PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA"

Transcript

1 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Corso Battellieri 32 Carloforte ISTITUTO MAGISTRALE STATALE D. Gabriele Pagani ISTITUTO TECNICO TRASPORTI E LOGISTICA Cristoforo Colombo PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2014 / 2015 Revisione 0.1 Approvato dal Collegio dei Docenti il 18_01_2015 Adottato dal Consiglio di Istituto il 19_01_2015

2 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Carloforte ORDINE E GRADO Scuola Secondaria Superiore di II grado SEZIONI Istituto Tecnico Trasporti e Logistica Cristoforo Colombo articolazione : Conduzione del Mezzo Navale opzioni : CMN Conduzione del Mezzo Navale CAIM Conduzione Apparati Impianti Marittimi Istituto Magistrale Statale Don Gabriele Pagani indirizzi: Liceo Linguistico Liceo delle Scienze Umane INDIRIZZO CITTA PROVINCIA Corso Dei Battellieri n Carloforte Carbonia - Iglesias CENTRALINO FAX SITO INTERNET ii

3 P.O.F. Piano dell'offerta formativa Il Piano dell'offerta formativa è la carta d'identità della scuola: in esso vengono illustrate le linee distintive dell'istituto, l'ispirazione culturale - pedagogica che lo muove, la progettazione curricolare, extracurricolare, didattica ed organizzativa delle sue attività. L'autonomia delle scuole si esprime nel POF attraverso la descrizione: delle discipline e delle attività liberamente scelte della quota di curricolo loro riservata delle possibilità di opzione offerte agli studenti e alle famiglie delle discipline e attività aggiuntive nella quota facoltativa del curricolo delle azioni di continuità, orientamento, sostegno e recupero corrispondenti alle esigenze degli alunni concretamente rilevate dell'articolazione modulare del monte ore annuale di ciascuna disciplina e attività dell'articolazione modulare di gruppi di alunni provenienti dalla stessa o da diverse classi delle modalità e dei criteri per la valutazione degli alunni e per il riconoscimento dei crediti dell'organizzazione adottata per la realizzazione degli obiettivi generali e specifici dell'azione didattica dei progetti di ricerca e sperimentazione. Il P.O.F. può essere richiesto all'istituto Riferimento normativo: DPR 275/99, art 8 iii

4 P.O.F. iii Indice iv 1 Il contesto territoriale 1 2 Le risorse umane e materiali Strutture, spazi e attrezzature dell Istituto Le risorse umane e professionali Docenti coordinatori di classe Responsabili di laboratorio Altri incarichi Personale A.T.A. 6 3 Offerta formativa istituzionale Piani di studio e profilo dei corsi ISTITUTO NAUTICO TRASPORTI E LOGISTICA Piano orario Profilo Professionale: il Pecup del diplomato in Trasporti e 8 Logistica Tavola delle Competenze previste dalla Regola A-II/1 9 STCW 95 Amended Manila Certificazione UNI ES ISO 9001: Liceo Linguistico Piano orario Profilo Professionale Liceo delle Scienze Umane Piano orario Profilo professionale 14 4 Programmazione educativa didattica: linee guida Obiettivi disciplinari Istituto Tecnico Trasporti e Logistica Attività e Insegnamenti di area generale: Primo biennio Attività e Insegnamenti dell Indirizzo Trasporti e Logistica 23 articolazione: Conduzione del mezzo 4.2 Obiettivi disciplinari Liceo Linguistico e delle Scienze Umane Risultati di apprendimento comuni a tutti i percorsi liceali Risultati di apprendimento Liceo Linguistico Risultati di apprendimento Liceo delle Scienze Umane 31 5 Valutazione degli apprendimenti Valutazione nella scuola secondaria di II grado Criteri della valutazione Griglia di valutazione: conoscenze, abilità/capacità, competenze e partecipazione all attività didattica Valutazione del comportamento Credito scolastico e credito formativo Credito scolastico Credito formativo Debiti formativi e sospensione del giudizio 36 iv

5 6 Organizzazione dell Istituto di Istruzione Superiore Gli organi collegiali della scuola Consiglio di classe Consiglio di Istituto Giunta esecutiva Collegio dei docenti Competenze ed organizzazione del Collegio dei Docenti Assemblee degli studenti Organizzazione delle Assemblee Studentesche Consulte Provinciali degli Studenti (CPS) Disciplina e organo di garanzia Carta dello Studente Estratto Regolamento di Istituto Disciplinare di comportamento Patto educativo di corresponsabilità Criteri per la formazione delle classi Criteri per l assegnazione delle classi ai docenti 57 7 Progetti educativi, didattici e culturali 7.1 Visite guidate ad aziende, istituzioni, strutture,manifestazioni, 58 concorsi, stage 7.2 Le collaborazioni e i rapporti integrati col territorio Progetti curricolari e extracurricolari Altre iniziative a sostegno degli studenti Iniziative di orientamento scolastico Attività sportive e campionati studenteschi Viaggio di istruzione 59 8 Corsi di formazione per GENTE DI MARE 60 v

6 vi

7 1 Il contesto territoriale Carloforte, unico centro abitato dell Isola di San Pietro con circa 6000 abitanti, da un punto di vista scolastico dispone dei seguenti servizi: n 1 Scuola materna privata; n 1 Istituto Comprensivo Statale che raggruppa in verticale la Scuola materna, la Scuola Elementare e la Scuola Secondaria di primo grado; n 1 Istituto di Istruzione Superiore che comprende 2 Istituti di Scuola Secondaria di secondo grado: l Istituto Magistrale Statale Don Gabriele Pagani, con le due sezioni del Liceo Linguistico e del Liceo delle Scienze Umane e l Istituto Tecnico Trasporti e Logistica articolazione Conduzione del mezzo con le due opzioni Conduzione del Mezzo Navale e Conduzione degli Apparati Impianti Marittimi. La maggior parte degli alunni che frequentano i due istituti proviene dalla scuola media locale. Tuttavia, gli studenti pendolari, provenienti da paesi limitrofi, rappresentano anch essi un numero consistente, raggiungendo il 25% circa degli iscritti. L insularità è dunque l elemento caratterizzante la realtà in cui la scuola opera: se per certi versi tale situazione offre ovvi vantaggi, d altro canto essa pone altrettanti limiti. Da un lato, infatti, sono contenute, anche se non del tutto assenti, le problematiche giovanili quali delinquenza, droga, criminalità, alta mortalità scolastica e via discorrendo, dall altro l isolamento rischia di provincializzare le nuove generazioni, chiudendole a dinamiche culturali e sociali più ampie, vale a dire a quelle opportunità che la continuità territoriale rende più accessibili e proponibili. Altro aspetto, che come questo riconduce alla scuola e alle sue risposte in funzione del contesto e del territorio, è quello economico dell isola. Il problema che coinvolge i nostri giovani è lo sbocco professionale. Allo stato attuale, le principali quote occupazionali vengono offerte nel settore dei servizi (Scuole, Uffici Comunali, Consulenze, Assicurazioni e così via), in quelli delle attività commerciali ed artigianali, della carriera marittima (un tempo rilevante nel tessuto economico e sociale dell isola), dei vari poli industriali nonché della pesca. Purtroppo lo sviluppo industriale che ha caratterizzato l area del Sulcis -Iglesiente e la nostra Regione più in generale sino agli anni 90, si è tramutato in breve tempo, come conseguenza del processo di globalizzazione, in una profonda crisi, soprattutto nel settore primario con conseguente aumento della disoccupazione. La crisi occupazionale di questi ultimi anni e la stagnazione economica hanno indirizzato diversi lavoratori del polo industriale a prendere la via del mare; in particolare coloro che, si erano formati presso l Istituto Tecnico Trasporti e Logistica hanno potuto frequentare i corsi di formazione appositamente attivati, con autorizzazione del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, per conseguire i brevetti necessari per poter accedere alle professionalità nel settore marittimo. Questi nuovi scenari occupazionali hanno suscitato nei giovani un rinnovato interesse verso le attività legate alla navigazione sia a bordo delle navi che presso agenzie marittime, indirizzando la loro attenzione anche al settore del turismo e del diporto che nei prossimi anni potrebbe fornire opportunità lavorative conseguenti alla ristrutturazione in atto dell area portuale locale e nelle strutture analoghe dell intera regione Sardegna. Alcuni dati numerici servono per comprendere meglio quanto appena detto: nei prossimi quattro anni 1

8 è previsto il varo di 200 nuove unità della Marina Mercantile, con conseguente richiesta di circa 2000 ufficiali. Tutto questo fa ben capire quali siano le prospettive occupazionali dei giovani che scelgono la via del mare dopo aver terminato gli studi. Partendo da una siffatta lettura del territorio e attento alle dinamiche in esso riscontrate, l Istituto intende, nell ambito del presente Piano, attivare iniziative che si inseriscano gradualmente in una prospettiva turistica, finalizzate all acquisizione di competenze spendibili nell isola e al di fuori di essa, considerando che il settore turistico sembra essere una valida e concreta alternativa occupazionale, per chi voglia investire nell isola le proprie energie, le proprie competenze e il proprio futuro. In particolare, se da un lato l Istituto Tecnico Trasporti e Logistica forma professionalità legate alle attività del settore marittimo, dall altro, il Liceo Linguistico, con opportune modifiche ed integrazioni, promuove una formazione ad orientamento turistico con specificità artistico ambientali, mentre il Liceo delle Scienze Umane si rivolge in special modo al sociale con predominanti valenze formative riferite ad aspetti relazionali e di comunicazione. L offerta formativa che il nostro istituto pianifica si articola attorno a precise problematiche e risorse presenti nella realtà locale, nella certezza che il tutto conduca ad una maggiore motivazione e ad un migliore coinvolgimento dei giovani studenti nel processo formativo che la scuola responsabilmente promuove. 2

