Gruppo Bancario Cassa di Risparmio di Ferrara

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gruppo Bancario Cassa di Risparmio di Ferrara"

Transcript

1 Gruppo Bancario Cassa di Risparmio di Ferrara

2

3 COMMERCIO E FINANZA S.p.A. - Leasing e Factoring Bilancio al 31 dicembre 2007 Gruppo Bancario Cassa di Risparmio di Ferrara 3

4 Gruppo Bancario Cassa 4 di Risparmio di Ferrara

5 Indice ORGANI SOCIALI 7 ASSEMBLEA DEI SOCI - AVVISO DI CONVOCAZIONE 9 RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI 13 Lo scenario Macroeconomico 16 Il mercato del leasing in Italia 17 Il leasing in Commercio e Finanza 20 Il factoring in Commercio e Finanza 23 Il credito al consumo in Commercio e Finanza 25 Area Finanza 25 Area Personale 28 Area Organizzazione 31 Area Sistemi Informativi 31 Il sistema dei controlli 32 Andamento del contenzioso 32 Credito IVA 33 Strategie aziendali - Prevedibile evoluzione della gestione 37 Andamento economico 39 Gruppo di appartenenza 40 Rapporti con le società del Gruppo 41 Proposta destinazione utile - Ringraziamenti 43 RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE 45 SCHEMI DI BILANCIO 51 Stato Patrimoniale 52 Conto Economico 53 Prospetto delle variazioni di Patrimonio Netto 54 Rendiconto Finanziario 55 5 NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO 57 PARTE A - Politiche contabili 59 PARTE B - Informazioni sullo stato patrimoniale 75 PARTE C - Informazioni sul conto economico 93 PARTE D - Altre informazioni 103 RELAZIONE DI CERTIFICAZIONE 133 DELIBERAZIONI DELL ASSEMBLEA 137

6 Gruppo Bancario Cassa 6 di Risparmio di Ferrara

7 ORGANI SOCIALI CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Presidente Alfredo Diana Vice Presidente Alfredo Santini Consiglieri Giulio Felloni Umberto Giatti Mario Guidi Gennaro Murolo Enzo Zanardi COLLEGIO SINDACALE Presidente Andrea Malfaccini Sindaci Gaetano De Gregorio Stefano Leardini 7 Direttore Generale Giovanni Coraggio SEDE LEGALE E DIREZIONE GENERALE Via Francesco Crispi, Napoli

8 Gruppo Bancario Cassa 8 di Risparmio di Ferrara

9 ASSEMBLEA DEI SOCI AVVISO DI CONVOCAZIONE 9

10 Gruppo Bancario Cassa 10 di Risparmio di Ferrara

11 CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA Gli azionisti sono convocati in Assemblea per il giorno 4 aprile 2008 alle ore 11,00 presso la sede legale in Napoli Via F. Crispi 4, in prima convocazione, ed il giorno 5 aprile 2008 stessa ora e luogo, in seconda convocazione, per discutere e deliberare sul seguente ordine del Giorno: Parte Straordinaria 1. Modifiche Statutarie. Delibere conseguenti. 2. Varie ed eventuali Parte Ordinaria 1. Bilancio al 31 dicembre 2007; Relazione degli Amministratori sulla Gestione e Relazione del Collegio Sindacale. Delibere conseguenti. 2. Nomina nuovi Amministratori e Sindaci 3. Varie ed eventuali Bilancio al 31/12/ Assemblea dei Soci - Avviso di convocazione Il Presidente Alfredo Diana 11

12 Gruppo Bancario Cassa 12 di Risparmio di Ferrara

13 RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI 13

14 Gruppo Bancario Cassa 14 di Risparmio di Ferrara

15 Signori Azionisti, il 31 dicembre 2007 si è chiuso il 26 esercizio sociale, il cui bilancio, assoggettato a revisione contabile da parte della Deloitte & Touche Spa, sottoponiamo al Vostro esame ed approvazione. Il bilancio dell esercizio 2007, così come il precedente, è stato redatto secondo i principi contabili internazionali (IAS), in conformità con l attuale normativa. È appagante iniziare questa relazione sottolineando che ancora una volta la Vostra società ha conseguito performances decisamente superiori ad ogni aspettativa sia in ambito leasing che factoring, realizzando un brillante conto economico. Ormai è il sesto anno di appartenenza al Gruppo Cassa di Risparmio di Ferrara e, con apprezzabile progressione, la Vostra società ha saputo dare il suo contributo ai risultati di gruppo. Certamente sono state sfruttate occasioni di mercato, forse non ripetibili, ed hanno contribuito al risultato componenti di reddito aventi carattere straordinario, ma in definitiva appare possibile confermare che il Consiglio, il management ed il personale tutto della società ancora un volta si è dimostrato in grado di gestire il business in presenza di una agguerrita concorrenza e di difficoltà di natura finanziaria, connesse alla non certo favorevole contingenza internazionale. Ed è proprio questa realtà a contorno che non consente di guardare al futuro con eccessiva serenità. Gli effetti della crisi dei mutui subprime non si sono certo esauriti e sembra che siano tali da poter cambiare il panorama della finanza internazionale dei prossimi anni. Commercio e Finanza che reperisce circa il 50% del proprio funding sul mercato degli ABS, non potrà non subire gli effetti di tale crisi sia per i limitati livelli di disponibilità, sia per gli elevati livelli degli spreads. Le difficoltà sono evidenti e non certo marginali, ma si ritiene che facendo leva sulla crescente collaborazione tra Direzione di Gruppo ed operatività specifica aziendale, si potranno realizzare nuovi obiettivi strategici coerenti con la realtà a contorno ed in grado di garantire un nuovo equilibrio economico e reddituale. Bilancio al 31/12/ Relazione degli amministratori 15

16 Gruppo Bancario Cassa Bilancio al 31/12/ Relazione degli amministratori 16 Lo scenario macroeconomico Tutto lo scenario mondiale appare negativamente influenzato dalle turbolenze derivanti dall andamento del mercato immobiliare americano. Il PIL mondiale ha registrato una crescita di circa il 5% fortemente influenzata da performance decisamente superiori alla media fatte registrare dai Paesi emergenti e segnatamente Cina, India e Russia. La sola quota Cina incide sulla crescita del PIL mondiale in ragione del 25% mentre gli Stati Uniti e l area euro coprono una quota dell 8% ciascuna. I segnali non certo incoraggianti che pervengono dagli USA lasciano intravedere un 2008 a rischio recessione. Il prodotto interno lordo italiano nel 2007 ha fatto segnare una crescita dell 1,7% grazie ad una domanda interna sostenuta sia sul fronte degli investimenti che dei consumi. Vi sono però segnali che non lasciano intravedere una svolta evolutiva all attuale contingenza economica. Si rileva in Italia un peggioramento del clima di fiducia delle imprese del settore manifatturiero che è verosimile si possa tradurre in un rallentamento negli investimenti, lì dove, di converso, nell area euro si assiste ad una crescita degli investimenti fissi lordi di quasi il 5%. In ambito bancario la crescita del credito concesso prevalentemente ad aziende di media e grande dimensione, è stata costante anche per effetto della crisi del mercato obbligazionario ove i rimborsi da parte delle imprese non finanziarie, hanno prevalso sulle nuove emissioni. La crisi dei subprime ha certamente determinato un certo irrigidimento dei criteri di erogazione del credito alle imprese e contestualmente ha prodotto un allargamento degli spread che necessariamente devono adeguarsi agli aumenti dei rendimenti attesi dal mercato monetario. I mercati internazionali hanno assistito, nel secondo semestre del 2007, ad un sovvertimento dei punti fermi che per anni li avevano caratterizzati quali: costante abbondanza di liquidità; spread in contrazione; incondizionata fiducia nei giudizi espressi dalle società di rating; prevalenza dell interesse sui margini a scapito delle valutazioni sugli assets. di Risparmio di Ferrara

17 Oggi si è invece in presenza di un mercato nel quale anche le più grandi istituzioni trovano difficoltà a reperire la liquidità necessaria allo svolgimento della loro attività tipica. Vi è diffidenza da parte degli investitori anche in presenza di rating elevati e gli spread applicati sono frutto di un diffuso clima di sfiducia. Non si intravedono peraltro all orizzonte segnali di inversione della rotta ed il pessimismo sembra avere sempre più credito presso gli operatori internazionali. In definitiva il rischio di liquidità che sino al 2006 veniva apprezzato in un secondo piano rispetto al rischio di credito, ha assunto oggi il carattere di prevalenza ed è oggetto di costante attenzione da parte degli organi di vigilanza europei. Il mercato del leasing in Italia I dati definitivi al , forniti dall associazione di categoria Assilea, registrano un marginale incremento dello stipulato leasing dell ordine del 1,1% per importo (48,9 miliardi di euro contro 48,3 dell esercizio 2006) mentre il numero dei contratti registra una flessione del 2,7%. La tabella 1, sotto riportata, evidenzia l andamento dello stipulato leasing nell ultimo quinquennio, caratterizzato da una crescita complessiva che si attesta al 51,7 Bilancio al 31/12/ Relazione degli amministratori Tabella 1 - Contratti stipulati dal Sistema (importi in euro miliardi) 17

18 Gruppo Bancario Cassa Bilancio al 31/12/ Relazione degli amministratori Il peso dell immobiliare anche nella produzione leasing 2007 continua ad essere condizionante, rappresentando il prodotto circa il 45% del totale, pur in presenza di una contrazione del 3,9%. Due sono i fattori cui si fa riferimento per individuare le cause dell andamento; in primis la crisi dei subprime che ha indotto gli operatori ad assumere un atteggiamento più prudente nei confronti del prodotto immobiliare; secondo, ma non certo di minore importanza, la crisi finanziaria manifestatasi nella seconda metà del 2007, che ha orientato gli operatori verso prodotti con vita media più breve e più facilmente cartolarizzabili, in un mercato sempre più attento ai rendimenti ed alle durate; infine il minor apporto in termini di produzione, specie nelle grandi operazioni, venutosi a determinare a causa della crisi gestionale che ha colpito una delle società leader del mercato del leasing italiano. Il prodotto strumentale registra ancora una volta un dato di crescita significativo, tale da compensare, in uno con il navale, la già rilevata flessione dell immobiliare. Guardando ai protagonisti del mercato appare possibile affermare che i processi di fusione ed incorporazione che hanno caratterizzato il risiko bancario, hanno ovviamente avuto i prevedibili riflessi sul mercato del leasing che risulta sempre più saldamente in mano alle società prodotto espressione dei sei più importanti gruppi creditizi operanti in Italia. Le Tabelle 2 e 3 mostrano le performances registrate nel 2007 per le diverse tipologie di prodotto per numero ed importo dei contratti, raffrontate con l esercizio precedente. 18 Tabella 2 - Contratti stipulati dal Sistema (importi in euro milioni) di Risparmio di Ferrara

19 Tabella 3 - Contratti stipulati dal Sistema: numero I processi di aggregazione, cui si è fatto già cenno, hanno trovato la massima espressione nella concentrazione produttiva venutasi a determinare in capo ai primi tre competitors che al coprivano il 40% circa del mercato. Bilancio al 31/12/ Relazione degli amministratori Tabella 4 - Ripartizione della Produzione Leasing 19 Viceversa riproponendo come nel 2006 il rapporto fra le prime dieci società ed i rimanenti operatori risulta in crescita la quota riservata alle società di leasing c.d. minori (tabella 4) passata dal 33% al 36%. In tale contesto la Vostra società è riuscita a conquistare nuovi spazi passando da una quota dell 1,16 ad una pari all 1,39.

20 Gruppo Bancario Cassa Bilancio al 31/12/ Relazione degli amministratori Il leasing in Commercio e Finanza Al 31 dicembre 2007 lo stipulato leasing si è venuto ad attestare sui 679 euro milioni con un incremento del 21,3% rispetto al Sono stati stipulati nel corso dell esercizio contratti con un +1,3% rispetto al La Tab. 5 mostra la crescita dello stipulato leasing nell ultimo quinquennio. Tabella 5 - Contratti stipulati da CFLF (importi in euro milioni) 20 Da una prima analisi dell andamento della produzione e della tipologia delle operazioni concluse, sembrerebbe che la Vostra società ha effettuato scelte diverse rispetto all orientamento dei maggiori operatori di mercato. A fronte di una flessione del 3,9% del prodotto immobiliare, CFLF fa infatti registrare un +59%. Va però osservato che la Vostra società è entrata nel mercato del leasing immobiliare da poco e che, come già in altre circostanze rilevato, aveva l obiettivo di occupare il 50% il proprio outstanding con il prodotto in parola, come è per la gran parte degli operatori. Oggi che tale obiettivo è stato realizzato si opererà perché i valori dell immobiliare sullo stock rispettino le proporzioni su indicate pur in presenza di una dinamica di rientro delle quote capitale ben diversa rispetto agli altri prodotti. Si tratterà, quindi, di riposizionare la produzione assegnando al prodotto immobiliare una percentuale di crescita coerente con l obiettivo strategico che si intende realizzare. Verrà conseguentemente riservata sempre maggiore attenzione ai prodotti gommato e strumentale in maniera tale che la loro crescita possa compensare il minor peso che avrà il prodotto immobiliare. di Risparmio di Ferrara

21 Tabella 6 - Contratti stipulati dalla CFLF per tipo di prodotto (importi in euro migliaia) Bilancio al 31/12/ Relazione degli amministratori Il grafico sottostante (Tab. 7) descrive invece la percentuale di incidenza sul totale stipulato 2007 dei vari prodotti in Commercio e Finanza e nel sistema. Tabella 7 - Contratti stipulati Confronto Sistema / CFLF 21

22 Gruppo Bancario Cassa Bilancio al 31/12/ Relazione degli amministratori La crescita del taglio medio delle operazioni (99,8 mila euro ex 83) va direttamente collegata al maggior peso dell immobiliare. Tabella 8 - CFLF - Leasing - Contratti stipulati 2007 Ripartizione Geografica In base ad una specifica scelta strategica la crescita aziendale è stata guidata in modo tale da originare un riposizionamento delle quote, tutto in favore della clientela operante nel centro nord dell Italia. L outstanding leasing passato dai 921 milioni del 2006 ai del 2007, registra un incremento nell ultimo quinquennio dell ordine del 122% e rappresenta un valore di tutto rilievo all interno del Gruppo di appartenenza. 22 Tabella 9 - Evoluzione del Capitale futuro di Risparmio di Ferrara

23 Il Factoring in Commercio e Finanza L esercizio 2007 è stato caratterizzato da una vitale e per certi versi innovativa attività commerciale anche per il prodotto factoring. La scelta di operare in via quasi esclusiva nel settore sanitario rappresenta ormai una costante di CFLF che per garantire sempre maggiore assistenza alla clientela e ricercare nuove spinte propulsive ha promosso la costituzione di una Agenzia destinata a promuovere i prodotti factoring e leasing nel settore sanitario e svolgere attività di servicing. Nella prima metà dell esercizio si è puntato essenzialmente ad incrementare i rapporti con il settore cliniche che da tempo costituisce un obiettivo, ancor oggi non realizzato, a causa di un agguerrita concorrenza che non lascia i necessari margini reddituali. Si è altresì, nel periodo, curato il settore Farmacie da sempre centrale nell operatività factoring aziendale, ottenendo lusinghieri risultati da attribuire essenzialmente alla qualità del servizio offerto alla clientela. Nella seconda metà dell esercizio è stato formalizzato e poi attivato un accordo con uno dei principali operatori europei, in virtù del quale CFLF si è impegnata ad acquistare pro soluto crediti sanitari al dettaglio per poi rivenderli in una o più soluzioni al predetto operatore. Nell ambito di tale accordo sono stati realizzati acquisti e vendite per oltre 100 milioni di euro in un lasso di tempo inferiore a sei mesi. Si è trattato di un accordo che proseguirà anche nel 2008, ma che rispondeva ad una esigenza espressa dal mercato in un momento di particolare incertezza sui tempi di pagamento da parte del sistema sanitario campano. Prevediamo nel 2008 di intermediare volumi inferiori rispetto al Sotto il profilo reddituale l accordo ha consentito di realizzare importanti margini che trovano espressione concreta nella crescita del commissionale factoring contabilizzato in conto economico. Sotto il profilo del rischio, va osservato che CFLF garantisce il nomen verum del credito all acquirente, mentre i cedenti garantiscono alla vostra società che i crediti oggetto di cessione siano certi, liquidi ed esigibili. In presenza di una dichiarazione giudiziale di insussistenza del credito CFLF ha l obbligo di riacquisto ed ha l onere di dover richiedere all originario cedente il rimborso del prezzo corrisposto. Si tratta di un rischio calcolato e valutato in sede di istruttoria e delibera. Oggi veniamo confortati sulla correttezza del nostro operato, in presenza di certificazione operata Bilancio al 31/12/ Relazione degli amministratori 23

24 Gruppo Bancario Cassa Bilancio al 31/12/ Relazione degli amministratori dalle ASL su circa il 90% dei crediti intermediati e rientranti nel pacchetto SORESA, mentre per il rimanente 10% circa si è in attesa della formalizzazione di accordi transattivi con le associazioni di categoria, deputate a definire tempi e modalità di pagamento. Annotiamo infine che i crediti c.d. SORESA rappresentano circa il 70% di quelli intermediati talché il rischio insito nell operazione risulta fortemente ridimensionato. Tabella 10 - CFLF - Factoring - Investment nel Quinquennio Il grafico sottostante (Tab. 11) evidenzia poi l andamento dell investment complessivo nell ultimo quinquennio, documentando la crescita degli assets. 24 Tabella 11 - CFLF - Factoring - Sviluppo dell Investment di Risparmio di Ferrara

25 Il Consiglio di Amministrazione, vigile sulla concentrazione di rischio venutasi a creare in capo alle singole ASL, pur in presenza di valori significativi, ha ritenuto ancora compatibile l esposizione realizzata, considerata la natura pubblica del debitore. Il credito al consumo in Commercio e Finanza Il credito al consumo continua ad essere un attività marginale, con un monte finanziamenti che al risulta pari a circa 330 euro migliaia. Area Finanza L area finanza, per effetto della crisi venutasi a creare sui mercati internazionali, ha assunto nella seconda metà del 2007 una valenza ed un peso, che ha condizionato la gestione strategica e tattica societaria. Le fonti di finanziamento dell attività di intermediazione finanziaria, vengono coperte per il 44% da operazioni di cartolarizzazione di crediti leasing e per il 56% da una linea di credito messa a disposizione dalla Capogruppo. Completa il quadro un prestito subordinato emesso l sottoscritto da Carife, finalizzato ad irrobustire il patrimoni di vigilanza, consentendo il rispetto degli indici fissati dalla Banca d Italia. Per quanto concerne le operazioni di cartolarizzazione riferiamo che Maestrale 1 continua ad avere un andamento regolare nel rimborso dei titoli e nel marzo 2008 è prevista la chiusura dell operazione. Per quanto concerne invece Maestrale 2 essa è tutt ora in fase di warehousing e nel secondo semestre del 2007, periodo nel quale si intendeva effettuare l emissione dei titoli sul mercato, le condizioni a contorno originate dalla crisi dei subprime, non l hanno consentita. I riflessi sulla società non sono stati secondari. Oltre a subire un significativo incremento degli spreads, CFLF si è dovuta posizionare in maniera tale da conciliare la produzione con le risorse finanziarie disponibili. Infatti il rinvio del collocamento dei titoli ABS non ha consentito di attivare la seconda fase del warehousing prevista dal programma e dal budget. Oggi ci si sta attivando per realizzare una prima emissione già nel corso del primo semestre 2008, per poi verificare, se le condizioni di mercato lo consentiranno, una seconda emissione entro massimo un anno. Bilancio al 31/12/ Relazione degli amministratori 25

26 Gruppo Bancario Cassa Bilancio al 31/12/ Relazione degli amministratori Sul fronte finanziamento Carife, la Capogruppo continua a supportare l attività aziendale, anche se i valori oggi raggiunti appaiono tali da far ipotizzare più un ridimensionamento che un ampliamento della linea di credito attuale. La tabella 12 evidenzia la ripartizione delle fonti di finanziamento aziendale. Tabella 12 - Fonti di Finanziamento 26 Annotiamo infine che la Società, in piena sintonia con le direttive impartite dalla Capogruppo, non ha stipulato nuove operazioni di derivati di copertura, sia in considerazione dei valori marginali dell outstanding leasing regolato a tasso fisso, sia in considerazione del livello di rendimento di tali contratti. (Tab.13). In tale contesto la società sta operando scelte strategiche che dovrebbero consentire uno sviluppo dell attività aziendale senza prevedere un ulteriore significativo incremento dell indebitamento. Si ritiene che la scelta operata sia l unica possibile in un mercato finanziario condizionato da un diffuso senso di incertezza e reciproca diffidenza che non consente di poter ipotizzare una crescita dei volumi simile a quella fatta registrare negli ultimi anni. L obiettivo principale che si tenderà a perseguire in un periodo congiunturale come quello attuale, non potrà che essere quello di monitorare costantemente la liquidità aziendale, cercando, nei limiti del possibile, di armonizzare le scadenze del funding con quelle degli investimenti. di Risparmio di Ferrara

27 Tabella 13 - Ripartizione del Capitale Futuro Bilancio al 31/12/ Relazione degli amministratori Al l attivo fruttifero della Vostra Società ha raggiunto l importo di euro milioni circa ripartito tra leasing e factoring così come evidenziato dal grafico sottostante (Tab. 14). Tabella 14 - Attivo Fruttifero EuroMilioni 27

28 Gruppo Bancario Cassa Bilancio al 31/12/ Relazione degli amministratori Area Personale Al l organico della Vostra società risulta composto da 64 unità così ripartite: 2 dirigenti, 17 quadri direttivi e 45 appartenenti alla varie aree professionali (Tab. 15). Tabella 15 - Composizione del personale 28 Nel corso del 2007 è stato assunto un nuovo quadro direttivo destinato ad assumere il ruolo di Responsabile Internal Audit, in sostituzione della risorsa destinata ad assumere il ruolo di Responsabile Organizzazione. Sulla scorta della positiva esperienza maturata è stata rinnovata la convenzione con una importante istituzione dalla quale sono e saranno acquisite professionalità destinate a svolgere in azienda stages formativi. Sino ad oggi la qualità degli stagisti è stata tale che dopo un periodo di circa 6 mesi si è ritenuto di perfezionarne l assunzione. Intense sono state le relazioni sindacali durate tutto l esercizio Dopo una complessa e protratta trattativa nel giugno u.s. si è pervenuti ad un accordo con le Organizzazioni Sindacali per l istituzione di un fondo di previdenza complementare denominato Previbank. di Risparmio di Ferrara

29 Tale accordo, che ha comportato l assunzione di un onere aziendale pari al 3% della retribuzione valida ai fini del TFR, realizza una forma di previdenza integrativa da affiancare a quella pubblica con l obiettivo di cercare di mantenere, quanto più possibile, inalterato il tenore di vita in età di quiescenza. Nel secondo semestre, dopo un intenso lavoro di concertazione, si sono venute a creare le condizioni per la formulazione e la sottoscrizione del primo Contratto Integrativo Aziendale. Con esso è stato realizzato un obiettivo importantissimo sia per i lavoratori tutti che per l azienda, che in sede di CIA è riuscita a riaffermare i principi di sana gestione del personale basata su criteri meritocratici, che negli ultimi anni ha originato ottimi risultati in termini sia qualitativi, che quantitativi. La motivazione del personale è indubbiamente alla base dei positivi indici di produttività. La qualità del personale è il valore su cui si fa perno, sia in sede di introduzione di nuovi prodotti e sia più in generale, in sede di scelte strategiche. Sempre nell ottica di una particolare attenzione alla valorizzazione delle risorse umane, la promozione e partecipazione a corsi formativi è stata particolarmente intensa. Sono state promosse iniziative tenute da docenti esterni in azienda ed è stata effettuata una attenta selezione del personale da destinare a corsi formativi tenuti all esterno. Le risorse coinvolte sono risultate fortemente motivate e gratificate dalla partecipazione ai corsi. In relazione alla gestione della sicurezza in azienda sono stati osservati tutti gli adempimenti prescritti. Sono state programmate e realizzate le visite mediche biennali previste dalla normativa vigente. È stata poi offerta al personale la facoltà di aderire gratuitamente al protocollo sanitario integrativo della visita obbligatoria, finalizzato principalmente al controllo dei rischi cardiovascolari. La partecipazione è stata quasi unanime ed il gradimento del personale superiore alle aspettative. Il grado di soddisfazione del personale da sempre è al centro della politica di gestione delle risorse umane ed è costantemente monitorato. Nel corso del 2008 sarà oggetto di una specifica indagine che scientificamente cercherà di attribuire un valore a tale importante dato aziendale. Bilancio al 31/12/ Relazione degli amministratori 29

30 Gruppo Bancario Cassa Bilancio al 31/12/ Relazione degli amministratori Il costo del personale nel corso dell esercizio è rimasto sostanzialmente invariato in costanza del numero degli addetti. L incidenza del costo del personale sul margine di intermediazione passa dal 17% al 13,7% (Tab. 16). Tabella 16 - Incidenza costo del personale su margine di intermediazione Il costo medio resta fissato in circa 71 mila euro per addetto, con un rapporto impieghi per addetto pari ad euromilioni 25,2 senza tenere in alcun conto i crediti factoring rivenduti (Tab. 17). 30 Tabella 17 - Costo medio per dipendente e impieghi per addetto di Risparmio di Ferrara

31 Area Organizzazione Nel corso dell esercizio, tenuto conto dell entrata in vigore della normativa c.d. Basilea II, della nuova normativa antiriciclaggio e della regolamentazione MIFID, si è ritenuto necessario istituire una funzione autonoma, destinata a rispondere alle esigenze di coordinamento organizzativo della struttura e delle Agenzie che orbitano intorno alla Vostra società. Alla stessa funzione, in staff al Direttore Generale, è stata altresì attribuita la competenza per la gestione, in prima istanza, dei progetti speciali. Nella piena consapevolezza che le sfide proposte dal mercato richiedono risposte immediate dai sistemi e dalle persone, è stato scelto un modello di riferimento basato sulla collaborazione orizzontale attraverso la condivisione delle conoscenze ed il massimo coinvolgimento degli operatori. Con la pianificazione settimanale di riunioni aziendali interdisciplinari, ci si è posti l obiettivo di diffondere internamente l evoluzione del contesto normativo di riferimento, condividendo la responsabilità del raggiungimento degli obiettivi aziendali attraverso il lavoro di gruppo. Alla funzione è stato poi attribuito il compito di ricoprire il ruolo di referente aziendale del responsabile di gruppo della Compliance. Tale scelta è stata operata con l obiettivo di sviluppare un processo trasversale di presidi organizzativi che evitino disallineamenti tra le procedure interne e/o di gruppo ed il panorama legislativo esistente. I rischi di compliance saranno identificati già in fase di progettazione, ponendo in essere strumenti e processi conformi a tutte le normative vigenti con la collaborazione dell intero management. La valutazione dell impatto del rischio (in termini economici) sul bilancio aziendale sarà effettuata di concerto con il Controller (in futuro Risk Management della Capogruppo) ed il processo di adozione della procedura si concluderà con la verifica del corretto presidio di controllo da parte dell Internal Audit. Bilancio al 31/12/ Relazione degli amministratori 31 Area Sistemi Informativi Nel corso dell esercizio la struttura è stata particolarmente impegnata in progetti finalizzati a rendere possibile l omogeneizzazione di alcuni dati prodotti dal sistema aziendale, con quelli della Capogruppo, e consentire a quest ultima di poter leggere e valutare direttamente i dati della Vostra società, al fine di poter espletare l attività di direzione e controllo che le è propria.

32 Gruppo Bancario Cassa Bilancio al 31/12/ Relazione degli amministratori È stato poi affrontato e sostanzialmente realizzato il progetto finalizzato a consentire le segnalazioni di vigilanza per il tramite del sistema informativo in uso presso Carife, così da rendere omogenea la segnalazione di Gruppo agli occhi dell Organo di Vigilanza. Infine annotiamo che si sono resi necessari e perciò stesso sono stati realizzati, significativi interventi informatici finalizzati a recepire interventi normativi modificativi dello stato quo ante. Il sistema dei controlli Così come previsto dal Piano di Audit nel corso del 2007 sono state emesse n. 10 relazioni aventi ad oggetto la totalità degli uffici operativi aziendali. Sono state altresì effettuate 2 visite ispettive presso Agenzie monomandatarie. Il lavoro svolto dalla funzione, come sempre, è stato finalizzato non solo a verificare l osservanza da parte degli operatori della normativa interna, fiscale e civilistica, ma anche a cogliere spunti per realizzare interventi organizzativi finalizzati al miglioramento del servizio reso alla clientela. Stretta e costante è stata la collaborazione con il Collegio Sindacale, organo con il quale vengono esaminate e discusse direttamente le relazioni prodotte. Infine assiduo è risultato l interscambio informativo con l analoga funzione della Capogruppo cui vengono forniti periodicamente dati indispensabili per l analisi, la lettura ed il controllo degli eventi aziendali. 32 Andamento del contenzioso Verifica fiscale anno 2005 Nel corso dell esercizio la Guardia di Finanza ha effettuato una verifica sostanziale parziale ai fini IVA, delle imposte sui redditi e degli altri tributi, ai sensi e per gli effetti degli art. 52 e 63 del D.P.R. 26 ottobre 1972, n.633, 33 del D.P.R. 29 settembre 1973, n 600, 2 del Decreto Legislativo n. 68/2001 e della legge 7 gennaio 1929, n. 4. La verifica si è conclusa con la redazione del p.v.c. finale dal quale è emersa un recupero ai fini IVA di euro 1.730,00, detto recupero è stato oggetto di avviso di accertamento, prontamente pagato per euro 432,50 pari ad un quarto dell imposta. Sono ancora pendenti presso la CTC di Roma due appelli promossi dall Agenzia delle Entrate avverso a sentenze, favorevoli alla Vostra società, relative ad IVA 85/89 ed IRPEG-ILOR 84, aventi ad oggetto la presunta indetraibilità di IVA ed ammortamenti connessi ad operazioni di leaseback. La materia è stata da tempo definita ed di Risparmio di Ferrara

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La centrale rischi interbancaria e le centrali rischi private: istruzioni per l uso La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 Nucleo di Valutazione RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 (ex art. 5, comma 21 della Legge 24 dicembre 1993 n. 537) - GIUGNO 2015 - DOC 07/15 Sommario: 1. Obiettivi e struttura

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento - C.A.P. 38064 Via Roma, 60 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 VERBALE DI DELIBERAZIONE N.

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

Copertura delle perdite

Copertura delle perdite Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 107 09.04.2014 Copertura delle perdite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Le assemblee delle società di capitali che, nelle

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile.

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. Signori Azionisti, come illustrato nella Relazione sulla

Dettagli

AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE

AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE 2006 AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE Capitale sociale E 60.908.120 interamente versato Sede legale in Milano, via Bernina 7 Registro delle Imprese di Milano n. 264551

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013)

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013) COMUNICATO STAMPA Conferma della solida patrimonializzazione del Gruppo: Common Equity Tier 1 ratio phased in al 31 dicembre 2014: 12,33% 1 (13% al 30/09/2014) Common Equity Tier 1 ratio pro forma stimato

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013

RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013 Direzione Generale per il Terzo Settore e le Formazioni Sociali RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013 A seguito della soppressione dell Agenzia per il Terzo Settore (ex Agenzia per le Onlus), le relative

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETA PARTECIPATE DALLA REGIONE CAMPANIA DEL POLO SVILUPPO, RICERCA E I.C.T. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti Premessa - Dallo scorso 1 Gennaio è entrato in vigore il particolare meccanismo c.d. split payment, il quale prevede per le cessione di

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli