Rock. chic. magazine. Prestiti bancari. domino. collection

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rock. chic. magazine. Prestiti bancari. domino. collection"

Transcript

1 Intrum La rivista sulla gestione del credito di Intrum Justitia n magazine Rischio in aumento Il 45% delle persone intervistate in Europa crede che il credito inesigibile aumenterà ancora Prestiti bancari Come si ottengono i finanziamenti per le aziende? perfetta phone collection Strategia, tecnologia, e know how Effetto domino Il percorso distruttivo dei fallimenti Rock L'icona della moda Gwen Stefani parla del suo successo chic

2 benvenuto su intrum magazine Boosting Europe è il nostro contributo per migliorare l economia e creare occupazione. Siamo tutti coinvolti. Cambiamo le cose in meglio. Editoriale Il credito inesigibile mette a repentaglio la ripresa Segnali incoraggianti indicano che l'ammaccata economia europea potrebbe essere in ripresa, tra i quali emerge il dato, diffuso nel mese di agosto, sul settore auto che ha registrato un incremento nelle vendite del 4,8%. Si tratta senz'altro di una buona notizia per un settore che ha conosciuto un crollo nelle vendite a livelli mai visti in oltre 20 anni, confortata dalle cifre divulgate tra aprile e giugno che mostrano come l'eurozona sia uscita da una recessione durata 18 mesi. Tuttavia la prospettiva di ripresa dell'europa si confronta con molteplici insidie, e in particolare con il peso dell'aumento dei crediti inesigibili. L'ultima indagine Intrum European Payment Index (Indice di pagamento europeo) sottolinea che il ritardo nei pagamenti costituisce una minaccia reale per la ripresa. L'importo dei crediti portati a perdita quest'anno è passato dal 2,8% al 3%, il che si traduce in un salto del 7% e nell'enorme cifra di 350 miliardi di euro. Come conseguenza diretta, le aziende investono di meno in innovazione e crescita che sono, invece, la linfa vitale per ogni impresa e per il successo futuro dell'europa. L'indagine, condotta tra quasi aziende europee, rileva inoltre il crescente divario tra i paesi del Nord Europa e il resto dei paesi europei. I risultati chiave dell'indagine EPI 2013 sono illustrati alle pagine 16 e 17. Questa edizione di Intrum Magazine racconta in che modo le aziende europee si stanno barcamenando tra le turbolenze finanziarie. A pagina 18, ad esempio, Intrum spiega come è possibile recuperare i crediti con un'efficace azione di phone collection, mentre a pagina 6 cerchiamo di capire le difficoltà cui vanno incontro le aziende che provano a chiedere un prestito bancario e le alternative percorribili. In conclusione, molti concorderanno che i mercati europei sono più tranquilli che in precedenza, ma non dobbiamo dimenticare i risultati dell'indagine EPI 2013, da cui emerge che il 45% degli intervistati si aspetta un maggior rischio di crediti inesigibili nell'anno a venire ed è quindi consapevole della necessità di un attenta vigilanza. Lars Wollung, Presidente e Chief Executive Officer, Intrum Justitia Intrum Justitia è leader in Europa nei servizi di Credit Management (CMS) ha dipendenti in 20 paesi. LE AZIENDE POSSONO ESSERE GLOBALI I PAGAMENTI SONO SEMPRE LOCALI Una buona liquidità e un buon flusso di cassa sono spesso aspetti di importanza vitale. I nostri servizi di recupero crediti estero vi consentiranno di ricevere i pagamenti più velocemente, mantenendo allo stesso tempo ottimi rapporti con i vostri clienti. Grazie a 90 anni di esperienza, uffici in 20 Paesi europei ed una rete di uffici corrispondenti in 180 Paesi di tutto il mondo, siamo in grado di aiutarvi a diminuire gli insoluti ed aumentare la vostra liquidità. Contattateci subito per scoprire dove e in che modo possiamo aiutarvi. Inviate un all indirizzo: in questo numero: Prestiti bancari Le banche europee concedono abbastanza? Nuove alternative di finanziamento. Xxxxxxxxx Come possiamo aiutarvi? Disponiamo di molti rapporti strategici, white paper e casi aziendali in grado di offrirvi spunti su comportamenti, tendenze e rischi di pagamento. Possiamo inoltre offrirvi assistenza nella fase di acquisizione. Volete saperne di più? Scrivete un' a e vi invieremo le informazioni e/o i rapporti necessari. Better business for all. Dietro le quinte dell'eurocrisi 5 Il nuovo white paper presenta politiche creditizie efficienti 15 perfetta phone collection 18 Intrum Magazine n Editore Intrum Justitia AB, ISSN Capo redattore ed editore responsabile in Svezia Annika Billberg Redattore Madeleine Bosch Viceredattori e produzione Chad Henderson, Anne Smitt ed Eva Englund, Spoon Publishing Printer Lenanders Grafiska AB. Intrum Justitia AB Tutti i diritti riservati. Sono ammesse le citazioni specificandone la fonte. La redazione non è responsabile di eventuali materiali non richiesti inviati a Intrum Magazine. Abbonamenti Cambio di indirizzo Gli azionisti di Intrum Justitia devono avvisare i rispettivi istituti operativi contabili, gli altri devono contattare il desk editoriale: Intrum Magazine, SE Stoccolma, Svezia, Tel Fax Foto di copertina Shutterstock. Le opinioni espresse in Intrum Magazine non rispecchiano necessariamente quelle del redattore, di Intrum Justitia o suoi affiliati. Tutte le informazioni qui esposte sono state raccolte da fonti ritenute accurate ed affidabili. Intrum Justitia e l'editore non hanno verificato i contenuti di notizie o fatti relativi a persone private o giuridiche. Tutte le informazioni sono fornite come sono senza garanzia di alcun tipo. Richiedere la consulenza di un professionista finanziario prima di effettuare investimenti; Intrum Justitia non si assume alcuna responsabilità per perdite derivanti da decisioni basate sulle informazioni contenute in questa pubblicazione. 2 intrum magazine 1 / 2013 intrum magazine 3 / PAGINA 6 Il contagio della bancarotta 10 Cosa succede quando un'azienda, una città o un paese vanno in fallimento? Intrum fa luce sul modo in cui le bancarotte danneggiano intere comunità. Icona della moda 12 La cantante del gruppo No Doubt, Gwen Stefani, ha venduto più di 40 milioni di dischi in tutto il mondo e ora firma tre marchi di moda. PAGAMENTI 16 L'ultima indagine di Intrum sui ritardi nei pagamenti, condotta tra migliaia di aziende europee, rivela alcune tendenze allarmanti.

3 primo: Notizie scelte di Intrum Justitia D&R Gavin Hewitt Com'è che è andato tutto storto Gavin Hewitt, redattore della BBC per l'europa, è stato incaricato di scrivere la storia della crisi dell'eurozona. Per scrivere il suo ultimo libro, The Lost Continent (Il continente perduto), ha viaggiato in tutta Europa per incontrare i leader politici, cercare di scoprire in prima persona come si sono svolti gli eventi e conoscere le storie della gente comune, le cui vite sono state sconvolte dalla povertà e dall'austerità. Ogni goccia è preziosa L'acqua sta diventando una risorsa sempre più scarsa, tanto nel mondo quanto in Europa. Scoperte di uno studio recente indicano che il flusso ridotto di acqua dolce, combinato con l'aumento delle temperature, provocherà un aumento della scarsità d'acqua e un incremento dei costi. Un nuovo studio dell'istituto Internazionale per l'analisi dei sistemi applicati con sede in Austria descrive l'effetto causato dalle alte temperature e dalla diminuzione delle correnti fluviali sulla disponibilità dell'acqua, in special modo per le industrie, che restano i maggiori consumatori di acqua corrente. In vista del fatto che il cambiamento climatico minaccia di ridurre le correnti fluviali, le falde acquifere e altre risorse, mentre i ghiacciai si sciolgono e le piogge diminui scono, entro il 2060 alcuni paesi dell'europa meridionale potrebbero trovarsi ad affrontare una riduzione delle correnti fluviali fino al 20%. Nella maggior parte del territorio europeo, anche la temperatura dell'acqua aumenterà nello stesso periodo da 0,6 a 0,8 gradi Celsius. Previsioni di questo genere conducono ad una limitazione dell'accesso pubblico all'acqua e il Presidente di Nestlé Waters, Peter Brabeck-Letmathe, è stato criticato per aver affermato che l'acqua dovrebbe essere privatizzata come una merce il cui accesso non è un diritto pubblico. Nel frattempo, il commissario europeo per il mercato interno, Michel Barnier, ha scatenato le ire dell'opinione pubblica nel proporre una legislazione in base alla quale i governi regionali o locali devono aprire i servizi idrici alla concorrenza. I commenti di Barnier sono serviti a rendere ancora più attuale l'iniziativa dei cittadini europei, Right2Water, che chiede di riconoscere l'acqua come "un bene comune, non una merce". A oggi la petizione è stata firmata da oltre 1,5 milioni di persone in tutta Europa. D: Che cosa l'ha indotta a scrivere questo libro? R: Volevo offrire un'istantanea di un periodo di grande rilevanza nella storia dell'europa. Angela Merkel lo ha definito come la peggior crisi europea dalla Seconda Guerra Mondiale. Viaggiavo per l'europa constatando l'enorme spaccatura esistente tra le strategie dei leader europei e ciò che stava accadendo alla gente comune. Mentre il Fondo Monetario Internazionale ha ammesso di aver sottovalutato l'effetto che l'austerità avrebbe avuto sulle persone e sull'economia, molti funzionari europei non hanno visitato questi paesi né visto l'impatto derivante dalle loro politiche. D: Come crede che questa crisi stia influendo sulla gente in Europa? R: In Grecia l'economia si è contratta quasi del 25% negli ultimi sei anni, un grado di diminuzione senza precedenti in epoca moderna. Il vero impatto però si rileva sulle migliaia di persone, specialmente ad Atene, che dipendono da aiuti alimentari. Persone che prima solevano essere benestanti ora dormono in auto. In Grecia, Spagna e Italia i tassi di suicidio sono aumentati significativamente in questo periodo. D: Che cosa è andato storto nella zona euro? R: La moneta unica era, in parte, un progetto romantico sostanzialmente imperfetto. Si trattava di un unione monetaria senza unione fiscale. Benché si fossero stabiliti dei criteri per entrare nell'euro, paesi come l'italia e la Grecia - che non erano in grado di soddisfarli - vennero comunque accettati. Venne imposto un unico tasso d'interesse per uno scenario di economie completamente eterogenee. Durante la bolla immobiliare irlandese, un tasso d'interesse del 6% avrebbe contribuito a ridurre la speculazione, ma l'irlanda era vincolata a un tasso d'interesse del 2%. Dall'ottobre del 2009, quando la Grecia rivelò la verità sul suo deficit, l'europa lotta contro un incendio non ancora spento. Vivere con prestiti a breve termine w Secondo l'aviva Family Finances Report (Rapporto sulle finanze familiari Aviva), in Gran Bretagna una famiglia su venti per sopravvivere si affida ai controversi prestiti "pay day" a breve termine. Da tale rapporto emerge che il debito familiare medio è passato dalle sterline e più di un anno fa a sterline, comprese le sterline prestate da famiglia e amici, le delle carte di credito e le di prestiti personali. Identità di riconoscimento facciale w L'azienda finlandese Uniqual sta lanciando una tecnologia di riconoscimento facciale per mezzo di "algoritmi di tipo militare" che permette di effettuare transazioni come il prelievo di contante dagli sportelli bancomat solo e semplicemente per mezzo del volto. È sufficiente guardare la telecamera, aspettare che sul display appaia il proprio ID e fare clic su "OK" per confermare la transazione. Limiti alle commissioni sulle carte di pagamento w La Commissione Europea pensa di limitare severamente le commissioni bancarie agli esercenti per le transazioni effettuate con carte di pagamento, una pratica il cui valore supera 1,8 trilioni di euro in tutta l'area economica. Ci vorranno diversi anni prima che il piano possa essere attuato e prima di essere convertito in legge dovrà essere discusso dagli Stati membri dell'ue e dal Parlamento Europeo. D: In che modo si può salvare la zona euro? R: Negli ultimi tre anni, il timore che la zona euro si sciogliesse è stato reale in diversi momenti. Ciò non è successo e la pressione del mercato si è allentata, ma i problemi dell'economia reale si sono aggravati. In Italia, ad esempio, la disoccupazione è in aumento e quest'anno è prevista una contrazione economica dell'1,8%. La Spagna presenta una problematica simile. Se l'eurozona non trova un modo per creare posti di lavoro, prosperità e crescita, rimarrà instabile. Di Isabelle Kliger 4 intrum magazine 3 / 2013 intrum magazine 3 /

4 come ottenere I SOLDI necessari? Sono migliaia le piccole e medie imprese europee che hanno dichiarato a Intrum di non confidare nella disponibilità della propria banca a concedere un eventuale aiuto finanziario quando occorresse. Molte banche negano tale asserzione e affermano di essere ora più disposte ad accordare prestiti. Qual è la realtà? David Noble esamina la situazione dei prestiti bancari alle imprese in Europa e le nuove e innovative alternative di finanziamento non bancario che possono facilitare l'accesso al finanziamento a chi è a corto di liquidi. Di David Noble In Italia, ben il 54% degli intervistati ha dichiarato di aver constatato da parte delle banche scarsa disponibilità a concedere prestiti. Risultati dell'european Payment Index intrum magazine 3 / 2013 intrum magazine 3 /

5 TEMA: Finanziamenti alle PMI Le banche e i servizi finanziari costituiscono il settore di cui si ha meno fiducia nell'intera economia globale, questo quanto emerge dal sondaggio Edelman 2013 sulla fiducia mondiale, di recente pubblicazione, condotto tra oltre intervistati in 26 mercati. Un risultato di questo tipo è problematico per un settore esistente da centinaia di anni e costruito sulla fiducia. I titolari delle imprese si mostrano particolarmente diffidenti in merito alla situazione delle loro banche. Servono solo per spillare denaro con commissioni inaspettate o contribuiscono realmente alla crescita delle aziende con approcci innovativi? Al riguardo non esiste ancora un'opinione chiara. In qualsiasi convegno del settore imprenditoriale oggi, la domanda che molti si pongono è Perché le banche non prestano denaro alle piccole e medie imprese (PMI)? È vero che la stragrande maggioranza di intervistati dell'ultimo European Payment Index condotto da Intrum ha ammesso di essere meno fiduciosa rispetto a un anno fa sulla possibilità di ricevere aiuti finanziari dalla propria banca mirati a far funzionare e crescere la propria ditta. E in Italia, ben il 54% ha dichiarato di aver constatato scarsa disponibilità da parte delle banche a concedere prestiti. Ma è giusto che siano le banche l'oggetto di tutte le critiche? Affrontiamo l'argomento: realmente le banche di tutta Europa si trovano sotto un'enorme pressione per attenersi a requisiti di capitalizzazione sempre più rigidi e a tagli di attivo che, secondo quanto affermano, portano alla necessità di ridurre drasticamente i prestiti. Dopo le pesanti critiche ricevute a causa delle rischiose procedure di concessione di prestiti messe in atto prima della crisi, le banche senza dubbio ora sono più prudenti e poco disposte a rischiare. È tuttavia comprovato da molti paesi europei che la maggioranza delle imprese può ottenere il finanziamento necessario se dispone di un buon piano di gestione. Non concorderebbero con questa affermazione molte imprese assetate di liquidità in tutta Europa, che trovano un forte appoggio in ambito politico quando asseriscono che, semplicemente, le banche non sono ancora pronte ad assumersi rischi supplementari. In Italia, che sta soffrendo la sua più lunga recessione degli ultimi vent'anni, il ministro delle finanze Fabrizio Saccomanni ha dichiarato che il finanziamento bancario non sta rispondendo alle esigenze dell'economia. Saccomanni ha perorato piuttosto l'adozione di forme di credito meno regolamentate, quali l'uso dei cosiddetti credit funds (fondi di credito) o del shadow banking (sistema bancario ombra) che nel sistema di finanziamento statunitense è già realtà da molto tempo. Alla fine dello scorso anno, il governo del Regno Unito cercò di incoraggiare le banche a concedere più prestiti lanciando il suo nuovo programma di credito Funding for Lending (finanziamenti di prestiti), studiato per facilitare alle banche l'accesso a liquidità a prezzi vantaggiosi, liquidità che permetterebbe di abbattere i costi dei finanziamenti alle imprese. Pare però che non abbia funzionato: nel primo trimestre del 2013 la Banca d'inghilterra ha infatti registrato un ulteriore rallentamento nei finanziamenti dovuto alla continua contrazione dei portafogli crediti da parte banche. Dall'ultimo sondaggio della Banca Centrale Il portale unico dedicato ai finanziamenti dell'ue aiuterà le PMI a reperire in modo facile e veloce i finanziamenti necessari. Una delle maggiori priorità della Commissione è semplificare e ridurre gli ostacoli che le imprese si trovano ad affrontare. Europea (BCE) sul finanziamento, pubblicato lo scorso luglio, emerge che la costante incapacità del sistema bancario di fornire crediti alle imprese a tassi accessibili costituisce uno degli impedimenti più gravosi per una solida ripresa. Non è certo una buona notizia visto anche che dai dati ufficiali dell'ue risulta che l'economia della zona si è contratta per 18 mesi consecutivi, tra il quarto trimestre del 2011 e il primo trimestre del Come possono quindi allentare la stretta creditizia le imprese che non riescono a ottenere finanziamento dalle loro banche? La Commissione Europea ha stanziato fondi strutturali per un totale di circa 100 miliardi di euro per aiutare le PMI. È possibile accedere a questi fondi attraverso un nuovo portale semplificato dell'unione Europea dedicato ai finanziamenti che fornisce informazioni Antonio Tajani, Vicepresidente della Commissione Europea complete e aggiornate su come imprenditori e PMI possono accedere, da vari programmi, ai finanziamenti UE tramite banche partner e fondi concessi sotto forma di garanzie, prestiti e capitale di rischio. Il portale unico dedicato ai finanziamenti dell'ue aiuterà le PMI a reperire in modo facile e veloce i finanziamenti necessari, ha dichiarato il Vicepresidente della Commissione Europea, Antonio Tajani, commissario per l'industria e l'imprenditoria. Che ha aggiunto: Una delle maggiori priorità della Commissione è semplificare e ridurre gli ostacoli che le imprese si trovano ad affrontare. Se la UE non può offrire i fondi, ci saranno altre possibilità che le imprese potranno cogliere. Una alternativa è rivolgersi ai mercati emettendo titoli obbligazionari o vendendo quote di azioni ordinarie, sebbene accedere a queste opzioni possa rappresen- tare un grande sforzo per piccole imprese con meno di 250 dipendenti. Per colmare questo vuoto stanno sorgendo finanziatori sempre più innovativi. Gli appartenenti al settore degli immobili commerciali potrebbero essere interessati a visitare il sito londinese Relendex.com, che si autodefinisce un ente di scambio di prestiti tra privati per prestiti garantiti a fronte di investimenti in immobili commerciali. A cambio di una commissione d'intermediazione dell'1%, Relendex mette in contatto i bisognosi di credito con diversi prestatori per prestiti immobiliari da a 25 milioni di sterline inglesi. I beneficiari del credito vengono abbinati a diversi prestatori che forniranno quote di un prestito garantito a fronte di proprietà che generano reddito e pagheranno tassi d'interesse altamente competitivi. Si stanno reinventando altre vecchie idee, come le agenzie di prestiti su pegno. Borro, una società fondata nel bel mezzo della crisi finanziaria, fornisce prestiti garantiti a fronte di specifici beni di lusso, come opere d'arte, auto sportive e collezioni di vini dal valore superiore alle sterline inglesi, con un addebito di 5% al mese. Circa il 60% dei prestiti viene assegnato a titolari di piccole imprese e generalmente i prestiti vengono ripagati entro tre mesi. 8 intrum magazine 3 / 2013 intrum magazine 3 /

6 L'effetto domino del fallimento Ogni fallimento può avere conseguenze di vasta portata, con risvolti negativi su individui, famiglie e intere comunità. La causa del disagio non è ascrivibile unicamente alla perdita del lavoro, occorre anche considerare la paura di abbandonare il proprio stile di vita. Guardiamo agli effetti di un fallimento ben oltre il punto d impatto. Di DAVID NOBLE Quando i sistemi economici, i paesi o le aziende -grandi o piccole- falliscono, chi paga il prezzo? Il crollo dell'economia statunitense nel 1929 ebbe pesanti ripercussioni nel paese: la perdita di 12 milioni di posti di lavoro e il tracollo di decine di migliaia di aziende, su cui influì pesantemente la contrazione delle spese dei consumatori. Nel 2008, la recessione USA ha innescato il declino economico a livello mondiale, e in America ha lasciato la pesante eredità di 4 milioni di posti di lavoro in meno rispetto a cinque anni prima. Il drammatico collasso dell'economia Argentina nel 1999 ebbe conseguenze disastrose: nei negozi terminarono le scorte alimentari, i distributori di carburante rimasero a secco, l'erogazione di energia elettrica cessò, i servizi postali si arrestarono, le banche chiusero gli sportelli e conflitti e tumulti per le strade furono all'ordine del giorno. Per recuperare il controllo dell'economia fallita del paese fu necessario introdurre provvedimenti drammatici all'insegna dell'austerità. L'Islanda, le cui banche registrarono insolvenze per 58 miliardi di dollari, fu la prima vittima del rovescio economico del 2008 in Europa. Gli effetti dell'insolvenza furono il collasso delle istituzioni bancarie islandesi, un'impennata del tasso di disoccupazione, la svalutazione degli alloggi e il picco dell'inflazione. Il governo di questa piccola nazione di soli abitanti si rifiutò di salvare le banche e, diversamente dall'argentina, decise invece di rafforzare i programmi sociali: una scelta vincente che sta ripagando gli sforzi compiuti con l'attuale ripresa economica dell'isola. Quando una città o una grande azienda scivola in un "buco nero" finanziario, la ricaduta genera anche un effetto domino che, come uno tsunami, si ripercuote sulle altre aziende, comunità ed economie nazionali. Basti pensare a Detroit, che di recente ha deciso di presentare l istanza di fallimento del comune. Con passività finanziarie che arrivano ai 20 miliardi di USD, le ristrettezze fiscali di Motown si ripercuotono già su ogni parte della città e oltre, nei settori del pubblico e del privato. Le aziende di Detroit ne risentono: si perdono posti di lavoro, si pagano meno tasse - con conseguente ripercussione sui servizi pubblici quali i trasporti, l'istruzione e la sanità - e tra pensionati e operai della città si diffonde la preoccupazione per i propri redditi. Con circa il 40% dell'illuminazione cittadina spenta, solo un terzo delle ambulanze in servizio e oltre proprietà abbandonate, l'incertezza sulle reali conse numero complessivo di insolvenze aziendali in Europa occidentale nel 2012 ( nel 2011) fonte: Wall Street Journal guenze della bancarotta nel lungo termine è palpabile, in una città che è stata il cuore palpitante del sogno americano dell'automobile. Il fallimento di una grande azienda può avere un effetto devastante sulle comunità locali. Non solo in termini di posti di lavoro persi dall'azienda fallita, ma anche nel modo in cui influisce sulla catena logistica, pregiudicando la prosperità di venditori, clienti e comunità. Un recente studio statunitense dal titolo The Human Capital Loss in Corporate Bankruptcy (La perdita di capitale umano nei fallimenti aziendali) ha quantificato i costi umani del fallimento aziendale. I ricercatori John R. Graham della Duke University e Hyunseob Kim della Cornell University, tra gli altri, hanno trovato che gli stipendi dei dipendenti iniziano a diminuire prima del fallimento e che il declino persiste per almeno cinque anni successivi. Il Centro europeo per il monitoraggio del cambiamento ha dichiarato che un aumento delle istanze di fallimento spesso genera un "effetto domino". Poiché i fallimenti si ripercuotono lungo tutta la catena di fornitura, le aziende posizionate alla fine della catena vengono costrette all'insolvenza e determinano la diffusione del fenomeno nei settori correlati, come è accaduto in Lituania, dove la chiusura della compagnia aerea nazionale venne in parte ascritta al fallimento di hotel e ristoranti. Un autorevole ricerca americana sull'impatto economico e sociale della perdita di posti di lavoro fa riferimento alla perdita di posti di lavoro nella contea di Robeson, NC, nel decennio , come causa di un effetto domino da 4,78 miliardi di euro. Lo studio stima che la perdita di posti di lavoro nel settore manifatturiero abbia implicato una riduzione totale negli impieghi regionali di posti di lavoro, prolungatasi per oltre dieci anni, con governi regionali che fino al 2004 hanno riscosso annualmente 39 milioni di USD in meno di tasse aziendali indirette. Le cifre sono preoccupanti soprattutto se confrontate con gli attuali foschi scenari dei livelli di disoccupazione in molte parti dell'europa: il 26,8% in Spagna, il 17,8% in Portogallo, il 27% in Grecia ed il 12% in Italia. Data la permanenza della crisi finanziaria nell'eurozona, è evidente che il numero crescente di aziende provate dalla crisi lascerà in eredità lavoratori e intere comunità in grande sofferenza, con conseguenze negative sulla crescita e una riduzione delle entrate destinate a sanità, istruzione e sussidi pubblici per i prossimi decenni. L'EFFETTO A CATENA DEL FALLIMENTO DI UN'AZIENDA MI creditori perdono parte o tutto quello che è loro dovuto, con conseguente indebolimento della volontà o della capacità di investire altrove, condizione che determina la riduzione del tasso di occupazione, dei progetti di ricerca e delle entrate fiscali. MAnche venditori, impresari e fornitori locali si possono trovare obbligati a licenziare personale e tagliare spese e investimenti. MPersonale con esperienza e competenze si sposta altrove alla ricerca di impiego. MLe entrate fiscali diminuiscono per le amministrazioni locali diventa sempre più complesso sostenere i costi della sanità e di altri servizi pubblici. MLe famiglie coinvolte tagliano le spese per i beni non essenziali, tra cui l'istruzione superiore per i figli. 10 intrum magazine 3 / 2013 intrum magazine 3 /

