Direzione Didattica "Carlo Collodi"

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Direzione Didattica "Carlo Collodi""

Transcript

1 Direzine Didattica "Carl Clldi" C.s B. Crce,26 Trin Pless Rdari Via Piacenza,16 Trin

2 Pag 2 di 19 CARATTERISTICHE DEL PLESSO (Descrizine generale) TIPOLOGIA Nid d infanzia Scula d infanzia Scula Primaria Scula Secndaria di I Grad Scula Secndaria di II Grad Altr assimilabile attività sclastica UTENZA Quantità: Allievi n.: 491 Persnale dcente n.: 45 Persnale ATA Ausiliari n.: 2 Persnale ATA Tecnici n.: Persnale ATA Amministrativi n.: Addetti Mensa / bar n.: 7 Cperative n.: 5 Diversamente abili n.: 7 Altr n.: PIANI E SCALE Interrat / Seminterrat Scale interne n.: 2 Scale esterne n.: Terren / Rialzat Scale interne n.: 2 Scale esterne n.: 2 Prim Scale interne n.: 2 Scale esterne n.: 2 Secnd Scale interne n.: Scale esterne n.: Terz Scale interne n.: Scale esterne n.: Quart Scale interne n.: Scale esterne n.: Quint Scale interne n.: Scale esterne n.: Sest Scale interne n.: Scale esterne n.: SISTEMI DI ALLARME Sirena Centralizzata Campanella Trmba manuale Altr Ubicazine: si attiva nell'aula P18 si attiva nell'aula P18 Da frnire

3 Pag 3 di 19 MEZZI DI ESTINZIONE INCENDI Quantità: Estintri n.: 28 Idranti n.: 10 Rilevatri di fum n.: 18 LUOGO SICURO INTERNO Ubicazine: SI NO 2 piazzle scale antincendi PUNTI DI RACCOLTA Interni al recint Esterni al recint Ubicazine: area plivalente La valutazine del rischi antincendi ai sensi del D.M è cntenuta nel Dcument di Valutazine dei Rischi DOCUMENTAZIONE Cstituiscn cmpletament del presente pian di emergenza i seguenti dcumenti nn allegati: 1. Verbali Prve di Evacuazine / verifica cnfrmità alle prcedure e alle mdalità di evacuazine 2. Materiale riguardante l addestrament degli addetti alla Squadra d Emergenza 3. Planimetria generale della scula riprtante le vie di fuga, l ubicazine dei dispsitivi per le emergenze e le destinazini dei lcali

4 Pag 4 di 19 LA GESTIONE DELL EMERGENZA ORGANIZZAZIONE INTERNA In cas di emergenza il persnale della scula deve cmprtarsi secnd le seguenti istruzini. ORGANIZZAZIONE - COMPITI È cmpit del persnale incaricat, perante all intern della scula, svlgere un rul attiv nell'emergenza. Il persnale svlge l attività nei nrmali rari sclastici mattutini e pmeridiani, pertant la presenza nei vari plessi sclastici è assicurata negli rari lavrativi mentre durante la ntte e nei girni festivi nn sn presenti addetti alunni. RESPONSABILITA Il presente dcument prevede che la respnsabilità della gestine dell'emergenza sia affidata al persnale presente in quel mment nell edifici sclastic. Ess è destinat ad intervenire in cas di emergenza seguend le necessarie azini, di seguit riprtate. RESPONSABILITÀ DEL DATORE DI LAVORO (Art. 43 D.Lgs. 81/08) Designare le attribuzini e le cmpetenze inerenti le emergenze; Verificare che il Persnale, gli utenti ed i visitatri sian infrmati dell'esistenza e dei cntenuti del Pian di Emergenza ed Evacuazine (PE); Verificare che il PE sia res perativ ed attuat peridicamente; Verificare che si prceda al su aggirnament peridic; Verificare che il livell di addestrament venga cnservat inalterat nel temp; Verificare che sian definite le prcedure per mantenere in efficienza i dispsitivi e le attrezzature di emergenza. RESPONSABILITÀ DEL PERSONALE CON FUNZIONI NELL'EMERGENZA Rendere perativ il PE ed il pian di evacuazine; Essere a cnscenza delle prcedure di intervent per tutte le situazini analizzate e dei dispsitivi e delle attrezzature di sicurezza; Infrmare ed istruire tutti gli alunni in merit all'esistenza del PE; Segnalare situazini anmale e cllabrare all'aggirnament del PE. DESTINATARI Il presente dcument è indirizzat a tutt il persnale in servizi press i vari plessi sclastici dell Istitut che assume un rul OPERATIVO in qualità di ADDETTO ALL INTERVENTO destinat a svlgere un cmpit attiv in situazini di emergenza (seguend le Indicazini descritte dal punt successiv) e cmunque a tutti i presenti all intern della scula sian essi visitatri dipendenti di ditte esterne (cme indicat in appsita prcedura). INFORMAZIONE E FORMAZIONE DEGLI ADDETTI Gli addetti al servizi antincendi sn adeguatamente infrmati sui rischi prevedibili, sulle misure da sservare per prevenire gli incendi e sul cmprtament da adttare in cas di pericl. La frmazine degli addetti alla sicurezza è rispndente alla nrmativa vigente; l elenc del persnale cn tale frmazine è res nt nella sezine 1 del Dcument di valutazine dei rischi. Tutte le istruzini da seguire in cas di emergenza sn cntenute nel presente dcument, rganizzat pprtunamente per essere divulgat nella scula e ggett di peridici incntri di infrmazine cn tutt il persnale. Nel crs dell ann sclastic ci sarà almen due esercitazini pratiche di evacuazine dell edifici. In cas di emergenza, incendi altr pericl, i respnsabili e gli addetti al servizi di prnt intervent devn prtare il più prnt ed efficace ausili alle squadre di sccrs estern, prpri perché cinvlti in prima persna nella gestine dei lughi, dei mezzi e delle emergenze. Particlare frmazine è frnita agli addetti prepsti sulle mdalità di assistenza in cas di emergenza alle persne disabili, cn visibilità e/ udit menmat limitat e cn disabilità tempranee. ESERCITAZIONI ANTINCENDIO Il datre di lavr deve assicurare che almen due vlte nel crs dell ann sclastic si effettuin delle esercitazini antincendi per mettere in pratica le prcedure di esd e di prim intervent (Decret 26 agst 1992 Allegat punt 12.0). L esit di tali esercitazini dvrà essere riprtat in appsit verbale.

5 Pag 5 di 19 CASSETTA DI PRIMO SOCCORSO (Allegat 1 DM 388/2003) La cassetta di prim sccrs va cnservata in un lcale di facile accessibilità, deve essere adeguatamente segnalata e deve cntenere quant previst dal D.M. 388/03. Gli addetti al prim sccrs hann il cmpit di verificarne peridicamente il cntenut e prvvedere alla richiesta delle necessarie integrazini. Il cntenut dvrà prevedere: Guanti sterili mnus (5 paia). Visiera paraschizzi Flacne di sluzine cutanea di idpvidne al 10% di idi da 1 litr (1). Flacni di sluzine fisilgica ( sdi clrur - 0, 9%) da 500 ml (3). Cmpresse di garza sterile 10 x 10 in buste single (10). Cmpresse di garza sterile 18 x 40 in buste single (2). Teli sterili mnus (2). Pinzette da medicazine sterili mnus (2). Cnfezine di rete elastica di misura media (1). Cnfezine di ctne idrfil (1). Cnfezini di certti di varie misure prnti all'us (2). Rtli di certt alt cm. 2,5 (2). Un pai di frbici. Lacci emstatici (3). Ghiacci prnt us (due cnfezini). Sacchetti mnus per la racclta di rifiuti sanitari (2). Termmetr. Apparecchi per la misurazine della pressine arterisa. SERVIZI ESTERNI DI SOCCORSO E SALVATAGGIO Il datre di lavr ha prvvedut a segnalare i recapiti dei seguenti servizi esterni: VIGILI DEL FUOCO 115 PRONTO SOCCORSO 118 SERVIZIO PUBBLICO DI EMERGENZA 113 CARABINIERI 112 PERCORSO DA SEGUIRE IN CASO DI EMERGENZA L evacuazine dvrà essere effettuata nel rispett delle indicazini riprtate nelle planimetrie presenti nei vari lcali. Nel cas di cntrattempi di qualsiasi genere che richiedan l imprvvisa mdificazine del pian, attenersi strettamente a quant viene rdinat dal persnale addett. SEGNALE CONVENZIONALE DI ALLARME Il segnale di allarme ed evacuazine è dat cn un sistema di allarme cnvenut. Per le cmunicazini in emergenza, l allarme può essere integrat cn il sistema prta a prta laddve sian necessarie cmunicazini diverse dall allarme generale evacuazine generale. ELENCO DEL PERSONALE CON RUOLO ATTIVO NELLE EMERGENZE Sn le persne incaricate ad affrntare l emergenza, esse si ccupan di: far evacuare le persne presenti; dare assistenza per l evacuazine ai disabili presenti nell edifici; cmpiere azini di salvataggi; intervenire nell estinzine dell incendi attuare interventi di prim sccrs attivarsi per far intervenire eventuali sccrsi esterni cme descritt nella Istruzine di intervent in emergenza. L elenc nminativ del persnale addett agli interventi di emergenza antincendi è inserit nella Scheda n.2 allegata al presente dcument.