9 2. Le risorse umane e materiali 2.1 Strutture, spazi e attrezzature dell Istituto RISORSE STRUTTURALI: Aule, Laboratori, Palestre, Sezione Vela e parco imbarcazioni AULE UTILIZZATE COME ORDINARIE n 16 LABORATORI n 9 LABORATORIO DI ELETTRONICA E CONTROLLI AUTOMATICI LABORATORIO DI NAVIGAZIONE LABORATORIO DI METEOROLOGIA LABORATORIO DI LINGUE LABORATORIO DI FISICA AULA DI INFORMATICA REPARTO DI MARINARESCA LABORATORIO VIRTUALE DI MACCHINE LABORATORIO DI CHIMICA PALESTRA PER EDUCAZIONE FISICA ALTRI SPAZI: Sala professori n 1 Aula Magna n 1 3

10 2.2 Le risorse umane e professionali Il Dirigente Scolastico, Prof.ssa Sally VALLEBONA, nella gestione unitaria della scuola è affiancato e coadiuvato da: N 1 DOCENTE VICARIO: Prof.ssa Grosso Maria Paola N 1 DOCENTE COLLABORATORE: Prof.ssa Damele Laura Maria UFFICIO TECNICO : Prof. Cavassa Tonio Pasquale N 1 DOCENTE DESIGNATO FUNZIONI STRUMENTALE UTILIZZO NUOVE TECNOLOGIE, POTENZIAMENTO E GESTIONE SITO WEB : Prof. Cappai Pietro Scelta ed acquisto dello spazio web sul quale collocare il sito; Tutte le pratiche per la registrazione del dominio di terzo livello GOV. IT; Realizzazione del layout grafico, personalizzazione del cms con installazione di nuovi moduli in base alle esigenze dell istituto; Creazione degli account utente assegnati in base ai ruoli ed assegnazione dei permessi specifici agli utenti per intervenire sulle diverse aree del sito; Creazione e gestione di caselle collegate al nuovo dominio Gov.it; Amministrazione del sito, richieste di supporto tecnico al fornitore di hosting in caso di malfunzionamenti; Creazioni periodiche di backup del sito e database; Aggiornamenti di sicurezza del core e moduli del CMS Drupal; Formazione sull uso del CMS al personale di segreteria e in generale ai web editor che saranno designati all inserimento ed aggiornamento dei contenuti. Supporto ai docenti per quanto riguarda l uso del sito. N 17 DOCENTI COORDINATORI DI CLASSE: Il coordinatore del Consiglio di Classe: Si occupa della stesura del piano didattico della classe; Si tiene regolarmente informato sul profitto e il comportamento della classe tramite frequenti contatti con gli altri docenti del consiglio; È il punto di riferimento circa tutti i problemi specifici del consiglio di classe; Ha un collegamento diretto con la presidenza e informa il dirigente sugli avvenimenti più significativi della classe facendo presente eventuali problemi emersi; Mantiene, in collaborazione con gli altri docenti della classe, il contatto con la rappresentanza dei genitori. In particolare, mantiene la corrispondenza con i genitori di alunni in difficoltà; Controlla regolarmente le assenze degli studenti ponendo particolare attenzione ai casi di irregolare frequenza ed inadeguato rendimento. Presiede le sedute del CdC, quando ad esse non intervenga il Dirigente. N 1 DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI : Rivano Maria Antonella N 12 classi con 234 allievi e 36 docenti ISTITUTO TECNICO TRASPORTI E LOGISTICA N 5 classi con 72 allievi e 16 docenti LICEO LINGUISTICO E DELLE SCIENZE UMANE N 20 UNITÁ DI PERSONALE ATA E N 2 UNITÁ DI PERSONALE Co.Co. Co. 4

11 2.2.1 Docenti coordinatori di classe ISTITUTO TECNICO TRASPORTI E LOGISTICA CLASSE 1 A Prof.ssa Testa Patrizia CLASSE 1 B Prof.ssa Masnata Maria Pina CLASSE 1 C Prof.ssa Feola Annalisa CLASSE 2 A Prof. Ferraro G.Pietro CLASSE 2 B Prof. Sirigu Mauro CLASSE 3 A/CAIM Prof.ssa Vallebona Rosa Gianna CLASSE 3 B /CMN Prof. Pascale Fabio CLASSE 3 C /CMN Prof. Aste Salvatore CLASSE 4 A / AIM Prof.ssa Morra Maria Chiara CLASSE 4 B / CMN Prof.ssa Leone Maria Chiara CLASSE 5 A / CAIM Prof. Schirru Mariano CLASSE 5 B / CMN Prof. Rivano Alessandro LICEO LINGUISTICO E DELLE SCIENZE UMANE CLASSE 1 B Linguistico Prof. Loddi CLASSE 2 A Scienze umane Prof.ssa Paradiso Odetta G CLASSE 3 B Linguistico Prof.ssa. Ferraro Cesarina CLASSE 4 B Linguistico Prof.ssa Russo Giulia CLASSE 5 B Linguistico Prof.ssa Pintus Gianna Responsabili di laboratorio Laboratorio Informatica 1: Prof.ssa Damico Sabina Laboratorio Informatica 2: Prof. Alfarano Domenico Laboratorio Lingue: Prof.ssa Paradiso Odetta G Laboratorio Meccanico/Tecnologico: Prof. Di Biase Mario Sala Macchine: Prof. Sirigu Mauro Laboratorio di Chimica: Prof.ssa Sidoti Cinzia Laboratorio di Fisica: Prof.ssa Grosso Maria Paola Laboratorio Meteo: Prof.ssa Damele Laura Maria Laboratorio Navigazione: Prof. Aste Salvatore Altri incarichi RSPP: D.S. Prof.ssa VALLEBONA Sally; Referente P.O.F.: Prof.ssa Damele Laura; Responsabile Commissione elettorale: Prof. Ferraro Gpietro; Referente Invalsi: Prof. Scarpa Antonio; 5

12 Referente H: Prof. Scarpa Antonio; Referente Fondazione ITS: Prof. Di Biase; Referente stage alternanza scuola lavoro/ Rapporti col territorio: Prof. Di Biase; Commissione Qualità:, Prof. Cavassa Tonio Pasquale, Prof.ssa Damele Laura, Prof. Damele Onorato, Prof. Di Biase; Referente Orientamento/Partecipazione concorsi: Prof.ssa Grosso Paola Maria; Tutor Idoneità/Giudizio Sospeso: Prof. Cavassa Tonio; Rapporti Scuola Famiglia: Docenti interessati; Referente azione di formazione denominata Master Teacher: Prof.ssa Damele Laura Personale A.T.A. Per quanto riguarda la componente amministrativa, essa svolge la funzione di supporto alle attività istituzionali attraverso un appropriato utilizzo delle risorse e a garanzia della legalità e regolarità delle attività svolte. In particolare il Direttore dei Servizi Generali e Amministrativi coordina le attività del personale ATA così suddiviso: n 5 Assistenti Amministrativi e n 2 CO.CO.CO che curano la gestione dell area amministrativa e contabile e dell area didattica e amministrativa; n 6 Assistenti Tecnici i quali verificano lo stato delle attrezzature e degli impianti dei laboratori, assicurano assistenza alle attività didattiche e forniscono il materiale di consumo necessario; n 6 Collaboratori Scolastici, la cui funzione primaria è quella della vigilanza sugli allievi e sul patrimonio, oltre ad assicurare supporto alla attività amministrativa. 6

13 3 Offerta formativa istituzionale 3.1 Piani di studio e profilo dei corsi ISTITUTO NAUTICO TRASPORTI E LOGISTICA Piano orario Discipline Biennio comune CAIM Conduzione Apparati Impianti Marittimi (ex Macchinisti) CMN Conduzione del Mezzo Navale (ex Capitani) Italiano Storia Matematica Inglese Diritto Sc. Della terra 2 2 Scienze Motorie Religione Fisica 3 3 Chimica 3 3 Rappr. Grafica 3 3 Informatica 3 Tecn. Applicate 3 Geografia 1 Compl. Di Matematica Elettrotecnica Macchine Navigazione Logistica Tot ore settimanali

14 Profilo Professionale : il Pecup del diplomato in Trasporti e Logistica Al termine del corso di studi il diplomato in trasporti e logistica : ha competenze tecniche specifiche e metodi di lavoro funzionali allo svolgimento delle attività inerenti la progettazione, la realizzazione, il mantenimento in efficienza dei mezzi e degli impianti relativi,nonché l organizzazione di servizi logistici; opera nell ambito dell area Logistica, nel campo delle infrastrutture, delle modalità di gestione del traffico e relativa assistenza, delle procedure di spostamento e trasporto, della conduzione del mezzo in rapporto alla tipologia d interesse, della gestione dell impresa di trasporti e della logistica nelle sue diverse componenti: corrieri, vettori, operatori di nodo e intermediari logistici; possiede una cultura sistemica ed è in grado di attivarsi in ciascuno dei segmenti operativi del settore in cui è orientato e di quelli collaterali. E in grado di: integrare le conoscenze fondamentali relative alle tipologie, strutture e componenti dei mezzi, allo scopo di garantire il mantenimento delle condizioni di esercizio richieste dalle norme vigenti in materia di trasporto; intervenire autonomamente nel controllo, nelle regolazioni e riparazioni dei sistemi di bordo; collaborare nella pianificazione e nell organizzazione dei servizi; applicare le tecnologie per l ammodernamento dei processi produttivi, rispetto ai quali è in grado di contribuire all innovazione e all adeguamento tecnologico e organizzativo dell impresa; agire, relativamente alle tipologie di intervento, nell applicazione delle normative nazionali, comunitarie ed internazionali per la sicurezza dei mezzi, del trasporto delle merci, dei servizi e del lavoro; collaborare nella valutazione di impatto ambientale, nella salvaguardia dell ambiente e nell utilizzazione razionale dell energia. Per far acquisire le competenze di cui al Pecup, ogni disciplina deve far riferimento ad una impostazione progettuale delle attività formative attraverso la declinazione in COMPETENZE, ABILITA e CONOSCENZE. Ogni disciplina concorre a far raggiungere gli obbiettivi(risultati di apprendimento) relativi al Pecup attraverso una adeguata programmazione interdisciplinare (le cui indicazioni possono derivare dall attività dei Dipartimenti costituiti per aree disciplinari e/o per assi culturali ). 8

15 Controllo dell operatività della nave e cura delle persone a bordo a livello operativo Maneggi o e stivaggio del carico a livello operativo Navigazione a Livello Operativo Tavola delle Competenze previste dalla Regola A-II/1 STCW 95 Amended Manila 2010 Tavola delle Competenze previste dalla Regola A-II/1 STCW 95 Amended Manila 2010 Funzione Competenza Descrizione I Pianifica e dirige una traversata e determina la posizione II Mantiene una sicura guardia di navigazione III Uso del radar e ARPA per mantenere la sicurezza della navigazione IV Uso dell ECDIS per mantenere la sicurezza della navigazione V Risponde alle emergenze VI Risponde a un segnale di pericolo in mare VII Usa l IMO Standard Marine Communication Phrases e usa l Inglese nella forma scritta e orale VIII Trasmette e riceve informazioni mediante segnali ottici IX Manovra la nave X Monitora la caricazione, lo stivaggio, il rizzaggio, cura durante il viaggio e sbarco del carico XI Controlla la caricazione, lo stivaggio, il rizzaggio, cura dei carichi durante il viaggio e loro discarica XII Ispeziona e riferisce i difetti e i danni agli spazi di carico, boccaporte e casse di zavorra XIII Assicura la conformità con i requisiti della prevenzione dell inquinamento XIV Mantenere le condizioni di navigabilità (seaworthiness) della nave XV Previene, controlla e combatte gli incendi a bordo XVI Aziona (operate) i mezzi di salvataggio XVII Applica il pronto soccorso sanitario (medical first aid) a bordo della nave XVIII Controlla la conformità con i requisiti legislativi XIX Applicazione delle abilità (skills) di comando (leadership) e lavoro di squadra (team working) XX Contribuisce alla sicurezza del personale e della nave Sbocchi professionali Settori lavorativi: strutture portuali, aeroportuali ed intermodali; organizzazione assistenza e controllo del traffico aereo, marittimo e terrestre; organizzazione e gestione dei mezzi per lo sfruttamento delle risorse marine e della loro commercializzazione; ricerca, estrazione, trasporto, raffinazione e distribuzione dei prodotti petroliferi; impianti per la trasformazione di energia; impianti per la produzione di vapore; impianti di refrigerazione e climatizzazione; impianti di raccolta e smaltimento dei rifiuti; sistemi di disinquinamento dell ambiente marino e terrestre; automazione e controllo degli impianti. Marina Mercantile: conseguimento del titolo di Ufficiale di Marina Mercantile, attraverso il tirocinio guidato, a bordo di navi e la frequenza di corsi di approfondimento e specializzazione, richiesti dalle normative internazionali. Università: la prosecuzione degli studi può avvenire in tutte le facoltà universitarie. Corsi post-diploma: i diplomati del Nautico possono accedere alla formazione post - diploma, attraverso i corsi di Istruzione e Formazione Tecnica Superiore ( IFTS). 9