7 profilo: gwen stefani Rock chic Stella del rock, icona di stile, madre di due bambini, stilista di moda: all'affascinante Gwen Stefani pare che non manchi proprio nulla. Da quando, nel 1995, il suo gruppo musicale, i No Doubt, raggiunse la fama mondiale con il singolo di grande successo Don t Speak, l'artista non ha mai smesso di stare sotto i riflettori. Stefani, volto di copertina delle pubblicazioni più alla moda del mondo, ora firma tre marchi di abbigliamento e di recente è apparsa con i Rolling Stones nella notte di apertura della loro tournée 50 And Counting tour. Moda MGwen Stefani ha lanciato la sua prima linea di moda, L.A.M.B., dopo essere entrata in contatto con l'alta moda grazie alla stilista Andrea Lieberman. MLa linea ha raggiunto la popolarità tra star del calibro di Teri Hatcher e Nicole Kidman. MNel 2005 ha ampliato la collezione con una linea meno esclusiva e destinata a un pubblico adolescente, Harajuku Lovers, mentre nel 2011 ha immesso sul mercato la linea per bambini Harajuku Mini. MHa lanciato inoltre una linea di profumi e una di bambole fashion in edizione limitata. ML'attività commerciale di Stefani pare che generi oltre 150 milioni di dollari l'anno. Di Isabelle Kliger Con la sua innata compostezza e la buona educazione, Stefani è sempre stata un diverso genere di diva, che non ha mai fatto notizia con drammi alla Courtney Love, incidenti di guardaroba alla Janet Jackson o scandali di droga alla Lindsay Lohan. La sua celebrità invece è ascrivibile forse più al suo personalissimo look - pelle pallida, incipriata, rossetto rosso vivo, sopracciglia arcuate - tanto che nel video del suo singolo uscito nel 2009, 4 in the Morning, in cui è apparsa senza trucco, in omaggio alle inquadrature di una Marilyn Monroe al naturale, idolo di Stefani adolescente, la cantante era quasi irriconoscibile. La mia camera era interamente tappezzata di poster di Marilyn Monroe rivelò in un'intervista rilasciata a Vogue. Nata e cresciuta a Fullerton, in California, viene chiamata Gwen come un personaggio del romanzo Aeroporto, pubblicato nel In casa dei genitori, amanti del folk, ascolta spesso la musica di artisti come Bob Dylan ed Emmylou Harris. Nel 1986, con il fratello Eric è tra i membri fondatori del gruppo musicale ska punk e rock No Doubt, che non riscuote grandi consensi fino al 1995, quando finalmente sfonda con l'album Tragic Kingdom e l'onnipresente singolo di grande successo Don t Speak. In una recente intervista al quotidiano The Telegraph, Stefani ha ammesso che per lei la fama fu un vero shock. Non sono mai stata una trasgressiva, né una ribelle. Non ho mai usato droghe, ho vissuto con i miei genitori fino a 25 anni e ho avuto un solo fidanzato, che mi lasciò. Poi, improvvisamente, mi sono trovata ad avere tutto questo ascendente, dice. foto:getty images / Frank Micelotta 12 intrum magazine 3 / 2013 intrum magazine 3 /

8 profilo: gwen stefani foto:getty images / Kevin Mazur foto:getty images / Todd Oren vita MGwen Stefani, 43 anni MCantante del gruppo rock No Doubt MSposata con Gavin Rossdale, cantante dei Bush MLa coppia ha due bambini, Kingston, nato nel 2006, e Zuma, nato nel 2008 ML'album Tragic Kingdom, uscito nel 1995, con cui i No Doubt hanno sfondato, ha venduto più di 16 milioni di copie in tutto il mondo con il grande successo Don t Speak MConsiderando il lavoro con i No Doubt, Stefani ha venduto più di quaranta milioni di dischi in tutto il mondo MStefani ha tre marchi di moda che portano la sua firma: L.A.M.B, Harajuku Lovers e Harajuku Mini Durante la sua carriera Stefani è stata spesso paragonata a Madonna, un confronto che non sempre ha gradito. È tuttavia indubbio che le due star hanno in comune ben più che la capigliatura bionda. Come Madonna, anche Stefani ha sporadicamente lavorato come attrice senza trascurare la carriera musicale, si è allontanata dall'estetica street-punk per collocarsi tra le prime file delle sfilate dell'alta moda, ha un marito inglese famoso e, forse la cosa più importante, a 43 anni sembra condividere la capacità di Madonna di reinventarsi costantemente in un modo che le ha permesso di non passare di moda. Per i No Doubt non si è più ripetuto il successo ottenuto con Tragic Kingdom, attestato dalla vendita di oltre 16 milioni di copie in tutto il mondo, ma nel 2004 Stefani è tornata alla ribalta debuttando come solista con l'album L.A.M.B. e la linea di abbigliamento che porta lo stesso nome (Love. Angel. Music. Baby.). Sebbene alla CNN Stefani avesse dichiarato che per lei la moda era più che altro un divertimento le sue prime collezioni hanno ricevuto recensioni per lo più favorevoli, che l'hanno collocata tra le celebrità più serie diventate stiliste. Tra le poche voci dissenzienti, spicca quella di Cathy Horyn, del New York Times, che ha scritto: Se mai c'è stato un motivo per cui una stella del pop debba concentrarsi sulle proprie capacità vocali, è il disastro di Gwen Stefani nel campo della moda. La linea di moda della cantante, che comprende anche borse, scarpe e un profumo, a quanto si dice sta generando 90 milioni di dollari l'anno. Ho creato L.A.M.B. perché mi stavo preparando, consapevole del fatto che L'affare della musica prima o poi sarebbe finito Dieci anni fa creai L.A.M.B. perché mi stavo preparando, consapevole del fatto che l'affare della musica prima o poi sarebbe finito ha dichiarato l'anno scorso a Vogue. Benché in realtà l'"affare" della musica non è ancora finito (l'ultimo album dei No Doubt, Push and Shove, è infatti uscito a settembre dello scorso anno), la fama di Stefani ha superato quella del gruppo. Basandosi sul successo di L.A.M.B, ha lanciato altri due marchi: Harajuku Lovers, per adolescenti, con una grande varietà di accessori e fragranze, e Harajuku Mini, per bambini, entrambi in vendita da Target. In definitiva, il mini impero al dettaglio di Stefani, con scarpe, borse, abbigliamento e fragranze, ha registrato guadagni annuali superiori a 150 milioni di dollari. Da imbronciata ragazzina rock a sofisticata dama del rock, Gwen Stefani ha goduto di due decenni di fama che l'hanno vista tra l'altro diventare volto L'Oréal e anfitriona per una raccolta di fondi a favore degli Obama nella sua casa di Beverly Hills. Lei e i suoi figli, Kingston e Zuma, restano tra gli obiettivi favoriti dei paparazzi, mentre la sua carriera nella moda continua ad andare di bene in meglio. Dalla loro pagina in Facebook intanto i No Doubt hanno confermato di essere tornati in studio per lavorare a del nuovo materiale. 14 intrum magazine 3 / 2013

Per maggiori informazioni sui servizi di gestione e recupero crediti di Intrum Justitia visitate il sito www.intrum.it - 5 -

Per maggiori informazioni sui servizi di gestione e recupero crediti di Intrum Justitia visitate il sito www.intrum.it - 5 - Intrum Justitia approfondisce i dati della ricerca European Payment Index 2014 e pubblica i risultati relativi a ritardi di pagamento, perdite su crediti nei più importanti settori economici. In Europa,

Dettagli

European Payment Index 2013. Abitudini e rischi di pagamento in Europa ed in Italia, scenario attuale e prospettive future

European Payment Index 2013. Abitudini e rischi di pagamento in Europa ed in Italia, scenario attuale e prospettive future European Payment Index 2013 Abitudini e rischi di pagamento in Europa ed in Italia, scenario attuale e prospettive future Intrum Justitia è il gruppo leader in Europa nei servizi di Credit Management Unica

Dettagli

European Payment Index 2014. Abitudini e rischi di pagamento in Europa ed in Italia, scenario attuale e prospettive future

European Payment Index 2014. Abitudini e rischi di pagamento in Europa ed in Italia, scenario attuale e prospettive future European Payment Index 2014 Abitudini e rischi di pagamento in Europa ed in Italia, scenario attuale e prospettive future Intrum Justitia è il gruppo leader in Europa nei servizi di Credit Management Unica

Dettagli

COUNTRY PAYMENT REPORT 2015

COUNTRY PAYMENT REPORT 2015 COUNTRY PAYMENT REPORT 2015 Il Country Payment Report è uno studio di Intrum Justitia Intrum Justitia raccoglie dati da migliaia di aziende in Europa per acquisire conoscenze sulle abitudini di pagamento

Dettagli

European Payment Report 2015

European Payment Report 2015 European Payment Report 2015 Il Gruppo Intrum Justitia Leader europeo nel settore dei servizi di Credit Management con uffici in 20 paesi europei Fondato nel 1923 Quotato al mercato NASDAQ OMX Stockholm

Dettagli

European Payment Index 2012 Industry White Paper

European Payment Index 2012 Industry White Paper European Payment Index 2012 Industry White Paper Ritardi e perdite su crediti in Europa. Gli effetti per i diversi settori economici Intrum Justitia è il gruppo leader in Europa nei servizi di Credit Management

Dettagli

Scheda didattica GLI ACCORDI DI BRETTON WOODS

Scheda didattica GLI ACCORDI DI BRETTON WOODS Scheda didattica GLI ACCORDI DI BRETTON WOODS La fine della Seconda Guerra Mondiale aprì un periodo di gravi problemi economici, politici e sociali. Gli unici che uscirono economicamente rafforzati dalla

Dettagli

European Payment Index 2011. In Europa la perdita su crediti ha raggiunto 312 miliardi di Euro

European Payment Index 2011. In Europa la perdita su crediti ha raggiunto 312 miliardi di Euro European Payment Index 2011 In Europa la perdita su crediti ha raggiunto 312 miliardi di Euro Intrum Justitia Unica multinazionale quotata in borsa leader nel settore dei servizi di Credit Management GRUPPO

Dettagli

e arrivano le prime perdite

e arrivano le prime perdite e arrivano le prime perdite Con i prezzi delle case in ribasso, le banche che avevano concesso molti mutui subprime ora iniziano a registrare delle perdite sempre più grandi. Concessione del mutuo Pignoramento

Dettagli

European Payment Index 2010. In Europa la perdita su crediti ha raggiunto 300 miliardi di Euro, l equivalente del debito nazionale della Grecia.

European Payment Index 2010. In Europa la perdita su crediti ha raggiunto 300 miliardi di Euro, l equivalente del debito nazionale della Grecia. European Payment Index 2010 In Europa la perdita su crediti ha raggiunto 300 miliardi di Euro, l equivalente del debito nazionale della Grecia. Intrum Justitia Unica multinazionale quotata in borsa leader

Dettagli

La situazione attuale

La situazione attuale La situazione attuale L Europa si sta impoverendo. I poteri forti stanno trascinando le classi lavoratrici verso la rovina. Sono gli agenti di un sistema definito dai principi del massimo profitto e della

Dettagli

Tempi di pagamento medi

Tempi di pagamento medi Pagamenti & ritardi. Conseguenze & rimedi. Chi fa credenza senza pegno, perde l'amico, la roba e l'ingegno. Giovanni Verga SECONDO un elaborazione dell Ufficio studi della CGIA di Mestre su dati Intrum

Dettagli

SALVARE IL CAPITALISMO di Alfred Rappaport. di Giancarlo Forestieri pag. 9. di John C. Bogle. Parte prima Le cause e le conseguenze della veduta corta

SALVARE IL CAPITALISMO di Alfred Rappaport. di Giancarlo Forestieri pag. 9. di John C. Bogle. Parte prima Le cause e le conseguenze della veduta corta Indice SALVARE IL CAPITALISMO di Alfred Rappaport Prefazione all edizione italiana di Giancarlo Forestieri pag. 9 Prefazione di John C. Bogle Ringraziamenti Introduzione» 19» 25» 27 Parte prima Le cause

Dettagli

The AR Factor. Il valore economico dell Accounts Receivable Finance (Finanziamento dei crediti commerciali) per le principali economie europee

The AR Factor. Il valore economico dell Accounts Receivable Finance (Finanziamento dei crediti commerciali) per le principali economie europee The AR Factor Il valore economico dell Accounts Receivable Finance (Finanziamento dei crediti commerciali) per le principali economie europee Media Executive Summary Lo scopo di questa ricerca è valutare

Dettagli

La crisi del settore bancario in Europa

La crisi del settore bancario in Europa La crisi del settore bancario in Europa 26 ottobre 2011 Christine Lagarde, direttrice del Fondo Monetario Internazionale, già ad agosto aveva dichiarato che occorrevano circa 200 miliardi di Euro per ricapitalizzare

Dettagli

Il factoring nel 2014 e le previsioni per il 2015

Il factoring nel 2014 e le previsioni per il 2015 Milano17 marzo 2015 2 Il factoring nel 2014 e le previsioni per il 2015 Mercato del factoring in Italia Turnover 2014: 178 mld euro Lo scenario: PIL Italia -0,4% nel 2014 PIL area Euro +0,9% nel 2014 +0,4%

Dettagli

Roberto Ciompi VUOI FARE LA RISTRUTTURAZIONE FINANZIARIA DELLA TUA IMPRESA?

Roberto Ciompi VUOI FARE LA RISTRUTTURAZIONE FINANZIARIA DELLA TUA IMPRESA? Roberto Ciompi VUOI FARE LA RISTRUTTURAZIONE FINANZIARIA DELLA TUA IMPRESA? 7+1 suggerimenti per preparare una richiesta di ristrutturazione finanziaria dell impresa. 1 CIOMPI ROBERTO VUOI FARE LA RISTRUTTURAZIONE

Dettagli

i dossier USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO www.freefoundation.com www.freenewsonline.it 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta

i dossier USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO www.freefoundation.com www.freenewsonline.it 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta 357 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Usa: il «sequestro» Cosa è successo negli

Dettagli

Reagire alla crisi: Credito e Liquidità per Imprese e Famiglie 1 2 3 4 5 7 8 9 LE TUE DOMANDE, LE NOSTRE RISPOSTE

Reagire alla crisi: Credito e Liquidità per Imprese e Famiglie 1 2 3 4 5 7 8 9 LE TUE DOMANDE, LE NOSTRE RISPOSTE Reagire alla crisi: 610 Credito e Liquidità per Imprese e Famiglie 1 2 3 4 5 7 8 9 LE TUE DOMANDE, LE NOSTRE RISPOSTE 10 Reagire alla crisi Se sei un imprenditore e hai bisogno di nuovi finanziamenti o

Dettagli

Perché affidarsi a tecnico di proget

Perché affidarsi a tecnico di proget TEC. Baroni 45 imp 2-04-2004 10:54 Pagina 50 TECNICA Perché affidarsi a tecnico di proget d i S a r a B a r o n i Uno studio di ingegneria, maturando esperienza in realtà differenti, sviluppa una competenza

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 5 La crisi delle Savings & Loans (cap. 2 libro) La crisi dei Paesi scandinavi (cap. 2 libro) La crisi delle Savings & Loans - 1 Enti specializzati

Dettagli

L ACCESSO AL CREDITO PER LE PMI Lo scenario attuale e gli strumenti a disposizione per imprenditori e consulenti di impresa

L ACCESSO AL CREDITO PER LE PMI Lo scenario attuale e gli strumenti a disposizione per imprenditori e consulenti di impresa L ACCESSO AL CREDITO PER LE PMI Lo scenario attuale e gli strumenti a disposizione per imprenditori e consulenti di impresa La situazione dell accesso al credito per le piccole e medie imprese che costituiscono

Dettagli

Rapporto Amway sull imprenditorialità Anno 2013. Incoraggiare l imprenditorialità eliminando la paura di fallire

Rapporto Amway sull imprenditorialità Anno 2013. Incoraggiare l imprenditorialità eliminando la paura di fallire Rapporto Amway sull imprenditorialità Anno 2013 Incoraggiare l imprenditorialità eliminando la paura di fallire Rapporto Amway sull imprenditorialità 2013 SURVEY DESIGN Periodo di rilevazione: Marzo maggio

Dettagli

GLI ANDAMENTI TERRITORIALI 35 Macroarea Nord 35 Macroarea Centro 36 Macroarea Sud1 40 Macroarea Sud2 43

GLI ANDAMENTI TERRITORIALI 35 Macroarea Nord 35 Macroarea Centro 36 Macroarea Sud1 40 Macroarea Sud2 43 RAPPORTO BANCHE SOMMARIO E CONCLUSIONI 3 LA CONGIUNTURA BANCARIA IN EUROPA 7 L attivo bancario 8 Gli impieghi 8 I crediti deteriorati 14 I titoli in portafoglio 17 Le azioni e partecipazioni 19 Le passività

Dettagli

Sondaggio sul Sentiment degli Investitori Globali

Sondaggio sul Sentiment degli Investitori Globali 2014 Sondaggio sul Sentiment degli Investitori Globali R I S U L T A T I P R I N C I P A L I I risultati del nostro Sondaggio sul Sentiment degli Investitori Globali del 2014 indicano che gli investitori

Dettagli

di prossima pubblicazione:

di prossima pubblicazione: di prossima pubblicazione: 1 (la sintesi) Fare cessare l artificiale scarsità di moneta in Italia L economia italiana sta asfissiando a causa della scarsità di moneta. Gli altri problemi di sprechi e inefficienze

Dettagli

29 gennaio 2016. Italia: prestiti per settori

29 gennaio 2016. Italia: prestiti per settori Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 19/ del 9// Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca. Italia:

Dettagli

Appunti di storia Classe 5^- Prof.ssa Livia Dumontet

Appunti di storia Classe 5^- Prof.ssa Livia Dumontet LA CRISI DEL 29 La crisi del 1929 rappresenta un periodo della storia economica del Novecento durante il quale si ridussero su scala mondiale: Produzione Occupazione Redditi Salari Consumi Investimenti

Dettagli

REAGISCO E MI RIMBOCCO LE MANICHE

REAGISCO E MI RIMBOCCO LE MANICHE INDAGINE: COME I MANAGER VIVONO LA CRISI REAGISCO E MI RIMBOCCO LE MANICHE Il sondaggio effettuato a fine anno da Astra Ricerche per Manageritalia parla chiaro: i manager sentono la crisi sulla propria

Dettagli

3 buone ragioni perchè il mercato americano sia ancora in rialzo

3 buone ragioni perchè il mercato americano sia ancora in rialzo www.dominosolutions.it - info@dominosolutions.it 3 buone ragioni perchè il mercato americano sia ancora in rialzo Il nostro One Million Dollar Portfolio da inizio anno sta realizzando il 58.13% Il nostro

Dettagli

Germania: il modello da seguire?

Germania: il modello da seguire? Daniel Gros Germania: il modello da seguire? Negli ultimi dieci anni l economia europea ha visto svariati rovesciamenti di fronte: la Germania, ad esempio, da malato d Europa ne è diventato il modello.

Dettagli

Grecia: Le critiche del passato e le loro verifiche a venire

Grecia: Le critiche del passato e le loro verifiche a venire Grecia: Le critiche del passato e le loro verifiche a venire di Olivier Blanchard 10 luglio 2015 Gli occhi del mondo sono tutti puntati sulla situazione economica della Grecia e le parti coinvolte continuano

Dettagli

FACCIAMO I CONTI! Elaborazione dati e testi: Relatore: Valentina Mezzani Mara Sartori. Alberto Mastini Presidente Federconsumatori Verona

FACCIAMO I CONTI! Elaborazione dati e testi: Relatore: Valentina Mezzani Mara Sartori. Alberto Mastini Presidente Federconsumatori Verona FACCIAMO I CONTI! Relatore: Alberto Mastini Presidente Federconsumatori Verona Elaborazione dati e testi: Valentina Mezzani Mara Sartori Elaborazione e stampa a cura di Federconsumatori Verona Per Credito

Dettagli

L urgente riforma del sistema monetario

L urgente riforma del sistema monetario L urgente riforma del sistema monetario di Mark Joób Oggi un numero crescente di persone si rende conto che il denaro è più di uno strumento neutrale per gli scambi economici, il denaro in effetti governa

Dettagli

Rapporto dell ILO sul mondo del lavoro 2013: scenario UE

Rapporto dell ILO sul mondo del lavoro 2013: scenario UE Rapporto dell ILO sul mondo del lavoro 2013: scenario UE International Institute for Labour Studies Nella UE, mancano quasi 6 milioni di posti di lavoro per tornare alla situazione occupazionale pre-crisi

Dettagli

Il binomio Gestione dei Crediti Commerciali e Customer Care: strategia per produrre cassa e fidelizzare il portfolio clienti.

Il binomio Gestione dei Crediti Commerciali e Customer Care: strategia per produrre cassa e fidelizzare il portfolio clienti. IL VALORE DELL AUTOFINANZIAMENTO. Il binomio Gestione dei Crediti Commerciali e Customer Care: strategia per produrre cassa e fidelizzare il portfolio clienti. L ultimo Bollettino Economico della Banca

Dettagli

Italia: esposizioni deteriorate. (in % sul totale dei finanziamenti) 10,8 8,9 7,8 3,2 3,0 2,9 6,0 4,5 3,6

Italia: esposizioni deteriorate. (in % sul totale dei finanziamenti) 10,8 8,9 7,8 3,2 3,0 2,9 6,0 4,5 3,6 Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

La classe media americana non è più la più ricca del mondo

La classe media americana non è più la più ricca del mondo RESeT INTERNAZIONALE The New York Times DAVID LEONHARDT E KEVIN QUEALY ED. IT. DI MARIA CARANNANTE 22 aprile 2014 La classe media americana non è più la più ricca del mondo La classe media americana, a

Dettagli

Economia debole, profitti deboli. -Il 2012 si prospetta ancora più duro-

Economia debole, profitti deboli. -Il 2012 si prospetta ancora più duro- NOTIZIE n 42 Economia debole, profitti deboli -Il 2012 si prospetta ancora più duro- 20 settembre 2011 (Singapore) - La IATA (l Associazione internazionale del trasporto aereo) ha annunciato un aggiornamento

Dettagli

Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sulla crisi economica e finanziaria in Grecia

Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sulla crisi economica e finanziaria in Grecia Senato della Repubblica Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sulla crisi economica e finanziaria in Grecia Roma 9 luglio2015 www.mef.gov. Signor Presidente,

Dettagli

SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE:

SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE: PICCOLE E MEDIE IMPRESE SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE: RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: IN COLLABORAZIONE CON: L indagine Nel mese di ottobre 2010,

Dettagli

PRESENTATA OGGI A TORINO DA INTESA SANPAOLO E DAL CENTRO EINAUDI L INDAGINE SUL RISPARMIO E SULLE SCELTE FINANZIARIE DEGLI ITALIANI

PRESENTATA OGGI A TORINO DA INTESA SANPAOLO E DAL CENTRO EINAUDI L INDAGINE SUL RISPARMIO E SULLE SCELTE FINANZIARIE DEGLI ITALIANI COMUNICATO STAMPA PRESENTATA OGGI A TORINO DA INTESA SANPAOLO E DAL CENTRO EINAUDI L INDAGINE SUL RISPARMIO E SULLE SCELTE FINANZIARIE DEGLI ITALIANI 2014 Cresce la propensione al risparmio. Le famiglie

Dettagli

Sezione A: indicatori di scenario

Sezione A: indicatori di scenario Public Affairs S.r.l. Via Mauro Macchi, 61 20124 MILANO SONDAGGIO IPSOS ACRI 84ª Giornata Mondiale del Risparmio PRODUTTIVITA, RISPARMIO, SVILUPPO Risultati diffusi nell ambito della conferenza stampa

Dettagli

La Riforma monetaria è necessaria

La Riforma monetaria è necessaria La Riforma monetaria è necessaria http://www.empowernetwork.com/dataflex/blog/riforma-monetaria-e-necessaria/?id=dataflex In risposta alla recente crisi del debito finanziario e sovrano di tutto il mondo

Dettagli

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli

Analisi annuale indipendente della crescita 2013 ECLM-IMK-OFCE

Analisi annuale indipendente della crescita 2013 ECLM-IMK-OFCE Analisi annuale indipendente della crescita 2013 ECLM-IMK-OFCE Sintesi Quattro anni dopo l'inizio della grande recessione, l'area dell'euro resta in crisi. Il PIL e il PIL pro capite sono al di sotto dei

Dettagli

SOLUZIONE O IMBROGLIO?

SOLUZIONE O IMBROGLIO? 818 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com BAD BANK. SOLUZIONE O IMBROGLIO? 13 febbraio 2014 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 In questi giorni si sta parlando molto della proposta

Dettagli

LE PICCOLE IMPRESE E IL CREDITO. Il volto poco amico delle banche

LE PICCOLE IMPRESE E IL CREDITO. Il volto poco amico delle banche LE PICCOLE IMPRESE E IL CREDITO Il volto poco amico delle banche Metodologia Indagine quantitativa condotta mediante somministrazione telefonica (sistema C.A.T.I. Computer Assisted Telephone Interview)

Dettagli

Le 6 regole fondamentali per un sicuro accesso al credito.

Le 6 regole fondamentali per un sicuro accesso al credito. Le 6 regole fondamentali per un sicuro accesso al credito. Torino, 18 settembre 2006 Indice Introduzione...p. 3 Le 6 regole fondamentali...p. 3 Introduzione Come abbiamo rilevato nei precedenti articoli

Dettagli

L INVESTMENT BAROMETER DI J.P. MORGAN PRIVATE BANK RIVELA LE OPINIONI DEGLI INVESTITORI HIGH NET WORTH E LE MINACCE PIÙ TEMUTE NEL 2015

L INVESTMENT BAROMETER DI J.P. MORGAN PRIVATE BANK RIVELA LE OPINIONI DEGLI INVESTITORI HIGH NET WORTH E LE MINACCE PIÙ TEMUTE NEL 2015 COMUNICATO STAMPA L INVESTMENT BAROMETER DI J.P. MORGAN PRIVATE BANK RIVELA LE OPINIONI DEGLI INVESTITORI HIGH NET WORTH E LE MINACCE PIÙ TEMUTE NEL 2015 Le azioni mantengono la fiducia degli investitori

Dettagli

Il Settore Bancario USA La Crisi che Non Vuole Finire

Il Settore Bancario USA La Crisi che Non Vuole Finire Il Settore Bancario USA La Crisi che Non Vuole Finire 24 Gennaio 2011 Le principali banche Statunitensi, incluse tra le altre Wells Fargo, Goldman Sachs e Bank of America, hanno evidenziato recentemente

Dettagli

GUADAGNO LIST BUILDING Come Costruire un Impero Virtuale di Clienti Continui per Realizzare Vendite e Profitti Automatici!

GUADAGNO LIST BUILDING Come Costruire un Impero Virtuale di Clienti Continui per Realizzare Vendite e Profitti Automatici! GUADAGNO LIST BUILDING Come Costruire un Impero Virtuale di Clienti Continui per Realizzare Vendite e Profitti Automatici! Modulo 4 Termini Legali Sono stati fatti tutti i tentativi possibili per verificare

Dettagli

SCHEDA PAESE: CINA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE:

SCHEDA PAESE: CINA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE: PICCOLE E MEDIE IMPRESE SCHEDA PAESE: CINA PICCOLE E MEDIE IMPRESE: RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: IN COLLABORAZIONE CON: L indagine Nel mese di ottobre 2010, Forbes

Dettagli

La gestione del credito: un approccio analitico al rating

La gestione del credito: un approccio analitico al rating La gestione del credito: un approccio analitico al rating di Giuseppe R. Grasso (*) Oggi le aziende sono chiamate a farsi carico del rischio finanziario associato al proprio portafoglio crediti, rischio

Dettagli

Aprile 2014. Nota congiunturale sintetica

Aprile 2014. Nota congiunturale sintetica Aprile 2014 Nota congiunturale sintetica Eurozona La dinamica degli indicatori di fiducia basati sulle indagini congiunturali fino a marzo è coerente con il perdurare di una crescita moderata anche nel

Dettagli

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Convegno LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Finanziamenti alle Imprese: nuove politiche di prezzo e nuove strategie commerciali delle Banche Perché la disciplina sul capitale di vigilanza delle banche

Dettagli

La stagnazione giapponese La caduta dei prezzi è solo il sintomo

La stagnazione giapponese La caduta dei prezzi è solo il sintomo La stagnazione giapponese La caduta dei prezzi è solo il sintomo 28 Febbraio 2011 Dal recente aumento dei prezzi delle materie prime, gli investitori potrebbero chiedersi qual è il piu' alto impatto dei

Dettagli

LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA

LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA 593 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA BANCARIO ITALIANO 18 settembre 2013 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 Nell ultima riunione Ecofin del

Dettagli

MISURE DELL'UE PER IL SOSTEGNO FINANZIARIO ALLA GRECIA E LA STABILIZZAZIONE DELL AREA EURO

MISURE DELL'UE PER IL SOSTEGNO FINANZIARIO ALLA GRECIA E LA STABILIZZAZIONE DELL AREA EURO Camera dei deputati - XVI Legislatura - Dossier di documentazione (Versione per stampa) Autore: Titolo: Ufficio Rapporti con l'unione Europea Misure dell'ue per il sostegno finanziario alla Grecia e la

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

Documentazione I PIIGS Chi controlla Eurolandia? Strumenti e prospettive dopo il caso Grecia

Documentazione I PIIGS Chi controlla Eurolandia? Strumenti e prospettive dopo il caso Grecia Documentazione I PIIGS Chi controlla Eurolandia? Strumenti e prospettive dopo il caso Grecia SCENARI E POLITICHE DI STABILITÀ E CONVERGENZA La tabella 2.1 mostra come l anno da poco concluso sia stato

Dettagli

La crisi del 29. Il boom degli anni Venti

La crisi del 29. Il boom degli anni Venti Nel primo dopoguerra l'economia degli Stati Uniti ebbe un forte incremento, trainata soprattutto dal settore automobilistico. Infatti, in America dal 1922 al 1929, la produzione industriale aumentò del

Dettagli

Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sugli sviluppi della situazione del debito della Grecia

Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sugli sviluppi della situazione del debito della Grecia Camera dei deputati Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sugli sviluppi della situazione del debito della Grecia Roma, 1 luglio 2015 www.mef.gov.it 1 Il

Dettagli

Un unico grande gruppo al tuo servizio

Un unico grande gruppo al tuo servizio Un unico grande gruppo al tuo servizio Un unico grande gruppo al tuo servizio Cerved Group nasce dall unione di otto marchi, ognuno dei quali leader di presidio, che grazie alla loro competenza ed esperienza

Dettagli

GIAN PIERO TURLETTI PROBLEMI AZIENDALI: COME RISOLVERLI?

GIAN PIERO TURLETTI PROBLEMI AZIENDALI: COME RISOLVERLI? GIAN PIERO TURLETTI PROBLEMI AZIENDALI: COME RISOLVERLI? Free-Ebook collegato a: Le soluzioni più semplici ad alcuni importanti problemi aziendali PROBLEMI AZIENDALI: COME RISOLVERLI? Questo report riunisce,

Dettagli

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese II Conferenza regionale sul credito e la finanza per lo sviluppo Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese David Sabatini Resp. Ufficio Finanza Il sistema industriale

Dettagli

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Gregorio De Felice Chief Economist Intesa Sanpaolo Roma, 24 febbraio 2014 Agenda 1 Le prospettive macro nel 2014-15 2 Credito ed economia reale nell area

Dettagli

Info finanza. e previdenza. Anche nel 2013 interessante remunerazione complessiva

Info finanza. e previdenza. Anche nel 2013 interessante remunerazione complessiva Allianz Suisse Casella postale 8010 Zurigo www.allianz-suisse.ch Info finanza 01 YDPPR267I e previdenza Edizione 01 / Marzo 2013 ECCEDENZE LPP Anche nel 2013 interessante remunerazione complessiva Senza

Dettagli

08.15 RAPPORTO MENSILE

08.15 RAPPORTO MENSILE 08.15 RAPPORTO MENSILE Agosto Crescita economica, Imprese 1 Mercato del lavoro 3 Inflazione 5 Commercio estero 6 Turismo 8 Credito 9 Frutticoltura, Costruzioni 10 Congiuntura internazionale 11 Autori Luciano

Dettagli

Domande e risposte sulla distribuzione parallela in Italia

Domande e risposte sulla distribuzione parallela in Italia Domande e risposte sulla distribuzione parallela in Italia Che cosa è la distribuzione parallela? L'economia europea è costruita e sostenuta dalla creatività degli imprenditori che operano cogliendo le

Dettagli

Tesoreria. L importanza dell analisi andamentale nel rapporto banca-impresa. di Emanuele Facile (*) e Andrea Giacomelli (**)

Tesoreria. L importanza dell analisi andamentale nel rapporto banca-impresa. di Emanuele Facile (*) e Andrea Giacomelli (**) PAGINA: 60-64 L importanza dell analisi andamentale nel rapporto banca-impresa di Emanuele Facile (*) e Andrea Giacomelli (**) Nel nuovo contesto derivante dall introduzione di Basilea 2 l analisi dei

Dettagli

I servizi finanziari nel futuro dell'unione Europea

I servizi finanziari nel futuro dell'unione Europea SPEECH/03/548 Romano Prodi Presidente della Commissione europea I servizi finanziari nel futuro dell'unione Europea Dopo l'allargamento: conferenza sui servizi finanziari nel mercato allargato dell'unione

Dettagli

Assicurazione crediti. La protezione delle perdite sul fatturato/

Assicurazione crediti. La protezione delle perdite sul fatturato/ Assicurazione crediti La protezione delle perdite sul fatturato/ Spesso la fiducia non paga/ Il pericolo di perdere il proprio denaro è in agguato in ogni fattura emessa. Le cose possono andare bene per

Dettagli

Cosa devono fare le banche per favorire i processi di aggregazione?

Cosa devono fare le banche per favorire i processi di aggregazione? Cosa devono fare le banche per favorire i processi di aggregazione? Prima di provare a rispondere a questa domanda mi pare indispensabile una premessa che contestualizzi l attuale situazione. Perché a

Dettagli

CAP 11 LA GRANDE CRISI

CAP 11 LA GRANDE CRISI CAP 11 LA GRANDE CRISI Alcuni richiami teorici Alla fine degli anni Venti si sviluppa nei paesi capitalistici occidentali una crisi di proporzioni mai viste rispetto alla quale esistono tre scuole di pensiero

Dettagli

Il Denaro è in cancrena e quando c'è cancrena va imputato

Il Denaro è in cancrena e quando c'è cancrena va imputato Il Denaro è in cancrena e quando c'è cancrena va imputato Qui voglio fare un esempio per capire dove siamo arrivati col denaro: Ammettiamo che io non abbia a disposizione quasi nulla come denaro, ma voglio

Dettagli

Figura 1. Povertà relativa, 2002-2009. Fonte: Istat (vari anni), la povertà in Italia

Figura 1. Povertà relativa, 2002-2009. Fonte: Istat (vari anni), la povertà in Italia I dati della statistica ufficiale confermano che il contesto locale della provincia di Napoli e dell intera regione Campania si trovano ad affrontare in questi anni una crisi economica e sociale ancora

Dettagli

I rischi sono più vicini di quello che sembrano

I rischi sono più vicini di quello che sembrano Attenzione! I rischi sono più vicini di quello che sembrano 9 maggio, 2011 Dopo un eccezionale rally dell euro, in cui la moneta unica è passata dal livello di 1,25 dollari a 1,5 dollari, le preoccupazioni

Dettagli

Libro verde sui servizi finanziari al dettaglio: prodotti migliori, maggiore scelta e maggiori opportunità per consumatori e imprese

Libro verde sui servizi finanziari al dettaglio: prodotti migliori, maggiore scelta e maggiori opportunità per consumatori e imprese SONDAGGIO UNIONE EUROPEA Libro verde sui servizi finanziari al dettaglio: prodotti migliori, maggiore scelta e maggiori opportunità per consumatori e imprese Introduzione Il Libro Verde cerca i punti di

Dettagli

Genworth Index: Misurazione della sicurezza e della vulnerabilità finanziaria dei consumatori

Genworth Index: Misurazione della sicurezza e della vulnerabilità finanziaria dei consumatori Marzo 2013 I Quinta edizione Genworth Index: Misurazione della sicurezza e della vulnerabilità finanziaria dei consumatori GF90336 05/11 i I Genworth Index: Misurazione della sicurezza e della vulnerabilità

Dettagli

UNA BOLLA SPECULATIVA SUI TITOLI DI STATO?

UNA BOLLA SPECULATIVA SUI TITOLI DI STATO? 478 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com UNA BOLLA SPECULATIVA SUI TITOLI DI STATO? 24 giugno 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Una bolla pronta a scoppiare? Le parole di un esperto

Dettagli

DECISIONI. (Il testo in lingua italiana è il solo facente fede) (Testo rilevante ai fini del SEE) (2010/12/UE)

DECISIONI. (Il testo in lingua italiana è il solo facente fede) (Testo rilevante ai fini del SEE) (2010/12/UE) L 6/8 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 9.1.2010 DECISIONI DECISIONE DELLA COMMISSIONE del 5 gennaio 2010 che esonera taluni servizi finanziari del settore postale in Italia dall applicazione della

Dettagli

Rilancia la tua azienda

Rilancia la tua azienda Gli specialisti delle strategie di vendita per le PMI Rilancia la tua azienda Con le 12 Fasi del sistema di vendita 1 st Class Selling http://www.1stclassselling.com/ Premessa Se stai leggendo questo report

Dettagli

Il dramma degli sfratti Disoccupazione alle stelle L indice della miseria Salviamo la democrazia Ed è fuga di capitali e non solo

Il dramma degli sfratti Disoccupazione alle stelle L indice della miseria Salviamo la democrazia Ed è fuga di capitali e non solo MoneyExpert.it Diario di Bordo 15 novembre 2012 s-pain Il dramma degli sfratti Disoccupazione alle stelle L indice della miseria Salviamo la democrazia Ed è fuga di capitali e non solo Per ora più sommersa

Dettagli

Lo Spunto Finanziario 27 Agosto 2010

Lo Spunto Finanziario 27 Agosto 2010 Lo Spunto Finanziario 27 Agosto 2010 Debiti sovrani PRIMA, Crescita o Recessione DOPO. L' incertezza Continua? 1) In scia ai timori di una ricaduta dell'economia globale sta proseguendo la "fuga dal rischio"

Dettagli

La maggiore partecipazione alla vita sociale ed economica delle donne determina un aumento della quota del tempo delle donne fuori dalla famiglia.

La maggiore partecipazione alla vita sociale ed economica delle donne determina un aumento della quota del tempo delle donne fuori dalla famiglia. Meno matrimoni In Italia ha sempre ricoperto un ruolo decisivo nel sistema di protezione sociale la rete di welfare familiare. Anche nell ambito della famiglia registriamo dinamiche demografiche, sociali

Dettagli

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Ottobre 2014 Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Eurozona Previsioni "La ripresa nella zona euro sta perdendo impulso, la crescita del PIL si è fermata nel secondo trimestre, le informazioni

Dettagli

Indagine sulle micro, piccole e medie imprese: sintesi dei principali risultati

Indagine sulle micro, piccole e medie imprese: sintesi dei principali risultati Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per la Politica Industriale, la Competitività e le Piccole e Medie Imprese ex Div. VIII PMI e artigianato Indagine sulle micro, piccole e medie imprese:

Dettagli

GIORNALE INFORMATIVO MONETA INTERA dicembre 2015

GIORNALE INFORMATIVO MONETA INTERA dicembre 2015 GIORNALE INFORMATIVO MONETA INTERA dicembre 2015 Cara Lettrice, caro Lettore, Festeggiamo un evento storico: grazie a più di 110 000 cittadini, la Svizzera potrà decidere in votazione chi ha il diritto

Dettagli

10 MOTIVI PER INVESTIRE IN EUROPA

10 MOTIVI PER INVESTIRE IN EUROPA 10 MOTIVI PER INVESTIRE IN EUROPA Agosto 2012 In questo momento l'europa va tutt'altro che evitata e riteniamo che l'attenzione che gravita intorno ai problemi fiscali abbia creato un'opportunità d'investimento,

Dettagli

IL I L R EAL A L EST S A T T A E T RESI S D I E D NZIA I L A E Paola Dezza

IL I L R EAL A L EST S A T T A E T RESI S D I E D NZIA I L A E Paola Dezza IL REAL ESTATE RESIDENZIALE Paola Dezza Immobiliare, asset class vincente Le ricerche sull impiego del capitale nel lungo periodo mostrano quasi sempre l ottima prestazione del mattone rispetto ad altre

Dettagli

Va ricordato a questo proposito che le grandi banche americane, cartolarizzando i propri portafogli crediti, hanno trasferito, attraverso l'emissione

Va ricordato a questo proposito che le grandi banche americane, cartolarizzando i propri portafogli crediti, hanno trasferito, attraverso l'emissione Michele Bagella: Cercherò di fare alcuni commenti riferendomi a ciò che ho ascoltato partecipando a questa tavola rotonda. Sono tra coloro che sono convinti che il microcredito e la microfinanza possano

Dettagli

Fondo Europeo per l integrazione di Cittadini di Paesi Terzi Progetto MEDIARE.COM. Glossario. dei principali termini finanziari di uso quotidiano

Fondo Europeo per l integrazione di Cittadini di Paesi Terzi Progetto MEDIARE.COM. Glossario. dei principali termini finanziari di uso quotidiano Fondo Europeo per l integrazione di Cittadini di Paesi Terzi Progetto MEDIARE.COM dei principali termini finanziari di uso quotidiano IL PROGETTO MEDIARE.COM La presente pubblicazione è stata curata da

Dettagli

SETTE DOMANDE A MATTEO RENZI. ATTENDIAMO RISPOSTE PUNTUALI, MAGARI SEGUITE DA FATTI

SETTE DOMANDE A MATTEO RENZI. ATTENDIAMO RISPOSTE PUNTUALI, MAGARI SEGUITE DA FATTI a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 856 SETTE DOMANDE A MATTEO RENZI. ATTENDIAMO RISPOSTE PUNTUALI, MAGARI SEGUITE DA

Dettagli

SANITA. Il MIO IMPEGNO PER UNA SANITA ACCESSIBILE A TUTTI

SANITA. Il MIO IMPEGNO PER UNA SANITA ACCESSIBILE A TUTTI Il mio programma elettorale è frutto della voce delle persone che ho incontrato lungo il mio cammino e che sto incontrando nel corso della mia campagna elettorale SANITA Il MIO IMPEGNO PER UNA SANITA ACCESSIBILE

Dettagli

Nota congiunturale I trimestre 2002

Nota congiunturale I trimestre 2002 CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO AGRICOLTURA NOVARA Nota congiunturale I trimestre 2002 a cura dell Ufficio studi 81 80 79 78 77 76 75 74 73 72 6 4 2 0-2 -4-6 -8 71-10 I/98 II/98 III/98 IV/98

Dettagli

...... delle Partecipate e dei fornitori

...... delle Partecipate e dei fornitori ...... I pagamenti della Pubblica Amministrazione, delle Partecipate e dei fornitori...... numero D i c e m b r e 2 0 1 301 FATTURE SCADUTE E NON PAGATE I PAGAMENTI DELLA PA E DEI FORNITORI PA Il nuovo

Dettagli

ALLARME ROSSO PER LA RICERCA EUROPEA: È URGENTISSIMO ACCELERARE GLI INVESTIMENTI NELLE CONOSCENZE

ALLARME ROSSO PER LA RICERCA EUROPEA: È URGENTISSIMO ACCELERARE GLI INVESTIMENTI NELLE CONOSCENZE ALLARME ROSSO PER LA RICERCA EUROPEA: È URGENTISSIMO ACCELERARE GLI INVESTIMENTI NELLE CONOSCENZE Gli sforzi per la ricerca sono molto minori in Europa di quanto non siano negli Stati Uniti o in Giappone,

Dettagli

Investire nella crescita: l innovazione finanziaria a sostegno dello sviluppo

Investire nella crescita: l innovazione finanziaria a sostegno dello sviluppo Investire nella crescita: l innovazione finanziaria a sostegno dello sviluppo 13 FORO DI DIALOGO ITALIA SPAGNA Contributo degli intermediari finanziari italiani, coordinato dal Prof. Rainer Masera, al

Dettagli