Aggiornamento 12 aprile 2011 L edizione completa ed aggiornata della Carta dei Servizi è a cura dell Ufficio Relazioni con il Pubblico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Aggiornamento 12 aprile 2011 L edizione completa ed aggiornata della Carta dei Servizi è a cura dell Ufficio Relazioni con il Pubblico"

Transcript

1 Carta dei Servizi Carissimo, tu sei ospite del San Raffaele, Tempio della medicina. Sii benedetto! Con l aiuto di Dio faremo tutto quello che ti occorre. Aiutaci a capirti per darti al più presto quanto è meglio per la tua salute. Il Presidente Sac. Prof. Don Luigi Maria Verzé Aggiornamento 12 aprile 2011 L edizione completa ed aggiornata della Carta dei Servizi è a cura dell Ufficio Relazioni con il Pubblico

2 Tutto nell Opera Monte Tabor è incentrato sull ammalato. E determinante la organizzazione unitaria delle discipline cliniche, scientifiche, umanistiche, delle tecnologie, dei metodi e dei modelli interpretativi Sac. Prof. Don Luigi Maria Verzé PRIMA SEZIONE 2

3 Presentazione Ospedale San Raffaele Principi fondamentali Carta dei diritti e delle garanzie Diritti e doveri del paziente Origini e storia Università Vita - Salute San Raffaele Il San Raffaele nel mondo Organizzazione generale della Fondazione Comitati, Commissioni ed Associazioni presenti in Ospedale Obiettivi di miglioramento Aggiornamento 12 APRILE 2011 L edizione completa ed aggiornata della Carta dei Servizi è a cura dell URP Informazioni Direzione Servizio Clienti 3

4 Carissimi desidero che il mio benvenuto giunga a quante più persone possibile. Non è solo il benvenuto di Don Luigi ma è il saluto di tutta la famiglia raffaeliana. Ho voluto che da queste pagine potessero parlarvi coloro che si impegnano nella cura e nella conoscenza di tutto l'uomo, inteso secondo le sue componenti bio-psico-spirituali. Da sempre, ho concepito l'ospedale come un complesso integrato, capace di muoversi nella ricerca a tutto campo, nell'assistenza, nella didattica, nelle scienze naturali, metafisiche e teologiche, perché l'uomo è al centro delle nostre attenzioni e la medicina, la ricerca e la didattica sono gli strumenti nelle nostre mani per aiutare l'uomo a guarire dalla malattia e dall ignoranza. L'Ospedale San Raffaele infatti è un Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico di diritto privato, parte della Fondazione Centro San Raffaele del Monte Tabor che in linea con le finalità istituzionali ha come missione propria la cura dell Uomo secondo il mandato evangelico "Andate, insegnate, guarite". La convenzione con l Università Vita-Salute San Raffaele, inoltre, è garanzia di un alto standard di cura e dell attenzione particolare rivolta alla crescita professionale del nostro personale sanitario. In queste pagine potrete trovare tutto quello che cercate riguardo alla salute dell'uomo: l'ala del San Raffaele - il cui nome deriva dall'ebraico Raf-el, che significa "medicina di Dio", "Dio guarisce - vola e vi accoglie con il suo nuovo concetto di medicina e di ricerca scientifica: il concetto umano. Un concetto innovativo che per noi è medicina, ricerca e insegnamento di qualità al più alto livello, perché la sua origine profonda è nell'urgente imperativo cristiano: "Sanare infirmos - Guarite gli ammalati". Il Presidente: Sac. Prof. Don Luigi Maria Verzé 4

5 LE INFORMAZIONI contenute nel documento sono aggiornate ad Aprile È possibile che dopo questa data si verifichino modifiche alle normative, ai servizi o agli orari indicati: si possono ricevere eventuali chiarimenti ed ogni informazione telefonando ai numeri dell URP Informazioni INDICE GENERALE INDICE SEZIONE 1 MISSION E POLITICA ANDATE, INSEGNATE E GUARITE...12 MOVIMENTO MEDICINA - SACERDOZIO...12 ASSOCIAZIONE SIGILLI...13 PRINCIPI FONDAMENTALI CARTA DEI DIRITTI E DELLE GARANZIE DIRITTI E GARANZIE PER ATTIVITÀ OSPEDALIERE DIRITTI E GARANZIE PER ATTIVITÀ AMBULATORIALI DOVERI DEL PAZIENTE ORIGINI E STORIA IL SAN RAFFAELE OGGI...22 SAN RAFFALE: PROGETTI FUTURI...25 UNIVERSITÀ VITA-SALUTE SAN RAFFAELE SCUOLE DI SPECIALIZZAZIONE...27 DOTTORATI DI RICERCA...27 MASTER...27 SCUOLA POST-UNIVERSITARIA...27 EDITRICE SAN RAFFAELE TESTI PUBBLICATI...28 KOS...28 L ALA...29 RESPONSABILE UFFICIO STAMPA:...29 IL SAN RAFFAELE NEL MONDO AFGHANISTAN...30 COLOMBIA...30 TERRITORI PALESTINESI...30 UGANDA...31 RICOVERI OSPEDALIERI IN ITALIA PER BAMBINI BISOGNOSI...31 ADOZIONI A DISTANZA IN BRASILE...31 L ORGANIZZAZIONE GENERALE DELLA FONDAZIONE CENTRO SAN RAFFAELE DEL MONTE TABOR FUNZIONI CORPORATE...32 DIREZIONE DEL PERSONALE CORPORATE...32 DIREZIONE AMMINISTRAZIONE E FINANZA CORPORATE...32 DIREZIONE LEGALE E AFFARI GENERALI CORPORATE...32 DIREZIONE RELAZIONI PUBBLICHE

6 AREA SANITARIA SOVRINTENDENZA SANITARIA...33 DIREZIONI...33 UFFICI/UNITÀ...33 DIREZIONE SANITARIA...33 DIPARTIMENTI CLINICI DIPARTIMENTO CARDIO TORACO VASCOLARE...35 DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA GENERALE E SPECIALISTICA...36 DIPARTIMENTO DEL DISTRETTO TESTA - COLLO...37 DIPARTIMENTO MATERNO - INFANTILE...38 DIPARTIMENTO DI MEDICINA INTERNA E SPECIALISTICA...39 DIPARTIMENTO NEUROLOGICO...40 DIPARTIMENTO DI MALATTIE INFETTIVE...40 DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE CLINICHE...41 DIPARTIMENTO DI ONCOLOGIA...42 DIPARTIMENTO DI ONCO-EMATOLOGIA...42 DIPARTIMENTO DI RADIOLOGIA...43 DIPARTIMENTO UROLOGICO...43 DAY SURGERY POLISPECIALISTICO...43 AREE TRASVERSALI: LABORATORI DI DIAGNOSTICA...44 DIAGNOSTICA PER IMMAGINI...44 ANESTESIA E RIANIMAZIONE...45 RIABILITAZIONE...45 EMERGENZA - URGENZA...45 SOLVENZA...46 ATTIVITÀ AMBULATORIALE AREA SCIENTIFICA LA STRUTTURA L ORGANIZZAZIONE DIREZIONE DELL AREA SCIENTIFICA...52 DIVISIONI E CENTRI DI RICERCA...53 FUNZIONI DI STAFF...53 FINANZIAMENTI...53 PRODOTTI...54 LINEE DI RICERCA RICONOSCIUTE DAL MINISTERO DELLA SALUTE...54 COMMISSIONI E COMITATI PRESENTI IN OSPEDALE COMITATO CONTROLLO INFEZIONI OSPEDALIERE...55 COMITATO ETICO...55 COMITATO OSPEDALE SENZA DOLORE...55 COMITATO TRASFUSIONALE OSPEDALIERO PER IL BUON USO DEL SANGUE...56 COMITATO PROMOTORE UMANIZZAZIONE...56 COMITATO RICERCA PANCREAS...56 COMMISSIONE TERAPEUTICA...57 UNITÀ GESTIONE RISCHIO...57 ALCUNE ASSOCIAZIONI PRESENTI IN OSPEDALE

7 A.BI.ZERO...58 A.I.S.P.O. SAN RAFFAELE...58 A.I.P.A...59 A.CE.S.M. HSR ONLUS...59 ASSOCIAZIONE ATTIVE COME PRIMA ONLUS...59 ASSOCIAZIONE ATTIVE COME PRIMA ONLUS...60 AVO SEGRATE ONLUS...60 ASSOCIAZIONE PER LA VITA ONLUS...61 ABIO...62 ASSOCIAZIONE SOSTEGNO 70 INSIEME AI RAGAZZI DIABETICI...62 FONDAZIONE ARETÉ ONLUS DEL SAN RAFFAELE...63 RAGGIUNGIENTO OBIETTIVI DI MIGLIORAMENTO OBIETTIVI DI MIGLIORAMENTO COME RAGGIUNGERCI OSPEDALE PER PIANI...75 INDIRIZZI E NUMERI TELEFONICI UTILI E NUMERI TELEFONICI U.O. PER INFORMAZIONI RICOVERI PROGRAMMATI TIPOLOGIA RICOVERI E PRESTAZIONI EROGATE MODALITÀ DI ACCESSO...86 UNITA OPERATIVA DI PRONTO SOCCORSO DIPARTIMENTO EMERGENZA, URGENZA E ACCETTAZIONE...87 STAFF DELL U.O. PRONTO SOCCORSO...87 MEDICI REPERIBILI PER IL PRONTO SOCCORSO...87 TURNI PER L URGENZA DELLE UNITÀ OPERATIVE E DEI SERVIZI...87 CRITERI DI ACCESSO AL PRONTO SOCCORSO...88 CODICI COLORE DEL SISTEMA TRIAGE (IN ORDINE DECRESCENTE DI URGENZA)...88 ACCOGLIENZA...88 PER I PAZIENTI STRANIERI...88 L ATTESA...89 PAGAMENTO TICKET IN PRONTO SOCCORSO...89 MODALITÀ DI ACCESSO PER IL RICOVERO URGENTE...89 DOCUMENTI NECESSARI PER IL RICOVERO URGENTE...90 ACCETTAZIONE PER I RICOVERI URGENTI...90 VISITE DI CONTROLLO POST-PRONTO SOCCORSO...90 UFFICIO DI POLIZIA RICOVERI PROGRAMMATI MODALITÀ DI ACCESSO PER IL RICOVERO PROGRAMMATO...91 CONTACT CENTER RICOVERI PROGRAMMATI E URGENTI SSN:...92 PROGRAMMAZIONE RICOVERI PROGRAMMATI...93 DOCUMENTI NECESSARI PER IL RICOVERO PROGRAMMATO...93 ACCETTAZIONE RICOVERI PROGRAMMATI...94 VALUTAZIONE PRE-OPERATORIA O PREOPERATORI...94 PREPARAZIONE RICOVERI O PRERICOVERI...95 RILASCIO DOCUMENTAZIONE CLINICA PRESTAZIONI AMBULATORIALI

8 MODALITÀ DI ACCESSO PER LE PRESTAZIONI AMBULATORIALI...99 SERVIZI ACCETTAZIONE E PRENOTAZIONE SERVIZI ACCETTAZIONE E PRENOTAZIONE AGLI SPORTELLI PRENOTAZIONE TELEFONICA PRENOTAZIONE TRAMITE INTERNET PER ANNULLARE (CANCELLARE O DISDIRE) GLI APPUNTAMENTI PUNTI BLU, PUNTO INFORMAZIONI E PUNTO DI CONTATTO SERVIZI DI PRENOTAZIONE E /O ACCETTAZIONE AUTONOMI ACCESSO VELOCE PER PRIMI CONTROLLI /MEDICAZIONI POST-DIMISSIONE DALLE CHIRURGIE SERVIZIO PRENOTAZIONI PRESSO LE FARMACIE COMUNALI DOCUMENTI NECESSARI PER EFFETTUARE PRENOTAZIONE DI VISITE, ESAMI, PRESTAZIONI S.S.N DOCUMENTI NECESSARI PER EFFETTUARE ACCETTAZIONE DI VISITE, ESAMI, PRESTAZIONI S.S.N DOCUMENTI NECESSARI PER EFFETTUARE LA PRENOTAZIONE DI VISITE, ESAMI, PRESTAZIONI CONVENZIONATE CON ENTI ASSICURATIVI DOCUMENTI NECESSARI PER EFFETTUARE L ACCETTAZIONE DI VISITE, ESAMI, PRESTAZIONI CONVENZIONATE CON ENTI ASSICURATIVI.106 DOCUMENTI NECESSARI PER EFFETTUARE PRENOTAZIONE DI VISITE, ESAMI, PRESTAZIONI IN SOLVENZA DOCUMENTI NECESSARI PER EFFETTUARE L ACCETTAZIONE DI VISITE, ESAMI, PRESTAZIONI IN SOLVENZA MODALITÀ DI PAGAMENTO ESENZIONI DAL PAGAMENTO DEL TICKET REQUISITI DI VALIDITÀ DELLE IMPEGNATIVE RITIRO REFERTI ESAMI DI LABORATORIO ALTRI PUNTI PRELIEVO: PREPARAZIONE AGLI ESAMI ESAMI ESEGUITI SOLO IL MARTEDÌ E IL GIOVEDÌ: ESAMI NON ESEGUIBILI IL SABATO: ESAMI PER CUI È NECESSARIO PRENOTARE: RITIRO REFERTI ESAMI DI LABORATORIO ALTRI ESAMI E/O PRESTAZIONI PARTICOLARI PRESTAZIONI ESEGUIBILI SENZA PRENOTAZIONE PRESTAZIONI PER LE QUALI L'ACCETTAZIONE AVVIENE DOPO L'ESECUZIONE CENTRO DONAZIONI SANGUE CORSO DI PREPARAZIONE ALLA NASCITA INCONTRI DOPO IL PARTO RECAPITO REFERTI CONVENZIONI UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO FUNZIONI ISTITUZIONALI PUBLIC RELATIONS DEPARTMENT PUBLIC RELATIONS DEPARTMENT REGOLAMENTO URP ATTIVITÀ ASSISTENZIALI SANITARIE ASSISTENZA MEDICA ASSISTENZA INFERMIERISTICA E DI SUPPORTO ASSISTENZA OSTETRICA ASSISTENZA FISIOTERAPICA

9 ALTRI TIPI DI ASSISTENZA ASSISTENZA RELIGIOSA ORARI DELLE SANTE MESSE PROGETTO DI ASSISTENZA GLOBALE PER IL PAZIENTE ONCOLOGICO VOLONTARIATO SERVIZIO SOCIALE SERVIZIO FARMACIA SERVIZIO DI FISICA SANITARIA SERVIZIO MORTUARIO VITA QUOTIDIANA IN OSPEDALE COSA PORTARE IN OSPEDALE VISITA MEDICA E ATTIVITÀ DI ASSISTENZA INFERMIERISTICA INFORMAZIONE E CONSENSO INFORMATO... PAROLE DIFFICILI PRIVACY PERMESSO D USCITA VISITA DI PARENTI E/O CONOSCENTI PAZIENTI IN TERAPIA CON OSSIGENO A PERMANENZA SERVIZIO ALBERGHIERO VITTO SERVIZIO PARRUCCHIERI NELLE UNITÀ OPERATIVE ORDINE E PULIZIE LAVANDERIA E GUARDAROBA SERVIZIO RISTORO/BAR DISTRIBUTORI AUTOMATICI RISTORANTE SELF SERVICE TELEFONO TELEVISORE GIORNALI E RIVISTE SICUREZZA PER PAZIENTI E VISITATORI SICUREZZA SERVIZIO DI PRIMO SOCCORSO NORME DI COMPORTAMENTO NELLE EMERGENZE ALTRI SERVIZI PER PAZIENTI E VISITATORI CENTRO IPPICO HOTEL RAFAEL RICOVERO IN REGIME DI SOLVENZA SERVIZIO FOTOCOPIE SERVIZIO POSTALE SERVIZIO BANCOMAT GALLERIA DELLE BOTTEGHE PARRUCCHIERE UNISEX ATTIVITÀ RICREATIVE PER BAMBINI MANIFESTAZIONI CULTURALI ZOO INFORMAZIONI PER PAZIENTI STRANIERI FOREIGN PATIENT INFORMATION

10 INFORMACION PARA PACIENTES EXTRANJEROS INFORMAZIONI PER VISITATORI CENTRI SPECIALISTICI E SERVIZI, AMBULATORI CENTRI SPECIALISTICI E SERVIZI ANATOMIA PATOLOGICA CENTRO COAGULAZIONE EMATOLOGIA CENTRO DERMATOLOGIA E COSMETOLOGIA CENTRO TRASFUSIONALE - CENTRO DONAZIONI SANGUE - EMATOLOGIA CENTRO NUTRIZIONALE CENTRO SCIENZE DELLA NATALITÀ CENTRO SCLEROSI MULTIPLA FISIOPATOLOGIA RESPIRATORIA E PNEUMOLOGIA GAMMA KNIFE MEDICINA FISICA RIABILITAZIONE E ALTRE FORME DI RIEDUCAZIONE NEUROFISIOLOGIA CLINICA EEG ED ELETTROMIOGRAFIA NEURORADIOLOGIA CONVENZIONALE NEURORADIOLOGIA: RISONANZA MAGNETICA (RMN) NEURORADIOLOGIA: TOMOGRAFIA COMPUTERIZZATA (TAC) ODONTOIATRIA PSICODIAGNOSTICA (PSICOLOGIA E NEUROPSICOLOGIA - DI.ME.R.) RADIOLOGIA CONVENZIONALE RADIOLOGIA: ECOGRAFIA E DOPPLER RADIOLOGIA: ECOGRAFIA PEDIATRICA NO PRESSO IL SERVIZIO DI RADIOLOGIA DEL SAN RAFFAELE TURRO RADIOLOGIA: RISONANZA MAGNETICA (RMN) RADIOLOGIA: SENOLOGIA DIAGNOSTICA RADIOLOGIA: TOMOGRAFIA COMPUTERIZZATA (TAC) TOMOGRAFIA AD EMISSIONE DI POSITRONI (PET) UNITÀ OPERATIVA GASTROENTEROLOGIA ED ENDOSCOPIA DIGESTIVA UNITÀ OPERATIVA MEDICINA NUCLEARE UNITÀ OPERATIVA ONCOLOGIA MEDICA UNITÀ OPERATIVA RADIOTERAPIA E TOMOTERAPIA PRESTAZIONI AMBULATORIALI ALLERGOLOGIA ANDROLOGIA ANESTESIOLOGIA ARITMOLOGIA BRONCOSCOPIA (SERVIZIO DI ENDOSCOPIA TORACICA) CARDIOCHIRURGIA CARDIOLOGIA CLINICA, RIABILITAZIONE CARDIOVASCOLARE, CARDIOLOGIA EMODINAMICA, CARDIOLOGIA DIAGNOSTICA NON INVASIVA CARDIOLOGIA PEDIATRICA CHIRURGIA PLASTICA CHIRURGIA TORACICA CHIRURGIA VASCOLARE DIABETOLOGIA DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA GENERALE E SPECIALISTICA DIPARTIMENTO DI PRONTO SOCCORSO

11 ECOGRAFIA E DOPPLER ECOGRAFIA E DOPPLER PEDIATRICI EMATOLOGIA - UNITÀ DI TRAPIANTO MIDOLLO OSSEO ENDOCRINOLOGIA GASTROENTEROLOGIA GENETICA GERIATRIA GINECOLOGIA E OSTETRICIA IMMUNOLOGIA E REUMATOLOGIA MALATTIE INFETTIVE CENTRO SAN LUIGI OPPURE C/O HSR MALATTIE RARE MEDICINA INTERNA NEFROLOGIA NEUROCHIRURGIA NEUROLOGIA ONCOEMATOLOGIA ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA OTORINOLARINGOIATRIA PEDIATRIA E NEONATOLOGIA RADIOLOGIA E NEURORADIOLOGIA CONVENZIONALE RISONANZA MAGNETICA (RMN) TOMOGRAFIA COMPUTERIZZATA (TAC) UROLOGIA

12 MISSION E POLITICA ANDATE, INSEGNATE E GUARITE La Mission della Fondazione Centro S. Raffaele del Monte Tabor è sintetizzata nel comando evangelico Andate, insegnate guarite!. Tale missione si traduce nell orientamento dell attività di assistenza, ricerca e didattica ad un unico obiettivo: la centralità dell uomo nella sua triplice dimensione bio-psico-spirituale. Finalità della Fondazione è ricondurre il concetto e l esercizio della medicina e dell assistenza allo spirito e alla prassi del comando evangelico Guarite gli infermi (Matteo 10,8), ispirando e favorendo tutte le iniziative, ecclesiastiche e laiche, per un moderno rilancio del concetto cristiano di assistenza, in linea con la legislazione italiana in materia di sanità ed assistenza, al fine di svolgere una funzione di stimolo e contributo sperimentale alla innovazione e modernizzazione del sistema scientifico-didattico-assistenziale, per la tutela ed il rilancio del concetto cristiano di persona. (Statuto Fondazionale, art. 2) La configurazione organizzativa dell Opera costituisce uno strumento operativo per attuare questa mission in maniera efficace ed efficiente, in funzione del contesto ambientale di riferimento e del modello caratteristico che il San Raffaele persegue. Nel San Raffaele si trova l integrazione sinergica della componente Sanitaria (gli Ospedali e i Poliambulatori), della componente di Ricerca (Istituti e Laboratori dedicati), della componente Didattica (Università, Liceo), e della componente Amministrativa. L integrazione tra le aree Sanitaria e Scientifica è da tempo riconosciuta dalle istituzioni attraverso la qualifica di Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico (I.R.C.C.S.). La focalizzazione sulla centralità dell uomo nella sua dimensione bio-psico-spirituale è rimarcata dalla sinergia con l Ateneo Vita-Salute San Raffaele estesa alle facoltà di Medicina, Psicologia, Filosofia e Scienza della Comunicazione. MOVIMENTO MEDICINA - SACERDOZIO Con il Movimento Medicina-Sacerdozio, fondato da don Luigi M. Verzé, si promuove una presa di coscienza del fatto che la Medicina è scienza sacra perché sacro è l uomo immagine e similitudine di Dio. La Medicina, per il San Raffaele, è importante se è fondata sull idea di uomo e, quindi, se è realmente eccellente e per tutti, se guarisce in radice la malattia cioè se è scienza; se è competente, cioè se cura l uomo non soltanto nel suo corpo; se lo conosce perché lo ama nella sua unitarietà, nel suo profondo desiderio di essere. Il fine del Movimento è quello di garantire una Medicina più sicura e una elevata motivazione negli operatori che la esercitano. Del Movimento può far parte chiunque desideri condividere l idea Raffaelliana. Per informazioni: 12

13 ASSOCIAZIONE SIGILLI Cuore dell Associazione Monte Tabor è l Associazione Sigilli, creata e voluta dal Presidente e Fondatore don Luigi Maria Verzé e che accompagna fin dall inizio tutti gli sviluppi dell Opera, sia in Italia che all Estero. E formata da persone che dedicano tutta l intera vita per il compimento della missione dell Opera significata nel Sigillo Jesus Deus Patiens. L Associazione realizza il mandato statutario fondazionale in tutti gli aspetti ideali e operativi nell ambito della Mission più ampia: Andate, Insegnate, Guarite. L Associazione ha tra le sue finalità l assunzione del ruolo della continuità dello spirito informatore dell Opera e della garanzia di aderenza ai principi Fondazionali come espressi dagli Statuti. Per informazioni: 13

14 PRINCIPI FONDAMENTALI La Carta dei Servizi è uno strumento con cui l Ospedale San Raffaele intende instaurare un dialogo con i propri pazienti, promuovendone l informazione, la tutela e la partecipazione ed impegnandosi, secondo le direttive del D.P.C.M. 19/5/95, al rispetto e alla verifica degli standard di qualità adottati. L Ospedale San Raffaele eroga i propri servizi secondo i principi qui esposti; per alcuni di essi si fa riferimento a quanto descritto nel Manuale Della Qualità (MQ), nelle Istruzioni Operative Generali dell Ospedale (IOG) e negli Standard della Joint Commission (JCI). Sia il Manuale della Qualità, sia le Istruzioni Operative Generali dell Ospedale (IOG) e gli Standard della Joint Commission sono Documenti Interni. APPROPRIATEZZA DELLE CURE Le prestazioni sono erogate secondo i bisogni di salute della persona, rispettando: le indicazioni cliniche per le quali è stata dimostrata l efficacia, il momento più giusto di erogazione, le più opportune modalità di erogazione rispetto alle condizioni di salute e sociali della persona assistita. ASSENZA DI FINI DI LUCRO Le risorse finanziarie e i beni devono essere destinati al soddisfacimento degli interessi generali della comunità; il valore sociale delle iniziative si caratterizza come espressione di scelte autonome ma, nello stesso tempo, verificate sugli obiettivi del servizio pubblico, in armonia con i programmi definiti dal legislatore nazionale e regionale e dagli altri pubblici poteri. EGUAGLIANZA ED IMPARZIALITÀ Ogni paziente dell'ospedale ha il diritto di ricevere l'assistenza e le cure mediche più appropriate, senza discriminazione di età, sesso, razza, lingua, religione ed opinioni politiche. I comportamenti degli operatori verso gli utenti devono essere ispirati a criteri di obiettività, giustizia ed imparzialità. UMANIZZAZIONE L'Ospedale eroga servizi e prestazioni sanitarie garantendo una umanizzazione degli stessi. TRASPARENZA L Ospedale San Raffaele si impegna ad orientare la propria azione nel rispetto della trasparenza, in particolare nella gestione delle liste di attesa per le prestazioni ambulatoriali, nelle modalità di erogazione dei servizi, nell esplicitazione chiara degli obiettivi, nella pubblicizzazione dei risultati ottenuti circa l efficacia e l efficienza dei servizi erogati. CONTINUITÀ L'Ospedale assicura la continuità e la regolarità delle cure. In caso di funzionamento irregolare o di interruzione del servizio adotta misure volte ad apportare agli utenti il minor disagio possibile. RISERVATEZZA I servizi e il trattamento dei dati relativi allo stato e ai fatti riguardanti la persona assistita (acquisizione, conservazione, trasmissione, distruzione) sono effettuati nel rispetto più assoluto della riservatezza. Le informazioni riguardanti la persona sono comunicate solamente al diretto interessato o al suo delegato. Il personale sanitario e il personale amministrativo improntano le proprie azioni nel rispetto del segreto professionale e della riservatezza delle informazioni di cui sono venuti a conoscenza. 14

15 Presso le Unità Operative (U.O.), i Servizi e gli Ambulatori non devono essere esposti elenchi nominativi di pazienti (MQ 6.5). DIRITTO DI SCELTA L Ospedale offre servizi in regime di convenzione con il Servizio Sanitario Nazionale per una opportunità di scelta da parte del cittadino alle stesse condizioni delle strutture pubbliche; l Ospedale è inserito nel sistema generale della ricerca e dell assistenza sanitaria e, verificando la compatibilità per gli aspetti organizzativi, gestionali e normativi in genere, svolge una funzione di stimolo e contributo sperimentale alla innovazione e modernizzazione del sistema stesso. EFFICIENZA, EFFICACIA E QUALITÀ DEI SERVIZI Ogni operatore lavora per il raggiungimento dell'obiettivo primario che è la salute del paziente, in modo da produrre, con le proprie conoscenze tecnico-scientifiche più aggiornate, esiti validi per la salute dello stesso. Il raggiungimento di tale obiettivo non è separato dalla salvaguardia delle risorse che devono essere utilizzate nel miglior modo possibile, senza sprechi o costi inutili. PARTECIPAZIONE L'Ospedale deve garantire al paziente la partecipazione alla prestazione del servizio attraverso: una informazione corretta, chiara e completa; la possibilità di esprimere la propria valutazione della qualità delle prestazioni erogate e di inoltrare reclami suggerimenti per il miglioramento del servizio; la collaborazione con associazioni di volontariato e di tutela dei diritti (MQ 6.5). 15

16 CARTA DEI DIRITTI E DELLE GARANZIE I medici e gli operatori sanitari devono garantire un informazione chiara, semplice, essenziale, completa e comprensibile. La persona assistita ha il dovere di informare i medici e gli altri operatori sanitari su tutto ciò che possa risultare utile e necessario per una migliore prevenzione, diagnosi, terapia e assistenza. Il paziente ha diritto ad avere informazioni e indicazioni complete e comprensibili da parte del personale medico: sul proprio stato di salute sull eziologia, durata ed evoluzione della malattia (laddove sia possibile) sulla natura e sugli effetti dei mezzi diagnostici e terapeutici sulle alternative di cura (ove esistano) sulla partecipazione all elaborazione del piano diagnostico-terapeutico (MQ 6.5) sui riflessi della malattia e delle cure sullo stato e sulla qualità della propria vita su tutti i rimedi terapeutici ed assistenziali esistenti, atti ad evitare o sedare gli eventuali stati di sofferenza e di dolore. Ricevuta un adeguata informazione sanitaria, è diritto della persona assistita dare o negare il proprio consenso scritto per le analisi e le terapie che esulino dal piano terapeutico previsto per la patologia da cui è affetto (MQ 6.5 e IOG 083). Il medico, senza il consenso sottoscritto dalla persona assistita, non può intraprendere alcuna attività di diagnosi e cura, eccetto nei casi previsti dalla legge, cioè nelle situazioni di necessità ed urgenza e quando il paziente, al momento incapace di esprimere la propria volontà, si trovi in imminente pericolo di vita (MQ 6.5). Il paziente ha diritto: ad identificare immediatamente gli operatori che lo hanno in cura ad avere informazioni dal medico che lo ha preso in cura (MQ 6.5) ad avere chiarimenti e spiegazioni esaurienti sugli aspetti di natura assistenziali e, nei limiti delle specifiche competenze professionali, sui trattamenti sanitari prestati dal personale infermieristico e tecnico-sanitario (MQ 6.5) alla riservatezza sul suo stato di salute, comunicato ai familiari solo con il suo consenso o nei casi previsti dalla legge (MQ 6.5 e IOG 084) ad avere un informazione chiara e completa sulle sperimentazioni cliniche a partecipare liberamente ad eventuali protocolli di sperimentazione (solo se approvati dal Comitato Etico) e ad accedervi solo con la firma del consenso informato (MQ 6.5) al rifiuto ai servizi di rianimazione e alla rinuncia del mantenimento in vita con mezzi artificiali (MQ 6.5 e Standard JCI COP) LA PROTEZIONE DEI SOGGETTI DEBOLI E DEL BAMBINO Il paziente ha diritto: ad avere un assistenza adeguata per soggetti non autosufficienti (MQ 6.5) a vedere riconosciuti i propri diritti (MQ 6.5) ad essere curato da personale sanitario appositamente formato (MQ 6.5 e Standard JCI COP) a non subire discriminazioni ad avere la presenza costante di un familiare e/o conoscente se in età pediatrica ad avere la presenza prolungata, ove possibile, di un familiare e/o conoscente se paziente anziano o socialmente debole (MQ 6.5; Legge n. 48/88, art. 16; Standard JCI COP 5.8 e PFR 1.6) a mantenere la vita di relazione (per il bambino degente) ad avere la possibilità di accedere ad attività ricreative (MQ 6.5) a continuare la scuola se si tratta di una lunga degenza (per il bambino degente). La Fondazione Centro San Raffaele del Monte Tabor ha aderito in data 21 luglio 2008 alla Carta dei Diritti dei Bambini e degli Adolescenti in Ospedale, redatta da Fondazione ABIO Italia e Società Italiana di Pediatria (SIP),allo scopo di sensibilizzare le istituzioni sulla necessità di passare dal curare le malattie al prendersi cura dei bambini malati, senza dimenticare il ruolo fondamentale delle famiglie. 16

17 RISPETTO DELLA DIGNITÀ DELLA PERSONA La persona, ricoverata nell Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico San Raffaele, ha il diritto: a vedere rispettati dalla struttura sanitaria cui si è affidato, tutti i diritti che competono ad ogni essere umano: nessuno può approfittare della situazione di dipendenza, dovuta alla malattia, in cui si trova. Lo stato di malattia comporta infatti non la riduzione temporanea dei diritti in sé, ma la transitoria difficoltà del loro spontaneo esercizio ad essere considerata nella sua totalità unificata di corpo, psiche, spirito a vedere difesa ed onorata la sua libertà, responsabilità ed eticità ad avere un ospitalità e un trattamento alberghiero secondo livelli di qualità dignitosi ad essere sempre trattata con dignità, individuata con il proprio nome e cognome anziché con un numero o col nome della propria malattia, interpellata con il Lei e non con il tu al rispetto del proprio pudore fisico e spirituale ad avere le cure che tutti gli altri, a parità di condizioni di bisogno, possono ricevere senza differenze di sesso, di cultura, del proprio credo religioso e della propria etica (MQ 6.5). LIBERA PROFESSIONE INTRAMURARIA L esercizio della libera professione intramuraria non deve contrastare con il diritto, riconosciuto a tutti i cittadini, di un uguale livello di assistenza. Il paziente, nel richiedere la prestazione, ha diritto a ricevere le seguenti informazioni: nomi dei medici che erogano le prestazioni costo della prestazione o della degenza e modalità di pagamento orari, modalità di prenotazione e di accettazione. DIRITTO AD UN TRATTAMENTO CORRETTO DEI DATI PERSONALI La persona interessata ha diritto che gli venga richiesta l autorizzazione alla divulgazione del ricovero e a ricevere il modulo per il consenso al trattamento dei dati sensibili (MQ 6.5 e IOG 084). RISPETTO DELLA SEMPLIFICAZIONE AMMINISTRATIVA Il paziente ha diritto a presentare autocertificazioni e dichiarazioni sostitutive, secondo la normativa vigente. DIRITTO ALLA TUTELA Il cittadino che ritenga di aver subito un disservizio ha diritto a presentare reclamo nelle modalità indicate dal Regolamento URP. 17

18 DIRITTI E GARANZIE PER ATTIVITÀ OSPEDALIERE PRENOTAZIONE DEL RICOVERO Il paziente, al momento della prenotazione di un ricovero, ha il diritto di conoscere i criteri della gestione delle liste d attesa e di ricevere informazioni riguardanti: il tempo di attesa il reparto di assegnazione il luogo e le modalità di accettazione gli effetti personali da portare con sé. ACCOGLIENZA Al momento del ricovero il paziente deve informare sulla sua intenzione di non autorizzare la divulgazione del ricovero. All atto della valutazione iniziale deve essere rilevato il credo religioso per rispettare le abitudini del paziente (MQ 6.5). Ha diritto a ricevere: una brochure contenente le principali informazioni sul reparto un questionario per la valutazione della qualità del servizio un modulo per la presentazione di eventuali segnalazioni, solo su richiesta (MQ 6.5 e PSQ 005). Ha inoltre diritto ad avere informazioni: sulle regole di vita in reparto sulle modalità di attivazione dell assistenza spirituale sulle modalità con le quali sarà richiesto il consenso informato sugli orari di ricevimento dei medici sulle modalità con le quali è possibile reperire informazioni sul suo stato di salute. DIRITTI DURANTE IL RICOVERO La persona assistita ha diritto ad un informazione sanitaria come descritto nel paragrafo Informazione Sanitaria e Consenso Informato. Ha inoltre diritto: ad almeno un colloquio col medico all inizio del trattamento e uno prima della dimissione (MQ 6.5) a conoscere il nome del Dirigente Primariale a ricevere adeguate informazioni da parte del personale medico-infermieristico rispetto alle procedure diagnostiche e terapeutiche (MQ 6.5) a scegliere fra diversi menù, qualora non siano previste diete particolari legate allo stato di salute. Il menù proposto deve consentire una possibilità di scelta a coloro che, per motivi etici o religiosi, non mangiano alcune pietanze (musulmani, vegetariani, ecc.) (MQ 6.5) a interrompere in qualunque momento il ricovero, contro il parere dei sanitari, previa conoscenza dei rischi connessi e assunzione di responsabilità da parte del ricoverato stesso. L interruzione del ricovero deve essere documentata e firmata dalla persona interessata in cartella clinica alla presenza del medico. DIRITTI AL MOMENTO DELLE DIMISSIONI La persona assistita, al momento delle dimissioni, ha diritto: ad avere una lettera di dimissioni a ricevere la documentazione e le informazioni su terapie ed eventuali controlli da effettuare dopo le dimissioni ad avere informazioni infermieristiche (laddove sia necessario) ad avere una copia della cartella clinica e del materiale iconografico, previa richiesta all ufficio competente (vedi Sezione II). (MQ 6.5 e IOG 013). 18

19 DIRITTI SUL COMFORT E SUL RISPETTO DEI RITMI DI VITA La persona assistita ha diritto ad avere: la disponibilità di telefoni e televisori la disponibilità di spazi comuni la disponibilità di servizi adeguati per la cura della persona (barbiere, parrucchiere) la possibilità di acquistare giornali e riviste attraverso la loro distribuzione nell Unità Operativa la disponibilità di spazi per gli oggetti personali la possibilità di un riposo tranquillo, notturno e diurno l igiene della stanza e dei luoghi comuni. DIRITTO ALLA RISPETTO DELLA MORTE L Ospedale riconosce il diritto: ad una morte umana e dignitosa a trascorrere le ultime ore di vita con il conforto di familiari, parenti ed amici ad essere assistito da un ministro di culto, secondo il proprio credo religioso (MQ 6.5). DIRITTI E GARANZIE PER ATTIVITÀ AMBULATORIALI PRENOTAZIONE ED ACCESSO Il paziente ha diritto ad avere un sistema di prenotazione per le attività ambulatoriali con una gestione delle liste di attesa trasparente e documentabile. Al momento della prenotazione saranno fornite le seguenti informazioni: data e ora dell appuntamento, nome del medico (ove previsto), ubicazione dell ambulatorio, eventuale preparazione per effettuare la prestazione, obbligo da parte del cittadino che non intende usufruire della prestazione prenotata, di comunicare immediatamente la rinuncia e, comunque, non oltre i tre giorni precedenti l appuntamento costo della prestazione. TEMPI DI ATTESA PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI Il paziente ha il diritto al rispetto dei tempi di attesa per l erogazione delle prestazioni. La lista di attesa per ogni singola prestazione deve essere documentabile. Inoltre, l Ospedale San Raffaele si impegna a rispettare i tempi di attesa per l erogazione delle prestazioni secondo i criteri dettati dalla Regione Lombardia. 19

20 DOVERI DEL PAZIENTE NORME GENERALI Il paziente ha il dovere: di informare tempestivamente i sanitari sulla propria intenzione di rinunciare, secondo la propria volontà, a cure e prestazioni sanitarie programmate di informare i medici e gli altri operatori sanitari su tutto ciò che possa risultare utile e necessario per una migliore prevenzione, diagnosi, terapia e assistenza di informare sulla sua intenzione di non autorizzare la divulgazione del ricovero di comunicare immediatamente la rinuncia alla visita/prestazione strumentale prenotata e comunque non oltre tre giorni precedenti l appuntamento di rispettare gli ambienti, le attrezzature e gli arredi che si trovano all interno dell Ospedale di rispettare quelle norme che permettono il corretto svolgimento dell attività assistenzialeterapeutica di rispettare il divieto di fumo, di assunzione di bevande alcoliche e di utilizzo di telefoni cellulari (laddove segnalato) il paziente, quando accede in un Ospedale o in qualsiasi struttura sanitaria, esprime un rapporto di fiducia e di rispetto verso il personale sanitario, presupposto indispensabile per l impostazione di un corretto programma terapeutico assistenziale. NORME DURANTE LA DEGENZA Vedi Attività Assistenziali (Sezione III). 20

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani CARTA DEI SERVIZI Questa Carta dei Servizi ha lo scopo di illustrare brevemente il nostro Poliambulatorio per aiutare i cittadini a conoscerci, a rendere comprensibili ed accessibili i nostri servizi,

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 62,39 S.O. OCULISTICA 83,23 U.O. S.O. CHIRURGIE 64,58 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 76,74 U.O.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 62,39 S.O. OCULISTICA 83,23 U.O. S.O. CHIRURGIE 64,58 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 76,74 U.O. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 0/201. Pag. 1 di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari

Dettagli

www.policlinico.mo.it A cura dell ufficio Comunicazione e accoglienza Ufficio stampa tel 059 4222213 poliurp@policlinico.mo.it

www.policlinico.mo.it A cura dell ufficio Comunicazione e accoglienza Ufficio stampa tel 059 4222213 poliurp@policlinico.mo.it A cura dell ufficio Comunicazione e accoglienza Ufficio stampa tel 059 4222213 poliurp@policlinico.mo.it Progetto grafico Avenida Stampa Artestampa srl Diffusione 50.000 copie Dicembre 2003 www.policlinico.mo.it

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 83,22 U.O. S.O. CHIRURGIE 80,29 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 79,44 U.O. ALLERGOLOGIA 95,51 U.O. A.L.P.I.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 83,22 U.O. S.O. CHIRURGIE 80,29 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 79,44 U.O. ALLERGOLOGIA 95,51 U.O. A.L.P.I. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 0/1. Pag. 1 di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge,

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 75,36 U.O. S.O. CHIRURGIE 83,52 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 78,20 U.O. ALLERGOLOGIA 90,00 U.O. A.L.P.I.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 75,36 U.O. S.O. CHIRURGIE 83,52 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 78,20 U.O. ALLERGOLOGIA 90,00 U.O. A.L.P.I. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 2/. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge,

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI pag. 7 DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 6 MISSIONE E VALORI L U.O.C. di Oncologia Medica si prende

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili U.O. AFFARI GENERALI E SEGRETERIA

Dettagli

Guida alle prestazioni ambulatoriali

Guida alle prestazioni ambulatoriali Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a P r e s i d i o O s p e d a l i e r o P AP AR D O Guida alle prestazioni ambulatoriali Gentile Signore/a, l Azienda,

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Carta Servizi. Poliambulatorio Sani.Med. 98 S.r.l. Medicina dello sport Medicina del lavoro 4 revisione- Gennaio 2015.

Carta Servizi. Poliambulatorio Sani.Med. 98 S.r.l. Medicina dello sport Medicina del lavoro 4 revisione- Gennaio 2015. Sani.Med. S.r.l. Via Palombarese km. 19,0 Marcosimone di Guidonia 00010 Roma Carta Servizi Prestazioni di: Fisioterapia Cardiologia Dermatologia Ginecologia Endocrinologia Oculistica Neurologia Reumatologia

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

Sac. Prof. Don Luigi Maria Verzé

Sac. Prof. Don Luigi Maria Verzé "A prescindere dalla professionalità, che nel San Raffaele dev'essere ammessa come scontata, è certo che il corredo dei valori, la carica del loro possesso nei medici, negli infermieri e nel complesso

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso nel mese /. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge, avis, allattamento, matrimonio, lutto,

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 80,00 DIPARTIMENTO PREVENZIONE

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 80,00 DIPARTIMENTO PREVENZIONE Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso nel mese /. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge, avis, allattamento, matrimonio, lutto,

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 La Sol Levante nasce nel 1998 per dare una risposta alle esigenze delle persone, di ogni fascia d età, affette da disagio psichico e con problematiche in

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI DEGLI UTENTI DELL AZIENDA USL DI PIACENZA - 2003/2006 I Comitati Consultivi Misti degli Utenti dell Azienda USL di Piacenza dal gennaio 2003 al

Dettagli

La PET/CT. con. Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare

La PET/CT. con. Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare Informazione per pazienti La PET/CT con Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare Dott. Annibale Versari - Direttore INDICE Cos è e come funziona la

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE La sottoscritta Nannini Emanuela nata ad Arezzo il 20.08.1965, consapevole della decadenza dai benefici di cui all art. 75 del DPR 445/2000 e dalle norme penali

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

D.A.I. NEUROSCIENZE CLINICHE, ANESTESIOLOGIA E FARMACOUTILIZZAZIONE

D.A.I. NEUROSCIENZE CLINICHE, ANESTESIOLOGIA E FARMACOUTILIZZAZIONE Pag. 51 D.A.I. NEUROSCIENZE CLINICHE, ANESTESIOLOGIA E FARMACOUTILIZZAZIONE Responsabile: Prof. Lucio SANTORO Sedi: Edifici 17 16-11G - 20 Direzione 4645 Segreteria 2788 Fax 2657 Portineria 2355 U.O.C.

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE L EVENTO ASSEGNERÀ CREDITI ECM Sabato 16 giugno 2012 ore 8,30 UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE SEDE DEL CORSO Via Masaccio, 19 MILANO PER ISCRIZIONI www.chirurgiavascolaremilano.it Il Convegno

Dettagli

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose.

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose. RESIDENZA LE ROSE DATI ANAGRAFICI STRUTTURA SCHEDA SERVIZIO Residenza LE ROSE DENOMINAZIONE Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD INDIRIZZO CAP CITTÀ PROVINCIA 0429 644544 TELEFONO info@residenzalerose.net

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura

Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura Dip.to di Continuità Assistenziale - U.O.C. di Geriatria Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura 1^ ed. 6 maggio 2014 Centro Servizi alla Persona Fondazione Zanetti di Oppeano

Dettagli

ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI

ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI DESTINATARI: INFERMIERE, INFERMIERE PEDIATRICO INIZIO: 01/01/2012 FINE: 31/12/2012 COSTO: 84,70 (IVA INCLUSA) OBIETTIVI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Gustav Klimt, 1905) CONSULTORIO FAMILIARE RIETI Responsabile: Dr. Attilio Mozzetti ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Immagini tratte dal web e utilizzate per finalità istituzionali)

Dettagli

Università Vita~Salute San Raffaele

Università Vita~Salute San Raffaele Università Vita~Salute San Raffaele DECRETO RETTORALE N. 4185 IL RETTORE Visto lo Statuto dell'università Vita-Salute San Raffaele approvato con Decreto del Ministero dell'università e della Ricerca Scientifica

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Azienda Ospedaliera Sant Anna e e San Sebastiano di di Caserta. di di rilievo nazionale e di e di alta alta specializzazione

CARTA DEI SERVIZI. Azienda Ospedaliera Sant Anna e e San Sebastiano di di Caserta. di di rilievo nazionale e di e di alta alta specializzazione CARTA DEI SERVIZI azienda caserta azienda caserta ospedaliera Azienda Ospedaliera Sant Anna e e San Sebastiano di di Caserta di di rilievo nazionale e di e di alta alta specializzazione progetto e redazione:

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza Legge 22 maggio 1978, n. 194 Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza (Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale Gazzetta Ufficiale del 22 maggio 1978, n. 140)

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola.

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014 protocollo elettronico n. CRI/CC/0084024/2014 Oggetto: Ebola. Ai DRAE, loro sedi Ai Presidenti, loro sedi Ai Comitati Regionali, loro sedi All Ispettorato

Dettagli

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015 I Convegno di Neuroautoimmunità Prato, Polo Universitario 20-21 Febbraio 2015 PATROCINI RICHIESTI Patrocini richiesti Carissimi, Lettera dei Presidenti è con grande piacere che Vi invitiamo il 21 e 22

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome NAGAR BERNARDO Data di nascita 12/03/1955 Posto di lavoro e indirizzo ASP PALERMO U.O.C.Coordinamento Staff Strategico U.O.S.Coordinamento Screening

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

Pronto Soccorso e Sistema 118

Pronto Soccorso e Sistema 118 PROGETTO PRONTO SOCCORSO E SISTEMA 118 Ministero della Salute Progetto Mattoni SSN Pronto Soccorso e Sistema 118 Ricognizione della normativa, delle esperienze, delle sperimentazioni, relativamente a emergenza

Dettagli

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE Premessa Obiettivo delle presenti linee-guida è fornire indirizzi per la organizzazione della rete dei servizi di riabilitazione

Dettagli

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A.

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. Marra PROGETTO OBIETTIVO MATERNO INFANTILE ( POMI) DM 24 APRILE 2000 TRE

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza Commissione Nazionale dei Corsi di Laurea in Infermieristica La valutazione dei risultati dell apprendimento e qualità formativa dei Corsi di laurea in Infermieristica Milano, 10 giugno 2011 Realtà e problematiche

Dettagli

Carta dei servizi dell'azienda USL di Ravenna

Carta dei servizi dell'azienda USL di Ravenna Carta dei servizi dell'azienda USL di Ravenna Carta dei Servizi dell'azienda USL di Ravenna Carta dei Servizi La presente Carta dei servizi è stata realizzata a cura di: - Qualità e Accreditamento dell

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014 Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE v. 1.6 16 giugno 2014 Indice Indice...2 1. Introduzione...3 1.1 Il debito informativo del Co.Ge.A.P.S....3 1.2 Il debito informativo regionale...3

Dettagli

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO.

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. ALLEGATO A PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. TITOLI ACCADEMICI VOTO DI LAUREA Medici Specialisti ambulatoriali, Odontoiatri,

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n.

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n. Legge 15 marzo 2010, n. 38 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore (G.U. 19 marzo 2010, n. 65) Art. 1. (Finalità) 1. La presente legge tutela il diritto del

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. 2013 a tutt oggi ASL Cagliari

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. 2013 a tutt oggi ASL Cagliari O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Alessandra Aste Indirizzo VIA IS MIRRIONIS 92, 09121 CAGLIARI Telefono 070 6095934 3346152648 Fax 0706096059

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO. AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA Dirigente - U.O.C di Anestesia e Rianimazione

CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO. AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA Dirigente - U.O.C di Anestesia e Rianimazione INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita 27/07/1957 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO II Fascia AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale»

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» La proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso

Dettagli

Congresso. Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma

Congresso. Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma Congresso Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma Nel corso degli ultimi anni lo studio degli aspetti nutrizionali, dei

Dettagli

-Azienda Unità Sanitaria Locale n. 12 Viareggio Regione Toscana

-Azienda Unità Sanitaria Locale n. 12 Viareggio Regione Toscana -Azienda Unità Sanitaria Locale n. 12 Viareggio Regione Toscana Direttore Amministrativo Paolo Gennaro Torrico 59507 direttore.amministrativo O.I.V. Organismo Indipendente di Valutazione Direttore Generale

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove?

L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove? L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove? Anna Prenestini SDA Bocconi Area Public Policy and Management 09 ottobre 2012 1 Un futuro da scrivere

Dettagli

INCONTR-AIOSS 2015 COMPETENZE E ETICA BEST PRACTICE VS. 15-17 Ottobre 2015 AIOSS. Hotel Serena Majestic Montesilvano Lido (PE)

INCONTR-AIOSS 2015 COMPETENZE E ETICA BEST PRACTICE VS. 15-17 Ottobre 2015 AIOSS. Hotel Serena Majestic Montesilvano Lido (PE) Brochure Montesilvano 2015 30/07/15 12: Pagina 1 Associazione Italiana Operatori Sanitari di Stomaterapia INCONTR- 2015 Certificazione EN ISO 9001:2008 IQ-0905-12 per formazione ed aggiornamento COMPETENZE

Dettagli

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI intermedi di lavorazione del plasma, eccedenti i fabbisogni nazionali, al Þ ne di prevenirne la scadenza per mancato utilizzo, anche con recupero dei costi di produzione. 8. Per l attuazione di quanto

Dettagli

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI CIMEA di Luca Lantero Settembre 2008 1 Cicli Titoli di studio EHEA 1 2 3 Istruzione superiore universitaria Laurea Laurea Magistrale

Dettagli

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile INFORMAZIONI PERSONALI Nome Attilio Vercelloni Data di nascita 28/01/1960 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio dirigente medico ASL DI VERCELLI Staff - S.C. Neuropsichiatria

Dettagli

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE La sottoscritta Dr.ssa Franca CRINÒ, nata a Casignana (RC) il 04/03/1959, residente in Via Zittoro 19/4, 89030 - Casignana (RC) Tel.: 0964.956090, cell.:

Dettagli