MESSAGGIO MUNICIPALE N. 16/2014 Preventivi 2015 Comune e Azienda acqua potabile e moltiplicatore d imposta comunale 2015

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MESSAGGIO MUNICIPALE N. 16/2014 Preventivi 2015 Comune e Azienda acqua potabile e moltiplicatore d imposta comunale 2015"

Transcript

1 Casella postale Telefono web Fax CCP Nostro rif.: Numero: Vostro rif.: Comune Municipio Piazza 6512 S,AM,ba,sgb,as 885 di Giubiasco Grande 1 Giubiasco Preavviso: Gestione Al Consiglio comunale Giubiasco, 28 ottobre 2014 MESSAGGIO MUNICIPALE N. 16/2014 Preventivi 2015 Comune e Azienda acqua potabile e moltiplicatore d imposta comunale Considerazioni generali Come preannunciato nel messaggio municipale accompagnante il preventivo , da quest anno i conti preventivi devono giungere al Consiglio comunale entro il 31 ottobre 2 : la modifica della LOC è entrata in vigore il Evidentemente quest anticipo è stato imposto unicamente ai Comuni e non agli Enti (Cantone compreso) che elaborano i dati necessari per l allestimento dei preventivi. Da quest anno dobbiamo quindi sostituire qualche dato definitivo in più con stime che, per quanto attendibili possano essere, sono soggette al rischio di successive modifiche. Come si vedrà più avanti, con il preventivo 2015 proponiamo al Consiglio comunale un aumento del moltiplicatore d imposta comunale, ricalibrando quindi l obiettivo della stabilità del moltiplicatore d imposta mantenuto invariato dall anno 2011; proponiamo inoltre di procedere nuovamente al prelievo della tassa base sui rifiuti. L adeguamento del moltiplicatore d imposta determinerà anche un aumento del contributo di livellamento della potenzialità fiscale, a dipendenza di come evolverà il moltiplicatore comunale medio 3. Abbiamo invece deciso di mantenere invariata la tassa sul sacco dei rifiuti, come pure la tassa di refezione per l anno 2015: quest ultima tassa era stata ridotta del 25% dall inizio dell anno 2011, contemporaneamente alla riduzione del moltiplicatore d imposta per far partecipare direttamente al miglioramento delle finanze comunali anche le famiglie con figli in età scolastica e con redditi medio-bassi. Contando sulla tenuta del gettito fiscale (ove è preminente l apporto delle persone fisiche) come pure sul cospicuo capitale proprio accumulato gli anni scorsi, stimiamo che questi aumenti alle entrate basteranno per pareggiare il conto di gestione corrente a medio termine 4 e quindi a sostenere l aumento delle spese legate in primo luogo al mantenimento del livello qualitativo dei servizi comunali, nonostante il cospicuo contributo annuo che i Comuni devono versare al Cantone per assicurare il funzionamento dei servizi cantonali. 1 Messaggio municipale n. 20/2013 del 5 novembre 2013: preventivi 2014 Comune e Azienda acqua potabile e moltiplicatore d imposta cantonale 2014 (pag. 3). 2 LOC, Art. 33 cpv. 1: I messaggi all Assemblea comunale, motivati per iscritto, devono essere trasmessi alle commissioni e depositati in Cancelleria per consultazione almeno trenta giorni prima della seduta. Il messaggio sul preventivo va trasmesso e depositato entro il 31 ottobre dell anno precedente a quello cui si riferisce 3 FU n. 71/2014, del 5 settembre 2014, pag Regolamento 30 giugno 1987 sulla gestione finanziaria e sulla contabilità dei Comuni, art. 2.

2 2 Educazione: sezioni in aumento Tra i servizi da potenziare ricordiamo quello dell Educazione: oltre all aumento di una classe di stipendio concesso dal Consiglio di Stato ai docenti comunali a metà dicembre 2013, si è resa necessaria l istituzione di una sezione in più di scuola elementare già con l anno scolastico 2014/2015. Nella primavera 2015 sottoporremo inoltre al Consiglio comunale una proposta di ampliamento della scuola dell infanzia, ancora allo studio, vista la necessità di aumentare anche queste sezioni, come pure di adeguare la capacità di accoglienza della refezione scolastica per le scuole elementari. Quest ampliamento dev essere realizzato a corto termine; abbiamo già stimato il costo nel piano degli investimenti, che ha il suo riscontro sulla gestione corrente nel conto che espone gli ammortamenti dei beni amministrativi. L aumento dei costi nel settore dell educazione avrebbe potuto essere ancora maggiore se fosse stata accettata in votazione popolare il 28 settembre 2014 l iniziativa popolare cantonale Aiutiamo le scuole per il futuro dei nostri ragazzi che chiedeva in particolare più mense, classi meno affollate, una migliore organizzazione e un maggiore sostegno alle scuole comunali. Così non è stato: l adeguamento quantitativo e qualitativo del servizio erogato dai Comuni passerà quindi per altri provvedimenti in parte già adottati, più compatibili con le disponibilità finanziarie dei Comuni e anche del Cantone. Sempre nel campo dell educazione segnaliamo che dal 1 gennaio 2015 la Direzione scolastica di Giubiasco assumerà a tutti gli effetti anche la direzione delle scuole comunali di Pianezzo. Questa estensione dell attività è una conseguenza della modifica di alcune norme della legislazione scolastica decisa dal Gran Consiglio il 20 giugno 2013 ed entrata in vigore il 1 luglio : ogni istituto scolastico si dovrà dotare di una direzione entro il 31 agosto Su richiesta del Municipio di Pianezzo e sentita la Direzione delle scuole comunali, nel maggio del 2014 abbiamo presentato la nostra offerta, che è stata accettata. Al termine dell anno scolastico 2014/2015 i due Municipi, con la Direzione delle scuole comunali, effettueranno una valutazione dell esperienza adottando, se del caso, i correttivi necessari. Le prestazioni erogate saranno indennizzate dal Municipio di Pianezzo; il Direttore compenserà il tempo di lavoro dedicato all Istituto scolastico di Pianezzo delegando alla segretaria lo svolgimento di mansioni amministrative di routine. Per questo motivo il tempo di lavoro della segretaria è stato aumentato del 10% a far conto dal 1 gennaio Sicurezza: maggiori responsabilità Tra i servizi per i quali è previsto un miglioramento a livello comunale figura anche la Sicurezza. Come indicato nel già citato messaggio municipale accompagnante i preventivi 2014 (pag. 7), due aspiranti agenti già assunti dal Municipio stanno frequentando la Scuola cantonale di polizia. Dalla primavera 2015 il Posto di Polizia della Regione IV con sede a Giubiasco disporrà quindi di due ulteriori agenti, in aggiunta ai due entrati in servizio il 1 luglio 2014 (al termine della Scuola cantonale di polizia) per compensare altrettanti pensionamenti. Lo scorso mese di ottobre il Municipio ha inoltre risolto di pubblicare il bando di concorso per l assunzione altri due agenti già formati, che dovranno entrare in servizio all inizio del 2015: uno in sostituzione di un partente, l altro a potenziamento del Posto della Regione IV, Bellinzonese sud. Le nuove assunzioni sono una conseguenza dell abbandono del posto misto di Polizia Cantone/Comune, sostituito dalla Legge sulla collaborazione tra la Polizia cantonale e le Polizie comunali entrata in vigore il 1 settembre 2012 (LCPol) e del suo Regolamento (RCPol), che hanno affidato nuovi compiti alle Polizie comunali, tutte in cerca di nuovi agenti. Tra i nuovi oneri figura pure la necessità di adempimento sull arco dell intera giornata (24 ore) dei compiti di base, elencati nella tabella allegata alla LCPol 6. Come indicato nel messaggio municipale accompagnante i consuntivi , Giubiasco dovrà soddisfare questa condizione entro la conclusione del processo aggregativo e indipendentemente dall esito dello stesso. Con la Città sono quindi già iniziati i lavori, volti in primo luogo a definire come sarà organizzata la sicurezza nell ipotesi aggregativa, che comprenderà un massimo di diciassette Comuni, partendo dai servizi attualmente elargiti dai Posti della Regione V (Bellinzonese nord, Comune-polo Bellinzona) e della Regione IV (Bellinzonese sud, Comune-polo Giubiasco). Nemmeno sono tuttavia da escludere, a priori, scenari di accorpamento dei due Posti anche qualora vi fosse un responso negativo al voto consultivo sull aggregazione, per il che, fatta salva qualsiasi decisione di meriti futura, questo aspetto andrà comunque affrontato. 5 BU 45/2013 del 13 agosto, pag Regolamento 27 giugno 2012 della Legge sulla collaborazione fra la Polizia cantonale e le Polizie comunali, art. 2, cpv Messaggio municipale n. 02/2014 dell 11 marzo 2014: conti Comune e Azienda acqua potabile esercizio 2013, pag. 8..

3 3 Socialità: casi di protezione in aumento Segnaliamo infine la necessità di potenziamento anche nel Sociale e segnatamente nell ambito dell Autorità regionale di protezione n. 15, con sede a Giubiasco. Entro la fine dell anno 2014, sentito l avviso favorevole del Municipio di Bellinzona e non appena saranno disponibili i locali e il mobilio nella nuova sede nel Palazzo comunale in Piazza Grande 1, il segretariato dell ARP 15 (attualmente insediato in parte a Bellinzona e in parte a Giubiasco presso i Servizi sociali) verrà riunito a Giubiasco. La nuova logistica avrà inizialmente carattere sperimentale, ciò che consentirà in particolare di valutare se il trasloco del segretariato ARP dalla capitale pone qualche difficoltà di ordine pratico all utenza. Contemporaneamente al trasferimento nella nuova sede, il Municipio di Giubiasco, considerando le esigenze dell ARP 15 ha deciso di pubblicare il concorso per l assunzione di un collaboratore amministrativo a tempo pieno: l aumento dei casi di competenza dell ARP 15, come pure le nuove procedure introdotte dal diritto federale e cantonale e le maggiori formalità richieste dalla Camera di protezione del Tribunale di appello, hanno di fatto comportato un notevole aumento del carico lavorativo al segretariato di questa Autorità regionale di protezione. Il concorso pubblicato servirà quindi ad aumentare del 50% l effettivo di personale al segretariato ARP15, mentre il restante 50% compenserà il dimezzamento dell attività ARP dell attuale collaboratore di Giubiasco, che per il restante 50% resterà ai servizi sociali del Comune di Giubiasco. Nel corso dell anno 2015 sarà presumibilmente necessario procedere alla pubblicazione di un nuovo concorso per l assunzione di personale: una collaboratrice dell attuale segretariato di Bellinzona raggiungerà l età del pensionamento e toccherà al Comune-sede sostituirla. In questi preventivi si manifestano quindi appieno le conseguenze finanziarie della riorganizzazione delle autorità di tutela e curatela accettata in votazione popolare il 3 marzo Oltre all aumento del grado di occupazione del presidente, che dev essere almeno dell 80% 8, si manifesta un po dappertutto la necessità di rafforzare anche l apparato amministrativo delle ARP. L unico elemento che presumibilmente non muterà sarà la partecipazione del Cantone alle spese di funzionamento di queste Autorità, determinata annualmente dal Consiglio di Stato a posteriori. Segnaliamo inoltre di transenna le crescenti difficoltà incontrate nel reperire tutori e curatori volontari ai quali affidare i casi di protezione. Non è escluso che nei prossimi anni l ARP dovrà dotarsi di uno o più tutori ufficiali; la Città ne ha già assunti due da qualche anno. Ricordiamo che i costi per i locali, i mobili e le attrezzature dell ARP15 sono a carico di Giubiasco: le altre spese vengono invece ripartire tra i 16 Comuni del comprensorio in proporzione al numero di abitanti 9. Sostegno finanziario ai servizi cantonali Sempre alle uscite citiamo il contributo che i Comuni saranno tenuti a versare anche nell anno 2015 per assicurare l erogazione dei servizi cantonali: che poi, in segno di apprezzamento, aumentano anche le tasse dei servizi che prestano ai Comuni medesimi. L importo prelevato dal Cantone ai Comuni ammonta complessivamente, come l anno scorso, a 25 milioni di franchi: si tratta di una somma ragguardevole, che i Comuni non avranno più a disposizione per migliorare la qualità dei loro servizi. Oltre al prelievo sopra indicato, il Consiglio di Stato propone anche di ridurre il contributo forfetario versato ai Comuni per sezione di Scuola elementare e di Scuola dell infanzia. A compenso di quest ulteriore prelievo, il Consiglio di Stato pensa di migliorare il gettito fiscale dei Comuni (oltre al suo) grazie a un potenziamento degli effettivi della Divisione delle contribuzioni, come pure ad un ritocco delle prestazioni assistenziali e ad una riduzione delle provvigioni di riscossione dell imposta alla fonte. Questi esercizi, più contabili che politici, confermano l esigenza di fare maggiore chiarezza sui principi che regolano la ripartizione dei compiti e degli oneri tra Cantone e Comuni: esigenza più volte manifestata, finora senza un riscontro concreto. Rifiuti: un sacco di proposte Come indicato più sopra, all aumento dei ricavi concorrerà anche la reintroduzione della tassa base sui rifiuti. Il ricavo di questa tassa è sempre stato incluso nei preventivi del Comune, alla voce contabile , visto che la decisione sulla rinuncia al prelievo è 8 Legge 8 marzo 1999 sull organizzazione e la procedura in materia di protezione del minore e dell adulto, art. 9 cpv. 1 9 Legge 8 marzo 1999 sull organizzazione e la procedura in materia di protezione del minore e dell adulto, art.17.

4 4 presa di anno in anno in autunno dal Municipio sulla base delle prime proiezioni sul consuntivo dell anno medesimo. A seguito della modifica del Regolamento comunale del 2 dicembre 1996 per i servizi di raccolta e di eliminazione dei rifiuti, votata dal Consiglio comunale il 13 dicembre , la tassa base non è più stata prelevata dall anno La rinuncia al prelievo della tassa figura ogni anno nei consuntivi ed è segnalata nel messaggio che li accompagna, sotto la medesima voce contabile poc anzi indicata. Il Consiglio comunale, su proposta del Municipio, ha preso questa decisione per far beneficiare direttamente cittadine e cittadini dei risparmi ottenuti con l introduzione della tassa sul sacco a far conto dal 1 marzo 1997, alla quale ha fatto seguito una drastica diminuzione dei quantitativi di rifiuti solidi urbani consegnati all allora Consorzio incenerimento rifiuti di Riazzino e quindi anche dei costi a carico del Comune. Nel corso di questi ultimi quindici anni tanto i costi quanto i quantitativi della raccolta di rifiuti sono costantemente aumentati: la solida situazione finanziaria del Comune, che negli ultimi anni ha visto aumentare considerevolmente il capitale proprio accumulato, non ha finora giustificato la reintroduzione della tassa base. Questa situazione è destinata a modificarsi già dall anno 2014, per i motivi che indicheremo nei consuntivi di quest anno, come pure nel 2015 e negli anni successivi, ciò che ha motivato il Municipio a considerare la reintroduzione della tassa base dall anno Non saranno invece modificate le tasse sul sacco dei rifiuti, introdotte nell anno 1997 e da allora mai modificate: il Municipio attende di conoscere le decisioni del Gran Consiglio che ha già fatto sapere di voler consultare i Comuni sulla proposta d introduzione di un sistema di tasse causali sullo smaltimento dei rifiuti a livello cantonale 11. Voluminosi investimenti Il preventivo 2015 è accompagnato anche dall aggiornamento del piano finanziario 2015/2018 e del piano delle opere 2013/2020: documenti che - pur se non devono essere formalmente approvati dal Legislativo comunale - forniscono utili indicazioni: ci riferiamo al piano finanziario, in particolare, quanto concerne l evoluzione a medio termine delle finanze comunali. L evoluzione indica che nei prossimi anni non si può escludere la necessità dover ulteriormente modificare il moltiplicatore comunale d imposta. E` ancora troppo presto per dirlo con esattezza: molto dipenderà anche da fattori esterni al Comune quali l evoluzione congiunturale, l evoluzione finanziaria degli altri Comuni ticinesi, il risanamento delle finanze cantonali e altro ancora. Il 2015 sarà anche l anno del rinnovo dei poteri cantonali e federali: sarà quindi presumibilmente negli anni successivi che verranno, se del caso, prese dalla Confederazione ma soprattutto dal Cantone le decisioni di portata politica fondamentale anche per i Comuni. Va pure segnalato anche che a medio termine si prevede un volume non indifferente d investimenti comunali, sulla falsariga di quanto previsto per l anno in corso, con un onere per gli ammortamenti simile a quello degli altri anni. Nel 2015 è previsto l avvio di opere importanti e attese, quali la sistemazione della parte alta di Piazza Grande, la sistemazione del riale Vallascia nel tratto che scorre sul sedime della Scuola media, la ristrutturazione del Palazzo comunale e la sistemazione del centro rifiuti in via al Ticino. Fra questi progetti figura anche la realizzazione della Chiè d`lena a Dalpe, che avevamo anticipato nel messaggio municipale già citato accompagnante i preventivi 2014 (pag. 9); le tappe successive vengono illustrate nel messaggio separato, sottoposto al Consiglio comunale contemporaneamente a questi preventivi. Per l Azienda acqua potabile il 2015 sarà un anno decisivo: dopo aver sprecato anni in un contenzioso risoltosi con la decisione 11 settembre 2014 del Tribunale federale che ha confermato la correttezza della decisione 28 giugno 2012 del Gran Consiglio (rilascio ai Municipi di Giubiasco, Pianezzo e Sant Antonio della concessione, per la durata di 40 anni, per l utilizzazione delle acque di diversi gruppi sorgivi in Valle Morobbia; variante di PR a Sant Antonio per la modifica dei piani del paesaggio, dei servizi tecnologici, del traffico e delle zone per le attrezzature ed edifici di interesse pubblico; variante di PR a Giubiasco per la definizione della zona d interesse pubblico Serbatoio Madonna degli Angeli; dissodamenti) e dopo lo stralcio del 25 settembre 2014 dei ricorsi al Consiglio di Stato contro la licenza edilizia del 5 giugno 2014 rilasciata dai Municipi di Pianezzo, Sant Antonio e Giubiasco per la 10 Messaggio municipale n. 20/1999 Servizio raccolta rifiuti urbani: rinuncia temporanea al prelievo della tassa base. 11 Messaggio del Consiglio di Stato n. 6958, del 2 luglio 2014: Rapporto del Consiglio di Stato sull iniziativa parlamentare 19 ottobre 2009 presentata nella forma elaborata da Manuele Bertoli e cofirmatari (ripresa da Carlo Lepori) Per l introduzione della tassa sul sacco cantonale - Controprogetto vertente sulla modifica degli art. 18 e 28 e sull introduzione degli art. 18a, 18b e 18c LALPAmb.

5 5 realizzazione dell acquedotto intercomunale della Valle Morobbia, il progetto può passare alla fase operativa. L inizio dei lavori è previsto per l autunno Il FER Per completare le informazioni date nel messaggio municipale sui preventivi 2014 in merito all abolizione delle privative sulla fornitura di energia elettrica (pag. 9), segnaliamo ora le nuove entrate determinate sia dalla modifica della Legge cantonale di applicazione della Legge federale sull approvvigionamento elettrico (LA-LEI, decisa dal Gran Consiglio l 8 novembre , entrata in vigore il 1 gennaio 2014) sia dalla modifica della Legge cantonale sull energia (LEne, decisa dal Gran Consiglio il 19 dicembre ed entrata in vigore il 1 marzo 2014). La sostituzione vera e propria della privativa è data dalla tassa per l uso speciale delle strade cantonali e comunali, che porta al Comune di Giubiasco circa un terzo di quanto portava la privativa. Inoltre, fondandosi sul nuovo art. 8d della Legge cantonale sull energia, il Gran Consiglio ha contemporaneamente emanato anche il Decreto legislativo 19 dicembre 2013 concernente la definizione del prelievo sulla produzione e sui consumi di energia elettrica da destinare al finanziamento delle attività nell ambito dell efficienza energetica e del risparmio energetico, a decorrere dal 1 gennaio Il prelievo è stabilito in 1 cts/kwh: andrà ad alimentare il Fondo per le energie rinnovabili (FER) istituito con l accettazione popolare del 5 giugno 2011 del controprogetto all iniziativa popolare elaborata il 16 aprile 2010 Per un AET senza carbone. Il Regolamento del Fondo per le energie rinnovabili del 29 aprile definisce la destinazione e le condizioni di accesso a questi finanziamenti. Nel settembre 2014 il Dipartimento del territorio ha quindi comunicato la stima del contributo a beneficio di ogni singolo Comune, che per Giubiasco ammonta a ca. fr. 400'000.- Toccherà ora al Municipio definire i progetti da sostenere. 2. Le priorità del Rapporti Stato-Comuni Sul fronte dei rapporti tra Stato e Comuni quanto indicato sia nel messaggio sui preventivi 2014 che nel messaggio sui consuntivi 2013 può essere nuovamente sottoscritto. Infatti la Piattaforma di dialogo Cantone-Comuni, che dovrebbe fungere da sede abituale di contatto tra i due livelli istituzionali a volte viene ancora bypassata e i Comuni si ritrovano con dei travasi di compiti senza che queste proposte siano state concordate. Un passo avanti nella riforma dei rapporti tra Cantone e Comuni è però stata fatta. Il Gran Consiglio, con l adozione del preventivo 2013 approvava la Roadmap e in particolare invitava il Governo a valutare la necessità, l efficienza e l efficacia dei compiti svolti dallo Stato e del sistema perequativo e a procedere alla revisione dei compiti, dei relativi oneri e dei meccanismi della perequazione intercomunale. A tale scopo è stato istituito un gruppo di lavoro interdipartimentale che ha rassegnato un primo rapporto nel quale evidenzia la necessità di affrontare questi temi in un contesto più ampio. Ha poi continuato l approfondimento che ha portato, nel gennaio 2014, ad un secondo rapporto che pone le basi per l avvio di un approfondimento generalizzato e strutturato in cinque assi principali di intervento che sono: la politica delle aggregazioni, la riforma dei compiti, la riforma dei flussi, la riforma della perequazione e la riforma dell amministrazione cantonale e comunale. Questi rapporti sono serviti per il coinvolgimento della Piattaforma di dialogo Cantone-Comuni. I rappresentanti degli enti locali in piattaforma hanno accolto positivamente questo progetto ma hanno chiesto tempo fino alla fine del 2014 prima di esprimere un parere definitivo e vincolante riguardo alla partecipazione ai lavori e all assunzione dei relativi oneri. Si sono comunque detti favorevoli a che il progetto sia gestito e finanziato in modo paritetico. Questo tema viene ora approfondito da un nuovo gruppo di lavoro allargato, istituito dal Governo per approfondire le strategie in vista dell inizio dei lavori della Riforma. Questo gruppo di lavoro è paritetico: cinque rappresentanti del Cantone (un funzionario per ogni dipartimento) e cinque rappresentanti dei Comuni (ACT, ERS del Luganese, Mendrisiotto) ed ha iniziato il suo lavoro che dovrebbe concludersi entro dicembre Il Consiglio di Stato, per evitare ritardi, sta preparando un messaggio all indirizzo del Gran Consiglio per la richiesta di un credito quadro limitato al periodo 2015/2017. L esperienza fatta nell ambito dei precedenti tentativi di riforma suggerisce cautela ma l impostazione del lavoro basata su un coinvolgimento paritetico delle parti e su un progetto 12 BU n. 66/2013 del 27 dicembre 2013, pag BU n. 12/2012 del 28 febbraio 2014, pag BU n. 39/2014, dell'11 luglio 2014, pag. 401.

6 6 strutturato e dotato dei mezzi necessari (sia umani che finanziari) dovrebbe garantire maggiori possibilità di successo. 2.2 Lo sviluppo regionale Aggregazioni A due anni dalla sottoscrizione dell istanza d aggregazione, il progetto che vuole gettare le basi per permettere al Bellinzonese di affrontare le sfide del futuro, aumentarne la competitività e la forza finanziaria ed economica - sta per entrare nella sua fase finale, quella che porterà direttamente alla votazione consultiva. Ricordiamo che il progetto è stato strutturato in 4 moduli. La Carta dei valori del nuovo Comune (modulo 1) è stata elaborata nel workshop di clausura della Commissione di studio che si è svolto presso il Convento del Bigorio nel mese di giugno Il modello organizzativo (modulo 2) e gli obiettivi strategici (modulo 3) sono stati elaboratori da 10 gruppi di lavoro settoriali, attivi dall autunno 2013 alla primavera 2014, e poi sottoposti alla Commissione di studio, che ha preso atto delle risultanze e ne ha discusso in due workshop: 19 settembre 2014 presso l Agriturismo La Vigna di Cadenazzo e ottobre 2014 presso il Dazio Grande di Rodi Fiesso. Al termine di quest ultimo workshop la Commissione di studio ha condiviso nel principio i contenuti del Progetto di Aggregazione (modello organizzativo, obiettivi strategici, piano finanziario e piano delle opere) che confluiranno nel Rapporto finale. Il progetto verrà quindi ora affinato e, nei primi mesi del 2015, sarà in consultazione presso i Municipi dei 17 Comuni e presentato alla popolazione in occasione di una nuova tornata di incontri informativi. Nella primavera 2015 la Commissione di studio ratificherà il Rapporto definitivo e lo consegnerà al Consiglio di Stato. La votazione consultiva dovrebbe così svolgersi tra il mese di giugno e di ottobre del Si ricorda che formalmente la decisione per l aggregazione di Comuni compete al Gran Consiglio, il quale si esprimerà tenendo conto dell esito della votazione consultiva. Va inoltre segnalata la conclusione nel mese di maggio 2014 della prima procedura di consultazione sugli indirizzi e sugli scenari aggregativi del progetto di Piano Cantonale delle Aggregazioni (PCA). Per quanto riguarda il Bellinzonese, lo scenario proposto dal PCA corrisponde a quanto deciso dai 17 Comuni che hanno inoltrato l istanza d aggregazione al Consiglio di Stato, i quali peraltro, alla consultazione hanno inoltrato una risposta congiunta. La volontà dei Municipi è stata dunque debitamente tenuta in considerazione, tuttavia nella definizione di nuovi Comuni aggregati occorrerà evitare di creare ulteriori squilibri tra poli urbani (1 Comune con 100'000 abitanti e gli altri con la metà). D altro canto il PCA non sarà sufficiente se parallelamente non sarà attuata la revisione dei flussi e delle competenze tra Cantone e Comuni (con una chiara suddivisione dei compiti e delle responsabilità) e il Cantone non definirà fin da subito quali e quante risorse intende investire nella realizzazione del Piano e pertanto il supporto che vorrà dare al Progetto aggregativo del Bellinzonese, progetto che, come detto, rispecchia esattamente quanto indicato dal PCA e che si ritiene uno dei tasselli fondamentali per il raggiungimento dello stesso. Nel corso del 2015 vi sarà una seconda consultazione che avrà come oggetto gli aspetti attuativi. Dopodiché, a fine 2015, il messaggio concernente l approvazione del PCA sarà sottoposto al Gran Consiglio, come prevede la Legge sulle aggregazioni e separazioni dei Comuni. Potenziamento dei trasporti pubblici. Il prossimo mese di dicembre, in occasione del cambio orario, entreranno in vigore le misure di potenziamento dell offerta di trasporto pubblico urbano (Trasporto Pubblico del Bellinzonese TPB) nel quadro del Programma d Agglomerato del Bellinzonese (PAB). Il nuovo piano di trasporto pubblico è stato presentato nelle scorse settimane a Bellinzona dalla Commissione regionale dei Trasporti, dal Dipartimento del territorio e da AutoPostale Svizzera, in occasione della giornata della mobilità sostenibile. In quell occasione il nuovo schema di rete è stato riprodotto su un immenso tappeto posato su Piazza del Sole. La nuova offerta garantirà una maggiore frequenza di corse e un estensione nella fascia serale e durante i fine settimana. Per permettere questa estensione del servizio sono state create delle corsie preferenziali per i bus nel centro di Bellinzona e ricalibrati alcuni nodi semaforici in modo da garantire una maggiore fluidità del trasporto pubblico. I costi di questa nuova offerta sono descritti al centro di costo 710 Trasporti pubblici.

7 7 3. Il preventivo del COMUNE per il 2015 Nel 2015 il fabbisogno da coprire con le imposte è superiore rispetto all anno precedente, come si evince dalla tabella che segue. Si constata un aumento delle spese correnti pari a fr. 863'405.- (+3%) e una diminuzione dei ricavi correnti di fr. 393'200.- (-3.0%). Per gli ammortamenti il Municipio ha mantenuto gli stessi tassi percentuali applicati finora ma ha considerato, come si può vedere dall aggiornamento del piano finanziario, una percentuale di investimenti pagati del 50%, come già applicato con il preventivo 2014, rispetto agli investimenti netti previsti; questo porta ad un tasso d ammortamento medio del 12.0% circa. In termini assoluti gli investimenti restano elevati e al proposito rimandiamo al dettaglio del conto investimenti nel fascicolo allegato che informa in modo dettagliato sui progetti che il Comune sta realizzando, e su quelli previsti. Ricordiamo che il preventivo del conto investimenti ha valore programmatico e non deve essere votato dal Consiglio comunale (R sulla gestione finanziaria e contabilità dei comuni, art. 18). Rimandiamo inoltre all aggiornamento del Piano finanziario e delle opere allegato al preventivo 2015, per le considerazioni di più ampio respiro sull evoluzione degli oneri per investimenti. Tenuto conto delle tendenze in atto il moltiplicatore tecnico si attesta a 98.6 punti. Per la valutazione dell evoluzione di questo dato rimandiamo al documento allegato relativo al Piano Finanziario. Preventivo 2015 Preventivo 2014 Variazione Uscite correnti 27'107'340 25' % Ammortamenti amministrativi 2' ' % Addebiti interni % Totale spese correnti 30' ' % Entrate correnti (senza imposte) 12' ' % Accrediti interni % Totale ricavi correnti (senza imposte) 12'832'950 13' % Fabbisogno di imposta 17' ' % 3.1 Conto di gestione corrente Il Regolamento organico per i dipendenti del Comune approvato dal Consiglio comunale il 9 dicembre 2002 / 16 giugno 2003 chiede: che l importo complessivo degli aumenti delle retribuzioni sia a preventivo (art. 25); che l adeguamento degli stipendi al rincaro sia approvato dal Consiglio comunale (art. 27). L indice dei prezzi al consumo del mese di settembre 2014 si situa a punti ed è inferiore rispetto all indice di settembre 2008 (160.8 ultimo adeguamento degli stipendi al rincaro) per cui il Municipio ha così deciso di non calcolare alcun rincaro per l anno Gli agenti del Posto di polizia sono invece retribuiti e indennizzati come la Polizia cantonale (RO, art. 20), anche per loro, come previsto dal Cantone, non è stato calcolato rincaro. Per i docenti fa stato la Legge concernente l adeguamento degli stipendi e delle pensioni statali al rincaro, con il relativo decreto esecutivo: anche per questa categoria non è stato previsto rincaro. Richiamato l art. 27 RO, nell approvare i preventivi il Consiglio comunale avalla la proposta del Municipio di mantenere invariati gli stipendi 2015 rispetto a quelli del 2014, come calcolato nelle cifre dettagliate del preventivo. Il Municipio propone inoltre i seguenti crediti: a. Fr. 68'500.- ripartiti nei vari conti, anche se in modo non preciso, restano da prendere le decisioni individuali, destinati all aumento retributivo di cui al cpv. 1 dell art. 25 RO, per il personale amministrativo, gli operai del Comune, e dell AAP ancora in carriera (cioè assunto da non molti anni e ancora lontano dal punto d arrivo medio per attività comparabili), purché meritevole: il credito comprende pure i costi per gli scatti di anzianità e le promozioni nel corpo di polizia. b. Fr. 30'000.- aggiunti al credito degli stipendi e indennità del personale in Cancelleria, e destinati agli adeguamenti di cui al cpv. 2 dell art. 25 RO. Essi verranno se del caso ripartiti nei vari conti secondo l esito delle valutazioni individuali dei dipendenti, effettuate a fine anno.

con il presente messaggio ci pregiamo presentarvi, per esame ed approvazione, il preventivo 2010, che prospetta:

con il presente messaggio ci pregiamo presentarvi, per esame ed approvazione, il preventivo 2010, che prospetta: Iragna, dicembre 2009 M/M no. 8/2009 Messaggio municipale al Consiglio Comunale Preventivo Comune di Iragna - esercizio 2010 Signor Presidente, Signori Consiglieri, con il presente messaggio ci pregiamo

Dettagli

COMUNE DI MONTECENERI. Messaggio Municipale No. 115. Risoluzione municipale No. 690. 26 ottobre 2015

COMUNE DI MONTECENERI. Messaggio Municipale No. 115. Risoluzione municipale No. 690. 26 ottobre 2015 COMUNE DI MONTECENERI Messaggio Municipale No. 115 Risoluzione municipale No. 690 26 ottobre 2015 Approvazione dei conti preventivi 2016 del Comune di Monteceneri Egregio Signor Presidente, Gentili signore,

Dettagli

Iragna, settembre 2011 M/M no. 6/2011. vi sottoponiamo, per esame ed approvazione, l aggiornamento del Preventivo 2011 del comune.

Iragna, settembre 2011 M/M no. 6/2011. vi sottoponiamo, per esame ed approvazione, l aggiornamento del Preventivo 2011 del comune. Iragna, settembre 2011 M/M no. 6/2011 Messaggio Municipale al Consiglio comunale Aggiornamento Preventivo 2011 Signor Presidente, Signori Consiglieri, vi sottoponiamo, per esame ed approvazione, l aggiornamento

Dettagli

Approvazione dei conti preventivi 2011, del Comune di Monteceneri

Approvazione dei conti preventivi 2011, del Comune di Monteceneri Messaggio municipale No. 12 Risoluzione municipale no. 563 18 luglio 2011 Approvazione dei conti preventivi 2011, del Comune di Monteceneri Egregio Signor Presidente, Gentili signore, Egregi Signori Consiglieri

Dettagli

CONSUNTIVO DEL COMUNE DI MERGOSCIA ANNO DI GESTIONE

CONSUNTIVO DEL COMUNE DI MERGOSCIA ANNO DI GESTIONE COMUNE DI MERGOSCIA MESSAGGIO MUNICIPALE no. 3 / 2015 CONSUNTIVO DEL COMUNE DI MERGOSCIA ANNO DI GESTIONE 2014 Messaggio municipale 3/2015 pagina 1 1. PRESENTAZIONE DEL MESSAGGIO Signor Presidente, Cittadine

Dettagli

COMUNE DI CRESCIANO PREVENTIVO 2015

COMUNE DI CRESCIANO PREVENTIVO 2015 COMUNE DI CRESCIANO PREVENTIVO RIASSUNTO DEL PREVENTIVO preventivo preventivo 2014 consuntivo 2013 Conto di gestione corrente Uscite correnti 1'884'849.00 1'824'770.00 1'726'827.94 Ammortamenti amministrativi

Dettagli

COMUNE DI NOVAGGIO. Che accompagna la richiesta di approvazione del preventivo del comune di Novaggio per l anno 2014

COMUNE DI NOVAGGIO. Che accompagna la richiesta di approvazione del preventivo del comune di Novaggio per l anno 2014 Messaggio Municipale No. 11-2013 Che accompagna la richiesta di approvazione del preventivo del comune di Novaggio per l anno 2014 Ris.Mun 9330 Data 11.11.13 Dicastero Finanze Per esame della commissione

Dettagli

VI. Come avvicinarsi alla gestione finanziaria del Comune. 5 L esame della gestione ed il controllo finanziario

VI. Come avvicinarsi alla gestione finanziaria del Comune. 5 L esame della gestione ed il controllo finanziario VI. Come avvicinarsi alla gestione finanziaria del Comune 1 La normativa applicabile e il modello contabile per i Comuni 2 Il preventivo 3 Il credito di investimento 4 Il consuntivo 5 L esame della gestione

Dettagli

PREVENTIVO SECONDO LA CLASSIFICAZIONE ISTITUZIONALE PER L'ANNO 2006

PREVENTIVO SECONDO LA CLASSIFICAZIONE ISTITUZIONALE PER L'ANNO 2006 1 DICASTERO 0 AMMINISTRAZIONE GENERALE 1 SICUREZZA PUBBLICA 2 EDUCAZIONE 3 CULTURA E TEMPO LIBERO 4 SALUTE PUBBLICA 5 PREVIDENZA SOCIALE 6 TRAFFICO 7 PROTEZIONE AMBIENTE 8 ECONOMIA PUBBLICA 9 FINANZE E

Dettagli

Legge sull assistenza e cura a domicilio (LACD)

Legge sull assistenza e cura a domicilio (LACD) 6.4.5.5 Legge sull assistenza e cura a domicilio (LACD) (del 30 novembre 2010) A. Scopo B. Utenti IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 24 agosto 2010 n. 6390 del Consiglio

Dettagli

PREVENTIVO SECONDO LA CLASSIFICAZIONE ISTITUZIONALE PER L'ANNO 2007

PREVENTIVO SECONDO LA CLASSIFICAZIONE ISTITUZIONALE PER L'ANNO 2007 1 DICASTERO 0 AMMINISTRAZIONE GENERALE 1 SICUREZZA PUBBLICA 2 EDUCAZIONE 3 CULTURA E TEMPO LIBERO 4 SALUTE PUBBLICA 5 PREVIDENZA SOCIALE 6 TRAFFICO 7 PROTEZIONE AMBIENTE 8 ECONOMIA PUBBLICA 9 FINANZE E

Dettagli

Esame e approvazione dei conti consuntivi del Comune di Monteceneri per l anno 2012

Esame e approvazione dei conti consuntivi del Comune di Monteceneri per l anno 2012 COMUNE DI MONTECENERI Messaggio Municipale No. 63 Risoluzione municipale No. 312 6 maggio 2013 Esame e approvazione dei conti consuntivi del Comune di Monteceneri per l anno 2012 Onorando Consiglio Comunale,

Dettagli

M.M. no. 89 concernente la fissazione del moltiplicatore d imposta comunale 2012

M.M. no. 89 concernente la fissazione del moltiplicatore d imposta comunale 2012 M.M. no. 89 concernente la fissazione del moltiplicatore d imposta comunale 2012 Locarno, 7 marzo 2012 Al Consiglio Comunale Locarno Egregi Signori Presidente e Consiglieri, conformemente al Decreto legislativo

Dettagli

NUOVO STATUTO CONSORTILE del Consorzio Protezione civile Regione del Bellinzonese

NUOVO STATUTO CONSORTILE del Consorzio Protezione civile Regione del Bellinzonese CONSORZIO PROTEZIONE CIVILE REGIONE DEL BELLINZONESE Via Lugano 1, casella postale 1213, 6501 Bellinzona Sportello: lunedì venerdì 09.45 11.45 / 14.00 16.00 Tel 091 825 41 33 - Fax 091 826 31 15 - Email

Dettagli

L offerta di mense e doposcuola nelle scuole pubbliche del Cantone Ticino

L offerta di mense e doposcuola nelle scuole pubbliche del Cantone Ticino di Michela Crespi Branca e Luana Tozzini Paglia* L Ufficio del monitoraggio e dello sviluppo scolastico (UMSS) ha effettuato nell anno scolastico il censimento dei servizi pasti a mezzogiorno e dei doposcuola

Dettagli

Preventivo 2015. Conferenza stampa Mercoledì 24 settembre 2014 Bellinzona. Laura Sadis Direttrice del Dipartimento delle finanze e dell economia

Preventivo 2015. Conferenza stampa Mercoledì 24 settembre 2014 Bellinzona. Laura Sadis Direttrice del Dipartimento delle finanze e dell economia Preventivo 2015 Conferenza stampa Mercoledì 24 settembre 2014 Bellinzona Laura Sadis Direttrice del Dipartimento delle finanze e dell economia Considerazioni generali Rispetto del vincolo finanziario (Freno

Dettagli

STATUTO DEL CONSORZIO DEPURAZIONE ACQUE DEL BELLINZONESE E DELLA RIVIERA

STATUTO DEL CONSORZIO DEPURAZIONE ACQUE DEL BELLINZONESE E DELLA RIVIERA STATUTO DEL CONSORZIO DEPURAZIONE ACQUE DEL BELLINZONESE E DELLA RIVIERA CAPO I - GENERALITÀ Art. 1 Denominazione e Comuni consorziati Con la denominazione Consorzio depurazione acque del Bellinzonese

Dettagli

Locarno, 10 agosto 2015. Al Consiglio Comunale. L o c a r n o. Egregi Signori Presidente e Consiglieri, Premesse

Locarno, 10 agosto 2015. Al Consiglio Comunale. L o c a r n o. Egregi Signori Presidente e Consiglieri, Premesse M.M. no. 78 Concernente la richiesta di un credito di fr. 100'000. per l organizzazione di un concorso d architettura relativo al nuovo autosilo del quartiere di Locarno Monti Locarno, 10 agosto 2015 Al

Dettagli

- 1 - INDICE. 2.1.1 Ricapitolazione per genere di conto pag. 29. 2.1.2 Ripartizione funzionale per genere di conto pag. 37

- 1 - INDICE. 2.1.1 Ricapitolazione per genere di conto pag. 29. 2.1.2 Ripartizione funzionale per genere di conto pag. 37 - 1 - INDICE 1. Messaggio Municipale pag. 3 2. Comune 2.1 Preventivo gestione corrente pag. 28 2.1.1 Ricapitolazione per genere di conto pag. 29 2.1.2 Ripartizione funzionale per genere di conto pag. 37

Dettagli

Messaggio municipale 10/2014 accompagnante il conto preventivo gestione corrente dell'amministrazione comunale per l'anno 2015

Messaggio municipale 10/2014 accompagnante il conto preventivo gestione corrente dell'amministrazione comunale per l'anno 2015 Messaggio municipale 10/2014 accompagnante il conto preventivo gestione corrente dell'amministrazione comunale per l'anno Signor Presidente, signore Consigliere comunali, signori Consiglieri comunali,

Dettagli

Bollettino ufficiale delle leggi e degli atti esecutivi

Bollettino ufficiale delle leggi e degli atti esecutivi Repubblica e Cantone 391 Ticino Bollettino ufficiale delle leggi e degli atti esecutivi Volume 139 Bellinzona, 20 settembre 49/2013 Regolamento di applicazione della legge edilizia (RLE) del 9 dicembre

Dettagli

6.4.5.1.2 Direttive concernenti l applicazione ed il computo delle rette differenziate nelle case per anziani sussidiate (del 26 febbraio 2007)

6.4.5.1.2 Direttive concernenti l applicazione ed il computo delle rette differenziate nelle case per anziani sussidiate (del 26 febbraio 2007) 6.4.5.1.2 Direttive concernenti l applicazione ed il computo delle rette differenziate nelle case per anziani sussidiate (del 26 febbraio 2007) Richiamati gli articoli 6d e 11 della Legge concernente il

Dettagli

Manuale di contabilità per i Patriziati

Manuale di contabilità per i Patriziati Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento delle istituzioni Sezione degli enti locali Manuale di contabilità per i Patriziati Linee guida Gennaio 2015 Impressum Editore Dipartimento delle istituzioni, Sezione

Dettagli

Nostro rif.: Numero: Vostro rif.: Comune Municipio Piazza 6512 901 di Giubiasco Grande 1 Giubiasco Commissione petizioni Al Consiglio comunale

Nostro rif.: Numero: Vostro rif.: Comune Municipio Piazza 6512 901 di Giubiasco Grande 1 Giubiasco Commissione petizioni Al Consiglio comunale Casella postale e-mail 1066 municipio@giubiasco.ch Telefono web 091 850 99 11 www.giubiasco.ch Fax 091 857 38 00 CCP 65-630-1 Nostro rif.: Numero: Vostro rif.: Comune Municipio Piazza 6512 901 di Giubiasco

Dettagli

Introduzione del principio di causalità nella copertura dei costi di smaltimento dei rifiuti solidi urbani

Introduzione del principio di causalità nella copertura dei costi di smaltimento dei rifiuti solidi urbani Controprogetto del Consiglio di Stato in risposta all iniziativa parlamentare del 19.10.2009 Per l introduzione della tassa sul sacco cantonale, modifica parziale della LALPAmb Introduzione del principio

Dettagli

La riforma della Cassa pensioni dei dipendenti dello Stato

La riforma della Cassa pensioni dei dipendenti dello Stato La riforma della Cassa pensioni dei dipendenti dello Stato 1. Necessità del risanamento della CPDS: evoluzione negativa della situazione finanziaria e modifica della LPP del 17 dicembre 2010 Evoluzione

Dettagli

IL PIANO ENERGETICO CANTONALE (PEC)

IL PIANO ENERGETICO CANTONALE (PEC) IL PIANO ENERGETICO CANTONALE (PEC) Conferenza stampa Bellinzona, 10 aprile 2013 Evoluzione consumi in Ticino 1950-2011 10.4.2013 Conferenza stampa 2 Bilancio energetico 2011 -Struttura Consumo totale

Dettagli

MESSAGGIO MUNICIPALE

MESSAGGIO MUNICIPALE Risoluzione municipale no. 202 Paradiso, 19.02.2014 del 24.02.2014 a10mmc: MM1804/2014 - PA/aa Dicastero Territorio MESSAGGIO MUNICIPALE No. 1804/2014 accompagnante la richiesta di un credito di costruzione

Dettagli

MESSAGGIO MUNICIPALE No. 90

MESSAGGIO MUNICIPALE No. 90 MESSAGGIO MUNICIPALE No. 90 RIGUARDANTE LA SOTTOSCRIZIONE DELLA CONVENZIONE PER LA FORNITURA DI PRESTAZIONI DI ASSISTENZA E CURA A DOMICILIO Onorevole Signor Presidente, Onorevoli Signori Consiglieri,

Dettagli

il nuovo Municipio delle Centovalli vi sottopone per esame e approvazione il preventivo per l'esercizio 2011.

il nuovo Municipio delle Centovalli vi sottopone per esame e approvazione il preventivo per l'esercizio 2011. Intragna, 4 novembre 2010 MESSAGGIO MUNICIPALE NO. 029 Esame e approvazione del preventivo 2011 del Comune Approvato con risoluzione municipale no. 988 del 18 novembre 2010 Egregio Signor Presidente, Egregi

Dettagli

Signor Presidente, Signore e Signori Consiglieri comunali,

Signor Presidente, Signore e Signori Consiglieri comunali, MESSAGGIO MUNICIPALE NO. 4/2014 concernente la richiesta di un credito di Fr. 120'000.00 per la costituzione di una società anonima avente lo scopo di costruire una microcentrale elettrica sfruttando l

Dettagli

dossier politica Controllo delle spese: amministrazione Spese del personale in forte aumento

dossier politica Controllo delle spese: amministrazione Spese del personale in forte aumento Controllo delle spese: amministrazione Spese del personale in forte aumento 28 novembre 2003 Numero 22/1 dossier politica economiesuisse Federazione delle imprese svizzere Verband der Schweizer Unternehmen

Dettagli

Messaggio municipale al Consiglio comunale del 9 novembre 2011

Messaggio municipale al Consiglio comunale del 9 novembre 2011 Messaggio municipale al Consiglio comunale del 9 novembre 2011 Trattanda no. 2 Nuovo Regolamento relativo alle tasse di allacciamento e alle tariffe per la fornitura di energia elettrica. Esame e preavviso

Dettagli

AREA SERVIZI AL CITTADINO Direzione Centrale DECENTRAMENTO E SERVIZI AL CITTADINO Direzione di Progetto Area metropolitana e Municipalità

AREA SERVIZI AL CITTADINO Direzione Centrale DECENTRAMENTO E SERVIZI AL CITTADINO Direzione di Progetto Area metropolitana e Municipalità AREA SERVIZI AL CITTADINO Direzione Centrale DECENTRAMENTO E SERVIZI AL CITTADINO Direzione di Progetto Area metropolitana e Municipalità «Decentramento e Municipalità: i casi di Bologna, Napoli, Roma»

Dettagli

Legge federale concernente il finanziamento e l ampliamento dell infrastruttura ferroviaria

Legge federale concernente il finanziamento e l ampliamento dell infrastruttura ferroviaria Termine di referendum: 25 settembre 2014 Legge federale concernente il finanziamento e l ampliamento dell infrastruttura ferroviaria del 21 giugno 2013 L Assemblea federale della Confederazione Svizzera,

Dettagli

INFORMAZIONE SUL PIANO DI RISANAMENTO DELL ISTITUTO DI PREVIDENZA DEL CANTONE TICINO CHE ENTRERÀ IN VIGORE IL 1 GENNAIO 2013

INFORMAZIONE SUL PIANO DI RISANAMENTO DELL ISTITUTO DI PREVIDENZA DEL CANTONE TICINO CHE ENTRERÀ IN VIGORE IL 1 GENNAIO 2013 dicembre 2012 Agli Assicurati dell Istituto di previdenza del Cantone Ticino INFORMAZIONE SUL PIANO DI RISANAMENTO DELL ISTITUTO DI PREVIDENZA DEL CANTONE TICINO CHE ENTRERÀ IN VIGORE IL 1 GENNAIO 2013

Dettagli

Legge sull Università della Svizzera italiana e sulla Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana (del 3 ottobre 1995)

Legge sull Università della Svizzera italiana e sulla Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana (del 3 ottobre 1995) Legge sull Università della Svizzera italiana e sulla Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana (del ottobre 995) IL CONSIGLIO DI STATO DELLA REPUBBLICA E CANTONE DEL TICINO visti il messaggio

Dettagli

Nostro rif.: Numero: Vostro rif.: Comune Municipio Piazza 6512 936 di Giubiasco Grande 1 Giubiasco Preavviso: gestione Al Consiglio Comunale

Nostro rif.: Numero: Vostro rif.: Comune Municipio Piazza 6512 936 di Giubiasco Grande 1 Giubiasco Preavviso: gestione Al Consiglio Comunale Casella postale e-mail 1066 municipio@giubiasco.ch Telefono web 091 850 99 34 www.giubiasco.ch Fax 091 857 38 00 CCP 65-630-1 Nostro rif.: Numero: Vostro rif.: Comune Municipio Piazza 6512 936 di Giubiasco

Dettagli

Relazione del Consigliere Tesoriere. al Bilancio preventivo 2013

Relazione del Consigliere Tesoriere. al Bilancio preventivo 2013 Relazione del Consigliere Tesoriere al Bilancio preventivo 2013 Care Colleghe e cari Colleghi, In ottemperanza al disposto dell art. 7 D.lgs. 23 novembre 1944 n. 382, propongo alla Vostra approvazione

Dettagli

Disposizioni per gli insegnanti SI e SE

Disposizioni per gli insegnanti SI e SE Disposizioni per gli insegnanti SI e SE Scuole comunali del Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Divisione della scuola Ufficio delle scuole comunali Collegio degli

Dettagli

Regolamento del Fondo Sport-toto 1 (del 18 gennaio 2011)

Regolamento del Fondo Sport-toto 1 (del 18 gennaio 2011) Regolamento del Fondo Sport-toto 1 (del 18 gennaio 2011) 11.1.3.1.3 IL CONSIGLIO DI STATO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO Richiamati: la Legge federale concernente le lotterie e le scommesse professionalmente

Dettagli

MUNICIPIO DI BIOGGIO Bioggio, aprile 2013

MUNICIPIO DI BIOGGIO Bioggio, aprile 2013 MUNICIPIO DI BIOGGIO Bioggio, aprile 2013 Messaggio municipale no. 2013-12 concernente lo stanziamento di un credito suppletorio a quanto concesso con il MM no. 30-2007 inerente alla realizzazione nella

Dettagli

IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO

IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO ... Legge sull Università della Svizzera italiana, sulla Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana e sugli Istituti di ricerca (del ottobre 99) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE

Dettagli

Incontro informativo regionale marzo 2012 Modello contabile armonizzato 2 (MCA2) per i comuni grigionesi

Incontro informativo regionale marzo 2012 Modello contabile armonizzato 2 (MCA2) per i comuni grigionesi Incontro informativo regionale marzo 2012 Modello contabile armonizzato 2 (MCA2) per i comuni grigionesi dei Grigioni UC, marzo 2012 2 Basi legali per MCA2 Legge sulla gestione finanziaria (LGF, CSC 710.100)

Dettagli

LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE PATRIMONIALE. Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune

LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE PATRIMONIALE. Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E DOTAZIONE L elevata varietà e complessità di servizi e funzioni

Dettagli

COMUNE DI STABIO MUNICIPIO

COMUNE DI STABIO MUNICIPIO COMUNE DI STABIO MUNICIPIO Stabio, 20 luglio 2011 Al CONSIGLIO COMUNALE di S t a b i o MESSAGGIO MUNICIPALE no. 15/2011 Chiedente il preavviso favorevole all investimento dell Ente regionale di Protezione

Dettagli

Legge federale sulla politica regionale

Legge federale sulla politica regionale Legge federale sulla politica regionale Disegno del L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo 103 della Costituzione federale 1 ; visto il messaggio del Consiglio federale del

Dettagli

FUNZIONALE 0 - AMMINISTRAZIONE GENERALE

FUNZIONALE 0 - AMMINISTRAZIONE GENERALE FUNZIONALE 0 - AMMINISTRAZIONE GENERALE 01 POTERE LEGISLATIVO ED ESECUTIVO 011 Potere legislativo 300.01 Indennità membri consiglio comunale 300.02 Indennità membri commissioni consiglio comunale 300.03

Dettagli

Regolamento sull'organizzazione di XY RETE SA ... 2008. 1 Consiglio di amministrazione

Regolamento sull'organizzazione di XY RETE SA ... 2008. 1 Consiglio di amministrazione Page 1 de 5 Regolamento sull'organizzazione di XY RETE SA... 2008 1 Consiglio di amministrazione Art. 1 Compiti e poteri Al Consiglio di amministrazione spettano ai sensi dell art. 15 degli statuti la

Dettagli

18 Finanze pubbliche. Introduzione

18 Finanze pubbliche. Introduzione 8 Finanze pubbliche Introduzione 3 Panorama 3 Le finanze del Cantone Ticino 4 Entrate e uscite del Cantone per categoria 4 Debito pubblico e altri indicatori del Cantone 5 Indicatori finanziari del Cantone

Dettagli

Il piano generale di sviluppo 2010-2014. Città di Seriate - www.comune.seriate.bg.it

Il piano generale di sviluppo 2010-2014. Città di Seriate - www.comune.seriate.bg.it Il piano generale di sviluppo 2010-2014 1 Cos è il piano generale di sviluppo Uno degli strumenti di programmazione e di rendicontazione finanziaria di mandato Citato (solamente citato) in due norme sull

Dettagli

ORDINANZA MUNICIPALE SULLE DELEGHE DI COMPETENZE DECISIONALI

ORDINANZA MUNICIPALE SULLE DELEGHE DI COMPETENZE DECISIONALI ORDINANZA MUNICIPALE SULLE DELEGHE DI COMPETENZE DECISIONALI Il Municipio di Locarno, richiamati gli art.li 9 cpv. 4 LOC, 40 cpv. 1 lett. b) RALOC, 60 cpv. 4 del Regolamento comunale della Città di Locarno

Dettagli

INDICE GENERALE MESSAGGIO MUNICIPALE SUL PREVENTIVO 2010

INDICE GENERALE MESSAGGIO MUNICIPALE SUL PREVENTIVO 2010 INDICE GENERALE MESSAGGIO MUNICIPALE SUL PREVENTIVO 2010 1) INTRODUZIONE pag. 6 2) FLUSSI FINANZIARI CANTONE-COMUNI pag. 7 3) L EVOLUZIONE DELLA GESTIONE CORRENTE E DEL FABBISOGNO pag. 10 4) IL MOLTIPLICATORE

Dettagli

Al Consiglio Comunale Locarno. Egregi Signori Presidente e Consiglieri comunali,

Al Consiglio Comunale Locarno. Egregi Signori Presidente e Consiglieri comunali, M.M. no. 66 concernente l adozione di un Regolamento sociale comunale in sostituzione del regolamento per la concessione di un contributo integrativo AVS/AI Locarno, 11 aprile 2011 Al Consiglio Comunale

Dettagli

12.101 n Pacchetto di consolidamento e di verifica dei compiti 2014. Legge federale

12.101 n Pacchetto di consolidamento e di verifica dei compiti 2014. Legge federale Sessione speciale maggio 2015 e-parl 29.05.2015 14:18-1 - 12.101 n Pacchetto di consolidamento e di verifica dei compiti 2014. Legge federale Disegno del Consiglio federale Decisione del Messaggio aggiuntivo

Dettagli

7070 R 26 maggio 2015 SANITÀ E SOCIALITÀ

7070 R 26 maggio 2015 SANITÀ E SOCIALITÀ 7070 R 26 maggio 2015 SANITÀ E SOCIALITÀ della Commissione della gestione e delle finanze sul messaggio 1 aprile 2015 concernente la concessione alla Fondazione La Quercia, Acquarossa, di un contributo

Dettagli

Messaggio Municipale al Consiglio comunale del 27 agosto 2014

Messaggio Municipale al Consiglio comunale del 27 agosto 2014 Messaggio Municipale al Consiglio comunale del 27 agosto 2014 Trattanda no. 2 Impianti di risalita Pian Cales Opere di miglioria e ampliamento offerta Stanziamento di un credito di fr. 285'000.- Costo

Dettagli

COMUNE DI STABIO MUNICIPIO Stabio, 18 luglio 2013

COMUNE DI STABIO MUNICIPIO Stabio, 18 luglio 2013 COMUNE DI STABIO MUNICIPIO Stabio, 18 luglio 2013 Al CONSIGLIO COMUNALE di Stabio MESSAGGIO MUNICIPALE NO. 19/2013 Chiedente lo stanziamento di un credito d investimento di 215 000 Chf per la realizzazione

Dettagli

Melide, 6 marzo 2013. Signor Presidente, Signore e Signori Consiglieri comunali

Melide, 6 marzo 2013. Signor Presidente, Signore e Signori Consiglieri comunali Melide, 6 marzo 2013 MESSAGGIO MUNICIPALE N 1112 Richiesta di un credito quadro di Fr. 700'000.- per la realizzazione di 19 postazioni per la raccolta dei rifiuti solidi urbani (RSU) Signor Presidente,

Dettagli

Comune di Budrio Provincia di Bologna. Il bilancio di previsione 2011 Presentazione sintetica

Comune di Budrio Provincia di Bologna. Il bilancio di previsione 2011 Presentazione sintetica Il bilancio di previsione 2011 Presentazione sintetica In Italia c èc un grande debito pubblico. Ma come è suddiviso? (fonte Presidenza del Consiglio dei Ministri, 29 settembre 2010) Debito pubblico sul

Dettagli

Legge sull orientamento scolastico e professionale e sulla formazione professionale e continua (Lorform) (del 4 febbraio 1998)

Legge sull orientamento scolastico e professionale e sulla formazione professionale e continua (Lorform) (del 4 febbraio 1998) Legge sull orientamento scolastico e professionale e sulla formazione professionale e continua (Lorform) (del febbraio 1998) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO - visto il messaggio 1 marzo

Dettagli

COMUNE DI ACQUAROSSA REGOLAMENTO SUL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE

COMUNE DI ACQUAROSSA REGOLAMENTO SUL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE COMUNE DI ACQUAROSSA REGOLAMENTO SUL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE Capitolo 1 Disposizioni generali Art. 1 Definizione Il Comune garantisce il servizio di distribuzione dell acqua potabile

Dettagli

Base legale Atto Delegato / Sostituto Controllore Pubblicazione del catalogo elettorale e variazioni (art. 7 e 8); Convocazione assemblee (art.

Base legale Atto Delegato / Sostituto Controllore Pubblicazione del catalogo elettorale e variazioni (art. 7 e 8); Convocazione assemblee (art. Cancelleria : Pubblicazione del catalogo elettorale e variazioni (art. 7 e 8); Convocazione assemblee (art. 19); CS cancelleria / Uffici elettorali: (art. 21 e 22); Luogo delle operazioni di voto e di

Dettagli

Municipio di Lumino Pag. 1

Municipio di Lumino Pag. 1 Municipio di Lumino Pag. 1 concernente la trasformazione del prestito che il Comune di Lumino vanta nei confronti della Funivia Pizzo di Claro SA di CHF 120'000 in capitale azionario (di pari importo)

Dettagli

Ordinanza del DATEC sul calcolo dei costi computabili delle misure d esercizio per il risanamento di centrali idroelettriche (Ocrci)

Ordinanza del DATEC sul calcolo dei costi computabili delle misure d esercizio per il risanamento di centrali idroelettriche (Ocrci) Ordinanza del DATEC sul calcolo dei costi computabili delle misure d esercizio per il risanamento di centrali idroelettriche (Ocrci) Rapporto esplicativo Giugno 2015 1 Introduzione e commento generale

Dettagli

LE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI. Il rendiconto della gestione Gli indicatori Il patrimonio del Comune

LE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI. Il rendiconto della gestione Gli indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI Il rendiconto della gestione Gli indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI L elevata varietà e complessità di servizi e funzioni come

Dettagli

7104 8 luglio 2015 SANITÀ E SOCIALITÀ

7104 8 luglio 2015 SANITÀ E SOCIALITÀ 7104 8 luglio 2015 SANITÀ E SOCIALITÀ Legge di applicazione della legge federale del 18 marzo 1994 sull assicurazione malattie del 26 giugno 1997 (LCAMal): riduzione dei premi nell assicurazione sociale

Dettagli

Î ± ± di maggioranza. 6835 R1 10 giugno 2014 FINANZE E ECONOMIA ݱ²½» ²»

Î ± ± di maggioranza. 6835 R1 10 giugno 2014 FINANZE E ECONOMIA ݱ²½» ²» Î ± ± di maggioranza ²«³» ± ¼ Ü ³»² ± 6835 R1 10 giugno 2014 FINANZE E ECONOMIA ݱ²½» ²» della Commissione speciale energia sul messaggio 10 luglio 2013 concernente l'approvazione del rapporto di gestione

Dettagli

Legge federale sull assicurazione per l invalidità (LAI) (6 a revisione AI, secondo pacchetto di misure)

Legge federale sull assicurazione per l invalidità (LAI) (6 a revisione AI, secondo pacchetto di misure) Decisioni del Consiglio degli Stati del 19.12.2011 Proposte della Commissione del Consiglio nazionale dell 11.10.2012 (minoranza: rinvio al Consiglio federale) Legge federale sull assicurazione per l invalidità

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Prot. AOODGAI/1574 Roma, 17 febbraio 2010 Agli Istituti di Istruzione Secondaria di primo e secondo grado LORO SEDI Agli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI e, p.c., All Ufficio del Capo di Gabinetto

Dettagli

Legge sulle fognature del Comune di Poschiavo (approvata dal popolo il 27 novembre 2005)

Legge sulle fognature del Comune di Poschiavo (approvata dal popolo il 27 novembre 2005) Legge sulle fognature del Comune di Poschiavo (approvata dal popolo il 27 novembre 2005) 81.10 Art. 1. Art. 2. Art. 3. I. Disposizioni generali La presente legge vale per l intero territorio comunale.

Dettagli

Ordinanza sulle indennità di perdita di guadagno

Ordinanza sulle indennità di perdita di guadagno Ordinanza sulle indennità di perdita di guadagno (OIPG) 834.11 del 24 novembre 2004 (Stato 15 marzo 2005) Il Consiglio federale svizzero, visto l articolo 81 della legge federale del 6 ottobre 2000 1 sulla

Dettagli

ad 07.052 del 13 novembre 2013 Onorevoli presidenti e consiglieri,

ad 07.052 del 13 novembre 2013 Onorevoli presidenti e consiglieri, ad 07.052 Messaggio aggiuntivo relativo all abrogazione della legge federale sull acquisto di fondi da parte di persone all estero (Rinuncia al progetto di abrogazione) del 13 novembre 2013 Onorevoli presidenti

Dettagli

Opere di manutenzione straordinaria interna e nuova logistica di Palazzo Marcacci (MM 77/2011, credito fr. 60'000.-, sorpasso fr. 56'443.

Opere di manutenzione straordinaria interna e nuova logistica di Palazzo Marcacci (MM 77/2011, credito fr. 60'000.-, sorpasso fr. 56'443. M.M. no. 65 concernente le richieste di crediti suppletori per le opere di manutenzione straordinaria interna e nuova logistica di Palazzo Marcacci (fr. 56'443.85) e la sostituzione dell attuale impianto

Dettagli

Parco del Piano di Magadino

Parco del Piano di Magadino Parco del Piano di Magadino Piano di utilizzazione cantonale Approvato dal Gran Consiglio il 18 dicembre 2014 www.ti.ch/ppdm Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento del territorio Procedura Informazione

Dettagli

Legge federale sull assicurazione per la maternità

Legge federale sull assicurazione per la maternità Termine di referendum: 9 aprile 1999 Legge federale sull assicurazione per la maternità (LAMat) del 18 dicembre 1998 L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo 34 quinquies capoverso

Dettagli

Regolamento interno della Fondazione Casa San Giorgio - Istituto per anziani di Brissago

Regolamento interno della Fondazione Casa San Giorgio - Istituto per anziani di Brissago Casa San Giorgio Via San Giorgio 4-6614 Brissago - Tel. 091 786 80 50 - e-mail: casasangiorgio@bluewin.ch Regolamento interno della Fondazione Casa San Giorgio - Istituto per anziani di Brissago Art. 1

Dettagli

Ordinanza sulle concessioni e sul finanziamento dell infrastruttura ferroviaria

Ordinanza sulle concessioni e sul finanziamento dell infrastruttura ferroviaria Ordinanza sulle concessioni e sul finanziamento dell infrastruttura ferroviaria (OCFIF) 742.120 del 4 novembre 2009 (Stato 1 gennaio 2010) Il Consiglio federale svizzero, visti gli articoli 1 capoverso

Dettagli

Stabio, 07 maggio 2014. Al CONSIGLIO COMUNALE di S t a b i o

Stabio, 07 maggio 2014. Al CONSIGLIO COMUNALE di S t a b i o COMUNE DI STABIO MUNICIPIO Stabio, 07 maggio 2014 Al CONSIGLIO COMUNALE di S t a b i o MESSAGGIO MUNICIPALE No. 04/2014 Chiedente lo stanziamento di un credito d investimento di 50 000 Chf (iva esclusa)

Dettagli

Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport 6501 Bellinzona

Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport 6501 Bellinzona Segretariato Cantonale Via Balestra 19 CH - 6901 Lugano tel.: 091-91 15 51 fax: 091-93 53 65 Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport 6501 Bellinzona N. rif. V. rif. Lugano, 14 marzo 008

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE DI ATTIVITA' E DI PROMOZIONE INDUSTRIALE (2015 2016 2017)

PROGRAMMA TRIENNALE DI ATTIVITA' E DI PROMOZIONE INDUSTRIALE (2015 2016 2017) PROGRAMMA TRIENNALE DI ATTIVITA' E DI PROMOZIONE INDUSTRIALE (2015 2016 2017) Relazione triennale di attività e di promozione industriale (2015-2016-2017) Piano economico preventivo pluriennale (2015-2016-

Dettagli

La polizza di libero passaggio della Basilese

La polizza di libero passaggio della Basilese La polizza di libero passaggio della Basilese Informazione sul prodotto e condizioni contrattuali Edizione 2012 La vostra sicurezza ci sta a cuore. 2 Informazione sul prodotto Informazione sul prodotto

Dettagli

MODIFICATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 37 DD. 26.09.2013. Articolo 1. Articolo 2. Articolo 3. Articolo 4.

MODIFICATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 37 DD. 26.09.2013. Articolo 1. Articolo 2. Articolo 3. Articolo 4. REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI AD ASSOCIAZIONI ED ENTI PUBBLICI E PRIVATI, AI SENSI DELL ART. 7 DELLA L. R. 31. 07. 1993. N. 13. MODIFICATO CON DELIBERAZIONE

Dettagli

BANDO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AMMISSIONE AL PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI CONTRASTO ALLE POVERTA ESTREME

BANDO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AMMISSIONE AL PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI CONTRASTO ALLE POVERTA ESTREME Prot. n. 946 Del /3/4 BANDO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AMMISSIONE AL PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI CONTRASTO ALLE POVERTA ESTREME ANNUALITA 3 Il Responsabile del Servizio

Dettagli

C O M U N E D I U D I N E D I P A R T I M E N T O P R O G R A M M A Z I O N E POLITICHE FINANZIARIE, ACQUISTI E ATTIVITA PRODUTTIVE

C O M U N E D I U D I N E D I P A R T I M E N T O P R O G R A M M A Z I O N E POLITICHE FINANZIARIE, ACQUISTI E ATTIVITA PRODUTTIVE ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N. DEL CONSIGLIO COMUNALE DEL C O M U N E D I U D I N E D I P A R T I M E N T O P R O G R A M M A Z I O N E POLITICHE FINANZIARIE, ACQUISTI E ATTIVITA PRODUTTIVE ALLEGATO A

Dettagli

Il 2007 Un anno di scelte importanti

Il 2007 Un anno di scelte importanti Il 2007 Un anno di scelte importanti Liberalizzazione, rinnovo contrattuale, elezioni RSU e previdenza complementare. Queste le sfide che impegneranno l Slp Cisl nell anno appena cominciato. Molte le decisioni

Dettagli

Ipoteche. Finanziamenti su misura

Ipoteche. Finanziamenti su misura Ipoteche Finanziamenti su misura Verso l acquisto di una casa di proprietà? Il sogno di una casa tutta propria ha inizio con la ricerca di un immobile adeguato. Un analisi accurata delle vostre esigenze

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA 2009

PROGRAMMAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA 2009 PROGRAMMAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA 2009 Nel complesso quadro normativo di riferimento della programmazione e previsione economico-finanziaria degli enti locali, predisporre il bilancio di previsione

Dettagli

5.2.1.1.6. Regolamento sui corsi interaziendali

5.2.1.1.6. Regolamento sui corsi interaziendali 5.2.1.1.6 Campo d applicazione Responsabilità Composizione delle Commissioni Regolamento sui corsi interaziendali (del 7 settembre 2010) IL CONSIGLIO DI STATO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO richiamati:

Dettagli

Finanze Cantone La situazione oggi Premessa: I limiti della situazione attuale nella politica di risanamento finanziario

Finanze Cantone La situazione oggi Premessa: I limiti della situazione attuale nella politica di risanamento finanziario Finanze Cantone La situazione oggi Premessa: Da anni ormai il bilancio del Cantone segna rosso, con elevati deficit ricorrenti ormai consolidati. Il che significa che si tratta di un problema strutturale

Dettagli

COMUNE DI CARPENEDOLO PROVINCIA DI BRESCIA BILANCIO PLURIENNALE - ENTRATE TRIENNIO 2012-2014

COMUNE DI CARPENEDOLO PROVINCIA DI BRESCIA BILANCIO PLURIENNALE - ENTRATE TRIENNIO 2012-2014 AVANZO DI AMMINISTRAZIONE AVANZO DI AMMINISTRAZIONE AVANZO AMMINISTRAZIONE: VINCOLATO PROVENTI CONCESSIONI EDILIZIE AVANZO DI AMMINISTRAZIONE: VINCOLATO MONETIZZAZIONI AVANZO DI AMMINISTRAZIONE: ALIENAZIONI

Dettagli

2.09 Stato al 1 gennaio 2013

2.09 Stato al 1 gennaio 2013 2.09 Stato al 1 gennaio 2013 Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere In generale 1 Il presente promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

Consuntivo 2010. Documenti allegati

Consuntivo 2010. Documenti allegati Consuntivo 2010 Consuntivo 2010 Documenti allegati Relazione dei revisori dei conti Elenco dei residui attivi e passivi distinti per anno di provenienza Conto del Bilancio Conto economico Conto Patrimoniale

Dettagli

Investire nella formazione

Investire nella formazione Repubblica e Cantone Ticino Investire nella formazione Concetto 2006 per la formazione dei Segretari comunali, dei Quadri dirigenti e dei Funzionari amministrativi Dipartimento dell educazione, della cultura

Dettagli

Iniziativa parlamentare Finanziamento iniziale per l istituzione di centri di accoglienza per l infanzia complementari alle famiglie (Fehr Jacqueline)

Iniziativa parlamentare Finanziamento iniziale per l istituzione di centri di accoglienza per l infanzia complementari alle famiglie (Fehr Jacqueline) ad 00.403 Iniziativa parlamentare Finanziamento iniziale per l istituzione di centri di accoglienza per l infanzia complementari alle famiglie (Fehr Jacqueline) Rapporto del 22 febbraio 2002 della Commissione

Dettagli

Legge federale sulle finanze della Confederazione

Legge federale sulle finanze della Confederazione Termine di referendum: 8 ottobre 2015 Legge federale sulle finanze della Confederazione (LFC) (Ottimizzazione del Nuovo modello contabile) Modifica del 19 giugno 2015 L Assemblea federale della Confederazione

Dettagli

Bollettino ufficiale delle leggi e degli atti esecutivi

Bollettino ufficiale delle leggi e degli atti esecutivi Repubblica e Cantone 509 Ticino Bollettino ufficiale delle leggi e degli atti esecutivi Volume 137 Bellinzona, 14 ottobre 44/2011 Decreto esecutivo concernente le condizioni per l ottenimento dei sussidi

Dettagli

Statistica del valore aggiunto 2014

Statistica del valore aggiunto 2014 Indagine online: www.esurvey.admin.ch/ews Utente: Password: OID NOGA SAB FB REF Indicare il numero OID in tutti i contatti con il nostro ufficio. Statistica monetaria sulle imprese (MON) Espace de l Europe

Dettagli

STRUTTURA DELLA NUOVA IRPEF

STRUTTURA DELLA NUOVA IRPEF Sezione prima - Imposte dirette Struttura della nuova IRPEF STRUTTURA DELLA NUOVA IRPEF I commi da 6 a 9, Legge finanziaria 2007, intervenendo a modifica del TUIR, riscrivono ancora una volta la struttura

Dettagli

4.2 L armonizzazione dei bilanci regionali alla luce della modifica dell art. 117 Cost

4.2 L armonizzazione dei bilanci regionali alla luce della modifica dell art. 117 Cost 4.2 L armonizzazione dei bilanci regionali alla luce della modifica dell art. 117 Cost Le regole che governano i bilanci regionali sono interessati da importanti riforme connesse all operare congiunto

Dettagli