6 Pag 6 di 19 PROCEDURE DI EVACUAZIONE L evacuazine può essere stabilita dal Crdinatre delle Emergenze. Addetti all evacuazine Tutte le vlte che viene dat l allarme gli ADDETTI ALL EVACUAZIONE dvrann dare inizi alla prcedura di evacuazine. In particlare dvrann: verificare che le vie di esd sian prive di stacli e che le prte sian facilmente apribili; facilitare e crdinare l esd e l sfllament di tutte le persne presenti (assicurarsi che vengan evacuati eventualmente anche i servizi igienici, ) fin all area sicura di racclta; allntanare dal lug del sinistr eventuali curisi, che ptrebber intralciare le perazini di sccrs. Prcedura di evacuazine Una vlta stabilita la necessità di evacuazine, il persnale dvrà seguire le seguenti istruzini: mantenere la calma e NON farsi prendere dal panic abbandnare senza indugi la zna il lcale in cui si trva raggiungend l area sicura di racclta indicata sulla planimetria di emergenza NON UTILIZZARE GLI ASCENSORI ma scendere cn calma dalle scale. NON fermarsi per raccgliere effetti persnali NON prtare ggetti ingmbranti pesanti chiudetevi sempre dietr tutte le prte (NON a chiave però!) evitate di gridare e crrere NON CERCARE DI SPOSTARE GLI AUTOMEZZI: POTRESTE INTRALCIARE L INTERVENTO DEI SOCCORRITORI Ogni dcente prvvederà a prtare cn se il Registr di Classe affinchè si pssa verificare la presenza di tutti gli alunni. Pres il registr, il dcente, verificat che nn sian rimaste persne nell aula, chiude la prta dietr di sé e si psizina in testa in cda alla fila degli alunni. La classe, uscita rdinatamente dall aula, aspetta, rispettand i tempi e la sequenza di defluss stabilita nel pian, che sian passate le classi che hann la precedenza. L insegnante si accerta, cl respnsabile della evacuazine di ciascun pian, che le vie di fuga sian sgmbre, segue le indicazini dell stess nel cas si debban trvare delle vie alternative. La classe raggiunge csì le aree di racclta assegnate. I dcenti dvrann verificare la presenza di eventuali dispersi. Nel cas in cui sia immediatamente rilevata l assenza di un alunn, il dcente respnsabile di classe l cmunica al crdinatre dell emergenza alla squadra di emergenza. NON rientrare per nessun mtiv nell edifici, se nn dp il cnsens del Cmandante dei Sccrsi seguire le indicazini degli addetti all emergenza dell attività e di quelli esterni. In gni classe dvrann essere individuati alcuni ragazzi a cui attribuire le seguenti mansini: DUE RAGAZZI APRI-FILA, cn il cmpit di aprire le prte e cndurre i cmpagni vers l area di racclta DUE RAGAZZI SERRA-FILA, cn il cmpit di chiudere la fila Gli allievi devn: apprestarsi all esd rdinatamente, spingere la sedia vers il banc, lasciare le cartelle sul pst, nn staclare i cmpagni, disprsi rdinatamente in fila. Un alunn apri fila ed un serra fila delimitan la dispsizine della classe. dirigersi vers le uscite di emergenza, rispettare la sequenza di esd stabilita, raggiungere le aree di racclta; nn allntanarsi dai cmpagni, farsi craggi a vicenda, nn litigare, essere slidali cn i cmpagni. Tutte le perazine spraddette verrann eseguite stt il dirett cntrll dell insegnante. Chi si trva furi aula deve: unirsi alla fila più vicina e seguirne il percrs; raggiunta l area di racclta, segnalare al dcente di classe la prpria presenza.

7 Pag 7 di 19 ISTRUZIONI DI INTERVENTO IN EMERGENZA Vengn qui descritte le azini che è necessari intraprendere da parte del persnale addett a frnteggiare le Emergenze. I principali cmpiti assegnati in cas di incendi sn: Valutare i rischi derivanti dall'emergenza (es. il verificarsi di un principi di incendi). Decidere le perazini da cmpiere per frnteggiare l'emergenza, cercand di spegnere il principi di incendi cn i presidi a dispsizine. Mettere in sicurezza gli impianti disinserend gli interruttri elettrici dai quadri generali di area, interrmpere la frnitura del cmbustibile alla centrale termica chiudend le appsite valvle. SE IL FUOCO, NON E DOMATO IMMEDIATAMENTE avvertire telefnicamente i vigili del fuc cmpnend il numer 115 (Seguend l appsita Prcedura). Guidare l'esd, di clr che si trvan nell edifici, vers l'uscita di sicurezza più vicina prdigarsi a prtarli in un lug sicur. All arriv dei sccrritri indirizzarli vers la zna dell incendi e garantire la dispnibilità alle frze esterne intervenute, trasferend lr le infrmazini relative all'emergenza ed alle perazini di cntrast effettuate Effettuare l'appell presenze nel Punt di Racclta Verificare e decretare la cessazine dell stat di Emergenza ed il rientr delle persne all intern della scula. Terminata l'emergenza verificare l'idneità dei mezzi e dei dispsitivi presenti e di quelli utilizzati prvvedend alla sstituzine di quand inefficiente mancante. Per ciascuna evacuazine, sia che si tratti di prva che di emergenza, ccrre stilare un verbale che verifichi l applicazine e l efficacia delle prcedure adttate. Inltre, cn la cadenza prevista dal Registr dei Cntrlli peridici: Verificare che le Vie di Esd e le Uscite di Sicurezza sian sempre sgmbre nella zna di lr pertinenza. Verificare che le apparecchiature antincendi (estintri, idranti, ecc.) sian sempre facilmente raggiungibili. Verificare l stat di efficienza dei dispsitivi di autchiusura delle prte tagliafuc. Verificare l stat di efficienza dell impiant di illuminazine di emergenza. INCENDIO SU QUADRI E APPARECCHIATURE ELETTRICHE Tale iptesi incidentale dimstra una frequenza statistica di accadiment degna di attenzine. A causa di svratemperature che pssn perdurare anche per divers temp gli islanti di cmpnenti elettrici si pssn incendiare e generare grandi quantità di fum. L svilupp delle fiamme all'estern può essere rapid. Intervenend su quest incendi è pprtun agire prima di tutt sul quadr elettric generale eliminand tensine, successivamente si interviene esclusivamente cn gli estintri che sn adeguati a tali fuchi. In tali perazini si prduce un elevata quantità di fum e plvere, pertant ccrre agire ad una distanza di circa 2 metri dal quadr, psizinandsi lateralmente ad ess. Per quant riguarda le apparecchiature elettriche ccrre agire cn massima cautela mantenendsi a distanza. In particlare ccrre prre attenzine ai mnitr dei videterminali che, in casi particlari pssn espldere. È sempre pprtun cercare di islare tali incendi eliminand eventuali materiali cmbustibili vicini attravers i quali l'incendi ptrebbe trvare prpagazine ed assumere dimensini mlt più periclse. Temend l esplsine dei mnitr è pprtun agire cn una cperta antifiamma un indument in md da evitare danni per priezine di schegge. Nn usare mai l acqua su qualsiasi apparecchiatura elettrica. INCENDIO NELLE CENTRALI TERMICHE L insrgere di un incendi in questa zna è ritenut pssibile nnstante tutti i prvvedimenti di natura preventiva adttati, in cnfrmità della vigente nrmativa in materia. L incendi è caratterizzat da un abbndante svilupp di calre. Le mdalità di intervent prevedn di agire prima di tutt sugli interruttri di emergenza sganci energia elettrica, successivamente ccrre prcedere all intercettazine del fluss del cmbustibile attravers le leva che cmanda la valvla di chiusura rapida. Sl in seguit a tali perazini è pssibile intervenire e a quest punt ccrre munirsi di estintri e prcedere

8 Pag 8 di 19 all azine di spegniment in cnfrmità delle istruzini impartite durante i crsi di frmazine, prcedend cn cautela e facend mlta attenzine ai densi fumi che ptrebber generare pericl per le vie respiratrie a cause delle elevate temperature e della tssicità per effett di incmbusti. INCENDIO NEI LOCALI SCOLASTICI La pssibilità che scppi un incendi nelle varie aree sclastiche è piuttst imprbabile ma se quest event dvesse accadere è imprtate agire cn mlta attenzine. Al verificarsi di un principi di incendi la squadra di emergenza deve attenersi alle seguenti nrme cmprtamentali: prvvedere all evacuazine delle persne presenti nell area interessata nelle aree adiacenti, interrmpere l ergazine di energia elettrica tramite il quadr elettric generale di area. chiudere tutte le prte a prtezine delle aree vicine, prteggere le vie respiratrie cn un fazzlett preferibilmente bagnat, lcalizzare il fclare mantenendsi il più lntan pssibile, prcedere all estinzine cn l utilizz di estintri idranti se l incendi nn è trpp estes, SE IL FUOCO, NON E DOMATO IMMEDIATAMENTE avvertire immediatamente i Vigili del Fuc cmpnend il numer 115.

9 Pag 9 di 19 PROCEDURA DI CHIAMATA DEI SOCCORSI ESTERNI Particlare attenzine deve essere dedicata alle prcedure tendenti a richiedere l aiut dei sccrsi esterni, in particlare tenend cnt dell imprtanza di cmunicare il più dettagliatamente pssibile ciò che è accadut. Chiunque si trvi a dver avvisare i sccrsi esterni per agevlarne l intervent deve frnire, in maniera chiara e cncisa, le seguenti indicazini: natura ed estensine dell emergenza indirizz cmplet della scula repart ve si è verificata l emergenza percrs da seguire per accedere al repart presenza di fnti di rischi aggiuntive (strutture crllate periclanti, presenza di materiali apparecchiature periclsi, ecc.) MESSAGGIO VIGILI DEL FUOCO I Vigili del Fuc vengn raggiunti cmpnend il numer 115, unificat su tutt il territri nazinale. A seguit di tale cmpsizine effettuata dall addett alla chiamata di sccrs rispnderà la centrale perativa di zna. La richiesta dvrà essere iniziata dichiarand: Qui è la scula sita in via a, abbiam necessità di un Vstr intervent a causa di verificatsi nell area. Si teme per l inclumità di n. persne. Vi aspetterem press l ingress dell edifici sclastic. L peratre che inltra la richiesta deve inltre rispndere il più chiaramente pssibile a tutte le richieste che verrann effettuate da parte dell addett alla centrale perativa dei VVFF cmpres il numer telefnic di reperibilità per gni eventuale evenienza ed il nminativ di chi ha effettuat la chiamata. MESSAGGIO PRONTO SOCCORSO Il Centr Operativ di Emergenza Sanitaria viene attivat chiamand il 118 (rispnde la sala perativa Reginale). La richiesta dvrà essere iniziata dichiarand: Qui è la scula sita in via a, abbiam necessità di un Vstr intervent a causa di verificatsi nell area. Si teme per l inclumità di n. persne. Vi aspetterem press l ingress dell edifici sclastic. L peratre che inltra la richiesta deve inltre rispndere il più chiaramente pssibile a tutte le richieste che verrann effettuate da parte dell addett alla centrale perativa sanitaria cmpres il numer telefnic di reperibilità per gni eventuale evenienza ed il nminativ di chi ha effettuat la chiamata. Successivamente secnd gli accrdi stabiliti, l addett che ha effettuat la chiamata al 115 e/ al 118 si prterà sul lug di riunine per ricevere i Vigili del Fuc e l Unità Operativa Mbile di Rianimazine e cmunicare quant necessari ltre al pian di emergenza. Si precisa che all arriv dei Vigili del Fuc e degli addetti dell Unità Operativa Sanitaria, tutt il persnale rispnderà alle direttive da essi impartite, svlgend attività di supprt e nn più decisinale. NON INTERROMPERE MAI LA COMUNICAZIONE finchè dall altr cap della linea nn è stat ripetut l indirizz esatt del lug dell incidente.

10 Pag 10 di 19 ISTRUZIONE OPERATIVA PER L EVACUAZIONE DI OSPITI DELLA SCUOLA (VISITATORI, PERSONALE DI DITTE ESTERNE, ecc...) Gli spiti e gli addetti di aziende esterne devn, in generale, seguire il pian di evacuazine per i lavratri. Alle aziende terze viene frnit un estratt del presente Pian d Emergenza. Gli spiti vengn guidati nell evacuazine dal Crdinatre delle Emergenze e dalla Squadra d emergenza. Nel cas sian presenti imprese esterne, al prim segnale di allarme il persnale che sta perand all'intern della scula deve interrmpere immediatamente lavri, e dp aver mess in cndizini di sicurezza le attrezzature in us e allntanarsi rapidamente prtandsi in lug sicur. Se si sviluppa un incendi nella zna dve vi trvate, e nn riuscite a spegnerl Raggiungete rapidamente il punt in cui si trva un segnalatre d allarme e segnalate l incendi. Raggiungete l uscita di emergenza più vicina seguend i cartelli indicatri Evitate di gridare e crrere, e mantenete la calma. Se udite il segnale di allarme Se l uscita è praticabile Raggiungete l uscita di emergenza più vicina seguend i cartelli indicatri Tralasciate il recuper di ggetti persnali e nn rientrate per recuperare cse dimenticate. Evitate di gridare e crrere, e mantenete la calma. Nn percrrete mai le vie di esd in sens ppst a quell stabilit. Raggiungete cn sllecitudine il Punt di Racclta più vicin ed attendete. NON ABBANDONATE la scula senza prima aver avvertit un Respnsabile Operativ presente. Verrà effettuat un cntrll presenze per accertare eventuali assenti. Se l uscita nn è praticabile, dvesse esserci trpp fum Se vi trvate negli uffici: Sigillate la prta rendendla impermeabile al fum cn indumenti umidi altr materiale. Segnalate la Vstra presenza dalla finestra. Se vi trvate nelle altre aree: Seguite la via di esd più vicina per evacuare dall Uscita di Sicurezza ppsta. Evitate di gridare e crrere, e mantenete la calma. Raggiungete cn sllecitudine il Punt di Racclta più vicin ed attendete. NON ABBANDONATE la scula senza prima aver avvertit un Respnsabile Operativ presente. Verrà effettuat un cntrll presenze per accertare eventuali assenti. IN TUTTO L EDIFICIO SCOLASTICO: E VIETATO FUMARE E VIETATO USARE STUFE ELETTRICHE O A GAS, FORNELLI E SCALDAVIVANDE PRECAUZIONI GENERALI IN CASO DI INCENDIO In cas di incendi e pprtun ricrdare che: E' pericls nell'abbandnare un lcale interessat da un incendi, lasciare la prta aperta, piché si facilita la prpagazine dell'incendi ad altri lcali L'apertura di una prta che immette in un lcale in cui vi è un incendi, può prvcare un repentin affluss di aria, cn cnseguente alimentazine delle fiamme (ed in alcuni casi anche un'esplsine) L'apertura di prte che accedn in un lcale interessat da un incendi, deve essere effettuata nn di clp, ma lentamente e sl di pc, per cntrllare l'effettiva entità dell'incendi, ed evitare di essere investiti da un prbabile ritrn di fiamma di gas surriscaldati. Assicurarsi di essere prtetti cmpletamente da indumenti, quale prtezine dal calre, e pssibilmente bagnarsi cn acqua per abbassare la temperatura. Se gli abiti dvesser prendere fuc, prevedend che l infrtunat sarà pres dal panic, si dvrà impedirgli

11 Pag 11 di 19 di crrere, e si dvrà cprirl cn indumenti per permettere di sffcare le fiamme Se si resta intrapplati da un incendi, si deve mantenere la massima calma, segnaland la prpria presenza ai sccrritri, chiudend tutte le prte alle spalle, per rallentare la prpagazine dell'incendi nel lcale ve si è rifugiati Se qualcun è in preda al panic, si deve cercare di tranquillizzarl per evitare la trasmissine ad altri In presenza di fum, cprire le vie respiratrie cn panni umidi, per staclare il passaggi di sstanze ncive nei plmni In presenza di calre, stendersi al sul, ve l'aria è più fresca Accertarsi del disinseriment dell'energia elettrica, cn eccezine di quella idnea all'illuminazine di emergenza Quand ci si trva in edifici a più piani, psizinarsi vicin a clnne prtanti, per evitare di gravare il pes su strutture sggette a crlli per la perdita della resistenza derivata dall'effett del calre sulle strutture Chiudere le vie di access d'aria, che alimenterebber l'incendi, ma nn le aperture atte all smaltiment dei fumi. In tutti i casi ve manchi la sicurezza sulle prcedure da usare, si cnsiglia di nn agire in md irrazinale (ciò prvcherebbe pericl a persne dann a cse), ma avvertire tempestivamente chi è preparat ad affrntare tali situazini di emergenza. EMERGENZE DIVERSE DALL INCENDIO Si riprtan di seguit alcune PROCEDURE GENERALI da attuare a secnda delle diverse situazini di Emergenza (diverse dall incendi), quali: Emergenze Interne ESPLOSIONE GUASTO ELETTRICO INFORTUNIO O MALORE Emergenze Esterne TERREMOTO ALLUVIONE IMPROVVISA NUBE TOSSICA EMERGENZE INTERNE IN CASO DI ESPLOSIONE Le prbabilità di esplsine all intern della scula è mlt remta, nell iptesi che cmunque questa dvesse manifestarsi bisgna tenere presente che quest è un incidente cn evluzine a rapid svilupp che nn lascia temp necessari ad perare una limitazine dei danni a persne e/ a cse, il tip di intervent da adttare è essenzialmente legat alla prbabile prpagazine di un incendi ed alla presenza di infrtunati. La prcedura di intervent è data dalla cmunine tra quelle per Incendi, Evacuazine e Prnt Sccrs. IN CASO DI GUASTO ELETTRICO Cme intervenire: Se le lampade di emergenza si sn reglarmente accese. Invitare le persne presenti a rimanere nella psizine in cui si trvan Attendere qualche minut, pi fare evacuare rdinatamente i visitatri ed i presenti seguend le vie di fuga predefinite. Se le lampade di emergenza nn si sn accese Invitare le persne presenti a rimanere nella psizine in cui si trvan Prcurarsi trce elettriche (se necessaire) e fare evacuare rdinatamente i visitatri ed il persnale illuminand le vie di Fuga predefinite IN CASO DI INFORTUNIO O MALORE Cme intervenire Cnvcare immediatamente sul lug dell'infrtuni/malre gli addetti al prim sccrs Astenersi da qualsiasi intervent sull'infrtunat fin all'arriv dell'addett al prim sccrs

12 Pag 12 di 19 Evitare affllamenti nei pressi dell'infrtunat Chiamare telefnicamente il sccrs medic estern cmpnend il n. 118 EMERGENZE ESTERNE TERREMOTO Essend quest un incidente cn evluzine a rapid svilupp che nn lascia temp necessari ad perare una limitazine dei danni a persne e/ a cse, il tip di intervent da adttare è essenzialmente legat alla pssibile prpagazine di un incendi ed alla presenza di infrtunati. La prcedura di intervent è data dalla cmunine tra quelle per Incendi, Evacuazine e Prnt Sccrs. Cme intervenire: Evitare di precipitarsi disrdinatamente all'estern dei lcali di lavr! Sspendere le attività pnend in sicurezza tutte le persne presenti invitandle a prsi stt i banchi, press gli stipiti delle prte press muri pilastri prtanti. Chiudere il rubinett generale del cmbustibile Disinserire l'interruttre generale dell'energia elettrica e/ i quadri elettrici di area. Chiudere il rubinett generale dell'acqua Dp la prima scssa far evacuare rdinatamente le persne presenti, seguend le vie di fuga segnalate, e raccglierli in un dei Punti di Racclta estern, all apert lntan da edifici e linee elettriche aeree Verificare che all'intern del lcale nn sian rimaste blccate persne; in cas cntrari avvertire immediatamente i vigili del fuc al n. 115 Verificare che nn vi sian persne ferite; in cas cntrari avvertire immediatamente il 118 Prima di riprendere le attività ispezinare cn cautela i lcali, verificand l'assenza di lesini strutturali, di fughe di gas, di principi di incendi, di visibili danni ai quadri e linee di distribuzine elettrica, di carichi instabili; in cas negativ fare effettuare da persnale cmpetente gli interventi di ripristin chiedend l'aiut, ve necessari, dei vigili del fuc, dell'unita' sanitaria lcale, dell'ente elettrica, dell'ente del gas e dell'ente dell'acqua. ALLUVIONE IMPROVVISA Cme intervenire: Evitare di uscire all estern dei lcali e di utilizzare autmezzi, se gli spazi esterni sn già invasi da acque tumultuse! Sspendere le attività pnend in sicurezza le persne e le attrezzature Disinserire l'interruttre generale dell'energia elettrica Predisprre sacchetti di sabbia ed altri materiali di cnteniment in crrispndenza delle prte Ove pssibile, allntanare rdinatamente le persne presenti spstandle dai piani bassi ai piani superiri Disinserire eventuali apparecchiatura che ptrebber subire danni Trasferire dcumentazini imprtanti in parti spraelevate Tgliere energia dalle prese elettriche psizinate a paviment Verificare che all'intern dei lcali nn sian rimaste blccate persne: avvertire immediatamente i vigili del fuc in cas cntrari Rimanere in attesa di istruzini degli rgani cmpetenti Al termine dell alluvine: Ispezinare cn cautela i lcali, verificand l'assenza di lesini strutturali, di sversamenti di liquidi periclsi, di visibili danni alle attrezzature, quadri e linee di distribuzine elettrica, di carichi instabili: in cas negativ fare intervenire gli rgani cmpetenti cn persnale qualificat (VV.FF., ente elettrica, etc.) Drenare l'acqua dal paviment Verificare che il paviment sia asciutt e nn scivls Dichiarare la fine dell'emergenza Riprendere le nrmali attività lavrative NUBE TOSSICA Cme intervenire: Chiudere immediatamente prte e finestre Disattivare i sistemi di cndizinament dell'aria e di ventilazine Mantenere le persne presenti all'intern dei lcali di lavr Rimanere in attesa di istruzini degli rgani cmpetenti

13 Pag 13 di 19 OPERAZIONI DI SALVATAGGIO - ASSISTENZA ALLE PERSONE DISABILI Vi sn casi tipici di salvataggi in cui si può intervenire, sl se pprtunamente preparati. Per esempi: si può intervenire su una persna sttpsta a cntatt elettric sl se si è sicuri di aver tlt tensine se si è specialisti, cn idnei mezzi di prtezine persnale; si pssn recuperare persne in presenza di atmsfera tssica d in carenza di ssigen sl se si è allenati all'us di autprtettri ad aria cmpressa (attenzine alle maschere antigas, cn filtri che prteggn sl cntr le sstanze per cui è previst il filtr e nn sn asslutamente idnee in carenza di ssigen); si pssn recuperare persne in zne cnfinate cn presenza di fum, che impedisca la visibilità sl cn l'us dell'autprtettre, imbracatura persnale di recuper e cn l'assistenza di persnale espert; si pssn aiutare persne cinvlte in crlli stt pericl di annegament sl se facilmente raggiungibili cn attrezzature di sccrs. Fatte salve, anche per le persne cn una qualsiasi disabilità, le istruzini spra descritte per situazini di pericl vari, ccrre individuare ulteriri accrgimenti, specifici ed adeguati, per la gestine delle emergenze di persne diversamente abili. Bisgna innanzitutt esaminare tutta la casistica di tali situazini e valutare il tip di difficltà delle persne da sccrrere. E da cnsiderare disabile nn sl una persna cn ridtta capacità mtria, ma anche cn visibilità e/ udit menmat limitat, disabili cgnitivi, dnne in stat interessante e persne cn disabilità tempranee cme ad esempi arti fratturati. Sarà cura della persna che si trva in cndizini transitrie di disabilità avvertire gli addetti antincendi per segnalare la prpria situazine. In base a quest si stabilisce una linea di cmprtament, delle semplici prcedure sul md crrett di intervenire per evitare gli errri più cmuni. Innanzi tutt è necessari cnscere le persne da aiutare, cnscerne il numer e l abituale psizine nell edifici, cmprenderne i bisgni, il tip e grad di disabilità per sapere cme pianificare le prcedure di evacuazine: Se si tratta di una persna su sedia a rtelle sarà necessari un addett che sia in grad di trasprtare la persna, se invece si tratta di un nn udente sarà sufficiente un addett in grad di guidarla. Ogni addett ptrà ffrire l assistenza necessaria individuand nel diversamente abile gni pssibilità di cllabrazine limitatamente alla prpria cndizine fisica intellettiva. Per miglirare la cnscenza dei parametri spra descritti è stata predispsta la Scheda n 4 allegata al presente dcument, da cmpilare ed aggirnare gni qualvlta sia necessari. Occrre pi nminare (a cura del datre di lavr) gli addetti, fisicamente idnei e istruiti nella pratica, per il trasprt la guida delle persne diversamente abili, e nminare inltre gli addetti per l allerta dell imminente pericl delle persne cn visibilità udit menmat limitat per scngiurare la pssibilità che nn abbian percepit il segnale di allarme. E pprtun cnscere, prima di una eventuale emergenza, i lughi, le vie di fuga, le barriere architettniche presenti nell edifici, la lunghezza dei percrsi, la larghezza dei passaggi, Particlare attenzine ccrre prestare per le disabilità intellettive. Una persna cn ridtta capacità d interazine e apprendiment ptrebbe nn essere in grad di ffrire cllabrazine nelle perazini di evacuazine, ptrebbe nn essere in grad di percepire il pericl e ptrebbe avere difficltà di rientament. Ptrebbe inltre manifestarsi nel sggett un atteggiament stile ed aggressiv. In tali circstanze è bene essere pazienti e calmi, ricrdand che l inclumità fisica è priritaria, anche a discapit di una eventuale azine cercitiva per l allntanament dal pericl, quand questa risulta l unica sluzine. In cas di emergenza: 1. Mantenere la calma ed assumere un atteggiament il più pssibile rassicurante. 2. Attendere che rdinatamente gli ccupanti della stanza si sian indirizzati vers l uscita. 3. Accmpagnare trasprtare la persna all estern dell edifici. Nel cas in cui quest nn sia pssibile, raggiungere un lug idne in attesa dei sccrsi, pssibilmente un lug sicur ppure un lcale distante dal fclai di incendi dalla fnte di pericl, dtat di finestra. Impartire sempre rdini brevi, chiari e cn tn decis, avend cura di facilitare la lettura labiale in cas di deficit uditivi e di manifestare la prpria presenza indicand anche la psizine in cas di deficit visivi. 4. Segnalare l avvenuta evacuazine del diversamente abile l impssibilità di effettuarla.

14 Pag 14 di 19 MANSIOGRAMMA DELL EMERGENZA: ISTRUZIONI SPECIFICHE ISTRUZIONI PER IL COORDINATORE DELL EMERGENZA (DIRIGENTE SCOLASTICO O SUO REFERENTE DI PLESSO) Il dirigente sclastic ha la respnsabilità di tutti gli ccupanti l edifici, deve fare in md che tutti sian a cnscenza del pian e sappian csa fare in cas di pericl. E la persna che per prima deve essere avvisata del pericl e che deve dare l rdine di evacuazine dell edifici. Tale cmpit può anche essere delegat ad un altra persna. Fin a quand nn arrivan i sccrsi è l unic respnsabile di tutti gli eventi che accadn all intern della scula; nell attesa, ha il dvere di dare istruzini in merit alle perazini da cmpiere e di verificare se l evacuazine venga eseguita crrettamente. Una vlta evacuata la scula, quand tutt il persnale e gli allievi si trvan al punt di racclta, è su cmpit mantenere i rapprti cn le frze di emergenza intervenute e cn il persnale sclastic. Quand il Crdinatre viene avvertit della situazine critica creatasi, si recherà sul lug dell'incidente e giudicherà l'pprtunità di dichiarare l'emergenza. Se il Crdinatre riterrà pprtun dichiarare l'emergenza, dvrà segnalare agli addetti della Squadra di Emergenza di iniziare la prcedura di evacuazine e di interrmpere le frniture energetiche nell intera zna interessata dall event. Inltre, il crdinatre delle emergenze deve acquisire e mantenere una prfnda cnscenza di tutte le prcedure e istruzini relative alla prevenzine incendi. E respnsabile delle misure di prevenzine incendi, pertant ha il dvere di verificare che le visite preventive di cntrll peridic degli impianti antincendi e delle misure antincendi avvengan reglarmente e che le prcedure di sicurezza vengan rispettate. ALLA SEGNALAZIONE DI UN EMERGENZA ATTIVARE GLI ADDETTI DEL CASO E RECARSI SUL POSTO DELL EVENTO VALUTARE LA SITUAZIONE DI EMERGENZA E LA NECESSITÀ DI EVACUARE L EDIFICIO SE NECESSARIO DARE IL SEGNALE DI EVACUAZIONE GENERALE E ORDINARE AGLI AUSILIARI DI AGIRE SECONDO LE PROCEDURE CODIFICATE SE NECESSARIO RECARSI SUL PUNTO DI RACCOLTA E CONTROLLARE CHE TUTTE LE PERSONE ABBIANO EVACUATO L EDIFICIO (EVENTUALMENTE MEDIANTE LA RACCOLTA DEGLI APPOSITI MODULI), QUINDI ATTENDERE I SOCCORSI SOVRINTENDERE A TUTTE LE OPERAZIONI DELLA SQUADRA DI EMERGENZA IN CASO DI FERITI O MANCANTI ALL APPELLO, RACCOGLIERE TUTTE LE INFORMAZIONI NECESSARIE E COMUNICARLE ALLE SQUADRE DI SOCCORSO ESTERNE ALL ARRIVO DEI SOCCORSI ESTERNI, CEDERE IL COORDINAMENTO E RESTARE A DISPOSIZIONE AL TERMINE DELLA SITUAZIONE DI PERICOLO, SEGNALARE LA FINE DELL EMERGENZA

15 Pag 15 di 19 ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI ALLE COMUNICAZIONI DI EMERGENZA (PERSONALE AMMINISTRATIVO O ALTRO INCARICATO) Il persnale amministrativ (se presente) l incaricat specific deve avere a prtata di man un elenc cn i numeri telefnici da chiamare in cas di emergenza valutand di vlta in vlta quali sian necessari. Inltre deve esistere all intern della scula almen un apparecchi telefnic che pssa funzinare anche in cas di mancanza di energia elettrica. SU RICHIESTA DEL COORDINATORE DELL EMERGENZA EFFETTUARE LA CHIAMATA DEI SOCCORSI ESTERNI UTILIZZANDO IL TELEFONO DI EMERGENZA PIU VICINO O UN TELEFONO CELLULARE EFFETTUARE LA TELEFONATA DANDO LE SEGUENTI INFORMAZIONI: NOME E INDIRIZZO DELLA SCUOLA E NUMERO DI TELEFONO MOTIVO DELLA RICHIESTA LOCALI OGGETTO DELL EVENTO STATO DI AVANZAMENTO DELL EVENTO INDICAZIONI SUL PERCORSO FORNIRE ULTERIORI INFORMAZIONI SU RICHIESTA DELL ENTE DI SOCCORSO ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI AL SERVIZIO PRONTO SOCCORSO Gli addetti al Prim Sccrs si ccuperann dei feriti fin all eventuale arriv dell ambulanza e darann ai sccrritri tutte le infrmazini necessarie sulla dinamica dell incidente e le cndizini dell infrtunat. SU RICHIESTA DEL COORDINATORE DELL EMERGENZA E COMUNQUE IN CASO DI NECESSITA RECARSI PRESSO L INFORTUNATO EFFETTUARE GLI INTERVENTI DI PRONTO SOCCORSO SECONDO LA FORMAZIONE RICEVUTA ALL OCCORRENZA CHIEDERE I PRESIDI SANITARI DELLE CASSETTE DI PRONTO SOCCORSO SE NECESSARIO CHIEDERE LA COLLABORAZIONE DEI COLLEGHI PRESENTI SE L AZIONE DI PRONTO SOCCORSO RISULTA INEFFICACE RICHIEDERE I SOCCORSI ESTERNI ASSISTERE L INFORTUNATO FINO ALL ARRIVO DEI SOCCORSI ESTERNI

16 Pag 16 di 19 ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI AL SERVIZIO PREVENZIONE INCENDI E LOTTA ANTINCENDIO Gli addetti alla Ltta Antincendi si ccuperann di arginare i principi d incendi nell attesa, ve necessari, dei Vigili del Fuc. Essi dvrann tentare di circscrivere quant più pssibile l incendi, allntanand il materiale infiammabile che ptrebbe essere raggiunt dal fuc; attaccare l eventuale principi di incendi, tramite le attrezzature antincendi presenti, ma sltant se l perazine può essere fatta senza rischi per la sicurezza prpria e altrui (se ci sn dubbi, evacuare la zna); utilizzare le attrezzature antincendi dispnibili, in maniera crretta ed efficace; verificare, prima di utilizzare acqua, che sia stat disattivat dall addett prepst l interruttre generale della crrente elettrica. SU RICHESTA DEL COORDINATORE DELL EMERGENZA E COMUNQUE IN CASO DI NECESSITA RECARSI SUL POSTO DELL EVENTO: IN CASO DI SEGNALAZIONE DI ALLARME DA PARTE DELL IMPIANTO INTERNO RELATIVO A ZONE A RISCHIO PARTICOLARE QUALI BIBLIOTECHE, ARCHIVI, DEPOSITI: RECARSI, POSSIBILMENTE IN COPPIA, SUL LUOGO DELLA SEGNALAZIONE DELL ALLARME IN CASO DI ALLARME REALE UN ADDETTO PROVVEDERA ALLA LOTTA ANTINCENDIO MENTRE IL SECONDO COMUNICHERA LA SITUAZIONE DI ALLARME AL COORDINATORE DELL EMERGENZA IN CASO DI FALSO ALLARME VERRANNO ATTIVATE LE PROCEDURE DI RESET DELL IMPIANTO DI ALLARME E COMUNICAZIONE DI CESSATO PERICOLO AL COORDINATORE DELL EMERGENZA IN CASO D INCENDIO LOCALIZZATO: PRELEVARE L ESTINTORE PIU VICINO INTERVENIRE SULLE FIAMME SE NECESSARIO RICHIEDERE L INTERVENTO DI ALTRI ADDETTI FORMATI COLLABORARE CON GLI ALTRI ADDETTI ALLA LOTTA ANTINCENDIO RIMUOVERE EVENTUALI MATERIALI COMBUSTIBILI E/O INFIAMMABILI PER CIRCOSCRIVERE L INCENDIO ALLONTANARE EVENTUALI PERSONE PRESENTI SEGNALARE AL COORDINATORE DELL EMERGENZA LO STATO DELL EVENTO IN CASO D INCENDIO DIFFUSO: INFORMARE IL COORDINATORE DELL EMERGENZA SULLO STATO DELL EVENTO ATTENDERE LA CONFERMA DEL SEZIONAMENTO ELETTRICO PER L UTILIZZO DEGLI IDRANTI ATTACCARE L INCENDIO SENZA COMPROMETTERE LA PROPRIA INCOLUMITA SEGUIRE LE ISTRUZIONI DEL COORDINATORE DELL EMERGENZA E DEI SOCCORSI ESTERNI

17 Pag 17 di 19 ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI AL SERVIZIO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA (PERSONALE AUSILIARIO) Gli ausiliari sn le persne che cnscn megli l edifici sclastic; devn quindi cllabrare cn i sccrsi per pterli accmpagnare nei lughi dve devn svlgere la lr funzine. Gli addetti all Evacuazine hann pertant il cmpit di garantire il crrett sfllament dei lcali da parte dei lavratri e degli eventuali visitatri. Ogni perazine deve essere eseguita senza esprsi al pericl, perciò i membri della Squadra di Emergenza dvrann vietare al persnale gni azine che pssa prtare ad un successiv infrtuni. ALL INSORGERE DI UN EMERGENZA: INDIVIDUARE LA FONTE DEL PERICOLO, VALUTARNE L ENTITÀ E SE NECESSARIO DARE IL SEGNALE DI PRE-ALLARME AVVERTIRE IL COORDINATORE DELL'EMERGENZA E ATTENERSI ALLE DISPOSIZIONI IMPARTITE SE IMPARTITO DAL COORDINATORE DELL EMERGENZA, DIFFONDERE IL SEGNALE DI ALLARME VERIFICARE LA PERCORRIBILITA DEI PERCORSI D ESODO FAVORIRE IL DEFLUSSO ORDINATO DAI LOCALI VIETARE L'USO DEGLI ASCENSORI CONTROLLARE CHE TUTTI I LOCALI DEL PIANO SIANO STATI SFOLLATI (BAGNI, ARCHIVI ) VERIFICARE CHE LE VIE DI TRANSITO ESTERNE ALL AREA SCOLASTICA SIANO LIBERE DA MEZZI IN SOSTA RECARSI PRESSO GLI INGRESSI PRINCIPALI VIETANDO A CHIUNQUE DI ENTRARE NELL EDIFICIO ALL ARRIVO DEI SOCCORRITORI SEGNALARE EVENTUALI PERSONE IN DIFFICOLTA O LOCALI NON ACCESSIBILI E RESTARE A DISPOSIZIONE PER EVENTUALE COLLABORAZIONE AL TERMINE DELL EVACUAZIONE DIRIGERSI SUL PUNTO DI RACCOLTA E RESTARE A DISPOSIZIONE DEL COORDINATORE DELL EMERGENZA SEGNALANDO EVENTUALI PERSONE IN DIFFICOLTA O LOCALI NON ACCESSIBILI ISTRUZIONI PER L ADDETTO ALLE FORNITURE ENERGETICHE In cas di emergenza il Respnsabile delle frniture energetiche (sl se si tratta di un principi di incendi e sltant se le perazini ptrann essere fatte senza alcun rischi per la sicurezza prpria e altrui - se ci sn dubbi, evacuare la zna), seguend le istruzini del Crdinatre delle emergenze, dvrà fare in md di staccare tutti gli interruttri generali della crrente elettrica che alimentan la zna interessata (e le zne limitrfe, per sicurezza), ma sl dp aver chiamat e blccat l ascensre eventualmente presente; chiudere accuratamente la valvla generale del gas eventualmente presente. Inltre, al temine dell emergenza dvrà verificare cn il Crdinatre l'integrità delle strutture e degli impianti ed eventualmente riattivare la funzinalità degli impianti al termine dell'emergenza. SEZIONARE L IMPIANTO ELETTRICO AGENDO SULL INTERRUTTORE GENERALE O SUI PULSANTI DI SGANCIO CON VETRO A ROMPERE RECARSI IN PROSSIMITA DELL INGRESSO E SEZIONARE L ADDUZIONE GENERALE DEL GAS METANO AGENDO SULL APPOSITA VALVOLA D INTERCETTAZIONE

18 Pag 18 di 19 ISTRUZIONI PER GLI INSEGNANTI Gli insegnanti hann la respnsabilità degli studenti della classe in cui stann svlgend una lezine, nel mment in cui si verifica una situazine di emergenza. All inizi di gni ann sclastic è dvere dell insegnante far cnscere il pian di evacuazine agli studenti, eventualmente su incaric del Cnsigli di classe. INFORMARE GLI ALUNNI SUL COMPORTAMENTO DA ADOTTARE IN CASO DI EVACUAZIONE DEL PLESSO. AVER CURA DI VERIFICARE CHE GLI ALUNNI APRIFILA E SERRAFILA ESEGUANO CORRETTAMENTE I PROPRI COMPITI: IN CASO DI EMERGENZA O ALL ASCOLTO DEL SEGNALE DI ALLARME: MANTENERE LA CALMA INTERROMPERE QUALSIASI ATTIVITA ALLA SEGNALAZIONE DELL ALLARME O IN CASO D INCENDIO: DISPORRE GLI STUDENTI ORDINATAMENTE GUIDARE LA CLASSE SENZA CORRERE VERSO L USCITA DI SICUREZZA PREVISTA ASSISTENDO E TRANQUILLIZZANDO GLI STUDENTI UNA VOLTA RAGGIUNTO IL PUNTO DI RACCOLTA PREVISTO (CORTILE) CERCARE DI MANTENERE GLI STUDENTI IN GRUPPO VERIFICARE POSSIBILMENTE CON IL REGISTRO DI CLASSE CHE TUTTI GLI STUDENTI SIANO USCITI DALL EDIFICIO IN CASO DI TERREMOTO: AVVERTITA LA SCOSSA SISMICA CERCARE DI PROTEGGERE IMMEDIATAMENTE GLI STUDENTI SOTTO I BANCHI, CATTEDRE O IN PROSSIMITA DI ARCHITRAVI DEI MURI PORTANTI ALLONTANARE GLI STUDENTI DA OGGETTI CHE POTREBBERO CADERE (FINESTRE, ARMADI, VETRI, ECC.) AL TERMINE DELLA SCOSSA GUIDARE GLI STUDENTI SENZA CORRERE VERSO L USCITA DI SICUREZZA PREVISTA ASSISTENDOLI E TRANQUILLIZZANDOLI A TITOLO GENERICO: PROVVEDERE ALLA CHIUSURA DELLE PORTE DELL AULA CONTROLLARE CHE NESSUNO, NEL DEFLUSSO, SI STACCHI DALLA FILA I DOCENTI DI SOSTEGNO CURERANNO LE OPERAZIONI DI SFOLLAMENTO DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI.

19 Pag 19 di 19 ISTRUZIONI PER GLI ALLIEVI Devn seguire alcune regle di cmprtament ed bbedire alle indicazine che vengn lr impartite dall insegnante. ALL ASCOLTO DEL SEGNALE DI ALLARME E COMUNQUE SU INDICAZIONE DELL INSEGNANTE: MANTENERE LA CALMA SEGUIRE LE ISTRUZIONI DELL INSEGNANTE E LE PROCEDURE STABILITE ALL ORDINE DI EVACUAZIONE DELL EDIFICIO: GLI APRI-FILA INCARICATI DEVONO SEGUIRE IL RESPONSABILE NELLA VIA DI FUGA STABILITA, GUIDANDO I COMPAGNI AL PUNTO DI RACCOLTA. I CHIUDI-FILA HANNO IL COMPITO DI VERIFICARE DA ULTIMI LA COMPLETA ASSENZA DI COMPAGNI NELLA CLASSE EVACUATA E DI CHIUDERE LA PORTA. GLI STUDENTI INCARICATI DOVRANNO SUPPORTARE EVENTUALI DISABILI UNA VOLTA RAGGIUNTO IL PUNTO DI RACCOLTA NON DISPERDERSI E RESTARE IN GRUPPO A DISPOSIZIONE DELL INSEGNANTE IN MODO DA FACILITARE LE OPERAZIONI DI RICOGNIZIONE

I SERVIZI DI CUI AVETE BISOGNO OVUNQUE VOI SIATE

I SERVIZI DI CUI AVETE BISOGNO OVUNQUE VOI SIATE I SERVIZI DI CUI AVETE BISOGNO OVUNQUE VOI SIATE La direttiva Servizi mira a ffrire ai cnsumatri più scelta, più qualità e un access più facile ai servizi in tutt il territri dell UE PERCHÉ LE NUOVE NORME

Dettagli

Sconti e agevolazioni speciali in CONVENZIONE em.01 14

Sconti e agevolazioni speciali in CONVENZIONE em.01 14 Sigeim Energia srl Ftvltaic Veicli elettrici Batterie slari Scnti e agevlazini speciali in CONVENZIONE em.01 14 Negli ultimi 6 anni la Sigeim Energia si è dedicata alla prgettazine e installazine di impianti

Dettagli

Aggiornamento remoto della chiave hardware

Aggiornamento remoto della chiave hardware AMV S.r.l. Via San Lrenz, 106 34077 Rnchi dei Leginari (Grizia) Italy Ph. +39 0481.779.903 r.a. Fax +39 0481.777.125 E-mail: inf@amv.it www.amv.it Cap. Sc. 10.920,00 i.v. P.Iva: IT00382470318 C.F. e Iscriz.

Dettagli

Cos è il Master Essere HR Business Partner?

Cos è il Master Essere HR Business Partner? Cs è il Master Essere HR Business Partner? Un percrs che aiuta i prfessinisti HR ad andare ltre in termini di autrevlezza e fcalizzazine sul cliente e sui risultati. Quali biettivi permette di raggiungere?

Dettagli

MODELLO RI2 DOMANDA DI RILASCIO/RINNOVO AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN CORPO IDRICO SUPERFICIALE PER IMPIANTI A SCAMBIO TERMICO

MODELLO RI2 DOMANDA DI RILASCIO/RINNOVO AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN CORPO IDRICO SUPERFICIALE PER IMPIANTI A SCAMBIO TERMICO MODELLO RI2 DOMANDA DI RILASCIO/RINNOVO AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN CORPO IDRICO SUPERFICIALE PER IMPIANTI A SCAMBIO TERMICO Riepilg dcumentazine 1 2 Istanza di autrizzazine all scaric in crp idric

Dettagli

Abstract: una versione sintetica della tua relazione. Il lavoro di ricerca e progettazione svolto prima di cominciare gli esperimenti.

Abstract: una versione sintetica della tua relazione. Il lavoro di ricerca e progettazione svolto prima di cominciare gli esperimenti. COME SCRIVERE LA RELAZIONE DEL PROGETTO La tua relazine finale deve includere le seguenti sezini: Titl Abstract: una versine sintetica della tua relazine. Indice. Dmanda, variabili e iptesi. Il lavr di

Dettagli

Dati dai questionari. Report preliminare. Maggio 2015

Dati dai questionari. Report preliminare. Maggio 2015 Dati dai questinari Reprt preliminare Maggi 2015 Dati Scule Regine Abruzz 3,9% 16 Basilicata 0,5% 2 Calabria 2,4% 10 Campania 3,9% 16 Emilia Rmagna 4,6% 19 Friuli Venezia Giulia 3,4% 14 Lazi 4,1% 17 Liguria

Dettagli

Università degli Studi di Messina Anno Accademico 2014/2015. Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologie Quantitative

Università degli Studi di Messina Anno Accademico 2014/2015. Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologie Quantitative Università degli Studi di Messina Ann Accademic 2014/2015 Dipartiment di Scienze Ecnmiche, Aziendali, Ambientali e Metdlgie Quantitative I MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO IN ECONOMIA BANCARIA E FINANZIARIA

Dettagli

Progettare l ambiente di apprendimento. Valorizzare l esperienza e le conoscenze degli alunni

Progettare l ambiente di apprendimento. Valorizzare l esperienza e le conoscenze degli alunni Rendiam prduttive le riunini Per prgettare un mdell di scula: un apprcci culturale e filsfic un elabrazine pedaggica una prgettazine didattica frti cnscenze disciplinari L autnmia è: respnsabilità innvazine

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). MODULO PER PRIVATI

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). MODULO PER PRIVATI Md. 1 - Privati D.P.G.R n in data Eventi eccezinali del/dal..al (gg/mese/ann). MODULO PER PRIVATI Cn il presente mdul pssn essere segnalate anche vci di dann nn ricmprese nella LR 4/97 Da cnsegnare al

Dettagli

Università degli Studi di Lecce Facoltà di Ingegneria Informatica N.O. A.A. 2003/2004. Tesina Esame di Elettronica Analogica II

Università degli Studi di Lecce Facoltà di Ingegneria Informatica N.O. A.A. 2003/2004. Tesina Esame di Elettronica Analogica II Università degli Studi di Lecce Facltà di Ingegneria Infrmatica N.O. A.A. /4 esina Esame di Elettrnica Analgica II Studentessa: Laura Crchia Dcente: Dtt. Marc Panare INDICE Presentazine del prgett del

Dettagli

Dipartimento di Elettronica e Informazione

Dipartimento di Elettronica e Informazione Sommario 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 2. RIFERIMENTI... 3 3. DEFINIZIONI... 5 4. COMPITI E RESPONSABILITÀ... 5 5. DESCRIZIONE DELL IMMOBILE... 5 6. ORGANIZZAZIONE DEL PIANO DI EMERGENZA... 6 6.1

Dettagli

LA FATTURAZIONE ELETTRONICA VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LA FATTURAZIONE ELETTRONICA VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DATALOG ITALIA SRL LA FATTURAZIONE ELETTRONICA VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE La Finanziaria 2008 ha stabilit che la fatturazine nei cnfrnti delle amministrazini dell stat debba avvenire esclusivamente

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

Manuale Amministratore. Edizione Ottobre 2008

Manuale Amministratore. Edizione Ottobre 2008 Manuale Amministratre Edizine Ottbre 2008 Manuale Amministratre PaschiInTesreria - Ottbre 2008 INDICE 1. Intrduzine 3 2. Access Amministratre 4 3. Funzini Amministrative 6 3.1. Gestine Azienda 6 3.2. Gestine

Dettagli

Allegato all'articolo Taglialeggi

Allegato all'articolo Taglialeggi Allegat all'articl Taglialeggi Tip att Titl dispsizi ni da abrgare 1 R.D. 773 18/06/1931 Apprvazine del test unic delle leggi di Le persne che hann l'bblig di prvvedere all'istruzine art. 12, elementare

Dettagli

Nota tecnica riferita alla nota M.I.U.R. prot. n. 8409 del 30 luglio 2010

Nota tecnica riferita alla nota M.I.U.R. prot. n. 8409 del 30 luglio 2010 Nta tecnica riferita alla nta M.I.U.R. prt. n. 8409 del 30 lugli 2010 Oggett: Istruzini amministrativ-cntabili per le istituzini ggett di dimensinament. Le Istituzini sclastiche, per quant attiene all

Dettagli

Silk Enterprise Content Management Collaboration, content, people, innovation.

Silk Enterprise Content Management Collaboration, content, people, innovation. Cllabratin, cntent, peple, innvatin. The Need fr an Enterprise Cntent Management System In un mercat knwledge riented, estremamente cmpetitiv e dinamic, le Imprese di success sn quelle che gestiscn in

Dettagli

Soci. Posteggio barche/canoa. Categoria Socio Tassa base Uso barche Uso natante Uso tutto. Socio attivo 150 350 550 800

Soci. Posteggio barche/canoa. Categoria Socio Tassa base Uso barche Uso natante Uso tutto. Socio attivo 150 350 550 800 TARIFFARIO 2015 Valid dal 01.02.2015 Sci Categria Sci Tassa base Us barche Us natante Us tutt Psteggi barche/cana Sci attiv 150 350 550 800 Sci attiv famiglia 160 400 600 800 Sci attiv Junir 50 *1) 100

Dettagli

REGOLAMENTO del CONCORSO A PREMI denominato Scopri l'azerbaijan e vinci un biglietto per Expo2015.

REGOLAMENTO del CONCORSO A PREMI denominato Scopri l'azerbaijan e vinci un biglietto per Expo2015. REGOLAMENTO del CONCORSO A PREMI denminat Scpri l'azerbaijan e vinci un bigliett per Exp2015. 1. SOCIETA PROMOTRICE Simmetric SRL Via V. Frcella 13, 20144 Milan P.IVA 05682780969 (di seguit la Prmtrice

Dettagli

1. Microsoft Power Point: costruire una presentazione

1. Microsoft Power Point: costruire una presentazione Dtt. Pal Mnella Labratri di Infrmatica Specialistica per Lettere Mderne 2 semestre, A.A. 2009-2010 Dispensa n. 3: Presentazini Indice Dispensa n. 3: Presentazini...1 1. Micrsft Pwer Pint: cstruire una

Dettagli

Scheda di sintesi Armenia

Scheda di sintesi Armenia VI. Prgramma prmzinale 2006: ARMENIA SCHEDA DI SINTESI ATTIVITA ne altri 1. EVENTI DI PROMOZIONE TURISTICA 1.1 Manifestazini fieristiche diffusine di ntizie tramite e-mail e Sit Internet dell Ambasciata

Dettagli

EMERGENZA MEDITERRANEO E MIGRAZIONI: COME PUÒ RISPONDERE L EUROPA?

EMERGENZA MEDITERRANEO E MIGRAZIONI: COME PUÒ RISPONDERE L EUROPA? Analysis N. 284, Aprile 2015 EMERGENZA MEDITERRANEO E MIGRAZIONI: COME PUÒ RISPONDERE L EUROPA? Stefan M. Trelli La tragedia avvenuta nel Canale di Sicilia, cn circa 700 persne che si teme abbian pers

Dettagli

SOAP qwerty Manuale Utente. Ver.1.0.20101105. Contenuti

SOAP qwerty Manuale Utente. Ver.1.0.20101105. Contenuti Ver.1.0.20101105 Cntenuti SOAP QWERTY 1. Per la Vstra Sicurezza... 4 2. Prfil del telefn... 7 3. Prim utilizz... 9 Installare la SIM Card... 9 Installare la Memry card... 11 Installare la Batteria... 12

Dettagli

Chi è il soggetto che procede ad erogare il servizio di scambio sul posto? Quali sono i vantaggi di aderire al regime di scambio sul posto?

Chi è il soggetto che procede ad erogare il servizio di scambio sul posto? Quali sono i vantaggi di aderire al regime di scambio sul posto? Mdalità di access alla cnvenzine (13) Csa si intende per servizi di scambi sul pst? L scambi sul pst [Deliberazine ARG/elt 74/08, Allegat A Test integrat dell scambi sul pst (TISP)], è un meccanism che

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE N. 4091. D iniziativa dei deputati

PROPOSTA DI LEGGE N. 4091. D iniziativa dei deputati PROPOSTA DI LEGGE N. 4091 D iniziativa dei deputati SANTULLI, ARACU, BIANCHI CLERICI, CARLUCCI, GALVAGNO, GARAGNANI, LICASTRO SCARDINO, ORSINI, PACINI, PALMIERI, RANIERI Statut dei diritti degli insegnanti

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA UFFICIO CENTRALE DEL BILANCIO E DEGLI AFFARI FINANZIARI

MINISTERO DELLA DIFESA UFFICIO CENTRALE DEL BILANCIO E DEGLI AFFARI FINANZIARI MINISTERO DELLA DIFESA UFFICIO CENTRALE DEL BILANCIO E DEGLI AFFARI FINANZIARI II REPARTO- COOPERAZIONE INTERNAZIONALE 2 Uffici- Trattamenti ecnmici del persnale all'ester All.8 Indirizz Pstale: Via XX

Dettagli

Carta dei Servizi CARTA DEI SERVIZI

Carta dei Servizi CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO RELATIVA AL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE INDICE 1. Elenc mduli richiamati... 4 2. Riferimenti... 4 3. Scp e generalità... 5 4. Camp di applicazine... 5 5. Standard specifici...

Dettagli

VERBALE DELLA COMMISSIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA E DISINFEZIONE DEI LOCALI CAMERALI CIG N. 1310739808

VERBALE DELLA COMMISSIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA E DISINFEZIONE DEI LOCALI CAMERALI CIG N. 1310739808 VERBALE DELLA COMMISSIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA E DISINFEZIONE DEI LOCALI CAMERALI CIG N. 1310739808 L ann duemilaundici il girn 11 del mese di Aprile alle re 10:00, press la sede della

Dettagli

PREMESSA PREMESSA PREMESSA PRE

PREMESSA PREMESSA PREMESSA PRE PREMESSA PREMESSA I Servizi via internet, cellulare e telefn le permettn di perare in md semplice e dirett cn la Banca, dvunque lei sia, a qualsiasi ra del girn, scegliend di vlta in vlta il canale che

Dettagli

Manuale d uso. Manuale d uso EPIC 10 codice articolo 5400321-03 Rev. H

Manuale d uso. Manuale d uso EPIC 10 codice articolo 5400321-03 Rev. H Manuale d us Manuale d us EPIC 10 cdice articl 5400321-03 Rev. H INDICE Indice... 1 Intrduzine... 4 1. Cnfezine... 5 1.1 Elenc dei cmpnenti del sistema... 5 1.2 Dati Tecnici... 5 2. Descrizine dell apparecchiatura...

Dettagli

I.I.S.S CM: CTIS00900X IN CASO

I.I.S.S CM: CTIS00900X IN CASO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIOREE V. I. CAPIZZI -BRONTE I.I.S.S "V. IGNAZIO CAPIZZI" BRONTE Liceo Classico - Liceo Artistico - Liceo Scientifico - I.P.S.I.A. CM: CTIS00900X OPUSCOLOO INFORMATIVO

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

Condizioni Generali sito SOSartigiani.it

Condizioni Generali sito SOSartigiani.it Cndizini Generali sit SOSartigiani.it 1. Premesse 1.1 Il presente accrd è stipulat in Italia tra il Dtt. Lrenz Caprini, via Garibaldi 2, Trezzan Rsa 20060 Milan, ideatre di SOSartigiani.it di seguit denminat

Dettagli

Guida alla Convenzione TELEFONIA MOBILE 5

Guida alla Convenzione TELEFONIA MOBILE 5 TELEFONIA MOBILE 5 Realizzat da azienda cn sistema di gestine per la qualità certificat ISO 9001:2008 Smmari 1. PREMESSA... 4 1.1 CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE SIM IN CONVENZIONE AI DIPENDENTI DELLE AMMINISTRAZIONI...

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA' DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI LAUREA IN. Formatore Multimediale

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA' DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI LAUREA IN. Formatore Multimediale UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA' DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI LAUREA IN Frmatre Multimediale METODOLOGIA METACOGNITIVA DEI SISTEMI INTEGRATI PER LA GESTIONE DELL APPRENDIMENTO E DELLA

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

Understanding VMware HA. Le meccaniche di ridondanza dei cluster VMware vsphere (v5.x)

Understanding VMware HA. Le meccaniche di ridondanza dei cluster VMware vsphere (v5.x) Understanding VMware HA Le meccaniche di ridndanza dei cluster VMware vsphere (v5.x) 1 «Chi sn?» Rcc Sicilia, IT Manager e Virtualizatin Architect. Attualmente sn respnsabile del team di Design di un System

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

Dopo 30 giugno. Totale. TASSA D ISCRIZIONE 30 giugno RICHIESTE E CONDIZIONI DI PRENOTAZIONE SPAZI. DOPO QUANTITÀ 30 GIUGNO x mq

Dopo 30 giugno. Totale. TASSA D ISCRIZIONE 30 giugno RICHIESTE E CONDIZIONI DI PRENOTAZIONE SPAZI. DOPO QUANTITÀ 30 GIUGNO x mq Rma, 29-30-31 ttbre 2003, EUR, Palazz dei Cngressi DOMANDA DI AMMISSIONE A BIBLIOCOM BIBLIOTEXPO 2003 cmpilare in gni sua parte Dati aziendali DATI DELL AZIENDA TITOLARE DELLO STAND DATI PER LA FATTURAZIONE

Dettagli

IL TESTO ARGOMENTATIVO

IL TESTO ARGOMENTATIVO IL TESTO ARGOMENTATIVO 1. LA STRUTTURA DI UN TESTO ARGOMENTATIVO La struttura base del test argmentativ può essere csì schematizzata: PROBLEMA TEMATICA CONFUTAZIONE DELLE SIN CONCLUSIONE Questa struttura,

Dettagli

MARTINA ZIPOLI. Curriculum Vitae Martina Zipoli INFORMAZIONI PERSONALI. Sesso Femmina Data di nascita 14/12/1986 Nazionalità Italiana

MARTINA ZIPOLI. Curriculum Vitae Martina Zipoli INFORMAZIONI PERSONALI. Sesso Femmina Data di nascita 14/12/1986 Nazionalità Italiana INFORMAZIONI PERSONALI MARTINA ZIPOLI Sess Femmina Data di nascita 14/12/1986 Nazinalità Italiana ESPERIENZA PROFESSIONALE Archelga press cantieri di scav prgrammat ed emergenza, cn ruli di respnsabile

Dettagli

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore.

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. L ASCENSORE Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. Cosa fare? Cosa non fare? Questo pieghevole è offerto dal vostro ascensorista

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO Breve descrizione del problema trattato

RELAZIONE PROGETTO Breve descrizione del problema trattato RELAZIONE PROGETTO Irene Maria Girnacci Fndamenti di prgrammazine I ann laurea triennale Breve descrizine del prblema trattat Il prblema assegnat cnsiste nell svilupp di una agenda elettrnica, cmpsta da

Dettagli

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione).

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). (Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 OGGETTO: Linee guida per

Dettagli

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza:

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza: Sicurezza all IUE In tema di sicurezza l Istituto, che gode dell autonomia prevista dalla Convenzione che lo istituisce e dall Accordo di Sede con l Italia, si ispira ai principi fondamentali della normativa

Dettagli

INFORMAZIONE DEGLI STUDENTI

INFORMAZIONE DEGLI STUDENTI Istituto Tecnico Commerciale Statale Antonio Pacinotti Via Benedetto Croce, 34 - Pisa tel:050-23520 fax:050-40848 www.itcpacinotti.pisa.it pitd01000g@istruzione.it INFORMAZIONE DEGLI STUDENTI OPUSCOLO

Dettagli

Alto Apprendistato 2011-2013

Alto Apprendistato 2011-2013 Alt Apprendistat 2011-2013 Dcente: 2010 - CEFRIEL The present riginal dcument was prduced by CEFRIEL fr the benefit and

Dettagli

1. CORRENTE CONTINUA

1. CORRENTE CONTINUA . ONT ONTNUA.. arica elettrica e crrente elettrica e e e e P N NP e e arica elementare carica dell elettrne,6 0-9 Massa dell elettrne m 9, 0 - Kg L atm è neutr. Le cariche che pssn essere spstate nei slidi

Dettagli

Annual General Meeting AGM 3-6 Aprile 2014

Annual General Meeting AGM 3-6 Aprile 2014 Annual General Meeting AGM 36 Aprile 2014 Erasmus Student Netwrk Annual General Meeting 2014 Milan Italia COS'E' ESN? Erasmus Student Netwrk (ESN) è una delle più grandi assciazini studentesche in Eurpa.

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO OBBLIGHI, CONTROLLI E PROCEDURE GIUGNO 2004 A cura del settore Qualità, Ambiente e Sicurezza sul lavoro Dott. Maurizio Santonocito 2 Indice Premessa Pag. 5 Parte

Dettagli

MINIGUIDA SULLA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA NELL'INDUSTRIA (ESCLUSO SETTORE EDILE)

MINIGUIDA SULLA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA NELL'INDUSTRIA (ESCLUSO SETTORE EDILE) MINIGUIDA SULLA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA NELL'INDUSTRIA (ESCLUSO SETTORE EDILE) "per la nzine di "industria" ai fini del trattament di cig ccrre fare riferiment alla legge 9 marz 1989 n. 88

Dettagli

PER IMPIEGHI SPECIALI FINO A 1000 VOLT PROGRAMMA. T Giraviti VDE. T Assortimenti VDE. T Pinze VDE. T Cricchetti VDE

PER IMPIEGHI SPECIALI FINO A 1000 VOLT PROGRAMMA. T Giraviti VDE. T Assortimenti VDE. T Pinze VDE. T Cricchetti VDE ER IMIEGHI SECIALI FINO A 1000 VOL ROGRAMMA Giraviti VDE inze VDE Cricchetti VDE Assrtimenti VDE 1 2 UENSILI GEDORE VDE utti gli utensili i sicurezza GEDORE mlgati VDE in plastica mrbia sn tati i islament

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

CONTENUTO INTRODUZIONE. Descrizione della piattaforma Servizio di ricezione di dati Servizio di trading Materiale di supporto.

CONTENUTO INTRODUZIONE. Descrizione della piattaforma Servizio di ricezione di dati Servizio di trading Materiale di supporto. CONTENUTO INTRODUZIONE Descrizine della piattafrma Servizi di ricezine di dati Servizi di trading Materiale di supprt INIZIARE A LAVORARE CON VISUAL CHART V Requisiti del sistema Cme ttenere i dati di

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

rigenerazione urbana volti a promuovere la riqualificazione Pulsano, viale dei Micenei n.70. PREMESSA

rigenerazione urbana volti a promuovere la riqualificazione Pulsano, viale dei Micenei n.70. PREMESSA RELAZIONE TECNICA OGGETTO: Prgett di un intervent sit in Pulsan, lc. La Fntana, viale dei Micenei n.70 inserit nei prgrammi integrati di rigenerazine urbana vlti a prmuvere la riqualificazine di città

Dettagli

GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI

GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI Ringraziamenti Diverse persne hann cntribuit a quest lavr. Tra queste ringrazi l Avv. Rsari Salnia, che nel nstr ambiente, è cnsiderat il miglir giuslavrista di Rma ed il su

Dettagli

La retta è il luogo geometrico dei punti che soddisfano la seguente relazione

La retta è il luogo geometrico dei punti che soddisfano la seguente relazione RETTE Definizine intuitiva La retta linea retta è un dei tre enti gemetrici fndamentali della gemetria euclidea. Viene definita da Euclide nei sui Elementi cme un cncett primitiv. Un fil di ctne di spag

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 Preambolo Il Ministro per i beni culturali e ambientali, di concerto con il Ministro dell'interno: Vista la legge 1º giugno 1939, n. 1089 (Gazzetta Ufficiale 8 agosto 1939,

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

PREVENZIONE DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEL PAZIENTE NEUROLOGICO ALLETTATO

PREVENZIONE DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEL PAZIENTE NEUROLOGICO ALLETTATO PREVENZIONE EL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEL PAZIENTE NEUROLOGIO ALLETTATO 1. Intrduzine ed biettivi 3 2 Sinssi delle raccmandazini 4 3. Ictus cerebri ischemic acut 10 3.1 Prfilassi meccanica 10 3.2 Prfilassi

Dettagli

Quadri fissi con interruttore automatico tipo NXPLUS C fino a 24 kv, isolati in gas

Quadri fissi con interruttore automatico tipo NXPLUS C fino a 24 kv, isolati in gas www.siemens.cm/medium-vltage-switchgear Quadri fissi cn interruttre autmatic tip NXPLUS C fin a kv, islati in gas Quadri di media tensine Catalg HA 5. 0 Answers fr infrastructure and cities. R-HA5-6.tif

Dettagli

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri:

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri: Introduzione Sono ormai sempre più frequenti i furti negli appartamenti, nelle case e negli uffici. Il senso di insicurezza della popolazione è comprensibile. Con questo opuscolo si vuole mostrare che

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

alluvioni e frane Si salvi chi può!

alluvioni e frane Si salvi chi può! alluvioni e frane Che cos è l alluvione? L alluvione è l allagamento, causato dalla fuoriuscita di un corso d acqua dai suoi argini naturali o artificiali, dopo abbondanti piogge, nevicate o grandinate,

Dettagli

SPINE PER GLI IMPIANTI ELETTRICI

SPINE PER GLI IMPIANTI ELETTRICI SPINE PER GLI IMPIANTI ELETTRICI Una spina elettrica è un cnnettre elettric che può essere inserit in una presa di crrente cmplementare. Per mtivi di sicurezza, il lat cstantemente stt tensine è sempre

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Non vuoi disegnare a mano libera? Preferisci usare il computer? Nessun problema! Puoi...

Non vuoi disegnare a mano libera? Preferisci usare il computer? Nessun problema! Puoi... Idee per nn far fatica Nn vui disegnare a man libera? Preferisci usare il cmputer? Nessun prblema! Pui... Utilizzare gli emticn In quest blg ci sn numersi emticn a tua dispsizine. Clicca semplicemente

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

I NUMERI DELL EMERGENZA attivi 24 ore su 24 4 CONOSCERE I SERVIZI D EMERGENZA 6 COMPORTAMENTI GENERALI IN CASO DI EMERGENZA 8

I NUMERI DELL EMERGENZA attivi 24 ore su 24 4 CONOSCERE I SERVIZI D EMERGENZA 6 COMPORTAMENTI GENERALI IN CASO DI EMERGENZA 8 I.P. Sommario I NUMERI DELL EMERGENZA attivi 24 ore su 24 4 CONOSCERE I SERVIZI D EMERGENZA 6 COMPORTAMENTI GENERALI IN CASO DI EMERGENZA 8 AFFRONTARE EMERGENZE SPECIFICHE 10 NOZIONI BASE DI PRONTO SOCCORSO

Dettagli

A chi si rivolge: a coloro che già svolgono o svolgeranno mansioni di amministratore di sistemi o ingegnere di sistemi in strutture medio-grandi

A chi si rivolge: a coloro che già svolgono o svolgeranno mansioni di amministratore di sistemi o ingegnere di sistemi in strutture medio-grandi Via Renat Cesarini, 58/60 00144 Rma Via Scrate 26-20128 - Milan P. IVA: 01508940663 CCIAA: 11380/00/AQ Cisc, Juniper and Micrsft authrized Trainers Esame 70 291: (Btcamp Crs MS-2276 e crs MS-2277 ) Crs

Dettagli

Requisiti per la firma di un'iniziativa dei cittadini europei

Requisiti per la firma di un'iniziativa dei cittadini europei Requisiti per la firma di un'iniziativa dei cittadini eurpei REQUISITI GENERALI Per pter sstenere un'iniziativa dei cittadini eurpei ccrre essere cittadini dell'ue (cittadini di un Stat membr) e aver raggiunt

Dettagli

Ing. Mauro Malizia - Criteri generali di sicurezza antincendio - testo coordinato - Comando Provinciale VVF di Ascoli Piceno

Ing. Mauro Malizia - Criteri generali di sicurezza antincendio - testo coordinato - Comando Provinciale VVF di Ascoli Piceno D.M. 10 marzo 1998 (1) Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell'emergenza nei luoghi di lavoro (S.O. n. 64 alla G.U. n. 81 del 7 aprile 1998) Il Ministro dell'interno e il Ministro

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 10 MANIPOLAZIONE DI ESPLODENTI

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 10 MANIPOLAZIONE DI ESPLODENTI Revisione 01 - Maggio 2013 A cura di: Servizio Prevenzione, Protezione, Ambiente e Sicurezza 1 MANIPOLAZIONE ESPLODENTI Premessa Rientrano in questa situazione di rischio tutte le attività che prevedono

Dettagli

TRASFORMAZIONI: DALL UVA AL VINO

TRASFORMAZIONI: DALL UVA AL VINO Scuola elementare istituto comprensivo Adro Classi seconde a.s. 2003 2004 TRASFRMAZINI: DALL UVA AL VIN BIETTIV: sservare, porre domande, fare ipotesi e verificarle. Riconoscere e descrivere fenomeni del

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

La manovra manuale di ritorno al piano. Ing. Raffaele Sabatino 1

La manovra manuale di ritorno al piano. Ing. Raffaele Sabatino 1 La manovra manuale di ritorno al piano Ing. Raffaele Sabatino 1 La manovra manuale di ritorno al piano D.P.R. 30 aprile 1999, n. 162 (Regolamento recante norme per l'attuazione della direttiva 95/16/CE

Dettagli

Corso di formazione. Leonardo Lione

Corso di formazione. Leonardo Lione Corso di formazione PER ADDETTI ALLA PREVENZIONE INCENDI E GESTIONE DELLE EMERGENZE Leonardo Lione 1 2 ART. 18 d.lgs. 81/08 Obblighi del datore di lavoro e del dirigente designare preventivamente i lavoratori

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA 27/06/13 MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA Gruppo Interprofessionale Provincia di Cremona Seminario di aggiornamento ai sensi del D.M. 5 agosto 2011 27 giugno 2013

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI AGLI UFFICI INDIVIDUATI AL PUNTO 89 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 89) Aziende ed uffici nei

Dettagli

Vademecum per gli addetti al primo soccorso e alle emergenze nelle scuole dell infanzia, primarie e secondarie di primo grado

Vademecum per gli addetti al primo soccorso e alle emergenze nelle scuole dell infanzia, primarie e secondarie di primo grado Vademecum per gli addetti al primo soccorso e alle emergenze nelle scuole dell infanzia, primarie e secondarie di primo grado Edizione 2014 Pubblicazione realizzata da INAIL Sovrintendenza Sanitaria Centrale

Dettagli

3) MECCANISMI DI RILASSAMENTO

3) MECCANISMI DI RILASSAMENTO 3) MECCANSM D RLASSAMENTO nuclei eccitati tendn a cedere l'energia acquisita ed a ritrnare nella "psizine" di equilibri. meccanismi del rilassament sn mlt cmplessi (sprattutt nei slidi) e pssn essere classificati

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

anno scolastico/school YEAR 2015/2016

anno scolastico/school YEAR 2015/2016 MODULO D ISCRIZIONESERVIZIO TRASPORTO ALUNNI PER LE FAMIGLIE DELLA CANADIAN SCHOOL OF MILAN SCHOOL BUS APPLICATION FORM FOR THE STUDENTS OF CANADIAN SCHOOL OF MILAN ann sclastic/school YEAR 2015/2016 SCRIVERE

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari COMUNE DI SASSARI Provincia di Sassari Azienda ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE ROSELLO ALTO VIA MANZONI N. 1/A 07100 SASSARI TEL 079/244074 FAX 079/2590926 Email: ssic84900t@istruzione.it Datore di Lavoro Dott.

Dettagli

Oggetto dell appalto:

Oggetto dell appalto: ALLEGATO 5 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (art. 26 comma 3 D.Lgs. 81/08) Oggetto dell appalto: Servizio di vigilanza armata da effettuarsi con guardie giurate particolari fornite

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del fuoco SIENA "Noctu et Die Vigilantes" LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM

Dettagli

referente e-mail PEC referente identificatore titolo descrizione

referente e-mail PEC referente identificatore titolo descrizione referente e-mail PEC referente identificatre titl descrizi Avv. Pal Brgia - resp. cmu.mnterdibisacciacb@legalmail.it Settre Affari Gerali Avv. Pal Brgia - resp. cmu.mnterdibisacciacb@legalmail.it Settre

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli