2 Qual è il termine ultimo per passare alla misurazione netta? 3 Quali obblighi ha il produttore in relazione al passaggio alla misurazione netta?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "2 Qual è il termine ultimo per passare alla misurazione netta? 3 Quali obblighi ha il produttore in relazione al passaggio alla misurazione netta?"

Transcript

1 Pagina 1 di 7 FAQ passaggio dalla misurazione lorda a quella netta Con la revisione dell Ordinanza sull energia (OEn) e la sua entrata in vigore con effetto al 1 gennaio 2010 è stata introdotta, nell ambito della rimunerazione per l immissione di energia a copertura dei costi (RIC), la misurazione netta della produzione di energia elettrica. Ora va registrata la produzione netta, ovvero la differenza tra la produzione direttamente sul generatore di corrente (produzione lorda) e il consumo proprio dell impianto (alimentazione ausiliaria). La registrazione deve avvenire tramite misurazione diretta oppure tramite calcolo, il quale deve basarsi su valori misurati. Il presente documento fornisce risposte alle domande più frequenti che produttori e gestori di reti di distribuzione pongono in merito al passaggio dalla misurazione lorda a quella netta. 1 Perché è necessario passare alla misurazione netta? Il cambiamento è necessario in seguito a un adeguamento del tipo di misurazione degli impianti di produzione. Secondo i requisiti sinora validi, gli impianti RIC potevano applicare la misurazione lorda, mentre per tutti gli altri era già obbligatoria quella netta (GO, FCS). D ora in poi tutti gli impianti devono attenersi allo schema di misurazione previsto dal Metering Code 2009 (vedere pagina 20, figura 5). Nell ambito di questo calcolo (secondo le indicazioni dell AES sull energia ausiliaria e quelle dell UFE in materia d immissione ausiliaria) il consumo proprio dell impianto dev essere detratto dalla quantità di energia che esso ha prodotto prima dell immissione in rete. Gli impianti beneficiari dell incentivo dovrebbero ridurre il più possibile il consumo proprio per non erodere eccessivamente la produzione, in modo da poter garantire un bilancio energetico-ecologico positivo. Questo è l obiettivo primario del passaggio alla misurazione netta. 2 Qual è il termine ultimo per passare alla misurazione netta? Disposizione transitoria: il passaggio dalla misurazione lorda a quella netta è obbligatorio per tutti i produttori il cui impianto è entrato in funzione dopo il 1 gennaio Gli impianti a biomassa devono operare questo cambiamento anche se sono stati messi in esercizio prima di tale data. La produzione netta va registrata e comunicata al più tardi con decorrenza dal 1 gennaio Quali obblighi ha il produttore in relazione al passaggio alla misurazione netta? È di responsabilità del produttore garantire che la misurazione netta venga compiuta correttamente. 4 Quali obblighi ha il gestore della rete di distribuzione in relazione al passaggio alla misurazione netta? Il gestore della rete di distribuzione deve confermare che per gli impianti interessati è avvenuto il passaggio alla misurazione netta. Deve altresì segnalare a Swissgrid e al gruppo di bilancio per le energie rinnovabili (GBER) eventuali nuovi punti (stazioni) di misurazione creati ai fini della nuova procedura (ad es. punti di misurazione virtuali oppure stazioni separate per la produzione e per il consumo (fabbisogno) proprio). 5 Quali regole si applicano quando l impianto preleva dalla rete energia per consumo (fabbisogno) proprio, ad esempio in caso di accensione o revisione? In caso d impianti soggetti alla misurazione della curva di carico, se i punti di misurazione per la produzione e il consumo proprio sono separati, occorre assegnare al gruppo di bilancio per le energie rinnovabili (GBER)

2 Pagina 2 di 7 entrambi i punti. Se la misurazione netta (mediante telelettura) avviene in un unico punto, va attribuito al GBER il punto di misurazione complessivo (destinato sia alla produzione sia all alimentazione ausiliaria). Il consumo proprio degli impianti è conteggiato al produttore sempre dal GBER. Il gestore della rete di distribuzione non è autorizzato ad addebitare alcun costo di utilizzazione della rete in relazione al fabbisogno proprio degli impianti. I costi per il consumo proprio degli impianti sono di ammontare identico alla tariffa di rimunerazione dell energia prodotta (tariffa di rimunerazione RIC calcolata per l impianto). Gli impianti non soggetti alla misurazione della curva di carico prelevano l energia presso l azienda elettrica locale. Per questa energia prelevata ha luogo un conteggio fra il GBER, il gruppo di bilancio interessato e quindi anche l azienda locale di approvvigionamento elettrico (AAE). Le immissioni in rete diminuiscono e quindi anche la rimunerazione degli impianti. Se in un periodo di conteggio i prelievi di energia superano la produzione, il gruppo di bilancio interessato (e quindi anche l AAE locale) ricevono un accredito. 6 Il passaggio alla misurazione netta implica la modifica delle tariffe di rimunerazione? Per gli impianti con un notevole fabbisogno proprio, ad esempio quelli a biomassa (esclusi gas di depurazione e di discarica), le tariffe sono state aumentate in misura pari all importo che era stato rettificato verso l alto in base alla misurazione lorda di impianti di riferimento. Per altre domande sul calcolo delle nuove tariffe di rimunerazione vi preghiamo di rivolgervi direttamente all UFE. Per stabilire l ammontare della rimunerazione è determinante la quantità di elettricità (produzione netta) rilevata nella stazione di misurazione (punto d immissione). Per produzione netta s intende la differenza tra la produzione direttamente sul generatore di corrente (produzione lorda) e il consumo proprio dell impianto (alimentazione ausiliaria). La registrazione deve avvenire tramite misurazione diretta oppure tramite calcolo, il quale deve basarsi su valori misurati. Per la misurazione è determinante la procedura descritta nel Metering Code (disponibile in lingua tedesca e francese) dell AES 1 e schematizza nella figura 5 del medesimo (riprodotta anche qui di seguito). Informazioni più dettagliate in merito sono disponibili nella «Direttiva sulla rimunerazione per l immissione in rete a copertura dei costi - Parte generale» 2» (a partire dalla pagina 11 della medesima). 1 Link: 2 Link:

3 Pagina 3 di 7 7 Quali elementi di consumo rientrano nel fabbisogno proprio dell impianto e vanno quindi inclusi nella misurazione netta? Sono considerati fabbisogno proprio tutti gli elementi di consumo di cui l impianto di produzione di energia necessita per funzionare conformemente a pertinenti disposizioni di legge. Negli impianti a gas di depurazione (fogna) che non utilizzano soltanto fanghi ma anche altri tipi di biomassa (cosubstrati), anche l elettricità necessaria per i processi di pre e posttrattamento dei cosubstrati rientra nel fabbisogno proprio dell impianto di produzione. 8 Quali sono i limiti di sistema determinanti per stabilire il fabbisogno proprio? Per consumo proprio dell impianto di produzione di energia (alimentazione ausiliaria) s intende tutta la corrente necessaria per i processi di cui all Appendice 1.5 numero 2.4 lettere a-d OEn, che va quindi detratta dalla produzione lorda (elettricità prodotta direttamente dal generatore). Il fabbisogno proprio è destinato ad esempio al funzionamento dello sminuzzatore, delle pompe, delle pale mescolatrici, dei nastri trasportatori, dei soffianti, nonché all esercizio, all illuminazione ecc. La seguente descrizione serve a definire i limiti di sistema di nuovi impianti e di impianti ampliati o rinnovati in misura considerevole. Questi limiti sono rilevanti per la determinazione dei costi, delle esigenze minime e del consumo proprio di energia elettrica per un impianto. Per ogni impianto vi è un solo punto d immissione (art. 3b cpv. 2 OEn). a) Di essi fanno parte le installazioni necessarie solamente per l impianto stesso ai fini del ritiro di combustibile o substrato nonché per il pretrattamento e la preparazione. Le installazioni possono servire a diverse linee di impianti. b) In genere, negli impianti bioenergetici si svolge un processo a più stadi. Nel primo stadio di conversione, la biomassa primaria viene trasformata in un prodotto intermedio mediante ad esempio fermentazione, gassificazione o combustione. I prodotti intermedi ottenuti rappresentano vettori energetici secondari e possono essere: biogas da fermentazione

