REGIONE SICILIA AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALI RIUNITI PAPARDO - PIEMONTE"

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGIONE SICILIA AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALI RIUNITI PAPARDO - PIEMONTE""

Transcript

1 REGIONE SICILIA AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALI RIUNITI PAPARDO - PIEMONTE" Ctr. Papardo tel Messina Contrada Papardo Messina - C.F. e Partita IVA REGOLAMENTO DELL ATTIVITA DI PROTOCOLLO E DELLE COMUNICAZIONI INTERNE DELL AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALI RIUNITI PAPARDO PIEMONTE Art.1 Oggetto del regolamento 1. Il presente regolamento disciplina le operazioni di protocollazione dei documenti trasmessi o ricevuti dall Azienda Ospedaliera Ospedali Riuniti Papardo Piemonte, di seguito denominata l AZIENDA. 2. Finalità della protocollazione è provare, fino a querela di falso, la spedizione e la ricezione della corrispondenza dell AZIENDA. Connesso a tale finalità è un interesse archivistico. 3. Le operazioni di protocollazione vengono eseguite con l utilizzo di procedura informatica specifica. Art. 2 Regime di protocollazione 1. Tutti i documenti indicati nel comma successivo sono protocollati con un unico sistema informatico. Eventuali protocolli interni delle singole Strutture sono aboliti a decorrere dal 01/10/2014. La protocollazione fa fede fino a querela di falso della ricezione e della spedizione di un documento da parte dell AZIENDA in tutte le sue articolazioni. 2. La protocollazione ha ad oggetto: a) i documenti trasmessi all AZIENDA da soggetti diversi da essa (protocollo in entrata); b) i documenti trasmessi dall AZIENDA a soggetti diversi da essa (protocollo in uscita); c) le comunicazioni intra aziendali, che necessitano di prova formale di ricezione/trasmissione. 3. I documenti possono pervenire tramite: a) la consegna diretta; b) il mezzo postale; c) la posta elettronica preferibilmente in formato pdf; d) posta elettronica certificata PEC. 4. La protocollazione non ha ad oggetto: a) le comunicazioni spedite/ricevute dall AZIENDA, prive di contenuto decisorio, salvo che si ritenga particolarmente significativa la prova del loro invio/ricezione; b) Libri, riviste e giornali; c) Locandine/inviti a convegni/congressi, purchè non richiedano l autorizzazione alla partecipazione di un dipendente da parte della Direzione; d) Informazioni pubblicitarie; e) gazzette ufficiali, i bollettini ufficiali ed i notiziari della P.A., i materiali statistici f) i documenti soggetti a registrazione particolare. 1

2 Per quanto concerne le fatture, nelle more dell entrata a regime dell obbligo di ricezione delle fatture elettroniche, fissato a far tempo , le predette saranno oggetto di apposita stampigliatura, che attesti inequivocabilmente la data di ricezione delle stesse, da parte degli operatori della U.A. Protocollo, i quali ne cureranno la tempestiva trasmissione alla S.C. Economico Finanziario e Patrimonio, per l immediata acquisizione e registrazione al partitario I.V.A. Art.3 Protocollo in entrata 1. L U.A. Protocollo effettua l apertura della corrispondenza in entrata entro 24 ore dalla ricezione della stessa. Si procede all aperturaanche quando sia incerto il destinatario. Ove il destinatario non sia l AZIENDA, ma il destinatario presta attività lavorativa presso l AZIENDA, si provvede al recapito della corrispondenza. Qualora invece il destinatario risulti ignoto, si rispedisce la corrispondenza al mittente. L U.A. Protocollo mantiene in ogni caso il segreto sul contenuto della corrispondenza. 2. L operatore effettua quindi le seguenti operazioni: a. registrazione di protocollo; consiste nell inserimento nel sistema informatico dei seguenti dati: - data di registrazione di protocollo assegnata automaticamente dal sistema e non modificabile; - mittente/i; - oggetto del documento; - Struttura assegnataria in base all Atto Aziendale e Strutture destinatarie per conoscenza; - data e protocollo del documento ricevuto, se disponibile; b. segnatura di protocollo; consiste nell apposizione sul documento in entrata dell apposito timbro recante la denominazione dell AZIENDA e le seguenti indicazioni: - numero progressivo di protocollo; - data; - Struttura assegnataria; - Strutture cui la comunicazione è inviata per conoscenza. 3. Dopo aver effettuato la registrazione, il documento viene scannerizzato e quindi viene inviato, entro 24 ore dalla regiastrazione, alla mail della struttura competente, ove già inequivocabilmente individuata; la restante documentazione verrà inviata ad un apposita mail della Direzione Amministrativa, che provvederà, previa individuazione della competenza, all invio digitale, tramite , alla Struttura assegnataria ed eventualmente alle strutture individuate per conoscenza. Ciascuna U.O. è tenuta a verificare giornalmente il contenuto della dedicata all interno del sistema di protocollo. 4. L Ufficio Protocollo provvede all archiviazione analitica del documento cartaceo originale presso l apposito archivio. 5. In caso di errata assegnazione, la Struttura che riceve il documento digitale è tenuta a segnalarlo tempestivamente, stesso mezzo, alla Direzione Amministrativa, al fine di procedere alla corretta ed immediata riassegnazione. Art.4 Protocollo in uscita 1. La protocollazione dei documenti in uscita è effettuata dagli operatori di protocollo che provvedono alle operazioni di registrazione e di segnatura di protocollo in uscita, salvo quanto detto nel successivo comma. 2

3 2. L operatore effettua le seguenti operazioni: a. registrazione di protocollo; consiste nell inserimento nel sistema informatico dei seguenti dati: - data di registrazione di protocollo assegnata automaticamente dal sistema e non modificabile; - Struttura che ha formato il documento; - oggetto del documento; - soggetto/i destinatario/i; b. segnatura di protocollo; consiste nell apposizione sul documento in uscita delle seguenti indicazioni: - numero progressivo di protocollo; - data; - sigla della Struttura che ha formato il documento. 3. Ogni struttura aziendale provvede ad individuare unità di personale che dovrà procedere in autonomia, tramite apposito collegamento informatico all applicativo del protocollo generale, alla protocollazione dell atto di interesse. A tal fine il servizio CED provvederà alla formazione ed al rilascio delle credenziali necessarie, per il funzionamento del programma informatico. 4. L U.A. Protocollo provvede, altresì, a consegnare giornalmente per convenzione, agli addetti della Società Poste Italiane S.p.A., tutti i documenti cartacei protocollati e debitamente imbustati, per la successiva spedizione. Art. 5 Informazioni prodotte automaticamente dalla procedura informatica 1. Le informazioni che la procedura registra sono le seguenti: a) il numero di protocollazione progressivo; tale numero è assegnato in modo automatico e immodificabile; la numerazione viene rinnovata ogni anno solare (inizia il 1 gennaio e si chiude il 31 dicembre); b) la data di protocollazione; c) il mittente/i e il destinatario/i; d) la data e numero di protocollo del mittente (se disponibili); e) l'oggetto; f) la Struttura alla quale la comunicazione viene assegnata ovvero la Struttura che ha formato la comunicazione. 2. Senza l'introduzione dei dati di cui alle lettere c, e, f, la procedura informatica non assegna il numero di protocollo e la data di protocollazione. Art. 6 Informazioni non alterabili La procedura non consente, dopo che sia stata eseguita l'operazione di protocollazione, la modifica delle informazioni inserite di cui all articolo precedente, fatta salva la procedura di cui all'articolo successivo. Art. 7 Annullamento di un protocollo 1. In caso di errore materiale nella registrazione tale da rendere impossibile l'individuazione di un collegamento tra i dati registrati e i dati desumibili dal documento protocollato, il sistema informatico consente l'annullamento delle informazioni relative al protocollo. Le informazioni originarie devono comunque essere sempre leggibili unitamente alla data della modifica e al nome 3

4 dell operatore che l ha effettuata. Le registrazioni annullate sono comunque memorizzate dal sistema. 2. Nel caso fossero riscontrate inesattezze nella registrazione, tali comunque da non impedire l'identificazione del documento e dei dati registrati sul protocollo, è consentita la correzione dei dati inseriti. Art. 8 Registro di emergenza 1. Ogni qualvolta, per cause tecniche, non sia possibile utilizzare il sistema di protocollo informatico, gli operatori di protocollo effettuano la protocollazione manuale dei documenti, che avviene tramite registrazione manuale del documento su registro cartaceo, utilizzando il numero di protocollo successivo all ultimo generato automaticamente. 2. Non appena ripristinato il funzionamento della procedura, gli operatori di protocollo provvederanno a inserire i dati di protocollazione nel sistema informatico. 3. Il numero di protocollo del registro di emergenza e la data saranno associati al numero di protocollo unico. L efficacia giuridico-probatoria sarà garantita dal numero del registro di emergenza. Il numero di protocollo unico garantirà l unicità del flusso documentale. In caso di utilizzo del registro di emergenza, sullo stesso devono essere riportati: - la causa, la data e l ora di inizio dell interruzione; - la data e l ora del ripristino della procedura informatica; - il numero di registrazioni manuali per ogni giornata di registrazione. 4. Qualora l utilizzo del registro di emergenza si protragga oltre 24 ore, il Dirigente Responsabile del S.S. Affari Generali può autorizzare formalmente l uso di tale registro per non più di una settimana. Gli estremi dell autorizzazione dovranno essere riportati nel registro di emergenza. 5. Durante la sospensione della protocollazione informatica e la registrazione manuale della documentazione, ai fini di recuperare correttamente le informazioni e di effettuarne la scansione, i documenti originali verranno trattenuti presso l U.A. Protocollo ed inviati in copia alle Strutture destinatarie. Una volta effettuata la protocollazione informatica, i documenti originali verranno trasmessi alle Strutture destinatarie. Art. 9 Struttura competente L attività di protocollazione è effettuata dall U.A. Protocollo, incardinata nella S.S. Affari Generali. Art. 10 Responsabile della protocollazione 1. Responsabile dell attività di protocollazione è il Dirigente Responsabile della S.S. Affari Generali. 2. Egli provvede a: a) individuare gli operatori di protocollo; in caso di assenza dal servizio degli operatori in forza alla U.A. Protocollo, potrà essere incaricato della protocollazione, personale di altre Strutture con il consenso del Direttore delle stesse; b) assicurare, in coordinamento con il S.I.A., il ripristino tempestivo del funzionamento del sistema in caso di guasti o anomalie; c) garantire il buon funzionamento degli strumenti e dell'organizzazione delle attività di protocollazione; d) controllare l'osservanza delle norme del presente regolamento da parte degli operatori; 4

5 e) garantire la corretta produzione e la conservazione del registro giornaliero di protocollo f) promuovere la formazione/aggiornamento degli operatori; g) promuovere, periodicamente, opportune verifiche sulla protocollazione. Art. 11 Operatori della U.A. Protocollo 1. Gli operatori di protocollo sono responsabili della corrispondenza dei dati desunti dal documento protocollato con quelli inseriti nel programma di protocollo. 2. L'operatore svolge le seguenti attività: a) immissione dati di protocollo in entrata e in uscita; b) modifica dei protocolli già inseriti; c) ricerca dati dei documenti protocollati. Art.12 Orari di protocollazione e rilascio di ricevute attestanti la ricezione dei documenti 1. L orario di accettazione della corrispondenza, sia in entrata, sia in uscita sia interna, è articolato su cinque giorni lavorativi, dal lunedì al venerdì. Nei giorni di lunedì, mercoledì e venerdì dalle ore 8.30 alle ore 13,00; nei giorni del martedì e giovedì dalle ore 8,30 all13,00 e dalle 14,30 alle La protocollazione potrà essere effettuata anche al di fuori di tale orario sino alla chiusura giornaliera delle operazioni. 2. Qualora venga richiesta l attestazione della ricezione di un documento, l U.A. Protocollo rilascia, in alternativa: - apposito modulo di ricevuta; - fotocopia del primo foglio dopo aver apposto il timbro datario con ora di arrivo e sigla dell operatore; - attestazione della registrazione di protocollo. Art. 13 Differimento dei termini di registrazione 1. L operazione di segnatura di protocollo viene effettuata immediatamente dopo l operazione di registrazione di protocollo. 2. Le registrazioni di protocollo dei documenti ricevuti sono effettuate in giornata e comunque non oltre le 48 ore lavorative dal ricevimento degli atti. Art. 14 Protocollazione di una gara La busta o il plico che reca le indicazioni offerta, gara o qualunque altro elemento che indica la partecipazione ad una gara non devono essere aperti ma protocollati in arrivo con l apposizione del numero di protocollo, della data e dell ora di ricezione direttamente sulla busta o plico. Art. 15 Norma di rinvio Per tutto quanto non previsto dal presente regolamento, si rinvia al DPR 445/2000 ed al Codice dell Amministrazione Digitale, che disciplinano il protocollo informatico presso le Pubbliche Amministrazioni. 5

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO DEI FLUSSI DOCUMENTALI E DEGLI ARCHIVI

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO DEI FLUSSI DOCUMENTALI E DEGLI ARCHIVI COMUNE DI SAN PELLEGRINO TERME Provincia di Bergamo MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO DEI FLUSSI DOCUMENTALI E DEGLI ARCHIVI SEZIONE I - AMBITO DI APPLICAZIONE E DEFINIZIONE...1 Articolo 1 - Ambito di

Dettagli

Manuale di Gestione del protocollo informatico dell Azienda U.S.L. 3 di Pistoia

Manuale di Gestione del protocollo informatico dell Azienda U.S.L. 3 di Pistoia Manuale di Gestione del protocollo informatico dell Azienda U.S.L. 3 di Pistoia 1 Art. 1 Ambito di applicazione Il presente regolamento disciplina la gestione e la tenuta del protocollo informatico dell

Dettagli

COMUNE DI BORGOMANERO MANUALE DI GESTIONE PROTOCOLLO INFORMATICO

COMUNE DI BORGOMANERO MANUALE DI GESTIONE PROTOCOLLO INFORMATICO COMUNE DI BORGOMANERO MANUALE DI GESTIONE PROTOCOLLO INFORMATICO SOMMARIO TITOLO I PRINCIPI GENERALI...4 ART. 1 OGGETTO DELLA DISCIPLINA... 4 ART. 2 FINALITÀ... 4 ART. 3 IL SERVIZIO DEL PROTOCOLLO... 4

Dettagli

MANUALE di GESTIONE del PROTOCOLLO INFORMATICO

MANUALE di GESTIONE del PROTOCOLLO INFORMATICO MANUALE di GESTIONE del PROTOCOLLO INFORMATICO Approvato con Delibera di G.C. n. 164 del 30.12.2004 1 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI ART. 1 OGGETTO DELLA DISCIPLINA ART. 2 FINALITA ART. 3 IL SERVIZIO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DEI FLUSSI DOCUMENTALI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DEI FLUSSI DOCUMENTALI APPROVATO CON DELIBERA DELLA G.C. N. 209 DEL 12/12/2011 COMUNE DI TORRE PELLICE -------------- PROVINCIA DI TORINO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DEI FLUSSI DOCUMENTALI INDICE

Dettagli

Manuale di Gestione Protocollo Informatico

Manuale di Gestione Protocollo Informatico Automobile Club d Italia Manuale di Gestione Protocollo Informatico Area Organizzativa Omogenea Ufficio Provinciale di CATANZARO SOMMARIO 1. AMBITO DI APPLICAZIONE...2 2. DEFINIZIONI...2 3. COMPITI DEL

Dettagli

Regione Siciliana. Assessorato Industria Dipartimento Industria. Area Affari Generali e Comuni

Regione Siciliana. Assessorato Industria Dipartimento Industria. Area Affari Generali e Comuni Regione Siciliana Assessorato Industria Dipartimento Industria Area Affari Generali e Comuni MANUALE DEL PROTOCOLLO UNICO INFORMATICO (Documento soggetto a continuo aggiornamento) (art. 5 del DPCM 31.10.2000)

Dettagli

Il protocollo informatico

Il protocollo informatico La dematerializzazione dei documenti amministrativi Il protocollo informatico Notaio Gea Arcella garcella@notariato.it Udine 22 novembre 2012 1 1.1 L'obbligo di registrazione dei documenti amministrativi

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DI CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DI CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI COMUNE DI MARINEO (PROV. DI PALERMO) MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DI CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI (approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 106 del 24/11/04) 1 PARTE PRIMA

Dettagli

Manuale di Gestione Protocollo Informatico (art.5 del DPCM 31/10/2000) Area Organizzativa Omogenea "Automobile Club di BARI"

Manuale di Gestione Protocollo Informatico (art.5 del DPCM 31/10/2000) Area Organizzativa Omogenea Automobile Club di BARI Manuale di Gestione Protocollo Informatico (art.5 del DPCM 31/10/2000) Area Organizzativa Omogenea "Automobile Club di BARI" SOMMARIO 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 2. DEFINIZIONI... 3 3. AREA ORGANIZZATIVA

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO Prot. n. 4519 del 12/10/2015 MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO PREMESSA II presente manuale, previsto dall'art. 5 del DPCM 3 dicembre 2013, descrive il sistema di gestione e di conservazione

Dettagli

R E G I O N E U M B R I A GIUNTA REGIONALE. Direzione Affari Generali della Presidenza e della Giunta regionale. Servizio Segreteria della Giunta

R E G I O N E U M B R I A GIUNTA REGIONALE. Direzione Affari Generali della Presidenza e della Giunta regionale. Servizio Segreteria della Giunta R E G I O N E U M B R I A GIUNTA REGIONALE Direzione Affari Generali della Presidenza e della Giunta regionale Servizio Segreteria della Giunta Disciplinare sull utilizzo della posta elettronica certificata

Dettagli

CAPO I Riferimenti normativi, ambito di applicazione, definizioni

CAPO I Riferimenti normativi, ambito di applicazione, definizioni DISPOSIZIONI PER LA GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO ------------------------------------------------------------------------------------------------------------ CAPO I Riferimenti normativi, ambito

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI RAGUSA REGOLAMENTO DELL UFFICIO DI PROTOCOLLO, DEGLI ARCHIVI E DELL UFFICIO SPEDIZIONE

PROVINCIA REGIONALE DI RAGUSA REGOLAMENTO DELL UFFICIO DI PROTOCOLLO, DEGLI ARCHIVI E DELL UFFICIO SPEDIZIONE PROVINCIA REGIONALE DI RAGUSA REGOLAMENTO DELL UFFICIO DI PROTOCOLLO, DEGLI ARCHIVI E DELL UFFICIO SPEDIZIONE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO PROVINCIALE N. 132 DEL 16 SETTEMBRE 2003 E DIVENUTO

Dettagli

Manuale per la gestione del protocollo, dei flussi documentali e degli archivi

Manuale per la gestione del protocollo, dei flussi documentali e degli archivi COMUNE DI COMO Servizio Archivio e Protocollo Manuale per la gestione del protocollo, dei flussi documentali e degli archivi (Artt. 3 e 5 DPCM 31 ottobre 2000) Allegato n. 9 Gestione dei flussi documentali

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA DISCIPLINA DEL SERVIZIO PER LA TENUTA DEL PROTOCOLLO INFORMATICO

REGOLAMENTO SULLA DISCIPLINA DEL SERVIZIO PER LA TENUTA DEL PROTOCOLLO INFORMATICO REGOLAMENTO SULLA DISCIPLINA DEL SERVIZIO PER LA TENUTA DEL PROTOCOLLO INFORMATICO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 59 del 3 novembre 2005 Pag. 1 TITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo

Dettagli

DEI DOCUMENTI E DELL ARCHIVIO

DEI DOCUMENTI E DELL ARCHIVIO Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

COMUNE DI MASSA MANUALE PER LA GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DEI FLUSSI DOCUMENTALI

COMUNE DI MASSA MANUALE PER LA GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DEI FLUSSI DOCUMENTALI COMUNE DI MASSA MANUALE PER LA GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DEI FLUSSI DOCUMENTALI 1 CAPO I AMBITO DI APPLICAZIONE Art.1 Ambito di applicazione 1. Il presente manuale, nell ambito dell ordinamento

Dettagli

L ORGANIZZAZIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI: LINEE GUIDA PER IL MANUALE DI GESTIONE

L ORGANIZZAZIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI: LINEE GUIDA PER IL MANUALE DI GESTIONE L ORGANIZZAZIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI: LINEE GUIDA PER IL MANUALE DI GESTIONE Il Manuale di Gestione Descrive il sistema di gestione e di conservazione dei documenti e fornisce le istruzioni per il corretto

Dettagli

C O M U N E DI A S S E M I N I

C O M U N E DI A S S E M I N I C O M U N E DI A S S E M I N I PROVINCIA DI CAGLIARI SERVIZIO ICT MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DEL FLUSSO DOCUMENTALE (artt. 3 e 5 DPCM 3/12/2013) SEZIONE 1. DISPOSIZIONI GENERALI Ambito

Dettagli

Manuale di gestione del protocollo informatico emanato con D.D. del 2.01.04 n.1 ed aggiornato con D.D. del 16.10.07 n.1239

Manuale di gestione del protocollo informatico emanato con D.D. del 2.01.04 n.1 ed aggiornato con D.D. del 16.10.07 n.1239 Università degli Studi del Sannio Manuale di gestione del protocollo informatico emanato con D.D. del 2.01.04 n.1 ed aggiornato con D.D. del 16.10.07 n.1239 1 I N D I C E Capo I Capo II Capo III Capo IV

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DEI DOCUMENTI

MANUALE DI GESTIONE DEI DOCUMENTI MANUALE DI GESTIONE DEI DOCUMENTI 1 INDICE SEZIONE I Articolo 1 Articolo 2 SEZIONE II Articolo 3 Articolo 4 Articolo 5 Articolo 6 Articolo 7 SEZIONE III Articolo 8 Articolo 9 Articolo 10 SEZIONE IV Articolo

Dettagli

Manuale di Gestione Protocollo Informatico

Manuale di Gestione Protocollo Informatico Automobile Club d Italia Manuale di Gestione Protocollo Informatico Area Organizzativa Omogenea Ufficio Provinciale di POTENZA GENNAIO 2013 SOMMARIO 1. AMBITO DI APPLICAZIONE...3 2. DEFINIZIONI...3 3.

Dettagli

Manuale per la gestione del protocollo informatico, dei flussi documentali e degli archivi (artt. 3 e 5 DPCM 31/10/2000)

Manuale per la gestione del protocollo informatico, dei flussi documentali e degli archivi (artt. 3 e 5 DPCM 31/10/2000) Manuale per la gestione del protocollo informatico, dei flussi documentali e degli archivi (artt. 3 e 5 DPCM 31/10/2000) Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 41 del 19.02.2008 In vigore

Dettagli

Gestione del protocollo informatico con OrdineP-NET

Gestione del protocollo informatico con OrdineP-NET Ordine dei Farmacisti della Provincia di Ferrara Gestione del protocollo informatico con OrdineP-NET Manuale gestore DT-Manuale gestore (per utenti servizio CDI) VERSIONE 2.0 del 09/10/2015 1. Premesse

Dettagli

PROT. 5340 A/39/d. Manuale di gestione documentale e del protocollo informatico ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE - "CARLO GEMMELLARO"

PROT. 5340 A/39/d. Manuale di gestione documentale e del protocollo informatico ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE - CARLO GEMMELLARO PROT. 5340 A/39/d Manuale di gestione documentale e del protocollo informatico ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE - "CARLO GEMMELLARO" Indice generale 1. Scopo e campo di applicazione del documento

Dettagli

1. LE FASI DELLA GESTIONE DEI DOCUMENTI

1. LE FASI DELLA GESTIONE DEI DOCUMENTI Testo estratto da STEANO PIGLIAPOCO, La gestione informatica dei documenti: aspetti archivistici e organizzativi, in OMENICO PIAZZA (a cura di), Il protocollo informatico per la pubblica amministrazione,

Dettagli

Allegato alla determinazione n. 1066/000/DIG/15/0008 del 9 ottobre 2015

Allegato alla determinazione n. 1066/000/DIG/15/0008 del 9 ottobre 2015 Allegato alla determinazione n. 1066/000/DIG/15/0008 del 9 ottobre 2015 Regione Piemonte AZIENDA SANITARIA LOCALE CN2 VIA VIDA N. 10 12051 ALBA (CN) C.F./Partita I.V.A. n.: 02419170044 MANUALE DI GESTIONE

Dettagli

PARTE PRIMA - AMBITO DI APPLICAZIONE E DEFINIZIONI...

PARTE PRIMA - AMBITO DI APPLICAZIONE E DEFINIZIONI... I N D I C E PARTE PRIMA - AMBITO DI APPLICAZIONE E DEFINIZIONI... 3 ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE......3 ART. 2 DEFINIZIONI... 3 ART. 3 INDIVIDUAZIONE DELL AREA ORGANIZZATIVA OMOGENEA (AOO)....4 ART. 4

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE INFORMATICA DEI DOCUMENTI

MANUALE DI GESTIONE INFORMATICA DEI DOCUMENTI MANUALE DI GESTIONE INFORMATICA DEI DOCUMENTI Approvato dalla Giunta Comunale con Deliberazione n. 170 del _08/10/2015 SOMMARIO SEZIONE I - Disposizioni di carattere generale... 4 Articolo 1: ambito di

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ORGANIZZAZIONE E LA DISCIPLINA DELL'ALBO PRETORIO ON LINE

REGOLAMENTO PER L'ORGANIZZAZIONE E LA DISCIPLINA DELL'ALBO PRETORIO ON LINE REGOLAMENTO PER L'ORGANIZZAZIONE E LA DISCIPLINA DELL'ALBO PRETORIO ON LINE I N D I C E Articolo 1 - Oggetto del Regolamento. Articolo 2 - Finalità dell Albo Pretorio on line Articolo 3 - Albo Pretorio

Dettagli

Manuale di gestione documentale dell Agenzia delle Entrate

Manuale di gestione documentale dell Agenzia delle Entrate Manuale di gestione documentale dell Agenzia delle Entrate aggiornato al 22 aprile 2015 INDICE DEI CONTENUTI 1. PREMESSA, DEFINIZIONI, RIFERIMENTI NORMATIVI... 1 1.1. Il Manuale di Gestione documentale

Dettagli

il Rettore Richiamato lo Statuto di Ateneo emanato con D.R. n 501 in data 27 marzo 2000 e successive modificazioni;

il Rettore Richiamato lo Statuto di Ateneo emanato con D.R. n 501 in data 27 marzo 2000 e successive modificazioni; DR n 176 Reg.XLVI il Rettore Richiamato lo Statuto di Ateneo emanato con D.R. n 501 in data 27 marzo 2000 e successive modificazioni; vista la deliberazione n 433/14695 in data 06 febbraio 2008 con cui

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA GESTIONE DEL PROTOCOLLO DEI DOCUMENTI E DEGLI ARCHIVI. (Deliberazione della Giunta Comunale n. 569 del 29 dicembre 2011)

DISCIPLINARE PER LA GESTIONE DEL PROTOCOLLO DEI DOCUMENTI E DEGLI ARCHIVI. (Deliberazione della Giunta Comunale n. 569 del 29 dicembre 2011) DISCIPLINARE PER LA GESTIONE DEL PROTOCOLLO DEI DOCUMENTI E DEGLI ARCHIVI (Deliberazione della Giunta Comunale n. 569 del 29 dicembre 2011) PARTE PRIMA - AMBITO DI APPLICAZIONE DEL MANUALE E DEFINIZIONI...3

Dettagli

Comune di Campogalliano Provincia di Modena

Comune di Campogalliano Provincia di Modena Comune di Campogalliano Provincia di Modena Manuale di gestione del protocollo informatico e di conservazione dei documenti Approvato con delibera di Giunta comunale n. 86 del 28 dicembre 2005 Modificato

Dettagli

Manuale di Gestione. Protocollo Informatico. Area Organizzativa Omogenea. Direzione Sistemi Informativi

Manuale di Gestione. Protocollo Informatico. Area Organizzativa Omogenea. Direzione Sistemi Informativi Manuale di Gestione Protocollo Informatico Area Organizzativa Omogenea Direzione Sistemi Informativi Versione 1.0 Sommario 1. AMBITO DI APPLICAZIONE...3 2. DEFINIZIONI...3 3. COMPITI DEL SERVIZIO PROTOCOLLO

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO .. MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO Pag. 0 INDICE Capitolo I Principi generali ed organizzativi...4 1.1 Premesse...4 1.2 Riferimenti normativi...4 1.3 Definizioni...4 1.4 Modello Organizzativo.5 1.5

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA DEMATERIALIZZAZIONE DEGLI ATTI, DELLE PROCEDURE E DEI PROCEDIMENTI DELL ENTE

LINEE GUIDA PER LA DEMATERIALIZZAZIONE DEGLI ATTI, DELLE PROCEDURE E DEI PROCEDIMENTI DELL ENTE LINEE GUIDA PER LA DEMATERIALIZZAZIONE DEGLI ATTI, DELLE PROCEDURE E DEI PROCEDIMENTI DELL ENTE DEMATERIALIZZAZIONE DEGLI ATTI, DELLE PROCEDURE E DEI PROCEDIMENTI DELL ENTE 1. La dematerializzazione degli

Dettagli

COMUNE DI UDINE MANUALE

COMUNE DI UDINE MANUALE COMUNE DI UDINE MANUALE PER LA GESTIONE E CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI APPROVATO CON DELIBERAZIONE GIUNTALE N. 823 D ORD. DEL 22 DICEMBRE 2003 MODIFICATO CON DELIBERAZIONI GIUNTALI N. 486/ 2004, N. 571/

Dettagli

Prot. n 169 Salerno, lì 24 Febbraio 2016

Prot. n 169 Salerno, lì 24 Febbraio 2016 Prot. n 169 Salerno, lì 24 Febbraio 2016 A tutti gli iscritti all Albo e nell Elenco Speciale LORO SEDI OGGETTO: Circolare n 38/2016. Libera professione. Nuove Tecnologie. La P.E.C. (Posta Elettronica

Dettagli

IO CONTO Nuovi obblighi normativi - Allegati

IO CONTO Nuovi obblighi normativi - Allegati Dipartimento per la Programmazione e la Gestione delle Risorse Umane, Finanziarie e Strumentali Direzione Generale per le Risorse Umane e Finanziarie IO CONTO Nuovi obblighi normativi - Allegati Indice

Dettagli

Il CAD e il Dlgs. 33. Brescia I.I.S. Tartaglia Olivieri 21 gennaio 2014

Il CAD e il Dlgs. 33. Brescia I.I.S. Tartaglia Olivieri 21 gennaio 2014 Il CAD e il Dlgs. 33 gli obblighi delle scuole: trasparenza, dematerializzazione, archiviazione sostitutiva Brescia I.I.S. Tartaglia Olivieri 21 gennaio 2014 Il CAD e le Istituzioni scolastiche: dal documento

Dettagli

Manuale di gestione del Protocollo informatico e dei flussi documentali (DPCM 31/10/2000 e DPCM 03/12/2013)

Manuale di gestione del Protocollo informatico e dei flussi documentali (DPCM 31/10/2000 e DPCM 03/12/2013) Manuale di gestione del Protocollo informatico e dei flussi documentali (DPCM 31/10/2000 e DPCM 03/12/2013) Approvato con deliberazione G.C. n. 204 del 08/10/2015 Sommario SEZIONE 1. DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli

L AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIGITALE: OPPORTUNITÀ E OBBLIGHI PER GLI ENTI ERP

L AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIGITALE: OPPORTUNITÀ E OBBLIGHI PER GLI ENTI ERP Prof. Stefano Pigliapoco L AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIGITALE: OPPORTUNITÀ E OBBLIGHI PER GLI ENTI ERP s.pigliapoco@unimc.it La società dell informazione e della conoscenza La digitalizzazione delle comunicazioni,

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DOCUMENTALE Art. 5 DPCM 3/12/2013 Regole tecniche per il protocollo informatico COMUNE DI TRECASTELLI (AN)

MANUALE DI GESTIONE DOCUMENTALE Art. 5 DPCM 3/12/2013 Regole tecniche per il protocollo informatico COMUNE DI TRECASTELLI (AN) MANUALE DI GESTIONE DOCUMENTALE Art. 5 DPCM 3/12/2013 Regole tecniche per il protocollo informatico COMUNE DI TRECASTELLI (AN) 2 INDICE SEZIONE I - Disposizioni generali... 5 Articolo 1 - Ambito di applicazione...

Dettagli

CITTÀ DI FOLIGNO. Manuale di gestione ed archiviazione dei documenti del Comune di Foligno

CITTÀ DI FOLIGNO. Manuale di gestione ed archiviazione dei documenti del Comune di Foligno CITTÀ DI FOLIGNO Manuale di gestione ed archiviazione dei documenti Approvato con D.G.C. n. 465 del 29/12/2003 Integrato con D.G.C. n. 374 del 31/10/2007 SEZIONE I - AMBITO DI APPLICAZIONE E DEFINIZIONI

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri Segretariato Generale Ufficio del Segretario Generale Manuale di gestione per l archivio e il protocollo informatico Presidenza del Consiglio dei Ministri Manuale

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO COMUNE DI BONATE SOPRA Provincia di Bergamo MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO - Sezione 1 - Disposizioni generali 1.1 Ambito di applicazione 1.2 Definizioni dei termini 1.3 Area organizzativa

Dettagli

Manuale di gestione documentale e del protocollo informatico

Manuale di gestione documentale e del protocollo informatico 53 Distretto Scolastico Nocera Inferiore LICEO SCIENTIFICO STATALE N. SENSALE Via S. D Alessandro 84014 Nocera Inferiore (SA) - Tel. 081/925463 Fax 081/5173203 E-mail: saps04000b@istruzione.it saps04000b@pec.istruzione.it

Dettagli

PROVINCIA DI COSENZA DISPOSIZIONI ATTUATIVE PER LA DISCIPLINA DELL ALBO PRETORIO ON-LINE

PROVINCIA DI COSENZA DISPOSIZIONI ATTUATIVE PER LA DISCIPLINA DELL ALBO PRETORIO ON-LINE PROVINCIA DI COSENZA DISPOSIZIONI ATTUATIVE PER LA DISCIPLINA DELL ALBO PRETORIO ON-LINE INDICE GENERALE Art. 1 - Oggetto Art. 2 - Istituzione dell Albo Pretorio on-line Art. 3 - Finalità della pubblicazione

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA Policlinico Gaetano Martino di Messina

AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA Policlinico Gaetano Martino di Messina AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA Policlinico Gaetano Martino di Messina Deliberazione del Direttore Generale n 124 del 14/ 02/2013 A seguito di Proposta in data n 4 del 23/01/2013 Staff Direzione Strategica

Dettagli

- 1 - Manuale di gestione. del protocollo informatico. (art. 5 DPCM 31 ottobre 2000) Approvato con deliberazione giuntale n. 44 del 24.02.

- 1 - Manuale di gestione. del protocollo informatico. (art. 5 DPCM 31 ottobre 2000) Approvato con deliberazione giuntale n. 44 del 24.02. - 1 - Manuale di gestione del protocollo informatico (art. 5 DPCM 31 ottobre 2000) Approvato con deliberazione giuntale n. 44 del 24.02.2005 Esecutivo dal 1.04.2005 - 2 - INDICE Art. 1 Oggetto e finalità

Dettagli

L.R. 15/2010, art. 29, c. 1, lett. f) e g) B.U.R. 5/11/2014, n. 45. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 22 ottobre 2014, n. 0206/Pres.

L.R. 15/2010, art. 29, c. 1, lett. f) e g) B.U.R. 5/11/2014, n. 45. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 22 ottobre 2014, n. 0206/Pres. L.R. 15/2010, art. 29, c. 1, lett. f) e g) B.U.R. 5/11/2014, n. 45 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 22 ottobre 2014, n. 0206/Pres. Regolamento per la disciplina della domanda tavolare telematica e

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ALBO PRETORIO ON LINE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ALBO PRETORIO ON LINE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ALBO PRETORIO ON LINE Approvato con Deliberazione di Giunta Comunale n. 386 del 5 Ottobre 2012 INDICE 1. Oggetto 2. Caratteristiche e organizzazione delle pubblicazioni

Dettagli

DPCM 31 OTTOBRE 2000 (G. U. 21.11.2000, SERIE GENERALE, N. 272) REGOLE TECNICHE PER IL PROTOCOLLO INFORMATICO DI CUI AL DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA

DPCM 31 OTTOBRE 2000 (G. U. 21.11.2000, SERIE GENERALE, N. 272) REGOLE TECNICHE PER IL PROTOCOLLO INFORMATICO DI CUI AL DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA DPCM 31 OTTOBRE 2000 (G. U. 21.11.2000, SERIE GENERALE, N. 272) REGOLE TECNICHE PER IL PROTOCOLLO INFORMATICO DI CUI AL DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 20 OTTOBRE 1998, N. 428 TITOLO I AMBITO DI

Dettagli

Gestione documentale e Protocollo informatico

Gestione documentale e Protocollo informatico Gestione documentale e Protocollo informatico Settembre 2003 Cosa tratteremo La gestione dei documenti produzione, acquisizione, trasmissione organizzazione e conservazione reperimento ed accesso alle

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA ISTITUZIONE E LA GESTIONE DELL ALBO PRETORIO INFORMATICO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA ISTITUZIONE E LA GESTIONE DELL ALBO PRETORIO INFORMATICO Comune di VALSINNI Provincia di MATERA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA ISTITUZIONE E LA GESTIONE DELL ALBO PRETORIO INFORMATICO S O M M A R I O Art. D E S C R I Z I O N E Art. D E S C R I Z I O N E 1 2 3 4

Dettagli

Manuale di Gestione Protocollo Informatico. Area Organizzativa Omogenea Ufficio Provinciale di Bologna

Manuale di Gestione Protocollo Informatico. Area Organizzativa Omogenea Ufficio Provinciale di Bologna Manuale di Gestione Protocollo Informatico Area Organizzativa Omogenea Ufficio Provinciale di Bologna Giugno 2012 SOMMARIO 1. AMBITO DI APPLICAZIONE...2 2. DEFINIZIONI...2 3. COMPITI DEL SERVIZIO PROTOCOLLO

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO (Regolamento adottato ai sensi dell'art. 5 del D.P.C.M. 3/12/2013) Adottato con Delibera di Giunta Municipale n. del 1/36 Indice generale I PRINCIPI GENERALI...5

Dettagli

Manuale di Gestione Protocollo Informatico

Manuale di Gestione Protocollo Informatico Ufficio Provinciale Pisa Manuale di Gestione Protocollo Informatico Area Organizzativa Omogenea Ufficio Provinciale PRA di Pisa Marzo 2012 Versione 3.0 Ufficio Provinciale Pisa SOMMARIO 1. AMBITO DI APPLICAZIONE...3

Dettagli

UFFICIO SEGRETERIA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DEI FLUSSI DOCUMENTALI

UFFICIO SEGRETERIA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DEI FLUSSI DOCUMENTALI C I T T A' D I F I S C I A N O (Provincia di Salerno) UFFICIO SEGRETERIA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DEI FLUSSI DOCUMENTALI Approvato con deliberazione della C.C. N. 44 del

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 1898 DEL 17 OTTOBRE 2014

ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 1898 DEL 17 OTTOBRE 2014 Attenzione: la copertina del decreto presidenziale va stampata su carta intestata della presidenza, che ha già il cartiglio ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 1898 DEL 17 OTTOBRE 2014 Regolamento per la disciplina

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE C I T T À D I L E N D I N A R A P r o v i n c i a d i R o v i g o Area Amministrativa 1 Settore / 1 Servizio SEGRETERIA GENERALE, PERSONALE, ATTI DELIBERATIVI, PROTOCOLLO, SUPPORTO ORGANI ISTITUZIONALI,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA TENUTA DEL PROTOCOLLO E DELL ARCHIVIO MANUALE PER LA GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO

REGOLAMENTO PER LA TENUTA DEL PROTOCOLLO E DELL ARCHIVIO MANUALE PER LA GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO Provincia di Torino REGOLAMENTO PER LA TENUTA DEL PROTOCOLLO E DELL ARCHIVIO MANUALE PER LA GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 146 del 23/12/2011 1

Dettagli

Manuale di gestione del sistema informatico di gestione documentaria Approvato con deliberazione Giunta Provinciale del 29.11.2010 n.

Manuale di gestione del sistema informatico di gestione documentaria Approvato con deliberazione Giunta Provinciale del 29.11.2010 n. Manuale di gestione del sistema informatico di gestione documentaria Approvato con deliberazione Giunta Provinciale del 29.11.2010 n.319 Il presente Manuale è stato redatto dal Gruppo di lavoro dell Università

Dettagli

Introduzione alla gestione informatica Riccardo Righi

Introduzione alla gestione informatica Riccardo Righi Introduzione alla gestione informatica Riccardo Righi Area gestione documentale dei documenti 15 giugno 2010 Pag. 1 Titulus Programma della sessione Il progetto Titulus L archivio Il registro di protocollo

Dettagli

Prot. 5231/ A32 Pellezzano 12/12/2014

Prot. 5231/ A32 Pellezzano 12/12/2014 ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELLEZZANO Sede legale: Via Nicola Russo, 7 Uffici amministrativi: Piazza Giuseppe di Vittorio, 1 84080 PELLEZZANO (SA) tel. 089/566308 fax 089/5683713 e-mail SAIC8BH007@ISTRUZIONE.IT

Dettagli

Manuale per la gestione del protocollo, dei flussi documentali e degli archivi

Manuale per la gestione del protocollo, dei flussi documentali e degli archivi COMUNE DI COMO Servizio Archivio e Protocollo Manuale per la gestione del protocollo, dei flussi documentali e degli archivi (Artt. 3 e 5 DPCM 31 ottobre 2000) Allegato n. 12 Registro di emergenza 12/a:

Dettagli

Manuale di Gestione Protocollo Informatico

Manuale di Gestione Protocollo Informatico Manuale di Gestione Protocollo Informatico Area Organizzativa Omogenea Ufficio Provinciale PRA di Padova Aprile 2012 Versione 3.0 SOMMARIO 1. AMBITO DI APPLICAZIONE...3 2. DEFINIZIONE E COMPITI...3 3.

Dettagli

PROTOCOLLO DI EMERGENZA A NORMA ARTICOLO 63 DEL DPR 445/00 * breve guida per l attivazione

PROTOCOLLO DI EMERGENZA A NORMA ARTICOLO 63 DEL DPR 445/00 * breve guida per l attivazione Allegato 14 al Manuale per la gestione del protocollo informatico, dei flussi documentali e degli archivi della Provincia di Pavia PROTOCOLLO DI EMERGENZA A NORMA ARTICOLO 63 DEL DPR 445/00 * breve guida

Dettagli

COMUNE DI PALOMONTE (SA)

COMUNE DI PALOMONTE (SA) COMUNE DI PALOMONTE (SA) REGOLAMENTO COMUNALE PER L USO DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E LA GESTIONE ELETTRONICA DEI DOCUMENTI DELLA P.A. Approvato con delibera di Consiglio Comunale n.20 del 06/10/2009 INDICE

Dettagli

Posta Elettronica Certificata obbligo e opportunità per le Imprese e la PA

Posta Elettronica Certificata obbligo e opportunità per le Imprese e la PA Posta Elettronica Certificata obbligo e opportunità per le Imprese e la PA Belluno 28 gennaio 2014 www.feinar.it PEC: Posta Elettronica Certificata Che cos'è e come funziona la PEC 3 PEC: Posta Elettronica

Dettagli

CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA DEI DOCUMENTI TRIBUTARI: ANALISI E CONTROLLO

CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA DEI DOCUMENTI TRIBUTARI: ANALISI E CONTROLLO CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA DEI DOCUMENTI TRIBUTARI: ANALISI E CONTROLLO a cura del Ten.Col. t.st Gaetano Cutarelli Comandante del I Gruppo Tutela Entrate del Nucleo Polizia Tributaria Torino della Guardia

Dettagli

Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 267 del 12/10/2015. 1. Parte prima Ambito di applicazione del manuale e definizioni...

Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 267 del 12/10/2015. 1. Parte prima Ambito di applicazione del manuale e definizioni... MANUALE DI GESTIONE DELLA DOCUMENTAZIONE, DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DI CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI DEL COMUNE DI JESOLO. Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 267 del 12/10/2015 INDICE: 1. Parte

Dettagli

PIANO PER LA SICUREZZA DEI DOCUMENTI INFORMATICI

PIANO PER LA SICUREZZA DEI DOCUMENTI INFORMATICI COMUNE DI SANTO STEFANO LODIGIANO PROVINCIA DI LODI PIANO PER LA SICUREZZA DEI DOCUMENTI INFORMATICI Allegato 1) al Manuale di gestione APPROVATO CON ATTO DI G.C. N. 96 DEL 28.12.2015 PIANO PER LA SICUREZZA

Dettagli

Il documento informatico: sottoscrizione e conservazione

Il documento informatico: sottoscrizione e conservazione Il documento informatico: sottoscrizione e conservazione Prof. Avv. Giusella Finocchiaro Studio legale Finocchiaro www. studiolegalefinocchiaro.it 1 Il quadro normativo Percorso lungo e complesso: normativa

Dettagli

Decreto Legislativo 7 marzo 2005, n. 82

Decreto Legislativo 7 marzo 2005, n. 82 CODICE DELL AMMINISTRAZIONE DIGITALE (CAD) Decreto Legislativo 7 marzo 2005, n. 82 Modifiche ed integrazioni introdotte dal decreto-legge 22 giugno 2012 n. 83 e 6 luglio 2012 n 95 (convertiti con modificazioni,

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE E DI CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI COMUNALI

MANUALE DI GESTIONE E DI CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI COMUNALI COMUNE DI CIVITA CASTELLANA Provincia di Viterbo * * * AREA RELAZIONI ESTERNE MANUALE DI GESTIONE E DI CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI COMUNALI 1 TITOLO I - PRINCIPI GENERALI 3 ART. 1 OGGETTO DELLA DISCIPLINA

Dettagli

PROTOCOLLO INFORMATICO MANUALE DI GESTIONE DEI DOCUMENTI

PROTOCOLLO INFORMATICO MANUALE DI GESTIONE DEI DOCUMENTI COMUNE DI CASSINA VALSASSINA Provincia di LECCO PROTOCOLLO INFORMATICO MANUALE DI GESTIONE DEI DOCUMENTI SEZIONE I AMBITO DI APPLICAZIONE Articolo 1 Ambito di applicazione 1. Il presente manuale di gestione

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO, DEI DOCUMENTI E DELL ARCHIVIO PREMESSA

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO, DEI DOCUMENTI E DELL ARCHIVIO PREMESSA Istituto Comprensivo n. 4 C.Collodi-L.Marini Via Fucino, 3-67051- Avezzano (AQ) e-mail: aqic843008@istruzione.it - pec: aqic843008@pec.istruzione.it sito web: www.istitutocomprensivocollodimarini.it Tel.

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO, DEI DOCUMENTI E DELL ARCHIVIO

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO, DEI DOCUMENTI E DELL ARCHIVIO Prot. nr. AOOITSCASSATA-0006474-C14 MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO, DEI DOCUMENTI E DELL ARCHIVIO PREMESSA Obiettivo del Manuale di gestione è descrivere sia il sistema di gestione documentale

Dettagli

Manuale di Gestione del Protocollo Informatico, dei Documenti e dell Archivio

Manuale di Gestione del Protocollo Informatico, dei Documenti e dell Archivio C O M U N E D I M A R L I A N A PROVINCIA DI PISTOIA Manuale di Gestione del Protocollo Informatico, dei Documenti e dell Archivio (Regolamento adottato ai sensi dell'art. 5 del D.P.C.M. 3/12/2013) Adottato

Dettagli

MANUALE PER LA GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO, DEI FLUSSI DOCUMENTALI E DEGLI ARCHIVI (art. 5 del D.P.C.M. 31 ottobre 2000)

MANUALE PER LA GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO, DEI FLUSSI DOCUMENTALI E DEGLI ARCHIVI (art. 5 del D.P.C.M. 31 ottobre 2000) MANUALE PER LA GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO, DEI FLUSSI DOCUMENTALI E DEGLI ARCHIVI (art. 5 del D.P.C.M. 31 ottobre 2000) Approvato dalla Giunta camerale con deliberazione n. 125 del 18/10/2012

Dettagli

Manuale di Gestione Documentale (art. 5 DPCM 3/12/2013) Procedura Organizzativa Uso della Posta Elettronica Certificata e tradizionale

Manuale di Gestione Documentale (art. 5 DPCM 3/12/2013) Procedura Organizzativa Uso della Posta Elettronica Certificata e tradizionale Comune di Casavatore in collaborazione con Manuale di Gestione Documentale (art. 5 DPCM 3/12/2013) Procedura Organizzativa Uso della Posta Elettronica Certificata e tradizionale Cod. MANGEDOC Rev. 1.0

Dettagli

PIANO PER LA SICUREZZA DEI DOCUMENTI INFORMATICI

PIANO PER LA SICUREZZA DEI DOCUMENTI INFORMATICI PIANO PER LA SICUREZZA DEI DOCUMENTI INFORMATICI Documento n. 9 - Allegato al manuale di gestione PIANO PER LA SICUREZZA DEI DOCUMENTI INFORMATICI 1. Composizione del piano Il piano di conservazione oltre

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO COMUNE DI MONASTERO DI LANZO Città Metropolitana di Torino Tel. 0123 4301- Fax. 0123 422900 - E-mail comunedimonastero.to@libero.it Frazione Capoluogo n.43 10070 Monastero di Lanzo www.comune.monasterodilanzo.to.it

Dettagli

Tribunale Militare della Spezia Manuale di Gestione del Protocollo Informatico MANUALE DI GESTIONE

Tribunale Militare della Spezia Manuale di Gestione del Protocollo Informatico MANUALE DI GESTIONE MANUALE DI GESTIONE Il Manuale di Gestione è l insieme di regole necessarie per la gestione ed il corretto funzionamento del sistema di protocollo, dei procedimenti amministrativi informatici e del sistema

Dettagli

COMUNE DI BARZIO Provincia di Lecco PROTOCOLLO INFORMATICO MANUALE DI GESTIONE DEI DOCUMENTI

COMUNE DI BARZIO Provincia di Lecco PROTOCOLLO INFORMATICO MANUALE DI GESTIONE DEI DOCUMENTI COMUNE DI BARZIO Provincia di Lecco PROTOCOLLO INFORMATICO MANUALE DI GESTIONE DEI DOCUMENTI 208 SEZIONE I - AMBITO DI APPLICAZIONE Articolo 1 Ambito di applicazione 1. Il presente manuale di gestione

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO, DEI DOCUMENTI E DELL'ARCHIVIO

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO, DEI DOCUMENTI E DELL'ARCHIVIO DEI DOCUMENTI E DELL'ARCHIVIO Istituto Comprensivo N.B. Questo documento è di esclusiva proprietà dell I.C.S. Cesare Battisti di Cogliate e non può essere riprodotto e/o divulgato a terzi senza autorizzazione

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO, DEI FLUSSI DOCUMENTALI E DEGLI ARCHIVI

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO, DEI FLUSSI DOCUMENTALI E DEGLI ARCHIVI MANUALE DI PROTOCOLLO INFORMATICO, DEI FLUSSI DOCUMENTALI E DEGLI ARCHIVI (Regolamento adottato ai sensi degli artt. 3 e 5 del DPCM 31.10.000) Adottato con Delibera di Giunta Comunale n. xxxxx del xx.xx.xxxx

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO, DEI DOCUMENTI E DELL ARCHIVIO

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO, DEI DOCUMENTI E DELL ARCHIVIO COMUNE DI FOLIGNANO Prov. di Ascoli Piceno MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO, DEI DOCUMENTI E DELL ARCHIVIO (Regolamento adottato ai sensi dell'art. 5 del D.P.C.M. 3/12/2013) INDICE GENERALE

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DI CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INDICE

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DI CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INDICE MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DI CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI ALL. A) INDICE PARTE PRIMA AMBITO DI APPLICAZIONE DEL MANUALE E DEFINIZIONI 1.1 Introduzione 1.2 Finalità del manuale 1.3

Dettagli

La fatturazione elettronica

La fatturazione elettronica La fatturazione elettronica Corso Nuove tecnologie e diritto a.a. 2007/2008 Claudia Cevenini claudia.cevenini@unibo.it D.Lgs. 20 febbraio 2004, n. 52 Attuazione della direttiva 2001/115/CE che semplifica

Dettagli

CitySoftware PROTOCOLLO. Info-Mark srl

CitySoftware PROTOCOLLO. Info-Mark srl CitySoftware PROTOCOLLO Info-Mark srl Via Rivoli, 5/1 16128 GENOVA Tel. 010/591145 Fax 010/591164 Sito internet: www.info-mark.it e-mail Info-Mark@Info-Mark.it SISTEMA DI PROTOCOLLAZIONE AUTOMATICA Realizzato

Dettagli

Manuale di Gestione del Protocollo Informatico

Manuale di Gestione del Protocollo Informatico COMUNE DI CAPOLONA (Provincia di Arezzo) Manuale di Gestione del Protocollo Informatico, dei Documenti e dell Archivio (artt. 3 e 5 DPCM 31/10/2000) Sommario SEZIONE 1. DISPOSIZIONI GENERALI 1.1 Ambito

Dettagli

FATTURAZIONE ELETTRONICA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE. Dott.ssa Barbara Santucci

FATTURAZIONE ELETTRONICA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE. Dott.ssa Barbara Santucci FATTURAZIONE ELETTRONICA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Dott.ssa Barbara Santucci 1 1. INTRODUZIONE La L. n 244/2007 e successive modificazioni ha istituito l obbligo di fatturazione elettronica nei confronti

Dettagli

RINNOVO CONSIGLIO CAMERALE 2015-2020

RINNOVO CONSIGLIO CAMERALE 2015-2020 RINNOVO CONSIGLIO CAMERALE 2015-2020 ISTRUZIONI OPERATIVE PER LE ORGANIZZAZIONI SINDACALI E ASSOCIAZIONI DEI CONSUMATORI Sono ammessi alla procedura, ai fini dell assegnazione dei due seggi del Consigli

Dettagli

Il Codice dell Amministrazione Digitale LA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA. Prefettura di Reggio Calabria 23-25 novembre 2010 www.vincenzocalabro.

Il Codice dell Amministrazione Digitale LA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA. Prefettura di Reggio Calabria 23-25 novembre 2010 www.vincenzocalabro. Il Codice dell Amministrazione Digitale LA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA Prefettura di Reggio Calabria 23-25 novembre 2010 www.vincenzocalabro.it 1 Il Codice dell Amministrazione Digitale Capo IV - Trasmissione

Dettagli

PER IL RILASCIO E L UTILIZZO DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA DELL AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA FEDERICO II PER FINI ISTITUZIONALI

PER IL RILASCIO E L UTILIZZO DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA DELL AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA FEDERICO II PER FINI ISTITUZIONALI REGOLAMENTO PER IL RILASCIO E L UTILIZZO DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA DELL AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA FEDERICO II PER FINI ISTITUZIONALI Approvato con deliberazione n. 463 del 10.08.2015

Dettagli

(artt. 3 e 5 DPCM 3 dicembre 2013) Edizione 01/2016 Rev. 01

(artt. 3 e 5 DPCM 3 dicembre 2013) Edizione 01/2016 Rev. 01 Manuale per la gestione del protocollo informatico, dei flussi documentali e degli archivi dell Ufficio d Ambito della Città Metropolitana di Milano Azienda Speciale (artt. 3 e 5 DPCM 3 dicembre 2013)

Dettagli