Il revisore al servizio della Pubblica Amministrazione: riforma dei servizi pubblici locali, governance e novità per gli Enti locali (a cura di ANREV)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il revisore al servizio della Pubblica Amministrazione: riforma dei servizi pubblici locali, governance e novità per gli Enti locali (a cura di ANREV)"

Transcript

1 Palazzo delle Stelline Milano 17/04/2007 Ore Sala Bramante ATTI DEL SEMINARIO Il revisore al servizio della Pubblica Amministrazione: riforma dei servizi pubblici locali, governance e novità per gli Enti locali (a cura di ANREV) ANREV, Associazione Nazionale Revisori Contabili, nasce dalla volontà delle associazioni sindacali degli iscritti negli Albi professionali di Dottori e Ragionieri Commercialisti e Consulenti del Lavoro di costituire un associazione che dia voce ai Revisori Contabili iscritti in Albi professionali. Scopo principale dell ANREV è quello di difendere gli interessi e la professionalità del Revisore Contabile, attraverso una politica di immagine e di qualità della prestazione resa dai propri associati. ANREV è qui oggi per esaminare, alla luce della finanziaria e di recenti orientamenti, la problematica della riforma dei servizi locali con tutti gli attori del comparto, i grandi cambiamenti che sono in atto nel sistema di governance e i vincoli recentemente imposti dalla normativa, le problematiche sul personale e sulle assegnazioni di consulenze e altri temi di attualità che attengono agli Enti locali, con particolare riferimento ai compiti di controllo attribuiti ai revisori contabili. SALUTI DI APERTURA Marco Pagnoncelli Assessore alla Qualità dell'ambiente Regione Lombardia Gabriele Pellegrini Segretario Generale ANCI Lombardia RELATORI Emilia Giulia Di Fava Avvocato in Reggio Emilia Giancarlo Attolini Dottore Commercialista e Revisore Contabile in Reggio Emilia Stefano Bruni Sindaco di Como, Dottore Commercialista e Revisore Contabile in Como Carlo Scotti Foglieni Dottore Commercialista e Revisore Contabile in Bergamo Giancarlo Penco Consigliere della Corte dei Conti sezione controllo Lombardia PRESIEDE Laura Edvige Bordoli Presidente Nazionale ANREV

2 Il Revisore al servizio della Pubblica Amministrazione Il controllo dell efficienza e dell efficacia dell azione dell ente locale sui servizi esternalizzati Carlo Scotti-Foglieni Milano 17 aprile 2007 Premessa Nel corso di questi ultimi anni la P.A. e in particolare il sistema degli Enti Locali ha fatto crescente ricorso alla esternalizzazione di proprie attività. Prima venivano svolte tutte internamente. In particolare dagli enti di dimensioni minori. Carlo Scotti Foglieni 2 MILANO - 17 APRILE

3 Premessa Infatti, se era pacifico per comuni come Milano o Roma avere proprie aziende municipalizzate i comuni di minori dimensioni al massimo facevano ricorso ai consorzi per la gestione dei servizi. Carlo Scotti Foglieni 3 Premessa Gli ultimi anni, complice una legificazione ondivaga e tutt altro che uniforme, cui devono essere associate una giurisprudenza e una dottrina che vanno in tutte le direzioni possibili fuorchè la medesima, hanno reso il quadro d insieme completamente disorganico Carlo Scotti Foglieni 4 MILANO - 17 APRILE

4 Premessa Da un lato abbiamo visto la trasformazione dei consorzi degli enti locali in società di capitali. Dall altro abbiamo visto comuni di dimensioni ridotte (5/8.000 abitanti) dotarsi di proprie società per la gestione di servizi mediante esternalizzazioni. Il legislatore prima ha cancellato dall ordinamento le aziende municipalizzate e poi ha spinto gli Enti Locali al ricorso a ISTITUZIONI e AZIENDE SPECIALI. Carlo Scotti Foglieni 5 Il tema Premessa della managerialità e dell autonomia nelle società a partecipazione pubblica, anche nel sistema degli enti locali, è stato completamente stravolto e ribaltato nel giro di pochi anni. Carlo Scotti Foglieni 6 MILANO - 17 APRILE

5 Premessa A proposito del tema della managerialità una semplice osservazione per tutte: Il comma 734 (Amministratori di enti pubblici o a partecipazione pubblica) della Finanziaria per l anno 2007 recita Non può essere nominato amministratore di ente, istituzione, azienda pubblica, società a totale o parziale capitale pubblico chi, avendo ricoperto nei cinque anni precedenti incarichi analoghi, abbia chiuso in perdita tre esercizi consecutivi Con questo dimenticando che possono esistere società a capitale pubblico che siano in perdita per ragioni strutturali, Come pure, il non meno importante tema della nomina degli amministratori in aziende in perdita, da risanare, con un piano di risanamento, anche efficace, ma con un orizzonte temporale superiore a tre esercizi. Carlo Scotti Foglieni 7 Introduzione Il mutato quadro d insieme ci restituisce un sistema di rapporti tra Ente Locale e attività esternalizzate all interno del quale l esternalizzazione, anche per mezzo del ricorso a società partecipate torna ad essere eminentemente strumento per la realizzazione degli obbiettivi amministrativi, pur nel rispetto di un equilibrio economico e gestionale. Carlo Scotti Foglieni 8 MILANO - 17 APRILE

6 L Esternalizzazione Carlo Scotti Foglieni 9 Esternalizzazione Cosa è: Scelta strategica compiuta dall ente di portare all esterno l organizzazione e la gestione di servizi o di attività Allo scopo di ottenere il raggiungimento di: Standard qualitativi più elevati Costi più vantaggiosi Maggiori certezze di natura gestionale Carlo Scotti Foglieni 10 MILANO - 17 APRILE

7 Esternalizzazione L esternalizzazione avviene in forma: Propria: Società di capitali (a totale o parziale capitale pubblico) Strumentale: Aziende speciali Istituzioni Carlo Scotti Foglieni 11 Esternalizzazione Società di capitali - riferimento normativo Art 113 TUEL Capitale interamente pubblico (controllo analogo) Capitale misto Capitale interamente privato Attenzione alle differenze in caso di affidamento In House Carlo Scotti Foglieni 12 MILANO - 17 APRILE

8 Aziende speciali Cosa sono: Esternalizzazione Aziende, dotate di personalità giuridica e di ampia autonomia gestionale. Di proprio statuto (approvato dall ente da cui promanano). Di organo di amministrazione e di revisione autonomo. Con obbligo di pareggio di bilancio. Art. 114 TUEL Carlo Scotti Foglieni 13 Istituzioni Cosa sono: Esternalizzazione Enti strumentali dell ente locale. Dotati di proprio organo di amministrazione. Sottoposti al controllo dell organo di revisione dell Ente. Senza personalità giuridica. Non ha statuto, è regolata dallo statuto dell Ente. Il consiglio approva un regolamento per il loro funzionamento. Art. 114 TUEL Carlo Scotti Foglieni 14 MILANO - 17 APRILE

9 Esternalizzazione Ente locale Esternalizza Società/Azienda Speciale/Istituzione Erogazione del servizio Utenza Carlo Scotti Foglieni 15 Esternalizzazione Ente locale Esternalizza E titolare della legittimazione democratica Ha un programma di mandato Fornisce indirizzi Conosce i bisogni cui i servizi devono fare fronte Società/Azienda Speciale/Istituzione Erogazione del servizio Utenza Carlo Scotti Foglieni 16 MILANO - 17 APRILE

10 Spazio lasciato intenzionalmente bianco Carlo Scotti Foglieni 17 Esternalizzazione Ente locale Esternalizza E titolare della legittimazione democratica Ha un programma di mandato Fornisce indirizzi Conosce i bisogni cui i servizi devono fare fronte Società/Azienda Speciale/Istituzione Erogazione del servizio Ha la responsabilità della gestione Deve garantire l erogazione del servizio Deve assicurare criteri di economicità, efficienza ed efficacia Deve garantire gli obbiettivi Deve garantire gli standard qualitativi Utenza Carlo Scotti Foglieni 18 MILANO - 17 APRILE

11 Esternalizzazione Ente locale Esternalizza E titolare della legittimazione democratica Ha un programma di mandato Fornisce indirizzi Conosce i bisogni cui i servizi devono fare fronte Società/Azienda Speciale/Istituzione Erogazione del servizio Ha la responsabilità della gestione Deve garantire l erogazione del servizio Deve assicurare criteri di economicità, efficienza ed efficacia Deve garantire gli obbiettivi Deve garantire gli standard qualitativi Utenza Deve vedere soddisfatti i propri bisogni in condizioni di uguaglianza imparzialità, continuità e partecipazione Carlo Scotti Foglieni 19 Sapere cosa succede: Il Feedback Carlo Scotti Foglieni 20 MILANO - 17 APRILE

12 Feedback Ente locale Società/Azienda Speciale/Istituzione Soddisfazione Soddisfacimento dei bisogni attuali Bisogni emergenti Qualità percepita Utenza Carlo Scotti Foglieni 21 Feedback Ente locale Società/Azienda Speciale/Istituzione Soddisfazione Qualità realizzata CRM Reclami (opzione voce) Calo utenza (opzione uscita) Soddisfazione Soddisfacimento dei bisogni attuali Bisogni emergenti Qualità percepita Utenza Carlo Scotti Foglieni 22 MILANO - 17 APRILE

13 Feedback Ente locale Società/Azienda Speciale/Istituzione Utenza Economicità Efficienza Efficacia In particolare: Quantità Qualità Trasparenza Risparmio Sicurezza Tempi di risposta Carlo Scotti Foglieni 23 Feedback Proposte di miglioramento Ipotesi di estensione/riduzione del servizio Nuove risorse Ente locale Società/Azienda Speciale/Istituzione Utenza Economicità Efficienza Efficacia In particolare: Quantità Qualità Trasparenza Risparmio Sicurezza Tempi di risposta Carlo Scotti Foglieni 24 MILANO - 17 APRILE

14 Come fare: Gli strumenti Carlo Scotti Foglieni 25 Gli strumenti Il controllo può essere esercitato attraverso l impiego di strumenti, che si inseriscono nella procedura di indirizzo e controllo da parte dell ente locale in momenti differenti. Essi sono (in fase di affidamento): Per le società: Lo statuto (se a controllo pubblico) Il contratto di servizio Per le istituzioni: Il regolamento (oltre allo statuto dell Ente) Per le aziende speciali: Lo statuto Il contratto di servizio Carlo Scotti Foglieni 26 MILANO - 17 APRILE

15 Lo statuto Lo statuto è l atto che contiene le norme fondamentali che regolano il funzionamento di un soggetto (ente, società, ecc.) Occorre ricordarsi di inserire tutte le previsioni necessarie a garantire la corretta rispondenza del soggetto costituendo ai bisogni per i quali lo si crea. In particolare occorrerà dedicare attenzione a: Oggetto Composizione organo amministrazione Capitalizzazione Processi decisionali Occorrerà inoltre valutare con attenzione l opportunità di fare ricorso al sistema dualistico, che più di altri sembra prestarsi alle esigenze del settore pubblico. Carlo Scotti Foglieni 27 Il contratto di servizio E l atto (contratto) con il quale vengono regolati i rapporti di affidamento del servizio ad un soggetto terzo da parte dell Ente Locale. COSA EVITARE Se si intende davvero dare seguito alla realizzazione di un sistema di controllo di efficienza ed efficacia dei servizi esternalizzati, è necessario che il contratto di servizio sia analitico e puntuale anche nel garantire la possibilità per l ente locale di richiedere all affidatario la rilevazione di dati e di ottenerne la disponibilità. Oltre naturalmente alla possibilità di porre sanzioni a carico dell affidatario in funzione di tali informazioni (es. previsione di penali). Carlo Scotti Foglieni 28 MILANO - 17 APRILE

16 Il contratto di servizio Esempio di clausola inutile: L Affidatario si impegna a garantire adeguati standard di qualità del servizio per renderlo rispondente alle esigenze degli utenti secondo le modalità previste nella carta dei servizi (omissis) mantenimento e eventuale miglioramento degli standard qualitativi riferiti ai seguenti fattori: --) efficienza ed efficacia del servizio Valutazioni generiche e indeterminate Carlo Scotti Foglieni 29 Il contratto di servizio Cosa deve contenere: Oggetto del contratto: analiticamente determinato ed individuato. Ulteriori affidamenti: possibilità per l ente di affidare ulteriori servizi Obbiettivi e standard: delineazione chiara degli obbiettivi e degli standard di servizio assegnati alla società affidataria. Si ricorda che in proposito esiste il DPCM 27 gennaio 1994 che contiene i principi fondamentali per la erogazione dei servizi che sono: - Uguaglianza - Imparzialità - Continuità - Partecipazione Carlo Scotti Foglieni 30 MILANO - 17 APRILE

17 Il contratto di servizio Il CONTROLLO: Il contratto deve prevedere, a carico dell affidatario: la realizzazione di una indagine periodica di customer satisfaction, secondo modalità concordate con l ente affidatario la fornitura al servizio controllo di gestione dell ente affidatario delle informazioni a questo necessarie per il proprio controllo l adozione di standard quali-quantitativi condivisi dall amministrazione per l erogazione dei servizi e per i tempi per il conseguimento dei risultati. Carlo Scotti Foglieni 31 Esempio Affidamento servizio mensa scolastica. Carlo Scotti Foglieni 32 MILANO - 17 APRILE

