ELABORATI DA MODIFICARE RELAZIONE GENERALE. Scenari per la delocalizzazione degli impianti esistenti

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ELABORATI DA MODIFICARE RELAZIONE GENERALE. Scenari per la delocalizzazione degli impianti esistenti"

Transcript

1 PROVINCIA DI RAVENNA ALLEGATO A Rif. Riserva regionale 1 (parte A) Riserva ufficio testo L accordo di pianificazione sottoscritto in data 28 febbraio 2006 impegna la Provincia a svolgere sul Piano lo Studio d Incidenza in base alla normativa vigente (DPR 357/97 dal DPR 120/03 e Legge Regionale , n. 7 Disposizioni in materia ambientale ) onde valutare quanto le previsioni di Piano possono interagire con i siti di Rete Natura Questo impegno sembra risolto attraverso la presentazione, nell ambito della di una relazione ambientale che viene definita Valutazione. Il contenuto della stessa è nel complesso condivisibile: si tratta di un interessante studio ambientale a tutto campo sugli effetti prodotti sull ecoambiente dall uso antropico nelle sue diverse forme. Tale elaborato tuttavia risolve sbrigativamente il rapporto tra piano e siti e zone di Rete Natura 2000 con una dichiarazione di generale non incidenza, nel quale si deve rilevare la mancanza di analisi sulle possibili interferenze generate dall esercizio, dal potenziamento-razionalizzazione o dalla dismissione degli impianti con i singoli siti e zone della Rete Natura Si chiede pertanto di integrare la con la redazione di uno Studio di incidenza che contenga tali analisi. Testo integrale Studio d Incidenza come contenuto da pag. 37 a pag. 70 della relazione generale parte integrante del Piano Adottato Si ritiene di dover procedere all aggiornamento dello Studio d Incidenza, accogliendo integralmente la riserva regionale Testo integrale Studio d Incidenza come contenuto da pag. 38 a pag. 73 della relazione generale parte integrante del Piano da approvare e che è stato sottoposto a Valutazione d Incidenza positiva da parte della Regione Emilia-Romagna con determinazione n del 28/11/2006. NON PROVINCIA DI RAVENNA ALLEGATO A Rif. Riserva regionale 1 (parte B) Riserva Si chiede inoltre di sostituire nel testo del par il termine valutazione con studio ; in quanto, attualmente, l amministrazione provinciale, quale titolare per la formulazione e presentazione del Piano, è tenuta a redigere il relativo studio di incidenza che consideri le potenziali interferenze con i siti e zone di Rete Natura La valutazione di incidenza, fino ad emanazione di specifica direttiva, è di competenza regionale (Servizio Parchi e Risorse Forestali)

2 Valutazione d Incidenza (indice pagina 38 relazione generale) ufficio Si condivide la riserva espressa testo Studio d Incidenza (indice pagina 38 relazione generale) NON PROVINCIA DI RAVENNA ALLEGATO A Rif. Riserva regionale 2 Riserva L accordo di pianificazione impegna inoltre la Provincia a valutare in sede di formazione del Piano anche alternative o possibili delocalizzazioni di talune strutture che coincidono con aree di elevato valore ambientale naturalistico (anche paesaggistico) ed in particolare per la cima di Monte Castellaccio, la zona di Rontana, la cima a ovest di Monte Mauro e la zona di Sasso Letroso di Borgo Rivola. Il piano adottato risolve la problematica di compatibilità per le infrastrutture situate nelle zone di Rontana, Monte Mauro, Sasso Letroso facendo ricorso strumentale alle norme vigenti, in quanto afferma che, ricadendo le strutture in zona B del Parco della Vena del Gesso Romagnolo, le stesse sono ammissibili. Si chiede pertanto di effettuare la valutazione richiesta indagando le possibili alternative e a motivare adeguatamente la eventuale scelta di mantenere le localizzazioni. 2. Zona di Rontana [ ] Ambito di grande importanza paesaggistica e ambientale, rientrante nel Parco del Carnè e nel Parco Regionale della Vena del Gesso Romagnola (zone B e C), per il quale la presenza di due siti potrebbe essere risolta in un unico sito poco impattante. Nell area sono infatti presenti due emittenti radio FM (radio Castel Bolognese e radio Zero). Nel sito ove è installato l impianto di Radio Castel Bolognese (RCB) si è riscontrato l unico caso di superamento dei limiti obiettivi di qualità in Provincia. Sarebbe opportuno che tale impianto fosse delocalizzato; nell ipotesi che l impianto rimanesse nella stessa zona, in modo tale da garantire una analoga copertura radio, si possono individuare due possibili soluzioni [ ] Si ribadisce infine che, nel febbraio 2005, é stato costituito il Parco della vena del gesso romagnola e si é potuto constatare che il sito di RCB é ubicato in un area classificata di tipo C mentre il sito di Radio Zero é in area di tipo B: considerata la normativa regionale, tali classificazioni non impongono delocalizzazione degli impianti esistenti. 3. Cima ad ovest di Monte Mauro [ ] Il sito si trova in area di tipo B nel Parco regionale della vena del gesso romagnola. 4. Zona di Sasso Letroso di Borgo Rivola [ ] L area di Sasso Letroso é stata inserita nella zona B del Parco regionale della vena del gesso romagnola.

3 ufficio testo Si ritiene di accogliere la riserva regionale. Vengono pertanto indagate le possibili alternative e si motiva la scelta di mantenere le localizzazioni. 2. Zona di Rontana [ ] Ambito di grande importanza paesaggistica e ambientale, rientrante nel Parco del Carnè e nel Parco Regionale della Vena del Gesso Romagnola (zone B e C), per il quale la presenza di due siti potrebbe essere risolta quantomeno in un unico sito poco impattante. Nell area sono infatti presenti due emittenti radio FM (radio Castel Bolognese e radio Zero). Nel sito ove é installato l impianto di Radio Castel Bolognese (RCB) si è riscontrato l unico caso di superamento dei limiti obiettivi di qualità in Provincia. Tale ultimo impianto andrà delocalizzato o, in alternativa, nell ipotesi che l impianto rimanesse nella stessa zona, in modo tale da garantire una analoga copertura radio, si possono individuare due possibili soluzioni [ ] Si ribadisce infine che, nel febbraio 2005, é stato costituito il Parco della vena del gesso romagnola e si é potuto constatare che il sito di RCB é ubicato in un area classificata di tipo C mentre il sito di Radio Zero é in area di tipo B: considerata la normativa regionale, tali classificazioni non impongono delocalizzazione degli impianti esistenti. In ragione di quanto espresso, si ritiene di non imporre la delocalizzazione in assenza di certezze circa la garanzia del servizio qualora lo spostamento sia verso zone totalmente prive di vincoli e prescrizioni, cosa non possibile nelle immediate vicinanze. Nell intorno più prossimo infatti permangono analoghi vincoli e prescrizioni a quelli per il sito esistente, ma in caso di delocalizzazione si tratterebbe di nuovo impianto e pertanto vietato. E tuttavia auspicabile che il Comune insieme ai gestori valutino attentamente la possibilità di delocalizzare in altro sito totalmente privo di vincoli, previe le opportune valutazioni radioelettriche. 3. Cima ad ovest di Monte Mauro [ ] Il sito si trova in area di tipo B nel Parco regionale della vena del gesso romagnola, ma va tuttavia rilevato come un ampia area nell intorno del sito sia gravata da vincoli e prescrizioni analoghe che, in analogia al caso previsto per Rontana, non consentono la dislocazione di nuovi impianti. Si ritiene quindi di non imporre alcuna delocalizzazione di quanto esistente anche se, per quanto detto, il Comune dovrà valutare attentamente eventuali potenziamenti, nonché l opportunità, se tecnicamente possibile, di delocalizzare. 4. Zona di Sasso Letroso di Borgo Rivola [ ] L area di Sasso Letroso é inoltre inserita nella zona B del Parco regionale della vena del gesso romagnola, ma nell intorno sono presenti zone a tutela ancora maggiore. Pertanto, in analogia ai casi precedenti, si ritiene di non imporre una delocalizzazione che, al fine di garantire il servizio, potrebbe finire per gravare su aree parimenti o ancor più tutelate. NON

4 PROVINCIA DI RAVENNA ALLEGATO A Rif. Riserva regionale 3 Riserva ufficio testo L accordo sottoscritto impegnava la Provincia a valutare l opportunità di escludere la localizzazione di impianti negli abitati dichiarati da consolidare ex legge n. 445/1908 con perimetrazione approvata ai sensi dell art. 29 del Piano Territoriale Paesistico Regionale con delibera regionale. La Provincia ottempera normativamente a tale impegno stabilendo (par. 4.2) che nelle aree da consolidare ai sensi della legge 445/1908 è vietata la installazione di nuovi impianti. Poiché la formulazione aree da consolidare ai sensi della legge 445/1908 può risultare ambigua potendo fare riferimento agli abitati semplicemente dichiarati da consolidare con apposito decreto per i quali l ambito di consolidamento non è definito e quindi il divieto risulta inapplicabile, si invita la Provincia a migliorare la formulazione adottata rendendola più chiara con il riferimento alle perimetrazioni fornite secondo la procedura dell art. 29 del Piano Territoriale Paesistico Regionale o dell art. 25 della L.R. n. 7/2004 e approvate con deliberazione di giunta regionale. Pag. 84 Relazione generale: XXXV) nelle aree evidenziate in cartografia quali aree da consolidare ai sensi della legge n. 445/1908 è vietata l installazione di nuovi impianti Si recepiscono le indicazioni della Regione. Pag, 84 Relazione generale: XXXV) nelle aree evidenziate in cartografia quali aree da consolidare ai sensi della legge n. 445/1908 e comunque formate secondo la procedura dell art. 29 del Piano territoriale paesistico regionale o dell art. 25 della L.R. n. 7/2004 e approvate con deliberazione della Giunta Regionale è vietata l installazione di nuovi impianti NON TAVOLA 3: Carta del territorio urbanizzato e della fascia di rispetto ai sensi dell art. 4 comma 1 della legge regionale n. 30/2000 e dell art. 4 della - - TAVOLA 5: zonizzazione dei piani regolatori generali (PRG) comprendente aree di vincolo alla localizzazione ai sensi dell art. 4 comma PROVINCIA DI RAVENNA ALLEGATO A Rif. Segnalazione regionale 4 Segnalazione La prescrizione riportata nello Studio d Incidenza che gli interventi di manutenzione ordinaria sugli impianti esistenti devono non interessare siti con vegetazione naturale pur risultando chiara nell obiettivo risulta scorretta nella formulazione dal punto di vista botanico: sarebbe infatti sufficiente la presenza di pochi esemplari erbaceo-arbustivi spontanei (cosa tutt altro che infrequente) per precludere la possibilità di eseguire la manutenzione

5 ufficio testo Pag. 70 relazione generale: Gli interventi di manutenzione ordinaria sugli impianti esistenti devono, comunque, rispettare le seguenti prescrizioni: [ ] non interessare siti con vegetazione naturale [ ] Si ritiene di meglio precisare l affermazione, in osservanza di quanto segnalato. Pag, 73 relazione generale: gli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria non devono interessare siti con vegetazione naturale, ad eccezione della vegetazione ruderale, la cui presenza deve essere analizzata in sede di valutazione d incidenza NON TAVOLA 3: Carta del territorio urbanizzato e della fascia di rispetto ai sensi dell art. 4 comma 1 della legge regionale n. 30/2000 e dell art. 4 della - - TAVOLA 5: zonizzazione dei piani regolatori generali (PRG) comprendente aree di vincolo alla localizzazione ai sensi dell art. 4 comma

6 PROVINCIA DI RAVENNA Presentata da Comune di Ravenna ALLEGATO B Rif. Osservazioni enti, associazioni e privati 1 Osservazioni ufficio Dall esame della cartografia allegata al Piano Adottato, si rileva che non tutto il territorio urbanizzato del Comune di Ravenna, risulta essere stato rappresentato nella cartografia. Si trasmette pertanto copia degli Shape Files relativi al territorio urbanizzato così come deliberato dal Consiglio Comunale ai sensi dell articolo 13 della Legge Regionale n. 47/78. Inoltre non tutte le zone urbanizzabili a prevalente funzione residenziale risultano essere state rappresentate. TAVOLA 3: CARTA DEL TERRITORIO URBANIZZATO E DELLA FASCIA DI RISPETTO AI SENSI DELL ART. 4 COMMA 1 DELLA LEGGE REGIONALE N. 30/2000 E DELL ART. 4 DELLA DIRETTIVA REGIONALE N. 197/2001, AGGIORNATA AL 31/12/2004 La tavola contiene aree a vincolo tassativo ai sensi dell articolo 4, comma 1, della Legge Regionale n. 30/2000 e dell articolo 4 della Direttiva n. 197/2001 relativamente al territorio urbanizzato (e relativa fascia di rispetto di 300 metri dal suddetto territorio urbanizzato). Viene utilizzata la cartografia dei PRG aggiornata al 31/12/2004 ed in regime di legge regionale n. 47/1978. Il vincolo deve intendersi esteso alle aree classificate dagli strumenti urbanistici vigenti e/o adottati alla data di adozione del presente Piano da parte del Consiglio Provinciale come territorio urbanizzabile a prevalente funzione residenziale o a servizi collettivi e relativa fascia di rispetto di 300 m. Tale ultima zonizzazione è presente, parzialmente, in tavola 5 (cui si rimanda) e comunque, qualora non evidenziata nella presente cartografia, va verificata dai singoli Comuni sulla base della strumentazione urbanistica vigente e/o adottata alla data di adozione del presente Piano da parte del Consiglio Provinciale. [ ] TAVOLA 5: ZONIZZAZIONE DEI PIANI REGOLATORI GENERALI (PRG) COMPRENDENTE AREE DI VINCOLO ALLA LOCALIZZAZIONE AI SENSI DELL ART. 4 COMMA 1 DELLA LEGGE REGIONALE N. 30/2000 AGGIORNATA AL 31/12/2004 La tavola contiene vincoli tassativi ai sensi dell articolo 4, comma 1, della Legge Regionale n. 30/2000 e dell art. 4 della Dir. n. 197/2001 relativamente a: - territorio urbanizzato o urbanizzabile a prevalente funzione residenziale o a servizi collettivi; - parchi urbani; - aree destinate ad attrezzature sanitarie; - aree destinate ad attrezzature assistenziali; - aree destinate ad attrezzature scolastiche; - aree destinate ad attrezzature sportive. Si recepisce la cartografia aggiornata dal Comune di Ravenna, accogliendo quanto proposto con una sola eccezione: gli edifici e/o complessi di interesse storico, artistico e/o documentario in territorio urbano ed extraurbano (classificazione A8) vengono equiparati alle zone arancioni di cui alla tavola 5 e non alle aree rosse di cui alla tavola 3, in quanto trattasi di limitate aree (edifici isolati e relative pertinenze) e non di agglomerati urbanizzati o urbanizzabili a prevalente funzione residenziale o servizi collettivi per i quali applicare il buffer di 300 m. Pertanto alle aree A8 non si applica il buffer. NON PERTINENTE ACCOLTA ACCOLTA CON DIVERSA FORMULAZIONE testo TAVOLA 3: CARTA DEL TERRITORIO URBANIZZATO O URBANIZZABILE E DELLA FASCIA DI RISPETTO AI SENSI DELL ART. 4 COMMA 1 DELLA LEGGE REGIONALE N. 30/2000 E DELL ART. 4 DELLA DIRETTIVA REGIONALE N. 197/2001, AGGIORNATA AL 23/06/2005 La tavola contiene aree a vincolo tassativo ai sensi dell articolo 4, comma 1, della Legge Regionale n. 30/2000 e dell articolo 4 della Direttiva n. 197/2001 relativamente al territorio urbanizzato (e relativa fascia di rispetto di 300 metri dal suddetto territorio urbanizzato). Viene utilizzata la cartografia dei PRG aggiornata al 23/06/2005 ed in regime di legge regionale n. 47/1978. Il vincolo deve intendersi esteso alle aree classificate dagli strumenti urbanistici vigenti e/o adottati alla data di adozione del presente Piano da parte del Consiglio Provinciale come territorio urbanizzabile a prevalente funzione residenziale o a servizi collettivi e relativa fascia di rispetto di 300 m. Tale ultima zonizzazione è presente, relativamente al Piano Strutturale Comunale (PSC) del Comune di Ravenna nella presente tavola e, per tutti i Comuni, parzialmente, in tavola 5 (cui si rimanda) e comunque, qualora non evidenziata nella presente cartografia, va verificata dai singoli Comuni sulla base della strumentazione urbanistica vigente e/o adottata alla data di adozione del presente Piano da parte del Consiglio Provinciale. TAVOLA 5: ZONIZZAZIONE DA STRUMENTI URBANISTICI COMUNALI COMPRENDENTE AREE DI VINCOLO ALLA LOCALIZZAZIONE AI SENSI DELL ART. 4 COMMA 1 DELLA LEGGE

7 REGIONALE N. 30/2000 AGGIORNATA AL 30/06/2005 La tavola contiene vincoli tassativi ai sensi dell articolo 4, comma 1, della Legge Regionale n. 30/2000 e dell art. 4 della Dir. n. 197/2001 relativamente a: - territorio urbanizzato o urbanizzabile a prevalente funzione residenziale o a servizi collettivi; - parchi urbani; - aree destinate ad attrezzature sanitarie; - aree destinate ad attrezzature assistenziali; - aree destinate ad attrezzature scolastiche; - aree destinate ad attrezzature sportive; - [ ] - edifici e/o complessi di interesse storico, artistico e/o documentario in territorio urbano ed extraurbano. NON PROVINCIA DI RAVENNA Presentata da Comune di Ravenna ALLEGATO B Rif. Osservazioni enti, associazioni e privati 2 Osservazioni ufficio La semplice sovrapposizione dei buffer della fascia di rispetto che la Direttiva n. 197/01 di applicazione della Legge Regionale 20/2000 e 20/2002 e s.m.i. fissa ad almeno 300 metri dal perimetro del territorio urbanizzato ed urbanizzabile a prevalente funzione residenziale o a servizi collettivi determina aree intercluse nonché cunei e rientranze che sarebbe opportuno raccordare e/o eliminare per evitare rischi di installazioni incoerenti con l intorno urbanizzato. TAVOLA 5: ZONIZZAZIONE DEI PIANI REGOLATORI GENERALI (PRG) COMPRENDENTE AREE DI VINCOLO ALLA LOCALIZZAZIONE AI SENSI DELL ART. 4 COMMA 1 DELLA LEGGE REGIONALE N. 30/2000 AGGIORNATA AL 31/12/2004 La tavola contiene vincoli tassativi ai sensi dell articolo 4, comma 1, della Legge Regionale n. 30/2000 e dell art. 4 della Dir. n. 197/2001 relativamente a: - territorio urbanizzato o urbanizzabile a prevalente funzione residenziale o a servizi collettivi; - parchi urbani; - aree destinate ad attrezzature sanitarie; - aree destinate ad attrezzature assistenziali; - aree destinate ad attrezzature scolastiche; - aree destinate ad attrezzature sportive. [ ] Si provvedono ad integrare le aree arancioni di cui alla tavola 5 sulla base dei temi cartografici come comunicati dal Comune di Ravenna.

8 NON PERTINENTE ACCOLTA ACCOLTA CON DIVERSA FORMULAZIONE testo TAVOLA 5: ZONIZZAZIONE DA STRUMENTI URBANISTICI COMUNALI COMPRENDENTE AREE DI VINCOLO ALLA LOCALIZZAZIONE AI SENSI DELL ART. 4 COMMA 1 DELLA LEGGE REGIONALE N. 30/2000 AGGIORNATA AL 30/06/2005 La tavola contiene vincoli tassativi ai sensi dell articolo 4, comma 1, della Legge Regionale n. 30/2000 e dell art. 4 della Dir. n. 197/2001 relativamente a: - territorio urbanizzato o urbanizzabile a prevalente funzione residenziale o a servizi collettivi; - parchi urbani; - aree destinate ad attrezzature sanitarie; - aree destinate ad attrezzature assistenziali; - aree destinate ad attrezzature scolastiche; - aree destinate ad attrezzature sportive; - aree interne al sistema tangenziale principale e aree agricole periurbane esterne ma alle precedenti adiacenti (ai sensi del PRG e PSC del Comune di Ravenna) ciò unicamente per l abitato di Ravenna; - altre zone agricole periurbane (ai sensi del PSC di Ravenna) del Comune di Ravenna; - aree intercluse, cunei e rientranze determinate dalla individuazione delle aree rosse che determinavano disomogeneità territoriali e che non siano già state classificate come giallo scure, attenstandole a confini fisici naturali e/o artificiali certi (strade, ferrovie, corsi d acqua) per il Comune di Ravenna; [ ] NON PROVINCIA DI RAVENNA ALLEGATO B Rif. Osservazioni enti, associazioni e privati 3 Presentata da Osservazioni Comune di Ravenna In relazione ai siti per le rilocalizzazioni degli impianti esistenti (ai sensi dell art. 7 della L.R. 20/2000 e s.m.i.) e/o per le nuove localizzazioni, si evidenzia che non si ritiene opportuno individuare siti di potenziale installazione facenti parte di impianti industriali dismessi e/o da dimettere (quali il Camino Eni ). Tali siti, infatti, non rispondono a norme urbanistiche che prevedano un mantenimento certo delle strutture esistenti ma, viceversa, fanno parte di comparti per i quali è necessario individuare prospettive d uso per le quali proprio quelle strutture esistenti possono rappresentare un forte condizionamento. Si veda l intero capitolo 5.2. Nota esplicativa: Al cap. 5.2 fra i siti ipotizzati per la ricollocazione degli impianti viene individuato, tra gli altri: torcia o camino ENI di via Trieste, 290 (area Est di Ravenna). Sulla base anche di questo si ipotizzano quindi diversi scenari di delocalizzazione.

9 ufficio Si precisa che l indicazione generale dei quattro siti, non è da intendersi a carattere prescrittivo, ma rappresenta unicamente un insieme di opportunità localizzative per i gestori. Né l indicazione ha carattere in alcun modo vincolante qualora si voglia procedere ad una dismissione del Camino ENI, che rimane sempre possibile senza che il piano ponga in essere un diritto acquisito di permanenza per le emittenti collocate in tal sito. NON PERTINENTE ACCOLTA ACCOLTA CON DIVERSA FORMULAZIONE testo Nessuna modifica. NON

10 PROVINCIA DI RAVENNA ALLEGATO C Rif. Osservazioni d Ufficio 1 Osservazioni Testo adottato Premesso che a seguito dell approvazione del PTCP in data 28/02/2006, si è "stabilizzato" il contenuto del alla data di adozione del PTCP medesimo (giugno 2005) e che, inoltre, il PPLERT "attinge" per il proprio quadro conoscitivo al materiale del PTCP (soprattutto files per gli elaborati grafici); considerato che i predetti files sono stati aggiornati alla data del giugno 2006: Si ritiene utile, nella attuale fase di osservazioni al piano, aggiornare i files con quelli più recenti recepiti dal PTCP approvato, in particolare: - quelli derivanti dalla "Sintesi dei PRG " (aggiornamento 2005); - quelli relativi agli articoli del PTCP approvato; - quelli relativi al "consolidamento degli abitati" (aggiornati dai piani di bacino); - quelli derivanti dai piani di bacino (soprattutto Autorità di Bacino del Reno) che ha portato alcune modifiche (soprattutto sul Senio). Contestualmente si provvede anche all aggiornamento dei temi riguardanti i vincoli ambientali. TAVOLA 3: CARTA DEL TERRITORIO URBANIZZATO E DELLA FASCIA DI RISPETTO AI SENSI DELL ART. 4 COMMA 1 DELLA LEGGE REGIONALE N. 30/2000 E DELL ART. 4 DELLA DIRETTIVA REGIONALE N. 197/2001, AGGIORNATA AL 31/12/2004 TAVOLA 4: CARTA DEI VINCOLI AMBIENTALI AI SENSI DELL ART. 4 COMMA 1 DELLA LEGGE REGIONALE N. 30/2000 TAVOLA 5: ZONIZZAZIONE DEI PIANI REGOLATORI GENERALI (PRG) COMPRENDENTE AREE DI VINCOLO ALLA LOCALIZZAZIONE AI SENSI DELL ART. 4 COMMA 1 DELLA LEGGE REGIONALE N. 30/2000 AGGIORNATA AL 31/12/2004 TAVOLA 6: AREE AD ELEVATA SENSIBILITÀ PAESAGGISTICO-AMBIENTALE, MERITEVOLI DI PARTICOLARI CAUTELE TAVOLA 7: AREE SOGGETTE A PARTICOLARI PRESCRIZIONI DAL PIANO TERRITORIALE DI COORDINAMENTO PROVINCIALE (PTCP) adottato con delibera del Consiglio Provinciale n.51 del 06/06/2005 : TAVOLA 8: AREE SOGGETTE A PARTICOLARI PRESCRIZIONI DAI PIANI DI BACINO E RELATIVI STRALCI ATTUATIVI AGGIORNATE AL 28/02/2005 NON PERTINENTE ACCOLTA ACCOLTA CON DIVERSA FORMULAZIONE testo TAVOLA 3: CARTA DEL TERRITORIO URBANIZZATO O URBANIZZABILE E DELLA FASCIA DI RISPETTO AI SENSI DELL ART. 4 COMMA 1 DELLA LEGGE REGIONALE N. 30/2000 E DELL ART. 4 DELLA DIRETTIVA REGIONALE N. 197/2001, AGGIORNATA AL 23/06/2005 TAVOLA 4: CARTA DEI VINCOLI AMBIENTALI AI SENSI DELL ART. 4 COMMA 1 DELLA LEGGE REGIONALE N. 30/2000 AGGIORNATA AL 07/03/2006 TAVOLA 5: ZONIZZAZIONE DA STRUMENTI URBANISTICI COMUNALI COMPRENDENTE AREE DI VINCOLO ALLA LOCALIZZAZIONE AI SENSI DELL ART. 4 COMMA 1 DELLA LEGGE REGIONALE N. 30/2000 AGGIORNATA AL 30/06/2005 TAVOLA 6: AREE AD ELEVATA SENSIBILITÀ PAESAGGISTICO-AMBIENTALE, MERITEVOLI DI PARTICOLARI CAUTELE AGGIORNATA AL 03/04/2006 TAVOLA 7: AREE SOGGETTE A PARTICOLARI PRESCRIZIONI DAL PIANO TERRITORIALE DI COORDINAMENTO PROVINCIALE (PTCP) vigente (Delibera del Consiglio Provinciale n. 9 del 28/02/2006) : TAVOLA 8: AREE SOGGETTE A PARTICOLARI PRESCRIZIONI DAI PIANI DI BACINO E RELATIVI STRALCI ATTUATIVI AGGIORNATE AL 10/04/2006 NON

11 PROVINCIA DI RAVENNA ALLEGATO C Rif. Osservazioni d Ufficio 2 Osservazioni E necessario sostituire la legge regionale n. 11/1988 con la legge regionale 17 febbraio 2005, n. 6 in quanto quest ultima la abroga e sostituisce Legge regionale n. 11/1988 NON PERTINENTE ACCOLTA ACCOLTA CON DIVERSA FORMULAZIONE testo Legge regionale n. 6/2005 NON

12 PROVINCIA DI RAVENNA ALLEGATO C Rif. Osservazioni d Ufficio 3 Osservazioni Si ritiene di dover procedere ad un aggiornamento del capitolo Gli strumenti di pianificazione territoriale, urbanistica, ambientale attualmente vigenti ai quali rapportare in modo significativo il Piano Provinciale di localizzazione dell emittenza radio e televisiva risultano essere: - Il Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale di Ravenna; - I Piani Regolatori Generali dei 18 Comuni della Provincia; - Il Piano delle Attività Estrattive (PIAE); - I Piani di bacino per il vincolo idrogeologico e relativi stralci d attuazione ; - Il Piano infraregionale di gestione dei rifiuti urbani e speciali. Questi definiscono vincoli ed opportunità relativi all utilizzo del territorio. Poiché la legge regionale n. 30/2000 prevede che il presente Piano costituisca stralcio del Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale, in tavola 7 sono riportati gli articoli del PTCP vigente per i quali sia vietata l installazione o imposte particolari prescrizioni per i nuovi ed esistenti impianti per l emittenza radio e TV. NON PERTINENTE ACCOLTA ACCOLTA CON DIVERSA FORMULAZIONE testo Gli strumenti di pianificazione territoriale, urbanistica, ambientale attualmente vigenti ai quali rapportare in modo significativo il Piano Provinciale di localizzazione dell emittenza radio e televisiva risultano essere: - Il Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale di Ravenna; - I Piani Regolatori Generali dei 18 Comuni della Provincia; - Il Piano delle Attività Estrattive (PIAE); - I Piani di bacino per l assetto idrogeologico e relativi stralci d attuazione (Piano stralcio per il rischio idrogeologico dell Autorità di Bacino Fiumi Romagnoli, Piano stralcio di bacino del Torrente Senio dell Autorità di Bacino Fiume Reno, Piano stralcio di assetto idrogeologico del Reno dell Autorità di Bacino Fiume Reno); - Il Piano infraregionale di gestione dei rifiuti urbani e speciali. Questi definiscono vincoli ed opportunità relativi all utilizzo del territorio. Ai Comuni, in sede d applicazione del Piano e rilascio delle singole autorizzazioni, si demanda la verifica del rispetto delle per la gestione integrata delle zone costiere (GIZC), contenente indirizzi importanti e condivisi a livello regionale, provinciale e comunale. Poiché la legge regionale n. 30/2000 prevede che il presente Piano costituisca stralcio del Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale, in tavola 7 sono riportati gli articoli del PTCP vigente per i quali sia vietata l installazione o imposte particolari prescrizioni per i nuovi ed esistenti impianti per l emittenza radio e TV. NON

13 PROVINCIA DI RAVENNA ALLEGATO C Rif. Osservazioni d Ufficio 4 Osservazioni Si ritiene di dover procedere ad un aggiornamento del capitolo Di seguito si riporta l evoluzione prevista per gli strumenti di pianificazione territoriale, urbanistica, ambientale vigenti e di futura nuova predisposizione ai quali rapportare il futuro Piano Provinciale di localizzazione dell emittenza radio e televisiva: - Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale: adottato il 6 giugno 2005, è stato recepito entro le norme tecniche d attuazione del PPLERT, mentre il presente quadro conoscitivo si basa sulle indicazioni del PTCP precedente che comunque, per fini conoscitivi legati al tema dell emittenza radio e TV presenta carattere di validità generale; - Piani Regolatori Generali: a partire dalla data di entrata in vigore della legge regionale 24/3/2000, n. 20 e per 5 anni sono possibili varianti specifiche a quelli vigenti. La legge regionale ha altresì stabilito le modalità per la redazione dei nuovi PRG, che dovranno articolarsi in PSC (Piano Strutturale Comunale), RUE (Regolamento Urbanistico ed Edilizio) e POC (Piano Operativo Comunale). Attualmente nessun Comune è dotato di PRG ai sensi della nuova normativa, ma è ipotizzabile una loro predisposizione entro il 2005, in quanto a partire da marzo di tale anno non saranno più possibili varianti specifiche ai piani attualmente vigenti; - Piano delle Attività Estrattive (PIAE): attualmente è in vigore quello adottato il 14/12/1993 e nel 2000 (data di adozione). La legge stabilisce il suo aggiornamento ogni dieci anni. Il nuovo Piano è stato adottato il 22/03/2005 e sarà approvato il 28/07/ Piano infraregionale di gestione dei rifiuti urbani e speciali: adottato il 31/10/1998 con Deliberazione del Consiglio Provinciale ed approvato con deliberazione della Giunta Regionale il 16/02/2000. La deliberazione della Giunta Regionale 31 luglio 2001, n Approvazione dei criteri ed indirizzi regionali per la pianificazione e la gestione dei rifiuti ha fissato al 2003 il termine per l aggiornamento. Attualmente per la Provincia di Ravenna risulta in fase di predisposizione il documento preliminare; - Piano di Tutela delle Acque: previsto dal decreto legislativo n. 152/1999, deve avere le caratteristiche di Piano stralcio dei Piani di Bacino ed ha richiesto pertanto il parere vincolante delle Autorità di Bacino. Il Piano è stato adottato dal Consiglio Regionale il 22/12/ Piano di risanamento atmosferico: previsto dal decreto legislativo n. 359/1999 e dalle direttive regionale in materia di controllo della qualità dell aria. E prevista la sua predisposizione verosimilmente entro fine Piano Energetico Provinciale: previsto dall articolo 85 della legge regionale 21 aprile 1999, n. 3 e successive modifiche ed integrazioni, trova le linee guida per la sua predisposizione contenute entro il Piano Energetico Regionale, approvato con Delibera della Giunta Regionale 23/12/2002, n e che sta seguendo l iter per l approvazione finale. Il Piano provinciale sarà conseguente alla legge regionale 23/12/2004, n. 26 Disciplina della programmazione energetica territoriale ed altre disposizioni in materia di energia ed al Piano Energetico Regionale definitivo. NON PERTINENTE ACCOLTA ACCOLTA CON DIVERSA FORMULAZIONE testo Di seguito si riporta l evoluzione prevista per gli strumenti di pianificazione territoriale, urbanistica, ambientale vigenti e di futura nuova predisposizione ai quali rapportare il Piano Provinciale di localizzazione dell emittenza radio e televisiva: - Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale: approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 9 del 28/02/2006, è stato recepito entro le norme tecniche d attuazione del PPLERT, mentre il presente quadro conoscitivo si basa sulle indicazioni del PTCP precedente che comunque, per fini conoscitivi legati al tema dell emittenza radio e TV presenta carattere di validità generale; - Piani Regolatori Generali: a partire dalla data di entrata in vigore della legge regionale 24/3/2000, n. 20 e per 5 anni sono possibili varianti specifiche a quelli vigenti. La legge regionale ha altresì stabilito le modalità per la redazione dei nuovi PRG, che dovranno articolarsi in PSC (Piano Strutturale Comunale), RUE (Regolamento Urbanistico ed Edilizio) e POC (Piano Operativo Comunale). Attualmente i Comuni stanno attivando o completando le procedure per l adeguamento alla nuova normativa, in quanto a partire da marzo 2005 non sono più possibili varianti specifiche ai piani attualmente vigenti; - Piano delle Attività Estrattive (PIAE). La legge stabilisce l aggiornamento ogni dieci anni. Il nuovo Piano è stato approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 75 del 26/07/2005; - Piano infraregionale di gestione dei rifiuti urbani e speciali: adottato il 31/10/1998 con Deliberazione del Consiglio Provinciale ed approvato con deliberazione della Giunta Regionale il 16/02/2000. La deliberazione della Giunta Regionale 31 luglio 2001, n Approvazione dei criteri ed indirizzi regionali per la pianificazione e la gestione dei rifiuti ha fissato al 2003 il termine per l aggiornamento. Attualmente per la Provincia di Ravenna risultano approvati i Documenti pianificatori preliminari al Piano con deliberazione della Giunta Provinciale n. 562 del 28/10/2005; - Piano Regionale di Tutela delle Acque: previsto dal decreto legislativo n. 152/1999 e dalla direttiva UE n.

14 60/2000, deve avere le caratteristiche di Piano stralcio dei Piani di Bacino ed ha richiesto pertanto il parere vincolante delle Autorità di Bacino. Il Piano è stato approvato con deliberazione del Consiglio Regionale n. 40 del 21/12/2005; - Piano Provinciale di tutela delle acque della Provincia di Ravenna: è stato adottato il documento preliminare con deliberazione della Giunta Provinciale n. 212 del 17/05/2006; - Piano provinciale di Risanamento e Tutela della Qualità dell Aria (PRQA): previsto dal decreto legislativo n. 359/1999 e dalle direttive regionale in materia di controllo della qualità dell aria. E stato adottato con Deliberazione del Consiglio Provinciale n. 20 del 21/03/2006 ed prevista la sua approvazione entro luglio Piano Energetico Provinciale: previsto dall articolo 85 della legge regionale 21 aprile 1999, n. 3 e successive modifiche ed integrazioni, trova le linee guida per la sua predisposizione contenute entro il Piano Energetico Regionale, approvato con Delibera della Giunta Regionale 23/12/2002, n e che sta seguendo l iter per l approvazione finale. Il Piano provinciale sarà conseguente alla legge regionale 23/12/2004, n. 26 Disciplina della programmazione energetica territoriale ed altre disposizioni in materia di energia ed al Piano Energetico Regionale definitivo. NON PROVINCIA DI RAVENNA ALLEGATO C Rif. Osservazioni d Ufficio 5 Osservazioni Per la Tavola 6 e relative prescrizioni, si suggerisce di inserire fra le tutele anche le zone D di Parco quando previste, da trattarsi come le zone B, C e di preparco. Nelle prescrizioni va inserito il parere vincolante che l Ente Parco è tenuto ad esprimere per la localizzazione di un emittente radio e/o TV [ ] - zone di parco classificate B ai sensi della L. R. n. 6/2005 (Parco Regionale Delta del Po e Parco della Vena del Gesso Romagnola); - zone di parco classificate C ai sensi della L.R. n. 6/2005 (Parco Regionale Delta del Po e Parco della Vena del Gesso Romagnola); - zone di preparco ai sensi della L.R. n. 6/2005 (Parco Regionale del Delta del Po e Parco della Vena del Gesso Romagnola). [ ] IX) in generale, nelle aree evidenziate non sono ammessi i nuovi impianti; i singoli Comuni però, sulla base di una valutazione degli aspetti di impatto ambientale e paesaggistico, hanno facoltà di consentirne l installazione; X) i nuovi impianti che vadano ad insistere presso strutture esistenti, già utilizzate da emittenti radio e TV, sono sottoposti ai vincoli e prescrizioni applicati di seguito agli impianti esistenti; XI) gli impianti esistenti possono permanere nelle aree indicate, la loro modifica potenziamento è

15 soggetta alle seguenti prescrizioni: a. nel caso si intenda sostituire un apparecchiatura radio-tv obsoleta (antenne o palo di sostegno), con una nuova, presso una struttura esistente, si potrà procedere solo nel caso che sia rispettata la normativa nazionale e regionale di tipo sanitario, ambientale e territoriale; b. nel caso che si intenda sostituire un palo di sostegno delle antenne esistenti con uno nuovo in una diversa localizzazione, comunque ubicata in prossimità dell esistente ed in un area non sottoposta a vincolo tassativo, viene fatta salva la facoltà del Comune di autorizzare, in deroga alle prescrizioni eventualmente dettate per l area dal presente Piano, nella sola ipotesi che tale intervento sia valutato migliorativo dell impatto ambientale e sanitario. NON PERTINENTE ACCOLTA ACCOLTA CON DIVERSA FORMULAZIONE testo [ ] - zone di parco classificate B ai sensi della L. R. n. 6/2005 (Parco Regionale Delta del Po e Parco della Vena del Gesso Romagnola); - zone di parco classificate C ai sensi della L.R. n. 6/2005 (Parco Regionale Delta del Po e Parco della Vena del Gesso Romagnola); - zone di parco classificate D ai sensi della L.R. n. 6/2005 (Parco Regionale del Delta del Po e Parco della Vena del Gesso Romagnola) - zone di preparco ai sensi della L.R. n. 6/2005 (Parco Regionale del Delta del Po e Parco della Vena del Gesso Romagnola). [ ] IX) in generale, nelle aree evidenziate non sono ammessi i nuovi impianti; i singoli Comuni però, sulla base di una valutazione degli aspetti di impatto ambientale e paesaggistico, hanno facoltà di consentirne l installazione, fatto salvo l eventuale parere vincolante dell Ente Parco, quando dovuto; X) i nuovi impianti che vadano ad insistere presso strutture esistenti, già utilizzate da emittenti radio e TV, sono sottoposti ai vincoli e prescrizioni applicati di seguito agli impianti esistenti, fatto salvo l eventuale parere vincolante dell Ente Parco, quando dovuto: XI) gli impianti esistenti possono permanere nelle aree indicate, la loro modifica potenziamento è soggetta alle seguenti prescrizioni: a. nel caso si intenda sostituire un apparecchiatura radio-tv obsoleta (antenne o palo di sostegno), con una nuova, presso una struttura esistente, si potrà procedere solo nel caso che sia rispettata la normativa nazionale e regionale di tipo sanitario, ambientale e territoriale; b. nel caso che si intenda sostituire un palo di sostegno delle antenne esistenti con uno nuovo in una diversa localizzazione, comunque ubicata in prossimità dell esistente ed in un area non sottoposta a vincolo tassativo, viene fatta salva la facoltà del Comune di autorizzare, in deroga alle prescrizioni eventualmente dettate per l area dal presente Piano, nella sola ipotesi che tale intervento sia valutato migliorativo dell impatto ambientale e sanitario. NON

5. SCENARI PER LA DELOCALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI ESISTENTI

5. SCENARI PER LA DELOCALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI ESISTENTI 1 5. SCENARI PER LA DELOCALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI ESISTENTI 5.1 Premessa In questo capitolo si studierà la possibilità di inserire gli impianti radio FM da delocalizzare in alcuni siti sul territorio

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE N. 30/2000 SULL INQUINAMENTO ELETROMAGNETICO. SOMMARIO

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE N. 30/2000 SULL INQUINAMENTO ELETROMAGNETICO. SOMMARIO 2 RUE ALLEGATO 6 REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE N. 30/2000 SULL INQUINAMENTO ELETROMAGNETICO. SOMMARIO Parte I - FINALITA... 4 Art. 1 - Obiettivi 4 Parte II MODALITA DI RILASCIO DELLE

Dettagli

PROPOSTA DI DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE

PROPOSTA DI DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE PROPOSTA DI DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE Enunciato l argomento iscritto al n. dell o.d.g., il Presidente mette in approvazione la seguente proposta di deliberazione: OGGETTO: VARIANTE AL REGOLAMENTO

Dettagli

Tutela dei versanti e sicurezza idrogeologica

Tutela dei versanti e sicurezza idrogeologica Tutela dei versanti e sicurezza idrogeologica 20 ottobre 2004 Tutela dei versanti e sicurezza idrogeologica Norme di Attuazione: Titolo 6 Elaborati grafici di riferimento: Tavola 2 OBIETTIVI DEL PTCP COORDINAMENTO

Dettagli

Approvato con deliberazione del Consiglio comunale in data 13.10.2006 n.208/36843

Approvato con deliberazione del Consiglio comunale in data 13.10.2006 n.208/36843 COMUNE DI BRESCIA REGOLAMENTO PER L'INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE Approvato con deliberazione del Consiglio comunale in data 13.10.2006 n.208/36843 INDICE CAPO I -

Dettagli

Quadro normativo delle Regioni e Province Autonome sulla VAS LIGURIA. Disciplina della valutazione di impatto ambientale.

Quadro normativo delle Regioni e Province Autonome sulla VAS LIGURIA. Disciplina della valutazione di impatto ambientale. L.R. 4/09/1997, n. 36. Pubblicata nel B.U. Liguria 17 settembre 1997, n. 16, L.R. 30/12/1998, n. 38. Pubblicata nel B.U. Liguria 20 gennaio 1999, n. 1. L.R. 4/08/2006, n. 20. Pubblicata nel B.U. Liguria

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 1323 DELL 11 LUGLIO 2014

ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 1323 DELL 11 LUGLIO 2014 ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 1323 DELL 11 LUGLIO 2014 Allegato A Indirizzi applicativi in materia di valutazione di incidenza di piani, progetti e interventi 1. Definizioni Procedimento di valutazione di

Dettagli

COMUNE DI TROVO Provincia di Pavia P.G.T. PIANO DEL GOVERNO DEL TERRITORIO

COMUNE DI TROVO Provincia di Pavia P.G.T. PIANO DEL GOVERNO DEL TERRITORIO COMUNE DI TROVO Provincia di Pavia P.G.T. PIANO DEL GOVERNO DEL TERRITORIO RECEPIMENTO DELLE PRESCRIZIONI PREVALENTI DELLA PROVINCIA IN MERITO ALLA VERIFICA DI COMPATIBILITA CON IL P.T.C.P. ART.13 commi

Dettagli

OGGETTO: Procedimento di Valutazione Ambientale Strategica del Piano Provinciale per la gestione rifiuti urbani e speciali. Provvedimenti.

OGGETTO: Procedimento di Valutazione Ambientale Strategica del Piano Provinciale per la gestione rifiuti urbani e speciali. Provvedimenti. OGGETTO: Procedimento di Valutazione Ambientale Strategica del Piano Provinciale per la gestione rifiuti urbani e speciali. Provvedimenti. Premesso che: tra le funzioni del Settore Ambiente rientrano quelle

Dettagli

ELETTRODOTTI E DI IMPIANTI RADIOELETTRICI...8

ELETTRODOTTI E DI IMPIANTI RADIOELETTRICI...8 1. SOMMARIO 1. SOMMARIO...2 2. INTRODUZIONE...3 3. RIFERIMENTI NORMATIVI...3 4. INDIVIDUAZIONE DELLE AREE SENSIBILI...4 4.1 APPROCCIO METODOLOGICO...4 4.2 AREE SENSIBILI INDIVIDUATE...5 5. AREE SENSIBILI

Dettagli

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 Il Piano per l assetto idrogeologico ha lo scopo di assicurare, attraverso vincoli, direttive e la programmazione di opere strutturali, la difesa del suolo - in coerenza con le finalità generali indicate

Dettagli

10.1 Localizzazione degli impianti di trattamento e smaltimento rifiuti

10.1 Localizzazione degli impianti di trattamento e smaltimento rifiuti torna all Indice Capitolo 10 10 CRITERI DI SELEZIONE DEI SITI IDONEI 10.1 Localizzazione degli impianti di trattamento e smaltimento rifiuti I criteri, assunti dal Piano Territoriale di Coordinamento (PTC),

Dettagli

Regolamento Approvato con delibera C.C. n. 35/91/190 del 29/03/2004

Regolamento Approvato con delibera C.C. n. 35/91/190 del 29/03/2004 Regolamento Comunale per l installazione e l esercizio degli impianti radiobase per telefonia mobile e per teleradiocomunicazioni per la diffusione di segnali radio e televisivi. Regolamento Approvato

Dettagli

Oggetto: Regolamento Urbanistico ed Edilizio di Faenza (RUE). INDIRIZZI PER L ADOZIONE

Oggetto: Regolamento Urbanistico ed Edilizio di Faenza (RUE). INDIRIZZI PER L ADOZIONE Oggetto: Regolamento Urbanistico ed Edilizio di Faenza (RUE). INDIRIZZI PER L ADOZIONE Il Presidente sottopone per l approvazione quanto segue: Normativa di riferimento: - Legge regionale n. 47 del 07.12.1978

Dettagli

Modifiche in materia Commerciale

Modifiche in materia Commerciale PROVINCIA DI BOLOGNA PIANO TERRITORIALE DI COORDINAMENTO PROVINCIALE Modifiche in materia Commerciale VARIANTE NON SOSTANZIALE AL PTCP ai sensi dell art.27bis della L.R. 20/2000 e s.m.i. RECEPIMENTO DEI

Dettagli

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale O GG E TTO : Art. 57 LR 36/97 e art. 8 LR 18/99 : Schema di Accordo di Pianificazione per variante PTC della Provincia di Genova in recepimento del Piano Stralcio per l'assetto Idrogeologico del Bacino

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

Settore Tecnico (Servizio Pianificazione, Urbanistica ed Edilizia) REGOLAMENTO COMUNALE

Settore Tecnico (Servizio Pianificazione, Urbanistica ed Edilizia) REGOLAMENTO COMUNALE REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI DI TELECOMUNICAZIONE A TECNOLOGIA CELLULARE QUALI STAZIONI RADIO-BASE PER SERVIZI DI TELEFONIA MOBILE, DIGITALI MOBILI E SIMILARI Approvato

Dettagli

relativo alla Seconda Soluzione Agosto 2013

relativo alla Seconda Soluzione Agosto 2013 COMUNE DI FOSDINOVO Località CANIPAROLA PIANO DI RECUPERO CASA ALBACHIARA VERIFICA DI ASSOGGETTABILITÀ A V.A.S. ai sensi dell art. 22, L.R.T. n 10/2010 RAPPORTO AMBIENTALE PRELIMINARE relativo alla Seconda

Dettagli

Piano Territoriale di Coordinamento

Piano Territoriale di Coordinamento Piano Territoriale di Coordinamento In questa capitolo vengono descritti i contenuti del Piano Territoriale di Coordinamento. Vengono elencati gli enti preposti alla pianificazione, viene approfondita

Dettagli

Colpo d occhio sulle principali delibere delle Regioni italiane

Colpo d occhio sulle principali delibere delle Regioni italiane Colpo d occhio sulle principali delibere delle Regioni italiane Regione Principali modifiche rispetto alle linee guida nazionali Riferimento normativo Fonte: Solar Energy Report PIEMONTE Delibera della

Dettagli

INDICAZIONI DI PROCEDIMENTO

INDICAZIONI DI PROCEDIMENTO Direzione Commercio e Artigianato Settore Programmazione e Interventi dei Settori Commerciali INDICAZIONI DI PROCEDIMENTO PER IL RICONOSCIMENTO DI ADDENSAMENTI COMMERCIALI EXTRAURBANI (ARTERIALI) A.5.

Dettagli

3. PROBLEMATICHE AMBIENTALI

3. PROBLEMATICHE AMBIENTALI 3. PROBLEMATICHE AMBIENTALI La tavola riassume le criticità più significative che interessano l intero territorio comunale di Valeggio sul Mincio alla luce dell analisi operata dal Documento Preliminare

Dettagli

ACSA Ambito Località villaggio Giovi via Gorki e via Sacharof

ACSA Ambito Località villaggio Giovi via Gorki e via Sacharof 1 Localizzazione ecografica: Localizzazione catastale: Località villaggio Giovi via Gorki e via Sacharof Foglio 43 Mappali 63, 65, 67, 71, 73, 75, 114. Foglio 44 Mappali 23, 24, 25, 59, 62. Foglio 45 Mappali

Dettagli

2.2. Adeguamento alle N.T.A del P.R.G... 3. 2.3. Adeguamento di aree classificate come aree per spazi pubblici a parco, per il gioco e lo sport...

2.2. Adeguamento alle N.T.A del P.R.G... 3. 2.3. Adeguamento di aree classificate come aree per spazi pubblici a parco, per il gioco e lo sport... SOMMARIO: 1. PREMESSA... 1 2. CONTENUTI DELLA VARIANTE... 2 2.1. Soppressione di un'area classificata come aree turistiche di nuovo impianto dal P.R.G. Vigente e inserimento di previsione di area per impianti

Dettagli

CRITERI di LOCALIZZAZIONE degli IMPIANTI

CRITERI di LOCALIZZAZIONE degli IMPIANTI COMUNE DI VIAREGGIO Area Assetto e Gestione del Territorio Ufficio Urbanistica - Ambiente Programma Comunale degli impianti (art. 9 della L.R. 49/11) CRITERI di LOCALIZZAZIONE degli IMPIANTI Viareggio,

Dettagli

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO 6 Allegato 1 COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Servizio Pianificazione e Programmazione del Territorio Via delle Torri n. 13 47100 Forlì Unità Segreteria mariateresa.babacci@comune.forli.fo.it

Dettagli

Allo sportello unico dell edilizia Municipalità di

Allo sportello unico dell edilizia Municipalità di Allo sportello unico dell edilizia Municipalità di MODELLO SCIA.b SCIA.b - 29/08/2011 ASSEVERAZIONE ALLEGATA ALLA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ EDILIZIA ai sensi dell articolo 19, comma 1

Dettagli

6. Che la destinazione d uso dopo l intervento: E invariata E mutata in:.

6. Che la destinazione d uso dopo l intervento: E invariata E mutata in:. 3. Che la tipologia dell intervento, delle suddette opere è riconducibile a: 4. Che lo stato attuale dell immobile/unità immobiliare risulta legittimato dai seguenti atti: Fabbricato antecedente al 1938

Dettagli

ASSEVERAZIONE ALLEGATA ALLA DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi dell art. 23 del D.P.R. 380/01 s.m.i.

ASSEVERAZIONE ALLEGATA ALLA DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi dell art. 23 del D.P.R. 380/01 s.m.i. Allo sportello unico dell edilizia Municipalità di ASSEVERAZIONE ALLEGATA ALLA DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi dell art. 23 del D.P.R. 380/01 s.m.i. MODELLO B cod. B- 27/1/2010 da compilarsi

Dettagli

COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE

COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE Quarta Variante Parziale al Piano degli Interventi (PRG) modifica dell articolo 34 Parcheggi e servizi pubblici delle N.T.A.. Ai sensi dell'art. 18 della L.R.V. 11/2004 e s.m.i..

Dettagli

COMUNE DI MONCUCCO TORINESE PROVINCIA DI ASTI PIANO REGOLATORE GENERALE INTERCOMUNALE VARIANTE STRUTTURALE N. 4

COMUNE DI MONCUCCO TORINESE PROVINCIA DI ASTI PIANO REGOLATORE GENERALE INTERCOMUNALE VARIANTE STRUTTURALE N. 4 COMUNE DI MONCUCCO TORINESE PROVINCIA DI ASTI PIANO REGOLATORE GENERALE INTERCOMUNALE VARIANTE STRUTTURALE N. 4 VERIFICA DI COMPATIBILITA CON LA CLASSIFICAZIONE ACUSTICA ALLEGATO D. 1 ING. GIUSEPPE VILLERO

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE : PROCEDURA DI VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA PER REALIZZAZIONE IMPIANTO FOTOVOLTAICO

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE : PROCEDURA DI VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA PER REALIZZAZIONE IMPIANTO FOTOVOLTAICO Nelle tavole seguenti si esaminano rispettivamente i valori storico-culturali e il patrimonio storico architettonico con la viabilità storica; in questo caso non si rilevano situazioni di particolare interesse.

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERA DI C.C. n. DEL REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA E VIDEOFONIA MOBILE

ALLEGATO ALLA DELIBERA DI C.C. n. DEL REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA E VIDEOFONIA MOBILE ALLEGATO ALLA DELIBERA DI C.C. n. DEL REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA E VIDEOFONIA MOBILE INDICE CAPO I - FINALITÀ E CAMPO APPLICATIVO... 3 ART. 01.

Dettagli

OGGETTO: adeguamento del Regolamento per il pagamento dei diritti di segreteria di spettanza totale dell ente.

OGGETTO: adeguamento del Regolamento per il pagamento dei diritti di segreteria di spettanza totale dell ente. OGGETTO: adeguamento del Regolamento per il pagamento dei diritti di segreteria di spettanza totale dell ente. PREMESSO Che con D.C.C. n. 106 del 21.12.1993 modificata con DCC n.17 del 1997 si approvava

Dettagli

Il controllo del rumore

Il controllo del rumore Il controllo del rumore Linee Guida per la gestione degli esposti ad uso degli Enti Locali della Lombardia Indice 1 Premessa 2 Normativa di riferimento 3 Gestione degli esposti 4 Allegati 1 1 Premessa

Dettagli

Assessorato ai Trasporti a Fune Segreteria Regionale per le Infrastrutture Direzione Mobilità PIANO REGIONALE NEVE RAPPORTO AMBIENTALE.

Assessorato ai Trasporti a Fune Segreteria Regionale per le Infrastrutture Direzione Mobilità PIANO REGIONALE NEVE RAPPORTO AMBIENTALE. PIANO REGIONALE NEVE RAPPORTO AMBIENTALE Parte 0 ALLEGATO D Consulente per la procedura di V.A.S.: Studio Program s.r.l. Progettazione e gestione delle risorse ambientali Energia e Fonti Rinnovabili ITER

Dettagli

REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA IX LEGISLATURA DOCUMENTI PROPOSTE DI LEGGE E DI ATTO AMMINISTRATIVO RELAZIONI. (Seduta del 18 febbraio 2015)

REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA IX LEGISLATURA DOCUMENTI PROPOSTE DI LEGGE E DI ATTO AMMINISTRATIVO RELAZIONI. (Seduta del 18 febbraio 2015) REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA Relazione della IV Commissione permanente ASSETTO TERRITORIALE ED AMBIENTALE; URBANISTICA; ECOLOGIA; ACQUEDOTTI; LAVORI PUBBLICI; VIABILITA E TRASPORTI; CAVE E TORBIERE

Dettagli

Presentazione Regolamento Comunale per l installazione di impianti di telefonia cellulare e radioelettrici

Presentazione Regolamento Comunale per l installazione di impianti di telefonia cellulare e radioelettrici CITTA DI GIAVENO Presentazione Regolamento Comunale per l installazione di impianti di telefonia cellulare e radioelettrici Anno 2006 1 CAPPELLO La Città di Giaveno ha partecipato ad un protocollo d intesa

Dettagli

LA NUOVA LEGGE REGIONALE SUL CONSUMO DI SUOLO LR 31/14: CONTENUTI OPERATIVI, RAPPORTI CON I PGT E PTCP E OPPORTUNITA /CRITICITÀ

LA NUOVA LEGGE REGIONALE SUL CONSUMO DI SUOLO LR 31/14: CONTENUTI OPERATIVI, RAPPORTI CON I PGT E PTCP E OPPORTUNITA /CRITICITÀ LA NUOVA LEGGE REGIONALE SUL CONSUMO DI SUOLO LR 31/14: CONTENUTI OPERATIVI, RAPPORTI CON I PGT E PTCP E OPPORTUNITA /CRITICITÀ LA NUOVA LEGGE VISTA DAL BASSO, L OPINIONE DEI COMUNI. A cura dell Arch.

Dettagli

Il sottoscritto progettista delle opere: Cognome Nome nato a Prov. il C.F. Iscritto all Albo/Collegio dei della Provincia di al n.

Il sottoscritto progettista delle opere: Cognome Nome nato a Prov. il C.F. Iscritto all Albo/Collegio dei della Provincia di al n. Protocollo Al Responsabile del Settore Gestione del Territorio del comune di Verdellino Relazione tecnica di asseverazione Allegata alla Comunicazione di Inizio lavori per Attività Edilizia Libera non

Dettagli

Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI

Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI Novembre 2012 INDICE Nuove aree di trasformazione... 3 Ambito A - Residenziale e Commerciale... 4 Ambito B - Residenziale

Dettagli

CATEGORIE DI ATTIVITA CONSULENZE IN PROCEDIMENTI GIUDIZIARI 4.0 BONIFICA ACUSTICA/ PROGETTAZIONE ACUSTICA

CATEGORIE DI ATTIVITA CONSULENZE IN PROCEDIMENTI GIUDIZIARI 4.0 BONIFICA ACUSTICA/ PROGETTAZIONE ACUSTICA 1. Tabella delle categorie di attività CATEGORIE DI ATTIVITA MISURE RELAZIONI TECNICHE REQUISITI ACUSTICI DELLE SORGENTI SONORE NEI LUOGHI DI INTRATTENIMENTO DANZANTE E DI PUBBLICO SPETTACOLO ex DPCM 215/99

Dettagli

DITTA SCAPIN BRUNO PROGETTO IMPIANTO DI STOCCAGGIO RIFIUTI METALLICI SPECIALI NON PERICOLOSI

DITTA SCAPIN BRUNO PROGETTO IMPIANTO DI STOCCAGGIO RIFIUTI METALLICI SPECIALI NON PERICOLOSI COMUNE DI MALO PROVINCIA DI VICENZA REGIONE VENETO DITTA SCAPIN BRUNO PROGETTO IMPIANTO DI STOCCAGGIO RIFIUTI METALLICI SPECIALI NON PERICOLOSI RELAZIONE TECNICA ESPLICATIVA DI NON NECESSITA DELLA VALUTAZIONE

Dettagli

Piano di settore per la telefonia mobile Aggiornamento del Piano a seguito nuove richieste dei Gestori per l anno 2012 RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Piano di settore per la telefonia mobile Aggiornamento del Piano a seguito nuove richieste dei Gestori per l anno 2012 RELAZIONE ILLUSTRATIVA Piano di settore per la telefonia mobile Aggiornamento del Piano a seguito nuove richieste dei Gestori per l anno 2012 RELAZIONE ILLUSTRATIVA 30/05/2012 Pagina 1 di 11 INDICE RELAZIONE ILLUSTRATIVA Indice

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO (Provincia di Milano)

COMUNE DI INVERUNO (Provincia di Milano) COMUNE DI INVERUNO (Provincia di Milano) COMPONENTE GEOLOGICA, IDROGEOLOGICA E SISMICA DEL PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO AI SENSI DELLA L.R. 12/2005 E SECONDO I CRITERI DELLA D.G.R. n. 8/7374/08 Integrazioni

Dettagli

Progetto Preliminare Adottato con delibera del Consiglio Comunale n.. del.

Progetto Preliminare Adottato con delibera del Consiglio Comunale n.. del. REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI ALESSANDRIA COMUNE DI PECETTO DI VALENZA Legge Regionale 5 dicembre 1977 n. 56 e successive modifiche ed integrazioni PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE Approvato con D.G.R.

Dettagli

BOZZA DEL 13 SETTEMBRE 2006

BOZZA DEL 13 SETTEMBRE 2006 PROVINCIA DI BOLOGNA Settore Pianificazione Territoriale http://cst.provincia.bologna.it/ptcp/psc.htm BOZZA DEL 13 SETTEMBRE 2006 APPROFONDIMENTI TECNICI MODI E TEMPI DI SVOLGIMENTO DELLA CONFERENZA DI

Dettagli

OGGETTO: parere in merito al regime autorizzativo di impianti fotovoltaici collocati su serre

OGGETTO: parere in merito al regime autorizzativo di impianti fotovoltaici collocati su serre DIREZIONE GENERALE PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE E NEGOZIATA, INTESE. RELAZIONI EUROPEE E RELAZIONI SERVIZIO AFFARI GENERALI, GIURIDICI E PROGRAMMAZIONE FINANZIARIA INTERNAZIONALI IL RESPONSABILE GIOVANNI

Dettagli

U.P. SERVIZI PER IL TERRITORIO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA

U.P. SERVIZI PER IL TERRITORIO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA RELAZIONE Oggetto: VARIANTE ART.32 bis L.R.n.20/2000 AL PIANO STRUTTURALE COMUNALE INCREMENTO DELL ALTEZZA CONSENTITA PER LA REALIZZAZIONE DI MAGAZZINI AUTOMATICI PREMESSA La presente variante al Piano

Dettagli

9. NORME GEOLOGICHE DI PIANO

9. NORME GEOLOGICHE DI PIANO 9. NORME GEOLOGICHE DI PIANO ART. 1 Il Comune di Capergnanica è tenuto ad informare i Soggetti Attuatori delle previsioni dello strumento urbanistico, denominato Piano di Governo del Territorio (P.G.T.),

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

Piano di Governo del Territorio del Comune di Buscate

Piano di Governo del Territorio del Comune di Buscate Piano di Governo del Territorio del Comune di Buscate VAS Valutazione Ambientale Strategica del Documento di Piano integrazione al rapporto ambientale in merito alle osservazioni pervenute in seguito all

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DI BASILICATA

CONSIGLIO REGIONALE DI BASILICATA CONSIGLIO REGIONALE DI BASILICATA Legge Regionale: Norme sulla sanatoria degli abusi edilizi di cui all art. 32 del Decreto Legge 30.09.2003, n. 269. * * * * * * * * * Articolo 1 Oggetto della legge 1.

Dettagli

DICHIARAZIONI DEL PROGETTISTA

DICHIARAZIONI DEL PROGETTISTA DICHIARAZIONI DEL PROGETTISTA (allegato alla domanda del permesso di costruire) l sottoscritt ING./ARCH./GEOM./ NATO/A A CON STUDIO PROF.LE IN IL CAP VIA/C.SO/P.ZZA CIVICO CODICE FISCALE E-MAIL P.IVA TEL.

Dettagli

Relazione Tecnica di Asseverazione (ai sensi degli artt. 22 e 23 del D.P.R. 380/2001 s.m.i.)

Relazione Tecnica di Asseverazione (ai sensi degli artt. 22 e 23 del D.P.R. 380/2001 s.m.i.) Timbro quadro del professionista o logo Relazione Tecnica di Asseverazione (ai sensi degli artt. 22 e 23 del D.P.R. 380/2001 s.m.i.) allegata a S.C.I.A. ex art. 19 L. 241/1990, come sostituito dall art.

Dettagli

P r o v i n c i a d i P a d o v a

P r o v i n c i a d i P a d o v a 1 Decreto n. 131/VIA/2014 Prot. n. 94709 del 03/07/2014 Ditta n. 71048 Sede Settore Ambiente: P.zza Bardella, 2 35131 Padova tel. 049/8201811 VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA' (art. 20 del D.Lgs 152/06 e s.m.i.)

Dettagli

Comune. Santa Maria Maggiore. Siti RN2000. ZPS Val Formazza SIC/ZPS/Parco Nazionale della Val Grande. PRGC vigente

Comune. Santa Maria Maggiore. Siti RN2000. ZPS Val Formazza SIC/ZPS/Parco Nazionale della Val Grande. PRGC vigente Comune Siti RN2000 Santa Maria Maggiore ZPS Val Formazza SIC/ZPS/Parco Nazionale della Val Grande PRGC vigente Varchi SM1 INCONTRO CON IL COMUNE Comune di Santa Maria Maggiore 21/12/2010 L espansione edilizia

Dettagli

Valutazione integrata

Valutazione integrata COMUNE DI CAPOLIVERI PROVINCIA DI LIVORNO Valutazione integrata D.P.G.R. 09/02/2007 n 4/r Piano Attuativo Camping Laconella Il Responsabile del Procedimento Ing. Federico Brugioni Il Responsabile del servizio

Dettagli

N. del OGGETTO: REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE - SOSTITUZIONE DELL'ART. 114 BIS IN ADEGUAMENTO ALLA L.R. 28/2014 - APPROVAZIONE. PROPOSTA DI DELIBERA

N. del OGGETTO: REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE - SOSTITUZIONE DELL'ART. 114 BIS IN ADEGUAMENTO ALLA L.R. 28/2014 - APPROVAZIONE. PROPOSTA DI DELIBERA N. del OGGETTO: REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE - SOSTITUZIONE DELL'ART. 114 BIS IN ADEGUAMENTO ALLA L.R. 28/2014 - APPROVAZIONE. PROPOSTA DI DELIBERA Premesso: - che il vigente Regolamento Edilizio approvato

Dettagli

PREMESSO CHE: Autorità di bacino Alto Adriatico Comitato Istituzionale - delibera n. 4/2010 - Pagina 2

PREMESSO CHE: Autorità di bacino Alto Adriatico Comitato Istituzionale - delibera n. 4/2010 - Pagina 2 DELIBERA N. 4 Seduta del 21 dicembre 2010 OGGETTO: Adozione del Piano stralcio per l assetto idrogeologico del bacino del fiume Livenza. IL COMITATO ISTITUZIONALE VISTO il D.Lgs. 3 aprile 2006, n. 152

Dettagli

COMUNE DI PIOMBINO DESE INTERVENTO EDILIZIO CONVENZIONATO IN ZONA RESIDENZIALE C2-301 RELAZIONE

COMUNE DI PIOMBINO DESE INTERVENTO EDILIZIO CONVENZIONATO IN ZONA RESIDENZIALE C2-301 RELAZIONE COMUNE DI PIOMBINO DESE Provincia di Padova INTERVENTO EDILIZIO CONVENZIONATO IN ZONA RESIDENZIALE C2-301 RELAZIONE VALUTAZIONE DI INCIDENZA AMBIENTALE - VINCA - AI SENSI DELLA DIRETTIVA 92/43/CEE D.P.R.

Dettagli

TRACCIA PER LA REDAZIONE DELLA RELAZIONE GEOLOGICA E DELLA RELAZIONE GEOTECNICA FACENTI PARTE DI UN PROGETTO PER COSTRUZIONI.

TRACCIA PER LA REDAZIONE DELLA RELAZIONE GEOLOGICA E DELLA RELAZIONE GEOTECNICA FACENTI PARTE DI UN PROGETTO PER COSTRUZIONI. TRACCIA PER LA REDAZIONE DELLA RELAZIONE GEOLOGICA E DELLA RELAZIONE GEOTECNICA FACENTI PARTE DI UN PROGETTO PER COSTRUZIONI. PRECISAZIONI Il presente documento nasce dalla pressante richiesta di iscritti

Dettagli

ALLEGATO A REGOLAMENTO DEL COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE

ALLEGATO A REGOLAMENTO DEL COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE ALLEGATO A REGOLAMENTO DEL COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con Delibera di Consiglio n. 29 del 19 maggio 2011 INDICE REGOLAMENTO...1 Art. 1 Oggetto...1 Art. 2

Dettagli

COMUNE DI SARONNO PROVINCIA DI VARESE REGOLAMENTO PER LA TUTELA DALL INQUINAMENTO ACUSTICO

COMUNE DI SARONNO PROVINCIA DI VARESE REGOLAMENTO PER LA TUTELA DALL INQUINAMENTO ACUSTICO PROVINCIA DI VARESE REGOLAMENTO PER LA TUTELA DALL INQUINAMENTO ACUSTICO SETTEMBRE 2011 Sommario SOMMARIO...ERRORE. IL SEGNALIBRO NON È DEFINITO. TITOLO 1 PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1. Oggetto del regolamento...

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA (SCIA) Ai sensi art. 49 comma 4 bis della Legge 30.07.2010 n. 122

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA (SCIA) Ai sensi art. 49 comma 4 bis della Legge 30.07.2010 n. 122 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA (SCIA) Ai sensi art. 49 comma 4 bis della Legge 30.07.2010 n. 122 ( Da presentarsi DOPO l ottenimento degli eventuali altri atti previsti dalle normative

Dettagli

L INSTALLAZIONE DEI PANNELLI TERMICI E FOTOVOLTAICI

L INSTALLAZIONE DEI PANNELLI TERMICI E FOTOVOLTAICI PROVINCIA DI TRENTO COMUNE DI PREDAZZO PIANO REGOLATORE GENERALE D E L C O M U N E D I PREDAZZO REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE DEI PANNELLI TERMICI E FOTOVOLTAICI Arch. Luca Eccheli Via Cavour,

Dettagli

A voti unanimi e palesi delibera:

A voti unanimi e palesi delibera: Vista la Direttiva 2002/91/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 16 dicembre 2002 sul rendimento energetico nell'edilizia, mediante la cui applicazione l Unione Europea ha inteso promuovere il

Dettagli

AUTORITÀ DI BACINO INTERREGIONALE DEL FIUME TRONTO IL COMITATO ISTITUZIONALE

AUTORITÀ DI BACINO INTERREGIONALE DEL FIUME TRONTO IL COMITATO ISTITUZIONALE DELIBERAZIONE DEL COMITATO ISTITUZIONALE N. 03 DEL 07/06/2007 L anno duemilasette (2007) il giorno sette (7) del mese di giugno alle ore 10,30, presso la sede dell Autorità di Bacino Interregionale del

Dettagli

COMUNE DI LAJATICO PROVINCIA DI PISA PIANO DI ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE PIANO DELLA DISTRIBUZIONE E LOCALIZZAZIONE DELLE FUNZIONI

COMUNE DI LAJATICO PROVINCIA DI PISA PIANO DI ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE PIANO DELLA DISTRIBUZIONE E LOCALIZZAZIONE DELLE FUNZIONI COMUNE DI LAJATICO PROVINCIA DI PISA PIANO DI ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE PIANO DELLA DISTRIBUZIONE E LOCALIZZAZIONE DELLE FUNZIONI PIANO D INDIRIZZO E REGOLAZIONE DEGLI ORARI PIANO MOBILITÀ

Dettagli

CONTRODEDUZIONI A OSSERVAZIONI DEL ASS.

CONTRODEDUZIONI A OSSERVAZIONI DEL ASS. 1 Comune di Tarcento PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE UFFICIO TECNICO COMUNALE arch. Federico Canciani V A R I A N T E 3 5 (Zone D, I, O e norme di attuazione) CONTRODEDUZIONI A OSSERVAZIONI DEL ASS.

Dettagli

Proprietario cognome nome residente a via n. codice fiscale tel. fax email certificata

Proprietario cognome nome residente a via n. codice fiscale tel. fax email certificata COMUNE DI USMATE VELATE PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA Corso Italia n. 22-20040 USMATE VELATE P.I. 00714670965 - C.F. 01482570155 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA (SCIA) Ai sensi

Dettagli

Comune di Casei Gerola. Regolamento Comunale Attività Edilizia. - Gennaio 2011 -

Comune di Casei Gerola. Regolamento Comunale Attività Edilizia. - Gennaio 2011 - Comune di Casei Gerola Regolamento Comunale Attività Edilizia - Gennaio 2011-1 INDICE articolo 1 articolo 2 articolo 3 articolo 4 articolo 5 articolo 6 articolo 7 articolo 8 articolo 9 PRINCIPI GENERALI

Dettagli

6 - Interventi e indicatori di risposta

6 - Interventi e indicatori di risposta 6 - Interventi e indicatori di risposta 6.1 Gli adempimenti previsti dalla legislazione Tra le azioni attuate dal Comune di Padova in risposta a precise disposizioni di legge in materia di inquinamento

Dettagli

Premessa 23/05/2014 2

Premessa 23/05/2014 2 Regione Toscana NORMATIVA sulla DIFESA DEL SUOLO Legge Reg. 27 dicembre 2012 n. 79 Nuova Disciplina in materia di Consorzi di bonifica. Modifiche (Ver. alla l.r. 69/2008 e alla l.r. 91/98. 1.0) Abrogazione

Dettagli

autorità competente autorità procedente proponente Autorità competente:

autorità competente autorità procedente proponente Autorità competente: INDIRIZZI IN MERITO AI PROGETTI RELATIVI AD IMPIANTI DI SMALTIMENTO E DI RECUPERO DEI RIFIUTI IN VARIANTE ALLO STRUMENTO URBANISTICO E COORDINAMENTO PROCEDURE DI VIA - AIA - VAS QUADRO NORMATIVO Il comma

Dettagli

proposta di legge n. 208

proposta di legge n. 208 REGIONE MARCHE 1 CONSIGLIO REGIONALE proposta di legge n. 208 a iniziativa del Consigliere Ricci presentata in data 20 dicembre 2007 MODIFICHE ED INTEGRAZIONI ALLA LEGGE REGIONALE 1 DICEMBRE 1997, N. 71

Dettagli

Garante della Comunicazione Artt. 19 e 20 L.R.T. n. 1/2005

Garante della Comunicazione Artt. 19 e 20 L.R.T. n. 1/2005 Garante della Comunicazione Artt. 19 e 20 L.R.T. n. 1/2005 RAPPORTO ATTIVITA DEL GARANTE PER ADOZIONE NELLA PROSSIMA SEDUTA CONSILIARE del 18.7.2013 DELLE SEGUENTI VARIANTI: - scheda norma 2 - T2 e adeguamento

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DI LOCALIZZAZIONE DELL'EMITTENZA RADIO-TELEVISIVA Scheda di identificazione dei siti esistenti

PIANO PROVINCIALE DI LOCALIZZAZIONE DELL'EMITTENZA RADIO-TELEVISIVA Scheda di identificazione dei siti esistenti PIANO PROVINCIALE DI LOCALIZZAZIONE DELL'EMITTENZA RADIO-TELEVISIVA Scheda di identificazione dei siti esistenti Sito n. 007-03 Nome MONTE CAVALLO 1 Comune di Località Indirizzo CESENA MONTE CAVALLO Tipologia

Dettagli

COMUNE DI VEDELAGO PROVINCIA DI TREVISO SETTORE URBANISTICA

COMUNE DI VEDELAGO PROVINCIA DI TREVISO SETTORE URBANISTICA COMUNE DI VEDELAGO PROVINCIA DI TREVISO SETTORE URBANISTICA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA LOCALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale N 24 in data

Dettagli

COMUNE DI CORBETTA PROVINCIA DI MILANO. Piano di Classificazione Acustica. adottato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 22 del 30.04.

COMUNE DI CORBETTA PROVINCIA DI MILANO. Piano di Classificazione Acustica. adottato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 22 del 30.04. Allegato A COMUNE DI CORBETTA PROVINCIA DI MILANO CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE REVISIONE E AGGIORNAMENTO 2013 Piano di Classificazione Acustica adottato con deliberazione del Consiglio

Dettagli

Documento scaricato da www.gestione-rifiuti.it

Documento scaricato da www.gestione-rifiuti.it Regione Sicilia Legge Regionale n. 40 del 21 aprile 1995 Provvedimenti per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani e dei rifiuti speciali inerti. Disposizioni varie in materia urbanistica. L'Assemblea

Dettagli

Ricorda che per quanto riguarda il comune di Gignod:

Ricorda che per quanto riguarda il comune di Gignod: L'Assessore regionale al territorio, ambiente e opere pubbliche, Alberto Cerise, sottopone all'esame della Giunta la trasposizione delle cartografie degli ambiti inedificabili, relative alla delimitazione

Dettagli

Studio sul settore del commercio in sede fissa

Studio sul settore del commercio in sede fissa COMUNE DI MASSA (Provincia di Massa Carrara) Studio sul settore del commercio in sede fissa Valutazioni finalizzate alla predisposizione delle norme di pianificazione commerciale da inserire nel Regolamento

Dettagli

Progetto relativo a Nuovo impianto di trattamento lampade fluorescenti provenienti dalla raccolta differenziata sito in Comune di Milano.

Progetto relativo a Nuovo impianto di trattamento lampade fluorescenti provenienti dalla raccolta differenziata sito in Comune di Milano. DIREZIONE GENERALE TERRITORIO E URBANISTICA Progetto relativo a Nuovo impianto di trattamento lampade fluorescenti provenienti dalla raccolta differenziata sito in Comune di Milano. Committente: AMSA S.p.A.

Dettagli

COMUNE DI BIBBIENA RIFERITA A PORZIONI TERRITORIALI 2013

COMUNE DI BIBBIENA RIFERITA A PORZIONI TERRITORIALI 2013 COMUNE DI BIBBIENA VARIANTE AL REGOLAMENTO URBANISTICO E AL PIANO STRUTTURALE RIFERITA A PORZIONI TERRITORIALI 2013 Relazione ai sensi della Legge 1/2005, art.53 comma 3, lett c) bis e c) ter e art. 55

Dettagli

URBANISTICA b) il diritto di farsi casa per abitarvi. a) delle cose di interesse artistico e storico. c) n 1150 del 17 agosto 1942.

URBANISTICA b) il diritto di farsi casa per abitarvi. a) delle cose di interesse artistico e storico. c) n 1150 del 17 agosto 1942. URBANISTICA La legge n 1766 del 16 giugno 1927 introduceva il concetto dello Ius caselimandi cioè: a) il diritto di costruire abitazioni rurali. b) il diritto di farsi casa per abitarvi. c) il diritto

Dettagli

Il contributo della Pianificazione Comunale nel calcolo degli indicatori

Il contributo della Pianificazione Comunale nel calcolo degli indicatori Il contributo della Pianificazione Comunale nel calcolo degli indicatori A cura di: Gianluca Bortolini - referente per il Mosaico Informatizzato Provinciale - Sintesi PRG Settore Operativo Pianificazione

Dettagli

OGGETTO: Trasmissione osservazioni al Piano di Governo del Territorio del Comune di Mesero ai sensi dell art. 14, comma 3 del d.lgs. 152/2006.

OGGETTO: Trasmissione osservazioni al Piano di Governo del Territorio del Comune di Mesero ai sensi dell art. 14, comma 3 del d.lgs. 152/2006. Direzione e Uffici Alla cortese attenzione di Dott.ssa ELISA BIANCHI Ufficio Tecnico Comune di Mesero Via San Bernardo 41 20010 MESERO (MI) PEC: comune.mesero@pec.regione.lombardia.it OGGETTO: Trasmissione

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO PIANO PROVINCIALE PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI AI SENSI DELLA L.R.26/03 PERCORSO PARTECIPATO VAS

PROVINCIA DI BERGAMO PIANO PROVINCIALE PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI AI SENSI DELLA L.R.26/03 PERCORSO PARTECIPATO VAS PROVINCIA DI BERGAMO PIANO PROVINCIALE PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI AI SENSI DELLA L.R.26/03 PERCORSO PARTECIPATO VAS La localizzazione degli impianti di trattamento, recupero e smaltimento: proposta metodologica

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI RADIOCOMUNICAZIONE. Approvato con delibera C.C. n. 47 dell 11.6.2002

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI RADIOCOMUNICAZIONE. Approvato con delibera C.C. n. 47 dell 11.6.2002 REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI RADIOCOMUNICAZIONE Approvato con delibera C.C. n. 47 dell 11.6.2002 Art. 1 FINALITA E OBIETTIVI DEL REGOLAMENTO. 1. Con il presente regolamento, con riferimento

Dettagli

g) Esondazioni e dissesti morfologici di carattere torrentizio: area a pericolosità molto elevata Ee

g) Esondazioni e dissesti morfologici di carattere torrentizio: area a pericolosità molto elevata Ee NORME DI ATTUAZIONE Art. 1 Norma transitoria Le norme relative al dissesto sono da ritenersi transitorie fino all'approvazione (previa intesa con l'autorità di Bacino) del PTCP 2007. Il PSC dovrà adeguarsi

Dettagli

Il Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n.152 Norme in materia ambientale e s.m.i., come modificato e integrato dal D.Lgs. 16 gennaio 2008, n.

Il Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n.152 Norme in materia ambientale e s.m.i., come modificato e integrato dal D.Lgs. 16 gennaio 2008, n. Il Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n.152 Norme in materia ambientale e s.m.i., come modificato e integrato dal D.Lgs. 16 gennaio 2008, n. 4 recante Ulteriori disposizioni correttive ed integrative del

Dettagli

MS nelle procedure regionali per l espressione dei pareri geologico-sismici

MS nelle procedure regionali per l espressione dei pareri geologico-sismici Sessione: SCENARI MS nelle procedure regionali per l espressione dei pareri geologico-sismici Geol. Antonio Colombi Membro per la Regione Lazio nella Commissione Nazionale MS Direzione Regionale Infrastrutture

Dettagli

COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO Provincia di Bologna

COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO Provincia di Bologna 1 COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO Provincia di Bologna Area Programmazione e Gestione del Territorio ALLEGATO 1 DETERMINAZIONE VALORI DI RIFERIMENTO DELLE AREE INSERITE NEL P.R.G., NEL P.S.C. E NEL R.U.E.

Dettagli

PIANO CASA FRIULI VENEZIA GIULIA SCHEDA SINTETICA

PIANO CASA FRIULI VENEZIA GIULIA SCHEDA SINTETICA PIANO CASA FRIULI VENEZIA GIULIA SCHEDA SINTETICA (si veda anche la parte normativa, più sotto) Norme L. 11/11/2009 n. 19; L. 21/10/2010 n. 17 Aumenti massimi (salvo casi particolari) + 35% volume con

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELL INCIDENZA DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELL INCIDENZA DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELL INCIDENZA DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE indice Art. 1 Premessa pag 5 Art. 2 Ambito di applicazione pag 5 Art. 3 Incidenza degli oneri di urbanizzazione: tabella parametrica

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Norme Tecniche di Attuazione

Norme Tecniche di Attuazione COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO SETTORE SVILUPPO DEL TERRITORIO SERVIZIO URBANISTICA SERVIZIO AMBIENTE PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Letto, approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE DELLA REGIONE Augusto ROLLANDIN

Letto, approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE DELLA REGIONE Augusto ROLLANDIN Letto, approvato e sottoscritto. IL PREDENTE DELLA REGIONE Augusto ROLLANDIN IL DIRIGENTE ROGANTE Livio SALVEMINI Gouvernement régional Giunta regionale Verbale di deliberazione adottata nell'adunanza

Dettagli