Raccolta e caratterizzazione delle cellule cordonali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Raccolta e caratterizzazione delle cellule cordonali"

Transcript

1 Raccolta e caratterizzazione delle cellule cordonali Laura Salvaneschi, Cesare Perotti, Miryam Martinetti, Gianluca Viarengo, Claudia Del Fante, Paola Bergamaschi, Angela Maria Iannone, Lorella Torretta Servizio di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale - Centro di Immunologia dei Trapianti IRCCS Policlinico San Matteo, Pavia (Responsabile: Dott.ssa Laura Salvaneschi) In this article we discuss umbilical cord blood banking program at local level and describe the modality of collection and characterization of cord blood units. We point out the relevance of the informed consent process: in our setting, maternal screening far from delivery permits to recruit high selected and motivated women, reduces the discharge of the collected units, increases the quality and safety of the banking. We also indicate that the storage time at 4 C extended to 48 hours from collection does not affect the quality of cord blood units and we demonstrate that it is possibly to preserve the clonogenicity of the haematopoietic progenitor without increasing the risk of microbial contamination. Therefore, if a meticolous operative schedule is respected, the probability of microbial contamination of cord blood units is very low and the contamination frequency tends to reduce with the experience of the staff qualified to collection. With the HLA genomic typing we demonstrate that the cord blood reservoir is not so far from that of adults, as initially expected from the first attempts of serological typing when much more cord blood units appeared homozygous to HLA-class I and II loci. Parole chiave: unità di sangue placentare, controllo microbiologico, tipizzazione HLA genomica Key words: cord blood unit, microbiological control, HLA genomic typing Introduzione Il trapianto di midollo classico e il trapianto di cellule staminali ottenute dal sangue periferico di un donatore Questo elaborato è stato oggetto di una relazione al XXXIV Convegno Nazionale di Studi di Medicina Trasfusionale (Rimini, giugno 2000) Corrispondenza: Dott.ssa Laura Salvaneschi Via Coralli, Pavia consanguineo HLA identico è di documentato successo. Purtroppo molti pazienti (più del 50%) non possono beneficiare di questo trattamento per mancanza di un donatore compatibile. Oltre alla compatibilità HLA giocano un ruolo importante nel trapianto di midollo osseo: l'età del donatore e del ricevente, il tipo di malattia e lo stadio in cui la malattia si trova, la sierologia di donatore e ricevente riguardo all'infezione da Citomegalovirus, la terapia di condizionamento e la profilassi della Graft versus Host Disease (GvHD) o malattia del trapianto contro l'ospite. Numerosi studi indicano che fonti di cellule staminali alternative, come quelle ottenute dal sangue placentare, rispetto a quelle presenti nel midollo osseo possono offrire vantaggi a vario livello. È stato dimostrato che, con opportuni metodi di raccolta, è possibile ottenere dalla placenta dei neonati a termine una quantità di cellule staminali in grado di ricostituire l'emopoiesi dopo chemioterapia ablativa. La prima dimostrazione di questa possibilità risale al 1989; essa è stata seguita, in Europa, da oltre duecentocinquanta casi di trapianto con cellule staminali di origine placentare. I buoni risultati ottenuti hanno suggerito la realizzazione di Banche di cellule staminali del cordone ombelicale 1-4. I vantaggi biologici relativi all'utilizzo del sangue placentare sono numerosi e si possono sintetizzare come segue. - Rischio ridotto di malattia del trapianto contro l'ospite, in rapporto alla relativa immaturità delle cellule T placentari. Il ridotto rischio sembra essere legato ad una minore espressione degli antigeni HLA di classe II e permetterebbe l'utilizzo del sangue placentare per trapianti tra soggetti non imparentati o solo parzialmente compatibili. In effetti, nei casi di trapianto di sangue placentare, la GvHD è di più lieve entità, anche quando non sussiste una perfetta compatibilità tra donatore e ricevente 5,6,16. - Nonostante l'impiego del sangue placentare sia riservato LA TRASFUSIONE DEL SANGUE vol num. 5 settembre - ottobre 2000 ( ) 247

2 L Salvaneschi et al. al trapianto in pazienti pediatrici, il potenziale di crescita nelle colture a lungo termine delle cellule staminali di origine placentare appare superiore a quello delle cellule staminali di origine midollare. La possibilità attuale di disporre di citochine e fattori di crescita ha portato a sperimentare l'espansione in vitro delle cellule staminali cordonali, con la finalità di disporre di un numero di cellule sufficienti al trapianto di pazienti adulti 7. - Le cellule staminali di origine placentare possono essere conservate in azoto liquido per lunghi periodi, senza compromissione delle loro caratteristiche peculiari. I principali vantaggi offerti dalla disponibilità di cellule staminali ottenute da sangue placentare e conservate in banche di cellule criopreservate sono: 1- immediata disponibilità di unità che possono essere trapiantate; 2- assenza di rischio per il neonato e per la madre; 3- rischio molto basso di trasmissione di malattie infettive, anche per quanto concerne l'infezione da Citomegalovirus; 4- basso rischio di GvHD acuta; 5- possibilità di disporre anche di unità per minoranze etniche, attualmente poco rappresentate nei registri dei donatori di midollo. La donazione di sangue placentare è volontaria: il sangue placentare non può essere donato senza il consenso informato della madre, poiché: il tessuto placentare va considerato di appartenenza sia materna sia neonatale; la raccolta è effettuata, di solito, quando la placenta è ancorata all'utero; il rischio infettivo e genetico della donazione di sangue placentare può essere controllato solo attraverso la partecipazione attiva della madre. La donazione è anonima, anche se deve essere mantenuta la possibilità di risalire, pur con rigorose chiavi di accesso, al donatore per mettere a disposizione dello stesso il sangue placentare precedentemente donato, in caso di insorgenza di una patologia onco-ematologica con indicazione al trapianto. Anche nel caso in cui si venga a conoscenza di malattie a possibile trasmissione genetica insorte nel neonato dopo l'avvenuta validazione del sangue placentare, deve essere possibile accedere all'identificazione dell'unità, per la necessaria eliminazione dal registro. La sicurezza infettiva e genetica della donazione deve essere confermata dopo un periodo di osservazione (quarantena della donazione) da due a sei mesi. Per la tutela delle gravide e del personale ostetrico, la raccolta deve essere eseguita in sala parto in un clima di sicurezza assoluta sia per le partorienti sia per il personale addetto. Il consenso della partoriente alla donazione non obbliga il personale addetto alla raccolta qualora le circostanze al momento del parto siano sfavorevoli. Nessun interesse economico deve interferire con l'attività di raccolta né per il donatore né per chi esegue la raccolta stessa. Il responsabile della Banca di cellule placentari deve vigilare sulle modalità di utilizzo delle donazioni. Materiali e Metodi Una campagna per la divulgazione della donazione del sangue placentare è stata intrapresa nel Servizio di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale e nel reparto di Ostetricia dell'irccs Policlinico San Matteo a partire dal 1996; in rapida successione, hanno adottato la stessa strategia i reparti di Ostetricia degli Ospedali della provincia, afferenti al Servizio di Pavia. È stato, inoltre, preparato un documento informativo completo, chiaro, di facile comprensione, in grado di illustrare da un lato le modalità e le finalità della donazione e dall'altro le indicazioni dell'impiego del sangue placentare a scopo di trapianto. I centri di consultazione prenatale si sono organizzati per offrire alle mamme interessate la possibilità di conoscere nei dettagli le modalità ed il significato della donazione e per avere un primo e successivi colloqui, se necessario, con il medico per valutare eventuali controindicazioni alla donazione. In tal modo, possono essere arruolate donne gravide senza patologie genetiche o infettive. L'esclusione di una popolazione che non presenta i requisiti minimi di idoneità alla donazione evita un inutile spreco di risorse umane ed economiche, altrimenti inevitabile. Nel Servizio di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale dell'irccs Policlinico San Matteo di Pavia è operativo l'ambulatorio per la donazione del sangue placentare, che ha lo scopo di informare e selezionare le gestanti. Dopo l'arruolamento, la futura madre firma il consenso informato che esibirà al momento del ricovero per il parto. La valutazione anamnestica, che è eseguita in genere all'ultimo mese di gravidanza, si rivolge anche al padre ed alla fratria del nascituro. In questa occasione, si accerta che il decorso della gravidanza sia normale e che gli esami sierologici per lo screening infettivologico siano negativi. Al momento del parto, immediatamente dopo il clampaggio e la resezione del cordone ombelicale, è eseguito il prelievo di sangue placentare dal personale addetto, adeguatamente istruito per tale pratica, identificato nelle figure professionali dell'ostetrica presente in sala parto, del ginecologo o del medico del Servizio Trasfusionale. Le modalità del prelievo (eseguito nei parti a termine, sia per le vie naturali che in caso di parto cesareo, con placenta in utero, utilizzando la tecnica dell'early clumping) sono specificate dettagliatamente in un protocollo scritto. Il prelievo, nonostante la richiesta materna, può non essere eseguito, 248

3 Raccolta e caratterizzazione delle cellule cordonali qualora si realizzino documentabili situazioni sfavorevoli al momento del parto sia per problemi medici sia tecnicoorganizzativi. Per la raccolta nel nostro Servizio si utilizzano sacche dedicate (Maco Pharma, Turcoing, Francia). Il trasporto del sangue placentare dalla sala parto al centro di congelamento viene eseguito in condizioni idonee (a 4 C) e nel più breve tempo possibile. L'unità di sangue placentare viene presa in consegna dal personale del Servizio Trasfusionale ed accettata secondo precise e codificate norme operative interne. Prima del congelamento, vengono controllati: il volume della sacca ( 60 ml) e la cellularità totale ( 800 x 10 6 ). Se l'unità è considerata idonea, viene avviata al congelamento, previo allestimento dei prelievi per il controllo batteriologico (BacT/Alert FAN, Organon Teknica Corp, Durham, NC, USA). La caratterizzazione dell'unità è completata, nella fase successiva al congelamento, con l'esecuzione di: - vitalità e determinazione delle cellule progenitrici CD 34+ in citofluorimetria (FACSCalibur, Becton Dickinson, San Jose, CA, USA) con LDS 751; - colture cellulari a breve termine (14 giorni) (MethoCult, Stem Cell Technologies, Vancouver, BC, Canada); - tipizzazione HLA: la tipizzazione dei poliformismi HLA di classe I e II viene eseguita esclusivamente con tecniche genomiche. Per quanto riguarda la tipizzazione, definiamo a bassa risoluzione gli alleli HLA-A, B, DRB1, B3, B4, B5 (PCR- SSP). Ricorriamo alla tipizzazione ad alta risoluzione solo quando l'attribuzione di uno o più alleli risulta dubbia o nei casi in cui si trovino combinazioni aplotipiche inusuali. Tipizziamo sempre, ad alta risoluzione, gli alleli DQA1 (PCR- SSP) e DQB1 (PCR-RDB). Eseguiamo sempre la tipizzazione HLA della madre, al fine di verificare l'attribuzione della sacca attraverso la corrispondenza dell'aplotipo materno con il fenotipo ottenuto su sangue cordonale. Si è anche provveduto all'allestimento di una villoteca da un campione di tessuto placentare, prelevato al momento del parto. I villi coriali vengono selezionati e separati dalla parte deciduale materna, per ridurre al minimo la contaminazione materna del campione in esame. La villoteca costituisce una preziosa riserva di DNA, da utilizzare nella fase di accertamento pretrapiantologico. La villoteca può essere di aiuto anche nel caso che il DNA ottenuto dal campione dell'unità di sangue placentare non risponda ai requisiti qualitativi e/o quantitativi richiesti dagli standard interni. Il congelamento dell'unità di sangue placentare viene effettuata entro 48 ore dal prelievo con congelatore a discesa programmata, utilizzando il DMSO come agente crioprotettore. Lo stoccaggio avviene in azoto liquido a temperatura inferiore a -140 C in appositi contenitori riservati allo stoccaggio del sangue placentare. Il neonatologo esegue, entro il terzo Tabella I: controllo microbiologico delle unità di sangue placentare Colture batteriologiche positive 22/828 (2,6%) Microrganismi: - Bacteroides spp.4 - Acinetobacter coelticus 3 - Streptococcus agalactiae 3, Staphilococcus epidermidis 2, Staphilococcus hominis 2, E. coli 2 - Bacteroides ovatus 1, Bacteroides fragilis 1, Peptococcus soo. 1, Enterococcus spp. 1, Bacillus spp. 1, Clostridium spp. + Bacteroides fragilis 1 giorno dalla nascita, un controllo clinico del neonato, per escludere eventuali patologie trasmissibili con il sangue placentare. Un secondo controllo del neonato viene eseguito in periodo post-natale (dal 4 al 6 mese), contemporaneamente ad un prelievo di sangue materno per il secondo controllo virologico. La validazione dell'unità di sangue placentare rappresenta la possibilità di inserire nella Banca l'unità prelevata e di renderla disponibile per l'impiego clinico 8. Risultati Nell'Ambulatorio per l'arruolamento e la selezione delle donatrici di sangue placentare del nostro Servizio sono state effettuate, dal dicembre 1996 al maggio 2000, 777 visite; 47 gestanti (6%) non sono risultate idonee. Le cause principali di non idoneità sono da ascrivere a malattie autoimmuni materne (tiroiditi e diabete in particolare), a infezioni ed a recente profilassi antimalarica, mentre le patologie paterne trasmissibili incidono per il 13% circa sul totale delle cause che impediscono l'arruolamento 9. Nello stesso periodo, sono state raccolte n unità di sangue placentare, 928 delle quali sono giunte al congelamento (58% circa). I principali motivi di scarto precongelamento sono da attribuire al basso volume e/o alla bassa cellularità del campione, mentre dopo il congelamento i motivi più frequenti di scarto sono rappresentate dalla positività del controllo batteriologico e da cause di invalidazione tardiva materne e neonatali. La tabella I riporta i dati relativi al controllo microbiologico delle unità di sangue placentare. Sono state inoltre studiate 107 unità di sangue placentare, raccolte in presenza di tampone vaginale positivo: la positività era attribuibile nel 40% dei casi a germi Gram +, nel 31% a Gram- e nel 29% a miceti. Solo 4 (3,7%) delle 107 unità studiate sono risultate contaminate, ma in nessun caso sono stati riscontrati gli stessi germi isolati nel canale del parto

4 L Salvaneschi et al. Tabella II: caratteristiche delle unità di sangue placentare in rapporto a diversi tempi di stoccaggio precongelamento 24 h 48h p Globuli bianchi (10 3 /µl) 8,5 8,7 0,71 Linfociti (10 3 /µl) 2,83 2,93 0,46 Monociti (10 3 /µl) 1,21 1,33 0,43 CD34+ (µl) 23,83 17,08 0,15 Colonie totali (10 4 ) 27,41 24,26 0,56 Tabella III: caratterizzazione delle unità di sangue placentare Vol. Medio Unità (ml) 84 (60-223) Cellularità media (x10 6 ) ( ) CD 34+ (%) 0,30 (0,03-2,4) Vitalità (%) 95 (92,0-99,9) Colonie totali (x 10 4 ) 179,34 Poiché il tempo di stoccaggio pre-congelamento è da considerarsi elemento critico, in quanto può influenzare la qualità delle cellule staminali placentari (24 ore di conservazione prima della manipolazione sono universalmente accettate come standard), abbiamo valutato la possibilità di prolungare a 48 ore il tempo di conservazione. La tabella II riporta i risultati dello studio, che dimostrano che: - la conservazione prolungata a 48 ore a 4 C non influenza la qualità delle unità raccolte; - il numero delle cellule mononucleate non è significativamente influenzato dal tempo di conservazione prolungato a 48 ore; - la capacità clonogenica delle cellule è conservata; - il rischio di contaminazione microbiologica non è aumentato 11. La tabella III evidenzia i dati relativi alla caratterizzazione delle unità di sangue placentare criopreservate nel nostro Servizio. Merita una segnalazione lo studio del ciclo cellulare con colture a breve e lungo termine (CFC, LTC- IC), che dimostra che il 96 ± 2% delle cellule CD34+ si trovano in fase G0-G1 e solo il 1,6 ± 0,4% si trovano in fase S. Tuttavia, mediante la tecnica della statina, si osserva che il 27% circa delle cellule CD34+ in fase G0/G1 è ciclante; l'incubazione con una miscela di fattori di crescita (IL3+SCF+G-CSF) aumenta, a 24 ore, la proporzione di cellule in fase S, senza ridurre il numero di progenitori. Ciò può avere importanti implicazioni future, quali, ad esempio, l'utilizzo di tecniche di transfer genico 12. Convinti dei vantaggi clinici offerti dal sangue placentare, da riferire alla naiveté degli elementi progenitori presenti ed alla pronta disponibilità di questa fonte di cellule staminali, ci siamo proposti di rispondere inizialmente al quesito se il parco delle cellule staminali cordonali fosse geneticamente distinto da quello dei donatori adulti, rappresentando una nuova popolazione. È noto, infatti, che la distribuzione degli alleli HLA, anche all'interno di una popolazione ristretta, è sottoposta ad una pressione selettiva operata dall'ambiente. Pertanto, l'aspettativa è che le frequenze HLA del neonato siano diverse da quelle dell'adulto e che il campione adulto sia più ricco di fenotipi eterozigoti rispetto alla nascita, in quanto questa condizione è in grado di conferire maggiori possibilità di difesa verso il repertorio patogenico ambientale. Ci si attende, invece, che fra i neonati si trovino combinazioni aplotipiche rare, a tutto vantaggio dei pazienti in attesa di trapianto. Abbiamo, pertanto, verificato la distanza genetica del parco di donatori di midollo adulti già arruolati nel registro pavese e residenti nella provincia; l'analisi genetica è stata approfondita con l'analisi delle frequenze aplotipiche HLA- A, -B ricavate per conta diretta sul campione neonatale e per calcolo statistico sul reservoir degli adulti (metodo del maximum likelihood, secondo Excoffier). Fra i due gruppi le differenze sono minime: i dieci aplotipi più frequenti nel campione neonatale sono gli stessi ritrovati nel reservoir adulto. L'analisi della varianza applicata alla distribuzione delle frequenze alleliche nelle due popolazioni non è risultata statisticamente significativa, dimostrando che i due reservoir sono parte di un'unica popolazione. Tuttavia, segnaliamo sette combinazioni aplotipiche DRB1; DQA1; DQB1assolutamente rare nella nostra popolazione. Il dato appare interessante perché nel Registro interno degli aplotipi rari, che conserviamo nel nostro Laboratorio, solo altre otto combinazioni altrettanto rare sono state riscontrate (sei in famiglie di bambini affetti da leucemia, IDDM, e due in donatori di midollo stranieri), ma nessuna fornita dai nostri donatori adulti 13,14. Usando il metodo statistico dell'analisi delle corrispondenze, che misura le distanze genetiche tra differenti popolazioni, abbiamo trovato due clusters principali, il primo costituito dai pazienti leucemici e dai cordoni, il secondo dai donatori di sangue e dai donatori di midollo. Poiché la maggioranza dei pazienti è costituita da bambini, si può supporre che l'età di per sé sia un elemento di somiglianza con il sangue placentare. Nella ricerca di diversità genetica ai geni HLA di classe II, si conferma la differenza fra cordoni e donatori di sangue e midollo. Avendo a disposizione i dati genetici ad alta risoluzione dei loci DQA1 e DQB1, abbiamo potuto valutare la frequenza del numero di eterodimeri di suscettibilità al 250

5 Raccolta e caratterizzazione delle cellule cordonali diabete mellito insulino-dipendente (IDDM) e al morbo celiaco nel reservoir dei cordoni. Ci si attendeva una frequenza aumentata, alla nascita, di condizioni immunogenetiche correlate a malattie ad insorgenza giovanile. Invece, non è stata trovata alcuna differenza statisticamente significativa rispetto agli adulti 15. L'omogeneità etnica dei due campioni, neonatale ed adulto, e la selezione stringente sullo stato di "sanità" dell'unità cordonale, operata sulla base di un'accurata anamnesi familiare fatta ai genitori prima della donazione, contribuiscono alla somiglianza fra il parco dei donatori di midollo adulti e neonati. Conclusioni L'esperienza maturata nel Servizio Trasfusionale di Pavia, grazie alla raccolta ed allo stoccaggio del sangue placentare, ha consentito di sviluppare alcuni campi di studio e di ricerca, che hanno dato risultati, a nostro avviso, apprezzabili. In primo luogo, lo screening materno effettuato nel terzo trimestre di gravidanza, non nell'immediata prossimità del parto, e il diretto coinvolgimento nell'arruolamento dello staff medicoinfermieristico del Servizio hanno permesso di attuare una selezione accurata delle gestanti, di raccogliere in maniera appropriata il consenso informato, di fare opera di divulgazione e promozione della donazione di sangue placentare e di realizzare un consistente risparmio di risorse. Inoltre, l'addestramento del personale delle sale parto e la periodica verifica delle modalità di raccolta si sono tradotte in una ottimale qualità delle unità di sangue placentare, come si evince dalle percentuali molto basse di contaminazione batteriologica e dall'osservazione che l'infezione del canale del parto non esercita un'influenza diretta sulla contaminazione delle unità raccolte. La necessità di eseguire senza interruzioni la caratterizzazione ed il congelamento delle unità di sangue placentare pervenute dai reparti di Ostetricia ci ha, poi, indotti a valutare gli effetti di diversi tempi di stoccaggio pre-congelamento e ad accettare come standard 48 ore di conservazione pre-manipolazione. Per quanto riguarda la tipizzazione HLA, infine, abbiamo colto l'opportunità di confrontare i dati di 676 cordoni con quelli di uno studio multicentrico sui neonati a rischio di diabete di tipo I. Nel nostro reservoir, i genotipi ad alto e medio rischio mostrano una frequenza ridotta in maniera statisticamente significativa rispetto a quella rilevata su campioni di neonati non selezionati. Riassunto Il tema centrale del lavoro è l'organizzazione della raccolta e la caratterizzazione delle unità di sangue placentare. Si mette in particolare evidenza l'importanza del consenso informato alla donazione di sangue cordonale, rilasciato prima dell'inizio del travaglio di parto. La possibilità di effettuare lo screening materno durante il terzo trimestre di gravidanza permette di reclutare donne motivate, di attuare un'accurata selezione e, quindi, di ridurre il numero di unità scartate, aumentando la qualità e la sicurezza del materiale raccolto. Inoltre, abbiamo dimostrato che è possibile prolungare a 48 ore il tempo di conservazione delle unità raccolte prima della manipolazione, in quanto numero e clonogenicità dei progenitori emopoietici sono mantenuti, peraltro senza aumento del rischio di contaminazione microbiologica. La probabilità di contaminazione microbiologica, d'altra parte, è molto bassa e tende a ridursi ulteriormente se l'addestramento del personale delle sale parto è ben condotto e se si esegue una periodica verifica delle modalità di raccolta. La tipizzazione HLA genomica, infine, ha consentito di dimostrare che il reservoir neonatale è molto simile a quello dei donatori di midollo adulti e risente della selezione operata in occasione dell'arruolamento materno. Bibliografia 1) Rubinstein P, Rosenfield RE, Adamson JW, Stevens CE: Stored placental blood for unrelated bone marrow reconstitution. Blood, 81, 1679, ) Kurtzberg J, Laughlin M, Graham ML et al.: Placental blood as a source of hematopoietic stem cells for transplantation into unrelated recipients. N Engl J Med, 335, 157, ) Laporte J-P, Gorin N-C, Rubinstein P, Lesage S et al.: Cordblood transplantation from an unrelated donor in an adult with chronic myelogenous leukemia. N Engl J Med, 335, 167, ) Silberstein LE, Jefferies LC: Placental-blood banking. A new frontier in transfusion medicine. N Engl J Med, 335, 199, ) Gluckman E, Rocha V, Boyer-Chammard A et al. for the Eurocord Transplant Group and the European Blood and Marrow Transplantation Group: Outcome of cord-blood transplantation from related and unrelated donors. N Engl J Med, 337, 373, ) Locatelli F, Rocha V, Chestang C et al.: Factors associated with outcome after cord blood transplantation in children with acute leukemia. Blood, 93, 1, ) Sirchia G, Rebulla P: Placental/umbilical cord blood transplantation. Haematologica, 84, 738,

6 L Salvaneschi et al. 8) Torretta L, Perotti C, Luccotti C et al.: Cord Blood (CB) banking: experience of a newly born centre. Bone Marrow Transpl, 21(S1), 22, ) Salvaneschi L, Perotti C, Torretta L et al.: Maternal screening before delivery is an effective procedure to improve the quality in cord blood banking. Transfusion, 39, 131, ) Perotti C, Torretta L, La Torre R et al.: Risk of microbial contamination in cord blood banking. Vox Sang, 74 (S1), 37, ) Salvaneschi L, Perotti C, Torretta L et al.: Extended storage of cord blood cells before cryopreservation. VI Regional European Congress of ISBT, Abstracts: 69, ) Rossi V, Lucotti C, Malabarba L et al.: Cell cycle distribution of progenitor cells derived from umbilical cord blood. Haematologica, 84, 213, ) Vaniglia F, Iannone A, Martinetti M et al.: HLA class I and II molecular study on 120 cord blood units, collected for unrelated bone marrow transplantation. Eur J Immunogen, 25(S1), 30, ) Iannone A, Martinetti M, Vaniglia F et al.: Umbilical cord blood and adult bone marrow donor registries in Pavia (Northern Italy): are they immunogenetically differing reservoires? Vox Sang; 74(S1), 39, ) Martinetti M, Vaniglia F, Iannone A et al.: Analysis of predisposition to HLA-DQ α/β restricted diseases and genetic diversity in umbilical cord blood units. VI Regional European Congress of ISBT, Abstracts: 76, ) Torretta L, Perotti C, Locatelli F et al.: Transfusion demand in cord blood transplantation. Br J Haematol, 102, 216,

CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 10 LUGLIO 2003

CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 10 LUGLIO 2003 CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 10 LUGLIO 2003 Repertorio Atti n. 1770 del 10 luglio 2003 Oggetto: Accordo tra Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano sul documento

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE 1 di 10 07/02/2013 13:12 MINISTERO DELLA SALUTE DECRETO 10 ottobre 2012 Modalita' per l'esportazione o l'importazione di tessuti, cellule e cellule riproduttive umani destinati ad applicazioni sull'uomo.

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

SERVIZI TRASFUSIONALI REQUISITI MINIMI STRUTTURALI TECNOLOGICI E ORGANIZZATIVI SPECIFICI

SERVIZI TRASFUSIONALI REQUISITI MINIMI STRUTTURALI TECNOLOGICI E ORGANIZZATIVI SPECIFICI Allegato A). Requisiti strutturali, tecnologici e organizzativi minimi per l esercizio delle attività sanitarie dei servizi trasfusionali e delle unità di raccolta del sangue e degli emocomponenti, ai

Dettagli

E-MAIL: mail@studiotosato.it Avv. DEBORAH NASTI Avv. NICOLA LUCIFERO

E-MAIL: mail@studiotosato.it Avv. DEBORAH NASTI Avv. NICOLA LUCIFERO Prof. Avv. GIAN LUIGI TOSATO 00187 ROMA Avv. GIULIO R. IPPOLITO VIA SALLUSTIANA, 26 Prof. Avv. ANDREA NERVI TEL. 064819419 Avv. MARIA CARMELA MACRI FAX: 064885330 Avv. NATALIA DEL OLMO GUARIDO E-MAIL:

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

Il Dibattito sul Sangue del Cordone Ombelicale: a chi e a che cosa serve la conservazione privata del sangue cordonale?

Il Dibattito sul Sangue del Cordone Ombelicale: a chi e a che cosa serve la conservazione privata del sangue cordonale? Il Dibattito sul Sangue del Cordone Ombelicale: a chi e a che cosa serve la conservazione privata del sangue cordonale? Licinio Contu Presidente Federazione Italiana ADOCES Cagliari 25 agosto 2011 Il Dibattito

Dettagli

Glossario. Allogeniche Indica le cellule ottenute da un donatore e idonee per l'infusione in un'altra persona.

Glossario. Allogeniche Indica le cellule ottenute da un donatore e idonee per l'infusione in un'altra persona. Glossario Il seguente glossario è stato concordato da numerose nazioni europee coinvolte nel progetto Eurocet con l intento di armonizzare la terminologia utilizzata nel settore della donazione e del trapianto

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

DISPOSIZIONI IN ORDINE ALLA COSTITUZIONE DEL DIPARTIMENTO REGIONALE DI MEDICINA TRASFUSIONALE

DISPOSIZIONI IN ORDINE ALLA COSTITUZIONE DEL DIPARTIMENTO REGIONALE DI MEDICINA TRASFUSIONALE Deliberazione n. 529 del 13/05/2004. DISPOSIZIONI IN ORDINE ALLA COSTITUZIONE DEL DIPARTIMENTO REGIONALE DI MEDICINA TRASFUSIONALE PREMESSE La legge regionale 28 marzo 1995, n. 28, istituiva il servizio

Dettagli

LA DONAZIONE DI SANGUE

LA DONAZIONE DI SANGUE CHE COSA è La donazione di sangue consiste nel prelievo di un determinato volume di sangue da un soggetto sano, chiamato donatore, al fine di trasfonderlo in un soggetto che ha bisogno di sangue o di uno

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

Differenziamento = Creazione cellule specializzate. Il tuo corpo ha bisogno delle cellule staminali

Differenziamento = Creazione cellule specializzate. Il tuo corpo ha bisogno delle cellule staminali Differenziamento = Creazione cellule specializzate Cos è una cellula staminale? Cosa mostra la foto Un pezzo di metallo e molti diversi tipi di viti. Dare origine a diversi tipi di cellule è un processo

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

Decreto Legislativo 20 dicembre 2007, n. 261

Decreto Legislativo 20 dicembre 2007, n. 261 Decreto Legislativo 20 dicembre 2007, n. 261 "Revisione del decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 191, recante attuazione della direttiva 2002/98/CE che stabilisce norme di qualita' e di sicurezza per

Dettagli

Non nasconda la salute futura di suo figlio... sotto al cuscino...

Non nasconda la salute futura di suo figlio... sotto al cuscino... Non nasconda la salute futura di suo figlio... sotto al cuscino... Non nasconda la salute futura di suo figlio sotto al cuscino I denti da latte contengono cellule staminali che possono essere usate per

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

PROGETTO MULTIDISCIPLANARE di PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) e GENITORIALITA RESPONSABILE PER le COPPIE con INFEZIONE DA HIV/HCV

PROGETTO MULTIDISCIPLANARE di PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) e GENITORIALITA RESPONSABILE PER le COPPIE con INFEZIONE DA HIV/HCV Arcispedale S. Maria Nuova Dipartimento Ostetrico Ginecologico e Pediatrico Prof. Giovanni Battista La Sala - Direttore PROGETTO MULTIDISCIPLANARE di PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) e GENITORIALITA

Dettagli

Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico

Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico Le NIPT utilizzano DNA libero. Campione di sangue materno DNA

Dettagli

DIPARTIMENTO TUTELA DELLA SALUTE E POLITICHE SANITARIE Allegato 8.6 8.6. Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica

DIPARTIMENTO TUTELA DELLA SALUTE E POLITICHE SANITARIE Allegato 8.6 8.6. Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica 8.6 Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica 1 Premessa Qualità e sostenibilità economica sono le principali esigenze cui cerca di rispondere la concentrazione delle

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Prelievo e Trapianto di Cornee

Prelievo e Trapianto di Cornee Prelievo e Trapianto di Cornee Protocollo operativo Edizione giugno 2014 http://www.piemonte.airt.it/documenti/protocolli.html Regione Piemonte e Valle d Aosta Centro Regionale Trapianti Coordinamento

Dettagli

DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine.

DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine. Vinci il muro dell indifferenza, dai più senso alla Tua vita: DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine. INTERCOMUNALE SAN PIETRO Via Cassia 600-00189 Roma Uff. Amm.: Telefax 06 33582700 - Segreteria:

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 62,39 S.O. OCULISTICA 83,23 U.O. S.O. CHIRURGIE 64,58 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 76,74 U.O.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 62,39 S.O. OCULISTICA 83,23 U.O. S.O. CHIRURGIE 64,58 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 76,74 U.O. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 0/201. Pag. 1 di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 75,36 U.O. S.O. CHIRURGIE 83,52 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 78,20 U.O. ALLERGOLOGIA 90,00 U.O. A.L.P.I.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 75,36 U.O. S.O. CHIRURGIE 83,52 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 78,20 U.O. ALLERGOLOGIA 90,00 U.O. A.L.P.I. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 2/. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge,

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 83,22 U.O. S.O. CHIRURGIE 80,29 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 79,44 U.O. ALLERGOLOGIA 95,51 U.O. A.L.P.I.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 83,22 U.O. S.O. CHIRURGIE 80,29 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 79,44 U.O. ALLERGOLOGIA 95,51 U.O. A.L.P.I. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 0/1. Pag. 1 di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge,

Dettagli

Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo

Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo Dott.ssa Lorenza Donati Convegno Agli albori della salute: prevenzione

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Presentando le cellule staminali

Presentando le cellule staminali Presentando le cellule staminali 1 Alcune note prima di iniziare Questa presentazione va considerata come uno strumento flessibile per scienziati, divulgatori scientifici ed insegnanti. Non tutte le diapositive

Dettagli

La Banca del seme più grande del mondo

La Banca del seme più grande del mondo La Banca del seme più grande del mondo Un sogno che diventa realtà Tutto iniziò con uno strano sogno riguardante seme congelato. Oggi, la Cryos International - Danimarca è la più grande banca del seme

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA (1) Dato il genotipo AaBb: quali sono i geni e quali gli alleli? Disegnate schematicamente questo genotipo con i geni concatenati

Dettagli

CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE

CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE ASO S. Croce e Carle di Cuneo C.I.O. COMITATO INFEZIONI OSPEDALIERE DOCUMENTO DESCRITTIVO TITOLO CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE Data di emissione: 20 aprile 2004 revisione n

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome NAGAR BERNARDO Data di nascita 12/03/1955 Posto di lavoro e indirizzo ASP PALERMO U.O.C.Coordinamento Staff Strategico U.O.S.Coordinamento Screening

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

Una Scelta in Comune Linee-Guida Operative per l attivazione del servizio di registrazione della dichiarazione di volontà sulla donazione di organi

Una Scelta in Comune Linee-Guida Operative per l attivazione del servizio di registrazione della dichiarazione di volontà sulla donazione di organi Una Scelta in Comune Linee-Guida Operative per l attivazione del servizio di registrazione della dichiarazione di volontà sulla donazione di organi Le Linee-Guida Operative per l attivazione del servizio

Dettagli

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA PROGRAMMAZIONE Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA Classe: 4^ LTS/A - SALUTE Insegnante: Claudio Furioso Ore preventivo: 132 SCANSIONE MODULI N TITOLO MODULO set ott nov dic gen feb

Dettagli

1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici

1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici 1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici La maturazione consiste in una serie di eventi che avvengono negli organi linfoidi generativi o primari:

Dettagli

Potenza dello studio e dimensione campionaria. Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1

Potenza dello studio e dimensione campionaria. Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1 Potenza dello studio e dimensione campionaria Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1 Introduzione Nella pianificazione di uno studio clinico randomizzato è fondamentale determinare in modo

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

Abitudini e stili di vita della paziente donna giovane

Abitudini e stili di vita della paziente donna giovane POpolazione Sieropositiva ITaliana Abitudini e stili di vita della paziente donna giovane Survey realizzata da In collaborazione con Con il supporto non condizionato di 3 METODOLOGIA Progetto POSIT POpolazione

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

INDAGINE CONOSCITIVA SUL PERCORSO NASCITA, 2002 ASPETTI METODOLOGICI E RISULTATI NAZIONALI

INDAGINE CONOSCITIVA SUL PERCORSO NASCITA, 2002 ASPETTI METODOLOGICI E RISULTATI NAZIONALI INDAGINE CONOSCITIVA SUL PERCORSO NASCITA, 2002 ASPETTI METODOLOGICI E RISULTATI NAZIONALI Michele Grandolfo, Serena Donati e Angela Giusti Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

Introduzione ai Microarray

Introduzione ai Microarray Introduzione ai Microarray Anastasios Koutsos Alexandra Manaia Julia Willingale-Theune Versione 2.3 Versione italiana ELLS European Learning Laboratory for the Life Sciences Anastasios Koutsos, Alexandra

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

LA PERSONA CON INFEZIONE DA HIV IN ITALIA

LA PERSONA CON INFEZIONE DA HIV IN ITALIA AIDS e sindromi correlate Presentazione al XXII Congresso Nazionale di POpolazione Sieropositiva ITaliana LA PERSONA CON INFEZIONE DA HIV IN ITALIA Abitudini e stili di vita del paziente immigrato Survey

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve

Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve Le aree di incertezza nelle Cure Primarie: Quali sono le evidenze di efficacia dei probio-ci nelle patologie del tra9o gastrointes-nale? Edoardo Benede*o 1907

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse

La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse Due ingredienti affinchè si inizi la ricerca: 1. Il bigogno terapeutico 2. Il numero dei pazienti o popolazione Quando la malattia è rara

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Nome(i) / Cognome(i) Indirizzo(i) Roberto CARUSO Corso Mazzini, 11-87100 Cosenza, Italia Telefono(i) Tel. + 39 0984681824 Fax+ 39 0984681322 E-mail Cittadinanza

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza Legge 22 maggio 1978, n. 194 Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza (Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale Gazzetta Ufficiale del 22 maggio 1978, n. 140)

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

5. Utilizzo e applicazioni attuali della genomica in Italia

5. Utilizzo e applicazioni attuali della genomica in Italia 5. Utilizzo e applicazioni attuali della genomica in Italia Attualmente in Italia la genomica per malattie complesse ha trovato un applicazione pratica in un numero molto ristretto di situazioni. I test

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS)

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS) CANTONE TICINO DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ E DELLA SOCIALITÀ Istituto delle assicurazioni sociali TEL: 0041 / (0)91 821 92 92 FAX: 0041 / (0)91 821 93 99 DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

AD OGNI DONNA IL SUO PARTO

AD OGNI DONNA IL SUO PARTO AD OGNI DONNA IL SUO PARTO Nascere a Verona e Provincia dati 2014 Via del Bersagliere 16, 37123 Verona - tel. 349 6418745 - info@melogranovr.org www.melogranovr.org Via Tito Speri 7, 37121 Verona - tel.

Dettagli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Gustav Klimt, 1905) CONSULTORIO FAMILIARE RIETI Responsabile: Dr. Attilio Mozzetti ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Immagini tratte dal web e utilizzate per finalità istituzionali)

Dettagli

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo Roberto Carloni Claudio Culotta Le politiche internazionali: l OMS World Declaration and Plan of Action on Nutrition Health for all

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

Standard per le Buone Pratiche per gli Ospedali

Standard per le Buone Pratiche per gli Ospedali uniti per i bambini INSIEME PER L ALLATTAMENTO Ospedali&Comunità Amici dei Bambini uniti per la protezione, promozione e sostegno dell allattamento materno Standard per le Buone Pratiche per gli Ospedali

Dettagli

ASSOCIAZIONE SCIENTIFICA Genetisti Forensi Italiani (Ge.F.I) Presidente Prof. Francesco De Stefano

ASSOCIAZIONE SCIENTIFICA Genetisti Forensi Italiani (Ge.F.I) Presidente Prof. Francesco De Stefano Vice ASSOCIAZIONE SCIENTIFICA (Ge.F.I) Presidente LINEE GUIDA PER LA REPERTAZIONE DI TRACCE BIOLOGICHE PER LE ANALISI DI GENETICA FORENSE NEL PERCORSO ASSISTENZIALE DELLE VITTIME DI VIOLENZA SESSUALE E/O

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Deceduti Regione LOMBARDIA

Deceduti Regione LOMBARDIA Tumore della vescica Di maggior rilievo nei maschi (più di 3/4 dei casi), presenta variazioni geografiche di entità modestissima, minori di ogni altro tipo di carcinoma. Il 9-95% circa è costituito da

Dettagli

ŀregione Lazio Progetto Dioniso

ŀregione Lazio Progetto Dioniso Progetto Dioniso Screening audiologico per la sordità neonatale Ogni anno nascono 3 bambini su mille con problemi gravi di sordità. Con un esame semplicissimo, di pochi secondi, non invasivo, non doloroso

Dettagli

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice MATERNITA E CONGEDI PARENTALI Indice Interdizione.pag. 2 Interruzione della gravidanza.pag. 3 Astensione obbligatoria..pag. 4 Astensione obbligatoria della madre....pag. 4 Astensione obbligatoria del padre....pag.

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO La presente istruzione operativa dettaglia una specifica attività/fase di un processo descritto dalla procedura Piano Interno di Intervento Emergenza Migranti. La sanificazione ambientale viene intesa

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli