Informazioni Statistiche N 2/2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Informazioni Statistiche N 2/2013"

Transcript

1 Città di Palermo Ufficio Statistica Osservatorio Ambientale Istat sulle città: i risultati di Palermo e delle grandi città Anno 2012 Girolamo D Anneo Informazioni Statistiche N 2/2013 SETTEMBRE 2013

2 Sindaco: Segretario Generale: Capo Area della Direzione Generale, Sviluppo e Pianificazione Strategica: Dirigente Ufficio Pianificazione Strategica Ufficio Statistica Responsabile Ufficio Statistica: Leoluca Orlando Fabrizio Dall Acqua Sergio Pollicita Margherita Amato Girolamo D Anneo Supplemento a PANORMUS Annuario di Statistica del Comune di Palermo Autorizzazione del Tribunale di Palermo n 19 del 19 agosto 1954 Direttore Responsabile: Editore: Direzione e Redazione: Girolamo D Anneo Comune di Palermo Ufficio Statistica Sistema Statistico Nazionale Via del quattro aprile, Palermo Tel Fax La riproduzione e la diffusione dei dati contenuti nella presente pubblicazione sono consentite a condizione di citare la fonte

3 PREMESSA L Istituto Nazionale di Statistica ha diffuso i primi risultati relativi al 2012 dell indagine Dati ambientali nelle città, che ha coinvolto tutti i comuni italiani capoluogo di regione e altri organismi operanti sul territorio comunale. I risultati diffusi, consultabili attraverso il sito internet dell Istat (www.istat.it), riguardano quattro diversi ambiti: Aria Rumore Trasporti Verde Urbano Il presente lavoro propone un campo di osservazione ristretto ai grandi comuni, fra i quali naturalmente rientra Palermo, e accompagna le tabelle con alcuni grafici che pongono a confronto, per gli indicatori più significativi, i risultati fatti registrare dalle città nel periodo Pag. 1

4 1. ARIA Informazioni statistiche n 2/2013: Osservatorio Ambientale Istat sulle città: i risultati di Palermo e delle grandi città A Palermo già dal 2005 sono attive 9 centraline fisse per il monitoraggio dell inquinamento atmosferico, anche se in alcuni anni alcune hanno avuto un rendimento medio annuo inferiore al 75%. Rapportando tale dato alla superficie comunale, il numero di centraline fisse ogni 100 km 2 di superficie a Palermo è pari a 5,6, contro una media nazionale di 1,6. Fra i grandi comuni, nel 2012 un solo Comune, Napoli, ha un numero di centraline ogni 100 km 2 più alto, anche a causa di una progressiva diminuzione registrata in diversi comuni (cfr. grafico 2.1). Grafico Centraline fisse di monitoraggio della qualità dell'aria con rendimento medio annuo di almeno il 75% per i grandi comuni - Anni (per 100 km 2 di superficie comunale) Con riferimento al numero massimo di giornate di superamento dei limiti 1 per il PM 10 (polveri sottili) in una centralina fissa di tipo traffico urbano, la città di Palermo ha fatto registrare nel 2012 un leggero miglioramento rispetto all anno precedente: si è infatti passati da 66 a 57 giornate, valore in ogni caso superiore al limite vigente di 35 giorni di superamento. Grafico 2.2 Numero massimo di giorni di superamento del limite per la protezione della salute umana previsto per il PM 10 nei grandi comuni - Anni Il risultato del 2012, peraltro, si pone fra i migliori fra i grandi comuni italiani (hanno fatto meglio soltanto Bari, Catania, Genova e Messina) g/m 3, ai sensi del D.M. 60/2002 Pag. 2

5 Fra le grandi città, nel 2012, il risultato peggiore è quello fatto registrare da Torino, con 118 giornate, seguita da Verona (104 giornate), Milano (97 giornate) e Venezia (97 giornate). Pag. 3

6 2. RUMORE Con riferimento all inquinamento acustico, Palermo, così come anche Milano, Bari e Catania, non ha approvato la zonizzazione acustica 2. Nel 2012 sono stati realizzati a Palermo 2,8 interventi di misura del rumore ogni 100 mila abitanti, valore in diminuzione rispetto ai 4,9 realizzati nel Grafico 2.1 Interventi di misura del rumore nei grandi comuni (per 100 mila abitanti) - Anni Nel confronto con gli altri grandi comuni italiani, il dato di Palermo è più elevato soltanto di quelli registrati a Bari e a Napoli. La media nazionale, riferita a tutti i comuni capoluogo di provincia, è pari a 7,8 interventi ogni 100 mila abitanti. A Palermo gli interventi hanno riguardato attività produttive (per l 11,1% delle misurazioni), attività commerciali (per l 83,3% delle misurazioni), e infrastrutture stradali (per il 5,6% delle misurazioni). Grafico 2.2 Interventi di misura del rumore per tipo di sorgente controllata Palermo Anno 2012 (composizione percentuale) 2 Suddivisione del territorio in base alle sei classi indicate nel DPCM 14/11/1997: aree particolarmente protette, aree destinate ad uso prevalentemente residenziale, aree di tipo misto, aree di intensa attività umana, aree prevalentemente industriali, aree esclusivamente industriali Pag. 4

7 3. TRASPORTI Palermo, al 31 dicembre 2012, è l unica grande città a non avere adottato il piano urbano del traffico, strumento tecnico amministrativo finalizzato ad analizzare e migliorare le condizioni di circolazione e di sicurezza stradale, a ridurre gli inquinamenti acustico e atmosferico, a consentire il risparmio energetico. La città di Palermo ha fatto registrare nel 2012 un livello della domanda di trasporto pubblico (espressa in termini di passeggeri annui trasportati dai mezzi di trasporto pubblico per abitante) estremamente basso, 42,9, il più basso fra tutte le grandi città, e pari ad appena un quinto del valore medio nazionale. Grafico Domanda di trasporto pubblico - Anni (passeggeri annui trasportati dai mezzi di trasporto pubblico per abitante) Fra le grandi città, spiccano i valori di Milano (689,2 passeggeri annui trasportati per abitante), Venezia 3 (655,7) e Roma (438,2), mentre le grandi città del sud sono tutte negli ultimi posti della graduatoria. Sul versante del trasporto privato, la città di Palermo ha fatto registrare nel 2012 un tasso di motorizzazione (autovetture per 1000 abitanti) pari a 590, in diminuzione rispetto al 2011 (596,9), e inferiore alla media nazionale (609,5 autovetture per 1000 abitanti). Grafico Tasso di motorizzazione per i grandi comuni - Anni (autovetture per abitanti) 3 Per Venezia si deve tener conto della specifica morfologia del territorio Pag. 5

8 Fra le grandi città italiane, sette fanno registrare tassi di motorizzazione inferiori a Palermo (Venezia 4, Genova, Bologna, Firenze, Milano, Bari e Napoli), mentre le rimanenti cinque tassi di motorizzazione superiori (Verona, Messina, Torino, Roma e Catania). Con riferimento ai motocicli, la città di Palermo ha fatto invece registrare una consistenza maggiore rispetto alla media nazionale: 186,5 motocicli per 1000 abitanti nel 2012, contro una media di 131,6. Peraltro, il valore fatto registrare da Palermo, in leggera diminuzione rispetto al 2011, è superato soltanto da Genova, Catania e Firenze. Grafico Consistenza dei motocicli per i grandi comuni - Anni (motocicli per abitanti) Con riferimento alla densità veicolare, ottenuta rapportando il numero complessivo di veicoli (adibiti sia al trasporto di persone che al trasporto di merci: motocarri, motocicli, autovetture, autobus, autocarri, trattori stradali, motrici, rimorchi e semirimorchi) alla superficie comunale, Palermo, con 3.411,5 veicoli per Km 2,risulta fra le città con il rapporto più elevato, dietro soltanto a Napoli, Milano e Torino (tutte con valori abbondantemente oltre veicoli per Km 2). Grafico 3.4 Densità veicolare per i grandi comuni - Anni (veicoli per Km 2 di superficie comunale) 4 Vedi nota 3 Pag. 6

9 4. VERDE URBANO Palermo e Bologna sono, fra le grandi città, le uniche ad aver approvato, al 31 dicembre 2012, tutti gli strumenti di pianificazione del verde: a Palermo il Piano del verde è stato approvato nel 2005, il Regolamento del verde nel 2008 e il Censimento del verde è stato effettuato nel A Palermo vi è una densità di aree naturali protette 5 del 25,9% della superficie comunale, valore sensibilmente superiore rispetto alla media nazionale (15,3%). L elevato valore di Palermo (ma anche di Genova e Napoli, e ancora di più di Messina, Venezia e Roma), è legato alla presenza, all interno dei rispettivi territori comunali, di vasti parchi naturali, di siti di interesse comunitario, di aree protette e boschi. Grafico Densità di aree naturali protette per i grandi comuni - Anno 2012 (percentuale sulla superficie comunale) La densità di verde urbano 6 a Palermo è pari al 4,2%, in aumento rispetto al 3,9% del 2011, e superiore alla media nazionale (2,8%). Fra i grandi comuni, i valori più elevati sono a Torino (16,5%) e a Milano (12,2%). Grafico Densità di verde urbano per i grandi comuni - Anno 2012 (percentuale sulla superficie comunale) 5 incidenza percentuale delle aree naturali protette sulla superficie comunale 6 incidenza percentuale del verde urbano sulla superficie comunale Pag. 7

10 Con riferimento alla disponibilità di verde urbano per abitante, Palermo nel 2012 ha fatto registrare un valore, 10,3 m 2 per abitante, inferiore alla media nazionale (31,4 m 2 per abitante), anche se in aumento rispetto al 9,6% del Fra le grandi Città, tutte quelle del Centro Nord e a Sud anche Catania hanno una maggiore disponibilità di verde urbano per abitante. Grafico Disponibilità di verde urbano per i grandi comuni - Anno 2012 (m 2 per abitante) Pag. 8

11 TAVOLE STATISTICHE Tavola Centraline fisse di monitoraggio della qualità dell'aria con rendimento medio annuo di almeno il 75% nei comuni capoluogo di provincia - Anni (per abitanti) Torino 0,8 0,7 0,7 0,7 0,4 M ilano 0,6 0,6 0,6 0,6 0,6 Verona 1,9 1,9 1,9 1,9 1,9 Venezia 4,5 3,3 3,0 1,5 1,9 Genova 3,8 3,3 3,3 2,8 2,0 Bologna 1,6 0,5 0,5 1,0 1,0 Firenze 1,4 1,4 1,4 1,3 1,3 Roma 0,4 0,4 0,5 0,5 0,5 Napoli 0,9 0,9 0,8 0,8 0,8 Bari 2,5 2,5 2,5 1,3 1,6 Palermo 1,4 1,4 0,9 0,5 1,4 M essina 2,1 2, ,4 Catania 4,7 4,7 1,4 1,4 1,7 Italia (a) 2,2 2,1 2,1 1,9 1,9 (a) La dicitura Italia si riferisce al complesso dei comuni capoluogo di provincia. Tavola Centraline fisse di monitoraggio della qualità dell'aria con rendimento medio annuo di almeno il 75% nei comuni capoluogo di provincia - Anni (per 100 km 2 di superficie comunale) Torino 5,4 4,6 4,6 4,6 3,1 M ilano 4,4 4,4 4,4 4,4 4,4 Verona 2,5 2,5 2,5 2,5 2,5 Venezia 2,9 2,2 1,9 1,0 1,2 Genova 9,6 8,3 8,3 7,1 5,0 Bologna 4,3 1,4 1,4 2,8 2,8 Firenze 4,9 4,9 4,9 4,9 4,9 Roma 0,9 0,9 1,0 1,0 1,0 Napoli 7,6 7,6 6,7 6,7 6,7 Bari 6,8 6,8 6,8 3,4 4,3 Palermo 5,6 5,6 3,7 1,9 5,6 M essina 2,3 2, ,5 Catania 7,7 7,7 2,2 2,2 2,7 Italia (a) 1,9 1,9 1,8 1,6 1,6 (a) La dicitura Italia si riferisce al complesso dei comuni capoluogo di provincia. Pag. 9

12 Tavola Numero di centraline fisse di monitoraggio della qualità dell'aria con rendimento medio annuo di almeno il 75% e indice di concentrazione territoriale delle centraline di tipo traffico, industriale e fondo nei comuni capoluogo di provincia (indice Italia = 1,0) - Anno 2012 Numero di centraline Concentrazione centraline di tipo traffico Concentrazione centraline di tipo industriale Concentrazione centraline di tipo fondo Torino 4 1,0-1,4 M ilano 8 1,2-1,0 Verona 5 1,6-0,5 Venezia 5 0,8 1,9 1,1 Genova 12 1,3 0,8 0,7 Bologna 4 0,5-2,0 Firenze 5 0,8-1,6 Roma 13 0,6-1,7 Napoli 8 1,7-0,3 Bari 5 1,2-1,1 Palermo 9 1,8-0,3 M essina 1 2,0 - - Catania 5 1,2-1,1 Italia (a) (b) (a) La dicitura Italia si riferisce al complesso dei comuni capoluogo di provincia. (b) I valori Italia corrispondono al totale di centraline con rendimento medio annuo di almeno il 75%. Pag. 10

13 Tavola Numero massimo di giorni di superamento del limite per la protezione della salute umana previsto per il PM 10 e valore più elevato della concentrazione media annua di PM 2,5 rilevato tra tutte le centraline fisse per il moniroraggio della qualità dell'aria (a) di tipo traffico nei comuni capoluogo di provincia - Anni Valore limite per la protezione della salute umana 50 μg/m 3 ( per 35 giorni di superamento) Torino M ilano Verona Venezia Genova Bologna Firenze Roma Napoli Bari Palermo M essina Catania Italia (b) PM10 Valore limite + margine di tolleranza 30 g/m 3 29,3 g/m 3 28,6 g/m 3 27,9 g/m 3 27,1 g/m Torino M ilano Verona Venezia 31, ,0 37,0... Genova ,1 22,3 19,3 Bologna 25,0 22,0 21,0 23,0 22,0 Firenze ,0 20,0 Roma 22,0 23,0 23,0 26,0 22,0 Napoli... 26,0 24,0 21,5 19,0 Bari ,0 Palermo 34, ,8 M essina Catania Italia (b) PM2,5 (a) Sono evidenziati i casi di superamento del limite di 24 ore per la protezione della salute umana oltre le 35 volte per anno civile per il PM 10 e dei valori della concentrazione media annua di PM 2,5 sopra il valore limite + il margine di tolleranza (D. Lgs. 155/2010). (b) La dicitura Italia si riferisce al complesso dei comuni capoluogo di provincia i cui valori sono evidenziati come indicato nella nota (a). Pag. 11

14 Tavola Numero massimo di giorni di superamento del limite per la protezione della salute umana previsto per il PM 10 e valore più elevato della concentrazione media annua di PM 2,5 rilevato tra tutte le centraline fisse per il monitoraggio della qualità dell'aria (a) di tipo industriale nei comuni capoluogo di provincia - Anni Torino M ilano Verona Venezia Genova Bologna Firenze Roma Napoli Bari Palermo M essina Catania Italia (b) PM10 Valore limite per la protezione della salute umana 50 μg/m 3 ( per 35 giorni di superamento) Valore limite + margine di tolleranza 30 g/m 3 29,3 g/m 3 28,6 g/m 3 27,9 g/m 3 27,1 g/m Torino M ilano Verona Venezia 35,0 32,0 30,0 35,0 32,0 Genova ,5 16,5... Bologna Firenze Roma Napoli Bari Palermo M essina Catania Italia (b) PM2,5 (a) Sono evidenziati i casi di superamento del limite di 24 ore per la protezione della salute umana oltre le 35 volte per anno civile per il PM 10 e dei valori della concentrazione media annua di PM 2,5 sopra il valore limite + il margine di tolleranza (D. Lgs. 155/2010). (b) La dicitura Italia si riferisce al complesso dei comuni capoluogo di provincia i cui valori sono evidenziati come indicato nella nota (a). Pag. 12

15 Tavola Numero massimo di giorni di superamento del limite per la protezione della salute umana previsto per il PM 10 e valore più elevato della concentrazione media annua di PM 2,5 rilevato tra tutte le centraline fisse per il monitoraggio della qualità dell'aria (a) di tipo fondo nei comuni capoluogo di provincia - Anni Valore limite per la protezione della salute umana 50 μg/m 3 ( per 35 giorni di superamento) Torino M ilano Verona Venezia Genova Bologna Firenze Roma Napoli Bari Palermo M essina Catania Italia (b) PM10 Valore limite + margine di tolleranza 30 g/m 3 29,3 g/m 3 28,6 g/m 3 27,9 g/m 3 27,1 g/m Torino 35,0 33,0 29,0 35,0 33,0 M ilano 32,0 30,0 25,0 33,0 29,0 Verona 28,0 27,0 24,0 28,0 24,0 Venezia 36,0 31,0 28,0 30,0 28,0 Genova... 16,0 14,8 14,1 11,1 Bologna... 17,0 17,0 20,0 18,0 Firenze ,0 16,0 Roma 19,0 19,0 18,0 22,0 21,0 Napoli ,0 Bari ,0 Palermo M essina Catania Italia (b) PM2,5 (a) Sono evidenziati i casi di superamento del limite di 24 ore per la protezione della salute umana oltre le 35 volte per anno civile per il PM 10 e dei valori della concentrazione media annua di PM 2,5 sopra il valore limite + il margine di tolleranza (D. Lgs. 155/2010). (b) La dicitura Italia si riferisce al complesso dei comuni capoluogo di provincia i cui valori sono evidenziati come indicato nella nota (a). Pag. 13

16 Tavola Numero massimo di giorni di superamento del limite per la protezione della salute umana previsto per il PM 10 e valore più elevato della concentrazione media annua di PM 2,5 rilevato tra tutte le centraline fisse per il monitoraggio della qualità dell'aria (a) per tipo di centralina (T - traffico, I - industriale, F - fondo o A - non classificata) nei comuni capoluogo di provincia - Anni PM10 Valore limite per la protezione della salute umana 50 μg/m 3 ( per 35 giorni di superamento) Torino 150 T 151 T 131 T 158 T 118 T M ilano 111 T 106 F 85 T 132 T 107 F Verona 89 T 92 T 69 T 129 T 104 T Venezia 112 T 101 T 108 T 108 T 97 T Genova 29 T 44 T 5 T 13 T 6 T Bologna 68 T 50 T 63 T 69 T 73 T Firenze 98 T 88 T 66 T 59 T 69 T Roma 81 T 67 T 39 T 69 T 57 T Napoli 135 T 170 T 95 T 62 F 86 T Bari 99 T 70 T 32 T 13 T 13 T Palermo 69 T 56 T 59 T 66 T 57 T M essina 48 T 50 T... F - T 1 T Catania 45 T 34 T 18 T 18 T 10 T Italia (b) Torino 35,0 F 33,0 F 29,0 F 35,0 F 33,0 F M ilano 32,0 F 30,0 F 25,0 F 33,0 F 29,0 F Verona 28,0 F 27,0 F 24,0 F 28,0 F 24,0 F Venezia 36,0 F 32,0 F 30,0 I 37,0 T 32,0 I Genova ,0 F 22,1 T 22,3 T 19,3 T Bologna 25,0 T 22,0 F 21,0 T 23,0 T 22,0 T Firenze ,0 T 20,0 T Roma 22,0 T 23,0 F 23,0 T 26,0 T 22,0 T Napoli ,0 F 24,0 T 21,5 T 19,0 F Bari ,0 T Palermo 34,0 T ,8 T M essina T Catania Italia (b) Valore limite + margine di tolleranza 30 g/m ,3 g/m ,6 g/m ,9 g/m ,1 g/m 3 (a) Sono evidenziati i casi di superamento del limite di 24 ore per la protezione della salute umana oltre le 35 volte per anno civile per il PM 10 e dei valori della concentrazione media annua di PM 2,5 sopra il valore limite + il margine di tolleranza (D. Lgs. 155/2010). (b) La dicitura Italia si riferisce al complesso dei comuni capoluogo di provincia i cui valori sono evidenziati come indicato nella nota (a). PM2, Pag. 14

17 Tavola Numero di centraline fisse di monitoraggio della qualità dell'aria, con rendimento medio annuo di almeno il 75%, che hanno misurato il PM 10 e la concentrazione media annua di PM 2,5 e percentuale di quelle che rispettivamente hanno ecceduto i 35 giorni di superamento del valore limite per la protezione della salute umana del PM 10 e il valore limite + il margine di tolleranza della concentrazione media annua del PM 2,5 per tipo di centraline (totale e di tipo fondo) nei comuni capoluogo di provincia - Anno 2012 PM 10 Valore limite per la protezione della salute umana 50 μg/m 3 ( per 35 giorni di superamento) Numero centraline con misurazione di cui % con più di 35 giorni di superamento Numero centraline di tipo fondo con misurazione di cui % con più di 35 giorni di superamento Torino M ilano Verona Venezia Genova Bologna Firenze Roma Napoli Bari Palermo M essina Catania Italia (a) Numero di cui % con centraline con valore misurazione maggiore di 27,1 µg/m 3 di cui % con valore maggiore di 27,1 µg/m 3 Torino M ilano Verona Venezia Genova Bologna Firenze Roma Napoli Bari Palermo M essina Catania Italia (a) (a) La dicitura Italia si riferisce al complesso dei comuni capoluogo di provincia. PM 2, 5 Valore limite + margine di tolleranza 27,1 g/m 3 Numero centraline di tipo fondo con misurazione Pag. 15

18 Tavola Approvazione della zonizzazione acustica e del piano di risanamento acustico nei comuni capoluoghi di provincia al 31 dicembre 2012 Zonizzazione acustica Approvata Anno di approvazione o dell'ultimo aggiornamento Piano di risanamento acustico A seguito della zonizzazione acustica Anno di approvazione Torino X 2010 X - V M ilano Verona X Venezia X 2005 X - A Genova X 2001 X 2010 L + V Bologna X 2010 X 1999 L + V Firenze X 2004 X 2004 L Roma X Napoli X Bari Palermo M essina X Catania Italia (c) M otivazione (a) (a) L= Sono stati superati i limiti di attenzione, cioè i livelli acustici che comportano un rischio per la salute umana o l'ambiente (Legge 447/95); V= Non si potevano rispettare i vincoli stabiliti per le diverse aree, individuate dalla zonizzazione acustica, a causa di preesistenti destinazioni d'uso; A= Altro: ad esempio contatto diretto tra aree i cui valori limite differiscono di più di 5 db; presenza di strutture sensibili, prevalentemente scuole, antistanti strade ad alto volume di traffico, ecc.. (c) La dicitura Italia si riferisce al complesso dei comuni capoluogo di provincia per i quali i dati sono disponibili. Tavola Interventi di misura del rumore nei comuni capoluogo di provincia - Anni (per abitanti) A seguito di esposti dei cittadini Senza esposti dei cittadini Totale A seguito di esposti dei cittadini Senza esposti dei cittadini Totale Torino 4,1 1,2 5,3 5,0 1,9 6,8 M ilano 5,6 0,2 5,8 5,2-5,2 Verona 1,5-1,5 1,5-1,5 Venezia 11,5 0,7 12,2 9,6 2,6 12,2 Genova 8,4 4,1 12,5 8,3 1,5 9,7 Bologna , ,4 Firenze 35,5-35,5 30,8-30,8 Roma 4,0-4,0 4,3-4,3 Napoli 2,7-2,7 1,6-1,6 Bari 0,3-0,3 0,6-0,6 Palermo 4,9-4,9 2,8-2,8 M essina 2,1 6,2 8,3 3,7 5,8 9,5 Catania 10,9 2,7 13,7 7,9 1,4 9,3 Italia (a) 7,5 1,6 9,0 7,8 1,6 9,3 (a) La dicitura Italia si riferisce al complesso dei comuni capoluogo di provincia per i quali i dati sono disponibili nell'anno di riferimento. Pag. 16

19 Tavola Interventi di misura del rumore con almeno un superamento dei limiti nei comuni capoluogo di provincia - Anni (per abitanti) Torino M ilano Verona Venezia Genova Bologna Firenze Roma Napoli Bari Palermo M essina Catania A seguito di esposti dei cittadini Senza esposti dei cittadini Totale A seguito di esposti dei cittadini Senza esposti dei cittadini Totale 4,1 1,2 5,3 4,5 1,7 6,2 3,4-3,4 3,5-3,5 0,8-0,8 1,5-1,5 11,5 0,4 11,8 8,9 1,1 10,0 2,8 1,3 4,1 2,8 0,3 3, , ,1 35,5-35,5 30,8-30,8 2,5-2,5 2,9-2,9 2,7-2,7 1,3-1, ,3-0,3 4,3-4,3 2,3-2,3 1,2 5,4 6,6 2,5 5,4 7, ,3-0,3 Italia (b) 4,5 0,5 5,0 4,6 0,6 5, (b) La dicitura Italia si riferisce al complesso dei comuni capoluogo di provincia per i quali i dati sono disponibili. Tavola Interventi di misura del rumore con almeno un superamento dei limiti nei comuni capoluogo di provincia - Anni (percentuale sul totale degli interventi effettuati per i quali si conoscono gli esiti ) Torino M ilano Verona Venezia Genova Bologna Firenze Roma Napoli Bari Palermo M essina Catania A seguito di esposti dei cittadini Senza esposti dei cittadini Totale A seguito di esposti dei cittadini Senza esposti dei cittadini Totale 100,0 100,0 100,0 91,1 88,2 90,3 60,0-57,7 68,6-68,6 50,0-50,0 100,0-100,0 100,0 50,0 97,0 92,3 42,9 81,8 33,3 32,0 32,9 34,0 22,2 32, , ,5 100,0-100,0 100,0-100,0 63,6-63,6 66,7-66,7 100,0-100,0 80,0-80, ,0-50,0 87,5-87,5 83,3-83,3 60,0 86,7 80,0 66,7 92,9 82, ,3-3,7 Italia (b) 60,4 50,3 58,9 59,5 36,2 55, (b) La dicitura Italia si riferisce al complesso dei comuni capoluogo di provincia per i quali i dati sono disponibili. Pag. 17

20 Tavola Interventi di misura del rumore per tipo di sorgente controllata nei comuni capoluogo di provincia - Anni (composizione percentuale) Inteventi totali (per ab.) Attività produttive Attività di Infrastrutture servizio e/o stradali commerciali Altro (a) Totale Inteventi totali (per ab.) Attività produttive Attività di servizio e/o commerciali Infrastrutture stradali Altro (a) Totale Torino 5,3 16,7 54,2 27,1 2,1 100,0 6,8 11,3 43,5 21,0 24,2 100,0 M ilano 5,8 6,4 89,7-3,8 100,0 5,2 21,4 78, ,0 Verona 1,5 25,0 25,0 50,0-100,0 1,5 25,0 75, ,0 Venezia 12,2-90,9 3,0 6,1 100,0 12,2 9,1 51,5 6,1 33,3 100,0 Genova 12,5 5,3 39,5 7,9 47,4 100,0 9,7 5,1 47,5 6,8 40,7 100,0 Bologna 2, ,0 75,0 100,0 3,4-76,9 23,1-100,0 Firenze 35,5 12,9 85,6-1,5 100,0 30,8 3,4 95,7-0,9 100,0 Roma 4,0 18,2 60,0 9,1 12,7 100,0 4,3 15,0 65,0 6,7 13,3 100,0 Napoli 2,7-96,2 3,8-100,0 1,6-100, ,0 Bari 0,3-100, ,0 0,6-100, ,0 Palermo 4,9 6,3 93, ,0 2,8 11,1 83,3 5,6-100,0 M essina 8,3-15,0 85,0-100,0 9,5-30,4 69,6-100,0 Catania 13,7 22,5 55,0 5,0 17,5 100,0 9,3 25,9 70,4-3,7 100,0 Italia (c) 9,0 13,0 64,6 8,4 14,0 100,0 9,3 13,8 63,5 9,2 13,5 100,0 (a) La voce Altro comprende le seguenti sorgenti di rumore: attività temporanee - quali cantieri e manifestazioni -, infrastrutture ferroviarie e metropolitane di superficie/trasporto collettivo su rotaia, infrastrutture aeroportuali, infrastrutture portuali e altro. (c) La dicitura Italia si riferisce al complesso dei comuni capoluogo di provincia per i quali i dati sono disponibili. Tavola Interventi di misura del rumore con almeno un superamento dei limiti per sorgente controllata nei comuni capoluogo di provincia - Anni (incidenza sul totale degli interventi effettuati per i quali si conoscono gli esiti) Attività produttive Attività di servizio e/o commerciali Infrastrutture stradali Altro (a) Totale Attività produttive Attività di servizio e/o commerciali Infrastrutture stradali Altro (a) Torino 100,0 100,0 100,0 100,0 100,0 100,0 100,0 92,3 66,7 90,3 M ilano 60,0 60, ,7 53,3 72, ,6 Verona 100,0-50,0-50,0 100,0 100, ,0 Venezia - 100,0 100,0 50,0 97,0 100,0 94,1 50,0 63,6 81,8 Genova 25,0 43,3 33,3 25,0 32,9 33,3 39,3 25,0 25,0 32,2 Bologna ,0-25,0-50,0 100,0-61,5 Firenze 100,0 100,0-100,0 100,0 100,0 100,0-100,0 100,0 Roma 75,0 60,6 80,0 50,0 63,6 66,7 67,9 62,5 62,5 66,7 Napoli - 100,0 100,0-100,0-80, ,0 Bari , ,0 Palermo - 93, ,5-100, ,3 M essina - 66,7 82,4-80,0-85,7 81,3-82,6 Catania , ,7 Italia (c) 56,2 62,9 53,7 34,0 58,9 57,5 60,5 41,2 35,6 55,6 Totale (a) La voce Altro comprende le seguenti sorgenti di rumore: attività temporanee - quali cantieri e manifestazioni -, infrastrutture ferroviarie e metropolitane di superficie/trasporto collettivo su rotaia, infrastrutture aeroportuali, infrastrutture portuali e altro. (c) La dicitura Italia si riferisce al complesso dei comuni capoluogo di provincia per i quali i dati sono disponibili. Pag. 18

21 Tavola Approvazione del Piano urbano del traffico (Put) nei comuni capoluogo di provincia (a) - Anni Torino X X X X X M ilano X X X X X Verona X X X X X Venezia X X X X X Genova X X X X X Bologna X X X X X Firenze X X X X X Roma X X X X X Napoli X X X X X Bari X X X X X Palermo M essina X X X X X Catania X Italia (e) (a) I Comuni con popolazione residente superiore a 30 mila abitanti hanno l'obbligo di adottare un Piano urbano del traffico (art. 36 del Nuovo codice della strada ). (e) Numero di comuni capoluogo di provincia che hanno approvato il Put. Tavola Domanda di trasporto pubblico nei comuni capoluogo di provincia (a) - Anni (passeggeri annui trasportati dai mezzi di trasporto pubblico per abitante) Torino 199,9 202,5 209,7 217,3 230,4 M ilano 696,1 702,3 702,3 699,2 689,2 Verona 138,5 143,5 146,3 155,8 148,7 Venezia 621,4 628,6 647,8 673,3 655,7 Genova 263,6 259,8 260,9 254,8 236,7 Bologna 254,7 249,2 249,2 243,8 246,4 Firenze 241,4 231,7 240,0 246,4 245,0 Roma 537,2 533,9 529,6 528,2 438,2 Napoli 228,4 216,9 217,4 202,0 173,2 Bari 70,0 76,1 79,2 61,5 63,4 Palermo 55,2 45,9 54,6 46,0 42,9 M essina 40,0 40,9 47,6 47,8 47,5 Catania 90,0 81,1 81,5 66,4 57,7 Italia (c) 228,2 226,7 227,6 225,6 208,9 (a) Passeggeri trasportati da autobus, tram, filobus, metropolitana e funicolare, nonché da altre modalità di trasporto pubblico urbano quali vaporetti, scale mobili, ascensori, ecc.. (c) La dicitura Italia si riferisce al complesso dei comuni capoluogo di provincia. Pag. 19

22 Tavola Tasso di motorizzazione nei comuni capoluogo di provincia - Anni (autovetture per abitanti) Torino 628,4 618,1 599,3 600,9 597,1 M ilano 557,9 550,4 544,5 543,2 528,8 Verona 598,5 593,6 595,3 603,2 592,1 Venezia 416,3 411,4 408,7 412,2 411,2 Genova 467,2 466,5 466,0 465,1 460,6 Bologna 528,8 523,6 518,8 520,4 508,2 Firenze 539,4 551,5 555,7 561,7 524,0 Roma 706,7 695,1 692,4 699,2 668,4 Napoli 571,6 575,5 577,5 573,8 565,2 Bari 563,9 565,9 566,3 565,4 560,7 Palermo 597,5 597,2 597,4 596,9 590,0 M essina 585,7 587,9 592,6 596,4 595,0 Catania 698,8 703,3 713,3 721,7 726,8 Italia (b) 614,9 611,2 610,7 614,0 609,5 Fonte: Elaborazioni Istat su dati ACI (b) La dicitura Italia si riferisce al complesso dei comuni capoluogo di provincia. Tavola Tasso di motorizzazione delle autovetture fino a euro 3 nei comuni capoluogo di provincia - Anni (autovetture per abitanti) Torino 384,3 346,1 315,9 294,9 274,6 M ilano 354,4 314,9 281,2 256,5 232,9 Verona 392,5 355,0 324,7 301,6 277,7 Venezia 279,0 252,4 230,8 216,5 200,9 Genova 305,1 276,7 253,4 234,8 218,3 Bologna 326,2 288,6 258,2 236,7 214,0 Firenze 332,9 294,6 264,5 240,8 217,3 Roma 426,8 386,3 354,0 333,9 309,7 Napoli 465,4 446,0 427,6 411,0 395,0 Bari 398,3 365,1 336,8 315,8 295,4 Palermo 434,0 403,1 377,2 358,2 339,4 M essina 432,2 402,7 379,7 363,2 347,4 Catania 550,5 527,3 511,9 501,1 491,2 Italia (a). 375,9 347,3 325,8 303,9 Fonte: Elaborazioni Istat su dati ACI (a) La dicitura Italia si riferisce al complesso dei comuni capoluogo di provincia. Pag. 20

23 Tavola Tasso di motorizzazione per le autovetture euro 4 o superiore nei comuni capoluogo di provincia - Anni (autovetture per abitanti) Torino 243,7 271,6 282,9 305,9 322,4 M ilano 203,1 235,1 262,9 286,4 295,7 Verona 205,7 238,1 270,2 301,4 314,2 Venezia 137,1 158,8 177,5 195,6 210,2 Genova 162,1 189,8 212,6 230,3 242,3 Bologna 202,5 234,9 260,5 283,7 294,1 Firenze 206,2 256,5 290,8 320,7 306,5 Roma 279,3 308,1 337,7 365,0 358,5 Napoli 104,5 127,6 148,1 162,1 169,6 Bari 165,3 200,4 229,0 249,4 265,2 Palermo 163,1 193,6 219,7 238,6 250,4 M essina 152,8 184,4 212,3 233,0 247,4 Catania 147,0 174,6 200,1 220,1 235,0 Italia (b). 234,8 262,9 288,0 305,3 Fonte: Elaborazioni Istat su dati ACI (b) La dicitura Italia si riferisce al complesso dei comuni capoluogo di provincia. Tavola Consistenza dei motocicili nei comuni capoluogo di provincia - Anni (motocicli per abitanti) Torino 71,8 73,7 75,3 77,1 77,8 M ilano 108,4 111,8 113,3 114,6 114,6 Verona 118,4 123,6 127,6 130,0 131,0 Venezia 63,4 64,5 65,0 66,3 66,0 Genova 216,3 220,5 224,6 227,5 228,1 Bologna 135,8 138,6 140,0 140,5 138,7 Firenze 184,7 189,6 192,3 192,5 190,0 Roma 143,7 145,7 146,9 147,3 148,2 Napoli 129,7 135,2 136,8 136,7 135,1 Bari 98,0 103,7 106,4 107,3 106,8 Palermo 172,1 180,0 184,9 187,0 186,5 M essina 141,8 149,7 156,7 160,4 162,4 Catania 197,4 207,5 214,2 217,9 220,0 Italia (a) 123,7 127,7 130,1 131,5 131,6 Fonte: Elaborazioni Istat su dati ACI (a) La dicitura Italia si riferisce al complesso dei comuni capoluogo di provincia. Pag. 21

24 Tavola Consistenza di motocicli fino a euro 2 nei comuni capoluogo di provincia - Anni (motocicli per abitanti) Torino 61,4 59,8 58,6 58,5 55,8 M ilano 87,1 82,6 78,5 75,8 71,1 Verona 97,6 93,5 90,0 86,4 81,9 Venezia 53,7 51,4 49,4 49,4 46,7 Genova 178,0 163,9 154,0 148,9 137,8 Bologna 107,8 102,3 97,2 93,4 87,6 Firenze 139,2 129,2 121,3 116,7 105,0 Roma 112,1 105,9 100,6 97,3 88,5 Napoli 103,8 100,9 97,9 97,6 91,0 Bari 82,4 80,2 77,8 78,1 72,8 Palermo 137,9 134,4 130,6 130,3 122,3 M essina 114,9 112,1 109,8 112,4 104,1 Catania 152,1 148,4 146,1 147,4 140,5 Italia (a). 96,9 93,3 92,4 85,9 Fonte: Elaborazioni Istat su dati ACI (a) La dicitura Italia si riferisce al complesso dei comuni capoluogo di provincia. Tavola Consistenza di motocicli euro 3 nei comuni capoluogo di provincia - Anni (motocicli per abitanti) Torino 10,4 13,8 16,7 20,0 21,8 M ilano 21,3 29,2 34,7 39,8 43,3 Verona 20,8 30,1 37,6 44,4 49,0 Venezia 9,7 13,1 15,6 17,8 19,3 Genova 38,3 56,7 70,5 82,4 90,3 Bologna 28,1 36,4 42,8 47,9 51,0 Firenze 45,4 60,4 71,0 79,7 84,7 Roma 31,6 39,8 46,2 51,0 59,6 Napoli 25,9 34,3 38,9 42,5 44,0 Bari 15,6 23,5 28,7 32,6 33,9 Palermo 34,2 45,6 54,3 61,3 64,0 M essina 26,8 37,6 46,9 53,7 58,0 Catania 45,3 59,0 68,1 75,3 79,3 Italia (a). 30,7 36,7 41,7 45,5 Fonte: Elaborazioni Istat su dati ACI (a) La dicitura Italia si riferisce al complesso dei comuni capoluogo di provincia. Pag. 22

25 Tavola Densità veicolare nei comuni capoluogo di provincia (a) - Anni (veicoli per km 2 di superficie comunale) Torino 5.503, , , , ,1 M ilano 5.333, , , , ,7 Verona 1.070, , , , ,1 Venezia 353,4 343,9 343,4 347,2 344,9 Genova 1.918, , , , ,7 Bologna 1.982, , , , ,1 Firenze 2.908, , , , ,4 Roma 1.976, , , , ,5 Napoli 6.239, , , , ,9 Bari 2.011, , , , ,6 Palermo 3.443, , , , ,5 M essina 890,5 898,6 912,0 918,3 915,8 Catania 1.616, , , , ,6 Italia (c) 718,3 711,9 716,0 723,6 721,7 Fonte: Elaborazioni Istat su dati ACI (a) Veicoli adibiti sia al trasporto di persone sia al trasporto di merci (motocarri e motocicli, autovetture, autobus, autocarri, trattori stradali o motrici nonché rimorchi e semirimorchi). (c) La dicitura Italia si riferisce al complesso dei comuni capoluogo di provincia. Pag. 23

26 Tavola Autovetture per tipo di alimentazione nei comuni capoluogo di provincia - Anni (composizione percentuale) Benzina Gasolio benzina/ gpl o Altro benzina/ (a) metano Totale Benzina Gasolio benzina/ gpl o Altro benzina/ (a) metano Totale Torino 57,9 35,4 6, ,0 58,8 32,7 8, ,0 M ilano 65,5 31,7 2, ,0 64,1 32,2 3, ,0 Verona 56,7 32,6 10, ,0 54,5 33,7 11, ,0 Venezia 61,5 29,8 8, ,0 59,5 30,7 9, ,0 Genova 66,0 31,5 2, ,0 64,5 32,5 2, ,0 Bologna 60,6 24,9 14, ,0 58,4 25,6 16, ,0 Firenze 64,2 30,2 5, ,0 62,5 31,2 6, ,0 Roma 59,1 37,2 3, ,0 58,0 37,5 4, ,0 Napoli 66,4 27,5 6, ,0 64,5 28,3 7, ,0 Bari 55,7 37,8 6, ,0 53,5 39,2 7, ,0 Palermo 68,8 28,1 3, ,0 66,6 29,1 4, ,0 M essina 67,7 30,1 2, ,0 65,8 31,6 2, ,0 Catania 68,2 28,5 3,2 0,1 100,0 66,5 29,7 3,7 0,1 100,0 Italia (b) 60,6 33,7 5, ,0 59,0 34,4 6, , Benzina Gasolio benzina/ gpl o Altro benzina/ (a) metano Totale Benzina Gasolio benzina/ gpl o Altro benzina/ (a) metano Totale Torino 57,4 34,1 8, ,0 56,8 34,0 9, ,0 M ilano 62,3 33,5 4, ,0 61,2 34,1 4,6 0,1 100,0 Verona 53,0 35,2 11, ,0 51,9 35,9 12, ,0 Venezia 58,2 32,1 9, ,0 56,7 33,4 9, ,0 Genova 63,7 33,4 3, ,0 62,7 34,1 3, ,0 Bologna 57,1 27,0 15, ,0 55,7 28,1 16, ,0 Firenze 61,2 32,6 6, ,0 60,7 32,4 6, ,0 Roma 56,7 38,8 4, ,0 56,6 38,5 4, ,0 Napoli 63,7 28,8 7, ,0 63,3 28,9 7, ,0 Bari 52,4 40,4 7, ,0 51,6 41,1 7, ,0 Palermo 65,6 30,0 4, ,0 64,6 30,7 4, ,0 M essina 64,6 32,8 2, ,0 63,6 33,7 2, ,0 Catania 65,4 30,8 3,7 0,1 100,0 64,6 31,4 3, ,0 Italia (b) 57,7 35,7 6, ,0 56,5 36,6 6, ,0 Fonte: Elaborazioni Istat su dati ACI (a) Ibrida elettrica, miscela o non identificato. (b) La dicitura Italia si riferisce al complesso dei comuni capoluogo di provincia. Pag. 24

27 Tavola Approvazione degli strumenti di pianificazione e governo del verde al 31 dicembre 2012 (a) Piano del verde Regolamento del verde Censimento del verde Approvato Anno di approvazione o dell'ultimo aggiornamento Approvato Anno di approvazione o dell'ultimo aggiornamento Effettuato Ultimo anno di effettuazione Torino - - X 2006 X 2007 M ilano (b) - - X 1995 X 2012 Verona X 2012 Venezia - - X 2009 X 2012 Genova - - X 2010 X 1999 Bologna X 1999 X 2009 X 2012 Firenze X 2012 Roma X 2011 Napoli Bari X 2012 Palermo X 2005 X 2008 X 2006 M essina X 2004 Catania X 2011 Italia (c) (a) Sono evidenziati i comuni che al 31 dicembre 2012 hanno approvato tutti gli strumenti di pianificazione del verde considerati e hanno anche effettuato il Censimento del verde. (b) Nei comuni di M ilano e Bergamo risulta adottato o approvato il Piano di Governo del Territorio (PGT), nel quale è recepito il piano dei servizi in cui è definito il sistema del verde urbano (art. 13 della L.R. 11 marzo 2005 n. 12). (c) La dicitura Italia si riferisce al complesso dei comuni capoluogo di provincia. Tavola Densità delle aree naturali protette nei comuni capoluogo di provincia - Anno 2012 (incidenza percentuale sulla superficie comunale) Densità aree naturali protette Torino 4,5 M ilano.. Verona 4,7 Venezia 62,7 Genova 25,4 Bologna 6,0 Firenze 2,3 Roma 31,8 Napoli 23,2 Bari 4,2 Palermo 25,9 M essina 70,0 Catania 15,0 Italia (a) 15,3 (a) La dicitura Italia si riferisce al complesso dei comuni capoluogo di provincia. Pag. 25

28 Tavola Densità del verde urbano nei comuni capoluogo di provincia - Anni (incidenza percentuale sulla superficie comunale) Torino 16,4 16,5 M ilano 12,0 12,2 Verona 4,0 4,1 Venezia 2,3 2,4 Genova 4,4 4,4 Bologna 8,1 8,2 Firenze 7,0 7,0 Roma 3,5 3,6 Napoli 5,7 5,7 Bari 2,1 2,1 Palermo 3,9 4,2 M essina 0,7 0,7 Catania 2,7 2,7 Italia (a) 2,7 2,8 (a) La dicitura Italia si riferisce al complesso dei comuni capoluogo di provincia. Tavola Disponibilità di verde urbano nei i comuni capoluogo di provincia - Anni (m 2 per abitante) Torino 23,6 23,6 M ilano 16,3 16,3 Verona 30,5 30,6 Venezia 35,8 36,3 Genova 17,2 17,3 Bologna 29,8 29,6 Firenze 19,1 18,9 Roma 16,5 16,5 Napoli 7,0 7,0 Bari 7,8 7,9 Palermo 9,6 10,3 M essina 6,3 6,3 Catania 17,1 17,3 Italia (a) 31,2 31,4 (a) La dicitura Italia si riferisce al complesso dei comuni capoluogo di provincia. Pag. 26

29 INDICE Informazioni statistiche n 2/2013: Osservatorio Ambientale Istat sulle città: i risultati di Palermo e delle grandi città PREMESSA ARIA RUMORE TRASPORTI VERDE URBANO... 7 TAVOLE STATISTICHE... 9 INDICE Pag. 27

Informazioni Statistiche N 3/2012

Informazioni Statistiche N 3/2012 Città di Palermo Ufficio Statistica Veicoli circolanti e immatricolati a Palermo nel 2011 Girolamo D Anneo Informazioni Statistiche N 3/2012 NOVEMBRE 2012 Sindaco: Assessore alla Statistica: Segretario

Dettagli

Informazioni Statistiche N 8/2014

Informazioni Statistiche N 8/2014 Città di Palermo Ufficio Statistica Veicoli circolanti e immatricolati a Palermo nel 2013 Girolamo D Anneo Informazioni Statistiche N 8/2014 SETTEMBRE 2014 Sindaco: Segretario Generale: Capo Area della

Dettagli

Informazioni Statistiche N 3/2013

Informazioni Statistiche N 3/2013 Città di Palermo Ufficio Statistica Veicoli circolanti e immatricolati a Palermo nel 2012 Girolamo D Anneo Informazioni Statistiche N 3/2013 NOVEMBRE 2013 Sindaco: Segretario Generale: Capo Area della

Dettagli

Informazioni Statistiche N 3/2009

Informazioni Statistiche N 3/2009 Città di Palermo Ufficio Statistica Veicoli circolanti e immatricolati a Palermo nel 2008 Girolamo D Anneo Informazioni Statistiche N 3/2009 AGOSTO 2009 Sindaco: Assessore alle Società ed Enti controllati

Dettagli

Informazioni Statistiche N 3/2010

Informazioni Statistiche N 3/2010 Città di Palermo Ufficio Statistica Veicoli circolanti e immatricolati a Palermo nel 2009 Girolamo D Anneo Informazioni Statistiche N 3/2010 NOVEMBRE 2010 Sindaco: Assessore ai Tributi e alla Statistica:

Dettagli

Legambiente - Ecosistema Urbano

Legambiente - Ecosistema Urbano Comune di Palermo Ufficio Statistica Statistica flash (29/10/2012) Legambiente - Ecosistema Urbano Il Sole 24 Ore ha pubblicato i risultati del 19 Rapporto di Legambiente Ecosistema Urbano. La di Palermo,

Dettagli

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2011. Ottobre 2012

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2011. Ottobre 2012 Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2011 Ottobre 2012 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di Marisa Corazza Nel 2011 parco

Dettagli

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2014

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2014 Il parco veicolare di Bologna al 31.12.214 Settembre 215 Capo Area Programmazione Controlli e Statistica: Gianluigi Bovini Dirigente U.I. Ufficio Comunale di Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura

Dettagli

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2009. Settembre 2010

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2009. Settembre 2010 Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2009 Settembre 2010 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di Marisa Corazza e Tiziana

Dettagli

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2013

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2013 Il parco veicolare di Bologna al 31.12.213 Ottobre 214 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di: Marisa Corazza 1 Nel 213 parco

Dettagli

Trasporti. Pagine tratte dal sito http://statistica.comune.bologna.it/cittaconfronto/ aggiornato al 24 marzo 2014

Trasporti. Pagine tratte dal sito http://statistica.comune.bologna.it/cittaconfronto/ aggiornato al 24 marzo 2014 Trasporti Pagine tratte dal sito http://statistica.comune.bologna.it/cittaconfronto/ aggiornato al 24 marzo 2014 Incidenti stradali Nel 2012, come comunicato dall'istat, si sono registrati in Italia 186.726

Dettagli

Legambiente - Ecosistema Urbano

Legambiente - Ecosistema Urbano Comune di Palermo Ufficio Statistica Statistica flash (29/10/2013) Legambiente - Ecosistema Urbano Il Sole 24 Ore ha pubblicato i risultati del Rapporto di Legambiente Ecosistema Urbano, giunto quest anno

Dettagli

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2008. Settembre 2009

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2008. Settembre 2009 Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2008 Settembre 2009 Direttore: Gianluigi Bovini Redazione a cura di Marisa Corazza Parco veicolare in diminuzione a Bologna negli ultimi 5 anni Secondo i dati forniti

Dettagli

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2012. Ottobre 2013

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2012. Ottobre 2013 Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2012 Ottobre 2013 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di Marisa Corazza Nel 2012 parco

Dettagli

Metano e trasporti per il governo della mobilità

Metano e trasporti per il governo della mobilità Parma, 16 marzo 2010 Metano e trasporti per il governo della mobilità Lo stato dell arte delle più recenti azioni di mobilità sostenibile promosse dal Ministero dell ambiente Arch. Giovanna Rossi Ministero

Dettagli

Mobilità urbana: in calo la domanda di trasporto pubblico e privato

Mobilità urbana: in calo la domanda di trasporto pubblico e privato 23 luglio 2013 Anno 2012 DATI AMBIENTALI NELLE CITTÀ QUALITÀ DELL AMBIENTE URBANO Nel 2012 il tasso di motorizzazione è di circa 609 autovetture per mille abitanti (-0,7% rispetto all anno precedente);

Dettagli

AREA AMBIENTE QUALITÀ DELL ARIA A TORINO

AREA AMBIENTE QUALITÀ DELL ARIA A TORINO AREA AMBIENTE QUALITÀ DELL ARIA A TORINO Maggio 2015 1 ARIA IN EUROPA 2 La qualità dell aria della nostra città dipende da: quantità di inquinanti emessi dalle varie attività umane; conformazione geografica

Dettagli

Indagine sulle principali 50 città

Indagine sulle principali 50 città Indagine sulle principali 50 città Lorenzo Bertuccio Direttore Scientifico Euromobility Gruppo di lavoro: Emanuela Cafarelli Marianna Rossetti L indagine prende in considerazione 50 Comuni: - tutti i capoluoghi

Dettagli

Lorenzo Bertuccio LA MOBILITA SOSTENIBILE IN ITALIA: INDAGINE SULLE PRINCIPALI 50 CITTA. Edizione 2012. Con il patrocinio di. Con il contributo di

Lorenzo Bertuccio LA MOBILITA SOSTENIBILE IN ITALIA: INDAGINE SULLE PRINCIPALI 50 CITTA. Edizione 2012. Con il patrocinio di. Con il contributo di LA MOBILITA SOSTENIBILE IN ITALIA: indagine sulle principali 50 città Lorenzo Bertuccio Direttore Scientifico Euromobility Gruppo di lavoro: Emanuela Cafarelli Aldo Di Berardino Marianna Rossetti L indagine

Dettagli

UN SISTEMA INTEGRATO DI INDICATORI PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE NELLE AREE URBANE ITALIANE

UN SISTEMA INTEGRATO DI INDICATORI PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE NELLE AREE URBANE ITALIANE UN SISTEMA INTEGRATO DI INDICATORI PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE NELLE AREE URBANE ITALIANE Silvia Brini Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) silvia.brini@isprambiente.it

Dettagli

le centraline fisse per il monitoraggio della qualità dell'aria (a) di tipo industriale nei comuni capoluogo di provincia - Anni 2013-2014

le centraline fisse per il monitoraggio della qualità dell'aria (a) di tipo industriale nei comuni capoluogo di provincia - Anni 2013-2014 POPOLAZIONE E SUPERFICIE Tavola 1.1 - Popolazione media dei comuni capoluogo di provincia - Anni 2008-2014 (valori assoluti) Superficie media dei comuni capoluogo di provincia - Anni 2008-2014 (km 2 )

Dettagli

Rapporto Osservasalute Aree metropolitane 2010

Rapporto Osservasalute Aree metropolitane 2010 Rapporto Osservasalute Aree metropolitane 2010 Atlante della salute nelle province metropolitane Migliore e peggiore performance provincia per provincia Torino: la provincia con i tassi di dimissione ospedaliera

Dettagli

Laboratorio di Informatica per il Corso di laurea triennale in Chimica Prova pratica di HTML. L?ambiente in città

Laboratorio di Informatica per il Corso di laurea triennale in Chimica Prova pratica di HTML. L?ambiente in città Laboratorio di Informatica per il Corso di laurea triennale in Chimica Prova pratica di HTML Data:Thu Jun 13 14:02:01 GMT+0200 (ora legale Europa occ.) 2002 L?ambiente in città Statistiche in breve - 10

Dettagli

ANIA. focus rcauto. Executive Summary. Statistica Trimestrale - Dati al 30/06/2005. Andamento degli indicatori tecnici

ANIA. focus rcauto. Executive Summary. Statistica Trimestrale - Dati al 30/06/2005. Andamento degli indicatori tecnici Executive Summary Andamento degli indicatori tecnici Nella prima metà dell anno, la frequenza dei sinistri denunciati al settore assicurativo per il complesso dei veicoli analizzati (pari al 9,00%), risulta

Dettagli

Pianificazione ed innovazione dei servizi per la mobilità sostenibile in Campania

Pianificazione ed innovazione dei servizi per la mobilità sostenibile in Campania Pianificazione ed innovazione dei servizi per la mobilità sostenibile in Campania ANNA DONATI Direttore Generale EnergyMed - 26 marzo 2009 - NAPOLI Peso del settore trasporti sulle emissioni e sui consumi

Dettagli

INQUINAMENTO ACUSTICO

INQUINAMENTO ACUSTICO INQUINAMENTO ACUSTICO S. CURCURUTO, R. SILVAGGIO APAT Dipartimento Stato dell Ambiente e Metrologia Ambientale Introduzione L inquinamento acustico riveste tuttora un ruolo prioritario nell ambito delle

Dettagli

Dati ambientali nelle città Indicatori sui trasporti urbani Anno 2007

Dati ambientali nelle città Indicatori sui trasporti urbani Anno 2007 25 marzo 2009 Dati ambientali nelle città Indicatori sui trasporti urbani Anno 2007 L Istat presenta un approfondimento sui trasporti urbani desunti dalla rilevazione Dati ambientali nelle città (i cui

Dettagli

STRUMENTI LEGISLATIVI PER LA TUTELA DEL CITTADINO E DELL AMBIENTE

STRUMENTI LEGISLATIVI PER LA TUTELA DEL CITTADINO E DELL AMBIENTE nell ambiente esterno STRUMENTI LEGISLATIVI PER LA TUTELA DEL CITTADINO E DELL AMBIENTE La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell'individuo e interesse della collettività, e garantisce

Dettagli

Comune di Padova Settore Programmazione Controllo e Statistica

Comune di Padova Settore Programmazione Controllo e Statistica Comune di Padova Settore Programmazione Controllo e Statistica Indicatori ambientali urbani 2007 La posizione di Padova rispetto alla media nazionale L'Istat ha presentato i risultati dell'indagine ambientale

Dettagli

Università degli Studi di Perugia

Università degli Studi di Perugia Università degli Studi di Perugia AGGIORNAMENTO DEL PIANO ENERGETICO E AMBIENTALE DEL COMUNE DI PERUGIA Allegato A ANALISI DEL PARCO VEICOLI CIRCOLANTI Committente Comune di Perugia Luogo e Data Perugia,

Dettagli

PERCENTUALE DEI SUPERAMENTI DEI LIMITI NORMATIVI RISPETTO AL NUMERO DEI CONTROLLI EFFETTUATI

PERCENTUALE DEI SUPERAMENTI DEI LIMITI NORMATIVI RISPETTO AL NUMERO DEI CONTROLLI EFFETTUATI PERCENTUALE DEI SUPERAMENTI DEI LIMITI NORMATIVI RISPETTO AL NUMERO DEI CONTROLLI EFFETTUATI Anno 2012 Inquadramento del tema L inquinamento acustico nelle aree urbane rappresenta una delle principali

Dettagli

Conferenza Stampa Lunedì 21 dicembre 2009

Conferenza Stampa Lunedì 21 dicembre 2009 Conferenza Stampa Lunedì 21 dicembre 2009 LA MOBILITA SOSTENIBILE IN ITALIA: indagine sulle principali 50 città Lorenzo Bertuccio Direttore Scientifico Euromobility Gruppo di lavoro: Emanuela Cafarelli

Dettagli

Norme Tecniche di Attuazione

Norme Tecniche di Attuazione COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO SETTORE SVILUPPO DEL TERRITORIO SERVIZIO URBANISTICA SERVIZIO AMBIENTE PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Lorenzo Bertuccio. Gruppo di lavoro: Emanuela Cafarelli Aldo Di Berardino Marianna Rossetti

Lorenzo Bertuccio. Gruppo di lavoro: Emanuela Cafarelli Aldo Di Berardino Marianna Rossetti LA MOBILITA SOSTENIBILE IN ITALIA: indagine sulle principali 50 città Lorenzo Bertuccio Direttore Scientifico Euromobility Gruppo di lavoro: Emanuela Cafarelli Aldo Di Berardino Marianna Rossetti L indagine

Dettagli

Lorenzo Bertuccio. Gruppo di lavoro: Emanuela Cafarelli Aldo Di Berardino Federica Parmagnani

Lorenzo Bertuccio. Gruppo di lavoro: Emanuela Cafarelli Aldo Di Berardino Federica Parmagnani 28 dicembre 2010 LA MOBILITA SOSTENIBILE IN ITALIA: indagine sulle principali 50 città Lorenzo Bertuccio Direttore Scientifico Euromobility Gruppo di lavoro: Emanuela Cafarelli Aldo Di Berardino Federica

Dettagli

COMUNE DI SALTARA PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI SALTARA PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI SALTARA PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE RELAZIONE METODOLOGICA AGGIORNAMENTO CLASSIFICAZIONE ACUSTICA PER VARIANTE PRG Dr. Giampietro Fusillo Docente di Fisica Ambientale

Dettagli

Popolazione. Pagine tratte dal sito http://statistica.comune.bologna.it/cittaconfronto/ aggiornato al 24 marzo 2014

Popolazione. Pagine tratte dal sito http://statistica.comune.bologna.it/cittaconfronto/ aggiornato al 24 marzo 2014 Popolazione Pagine tratte dal sito http://statistica.comune.bologna.it/cittaconfronto/ aggiornato al 24 marzo 2014 Popolazione L'Istat calcola che al 31 dicembre 2012 risiedono in Italia 59.685.227 persone.

Dettagli

Zonizzazione acustica comunale Regione Piemonte

Zonizzazione acustica comunale Regione Piemonte Zonizzazione acustica comunale Regione Piemonte Preparato da Fulvio Bartolucci Area Sicurezza&Ambiente Data 11 Giugno 2002 Sommario 1. Premessa 2 2. Riferimenti normativi 2 3. Definizioni 4 3.1 Le Zone

Dettagli

CONSUMI URBANI DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS METANO PER USO DOMESTICO E PER RISCALDAMENTO NEGLI ANNI 2000-2006 NELLE PRINCIPALI CITTÀ ITALIANE

CONSUMI URBANI DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS METANO PER USO DOMESTICO E PER RISCALDAMENTO NEGLI ANNI 2000-2006 NELLE PRINCIPALI CITTÀ ITALIANE CONSUMI URBANI DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS METANO PER USO DOMESTICO E PER RISCALDAMENTO NEGLI ANNI 2000-2006 NELLE PRINCIPALI CITTÀ ITALIANE D.SANTONICO APAT Dipartimento Stato dell Ambiente e Metrologia

Dettagli

QUALITÀ DELL AMBIENTE URBANO

QUALITÀ DELL AMBIENTE URBANO 22 luglio 2014 Anno 2013 QUALITÀ DELL AMBIENTE URBANO Nel 2013, per il secondo anno consecutivo, si riducono i tassi di motorizzazione nei capoluoghi di provincia: 613,2 autovetture e 132,7 motocicli ogni

Dettagli

Ambiente e territorio

Ambiente e territorio Ambiente e territorio Acqua Nel 2012 nel complesso dei comuni capoluoghi di provincia il consumo di acqua per uso civile domestico è pari a 172,1 litri per abitante al giorno, in costante diminuzione nell'ultimo

Dettagli

capitolo 11 ambiente

capitolo 11 ambiente capitolo 11 ambiente Nota metodologica ". Sono citati come "Grandi Comuni" i comuni con popolazione superiore ai 200 mila abitanti o centro di area metropolitana qui di seguito elencati: Torino, Genova,

Dettagli

Mobilità, qualità dell aria e cambiamenti climatici Michele Giugliano, Stefano Caserini (DIIAR, Politecnico di Milano) Roberta Pignatelli (ISPRA,

Mobilità, qualità dell aria e cambiamenti climatici Michele Giugliano, Stefano Caserini (DIIAR, Politecnico di Milano) Roberta Pignatelli (ISPRA, Mobilità, qualità dell aria e cambiamenti climatici Michele Giugliano, Stefano Caserini (DIIAR, Politecnico di Milano) Roberta Pignatelli (ISPRA, Roma) Sommario 1.Milano e il suo intorno: l evoluzione

Dettagli

2.2 Inquinamento acustico

2.2 Inquinamento acustico Relazione ambiente 2 8-09-2011 14:36 Pagina 49 RELAZIONE SULLO STATO DELL AMBIENTE 2011 2.2 Inquinamento acustico L'inquinamento acustico è dovuto a un'eccessiva esposizione a suoni e rumori di elevata

Dettagli

PROGRESS: UN CODICE PER IL CALCOLO DELLE EMISSIONI DA VEICOLI STRADALI IN AMBITO URBANO

PROGRESS: UN CODICE PER IL CALCOLO DELLE EMISSIONI DA VEICOLI STRADALI IN AMBITO URBANO VIII Incontro EXPERT PANEL EMISSIONI DA TRASPORTO STRADALE Roma, 5 novembre 2003 PROGRESS: UN CODICE PER IL CALCOLO DELLE EMISSIONI DA VEICOLI STRADALI IN AMBITO URBANO Massimo Capobianco, Giorgio Zamboni

Dettagli

INDICATORI DI EFFICIENZA ENERGETICA E PREVISIONE DEI

INDICATORI DI EFFICIENZA ENERGETICA E PREVISIONE DEI INDICATORI DI EFFICIENZA ENERGETICA E PREVISIONE DEI CONSUMI DI ENERGIA AL 2010 NELLO SCENARIO TENDENZIALE 6 - ASPETTI METODOLOGICI 7 - INDICATORI DI EFFICIENZA ENERGETICA NEI SETTORI INDUSTRIA, TERZIARIO,

Dettagli

FIGURA 1. INDICATORI DI DOMANDA DI TRASPORTO PRIVATO. COMPLESSO DEI COMUNI CAPOLUOGO DI PROVINCIA Variazione percentuale 2009/2008 16,3

FIGURA 1. INDICATORI DI DOMANDA DI TRASPORTO PRIVATO. COMPLESSO DEI COMUNI CAPOLUOGO DI PROVINCIA Variazione percentuale 2009/2008 16,3 5 aprile 2011 Anno 2009 TRASPORTI URBANI Nel 2009 gli incentivi statali all acquisto di veicoli nuovi hanno esercitato effetti positivi sull ambiente, che ha risentito positivamente anche del miglioramento

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE AMBIENTALE: ESPERIENZE E OPPORTUNITÀ PER I COMUNI

RIQUALIFICAZIONE AMBIENTALE: ESPERIENZE E OPPORTUNITÀ PER I COMUNI RIQUALIFICAZIONE AMBIENTALE: ESPERIENZE E OPPORTUNITÀ PER I COMUNI Forlì, 15 giugno 2009 Premessa Nel 1800 meno del 3% della popolazione mondiale viveva nelle città. Nel 1900 erano 150 milioni le persone

Dettagli

O sservatorio M obilità S ostenibile

O sservatorio M obilità S ostenibile O sservatorio M obilità S ostenibile in I talia Indagine sulle principali 5 città edizione edizione 214 214 Lorenzo Bertuccio Direttore Scientifico Euromobility Roberto Maldacea Presidente Euromobility

Dettagli

Informazioni Statistiche N 2/2007

Informazioni Statistiche N 2/2007 Città di Palermo Ufficio Statistica Osservatorio Ambientale Istat sulle città: i risultati di Palermo e delle grandi città Girolamo D Anneo Informazioni Statistiche N 2/2007 OTTOBRE 2007 Sindaco: Assessore

Dettagli

INDICE pag. 01. 1.1.) Le infrastrutture pag. 02. 1.2.) Le previsioni del P.R.G. pag. 03

INDICE pag. 01. 1.1.) Le infrastrutture pag. 02. 1.2.) Le previsioni del P.R.G. pag. 03 INDICE pag. 01 1.) Le infrastrutture e le previsioni del P.R.G. pag. 02 1.1.) Le infrastrutture pag. 02 1.2.) Le previsioni del P.R.G. pag. 03 2.) Gli effetti delle previsioni della Variante al P.R.G.

Dettagli

Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità. Rapporto sulla qualità dell aria della città di Piacenza 2003-2004

Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità. Rapporto sulla qualità dell aria della città di Piacenza 2003-2004 Rapporto sulla qualità dell aria della città di Piacenza 23-24 Comune di Piacenza Quadro evolutivo PTS NO 2 CO O 3 Giordani, Giordani, Stazioni considerate Passeggio, Medaglie d Oro, Medaglie d Oro, Roma

Dettagli

UNRAE. Conferenza Stampa. Milano, 15 dicembre 2011

UNRAE. Conferenza Stampa. Milano, 15 dicembre 2011 UNRAE Conferenza Stampa Milano, 15 dicembre 2011 Mercato italiano delle autovetture 2011/2010 1.961.472 1.750.000 2010 2011 * - 10,8% Elaborazioni Centro Studi UNRAE * stime Mercato europeo delle autovetture

Dettagli

I Sistemi Locali del Lavoro della Provincia della Brianza. Istat - Ufficio Statistica e Studi Comune di Monza. Introduzione

I Sistemi Locali del Lavoro della Provincia della Brianza. Istat - Ufficio Statistica e Studi Comune di Monza. Introduzione I Sistemi Locali del Lavoro della Provincia della Brianza Istat - Ufficio Statistica e Studi Comune di Monza Introduzione L Istat ha diffuso le informazioni sui Sistemi Locali del Lavoro (*) individuati

Dettagli

O sservatorio M obilità S ostenibile

O sservatorio M obilità S ostenibile O sservatorio M obilità S ostenibile in I talia Indagine sulle principali 5 città edizione edizione 214 Lorenzo Bertuccio Direttore Scientifico Euromobility Roberto Maldacea Presidente A Euromobility cura

Dettagli

LA MOBILITA COLLETTIVA E IL TRASPORTO PUBBLIC0. Ing. Nadia Amitrano Servizio Innovazioni Tecnologiche, ASSTRA

LA MOBILITA COLLETTIVA E IL TRASPORTO PUBBLIC0. Ing. Nadia Amitrano Servizio Innovazioni Tecnologiche, ASSTRA LA MOBILITA COLLETTIVA E IL TRASPORTO PUBBLIC0 Ing. Nadia Amitrano Servizio Innovazioni Tecnologiche, ASSTRA 1 I PRINCIPALI DATI DI ASSTRA I PRINCIPALI DATI DELLE AZIENDE ADERENTI AD ASSTRA Membri associati

Dettagli

MOBILITY MANAGEMENT UNA SOLUZIONE PER LA MOBILITA SOSTENIBILE DELL AREA VARESINA Varese, 14 maggio 2010

MOBILITY MANAGEMENT UNA SOLUZIONE PER LA MOBILITA SOSTENIBILE DELL AREA VARESINA Varese, 14 maggio 2010 Mobilità e competitività ità le azioni della Camera di Commercio di Varese MOBILITY MANAGEMENT UNA SOLUZIONE PER LA MOBILITA SOSTENIBILE DELL AREA VARESINA Varese, 14 maggio 2010 I FLUSSI DI LAVORATORI

Dettagli

Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro

Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro 4 agosto 2014 L Istat diffonde i dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni relativi agli spostamenti pendolari

Dettagli

ACUSTICA E INQUINAMENTO DA RUMORE

ACUSTICA E INQUINAMENTO DA RUMORE ACUSTICA E INQUINAMENTO DA RUMORE IL SUONO Propagarsi di onde meccaniche in un mezzo. Le onde fanno vibrare la membrana del timpano dando la sensazione sonora. La frequenza del suono è data dal numero

Dettagli

PIANO D AZIONE PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AGGLOMERATO TORINESE PROPOSTA DI SCENARI DI LIMITAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE VEICOLARE

PIANO D AZIONE PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AGGLOMERATO TORINESE PROPOSTA DI SCENARI DI LIMITAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE VEICOLARE Servizio Qualità dell Aria e Risorse Energetiche PIANO D AZIONE PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AGGLOMERATO TORINESE PROPOSTA DI SCENARI DI LIMITAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE VEICOLARE INVERNO

Dettagli

INQUINAMENTO ACUSTICO

INQUINAMENTO ACUSTICO Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria INQUINAMENTO ACUSTICO Ing. Giorgio Baldinelli RIFERIMENTI NORMATIVI NAZIONALI: D.P.C.M. 01/03/91 Limiti massimi di esposizione al rumore negli ambienti

Dettagli

Benefici ambientali del GPL per autotrazione - Sintesi 1

Benefici ambientali del GPL per autotrazione - Sintesi 1 Benefici ambientali del GPL per autotrazione - Sintesi 1 Introduzione Il traffico è la causa principale dell inquinamento urbano. Nelle aree urbane e metropolitane si sviluppa circa il 70 per cento di

Dettagli

967 scippi ogni 100 mila abitanti nel 1985 a 138 nel 2006), ma di considerevoli proporzioni anche nella Capitale (da 269 reati ogni 100 mila abitanti

967 scippi ogni 100 mila abitanti nel 1985 a 138 nel 2006), ma di considerevoli proporzioni anche nella Capitale (da 269 reati ogni 100 mila abitanti 17. Criminalità L analisi dei dati sulla criminalità relativi al 2006 evidenzia una diffusione di reati nella provincia di Roma significativamente più elevata di quella rilevata complessivamente nel territorio

Dettagli

Censimento industria e servizi

Censimento industria e servizi Censimento industria e servizi Pagine tratte dal sito http://statistica.comune.bologna.it/cittaconfronto/ aggiornato al 24 marzo 2014 Censimento Industria e Servizi Il Censimento generale dell industria

Dettagli

Il trasporto pubblico locale

Il trasporto pubblico locale Un volano per l innovazione? Il trasporto pubblico locale Emanuele Galossi (IRES-CGIL) Presentazione n. 13/2011 Roma, 13 giugno 2011 TPL: alcuni dati di sintesi Operatori 1.260 Passeggeri trasportati 15

Dettagli

Informazioni Statistiche N 5/2014

Informazioni Statistiche N 5/2014 Città di Palermo Ufficio Statistica Osservatorio Ambientale Istat sulle città: i risultati di Palermo e delle grandi città - Anno 2012 I rifiuti urbani e la raccolta differenziata Girolamo D Anneo Informazioni

Dettagli

Gli incidenti stradali a Palermo nel 2014

Gli incidenti stradali a Palermo nel 2014 Unità di Staff Statistica Statistica flash (18/11/2015) Gli incidenti stradali a Palermo nel 2014 GLI INCIDENTI STRADALI A Palermo, nel 2014, si sono verificati 2.227 incidenti stradali con lesioni a persone,

Dettagli

Assessore allíuniversità e Ricerca Scientifica, Innovazione Tecnologica e Nuova Economia, Sistemi Informativi e Statistica: Prof.

Assessore allíuniversità e Ricerca Scientifica, Innovazione Tecnologica e Nuova Economia, Sistemi Informativi e Statistica: Prof. Assessore allíuniversità e Ricerca Scientifica, Innovazione Tecnologica e Nuova Economia, Sistemi Informativi e Statistica: Prof. Luigi Nicolais Coordinatore Area e Dirigente Settore Sistemi Informativi

Dettagli

6 - Interventi e indicatori di risposta

6 - Interventi e indicatori di risposta 6 - Interventi e indicatori di risposta 6.1 Gli adempimenti previsti dalla legislazione Tra le azioni attuate dal Comune di Padova in risposta a precise disposizioni di legge in materia di inquinamento

Dettagli

IL PIANO DI RISANAMENTO ACUSTICO DEL COMUNE DI GENOVA: FASE OPERATIVA, METODOLOGIA DI ANALISI D.C.C. 140/2010.

IL PIANO DI RISANAMENTO ACUSTICO DEL COMUNE DI GENOVA: FASE OPERATIVA, METODOLOGIA DI ANALISI D.C.C. 140/2010. IL PIANO DI RISANAMENTO ACUSTICO DEL COMUNE DI GENOVA: FASE OPERATIVA, METODOLOGIA DI ANALISI D.C.C. 140/2010. Grazia Mangili 1, Eliana Botti 2, Cecilia Maggi 3 1 Comune di Genova/Direzione Ambiente Igiene

Dettagli

D.P.C.M. 14 novembre 1997 Determinazione dei valori limite delle sorgenti sonore.

D.P.C.M. 14 novembre 1997 Determinazione dei valori limite delle sorgenti sonore. D.P.C.M. 14 novembre 1997 Determinazione dei valori limite delle sorgenti sonore. IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Vista la legge 26 ottobre 1995, n. 447, recante "Legge quadro sull'inquinamento

Dettagli

con il patrocinio di:

con il patrocinio di: Conferenza stampa LA MOBILITA SOSTENIBILE IN ITALIA, 17 dicembre 28 Fondazione Europea Dragan - Foro Traiano 1/A INDAGINE SULLE PRINCIPALI 5 CITTA Lorenzo Bertuccio Direttore Scientifico AO TO NO SS Monza

Dettagli

Corso di Formazione per TEC ICO COMPETE TE I ACUSTICA AMBIE TALE - Anno 2011 -

Corso di Formazione per TEC ICO COMPETE TE I ACUSTICA AMBIE TALE - Anno 2011 - Corso di Formazione per TEC ICO COMPETE TE I ACUSTICA AMBIE TALE - Anno 2011 - Modulo 1 Ore 8 Elementi di fisica acustica - 25 e 26 marzo 2011 - Suono: formazione, propagazione lunghezza d onda e frequenze

Dettagli

Unità di Staff Statistica. Sistema Statistico Nazionale. StatNews 9/11/2015. Legambiente Ecosistema Urbano

Unità di Staff Statistica. Sistema Statistico Nazionale. StatNews 9/11/2015. Legambiente Ecosistema Urbano StatNews 9/11/2015 Legambiente Ecosistema Urbano Il Sole 24 Ore ha pubblicato il 26 ottobre scorso i risultati del Rapporto di Legambiente Ecosistema Urbano, giunto quest anno alla ventiduesima edizione.

Dettagli

L OFFERTA DI ABITAZIONI IN AFFITTO INDAGINE SULLE OFFERTE LOCATIVE NELLE AREE METROPOLITANE CANONI MEDI E INCIDENZE SUI REDDITI DELLE FAMIGLIE

L OFFERTA DI ABITAZIONI IN AFFITTO INDAGINE SULLE OFFERTE LOCATIVE NELLE AREE METROPOLITANE CANONI MEDI E INCIDENZE SUI REDDITI DELLE FAMIGLIE L OFFERTA DI ABITAZIONI IN AFFITTO INDAGINE SULLE OFFERTE LOCATIVE NELLE AREE METROPOLITANE CANONI MEDI E INCIDENZE SUI REDDITI DELLE FAMIGLIE SUNIA Ufficio Studi L'indagine effettuata fa parte di un monitoraggio

Dettagli

8. Mercato immobiliare

8. Mercato immobiliare 8. Mercato immobiliare Indice delle tabelle 8.1 Andamento dei prezzi medi di vendita del mercato residenziale a Roma e Milano. Serie storica dal 1986 al 2002. 8.2 Andamento dei prezzi medi di vendita del

Dettagli

DOCUMENTO A SUPPORTO DEL PIANO DI RISANAMENTO DELLA QUALITA DELL ARIA

DOCUMENTO A SUPPORTO DEL PIANO DI RISANAMENTO DELLA QUALITA DELL ARIA Agenzia Regionale per la Prevenzione e l Ambiente dell Emilia-Romagna Via Po, n. 5 40139 - BOLOGNA tel 051/6223811 - fax 051/543255 P.IVA e C.F. 04290860370 Sezione Provinciale di Forlì-Cesena C.P. 345

Dettagli

CONOSCERE LE CITTA METROPOLITANE: QUALI DATI, QUALI ANALISI. Firenze, 07 maggio 2015

CONOSCERE LE CITTA METROPOLITANE: QUALI DATI, QUALI ANALISI. Firenze, 07 maggio 2015 CONOSCERE LE CITTA METROPOLITANE: QUALI DATI, QUALI ANALISI Firenze, 07 maggio 2015 1 Le 14 città metropolitane italiane. Un primo sguardo Le città metropolitane coprono il 17% del territorio italiano

Dettagli

A.R.P.A.V. - OSSERVATORIO REGIONALE ARIA. Regione del Veneto UNITA COMPLESSA TUTELA ATMOSFERA

A.R.P.A.V. - OSSERVATORIO REGIONALE ARIA. Regione del Veneto UNITA COMPLESSA TUTELA ATMOSFERA Piano Progressivo di Rientro del Piano Regionale di Tutela e Risanamento dell Atmosfera (P.R.T.R.A.) relativo alle polveri PM 10 (DGR n. 1408 del 16/05/2006) A.R.P.A.V. OSSERVATORIO REGIONALE ARIA e Regione

Dettagli

Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità

Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità RAPPORTO SULLA QUALITA DELL ARIA DELLA CITTA DI PIACENZA 23-24 Con il Rapporto sulla qualità dell aria della città di Piacenza 23-24

Dettagli

CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE UFFICIO DI STATISTICA PROGRAMMA STATISTICO NAZIONALE MODELLO MGG00129

CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE UFFICIO DI STATISTICA PROGRAMMA STATISTICO NAZIONALE MODELLO MGG00129 CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE UFFICIO DI STATISTICA PROGRAMMA STATISTICO NAZIONALE MODELLO MGG00129 Indici territoriali di ricorso per Cassazione anno - 2013 SOMMARIO Introduzione 1. Indici di ricorso per

Dettagli

Indicatori ambientali urbani

Indicatori ambientali urbani 28 luglio 2010 Indicatori ambientali urbani Anno 2009 L'Istat presenta i risultati della rilevazione sugli indicatori ambientali urbani che, oltre agli Uffici di statistica comunali, ha coinvolto altri

Dettagli

EMISSIONI DA TRAFFICO E QUALITA DELL ARIA: ELEMENTI PER LA GESTIONE NELLA CITTA DI MILANO

EMISSIONI DA TRAFFICO E QUALITA DELL ARIA: ELEMENTI PER LA GESTIONE NELLA CITTA DI MILANO EMISSIONI DA TRAFFICO E QUALITA DELL ARIA: ELEMENTI PER LA GESTIONE NELLA CITTA DI MILANO Hanno collaborato: dott.. Bruno Villavecchia dott.. Marco Bedogni per l Agenzia Mobilità e Ambiente s.r.l. prof..

Dettagli

Indicatori ambientali urbani Anno 2008

Indicatori ambientali urbani Anno 2008 11 agosto 2009 Indicatori ambientali urbani Anno 2008 L'Istat presenta i risultati della rilevazione Dati ambientali nelle città che, oltre agli Uffici di statistica comunali, ha coinvolto altri organismi

Dettagli

Pendolari in Lombardia

Pendolari in Lombardia NOTIZIESTATISTICHE Statistica e Osservatori Anno 8 Numero 7 Aprile 2004 Pendolari in Lombardia Censimento 2001 In occasione del 14 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni, oltre alle informazioni

Dettagli

D.G.P. n. 772-309928 del 28 giugno 2005

D.G.P. n. 772-309928 del 28 giugno 2005 D.G.P. n. 772-309928 del 28 giugno 2005 OGGETTO: PROGRAMMA DI RINNOVO E/O POTENZIAMENTO DELLE FLOTTE PUBBLICHE DI SERVIZIO DI PUBBLICA UTILITÀ (ESCLUSE QUELLE DI TRASPORTO PUBBLICO LOCALE) CON MEZZI A

Dettagli

RACCOLTA DIFFERENZIATA. Quanto si recupera. Percentuale di rifiuti differenziati sul totale dei rifiuti prodotti

RACCOLTA DIFFERENZIATA. Quanto si recupera. Percentuale di rifiuti differenziati sul totale dei rifiuti prodotti Pubblicati oggi i risultati della ricerca Ecosistema Urbano, promossa da Legambiente e Ambiente Italia, che ha indagato sulle diverse situazioni ambientali nelle città: trasporto pubblico, verde, riciclo,

Dettagli

RAPPORTO 2014 LA FINANZA TERRITORIALE IN ITALIA

RAPPORTO 2014 LA FINANZA TERRITORIALE IN ITALIA RAPPORTO 2014 LA FINANZA TERRITORIALE IN ITALIA Il finanziamento degli investimenti degli Enti locali e territoriali: gli strumenti ed il loro utilizzo Alessandro Panaro Milano, 23 gennaio 2015 Le fonti

Dettagli

Impatto sul sistema elettrico della potenziale diffusione di auto elettriche: uno scenario al 2030

Impatto sul sistema elettrico della potenziale diffusione di auto elettriche: uno scenario al 2030 Impatto sul sistema elettrico della potenziale diffusione di auto elettriche: uno scenario al 2030 Milano 2 Luglio 2010 Michele Benini Tipologie di veicoli elettrici considerate Si intende valutare l impatto

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE:COMPRAVENDITE E MUTUI DI FONTE NOTARILE

MERCATO IMMOBILIARE:COMPRAVENDITE E MUTUI DI FONTE NOTARILE 30 Ottobre 2013 I e II trimestre 2013 MERCATO IMMOBILIARE:COMPRAVENDITE E MUTUI DI FONTE NOTARILE Nel corso del primo semestre del 2013 rallenta il calo delle convenzioni notarili rogate per trasferimenti

Dettagli

CAPITOLO 11: Mobilità

CAPITOLO 11: Mobilità CAPITOLO 11: Mobilità 197 11.1: Tecnologia ed efficienza Presentazione: I trasporti ormai da tempo rappresentano un settore dolente delle politiche ambientali dell Unione Europea ed un elemento di criticità

Dettagli

Il territorio, l economia, le imprese

Il territorio, l economia, le imprese Il territorio, l economia, le imprese Il territorio e la popolazione La Puglia è suddivisa dal punto di vista amministrativo in cinque province e 258 comuni, distribuiti su un territorio di oltre 300.000

Dettagli

IL QUADRO NORMATIVO implicazioni progettuali per il rispetto della normativa sulla protezione acustica degli edifici

IL QUADRO NORMATIVO implicazioni progettuali per il rispetto della normativa sulla protezione acustica degli edifici IL QUADRO NORMATIVO implicazioni progettuali per il rispetto della normativa sulla protezione acustica degli edifici Laboratorio di Fsica Ambientale per la Qualità Edilizia Università di Firenze Il quadro

Dettagli

Tendenze recenti del libero mercato ed il posizionamento delle esecuzioni forzate

Tendenze recenti del libero mercato ed il posizionamento delle esecuzioni forzate Tendenze recenti del libero mercato ed il posizionamento delle esecuzioni forzate Roma, 26 giugno 2015 Il ciclo immobiliare in corso e previsioni al 2017 2 Evoluzione dei prezzi reali delle abitazioni

Dettagli

OGGETTO: RICHIESTA DI FINANZIAMENTO REGIONALE PER LA PROSECUZIONE INTERVENTI PER IL RISANAMENTO DELLA QUALITA DELL ARIA APPROVATI CON D.G.C. N.

OGGETTO: RICHIESTA DI FINANZIAMENTO REGIONALE PER LA PROSECUZIONE INTERVENTI PER IL RISANAMENTO DELLA QUALITA DELL ARIA APPROVATI CON D.G.C. N. OGGETTO: RICHIESTA DI FINANZIAMENTO REGIONALE PER LA PROSECUZIONE INTERVENTI PER IL RISANAMENTO DELLA QUALITA DELL ARIA APPROVATI CON D.G.C. N. 924 DEL 28.09.2006 IN ATTUAZIONE AL PIANO REGIONALE (D.C.R.

Dettagli

LEGISLAZIONE ITALIANA

LEGISLAZIONE ITALIANA STRUMENTI LEGISLATIVI PER LA TUTELA DEL CITTADINO E DELL AMBIENTE La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell'individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli

Dettagli

Compravendite immobiliari e mutui II trimestre 2010

Compravendite immobiliari e mutui II trimestre 2010 16 novembre 2010 Compravendite immobiliari e mutui II trimestre 2010 L Istat diffonde i dati, relativi al secondo trimestre 2010, delle convenzioni contenute negli atti notarili inerenti sia la compravendita

Dettagli

INCENTIVI ECONOMICI PER L ACQUISTO DI VEICOLI ECOLOGICI O PER LA TRASFORMAZIONE A GAS DI QUELLI PIU VECCHI

INCENTIVI ECONOMICI PER L ACQUISTO DI VEICOLI ECOLOGICI O PER LA TRASFORMAZIONE A GAS DI QUELLI PIU VECCHI INCENTIVI ECONOMICI PER L ACQUISTO DI VEICOLI ECOLOGICI O PER LA TRASFORMAZIONE A GAS DI QUELLI PIU VECCHI La Regione, tramite i Comuni, mette a disposizione incentivi destinati a privati o aziende che

Dettagli

PRIMO ESEMPIO: TASI ALIQUOTA AL 2,5 PER MILLE SULLA PRIMA CASA E 0,8 PER MILLE SULLE SECONDE CASE (ALIQUOTA 11,4 PER MILLE)

PRIMO ESEMPIO: TASI ALIQUOTA AL 2,5 PER MILLE SULLA PRIMA CASA E 0,8 PER MILLE SULLE SECONDE CASE (ALIQUOTA 11,4 PER MILLE) PRIMO ESEMPIO: TASI ALIQUOTA AL 2,5 PER MILLE SULLA E 0,8 PER MILLE SULLE SECONDE CASE (ALIQUOTA 11,4 PER MILLE) ALIQUOTA AL TASI 2,5 PER MILLE SENZA CON Bari 254 331 106 225-29 Bologna 321 411 131 280-41

Dettagli

COMUNE DI CORBETTA PROVINCIA DI MILANO. Piano di Classificazione Acustica. adottato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 22 del 30.04.

COMUNE DI CORBETTA PROVINCIA DI MILANO. Piano di Classificazione Acustica. adottato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 22 del 30.04. Allegato A COMUNE DI CORBETTA PROVINCIA DI MILANO CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE REVISIONE E AGGIORNAMENTO 2013 Piano di Classificazione Acustica adottato con deliberazione del Consiglio

Dettagli