Raccolta e caratterizzazione delle cellule cordonali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Raccolta e caratterizzazione delle cellule cordonali"

Transcript

1 Raccolta e caratterizzazione delle cellule cordonali Laura Salvaneschi, Cesare Perotti, Miryam Martinetti, Gianluca Viarengo, Claudia Del Fante, Paola Bergamaschi, Angela Maria Iannone, Lorella Torretta Servizio di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale - Centro di Immunologia dei Trapianti IRCCS Policlinico San Matteo, Pavia (Responsabile: Dott.ssa Laura Salvaneschi) In this article we discuss umbilical cord blood banking program at local level and describe the modality of collection and characterization of cord blood units. We point out the relevance of the informed consent process: in our setting, maternal screening far from delivery permits to recruit high selected and motivated women, reduces the discharge of the collected units, increases the quality and safety of the banking. We also indicate that the storage time at 4 C extended to 48 hours from collection does not affect the quality of cord blood units and we demonstrate that it is possibly to preserve the clonogenicity of the haematopoietic progenitor without increasing the risk of microbial contamination. Therefore, if a meticolous operative schedule is respected, the probability of microbial contamination of cord blood units is very low and the contamination frequency tends to reduce with the experience of the staff qualified to collection. With the HLA genomic typing we demonstrate that the cord blood reservoir is not so far from that of adults, as initially expected from the first attempts of serological typing when much more cord blood units appeared homozygous to HLA-class I and II loci. Parole chiave: unità di sangue placentare, controllo microbiologico, tipizzazione HLA genomica Key words: cord blood unit, microbiological control, HLA genomic typing Introduzione Il trapianto di midollo classico e il trapianto di cellule staminali ottenute dal sangue periferico di un donatore Questo elaborato è stato oggetto di una relazione al XXXIV Convegno Nazionale di Studi di Medicina Trasfusionale (Rimini, giugno 2000) Corrispondenza: Dott.ssa Laura Salvaneschi Via Coralli, Pavia consanguineo HLA identico è di documentato successo. Purtroppo molti pazienti (più del 50%) non possono beneficiare di questo trattamento per mancanza di un donatore compatibile. Oltre alla compatibilità HLA giocano un ruolo importante nel trapianto di midollo osseo: l'età del donatore e del ricevente, il tipo di malattia e lo stadio in cui la malattia si trova, la sierologia di donatore e ricevente riguardo all'infezione da Citomegalovirus, la terapia di condizionamento e la profilassi della Graft versus Host Disease (GvHD) o malattia del trapianto contro l'ospite. Numerosi studi indicano che fonti di cellule staminali alternative, come quelle ottenute dal sangue placentare, rispetto a quelle presenti nel midollo osseo possono offrire vantaggi a vario livello. È stato dimostrato che, con opportuni metodi di raccolta, è possibile ottenere dalla placenta dei neonati a termine una quantità di cellule staminali in grado di ricostituire l'emopoiesi dopo chemioterapia ablativa. La prima dimostrazione di questa possibilità risale al 1989; essa è stata seguita, in Europa, da oltre duecentocinquanta casi di trapianto con cellule staminali di origine placentare. I buoni risultati ottenuti hanno suggerito la realizzazione di Banche di cellule staminali del cordone ombelicale 1-4. I vantaggi biologici relativi all'utilizzo del sangue placentare sono numerosi e si possono sintetizzare come segue. - Rischio ridotto di malattia del trapianto contro l'ospite, in rapporto alla relativa immaturità delle cellule T placentari. Il ridotto rischio sembra essere legato ad una minore espressione degli antigeni HLA di classe II e permetterebbe l'utilizzo del sangue placentare per trapianti tra soggetti non imparentati o solo parzialmente compatibili. In effetti, nei casi di trapianto di sangue placentare, la GvHD è di più lieve entità, anche quando non sussiste una perfetta compatibilità tra donatore e ricevente 5,6,16. - Nonostante l'impiego del sangue placentare sia riservato LA TRASFUSIONE DEL SANGUE vol num. 5 settembre - ottobre 2000 ( ) 247

2 L Salvaneschi et al. al trapianto in pazienti pediatrici, il potenziale di crescita nelle colture a lungo termine delle cellule staminali di origine placentare appare superiore a quello delle cellule staminali di origine midollare. La possibilità attuale di disporre di citochine e fattori di crescita ha portato a sperimentare l'espansione in vitro delle cellule staminali cordonali, con la finalità di disporre di un numero di cellule sufficienti al trapianto di pazienti adulti 7. - Le cellule staminali di origine placentare possono essere conservate in azoto liquido per lunghi periodi, senza compromissione delle loro caratteristiche peculiari. I principali vantaggi offerti dalla disponibilità di cellule staminali ottenute da sangue placentare e conservate in banche di cellule criopreservate sono: 1- immediata disponibilità di unità che possono essere trapiantate; 2- assenza di rischio per il neonato e per la madre; 3- rischio molto basso di trasmissione di malattie infettive, anche per quanto concerne l'infezione da Citomegalovirus; 4- basso rischio di GvHD acuta; 5- possibilità di disporre anche di unità per minoranze etniche, attualmente poco rappresentate nei registri dei donatori di midollo. La donazione di sangue placentare è volontaria: il sangue placentare non può essere donato senza il consenso informato della madre, poiché: il tessuto placentare va considerato di appartenenza sia materna sia neonatale; la raccolta è effettuata, di solito, quando la placenta è ancorata all'utero; il rischio infettivo e genetico della donazione di sangue placentare può essere controllato solo attraverso la partecipazione attiva della madre. La donazione è anonima, anche se deve essere mantenuta la possibilità di risalire, pur con rigorose chiavi di accesso, al donatore per mettere a disposizione dello stesso il sangue placentare precedentemente donato, in caso di insorgenza di una patologia onco-ematologica con indicazione al trapianto. Anche nel caso in cui si venga a conoscenza di malattie a possibile trasmissione genetica insorte nel neonato dopo l'avvenuta validazione del sangue placentare, deve essere possibile accedere all'identificazione dell'unità, per la necessaria eliminazione dal registro. La sicurezza infettiva e genetica della donazione deve essere confermata dopo un periodo di osservazione (quarantena della donazione) da due a sei mesi. Per la tutela delle gravide e del personale ostetrico, la raccolta deve essere eseguita in sala parto in un clima di sicurezza assoluta sia per le partorienti sia per il personale addetto. Il consenso della partoriente alla donazione non obbliga il personale addetto alla raccolta qualora le circostanze al momento del parto siano sfavorevoli. Nessun interesse economico deve interferire con l'attività di raccolta né per il donatore né per chi esegue la raccolta stessa. Il responsabile della Banca di cellule placentari deve vigilare sulle modalità di utilizzo delle donazioni. Materiali e Metodi Una campagna per la divulgazione della donazione del sangue placentare è stata intrapresa nel Servizio di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale e nel reparto di Ostetricia dell'irccs Policlinico San Matteo a partire dal 1996; in rapida successione, hanno adottato la stessa strategia i reparti di Ostetricia degli Ospedali della provincia, afferenti al Servizio di Pavia. È stato, inoltre, preparato un documento informativo completo, chiaro, di facile comprensione, in grado di illustrare da un lato le modalità e le finalità della donazione e dall'altro le indicazioni dell'impiego del sangue placentare a scopo di trapianto. I centri di consultazione prenatale si sono organizzati per offrire alle mamme interessate la possibilità di conoscere nei dettagli le modalità ed il significato della donazione e per avere un primo e successivi colloqui, se necessario, con il medico per valutare eventuali controindicazioni alla donazione. In tal modo, possono essere arruolate donne gravide senza patologie genetiche o infettive. L'esclusione di una popolazione che non presenta i requisiti minimi di idoneità alla donazione evita un inutile spreco di risorse umane ed economiche, altrimenti inevitabile. Nel Servizio di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale dell'irccs Policlinico San Matteo di Pavia è operativo l'ambulatorio per la donazione del sangue placentare, che ha lo scopo di informare e selezionare le gestanti. Dopo l'arruolamento, la futura madre firma il consenso informato che esibirà al momento del ricovero per il parto. La valutazione anamnestica, che è eseguita in genere all'ultimo mese di gravidanza, si rivolge anche al padre ed alla fratria del nascituro. In questa occasione, si accerta che il decorso della gravidanza sia normale e che gli esami sierologici per lo screening infettivologico siano negativi. Al momento del parto, immediatamente dopo il clampaggio e la resezione del cordone ombelicale, è eseguito il prelievo di sangue placentare dal personale addetto, adeguatamente istruito per tale pratica, identificato nelle figure professionali dell'ostetrica presente in sala parto, del ginecologo o del medico del Servizio Trasfusionale. Le modalità del prelievo (eseguito nei parti a termine, sia per le vie naturali che in caso di parto cesareo, con placenta in utero, utilizzando la tecnica dell'early clumping) sono specificate dettagliatamente in un protocollo scritto. Il prelievo, nonostante la richiesta materna, può non essere eseguito, 248

3 Raccolta e caratterizzazione delle cellule cordonali qualora si realizzino documentabili situazioni sfavorevoli al momento del parto sia per problemi medici sia tecnicoorganizzativi. Per la raccolta nel nostro Servizio si utilizzano sacche dedicate (Maco Pharma, Turcoing, Francia). Il trasporto del sangue placentare dalla sala parto al centro di congelamento viene eseguito in condizioni idonee (a 4 C) e nel più breve tempo possibile. L'unità di sangue placentare viene presa in consegna dal personale del Servizio Trasfusionale ed accettata secondo precise e codificate norme operative interne. Prima del congelamento, vengono controllati: il volume della sacca ( 60 ml) e la cellularità totale ( 800 x 10 6 ). Se l'unità è considerata idonea, viene avviata al congelamento, previo allestimento dei prelievi per il controllo batteriologico (BacT/Alert FAN, Organon Teknica Corp, Durham, NC, USA). La caratterizzazione dell'unità è completata, nella fase successiva al congelamento, con l'esecuzione di: - vitalità e determinazione delle cellule progenitrici CD 34+ in citofluorimetria (FACSCalibur, Becton Dickinson, San Jose, CA, USA) con LDS 751; - colture cellulari a breve termine (14 giorni) (MethoCult, Stem Cell Technologies, Vancouver, BC, Canada); - tipizzazione HLA: la tipizzazione dei poliformismi HLA di classe I e II viene eseguita esclusivamente con tecniche genomiche. Per quanto riguarda la tipizzazione, definiamo a bassa risoluzione gli alleli HLA-A, B, DRB1, B3, B4, B5 (PCR- SSP). Ricorriamo alla tipizzazione ad alta risoluzione solo quando l'attribuzione di uno o più alleli risulta dubbia o nei casi in cui si trovino combinazioni aplotipiche inusuali. Tipizziamo sempre, ad alta risoluzione, gli alleli DQA1 (PCR- SSP) e DQB1 (PCR-RDB). Eseguiamo sempre la tipizzazione HLA della madre, al fine di verificare l'attribuzione della sacca attraverso la corrispondenza dell'aplotipo materno con il fenotipo ottenuto su sangue cordonale. Si è anche provveduto all'allestimento di una villoteca da un campione di tessuto placentare, prelevato al momento del parto. I villi coriali vengono selezionati e separati dalla parte deciduale materna, per ridurre al minimo la contaminazione materna del campione in esame. La villoteca costituisce una preziosa riserva di DNA, da utilizzare nella fase di accertamento pretrapiantologico. La villoteca può essere di aiuto anche nel caso che il DNA ottenuto dal campione dell'unità di sangue placentare non risponda ai requisiti qualitativi e/o quantitativi richiesti dagli standard interni. Il congelamento dell'unità di sangue placentare viene effettuata entro 48 ore dal prelievo con congelatore a discesa programmata, utilizzando il DMSO come agente crioprotettore. Lo stoccaggio avviene in azoto liquido a temperatura inferiore a -140 C in appositi contenitori riservati allo stoccaggio del sangue placentare. Il neonatologo esegue, entro il terzo Tabella I: controllo microbiologico delle unità di sangue placentare Colture batteriologiche positive 22/828 (2,6%) Microrganismi: - Bacteroides spp.4 - Acinetobacter coelticus 3 - Streptococcus agalactiae 3, Staphilococcus epidermidis 2, Staphilococcus hominis 2, E. coli 2 - Bacteroides ovatus 1, Bacteroides fragilis 1, Peptococcus soo. 1, Enterococcus spp. 1, Bacillus spp. 1, Clostridium spp. + Bacteroides fragilis 1 giorno dalla nascita, un controllo clinico del neonato, per escludere eventuali patologie trasmissibili con il sangue placentare. Un secondo controllo del neonato viene eseguito in periodo post-natale (dal 4 al 6 mese), contemporaneamente ad un prelievo di sangue materno per il secondo controllo virologico. La validazione dell'unità di sangue placentare rappresenta la possibilità di inserire nella Banca l'unità prelevata e di renderla disponibile per l'impiego clinico 8. Risultati Nell'Ambulatorio per l'arruolamento e la selezione delle donatrici di sangue placentare del nostro Servizio sono state effettuate, dal dicembre 1996 al maggio 2000, 777 visite; 47 gestanti (6%) non sono risultate idonee. Le cause principali di non idoneità sono da ascrivere a malattie autoimmuni materne (tiroiditi e diabete in particolare), a infezioni ed a recente profilassi antimalarica, mentre le patologie paterne trasmissibili incidono per il 13% circa sul totale delle cause che impediscono l'arruolamento 9. Nello stesso periodo, sono state raccolte n unità di sangue placentare, 928 delle quali sono giunte al congelamento (58% circa). I principali motivi di scarto precongelamento sono da attribuire al basso volume e/o alla bassa cellularità del campione, mentre dopo il congelamento i motivi più frequenti di scarto sono rappresentate dalla positività del controllo batteriologico e da cause di invalidazione tardiva materne e neonatali. La tabella I riporta i dati relativi al controllo microbiologico delle unità di sangue placentare. Sono state inoltre studiate 107 unità di sangue placentare, raccolte in presenza di tampone vaginale positivo: la positività era attribuibile nel 40% dei casi a germi Gram +, nel 31% a Gram- e nel 29% a miceti. Solo 4 (3,7%) delle 107 unità studiate sono risultate contaminate, ma in nessun caso sono stati riscontrati gli stessi germi isolati nel canale del parto

4 L Salvaneschi et al. Tabella II: caratteristiche delle unità di sangue placentare in rapporto a diversi tempi di stoccaggio precongelamento 24 h 48h p Globuli bianchi (10 3 /µl) 8,5 8,7 0,71 Linfociti (10 3 /µl) 2,83 2,93 0,46 Monociti (10 3 /µl) 1,21 1,33 0,43 CD34+ (µl) 23,83 17,08 0,15 Colonie totali (10 4 ) 27,41 24,26 0,56 Tabella III: caratterizzazione delle unità di sangue placentare Vol. Medio Unità (ml) 84 (60-223) Cellularità media (x10 6 ) ( ) CD 34+ (%) 0,30 (0,03-2,4) Vitalità (%) 95 (92,0-99,9) Colonie totali (x 10 4 ) 179,34 Poiché il tempo di stoccaggio pre-congelamento è da considerarsi elemento critico, in quanto può influenzare la qualità delle cellule staminali placentari (24 ore di conservazione prima della manipolazione sono universalmente accettate come standard), abbiamo valutato la possibilità di prolungare a 48 ore il tempo di conservazione. La tabella II riporta i risultati dello studio, che dimostrano che: - la conservazione prolungata a 48 ore a 4 C non influenza la qualità delle unità raccolte; - il numero delle cellule mononucleate non è significativamente influenzato dal tempo di conservazione prolungato a 48 ore; - la capacità clonogenica delle cellule è conservata; - il rischio di contaminazione microbiologica non è aumentato 11. La tabella III evidenzia i dati relativi alla caratterizzazione delle unità di sangue placentare criopreservate nel nostro Servizio. Merita una segnalazione lo studio del ciclo cellulare con colture a breve e lungo termine (CFC, LTC- IC), che dimostra che il 96 ± 2% delle cellule CD34+ si trovano in fase G0-G1 e solo il 1,6 ± 0,4% si trovano in fase S. Tuttavia, mediante la tecnica della statina, si osserva che il 27% circa delle cellule CD34+ in fase G0/G1 è ciclante; l'incubazione con una miscela di fattori di crescita (IL3+SCF+G-CSF) aumenta, a 24 ore, la proporzione di cellule in fase S, senza ridurre il numero di progenitori. Ciò può avere importanti implicazioni future, quali, ad esempio, l'utilizzo di tecniche di transfer genico 12. Convinti dei vantaggi clinici offerti dal sangue placentare, da riferire alla naiveté degli elementi progenitori presenti ed alla pronta disponibilità di questa fonte di cellule staminali, ci siamo proposti di rispondere inizialmente al quesito se il parco delle cellule staminali cordonali fosse geneticamente distinto da quello dei donatori adulti, rappresentando una nuova popolazione. È noto, infatti, che la distribuzione degli alleli HLA, anche all'interno di una popolazione ristretta, è sottoposta ad una pressione selettiva operata dall'ambiente. Pertanto, l'aspettativa è che le frequenze HLA del neonato siano diverse da quelle dell'adulto e che il campione adulto sia più ricco di fenotipi eterozigoti rispetto alla nascita, in quanto questa condizione è in grado di conferire maggiori possibilità di difesa verso il repertorio patogenico ambientale. Ci si attende, invece, che fra i neonati si trovino combinazioni aplotipiche rare, a tutto vantaggio dei pazienti in attesa di trapianto. Abbiamo, pertanto, verificato la distanza genetica del parco di donatori di midollo adulti già arruolati nel registro pavese e residenti nella provincia; l'analisi genetica è stata approfondita con l'analisi delle frequenze aplotipiche HLA- A, -B ricavate per conta diretta sul campione neonatale e per calcolo statistico sul reservoir degli adulti (metodo del maximum likelihood, secondo Excoffier). Fra i due gruppi le differenze sono minime: i dieci aplotipi più frequenti nel campione neonatale sono gli stessi ritrovati nel reservoir adulto. L'analisi della varianza applicata alla distribuzione delle frequenze alleliche nelle due popolazioni non è risultata statisticamente significativa, dimostrando che i due reservoir sono parte di un'unica popolazione. Tuttavia, segnaliamo sette combinazioni aplotipiche DRB1; DQA1; DQB1assolutamente rare nella nostra popolazione. Il dato appare interessante perché nel Registro interno degli aplotipi rari, che conserviamo nel nostro Laboratorio, solo altre otto combinazioni altrettanto rare sono state riscontrate (sei in famiglie di bambini affetti da leucemia, IDDM, e due in donatori di midollo stranieri), ma nessuna fornita dai nostri donatori adulti 13,14. Usando il metodo statistico dell'analisi delle corrispondenze, che misura le distanze genetiche tra differenti popolazioni, abbiamo trovato due clusters principali, il primo costituito dai pazienti leucemici e dai cordoni, il secondo dai donatori di sangue e dai donatori di midollo. Poiché la maggioranza dei pazienti è costituita da bambini, si può supporre che l'età di per sé sia un elemento di somiglianza con il sangue placentare. Nella ricerca di diversità genetica ai geni HLA di classe II, si conferma la differenza fra cordoni e donatori di sangue e midollo. Avendo a disposizione i dati genetici ad alta risoluzione dei loci DQA1 e DQB1, abbiamo potuto valutare la frequenza del numero di eterodimeri di suscettibilità al 250

5 Raccolta e caratterizzazione delle cellule cordonali diabete mellito insulino-dipendente (IDDM) e al morbo celiaco nel reservoir dei cordoni. Ci si attendeva una frequenza aumentata, alla nascita, di condizioni immunogenetiche correlate a malattie ad insorgenza giovanile. Invece, non è stata trovata alcuna differenza statisticamente significativa rispetto agli adulti 15. L'omogeneità etnica dei due campioni, neonatale ed adulto, e la selezione stringente sullo stato di "sanità" dell'unità cordonale, operata sulla base di un'accurata anamnesi familiare fatta ai genitori prima della donazione, contribuiscono alla somiglianza fra il parco dei donatori di midollo adulti e neonati. Conclusioni L'esperienza maturata nel Servizio Trasfusionale di Pavia, grazie alla raccolta ed allo stoccaggio del sangue placentare, ha consentito di sviluppare alcuni campi di studio e di ricerca, che hanno dato risultati, a nostro avviso, apprezzabili. In primo luogo, lo screening materno effettuato nel terzo trimestre di gravidanza, non nell'immediata prossimità del parto, e il diretto coinvolgimento nell'arruolamento dello staff medicoinfermieristico del Servizio hanno permesso di attuare una selezione accurata delle gestanti, di raccogliere in maniera appropriata il consenso informato, di fare opera di divulgazione e promozione della donazione di sangue placentare e di realizzare un consistente risparmio di risorse. Inoltre, l'addestramento del personale delle sale parto e la periodica verifica delle modalità di raccolta si sono tradotte in una ottimale qualità delle unità di sangue placentare, come si evince dalle percentuali molto basse di contaminazione batteriologica e dall'osservazione che l'infezione del canale del parto non esercita un'influenza diretta sulla contaminazione delle unità raccolte. La necessità di eseguire senza interruzioni la caratterizzazione ed il congelamento delle unità di sangue placentare pervenute dai reparti di Ostetricia ci ha, poi, indotti a valutare gli effetti di diversi tempi di stoccaggio pre-congelamento e ad accettare come standard 48 ore di conservazione pre-manipolazione. Per quanto riguarda la tipizzazione HLA, infine, abbiamo colto l'opportunità di confrontare i dati di 676 cordoni con quelli di uno studio multicentrico sui neonati a rischio di diabete di tipo I. Nel nostro reservoir, i genotipi ad alto e medio rischio mostrano una frequenza ridotta in maniera statisticamente significativa rispetto a quella rilevata su campioni di neonati non selezionati. Riassunto Il tema centrale del lavoro è l'organizzazione della raccolta e la caratterizzazione delle unità di sangue placentare. Si mette in particolare evidenza l'importanza del consenso informato alla donazione di sangue cordonale, rilasciato prima dell'inizio del travaglio di parto. La possibilità di effettuare lo screening materno durante il terzo trimestre di gravidanza permette di reclutare donne motivate, di attuare un'accurata selezione e, quindi, di ridurre il numero di unità scartate, aumentando la qualità e la sicurezza del materiale raccolto. Inoltre, abbiamo dimostrato che è possibile prolungare a 48 ore il tempo di conservazione delle unità raccolte prima della manipolazione, in quanto numero e clonogenicità dei progenitori emopoietici sono mantenuti, peraltro senza aumento del rischio di contaminazione microbiologica. La probabilità di contaminazione microbiologica, d'altra parte, è molto bassa e tende a ridursi ulteriormente se l'addestramento del personale delle sale parto è ben condotto e se si esegue una periodica verifica delle modalità di raccolta. La tipizzazione HLA genomica, infine, ha consentito di dimostrare che il reservoir neonatale è molto simile a quello dei donatori di midollo adulti e risente della selezione operata in occasione dell'arruolamento materno. Bibliografia 1) Rubinstein P, Rosenfield RE, Adamson JW, Stevens CE: Stored placental blood for unrelated bone marrow reconstitution. Blood, 81, 1679, ) Kurtzberg J, Laughlin M, Graham ML et al.: Placental blood as a source of hematopoietic stem cells for transplantation into unrelated recipients. N Engl J Med, 335, 157, ) Laporte J-P, Gorin N-C, Rubinstein P, Lesage S et al.: Cordblood transplantation from an unrelated donor in an adult with chronic myelogenous leukemia. N Engl J Med, 335, 167, ) Silberstein LE, Jefferies LC: Placental-blood banking. A new frontier in transfusion medicine. N Engl J Med, 335, 199, ) Gluckman E, Rocha V, Boyer-Chammard A et al. for the Eurocord Transplant Group and the European Blood and Marrow Transplantation Group: Outcome of cord-blood transplantation from related and unrelated donors. N Engl J Med, 337, 373, ) Locatelli F, Rocha V, Chestang C et al.: Factors associated with outcome after cord blood transplantation in children with acute leukemia. Blood, 93, 1, ) Sirchia G, Rebulla P: Placental/umbilical cord blood transplantation. Haematologica, 84, 738,

6 L Salvaneschi et al. 8) Torretta L, Perotti C, Luccotti C et al.: Cord Blood (CB) banking: experience of a newly born centre. Bone Marrow Transpl, 21(S1), 22, ) Salvaneschi L, Perotti C, Torretta L et al.: Maternal screening before delivery is an effective procedure to improve the quality in cord blood banking. Transfusion, 39, 131, ) Perotti C, Torretta L, La Torre R et al.: Risk of microbial contamination in cord blood banking. Vox Sang, 74 (S1), 37, ) Salvaneschi L, Perotti C, Torretta L et al.: Extended storage of cord blood cells before cryopreservation. VI Regional European Congress of ISBT, Abstracts: 69, ) Rossi V, Lucotti C, Malabarba L et al.: Cell cycle distribution of progenitor cells derived from umbilical cord blood. Haematologica, 84, 213, ) Vaniglia F, Iannone A, Martinetti M et al.: HLA class I and II molecular study on 120 cord blood units, collected for unrelated bone marrow transplantation. Eur J Immunogen, 25(S1), 30, ) Iannone A, Martinetti M, Vaniglia F et al.: Umbilical cord blood and adult bone marrow donor registries in Pavia (Northern Italy): are they immunogenetically differing reservoires? Vox Sang; 74(S1), 39, ) Martinetti M, Vaniglia F, Iannone A et al.: Analysis of predisposition to HLA-DQ α/β restricted diseases and genetic diversity in umbilical cord blood units. VI Regional European Congress of ISBT, Abstracts: 76, ) Torretta L, Perotti C, Locatelli F et al.: Transfusion demand in cord blood transplantation. Br J Haematol, 102, 216,

DONAZIONE SANGUE DA CORDONE OMBELICALE

DONAZIONE SANGUE DA CORDONE OMBELICALE DONAZIONE SANGUE DA CORDONE OMBELICALE Sono passati molti anni da quando si sono sperimentati i primi trapianti. Oggi trasferire gli organi da un corpo che muore ad uno che può continuare a vivere, non

Dettagli

Un Cordone di Staminali: Ciò che ha nutrito una vita può ancora dare la vita

Un Cordone di Staminali: Ciò che ha nutrito una vita può ancora dare la vita Un Cordone di Staminali: Ciò che ha nutrito una vita può ancora dare la vita Ascoli Piceno 29-30 Settembre 2012 Dott. ssa Barbara Tonnarelli Regione Marche Dipartimento Regionale di Medicina Trasfusionale

Dettagli

Il donatore di emocomponenti e di cellule staminali emopoietiche: attualità e prospettive Compatibilità nel trapianto di CSE e sistema HLA

Il donatore di emocomponenti e di cellule staminali emopoietiche: attualità e prospettive Compatibilità nel trapianto di CSE e sistema HLA Il donatore di emocomponenti e di cellule staminali emopoietiche: attualità e prospettive Compatibilità nel trapianto di CSE e sistema HLA Nicoletta Sacchi Italian Bone Marrow Donor Registry E.O. Ospedali

Dettagli

La donazione del sangue dal cordone ombelicale

La donazione del sangue dal cordone ombelicale ASL NUORO La donazione del sangue dal cordone ombelicale CONSULTORIO NUORO La donazione del sangue dal cordone ombelicale La donazione del sangue dal cordone ombelicale è innocua e indolore. Il sangue

Dettagli

MODULO INFORMATIVO PER IL COUNSELLING SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE

MODULO INFORMATIVO PER IL COUNSELLING SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE DIREZIONE SANITARIA DI PRESIDIO TEL. 02 5503.2143-2570 3202 FAX 0255185528 e-mail direzione.presidio@policlinico.mi.it P.01.CLT.M.03 PAGINA 1 DI 6 MODULO INFORMATIVO PER IL COUNSELLING SULLA RACCOLTA E

Dettagli

Lions Clubs International

Lions Clubs International Un iniziativa Lions Clubs International Distretto 108 Ya Governatore: Avv. Michele Roperto Anno sociale 2011-2012 Responsabile distrettuale tema di studio nazionale La donazione del sangue del cordone

Dettagli

Banca del Sangue Cordonale di Cagliari Una possibilità in più per tutti

Banca del Sangue Cordonale di Cagliari Una possibilità in più per tutti Banca del Sangue Cordonale di Cagliari Una possibilità in più per tutti Sede: Piano terra, Presidio Ospedaliero Binaghi via Is Guadazzonis n.2-09126 Cagliari Struttura della Banca del Sangue Cordonale

Dettagli

Prof. P. Curiel. Firenze 17.10.2010

Prof. P. Curiel. Firenze 17.10.2010 La donazione del sangue e (?) del cordone ombelicale Prof. P. Curiel Firenze 17.10.2010 Il trapianto di cellule staminali Trapianto di cellule staminali emopoietiche allogeniche = trattamento terapeutico

Dettagli

USO APPROPRIATO DEL SANGUE DA CORDONE OMBELICALE

USO APPROPRIATO DEL SANGUE DA CORDONE OMBELICALE USO APPROPRIATO DEL SANGUE DA CORDONE OMBELICALE 1. Cosa sono le cellule staminali emopoietiche? Le cellule staminali emopoietiche sono cellule in grado di riprodursi dando origine agli elementi corpuscolati

Dettagli

DOMANDE FREQUENTI RIGUARDO ALLA CONSERVAZIONE DEL SANGUE PLACENTARE

DOMANDE FREQUENTI RIGUARDO ALLA CONSERVAZIONE DEL SANGUE PLACENTARE DOMANDE FREQUENTI RIGUARDO ALLA CONSERVAZIONE DEL SANGUE PLACENTARE Ho sentito parlare della possibilità di conservare il sangue placentare di mio/a figlio/a a scopo autologo, qualora in futuro ne avesse

Dettagli

Cellule staminali. emopoietiche

Cellule staminali. emopoietiche At t ua l i tà Cellule staminali Una speranza di vita Le cellule staminali sono le madri di tutte le cellule e sono in grado di produrre cellule figlie uguali a se stesse, ma anche di dare origine a cellule

Dettagli

PREMESSA, RAZIONALE SCIENTIFICO

PREMESSA, RAZIONALE SCIENTIFICO 1 PREMESSA, RAZIONALE SCIENTIFICO Il termine cellule staminali emopoietiche si riferisce ad una popolazione cellulare in grado di dare origine agli elementi corpuscolati del sangue: globuli rossi, globuli

Dettagli

Associazione Donatrici Italiane Sangue Cordone Ombelicale. DONAZIONE SANGUE CORDONALE La Conservazione il Rilascio. Marina Buzzi

Associazione Donatrici Italiane Sangue Cordone Ombelicale. DONAZIONE SANGUE CORDONALE La Conservazione il Rilascio. Marina Buzzi Associazione Donatrici Italiane Sangue Cordone Ombelicale DONAZIONE SANGUE CORDONALE La Conservazione il Rilascio Marina Buzzi BO S.ORSOLA BO MAGGI BENTIVOGLIO PORRETTA IMOLA PARMA FIDENZA BORGOTARO

Dettagli

Gentile/i Signora/i, R7122 Scheda Informativa relativa alla donazione. Ed. 1del 09/12/2010 Rev. 1 del 11/07/2011

Gentile/i Signora/i, R7122 Scheda Informativa relativa alla donazione. Ed. 1del 09/12/2010 Rev. 1 del 11/07/2011 Gentile/i Signora/i, il sangue contenuto nel cordone ombelicale (SCO) e raccolto al momento del parto, rappresenta una preziosa sorgente di cellule staminali emopoietiche, quelle stesse cellule che sono

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA ULSS N. 7 PIEVE DI SOLIGO (TV) MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE

REGIONE DEL VENETO AZIENDA ULSS N. 7 PIEVE DI SOLIGO (TV) MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE Gent.ma Sig.ra / Gent.mo Sig.re, Le chiediamo di leggere con attenzione le informazioni sotto riportate e di rispondere

Dettagli

30.000 DONAZIONI, 10.000 UNITÀ, 500 TRAPIANTI: 20 ANNI DELLA MILANO CORD BLOOD BANK

30.000 DONAZIONI, 10.000 UNITÀ, 500 TRAPIANTI: 20 ANNI DELLA MILANO CORD BLOOD BANK UNA VITA CHE NASCE RIGENERA LA VITA 30.000 DONAZIONI, 10.000 UNITÀ, 500 TRAPIANTI: 20 ANNI DELLA MILANO CORD BLOOD BANK 8 giugno 2013 ore 9.00 Auditorium del Palazzo dei Congressi Provincia di Milano Via

Dettagli

MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE

MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE Alla Direzione Sanitaria di Presidio Alba Bra Allegato C MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE Gent.ma Sig.ra /Gent.mo Sig.re Le chiediamo di leggere con attenzione

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA BOZZA N. 658 DISEGNO DI LEGGE d'iniziativa del senatore CARELLA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 21 SETTEMBRE 2001 Istituzione delle banche di sangue di cordone ombelicale

Dettagli

A COSA SERVONO LE CELLULE STAMINALI DEL CORDONE OMBELICALE?

A COSA SERVONO LE CELLULE STAMINALI DEL CORDONE OMBELICALE? MODULO INFORMATIVO ORDINANZA 4 MAGGIO 2007 IN MATERIA DI ESPORTAZIONE DI STAMINALI DI CORDONE OMBELICALE Gent.ma Sig.ra, Le chiediamo di leggere con attenzione le informazioni sotto riportate e di rispondere

Dettagli

MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE

MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE Allegato C/1 MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE Gent.ma Sig.ra/Gent.mo Sig.re Le chiediamo di leggere con attenzione le informazioni sotto riportate e il

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 1198 DEL 28 GIUGNO 2012

ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 1198 DEL 28 GIUGNO 2012 ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 1198 DEL 28 GIUGNO 2012 Accordo tra la Regione Friuli Venezia Giulia e la Regione del Veneto finalizzato alla collaborazione nel campo della raccolta, lavorazione e conservazione

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA RELATIVA ALLA DONAZIONE ALLOGENICA DI SANGUE CORDONALE

SCHEDA INFORMATIVA RELATIVA ALLA DONAZIONE ALLOGENICA DI SANGUE CORDONALE 1di 6 SCHEDA INFORMATIVA RELATIVA ALLA Gentile Signora/e, il sangue contenuto nel cordone ombelicale (SCO) e raccolto al momento del parto, rappresenta una preziosa sorgente di cellule staminali emopoietiche,

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA RELATIVA ALLA DONAZIONE ALLOGENICA DI SANGUE CORDONALE

SCHEDA INFORMATIVA RELATIVA ALLA DONAZIONE ALLOGENICA DI SANGUE CORDONALE LIGURIA CORD BLOOD BANK Servizio di Immunoematologia e Trasfusionale Direttore: Dr. Paolo Strada Azienda Ospedaliera Universitaria San Martino Largo Rosanna Benzi n.10-16132 Genova Tel. 0105553148 Fax.

Dettagli

Assieme a una nuova vita nasce una possibilità di cura DONA IL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE UNA SCELTA CONSAPEVOLE

Assieme a una nuova vita nasce una possibilità di cura DONA IL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE UNA SCELTA CONSAPEVOLE Assieme a una nuova vita nasce una possibilità di cura DONA IL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE UNA SCELTA CONSAPEVOLE Assieme a una nuova vita nasce una possibilità di cura. Questo messaggio richiama l importanza

Dettagli

Residente a..in via.c.a.p.. Numero di telefono..n. di fax.. Cognome padre..nome padre.

Residente a..in via.c.a.p.. Numero di telefono..n. di fax.. Cognome padre..nome padre. Ospedale S.Giovanni Calibita Fatebenefratelli Accordo Stato Regioni n.62 del 29 Aprile 2010 ALLEGATO 2 RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLA ESPORTAZIONE DI CAMPIONE DI SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE per USO

Dettagli

Le cellule staminali: una risorsa..una speranza

Le cellule staminali: una risorsa..una speranza AVIS NAZIONALE/REGIONALE MARCHE Ancona, 31 Ottobre 2008 Il Sistema Trasfusionale tra necessità e disponibilità Le cellule staminali: una risorsa..una speranza Prof.ssa Gabriella Girelli Sapienza Università

Dettagli

Classe 2^D A.S. 2003/2004. Scuola Media Statale Vibo Marina

Classe 2^D A.S. 2003/2004. Scuola Media Statale Vibo Marina Classe 2^D A.S. 2003/2004 Scuola Media Statale Vibo Marina 1 Presentazione Introduzione La composizione del sangue Cos è il midollo osseo Alcune malattie del sangue: anemia mediterranea e leucemia. Il

Dettagli

IN ITALIA. Infatti, una. precedenza

IN ITALIA. Infatti, una. precedenza P.O. Savona e Cairo M.tte Ospedale San Paolo Savona S.C. Direzione Medica Conn certificato n 17551/08/S MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTAA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE Gent.ma Sig.ra

Dettagli

DEL CORDONE OMBELICALE

DEL CORDONE OMBELICALE Assieme a una nuova vita nasce una possibilità di cura DONA IL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE UNA SCELTA CONSAPEVOLE Assieme a una nuova vita nasce una possibilità di cura. Questo messaggio richiama l

Dettagli

Il trapianto di cellule staminali da sangue cordonale

Il trapianto di cellule staminali da sangue cordonale staminali da sangue 2/2008 RIASSUNTO L articolo propone una considerazione dello stato attuale del trapianto di cellule, una nuova risorsa in grado di curare con successo determinate patologie. Vengono

Dettagli

SERVIZIO DI IMMUNOEMATOLOGIA E TRASFUSIONE DIRETTORE: DOTT. F. BERTOLA

SERVIZIO DI IMMUNOEMATOLOGIA E TRASFUSIONE DIRETTORE: DOTT. F. BERTOLA SERVIZIO DI IMMUNOEMATOLOGIA E TRASFUSIONE DIRETTORE: DOTT. F. BERTOLA 1 Donazione di midollo: perché donare? vil 70% dei malati affetti da empopatie NON ha un donatore compatibile all interno della famiglia

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE GAVA, ANTONIONE, MISTRELLO DESTRO, SANTORI, SARDELLI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE GAVA, ANTONIONE, MISTRELLO DESTRO, SANTORI, SARDELLI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 5097 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI GAVA, ANTONIONE, MISTRELLO DESTRO, SANTORI, SARDELLI Disposizioni sanzionatorie per la violazione

Dettagli

LA DONAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE informazione e sensibilizzazione

LA DONAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE informazione e sensibilizzazione LA DONAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE informazione e sensibilizzazione Dr.ssa Barbara Grecchi Direzione Formazione e HPH Azienda Ospedaliera della Provincia di Lodi 1 Che cos è il sangue del cordone

Dettagli

metodi, tecniche, farmaci

metodi, tecniche, farmaci Giorn. It. Ost. Gin. Vol. XXXII - n. 1 Gennaio-Febbraio 2010 metodi, tecniche, farmaci La cultura del trapianto di cellule staminali ematopoietiche da sangue placentare attraverso i mezzi di informazione

Dettagli

DIAGRAMMA DI FLUSSO ESPORTAZIONE S.C.O. PER USO AUTOLOGO (all.1)

DIAGRAMMA DI FLUSSO ESPORTAZIONE S.C.O. PER USO AUTOLOGO (all.1) DIAGRAMMA DI FLUSSO ESPORTAZIONE S.C.O. PER USO AUTOLOGO (all.1) I diretti interessati si recano presso la struttura all'uopo identificata: Direzione Sanitaria (DS) sede del parto per tutte le Aziende

Dettagli

La donazione del sangue da cordone ombelicale

La donazione del sangue da cordone ombelicale La donazione del sangue da cordone ombelicale Il sangue del cordone ombelicale è una fonte importante di cellule staminali emopoietiche Le cellule staminali emopoietiche: sono cellule in grado di dividersi

Dettagli

D1: ORGANIZZAZIONE DEI CR (Centri Raccolta)

D1: ORGANIZZAZIONE DEI CR (Centri Raccolta) Lettera progressiva A Data di entrata in vigore: 1 Luglio 2010 Revisione n : 1 Data revisione programmata: 1 Lugl io 2011 Pagina 1 di 5 D1: ORGANIZZAZIONE DEI CR (Centri Raccolta) DISCIPLINARE DEI REQUISITI

Dettagli

Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue

Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue Per semplicità redazionale nel testo seguente si utilizza la sola forma al maschile. Naturalmente tutte le denominazioni vanno intese anche

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA N. 627 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori LIBÈ, MARCONI, POLI, MONACELLI, BUTTIGLIONE, MAFFIOLI, TREMATERRA, FORTE, ZANOLETTI, MANNINO, CUFFARO, PETERLINI,

Dettagli

CONVENZIONE PER L ADESIONE ALLA RACCOLTA DEL SANGUE CORDONALE

CONVENZIONE PER L ADESIONE ALLA RACCOLTA DEL SANGUE CORDONALE CONVENZIONE PER L ADESIONE ALLA RACCOLTA DEL SANGUE CORDONALE L AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI BOLOGNA (CF 92038610371), con sede in Bologna - via Albertoni n. 15, nella persona del Dirigente Responsabile

Dettagli

DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO

DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO Ogni anno migliaia di bambini e di giovani adulti si ammalano di leucemia e di altre malattie del sangue. Queste malattie che fino a pochi anni fa portavano generalmente alla

Dettagli

DONAZIONE DELLA CORNEA E MEMBRANA AMNIOTICA

DONAZIONE DELLA CORNEA E MEMBRANA AMNIOTICA DONAZIONE DELLA CORNEA E MEMBRANA AMNIOTICA Donare le cornee è una grande opportunità, possibile per tutti, ed è un gesto di grande rilevanza sociale. La donazione di cornee ed il successivo trapianto

Dettagli

La donazione solidale di. sangue di cordone ombelicale

La donazione solidale di. sangue di cordone ombelicale Servizio Trasfusionale La donazione solidale di sangue di cordone ombelicale Informazioni utili Il presente opuscolo è stato realizzato a cura del: - Dipartimento Patologia Clinica e Medicina Trasfusionale

Dettagli

STAMINALI EMOPOIETICHE

STAMINALI EMOPOIETICHE IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI EMOPOIETICHE dott.ssa Anna Paola Iori Cellula staminale Tipi di trapianto Trapianto autologo Trapianto allogenico Le CSE vengono prelevate al Le CSE vengono prelevate

Dettagli

Processazione e crioconservazione delle cellule staminali da cordone ombelicale: esperienza del Servizio di Immunoematologia e Trasfusione di Mantova

Processazione e crioconservazione delle cellule staminali da cordone ombelicale: esperienza del Servizio di Immunoematologia e Trasfusione di Mantova Processazione e crioconservazione delle cellule staminali da cordone ombelicale: esperienza del Servizio di Immunoematologia e Trasfusione di Mantova PP. Pagliaro, C. Glingani, S. Saia, B. Presciuttini

Dettagli

l Allegato II Sala Cesari Casa del Donatore Bologna, sabato 16 gennaio 2016

l Allegato II Sala Cesari Casa del Donatore Bologna, sabato 16 gennaio 2016 Decreto Ministero della Salute 2.11.2015 pubblicato su GURI SG n.300 del 28.12.2015 "Disposizioni relative ai requisiti di qualità e sicurezza del sangue e degli emocomponenti" Coordinatore del Comitato

Dettagli

Legge regionale 18 dicembre 2007, n. 23

Legge regionale 18 dicembre 2007, n. 23 Legge regionale 18 dicembre 2007, n. 23 Istituzione del Registro dei donatori di cellule staminali emopoietiche Regolamentazione e organizzazione della rete di raccolta (B. U. Regione Basilicata N. 58

Dettagli

Carta dei Servizi della Banca del Sangue di Cordone Ombelicale di Sciacca

Carta dei Servizi della Banca del Sangue di Cordone Ombelicale di Sciacca AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI AGRIGENTO Presidio Ospedaliero Giovanni Paolo II Sciacca RETE TRASFUSIONALE ASP AG UNITÀ OPERATIVA COMPLESSA di COORDINAMENTO DI MEDICINA TRASFUSIONALE Direttore: Dott.

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE PROVINCIALE. Lotta alle leucemie ed altre malattie ematologiche. Istituzione di una banca per la conservazione di cordoni ombelicali

DISEGNO DI LEGGE PROVINCIALE. Lotta alle leucemie ed altre malattie ematologiche. Istituzione di una banca per la conservazione di cordoni ombelicali GRUPPO CONSILIARE PROVINCIALE Via Crispi 6 39100 BOLZANO Tel. 0471 946257 Consigliere Mauro Minniti www.minnitimauro.it info@minnitimauro.it Presentato dal Consigliere provinciale del Popolo della Libertà

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome VASSANELLI AURORA ESPERIENZA LAVORATIVA Date (da a) Tipo di azienda o settore Tipo di impiego Principali

Dettagli

IBMDR ITALIAN BONE MARROW DONOR REGISTRY

IBMDR ITALIAN BONE MARROW DONOR REGISTRY IBMDR ITALIAN BONE MARROW DONOR REGISTRY REGISTRO ITALIANO DONATORI MIDOLLO OSSEO fondato nel 1989 PRESSO Ospedali Galliera di Genova 1 FINALITA procurare ai pazienti ematologici in attesa di trapianto,

Dettagli

Per la vita di chi ti sta a cuore

Per la vita di chi ti sta a cuore Per la vita di chi ti sta a cuore Cos è il sangue cordonale? Perchè conservare le cellule staminali? Chi è FamiCord Come opera FamiCord Perchè affidarsi a FamiCord Procedure e tempistica I trapianti con

Dettagli

GUIDA ALLA DONAZIONE DEL SANGUE CORDONALE

GUIDA ALLA DONAZIONE DEL SANGUE CORDONALE GUIDA ALLA DONAZIONE DEL SANGUE CORDONALE Nel momento più bello e meraviglioso della vita, la nascita di un figlio, ogni mamma può scegliere di essere mamma 2 volte : offrendo una speranza di guarigione

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA N. 267 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa della senatrice VALPIANA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 5 MAGGIO 2006 Istituzione delle banche per la conservazione del sangue

Dettagli

Il donatore di emocomponenti e di cellule staminali emopoietiche: attualità e prospettive

Il donatore di emocomponenti e di cellule staminali emopoietiche: attualità e prospettive Il donatore di emocomponenti e di cellule staminali emopoietiche: attualità e prospettive Donazione di cellule staminali emopoietiche, aspetti normativi Dr.ssa Letizia Lombardini San Donato Milanese, 23

Dettagli

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A X I I I L E G I S L A T U R A N. 1152 D I S E G N O D I L E G G E d iniziativa del senatore TERRACINI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 31 LUGLIO 1996 Istituzione

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1946 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI PORETTI, BELTRANDI, BIANCHI, CAPEZZONE, CIOFFI, DATO, DE ZULUETA, D ELIA, DIOGUARDI, GARNERO

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI Proposta di legge 5097 XVI Legislatura

CAMERA DEI DEPUTATI Proposta di legge 5097 XVI Legislatura CAMERA DEI DEPUTATI Proposta di legge 5097 XVI Legislatura Disposizioni sanzionatorie per la violazione della disciplina in materia di prelievo, conservazione e utilizzazione del sangue del cordone ombelicale

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE FARINA COSCIONI, MAURIZIO TURCO, BERNARDINI, BELTRANDI, MECACCI, ZAMPARUTTI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE FARINA COSCIONI, MAURIZIO TURCO, BERNARDINI, BELTRANDI, MECACCI, ZAMPARUTTI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2859 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI FARINA COSCIONI, MAURIZIO TURCO, BERNARDINI, BELTRANDI, MECACCI, ZAMPARUTTI Disposizioni

Dettagli

Percorso alla donazione di sangue da cordone nella Regione Lazio: Banca SCO Policlinico Umberto I Gabriella Girelli

Percorso alla donazione di sangue da cordone nella Regione Lazio: Banca SCO Policlinico Umberto I Gabriella Girelli Corso Regionale per Dirigenti Associativi donatori del sangue Percorso alla donazione di sangue da cordone nella Regione Lazio: Banca SCO Policlinico Umberto I Gabriella Girelli Sapienza Università di

Dettagli

ADISCO IN TOSCANA BANCHE IN TOSCANA

ADISCO IN TOSCANA BANCHE IN TOSCANA ADISCO IN TOSCANA BANCHE IN TOSCANA Sezione Regionale Toscana O.N.L.U.S. Via del Lazzeretto 168/15 59100 Prato (PO) C.P. 340 Tel. e fax 0574.540002 - Cell. 335.1341929 e-mail: segreteria@ adiscotoscana.it

Dettagli

INDICE 1. LABORATORIO DI CRIOPRESERVAZIONE 1.1 ASPETTI GENERALI 1.1.2 DOTAZIONI MINIME 1.1.3 DOTAZIONI RACCOMANDATE 1.1.4 DOTAZIONI OTTIMALI

INDICE 1. LABORATORIO DI CRIOPRESERVAZIONE 1.1 ASPETTI GENERALI 1.1.2 DOTAZIONI MINIME 1.1.3 DOTAZIONI RACCOMANDATE 1.1.4 DOTAZIONI OTTIMALI FRANCESCO ZINNO CARATTERISTICHE STRUTTURALI DI UNA BANCA DEL SANGUE PLACENTARE; PROCEDURE DI PRELIEVO, TRASPORTO, MANIPOLAZIONE E STOCCAGGIO DELLE UNITÀ DI CELLULE STAMINALI DA CORDONE OMBELICALE INDICE

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE SANITARIA UFFICIO VIII ORDINANZA

DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE SANITARIA UFFICIO VIII ORDINANZA DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE SANITARIA UFFICIO VIII ORDINANZA Misure urgenti in materia di cellule staminali da cordone ombelicale. IL MINISTRO

Dettagli

Ventesimo anniversario del Registro Italiano Donatori di CSE

Ventesimo anniversario del Registro Italiano Donatori di CSE Ventesimo anniversario del Registro Italiano Donatori di CSE Il 2009 rappresenta un anno di grande importanza per il Registro Italiano Donatori di Midollo Osseo (IBMDR): si festeggia, infatti, il ventesimo

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 18-12-2007 REGIONE BASILICATA

LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 18-12-2007 REGIONE BASILICATA LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 18-12-2007 REGIONE BASILICATA Istituzione del Registro dei donatori di cellule staminali emopoietiche Regolamentazione e organizzazione della rete di raccolta. Fonte: BOLLETTINO

Dettagli

BIOTECNOLOGIE HEMATOS

BIOTECNOLOGIE HEMATOS BIOTECNOLOGIE HEMATOS al servizio della famiglia CONSERVAZIONE DEL SANGUE DA CORDONE OMBELICALE NOVITÀ Il Kit di prelievo e trasporto più evoluto LUI O LEI? TEST DI DETERMINAZIONE DEL SESSO FETALE PERCHÈ

Dettagli

Lo screening dell aplotiplo nella diagnosi della celiachia

Lo screening dell aplotiplo nella diagnosi della celiachia Martedì 7 giugno 2011 Lo screening dell aplotiplo nella diagnosi della celiachia Dott.ssa Lucia Terzuoli Dipartimento di Medicina Interna, Scienze Endocrino-Metaboliche e Biochimica Università degli Studi

Dettagli

SANGUE CORDONALE: STOCCAGGIO PER TRAPIANTO ED USO NON TRAPIANTOLOGICO

SANGUE CORDONALE: STOCCAGGIO PER TRAPIANTO ED USO NON TRAPIANTOLOGICO SANGUE CORDONALE: STOCCAGGIO PER TRAPIANTO ED USO NON TRAPIANTOLOGICO Intervento di Pasqualepaolo Pagliaro e Marina Buzzi al Convegno UniSalute Le cellule staminali e il loro impiego attuale nella clinica

Dettagli

BANCA DEL SANGUE CORDONALE

BANCA DEL SANGUE CORDONALE La Banca del sangue cordonale è una struttura sanitaria pubblica autorizzata dal Ministero e dalle Regioni che raccoglie, valida,caratterizza, conserva e distribuisce le unità donate ai Centri di Trapianto,

Dettagli

VISTO l Accordo 23 settembre 2004 tra il Ministro della Salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano sul documento recante:

VISTO l Accordo 23 settembre 2004 tra il Ministro della Salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano sul documento recante: Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE SANITARIA UFFICIO VIII - SETTORE SALUTE Ordinanza

Dettagli

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI. Franco Papola Via Sott Onna,11 ESPERIENZA LAVORATIVA

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI. Franco Papola Via Sott Onna,11 ESPERIENZA LAVORATIVA F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Franco Papola Via Sott Onna,11 Telefono 0862368236 Cellulare Fax 3293528971 0862368603 E-mail fpapola@asl1abruzzo.it Cod.Fiscale

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE MINISTERO DELLA SALUTE ORDINANZA 4 maggio 2007 Misure urgenti in materia di cellule staminali da cordone ombelicale. (GU n.110 del 14-5-2007) IL MINISTRO DELLA SALUTE Visto l'art. 32 della legge 23 dicembre

Dettagli

- per uso dedicato al neonato o a consanguineo con patologia in atto al momento della raccolta;

- per uso dedicato al neonato o a consanguineo con patologia in atto al momento della raccolta; Cellule staminali da cordone ombelicale: misure urgenti Ministero Salute, ordinanza 04.05.2007, G.U. 14.05.2007 (Gesuele Bellini) Pubblicata nella Gazzetta Ufficiale del 14 maggio 2007, l ordinanza del

Dettagli

INSERTO LA DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO ED IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI EMOPOIETICHE

INSERTO LA DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO ED IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI EMOPOIETICHE LA DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO ED IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI EMOPOIETICHE Il trapianto allogenico (da donatore) di cellule staminali emopoietiche (midollo osseo, sangue periferico, sangue cordonale)

Dettagli

GUIDA PER L UTENTE. Responsabile: Dott.ssa Arnalda Lanfranchi

GUIDA PER L UTENTE. Responsabile: Dott.ssa Arnalda Lanfranchi Pagina 1 di 11 Dipartimento di Diagnostica di Laboratorio Responsabile: Prof. Arnaldo Caruso Sezione Specializzata di Ematologia e Coagulazione Responsabile: Dott.ssa Arnalda Lanfranchi Pagina 2 di 11

Dettagli

Le cellule staminali Una breve chiacchierata sull argomento

Le cellule staminali Una breve chiacchierata sull argomento Le cellule staminali Una breve chiacchierata sull argomento Cosa sono Le cellule staminali sono cellule primitive non specializzate dotate della singolare capacità di trasformarsi in diversi altri tipi

Dettagli

Disposizioni in materia di conservazione di cellule staminali da sangue del cordone ombelicale per uso autologo dedicato

Disposizioni in materia di conservazione di cellule staminali da sangue del cordone ombelicale per uso autologo dedicato DECRETO 18 novembre 2009 Disposizioni in materia di conservazione di cellule staminali da sangue del cordone ombelicale per uso autologo dedicato IL MINISTRO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE

Dettagli

IL SEGRETARIO (dott.ssa Alessandra Forgiarini)

IL SEGRETARIO (dott.ssa Alessandra Forgiarini) FEDERFARMA FRIULI VENEZIA GIULIA UNIONE REGIONALE TITOLARI DI FARMACIA DEL FRIULI VENEZIA GIULIA Circolare n. 046/11 Trieste, 11 aprile 2011 Alle Farmacie delle province di Gorizia Pordenone Trieste Udine

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI. Nome CLAUDIO FAVRE. Nazionalità. Italiana Data di nascita 8 novembre 1954

INFORMAZIONI PERSONALI. Nome CLAUDIO FAVRE. Nazionalità. Italiana Data di nascita 8 novembre 1954 C U R R I C U L U M V I T A E E U R O P E O INFORMAZIONI PERSONALI Nome Nazionalità CLAUDIO FAVRE Italiana Data di nascita 8 novembre 1954 ESPERIENZA LAVORATIVA Da luglio 2015 è Direttore del Centro Regionale

Dettagli

IL SANGUE È UN BENE CHE NON SI PUÒ COMPRARE.

IL SANGUE È UN BENE CHE NON SI PUÒ COMPRARE. IL SANGUE È UN BENE CHE NON SI PUÒ COMPRARE. SI PUÒ SOLO DONARE! DIVENTA UN DONATORE ED OGNI TUA STILLA DIVENTERÀ UN PALPITO PER IL CUORE DI UN ALTRO! Misericordia di Pietrasanta Gruppo Fratres Per info

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4949 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI SAVINO, MELONI, ROCCELLA, ANGELI, BARBIERI, COMPA- GNON, DE NICHILO RIZZOLI, DELFINO, DI

Dettagli

Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue

Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue Per semplicità redazionale nel testo seguente si utilizza la sola forma al maschile. Naturalmente tutte le denominazioni vanno intese anche

Dettagli

AUTOLOGHE, ALLOGENICHE, SINGENICHE.

AUTOLOGHE, ALLOGENICHE, SINGENICHE. CELLULE STAMINALI Il termine trapianto di midollo osseo è oggi sostituito da trapianto di cellule staminali. Queste possono essere AUTOLOGHE, ALLOGENICHE, SINGENICHE. Il trapianto di celule staminali è

Dettagli

La donazione del cordone ombelicale: l esperienza della clinica ostetrico-ginecologica di Udine dal 2002 al 2006

La donazione del cordone ombelicale: l esperienza della clinica ostetrico-ginecologica di Udine dal 2002 al 2006 Giorn. It. Ost. Gin. Vol. XXIX - n. 6/7 Giugno-Luglio 2007 articoli originali La donazione del cordone ombelicale: l esperienza della clinica ostetrico-ginecologica di Udine dal 2002 al 2006 G. CACCIAGUERRA,

Dettagli

1 di 5 20/01/15 12:01

1 di 5 20/01/15 12:01 N u m e rr o A :49643 tt tt i i A g g i i o rr n a tt : o 19 a gennaio l l 2015 HOME SERVIZI NEWS NEWSLETTER DIRETTIVE UE NUOVA RICERCA Dettaglio atto STAMPA ATTO SUDDIVISO 0 MINISTERO DEL LAVORO, DELLA

Dettagli

CARTELLA CLINICA PER IL DONATORE DI SANGUE OMOLOGO

CARTELLA CLINICA PER IL DONATORE DI SANGUE OMOLOGO CARTELLA CLINICA PER IL DONATORE DI SANGUE OMOLOGO MODULO DI ACCETTAZIONE E CONSENSO ALLA DONAZIONE Cognome.. Nome.. Professione.. M F Nato a... (Prov.) il. Codice Fiscale Residente in. Via... N.. Cap

Dettagli

OGGETTO: Istanza di interpello - IRPEF detrazione - spese sanitarie conservazione cellule staminali - art 15 - DPR 22 dicembre 1986, n.

OGGETTO: Istanza di interpello - IRPEF detrazione - spese sanitarie conservazione cellule staminali - art 15 - DPR 22 dicembre 1986, n. RISOLUZIONE N. 155/E Roma, 12 giugno 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello - IRPEF detrazione - spese sanitarie conservazione cellule staminali - art 15 - DPR 22

Dettagli

consentire la nascita e lo sviluppo della rete di Banche di sangue del cordone ombelicale sul territorio nazionale.

consentire la nascita e lo sviluppo della rete di Banche di sangue del cordone ombelicale sul territorio nazionale. L'Associazione Donatrici Italiane Sangue del Cordone Ombelicale è nata nell'ottobre 1995 come associazione di donne disposte a donare, dopo il parto, il sangue del cordone ombelicale che sarebbe altrimenti

Dettagli

ALLEGATO _I _ Dgr n. del pag. 1/6

ALLEGATO _I _ Dgr n. del pag. 1/6 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO _I _ Dgr n. del pag. 1/6 Progetto ex Accordo Stato-Regioni rep. atti 84/CSR del 20 aprile 2011 per l utilizzo delle risorse vincolate per la realizzazione degli

Dettagli

LE NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA LE CELLULE STAMINALI

LE NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA LE CELLULE STAMINALI LE NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA LE CELLULE STAMINALI DEFINIZIONE DI CELLULA STAMINALE Le cellule staminali si caratterizzano per le loro capacità biologiche. Capacità di automantenimento: sono in grado

Dettagli

LE CELLULE STAMINALI DEL CORDONE OMBELICALE: RACCOLTA, CONSERVAZIONE ED UTILIZZO A CURA DI:

LE CELLULE STAMINALI DEL CORDONE OMBELICALE: RACCOLTA, CONSERVAZIONE ED UTILIZZO A CURA DI: LE CELLULE STAMINALI DEL CORDONE OMBELICALE: RACCOLTA, CONSERVAZIONE ED UTILIZZO A CURA DI: Prof. Francesco Zinno INDICE LA CELLULA STAMINALE UTILIZZO DELLE CELLULE STAMINALI CRITERI DI IDONEITÀ PRELIEVO

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ Standard internazionali per raccolta, manipolazione, caratterizzazione, conservazione, selezione e distribuzione del sangue cordonale Seconda edizione (2001) degli standard

Dettagli

Bur n. 11 del 08/02/2011

Bur n. 11 del 08/02/2011 Bur n. 11 del 08/02/2011 Sanità e igiene pubblica Deliberazioni della Giunta Regionale N. 12 del 11 gennaio 2011 lr 22/02 definizione dei requisiti di autorizzazione all'esercizio e di accreditamento istituzionale

Dettagli

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A X I I I L E G I S L A T U R A N. 941 D I S E G N O D I L E G G E d iniziativa dei senatori FUMAGALLI CARULLI, CIRAMI, NAVA, NAPOLI Bruno e NAPOLI Roberto COMUNICATO

Dettagli

Istruzione Operativa: Esportazione di sangue da cordone ombelicale per uso autologo presso Banche estere

Istruzione Operativa: Esportazione di sangue da cordone ombelicale per uso autologo presso Banche estere Istruzione Operativa: Esportazione di sangue da cordone ombelicale per uso autologo presso Banche estere Pr eparazion e Referente GdL C. Contessa Verifica Verifica sostenibilità organizzativa UOC Qualità

Dettagli

Senato della Repubblica Commissione Igiene e sanità Roma. 19 marzo 2014

Senato della Repubblica Commissione Igiene e sanità Roma. 19 marzo 2014 Riccardo Saccardi, Banca Sangue Placentare Firenze Roberta Destro, Banca Sangue Placentare Padova Michele Santodirocco, Banca Sangue Placentare S. Giovanni Rotondo Senato della Repubblica Commissione Igiene

Dettagli

Protocollo Operativo

Protocollo Operativo Protocollo Operativo Rete Regionale Interaziendale per la raccolta di Cellule Staminali Cordonali SCO Rev. 1.0 Premessa... 2 Promozione e informazione su donazione SCO... 2 Unità operative coinvolte...

Dettagli