REGOLAMENTO COMUNALE TELEFONIA MOBILE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO COMUNALE TELEFONIA MOBILE"

Transcript

1 REGOLAMENTO COMUNALE TELEFONIA MOBILE (Approvato con D.C. n 32 del 19/09/2001 e modificato con D.C. n 06del 16/01/2014) Testo unico coordinato

2 Oggetto: Regolamento Telefonia Mobile La commissione tecnica, appositamente nominata con decreto sindacala n 5 del 05/03/01, a termine dell incaricato affidatole, espone qui di seguito il proprio lavoro: Nelle riunioni del 27/03/2001, 10/04/01, 22/05/01 e 12/06/01, 03/07/01 si è proceduto ad esaminare le problematiche connesse all installazione di impianti di telefonia mobile sui seguenti aspetti: 1)Analisi degli aspetti igienico sanitari: Il progressivo diffondersi di nuove tecnologie che utilizzano direttamente o indirettamente campi elettromagnetici non ionizzati, impone di interrogarsi sui possibili effetti che l esposizione a tali campi origina nell uomo e sugli eventuali danni alla salute che ne possono derivare. Le seguenti riflessioni si riferiscono in particolare ai problemi dei campi elettromagnetici nella regione delle radiofrequenze che risultano interessate ai recenti sviluppi della telefonia mobile. La ricerca scientifica in merito all esposizione ai campi elettromagnetici ed agli effetti sull uomo ha raggiunto fino ad ora dei risultati che per alcuni aspetti sono certi, mentre per altri risultano ancora dubbi o comunque tali da non escludere eventuali rischi. E opportuno distinguere tra effetto biologico e danno alla salute. L OMS chiarisce che l effetto biologico è la variazione fisiologica rilevabile in un sistema biologico, come per esempio l innalzamento della temperatura a seguito a esposizione a campi elettromagnetici. Il danno alla salute è invece quello che si verifica quando l effetto biologico supera le normali capacità compensazioni dell organismo, con conseguente danneggiamento di tessuti od organi (es. cataratta o tumore). Studi scientifici consolidati hanno confermato l esistenza di effetti immediati di natura termica a seguito di esposizione a campi elettromagnetici ad alta frequenza. Le onde di questi campi che vengono, infatti, in parte assorbite dai tessuti biologici e penetrano all interno del corpo, perdono progressivamente energia che viene dispersa nei tessuti sotto forma di calore. Alcuni organi possono essere particolarmente sensibili agli effetti termici dell esposizione: tra i più importanti vi sono il cristallino dell occhio e le gonadi maschili. Le conoscenze acquisite sugli effetti termici sono tali che su questi sono generalmente basate le norme che limitano l esposizione a campi elettromagnetici ad alte frequenze e rischi per la salute, hanno fornito fino ad ora risultati tra loro contrastanti e tutt altro che definitivi sia ad alte che a basse intensità, tali comunque da non evidenziare un sicuro nesso causale tra esposizione ed effetti a breve o lungo termine quali tumori o danni genetici. La non sussistenza di un rapporto causale sarebbe avvalorata dal fatto che l energia dei campi elettromagnetici non ionizzanti sarebbe troppo bassa per poter danneggiare il DNA ed essere quindi causa di disturbi genetici o degenerativi.

3 Ad ogni modo, le prove scientifiche attualmente esistenti sono incomplete o inadeguate ad escludere in modo definitivo la possibilità che i campi elettromagnetici non producano a breve o a lungo termine danni per la salute. Per quanto brevemente esposto risulta indubbio che l interazione tra i campi elettromagnetici e l organismo biologico induca una perturbazione dell equilibrio fisiologico e quindi un effetto biologico, e che a causa di tale effetto non possa essere esclusa la probabilità che si possa verificare un conseguente danno sanitario di tipo cancerogeno o genetico, mentre risulta certo il danno termico. Quando si affrontano problematiche che interessano la salute di larghe fasce di popolazione, compresi i soggetti maggiormente sensibili come bambini, gli anziani e i malati cronici, non si possono non adottare i sistemi di valutazione dei rischi basati sui criteri della massima cautela. In aggiunta a tali criteri cautelativi può essere applicato il principio ALARA (As Low As Reasonably Achievable) cioè il principio basato sul raggiungimento del valore più basso ragionevolmente raggiungibile anche al di sotto dei limiti riferimento. Nel nostro caso il criterio di cautela permette di non trascurare, in particolare per gli effetti a lungo termine, l eventuale possibilità che l esposizione ai campi elettromagnetici nel tempo, possa portare all insorgenza di malattie gravi. Si origina quindi l opportunità di non prendere in considerazione come limite sanitario il limite sanitario il limite di esposizione ( che è valido per gli effetti a breve termine; infatti la Legge quadro n.36 del 22 febbraio 2001 lo definisce: il valore di campo elettrico, magnetico ed elettromagnetico, considerato come valore di immissione, definito ai fini della tutela della salute da effetti acuti, che non deve essere superato in alcuna condizione di esposizione della popolazione e dei lavoratori. ) ma piuttosto di adottare gli obiettivi di qualità che si introducono nella prassi di minimizzare il rischio (gli obiettivi di qualità vengono definiti nella medesima legge come: i criteri localizzativi, gli standard urbanistici, le prescrizioni e le incentivazioni per l utilizzo delle migliori tecnologie disponibili, ai fini della progressiva minimizzazione dell esposizione dell esposizione ai campi magnetici ) Il Decreto del Ministero dell Ambiente 10./09/1998, n 381 fissa per la popolazione come limiti di esposizione, per il campo di interesse, i seguenti valori basati su effetti sanitari acuti, certi e definiti: campo elettrico campo magnetico densità di potenza 20 V/m 0,05 A/m 1 W/m 2 Lo stesso decreto fissa come misure di cautela in corrispondenza ad edifici adibiti a permanenze non inferiori a quattro ore, gli obiettivi di qualità seguenti: campo elettrico campo magnetico densità di potenza 6 V/m 0,016 A/m 0,1 W/m 2

4 Questi ultimi valori derivano dalla scelta di applicare cautelativamente un ulteriore fattore 10 di riduzione per la densità di potenza, che risulta la grandezza significativa sotto il profilo dosimetrico, in tal modo viene individuato un valore di cautela che sebbene non supportato da sicuri danni biologici si muove nella direzione garantista. Sempre il D.M n 381/98 pare introdurre in modo esplicito anche il richiamato principio ALARA quando afferma che la progettazione e la realizzazione dei sistemi fissi delle telecomunicazioni.. e l adeguamento di quelle preesistenti, deve avvenire in modo da produrre i valori di campo elettromagnetico più bassi possibile, compatibilmente con la qualità del servizio svolto dal sistema stesso al fine di minimizzare l esposizione alla popolazione. Perseguire gli obiettivi prudenziali significa adottare o fare tutti gli accorgimenti tecnologici tali che, garantendo un buon servizio agli utenti, riescano ad abbassare i livelli di esposizione, al fine di assicurare nel tempo lo stato di salute della popolazione esposta. Nonostante l attuale situazione di incertezza, per molte delle considerazioni fatte sopra, vi è un generale consenso intorno alla necessità di adottare nelle valutazioni di sanità pubblica il principio prudenziale di limitare l esposizione della popolazione al minimo livello ragionevolmente possibile tenendo conto delle conoscenze scientifiche. Nel documento approvato dai rappresentanti di tutti i Dipartimenti di Prevenzione delle A.s.l della Regione Toscana (riunione del ) si è convenuto che i Comuni possono adottare un provvedimento formalizzato (regolamento) per garantire la tutela della salute, dell ambiente e del paesaggio, minimizzando l esposizione ai campi elettromagnetici in modo che non vengano a peggiorare le condizioni attuali, destinate altrimenti ad incrementarsi inevitabilmente. In pratica, mantenendo fisso il riferimento ai limiti relativi agli obiettivi di qualità, occorre estendere le misure di precauzione. Così appare prioritario, per ciò che riguarda la pianificazione sul territorio degli emettitori di campi elettromagnetici, valutare, ai fini di una loro corretta installazione, la vicinanza a centri abitati, scuole, asili, ospedali, case di riposo, impianti sportivi. 2) Analisi aspetti tecnici e tecnologici : Gli apparati per le telecomunicazioni sono progettati per irradiare nello spazio onde elettromagnetiche che trasferiscono, mediante opportune codificazioni (modulazione), l informazione ai vari sistemi riceventi (radio, televisione, telefoni cellulari, ecc.). Gli ultimi anni sono stati contrassegnati dal rapido sviluppo della telefonia cellulare: prima con tecnologia analogica TACS e successivamente con tecnologia digitale GSM e DCS. Alla base della telefonia mobile vi è la copertura del territorio interessato dal servizio tramite una rete di impianti fissi (denominati tecnicamente stazione radio base, in sigla SRB) per la ricezione e la

