sia on line sia su carta, di cui soltanto una minima parte è elencata nel Box Risorse Nonostante questo, c è un ostacolo non trascurabile

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "sia on line sia su carta, di cui soltanto una minima parte è elencata nel Box Risorse Nonostante questo, c è un ostacolo non trascurabile"

Transcript

1 POSTARUBRICHE Di Marco Fioretti SOLUZIONI Tre dimensioni con Blender INTERNET Grafica 3D a costo zero con il più affermato e funzionale programma Open Source. Per Linux ma anche per Windows e Macintosh. su Mac OS X e Windows. Oltre all uso interattivo, Blender of- CAD Creazione, manipolazione e animazione di oggetti digitali tridimensionali sono attività ormai indilizzare al computer immagini realistiche, giochi o animazioni di qualsiasi tipo. Il programma Open Sour- SVILUPPO ce più completo e documentato per questo tipo di lavoro è Blender (www.blender.org), che gira anche fre anche la possibilità di automatizzare le operazioni più ripetitive GIOCHI grazie a un supporto avanzato per l esecuzione di script Python. Gli oggetti creati in Blender sono compatibili con altre applicazioni dello spensabili per chiunque voglia rea- stesso tipo come Wings 3D, 3D Studio Max o Lightwave. Script come Blend2Java (http://blend2java.sf.net) consentono di convertire i modelli Blender anche in file Xml utilizzabili, con la classe Shape3D, in qualunque programma Java. A differenza di vari altri prodotti Open Source, Blender dispone di una notevole mole di documentazione, sia on line sia su carta, di cui soltanto una minima parte è elencata nel Box Risorse di questo articolo. Nonostante questo, c è un ostacolo non trascurabile per chi volesse avvicinarsi al mondo della modellazione tridimensionale con Blender anche se, almeno per iniziare, non è richiesta alcuna esperienza di programmazione. La complessità intrinseca di alcune operazioni e, di conseguenza, quella dei comandi corrispondenti possono essere piuttosto scoraggianti se alcuni punti non sono chiari prima ancora di avviare il programma. La rubrica di questo mese sarà quindi dedicata a spiegare alcuni concetti di base e a presentare le caratteristiche più importanti dell interfaccia grafica di Blender. Di cosa è veramente capace Blender? Gli oggetti e i personaggi creati con Blender sono talmente belli e sofisticati che è quasi impossibile dare un idea di dove si possa arrivare attraverso screenshot di dimensioni ridotte. Il modo migliore per rendersi conto della potenza di Blender è visitare la galleria di esempi sul sito ufficiale (www.blender.org/features-gallery/gallery/images/), che contiene decine di immagini e animazioni. La pagina descrive invece due brevi spot pubblicitari realizzati con Blender per il mercato italiano. La schermata iniziale di Blender è divisa in tre finestre: quella centrale contiene i modelli su cui si lavora, quella inferiore tutti i pulsanti, divisi in pannelli, con cui eseguire i vari comandi. In cima allo schermo si trovano invece il menu principale e diverse informazioni e statistiche. Gli elementi di base In Blender gli oggetti si costruiscono combinando fra loro altri oggetti elementari di vario tipo. Quelli più facili da visualizzare per un profano, presenti in alcune figure di questo articolo, sono i reticoli (mesh) poligonali. Si tratta semplicemente di solidi più o meno elementari, da cubi e cilindri a sferoidi composti da triangoli o altre superfici piane, definiti interamente attraverso la posizione dei loro vertici. In parecchi casi il numero dei vertici è configurabile dall utente ma non dipende tanto dalla forma del solido, quanto dalla risoluzione che si desidera. Gli oggetti ad alta risoluzione risultano più lisci e quindi più realistici, 236 PC Professionale -Giugno 2008

2 ma richiedono anche molta più memoria per essere elaborati. L altra grande famiglia di oggetti elementari di Blender comprende curve, superfici e solidi descritti non dalle coordinate dei loro punti, ma direttamente da funzioni matematiche. I componenti di questa famiglia più apprezzati dagli utenti esperti sono i cosiddetti Nurbs (Non Uniform Rational B-Splines): per mezzo loro si possono descrivere accuratamente molte forme bi o tridimensionali, da semplici linee a corpi solidi più o meno irregolari come esseri umani, alberi o automobili. I Nurbs hanno anche il vantaggio di occupare spesso molta meno memoria di altre descrizioni dello stesso oggetto con metodi alternativi. Texture mapping Dopo aver creato e combinato come si desidera i componenti di base appena descritti è possibile riempirli, cioè colorare le facce del reticolo da cui sono formati. Il colore e l aspetto generale degli oggetti che si ottengono fermandosi a questo punto sono però, quasi sempre, ben poco realistici. La soluzione è rivestire gli oggetti stessi con delle texture, cioè trame o rivestimenti appropriati. Questa procedura, normalmente chiamata texture mapping, è l equivalente digitale dell incollare una carta da regalo su una scatola di cartone o qualsiasi altro oggetto, per renderli più attraenti. È possibile anche applicare più di una copertura allo stesso solido (multitexturing) o effettuare il cosiddetto bump mapping Quest ultima tecnica, spesso utilizzata nei videogiochi, consiste nel controllare non soltanto il colore di ogni punto della superficie, ma anche il suo orientamento. Il risultato è una copertura tridimensionale che riflette la luce in maniera molto più realistica ed è particolarmente indicato per oggetti complessi come cortecce d albero o qualunque materiale ruvido. In linea di principio, qualsiasi im- magine nei formati grafici tradizionali come Jpeg o Png può essere usata come texture. I problemi nascono dopo, e sono in un certo senso simili a quelli normalmente affrontati dai cartografi quando devono rappresentare la superficie curva della terra su una cartina bidimensionale. Il procedimento di base per applicare una texture consiste nel dividerla in tante parti più piccole, da proiettare, ognuna perpendicolarmente, sulle facce da cui è costituito l oggetto. Se questa suddivisione non viene eseguita seguendo regole ben precise l immagine proiettata sarà eccessivamente deformata, con risultati assai poco realistici. Un procedimento per evitare questi problemi è descritto in dettaglio nel tutorial pit1/gimpit.html. Rendering Dopo aver creato e rivestito tutti gli oggetti che compongono una scena è il momento del rendering. Questo Come estendere le capacità di Blender Blender, l applicativo di modeling tridimensionale protagonista della rubrica di questo mese, oltre a essere assai completo già nella sua versione di base può essere reso ancora più potente con uno sforzo relativamente limitato. L architettura interna di questo programma è infatti tale che molte funzioni si possono aggiungere senza doverne modificare e ricompilare il codice sorgente. Grazie a questa scelta di progetto sono disponibili in rete parecchi plugin e istruzioni dettagliate per scrivere i propri. I due casi per i quali è più facile trovare plugin Blender già funzionanti sono l elaborazione di texture (vedi articolo principale) e la generazione di animazioni video con caratteristiche particolari: il più interessante fra questi ultimi è probabilmente quello chiamato GreenScreen (http://paprmh.googlepages.com/greenscreen), che permette di sovrapporre una ripresa fatta con una telecamera digitale a uno scenario creato con Blender. I plugin della prima categoria, di cui esiste un elenco parziale all indirizzo aggiungono pulsanti o menu supplementari per utilizzare facilmente vari tipi di materiali. Esistono infatti plugin per creare coperture di mattoni o ceramiche e altri per emulare i materiali più disparati, da schermi Led, nuvole e corteccia a frattali o superfici liquide. Dal punto di vista di uno sviluppatore, i plugin per Blender possono essere scritti in due modi. I plugin binari, o eseguibili, sono teoricamente i più veloci, ma hanno due svantaggi fondamentali che ne limitano molto la diffusione. Il primo è la maggiore competenza necessaria per scrivere e compilare programmi in C anziché script. Il secondo è il fatto che, proprio perché devono essere eseguibili, questi plugin vanno compilati sullo stesso sistema operativo su cui si dovrà usare Blender e, in generale, funzionano solo con la specifica versione del programma per cui sono stati compilati. Per queste ragioni l altro modo di creare plugin Blender, basato su script Python, è molto più facile e popolare del primo. La scelta del linguaggio è dovuta semplicemente al fatto che ogni versione di Blender contiene, fra le altre cose, un interprete Python completo. Nella pratica l uso di un linguaggio di scripting non è affatto una restrizione. Alcuni plugin di questa categoria non si limitano ad automatizzare operazioni specifiche su singoli oggetti ma eseguono, in alcuni casi interattivamente, generazione di paesaggi o di animazioni complesse. Blender People (www.harkyman.com/bp.html), ad esempio, è un intera suite di script che si appoggia a un database MySql per creare movimenti di folle, per generare più rapidamente animazioni di battaglie o altri eventi di massa. Innerworld (http://innerworld.sourceforge.net/), invece, è un generatore di paesaggi: anche se ancora allo stato iniziale di sviluppo è già capace di aggiungere oggetti come case o alberi, in maniera intelligente, nei punti più plausibili, partendo da caratteristiche dello scenario come quota o pendenza del terreno. > Dove si trovano i plugin di Blender? Gli archivi online più ricchi sono quelli all interno del sito ufficiale di Blender: all Url si trovano centinaia di script, divisi in categorie: quelle più nutrite sono Animazione, Import ed Export verso altri formati e generazione di Mesh, ma ce ne sono molte di più. Per imparare a usare gli script nel modo migliore conviene consultare prima il manuale all indirizzo Altre raccolte di plugin Python sono elencate nella pagina > Come si scrive un plugin? Se gli script esistenti non vi bastano, il modo migliore per scrivere i propri è studiare i rudimenti di Python, se già non si conosce questo linguaggio, e poi consultare il capitolo Python Scripting del manuale ufficiale di Blender (http://wiki.blender.org/index.php/manual/python_scripting). Anche il capitolo con lo stesso nome del libro Blender 3D: Noob to Pro (vedi Box Risorse dell articolo principale) è molto utile per questo tipo di programmazione. 237

3 Prima di applicare una texture conviene effettuare un primo passo di rendering per verificare se il modello tridimensionale è stato creato correttamente. Il punto di vista, le condizioni di illuminazione e lo scenario di fondo sono completamente configurabili. termine, piuttosto generico, può indicare qualsiasi elaborazione di un immagine. Nel contesto di Blender, la fase di rendering è quella in cui, dopo aver posizionato una o più sorgenti di luce, si scatta una fotografia dal punto di vista desiderato ai vari oggetti creati in precedenza. Animazioni Come accennato all inizio, Blender permette di creare non solo animazioni complesse, ma anche applicazioni interattive, in cui gli oggetti reagiscono, ad esempio alle azioni compiute dall utente con il mouse. Per ottenere questi effetti occorre definire innanzitutto dei sensori, che intercettano gli eventi, dei controllori che decidano a quali eventi reagire e come e infine degli attuatori che eseguano le azioni corrispondenti. In pratica tutte queste operazioni, che vengono gestite da un motore integrato in Blender, richiedono la scrittura e la successiva compilazione di codice Python. L interfaccia utente È dunque utile conoscerne le caratteristiche principali anche prima di iniziare a usare questo programma. Una buona idea quando le cose non funzionano è far partire Blender non dai menu di sistema ma digitando direttamente il comando da un terminale, in modo da poter leggere in tempo reale, sul terminale stesso, lo stato del programma ed eventuali messaggi d errore. Gli elementi principali dell interfaccia sono finestre, pulsanti, pannelli e contesti. Il modo di lavorare è basato su un uso intensivo di scorciatoie da tastiera: la cosiddetta regola d oro degli esperti di Blender è tenete sempre una mano sulla tastiera e una sul mouse. Le tre finestre che appaiono nello schermo di default di Blender appartengono a tre categorie diverse. Quella superiore è del tipo chiamato informazioni : contiene il menu di sistema, la versione di Blender che si sta usando e varie statistiche relative alla scena corrente, come una stima in tempo reale della quantità di memoria utilizzata. Quest ultimo parametro, calcolato a partire dal numero di oggetti presenti nella scena e dalle loro caratteristiche, permette di verificare continuamente se ci si sta spingendo oltre le capacità del computer. La finestra centrale è invece di tipo 3D View, cioè visione tridimensionale. In essa si vede il mondo in cui vengono creati gli oggetti, all interno di una griglia tridimensionale che aiuta a muoverli con precisione: questa è la vista usata per tutte le operazioni di editing e composizione. Per spostarsi nella griglia ci si può servire del tastierino numerico alla destra della tastiera. All interno della griglia si trova un cursore tridimensionale (la croce con il cerchio bianco e rosso), utilizzato sia per determinare dove piazzare i nuovi oggetti sia come centro di eventuali rotazioni dei medesimi. Un pulsante chiamato Pivot point permette di dichiarare se un oggetto deve ruotare su se stesso o intorno alla posizione corrente del cursore tridimensionale. Ogni sessione di Blender comprende anche almeno una sorgente luminosa e una macchina fotografica (camera), rappresentate nelle finestre 3d View da due cerchi concentrici e, rispettivamente, una piccola piramide nera. La macchina fotografica viene usata nella fase di rendering per scattare fotografie dal punto di vista desiderato, e può quindi essere spostata e ruotata come un qualsiasi altro oggetto. L utente può aggiungere a piacimento altre macchine fotografiche e sorgenti luminose di vario tipo. L ultima finestra, quella in basso, dello schermo di default di Blender è una pulsantiera (Buttons window), cioè un contenitore per tutti i pulsanti necessari per eseguire i comandi di Blender. Ogni pulsantiera ha una barra strumenti da cui si possono attivare, facendo clic su delle icone o tramite menu a tendina, diversi contesti. Sulla stessa barra, immediatamente a destra delle icone, si trova un rettangolo che mostra il numero del fotogramma su cui si sta lavorando. Ogni contesto corisponde a una categoria di azioni: editing, anima- La complessità delle operazioni possibili con Blender si riflette direttamente in quella della sua interfaccia utente: molto potente, efficiente, flessibile ma decisamente poco intuitiva. Le pulsantiere o Button Windows di Blender contengono decine di pulsanti, raggruppati in diversi pannelli a seconda della loro funzione. 238

4 Nell Edit Mode di Blender gli oggetti sono rappresentati come reticoli di punti che possono essere selezionati e spostati, cioè modellati, singolarmente o in gruppo. Le parti estruse, o espanse, di un oggetto possono anche essere ruotate e spostate indipendente-mente dal resto, permettendo di creare con Blender forme assai complicate a partire da pochi solidi elementari. zione, controllo della scena, definizione di sequenze interattive (Logic) e così via. All interno di ogni contesto i pulsanti sono ulteriormente raggruppati in pannelli, alcuni dei quali appaiono soltanto per certe categorie di oggetti. Come abbiamo già accennato, la configurazione appena descritta è Risorse quella di default di Blender, e quindi dà solo un idea parziale della potenza del programma. In realtà lo schermo principale può essere riconfigurato in qualsiasi modo. Ogni finestra è indipendente dalle altre, può cambiare tipo con un solo clic ed essere spostata all interno dello schermo oppure suddivisa in articolo anche se L non recentissimo, è un introduzione generale a Blender a un livello leggermente più tecnico e complesso di quello scelto per questo articolo. Per farsi un idea della posizione di Blender nel mondo delle applicazioni di modeling tridimensionale può essere utile la tabella che elenca tutte le funzioni principali di Blender e diversi suoi concorrenti, da Autodesk 3ds Max a LightWave. Il centro di raccolta della documentazione di Blender è la pagina che elenca diversi tutorial e manuali, alcuni dei quali scaricabili gratuitamente. Il testo consigliato dagli sviluppatori è Essential Blender, uscito a giugno 2007, perché con l acquisto si contribuisce finanziariamente alle spese di sviluppo. Al di fuori del sito ufficiale merita una menzione il manuale online Blender 3D: Noob to Pro (Blender: da novellino a professionista, che contiene anche diversi tutorial su vari argomenti specifici, inclusi due particolarmente interessanti sugli script Python per Blender e, rispettivamente, l animazione avanzata. Ultimo, ma non meno importante: a Febbraio 2008 è partita Blender Magazine Italia (http://blendermagazine.altervista.org/), una rivista online interamente dedicata a Blender! due parti, di dimensioni variabili. Si possono anche aprire più finestre dello stesso tipo, ad esempio per guardare simultaneamente la stessa scena da diversi punti di vista: in effetti questo accorgimento è praticamente indispensabile, almeno agli inizi, per rendersi conto di come i singoli oggetti sono disposti l uno a fianco dell altro oppure di come la loro forma e posizione reciproca vengono alterate dalle varie operazioni. Se necessario, qualsiasi finestra si può ingrandire temporaneamente fino a occupare l intero schermo e poi riportare immediatamente alle dimensioni originali. Esistono parecchi altri tipi di finestre oltre alle tre descritte in precedenza: una è riservata all esecuzione di script Python, altre all editing audio e video delle animazioni. La finestra outliner descrive in maniera gerarchica tutti gli oggetti presenti in una scena, le loro caratteristiche e le relazioni fra gli uni e gli altri. Sono presenti anche un editor di testi e un browser per cercare immagini nel computer e visualizzarle senza ricorrere ad altri programmi. 239

5 Modi e operazioni principali di Blender Le operazioni possibili sugli oggetti contenuti nella finestra 3D View sono di due tipi: quelle che agiscono sull intero oggetto senza cambiarne la natura, ad esempio spostandolo, ruotandolo o cambiandone le dimensioni, e quelle che ne modificano forma o altre proprietà. A ognuna di queste categorie corrisponde un modo diverso di agire, che deve essere selezionato dall utente. Nel primo caso (Object Mode), gli oggetti possono essere afferrati, spostati o ruotati usando le scorciatoie da tastiera. È possibile anche distribuirli e suddividerli in base alla loro funzione, in strati (layer) separati. Un layer potrebbe ad esempio contenere macchine fotografiche e luci, ed essere reso temporaneamente invisibile per evitare distrazioni. L altra modalità principale di funzionamento di Blender è chiamata Edit Mode. Quest ultimo è immediatamente riconoscibile dall altro perché in Object Mode i vari oggetti sono rappresentati come forme solide opache. Nell altro caso, invece, sono visibili solo i vertici dei vari oggetti: quelli selezionati sono gialli, gli altri rosa, e tutti sono uniti da sottili linee nere. Ogni vertice può essere selezionato con un clic del mouse indipendentemente dagli altri e spostato dove si vuole, per modificare la forma dell oggetto a cui appartiene. La stessa operazione si può fare anche con singoli lati o facce dell oggetto stesso: queste parti, a differenza dei singoli vertici, possono anche essere ruotate su se stesse. L altra operazione elementare possibile in Edit Mode è quella chiamata Extrude (estrusione). In pratica essa permette di staccare e spostare in vari modi intere parti di un oggetto al di fuori dello stesso, mantenendo inalterata la forma e, in alcuni casi, la posizione reciproca di tutte le facce che sono state estruse. La parte iniziale di una estrusione consiste nel selezionare una parte qualsiasi dell oggetto, o meglio tutti i vertici e lati che la costituiscono. A quel punto, premendo il tasto E tutti quei componenti, e solo quelli, seguiranno il cursore in modi che dipendono dal tipo di estrusione selezionato in una finestra pop-up. È infatti possibile effettuare l estrusio- ne di regioni, ovvero intere fette della superficie costituite da insiemi di facce contigue, oppure singole facce, vertici o lati. Pur partendo, in ogni caso, dalla stessa zona di uno stesso oggetto il risultato finale è profondamente diverso, a seconda del tipo di operazione scelto. Nel caso di estrusione di una regione, per esempio, l intera area selezionata mantiene la sua forma, spostandosi come un unico oggetto. Quando si esegue un estru- Musei e mostre online con Omeka Omeka (http://omeka.org) è un Content Management System, cioè un software per la creazione e gestione di portali Web dinamici, scritto specificamente per allestire su Internet mostre digitali. Gli utenti principali a cui gli sviluppatori si rivolgono sono musei, librerie e altre istituzioni culturali, ma Omeka può essere utile anche a chiunque voglia esporre su Internet una collezione di qualsiasi tipo. La pagina contiene un elenco di mostre ed esposizioni multimediali già realizzate da vari Enti pubblici e privati del Nord America. In corrispondenza con il rilascio della prima versione beta pubblica di Omeka sono stati attivati anche un indirizzo di supporto e una mailing list a cui tutti gli sviluppatori interessati a collaborare sono invitati a iscriversi (http://groups.google.com/group/omeka-dev). Interfacce grafiche Perl per Linux e Windows Prima (www.prima.eu.org/) è un modulo Perl contenente un toolkit per lo sviluppo di applicazioni con interfaccia grafica completamente portabili su qualsiasi versione di Windows da Nt a 2000 così come su Linux, FreeBsd e varie versioni di Unix. La distribuzione di Prima contiene un ambiente di sviluppo grafico, sufficiente anche se spartano. Oltre alla documentazione scritta dagli sviluppatori, dalla home page si può scaricare un tutorial molto dettagliato che descrive le caratteristiche di Prima e quelle di Ipa, un applicazione per l elaborazione di immagini basata su questo toolkit. sione per facce, invece, ognuna di esse si stacca dalle altre e si muove indipendentemente da loro. In tutti i casi, comunque, le parti estruse dall oggetto originale rimangono a esso connesse, creando un nuovo, singolo oggetto di forma completamente diversa. L estrusione, insieme alla combinazione di più oggetti, è quindi uno dei modi più facili per creare in Blender quasi qualsiasi modello, non importa quanto complicato. Storage più facile con OpenSolaris Sun Microsystem ha rilasciato a maggio 2008 un nuovo prodotto che permette di configurare un server di storage OpenSolaris in dieci minuti. Questo annuncio, che segue di pochi mesi il rilascio del codice sorgente dei sistemi per archivi digitali Sun StorageTek 5800 (www.sun.com/storagetek/disk_systems/e nterprise/5800/), continua la politica dell azienda di rendere più facile possibile lo sviluppo e l uso di software per la piattaforma OpenSolaris (http://opensolaris.org/). Sincronizzare i file con Ulteo Ulteo (www.ulteo.com) è una compagnia creata alcuni anni fa da Gael Duval, uno dei fondatori di Mandrakesoft per semplificare la vita digitale di tutti gli utenti di Pc. Il Desktop Online di Ulteo, ad esempio, permette a chiunque di provare e usare via Internet le versioni più recenti di parecchie applicazioni Open Source per il desktop. Esiste anche un client installabile su Pc, chiamato Ulteo Application System (www.ulteo.com/home/it/applicationsystem). A questi prodotti si è recentemente affiancata la versione beta di un Document Synchronizer gratuito per Windows Xp e Vista (www.ulteo.com/home/documentsynchronizer). Lo scopo di questa utility è mantenere sempre sincronizzati, tramite un interfaccia grafica, tutti i file che l utente crea sui suoi desktop Windows o Linux e il suo account Ulteo online. Il sincronizzatore contiene anche funzioni per automatizzare il backup remoto sullo stesso account dei file conservati sul proprio computer e viceversa. 240

3. Gestione di un sistema operativo a interfaccia grafica (elementi di base) 3.1 Software

3. Gestione di un sistema operativo a interfaccia grafica (elementi di base) 3.1 Software Pagina 29 di 47 3. Gestione di un sistema operativo a interfaccia grafica (elementi di base) 3.1 Software Come abbiamo già detto in precedenza, l informatica si divide in due grandi mondi : l hardware

Dettagli

MANUALE D USO Agosto 2013

MANUALE D USO Agosto 2013 MANUALE D USO Agosto 2013 Descrizione generale MATCHSHARE è un software per la condivisione dei video e dati (statistiche, roster, ) delle gare sportive. Ogni utente abilitato potrà caricare o scaricare

Dettagli

Laboratorio informatico di base

Laboratorio informatico di base Laboratorio informatico di base A.A. 2013/2014 Dipartimento di Scienze Aziendali e Giuridiche (DISCAG) Università della Calabria Dott. Pierluigi Muoio (pierluigi.muoio@unical.it) Sito Web del corso: www.griadlearn.unical.it/labinf

Dettagli

Introduzione a 3ds Max

Introduzione a 3ds Max 3 Capitolo 1 Introduzione a 3ds Max 3ds Max è ad oggi uno dei più diffusi e dei più potenti software per la creazione di rendering tridimensionali in qualsiasi ambito, dall architettura al design, dalla

Dettagli

Il controllo della visualizzazione

Il controllo della visualizzazione Capitolo 3 Il controllo della visualizzazione Per disegnare in modo preciso è necessario regolare continuamente l inquadratura in modo da vedere la parte di disegno che interessa. Saper utilizzare gli

Dettagli

Il programma Power Point

Il programma Power Point Il programma Power Point ICT per la terza età Le video lezioni della Fondazione Mondo Digitale Diapositiva Introduzione Power Point In questo argomento del nostro corso affrontiamo il programma Power Point.

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica Corso di Informatica Modulo T2 1 Sistema software 1 Prerequisiti Utilizzo elementare di un computer Significato elementare di programma e dati Sistema operativo 2 1 Introduzione In questa Unità studiamo

Dettagli

Guida a Mac OS X per gli utenti Windows

Guida a Mac OS X per gli utenti Windows apple 1 Per iniziare Guida a Mac OS X per gli utenti Windows Avete fatto il grande passo? Siete passati a Macintosh o siete tornati a questo sistema dopo un lungo periodo di utilizzo di Windows? Questa

Dettagli

The Free Interactive Whiteboard Software

The Free Interactive Whiteboard Software The Free Interactive Whiteboard Software Per eseguire il Download del Software Digita nella barra di Google l indirizzo Una finestra di dialogo ti chiederà di inserire i tuoi dati personali Scegli il sistema

Dettagli

Microsoft PowerPoint 2003. Tutorial

Microsoft PowerPoint 2003. Tutorial Facoltà di Lettere e Filosofia Cdl in Scienze dell Educazione A.A. 2010/2011 Informatica (Laboratorio) Microsoft PowerPoint 2003 Tutorial Author Kristian Reale Rev. 2011 by Kristian Reale Liberamente distribuibile

Dettagli

SH.Invoice è un software pratico e completo per la gestione della fatturazione di professionisti e imprese.

SH.Invoice è un software pratico e completo per la gestione della fatturazione di professionisti e imprese. Presentazione: SH.Invoice è un software pratico e completo per la gestione della fatturazione di professionisti e imprese. Il programma si distingue per la rapidità e l elasticità del processo di gestione

Dettagli

BLENDER. LEZIONI DI LABORATORIO Lezione 1

BLENDER. LEZIONI DI LABORATORIO Lezione 1 BLENDER LEZIONI DI LABORATORIO Lezione 1 Sito ufficiale: www.blender.org BLENDER Sito ufficiale italiano: www.blender.it Wiki: http://wiki.blender.org/ Quick start: http://wiki.blender.org/index.php/file:quickstart_guide.png

Dettagli

SardegnaFotoAeree. La Sardegna vista dall alto MANUALE PER L USO DELL APPLICAZIONE

SardegnaFotoAeree. La Sardegna vista dall alto MANUALE PER L USO DELL APPLICAZIONE SardegnaFotoAeree La Sardegna vista dall alto MANUALE PER L USO DELL APPLICAZIONE REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA [2] Indice 1. Introduzione 2. Navigatore 5 7 8 9 2.1. Strumenti di navigazione 2.2. Ricerca

Dettagli

Obiettivo Generare un file.notebook integrato con testo, collegamenti, video, suoni e immagini ed esportarlo in diversi formati: PDF, HTML e JPG.

Obiettivo Generare un file.notebook integrato con testo, collegamenti, video, suoni e immagini ed esportarlo in diversi formati: PDF, HTML e JPG. SMART Board Prerequisiti PC Pentium III - 128Mb di Ram- 110 Mb di spazio su HD - casse acustiche - software Notebook e driver di SMART Board Videoproiettore - LIM Installazione software Smart Board su

Dettagli

Introduzione alla Grafica 3D

Introduzione alla Grafica 3D Informatica Grafica per le arti Introduzione alla Grafica 3D La realizzazione di grafica tridimensionale e' un processo molto complicato che richiede notevole potenza di calcolo. Generare un'immagine tridimensionale

Dettagli

Usa lo sfoglialibro su Smart Notebook

Usa lo sfoglialibro su Smart Notebook Usa lo sfoglialibro su Smart Notebook Interfaccia di Smart Notebook 2 I menu di Notebook 3 Barra degli strumenti orizzontale 4 Barra degli strumenti verticale 5 Barra degli strumenti mobili 6 I principali

Dettagli

4.1 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE

4.1 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE 4.1 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE Il foglio elettronico (definito anche spreadsheet) è uno strumento formidabile. Possiamo considerarlo come una specie di enorme tabellone a griglia il cui utilizzo si estende

Dettagli

'LVSHQVD :LQGRZV GL0&ULVWLQD&LSULDQL

'LVSHQVD :LQGRZV GL0&ULVWLQD&LSULDQL 'LVSHQVD 'L :LQGRZV GL0&ULVWLQD&LSULDQL ',63(16$',:,1'2:6,QWURGX]LRQH Windows 95/98 è un sistema operativo con interfaccia grafica GUI (Graphics User Interface), a 32 bit, multitasking preempitive. Sistema

Dettagli

Tutorial 3DRoom. 3DRoom

Tutorial 3DRoom. 3DRoom Il presente paragrafo tratta il rilievo di interni ed esterni eseguito con. L utilizzo del software è molto semplice ed immediato. Dopo aver fatto uno schizzo del vano si passa all inserimento delle diagonali

Dettagli

BARRA LATERALE AD APERTURA AUTOMATICA...

BARRA LATERALE AD APERTURA AUTOMATICA... INDICE 1) SOMMARIO... 1 2) PRIMO AVVIO... 1 3) BARRA LATERALE AD APERTURA AUTOMATICA... 2 4) DATI AZIENDALI... 3 5) CONFIGURAZIONE DEL PROGRAMMA... 4 6) ARCHIVIO CLIENTI E FORNITORI... 5 7) CREAZIONE PREVENTIVO...

Dettagli

lo 2 2-1 - PERSONALIZZARE LA FINESTRA DI WORD 2000

lo 2 2-1 - PERSONALIZZARE LA FINESTRA DI WORD 2000 Capittol lo 2 Visualizzazione 2-1 - PERSONALIZZARE LA FINESTRA DI WORD 2000 Nel primo capitolo sono state analizzate le diverse componenti della finestra di Word 2000: barra del titolo, barra dei menu,

Dettagli

Impostare il browser per navigare in sicurezza Opzioni di protezione

Impostare il browser per navigare in sicurezza Opzioni di protezione Impostare il browser per navigare in sicurezza Opzioni di protezione Data la crescente necessità di sicurezza e tutela dei propri dati durante la navigazione in rete, anche gli stessi browser si sono aggiornati,

Dettagli

Guida rapida - versione Web e Tablet

Guida rapida - versione Web e Tablet Guida rapida - versione Web e Tablet Cos è GeoGebra? Un pacchetto completo di software di matematica dinamica Dedicato all apprendimento e all insegnamento a qualsiasi livello scolastico Gestisce interattivamente

Dettagli

Modulo 6 Strumenti di presentazione

Modulo 6 Strumenti di presentazione Modulo 6 Strumenti di presentazione Gli strumenti di presentazione permettono di realizzare documenti ipertestuali composti da oggetti provenienti da media diversi, quali: testo, immagini, video digitali,

Dettagli

Microsoft Office XP. dott. ing. Angelo Carpenzano. acarpenzano@neoteksolutions.it. La suite Microsoft Office XP

Microsoft Office XP. dott. ing. Angelo Carpenzano. acarpenzano@neoteksolutions.it. La suite Microsoft Office XP Microsoft Office XP dott. ing. Angelo Carpenzano acarpenzano@neoteksolutions.it 1 La suite Microsoft Office XP Microsoft Word: elaboratore testi (word processor) Microsoft Excel: foglio di calcolo (spreadsheet)

Dettagli

Lezione 1: Introduzione Struttura e aspetto di PowerPoint Sviluppare una presentazione. Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 6

Lezione 1: Introduzione Struttura e aspetto di PowerPoint Sviluppare una presentazione. Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 6 Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 6 Lezione 1: Introduzione Struttura e aspetto di PowerPoint Sviluppare una presentazione Anno 2009/2010 Syllabus 5.0 Microsoft PowerPoint è un software progettato

Dettagli

Flow!Works Manuale d uso

Flow!Works Manuale d uso Flow!Works Manuale d uso Questa guida ti sarà utile per comprendere le informazioni e le diverse funzioni del software, in modo da permetterti un corretto utilizzo nella più completa autonomia. Smartmedia

Dettagli

. A primi passi con microsoft a.ccepss SommarIo: i S 1. aprire e chiudere microsoft access Start (o avvio) l i b tutti i pro- grammi

. A primi passi con microsoft a.ccepss SommarIo: i S 1. aprire e chiudere microsoft access Start (o avvio) l i b tutti i pro- grammi Capitolo Terzo Primi passi con Microsoft Access Sommario: 1. Aprire e chiudere Microsoft Access. - 2. Aprire un database esistente. - 3. La barra multifunzione di Microsoft Access 2007. - 4. Creare e salvare

Dettagli

Software. Definizione, tipologie, progettazione

Software. Definizione, tipologie, progettazione Software Definizione, tipologie, progettazione Definizione di software Dopo l hardware analizziamo l altra componente fondamentale di un sistema di elaborazione. La macchina come insieme di componenti

Dettagli

Strumenti per lo sviluppo del software

Strumenti per lo sviluppo del software Lo sviluppo del software Strumenti per lo sviluppo del software Lo sviluppo del software è l attività centrale del progetto e ha lo scopo di produrre il codice sorgente che, una volta compilato e messo

Dettagli

Manuale d uso [Rev.1 del 07/08/2015] Manutenzione impianti termici Ver. 1.0.6 [05/01/2015]

Manuale d uso [Rev.1 del 07/08/2015] Manutenzione impianti termici Ver. 1.0.6 [05/01/2015] Manuale d uso [Rev.1 del 07/08/2015] Manutenzione impianti termici Ver. 1.0.6 [05/01/2015] Realizzato e distribuito da LeggeraSoft Sommario Introduzione... 2 Installare il programma... 2 Tasto licenza...

Dettagli

v. 1.0-7-11-2007 Mistral ArchiWeb 2.0 Manuale utente

v. 1.0-7-11-2007 Mistral ArchiWeb 2.0 Manuale utente v. 1.0-7-11-2007 Mistral ArchiWeb 2.0 Manuale utente Sommario 1. INTRODUZIONE...3 2. DESCRIZIONE FUNZIONALITÀ...3 2.1. LOGIN...3 2.2. SCHEDA ARCHIVIO...3 2.3. GESTIONE ARCHIVI...4 2.3.1 Creazione nuovo

Dettagli

SoftWare DMGraphics. Indice. Manuale d uso. 1) Introduzione. 2) Pagine grafiche. 3) Grafici. 4) Menù

SoftWare DMGraphics. Indice. Manuale d uso. 1) Introduzione. 2) Pagine grafiche. 3) Grafici. 4) Menù SoftWare DMGraphics Manuale d uso Indice 1) Introduzione 2) Pagine grafiche. 2.1) Pagina grafica 2.2) Concetti generali 2.3) Scale dei valori 2.4) Posizionamento elementi nel grafico 3) Grafici 3.1) Grafici

Dettagli

Guida rapida per i corsisti

Guida rapida per i corsisti Guida rapida per i corsisti Premessa La piattaforma utilizzata per le attività a distanza è Moodle, un software per la gestione di corsi online. Dal punto di vista dello studente, si presenta come un sito

Dettagli

Come installare Python

Come installare Python Capitolo 2 Come installare Python Per poter installare Python, dovremo scaricare la versione adeguata alla nostra piattaforma e, contestualmente, troveremo le istruzioni più aggiornate per l installazione.

Dettagli

Introduzione INTRODUZIONE

Introduzione INTRODUZIONE INTRODUZIONE INTRODUZIONE 15 Introduzione Contenuti: Come usare questa guida all uso Cos è una animazione? Gli elementi della animazione 3D Apprendere le capacità di un Animatore 3D Quanto tempo si impiega

Dettagli

Guida rapida all uso di Moodle per i docenti

Guida rapida all uso di Moodle per i docenti Guida rapida all uso di Moodle per i docenti Avvertenze: 1) Questo NON è un manuale completo di Moodle. La guida è esplicitamente diretta a docenti poco esperti che devono cimentarsi per la prima volta

Dettagli

Manuale NetSupport v.10.70.6 Liceo G. Cotta Marco Bolzon

Manuale NetSupport v.10.70.6 Liceo G. Cotta Marco Bolzon NOTE PRELIMINARI: 1. La versione analizzata è quella del laboratorio beta della sede S. Davide di Porto, ma il programma è presente anche nel laboratorio alfa (Porto) e nel laboratorio di informatica della

Dettagli

Parte V. Sistemi Operativi & Reti. Sistemi Operativi. Sistemi Operativi

Parte V. Sistemi Operativi & Reti. Sistemi Operativi. Sistemi Operativi Parte V & Reti Sistema operativo: insieme di programmi che gestiscono l hardware Hardware: CPU Memoria RAM Memoria di massa (Hard Disk) Dispositivi di I/O Il sistema operativo rende disponibile anche il

Dettagli

Setup e installazione

Setup e installazione Setup e installazione 2 Prima di muovere i primi passi con Blender e avventurarci nel vasto mondo della computer grafica, dobbiamo assicurarci di disporre di due cose: un computer e Blender. 6 Capitolo

Dettagli

Manuale d uso [Rev.1 del 07/08/2015] Manutenzione caldaie Lite Ver. 1.0.6 [05/01/2015]

Manuale d uso [Rev.1 del 07/08/2015] Manutenzione caldaie Lite Ver. 1.0.6 [05/01/2015] Manuale d uso [Rev.1 del 07/08/2015] Manutenzione caldaie Lite Ver. 1.0.6 [05/01/2015] Realizzato e distribuito da LeggeraSoft Sommario Introduzione... 2 Installare il programma... 2 Tasto licenza... 3

Dettagli

Scansione. Stampante/copiatrice WorkCentre C2424

Scansione. Stampante/copiatrice WorkCentre C2424 Scansione In questo capitolo sono inclusi i seguenti argomenti: "Nozioni di base sulla scansione" a pagina 4-2 "Installazione del driver di scansione" a pagina 4-4 "Regolazione delle opzioni di scansione"

Dettagli

MODULO DOMANDE INDICE

MODULO DOMANDE INDICE INDICE INDICE... 2 IL PROGRAMMA... 3 LA VIDEATA PRINCIPALE... 4 IL MENU FILE... 7 Esportare i file... 9 LA FINESTRA DELLA RISPOSTA... 11 TUTTI I MODI PER INSERIRE IL TESTO... 11 I Collegamenti... 12 MODELLI

Dettagli

FotoAeree. La Sardegna vista dall alto MANUALE PER L USO DELL APPLICAZIONE

FotoAeree. La Sardegna vista dall alto MANUALE PER L USO DELL APPLICAZIONE FotoAeree La Sardegna vista dall alto MANUALE PER L USO DELL APPLICAZIONE REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA [2] Indice 1. Introduzione 2. Navigatore 5 7 8 9 2.1. Strumenti di navigazione 2.2. Ricerca 3.

Dettagli

Corso Eclipse. Prerequisiti. 1 Introduzione

Corso Eclipse. Prerequisiti. 1 Introduzione Corso Eclipse 1 Introduzione 1 Prerequisiti Uso elementare del pc Esecuzione ricerche su Internet Esecuzione download Conoscenza elementare della programmazione 2 1 Cos è Eclipse Eclipse è un IDE (Integrated

Dettagli

9) si ritorna alla maschera di fig. 6, nella quale si clicca su "Salva modifiche" per completare l operazione.

9) si ritorna alla maschera di fig. 6, nella quale si clicca su Salva modifiche per completare l operazione. Fig. 8 La finestra Gestione file con il file appena caricato 9) si ritorna alla maschera di fig. 6, nella quale si clicca su "Salva modifiche" per completare l operazione. Fig. 9 Il corso con la nuova

Dettagli

Breve guida a Linux Mint

Breve guida a Linux Mint Breve guida a Linux Mint Il Desktop. Il "desktop" (scrivania) è la parte del sistema operativo che è responsabile per gli elementi che appaiono sul desktop: il Pannello, lo sfondo, il Centro di Controllo,

Dettagli

4. Fondamenti per la produttività informatica

4. Fondamenti per la produttività informatica Pagina 36 di 47 4. Fondamenti per la produttività informatica In questo modulo saranno compiuti i primi passi con i software applicativi più diffusi (elaboratore testi, elaboratore presentazioni ed elaboratore

Dettagli

STRUMENTI PER L ACCESSIBILITÀ DEL COMPUTER.

STRUMENTI PER L ACCESSIBILITÀ DEL COMPUTER. STRUMENTI PER L ACCESSIBILITÀ DEL COMPUTER. Windows 7 e 8 strumenti per l ipovisione. Windows Seven/8 offrono ottimi strumenti per personalizzare la visualizzazione in caso di ipovisione: - una lente di

Dettagli

Portale cartografico del Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli Guida utente

Portale cartografico del Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli Guida utente Portale cartografico del Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli Guida utente 1. Introduzione Il Portale cartografico del Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli (SGSS) rappresenta l evoluzione dell ambiente

Dettagli

Scadenziario e Rubrica

Scadenziario e Rubrica Scadenziario e Rubrica Breve panoramica Lo Scadenziario è un software creato con lo scopo di avere sempre sotto controllo i propri impegni e le proprie attività da svolgere. Quante volte ci si dimentica

Dettagli

Gestione delle Cartelle dei Messaggi di Posta Elettronica

Gestione delle Cartelle dei Messaggi di Posta Elettronica CADMO Infor ultimo aggiornamento: febbraio 2012 Gestione delle Cartelle dei Messaggi di Posta Elettronica Premessa...1 Le Cartelle dei Messaggi di Posta Elettronica utilizzate da Outlook Express...2 Cose

Dettagli

MANUALE DROPBOX. Sintesi dei passi da seguire per attivare ed utilizzare le cartelle online di Dropbox:

MANUALE DROPBOX. Sintesi dei passi da seguire per attivare ed utilizzare le cartelle online di Dropbox: MANUALE DROPBOX Sintesi dei passi da seguire per attivare ed utilizzare le cartelle online di Dropbox: 1. Attivazione account Dropbox sul sito www.dropbox.com. 2. Utilizzo base di Dropbox via Web con la

Dettagli

Hardware, software e dati

Hardware, software e dati Hardware, software e dati. Hardware il corpo del computer. Software i programmi del computer. Dati la memoria del computer ICT per la terza età Le video lezioni della Fondazione Mondo Digitale Diapositiva

Dettagli

Guida per l utente. Versione 2.5.4 - gennaio 2011 info@fotostampadiscount.it. FotoMax editor è il software gratuito di

Guida per l utente. Versione 2.5.4 - gennaio 2011 info@fotostampadiscount.it. FotoMax editor è il software gratuito di Guida per l utente Versione 2.5.4 - gennaio 2011 info@fotostampadiscount.it FotoMax editor è il software gratuito di Indice Contenuti Introduzione... pag. 1 Copyright e contenuti... 2 Privacy... 2 Download

Dettagli

Strumenti e metodi per la redazione della carta del pericolo da fenomeni torrentizi

Strumenti e metodi per la redazione della carta del pericolo da fenomeni torrentizi Versione 1.0 Strumenti e metodi per la redazione della carta del pericolo da fenomeni torrentizi Corso anno 2011 D. MANUALE UTILIZZO DEL VISUALIZZATORE Il Visualizzatore è un programma che permette di

Dettagli

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA STRUMENTI DI GESTIONE BIBLIOGRAFICA I software di gestione bibliografica permettono di raccogliere, catalogare e organizzare diverse tipologie di materiali, prendere appunti, formattare

Dettagli

Versione 2.0. Biblioteca Centralizzata Clinica A cura di Claudia Cavicchi

Versione 2.0. Biblioteca Centralizzata Clinica A cura di Claudia Cavicchi Versione 2.0 Biblioteca Centralizzata Clinica A cura di Claudia Cavicchi 1 Cos è? E un software gratuito, estensione del browser Mozilla Firefox ed è sviluppato dal Center for History and New Media della

Dettagli

Manuale Utente Amministrazione Trasparente GA

Manuale Utente Amministrazione Trasparente GA Manuale Utente GA IDENTIFICATIVO DOCUMENTO MU_AMMINISTRAZIONETRASPARENTE-GA_1.0 Versione 1.0 Data edizione 03.05.2013 1 Albo Pretorio On Line TABELLA DELLE VERSIONI Versione Data Paragrafo Descrizione

Dettagli

Andrea Maioli Instant Developer: guida all uso

Andrea Maioli Instant Developer: guida all uso Andrea Maioli Instant Developer: guida all uso 11.8 L editor di temi grafici A partire dalla versione 11.5, Instant Developer contiene uno strumento di aiuto alla personalizzazione dei temi grafici e degli

Dettagli

ECDL Modulo 2. Contenuto del modulo. Uso del computer e gestione dei file

ECDL Modulo 2. Contenuto del modulo. Uso del computer e gestione dei file ECDL Modulo 2 Uso del computer e gestione dei file Contenuto del modulo Per iniziare Il desktop Organizzare i file Semplice editing Gestione della stampa Esercitazioni 1 Per iniziare (1) Per iniziare a

Dettagli

IL SISTEMA OPERATIVO

IL SISTEMA OPERATIVO IL SISTEMA OPERATIVO Windows è il programma che coordina l'utilizzo di tutte le componenti hardware che costituiscono il computer (ad esempio la tastiera e il mouse) e che consente di utilizzare applicazioni

Dettagli

Sistemi Web! per il turismo! - lezione 9 -

Sistemi Web! per il turismo! - lezione 9 - Sistemi Web per il turismo - lezione 9 - Nelle lezioni precedenti abbiamo visto diversi aspetti che una DMO deve affrontare per promuovere una destinazione oppure dei servizi attraverso un sito Web. Abbiamo

Dettagli

Capitolo 9. Figura 104. Tabella grafico. Si evidenzia l intera tabella A1-D4 e dal menù Inserisci si seleziona Grafico. Si apre la seguente finestra:

Capitolo 9. Figura 104. Tabella grafico. Si evidenzia l intera tabella A1-D4 e dal menù Inserisci si seleziona Grafico. Si apre la seguente finestra: Capitolo 9 I GRAFICI Si apra il Foglio3 e lo si rinomini Grafici. Si crei la tabella seguente: Figura 104. Tabella grafico Si evidenzia l intera tabella A1-D4 e dal menù Inserisci si seleziona Grafico.

Dettagli

Archivio Parrocchiale

Archivio Parrocchiale BREVI INFORMAZIONI PER L UTILIZZO DEL PROGRAMMA Archivio Parrocchiale 1 INDICE PREMESSA...3 CENNI SUL PROGRAMMA...4 REQUISITI MINIMI DEL PC...5 LA FINESTRA PRINCIPALE...6 I PULSANTI DEL MENU PRINCIPALE...7

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica Corso di Informatica CL3 - Biotecnologie Orientarsi nel Web Prof. Mauro Giacomini Dott. Josiane Tcheuko Informatica - 2006-2007 1 Obiettivi Internet e WWW Usare ed impostare il browser Navigare in internet

Dettagli

CAPITOLO 1 PREREQUISITI DI INSTALLAZIONE SOFTWARE RICAMBI CAPITOLO 2 PROCEDURA

CAPITOLO 1 PREREQUISITI DI INSTALLAZIONE SOFTWARE RICAMBI CAPITOLO 2 PROCEDURA SOFTWARE RICAMBI CAPITOLO 1 PREREQUISITI DI INSTALLAZIONE SOFTWARE RICAMBI CAPITOLO 2 PROCEDURA DI INSTALLAZIONE SOFTWARE RICAMBI CAPITOLO 3 ISTRUZIONI PER L USO 1 CAPITOLO 1 PREREQUISITI DI INSTALLAZIONE

Dettagli

Corso di: Abilità informatiche

Corso di: Abilità informatiche Corso di: Abilità informatiche Prof. Giovanni ARDUINI Lezione n.2 Anno Accademico 2008/2009 Abilità informatiche - Prof. G.Arduini 1 SISTEMA OPERATIVO Strato di programmi che opera al di sopra di hardware

Dettagli

Uso del computer e gestione dei file

Uso del computer e gestione dei file Uso del computer e gestione dei file Parte 1 Desktop All avvio del computer compare il Desktop. Sul Desktop sono presenti le Icone. Ciascuna icona identifica un oggetto differente che può essere un file,

Dettagli

LITESTAR 4D v.2.01. Manuale d Uso. WebCatalog Catalogo Elettronico interattivo su Internet. Luglio 2013

LITESTAR 4D v.2.01. Manuale d Uso. WebCatalog Catalogo Elettronico interattivo su Internet. Luglio 2013 LITESTAR 4D v.2.01 Manuale d Uso WebCatalog Catalogo Elettronico interattivo su Internet Luglio 2013 Sommario Webcatalog Catalogo Elettronico interattivo su Internet... 3 Introduzione e Accesso... 3 Metodi

Dettagli

Corso di PHP. Prerequisiti. 1 - Introduzione

Corso di PHP. Prerequisiti. 1 - Introduzione Corso di PHP 1 - Introduzione 1 Prerequisiti Conoscenza HTML Principi di programmazione web Saper progettare un algoritmo Saper usare un sistema operativo Conoscere il concetto di espressione 2 1 Introduzione

Dettagli

AutoCAD 3D. Lavorare nello spazio 3D

AutoCAD 3D. Lavorare nello spazio 3D AutoCAD 3D Lavorare nello spazio 3D Differenze tra 2D e 3 D La modalità 3D include una direzione in più: la profondità (oltre l altezza e la larghezza) Diversi modi di osservazione Maggiore concentrazione

Dettagli

Piano Lauree Scientifiche Progetto MATEMATICA e STATISTICA Sapienza Università di Roma a.a. 2010/11

Piano Lauree Scientifiche Progetto MATEMATICA e STATISTICA Sapienza Università di Roma a.a. 2010/11 Piano Lauree Scientifiche Progetto MATEMATICA e STATISTICA Sapienza Università di Roma a.a. 2010/11 Corso di formazione rivolto a insegnanti delle Superiori Giuseppe Accascina accascina@dmmm.uniroma1.it

Dettagli

ROBOMAT. ROBOMAT Progettare, comunicare, stabilire relazioni di tipo spaziale misurare in tipiche situazioni di problemsolving

ROBOMAT. ROBOMAT Progettare, comunicare, stabilire relazioni di tipo spaziale misurare in tipiche situazioni di problemsolving ROBOMAT Progettare, comunicare, stabilire relazioni di tipo spaziale misurare in tipiche situazioni di problemsolving Logo è un linguaggio di programmazione ideato con finalità didattiche dal matematico

Dettagli

Installare un nuovo programma

Installare un nuovo programma Installare un nuovo programma ICT per la terza età Le video lezioni della Fondazione Mondo Digitale Diapositiva Introduzione Installare un nuovo programma sul computer installazione Quando acquistiamo

Dettagli

Introduzione all'uso della LIM

Introduzione all'uso della LIM Introduzione all'uso della LIM Download ed installazione del programma ebeam Interact 1. Scaricare il programma ebeam Interact dal sito della scuola nell'area Docenti Software per LIM del Fermi 2. Installarlo

Dettagli

Capitolo 4 Pianificazione e Sviluppo di Web Part

Capitolo 4 Pianificazione e Sviluppo di Web Part Capitolo 4 Pianificazione e Sviluppo di Web Part Questo capitolo mostra come usare Microsoft Office XP Developer per personalizzare Microsoft SharePoint Portal Server 2001. Spiega come creare, aggiungere,

Dettagli

TEST SULLA VELOCITÀ DEI SISTEMI WINDOWS E LINUX CON GLI APPLICATIVI TEAMSYSTEM

TEST SULLA VELOCITÀ DEI SISTEMI WINDOWS E LINUX CON GLI APPLICATIVI TEAMSYSTEM TEST SULLA VELOCITÀ DEI SISTEMI WINDOWS E LINUX CON GLI APPLICATIVI TEAMSYSTEM Revisione 18.12.9 È più veloce Windows o Linux? Questo test è stato eseguito proprio per rispondere a questo semplice quesito.

Dettagli

Le principali novità di Windows XP

Le principali novità di Windows XP Le principali novità di Windows XP di Gemma Francone supporto tecnico di Mario Rinina La nuova versione di Windows XP presenta diverse nuove funzioni, mentre altre costituiscono un evoluzione di quelle

Dettagli

Microsoft PowerPoint

Microsoft PowerPoint Microsoft introduzione a E' un programma che si utilizza per creare presentazioni grafiche con estrema semplicità e rapidità. Si possono realizzare presentazioni aziendali diapositive per riunioni di marketing

Dettagli

BMSO1001. Virtual Configurator. Istruzioni d uso 02/10-01 PC

BMSO1001. Virtual Configurator. Istruzioni d uso 02/10-01 PC BMSO1001 Virtual Configurator Istruzioni d uso 02/10-01 PC 2 Virtual Configurator Istruzioni d uso Indice 1. Requisiti Hardware e Software 4 1.1 Requisiti Hardware 4 1.2 Requisiti Software 4 2. Concetti

Dettagli

Lavorare con PowerPoint

Lavorare con PowerPoint 14 Lavorare con PowerPoint In questo spazio iniziamo a parlare di un programma utile per le presentazioni. PowerPoint è sicuramente un programma molto noto ai comunicatori e a quanti hanno bisogno di presentare

Dettagli

11.2 Uso di strumenti informatici nella didattica di tecnologia e informatica

11.2 Uso di strumenti informatici nella didattica di tecnologia e informatica 11.2 Uso di strumenti informatici nella didattica di tecnologia e informatica a cura di Gian Piero Benente Le competenze necessarie al docente di tecnologia e informatica della scuola elementare e della

Dettagli

Lezione 20: La grafica 3D ed il WEB. La grafica 3D ed il WEB. La grafica 3D ed il WEB. Contenuti non interattivi. Contenuti interattivi

Lezione 20: La grafica 3D ed il WEB. La grafica 3D ed il WEB. La grafica 3D ed il WEB. Contenuti non interattivi. Contenuti interattivi La grafica 3D ed il WEB Lezione 20: La grafica 3D ed il WEB Lo sviluppo che ha avuto Internet negli ultimi anni e' principalmente dovuto al WWW. Uno dei punto di forza del WWW e' la possibilita' di distribuire

Dettagli

Indice III. Indice. Unità 1 Il personal computer, 1. Unità 2 AutoCAD, 9

Indice III. Indice. Unità 1 Il personal computer, 1. Unità 2 AutoCAD, 9 Indice III Indice Unità 1 Il personal computer, 1 1.1 Struttura del personal computer, 2 1.2 Il software, 5 1.3 I dispositivi informatici di stampa, 6 1.4 Il disegno al computer, 7 1.5 La fotografia digitale,

Dettagli

Guida all'uso del CMS (Content Management System, Sistema di Gestione dei Contenuti)

Guida all'uso del CMS (Content Management System, Sistema di Gestione dei Contenuti) GUIDE Sa.Sol. Desk: Rete Telematica tra le Associazioni di Volontariato della Sardegna Guida all'uso del CMS (Content Management System, Sistema di Gestione dei Contenuti) Argomento Descrizione Gestione

Dettagli

Capitolo 1 GESTIONE DEL SOFTWARE APPLICATIVO:

Capitolo 1 GESTIONE DEL SOFTWARE APPLICATIVO: Capitolo 1 GESTIONE DEL SOFTWARE APPLICATIVO: IL WORD PROCESSOR SOMMARIO 1. Introduzione. - 2. Requisiti di base per le operazioni di Word Processing. - 3. La creazione di un documento di testo. - 4. La

Dettagli

Una piattaforma LMS open-source: Claroline a cura di G.Cagni (Irre Piemonte) http://www.claroline.net

Una piattaforma LMS open-source: Claroline a cura di G.Cagni (Irre Piemonte) http://www.claroline.net Una piattaforma LMS open-source: a cura di G.Cagni (Irre Piemonte) http://www.claroline.net I modelli di formazione in modalità e-learning richiedono necessariamente l utilizzo di una tecnologia per la

Dettagli

Guida in linea. lo 1. TIC - Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione - Prof. Franco Tufoni - 1 -

Guida in linea. lo 1. TIC - Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione - Prof. Franco Tufoni - 1 - 1-1 - Introduzione Microsoft Excel 2000 è una applicazione software che può essere usata come: Foglio elettronico. Database. Generatore di grafici. Capittol lo 1 Introduzione e Guida in linea Si può paragonare

Dettagli

Corso base Percorso 2

Corso base Percorso 2 Rete Scuola Digitale Veneta Piano Regionale di Formazione Scuola Digitale Veneto Corso base Percorso 2 Lavorare con dispositivi personali destinati ad essere usati dai singoli partecipanti al processo

Dettagli

Kaguya 3D Moon-Navi Manuale utente

Kaguya 3D Moon-Navi Manuale utente Kaguya 3D Moon-Navi Manuale utente Grazie a Chiara, Guido e Luca per la traduzione dal giapponese; l'adattamento è colpa di Paolo Attivissimo. L'originale è scaricabile da http://wms.selene.jaxa.jp/3dmoon/manual.html.

Dettagli

PATENTE EUROPEA DEL COMPUTER 4.0 MODULO

PATENTE EUROPEA DEL COMPUTER 4.0 MODULO PATENTE EUROPEA DEL COMPUTER 4.0 MODULO 2 Uso del Computer e Gestione dei file ( Windows XP ) A cura di Mimmo Corrado MODULO 2 - USO DEL COMPUTER E GESTIONE DEI FILE 2 FINALITÁ Il Modulo 2, Uso del computer

Dettagli

Help Passwords Manager

Help Passwords Manager Help Passwords Manager INFO2000.biz Contenuto Passwords Manager 1 Introduzione...1 Interfaccia grafica di PM...1 Come creare un Database (.Pm)...2 Aprire un database esistente...4 Chiudere un database...5

Dettagli

Registro unico Antiriciclaggio

Registro unico Antiriciclaggio Registro unico Antiriciclaggio VERSIONE PROFESSIONISTI E CED VERSIONE 4.0.0 Sommario Introduzione... 4 Requisiti di sistema... 5 Installazione del software... 6 Verifica automatica dei requisiti di installazione...

Dettagli

Anno Accademico 2004/2005 Facoltà di Scienze della Comunicazione Corso di Laurea in Comunicazione artistica e multimediale Corso di informatica prof.

Anno Accademico 2004/2005 Facoltà di Scienze della Comunicazione Corso di Laurea in Comunicazione artistica e multimediale Corso di informatica prof. Anno Accademico 2004/2005 Facoltà di Scienze della Comunicazione Corso di Laurea in Comunicazione artistica e multimediale Corso di informatica prof. Eugeni Gruppo di laboratorio prof. Manuppella realizzato

Dettagli

Il Programma... 3 I moduli... 3 Installazione... 3 La finestra di Login... 4 La suite dei programmi... 6 Pannello voci... 10

Il Programma... 3 I moduli... 3 Installazione... 3 La finestra di Login... 4 La suite dei programmi... 6 Pannello voci... 10 MANCA COPERTINA INDICE Il Programma... 3 I moduli... 3 Installazione... 3 La finestra di Login... 4 La suite dei programmi... 6 Pannello voci... 10 epico! è distribuito nelle seguenti versioni: epico!

Dettagli

Demo. La palette allinea. La palette Anteprima conversione trasparenza. Adobe Illustrator CS2

Demo. La palette allinea. La palette Anteprima conversione trasparenza. Adobe Illustrator CS2 Le Palette (parte prima) Come abbiamo accennato le Palette permettono di controllare e modificare il vostro lavoro. Le potete spostare e nascondere come spiegato nella prima lezione. Cominciamo a vedere

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento SOFTWARE PER L ARCHIVIAZIONE

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento SOFTWARE PER L ARCHIVIAZIONE APPROFONDIMENTO ICT Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento SOFTWARE PER L ARCHIVIAZIONE ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA INDICE SOFTWARE PER

Dettagli

Corso di Introduzione all Informatica MS-WINDOWS. Esercitatore: Fabio Palopoli

Corso di Introduzione all Informatica MS-WINDOWS. Esercitatore: Fabio Palopoli Corso di Introduzione all Informatica MS-WINDOWS Esercitatore: Fabio Palopoli IL SISTEMA OPERATIVO Il Sistema Operativo è il software che permette l interazione tra uomo e macchina (hardware). Il S.O.

Dettagli

Time Line: File=>Nuova Chiave Scorciatoia: Nessuna

Time Line: File=>Nuova Chiave Scorciatoia: Nessuna 356 Animare il Progetto del Logo 3D Si aprirà il dialogo della Sequenza. Cambiare la sequenza per farla iniziare al Fotogramma 91 e terminare al Fotogramma 160. Clic su OK. Passo 6. Rotazione Sequenza

Dettagli