Tomeex Bioimpedenza Tomografica Extracellulare Analisi qualitativa dello stress e dell'infiammazione cronica

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "www.portaledinu.it Tomeex Bioimpedenza Tomografica Extracellulare Analisi qualitativa dello stress e dell'infiammazione cronica"

Transcript

1 Tomeex Bioimpedenza Tomografica Extracellulare Analisi qualitativa dello stress e dell'infiammazione cronica Nuovo dispositivo TomEEx data: 17 gennaio 2009 Autore: D. Boschiero 1

2 Tomeex Bioimpedenza Tomografica Extracellulare TomEEx è un dispositivo medico non invasivo per l'analisi tomografica della bioimpedenza extracellulare che permette di valutare la presenza e la localizzazione di processi infiammatori, e lo stato di attivazione del sistema di reazione allo stress. Ministero della Salute classificazione nazionale dei dispositivi medici CND: Z STRUMENTAZIONE PER MONITORAGGIO E DIAGNOSI IN MEDICINA GENERALE - APPARECCHIATURA PER TOMOGRAFIA ELETTROLITICA EXTRACELLULARE Applicazioni medicina delle cure primarie ed internistica; diagnostica, prevenzione clinica e benessere; psichiatria, psicologia. Nuovo dispositivo TomEEx data: 17 gennaio 2009 Autore: D. Boschiero 2

3 Mus, Stress e Infiammazione cronica La maggior parte delle persone adulte soffre o ha sofferto di sintomi vaghi, vale a dire di quella larga famiglia di disturbi di varia natura che solo raramente sfocia in una diagnosi precisa, mantenendosi invece piuttosto spesso entro i contorni di quadri clinici generalmente alterati, ma non al punto da apparire patologici. La letteratura scientifica definisce complessivamente MUS (Medically Unexplained Symptoms, sintomi vaghi ed aspecifici) questo tipo di disturbi. L'insorgenza di queste problematiche si correla spesso a degli squilibri metabolico-ormonali di cui i sintomi rappresentano solo le conseguenze evidenti. Tra le cause più ricorrenti dei MUS si collocano le alterazioni provocate dall'attivazione persistente del sistema neuroendocrino di reazione allo stress e dai processi infiammatori cronici. Nuovo dispositivo TomEEx data: 17 gennaio 2009 Autore: D. Boschiero 3

4 Mus, Stress e Infiammazione cronica Tra i più comuni disturbi descritti dalla letteratura sui MUS si trovano molte fra le problematiche più frequenti in ambito di medicina generale: frequente sensazione di stanchezza generale; accelerazione del battito cardiaco; difficoltà di concentrazione; attacchi di panico, crisi di pianto, depressione, frustrazione, ansia, sensazione di noia; disturbi del sonno (insonnia e/o sonnolenza persistenti); alterazioni dell apparato muscolo-scheletrico; disturbi funzionali a carico dell apparato gastro-intestinale; alterazione della funzionalità della tiroide, disturbi ormonali aspecifici; disturbi funzionali a carico dell apparato cardiocircolatorio (es.ipertensione, ipotensione) cambio delle masse corporee non associate a cambiamenti nutrizionali (alterazioni metaboliche); irritabilità psicofisica; abbassamento delle difese immunitarie con maggiore vulnerabilità alle malattie; cefalee; problemi dermatologici; disturbi della sfera sessuale. Nuovo dispositivo TomEEx data: 17 gennaio 2009 Autore: D. Boschiero 4

5 Mus, Stress e Infiammazione cronica L'analisi TomEEx rappresenta un fondamentale sussidio alla diagnosi differenziale del problema. Il sistema è utile ad analizzare i casi in cui sia necessario valutare lo stato del sistema di reazione allo stress, incentrato sulla catena di relazioni dell'asse HPA (Hypothalamus-Pituitary-Adrenal, Ipotalamo- Ipofisi-Surrene). Attraverso la generazione di un impercettibile stimolo stressogeno a bassa frequenza ed intensità, il dispositivo è in grado di valutare i gradi di attivazione e reazione dell'organismo, evidenziando la capacità di quest'ultimo di ristabilire un'omeostasi fisiologica locale e/o sistemica. Nuovo dispositivo TomEEx data: 17 gennaio 2009 Autore: D. Boschiero 5

6 Tomeex Bioimpedenza Tomografica Extracellulare La bioimpedenza extracellulare è il grado di resistenza elettrica dell'ambiente extracellulare al passaggio della corrente elettrica. La misura della bioimpedenza extracellulare avviene tramite coppie di elettrodi poste alle estremità dei distretti da analizzare dove viene fatta passare una debolissima corrente a bassa frequenza (max 100 µa e frequenza inferiore a 5000 Hz). A seconda della bioimpedenza extracellulare corporea, il valore della corrente può variare da un minimo di 0 µa ad un massimo di 100 µa con una variazione della resistenza dei tessuti che va da un massimo di 1 MΩ ad un minimo di 8 KΩ. Per effettuare un'analisi di tutto l'organismo (analisi tomografica) vengono applicati dieci elettrodi in determinati distretti corporei i quali permettono di rappresentarne la distribuzione della biompedenza extracellulare. Nuovo dispositivo TomEEx data: 17 gennaio 2009 Autore: D. Boschiero 6

7 Presenza e la localizzazione di processi infiammatori Tomeex Bioimpedenza Tomografica Extracellulare La variazione della bioimpedenza extracellulare dipende dalla concentrazione e distribuzione dell'acqua extracellulare (fluidi ed elettroliti extracellulari) DECW Distribution Extracellular Water La diminuzione della bioimpedenza e quindi l'aumento della conducibilità dipende dall'aumento dell'acqua extracellulare determinato dall'eventuale presenza di processi infiammatori e/o scarto da alterazioni metaboliche DECW + L'aumento della bioimpedenza e quindi la diminuzione della conducibilità dipende dalla perdita dell'acqua extracellulare (disregolazione idroelettrolitica). DECW - La distribuzione DECW+ e DECW- viene calcolata rispetto al valore medio basale sistemico dell'acqua extracellulare del soggetto analizzato (media della conducibilità basale - BEC). BEC Basal Extracellular Conductance Nuovo dispositivo TomEEx data: 17 gennaio 2009 Autore: D. Boschiero 7

8 Analisi della distribuzione elettrolitica extracellulare Presenza e la localizzazione di processi infiammatori DECW+: processi infiammatori e/o scarto da alterazione metabolica Vengono rappresentate le regioni con processi infiammatori, forte scarto nell'ambiente extracellulare da reazione acida da attività catabolica, eccesso persistente di sodio, forte attivazione dell'aldosterone o farmaci modulatori della flogosi. (Rappresentate graficamente dalla più alla meno alterata) DECW-: disregolazione della distribuzione idroelettrolitica sistemica Vengono rappresentate le regioni con forte disidratazione, perdita di minerali fondamentali, farmaci modulatori idroelettrolitici (diuretici), alterata modulazione ADH/Aldosterone fisiologica o farmacologica. (Rappresentate graficamente dalla più alla meno alterata) Nuovo dispositivo TomEEx data: 17 gennaio 2009 Autore: D. Boschiero 8

9 Infiammazione: effetti locali e sistemici Presenza e la localizzazione di processi infiammatori Nuovo dispositivo TomEEx data: 17 gennaio 2009 Autore: D. Boschiero 9

10 Infiammazione: effetti locali e sistemici Presenza e la localizzazione di processi infiammatori Processo infiammatorio acuto Nuovo dispositivo TomEEx data: 17 gennaio 2009 Autore: D. Boschiero 10

11 Infiammazione: effetti locali e sistemici Presenza e la localizzazione di processi infiammatori Processo infiammatorio cronico Persistenza nel tempo del processo infiammatorio Nuovo dispositivo TomEEx data: 17 gennaio 2009 Autore: D. Boschiero 11

12 Infiammazione: effetti locali e sistemici Presenza e la localizzazione di processi infiammatori Prolungata persistenza di stimoli deboli Nuovo dispositivo TomEEx data: 17 gennaio 2009 Autore: D. Boschiero 12

13 Infiammazione: alterazione idroelettrolitica locale e sistemica infiammazione disregolazione DECW+ (0 100 µa) ECW DECW- (0 100 µa) Media BEC cronico Nuovo dispositivo TomEEx data: 17 gennaio 2009 Autore: D. Boschiero 13 TBW 0 µa 100 µa normo acuto Il livello media BEC dipende dall'assenza o dal grado di persistenza acuta o cronica degli stressors sia endogeni (processi infiammatori persistenti) che esogeni (stressors ambientali) con eventuale alterazione dell'asse HPA e perdita della ritmicità circadiana del cortisolo. Valori media BEC molto bassi rappresentano un grado di attivazione cronico persistente da stressors. Valori media BEC molto alti rappresentano un grado di attivazione/reazione sistemico adeguato alla presenza di stressors. Presenza e la localizzazione di processi infiammatori

14 Regolazione sistemica della capacità tampone (vedi slide Alterazione della capacità tampone nell'organismo ) 1 2 aumento acidosi tissutale aumento ECW Viene valutato, in unità scalari (us), il grado di capacità tampone sistemica dell'organismo. Il range va da 0 a 34 us. Valori tendenti allo 0 indicano attività tampone minima o assente; valori elevati indicano una buona capacità tampone. La funzionalità tampone renale viene indicata come attiva o disregolata a seconda della capacità di modulare l'acidosi fissa. La funzionalità tampone respiratoria viene indicata come attiva o disregolata a seconda della capacità di modulare l'acidosi volatile. Viene indicato "soggetto con acidosi mista" quando la disregolazione interessa sia gli acidi fissi che volatili. Presenza e la localizzazione di processi infiammatori ridotta capacità tampone con aumento acidosi tissutale sistemica diminuzione TBW Nuovo dispositivo TomEEx data: 17 gennaio 2009 Autore: D. Boschiero 14

15 Stress:Eustress e Distress Stress è una risposta fisiologica dell organismo ad un qualsiasi cambiamento operato da stressor che possa turbare l equilibrio psicofisico dell individuo. Stress è un insieme di attivazioni-regolazioni di adattamento agli stressors endogeni ed esogeni. Può essere una reazione fisiologica o con risvolti patologici. Ogni individuo è soggetto a frequenti interazioni di tipo stressogeno, le quali possono provocare come conseguenza delle reazioni psicofisicopatologiche diverse. Lo stress quindi è la prima sollecitazione che l'organismo subisce quando vi è un cambiamento nell'equilibrio tra la sua omeostasi e l'ambiente (endogeno ed esogeno). Nuovo dispositivo TomEEx data: 17 gennaio 2009 Autore: D. Boschiero 15

16 Stress:Eustress e Distress Gli stressors esogeni, ovvero gli elementi ambientali intesi come situazioni, esperienze o persone che producono una sollecitazione sull'organismo, subiscono sempre un'elaborazione di tipo cognitivo, dalla quale dipende in gran parte la reazione della persona (esempio: ansia, attacchi di panico, rabbia, depressione, etc...vedi MUS sintomi vaghi ed aspecifici). Gli stressors endogeni, ovvero tutte quelle sostanze endogene anomale e/o estranee all'organismo come virus, batteri, parassiti, etc. che producono una sollecitazione sull'organismo, subiscono sempre un'attivazione-reazione di tipo non cognitivo, dalla quale dipende in gran parte il sistema immunitario in grado di riconoscere particolari sostanze endogene ma estranee all organismo. Nuovo dispositivo TomEEx data: 17 gennaio 2009 Autore: D. Boschiero 16

17 Stress:Eustress e Distress I vari tipi di stimoli o stressors, esogeni ed endogeni, afferiscono all ipotalamo, distretto che genera feedback neuroimmunoendocrini con il resto dell organismo come risposta-modulazione agli stimoli. Lo stress può essere di due tipi: eustress (attivazione positiva) distress (attivazione negativa o resistente) Nuovo dispositivo TomEEx data: 17 gennaio 2009 Autore: D. Boschiero 17

18 Stress:Eustress e Distress L'eustress (attivazione o arousal), è l intensità dell attivazione fisiologica e comportamentale dell organismo quando deve effettuare una qualunque prestazione psicofisica. L'eustress è quello indispensabile alla vita, che si manifesta sotto forma di stimolazioni ambientali costruttive, interessanti e piacevoli (esogene) e modulazioni immunoendocrine funzionali (endogene). Il distress è invece lo stress negativo, quello che provoca grossi scompensi emotivi e fisici difficilmente risolvibili, con persistenza di stimolazioni immunoendocrine disregolate (endogene) o stimolazioni ambientali anomale (esogene) come ad esempio può essere un lutto inaspettato, un divorzio, una grave malattia, etc... Ognuno di noi risponde agli eventi stressogeni in modo diverso a seconda dello stato psicofisico-patologico in cui ci si trova al momento dell'esposizione agli stressors. Nuovo dispositivo TomEEx data: 17 gennaio 2009 Autore: D. Boschiero 18

19 Stress:Eustress e Distress La risposta allo stress si esplica in tre fasi: Nella prima fase, definita fase di allarme, lo stressor suscita nell'organismo un senso di allerta, uno stato di attivazione psicofisiologica di intensità variabile in risposta agli stimoli significativo per l'individuo (arousal), con conseguente reazione acuta da stressor. Nella seconda fase, definita di resistenza, l'organismo tenta di adattarsi alla situazione e gli indici fisiologici tendono a normalizzarsi anche se lo sforzo attuato è molto intenso e la condizione di omeostasi risulta essere molto labile. Si arriva alla terza fase, definita fase dell'esaurimento, nel caso in cui l'adattamento non sia sufficiente e l'organismo non riesca più a difendersi e la naturale capacità di adattamento venga a mancare. Questa è la situazione più pericolosa, in quanto l'esposizione prolungata a stressor può provocare l'insorgenza di patologie sia fisiche che psichiche: stress cronico. Nuovo dispositivo TomEEx data: 17 gennaio 2009 Autore: D. Boschiero 19

20 Stress cronico Lo stress cronico attiva il circuito dell'asse HPA (ipotalamo-ipofisisurrene...crh,acth,cortisolo), alterando il ritmo circadiano della secrezione di cortisolo. Quest'ormone, conosciuto anche come ormone dello stress, se presente persistente o in quantità superiori alla norma provoca vari disturbi o disregolazioni neuroimmunoendocrine e metaboliche. Per approfondimenti (area documentazione ) Nuovo dispositivo TomEEx data: 17 gennaio 2009 Autore: D. Boschiero 20

21 Stress cronico Nella regolazione ipotalamica il ruolo dell'ormone CRH nella risposta integrata allo stress è rappresentato da molteplici eventi neuroimunoendocrini: Attivazione dell'asse HPA Ipotalamo-Ipofisi-Surrene Attivazione del sistema adrenergico Inibizione della pulsatilità del GnRH con la conseguente inibizione nel rilascio di gonadotropine Incremento dell' attività respiratoria Riduzione dell' attività gastroenterica Alterata risposta immunologica Alterazioni del comportamento Nuovo dispositivo TomEEx data: 17 gennaio 2009 Autore: D. Boschiero 21

22 Stress cronico Sintomi più frequenti da stressors persistenti prolungati (stress cronico): frequente sensazione di stanchezza generale accelerazione del battito cardiaco difficoltà di concentrazione attacchi di panico, crisi di pianto, depressione, frustrazione, ansia, sensazione di noia disturbi del sonno (insonnia e/o sonnolenza persistenti) alterazioni dell apparato muscolo-scheletrico disturbi funzionali a carico dell apparato gastro-intestinale alterazione della funzionalità della tiroide, disturbi ormonali aspecifici disturbi funzionali a carico dell apparato cardio-circolatorio (ipertensione, ipotensione,...) cambio delle masse corporee non associate a cambiamenti nutrizionali (alterazioni metaboliche) irritabilità psicofisica abbassamento delle difese immunitarie con maggiore vulnerabilità alle malattie cefalee problemi dermatologici disturbi della sfera sessuale Nuovo dispositivo TomEEx data: 17 gennaio 2009 Autore: D. Boschiero 22

23 Attivazione del sistema di reazione allo stress Diagnosi dello Stress Cronico La diagnosi del livello di stress cronico a cui è soggetto un individuo non è semplice, data la più o meno aspecificità del fenomeno e la soggettività nel reagire ai diversi fattori di stress endogeni ed esogeni. Il metodo più classico per misurare il livello di stress si basa sulla compilazione di questionari che indagano o la presenza nella vita del paziente di fattori di stress oppure il manifestarsi di sintomi legati allo stress o alla depressione. Risulta chiaro come la soggettività nel reagire ai fattori di stress, o nella stessa valutazione dei sintomi, sia il principale problema di questa metodologia, comunque ampiamente adottata allo stato dell'arte. Nuovo dispositivo TomEEx data: 17 gennaio 2009 Autore: D. Boschiero 23

24 Attivazione del sistema di reazione allo stress Diagnosi dello Stress Cronico Allo stato attuale non viene fatta nessuna diagnosi e follow-up differenziale per quanto riguarda l'origine ed il grado di importanza e persistenza degli stressors esogeni e/o endogeni, capire la loro interazione con disturbi funzionali, malattie organiche o disturbi psicologici. Nel tentativo di rendere la valutazione il più oggettiva possibile, nell'ultimo decennio si è passati a studiare le alterazioni fisiopatologiche dello stress che principalmente dipendono da un'elevata attivazione del sistema nervoso simpatico e una riduzione o inibizione del sistema nervoso parasimpatico, con tutte le conseguenze che derivano da tale situazione. E' quindi molto importante valutare in modo oggettivo la qualità e quantità dello stress e quali meccanismi di attivazione sono in atto nell'organismo per controbilanciare gli stressors. Nuovo dispositivo TomEEx data: 17 gennaio 2009 Autore: D. Boschiero 24

25 Attivazione del sistema di reazione allo stress Diagnosi dello Stress Cronico Lo stress si può quantificare strumentalmente come la variazione di più fattori fisiologici: la secrezione di acetilcolina, noradrenalina, dopamina, serotonina e cortisolo sono indicatori di attivazione del sistema di eccitazione che coinvolge il sistema nervoso autonomo, sistema endocrino, cambio di stato della condizione di vigilanza sensoriale, variazione della frequenza cardiaca e pressione sanguigna e sovrattivazione dei feedback di risposta agli stressors. Tutti questi cambiamenti dell'omeostasi fisiologica portano a delle variazioni idroelettrolitiche locali e/o sistemiche intra ed extracellulari con alterazioni più o meno rapide dei potenziali elettrici e dell'impedenza cutanea. Si è rilevato che, in soggetti con stress cronico, si ha un aumento dell'impedenza cutanea sistemica (ridotta conducibilità), nonché un aumento stabile a riposo della pressione arteriosa e variazione della lunghezza e potenza dei battiti cardiaci. E' noto che la risposta galvanica della pelle risulta dipendente dal cambiamento di conducibilità provocato dall'attività del sistema nervoso autonomo. Nuovo dispositivo TomEEx data: 17 gennaio 2009 Autore: D. Boschiero 25

26 Attivazione del sistema di reazione allo stress Diagnosi dello Stress Cronico La possibilità di usare un bioimpedenziometro tomografico per acquisire la distribuzione della conducibilità basale (BEC) e misurare le variazioni di conducibilità durante la somministrazione di stressors sperimentali ci permette di comprendere meglio la quantità e la qualità degli stressors e la capacità di reazione e regolazione dell'organismo alla persistenza degli stessi. Tipologie di Stressors: fisici come elettrici, l esposizione al freddo, al caldo, meccanici, rumori, etc. metabolici come la riduzione o l'aumento dei livelli glicemici... immunitari come virus, batteri, parassiti... psicologici come esposizione a killer, predatore, etc. psicosociali come un lutto, un divorzio, etc. Nuovo dispositivo TomEEx data: 17 gennaio 2009 Autore: D. Boschiero 26

27 Attivazione del sistema di reazione allo stress Diagnosi dello Stress Cronico Tutti gli stressors inducono una reazione generale dei meccanismi di attivazione/risposta, ma possono essere caratterizzati da stimolazioni diverse verso il sistema nervoso, immunitario o endocrino. E' molto importante ricordare che l intensità, la frequenza e la durata dello stressor può condizionare l entità dell'attivazione/risposta. Stressor troppo persistenti e prolungati nel tempo (stress cronico) sono in grado di superare la capacità di reazione che ha l organismo e di iniziare un processo patologico. Nuovo dispositivo TomEEx data: 17 gennaio 2009 Autore: D. Boschiero 27

28 Metodo di Misura Per analizzare la quantità e la qualità dello stress vengono utilizzati degli stressors di laboratorio noti; nel nostro caso abbiamo utilizzato lo stimolo elettrico a bassa frequenza ed intensità generato dallo stesso conduttimetro. Stressor elettrico: corrente a bassa frequenza inferiore a 1000 Hz con intensità variabile da 0 a 100 µa, dipendente dall'impedenza corporea. La misura delle reazioni psicofisiche alla presenza dello stressor avviene in tempo reale con la lettura delle variazioni di conducibilità acquisite con lo stesso bioimpedenziometro. Vengono effettuate le rilevazioni in 17 segmenti del corpo umano per avere con buona precisione la distribuzione della conducibilità sistemica e le sue variazioni (vedi zone manuale istruzioni per l'uso dispositivo TomEEx). Nuovo dispositivo TomEEx data: 17 gennaio 2009 Autore: D. Boschiero 28

29 Metodo di Misura Sequenza di come avviene la rilevazione della reazione/attivazione alla somministrazione dello stressor: - zona esempio: Tsx-Tdx - acquisizione della conducibilità basale espressa in μa; - somministrazione dello stressor per pochi secondi (circa 4 sec.); - acquisizione della probabile variazione di conducibilità determinata dalla reazione/attivazione alla presenza dello stressor; se la misura della variazione di conducibilità produce come dato una diminuzione o non variazione si procede con ulteriore somministrazione dello stressor e nuova misura della conducibilità; questo processo di approfondimento della qualità della reazione-attivazione allo stressor va avanti in tutte le zone dove la reazione non abbia prodotto un aumento della conducibilità; questo garantisce una pulizia da eventuali falsi positivi/negativi e un'analisi dinamica di come avviene l'eventuale attivazione/reazione sia locale che sistemica. Nuovo dispositivo TomEEx data: 17 gennaio 2009 Autore: D. Boschiero 29

30 Metodo di Misura Le possibili evidenze di reazione/attivazione sono: 1 Aumento della conducibilità Fase di Allarme Attivazione/reazione fisiologica alla presenza di stressors che suscita nell'organismo un senso di allerta, uno stato di attivazione psicofisiologica di intensità variabile in risposta agli stimoli; quanto maggiore sarà l'aumento di conducibilità tanto maggiore sarà l'arousal (reazione acuta da stressor condizione di Iper-Attivazione) Nuovo dispositivo TomEEx data: 17 gennaio 2009 Autore: D. Boschiero 30

31 Metodo di Misura Le possibili evidenze di reazione/attivazione sono: 2 Conducibilità invariata Fase di Resistenza Nessuna reazione quantitativa evidente alla presenza di stressors; l'organismo tenta di adattarsi alla situazione e gli indici fisiologici tendono ma con molta difficoltà a normalizzarsi con uno sforzo sistemico attuato molto intenso; la condizione di omeostasi risulta molto difficoltosa da mantenere. Nuovo dispositivo TomEEx data: 17 gennaio 2009 Autore: D. Boschiero 31

32 Metodo di Misura Le possibili evidenze di reazione/attivazione sono: 3 Diminuzione della conducibilità Fase di Esaurimento Reazione anomala alla presenza di stressors; questo avviene nel caso in cui l'organismo non riesce più a difendersi e la naturale capacità di adattamento viene a mancare; questa è la situazione più pericolosa, in quanto l'esposizione prolungata a stressor può provocare l'insorgenza di patologie sia fisiche che psichiche: questa è la condizione di stress cronico persistente. Nuovo dispositivo TomEEx data: 17 gennaio 2009 Autore: D. Boschiero 32

33 Metodo di Misura ATTENZIONE!!! Nei distretti del corpo che si trovano in Fase di Esaurimento in concomitanza con presenza di processi infiammatori in atto con aumento dell'acqua extracellulare localizzata LECW% (vedi algoritmo processi infiammatori TomEEx) DEVONO essere SEMPRE INDAGATE le possibili cause (esempio accertamenti diagnostici di secondo livello se non ci sono evidenze cliniche già note) Nuovo dispositivo TomEEx data: 17 gennaio 2009 Autore: D. Boschiero 33

34 Analisi quantitativa e qualitativa del sistema di attivazione agli stressors Lo stato di stress si verifica quindi quando esiste uno squilibrio tra stimoli (stressors) e risposta (reazione) agli stimoli. A pari esposizione da stressors si può essere in Iper oppure in Ipo Attivazione. Se modulare lo Stressor (in particolare quello esogeno) risulterà difficile, si renderanno necessarie delle strategie per modulare (ridurre o incrementare) il livello di attivazione/reazione psicofisica sistemica dell'organismo. Lo stato di flow è il livello ottimale di attivazione/reazione associato all' eustress o stress positivo; il flow è caratterizzato da un arousal (attivazione) funzionale utile al raggiungimento della contro-regolazione (obiettivo). Nello stato di flow l attivazione/reazione risulta essere molto efficiente ad attivare tutti i sistemi di regolazione neuroimmunoendocrini e metabolici. Nuovo dispositivo TomEEx data: 17 gennaio 2009 Autore: D. Boschiero 34

35 Analisi quantitativa e qualitativa del sistema di attivazione agli stressors Il sistema di Attivazione/Reazione si può rappresentare in 4 quadranti su un piano cartesiano dove nell'asse orizzontale rappresentiamo il livello di stress (analisi quantitativa) e in quello verticale rappresentiamo il livello di Attivazione/Reazione agli stressors (analisi qualitativa). Asse orizzontale: Livello di Stress (analisi quantitativa) numero zone con attivazione in Fase di Allarme (fisiologica) da un minimo di 0 ad un massimo di 17 zone (17= livello min di stress) Asse verticale: Livello di Attivazione/Reazione (analisi qualitativa) è rappresentato dal livello medio sistemico della conducibilità della cute determinato dalla variazione della resistenza elettrica della pelle (da 8 KΩ fino a 1 MΩ) provocata dai diversi stressors endogeni ed esogeni. Nuovo dispositivo TomEEx data: 17 gennaio 2009 Autore: D. Boschiero 35

36 Analisi quantitativa e qualitativa del sistema di attivazione agli stressors La variazione della conducibilità della cute deriva sostanzialmente dallo stato di umidità della pelle che dipende dall'attività più o meno funzionale delle ghiandole sudoripare sottostanti. La funzione principale delle ghiandole sudoripare è quella di termoregolare ma la loro attivazione cambia rapidamente in condizioni di stress e in condizioni di stress cronico persistente che può portare a dei cambiamenti persistenti della loro attivazione sia locale che sistemica (vedi alterazione neuroimmunoendocrino e metabolico). La variazione della resistenza della pelle varia da un minimo di 8kΩ ad un massimo di 1MΩ. Stati di normo/iper attivazione hanno valori massimi di resistenza pari a 30-40KΩ. Nuovo dispositivo TomEEx data: 17 gennaio 2009 Autore: D. Boschiero 36

37 Note tecniche La nuova release di TomEEX acquisisce la distribuzione tomografica della conducibilità extracellulare in modalità variabile a seconda del numero di zone che richiedono una rilettura tissutale garantendo una riduzione di falsi positivi e falsi negativi e quindi migliorando notevolmente la sensibilità e specificità diagnostica. Errore totale nelle misure max 4%; VP+ (valore predittivo di positività): 96%; Sensibilità min: 86% Specificità min: 85% Numero zone del corpo dove il bioimpedenziomentro indaga: 17 Il tempo di un'indagine di base varia da un minimo di 4 minuti ad un massimo di 12 ma il sistema può, in casi particolari, aumentare il numero di acquisizioni e quindi il tempo necessario per l'esecuzione del test. Questa variabilità dell'indagine dipende sostanzialmente dalla quantità e qualità di attivazione-risposta dell'organismo agli stressors. Nuovo dispositivo TomEEx data: 17 gennaio 2009 Autore: D. Boschiero 37

38 Note tecniche BEC: basal extracellular conductance conducibilità extracellulare basale acquisita nella zona prima della somministrazione dello stressor media BEC valore medio della conducibilità basale sistemica ECR: extracellular conductance response conducibilità extracellulare acquisita nella zona dopo la somministrazione dello stressor; si possono avere più misure ECR a seconda del grado di attivazione/risposta allo stressor Stressor Activation: indica il grado di attivazione/risposta alla somministrazione dello stressor: Functional (fase di allarme) Adaptation (fase di resistenza) Not functional (fase di esaurimento) Nuovo dispositivo TomEEx data: 17 gennaio 2009 Autore: D. Boschiero 38

39 Note tecniche Per ogni zona indagata si possono avere tre tipologie di risposta (Activation/Reaction): - un' attivazione/risposta fisiologica o funzionale definita come fase di allarme - un' attivazione/risposta non adeguata definita fase di resistenza - un' attivazione/risposta non funzionale con reazioni anomale allo stressor definita fase di esaurimento Nuovo dispositivo TomEEx data: 17 gennaio 2009 Autore: D. Boschiero 39

40 Note tecniche Eustress: attivazione funzionale Rappresentazione delle regioni corporee con attivazione o arousal (fase di allarme). Distress: reazione non funzionale Rappresentazione delle regioni corporee in fase di esaurimento o resistenza, elencate secondo il grado di distress dal maggiore al minore. Nuovo dispositivo TomEEx data: 17 gennaio 2009 Autore: D. Boschiero 40

41 Questionario MUS per dispositivo TomEEx Sente da tempo una sensazione di stanchezza generale? Percepisce aumenti del battito cardiaco a riposo? Ha difficoltà di concentrazione? Soffre di attacchi di panico? Ha da tempo crisi di pianto e/o stati di ansia e/o depressione, frustrazione? Soffre da tempo di sonnolenza persistente durante la giornata? Soffre di insonnia? Ha notato alterazioni dell'apparato muscolo-scheletrico (perdita di forza o mobilità,dolori osteoarticolari, etc)? Soffre di disturbi funzionali a carico dell'apparato gastro-intestinale (es. acidità,senso di pienezza, gonfiore, nausea, stipsi, colon irritabile, etc)? Soffre di disturbi ormonali e/o disfunzioni funzionali tiroidee? Soffre di ipertensione o ipotensione? Ha notato un certo abbassamento delle difese immunitarie con maggiore vulnerabilità alle malattie? Soffre di cefalee? Soffre di problemi di tipo dermatologico? Soffre di disturbi della sfera sessuale? Si No Si No Si No Si No Si No Si No Si No Si No Si No Si No Si No Si No Si No Si No Si No Nuovo dispositivo TomEEx data: 17 gennaio 2009 Autore: D. Boschiero 41

42 Stress cronico, MUS e interazioni nel sistema neuroimmunoendocrino Nuovo dispositivo TomEEx data: 17 gennaio 2009 Autore: D. Boschiero 42

43 Interazioni cerebrali tra cortisolo e recettori Cortisolo 1: Recettori MC ippocampo 2: Recettori GC ipotalamo 3: Recettori GC ippocampo 4: Recettori GC amigdala - CRH + CRH I recettori di mineralcorticoidi MC e glucocorticoidi GC vengono attivati a seconda della concentrazione di cortisolo, dai più ai meno affini; il feedback negativo nei confronti del rilascio di CRH può essere invertito qualora il livello di cortisolo sia eccessivo Nuovo dispositivo TomEEx data: 17 gennaio 2009 Autore: D. Boschiero 43

44 Aumento del livello di cortisolo nel cervello Ipofisi + Ipotalamo Recettori Mineralcorticoidi Ippocampo Surrenali Nuovo dispositivo TomEEx data: 17 gennaio 2009 Autore: D. Boschiero 44 - Recettori Glucocorticoidi Amigdala e Ippocampo Cortisolo Alterazione ed iperattivazione dell'asse HPA, stress psicofisico; eccesso ed alterazione del feedback del cortisolo

45 + Cortisolo + CRH (inversione feedback) - SWS disturbi del sonno Disturbi del sonno Infiammazione cronica Cattiva nutrizione Stress psicofisico MUS L'aumento del CRH causato dall'eccesso di cortisolo serale (che si lega ai recettori di GC di ippocampo ed amigdala), diminuisce il sonno più profondo SWS (Slow-Wave Sleep, caratterizzato da frequenze encefalografiche delta) ed aumenta il numero di risvegli notturni. Nuovo dispositivo TomEEx data: 17 gennaio 2009 Autore: D. Boschiero 45

46 CRH + Disturbi del tono dell'umore, ansia, depressione, attacchi di panico Ipofisi + Ipotalamo - + ACTH - Noradrenalina Cortisolo Surrenali + + locus coeruleus Sistema Nervoso Simpatico Reazione allo stress (+CRH e +noradrenalina) Iperattività dell'asse HPA (stress psicofisico) e del sistema nervoso simpatico in soggetti ansiogeno-depressivi Aumento frequenza cardiaca Alterazione della termoregolazione Inibizione della secrezione di insulina Stress cronico delle surrenali e inibizione di altri ormoni (sessuali) Da alterazioni funzionali... a patologie croniche Nuovo dispositivo TomEEx data: 17 gennaio 2009 Autore: D. Boschiero 46

47 Stress + Attività asse HPA + Glucocorticoidi Stress e sistema immunitario + + Atrofia del timo Apoptosi linfociti Linfociti T L'aumento di glucocorticoidi causato dallo stress induce la riduzione del volume del timo; i glucocorticoidi sono inoltre in grado di agire direttamente sui linfociti, portandoli all'apoptosi Nuovo dispositivo TomEEx data: 17 gennaio 2009 Autore: D. Boschiero

48 Funzione immunitaria Stress e attivazione immunitaria A comparsa dello stressor La comparsa di uno stressor genera in prima istanza un aumento (fase A) dell'attività del sistema immunitario; se lo stressor perdura, inizia ad aver luogo una una reazione immunosoppressiva (fase B). Se l'attività stressoria cessa, alla fine della fase B l'attività del sistema immunitario sarà tornata al livello di partenza, ma nel caso in cui lo stressor continui ad agire continuerà anche la fase immunosoppressiva, abbassando il livello di attività delle difese immunitarie. Nuovo dispositivo TomEEx data: 17 gennaio 2009 Autore: D. Boschiero 48 B Stress moderatamente prolungato C stress cronico

49 Funzione immunitaria Stress e autoimmunità 1 A comparsa dello stressor B assenza della fase B Lo stress può condurre a patologie autoimmuni o aggravarne il quadro clinico quando la fase B della risposta immunitaria allo stress non segua la sua evoluzione fisiologica; ciò può verificarsi in particolari condizioni caratterizzate dall'insufficienza della secrezione di glucocorticoidi. soglia malattie autoimmuni Nuovo dispositivo TomEEx data: 17 gennaio 2009 Autore: D. Boschiero 49

50 Funzione immunitaria Stress e autoimmunità 2 Numerosi stressor transitori possono portare gradualmente verso l'autoimmunità, a causa di un sostanziale squilibrio tra le fasi di immunostimolazione ed immunosoppressione. soglia malattie autoimmuni Nuovo dispositivo TomEEx data: 17 gennaio 2009 Autore: D. Boschiero 50

51 Percorso psiconeuroimmunitario Stress e malattia: percorsi possibili Alterazione del livello di glucocorticoidi Alterazione del livello di stress Alterazione della funzione immunitaria Alterazione della resistenza alla malattia Manipolazione psicosociale Omeostasi alterata Alterazione del livello di stress Alterazione della compliance terapeutica e delle percentuali di fattori protettivi e di rischio Nuovo dispositivo TomEEx data: 17 gennaio 2009 Autore: D. Boschiero 51 Percorso di vita

52 Asse HPA + Glucocorticoidi Stress e disturbi della sessualità nell'uomo Interazioni sistema endocrino Stressor Ipotalamo Ipofisi Testicoli endorfine encefaline - LHRH - - LH - - Testosterone Stressor Attivazione sistema simpatico Disfunzione erettile Nuovo dispositivo TomEEx data: 17 gennaio 2009 Autore: D. Boschiero GnRH FSH - Spermatozoi Interazioni sistema nervoso

53 + Prolattina Stress e disturbi della sessualità nella donna Asse HPA Diminuzione recettività delle ovaie rispetto a LH + Glucocorticoidi Stressor Ipotalamo Ipofisi Ovaie endorfine encefaline - Dimunuzione desiderio sessuale Interazioni sistema endocrino Nuovo dispositivo TomEEx data: 17 gennaio 2009 Autore: D. Boschiero 53 - LHRH - - LH - - Estrogeni - GnRH FSH - + Probabilità di ovulazione regolare Probabilità di amenorrea anovulare

Dott. Roberto Baldini

Dott. Roberto Baldini Dott. Roberto Baldini La frenesia della vita moderna si è ormai impossessata pure dei nostri momenti di libertà, e godiamo in maniera nervosa e faticosa esattamente come quando lavoriamo. La parola d ordine

Dettagli

Ansia e stress nelle prestazioni. s.dinuovo@unict.it

Ansia e stress nelle prestazioni. s.dinuovo@unict.it Ansia e stress nelle prestazioni s.dinuovo@unict.it Ansia nelle prestazioni Ansia nelle prestazioni ATTIVAZIONE Ansia nelle prestazioni L ansia: facilita l apprendimento nella misura in cui lo attiva

Dettagli

STRESS E PATOLOGIE CORRELATE: STRATEGIE NUTRIZIONALI E MOTORIE

STRESS E PATOLOGIE CORRELATE: STRATEGIE NUTRIZIONALI E MOTORIE STRESS E PATOLOGIE CORRELATE: STRATEGIE NUTRIZIONALI E MOTORIE Dott. ssa Annalisa Caravaggi Biologo Nutrizionista sabato 15 febbraio 14 STRESS: Forma di adattamento dell organismo a stimoli chiamati STRESSOR.

Dettagli

COME RICONOSCERE LO STRESS E PRENDERSI CURA DI SE

COME RICONOSCERE LO STRESS E PRENDERSI CURA DI SE I venerdì della salute COME RICONOSCERE LO STRESS E PRENDERSI CURA DI SE Letizia Martinengo, PhD Biblioteca di Gressan 9 aprile 2010 COSA SAPPIAMO DELLO STRESS PERCHE PARLARE DI STRESS PROBLEMI DI SALUTE

Dettagli

ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 6 GHIANDOLE SURRENALI ZONE

ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 6 GHIANDOLE SURRENALI ZONE ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 6 GHIANDOLE SURRENALI ZONE Struttura La porzione più esterna della corticale, la zona glomerulare, è costituita da piccole cellule mentre la porzione centrale,

Dettagli

MECCANISMI D AZIONE PSICO-BIOLOGICI DELLA PET THERAPY. Dott.ssa Valentina Tarsia e Dott.ssa Claudia Giannelli

MECCANISMI D AZIONE PSICO-BIOLOGICI DELLA PET THERAPY. Dott.ssa Valentina Tarsia e Dott.ssa Claudia Giannelli MECCANISMI D AZIONE PSICO-BIOLOGICI DELLA PET THERAPY Dott.ssa Valentina Tarsia e Dott.ssa Claudia Giannelli Contatto con l animale d affezione (stimolazione esterna piacevole) Attivazione e modificazione

Dettagli

Dott.ssa M.Versino 1

Dott.ssa M.Versino 1 Dott.ssa M.Versino 1 Stress lo stress è inteso come risposta aspecifica dell organismo a tutto ciò che lo costringe ad uno sforzo di adattamento lo stress è la risposta a una o più stimolazioni fisiche

Dettagli

La Spezia 12 novembre 2014. Alfonso Cristaudo. U.O. Complessa Medicina Preventiva del Lavoro Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana

La Spezia 12 novembre 2014. Alfonso Cristaudo. U.O. Complessa Medicina Preventiva del Lavoro Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana La Spezia 12 novembre 2014 Alfonso Cristaudo U.O. Complessa Medicina Preventiva del Lavoro Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana OMS Definizione di Salute uno stato di completo benessere fisico, mentale

Dettagli

CORRELAZIONE TRA STRESS E INSORGENZA DI PATOLOGIE NEL PERSONALE SCOLASTICO. Dr. F. Orlando

CORRELAZIONE TRA STRESS E INSORGENZA DI PATOLOGIE NEL PERSONALE SCOLASTICO. Dr. F. Orlando CORRELAZIONE TRA STRESS E INSORGENZA DI PATOLOGIE NEL PERSONALE SCOLASTICO Dr. F. Orlando Lo stress uccide? CANICATTI : UCCISO DALLO STRESS VEDOVA DI FUNZIONARIO CHIEDE RISARCIMENTO DANNI Aveva la pressione

Dettagli

STRESS E ORGANISMO: DALLE DIMENSIONI DEL PROBLEMA AGLI EVENTI SENTINELLA

STRESS E ORGANISMO: DALLE DIMENSIONI DEL PROBLEMA AGLI EVENTI SENTINELLA STRESS E ORGANISMO: DALLE DIMENSIONI DEL PROBLEMA AGLI EVENTI SENTINELLA M.G. BIRAGHI 27 FEBBRAIO 2013 STRESS RISPOSTA NON SPECIFICA dell organismo di fronte a SOLLECITAZIONI e STIMOLI EUSTRESS DISTRESS

Dettagli

Dott.ssa Giovanna Caruana

Dott.ssa Giovanna Caruana Dott.ssa Giovanna Caruana PSICOLOGA E PSICOTERAPEUTA FUNZIONALE LO STRESS CRONICO: CONOSCERLO, PREVENIRLO E CURARLO di Giovanna Caruana Ha senso parlare ancora di stress? In fondo se ne parla tanto, la

Dettagli

CHE STRESS! E non so nemmeno cos è

CHE STRESS! E non so nemmeno cos è Organismo Paritetico Provinciale STRESS LAVORO CORRELATO CHE STRESS! E non so nemmeno cos è Scheda tecnica redatta da: Dott. Mauro Scartazza Consulente Salute Sicurezza e Igiene degli Alimenti Speciale

Dettagli

dell organismo a richieste esterno Dott. Giuseppe Marmo Ordine degli Psicologi di Basilicata

dell organismo a richieste esterno Dott. Giuseppe Marmo Ordine degli Psicologi di Basilicata SINDROME GENERALE DI ADATTAMENTO Risposta generale aspecifica dell organismo a richieste provenienti dall ambiente esterno Ordine degli Psicologi di Basilicata Ad un stimolo stressogeno si risponde con:

Dettagli

MEDEIA. La diagnosi in medicina antiaging. Dott.Giorgio Crucitti

MEDEIA. La diagnosi in medicina antiaging. Dott.Giorgio Crucitti MEDEIA La diagnosi in medicina antiaging Dott.Giorgio Crucitti Metodica diagnostica della composizione corporea e dei processi di invecchiamento Applicazioni della metodica BIA - ACC ai fini della diagnosi

Dettagli

I DISTURBI D ANSIA TRA LA PATOLOGIA ORGANICA E LA PATOLOGIA PSICHICA: L APPROCCIO FARMACOTERAPEUTICO

I DISTURBI D ANSIA TRA LA PATOLOGIA ORGANICA E LA PATOLOGIA PSICHICA: L APPROCCIO FARMACOTERAPEUTICO I DISTURBI D ANSIA TRA LA PATOLOGIA ORGANICA E LA PATOLOGIA PSICHICA: L APPROCCIO FARMACOTERAPEUTICO Nella risposta di stress si verificano specifiche variazioni nel rilascio di neurotrasmettitori, neuromodulatori

Dettagli

RISCHI DA FATTORI PSICO-SOCIO-LAVORATIVI STRESS LAVORO-CORRELATO

RISCHI DA FATTORI PSICO-SOCIO-LAVORATIVI STRESS LAVORO-CORRELATO RISCHI DA FATTORI PSICO-SOCIO-LAVORATIVI STRESS LAVORO-CORRELATO CORSO Di FORMAZIONE ASL CN2 ALBA-BRA 05/07/2012 Dr. Musto Domenico Dirigente Medico S.Pre.S.A.L. ASL AT Asti D.L.GS 81/2008 E RISCHI DA

Dettagli

APPARATO ENDOCRINO. Principali ghiandole endocrine. Meccanismi di regolazione della secrezione

APPARATO ENDOCRINO. Principali ghiandole endocrine. Meccanismi di regolazione della secrezione APPARATO ENDOCRINO L apparato endocrino regola importanti funzioni dell organismo operando tramite gli ORMONI Gli ormoni sono sostanze di natura chimica diversa che raggiungono tramite il sangue i loro

Dettagli

Ing. Ant o Ant nio o nio Giorgi Gior gi RSPP

Ing. Ant o Ant nio o nio Giorgi Gior gi RSPP Ing Antonio Giorgi Ing. Antonio Giorgi RSPP Il Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81 Attuazione dell art. 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei

Dettagli

CORSO DI TECNICHE DI RESPIRAZIONE, MOVIMENTO E RILASSAMENTO PER IL BENESSERE QUOTIDIANO

CORSO DI TECNICHE DI RESPIRAZIONE, MOVIMENTO E RILASSAMENTO PER IL BENESSERE QUOTIDIANO CORSO DI TECNICHE DI RESPIRAZIONE, MOVIMENTO E RILASSAMENTO PER IL BENESSERE QUOTIDIANO Il concetto di salute ha subito importanti modificazioni negli ultimi tempi, come indica la definizione dell OMS

Dettagli

Disturbi emotivi: la risposta dell'omeopatia

Disturbi emotivi: la risposta dell'omeopatia Disturbi emotivi: la risposta dell'omeopatia Disturbi emotivi: la risposta dell omeopatia. In Europa ne soffre una persona su cinque (dati emersi recentemente dal progetto Emotionalaction, coordinato dall

Dettagli

Glossario della valutazione dei rischi da stress lavoro-correlato

Glossario della valutazione dei rischi da stress lavoro-correlato Glossario della valutazione dei rischi da stress lavoro-correlato ASPP Addetto ai servizi di protezione e prevenzione ANALISI DOCUMENTALE Lettura dell organizzazione del lavoro (organigramma, flussi produttivi,

Dettagli

Note introduttive sullo Scenar

Note introduttive sullo Scenar Note introduttive sullo Scenar Informazioni estratte da letture di Dott. A.N.Revenko, dott.ssa G.V.Subbotina, Dott. I.V.Semikatov Una delle più frequenti domande che ci sentiamo porre dai pazienti è: quale

Dettagli

I rischi da stress lavoro correlato

I rischi da stress lavoro correlato I rischi da stress lavoro correlato dr.ssa Elena Padovan Psicologa del Lavoro Logo Soggetto Attuatore Stress lavoro correlato D.Lgs 81/2008 art. 28 La valutazione ( ) deve riguardare tutti i rischi per

Dettagli

Dispensa La gestione dello stress

Dispensa La gestione dello stress Dispensa La gestione dello stress Il valore di un idea sta nel metterla in pratica OLYMPOS Group srl - Via XXV aprile, 40 Brembate di Sopra (BG) Tel. 103519965309 - Vietata ogni riproduzione Fax 1786054267

Dettagli

RIPOSO-SONNO DOTTORESSA MONICA GIOVANNA IACOBUCCI

RIPOSO-SONNO DOTTORESSA MONICA GIOVANNA IACOBUCCI DOTTORESSA MONICA GIOVANNA IACOBUCCI DEFINIZIONE È uno stato in cui diminuisce la capacità di reazione agli stimoli e la capacità percettiva. DURATA MEDIA Sonno: 7-8 ore; Riposo: 30 minuti - 1 ora. VARIAZIONI

Dettagli

Per le lezioni del prof. P.P. Battaglini. Dichiarazione

Per le lezioni del prof. P.P. Battaglini. Dichiarazione N Me Adrenalina Schemi di Per le lezioni del prof. P.P. Battaglini Dichiarazione Le immagini presenti in questo file sono state reperite in rete o modificate da testi cartacei. Queste immagini vengono

Dettagli

HORMONAL PROFILES. Valutazione degli equilibri ormonali

HORMONAL PROFILES. Valutazione degli equilibri ormonali HORMONAL PROFILES Valutazione degli equilibri ormonali Quando l organismo è sottoposto a malattie, infiammazione, sforzi fisici, stili di vita scorretti, oppure durante periodi particolari della vita (menopausa,

Dettagli

Ansia tra normalità e patologia

Ansia tra normalità e patologia Ansia tra normalità e patologia Introduzione: lo stress Il termine stress indica la reazione fisiologica causata dalla percezione di situazioni avverse o minacciose. E un termine mutuato dall ingegneria,

Dettagli

RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO E NORMATIVA DI RIFERIMENTO

RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO E NORMATIVA DI RIFERIMENTO Dott. Giuseppe Sergi Dipartimento di Sanità Pubblica Azienda USL Piacenza PIACENZA,10/06/2011 RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO E NORMATIVA DI RIFERIMENTO Definizione Stress significa letteralmente: sforzo,

Dettagli

Ipoadrenocorticismo (Malattia di Addison)

Ipoadrenocorticismo (Malattia di Addison) Ipoadrenocorticismo (Malattia di Addison) L ipoadrenocorticismo è una malattia endocrina causata dalla ridotta produzione di mineralcorticoidi (aldosterone) e glucocorticoidi (cortisolo) da parte delle

Dettagli

LO STRESS E I DISTURBI PSICOSOMATICI

LO STRESS E I DISTURBI PSICOSOMATICI LO STRESS E I DISTURBI PSICOSOMATICI Il concetto di stress ha un ruolo fondamentale nella comprensione delle manifestazioni psicosomatiche. Nella sua formulazione il concetto di stress permette di vedere

Dettagli

7 Sintomi da non sottovalutare per capire se è necessario controllare la TIROIDE

7 Sintomi da non sottovalutare per capire se è necessario controllare la TIROIDE 7 Sintomi da non sottovalutare per capire se è necessario controllare la TIROIDE Associazione Sistema Helios Via Appia Nuova, 185-00183 Roma --- Informazioni: 06 700 52 52 www.sistemahelios.it -associazione@sistemahelios.it

Dettagli

Docente: Paolo Barelli. Disturbi d ansia

Docente: Paolo Barelli. Disturbi d ansia Docente: Paolo Barelli Disturbi d ansia Funzioni Della Vita Psichica (Rappresentazione Del Modo Di Essere Della Persona) Controllo e soddisfazione istinti Controllo attività motoria Intelligenza Ansia

Dettagli

CONGRESSO FIRP 16 Aprile 2011 STRESS E SESSUALITA FEMMINILE

CONGRESSO FIRP 16 Aprile 2011 STRESS E SESSUALITA FEMMINILE CONGRESSO FIRP 16 Aprile 2011 STRESS E SESSUALITA FEMMINILE Nella nostra vita così pressata e a ritmi veloci è facile sentirsi stressati. Stress è una parola inglese entrata nell uso comune largamente

Dettagli

Colpo di calore Lesioni cerebrali, convulsioni. Termoregolazione. gravemente compromessa. Termoregolazione

Colpo di calore Lesioni cerebrali, convulsioni. Termoregolazione. gravemente compromessa. Termoregolazione La termoregolazione -10 C +40 C Limite superiore di sopravvivenza Termoregolazione gravemente compromessa Termoregolazione efficiente Colpo di calore Lesioni cerebrali, convulsioni Malattie febbrili e

Dettagli

Il sistema endocrino

Il sistema endocrino Il sistema endocrino 0 I messaggeri chimici 0 I messaggeri chimici coordinano le diverse funzioni dell organismo Gli animali regolano le proprie attività per mezzo di messaggeri chimici. Un ormone è una

Dettagli

Sistema Endocrino 3. Ormoni del surrene. Fisiologia Generale e dell Esercizio Prof. Carlo Capelli

Sistema Endocrino 3. Ormoni del surrene. Fisiologia Generale e dell Esercizio Prof. Carlo Capelli Sistema Endocrino 3. Ormoni del surrene Fisiologia Generale e dell Esercizio Prof. Carlo Capelli Obiettivi Surrene: secrezione nelle varie zone del surrene, sintesi degli ormoni surrenali, Mineralcorticoidi-aldosterone,

Dettagli

STRESS E ADATTAMENTO. "Lo stress è un'inevitabile conseguenza della vita" Hans Seye, M.D., Ph.D. (1951)

STRESS E ADATTAMENTO. Lo stress è un'inevitabile conseguenza della vita Hans Seye, M.D., Ph.D. (1951) STRESS E ADATTAMENTO "Lo stress è un'inevitabile conseguenza della vita" Hans Seye, M.D., Ph.D. (1951) Rev.0 10 marzo 2012 Autore: D. Boschiero 1 Le manifestazioni del Sistema Nervoso Simpatico nei confronti

Dettagli

DEFICIT ISOLATO ACTH

DEFICIT ISOLATO ACTH DEFICIT ISOLATO ACTH Codice di esenzione: RC0010 Definizione. Il deficit isolato di ACTH è una rara causa di insufficienza surrenalica secondaria caratterizzata da una bassa o ridotta produzione di cortisolo

Dettagli

Modulo di Patologia Generale

Modulo di Patologia Generale A.A. 2009/2010 Modulo di Patologia Generale dott.ssa Vanna Fierabracci ricevimento: su appuntamento Tel 050 2218533 e-mail: v.fierabracci@med fierabracci@med.unipi.itit Dipartimento di Patologia Sperimentale,

Dettagli

Clinica del Lavoro Luigi Devoto Centro per la prevenzione, diagnosi, cura e riabilitazione della patologia da disadattamento lavorativo Milano LA PATOLOGIA DA STRESS OCCUPAZIONALE Renato Gilioli Maria

Dettagli

11 marzo 2014. dott.ssa Maria Bellan Servizio Prevenzione Igiene e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro AULSS 6 Vicenza

11 marzo 2014. dott.ssa Maria Bellan Servizio Prevenzione Igiene e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro AULSS 6 Vicenza VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO: IL RUOLO DEL MEDICO COMPETENTE 11 marzo 2014 dott.ssa Maria Bellan Servizio Prevenzione Igiene e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro AULSS 6 Vicenza VDR

Dettagli

Le Droghe Alcune cose che vale la pena sapere A cura del Dipartimento Dipendenze

Le Droghe Alcune cose che vale la pena sapere A cura del Dipartimento Dipendenze Le Droghe Alcune cose che vale la pena sapere A cura del Dipartimento Dipendenze Az. ULSS 20 Verona Cosa sono? Le Sostanze Psicoattive Sono tutte quelle sostanze legali ed illegali che: 1. Agiscono sul

Dettagli

OMEOSTASI DELLA TEMPERATURA CORPOREA

OMEOSTASI DELLA TEMPERATURA CORPOREA OMEOSTASI DELLA TEMPERATURA CORPOREA Ruolo fisiologico del calcio Omeostasi del calcio ASSORBIMENTO INTESTINALE DEL CALCIO OMEOSTASI GLICEMICA Il livello normale di glicemia? 90 mg/100 ml Pancreas

Dettagli

Lo Shiatsu e le sue origini

Lo Shiatsu e le sue origini POLTRONA DA MASSAGGIO RECLINABILE Lo Shiatsu e le sue origini Lo Shiatsu è una pratica manipolatoria che ha origini antichissime ma la sua codificazione come precisa tecnica corporea risale a tempi abbastanza

Dettagli

IPOTALAMO. Fattori che producono calore. Fattori che disperdono calore

IPOTALAMO. Fattori che producono calore. Fattori che disperdono calore Negli esseri viventi, per il corretto mantenimento delle funzioni vitali, è necessaria una determinata temperatura corporea, che varia da specie a specie. Ogni essere vivente adotta una serie di metodi

Dettagli

ROMA Hotel NH Vittorio Veneto Corso d Italia, 1

ROMA Hotel NH Vittorio Veneto Corso d Italia, 1 RONCO MEDICAL CENTER srl Centro Polispecialistico di Medicina Integrata P. IVA 05834240961 I anno corso 2013 IMMUNOLOGIA ED ENDOCRINOLOGIA PER LA MODULAZIONE BIOLOGICA DELL ATTIVITA METABOLICA CELLULARE

Dettagli

Progettato da Nicoletta Fabrizi

Progettato da Nicoletta Fabrizi Progettato da Nicoletta Fabrizi SNC è formato dall encefalo e dal midollo spinale,che costituisce un importante collegamento tra l encefalo stesso e il resto del corpo. Il midollo spinale comunica con

Dettagli

Tristezza delle lacrime del latte Depressione post parto Psicosi post parto. 50 84 % frequenza. 10-20 % frequenza. 3-5 % frequenza

Tristezza delle lacrime del latte Depressione post parto Psicosi post parto. 50 84 % frequenza. 10-20 % frequenza. 3-5 % frequenza Tristezza delle lacrime del latte Depressione post parto Psicosi post parto 50 84 % frequenza 10-20 % frequenza 3-5 % frequenza Ogni anno oltre 100.000 italiane soffrono di depressione durante la gravidanza

Dettagli

BRAIN WELLNESS SPECIAL NEEDS ADVISORY BIOFEEDBACK E NEUROFEEDBACK TRAINING

BRAIN WELLNESS SPECIAL NEEDS ADVISORY BIOFEEDBACK E NEUROFEEDBACK TRAINING BRAIN WELLNESS SPECIAL NEEDS ADVISORY BIOFEEDBACK E NEUROFEEDBACK TRAINING Il biofeedback consiste nella retroazione di un processo fisiologico, rilevato su una persona, che normalmente si svolge fuori

Dettagli

INDIRIZZI GENERALI PER LA VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO

INDIRIZZI GENERALI PER LA VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO INDIRIZZI GENERALI PER LA VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO 1 Introduzione. La gestione della salute e sicurezza in azienda assume un importanza sempre maggiore non solo al fine

Dettagli

Ottimizzazione Neuro Psico Fisica e CRM Terapia. L equilibrio armonico tra mente e corpo

Ottimizzazione Neuro Psico Fisica e CRM Terapia. L equilibrio armonico tra mente e corpo Ottimizzazione Neuro Psico Fisica e CRM Terapia L equilibrio armonico tra mente e corpo CRM Terapia Corpo e mente in perfetta armonia, per ritrovare la salute Dopo anni di ricerca nella prevenzione e cura

Dettagli

Ansia e stress da competizione

Ansia e stress da competizione Ansia e stress da competizione Analisi delle domande d'intervento A cura di Eugenio DE GREGORIO dell Organico Didattico di SRdS Coni Liguria Genova, 2 maggio 2014 http://liguria.coni/scuola-regionale 1

Dettagli

Cellule: morfologia ed organizzazione funzionale NEUROFISIOLOGIA capitolo 1 Cellule nervose capitolo 2 Recettori cellulari

Cellule: morfologia ed organizzazione funzionale NEUROFISIOLOGIA capitolo 1 Cellule nervose capitolo 2 Recettori cellulari Cellule: morfologia ed organizzazione funzionale Membrana plasmatica: struttura e funzione Reticolo endoplasmatico Citoscheletro Proteine di membrana Proteine di membrana e segnali Strutture di contatto

Dettagli

dimostrare l eventuale maltrattamento Federazione Italiana Sport Equestri Dipartimento Veterinario Dipartimento Tutela del lcavallo

dimostrare l eventuale maltrattamento Federazione Italiana Sport Equestri Dipartimento Veterinario Dipartimento Tutela del lcavallo Il Benessere del Cavallo: dimostrare l eventuale maltrattamento Gianluigi GIOVAGNOLI DVM PhD MESM Spec. Animal Health Federazione Italiana Sport Equestri Dipartimento Veterinario Dipartimento Tutela del

Dettagli

FAME, APPETITO E SAZIETA

FAME, APPETITO E SAZIETA FAME, APPETITO E SAZIETA 1 FAME Necessità di un organismo ad assumere cibo Nel sistema nervoso centrale, a livello ipotalamico, si distinguono due zone il centro della fame il centro della sazietà La prima

Dettagli

Il ciclo del sonno è molto più di una procedura acceso/spento, poiché questo ritmo è legato al flusso di molti processi fisiologici e psicologici

Il ciclo del sonno è molto più di una procedura acceso/spento, poiché questo ritmo è legato al flusso di molti processi fisiologici e psicologici Box. 3.1-3.2-3.3 Il ciclo del sonno è molto più di una procedura acceso/spento, poiché questo ritmo è legato al flusso di molti processi fisiologici e psicologici Le onde della veglia Quando l individuo

Dettagli

Corso nursing Ortopedico. Assistenza infermieristica ai pazienti con artrite reumatoide. www.slidetube.it

Corso nursing Ortopedico. Assistenza infermieristica ai pazienti con artrite reumatoide. www.slidetube.it Corso nursing Ortopedico Assistenza infermieristica ai pazienti con artrite reumatoide DEFINIZIONE MALATTIA INFIAMMATORIA SU BASE IMMUNITARIA DEL TESSUTO CONNETTIVO,ESSENZIALMENTE POLIARTICOLARE AD EVOLUZIONE

Dettagli

Psicopatologia dell anziano. Prof.ssa Elvira Schiavina 02 marzo 2016

Psicopatologia dell anziano. Prof.ssa Elvira Schiavina 02 marzo 2016 Psicopatologia dell anziano 02 marzo 2016 Invecchiamento e Psicopatogia Salute mentale dell anziano: nuovo campo della psicopatologia. Affinamento dei criteri di diagnosi, costruzione e validazione di

Dettagli

STRESS LAVORO CORRELATO. Psicologa Dott.ssa Clara De Gennaro

STRESS LAVORO CORRELATO. Psicologa Dott.ssa Clara De Gennaro STRESS LAVORO CORRELATO Psicologa Dott.ssa Clara De Gennaro Riferimenti Normativi essenziali Il D.Lgs 81/2008, in materia di salute e sicurezza negli ambienti di lavoro e le successive disposizioni, obbligano

Dettagli

Gli effe7 causa8 dal rumore sulla salute [Prof.ssa Daniela D Alessandro]

Gli effe7 causa8 dal rumore sulla salute [Prof.ssa Daniela D Alessandro] Riqualificare gli edifici, una necessità per il rilancio del paese Le opportunità del risparmio energe2co per l economia ed il benessere dei ci6adini Gli effe7 causa8 dal rumore sulla salute [Prof.ssa

Dettagli

LA DISFUNZIONE ERETTILE

LA DISFUNZIONE ERETTILE LA DISFUNZIONE ERETTILE Dott. CARMINE DI PALMA Andrologia, Urologia, Chirurgia Andrologica e Urologica, Ecografia Che cosa significa disfunzione Per disfunzione erettile (DE) si intende l incapacità a

Dettagli

Neurobiologia delle ricadute e linee guida degli interventi antifumo e di terapia di disassuefazione da nicotina

Neurobiologia delle ricadute e linee guida degli interventi antifumo e di terapia di disassuefazione da nicotina Neurobiologia delle ricadute e linee guida degli interventi antifumo e di terapia di disassuefazione da nicotina Cristiano Chiamulera Professore Associato di Farmacologia Sezione di Farmacologia Dipartimento

Dettagli

Dallo stress lavoro correlato allo sviluppo delle persone

Dallo stress lavoro correlato allo sviluppo delle persone Dallo stress lavoro correlato allo sviluppo delle persone A cura di: Prof.ssa Laura Borgogni Ordinario di Psicologia del Lavoro e delle Organizzazioni Facoltà di Medicina e Psicologia 15 luglio 2011 COSA

Dettagli

Patologie da caldo. Collasso da calore o sincope da caldo. Colpo di calore. Ustione. Colpo di sole

Patologie da caldo. Collasso da calore o sincope da caldo. Colpo di calore. Ustione. Colpo di sole Patologie da caldo Patologie da caldo Collasso da calore o sincope da caldo Colpo di calore Ustione Colpo di sole permanenza prolungata e attività fisica in ambiente caldo, perdita elevata di acqua e sali

Dettagli

Patologie più comunemente coinvolte nel mobbing.

Patologie più comunemente coinvolte nel mobbing. Patologie più comunemente coinvolte nel mobbing. Episodio Depressivo Maggiore. Cinque o più dei seguenti sintomi sono presenti da almeno due settimane comportando un cambiamento rispetto al precedente

Dettagli

Ritorno venoso. Ingresso nel letto arterioso CUORE. P ad

Ritorno venoso. Ingresso nel letto arterioso CUORE. P ad Ritorno venoso GC Ingresso nel letto arterioso Eiezione Riempimento CUORE P ad Ra RV Ingresso cuore Rv Mediamente, il volume di sangue che torna al cuore (RV), è uguale a quello che viene immesso nel letto

Dettagli

come migliorare la PRESTAZIONE

come migliorare la PRESTAZIONE .... BIOFEEDBACK E SPORT:. come migliorare la PRESTAZIONE Ogni stimolo, ogni situazione scaturisce in noi una risposta a livello fisiologico, mentale ed emozionale. Questa risposta influenza il nostro

Dettagli

La Fosfatidilserina (PS) è uno dei fosfolipidi contenuti nella struttura della membrana cellulare.

La Fosfatidilserina (PS) è uno dei fosfolipidi contenuti nella struttura della membrana cellulare. FOSFATIDILSERINA La Fosfatidilserina (PS) è uno dei fosfolipidi contenuti nella struttura della membrana cellulare. I Fosfolipidi sono dei grassi simili ai trigliceridi, hanno quindi una struttura di glicerolo

Dettagli

MENOPAUSA. scomparsa delle mestruazioni per 12 mesi consecutivi.

MENOPAUSA. scomparsa delle mestruazioni per 12 mesi consecutivi. MENOPAUSA scomparsa delle mestruazioni per 12 mesi consecutivi. Nel climaterio le ovaie producono meno ESTROGENI L OVAIO MODIFICAZIONI NELLA VITA RIPRODUTTIVA FEMMINILE MENOPAUSA Inizio della menopausa

Dettagli

Coinvolgimenti organici e cognitivi del dolore LA FIBROMIALGIA ATTENUA I SINTOMI DELLA VULVOVAGINITE

Coinvolgimenti organici e cognitivi del dolore LA FIBROMIALGIA ATTENUA I SINTOMI DELLA VULVOVAGINITE 29 Maggio 2012 Coinvolgimenti organici e cognitivi del dolore LA FIBROMIALGIA ATTENUA I SINTOMI DELLA VULVOVAGINITE GIANCARLO CARLI Dipartimento di Fisiologia Università di Siena Modello di co-morbidità

Dettagli

Azioni neuroendocrine Apparato riproduttivo Sistema nervoso centrale

Azioni neuroendocrine Apparato riproduttivo Sistema nervoso centrale 1 I progestinici sono composti con attività simile a quella del progesterone e includono il progesterone e agenti simili come il medrossiprogesterone acetato (pregnani), agenti simili al 19-nortestosterone

Dettagli

PSICHE - SISTEMA NERVOSO -SISTEMA ENDOCRINO E IMMUNITA'

PSICHE - SISTEMA NERVOSO -SISTEMA ENDOCRINO E IMMUNITA' PSICHE - SISTEMA NERVOSO -SISTEMA ENDOCRINO E IMMUNITA' La psiconoeuroendocrinoimmunologia (PNEI) è una scienza recente nata dalla necessità di relazionare i grandi sistemi di omeostasi degli organismi

Dettagli

Lo stress lavoro correlato

Lo stress lavoro correlato Lo stress lavoro correlato Franco Cocchi Responsabilità Sociale d impresa ASM - TERNI Terni 29 novembre 2012 1.Problemi di definizione 2.Stress e malattia 3.Stress al lavoro e politiche di contrasto Checosaè

Dettagli

Febbre Ricorrente Associata a NLRP12

Febbre Ricorrente Associata a NLRP12 www.printo.it/pediatric-rheumatology/it/intro Febbre Ricorrente Associata a NLRP12 Versione 2016 1.CHE COS È LA FEBBRE RICORRENTE ASSOCIATA A NLRP12 1.1 Che cos è? La febbre ricorrente associata a NLRP12

Dettagli

resistenza di esaurimento Da che cosa dipende l effetto finale Stressor stress fisici metabolici psicologici psicosociali

resistenza di esaurimento Da che cosa dipende l effetto finale Stressor stress fisici metabolici psicologici psicosociali Stress Lo stress è una delle malattie tipiche del nostro tempo, della nostra società. Parliamo di stress perchè è il fenomeno più emblematico e significativo quando si vogliono comprendere i fattori che

Dettagli

Disturbi d ansia. Vanessa De Leonardis

Disturbi d ansia. Vanessa De Leonardis Disturbi d ansia Vanessa De Leonardis L ANSIA è una reazione istintiva di difesa, un allarme proprio dell istinto di conservazione, che anticipa un potenziale pericolo. STIMOLI ESTERNI processi COGNITIVI

Dettagli

Il ruolo del medico di medicina generale e del pediatra di libera scelta

Il ruolo del medico di medicina generale e del pediatra di libera scelta Appropriatezza clinica, strutturale e operativa nella prevenzione, diagnosi e terapia dei disturbi dell'alimentazione Il ruolo del medico di medicina generale e del pediatra di libera scelta Guido Marinoni

Dettagli

SOMMARIO 47 I DISTURBI PIÙ FREQUENTI 51 QUANDO IL COLON È IRRITABILE

SOMMARIO 47 I DISTURBI PIÙ FREQUENTI 51 QUANDO IL COLON È IRRITABILE SOMMARIO 7 L IMPORTANZA DEL COLON 11 UN ORGANO CON FUNZIONI VITALI 12 La fisiologia 20 La visione psicosomatica 36 L alimentazione 40 I rimedi naturali 47 I DISTURBI PIÙ FREQUENTI 51 QUANDO IL COLON È

Dettagli

MENOPAUSA E D INTORNI A CURA DEL COORDINAM ENTO DONNE S LP CISL CATANIA. Con la collaborazione della Dottoressa Palmisano

MENOPAUSA E D INTORNI A CURA DEL COORDINAM ENTO DONNE S LP CISL CATANIA. Con la collaborazione della Dottoressa Palmisano MENOPAUSA E D INTORNI A CURA DEL COORDINAM ENTO DONNE S LP CISL CATANIA Con la collaborazione della Dottoressa Palmisano MENOPAUSA E D INTORNI COSA SI PUO E COSA SI DEVE FARE? CHE COS E? La menopausa non

Dettagli

AMBIENTE URBANO E STRESS

AMBIENTE URBANO E STRESS AMBIENTE URBANO E STRESS Paolo Rognini Ecologia Urbana e Sociale Polo Scienze Ambientali, Università di Pisa p.rognini@discau.unipi.it Giornata di studio INQUINAMENTO URBANO E PATOLOGIE CARDIO-VASCOLARI

Dettagli

Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi

Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi Informazioni per i genitori A cosa serve lo screening neonatale Questa pubblicazione serve ad illustrare perché è così importante

Dettagli

Test di Autovalutazione

Test di Autovalutazione Test di Autovalutazione Il test può essere fatto seguendo alcune semplici indicazioni: Nelle aree segnalate (risposta, domanda, spazio con la freccia,) sono collocati già dei comandi Con un click del mouse

Dettagli

Voglio un figlio, ma Ipotesi ed interventi sulla sterilità psicogena

Voglio un figlio, ma Ipotesi ed interventi sulla sterilità psicogena Maristella Fantini Voglio un figlio, ma Ipotesi ed interventi sulla sterilità psicogena Ed. Ananke Torino La infertilità è la difficoltà ad avere figli dopo 2 anni di tentativi. La sterilità è considerata

Dettagli

Gli effetti terapeutici della luce del sole

Gli effetti terapeutici della luce del sole Il Sole: nostro amico Gli effetti terapeutici della luce del sole Nonostante i suoi numerosi effetti dannosi, una corretta esposizione al sole fa anche bene. Diversi sono infatti i suoi benefici sia sul

Dettagli

Dr.ssa Silvia Testi. Psicologa Psicoterapeuta Iscrizione Ordine Psicologi della Lombardia n. 6774

Dr.ssa Silvia Testi. Psicologa Psicoterapeuta Iscrizione Ordine Psicologi della Lombardia n. 6774 Breve estratto dell intervento: Conseguenze cliniche e psicologiche del mobbing: malattie professionali, conseguenze sul nucleo familiare, ricadute sociali e individuali L intervento si propone un esposizione

Dettagli

LA RIFLESSOLOGIA PLANTARE. Relatore: Enrico Barcaioli

LA RIFLESSOLOGIA PLANTARE. Relatore: Enrico Barcaioli LA RIFLESSOLOGIA PLANTARE Relatore: Enrico Barcaioli LA RIFLESSOLOGIA PLANTARE È UNA TECNICA DI INTERVENTO MANUALE CHE AGISCE ATTRAVERSO I PIEDI E CONSENTE ALLA PERSONA DI RITROVARE L EQUILIBRIOL PSICO-FISICO

Dettagli

ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 9 GHIANDOLE SESSUALI (SECONDA PARTE)

ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 9 GHIANDOLE SESSUALI (SECONDA PARTE) ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 9 GHIANDOLE SESSUALI (SECONDA PARTE) ORMONI FEMMINILI Altri effetti Gli estrogeni hanno inoltre importanti effetti metabolici: ad alte concentrazioni riducono

Dettagli

è l insieme dei fattori (es. temperatura, umidità, velocità dell aria) che regolano le condizioni climatiche di un ambiente chiuso

è l insieme dei fattori (es. temperatura, umidità, velocità dell aria) che regolano le condizioni climatiche di un ambiente chiuso IL MICROCLIMA è l insieme dei fattori (es. temperatura, umidità, velocità dell aria) che regolano le condizioni climatiche di un ambiente chiuso quale un ambiente di vita e di lavoro. Considerando che

Dettagli

CAPITOLO 1 CONCETTI GENERALI

CAPITOLO 1 CONCETTI GENERALI CAPITOLO 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Il digiuno Prima di affrontare il capitolo dedicato alla malnutrizione calorico-proteica è bene focalizzare l attenzione sul digiuno e sul suo ruolo nel condizionare la

Dettagli

4 novembre 2004 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta

4 novembre 2004 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta 4 novembre 2004 a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta E' stato stimato che in Italia il 2% circa della popolazione è affetta da anoressia e bulimia. A questa percentuale, comunque, va aggiunto

Dettagli

Termoregolazione 2. Il controllo della temperatura corporea

Termoregolazione 2. Il controllo della temperatura corporea Termoregolazione 2. Il controllo della temperatura corporea Prof Carlo Capelli Fisiologia Generale e dell Esercizio Facoltà di Scienze Motorie, Università degli Studi di Verona Obiettivi Trasporto e distribuzione

Dettagli

SALIVARY DHEA ELISA. Saggio immunoenzimatico per la determinazione quantitativa di Deidroepiandrosterone (DHEA) nella saliva. DEIDROEPIANDROSTERONE

SALIVARY DHEA ELISA. Saggio immunoenzimatico per la determinazione quantitativa di Deidroepiandrosterone (DHEA) nella saliva. DEIDROEPIANDROSTERONE Cod. ID: Data: Paziente: SALIVARY DHEA ELISA Saggio immunoenzimatico per la determinazione quantitativa di Deidroepiandrosterone (DHEA) nella saliva. DEIDROEPIANDROSTERONE COS E IL SALIVARY DHEA ELISA?

Dettagli

irsutismo femminile ipertricosi femminile Oggi una bellezza femminile senza peli problemi di salute

irsutismo femminile ipertricosi femminile Oggi una bellezza femminile senza peli problemi di salute La peluriia femmiiniile iin eccesso Un sserriio prrobllema perr lla ffemmiiniilliittà delllla donna Il modello di un corpo senza peli e con la pelle vellutata Peluria in eccesso : il sentirsi poco femminile

Dettagli

Azienda USL 6 di LIVORNO Progetto Chronic care model Flow chart scompenso cardiaco Versione 2.1 del 29.3.2010

Azienda USL 6 di LIVORNO Progetto Chronic care model Flow chart scompenso cardiaco Versione 2.1 del 29.3.2010 INIZIO a) Richiesta visita per sintomatologia o b) Controlli clinici a seguito di altra patologia INIZIO Individua tipologia dei pazienti Realizza elenco di pazienti con sintomi di SC e alterazioni strutturali

Dettagli

MALATTIE LEGATE AI NEUROTRASMETTITORI

MALATTIE LEGATE AI NEUROTRASMETTITORI MALATTIE LEGATE AI NEUROTRASMETTITORI I meccanismi dell ansia -L ansia e uno stato mentale di preallarme che si manifesta in risposta ad una minaccia o ad un potenziale pericolo Si accompagna a risposte

Dettagli

Psicologia. scheda 03.13 Poliambulatorio specialistico

Psicologia. scheda 03.13 Poliambulatorio specialistico scheda 03.13 Poliambulatorio specialistico Introduzione La vita di tutti i giorni ci insegna che vi è una continuità tra mente e corpo e che senza la salute della mente non può esservi vera salute del

Dettagli

FISIOPATOLOGIA dell EQUILIBRIO ACIDO-BASE

FISIOPATOLOGIA dell EQUILIBRIO ACIDO-BASE FISIOPATOLOGIA dell EQUILIBRIO ACIDO-BASE ACIDO = molecola contenente atomi di idrogeno capaci di rilasciare in soluzione ioni idrogeno (H( + ) BASE = ione o molecola che può accettare uno ione idrogeno

Dettagli

I DISTURBI DELLA TI ROIDE

I DISTURBI DELLA TI ROIDE OSPEDALE San Martino UNITA OPERATIVA DI MEDICINA INTERNA Direttore dott. Efisio Chessa I DISTURBI DELLA TI ROIDE Informazioni e consigli per i pazienti e i familiari dei pazienti Che cosè La tiroide è

Dettagli

uno dei maggiori problemi clinici del nostro secolo. "essenziale" "secondaria".

uno dei maggiori problemi clinici del nostro secolo. essenziale secondaria. L ipertensione arteriosa, una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati, si riscontra nel 20 percento della popolazione adulta ed è considerata uno dei maggiori problemi clinici del nostro

Dettagli