18 Cosa non fare La costruzione di un sistema di indicatori NON deve venire realizzata: a) Partendo da indicatori già utilizzati magari per altro tipo di servizio (ogni realtà è differente) b) Senza una adeguata e approfondita analisi dei reali bisogni cui attende l affidatario del servizio c) Senza una accurata analisi dei fattori critici di successo del servizio erogato (perché è inutile e dispendioso raccogliere dati non significativi) Carlo Scotti Foglieni 33 Economicità: Esempio Ec1 = (costo del servizio) / (numero dei pasti erogati nel mese) Ec2 = (entrate conseguite) / (numero dei pasti erogati nel mese) Ec3 = (costo del servizio nel mese) / (media mobile costo servizio ultimi 6 mesi) Ec4 = [ entrate mese/entrate stesso mese anno precedente] % Carlo Scotti Foglieni 34 MILANO - 17 APRILE

19 Esempio Efficacia: Ef1 = (numero dei pasti erogati nel mese) / (numero utenti potenziali) Ef2 = (numero dei pasti erogati nel mese) / (utenti serviti) Ef3 = (numero pasti speciali) / (utenti con bisogni speciali) [es. celiaci, diabetici,..] Carlo Scotti Foglieni 35 Efficienza: Esempio Ec1 = (numero di reclami del mese) / (numero pasti erogati nel mese) Ec2 = (numero di reclami del mese) / (numero reclami del mese precedente) Ec3 = (numero di reclami del mese) / (numero reclami stesso mese anno precedente) Ec4 = tempi medi di attesa per la risposta a un reclamo Ec5 = esiti del sondaggio sulla qualità Carlo Scotti Foglieni 36 MILANO - 17 APRILE

20 Conclusioni Sappiamo bene che l introduzione della cultura del controllo di gestione, della qualità e del CRM all interno del sistema degli enti locali è un percorso iniziato, ma ben lungi dall essere compiuto. Il crescente ricorso alle esternalizzazioni da parte degli enti da un lato, e, dall altro, il pressante invito da parte della Corte dei Conti ai revisori perché collaborino nell indispensabile lavoro di recupero di efficienza e risorse all interno del sistema Enti locali richiede che anche i revisori siano capaci di essere, nel rispetto del loro ruolo di collaborazione (e non di consulenza) agenti del cambiamento. Specialmente per ambiti di sensibilità particolarmente vicina alla nostra come questo. Senza dimenticare che un efficace sistema di controllo di gestione, ampio e articolato e rivolto anche all esterno dell ente, rappresenta sicuramente uno strumento indispensabile per gli organi di governo e per la dirigenza dell ente, ma al contempo un indispensabile ausilio per chi, per le ragioni del proprio ufficio, è chiamato alla verifica dei conti dell ente stesso. Carlo Scotti Foglieni 37 Il Revisore al servizio della Pubblica Amministrazione Il controllo dell efficienza e dell efficacia dell azione FINE DELLA dell ente RELAZIONE locale sui servizi esternalizzati Carlo Scotti Foglieni 38 MILANO - 17 APRILE

REGOLAMENTO SU STRUMENTI E PROCESSI D INDIRIZZO, PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO SULLE SOCIETÀ CONTROLLATE A CAPITALE PUBBLICO

REGOLAMENTO SU STRUMENTI E PROCESSI D INDIRIZZO, PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO SULLE SOCIETÀ CONTROLLATE A CAPITALE PUBBLICO PROVINCIA DI LIVORNO REGOLAMENTO SU STRUMENTI E PROCESSI D INDIRIZZO, PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO SULLE SOCIETÀ CONTROLLATE A CAPITALE PUBBLICO Approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 34/29.03.2011

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO ANALOGO DELLE SOCIETA CONTROLLATE O PARTECIPATE

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO ANALOGO DELLE SOCIETA CONTROLLATE O PARTECIPATE Approvato con delibera assembleare nr. 10 del 11.02.2014 REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO ANALOGO DELLE SOCIETA CONTROLLATE O PARTECIPATE Art. 1 - Ambito di applicazione e modalità di controllo Le disposizioni

Dettagli

Deliberazione n. 24/pareri/2008

Deliberazione n. 24/pareri/2008 Deliberazione n. 24/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua dott. Giorgio Cancellieri dott.

Dettagli

IL REVISORE DEI CONTI DEGLI ENTI LOCALI

IL REVISORE DEI CONTI DEGLI ENTI LOCALI MASTER 2014 livello avanzato IL REVISORE DEI CONTI DEGLI ENTI LOCALI LA FORMAZIONE PROFESSIONALE NECESSARIA PER L ISCRIZIONE ED IL MANTENIMENTO DELLA STESSA NEGLI ELENCHI DELLA PREFETTURA (CREDITI FORMATIVI

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA Regolamento provinciale per la disciplina degli strumenti e delle metodologie per i controlli interni, ai sensi dell art. 3, comma 2, del d.l. 174/2012, convertito

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ D.Lgs. 33/2013 art.10 1 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ D.Lgs. 33/2013, art. 10 Il D.Lgs. n. 33/2013, nel modificare, in parte,

Dettagli

COMUNE DI CORCIANO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

COMUNE DI CORCIANO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI COMUNE DI CORCIANO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 10 DEL 19 MARZO 2015 CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto

Dettagli

E possibile migliorare il controllo e la governance delle imprese pubbliche? L esperienza del Comune di Roma

E possibile migliorare il controllo e la governance delle imprese pubbliche? L esperienza del Comune di Roma E possibile migliorare il controllo e la governance delle imprese pubbliche? L esperienza del Comune di Roma Marco Causi Facoltà di Economia Federico Caffè Università degli Studi Roma Tre L argomento della

Dettagli

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI Comunicazione del revisore con i responsabili delle attività di governance e con il pubblico Dicembre 2013 Comunicazioni del revisore con i responsabili delle attività di

Dettagli

3^ Giornata di Corso. Relatore: Dr. PiersanteFabio

3^ Giornata di Corso. Relatore: Dr. PiersanteFabio 3^ Giornata di Corso Decreto Legislativo 118/2011 Relatore: Dr. PiersanteFabio Guida operativa D.Lgs. 118/2011 per l anno 2015 Enti NON Sperimentatori Riaccertamento dei residui e Gestione esigibilità

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI

REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI Articolo 1 OGGETTO 1. Il presente regolamento ha ad oggetto il sistema dei controlli interni come previsti dagli articoli 147 e seguenti del decreto legislativo

Dettagli

COMUNE DI CASTELVETRANO Provincia di Trapani REGOLAMENTO PER LA GESTIONE, MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

COMUNE DI CASTELVETRANO Provincia di Trapani REGOLAMENTO PER LA GESTIONE, MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE COMUNE DI CASTELVETRANO Provincia di Trapani REGOLAMENTO PER LA GESTIONE, MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Città di Castelvetrano Regolamento per la gestione, misurazione e valutazione della

Dettagli

DELLE SOCIETÀ PER. Francesca Lecci

DELLE SOCIETÀ PER. Francesca Lecci LE RELAZIONI DI SISTEMA DELLE SOCIETÀ PER AZIONI (1) Francesca Lecci Agenda Configurazione del sistema di offerta dei servizi pubblici Ruoli, relazioni e strumenti L ente localel L ente locale proprietario

Dettagli

C U R R I C U L U M P R O F E S S I O N A L E D R. M I C H E L E L U C C I S A N O

C U R R I C U L U M P R O F E S S I O N A L E D R. M I C H E L E L U C C I S A N O C U R R I C U L U M P R O F E S S I O N A L E D R. M I C H E L E L U C C I S A N O DATI PERSONALI Stato civile: Coniugato (con due figli) Data di nascita: 12 gennaio 1953 Luogo di nascita: Rizziconi (R.C.)

Dettagli

CITTÀ DI VITTORIO VENETO

CITTÀ DI VITTORIO VENETO CITTÀ DI VITTORIO VENETO VICTORIA NOBIS VITA REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI E SUGLI OBBLIGHI DI TRASPARENZA DEI TITOLARI DI CARICHE ELETTIVE E DI GOVERNO Approvato con delibera del Consiglio Comunale

Dettagli

PROVINCIA DI BARLETTA-ANDRIA-TRANI REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

PROVINCIA DI BARLETTA-ANDRIA-TRANI REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI PROVINCIA DI BARLETTA-ANDRIA-TRANI REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 3 del 11 Marzo 2013 Sommario TITOLO I PRINCIPI E FINALITÀ...1 ART. 1 (Finalità)...1

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO SULLE SOCIETA PARTECIPATE DAL COMUNE DELLA SPEZIA (ART. 147 QUATER DEL DECRETO LEGISLATIVO 267/2000)

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO SULLE SOCIETA PARTECIPATE DAL COMUNE DELLA SPEZIA (ART. 147 QUATER DEL DECRETO LEGISLATIVO 267/2000) REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO SULLE SOCIETA PARTECIPATE DAL COMUNE DELLA SPEZIA (ART. 147 QUATER DEL DECRETO LEGISLATIVO 267/2000) TITOLO I PARTE GENERALE...- 2-1.1. Premessa e presupposti teorici del sistema

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA LOMBARDIA/730/2009/REG REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Antonio Caruso dott. Giuliano Sala dott. Giancarlo Penco dott.

Dettagli

R E G O L A M E N T O C O M U N A L E S U I

R E G O L A M E N T O C O M U N A L E S U I COMUNE DI REGGELLO PROVINCIA DI FIRENZE Allegato alla delibera del Consiglio Comunale n. 05 del 08 gennaio 2013 IL VICE SEGRETARIO COMUNALE R E G O L A M E N T O C O M U N A L E S U I C O N T R O L L I

Dettagli

REGOLAMENTO SULL ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE

REGOLAMENTO SULL ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE COMUNE DI GHISALBA (Provincia di Bergamo) Approvato con Delibera di Giunta Comunale n. 111 del 13/10/2014 REGOLAMENTO SULL ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE 1 Sommario Art. 1 -

Dettagli

C U R R I C U L U M P R O F E S S I O N A L E D R. M I C H E L E L U C C I S A N O

C U R R I C U L U M P R O F E S S I O N A L E D R. M I C H E L E L U C C I S A N O C U R R I C U L U M P R O F E S S I O N A L E DATI PERSONALI Stato civile: Coniugato (con due figli) Data di nascita: 12 gennaio 1953 Luogo di nascita: Rizziconi (R.C.) E-mail: mluccis@libero.it ISTRUZIONE

Dettagli

Il Sistema dei controlli e la certificazione di qualità dei servizi

Il Sistema dei controlli e la certificazione di qualità dei servizi Il Sistema dei controlli e la certificazione di qualità dei servizi Convegno nazionale: la funzione statistica dei comuni tra riforma e qualità dei servizi Gianni Dugheri Messina, 26-27 settembre 2013

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia/672/2010/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua dott. Antonio Caruso dott. Angelo Ferraro

Dettagli

Deliberazione n. 6/2008/Par.

Deliberazione n. 6/2008/Par. Deliberazione n. 6/2008/Par. REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LE MARCHE nell adunanza del 30 aprile 2008 composta da: Giuseppe Ranucci Fabio Gaetano Galeffi Andrea

Dettagli

Lombardia/406/2010/PRSE

Lombardia/406/2010/PRSE Lombardia/406/2010/PRSE REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: Dott. Nicola Mastropasqua Presidente Dott. Antonio Caruso Dott. Giuliano

Dettagli

Percorso formativo rivolto al personale dell Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia appartenente all Area II

Percorso formativo rivolto al personale dell Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia appartenente all Area II Percorso formativo rivolto al personale dell Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia appartenente all Area II 1. Premesse Lo scenario di riferimento Il profondo mutamento del panorama normativo posto

Dettagli

CURRICULUM. Giovanni Caminito nato a Catania il 14/10/1964

CURRICULUM. Giovanni Caminito nato a Catania il 14/10/1964 GIOVANNI CAMINITO Dottore commercialista Revisore contabile Via Enna 1/C CATANIA Tel 095/505033 fax 095/505021 E-mail: giocaminito@tiscali.it Partita IVA 02839480874 Cod. fisc. CMN GNN 64R14 C351X CURRICULUM

Dettagli

a) curricula dei titolari di posizioni Pubblicato Aggiornamento

a) curricula dei titolari di posizioni Pubblicato Aggiornamento COMUNE DI TERNO D ISOLA Provincia di Bergamo PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA (P.T.T.I.) 2014/2016 1. INTRODUZIONE: ORGANIZZAZIONE E FUNZIONI DELL ENTE Il Comune di Terno d Isola è

Dettagli

Riordino delle Istituzioni Pubbliche di Assistenza e Beneficenza, fusione e trasformazione in Aziende Regionali di Servizi alla Persona (ARSP)

Riordino delle Istituzioni Pubbliche di Assistenza e Beneficenza, fusione e trasformazione in Aziende Regionali di Servizi alla Persona (ARSP) PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA DELLA GIUNTA REGIONALE DEL LAZIO N. 88 DEL 17 OTTOBRE 2013 Sistema Integrato degli interventi e dei servizi sociali della Regione Lazio Proposta emendativa-integrativa a

Dettagli

MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITA CULTURALI Direttore Generale - Organismo Indipendente di Valutazione della performance

MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITA CULTURALI Direttore Generale - Organismo Indipendente di Valutazione della performance INFORMAZIONI PERSONALI Nome Giuseppone Marina Data di nascita 03/10/1971 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITA CULTURALI

Dettagli

CORTE DEI CONTI SEZIONE DELLE AUTONOMIE

CORTE DEI CONTI SEZIONE DELLE AUTONOMIE CORTE DEI CONTI SEZIONE DELLE AUTONOMIE LINEE GUIDA PER LE RELAZIONI DEI REVISORI DEI CONTI SUI BILANCI DI PREVISIONE DELLE REGIONI PER L ANNO 2015, SECONDO LE PROCEDURE DI CUI ALL ART. 1, COMMI 166 E

Dettagli

L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLA PROFESIONE FORENSE

L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLA PROFESIONE FORENSE L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLA PROFESIONE FORENSE La formazione universitaria e post universitaria L attività professionale nel mercato sovranazionale L internazionalizzazione degli studi L evoluzione

Dettagli

E D i S U E N T E P E R I L D I R I T T O A L L O S T U D I O U N I V E R S I T A R I O PAV I A PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITA'

E D i S U E N T E P E R I L D I R I T T O A L L O S T U D I O U N I V E R S I T A R I O PAV I A PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITA' PAV I A PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITA' Triennio -2016 Articolo 1 Premessa Il Piano contiene le disposizioni per assicurare la trasparenza e l accessibilità delle informazioni e dei dati detenuti

Dettagli

Revisori dei conti: non è ancora efficace il nuovo procedimento di nomina

Revisori dei conti: non è ancora efficace il nuovo procedimento di nomina 16.2012 26 aprile 2012 DI FEDERICA CAPONI - SELF Revisori dei conti: non è ancora efficace il nuovo procedimento di nomina E stato pubblicato sulla G.U. n. 67 del 20 marzo 2012 il Decreto n. 23/12 del

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DEL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DEL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DEL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 22 del 20.04.2011 in vigore dal 26.05.2011 TITOLO

Dettagli

COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE 08/08/2013 N. 21

COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE 08/08/2013 N. 21 Comune di Avellino COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE 08/08/2013 N. 21 OGGETTO: I DIRETTIRVA GENERALE PER LA GESTIONE ADOTTATA AI SENSI DELL'ART. 7, CO. I, LETT. C) DEL VIGENTE REGOLAMENTO DEGLI

Dettagli

Agenzia Speciale APOF- IL

Agenzia Speciale APOF- IL Agenzia Speciale APOF- IL Provincia di Potenza Relazione dell organo di revisione sulle proposte di bilancio di previsione 2012 e di bilancio pluriennale 2012_2014 con i relativi documenti allegati L organo

Dettagli

Università della Terza Età - "Luigi Imperati" Statuto

Università della Terza Età - Luigi Imperati Statuto Università della Terza Età - "Luigi Imperati" Statuto Art. 1 Istituzione La Provincia di Foggia istituisce l Università della Terza Età "Luigi Imperati" con sede in Foggia, in Palazzo Dogana, presso l

Dettagli

Sezione Regionale di Controllo per la Toscana composta dai magistrati:

Sezione Regionale di Controllo per la Toscana composta dai magistrati: Del. n. 126/2013/PAR Sezione Regionale di Controllo per la Toscana composta dai magistrati: - Pres. Sezione Vittorio GIUSEPPONE Presidente - Cons. Nicola BONTEMPO Componente - 1 Ref. Laura D AMBROSIO Relatore

Dettagli

Modelli organizzativi e governance dei fondi pensione

Modelli organizzativi e governance dei fondi pensione 4 modulo Modelli organizzativi e governance dei fondi pensione Riferimento bibliografico: appendice del libro; Slide con la collaborazione di Stefano Castriglianò Ellegi consulenza Fondi pensione negoziali:

Dettagli

Divieti di assunzioni e controllo sui costi del personale

Divieti di assunzioni e controllo sui costi del personale Divieti di assunzioni e controllo sui costi del personale 13 febbraio 2014 Avv. Matteo Pollaroli Partner LABLAW Studio Legale SCALETTA DELL INTERVENTO 1. Ricostruzione della normativa in materia di assunzione

Dettagli

A.T.O. NUOVA AUTORITA' PER IL SERVIZIO DI GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI URBANI TOSCANA CENTRO

A.T.O. NUOVA AUTORITA' PER IL SERVIZIO DI GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI URBANI TOSCANA CENTRO In data 28 dicembre 2011 è stata approvata la Legge Regione Toscana n 69 Istituzione dell autorità idrica toscana e delle autorità per il servizio di gestione integrata dei rifiuti urbani. Modifiche alle

Dettagli

IL REVISORE DEI CONTI DEGLI ENTI LOCALI

IL REVISORE DEI CONTI DEGLI ENTI LOCALI MASTER IL REVISORE DEI CONTI DEGLI ENTI LOCALI LA FORMAZIONE PROFESSIONALE NECESSARIA PER L ISCRIZIONE ED IL MANTENIMENTO DELLA STESSA NEGLI ELENCHI DELLA PREFETTURA (CREDITI FORMATIVI VALIDI PER L ANNO

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI (rif. D. Lgs. n. 267/2000, artt. 147, 147bis, 147ter, 147quater, 147quinquies)

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI (rif. D. Lgs. n. 267/2000, artt. 147, 147bis, 147ter, 147quater, 147quinquies) COMUNE DI MONTEMURLO (Provincia di Prato) REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI (rif. D. Lgs. n. 267/2000, artt. 147, 147bis, 147ter, 147quater, 147quinquies) Approvato con delibera n. 001/CC del 30/01/2013

Dettagli

COMUNE DI SOVIZZO 10 ANNI DI QUALITÀ. Il Miglioramento continuo come sfida

COMUNE DI SOVIZZO 10 ANNI DI QUALITÀ. Il Miglioramento continuo come sfida COMUNE DI SOVIZZO 10 ANNI DI QUALITÀ Il Miglioramento continuo come sfida Il comune di Sovizzo si presenta Popolazione al 31.12.2012: 7.218 abitanti Andamento demografico: n. abitanti dal 2003 al 2012

Dettagli

GIORNATE FORMATIVE PER COMMERCIALISTI E REVISORI DEGLI ENTI LOCALI

GIORNATE FORMATIVE PER COMMERCIALISTI E REVISORI DEGLI ENTI LOCALI con il patrocinio degli C O N V E G N I GIORNATE FORMATIVE PER COMMERCIALISTI 27 Aprile 2015-5 Maggio 2015-12 Maggio 2015 PALERMO Evento valido ai fini della Formazione Professionale Continua dei Dottori

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU22 30/05/2013

REGIONE PIEMONTE BU22 30/05/2013 REGIONE PIEMONTE BU22 30/05/2013 Deliberazione dell Ufficio di Presidenza del Consiglio regionale n. 69/2013 Elenco dei candidati alla nomina a revisori dei conti della Regione Piemonte: criteri per l'iscrizione

Dettagli

Consorzio S.I.R. Umbria (L.r. 31 luglio 1998, n.27)

Consorzio S.I.R. Umbria (L.r. 31 luglio 1998, n.27) CONVENZIONE TRA LA REGIONE DELL UMBRIA, LE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI DI PERUGIA E TERNI, I COMUNI DELL UMBRIA LE COMUNITÀ MONTANE DELL UMBRIA PREMESSO CHE: - La legge regionale 31 luglio 1998, n. 27

Dettagli

L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 39 DEL 9 GIUGNO 2011 REGOLAMENTO RELATIVO ALLE POLITICHE DI REMUNERAZIONE NELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

Dettagli

COMUNE DI TERNO D ISOLA PROVINCIA DI BERGAMO

COMUNE DI TERNO D ISOLA PROVINCIA DI BERGAMO COMUNE DI TERNO D ISOLA PROVINCIA DI BERGAMO COPIA VERBALE N. 7 DEL 04.03.2011 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza di prima convocazione - seduta pubblica OGGETTO: CRITERI GENERALI

Dettagli

MANDATO DI AUDIT DI GRUPPO

MANDATO DI AUDIT DI GRUPPO MANDATO DI AUDIT DI GRUPPO Data: Ottobre, 2013 UniCredit Group - Public MISSION E AMBITO DI COMPETENZA L Internal Audit è una funzione indipendente nominata dagli Organi di Governo della Società ed è parte

Dettagli

controllo da parte degli organi a vario titolo deputati al controllo dell azienda non profit, Lo scopo della raccomandazione

controllo da parte degli organi a vario titolo deputati al controllo dell azienda non profit, Lo scopo della raccomandazione I sistemi e le procedure di controllo negli enti non profit di Giorgio Gentili Sireco srl di Roma e Hepta Consulenza Srl di San Severino Marche (MC) L a Commissione aziende non profit del Consiglio nazionale

Dettagli

COMUNE DI ROCCAVIONE Provincia di Cuneo

COMUNE DI ROCCAVIONE Provincia di Cuneo COMUNE DI ROCCAVIONE Provincia di Cuneo PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2012/2014 Premessa Le recenti e numerose modifiche previste nell ambito del vasto progetto di riforma

Dettagli

Le novità normative in tema di rapporto di lavoro pubblico: il D.Lgs. 150/2009

Le novità normative in tema di rapporto di lavoro pubblico: il D.Lgs. 150/2009 Le novità normative in tema di rapporto di lavoro pubblico: il D.Lgs. 150/2009 Parma, Sala aurea C.C.I.A.A., Via Verdi 2 Gaetano Palombelli La riforma del lavoro pubblico nel contesto della riforma istituzionale

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE COMUNE DI GARGNANO Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER L ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE - appendice al regolamento sull ordinamento degli uffici e dei servizi - (Approvato

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA Art.1 Oggetto Il programma triennale per la trasparenza e l integrità, in attuazione dell art.11 comma 7 del d.lgs. 150/09 ha come oggetto la definizione

Dettagli

Bollettino Ufficiale. Serie Avvisi e Concorsi n. 34 - Mercoledì 21 agosto 2013

Bollettino Ufficiale. Serie Avvisi e Concorsi n. 34 - Mercoledì 21 agosto 2013 5 A) STATUTI Comune di Brescia Statuto dell Agenzia del Trasporto Pubblico Locale del Bacino di Brescia, approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 98 del 29 luglio 2013 TITOLO I GENERALITÀ

Dettagli

COMUNE DI ASCOLI PICENO medaglia d oro al valor militare per attività partigiana

COMUNE DI ASCOLI PICENO medaglia d oro al valor militare per attività partigiana Comune di Ascoli Piceno Regolamento comunale sul sistema dei controlli interni COMUNE DI ASCOLI PICENO medaglia d oro al valor militare per attività partigiana REGOLAMENTO COMUNALE SUL SISTEMA DEI CONTROLLI

Dettagli

Studio legale Avv. Paolo Savoldi Bergamo, Via Verdi, 14. SEMINARIO C.S.E. s.r.l IL TRASFERIMENTO DEL RISCHIO

Studio legale Avv. Paolo Savoldi Bergamo, Via Verdi, 14. SEMINARIO C.S.E. s.r.l IL TRASFERIMENTO DEL RISCHIO SEMINARIO C.S.E. s.r.l IL TRASFERIMENTO DEL RISCHIO PERCHE NON SMETTERE DI FARE L IMPRENDITORE EDILE? Mozzo(BG) 27 Marzo 2009 Hotel Holiday Inn Express MANABILE PER LE IMPRESE EDILI SUGLI ADEMPIMENTI PREVISTI

Dettagli

Antonio Nardone +39 (0)81 7647244/4098 2405054 +39 335 437796 +39 (0)81 2481361. avvnardone@gmail.com. Napoli, 28 Maggio 1965 NRDNTN65E28F839A

Antonio Nardone +39 (0)81 7647244/4098 2405054 +39 335 437796 +39 (0)81 2481361. avvnardone@gmail.com. Napoli, 28 Maggio 1965 NRDNTN65E28F839A CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Mobile Fax E-mail Nazionalità Luogo e data di nascita Codice Fiscale Antonio Nardone Riviera di Chiaia, 207-80121 Napoli (Italia) +39 (0)81

Dettagli

1. Quadro normativo. 1 Per comprendere meglio la ratio della normativa in materia pare utile richiamare l'art. 239 del TUEL il

1. Quadro normativo. 1 Per comprendere meglio la ratio della normativa in materia pare utile richiamare l'art. 239 del TUEL il Revisori dei conti degli enti locali: Il TAR Lazio ritiene legittima la nuova procedura di estrazione a sorte degli iscritti negli elenchi regionali di cui al decreto del Ministero dell interno 23/2012.

Dettagli

Controllo sociale nella gestione dei servizi pubblici locali Avv. Serena Pandarola

Controllo sociale nella gestione dei servizi pubblici locali Avv. Serena Pandarola 1 Controllo sociale nella gestione dei servizi pubblici locali Avv. Serena Pandarola Comune di Messina - Palazzo Zanca Sala Ovale Oggi andremo ad approfondire quelli che sono i principali strumenti volti

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. CASADIO ANGELA Data di nascita 13/05/1956. Numero telefonico dell ufficio. Fax dell ufficio 0544403372

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. CASADIO ANGELA Data di nascita 13/05/1956. Numero telefonico dell ufficio. Fax dell ufficio 0544403372 INFORMAZIONI PERSONALI Nome CASADIO ANGELA Data di nascita 13/05/1956 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio II Fascia MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Dirigente - TRIBUNALE

Dettagli

per l esercizio del controllo analogo sulle società in house

per l esercizio del controllo analogo sulle società in house COMUNE DI MONTECATINI TERME Viale Verdi, 46-51016 Provincia di Pistoia - Tel. 0572/9181 - Fax 0572/918264 REGOLAMENTO per l esercizio del controllo analogo sulle società in house approvato con delibera

Dettagli

COMUNE DI MORNICO AL SERIO. (Provincia di Bergamo) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015. (art. 10 del D.Lgs. n.

COMUNE DI MORNICO AL SERIO. (Provincia di Bergamo) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015. (art. 10 del D.Lgs. n. COMUNE DI MORNICO AL SERIO (Provincia di Bergamo) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 (art. 10 del D.Lgs. n. 33/2013) Introduzione Il principio di trasparenza deve essere inteso

Dettagli

L identità del responsabile del servizio finanziario

L identità del responsabile del servizio finanziario di Eugenio Piscino All interno dell ente locale assume sempre più rilevanza la figura del responsabile finanziario, garante del mantenimento degli equilibri di bilancio. Il d.l. n. 174/2012 attribuisce,

Dettagli

POLITICA DELLA FORMAZIONE DEL PERSONALE CIVILE

POLITICA DELLA FORMAZIONE DEL PERSONALE CIVILE POLITICA DELLA FORMAZIONE DEL PERSONALE CIVILE 1. Che cos è la formazione La formazione è il processo attraverso il quale si educano, si migliorano e si indirizzano le risorse umane affinché personale

Dettagli

COMUNE DI OULX (PROVINCIA DI TORINO)

COMUNE DI OULX (PROVINCIA DI TORINO) COMUNE DI OULX (PROVINCIA DI TORINO) VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 9 OGGETTO: Aggiornamento tariffe dei servizi di refezione e trasporto scolastico: anno 2008 L anno duemilaotto addì

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO Premessa L Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia considera la formazione e l aggiornamento

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE, DELLA VALUTAZIONE, DELLA RENDICONTAZIONE E DELLA TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE, DELLA VALUTAZIONE, DELLA RENDICONTAZIONE E DELLA TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE COMUNE DI PATU Provincia di Lecce - Regolamento Comunale - REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE, DELLA VALUTAZIONE, DELLA RENDICONTAZIONE E DELLA TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE Approvato

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Comune di Inverigo Provincia di Como SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDICE INTRODUZIONE TITOLO I FINALITA E PRINCIPI Art. 1 - Finalità e oggetto Art. 2 - Principi di riferimento

Dettagli

CARTA D IDENTITÀ... 2 CHE COSA FA... 4 DOVE LAVORA... 5 CONDIZIONI DI LAVORO... 6 COMPETENZE...

CARTA D IDENTITÀ... 2 CHE COSA FA... 4 DOVE LAVORA... 5 CONDIZIONI DI LAVORO... 6 COMPETENZE... GIURISTA D IMPRESA 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 4 3. DOVE LAVORA... 5 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 6 5. COMPETENZE... 7 Che cosa deve essere in grado di fare... 7 Conoscenze... 8 Abilità...

Dettagli

COMUNE DI CUNEO Regolamento sui controlli interni

COMUNE DI CUNEO Regolamento sui controlli interni COMUNE DI CUNEO Regolamento sui controlli interni (art. 147 del TUELL 267/2000, modificato dal D.L. 174/2012 convertito nella legge 213/2012) INDICE Parte 1^ Premesse generali Art. 1 Finalità e ambito

Dettagli

IL NUOVO ORDINAMENTO CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI

IL NUOVO ORDINAMENTO CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI IL NUOVO ORDINAMENTO CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI PAOLA MARIANI Udine 26 marzo 2014 PRESENTAZIONE: 1) L ARMONIZZAZIONE 2) IL QUADRO NORMATIVO 3) I SISTEMI CONTABILI ARMONIZZATI 4) GLI STRUMENTI DELL ARMONIZZAZIONE

Dettagli

Deliberazione n.75/pareri/2008

Deliberazione n.75/pareri/2008 Deliberazione n.75/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua dott. Antonio Caruso dott. Giorgio

Dettagli

Relazione sullo stato, sul funzionamento e sugli esiti del processo di valutazione e misurazione delle performance nell anno 2014.

Relazione sullo stato, sul funzionamento e sugli esiti del processo di valutazione e misurazione delle performance nell anno 2014. PROVINCIA REGIONALE DI CATANIA (denominata Libero Consorzio Comunale ai sensi della legge regionale n. 8/2014) CENTRO DIREZIONALE NUOVALUCE ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE (Istituito con delibera

Dettagli

Progetto di Legge LEGGE ISTITUTIVA DELL ENTE POSTE DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO. Articolo1 Istituzione e denominazione

Progetto di Legge LEGGE ISTITUTIVA DELL ENTE POSTE DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO. Articolo1 Istituzione e denominazione Progetto di Legge LEGGE ISTITUTIVA DELL ENTE POSTE DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO Articolo1 Istituzione e denominazione E istituito l Ente Poste della Repubblica di San Marino (EPSM), denominato Poste

Dettagli

Deliberazione n. 15/pareri/2006

Deliberazione n. 15/pareri/2006 Deliberazione n. 15/pareri/2006 REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua dott. Donato Maria Fino dott.

Dettagli

IL PRINCIPIO DELLA PROGRAMMAZIONE. Prof. Riccardo Mussari

IL PRINCIPIO DELLA PROGRAMMAZIONE. Prof. Riccardo Mussari IL PRINCIPIO DELLA PROGRAMMAZIONE Prof. Riccardo Mussari INDICE Il principio della programmazione I documenti della programmazione: DUP PEG Il principio della programmazione La programmazione nella riforma

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE INDICE Art. 1 - Ambito di applicazione Ambito di applicazione 1 TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 2 - Finalità del processo di gestione del patrimonio

Dettagli

REGOLAMENTO PROVINCIALE SUL PIANO DELLA PERFORMANCE E SUI SISTEMI DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE

REGOLAMENTO PROVINCIALE SUL PIANO DELLA PERFORMANCE E SUI SISTEMI DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n. 132 del 13.07.2011 REGOLAMENTO PROVINCIALE SUL PIANO DELLA PERFORMANCE E SUI SISTEMI DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE ART. 1 FINALITÀ La Provincia di Brindisi,

Dettagli

L ENPAM. (materiale tratto dal sito istituzionale online dell ente)

L ENPAM. (materiale tratto dal sito istituzionale online dell ente) L ENPAM (materiale tratto dal sito istituzionale online dell ente) L Ente Nazionale di Previdenza ed Assistenza medici è fondazione senza scopo di lucro e con personalità giuridica di diritto privato;

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO Approvato dal Comitato di Indirizzo nella seduta del 20 marzo 2015 Sommario TITOLO I - PREMESSE... 3 1. Ambito di applicazione...

Dettagli

COMUNE DI LIMONE PIEMONTE REGOLAMENTO RELATIVO ALLA

COMUNE DI LIMONE PIEMONTE REGOLAMENTO RELATIVO ALLA COMUNE DI LIMONE PIEMONTE REGOLAMENTO RELATIVO ALLA VALUTAZIONE DEL PERSONALE E FUNZIONAMENTO DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE Approvato con deliberazione G.C. n. 45 del 27-02-2007 Modificato con deliberazione

Dettagli

IL REVISORE DEI CONTI DEGLI ENTI LOCALI

IL REVISORE DEI CONTI DEGLI ENTI LOCALI MASTER 2015 IL REVISORE DEI CONTI DEGLI ENTI LOCALI LA FORMAZIONE PROFESSIONALE NECESSARIA PER L ISCRIZIONE ED IL MANTENIMENTO DELLA STESSA NEGLI ELENCHI DELLA PREFETTURA (CREDITI FORMATIVI VALIDI PER

Dettagli

LA STORIA DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE

LA STORIA DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE LA STORIA DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE L. 1888 legge Pagliai (Legge Riforma sanitaria) istituzione Medici Comunali istituzione Medici Provinciali istituzione Direzione Generale Sanità L. 1890 legge

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI RUSSO GERLANDO LUIGI. Data di nascita 22/06/1962. Numero telefonico dell ufficio. Fax dell ufficio 0119084466

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI RUSSO GERLANDO LUIGI. Data di nascita 22/06/1962. Numero telefonico dell ufficio. Fax dell ufficio 0119084466 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita 22/06/1962 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio RUSSO GERLANDO LUIGI Segretario comunale COMUNE DI SANGANO Responsabile

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Relazione dell sul funzionamento complessivo del sistema di valutazione, trasparenza e integrità dei controlli interni Anno 2012 (art. 14, comma 4, lettera a del d.lgs. n. 150/2009) PRESENTAZIONE E INDICE

Dettagli

A Il D.Lgs. 77/1995 e il D.Lgs. 267/2000

A Il D.Lgs. 77/1995 e il D.Lgs. 267/2000 Finanza, contabilità e revisione economico-finanziaria Sommario 1 L ordinamento contabile: fonti normative. 2 Il regolamento di contabilità. 3 Gli strumenti della programmazione finanziaria. 4 Il rendiconto

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA Approvato dal Collegio di Indirizzo In data 21 dicembre 2015 AMBITO DI APPLICAZIONE TITOLO I PRINCIPI GENERALI

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016 INDICE 1. Introduzione... pag. 2 1.1 Trasparenza... pag. 2 1.2 Integrità... pag. 2 1.3 Obiettivi... pag. 2 2. Individuazione dei dati da pubblicare...

Dettagli

Tipo di impiego Area Finanze e Tributi - pos. Giuridica C.1 A tempo indeterminato

Tipo di impiego Area Finanze e Tributi - pos. Giuridica C.1 A tempo indeterminato C U R R I C U L U M V I T A E di INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Via Rezzola n.16 84010 Praiano (SA) Telefono 089/8131920 Fax E-mail ragioneria@comune.praiano.sa.it; ragioneria.praiano@asmepec.it

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con D.C.P. del 14.3.2013 n. 6 reg. e modificato con D.C.P. del 28.4.2014 n. 22 reg. INDICE Art. 1 Art. 2

Dettagli

LA SANITÀ DIVENTA SISTEMA AZIENDALE

LA SANITÀ DIVENTA SISTEMA AZIENDALE LEZIONE: ELEMENTI DI LEGISLAZIONE SANITARIA (SECONDA PARTE) PROF. MASSIMO BUJA Indice 1 INTRODUZIONE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

COMITATO DI GESTIONE FONDO SPECIALE PER IL VOLONTARIATO EMILIA ROMAGNA. Regolamento 2012-2014 INDICE

COMITATO DI GESTIONE FONDO SPECIALE PER IL VOLONTARIATO EMILIA ROMAGNA. Regolamento 2012-2014 INDICE COMITATO DI GESTIONE FONDO SPECIALE PER IL VOLONTARIATO EMILIA ROMAGNA Regolamento 2012-2014 Data di approvazione 11 settembre 2012 INDICE Pag. 2 Art. 1 Istituzione Art. 2 Finalità Pag. 3 Art. 3 Ordinamento

Dettagli

INTRODUZIONE CAPITOLO PRIMO LO SCENARIO NAZIONALE CAPITOLO SECONDO CENNI SULLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE INDICE

INTRODUZIONE CAPITOLO PRIMO LO SCENARIO NAZIONALE CAPITOLO SECONDO CENNI SULLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE INDICE INDICE INTRODUZIONE pag. 1 CAPITOLO PRIMO LO SCENARIO NAZIONALE pag. 5 I.1 NASCITA DELLA PREVIDENZA ITALIANA pag. 8 I.2 TERMINOLOGIA RICORRENTE pag. 9 I.3 DAL DOPOGUERRA AI GIORNI NOSTRI pag. 11 I.4 LE

Dettagli

COMUNE DI CLUSONE Provincia di Bergamo SETTORE III - SERVIZI SOCIALI UFFICIO SERVIZI SOCIALI. DETERMINAZIONE n. 106 del 30/12/2014

COMUNE DI CLUSONE Provincia di Bergamo SETTORE III - SERVIZI SOCIALI UFFICIO SERVIZI SOCIALI. DETERMINAZIONE n. 106 del 30/12/2014 ORIGINALE COMUNE DI CLUSONE Provincia di Bergamo REGISTRO GENERALE N. 678 DEL 30/12/2014 SETTORE III - SERVIZI SOCIALI UFFICIO SERVIZI SOCIALI DETERMINAZIONE n. 106 del 30/12/2014 OGGETTO: CONTRIBUTI ALLE

Dettagli

COMUNE DI CASTAGNETO CARDUCCI Provincia di Livorno REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

COMUNE DI CASTAGNETO CARDUCCI Provincia di Livorno REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Comune di Castagneto Carducci Provincia di Livorno COMUNE DI CASTAGNETO CARDUCCI Provincia di Livorno REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 7 del

Dettagli

CURRICULUM PROFESSIONALE DEL DOTT. DOMENICO PENSABENE

CURRICULUM PROFESSIONALE DEL DOTT. DOMENICO PENSABENE CURRICULUM PROFESSIONALE DEL DOTT. DOMENICO PENSABENE Il sottoscritto Dott. Domenico Pensabene, nato a San Giorgio Morgeto (RC) il 22/10/1963 e residente a Reggio Calabria in Via Nino Bixio, 34, Dottore

Dettagli

COMUNE DI RIVANAZZANO TERME PROVINCIA DI PAVIA

COMUNE DI RIVANAZZANO TERME PROVINCIA DI PAVIA COMUNE DI RIVANAZZANO TERME PROVINCIA DI PAVIA CRITERI DI MISURAZIONE, VALUTAZIONE E TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE ESTRATTO DAL REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI APPROVATO CON ATTO

Dettagli