5 trasmissione dei segnali da e verso i cosiddetti telefonini (o stazioni mobili ). Attualmente si stanno predisponendo nuovi impianti per il futuro diffondersi di altre tecnologie, quali U.M.T.S. Questi impianti devono essere distribuiti sul territorio in modo da suddividerlo in aree contigue denominate celle, le cui dimensioni sono adeguatamente progettate per garantire un certo grado di servizio all utenza media prevista. La continua crescita degli utenti e l aumentato numero dei gestori che operano nel settore, in regime di concorrenza, comporta un progressivo incremento del numero di installazione fisse. Per garantire in una certa area lo stesso grado di servizio all utenza media prevista. La continua crescita degli utenti e l aumentato numero dei gestori che operano nel settore, in regime di concorrenza, comporta un progressivo incremento del numero di installazioni fisse. Per garantire in una certa area lo stesso grado di servizio al crescere degli utenti è, infatti, necessaria una divisione del territorio in un maggior numero di celle, ciascuna delle quali copra un area più ristretta, in cui vengono installati impianti con minor potenza. Si piega così la diffusa collocazione delle SRB anche nelle aree urbane, che sono zone ad alta intensità di traffico telefonico, con le antenne montane su strutture esistenti quali edifici, campanili, ecc, o su appositi tralicci, ad altezze generalmente comprese tra i 15 e i 35 metri dal suolo, e l impiego di piccoli impianti, a servizio delle cosiddette microcelle, le cui antenne sono spesso ubicate all altezza delle insegne dei negozi. Il numero di cellulari che possono operare contemporaneamente all interno della stessa cella è limitato dal numero di canali disponibili. Per esempio, sulla banda di trasmissione assegnata alla telefonia mobile GSM operante su frequenze attorno a 900 MHz, sono presenti complessivamente numero 124 canali, aventi ciascuno una larghezza di banda di 200 KHz. L attuale tecnologia digitale consente di gestire contemporaneamente otto telefonate per ciascun canale. Pertanto, se il territorio non fosse suddiviso in celle, di grandezza appropriata a seconda dell utenza media presente in una certa zona, il numero complessivo di telefonate gestibili dal sistema in un dato momento sarebbe molto limitato e sicuramente insufficiente a garantire il servizio anche ad un utenza notevolmente inferiore a quelle attuale. Da qui è anche scaturita la necessità di allargare l operatività della telefonia cellulare ad altre frequenze (attorno a 1800 MHz), acquisendo ulteriori canali di comunicazione. Una stazione radio base è, quindi progettata per coprire un area limitata e ad essa vengono assegnati solo pochi canali tra quelli complessivamente disponibili per il servizio. Le potenze emesse da un impianto devono essere appositamente dimensionate per servire soltanto la cosiddetta target area, che comprende talvolta pochi chilometri quadrati, evitando interferenze sia nelle celle adiacenti, in cui devono essere utilizzati canali con frequenze vicine a quelle usate nella prima cella (interferenza da canale co-canale). Una tipica stazione radio base prevede l utilizzo di antenne orientate in tre diverse direzioni (o settori) generalmente separate da angoli in azimuth di 120 (talvolta, secondo la conformazione del territorio, i settori sono due o solo uno). La sua collocazione coincide con il punto di contatto di tre (o meno) celle adiacenti, ciascuna servita da un antenna. Da diverso tempo i gestori richiedono anche di installare ponti radio presso le SRB, con lo scopo di collegare tra loro due punti lontani (a vista) che non presentano ostacoli interposti.

6 Le antenne dei punti radio, solitamente di forma parabolica, sono progettate per avere un elevato guadagno e angoli di irraggiamento molto stretti, in modo che l energia irradiata al di fuori del fascio principale sia praticamente trascurabile. Questo consente l impiego di potenze in antenna molto contenute, dell ordine dei 100 mw. Per quanto riguarda le stazioni mobili, esse costituiscono spesso la sorgente più significativa sotto l aspetto sanitario-protezionistico, a causa della ridotta distanza della loro antenna dalla testa dell utilizzatore, anche se, per ottimizzare il consumo delle batterie e la qualità stessa del collegamento con le SRB, emettono raramente alla loro massima potenza. Per i telefonini GSM o dual-band la potenza di emissione è regolata in funzione dell intensità del segnale di collegamento con la stazione radio base più prossima e quindi dipende dalla potenza e dalla distanza di quest ultima. Il funzionamento alla massima potenza avviene soprattutto nelle zone in cui il livello del segnale emesso da una SRB è al limite della sensibilità del radiotelefono. 3) Aspetti giuridici legali Analisi della normativa vigente (D.M 381/98-L.R.54/ /2000 Legge Quadro). Analisi dei criteri di individuazione delle aree sensibili e localizzazione degli impianti con particolare riferimento alla corresponsione degli oneri legati all installazione degli impianti. Redazione provvedimento di Delibera per la moratoria impianti in attesa della regolamentazione. 4) Analisi della cartografia con le destinazioni urbanistiche del territorio comunale. 5) Analisi dell aspetto ambientale e paesaggistico del territorio comunale e limitrofo nel cui contesto andrà ad inserirsi la nuova impiantistica. 6) Valutazione tecnica e calcolo dei valori massimi di possibile esposizione: In considerazione dei dati radioelettrici, di seguito riportati, più frequentemente ricorrenti nelle specifiche degli impianti di telefonia cellulare progettati ed installati nella provincia di Lucca, si calcolano i massimi valori di esposizione prevedibili a seguito dell installazione in un unico sito di stazioni radio base dei quattro gestori attualmente operanti in regime di concorrenza sul territorio nazionale, alle distanze di 100 e 200. Tali valori sono valutati nella direzione di massimo irraggiamento, cioè ad una altezza dal suolo pari a quella delle antenne. Si calcolano altresì, sulla base delle stesse premesse, le distanze oltre la quale si prevede il rispetto dei valori limite (20 V/m) e di cautela (6 V/m) per il campo elettrico stabiliti dal DM 381/98. Bande di frequenza dell attuale funzionamento della telefonia cellulare: 900 MHz e 1800 MHz;

7 Per ogni antenna: 8 x20 W x a 900 MHz numero massimo di portanti e relativi potenza e guadagno (circa 2500 W) (EIRP totale) 4x 4.5 W x a 1800 Mhz ( Circa 1200 W) Numero gestori attualmente operanti in regime di concorrenza sul territorio nazionale: 3 nella banda 900 MHz 4 nella banda 1800 MHz Formula di calcolo del livello di esposizione(potenza P = E 2 /377) ad una data distanza x (campo lontano) tenuto conto di tutti i gestori, delle EIRP totali massime e delle bande di frequenza: P = ( 3 x EIRP x EIRP 1800 )/ ( 4 π x X 2 ) Da tale formula si ottiene a 100 e a 200 metri: P(100m) = circa 0.1 W/m 2 circa 6 V/m (campo elettrico) P(200 m) = circa 0.02 W/m 2 circa 3 V/m (campo elettrico) Formula per il calcolo della distanza oltre la quale sono attesi livelli di campo elettrico inferiore ad un dato valore E d= [( 3 x EIRP x EIRP 1800 )/ (4 π x E 2 /377)] 1/2 per E =20 V/m d(20v/m) = circa 30 metri per E = 6 V/m d( 6 V/m) = circa 100 metri A fronte delle valutazioni sopra esposte sono stati individuati i seguenti criteri per la localizzazione dei siti idonei: a)criterio igienico-sanitario Analisi della densità di popolazione, presenza di aree sensibili(scuole, asili, ospedali, casa di cura aree a verde attrezzate, aree destinate all infanzia), presenza di nuclei abitativi ed insediamenti produttivi con permanenza continuativa oltre di quattro ore, b) Impatto ambientale Analisi del territorio comunale che ha una estensione di circa Km quadri 18, largo circa Km 3 per una lunghezza di circa Km 7; con alta densità di inquinamento dell aria, dell acqua, del suolo, aspetti architettonici e paesaggistici; c) Esigenze tecniche-impiantistiche dei vari gestori in quanto fornitori di un servizio pubblico da espletare con efficienza; d) individuazione preferenziale di aree pubbliche con destinazione dei proventi derivanti a finalità di interesse pubblico.

8 Dall applicazione dei suddetti criteri risultano pertanto escluse le seguenti zone: Centro Nord del territorio, in quanto densamente popolata con presenza di aree sensibili; Centro- Nord/Est area torretta in quanto area di pregio paesaggistica ambientale; Area di confine Est, (lato Altopascio) Ovest (lato Capannori), escluse per ragioni di buon governo; Aree cimitero di Via Sbarra e Pollinelle non idonee tecnicamente per l utenza comunale; Area Sud del territorio in quanto tecnicamente troppo decentrata rispetto alla maggiore parte dell utenza comunale; Nelle rimanenti porzioni del territorio comunale classificate dal vigente PRG come zone E a scarsa densità abitativa, si individuano le seguenti due aree comprendenti anche proprietà pubbliche come evidenziate nell estratto di mappa che si allega. Indicazioni di gestione e di controllo: 1.Tutti gli impianti preesistenti all entrata in vigore del presente regolamento dovranno ricollocarsi nelle aree indicate, previa specifica richiesta dell A.C. 2. Ogni gestore può installare al massimo n 2 ripetitore cadauno, numero comprensivo degli eventuali ripetitori esistenti. Nuovi ripetitori potranno essere installati solo all interno dell area in corrispondenza del depuratore industriale. 3. Ogni gestore dovrà rendere operativo, in maniera continuativa un sistema di monitoraggio delle emissioni in modo da fornire per il successivo controllo, a richiesta dell A.C. i dati relativi. Il Comune ha la facoltà di disporre almeno due controlli annui avvalendosi dell A.R.P.A.T e dell ASL accollando le relative spese ai gestori interessati. Tale disposizione dovrà essere specificata nell autorizzazione/concessione. Porcari, I componenti della Commissione

RELAZIONE TECNICA sulle misure di campo elettromagnetico in BANDA STRETTA E LARGA effettuate nella città di POSITANO (SA)

RELAZIONE TECNICA sulle misure di campo elettromagnetico in BANDA STRETTA E LARGA effettuate nella città di POSITANO (SA) RELAZIONE TECNICA sulle misure di campo elettromagnetico in BANDA STRETTA E LARGA effettuate nella città di POSITANO (SA) 1 SOMMARIO INTRODUZIONE 3 NORMATIVA VIGENTE 4 MISURE IN BANDA STRETTA 5 MISURE

Dettagli

LE AREE TEMATICHE : L INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO

LE AREE TEMATICHE : L INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO LE AREE TEMATICHE : L INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO Quando si parla di inquinamento elettromagnetico o più comunemente elettrosmog ci si riferisce alle alterazioni del campo magnetico naturale generate

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI RADIOCOMUNICAZIONE. Approvato con delibera C.C. n. 47 dell 11.6.2002

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI RADIOCOMUNICAZIONE. Approvato con delibera C.C. n. 47 dell 11.6.2002 REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI RADIOCOMUNICAZIONE Approvato con delibera C.C. n. 47 dell 11.6.2002 Art. 1 FINALITA E OBIETTIVI DEL REGOLAMENTO. 1. Con il presente regolamento, con riferimento

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNE DI CANDIANA PER L INSTALLAZIONE, LA MODIFICA E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI FISSI E MOBILI PER LE RADIO TELECOMUNICAZIONI CELLULARI

REGOLAMENTO COMUNE DI CANDIANA PER L INSTALLAZIONE, LA MODIFICA E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI FISSI E MOBILI PER LE RADIO TELECOMUNICAZIONI CELLULARI COMUNE DI CANDIANA Provincia di Padova REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE, LA MODIFICA E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI FISSI E MOBILI PER LE RADIO TELECOMUNICAZIONI CELLULARI in applicazione dell art. 8, comma

Dettagli

PORTICI (NA) RELAZIONE TECNICA sulle misure di campo elettromagnetico in BANDA LARGA effettuate IN QUOTA nella città di

PORTICI (NA) RELAZIONE TECNICA sulle misure di campo elettromagnetico in BANDA LARGA effettuate IN QUOTA nella città di RELAZIONE TECNICA sulle misure di campo elettromagnetico in BANDA LARGA effettuate IN QUOTA nella città di PORTICI (NA) 1 SOMMARIO INTRODUZIONE 3 NORMATIVA VIGENTE 4 MISURE IN BANDA LARGA 5 COPIA DEI CERTIFICATI

Dettagli

Approvato con deliberazione del Consiglio comunale in data 13.10.2006 n.208/36843

Approvato con deliberazione del Consiglio comunale in data 13.10.2006 n.208/36843 COMUNE DI BRESCIA REGOLAMENTO PER L'INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE Approvato con deliberazione del Consiglio comunale in data 13.10.2006 n.208/36843 INDICE CAPO I -

Dettagli

Via Ildebrando Vivanti 148-00144 Roma Tel:0657302234 Fax: 0657289271 Cell:3471207819 E-mail : info@aeroambiente.com Sito: www.aeroambiente.

Via Ildebrando Vivanti 148-00144 Roma Tel:0657302234 Fax: 0657289271 Cell:3471207819 E-mail : info@aeroambiente.com Sito: www.aeroambiente. Via Ildebrando Vivanti 148-00144 Roma Tel:0657302234 Fax: 0657289271 Cell:3471207819 E-mail : info@aeroambiente.com Sito: www.aeroambiente.com Data relazione: 13/11/2007 AUTORE: Ing. Valerio Briotti Firma

Dettagli

Dipartimento Provinciale di Ancona Servizio Radiazioni/Rumore

Dipartimento Provinciale di Ancona Servizio Radiazioni/Rumore Dipartimento Provinciale di Ancona Servizio Radiazioni/Rumore RETE DI MONITORAGGIO DEI LIVELLI DI INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO DEL COMUNE DI JESI RAPPORTO ANNO 2009 Servizio Radiazioni/Rumore Dipartimento

Dettagli

Regolamento Approvato con delibera C.C. n. 35/91/190 del 29/03/2004

Regolamento Approvato con delibera C.C. n. 35/91/190 del 29/03/2004 Regolamento Comunale per l installazione e l esercizio degli impianti radiobase per telefonia mobile e per teleradiocomunicazioni per la diffusione di segnali radio e televisivi. Regolamento Approvato

Dettagli

Presentazione Regolamento Comunale per l installazione di impianti di telefonia cellulare e radioelettrici

Presentazione Regolamento Comunale per l installazione di impianti di telefonia cellulare e radioelettrici CITTA DI GIAVENO Presentazione Regolamento Comunale per l installazione di impianti di telefonia cellulare e radioelettrici Anno 2006 1 CAPPELLO La Città di Giaveno ha partecipato ad un protocollo d intesa

Dettagli

COMUNE DI MARENO DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO Ufficio Tecnico c.a.p. 31010 Piazza Municipio, 13 tel. 0438/498834 c.f.: 82006050262 fax 0438/492190

COMUNE DI MARENO DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO Ufficio Tecnico c.a.p. 31010 Piazza Municipio, 13 tel. 0438/498834 c.f.: 82006050262 fax 0438/492190 Allegato sub A alla delibera di C.C. n 64 del 23/12/2008 COMUNE DI MARENO DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO Ufficio Tecnico c.a.p. 31010 Piazza Municipio, 13 tel. 0438/498834 c.f.: 82006050262 fax 0438/492190

Dettagli

INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO

INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO Programma Regionale I.N.F.E.A. Informazione Formazione ed Educazione Ambientale PROGETTO GEO Sensibilizzazione alla sostenibilità ambientale INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO Dott. A.Zari - Dipartimento A.R.P.A.T.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE COMUNE DI PORDENONE SETTORE 7 PIANIFICAZIONE EDILIZIA PRIVATA ATTIVITÀ ECONOMICHE DIREZIONE EDILIZIA PRIVATA REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE Regolamento

Dettagli

MISURA DEI LIVELLI DI CAMPI ELETTROMAGNETICI PRODOTTI DA SISTEMI Wi-Fi

MISURA DEI LIVELLI DI CAMPI ELETTROMAGNETICI PRODOTTI DA SISTEMI Wi-Fi MISURA DEI LIVELLI DI CAMPI ELETTROMAGNETICI PRODOTTI DA SISTEMI Wi-Fi PRESSO L ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI MINERBIO CAVOUR Dott.ssa Cristina Volta Dott. Daniele Bontempelli P.i. Simone Colantonio

Dettagli

COMUNE DI MANCIANO Provincia di Grosseto REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI RADIOCOMUNICAZIONE

COMUNE DI MANCIANO Provincia di Grosseto REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI RADIOCOMUNICAZIONE COMUNE DI MANCIANO Provincia di Grosseto REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI RADIOCOMUNICAZIONE Premessa Il presente schema di Regolamento verrà sottoposto all approvazione del Consiglio Comunale,

Dettagli

5. SCENARI PER LA DELOCALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI ESISTENTI

5. SCENARI PER LA DELOCALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI ESISTENTI 1 5. SCENARI PER LA DELOCALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI ESISTENTI 5.1 Premessa In questo capitolo si studierà la possibilità di inserire gli impianti radio FM da delocalizzare in alcuni siti sul territorio

Dettagli

CRITERI di LOCALIZZAZIONE degli IMPIANTI

CRITERI di LOCALIZZAZIONE degli IMPIANTI COMUNE DI VIAREGGIO Area Assetto e Gestione del Territorio Ufficio Urbanistica - Ambiente Programma Comunale degli impianti (art. 9 della L.R. 49/11) CRITERI di LOCALIZZAZIONE degli IMPIANTI Viareggio,

Dettagli

Settore Tecnico (Servizio Pianificazione, Urbanistica ed Edilizia) REGOLAMENTO COMUNALE

Settore Tecnico (Servizio Pianificazione, Urbanistica ed Edilizia) REGOLAMENTO COMUNALE REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI DI TELECOMUNICAZIONE A TECNOLOGIA CELLULARE QUALI STAZIONI RADIO-BASE PER SERVIZI DI TELEFONIA MOBILE, DIGITALI MOBILI E SIMILARI Approvato

Dettagli

Radiazioni non ionizzanti

Radiazioni non ionizzanti 12. Da sempre sulla Terra è presente un fondo naturale di radiazione elettromagnetica non ionizzante dovuto ad emissioni del sole, della Terra stessa e dell atmosfera. Il progresso tecnologico ha aggiunto

Dettagli

Metodi di realizzazione di una stazione radio base compatibile con i limiti di esposizione Vallone Laura

Metodi di realizzazione di una stazione radio base compatibile con i limiti di esposizione Vallone Laura Metodi di realizzazione di una stazione radio base compatibile con i limiti di esposizione Vallone Laura 01/06/2007 dei Campi Elettromagnetici 1 Normativa tecnica di riferimento Guida CEI 211-10: Guida

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'INSTALLAZIONE, LA MODIFICA E L ADEGUAMENTO DEGLI IMPIANTI PER TELERADIOCOMUNICAZIONI (Dal sito del Comune)

REGOLAMENTO PER L'INSTALLAZIONE, LA MODIFICA E L ADEGUAMENTO DEGLI IMPIANTI PER TELERADIOCOMUNICAZIONI (Dal sito del Comune) REGOLAMENTO PER L'INSTALLAZIONE, LA MODIFICA E L ADEGUAMENTO DEGLI IMPIANTI PER TELERADIOCOMUNICAZIONI (Dal sito del Comune) Approvato con deliberazione del C.C. n. 53 del 12.4.2000 ultimo aggiornamento

Dettagli

La telefonia cellulare. Piccola presentazione di approfondimento

La telefonia cellulare. Piccola presentazione di approfondimento La telefonia cellulare Piccola presentazione di approfondimento Introduzione Oggigiorno, i telefoni cellulari sono diffusissimi e godono della massima popolarità. Molte persone, tuttavia, non conoscono

Dettagli

C O M U N E DI T I R I O L O Provincia di Catanzaro

C O M U N E DI T I R I O L O Provincia di Catanzaro C O M U N E DI T I R I O L O Provincia di Catanzaro Regolamento per l installazione, la modifica e l adeguamento delle stazioni radio base per la telefonia cellulare e servizi similari. Antenne emittenti

Dettagli

COMUNE DI FORMIGINE AMBIENTE. Presentazione del Piano di Localizzazione per gli impianti di telecomunicazione della telefonia mobile

COMUNE DI FORMIGINE AMBIENTE. Presentazione del Piano di Localizzazione per gli impianti di telecomunicazione della telefonia mobile Presentazione del Piano di Localizzazione per gli impianti di telecomunicazione della telefonia mobile Il fenomeno elettromagnetico ad oggi è prodotto dai grandi conduttori di energia elettrica, dai trasmettitori

Dettagli

MISURAZIONE DEI CAMPI ELETTROMAGNETICI DA STAZIONI RADIO BASE NEL COMUNE DI MONSUMMANO TERME

MISURAZIONE DEI CAMPI ELETTROMAGNETICI DA STAZIONI RADIO BASE NEL COMUNE DI MONSUMMANO TERME MISURAZIONE DEI CAMPI ELETTROMAGNETICI DA STAZIONI RADIO BASE NEL COMUNE DI MONSUMMANO TERME Oggetto: SRB c/o stadio Richiedente: Comune di Monsummano Terme (PT) Scandicci, 30 novembre 2012 Il Tecnico

Dettagli

EFFETTI BIOLOGICI DEI CAMPI ELETTROMAGNETICI

EFFETTI BIOLOGICI DEI CAMPI ELETTROMAGNETICI EFFETTI BIOLOGICI DEI CAMPI ELETTROMAGNETICI In questo capitolo analizzeremo le problematiche legate agli effetti che i campi elettromagnetici a radiofrequenza possono avere nei confronti dell uomo. Verranno,

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA ANCI E MINISTERO DELLE COMUNICAZIONI

PROTOCOLLO D INTESA ANCI E MINISTERO DELLE COMUNICAZIONI PROTOCOLLO D INTESA TRA ANCI E MINISTERO DELLE COMUNICAZIONI Per l installazione, il monitoraggio, il controllo e la razionalizzazione degli impianti di stazioni radio base Vista la legge del 22 febbraio

Dettagli

Il Tavolo di Programmazione Partecipata della telefonia mobile del Comune di Bologna

Il Tavolo di Programmazione Partecipata della telefonia mobile del Comune di Bologna Il Tavolo di Programmazione Partecipata della telefonia mobile del Comune di Bologna www.comune.bologna.it/primopiano/telefonia Giuseppe Paruolo Assessore a Salute e Comunicazione assessoresalute@comune.bologna.it

Dettagli

COMUNE DI FONTE PIANO DI LOCALIZZAZIONE PER GLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE

COMUNE DI FONTE PIANO DI LOCALIZZAZIONE PER GLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE COMUNE DI FONTE PIANO DI LOCALIZZAZIONE PER GLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE RELAZIONE COMUNE DI FONTE Indice RELAZIONE Conferimento incarico Scopo dell incarico Premessa tecnica Descrizione delle operazioni

Dettagli

Campi elettromagnetici: conoscenze attuali e misure a Pavia

Campi elettromagnetici: conoscenze attuali e misure a Pavia Campi elettromagnetici: conoscenze attuali e misure a Pavia Gli esseri viventi sono da sempre esposti alle radiazioni naturali prodotte dalla Terra, dall atmosfera e dal Sole: raggi cosmici, radiazioni

Dettagli

CAMPI ELETTROMAGNETICI

CAMPI ELETTROMAGNETICI CAMPI ELETTROMAGNETICI Che cos è un campo elettromagnetico? Un campo elettromagnetico è una regione dello spazio in cui c è tensione elettrica. È il caso, ad esempio, della regione di spazio in cui vi

Dettagli

Regolamento comunale per l installazione, il monitoraggio, il controllo e la razionalizzazione degli impianti per la telefonia mobile cellulare

Regolamento comunale per l installazione, il monitoraggio, il controllo e la razionalizzazione degli impianti per la telefonia mobile cellulare Regolamento comunale per l installazione, il monitoraggio, il controllo e la razionalizzazione degli impianti per la telefonia mobile cellulare CAPO 1 PREMESSA Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento

Dettagli

SOMMARIO GENERALE. Capitolo 3: Normative sui campi elettromagnetici, Luisa Biazzi Le raccomandazioni internazionali ed europee, le leggi italiane

SOMMARIO GENERALE. Capitolo 3: Normative sui campi elettromagnetici, Luisa Biazzi Le raccomandazioni internazionali ed europee, le leggi italiane SOMMARIO GENERALE INDICE SPECIFICO 2-4 Introduzione generale, Giovanni Bellenda, Rino Pavanello 5-48 Capitolo 1: Principi fisici-interazioni-effetti, Luisa Biazzi Premessa: quale elettrosmog?, fisica dei

Dettagli

Descrizione della struttura e delle funzioni di una stazione radio base TACS

Descrizione della struttura e delle funzioni di una stazione radio base TACS c.so Duca degli Abruzzi 4 1019 Torino (Italy) Fax +39 011 564 4099 pag. /34 Premessa Il seguente capitolo illustra i principi tecnici fondamentali a cui si ispirano le tecnologie utilizzate per i serivizi

Dettagli

Dipartimento Provinciale di Ancona Servizio Radiazioni/Rumore

Dipartimento Provinciale di Ancona Servizio Radiazioni/Rumore RETE DI MONITORAGGIO DEI LIVELLI DI INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO DEL COMUNE DI JESI RAPPORTO ANNO 2011 Servizio Radiazioni/Rumore Dipartimento Provinciale ARPAM di Ancona La rete di monitoraggio Il Comune

Dettagli

N. del APPROVAZIONE PIANO DI LOCALIZZAZIONE DELLE STAZIONI RADIO BASE PER LA TELEFONIA CELLULARE E DELLE STAZIONI RADIOTELEVISIVE - ANNO 2013.

N. del APPROVAZIONE PIANO DI LOCALIZZAZIONE DELLE STAZIONI RADIO BASE PER LA TELEFONIA CELLULARE E DELLE STAZIONI RADIOTELEVISIVE - ANNO 2013. N. del OGGETTO: APPROVAZIONE PIANO DI LOCALIZZAZIONE DELLE STAZIONI RADIO BASE PER LA TELEFONIA CELLULARE E DELLE STAZIONI RADIOTELEVISIVE - ANNO 2013. PROPOSTA DI DELIBERA Premesso: - che la Legge 28

Dettagli

Misure di prevenzione Misure di prevenzione. o Aumento distanza dalla fonte.

Misure di prevenzione Misure di prevenzione. o Aumento distanza dalla fonte. LEZIONE 11 Le radiazioni ionizzanti i rischi Particolarità o La loro rilevazione risulta complessa o Necessaria in contesti chimici, sanitari e nucleari. I rischi per la salute dei lavoratori o Apparato

Dettagli

PIANO COMUNALE DI SETTORE PER LA LOCALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI PER TELEFONIA MOBILE

PIANO COMUNALE DI SETTORE PER LA LOCALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI PER TELEFONIA MOBILE REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI MALBORGHETTO VALBRUNA PIANO COMUNALE DI SETTORE PER LA LOCALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI PER TELEFONIA MOBILE (L.R. 28 del 6 dicembre 2004) ELABORATO

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO

NORMATIVA DI RIFERIMENTO 66 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA URBANISTICO/TERRITORIALE E LA MINIMIZZAZIONE DELL ESPOSIZIONE DELLA POPOLAZIONE AI CAMPI ELETTROMAGNETICI NELLA LOCALIZZAZIONE DI INFRASTRUTTURE E IMPIANTI RADIOELETTRICI,

Dettagli

COMUNE DI VEDELAGO PROVINCIA DI TREVISO SETTORE URBANISTICA

COMUNE DI VEDELAGO PROVINCIA DI TREVISO SETTORE URBANISTICA COMUNE DI VEDELAGO PROVINCIA DI TREVISO SETTORE URBANISTICA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA LOCALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale N 24 in data

Dettagli

Dipartimento Provinciale di Ancona Servizio Radiazioni/Rumore

Dipartimento Provinciale di Ancona Servizio Radiazioni/Rumore Via Cristoforo Colombo, 106 60127 ANCONA Cod. Fisc./P. IVA 01588450427 TEL. 071/28732.720 /29 - FAX 071/28732.721 e-mail: radiazioni.rumorean@ambiente.marche.it RETE DI MONITORAGGIO DEI LIVELLI DI INQUINAMENTO

Dettagli

Relazione Tecnica. INDAGINI INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO (Wi-Fi) presso SEDE ISPRA di via Vitaliano Brancati 48

Relazione Tecnica. INDAGINI INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO (Wi-Fi) presso SEDE ISPRA di via Vitaliano Brancati 48 Relazione Tecnica INDAGINI INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO (Wi-Fi) presso SEDE ISPRA di via Vitaliano Brancati 48 ISPRA - Roma, 18 maggio 2010 SOMMARIO: : 1 PREMESSA 3 2 SITO OGGETTO DI INDAGINI 3 3 NORMATIVA

Dettagli

Regolamento comunale per l installazione, il monitoraggio, il controllo e la razionalizzazione degli impianti per la telefonia mobile cellulare

Regolamento comunale per l installazione, il monitoraggio, il controllo e la razionalizzazione degli impianti per la telefonia mobile cellulare Regolamento comunale per l installazione, il monitoraggio, il controllo e la razionalizzazione degli impianti per la telefonia mobile cellulare CAPO 1 PREMESSA Art. 1 Oggetto 1) Il presente regolamento

Dettagli

ELETTRODOTTI E DI IMPIANTI RADIOELETTRICI...8

ELETTRODOTTI E DI IMPIANTI RADIOELETTRICI...8 1. SOMMARIO 1. SOMMARIO...2 2. INTRODUZIONE...3 3. RIFERIMENTI NORMATIVI...3 4. INDIVIDUAZIONE DELLE AREE SENSIBILI...4 4.1 APPROCCIO METODOLOGICO...4 4.2 AREE SENSIBILI INDIVIDUATE...5 5. AREE SENSIBILI

Dettagli

Subject: REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE, LA MODIFICA E L ADEGUAMENTO

Subject: REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE, LA MODIFICA E L ADEGUAMENTO COMITATO TUTELA AMBIENTE C/o Casulli - Via V. De Gama,109/3-24045 Fara Gera D Adda Telefono: 0363 399968 Fax: 035 4542646 Indirizzo e-mail : comitato_ambiente@inwind.it - Sito web: www.ambientefara.it

Dettagli

GRUPPO CONSILIARE MOVIMENTO 5 STELLE MONTEGRANARO

GRUPPO CONSILIARE MOVIMENTO 5 STELLE MONTEGRANARO GRUPPO CONSILIARE MOVIMENTO 5 STELLE MONTEGRANARO All Ill.mo Sig. Sindaco della Città di Montegranaro All Ill.mo Sig. Presidente del Consiglio Comunale di Montegranaro e, p.c. Ai Capigruppo Consiliari

Dettagli

MISURE DI CAMPI ELETTROMAGNETICI A RADIOFREQUENZA. Comune di: Pianoro (BO)

MISURE DI CAMPI ELETTROMAGNETICI A RADIOFREQUENZA. Comune di: Pianoro (BO) Sezione provinciale di Bologna Servizio Sistemi Ambientali Allegato 1: Verbale di Accertamento MISURE DI CAMPI ELETTROMAGNETICI A RADIOFREQUENZA Comune di: Pianoro (BO) Siti di misura: Via Padre Marella,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DELLA RETE DI TELEFONIA MOBILE LINEE GUIDA TESTO IN BOZZA PRESENTATO AL TAVOLO

PROGRAMMAZIONE DELLA RETE DI TELEFONIA MOBILE LINEE GUIDA TESTO IN BOZZA PRESENTATO AL TAVOLO . COMUNE DI BOLOGNA PROGRAMMAZIONE DELLA RETE DI TELEFONIA MOBILE LINEE GUIDA TESTO IN BOZZA PRESENTATO AL TAVOLO DI PROGRAMMAZIONE PARTECIPATA Pagina 1 Capo 1 : lineamenti generali Art. 1. - Obiettivi

Dettagli

Campi Elettromagnetici in Alta Frequenza. Sorgenti, Misure, Effetti, Normativa

Campi Elettromagnetici in Alta Frequenza. Sorgenti, Misure, Effetti, Normativa Campi Elettromagnetici in Alta Frequenza Sorgenti, Misure, Effetti, Normativa Campi elettromagnetici ad alta frequenza I campi elettromagnetici non ionizzanti (sorgenti NIR) hanno una banda compresa tra

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERA DI C.C. n. DEL REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA E VIDEOFONIA MOBILE

ALLEGATO ALLA DELIBERA DI C.C. n. DEL REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA E VIDEOFONIA MOBILE ALLEGATO ALLA DELIBERA DI C.C. n. DEL REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA E VIDEOFONIA MOBILE INDICE CAPO I - FINALITÀ E CAMPO APPLICATIVO... 3 ART. 01.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE N. 30/2000 SULL INQUINAMENTO ELETROMAGNETICO. SOMMARIO

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE N. 30/2000 SULL INQUINAMENTO ELETROMAGNETICO. SOMMARIO 2 RUE ALLEGATO 6 REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE N. 30/2000 SULL INQUINAMENTO ELETROMAGNETICO. SOMMARIO Parte I - FINALITA... 4 Art. 1 - Obiettivi 4 Parte II MODALITA DI RILASCIO DELLE

Dettagli

L esperienza del Friuli Venezia Giulia

L esperienza del Friuli Venezia Giulia L esperienza del Friuli Venezia Giulia Agenzia Regionale per la Protezione dell'ambiente CATASTO REGIONALE DELLE SORGENTI FISSE DEGLI IMPIANTI RADIOELETTRICI PER TELECOMUNICAZIONI E RADIOTELEVISIVI, CON

Dettagli

Normativa e compiti di ARPA nella valutazione delle SRB

Normativa e compiti di ARPA nella valutazione delle SRB ArpaInforma iniziative di informazione alla popolazione e di supporto tecnico agli Enti locali Comune di Scandiano Normativa e compiti di ARPA nella valutazione delle SRB Maurizio Poli, Paolo Zanichelli

Dettagli

Piano di settore per la telefonia mobile Aggiornamento del Piano a seguito nuove richieste dei Gestori per l anno 2012 RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Piano di settore per la telefonia mobile Aggiornamento del Piano a seguito nuove richieste dei Gestori per l anno 2012 RELAZIONE ILLUSTRATIVA Piano di settore per la telefonia mobile Aggiornamento del Piano a seguito nuove richieste dei Gestori per l anno 2012 RELAZIONE ILLUSTRATIVA 30/05/2012 Pagina 1 di 11 INDICE RELAZIONE ILLUSTRATIVA Indice

Dettagli

Elettromagnetismo Lucca propone un programma comunale della telefonia mobile attraverso un percorso che mette l accento sulla partecipazione dei

Elettromagnetismo Lucca propone un programma comunale della telefonia mobile attraverso un percorso che mette l accento sulla partecipazione dei Elettromagnetismo Lucca propone un programma comunale della telefonia mobile attraverso un percorso che mette l accento sulla partecipazione dei cittadini e sulla trasparenza e l accesso ai dati e ai monitoraggi

Dettagli

Progetto Whysol per la realizzazione di una centrale termoelettrica a olio vegetale in Comune di Zanica (BG).

Progetto Whysol per la realizzazione di una centrale termoelettrica a olio vegetale in Comune di Zanica (BG). Progetto Whysol per la realizzazione di una centrale termoelettrica a olio vegetale in Comune di Zanica (BG). Osservazioni a seguito della relazione di ARPA Lombardia e della disponibilità SEI alla cogenerazione.

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE NORME SULL INSTALLAZIONE DEGLI IMPIANTI DI RADIOCOMUNICAZIONE PER TELEFONIA

REGOLAMENTO RECANTE NORME SULL INSTALLAZIONE DEGLI IMPIANTI DI RADIOCOMUNICAZIONE PER TELEFONIA REGOLAMENTO RECANTE NORME SULL INSTALLAZIONE DEGLI IMPIANTI DI RADIOCOMUNICAZIONE PER TELEFONIA Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 27 del 31/03/2003. 50058 SIGNA (FI) - Piazza della Repubblica,

Dettagli

PERCORSO PARTECIPATO PER L APPROVAZIONE DEL PROGRAMMA PER LA TELEFONIA MOBILE DEL COMUNE DI LUCCA. Lucca, Giugno 2015

PERCORSO PARTECIPATO PER L APPROVAZIONE DEL PROGRAMMA PER LA TELEFONIA MOBILE DEL COMUNE DI LUCCA. Lucca, Giugno 2015 PERCORSO PARTECIPATO PER L APPROVAZIONE DEL PROGRAMMA PER LA TELEFONIA MOBILE DEL COMUNE DI LUCCA Lucca, Giugno 2015 TEMI DELLA RELAZIONE Legge Regionale 49/2011: principali contenuti ed implicazioni in

Dettagli

Comune di Costa Masnaga Provincia di Lecco

Comune di Costa Masnaga Provincia di Lecco REGOLAMENTO COMUNALE PER L AUTORIZZAZIONE ALL INSTALLAZIONE E ALL ESERCIZIO DI IMPIANTI PER RADIOTELECOMUNICAZIONE 2011 Comune di Costa Masnaga Provincia di Lecco Dicembre 2011 INDICE Art.1 Finalità del

Dettagli

Analisi campo Elettromagnetico ai sensi del DPCM 8/7/03 Verifica strumentale dell esposizione ai campi elettromagnetici nel Comune di Figino Serenza

Analisi campo Elettromagnetico ai sensi del DPCM 8/7/03 Verifica strumentale dell esposizione ai campi elettromagnetici nel Comune di Figino Serenza Analisi campo Elettromagnetico ai sensi del DPCM 8/7/03 Verifica strumentale dell esposizione ai campi elettromagnetici nel Comune di Figino Serenza Committente Comune di Figino Serenza Data e nome documento

Dettagli

COMUNE DI ANDRIA --o0o--

COMUNE DI ANDRIA --o0o-- COMUNE DI ANDRIA --o0o-- Regolamento per l installazione la modifica e l adeguamento delle stazioni radio base per la telefonia cellulare e servizi similari. Antenne emittenti radiotelevisive Art. 1 Applicazione

Dettagli

APPROVATO con deliberazione di Consiglio Comunale n. 19 del 19.03.2002

APPROVATO con deliberazione di Consiglio Comunale n. 19 del 19.03.2002 REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE, LA MODIFICA, L ADEGUAMENTO DELLE STAZIONI RADIO BASE PER LA TELEFONIA CELLULARE E DEGLI IMPIANTI DI RADIOTRASMISSIONE IN GENERE. Foglio notizie: APPROVATO con deliberazione

Dettagli

COMUNE DI MONTECCHIO MAGGIORE PROVINCIA DI VICENZA

COMUNE DI MONTECCHIO MAGGIORE PROVINCIA DI VICENZA COMUNE DI MONTECCHIO MAGGIORE PROVINCIA DI VICENZA REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE, IL MONITORAGGIO E LA LOCALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE CELLULARE E PER LA TUTELA DAI CAMPI

Dettagli

Campi elettromagnetici e radiazioni ionizzanti

Campi elettromagnetici e radiazioni ionizzanti RSA rovincia di Milano Campi elettromagnetici e radiazioni ionizzanti L insieme di tutte le onde elettromagnetiche, classificate in base alla loro frequenza, costituisce lo spettro elettromagnetico, che

Dettagli

COMUNE DI TORTORETO REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA RADIOMOBILE

COMUNE DI TORTORETO REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA RADIOMOBILE REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA RADIOMOBILE APPROVATO con Delibera del Consiglio Comunale n. 7 del 23 marzo 2007 Pagina 1 di 13 INDICE PREMESSA pag. 2 TITOLO

Dettagli

CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE

CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE 514 CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE 515 Conclusioni Le Considerazioni conclusive sulla Fase 2 della VIS possono essere sintetizzate in tre punti: 1. La seconda fase dopo lo screening ha approfondito in primo

Dettagli

NORMATIVA REGIONALE IN MATERIA DI PREVENZIONE DELL'INQUINAMENTO DA CAMPI ELETTROMAGNETICI

NORMATIVA REGIONALE IN MATERIA DI PREVENZIONE DELL'INQUINAMENTO DA CAMPI ELETTROMAGNETICI LEGGE REGIONALE N. 30 DEL 05-04-2000 REGIONE BASILICATA NORMATIVA REGIONALE IN MATERIA DI PREVENZIONE DELL'INQUINAMENTO DA CAMPI ELETTROMAGNETICI Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA N.

Dettagli

Introduzione al catasto

Introduzione al catasto Introduzione al catasto Angela Alberici ARPA Lombardia CASTEL Catasto Informatizzato degli Impianti di Telecomunicazione e Radiotelevisione Sala Riunioni 1 - XXVI piano Palazzo Pirelli Via Fabio Filzi,

Dettagli

Ogni stazione base viene collegata via cavo ad altri nodi della rete fissa.

Ogni stazione base viene collegata via cavo ad altri nodi della rete fissa. Reti cellulari La rete cellulare è una rete per cui la copertura geografica è realizzata con una tassellazione a celle: porzioni di area geografica che unite ricoprono perfettamente una zona. La prerogativa

Dettagli

ONDE ELETTROMAGNETICHE

ONDE ELETTROMAGNETICHE ONDE ELETTROMAGNETICHE ONDE ELETTROMAGNETICHE Sono parte integrante dell ambiente in cui viviamo e lavoriamo Di origine artificiale (per esempio le onde radio, radar e nelle telecomunicazioni) Di origine

Dettagli

COMUNE DI MONZA SETTORE AMBIENTE E QUALITÀ URBANA Ufficio Ecologia

COMUNE DI MONZA SETTORE AMBIENTE E QUALITÀ URBANA Ufficio Ecologia COMUNE DI MONZA SETTORE AMBIENTE E QUALITÀ URBANA Ufficio Ecologia REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DI IMPIANTI DI TELECOMUNICAZIONE A TECNOLOGIA CELLULARE E PER LA RADIODIFFUSIONE

Dettagli

COMUNE DI GONARS. Disciplina in materia di impianti per la telefonia mobile REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TELEFONIA MOBILE

COMUNE DI GONARS. Disciplina in materia di impianti per la telefonia mobile REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TELEFONIA MOBILE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI GONARS Disciplina in materia di impianti per la telefonia mobile (L.R. n. 3 del 18 marzo 2011- Capo III) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA

Dettagli

COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO Provincia di Livorno REGOLAMENTO COMUNALE TELEFONIA MOBILE

COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO Provincia di Livorno REGOLAMENTO COMUNALE TELEFONIA MOBILE COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO Provincia di Livorno REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE Sportello Unico Attività Produttive Polo di Rosignano Marittimo

Dettagli

CITTÀ DI MORBEGNO (Prov. di Sondrio) Via S. Pietro, 22-23017 MORBEGNO (SO)

CITTÀ DI MORBEGNO (Prov. di Sondrio) Via S. Pietro, 22-23017 MORBEGNO (SO) CITTÀ DI MORBEGNO (Prov. di Sondrio) Via S. Pietro, 22-23017 MORBEGNO (SO) REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE E LA MINIMIZZAZIONE DELL ESPOSIZIONE AI CAMPI ELETTROMAGNETICI

Dettagli

DELIBERA DI G.C. N. 122 DEL 13.10.2005 2 LA GIUNTA COMUNALE. Letta la seguente relazione del Servizio Qualità Ambiente del 10.10.

DELIBERA DI G.C. N. 122 DEL 13.10.2005 2 LA GIUNTA COMUNALE. Letta la seguente relazione del Servizio Qualità Ambiente del 10.10. DELIBERA DI G.C. N. 122 DEL 13.10.2005 2 In continuazione di seduta. LA GIUNTA COMUNALE Letta la seguente relazione del Servizio Qualità Ambiente del 10.10.2005: Oggetto: Piano Generale e programma delle

Dettagli

COMUNE DI ALTOPASCIO

COMUNE DI ALTOPASCIO COMUNE DI ALTOPASCIO REGOLAMENTO COMUNALE PER L AUTORIZZAZIONE ALL INSTALLAZIONE E ALL ESERCIZIO DI IMPIANTI PER RADIOTELECOMUNICAZIONE CON PARTICOLARE RIGUARDO ALLE ANTENNE E APPARATI ANNESSI PER TELEFONIA

Dettagli

Norme Tecniche di Attuazione

Norme Tecniche di Attuazione COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO SETTORE SVILUPPO DEL TERRITORIO SERVIZIO URBANISTICA SERVIZIO AMBIENTE PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

35272&2//2',0,685$'(,&$03,(/(775,&2(0$*1(7,&2$+]$,),1,

35272&2//2',0,685$'(,&$03,(/(775,&2(0$*1(7,&2$+]$,),1, 35272&2//2',0,685$'(,&$03,(/(775,&2(0$*1(7,&2$+]$,),1, '(// $33/,&$=,21('(//$'*51 3RVL]LRQLGLPLVXUD - Il sensore deve essere posizionato ad un altezza di 1,5 m dal suolo - La misura deve essere eseguita

Dettagli

elettrosmog radiazioni elettromagnetiche non ionizzanti frequenze.

elettrosmog radiazioni elettromagnetiche non ionizzanti frequenze. Con il termine elettrosmog si intende l'inquinamento elettromagnetico derivante da radiazioni elettromagnetiche non ionizzanti quali quelle prodotte dalle infrastrutture di telecomunicazioni come la radiodiffusione

Dettagli

Regolamento Comunale per l installazione e l esercizio degli Impianti di Telecomunicazione per Telefonia Mobile

Regolamento Comunale per l installazione e l esercizio degli Impianti di Telecomunicazione per Telefonia Mobile Regolamento Comunale per l installazione e l esercizio degli Impianti di Telecomunicazione per Telefonia Mobile (Art. 8, comma 6, legge quadro n. 36/2001) Ferrara, 8 ottobre 2013 1 Capo I Disposizioni

Dettagli

Programma annuale delle installazioni fisse di telefonia mobile in Emilia Romagna ai sensi della L.R. 30/2000

Programma annuale delle installazioni fisse di telefonia mobile in Emilia Romagna ai sensi della L.R. 30/2000 Programma annuale delle installazioni fisse di telefonia mobile in Emilia Romagna ai sensi della L.R. 30/2000 Bozzoni, F., Chiovaro, S., Piro, L., Violanti, S. Arpa Emilia Romagna Sezione di Piacenza,

Dettagli

Viaggio tra le ONDE PER SAPERNE DI PIU

Viaggio tra le ONDE PER SAPERNE DI PIU PER SAPERNE DI PIU Su queste tematiche esiste una notevole pubblicistica, di seguito si segnalano alcuni siti web di valenza istituzionale, che si occupano di salute e di ambiente e quindi anche dell argomento

Dettagli

CAMPI ELETTROMAGNETICI. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

CAMPI ELETTROMAGNETICI. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali CAMPI ELETTROMAGNETICI 209 CAMPI ELETTROMAGNETICI La crescente domanda di accesso in mobilità al mondo delle informazioni e dell intrattenimento sta comportando l aumento del numero di impianti per la

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 1323 DELL 11 LUGLIO 2014

ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 1323 DELL 11 LUGLIO 2014 ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 1323 DELL 11 LUGLIO 2014 Allegato A Indirizzi applicativi in materia di valutazione di incidenza di piani, progetti e interventi 1. Definizioni Procedimento di valutazione di

Dettagli

REGIONE TRENTINO ALTO ADIGE. Comune di Arco PROVINCIA DI TRENTO. Redazione: Ambiente Via dell Artigianato, 20 30030 Tombelle di Vigonovo (VE)

REGIONE TRENTINO ALTO ADIGE. Comune di Arco PROVINCIA DI TRENTO. Redazione: Ambiente Via dell Artigianato, 20 30030 Tombelle di Vigonovo (VE) REGIONE TRENTINO ALTO ADIGE Comune di Arco PROVINCIA DI TRENTO SETTEMBRE 2011 PIANO COMUNALE DI SETTORE PER LA LOCALIZZAZIONE DELLE INFRASTRUTTURE PER TELEFONIA MOBILE, I PONTI RADIO E GLI IMPIANTI DVB-H

Dettagli

NUMERO DI SITI DI TELEFONIA CELLULARE E RADIOTELEVISIVI PRESENTI NEL LAZIO

NUMERO DI SITI DI TELEFONIA CELLULARE E RADIOTELEVISIVI PRESENTI NEL LAZIO NUMERO DI SITI DI TELEFONIA CELLULARE E RADIOTELEVISIVI PRESENTI NEL LAZIO Anno 2014 Inquadramento del tema L esposizione a campi elettromagnetici (CEM) associata al rischio per la salute rappresenta una

Dettagli

LE RADIOTRASMISSIONI COSA SONO? COME AVVENGONO? A COSA SERVONO? PERCHE? I MEZZI IN DOTAZIONE

LE RADIOTRASMISSIONI COSA SONO? COME AVVENGONO? A COSA SERVONO? PERCHE? I MEZZI IN DOTAZIONE LE RADIOTRASMISSIONI COSA SONO? COME AVVENGONO? A COSA SERVONO? PERCHE? I MEZZI IN DOTAZIONE 1 COSA SONO? Le radiocomunicazioni, sono comunicazioni effettuate utilizzando onde radio, cioè onde elettromagnetiche

Dettagli

CITTA DI SACILE AGGIORNAMENTO. ACCORDI CON I GESTORI PROTOCOLLO D INTESA (Regolamento di attuazione, art. 9)

CITTA DI SACILE AGGIORNAMENTO. ACCORDI CON I GESTORI PROTOCOLLO D INTESA (Regolamento di attuazione, art. 9) REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI PORDENONE CITTA DI SACILE Piano comunale di settore per la localizzazione degli Impianti fissi di telefonia mobile (L.R. n. 028 del 06 dicembre 2004,

Dettagli

COMUNE DI BREMBATE DI SOPRA (PROVINCIA DI BERGAMO)

COMUNE DI BREMBATE DI SOPRA (PROVINCIA DI BERGAMO) COMUNE DI BREMBATE DI SOPRA (PROVINCIA DI BERGAMO) CAMPAGNA DI RILEVAMENTO DEI CAMPI ELETTROMAGNETICI AD ALTA FREQUENZA SUL TERRITORIO COMUNALE 1 Relazione Tecnica Revisione: Novembre 2009 Via Cavour n.

Dettagli

ART.1-OGGETTO Sono oggetto del presente Regolamento gli impianti per telefonia mobile.

ART.1-OGGETTO Sono oggetto del presente Regolamento gli impianti per telefonia mobile. REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE E LA MINIMIZZAZIONE DELL ESPOSIZIONE AI CAMPI ELETTROMAGNATICI SUL TERRITORIO COMUNALE ART.1-OGGETTO Sono oggetto del presente Regolamento

Dettagli

COMUNE DI CARTOCETO Provincia di Pesaro e Urbino

COMUNE DI CARTOCETO Provincia di Pesaro e Urbino COMUNE DI CARTOCETO Provincia di Pesaro e Urbino REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE Approvato con delibera di C.C. n 31 del 03.06.2013 Redazione a cura del

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE C O M U N E D I E M P O L I SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE S E R V I Z I O U R B A N I S T I C A SETTORE AMBIENTE, SICUREZZA E ATTIVITA PRODUTTIVE S E R V I Z I O A M B I E N T E, S I C U R E Z Z

Dettagli

Radioprotezione in siti critici

Radioprotezione in siti critici Radioprotezione in siti critici 1 Valeria Petrini, Ph.D. Student DEIS/ARCES - Fondazione Ugo Bordoni valeria.petrini@unibo.it Legge quadro, 36/2001 2 Il quadro di riferimento italiano in materia di esposizione

Dettagli

Le funzioni di una rete (parte 1)

Le funzioni di una rete (parte 1) Marco Listanti Le funzioni di una rete (parte 1) Copertura cellulare e funzioni i di base di una rete mobile Strategia cellulare Lo sviluppo delle comunicazioni mobili è stato per lungo tempo frenato da

Dettagli

PROGETTO ENERGIE RINNOVABILI : FOTOVOLTAICO SU IMMOBILI COMUNALI

PROGETTO ENERGIE RINNOVABILI : FOTOVOLTAICO SU IMMOBILI COMUNALI 151 COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dell'umanità Settore Ambiente e Attività Produttive Servizio Ambiente Unità Organizzativa Energia PROGETTO ENERGIE RINNOVABILI : FOTOVOLTAICO SU IMMOBILI COMUNALI

Dettagli

TzxÇé t exz ÉÇtÄx ÑxÜ Ät cüéàxé ÉÇx wxääëtåu xçàx wxä YÜ âä ixçxé t Z âä t

TzxÇé t exz ÉÇtÄx ÑxÜ Ät cüéàxé ÉÇx wxääëtåu xçàx wxä YÜ âä ixçxé t Z âä t TzxÇé t exz ÉÇtÄx ÑxÜ Ät cüéàxé ÉÇx wxääëtåu xçàx wxä YÜ âä ixçxé t Z âä t PROCEDURA PER LA VERIFICA DEL RISPETTO DEI LIMITI DI LEGGE DI CUI AL DPCM 08.07.03 A SEGUITO DELL ATTIVAZIONE DI IMPIANTO PER

Dettagli

Estratto da pubblicazione A.R.P.A. Provincia di Ferrara

Estratto da pubblicazione A.R.P.A. Provincia di Ferrara Estratto da pubblicazione A.R.P.A. Provincia di Ferrara Si pubblica il rapporto dell'a.r.p.a. di Ferrara sui controlli effettuati sulle Stazioni Radio Base esistenti sul territorio Comunale di Argenta

Dettagli

AERONAUTICA MILITARE ITALIANA

AERONAUTICA MILITARE ITALIANA AERONAUTICA MILITARE ITALIANA TECHNICAL REPORT SISTEMA DI MONITORAGGIO DELLE EMISSIONI E.M. IN BANDA RADAR E RADIO PRESENTAZIONE ED ANALISI DEI DATI Technical Report 2014-10-09 12:45:45 - Pagina 1/47 CONTESTO

Dettagli

COMUNE DI EMPOLI. SETTORE LLPP e POLITICHE TERRITORIALI

COMUNE DI EMPOLI. SETTORE LLPP e POLITICHE TERRITORIALI COMUNE DI EMPOLI SETTORE LLPP e POLITICHE TERRITORIALI VERBALE DELLA CONFERENZA DI SERVIZI Convocazione ai sensi dell art. 22 e succ. della Legge Regionale Toscana 23 luglio 2009 n. 40 e ss.mm.ii. Procedimento

Dettagli

EDILIZIA, descrizione del servizio "Verifica obiettivo di qualità di campo magnetico"

EDILIZIA, descrizione del servizio Verifica obiettivo di qualità di campo magnetico EDILIZIA, descrizione del servizio "Verifica obiettivo di qualità di campo magnetico" Il servizio "Verifica obiettivo di qualità di campo magnetico" (detto anche analisi di impatto magnetico o elettromagnetico)

Dettagli