MUTUALITÀ, MICROCREDITO E COMUNITÀ LOCALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MUTUALITÀ, MICROCREDITO E COMUNITÀ LOCALE"

Transcript

1

2 MUTUALITÀ, MICROCREDITO E COMUNITÀ LOCALE L esperienza del microcredito etico-sociale ravennate e imolese a cura di Marzia Trugli Collana Utilities

3 Questo libro è stampato presso gli stabilimenti Logo srl di Borgoricco (PD), i cui procedimenti tipografici sono interamente certificati dal Forest Stewardship Council fsc.org Homeless Book, Faenza 2013 ISBN: (brossura) (epub) (pdf) homelessbook.it / Progetto grafico e impaginazione Alessandro Ancarani

4 Utilities per lo studio e il lavoro Sono brevi guide e manuali per chi svolge attività di ricerca, di gestione e di intervento in ambiti di lavoro sociale, formativo ed organizzativo. Chi fosse interessato a proporci dei testi da inserire nella collana può scrivere a La produzione e la diffusione dei testi della collana si avvale della collaborazione della

5 4

6 INDICE Prefazione Il microcredito una storia che viene da lontano p. 7 di Edo Miserocchi Il microcredito nell esperienza della Fondazione Giovanni Dalle Fabbriche p. 9 di Everardo Minardi Il microcredito Etico-Sociale ravennate e imolese p. 13 di Tiziano Conti Quando lavorare in banca arricchisce p. 21 di Rita Vecchi Un percorso da fare insieme p. 25 di Marzia Trugli Il microcredito Etico-Sociale ravennate e imolese raccontato dagli aderenti alla convenzione p. 29 Il microcredito come rapporto tra la struttura economica e un soggetto di per sé escluso p. 33 di Cassiano Tabanelli Il microcredito come opportunità di genere p. 37 di Antonella Oriani Microcredito: riflessioni sull operatività p. 39 di Aviero Foschini Dal racconto di una donna che ha ricevuto un finanziamento di microcredito p. 41 Microcredito: a Ravenna un percorso ancora in costruzione p. 43 di Antonio Chiusolo Microcredito: un percorso possibile dopo l assistenza p. 45 di Luca Gabbi Microcredito come opportunità: quando le condizioni non ci sono p. 47 di Marzia Trugli 5

7 Un progetto di micro impresa realizzato! p. 49 di Alfredo Filiberto Cattuti Una ricerca condotta all Università di Pavia p. 55 di Stefano Denicolai, Maurizio Maccarini, Claudia Marventano Scheda p. 65 Convenzione per la realizzazione di un progetto di Microcredito Etico-Sociale ravennate e imolese p. 67 6

8 Prefazione IL MICROCREDITO, UNA STORIA CHE VIENE DA LONTANO di Edo Miserocchi 1 Il microcredito è una pratica concreta della mutualità: nella consolidata esperienza espressa nella storia delle Casse Rurali, oggi divenute Banche di Credito Cooperativo, esso rappresenta nello stesso tempo un metodo di finanza diversa ed un valore. Le prime esperienze di credito cooperativo italiane si sviluppano verso la fine del XIX secolo sulla scia dell Enciclica Rerum Novarum di Leone XIII. In Romagna la prima a sorgere nel 1895 è la Cassa Rurale di San Pietro in Sylvis a Bagnacavallo; diverse altre nasceranno di lì a pochi anni, le operazioni delle prime Casse Rurali, in pratica, erano tutte di microcredito. La concezione che muove i primi fondatori ad interessarsi al credito ed alle forme di accesso connesse, si lega alla visione di una cassa sociale, fortemente collegata alla contestualità ed ai valori cristiani, ed alla promozione dei principi di solidarietà verso le fasce più povere della popolazione. Di fatto l indigenza radicata, la concentrazione della ricchezza in fasce sociali ridotte, la scarsità di strumenti finanziari e culturali, generava problematiche comunitarie di forte impatto, le cui soluzioni di ripiego spesso condizionavano ancor più pesantemente coloro che si ritrovavano esclusi dalle capacità di finanziamento del sistema. Oggi la Banca di Credito Cooperativo ritrova queste situazioni in un mondo fortemente cambiato: in questo contesto difficile (com è quello di questi ultimi anni) promuove il microcredito per le famiglie e le microimprese, in particolare col progetto Buona Impresa portato avanti a livello nazionale dal gruppo BCC, per dare un opportunità 1 Direttore Generale Credito Cooperativo ravennate e imolese 7

