1 RAPPORTO SULLA QUALITA DELL ARIA DI LECCO E PROVINCIA ANNO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1 RAPPORTO SULLA QUALITA DELL ARIA DI LECCO E PROVINCIA ANNO"

Transcript

1 Foto 1 RAPPORTO SULLA QUALITA DELL ARIA DI LECCO E PROVINCIA ANNO 2001 Arpa Lombardia Regione Lombardia

2 Indice 1 - Caratterizzazione del contesto Pag.1 territoriale 1.1 Caratterizzazione del Pag.1 contesto territoriale 2 Le cause dell inquinamento Pag.2 atmosferico 2.1 Le emissioni Pag.2 atmosferiche 2.2 Le condizioni Pag.12 meteorologiche 3 - La rete di monitoraggio Pag La rete di monitoraggio Pag Le postazioni fisse Pag La valutazione della Pag.28 qualità dell aria rispetto alla normativa vigente 3.3 Gli andamenti temporali Pag.34 degli inquinanti atmosferici Arpa Lombardia Regione Lombardia

3 Cap. 1 Caratterizzazione del contesto territoriale 1.1 CARATTERIZZAZIONE DEL CONTESTO TERRITORIALE Le informazioni riportate nelle tabelle che seguono forniscono una caratterizzazione del contesto della provincia e del comune di Lecco e ne delineano le principali condizioni al contorno. Tabella 1.1 Informazioni generali sul contesto territoriale riferite all anno 2000 PROVINCIA DI LECCO Popolazione residente Estensione (Km 2 ) 816 Altitudine s.l.m. minima (metri) 200 Altitudine s.l.m. massima (metri) 2409 COMUNE DI LECCO Popolazione residente nell area Estensione (Km 2 ) Altitudine s.l.m. (metri) 214 Arpa Lombardia Regione Lombardia 1

4 Cap. 2 Le cause dell inquinamento atmosferico 2.1 LE EMISSIONI ATMOSFERICHE La valutazione delle emissioni atmosferiche nel territorio della provincia di Lecco è relativa all anno 1997 e deriva dall Inventario delle emissioni realizzato dalla Regione Lombardia nel progetto Inemar. L inventario permette di quantificare con dettaglio comunale gli inquinanti emessi dalle seguenti fonti: Centrali di produzione energetica Riscaldamento terziario e residenziale Combustioni industriali Processi industriali Produzione e distribuzione di combustibili Uso solventi Trasporti stradali Altre sorgenti mobili Smaltimento e trattamento rifiuti Agricoltura Altre sorgenti X X X X X X X X X X X Nella tabella 2.1 sono presentate le stime delle emissioni atmosferiche per comparto. In figura 2.1 sono visualizzati i contributi percentuali delle diverse fonti. Rif: INEMAR (INventario EMissioni ARia), dati al Marzo Arpa Lombardia Regione Lombardia 2

5 Cap. 2 Le cause dell inquinamento atmosferico Tabella 2.1 Emissioni atmosferiche nel territorio della provincia di Lecco nell anno << TORNA fonti emissive CO NO x SO x PTS PM 10 COV CO 2 CH 4 NH3 N 2 O t/anno t/anno t/anno t/anno t/anno t/anno kt/anno t/anno t/anno Centrali di produzione energetica Riscaldamento terziario e residenziale Combustioni industriali Processi industriali Produzione, distribuzione combustibili Uso solventi Trasporti stradali Altre sorgenti mobili Trattamento rifiuti Agricoltura Altre sorgenti totale : non stimato Arpa Lombardia Regione Lombardia 3

6 Cap. 2 Le cause dell inquinamento atmosferico Figura 2.1 Contributi percentuali delle fonti emissive nella provincia di Lecco nell anno << TORNA NOx 1.9% 1.5% 7.1% 7.1% 34.9% 46.7% 0.7% Combustione non industriale Combustione nell'industria Processi produttivi Trasporto su strada Altre sorgenti mobili e macchinari Trattamento e smaltimento rifiuti Altre sorgenti SO 2 1.1% 7.5%0.7% 1.1% 9.2% 14.8% 65.6% Combustione non industriale Combustione nell'industria Processi produttivi Trasporto su strada Altre sorgenti mobili e macchinari Trattamento e smaltimento rifiuti Altre sorgenti COV 15.3% 1.2% 2.9% 4.6% 2.0% 27.5% 0.2% 0.1% 46.3% Combustione non industriale Combustione nell'industria Processi produttivi Estrazione e distribuzione combustibili Uso di solventi Altre sorgenti mobili e macchinari Trattamento e smaltimento rifiuti Trasporto su strada Altre sorgenti CO 34.1% 6.2% 12.3% 3.7% 43.7% Combustione non industriale Combustione nell'industria Processi produttivi Trasporto su strada Altre sorgenti Arpa Lombardia Regione Lombardia 4

7 Cap. 2 Le cause dell inquinamento atmosferico CH 4 0.4% 0.6% 8.1% 38.0% 3.9% 49.0% Combustione non industriale Combustione nell'industria Estrazione e distribuzione combustibili Trasporto su strada Agricoltura Altre sorgenti 31.0% 0.3% CO 2 1.6% 27.4% 1.4% 38.3% Combustione non industriale Combustione nell'industria Processi produttivi Trasporto su strada Altre sorgenti mobili e macchinari Trattamento e smaltimento rifiuti 4.2% 1.9% 10.7% 8.3% N 2 O 21.4% 25.6% 27.9% Combustione non industriale Combustione nell'industria Trasporto su strada Altre sorgenti mobili e macchinari Trattamento e smaltimento rifiuti Agricoltura Altre sorgenti NH % 0.1% 10.6% 72.9% Trasporto su strada Agricoltura Altre sorgenti Combustione non industriale Arpa Lombardia Regione Lombardia 5

8 Cap. 2 Le cause dell inquinamento atmosferico 1.4% PM % 9.8% 25.3% 56.0% 2.0% 4.7% Combustione non industriale Combustione nell'industria Processi produttivi Uso di solventi Trasporto su strada Altre sorgenti mobili e macchinari Trattamento e smaltimento rifiuti PTS 2.2% 0.7% 9.3% 26.7% 47.9% 1.9% 11.3% Combustione non industriale Combustione nell'industria Processi produttivi Uso di solventi Trasporto su strada Altre sorgenti mobili e macchinari Trattamento e smaltimento rifiuti Arpa Lombardia Regione Lombardia 6

9 Cap. 2 Le cause dell inquinamento atmosferico Dalla tabella 2.1 e dalle figure 2.1 si evince che nel territorio della provincia di Lecco le fonti principali di emissioni sono il traffico autoveicolare, i processi di combustione legati alle industrie, ma anche agli impianti termici residenziali e non, l uso dei solventi e l agricoltura. Gli NO X sono emessi per il 63% dal traffico e solo in minor quantità dai processi di combustione industriali e dagli impianti termici. Gli SO X, ed in particolare l SO 2, sono emessi dagli impianti termici per il 42%, principalmente da quegli impianti che fanno ancora uso di gasolio, olio combustibile e legna, e dai processi di combustione industriale (25%). Nei prossimi anni l SO 2 emesso dagli impianti termici è destinato a calare grazie all estendersi della metanizzazione. Anche il trasporto su strada è una fonte di SO X : le auto non catalizzate, ma anche i mezzi pesanti che utilizzano il gasolio, emettono il 13% dell SO 2. Il CO è un prodotto della combustione emesso dal traffico per il 44%, soprattutto dalle automobili non catalizzate e dai mezzi pesanti e per il 12% dai processi di combustione industriali. I COV sono emessi in larga parte nei processi dove si usano i solventi (46%), in particolare nelle verniciature, ma anche dal traffico autoveicolare (28%), specialmente dalle auto non catalizzate e dai ciclomotori. Il CH 4 viene emesso per il 49% durante le estrazioni e distribuzioni dei combustibili e per il 38% prodotto durante le attività agricole, specie nei processi di fermentazione. La CO 2 è prodotta nei processi di combustione, in particolare nei processi industriali peri il 38%, dal trasporto su strada per il 31% e dagli impianti termici per il 27%. L N 2 O è emesso principalmente dai processi di combustioni industriali (28%) e non (21%), dal traffico (26%), ma anche dalle attività agricole (11%). L NH 3 è emessa essenzialmente dalle attività agricole (87%) e solo in minima parte dal traffico (13%). L emissione di particolato è imputabile principalmente al traffico, sia come PM 10 che come PTS, rispettivamente per il 56% e 48%. Queste emissioni sono prodotte dai veicoli sia durante i processi di combustione nel motore, in particolar modo quando si usa gasolio, sia per risollevamento ed abrasione. Altre fonti minori sono i processi di combustione industriali e non (impianti termici) e processi produttivi. Arpa Lombardia Regione Lombardia 7

10 Cap. 2 Le cause dell inquinamento atmosferico La tabella 2.2 fornisce una caratterizzazione dell attuale parco veicolare circolante nel territorio della provincia di Lecco, utilizzando i dati pubblicati nel sito dell ACI ( Tabella 2.2 Parco veicolare circolante nel territorio della provincia di Lecco nell anno Categoria veicolare (12) n veicoli Benzina non catalitiche Benzina catalitiche Diesel TOTALE AUTOVETTURE TOTALE MERCI TOTALE BUS 352 TOTALE MOTO TOTALE VEICOLI La tabella 2.3 riporta i valori emissivi assoluti delle diverse categorie veicolari. La figura 2.2 ne mostra i contributi percentuali alle emissioni di CO e PM 10 da traffico. Le stime si riferiscono all inventario regionale delle emissioni per l anno Arpa Lombardia Regione Lombardia 8

11 Cap. 2 Le cause dell inquinamento atmosferico Tabella 2.3. Emissioni atmosferiche per categoria veicolare nel territorio della provincia di Lecco nell anno CO NO x SO x PTS categoria veicolare t/anno t/anno t/anno t/anno PM 10 COV CH 4 t/anno t/anno t/anno << TORNA CO 2 kt/anno AUTOVETTURE benzina non catalitiche benzina catalitiche Diesel GPL e metano TOTALE AUTOVETTURE AUTOVEICOLI MERCI +AUTOBUS benzina < 3.5 t diesel < 3.5 t metano < 3.5 t benzina > 3.5 t diesel > 3.5 t TOTALE MERCI + AUTOBUS MOTO Motocicli ciclomotori TOTALE MOTO Arpa Lombardia Regione Lombardia 9

12 Cap. 2 Le cause dell inquinamento atmosferico Dalla figura 2.2 si può notare come il 31% delle emissioni di CO sono da attribuire al traffico veicolare. Il contributo maggiore è dato dalle automobili (75%), in particolare da quelle non provviste di marmitta catalitica, che utilizzano la benzina con piombo (59%). Significative sono comunque le emissioni di CO prodotte dai motocicli (11%) e ciclomotore (9%). Il 56% del PM 10 è emesso dal traffico, di cui il 90% circa dai mezzi che utilizzano il gasolio: il 42.5% dai mezzi pesanti ed autobus, il 31.8% dalle automobili e il 15.6% dai mezzi <3.5 t. I mezzi a benzina emettono PM 10 solo in una piccolissima percentuale: le auto di nuova generazione, catalizzate, sono responsabili di queste emissioni solo per il 2.1%. Arpa Lombardia Regione Lombardia 10

13 Cap. 2 Le cause dell inquinamento atmosferico Figura 2.2 Contributi percentuali alle emissioni degli inquinanti CO e PM10 delle diverse categorie veicolari circolanti nel territorio della provincia di Lecco nell anno << TORNA % 16.3% CO (t/anno) 0.9% 0.8% 0.9% 0.5% 0.1% 1.3% 11.1% 9.0% % 2.1% 31.8% PM 10 * (t/anno) 0% % 0% 42.5% 0% 0% 1 0 auto benzina pre-euro auto benzina Euro auto - gasolio auto - GPL e metano merci benzina < 3.5 t merci diesel < 3.5 t merci+bus benzina > 3.5 t merci+bus diesel > 3.5 t motocicli ciclomotori auto benzina pre-euro auto benzina Euro auto - gasolio auto - GPL e metano merci benzina < 3.5 t merci diesel < 3.5 t merci+bus benzina > 3.5 t merci+bus diesel > 3.5 t motocicli ciclomotori *: Si considerano esclusivamente le emissioni attribuite al combustibile utilizzato e non quelle per risollevamento ed abrasione Arpa Lombardia Regione Lombardia 11

14 Cap. 2 Le cause dell inquinamento atmosferico 2.2 LE CONDIZIONI METEOROLOGICHE Le figure 2.3, 2.4 e 2.5 presentano l andamento nel corso dell anno dei principali parametri meteoclimatici misurati nelle stazioni meteo di Lecco e Colico: - pressione media e precipitazioni totali giornaliere (fig. 2.3); - temperatura media e massima giornaliera (fig. 2.4); - velocità del vento media e massima giornaliera (fig. 2.5). L anno 2001 è stato caratterizzato da abbondanti precipitazioni nel mese di marzo e nel mese di agosto. Marzo è risultato il mese più piovoso sia in termini di giorni piovosi sia di pioggia cumulata. Nel mese di agosto pur non essendoci stati un numero elevato di giorni di pioggia, si sono avute le piogge più intense, soprattutto nell area intorno a Lecco, dove si è raggiunto i 100 mm/gg di pioggia. I mesi primaverili sono stati caratterizzati da bassa pressione: più del 50% dei giorni sono stati piovosi, anche se con una precipitazione non intensa. Nei mesi di febbraio, novembre, ma soprattutto dicembre c è stata una situazione di alta pressione, con piogge molto scarse. Per quanto riguarda le temperature, le massime giornaliere più elevate sono state raggiunte nel mese di maggio e giugno, con un picco assoluto nel mese di maggio pari a 36 C a Lecco. Il mese più freddo è stato il mese di dicembre sia nell area di Lecco che di Colico, dove durante questo mese sono state misurate la temperatura media giornaliera e la temperatura media oraria più basse dell anno, pari rispettivamente a 4.7 C e 7.5 C. L andamento della velocità media del vento risulta essere più elevata nei mesi primaverili ed estivi. A Colico le velocità medie sono state elevate anche nei mesi di novembre e dicembre, quando le massime giornaliere, che generalmente sono più elevate che nel resto della provincia, hanno raggiunto i 9 m/s. Si segnalano dunque i seguenti periodi critici per l inquinamento atmosferico determinati dalle condizioni meteorologiche sinottiche e dalle condizioni meteo-diffusive locali: Arpa Lombardia Regione Lombardia 12

15 Cap. 2 Le cause dell inquinamento atmosferico periodo invernale, in particolare il mese di febbraio: alta pressione che ha favorito la presenza di inversioni termiche, piogge molto scarse, e quindi una bassa dispersione degli inquinanti al suolo. periodo estivo, in particolare i mesi di maggio, giugno e luglio: alta pressione sinottica con venti deboli, intensa radiazione solare ed alta temperatura che hanno favorito la produzione e l accumulo di ozono. periodo autunnale, in particolare i mesi di novembre e dicembre: alta pressione che ha favorito la presenza di inversioni termiche, piogge molto scarse, e quindi una bassa dispersione degli inquinanti al suolo. Arpa Lombardia Regione Lombardia 13

16 Cap. 2 Le cause dell inquinamento atmosferico Figura 2.3 Pressione atmosferica media e precipitazioni totali giornaliere << TORNA pioggia Colico- cumulata giornaliera pioggia Lecco- cumulata giornaliera Inverno 2001 hpa 1020 pressione Colico- media giornaliera mm gennaio febbraio marzo 0 Arpa Lombardia Regione Lombardia 14

17 Cap. 2 Le cause dell inquinamento atmosferico Primavera 2001 hpa pioggia Colico- cumulata giornaliera pioggia Lecco- cumulata giornaliera pressione Colico- media giornaliera mm aprile maggio giugno 0 Arpa Lombardia Regione Lombardia 15

18 Cap. 2 Le cause dell inquinamento atmosferico pioggia Colico- cumulata giornaliera pioggia Lecco- cumulata giornaliera Estate 2001 hpa pressione Colico- media giornaliera mm luglio agosto settembre 0 Arpa Lombardia Regione Lombardia 16

19 Cap. 2 Le cause dell inquinamento atmosferico pioggia Colico- cumulata giornaliera pioggia Lecco- cumulata giornaliera Autunno 2001 hpa 1020 pressione - media giornaliera mm ottobre novembre dicembre 0 Arpa Lombardia Regione Lombardia 17

20 Cap. 2 Le cause dell inquinamento atmosferico C Figure 2.4 Temperature medie e massime giornaliere << TORNA 40 Temperatura Colico- massima giornaliera Temperatura Colico- media giornaliera gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre -5 giorni Arpa Lombardia Regione Lombardia 18

21 Cap. 2 Le cause dell inquinamento atmosferico C Temperatura Lecco- massima giornaliera Temperatura Lecco- media giornaliera gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre -5 giorni Arpa Lombardia Regione Lombardia 19

22 Cap. 2 Le cause dell inquinamento atmosferico Figura 2.5 Velocità del vento medie e massime giornaliere << TORNA Vento (m/s) Vento Colico- massima giornaliera Vento Colico- media giornaliera gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno giorni luglio agosto Arpa Lombardia Regione Lombardia 20 settembre ottobre novembre dicembre

23 Cap. 2 Le cause dell inquinamento atmosferico Vento (m/s) 12 Vento Lecco- massima giornaliera Vento Lecco- media giornaliera gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre giorni Arpa Lombardia Regione Lombardia 21

24 Cap. 3 La rete di monitoraggio 3.1 LA RETE DI MONITORAGGIO LE POSTAZIONI FISSE Nel territorio della provincia di Lecco è presente una rete pubblica di monitoraggio della qualità dell aria costituita da n 6 stazioni fisse, che fino alla fine del 2001 è stata di proprietà e gestita dalla Provincia di Lecco. Dal gennaio 2002 la rete è stata trasferita all Arpa Lombardia e gestita dal dipartimento dell Arpa di Lecco. Nella tabella 3.1 è fornita una descrizione delle postazioni delle reti pubbliche in termini di localizzazione e tipologia di destinazione urbana. La figura 3.1 mostra la mappa della localizzazione delle stazioni. Arpa Lombardia Regione Lombardia 22

25 Cap. 3 La rete di monitoraggio Tabella 3.1 Le stazioni fisse di misura nel territorio nella provincia di Lecco anno << TORNA nome stazione rete tipo zona Tipo stazione quota s.l.m. Decisione DM Decisione (metri) 2001/752/CE 20/5/ /752/CE Lecco PUB Urbana C Traffico 214 Merate PUB Urbana C Traffico 292 Nibionno PUB Suburbana C Traffico 310 Calolziocorte PUB Urbana C Traffico 215 Varenna PUB Rurale D Fondo 220 Colico PUB Suburbana D Industriale 218 Arpa Lombardia Regione Lombardia 23

26 Cap. 3 La rete di monitoraggio rete: PUB = pubblica, PRIV = privata tipo zona Decisione 2001/752/CE: - URBANA: centro urbano di consistenza rilevante per le emissioni atmosferiche, con più di abitanti - SUBURBANA: periferia di una città o area urbanizzata residenziale posta fuori dall area urbana principale - RURALE: all esterno di una città, ad una distanza di almeno 3 km; un piccolo centro urbano con meno di abitanti è da ritenersi tale - NON NOTA: sconosciuta o altro tipo stazione DM 20/5/91: - A: stazione urbana localizzata in area non direttamente interessata da sorgenti di emissione urbane (parchi, isole pedonali, ecc.) - B: stazione urbana situata in zona ad elevata densità abitativa - C: stazione urbana situata in zona ad elevato traffico - D: stazione situata in periferia o in area suburbana tipo stazione Decisione 2001/752/CE: - TRAFFICO: se la fonte principale di inquinamento è costituita dal traffico (se si trova all interno di Zone a Traffico Limitato, è indicato tra parentesi ZTL) - INDUSTRIALE: se la fonte principale di inquinamento è costituita dall'industria - FONDO: misura il livello di inquinamento determinato dall insieme delle sorgenti di emissione non localizzate nelle immediate vicinanze della stazione; può essere localizzata indifferentemente in area urbana, suburbana o rurale - NON NOTA: sconosciuta o altro Arpa Lombardia Regione Lombardia 24

27 Cap. 3 La rete di monitoraggio Figura 3.1 Localizzazione delle stazioni fisse di misura << TORNA Colico Varenna Lecco Nibionno Calolziocorte Merate Arpa Lombardia Regione Lombardia 25

28 Cap. 3 La rete di monitoraggio La composizione della Rete è sintetizzata in tabella 3.2, ove si evidenziano per ciascuna postazione gli inquinanti monitorati e si indica se la rete soddisfa le direttive 1999/30/CE e 2000/69/CE relativamente al numero minimo di punti di misura in base alla popolazione. Tabella 3.2 Stazioni fisse e inquinanti monitorati Stazione CO NO X O 3 SO 2 PTS PM 10 Lecco X X X X X Merate X X X X X Nibionno X X X X Calolziocorte X X X Varenna X X Colico X X X X n punti di misura MINIMO direttive CE SI SI SI SI Ai fini della valutazione della qualità dell aria su base annua, per ogni stazione ed inquinante, l insieme dei dati raccolti viene considerato significativo quando il rendimento strumentale è almeno pari al 75%. Il rendimento strumentale è calcolato come percentuale di dati generati e validati rispetto al totale teorico. In tabella 3.3 sono riportati i rendimenti annuali delle postazioni fisse, per ciascun inquinante monitorato. Tabella 3.3 Rendimenti annuali (%) degli analizzatori delle postazioni fisse Stazione CO NO X O 3 SO 2 PTS PM 10 Lecco Merate Nibionno Calolziocorte Varenna Colico Arpa Lombardia Regione Lombardia 26

29 Cap. 3 La rete di monitoraggio Il rendimento degli strumenti è soddisfacente: tutti gli strumenti eccetto uno hanno avuto un rendimento ben oltre il 75%, in particolare 16 strumenti su 23 hanno un rendimento oltre il 90%; solo 7 (tre SO 2, due PM 10, uno NO X e uno O 3 ) non raggiungono tale soglia. L analizzatore di PM 10 posizionato a Merate, a causa del prolungato fuori servizio di 3 mesi dovuto ad un fulmine che lo ha colpito nel mese di luglio ha avuto un rendimento solo del 53%. Il non raggiungimento della soglia dei 90% per alcuni analizzatori è da amputare principalmente al fatto che gli strumenti sono obsoleti, funzionando ormai da oltre 10 anni. Arpa Lombardia Regione Lombardia 27

30 Cap. 3 La rete di monitoraggio 3.2 LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA RISPETTO ALLA NORMATIVA VIGENTE Si considerano le serie di dati raccolti dalle postazioni fisse delle reti di monitoraggio. La tabella 3.4 fornisce, quale premessa alla valutazione della qualità dell aria secondo l attuale quadro normativo, un indicazione del livello medio annuale registrato per ciascun inquinante da ogni singola stazione di misura. La tabella 3.5 riporta la casistica degli episodi acuti di inquinamento atmosferico (DM 25/11/94, DM 16/5/96) verificatisi nell intero anno, evidenziando i superamenti dei livelli di attenzione e allarme delle singole postazioni. La frequenza di raggiungimento degli stati di attenzione e allarme sull intero territorio è discussa nel paragrafo 3.3. Tabella 3.4 Le concentrazioni medie annuali nell anno 2001 Stazioni CO NO 2 O 3 SO 2 PTS PM 10 mg/m 3 µg/m 3 µg/m 3 µg/m 3 µg/m 3 µg/m 3 Lecco Merate * Nibionno Calolziocorte Varenna Colico Arpa Lombardia Regione Lombardia 28

31 stazione Cap. 3 La rete di monitoraggio Tabella 3.5 Gli episodi acuti di inquinamento gg att atmosferico nell anno 2001 NO 2 CO O 3 PM 10 PTS SO 2 gg gg gg gg gg gg gg gg gg gg gg gg all att all att 8h att all att all att all Lecco Merate * 3* Nibionno Calolzio corte 24h << TORNA gg all 0 0 Varenna Colico gg att: n giorni di superamento del livello di attenzione DM 25/11/94 gg all: n giorni di superamento del livello di allarme DM 25/11/94 gg 8h: n giorni di superamento del livello per la protezione della salute riferito alla concentrazione media trascinata su 8 ore DM 16/5/96 gg 24h: n giorni di superamento del livello per la protezione della vegetazione riferito alla concentrazione media di 24 ore DM 16/5/96 ---: inquinante non misurato *: rendimento strumentale annuale inferiore al 75% Lo stato di attenzione/allarme nel territorio della Provincia di Lecco è stato raggiunto per i seguenti inquinanti: PM 10 : 4 volte a Nibionno. O 3 : 96 volte a Colico; 152 a Nibionno; 172 a Merate; 142 a Varenna. NO 2 : 1 a volta a Nibionno e 9 a Merate. La tabella 3.6 riporta i valori dei parametri statistici atti a verificare il rispetto o meno dei valori limite (DPCM , DPR 203/88) e dei valori obiettivo (DM 24/11/94) nell anno Non è stata riscontrata alcuna violazione dei suddetti limiti. Arpa Lombardia Regione Lombardia 29

32 Cap. 3 La rete di monitoraggio Tabella 3.6 Confronto con i valori limite e i valori obiettivo nell anno 2001.provincia di Lecco nell anno << TORNA inquinante e parametri Stazioni Lecco Merate Nibionno Calolziocorte Varenna Colico mediana anno (80 µg/m 3 ) SO 2 mediana semestre invernale (130 µg/m 3 ) PTS media anno (150 µg/m 3 ) percentile (300 µg/m 3 ) NO 2 98 percentile (200 µg/m 3 ) O 3 n mesi con più di una conc. media oraria 200 µg/m n ore con conc. media oraria CO 40 mg/m 3 n ore con conc. media di ore 10 mg/m 3 PM 10 media anno (40 µg/m 3 ) Arpa Lombardia Regione Lombardia 30

33 Cap. 3 La rete di monitoraggio Nonostante il legislatore italiano abbia disposto in via transitoria (art. 14 del D.Lgs. 351/1999) che, fino al termine entro il quale i nuovi limiti europei devono essere raggiunti, restino in vigore i valori limite e i valori obbiettivo fissati dalla normativa precedente, si ritiene utile ai fini della predisposizione di interventi di contenimento e prevenzione dell inquinamento atmosferico dare un quadro della situazione attuale anche alla luce dei nuovi valori limite europei, che dovranno essere rispettati nei prossimi anni (tab. 3.7; fig. 3.5, 3.6). Dalla tabella 3.7 emerge che i valori limite europei, considerate le tolleranze previste per l anno 2001, non risultano rispettati per i seguenti inquinanti: NO X : in tutte le stazioni, eccetto in quella di Varenna. Le medie annuali di NO X misurate a Lecco (69 g/m 3 ), Merate (79 g/m 3 ), Nibionno (61 g/m 3 ) e Calolziocorte (58 g/m 3 ) sono circa il doppio del valore limite europeo. Solo a Colico, il valore è prossimo a questo limite (31 g/m 3 ). O 3 : in tutte le stazioni, eccetto in quella di Lecco (14 mg/m 3 h) è superato il limite per la protezione della vegetazione: in particolare a Varenna aot40 è pari a 43 mg/m 3 h, a Colico a 31 mg/m 3 h,a Merate è 39 mg/m 3 h, a Nibionno è 25 mg/m 3 h. Il limite di protezione della salute è superato in tutte le stazioni: a Lecco negli ultimi tre anni in media 26 volte, a Merate 72 volte, a Nibionno 50 volte, a Colico 84 volte ed a Varenna 94 volte. Arpa Lombardia Regione Lombardia 31

34 Cap. 3 La rete di monitoraggio Tabella 3.7 Rispetto dei valori limite e obiettivo (Direttive 1999/30/CE e 2000/69/CE) nell anno << TORNA Stazioni inquinante e parametro Lecco Merate Nibionno Calolziocorte Varenna Colico SO 2 NO 2 NO x protezione salute umana (media 1h µg/m 3 non più di 24 volte/anno) protezione salute umana (media 24h 125 µg/m 3 non più di 3 volte/anno) protezione ecosistemi (media anno e inverno 20 µg/m 3 ) protezione salute umana (media 1h µg/m 3 non più di 18 volte/anno) protezione salute umana (media anno µg/m 3 ) protezione ecosistemi (media anno 30 µg/m 3 ) S S S S --- S S S S S --- S S S S S --- S S S S S S S S S S S S S N N N N S N Arpa Lombardia Regione Lombardia 32

35 Cap. 3 La rete di monitoraggio PM 10 Pb CO O 3 inquinante e parametro protezione salute umana (media 24h µg/m 3 non più di 35 volte/anno) protezione salute umana (media anno µg/m 3 ) protezione salute umana (media anno 0.5+TOLL µg/m 3 ) protezione salute umana (max media 8h 10+6 mg/m 3 ) protezione salute umana (max media 8h 120 µg/m 3 da non superare più di 20 gg/anno mediando su ultimi 3 anni) protezione vegetazione (AOT40 mag-lug 17 mg/m 3 h mediando su ultimi 5 anni ) Stazioni Lecco Merate Nibionno Calolziocorte Varenna Colico --- S S S S S S S S --- S N N N --- N N S N N --- N N S = rispetto di valore limite + tolleranza, N = violazione di valore limite + tolleranza, --- = inquinante non monitorato Arpa Lombardia Regione Lombardia 33

36 Cap. 3 La rete di monitoraggio 3.3 GLI ANDAMENTI TEMPORALI DEGLI INQUINANTI ATMOSFERICI La Direttiva 1996/62/CE e il D.Lgs. 351/1999 fissano il criterio secondo il quale non è ammesso il peggioramento della qualità della qualità dell aria rispetto alla situazione esistente, soprattutto allorché i valori delle concentrazioni degli inquinanti sono inferiori ai valori limite. Il D.M. 163/1999 sottolinea l importanza di una valutazione della qualità dell aria in funzione dei fattori meteoclimatici ed antropici coinvolti. Il presente paragrafo sintetizza l andamento degli inquinanti aerodispersi nel corso dell anno sull intera area, in relazione ai fattori antropici e meteoclimatici occorsi, e confronta i livelli attuali con quelli degli ultimi 4 anni. Nel caso di reti di rilevamento di centri urbani di grandi dimensioni o di aree metropolitane, costituite da un elevato numero di stazioni, la lettura dei dati e dei relativi trend per ogni inquinante e ogni singola stazione è stata elaborata attraverso l utilizzo di indicatori sintetici che rappresentano in modo sintetico ma completo l'evoluzione della qualità dell'aria nel territorio che la rete sottende. L obiettivo è ottenere un quadro generale di quella che è la situazione complessiva dell'area urbana o metropolitana in questione. Ciò riveste un duplice significato: da un lato permette di evidenziare con chiarezza le maggiori criticità e la tipologia di area interessata, dall'altro risulta essere uno strumento decisivo nel processo di valutazione dei risultati ottenuti a seguito dell'adozione di provvedimenti per la riduzione dei livelli di inquinamento. Nella tabella 3.8 sono sintetizzati, per gli ultimi 5 anni, i valori degli indicatori sintetici di lungo periodo scelti per ciascun inquinante e riferiti ai valori minimo e massimo calcolati per ogni tipologia di stazione. Per gli stessi anni in tabella 3.9 sono confrontate le frequenze di accadimento degli stati di attenzione e allarme occorsi sul territorio, al fine di individuare una tendenza anche relativamente ai livelli acuti di inquinamento. Nella tabella 3.8, la mediana relativa l SO 2 mostra come da anni questo inquinante non sia un problema nella provincia di Lecco: in tutte le stazioni, i valori misurati sono molto Arpa Lombardia Regione Lombardia 34

37 Cap. 3 La rete di monitoraggio vicini al limite di rilevabilità. Le concentrazioni di NO 2 nel 2001 hanno subito una diminuzione sia nelle stazioni di tipo C che in quelle di tipo D. Nelle stazioni di tipo C il valore minimo del 98 percentile, ovvero il 98% delle3 misure, negli ultimi anni è rimasto praticamente costante, mentre il suo valore massimo è diminuito del 40% nell ultimo anno. Nelle stazioni di tipo D si è osservato una diminuzione sia del valore minimo che massimo del 98 percentile. Negli ultimi 5 anni si è osservato che le concentrazioni di CO sono in continua diminuzione: nel 2001 la minima massima concentrazione calcolata sulle 8 ore è diminuito del 33%, mentre la massima del 20% rispetto all anno Per quanto riguarda l O 3 si sono considerate solo le stazioni di tipo D, perché più significative per questo inquinante: nel 2001 si è osservato una diminuzione sia del numero di ore con concentrazioni di O 3 superiore ai 200 g/m 3 sia della media estiva. Ciò è imputabile al fatto che nel mese di agosto ci sono state piogge molto intense. Solo dall anno 2000 è stato misurato il PM 10 nella provincia di Lecco: nel 2001 la concentrazione media annua è leggermente diminuita: tutte le stazioni hanno misurato valori medi annui inferiori ai 40 g/m 3. Dalla tabella 3.9 si evince che negli ultimi anni le concentrazioni degli inquinanti considerati sono diminuite, tanto che nell anno 2001 non vi sono stati superamenti. Dal 1997, in generale, si è avuto una tendenza alla diminuzione degli stati di attenzione, eccetto che per le polveri totali sospese. Per quanto riguarda gli stati di allarme, dal 1997 ad oggi non vi sono stati superamenti. Arpa Lombardia Regione Lombardia 35

38 Cap. 3 La rete di monitoraggio Tabella 3.8 Indicatori sintetici di qualità dell'aria negli anni dal 1997 al << TORNA stazioni valore minimo valore massimo dell indicatore Parametri di riferimento SO 2 NO 2 CO Mediana anno ecologico (µg/m 3 ) 98 percentile concentrazioni medie orarie nell anno (µg/m 3 ) massima concentrazione media di 8 ore nell anno (mg/m 3 ) stazioni A stazioni B stazioni C stazioni D stazioni A stazioni B stazioni C stazioni D stazioni A stazioni B stazioni C stazioni D Arpa Lombardia Regione Lombardia 36

39 Cap. 3 La rete di monitoraggio O 3 O 3 stazioni A concentrazione media estiva stazioni B (giu-ago) stazioni C (µg/m 3 ) stazioni D stazioni A quantità di ore/anno stazioni B concentrazioni medie orarie stazioni C µg/m 3 stazioni D PM 10 concentrazione media annuale (µg/m 3 ) stazioni A stazioni B stazioni C stazioni D stazione A: Parchi urbani (fondo urbano), stazione B: Residenziale (stazione urbana), stazione C: Traffico (stazione urbana ove la fonte principale di inquinamento è il traffico), stazione D: Inquinanti fotochimici (Fondo suburbano) Arpa Lombardia Regione Lombardia 37

40 Cap. 3 La rete di monitoraggio Tabella 3.9 Stati di attenzione e allarme a Lecco << TORNA inquinante N STATI DI ATTENZIONE E ALLARME ATT ALL ATT ALL ATT ALL ATT ALL ATT ALL SO NO CO PTS O NOTA: gli stati di attenzione e allarme sono riferiti al comune/area omogenea/area metropolitana secondo il criterio del 50% delle postazioni installate, ecc. (D.M. 25/11/1994 art. 14, DM 15/04/1994). Arpa Lombardia Regione Lombardia 38

41 Cap. 3 La rete di monitoraggio Le figure 3.2 e 3.3 presentano l andamento delle concentrazioni medie mensili nel corso dell anno 2001, evidenziando i valori minimi e massimi registrati nel territorio. Figura 3.2 Concentrazioni medie mensili nell anno ( g/m3) PM min max gen feb mar apr mag giu lug ago set ott nov dic mesi Arpa Lombardia Regione Lombardia 39

42 Cap. 3 La rete di monitoraggio Figura 3.3 Concentrazioni medie mensili nell anno << TORNA (mg/m 3 ) 6 CO 5 min max gen feb m ar apr m ag giu lug ago set ott nov dic mesi Arpa Lombardia Regione Lombardia 40

43 Cap. 3 La rete di monitoraggio Figure 3.4 Temperature medie e massime giornaliere << TORNA ( g/m 3 ) 120 NO min max gen feb m ar apr m ag giu lug ago set ott nov dic mesi Arpa Lombardia Regione Lombardia 41

44 Cap. 3 La rete di monitoraggio ( g/m 3 ) O min max gen feb mar apr mag giu lug ago set ott nov dic m esi Arpa Lombardia Regione Lombardia 42

45 Cap. 3 La rete di monitoraggio Le massime concentrazioni di PM 10 e di CO (figura 3.2 e 3.3) sono state riscontrate nei mesi invernali ed autunnali. Infatti, in questi mesi la situazione meteorologica è stata di alta pressione, con frequenti inversioni termiche e quindi poca dispersione degli inquinanti. I valori più elevati di CO sono stati misurati nei mesi di gennaio e febbraio, mentre quelli di PM 10 in dicembre e in febbraio. In questo periodo le precipitazioni sono state molto scarse. Le concentrazioni di NO 2 (figura 3.4) sono generalmente più elevate nei mesi freddi, sia per una maggior quantità di emissioni nell aria di NO X dovuta anche al funzionamento degli impianti termici, sia per la situazione meteorologica di poca dispersione degli inquinanti. Nel mese di febbraio le scarse piogge, circa 10 giorni in totale, hanno favorito l acuirsi di questa situazione. L andamento mensile delle concentrazioni di O 3 (figura 3.4) mostra un aumento dei valori a partire dal mese di aprile, quando le condizioni meteorologiche diventano favorevoli per la produzione di questo inquinante. I mesi più critici sono giugno e luglio, quando si raggiungono le condizioni meteo ideali, cioè alta pressione sinottica con venti deboli, intensa radiazione solare ed alta temperatura. Nel mese di agosto la massima concentrazione è diminuita a causa delle abbondanti piogge. Per i principali inquinanti monitorati le figure 3.5 e 3.6 mostrano l andamento dell inquinamento atmosferico, a partire dal 1999, in confronto ai valori limite europei. Nelle figure 3.5 vengono confrontate le concentrazioni di PM 10 a partire dall anno 2000, primo anno di misura di questo inquinante nella provincia di Lecco, con i valori limite europei per la protezione della salute. Come si può osservare tutte le stazioni nel 2001 hanno misurato concentrazioni tali da essere al di sotto di tali limiti. Dalle figure 3.6 si evince che nell anno 2001 non si hanno più problemi di superamento dei limiti orari di protezione della salute per l NO 2 ; inoltre si può osservare che le medie annuali, pur superando il valore limite, hanno comunque un trend decrescente negli ultimi anni, e restano al di sotto del limite+tolleranza. Per quanto riguarda il CO, si può osservare che dal 1999 le massime concentrazioni misurate sulle 8 ore non hanno mai superato il valore limite e comunque il trend è decrescente. Arpa Lombardia Regione Lombardia 43

46 Cap. 3 La rete di monitoraggio Nelle figure sono inseriti i trend delle concentrazioni annuali di PM 10, NO 2 e CO nella stazione di Lecco e di O 3 nella stazione di tipo D di Varenna. Arpa Lombardia Regione Lombardia 44

47 Cap. 3 La rete di monitoraggio Figura 3.5 Confronto con i valori limite europei << TORNA PM 10 µg/m Valore limite di PM 10 per la protezione della salute umana concentrazione media annua valore limite + tolleranza valore limite stazione MIN stazione MAX Arpa Lombardia Regione Lombardia 45

48 Cap. 3 La rete di monitoraggio n sup. 70 Valore limite di PM 10 per la protezione della salute umana n giorni di superamento del "valore limite + tolleranza dell'anno" per concentrazione media giornaliera stazione MIN stazione MAX 35 n superamenti ammessi Arpa Lombardia Regione Lombardia 46

49 Cap. 3 La rete di monitoraggio Figura 3.6 Confronto con i valori limite europei << TORNA NO 2 µg/m Valore limite di NO 2 per la protezione della salute umana concentrazione media annua valore limite + tolleranza valore limite stazione MIN stazione MAX Arpa Lombardia Regione Lombardia 47

50 Cap. 3 La rete di monitoraggio n sup Valore limite di NO 2 per la protezione della salute umana n giorni di superamento del "valore limite + tolleranza dell'anno" per concentrazione media oraria n superamenti ammessi stazione MIN stazione MAX Arpa Lombardia Regione Lombardia 48

51 Cap. 3 La rete di monitoraggio CO mg/m Valore limite di CO per la protezione della salute umana massima concentrazione media di 8 ore valore limite + tolleranza valore limite stazione MIN stazione MAX Arpa Lombardia Regione Lombardia 49

52 Cap. 3 La rete di monitoraggio Figura 3.7 Trend delle concentrazioni medie annuali di PM 10 (µg/m 3 ) << TORNA 1 Gennaio- 31 Dicembre Lecco Merate Nibionno Arpa Lombardia Regione Lombardia 50

53 Cap. 3 La rete di monitoraggio Lecco - PM 10 Media annuale ( g/m 3 ) Anni (Gen-Dic) Arpa Lombardia Regione Lombardia 51

54 Cap. 3 La rete di monitoraggio Figura 3.8 Trend delle concentrazioni medie annuali di NO 2 (µg/m 3 ) 1 Gennaio- 31 Dicembre Lecco Merate Nibionno Colico Calolziocorte Varenna Arpa Lombardia Regione Lombardia 52

55 Cap. 3 La rete di monitoraggio Lecco - NO Media annuale ( g/m 3 ) Anni (Gen-Dic) Arpa Lombardia Regione Lombardia 53

56 Cap. 3 La rete di monitoraggio Benzene Conc. (µg/m 3 ) Min Max gen feb mar apr mag giu lug ago set ott nov dic Arpa Lombardia Regione Lombardia 54

57 Cap. 3 La rete di monitoraggio Figura 3.9 Trend delle concentrazioni medie annuali di CO (mg/m 3 ) 1 Gennaio- 31 Dicembre Lecco Merate Calolziocorte Arpa Lombardia Regione Lombardia 55

58 Cap. 3 La rete di monitoraggio Lecco - CO Media annuale (mg/m 3 ) Anni (Gen-Dic) Arpa Lombardia Regione Lombardia 56

59 Cap. 3 La rete di monitoraggio Figura 3.10 Trend delle concentrazioni medie annuali di O 3 (µg/m 3 ) << TORNA 1 Gennaio- 31 Dicembre Lecco Merate Nibionno Colico Varenna Arpa Lombardia Regione Lombardia 57

60 Cap. 3 La rete di monitoraggio Varenna - O Media annuale ( g/m 3 ) Anni (Gen-Dic) Arpa Lombardia Regione Lombardia 58

61 Autori Il Rapporto sulla Qualità dell Aria di Lecco e provincia Anno 2001 è stato predisposto dall Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Lombardia. Direttore del Settore Aria, ARPA Lombardia Roberto Gualdi Coordinamento lavori Elisabetta Angelino Settore Aria, ARPA Lombardia Direttore del Dipartimento di Lecco, ARPA Franco Olivieri Responsabile U.O. Aria del Dipartimento di Lecco, ARPA Maurizio Maierna Autore dei testi ed elaborazioni: Anna De Martini Dipartimento di Lecco, ARPA Ha collaborato: Il tecnico della rete di monitoraggio Luca Vergani Hanno inoltre contribuito: Giancarlo Tebaldi per la revisione tecnicoscientifica, Maria Abbattista per la revisione editoriale Arpa Lombardia Regione Lombardia 59

RAPPORTO SULLA QUALITA DELL ARIA DI LECCO E PROVINCIA ANNO 2002 (Aggiornamento al 31/03/2003)

RAPPORTO SULLA QUALITA DELL ARIA DI LECCO E PROVINCIA ANNO 2002 (Aggiornamento al 31/03/2003) RAPPORTO SULLA QUALITA DELL ARIA DI LECCO E PROVINCIA ANNO 2002 (Aggiornamento al 31/03/2003) 1 Autore dei testi ed elaborazioni Anna De Martini Dipartimento di Lecco ARPA Lombardia Tecnico della rete

Dettagli

La qualità dell aria in Lombardia situazione e prospettive

La qualità dell aria in Lombardia situazione e prospettive La qualità dell aria in Lombardia situazione e prospettive Responsabile U.O. Qualità dell Aria Settore Monitoraggi Ambientali g.lanzani@arpalombardia.it Brescia 2 novembre 204 Confronto con la normativa

Dettagli

TAVOLO ISTITUZIONALE ARIA. 12 gennaio 2016

TAVOLO ISTITUZIONALE ARIA. 12 gennaio 2016 TAVOLO ISTITUZIONALE ARIA 12 gennaio 2016 LA QUALITA DELL ARIA CONFRONTI TREND PM10 (dati ARPA) 2 LA QUALITA DELL ARIA CONFRONTI TREND PM10 (dati ARPA) 3 LA QUALITA DELL ARIA CONFRONTI TREND PM10 (dati

Dettagli

EMISSIONI DA TRAFFICO E QUALITA DELL ARIA: ELEMENTI PER LA GESTIONE NELLA CITTA DI MILANO

EMISSIONI DA TRAFFICO E QUALITA DELL ARIA: ELEMENTI PER LA GESTIONE NELLA CITTA DI MILANO EMISSIONI DA TRAFFICO E QUALITA DELL ARIA: ELEMENTI PER LA GESTIONE NELLA CITTA DI MILANO Hanno collaborato: dott.. Bruno Villavecchia dott.. Marco Bedogni per l Agenzia Mobilità e Ambiente s.r.l. prof..

Dettagli

PROVINCIA DI RAVENNA (Con la collaborazione di ARPA - SIMC)

PROVINCIA DI RAVENNA (Con la collaborazione di ARPA - SIMC) laborazione dati della qualità dell aria Provincia di Ravenna - Rapporto 213 3 - L ONIZIONI MTOROLOGIH NL TRRITORIO LL PROVINI I RVNN (on la collaborazione di RP - SIM) 3.1 - Gli indicatori meteorologici

Dettagli

ANALISI CLIMATOLOGICA PER IL TERRITORIO DI CAMPI BISENZIO

ANALISI CLIMATOLOGICA PER IL TERRITORIO DI CAMPI BISENZIO ANALISI CLIMATOLOGICA PER IL TERRITORIO DI CAMPI BISENZIO FONDAZIONE PER IL CLIMA E LA SOSTENIBILITA 1 Ver. 1.1 ANALISI CLIMATOLOGICA PER IL TERRITORIO DI CAMPI BISENZIO Gaetano Zipoli Firenze, Luglio

Dettagli

AREA AMBIENTE QUALITÀ DELL ARIA A TORINO

AREA AMBIENTE QUALITÀ DELL ARIA A TORINO AREA AMBIENTE QUALITÀ DELL ARIA A TORINO Maggio 2015 1 ARIA IN EUROPA 2 La qualità dell aria della nostra città dipende da: quantità di inquinanti emessi dalle varie attività umane; conformazione geografica

Dettagli

Aspetti ambientali: fonti emissive, polveri sottili, analisi e peso delle varie fonti emissive

Aspetti ambientali: fonti emissive, polveri sottili, analisi e peso delle varie fonti emissive Aspetti ambientali: fonti emissive, polveri sottili, analisi e peso delle varie fonti emissive ARPAT - Regionale Tutela Qualità dell Aria Dott.ssa Chiara Collaveri Dati IRSE 2007 Che cos è un inventario

Dettagli

Provincia di Lecco. Relazione sullo Stato dell Ambiente. Provincia di Lecco, pubblicazione sull inquinamento luminoso

Provincia di Lecco. Relazione sullo Stato dell Ambiente. Provincia di Lecco, pubblicazione sull inquinamento luminoso 144, pubblicazione sull inquinamento luminoso 4.4 Aria ed Energia 145 4.4 Aria ed energia Tabella 4.4a 4.4 Aria ed Energia Nel macrotema saranno trattati gli aspetti relativi alla qualità dell aria ed

Dettagli

Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità. Rapporto sulla qualità dell aria della città di Piacenza 2003-2004

Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità. Rapporto sulla qualità dell aria della città di Piacenza 2003-2004 Rapporto sulla qualità dell aria della città di Piacenza 23-24 Comune di Piacenza Quadro evolutivo PTS NO 2 CO O 3 Giordani, Giordani, Stazioni considerate Passeggio, Medaglie d Oro, Medaglie d Oro, Roma

Dettagli

4.3. Il monitoraggio dell inquinamento atmosferico

4.3. Il monitoraggio dell inquinamento atmosferico 300 250 200 media min max 150 100 50 0 Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre (mm) Dicembre Fig. 4.9. Episodi di nebbia nel Porto di Venezia (anni 1985-1991).

Dettagli

Laboratorio Mobile Campagna di Misura della Qualità dell Aria

Laboratorio Mobile Campagna di Misura della Qualità dell Aria Laboratorio Mobile Campagna di Misura della Qualità dell Aria COMUNE DI ALBINO (BG) PRIMA PARTE Dal 17 giugno al 13 luglio 213 Campagna di Misura della Qualità dell Aria COMUNE DI ALBINO (BG) Prima parte

Dettagli

Campagna di rilevamento della qualità dell'aria

Campagna di rilevamento della qualità dell'aria Rete di monitoraggio della qualità dell'aria di Reggio Emilia Campagna di rilevamento della qualità dell'aria Castelnovo nè Monti A cura del Servizio Sistemi Ambientali Unità Monitoraggio e Valutazione

Dettagli

Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità

Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità RAPPORTO SULLA QUALITA DELL ARIA DELLA CITTA DI PIACENZA 23-24 Con il Rapporto sulla qualità dell aria della città di Piacenza 23-24

Dettagli

SCENARIO ESPLORATIVO DOMENICHE A PIEDI

SCENARIO ESPLORATIVO DOMENICHE A PIEDI MISURE DI RIDUZIONE DELL INQUINAMENTO ATMOSFERICO SCENARIO ESPLORATIVO DOMENICHE A PIEDI Elementi di sintesi ARPA PIEMONTE DIPARTIMENTO TEMATICO SISTEMI PREVISIONALI - Struttura Semplice Qualità dell Aria

Dettagli

Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile. Lucera ( FG )

Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile. Lucera ( FG ) Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile AGENZIA REGIONALE PER LA PREVENZIONE E LA PROTEZIONE AMBIENTALE Sito di monitoraggio: Lucera ( FG ) Periodo di osservazione: 5/2/21-11/3/21

Dettagli

PIANO D AZIONE PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AGGLOMERATO TORINESE PROPOSTA DI SCENARI DI LIMITAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE VEICOLARE

PIANO D AZIONE PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AGGLOMERATO TORINESE PROPOSTA DI SCENARI DI LIMITAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE VEICOLARE Servizio Qualità dell Aria e Risorse Energetiche PIANO D AZIONE PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AGGLOMERATO TORINESE PROPOSTA DI SCENARI DI LIMITAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE VEICOLARE INVERNO

Dettagli

Attività di monitoraggio della qualità dell aria effettuato da ARPA FVG nel Comune di Cormons Gennaio Aprile 2014

Attività di monitoraggio della qualità dell aria effettuato da ARPA FVG nel Comune di Cormons Gennaio Aprile 2014 Attività di monitoraggio della qualità dell aria effettuato da ARPA FVG nel Comune di Cormons Gennaio Aprile 2014 Cormons, 27 marzo 2015 La normativa sulla qualità dell ambiente Decreto legislativo. n.

Dettagli

Piano di Gestione della Qualità dell Aria Provincia di Forlì-Cesena

Piano di Gestione della Qualità dell Aria Provincia di Forlì-Cesena Piano di Gestione della Qualità dell Aria Provincia di Forlì-Cesena Valutazione e gestione della qualità dell aria (situazione attuale, analisi delle tendenze ed azioni) Incontro con le Associazioni economiche

Dettagli

AMBIENTE, ENERGIA E SVILUPPO SOSTENIBILE TAVOLO ISTITUZIONALE ARIA

AMBIENTE, ENERGIA E SVILUPPO SOSTENIBILE TAVOLO ISTITUZIONALE ARIA TAVOLO ISTITUZIONALE ARIA 17 luglio 2014 Piano Regionale degli Interventi sulla qualità dell Aria (PRIA) Misure sulla mobilità Settori e misure del piano AMBIENTE, ENERGIA E SVILUPPO SOSTENIBILE TRASPORTI

Dettagli

Figura 4.7.1 Contributi percentuali dei macrosettori alle emissioni di metano nella provincia di Milano 1998 19% < 5%

Figura 4.7.1 Contributi percentuali dei macrosettori alle emissioni di metano nella provincia di Milano 1998 19% < 5% 4.7 IL METANO Il metano è un gas incolore e inodore, che abbonda in natura quale costituente principale del gas naturale. Buona parte delle emissioni in atmosfera derivano dalle operazioni di estrazione,

Dettagli

4.6 IL BIOSSIDO DI CARBONIO

4.6 IL BIOSSIDO DI CARBONIO 4.6 IL BIOSSIDO DI CARBONIO Il biossido di carbonio antropogenico deriva principalmente dalla combustione di fonti energetiche di origine fossile (petrolio e derivati, naturale, carbone). La quantità di

Dettagli

Analisi delle serie storiche. Monossido di Carbonio Biossido d Azoto Particolato Totale Sospeso Ozono Piombo Biossido di Zolfo Benzene

Analisi delle serie storiche. Monossido di Carbonio Biossido d Azoto Particolato Totale Sospeso Ozono Piombo Biossido di Zolfo Benzene Analisi delle serie storiche Monossido di Carbonio Biossido d Azoto Particolato Totale Sospeso Ozono Piombo Biossido di Zolfo Benzene Al fine di rendersi conto dell evoluzione delle concentrazioni di alcuni

Dettagli

PROGRESS: UN CODICE PER IL CALCOLO DELLE EMISSIONI DA VEICOLI STRADALI IN AMBITO URBANO

PROGRESS: UN CODICE PER IL CALCOLO DELLE EMISSIONI DA VEICOLI STRADALI IN AMBITO URBANO VIII Incontro EXPERT PANEL EMISSIONI DA TRASPORTO STRADALE Roma, 5 novembre 2003 PROGRESS: UN CODICE PER IL CALCOLO DELLE EMISSIONI DA VEICOLI STRADALI IN AMBITO URBANO Massimo Capobianco, Giorgio Zamboni

Dettagli

Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile. Bari Palese Aeroporti di Puglia

Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile. Bari Palese Aeroporti di Puglia Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile AGENZIA REGIONALE PER LA PREVENZIONE E LA PROTEZIONE AMBIENTALE Sito di monitoraggio: Bari Palese Aeroporti di Puglia Periodo di

Dettagli

IL CLIMA DEL PARCO VILLE OTTOLENGHI

IL CLIMA DEL PARCO VILLE OTTOLENGHI IL CLIMA DEL PARCO VILLE OTTOLENGHI Indice 1. Introduzione... 2 2. Metodologia... 3 3. Temperatura... 3 4. Vento... 10 5. Installazione stazione portatile e campagna di misura... 11 6. Elaborazione dati

Dettagli

La qualità dell aria in Lombardia,

La qualità dell aria in Lombardia, La conoscenza della qualità dell aria La qualità dell aria in Lombardia, Pavia, 15 maggio 26 Dott. Angelo Giudici Direttore Settore Aria ARPA Lombardia Il D.Lgs. 351/99 introduce la valutazione integrata

Dettagli

Disponibilità dati *** 2007 / 2010 C

Disponibilità dati *** 2007 / 2010 C EMISSIONI IN ATMOSFERA 2010 Emissioni in atmosfera Inventario Regionale delle Emissioni in Atmosfera (INEMAR Puglia 2010) Nome indicatore DPSIR Fonte dati Inventario Regionale delle Emissioni in Atmosfera

Dettagli

Campagna di rilevamento della qualità dell'aria

Campagna di rilevamento della qualità dell'aria Rete di monitoraggio della qualità dell'aria di Reggio Emilia Campagna di rilevamento della qualità dell'aria Chiozza A cura del Servizio Sistemi Ambientali Unità Monitoraggio e Valutazione Qualità dell'aria

Dettagli

Considerazioni tecniche in merito alla formazione e alla presenza degli inquinanti atmosferici nel centro storico di Bologna

Considerazioni tecniche in merito alla formazione e alla presenza degli inquinanti atmosferici nel centro storico di Bologna Considerazioni tecniche in merito alla formazione e alla presenza degli inquinanti atmosferici nel centro storico di Bologna Il traffico veicolare è responsabile di circa il 50% del PM10 totale (primario

Dettagli

Il Piano Regionale degli Interventi per la qualità dell Aria in Regione Lombardia

Il Piano Regionale degli Interventi per la qualità dell Aria in Regione Lombardia Il Piano Regionale degli Interventi per la qualità dell Aria in Regione Lombardia Gian Luca Gurrieri Dirigente U.O. Qualità dell aria, emissioni industriali e rumore D.G. Ambiente, Energia e Sviluppo Sostenibile

Dettagli

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria Comune di Marcon Viale Don Sturzo, San Liberale Periodo di attuazione: 1 gennaio 31 dicembre 2014 RELAZIONE TECNICA ARPAV Dipartimento Provinciale di Venezia

Dettagli

Applicazione del modello ADMS URBAN a Ferrara

Applicazione del modello ADMS URBAN a Ferrara SCHEDA SOURCE - Dominio INPUT = 15 X 12 km, OUTPUT = 13 X 10 Km SORGENTE GRIGLIA PARAMETRI: georef.. Celle 250mX250m (ArcView( ArcView), h griglia (m), emissioni (t/a) La sorgente griglia contiene la sommatoria

Dettagli

! " # $% $ & % & " #" # & "!"! ' $ (" ( # " )# ) $) $ " ) "!"! ( " * % &" & +

!  # $% $ & % &  # # & !! ' $ ( ( #  )# ) $) $  ) !! (  * % & & + ! " #$%& "#"&!"'$("# )#$)"!" ("*%&"+ + ,-. 2003 2004 2010 Valori limite OSSIDI DI AZOTO 36 ug/mc 39 ug/mc 40 ug/mc POLVERI PM10 34 ug/mc 36 ug/mc 20 ug/mc OZONO 54 ug/mc 50 ug/mc 40 ug/mc Sorgenti fisse:

Dettagli

Monitoraggio della qualità dell aria nei Comuni di Vedelago e Riese Pio X, in relazione alla ditta Mepol srl di Riese Pio X RELAZIONE TECNICA

Monitoraggio della qualità dell aria nei Comuni di Vedelago e Riese Pio X, in relazione alla ditta Mepol srl di Riese Pio X RELAZIONE TECNICA Treviso 27/03/2015 Monitoraggio della qualità dell aria nei, in relazione alla ditta Mepol srl di Riese Pio X Gli inquinanti ricercati RELAZIONE TECNICA La problematica relativa agli odori, purtroppo sempre

Dettagli

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria Comune di Verona Via Massalongo Periodo di attuazione: 06/09/2010 20/09/2010 RELAZIONE TECNICA 1 Realizzato a cura di: A.R.P.A.V. Dipartimento Provinciale

Dettagli

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria Dipartimento Provinciale ARPAV di Venezia Via Lissa, 6 30171 Venezia Mestre Italy Tel. +39 041 5445511 Fax +39 041 5445500 e-mail: dapve@arpa.veneto.it Servizio Sistemi Ambientali Responsabile del Procedimento:

Dettagli

Successi ed insuccessi nella comunicazione tra esperti del settore e pubblica utenza sul tema qualità dell aria

Successi ed insuccessi nella comunicazione tra esperti del settore e pubblica utenza sul tema qualità dell aria Successi ed insuccessi nella comunicazione tra esperti del settore e pubblica utenza sul tema qualità dell aria Silvia Anna Bellinzona Direttore Settore Monitoraggi Ambientali s.bellinzona@arpalombardia.it

Dettagli

ESPERIENZE DELL ARPA VALLE D AOSTA NELLA VALUTAZIONE INTEGRATA DELLA QUALITA DELL ARIA

ESPERIENZE DELL ARPA VALLE D AOSTA NELLA VALUTAZIONE INTEGRATA DELLA QUALITA DELL ARIA ESPERIENZE DELL ARPA VALLE D AOSTA NELLA VALUTAZIONE INTEGRATA DELLA QUALITA DELL ARIA Manuela Zublena, Giordano Pession Italia Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Valle d Aosta Sezione

Dettagli

ARPA Puglia. Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile. Barletta Via Trani 10.07.2015-10.11.2015. Centro Regionale Aria

ARPA Puglia. Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile. Barletta Via Trani 10.07.2015-10.11.2015. Centro Regionale Aria Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile 10.07.2015-10.11.2015 ARPA Puglia Centro Regionale Aria Ufficio Qualità dell Aria di Bari Corso Trieste 27 Bari 1. Contenuto del

Dettagli

La qualità dell'aria nella Provincia di Lucca. e le sue criticità

La qualità dell'aria nella Provincia di Lucca. e le sue criticità La qualità dell'aria nella Provincia di Lucca come monitorata dalle stazioni della rete provinciale e dalle campagne dei mezzi mobili e le sue criticità Le caratteristiche del territorio della Provincia

Dettagli

Manuale d uso dello strumento di calcolo per il computo emissivo. Stima emissioni dell impianto

Manuale d uso dello strumento di calcolo per il computo emissivo. Stima emissioni dell impianto Manuale d uso dello strumento di calcolo per il computo emissivo In adempimento alla delibera dell Assemblea legislativa regionale n. 51 del 26 luglio 2011 è stato predisposto un servizio on-line per il

Dettagli

Misure di particolato atmosferico

Misure di particolato atmosferico Misure di particolato atmosferico COMUNE DI TRADATE Misure di particolato atmosferico COMUNE DI TRADATE Gestione strumentazione p.i Marco Dal Zotto p.i. Angelo Rodari Elaborazione dati e grafica Analisi

Dettagli

Sede legale ARPA PUGLIA

Sede legale ARPA PUGLIA Direzione Generale Arpa Puglia Direzione Scientifica Arpa Puglia Servizio INFO Dipartimento Arpa Puglia di Taranto Oggetto: Nota tecnica ARPA in riscontro alle segnalazioni pervenuta al Servizio INFO inerente

Dettagli

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36.

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Capitolo 3 Caratterizzazione delle sorgenti pag. 75 Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Figura 3.36. Superamenti di

Dettagli

RAPPORTO DI SOSTENIBILITA CONTRIBUTO DI AMBIENTE E RISPARMIO ENERGETICO DI ACEA LUCE

RAPPORTO DI SOSTENIBILITA CONTRIBUTO DI AMBIENTE E RISPARMIO ENERGETICO DI ACEA LUCE RAPPORTO DI SOSTENIBILITA CONTRIBUTO DI AMBIENTE E RISPARMIO ENERGETICO DI ACEA LUCE Non compromettere il futuro delle prossime generazioni cercando di soddisfare i bisogni del presente ; in quest ottica

Dettagli

L applicazione del sistema INEMAR: l esperienza della Lombardia

L applicazione del sistema INEMAR: l esperienza della Lombardia Convegno Gli inventari regionali delle emissioni: l esperienza e i risultati del sistema INEMAR L applicazione del sistema INEMAR: l esperienza della Lombardia Elisabetta Angelino U.O. Modellistica Atmosferica

Dettagli

CAPITOLO 11: Mobilità

CAPITOLO 11: Mobilità CAPITOLO 11: Mobilità 197 11.1: Tecnologia ed efficienza Presentazione: I trasporti ormai da tempo rappresentano un settore dolente delle politiche ambientali dell Unione Europea ed un elemento di criticità

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO "Strumenti di analisi, misure ed interventi in materia di traffico e riscaldamento

POLITECNICO DI MILANO Strumenti di analisi, misure ed interventi in materia di traffico e riscaldamento POLITECNICO DI MILANO "Strumenti di analisi, misure ed interventi in materia di traffico e riscaldamento Bruno Villavecchia Direttore Ambiente e Energia Agenzia Mobilità e Ambiente Srl Concentrazione di

Dettagli

Sezione Provinciale di Bologna Via F. Rocchi, 19 40138 Bologna Tel. 051 396211 Fax 051 342642 PEC: aoobo@cert.arpa.emr.it e-mail: sezbo@arpa.emr.

Sezione Provinciale di Bologna Via F. Rocchi, 19 40138 Bologna Tel. 051 396211 Fax 051 342642 PEC: aoobo@cert.arpa.emr.it e-mail: sezbo@arpa.emr. Sezione Provinciale di Bologna Via F. Rocchi, 19 40138 Bologna Tel. 051 396211 Fax 051 342642 PEC: aoobo@cert.arpa.emr.it e-mail: sezbo@arpa.emr.it Servizio Sistemi Ambientali Bologna Area Monitoraggio

Dettagli

Informazioni Statistiche N 2/2013

Informazioni Statistiche N 2/2013 Città di Palermo Ufficio Statistica Osservatorio Ambientale Istat sulle città: i risultati di Palermo e delle grandi città Anno 2012 Girolamo D Anneo Informazioni Statistiche N 2/2013 SETTEMBRE 2013 Sindaco:

Dettagli

Monitoraggio della Qualità dell Aria nel Comune di Avigliano Umbro

Monitoraggio della Qualità dell Aria nel Comune di Avigliano Umbro Monitoraggio della Qualità dell Aria nel Comune di Avigliano Umbro Aprile Maggio 2015 1 Pag / indice 03 / Scopo della campagna di monitoraggio 03 / Scelta del sito di monitoraggio 05 / Misure effettuate

Dettagli

ALLEGATO D ANALISI STATISTICA DEI DATI METEOROLOGICI

ALLEGATO D ANALISI STATISTICA DEI DATI METEOROLOGICI PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO AGENZIA PROVINCIALE PER LA PROTEZIONE DELL'AMBIENTE U.O. Tutela dell aria ed agenti fisici PIANO PROVINCIALE DI TUTELA DELLA QUALITÀ DELL ARIA ALLEGATO D ANALISI STATISTICA

Dettagli

Preg.mi. p.c. ENEL Produzione Centrale E.Montale Via Valdilocchi, 32 19136 La Spezia (SP) c.a. Sig. Cecchi

Preg.mi. p.c. ENEL Produzione Centrale E.Montale Via Valdilocchi, 32 19136 La Spezia (SP) c.a. Sig. Cecchi Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente Ligure Preg.mi Provincia della Spezia Settore Gestione Ambiente e Tutela Ambientale Via Vittorio Veneto, 2 19124 La Spezia c.a. Ing. R. Serafini p.c. ENEL

Dettagli

DOCUMENTO A SUPPORTO DEL PIANO DI RISANAMENTO DELLA QUALITA DELL ARIA

DOCUMENTO A SUPPORTO DEL PIANO DI RISANAMENTO DELLA QUALITA DELL ARIA Agenzia Regionale per la Prevenzione e l Ambiente dell Emilia-Romagna Via Po, n. 5 40139 - BOLOGNA tel 051/6223811 - fax 051/543255 P.IVA e C.F. 04290860370 Sezione Provinciale di Forlì-Cesena C.P. 345

Dettagli

Mobilità, qualità dell aria e cambiamenti climatici Michele Giugliano, Stefano Caserini (DIIAR, Politecnico di Milano) Roberta Pignatelli (ISPRA,

Mobilità, qualità dell aria e cambiamenti climatici Michele Giugliano, Stefano Caserini (DIIAR, Politecnico di Milano) Roberta Pignatelli (ISPRA, Mobilità, qualità dell aria e cambiamenti climatici Michele Giugliano, Stefano Caserini (DIIAR, Politecnico di Milano) Roberta Pignatelli (ISPRA, Roma) Sommario 1.Milano e il suo intorno: l evoluzione

Dettagli

A.R.P.A.V. - OSSERVATORIO REGIONALE ARIA. Regione del Veneto UNITA COMPLESSA TUTELA ATMOSFERA

A.R.P.A.V. - OSSERVATORIO REGIONALE ARIA. Regione del Veneto UNITA COMPLESSA TUTELA ATMOSFERA Piano Progressivo di Rientro del Piano Regionale di Tutela e Risanamento dell Atmosfera (P.R.T.R.A.) relativo alle polveri PM 10 (DGR n. 1408 del 16/05/2006) A.R.P.A.V. OSSERVATORIO REGIONALE ARIA e Regione

Dettagli

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria Comune di Spinea Viale Sanremo Periodo di attuazione: 1 dicembre 2013 30 novembre 2014 RELAZIONE TECNICA ARPAV Dipartimento Provinciale di Venezia Loris

Dettagli

le centraline fisse per il monitoraggio della qualità dell'aria (a) di tipo industriale nei comuni capoluogo di provincia - Anni 2013-2014

le centraline fisse per il monitoraggio della qualità dell'aria (a) di tipo industriale nei comuni capoluogo di provincia - Anni 2013-2014 POPOLAZIONE E SUPERFICIE Tavola 1.1 - Popolazione media dei comuni capoluogo di provincia - Anni 2008-2014 (valori assoluti) Superficie media dei comuni capoluogo di provincia - Anni 2008-2014 (km 2 )

Dettagli

Qualità dell Aria Città di Castello

Qualità dell Aria Città di Castello UNI EN ISO 9001:2008* (*) emissione di pareri tecnici ed esecuzione di controlli ambientali. Gestione reti di monitoraggio della qualità dell aria. Gestione reti di monitoraggio quantitativo e qualitativo

Dettagli

1.2 Emissioni climalteranti

1.2 Emissioni climalteranti 1.2 Emissioni climalteranti In tema di cambiamenti climatici il PRAA stabiliva l impegno a ridurre, nel periodo 2008-2012, le emissioni di gas serra del 6,5% rispetto ai valori del 1990, facendo proprio

Dettagli

Informazioni Statistiche N 8/2014

Informazioni Statistiche N 8/2014 Città di Palermo Ufficio Statistica Veicoli circolanti e immatricolati a Palermo nel 2013 Girolamo D Anneo Informazioni Statistiche N 8/2014 SETTEMBRE 2014 Sindaco: Segretario Generale: Capo Area della

Dettagli

P.A.T. RELAZIONE AGRONOMICA. Comune di Fontanelle. Provincia di Treviso Regione del Veneto. Piano di Assetto del Territorio

P.A.T. RELAZIONE AGRONOMICA. Comune di Fontanelle. Provincia di Treviso Regione del Veneto. Piano di Assetto del Territorio Comune di Fontanelle Provincia di Treviso Regione del Veneto P.A.T. RELAZIONE AGRONOMICA Piano di Assetto del Territorio Progettisti: Urb. Francesco Finotto Urb. Roberto Rossetto Arch. Valter Granzotto

Dettagli

Menz & Gasser Spa. Tri-generazione, energia verde

Menz & Gasser Spa. Tri-generazione, energia verde Menz & Gasser Spa Tri-generazione, energia verde Relazione del: 04/12/2015 1 1974-2015: 41 anni a Novaledo 2004 2016: 85 milioni di Euro di investimenti 2 Relazione del: 04/12/2015 Collaboratori & Fatturato

Dettagli

Valutazione degli impatti locali del traffico stradale nell'area di Dignano (S.R. 464)

Valutazione degli impatti locali del traffico stradale nell'area di Dignano (S.R. 464) Valutazione degli impatti locali del traffico stradale nell'area di Dignano (S.R. 464) Palmanova 10/06/2013 Introduzione La stima degli impatti locali delle strade nella città di Palmanova è stata effettuata

Dettagli

Le politiche del Comune di Lecco per la riduzione dell'inquinamento atmosferico

Le politiche del Comune di Lecco per la riduzione dell'inquinamento atmosferico CONVEGNO - 27 Marzo 2015 CHE ARIA TIRA INQUINAMENTO AMBIENTALE IN PROVINCIA DI LECCO: CONOSCERE PER PREVENIRE Le politiche del Comune di Lecco per la riduzione dell'inquinamento atmosferico Vittorio Campione,

Dettagli

RAPPORTO SULLA QUALITA DELL ARIA DI MILANO E PROVINCIA: ANNO 2002 (Aggiornamento al 31/03/2003)

RAPPORTO SULLA QUALITA DELL ARIA DI MILANO E PROVINCIA: ANNO 2002 (Aggiornamento al 31/03/2003) RAPPORTO SULLA QUALITA DELL ARIA DI MILANO E PROVINCIA: ANNO 2002 (Aggiornamento al 31/03/2003) Autore dei testi ed elaborazioni Giancarlo Tebaldi Dipartimento di Milano, ARPA Lombardia Hanno inoltre collaborato

Dettagli

Interventi per la riduzione del traffico in città - Zona Anti Congestione del Traffico

Interventi per la riduzione del traffico in città - Zona Anti Congestione del Traffico Interventi per la riduzione del traffico in città - Zona Anti Congestione del Traffico 16 settembre 2011 1 STRUTTURA DEL TRAFFICO IN ACCESSO ALL AREA ECOPASS Ingressi nella ZTL Cerchia dei Bastioni Dati

Dettagli

Meteorologia e Qualità dell'aria Dalla previsione alla prevenzione

Meteorologia e Qualità dell'aria Dalla previsione alla prevenzione Oggebbio (VB), 10 giugno 2005 Meteorologia e Qualità dell'aria Dalla previsione alla prevenzione Inquinamento da polveri sottili e ozono in Pianura Padana e nelle zone prealpine Ing. Gianluca Bertoni MeteoVarese

Dettagli

MUSEK WP N. 2. ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community.

MUSEK WP N. 2. ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community. MUSEK WP N. 2 ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community. MUNICIPALITY OF RAVENNA Maggio 2007 Sommario Il Comune di RAVENNA...Errore. Il segnalibro non è definito. 1 L

Dettagli

Indice. 1 - Caratterizzazione del contesto Pag.1 territoriale 1.1 Caratterizzazione del Pag.1 contesto territoriale 2 Le cause dell inquinamento

Indice. 1 - Caratterizzazione del contesto Pag.1 territoriale 1.1 Caratterizzazione del Pag.1 contesto territoriale 2 Le cause dell inquinamento RAPPORTO SULLA QUALITA DELL ARIA DI PAVIA E PROVINCIA ANNO 21 Indice 1 - Caratterizzazione del contesto Pag.1 territoriale 1.1 Caratterizzazione del Pag.1 contesto territoriale 2 Le cause dell inquinamento

Dettagli

CITTÀ DI CARMAGNOLA PROVINCIA DI TORINO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 299

CITTÀ DI CARMAGNOLA PROVINCIA DI TORINO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 299 COPIA CITTÀ DI CARMAGNOLA PROVINCIA DI TORINO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 299 OGGETTO: Piano d azione provinciale per il miglioramento della qualità dell aria - Nuove limitazioni del

Dettagli

Il prezzo al consumo è il risultato finale di queste componenti:

Il prezzo al consumo è il risultato finale di queste componenti: E notizia di tutti i giorni l inarrestabile corsa dei prezzi al consumo e, in particolare, quella dei prodotti appartenenti ai capitoli Prodotti Alimentari e Bevande Analcoliche, Abitazione, Acqua, elettricità

Dettagli

DATI SULLA PRODUZIONE ED OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA

DATI SULLA PRODUZIONE ED OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA REGIONE SICILIANA - ASSESSORATO INDUSTRIA UFFICIO SPECIALE PER IL COORDINAMENTO DELLE INIZIATIVE ENERGETICHE U.O. 2 DATI SULLA PRODUZIONE ED OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA AGGIORNATI AL MESE DI GIUGNO 2008

Dettagli

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria Comune di Noale Via S. Andrea e via Cerva Periodo di attuazione: 11 gennaio 11 febbraio 2014 13 febbraio 16 marzo 2014 RELAZIONE TECNICA INDICE 1. Introduzione

Dettagli

Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Sett Ott Nov Dic Tot. Tabella 1. Andamento richiesta energia elettrica negli anni 2013, 2014 e 2015

Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Sett Ott Nov Dic Tot. Tabella 1. Andamento richiesta energia elettrica negli anni 2013, 2014 e 2015 Marzo, 2016 Quadro energetico 1 La situazione dell energia elettrica in Italia nel 2015 in rapporto al 2014 presenta alcuni elementi caratteristici opposti rispetto al confronto tra 2014 e 2013: il timido

Dettagli

ARPAT Dipartimento Provinciale di Firenze

ARPAT Dipartimento Provinciale di Firenze ARPAT Dipartimento Provinciale di Firenze Seminario: FATTORI DI EMISSIONE DA TRAFFICO: DATI SPERIMENTALI IN ITALIA Organizzato da: ANPA CTN - ACE Centro Tematico Nazionale Atmosfera Clima Emissioni. Contributo:

Dettagli

Valutazioni e analisi di microinquinanti

Valutazioni e analisi di microinquinanti Valutazioni e analisi di microinquinanti LA RETE DI MONITORAGGIO CON STAZIONI FISSE SUL TERRITORIO REGIONALE 25 STAZIONI FISSE suddivise in 14 URBANE 9 INDUSTRIALI 2 RURALI ~ 150 parametri misurati Superamenti

Dettagli

VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10. 5.1 Introduzione

VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10. 5.1 Introduzione VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10 5.1 Introduzione Tra gli interventi finanziati dalla Regione Emilia Romagna per il 2004, ai fini della messa a punto di strumenti conoscitivi utili per

Dettagli

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria Comune di Camponogara Piazzale della Ferrovia - Calcroci Periodo di attuazione: 7 maggio 19 giugno 213 (semestre estivo) 4 ottobre 17 novembre 213 (semestre

Dettagli

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria Dipartimento Provinciale ARPAV di Via Lissa, 6 3171 Mestre - Italy Tel. +39 41 5445511 Fax +39 41 54455 e-mail: dapve@arpa.veneto.it Servizio Sistemi Ambientali Responsabile del Procedimento: Dr.ssa Luisa

Dettagli

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria Comune di Portogruaro Periodo di attuazione: 1 gennaio 2014 31 dicembre 2014 RELAZIONE TECNICA ARPAV Dipartimento Provinciale di Venezia Loris Tomiato Progetto

Dettagli

Febbraio, 2015. Lo scenario energetico 2014

Febbraio, 2015. Lo scenario energetico 2014 Febbraio, 2015 Lo scenario energetico 2014 Il quadro dell energia elettrica in Italia vede persistere due elementi caratteristici: il perdurare della crisi economica con conseguente riduzione della domanda

Dettagli

[ ] [ ] 5.2. Statistiche descrittive

[ ] [ ] 5.2. Statistiche descrittive traffico nei tratti stradali limitrofi (deficienza non trascurabile data la fitta tessitura che caratterizza la rete stradale mestrina). I dati ottenuti, però, possono fornire una stima del fenomeno ed

Dettagli

DIPARTIMENTO PROVINCIALE DI TORINO Struttura Semplice Attività di Produzione OGGETTO:

DIPARTIMENTO PROVINCIALE DI TORINO Struttura Semplice Attività di Produzione OGGETTO: DIPARTIMENTO PROVINCIALE DI TORINO Struttura Semplice Attività di Produzione OGGETTO: CAMPAGNA DI RILEVAMENTO DELLA QUALITÀ DELL'ARIA CON UTILIZZO DEL LABORATORIO MOBILE NEL COMUNE DI PIOSSASCO, via susa

Dettagli

6.5. Risultati simulazioni sistema rifiuti e riscaldamento

6.5. Risultati simulazioni sistema rifiuti e riscaldamento Capitolo 6 Risultati pag. 301 6.5. Risultati simulazioni sistema rifiuti e riscaldamento Come già detto nel paragrafo 5.8, i risultati riportati in questo paragrafo fanno riferimento alle concentrazione

Dettagli

O sservatorio M obilità S ostenibile

O sservatorio M obilità S ostenibile O sservatorio M obilità S ostenibile in I talia Indagine sulle principali 5 città edizione edizione 214 Lorenzo Bertuccio Direttore Scientifico Euromobility Roberto Maldacea Presidente A Euromobility cura

Dettagli

DATI SULLA PRODUZIONE ED OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA

DATI SULLA PRODUZIONE ED OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA REGIONE SICILIANA - ASSESSORATO INDUSTRIA UFFICIO SPECIALE PER IL COORDINAMENTO DELLE INIZIATIVE ENERGETICHE U.O. 2 DATI SULLA PRODUZIONE ED OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA AGGIORNATI AL MESE DI MARZO 2009

Dettagli

Qualità dell aria in provincia di Lecco. Vanda Berna-Anna De Martini ARPA Lombardia

Qualità dell aria in provincia di Lecco. Vanda Berna-Anna De Martini ARPA Lombardia Qualità dell aria in provincia di Lecco Vanda Berna-Anna De Martini ARPA Lombardia Qualche domanda. Ma si stava meglio una volta? La qualità della nostra aria migliora o peggiora? Quale è la principale

Dettagli

7 LA RETE DI MONITORAGGIO DELLA QUALITA DELL ARIA

7 LA RETE DI MONITORAGGIO DELLA QUALITA DELL ARIA 7 LA RETE DI MONITORAGGIO DELLA QUALITA DELL ARIA 7.1 LA RETE REGIONALE ESISTENTE La Regione Emilia Romagna ha iniziato le attività di rilevamento sistematico della qualità dell aria nella prima metà degli

Dettagli

Stato della qualità dell aria e sua evoluzione nell ultimo triennio; aggiornamento sulla rete strumentale

Stato della qualità dell aria e sua evoluzione nell ultimo triennio; aggiornamento sulla rete strumentale Stato della qualità dell aria e sua evoluzione nell ultimo triennio; aggiornamento sulla rete strumentale Conferenza dei Sindaci 20 Novembre 2008 Sala del Consiglio Provinciale Dott.ssa Fabrizia Capuano

Dettagli

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria Via S.Marco (cimitero comunale) Periodo di attuazione: 12 aprile 17 maggio 2013 (semestre estivo) 18 settembre 29 ottobre 2013 (semestre invernale) RELAZIONE

Dettagli

Progetto Whysol per la realizzazione di una centrale termoelettrica a olio vegetale in Comune di Zanica (BG).

Progetto Whysol per la realizzazione di una centrale termoelettrica a olio vegetale in Comune di Zanica (BG). Progetto Whysol per la realizzazione di una centrale termoelettrica a olio vegetale in Comune di Zanica (BG). Osservazioni a seguito della relazione di ARPA Lombardia e della disponibilità SEI alla cogenerazione.

Dettagli

Comune di Treviso RELAZIONE ANNUALE SULLA QUALITA DELL ARIA - ANNO 2001 -

Comune di Treviso RELAZIONE ANNUALE SULLA QUALITA DELL ARIA - ANNO 2001 - Comune di Treviso Settore 14 - Ambiente Servizio 85 - Monitoraggio Ambientale Tel: 0422.658428/493 Fax: 0422.658392 E-mail: ambientetv@hotmail.com web: www.comune.treviso.it RELAZIONE ANNUALE SULLA QUALITA

Dettagli

Campagna di monitoraggio di Meina Verifica effetto del provvedimento di Deviazione traffico pesante (5 agosto 29 settembre 2008)

Campagna di monitoraggio di Meina Verifica effetto del provvedimento di Deviazione traffico pesante (5 agosto 29 settembre 2008) STRUTTURA COMPLESSA 11 DIPARTIMENTO DI NOVARA Struttura Semplice SS 11.2 Campagna di monitoraggio di Meina Verifica effetto del provvedimento di Deviazione traffico pesante (5 agosto 29 settembre 28) Redazione

Dettagli

Appendice III. Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi

Appendice III. Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi Appendice III (articolo 5, comma 1 e art. 22 commi 5 e 7) Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi 1. Tecniche di modellizzazione 1.1 Introduzione. In generale,

Dettagli

DISTRIBUZIONE PERCENTUALE PER TIPOLOGIA DI ATTIVITÀ/INFRASTRUTTURE DELLE SORGENTI CONTROLLATE NEL LAZIO

DISTRIBUZIONE PERCENTUALE PER TIPOLOGIA DI ATTIVITÀ/INFRASTRUTTURE DELLE SORGENTI CONTROLLATE NEL LAZIO DISTRIBUZIONE PERCENTUALE PER TIPOLOGIA DI ATTIVITÀ/INFRASTRUTTURE DELLE SORGENTI CONTROLLATE NEL LAZIO Anno 2014 Inquadramento del tema Il rumore è fra le principali cause del peggioramento della qualità

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA DA BIOMASSE FRA PROBLEMA DELLA QUALITA DELL ARIA ED EMISSIONI DI ANIDRIDE CARBONICA

PRODUZIONE DI ENERGIA DA BIOMASSE FRA PROBLEMA DELLA QUALITA DELL ARIA ED EMISSIONI DI ANIDRIDE CARBONICA Produzione energetica da biomasse: aspetti tecnici, elementi gestionali, sostenibilità ambientale Cooperazione Trentina PRODUZIONE DI ENERGIA DA BIOMASSE FRA PROBLEMA DELLA QUALITA DELL ARIA ED EMISSIONI

Dettagli

Inventari delle emissioni e valutazione degli effetti di alcuni interventi per la riduzione delle emissioni da traffico

Inventari delle emissioni e valutazione degli effetti di alcuni interventi per la riduzione delle emissioni da traffico Inventari delle emissioni e valutazione degli effetti di alcuni interventi per la riduzione delle emissioni da traffico ARPA Ingegneria Ambientale Cristina Regazzi, Simonetta Tugnoli, Veronica Rumberti

Dettagli

L aria è la miscela dei gas che costituiscono l atmosfera. La sua composizione naturale può essere alterata dall immissione di altre sostanze dando

L aria è la miscela dei gas che costituiscono l atmosfera. La sua composizione naturale può essere alterata dall immissione di altre sostanze dando L aria è la miscela dei gas che costituiscono l atmosfera. La sua composizione naturale può essere alterata dall immissione di altre sostanze dando in questo modo origine al fenomeno dell inquinamento

Dettagli