4 Pagina 4 di 7 anaerobica, bioetanolo da fermentazione alcolica, gas ricavato dalla gassificazione del legno, olio da pirolisi o vapore da combustione. c) Per la produzione di elettricità, in un secondo stadio di conversione i prodotti intermedi ovvero i vettori energetici secondari vengono trasformati in energia elettrica e calore mediante impianti di cogenerazione termoelettrica (CTE). Ciò può avvenire attraverso processi di evaporazione convenzionali, il ciclo di Rankine organico, motori a vapore ecc. oppure anche per mezzo di altri impianti di cogenerazione, come ad esempio centrali termoelettriche a blocco combinate con motori a combustione interna, (micro)turbine a gas, celle a combustibile e motori Stirling. d) Di essi fanno parte le installazioni necessarie solamente per l impianto stesso ai fini del posttrattamento o della preparazione di sostanze residue e sottoprodotti come ad esempio cenere raccolta nei filtri, acque reflue, digestato ecc. Di seguito sono illustrati schematicamente i limiti di sistema:

5 Pagina 5 di 7 1) Esempio d impianto a gas di depurazione (fogna) Negli impianti a gas di depurazione (fogna) che non utilizzano soltanto fanghi ma anche altri tipi di biomassa (cosubstrati), anche l elettricità necessaria per i processi di pre e posttrattamento dei cosubstrati rientra nel fabbisogno proprio dell impianto di produzione. 2) Esempio d impianto a gas di discarica 9 I gestori di reti di distribuzione sono stati informati del passaggio alla misurazione netta? Sì, il 20 novembre 2009 è stata inviata loro una lettera corredata di una scheda (punto 1.3 della medesima) per comunicare loro questo cambiamento, precisando che i relativi produttori sarebbero stato informati al riguardo.

6 Pagina 6 di 7 10 I produttori interessati sono stati informati del passaggio alla misurazione netta? I produttori interessati hanno ricevuto per posta una comunicazione al riguardo, corredata della necessaria documentazione. Se nel quadro dell attuale procedura di notifica il vostro impianto dovesse ancora passare dalla misurazione lorda a quella netta, vi preghiamo di richiedere i necessari moduli al Centro clienti e informazioni ( o 11 L immissione netta può essere determinata anche in base a un calcolo? Sì, a condizione che il calcolo sia basato su valori di misurazione. Per gli impianti non soggetti alla misurazione della curva di carico, i valori rilevati dal contatore del consumo proprio possono essere detratti da quelli del contatore di produzione nel quadro dei dati che il gestore della rete di distribuzione notifica a Swissgrid. Questo procedimento è consentito anche per gli impianti soggetti alla misurazione della curva di carico, posto che entrambi i contatori (quello della produzione e quello del consumo proprio) la effettuino e siano raggruppati in una stazione di misurazione virtuale nel sistema di gestione dei dati energetici (GDE) del GRD. Al GBER e a Swissgrid possono essere inviati solo i valori netti (saldo fra produzione e consumo) della stazione di misurazione virtuale. 12 L energia prelevata dalla rete per il fabbisogno proprio degli impianti può essere soggetta a tariffe di utilizzazione della rete? No. Per legge 3 i consumatori finali devono versare il corrispettivo per l utilizzazione della rete per singolo punto di prelievo. Nella definizione di consumatore finale ai sensi della LAEI 4 è d altronde esplicitamente escluso il fabbisogno energetico proprio delle centrali elettriche (e quello delle pompe nelle centrali ad accumulazione). 13 Che cosa implica la mancata attuazione della misurazione netta entro la fine del 2010? Un impianto che non si è attrezzato per la misurazione netta entro la fine del 2010 non risponde più ai requisiti previsti dall Ordinanza sull energia (OEn) e a partire dal 2011 è rimunerato a una tariffa ridotta (ovvero al prezzo di mercato stabilito dall UFE). 14 Quale procedura tecnica si applica ai dati riguardanti i prelievi dalla rete dopo il passaggio alla misurazione netta? Scopo della misurazione netta è ridurre il più possibile il consumo proprio degli impianti affinché non eroda eccessivamente la loro produzione. Per questo motivo il punto di misurazione di un impianto può essere assegnato a un solo gruppo di bilancio. Per gli impianti soggetti alla misurazione della curva di carico si tratta del gruppo di bilancio per le energie rinnovabili (GBER). Nel quadro della procedura delle garanzie di origine, Swissgrid attesta i periodi in cui il consumo supera la produzione emettendo delle garanzie di origine negative. Attuazione tecnica della misurazione netta Occorre dotarsi di un contatore di valori netti che rilevi, in quanto punto di misurazione netta, l energia elettrica restituita alla rete e il possibile prelievo nel punto di trasferimento in rete. L altra possibilità consiste 3 Legge sull approvvigionamento elettrico (LAEI), art. 14 cpv. 2 4 LAEl, art. 4 cpv. 1 lett. b

7 Pagina 7 di 7 nel raggruppare, nel quadro del sistema di gestione dei dati energetici (GDE), diversi contatori in un punto virtuale di misurazione netta che monitori entrambe le direzioni, quella di restituzione di energia in rete e quella di prelievo. Il punto (stazione) di misurazione segnala al GBER e a Swissgrid valori positivi e negativi in due serie temporali separate in base alla direzione (produzione e consumo). Vantaggi Procedura chiara e conforme alla Direttiva «Un unico punto d immissione per singolo impianto» Un unico punto di misurazione per singolo impianto che può essere annoverato nel GBER permette di evitare la fornitura di dati errati. CH0XXXX012345YYYYYY Produzione Consumo Il contatore utilizzato per l impianto deve leggere ambedue le direzioni. Deve trasmettere i dati della linea 1-1:2.29.0*255 e ora anche quelli della linea 1-1:1.29.0*255 che devono essere impostate in un unico punto di misurazione. Il sistema di gestione dei dati energetici (GDE) trasmette quindi solo i valori positivi del punto di misurazione, separatamente per le due direzioni. Nella maggioranza dei casi il valore della linea di prelievo sarà pari a zero, salvo in caso di fabbisogno proprio senza produzione, come illustrato nella tabella sopra. Il GDE di Swissgrid addiziona in seguito i valori delle linee ai fini dell emissione delle garanzie di origine (GO). Poiché il punto di misurazione è già assegnato al GBER e i GRD comunicano già a quest ultimo la somma delle curve di immissione (SCI) (linea 1-1:2.29.0*255), d ora in poi va segnalata al GBER anche una somma delle curve di carico (SCC) della linea 1-1:1.29.0*255.

Le sette domande più frequenti sulla regolamentazione del consumo proprio

Le sette domande più frequenti sulla regolamentazione del consumo proprio Data 24 marzo 2014 Versione 1.0 Le sette domande più frequenti sulla regolamentazione del consumo proprio 1. Cosa si intende per regolamentazione del consumo proprio? 2 2. Quali effetti ha la regolamentazione

Dettagli

Fornitura di prestazioni Dati certificati relativi all impianto di produzione Biomassa-biogas

Fornitura di prestazioni Dati certificati relativi all impianto di produzione Biomassa-biogas 01.12.2014 08 FO 08 41 02 Dati certificati relativi all'impianto 1 di 5 1 Certificazione per l impianto Numero progetto RIC: (annunciato per RIC o per RU) Per impianti RIC presenti nella lista d'attesa

Dettagli

Sistema svizzero per il rilascio delle garanzie di origine

Sistema svizzero per il rilascio delle garanzie di origine Pagina 1 di 13 Guida per la certificazione di impianti e dati di produzione Sistema svizzero per il rilascio delle garanzie di origine Edizione: 1 gennaio 2014 Restano riservati tutti i diritti, in particolare

Dettagli

Fornitura di prestazioni Dati certificati relativi all impianto di produzione Forza idrica

Fornitura di prestazioni Dati certificati relativi all impianto di produzione Forza idrica 01.12.2014 08 FO 08 41 02 Dati certificati relativi all'impianto 1 di 5 1 Certificazione per l impianto Numero progetto RIC: (annunciato per RIC o per RU) Per impianti RIC presenti nella lista d'attesa

Dettagli

Fornitura di prestazioni Dati certificati relativi all impianto di produzione Fotovoltaico

Fornitura di prestazioni Dati certificati relativi all impianto di produzione Fotovoltaico 01.12.2014 08 FO 08 41 02 Dati certificati relativi all'impianto 1 di 5 1 Certificazione per l impianto Numero progetto RIC: (annunciato per RIC o per RU) Per impianti RIC presenti nella lista d'attesa

Dettagli

Costi di utilizzazione della rete di trasmissione svizzera

Costi di utilizzazione della rete di trasmissione svizzera Costi di utilizzazione della rete di trasmissione svizzera Per garantire il trasporto di energia elettrica nonché la sicurezza e l affidabilità della rete svizzera ad altissima tensione sono necessari

Dettagli

Tariffe per l uso della rete AET 2015 Versione 31 agosto 2014

Tariffe per l uso della rete AET 2015 Versione 31 agosto 2014 Tariffe per l uso della rete AET 2015 Versione 31 agosto 2014 Premessa generale In base alla Legge federale sull approvvigionamento elettrico (di seguito LAEl) dal 1 gennaio 2009 i consumatori con un consumo

Dettagli

Direttiva per il finanziamento dei costi supplementari (FCS)

Direttiva per il finanziamento dei costi supplementari (FCS) Dipartimento federale dell ambiente, dei trasporti, dell energia e delle comunicazioni DATEC Direttiva per il finanziamento dei costi supplementari (FCS) secondo l'articolo 7 capoverso 7 LEne (versione

Dettagli

Versione 1.5 del 1 gennaio 2016

Versione 1.5 del 1 gennaio 2016 Dipartimento federale dell ambiente, dei trasporti, dell energia e delle comunicazioni DATEC Ufficio federale dell'energia UFE Versione 1.5 del 1 gennaio 2016 Direttiva sulla rimunerazione a copertura

Dettagli

Regolamento sul consumo proprio e garanzie di origine

Regolamento sul consumo proprio e garanzie di origine Regolamento sul consumo proprio e garanzie di origine Informazioni sull'applicazione della regolamentazione sul consumo proprio in relazione al sistema svizzero delle garanzie di origine 2 Introduzione

Dettagli

Istruzioni per la compilazione del modulo di certificazione degli impianti fotovoltaici. Indice. Edizione: 1 dicembre 2014

Istruzioni per la compilazione del modulo di certificazione degli impianti fotovoltaici. Indice. Edizione: 1 dicembre 2014 Istruzioni per la compilazione del modulo di certificazione degli impianti fotovoltaici Indice 0. Preambolo 2 1. Certificazione per l impianto 3 2. Dati base dell'impianto di produzione 4 3. Dati delle

Dettagli

v. il dimensionamento d impianto vi. l integrazione con la realtà produttiva 3. Le opportunità ambientale ed economica

v. il dimensionamento d impianto vi. l integrazione con la realtà produttiva 3. Le opportunità ambientale ed economica Workshop Rafforzare la competitività delle PMI: opportunità in Europa Investire nello sviluppo sostenibile: la cogenerazione ing. Giuseppe Starace Università del Salento LECCE (I) Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

Finanziamento dei costi supplementari in base all art. 7 cpv. 7 della LEne e all art. 5a-5c dell OEn

Finanziamento dei costi supplementari in base all art. 7 cpv. 7 della LEne e all art. 5a-5c dell OEn Pagina 1 di 10 Istruzione concernente il finanziamento dei costi supplementari (FCS) dell organismo indipendente Finanziamento dei costi supplementari in base all art. 7 cpv. 7 della LEne e all art. 5a-5c

Dettagli

Programma dettagliato del Corso

Programma dettagliato del Corso CORSO DI FORMAZIONE CTI IMPIEGO DELLA COGENERAZIONE PER LA CLIMATIZZAZIONE DELL EDIFICIO CON CENNI A METODOLOGIE E PROCEDURE PER L ENERGY AUDIT 7 8 MAGGIO 2008 CON IL PATROCINIO Programma dettagliato del

Dettagli

CONCERNENTE LA RICHIESTA DI UN CREDITO DI FR. 100'000

CONCERNENTE LA RICHIESTA DI UN CREDITO DI FR. 100'000 MESSAGGIO NO. 32 CONCERNENTE LA RICHIESTA DI UN CREDITO DI FR. 100'000.-- PER L ALLESTIMENTO DI UN PROGETTO E PREVENTIVO DEFINITIVO PER LA RISTRUTTURAZIONE DEGLI IMPIANTI DI VALORIZZAZIONE DEL BIOGAS Signor

Dettagli

Il significato della cogenerazione efficiente

Il significato della cogenerazione efficiente Il significato della cogenerazione efficiente Marco Pezzaglia Autorità per l energia l elettrica e il gas Direzione Mercati La cogenerazione in Italia FAST 31 maggio 2007 1 Condizioni per la cogenerazione

Dettagli

Testo integrato delle modalità e delle condizioni tecnico-economiche per lo scambio sul posto (TISP) L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

Testo integrato delle modalità e delle condizioni tecnico-economiche per lo scambio sul posto (TISP) L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Deliberazione 3 giugno 2008 - ARG/elt 74/08 Testo integrato delle modalità e delle condizioni tecnico-economiche per lo scambio sul posto (TISP) L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Nella riunione

Dettagli

IMPIANTI QUALIFICATI IAFR INVIO ATTESTAZIONE DI PRODUZIONE ANNO 2011

IMPIANTI QUALIFICATI IAFR INVIO ATTESTAZIONE DI PRODUZIONE ANNO 2011 IMPIANTI QUALIFICATI IAFR INVIO ATTESTAZIONE DI PRODUZIONE ANNO 2011 Si informano i soggetti titolari di impianti alimentati a fonti rinnovabili, qualificati IAFR e incentivati con Certificati Verdi (CV)

Dettagli

BESC : dal refluo, energia rinnovabile! Sustainable Technologies SL ha lanciato un nuovo concetto: BESC (Biodepuratore Ecosostenibile per Siero

BESC : dal refluo, energia rinnovabile! Sustainable Technologies SL ha lanciato un nuovo concetto: BESC (Biodepuratore Ecosostenibile per Siero BESC : dal refluo, energia rinnovabile! Sustainable Technologies SL ha lanciato un nuovo concetto: BESC (Biodepuratore Ecosostenibile per Siero Caseario). Dalla nascita del concetto ad oggi, BESC si è

Dettagli

«Sfruttamento di residui di cibo» Scheda informativa

«Sfruttamento di residui di cibo» Scheda informativa «Sfruttamento di residui di cibo» Scheda informativa Versione aggiornata aprile 2016 Situazione di partenza Dal 1 luglio 2011 in Svizzera è vietato nutrire i suini con residui di cibo. Per tale motivo

Dettagli

Piano Energetico Cantonale. Schede settoriali. Produzione di energia termica P.8. Biomassa scarti organici P.8

Piano Energetico Cantonale. Schede settoriali. Produzione di energia termica P.8. Biomassa scarti organici P.8 Biomassa scarti organici 97 Situazione attuale Con il termine «scarti organici» ci si riferisce a sostanze di origine organica, animale o vegetale. È possibile classificare tali sostanze in funzione delle

Dettagli

3 - Cogenerazione tecnologie disponibili, aspetti ambientali e gestionali. Enrico Malusardi Professore a contratto, Politecnico di Milano

3 - Cogenerazione tecnologie disponibili, aspetti ambientali e gestionali. Enrico Malusardi Professore a contratto, Politecnico di Milano 3 - Cogenerazione tecnologie disponibili, aspetti ambientali e gestionali Enrico Malusardi Professore a contratto, Politecnico di Milano PERCHE LA COGENERAZIONE? È la produzione combinata di calore e di

Dettagli

Incentivi federali per il fotovoltaico: Stato attuale e prospettive

Incentivi federali per il fotovoltaico: Stato attuale e prospettive Incentivi federali per il fotovoltaico: Stato attuale e prospettive Laura Antonini, Ufficio federale dell energia 3 luglio 2014 Bild: www.kaempfen.com I temi di oggi 1. La rimunerazione a copertura dei

Dettagli

Il Percorso al Biometano

Il Percorso al Biometano www.biogasmax.eu Biogasmax Training 1 Il Percorso al Biometano STEFANO PROIETTI ISTITUTO DI STUDI PER L INTEGRAZIONE DEI SISTEMI Biogasmax Training 2 Struttura della presentazione Raccolta dei rifiuti;

Dettagli

L attività del GSE nel campo dell accumulo di energia. Ing. Federica Ceccaroni - Unità Affari Regolatori

L attività del GSE nel campo dell accumulo di energia. Ing. Federica Ceccaroni - Unità Affari Regolatori L attività del GSE nel campo dell accumulo di energia Ing. Federica Ceccaroni - Unità Affari Regolatori Seminario AEIT, 22 Maggio 2015 Agenda Contesto normativo e regolatorio Attività GSE Regole Tecniche

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DELIBERAZIONE 19 DICEMBRE 2013 614/2013/R/EFR AGGIORNAMENTO DEL LIMITE MASSIMO PER LA RESTITUZIONE DEGLI ONERI GENERALI DI SISTEMA NEL CASO DI IMPIANTI ALIMENTATI DA FONTI RINNOVABILI CHE ACCEDONO ALLO

Dettagli

CONDIZIONI PER L EROGAZIONE DEL PUBBLICO SERVIZIO DI DISPACCIAMENTO

CONDIZIONI PER L EROGAZIONE DEL PUBBLICO SERVIZIO DI DISPACCIAMENTO CONDIZIONI PER L EROGAZIONE DEL PUBBLICO SERVIZIO DI DISPACCIAMENTO DELL ENERGIA ELETTRICA SUL TERRITORIO NAZIONALE E PER L APPROVVIGIONAMENTO DELLE RELATIVE RISORSE SU BASE DI MERITO ECONOMICO, AI SENSI

Dettagli

Guida per il finanziamento dei costi supplementari

Guida per il finanziamento dei costi supplementari Guida per il finanziamento dei costi supplementari Strumento di esecuzione concernente le disposizioni in materia di finanziamento dei costi supplementari (FCS) (art. 7 cpv. 7 LEne e art. 5a-5c OEn) Versione

Dettagli

LE BIOMASSE PER L ENERGIA

LE BIOMASSE PER L ENERGIA Aula Magna dell Istituto Tecnico Agrario Statale F.lli Navarra Martedì 12 Aprile 2011 LE SPERIMENTAZIONI SUL CAMPO DI AGRIUNIFE: RICERCHE APPLICATE ALL AGRICOLTURA ING. ANNA VACCARI DI COSA PARLEREMO Il

Dettagli

Impianti di conversione energetica della biomassa

Impianti di conversione energetica della biomassa Page 1 of 5 n. 248 - Domenica 03 Novembre 2013 Impianti di conversione energetica della biomassa La normativa sul combustibile e sugli impianti In questo numero di ARPATnews dedicato all uso energetico

Dettagli

CONVERSIONE TERMOCHIMICA

CONVERSIONE TERMOCHIMICA CONVERSIONE TERMOCHIMICA PIROLISI La pirolisi si può svolgere secondo diverse modalità: Carbonizzazione a temperature tra 300 C e 500 C Pirolisi convenzionale a temperature inferiori a 600 C Fast pirolisi

Dettagli

Energia da Biomassa e tecnologie per l Efficienza Energetica

Energia da Biomassa e tecnologie per l Efficienza Energetica Ingeco S.r.l. via Alzaia sul Sile, 26/D I-31057 Silea TV T. +39 0422 363292 F. +39 0422 363294 E. ingeco@ingeco-enr.it W. www.ingeco-enr.it Energia da Biomassa e tecnologie per l Efficienza Energetica

Dettagli

FAQ Rimunerazione a copertura dei costi per l immissione in rete di energia elettrica (art. 7a legge sull energia, nuovo)

FAQ Rimunerazione a copertura dei costi per l immissione in rete di energia elettrica (art. 7a legge sull energia, nuovo) Dipartimento federale dell ambiente, dei trasporti, dell energia e delle comunicazioni DATEC Uffiico federale dell energia UFE Divisione Efficienza energetica e energie rinnovabili 15 aprile 2008 FAQ Rimunerazione

Dettagli

Newsletter relativa allo scambio di dati standardizzato per il mercato svizzero dell elettricità

Newsletter relativa allo scambio di dati standardizzato per il mercato svizzero dell elettricità Pagina 1 di 5 A tutte le aziende di approvvigionamento energetico della zona di regolazione Svizzera 14. luglio 2008 Newsletter relativa allo scambio di dati standardizzato per il mercato svizzero dell

Dettagli

Fondazione Rimunerazione per l immissione di energia a copertura dei costi RIC, Frick. Rapporto di gestione 2009

Fondazione Rimunerazione per l immissione di energia a copertura dei costi RIC, Frick. Rapporto di gestione 2009 Fondazione Rimunerazione per l immissione di energia a copertura dei costi RIC, Frick Rapporto di gestione 2009 Pagina 1 Indice Rapporto del Presidente del Consiglio di fondazione e del Direttore 1 La

Dettagli

CONSORZIO ELETTRICO INDUSTRIALE DI STENICO. Allacciamento alla rete elettrica delle utenze (punti di prelievo) in bassa e media tensione

CONSORZIO ELETTRICO INDUSTRIALE DI STENICO. Allacciamento alla rete elettrica delle utenze (punti di prelievo) in bassa e media tensione CONSORZIO ELETTRICO INDUSTRIALE DI STENICO Allacciamento alla rete elettrica delle utenze (punti di prelievo) in bassa e media tensione Allacciamento alla rete elettrica L allacciamento è la connessione

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas - Direzione energia elettrica MANUALE OPERATIVO DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO

Autorità per l energia elettrica e il gas - Direzione energia elettrica MANUALE OPERATIVO DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO MANUALE OPERATIVO DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO Autorità per l energia elettrica e il gas Direzione energia elettrica Milano, 12 aprile 2006 1 Sommario 1. Introduzione...3 2. Il quadro normativo di

Dettagli

Cam era dei D eputati - 1 4 5 - S en a to della R epubblica

Cam era dei D eputati - 1 4 5 - S en a to della R epubblica Cam era dei D eputati - 1 4 5 - S en a to della R epubblica XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI DOC. XCVIII N. 3 La produzione di energia da impianti fotovoltaici ha presentato un incremento

Dettagli

Connessione alle reti: revisione degli strumenti finalizzati a superare il problema della saturazione virtuale delle reti elettriche

Connessione alle reti: revisione degli strumenti finalizzati a superare il problema della saturazione virtuale delle reti elettriche Connessione alle reti: revisione degli strumenti finalizzati a superare il problema della saturazione virtuale delle reti elettriche Fiera di Verona, 1 maggio 212 convegno nazionale 8a edizione POLYGEN

Dettagli

SOCIETÀ SEMPLICE COMUNI CONCEDENTI ELIN REGOLAMENTO INERENTE LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA

SOCIETÀ SEMPLICE COMUNI CONCEDENTI ELIN REGOLAMENTO INERENTE LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA SOCIETÀ SEMPLICE COMUNI CONCEDENTI ELIN REGOLAMENTO INERENTE LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA 2016 I. Base legale La Legge sull approvvigionamento elettrico (LAEl) e la relativa ordinanza (OAEl), nonché

Dettagli

Disposizioni in materia di misura dell energia elettrica prodotta da impianti di generazione

Disposizioni in materia di misura dell energia elettrica prodotta da impianti di generazione Delibera n. 88/07 Disposizioni in materia di misura dell energia elettrica prodotta da impianti di generazione L AUTORITA' PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Nella riunione dell 11 aprile 2007 Visti: il

Dettagli

E buona norma prevedere un doppio anello per separare il gas in base alla sua qualità (Figura 26)

E buona norma prevedere un doppio anello per separare il gas in base alla sua qualità (Figura 26) Figura 24: Zone di influenza dei pozzetti delle reti centrale, perimetrale e di controllo. Si può osservare che, per un maggiore controllo ambientale, i volumi di influenza delle reti perimetrale e quella

Dettagli

Le principali tipologie di biomassa utilizzabili per la produzione di energia sono:

Le principali tipologie di biomassa utilizzabili per la produzione di energia sono: PascaleCave e Costruzioni S.r.l. Biomassa -Biogas Biomassa La Biomassa utilizzabile ai fini energetici consiste in tutti quei materiali organici che possono essere utilizzati direttamente come combustibili

Dettagli

Versione integrata e modificata dalla deliberazione 493/2012/R/efr

Versione integrata e modificata dalla deliberazione 493/2012/R/efr Versione integrata e modificata dalla deliberazione 493/2012/R/efr Definizione delle modalità per il ritiro, da parte del Gestore dei Servizi Energetici S.p.A. - GSE, dell energia elettrica immessa in

Dettagli

INFORMATIVA 01/2010. La disciplina dello scambio sul posto

INFORMATIVA 01/2010. La disciplina dello scambio sul posto INFORMATIVA 01/2010 La disciplina dello scambio sul posto Realizzato da: TIS Area Energia & Ambiente Data: Bolzano, 01/04/2010 TIS AREA ENERGIA & AMBIENTE 2 Indice 1 La disciplina dello scambio sul posto...

Dettagli

BIOMASSE: TRAGUARDARE IL FUTURO CON L ESPERIENZA DEL PASSATO

BIOMASSE: TRAGUARDARE IL FUTURO CON L ESPERIENZA DEL PASSATO Presentazione BIOMASSE: TRAGUARDARE IL FUTURO CON L ESPERIENZA DEL PASSATO Marco Manchisi TERA Bari, Convegno Fiera del Levante, 12 Settembre 2011 V^ GIORNATA DELL ENERGIA PULITA RIFLESSIONI Il quadro

Dettagli

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA Scheda 6 «Agricoltura e Agroenergie» ALTRE MODALITA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA COMPONENTE TERMICA DELL ENERGIA Dopo avere esaminato con quali biomasse si può produrre energia rinnovabile è

Dettagli

Chiarimenti in merito alle modalità di transizione dalla delibera n. 224/00 alla delibera n. 28/06 Comunicato stampa

Chiarimenti in merito alle modalità di transizione dalla delibera n. 224/00 alla delibera n. 28/06 Comunicato stampa Pagina 1 di 13 Documenti collegati Chiarimenti in merito alle modalità di transizione dalla delibera n. 224/00 alla delibera n. 28/06 Comunicato stampa Pubblicata sul sito www.autorita.energia.it in data

Dettagli

Sunny Days SMA 2014. Gli aspetti regolatori della disciplina sui Sistemi Efficienti di Utenza (SEU) e sui Sistemi di Accumulo. Ing.

Sunny Days SMA 2014. Gli aspetti regolatori della disciplina sui Sistemi Efficienti di Utenza (SEU) e sui Sistemi di Accumulo. Ing. Sunny Days SMA 2014 Gli aspetti regolatori della disciplina sui Sistemi Efficienti di Utenza (SEU) e sui Sistemi di Accumulo Ing. Alessandro Arena Direzione Mercati Unità Produzione di energia, fonti rinnovabili

Dettagli

LA PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI IN AGRICOLTURA. LA BIOMASSA: I PROCESSI DI CONVERSIONE ENERGETICA I processi biochimici

LA PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI IN AGRICOLTURA. LA BIOMASSA: I PROCESSI DI CONVERSIONE ENERGETICA I processi biochimici Sei in: agricoltura biologica>produzione di energia da fonti rinnovabili>biomasse LA PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI IN AGRICOLTURA LA BIOMASSA: I PROCESSI DI CONVERSIONE ENERGETICA I processi

Dettagli

Il soddisfacimento dei fabbisogni energetici con la cogenerazione

Il soddisfacimento dei fabbisogni energetici con la cogenerazione COGENERAZIONE & TRIGENERAZIONE RISPARMIO ENERGETICO = RISPARMIO ECONOMICO Il soddisfacimento dei fabbisogni energetici con la cogenerazione Domenico Laforgia Magnifico Rettore Professore ordinario di Sistemi

Dettagli

UPGRADE DI DIGESTORI ANAEROBICI PER LA STABILIZZAZIONE DI FANGHI DI DEPURAZIONE E ALTRE MATRICI ORGANICHE

UPGRADE DI DIGESTORI ANAEROBICI PER LA STABILIZZAZIONE DI FANGHI DI DEPURAZIONE E ALTRE MATRICI ORGANICHE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE DIPARTIMENTO DI SCIENZE E TECNOLOGIE CHIMICHE SPIN-OFF Risa S. r. l. AMGA-NET ricerche UPGRADE DI DIGESTORI ANAEROBICI PER LA STABILIZZAZIONE DI FANGHI DI DEPURAZIONE E

Dettagli

ecofarm Dagli scarti della tua azienda, energia pulita e concime. Domino Nuova energia per la tua azienda

ecofarm Dagli scarti della tua azienda, energia pulita e concime. Domino Nuova energia per la tua azienda Dagli scarti della tua azienda, energia pulita e concime. Domino Nuova energia per la tua azienda Domino Come funziona un impianto biogas Il biogas si ottiene dalla fermentazione anaerobica di biomasse

Dettagli

DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 488/2013/R/EFR

DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 488/2013/R/EFR DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 488/213/R/EFR SCAMBIO SUL POSTO: AGGIORNAMENTO DEL LIMITE MASSIMO PER LA RESTITUZIONE DEGLI ONERI GENERALI DI SISTEMA NEL CASO DI IMPIANTI ALIMENTATI DA FONTI RINNOVABILI

Dettagli

Parzialmente integrati Integrati A 1 kw < P < 3 kw 0,40 0,44 0,49 B 3 kw < P < 20 kw 0,38 0,42 0,46 C P > 20 kw 0,36 0,40 0,44

Parzialmente integrati Integrati A 1 kw < P < 3 kw 0,40 0,44 0,49 B 3 kw < P < 20 kw 0,38 0,42 0,46 C P > 20 kw 0,36 0,40 0,44 Incentivi: il Conto Energia Il Conto energia arriva in Italia attraverso la Direttiva comunitaria per le fonti rinnovabili (Direttiva 2001/77/CE), che viene recepita con l'approvazione da parte del Parlamento

Dettagli

UTILIZZO DELLE BIOMASSE PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA NEL TERRITORIO MANTOVANO

UTILIZZO DELLE BIOMASSE PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA NEL TERRITORIO MANTOVANO Chemistry Day Nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si ri-genera Mantova, 12 Dicembre 2011 UTILIZZO DELLE BIOMASSE PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA NEL TERRITORIO MANTOVANO Veronica Cornalba Dottoranda

Dettagli

Metodologia. 5 rapporto sull energia

Metodologia. 5 rapporto sull energia 2 Metodologia 5 rapporto sull energia 23 2.1 Usi finali e consumi finali Per l aggiornamento del bilancio energetico provinciale al 2005 si è adottata la stessa metodologia utilizzata per il Quarto Rapporto

Dettagli

L IMPIANTO FOTOVOLTAICO, L ENERGIA PRODOTTA E LA SUA REMUNERAZIONE

L IMPIANTO FOTOVOLTAICO, L ENERGIA PRODOTTA E LA SUA REMUNERAZIONE L IMPIANTO FOTOVOLTAICO, L ENERGIA PRODOTTA E LA SUA REMUNERAZIONE L impianto fotovoltaico è un impianto che consente di generare energia elettrica direttamente dalla radiazione del sole. L impianto fotovoltaico

Dettagli

Lo sviluppo del biogas e del biometano in Italia alla luce del nuovo Decreto legislativo 28/2011

Lo sviluppo del biogas e del biometano in Italia alla luce del nuovo Decreto legislativo 28/2011 Lo sviluppo del biogas e del biometano in Italia alla luce del nuovo Decreto legislativo 28/2011 Rocca di Casalina, Deruta (PG) 15 settembre 2011 Marino Berton Quali politiche di incentivo per il biogas

Dettagli

Allegato A alla deliberazione 570/2012/R/eel Versione integrata e modificata dalle deliberazioni 578/2013/R/EEL, 614/2013/R/EEL e 612/2014/R/EEL

Allegato A alla deliberazione 570/2012/R/eel Versione integrata e modificata dalle deliberazioni 578/2013/R/EEL, 614/2013/R/EEL e 612/2014/R/EEL Allegato A alla deliberazione 570/2012/R/eel Versione integrata e modificata dalle deliberazioni 578/2013/R/EEL, 614/2013/R/EEL e 612/2014/R/EEL TESTO INTEGRATO DELLE MODALITÀ E DELLE CONDIZIONI TECNICO-ECONOMICHE

Dettagli

TECNOLOGIE PER LA CONVERSIONE DELLA BIOMASSA LEGNOSA

TECNOLOGIE PER LA CONVERSIONE DELLA BIOMASSA LEGNOSA ENERGIA, ACQUA, LEGNO: TECNOLOGIE E TUTELA AMBIENTALE NELL'AMBITO DEL PROGETTO STRATEGICO RENERFOR TECNOLOGIE PER LA CONVERSIONE DELLA BIOMASSA LEGNOSA Ing. Roberta ROBERTO UTTS ENEA C.R. Saluggia roberta.roberto@enea.it

Dettagli

Oggi dalle bioenergie, intese nel senso più ampio, ci si attende:

Oggi dalle bioenergie, intese nel senso più ampio, ci si attende: Oggi dalle bioenergie, intese nel senso più ampio, ci si attende: Una diminuzione della concentrazione dei gas ad effetto serra in atmosfera Una riduzione della dipendenza energetica dai combustibili importati

Dettagli

Potenza efficiente Produzione lorda di lorda energia elettrica. Figura 1: situazione degli impianti di cogenerazione nel 2005 (fonti GSE e Terna).

Potenza efficiente Produzione lorda di lorda energia elettrica. Figura 1: situazione degli impianti di cogenerazione nel 2005 (fonti GSE e Terna). Scheda D Analisi e valutazioni relative al decreto legislativo 8 febbraio 2007, n. 20 di attuazione della Direttiva 2004/8/CE del Parlamento europeo e del Consiglio e altre norme in materia di cogenerazione

Dettagli

BIO-METHANE REGIONS. Il Bio-Metano: combustibile del futuro, opportunità per la REGIONE ABRUZZO. With the support of

BIO-METHANE REGIONS. Il Bio-Metano: combustibile del futuro, opportunità per la REGIONE ABRUZZO. With the support of IT BIO-METHANE REGIONS Il Bio-Metano: combustibile del futuro, opportunità per la REGIONE ABRUZZO With the support of BIO-METHANE REGIONS Il Bio-Metano: combustibile del futuro, opportunità per la nostra

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

Anno 2014. Rapporto ambientale

Anno 2014. Rapporto ambientale Anno 2014 Rapporto ambientale 1 ANNO 2014 Nell anno 2005 la SITI TARGHE S.r.l. ha ottenuto la certificazione ambientale secondo la norma internazionale ISO 14001:2004, rinnovata nel 2008, nel 2011 e nel

Dettagli

CENTRALI TERMOELETTRICHE

CENTRALI TERMOELETTRICHE CENTRALI TERMOELETTRICHE Le centrali termoelettriche sono impianti che utilizzano l energia chimica dei combustibili per trasformarla in energia elettrica. Nelle centrali termoelettriche la produzione

Dettagli

L AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Autorità per l energia elettrica e il gas Deliberazione 11 aprile 2007, n. 88 Disposizioni in materia di misura dell'energia elettrica prodotta da impianti di generazione. (pubblicata nella G.U. n 97 del

Dettagli

del 7 dicembre 1998 (Stato 1 gennaio 2015)

del 7 dicembre 1998 (Stato 1 gennaio 2015) Ordinanza sull energia (OEn) 730.01 del 7 dicembre 1998 (Stato 1 gennaio 2015) Il Consiglio federale svizzero, visto l articolo 16 capoverso 1 della legge del 26 giugno 1998 1 sull energia (legge, LEne);

Dettagli

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI MISURA DELL ENERGIA ELETTRICA PRODOTTA DA IMPIANTI DI GENERAZIONE

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI MISURA DELL ENERGIA ELETTRICA PRODOTTA DA IMPIANTI DI GENERAZIONE Pubblicata sul sito www.autorita.energia.it il 13 aprile 2007 Delibera n. 88/07 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI MISURA DELL ENERGIA ELETTRICA PRODOTTA DA IMPIANTI DI GENERAZIONE L AUTORITA' PER L ENERGIA ELETTRICA

Dettagli

Indice Errore. Il segnalibro non è definito.

Indice Errore. Il segnalibro non è definito. COGENERAZIONE Indice 1. Definizione e normativa di riferimento... 3 1.1. Indice di risparmio di energia (IRE):... 4 1.2. Limite termico (LT):... 4 2. Descrizione generale degli impianti di cogenerazione...

Dettagli

Analisi di redditività degli investimenti sul biogas Le prospettive per la produzione di biogas in Italia alla luce delle nuove tariffe incentivanti

Analisi di redditività degli investimenti sul biogas Le prospettive per la produzione di biogas in Italia alla luce delle nuove tariffe incentivanti Alessandro Ragazzoni Dipartimento di Economia e Ingegneria agrarie Università di Bologna Convegno L impatto del sistema di incentivazione sul «mercato» del biogas Analisi di redditività degli investimenti

Dettagli

Testo coordinato delle integrazioni e modifiche apportate con deliberazioni ARG/elt 184/08, 1/09, 186/09, 127/10 e 226/10

Testo coordinato delle integrazioni e modifiche apportate con deliberazioni ARG/elt 184/08, 1/09, 186/09, 127/10 e 226/10 Testo coordinato delle integrazioni e modifiche apportate con deliberazioni ARG/elt 184/08, 1/09, 186/09, 127/10 e 226/10 TESTO INTEGRATO DELLE MODALITÀ E DELLE CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER LO SCAMBIO

Dettagli

AZIENDA ELETTRICA COMUNALE BUSENO ORDINANZA INERENTE LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA

AZIENDA ELETTRICA COMUNALE BUSENO ORDINANZA INERENTE LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA AZIENDA ELETTRICA COMUNALE BUSENO ORDINANZA INERENTE LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA 2015 I. Base legale La Legge sull approvvigionamento elettrico (LAEl) e la relativa ordinanza (OAEl), nonché la Legge

Dettagli

Rapporto ambientale Anno 2012

Rapporto ambientale Anno 2012 Rapporto ambientale Anno 2012 Pagina 1 di 11 1 ANNO 2012 Nell anno 2005 la SITI TARGHE srl ha ottenuto la certificazione ambientale secondo la norma internazionale ISO 14001:2004, rinnovata nel 2008 e

Dettagli

Rapporto della Commissione dell ambiente, della pianificazione del territorio e dell energia del Consiglio nazionale

Rapporto della Commissione dell ambiente, della pianificazione del territorio e dell energia del Consiglio nazionale 13.467 Iniziativa parlamentare Energia di compensazione. Obbligo di assumere i costi per garantire un approvvigionamento elettrico sicuro Rapporto della Commissione dell ambiente, della pianificazione

Dettagli

del 7 dicembre 1998 (Stato 1 giugno 2015)

del 7 dicembre 1998 (Stato 1 giugno 2015) Ordinanza sull energia (OEn) 730.01 del 7 dicembre 1998 (Stato 1 giugno 2015) Il Consiglio federale svizzero, visto l articolo 16 capoverso 1 della legge del 26 giugno 1998 1 sull energia (legge, LEne);

Dettagli

SPERIMENTAZIONE TARIFFARIA PER I CLIENTI DOMESTICI CON POMPE DI CALORE: RISPOSTE A DOMANDE FREQUENTI (FAQ) DEI CLIENTI

SPERIMENTAZIONE TARIFFARIA PER I CLIENTI DOMESTICI CON POMPE DI CALORE: RISPOSTE A DOMANDE FREQUENTI (FAQ) DEI CLIENTI SPERIMENTAZIONE TARIFFARIA PER I CLIENTI DOMESTICI CON POMPE DI CALORE: RISPOSTE A DOMANDE FREQUENTI (FAQ) DEI CLIENTI Testo predisposto dalla Direzione Infrastrutture, Unbundling e Certificazione In cosa

Dettagli

BIOMASSA: Conversione energetica della biomassa: opportunità e prospettive. Paolo Silva

BIOMASSA: Conversione energetica della biomassa: opportunità e prospettive. Paolo Silva BIOMASSA: OPPORTUNITA PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE? VENERDI 5 GIUGNO 2015 TAIO (TN), SALA CONVEGNI C.O.CE.A. Conversione energetica della biomassa: opportunità e prospettive Paolo Silva Professore associato

Dettagli

il fotovoltaico quanto costa e quanto rende

il fotovoltaico quanto costa e quanto rende il fotovoltaico quanto costa e quanto rende gli incentivi /1 In Italia, da settembre 2005, è attivo un meccanismo di incentivazione, definito Conto Energia, per la produzione di energia elettrica mediante

Dettagli

130.1 Conto corrente di corrispondenza

130.1 Conto corrente di corrispondenza 139 Capitolo 130 Conti correnti 130.1 Conto corrente di corrispondenza..........................................139 130.1.1 Conto corrente attivo per il cliente................................... 139 130.1.2

Dettagli

Bioenergia Fiemme SpA

Bioenergia Fiemme SpA Bioenergia Fiemme SpA Cavalese dr. Andrea Ventura Amministratore Delegato Trento, giovedì 12 ottobre 2006 22/03/2007 1 Chi siamo? Prima Società a realizzare un impianto di teleriscaldamento a biomassa

Dettagli

Energia dalle Biomasse - Parte C

Energia dalle Biomasse - Parte C Tecnologie delle Energie Rinnovabili Energia dalle Biomasse - Parte C Daniele Cocco Dipartimento di Ingegneria Meccanica, Chimica e dei Materiali Università degli Studi di Cagliari daniele.cocco@unica.it

Dettagli

Forum Compostaggio La Valorizzazione energetica delle biomasse organiche da rifiuto. Walter Giacetti Torino 5 Marzo 2008

Forum Compostaggio La Valorizzazione energetica delle biomasse organiche da rifiuto. Walter Giacetti Torino 5 Marzo 2008 Forum Compostaggio La Valorizzazione energetica delle biomasse organiche da rifiuto Walter Giacetti Torino 5 Marzo 2008 I servizi di Etra per i Comuni Etra nasce il 1 gennaio 2006 dall aggregazione dei

Dettagli

PROGETTO MALENA GLI INCENTIVI PER LA PRODUZIONE DI BIOMETANO

PROGETTO MALENA GLI INCENTIVI PER LA PRODUZIONE DI BIOMETANO PROGETTO MALENA GLI INCENTIVI PER LA PRODUZIONE DI BIOMETANO Roberto Murano Catania, Venerdì 14 Marzo 2014 Biometano: che cosa è? Il biogas è prodotto attraverso la decomposizione biologica di sostanza

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas

Autorità per l energia elettrica e il gas L allacciamento alla rete elettrica per le utenze in bassa e media tensione Allacciamento e attivazione Altre prestazioni L allacciamento è la connessione dell impianto di utenza alla rete di distribuzione

Dettagli

Giornata AEI - ATI sulla cogenerazione

Giornata AEI - ATI sulla cogenerazione Giornata AEI - ATI sulla cogenerazione La cogenerazione diffusa è un opzione valida per la produzione dei flussi energetici necessari? 27 Ottobre 2003 1 La cogenerazione in Italia Situazione attuale e

Dettagli

Workshop Industria. La riqualificazione dello stabilimento produttivo di un industria metalmeccanica: soluzioni integrate per l efficienza energetica

Workshop Industria. La riqualificazione dello stabilimento produttivo di un industria metalmeccanica: soluzioni integrate per l efficienza energetica Workshop Industria La riqualificazione dello stabilimento produttivo di un industria metalmeccanica: soluzioni integrate per l efficienza energetica Sergio Cucchiara ANIMA Assotermica OBIETTIVI DA PERSEGUIRE

Dettagli

Conti correnti. 130.1 Conto corrente di corrispondenza. 130.1.1 Conto corrente attivo per il cliente. TXT HTM PDF pdf

Conti correnti. 130.1 Conto corrente di corrispondenza. 130.1.1 Conto corrente attivo per il cliente. TXT HTM PDF pdf TXT HTM PDF pdf P1 P2 P3 P4 313 Conti correnti Capitolo 130 130.1 Conto corrente di corrispondenza..........................................313 130.1.1 Conto corrente attivo per il cliente...................................

Dettagli

PROFILI GIURIDICI E REQUISITI PER IL FINANZIAMENTO DEI SISTEMI EFFICIENTI DI UTENZA. Verona, 11 maggio 2012

PROFILI GIURIDICI E REQUISITI PER IL FINANZIAMENTO DEI SISTEMI EFFICIENTI DI UTENZA. Verona, 11 maggio 2012 1 PROFILI GIURIDICI E REQUISITI PER IL FINANZIAMENTO DEI SISTEMI EFFICIENTI DI UTENZA Verona, 11 maggio 2012 Avvocato Emilio Sani Via Serbelloni, 4-20100 Milano Tel 02 763281 2 Il D. Lgs 115/2008 Articolo

Dettagli

3) Se un motore da 100 kw lavora per 4000 ore/anno al 100% della potenza nominale, in occasione di un suo fuori servizio:

3) Se un motore da 100 kw lavora per 4000 ore/anno al 100% della potenza nominale, in occasione di un suo fuori servizio: 28 QM 3 1) Quali sono i vantaggi della cogenerazione? Capacità di inseguire contemporaneamente la richiesta elettrica e termica. Maggiori rendimenti derivanti dalla produzione separata di energia elettrica

Dettagli

APPLICAZIONE DEL SERVIZIO DI TUTELA

APPLICAZIONE DEL SERVIZIO DI TUTELA Approvazione del Testo integrato delle attività di vendita al dettaglio di gas naturale e gas diversi da gas naturale distribuiti a mezzo di reti urbane (TIVG) Delibera ARG/gas 64/09 1) APPLICAZIONE DEL

Dettagli

La Struttura del Sistema Energetico e dei Meccanismi di Incentivo alle Fonti Rinnovabili Parte III

La Struttura del Sistema Energetico e dei Meccanismi di Incentivo alle Fonti Rinnovabili Parte III Corso di Formazione ESTATE La Struttura del Sistema Energetico e dei Meccanismi di Incentivo alle Fonti Rinnovabili Parte III Daniele Cocco Dipartimento di Ingegneria Meccanica Università degli Studi di

Dettagli

Il Decreto legislativo 8/02/2007, n 20 sulla promozione della cogenerazione. Il ruolo del GSE. www.gsel.it

Il Decreto legislativo 8/02/2007, n 20 sulla promozione della cogenerazione. Il ruolo del GSE. www.gsel.it Il Decreto legislativo 8/02/2007, n 20 sulla promozione della cogenerazione Il ruolo del GSE www.gsel.it 2 Indice La cogenerazione: informazioni generali Il D.lgs. 8/02/07, n 20 sulla promozione della

Dettagli

Quale futuro per la cogenerazione industriale in Italia? Ennio Macchi

Quale futuro per la cogenerazione industriale in Italia? Ennio Macchi Quale futuro per la cogenerazione industriale in Italia? Dipartimento di Energia - Politecnico di Milano Quarta giornata sull efficienza energetica nelle industrie Fast, Piazzale R. Morandi 2, 20121 Milano

Dettagli

FANGHI DI DEPURAZIONE: L ESPERIENZA SMAT

FANGHI DI DEPURAZIONE: L ESPERIENZA SMAT ESPERIENZE INNOVATIVE IN ITALIA SUGLI ASPETTI DEPURATIVI: UN FOCUS SUI FANGHI Bologna, 22 ottobre 2014 FANGHI DI DEPURAZIONE: L ESPERIENZA SMAT Ing. Marco ACRI Direttore Generale SOCIETÀ METROPOLITANA

Dettagli

RIFASAMENTO ELETTRICO INDUSTRIALE

RIFASAMENTO ELETTRICO INDUSTRIALE PRComunicazione.com RIFASAMENTO ELETTRICO INDUSTRIALE Opportunità di efficientamento energetico Normativa, casi pratici e incentivi. Perchè rifasare? Nei circuiti elettrici, la corrente risulta in fase

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA DALLE BIOMASSE E DAI RIFIUTI

PRODUZIONE DI ENERGIA DALLE BIOMASSE E DAI RIFIUTI PRODUZIONE DI ENERGIA DALLE BIOMASSE E DAI RIFIUTI Il TEAM di Si-Web ha lavorato con impegno e professionalità utilizzando informazioni provenienti da autorevoli fonti sia nazionali che internazionali,

Dettagli

Con lettera del 23 dicembre 2008, la Commissione ha chiesto ulteriori informazioni che l Italia ha fornito il 4 febbraio 2009.

Con lettera del 23 dicembre 2008, la Commissione ha chiesto ulteriori informazioni che l Italia ha fornito il 4 febbraio 2009. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 01.04.2009 C(2009)2651 Oggetto: Aiuto di Stato N 573/2008 - Italia Istituzione di un regime di aiuti di Stato agli investimenti in materia di fonti energetiche rinnovabili,

Dettagli

Impianti idroelettrici

Impianti idroelettrici Impianti idroelettrici Un impianto idroelettrico è costituito da opere civili ed idrauliche (diga o traversa di sbarramento, sistema di presa, vasca di carico, opere di convogliamento e di restituzione,

Dettagli