16 Certificazione UNI ES ISO 9001:2008 L'Istituto Tecnico Trasporti e Logistica Cristoforo Colombo nel corso dell'a.s. 2014/15 si doterà di un sistema di Gestione della qualità con i requisiti corrispondenti alle norme UNI ES ISO 9001:2008. Il Sistema di Gestione per la Qualità, ormai largamente diffuso in tutto il mondo, è in grado di apportare benefici attraverso il miglioramento continuo delle performance dei processi dell'istituto, la sistematica efficienza nell erogazione del servizio e l incremento del vantaggio competitivo. La ISO 9001 si concentra sui processi dell'istituto, consentendo alla scuola di sviluppare il proprio sistema di gestione per la qualità sulle attività svolte, partendo da quelli che sono i dettami ministeriali e sino a giungere ad un coerente erogazione dei corsi. L Istituto Tecnico Trasporti e Logistica intende promuovere e sostenere processi di innovazione e sperimentazione volti ad aprire prospettive per un miglioramento dell offerta formativa attraverso gli interventi metodici di confronto dei processi di Progettazione/Programmazione, erogazione e valutazione delle attività della scuola: l applicazione estensiva di questo metodo consente agli istituti scolastici di rendere i servizi più efficaci e coerenti con l identità della Scuola resa esplicita nella mission. Fondamentale nella gestione di un tale sistema si rileva la documentazione che permette di formalzzare chi fa che cosa - quando, di stabilire cioè le responsabilità per ogni attività, la sequenza rigorosa delle operazioni, i controlli e le misure necessarie. Il controllo continuo delle attività garanttisce la conformità del processo ai requisiti fissati in fase progettuale, il raggiungimento degli obiettivi, l andamento e i risultati del processo stesso. (Per una scuola di qualità Linee Guida, MIUR, 2003). In tale contesto va inquadrata la Politica della Qualità della scuola finalizzata a garantire il miglioramento continuo dell offerta formativa, sostenere i processi di valorizzazione del personale, favorire l adozione, la promozione e lo sviluppo di un modello organizzativo più trasparente, efficace ed efficiente. L Istituto Tecnico Trasporti e Logistica attraverso l applicazione di un Sistema di Gestione orientato ai requisiti delle norme UNI ES ISO 9001:2008 punta ad affinare le capacità di risposta della stessa nei confronti del mercato del lavoro, sia in termini di competenza tecnica che di affidabilità, garantendo che il servizio di Istruzione erogato risulti pienamente soddisfacente per gli utenti e per tutte le parti interessate e che lo stesso poggi su solide basi di professionalità. 10

17 3.1.2 Liceo Linguistico Piano orario Discipline Biennio Triennio Lingua e letteratura italiana Lingua latina 2 2 Lingua e cultura francese Lingua e cultura inglese Lingua e cultura tedesca Storia Filosofia Storia e geografia Scienze naturali Fisica Matematica Storia dell arte Conversazione col docente di madre lingua inglese Conversazione col docente di madre lingua francese Conversazione col docente di madre lingua tedesca Scienze motorie e sportive Religione o Att. alt TOTALE QUADRO ORARIO

18 Profilo Professionale L indirizzo nasce nel 1989 come Maxisperimentazione e si trasforma nel 94/95 in sperimentazione Brocca per ottimizzare e uniformare il sistema scolastico secondo i propri fini istituzionali. Il corso di studi ha durata quinquennale ed è articolato sulle seguenti discipline: tre Lingue Straniere, Storia e geografia, Storia, Latino, Filosofia, Scienze, Biologia, Matematica,Fisica, oltre che Italiano, Arte, Scienze motorie, Religione. Sbocchi professionali Il bagaglio di competenze acquisite con questo tipo di indirizzo è spendibile in diversi campi, dall ambito universitario a quello del settore terziario. Al giorno d oggi, conseguire il diploma del Liceo Linguistico, infatti, si rivela una valida strategia per soddisfare la crescente domanda di tre settori del mercato del lavoro, da quello informatico al turistico - alberghiero, al settore degli operatori specializzati in campo linguistico. Quanto al settore turistico è opportuno aprire una più ampia parentesi; la parola turismo richiama alla mente diverse opportunità e varie figure professionali che possono inserirsi in strutture (Agenzie di Viaggio, Guide Turistiche, Operatori di supporto ad attività Alberghiere) già esistenti sul territorio regionale e nazionale, ma soprattutto isolano, il cui patrimonio culturale e ambientale, non di poco rilievo, attende ancora di assurgere a risorsa economica primaria. Orbene, il corso Linguistico si sta orientando nei suoi contenuti e percorsi anche in questa direzione, attivando progetti extra-curricolari, al fine di offrire alle nostre allieve validi orientamenti formativi o sbocchi professionali da investire anche nel nostro territorio. Da qui l esigenza di aprire la scuola a raccordi produttivi con gli enti locali, affinché nell ambito del P.O.F., si inseriscano tutte quelle iniziative che, seppur gradualmente e con le opportune modifiche ed integrazioni, possano promuovere una formazione ad orientamento turistico con caratterizzazione artistico- ambientale. Oltre a questi percorsi curricolari illustrati in sintesi, nei quali sono previsti anche viaggi di istruzione come occasione di riscontro ed esperienza diretta di contenuti disciplinari assimilati, la scuola attiva iniziative e progetti, per far si che essa diventi un autentico punto di riferimento culturale e aggregante nel contesto sociale ed economico della nostra realtà, coinvolgendo concretamente le famiglie e tutti quei soggetti istituzionali corresponsabili dell azione formativa dei nostri studenti. Tuttavia, occorre fare delle opportune riflessioni anche sulla attuale e oramai globalizzata realtà del mondo del lavoro. La richiesta di personale sempre più qualificato ci induce a ritenere che, oggigiorno, il conseguimento del solo diploma non è più sufficiente, ma occorre possedere competenze certificate, soprattutto in quelle discipline, quali l inglese e l informatica, ritenute indispensabili per accedere al mondo del lavoro. Ecco il motivo per cui l Istituto Magistrale Don G. Pagani ha programmato corsi extra-curricolari di informatica e di lingua inglese, francese e tedesco con la possibilità di sostenere gli esami finali nella nostra sede per il conseguimento delle relative certificazioni, certo di fornire all utenza dei servizi qualitativamente validi. 12

19 3.1.3 Liceo delle Scienze Umane Piano orario Biennio Triennio Lingua e letteratura italiana Lingua e letteratura latina Storia e geografia Storia Filosofia Scienze Umane Diritto ed Economia Lingua e cultura straniera inglese Matematica Fisica Scienze naturali Storia dell arte Scienze motorie e sportive Religione cattolica o Att. alt Totale ore settimanali

20 Profilo professionale Il corso di studi del Liceo delle Scienze Umane si articola in 5 anni. La peculiarità dell indirizzo è data da una sostenuta cultura generale, nella quale trovano adeguato rilievo le componenti artistico -letterarie, storico-filosofiche e matematico-scientifiche. Gli studenti, a conclusione del percorso di studio, dovranno: aver acquisito le conoscenze dei principali campi d indagine delle scienze umane mediante gli apporti specifici e interdisciplinari della cultura pedagogica, psicologica e socio-antropologica; aver raggiunto, attraverso la lettura e lo studio diretto di opere e di autori significativi del passato e contemporanei, la conoscenza delle principali tipologie educative, relazionali e sociali proprie della cultura occidentale e il ruolo da esse svolto nella costruzione della civiltà europea; saper identificare i modelli teorici e politici di convivenza, le loro ragioni storiche, filosofiche e sociali, e i rapporti che ne scaturiscono sul piano etico - civile e pedagogico - educativo; saper confrontare teorie e strumenti necessari per comprendere la varietà della realtà sociale, con particolare attenzione ai fenomeni educativi e ai processi formativi, ai luoghi e alle pratiche dell educazione formale e non, ai servizi alla persona, al mondo del lavoro, ai fenomeni interculturali; possedere gli strumenti necessari per utilizzare, in maniera consapevole e critica, le principali metodologie relazionali e comunicative, comprese quelle relative alla media education. Gli sbocchi professionali Tale indirizzo fornisce un bagaglio di competenze spendibile per l inserimento nelle strutture pubbliche rappresenta un trampolino di lancio per nuove figure professionali: Assistenti Sociali, Sociologo, Psicologo, Pedagogista, Fisioterapista. E un indirizzo che orienta verso un mercato del lavoro non ancora saturo sia nel settore pubblico che privato. Le sue peculiarità sono configurabili, sia nell offerta di basi culturali per la prosecuzione in studi universitari specifici, in particolare per chi intenda orientarsi verso l insegnamento nelle scuola primaria, sia nell orientamento verso attività rivolte al sociale con predominanti valenze culturali e educative nonché relazionali. 14

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

2. Il profilo culturale, educativo e professionale degli Istituti Tecnici

2. Il profilo culturale, educativo e professionale degli Istituti Tecnici ALLEGATO A Profilo educativo, culturale e professionale dello studente a conclusione del secondo ciclo del sistema educativo di istruzione per gli Istituti Tecnici 1. Premessa I percorsi degli Istituti

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Prof. PAOLO SECLÌ Docente di Attività motoria per l età evolutiva

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

GUIDA ALLA SCELTA DELLA SCUOLA SUPERIORE. nel Circondario

GUIDA ALLA SCELTA DELLA SCUOLA SUPERIORE. nel Circondario GUIDA ALLA SCELTA DELLA SCUOLA SUPERIORE nel Circondario anno scolastico 2012/2013 INDICE dei Contenuti Premessa 1. Introduzione 1.1. Come usare questa guida: obiettivi, cosa contiene 1.2. Per gli studenti

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che 2013.201 Il POF è il documento che definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI descrive ciò che il FERMI offre agli studenti e alle loro famiglie Grafica originale di copertina gentilmente

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (d.p.r. 15 marzo 2010, n. 87, articolo 8, comma 6) 1 INDICE Premessa 1. Azioni per il passaggio al nuovo ordinamento 1.1.Rendere

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO. (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3)

ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO. (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3) ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3) 1 INDICE Premessa 1. Azioni per il passaggio al nuovo ordinamento 1.1.Rendere riconoscibile

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore 1 di 20 Insegnamenti di Informatica nelle scuole superiori: la situazione attuale Prof. Minerva Augusto (Membro del Consiglio

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

ore 1 biennio DISCIPLINE unitario Lingua inglesee Storia Matematica Diritto ed economia alternative Totale ulteriori lingue

ore 1 biennio DISCIPLINE unitario Lingua inglesee Storia Matematica Diritto ed economia alternative Totale ulteriori lingue ATTIVITÀ E INSEGNAMENTI GENERALI COMUNI AGLI INDIRIZZI DEL SETTORE ECONOMICO Lingua e letteratura italiana 1^ 2^ secondo biennio e quinto anno costituiscono un percorso formativo unitario 3^ 4^ 5^ Lingua

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

Unione Europea Fondo Sociale Europeo

Unione Europea Fondo Sociale Europeo Unione Europea Fondo Sociale Europeo M.P.I. LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D Alessandro Via S.Ignazio di Loyola - BAGHERIA www.lsdalessandro.it e-mail liceodalessandro@istruzione.it PEC paps09000v@postacertificata.org

Dettagli

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI La Scheda Unica Annuale (SUA) è lo strumento di programmazione dei Corsi di Laurea e attraverso il quale l ANVUR farà le proprie valutazioni sull accreditamento (iniziale e periodico)

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

Tasso di copertura della rilevazione. Numero di scuole che hanno risposto

Tasso di copertura della rilevazione. Numero di scuole che hanno risposto MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva de Biasio S. Croce 1299-30135 VENEZIA Ufficio IV - Ordinamenti scolastici -

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA ALLEGATO 2 TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI DELLA TERZA FASCIA DELLE GRADUATORIE AD ESAURIMENTO DEL PERSONALE DOCENTE ED EDUCATIVO DELLE SCUOLE ED ISTITUTI DI OGNI ORDINE E GRADO, APPROVATA CON D.M 27

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s.

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s. n..reg.iscriz. n..matr. MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Classico e Linguistico Statale ARISTOFANE 00139 ROMA - VIA MONTE RESEGONE, 3 068181809 - FAX

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Schema di regolamento recante Disposizioni per la razionalizzazione ed accorpamento delle classi di concorso a cattedre e a posti di insegnamento,

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO Art. 1 Disposizioni generali 1.1. Per gli anni scolastici 1997-98, 1998-99 e 1999-2000, nell'autorizzazione al funzionamento

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

LA CULTURA ECONOMICA NEI LICEI

LA CULTURA ECONOMICA NEI LICEI LA CULTURA ECONOMICA NEI LICEI AGENZIA NAZIONALE PER LO SVILUPPO DELL AUTONOMIA SCOLASTICA (ex-irre Lombardia) in collaborazione con AEEE-Italia A cura di Chiara Sequi, USP di Milano ed Enrico Castrovilli,

Dettagli

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO TABELLA B TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso l insegnamento di strumento musicale nella scuola media), VALIDE PER

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof.

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Luigi Di Prinzio Titolo del master Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie II livello

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Strumee nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Giorgia Lorenzato 2011 by Mondadori Education S.p.A., Milano Tutti i diritti riservati www.mondadorieducation.it

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli