Comune di Forlì. SERVIZIO POLITICHE EDUCATIVE E DELLA GENITORIALITA' Unità Diritto allo Studio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Comune di Forlì. SERVIZIO POLITICHE EDUCATIVE E DELLA GENITORIALITA' Unità Diritto allo Studio"

Transcript

1 Progetto - Allegato 2 alla determinazione nr del 14/5/2013 Comune di Forlì SERVIZIO POLITICHE EDUCATIVE E DELLA GENITORIALITA' Unità Diritto allo Studio P R O G E T T O del SERVIZIO DI ASSISTENZA SCOLASTICA e SCOLASTICO EDUCATIVA PER STUDENTI DISABILI GRAVI/GRAVISSIMI FREQUENTANTI SCUOLE PRIMARIE E SECONDARIE DI PRIMO E SECONDO GRADO PRESSO IL COMUNE DI FORLI E DI SCUOLE DELL'INFANZIA, PRIMARIE E SECONDARIE DI PRIMO E SECONDO GRADO PRESSO IL COMUNE FORLIMPOPOLI. Relazione tecnico illustrativa, con elenco delle scuole dove si svolge il servizio nell'anno scolastico 2012/2013, consistenza, indicazioni sulla sicurezza e prospetto economico. Maggio 2013 Il Progettista (Dott. ssa Patrizia Luccaroni)

2 Comune di Forlì SERVIZIO POLITICHE EDUCATIVE E DELLA GENITORIALITA' Unità Diritto allo Studio PROCEDURA NEGOZIATA PRECEDUTA DA GARA UFFICIOSA PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA SCOLASTICA E SCOLASTICO EDUCATIVA PER STUDENTI DISABILI GRAVI/GRAVISSIMI FREQUENTANTI SCUOLE NEI COMUNI DI FORLI' E FORLIMPOPOLI. RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA Integrazione scolastica alunni disabili residenti nel Comune di Forlì L'Unità Diritto allo Studio del Comune di Forlì e l'ufficio dei Servizi Sociali del Comune di Forlimpopoli programmano annualmente, ciascuno per la parte di propria competenza, gli interventi finalizzati a garantire la frequenza scolastica di alunni disabili residenti in ciascun Comune e frequentanti Scuole Primarie, Secondarie di Primo e Secondo Grado. L'Ufficio dei Servizi Sociali del Comune di Forlimpopoli programma, inoltre, annualmente, gli analoghi interventi presso le Scuole dell'infanzia. Gli interventi, ai sensi delle vigenti disposizioni normative (104/1992, alla LR 26/01) e dell Accordo di Programma Provinciale, riguardano la fornitura di personale educativo ed assistenziale specialistico (Educatori e OSS), IL PROCEDIMENTO PER LA ASSEGNAZIONE DI PERSONALE EDUCATIVO ED ASSITENZIALE presso il Comune di Forlì Le richieste di intervento delle Scuole superano di gran lunga le risorse economiche disponibili: per questa ragione il primo vincolo nella progettazione annuale del servizio è quello di dare risposta alle esigenze dei portatori di handicap gravissimi e gravi (certificati ai sensi della L: /1992). Annualmente, di norma verso il mese di maggio, l'unità Diritto allo Studio invia alle Istituzioni Scolastiche per la compilazione una Scheda di rilevazione dei bisogni nella quale vanno indicate le richieste di ausili e di personale educativo di supporto (educatori e assistenti). Si tratta di una scheda molto dettagliata che riporta informazioni sull'alunno (diagnosi, competenze, neuropsichiatra/psicologo/tecnico della riabilitazione/operatori Sociali di riferimento), e contiene anche il PDF (Profilo Dinamico Funzionale). Le Istituzioni Scolastiche, attraverso il personale docente ed in raccordo con i Referenti delle équipe socio sanitarie, individuato il bisogno, predispongono un Piano Educativo Individualizzato (PEI) per ogni alunno, formulando una richiesta di attivazione del servizio

3 di assistenza scolastica che viene inoltrata al Comune. I PEI sono vagliati dalla Pedagogista del Servizio Qualità Educativa insieme alla Responsabile dell'unità Diritto allo Studio; alla luce delle richieste viene formulato un primo piano di intervento. La bozza del Piano viene portata ad un confronto in primo luogo con i tecnici dell'ausl (Neuropsichiatri, terapisti del linguaggio, fisioterapisti, etc...) che hanno in carico gli alunni, per calibrare le necessità e personalizzare quantità, tipologia e metodologie degli interventi. Successivamente il Piano è discusso con i Funzionari dell'ufficio Scolastico Provinciale, al fine di integrare/distribuire gli interventi sui singoli minori ed individuare criteri condivisi di assegnazione. (fermo restando che le competenze di Comune e Ministero della PI sono distinte anche se integrate), La versione definitiva del Piano è approvata con Determinazione del Dirigente del Servizio Politiche Educative e della Genitorialità con la quale viene contestualmente impegnata la spesa annua. Il Piano di Assegnazione riporta, per ciascun disabile, riporta: Plesso scolastico Direzione Didattica l'indicazione della scelta di Educatore o di Assistente ore settimanalli richieste dalla Scuola ore settimanali assegnate dal Comune - ore settimanali di sostegno assegnate dall'ufficio Scolastico Provinciale ore settimanali di frequesna scolastica previste. Il Piano viene quindi consegnato, in una apposita riunione, alla Ditta aggiudicataria del servizio, responsabile della realizzazione degli interventi attraverso l'impiego di propri operatori. Ai Dirigenti Scolastici viene comunicato il numero di ore settimanali di assistenza ritenute necessarie per il singolo alunno: nell'annos colastico 2012/2013 la media delle ore assegnate è di 7,2 ore settimanali, con punte di 8/10 ore nei casi più problematici ed un pacchetto minimo di 5 ore.. Nell'ambito del budget di ore comunicato, i Dirigenti scolastici possono decidere di distribuire diversamente le ore assegnate al proprio plesso, in relazione ai singoli progetti individualizzati, dandone comunicazione scritta all'unità Diritto allo Studio. IL PROCEDIMENTO PER LA ASSEGNAZIONE DI PERSONALE EDUCATIVO ED ASSITENZIALE presso il Comune di Forlimpopoli Il procedimento è analogo a quello adottato dal Comune di Forlì. Presso il Comune di Forlimpopoli nell'anno colastico 2012/2013 la media delle ore assegnate è di 8,9 ore settimanali, con una punta di 13 ore e un minimo di 6 ore Nel caso in cui si svolgano meno ore settimanali di quelle previste a causa dell'assenza del minore disabile gli eventuali recuperi delle ore non effettuate vanno preventivamente richieste, precisandone la motivazione, all'ufficio dei Servizi Sociali a cui spetta l'eventuale autorizzazione. LE FIGURE PROFESSIONALI E LE COMPETENZE RICERCATE Il Servizio di assistenza scolastica ed assistenza scolastico educativa è finalizzato, presso entrambi i Comuni, a favorire e sostenere l'accessibilità e la piena fruizione dei servizi scolastici da parte degli studenti con deficit gravi e gravissimi, con particolare riferimento ai bisogni di relazione, apprendimento, comunicazione, socializzazione, mobilità, igiene personale.

4 Le professionalità minime richieste agli Operatori sono le seguenti: EDUCATORI devono possedere formazione ed esperienza specifiche nei processi di integrazione scolastica di alunni con deficit; devono agire in maniera coordinata ed integrata con le altre figure presenti nella scuola, nel contesto dei progetti educativi elaborati dalla scuola per i singoli alunni, in particolare nei seguenti ambiti: autonomia personale: facilitazione e supporto alla acquisizione di autonomie personali, a partire dai bisogni quotidiani (cura della persona, pasti, spostamenti) o dalle occasioni che il lavoro scolastico offre sia all interno che all esterno degli spazi scolastici; integrazione nel gruppo classe e nelle attività scolastiche: facilitazione alla comunicazione, all inserimento e alla partecipazione alle diverse attività proposte dalla scuola (attività scolastiche, attività di laboratorio, uscite, attività di piccolo gruppo, ecc.) mediante la costruzione e l attivazione di mediazioni che aiutino la comunicazione e la partecipazione, l osservazione e la restituzione all alunno delle sue strategie di partecipazione e di comunicazione più funzionali; relazione e supporto alla costruzione dell identità: contenimento e supporto alla gestione delle emozioni, nonché costruzione di riferimenti all interno del contesto che permettano un graduale passaggio ad un rapporto di sempre maggiore autonomia;costruzione di un rapporto significativo, come punto di riferimento affettivo, mirato alla rielaborazione delle esperienze quotidiane nei diversi contesti; rapporto scuola-extrascuola in orario scolastico. OPERATORI SOCIO SANITARI (OSS) che devono sostenere, nei limiti del tempo scuola, quegli alunni che, per particolare gravità e/o tipologia di deficit, necessitano di interventi specialistici o di accudimento dei bisogni personali quotidiani cui non si può provvedere mediante l impiego delle figure assistenziali messe a disposizione dalla scuola. Per attivare le funzioni sopra indicate il personale messo a disposizione, sia con qualifica di Educatore sia di Operatore Socio Sanitario, deve possedere, ciascuno relativamente al proprio livello di professionalità, competenze di tipo: relazionale: capacità di relazione con il singolo attivando azioni di sostegno all'autonomia, favorendo lo sviluppo della capacità di orientamento nello spazio e nel tempo; di mediazione: capacità di mediare e compensare fra i bisogni del singolo in relazione al gruppo dei coetanei; comunicativo:capacità di comunicare con i bambini/ragazzi e gli adulti attraverso linguaggi verbali e non verbali; analitico: capacità di leggere e decodificare il contesto in cui si ativano le relazioni; progettuale: capacità di osservazione del soggetto e di lettura e intrpretazione dati, capacità di documentare e trasmettere le proprie esperienze, di integrare la propria progettuualità con quella dei colleghi; di cura: capacità di cura della persona in ambito scolastico; CONSISTENZA DEL SERVIZIO Il servizio viene svolto, di norma, nelle sedi scolastiche del Comune di Forlì e del Comune di Forlimpopoli frequentate dagli alunni disabili in ciascun Comune. Essendo un servizio fortemente influenzato dal budget annuale disponibile a bilancio, ma anche e sopratutto dal numero di alunni disabili annualmente frequentanti, dalla loro

5 frequenza scolastica e dalle richieste delle Istituzioni Scolastiche, non è prevedibile la effettiva consistenza del servizio nei vari anni scolastici. Si riporta di seguito l'elenco e l'indirizzo delle Scuole dei due Comuni presso le quali, nell'anno scolastico 2012/2013 è stato attivato il servizio di assistenza scolastica, precisando che non si prevedono, per gli anni a venire sostanziali modifiche. COMUNE DI FORLI' Elenco delle Scuole Primarie, Secondarie di Primo Grado e Secondarie di Secondo Grado presso le quali nell'anno scolastico 2012/2013 è in svolgimento il servizio di assistenza scolastico educativa: SCUOLE PRIMARIE CIRCOLO SCUOLA PRIMARIA INDIRIZZO CITTA' 1 CIRCOLO AURELIO SAFFI Viale Spazzoli, 67 FORLI' 1 CIRCOLO ANELLO RIVALTI Via Berti 22 FORLI' 2 CIRCOLO EDMONDO DE AMICIS Viale della Libertà 23 FORLI' 2 CIRCOLO ALESSANDRO MANZONI Via Baccarini, 19 FORLI' 4 CIRCOLO DIEGO FABBRI Via G. Saffi 12 FORLI' 4 CIRCOLO RAFFAELE RIVALTA Via Cerchia, 100 FORLI' 4 CIRCOLO ARCHIMEDE MELLINI Via Crocetta 23 FORLI' Corso a tempo pieno: temporaneamente c/o Diego Fabbri Via G. Saffi 6 CIRCOLO DANTE ALIGHIERI 12 FORLI' Corso a tempo modulare: temporaneamente c/o Scuola Media Maroncelli 6 CIRCOLO DANTE ALIGHIERI Via F. Orsini, 50 FORLI' 6 CIRCOLO LIVIO TEMPESTA Via Tevere 86 FORLI' 7 CIRCOLO GIOVANNI BERSANI Via Lambertelli 12 FORLI' 7 CIRCOLO LAMBERTO VALLI Via Villa Giselda 3 FORLI' 8 CIRCOLO GIACOMO MATTEOTTI Via Ribolle 39 FORLI' 8 CIRCOLO RAUL FOLLERAU Via Malguaia, 9 FORLI' 8 CIRCOLO MELOZZO DEGLLI AMBROGI Via Turati 26 FORLI' Le ulteriori scuole Primarie del territorio del Comune di Forlì potenzialmente sedi di servizio di assistenza scolastica educativa negli anni di affidamento dell'appalto, sono le seguenti: CIRCOLO SCUOLA PRIMARIA indirizzo CITTA' 4 CIRCOLO DUILIO PERONI Via Caltel Latino 16/b FORLI' 6 CIRCOLO PIO SQUADRANI Via Valeria 14 FORLI' 6 CIRCOLO PEPPINO VALLICELLI Via XIII Novembre, Villafranca 7 CIRCOLO DECIO RAGGI Via del Canale, 328 Roncadello FORLI' FORLI' 8 CIRCOLO GIANNI RODARI Via Ugo La Malfa, 10 FORLI' 8 CIRCOLO ANGIOLETTO FOCACCIA Via Appennino, 496 FORLI'

6 SCUOLE SECONDARIE DI PRIMO GRADO DIREZIONE SCUOLA SECONDARIA DI 1 Indirizzo CITTA' "VIA ORSINI" PIERO MARONCELLI Via F. Orsini, 50 FORLI' "VIA ORSINI" ORCEOLI Via Spinelli, 6 FORLI' "VIA ORSINI" MERCURIALI Via Sapinia, 38 FORLI' "VIA ORSINI" VILLAFRANCA Via XIII Novembre, Villafranca PALMEZZANO PALMEZZANO Via Borghetto Accademia, 2 FORLI' FORLI' "VIA RIBOLLE" BENEDETTO CROCE Via Quartaroli, 51 FORLI' "VIA RIBOLLE" ZANGHERI Via Ribolle, 47 FORLI' SCUOLE SECONDARIE DI SECONDO GRADO ISTITUTO PLESSO Indirizzo CITTA' R. Ruffilli MELOZZO DEGLI AMBROGI Via Romanello da Forlì, 6 FORLI' R. Ruffilli IVO OLIVETI Via M. Buonarroti, 7 FORLI' Liceo Classico MORGAGNI V.le Roma 1/3 FORLI' IPSSEOA Liceo Scienze Umane ISTITUTO ALBERGHIERO "ARTUSI" V. le Matteotti, 54 Forlimpopoli* VALFREDO CARDUCCI V. le Matteotti, 17 Forlimpopoli* IPSAA PERSOLINO Via Firenze, 194 FAENZA* Liceo Artistico e Musicale Liceo Artistico Viale Salinatore, 17 FORLI' ITAS Saffi-Alberti Via Turati, 5 FORLI' *In queste scuole, che non fanno parte del territorio comunale, sono inseriti alunni residenti nel Comune di Forlì ai i quali è dovuto il Servizio di Assistenza Scolastica.

7 CONSISTENZA ORARIA E TIPOLOGIA DEGLI OPERATORI NEI PLESSI DEL COMUNE DI FORLI' - ANNO SCOLASTICO 2012/2013 come da programmazione approvata ad inizio anno scolastico. DIREZIONE SCUOLA SECONDARIA DI 1 personale Totale ore settimanali "VIA ORSINI" PIERO MARONCELLI Nr 2 Educatori 16 "VIA ORSINI" ORCEOLI nr. 1 Assistente 13 "VIA ORSINI" ORCEOLI Nr 4 Educatori 30 "VIA ORSINI" MERCURIALE Nr 2 Educatori 12 "VIA ORSINI" VILLAFRANCA Nr 1 Educatore 10 PALMEZZANO PALMEZZANO Nr 3 Educatori 23 "VIA RIBOLLE" BENEDETTO CROCE nr. 1 Assistente 6 "VIA RIBOLLE" ZANGHERI Nr 4 Educatori 28 TOTALE nr. 16 Educatori 119 nr. 2 Assistenti 19 DIREZIONE SCUOLA SECONDARIA DI 2 personale Totale ore settimanali R. Ruffilli MELOZZO DEGLI AMBROGI Nr 2 Educatori L.I.S. R. Ruffilli MELOZZO DEGLI AMBROGI Nr 8 Educatori 61 R. Ruffilli IVO OLIVETI nr. 6 Educatori 53 Liceo Classico MORGAGNI Nr 2 Educatori 20 IPSSEOA Liceo Scienze Umane ISTITUTO ALBERGHIERO "ARTUSI" 21 Nr. 1 Educatore 5 VALFREDO CARDUCCI Nr. 1 Educatore 6 IPSAA PERSOLINO Nr. 3 Educatori 18 Liceo Artistico e Musicale Liceo Artistico Nr. 1 Educatore 10 ITAS Saffi-Alberti Nr. 1 Educatore 5 ITAS Saffi-Alberti Nr. 1 Assistente 8 TOTALE nr. 23 Educatori nr. 2 Educatori LIS nr. 1 Assistente 8

8 COMUNE DI FORLIMPOPOLI' Elenco delle Scuole dell'infanzia, Primarie, Secondarie di Primo Grado e Secondarie di Secondo Grado presso le quali nell'anno scolastico 2012/2013 è in svolgimento il servizio di assistenza scolastico educativa: Scuole dell Infanzia Istituto Plesso Indirizzo Città I. Comprensivo Rosetti Acquerello Via Crocette 34 Forlimpopoli I. Comprensivo Rosetti Spallicci Via Allende 27 Forlimpopoli Scuole Primarie Istituto Plesso Indirizzo Città I. Comprensivo Rosetti Don Milani Via Crocette 34 Forlimpopoli I. Comprensivo Rosetti De Amicis Via Saffi 23 Forlimpopoli Polo didattico Don Lino Andrini La Nave Via Schuman 8 Forlì * 4 Circolo Archimede Mellini Via Crocetta 23 Forlì * 7 Circolo Giovanni Bersani Via Lambertelli 12 Forlì * Scuole secondarie di I grado Istituto Plesso Indirizzo Città I. Comprensivo Rosetti Manlio Marinelli Via per Bertinoro 8 Forlimpopoli Via Orsini Orceoli Via Spinelli 6 Forlì * Scuole secondarie di II grado Istituto Plesso Indirizzo Città ISS Artusi Liceo delle Scienze Umane Valfreddo Carducci Viale Matteotti 17 Forlimpopoli *In queste scuole, che non fanno parte del territorio comunale di Forlimpopoli, sono inseriti alunni residenti nel Comune di Forlimpopoli ai i quali è dovuto il Servizio di Assistenza Scolastica

9 ASSISTENZA ORARIA E TIPOLOGIA DEGLI OPERATORI NEI PLESSI DEL COMUNE DI FORLIMPOPOLI - ANNO SCOLASTICO 2012/2013 come da programmazione ad inizio anno scolastico Scuole dell Infanzia Istituto Plesso Personale Totale Ore settimanali I. Comprensivo Rosetti Acquerello 1 educatore 10 I. Comprensivo Rosetti Spallicci 1 educatore LIS III livello 6 TOTALE 1 educatore 10 1 educatore LIS 6 Scuole Primarie Istituto Plesso Personale Totale Ore settimanali I. Comprensivo Rosetti Don Milani 2 educatori 18 I. Comprensivo Rosetti De Amicis 2 educatori 16 Polo didattico Don Lino Andrini La Nave 1 educatore 8 4 Circolo Archimede Mellini 1 Assistente 7 7 Circolo Giovanni Bersani 2 educatori 18 8 educatori 60 TOTALE 1 Assistente 7 Scuole secondarie di I grado Istituto Plesso Personale Totale Ore settimanali I. Comprensivo Rosetti Manlio Marinelli 1 educatore 10 Via Orsini Orceoli 1 educatore 10 TOTALE 2 educatori 20 Scuole secondarie di II grado Istituto Plesso Personale ISS Artusi Liceo delle Scienze Umane TOTALE Totale Ore settimanali Valfreddo Carducci 1 educatore 12 1 educatore 12

10 IN TOTALE NEL COMUNE DI FORLI' NELL'ANNO 2012/2013 SONO STATI PROGRAMMATI INTERVENTI DI: NR. 61 EDUCATORI PER UN TOTALE DI NR. 476 ORE SETTIMANALI NR. 2 EDUCATORI CON L.I.S. PER UN TOTALE DI NR. 16 ORE SETTIMANALI NR. 6 ASSISTENTI PER UN TOTALE DI NR. 108 ORE SETTIMANALI IN TOTALE NEL COMUNE DI FORLIMPOPOLI NELL'ANNO 2012/2013 SONO STATI PROGRAMMATI INTERVENTI DI: NR. 12 EDUCATORI PER UN TOTALE DI NR. 102 ORE SETTIMANALI NR. 1 EDUCATORE CON L.I.S. PER UN TOTALE DI NR. 6 ORE SETTIMANALI NR. 1 ASSISTENTE PER UN TOTALE DI NR. 7 ORE SETTIMANALI

11 Disposizioni in materia di sicurezza Trattandosi di affidamento di servizio di natura intellettuale, come da dichiarazione in atti del Dirigente del Servizio Politiche Educative e della Genitorailità (R.U.P.), previa consultazione con il Responsabile dell'unità Servizio di prevenzione e protezione del Comune, espressa in data 24 gennaio 2013, Prot. Gen. 5819, non si rilevano rischi di interferenze e non occorre redigere il D.U.V:R.I: Prospetto Economico L'importo dell'appalto è calcolato tenendo conto dei seguenti fattori: del costo del lavoro come determinato periodicamente dal Ministero del Lavoro sulla base del CCNL di categoria, come previsto dall'art. 86 comma 3 bis e 3 ter e dall'art. 89 comma 3 del D. Lgs 163/2006, in particolare ultimamente dal CCNL delle Cooperative del settore socio-sanitario, assistenziale-educativo e di inserimento lavorativo anno 2010/2012, sottoscritto in data 16/12/2011. Il costo del lavoro è stato quindi rapportato ai dati presunti relativi a numero di Operatori ed ore richieste; delle spese generali dell'impresa ai fini dell'aggiudicazione ed esecuzione del presente appalto; degli oneri di sicurezza degli eventuali oneri per spese tecniche e per imprevisti; Le ore presunte per l anno scolastico 2013/2014 (su un calendario scolastico di 34/37 settimane), sulla base dell'organizzazione programmata per l'anno scolastico 2012/2013, sono complessivamente stimate in nr per Forlì e nr per Forlimpopoli), distribuite come segue: C O M U N E D I F O R L I ' QUALIFICA ore Costo orario (massimo presunto) Costo Totale al netto di IVA Educatori , ,00 Assistenti , , ,00 C O M U N E D I F O R L I P O P O L I QUALIFICA ore Costo orario (massimo presunto) Costo Totale al netto di IVA Educatori , ,60 Assistenti , , ,00

12 Il quadro economico complessivo del progetto è indicato di seguito: QUADRO ECONOMICO DI PROGETTO RELATIVO AL SERVIZIO DI ASSISTENZA SCOLASTICA e SCOLASTICO EDUCATIVA PRESSO I COMUNE DI FORLI' E FORLIMPOPOLI DURATA 7 ANNI SERVIZIO E OPERE ACCESSORIE A BASE D'APPALTO A1 Servizi (soggetti a ribasso) A2 Oneri di sicurezza (non soggetti a ribasso) A Totale a base d'appalto (A1+A2+) ,00 0, ,00 SOMME A DISPOSIZIONE DELL'AMMINISTRAZIONE B1 IVA _(4%) B2 Contributo a favore dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici B3 Imprevisti B4 Spese tecniche supporto al RUP B Totale somme a disposizione (B1+B2+B3+B4) ,00 600, ,00

CENTRI EDUCATIVI EXTRASCOLASTICI 6/15 anni convenzionati con il Comune di Forlì

CENTRI EDUCATIVI EXTRASCOLASTICI 6/15 anni convenzionati con il Comune di Forlì Comune di Forlì Area Servizi al cittadino Servizio Politiche educative e della genitorialità Coordinamento pedagogico 6/18 PROGETTO SCUOLA/EXTRASCUOLA CENTRI EDUCATIVI EXTRASCOLASTICI 6/15 anni convenzionati

Dettagli

CENTRI EDUCATIVI EXTRASCOLASTICI 6/15 anni

CENTRI EDUCATIVI EXTRASCOLASTICI 6/15 anni Comune di Forlì Area Servizi al cittadino Servizio Politiche educative e della genitorialità Coordinamento pedagogico 6/18 PROGETTO SCUOLA/EXTRASCUOLA CENTRI EDUCATIVI EXTRASCOLASTICI 6/15 anni convenzionati

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA PREMESSA L Istituto opera con particolare attenzione per l integrazione degli alunni disabili, favorendo la socializzazione, l acquisizione di autonomia

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI FINALITÀ Il presente documento denominato Protocollo di Accoglienza è una guida dettagliata d informazione riguardante l integrazione degli alunni

Dettagli

Allegati al POF ALLEGATO 1: PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L'IMPORTANZA DI UN PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA

Allegati al POF ALLEGATO 1: PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L'IMPORTANZA DI UN PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA Allegati al POF ALLEGATO 1: PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L'IMPORTANZA DI UN PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA L'adozione di un Protocollo di Accoglienza consente di attuare in modo operativo

Dettagli

PROGETTO COMES Servizio di assistenza specialistica per gli alunni disabili

PROGETTO COMES Servizio di assistenza specialistica per gli alunni disabili PROGETTO COMES Servizio di assistenza specialistica per gli alunni disabili ANNO SCOLASTICO 2011/2012 Piano d intervento Il piano di lavoro elaborato per l anno scolastico 2011/2012 dallo specialista dell

Dettagli

PROGETTO SCUOLA/EXTRASCUOLA A.S. 2012/13 SERVIZI EDUCATIVI EXTRASCOLASTICI PER BAMBINI E RAGAZZI DAI 6 AI 17 ANNI

PROGETTO SCUOLA/EXTRASCUOLA A.S. 2012/13 SERVIZI EDUCATIVI EXTRASCOLASTICI PER BAMBINI E RAGAZZI DAI 6 AI 17 ANNI PROGETTO SCUOLA/EXTRASCUOLA A.S. 2012/13 SERVIZI EDUCATIVI EXTRASCOLASTICI PER BAMBINI E RAGAZZI DAI 6 AI 17 ANNI CENTRO EDUCATIVO IL CAPPELLO MAGICO in convenzione con il 6 Circolo Didattico di Forlì

Dettagli

2010_ 2011 X sito web.xls

2010_ 2011 X sito web.xls 2010_ 2011 X sito web.xls PISCINA COMUNALE - 2010/2011 Tariffe valide dall'1.11.2010 al 7.9.2011 UTENZA LIBERA Ingresso singolo intero (oltre 14 anni) nelle giornate dal lunedì alla domenica senza limitazione

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA

ACCORDO DI PROGRAMMA Municipio XII ACCORDO DI PROGRAMMA PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DI ALLIEVI IN SITUAZIONE DI HANDICAP TRA IL MUNICIPIO ROMA XII L AZIENDA USL RMC - DISTRETTO SANITARIO 12 LA RETE INTERSCOLASTICA SCUOLEINSIEME

Dettagli

L'IMPORTANZA DI UN PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA

L'IMPORTANZA DI UN PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA L'Istituto Comprensivo di SIZIANO, per concretizzare l'inclusione scolastica degli alunni disabili, si propone di coinvolgere genitori, insegnanti, operatori scolastici e sanitari attraverso incontri,

Dettagli

Progetto Comes, sostegno all handicap

Progetto Comes, sostegno all handicap TITOLO Progetto Comes, sostegno all handicap TEMPI ANNO SCOLASTICO 2010/2011 Destinatari Minori disabili (fascia d età 3/14 anni) frequentanti la scuola dell obbligo, affetti da patologie varie: ipoacusia,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Ottavio Gravina De Cruyllas

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Ottavio Gravina De Cruyllas PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L importanza di un protocollo di accoglienza L adozione di un Protocollo di Accoglienza consente di attuare in modo operativo le indicazioni stabilite

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI

ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI di Castelfranco Emilia - Mo Via Guglielmo Marconi, 1 Tel 059 926254 - fax 059 926148 email: MOIC825001@istruzione.it Prot. n. NOTE ORGANIZZATIVE PER UNA CORRETTA GESTIONE

Dettagli

SERVIZIO di ASSISTENZA all AUTONOMIAe alla COMUNICAZIONE PERSONALE

SERVIZIO di ASSISTENZA all AUTONOMIAe alla COMUNICAZIONE PERSONALE C.I.S.S A.C. CONSORZIO INTERCOMUNALE SERVIZI SOCIO-ASSISTENZIALI CALUSO Via San Francesco, 2 10014 CALUSO (Torino) Tel.: 011 98 93 511 Fax: 011 98 32 976 C.F. e P. IVA: 07264440012 Sito Internet: www.cissac.it

Dettagli

PROTOCOLLO DI CONTINUITA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PROTOCOLLO DI CONTINUITA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PROTOCOLLO DI CONTINUITA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI FINALITÀ: dalla SCUOLA D INFANZIA alla SCUOLA PRIMARIA alla SCUOLA SECONDARIA- Questo documento denominato Protocollo di Continuità per gli alunni

Dettagli

TITOLO 1 REQUISITI, CARATTERISTICHE DEI CENTRI EDUCATIVI ACCREDITABILI, IMPLICAZIONI E DURATA DELL ACCREDITAMENTO

TITOLO 1 REQUISITI, CARATTERISTICHE DEI CENTRI EDUCATIVI ACCREDITABILI, IMPLICAZIONI E DURATA DELL ACCREDITAMENTO CRITERI PER L ACCREDITAMENTO DI CENTRI EDUCATIVI EXTRASCOLASTICI GESTITI DA COOPERATIVE SOCIALI DI TIPO A) E MODALITÀ DI SELEZIONE DEI CENTRI EDUCATIVI ACCREDITATI DA AMMETTERE A CONVENZIONAMENTO QUINQUENNIO

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA SCOLASTICA SPECIALISTICA (SASS) DEL COMUNE DI CARLOFORTE

LINEE GUIDA PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA SCOLASTICA SPECIALISTICA (SASS) DEL COMUNE DI CARLOFORTE Allegato 4 AREA CULTURA DEMOGRAFICI SERVIZI SOCIALI COMUNE DI CARLOFORTE PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS UFFICIO SERVIZI SOCIALI LINEE GUIDA PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA SCOLASTICA SPECIALISTICA (SASS)

Dettagli

ISTITUTO CESARE ARICI SCUOLA PRIMARIA PARITARIA. Progetto integrazione diversamente abili

ISTITUTO CESARE ARICI SCUOLA PRIMARIA PARITARIA. Progetto integrazione diversamente abili ISTITUTO CESARE ARICI SCUOLA PRIMARIA PARITARIA Progetto integrazione diversamente abili Anno scolastico 2010/2011 Istituto Cesare Arici - Via Trieste, 17-25121 - Brescia tel. 030.42432 fax 030.2400638

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso FINALITA Il presente documento contiene criteri, principi e indicazioni riguardanti le procedure e le pratiche per un ottimale inserimento

Dettagli

Vademecum dell Insegnante di Sostegno

Vademecum dell Insegnante di Sostegno Fermo, li 14.04.2014 Prot.n. 3189/A36 ISTITUTO COMPRENSIVO DA VINCI -UNGARETTI SCUOLA INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA 1 GRADO Sede Operativa del Centro Territoriale Permanente Educazione Adulti per l Obbligo

Dettagli

PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA E D INCLUSIONE PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA E D INCLUSIONE PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO da VINCI 30173 Mestre - Venezia PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA E D INCLUSIONE PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI Premessa Nel

Dettagli

Anno Scolastico 2015-2016. Periodo settembre dicembre 2015 Periodo gennaio giugno 2016

Anno Scolastico 2015-2016. Periodo settembre dicembre 2015 Periodo gennaio giugno 2016 Piano Territoriale dei Servizi di Assistenza Educativa Scolastica a favore degli studenti con disabilità iscritti nella scuola secondaria di secondo grado e nei percorsi di istruzione e formazione professionale

Dettagli

COMUNE DI GENZANO DI ROMA PROVINCIA DI ROMA

COMUNE DI GENZANO DI ROMA PROVINCIA DI ROMA DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI (Art26, comma 3 del DLgs n81/2008) OGGETTO DELL'APPALTO Servizio di Assistenza Educativa Specialistica agli alunni diversamente abili in età evolutiva

Dettagli

C O M U N E D I M A M M O L A 89045-PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA

C O M U N E D I M A M M O L A 89045-PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA C O M U N E D I M A M M O L A 89045-PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA AREA AMMINISTRATIVA SERVIZIO AFFARI GENERALI LEGALE CULTURA PUBBLICA ISTRUZIONE SERVIZI SOCIALI SPORT TURISMO TEMPO LIBERO COMUNICAZIONE

Dettagli

denominate, finanziati con contributi o compartecipazione da parte delle Amministrazioni.

denominate, finanziati con contributi o compartecipazione da parte delle Amministrazioni. DISCIPLINARE TIPO per il servizio di assistenza per l autonomia e la comunicazione degli studenti disabili gravi frequentanti le scuole superiori della provincia di Siracusa 1. definizioni ed ambito. Il

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE FINALITA Il presente documento denominato Protocollo di Accoglienza è un documento che nasce da una più dettagliata esigenza d informazione relativamente all

Dettagli

Quesito n. 1. Risposta.

Quesito n. 1. Risposta. Quesito n. 1 Si chiede se i curricula personali e la relativa documentazione del personale incaricato del servizio (es. attestati di qualifica, attestati di partecipazione a corsi formativi, etc.) di cui

Dettagli

ASSISTENZA EDUCATIVA SCOLASTICA A FAVORE DI MINORI DISABILI SCHEDA TECNICA PER L ESECUZIONE DEL SERVIZIO

ASSISTENZA EDUCATIVA SCOLASTICA A FAVORE DI MINORI DISABILI SCHEDA TECNICA PER L ESECUZIONE DEL SERVIZIO Allegato 2) ASSISTENZA EDUCATIVA SCOLASTICA A FAVORE DI MINORI DISABILI SCHEDA TECNICA PER L ESECUZIONE DEL SERVIZIO Premessa L Ambito di Garbagnate M.se intende avviare un processo di sperimentazione

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO II ISTITUTO COMPRENSIVO

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO II ISTITUTO COMPRENSIVO MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO II ISTITUTO COMPRENSIVO (Scuola Infanzia - Primaria- Secondaria 1 Grado) Via A. BARTOLI, 53-03013 FERENTINO

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA. PER ALUNNI DISABILI e REGOLAMENTO GLH. dell'i.c.di Belgioioso

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA. PER ALUNNI DISABILI e REGOLAMENTO GLH. dell'i.c.di Belgioioso 11/11/12 PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILI e REGOLAMENTO GLH dell'i.c.di Belgioioso 1 FINALITA Il presente documento contiene criteri, principi e indicazioni riguardanti le procedure e le pratiche

Dettagli

Convitto Nazionale Amedeo di Savoia Duca d Aosta. Piano di Integrazione di Istituto

Convitto Nazionale Amedeo di Savoia Duca d Aosta. Piano di Integrazione di Istituto Convitto Nazionale Amedeo di Savoia Duca d Aosta Piano di Integrazione di Istituto Valido per il triennio scolastico 2015 / 2018 PREMESSA Con il Progetto d Istituto per l Integrazione Scolastica degli

Dettagli

Il bisogno speciale della scuola è un desiderio : superare le cornici e godere di un nuovo paesaggio. Andrea Canevaro

Il bisogno speciale della scuola è un desiderio : superare le cornici e godere di un nuovo paesaggio. Andrea Canevaro 1 3.1 PROGETTO INTEGRAZIONE ALUNNI DISABILI Il bisogno speciale della scuola è un desiderio : superare le cornici e godere di un nuovo paesaggio. Andrea Canevaro Integrazione degli alunni disabili Obiettivi

Dettagli

CITTA DI POTENZA Unità di Direzione Istruzione

CITTA DI POTENZA Unità di Direzione Istruzione CITTA DI POTENZA Unità di Direzione Istruzione CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO AFFIDAMENTO IN GESTIONE DEL SERVIZIO DI INTEGRA- ZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ISCRITTI ALLE SCUOLE DELL

Dettagli

GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI SOSTEGNO DEGLI ALUNNI IN SITUAZIONE DI HANDICAP

GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI SOSTEGNO DEGLI ALUNNI IN SITUAZIONE DI HANDICAP ISTITUTO COMPRENSIVO E. CURTI GEMONIO Pagina 1 di 6 GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI SOSTEGNO DEGLI ALUNNI IN SITUAZIONE DI HANDICAP Entro i termini e i criteri previsti dalla legge, sulla base del numero di

Dettagli

Breve excursus sulle leggi relative all integrazione scolastica degli alunni disabili

Breve excursus sulle leggi relative all integrazione scolastica degli alunni disabili INCLUSIVITÀ a Integrazione del disagio Breve excursus sulle leggi relative all integrazione scolastica degli alunni disabili Il POF d istituto riconosce pienamente il modello d istruzione italiano in termini

Dettagli

L'integrazione degli alunni diversamente abili avviene attraverso:

L'integrazione degli alunni diversamente abili avviene attraverso: 5. INTEGRAZIONE ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L'integrazione degli alunni diversamente abili avviene attraverso: Progetti mirati per ogni singola classe Percorsi alternativi a quelli curricolari Attività a

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI BOBBIO CAPOLUOGO (PC) PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI

ISTITUTO COMPRENSIVO DI BOBBIO CAPOLUOGO (PC) PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI ISTITUTO COMPRENSIVO DI BOBBIO CAPOLUOGO (PC) PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI Anche un lungo cammino comincia con un piccolo passo PREMESSA Questo documento denominato

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E DI INTEGRAZIONE DI ALUNNI DISABILI

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E DI INTEGRAZIONE DI ALUNNI DISABILI Istituto Comprensivo A. Gramsci di Campalto PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E DI INTEGRAZIONE DI ALUNNI DISABILI Si tenga conto che il Protocollo è un documento che propone delle linee guida generali per gli

Dettagli

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI ISTITUTO COMPRENSIVO DI BOBBIO CAPOLUOGO (PC) PIAZZA S. COLOMBANO, 5 29022 BOBBIO (PC) PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI Anche un lungo cammino comincia con un piccolo

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA Alunni disabili

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA Alunni disabili PROTOCOLLO ACCOGLIENZA Alunni disabili Finalità Questo documento contiene informazioni, principi, criteri ed indicazioni riguardanti le procedure e le pratiche per l inclusione degli alunni disabili, definisce

Dettagli

CONTRATTO FORMATIVO PER LA DISABILITA

CONTRATTO FORMATIVO PER LA DISABILITA CONTRATTO FORMATIVO PER LA DISABILITA La società è profondamente cambiata e la scuola non riesce a rispondere ai bisogni emergenti dei vari componenti del sistema creando, a volte, essa stessa situazioni

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA "Per un'inclusione consapevole degli alunni diversamente abili" A.S.2014/15

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA Per un'inclusione consapevole degli alunni diversamente abili A.S.2014/15 ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO STATALE "RENATO FUCINI" Scuola Infanzia-Primaria e Secondaria di I grado di Monteroni d' Arbia e Murlo Viale delle Rimembranza, 127- tel. 0577/375118- fax 0577/372049 email

Dettagli

Testo di riferimento

Testo di riferimento Testo di riferimento Realizzazione di strumenti di documentazione e comunicazione tra scuola e servizi socio-sanitari con l utilizzo dell ICF come linguaggio comune per la descrizione del funzionamento

Dettagli

TRIANGOLAZIONE: Azioni associative sulla disabilità, dono nella scuola e nella società progetto legge 383/2000 anno fin. 2010 lett. f) TRIANGOLAZIONE:

TRIANGOLAZIONE: Azioni associative sulla disabilità, dono nella scuola e nella società progetto legge 383/2000 anno fin. 2010 lett. f) TRIANGOLAZIONE: TRIANGOLAZIONE: Azioni associative sulla disabilità, dono nella scuola e nella società progetto legge 383/2000 anno fin. 2010 lett. f) Rilevazione dei dati principali TRIANGOLAZIONE: dell anno scolastico

Dettagli

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo NORD 2 - Brescia Via Costalunga, 15-25123 BRESCIA Cod. Min. BSIC88400D - Cod.Fisc. 80049710173 Tel.030307858-0308379448-9

Dettagli

CITTA DI ALBANO LAZIALE PROVINCIA DI ROMA

CITTA DI ALBANO LAZIALE PROVINCIA DI ROMA CITTA DI ALBANO LAZIALE PROVINCIA DI ROMA PROTOCOLLO D INTESA PER L ASSISTENZA SCOLASTICA AGLI ALUNNI DISABILI RESIDENTI NEL COMUNE DI ALBANO LAZIALE (RM) 1 PROTOCOLLO D'INTESA PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione

Ministero della Pubblica Istruzione ALLEGATO 3 SCHEDA DI AUTOANALISI: SIAMO UNA SCUOLA INCLUSIVA? Contesto: CLASSE Azioni : DIDATTICA Esperienze/oggetti : STRATEGIE INTEGRANTI E RELAZIONI D AIUTO Quali attività/esperienze servono a favorire

Dettagli

COMUNE DI PALERMO REGOLAMENTO RECANTE MODALITA E CRITERI PER L ASSISTENZA SPECIALISTICA AGLI ALUNNI DISABILI

COMUNE DI PALERMO REGOLAMENTO RECANTE MODALITA E CRITERI PER L ASSISTENZA SPECIALISTICA AGLI ALUNNI DISABILI COMUNE DI PALERMO REGOLAMENTO RECANTE MODALITA E CRITERI PER L ASSISTENZA SPECIALISTICA AGLI ALUNNI DISABILI TESTO APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI C.C. N 579 DEL 05/10/2012 E INTEGRATO DALLE MODIFICHE APPORTATE

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA FINALITA Questo documento contiene informazioni, principi, criteri ed indicazioni riguardanti le procedure e le pratiche per l inclusione degli alunni

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA DISTRETTUALE PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI DISABILI

ACCORDO DI PROGRAMMA DISTRETTUALE PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI DISABILI 1 ACCORDO DI PROGRAMMA DISTRETTUALE PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI DISABILI Distretto di Correggio (Comuni di Campagnola Emilia, Correggio, Fabbrico, Rio Saliceto, Rolo, San Martino in Rio)

Dettagli

COMUNE DI GORGONZOLA Provincia di Milano. Assessorato Servizi alla Persona - Sanità. Regolamento del Centro Diurno Disabili

COMUNE DI GORGONZOLA Provincia di Milano. Assessorato Servizi alla Persona - Sanità. Regolamento del Centro Diurno Disabili COMUNE DI GORGONZOLA Provincia di Milano Assessorato Servizi alla Persona - Sanità Regolamento del Centro Diurno Disabili Delibera di Consiglio Comunale n. del 2 REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO

Dettagli

Capitolo 14 - Sostegno Scolastico

Capitolo 14 - Sostegno Scolastico Capitolo 14 - Sostegno Scolastico 14.1 Il diritto all istruzione Il diritto allo studio degli alunni con disabilità si realizza, secondo la normativa nazionale vigente, attraverso l integrazione scolastica,

Dettagli

PROTOCOLLO PER L INCLUSIONE

PROTOCOLLO PER L INCLUSIONE DIREZIONE DIDATTICA PAOLO VETRI - RAGUSA PROTOCOLLO PER L INCLUSIONE degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Commissione Inclusione Alunni BES Gruppo di Lavoro per l Inclusione (GLI) Anno scolastico

Dettagli

TRA. I SINDACI DEI COMUNI DELL AMBITO TERRITORIALE DI MARIANO COMENSE: Arosio Cabiate Carugo Inverigo Lurago d Erba Mariano Comense

TRA. I SINDACI DEI COMUNI DELL AMBITO TERRITORIALE DI MARIANO COMENSE: Arosio Cabiate Carugo Inverigo Lurago d Erba Mariano Comense PROTOCOLLO DI INTESA PER L INCLUSIONE SCOLASTICA DI ALUNNE E ALUNNI DISABILI TRA I SINDACI DEI COMUNI DELL AMBITO TERRITORIALE DI MARIANO COMENSE: Arosio Cabiate Carugo Inverigo Lurago d Erba Mariano Comense

Dettagli

A.S. 2015/2016 - Tariffe per l'utilizzo degli impianti sportivi comunali e provinciali in gestione diretta valide fino al 31/7/2016

A.S. 2015/2016 - Tariffe per l'utilizzo degli impianti sportivi comunali e provinciali in gestione diretta valide fino al 31/7/2016 A.S. 2015/2016 - Tariffe per l'utilizzo degli impianti sportivi comunali e provinciali in gestione diretta valide fino al 31/7/2016 approvate con deliberazione della Giunta Comunale n. 170 del 14/7/2015

Dettagli

PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI INTEGRAZIONE SCOLASTICA DI BAMBINI ED ALUNNI DISABILI NELLE SCUOLE DEL TERRITORIO COMUNALE

PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI INTEGRAZIONE SCOLASTICA DI BAMBINI ED ALUNNI DISABILI NELLE SCUOLE DEL TERRITORIO COMUNALE PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI INTEGRAZIONE SCOLASTICA DI BAMBINI ED ALUNNI DISABILI NELLE SCUOLE DEL TERRITORIO COMUNALE. CHIARIMENTI AL 22/08/2011 Quesito 1: Si chiede se il servizio

Dettagli

Progetto OSEA Equipe educativa-assistenziale per il sostegno scolastico di alunni disabili

Progetto OSEA Equipe educativa-assistenziale per il sostegno scolastico di alunni disabili Progetto OSEA Equipe educativa-assistenziale per il sostegno scolastico di alunni disabili 1. Illustrazione progetto OSEA L ipotesi progettuale che l Azienda Speciale Servizi alla Persona dell Unione Terre

Dettagli

REGOLAMENTO DEL GRUPPO H

REGOLAMENTO DEL GRUPPO H ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CAULONIA SCUOLA: dell infanzia - primaria secondaria di 1 grado via Corrado Alvaro, 2-89040 CAULONIA (RC) - Tel. 0964/82039 C.M. RCIC826001 C.F. 90011460806 Email: rcic826001@istruzione.it

Dettagli

Vademecum dell insegnante di sostegno a.s. 2015-16

Vademecum dell insegnante di sostegno a.s. 2015-16 MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI GROSOTTO 23034 GROSOTTO (SO) - Via Roma, 4 Tel.0342/887192 c.f.: 92016170141 SOIC807005@istruzione.it sito: www.icgrosotto.gov.it Prot.n.5700/C27

Dettagli

Appalto per l affidamento del Servizio di Assistenza Scolastica

Appalto per l affidamento del Servizio di Assistenza Scolastica CITTA DI SOTTO IL MONTE GIOVANNI XXIII PROVINCIA DI BERGAMO Appalto per l affidamento del Servizio di Assistenza Scolastica Anno Scolastico 2013/2014 e 2014/2015 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

Dettagli

PIANO EDUCATIVO PERSONALIZZATO A.S. 2014/2015

PIANO EDUCATIVO PERSONALIZZATO A.S. 2014/2015 MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, UNIVERSITÀ E RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DELLA LOMBARDIA ISTITUTO COMPRENSIVO DI BERNAREGGIO PLESSO DI.. SCUOLA. VIA TEL/FAX. PIANO EDUCATIVO PERSONALIZZATO 2014/2015

Dettagli

COMUNE DI CASTEL MAGGIORE (Bologna)

COMUNE DI CASTEL MAGGIORE (Bologna) COMUNE DI MAGGIORE (Bologna) ALLEGATO 4 SPECIFICHE TECNICHE PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEL SERVIZIO DI INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEI BAMBINI ED ALUNNI DISABILI, DEI SERVIZI INTEGRATIVI E DELL ACCOMPAGNAMENTO

Dettagli

PREMESSA RISORSE PER L INTEGRAZIONE

PREMESSA RISORSE PER L INTEGRAZIONE PREMESSA Il presente protocollo vuole essere una traccia di lavoro nell ottica dell integrazione degli alunni diversamente abili, facendo riferimento alla documentazione e alla legislazione in vigore ma

Dettagli

Convegno Nazionale 25 26 settembre 2009 COMUNE DI VIGEVANO LA FAMIGLIA CON PERSONA DISABILE INTERVENTO OLISTICO

Convegno Nazionale 25 26 settembre 2009 COMUNE DI VIGEVANO LA FAMIGLIA CON PERSONA DISABILE INTERVENTO OLISTICO Convegno Nazionale 25 26 settembre 2009 COMUNE DI VIGEVANO LA FAMIGLIA CON PERSONA DISABILE INTERVENTO OLISTICO L AIUTO SCOLASTICO LA FAMIGLIA Dott. Eugenia Rossana Fabiano Dirigente Scolastico Fase di

Dettagli

I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca

I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca ANALISI ESPERIENZE PREGRESSE (da compilare on line entro il 30 marzo 2008) I CARE Imparare Comunicare Agire

Dettagli

PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO (P.E.I.)

PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO (P.E.I.) INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON DISABILITÀ ISTITUTO COMPRENSIVO DI ALBANELLA Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di 1 grado Via Roma Tel. e Fax 0828/781120 e-mail saic887003@istruzione.it

Dettagli

Il Vademecum dell insegnante di sostegno

Il Vademecum dell insegnante di sostegno I CD SANTE GIUFFRIDA ADRANO Via Cusmano di Alcara li Fusi, 15 Tel 0957692669 Fax 0957690709 C.F. 80012080877 Cod.Mecc. ctee04200d - E-mail ctee04200d@istruzione.it email certificata: ctee04200d@pec.istruzione.it

Dettagli

COMUNE DI PONTINIA CAPITOLATO D APPALTO PARTE SPECIALE ASSISTENZA SCOLASTICA SPECIALISTICA E DI BASE MINORI DISABILI

COMUNE DI PONTINIA CAPITOLATO D APPALTO PARTE SPECIALE ASSISTENZA SCOLASTICA SPECIALISTICA E DI BASE MINORI DISABILI COMUNE DI PONTINIA CAPITOLATO D APPALTO PARTE SPECIALE ASSISTENZA SCOLASTICA SPECIALISTICA E DI BASE MINORI DISABILI Nell ambito delle azioni previste dalla Legge 328/2000, volte ad assicurare l esistenza

Dettagli

TRA I. RIFERIMENTI GIURIDICI: EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA

TRA I. RIFERIMENTI GIURIDICI: EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA ACCORDO DI PROGRAMMA DELLA PROVINCIA DI COMO PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI IN SITUAZIONE DI HANDICAP (artt. 12 e 13 L. 104/92 e art. 2 D.P.R. del 24/2/94) TRA IL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA

Dettagli

Modalità Operative indicative per la formulazione del

Modalità Operative indicative per la formulazione del Provincia di Cosenza Settore Politiche Culturali e Pubblica Istruzione Servizio Diritto allo Studio Modalità Operative indicative per la formulazione del Piano Diritto allo Studio Legge Regionale n. 27/85

Dettagli

ESAME DI STATO ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI E DSA

ESAME DI STATO ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI E DSA ISTITUTO MAGISTRALE Tommaso Gullì" Corso Vittorio Emanuele, 69-89125 Reggio Calabria N.O. Liceo Delle Scienze Umane - Liceo S.U. Opzione Economico Sociale-Liceo Linguistico V.O. Liceo Socio - Psico-Pedagogico

Dettagli

PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA ED INCLUSIONE DEGLI ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA ED INCLUSIONE DEGLI ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA ED INCLUSIONE DEGLI ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Fondamenti legislativi L art. 3 della legge quadro (L. 104/92) stabilisce che disabile è: "colui che presenta una minorazione

Dettagli

COMUNE DI BAREGGIO PROVINCIA DI MILANO SERVIZI EDUCATIVI IN AMBITO SCOLASTICO, CENTRI ESTIVI E ASILO NIDO ALLEGATO AL CAPITOLATO SPECIALE

COMUNE DI BAREGGIO PROVINCIA DI MILANO SERVIZI EDUCATIVI IN AMBITO SCOLASTICO, CENTRI ESTIVI E ASILO NIDO ALLEGATO AL CAPITOLATO SPECIALE COMUNE DI BAREGGIO PROVINCIA DI MILANO SERVIZI EDUCATIVI IN AMBITO SCOLASTICO, CENTRI ESTIVI E ASILO NIDO ALLEGATO AL CAPITOLATO SPECIALE DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (D.U.V.R.I.)

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA ED INTEGRAZIONE ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA ED INTEGRAZIONE ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PROTOCOLLO ACCOGLIENZA ED INTEGRAZIONE ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI Finalità Questo documento contiene informazioni, principi, criteri ed indicazioni riguardanti le procedure e le pratiche per l inclusione

Dettagli

APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 38 DEL 01.08.2011

APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 38 DEL 01.08.2011 APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 38 DEL 01.08.2011 COMUNE DI EUPILIO Provincia di Como Allegato alla delibera consigliare n. 38 del 01.08.2011 REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA

Dettagli

COMUNE DI PALESTRINA

COMUNE DI PALESTRINA COMUNE DI PALESTRINA CAPITOLATO SPECIALE DI ONERI PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA AI PORTATORI DI HANDICAP PRESSO LE SCUOLE DELL OBBLIGO NONCHE ASSISTENZA DOMICILIARE HANDICAPPATI E ANZIANI PRE SCUOLA E

Dettagli

PRINCIPI GENERALI PER L INTEGRAZIONE DI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PRINCIPI GENERALI PER L INTEGRAZIONE DI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ALL ISC 05 Ed 1 -Rev 1 del 08/2011 SISTEMA DI GESTIONE QUALITÀ CERTIFICATO N 5705/0 SECONDO LA NORMA ISO 9001:2008 PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA- INTEGRAZIONE ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI E SEDI ASSOCIATE Il

Dettagli

PROGETTO "Diversità e inclusione"

PROGETTO Diversità e inclusione MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO CERVARO Corso della Repubblica, 23 (Fr) Tel. 0776/367013 - Fax 0776366759 - e-mail:fric843003@istruzione.it

Dettagli

PROTOCOLLO SERVIZIO ASSISTENZA EDUCATIVA SCOLASTICA (SAE)

PROTOCOLLO SERVIZIO ASSISTENZA EDUCATIVA SCOLASTICA (SAE) PROTOCOLLO SERVIZIO ASSISTENZA EDUCATIVA SCOLASTICA (SAE) AMBITO TERRITORIALE N. 9 VALLE SERIANA SUPERIORE E VALLE DI SCALVE PREMESSE: La scuola è una comunità educante, che accoglie ogni alunno nello

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia UFFICIO IX AMBITO TERRITORIALE FOGGIA

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia UFFICIO IX AMBITO TERRITORIALE FOGGIA Circolare n. 8 Prot. 1739 Foggia, 28 marzo 2013 Ai Dirigenti Scolastici Scuole Ogni Ordine e Grado della Provincia LORO SEDI Ai docenti referenti per la disabilità Ai docenti referenti per i DSA delle

Dettagli

LA RISPOSTA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: AMBITI DI INTERVENTO, LINEE GUIDA, PROCEDURE E PROTOCOLLI, SERVIZI.

LA RISPOSTA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: AMBITI DI INTERVENTO, LINEE GUIDA, PROCEDURE E PROTOCOLLI, SERVIZI. LA RISPOSTA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: AMBITI DI INTERVENTO, LINEE GUIDA, PROCEDURE E PROTOCOLLI, SERVIZI. LINEE GUIDA L Istituto Comprensivo attua percorsi significativi in sinergia con le ASL, con

Dettagli

Protocollo HC. Protocollo Handicap. IO-06 Rev. 0 Pag. 1 di 4. Tipo documento: Istruzione Operativa Area Qualità. Copia controllata n.

Protocollo HC. Protocollo Handicap. IO-06 Rev. 0 Pag. 1 di 4. Tipo documento: Istruzione Operativa Area Qualità. Copia controllata n. Pag. 1 di 4 Protocollo HC Copia controllata n. 4 3 2 1 Rev. 0 DS/DIR RQA DS/DIR Funzione Redazione Verifica Approvazione 25/05/09 Pag. 2 di 4 Il protocollo rivolto agli alunni diversamente abili consente

Dettagli

N. 423 DEL 09.09.2008

N. 423 DEL 09.09.2008 N. 423 DEL 09.09.2008 ASILI NIDO - APPROVAZIONE PROGETTO PER L INSERIMENTO DI BAMBINI CON DISABILITÀ NEGLI ASILI NIDO COMUNALI - ANNO SCOLASTICO 2008/2009 LA GIUNTA COMUNALE Vista la Legge Regionale 27/94

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

La sinergia tra scuola e territorio è quindi imprescindibile per l integrazione del disabile perchè consente di promuovere ed attivare:

La sinergia tra scuola e territorio è quindi imprescindibile per l integrazione del disabile perchè consente di promuovere ed attivare: DIDATTICA L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI La legge 104/92 (legge quadro per l assistenza, l integrazione scolastica ed i diritti alla persona handicappata) ha posto in essere una serie di adempimenti

Dettagli

Scuola Secondaria di Primo Grado F. Montanari di Mirandola PIANO ANNUALE PER L INCLUSIVITA P.A.I. Anno scolastico 2014/2015

Scuola Secondaria di Primo Grado F. Montanari di Mirandola PIANO ANNUALE PER L INCLUSIVITA P.A.I. Anno scolastico 2014/2015 Scuola Secondaria di Primo Grado F. Montanari di Mirandola PIANO ANNUALE PER L INCLUSIVITA P.A.I. Anno scolastico 2014/2015 Nel piano annuale per l inclusività sono riassunti i principali dati inerenti

Dettagli

IPPOCRATE SRL Versione 1.2 del 21.07.2011

IPPOCRATE SRL Versione 1.2 del 21.07.2011 IPPOCRATE SRL REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ASSISTENZA EDUCATIVA SCOLASTICA PER L AUTONOMIA E LA COMUNICAZIONE DI ALUNNI PORTATORI DI HANDICAP GRAVE FREQUENTANTI LE SCUOLE DEL COMUNE DI CIVITAVECCHIA (LEGGE

Dettagli

CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI M I N I S T E R O D E L L A P U B B L I C A I S T R U Z I O N E I S T I T U T O C O M P R E N S I V O D I S C U O L A I N F A N Z I A, P R I M A R I A E S E C. I G R A D O Via Michelangelo, 1-66038 SAN

Dettagli

INCLUSIVITA E VALORIZZAZIONE DEI DIVERSI STILI D APPRENDIMENTO

INCLUSIVITA E VALORIZZAZIONE DEI DIVERSI STILI D APPRENDIMENTO Capitolo QUINTO INCLUSIVITA E VALORIZZAZIONE DEI DIVERSI STILI D APPRENDIMENTO 1. ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI Premessa: Il processo di integrazione di alunni portatori di handicap, soprattutto se gravi esige

Dettagli

AVVIO NUOVO ANNO SCOLASTICO 2010/2011: PROMEMORIA

AVVIO NUOVO ANNO SCOLASTICO 2010/2011: PROMEMORIA AVVIO NUOVO ANNO SCOLASTICO realizzato a cura dell Area Comunicazione e Politiche sociali Anffas Onlus 2010/2011: PROMEMORIA a cura dell Area comunicazione e politiche sociali Anffas Onlus Prima dell inizio

Dettagli

DUVRI. Individuazione dei rischi e misure adottate per eliminare le interferenze - Art. 26, commi 3 e 5, D.Lgs 9 aprile 2008, n. 81 D.U.V.R.I.

DUVRI. Individuazione dei rischi e misure adottate per eliminare le interferenze - Art. 26, commi 3 e 5, D.Lgs 9 aprile 2008, n. 81 D.U.V.R.I. AFFIDAMENTO GESTIONE, IN VIA TEMPORANEA E SPERIMENTALE, DEL SERIVIZO DI ASSISTENZA SPECIALISTICA AGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PER IL PERIODO DAL 01.03.2012 AL 30.06.2012 DUVRI DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE

Dettagli

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI Il tema della disabilità mette a prova tutti i passaggi dei cicli di vita delle persone. Attraverso le vicende biografiche di chi attraversa questa particolare condizione è possibile

Dettagli

Regolamento per i servizi di assistenza scolastica qualificata e di trasporto scolastico a favore degli studenti diversamente abili frequentanti gli

Regolamento per i servizi di assistenza scolastica qualificata e di trasporto scolastico a favore degli studenti diversamente abili frequentanti gli Regolamento per i servizi di assistenza scolastica qualificata e di trasporto scolastico a favore degli studenti diversamente abili frequentanti gli istituti scolastici superiori di secondo grado della

Dettagli

PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO

PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO ISTITUTO COMPRENSIVO C.D. 57 SAN GIOVANNI BOSCO VIA A.C. De Meis, 19-80147 NAPOLI (NA) Telef./Fax 081/ 5962226 C.M. NAIC8A500P C.F. 80016600639 e-mail naic8a500p@istruzione.it PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO

Dettagli

Istituto Comprensivo di Scuola dell Infanzia Primaria Secondaria di I grado I. Nievo Comuni di Cinto Caomaggiore Gruaro - Pramaggiore

Istituto Comprensivo di Scuola dell Infanzia Primaria Secondaria di I grado I. Nievo Comuni di Cinto Caomaggiore Gruaro - Pramaggiore OGGETTO: Schema di sintesi del Protocollo per l accoglienza e l inserimento degli alunni stranieri, proposto dalla Commissione Intercultura, a.s. 2008-2009 Capitolo di protocollo ISCRIZIONE AMBITO AMMINISTRATIVO

Dettagli

Questo documento è uno strumento a disposizione degli insegnanti di sostegno e dei docenti curricolari.

Questo documento è uno strumento a disposizione degli insegnanti di sostegno e dei docenti curricolari. H A N D I C A P E S C U O L A Questo documento è uno strumento a disposizione degli insegnanti di sostegno e dei docenti curricolari. L INTEGRAZIONE DELLE PERSONE IN SITUAZIONE DI HANDICAP L art. 3 della

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Comune di Forlì - Piazza Saffi 8, 47100 Forlì www.comune.forli.fc.it Servizio:

Dettagli

Scuola I. I. S P. Artusi FORLIMPOPOLI a.s. 2014/2015. Piano Annuale per l Inclusione

Scuola I. I. S P. Artusi FORLIMPOPOLI a.s. 2014/2015. Piano Annuale per l Inclusione Scuola I. I. S P. Artusi FORLIMPOPOLI a.s. 2014/2015 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge

Dettagli

Circ.N. 45 Ferrara,06/10/2015

Circ.N. 45 Ferrara,06/10/2015 Istituto Comprensivo Statale N. 6 Cosmè Tura Via Montefiorino, 32 - Ferrara - 0532.464544 0532461274; fax 0532463294 Codice Fiscale: 93053580382 www.comune.fe.it /http://scuole.comune.fe.it/ - E_mail:

Dettagli

I disabili (di età superiore a 18 anni)

I disabili (di età superiore a 18 anni) 3.9 3.8 I disabili (di età superiore a 18 anni) ambiti bisogni SERVIZI C.I.S.S. DOMICILIARITà POVERTà LAVORO RESIDENZIALITà Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita Avere un sostegno quando la

Dettagli