SCHEMA DI PROTOCOLLO DI INTESA PER IL RILANCIO E LA VALORIZZAZIONE DELL ORATORIO ROSMINI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SCHEMA DI PROTOCOLLO DI INTESA PER IL RILANCIO E LA VALORIZZAZIONE DELL ORATORIO ROSMINI"

Transcript

1 Allegato alla deliberazione giuntale n. 36 di data 25 febbraio 2008 SCHEMA DI PROTOCOLLO DI INTESA PER IL RILANCIO E LA VALORIZZAZIONE DELL ORATORIO ROSMINI Tra PARROCCHIA DI S. MARCO COMUNITA MURIALDO E COMUNE DI ROVERETO Lo Stato e la Provincia Autonoma di Trento riconoscono e incentivano la funzione educativa e sociale svolta dalle parrocchie, nelle comunità locali, mediante le attività di oratorio o attività similari, secondo quanto previsto rispettivamente dalla legge 1 agosto 2003, n. 206 Disposizioni per il riconoscimento della funzione sociale svolta dagli oratori e dagli enti che svolgono attività similari e per la valorizzazione del loro ruolo e dalla legge provinciale 14 febbraio 2007, n. 5 Sviluppo, coordinamento e promozione delle politiche giovanili, disciplina del servizio civile provinciale e modificazioni della legge provinciale , 5 (sistema educativo di istruzione e formazione del Trentino). In particolare, la Provincia riconosce, nell art. 5 della L.P n. 5, nell ambito di un sistema integrato di interventi a favore dei giovani, la funzione educativa, formativa, sociale, nonché di aggregazione svolta attraverso le attività di oratorio o similari, che costituiscono uno degli strumenti sociali ed educativi della comunità locale per la promozione, l accompagnamento e il supporto alla crescita armonica dei minori, adolescenti e giovani, anche portatori di handicap che vi accedono spontaneamente. Le attività di cui sopra devono essere finalizzate a favorire, in stretto rapporto con le famiglie, lo sviluppo, la realizzazione individuale e la socializzazione dei minori, adolescenti e giovani, a promuovere la realizzazione di programmi, azioni e interventi volti a prevenire l emarginazione sociale, il disagio e la devianza minorile, nonché a proporre itinerari formativi di rilevanza culturale e sociale condividendo l istanza educativa della famiglia o supplendo alla stessa in caso di condizioni minorili disagiate. Il piano esecutivo di gestione 2008, approvato dalla Giunta Municipale, in linea con gli indirizzi espressi dal Consiglio comunale nella Relazione previsionale e programmatica , prevede una azione di rilancio delle attività dell Oratorio Rosmini, attraverso la collaborazione con la Parrocchia di San Marco, proprietaria dell edificio e con la Comunità Murialdo di Trento, ente morale senza scopo di lucro, che promuove anche sul territorio di Rovereto la cultura dell accoglienza e della solidarietà con interventi e specifici servizi a favore di minori e giovani e che è stato individuato dalla Parrocchia quale soggetto gestore delle attività oratoriali. Risulta importante per l intera comunità la valorizzazione dell Oratorio Rosmini, in quanto punto di riferimento e luogo significativo in cui giovani e adulti possono fare un percorso di crescita insieme. L Oratorio Rosmini infatti risulta avere una valenza di carattere cittadino e rappresenta una tradizione per la città. In questo modo l Oratorio Rosmini viene restituito alla città di Rovereto recuperando la sua istituzione storica e

2 tradizione risalente al 1833, anno di avvio dell attività, volta all incontro, alla formazione civica e allo scambio fra generazioni. L oratorio viene inteso quale luogo aperto e accogliente in cui gli adulti di riferimento, non sono solamente e principalmente gli operatori, che comunque ne garantiscono l apertura, la funzionalità, la gestione corretta e rispettosa, ma anche i volontari, le associazioni, i gruppi di riferimento, i genitori stessi: tutto ciò per lasciare spazio alla creatività e alla voglia di protagonismo dei giovani e della comunità. La presente intesa nasce dalla comune convinzione che siano da valorizzare e sostenere all interno della comunità, secondo il principio della sussidiarietà orizzontale, quelle formazioni sociali che, traendo ispirazione dalla propria specifica identità, svolgono una azione di promozione e crescita umana, sulla base di valori riconosciuti dalla comunità stessa, quali la dignità e libertà della persona umana, il rispetto e il dialogo tra diverse culture e tradizioni religiose, il superamento di ogni discriminazione, la solidarietà, la legalità nei rapporti personali e sociali. L azione educativa presso l Oratorio Rosmini si ispirerà a questi valori, che hanno contraddistinto la tradizionale proposta oratoriale. L intesa è volta alla realizzazione di un progetto innovativo, frutto della collaborazione e sinergia fra ente pubblico, parrocchia e Comunità Murialdo, che valorizza le risorse e specificità presenti nel territorio, non delega o finanzia un servizio, ma è una interessante e inedita sperimentazione di partnership, dove soggetti diversi concorrono per una finalità comune integrando le proprie competenze. CIO PREMESSO il Comune di Rovereto, rappresentato dal Sindaco pro tempore prof. Guglielmo Valduga, la Parrocchia S. Marco, rappresentata dal Parroco Don Valentino Felicetti, la Casa Generalizia della Pia Società Torinese S. Giuseppe - Comunità Murialdo di Trento, rappresentata dal Procuratore del legale rappresentante Padre Michele Balduzzi, di seguito denominate parti CONVENGONO E STIPULANO QUANTO SEGUE Articolo 1 Soggetti promotori 1. Le parti si impegnano a rilanciare l Oratorio Rosmini, punto di riferimento storico di Rovereto per l aggregazione, la socializzazione e l educazione dell intera comunità, in particolare quella giovanile. 2. Le parti ritengono importante recuperare il ruolo educativo della risorsa Oratorio Rosmini, tramite la realizzazione di un progetto condiviso di valorizzazione della struttura esistente, offrendo un opportunità di crescita educativa e di socializzazione agli adolescenti e ai giovani, sensibile ai bisogni di aggregazione degli stessi nel rispetto della diversità culturale e sollecitando la partecipazione attiva e responsabile dei giovani cittadini. 3. Le parti condividono i seguenti principi ispiratori: coinvolgere adolescenti e giovani in percorsi di crescita e di responsabilizzazione; sensibilizzare il tessuto sociale all animazione e all attivazione di proposte e di iniziative che promuovano i valori di cui all articolo 2; promuovere una partecipazione attiva e responsabile della città al rilancio dell attività dell Oratorio; - 2 -

3 integrare le attività dell Oratorio Rosmini con le altre iniziative a favore della popolazione giovanile. Articolo 2 Valori di riferimento 1. Le parti condividono e pongono alla base dell azione educativa dell Oratorio i seguenti fondamentali valori di riferimento, che caratterizzano la tradizionale azione educativa oratoriale, ispirata alla visione antropologica e pedagogica cristiana e che sono patrimonio valoriale comune all interno della comunità locale: dignità, libertà, rispetto e promozione della persona, rispetto e dialogo tra le diverse culture e tradizioni religiose, superamento di ogni discriminazione, legalità nei rapporti personali e sociali, solidarietà, collaborazione in vista del bene comune. Articolo 3 Finalità generali e obiettivi specifici 1. L obiettivo generale del rilancio dell Oratorio Rosmini è quello di valorizzarne la storia, la struttura e l esperienza, riproponendolo come spazio e luogo di incontro, aggregazione e crescita per i giovani di Rovereto. Tale rilancio va ad inserirsi in un ottica più ampia di valorizzazione delle risorse della comunità locale, anche con strumenti e modalità innovative, quali la presenza di uno o più operatori in un ruolo di promozione e coordinamento delle risorse presenti. 2. Fra gli obiettivi specifici si evidenziano: attivare iniziative e opportunità a favore della popolazione giovanile di Rovereto (preadolescenti, adolescenti e giovani della città); coinvolgere il territorio nell animazione e nell attivazione di proposte e iniziative; coinvolgere adolescenti e giovani in percorsi di crescita e di responsabilizzazione; coniugare le finalità educative dell oratorio con il bisogno di spazi di aggregazione giovanili aperti alla città e rispettosi di ogni cultura e di ogni realtà; rendere fruibile uno spazio significativo e storicamente riconosciuto come quello dell'oratorio; coinvolgere il territorio e la comunità in una partecipazione attiva e responsabile alla vita dell'oratorio coordinati e stimolati dagli operatori dipendenti; essere un importante punto di riferimento per le famiglie, come luogo di scambio, incontro e formazione sul ruolo educativo e sull'essere genitori oggi. Articolo 4 Target, attività e metodo di lavoro 1. L attività dell Oratorio Rosmini si rivolge prioritariamente a: preadolescenti e adolescenti dai 12 ai 18 anni; genitori; - 3 -

4 giovani e adulti significativi, associazioni e realtà informali che possono portare il loro contributo a servizio degli adolescenti. 2. Le attività che verranno svolte all interno dell oratorio dipendono in gran parte dalle persone e dalle realtà che si riesce a coinvolgere e mobilitare. L oratorio rappresenta quindi uno spazio e un tempo da riempire di contenuti, di valori e di proposte, valorizzando la ricchezza, le specificità e le capacità di tutta la comunità. In quest ottica diventa importante e centrale il processo a cui si arriva alle attività, piuttosto che le attività stesse. 3. A titolo esemplificativo si possono comunque ipotizzare le seguenti attività: attività libere per almeno 18 ore settimanali e per almeno 3 pomeriggi o/e sere a settimana incluso il fine settimana con la presenza dell operatore (ad esemplificazione attività da svolgersi in sale attrezzate con giochi da tavolo, calcetto, ping pong, angolo lettura, angolo musica, ecc. e attività da svolgersi nel piazzale); attività strutturate con finalità e programmi specifici (corsi di manualità, espressivi, spazio compiti, feste, tornei, momenti conviviali, incontri di formazione, manifestazioni) gestite in collaborazione con i volontari e le associazioni. Le attività potranno essere diversificate a seconda delle età dei presenti. 4. Altre attività potranno essere previste e/o ospitate, come ad esempio Grest, campi estivi, attività per Natale, per carnevale, ecc. 5. A seconda dei soggetti coinvolgibili è intenzione che l oratorio diventi anche uno spazio per attività e iniziative che coinvolgono i genitori sia da un punto di vista formativo che ludico-ricreativo e di ritrovo. 6. Sarà utilizzata la metodologia dello sviluppo di comunità, attivando le persone all interno del territorio di riferimento, e in particolare tramite un Comitato Oratorio, con ruoli e compiti operativi e con l'obiettivo principale di favorire il coinvolgimento e il protagonismo di tutti i soggetti formali e informali che si attivano all'interno dell'oratorio, stimolando la disponibilità di volontari sia giovani che adulti. Articolo 5 Ruolo della Parrocchia di S.Marco 1. La Parrocchia di S. Marco promuove il coinvolgimento della comunità parrocchiale nel progetto di cui alla presente intesa. 2. Si impegna a mettere a disposizione per il periodo della durata del protocollo gli spazi dell Oratorio Rosmini di via Paganini, 14, particella ed. n. 195/3 c.c. Rovereto nelle seguenti porzioni: in via esclusiva, metà del piano rialzato e l intero primo piano per complessivi mq. 450 calpestabili, come individuati nella planimetria allegata in colore rosso (mq 482 commerciali); il piazzale sarà utilizzato in via prioritaria per le attività oratoriali sotto la responsabilità della comunità Murialdo, salve le necessità legate al teatro e alle iniziative parrocchiali che saranno concordate con la Comunità Murialdo e comunicate con il dovuto preavviso. 3. La Parrocchia si impegna a mettere a disposizione gli spazi di cui sopra a titolo gratuito, salvo rimborso da parte del Comune delle spese di funzionamento come specificato al successivo articolo La parrocchia altresì si impegna a mettere a disposizione gratuitamente gli arredi e beni durevoli necessari per le attività previste

5 5. L eventuale utilizzo della palestra, del teatro e della sala mensa sarà concordato tra la Comunità Murialdo e la Parrocchia, riconoscendo a quest ultima i relativi costi di funzionamento tramite la Comunità Murialdo. Articolo 6 Ruolo della Comunità Murialdo 1. La Comunità Murialdo è titolare della progettualità e dell'attività specifica svolta nel rispetto del modello valoriale di cui al precedente art. 2 e dei fini istituzionali dell Oratorio Rosmini e collabora con tutte le realtà del territorio. 2. In particolare si impegna a gestire le attività dell Oratorio secondo le modalità di cui agli articoli 3 e 4, tramite l assunzione di personale qualificato nella misura minima di un operatore rapportato a tempo pieno, garantendo le funzioni di direzione, amministrazione dell Oratorio e di coordinamento delle risorse, associazioni e volontari che verranno coinvolti nelle attività. 3. Costituisce e regolamenta il Comitato Oratorio, di cui all articolo 4, prevedendo la presenza anche di un rappresentante della Parrocchia. 4. Convoca, presiede e coordina il Comitato Oratorio rendendo operative le sue decisioni. 5. La Comunità Murialdo con la partecipazione del Comitato Oratorio elabora un programma annuale delle attività che viene sottoposto in via preventiva alla approvazione dell Organo Istituzionale di cui all articolo 8 e una relazione a consuntivo della attività svolta. 6. Il programma annuale dovrà contenere gli indicatori che saranno utlizzati per la valutazione in sede di relazione consuntiva. 7. La stessa Comunità Murialdo ha la responsabilità operativa e l autonomia nella gestione delle attività ivi compresi gli ambiti di responsabilità civile a favore degli operatori e utenti del servizio. 8. Mantiene inoltre costanti contatti con l ufficio Progetto Giovani del Comune di Rovereto. Articolo 7 Ruolo del Comune 1. Il Comune promuove il senso di appartenenza e di coinvolgimento delle realtà e istituzioni interessate alle attività dell Oratorio. 2. Il Comune si impegna a garantire le risorse finanziarie per il funzionamento dell Oratorio riconoscendo alla Parrocchia: una quota delle spese generali riferite all edificio, del quale fanno parte anche gli spazi dell Oratorio, nella misura del 40%, le spese per le utenze di acqua, luce e gas secondo gli effettivi consumi. 3. Tali spese saranno rendicontate annualmente dalla Parrocchia al Comune. 4. Il Comune si impegna inoltre ad assumere le spese di gestione dell Oratorio in particolare quelle relative ai dipendenti, agli acquisti correnti e ad altre spese di gestione, comprese le spese per l occasionale utilizzo della palestra, del teatro e della sala mensa, che saranno liquidate direttamente alla Comunità Murialdo. 5. Le spese di cui al presente articolo saranno riconosciute nei limiti del preventivo delle spese che sarà concordato annualmente tra le parti e inserito nel Piano Esecutivo di Gestione approvato annualmente dal Comune

6 Articolo 8 Organo Istituzionale 1. E costituito un Organo Istituzionale con finalità di indirizzo e verifica composto da: il Parroco della Parrocchia di San Marco che lo presiede; l Assessore comunale competente in materia di politiche giovanili; il Procuratore del legale rappresentante della Comunità Murialdo; il Direttore della Comunità Murialdo; il Dirigente del Servizio Attività Sociali. 2. Sono compiti dell Organo Istituzionale: valutazione della conformità delle attività oratoriali al modello valoriale di cui al precedente articolo 2; studio e individuazione delle modalità più appropriate per la comunicazione del progetto di cui alla presente intesa nei confronti della comunità cittadina, ivi comprese le iniziative per l inaugurazione dell Oratorio; approvazione del programma annuale delle attività proposte dalla Comunità Murialdo, di cui al precedente articolo 6; monitoraggio e valutazione sull andamento del progetto e delle attività ad esso collegate, con particolare riferimento alla relazione consuntiva annuale di cui all articolo L Organo Istituzionale si riunisce almeno tre volte all anno. Articolo 9 Durata 1. Il presente Protocollo decorre dalla data della messa a disposizione degli spazi, agibili ai sensi di legge per le attività di cui alla presente intesa, formalmente comunicata al Comune e alla Comunità Murialdo da parte della Parrocchia di San Marco ed ha la durata sperimentale di 3 anni. 2. Le parti convengono che allo scadere del primo anno di attività sarà comunque effettuata una verifica della presente intesa allo scopo di apportare gli eventuali adeguamenti che si rendessero necessari. Articolo 10 Fase preparatoria 1. Le parti si impegnano a collaborare fin dalla data di sottoscrizione della presente intesa, anche prima della formale messa a disposizione degli spazi dell Oratorio Rosmini da parte della Parrocchia, per preordinare, nei limiti del possibile, quanto necessario per l avvio delle attività oratoriali. 2. Il riferimento è in particolare alle modalità di comunicazione del progetto alla comunità cittadina e alle iniziative per l inaugurazione dell Oratorio di cui al precedente articolo 8, nonché al lavoro di coinvolgimento da parte della Comunità Murialdo dei soggetti del territorio, in particolare in vista della costituzione del Comitato Oratorio

7 Art. 11 Spese contrattuali 1. Tutte le spese inerenti e conseguenti alla stipulazione del presente contratto sono a carico del Comune di Rovereto. Art. 12 Registrazione 1. Agli effetti fiscali le parti dichiarano che il presente atto è soggetto a registrazione solo in caso d'uso ai sensi dell'art. 4 della parte seconda della Tariffa allegata al D.P.R. 26 aprile 1986, n

PROTOCOLLO D'INTESA COMUNE DIOCESI di PADOVA

PROTOCOLLO D'INTESA COMUNE DIOCESI di PADOVA PROTOCOLLO D'INTESA COMUNE DIOCESI di PADOVA 1 PROTOCOLLO D'INTESA TRA: Il Comune di Padova, in seguito denominato Comune, con sede a Padova, in via del Municipio n. 1, C.F. 00644060287, e in particolare:

Dettagli

COMUNE DI BURAGO DI MOLGORA Piazza Matteotti, 12-20040 - PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA Tel. 039-699031 - Fax: 039-6080329

COMUNE DI BURAGO DI MOLGORA Piazza Matteotti, 12-20040 - PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA Tel. 039-699031 - Fax: 039-6080329 COMUNE DI BURAGO DI MOLGORA Piazza Matteotti, 12-20040 - PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA Tel. 039-699031 - Fax: 039-6080329 *** ORIGINALE *** N. 44 del 29/04/2010 Codice Comune 10925 VERBALE DI DELIBERAZIONE

Dettagli

Associazione Sportiva Dilettantistica Sansone Oratorio

Associazione Sportiva Dilettantistica Sansone Oratorio Associazione Sportiva Dilettantistica Sansone Oratorio Statuto Societario Articolo 1 L associazione Esiste (con atto costitutivo del 7 febbraio 2011), all interno della Parrocchia di Santo Stefano in Villasola

Dettagli

Citta di Cinisello Balsamo ---------------- Provincia di Milano ------ DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

Citta di Cinisello Balsamo ---------------- Provincia di Milano ------ DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA CONFORME Citta di Cinisello Balsamo ---------------- Provincia di Milano ------ Codice n. 10965 Data: 21/04/2011 GC N. 121 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: ACCORDO DI COLLABORAZIONE TRA

Dettagli

Comune di Alzano Lombardo PROGETTO GIOVANI

Comune di Alzano Lombardo PROGETTO GIOVANI Ente titolare Comune di Alzano Lombardo Riferimenti: Ufficio Servizi alla Persona Via G.Mazzini, 69-24022 (BG) Tel. 035 4289000 Email servizi.sociali@comune.alzano.bg.it Comune di Alzano Lombardo PROGETTO

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE Allegato A alla delibera di Giunta n del. PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE PREMESSO CHE: Il 10 dicembre 1997, nell ambito della Convenzione Quadro sui Cambiamenti

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. VISTA la legge regionale 18 febbraio 2002, n. 6, e successive modificazioni;

LA GIUNTA REGIONALE. VISTA la legge regionale 18 febbraio 2002, n. 6, e successive modificazioni; Oggetto: Approvazione del protocollo d intesa-tipo tra Regione Lazio ed enti o soggetti interessati concernente la promozione di un programma di interventi strutturali finalizzati al potenziamento dell

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE IL DIRITTO DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI ALL EDUCAZIONE E ALL ISTRUZIONE DALLA NASCITA FINO A SEI ANNI

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE IL DIRITTO DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI ALL EDUCAZIONE E ALL ISTRUZIONE DALLA NASCITA FINO A SEI ANNI PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE IL DIRITTO DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI ALL EDUCAZIONE E ALL ISTRUZIONE DALLA NASCITA FINO A SEI ANNI 1 IL DIRITTO DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI ALL EDUCAZIONE E ALL

Dettagli

SERVIZIO CIVILE NAZIONALE VOLONTARIO

SERVIZIO CIVILE NAZIONALE VOLONTARIO PROTOCOLLO D INTESA tra PROVINCIA di Cuneo e ENTI LOCALI, CONSORZI, SOGGETTI PUBBLICI, ENTI DEL PRIVATO SOCIALE, PARTI SOCIALI PER LA PROMOZIONE, L ELABORAZIONE, LA GESTIONE DI PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE

Dettagli

IL CONSIGLIO REGIONALE. Ha approvato IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA

IL CONSIGLIO REGIONALE. Ha approvato IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LEGGE REGIONALE N. 36 DEL 21 DICEMBRE 2012 DISPOSIZIONI PER LA REALIZZAZIONE DELLE INIZIATIVE REGIONALI IN APPLICAZIONE DELLA LEGGE 1 AGOSTO 2003, N. 206 (DISPOSIZIONI PER IL RICONOSCIMENTO DELLA FUNZIONE

Dettagli

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO PER MINORI LA TARTARUGA INDICE CAP 1 - Principi generali Art. 1 Definizione del servizio Art. 2 Finalità e obiettivi

Dettagli

C O M U N E DI S P I N E A 30038 Prov.di Venezia SETTORE SERVIZI AI CITTADINI

C O M U N E DI S P I N E A 30038 Prov.di Venezia SETTORE SERVIZI AI CITTADINI C O M U N E DI S P I N E A 30038 Prov.di Venezia SETTORE SERVIZI AI CITTADINI PROTOCOLLO D INTESA Fra i seguenti soggetti: AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI SPINEA : Responsabile Settore Servizi Ai Cittadini

Dettagli

la costituzione dell Associazione Casa delle Culture

la costituzione dell Associazione Casa delle Culture Protocollo d intesa tra Amministrazione Provinciale di Modena Comune di Modena Associazione Servizi per il Volontariato Modena Associazione Casa delle Culture di Modena per la realizzazione del progetto

Dettagli

CENTRI DI PROMOZIONE GIOVANILE AUTOGESTITI

CENTRI DI PROMOZIONE GIOVANILE AUTOGESTITI All. B10 REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO SICUREZZA E SOLIDARIETA SOCIALE R.Gio/CPA AMBITO ZONALE ALTO AGRI CENTRI DI PROMOZIONE GIOVANILE AUTOGESTITI Art.1 Definizione Il centro di aggregazione giovanile

Dettagli

Competenze-chiave, futuro chiavi in mano: protagonismo giovanile e cittadinanza attiva in provincia di Modena

Competenze-chiave, futuro chiavi in mano: protagonismo giovanile e cittadinanza attiva in provincia di Modena SCHEDA-PROGETTO PER LE ATTIVITÀ DI SPESA CORRENTE PROMOSSE DA EE.LL. (PUNTO 2.2, LETTERE A. E B. DELL ALLEGATO A) FINALIZZATE AD INTERVENTI RIVOLTI AD ADOLESCENTI E GIOVANI. (L.R. 14/08 "NORME IN MATERIA

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO ORATORIO SAN VIGILIO - SPIAZZO - ANNO PASTORALE 2013-2014

PROGETTO EDUCATIVO ORATORIO SAN VIGILIO - SPIAZZO - ANNO PASTORALE 2013-2014 PROGETTO EDUCATIVO ORATORIO SAN VIGILIO - SPIAZZO - ANNO PASTORALE 2013-2014 Chi vuole fare sul serio qualcosa, trova una strada; gli altri, una scusa. (Proverbio Africano) Come un uomo saggio che trae

Dettagli

FOMULARIO L. R. DELLA CALABRIA N. 8/88 ISTANZE CONTRIBUTI COMUNI PER CENTRI POLIVALENTI GIOVANI SCADENZA 30 MARZO 2012

FOMULARIO L. R. DELLA CALABRIA N. 8/88 ISTANZE CONTRIBUTI COMUNI PER CENTRI POLIVALENTI GIOVANI SCADENZA 30 MARZO 2012 COMUNE DI LONGOBARDI ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI Con delibera di giunta n. 25 del 29 marzo 2012, il comune di Longobardi, di cui è sindaco Giacinto Mannarino, ha presentato istanza alla Regione,

Dettagli

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE Art.1- Costituzione E istituito, ai sensi dell art. 3 lettera J dello Statuto della Provincia, un Comitato di Coordinamento denominato CONSULTA

Dettagli

COMUNE DI QUARTU SANT'ELENA Provincia di Cagliari

COMUNE DI QUARTU SANT'ELENA Provincia di Cagliari COMUNE DI QUARTU SANT'ELENA Provincia di Cagliari REGOLAMENTO PER ISTITUZIONE DEL REGISTRO COMUNALE DEL VOLONTARIATO, DELLE CONSULTE TEMATICHE E DEL FORUM DEL VOLONTARIATO. Approvato con deliberazione

Dettagli

Formulario Allegato 2. 1. Dati sul soggetto richiedente

Formulario Allegato 2. 1. Dati sul soggetto richiedente Formulario Allegato 2 1. Dati sul soggetto richiedente - Denominazione Borgo Ragazzi Don Bosco - Data costituzione 30 giugno 1959 - Codice Fiscale 02230700581 - P.IVA (se in possesso) - Indirizzo Sede

Dettagli

Ecco il tuo campo. Una Chiesa tutta oratoriana. a cura di Emanuele Fonzo FOI Forum Oratori Italiani

Ecco il tuo campo. Una Chiesa tutta oratoriana. a cura di Emanuele Fonzo FOI Forum Oratori Italiani Ecco il tuo campo Una Chiesa tutta oratoriana a cura di Emanuele Fonzo FOI Forum Oratori Italiani L Oratorio oggi Oggi sono circa 6000 gli Oratori in Italia, promossi da parrocchie, associazioni, movimenti,

Dettagli

ALLEGATO A COMUNE DI PONTE SAN NICOLÒ PROVINCIA DI PADOVA REG. N. OGGETTO: Convenzione con la Cooperativa Sociale L Allegra Brigata per la promozione

ALLEGATO A COMUNE DI PONTE SAN NICOLÒ PROVINCIA DI PADOVA REG. N. OGGETTO: Convenzione con la Cooperativa Sociale L Allegra Brigata per la promozione ALLEGATO A COMUNE DI PONTE SAN NICOLÒ PROVINCIA DI PADOVA REG. N. OGGETTO: Convenzione con la Cooperativa Sociale L Allegra Brigata per la promozione dell utilizzo di porzione di area di proprietà comunale

Dettagli

SCHEDA TECNICA INT. 22 All. A/2

SCHEDA TECNICA INT. 22 All. A/2 COMUNE DI PALERMO Settore Servizi Socio-Assistenziali U.O. Attuazione e Gestione Piano Infanzia e Adolescenza SCHEDA TECNICA INT. 22 All. A/2 Titolo intervento Centro Aggregativo sovra circoscrizionale

Dettagli

REGOLAMENTO ALBO E CONSULTA DEGLI ORGANISMI ASSOCIATIVI E DI VOLONTARIATO SOCIALE

REGOLAMENTO ALBO E CONSULTA DEGLI ORGANISMI ASSOCIATIVI E DI VOLONTARIATO SOCIALE REGOLAMENTO ALBO E CONSULTA DEGLI ORGANISMI ASSOCIATIVI E DI ART. 1 OGGETTO E FINALITA DEL REGOLAMENTO L Amministrazione Comunale di Trapani - ai sensi della L.r. n 10/91, della L.r. n 22/94 e del vigente

Dettagli

giuridici sarà valida anche la denominazione Caccabe.

giuridici sarà valida anche la denominazione Caccabe. Statuto dell associazione culturale Caccabe Art. 1 Denominazione È costituita l Associazione culturale e di valorizzazione del territorio denominata Caccabe. Ai fini giuridici sarà valida anche la denominazione

Dettagli

BANDO TERRITORI DI COMUNITÀ 4^ edizione

BANDO TERRITORI DI COMUNITÀ 4^ edizione BANDO TERRITORI DI COMUNITÀ 4^ edizione Il contesto di riferimento Le Fondazioni di origine bancaria possono svolgere oggi un ruolo fondamentale per la costruzione del nuovo welfare di comunità, un modello

Dettagli

COMUNE DI DECIMOMANNU

COMUNE DI DECIMOMANNU COMUNE DI DECIMOMANNU REGOLAMENTO PER L ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI ED ISTITUZIONE DELLE CONSULTE DELLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO E CULTURALI. (Approvato con Deliberazione di C.C. n. del ) 1 INDICE

Dettagli

Comune di Coccaglio Provincia di Brescia. Regolamento Comunale PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E SUSSIDI AD ENTI, ASSOCIAZIONI E PRIVATI

Comune di Coccaglio Provincia di Brescia. Regolamento Comunale PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E SUSSIDI AD ENTI, ASSOCIAZIONI E PRIVATI Comune di Coccaglio Provincia di Brescia Regolamento Comunale PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E SUSSIDI AD ENTI, ASSOCIAZIONI E PRIVATI Approvato con delibera C.C. n 34 del 21.06.2010 Deliberazione C.C.

Dettagli

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO MUSEO DELLA CULTURA CONTADINA DI CASORE DEL MONTE- MARLIANA - PT

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO MUSEO DELLA CULTURA CONTADINA DI CASORE DEL MONTE- MARLIANA - PT STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO MUSEO DELLA CULTURA CONTADINA DI CASORE DEL MONTE- MARLIANA - PT Art. 1- L Associazione di volontariato Museo della Cultura Contadina più avanti chiamata per

Dettagli

COMUNE DI MARENO DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO

COMUNE DI MARENO DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO Allegato sub B) alla deliberazione C.C. n. 24 in data del 26.07.2011 COMUNE DI MARENO DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ALBO DELLE ASSOCIAZIONI E PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI

Dettagli

S T A T U T O. ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE DI TUTTI I COLORI Occhiobello (RO) ART. 1 (Denominazione e sede)

S T A T U T O. ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE DI TUTTI I COLORI Occhiobello (RO) ART. 1 (Denominazione e sede) S T A T U T O ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE DI TUTTI I COLORI Occhiobello (RO) ART. 1 (Denominazione e sede) 1. E costituita, nel rispetto del Codice Civile e della normativa in materia, l associazione

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA tra Ministero della Pubblica Istruzione e Polisportive Giovanili Salesiane Ente di promozione Sportiva riconosciuto dal Coni

PROTOCOLLO D'INTESA tra Ministero della Pubblica Istruzione e Polisportive Giovanili Salesiane Ente di promozione Sportiva riconosciuto dal Coni PROTOCOLLO D'INTESA tra Ministero della Pubblica Istruzione e Polisportive Giovanili Salesiane Ente di promozione Sportiva riconosciuto dal Coni il decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297 e successive

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CRITERI E MODALITA PER LA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI, SUSSIDI ED AUSILI FINANZIARI ART.12 LEGGE 241 DEL 7.8.

REGOLAMENTO DEI CRITERI E MODALITA PER LA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI, SUSSIDI ED AUSILI FINANZIARI ART.12 LEGGE 241 DEL 7.8. COMUNE DI BIBBONA Provincia di Livorno REGOLAMENTO DEI CRITERI E MODALITA PER LA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI, SUSSIDI ED AUSILI FINANZIARI ART.12 LEGGE 241 DEL 7.8.1991 Approvato con atto consiliare

Dettagli

A relazione dell'assessore Ferrari:

A relazione dell'assessore Ferrari: REGIONE PIEMONTE BU48 03/12/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 9 novembre 2015, n. 21-2388 Approvazione Protocollo di Intesa fra la Caritas Diocesana di Vercelli, il Comune di Vercelli, la Provincia

Dettagli

CIRC. 6 - BARRIERA DI MILANO - FALCHERA - REGIO PARCO 2015 05064/089 Servizi Sociali CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

CIRC. 6 - BARRIERA DI MILANO - FALCHERA - REGIO PARCO 2015 05064/089 Servizi Sociali CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE CIRC. 6 - BARRIERA DI MILANO - FALCHERA - REGIO PARCO 2015 05064/089 Servizi Sociali CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico 94 approvata il 22 ottobre 2015 DETERMINAZIONE: SERVIZI SOCIALI

Dettagli

STATUTO. Associazione ANCeSCAO Lazio Coordinamento Regionale del Lazio dell Associazione nazionale centri Sociali, Comitati Anziani e Orti

STATUTO. Associazione ANCeSCAO Lazio Coordinamento Regionale del Lazio dell Associazione nazionale centri Sociali, Comitati Anziani e Orti STATUTO Associazione ANCeSCAO Lazio Coordinamento Regionale del Lazio dell Associazione nazionale centri Sociali, Comitati Anziani e Orti Articolo1 COSTITUZIONE E costituita l Associazione ANCeSCAO Lazio,

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA RGP PRECOTTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA RGP PRECOTTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA RGP PRECOTTO Titolo I DENOMINAZIONE, SEDE E SCOPO Art. 1 E costituita l Associazione sportiva dilettantistica denominata RGP PRECOTTO. L Associazione

Dettagli

COMUNE DI GONNOSNO PROVINCIA DI ORISTANO SERVIZIO SOCIALE COMUNALE REGOLAMENTO SUL FUNZIONAMENTO DELLA LUDOTECA PETER PAN

COMUNE DI GONNOSNO PROVINCIA DI ORISTANO SERVIZIO SOCIALE COMUNALE REGOLAMENTO SUL FUNZIONAMENTO DELLA LUDOTECA PETER PAN APPROVATO CON DELIBERAZIONE C.C. N. 8 DEL 25/02/2005, MODIFICATO CON ATTO C.C. N. 30 DEL 28/11/2012 COMUNE DI GONNOSNO PROVINCIA DI ORISTANO SERVIZIO SOCIALE COMUNALE REGOLAMENTO SUL FUNZIONAMENTO DELLA

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO ANIMALCORTILE ATTO COSTITUTIVO E STATUTO. Art. 1 Costituzione. Art. 2 Finalità e attività

ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO ANIMALCORTILE ATTO COSTITUTIVO E STATUTO. Art. 1 Costituzione. Art. 2 Finalità e attività ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO ANIMALCORTILE ATTO COSTITUTIVO E STATUTO Art. 1 Costituzione E costituita tra i sottoscriventi una libera associazione di volontariato avente la seguente denominazione: Associazione

Dettagli

Regolamento per la concessione di contributi a enti e associazioni

Regolamento per la concessione di contributi a enti e associazioni Regolamento per la concessione di contributi a enti e associazioni approvato con atto consiliare n. 50 del 27/06/2002 REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A ENTI E ASSOCIAZIONI Capo I - DISCIPLINA

Dettagli

giovani l opportunità di un sereno e armonioso sviluppo;

giovani l opportunità di un sereno e armonioso sviluppo; Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Protocollo d Intesa tra MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DIREZIONE GENERALE PER LO STUDENTE e CSI CENTRO SPORTIVO ITALIANO

Dettagli

Regolamento Consulta Comunale dell Associazionismo e del Volontariato

Regolamento Consulta Comunale dell Associazionismo e del Volontariato Regolamento Consulta Comunale dell Associazionismo e del Volontariato Premessa Il Comune di Monte Urano riconosce, nelle numerose Associazioni e organismi di volontariato che senza fini di lucro operano

Dettagli

COMUNE DI BONATE SOTTO PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO DEL CENTRO SOCIO-CULTURALE

COMUNE DI BONATE SOTTO PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO DEL CENTRO SOCIO-CULTURALE COMUNE DI BONATE SOTTO PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO DEL CENTRO SOCIO-CULTURALE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale nr. 18 del 20.02.1996 e Modificato con deliberazione del Consiglio

Dettagli

Progetto giovani, oggi e domani

Progetto giovani, oggi e domani Progetto giovani, oggi e domani Progetto per le Politiche Giovanili nei comuni di Ceresole d Alba (cn) Pocapaglia (cn) Sanfrè (cn) Sommariva Perno (cn) In collaborazione con Consorzio Socio Assistenziale

Dettagli

e ilgioco com inciò..

e ilgioco com inciò.. e ilgioco com inciò.. PROGETTO EDUCATIVO 1.1 PRESENTAZIONE GENERALE Il progetto CRD si rivolge a bambini/e e ragazzi/e della scuola primaria e secondaria di primo grado del paese con attività diurne presso

Dettagli

Comune di Castiglione del Lago (Provincia di Perugia) REGOLAMENTO PER L ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI ED ISTITUZIONE DELLE CONSULTE.

Comune di Castiglione del Lago (Provincia di Perugia) REGOLAMENTO PER L ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI ED ISTITUZIONE DELLE CONSULTE. Comune di Castiglione del Lago (Provincia di Perugia) REGOLAMENTO PER L ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI ED ISTITUZIONE DELLE CONSULTE. INDICE TITOLO I ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI art. 1 Finalità

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL CENTRO SOCIO-CULTURALE GAMBARO. ARTICOLO 1 Oggetto e Finalità

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL CENTRO SOCIO-CULTURALE GAMBARO. ARTICOLO 1 Oggetto e Finalità REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL CENTRO SOCIO-CULTURALE GAMBARO ARTICOLO 1 Oggetto e Finalità Il presente regolamento disciplina l uso e la gestione del Centro Socio Culturale Gambaro, denominato

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA. tra. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direzione Generale Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte

PROTOCOLLO DI INTESA. tra. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direzione Generale Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte PROTOCOLLO DI INTESA tra Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direzione Generale Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte Associazione Italiana Fisioterapisti Piemonte Valle d

Dettagli

COMUNE DI GERENZAGO (PROVINCIA DI PAVIA)

COMUNE DI GERENZAGO (PROVINCIA DI PAVIA) COMUNE DI GERENZAGO (PROVINCIA DI PAVIA) CONVENZIONE per la gestione della scuola materna L'anno duemilasette addì. del mese nell'ufficio del Comune di Gerenzago (PV) TRA Il Comune di Gerenzago, rappresentato

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA DON BOSCO RIVOLI TITOLO I NATURA, SCOPI E FINALITÀ

STATUTO ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA DON BOSCO RIVOLI TITOLO I NATURA, SCOPI E FINALITÀ STATUTO ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA DON BOSCO RIVOLI TITOLO I NATURA, SCOPI E FINALITÀ Art.1 Costituzione E costituita l Associazione sportiva dilettantistica, ai sensi degli articoli 36 e seguenti

Dettagli

MECC. N. 2014 06492/091 Doc. n. 93/14 CITTÀ DI TORINO CIRC. 8 - SAN SALVARIO - CAVORETTO - BORGO PO DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI CIRCOSCRIZIONE

MECC. N. 2014 06492/091 Doc. n. 93/14 CITTÀ DI TORINO CIRC. 8 - SAN SALVARIO - CAVORETTO - BORGO PO DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI CIRCOSCRIZIONE MECC. N. 2014 06492/091 Doc. n. 93/14 CITTÀ DI TORINO CIRC. 8 - SAN SALVARIO - CAVORETTO - BORGO PO DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI CIRCOSCRIZIONE C.8. (ART. 42 COMMA 2). SERVIZI SOCIALI APPROVAZIONE CONTRIBUTI

Dettagli

1 Associazione Internazionale delle Carità fondate da San Vincenzo dè Paoli.

1 Associazione Internazionale delle Carità fondate da San Vincenzo dè Paoli. STATUTO GRUPPI DI VOLONTARIATO VINCENZIANO AIC ITALIA Approvato dal Comitato di Presidenza nazionale il 10 maggio 2007 Approvato dal Consiglio nazionale il 10 maggio 2007 Art. 1 - Costituzione I Gruppi

Dettagli

ALLEGATO A) all'avviso LINEE GUIDA DEL PROGETTO EDUCATIVO CRESCERE NEL CENTRO

ALLEGATO A) all'avviso LINEE GUIDA DEL PROGETTO EDUCATIVO CRESCERE NEL CENTRO ALLEGATO A) all'avviso LINEE GUIDA DEL PROGETTO EDUCATIVO CRESCERE NEL CENTRO 1. Premessa Il Comune di Forlì, in relazione al proprio ruolo di promozione e governo del sistema territoriale integrato dei

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO DISTRETTUALE SOSTEGNO DELLA GENITORIALITA DISTRETTO CARBONIA PREMESSA

REGOLAMENTO SERVIZIO DISTRETTUALE SOSTEGNO DELLA GENITORIALITA DISTRETTO CARBONIA PREMESSA Allegato B II annualità Progetto Sostegno alla genitorialità - Distretto di Carbonia REGOLAMENTO SERVIZIO DISTRETTUALE SOSTEGNO DELLA GENITORIALITA DISTRETTO CARBONIA PREMESSA - Con D.G.R. n. 40/09 del

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO CiPì

STATUTO ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO CiPì STATUTO ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO CiPì TITOLO PRIMO COSTITUZIONE SEDE DURATA ART.1 È costituita mediante libera adesione l'associazione di volontariato denominata CiPì, ai sensi della legge 266/91.

Dettagli

X Nuovo Attivato in continuità con interventi avviati a partire dall anno:

X Nuovo Attivato in continuità con interventi avviati a partire dall anno: Comune sede progetto: Bariano AT n. 14 - Romano di Lombardia Progetto: Progetto "Media Dispersione" di Bariano Sede presso Oratorio di Bariano Via don Luigi Paganessi 6/P Tel. fax e-mail Tipologia di progetto

Dettagli

Si ricorda che: SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

Si ricorda che: SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA Si ricorda che: - LA DOMANDA DI SERVIZIO CIVILE VA INVIATA A : PER LA SEDE DI SASSARI: COSPES SALESIANI SARDEGNA VIA DE MARTINI N. 18 07040 SASSARI (SS) PER LA SEDE DI CAGLIARI: PARROCCHIA S. PAOLO, PIAZZA

Dettagli

Progetto giovani, oggi e domani 2012

Progetto giovani, oggi e domani 2012 Comune di Ceresole d'alba Comune di Pocapaglia Comune di Sanfrè Progetto giovani, oggi e domani Progetto per le Politiche Giovanili nei comuni di Baldissero d'alba Ceresole d Alba Pocapaglia Sanfrè Sommariva

Dettagli

1. INTERVENTI ECONOMICI

1. INTERVENTI ECONOMICI PIANO DEGLI INTERVENTI IN MATERIA DI POLITICHE FAMILIARI DEL COMUNE DI TIONE DI TRENTO PER L ANNO 2016 PREMESSA La Provincia Autonoma di Trento ha approvato in data 10 luglio 2009 il Libro Bianco sulle

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Finalità 1.1 Il

Dettagli

Sostegni per le funzioni sociali ed educative degli oratori

Sostegni per le funzioni sociali ed educative degli oratori Presentato dal Consigliere provinciale del Popolo per le Libertà Mauro Minniti RELAZIONE In più occasioni si è intervenuti per caldeggiare iniziative volte alla tutela ed alla valorizzazione della gioventù

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ARCHÉ. È costituita l Associazione denominata Arché O.N.L.U.S., con sede legale in Milano. Il Consiglio

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ARCHÉ. È costituita l Associazione denominata Arché O.N.L.U.S., con sede legale in Milano. Il Consiglio I. COSTITUZIONE, FINALITÀ, MODALITÀ STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ARCHÉ Art. 1 COSTITUZIONE È costituita l Associazione denominata Arché O.N.L.U.S., con sede legale in Milano. Il Consiglio Direttivo ha la

Dettagli

In esecuzione della Determinazione Dirigenziale n.. del SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE

In esecuzione della Determinazione Dirigenziale n.. del SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE ALLEGATO B) all Avviso Schema di CONVENZIONE TRA COMUNE DI FORLì E ASSOCIAZIONE DI (VOLONTARIATO /PROMOZIONE SOCIALE) (nome). PER L ATTUAZIONE DEL PROGETTO CRESCERE NEL CENTRO PREMESSO - che l Amministrazione

Dettagli

Convenzione tra il Comune di Casatenovo e le Scuole dell Infanzia Paritarie di Casatenovo

Convenzione tra il Comune di Casatenovo e le Scuole dell Infanzia Paritarie di Casatenovo Convenzione tra il Comune di Casatenovo e le Scuole dell Infanzia Paritarie di Casatenovo TRA Il Comune di Casatenovo (C.F. 00631280138) con sede a Casatenovo (LC), Piazza della Repubblica 7, legalmente

Dettagli

VÉÅâÇx w féååt ixáâä tçt cüéä Çv t w atñéä

VÉÅâÇx w féååt ixáâä tçt cüéä Çv t w atñéä ORIGINALE VÉÅâÇx w féååt ixáâä tçt cüéä Çv t w atñéä Regolamento per il funzionamento del Comitato distrettuale di coordinamento delle Politiche Giovanili Distretto n. 33 Approvato con delibera di C.C.

Dettagli

ASSOCIAZIONE Consultorio Familiare La Casa ONLUS di ERBA REGOLAMENTO

ASSOCIAZIONE Consultorio Familiare La Casa ONLUS di ERBA REGOLAMENTO ASSOCIAZIONE Consultorio Familiare La Casa ONLUS di ERBA REGOLAMENTO PREMESSA Lo Statuto dell Associazione Consultorio Familiare La Casa Onlus prevede la possibilità di redigere un Regolamento del Consultorio,

Dettagli

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA ORATORIANA SPES SAN PROTASO ESAGONO SPORT

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA ORATORIANA SPES SAN PROTASO ESAGONO SPORT STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA ORATORIANA SPES SAN PROTASO ESAGONO SPORT Titolo I DENOMINAZIONE, SEDE E SCOPO Art. 1 È costituita l Associazione sportiva dilettantistica oratoriana

Dettagli

REGOLAMENTO ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI E DEL VOLONTARIATO

REGOLAMENTO ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI E DEL VOLONTARIATO REGOLAMENTO ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI E DEL VOLONTARIATO Approvato con delibera di C.C. nr. 3 del 07.02.2015 Art.1 PRINCIPI DI CARATTERE GENERALE Il Comune di San Lorenzo Nuovo riconosce e promuove

Dettagli

Scheda di presentazione progetto del Piano Operativo Giovani (POG)

Scheda di presentazione progetto del Piano Operativo Giovani (POG) Mod. A2 PGZ Scheda di presentazione progetto del Piano Operativo Giovani (POG) 1. Codice Progetto APG_1_ 2015 2. Titolo del progetto G.I.GI. all'altropiano 3. Riferimenti del compilatore Nome Giuliana

Dettagli

Formulario Allegato 2. 1. Dati sul soggetto richiedente

Formulario Allegato 2. 1. Dati sul soggetto richiedente Formulario Allegato 2 1. Dati sul soggetto richiedente - Denominazione Associazione Rimettere le ali Onlus - Data costituzione 14 Aprile 2011 - Codice Fiscale 97650020585 - P.IVA _12112461004 (se in possesso)

Dettagli

ART. 1 FINALITA ART. 2 REQUISITI

ART. 1 FINALITA ART. 2 REQUISITI REGOLAMENTO COMUNALE DELL ALBO DELLE ASSOCIAZIONI E DEL VOLONTARIATO E DELLA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI, SUSSIDI ED AUSILI FINANZIARI AD ENTI PUBBLICI E PRIVATI. ART. 1 FINALITA 1. Ai sensi

Dettagli

L Associazione ha sede legale in Mantova - Piazza Sordello 43 - l Amministrazione Provinciale di Mantova.

L Associazione ha sede legale in Mantova - Piazza Sordello 43 - l Amministrazione Provinciale di Mantova. Art. 1 COSTITUZIONE E costituita una Associazione ai sensi dell art. 36 e seguenti del C.C. che ha carattere aconfessionale e apartitico, avente la denominazione Collegamento Provinciale del Volontariato

Dettagli

S T A T U T O ART. 1 ART. 2 S C O P I

S T A T U T O ART. 1 ART. 2 S C O P I ASSOCIAZIONE MICHAEL PER LA PEDAGOGIA TERAPEUTICA O.N.L.U.S. Sede legale - Via Niccolò Tommaseo 52-35131 PADOVA - Unità operativa - Via Giovanni a Prato, 11-38122 TRENTO - S T A T U T O ART. 1 Esente bollo

Dettagli

ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DEL MIRANESE

ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DEL MIRANESE ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DEL MIRANESE PER IL COORDINAMENTO DELLE POLITICHE GIOVANILI CONVENZIONE 2015 2017 Testo approvato con deliberazioni consiliari di Martellago del, n., Mirano del, n., Noale del,

Dettagli

Albo Comunale delle Associazioni e del Volontariato: Regolamento per l istituzione e la tenuta

Albo Comunale delle Associazioni e del Volontariato: Regolamento per l istituzione e la tenuta Albo Comunale delle Associazioni e del Volontariato: Regolamento per l istituzione e la tenuta Approvato con delibera C.C. n. 61 del 17.12.2004 Art. 1 - Finalità 1. Il presente regolamento disciplina la

Dettagli

PROGETTO Solo Messaggi Speciali (SMS) Biennio formativo 2008/2010

PROGETTO Solo Messaggi Speciali (SMS) Biennio formativo 2008/2010 COMUNE DI PAVIA SETTORE SERVIZI SOCIALI ED ABITATIVI PROGETTO Solo Messaggi Speciali (SMS) Biennio formativo 2008/2010 Il Progetto Solo Messaggi Speciali (SMS) nasce nell ambito della progettualità triennale

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER IL FINANZIAMENTO DI PROPOSTE DA PARTE DEGLI ORATORI ROMANI NELL AMBITO DEL PROGETTO AMBIENTI EDUCANTI

AVVISO PUBBLICO PER IL FINANZIAMENTO DI PROPOSTE DA PARTE DEGLI ORATORI ROMANI NELL AMBITO DEL PROGETTO AMBIENTI EDUCANTI Dipartimento Servizi Educativi e Scolastici Direzione Promozione Servizi per la Famiglia e la Gioventù U.O. Promozione di Attività Extrascolastiche di Progetti a sostegno dell infanzia, dell adolescenza

Dettagli

Associazione SEMI Onlus. STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SEMI Onlus. Denominazione Sede Durata

Associazione SEMI Onlus. STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SEMI Onlus. Denominazione Sede Durata STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SEMI Onlus Denominazione Sede Durata Art. 1 E costituita l Associazione SEMI Onlus secondo gli art. 11 e seguenti del c.c. e nello spirito della Costituzione repubblicana. Art.2

Dettagli

FONDAZIONE CALABRIA - ROMA - EUROPA REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE. TITOLO I Norme Generali. Articolo 1-Premessa Generale

FONDAZIONE CALABRIA - ROMA - EUROPA REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE. TITOLO I Norme Generali. Articolo 1-Premessa Generale FONDAZIONE CALABRIA - ROMA - EUROPA REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE TITOLO I Norme Generali Articolo 1-Premessa Generale Il presente Regolamento è adottato dal CdA della FONDAZIONE Calabria Roma Europa, nei

Dettagli

Allegato C SCHEDA TECNICA DEL SERVIZIO

Allegato C SCHEDA TECNICA DEL SERVIZIO SCHEDA TECNICA DEL SERVIZIO Allegato C Presentazione del progetto di realizzazione: I servizi Informagiovani PAAS hanno sede temporanea presso il Palazzo Municipale, sono servizi integrati, con finalità

Dettagli

COMUNE DI TAVERNERIO. Regolamento delle Associazioni

COMUNE DI TAVERNERIO. Regolamento delle Associazioni COMUNE DI TAVERNERIO Regolamento delle Associazioni Art. 1 - Finalità del regolamento 1. Il Comune di Tavernerio riconosce ed afferma il valore delle libere e autonome Associazioni e degli organismi di

Dettagli

AVVISO PUBBLICO Sub 1

AVVISO PUBBLICO Sub 1 AVVISO PUBBLICO Sub 1 Per l'assegnazione di un contributo agli Istituti di Istruzione Secondaria di 2 grado della provincia di Pordenone per la realizzazione di progetti al supporto di giovani studenti

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR)

PROTOCOLLO D INTESA. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR) PROTOCOLLO D INTESA Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR) Associazione Volontari Italiani del Sangue (di seguito denominato AVIS) VISTI gli articoli 2-3-13-19-32

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

AMBITO SOCIALE DI ZONA ALTO AGRI. Regolamento Centri Laboratori per la Comunità

AMBITO SOCIALE DI ZONA ALTO AGRI. Regolamento Centri Laboratori per la Comunità All.B3 R.A/LAB REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO SICUREZZA E SOLIDARIETA SOCIALE AMBITO SOCIALE DI ZONA ALTO AGRI Regolamento Centri Laboratori per la Comunità Art. 1 Definizione I centri laboratori si propongono

Dettagli

COMUNE DI SAN MANGO D AQUINO Provincia di Catanzaro

COMUNE DI SAN MANGO D AQUINO Provincia di Catanzaro COMUNE DI SAN MANGO D AQUINO Provincia di Catanzaro Regolamento per l istituzione e la tenuta dell Albo Comunale delle Associazioni e del Volontariato approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 30

Dettagli

COSTITUZIONE DI ASSOCIAZIONE TEMPORANEA DI SCOPO E MANDATO COLLETTIVO SPECIALE CON RAPPRESENTANZA. Realizzazione del Progetto:..

COSTITUZIONE DI ASSOCIAZIONE TEMPORANEA DI SCOPO E MANDATO COLLETTIVO SPECIALE CON RAPPRESENTANZA. Realizzazione del Progetto:.. COSTITUZIONE DI ASSOCIAZIONE TEMPORANEA DI SCOPO E MANDATO COLLETTIVO SPECIALE CON RAPPRESENTANZA Realizzazione del Progetto:.. Il giorno.., in, avanti a me notaio.iscritto al collegio notarile di sono

Dettagli

Oratorio San Giovanni Vicolo Due torri, 5-25122 Brescia 030280305 - sangiovanniev@libero.it

Oratorio San Giovanni Vicolo Due torri, 5-25122 Brescia 030280305 - sangiovanniev@libero.it CAg 2Torri Oratorio S. Giovanni il progetto Oratorio San Giovanni Vicolo Due torri, 5-25122 Brescia 030280305 - sangiovanniev@libero.it La storia Il Centro di Aggregazione Giovanile (CAG) Due torri è un

Dettagli

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE CULTURALE PICCOLI CANTORI DI TORRESPACCATA STATUTO

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE CULTURALE PICCOLI CANTORI DI TORRESPACCATA STATUTO STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE CULTURALE PICCOLI CANTORI DI TORRESPACCATA STATUTO ART. l DENOMINAZIONE E SEDE È costituita l Associazione culturale denominata ASSOCIAZIONE PICCOLI CANTORI DI TORRESPACCATA,

Dettagli

COMUNE DI CESENA. Settore Servizi Sociali COORDINAMENTO DEL VOLONTARIATO STATUTO

COMUNE DI CESENA. Settore Servizi Sociali COORDINAMENTO DEL VOLONTARIATO STATUTO COMUNE DI CESENA Settore Servizi Sociali COORDINAMENTO DEL VOLONTARIATO STATUTO TITOLO I PRINCIPI E FINALITÀ 2 Art. 1 - Principi 2 Art. 2 - Istituzione 2 Art. 3 Finalità 2 TITOLO II ORGANI E FUNZIONI 3

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA JOLLY ART. 1. - E costituita l Associazione sportiva dilettantistica denominata JOLLY.

STATUTO ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA JOLLY ART. 1. - E costituita l Associazione sportiva dilettantistica denominata JOLLY. STATUTO ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA JOLLY ART. 1 - E costituita l Associazione sportiva dilettantistica denominata JOLLY. L Associazione ha sede in Palazzolo Milanese, Via San Giuseppe 2/4 ed

Dettagli

Titolo 1 - PRINCIPI GENERALI. Art. 01 - Finalità

Titolo 1 - PRINCIPI GENERALI. Art. 01 - Finalità Legge Regionale 22 marzo 1990, n. 22 Interventi a sostegno dei diritti degli immigrati extracomunitari in Toscana. Bollettino Ufficiale n. 20, parte prima, del 31.03.1990 Titolo 1 - PRINCIPI GENERALI Art.

Dettagli

TEATRO DI PSICODRAMMA

TEATRO DI PSICODRAMMA ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE TEATRO DI PSICODRAMMA STATUTO Art 1 Denominazione e sede E costituita, in conformità al Codice Civile, alla L. 383/00, alla L. R. n. 28/96 come modificata dalla L.R.

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI CENTRO DI AGGREGAZIONE GIOVANILE

CARTA DEI SERVIZI CENTRO DI AGGREGAZIONE GIOVANILE Città di Stradella ASSESSORATO ALLE POLITICHE GIOVANILI CARTA DEI SERVIZI CENTRO DI AGGREGAZIONE GIOVANILE Indice 1. PREMESSA 2. PRINCIPI FONDAMENTALI 3. DEFINIZIONE E FINALITA 4. OBIETTIVI 5. DESTINATARI

Dettagli

promozione sociale Le associazioni di Requisiti per diventare associazione di promozione sociale.28 Il registro dell associazionismo...

promozione sociale Le associazioni di Requisiti per diventare associazione di promozione sociale.28 Il registro dell associazionismo... Le associazioni di promozione sociale ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE Requisiti per diventare associazione di promozione sociale.28 Il registro dell associazionismo...29 Procedura per l iscrizione...31

Dettagli

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA VALLE DEI LAGHI

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA VALLE DEI LAGHI ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA VALLE DEI LAGHI TRA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO, LA COMUNITA DELLA VALLE DEI LAGHI, IL COMUNE DI VEZZANO, IL COMUNE DI

Dettagli

Comune di Castelfiorentino

Comune di Castelfiorentino PROTOCOLLO D INTESA TRA COMUNE DI CASTELFIORENTINO CIRCOLO DIDATTICO CASTELFIORENTINO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO BACCI-RIDOLFI CASTELFIORENTINO ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE F. ENRIQUES

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI E ATTIVITA DEL CENTRO SOCIO CULTURALE DI LONIGO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI E ATTIVITA DEL CENTRO SOCIO CULTURALE DI LONIGO Allegato A Adottato con delibera di Consiglio Comunale n. 10 del 2 marzo 2011 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI E ATTIVITA DEL CENTRO SOCIO CULTURALE DI LONIGO Art. 1 Il presente regolamento disciplina

Dettagli

Protocollo d Intesa TRA. PROVINCIA di CUNEO ENTI LOCALI, CONSORZI, ASSOCIAZIONI, SOGGETTI PUBBLICI, ENTI DEL PRIVATO SOCIALE, E PARTI SOCIALI

Protocollo d Intesa TRA. PROVINCIA di CUNEO ENTI LOCALI, CONSORZI, ASSOCIAZIONI, SOGGETTI PUBBLICI, ENTI DEL PRIVATO SOCIALE, E PARTI SOCIALI Protocollo d Intesa TRA PROVINCIA di CUNEO E ENTI LOCALI, CONSORZI, ASSOCIAZIONI, SOGGETTI PUBBLICI, ENTI DEL PRIVATO SOCIALE, E PARTI SOCIALI Per la promozione, l elaborazione, la gestione di Progetti

Dettagli

ASSOCIAZIONE ECO-FILOSOFICA già ASSOCIAZIONE FILOSOFICA TREVIGIANA*

ASSOCIAZIONE ECO-FILOSOFICA già ASSOCIAZIONE FILOSOFICA TREVIGIANA* ASSOCIAZIONE ECO-FILOSOFICA già ASSOCIAZIONE FILOSOFICA TREVIGIANA* STATUTO Art. 1 E costituita l organizzazione di promozione sociale denominata Associazione Eco-Filosofica (AEF). L Associazione ha sede

Dettagli