MESSAGGIO MUNICIPALE N. 16/2014 Preventivi 2015 Comune e Azienda acqua potabile e moltiplicatore d imposta comunale 2015

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MESSAGGIO MUNICIPALE N. 16/2014 Preventivi 2015 Comune e Azienda acqua potabile e moltiplicatore d imposta comunale 2015"

Transcript

1 Casella postale Telefono web Fax CCP Nostro rif.: Numero: Vostro rif.: Comune Municipio Piazza 6512 S,AM,ba,sgb,as 885 di Giubiasco Grande 1 Giubiasco Preavviso: Gestione Al Consiglio comunale Giubiasco, 28 ottobre 2014 MESSAGGIO MUNICIPALE N. 16/2014 Preventivi 2015 Comune e Azienda acqua potabile e moltiplicatore d imposta comunale Considerazioni generali Come preannunciato nel messaggio municipale accompagnante il preventivo , da quest anno i conti preventivi devono giungere al Consiglio comunale entro il 31 ottobre 2 : la modifica della LOC è entrata in vigore il Evidentemente quest anticipo è stato imposto unicamente ai Comuni e non agli Enti (Cantone compreso) che elaborano i dati necessari per l allestimento dei preventivi. Da quest anno dobbiamo quindi sostituire qualche dato definitivo in più con stime che, per quanto attendibili possano essere, sono soggette al rischio di successive modifiche. Come si vedrà più avanti, con il preventivo 2015 proponiamo al Consiglio comunale un aumento del moltiplicatore d imposta comunale, ricalibrando quindi l obiettivo della stabilità del moltiplicatore d imposta mantenuto invariato dall anno 2011; proponiamo inoltre di procedere nuovamente al prelievo della tassa base sui rifiuti. L adeguamento del moltiplicatore d imposta determinerà anche un aumento del contributo di livellamento della potenzialità fiscale, a dipendenza di come evolverà il moltiplicatore comunale medio 3. Abbiamo invece deciso di mantenere invariata la tassa sul sacco dei rifiuti, come pure la tassa di refezione per l anno 2015: quest ultima tassa era stata ridotta del 25% dall inizio dell anno 2011, contemporaneamente alla riduzione del moltiplicatore d imposta per far partecipare direttamente al miglioramento delle finanze comunali anche le famiglie con figli in età scolastica e con redditi medio-bassi. Contando sulla tenuta del gettito fiscale (ove è preminente l apporto delle persone fisiche) come pure sul cospicuo capitale proprio accumulato gli anni scorsi, stimiamo che questi aumenti alle entrate basteranno per pareggiare il conto di gestione corrente a medio termine 4 e quindi a sostenere l aumento delle spese legate in primo luogo al mantenimento del livello qualitativo dei servizi comunali, nonostante il cospicuo contributo annuo che i Comuni devono versare al Cantone per assicurare il funzionamento dei servizi cantonali. 1 Messaggio municipale n. 20/2013 del 5 novembre 2013: preventivi 2014 Comune e Azienda acqua potabile e moltiplicatore d imposta cantonale 2014 (pag. 3). 2 LOC, Art. 33 cpv. 1: I messaggi all Assemblea comunale, motivati per iscritto, devono essere trasmessi alle commissioni e depositati in Cancelleria per consultazione almeno trenta giorni prima della seduta. Il messaggio sul preventivo va trasmesso e depositato entro il 31 ottobre dell anno precedente a quello cui si riferisce 3 FU n. 71/2014, del 5 settembre 2014, pag Regolamento 30 giugno 1987 sulla gestione finanziaria e sulla contabilità dei Comuni, art. 2.

2 2 Educazione: sezioni in aumento Tra i servizi da potenziare ricordiamo quello dell Educazione: oltre all aumento di una classe di stipendio concesso dal Consiglio di Stato ai docenti comunali a metà dicembre 2013, si è resa necessaria l istituzione di una sezione in più di scuola elementare già con l anno scolastico 2014/2015. Nella primavera 2015 sottoporremo inoltre al Consiglio comunale una proposta di ampliamento della scuola dell infanzia, ancora allo studio, vista la necessità di aumentare anche queste sezioni, come pure di adeguare la capacità di accoglienza della refezione scolastica per le scuole elementari. Quest ampliamento dev essere realizzato a corto termine; abbiamo già stimato il costo nel piano degli investimenti, che ha il suo riscontro sulla gestione corrente nel conto che espone gli ammortamenti dei beni amministrativi. L aumento dei costi nel settore dell educazione avrebbe potuto essere ancora maggiore se fosse stata accettata in votazione popolare il 28 settembre 2014 l iniziativa popolare cantonale Aiutiamo le scuole per il futuro dei nostri ragazzi che chiedeva in particolare più mense, classi meno affollate, una migliore organizzazione e un maggiore sostegno alle scuole comunali. Così non è stato: l adeguamento quantitativo e qualitativo del servizio erogato dai Comuni passerà quindi per altri provvedimenti in parte già adottati, più compatibili con le disponibilità finanziarie dei Comuni e anche del Cantone. Sempre nel campo dell educazione segnaliamo che dal 1 gennaio 2015 la Direzione scolastica di Giubiasco assumerà a tutti gli effetti anche la direzione delle scuole comunali di Pianezzo. Questa estensione dell attività è una conseguenza della modifica di alcune norme della legislazione scolastica decisa dal Gran Consiglio il 20 giugno 2013 ed entrata in vigore il 1 luglio : ogni istituto scolastico si dovrà dotare di una direzione entro il 31 agosto Su richiesta del Municipio di Pianezzo e sentita la Direzione delle scuole comunali, nel maggio del 2014 abbiamo presentato la nostra offerta, che è stata accettata. Al termine dell anno scolastico 2014/2015 i due Municipi, con la Direzione delle scuole comunali, effettueranno una valutazione dell esperienza adottando, se del caso, i correttivi necessari. Le prestazioni erogate saranno indennizzate dal Municipio di Pianezzo; il Direttore compenserà il tempo di lavoro dedicato all Istituto scolastico di Pianezzo delegando alla segretaria lo svolgimento di mansioni amministrative di routine. Per questo motivo il tempo di lavoro della segretaria è stato aumentato del 10% a far conto dal 1 gennaio Sicurezza: maggiori responsabilità Tra i servizi per i quali è previsto un miglioramento a livello comunale figura anche la Sicurezza. Come indicato nel già citato messaggio municipale accompagnante i preventivi 2014 (pag. 7), due aspiranti agenti già assunti dal Municipio stanno frequentando la Scuola cantonale di polizia. Dalla primavera 2015 il Posto di Polizia della Regione IV con sede a Giubiasco disporrà quindi di due ulteriori agenti, in aggiunta ai due entrati in servizio il 1 luglio 2014 (al termine della Scuola cantonale di polizia) per compensare altrettanti pensionamenti. Lo scorso mese di ottobre il Municipio ha inoltre risolto di pubblicare il bando di concorso per l assunzione altri due agenti già formati, che dovranno entrare in servizio all inizio del 2015: uno in sostituzione di un partente, l altro a potenziamento del Posto della Regione IV, Bellinzonese sud. Le nuove assunzioni sono una conseguenza dell abbandono del posto misto di Polizia Cantone/Comune, sostituito dalla Legge sulla collaborazione tra la Polizia cantonale e le Polizie comunali entrata in vigore il 1 settembre 2012 (LCPol) e del suo Regolamento (RCPol), che hanno affidato nuovi compiti alle Polizie comunali, tutte in cerca di nuovi agenti. Tra i nuovi oneri figura pure la necessità di adempimento sull arco dell intera giornata (24 ore) dei compiti di base, elencati nella tabella allegata alla LCPol 6. Come indicato nel messaggio municipale accompagnante i consuntivi , Giubiasco dovrà soddisfare questa condizione entro la conclusione del processo aggregativo e indipendentemente dall esito dello stesso. Con la Città sono quindi già iniziati i lavori, volti in primo luogo a definire come sarà organizzata la sicurezza nell ipotesi aggregativa, che comprenderà un massimo di diciassette Comuni, partendo dai servizi attualmente elargiti dai Posti della Regione V (Bellinzonese nord, Comune-polo Bellinzona) e della Regione IV (Bellinzonese sud, Comune-polo Giubiasco). Nemmeno sono tuttavia da escludere, a priori, scenari di accorpamento dei due Posti anche qualora vi fosse un responso negativo al voto consultivo sull aggregazione, per il che, fatta salva qualsiasi decisione di meriti futura, questo aspetto andrà comunque affrontato. 5 BU 45/2013 del 13 agosto, pag Regolamento 27 giugno 2012 della Legge sulla collaborazione fra la Polizia cantonale e le Polizie comunali, art. 2, cpv Messaggio municipale n. 02/2014 dell 11 marzo 2014: conti Comune e Azienda acqua potabile esercizio 2013, pag. 8..

3 3 Socialità: casi di protezione in aumento Segnaliamo infine la necessità di potenziamento anche nel Sociale e segnatamente nell ambito dell Autorità regionale di protezione n. 15, con sede a Giubiasco. Entro la fine dell anno 2014, sentito l avviso favorevole del Municipio di Bellinzona e non appena saranno disponibili i locali e il mobilio nella nuova sede nel Palazzo comunale in Piazza Grande 1, il segretariato dell ARP 15 (attualmente insediato in parte a Bellinzona e in parte a Giubiasco presso i Servizi sociali) verrà riunito a Giubiasco. La nuova logistica avrà inizialmente carattere sperimentale, ciò che consentirà in particolare di valutare se il trasloco del segretariato ARP dalla capitale pone qualche difficoltà di ordine pratico all utenza. Contemporaneamente al trasferimento nella nuova sede, il Municipio di Giubiasco, considerando le esigenze dell ARP 15 ha deciso di pubblicare il concorso per l assunzione di un collaboratore amministrativo a tempo pieno: l aumento dei casi di competenza dell ARP 15, come pure le nuove procedure introdotte dal diritto federale e cantonale e le maggiori formalità richieste dalla Camera di protezione del Tribunale di appello, hanno di fatto comportato un notevole aumento del carico lavorativo al segretariato di questa Autorità regionale di protezione. Il concorso pubblicato servirà quindi ad aumentare del 50% l effettivo di personale al segretariato ARP15, mentre il restante 50% compenserà il dimezzamento dell attività ARP dell attuale collaboratore di Giubiasco, che per il restante 50% resterà ai servizi sociali del Comune di Giubiasco. Nel corso dell anno 2015 sarà presumibilmente necessario procedere alla pubblicazione di un nuovo concorso per l assunzione di personale: una collaboratrice dell attuale segretariato di Bellinzona raggiungerà l età del pensionamento e toccherà al Comune-sede sostituirla. In questi preventivi si manifestano quindi appieno le conseguenze finanziarie della riorganizzazione delle autorità di tutela e curatela accettata in votazione popolare il 3 marzo Oltre all aumento del grado di occupazione del presidente, che dev essere almeno dell 80% 8, si manifesta un po dappertutto la necessità di rafforzare anche l apparato amministrativo delle ARP. L unico elemento che presumibilmente non muterà sarà la partecipazione del Cantone alle spese di funzionamento di queste Autorità, determinata annualmente dal Consiglio di Stato a posteriori. Segnaliamo inoltre di transenna le crescenti difficoltà incontrate nel reperire tutori e curatori volontari ai quali affidare i casi di protezione. Non è escluso che nei prossimi anni l ARP dovrà dotarsi di uno o più tutori ufficiali; la Città ne ha già assunti due da qualche anno. Ricordiamo che i costi per i locali, i mobili e le attrezzature dell ARP15 sono a carico di Giubiasco: le altre spese vengono invece ripartire tra i 16 Comuni del comprensorio in proporzione al numero di abitanti 9. Sostegno finanziario ai servizi cantonali Sempre alle uscite citiamo il contributo che i Comuni saranno tenuti a versare anche nell anno 2015 per assicurare l erogazione dei servizi cantonali: che poi, in segno di apprezzamento, aumentano anche le tasse dei servizi che prestano ai Comuni medesimi. L importo prelevato dal Cantone ai Comuni ammonta complessivamente, come l anno scorso, a 25 milioni di franchi: si tratta di una somma ragguardevole, che i Comuni non avranno più a disposizione per migliorare la qualità dei loro servizi. Oltre al prelievo sopra indicato, il Consiglio di Stato propone anche di ridurre il contributo forfetario versato ai Comuni per sezione di Scuola elementare e di Scuola dell infanzia. A compenso di quest ulteriore prelievo, il Consiglio di Stato pensa di migliorare il gettito fiscale dei Comuni (oltre al suo) grazie a un potenziamento degli effettivi della Divisione delle contribuzioni, come pure ad un ritocco delle prestazioni assistenziali e ad una riduzione delle provvigioni di riscossione dell imposta alla fonte. Questi esercizi, più contabili che politici, confermano l esigenza di fare maggiore chiarezza sui principi che regolano la ripartizione dei compiti e degli oneri tra Cantone e Comuni: esigenza più volte manifestata, finora senza un riscontro concreto. Rifiuti: un sacco di proposte Come indicato più sopra, all aumento dei ricavi concorrerà anche la reintroduzione della tassa base sui rifiuti. Il ricavo di questa tassa è sempre stato incluso nei preventivi del Comune, alla voce contabile , visto che la decisione sulla rinuncia al prelievo è 8 Legge 8 marzo 1999 sull organizzazione e la procedura in materia di protezione del minore e dell adulto, art. 9 cpv. 1 9 Legge 8 marzo 1999 sull organizzazione e la procedura in materia di protezione del minore e dell adulto, art.17.

4 4 presa di anno in anno in autunno dal Municipio sulla base delle prime proiezioni sul consuntivo dell anno medesimo. A seguito della modifica del Regolamento comunale del 2 dicembre 1996 per i servizi di raccolta e di eliminazione dei rifiuti, votata dal Consiglio comunale il 13 dicembre , la tassa base non è più stata prelevata dall anno La rinuncia al prelievo della tassa figura ogni anno nei consuntivi ed è segnalata nel messaggio che li accompagna, sotto la medesima voce contabile poc anzi indicata. Il Consiglio comunale, su proposta del Municipio, ha preso questa decisione per far beneficiare direttamente cittadine e cittadini dei risparmi ottenuti con l introduzione della tassa sul sacco a far conto dal 1 marzo 1997, alla quale ha fatto seguito una drastica diminuzione dei quantitativi di rifiuti solidi urbani consegnati all allora Consorzio incenerimento rifiuti di Riazzino e quindi anche dei costi a carico del Comune. Nel corso di questi ultimi quindici anni tanto i costi quanto i quantitativi della raccolta di rifiuti sono costantemente aumentati: la solida situazione finanziaria del Comune, che negli ultimi anni ha visto aumentare considerevolmente il capitale proprio accumulato, non ha finora giustificato la reintroduzione della tassa base. Questa situazione è destinata a modificarsi già dall anno 2014, per i motivi che indicheremo nei consuntivi di quest anno, come pure nel 2015 e negli anni successivi, ciò che ha motivato il Municipio a considerare la reintroduzione della tassa base dall anno Non saranno invece modificate le tasse sul sacco dei rifiuti, introdotte nell anno 1997 e da allora mai modificate: il Municipio attende di conoscere le decisioni del Gran Consiglio che ha già fatto sapere di voler consultare i Comuni sulla proposta d introduzione di un sistema di tasse causali sullo smaltimento dei rifiuti a livello cantonale 11. Voluminosi investimenti Il preventivo 2015 è accompagnato anche dall aggiornamento del piano finanziario 2015/2018 e del piano delle opere 2013/2020: documenti che - pur se non devono essere formalmente approvati dal Legislativo comunale - forniscono utili indicazioni: ci riferiamo al piano finanziario, in particolare, quanto concerne l evoluzione a medio termine delle finanze comunali. L evoluzione indica che nei prossimi anni non si può escludere la necessità dover ulteriormente modificare il moltiplicatore comunale d imposta. E` ancora troppo presto per dirlo con esattezza: molto dipenderà anche da fattori esterni al Comune quali l evoluzione congiunturale, l evoluzione finanziaria degli altri Comuni ticinesi, il risanamento delle finanze cantonali e altro ancora. Il 2015 sarà anche l anno del rinnovo dei poteri cantonali e federali: sarà quindi presumibilmente negli anni successivi che verranno, se del caso, prese dalla Confederazione ma soprattutto dal Cantone le decisioni di portata politica fondamentale anche per i Comuni. Va pure segnalato anche che a medio termine si prevede un volume non indifferente d investimenti comunali, sulla falsariga di quanto previsto per l anno in corso, con un onere per gli ammortamenti simile a quello degli altri anni. Nel 2015 è previsto l avvio di opere importanti e attese, quali la sistemazione della parte alta di Piazza Grande, la sistemazione del riale Vallascia nel tratto che scorre sul sedime della Scuola media, la ristrutturazione del Palazzo comunale e la sistemazione del centro rifiuti in via al Ticino. Fra questi progetti figura anche la realizzazione della Chiè d`lena a Dalpe, che avevamo anticipato nel messaggio municipale già citato accompagnante i preventivi 2014 (pag. 9); le tappe successive vengono illustrate nel messaggio separato, sottoposto al Consiglio comunale contemporaneamente a questi preventivi. Per l Azienda acqua potabile il 2015 sarà un anno decisivo: dopo aver sprecato anni in un contenzioso risoltosi con la decisione 11 settembre 2014 del Tribunale federale che ha confermato la correttezza della decisione 28 giugno 2012 del Gran Consiglio (rilascio ai Municipi di Giubiasco, Pianezzo e Sant Antonio della concessione, per la durata di 40 anni, per l utilizzazione delle acque di diversi gruppi sorgivi in Valle Morobbia; variante di PR a Sant Antonio per la modifica dei piani del paesaggio, dei servizi tecnologici, del traffico e delle zone per le attrezzature ed edifici di interesse pubblico; variante di PR a Giubiasco per la definizione della zona d interesse pubblico Serbatoio Madonna degli Angeli; dissodamenti) e dopo lo stralcio del 25 settembre 2014 dei ricorsi al Consiglio di Stato contro la licenza edilizia del 5 giugno 2014 rilasciata dai Municipi di Pianezzo, Sant Antonio e Giubiasco per la 10 Messaggio municipale n. 20/1999 Servizio raccolta rifiuti urbani: rinuncia temporanea al prelievo della tassa base. 11 Messaggio del Consiglio di Stato n. 6958, del 2 luglio 2014: Rapporto del Consiglio di Stato sull iniziativa parlamentare 19 ottobre 2009 presentata nella forma elaborata da Manuele Bertoli e cofirmatari (ripresa da Carlo Lepori) Per l introduzione della tassa sul sacco cantonale - Controprogetto vertente sulla modifica degli art. 18 e 28 e sull introduzione degli art. 18a, 18b e 18c LALPAmb.

5 5 realizzazione dell acquedotto intercomunale della Valle Morobbia, il progetto può passare alla fase operativa. L inizio dei lavori è previsto per l autunno Il FER Per completare le informazioni date nel messaggio municipale sui preventivi 2014 in merito all abolizione delle privative sulla fornitura di energia elettrica (pag. 9), segnaliamo ora le nuove entrate determinate sia dalla modifica della Legge cantonale di applicazione della Legge federale sull approvvigionamento elettrico (LA-LEI, decisa dal Gran Consiglio l 8 novembre , entrata in vigore il 1 gennaio 2014) sia dalla modifica della Legge cantonale sull energia (LEne, decisa dal Gran Consiglio il 19 dicembre ed entrata in vigore il 1 marzo 2014). La sostituzione vera e propria della privativa è data dalla tassa per l uso speciale delle strade cantonali e comunali, che porta al Comune di Giubiasco circa un terzo di quanto portava la privativa. Inoltre, fondandosi sul nuovo art. 8d della Legge cantonale sull energia, il Gran Consiglio ha contemporaneamente emanato anche il Decreto legislativo 19 dicembre 2013 concernente la definizione del prelievo sulla produzione e sui consumi di energia elettrica da destinare al finanziamento delle attività nell ambito dell efficienza energetica e del risparmio energetico, a decorrere dal 1 gennaio Il prelievo è stabilito in 1 cts/kwh: andrà ad alimentare il Fondo per le energie rinnovabili (FER) istituito con l accettazione popolare del 5 giugno 2011 del controprogetto all iniziativa popolare elaborata il 16 aprile 2010 Per un AET senza carbone. Il Regolamento del Fondo per le energie rinnovabili del 29 aprile definisce la destinazione e le condizioni di accesso a questi finanziamenti. Nel settembre 2014 il Dipartimento del territorio ha quindi comunicato la stima del contributo a beneficio di ogni singolo Comune, che per Giubiasco ammonta a ca. fr. 400'000.- Toccherà ora al Municipio definire i progetti da sostenere. 2. Le priorità del Rapporti Stato-Comuni Sul fronte dei rapporti tra Stato e Comuni quanto indicato sia nel messaggio sui preventivi 2014 che nel messaggio sui consuntivi 2013 può essere nuovamente sottoscritto. Infatti la Piattaforma di dialogo Cantone-Comuni, che dovrebbe fungere da sede abituale di contatto tra i due livelli istituzionali a volte viene ancora bypassata e i Comuni si ritrovano con dei travasi di compiti senza che queste proposte siano state concordate. Un passo avanti nella riforma dei rapporti tra Cantone e Comuni è però stata fatta. Il Gran Consiglio, con l adozione del preventivo 2013 approvava la Roadmap e in particolare invitava il Governo a valutare la necessità, l efficienza e l efficacia dei compiti svolti dallo Stato e del sistema perequativo e a procedere alla revisione dei compiti, dei relativi oneri e dei meccanismi della perequazione intercomunale. A tale scopo è stato istituito un gruppo di lavoro interdipartimentale che ha rassegnato un primo rapporto nel quale evidenzia la necessità di affrontare questi temi in un contesto più ampio. Ha poi continuato l approfondimento che ha portato, nel gennaio 2014, ad un secondo rapporto che pone le basi per l avvio di un approfondimento generalizzato e strutturato in cinque assi principali di intervento che sono: la politica delle aggregazioni, la riforma dei compiti, la riforma dei flussi, la riforma della perequazione e la riforma dell amministrazione cantonale e comunale. Questi rapporti sono serviti per il coinvolgimento della Piattaforma di dialogo Cantone-Comuni. I rappresentanti degli enti locali in piattaforma hanno accolto positivamente questo progetto ma hanno chiesto tempo fino alla fine del 2014 prima di esprimere un parere definitivo e vincolante riguardo alla partecipazione ai lavori e all assunzione dei relativi oneri. Si sono comunque detti favorevoli a che il progetto sia gestito e finanziato in modo paritetico. Questo tema viene ora approfondito da un nuovo gruppo di lavoro allargato, istituito dal Governo per approfondire le strategie in vista dell inizio dei lavori della Riforma. Questo gruppo di lavoro è paritetico: cinque rappresentanti del Cantone (un funzionario per ogni dipartimento) e cinque rappresentanti dei Comuni (ACT, ERS del Luganese, Mendrisiotto) ed ha iniziato il suo lavoro che dovrebbe concludersi entro dicembre Il Consiglio di Stato, per evitare ritardi, sta preparando un messaggio all indirizzo del Gran Consiglio per la richiesta di un credito quadro limitato al periodo 2015/2017. L esperienza fatta nell ambito dei precedenti tentativi di riforma suggerisce cautela ma l impostazione del lavoro basata su un coinvolgimento paritetico delle parti e su un progetto 12 BU n. 66/2013 del 27 dicembre 2013, pag BU n. 12/2012 del 28 febbraio 2014, pag BU n. 39/2014, dell'11 luglio 2014, pag. 401.

6 6 strutturato e dotato dei mezzi necessari (sia umani che finanziari) dovrebbe garantire maggiori possibilità di successo. 2.2 Lo sviluppo regionale Aggregazioni A due anni dalla sottoscrizione dell istanza d aggregazione, il progetto che vuole gettare le basi per permettere al Bellinzonese di affrontare le sfide del futuro, aumentarne la competitività e la forza finanziaria ed economica - sta per entrare nella sua fase finale, quella che porterà direttamente alla votazione consultiva. Ricordiamo che il progetto è stato strutturato in 4 moduli. La Carta dei valori del nuovo Comune (modulo 1) è stata elaborata nel workshop di clausura della Commissione di studio che si è svolto presso il Convento del Bigorio nel mese di giugno Il modello organizzativo (modulo 2) e gli obiettivi strategici (modulo 3) sono stati elaboratori da 10 gruppi di lavoro settoriali, attivi dall autunno 2013 alla primavera 2014, e poi sottoposti alla Commissione di studio, che ha preso atto delle risultanze e ne ha discusso in due workshop: 19 settembre 2014 presso l Agriturismo La Vigna di Cadenazzo e ottobre 2014 presso il Dazio Grande di Rodi Fiesso. Al termine di quest ultimo workshop la Commissione di studio ha condiviso nel principio i contenuti del Progetto di Aggregazione (modello organizzativo, obiettivi strategici, piano finanziario e piano delle opere) che confluiranno nel Rapporto finale. Il progetto verrà quindi ora affinato e, nei primi mesi del 2015, sarà in consultazione presso i Municipi dei 17 Comuni e presentato alla popolazione in occasione di una nuova tornata di incontri informativi. Nella primavera 2015 la Commissione di studio ratificherà il Rapporto definitivo e lo consegnerà al Consiglio di Stato. La votazione consultiva dovrebbe così svolgersi tra il mese di giugno e di ottobre del Si ricorda che formalmente la decisione per l aggregazione di Comuni compete al Gran Consiglio, il quale si esprimerà tenendo conto dell esito della votazione consultiva. Va inoltre segnalata la conclusione nel mese di maggio 2014 della prima procedura di consultazione sugli indirizzi e sugli scenari aggregativi del progetto di Piano Cantonale delle Aggregazioni (PCA). Per quanto riguarda il Bellinzonese, lo scenario proposto dal PCA corrisponde a quanto deciso dai 17 Comuni che hanno inoltrato l istanza d aggregazione al Consiglio di Stato, i quali peraltro, alla consultazione hanno inoltrato una risposta congiunta. La volontà dei Municipi è stata dunque debitamente tenuta in considerazione, tuttavia nella definizione di nuovi Comuni aggregati occorrerà evitare di creare ulteriori squilibri tra poli urbani (1 Comune con 100'000 abitanti e gli altri con la metà). D altro canto il PCA non sarà sufficiente se parallelamente non sarà attuata la revisione dei flussi e delle competenze tra Cantone e Comuni (con una chiara suddivisione dei compiti e delle responsabilità) e il Cantone non definirà fin da subito quali e quante risorse intende investire nella realizzazione del Piano e pertanto il supporto che vorrà dare al Progetto aggregativo del Bellinzonese, progetto che, come detto, rispecchia esattamente quanto indicato dal PCA e che si ritiene uno dei tasselli fondamentali per il raggiungimento dello stesso. Nel corso del 2015 vi sarà una seconda consultazione che avrà come oggetto gli aspetti attuativi. Dopodiché, a fine 2015, il messaggio concernente l approvazione del PCA sarà sottoposto al Gran Consiglio, come prevede la Legge sulle aggregazioni e separazioni dei Comuni. Potenziamento dei trasporti pubblici. Il prossimo mese di dicembre, in occasione del cambio orario, entreranno in vigore le misure di potenziamento dell offerta di trasporto pubblico urbano (Trasporto Pubblico del Bellinzonese TPB) nel quadro del Programma d Agglomerato del Bellinzonese (PAB). Il nuovo piano di trasporto pubblico è stato presentato nelle scorse settimane a Bellinzona dalla Commissione regionale dei Trasporti, dal Dipartimento del territorio e da AutoPostale Svizzera, in occasione della giornata della mobilità sostenibile. In quell occasione il nuovo schema di rete è stato riprodotto su un immenso tappeto posato su Piazza del Sole. La nuova offerta garantirà una maggiore frequenza di corse e un estensione nella fascia serale e durante i fine settimana. Per permettere questa estensione del servizio sono state create delle corsie preferenziali per i bus nel centro di Bellinzona e ricalibrati alcuni nodi semaforici in modo da garantire una maggiore fluidità del trasporto pubblico. I costi di questa nuova offerta sono descritti al centro di costo 710 Trasporti pubblici.

7 7 3. Il preventivo del COMUNE per il 2015 Nel 2015 il fabbisogno da coprire con le imposte è superiore rispetto all anno precedente, come si evince dalla tabella che segue. Si constata un aumento delle spese correnti pari a fr. 863'405.- (+3%) e una diminuzione dei ricavi correnti di fr. 393'200.- (-3.0%). Per gli ammortamenti il Municipio ha mantenuto gli stessi tassi percentuali applicati finora ma ha considerato, come si può vedere dall aggiornamento del piano finanziario, una percentuale di investimenti pagati del 50%, come già applicato con il preventivo 2014, rispetto agli investimenti netti previsti; questo porta ad un tasso d ammortamento medio del 12.0% circa. In termini assoluti gli investimenti restano elevati e al proposito rimandiamo al dettaglio del conto investimenti nel fascicolo allegato che informa in modo dettagliato sui progetti che il Comune sta realizzando, e su quelli previsti. Ricordiamo che il preventivo del conto investimenti ha valore programmatico e non deve essere votato dal Consiglio comunale (R sulla gestione finanziaria e contabilità dei comuni, art. 18). Rimandiamo inoltre all aggiornamento del Piano finanziario e delle opere allegato al preventivo 2015, per le considerazioni di più ampio respiro sull evoluzione degli oneri per investimenti. Tenuto conto delle tendenze in atto il moltiplicatore tecnico si attesta a 98.6 punti. Per la valutazione dell evoluzione di questo dato rimandiamo al documento allegato relativo al Piano Finanziario. Preventivo 2015 Preventivo 2014 Variazione Uscite correnti 27'107'340 25' % Ammortamenti amministrativi 2' ' % Addebiti interni % Totale spese correnti 30' ' % Entrate correnti (senza imposte) 12' ' % Accrediti interni % Totale ricavi correnti (senza imposte) 12'832'950 13' % Fabbisogno di imposta 17' ' % 3.1 Conto di gestione corrente Il Regolamento organico per i dipendenti del Comune approvato dal Consiglio comunale il 9 dicembre 2002 / 16 giugno 2003 chiede: che l importo complessivo degli aumenti delle retribuzioni sia a preventivo (art. 25); che l adeguamento degli stipendi al rincaro sia approvato dal Consiglio comunale (art. 27). L indice dei prezzi al consumo del mese di settembre 2014 si situa a punti ed è inferiore rispetto all indice di settembre 2008 (160.8 ultimo adeguamento degli stipendi al rincaro) per cui il Municipio ha così deciso di non calcolare alcun rincaro per l anno Gli agenti del Posto di polizia sono invece retribuiti e indennizzati come la Polizia cantonale (RO, art. 20), anche per loro, come previsto dal Cantone, non è stato calcolato rincaro. Per i docenti fa stato la Legge concernente l adeguamento degli stipendi e delle pensioni statali al rincaro, con il relativo decreto esecutivo: anche per questa categoria non è stato previsto rincaro. Richiamato l art. 27 RO, nell approvare i preventivi il Consiglio comunale avalla la proposta del Municipio di mantenere invariati gli stipendi 2015 rispetto a quelli del 2014, come calcolato nelle cifre dettagliate del preventivo. Il Municipio propone inoltre i seguenti crediti: a. Fr. 68'500.- ripartiti nei vari conti, anche se in modo non preciso, restano da prendere le decisioni individuali, destinati all aumento retributivo di cui al cpv. 1 dell art. 25 RO, per il personale amministrativo, gli operai del Comune, e dell AAP ancora in carriera (cioè assunto da non molti anni e ancora lontano dal punto d arrivo medio per attività comparabili), purché meritevole: il credito comprende pure i costi per gli scatti di anzianità e le promozioni nel corpo di polizia. b. Fr. 30'000.- aggiunti al credito degli stipendi e indennità del personale in Cancelleria, e destinati agli adeguamenti di cui al cpv. 2 dell art. 25 RO. Essi verranno se del caso ripartiti nei vari conti secondo l esito delle valutazioni individuali dei dipendenti, effettuate a fine anno.

www.integration.zh.ch

www.integration.zh.ch Cantone di Zurigo Dipartimento della giustizia e degli interni Ufficio cantonale per l integrazione Informazioni per i nuovi arrivati dall estero www.integration.zh.ch Indice 03 Immigrazione e diritto

Dettagli

Analisi e proiezioni finanziarie per i singoli Comuni

Analisi e proiezioni finanziarie per i singoli Comuni ALLEGATO 5 Analisi e proiezioni finanziarie per i singoli Comuni Scenario di investimento minimo (progetti di prima priorità) Confronto tra la proiezione finanziaria dei singoli Comuni 2001-2009 e lo scenario

Dettagli

Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti

Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti (Legge sul Tribunale federale dei brevetti; LTFB) Avamprogetto del... L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo 191a capoverso

Dettagli

A B C. II. Cos è il Consiglio comunale. 1 La composizione e l elezione del Consiglio comunale. 2 La carica di consigliere comunale

A B C. II. Cos è il Consiglio comunale. 1 La composizione e l elezione del Consiglio comunale. 2 La carica di consigliere comunale II. 1 La composizione e l elezione del Consiglio comunale 2 La carica di consigliere comunale 3 I gruppi in Consiglio comunale 4 Le Commissioni del Consiglio comunale 5 Le competenze decisionali del Consiglio

Dettagli

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003)

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003) Sezione della logistica Repubblica e Cantone Ticino Via del Carmagnola 7 Dipartimento delle finanze e dell'economia 6501 Bellinzona Divisione delle risorse Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni

Dettagli

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere 2.09 Contributi Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Questo promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2

DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2 5.2.4 DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI Bellinzona, gennaio 2009 CIRCOLARE N. 4/2008 Abroga la circolare n. 4/2007 del gennaio 2008 DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2 2. Scuole

Dettagli

Signor Presidente, signore Consigliere comunali, signori Consiglieri comunali,

Signor Presidente, signore Consigliere comunali, signori Consiglieri comunali, Messaggio municipale 7/2012 accompagnante la richiesta di un credito di fr. 700'000 per la progettazione definitiva della tappa prioritaria della rete tram Signor Presidente, signore Consigliere comunali,

Dettagli

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale obbligatoria (LPP) in Svizzera Stato gennaio 2015 Sommario Il 2 pilastro nel sistema previdenziale svizzero 3 Obbligo

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

Legge federale sulle istituzioni che promuovono l integrazione degli invalidi

Legge federale sulle istituzioni che promuovono l integrazione degli invalidi Legge federale sulle istituzioni che promuovono l integrazione degli invalidi (LIPIn) 831.26 del 6 ottobre 2006 1 (Stato 1 gennaio 2008) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli

Dettagli

La ricostruzione della carriera del personale della scuola

La ricostruzione della carriera del personale della scuola La ricostruzione della carriera del personale della scuola Se guardiamo gli ultimi 50 anni, l evoluzione della progressione di carriera aveva subito parecchie variazioni, ma sostanzialmente un principio

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Struttura giuridica e sede del Tribunale

Struttura giuridica e sede del Tribunale Bundesgericht Tribunal fédéral Benvenuti! Visita del Tribunale federale Tribunale federale Tribunal federal Vista della facciata frontale, Tribunale federale Losanna Foto: Philippe Dudouit L organizzazione

Dettagli

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Che cos è il Centro diurno regionale Ai Gelsi? Il nuovo Centro diurno socio-assistenziale con sede a Riva San Vitale si inserisce nel

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale COMUNE DI DIMARO Provincia di Trento Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale OGGETTO: A pprovazione disciplinare per il trasferimento volontario delle attività propedeutiche alla riscossione

Dettagli

ICEC CPP Corsi di Perfezionamento Professionale. Corsi di Perfezionamento Professionale

ICEC CPP Corsi di Perfezionamento Professionale. Corsi di Perfezionamento Professionale Corsi di Perfezionamento Professionale I Corsi di Perfezionamento Professionale costituiscono una struttura creata per fornire determinati servizi centrali all ICEC (Istituto cantonale di economia e commercio)

Dettagli

Direzione scolastica congiunta per gli istituti scolastici di Medio Malcantone, Croglio Monteggio, Ponte Tresa, Pura e Sessa

Direzione scolastica congiunta per gli istituti scolastici di Medio Malcantone, Croglio Monteggio, Ponte Tresa, Pura e Sessa Concorso per l assunzione di un/a direttore/direttrice scolastico/a con un grado di occupazione al 100% per le scuole elementari e dell infanzia dall anno scolastico 2015-2016 Il Municipio di Novaggio

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

STATUTI DELLA SEZIONE BELLINZONA E VALLI DEL CLUB ALPINO SVIZZERO

STATUTI DELLA SEZIONE BELLINZONA E VALLI DEL CLUB ALPINO SVIZZERO STATUTI DELLA SEZIONE BELLINZONA E VALLI DEL CLUB ALPINO SVIZZERO I GENERALITÀ Natura giuridica Art. 1. La sezione Bellinzona e Valli del Club Alpino Svizzero (detta in seguito semplicemente Sezione) è

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

Indennità di perdita di guadagno. Persone aventi diritto alle indennità

Indennità di perdita di guadagno. Persone aventi diritto alle indennità 6.01 Stato al 1 gennaio 2009 perdita di guadagno Persone aventi diritto alle indennità 1 Hanno diritto alle indennità di perdita di guadagno (IPG) le persone domiciliate in Svizzera o all estero che: prestano

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90

Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90 Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90 ART. 1 SERVIZI PUBBLICI ESSENZIALI 1. Ai sensi della legge 12 giugno 1990, n. 146, i servizi pubblici da considerare

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA REGOLAMENTO COMUNALE per la disciplina della concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausili finanziari e l attribuzione di vantaggi economici 1 CAPO

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000 Testo originale 0.360.454.1 Accordo tra la Confederazione Svizzera e la Repubblica italiana relativo alla cooperazione tra le autorità di polizia e doganali Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

4.06 Stato al 1 gennaio 2013

4.06 Stato al 1 gennaio 2013 4.06 Stato al 1 gennaio 2013 Procedura nell AI Comunicazione 1 Le persone che chiedono l intervento dell AI nell ambito del rilevamento tempestivo possono inoltrare una comunicazione all ufficio AI del

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

Comune di Giubiasco. Regolamento concernente le tasse per l»uso speciale di beni amministrativi

Comune di Giubiasco. Regolamento concernente le tasse per l»uso speciale di beni amministrativi Comune di Giubiasco Regolamento concernente le tasse per l»uso speciale di beni amministrativi Regolamento concernente le tasse per l»uso speciale di beni amministrativi In generale Art. 1 Per l»uso speciale

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

inform@ata news n.02.15

inform@ata news n.02.15 Per contatti o segnalazioni: e-mail: r.fiore@flcgil.it siti internet: www.flc-cgiltorino.it www.flcgil.it inform@ata news n.02.15 la newsletter di informazione sulle problematiche del settore ATA della

Dettagli

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera (Legge sulla cittadinanza, LCit) 1 141.0 del 29 settembre 1952 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO ANZIANITÀ DI SERVIZIO QUESITO (posto in data 11 luglio 2013) Sono Dirigente Medico di primo livello dal marzo del 2006 e di ruolo, senza interruzioni di servizio, dal luglio 2007. Mi hanno già

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda TCS Carta Aziendale Soccorso stradale e protezione giuridica circolazione per veicoli aziendali TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda Un problema in viaggio? Ci pensa il Suo pattugliatore

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

Comune di Fusignano ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa. Sottoreport Comune

Comune di Fusignano ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa. Sottoreport Comune CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA AMMINISTRATIVA RESPONSABILE: GIANGRANDI TIZIANA 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

Fattura elettronica: esenzioni

Fattura elettronica: esenzioni Fattura elettronica: esenzioni Con l entrata in vigore del sistema della fatturazione elettronica, istituita dall articolo 1, commi da 209 a 213 della legge 24 dicembre 2007, n. 244 e regolamentata dal

Dettagli

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Edificio Ai sensi dell art. 3 del ordinanza sul Registro federale degli edifici e delle abitazioni, l edificio è definito come segue: per

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Direttive della CAV PP D 02/2013

Direttive della CAV PP D 02/2013 italiano Commissione di alta vigilanza della previdenza professionale CAV PP Direttive della CAV PP D 02/2013 Indicazione delle spese di amministrazione del patrimonio Edizione del: 23.04.2013 Ultima modifica:

Dettagli

1.03 Stato al 1 gennaio 2012

1.03 Stato al 1 gennaio 2012 1.03 Stato al 1 gennaio 2012 Accrediti per compiti assistenziali Base legale 1 Le disposizioni legali prevedono che, per il calcolo delle rendite, possano essere conteggiati anche accrediti per compiti

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

COMUNE DI ROVELLASCA

COMUNE DI ROVELLASCA COMUNE DI ROVELLASCA Provincia di COMO REGOLAMENTO SERVIZIO DI VOLONTARIATO CIVICO COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 5 del 13.04.2015 Ripubblicato all Albo pretorio dal 13.05.2015 al 28.05.2015

Dettagli

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres.

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. LR 12/2006, articolo 6, commi da 82 a 89. Regolamento concernente i criteri

Dettagli

Rapporto esplicativo

Rapporto esplicativo Rapporto esplicativo concernente l approvazione del Protocollo n. 15 recante emendamento alla Convenzione per la salvaguardia dei diritti dell uomo e delle libertà fondamentali 13 agosto 2014 Compendio

Dettagli

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM)

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM) Fabio Pammolli (Direttore CeRM) CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? 1 CeRM Competitività, Regole, Mercati Dopo anni di dibattito e anche qualche tentativo non riuscito,

Dettagli

Condizioni generali di BKW Energie SA per la fornitura di energia elettrica a consumatori finali con libero accesso alla rete

Condizioni generali di BKW Energie SA per la fornitura di energia elettrica a consumatori finali con libero accesso alla rete Condizioni generali di BKW Energie SA per la fornitura di energia elettrica a consumatori finali con libero accesso alla rete CG di BKW I per la fornitura di energia elettrica a consumatori finali con

Dettagli

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007)

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA 1 (annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

Comune di Bagnacavallo

Comune di Bagnacavallo CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: SETTORE SEGRETERIA RESPONSABILE: GRATTONI ANGELA 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Settore Segreteria 1 SETTORE SEGRETERIA

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli