Guida al PIANO CASA della Regione LIGURIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Guida al PIANO CASA della Regione LIGURIA"

Transcript

1 Guida al PIANO CASA della Regione LIGURIA (aggiornata a marzo 2015)

2 SOMMARIO INTRODUZIONE... pag. 3 IL PIANO CASA IN LIGURIA..... pag. 4 EDIFICI RESIDENZIALI, Ampliamento volumetrico....pag. 6 EDIFICI RESIDENZIALI, Demolizione e ricostruzione....pag. 9 EDIFICI NON RESIDENZIALI, Demolizione e ricostruzione pag. 10 ESCLUSIONI... pag. 11 COME APPLICARE IL PIANO CASA. pag. 12 NORMATIVA DI RIFERIMENTO..... pag. 14 2

3 INTRODUZIONE Il Piano Casa consiste in un insieme di provvedimenti legislativi e di incentivi economici per consentire l ampliamento di abitazioni e immobili a uso diverso da quello residenziale. Il termine è stato coniato per l housing sociale, ma la sua portata si è arricchita inglobando anche l edilizia privata. In un primo momento, infatti, con la denominazione Piano Casa si definivano solo le soluzioni individuate dalle pubbliche amministrazioni per risolvere il disagio sociale causato dalla carenza di alloggi. Più comunemente, però, il Piano Casa ha assunto una connotazione diversa, passando per la liberalizzazione dell edilizia e lo snellimento delle procedure burocratiche attraverso il ricorso alla Dia, Denuncia di inizio attività. Le misure di semplificazione sono state ideate per rilanciare il settore delle costruzioni, gravato dalla crisi economica in atto. A marzo 2009 l Esecutivo ha infatti lanciato una pacchetto di interventi per l aumento delle cubature sugli edifici esistenti, contenenti anche la possibilità di effettuare ampliamenti in seguito alla totale demolizione di un edificio. Interventi da effettuare per un periodo non inferiore a 18 mesi in deroga alla normativa in vigore, prevedendo anche un insieme di semplificazioni al Testo Unico dell edilizia. I beneficiari di questa tipologia di misure sono i proprietari degli immobili, che avvalendosi di una norma temporanea possono migliorare la qualità della propria abitazione, immettendo nel sistema capitali immobilizzati in grado di sostenere l occupazione e le attività del comparto edile. È attribuita una notevole importanza anche alla tutela della sicurezza, possibile con l applicazione delle NTC, Norme tecniche per le costruzioni, in vigore da luglio Previsto quindi il rispetto della legislazione in materia antisismica, così come il divieto di effettuare gli interventi nelle aree a rischio idrogeologico. Dal momento che la Costituzione attribuisce alle Regioni la competenza legislativa in materia di edilizia e urbanistica, il percorso normativo per la definizione degli ampliamenti in funzione anticrisi è proseguita su base locale, creando una situazione differenziata sul territorio nazionale. Sono gli enti locali a decidere a quale tipologia di edifici estendere gli interventi, stabilendo o meno il divieto di applicazione della legge per gli immobili anche solo parzialmente abusivi o vincolati, i beni culturali, le aree di pregio paesaggistico e quelle sotto tutela. PIANO CASA: 2 ANNI DOPO Le norme regionali in molti casi sono state via via modificate per ovviare agli scarsi risultati raggiunti in termini di interesse e domande presentate. Da ultimo, il Decreto Legge Sviluppo, approvato a maggio 2011, ha chiesto alle Regioni di approvare nuove norme per incentivare la razionalizzazione del patrimonio edilizio e la riqualificazione delle aree urbane degradate attraverso interventi di demolizione e ricostruzione con premio di cubatura, cambi di destinazione d uso, delocalizzazioni e modifiche alla sagoma necessarie all armonizzazione architettonica. 3

4 IL PIANO CASA IN LIGURIA La Legge regionale del 3 novembre 2009 n. 49 Misure urgenti per il rilancio dell attività edilizia e per la riqualificazione del patrimonio urbanistico-edilizio è stata pubblicata sul Bollettino Ufficiale n. 19 del 4 novembre La legge disciplina interventi per la riqualificazione funzionale, architettonica e statica del patrimonio edilizio esistente, consentendo l ampliamento dei volumi esistenti, attraverso l applicazione di nuove tecnologie per la sicurezza antisismica, l efficienza energetica e la sostenibilità ambientale degli edifici. La norma prevede interventi di ampliamento, demolizione e ricostruzione su edifici residenziali o a destinazione diversa, da effettuare in deroga a strumenti urbanistici e regolamenti edilizi vigenti. Data la situazione di crisi che ha colpito il comparto dell edilizia, la disposizione predisposta dalla Regione mira ad incentivare gli investimenti privati per l ingrandimento o la riqualificazione di abitazioni, ma anche di immobili non residenziali. Ai cittadini è data la possibilità di riqualificare un edificio dal punto di vista energetico e architettonico, ma anche di ingrandirlo aumentandone la volumetria. Diventa infatti possibile ricavare una o più stanze aggiuntive per rispondere al fabbisogno abitativo o produttivo, con un investimento minore rispetto all acquisto di una nuova casa o di un altro capannone. L obiettivo è raggiungibile con la semplificazione delle procedure e il ricorso generalizzato alla Dia, Denuncia di inizio attività, o al permesso di costruire. Tutto per incentivare la domanda di interventi, in modo da sostenere l occupazione e il giro di affari del settore costruzioni, caratterizzato prevalentemente da piccole e medie imprese, messe in difficoltà dall attuale congiuntura economica, ma in grado di effettuare la tipologia di micro interventi previsti dalla legge sul patrimonio edilizio privato. Alla legge è riconosciuto carattere straordinario. Per questo motivo e per il suo ruolo anti-crisi prevale sulle previsioni dei regolamenti comunali, degli strumenti urbanistici e delle leggi regionali in contrasto con essa. La straordinarietà della disposizione implica anche un effetto a tempo determinato. Sarà quindi possibile presentare le istanze per gli interventi previsti entro il 31 dicembre Un primo tentativo di modifica è avvenuto con la circolare PG/2009/ del 28 dicembre, i cui contenuti sono stati successivamente ritirati con la circolare PG/2010/4421. Il documento mirava ad applicare il Piano Casa anche agli edifici parzialmente abusivi, realizzati in modo non conforme alle norme urbanistiche ed alle prescrizioni degli strumenti urbanistici. La disposizione rendeva possibili gli interventi sulle parti di edificio non interessate dall abuso, scorporando la volumetria sanata dal condono ai fini della quantificazione della percentuale di incremento. Dato che la proposta aveva suscitato numerose polemiche, con la Legge Regionale 4/2011 per la proroga e la modifica del Piano Casa è stato infine raggiunto un compromesso. Diventa possibile 4

5 ampliare gli edifici condonati solo in presenza di abusi minori, scorporando la parte sanata dalla percentuale di incremento. L applicazione della legge si articola in tre livelli: - Ampliamento degli edifici residenziali, che in base alle dimensioni possono beneficiare di premi volumetrici del 10% e del 20%, con possibilità di incrementi aggiuntivi relazionati all utilizzo di materiali locali e all adeguamento alle norme antisismiche; - Demolizione e ricostruzione degli edifici residenziali, attuabile con un premio volumetrico fino al 35%; - Demolizione e ricostruzione degli edifici non residenziali, che possono essere ingranditi fino al 35%. Il Piano Casa della Liguria in sintesi Edifici Ampliamento Demolizione e ricostruzione Residenziali 60 mc su edifici fino a 200 mc 20% su edifici tra 200 mc e 500 mc 35% Dia Titolo abilitativo Esclusioni Permesso di costruire -edifici abusivi -edifici integralmente condonati con tipologia di abuso 1 Termine per le istanze Non residenziali 10% su edifici tra 500 mc e 1000 mc 170mc su edifici tra 1000 e 1500mc % Dia Permesso di costruire -aree inedificabili -aree demaniali -beni culturali -parchi 31 dicembre

6 EDIFICI RESIDENZIALI Ampliamento volumetrico Aumenti di cubatura previsti dalla legge La legge regionale consente l ampliamento degli edifici esistenti, a totale o prevalente destinazione residenziale, mono o plurifamiliari, di volume non superiore a metri cubi, nei seguenti limiti: - Gli edifici di volumetria esistente non superiore a 200 mc possono essere incrementati fino a 60 mc; - Gli edifici di volumetria esistente compresa fra 200 e 500 mc possono essere ampliati fino al 20% per la parte eccedente la soglia di 200 mc; - Gli edifici di volumetria esistente compresa fra 500 e mc beneficiano di un bonus fino al 10% per la parte eccedente la soglia di 500 mc; - Gli edifici di volumetria esistente compresa fra i e i mc possono usufruire di un incremento fino ad un massimo di 170 metri cubi. Gli interventi di ampliamento possono essere realizzati anche mediante mutamento d uso di locali accessori ubicati all interno dell ingombro geometrico della costruzione esistente. L ampliamento è ammesso anche per edifici destinati ad uso socioassistenziale e socio-educativo. Se gli interventi di ampliamento comportano il frazionamento dell unità immobiliare, le unità immobiliari non possono comunque avere una superficie inferiore a 60 metri quadrati. Gli edifici destinati ad uso socioassistenziale e socio-educativo sono gli edifici, o loro porzioni, in cui operano le strutture a destinazione sociale e sociosanitaria individuate nell articolo 44 della legge regionale 12/2006 Promozione del sistema integrato di servizi sociali e sociosanitari e ss.mm.ii., nonché le strutture ricettive di cui all articolo 49, comma 4, della legge regionale 6/2009 Promozione delle politiche per i minori e i giovani e ss.mm.ii.. Sono possibili ulteriori incrementi: - Del 10% qualora l intero organismo edilizio esistente, comprensivo della porzione oggetto di ampliamento, venga adeguato alle norme antisismiche e rispetti i requisiti di rendimento energetico degli edifici; - Del 5% se gli ampliamenti sono realizzati su edifici rurali di valore testimoniale a destinazione residenziale, compresi quelli parzialmente diruti. La premialità è subordinata all obbligo per il proprietario di realizzare gli interventi nel rispetto della tipologia, dei materiali locali tradizionali (quali le lastre di ardesia, aventi composizione chimica con È edificio rurale di valore testimoniale un immobile realizzato entro il XIX secolo, con rapporto diretto e funzionale con i fondi agricoli circostanti, caratterizzato da riconoscibilità del suo stato originario in quanto non irreversibilmente alterato nel suo stato tipologico e nei materiali tradizionali impiegati. È edificio diruto un immobile di cui parti, anche significative e strutturali, siano andate distrutte nel tempo senza che ciò inibisca la possibilità di documentare l originario inviluppo volumetrico e la configurazione tipologica ai fini della sua ricostruzione 6

7 presenza di carbonato di calcio maggiore del 20%, tegole in laterizio tipo coppo e lastre in pietra tipo lose) e delle tecniche costruttive che caratterizzano l edificio esistente, come da attestazione del progettista da allegare al permesso di costruire; - Del 5% qualora per la copertura di interi edifici residenziali, diversi da quelli rurali di valore testimoniale, si utilizzino lastre di ardesia, tegole in laterizio tipo coppo e lastre in pietra se non in contrasto con le caratteristiche dei tetti circostanti; - Del 3% per gli edifici residenziali posti ad altitudine superiore ai 500 metri sul livello del mare e ricadenti in comuni non costieri - Del 5% se vengono effettuati almeno due dei seguenti interventi: - tetto fotovoltaico con potenza di picco non inferiore a 1 Kw, - serbatoio interrato per il recupero delle acque pluviali di capacità non inferiore a 10 mc, - ripristino di suolo agricolo, classato agrario al catasto rurale al 30 giugno 2009, a condizione che l intervento comprenda il restauro della muratura di sostegno in pietra, ove esistente, delle tipiche fasce liguri e che l area di terreno recuperato sia pari almeno a dieci volte la superficie lorda dell immobile ampliato e si trovi nell interno del lotto di pertinenza dell immobile o comunque entro un raggio non superiore a 200 metri, - in zone boscate e pascoli realizzazione di un progetto di ricostruzione del soprassuolo vegetale, relativamente alla parte di proprietà circostante l immobile, pari almeno a 20 volte la superficie dell immobile ampliato, - ripristino, previa convenzione con l amministrazione comunale, di antichi sentieri, mulattiere, stradine vicinali d uso pubblico, anche in eventuale funzione anti incendio boschivo; Per agevolare l'attuazione delle norme sul risparmio energetico e migliorare la qualità degli edifici, non sono considerati nel computo dell indice edificatorio: - le strutture perimetrali portanti e non, che comportino spessori complessivi, sia per gli elementi strutturali che sovrastrutturali, superiori a 30 centimetri, per la sola parte eccedente i 30 cm e fino ad un massimo di ulteriori 25 cm per gli elementi verticali; - i solai con struttura superiore a 30 centimetri per la sola parte eccedente i 30 centimetri fino ad un massimo di 25 centimetri per gli elementi di copertura e di 15 centimetri per quelli orizzontali intermedi, in quanto il maggiore spessore contribuisce al miglioramento dei livelli di coibentazione termica, acustica e di inerzia termica; - l incremento di spessore fino a 15 centimetri dei muri divisori fra unità immobiliari finalizzato all isolamento acustico. Vincoli di applicabilità per gli interventi edilizi Gli ampliamenti costituiscono interventi di ristrutturazione edilizia e sono realizzabili in deroga ai piani urbanistici vigenti e/o operanti in salvaguardia. Gli interventi di ampliamento devono sempre rispettare: Le norme sul rendimento energetico degli edifici sono dettate dalla legge regionale n. 22 del 29 maggio 2007 Norme in materia di energia e dal Dpr n. 59 del 2 aprile 2009 Regolamento di attuazione dell articolo 4, comma 1, lettere a) e b), del decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 192, concernente attuazione della direttiva 2002/91/CE sul rendimento energetico in edilizia. - le distanze da pareti finestrate degli edifici, in caso di ampliamenti in senso orizzontale e laddove gli ampliamenti in senso verticale comportino la realizzazione di un nuovo piano; - le indicazioni tipologiche, formali e costruttive degli strumenti urbanistici o degli atti di pianificazione territoriale vigenti; 7

8 - la normativa antisismica e i requisiti minimi di rendimento energetico degli edifici. Gli interventi non sono cumulabili con altri ampliamenti previsti dagli strumenti urbanistici. Titoli abilitativi Gli interventi possono essere effettuati con la presentazione della Dia, denuncia di inizio attività, entro il 31 dicembre Per l ampliamento degli edifici rurali è invece necessario il permesso di costruire, subordinato a una convenzione col Comune con cui il soggetto proponente si impegna alla realizzazione delle opere di urbanizzazione necessarie. La Dia è un autocertificazione, presentata da un professionista iscritto agli albi degli architetti, ingegneri, geometri, periti agrari, periti edili, che si assume la responsabilità del rispetto delle norme urbanistiche. Ha il carattere di atto privato che viene protocollato dal Comune 8

9 EDIFICI RESIDENZIALI Demolizione e ricostruzione Aumenti di cubatura previsti dalla legge I singoli edifici prevalentemente residenziali, o ad essi assimilabili quali residenze collettive, esistenti alla data del 30 giugno 2009 aventi una volumetria non superiore a metri cubi e che necessitano di interventi di riqualificazione urbanistica, architettonica e/o ambientale possono essere demoliti e ricostruiti con un incremento fino al 35% del volume esistente. È considerato incongruo un edificio suscettibile di riqualificazione urbanistica, architettonica e ambientale perché esposto a rischio idrogeologico o avente criticità statico strutturali e incompatibilità con la zona in cui è insediato. Per gli edifici aventi volumetria superiore a 2000 metri cubi, l incremento massimo ammissibile non può superare i 700 metri cubi. Più edifici, appartenenti ad un unico proprietario e situati nello stesso lotto, possono essere demoliti e accorpati in un unico edificio. La volumetria complessiva, compreso il premio volumetrico del 35%, deve rispettare i limiti previsti. Modalità di applicazione degli interventi edilizi Gli interventi di ricostruzione possono avvenire nel sito o in altra area idonea a soddisfare le finalità di riqualificazione urbanistica, architettonica e/o ambientale. In questo caso, i progetti devono comprendere la sistemazione o l approvazione della disciplina urbanistica delle aree liberate dalla demolizione. Le sostituzioni edilizie sono assentibili in deroga alla disciplina dei piani urbanistici vigenti e/o operanti in salvaguardia, fatto salvo il rispetto delle distanze dai fabbricati, la dotazione di parcheggi pertinenziali in misura pari ad 1 mq per ogni 10 mc di incremento. Gli interventi devono essere effettuati in conformità alle previsioni del piano territoriale di coordinamento paesistico e dei piani di bacino nonché alle norme antisismiche ed alla normativa in materia di rendimento energetico degli edifici contenuta nella LR 22/2007. Gli interventi di ricostruzione che prevedano la delocalizzazione dell edificio al di fuori del sito e si pongano in variante alla vigente strumentazione urbanistica comunale, sono assentibili mediante procedura di Conferenza di servizi. Le varianti sono qualificate di esclusivo interesse locale e la loro approvazione o controllo di legittimità è riservata all esclusiva competenza dell amministrazione provinciale. Titoli abilitativi Per l avvio degli interventi è necessario richiedere entro il 31 dicembre 2015 il permesso di costruire, subordinato a una convenzione col Comune con cui il soggetto proponente si impegna alla realizzazione delle opere di urbanizzazione necessarie. Il Permesso per costruire è un provvedimento amministrativo formale cartaceo con numero e data che autorizza l attività di trasformazione del territorio, in conformità alla pianificazione 9

10 EDIFICI NON RESIDENZIALI Demolizione e ricostruzione Per conseguire effetti di riqualificazione urbanistica, paesistica e ambientale, i Comuni possono approvare interventi di demolizione e ricostruzione con incremento fino al 35% della volumetria esistente di edifici a destinazione diversa da quella residenziale, aventi una consistenza non eccedente 10 mila metri cubi. Gli interventi devono essere effettuati nel rispetto delle destinazioni d uso previste nel vigente strumento urbanistico comunale. Le demolizioni e ricostruzioni con delocalizzazione in un altro sito sono ammesse solo in aree edificabili a condizione che il soggetto attuatore, prima del rilascio del titolo edilizio, si impegni con il Comune alla realizzazione di opere di sistemazione, anche di interesse pubblico, necessarie a superare le condizioni di incongruità che giustificano la delocalizzazione. Se le demolizioni e ricostruzioni con delocalizzazione prevedono l insediamento della destinazione d uso residenziale, possono essere assentiti senza incremento volumetrico e solo nelle aree edificabili diverse da quelle agricole e di presidio ambientale, nel rispetto delle destinazioni d uso e delle altezze previste dal vigente strumento urbanistico comunale. Il soggetto attuatore deve però impegnarsi alla realizzazione di alloggi di edilizia abitativa convenzionata per una quota pari al 20% della volumetria assentibile e alla monetizzazione della quota a favore dei Comuni per programmi di edilizia residenziale pubblica. Questo tipo di interventi si classifica come sostituzione edilizia e sono assentiti mediante procedura di Conferenza di servizi nel cui contesto sono rilasciati i titoli abilitativi necessari ed approvate le varianti alla strumentazione urbanistica comunale. L approvazione delle varianti è riservata alla Regione, che è competente al rilascio dell autorizzazione paesistico-ambientale. Dopo la realizzazione dei lavori, la destinazione d uso degli immobili non può essere modificata per 20 anni. Più edifici, appartenenti ad un unico proprietario e situati nello stesso lotto, possono essere demoliti e accorpati in un unico edificio. La volumetria complessiva, compreso il premio volumetrico del 35%, deve rispettare i limiti previsti. 10

11 ESCLUSIONI Il Piano Casa prevede ambiti di non applicabilità per gli interventi di ampliamento, demolizione e ricostruzione. Sono infatti esclusi: - Gli edifici abusivi, cioè realizzati in assenza di titolo edilizio o in difformità da esso, tranne i casi in cui la difformità non ha per oggetto i volumi e le superfici; - Gli immobili integralmente condonati con tipologia di abuso 1 Opere realizzate in assenza o difformità della licenza edilizia o concessione e non conformi alle norme urbanistiche ed alle prescrizioni degli strumenti urbanistici. Se il condono ha per oggetto solo alcune parti dell edificio, le volumetrie sono computate nella volumetria esistente, ma devono essere sottratte dal calcolo dell ampliamento; - I fabbricati ricadenti in aree di inedificabilità assoluta in base a normative o atti di pianificazione territoriale o in aree a pericolosità idraulica o idrogeologica in cui i piani di bacino non ammettono interventi di ampliamento; - Gli edifici ricadenti in aree demaniali marittime concesse per finalità turistico-ricreative; - Gli immobili situati nei centri storici, anche se i Comuni possono aver individuato aree o specifici casi in cui gli ampliamenti sono consentiti; - Gli edifici vincolati come beni culturali ai sensi del Codice dei beni Culturali e del paesaggio, d.lgs n. 42/2004, o individuati come edifici di pregio dagli strumenti urbanistici generali vigenti; - I fabbricati ricadenti nel territorio del Parco nazionale delle Cinque Terre, del Parco regionale di Portofino, del Parco naturale regionale di Portovenere e del Parco naturale regionale di Montemarcello Magra. A questi edifici si applica la disciplina di ampliamento stabilita nei relativi Piani. Ogni ente parco può, tuttavia, consentire gli ampliamenti, ferme restando le esclusioni stabilite dal Piano Casa. Nei Comuni costieri non è consentito ampliare gli edifici ricadenti, in base al vigente PTCP, assetto insediativo, nelle strutture urbane qualificate (SU); negli ambiti di conservazione (CE); nelle aree non insediate (ANI) assoggettate al regime di mantenimento (MA), limitatamente alla fascia di profondità di 300 metri, calcolati in linea d aria dalla battigia anche per i terreni elevati sul mare. Ulteriori limiti possono essere stati posti dai Comuni. Prima di progettare un intervento di ampliamento è quindi necessario una verifica presso l ufficio tecnico del Comune in cui ricade l immobile da sottoporre ai lavori (vedi cap. Come applicare il Piano Casa ). 11

12 COME APPLICARE IL PIANO CASA Per l avvio e la realizzazione degli interventi di ampliamento, demolizione e ricostruzione i privati interessati devono far fronte a vari adempimenti rispondenti alla logica dello snellimento burocratico promosso dalla normativa. È necessario innanzitutto prendere visione delle misure contenute nel Piano Casa regionale, LR 49/2009, pubblicata sul Bollettino Ufficiale n. 19 del 4 novembre Dal momento che è stata riconosciuta agli Enti Locali la possibilità di limitare la portata degli interventi a determinate aree o tipologie di edifici, il cittadino o il progettista interessato, prima di presentare l istanza all Ufficio Tecnico, deve controllare i contenuti della delibera eventualmente emanata dal Comune nel quale è situato l edificio da ampliare o sostituire. Per passare all applicazione pratica e ottenere una valutazione sulla fattibilità degli interventi è necessario contattare un progettista abilitato. I passaggi successivi consistono nel dotarsi di una attestazione del titolo di legittimazione e dell asseverazione del professionista abilitato, che dovrà in seguito redigere gli elaborati progettuali richiesti dal regolamento edilizio e dallo strumento urbanistico vigente. Ai sensi del DPR 380/2001, Testo Unico dell Edilizia, nel caso di intervento su un immobile vincolato è obbligatorio richiedere il parere dell autorità competente. Il progettista abilitato, incaricato dei lavori, deve redigere una autocertificazione sulla conformità del progetto alle norme di sicurezza e a quelle igienico-sanitarie. Una volta raccolta tutta la documentazione necessaria, fino al 31 dicembre 2015 si può presentare la Dia all Ufficio Tecnico del Comune o della Circoscrizione di competenza. In base al Testo Unico dell Edilizia, Dpr 380/2001, la Dia deve essere presentata almeno 30 giorni prima dell'effettivo inizio dei lavori. Il privato deve in seguito richiedere al progettista abilitato un certificato di collaudo finale che attesti la conformità dell'opera al progetto presentato. In caso di ampliamento di edifici rurali o di interventi di demolizione e ricostruzione deve invece essere richiesto il permesso di costruire. Il proprietario del immobile o il progettista abilitato deve presentare domanda al Comune o allo Sportello Unico per l edilizia. Alla richiesta devono essere allegati una attestazione concernente il titolo di legittimazione, gli elaborati progettuali richiesti dal regolamento edilizio e una autocertificazione circa la conformità del progetto alle norme igienico-sanitarie. Il Comune o lo sportello unico per l edilizia comunica entro dieci giorni il nominativo del responsabile del procedimento, che entro 60 giorni cura l istruttoria, acquisisce i pareri degli uffici comunali e, ove previsto, della commissione edilizia, e, valutata la conformità del progetto alla 12

13 normativa vigente, formula una proposta di provvedimento, corredata da una dettagliata relazione, con la qualificazione tecnico-giuridica dell intervento richiesto. Il responsabile del procedimento qualora ritenga necessario apportare modifiche di modesta entità rispetto al progetto originario, può richiederle nello stesso termine dei 60 giorni, illustrandone le ragioni. L interessato si esprime sulla richiesta di modifica entro trenta giorni dal ricevimento della richiesta e, in caso di adesione, è tenuto ad integrare la documentazione nei successivi quindici giorni. Qualora l interessato non aderisca alla richiesta di modifica, ovvero non si esprima entro il termine fissato, il procedimento di rilascio del permesso di costruire si intende concluso in senso negativo. Se per la realizzazione dell intervento è necessario acquisire atti di assenso di altre amministrazioni, il Comune o lo sportello unico per l edilizia, convoca entro 60 giorni una conferenza di servizi. Il provvedimento finale è adottato dal dirigente o dal responsabile del competente ufficio comunale o dello sportello unico per l edilizia entro quindici giorni dalla proposta di provvedimento o dall esito della conferenza dei servizi. Dell avvenuta emanazione del permesso di costruire è dato immediato avviso agli interessati e al pubblico mediante affissione all albo pretorio. Il termine dei 60 giorni può essere raddoppiato nei Comuni con più di 100 mila abitanti per progetti particolarmente complessi, definiti tali secondo motivata determinazione del responsabile del procedimento, da assumersi entro quindici giorni dalla presentazione della domanda. Il proprietario dell immobile è tutelato dall inerzia delle Amministrazioni perché l infruttuosa decorrenza dei termini per il rilascio del richiesto titolo abilitativo, costituisce il presupposto per la richiesta di intervento sostitutivo. 13

14 NORMATIVA DI RIFERIMENTO Riportiamo di seguito il testo integrale della Legge Regionale 14/2009 per il rilancio del settore edilizio, alla quale hanno fatto seguito ulteriori disposizioni applicative, nonché le maggiori norme di settore. Legge regionale del 3 novembre 2009 n. 49 Misure urgenti per il rilancio dell attività edilizia e per la riqualificazione del patrimonio urbanistico-edilizio Aticolo 1 (Finalità) 1. In attuazione dell Intesa tra Stato, Regioni ed Enti locali, conclusa in data 1 aprile 2009, per individuare misure di contrasto della crisi economica mediante il riavvio dell attività edilizia, la presente legge disciplina interventi atti a promuovere la riqualificazione funzionale, architettonica e statica degli edifici, anche attraverso l ampliamento dei volumi esistenti, nel contesto di un più generale rinnovo del patrimonio edilizio esistente in condizioni di obsolescenza e degrado, attraverso l applicazione di nuove tecnologie per la sicurezza antisismica, l efficienza energetica e la sostenibilità ambientale degli edifici. 2. La presente legge ha carattere straordinario e le relative disposizioni hanno validità per ventiquattro mesi dalla data della sua entrata in vigore. Articolo 2 (Definizioni) 1. Ai fini dell applicazione della presente legge valgono le seguenti definizioni: a) Edificio rurale di valore testimoniale: un edificio rurale realizzato entro il XIX secolo, che abbia avuto o continui ad avere un rapporto diretto o comunque funzionale con fondi agricoli circostanti e che presenti una riconoscibilità del suo stato originario in quanto non sia stato irreversibilmente alterato nell impianto tipologico, nelle caratteristiche architettonicocostruttive e nei materiali tradizionali impiegati; b) Edificio diruto: un edificio di cui parti, anche significative e strutturali, siano andate distrutte nel tempo senza che ciò inibisca la possibilità di documentare l originario inviluppo volumetrico complessivo e la originaria configurazione tipologica, a fini della sua ricostruzione; c) Edificio incongruo: un edificio la cui presenza comporti rischi per la pubblica o privata incolumità o effetti di dequalificazione del contesto nel quale è inserito per uno o più dei seguenti elementi, riconosciuti dal Comune in sede di approvazione del relativo progetto di intervento ai sensi degli articoli 6 e 7: 1) esposizione al rischio idraulico o idrogeologico; 2) localizzazione; 3) funzione; 4) tipologia; 5) dimensione; 6) stato di degrado; d) Edifici destinati ad uso socio-assistenziale e socioeducativo: gli edifici, o loro porzioni, in cui operano le strutture a destinazione sociale e socio-sanitaria individuate nell articolo 44 della legge regionale 24 maggio 2006, n. 12 (Promozione del sistema integrato di servizi sociali e socio-sanitari) e successive modifiche ed integrazioni nonché le strutture ricettive di cui all articolo 49, comma 4, della legge regionale 9 aprile 2009, n. 6 (Promozione delle politiche per i minori e i giovani) e successive modifiche ed integrazioni; e) Centro storico: comprende i nuclei insediati ricompresi in zona classificata di tipo A in base al decreto ministeriale 2 aprile 1968, n (Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi destinati agli insediamenti residenziali e produttivi e spazi pubblici o riservati alle attività collettive, al verde pubblico o a parcheggi da osservare ai fini della formazione dei nuovi strumenti urbanistici o della revisione di quelli esistenti, ai sensi dell articolo 17 della legge 6 agosto 1967, n. 765), quelli comunque denominati come centro storico dai vigenti strumenti urbanistici comunali nonché i nuclei classificati Nuclei isolati in regime normativo di conservazione (NI-CE) e Nuclei isolati in regime normativo di mantenimento (NI-MA) dal vigente Piano territoriale di coordinamento paesistico (PTCP); f) Volumetria esistente: l ingombro geometrico della costruzione in soprassuolo esistente alla data del 30 giugno 2009, sulla base della dichiarazione di ultimazione dei lavori ai sensi della normativa vigente ovvero che risultino comunque ultimati ai sensi della normativa previgente, misurato in metri cubi. Articolo 3 (Ampliamento di edifici esistenti) 1. Sulle volumetrie esistenti, come definite all articolo 2, a totale o prevalente destinazione residenziale, mono o plurifamiliari e non eccedenti i metri cubi, sono ammessi interventi di ampliamento 14

15 preordinati a migliorare la funzionalità, la qualità architettonica, statica e/o energetica dell edificio interessato, nei limiti di seguito indicati: a) per edifici di volumetria esistente non superiore a 200 metri cubi, è consentito un incremento di 60 metri cubi; b) per edifici di volumetria esistente compresa fra 200 metri cubi e 500 metri cubi per la parte eccedente la soglia di 200 metri cubi, entro il limite del 20 per cento; c) per edifici di volumetria esistente compresa fra 500 metri cubi e metri cubi per la parte eccedente la soglia di 500 metri cubi, entro il limite del 10 per cento. 2. Gli ampliamenti di cui al comma 1 costituiscono interventi di ristrutturazione edilizia e sono realizzabili anche in deroga alla disciplina dei piani urbanistici, fermo restando il rispetto delle distanze da pareti finestrate degli edifici ove si tratti di ampliamenti in senso orizzontale, delle indicazioni tipologiche, formali e costruttive di livello puntuale degli strumenti urbanistici o degli atti di pianificazione territoriale vigenti e dei requisiti minimi di rendimento energetico degli edifici di cui alla legge regionale 29 maggio 2007, n. 22 (Norme in materia di energia) e successive modifiche ed integrazioni ed al decreto del Presidente della Repubblica 2 aprile 2009, n. 59 (Regolamento di attuazione dell articolo 4, comma 1, lettere a) e b), del decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 192, concernente attuazione della direttiva 2002/91/CE sul rendimento energetico in edilizia) e successive modifiche ed integrazioni. 3. Gli ampliamenti di edifici rurali di valore testimoniale a destinazione residenziale sono disciplinati dalle disposizioni di cui all articolo L ampliamento, nei termini di cui al comma 1, è ammesso anche per edifici destinati ad uso socioassistenziale e socio-educativo. 5. Ove gli interventi di ampliamento prevedano il frazionamento dell unità immobiliare interessata, le unità immobiliari non possono comunque avere una superficie inferiore a 60 metri quadrati. Articolo 4 (Incentivazioni e premialità per l applicazione dell articolo 3) 1. Le percentuali di ampliamento di cui all articolo 3 possono essere incrementate: a) di un ulteriore 10 per cento qualora l intero organismo edilizio esistente, comprensivo della porzione oggetto di ampliamento, venga, oltre gli obblighi di legge, strutturalmente adeguato alle norme antisismiche in vigore a decorrere dal 30 giugno 2009 nonché dotato di impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili ovvero rispetti i requisiti di rendimento energetico degli edifici indicati nell articolo 3; b) di un ulteriore 5 per cento per gli ampliamenti degli edifici rurali di valore testimoniale a destinazione residenziale, ivi compresi quelli parzialmente diruti, come premialità in relazione all obbligo, da assumersi da parte del proprietario o dell avente titolo, di realizzare i relativi interventi di ampliamento nel rispetto della tipologia, dei materiali locali tradizionali, quali le lastre di ardesia aventi composizione chimica con presenza di carbonato di calcio maggiore del 20 per cento e delle tecniche costruttive caratterizzanti l edificio esistente, come da attestazione del progettista da prodursi a corredo della Denuncia inizio attività (DIA); c) di un ulteriore 5 per cento qualora per la copertura di interi edifici residenziali diversi da quelli rurali di valore testimoniale si utilizzino, ove non in contrasto con le caratteristiche dei tetti circostanti, lastre di ardesia aventi le caratteristiche di cui alla lettera b). Articolo 5 (Esclusioni e specificazioni dell applicazione degli articoli 3 e 4) 1. Gli ampliamenti previsti dagli articoli 3 e 4 non si applicano nei confronti degli edifici od unità immobiliari: a) abusivi, in quanto realizzati in assenza di titolo edilizio od in difformità da esso; b) condonati con tipologia di abuso 1 Opere realizzate in assenza o difformità della licenza edilizia o concessione e non conformi alle norme urbanistiche ed alle prescrizioni degli strumenti urbanistici di cui alla tabella allegata alla legge 28 febbraio 1985, n. 47 (Norme in materia di controllo dell attività urbanistico edilizia, sanzioni, recupero e sanatoria delle opere edilizie) e successive modifiche ed integrazioni ed alla successiva legge 24 novembre 2003, n. 326 (Conversione in legge, con modificazioni, del decreto legge 30 settembre 2003, n. 269, recante disposizioni urgenti per favorire lo sviluppo e per la correzione dell andamento dei conti pubblici) e successive modifiche ed integrazioni; c) ricadenti in aree soggette a regime i inedificabilità assoluta in forza di normative o di atti di pianificazione territoriale ivi comprese le aree inondabili e a rischio di frana così individuate dai Piani di bacino; d) ricadenti in aree demaniali marittime concesse per finalità turistico-ricreative; e) ricadenti nei centri storici, salva la facoltà dei Comuni di individuare porzioni dei medesimi o specifici casi di applicabilità della legge con deliberazione soggetta ad esclusiva approvazione del Consiglio comunale; f) vincolati come beni culturali ai sensi della Parte Seconda del decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42 (Codice dei beni Culturali e del paesaggio, ai sensi dell articolo 10 della legge 6 luglio 2002, n. 137) e successive modifiche ed integrazioni o comunque individuati come edifici di pregio dagli strumenti urbanistici generali vigenti; 15

16 g) ricadenti nel territorio del Parco nazionale delle Cinque Terre, del Parco regionale di Portofino, del Parco naturale regionale di Portovenere e del Parco naturale regionale di Montemarcello Magra. 2. Nei Comuni costieri le disposizioni di cui agli articoli 3 e 4 non si applicano nei confronti degli edifici ricadenti, in base al vigente PTCP, assetto insediativo, nei seguenti ambiti e regimi normativi: a) strutture urbane qualificate (SU); b) conservazione (CE); c) aree non insediate (ANI) assoggettate al regime di mantenimento (MA), limitatamente alla fascia di profondità di 300 metri calcolati in linea d aria dalla battigia anche per i terreni elevati sul mare. 3. Per gli edifici ricadenti nei territori dei Parchi diversi da quelli di cui al comma 1, lettera g), si applica la disciplina di ampliamento stabilita nei relativi Piani, salva la facoltà di ogni ente parco di assumere specifica deliberazione per rendere applicabili le disposizioni degli articoli 3 e 4, ferme restando le esclusioni di cui ai commi 1 e I Comuni, entro il termine perentorio di quaranticinque giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, possono individuare parti del proprio territorio nelle quali le disposizioni di cui all articolo 3 non trovano applicazione per ragioni di ordine urbanistico, edilizio, paesaggistico ambientale, culturale. Articolo 6 (Demolizione e ricostruzione di edifici a destinazione residenziale) 1. A fini di diminuzione dell esposizione al rischio idraulico o idrogeologico, di miglioramento della qualità architettonica e della efficienza energetica del patrimonio edilizio, gli edifici residenziali esistenti alla data del 30 giugno 2009, riconosciuti incongrui, possono essere demoliti e ricostruiti con incremento fino al 35 per cento del volume esistente per realizzare edifici di migliore qualità architettonica e conformi alle norme antisismiche in vigore dal 30 giugno 2009 nonché alla normativa in materia di rendimento energetico degli edifici di cui alla l.r. 22/2007 e successive modifiche ed integrazioni ed al d.p.r. 59/ La ricostruzione deve avvenire in sito, anche su diverso sedime, e può essere assentita in deroga alle previsioni urbanistico-edilizie dello strumento urbanistico comunale, fatto salvo il rispetto delle distanze dai fabbricati ivi previste e della dotazione dei parcheggi pertinenziali in misura pari ad 1 metro quadrato ogni 10 metri cubi di incremento, da non computarsi nell incremento volumetrico, di cui al comma 1, se interrati. 3. Qualora la ricostruzione in sito non sia possibile per cause oggettive o non sia ritenuta opportuna per migliorare la qualità paesistica ed urbanistica del sito, il Comune, su proposta dei soggetti che intendano realizzare gli interventi previsti dalla presente disposizione, può approvare, mediante la procedura di Conferenza di servizi atta a comportare modifica allo strumento urbanistico comunale da qualificarsi di esclusivo interesse locale ai sensi dell articolo 2 della legge regionale 24 marzo 1983, n. 9 (Composizione, competenze e funzionamento del Comitato tecnico urbanistico) e successive modifiche ed integrazioni il progetto di ricostruzione su altre aree idonee, purché compatibile con le indicazioni del vigente PTCP e dei Piani di bacino. Il progetto deve altresì comprendere la sistemazione delle aree liberate dalla demolizione o, quanto meno, l approvazione della disciplina urbanistica delle stesse. Articolo 7 (Riqualificazione urbanistica ed ambientale di edifici a destinazione diversa da quella residenziale) 1. Al fine di conseguire la riqualificazione urbanistica ed ambientale i Comuni possono approvare interventi di demolizione e di ricostruzione di cui all articolo 6 aventi ad oggetto edifici incongrui a destinazione diversa da quella residenziale mediante la procedura di Conferenza di servizi atta a comportare modifica allo strumento urbanistico comunale da qualificarsi di esclusivo interesse locale ai sensi dell articolo 2 della l.r. 9/1983 nel contesto della quale sono determinate le funzioni insediabili e le condizioni per il rilascio dei relativi titoli abilitativi edilizi purché compatibili con le indicazioni del vigente PTCP e dei Piani di bacino. Articolo 8 (Titoli edilizi) 1. Gli ampliamenti di cui agli articoli 3 e 4 sono assoggettati a DIA obbligatoria di cui alla legge regionale 6 giugno 2008, n. 16 (Disciplina dell attività edilizia) e successive modifiche ed integrazioni e non sono cumulabili con gli ampliamenti consentiti dagli strumenti urbanistici comunali. La DIA per la realizzazione degli interventi di ampliamento sopra indicati può essere presentata decorso il termine di cui all articolo 5, comma Le demolizioni e ricostruzioni di cui agli articoli 6 e 7, nonché gli interventi di ampliamento di cui all articolo 4, comma 1, lettera b), relativi a edifici rurali di valore testimoniale parzialmente diruti, sono assentiti mediante rilascio di permesso di costruire. 3. Resta ferma l osservanza delle disposizioni stabilite nella vigente legislazione in materia paesisticoambientale nonché nelle diverse normative di settore che prescrivano l obbligo di munirsi di autorizzazioni, nulla osta e di altri atti preventivi al rilascio di titoli abilitativi edilizi e in particolare delle disposizioni in materia igienico-sanitaria, di stabilità e di sicurezza degli edifici. 4. La presentazione della DIA, o la richiesta di permesso di costruire, deve avvenire entro il termine 16

17 perentorio di cui all articolo 1, comma 2. Articolo 9 (Modifiche alla legge regionale 6 giugno 2008, n. 16 (Disciplina dell attività edilizia) e successive modifiche ed integrazioni) 1. L articolo 67 della l.r. 16/2008 e successive modifiche ed integrazioni è sostituito dal seguente: Articolo 67 (Superficie agibile e superficie accessoria) 1. Si definisce superficie agibile (SA) la superficie di solaio, misurata al filo interno dei muri perimetrali, comprensiva dei muri divisori fra unità immobiliari o interni ad esse. 2. Non sono da ricomprendere nella SA: a) le coperture piane, le scale, gli atri, i pianerottoli, le rampe, i sottorampa ed i passaggi di uso comune negli edifici a destinazione residenziale o ad essa assimilabile, ad uffici e ad attività turistico ricettive; b) i locali tecnici per impianti tecnologici quali ascensori, montacarichi, impianti termici, di climatizzazione, elettrici, idrici, e simili, nonché le intercapedini non eccedenti le dimensioni prescritte dalle pertinenti normative; c) i locali privi dei requisiti richiesti per l agibilità, quali cantine e ripostigli, purché ricompresi entro il sedime della costruzione e non comportanti la realizzazione di più di un piano in sottosuolo o nel piano terra limitatamente agli edifici aventi destinazione residenziale e tipologia diversa da quella condominiale; d) i sottotetti a falda inclinata privi dei requisiti richiesti per l agibilità aventi altezza all intradosso del colmo non superiore a metri 2,10; e) le autorimesse private interrate e seminterrate con un solo lato fuori terra di cui all articolo 19, quelle interrate o al piano terreno, di cui all articolo 9, comma 1, della l. 122/1989 e successive modifiche ed integrazioni, nonché le autorimesse interrate, fuori terra o su coperture piane negli edifici a destinazione commerciale nelle quantità prescritte dalla vigente normativa in materia; f) i porticati e gli spazi ad uso pubblico. 3. Costituiscono superficie accessoria (S Acc.) da non ricomprendere nella SA sempreché contenuta entro il limite massimo del 30 per cento della SA per edifici aventi SA non superiore a 160 metri quadrati ed entro il limite massimo del 20 per cento per la parte di SA eccedente la soglia di 160 metri quadrati e da misurarsi con le stesse modalità di cui al comma 1: a) i porticati, le tettoie, i poggioli, i terrazzi e le logge, se ad uso privato; b) i sottotetti a falda inclinata aventi altezza all intradosso del colmo superiore a metri 2,10, ma privi dei requisiti richiesti per l agibilità; c) i locali privi dei requisiti richiesti per l agibilità non riconducibili nella fattispecie di cui al comma 2, lettera c); d) le autorimesse private fuori terra negli edifici a destinazione residenziale o ad essa assimilabile, ad uffici e ad attività turistico-ricettive realizzate ai sensi dell articolo Con riferimento agli strumenti urbanistici comunali vigenti, al fine di agevolare l'attuazione delle norme sul risparmio energetico e per migliorare la qualità degli edifici, non sono considerati nel computo per la determinazione dell indice edificatorio: a) le strutture perimetrali portanti e non, che comportino spessori complessivi, sia per gli elementi strutturali che sovrastrutturali, superiori a 30 centimetri, per la sola parte eccedente i centimetri 30 e fino ad un massimo di ulteriori centimetri 25 per gli elementi verticali nonché i solai con struttura superiore a 30 centimetri per la sola parte eccedente i 30 centimetri fino ad un massimo di 25 centimetri per gli elementi di copertura e di 15 centimetri per quelli orizzontali intermedi, in quanto il maggiore spessore contribuisce al miglioramento dei livelli di coibentazione termica, acustica e di inerzia termica; b) l incremento di spessore fino a 15 centimetri dei muri divisori fra unità immobiliari finalizzato all isolamento acustico. 5. Negli interventi di ristrutturazione urbanistica aventi ad oggetto ambiti urbani da attuarsi mediante Progetto urbanistico operativo (PUO), Strumento urbanistico attuativo (SUA) o progetti ad essi equivalenti, il limite di cui al comma 3 relativo alla superficie accessoria può essere elevato fino al 30 per cento per motivate esigenze di qualità architettonica e di efficienza energetica degli edifici.. 2. Al comma 1, dell articolo 88, della l.r. 16/2008 e successive modifiche ed integrazioni le parole: diciotto mesi sono sostituite dalle seguenti: ventiquattro mesi. La presente legge regionale sarà pubblicata nel Bollettino Ufficiale della Regione. E fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e farla osservare come legge della Regione Liguria. Data a Genova, addì 3 novembre 2009 IL PRESIDENTE Claudio Burlando 17

18 Ulteriore documentazione Legge regionale del 1 marzo 2011 n. 4 Modifiche alla legge regionale 3 novembre 2009, n. 49 (Misure urgenti per il rilancio dell'attività edilizia e per la riqualificazione del patrimonio urbanistico edilizio) Decreto Legge del 13 maggio 2011 n. 70 Semestre Europeo - Prime disposizioni urgenti per l'economia (DL Sviluppo) Circolare del 12 gennaio 2010 n. PG/2010/4421 Rettifica della nota di chiarimenti per la applicazione della L.R. 49/009 (Piano casa) PG 2009/ del Circolare del 28 dicembre 2009 n. PG/2009/ Chiarimento su art. 5, comma 1, lettera b) della l.r. n. 49/2009 (Piano Casa) relativamente alla applicabilità degli ampliamenti previsti negli articoli 3 e 4 della medesima legge agli edifici od unità immobiliari "condonati con tipologia di abuso 1" Decreto Pres. Repubblica del 2 aprile 2009 n. 59 Regolamento di attuazione dell'articolo 4, comma 1, lettere a) e b), del decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 192, concernente attuazione della direttiva 2002/91/CE sul rendimento energetico in edilizia Legge regionale del 06 giugno 2008 n. 16 Disciplina dell attività edilizia Legge regionale del 29 maggio 2007 n. 22 Norme in materia di energia Decreto Legislativo del 22 gennaio 2004 n. 42 Codice dei beni culturali e del paesaggio, ai sensi dell'articolo 10 della legge 6 luglio 2002, n. 137 Legge dello Stato del 28 febbraio 1985 n. 47 Norme in materia di controllo dell'attività urbanistico-edilizia, sanzioni, recupero e sanatoria delle opere edilizie. (Legge Nicolazzi) Legge regionale del 5 aprile 2012 n. 9 Modifiche alla l.r. n.16/08 (Disciplina dell attività edilizia), alla l.r. n.25/95 (Disposizioni in materia di determinazione del contributo di concessione edilizia), alla l.r. n.36/97 (Legge urbanistica regionale), alla l.r. n.49/09 (Misure urgenti per il rilancio dell attività edilizia e per la riqualificazione del patrimonio urbanistico-edilizio) Per informazioni in tempo reale consulta: Speciale Piano Casa Liguria La presente guida è frutto di una elaborazione della legge regionale curata dalla redazione di Edilportale.com Edilportale declina ogni responsabilità per eventuali errori o inesattezze in essa contenuti 18

TESTO COORDINATO DELLE LEGGI IN MATERIA DI RILANCIO DELL ATTIVITA EDILIZIA E RIQUALIFICAZIONE DEL PATRIMONIO URBANISTICO-EDILIZIO

TESTO COORDINATO DELLE LEGGI IN MATERIA DI RILANCIO DELL ATTIVITA EDILIZIA E RIQUALIFICAZIONE DEL PATRIMONIO URBANISTICO-EDILIZIO TESTO COORDINATO DELLE LEGGI IN MATERIA DI RILANCIO DELL ATTIVITA EDILIZIA E RIQUALIFICAZIONE DEL PATRIMONIO URBANISTICO-EDILIZIO LEGGE REGIONALE 3 NOVEMBRE 2009, n. 49 (Misure urgenti per il rilancio

Dettagli

PIANO CASA LIGURIA SCHEDA SINTETICA

PIANO CASA LIGURIA SCHEDA SINTETICA PIANO CASA LIGURIA SCHEDA SINTETICA (si veda anche la parte normativa, più sotto) Norme L. 3/11/2009 n. 49, L. 1/3/2011, n. 4, L.16/11/2011, n. 33, L. 5/4/2012, n. 9; Cir. Pian. Territ. 28/12/2009 n. 184296

Dettagli

Il Consiglio regionale Assemblea legislativa della Liguria ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA promulga

Il Consiglio regionale Assemblea legislativa della Liguria ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA promulga REGIONE LIGURIA ----------- LEGGE REGIONALE 12 NOVEMBRE 2014 N. 30 MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 6 AGOSTO 2001, N. 24 (RECUPERO AI FINI ABITATIVI DEI SOTTOTETTI ESISTENTI) E ALLA LEGGE REGIONALE 6 GIUGNO

Dettagli

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA (aggiornata a gennaio 2014) 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... pag. 3 IL PIANO CASA IN TOSCANA... pag. 4 INTERVENTI DI AMPLIAMENTO....pag. 5 INTERVENTI DI DEMOLIZIONE

Dettagli

Guida al PIANO CASA della Regione CALABRIA

Guida al PIANO CASA della Regione CALABRIA Guida al PIANO CASA della Regione CALABRIA (aggiornata a aprile 2015) SOMMARIO INTRODUZIONE....pag. 3 IL PIANO CASA IN CALABRIA.... pag. 4 EDIFICI RESIDENZIALI, Ampliamento volumetrico... pag. 6 EDIFICI

Dettagli

ABRUZZO (Lr 19 agosto 2009, n. 16)

ABRUZZO (Lr 19 agosto 2009, n. 16) PIANO CASA 2 Schede di sintesi dei testi normativi di: L.R. Abruzzo L.R.Basilicata pdl Calabria pdl Campania L.R Emilia Romagna L.R Friuli Venezia Giulia L.R Lazio L.R Liguria L.R Lombardia L.R Marche

Dettagli

Guida al PIANO CASA della Regione CAMPANIA

Guida al PIANO CASA della Regione CAMPANIA Guida al PIANO CASA della Regione CAMPANIA (aggiornata a aprile 2015) SOMMARIO INTRODUZIONE... pag. 3 IL PIANO CASA IN CAMPANIA... pag. 4 EDIFICI RESIDENZIALI, Ampliamento volumetrico....pag. 6 EDIFICI

Dettagli

Guida al PIANO CASA della Regione VENETO

Guida al PIANO CASA della Regione VENETO Guida al PIANO CASA della Regione VENETO (aggiornata a marzo 2015) SOMMARIO INTRODUZIONE.. pag. 3 IL PIANO CASA NEL VENETO.. pag. 4 EDIFICI RESIDENZIALI, Ampliamento volumetrico.....pag. 6 EDIFICI RESIDENZIALI,

Dettagli

Definizione dei limiti e delle modalità operative, ai sensi dell art. 9 c. 5 della L.R. 14/2009 come modificata ed integrata dalla LR 26/2009

Definizione dei limiti e delle modalità operative, ai sensi dell art. 9 c. 5 della L.R. 14/2009 come modificata ed integrata dalla LR 26/2009 ALLEGATO A Definizione dei limiti e delle modalità operative, ai sensi dell art. 9 c. 5 della L.R. 14/2009 come modificata ed integrata dalla LR 26/2009 Approvato con deliberazione di CC n.47 in data 29/10/2009

Dettagli

Guida al PIANO CASA della Regione LOMBARDIA

Guida al PIANO CASA della Regione LOMBARDIA Guida al PIANO CASA della Regione LOMBARDIA (aggiornata a gennaio 2013) SOMMARIO INTRODUZIONE....pag. 3 IL PIANO CASA IN LOMBARDIA...... pag. 4 EDIFICI RESIDENZIALI, Ampliamento volumetrico..... pag. 6

Dettagli

C O M U N E D I I L L A S I

C O M U N E D I I L L A S I C O M U N E D I I L L A S I PROVINCIA DI VERONA DEFINIZIONI, LIMITI, MODALITA E CRITERI INTERPRETATIVI DELLA LEGGE REGIONALE VENETO 8 LUGLIO 2009 N.14 NEL TERRITORIO COMUNALE DI ILLASI TITOLO I DEFINIZIONI

Dettagli

Art. 1 - Finalità. a) al miglioramento della qualità abitativa per preservare,

Art. 1 - Finalità. a) al miglioramento della qualità abitativa per preservare, IL VECCHIO E IL NUOVO PIANO CASA A CONFRONTO con le nuove disposizioni dettate dalla legge regionale n. 32 del 29 novembre 2013 (Bur n. 103 del 30/11/2013) - Il primo dicembre 2013 è entrata in vigore

Dettagli

Guida al PIANO CASA della Regione LAZIO

Guida al PIANO CASA della Regione LAZIO Guida al PIANO CASA della Regione LAZIO (aggiornata a maggio 2015) SOMMARIO INTRODUZIONE... pag. 3 IL PIANO CASA NEL LAZIO. pag. 4 EDIFICI RESIDENZIALI, Ampliamento volumetrico....pag. 7 EDIFICI RESIDENZIALI,

Dettagli

Norme per il sostegno dell attività edilizia e la riqualificazione del patrimonio edilizio. *********************** Regione siciliana

Norme per il sostegno dell attività edilizia e la riqualificazione del patrimonio edilizio. *********************** Regione siciliana L.R. 23 marzo 2010, n. 6. Norme per il sostegno dell attività edilizia e la riqualificazione del patrimonio edilizio. Pubblicata sulla Gazz. Uff. Reg. sic. 26 marzo 2010, n. 14. ***********************

Dettagli

Guida al PIANO CASA della Regione PUGLIA

Guida al PIANO CASA della Regione PUGLIA Guida al PIANO CASA della Regione PUGLIA (aggiornata a settembre 2013) SOMMARIO INTRODUZIONE... pag. 3 IL PIANO CASA IN PUGLIA.... pag. 4 EDIFICI RESIDENZIALI, Ampliamento volumetrico....pag. 6 EDIFICI

Dettagli

PIANO CASA 2 La mappa degli interventi regionali

PIANO CASA 2 La mappa degli interventi regionali PIANO CASA 2 La mappa degli interventi regionali Direzione Legislazione Mercato Privato Ultimo aggiornamento: ottobre 2011 AMPLIAMENTO di edifici esistenti DEMOLIZIONE RICOSTRUZIONE Titolo abilitativo

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI

ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI Il Comune di Cadoneghe, valutate le caratteristiche e le peculiarità del proprio territorio, considerate le esigenze di sostegno al settore edilizio, attentamente soppesati

Dettagli

REGOLAMENTO APPLICATIVO

REGOLAMENTO APPLICATIVO REGOLAMENTO APPLICATIVO DEL PIANO CASA ai sensi dell art. 9 comma 5 della L.R. 14/2009 Autore(i) nome dott.urb. Alessandro Calzavara arch. Paola Barbato data ottobre 2009 Verificato dott.urb. Alessandro

Dettagli

Azioni straordinarie per lo sviluppo e la qualificazione del patrimonio edilizio ed urbanistico della Lombardia

Azioni straordinarie per lo sviluppo e la qualificazione del patrimonio edilizio ed urbanistico della Lombardia Legge Regionale 16 luglio 2009, N. n. 13 Azioni straordinarie per lo sviluppo e la qualificazione del patrimonio edilizio ed urbanistico della Lombardia (BURL n. 28 2 suppl. ord. del 17 Luglio 2009 ) urn:nir:regione.lombardia:legge:2009-07-16;13

Dettagli

REGOLAMENTO APPLICATIVO

REGOLAMENTO APPLICATIVO REGOLAMENTO APPLICATIVO DEL PIANO CASA ai sensi dell art. 9 comma 5 della L.R. 14/2009 Autore(i) nome dott.urb. Alessandro Calzavara arch. Paola Barbato data SETTEMBRE 2011 Verificato dott.urb. Alessandro

Dettagli

Comune di Cagliari Assessorato Ambiente e Urbanistica Servizio Edilizia Privata

Comune di Cagliari Assessorato Ambiente e Urbanistica Servizio Edilizia Privata Comune di Cagliari Assessorato Ambiente e Urbanistica Servizio Edilizia Privata OGGETTO: INDIRIZZI INTERPRETATIVI DELLA L. R. 4/2009 AGGIORNAMENTO AL 18.10.2010 ART. 1 Finalità 1) L obiettivo primario

Dettagli

Attività edilizia libera. Attività soggette a comunicazione

Attività edilizia libera. Attività soggette a comunicazione REGIMI PROCEDURALI A CUI È SOGGETTA L ATTIVITÀ EDILIZIA IN SICILIA APPENDICE NORMATIVA Attività edilizia libera (Art. 6 L.R. 37/85) Per la realizzazione degli interventi edilizi rientranti nel "regime

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

Attività edilizie e titoli abilitativi

Attività edilizie e titoli abilitativi Attività edilizie e titoli abilitativi quando, dove e come rr 27 luglio 2012 rev 1.01 Attività edilizia libera interventi edilizi per i quali non è richiesto alcun titolo abilitativo, né è prevista alcuna

Dettagli

COMUNE DI TORRE SANTA SUSANNA ASSESSORATO ALL URBANISTICA E ASSETTO DEL TERRITORIO

COMUNE DI TORRE SANTA SUSANNA ASSESSORATO ALL URBANISTICA E ASSETTO DEL TERRITORIO COMUNE DI TORRE SANTA SUSANNA ASSESSORATO ALL URBANISTICA E ASSETTO DEL TERRITORIO Regolamento Comunale per l edilizia sostenibile finalizzato alla graduazione degli incentivi (Approvato con delibera di

Dettagli

IL PIANO CASA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA: SPUNTI RICOSTRUTTIVI. di TOMMASO BONETTI

IL PIANO CASA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA: SPUNTI RICOSTRUTTIVI. di TOMMASO BONETTI IL PIANO CASA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA: SPUNTI RICOSTRUTTIVI di TOMMASO BONETTI SOMMARIO: 1. Il «piano casa»: le scelte del legislatore regionale. 2. Il piano casa dell Emilia Romagna: oggetto e ambito

Dettagli

L.R. 08 Novembre 2004, n. 12 Disposizioni in materia di definizione di illeciti edilizi (1)

L.R. 08 Novembre 2004, n. 12 Disposizioni in materia di definizione di illeciti edilizi (1) L.R. 08 Novembre 2004, n. 12 Disposizioni in materia di definizione di illeciti edilizi (1) SOMMARIO Art. 1 - Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 - Opere abusive suscettibili di sanatoria Art. 3 -

Dettagli

CONTRIBUTI RELATIVI AGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE E COSTO DI COSTRUZIONE

CONTRIBUTI RELATIVI AGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE E COSTO DI COSTRUZIONE Urbanistica Edilizia privata Comune di Fauglia Provincia di Pisa CONTRIBUTI RELATIVI AGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE E COSTO DI COSTRUZIONE DISCIPLINA IN MATERIA DI SANZIONI AMMINISTRATIVE DI CUI L ART. 140

Dettagli

LEGGE PROVINCIALE N. 4 DEL 03-03-2010 REGIONE TRENTO (Prov.)

LEGGE PROVINCIALE N. 4 DEL 03-03-2010 REGIONE TRENTO (Prov.) LEGGE PROVINCIALE N. 4 DEL 03-03-2010 REGIONE TRENTO (Prov.) Modificazioni della legge urbanistica provinciale, altre disposizioni in materia di incentivazione dell edilizia sostenibile, semplificazione

Dettagli

PROCEDURE EDILIZIE: INTERVENTI EDILIZI RIFERIMENTI NORMATIVI dicembre 2011 art. 10 comma 1 DPR 380/01 art. 10 c.1 DPR 380/01

PROCEDURE EDILIZIE: INTERVENTI EDILIZI RIFERIMENTI NORMATIVI dicembre 2011 art. 10 comma 1 DPR 380/01 art. 10 c.1 DPR 380/01 PdC PROCEDURE EDILIZIE: INTERVENTI EDILIZI RIFERIMENTI NORMATIVI dicembre 2011 art. 10 comma 1 DPR 380/01 art. 10 c.1 DPR 380/01 art. 3 comma 1 lett. e) DPR 380/01 [art.27 lett. e) LR 12/05] a) gli interventi

Dettagli

PRIMO PIANO CASA Legge regionale 8 luglio 2009, n. 14. SECONDO PIANO CASA Legge regionale 8 luglio 2011, n. 13 BREVE ANALISI DEI RISULTATI OTTENUTI

PRIMO PIANO CASA Legge regionale 8 luglio 2009, n. 14. SECONDO PIANO CASA Legge regionale 8 luglio 2011, n. 13 BREVE ANALISI DEI RISULTATI OTTENUTI PRIMO PIANO CASA Legge regionale 8 luglio 2009, n. 14 SECONDO PIANO CASA Legge regionale 8 luglio 2011, n. 13 BREVE ANALISI DEI RISULTATI OTTENUTI MONITORAGGIO PIANO CASA STATO DELL ARTE Numero di istanze

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI SOLARI E PANNELLI FOTOVOLTAICI PREMESSA

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI SOLARI E PANNELLI FOTOVOLTAICI PREMESSA C o m u n e d i M o m b e r c e l l i Piazza Alfieri, n.2-14047 Mombercelli - Provincia di Asti c.f. e p.i. 00206070054 - Tel. 0141 959.610 Fax 0141 959.756 REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE DI

Dettagli

COMUNE DI SASSARI Settore Edilizia Privata

COMUNE DI SASSARI Settore Edilizia Privata COMUNE DI SASSARI Settore Edilizia Privata Prot. n. 117048 del 25.09.2012 Oggetto: - Risposte a quesiti sul piano casa e non solo. Modifica del punto 7 della precedente nota prot. 57027 del 18.05.2012

Dettagli

Aral 83 S.r.l. Consulenze e servizi

Aral 83 S.r.l. Consulenze e servizi Informativa per la clientela studio Aral Ai gentili Clienti OGGETTO: Decreto sblocca Italia: stop alla DIA Gentile Cliente, con il Decreto Legge Sblocca Italia gli interventi di ristrutturazione in casa

Dettagli

Guida. al PIANO CASA della Regione MOLISE. (aggiornata a marzo 2015)

Guida. al PIANO CASA della Regione MOLISE. (aggiornata a marzo 2015) Guida al PIANO CASA della Regione MOLISE (aggiornata a marzo 2015) SOMMARIO INTRODUZIONE... pag. 3 IL PIANO CASA IN MOLISE. pag. 4 EDIFICI RESIDENZIALI, Ampliamento volumetrico....pag. 6 EDIFICI RESIDENZIALI,

Dettagli

PIANO CASA LAZIO SCHEDA SINTETICA

PIANO CASA LAZIO SCHEDA SINTETICA PIANO CASA LAZIO SCHEDA SINTETICA (si veda anche la parte normativa, più sotto) Norme L. 11/8/2009 n. 21; Deliberazione giunta 23/12/2009, n. 985, L. 3/2/2010 n. 1, L. 13/8/2011, n. 10, Circolare Lazio

Dettagli

Direzione Legislazione Mercato Privato PIANO CASA 2. Le schede di sintesi dei testi normativi regionali (aggiornate con le modifiche e integrazioni)

Direzione Legislazione Mercato Privato PIANO CASA 2. Le schede di sintesi dei testi normativi regionali (aggiornate con le modifiche e integrazioni) Direzione Legislazione Mercato Privato PIANO CASA 2 Le schede di sintesi dei testi normativi regionali (aggiornate con le modifiche e integrazioni) Ultimo aggiornamento: ottobre 2011 N.B.: i testi sono

Dettagli

BOZZA DELLA PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE INERENTE LA L.R. 13 DEL 10 GIUGNO 2008.

BOZZA DELLA PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE INERENTE LA L.R. 13 DEL 10 GIUGNO 2008. BOZZA DELLA PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE INERENTE LA L.R. 13 DEL 10 GIUGNO 2008. Premesso che: - la Regione Puglia, con la Legge Regionale 10 giugno 2008, n. 13, Norme per l abitare

Dettagli

Comune di Trissino Provincia di Vicenza

Comune di Trissino Provincia di Vicenza Comune di Trissino Provincia di Vicenza MODULISTICA ONLINE 2014 www.comune.trissino.vi.it servizi tecnici pianificazione e sviluppo del territorio edilizia privata Definizione dei TIPI di INTERVENTO aggiornato

Dettagli

Legge Regionale 11 Agosto 2009, n. 21 Misure straordinarie per il settore edilizio ed interventi per l'edilizia residenziale sociale (1)

Legge Regionale 11 Agosto 2009, n. 21 Misure straordinarie per il settore edilizio ed interventi per l'edilizia residenziale sociale (1) Legge Regionale 11 Agosto 2009, n. 21 Misure straordinarie per il settore edilizio ed interventi per l'edilizia residenziale sociale (1) Testo coordinato artt.li 1-6 testo, con modifiche introdotte dalla

Dettagli

Guida al PIANO CASA della Regione PIEMONTE

Guida al PIANO CASA della Regione PIEMONTE Guida al PIANO CASA della Regione PIEMONTE (aggiornata a settembre 2013) SOMMARIO INTRODUZIONE.. pag. 3 IL PIANO CASA IN PIEMONTE...... pag. 4 EDIFICI RESIDENZIALI, Ampliamento volumetrico...pag. 6 EDIFICI

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

Direzione Legislazione Mercato Privato PIANO CASA 2. Le schede di sintesi dei testi normativi regionali (aggiornate con le modifiche e integrazioni)

Direzione Legislazione Mercato Privato PIANO CASA 2. Le schede di sintesi dei testi normativi regionali (aggiornate con le modifiche e integrazioni) Direzione Legislazione Mercato Privato PIANO CASA 2 Le schede di sintesi dei testi normativi regionali (aggiornate con le modifiche e integrazioni) Ultimo aggiornamento: 21 febbraio 2012 N.B.: i testi

Dettagli

IL RISPARMIO ENERGETICO CHE FA CRESCERE... LA CUBATURA. A cura del Dott. Fulvio Di Dio

IL RISPARMIO ENERGETICO CHE FA CRESCERE... LA CUBATURA. A cura del Dott. Fulvio Di Dio IL RISPARMIO ENERGETICO CHE FA CRESCERE... LA CUBATURA A cura del Dott. Fulvio Di Dio È da poco entrato in vigore il decreto legislativo 30 maggio 2008, n. 115, Attuazione della direttiva 2006/32/CE relativa

Dettagli

COME SCEGLIERE LA PROCEDURA EDILIZIA CORRETTA

COME SCEGLIERE LA PROCEDURA EDILIZIA CORRETTA COME SCEGLIERE LA PROCEDURA EDILIZIA CORRETTA Per facilitare l'individuazione del procedimento più appropriato si forniscono di seguito alcune indicazioni di carattere generale, sottolineando che con l'entrata

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE, SVILUPPO, TERRITORIO E LAVORO DIREZIONE EDILIZIA PRIVATA. O. d. S. n. 11 / 2013

DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE, SVILUPPO, TERRITORIO E LAVORO DIREZIONE EDILIZIA PRIVATA. O. d. S. n. 11 / 2013 DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE, SVILUPPO, TERRITORIO E LAVORO DIREZIONE EDILIZIA PRIVATA Prot.n 7708 del 31/12/2013.. Cat 6.30.6.6. (da citare nella risposta) Torino, 31/12/2013 O. d. S. n. 11 / 2013 Oggetto:

Dettagli

Documento sul Piano Casa Regione Campania

Documento sul Piano Casa Regione Campania Documento sul Piano Casa Regione Campania a cura di Associazione Costruttori Edili Ordine Architetti Ordine Ingegneri Collegio dei Geometri AVELLINO Ill.mo On. Marcello Taglialatela Assessore Regionale

Dettagli

Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati

Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati Stato degli atti dopo il Febbraio 2010: Sono state presentate 90 proposte. L estensione complessiva delle

Dettagli

L.R. 5/2007, art. 61, c. 4 B.U.R. 19/9/2007, S.O. n. 24. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 17 settembre 2007, n. 0296/Pres.

L.R. 5/2007, art. 61, c. 4 B.U.R. 19/9/2007, S.O. n. 24. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 17 settembre 2007, n. 0296/Pres. L.R. 5/2007, art. 61, c. 4 B.U.R. 19/9/2007, S.O. n. 24 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 17 settembre 2007, n. 0296/Pres. Regolamento di attuazione della disciplina dell attività edilizia, ai sensi

Dettagli

LEGGE REGIONALE 15/2013

LEGGE REGIONALE 15/2013 LEGGE REGIONALE 15/2013 SEMPLIFICAZIONE DELLA DISCIPLINA EDILIZIA Pubblicata il 31 luglio 2013 In vigore dal 28 settembre 2013 -tranne art.55, in vigore dal 31 luglio 2013-13/10/09 - Esercitazione Pratica

Dettagli

Attuazione dell'art. 5 del d.l. 70/2011: Scheda illustrativa su Legge regionale 5 agosto 2011, n. 40

Attuazione dell'art. 5 del d.l. 70/2011: Scheda illustrativa su Legge regionale 5 agosto 2011, n. 40 Roma 29 e 30 settembre 2011 Regione Toscana La legge regionale 40/2011 1 ha introdotto significative modifiche ad alcune leggi ma in particolare alla legge regionale 1/2005 in attuazione dell articolo

Dettagli

COMUNE DI FERRARA SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE SERVIZIO QUALITÀ EDILIZIA SPORTELLO UNICO EDILIZIA. NP 3534/10 Ferrara 15.06.

COMUNE DI FERRARA SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE SERVIZIO QUALITÀ EDILIZIA SPORTELLO UNICO EDILIZIA. NP 3534/10 Ferrara 15.06. COMUNE DI FERRARA SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE SERVIZIO QUALITÀ EDILIZIA SPORTELLO UNICO EDILIZIA NP 3534/10 Ferrara 15.06.2010 Agli Uffici del Servizio Qualità e del SUE OGGETTO Conversione in

Dettagli

INCENTIVI PREVISTI DALLA LEGGE REGIONALE 10 giugno 2008, N. 13

INCENTIVI PREVISTI DALLA LEGGE REGIONALE 10 giugno 2008, N. 13 CITTÀ DI MESAGNE ASSESSORATO ALL URBANISTICA E ASSETTO DEL TERRITORIO UFFICIO DEL PIANO URBANISTICO GENERALE INCENTIVI PREVISTI DALLA LEGGE REGIONALE 10 giugno 2008, N. 13 e ss.mm.ii. recante Norme per

Dettagli

Piano Casa Lazio L.R. 21/2009 s.m.i. testo coordinato (Misure straordinarie per il settore edilizio ed interventi per l'edilizia residenziale sociale)

Piano Casa Lazio L.R. 21/2009 s.m.i. testo coordinato (Misure straordinarie per il settore edilizio ed interventi per l'edilizia residenziale sociale) Piano Casa Lazio L.R. 21/2009 s.m.i. testo coordinato (Misure straordinarie per il settore edilizio ed interventi per l'edilizia residenziale sociale) aggiornato alle proposte di legge 75/2013 e 76/2013

Dettagli

COMUNE Dl LEGNAGO (Provincia di Verona) UFFICIO TECNICO SETTORE 3

COMUNE Dl LEGNAGO (Provincia di Verona) UFFICIO TECNICO SETTORE 3 COMUNE Dl LEGNAGO (Provincia di Verona) UFFICIO TECNICO SETTORE 3 SERVIZIO I URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA CRITERI E MODALITÀ DI CALCOLO DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE E DELLE SOMME DA CORRISPONDERE

Dettagli

Art. 101 Volume dell'edificio

Art. 101 Volume dell'edificio Comune di Padova Settore Edilizia Privata Settore Pianificazione Urbanistica Piano Regolatore Generale Nuovo Regolamento Edilizio Comunale Approvato con Deliberazione del C.C. n. 41 del 05/06/2006 In vigore

Dettagli

REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE

REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE COMUNE DI MONTIGNOSO PROVINCIA DI MASSA CARRARA REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE Variante artt. 26 47 62 63 Progettisti: Arch. Stefano Francesconi Geom. Giovanni Antonio Del Freo Testo Eliminato = Evidenziato

Dettagli

AUTORITA DI BACINO DI RILIEVO REGIONALE

AUTORITA DI BACINO DI RILIEVO REGIONALE AUTORITA DI BACINO DI RILIEVO REGIONALE INDIRIZZI INTERPRETATIVI E CHIARIMENTI IN MERITO AI CRITERI PER LA REDAZIONE DELLA NORMATIVADEI PIANI DI BACINO PER LA TUTELA DAL RISCHIO IDROGEOLOGICO DI CUI ALLA

Dettagli

TABELLA SINOTTICA DELLA DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI EDILIZI

TABELLA SINOTTICA DELLA DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI EDILIZI TABELLA SINOTTICA DELLA DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI EDILIZI PREMESSA: Entrata in vigore della nuova disciplina degli interventi edilizi prevista dalla L.R. n. 15 del 2013 La disciplina degli interventi

Dettagli

DICHIARAZIONE ASSEVERATA

DICHIARAZIONE ASSEVERATA III SETTORE - USO ED ASSETTO DEL TERRITORIO Servizio Territorio Urbanistica e Ambiente STD 10.09.03 (agg. 03/2014) DICHIARAZIONE ASSEVERATA DA ALLEGARE ALLA COMUNICAZIONE DI FINE LAVORI E DOMANDA DI CERTIFICATO

Dettagli

VADEMECUM PER L APPLICAZIONE DELLE DIVERSE PROCEDURE EDILIZIE SEMPLIFICATE, IN FUNZIONE DEL TIPO DI INTERVENTO PREVISTO

VADEMECUM PER L APPLICAZIONE DELLE DIVERSE PROCEDURE EDILIZIE SEMPLIFICATE, IN FUNZIONE DEL TIPO DI INTERVENTO PREVISTO COMUNE DI PIADENA Provincia di Cremona Sede Municipale: Piazza Garibaldi n. 3 - Tel. 0375.98125 - Fax n. 0375.98733 VADEMECUM PER L APPLICAZIONE DELLE DIVERSE PROCEDURE EDILIZIE SEMPLIFICATE, IN FUNZIONE

Dettagli

NORMATIVA e PROCEDURE per INTERVENTI EDILIZI

NORMATIVA e PROCEDURE per INTERVENTI EDILIZI NORMATIVA e PROCEDURE per INTERVENTI EDILIZI Normativa di riferimento Attività libera e Comunicazione Inizio Attività Legge n. 73 del 22 maggio 2010 che riscrive l art. 6 del DPR 380/2001 Comunicazione

Dettagli

TIMBRO PROTOCOLLO N. PRATICA

TIMBRO PROTOCOLLO N. PRATICA TIMBRO PROTOCOLLO BOLLO COMUNE DI RIVIGNANO N. PRATICA Nominativo del dichiarante (1)...... SI n altri titolari oltre al presente dichiarante NO... (in caso di più dichiaranti, compilare una scheda anagrafica

Dettagli

IL NUOVO REGIME DEI TITOLI ABILITATIVI E LA MODULISTICA UNIFICATA

IL NUOVO REGIME DEI TITOLI ABILITATIVI E LA MODULISTICA UNIFICATA ANCE IL NUOVO REGIME DEI TITOLI ABILITATIVI E LA MODULISTICA UNIFICATA 2015 SCIA DIA PDC CILA CIL D i r e z i o n e L e g i s l a z i o n e M e r c a t o P r i v a t o a g g i o r n a t o a l 1 7 m a r

Dettagli

Gli interventi ammessi a contributo. Interventi di riqualificazione energetica di edifici esistenti

Gli interventi ammessi a contributo. Interventi di riqualificazione energetica di edifici esistenti LINEE GUIDA ALLEGATE AL BANDO DIRETTO ALLA CONCESSIONE DI UN CONTRIBUTO PER L INCENTIVAZIONE DI INTERVENTI IN MATERIA DI RISPARMIO ENERGETICO E DI RIDUZIONE DELLE EMISSIONI IN ATMOSFERA Premessa Il presente

Dettagli

L.R. 11 Agosto 2009 n. 21 Misure straordinarie per il settore edilizio ed interventi per l'edilizia residenziale sociale CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

L.R. 11 Agosto 2009 n. 21 Misure straordinarie per il settore edilizio ed interventi per l'edilizia residenziale sociale CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI L.R. 11 Agosto 2009 n. 21 Misure straordinarie per il settore edilizio ed interventi per l'edilizia residenziale sociale CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 (Oggetto e finalità) 1. La presente legge, nel

Dettagli

ATTIVITÀ EDILIZIA LIBERA [DL 40/2010, convertito dalla Legge 22/05/2010, n. 73 ]

ATTIVITÀ EDILIZIA LIBERA [DL 40/2010, convertito dalla Legge 22/05/2010, n. 73 ] ATTIVITÀ EDILIZIA LIBERA [DL 40/2010, convertito dalla Legge 22/05/2010, n. 73 ] Gli interventi realizzabili senza titolo abilitativo edilizio sono divisi in due categorie, a seconda della necessità o

Dettagli

Pagina 1 di 6. Allegato A

Pagina 1 di 6. Allegato A Allegato A LIMITI E MODALITÀ APPLICATIVE DEGLI INTERVENTI PREVISTI DAGLI ARTICOLI 2, 3 e 4 DELLA LEGGE REGIONALE N. 14 DEL 08.07.2009 e smi Pagina 1 di 6 Limiti e modalità applicative per gli interventi

Dettagli

Piano Casa e Condominio

Piano Casa e Condominio Piano Casa e Condominio 1 A CURA D I A. I M. A. & ST I N G E N I M S R L I N G. G I U L I E T T I FA B R I Z I O T E L. 0 6. 8 3765142 C E L. 3 9 3. 2587324 2 AMPLIAMENTO DEGLI EDIFICI ESISTENTI IN CONDOMINIO

Dettagli

COMUNE DI BELLUNO DIREZIONE AREA SVILUPPO E PROGRAMMAZIONE SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA VADEMECUM

COMUNE DI BELLUNO DIREZIONE AREA SVILUPPO E PROGRAMMAZIONE SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA VADEMECUM COMUNE DI BELLUNO DIREZIONE AREA SVILUPPO E PROGRAMMAZIONE SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA VADEMECUM ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE DEGLI ELABORATI ALLEGATI ALLA ISTANZA DI RILASCIO DEL PERMESSO DI COSTRUIRE E

Dettagli

Impianti fotovoltaici: problematiche ed opportunità

Impianti fotovoltaici: problematiche ed opportunità Impianti fotovoltaici: problematiche ed opportunità Laboratorio di Fisica Ambientale per la Qualità Edilizia Università di Firenze Il quadro normativo Norme Nazionali COMPLESSITA BUROCRATICA INSOSTENIBILE

Dettagli

DISCIPLINA DELL ATTIVITA EDILIZIA 6 GIUGNO 2008 N. 16 E S.M..

DISCIPLINA DELL ATTIVITA EDILIZIA 6 GIUGNO 2008 N. 16 E S.M.. DISCIPLINA DELL ATTIVITA EDILIZIA 6 GIUGNO 2008 N. 16 E S.M.. LEGGE REGIONALE 6 GIUGNO 2008 N. 16 DISCIPLINA DELL ATTIVITÀ EDILIZIA - PUBBLICATA SUL BURL N. 6 DEL 18.6.2008 PARTE I - COORDINATA CON LA

Dettagli

Comune di Cecina: regolamento per l edilizia sostenibile

Comune di Cecina: regolamento per l edilizia sostenibile Comune di Cecina: regolamento per l edilizia sostenibile Indirizzi del settore energia nella provincia di Livorno Roberto Bianco 19 giugno 2007 1 Pianificazione energetica provinciale: di linee di indirizzo

Dettagli

ATTIVITÀ EDILIZIA LIBERA E ABUSIVISMO EDILIZIO. Kristina Tomic

ATTIVITÀ EDILIZIA LIBERA E ABUSIVISMO EDILIZIO. Kristina Tomic AREA CITTÀ E TERRITORIO SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA ed EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA, MOBILITA e TRAFFICO ATTIVITÀ EDILIZIA LIBERA E ABUSIVISMO EDILIZIO Kristina Tomic Responsabile Abusivismo Edilizio Comune

Dettagli

Emendamento alla proposta di legge 8 ottobre 2013 n. 282 Norme per il governo del territorio. Relazione illustrativa

Emendamento alla proposta di legge 8 ottobre 2013 n. 282 Norme per il governo del territorio. Relazione illustrativa Emendamento alla proposta di legge 8 ottobre 2013 n. 282 Norme per il governo del territorio Relazione illustrativa Il presente emendamento di modifica della proposta di legge 282/2013 porta a compimento

Dettagli

Fondamenti di diritto urbanistico L intervento sul patrimonio edilizio esistente: dal testo unico del 2001 alla SCIA

Fondamenti di diritto urbanistico L intervento sul patrimonio edilizio esistente: dal testo unico del 2001 alla SCIA Università di Pisa Facoltà di Ingegneria AA 2014/2015 CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE-ARCHITETTURA Luisa Santini TECNICA URBANISTICA I Fondamenti di diritto urbanistico L intervento sul patrimonio

Dettagli

SOSTITUTIVA DEL PERMESSO DI COSTRUIRE per interventi di cui alla tabella A (articolo 22 comma 3 D.P.R. n 380 del 2001)

SOSTITUTIVA DEL PERMESSO DI COSTRUIRE per interventi di cui alla tabella A (articolo 22 comma 3 D.P.R. n 380 del 2001) COMUNE di MAGLIANO DE MARSI Provincia di L Aquila Via S. Maria di Loreto n.8 cap 67062 Tel. 0863/516 - FAX 0863/515018 P.I. 001820906 E-Mail info@comune.maglianodemarsi.aq.it Protocollo Generale Al Sig.

Dettagli

S P A Z I O R I S E R V A T O A G L I U F F I C I C O M U N A L I

S P A Z I O R I S E R V A T O A G L I U F F I C I C O M U N A L I S P A Z I O R I S E R V A T O A G L I U F F I C I C O M U N A L I AL COMUNE DI T O R T O N A S P O R T E L L O U N I C O P E R L E D I L I Z I A C O M U N I C A Z I O N E D I A T T I V I T A D I E D I

Dettagli

L.R. 10.11.2014 n. 65 Norme per il governo del territorio - - - - - le principali novità in materia edilizia Arch. Lorenzo Paoli

L.R. 10.11.2014 n. 65 Norme per il governo del territorio - - - - - le principali novità in materia edilizia Arch. Lorenzo Paoli L.R. 10.11.2014 n. 65 Norme per il governo del territorio - - - - - le principali novità in materia edilizia Arch. Lorenzo Paoli Dirigente del Settore Edilizia e Urbanistica / Comune di Scandicci (FI)

Dettagli

Piano casa: le regole poste dai Comuni

Piano casa: le regole poste dai Comuni Piano casa: le regole poste dai Comuni PIEMONTE LR n. 20/2009 Le esclusioni previste dalla legge edifici in assenza o difformità dal titolo abilitativo edifici nei centri storici o nelle aree esterne d'interesse

Dettagli

LEGGE REGIONALE N.15 30 LUGLIO 2013 Semplificazione della disciplina edilizia

LEGGE REGIONALE N.15 30 LUGLIO 2013 Semplificazione della disciplina edilizia N.15 30 LUGLIO 2013 Analisi delle principali novità e prime indicazioni operative Ravenna, 26 settembre 2013 Sala D Attorre Art 1 Principi generali In coerenza con il titolo V costituzione e con i principi

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO PREFETTIZIO

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO PREFETTIZIO COPIA COMUNE DI MIRANO Provincia di Venezia Servizio Segreteria Delibera N. 28 del 29/11/2011 EDIL.PRIV./alm VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO PREFETTIZIO (ASSUNTA CON I POTERI DEL CONSIGLIO COMUNALE)

Dettagli

LE NOVITÀ IN EDILIZIA INTRODOTTE DAL DECRETO DEL FARE *

LE NOVITÀ IN EDILIZIA INTRODOTTE DAL DECRETO DEL FARE * Luglio 2013 LE NOVITÀ IN EDILIZIA INTRODOTTE DAL DECRETO DEL FARE * La sagoma non costituisce più un parametro da rispettare nelle ristrutturazioni Nuove regole per il procedimento della SCIA Ammessa l

Dettagli

COMUNE DI BORGO D ALE

COMUNE DI BORGO D ALE Allo Sportello Unico per l Edilizia del COMUNE DI BORGO D ALE Oggetto: DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITÀ (Artt. 22 a 23 del D.P.R. n.380/2001) ORDINARIA - presentata ai sensi dell art.22, commi 1 e 2 del D.P.R.

Dettagli

TIMBRO PROTOCOLLO N. PRATICA

TIMBRO PROTOCOLLO N. PRATICA COMUNE DI PORDENONE TIMBRO PROTOCOLLO N. PRATICA Nominativo del dichiarante (1) altri titolari oltre al presente dichiarante NO SI n (in caso di più dichiaranti, compilare una scheda anagrafica per ogni

Dettagli

L.R. 11 Agosto 2009 n. 21

L.R. 11 Agosto 2009 n. 21 L.R. 11 Agosto 2009 n. 21 Misure straordinarie per il settore edilizio ed interventi per l'edilizia residenziale sociale CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 (Oggetto e finalità) 1. La presente legge, nel

Dettagli

ALLEGATO A - IL REGIME DELLE AUTORIZZAZIONI -

ALLEGATO A - IL REGIME DELLE AUTORIZZAZIONI - ALLEGATO A - IL REGIME DELLE AUTORIZZAZIONI - Intervento Manutenzione ordinaria (articolo 6, comma 1, lettera a: articolo 3, comma 1, lettera a) Libero Titolo Eliminazione di barriere architettoniche che

Dettagli

ATTIVITA PROFESSIONALE. DIRITTI DI SEGRETERIA (es. Comune di Roma)

ATTIVITA PROFESSIONALE. DIRITTI DI SEGRETERIA (es. Comune di Roma) ATTIVITA PROFESSIONALE PREZZI (*esclusi: IVA e CNPAIA 4%, diritti di segreteria P.A.- COMPUTO-METRICI, CAPITOLATI, CONTRATTI, DIREZIONE LAVORI, N.O. VINCOLI, PROGETTO STRUTTURALE, RELAZIONE GEOLOGICA,

Dettagli

Schema per il Calcolo del Contributo di Costruzione

Schema per il Calcolo del Contributo di Costruzione Schema per il Calcolo del Contributo di Costruzione Suddivisione contributi Oneri di Urbanizzazione U1 - Primaria U2 - Secondaria D - Trattamento e Smaltimento rifiuti (solo per destinazioni produttive)

Dettagli

Comune di Brescia Sportello Unico dell Edilizia

Comune di Brescia Sportello Unico dell Edilizia Comune di Brescia Sportello Unico dell Edilizia EDILIZIA PRIVATA E SEMPLIFICAZIONE PROCEDIMENTALE DOPO IL DECRETO SVILUPPO arch. Franco Claretti Venerdì,, 23 settembre 2011 T.U. D.P.R.. n. 380/2001 Nel

Dettagli

Mensile d informazione 1 0, 0 0

Mensile d informazione 1 0, 0 0 2011-2012 Mensile d informazione Vent uno anni N. 1 / 2 2011 A N N O XXI 1 0, 0 0 Aut. TRIB. di ROMA 618 / 90 del 25-10-90 Tariffa ROC - Poste Ital. Spa - Sped. in Abb. Postale - Dl. 353 / 2003 Art.1 comma

Dettagli

RICHIESTA DI PERMESSO DI COSTRUIRE (art. 3 Legge Regionale 11 ottobre 1985 n. 23 come modificata dalla Legge Regionale 23 aprile 2015 n.

RICHIESTA DI PERMESSO DI COSTRUIRE (art. 3 Legge Regionale 11 ottobre 1985 n. 23 come modificata dalla Legge Regionale 23 aprile 2015 n. AL COMUNE DI SINNAI Provincia di Cagliari Settore Edilizia Privata e SUAP BOLLO COD. FISC. 80014650925 Parco delle Rimembranze 09048 Sinnai (CA) Fax 070 781412 Centralino 070 76901 Ufficio Tecnici Istruttori

Dettagli

PIANO CASA 1/1/2014 INGRANDIRE LE UNITA IMMOBILIARI E POSSIBILE, MA DIPENDE DALLA REGIONE. Associazione Nazionale Donne Geometra

PIANO CASA 1/1/2014 INGRANDIRE LE UNITA IMMOBILIARI E POSSIBILE, MA DIPENDE DALLA REGIONE. Associazione Nazionale Donne Geometra PIANO CASA 1/1/2014 INGRANDIRE LE UNITA IMMOBILIARI E POSSIBILE, MA DIPENDE DALLA REGIONE Fino a fine anno ed in qualche caso oltre, è possibile secondo il Piano Casa ingrandire ville, villette e piccole

Dettagli

Allegati alle NTA. C - Allegati sulla qualità igienico sanitaria e ambientale

Allegati alle NTA. C - Allegati sulla qualità igienico sanitaria e ambientale Allegati alle NTA C - Allegati sulla qualità igienico sanitaria e ambientale AGGIORNAMENTI: Decreto del Direttore del Settore Pianificazione Territoriale n. 23 del 31.03.2011 Variante n. 232 approvata

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PRIME INDICAZIONI OPERATIVE SU PROCEDURE E COMPETENZE Redazione a cura di: Dott. Ing. Chiara Ferrini Dott. Diego Casaccia Dott. Ing. Lucia Collamati INDICE Premessa Normativa di riferimento

Dettagli

ALLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA SETTORE EDILIZIA PRIVATA - URBANISTICA AMBIENTE DEL COMUNE DI CASALSERUGO

ALLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA SETTORE EDILIZIA PRIVATA - URBANISTICA AMBIENTE DEL COMUNE DI CASALSERUGO COMUNE DI CASALSERUGO Provincia di Padova Settore Edilizia Privata - Urbanistica - Ambiente ALLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA SETTORE EDILIZIA PRIVATA - URBANISTICA AMBIENTE DEL COMUNE DI CASALSERUGO

Dettagli

Al Responsabile dello Sportello Unico per l edilizia del Comune di Rovato

Al Responsabile dello Sportello Unico per l edilizia del Comune di Rovato P.G. CAT. VI CL. 03 FASC. 01 DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA (articoli 22 e 23 del d.p.r. n. 380 del 2001) ordinaria per interventi di cui alla successiva tabella B (articolo 22, commi 1 e 2, d.p.r. n. 380

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N 3 VISTO il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 6 aprile 2009, pubblicato sulla G.U. n 87 del 7

Dettagli

CONVEGNO. La funzione del notaio nella circolazione dei beni culturali

CONVEGNO. La funzione del notaio nella circolazione dei beni culturali CONVEGNO La funzione del notaio nella circolazione dei beni culturali Ferrara, 20 21 aprile 2012012 a, 20 21 aprile 2012 Beni culturali e normativa urbanistica Giovanni Rizzi Notaio in Vicenza 2 Disciplina

Dettagli