I sistemi tariffari per le ospedaliera prestazioni di assistenza

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I sistemi tariffari per le ospedaliera prestazioni di assistenza"

Transcript

1 NUMERO 9 APRILE 2005 NUMERO 10 GIUGNO 2010 I sistemi tariffari per le prestazioni I sistemi tariffari di assistenza per le ospedaliera prestazioni di assistenza Ospedaliera. Un esame della normativa Nazionale Un esame e regionale della normativa Nazionale e regionale Primo aggiornamento secondo aggiornamento

2 Centro studi di economia sanitaria Ernesto Veronesi Direttore: Paolo Gazzaniga

3 I sistemi tariffari per le prestazioni di assistenza ospedaliera Un esame della normativa nazionale e regionale secondo aggiornamento A cura di: Giuseppina Petrarca

4 INDICE INTRODUZIONE 3 GLI INDIRIZZI DEL MINISTERO DELLA SALUTE 6 Normativa di riferimento 6 Il Sistema DRG in Italia 8 La tariffa unica convenzionale (T.U.C.) 11 I SISTEMI TARIFFARI REGIONALI 13 Regione ABRUZZO 16 Regione BASILICATA 18 Provincia Autonoma BOLZANO 20 Regione CALABRIA 22 Regione CAMPANIA 24 Regione EMILIA ROMAGNA 26 Regione FRIULI VENEZIA GIULIA 29 Regione LAZIO 31 Regione LIGURIA 33 Regione LOMBARDIA 35 Regione MARCHE 38 Regione MOLISE 41 Regione PIEMONTE 43 Regione PUGLIA 47 Regione SARDEGNA 49 Regione SICILIA 51 Regione TOSCANA 53 Provincia Autonoma TRENTO 55 Regione UMBRIA 57 Regione VALLE D AOSTA 59 Regione VENETO 61 CONCLUSIONI 63 RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI 64 PUBBLICAZIONI DEL CENTRO STUDI ASSOBIOMEDICA 65 ANALISI 65 GUIDE PRATICHE 66 OSSERVATORIO TECNOLOGIE 67 STUDI 67 TEMI DI DISCUSSIONE 69 2

5 INTRODUZIONE Prima del 1995 gli ospedali pubblici erano finanziati sulla base di previsioni di spesa e di successivi rimborsi a piè di lista delle spese sostenute, mentre gli ospedali privati convenzionati erano remunerati in proporzione alle giornate di degenza e sulla base di una diaria che non faceva distinzioni tra le prestazioni erogate. A partire dal 1995 tanto gli ospedali pubblici (siano essi aziende ospedaliere o presidi di aziende sanitarie locali) quanto gli ospedali privati accreditati hanno cominciato a essere remunerati in maniera prospettica sulla base di determinate tariffe, in proporzione e a seconda delle prestazioni erogate. Questo è l impianto in tema di remunerazione delle prestazioni di assistenza ospedaliera stabilito dalla riforma introdotta dal Dlgs N.502/92 e che sostanzialmente ha resistito ai successivi provvedimenti di riforma (DLgs N.517/93 e soprattutto Dlgs N.229/00). Tale meccanismo di remunerazione vede nel cosiddetto sistema DRG (Diagnosis Related Group) lo strumento di valutazione della casistica ( case-mix ) e di identificazione delle categorie omogenee di prestazioni. Il sistema DRG nasce da una ricerca dell Università di Yale nel Esso si basa sull individuazione di percorsi assistenziali standard, 1 determinati in base alla diagnosi principale di dimissione, al consumo di risorse, alla durata della degenza, all età, al sesso dei pazienti e ad altri fattori. Tali informazioni sono elaborate dalla scheda di dimissione ospedaliera (SDO) 2, compilata dalla struttura erogatrice in seguito ad ogni ricovero, grazie ad un software ( grouper ), che attribuisce ciascun caso ad uno specifico codice DRG. Il fatto che la tipologia di casi trattati da una struttura abbia un impatto determinante sul consumo di risorse e quindi sui costi, ha portato il sistema DRG ad essere utilizzato ai fini della remunerazione degli erogatori. Esso viene, infatti, introdotto nel sistema sanitario statunitense Medicare dalla HCFA (Health Care Financing Administration) nel 1984 e comincia a diffondersi negli altri paesi occidentali, tra cui l Italia nel Detti anche Raggruppamenti Omogenei di Diagnosi (R.O.D.). 2 La scheda SDO individua un codice della classificazione ICD-9-CM, la classificazione internazionale delle patologie integrata con la classificazione degli interventi chirurgici e delle procedure diagnostiche e terapeutiche che definisce più di diverse prestazioni. Tale classificazione viene continuamente aggiornata; di conseguenza è necessario sempre specificare la versione di riferimento della classificazione, nonché la versione del software grouper ad essa collegato. 3

6 Il passaggio da un meccanismo di rimborso a piè di lista ad un sistema tariffario prospettico, è stato senza alcun dubbio uno degli elementi più importanti nel processo di rinnovamento del Sistema Sanitario Nazionale. Tale cambiamento ha contribuito a registrare una riduzione della durata media della degenza e un aumento di controllo dei costi e dell utilizzo di risorse. Dal 1999 al 2008 la durata media della degenza dei ricoveri ospedalieri per acuti è passata da 6,18 a 5,50 giorni. Tra il 1999 e il 2008 il numero dei casi trattati in regime di ricovero ordinario è diminuito a fronte di un aumento dei casi trattati in regime di day hospital Ministero della Salute, Rapporto annuale sull attività di ricovero ospedaliero Dati attività

7 Le tendenze qui riportate non si possono attribuire esclusivamente all effetto dell adozione di un sistema di pagamento a prestazione, esse sono tuttavia un dato di fatto, in cui sicuramente l impatto di tale scelta è stato determinante. 5

8 GLI INDIRIZZI DEL MINISTERO DELLA SALUTE Normativa di riferimento DM N.169 del (prima determinazione tariffe); Linee di guida N.1/95 del (indicazioni per la determinazione e l applicazione delle tariffe da parte delle regioni); Legge N.549/95 del (legge finanziaria 1996, all art. 2 c.9 dettava disposizioni per l applicazione dei criteri di cui al DM N.169/94); DM N.178 del (aggiornamento tariffe); DM del (ultimo aggiornamento tariffe massime per la remunerazione delle prestazioni sanitarie). Sebbene i riferimenti di indirizzo siano di livello nazionale, ogni regione è responsabile della definizione del meccanismo di remunerazione da adottare all interno del proprio territorio. Negli anni, esse si sono trovate di fronte le seguenti possibilità: adottare le tariffe indicate dal Ministero della Salute, eventualmente modificate (in eccesso o in difetto) di una percentuale prefissata; definire proprie tariffe regionali, mantenendo i pesi relativi definiti a livello nazionale e modificando unicamente il valore per punto di peso; definire proprie tariffe regionali, sulla base di analisi di costo svolte sulle strutture del proprio territorio di riferimento. Semplificando, due sono le strade (alternative) indicate alle regioni per la determinazione di proprie tariffe: 1. stimare i costi standard di produzione di un panel di ospedali (idealmente scelti in virtù del fatto che lì si reputi in grado di essere dei riferimenti in positivo), depurarli dai costi attribuibili a prestazioni erogate in regime ambulatoriale, ed attribuirli a ciascun DRG attraverso specifici algoritmi e tenuto conto del case-mix rilevato (CDA metodo analitico); oppure 2. costruire a tavolino i costi standard di produzione attribuibili a determinati DRG (idealmente scelti tra quelli più omogenei in termini di prestazioni sottese) e da questi ricostruire i valori tariffari di tutti gli altri DRG applicando il corretto sistema di pesi relativi indicato dal Ministero (cd. metodo dei pesi). 6

9 Il costo standard di produzione per prestazione è calcolato sulla base dei costi rilevati presso un campione di soggetti erogatori operanti nell'ambito del territorio regionale. Tale costo fa riferimento alla composizione ed alla qualità di fattori produttivi utilizzati per la produzione della prestazione, valorizzati sulla base dei prezzi unitari medi di acquisto riferiti all'ultimo anno e delle relative eventuali variazioni attese in ragione del tasso di inflazione programmato. Le componenti di costo da considerare per il calcolo del costo standard di produzione della prestazione sono le seguenti: il costo del personale direttamente impiegato; il costo dei materiali consumati; il costo delle apparecchiature utilizzate; i costi generali dell unità produttiva della prestazione. I pesi dovrebbero essere verificati annualmente e le tariffe aggiornate con una periodicità almeno triennale. In realtà, tale disposizione è a volte disattesa, come si può notare dalla normativa prodotta sul tema dalle singole regioni. Le tariffe ministeriali sono fissate uniche per tutti i tipi di ospedale; alle regioni è, però data facoltà di modulare il proprio sistema tariffario in funzione delle diverse tipologie di erogatori, individuate sulla base della complessità della casistica trattata e della complessità funzionale ed organizzativa, nonché in funzione dei volumi di prestazioni erogate. Al fine di avvicinare il più possibile le tariffe ai costi effettivi, alcune regioni, con provvedimenti specifici hanno inoltre fissato ulteriori remunerazioni, riguardanti determinate prestazioni che sottendono l impiego di particolari dispositivi medici (ad esempio l impianto di protesi). 7

10 Il Sistema DRG in Italia Con il Decreto del Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche sociali del 18 dicembre 2008 Aggiornamento dei sistemi di classificazione adottati per la codifica delle informazioni cliniche contenute nella scheda di dimissione ospedaliera e per la remunerazione delle prestazioni ospedaliere, l Italia ha adottato, dal primo gennaio 2009, la versione italiana 2007 della ICD 9 CM 4 e la versione 24.0 del sistema di Diagnosis Related Groups (DRG). Il decreto introduce il terzo aggiornamento dei due sistemi; il primo risale al , anno in cui fu introdotto il sistema alla decima versione degli HCFA DRGs (già utilizzato negli USA nel 1993), e al 1998 in cui fu ultimata la prima traduzione organica e completa dell ICD 9 CM a cura del Dipartimento della Programmazione Sanitaria dell allora Ministero della Sanità. Nel 2005 ci fu la seconda edizione italiana basata sull ICD 9 CM 2002 nonché versione DRG 19 ufficialmente adottata dal 1 gennaio Infine, il DM 18 dicembre 2008 ha adottato la terza edizione dei sistemi di classificazione ICD 9 CM e DRG. La versione 24 DRG, rispetto alla precedente versione, varia per il numero complessivo dei gruppi finali che passa da 506 (numerati da 1 a 523) a 538 (numerati da 1 a 579). L aggiornamento della versione del sistema di classificazione coinvolge comunque tutti i DRG, nel senso che si modifica la logica con cui i pazienti sono raggruppati. Le principali modifiche tra la versione 24 e la versione 19: 54 NUOVI DRG DRG MDC T DECSRIZIONE M ISCHEMIA CEREBRALE TRANSITORIA C IMPIANTO DI ALTRO SISTEMA DI ASSISTENZA CARDIACA C INTERVENTI VASCOLARI INTRACRANICI CON DIAGNOSI PRINCIPALE DI EMORRAGIA C INTERVENTI DI ANASTOMOSI VENTRICOLARE CON CC C INTERVENTI DI ANASTOMOSI VENTRICOLARE SENZA CC C INTERVENTI SUL MIDOLLO SPINALE CON CC C INTERVENTI SUL MIDOLLO SPINALE SENZA CC 4 La ICD 9 CM (International Classification of Diseases, 9th revision, Clinical Modificatio) è un sistema di classificazione internazionale delle malattie, nel quale i traumatismi e le malattie sono ordinati per finalità statistiche, in gruppi tra loro correlati. La classificazione ICD 9 CM è finalizzata a tradurre in codici alfa numerici i termini medici in cui sono espressi le diagnosi di malattia, gli altri problemi di salute e le procedure diagnostiche (Monitor n supplemento). 5 Con la Legge n. 724 del 23 dicembre 1994, in vigore dal 1 gennaio

11 533 1 C INTERVENTI VASCOLARI EXTRACRANICI CON CC C INTERVENTI VASCOLARI EXTRACRANICI SENZA CC C IMPIANTO DI DEFIBRILLATORE CARDIACO CON CATETERISMO CARDIACO CON INFARTO MIOCARDIO ACUTO, INSUFFICIENZA CARDIACA O SHOCK C IMPIANTO DI DEFIBRILLATORE CARDIACO CON CATETERISMO CARDIACO SENZA INFARTO MIOCARDIO ACUTO, INSUFFICIENZA CARDIACA O SHOCK C ESCISSIONE LOCALE E RIMOZIONE DI MEZZI DI FISSAZIONE INTERNA ECCETTO ANCA E FEMORE CON CC C ESCISSIONE DI MEZZI DI FISSAZIONE INTERNA ECCETTO ANCA E FEMORE SENZA CC C LINFOMA E LEUCEMIA CON INTERVENTI CHIRURGICI MAGGIORI CON CC C LINFOMA E LEUCEMIA CON INTERVENTI CHIRURGICI MAGGIORI SENZA CC 541 Pre C OSSIGENAZIONE EXTRACORPOREA A MEMBRANE O TRACHEOSTOMIA CON VENTILAZIONE MECCANICA = 96 ORE O DIAGNOSI PRINCIPALE NON RELATIVA A FACCIA, BOCCA E COLLO CON INTERVENTO CHIRURGICO MAGGIORE 542 Pre C TRACHEOSTOMIA CON VENTILAZIONE MECCANICA = 96 ORE O DIAGNOSI PRINCIPALE NON RELATIVA A FACCIA, BOCCA E COLLO SENZA INTERVENTO CHIRURGICO MAGGIORE C CRANIOTOMIA CON IMPIANTO DI DISPOSITIVO MAGGIORE O DIAGNOSI PRINCIPALE DI PATOLOGIA ACUTA COMPLESSA DEL SISTEMA NERVOSO CENTRALE C SOSTITUZIONE DI ARTICOLAZIONI MAGGIORI O REIMPIANTO DEGLI ARTI INFERIORI C REVISIONE DI SOSTITUZIONE DELL'ANCA O DEL GINOCCHIO C ARTRODESI VERTEBRALE ECCETTO CERVICALE CON DEVIAZIONE DELLA COLONNA VERTEBRALE O NEOPLASIA MALIGNA C BYPASS CORONARICO CON CATETERISMO CARDIACO CON DIAGNOSI CARDIOVASCOLARE MAGGIORE C BYPASS CORONARICO CON CATETERISMO CARDIACO SENZA DIAGNOSI CARDIOVASCOLARE MAGGIORE C BYPASS CORONARICO SENZA CATETERISMO CARDIACO CON DIAGNOSI CARDIOVASCOLARE MAGGIORE C BYPASS CORONARICO SENZA CATETERISMO CARDIACO SENZA DIAGNOSI CARDIOVASCOLARE MAGGIORE C IMPIANTO DI PACEMAKER CARDIACO PERMANENTE CON DIAGNOSI CARDIOVASCOLARE MAGGIORE O DI DEFIBRILLATORE AUTOMATICA (AICD) O DI GENERATORE DI IMPULSI C ALTRO IMPIANTO DI PACEMAKER CARDIACO PERMANENTE SENZA DIAGNOSI CARDIOVASCOLARE MAGGIORE C ALTRI INTERVENTI VASCOLARI CON CC CON DIAGNOSI CARDIOVASCOLARE MAGGIORE C ALTRI INTERVENTI VASCOLARI CON CC SENZA DIAGNOSI CARDIOVASCOLARE MAGGIORE C INTERVENTI SUL SISTEMA CARDIOVASCOLARE PER VIA PERCUTANEA CON DIAGNOSI CARDIOVASCOLARE PER VIA PERCUTANEA CON DIAGNOSI CARDIOVASCOLARE MAGGIORE C C INTERVENTI SUL SISTEMA CARDIOVASCOLARE PER VIA PERCUTANEA CON STENT NON MEDICATO SENZA DIAGNOSI CARDIOVASCOLARE MAGGIORE INTERVENTI SUL SISTEMA CARDIOVASCOLARE PER VIA PERCUTANEA CON STENT MEDICATO CON DIAGNOSI CARDIOVASCOLARE MAGGIORE C INTERVENTI SUL SISTEMA CARDIOVASCOLARE PER VIA PERCUTANEA CON STENT MEDICATO SENZA DIAGNOSI CARDIOVASCOLARE MAGGIORE M ICTUS ISCHEMICO ACUTO CON USO DI AGENTI TROMBOLITICI M INFEZIONE BATTERICHE E TURBERCOLOSI DEL SISTEMA NERVOSO M INFEZIONI NON BATTERICHE DEL SISTEMA NERVOSO ECCETTO MENINGITE VIRALE M CONVULSIONI, ETA' > 17 ANNI CON CC M CONVULSIONI, ETA' > 17 ANNI SENZA CC M CEFALEA, ETA' > 17 ANNI M DIAGNOSI RELATIVE ALL'APPARATO RESPIRATORIO CON RESPIRAZIONE ASSISTITA = 96 ORE 9

12 566 4 M DIAGNOSI RELATIVE ALL APPARATO RESPIRATORIO CON RESPIRAZIONE ASSISTITA < 96 ORE C INTERVENTI SU ESOFAGO, STOMACO E DUODENO, ETA'> 17 ANNI CON CC CON DIAGNOSI GASTROINTESTINALE MAGGIORE C INTERVENTI SU ESOFAGO, STOMACO E DUODENO, ETA'> 17 ANNI CON CC SENZA DIAGNOSI GASTROINTESTINALE MAGGIORE C INTERVENTI MAGGIORI SU INTESTINO CRASSO E TENUE CON CC CON DIAGNOSI GASTROINTESTINALE MAGGIORE C INTERVENTI MAGGIORI SU INTESTINO CRASSO E TENUE CON CC SENZA DIAGNOSI GASTROINTESTINALE MAGGIORE M MALATTIE MAGGIORI DELL'ESOFAGO M MALATTIE GASTROINTESTINALI MAGGIORI E INFEZIONI PERITONEALI C INTERVENTI MAGGIORI SULLA VESCICA M DIAGNOSI EMATOLOGICHE/IMMUNOLOGICHE MAGGIORI ECCETTO ANEMIA FALCIFORME E COAGULAPATIE M SETTICEMIA CON VENTILAZIONE MECCANICA = 96 ORE, ETA' > 17 ANNI M SETTICEMIA SENZA VENTILAZIONE MECCANICA = 96 ORE, ETA' > 17 ANNI C INSERZIONE DI STENT CAROTIDEO M MALATTIE INFETTIVE E PARASSITARIE CON INTERVENTO CHIRURGICO M INFEZIONI POST - OPERATORIE O POST - TRAUMATICHE CON INTERVENTO CHIRURGICO 22 DRG ELIMINATI DRG MDC T DESCRIZIONE C INTERVENTI SUL MIDOLLO SPINALE C INTERVENTI SUI VASI EXTRACRANICI M INFEZIONI DEL SISTEMA NERVOSO ECCETTO MENINGITE VIRALE M CONVULSIONI E CEFALEA ETA` > 17 CON CC M CONVULSIONI E CEFALEA ETA` > 17 SENZA CC C BYPASS CORONARICO CON CATETERISMO CARDIACO C BYPASS CORONARICO SENZA CATETERISMO CARDIACO C IMPIANTO PACEMAKER CARDIACO PERMANENTE CON INFARTO MIOCARDICO ACUTO, INSUFFICIENZA CARDIACA O SHOCK C ALTRI INTERVENTI PER IMPIANTO DI PACEMAKER CARDIACO PERMANENTE O DI DEFIBRILLATORE AUTOMATICO (AICD) O DI GENERATORE DI IMPULSI C INTERVENTI MAGGIORI SU INTESTINO CRASSO E TENUE, CON CC C INTERVENTI SU ESOFAGO, STOMACO E DUODENO, ETA` > 17 CON CC C INTERVENTI SU ARTICOLAZIONI MAGGIORI E REIMPIANTI DI ARTI INFERIORI C ESCISSIONE LOCALE E RIMOZIONE DI MEZZI DI FISSAGGIO INTRAMIDOLLARE ECCETTO ANCA E FEMORE C LINFOMA E LEUCEMIA CON INTERVENTI CHIRURGICI MAGGIORI C INTERVENTI CHIRURGICI PER MALATTIE INFETTIVE E PARASSITARIE M SETTICEMIA, ETA` > M DIAGNOSI RELATIVE ALL'APPARATO RESPIRATORIO CON RESPIRAZIONE ASSISTITA C ALTRI INTERVENTI SUL SISTEMA CARDIOVASCOLARE, CON CC 483 C TRACHEOSTOMIA ECCETTO PER DISTURBI ORALI, LARINGEI O FARINGEI C IMPIANTO DI DEFRIBRILLATORE CARDIACO CON CATETERISMO CARDIACO C INTERVENTI SUL SISTEMA CARDIOVASCOLARE PER VIA PERCUTANEA CON IMA C INTERVENTI SUL SISTEMA CARDIOVASCOLARE PER VIA PERCUTANEA CON INSERZIONE DI STENT NELL'ARTERIA CORONARICA SENZA IMA 10

13 La tariffa unica convenzionale (T.U.C.) La TUC è una tariffa di remunerazione delle prestazioni sanitarie applicata nell ambito della mobilità sanitaria interregionale. A seguito degli aggiornamenti introdotti dal DM 18 dicembre 2008 precedentemente evidenziati, anche la TUC è stata oggetto di verifica. A tale scopo è stato istituito un gruppo di lavoro, coordinato dalla Regione Emilia Romagna cui hanno partecipato le Regioni Piemonte, Lombardia, Veneto, Liguria, Umbria, Toscana, Molise, Puglia, Campania, e che ha aggiornato, alla luce della 24.0 versione, la classificazione dei DRG di alta complessità e i DRG potenzialmente inappropriati, il valore soglia DRG, ed ad individuare le nuove tariffe per i nuovi DRG ed i modificati. La TUC 2009 si basa su 538 DRG raggruppati in 3 classi di DRG 6 : 1) Alta complessità (91 DRG) 2) Potenzialmente inappropriati (45 DRG) 3) Restanti DRG (402 DRG) In caso di impianto di determinati dispositivi medici è previsto un riconoscimento economico aggiuntivo rispetto alla TUC base. - Protesi cocleare (codice intervento o o 20.98): ,77; - Stimolatore cerebrale (codice intervento associato alla diagnosi 332.0): ; - Ombrello atriale settale (codice intervento associato al DRG 518): 5.800; - Revisione di sostituzione dell anca o del ginocchio (DRG 545) la tariffa DRG è già omnicomprensiva della quota di 1.343,25 per la revisione di sostituzione; - Neurostimolatore vagale (codice intervento associato alle diagnosi o o associati ai DRG 7 e 8): ,00 (sia impianto che sostituzione); - Pompe di infusione totalmente impiantabili (codice intervento 86.06): 3.500; - Trapianto di cellule staminali limbari (DRG 42 con diagnosi principale e diagnosi secondaria V42.9, intervento principale e intervento secondario 11.99): 2.524,12 al quale è sommato l importo di ,61 per la remunerazione individuata per la fornitura delle cellule staminali; 6 Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome, 27 gennaio

14 - Impianto di apparecchio acustico elettromagnetico (codice intervento associato al DRG 55): 8.500; - Protesi dell aorta addominale (codice intervento 39.71): 3.500; - Protesi dell aorta toracica (codice intervento 39.73): Infine, per taluni interventi particolari è prevista l applicazione di specifiche tariffe, differenti da quelle previste nella TUC: - Gamma knife (codice intervento associato al codice intervento che individua l utilizzo del casco): 7.627,50; - Ciber knife (codice intervento 92.31): 7.627,50; - Interventi per obesità (codice intervento o o o o 44.5 o o o o o o o associati al DRG 288): 4.060,89; - Neurostimolazione spinale (codice intervento associato ad uno dei codici di intervento compresi tra e 86.98): 9.172; - Brachiterapia (intervento associati alla diagnosi v58.0): 8.500; - Termo stimolazione epatica per via percutanea (codice intervento associato al DRG 191 o 192):

15 I SISTEMI TARIFFARI REGIONALI Il fenomeno del decentramento o della regionalizzazione introdotto dalla riforma del Titolo V art 117, attribuisce alla Regione maggior potere decisionale anche in ambito sanitario. Per tale motivo le Regioni hanno adottato politiche tariffarie eterogenee, differenziato i propri sistemi tariffari sia in relazione alle determinazione delle tariffe (con riferimento all importo, alla modalità di determinazione ed ad eventuali rimborsi aggiuntivi per l utilizzo di dispositivi medici di alto innovazione), sia in relazione alla definizione di strumenti di monitoraggio dei volumi e della spesa (tetti e target e accordi interaziendali). Data la complessità della materia, l analisi svolta non può che fornire un quadro parziale della disciplina in tema di remunerazione delle prestazioni ospedaliere (aggiornato sulla base dei provvedimenti emanati fino al mese di maggio 2010) ed evidenziare i diversi comportamenti assunti dalle Regioni in vista dell adozione dei sistemi introdotti dal decreto 18 dicembre La tabella e le figure successive descrivono le diverse azioni intraprese dalle Regioni e le caratteristiche dei sistemi tariffari delle 19 regioni e delle 2 province autonome. Regione Distinzione per tipo di ospedale Integrazioni tariffarie per determinati DRG Anno dell ultimo aggiornamento delle tariffe Abruzzo no no 2006 Basilicata si si 2009 P.A. Bolzano si sì 2009 Calabria no no 2008 Campania sì no 2006 Emilia R. sì si 2009 Friuli V.G. sì si 2009 Lazio si no 2007 Liguria si no 2009 Lombardia si si 2009 Marche si si 2009 Molise si no 2002 Piemonte si si 2009 Puglia si si 2006 Sardegna no si 2009 Sicilia si no 2007 Toscana si si 2008 P.A. Trento si si 2010 Umbria si no 2009 Valle d Aosta no no 2009 Veneto no si

16 Regioni che non differenziano le tariffe per tipologia di ospedale Regioni che differenziano le tariffe per tipologia di ospedale Figura 1: Mappa delle regioni che differenziano le tariffe per tipologia di ospedale Regioni che non prevedono integrazioni tariffarie per alcuni DRG Regioni che prevedono integrazioni tariffarie per alcuni DRG Figura 2: Mappa delle regioni che prevedono integrazioni tariffarie per alcuni DRG 14

17 Il monitoraggio della spesa sanitaria regionale ha portato le Regioni ad adottare azioni di razionalizzazione dell offerta. Di seguito si evidenzia: - la capacità di offerta delle strutture ospedaliere pubbliche e private presenti nel 2009 sull intero territorio nazionale: Tipologia di struttura Numero (*) Presidi a gestione diretta ASL (1) 502 Istituti psichiatrici residuali 2 Aziende Ospedaliere 81 Totale Strutture di ricovero pubbliche 585 IRCCS di diritto privato 44 IRCCS di diritto pubblico 23 Policlinici Universitari (2) 11 Ospedali classificati (3) 38 Presidi privati qual. pres. ASL (4) 16 Enti di ricerca 2 Totale strutture Equiparate 134 Case di Cura private accreditate 541 Case di Cura private non accreditate 64 Totale Case di Cura private 605 (*) dati 2008 (1) Ex. Art.4 c. 9 DLgs 502/92 (2) Si riferisce a policlinici a gestione diretta dell'università (pubblici e privati) e a quelli eventualmente trasformati in Aziende Ospedaliere Universitarie integrate con il SSN (D.Lgs. 517/99). Non sono invece incluse le AO integrate con l'università, queste ultime sono incluse nella categoria AO (3) Ex. art. 1 ultimo comma L.132/68 e art. 41 L. 833/78 (4) Ex. art. 43 comma 2 L. 833/78 e DPCM 20/10/88 Fonte: Rapporto OASI 2009 Cergas Bocconi - la capacità di offerta dei posti letto pubblici e privati (DO e DH) presenti nel 2009 sull intero territorio nazionale: POSTI LETTO PUBBLICI POSTI LETTO TOTALE PRIVATI ACCREDITATI POSTI LETTO (1) RESIDENTI (2) Deg. Ord. DH A pagamento Deg. Ord. DH Fonte: (1) Rapporto OASI 2009 Cergas Bocconi (2) Istat: Noi Italia

18 Regione ABRUZZO Con delibera del commissario ad ACTA n. 40 dell 11 giugno 2009, la Regione Abruzzo recepisce quanto disposto dal DM del 12 dicembre 2008 e determina le tariffe con riferimento al DM senza decurtazione, in particolare: CLASSIFICAZIONE DRG ICD 9 CM VERSIONE 24 DEL GROUPER DRG REMUNERAZIONE DRG introdotti con la versione 19 DRG introdotti con la versione 24 Tariffa corrispondente alla TUC Tariffa stabilita nel DM secondo il criterio di riconduzione dei DRG preesistenti Tutti i DRG Tariffa stabilita nel DM Il tariffario in vigore nella Regione è determinato dalla Nota DG7 del 27 maggio Rimborsi extra-tariffe Non sono previste integrazioni ulteriori alle tariffe indicate nella normativa vigente. 16

19 Capacità di offerta delle strutture ospedaliere Tipologia di struttura Numero (*) Presidi a gestione diretta ASL (1) 21 Istituti psichiatrici residuali 0 Aziende Ospedaliere 0 Totale Strutture di ricovero pubbliche 21 IRCCS di diritto privato 0 IRCCS di diritto pubblico 0 Policlinici Universitari (2) 0 Ospedali classificati (3) 0 Presidi privati qual. pres. ASL (4) 0 Enti di ricerca 0 Totale strutture Equiparate 0 Case di Cura private accreditate 13 Case di Cura private non accreditate 0 Totale Case di Cura private 13 (*) dati 2008 (1) Ex. Art.4 c. 9 D. Lgs 502/92 (2) Si riferisce a policlinici a gestione diretta dell'università (pubblici e privati) e a quelli eventualmente trasformati in Aziende Ospedaliere Universitarie integrate con il SSN (D.Lgs. 517/99). Non sono invece incluse le AO integrat e con l'università, queste ultime sono incluse nella categoria AO (3) Ex. art. 1 ultimo comma L.132/68 e art. 41 L. 833/78 (4) Ex. art. 43 comma 2 L. 833/78 e DPCM 20/10/88 Fonte: Rapporto OASI 2009 Cergas Bocconi Capacità di offerta dei posti letto POSTI LETTO PUBBLICI POSTI LETTO PRIVATI ACCREDITATI TOTALE POSTI LETTO (1) RESIDENTI (2) Deg. Ord. DH A pagamento Deg. Ord. DH Fonte: (1) Rapporto OASI 2009 Cergas Bocconi (2) Istat: Noi Italia

20 Regione BASILICATA Normativa di riferimento La Regione mediante la DGR 1035 del ha stabilito, con decorrenza 1 gennaio 2009, l applicazione della versione 24 del Grouper per l attribuzione dei DRG e nell allegato 1 ha definito le relative tariffe. La TUC 2008, utilizzata per la remunerazione della mobilità interregionale, ha rappresentato la base di partenza per la definizione delle tariffe. L Allegato 2 della Delibera n.1035 prevede l applicazione di due classi tariffarie: 1) Aziende miste sono riconosciute un incremento del 7% (sono definite aziende miste tutte le Aziende Ospedaliere o gli istituti IRCCS in cui sia riconosciuto l intero triennio clinico di formazione della facoltà di medicina e chirurgia, Istituti monospecialistici). 2) Altri erogatori è prevista la tariffa base definita nell allegato 1 della DGR n Rimborsi extra-tariffe L allegato 2 recepisce la tariffa unica convenzionale quale strumento per determinare la quota tariffaria aggiuntiva per alcune protesi e alcune procedure di alto costo. 18

21 Capacità di offerta delle strutture ospedaliere Tipologia di struttura Numero (*) Presidi a gestione diretta ASL (1) 13 Istituti psichiatrici residuali 1 Aziende Ospedaliere 1 Totale Strutture di ricovero pubbliche 15 IRCCS di diri tto privato 1 IRCCS di diritto pubblico 0 Policlinici Universitari (2) 0 Ospedali classificati (3) 0 Presidi privati qual. pres. ASL (4) 0 Enti di ricerca 1 Totale strutture Equiparate 2 Case di Cura private accreditate 1 Case di Cura private non accreditate 0 Totale Case di Cura private 1 (*) dati 2008 (1) Ex. Art.4 c. 9 D. Lgs 502/92 (2) Si riferisce a policlinici a gestione diretta dell'università (pubblici e privati) e a quelli eventualmente trasformati in Aziende Ospedaliere Universitarie integrate con il SSN (D.Lgs. 517/99). Non sono invece incluse le AO integrate con l'università, queste ultime sono incluse nella categoria AO (3) Ex. art. 1 ultimo comma L.132/68 e art. 41 L. 833/78 (4) Ex. art. 43 comma 2 L. 833/78 e DPCM 20/10/88 Fonte: Rapporto OASI 2009 Cergas Bocconi Capacità di offerta dei posti letto POSTI LETTO PUBBLICI POSTI LETTO PRIVATI ACCREDITATI TOTALE POSTI LETTO (1) RESIDENTI (2) Deg. Ord. DH A pagamento Deg. Ord. DH Fonte: (1) Rapporto OASI 2009 Cergas Bocconi (2) Istat: Noi Italia

22 Provincia Autonoma BOLZANO Normativa di riferimento La Provincia Autonoma di Bolzano con delibera 1192 del ha adottato la nuova classificazione ICD 9 CM versione 2007 e il nuovo sistema DRG versione 24. In questa fase di valutazione la PA di Bolzano ha ritenuto necessario prendere come punto di riferimento, il lavoro svolto dalla regione Emilia Romagna, in qualità di coordinatore nazionale: Ha così equiparato i DRG previsti dalla nuova versione a quelli della versione precedente. Il tariffario in vigore prevede la distinzione per fasce di attribuzione: Per le strutture ospedaliere dotate di servizi di pronto soccorso e di terapia intensiva o semintensiva e di quant altro richieda particolare sforzo organizzativo e strumentale (ospedali pubblici): - FASCIA A: + 11,3% della tariffa in vigore - FASCIA B: + 0,80 % della tariffa in vigore - FASCIA C: - 4,5 % della tariffa in vigore Per le strutture ospedaliere senza pronto soccorso, di terapia intensiva o semintensiva e di quant altro richieda particolare sforzo organizzativo e strumentale (case di cura private accreditate): - FASCIA D: - 5,1% della tariffa in vigore Rimborsi extra-tariffe La DGP N.697/00 riconosce, per i ricoveri che prevedono l impianto di determinate protesi o l effettuazione di specifiche procedure, alla struttura ospedaliera che effettua l intervento la possibilità di addebitare alla Azienda sanitaria di residenza dell utente in e fuori provincia, un valore forfetario, in aggiunta alla normale tariffa DRG specifica. Protesi cocleare ,24 Procedura di replicazione cellulare (interventi di cartilagine al ginocchio) Costo effettivamente sostenuto dall azienda, documentato da fattura emessa dal Centro che ha effettuato la procedura. 20

I sistemi tariffari per le prestazioni di assistenza ospedaliera Un esame della normativa nazionale e regionale Terzo aggiornamento

I sistemi tariffari per le prestazioni di assistenza ospedaliera Un esame della normativa nazionale e regionale Terzo aggiornamento NUMERO 16 DICEMBRE 2012 I sistemi tariffari per le prestazioni di assistenza ospedaliera Un esame della normativa nazionale e regionale Terzo aggiornamento Federazione nazionale per le tecnologie biomediche,

Dettagli

I sistemi di finanziamento: strumenti per governare i comportamenti degli erogatori di prestazioni sanitarie? Rapporto di ricerca

I sistemi di finanziamento: strumenti per governare i comportamenti degli erogatori di prestazioni sanitarie? Rapporto di ricerca I sistemi di finanziamento: strumenti per governare i comportamenti degli erogatori di prestazioni sanitarie? Ricerca del CERGAS Bocconi per il Gruppo Merceologico Sanità di Assolombarda Rapporto di ricerca

Dettagli

9. Assistenza ospedaliera

9. Assistenza ospedaliera 9. Assistenza ospedaliera Keystone LaPresse Assistenza ospedaliera 9.1. Assistenza ospedaliera per acuti e lungodegenti Il sistema SSN si avvale per l assistenza ospedaliera di 1.410 Istituti di ricovero

Dettagli

ALFIERI (PD): LA LOMBARDIA È LA REGIONE ITALIANA CHE PAGA DI PIÙ LA SANITÀ PRIVATA

ALFIERI (PD): LA LOMBARDIA È LA REGIONE ITALIANA CHE PAGA DI PIÙ LA SANITÀ PRIVATA Sanità ALFIERI (PD): LA LOMBARDIA È LA REGIONE ITALIANA CHE PAGA DI PIÙ LA SANITÀ PRIVATA. FORMIGONI NON RICORDA NÈ I SUOI VIAGGI NÈ I NUMERI DELLA SANITÀ LOMBARDA La Lombardia è la Regione italiana più

Dettagli

La sincope: Modalità di codifica

La sincope: Modalità di codifica GIAC Volume 6 Numero 3 Settembre 2003 NOTE DI ECONOMIA SANITARIA La sincope: Modalità di codifica a cura di AIAC e Medtronic G Ital Aritmol Cardiostim 2003;3:152-157 S econdo il recente accordo Stato-Regioni,

Dettagli

Il Database del Ministero della Salute

Il Database del Ministero della Salute Il Database del Ministero della Salute Giorgio Reggiardo Medi Service Data Management Unit- Genova Dati ricavati dalle informazioni contenute nelle Schede Dimissioni Ospedaliere relative agli anni 2001

Dettagli

Impatto dei sistema di finanziamento a DRG sull innovazione tecnologica in sanità Evidenze e proposte emerse dal caso italiano

Impatto dei sistema di finanziamento a DRG sull innovazione tecnologica in sanità Evidenze e proposte emerse dal caso italiano Impatto dei sistema di finanziamento a DRG sull innovazione tecnologica in sanità Evidenze e proposte emerse dal caso italiano Giuditta Callea Cergas Università Bocconi La ricerca Impatto del sistema di

Dettagli

A seguito della nota del D.G. prot. n 0039201 del 05/07/2011 si comunica che le elaborazioni di seguito riportate fanno riferimento all estrazione

A seguito della nota del D.G. prot. n 0039201 del 05/07/2011 si comunica che le elaborazioni di seguito riportate fanno riferimento all estrazione A seguito della nota del D.G. prot. n 0039201 del 05/07/2011 si comunica che le elaborazioni di seguito riportate fanno riferimento all estrazione dei dati concordata al16/07/2011. IL PESO EDIO DEI D.R.G.

Dettagli

Glossario. www.provincia.bz.it/oep Dati ondine Ricoveri ospedalieri Elaborazioni a cura dell Osservatorio Epidemiologico Provinciale)

Glossario. www.provincia.bz.it/oep Dati ondine Ricoveri ospedalieri Elaborazioni a cura dell Osservatorio Epidemiologico Provinciale) GLOSSARIO LIVELLI ESSENZIALI DI ASSISTENZA Insieme di prestazioni e servizi che il Servizio sanitario nazionale è tenuto a fornire a tutti i cittadini, gratuitamente o dietro pagamento di una quota di

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI II PARTE I SERVIZI SANITARI

ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI II PARTE I SERVIZI SANITARI ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI II PARTE I SERVIZI SANITARI OBIETTIVI 1. DARE STRUMENTI PER COMPRENDERE MEGLIO LA REALTA E LE SPECIFICITA DELLA GESTIONE DELLE AZIENDE SANITARIE 2. APPREZZARE

Dettagli

CERGAS Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale

CERGAS Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale CERGAS Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale OSSERVATORIO SULLA SANITÀ PRIVATA IN ITALIA E IN LOMBARDIA Ricerca del CERGAS Bocconi per il Gruppo Sanità di Assolombarda Francesco

Dettagli

Osservatorio sulla Sanità Privata in Italia e in Lombardia

Osservatorio sulla Sanità Privata in Italia e in Lombardia Osservatorio sulla Sanità Privata in Italia e in Lombardia Ricerca del CERGAS Bocconi per il Gruppo Merceologico Sanità di Assolombarda Rapporto di ricerca Introduzione Il fine istituzionale di tutela

Dettagli

1.2 CON DURATA DI DEGENZA SUPERIORE AL VALORE SOGLIA

1.2 CON DURATA DI DEGENZA SUPERIORE AL VALORE SOGLIA Allegato 2 1. REGIME ORDINARIO 1.1 CON DURATA DI DEGENZA MAGGIORE DI 1 GIORNO Tariffe massime come da allegato n. 3.1 1.2 CON DURATA DI DEGENZA SUPERIORE AL VALORE SOGLIA La remunerazione complessiva massima

Dettagli

ANALISI LE PATOLOGIE VALVOLARI NUMERO 20 - MARZO 2014

ANALISI LE PATOLOGIE VALVOLARI NUMERO 20 - MARZO 2014 ANALISI NUMERO 20 - MARZO 2014 LE PATOLOGIE VALVOLARI ANALISI DELL'ATTIVITÀ DI RICOVERO, DELLA MOBILITÀ OSPEDALIERA, DELLA COMPLESSITÀ ORGANIZZATIVA E DELL'APPROPRIATEZZA PROFESSIONALE CENTRO STUDI Valeria

Dettagli

DOVE STA ANDANDO IL TITOLO SSN?

DOVE STA ANDANDO IL TITOLO SSN? DOVE STA ANDANDO IL TITOLO SSN? Evidenze dal Eventuale Rapporto OASI sottotitolo 2013 Prof. Francesco Nome Cognome Longo Università Carica istituzionale Bocconi Milano, 20.01.2014 I principali trend evolutivi

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Rapporto nazionale sull utilizzo

Dettagli

Università degli Studi di Verona Dipartimento di Medicina e Sanità Pubblica/ Sezione IMPAO. DRG: un sistema di classificazione e finanziamento

Università degli Studi di Verona Dipartimento di Medicina e Sanità Pubblica/ Sezione IMPAO. DRG: un sistema di classificazione e finanziamento Università degli Studi di Verona Dipartimento di Medicina e Sanità Pubblica/ Sezione IMPAO DRG: un sistema di classificazione e finanziamento Progresso scientifico tecnologico Aumento dell età media della

Dettagli

Dr. Michele Cedrone, Ospedale San Giovanni dell Addolorata, Roma

Dr. Michele Cedrone, Ospedale San Giovanni dell Addolorata, Roma Confronto dei Criteri, degli Indicatori e degli Standard scelti per la valutazione multi-dimensionale dell attività di 4 Strutture Complesse di Ematologia certificate ISO 9001-2000 Dr. Michele Cedrone,

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III 2 Rapporto Nazionale sull utilizzo

Dettagli

158 infosalute 08. 3.6 La spesa sanitaria di parte corrente

158 infosalute 08. 3.6 La spesa sanitaria di parte corrente 3.6 La spesa sanitaria di parte corrente La spesa corrente del Servizio sanitario nazionale si è attestata per l anno 2008 a 106.621.951 migliaia di euro (nel 2007=103.095.707 migliaia di euro; nel 2006=99.231.005

Dettagli

Rapporto Osservasalute 2014 Atlante della salute nelle Regioni italiane La migliore performance Regione per Regione

Rapporto Osservasalute 2014 Atlante della salute nelle Regioni italiane La migliore performance Regione per Regione Rapporto Osservasalute 2014 Atlante della salute nelle Regioni italiane La migliore performance Regione per Regione Piemonte: la Regione in cui le donne muoiono meno per malattie cardiache Ma è tra le

Dettagli

Programma Nazionale Esiti PNE

Programma Nazionale Esiti PNE Programma Nazionale Esiti PNE Edizione 2014 Il Programma Nazionale Esiti (PNE) è sviluppato da Agenas per conto del Ministero della Salute e fornisce a livello nazionale valutazioni comparative di efficacia,

Dettagli

La disomogeneitàdelle politiche regionali per il governo della spesa nel settore dei dispositivi medici

La disomogeneitàdelle politiche regionali per il governo della spesa nel settore dei dispositivi medici La disomogeneitàdelle politiche regionali per il governo della spesa nel settore dei dispositivi medici Fulvio Moirano Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali 1 Introduzione Il ruolo dei dispositivi

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III 4 Rapporto Nazionale sull utilizzo

Dettagli

Linking hospital payment to innovation and value. Giuditta Callea and Aleksandra Torbica

Linking hospital payment to innovation and value. Giuditta Callea and Aleksandra Torbica Linking hospital payment to innovation and value Giuditta Callea and Aleksandra Torbica XVII Convegno Nazionale AIES Roma, 15-16 novembre 2012 Background Il sistema di rimborso degli ospedali è un fattore

Dettagli

Brescia, 2 settembre 2011 Le nuove regole regionali per gli ospedali

Brescia, 2 settembre 2011 Le nuove regole regionali per gli ospedali Brescia, 2 settembre 2011 Le nuove regole regionali per gli ospedali Angelo Bianchetti Come si finanzia l ospedale Remunerazione attività tariffate: Attività di degenza (ricovero e DH) per acuti remunerate

Dettagli

Assistenza ospedaliera

Assistenza ospedaliera Assistenza ospedaliera Gli indicatori dell Assistenza Ospedaliera presentati nelle ultime edizioni del Rapporto Osservasalute hanno mostrato che il processo di modernizzazione e modifica dell organizzazione

Dettagli

Quadro epidemiologico e razionale della linea guida sul taglio cesareo

Quadro epidemiologico e razionale della linea guida sul taglio cesareo Sistema nazionale linee guida Roma, 31.01.2012 Quadro epidemiologico e razionale della linea guida sul taglio cesareo Serena Donati Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale di Epidemiologia Sorveglianza

Dettagli

SOCIETÀ DI MUTUO SOCCORSO. servizi d integrazione sanitaria. A Quattro. Allegato al Regolamento applicativo dello Statuto

SOCIETÀ DI MUTUO SOCCORSO. servizi d integrazione sanitaria. A Quattro. Allegato al Regolamento applicativo dello Statuto SOCIETÀ DI MUTUO SOCCORSO servizi d integrazione sanitaria A Quattro Allegato al Regolamento applicativo dello Statuto Edizione 2013 1 A Quattro Allegato al Regolamento applicativo dello Statuto Edizione

Dettagli

ANALISI LA REMUNERAZIONE DELLE PRESTAZIONI DI ASSISTENZA OSPEDALIERA NUMERO 21 - MARZO 2014 ANALISI DELLA NORMATIVA NAZIONALE E REGIONALE CENTRO STUDI

ANALISI LA REMUNERAZIONE DELLE PRESTAZIONI DI ASSISTENZA OSPEDALIERA NUMERO 21 - MARZO 2014 ANALISI DELLA NORMATIVA NAZIONALE E REGIONALE CENTRO STUDI ANALISI NUMERO 21 - MARZO 2014 LA REMUNERAZIONE DELLE PRESTAZIONI DI ASSISTENZA OSPEDALIERA ANALISI DELLA NORMATIVA NAZIONALE E REGIONALE CENTRO STUDI Valeria Glorioso Centro Studi Assobiomedica - CSA

Dettagli

I livelli essenziali di assistenza (LEA). Seconda puntata: gli indicatori di garanzia

I livelli essenziali di assistenza (LEA). Seconda puntata: gli indicatori di garanzia 18 Statistica & Società/Anno 2, N. 3/ Demografia, Istruzione, Welfare I livelli essenziali di assistenza (LEA). Seconda puntata: gli indicatori di garanzia Carlo Zocchetti Direzione Generale Salute Regione

Dettagli

Management nell Azienda Sanitaria

Management nell Azienda Sanitaria Management nell Azienda Sanitaria Dr. Paolo Menichetti Perugia, ottobre 2011 1. Finanziamento del S.S.N. 2. Management nell azienda sanitaria: budget 3. Management nell azienda sanitaria: controllo direzionale

Dettagli

Immigrati e assistenza sanitaria

Immigrati e assistenza sanitaria Elementi di analisi e osservazione del sistema salute Anno V numero 18 2006 - Bimestrale dell Agenzia per i servizi sanitari regionali Immigrati e assistenza sanitaria Poste Italiane SpA - Spedizione in

Dettagli

tipologie: 1 Ogni prestazione ha una tariffa omnicomprensiva e predeterminata. Ne esistono, normativamente, tre

tipologie: 1 Ogni prestazione ha una tariffa omnicomprensiva e predeterminata. Ne esistono, normativamente, tre La procreazione medicalmente assistita nei Livelli essenziali di assistenza per garantire prestazioni uniformi e trasparenti nel servizio sanitario nazionale a cura dell avv. Maria Paola Costantini (referente

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Classificazione Diagnosis Related Groups versione 24 001 1 C Craniotomia, età > 17 anni con CC 4,1798 53 002 1 C Craniotomia, età > 17 anni senza CC 3,1739 34 003 1 C Craniotomia, età < 18 anni 2,3194

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III QUALITÀ E GOVERNO CLINICO I dipartimenti

Dettagli

LA COMPARTECIPAZIONE ALLA SPESA SANITARIA PER SPECIALISTICA E FARMACI NELLE REGIONI ITALIANE

LA COMPARTECIPAZIONE ALLA SPESA SANITARIA PER SPECIALISTICA E FARMACI NELLE REGIONI ITALIANE VENETO LA COMPARTECIPAZIONE ALLA SPESA SANITARIA PER SPECIALISTICA E FARMACI NELLE REGIONI ITALIANE [ fonte: Agenas Novembre 2013 e ricerche aggiornate a Giugno 2014] Dipartimento Contrattazione Sociale

Dettagli

RAPPORTO FARMACOVIGILANZA 2013 REGIONE PIEMONTE

RAPPORTO FARMACOVIGILANZA 2013 REGIONE PIEMONTE RAPPORTO FARMACOVIGILANZA 2013 REGIONE PIEMONTE A cura del Settore Regionale Farmaceutica Ospedaliera e Territoriale e del Centro Regionale di Documentazione sul Farmaco ASL TO2 In Italia nel 2013 sono

Dettagli

DIPARTIMENTO DIABETE

DIPARTIMENTO DIABETE CORTE DI GIUSTIZIA POPOLARE PER IL DIRITTO ALLA SALUTE III CONGRESSO NAZIONALE IL DIRITTO ALLA SALUTE: UN DIRITTO INALIENABILE CRITICITÀ A CONFRONTO COMMISSIONE TECNICA NAZIONALE DIPARTIMENTO DIABETE FederAnziani

Dettagli

Tabella 7.1. Mortalità per demenze e morbo di Alzheimer: indicatori di sintesi per sesso (tassi per 100.000). Veneto, anni 2000 e 2007.

Tabella 7.1. Mortalità per demenze e morbo di Alzheimer: indicatori di sintesi per sesso (tassi per 100.000). Veneto, anni 2000 e 2007. Capitolo 7 La mortalità per demenze e morbo di Alzheimer Introduzione Il morbo di Alzheimer e le altre forme di demenza sono patologie caratterizzate da manifestazioni cliniche molto simili fra loro, spesso

Dettagli

Approfondimenti ed esempi pratici. sulle regole e le definizioniper la fatturazione dei casi in conformità a SwissDRG

Approfondimenti ed esempi pratici. sulle regole e le definizioniper la fatturazione dei casi in conformità a SwissDRG Approfondimenti ed esempi pratici sulle regole e le definizioniper la fatturazione dei casi in conformità a SwissDRG Versione 1.1 del 07.05.2012 Fa fede la versione tedesca Chiarimenti sulle regole e le

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

A relazione dell'assessore Cavallera:

A relazione dell'assessore Cavallera: REGIONE PIEMONTE BU27S1 05/07/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 2 luglio 2013, n. 14-6039 Determinazione delle tariffe per attivita' di ricovero erogate dagli istituti pubblici, dai Presidi classificati,

Dettagli

PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni

PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni (aggiornamento del 13 marzo 2014) NOTA ALLA LETTURA La tabella sottostante riporta lo

Dettagli

La Sanità nel Lazio Rapporto 2011 sull Attività Ospedaliera Le reti specialistiche: modelli organizzativi ed indicatori di monitoraggio

La Sanità nel Lazio Rapporto 2011 sull Attività Ospedaliera Le reti specialistiche: modelli organizzativi ed indicatori di monitoraggio La Sanità nel Lazio Rapporto 2011 sull Attività Ospedaliera Le reti specialistiche: modelli organizzativi ed indicatori di monitoraggio Domenico Di Lallo Roma, 18 dicembre 2012 Indice della presentazione

Dettagli

Università degli Studi di Verona

Università degli Studi di Verona Università degli Studi di Verona L appropriatezza nel campo delle prestazioni sanitarie: i Livelli Essenziali di Assistenza (LEA) e le prestazioni della Medicina Fisica Riabilitativa ambulatoriale nella

Dettagli

Remunerazione delle prestazioni di assistenza ospedaliera per acuti, assistenza ospedaliera di riabilitazione

Remunerazione delle prestazioni di assistenza ospedaliera per acuti, assistenza ospedaliera di riabilitazione Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 23 del 28 gennaio 2013 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

Dossier sulla non autosufficienza

Dossier sulla non autosufficienza 1 Dossier sulla non autosufficienza Tanti soldi (quasi 30 mld) ma spesi male E al Sud boom di invalidità ma niente servizi La spesa, la domanda di assistenza, le strutture e i servizi. La situazione nelle

Dettagli

LA PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA. Avv. Maria Paola Costantini 16 giugno 2014

LA PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA. Avv. Maria Paola Costantini 16 giugno 2014 LA PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA Avv. Maria Paola Costantini 16 giugno 2014 1 Le prestazioni di procreazione medicalmente assistita non sono mai state inserite nei Livelli essenziali di assistenza,

Dettagli

LA VALUTAZIONE ECONOMICA DELL ASSISTENZA SANITARIA EROGATA AGLI IMMIGRATI: METODOLOGIA E PRIMI RISULTATI

LA VALUTAZIONE ECONOMICA DELL ASSISTENZA SANITARIA EROGATA AGLI IMMIGRATI: METODOLOGIA E PRIMI RISULTATI LA VALUTAZIONE ECONOMICA DELL ASSISTENZA SANITARIA EROGATA AGLI IMMIGRATI: METODOLOGIA E PRIMI RISULTATI Isabella Morandi, Annabella Pugliese Progetto CCM La salute della popolazione immigrata: il monitoraggio

Dettagli

Indagine sulla procreazione medicalmente assistita

Indagine sulla procreazione medicalmente assistita Indagine sulla procreazione medicalmente assistita L indagine relativa alla procreazione medicalmente assistita ha prodotto solo 96 risposte, che è la percentuale del 27% rispetto al totale di 351 dei

Dettagli

L assistenza domiciliare integrata nella ASL di Lecce. Cabina di regia aziendale Polo didattico 07.2.2013

L assistenza domiciliare integrata nella ASL di Lecce. Cabina di regia aziendale Polo didattico 07.2.2013 L assistenza domiciliare integrata nella ASL di Lecce Cabina di regia aziendale Polo didattico 07.2.2013 Definizione (da Flussi informativi ministeriali per la costruzione degli indicatori LEA) Per ADI

Dettagli

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Allegato A) MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Attività di ospedalizzazione presso il domicilio Si definisce attività di ospedalizzazione

Dettagli

Dott.ssa Daniela Nicolosi

Dott.ssa Daniela Nicolosi Il concetto di appropriatezza in Sanità Dott.ssa Daniela Nicolosi UO Governo dei Servizi Sanitari Territoriali e Politiche di Appropriatezza e Controllo Direzione Generale Sanità Regione Lombardia APPROPRIATEZZA

Dettagli

PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni

PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni (aggiornamento del 29 ottobre 2014) NOTA ALLA LETTURA La tabella sottostante riporta lo

Dettagli

PIANO SANITARIO A GRANDI INTERVENTI CHIRURGICI. Milano 2013

PIANO SANITARIO A GRANDI INTERVENTI CHIRURGICI. Milano 2013 PIANO SANITARIO A GRANDI INTERVENTI CHIRURGICI Milano 2013 1 PIANO SANITARIO A GRANDI INTERVENTI CHIRURGICI SOMMARIO A GRANDI INTERVENTI CHIRURGICI B PRESTAZIONI ACCESSORIE Trasporto e accompagnatore C

Dettagli

Dipartimento della Programmazione e dell Ordinamento del Servizio Sanitario Nazionale Dir. Gen. della Programmazione sanitaria Ufficio VI

Dipartimento della Programmazione e dell Ordinamento del Servizio Sanitario Nazionale Dir. Gen. della Programmazione sanitaria Ufficio VI Rapporto annuale sull attività di ricovero ospedaliero Dati SDO 2012 Dicembre 2013 Dipartimento della Programmazione e dell Ordinamento del Servizio Sanitario Nazionale Dir. Gen. della Programmazione sanitaria

Dettagli

IL SSN: finanziamento e strategia. Francesco Longo Direttore CERGAS-Bocconi francesco.longo@unibocconi.it

IL SSN: finanziamento e strategia. Francesco Longo Direttore CERGAS-Bocconi francesco.longo@unibocconi.it IL SSN: finanziamento e strategia Francesco Longo Direttore CERGAS-Bocconi francesco.longo@unibocconi.it INDICE Le aziende del SSN I direttori generali Evoluzione infrastrutturale Il finanziamento e i

Dettagli

CAPITOLO VI.1 PIANO DI AZIONE

CAPITOLO VI.1 PIANO DI AZIONE CAPITOLO VI.1 PIANO DI AZIONE VI.1.1. del Piano d Azione Nazionale Antidroga 2010-2013 (a cura di ITC ILO) VI.1 PIANO DI AZIONE VI.1.1 del Piano d Azione Nazionale Antidroga 2010-2013 (a cura di ITC ILO)

Dettagli

NUMERO 11 - LUGLIO 2011 La mobilità sanitaria per la sostituzione della valvola aortica e la neurostimolazione nel 2009

NUMERO 11 - LUGLIO 2011 La mobilità sanitaria per la sostituzione della valvola aortica e la neurostimolazione nel 2009 NUMERO 11 - LUGLIO 2011 La mobilità sanitaria per la sostituzione della valvola aortica e la neurostimolazione nel 2009 Federazione nazionale per le tecnologie biomediche, diagnostiche, apparecchiature

Dettagli

PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni

PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni (aggiornamento del 4 febbraio 2014) NOTA ALLA LETTURA La tabella sottostante riporta lo

Dettagli

Infezioni correlate all assistenza

Infezioni correlate all assistenza Infezioni correlate all assistenza Il problema Che cosa si intende per infezione correlata all assistenza Le infezioni correlate all assistenza sono infezioni acquisiti in ospedale o in altri ambiti assistenziali

Dettagli

Scheda Tecnica. Allegato 1. Manuale per il calcolo degli indicatori. Azienda Ospedaliera San Carlo

Scheda Tecnica. Allegato 1. Manuale per il calcolo degli indicatori. Azienda Ospedaliera San Carlo Scheda Tecnica Allegato 1 Manuale per il calcolo degli indicatori Azienda Ospedaliera San Carlo 1. PERFORMANCE ORGANIZZATIVE E CLINICHE AZIENDALI 1.1 Appropriatezza organizzativa 1.1.1 Tasso ospedalizzazione

Dettagli

Pronto Soccorso e Sistema 118

Pronto Soccorso e Sistema 118 PROGETTO PRONTO SOCCORSO E SISTEMA 118 Ministero della Salute Progetto Mattoni SSN Pronto Soccorso e Sistema 118 Ricognizione della normativa, delle esperienze, delle sperimentazioni, relativamente a emergenza

Dettagli

PROPOSTA DI DISEGNO DI LEGGE INFERMIERI DI FAMIGLIA CONVENZIONATI

PROPOSTA DI DISEGNO DI LEGGE INFERMIERI DI FAMIGLIA CONVENZIONATI PROPOSTA DI DISEGNO DI LEGGE INFERMIERI DI FAMIGLIA CONVENZIONATI 1 / 8 RELAZIONE Egregi colleghi, la legislazione vigente riconosce già all infermiere un ruolo fondamentale in assistenza domiciliare,

Dettagli

La regionalizzazione in Lombardia

La regionalizzazione in Lombardia La regionalizzazione in Lombardia Uno dei tratti caratterizzanti il riordino della sanità italiana (d.lgs. 502/92 e 517/93) è rappresentato dalla più decisa spinta alla regionalizzazione del Servizio sanitario

Dettagli

GLOSSARIO E DISPOSIZIONI OPERATIVE

GLOSSARIO E DISPOSIZIONI OPERATIVE GLOSSARIO E DISPOSIZIONI OPERATIVE GLOSSARIO ( Valide per tutti i piani sanitari relativamente alle forme di assistenza in essi previsti ) Franchigia/ scoperto Parte del danno indennizzabile, espressa

Dettagli

PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni

PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni (aggiornamento del 5 febbraio 2015) NOTA ALLA LETTURA La tabella sottostante riporta lo

Dettagli

Protocollo POD. Nuove Reti Sanitarie Ospedalizzazione Domiciliare Riabilitativa Postcardiochirurgica. Modifiche del documento

Protocollo POD. Nuove Reti Sanitarie Ospedalizzazione Domiciliare Riabilitativa Postcardiochirurgica. Modifiche del documento Protocollo del percorso di Ospedalizzazione Domiciliare riabilitativa postcardiochirurgica Versione aggiornata al 16/01/2012 Modifiche del documento Le modifiche rispetto alla versione pubblicata nell

Dettagli

dell attività libero - professionale intramuraria secondo quanto disposto dalla L. n. 120/07

dell attività libero - professionale intramuraria secondo quanto disposto dalla L. n. 120/07 Osservatorio Nazionale per l attività libero-professionale Relazione sullo stato di attuazione dell esercizio dell attività libero - professionale intramuraria secondo quanto disposto dalla L. n. 20/07

Dettagli

bea 4414-8f Cergas_bea 20/10/14 17:06 Pagina 1 Copyright Egea 2014 biblioteca dell economia d azienda

bea 4414-8f Cergas_bea 20/10/14 17:06 Pagina 1 Copyright Egea 2014 biblioteca dell economia d azienda bea 4414-8f Cergas_bea 20/10/14 17:06 Pagina 1 biblioteca dell economia d azienda bea 4414-8f Cergas_bea 20/10/14 17:06 Pagina 2 bea 4414-8f Cergas_bea 20/10/14 17:06 Pagina 3 a cura di CERGAS Bocconi

Dettagli

I forfait per caso negli ospedali svizzeri. Informazioni di base per gli operatori sanitari

I forfait per caso negli ospedali svizzeri. Informazioni di base per gli operatori sanitari I forfait per caso negli ospedali svizzeri Informazioni di base per gli operatori sanitari Che cos è SwissDRG? SwissDRG (Swiss Diagnosis Related Groups) è il nuovo sistema tariffario per la remunerazione

Dettagli

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p.

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p. Gas: le Regioni Italiane con il maggior numero di consumi e quelle con il risparmio più alto ottenibile Indice: Indice. p. 1 Introduzione. p. 2 Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2 Il costo del

Dettagli

LE POLITICHE DI TUTELA DELLA SALUTE NELLA REGIONE LOMBARDIA. Antonio G. Mobilia Direttore Generale ASL Città di Milano

LE POLITICHE DI TUTELA DELLA SALUTE NELLA REGIONE LOMBARDIA. Antonio G. Mobilia Direttore Generale ASL Città di Milano LE POLITICHE DI TUTELA DELLA SALUTE NELLA REGIONE LOMBARDIA Antonio G. Mobilia Direttore Generale ASL Città di Milano LA SITUAZIONE ITALIANA ASL con gestione diretta degli Ospedali ASL senza alcun ospedale

Dettagli

6. La mobilità sanitaria dei residenti nelle ASL 13 (NO) e ASL 14 (VCO) per i principali tumori

6. La mobilità sanitaria dei residenti nelle ASL 13 (NO) e ASL 14 (VCO) per i principali tumori 6. La mobilità sanitaria dei residenti nelle ASL 13 (NO) e ASL 14 (VCO) per i principali tumori L'analisi per il totale dei ricoveri oncologici, condotta separatamente per i residenti nell ASL 13 (NO)

Dettagli

Allegato B. Disciplinare Tecnico riguardante il trattamento dei dati da rendere disponibili all Agenzia delle entrate da parte del Sistema TS

Allegato B. Disciplinare Tecnico riguardante il trattamento dei dati da rendere disponibili all Agenzia delle entrate da parte del Sistema TS Allegato B Disciplinare Tecnico riguardante il trattamento dei dati da rendere disponibili all Agenzia delle entrate da parte del Sistema TS INDICE 1. INTRODUZIONE 3 2. TRATTAMENTO E RISERVATEZZA DEI DATI

Dettagli

Gli studenti universitari di quali aiuti beneficiano?

Gli studenti universitari di quali aiuti beneficiano? Gli studenti universitari di quali aiuti beneficiano? Il quadro attuale (e uno sguardo al futuro) Federica Laudisa La dimensione sociale degli studi in Europa e in Italia: quali risposte alle nuove domande?

Dettagli

RELAZIONE SULLO STATO DEI LAVORI DEL TAVOLO DI MONITORAGGIO E VERIFICA SUI LIVELLI ESSENZIALI DI ASSISTENZA SANITARIA DI CUI AL PUNTO 15 DELL ACCORDO

RELAZIONE SULLO STATO DEI LAVORI DEL TAVOLO DI MONITORAGGIO E VERIFICA SUI LIVELLI ESSENZIALI DI ASSISTENZA SANITARIA DI CUI AL PUNTO 15 DELL ACCORDO RELAZIONE SULLO STATO DEI LAVORI DEL TAVOLO DI MONITORAGGIO E VERIFICA SUI LIVELLI ESSENZIALI DI ASSISTENZA SANITARIA DI CUI AL PUNTO 15 DELL ACCORDO 8 AGOSTO 2001 Roma, 15 aprile 2003 1 Indice 1. Premessa

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

CIRCOLARE ASSESSORATO SANITÀ REGIONE CAMPANIA N. 3857 DEL 20/02/2001 OGGETTO: CIRCOLARE N. 5 DEL 24.3.2000 MINISTERO SANITÀ SU G.U. N.

CIRCOLARE ASSESSORATO SANITÀ REGIONE CAMPANIA N. 3857 DEL 20/02/2001 OGGETTO: CIRCOLARE N. 5 DEL 24.3.2000 MINISTERO SANITÀ SU G.U. N. CIRCOLARE ASSESSORATO SANITÀ REGIONE CAMPANIA N. 3857 DEL 20/02/2001 OGGETTO: CIRCOLARE N. 5 DEL 24.3.2000 MINISTERO SANITÀ SU G.U. N. 126 DELL 1.6.2000 Si indicano le modalità attuative per l assistenza

Dettagli

Appropriatezza, efficienza e costo della riabilitazione DATA-BANKING / STUDI GESTIONALI IL PROBLEMA DISABILITÀ

Appropriatezza, efficienza e costo della riabilitazione DATA-BANKING / STUDI GESTIONALI IL PROBLEMA DISABILITÀ Appropriatezza, efficienza e costo della riabilitazione icerca IL SISTEMA FIM SCALA FIM: UN SISTEMA FOMATIVO E INFOMATIVO La scala FIM-Functional Independence Meausure si presenta come un questionario

Dettagli

RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2012

RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2012 RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2012 .. 1 1. Presentazione La Relazione sulla Performance 2012 riassume la valutazione annuale del Ciclo di gestione della performance. In particolare la Relazione è lo strumento

Dettagli

Settembre 2013 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI

Settembre 2013 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Settembre 2013 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Unità Studi Direzione Studi, Statistiche e

Dettagli

Criteri di analisi e di valutazione delle scelte assicurative nelle aziende sanitarie

Criteri di analisi e di valutazione delle scelte assicurative nelle aziende sanitarie Divisione Ricerche Claudio Dematté Criteri di analisi e di valutazione delle scelte assicurative nelle aziende sanitarie Marco Bonetti, Pasquale Cirillo, Paola Musile Tanzi, Elisabetta Trinchero 09.10.2014

Dettagli

Censimento delle strutture per anziani in Italia

Censimento delle strutture per anziani in Italia Cod. ISTAT INT 00046 AREA: Amministrazioni pubbliche e servizi sociali Settore di interesse: Assistenza e previdenza Censimento delle strutture per anziani in Italia Titolare: Dipartimento per le Politiche

Dettagli

Donazione e trapianto di organi in Medicina Generale. dr Giorgio Cavallari Corso ASL Brescia 2012

Donazione e trapianto di organi in Medicina Generale. dr Giorgio Cavallari Corso ASL Brescia 2012 Donazione e trapianto di organi in Medicina Generale dr Giorgio Cavallari Corso ASL Brescia 2012 Medicina della Donazione Insieme delle conoscenze teorico-pratiche e delle problematiche clinico-organizzative

Dettagli

Gli assicurati e gli infortuni sul lavoro. Adelina Brusco, Daniela Gallieri

Gli assicurati e gli infortuni sul lavoro. Adelina Brusco, Daniela Gallieri Gli assicurati e gli infortuni sul lavoro Adelina Brusco, Daniela Gallieri Ancona, 9 giugno 2009 Assicurati e Infortuni sul lavoro sono rilevati tramite il codice fiscale che individua il Paese di nascita

Dettagli

A relazione del Presidente Cota:

A relazione del Presidente Cota: REGIONE PIEMONTE BU35 01/09/2011 Deliberazione della Giunta Regionale 3 agosto 2011, n. 4-2495 Attuazione del Piano di Rientro e armonizzazione con gli indirizzi del Patto per la Salute 2010-2012 del 3/12/2009

Dettagli

SCOPRI I PIANI SANITARI DEDICATI A FEDERDISTRIBUZIONE

SCOPRI I PIANI SANITARI DEDICATI A FEDERDISTRIBUZIONE PREVIASS II Cassa Interaziendale di Assistenza per le Aziende clienti del Gruppo Willis Italia S.p.A. L Assistenza Sanitaria Integrativa per la distribuzione moderna organizzata SCOPRI I PIANI SANITARI

Dettagli

Osservatorio sull assistenza sanitaria privata in Italia Rapporto di ricerca

Osservatorio sull assistenza sanitaria privata in Italia Rapporto di ricerca Progetto di ricerca del CERGAS Bocconi per Assolombarda e AIOP Lombardia Osservatorio sull assistenza sanitaria privata in Italia Rapporto di ricerca Osservatorio sanità privata Obiettivi della ricerca

Dettagli

Ministero della Salute. Progetto Mattoni SSN. Standard minimi di quantità di prestazioni Mattone 5

Ministero della Salute. Progetto Mattoni SSN. Standard minimi di quantità di prestazioni Mattone 5 Ministero della Salute Progetto Mattoni SSN Standard minimi di quantità di prestazioni Mattone 5 (( Standard di sistema per le prestazioni di ricovero Milestone 1.3 2 parte Definizione di un intervallo

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Italia

Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Italia Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Sintesi L incidenza e la mortalità per il tumore del polmone stimate in nel periodo 197-215 mostrano andamenti differenti tra uomini e donne:

Dettagli

FORUM P.A. 2001 L INTEGRAZIONE SOCIO SANITARIA NEL DISTRETTO 9 MAGGIO 2001

FORUM P.A. 2001 L INTEGRAZIONE SOCIO SANITARIA NEL DISTRETTO 9 MAGGIO 2001 FORUM P.A. 2001 L INTEGRAZIONE SOCIO SANITARIA NEL DISTRETTO 9 MAGGIO 2001 Maria Giuseppina La Falce Segreteria Conferenza Stato-Regioni Presidenza del Consiglio dei Ministri 1 1. L'integrazione socio-sanitaria

Dettagli

ASSISTENZA OSPEDALIERA

ASSISTENZA OSPEDALIERA ASSISTENZA OSPEDALIERA Il 2005 ha segnato per Modena due importanti avvenimenti: l apertura del Nuovo Ospedale a Baggiovara con il conseguente trasferimento del Sant Agostino- Estense, che si è concluso

Dettagli

CORSO INTEGRATO DI ECONOMIA AZIENDALE

CORSO INTEGRATO DI ECONOMIA AZIENDALE OSPEDALE MARTINI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO INTEGRATO DI ECONOMIA AZIENDALE LEZIONI Prof. Artemio BRUSA Sintesi concetti sulla contabilità analitica nel S.S.N.

Dettagli

S.S. di Fisiopatologia della Riproduzione Umana - Banca del Seme e degli Ovociti Responsabile: Dott. Francesco Tomei

S.S. di Fisiopatologia della Riproduzione Umana - Banca del Seme e degli Ovociti Responsabile: Dott. Francesco Tomei TAVOLA ROTONDA La Tutela delle coppie infertili ed il SSN. Roma, 5 giugno 2014, Sala Aldo Moro Palazzo Montecitorio Francesco Tomei Direttore Centro PMA _ Azienda Ospedaliera Pordenone Componente del Gruppo

Dettagli

ACCORDO INTERREGIONALE PER LA COMPENSAZIONE DELLA MOBILITA SANITARIA

ACCORDO INTERREGIONALE PER LA COMPENSAZIONE DELLA MOBILITA SANITARIA CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 13/41/CR05a/C7 ACCORDO INTERREGIONALE PER LA COMPENSAZIONE DELLA MOBILITA SANITARIA Versione in vigore per le attività dell anno 2012 Premessa pag. 3

Dettagli