SEGNALAZIONI A.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SEGNALAZIONI A. sicurezzapovi@gmail.com"

Transcript

1 SEGNALAZIONI A

2 Sicurezza: Formazione Generale degli Insegnanti FORMAZIONE DEI LAVORATORI EX D.Lgs. 81/08 (art. 37) E ACCORDO STATO-REGIONI 21/12/2011 Parte II

3 In caso di emergenza

4 E necessario prevedere: 1 Un coordinatore dell emergenza 2 Un docente/collaboratore responsabile per ogni piano dell edificio 3 Un docente responsabile di classe 4 Uno - due adulti responsabili per ciascun disabile 5 La localizzazione delle classi con alunni disabili al piano terreno 6 La localizzazione delle classi con alunni più piccoli ai piani bassi 7 La disposizione razionale dei banchi nelle aule 8 Vie di fuga assegnate per ogni locale, la sequenza, percorsi alternativi 9 I tempi di deflusso massimo testandoli con esercitazioni ad hoc 10 Alcune aree di raccolta accessibili ai veicoli di pronto soccorso

5 Si deve: Allertare immediatamente il coordinatore dell emergenza Allertare immediatamente i responsabili di piano A seconda dell emergenza e della sua gravità: Avvertire telefonicamente i vigili del fuoco Avvertire telefonicamente il pronto soccorso sanitario Se necessario fare scattare il piano di evacuazione Aprire cancelli esterni per permettere l accesso dei mezzi di soccorso Presidiare l ingresso impedendo l accesso a chiunque non sia addetto alle operazioni di emergenza

6 Il piano di evacuazione In tutti gli edifici con alta concentrazione di persone si possono verificare situazioni di emergenza che modificano le condizioni di agibilità degli spazi ed alterano comportamenti e rapporti interpersonali. Ciò causa una reazione che, specialmente in ambito collettivo, può risultare pericolosa poiché, coinvolgendo un gran numero di persone, non consente il controllo della situazione creatasi e rende difficili eventuali operazioni di soccorso. necessità di un piano di evacuazione e di prove di evacuazione almeno due volte nel corso dell anno scolastico

7 Il piano di evacuazione Piano di Evacuazione è uno strumento operativo, specifico per ogni scuola, attraverso il quale vengono individuati i comportamenti da tenere e le operazioni da compiere in caso di emergenza, al fine di consentire un esodo ordinato e sicuro di tutti gli occupanti dell edificio scolastico. L obiettivo di tale piano deve essere quello di evacuare per intero la scuola in caso di emergenza seguendo un percorso che vada dal punto dove ci si trova ad un luogo predeterminato ritenuto sicuro e compiendo tale operazione con tempestività, ordine e soprattutto evitando situazioni di panico.

8

9 Art. 18. Obblighi del datore di lavoro e del dirigente 1. Il datore di lavoro, che esercita le attività di cui all'articolo 3, e i dirigenti, che organizzano e dirigono le stesse attività secondo le attribuzioni e competenze ad essi conferite, devono: [ ] b) designare preventivamente i lavoratori incaricati dell'attuazione delle misure di prevenzione incendi e lotta antincendio, di evacuazione dei luoghi di lavoro in caso di pericolo grave e immediato, di salvataggio, di primo soccorso e, comunque, di gestione dell'emergenza; [ ] Art. 43. Disposizioni generali 1. Ai fini degli adempimenti di cui all'articolo 18, comma 1, lettera t), il datore di lavoro: a) organizza i necessari rapporti con i servizi pubblici competenti in materia di primo soccorso, salvataggio, lotta antincendio e gestione dell'emergenza; b) designa preventivamente i lavoratori di cui all'articolo 18, comma 1, lettera b); c) [ ] 3. I lavoratori non possono, se non per giustificato motivo, rifiutare la designazione. Essi devono essere formati, essere in numero sufficiente e disporre di attrezzature adeguate, tenendo conto delle dimensioni e dei rischi specifici dell'azienda o dell'unità produttiva. (dal testo unico sicurezza dlg 81/2008) Riferimenti legislativi

10 Incarichi per la sicurezza in relazione al piano di evacuazione (docenti o collaboratori scolastici): Responsabile dell'emergenza Responsabile dell Edificio Addetto alle chiamate di emergenza Coordinatore dell emergenza Addetto alle verifiche di evacuazione Personale incaricato del trasporto di persone disabili (anche persone temporaneamente non deambulanti) Addetto alla diffusione dell allarme Addetto gas e quadro elettrico Responsabile area di raccolta Insegnanti e alunni Addetto al primo soccorso Addetti antincendio

11 Il Responsabile dell'emergenza Il Responsabile dell'emergenza, individuato nel Capo di Istituto o in sua mancanza nel vicario o nel referente di plesso, svolge, nel corso di un'emergenza compiti direttivi, decidendo in particolare, di comune accordo con il Coordinatore delle emergenze, le strategie di intervento. E' essenziale la sua presenza continua nella scuola, e in caso di assenza, mancando l eventuale sostituto designato, viene sostituito dal docente più anziano.

12 Il Responsabile dell'emergenza Competenze richieste: attitudine a prendere decisioni organizzative e gestionali; presenza continua; compiti e responsabilità all'interno della scuola. Oltre a dirigere le attività durante un'emergenza, il Responsabile mantiene i rapporti con le Autorità.

13 Il Responsabile dell'emergenza Nello specifico i suoi compiti possono essere riassunti nei seguenti punti: 1) ricevuta la segnalazione dell'evento incidentale si porta sul posto dove riceve tutte le informazioni relative all'emergenza e del suo evolversi da parte del Coordinatore dell'emergenza; 2) ordina, sentito il Coordinatore dell'emergenze, che vengano interrotte alcune o tutte le attività della scuola e in caso di pericolo grave ed immediato fa diramare il segnale di evacuazione; 3) mantiene i rapporti con i VV.FF., se intervenuti, e con le Pubbliche Autorità; 4) dichiara la fine dello stato di emergenza indicando i tempi e le modalità per la ripresa dell'attività scolastica. Il Responsabile dell'emergenza (solo DS) ha inoltre il compito di verificare: a) la compilazione del registro dei controlli periodici da parte del Coordinatore dell'emergenza; b) la formazione e l'addestramento periodico del personale.

14 RSPP-ASPP Riunire la squadra di emergenza per le seguenti attività: a) esame delle procedure di emergenza e delle modalità di svolgimento dell'esercitazione antincendio e terremoto; b) distribuzione all'interno della squadra di emergenza Pronto Soccorso e Antincendio degli incarichi e compilazione dell'apposito modulo riepilogativo c) formazione del personale d) verifica e registro dei controlli periodici

15 Coordinatore di plesso per sicurezza e emergenza a) distribuzione degli incarichi all'interno della squadra di emergenza di plesso e compilazione dell'apposito modulo riepilogativo b) esame del segnale di evacuazione (tipo di suono, dove è ubicato il pulsante e se funzionante); c) verifica dell'accessibilità dei punti di raccolta e delle vie di esodo (qualora quest'ultime non fossero percorribili è necessario individuare percorsi alternativi e darne immediato avviso al personale e agli studenti);

16 Coordinatore di plesso per sicurezza e emergenza d) verifica della presenza di allievi con handicap gravi (che necessitano di accompagnamento), delle indicazioni date dalla dirigenza circa il loro trasporto e il personale a questo incaricato; e) segnalazione al rspp di eventuali punti critici; f) Durante l emergenza ha il compito di verificare l evolversi delle situazioni di pericolo e degli interventi effettuati, di coordinare tutte le operazioni di evacuazione e di riduzione dell emergenza. Inoltre, deve informare tempestivamente il responsabile dell emergenza, aggiornandolo costantemente e proponendo soluzioni operative.

17 Responsabile dell Edificio In linea di massima, coincide con il coordinatore di plesso per la sicurezza e le emergenze Personale addetto al controllo periodico delle vie di fuga, della segnaletica di sicurezza, dei mezzi antincendio, avvisando l RSPP o l ASPP di qualsiasi problematica dovesse emergere. Ha anche il compito di aggiornare l RSPP riguardo alle operazioni di manutenzione effettuate su estintori, porte antincendio, e nel caso in cui avvengano lavori all interno dell edificio.

18 Addetto/i alle verifiche di evacuazione E il personale addetto al controllo delle operazioni di evacuazione ed al controllo quotidiano della praticabilità delle vie d uscita (almeno uno per piano); Durante l emergenza ha il compito di: spalancare prontamente i portoni di entrata e di uscita bloccando eventualmente il traffico veicolare esterno per consentire il raggiungimento in sicurezza del punto di raccolta; controllare (dopo essersi disposti in punti che permettono il controllo della evacuazione delle classi) che il personale e gli alunni attuino l'evacuazione nel rispetto di quanto stabilito dal piano di emergenza;

19 Addetto/i alle verifiche di evacuazione Ispezionare, se le condizioni ambientali lo consentono, i locali di piano (raggiungendo p. es., i locali tecnici, i servizi igienici); Prima di abbandonare una sezione di edificio, controllare che l'area sia stata interamente evacuata, chiudendo le porte lasciate aperte; Predisporre (sempre in condizioni di sicurezza) i mezzi di contrasto dell'evento incidentale per l'uso da parte delle squadre esterne di soccorso; disattivare gli eventuali quadri elettrici di piano;

20 Addetto/i alle verifiche di evacuazione Aiutare le persone in stato di agitazione, oppure con difficoltà motorie (preesistenti o sopravvenute), avvalendosi della collaborazione degli ausiliari addetti ai disabili o di altro personale; Vietare l'uso degli ascensori (eventualmente presenti); lasciare l'edificio (terminate le operazioni di evacuazione) portandosi nel punto di raccolta; prendere il registro delle presenze degli insegnanti e del personale ATA; Coadiuvare il Responsabile dell'area di raccolta nella verifica delle presenze nel punto esterno di raccolta;

21 Addetto/i quadro elettrico, gas, cancelli disattivare il quadro elettrico generale; chiudere il rubinetto del gas; Aprire cancelli esterni per permettere l accesso dei mezzi di soccorso; Presidiare l ingresso impedendo l accesso a chiunque non sia addetto alle operazioni di emergenza.

22 Addetto alle chiamate di emergenza L'addetto alle comunicazioni esterne segnala telefonicamente, su indicazione del Coordinatore delle emergenze o di un suo incaricato, situazioni di emergenza alle strutture esterne di soccorso pubblico, fornendo le seguenti indicazioni: descrizione del tipo di incidente che ha determinato l'emergenza (incendio, esplosione, infortunio, ecc.); entità dell'incidente e sua localizzazione all'interno dell'edificio (piano interrato, terra, fuori terra); esatta ubicazione della scuola (via, numero civico, città); stato di avanzamento dell'evacuazione ed eventuale presenza di feriti o personale impossibilitato all'esodo (localizzandolo esattamente);

23 Addetto alla diffusione dell allarme L'addetto alla diffusione dell allarme attiverà il segnale di emergenza su indicazione del Coordinatore delle emergenze o di un suo incaricato e ne verificherà il funzionamento. In caso non sia possibile utilizzare l allarme acustico, le classi verranno avvisate dell'inizio della prova o dell emergenza con il sistema di altoparlanti laddove presente, o dal personale di piano che diramerà a voce l'avviso con il sistema porta a porta.

24 Personale incaricato del trasporto di persone disabili (anche persone temporaneamente non deambulanti) Personale incaricato del trasporto di persone disabili (anche persone temporaneamente non deambulanti) L alunno/a disabile (inclusi gli alunni temporaneamente non deambulanti) vanno accompagnati durante l evacuazione dall'edificio scolastico fino al punto di raccolta esterno dall insegnante di sostegno o dall addetto all assistenza (se presenti in classe) oppure dall insegnante presente in classe. L accompagnatore dovrà restare a disposizione dell alunno/a stesso/a fino al termine dell'emergenza. Ove se ne reputi la necessità, il coordinatore di classe potrà preventivamente individuare alcuni alunni incaricandoli di aiutare il docente presente nell evacuazione dell alunno disabile.

25 Personale incaricato del trasporto di persone disabili (anche persone temporaneamente non deambulanti) Qualora il trasporto del disabile possa avvenire senza ostacolare il corretto deflusso degli occupanti la scuola e in assenza di barriere architettoniche (es. ragazzo su sedia a rotelle, in un locale al piano terra, con uscita di emergenza dotata di scivolo) non è necessario adottate alcuna ulteriore cautela. Qualora invece il trasporto ostacoli l'evacuazione (con grave pericolo per il disabile che rischierebbe di essere travolto) come ad esempio la discesa di scale (è vietato l'uso di ascensori), l'addetto conduce la persona in prossimità dell'uscita di piano dove attende l'evacuazione della restante parte dei presenti prima di abbandonare l'edificio. Al segnale di cessato allarme riaccompagna il disabile alla propria postazione.

26 Responsabile area di raccolta Ogni insegnante presente in classe al momento dell emergenza diventa responsabile della propria area di raccolta. Per quanto riguarda i collaboratori scolastici, il personale di segreteria e i docenti non presenti in classe, il responsabile del punto di raccolta sarà il più anziano tra i presenti. Durante un'emergenza o una esercitazione, il responsabile del punto di raccolta raccoglie i moduli di evacuazione, segnalando immediatamente al Responsabile dell'emergenza o al suo vice, eventuali persone disperse o ferite.

27 Insegnanti e alunni E' compito degli insegnanti dare agli allievi le informazioni necessarie per prevenire e fronteggiare eventuali situazioni di emergenza. A tal fine, all'inizio dell'anno scolastico, e prima di ogni prova di evacuazione, gli insegnanti (in particolare il coordinatore di classe) devono provvedere a: Dare lettura nella propria classe delle norme di comportamento in caso di incendio e terremoto (commentandole ed eventualmente integrandole). Può essere utile individuare insieme ai ragazzi le fasi di maggior rilievo in un'evacuazione, quali ad esempio il sistema di allarme, le modalità di uscita dalla classe, i percorsi da seguire, l'ubicazione del punto di raccolta esterno e insieme commentarle.

28 Insegnanti e alunni Verificare con gli allievi la disposizione dei banchi, accertando la presenza di idonei passaggi (presenza di armadi, distanza insufficiente tra i banchi e cattedra, divieto di poggiare zaini, libri, ecc. in posti che ostacolino il deflusso, ecc.). Segnalare agli allievi i nominativi degli addetti alla squadra di emergenza (personale a cui rivolgersi in caso di pericolo). Illustrare attraverso la visione delle planimetrie generali ubicate nei corridoi e di quelle esposte all'interno delle aule, i percorsi da utilizzare in caso di evacuazione.

29 Insegnanti e alunni Assegnare gli incarichi di apri-fila e chiudi-fila agli allievi. Controllare la presenza del modulo di evacuazione all'interno del registro di classe. Si ricorda che l'attività formativa/informativa svolta dagli insegnanti su temi inerenti la sicurezza deve essere riportata nel registro di classe.

30 Insegnanti e alunni Gli alunni devono apprestarsi all esodo ordinatamente, spingere la sedia verso il banco, lasciare le cartelle sul posto, non ostacolare i compagni, disporsi in fila tenendo la mano sopra la spalla dell alunno precedente (oppure tenendosi per mano); Gli alunni usciranno dall aula o dal laboratorio, ecc, senza portare con sé oggetti ad eccezione del copriabito; Un alunno apri fila ed uno serra fila delimitano la disposizione della classe;

31 Insegnanti e alunni Il docente di classe deve prendere il registro delle presenze, lasciare l aula dopo l alunno serra fila e posizionarsi solo inseguito in testa; Le classi devono dirigersi verso le uscite di emergenza, rispettare la sequenza di esodo stabilita, raggiungere le aree di raccolta; verificare la presenza di eventuali dispersi, attenersi alle disposizioni dei vigili del fuoco e degli organi di soccorso.

32 Insegnanti e alunni Chi si trova fuori aula deve: unirsi alla fila più vicina e seguirne il percorso; raggiunta l area di raccolta, segnalare al docente di classe la propria presenza; NB: I genitori devono sapere cosa faranno i lori figli a scuola durante l emergenza, quali sono i comportamenti corretti da tenere nei confronti della scuola.

33 Addetto al primo soccorso L'addetto al primo soccorso interviene in presenza di un'emergenza sanitaria (infortunio, malore, svenimento, ecc.). La sua attività viene prestata anche nei confronti delle persone (es. genitori) che essendo presenti nella scuola a vario titolo, necessitano di assistenza. L'addetto al primo soccorso venuto a conoscenza di una situazione di emergenza sanitaria (es. allievo che accusa un malore) deve: raggiungere l'infortunato prestando le prime cure; comunicare l'accaduto, anche avvalendosi di personale scolastico, al Responsabile delle emergenze; contattare, se necessario i soccorsi sanitari esterni. E' obbligo dell'addetto al primo soccorso, assistere l'infortunato fino alla presa in carico da parte del personale dell'autoambu-lanza, dei famigliari (in caso di minori), del medico curante o del personale ospedaliero in caso di trasporto con autovettura.

34 Addetto al primo soccorso Riepilogando, in caso di emergenza sanitaria: 1. prendere la valigetta di primo soccorso e portarsi immediatamente sul luogo in cui è stata segnalata l emergenza; 2. accertarsi delle condizioni di salute della persona infortunata; 3. indossare i dispositivi di protezione individuale; 4.eseguire i primi interventi conformemente alla formazione ricevuta allontanando le persone non interessate; 5. segnalare l infortunio al Coordinatore delle emergenze; 6. se necessario contattare i soccorsi sanitari esterni direttamente o attraverso il Coordinatore delle emergenze. 7.attendere con l infortunato l arrivo dei soccorsi esterni.

35 Coordinatore e addetti antincendio Si riportano di seguito le operazioni da compiere da parte degli addetti alla lotta antincendio in caso di emergenza. I compiti di seguito elencati devono essere assolti senza mettere in pericolo la propria salute e/o vita. Portarsi rapidamente sul luogo dell'emergenza; Segnalare (a voce) tempestivamente lo stato di pericolo alle persone presenti nei locali ubicati nelle vicinanze della fonte di pericolo allontanando il personale non necessario dalla zona a rischio; Prestare il primo soccorso ad eventuali infortunati; Attrezzarsi con mezzi di protezione adeguati (se presenti); Mettere in azione gli estintori in caso di incendio o adoperarsi per l'eliminazione del pericolo; Qualora il pericolo sia grave e immediato (es. incendio di grosse dimensioni) avvisare il responsabile delle emergenze e far segnalare il pericolo a tutta la scuola con il sistema di allarme;

36

37

38

39

40

41

42

Responsabile dell'emergenza. Coordinatore dell'emergenza. Addetto squadra di emergenza. Addetto al primo soccorso. Addetto comunicazioni esterne

Responsabile dell'emergenza. Coordinatore dell'emergenza. Addetto squadra di emergenza. Addetto al primo soccorso. Addetto comunicazioni esterne PROVA DI EVACUAZIONE La prova di evacuazione rappresenta un importante momento di verifica del sistema di gestione e di controllo delle emergenze della scuola. La possibilità di intervenire in tempi rapidi

Dettagli

LE PROVE DI EVACUAZIONE

LE PROVE DI EVACUAZIONE SIMULAZIONE TERREMOTO Il D.M. 26 AGOSTO 1992 dispone la realizzazione di due prove di evacuazione. La prima prova di evacuazione dell anno verrà condotta simulando un terremoto. L esercitazione si svilupperà

Dettagli

LORO SEDI. In preparazione della prossima prova di evacuazione, che si terrà a breve, i Coordinatori di Classe sono pregati di:

LORO SEDI. In preparazione della prossima prova di evacuazione, che si terrà a breve, i Coordinatori di Classe sono pregati di: Circ. n. 310 Milano, 28 maggio 2015 AL PERSONALE DOCENTE AL PERSONALE ATA LORO SEDI Oggetto: D.L.vo 81/08 s.m.i. Procedura evacuazione degli edifici scolastici in caso di emergenza o di prova di evacuazione.

Dettagli

ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO o TERREMOTO

ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO o TERREMOTO ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO o TERREMOTO SEGNALAZIONI DI EMERGENZA ALLARME: Serie di almeno 10 suoni intermittenti ttenti EVACUAZIONE: Un suono continuo e prolungato CESSATO ALLARME:

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO D.Lgs. 81/2008 - TESTO UNICO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO D.Lgs. 81/2008 - TESTO UNICO SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO D.Lgs. 81/2008 - TESTO UNICO E S T R A T T O D A L P I A N O D I E M E R G E N Z A I N T E R N O S e z i o n e i n e r e n t e D O C E N T I A. T. A. - ALLI E V I Estensori

Dettagli

NORME DI COMPORTAMENTO IN SITUAZIONI DI EMERGENZA Procedura Di Evacuazione

NORME DI COMPORTAMENTO IN SITUAZIONI DI EMERGENZA Procedura Di Evacuazione NORME DI COMPORTAMENTO IN SITUAZIONI DI EMERGENZA Procedura Di Evacuazione ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PER TUTTO IL PERSONALE Via Vulcano, 12-95047 Paternò (CT) Tel./Fax 095841054 e-mail ctee06800n@istruzione.it

Dettagli

Pag. n. 2 di 5. Il Dirigente Scolastico, o suo sostituto, emana l ordine di evacuazione:

Pag. n. 2 di 5. Il Dirigente Scolastico, o suo sostituto, emana l ordine di evacuazione: Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca I.C.S. CARDARELLI - MASSAUA Via Scrosati, 4-20146 Milano Centralino 02.884.41534 - Fax 02.884.44514 - Didattica 02.884.44511 Amministrazione 02.884.41541-

Dettagli

ISTITUTO STATALE di ISTRUZIONE SUPERIORE L. EINAUDI A. CECCHERELLI

ISTITUTO STATALE di ISTRUZIONE SUPERIORE L. EINAUDI A. CECCHERELLI COMPORTAMENTI DA ADOTTARE E COMPETENZE DURANTE L'EMERGENZA a) Comportamento da adottare in caso di incendio Comportamento dei lavoratori Chiunque assista ad un incendio deve: 1. Mantenere la calma; 2.

Dettagli

Alunni Dott.Ing. Domenico PANARELLO

Alunni Dott.Ing. Domenico PANARELLO IL PIANO DI EMERGENZA Alunni Dott.Ing. Domenico PANARELLO Il Piano di Emergenza E una procedura di mobilitazione di mezzi e persone in grado di fronteggiare una determinata condizione di emergenza. Le

Dettagli

ESTRATTO DAL PIANO DI EMERGENZA

ESTRATTO DAL PIANO DI EMERGENZA ESTRATTO PIANO DI EMERGENZA ISIS CIPRIANO FACCHINETTI COMUNE DI CASTELLANZA VIA AZIMONTI N 5 TEL.0331-635718 FAX 0331679586 ESTRATTO DAL PIANO DI EMERGENZA (Copia per il personale docente) Pagina 1 di

Dettagli

Il piano di emergenza e di evacuazione. Dr. Davide Varini RSPP Direzione Generale USR Campania

Il piano di emergenza e di evacuazione. Dr. Davide Varini RSPP Direzione Generale USR Campania Il piano di emergenza e di evacuazione Dr. Davide Varini RSPP Direzione Generale USR Campania L emergenza Cos è l emergenza? Una condizione insolita e pericolosa che può presentarsi in modi e tempi non

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO 22 ALBERTO MARIO

ISTITUTO COMPRENSIVO 22 ALBERTO MARIO Prot. n. 55/A23 del 7/01/2014 ISTITUTO COMPRENSIVO 22 ALBERTO MARIO Piazza Sant Eframo Vecchio, 130-80137 NAPOLI Tel. 0817519375 FAX: 0817512716 C.M. NAIC8BT00N Codice fiscale 80022520631 e- mail: naic8bt00n@istruzione.it

Dettagli

piu ScuolaSicura In caso di

piu ScuolaSicura In caso di piu ScuolaSicura In caso di incendio fuga di gas sversamento allagamento azione criminosa infortunio/malore guasto elettrico terremoto nube tossica alluvione 1 Un coordinatore dell emergenza 2 Un docente

Dettagli

PROCEDURA DI EMERGENZA IN CASO DI TERREMOTO

PROCEDURA DI EMERGENZA IN CASO DI TERREMOTO PROCEDURA DI EMERGENZA IN CASO DI TERREMOTO IL TERREMOTO I terremoti non danno alcun preavviso e avvertimento e, anche dopo una prima scossa, non si può sapere se ve ne saranno altre e di quale entità.

Dettagli

CHE COSA E UNA EMERGENZA

CHE COSA E UNA EMERGENZA Modalità operative CHE COSA E UNA EMERGENZA Ogni situazione anomala che presenti un pericolo potenziale o reale per l incolumità delle persone e dei beni. Esempio : CHE COSA E IL PIANO DI EMERGENZA E l

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO 18 BOLOGNA. SCUOLA SECONDARIA 1 grado F. DE ANDRÉ. Piano di emergenza Anno scolastico 2015 / 2016

ISTITUTO COMPRENSIVO 18 BOLOGNA. SCUOLA SECONDARIA 1 grado F. DE ANDRÉ. Piano di emergenza Anno scolastico 2015 / 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO 18 BOLOGNA SCUOLA SECONDARIA 1 grado F. DE ANDRÉ Prot. 4409 del 17 settembre 2015 Piano di emergenza Anno scolastico 2015 / 2016 Per assicurare lo svolgimento dell abbandono dell edificio

Dettagli

Circolare interna n. 103 Villa Raverio 30.10.2013

Circolare interna n. 103 Villa Raverio 30.10.2013 M.K. GANDHI Via Ugo Foscolo 1, 20842 Villa Raverio di Besana in Brianza (MB) Telefono: 0362 942223 Fax: 0362 942297 e-mail: mkgandhi@mkgandhi.gov.it Posta certificata: miis00600e@pec.istruzione.it Sito:

Dettagli

ORGANIGRAMMA SICUREZZA a.a. 2014/2015 sede Piazza Mazzini n. 2

ORGANIGRAMMA SICUREZZA a.a. 2014/2015 sede Piazza Mazzini n. 2 ORGANIGRAMMA SICUREZZA a.a. 2014/2015 sede Piazza Mazzini n. 2 INCARICO PERSONALE INCARICATO COMPITI e RESPONSABILITA Datore di lavoro Dirigente scolastico Prof.ssa Girardina Volpe Il Datore di lavoro,

Dettagli

SCUOLA MEDIA STATALE GIOVANNI XXIII - ZOGNO BERGAMO ANNO SCOLASTICO 1998/99 SEGNALE DI ALLARME: ASSEGNAZIONE DEGLI INCARICHI AGLI ALLIEVI

SCUOLA MEDIA STATALE GIOVANNI XXIII - ZOGNO BERGAMO ANNO SCOLASTICO 1998/99 SEGNALE DI ALLARME: ASSEGNAZIONE DEGLI INCARICHI AGLI ALLIEVI SCUOLA MEDIA STATALE GIOVANNI XXIII - ZOGNO BERGAMO ANNO SCOLASTICO 1998/99 PIANO DI EVACUAZIONE SEGNALE DI ALLARME: 1. TERREMOTO suono prolungato 2. ALLUVIONE suono breve ripetuto diverse volte 3. INCENDIO

Dettagli

PIANO DI EVACUAZIONE

PIANO DI EVACUAZIONE EVACUAZIONE Direzione Didattica Statale di II Circolo C. Collodi Via Sforza, 6 57023 (Li) Tel. (0586) 620.167 Fax (0586) 620.565 e-mail : info@collodicecinamare.it liee06100b@istruzione.it segreteria@collodicecinamare.it

Dettagli

Oggetto : informazione sul piano di evacuazione.

Oggetto : informazione sul piano di evacuazione. Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Statale "G.Parini" Via Roma - 21055 Gorla Minore (VA) Tel. e fax : 0331 601650 e-mail uffici: comprensivogorla@libero.it

Dettagli

PIANO DI EVACUAZIONE I.C. ALBERTELLI - NEWTON (da esporre nelle aule e da inserire nella busta di plastica nel registro di classe)

PIANO DI EVACUAZIONE I.C. ALBERTELLI - NEWTON (da esporre nelle aule e da inserire nella busta di plastica nel registro di classe) PIANO DI EVACUAZIONE I.C. ALBERTELLI - NEWTON (da esporre nelle aule e da inserire nella busta di plastica nel registro di classe) ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO Valide per studenti,

Dettagli

PIANIFICAZIONE E GESTIONE DELLE EMERGENZE E DELL EVACUAZIONE SUCCURSALE (documento predisposto dall Ing. Scarlatti, addetto SPP del Liceo Fermi)

PIANIFICAZIONE E GESTIONE DELLE EMERGENZE E DELL EVACUAZIONE SUCCURSALE (documento predisposto dall Ing. Scarlatti, addetto SPP del Liceo Fermi) PIANIFICAZIONE E GESTIONE DELLE EMERGENZE E DELL EVACUAZIONE SUCCURSALE (documento predisposto dall Ing. Scarlatti, addetto SPP del Liceo Fermi) DISPOSITIVI DI ALLARME E presente un sistema automatico

Dettagli

opuscolo informativo per gli insegnanti e alunni EMERGENZA TERREMOTO

opuscolo informativo per gli insegnanti e alunni EMERGENZA TERREMOTO INDICE 1. DEFINIZIONE DI EMERGENZA...2 1.1....2 2. ADDETTI GESTIONE EMERGENZA...3 3. SEGNALETICA...4 4. COMPITI DEL PERSONALE NELL EMERGENZA...5 4.1. COLLABOTORI SCOLASTICI E A.T.A....5 4.2. INSEGNANTI..

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RI ER A UFFI IO S OLASTI O REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO OMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RI ER A UFFI IO S OLASTI O REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO OMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RI ER A UFFI IO S OLASTI O REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO OMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI Via P. TOGLIATTI N 1-01033 IVITA ASTELLANA (0761 513390 fax 0761

Dettagli

PIANO DI GESTIONE DELLE EMERGENZE (D.M. 10 Marzo 1998, D.lgs81/2008)

PIANO DI GESTIONE DELLE EMERGENZE (D.M. 10 Marzo 1998, D.lgs81/2008) ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI OSTELLATO (FE) Scuola dell infanzia di Migliarino Via del Parco 1 Località Migliarino comune di Fiscaglia tel./fax 0533.52686 e-mail viadelparco@libero.it PIANO DI GESTIONE

Dettagli

4) Controllare che gli allievi apri fila e serra fila eseguano correttamente i compiti;

4) Controllare che gli allievi apri fila e serra fila eseguano correttamente i compiti; COMPITI DEGLI APRI-FILA E CHIUDI-FILA - Ogni aprifila, in caso di emergenza, ha il compito di aprire le porte e guidare i compagni verso le zone di raccolta; - I serra-fila hanno il compito di assistere

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE G. MERCALLI SEDE CENTRALE VIA ANDREA D ISERNIA n 34 80122 Napoli PIANO DI EVACUAZIONE. a.s. 2014/2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G. MERCALLI SEDE CENTRALE VIA ANDREA D ISERNIA n 34 80122 Napoli PIANO DI EVACUAZIONE. a.s. 2014/2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE G. MERCALLI SEDE CENTRALE VIA ANDREA D ISERNIA n 34 80122 Napoli PIANO DI EVACUAZIONE a.s. 2014/2015 PREMESSA Nel rispetto del DMI del D.Lgs 81/2008 è stato predisposto per l'anno

Dettagli

PIANO EMERGENZA (Pianificazione dell esodo)

PIANO EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) Liceo Scientifico C. Cavalleri - Parabiago SEDE STACCATA Via dei Partigiani,1 - Canegrate PIANO EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) Il Datore di Lavoro Prof. Luciano Bagnato.. data / /.. Rev. 06 del

Dettagli

Circolare interna n. 21 Villa Raverio 30.09.2014

Circolare interna n. 21 Villa Raverio 30.09.2014 M.K. GANDHI Via Ugo Foscolo 1, 20842 Villa Raverio di Besana in Brianza (MB) Telefono: 0362 942223 Fax: 0362 942297 e-mail: mkgandhi@mkgandhi.gov.it Posta certificata: miis00600e@pec.istruzione.it Sito:

Dettagli

PIANO DI EVACUAZIONE

PIANO DI EVACUAZIONE PIANO DI EVACUAZIONE Il presente piano di evacuazione, inserito nel Documento di Valutazione dei rischi (affisso all'albo dell'istituto) è stato compilato a cura del D.S. Dott.ssa Cristina Grieco con la

Dettagli

PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA

PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA COMPITI DEL COORDINATORE DELL EMERGENZA (PROC_1)...2 COMPITI DELL ADDETTO ALLA COMUNICAZIONE (PROC_2)...3 COMPITI DEGLI ADDETTI ALL EMERGENZA (PROC_3)...4 COMPITI DEL PERSONALE

Dettagli

due squilli brevi seguiti da uno squillo prolungato due squilli brevi seguiti da uno squillo prolungato

due squilli brevi seguiti da uno squillo prolungato due squilli brevi seguiti da uno squillo prolungato 1. MODALITA DI RILEVAZIONE E DI COMUNICAZIONE DELLA SITUAZIONE DI ALLARME Si prevedono sostanzialmente due situazioni nelle quali si presenti la necessità di emanare un allarme generalizzato che comporti

Dettagli

Piano di evacuazione di Istituto A.S.2012/2013 CHIAMATA DEI SOCCORSI

Piano di evacuazione di Istituto A.S.2012/2013 CHIAMATA DEI SOCCORSI CHIAMATA DEI SOCCORSI Telefono Dirigenza scolastica: 091 6143265 Telefono plesso di via De Gasperi 091 490249 Telefono plesso di via Tomasi di Lampedusa 091 6142456 Piano di evacuazione di Istituto A.S.2012/2013

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA OSPEDALE VETERINARIO UNIVERSITARIO DIDATTICO

PIANO DI EMERGENZA OSPEDALE VETERINARIO UNIVERSITARIO DIDATTICO PAG. 1 DI 14 - Dipartimento di Scienze Medico-Veterinarie Via del taglio Parma PARMA, OTTOBRE 2013 PAG. 2 DI 14 PREMESSA 1. STESURA ED EMISSIONE DELLA PROCEDURA...3 2. SCOPO DELLA PROCEDURA...3 3. DEFINIZIONI...4

Dettagli

PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA

PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA 1 ISTITUTO COMPRENSIVO GOZZI-OLIVETTI PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA 2 Premessa Il presente Piano di Evacuazione ed Emergenza individua

Dettagli

Comunicazione n. 070 Chiari 04-10-2014

Comunicazione n. 070 Chiari 04-10-2014 Comunicazione n. 070 Chiari 04-10-2014 AI DOCENTI AGLI STUDENTI AI GENITORI AL PERSONALE ATA Oggetto: Sintesi del PIANO DI EMERGENZA / EVACUAZIONE Il presente opuscolo costituisce una sintesi del Piano

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO SABIN VADEMECUM SICUREZZA [CATEGORIA] (STUDENTI, DOCENTI, PERSONALE ATA)

LICEO SCIENTIFICO SABIN VADEMECUM SICUREZZA [CATEGORIA] (STUDENTI, DOCENTI, PERSONALE ATA) LICEO SCIENTIFICO SABIN VADEMECUM SICUREZZA [CATEGORIA] (STUDENTI, DOCENTI, PERSONALE ATA) PREMESSA Il tema della sicurezza sta finalmente acquistando rilevanza sempre crescente, e la scuola è l ambito

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA LICEO C. RINALDINI ALLEGATO N. 3 PROCEDURA DI EMERGENZA STUDENTI AGG. 01 DEL 13/10/2014

PIANO DI EMERGENZA LICEO C. RINALDINI ALLEGATO N. 3 PROCEDURA DI EMERGENZA STUDENTI AGG. 01 DEL 13/10/2014 ALLEGATO N. 3 PROCEDURA DI EMERGENZA STUDENTI AGG. 01 DEL 13/10/2014 FASE OPERATIVA DI EVACUAZIONE GENERALE Quando si avverte il segnale acustico (sonoro e vocale) di evacuazione dell edificio si deve:

Dettagli

IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE Ing. G. Corsi. IL RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA Sig. G.

IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE Ing. G. Corsi. IL RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA Sig. G. 2013 2014 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE E. Fermi L. da Vinci Via Bonistallo 73 50053 Empoli ALLEGATO 13 Informativa agli studenti Procedure e norme in caso di emergenza data firma IL DATORE DI LAVORO

Dettagli

doc 05 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) SCUOLA PRIMARIA SANTA MARIA BAMBINA 1 di 23

doc 05 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) SCUOLA PRIMARIA SANTA MARIA BAMBINA 1 di 23 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) I S T I T U T O C O M P R E N S I V O E S T 1 V I A A. D E L V E R R O C C H I O, 3 2 8 B r e s c i a SCUOLA PRIMARIA SANTA MARIA BAMBINA 1 di 23 PREMESSA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO RIVAROLO Scuola e Sicurezza Semplici norme di comportamento in caso di emergenze Glossario emergenze e figure di riferimento 1 Piano di Emergenza: insieme di norme e di istruzioni

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ANNO SCOLASTICO 2014/2015

PIANO DI EMERGENZA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SCUOLA ELEMENTARE DANTE ALIGHIERI TORREBELVICINO PIANO DI EMERGENZA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1- Introduzione 2- L edificio scolastico 3- Disposizione dei locali 4- Mensa scolastica 5- Emanazione ordine

Dettagli

Liceo Statale F. Corradini

Liceo Statale F. Corradini PROCEDURA DI EVACUAZIONE NUCLEO OPERATIVO Allegato n. 5 Quando viene attivata la procedura di evacuazione, tutti i componenti del nucleo operativo devono mettersi a disposizione del capo squadra, in caso

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SCUOLA PRIMARIA E. DE AMICIS VIA GRAMSCI, 4 MASSA FISCAGLIA (FE) PIANO DI EMERGENZA ALUNNI E PERSONALE RELATIVAMENTE ALL'ANNO SCOLASTICO 2014/2015 Classi: 2a 3a 4a 5a Alunni:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di San Michele al Tagliamento www.iscsanmichele.it

ISTITUTO COMPRENSIVO di San Michele al Tagliamento www.iscsanmichele.it ISTITUTO COMPRENSIVO di San Michele al Tagliamento www.iscsanmichele.it Indicazioni e norme di comportamento per l evacuazione dall edificio scolastico in caso di INCENDIO o TERREMOTO (D.Lgs. 81/2008,

Dettagli

Tipologie degli eventi più rischiosi ipotizzabili SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE

Tipologie degli eventi più rischiosi ipotizzabili SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE Istituto Comprensivo C. Casteller di Paese - Viale Panizza, 4-31038 PAESE (TV) - Tel 0422 959057 Fax 0422 959459 C.F.: 94131860267 e-mail: tvic868002@istruzione.it Sito internet: www.castellerpaese.org

Dettagli

D.M. 10 marzo 1998. Piano Emergenza Evacuazione

D.M. 10 marzo 1998. Piano Emergenza Evacuazione Piano Emergenza Evacuazione Il D.M 10 marzo 1998 prevede che, a seguito della VDRI deve essere predisposto e tenuto aggiornato, in forma scritta, dal Datore di Lavoro un Piano di Emergenza Antincendio,

Dettagli

Corso per A.S.P.P. - Modulo B 6

Corso per A.S.P.P. - Modulo B 6 Corso per A.S.P.P. - Modulo B 6 Corsi di specializzazione per ASPP macro settore di attività 8 Modulo B Valutazione Rischi Istituto ISIS Ponti piazza Giovine Italia n. 3 - Gallarate Lezione del 10.01.2012

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA di Mirandola (MO) CORSO DI FORMAZIONE SULLA SICUREZZA DEI LAVORATORI

DIREZIONE DIDATTICA di Mirandola (MO) CORSO DI FORMAZIONE SULLA SICUREZZA DEI LAVORATORI DIREZIONE DIDATTICA di Mirandola (MO) CORSO DI FORMAZIONE SULLA SICUREZZA DEI LAVORATORI (ex Art. 37 D.Lgs. N. 81/2008) Organizzatore del Corso: Direzione Didattica di Mirandola Responsabile e Docente

Dettagli

LIBRETTO INFORMATIVO - SCUOLA SICURA D.Lgs. 81/08 e D.Lgs.106/09

LIBRETTO INFORMATIVO - SCUOLA SICURA D.Lgs. 81/08 e D.Lgs.106/09 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ISTITUTO COMPRENSIVO SENIGALLIA SUD - BELARDI Via Marche, 42-60019 Senigallia C.F. 83004490427 Tel. 071/7924522 Fax 071/7912480 WEB: www.senigalliasud.it

Dettagli

MANUALE DI SICUREZZA E SALUTE : COMPORTAMENTI DA TENERE IN CASO DI : INCENDIO, RISCHIO INDUSTRIALE, TERREMOTO E INFORTUNIO.

MANUALE DI SICUREZZA E SALUTE : COMPORTAMENTI DA TENERE IN CASO DI : INCENDIO, RISCHIO INDUSTRIALE, TERREMOTO E INFORTUNIO. C B I.C. CESCO BASEGGIO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CESCO BASEGGIO Via Trieste, 203-30175 VENEZIA MARGHERA Cod. Scuola VEIC87100T Cod. Fisc. 94000070279 Tel. e fax 041920530/Tel. 041920584 VEIC87100T@istruzione.it

Dettagli

I POSSIBILI PERICOLI NELL'AMBIENTE SCOLASTICO

I POSSIBILI PERICOLI NELL'AMBIENTE SCOLASTICO I POSSIBILI PERICOLI NELL'AMBIENTE SCOLASTICO Finestre, pavimenti, porte, termosifoni, costituiscono il rischio maggiore all interno della classe. Le ante delle finestre in particolare causano un infinità

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA STATALE A. MANZONI VIA TREFORNI TREVIGNANO (TV)

SCUOLA PRIMARIA STATALE A. MANZONI VIA TREFORNI TREVIGNANO (TV) PIANO DI EMERGENZA (Linee guida) SCUOLA PRIMARIA STATALE A. MANZONI VIA TREFORNI TREVIGNANO (TV) Anno scolastico 2014/2015 file:pem_primaria_trevignano.doc 1 di 21 PREMESSA Il piano di emergenza è uno

Dettagli

Dirigente Scolastico / Collaboratore D.S.

Dirigente Scolastico / Collaboratore D.S. 7/a Dirigente Scolastico / Collaboratore D.S. 1. Il Dirigente Scolastico (o in sua vece il collaboratore del Dirigente Scolastico), una volta valutata la necessità di abbandonare rapidamente l edificio:

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ORGANIZZAZIONE E PROCEDURE

PIANO DI EMERGENZA ORGANIZZAZIONE E PROCEDURE ISTITUTO COMPRENSIVO G.Mariti - Fauglia PIANO DI EMERGENZA ORGANIZZAZIONE E PROCEDURE Pagina 1 di 12 Revisione: 1.7 Data: 30.09.2014 Obiettivi Il presente piano tende a perseguire i seguenti obiettivi:

Dettagli

PIANO DI GESTIONE EMERGENZA

PIANO DI GESTIONE EMERGENZA PIANO DI GESTIONE EMERGENZA (ai sensi del D.lgs. 9 Aprile 2008, n. 81) Direzione Didattica 3 Circolo di Limbiate Via Renato Cartesio, 12 20051 Scuola d Infanzia Via Filippo Turati, 38 1 Indice 1. Scopo...3

Dettagli

A TUTTO IL PERSONALE SCOLASTICO

A TUTTO IL PERSONALE SCOLASTICO A TUTTO IL PERSONALE SCOLASTICO PROCEDURE OPERATIVE DA SEGUIRE DURANTE IL TERREMOTO Il terremoto è un evento naturale chiaramente avvertibile, che non ha bisogno di un particolare tipo di allertamento

Dettagli

PROCEDURE GENERALI DI COMPORTAMENTO DA TENERE IN CASO D EMERGENZA

PROCEDURE GENERALI DI COMPORTAMENTO DA TENERE IN CASO D EMERGENZA ISTITUZIONE SCOLASTICA ISTITUTO COMPRENSIVO VERDELLINO/ZINGONIA (infanzia, primaria, potenziata e secondaria di 1 grado) PROCEDURE GENERALI DI COMPORTAMENTO DA TENERE IN CASO D EMERGENZA 1 PROCEDURA GENERALE

Dettagli

Disposizioni comportamentali in caso di emergenza.

Disposizioni comportamentali in caso di emergenza. TUTTI I PRESENTI NELLA SCUOLA in caso di sisma, porsi al riparo sotto i banchi o comunque ALLONTANARSI DAL CENTRO DELL AULA disponendosi lungo i muri portanti o vicino a pilastri e sotto le travi. 2) Al

Dettagli

MANUALE DELLE PROCEDURE DI EVACUAZIONE A SCUOLA D.Lgs. 81/08 e s.m.i. D.M. 10.03.1998 Rev. 01 del 24.01.2013

MANUALE DELLE PROCEDURE DI EVACUAZIONE A SCUOLA D.Lgs. 81/08 e s.m.i. D.M. 10.03.1998 Rev. 01 del 24.01.2013 BUONE NORME DI COMPORTAMENTO DA SEGUIRE IN SITUAZIONI DI EMERGENZA. PROCEDURE DI EVACUAZIONE. IL PRESENTE MANUALE DEVE ESSERE CONSERVATO ALL INTERNO DI OGNI REGISTRO DI CLASSE (INSIEME AL MODULO DI EVACUAZIONE),

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO "E. PANZACCHI"

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO E. PANZACCHI Note Comune di Ozzano dell Emilia - Bologna ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO "E. PANZACCHI" http://icozzano.scuole.bo.it

Dettagli

ESTRATTO DAL PIANO DI ESODO IN EMERGENZA. Redatto ai sensi degli art. 15) e 36) del D.LGS. 81/08 T. U. Sicurezza. Liceo Morgagni

ESTRATTO DAL PIANO DI ESODO IN EMERGENZA. Redatto ai sensi degli art. 15) e 36) del D.LGS. 81/08 T. U. Sicurezza. Liceo Morgagni ESTRATTO DAL PIANO DI ESODO IN EMERGENZA Redatto ai sensi degli art. 15) e 36) del D.LGS. 81/08 T. U. Sicurezza Liceo Morgagni ll presente documento è da considerarsi integrazione e aggiornamento del Documento

Dettagli

Piano di Sicurezza, Emergenza ed Evacuazione (D.M. 10.3.1998 D. Lgs. n. 81/2008 106/2009)

Piano di Sicurezza, Emergenza ed Evacuazione (D.M. 10.3.1998 D. Lgs. n. 81/2008 106/2009) ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE ROSINA SALVO - TRAPANI Sede: Via Marinella, 1 91100 TRAPANI Tel 0923 22386 Fax:0923 23505 Via Marinella, 1-91100 Trapani Piano di Sicurezza, Emergenza ed Evacuazione

Dettagli

Il Piano di Emergenza ed Evacuazione

Il Piano di Emergenza ed Evacuazione Il Piano di Emergenza ed Evacuazione Informazioni sulla tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori Gennaio 2013 Pillole di sicurezza A cura del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA. (Pianificazione dell esodo) Scuola IIS IRIS VERSARI. Via Calabria, 24 20811 Cesano Maderno. Documento aggiornato al 27/10/2014

PIANO DI EMERGENZA. (Pianificazione dell esodo) Scuola IIS IRIS VERSARI. Via Calabria, 24 20811 Cesano Maderno. Documento aggiornato al 27/10/2014 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) Scuola IIS IRIS VERSARI Via Calabria, 24 20811 Cesano Maderno Documento aggiornato al 27/10/2014 IL DATORE DI LAVORO Prof.ssa Lucia Castellana Mod Sic 01/0

Dettagli

Prot. N 7394 Al R.S.P.P. ing. Maurizio Casali Circ. N 108 A tutti i docenti Al personale A.T.A A tutti gli studenti CORSO DIURNO E SERALE

Prot. N 7394 Al R.S.P.P. ing. Maurizio Casali Circ. N 108 A tutti i docenti Al personale A.T.A A tutti gli studenti CORSO DIURNO E SERALE Torino, 19/11/2014 Prot. N 7394 Al R.S.P.P. ing. Maurizio Casali Circ. N 108 A tutti i docenti Al personale A.T.A A tutti gli studenti CORSO DIURNO E SERALE Consegna individuale Oggetto: istruzioni in

Dettagli

PROCEDURA DI ALLARME CHE COSA NON DEVE FARE CHI CHE COSA DEVE FARE

PROCEDURA DI ALLARME CHE COSA NON DEVE FARE CHI CHE COSA DEVE FARE All.OdS 9/04 Agg.12 UMC SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA Pag. 1 di 3 TO Procedura Operativa in caso di Evacuazione 1. SCOPO Scopo della presente procedura operativa è quello di fornire tutte le indicazioni

Dettagli

PROCEDURA DI GESTIONE DELLE EMERGENZE

PROCEDURA DI GESTIONE DELLE EMERGENZE PROCEDURA DI GESTIONE DELLE EMERGENZE ai sensi del D.Lgs. 81/2008 e successive modifiche ed integrazioni revisione n. 4 Busto Arsizio settembre 2015 Il Dirigente scolastico (Prof.ssa Cristina Boracchi)

Dettagli

ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SECONDARIA DI 1 GRADO A. BERTOLA C.T.P. EDA-NORD RIMINI

ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SECONDARIA DI 1 GRADO A. BERTOLA C.T.P. EDA-NORD RIMINI ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SECONDARIA DI 1 GRADO A. BERTOLA C.T.P. EDA-NORD RIMINI PROGETTO SCUOLA SICURA ANNO SCOLASTICO 2008/2009 Modalità d attuazione del piano di evacuazione In molte situazioni di

Dettagli

INDICAZIONI ESTRATTE DAL PIANO DI EVACUAZIONE aggiornamento 2015

INDICAZIONI ESTRATTE DAL PIANO DI EVACUAZIONE aggiornamento 2015 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE PAOLO BOSELLI ISTITUTO TECNICO PER IL TURISMO ISTITUTO PROFESSIONALE PER I SERVIZI COMMERCIALI E SOCIO-SANITARI INDICAZIONI ESTRATTE DAL PIANO DI EVACUAZIONE aggiornamento

Dettagli

INDIVIDUAZIONE DEGLI EVENTI

INDIVIDUAZIONE DEGLI EVENTI PARTE PRIMA Premessa In accordo con gli obblighi normativi ed in sintonia con una nuova sensibilità nei confronti del problema del lavoro in condizioni di sicurezza, si è proceduto alla stesura di un piano

Dettagli

cod edificio 00280 DII / DEI via Gradenigo 6/a FASI OPERATIVE

cod edificio 00280 DII / DEI via Gradenigo 6/a FASI OPERATIVE DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE DISPOSIZIONI GENERALI IN CASO DI EMERGENZA O PROVA DI EVACUAZIONE cod edificio 00280 DII / DEI via Gradenigo 6/a Avvio

Dettagli

V.Cardarelli Strada Prov.le Porto Clementino, snc 01016 TARQUINIA (VT) 0766/856779 fax 0766/848266 vtis001002@istruzione.it C.F.

V.Cardarelli Strada Prov.le Porto Clementino, snc 01016 TARQUINIA (VT) 0766/856779 fax 0766/848266 vtis001002@istruzione.it C.F. M.I.U.R. - Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE V.Cardarelli Strada Prov.le Porto Clementino, snc 01016 TARQUINIA

Dettagli

INCENDIO ALLAGAMENTO TERREMOTO NUBE TOSSICA ALLARME BOMBA

INCENDIO ALLAGAMENTO TERREMOTO NUBE TOSSICA ALLARME BOMBA Estratto del PIANO DI EMERGENZA REDATTO AI SENSI E PER GLI EFFETTI DELL ART. 5 comma 1 D.M. 10 MARZO 1998, ART. 15 comma 1 lettera u D.LGS. 81/2008 E L ART. 12.0 D.M. 26/08/1992 INSIEME DELLE PROCEDURE

Dettagli

PARTE SETTIMA REGOLAMENTO DI SICUREZZA. Art. 1 NORME DI COMPORTAMENTO GENERALI SICUREZZA

PARTE SETTIMA REGOLAMENTO DI SICUREZZA. Art. 1 NORME DI COMPORTAMENTO GENERALI SICUREZZA PARTE SETTIMA REGOLAMENTO DI SICUREZZA Art. 1 NORME DI COMPORTAMENTO GENERALI SICUREZZA E obbligatorio tenere un comportamento corretto e astenersi dal compiere atti che possano disturbare l attività altrui

Dettagli

Piano di sicurezza / EMERGENZA I.S.S. GULLI E PENNISI

Piano di sicurezza / EMERGENZA I.S.S. GULLI E PENNISI 1 Piano di sicurezza / EMERGENZA I.S.S. GULLI E PENNISI SEDE LEGALE Via M. Arcidiacono ACIREALE SEDE OPERATIVA FIRME Via M. Arcidiacono ACIREALE L RSPP ESTERNO (Ing. M.P. Farinella) DATA EMISSIONE 18.11.2014

Dettagli

Pag.1 di 32. Istituto Istruzione Superiore GALILEO GALILEI Sez. Associata I.P.I.A. Rosa LUXEMBURG MILANO

Pag.1 di 32. Istituto Istruzione Superiore GALILEO GALILEI Sez. Associata I.P.I.A. Rosa LUXEMBURG MILANO Pag.1 di 32 Istituto Istruzione Superiore GALILEO GALILEI L edificio dell Istituto si presenta con n 6 piani fuori terra e presenta quattro uscite all esterno, precisamente : L ingresso/uscita principale

Dettagli

Piano di Sicurezza, Emergenza ed Evacuazione (D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 - Decreto del Ministro dell Interno del 10 marzo 1998)

Piano di Sicurezza, Emergenza ed Evacuazione (D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 - Decreto del Ministro dell Interno del 10 marzo 1998) ISTITUTO AUTONOMO COMPRENSIVO P. M. ROCCA PIAZZA LIBERT À N. 1 91011 ALCA MO (TP) - C.F. 80004290815 TEL. 0924/24345 E- MAIL: TPI C81200G@IST RU ZIO NE.IT Piano di Sicurezza, Emergenza ed Evacuazione (D.

Dettagli

NORME GENERALI DI EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO E DI TERREMOTO

NORME GENERALI DI EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO E DI TERREMOTO NORME GENERALI DI EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO E DI TERREMOTO In caso di Incendio Chi rileva o viene a conoscenza di un qualsiasi principio d incendio dovrà immediatamente avvertire il personale scolastico

Dettagli

ISMEDA Group di LOMAGLIO Franco

ISMEDA Group di LOMAGLIO Franco AD OGGI ABBIAMO GIA EFFETTUATO CORSI per la Sicurezza per oltre.500 SCUOLE, AZIENDE, ENTI ITALIANI (Formazione Figure sensibili ai sensi del Testo Unico sulla Sicurezza DLgs 8/08) I costi seguenti si riferiscono

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO IGINO COCCHI Scuole: Infanzia, Primaria, Secondaria di Primo Grado

ISTITUTO COMPRENSIVO IGINO COCCHI Scuole: Infanzia, Primaria, Secondaria di Primo Grado ISTITUTO COMPRENSIVO IGINO COCCHI Scuole: Infanzia, Primaria, Secondaria di Primo Grado (Codice Ministeriale MSIC81000T) Via Roma, 34 54016 Licciana Nardi (MS) Tel. e Fax: 0187-474011 www.iccocchilicciananardi.org

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE Scuola primaria G.Leopardi Via Crivelli a.s. 2012/13

PIANO DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE Scuola primaria G.Leopardi Via Crivelli a.s. 2012/13 PIANO DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE Scuola primaria G.Leopardi Via Crivelli a.s. 2012/13 IL REFERENTE DEL S.P.P. Corato Patrizia Assegnazione incarichi per emergenza Emanazione ordine di evacuazione e

Dettagli

EDIFICIO DI ROMAGNANO INFANZIA - PRIMARIA

EDIFICIO DI ROMAGNANO INFANZIA - PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO DI BUCCINO VIA 16 SETTEMBRE 8401 BUCCINO (SA) Tel. 088/951079-06 FAX 08895115 Codice ISTITUTO SAIC8BE00Q CF. 9105355065 E-MAIL:saic8be00q@istruzione.it- PEC:saic8be00q@pec.istruzione.it

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA DI PORTO ERCOLE

SCUOLA DELL INFANZIA DI PORTO ERCOLE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE G. MAZZINI VIA S. ANDREA PORTO SANTO STEFANO, MONTE ARGENTARIO (GR) SCUOLA DELL INFANZIA DI PORTO ERCOLE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE PIANO DI

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SECONDARIA DI PRIMO GRADO L. PIRANDELLO - COMISO PROGETTO CITTADINANZA, COSTITUZIONE E SICUREZZA

ISTITUTO D ISTRUZIONE SECONDARIA DI PRIMO GRADO L. PIRANDELLO - COMISO PROGETTO CITTADINANZA, COSTITUZIONE E SICUREZZA ISTITUTO D ISTRUZIONE SECONDARIA DI PRIMO GRADO L. PIRANDELLO - COMISO PROGETTO CITTADINANZA, COSTITUZIONE E SICUREZZA FINALITA DEL PROGETTO Creare e mantenere opportune condizioni di sicurezza all interno

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI ARESE VIA DEI GELSI

ISTITUTO COMPRENSIVO DI ARESE VIA DEI GELSI ISTITUTO COMPRENSIVO DI ARESE VIA DEI GELSI Scuola dell infanzia Peter Pan Arese, viale Einaudi Scuola primaria Don Gnocchi Arese, via dei Gelsi (sede amministrativa IC) Scuola primaria G. Pascoli Arese,

Dettagli

COMPLESSO DI NORME DA SEGUIRE PER L EVACUAZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO

COMPLESSO DI NORME DA SEGUIRE PER L EVACUAZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO COMPLESSO DI NORME DA SEGUIRE PER L EVACUAZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO INDICAZIONI GENERALI per l anno scolastico 2012-2013 Nel corridoio di ogni piano sono affisse planimetrie in cui sono evidenziate

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTECCHIO E. SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO J. ZANNONI

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTECCHIO E. SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO J. ZANNONI ISTITUTO COMPRENSIVO MONTECCHIO E. SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO J. ZANNONI PREMESSA Nel piano di emergenza interno della Scuola J. Zannoni di Montecchio E. vengono formulate le disposizioni per attuare

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI FRATTA POLESINE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI FRATTA POLESINE ISTITUTO COMPRENSIVO DI FRATTA POLESINE PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE (D.lgs81/08) Plesso SCUOLA MEDIA ANDREA PALLADIO Fratta Polesine DATORE DI LAVORO- DIRIGENTE SCOLASTICO- DOTT.SSA MARIARITA

Dettagli

SEDE di Via Massaua. Scuola Primaria.

SEDE di Via Massaua. Scuola Primaria. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca I.C.S. CARDARELLI - MASSAUA Via Scrosati, 4-20146 Milano Centralino 02.884.41534 - Fax 02.884.44514 - Didattica 02.884.44511 Amministrazione 02.884.41541-

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI TURISTICI, ALBERGHIERI E GRAFICI PUBBLICITARI LUIGI EINAUDI LAMEZIA TERME

ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI TURISTICI, ALBERGHIERI E GRAFICI PUBBLICITARI LUIGI EINAUDI LAMEZIA TERME ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI TURISTICI, ALBERGHIERI E GRAFICI PUBBLICITARI LUIGI EINAUDI LAMEZIA TERME MODALITA DI EVACUAZIONE DELLA SCUOLA IN CASO DI CALAMITA Dirigente :Prof.ssa

Dettagli

IX ISTITUO COMPRENSIVO RICCI CURBASTRO PIANIFICAZIONE DELLE PROCEDURE DI EMERGENZA SCUOLA DELL INFANZIA AQUILONE

IX ISTITUO COMPRENSIVO RICCI CURBASTRO PIANIFICAZIONE DELLE PROCEDURE DI EMERGENZA SCUOLA DELL INFANZIA AQUILONE IX ISTITUO COMPRENSIVO RICCI CURBASTRO.. PIANIFICAZIONE DELLE PROCEDURE DI EMERGENZA SCUOLA DELL INFANZIA AQUILONE Dirigente scolastico : dott.ssa Luisa Imbriani RSPP : Ing. Davide Riccardi Docenti : Robertina

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO PRIVACY, SICUREZZA, MENSA

REGOLAMENTO D ISTITUTO PRIVACY, SICUREZZA, MENSA ISTITUTO COMPRENSIVO ROVIGO 1 Via della Costituzione, 6 45100 ROVIGO Tel. 0425/30600 Fax 0425/30726 Codice Fiscale 93027540298 Cod. Mecc. ROIC82000Q - e-mail: roic82000q@istruzione.it Sito web: www.icrovigo1.gov.it

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Via Rimembranze, n. 2 73031 ALESSANO (LE) Distretto n. 47 Cod. Min.: LEIC80400T cod. Fisc. 90018660754 Tel e fax 0833-781118 email leee010007@istruzione.it Web Site: www.comprensivoalessano.it

Dettagli

3. L emergenza incendio

3. L emergenza incendio 3. L emergenza incendio 3.1 I riferimenti legislativi dell emergenza incendio nei luoghi di lavoro Solo con l emanazione del D.Lgs. n. 626/1994, seguito dal DM 10 marzo 1998, venivano riprese le tematiche

Dettagli

Liceo. via Del Lancillotto 4-41122 Modena Tel. 059 450298 - (Fax): 0593160078

Liceo. via Del Lancillotto 4-41122 Modena Tel. 059 450298 - (Fax): 0593160078 Liceo Carlo Sigonio" via Del Lancillotto 4-41122 Modena Tel. 059 450298 - (Fax): 0593160078 E-mail: info@sigonio.it Pagina web: http://www.sigonio.com Ai sensi dell accordo Stato Regioni del 21/12/2011

Dettagli

LA SICUREZZA NELL AMBIENTE SCOLASTICO

LA SICUREZZA NELL AMBIENTE SCOLASTICO LA SICUREZZA NELL AMBIENTE SCOLASTICO dispensa informativa per docenti e non docenti A CURA DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE PREMESSA Le informazioni contenute nella presente dispensa sono nozioni

Dettagli

ESTRATTO PIANO DI EMERGENZA

ESTRATTO PIANO DI EMERGENZA Ministero Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Statale Tarra Via Correggio, 80-20020 Busto Garolfo (MI) Tel. 0331 569087 - Fax 0331 564462 Cod. Mec.: MIIC8DL00N

Dettagli

ED ELETTROTECNICA INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI - MECCANICA, MECCATRONICA TRASPORTI E LOGISTICA

ED ELETTROTECNICA INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI - MECCANICA, MECCATRONICA TRASPORTI E LOGISTICA ISTITUTO TECNICO SETTORE TECNOLOGICO Enrico Fermi Specializzazioni: ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI - MECCANICA, MECCATRONICA TRASPORTI E LOGISTICA Corso Serale: ELETTROTECNICA

Dettagli