9 ai giovani che desiderano rischiare di persona, promuovendo nuove occasioni imprenditoriali. Il mondo delle Casse Rurali prima e ora del Credito Cooperativo si è sempre mosso nella logica della Banca di territorio, al fine di essere promotore dello sviluppo locale. Il microcredito, oggi, attraverso i suoi principi basati sull etica, sulla fiducia e sulla solidarietà, può diventare uno strumento indispensabile per combattere l esclusione sociale e favorire, di conseguenza, sulla scia del principio di sussidiarietà, la formazione di reti di cittadini attivi. È questa la convinzione della Fondazione Giovanni Dalle Fabbriche, del Credito Cooperativo ravennate e imolese e delle associazioni firmatarie dell Accordo di collaborazione, che hanno avviato l esperienza del Microcredito Etico-Sociale ravennate e imolese, un progetto di finanziamento per sostenere le famiglie che versano in precarie condizioni economiche. Le Associazioni aderenti, tra le quali ricordiamo le tre Caritas Diocesane di Faenza, Imola e Ravenna, la Società San Vincenzo della Diocesi di Imola, i Servizi Sociali sia dell Unione dei Comuni della Bassa Romagna che dei Comuni del Faentino (per un totale di 15 Comuni aderenti), il settore non-profit della Compagnia delle Opere di Ravenna e Ferrara; hanno realizzato centri d ascolto attraverso i quali accompagnare coloro che non riescono a sostenere finanziariamente le proprie spese o hanno difficoltà ad accedere al credito. Il concetto più innovativo, da cui trae origine l esperienza del Microcredito Etico-Sociale, è il collegamento con le Associazioni del territorio, che garantisce il sistema di relazioni sociali e di tutoraggio necessario per finalizzare il finanziamento a progetti di inclusione. In questo modo si realizza una rete virtuosa che coinvolge la cooperativa di credito e il mondo del volontariato sociale, per avviare una concreta coesione sociale e permettere alle persone più in difficoltà di muovere passi verso la propria autonomia. 8

10 IL MICROCREDITO NELL ESPERIENZA DELLA FONDAZIONE GIOVANNI DALLE FABBRICHE di Everardo Minardi 2 Quando decidemmo di impegnare la Fondazione nella costruzione di risposte concrete agli effetti del processo di impoverimento determinato dalla crisi economica e sociale annunciatasi all inizio degli anni 2000, non esitammo particolarmente nell approccio da adottare. Nonostante le tante sollecitazioni che provenivano dalla esperienza di Yunus e da quelle che a lui si richiamavano, la scelta che adottammo fu quella di riprendere con coerenza la matrice di tante esperienze di mutualità e quindi di solidarietà - sviluppatesi anche diffusamente nella realtà della Romagna - che trovava in Friedrich W. Raiffeisen il punto di partenza e nel credito cooperativo i modi per attualizzare quella ispirazione. Perciò, se il credito cooperativo si misurava sempre di più con l imperativo di sostegno degli attori di piccola e media dimensione della economia reale - contro gli effetti distruttivi di una finanza fine a se stessa - la Fondazione, che della tradizione storica del credito cooperativo è espressione fin dalle origini, ha adottato il compito di superare o meglio integrare la prassi della micro finanza attraverso l avvio e la estensione della prassi del microcredito, da rivolgersi alle persone, alle famiglie, alle micro imprese. Dalla micro finanza al microcredito Perciò nell impostare il programma delle iniziative volte a realizzare dapprima in fase sperimentale il microcredito, abbiamo posto l interrogativo sulle qualità e le caratteristiche della micro finanza, per poi individuare dapprima sotto il profilo teorico e poi soprattutto su quello pratico gli elementi distintivi del microcredito. Ciò in quanto con il microcredito, proprio ritornando alle esperienze av- 2 Presidente Fondazione Giovanni Dalle Fabbriche 9

11 viate dalle associazioni di credito mutualistico di Raiffeisen, non si mette solo in gioco l ente erogatore del prestito, la cassa rurale ieri, la banca di credito cooperativo oggi, ma anche e soprattutto le formazioni sociali che intermediano il rapporto tra il portatore della domanda di prestito e l ente bancario erogatore del prestito. Una struttura significativa che nel microcredito crea non tanto un sistema di garanzia, pur necessario, ma piuttosto un insieme di rapporti di fiducia che legano in una relazione sociale e pubblica i soggetti coinvolti, sia nella fase iniziale della diagnosi del bisogno che in quella finale della valutazione del cambiamento che, anche le risorse del microcredito hanno determinando, non solo aiutando, ma piuttosto rafforzando l autonomia e la imprenditività sociale ed economica dei soggetti interessati. Cos è la micro finanza? La micro finanza, nell accezione più generale, è intesa come l offerta di prodotti e servizi finanziari a clienti che per la loro condizione economico-sociale hanno difficoltà di accesso al settore finanziario tradizionale ( Micro finanza in Europa, a cura di L.Viganò, Giuffrè 2004). La tipologia di clientela di questo particolare settore è considerata, dagli Istituti di credito più tradizionali, non bancabile sulla base di diversi fattori quali il reddito percepito, la situazione contrattuale e soprattutto l impossibilità di concedere garanzie formali. In questa realtà si inseriscono gli operatori che si muovono sulla base di parametri più legati ad un ottica di mutualità e solidarietà, di sviluppo della comunità, che cercano di trovare risposte positive anche per questa tipologia di persone, per recuperarle ad una vita sociale più dignitosa, mettendo in campo anche una serie di interventi sociali, prima che finanziari e bancari. Nascita ed evoluzione della micro finanza La micro finanza è un fenomeno che affonda le sue radici alla fine dell Ottocento. In particolare, le prime forme di microcredito si hanno già nel XIX secolo con l esperienza delle casse rurali, sorte in Italia sulla scia dell Enciclica Rerum Novarum di Leone XIII e la creazione di istituzioni in- 10

12 formali per il credito ed il risparmio collegate al mondo delle parrocchie. Anche intorno agli anni del secolo scorso, si riscontra l esistenza di vari programmi pubblici, rivolti principalmente al settore agricolo, in molti paesi del Nord del mondo. Grazie al Bengalese Muhammad Yunus, vincitore nel 2006 del premio Nobel per la pace, la micro finanza viene conosciuta anche a livello internazionale come importante strumento di sviluppo economico-sociale. La sua rilevanza nella lotta contro la povertà è sancita anche dalle Nazioni Unite che, nel 2005, proclamano l anno internazionale del microcredito. La micro finanza nasce con una logica non profit: il microcredito è essenzialmente rivolto al supporto del settore agricolo, con bassi tassi di interesse, forti sussidi statali e istituzioni in maggioranza non sostenibili. Cos è il microcredito? È una prospettiva di azione che si avvale della micro finanza e che soprattutto si caratterizza per la fornitura di servizi di credito ai soggetti a basso reddito, per l avviamento e lo sviluppo della loro imprenditività sociale e della loro imprenditorialità economica e produttiva. In alcuni casi la concessione del credito è accompagnata dall offerta di servizi di consulenza, supporto per lo sviluppo del business ed accompagnamento nell iter procedurale. Il credito è concesso in ammontare limitato ad un solo individuo (prestito individuale) o ad un gruppo di persone solidalmente responsabili (prestito di gruppo) come spesso avviene nelle esperienze dei paesi in via di sviluppo. In quest ultimo caso, la responsabilità congiunta di un gruppo di persone alla restituzione del prestito, può operare come sostitutivo delle garanzie formali in quanto un soggetto moroso rischia ripercussioni sociali da parte del gruppo stesso. È importante sottolineare che il microcredito non viene erogato per consentire l acquisto di beni di consumo, pratica che si sta notevolmente diffondendo nei paesi del nord del mondo, ma solo per favorire lo sviluppo di un attività imprenditoriale che riesca a sua volta a creare reddito ed occupazione. Nel Nord del mondo esistono altre forme di credito che, da alcuni autori vengono considerate come microcredito. Tra queste ricordiamo il credito anti-usura, il credito d onore, il credito al consumo e il 11

13 credito socio-assistenziale. In Italia non esistono ancora definizioni chiare e condivise sull argomento. I tassi di interesse applicati sul microcredito variano a seconda del contesto macroeconomico di riferimento e del fatto che l istituzione sia più o meno orientata a garantire la propria autosufficienza operativa e finanziaria. Nel caso di istituzioni sostenibili (che perdurano nel tempo auto-sostenendosi senza dover ricorrere a finanziamenti esterni) i tassi applicati vengono fissati in maniera da assicurare la copertura dei costi finanziari, del rischio e dei costi gestionali; questi ultimi, nel caso del microcredito, risultano essere molto elevati, sia a causa degli alti costi di istruzione delle pratiche che per quelli di supporto e di accompagnamento al cliente, a volte sostenuti durante l intero iter creditizio. Per quanto riguarda invece la percentuale di rischio è stato dimostrato, a differenza di quanto si possa pensare, che i poveri, proprio per la fiducia che viene accordata loro, tendono maggiormente al rimborso dell intera somma nel rispetto delle scadenze stabilite. Il Microcredito Etico-Sociale ravennate e imolese La Fondazione Giovanni Dalle Fabbriche, il Credito Cooperativo ravennate e imolese e le diverse Associazioni sottoscrittrici hanno avviato nel novembre del 2010 il Microcredito Etico-Sociale ravennate e imolese, che sia contemporaneamente servizio e testimonianza nel territorio per aiutare chi si trova in situazione di precarietà economica. Il microcredito - così come è individuato dalla Convenzione stipulata fra i tre partner dell iniziativa - è una forma di finanziamento a favore di persone in temporanei momenti di difficoltà finanziaria, che pur svolgendo un attività lavorativa, non hanno possibilità di accesso alle istituzioni creditizie, a causa del loro profilo socio-economico: si basa su valutazioni e modelli non unicamente economico-finanziari, cercando di creare un rapporto fiduciario molto forte con le Associazioni aderenti e i loro tutor, fondandolo sulla conoscenza reciproca e sullo scambio costante di informazioni. Obiettivo ambizioso del progetto è favorire anche la nascita di microimprese e, seppure con fatica, qualche segnale incoraggiante inizia ad arrivare. 12

14 IL MICROCREDITO ETICO-SOCIALE RAVENNATE E IMOLESE di Tiziano Conti 3 Le matrici del progetto Il concetto da cui trae origine l esperienza del Microcredito Etico Sociale ravennate e imolese è il collegamento tra le associazioni del territorio, la Fondazione Giovanni Dalle Fabbriche e il Credito Cooperativo ravennate e imolese, garante del sistema di relazioni sociali attraverso il finanziamento di progetti finalizzati all inclusione. In questo modo si realizza una rete virtuosa che coinvolge la cooperativa di credito e il mondo dell attenzione al bisogno, pubblico e nonprofit, per favorire una concreta coesione sociale e permettere alle persone in difficoltà di cercare o ritrovare la propria autonomia. Tra gli operatori economici e i mediatori sociali cresce la consapevolezza che la crisi economica non sia un fatto destinato ad essere superato in breve tempo, con gli inevitabili effetti occupazionali e di riduzione del reddito familiare anche a livello locale, unitamente ad una politica che non compensa i deficit di risorse ma riduce la spesa sociale. Quando la morsa della crisi si sarà attenuata nulla sarà come prima: saranno ancora più evidenti le forti disuguaglianze sociali con volti nuovi della povertà e dell emarginazione; sarà manifesta in tutta la sua gravità la disoccupazione giovanile; si accresceranno le difficoltà e i vincoli per la formazione di nuove giovani famiglie; sarà necessaria una nuova cultura, decisamente più avanzata, per creare nuove imprese e nuova occupazione. Chi opera nelle imprese cooperative può affrontare queste difficoltà grazie ad una cultura e ad una prassi caratterizzata da valori non appartenenti all economia privata e con una diversa visione della realtà sociale. 3 Vice Presidente Fondazione Giovanni Dalle Fabbriche 13

15 Convegno Mutualità, microcredito e comunità locale: dalla crisi economica alla promozione sociale Faenza, 26 febbraio 2010 In particolare, ciò che oggi ci spinge a rinnovare la fiducia nel microcredito è la tradizione e la consolidata esperienza della mutualità, che si è espressa originariamente nella forma delle Casse Rurali. Perciò, oggi, a partire dai principi ispiratori del Credito Cooperativo, riprendiamo a fare microcredito per sostenere le famiglie e le persone che cercano di uscire da situazioni di difficoltà, di riconquistare l autonomia nella capacità di spesa e di investimento familiare (come l istruzione dei figli) e l indipendenza; per promuovere la nascita di micro-imprese e cooperative affinché la professionalità e la capacità imprenditoriale siano riconosciute e confermate positivamente dal mercato. Per i bisogni urgenti e crescenti di assistenza il Credito Cooperativo, sulla base della propria mission di attore responsabile del benessere della collettività di cui è al servizio, dispone di altri strumenti di intervento, sempre in collaborazione e in sintonia con le molteplici espressioni del terzo settore sociale. È sul microcredito, tuttavia, che oggi il Credito Cooperativo gioca la sua carta identitaria più importante: promuovere il benessere e lo sviluppo nella comunità locale. Si tratta di un impegno su cui si è già sviluppata una sperimentazione che ha dato risposte positive e su cui 14

16 oggi si avvia una nuova fase del servizio alle comunità locali, non in competizione con altri soggetti, economici e istituzionali, bensì in collaborazione con essi. Sulla base di questi convincimenti e al fine di far conoscere alcune esperienze di eccellenza del nostro paese e porre le basi per promuovere anche in Romagna il microcredito, il Credito Cooperativo ravennate e imolese, unitamente alla Fondazione Giovanni Dalle Fabbriche, all Associazione di volontariato Per gli altri della provincia di Ravenna e al Sunas, Sindacato Unitario Assistenti Sociali, ha dato vita nel febbraio 2010, al Convegno Mutualità, microcredito e comunità locale: dalla crisi economica alla promozione sociale. Le caratteristiche del progetto Partendo dall affermazione di Giovanni Dalle Fabbriche: «Una cooperativa che fa affari e non crea valore aggiunto per i propri soci e per la comunità locale non è più una cooperativa», richiamata da Edo Miserocchi, Direttore Generale del Credito Cooperativo ravennate e imolese all apertura del Convegno, l iniziativa si è incentrata sull analisi di alcuni casi di successo: la collaborazione tra il Credito Cooperativo della provincia di Vicenza e la Caritas Diocesana, destinata prevalentemente al sostegno delle famiglie, e l opera della Fondazione Tertio Millennio, orientata soprattutto all avvio di nuove imprese giovanili al Sud. Durante il Convegno è emersa la possibilità di realizzare forme di assistenza e guida per la formazione di una nuova progettualità in campo economico e sociale, oltre a reti di ascolto e sostegno ai bisogni. Il Convegno ha spinto il Credito Cooperativo, le organizzazioni di volontariato e le istituzioni, ad unire sensibilità e competenze per realizzare una nuova solidarietà dei fatti e non delle parole, tramite l accesso ad un credito erogato, non solo attraverso le garanzie materiali, ma soprattutto attraverso le qualità morali e la voglia di lavorare delle persone. Il Convegno si è mostrato, quindi, un buon punto di partenza per avviare un programma di attività volte a favorire il radicamento e lo sviluppo di azioni per il microcredito, rivolto a persone, famiglie e co- 15

17 Firma della Convenzione Microcredito Etico-Sociale ravennate e imolese Faenza, 17 novembre 2010 munità, su una base di netta distinzione tra attività a finalità assistenziale, con specifica attenzione alle situazioni di emergenza (cui occorre rispondere con tempestività), e attività di microcredito, con interventi finalizzati ad accompagnare i soggetti in situazioni di bisogno verso condizioni di vita più favorevoli. Su questi presupposti il 17 novembre 2010 è stato firmato l Accordo di collaborazione che ha dato vita al Microcredito Etico-Sociale ravennate e imolese. Il microcredito, quindi, attraverso i suoi principi basati sull etica, sulla fiducia e sulla solidarietà, può diventare uno strumento indispensabile per combattere l esclusione sociale e favorire, di conseguenza, sulla scia del principio di sussidiarietà, la formazione di reti di cittadini attivi. È questa la convinzione della Fondazione Giovanni Dalle Fabbriche, del Credito Cooperativo ravennate e imolese e delle Associazioni firmatarie dell Accordo di collaborazione, che hanno avviato l esperienza del Microcredito Etico-Sociale ravennate e imolese, un progetto di finanziamento per sostenere le famiglie che versano in precarie condizioni economiche. In particolare, l iniziativa è stata promossa a favore di persone in temporanei momenti di difficoltà finanziaria che, pur svolgendo un attività 16

18 lavorativa, non hanno la possibilità di accesso alle istituzioni creditizie, a causa del proprio profilo socio-economico. Ci si basa, quindi, su valutazioni e modelli non unicamente economico-finanziari, cercando di creare un rapporto fiduciario molto forte tra le Associazioni aderenti e i loro tutor, fondato sulla conoscenza reciproca e sulla collaborazione. In base all analisi delle comunità locali è emerso il significativo disagio sociale delle persone e delle famiglie chiamate a sostenere impegni finanziari superiori alle proprie capacità economiche immediate e alle quali l accesso al credito è solitamente negato oppure reso di fatto impossibile, sebbene posseggano le potenzialità necessarie per sostenerne i relativi costi e spese. La Fondazione Giovanni Dalle Fabbriche ha posto in essere una costante e proficua attività di collaborazione con le Associazioni sottoscrittrici, realtà queste al servizio delle comunità locali in cui confluiscono persone, risorse, energie, bisogni e speranze, e da cui scaturiscono azioni, progetti, scambi e relazioni perfettamente in sintonia con gli scopi statutari della Fondazione. Il Credito Cooperativo ravennate e imolese ispira la propria attività all attenzione e alla promozione della persona, con l obiettivo di fabbricare fiducia e creare valore economico, sociale e culturale a beneficio dei soci e, più in generale, della Comunità locale. In particolare, il Credito Cooperativo: favorisce la partecipazione degli operatori locali alla vita economica, privilegiando le famiglie e le piccole imprese; promuove l accesso al credito e contribuisce alla parificazione delle opportunità; promuove, attraverso la propria attività creditizia e mediante la destinazione annuale di una parte degli utili di gestione, il benessere delle Comunità locali come pure lo sviluppo economico, sociale e culturale delle stesse, esplicando un attività imprenditoriale a responsabilità sociale, non soltanto finanziaria, al servizio dell economia locale. 17

19 I primi sviluppi del progetto Il primo passo per attuare l iniziativa e rendere il Microcredito una soluzione efficace consiste nel formare tutti gli operatori che in prima linea incontrano quotidianamente le persone in situazioni di difficoltà. Per questo, sono stati organizzati corsi di formazione incentrati su argomenti relativi a: storia delle Banche di Credito Cooperativo e modo di operare delle Casse Rurali; caratteristiche e condizioni di erogazione del microcredito eticosociale ravennate e imolese; un metodo per utilizzare il microcredito in ambito sociale; aspetti salienti della relazione e del supporto nel percorso di restituzione del prestito. Questi primi corsi hanno visto la partecipazione di operatori pubblici, del privato sociale e dipendenti del Credito Cooperativo ravennate e imolese e si sono mostrati di grande interesse e utilità per i partecipanti, tanto che sono stati più volte riproposti sempre con nuovi partecipanti. Per valutare nella sua complessità l iniziativa del Microcredito Etico- Sociale ravennate e imolese è bene considerare che sono state coinvolte le maggiori realtà del sociale (pubbliche e del privato nonprofit) del territorio ravennate e imolese, tra cui quindici dei diciotto Comuni che fanno parte della Provincia di Ravenna; che l iniziativa raggiunge tutta la provincia di Ravenna e il Circondario Imolese, per un totale di circa persone. Considerazioni conclusive Per concludere si riporta la testimonianza di Cassiano Tabanelli, Presidente della Società San Vincenzo della Diocesi di Imola, firmataria della Convenzione: «Poiché il Microcredito è un rapporto fra una struttura economica ed un soggetto di per sé escluso, aprire questa possibilità significa permettere la nascita di una relazione fra persona ed economia legata in modo particolare alla persona stessa, intesa 18

20 come risorsa oggettiva, e non ridotta solamente a parametri economici come unici criteri reali. Che cosa genera l incontro tra incidenza morale e risultato economico? Un attenzione educativa. Si indica con il termine educare il sollecitare con attenta discrezione la persona a riprendere in mano se stessa e a ricominciare a camminare. É educare il dare indicazioni su come gestire i propri desideri e le proprie risorse, il far comprendere cosa vale e cosa non vale». 19

21 20

22 QUANDO LAVORARE IN BANCA ARRICCHISCE di Rita Vecchi 4... la Fondazione Giovanni Dalle Fabbriche, il Credito Cooperativo ravennate e imolese, le Associazioni sottoscrittrici, intendono avviare un Progetto di microcredito etico-sociale... (da Convenzione microcredito Etico-Sociale) Il 17 Novembre 2010 è stata firmata la Convenzione e partecipare alla realizzazione del progetto di microcredito, mi ha reso orgogliosa. Ritengo importante raccontare la mia esperienza e quanto questa abbia contribuito ad arricchirmi dal punto di vista professionale e personale. Ringrazio tutti coloro che come me, hanno creduto in questo progetto e con i quali ho avuto il piacere di collaborare.... Il microcredito e una forma di finanziamento a favore di persone che, pur svolgendo un attività lavorativa, non hanno possibilità di accesso alle istituzioni finanziarie, a causa del loro profilo socio-economico (da Convenzione Microcredito Etico-Sociale). La crisi economica che non accenna ad allentare la propria morsa e che anzi si va consolidando e ampliando nei suoi effetti in termini produttivi, occupazionali e sociali, sta generando un ampliamento della fascia di coloro che corrono il rischio di cadere in povertà. Molte famiglie che in passato riuscivano ad arrivare alla fine del mese senza alcuna difficoltà, oggi si trovano impossibilitate a sostenere spese essenziali. Piccole imprese che erano spinte dalla voglia di mettersi in gioco sul mercato, oggi non trovano prospettive di crescita e di continuità. Il progetto nasce dalla volontà di creare uno strumento di riequilibrio sociale, rivolto al bene comune, al territorio e alle persone che lo vivono e lo rappresentano. Uno strumento a sostegno di persone 4 Dipendente del Credito Cooperativo ravennate e imolese 21

23 seriamente intenzionate ad attivarsi per uscire da situazioni di difficoltà e riconquistare la propria autonomia di spesa. Uno strumento che vuole riconoscere e promuovere le capacità imprenditoriali di valore, in particolare nell ambito etico-sociale. Negli ultimi anni in Italia il microcredito ha registrato una crescita esponenziale (oltre il 500%). Questo ne ha determinato in alcuni casi un utilizzo improprio e speculativo, interesse e lucro ad esclusivo beneficio di chi eroga il denaro, con l applicazione di tassi elevati non coerenti con le finalità di questa particolare forma di prestito, dunque un microcredito economico e non sociale. Il nostro progetto vuole contribuire ad un riequilibrio delle opportunità offerte dal mercato, attraverso il sostegno di una Catena di valori che operi in un ottica di Riscatto sociale. Ciò significa sostenere chi per condizione economica e sociale, non può accedere ai canali tradizionali del credito. Non si tratta di erogazioni liberali ma di aiuti finalizzati alla costruzione di una qualità di vita più equa, solidale e dignitosa individualmente e collettivamente. Alla persona si chiede capacità di lavoro ed uso responsabile del denaro. In una comunità dove l assistenza è pesantemente ridotta si possono concretizzare, e non solo ipotizzare, valori come la solidarietà e la responsabilità, anche attraverso l uso del microcredito inteso come opportunità per chi sembra non averne più. Lavorare per il nostro territorio è anche questo. L esperienza, l unione delle forze, il lavoro di gruppo, la condivisione leale degli obiettivi, sono il futuro della cooperazione e del credito di qualità e i risultati sono incoraggianti. La vittoria più grande per chi ha collaborato e creduto nel progetto è stata il costatare che il credito è risultato di qualità, debito insoluto pressoché pari a zero. Ciò ha un significato non solo contabile ma dimostra che il progetto finanziato è andato a buon fine, che il metodo di lavoro che ci siamo dati è stato corretto, che la persona ha raggiunto il proprio obiettivo. Rilevante il ruolo delle Associazioni che hanno aderito al progetto, 22

24 loro hanno il compito di raccogliere i bisogni del territorio e quelli della persona che concretamente porta il proprio, lì dove trova ascolto e risposte, quelle possibili. Fondamentale, nella fase istruttoria, il loro lavoro di monitoraggio e tutoraggio. Rilevante altresì l azione di coordinamento delle parti coinvolte e l impegno attivo: in un approccio integrale tra la fase di erogazione del finanziamento e quella precedente di assistenza/formazione dei tutor; nel mantenere tassi adeguati al fine; nella relazione sociale; nel responsabilizzare il personale addetto, con centralità del lavoro di squadra. Questa attività ha un significato importante per il Credito Cooperativo del nostro territorio; tiene fede e consolida quelli che sono i principi costitutivi e la reale volontà di intraprendere un azione creditizia ispirata da valori umani, oltre che economici ed imprenditoriali. Tutto questo può rappresentare una sfida nei confronti di un sistema consumistico ed individualista, nella direzione di una realtà, magari considerata utopistica ma fatta di azioni e persone coerenti. L esperienza ci insegna che lavoro comune e costruzione di una fabbrica di fiducia efficiente, sono la base per una dignitosa crescita sociale. Ora sappiamo che ci sono strumenti in grado di ridare credito e riscatto in un momento difficile della vita. Il lavoro condiviso, la volontà e la responsabilizzazione di tutte le parti coinvolte, hanno reso grande un piccolo progetto e questo in una società come la nostra può fare la differenza. 23

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Tiziano Vecchiato Da dove partire Ripartire dai poveri (2008) è la risposta all interrogativo «Rassegnarsi alla povertà?».

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Etica Società Cooperativa per Azioni Via Niccolò Tommaseo, 7 35131 Padova Tel. 049 8771111 Fax 049 7399799 E-mail: posta@bancaetica.it Sito Web: www.bancaetica.it

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti BANDI 2015 2 Guida alla presentazione La Fondazione Cariplo è una persona giuridica privata, dotata di piena autonomia gestionale, che, nel quadro delle disposizioni della Legge 23 dicembre 1998, n. 461,

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Linee di ricerca e progettazione sociale. sommario. A cura di Tiziana Ciampolini. 1. Le attività di ricerca

Linee di ricerca e progettazione sociale. sommario. A cura di Tiziana Ciampolini. 1. Le attività di ricerca Linee di ricerca e progettazione sociale A cura di Tiziana Ciampolini sommario 1. Le attività di ricerca 2. Le conoscenze maturate grazie all attività di ricerca 3. Dalla ricerca alla sperimentazione Tiziana

Dettagli

Centrale Rischi Banca d Italia: dal suo monitoraggio alla gestione attiva dell andamentale

Centrale Rischi Banca d Italia: dal suo monitoraggio alla gestione attiva dell andamentale Centrale Rischi Banca d Italia: dal suo monitoraggio alla gestione attiva dell andamentale di Luca Martini e Valerio Vimercati (*) In un contesto dove l accesso al credito da parte delle imprese risulta

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE CAPITOLO V LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE PREMESSA Questo capitolo affronta l analisi dello sport come diritto di cittadinanza non solo metaforico, emotivo, ma anche commerciale ed identitario.

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO Il presente testo di statuto è stato approvato dal Consiglio Episcopale Permanente nella sessione del 22-25 gennaio 2007. Si consegna ufficialmente

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 1. Definizione del Commercio Equo e Solidale Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale Fondazione Comunità Solidale approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? chi è la persona senza dimora povertà assoluta e povertà relativa Di cosa parleremo:

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

L empowerment nei progetti di inclusione sociale

L empowerment nei progetti di inclusione sociale IV Convegno Nazionale di Psicologia di Comunità Psicologia per la politica e l empowerment individuale e sociale. Dalla teoria alla pratica L empowerment nei progetti di inclusione sociale di P. Andreani,

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura L ECC la sua sperimentazione in Italia Evert-Jan Hoogerwerf (AIAS Bologna onlus) Referente dell ECC per Italia Membro del CD dell ECC Creare una base comune per il lavoro di cura Piano di lavoro 1. Comprensione

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

dare voce a chi non ne ha

dare voce a chi non ne ha Un Progetto per la Coesione Sociale dare voce a chi non ne ha Nota riguardante la Prima Fase Finanziato tramite il Bando Volontariato 2008 1 INTRODUZIONE Per la Consulta delle Organizzazioni del Volontariato

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA 1 10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA MEMORANDUM SULL EASS L' Educazione all Ambientale e allo Sviluppo Sostenibile, una necessità! L'Educazione Ambientale

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli