BANDO FAQ Aggiornate al

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BANDO FAQ Aggiornate al 01-07-2013 1"

Transcript

1 BANDO FAQ Aggiornate al

2 INDICE 1. POSSO PRESENTARE LA DOMANDA SOLTANTO CON FIRMA DIGITALE? QUALI IMPRESE POSSONO PRESENTARE DOMANDA? POSSONO PARTECIPARE AL BANDO ANCHE AGGREGAZIONI DI IMPRESE? QUANDO DEVO PRESENTARE LA DOMANDA? LA MIA IMPRESA RIENTRA NELLE DEFINIZIONE DI PMI? COSA SI INTENDE PER FATTURATO? COSA SI INTENDE PER TOTALE DI BILANCIO? POSSO PARTECIPARE ALLA MISURA B ANCHE SE NON RIENTRO TRA I CODICI ATECO INDICATI? UNA STARTUP PUO PRESENTARE DOMANDA ANCHE PER LA MISURA A.2? LE IMPRESE CHE HANNO PRESENTATO DOMANDA ALL EDIZIONE PRECEDENTE DEL BANDO (IMPRESA DIGITALE ), POSSONO PRESENTARE DOMANDA ANCHE PER IL BANDO FARE IMPRESA DIGITALE? POSSO PRESENTARE UN PROGETTO RELATIVO A PIU LINEE TEMATICHE? QUALI SPESE SONO AMMISSIBILI? POSSO INDICARE COME FORNITORI SOGGETTI (IMPRESE, CONSULENTI, CENTRI DI RICERCA, ) CON SEDE ALL ESTERO? DEVO RICHIEDERE I PREVENTIVI? IN CASO DI ACQUISTO DI PRODOTTI E SERVIZI SU SITI DI E-COMMERCE, CHE FORMATO DEVONO AVERE I PREVENTIVI? COME DEVO CALCOLARE LE SPESE RELATIVE AL PERSONALE? TRA LE SPESE DEL PERSONALE POSSONO RIENTRARE ANCHE QUELLE RELATIVE AI SOCI/TITOLARI DELL IMPRESA? COME VENGONO CONSIDERATI I CONTRATTI A PROGETTO? QUALE DOCUMENTAZIONE DEVO ALLEGARE IN FASE DI DOMANDA COME PREVENTIVO DELLE SPESE DEL PERSONALE? QUALI INFORMAZIONI DEVO INSERIRE NEL MODULO DI DOMANDA?

3 1. POSSO PRESENTARE LA DOMANDA SOLTANTO CON FIRMA DIGITALE? No, la domanda, che dovrà essere compilata esclusivamente su servizionline.mi.camcom.it, potrà poi essere inviata o direttamente online tramite firma digitale, oppure stampata, sottoscritta e consegnata all Ufficio Protocollo della Camera di Commercio di Milano 2. QUALI IMPRESE POSSONO PRESENTARE DOMANDA? Tutte le piccole e medie imprese (PMI) con sede legale e/o operativa in provincia di Milano. Le imprese possono presentare domanda solo se sono in regola con il pagamento del diritto camerale. Per quanto riguarda i contributi previsti dalla Misura B, possono partecipare solo le imprese attive o in fase di start-up nel settore delle tecnologie digitali. 3. POSSONO PARTECIPARE AL BANDO ANCHE AGGREGAZIONI DI IMPRESE? Sì, possono partecipare al Bando le singole imprese e le reti di imprese con personalità giuridica iscritte al Registro delle Imprese della Camera di Commercio di Milano. 4. QUANDO DEVO PRESENTARE LA DOMANDA? Le domande possono essere presentate dalle ore 9.00 del 2 luglio alle ore del 20 settembre 2013 esclusivamente on line, tramite firma digitale. Trattandosi di un Bando a valutazione, l ordine di presentazione delle domande non ha nessun rilevanza sul punteggio attribuito al singolo progetto. Per evitare eventuali problemi tecnici legati al probabile alto numero di accessi in prossimità della scadenza del Bando, è però fortemente consigliato presentare la domanda prima del 20 settembre. 5. LA MIA IMPRESA RIENTRA NELLE DEFINIZIONE DI PMI? Per un approfondimento, è possibile consultare La nuova definizione di PMI In sintesi, si definisce: media impresa l'impresa che soddisfa contemporaneamente i seguenti due requisiti: 1. numero complessivo di occupati (espresso in Unità Lavorative Annue 1 ) inferiore a 250 unità; 2. fatturato annuo non superiore a 50 milioni di euro, oppure un totale di bilancio annuo non superiore a 43 milioni di euro; piccola impresa quella che soddisfa contemporaneamente i seguenti due requisiti: 1. numero complessivo di occupati (espresso in ULA) inferiore a 50 unità; 2. fatturato annuo oppure un totale di bilancio annuo non superiore a 10 milioni di euro; microimpresa quella che soddisfa contemporaneamente i seguenti due requisiti: 1. numero complessivo di occupati (espresso in ULA) inferiore a 10 unità; 2. fatturato annuo oppure un totale di bilancio annuo non superiori a 2milioni di euro; Per la definizione di PMI, è necessario stabilire anche se la vostra impresa è autonoma, associata o collegata. (p.16 della guida La nuova definizione di PMI) 1 Rientra nel numero degli occupati, intesi come Unità Lavorative Annue, il personale impiegato a tempo pieno, a tempo parziale o su base stagionale, che comprende le seguenti categorie: i dipendenti a tempo determinato o indeterminato, legati all'impresa da forme contrattuali che prevedono il vincolo di dipendenza; i proprietari-gestori; i soci che svolgono un attività regolare nell impresa e beneficiano di vantaggi finanziari da essa forniti. Chiunque abbia lavorato nella vostra impresa, o per suo conto, durante l intero anno di riferimento conta come una unità. I dipendenti che hanno lavorato a tempo parziale, i lavoratori stagionali e coloro che non hanno lavorato tutto l anno devono essere contabilizzati in frazioni di unità. 3

4 6. COSA SI INTENDE PER FATTURATO? COSA SI INTENDE PER TOTALE DI BILANCIO? Per fatturato, corrispondente alla voce A.1 del conto economico redatto secondo le vigenti norme del codice civile, si intende l'importo netto del volume d'affari che comprende gli importi provenienti dalla vendita di prodotti e dalla prestazione di servizi dedotti gli sconti concessi sulle vendite, l'iva e le altre imposte direttamente connesse con il volume d affari. Per totale di bilancio si intende il totale dell attivo di stato patrimoniale. Il fatturato annuo ed il totale di bilancio sono quelli dell ultimo esercizio contabile chiuso ed approvato precedentemente la data di sottoscrizione della domanda di agevolazione. 7. POSSO PARTECIPARE ALLA MISURA B ANCHE SE NON RIENTRO TRA I CODICI ATECO INDICATI? Sì, i codici Ateco riportati nel Bando non sono vincolanti. Qualora l impresa non rientri tra le divisioni indicate può comunque partecipare al Bando, ma nell autocertificazione dovrà descrivere la sua attività in ambito digitale e presentare i nomi di 3 imprese a cui ha venduto prodotti o fornito servizi digitali. Queste imprese potranno eventualmente essere contattate dal Servizio Innovazione della Camera di commercio di Milano. 8. UNA STARTUP PUO PRESENTARE DOMANDA ANCHE PER LA MISURA A.2? No, la Misura A.2 è dedicata alle Micro, Piccole e Medie Imprese, iscritte al Registro delle Impresa da più di 4 anni alla data di presentazione della domanda. Le Micro Imprese possono che intendono effettuare investimenti per l acquisizione di nuovi prodotti e/o servizi digitali possono presentare domanda soltanto per la misura A LE IMPRESE CHE HANNO PRESENTATO DOMANDA ALL EDIZIONE PRECEDENTE DEL BANDO (IMPRESA DIGITALE ), POSSONO PRESENTARE DOMANDA ANCHE PER IL BANDO FARE IMPRESA DIGITALE? Sì, però sono escluse le imprese della provincia di Milano assegnatarie dei contributi del Bando, IMPRESA DIGITALE Nuove Tecnologie Digitali per le Piccole e Medie Imprese, promosso da Camera di Commercio di Milano, Comune di Milano e Regione Lombardia che non abbiamo concluso la procedura di rendicontazione alla data di presentazione della domanda per il presente Bando 10.POSSO PRESENTARE UN PROGETTO RELATIVO A PIU LINEE TEMATICHE? Sì, è possibile presentare anche progetti complessi, che prevedano investimenti relativi a più di una linea tematica (es. Misura B: Social ecommerce e Digital Marketing). In fase di compilazione della domanda, però, dovrò scegliere dal menu a discesa soltanto la linea tematica prevalente. Questa scelta non ha nessun effetto sulla valutazione del progetto, ma viene utilizzata soltanto a fini statistici da parte della Camera. 11.QUALI SPESE SONO AMMISSIBILI? Le spese sono ammissibili se: - sostenute dopo il 02/07/2013 (fa fede la data della fattura), imputabili ad una delle voci di spesa elencate nel regolamento; - riferite al progetto presentato. Le imprese neo-costituite (cioè per le imprese iscritte da meno di 18 mesi alla data di presentazione della domanda) possono inserire tra i costi di progetto anche le spese di costituzione, incubazione e accelerazione. 4

5 12.POSSO INDICARE COME FORNITORI SOGGETTI (IMPRESE, CONSULENTI, CENTRI DI RICERCA, ) CON SEDE ALL ESTERO? Sì, il Bando non prevede l obbligo di utilizzare fornitori con sede in Italia. 13.DEVO RICHIEDERE I PREVENTIVI? Sì, è obbligatorio allegare i preventivi relativi al progetto di investimento, a conferma dei costi inseriti nella domanda. 14.IN CASO DI ACQUISTO DI PRODOTTI E SERVIZI SU SITI DI E-COMMERCE, CHE FORMATO DEVONO AVERE I PREVENTIVI? E possibile allegare una stampa pdf della schermata online, dalla quale risulti il costo e le caratteristiche del prodotto/servizio che si intende acquistare. 15.COME DEVO CALCOLARE LE SPESE RELATIVE AL PERSONALE? Le spese del personale sono ammissibili esclusivamente per la Misura B. Sono ammissibili le spese relative a personale assunto con contratto a tempo indeterminato e contratto subordinato a tempo determinato, compreso il contratto di inserimento e di apprendistato, laddove sussistano i requisiti di legge. È ammesso il costo del personale solo se dedicato al progetto, nel limite del 50% della somma delle voci di spesa comprese nelle categorie da B.1 a B.6 Il costo rendicontabile del personale deve essere calcolato considerando la retribuzione lorda del CCNL cui appartiene. La retribuzione contabile deve essere rapportata alle ore d impegno nel progetto, e deve essere calcolata su base mensile (corrispondente alla busta paga): Metodo di calcolo del costo eleggibile: RML+DIF+OS h/lavorate X h/uomo RML= retribuzione mensile lorda, comprensiva della parte degli oneri previdenziali e ritenute fiscali a carico del lavoratore; DIF= retribuzione differita (rateo TFR, 13ma, 14ma); OS= oneri sociali e fiscali a carico del Beneficiario non compresi in busta paga (ovvero non a carico del dipendente); h/lavorate= ore effettivamente lavorate nel mese di riferimento; h/uomo= ore di impegno dedicate effettivamente al progetto, nel mese di riferimento. Ai fini della dimostrazione della ragionevolezza degli importi rendicontati in tale voce di spesa, il Beneficiario deve supportare la rendicontazione con tutta la documentazione idonea a ricostruire il calcolo utilizzato per definire l importo rendicontato, unitamente ad una dichiarazione - firmata dal Dirigente responsabile attestante la retribuzione lorda su base annua del/dei dipendente/i che lavorano sul progetto. Inoltre, se il personale è impegnato sul progetto solo parzialmente, è necessario fornire anche un attestazione che indichi, per ogni dipendente, la parte di stipendio destinata al progetto e il metodo di calcolo (es. calcolo proquota o calcolo attraverso la rilevazione del tempo dedicato). All attestazione può essere allegata una tabella (foglio presenze) sulla quale verranno mensilmente rilevate le ore giornaliere dedicate al progetto e la descrizione dettagliata delle attività svolte. 5

6 Esempio di calcolo : Supponiamo che un dipendente abbia uno stipendio così composto: - Retribuzione Lorda: 1.200,00 - Retribuzione differita: Oneri a carico del datore di lavoro: 300,00 - Totale ore mensili: 140 h/uomo - Totale ore dedicate al progetto: 15 h/uomo X 15=214,29 - il calcolo deve essere basato sul costo effettivo del salario (salario lordo di stipendio + oneri del datore di lavoro in conformità con la legislazione nazionale) del singolo impiegato che è coinvolto nelle attività del progetto. Il calcolo esclude ogni spesa generale amministrativa. - se il membro del personale impiega per il progetto meno del 100% del suo orario di lavoro abituale, il calcolo deve essere basato sul costo orario risultante dal suo salario effettivo diviso il numero totale di ore di lavoro svolte. La paga oraria è, allora, moltiplicata per il numero di ore effettivamente impiegate nelle attività di progetto. - i costi del personale devono essere giustificati da documenti che consentono l'identificazione del rapporto di lavoro (contratto di lavoro), dei costi reali per unità lavorativa (buste paga, prove di pagamento, prova del calcolo per la determinazione del valore della paga oraria), dell'orario di lavoro ordinario ( timbratura del cartellino) e del tempo speso nelle attività del progetto (annotazione delle mansioni, schede specifiche del progetto). 16.TRA LE SPESE DEL PERSONALE POSSONO RIENTRARE ANCHE QUELLE RELATIVE AI SOCI/TITOLARI DELL IMPRESA? No: come specificato alla risposta 15, per personale dipendente si intende personale assunto con contratto a tempo indeterminato e contratto subordinato a tempo determinato: queste sono le uniche spese ammissibili come Spese del personale. I costi relativi ai soci, se non risultano assunti dall impresa, non sono perciò ammissibili, neppure come consulenti esterni (art.6 del Bando). 17.COME VENGONO CONSIDERATI I CONTRATTI A PROGETTO? I contratti a progetto non rientrano tra le spese del personale: i relativi costi possono eventualmente rientrare, a seconda del servizio fornito, nelle spese per acquisto di servizi. 18.QUALE DOCUMENTAZIONE DEVO ALLEGARE IN FASE DI DOMANDA COME PREVENTIVO DELLE SPESE DEL PERSONALE? L impresa dovrà allegare un autodichiarazione, nella quale andrà a dettagliare il numero di persone coinvolte nel progetto, il ruolo e l attività che andranno a svolgere e il costo complessivo. 6

7 19.QUALI INFORMAZIONI DEVO INSERIRE NEL MODULO DI DOMANDA? Le domande alle quali si dovrà rispondere sono: - MISURA A In che cosa consiste il mio progetto e come lo realizzo? Descrivere i contenuti del progetto di investimento con riferimento agli obiettivi del bando e alle singole linee di intervento. Descrivere nel dettaglio l attività dell impresa e le competenze dei soggetti coinvolti nel progetto (personale, consulenti, fornitori). (min max 7000 caratteri spazi inclusi). La descrizione inserita in questo campo dovrà consentire la valutazione del progetto in base al criterio 3 del Bando - Qualità e fattibilità tecnica del progetto Come lo finanzio? Indicare il fatturato degli ultimi 3 anni e le risorse finanziarie messe a disposizione per il progetto e le relative fonti di finanziamento (capitale proprio, leasing, mutui, fidi, ). (min max 2000 caratteri spazi inclusi). La descrizione inserita in questo campo dovrà consentire la valutazione del progetto in base al criterio 2 del Bando - Congruità e pertinenza dei costi e fattibilità del progetto sotto il profilo economico-finanziario, in riferimento agli obiettivi e agli investimenti previsti. Perché è innovativo? Indicare gli elementi innovativi del progetto e delle tecnologie adottate, in relazione allo stato attuale dell impresa e allo stato dell arte (min max 2500 caratteri spazi inclusi). La descrizione inserita in questo campo dovrà consentire la valutazione del progetto in base al criterio 1 del Bando - Grado di innovatività dell iniziativa Quali saranno i suoi effetti sulla competitività e sullo sviluppo della mia impresa? Indicare le ricadute e gli effetti specifici del progetto, evidenziando in particolare il vantaggio competitivo ottenuto rispetto ai concorrenti (min max 800 caratteri spazi inclusi). La descrizione inserita in questo campo dovrà consentire la valutazione del progetto in base al criterio 4 del Bando - Incidenza del progetto sulla crescita della competitività e sullo sviluppo dell impresa beneficiaria. - MISURA B In che cosa consiste il mio progetto e come lo realizzo? Descrivere i contenuti del progetto di investimento con riferimento agli obiettivi del bando e alle singole linee di intervento. Descrivere nel dettaglio l attività dell impresa e le competenze dei soggetti coinvolti nel progetto (personale, consulenti, fornitori). (min max 7000 caratteri spazi inclusi). La descrizione inserita in questo campo dovrà consentire la valutazione del progetto in base al criterio 3 del Bando - Qualità e fattibilità tecnica del progetto Come lo finanzio? Indicare il fatturato degli ultimi 3 anni e le risorse finanziarie messe a disposizione per il progetto e le relative fonti di finanziamento (capitale proprio, leasing, mutui, fidi, ). (min max 2000 caratteri spazi inclusi). La descrizione inserita in questo campo dovrà consentire la valutazione del progetto in base al criterio 2 del Bando - Congruità e pertinenza dei costi e fattibilità del progetto sotto il profilo economico-finanziario, in riferimento agli obiettivi e agli investimenti previsti. Perché è innovativo? Indicare gli elementi innovativi del progetto e delle tecnologie adottate, in relazione allo stato dell arte (min max 2500 caratteri spazi inclusi). La descrizione inserita in questo campo dovrà consentire la valutazione del progetto in base al criterio 1 del Bando - Grado di innovatività dell iniziativa Quali saranno i suoi effetti sulla competitività e sullo sviluppo della mia impresa? Indicare le ricadute e gli effetti specifici del progetto, evidenziando in particolare il vantaggio competitivo ottenuto rispetto ai concorrenti (min max 800 caratteri spazi inclusi). La descrizione inserita in questo campo dovrà consentire la valutazione del progetto in base al criterio 4 del Bando - Incidenza del progetto sulla crescita della competitività e sullo sviluppo dell impresa beneficiaria. 7

BANDO IMPRESA DIGITALE FAQ

BANDO IMPRESA DIGITALE FAQ BANDO IMPRESA DIGITALE FAQ Aggiornate al 24-09-2012 1 INDICE 1. QUALI IMPRESE POSSONO PRESENTARE DOMANDA?... 3 2. LA PARTECIPAZIONE AL BANDO E APERTA ANCHE A AGGREGAZIONI DI IMPRESE (ATI, RETI, )?... 3

Dettagli

1. POSSO PRESENTARE LA DOMANDA SOLTANTO TRAMITE POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA?... 4 2. QUALI IMPRESE POSSONO PRESENTARE DOMANDA?...

1. POSSO PRESENTARE LA DOMANDA SOLTANTO TRAMITE POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA?... 4 2. QUALI IMPRESE POSSONO PRESENTARE DOMANDA?... FAQ 1 INDICE 1. POSSO PRESENTARE LA DOMANDA SOLTANTO TRAMITE POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA?... 4 2. QUALI IMPRESE POSSONO PRESENTARE DOMANDA?... 4 3. COME SI CONSIDERA LA REGOLARITÀ DEL PAGAMENTO DEL DIRITTO

Dettagli

INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER PROGETTI DI INNOVAZIONE ED INTERNAZIONALIZZAZIONE DEL SISTEMA FIERISTICO REGIONALE.

INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER PROGETTI DI INNOVAZIONE ED INTERNAZIONALIZZAZIONE DEL SISTEMA FIERISTICO REGIONALE. INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER PROGETTI DI INNOVAZIONE ED INTERNAZIONALIZZAZIONE DEL SISTEMA FIERISTICO REGIONALE. FAQ INDICE 1. POSSO PRESENTARE LA PROPOSTA PROGETTUALE SOLTANTO TRAMITE

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA RENDICONTAZIONE. Bando IMPRESA DIGITALE

LINEE GUIDA PER LA RENDICONTAZIONE. Bando IMPRESA DIGITALE LINEE GUIDA PER LA RENDICONTAZIONE Bando IMPRESA DIGITALE Ultimo aggiornamento 04/02/2013 1 1. BENEFICIARI, PROGETTI E TEMPI DI REALIZZAZIONE... 3 1.1 Variazioni dei progetti... 3 1.2 Realizzazione dei

Dettagli

BANDO CREATIVITÀ: EVENTI E LUOGHI PER L INNOVAZIONE NELLA MODA E NEL DESIGN FAQ AGGIORNATE AL 18 DICEMBRE 2014

BANDO CREATIVITÀ: EVENTI E LUOGHI PER L INNOVAZIONE NELLA MODA E NEL DESIGN FAQ AGGIORNATE AL 18 DICEMBRE 2014 INDICE 1. UN SOGGETTO BENEFICIARIO PUÒ PRESENTARE UN PROGETTO IN QUALITÀ DI CAPOFILA E PARTECIPARE A PIÙ PROGETTI IN QUALITÀ DI PARTNER?...3 2. NEL CASO DELL UNIVERSITÀ, SI PUÒ INTENDERE COME CAPOFILA

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO ECONOMICO E LA COMPETITIVITÀ DEL SISTEMA LOMBARDO ANNO 2012

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO ECONOMICO E LA COMPETITIVITÀ DEL SISTEMA LOMBARDO ANNO 2012 ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO ECONOMICO E LA COMPETITIVITÀ DEL SISTEMA LOMBARDO ANNO 2012 ASSE 3 - PROGETTI DI SISTEMA A SUPPORTO DELLE MPMI E IMPRENDITORIALITÀ BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI

Dettagli

BANDO MODA E DIGITALE: NUOVE SOLUZIONI TECNOLOGICHE PER IL TERZIARIO E LA FILIERA DELLA MODA

BANDO MODA E DIGITALE: NUOVE SOLUZIONI TECNOLOGICHE PER IL TERZIARIO E LA FILIERA DELLA MODA BANDO MODA E DIGITALE: NUOVE SOLUZIONI TECNOLOGICHE PER IL TERZIARIO E LA FILIERA DELLA MODA 1 Sommario 1. Finalità... 3 2. Ambito di intervento... 3 3. Soggetti beneficiari... 3 4. Dotazione Finanziaria...

Dettagli

RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA

RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA aggiornato al 24/10/2011 L.P. 13 dicembre 1999, n. 6, articolo 5 RICERCA APPLICATA PROCEDURA VALUTATIVA RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA per domande di agevolazione di importo fino a 1,5 milioni di euro

Dettagli

Costi di personale e. Controlli di primo livello e certificazione delle spese Programma Sud Est Europa. Seminario

Costi di personale e. Controlli di primo livello e certificazione delle spese Programma Sud Est Europa. Seminario Costi di personale e Regole di flessibilità 10% e 20% nel Manuale di rendicontazione nazionale Seminario Controlli di primo livello e certificazione delle spese Programma Sud Est Europa Bologna 21 Settembre

Dettagli

ALLEGATO 3 FAC-SIMILE DEL

ALLEGATO 3 FAC-SIMILE DEL ALLEGATO 3 FAC-SIMILE DEL MODULO PER LA PRESENTAZIONE ON-LINE DELLA DOMANDA Il presente modulo contiene le informazioni e i campi che dovranno essere compilati sul sito del Fondo Innovazione (www.fondoinnovazione.it)

Dettagli

Accordo di Programma per lo sviluppo economico e la competitività del Sistema lombardo. Asse 1 Competitività delle imprese

Accordo di Programma per lo sviluppo economico e la competitività del Sistema lombardo. Asse 1 Competitività delle imprese Accordo di Programma per lo sviluppo economico e la competitività del Sistema lombardo Asse 1 Competitività delle imprese Bando Innovaretail 3 per il sostegno all innovazione di processo nel sistema distributivo

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA MANUALE DI GUIDA ALLA RENDICONTAZIONE E ALLA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA DI LIQUIDAZIONE

REGIONE LOMBARDIA MANUALE DI GUIDA ALLA RENDICONTAZIONE E ALLA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA DI LIQUIDAZIONE REGIONE LOMBARDIA DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE FORMAZIONE E LAVORO MANUALE DI GUIDA ALLA RENDICONTAZIONE E ALLA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA DI LIQUIDAZIONE DOTE LAVORO INSERIMENTO E REINSERIMENTO LAVORATIVO

Dettagli

02 FACT SHEET Italia Focus: spese di Staff cost

02 FACT SHEET Italia Focus: spese di Staff cost Focus: spese di Staff cost Premessa La Fact Sheet è concepita come uno strumento di supporto alle attività di rendicontazione dei Beneficiari italiani in linea con le previsioni normative nazionali, fermo

Dettagli

BANDO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CONTRIBUTO "AIUTI ALLE PMI PER L'ACQUISIZIONE DI SERVIZI QUALIFICATI"

BANDO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CONTRIBUTO AIUTI ALLE PMI PER L'ACQUISIZIONE DI SERVIZI QUALIFICATI BANDO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CONTRIBUTO "AIUTI ALLE PMI PER L'ACQUISIZIONE DI SERVIZI QUALIFICATI" Soggetti beneficiari ammessi a presentare domanda: - Medie, piccole e micro imprese,in

Dettagli

assunzione di lavoratori a tempo determinato assunzione di lavoratori a tempo indeterminato stabilizzazione di lavoratori già presenti in azienda

assunzione di lavoratori a tempo determinato assunzione di lavoratori a tempo indeterminato stabilizzazione di lavoratori già presenti in azienda Politiche per il Lavoro, Sviluppo Economico, Università e Ricerca Edizione 2013 Incentivi alle micro, piccole e medie imprese di Milano e provincia per: assunzione di lavoratori a tempo determinato assunzione

Dettagli

Asse 1 POR FESR 2007-2013 - Linea di intervento 1.1.2.1 Sostegno alla crescita della capacità competitiva delle imprese lombarde

Asse 1 POR FESR 2007-2013 - Linea di intervento 1.1.2.1 Sostegno alla crescita della capacità competitiva delle imprese lombarde ALLEGATO A Asse 1 POR FESR 2007-2013 - Linea di intervento 1.1.2.1 Sostegno alla crescita della capacità competitiva delle imprese lombarde AZIONE G Sostegno all innovazione delle imprese Bando per la

Dettagli

UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTÒNOMA DE SARDIGNA ASSESSORADU DE SA PROGRAMMATZIONE, BILANTZU, CRÈDITU E ASSENTU DE SU TERRITORIU

UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTÒNOMA DE SARDIGNA ASSESSORADU DE SA PROGRAMMATZIONE, BILANTZU, CRÈDITU E ASSENTU DE SU TERRITORIU UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTÒNOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORADU DE SA PROGRAMMATZIONE, BILANTZU, CRÈDITU E ASSENTU DE SU TERRITORIU ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE,

Dettagli

Allegato B BANDO 2015 PER L ABBATTIMENTO DEL COSTO DELLE COMMISSIONI SULLE GARANZIE RILASCIATE DAGLI ORGANISMI DI GARANZIA COLLETTIVA FIDI

Allegato B BANDO 2015 PER L ABBATTIMENTO DEL COSTO DELLE COMMISSIONI SULLE GARANZIE RILASCIATE DAGLI ORGANISMI DI GARANZIA COLLETTIVA FIDI Allegato B BANDO 2015 PER L ABBATTIMENTO DEL COSTO DELLE COMMISSIONI SULLE GARANZIE RILASCIATE DAGLI ORGANISMI DI GARANZIA COLLETTIVA FIDI Approvato con deliberazione della Giunta camerale n. 83 del 24

Dettagli

SCHEMA SEMPLIFICATO PER LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN

SCHEMA SEMPLIFICATO PER LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN Sottomisura 4.1.3.1.a Sostegno alla creazione ed allo sviluppo di microimprese Misura 3.1.2. Azione a) Centri rurali di ristoro e degustazione SCHEMA SEMPLIFICATO PER LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN Il

Dettagli

Il sottoscritto. nato a il. rappresentante dell'impresa/consorzio/cooperativa. con sede in Via n.

Il sottoscritto. nato a il. rappresentante dell'impresa/consorzio/cooperativa. con sede in Via n. 1406 fascicolo 12.4 1.2014 (determinazione n. 219/PRO del 19.9.2014 di modifica del provvedimento n. 170/PRO del 9.7.2014) MODULO PRINCIPALE ALLEGATO ALLA DOMANDA TELEMATICA DI CONTRIBUTO PER SISTEMI INFORMATICI.

Dettagli

RICHIESTA di EROGAZIONE FINALE (saldo)

RICHIESTA di EROGAZIONE FINALE (saldo) MIL - Mod. V/B/01 Spett.le FINLOMBARDA S.p.A. Via Oldofredi, 23 20124 Milano (MI) RICHIESTA di EROGAZIONE FINALE (saldo) OGGETTO: Iniziativa Made in Lombardy - ID Domanda FL n [ ]. Richiesta di erogazione

Dettagli

Accordo di Programma Quadro in materia di Politiche Giovanili

Accordo di Programma Quadro in materia di Politiche Giovanili Allegato 9 Accordo di Programma Quadro in materia di Politiche Giovanili Nuova Generazione di Idee. Le politiche e le Linee di intervento di Regione Lombardia per i Giovani SPESE AMMISSIBILI E MASSIMALI

Dettagli

DALL IDEA ALL IMPRESA

DALL IDEA ALL IMPRESA Premessa DALL IDEA ALL IMPRESA Bando Incubatore d impresa 2015 rivolto ad aspiranti imprenditori e imprese start up per la fruizione dei servizi dell Incubatore certificato di ComoNExT scpa Ministero dello

Dettagli

Umbria Innovazione. Programma di animazione per lo sviluppo di progetti. aziendali di innovazione nelle PMI umbre annualità 2013

Umbria Innovazione. Programma di animazione per lo sviluppo di progetti. aziendali di innovazione nelle PMI umbre annualità 2013 Umbria Innovazione Programma di animazione per lo sviluppo di progetti aziendali di innovazione nelle PMI umbre annualità 2013 Progetti di innovazione rivolti a cluster di imprese ------- AVVISO Nell ambito

Dettagli

BANDO PER IL SOSTEGNO ALL INNOVAZIONE DELLE IMPRESE MILANESI DI PRODUZIONE AUDIOVISIVA

BANDO PER IL SOSTEGNO ALL INNOVAZIONE DELLE IMPRESE MILANESI DI PRODUZIONE AUDIOVISIVA BANDO PER IL SOSTEGNO ALL INNOVAZIONE DELLE IMPRESE MILANESI DI PRODUZIONE AUDIOVISIVA FINALITA E RISORSE La Provincia di Milano intende rafforzare in modo particolare la competitività di alcuni settori

Dettagli

BANDO PUBBLICO. per la concessione di Contributi alle Imprese per la partecipazione ad Expo 2015. INFOPLUS - Bando n 2283466

BANDO PUBBLICO. per la concessione di Contributi alle Imprese per la partecipazione ad Expo 2015. INFOPLUS - Bando n 2283466 per la concessione di Contributi alle Imprese per la partecipazione ad Expo 2015 Rev. 1 Preparato: Camera di Commercio di Cosenza Approvato: DG n. 49 del 20.07.2015 Pagina 1 di 9 SOMMARIO 1. FINALITA...3

Dettagli

FSE 2007-2013 Vademecum per la presentazione dei giustificativi di spesa

FSE 2007-2013 Vademecum per la presentazione dei giustificativi di spesa FSE 2007-2013 Vademecum per la presentazione dei giustificativi di spesa PREMESSA La programmazione FSE 2007-2013 prevede che le erogazioni a favore del beneficiario avvengano secondo il seguente schema:

Dettagli

BANDO INNOVARE LA TRADIZIONE AI SENSI DELLA DGR 20 GENNAIO 2009 n. VIII/8886

BANDO INNOVARE LA TRADIZIONE AI SENSI DELLA DGR 20 GENNAIO 2009 n. VIII/8886 BANDO INNOVARE LA TRADIZIONE AI SENSI DELLA DGR 20 GENNAIO 2009 n. VIII/8886 Sommario 1. Finalità... 2 2. Ambiti di intervento finanziabili... 2 2.1. Innovazione... 2 2.2. Riconversione e sviluppo di impresa...

Dettagli

Connetti la tua impresa. Bando Nuove Tecnologie Digitali per la competitività delle imprese milanesi

Connetti la tua impresa. Bando Nuove Tecnologie Digitali per la competitività delle imprese milanesi Connetti la tua impresa Bando Nuove Tecnologie Digitali per la competitività delle imprese milanesi Competitività: i fattori critici 1. Bassa valorizzazione del capitale umano 2. Scarsa innovazione: dati

Dettagli

PROGETTO DI INVESTIMENTO Anagrafica Soggetto Richiedente

PROGETTO DI INVESTIMENTO Anagrafica Soggetto Richiedente Parte I PROGETTO DI INVESTIMENTO Anagrafica Soggetto Richiedente - Nome e forma giuridica - sede legale 1 - sede operativa 1 - sede corrispondenza - rappresentante legale - Codice Fiscale - numero di iscrizione

Dettagli

Politiche per il Lavoro, Sviluppo Economico, Università e Ricerca FAQ

Politiche per il Lavoro, Sviluppo Economico, Università e Ricerca FAQ Politiche per il Lavoro, Sviluppo Economico, Università e Ricerca FAQ Edizione 2013 1) BENEFICIARI DEL CONTRIBUTO Quali imprese possono partecipare? Come controllo se sono in regola con il diritto camerale?

Dettagli

Bando per la presentazione di progetti di comunicazione digitale per il business delle MPMI Lombarde

Bando per la presentazione di progetti di comunicazione digitale per il business delle MPMI Lombarde Bando per la presentazione di progetti di comunicazione digitale per il business delle MPMI Lombarde Accordo di programma per lo sviluppo economico e la competitività del sistema lombardo - anno 2012 Asse

Dettagli

REGIONE PUGLIA REGIONE PUGLIA Programma Operativo 2007-2013 ASSE I Linea 1.1

REGIONE PUGLIA REGIONE PUGLIA Programma Operativo 2007-2013 ASSE I Linea 1.1 21381 UNIONE EUROPEA FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE. REGIONE PUGLIA AREA POLITICHE PER LO SVILUPPO, IL LAVORO E L INNOVAZIONE REGIONE PUGLIA REGIONE PUGLIA Programma Operativo 2007-2013 ASSE I Linea

Dettagli

La politica industriale si è sviluppata in Italia in un progressivo allargamento del campo di intervento, passando dalla impresa al settore, dal

La politica industriale si è sviluppata in Italia in un progressivo allargamento del campo di intervento, passando dalla impresa al settore, dal La politica industriale si è sviluppata in Italia in un progressivo allargamento del campo di intervento, passando dalla impresa al settore, dal settore al distretto e dal distretto alla filiera. Nella

Dettagli

NUOVE IMPRESE INN OVA TIVE

NUOVE IMPRESE INN OVA TIVE POR FESR Sardegna 2007-2013 Asse VI Competitività Linea di Attività 6.2.1.b Sostegno alla creazione e sviluppo di nuove imprese innovative Programma di aiuti per nuove imprese innovative ALLEGATO 1 CRITERI

Dettagli

Manuale di supporto alla rendicontazione on line

Manuale di supporto alla rendicontazione on line ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO ECONOMICO E LA COMPETITIVITÀ DEL SISTEMA LOMBARDO ASSE 1- INNOVAZIONE Misura 1.5 Nascita e consolidamento imprese di servizi all innovazione Bando CONTRIBUTI ALLE MICRO,

Dettagli

ALLEGATO III DISPOSIZIONI FINANZIARIE. PARAGRAFO 1 Disposizioni generali

ALLEGATO III DISPOSIZIONI FINANZIARIE. PARAGRAFO 1 Disposizioni generali ALLEGATO III DISPOSIZIONI FINANZIARIE PARAGRAFO 1 Disposizioni generali La sovvenzione si basa sul principio del cofinanziamento, in quanto completa il contributo finanziario del beneficiario. L importo

Dettagli

Ministero delle Attività Produttive

Ministero delle Attività Produttive Ministero delle Attività Produttive IL MINISTRO Visto il decreto del Ministro dell industria, del commercio e dell artigianato 18 settembre 1997 relativo all adeguamento alla disciplina comunitaria dei

Dettagli

BANDO Welcome Business

BANDO Welcome Business Il Comune di Milano e la Camera di Commercio di Milano promuovono il presente BANDO Welcome Business Incentivi ai talenti all estero che rientrino in Italia per costituire la loro impresa a Milano Art.1

Dettagli

ELENCO AGEVOLAZIONI DEL MOMENTO

ELENCO AGEVOLAZIONI DEL MOMENTO ELENCO AGEVOLAZIONI DEL MOMENTO NUOVE IMPRESE E INVESTIMENTI PRODUTTIVI TITOLO IMPRESE BENEFICIARIE AGEVOLAZIONE PREVISTA TERMINI DI Finanziamenti agevolati e contributi a fondo perduto per nuove Start

Dettagli

DGR N. 1789 del 29/09/2014 BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI DI AGGREGAZIONE DI IMPRESE

DGR N. 1789 del 29/09/2014 BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI DI AGGREGAZIONE DI IMPRESE Obiettivo DGR N. 1789 del 29/09/2014 BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI DI AGGREGAZIONE DI IMPRESE Il Bando in attuazione della Legge Regionale 30 maggio 2014, n. 13 Disciplina dei distretti industriali,

Dettagli

CRITERI DI AMMISSIBILITÀ DEI COSTI

CRITERI DI AMMISSIBILITÀ DEI COSTI Bando per la concessione di agevolazioni finanziarie a start-up innovative nell ambito del programma di supporto SpinAREA CRITERI DI AMMISSIBILITÀ DEI COSTI L'attività di supporto alla creazione di imprese

Dettagli

BANDO VOUCHER PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI CATANZARO

BANDO VOUCHER PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI CATANZARO BANDO VOUCHER PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI CATANZARO 1. FINALITA La Camera di Commercio di Catanzaro - per il tramite della sua Azienda Speciale

Dettagli

Avviso per lo sviluppo delle PMI Campane - Misura Tranched Cover attraverso finanziamenti erogati da Banca Popolare di Bari S.c.p.A.

Avviso per lo sviluppo delle PMI Campane - Misura Tranched Cover attraverso finanziamenti erogati da Banca Popolare di Bari S.c.p.A. Avviso per lo sviluppo delle PMI Campane - Misura Tranched Cover attraverso finanziamenti erogati da Banca Popolare di Bari S.c.p.A. P.O. FESR Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 2.4 Credito e Finanza

Dettagli

Misura 3.14 Erogazioni in acconto e Rendicontazione dello stato di avanzamento e finale

Misura 3.14 Erogazioni in acconto e Rendicontazione dello stato di avanzamento e finale Messina, 27 Aprile 2006 Misura 3.14 Erogazioni in acconto e Rendicontazione dello stato di avanzamento e finale Alessandro Sblandi Banca Nuova SpA Prima quota in acconto Per contributi in conto capitale

Dettagli

studio associato zaniboni

studio associato zaniboni N. protocollo: 22/2014 Oggetto: LE MODALITÀ DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA PER LA NUOVA SABATINI Le imprese che vogliono accedere al finanziamento e al contributo in conto interessi per l acquisto di beni

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE INIZIATIVE DI CREDITO AGEVOLATO PROMOSSE DALL ENTE CAMERALE A FAVORE DELLE IMPRESE COMMERCIALI, ARTIGIANE E INDUSTRIALI

REGOLAMENTO PER LE INIZIATIVE DI CREDITO AGEVOLATO PROMOSSE DALL ENTE CAMERALE A FAVORE DELLE IMPRESE COMMERCIALI, ARTIGIANE E INDUSTRIALI Allegato A) Deliberazione Giunta n. 95 del 19/07/2012 REGOLAMENTO PER LE INIZIATIVE DI CREDITO AGEVOLATO PROMOSSE DALL ENTE CAMERALE A FAVORE DELLE IMPRESE COMMERCIALI, ARTIGIANE E INDUSTRIALI ART. 1 Finalità

Dettagli

Oggetto: LE MODALITÀ DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA PER LA NUOVA SABATINI

Oggetto: LE MODALITÀ DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA PER LA NUOVA SABATINI Danilo Cortesi A tutti i Clienti Loro sedi Ravenna, 11/04/2014 Circolare informativa n. 7/2014 Oggetto: LE MODALITÀ DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA PER LA NUOVA SABATINI Le imprese che vogliono accedere

Dettagli

COPIA TRATTA DA GURITEL GAZZETTA UFFICIALE ON-LINE

COPIA TRATTA DA GURITEL GAZZETTA UFFICIALE ON-LINE origine controllata di che trattasi, specificatamente per quanto riguarda l utilizzo del tappo a vite per le bottiglie di contenuto non superiore a lt. 5; Visto il parere favorevole espresso al riguardo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITA IMPRENDITORIALI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITA IMPRENDITORIALI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITA IMPRENDITORIALI (Approvato dalla Giunta camerale con atto n. 38 del 24/02/2014) Art. 1 Finalità Nel quadro delle proprie iniziative

Dettagli

PSR 2007-2013 REGIONE PIEMONTE - MISURA 123 AZ. 1 Bando Health Check. Istruzioni per la Determinazione della Dimensione dell Impresa

PSR 2007-2013 REGIONE PIEMONTE - MISURA 123 AZ. 1 Bando Health Check. Istruzioni per la Determinazione della Dimensione dell Impresa PSR 2007-2013 REGIONE PIEMONTE - MISURA 123 AZ. 1 Bando Health Check Istruzioni per la Determinazione della Dimensione dell Impresa 1 PSR 2007-2013 REGIONE PIEMONTE - MISURA 123 AZ. 1 Bando Health Check

Dettagli

POR ASSE II OCCUPABILITÀ OBIETTIVO COMPETITIVITÀ REGIONALE E OCCUPAZIONE AUTORITÀ DI GESTIONE FSE 2007-2013 POR FSE LAZIO 2007-2013.

POR ASSE II OCCUPABILITÀ OBIETTIVO COMPETITIVITÀ REGIONALE E OCCUPAZIONE AUTORITÀ DI GESTIONE FSE 2007-2013 POR FSE LAZIO 2007-2013. REGIONE LAZIO POR ASSE II OCCUPABILITÀ OBIETTIVO COMPETITIVITÀ REGIONALE E OCCUPAZIONE AUTORITÀ DI GESTIONE FSE 2007-2013 POR FSE LAZIO 2007-2013 PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI POLITICHE PREVENTIVE PER

Dettagli

FAQ. Art. 2. Art. 2. Sì, tutti i componenti dell aggregazione devono possedere i requisiti previsti nell Avviso.

FAQ. Art. 2. Art. 2. Sì, tutti i componenti dell aggregazione devono possedere i requisiti previsti nell Avviso. FAQ N. Quesito Risposta Riferim. Avviso 1 PRESENZA FEMMINILE: a pag.2: Nelle società cooperative e società di persone non è specificato se anche gli organi di amministrazione (oltre alla composizione numerica

Dettagli

Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la formazione dei dirigenti del terziario

Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la formazione dei dirigenti del terziario Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la formazione dei dirigenti del terziario GUIDA per la gestione dei Voucher formativi 2012 Sommario Premessa... 2 1. Soggetto Responsabile del Piano: obblighi

Dettagli

TIPOLOGIA DEL SOGGETTO RICHIEDENTE IMPRESA GIA COSTITUITA PROMOTORE

TIPOLOGIA DEL SOGGETTO RICHIEDENTE IMPRESA GIA COSTITUITA PROMOTORE Allegato B FORMULARIO Per la partecipazione all Avviso Pubblico peril sostegno e lo sviluppo di imprese nel settore delle attività culturali e creative - Art. 7 L.R. 13/2013 TIPOLOGIA DEL SOGGETTO RICHIEDENTE

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE 2007-2013 OBIETTIVO COMPETITIVITA REGIONALE E OCCUPAZIONE. Linea di intervento 1.1.1.1.

REGIONE LOMBARDIA PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE 2007-2013 OBIETTIVO COMPETITIVITA REGIONALE E OCCUPAZIONE. Linea di intervento 1.1.1.1. REGIONE LOMBARDIA PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE 2007-2013 OBIETTIVO COMPETITIVITA REGIONALE E OCCUPAZIONE LINEE GUIDA PER LA RENDICONTAZIONE DELLE SPESE (Accettazione dell agevolazione finanziaria, Monitoraggio

Dettagli

CRITERI PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI DA PARTE DI SINGOLE IMPRESE O AGGREGAZIONI DI IMPRESA IN MATERIA DI CONCILIAZIONE VITA-LAVORO

CRITERI PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI DA PARTE DI SINGOLE IMPRESE O AGGREGAZIONI DI IMPRESA IN MATERIA DI CONCILIAZIONE VITA-LAVORO CRITERI PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI DA PARTE DI SINGOLE IMPRESE O AGGREGAZIONI DI IMPRESA IN MATERIA DI CONCILIAZIONE VITA-LAVORO 1. Finalità L iniziativa intende promuovere, presso le Imprese degli

Dettagli

AMBITI APPLICATIVI LINEE DI INTERVENTO E FINANZIAMENTO

AMBITI APPLICATIVI LINEE DI INTERVENTO E FINANZIAMENTO BANDO Toscana FAR-FAS 2014 Bando per il finanziamento di progetti di ricerca fondamentale, ricerca industriale e sviluppo sperimentale realizzati congiuntamente da imprese e organismi di ricerca in materia

Dettagli

ALLEGATO C MODALITA OPERATIVE PER LA RENDICONTAZIONE

ALLEGATO C MODALITA OPERATIVE PER LA RENDICONTAZIONE ALLEGATO C MODALITA OPERATIVE PER LA RENDICONTAZIONE Interventi a favore delle reti di imprese operanti nella Regione Autonoma della Sardegna e nella Regione Veneto INDICE: PRESENTAZIONE...3 MODALITA OPERATIVE

Dettagli

Rendicontazione della spesa: personale interno

Rendicontazione della spesa: personale interno Rendicontazione della spesa: personale interno Carmen Candido Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Direzione Centrale Cultura Sport Relazioni Internazionali e Comunitarie Struttura Controlli I livello

Dettagli

MANUALE DI RENDICONTAZIONE Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione

MANUALE DI RENDICONTAZIONE Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione BANDO "DAI DISTRETTI PRODUTTIVI AI DISTRETTI TECNOLOGICI -2" Distretto 9.2 - Elettronica e Meccanica di Precisione MANUALE DI RENDICONTAZIONE Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione

Dettagli

BANDO PER L ACCESSO AL FONDO DI GARANZIA DELLA CCIAA DI CHIETI PER LA NUOVA MICRO IMPRENDITORIALITA

BANDO PER L ACCESSO AL FONDO DI GARANZIA DELLA CCIAA DI CHIETI PER LA NUOVA MICRO IMPRENDITORIALITA BANDO PER L ACCESSO AL FONDO DI GARANZIA DELLA CCIAA DI CHIETI PER LA NUOVA MICRO IMPRENDITORIALITA Chieti, 14 Novembre 2014 La Camera di Commercio di Chieti, attraverso la creazione di un Fondo di Garanzia,

Dettagli

< di 10 < di 10. < di 2 < di 2

< di 10 < di 10. < di 2 < di 2 BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI CASERTA DIRETTI A FAVORIRE LA COSTITUZIONE E L AMPLIAMENTO DELLE RETI DI IMPRESE Art. 1 Obiettivi e finalità

Dettagli

FRI: Fondo di rotazione per l'internazionalizzazione

FRI: Fondo di rotazione per l'internazionalizzazione FRI: Fondo di rotazione per l'internazionalizzazione Il FRI sostiene investimenti realizzati da imprese lombarde in forma diretta o in joint-venture con altre imprese, finalizzati alla creazione di insediamenti

Dettagli

Circolare N.140 del 19 Settembre 2013

Circolare N.140 del 19 Settembre 2013 Circolare N.140 del 19 Settembre 2013 Smart & Start. Incentivi ed agevolazioni fino a 500.000 euro per i progetti innovativi al sud Gentile cliente con la presente intendiamo informarla che Smart & Start

Dettagli

BANDO SPORTELLO DELL INNOVAZIONE - PROGETTI CAMPANIA START-UP Data di pubblicazione 18 aprile 2014

BANDO SPORTELLO DELL INNOVAZIONE - PROGETTI CAMPANIA START-UP Data di pubblicazione 18 aprile 2014 BANDO SPORTELLO DELL INNOVAZIONE - FAQ PROGETTI CAMPANIA START-UP Data di pubblicazione 18 aprile 2014 Sommario SOGGETTI AMMISSIBILI E REQUISITI DI PARTECIPAZIONE (15)...2 CARATTERISTICHE DEI PROGETTI

Dettagli

SPESE AMMISSIBILI DOCUMENTAZIONE DI SPESA

SPESE AMMISSIBILI DOCUMENTAZIONE DI SPESA SPESE AMMISSIBILI DOCUMENTAZIONE DI SPESA Sono ammissibili a contributo le spese sostenute a decorrere dalla data di adesione ufficiale al Patto dei Sindaci e riferibili alle seguenti attività: - preparazione

Dettagli

Modalità di rendicontazione delle spese sostenute a valere sugli interventi finanziati ai sensi della L.R. 12/2002.

Modalità di rendicontazione delle spese sostenute a valere sugli interventi finanziati ai sensi della L.R. 12/2002. Allegato A Modalità di rendicontazione delle spese sostenute a valere sugli interventi finanziati ai sensi della L.R. 12/2002. Ammissibilità delle spese: categorie e requisiti Le spese sostenute sono ammissibili

Dettagli

DOMANDA DI ADESIONE AZIENDA SEDE OPERATIVA RISERVATO A FIDINDUSTRIA

DOMANDA DI ADESIONE AZIENDA SEDE OPERATIVA RISERVATO A FIDINDUSTRIA RISERVATO A FIDINDUSTRIA NDG SOCIO BHUBHBJBJKNBJKN NKNNKJNNOL DATA RICEZIONE DOMANDA BHUBHBJBJKNBJKNNK DATA DELIBERA BHUBHBJBJKNBJKNNKN NKJNNOL DOMANDA DI ADESIONE AZIENDA SEDE OPERATIVA DOMANDA DI ADESIONE

Dettagli

Voucher CooperAttive!

Voucher CooperAttive! bando Voucher CooperAttive! per l acquisto di servizi di assistenza destinati allo sviluppo delle società cooperative Sviluppo Aziendale Check-up Economico Finanziario Riorganizzazione Responsabilita Sociale

Dettagli

Costituzione di liquiditá. Istruzioni

Costituzione di liquiditá. Istruzioni Costituzione di liquiditá Istruzioni Quadro A classificazione dell impresa Quadro B dichiarazioni ed impegni della/del richiedente Quadro C agevolazione richiesta 1. Beneficiari 2. Quando e dove si presenta

Dettagli

MANUALE DI RENDICONTAZIONE ATTIVITÀ FINANZIATE DA FONDITALIA

MANUALE DI RENDICONTAZIONE ATTIVITÀ FINANZIATE DA FONDITALIA MANUALE DI RENDICONTAZIONE ATTIVITÀ FINANZIATE DA FONDITALIA Approvato nel C.D.A. del 26 aprile 2010 Viale Bruno Buozzi, 59-00197 Roma T. +39 06 95216933 - F. +39 06 99705521 - C.F. 97516290588 - info@fonditalia.org

Dettagli

LINEE GUIDA ALLA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI

LINEE GUIDA ALLA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI FONDO ROTATIVO DI FINANZA AGEVOLATA DENOMINATO FONDO ENERGIA INTERVENTO CO-FINANZIATO DAL P.O.R. FESR 2007-2013 REGIONE EMILIA ROMAGNA, ASSE 3- QUALIFICAZIONE ENERGETICO AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE

Dettagli

Articolo 3 Investimenti ammessi e non ammessi a contributo Sono ammessi al contributo camerale

Articolo 3 Investimenti ammessi e non ammessi a contributo Sono ammessi al contributo camerale CONTRIBUTI A SOSTEGNO DELLE MICRO E PICCOLE IMPRESE AGRICOLE FINALIZZATI ALL'INNOVAZIONE TECNOLOGICA PER LA PROMOZIONE DEI PROPRI PRODOTTI E ATTIVITÀ (approvato dalla Giunta camerale con deliberazione

Dettagli

Programma Attività produttive. Prestito con la Banca Europea per gli Investimenti (BEI) (Contratto Regione Piemonte Loan for SME S ).

Programma Attività produttive. Prestito con la Banca Europea per gli Investimenti (BEI) (Contratto Regione Piemonte Loan for SME S ). Programma Attività produttive Prestito con la Banca Europea per gli Investimenti (BEI) (Contratto Regione Piemonte Loan for SME S ). Misura Supporto a progetti di investimento e sviluppo delle PMI piemontesi

Dettagli

NUOVI SERVIZI EBAV 4 luglio 2013

NUOVI SERVIZI EBAV 4 luglio 2013 NUOVI SERVIZI EBAV 4 luglio 2013 Occupazione, imprenditoria, prima casa www.pd.cna.it www.ebav.veneto.it A61 FORMAZIONE INTERNA ASSISTITA Contributo alle aziende per l'attività formativa formale (per un

Dettagli

FONDO UNICO ANTICRISI

FONDO UNICO ANTICRISI ALLEGATO D Unione Europea Regione Molise Finmolise SpA FONDO UNICO ANTICRISI Regolamento di attuazione del Fondo per la concessione di garanzie dirette e cogaranzie su finanziamenti alle PMI finalizzati

Dettagli

CITTA DI CERIGNOLA AVVISO PUBBLICO PER LA SELEZIONE DI IMPRESE DA INSEDIARE NELL INCUBATORE DI CERIGNOLA ZONA INDUSTRIALE

CITTA DI CERIGNOLA AVVISO PUBBLICO PER LA SELEZIONE DI IMPRESE DA INSEDIARE NELL INCUBATORE DI CERIGNOLA ZONA INDUSTRIALE CITTA DI CERIGNOLA AVVISO PUBBLICO PER LA SELEZIONE DI IMPRESE DA INSEDIARE NELL INCUBATORE DI CERIGNOLA ZONA INDUSTRIALE Il Comune di Cerignola, con sede in Cerignola Piazza della Repubblica, 1 C.F. 00362170714,

Dettagli

PARTE PRIMA. Il seguente Regolamento: CAPO I DISPOSIZIONI COMUNI. REGOLAMENTO REGIONALE 9 febbraio 2009, n. 2. Articolo 1 Campo di applicazione

PARTE PRIMA. Il seguente Regolamento: CAPO I DISPOSIZIONI COMUNI. REGOLAMENTO REGIONALE 9 febbraio 2009, n. 2. Articolo 1 Campo di applicazione 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 24 suppl. dell 11-2-2009 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 9 febbraio 2009, n. 2 L.R. n. 10/2004 - Procedure per l ammissibilità

Dettagli

FAQ. BANDO POR PUGLIA MIS. 3.13

FAQ. BANDO POR PUGLIA MIS. 3.13 FAQ. BANDO POR PUGLIA MIS. 3.13 SCADENZA DEL BANDO D. Qual è il termine di presentazione delle domande? R. Il termine di presentazione delle domande, attraverso trasmissione raccomandata A/R, è stato prorogato

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE INIZIATIVE DI CREDITO AGEVOLATO PROMOSSE DALL ENTE CAMERALE A FAVORE DELLE IMPRESE COMMERCIALI, ARTIGIANE E INDUSTRIALI

REGOLAMENTO PER LE INIZIATIVE DI CREDITO AGEVOLATO PROMOSSE DALL ENTE CAMERALE A FAVORE DELLE IMPRESE COMMERCIALI, ARTIGIANE E INDUSTRIALI Allegato A) D.G. n. 154 del 4/12/2014 REGOLAMENTO PER LE INIZIATIVE DI CREDITO AGEVOLATO PROMOSSE DALL ENTE CAMERALE A FAVORE DELLE IMPRESE COMMERCIALI, ARTIGIANE E INDUSTRIALI ART. 1 - Finalità La Camera

Dettagli

CCIAA MILANO AGEVOLACREDITO 2013 Intervento 1 - PROGRAMMI DI INVESTIMENTO

CCIAA MILANO AGEVOLACREDITO 2013 Intervento 1 - PROGRAMMI DI INVESTIMENTO CCIAA MILANO AGEVOLACREDITO 2013 Intervento 1 - PROGRAMMI DI INVESTIMENTO BENEFICIARI PMI 1, anche artigiane, operanti in tutti i settori a cui è applicabile la disciplina de minimis 2, aventi sede legaleiscritta

Dettagli

POR 2014 2020 ASSE I SERVIZI INNOVATIVI

POR 2014 2020 ASSE I SERVIZI INNOVATIVI POR 2014 2020 ASSE I SERVIZI INNOVATIVI REGIONE TOSCANA - INCENTIVI ALLE PMI PER L ACQUISIZIONE DI SERVIZI INNOVATIVI BENEFICIARI PMI in forma singola o associata, aventi sede o unità locale destinataria

Dettagli

MISSIONE SOCCORSO - BANDO 2011 MANTENIMENTO E POTENZIAMENTO DEL PARCO MEZZI DI PRONTO SOCCORSO 1.500.000,00 SCADENZA VENERDÌ 29 LUGLIO 2011

MISSIONE SOCCORSO - BANDO 2011 MANTENIMENTO E POTENZIAMENTO DEL PARCO MEZZI DI PRONTO SOCCORSO 1.500.000,00 SCADENZA VENERDÌ 29 LUGLIO 2011 MISSIONE SOCCORSO - BANDO 2011 SETTORE SALUTE PUBBLICA MANTENIMENTO E POTENZIAMENTO DEL PARCO MEZZI DI PRONTO SOCCORSO NELLE REGIONI PIEMONTE E VALLE D AOSTA 1.500.000,00 SCADENZA VENERDÌ 29 LUGLIO 2011

Dettagli

BANDO PER IL SOSTEGNO DEI PROGETTI SOCIALI PROPOSTI DALLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO

BANDO PER IL SOSTEGNO DEI PROGETTI SOCIALI PROPOSTI DALLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO Pagina 1 di 6 BANDO PER IL SOSTEGNO DEI PROGETTI SOCIALI PROPOSTI DALLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO Premessa Il Centro di Servizio al volontariato CESAVO emana il presente bando finalizzato al sostegno

Dettagli

Linea di intervento 1.2.1.1 Asse 1 POR FESR 2007-2013 AZIONE A Sottomisura C - MISURA 2

Linea di intervento 1.2.1.1 Asse 1 POR FESR 2007-2013 AZIONE A Sottomisura C - MISURA 2 ALLEGATO A Linea di intervento 1.2.1.1 Asse 1 POR FESR 2007-2013 AZIONE A Sottomisura C - MISURA 2 BANDO PER LA CONCESSIONE DI INCENTIVI PER SOSTENERE LA CREAZIONE E LO SVILUPPO DI COMMUNITY ALL INTERNO

Dettagli

BANDO AGEVOLACREDITI 2012. Camera di Commercio di Milano Comune di Milano

BANDO AGEVOLACREDITI 2012. Camera di Commercio di Milano Comune di Milano BANDO AGEVOLACREDITI 2012 Camera di Commercio di Milano Comune di Milano Beneficiari: Micro, Piccole e Media Imprese di tutti settori 1 che presentono i seguenti requisiti: Abbiamo sede legale iscritta

Dettagli

LINEE GUIDA DELLE SPESE AMMISSIBILI E DELLA RELATIVA RENDICONTAZIONE

LINEE GUIDA DELLE SPESE AMMISSIBILI E DELLA RELATIVA RENDICONTAZIONE ALLEGATO E) LINEE GUIDA DELLE SPESE AMMISSIBILI E DELLA RELATIVA RENDICONTAZIONE DISPOSIZIONI GENERALI Il soggetto che beneficia di contributi pubblici deve realizzare gli investimenti oggetto di finanziamento

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA RENDICONTAZIONE CONCESSIONE DI PICCOLI PRESTITI D'EMERGENZA PER MICROIMPRESE (PEM) (L.R. 77/2012, art. 31-bis)

LINEE GUIDA PER LA RENDICONTAZIONE CONCESSIONE DI PICCOLI PRESTITI D'EMERGENZA PER MICROIMPRESE (PEM) (L.R. 77/2012, art. 31-bis) LINEE GUIDA PER LA RENDICONTAZIONE CONCESSIONE DI PICCOLI PRESTITI D'EMERGENZA PER MICROIMPRESE (PEM) (L.R. 77/2012, art. 31-bis) 1. DURATA Data di inizio attività progettuali Sono ammissibili le sole

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

SEZIONE A - INFORMAZIONI SULL INVESTIMENTO

SEZIONE A - INFORMAZIONI SULL INVESTIMENTO ALLEGATO 5 - Pag. 1 di 9 Per le imprese di nuova costituzione (ovvero quelle costituite o che hanno avviato la propria attività non oltre tre anni prima della richiesta di ammissione al Fondo di Garanzia

Dettagli

Le Organizzazioni iscritte possono scegliere se partecipare al bando in forma singola o, in alternativa, sotto forma di Organizzazioni in rete.

Le Organizzazioni iscritte possono scegliere se partecipare al bando in forma singola o, in alternativa, sotto forma di Organizzazioni in rete. ALLEGATO A BANDO 2014 PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DEI PROGETTI PRESENTATI DALLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO ISCRITTE ALLA SEZIONE REGIONALE E ALLE SEZIONI PROVINCIALI DEL REGISTRO GENERALE

Dettagli

Provincia di Milano - Regione Lombardia - Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Milano

Provincia di Milano - Regione Lombardia - Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Milano Provincia di Milano - Regione Lombardia - Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Milano B. Bando per il sostegno alla creazione di nuove imprese innovative ART. 1. - FINALITA La Provincia

Dettagli

ALLEGATO 4 FONDO DI GARANZIA PER IL CIRCOLANTE DELLE IMPRESE

ALLEGATO 4 FONDO DI GARANZIA PER IL CIRCOLANTE DELLE IMPRESE ALLEGATO 4 - Pag. 1 di 21 ALLEGATO 4 FONDO DI GARANZIA PER IL CIRCOLANTE DELLE IMPRESE Art. 15 Legge Regionale n. 33 del 30.12.2010 DGR Basilicata n. 606 del 29/04/2011 (Regolamento) DGR Basilicata n.

Dettagli

Come leggere la Busta Paga. G.I. G.I. Formazione

Come leggere la Busta Paga. G.I. G.I. Formazione Come leggere la Busta Paga G.I. G.I. Formazione Formazione La Busta Paga Cos è A Cosa Serve Come è Composta COS E La Busta Paga è il prospetto che indica la retribuzione che il lavoratore percepisce per

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI COSTI SOSTENUTI PER ASSUNZIONE DI LAVORATORI CON DISABILITÁ (L. 68/99, art. 13 lettere a) o b) vigente)

DICHIARAZIONE DEI COSTI SOSTENUTI PER ASSUNZIONE DI LAVORATORI CON DISABILITÁ (L. 68/99, art. 13 lettere a) o b) vigente) Modello Richiesta incentivi Legge 68/99 Istanza 2 Riservato agli uffici Provinciali Protocollo n. del: fasc. 12.07/000009 Direzione Servizi ai cittadini e imprese Settore lavoro e Cultura Spett.le PROVINCIA

Dettagli

Presentazione della domanda di Voucher in modalità telematica

Presentazione della domanda di Voucher in modalità telematica BANDO VOUCHER PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE LOMBARDE 2014 Accordo di Programma Competitività tra Regione Lombardia e le Camere di Commercio lombarde Decreto n. 573 del

Dettagli

Modalità di rendicontazione delle spese sostenute a valere sugli interventi finanziati ai sensi della L.R. 12/2002.

Modalità di rendicontazione delle spese sostenute a valere sugli interventi finanziati ai sensi della L.R. 12/2002. Modalità di rendicontazione delle spese sostenute a valere sugli interventi finanziati ai sensi della L.R. 12/2002. 1 Ammissibilità delle spese: categorie e requisiti Le spese sostenute sono ammissibili

Dettagli

BIOTECNOMED memorandum su strumenti ed incentivi per la valorizzazione della proprietà intellettuale

BIOTECNOMED memorandum su strumenti ed incentivi per la valorizzazione della proprietà intellettuale BIOTECNOMED memorandum su strumenti ed incentivi per la valorizzazione della proprietà intellettuale 1 - Premi per la brevettazione Invitalia, per conto del MiSE, sostiene la valorizzazione economica dei

Dettagli