUOVA GESTIONE "FATTO UN ALTRO PASSO". (DIRE) Roma, 26 nov. - "Con l'approvazione delle linee guida per la prevenzione e riduzione dei rifiuti presentate questa mattina, la Regione Lazio fa un altro passo importante verso una nuova gestione dei rifiuti. Una gestione piu' virtuosa rispetto al passato che recupera i ritardi accumulati negli anni passati, essendo tra le prime e poche Regioni ad aver compiuto questo passaggio, come stabilito dal nuovo piano di prevenzione e riduzione nazionale di ottobre 2013". Cosi' in una nota congiunta Riccardo Valentini e Cristiana Avenali, rispettivamente capogruppo e consigliera di Per il Lazio. "Si tratta di linee, quindi- dicono ancora- che non rimarranno sulla carta, come molto spesso accade, ma che da subito saranno applicate e finanziate a partire da due azioni importanti. La prima si sostanziera' con la firma di un protocollo d'intesa con la grande distribuzione organizzata per la riduzione degli imballaggi dei rifiuti elettrici ed elettronici, la lotta allo spreco degli scarti alimentari, tema quest'ultimo al centro della settimana europea della riduzione dei rifiuti in corso di svolgimento. La seconda riguardera' la realizzazione di centri del riuso. Tutto questo comportera' molti vantaggi ambientali, come dimostra la diminuzione del 5% dei rifiuti, che si ottiene

5 dall'unico centro di preparazione al riutilizzo presento a Venezia, e si potra' creare anche nuova occupazione: la stima effettuata dalla commissione Ambiente europea e' di 800 mila posti di lavoro in Europa, ottenibili dal settore del riutilizzo. Le linee guida comprendono sia misure generali che specifiche. Tra quelle generali sono previsti interventi e adeguamenti legislativi e si punta su formazione, informazione, educazione, promozione e ricerca. Le specifiche prevedono, tra l'altro, la sottoscrizione di protocolli specifici, vendita di prodotti sfusi, la promozione di buone pratiche per la diminuzione della produzione dei rifiuti inerti, la diffusione di marchi ecologici nel settore turistico, un marchio regionale di sostenibilita' ambientale, gestione ecosostenibile delle mense pubbliche, Gpp acquisti verdi per la pubblica amministrazione, iniziative a sostegno del compostaggio, incentivi di punti vendita a km 0 e molto altro". "Abbiamo voluto presentare queste linee guida nell'ambito della Settimana europea della riduzione dei rifiuti- aggiungonoper sottolinearne ancora di piu' l'importanza e il lavoro fatto in questi mesi dalla Regione Lazio e per questo ringraziamo il presidente Zingaretti e l'assessore Civita, per aver voluto intraprendere questa strada. Una strada attraverso la quale possiamo rilanciare con convinzione l'immagine dei rifiuti che generano lavoro e contribuiscono alla crescita. In un Lazio attento alla legalita', dove politiche serie come questa e il superamento delle discariche sono strumenti per sconfiggere l'illegalita' presente nel settore, e dove la Regione si conferma capace di cogliere le innovazioni e collaborare con i Comuni puntando sull'ambiente per rilanciare l'economia". (Com/Rel/ Dire) 18:48 AGENPARL 18:27 Rifiuti, Valentini - Avenali (PL), linee guida per riduzione altro passo avanti verso nuova gestione (AGENPARL) - Roma, 26 nov - "Con l'approvazione delle Linee Guida per la prevenzione e riduzione dei rifiuti presentate questa mattina, la Regione Lazio fa un altro passo importante verso una nuova gestione dei rifiuti. Una gestione piu' virtuosa rispetto al passato che recupera i ritardi accumulati negli anni passati, essendo tra le prime e poche Regioni ad aver compiuto questo passaggio, come stabilito dal nuovo piano di prevenzione e riduzione nazionale di ottobre Si tratta di linee, quindi, che non rimarranno sulla carta, come molto spesso accade, ma che da subito saranno applicate e finanziate a partire da due azioni importanti. La prima si sostanziera' con la firma di un protocollo d'intesa con la grande distribuzione organizzata per la riduzione degli imballaggi dei rifiuti elettrici ed elettronici, la lotta allo spreco degli scarti alimentari, tema quest'ultimo al centro della settimana europea della riduzione dei rifiuti in corso di svolgimento. La seconda riguardera' la realizzazione di centri del riuso. Tutto questo comportera' molti vantaggi ambientali,

6 come dimostra la diminuzione del 5% dei rifiuti, che si ottiene dall'unico centro di preparazione al riutilizzo presento a Venezia, e si potra' creare anche nuova occupazione: la stima effettuata dalla commissione Ambiente europea e' di 800 mila posti di lavoro in Europa, ottenibili dal settore del riutilizzo. Le linee guida comprendono sia misure generali che specifiche. Tra quelle generali sono previsti interventi e adeguamenti legislativi e si punta su formazione, informazione, educazione, promozione e ricerca. Le specifiche prevedono, tra l'altro, la sottoscrizione di protocolli specifici, vendita di prodotti sfusi, la promozione di buone pratiche per la diminuzione della produzione dei rifiuti inerti, la diffusione di marchi ecologici nel settore turistico, un marchio regionale di sostenibilita' ambientale, gestione ecosostenibile delle mense pubbliche, GPP acquisti verdi per la pubblica amministrazione, iniziative a sostegno del compostaggio, incentivi di punti vendita a Km 0 e molto altro. Abbiamo voluto presentare queste linee guida nell'ambito della Settimana Europea della Riduzione dei Rifiuti per sottolinearne ancora di piu' l'importanza e il lavoro fatto in questi mesi dalla Regione Lazio e per questo ringraziamo il Presidente Zingaretti e l'assessore Civita, per aver voluto intraprendere questa strada. Una strada attraverso la quale possiamo rilanciare con convinzione l'immagine dei rifiuti che generano lavoro e contribuiscono alla crescita. In un Lazio attento alla legalita', dove politiche serie come questa e il superamento delle discariche sono strumenti per sconfiggere l'illegalita' presente nel settore, e dove la Regione si conferma capace di cogliere le innovazioni e collaborare con i Comuni puntando sull'ambiente per rilanciare l'economia". Cosi' in una nota congiunta Riccardo Valentini e Cristiana Avenali, rispettivamente capogruppo di Per il Lazio e consigliera di Per il Lazio e componente della Commissione Ambiente al Consiglio regionale intervenuta questa mattina alla conferenza stampa presso la Regione Lazio, con il Presidente Zingaretti, l'assessore Civita Nov 2014 Omniroma TEXT 18:21 Omniroma-RIFIUTI, VALENTINI-AVENALI (PL): LINEE GUIDA PASSO AVANTI PER NUOVA GESTIONE (OMNIROMA) Roma, 26 NOV - "Con l'approvazione delle Linee Guida per la prevenzione e riduzione dei rifiuti presentate questa mattina, la Regione Lazio fa un altro passo importante verso una nuova gestione dei rifiuti. Una gestione più virtuosa rispetto al passato che recupera i ritardi accumulati negli anni passati, essendo tra le prime e poche Regioni ad aver compiuto questo passaggio, come stabilito dal nuovo piano di prevenzione e riduzione nazionale di ottobre 2013". Così in una nota congiunta Riccardo Valentini e Cristiana Avenali, rispettivamente capogruppo di Per il Lazio e consigliera di Per il Lazio e componente della Commissione Ambiente al Consiglio regionale "intervenuta questa mattina alla conferenza stampa presso la Regione Lazio, con il Presidente Zingaretti, l'assessore Civita". "Si tratta di linee, quindi, che non rimarranno sulla carta, come molto spesso accade, ma che da subito saranno applicate e finanziate a partire da due azioni importanti. La prima si sostanzierà con la firma di un protocollo d'intesa con la grande distribuzione organizzata per la riduzione degli

7 imballaggi dei rifiuti elettrici ed elettronici, la lotta allo spreco degli scarti alimentari - aggiunge - tema quest'ultimo al centro della settimana europea della riduzione dei rifiuti in corso di svolgimento. La seconda riguarderà la realizzazione di centri del riuso. Tutto questo comporterà molti vantaggi ambientali, come dimostra la diminuzione del 5% dei rifiuti, che si ottiene dall'unico centro di preparazione al riutilizzo presento a Venezia, e si potrà creare anche nuova occupazione: la stima effettuata dalla commissione Ambiente europea è di 800 mila posti di lavoro in Europa, ottenibili dal settore del riutilizzo. Le linee guida comprendono sia misure generali che specifiche. Tra quelle generali sono previsti interventi e adeguamenti legislativi e si punta su formazione, informazione, educazione, promozione e ricerca. Le specifiche prevedono, tra l'altro, la sottoscrizione di protocolli specifici, vendita di prodotti sfusi, la promozione di buone pratiche per la diminuzione della produzione dei rifiuti inerti, la diffusione di marchi ecologici nel settore turistico, un marchio regionale di sostenibilità ambientale, gestione ecosostenibile delle mense pubbliche, GPP acquisti verdi per la pubblica amministrazione, iniziative a sostegno del compostaggio, incentivi di punti vendita a Km 0 e molto altro. Abbiamo voluto presentare queste linee guida nell'ambito della Settimana Europea della Riduzione dei Rifiuti per sottolinearne ancora di più l'importanza e il lavoro fatto in questi mesi dalla Regione Lazio e per questo ringraziamo il Presidente Zingaretti e l'assessore Civita, per aver voluto intraprendere questa strada. Una strada attraverso la quale possiamo rilanciare con convinzione l'immagine dei rifiuti che generano lavoro e contribuiscono alla crescita. In un Lazio attento alla legalità, dove politiche serie come questa e il superamento delle discariche sono strumenti per sconfiggere l'illegalità presente nel settore, e dove la Regione si conferma capace di cogliere le innovazioni e collaborare con i Comuni puntando sull'ambiente per rilanciare l'economia". red NOV 14 Dire 15:55 (LZ) RIFIUTI. STOP BUSTE PLASTICA E VOLANTINI: ECCO... /FOTO MISURE PER RECEPIRE DIRETTIVA UE (DIRE) Roma, 26 nov. - Mai piu' sacchetti di plastica e volantini pubblicitari. Ma anche un maggiore uso del vuoto a rendere, riduzione degli imballaggi e degli scarti alimentari e marchio regionale di sostenibilita' ambientale. Sono alcune delle misure messe in campo dalla Regione Lazio per produrre meno rifiuti e per recepire la direttiva Ue del 2008 che impone ai Paesi membri (e quindi alle Regioni) di definire specifici programmi di prevenzione. A presentare le misure sono stati oggi il

8 governatore del Lazio, Nicola Zingaretti, l'assessore ai Rifiuti Michele Civita, il consigliere regionale del gruppo Per il Lazio, Cristiana Avenali, e Sabrina Borrelli del Comieco. Il programma fissa obiettivi di riduzione e prevede, tra l'altro, la realizzazione del marchio regionale di sostenibilita' ambientale, attraverso regole che tengono contro dell'utilizzo di prodotti 'verdi' con basse quantita' di imballaggi, della presenza di dosatori od erogatori di bevande e prodotti 'sfusi', uso di piatti e bicchieri riutilizzabili o compostabili, vuoti a rendere o caraffe. Previsti anche accordi con la grande distribuzione per ridurre gli scarti alimentari, gli imballaggi e i rifiuti elettronici e la promozione dei centri di riuso. Saranno aboliti del tutto sacchetti di plastica, volantini e materiale pubblicitario, e si puntera' alla filiera corta e ai prodotti biologici. (Enu/ Dire) 15:55

9 Dire 15:55 (LZ) RIFIUTI. DA REGIONE OPERA IN REGALO A COMUNE CHE... /VIDEO TORNANO 'CARTONIADI', ZINGARETTI: DIFFERENZIARE E' RISORSA. (DIRE) Roma, 26 nov. - Un'opera pubblica in regalo al Comune che riciclera' piu' carta. Ma anche una maggiore raccolta di carta e cartone negli uffici pubblici. Sono alcune delle novita' contenute nel protocollo di intesa siglato in occasione della settimana europea per la riduzione dei rifiuti dalla Regione Lazio e dal Comieco (Consorzio nazionale recupero e riciclo degli imballaggi a base cellulosica) e presentate oggi dal governatore, Nicola Zingaretti, dall'assessore ai Rifiuti Michele Civita, dalla consigliera regionale del gruppo Per il Lazio, Cristiana Avenali, e da Sabrina Borrelli del Comieco. Sara' replicata, dopo l'esperienza gia' fatta in Provincia di Roma, la realizzazione delle 'Cartoniadi': "Ci sara' una gara tra i Comuni con premi in opere pubbliche, un parco, un giardino o una strada per chi riciclera' piu' carta possibile- ha detto Zingaretti- Questo chiamera' a raccolta le famiglie, gli amministratori, le associazioni e le comunita' che potranno realizzare un'opera pubblica nel proprio Comune producendo risparmio di carta e vendendo carta riciclata. Una buona gestione dei rifiuti fa incassare risorse, mentre il caos provoca perdita di soldi. Dobbiamo cambiare tutto, anche in questo". Per la realizzazione dell'opera sono stati stanziati 100mila euro. Nelle sedi della Regione Lazio, inoltre, arrivera' il progetto 'Carta Ufficio' per la raccolta spinta di carta e cartone. "Il documento impegna entrambi a mettere in campo iniziative per ridurre e riutilizzare la carta e il cartone, e impegna noi stessi, negli uffici pubblici della Regione, con il programma 'Carta ufficio'- ha spiegato Civita- noi formeremo i nostri dipendenti a un migliore utilizzo della carta e del cartone. La Regione ha avuto in questi anni performance importanti in questo senso, ma c'e' ancora tantissimo da fare per raggiungere le Regioni piu' virtuose d'italia, e noi vogliamo essere tra coloro che si impegnano di piu'". Sara' poi realizzato il 'Club dei Comuni EcoCampioni', un sistema di riconoscimento per quei Comuni che hanno messo in atto le migliori e piu' efficaci esperienze di raccolta differenziata e sara' promossa anche la realizzazione dei 'Cartonmezzi', strumenti itineranti di sensibilizzazione sulla raccolta differenziata, attraverso l'allestimento dei mezzi dedicati alla raccolta di carta e cartone. Nel protocollo sono previste anche attivita' formative per operatori pubblici e/o privati del settore, in particolare sull'organizzazione di sistemi di gestione efficaci, efficienti ed economici, degli imballaggi. (Enu/ Dire) 15:55

10 Italpress 15:33 LAZIO: RIFIUTI, NIENTE SACCHETTI PLASTICA E VOLANTINI ROMA (ITALPRESS) - Abolizione dei sacchetti di plastica, utilizzo del vuoto a rendere, riduzione di imballaggi e scarti alimentari ed eliminazione dei volantini pubblicitari. Infine centri di riuso e il nuovo marchio regionale di sostenibilita' ambientale. Ecco le principali linee guida del Programma regionale di prevenzione rifiuti del Lazio, approvate con delibera della giunta regionale e presentate questa mattina dal presidente Nicola Zingaretti, insieme all'assessore ai Rifiuti, Michele Civita, e alla consigliera regionale Cristiana Avenali. Il testo recependo la direttiva Ue del 2008 che ha sancito l'obbligo per gli Stati membri di elaborare dei programmi stabilisce misure generali e specifiche. Nel dettaglio il Lazio si occupera' della promozione di accordi di programma e protocolli di intesa, diffusione di marchi ecologici nel settore del turismo, del marchio di sostenibilita' ambientale con regole che tengono conto dell'utilizzo di prodotti "verdi" con basse quantita' di imballaggi, presenza di dosatori per i detergenti e di erogatori per bevande sfuse, utilizzo di stoviglie riutilizzabili o compostabili, vuoto a rendere o caraffe per bevande. (ITALPRESS) - (SEGUE). scc/dp/red 26-Nov-14 15:33 Dire 15:30 RIFIUTI. REGIONE LAZIO, STOP A BUSTE DI PLASTICA E VOLANTINI MISURE PER RECEPIRE DIRETTIVA UE (DIRE) Roma, 26 nov. - Mai piu' sacchetti di plastica e volantini pubblicitari. Ma anche un maggiore uso del vuoto a rendere, riduzione degli imballaggi e degli scarti alimentari e marchio regionale di sostenibilita' ambientale. Sono alcune delle misure messe in campo dalla Regione Lazio per produrre meno rifiuti e per recepire la direttiva Ue del 2008 che impone ai Paesi membri (e quindi alle Regioni) di definire specifici programmi di prevenzione. A presentare le misure sono stati oggi il governatore del Lazio, Nicola Zingaretti, l'assessore ai Rifiuti Michele Civita, il consigliere regionale del gruppo Per il Lazio, Cristiana Avenali, e Sabrina Borrelli del Comieco. Il programma fissa obiettivi di riduzione e prevede, tra l'altro, la realizzazione del marchio regionale di sostenibilita' ambientale, attraverso regole che tengono contro dell'utilizzo di prodotti 'verdi' con basse quantita' di imballaggi, della presenza di dosatori od erogatori di bevande e prodotti 'sfusi', uso di piatti e bicchieri riutilizzabili o compostabili, vuoti a rendere o caraffe. Previsti anche accordi con la grande distribuzione per ridurre gli scarti alimentari, gli imballaggi e

11 i rifiuti elettronici e la promozione dei centri di riuso. Saranno aboliti del tutto sacchetti di plastica, volantini e materiale pubblicitario, e si puntera' alla filiera corta e ai prodotti biologici. (Enu/ Dire) 15:30 Italpress 15:29 RIFIUTI: NIENTE SACCHETTI PLASTICA E VOLANTINI,LINEE PIANO REGIONE LAZIO ROMA (ITALPRESS) - Abolizione dei sacchetti di plastica, utilizzo del vuoto a rendere, riduzione di imballaggi e scarti alimentari ed eliminazione dei volantini pubblicitari. Infine centri di riuso e il nuovo marchio regionale di sostenibilita' ambientale. Ecco le principali linee guida del Programma regionale di prevenzione rifiuti del Lazio, approvate con delibera della giunta regionale e presentate questa mattina dal presidente Nicola Zingaretti, insieme all'assessore ai Rifiuti, Michele Civita, e alla consigliera regionale Cristiana Avenali. Il testo recependo la direttiva Ue del 2008 che ha sancito l'obbligo per gli Stati membri di elaborare dei programmi stabilisce misure generali e specifiche. Nel dettaglio il Lazio si occupera' della promozione di accordi di programma e protocolli di intesa, diffusione di marchi ecologici nel settore del turismo, del marchio di sostenibilita' ambientale con regole che tengono conto dell'utilizzo di prodotti "verdi" con basse quantita' di imballaggi, presenza di dosatori per i detergenti e di erogatori per bevande sfuse, utilizzo di stoviglie riutilizzabili o compostabili, vuoto a rendere o caraffe per bevande. Sara' poi privilegiato l'utilizzo di prodotti locali, la filiera corta e le produzioni biologiche al fine di evitare il deterioramento dei prodotti prima dell'uso. (ITALPRESS) - (SEGUE). scc/pc/red 26-Nov-14 15:29 Dire 15:08 (LZ) RIFIUTI. DA REGIONE OPERA IN REGALO A COMUNE CHE RICICLA PIÙ TORNANO 'CARTONIADI', ZINGARETTI: DIFFERENZIARE E' RISORSA. (DIRE) Roma, 26 nov. - Un'opera pubblica in regalo al Comune che riciclera' piu' carta. Ma anche una maggiore raccolta di carta e cartone negli uffici pubblici. Sono alcune delle novita' contenute nel protocollo di intesa siglato in occasione della settimana europea per la riduzione dei rifiuti dalla Regione

12 Lazio e dal Comieco (Consorzio nazionale recupero e riciclo degli imballaggi a base cellulosica) e presentate oggi dal governatore, Nicola Zingaretti, dall'assessore ai Rifiuti Michele Civita, dalla consigliera regionale del gruppo Per il Lazio, Cristiana Avenali, e da Sabrina Borrelli del Comieco. Sara' replicata, dopo l'esperienza gia' fatta in Provincia di Roma, la realizzazione delle 'Cartoniadi': "Ci sara' una gara tra i Comuni con premi in opere pubbliche, un parco, un giardino o una strada per chi riciclera' piu' carta possibile- ha detto Zingaretti- Questo chiamera' a raccolta le famiglie, gli amministratori, le associazioni e le comunita' che potranno realizzare un'opera pubblica nel proprio Comune producendo risparmio di carta e vendendo carta riciclata. Una buona gestione dei rifiuti fa incassare risorse, mentre il caos provoca perdita di soldi. Dobbiamo cambiare tutto, anche in questo". Per la realizzazione dell'opera sono stati stanziati 100mila euro. Nelle sedi della Regione Lazio, inoltre, arrivera' il progetto 'Carta Ufficio' per la raccolta spinta di carta e cartone. (SEGUE) (Enu/ Dire) 15:08 Omniroma TEXT 14:36 Omniroma-RIFIUTI, ADDIO SACCHETTI PLASTICA E VOLANTINI: ECCO LINEE GUIDA REGIONE (OMNIROMA) Roma, 26 NOV - Addio a sacchetti di plastica, volantini e materiale pubblicitario, in arrivo marchio regionale di sostenibilità ambientale, centri di riuso, accordi con la Grande distribuzione per ridurre imballaggi e scarti alimentari, utilizzo del vuoto a rendere. Sono le principali Linee guida del programma di prevenzione di rifiuti della Regione Lazio, presentato stamattina nella sala Aniene, dal presidente Nicola Zingaretti, l'assessore tegionale al Territorio, alla Mobilità e ai Rifiuti, Michele Civita e il consigliere regionale di Per il Lazio e già dirigente di Legambiente, Cristiana Avenali. Il testo, approvato dalla Giunta regionale, recepisce la direttiva del 2008 della Commissione europea che ha definito prioritarie nella gestione dei rifiuti quelle azioni che puntano a prevenirne la produzione alla fonte. Nel dettaglio, sono previsti la diffusione di marchi ecologici nel settore turistico, come quello regionale di sostenibilità ambientale appunto, con regole che tengono conto dell'utilizzo di prodotti "verdi" con basse quantità di imballaggi, presenza di dosatori per i detergenti e di erogatori per bevande "sfuse", utilizzo di stoviglie riutilizzabili o compostabili, vuoto a rendere o caraffe per bevande. E ancora, l'utilizzo di prodotti locali privilegiando la filiera corta e le produzioni biologiche, la riduzione dello spreco alimentare e la distribuzione delle eccedenze di cibo e prodotti di rapida deperibilità alle fasce più bisognose della popolazione attraverso appositi protocolli. Si

13 punterà poi sui centri di riuso, ovvero strutture pubbliche o private per la riparazione e il riuso dei beni, al fine di diminuire la produzione dei rifiuti. Altri obiettivi, infine, anche lo sviluppo di un mercato più sostenibile e un aumento dei livelli occupazionali. xcol NOV 14 Agi 14:28 Rifiuti: stop sacchetti plastica, linee guida della regione Lazio = (AGI) - Roma, 26 nov. - La Giunta Zingaretti ha approvato le linee guida per la redazione del Programma regionale di prevenzione dei rifiuti del Lazio, recependo la direttiva del 2008 della Commissione europea, che definisce prioritarie nella gestione dei rifiuti le azioni che puntano a prevenirne la produzione alla fonte. A presentarle, il governatore della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, l'assessore regionale al territorio, mobilita' e rifiuti Michele Civita, la consigliera regionale Cristiana Avenali.(AGI) Rmt/Mav (Segue) NOV 14 Ansa 14:26 Rifiuti:addio sacchetti e volantini,ecco linee guida Lazio In Programma anche patti con Gdo per ridurre sprechi alimentari (ANSA) - ROMA, 26 NOV - Abolizione dei sacchetti di plastica, eliminazione dei volantini pubblicitari, uso di prodotti locali che privilegiano la filiera corta e le produzioni bio per evitare il deterioramento dei prodotti. Ma anche la diffusione di marchi ecologici nel settore turismo, di un marchio regionale di sostenibilita' ambientale e diffusione di dosatori per i detergenti ed erogatori di bevande 'sfuse'. Sono alcune delle novita' contenute nelle linee guida per la redazione del futuro Programma regionale di prevenzione rifiuti del Lazio, approvate con delibera della giunta regionale, nel rispetto della direttiva Ue del 2008 e presentate questa mattina dal presidente Nicola Zingaretti con l'assessore ai Rifiuti Michele Civita e la consigliera regionale Cristiana Avenali (PiL), gia' dirigente di Legambiente. L'Europa infatti ha introdotto l'obbligo per gli Stati membri di elaborare dei programmi specifici e l'amministrazione regionale - a cui e' demandata la pianificazione e la programmazione - si e' adeguata, prevedendo misure generali e specifiche. Ed ecco dunque l'idea di ridurre gli sprechi dei prodotti alimentari che non rispettano piu' gli standard estetici, promuovere i centri del riuso, ma anche protocolli d'intesa con gli industriali per produrre imballaggi

14 biodegradabili o riutilizzabili o la prevenzione della produzione di rifiuti nella Grande distribuzione organizzata. In questo senso andra' un protocollo d'intesa tra la Regione e la Gdo che sara' sottoscritto nelle prossime settimane per ridurre in particolare gli scarti alimentari, gli imballaggi e i rifiuti elettronici. Tra le linee guida anche la vendita di prodotti sfusi (pasta, detersivi, bevande), l'incentivo all'uso dell'acqua di rubinetto, i vuoti a rendere.(ansa) J5J-TZ 26-NOV-14 14:26 Dire 14:20 (LZ) RIFIUTI. STOP BUSTE PLASTICA E VOLANTINI: ECCO LINEE REGIONE MISURE PER RECEPIRE DIRETTIVA UE (DIRE) Roma, 26 nov. - Mai piu' sacchetti di plastica e volantini pubblicitari. Ma anche un maggiore uso del vuoto a rendere, riduzione degli imballaggi e degli scarti alimentari e marchio regionale di sostenibilita' ambientale. Sono alcune delle misure messe in campo dalla Regione Lazio per produrre meno rifiuti e per recepire la direttiva Ue del 2008 che impone ai Paesi membri (e quindi alle Regioni) di definire specifici programmi di prevenzione. A presentare le misure sono stati oggi il governatore del Lazio, Nicola Zingaretti, l'assessore ai Rifiuti Michele Civita, il consigliere regionale del gruppo Per il Lazio, Cristiana Avenali, e Sabrina Borrelli del Comieco. Il programma fissa obiettivi di riduzione e prevede, tra l'altro, la realizzazione del marchio regionale di sostenibilita' ambientale, attraverso regole che tengono contro dell'utilizzo di prodotti 'verdi' con basse quantita' di imballaggi, della presenza di dosatori od erogatori di bevande e prodotti 'sfusi', uso di piatti e bicchieri riutilizzabili o compostabili, vuoti a rendere o caraffe. Previsti anche accordi con la grande distribuzione per ridurre gli scarti alimentari, gli imballaggi e i rifiuti elettronici e la promozione dei centri di riuso. Saranno aboliti del tutto sacchetti di plastica, volantini e materiale pubblicitario, e si puntera' alla filiera corta e ai prodotti biologici. (Enu/ Dire) 14:20

Internet 09-01-15 22:02 Frontiera Homepage - Lazio e Umbria insieme, Avenali: strategico lavoro in rete 1

Internet 09-01-15 22:02 Frontiera Homepage - Lazio e Umbria insieme, Avenali: strategico lavoro in rete 1 Indice Internet 09-01-15 22:02 Frontiera Homepage - Lazio e Umbria insieme, Avenali: strategico lavoro in rete 1 Dire 09-01-15 18:45 (LZ) REGIONE. AVENALI: STRATEGICO PROTOCOLLO TRA LAZIO E UMBRIA -2-2

Dettagli

La prevenzione della produzione dei rifiuti nella Provincia di Roma

La prevenzione della produzione dei rifiuti nella Provincia di Roma La prevenzione della produzione dei rifiuti nella Provincia di Roma Impostazione,nuova Direttiva e misure prioritarie di Edo Ronchi Roma,10 giugno 2010 Un modello insostenibile di crescita Un economia

Dettagli

Dire 09-06-14 18:37 (LZ) AGRICOLTURA. AVENALI: BENE LIBRO 'LA TERRA CHE VOGLIAMO' 1

Dire 09-06-14 18:37 (LZ) AGRICOLTURA. AVENALI: BENE LIBRO 'LA TERRA CHE VOGLIAMO' 1 Indice Dire 09-06-14 18:37 (LZ) AGRICOLTURA. AVENALI: BENE LIBRO 'LA TERRA CHE VOGLIAMO' 1 Omniroma TEXT 09-06-14 18:04 Omniroma-AGRICOLTURA, AVENALI (PL): "PROMUOVERE PRODOTTI DA FILIERA CORTA" 2 Internet

Dettagli

Progetto: LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. «No Waste» Gestione integrata dei rifiuti Azione 4 - Comune di Trento

Progetto: LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. «No Waste» Gestione integrata dei rifiuti Azione 4 - Comune di Trento Progetto: LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA «No Waste» Gestione integrata dei rifiuti Azione 4 - Comune di Trento Gestione integrata dei rifiuti nel Comune di Trento Introduzione nuove modalità di raccolta: sistema

Dettagli

Documento scaricato da www.gestione-rifiuti.it

Documento scaricato da www.gestione-rifiuti.it Regione Lazio Legge Regionale n. 26 del 2 settembre 2003 Modifica alla legge regionale 9 luglio 1998, n. 27 (Disciplina regionale della gestione dei rifiuti) e successive modifiche Il Consiglio Regionale

Dettagli

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1 GENERALITÀ Azione 3 Attività 3.1 Organizzazione delle attività di mappatura Denominazione della buona pratica: EFFECORTA: un negozio alla spina e a km 0 nel Comune di Capannori (LU) Promotore/i: Ente gestore/società

Dettagli

PROGETTO PER L ORGANIZZAZIONE E LA GESTIONE ECOCOMPATIBILE DI SAGRE, FESTE ED EVENTI

PROGETTO PER L ORGANIZZAZIONE E LA GESTIONE ECOCOMPATIBILE DI SAGRE, FESTE ED EVENTI PROGETTO PER L ORGANIZZAZIONE E LA GESTIONE ECOCOMPATIBILE DI SAGRE, FESTE ED EVENTI Promosso da Con il Contributo di Con il Patrocinio della L Ente di Bacino VR4 L Ente di Bacino VR4 intende incentivare

Dettagli

CONCORSO A PREMI PER I MIGLIORI PROGETTI DI RIDUZIONE DEI RIFIUTI E DI RACCOLTA DIFFERENZIATA VENERDI 22 GIUGNO 2012

CONCORSO A PREMI PER I MIGLIORI PROGETTI DI RIDUZIONE DEI RIFIUTI E DI RACCOLTA DIFFERENZIATA VENERDI 22 GIUGNO 2012 CONCORSO A PREMI PER I MIGLIORI PROGETTI DI RIDUZIONE DEI RIFIUTI E DI RACCOLTA DIFFERENZIATA VENERDI 22 GIUGNO 2012 La gerarchia europea per la gestione dei rifiuti: 1. prevenzione 2. preparazione per

Dettagli

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1 Azione 3 - Attività 3.1 Organizzazione delle attività di mappatura GENERALITÀ Denominazione della buona pratica: GreenEvent Promotore/i: Agenzia provinciale per l ambiente della Provincia autonoma di Bolzano

Dettagli

Il Progetto LIFE+ del mese

Il Progetto LIFE+ del mese Il Progetto LIFE+ del mese LIFE10 ENV/IT/000307 Beneficiario coordinatore: Comune di Reggio Emilia Via Emilia San Pietro, 12 42121 Reggio Emilia Referente progetto: Laura Montanari Tel. 0522-456251 Email

Dettagli

La Fabbrica del Riciclo

La Fabbrica del Riciclo La Fabbrica del Riciclo Gli oggetti rinascono grazie al design Towards a european circular economy Roma, giovedì 22 maggio 2014 Ogni anno in Italia vengono prodotte oltre 30 milioni di tonnellate di rifiuti

Dettagli

Progetto per l organizzazione e la gestione ecocompatibile di sagre, feste ed eventi

Progetto per l organizzazione e la gestione ecocompatibile di sagre, feste ed eventi Progetto per l organizzazione e la gestione ecocompatibile di sagre, feste ed eventi REGOLAMENTO PER I COMUNI/ORGANIZZATORI ADERENTI ALL INIZIATIVA 1. Principi e Finalità generali Il Consorzio per lo Sviluppo

Dettagli

Dire 21-08-14 17:00 (LZ) VIABILITA'. AVENALI: PROPOSTA LEGGE PER MOBILITÀ SOSTENIBILE -2-1

Dire 21-08-14 17:00 (LZ) VIABILITA'. AVENALI: PROPOSTA LEGGE PER MOBILITÀ SOSTENIBILE -2-1 Indice Dire 21-08-14 17:00 (LZ) VIABILITA'. AVENALI: PROPOSTA LEGGE PER MOBILITÀ SOSTENIBILE -2-1 Dire 21-08-14 17:00 (LZ) VIABILITA'. AVENALI: PROPOSTA LEGGE PER MOBILITÀ SOSTENIBILE 1 Omniroma TEXT 21-08-14

Dettagli

Allegato Le azioni di riduzione dei rifiuti nella Distribuzione Organizzata trentina

Allegato Le azioni di riduzione dei rifiuti nella Distribuzione Organizzata trentina Allegato Le azioni di riduzione dei rifiuti nella Distribuzione Organizzata trentina Schede delle azioni 1 Nota: nella individuazione dei criteri obbligatori e nell assegnazione dei punteggi a quelli facoltativi,

Dettagli

COMUNE DI NOGARA Provincia di Verona REGOLAMENTO COMUNALE ECOFESTE. Approvato con delibera n

COMUNE DI NOGARA Provincia di Verona REGOLAMENTO COMUNALE ECOFESTE. Approvato con delibera n COMUNE DI NOGARA Provincia di Verona REGOLAMENTO COMUNALE ECOFESTE Approvato con delibera n del REGOLAMENTO COMUNALE ECOFESTE INDICE ART 1 - PRINCIPI E FINALITA GENERALI Principi fondativi e valori etici

Dettagli

Responsibilities and Citizen Engagement: The Comieco experience

Responsibilities and Citizen Engagement: The Comieco experience Pi Private and dpublic Responsibilities and Citizen Engagement: The Comieco experience Carlo Montalbetti General Manager COMIECO 0 CHI È COMIECO E il Consorzio Nazionale per il recupero e il riciclo degli

Dettagli

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1 Azione 3 Attività 3.1 Organizzazione delle attività di mappatura GENERALITÀ Denominazione della buona pratica: MERCATINO FRANCHISING S.r.l. Verona Promotore/i: Ente gestore/società Mercatino Franchising

Dettagli

LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI IN AGENZIA. Risparmi ambientali e sensibilizzazione dei dipendenti

LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI IN AGENZIA. Risparmi ambientali e sensibilizzazione dei dipendenti LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI IN AGENZIA Risparmi ambientali e sensibilizzazione dei dipendenti SOSTENIBILITA AMBIENTALE ED ACQUISTI VERDI L Agenzia nello svolgimento delle proprie attività istituzionali concorre

Dettagli

Il nuovo Pacchetto di Direttive sull economia circolare

Il nuovo Pacchetto di Direttive sull economia circolare Il nuovo Pacchetto di Direttive sull economia circolare Edo Ronchi Fondazione per lo sviluppo sostenibile Sponsor Le modifiche alle Direttive sui rifiuti del pacchetto sull economia circolare La Direttiva

Dettagli

Chi siamo. Assobioplastiche nasce nel 2011 e ha la sede legale a operativa a Roma.

Chi siamo. Assobioplastiche nasce nel 2011 e ha la sede legale a operativa a Roma. Chi siamo L Associazione Italiana delle bioplastiche e dei materiali biodegradabili e compostabili (Assobioplastiche) è nata dalla volontà dei produttori, trasformatori e utilizzatori delle bioplastiche

Dettagli

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1 Azione 3 Attività 3.1 Organizzazione delle attività di mappatura GENERALITÀ Denominazione della buona pratica: Sconsigli per gli acquisiti Promotore/i: Provincia/Ato Provincia di Ferrara Soggetti partner:

Dettagli

info@ea.ancitel.it - ea.ancitel@pec.it Tel. 06 95948402 www.ea.ancitel.it

info@ea.ancitel.it - ea.ancitel@pec.it Tel. 06 95948402 www.ea.ancitel.it - ea.ancitel@pec.it Tel. 06 95948402 CHI SIAMO Ancitel Energia e Ambiente è la società del Gruppo ANCI, controllata da Ancitel S.p.A., nata nel 2007 per realizzare progetti e servizi per i Comuni italiani

Dettagli

ECOFESTE 2012 ECOFESTE

ECOFESTE 2012 ECOFESTE REGIONE LIGURIA - DIPARTIMENTO AMBIENTE PROVINCIA DI SAVONA SETTORE TUTELA DEL TERRITORIO E DELL'AMBIENTE ECOFESTE 2012 ECOFESTE ITER QUALIFICAZIONE QUALIFICAZIONE ECOFESTE ECOFESTA è un modo ecologico

Dettagli

Mario Santi (ass. PAYT Italia)

Mario Santi (ass. PAYT Italia) T Fare i conti con l'ambiente - Ravenna 2014 - Workshop Il PNPR a sette mesi dalla pubblicazione: che percorso verso l operatività Mario Santi (ass. PAYT Italia) Tariffa e prevenzione dei rifiuti 1. la

Dettagli

COMUNE DI LEVERANO. Prov. LE. Approvato con delibera di C.C. n. 63 del 28.10.2009.

COMUNE DI LEVERANO. Prov. LE. Approvato con delibera di C.C. n. 63 del 28.10.2009. COMUNE DI LEVERANO Prov. LE REGOLAMENTO COMUNALE ECOFESTE Approvato con delibera di C.C. n. 63 del 28.10.2009. 1 REGOLAMENTO COMUNALE ECOFESTE INDICE ART 1 - PRINCIPI E FINALITA GENERALI Pag. 3 a. Principi

Dettagli

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1 Azione 3 - Attività 3.1 Organizzazione delle attività di mappatura GENERALITÀ Denominazione della buona pratica: DETERSIVI SELF SERVICE Promotore/i: REGIONE PIEMONTE, Direzione Ambiente, Settore Programmazione

Dettagli

L ECONOMIA CIRCOLARE NELLA PIANIFICAZIONE REGIONALE

L ECONOMIA CIRCOLARE NELLA PIANIFICAZIONE REGIONALE L ECONOMIA CIRCOLARE NELLA PIANIFICAZIONE REGIONALE Renata Caselli, Regione Toscana in collaborazione con ARRR - Agenzia Regionale Recupero Risorse spa L economia circolare in pillole La transizione verso

Dettagli

Azione 4. Piano d Azione per la riduzione dei rifiuti nella Grande Distribuzione Organizzata

Azione 4. Piano d Azione per la riduzione dei rifiuti nella Grande Distribuzione Organizzata Azione 4 Piano d Azione per la riduzione dei rifiuti nella Grande Distribuzione Organizzata Protocollo d intesa (Memorandum of Understanding) Comune di Reggio Emilia LIFE10 ENV/IT/307 NO.WA No Waste PROTOCOLLO

Dettagli

SCHEDA FESTA. Il sottoscritto in qualità di legale rappresentante dell Ente/Proloco/Associazione con sede in via n. C.A.P. codice fiscale p.

SCHEDA FESTA. Il sottoscritto in qualità di legale rappresentante dell Ente/Proloco/Associazione con sede in via n. C.A.P. codice fiscale p. SCHEDA FESTA Il sottoscritto in qualità di legale rappresentante dell Ente/Proloco/Associazione con sede in via n. C.A.P. codice fiscale p. IVA riguardo la seguente iniziativa organizzata sul territorio

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LO SVOLGIMENTO DELLE MANIFESTAZIONI CON ATTIVITA TEMPORANEA DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LO SVOLGIMENTO DELLE MANIFESTAZIONI CON ATTIVITA TEMPORANEA DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE REGOLAMENTO COMUNALE PER LO SVOLGIMENTO DELLE MANIFESTAZIONI CON ATTIVITA TEMPORANEA DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE Art. 1. Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina le modalità

Dettagli

Le tre R in Coop: strategia ed esempi per la sostenibilità

Le tre R in Coop: strategia ed esempi per la sostenibilità Le tre R in Coop: strategia ed esempi per la sostenibilità Workshop MILANO 15 NOVEMBRE 2011 Valter Molinaro Coop Lombardia per l ambiente e la sostenibilità Il cittadino può determinare le dinamiche che

Dettagli

Attività di prevenzione della produzione rifiuti: l esperienza dell ex ATO 2 Lucca

Attività di prevenzione della produzione rifiuti: l esperienza dell ex ATO 2 Lucca Attività di prevenzione della produzione rifiuti: l esperienza dell ex ATO 2 Lucca Arpat - Regione Toscana Consumo sostenibile? Facciamolo Terra Futura - sabato 30 maggio 2009 Dr. Roberto Nieri - Contenuti

Dettagli

LA PREVENZIONE DELLA PRODUZIONE DEI RIFIUTI NELLA PIANIFICAZIONE REGIONALE

LA PREVENZIONE DELLA PRODUZIONE DEI RIFIUTI NELLA PIANIFICAZIONE REGIONALE LA PREVENZIONE DELLA PRODUZIONE DEI RIFIUTI NELLA PIANIFICAZIONE REGIONALE PIANO d AZIONE per la RIDUZIONE dei RIFIUTI urbani (P.A.R.R.) L.R. 26/03 stabilisce che: art. 14 il sistema regionale di gestione

Dettagli

Linee di indirizzo nazionale per la ristorazione collettiva

Linee di indirizzo nazionale per la ristorazione collettiva Linee di indirizzo nazionale per la ristorazione collettiva Tutela della salute dell utente e salvaguardia dell ambiente Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione (SIAN) Dipartimento di Prevenzione -ASUR Marche

Dettagli

Responsabilità estesa dei produttori: il modello nella gestione degli imballaggi. Luca Piatto Responsabile Area Territorio Roma, 15 giugno 2011

Responsabilità estesa dei produttori: il modello nella gestione degli imballaggi. Luca Piatto Responsabile Area Territorio Roma, 15 giugno 2011 Responsabilità estesa dei produttori: il modello nella gestione degli imballaggi Luca Piatto Responsabile Area Territorio Roma, 15 giugno 2011 La gestione degli imballaggi è impostata su due cardini legislativi

Dettagli

CARTA DEGLI IMPEGNI PER LA PROMOZIONE DEL GREEN PUBLIC PROCUREMENT TRA GLI ENTI LOCALI LOMBARDI CHE HANNO ADERITO AL PROGETTO A scuola di GPP

CARTA DEGLI IMPEGNI PER LA PROMOZIONE DEL GREEN PUBLIC PROCUREMENT TRA GLI ENTI LOCALI LOMBARDI CHE HANNO ADERITO AL PROGETTO A scuola di GPP CARTA DEGLI IMPEGNI PER LA PROMOZIONE DEL GREEN PUBLIC PROCUREMENT TRA GLI ENTI LOCALI LOMBARDI CHE HANNO ADERITO AL PROGETTO A scuola di GPP PREMESSO CHE: L art. 6 della versione consolidata del Trattato

Dettagli

CAPANNORI: IL PRIMO COMUNE IN ITALIA VERSO RIFIUTI ZERO I

CAPANNORI: IL PRIMO COMUNE IN ITALIA VERSO RIFIUTI ZERO I CAPANNORI: IL PRIMO COMUNE IN ITALIA VERSO RIFIUTI ZERO I parte Introduzione Generale Acqua, rifiuti ed energia rappresentano tre questioni fondamentali per il futuro del nostro pianeta. Emergenze ambientali

Dettagli

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1 Azione 3 - Attività 3.1 Organizzazione delle attività di mappatura GENERALITÀ Denominazione della buona pratica: ELBA PLASTIC FREE Promotore/i: Provincia di Livorno Soggetti partner: Ente Ente pubblico/gdo

Dettagli

Pannolini, Pannoloni e Assorbenti Igienici Lavabili

Pannolini, Pannoloni e Assorbenti Igienici Lavabili Capannori 19-05-2012 Pannolini, Pannoloni e Assorbenti Igienici Lavabili Ecologia Salute Sostenibilità La nostra storia La nostra Storia Carta d identità Data di nascita: 8 marzo 2002 Luogo di nascita:

Dettagli

Campagna a cura dell Istituto per l Ambiente e l Educazione Scholé Futuro onlus. Con il patrocinio del Ministero dell Ambiente

Campagna a cura dell Istituto per l Ambiente e l Educazione Scholé Futuro onlus. Con il patrocinio del Ministero dell Ambiente Campagna a cura dell Istituto per l Ambiente e l Educazione Scholé Futuro onlus Con il patrocinio del Ministero dell Ambiente Ci vuole meno di un secondo per produrre un sacchetto di plastica ma 400 anni

Dettagli

AUDIZIONE VIII COMMISSIONE della Camera dei Deputati del 3 giugno 2014 POSITION PAPER ASSOBIOPLASTICHE SULL ART. 15

AUDIZIONE VIII COMMISSIONE della Camera dei Deputati del 3 giugno 2014 POSITION PAPER ASSOBIOPLASTICHE SULL ART. 15 Disegno di legge C. 2093 "Disposizioni in materia ambientale per promuovere misure di green economy e per il contenimento dell'uso eccessivo di risorse naturali (collegato alla legge di stabilità 2014)"

Dettagli

Ecoacquisti Trentino. Accordo fra la Provincia autonoma di Trento e la Distribuzione Organizzata per la riduzione dei rifiuti

Ecoacquisti Trentino. Accordo fra la Provincia autonoma di Trento e la Distribuzione Organizzata per la riduzione dei rifiuti Ecoacquisti Trentino Accordo fra la Provincia autonoma di Trento e la Distribuzione Organizzata per la riduzione dei rifiuti Sommario 1. Premesse 2. l Accordo Ecoacquisti 2003 3. l Accordo Ecoacquisti

Dettagli

11/11/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 90. Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori

11/11/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 90. Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori Regione Lazio Atti della Giunta Regionale e degli Assessori Deliberazione 28 ottobre 2014, n. 720 D.Lgs. 152/2006 e s.m.i L.R. 27/98 e s.m.i. Approvazione delle "Linee guida per la redazione del Programma

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE ECOFESTE

REGOLAMENTO COMUNALE ECOFESTE REGOLAMENTO COMUNALE ECOFESTE Approvato con Deliberazione consiliare n. 13 del 09/06/2011 Approvazione modifiche con deliberazione consiliare n. 9 del 04/03/2013 (all'art. 1-1b ultimo capoverso; all'art.

Dettagli

OSSERVATORIO REGIONALE RIFIUTI - ABRUZZO / NEWSLETTER SITO WEB - SEZIONE GESTIONE RIFIUTI E BONIFICHE

OSSERVATORIO REGIONALE RIFIUTI - ABRUZZO / NEWSLETTER SITO WEB - SEZIONE GESTIONE RIFIUTI E BONIFICHE OSSERVATORIO REGIONALE RIFIUTI - ABRUZZO / NEWSLETTER SITO WEB - SEZIONE GESTIONE RIFIUTI E BONIFICHE A cura di: ORR - Segreteria tecnico-ammistrativa Informazioni su news, eventi, corsi di formazione,

Dettagli

centro di coordinamento raee DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE IN ABRUZZO ANNO 2012

centro di coordinamento raee DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE IN ABRUZZO ANNO 2012 centro di coordinamento raee DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE IN ABRUZZO ANNO centro di coordinamento raee DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE

Dettagli

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

Gestione e riduzione dei rifiuti, con un focus sulle stoviglie e sugli imballaggi. Clelia Lombardi Laboratorio Chimico Camera di Commercio Torino

Gestione e riduzione dei rifiuti, con un focus sulle stoviglie e sugli imballaggi. Clelia Lombardi Laboratorio Chimico Camera di Commercio Torino Gestione e riduzione dei rifiuti, con un focus sulle stoviglie e sugli imballaggi Clelia Lombardi Laboratorio Chimico Camera di Commercio Torino Obiettivo Possibili soluzioni eco-innovative Ridurre la

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

REGIONE ABRUZZO PROTOCOLLO D INTESA TRA REGIONE ABRUZZO. COMUNE DI PESCARA ATTIVA SpA

REGIONE ABRUZZO PROTOCOLLO D INTESA TRA REGIONE ABRUZZO. COMUNE DI PESCARA ATTIVA SpA REGIONE ABRUZZO PROTOCOLLO D INTESA TRA REGIONE ABRUZZO E COMUNE DI PESCARA ATTIVA SpA GLI AMICI DEL RICICLO PROGETTO SPERIMENTALE DI COMUNICAZIONE AMBIENTALE NEL SETTORE DELLA GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI

Dettagli

IL FUTURO DEI RIFIUTI NELLE NOSTRE MANI. Corso di formazione sulla raccolta differenziata

IL FUTURO DEI RIFIUTI NELLE NOSTRE MANI. Corso di formazione sulla raccolta differenziata IL FUTURO DEI RIFIUTI NELLE NOSTRE MANI Corso di formazione sulla raccolta differenziata I rifiuti: un problema? Sono tanti Ogni italiano (neonati compresi) produce in media 532 Kg di rifiuti all anno

Dettagli

Marchio regionale Ecofesta Criteri per l attribuzione

Marchio regionale Ecofesta Criteri per l attribuzione ALLEGATO 1 Marchio regionale Ecofesta Criteri per l attribuzione In ogni anno si svolgono centinaia di iniziative come sagre, feste patronali, manifestazioni culturali e di valorizzazione del territorio,

Dettagli

Coordinamento dei Comitati per la Difesa del Territorio. MI RIFIUTO alternative per non buttare via la salute

Coordinamento dei Comitati per la Difesa del Territorio. MI RIFIUTO alternative per non buttare via la salute Coordinamento dei Comitati per la Difesa del Territorio Coordinamento dei Comitati per la Difesa del Territorio Dopo un attività di DISCUSSIONE e CONFRONTO il Coordinamento ha prodotto (estate 2005) il:

Dettagli

Packaging a prova di Contatto. ECO-Packaging a prova di Futuro

Packaging a prova di Contatto. ECO-Packaging a prova di Futuro Packaging a prova di Contatto ECO-Packaging a prova di Futuro Responsabilità Sociale Officine Grafiche srl guarda al futuro e lo fa ripartendo dall'ambiente. Con questo codice etico s'indirizza sempre

Dettagli

H giorno. ^ del mese^^^ anno 2009, presso la sede municipale in piazza Aldo Mora 2, 70010 Casamassima TRA

H giorno. ^ del mese^^^ anno 2009, presso la sede municipale in piazza Aldo Mora 2, 70010 Casamassima TRA 100 IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CENTO COMUNI D'ITALIA SCHEMA PROTOCOLLO D'INTESA Per il progetto '100 E PIÙ' IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER I CITTADINI DI CASAMASSIMA" H giorno. ^ del mese^^^ anno 2009, presso

Dettagli

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1 GENERALITÀ Azione 3 Attività 3.1 Organizzazione delle attività di mappatura Denominazione della buona pratica: Meno rifiuti da imballaggio nella grande distribuzione organizzata (GDO) Promotore/i: Provincia/ATO

Dettagli

Regolamento Comunale per la gestione ecosostenibile di eventi gastronomici e di intrattenimento

Regolamento Comunale per la gestione ecosostenibile di eventi gastronomici e di intrattenimento Regolamento Comunale per la gestione ecosostenibile di eventi gastronomici e di intrattenimento Approvato con atto del Consiglio Comunale n. 13 del 21 febbraio 2013 I N D I C E Art. 1 - Finalità Art. 2

Dettagli

ECO-CONCORSO QUESTIONE DI STILE Relazione conclusiva

ECO-CONCORSO QUESTIONE DI STILE Relazione conclusiva ECO-CONCORSO QUESTIONE DI STILE Relazione conclusiva La campagna, la mostra, la festa, l eco questionario Lo scorso marzo Comune AcegasAps e Legambiente hanno lanciato una nuova campagna di sensibilizzazione

Dettagli

Del Vecchio-Governatori. Riciclaggio

Del Vecchio-Governatori. Riciclaggio Del Vecchio-Governatori Riciclaggio 1 Il problema della gestione dei rifiuti Il problema della gestione dei rifiuti è diventato sempre più rilevante: la crescita dei consumi e dell'urbanizzazione hanno

Dettagli

PRINCIPALI OTTIMIZZAZIONI RILEVATE DA LOW IMPACT:

PRINCIPALI OTTIMIZZAZIONI RILEVATE DA LOW IMPACT: La carta utilizzata per stampare elenchi proviene tra il 30% ed il 40% di fibre riciclate e la restante parte è carta ecologica certificata FSC; La materia prima è acquistata presso Cartiere che adottano

Dettagli

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1 Azione 3 Attività 3.1 Organizzazione delle attività di mappatura GENERALITÀ Denominazione della buona pratica: Buon Samaritano Promotore/i: Città di Torino e dell'amiat Spa Soggetti partner: Ente Ente

Dettagli

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1 Azione 3 - Attività 3.1 Organizzazione delle attività di mappatura GENERALITÀ Denominazione della buona pratica: CPR System Promotore/i: Privati - CPR System Scarl Soggetti partner: Ente Ente pubblico/gdo

Dettagli

Associazione di promozione Sociale. ISOLE ECOLOGICHE ITINERANTI Raccolta differenziata e rifiuti RAEE

Associazione di promozione Sociale. ISOLE ECOLOGICHE ITINERANTI Raccolta differenziata e rifiuti RAEE ISOLE ECOLOGICHE ITINERANTI Raccolta differenziata e rifiuti RAEE PREFAZIONE PRESENTAZIONE GENERALE DEL PROGETTO GLI ATTORI COINVOLTI GLI ELEMENTI DELLA COMUNICAZIONE DURATA E OBBIETTIVI DEL PROGETTO COSTI

Dettagli

Un pack sostenibile in carta e cartone per un vino italiano di qualità

Un pack sostenibile in carta e cartone per un vino italiano di qualità Un pack sostenibile in carta e cartone per un vino italiano di qualità Eliana Farotto Simei, Fiera Milano, 14/11/13 www.comieco.org Consorzio Nazionale Recupero e Riciclo degli 1 Imballaggi a base Cellulosica

Dettagli

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1 Azione 3 Attività 3.1 Organizzazione delle attività di mappatura GENERALITÀ Denominazione della buona pratica: Brutti ma Buoni Promotore/i: Coop Consumatori Nordest Soggetti partner: Ente Ente pubblico/gdo

Dettagli

Il menù l ho fatto io

Il menù l ho fatto io Città di Torino Provincia di Torino Regione Piemonte DorS MIUR Ufficio Scolastico Regionale del Piemonte Camera di Commercio di Torino Laboratorio Chimico Camera di Commercio Torino ASL TO1 Dipartimento

Dettagli

RASSEGNA STAMPA STATI GENERALI DELLA GREEN ECONOMY ASSEMBLEA PROGRAMMATICA SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI

RASSEGNA STAMPA STATI GENERALI DELLA GREEN ECONOMY ASSEMBLEA PROGRAMMATICA SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI RASSEGNA STAMPA STATI GENERALI DELLA GREEN ECONOMY ASSEMBLEA PROGRAMMATICA SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI INDICE RASSEGNA STAMPA AGENZIE IL VELINO - RIFIUTI, IL 20/7 ASSEMBLEA PROGRAMMATICA SU GESTIONE - 18.07.2012

Dettagli

Obiettivo Prevenzione L ecosostenibilità degli imballaggi nel settore alimentare

Obiettivo Prevenzione L ecosostenibilità degli imballaggi nel settore alimentare Obiettivo Prevenzione L ecosostenibilità degli imballaggi nel settore alimentare Simona Fontana Responsabile Centro Studi Area Prevenzione CONAI 27 febbraio 2015 Il Sistema CONAI, Consorzio Nazionale Imballaggi

Dettagli

Carta e cartone: imballaggio responsabile

Carta e cartone: imballaggio responsabile Carta e cartone: imballaggio responsabile Carlo Montalbetti Direttore Generale 20 marzo 2009 1 www.comieco.org Consorzio Nazionale Recupero e Riciclo degli Imballaggi a base Cellulosica L imballaggio di

Dettagli

IL FUTURO DEI RIFIUTI NELLE NOSTRE MANI. Corso di formazione sulla raccolta differenziata

IL FUTURO DEI RIFIUTI NELLE NOSTRE MANI. Corso di formazione sulla raccolta differenziata IL FUTURO DEI RIFIUTI NELLE NOSTRE MANI Corso di formazione sulla raccolta differenziata I rifiuti: un problema? Sono tanti Ogni italiano (neonati compresi) produce in media 532 Kg di rifiuti all anno

Dettagli

DETERSIVI SFUSI: LE ESPERIENZE SOLBAT

DETERSIVI SFUSI: LE ESPERIENZE SOLBAT DETERSIVI SFUSI: LE ESPERIENZE SOLBAT L Azienda La SOLBAT è una ditta del Gruppo SOLMAR, a cui appartiene NUOVA SOLMINE azienda leader nella produzione di Acido Solforico. L attività produttiva di detergenti

Dettagli

"COMUNI RICICLONI ABRUZZO"

COMUNI RICICLONI ABRUZZO ALLEGATO REGION"E ABRUZZO LEGAMBIENTE PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE ABRUZZO E LEGAMBIENTE ONLUS ABRUZZO "COMUNI RICICLONI ABRUZZO" PER COPIA CONFORME ALL'ORiGINALE Pescara, AllEGATO ".~ase integrante

Dettagli

Prova associata al percorso I rifiuti, una risorsa per l educazione sostenibile di Annalisa Salomone

Prova associata al percorso I rifiuti, una risorsa per l educazione sostenibile di Annalisa Salomone Prova associata al percorso I rifiuti, una risorsa per l educazione sostenibile di Annalisa Salomone Autore Annalisa Salomone Referente scientifico Michela Mayer Grado scolastico Scuola Secondaria di I

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA Ottimizzazione della gestione dei rifiuti sanitari

PROTOCOLLO DI INTESA Ottimizzazione della gestione dei rifiuti sanitari ALLEGATO REGIONE ABRUZZO REGIONE ABRUZZO DIREZIONE PARCHI TERRITORIO AMBIENTE ENERGIA SERVIZIO GESTIONE RIFIUTI DIREZIONE SANITA SERVIZIO OSPEDALITA PUBBLICA E PRIVATA LUCRATIVA E NON LUCRATIVA PROTOCOLLO

Dettagli

COREPLA conta ad oggi 2.623 imprese consorziate, appartenenti alle seguenti categorie :

COREPLA conta ad oggi 2.623 imprese consorziate, appartenenti alle seguenti categorie : COREPLA, il Consorzio Nazionale per la Raccolta, il Riciclaggio e il Recupero dei Rifiuti di Imballaggi in Plastica, nasce con il Decreto Legislativo 22/97 per organizzare la raccolta dei rifiuti di imballaggi

Dettagli

% RD METODI DI CALCOLO E NUOVI INDICATORI

% RD METODI DI CALCOLO E NUOVI INDICATORI % RD METODI DI CALCOLO E NUOVI INDICATORI www.arpa.veneto.it Legambiente COMUNI RICICLONI INDICATORE MULTIPARAMETRICO Non solo %RD (rifiuti avviati a recupero, compresi inerti, ingombranti a spazzamento)

Dettagli

Comune di Monte San Vito REGOLAMENTO COMUNALE PER LE FIERE ECOSOSTENIBILI

Comune di Monte San Vito REGOLAMENTO COMUNALE PER LE FIERE ECOSOSTENIBILI Comune di Monte San Vito REGOLAMENTO COMUNALE PER LE FIERE ECOSOSTENIBILI Approvato dal consiglio Comunale nella seduta del 29 Aprile 2010 Con deliberazione n. 38 Indice Art 1 Principi e finalità generali...pag.

Dettagli

Gli Italiani, il cibo e la sostenibilità ambientale

Gli Italiani, il cibo e la sostenibilità ambientale Gli Italiani, il cibo e la sostenibilità ambientale Marilena Colussi Direttore di ricerca Food e Retail GPF Roma 4 novembre 2010 CONSUMI ALIMENTARI IN TEMPO DI CRISI 1 La difesa dell ambiente è ampiamente

Dettagli

Le prescrizioni ambientali sono in parte comuni a tutte le attività, in parte specifiche per i singoli prodotti che interessano le varie attività.

Le prescrizioni ambientali sono in parte comuni a tutte le attività, in parte specifiche per i singoli prodotti che interessano le varie attività. BANDO TIPO E CAPITOLATO TIPO SPECIALE D APPALTO PER IL SERVIZIO DI GESTIONE DELLA RICETTIVITA NELLE STRUTTURE DEL PARCO XXX A BASSO IMPATTO AMBIENTALE. NOTA TECNICA Il Capitolato Tipo Speciale d Appalto

Dettagli

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1 Azione 3 Attività 3.1 Organizzazione delle attività di mappatura GENERALITÀ Denominazione della buona pratica: Baby Bazar Promotore/i: Privati Leotron sas Soggetti partner: Ente Ente pubblico/gdo GDO altro

Dettagli

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1 Azione 3 - Attività 3.1 Organizzazione delle attività di mappatura GENERALITÀ Denominazione della buona pratica: WASTELESS IN CHIANTI Promotore/i: Provincia di Firenze Soggetti partner: Ente Ente pubblico/gdo

Dettagli

S.O.S. PRONTO SOCCORSO PER L AMBIENTE

S.O.S. PRONTO SOCCORSO PER L AMBIENTE Scuola Primaria L. da Vinci 2 Circolo-Pordenone S.O.S. PRONTO SOCCORSO PER L AMBIENTE CL 5^ PREMESSA Noi, bambini della classe quinta della Scuola Leonardo da Vinci, abbiamo voluto ancora una volta affermare

Dettagli

WASTELESS IN CHIANTI: ATTUAZIONE E MONITORAGGIO DI UN PROGRAMMA INTEGRATO DI RIDUZIONE DEI RIFIUTI

WASTELESS IN CHIANTI: ATTUAZIONE E MONITORAGGIO DI UN PROGRAMMA INTEGRATO DI RIDUZIONE DEI RIFIUTI Incontro di presentazione del progetto agli attori locali WASTELESS IN CHIANTI: ATTUAZIONE E MONITORAGGIO DI UN PROGRAMMA INTEGRATO DI RIDUZIONE DEI RIFIUTI Tavarnelle Val di Pesa, 15 marzo 2011 San Casciano

Dettagli

Le azioni di riduzione dei rifiuti nella Distribuzione Organizzata trentina

Le azioni di riduzione dei rifiuti nella Distribuzione Organizzata trentina Le azioni di riduzione dei rifiuti nella Distribuzione Organizzata trentina SCHEDE DELLE AZIONI 1 di 8 INDICE DELLE AZIONI Nota: nella individuazione dei criteri obbligatori e nell assegnazione dei punteggi

Dettagli

Progetto: LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA

Progetto: LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA Progetto: LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA «No Waste» Azione 2 Monitoraggio dell efficacia del progetto Azione 3 - Mappatura dei progetti di riduzione dei rifiuti nella Grande Distribuzione Organizzata Reggio

Dettagli

Scheda 3 «Eco-innovazioni»

Scheda 3 «Eco-innovazioni» Scheda 3 «Eco-innovazioni» UNA PANORAMICA DEL CONTESTO NAZIONALE GREEN JOBS Formazione e Orientamento UNA PANORAMICA DEL CONTESTO NAZIONALE Secondo una indagine fatta nel 2013 dall Unione Europea sulla

Dettagli

LE 4 R CHE COMBATTONO LO SPRECO

LE 4 R CHE COMBATTONO LO SPRECO Percorso di educazione alla sostenibilità per la scuola primaria LE 4 R CHE COMBATTONO LO SPRECO La natura non spreca. L uomo sì.che fare? CHIEDIAMO AIUTO ALLE MITICHE, FAVOLOSE INSUPERABILI, MEGAGALATTICHE,

Dettagli

GREEN PUBLIC PROCUREMENT QUALE STRUMENTO DI PROMOZIONE DEL MERCATO DEI PRODOTTI DA RECUPERO E RICICLO Silvano Falocco

GREEN PUBLIC PROCUREMENT QUALE STRUMENTO DI PROMOZIONE DEL MERCATO DEI PRODOTTI DA RECUPERO E RICICLO Silvano Falocco GREEN PUBLIC PROCUREMENT QUALE STRUMENTO DI PROMOZIONE DEL MERCATO DEI PRODOTTI DA RECUPERO E RICICLO Silvano Falocco Il GPP (Green Public Procurement o Acquisti verdi della Pubblica Amministrazione),

Dettagli

OBIETTIVI DI RICICLAGGIO 2020: LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DI CARTA E CARTONE IN CAMPANIA, CALABRIA, PUGLIA E SICILIA

OBIETTIVI DI RICICLAGGIO 2020: LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DI CARTA E CARTONE IN CAMPANIA, CALABRIA, PUGLIA E SICILIA OBIETTIVI DI RICICLAGGIO 2020: LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DI CARTA E CARTONE IN CAMPANIA, CALABRIA, PUGLIA E SICILIA Edo Ronchi Presidente Fondazione per lo sviluppo sostenibile Obiettivi dello studio Individuare

Dettagli

Istruzione MODALITÀ OPERATIVE PER L APPLICAZIONE DELLA POLITICA AMBIENTALE

Istruzione MODALITÀ OPERATIVE PER L APPLICAZIONE DELLA POLITICA AMBIENTALE Pag. 1 di 5 Oggetto Istruzione MODALITÀ OPERATIVE PER L APPLICAZIONE DELLA POLITICA AMBIENTALE 0 20.05.2013 EMISSIONE RGQ DT PRS Rev. Data Descrizione Modifica Redatto Approvato Autorizzato Pag. 2 di 5

Dettagli

La prevenzione da aspetto aggiuntivo a fondamento della gestione dei rifiuti. Produzione alimentare sostenibile, mangiare sano, meno.

La prevenzione da aspetto aggiuntivo a fondamento della gestione dei rifiuti. Produzione alimentare sostenibile, mangiare sano, meno. La prevenzione da aspetto aggiuntivo a fondamento della gestione dei rifiuti. Produzione alimentare sostenibile, mangiare sano, meno. Mario Santi coordinatore scientifico del progetto rifiutologo Officina

Dettagli

Il progetto e le altre iniziative di prevenzione dei rifiuti Filippo M. Bocchi Corporate Social Responsibility Gruppo Hera

Il progetto e le altre iniziative di prevenzione dei rifiuti Filippo M. Bocchi Corporate Social Responsibility Gruppo Hera Il progetto e le altre iniziative di prevenzione dei rifiuti Filippo M. Bocchi Corporate Social Responsibility Gruppo Hera Verso il Programma Nazionale di Prevenzione dei Rifiuti: partire dalle esperienze

Dettagli

LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI A CASTELLARANO.

LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI A CASTELLARANO. LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI A CASTELLARANO. Iniziative attive sul territorio del Comune di Castellarano volte alla riduzione e riutilizzo dei rifiuti per incentivare nuovi stili di vita sostenibili a impatto

Dettagli

Provincia di Perugia Assessorato all Ambiente. Roberta Burzigotti. Dirigente di Staff Certificazione Ambientale Provincia verde

Provincia di Perugia Assessorato all Ambiente. Roberta Burzigotti. Dirigente di Staff Certificazione Ambientale Provincia verde Provincia di Perugia Assessorato all Ambiente Roberta Dirigente di Staff Certificazione Ambientale Provincia verde PROGETTO GREEN PUBLIC PROCUREMENT E CONSUMO RESPONSABILE DELLA PROVINCIA DI PERUGIA WORKSHOP

Dettagli

La Raccolta Differenziata

La Raccolta Differenziata La Raccolta Differenziata Le norme principali Le istruzioni per l uso Le norme principali Il Regolamento comunale è un insieme di norme utili a salvaguardare il decoro di Roma e a garantire una corretta

Dettagli

Rassegna stampa. Assemblea Soci Anima. 20 giugno 2011 Deloitte & Touche

Rassegna stampa. Assemblea Soci Anima. 20 giugno 2011 Deloitte & Touche Rassegna stampa Assemblea Soci Anima 20 giugno 2011 Deloitte & Touche INVITO STAMPA 20 giugno 2011 Anima e Regione Lazio firmano Protocollo d intesa a sostegno buona occupazione e promozione della cultura

Dettagli

Il Nuovo Accordo di Programma Quadro ANCI CONAI 2009-2013

Il Nuovo Accordo di Programma Quadro ANCI CONAI 2009-2013 Il Nuovo Accordo di Programma Quadro ANCI CONAI 2009-2013 Luca Piatto Pordenone, 19 novembre 2009 Il nuovo Accordo Quadro ANCI CONAI Gli allegati tecnici: le principali novità Viviamo da un anno nella

Dettagli

I rifiuti. UN PROBLEMA DA RISOLVERE PER GARANTIRE LA VITA ALLE NUOVE GENERAZIONI Ins. Pina Berto A.s. 2015-2016

I rifiuti. UN PROBLEMA DA RISOLVERE PER GARANTIRE LA VITA ALLE NUOVE GENERAZIONI Ins. Pina Berto A.s. 2015-2016 I rifiuti UN PROBLEMA DA RISOLVERE PER GARANTIRE LA VITA ALLE NUOVE GENERAZIONI Ins. Pina Berto A.s. 2015-2016 I rifiuti sono un prodotto inevitabile della società dei consumi e del nostro stile di vita

Dettagli

CARTONIADI ABRUZZO GIUGNO 2013. Consorzio Nazionale Recupero e Riciclo degli Imballaggi a base Cellulosica

CARTONIADI ABRUZZO GIUGNO 2013. Consorzio Nazionale Recupero e Riciclo degli Imballaggi a base Cellulosica CARTONIADI ABRUZZO GIUGNO 2013 0 PREMESSA Comieco ha attivato uno studio di consulenza, esperto di tematiche ambientali e raccolta differenziata, in particolare, per verificare lo stato del servizio nei

Dettagli

Dott.ssa Paola Fagioli Legambiente. Le imprese sostenibili a marchio Legambiente: un opportunità per le aziende aspromontane

Dott.ssa Paola Fagioli Legambiente. Le imprese sostenibili a marchio Legambiente: un opportunità per le aziende aspromontane Dott.ssa Paola Fagioli Legambiente Le imprese sostenibili a marchio Legambiente: un opportunità per le aziende aspromontane COS'E' UN ETICHETTA ECOLOGICA Con una etichetta ecologica l'impresa si assume

Dettagli