Emilia Romagna e Repubblica di San Marino Governatore : Giuseppe Castagnoli ASSEMBLEA DISTRETTUALE Riccione 4 Maggio 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Emilia Romagna e Repubblica di San Marino Governatore : Giuseppe Castagnoli ASSEMBLEA DISTRETTUALE Riccione 4 Maggio 2013"

Transcript

1 Il Rotary Club è un associazione costituita di individui adulti di buona volontà e reputazione professionale Standard Rotary Club Constitution Art.7.1..ogni socio attivo appartiene a una categoria ( classifica ) in base alla sua attività professionale, imprenditoriale, di servizio nella comunità, di alumnus rotariano Standard Rotary Club Constitution,Art.8.1

2 I Soci del Rotary Club (1) siano titolari, soci, amministratori o funzionari di un impresa, o esercitino un attività o una professione stimata,ovvero (2)ricoprano un importante posizione in un impresa o professione rispettabile e riconosciuta, con funzioni direttive e autorità decisionale, ovvero (3) siano pensionati dopo aver esercitato una delle professioni indicate nei due punti precedenti, ovvero (4)rivestano un ruolo rilevante nelle loro comunità, dimostrando impegno nel servire e nel perseguire lo Scopo del Rotary,ovvero (5) siano ex borsisti della Fondazione Rotary secondo la definizione del Consiglio Centrale Statuto del Rotary International Art.5.2

3 Valori Fondamentali ( Core Values dello Strategic Plan ) del Rotary 1.Servizio 1.Amicizia 1.Diversità 1.Integrità 1.Leadership

4 Le Vie d azione ( Avenues of Service ) del Servire rotariano 1.Azione Interna ( Club Service) 1.Azione Professionale ( Vocational Service ) 1.Azione di Interesse Pubblico ( Community Service ) 1.Azione Internazionale ( International service ) 1.Azione per le Nuove Generazioni ( New Generations Service ) (dopo il COL 2013 Youth Service )

5 Il Rotariano come Leader Il Socio del Rotary Club il rotariano è scelto secondo il principio una classifica, un socio tra i migliori elementi per : Eccellenza nella professione, Inclinazione ai rapporti di amicizia, Adesione a rigorosi criteri di etica personale e professionale, Disponibilità al servizio, Apertura internazionale,

6 La leadership rotariana Caratteristica distintiva di ogni singolo rotariano nell ambito dell attività personale, professionale, civica. Elemento qualificante per l ammissibilità al Rotary Club L insieme dei Soci chiamati a responsabilità direttive in ambito associativo, a livello di Club, di Distretto, Centrale.

7 Per la funzione di dirigenza rotariana sono: Individuate modalità di selezione e di nomina, Formalizzate le prerogative e le responsabilità Delimitati gli ambiti d azione e la durata Stabilita l opportuna rotazione Istituiti momenti di formazione

8 Leadership e Rotary Club Directors e Officers Art. 10 dello Statuto del R.C. Consiglieri e dirigenti del Club 1.Organo direttivo( governing body ) del Club è il Consiglio Direttivo.. ( i membri del Consiglio sono Board Directors = Consiglieri o Direttori) 2. L autorità del Consiglio si estende a tutti i dirigenti e alle Commissioni.. 4. I dirigenti ( officers ) del club sono: il Presidente, il Presidente entrante membri di diritto del Consiglio Il Past-Presidente il/i Vice-Presidente/i il Segretario il Tesoriere membri o no del Consiglio Direttivo (da Regolamento) (SRCC 10, 4 ) il Prefetto (COL 2013 :Segretario e Tesoriere sono membri del Consiglio) i Presidenti e Membri delle Commissioni sono inclusi nel Piano Direttivo del Club

9 Il Presidente del Rotary Club : Rappresenta il Club Presiede il Consiglio Direttivo ( del quale è membro) E membro ex officio di tutte le Commissioni Il Presidente Eletto del Rotary Club: prima di entrare in carica Partecipa a : *Seminario d Istruzione dei Presidenti Eletti (SIPE) *Assemblea Distrettuale (ASDI) Istituisce : le Commissioni del Club per l annata entrante ( ne specifica il mandato, gli obbiettivi, l azione) e le notifica al Consiglio Direttivo in carica

10 Nel Distretto Leadership e Squadra Distrettuale Dirigenti ( Officers ) del Rotary International: Governatore (DG) officer del R.I. in carica Past-Governatori (PDG) Governatore Eletto (DGE) Governatore Designato (DGN) Dirigenti di Nomina Distrettuale ( del Governatore) Assistenti del Governatore Commissioni Distrettuali Segretario Distrettuale Tesoriere Distrettuale Delegati Distrettuali a funzioni speciali ( ad es. Prefetto, etc. )

11 Il Distretto L organizzazione e le attività del Distretto hanno la sola funzione di aiutare i Club a tradurre in pratica lo Scopo del Rotary: diffondere il valore del servire, motore e propulsore ideale di ogni attività..e. 1.Promuovere e sviluppare relazioni amichevoli fra i propri soci per renderli meglio atti a servire l interesse generale; 2. Informare ai principi della più alta rettitudine l attività professionale.. esercitata nella maniera più nobile, quale mezzo per servire la collettività; 3. Orientare l attività privata, professionale e pubblica di ogni socio del Club secondo l ideale del servire; 4. Propagare la comprensione reciproca, la cooperazione e la pace

12 Club Efficiente Conserva/ Accresce L Effettivo Attua Progetti di Servizio Efficaci Sostiene la Fondazione Rotary Forma Dirigenti di Club e..oltre 5 VIE D AZIONE Piano Direttivo di Club

13 L obbiettivo di realizzare un Club efficiente comporta la predisposizione del Piano Direttivo del Club e di un Piano formativo che comprende: 1.la partecipazione dei Dirigenti e Soci agli eventi distrettuali 2.L orientamento regolare e continuo dei nuovi Soci 3.La programmazione di occasioni formative per tutti i Soci

14 Nel Distretto (già adottato) Emilia Romagna e Repubblica di San Marino CICLO DI FORMAZIONE -SGSRF ( Gestione Sovvenzioni R.F.) -SISD SIAG (Ass.Gov.-Squadra Dist.) - SIPE (+ SISE) ( Presidenti Eletti+Segretari Eletti) - ASDI (Assemblea Distrettuale Annuale) - SINS ( Nuovi Soci) - IDIR+SEFR (Istituto d Informazione Rotariana+ Seminario Fondazione Rotary) - SEFF (+ SDIC?)(Effettivo- Istruttori di Club) Nel Club (suggerito/proposto) Sessioni periodiche (bi-trimestrali?) inserite nel calendario delle riunioni (Comm. Programmi+ approv. C.D.) Temi approvati dal C.D. e dai Soci (trattati negli eventi distrettuali e altri di specifico interesse del Club) Formato favorevole alla partecipazione: Breve esposizione + question time, a cura dell Istruttore del Club, o di Soci con incarichi distrettuali, o di Esperto distrettuale (Istruttore o Presidente/membro di Comm. Distr.). Tavola rotonda/dibattito tra i Soci

15 Formazione = Imparare da Soci di un Rotary Club diventare rotariani, dirigenti di Club, di Distretto, e oltre Imparare per Conoscere Imparare per Fare Imparare per Essere

16 Formazione = Imparare Circulus et Calamus. Si impara frequentando LearningnBy Doing Si Impara facendo Didaskomenos Gherasko Si impara con il tempo

17 Commissione Distrettuale per la Formazione Il Governatore, su raccomandazione del Governatore Eletto, nomina un responsabile distrettuale della formazione ( District Trainer/Istruttore Distrettuale) con un mandato annuale. L Istruttore Distrettuale serve come Presidente della Commissione per la Formazione, il cui scopo è assistere il Governatore in carica e il Governatore Eletto nella formazione dei dirigenti distrettuali e di Club. (RCP ) Componenti : Di Curzio Elio Franco, R.C. Bologna Galvani Sacchetti Lauro, R.C. Reggio Emilia Mario Musso, R.C. Bologna Perfetti GianPaolo, R.C. Imola, Presidente-Istruttore Distrettuale: Pietro Pasini, PDG, R.C. Riccione-Cattolica

18 da Istruttore Distrettuale e Commissione Distrettuale Formazione supporto al Club per : 1. Formazione dell Istruttore di Club 2. Informazione per i nuovi rotariani 3. Aggiornamento per i rotariani più anziani 4. Formazione permanente per tutti i rotariani

19 Emilia Romagna e Repubblica di San Marino Nei mesi che precedono il 1 Luglio, data d inizio dell anno rotariano, si svolgono eventi preparatori fondamentali e obbligatori per la leadership rotariana del Distretto e dei Club : 1.Assemblea Internazionale ( c.d. Scuola dei Governatori ) 2. Seminario Distrettuale dei Presidenti Eletti (SIPE) 3. Assemblea Distrettuale (Leadership entrante del Club) ( dopo COL 2013 :Assemblea Distrettuale di Formazione )

20 Emilia Romagna e Repubblica di San Marino ANNUALE Scopo : (RRI ) preparare i dirigenti entranti di Club agli incarichi che li attendono. consentire al Governatore Eletto, agli Assistenti, alle Commissioni Distrettuali, di incontrare la nuova compagine direttiva dei Club per : fornire motivazioni all azione dei Club costruire relazioni operative tra I Club ed il Distretto (RCP23.020) Partecipazione : ( Code of Policies, ) la leadership entrante del Club ( i Presidenti Eletti e i Soci chiamati a svolgere incarichi di rilievo nel Club : Consiglieri, Istruttore del Club, Presidenti e membri di Commissione, Prefetto, delegati delpresidente )

21 All Assemblea Distrettuale District Assembly Leaders The governor-elect is responsible for the overall program of the district assembly. The district trainer is responsible for planning and conducting the assembly. The district chairs related to the functional areas are responsible for leading the related breakout sessions. For the presidents-elect sessions, past governors and assistant governors should be used as appropriate.

22 L Assemblea è diretta essenzialmente alle componenti del Club interessate a : Amministrazione del Club Pubbliche Relazioni del Club Effettivo Progetti di Servizio Fondazione Rotary Segretario Tesoriere Presidente Eletto ( Code of Policies )

23 Commissioni del Club ( standard ) 1. Amministrazione del Club 2. Effettivo Formazione I Presidenti delle Commissioni di Club devono partecipare all Assemblea Distrettuale prima di assumere l incarico. 3. Pubbliche Relazioni 4. Progetti d azione 5. Fondazione Rotary Collaborazione con la Squadra Distrettuale L Istruttore Distrettuale Le Commissioni Distrettuali Gli Assistenti del Governatore sono a disposizione delle Commissioni di Club per ogni esigenza formativa (anche nel Club dietro invito)

24 Commissioni Distrettuali ( standard ) Congresso Distrettuale Programmi del Rotary nel Distretto ( e Nuove Generazioni) * Espansione Finanze Sviluppo dell Effettivo * Commissione di Nomina del Governatore Pubbliche Relazioni ( e Comunicazione) * Promozione del Congresso Internazionale Fondazione Rotary * Formazione *

25 Cultura Emilia Romagna e Repubblica di San Marino Altre Commissioni Distrettuali Relazioni Internazionali Ambiente Alfabetizzazione Sanità e Fame Etica

26 Commissione del Club per l Amministrazione Sotto-Commissioni Programmi del Club Settimanali e Speciali Bollettino/Notizi ario e sito WEB del Club Assiduità Affiatamento

27 Sotto-Commissione Programmi Settimanali Opportuna la programmazione ragionata e tempestiva di ( ad es.) : 1.Assemblee del Club ( da quattro a sei nell annata,specialmente per la Visita Ufficiale del governatore ed in occasione delle Elezioni nel Club) 2.Partecipazioni del Club agli eventi distrettuali, Inter-Club,Club-Contatto,etc 3.Relazioni al Club di Soci o di dirigenti distrettuali su argomenti rotariani (incluse le relazioni dovute sui temi trattati all Assemblea ed al Congresso) 4. Relazioni al Club di relatori non rotariani e rotariani, Soci o no del Club 5. Riunioni Speciali ( Presentazione di Nuovi Soci, riconoscimenti, altre occasioni di socializzazione, affiatamento, pubbliche relazioni, etc.) del Club

28 take home 1.La presenza al SIPE del Presidente Eletto è obbligatoria, pena l esclusione dall incarico, così come la sua partecipazione all Assemblea Distrettuale. 2. La Commissione Programmi Settimanali tenga conto, nella programmazione degli incontri nel Club, del Calendario degli Eventi Distrettuali. 3. Sia programmata la relazione al Club dei Soci partecipanti agli eventi distrettuali 4. Siano programmati nel Club regolari incontri dedicati all informazione ed alla conoscenza del Rotary (Club, Distretto,R.I., R.F.,Polio, statuti,regolamenti,etc.) 5. Si programmi il regolare ricorso alle risorse di supporto formativo disponibili sia nel Club ( ad es. Istruttore del Club, Soci con incarichi distrettuali, etc.) che nel Distretto ( ad es. PDG, Commissioni Distrettuali, Assistenti,sito WEB, etc. )

29 Il Distretto, ora Associazione dei Rotary Club del Distretto 2072, così come il Rotary International, è istituito ed opera per fornire ai Club assistenza e sostegno nel perseguimento dello Scopo del Rotary Gli eventi distrettuali e l organizzazione distrettuale sono istituiti per rafforzare l interazione e la collaborazione tra leadership distrettuale e leadership del Club Implementazione di un Piano Formativo di Club (attuato con la cooperazione tra Commissioni di Club e di Distretto) Triangolazione Club-Assistenti-Commissioni

30 Tutti i Rotariani ad ogni livello di responsabilità ed in particolare i Presidenti ed i Dirigenti dei Rotary Club sono chiamati a svolgere il proprio speciale servizio secondo le tre E : Efficacia : servire come il Rotary richiede Efficienza: servire al meglio delle proprie capacità Entusiasmo: servire attivamente, non a rimorchio A cura della Commissione distrettuale Formazione

31 con le 3 H dei grandi progetti filantropici: HEALTH = SALUTE HUNGER = FAME HUMANITY = UMANITA e con le 3H di tutte le azioni rotariane : HEAD = TESTA HEART = CUORE HAND = MANI A cura della Commissione distrettuale Formazione

32

33

34

35 A cura della Commissione distrettuale Formazione

36 Ogni rotariano, a qualsiasi livello di attività e responsabilità, rappresenta tutto il Rotary : I nostri Club Il nostro Distretto Il nostro Rotary Internazionale e la sua Fondazione Service above Self Engage Rotary Change Lives Buon Lavoro e Buona Annata a tutti i rotariani A cura della Commissione distrettuale Formazione

Piano Strategico 2012-13, 2013-14, 2014-15

Piano Strategico 2012-13, 2013-14, 2014-15 Piano Strategico 2012-13, 2013-14, 2014-15 (reso noto dal DG Lo Cicero nella seduta amministrativa della XXXV Assemblea Distrettuale, tenutasi a Favignana il 25 maggio 2012) Il Distretto è un territorio

Dettagli

PROCEDURE VISIONE FUTURA

PROCEDURE VISIONE FUTURA Rotary Distretto 2060 COMMISSIONE DISTRETTUALE FONDAZIONE ROTARY PROCEDURE VISIONE FUTURA Anno Rotariano 2014-2015 Preparato da: Approvato da: Commissione Distrettuale Ezio Lanteri DG 2014-15 Rotary Foundation

Dettagli

DIREZIONE. DEL DISTRETTO Manuale delle commissioni distrettuali

DIREZIONE. DEL DISTRETTO Manuale delle commissioni distrettuali DIREZIONE DEL DISTRETTO Manuale delle commissioni distrettuali 2014/2015 INDICE Introduzione Panoramica La squadra... 1 Formazione... 2 Come usare il presente manuale... 2 Le commissioni distrettuali

Dettagli

Statuto tipo del Club Rotaract

Statuto tipo del Club Rotaract Statuto tipo del Club Rotaract Obiettivi Sponsorizzazíone di un Rotary Club Qualificazione Effettivo ART. 1 Costituzione e denominazione È costituita l associazione Rotaract Club di [inserire il nome].

Dettagli

Regolamento del Rotary Club di Chivasso

Regolamento del Rotary Club di Chivasso Regolamento del Rotary Club di Chivasso Art. 1 Consiglio direttivo L organo amministrativo di questo club è il Consiglio Direttivo, composto da soci del club, e cioè consiglieri eletti ai sensi dell art.

Dettagli

DISTRETTO 2120 ROTARY CLUB LECCE SUD

DISTRETTO 2120 ROTARY CLUB LECCE SUD DISTRETTO 2120 ROTARY CLUB LECCE SUD REGOLAMENTO DEL ROTARY CLUB LECCE SUD tratto dal Manuale di Procedura 2007 ed approvato dall assemblea dei soci il 19 novembre 2009 Articolo 1 - Definizioni 1. Consiglio:

Dettagli

Compiti e obiettivi per Segretari efficienti Paolo Malpezzi, Segretario 2013-14 Distretto 2072

Compiti e obiettivi per Segretari efficienti Paolo Malpezzi, Segretario 2013-14 Distretto 2072 Compiti e obiettivi per Segretari efficienti Paolo Malpezzi, Segretario 2013-14 Distretto 2072 IL MODO IN CUI UNA SQUADRA GIOCA NEL SUO COMPLESSO, DETERMINA IL SUO SUCCESSO: POTREBBE ESSERE LA PIU GRANDE

Dettagli

Calendario delle principali manifestazioni rotariane

Calendario delle principali manifestazioni rotariane Calendario delle principali manifestazioni rotariane SEMINARIO VISIONE FUTURA 17 novembre 2012 - Federico II Palace Hotel - Pergusa (EN) PRE SIPE 15 dicembre 2012 - Federico II Palace Hotel - Pergusa (EN)

Dettagli

Se siete interessati a costituire un associazione per il vostro distretto, contattate il vostro rappresentante di supporto per club e distretti.

Se siete interessati a costituire un associazione per il vostro distretto, contattate il vostro rappresentante di supporto per club e distretti. omississ Costituzione del distretto in associazione Quando un gruppo o un organizzazione si costituiscono formano un associazione. Il bene cio primario della costituzione in associazione è la protezione

Dettagli

Statuto del Rotary Club di Viareggio Versilia

Statuto del Rotary Club di Viareggio Versilia * Statuto del Rotary Club di Viareggio Versilia Art. 1 Definizioni I termini indicati nel presente articolo hanno, nel presente statuto, il significato indicato a lato, a meno che il contesto non indichi

Dettagli

GUIDA ALLA PIANIFICAZIONE DI CLUB EFFICIENTI

GUIDA ALLA PIANIFICAZIONE DI CLUB EFFICIENTI GUIDA ALLA PIANIFICAZIONE DI CLUB EFFICIENTI La Guida alla pianificazione di club efficienti è uno strumento per aiutare i club a valutare la propria attuale situazione e determinare gli obiettivi per

Dettagli

STATUTO TIPO DEL ROTARY CLUB

STATUTO TIPO DEL ROTARY CLUB STATUTO TIPO DEL ROTARY CLUB Art. Titolo Pagina 1 Definizioni... 199 2 Nome... 199 3 Limiti territoriali... 199 4 Scopo dell Associazione... 200 5 Cinque vie d azione... 200 6 Riunioni... 201 7 Compagine

Dettagli

UNA FONDAZIONE PER IL FUTURO

UNA FONDAZIONE PER IL FUTURO The Rotary Foundation s Future Vision Plan UNA FONDAZIONE PER IL FUTURO Pre Vision SEGS 27 Novembre 2010 Arrigo Rispoli Presidente Commissione Distrettuale La Visione Futura è Un piano strategico per la

Dettagli

Introduzione all Azione professionale

Introduzione all Azione professionale Introduzione all Azione professionale Scopo del Rotary Lo scopo del Rotary è diffondere il valore del servire, motore e propulsore ideale di ogni attività. In particolare, esso si propone di: 1. Promuovere

Dettagli

Regolamento del Rotary club Palermo Sud. Service Above Self He Profits Most Who Serves Best

Regolamento del Rotary club Palermo Sud. Service Above Self He Profits Most Who Serves Best Regolamento del Rotary club Palermo Sud Service Above Self He Profits Most Who Serves Best Regolamento revisionato 12-2011 INDICE Articolo 1 SCOPO... 3 Articolo 2 Campo di applicazione... 3 Articolo 3

Dettagli

Glossario dei termini e delle espressioni in uso nel Rotary

Glossario dei termini e delle espressioni in uso nel Rotary Glossario dei termini e delle espressioni in uso nel Rotary Amministratori della Fondazione Rotary (Trustees of The Rotary Foundation) Membri del Consiglio di amministrazione della Fondazione Rotary, nominati

Dettagli

Last SIPE - 2014-15. Michele CAPECCHI. Presidente Sotto Commissione Scambio Giovani A.R. 2014-15

Last SIPE - 2014-15. Michele CAPECCHI. Presidente Sotto Commissione Scambio Giovani A.R. 2014-15 Last SIPE - 2014-15 Michele CAPECCHI Presidente Sotto Commissione Scambio Giovani A.R. 2014-15 LAST SIPE Seminario di Istruzione Presidenti Eletti 14 giugno 2014 Firenze - Hotel Ricasoli 21 giugno 2014

Dettagli

Fondamenti del Rotary

Fondamenti del Rotary Fondamenti del Rotary www.rotary.org/it/rotarybasics Come farsi coinvolgere nel Rotary Benvenuto al Rotary! Adesso fai parte di una rete globale di imprenditori, professionisti e volontari della comunità.

Dettagli

Guida per consiglieri didattici di club Interact

Guida per consiglieri didattici di club Interact Guida per consiglieri didattici di club Interact I consiglieri rotariani e quelli didattici svolgono un ruolo fondamentale di sostegno al programma Interact. Nel caso di un club a base scolastica, il consigliere

Dettagli

CAPITOLO XIII RELAZIONI INTERNAZIONALI A. RELAZIONI DI LIONS CLUBS INTERNATIONAL CON LE NAZIONI UNITE (ECOSOC)

CAPITOLO XIII RELAZIONI INTERNAZIONALI A. RELAZIONI DI LIONS CLUBS INTERNATIONAL CON LE NAZIONI UNITE (ECOSOC) CAPITOLO XIII RELAZIONI INTERNAZIONALI A. RELAZIONI DI LIONS CLUBS INTERNATIONAL CON LE NAZIONI UNITE (ECOSOC) L'Articolo 71 della Carta Costitutiva (Charter) delle Nazioni Unite recita: "The Economic

Dettagli

Il vostro Consiglio dei Governatori

Il vostro Consiglio dei Governatori Il vostro Consiglio dei Governatori Il Consiglio dei governatori è l'organo preposto alla guida del distretto e, come di seguito indicato, fornisce supporto di carattere amministrativo al multidistretto,

Dettagli

IDIRact 2013. 25 maggio - Siena. Sessione Tesorieri

IDIRact 2013. 25 maggio - Siena. Sessione Tesorieri Sessione Tesorieri Cecilia Alessandri Rotaract Guastalla Niccolò Fiorini Rotaract Siena Federico Grossi Rotaract Firenze Centenario Frediano Moretti Rotary Marina di Massa Riviera Apuana del Centenario

Dettagli

Ubi Rotary Ibi Ethica

Ubi Rotary Ibi Ethica Ubi Rotary Ibi Ethica BILANCIO PREVENTIVO 2013-2014 ROTARY INTERNATIONAL Distretto 2100 BILANCIO PREVENTIVO A.R. 2013-2014 Nicola Gulfo Tesoriere Maria Rita Acciardi Governatore Preventivo spese 2013/2014

Dettagli

SEFF SEMINARIO SULL EFFETTIVO

SEFF SEMINARIO SULL EFFETTIVO SEFF SEMINARIO SULL EFFETTIVO Facoltà d Ingegneria Università di Modena e Reggio Emilia Modena Sabato 16 novembre 2013 Governatore 2013-2014: Giuseppe Castagnoli COMMISSIONE ALFABETIZZAZIONE Presidente

Dettagli

Consulente di procedure rotariane ing. Giovanni Maino

Consulente di procedure rotariane ing. Giovanni Maino Il presente documento è il risultato dei lavori di una commissione costituita da una componente che ha dato l impostazione di indirizzo e di sistema e da una componente tecnica che ne ha verificato la

Dettagli

Sessione Tesorieri. Tesoriere distrettuale Niccolò Fiorini. ! Tesoriere distrettuale incoming Luca Sbranti

Sessione Tesorieri. Tesoriere distrettuale Niccolò Fiorini. ! Tesoriere distrettuale incoming Luca Sbranti Tesoriere distrettuale Niccolò Fiorini Tesoriere distrettuale incoming Luca Sbranti Rappresentante Rotary 2071 Frediano Moretti Gli Organi Distrettuali (OO.DD.) normali sono: a) Il Presidente della Sottocommissione

Dettagli

Manuale di procedura 2010. Ad uso dei dirigenti rotariani

Manuale di procedura 2010. Ad uso dei dirigenti rotariani Manuale di procedura 2010 Ad uso dei dirigenti rotariani Manuale di procedura 2010 Ad uso dei dirigenti rotariani INCLUDE: Documenti costituzionali del Rotary International Statuto del Rotary International

Dettagli

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE DISTRETTO 2031 DEL ROTARY INTERNATIONAL

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE DISTRETTO 2031 DEL ROTARY INTERNATIONAL STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE DISTRETTO 2031 DEL ROTARY INTERNATIONAL Denominazione sede territorio Articolo 1 1) E costituita l Associazione denominata Associazione Distretto 2031 del Rotary International,

Dettagli

Associazione Distretto 2110 Sicilia e Malta del Rotary International Regolamento distrettuale

Associazione Distretto 2110 Sicilia e Malta del Rotary International Regolamento distrettuale Associazione Distretto 2110 Sicilia e Malta del Rotary International Regolamento distrettuale Bozza regolamento distrettuale (Contenuto riservato) Il Governatore nella Sua qualità di Presidente dell' "Associazione

Dettagli

Manuale per IL PRESIDENTE DI CIRCOSCRIZIONE

Manuale per IL PRESIDENTE DI CIRCOSCRIZIONE GOVERNATORE DISTRETTO 108L MARIO PAOLINI 2012-2013 Manuale per IL PRESIDENTE DI CIRCOSCRIZIONE A cura del PDG Alberto Maria Tarantino INDICE Pag. 3 Pag. 6 Pag. 7 Pag. 8 - Il Presidente di Circoscrizione

Dettagli

COMITATO PARITETICO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI FORLI CESENA STATUTO - REGOLAMENTO

COMITATO PARITETICO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI FORLI CESENA STATUTO - REGOLAMENTO COMITATO PARITETICO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI FORLI CESENA ART. 1 Istituzione STATUTO - REGOLAMENTO E istituito ai sensi dell art. 23 della L.R. 21 Febbraio 2005, n.12 il Comitato Paritetico

Dettagli

SCAMBI ANNUALI (16/18 DI ETÀ) SCAMBI BREVI (15/19 DI ETÀ) CAMPS (15/25 ANNI DI ETÀ) SCAMBI DELLE NUOVE GENERAZIONI (18-25 ANNI DI ETÀ)

SCAMBI ANNUALI (16/18 DI ETÀ) SCAMBI BREVI (15/19 DI ETÀ) CAMPS (15/25 ANNI DI ETÀ) SCAMBI DELLE NUOVE GENERAZIONI (18-25 ANNI DI ETÀ) RYLA (Youth Leadership Awards) Si tratta di una progetto istituzionale di formazione. I programmi RYLA si compongono principalmente di presentazioni, attività e seminari che possono essere integrati con

Dettagli

DISTRETTO 2071 /2015 2014/201

DISTRETTO 2071 /2015 2014/201 DISTRETTO 2071 2014/201 COMMISSIONE DISTRETTUALE PER LA PROMOZIONE DELLA 106 ROTARY CONVENTION DI SAN PAOLO 2015 CONGRESSO 2015 SAN PAOLO, BRASILE SAB. 6 GIUGNO - MAR. 9 GIUGNO Carissimi Amici, il Governatore

Dettagli

Guida della Commissione distrettuale finanze

Guida della Commissione distrettuale finanze Guida della Commissione distrettuale finanze Rotary International Poiché il Rotary International opera con club e distretti in oltre 200 Paesi e aree geografiche, questa risorsa è stata sviluppata come

Dettagli

Rotary Youth Exchange

Rotary Youth Exchange Distretto 2050 Rotary Youth Exchange Ottobre 2013 Le Vie di Azione Le vie d azione rappresentano per i rotariani le aree principali dell attività dell associazione: Azione Interna Azione Professionale

Dettagli

Manuale del presidente di club

Manuale del presidente di club Manuale del presidente di club Parte della Cartella per dirigenti di club 222-IT (312) FATTURA DI CLUB: NUOVA PROCEDURA Che cosa è cambiato A decorrere da gennaio 2015, la fattura di club sarà contenuta

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LA PROMOZIONE DELLA SCIENZA APERTA ORGANIZZAZIONE NON LUCRATIVA DI UTILITÀ SOCIALE. Articolo 1. (Istituzione e sede)

ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LA PROMOZIONE DELLA SCIENZA APERTA ORGANIZZAZIONE NON LUCRATIVA DI UTILITÀ SOCIALE. Articolo 1. (Istituzione e sede) 1 / 5 Statuto Author : Roberto Caso Date : 20 marzo 2015 ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LA PROMOZIONE DELLA SCIENZA APERTA ORGANIZZAZIONE NON LUCRATIVA DI UTILITÀ SOCIALE Articolo 1 (Istituzione e sede) 1.

Dettagli

Prontuario illustrativo

Prontuario illustrativo Prontuario illustrativo Introduzione Ai Presidenti ed ai Delegati Giovani dei Il documento che Vi evidenziamo, qui di seguito, e stato ideato e messo a punto per agevolarvi e stimolarvi nel tradizionale

Dettagli

Introduzione all Azione professionale

Introduzione all Azione professionale Introduzione all Azione professionale Introduzione all Azione professionale L affiliazione al Rotary si basa sulle capacità professionali dei suoi soci, ed ogni club si sforza di creare un microcosmo del

Dettagli

Conosciamo meglio il mondo dei nostri giovani

Conosciamo meglio il mondo dei nostri giovani Conosciamo meglio il mondo dei nostri giovani Viaggio nel Rotaract e Interact per scoprire meglio il loro apporto Pag. 1 Pag. 2 Pag. 3 Pag. 4 Pag. 5 Pag. 6 Pag. 7 Pag. 8 Pag. 9 Pag. 10 Pag. 11 Pag. 12

Dettagli

Seminario sull Effettivo

Seminario sull Effettivo Rotary International Distretto 2071 R.I. Seminario sull Effettivo Arrigo RISPOLI Governatore Eletto 2014/2015 IL CLUB SERVICE NEL XXI SECOLO Effettivo motivato e coinvolto P.D.G. Mario Giannola (D. 2090

Dettagli

MANUALE DI PROCEDURA Guida di riferimento ad uso dei dirigenti del Rotary

MANUALE DI PROCEDURA Guida di riferimento ad uso dei dirigenti del Rotary 2013 MANUALE DI PROCEDURA Guida di riferimento ad uso dei dirigenti del Rotary MANUALE DI PROCEDURA Guida di riferimento ad uso dei dirigenti del Rotary INCLUDE: Documenti costituzionali del Rotary International

Dettagli

I rapporti fra i Segretari di Club ed il sito web distrettuale L Area riservata del Club nel sito Distrettuale

I rapporti fra i Segretari di Club ed il sito web distrettuale L Area riservata del Club nel sito Distrettuale I rapporti fra i Segretari di Club ed il sito web distrettuale L Area riservata del Club nel sito Distrettuale Tutti voi conoscete il sito Distrettuale. Oggi esaminiamolo in maniera organica per capire

Dettagli

PIANO STRATEGICO TRIENNALE 2012 2015 FINALITA

PIANO STRATEGICO TRIENNALE 2012 2015 FINALITA ROTARY INTERNATIONAL DISTRETTO 2100 CLUB DI LOCRI 1961 PIANO STRATEGICO TRIENNALE 2012 2015 FINALITA Lo scopo di questo Piano Strategico consiste nel fornire una guida e linee di indirizzo per il Presidente

Dettagli

Regolamento della Consulta delle Associazioni del Comune di Villa d Almè. Adozione testo definitivo del 02/05/2014

Regolamento della Consulta delle Associazioni del Comune di Villa d Almè. Adozione testo definitivo del 02/05/2014 Regolamento della Consulta delle Associazioni del Comune di Villa d Almè Adozione testo definitivo del 02/05/2014 Art.1 RIFERIMENTI ALLO STATUTO COMUNALE 1 Il presente Regolamento si ispira al Titolo III

Dettagli

Distretto 2110 Club Palermo Ovest anno rotariano 2013-2014 Presidente: Maria C. Pandolfo

Distretto 2110 Club Palermo Ovest anno rotariano 2013-2014 Presidente: Maria C. Pandolfo Distretto 2110 Club Palermo Ovest anno rotariano 2013-2014 Presidente: Maria C. Pandolfo Palermo, 30 aprile 2014 Circolare n. 10 Ai sigg.ri Soci del Rotary Club Palermo Ovest Al sig. Governatore del Distretto

Dettagli

STATUTO. Associazione ANCeSCAO Lazio Coordinamento Regionale del Lazio dell Associazione nazionale centri Sociali, Comitati Anziani e Orti

STATUTO. Associazione ANCeSCAO Lazio Coordinamento Regionale del Lazio dell Associazione nazionale centri Sociali, Comitati Anziani e Orti STATUTO Associazione ANCeSCAO Lazio Coordinamento Regionale del Lazio dell Associazione nazionale centri Sociali, Comitati Anziani e Orti Articolo1 COSTITUZIONE E costituita l Associazione ANCeSCAO Lazio,

Dettagli

Associazione Distretto 2110 - Sicilia e Malta del Rotary International Regolamento Distrettuale

Associazione Distretto 2110 - Sicilia e Malta del Rotary International Regolamento Distrettuale Associazione Distretto 2110 - Sicilia e Malta del Rotary International Regolamento Distrettuale Bozza regolamento distrettuale (Contenuto riservato) Il Governatore nella Sua qualità di Presidente dell'

Dettagli

REGOLAMENTO DEL ROTARY CLUB SALERNO PICENTIA DISTRETTO 2100

REGOLAMENTO DEL ROTARY CLUB SALERNO PICENTIA DISTRETTO 2100 REGOLAMENTO DEL ROTARY CLUB SALERNO PICENTIA DISTRETTO 2100 REGOLAMENTO DEL ROTARY CLUB SALERNO PICENTIA DISTRETTO 2100 PARTE I Il presente Regolamento è stato redatto in conformità allo Statuto del Rotary

Dettagli

REGOLAMENTO. Il funzionamento e la gestione del Club si svolgono in conformità a quanto

REGOLAMENTO. Il funzionamento e la gestione del Club si svolgono in conformità a quanto ROTARY CLUB MONZA REGOLAMENTO Articolo I Organi del Rotary Club Monza Il funzionamento e la gestione del Club si svolgono in conformità a quanto disposto da questo Regolamento. Sono organi del Rotary Club

Dettagli

Regolamento gruppo giovani

Regolamento gruppo giovani Regolamento gruppo giovani Art.1 Costituzione E costituito presso l Associazione Costruttori Salernitani, con sede presso la stessa, il Gruppo Giovani Imprenditori Edili della Provincia di Salerno. Art.2

Dettagli

Supplemento Borse di studio con Sovvenzioni globali

Supplemento Borse di studio con Sovvenzioni globali Supplemento Borse di studio con Sovvenzioni globali La Fondazione Rotary elargisce borse di studio attraverso sovvenzioni globali e sovvenzioni distrettuali. Questo documento si incentra sulle borse di

Dettagli

STATUTO della. Federazione Italiana di Ostetricia e Ginecologia (FIOG)

STATUTO della. Federazione Italiana di Ostetricia e Ginecologia (FIOG) STATUTO della Federazione Italiana di Ostetricia e Ginecologia (FIOG) Articolo 1 Denominazione e soggetti associati La "Federazione Italiana di Ostetricia e Ginecologia" in breve FIOG (d'ora in avanti

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA COMUNALE PERMANENTE DELLE ASSOCIAZIONI E DEI CITTADINI PER LA PACE

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA COMUNALE PERMANENTE DELLE ASSOCIAZIONI E DEI CITTADINI PER LA PACE Comune di Casalecchio di Reno Provincia di Bologna REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA COMUNALE PERMANENTE DELLE ASSOCIAZIONI E DEI CITTADINI PER LA PACE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 2005

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO REGOLAMENTO DEI CONSIGLI DI DISCIPLINA

CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO REGOLAMENTO DEI CONSIGLI DI DISCIPLINA CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO REGOLAMENTO DEI CONSIGLI DI DISCIPLINA Approvato dal Consiglio Nazionale nella seduta del 25 settembre 2014, a seguito del parere favorevole alla definitiva

Dettagli

Seminario Istruzione Segretari Eletti 2015-2016

Seminario Istruzione Segretari Eletti 2015-2016 Seminario Istruzione Segretari Eletti 20-2016 Massimiliano Tacchi Segretario Alessandro Stefanelli Co-Segretario Montecatini Terme, 28 marzo 20 Compiti della Segreteria Distrettuale Compiti della Segreteria

Dettagli

Periodico d informazione del Club ANNO 2015/2016-14 aprile

Periodico d informazione del Club ANNO 2015/2016-14 aprile Periodico d informazione del Club ANNO 2015/2016-14 aprile 100 Percent Paul Harris Fellow Club www.rotaryclubdalminecentenario.org Il mentalismo e la prestidigitazione Nella serata del 14 aprile Gian Battista

Dettagli

ROTARY INTERNATIONAL ORGANIGRAMMA

ROTARY INTERNATIONAL ORGANIGRAMMA ROTARY INTERNATIONAL ORGANIGRAMMA DISTRETTO 2070 - ITALIA LE RAGIONI DELL ORGANIGRAMMA DISTRETTUALE Questo Organigramma Distrettuale, per l'anno rotariano 2001-2002, vuole essere, almeno negli intendimenti

Dettagli

Manuale Rotaract. Rotaract handbook. manuale Rotaract

Manuale Rotaract. Rotaract handbook. manuale Rotaract Manuale Rotaract Rotaract handbook i i manuale Rotaract Rotary Rotary International è una comunità globale di professionisti impegnati che collaborano per servire il prossimo e promuovere la pace. Oltre

Dettagli

PQ 07. Procedura PQ 07 COMUNICAZIONE. 1. Scopo. 2. Riferimenti. 3. Definizioni. 4. Linee guida. 5. Matrice attività / responsabilità

PQ 07. Procedura PQ 07 COMUNICAZIONE. 1. Scopo. 2. Riferimenti. 3. Definizioni. 4. Linee guida. 5. Matrice attività / responsabilità COMUNICAZIONE 1. Scopo 2. Riferimenti 3. Definizioni 4. Linee guida 5. Matrice attività / responsabilità All. 1 Rubrica telefonica All. 2 Indice bollettino pq 07 [16/01/2013] [1] COMUNICAZIONE 1. SCOPO

Dettagli

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE Simple Function Point Association

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE Simple Function Point Association STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE Simple Function Point Association Art. 1 Denominazione E costituita l Associazione denominata Simple Function Point Association, che potrà anche essere individuata con la denominazione

Dettagli

Città di Monte Porzio Catone. Regolamento CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI

Città di Monte Porzio Catone. Regolamento CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI Città di Monte Porzio Catone Regolamento CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI maggio 2005 ARTICOLO 1 - COSTITUZIONE E SEDE CAPO I 1) La consulta delle Associazioni di Monte Porzio Catone è un organismo democratico

Dettagli

Roma, 04 febbraio 2015 LETTERA DEL GOVERNATORE ROSARIO CARLO NOTO LA DIEGA MESE DI FEBBRAIO. Cari Presidenti, cari Segretari, cari Soci,

Roma, 04 febbraio 2015 LETTERA DEL GOVERNATORE ROSARIO CARLO NOTO LA DIEGA MESE DI FEBBRAIO. Cari Presidenti, cari Segretari, cari Soci, R. CARLO NOTO LA DIEGA Governatore 2014-2015 Roma, 04 febbraio 2015 LETTERA DEL GOVERNATORE ROSARIO CARLO NOTO LA DIEGA MESE DI FEBBRAIO Cari Presidenti, cari Segretari, cari Soci, Distretto 2080 R.I.

Dettagli

ROTARY CLUB TRIESTE NORD REGOLAMENTO (*)

ROTARY CLUB TRIESTE NORD REGOLAMENTO (*) ROTARY CLUB TRIESTE NORD REGOLAMENTO (*) SOMMARIO Art. 1 - Organi del Club Art. 2 - Assemblea dei soci Art. 3 - Consiglio Direttivo Art. 4 - Elezione del Presidente e dei componenti del Consiglio Direttivo

Dettagli

Il Rotary International (RI) è un associazione internazionale di servizio umanitario, formata da uomini e donne, occupanti funzioni di leader nei

Il Rotary International (RI) è un associazione internazionale di servizio umanitario, formata da uomini e donne, occupanti funzioni di leader nei questo è il rotary servire Il Rotary International (RI) è un associazione internazionale di servizio umanitario, formata da uomini e donne, occupanti funzioni di leader nei propri settori di attività economica

Dettagli

Periodico d informazione del Club ANNO 2014/2015 N.47

Periodico d informazione del Club ANNO 2014/2015 N.47 Periodico d informazione del Club ANNO 2014/2015 N.47 100 Percent Paul Harris Fellow Club IL NOSTRO TERRITORIO Arcene Azzano San Paolo Bergamo Boltiere Bonate Sopra Bonate Sotto Brembate Brusaporto Cavernago

Dettagli

[SESSIONE PREFETTI] SABATO 26 APRILE 2014 TURI [BA] PREFETTI DISTRETTUALI A.R. 2014/2015:

[SESSIONE PREFETTI] SABATO 26 APRILE 2014 TURI [BA] PREFETTI DISTRETTUALI A.R. 2014/2015: SABATO 26 APRILE 2014 TURI [BA] [SESSIONE PREFETTI] PREFETTI DISTRETTUALI A.R. 2014/2015: CLAUDIA CASARANO [RAC BARI ALTO CASAMASSIMA] EDOARDO GIACOVAZZO [RAC TARANTO] PIA FRANCO [RAC BARI] IL RUOLO ISTITUZIONALE

Dettagli

Statuto dell Unione Giovani Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Brindisi

Statuto dell Unione Giovani Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Brindisi dell Unione Giovani Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Brindisi COSTITUZIONE E FINALITA Statuto ARTICOLO 1. Denominazione e scopi 1.1 - Si costituisce fra i Dottori Commercialisti che aderiscono

Dettagli

Statuto dell Associazione Culturale Senza Scopo di Lucro cinaforum

Statuto dell Associazione Culturale Senza Scopo di Lucro cinaforum Statuto dell Associazione Culturale Senza Scopo di Lucro cinaforum Denominazione Oggetto Sede Art. 1 1. E costituita, ai sensi dell art. 36 c.c., l Associazione culturale denominata Cinaforum. La denominazione

Dettagli

REGOLAMENTO. DESIGNAZIONI e NOMINE NEGLI ORGANI della FONDAZIONE

REGOLAMENTO. DESIGNAZIONI e NOMINE NEGLI ORGANI della FONDAZIONE REGOLAMENTO DESIGNAZIONI e NOMINE NEGLI ORGANI della FONDAZIONE Approvato dal Consiglio Generale nella seduta del 7 luglio 2014 e modificato dal Consiglio Generale nelle sedute del 26 gennaio, del 13 luglio

Dettagli

STATUTO SOCIETÀ ITALIANA PER L ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE SIOI PALAZZETTO DI VENEZIA PIAZZA DI SAN MARCO 51 00186 ROMA

STATUTO SOCIETÀ ITALIANA PER L ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE SIOI PALAZZETTO DI VENEZIA PIAZZA DI SAN MARCO 51 00186 ROMA SOCIETÀ ITALIANA PER L ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE STATUTO SIOI PALAZZETTO DI VENEZIA PIAZZA DI SAN MARCO 51 00186 ROMA TEL. 06-6920781 FAX 06-6789102 sioi@sioi.org - WWW.SIOI.ORG STATUTO STATUTO DELLA

Dettagli

STATUTO (in vigore dal 2013)

STATUTO (in vigore dal 2013) STATUTO (in vigore dal 2013) 1 Costituzione Ai sensi del Codice Civile italiano ed in armonia con i disposti delle norme europee è costituita l Unione Europea Assicuratori di seguito detta Unione. L Unione

Dettagli

ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA BOXRALLYCLUB

ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA BOXRALLYCLUB S T A T U T O Articolo 1 - Denominazione e sede E costituita in Azzano San Paolo (Bg), Via I Maggio n.15, l associazione sportiva denominata: ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA BOXRALLYCLUB. Articolo

Dettagli

Calendario delle attività sociali del mese di Ottobre 2015 Mese dello sviluppo economico e comunitario

Calendario delle attività sociali del mese di Ottobre 2015 Mese dello sviluppo economico e comunitario Service Above Self He Profits Most Who Serves Best DISTRETTO 2110 Giuseppina Campisi Giuseppina Campisi Presidente 2015-2016 Ai Sigg. Soci e p.c. Al Sig. Governatore del Distretto 2110 Al Sig.Governatore

Dettagli

Sedi. Europa/Africa Rotary International Witikonerstrasse 15 CH-8032 Zurigo SVIZZERA Tel.: +41 1387 71 11 Fax: +41 1 422 50 41

Sedi. Europa/Africa Rotary International Witikonerstrasse 15 CH-8032 Zurigo SVIZZERA Tel.: +41 1387 71 11 Fax: +41 1 422 50 41 rotary il rotary è Sedi Europa/Africa Rotary International Witikonerstrasse 15 CH-8032 Zurigo SVIZZERA Tel.: +41 1387 71 11 Fax: +41 1 422 50 41 Rotary International One Rotary Center 1560 Sherman Avenue

Dettagli

I.D.I.R. - 2014-15. Michele CAPECCHI. Presidente S.Commissione Distrettuale Scambio Giovani - A.R. 2014-15

I.D.I.R. - 2014-15. Michele CAPECCHI. Presidente S.Commissione Distrettuale Scambio Giovani - A.R. 2014-15 I.D.I.R. - 2014-15 Michele CAPECCHI Presidente S.Commissione Distrettuale Scambio Giovani - A.R. 2014-15 I.D.I.R. Istituto Distrettuale di Informazione Rotariana - 7 febbraio 2015 - Vignale Riotorto (LI)

Dettagli

Kiwanis International Distretto Italia - San Marino

Kiwanis International Distretto Italia - San Marino 1 Kiwanis International Distretto Italia - San Marino Come costruire un ottimo club Carissimo Presidente, questa brochure intende aiutarti a concretizzare un'esperienza significativa e gratificante per

Dettagli

Centro di ricerca su Marketing e Servizi Centre for Research on Marketing & Services

Centro di ricerca su Marketing e Servizi Centre for Research on Marketing & Services Centro permanente di ricerca Permanent research centre Acronimo Denominazione CERMES Centro di ricerca su Marketing e Servizi Centre for Research on Marketing & Services Oggetto di attività Strategic &

Dettagli

LA FONDAZIONE ROTARY ~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~ MEMORANDUM D INTESA PER LA QUALIFICAZIONE DEL DISTRETTO

LA FONDAZIONE ROTARY ~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~ MEMORANDUM D INTESA PER LA QUALIFICAZIONE DEL DISTRETTO LA FONDAZIONE ROTARY ~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~ MEMORANDUM D INTESA PER LA QUALIFICAZIONE DEL DISTRETTO 1. Requisiti per la qualificazione distrettuale 2. Responsabilità dei dirigenti distrettuali 3.

Dettagli

Statuto della associazione senza scopo di lucro Genitori del 2 Circolo

Statuto della associazione senza scopo di lucro Genitori del 2 Circolo Statuto della associazione senza scopo di lucro Genitori del 2 Circolo Articolo 1 - Costituzione E costituita l associazione Genitori del 2 Circo lo. Essa ha struttura democratica ed è indipendente da

Dettagli

COMUNE DI POLISTENA. Provincia di Reggio Calabria REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLA SOLIDARIETA E VOLONTARIATO

COMUNE DI POLISTENA. Provincia di Reggio Calabria REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLA SOLIDARIETA E VOLONTARIATO Provincia di Reggio Calabria REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLA SOLIDARIETA E VOLONTARIATO Approvato con delibera C.C. n. 36 del 29-07-2005 Modifiche: delibera C.C. n. 10 del 09-05-2008 P a g i n a 2 Sommario

Dettagli

COSTITUZIONE DEL CONSORZIO DI GARANZIA FIDI REGGIO EMILIA COFIRE CON SEDE IN REGGIO EMILIA. PATTI CONSORTILI ARTICOLO 1 Denominazione e sede

COSTITUZIONE DEL CONSORZIO DI GARANZIA FIDI REGGIO EMILIA COFIRE CON SEDE IN REGGIO EMILIA. PATTI CONSORTILI ARTICOLO 1 Denominazione e sede COSTITUZIONE DEL CONSORZIO DI GARANZIA FIDI REGGIO EMILIA COFIRE CON SEDE IN REGGIO EMILIA PATTI CONSORTILI ARTICOLO 1 Denominazione e sede E costituito un Consorzio di garanzia collettiva fra le imprese

Dettagli

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE ITALIANA TECNICI DEL LATTE

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE ITALIANA TECNICI DEL LATTE STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE ITALIANA TECNICI DEL LATTE ART. 1 E' costituita, con sede in Parma, l'associazione Italiana dei Tecnici del Latte (A.I.Te.L.). SCOPI DELL'ASSOCIAZIONE ART. 2 L'Associazione, che

Dettagli

Distretto 2032 DG Paolo BIONDI SEMINARIO FORMAZIONE ALESSANDRIA GENOVA 1-8 MARZO 2013

Distretto 2032 DG Paolo BIONDI SEMINARIO FORMAZIONE ALESSANDRIA GENOVA 1-8 MARZO 2013 Distretto 2032 DG Paolo BIONDI SEMINARIO FORMAZIONE ALESSANDRIA GENOVA 1-8 MARZO 2013 Distretto 2032 La Rotary Foundation SCOPI E MODALITA DI FINANZIAMENTO Gustav Loher americano protestante commerciante

Dettagli

The. Rotary. Foundation Distretto 2031 12 ottobre 2015 R.C. TORINO CASTELLO R.C. TORINO LAMARMORA R.C. TORINO SUD EST R.C.

The. Rotary. Foundation Distretto 2031 12 ottobre 2015 R.C. TORINO CASTELLO R.C. TORINO LAMARMORA R.C. TORINO SUD EST R.C. The Rotary Foundation Distretto 2031 12 ottobre 2015 R.C. TORINO CASTELLO R.C. TORINO LAMARMORA R.C. TORINO SUD EST R.C. TORINO SUPERGA Rotary The Rotary Foundation 2031DRFC District Rotary Foundation

Dettagli

STATUTO DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DELLE ISTITUZIONI SUPERIORI DI CONTROLLO DELLE FINANZE PUBBLICHE (INTOSAI)

STATUTO DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DELLE ISTITUZIONI SUPERIORI DI CONTROLLO DELLE FINANZE PUBBLICHE (INTOSAI) * Traduzione a cura dell Ufficio Relazioni Internazionali e Comunitarie maggio 2007 INTOSAI STATUTO DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DELLE ISTITUZIONI SUPERIORI DI CONTROLLO DELLE FINANZE PUBBLICHE (INTOSAI)

Dettagli

Liceo Classico Clemente Rebora

Liceo Classico Clemente Rebora Liceo Classico Clemente Rebora Rotary Rotary Club Bollate Nirone Rotary Club Rho Fiera Centenario Rotaract Visconteo 2011-2012 Che cosa è il Rotary? Il Rotary è la prima organizzazione di servizio del

Dettagli

Art. 1 - Costituzione, denominazione, sede e durata.

Art. 1 - Costituzione, denominazione, sede e durata. STATUTO L.266/91 ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO Piccolo carro Art. 1 - Costituzione, denominazione, sede e durata. a - E costituita in data 1 MARZO 2008 l Associazione di Volontariato denominata Piccolo

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI CARTOGRAFIA. Capo I COSTITUZIONE

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI CARTOGRAFIA. Capo I COSTITUZIONE ASSOCIAZIONE ITALIANA DI CARTOGRAFIA Capo I COSTITUZIONE Art. 1 L Associazione Italiana di Cartografia (AIC) e una libera Associazione di persone, Istituzioni ed Enti operanti in tutti i campi della cartografia,

Dettagli

DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.)

DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.) DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.) (Approvato con deliberazione consiliare n. 30 del 24.06.2010 e successiva modifica con deliberazione consiliare n. 50 del 25.09.2012) PREMESSA

Dettagli

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti STATUTO del CNCP Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti ARTICOLO 1 DENOMINAZIONE E costituita ai sensi degli articoli 36 e seguenti del codice civile un Associazione di rappresentanza,

Dettagli

PROGETTI DI SERVIZIO RC OSIMO AR 2015-16. Progetti in continuità

PROGETTI DI SERVIZIO RC OSIMO AR 2015-16. Progetti in continuità 12 PROGETTI DI SERVIZIO RC OSIMO AR 2015-16 Scuola Progetti in continuità MST:educazione sanitaria rivolta a studenti della scuola secondaria di secondo grado sul tema delle malattie sessualmente trasmissibili.

Dettagli

Città di Portogruaro Provincia di Venezia REGOLAMENTO REGISTRO COMUNALE DELLE LIBERE FORME ASSOCIATIVE

Città di Portogruaro Provincia di Venezia REGOLAMENTO REGISTRO COMUNALE DELLE LIBERE FORME ASSOCIATIVE Città di Portogruaro Provincia di Venezia REGOLAMENTO REGISTRO COMUNALE DELLE LIBERE FORME ASSOCIATIVE Approvato con deliberazione del C.C. n. 120 del 28.11.2005 1 INDICE Titolo I - Registro delle associazioni

Dettagli

STATUTO AMICIZIA MISSIONARIA ONLUS. Art.1

STATUTO AMICIZIA MISSIONARIA ONLUS. Art.1 STATUTO AMICIZIA MISSIONARIA ONLUS Art.1 E costituita ai sensi degli articoli 36, 37 e 38 del Codice civile, nonchè del D. Lgs. 4 dicembre 1997 n. 460, una associazione denominata AMICIZIA MISSIONARIA

Dettagli

CITTA DI TORREMAGGIORE SETTORE SERVIZI SOCIALI CULTURALI SCOLASTICI TURIMO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI

CITTA DI TORREMAGGIORE SETTORE SERVIZI SOCIALI CULTURALI SCOLASTICI TURIMO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI CITTA DI TORREMAGGIORE SETTORE SERVIZI SOCIALI CULTURALI SCOLASTICI TURIMO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 17.09.2012 INDICE Art.

Dettagli

COMUNE DI CESENA. Settore Servizi Sociali COORDINAMENTO DEL VOLONTARIATO STATUTO

COMUNE DI CESENA. Settore Servizi Sociali COORDINAMENTO DEL VOLONTARIATO STATUTO COMUNE DI CESENA Settore Servizi Sociali COORDINAMENTO DEL VOLONTARIATO STATUTO TITOLO I PRINCIPI E FINALITÀ 2 Art. 1 - Principi 2 Art. 2 - Istituzione 2 Art. 3 Finalità 2 TITOLO II ORGANI E FUNZIONI 3

Dettagli

CONVOCAZIONE ASSEMBLEA

CONVOCAZIONE ASSEMBLEA CONVOCAZIONE ASSEMBLEA Con la presente si convoca l assemblea generale dei lavoratori per il giorno / / alle ore : presso la sede legale dell azienda sita in Via n a ( ) per discutere e re in merito ai

Dettagli

I rapporti fra i Segretari di Club ed il sito web distrettuale L Area riservata del Club nel sito Distrettuale

I rapporti fra i Segretari di Club ed il sito web distrettuale L Area riservata del Club nel sito Distrettuale I rapporti fra i Segretari di Club ed il sito web distrettuale L Area riservata del Club nel sito Distrettuale Tutti voi conoscete il sito Distrettuale. Oggi esaminiamolo in maniera organica per capire

Dettagli

STATUTO C.O.C.I.S. ARTICOLO 1 (denominazione e finalità)

STATUTO C.O.C.I.S. ARTICOLO 1 (denominazione e finalità) STATUTO C.O.C.I.S. ARTICOLO 1 (denominazione e finalità) E costituita la federazione di organismi di solidarietà e cooperazione internazionale denominata C.O.C.I.S.- Coordinamento delle Organizzazioni

Dettagli

RISORSE MEMORANDUM D INTESA DI CLUB Guida all implementazione del Memorandum d intesa di club

RISORSE MEMORANDUM D INTESA DI CLUB Guida all implementazione del Memorandum d intesa di club ITALIANO (IT) RISORSE MEMORANDUM D INTESA DI CLUB Guida all implementazione del Memorandum d intesa di club La presentazione della domanda di sovvenzione globale del tuo club dimostra il suo impegno ad

Dettagli