MATERIALI DI LAVORO PER LA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MATERIALI DI LAVORO PER LA"

Transcript

1 Servizio sociale dei Comuni dell Ambito Distrettuale 6.1 Sacile MATERIALI DI LAVORO PER LA COSTRUZIONE DEL PROFILO MINORI ANNO 2013/2014 A CURA DELL OSSERVATORIO PROVINCIALE SULLE POLITICHE SOCIALI DELLA PROVINCIA DI PORDENONE Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Direzione centrale salute, integrazione sociosanitaria e politiche sociali Area degli interventi sociali e dell'integrazione socio-sanitaria Servizio sistema integrato degli interventi e dei servizi sociali 1

2 Elaborazione dati a cura dell Osservatorio Provinciale sulle Politiche sociali della Provincia di Pordenone: Maria Adelasia Divona Luciano Innocente DICEMBRE

3 Indice SERVIZI PER LA PRIMA INFANZIA E SCUOLE... 5 Tab. 1 - Numero di strutture per la prima infanzia (Nidi d infanzia, Servizi Integrativi e Servizi Sperimentali e Sezioni Primavera) nell ambito distrettuale 6.1 Sacile, in provincia di Pordenone e in regione FVG al Tab. 2 Capacità ricettiva delle strutture per la prima infanzia (Nidi d infanzia, Servizi Integrativi, Servizi Sperimentali e Sezioni Primavera) nell ambito distrettuale 6.1 Sacile, in provincia di Pordenone e in regione FVG al Tab. 3 Numero di minori iscritti, di cui disabili, di cui lattanti, nelle strutture per la prima infanzia (Nidi d infanzia pubblici e privati, Servizi Integrativi, Servizi Sperimentali e Sezioni Primavera) nell ambito distrettuale 6.1 Sacile, in provincia di Pordenone e in regione FVG al Tab. 4 Numero di servizi per la prima infanzia per tipologia (art. 3, 4, 4bis, 5 LR ) nell ambito distrettuale 6.1 Sacile, in provincia di Pordenone e in regione FVG al Tab. 5 Totale servizi prima infanzia (nidi, integrativi, sperimentali e sezioni primavera), capacità ricettiva totale servizi, totale iscritti, popolazione residente 0-3 anni non compiuti, percentuale copertura potenziale dei servizi (rapporto % tra capacità ricettiva e popolazione 0-3 anni) e percentuale iscritti su popolazione 0-3 anni nell ambito distrettuale 6.1 Sacile, in provincia di Pordenone e in regione FVG... 6 Tab. 6 - Scuole statali e paritarie aventi sede o plesso nei comuni dell ambito distrettuale 6.1 Sacile, per ordine scuola, e totale scuole provincia di Pordenone e regione FVG. Anno scolastico 2013/ Tab. 7 - Iscritti alle scuole statali e paritarie aventi sede o plesso nei comuni dell ambito distrettuale 6.1 Sacile, per ordine scuola, e totale iscritti in provincia di Pordenone e regione FVG. Anno scolastico 2013/ MINORI CERTIFICATI L.104/ Tab. 1 - Minori certificati L.104/92 residenti nei comuni dell ambito distrettuale 6.1 Sacile, anni Valori assoluti Tab. 2 - Minori certificati L.104/92 residenti nei comuni dell ambito distrettuale 6.1 Sacile, anni per sesso. Valori assoluti Tab. 3 - Minori certificati L.104/92 residenti nei comuni dell ambito distrettuale 6.1 Sacile, al 30/09/2013 per classe d età Tab. 4 - Alunni certificati iscritti alle scuole statali dell ambito distrettuale 6.1 Sacile e della provincia di Pordenone negli anni scolastici 2011/2012, 2012/2013, 2013/2014. Valori assoluti

4 Tab. 5 Ore di sostegno nelle scuole statali aventi sede nei comuni dell ambito distrettuale 6.1 Sacile e in Provincia di Pordenone negli anni scolastici 2011/2012, 2012/2013, 2013/2014. Valori assoluti Tab. 6 - Alunni certificati nelle scuole statali aventi sede o plesso nei comuni dell ambito distrettuale 6.1 Sacile nell anno scolastico 2013/2014. Valori assoluti.10 Tab.7 - Alunni certificati per tipologia di gravità (art.3 comma 1 L.104/92 Handicap lieve e art.3 comma 3 L.104/92 Handicap grave) nelle scuole statali della provincia di Pordenone e dell ambito distrettuale 6.1 Sacile, anno scolastico 2013/2014 Valori assoluti Tab. 8 - Alunni certificati iscritti alle scuole paritarie della provincia di Pordenone e dell ambito distrettuale 6.1 Sacile, negli anni scolastici 2011/2012, 2012/2013 e 2013/2014. Valori assoluti

5 SERVIZI PER LA PRIMA INFANZIA E SCUOLE Tab. 1 - Numero di strutture per la prima infanzia (Nidi d infanzia, Servizi Integrativi e Servizi Sperimentali e Sezioni Primavera) nell ambito distrettuale 6.1 Sacile, in provincia di Pordenone e in regione FVG al Nidi d infanzia Servizi Integrativi Servizi Sperimentali Sezioni primavera* Pubblici Privati Tot Pubblici Privati Tot Pubblici Privati Tot Pubblici Privati Tot Totale Ambito Prov Reg Fonte: elaborazione Osservatorio Politiche Sociali Provincia di Pordenone su dati CRDA-SISS * Vengono qui indicate le Sezioni primavera integrate alle scuole dell infanzia. Tab. 2 Capacità ricettiva delle strutture per la prima infanzia (Nidi d infanzia, Servizi Integrativi, Servizi Sperimentali e Sezioni Primavera) nell ambito distrettuale 6.1 Sacile, in provincia di Pordenone e in regione FVG al Nidi d infanzia Servizi Integrativi Servizi Sperimentali Sezioni primavera* Pubblici Privati Tot Pubblici Privati Tot Pubblici Privati Tot Pubblici Privati Tot Totale Ambito Prov Reg Fonte: elaborazione Osservatorio Politiche Sociali Provincia di Pordenone su dati CRDA-SISS * Vengono qui indicate le Sezioni primavera integrate alle scuole dell infanzia; per le sezioni primavera attivate all interno di nidi d infanzia i dati su capacità ricettiva e iscritti sono compresi nei dati riferiti ai nidi. Tab. 3 Numero di minori iscritti, di cui disabili, di cui lattanti, nelle strutture per la prima infanzia (Nidi d infanzia pubblici e privati, Servizi Integrativi, Servizi Sperimentali e Sezioni Primavera) nell ambito distrettuale 6.1 Sacile, in provincia di Pordenone e in regione FVG al Minori iscritti Di cui disabili MF Di cui lattanti MF M F Tot Nidi Pubblici Nidi Privati Servizi Integrativi Servizi Sperimentali Sezioni primavera Totale Ambito Totale Provincia PN Totale Regione FVG Fonte: elaborazione Osservatorio Politiche Sociali Provincia di Pordenone su dati CRDA-SISS * Vengono qui indicate le Sezioni primavera integrate alle scuole dell infanzia; per le sezioni primavera attivate all interno di nidi d infanzia i dati su capacità ricettiva e iscritti sono compresi nei dati riferiti ai nidi. Tab. 4 Numero di servizi per la prima infanzia per tipologia (art. 3, 4, 4bis, 5 LR ) nell ambito distrettuale 6.1 Sacile, in provincia di Pordenone e in regione FVG al Nidi d infanzia Servizi Integrativi Servizi sperimentali Nidi d infanzia Nidi aziendali Integrati scuola Centri bambini Spazi gioco Servizi educativi Baby sitter Servizi sperimentali Servizi ricreativi infanzia genitori domiciliari locale Ambito Provincia Regione Fonte: elaborazione Osservatorio Politiche Sociali Provincia di Pordenone su dati CRDA-SISS 5

6 Tab. 5 Totale servizi prima infanzia (nidi, integrativi, sperimentali e sezioni primavera), capacità ricettiva totale servizi, totale iscritti, popolazione residente 0-3 anni non compiuti, percentuale copertura potenziale dei servizi (rapporto % tra capacità ricettiva e popolazione 0-3 anni) e percentuale iscritti su popolazione 0-3 anni nell ambito distrettuale 6.1 Sacile, in provincia di Pordenone e in regione FVG. Totale servizi 0-3 anni Tot. Capacità ricettiva Servizi prima infanzia Tot. Iscritti Servizi prima infanzia Popolazione Minori 0-3 anni % copertura potenziale dei servizi % iscritti /popolazione 0-3 anni Ambito ,9 20,7 Provincia ,7 19,8 Regione ,6 22,1 Fonte: elaborazione Osservatorio Politiche Sociali Provincia di Pordenone su dati CRDA-SISS. Popolazione 0-3 anni non compiuti dati Demo Istat al 01/01/

7 Tab. 6 - Scuole statali e paritarie aventi sede o plesso nei comuni dell ambito distrettuale 6.1 Sacile, per ordine scuola, e totale scuole provincia di Pordenone e regione FVG. Anno scolastico 2013/2014. di cui scuole infanzia Scuole primarie statali Scuole secondarie 1 grado Scuole secondarie 2 grado statali Totale strutture Comune statali paritarie totale statali paritarie totale statali paritarie totale statali paritarie totale statali paritarie totale Aviano Brugnera Budoia Caneva Fontanafredda Polcenigo Sacile Tot. Ambito Tot. Provincia Tot. Regione Fonte: elaborazione CRDA-SISS Provincia di Gorizia su dati MIUR - SIDI - USR FVG; Origine dati: scuole presenti in anagrafe istituzioni scolastiche statali, nonché rilevazioni USR FVG 7

8 Tab. 7 - Iscritti alle scuole statali e paritarie aventi sede o plesso nei comuni dell ambito distrettuale 6.1 Sacile, per ordine scuola, e totale iscritti in provincia di Pordenone e regione FVG. Anno scolastico 2013/2014. Comune Scuole dell'infanzia statali Scuole primarie statali Scuole secondarie 1 grado Scuole secondarie 2 grado statali Totale iscritti statali paritarie totale statali paritarie totale statali paritarie totale statali paritarie totale statali paritarie totale Aviano Brugnera Budoia Caneva Fontanafredda Polcenigo Sacile Tot. Ambito Tot. Provincia Tot. Regione Fonte: elaborazione CRDA-SISS Provincia di Gorizia su dati MIUR - SIDI - USR FVG; Origine dati: scuole presenti in anagrafe istituzioni scolastiche statali, nonché rilevazioni USR FVG; NOTE: Nel conteggio delle Scuole Primarie e secondarie I grado non sono state conteggiate le scuole carcerarie; nel conteggio delle Scuole Secondarie di I grado sono state conteggiate le succursali, non conteggiati i centri territoriali permanenti; nel conteggio delle scuole secondarie di II grado sono stati conteggiati tutti i corsi di diploma, le scuole serali e le succursali. Nel conteggio degli iscritti dei diversi gradi sono stati considerati i dati dell Organico di Fatto (OF) per l anno scolastico 2013/2014 8

9 MINORI CERTIFICATI L.104/92 Tab. 1 - Minori certificati L.104/92 residenti nei comuni dell ambito distrettuale 6.1 Sacile, anni Valori assoluti. COMUNE AVIANO BRUGNERA BUDOIA CANEVA FONTANAFREDDA POLCENIGO SACILE Totale ambito Provincia di Pordenone Regione FVG Fonte: elaborazione CRDA-SISS Provincia di Pordenone su dati Azienda Sanitaria e La Nostra Famiglia. Dati riferiti al 30/09 di ciascun anno. Tab. 2 - Minori certificati L.104/92 residenti nei comuni dell ambito distrettuale 6.1 Sacile, anni per sesso. Valori assoluti Maschi Femmine Totale Ambito Fonte: elaborazione CRDA-SISS Provincia di Pordenone su dati Azienda Sanitaria e La Nostra Famiglia. Dati riferiti al 30/09 di ciascun anno. Tab. 3 - Minori certificati L.104/92 residenti nei comuni dell ambito distrettuale 6.1 Sacile, al 30/09/2013 per classe d età. COMUNE 0-2 anni 3-5 anni 6-10 anni anni anni Totale minori 18 anni e oltre AVIANO BRUGNERA BUDOIA CANEVA FONTANAFREDDA POLCENIGO SACILE Totale Ambito Provincia di Pordenone Regione FVG Fonte: elaborazione CRDA-SISS Provincia di Pordenone su dati Azienda Sanitaria e La Nostra Famiglia. Dati riferiti al 30/09 di ciascun anno. 9

10 Tab. 4 - Alunni certificati iscritti alle scuole statali dell ambito distrettuale 6.1 Sacile e della provincia di Pordenone negli anni scolastici, 2011/2012, 2012/2013, 2013/2014. Valori assoluti. a.s. 2011/2012 a.s 2012/2013 a.s 2013/2014 Grado scuola Provincia di cui ambito Provincia di cui ambito Provincia di cui ambito SCUOLE DELL'INFANZIA SCUOLE PRIMARIE GRADO GRADO Totale Fonte: elaborazione CRDA-SISS Provincia di Pordenone su dati Ufficio Scolastico Provinciale Tab. 5 Ore di sostegno nelle scuole statali aventi sede nei comuni dell ambito distrettuale 6.1 Sacile e in Provincia di Pordenone negli anni scolastici 2011/2012, 2012/2013, 2013/2014. Valori assoluti. Grado scuola a.s. 2011/2012 a.s 2012/2013 a.s 2013/2014 Provincia di cui ambito Provincia di cui ambito Provincia di cui ambito SCUOLE DELL'INFANZIA 608,5 110,6 815, ,2 100 SCUOLE PRIMARIE GRADO 2 GRADO 1.399,5 223, ,5 268, , Totale , , , , ,5 Fonte: elaborazione CRDA-SISS Provincia di Pordenone su dati Ufficio Scolastico Provinciale Tab. 6 - Alunni certificati nelle scuole statali aventi sede o plesso nei comuni dell ambito distrettuale 6.1 Sacile nell anno scolastico 2013/2014. Valori assoluti. COMUNE INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA I GR SECONDARIA Totale AVIANO BRUGNERA BUDOIA CANEVA FONTANAFREDDA POLCENIGO SACILE Totale Ambito Provincia Regione FVG Fonte: elaborazione CRDA-SISS Provincia di Pordenone su dati Ufficio Scolastico Provinciale II GR 10

11 Tab.7 - Alunni certificati per tipologia di gravità (art.3 comma 1 L.104/92 Handicap lieve e art.3 comma 3 L.104/92 Handicap grave) nelle scuole statali della provincia di Pordenone e dell ambito distrettuale 6.1 Sacile, anno scolastico 2013/2014 Valori assoluti. Grado scuola Art.3 co.1 L.104/92 Art.3 co.3 L.104/92 Totale alunni certificati Provincia di cui ambito Provincia di cui ambito Provincia di cui ambito SCUOLE DELL'INFANZIA SCUOLE PRIMARIE GRADO GRADO Totale Fonte: elaborazione CRDA-SISS Provincia di Pordenone su dati Ufficio Scolastico Provinciale Tab. 8 - Alunni certificati iscritti alle scuole paritarie della provincia di Pordenone e dell ambito distrettuale 6.1 Sacile, negli anni scolastici 2011/2012, 2012/2013 e 2013/2014. Valori assoluti. Grado scuola 2011/ / /2014 Provincia di cui ambito Provincia di cui ambito Provincia di cui ambito SCUOLE DELL'INFANZIA SCUOLE PRIMARIE GRADO GRADO 3 0 Totale Fonte: elaborazione CRDA-SISS Provincia di Pordenone su dati Ufficio Scolastico Regionale NOTE: I dati relativi agli alunni certificati L.104/92 iscritti alle scuole paritarie e statali della provincia (tab 4-8) sono stati elaborati per ambito distrettuale con riferimento al Comune sede di plesso scolastico o di scuola e non sulla base della residenza dei minori, come invece sono stati rilevati i dati delle Aziende per i Servizi Sanitari e de La Nostra Famiglia (tab 1-3). Ore di sostegno: sono ore attribuite all insegnante di sostegno, insegnante specializzato, previsto dalla Legge 517/77, assegnato in piena contitolarità con gli altri docenti, alla classe in cui è inserito l alunno disabile. Il rapporto tra monte ore di sostegno e numero di alunni certificati è, a livello complessivo provinciale, approssimativamente pari a 2, ovvero 1 insegnante (cattedra a tempo pieno) ogni 2 alunni certificati. Le ore equivalenti a una cattedra a tempo pieno sono: 25 ore per la scuola dell infanzia, 24 ore per la scuola primaria, 18 ore per le scuole secondarie di primo e secondo grado. L assegnazione delle ore ai singoli Istituti, intesi di ogni ordine e grado, viene fatta in base ai posti di sostegno che annualmente il MIUR mette a disposizione dell USR (Ufficio Scolastico Regionale), che a sua volte assegna un contingente di posti alle singole province (USP) in base alle iscrizioni degli alunni disabili al SIDI (anagrafe ministeriale). L Ufficio Scolastico provinciale provvede ad assegnare annualmente i posti di sostegno, dopo aver consultato il GLIP (gruppo di lavoro interistituzionale provinciale), che definisce, per l anno scolastico entrante, i criteri di assegnazione del monte ore settimanale di sostegno alle singole scuole, sulla base della valutazione delle condizioni relative agli alunni disabili iscritti. Sarà poi la Commissione operativa, GLHO (Gruppo di Lavoro per l Handicap Operativo), formata da insegnanti e dirigenti scolastici, a valutare ogni singolo alunno sulla base della documentazione presentata. Per le scuole paritarie invece non vi è l assegnazione di ore di sostegno come per le scuole statali, ma è previsto un rimborso spese annuale, da parte del ministero, sulla base del numero di alunni disabili presenti. 11

12 NOTA METODOLOGICA PROFILO MINORI Di seguito vengono indicate le fonti di origine di ciascuna tipologia di dati qui presentati e alcune note metodologiche per guidarne l utilizzo. Servizi per la prima infanzia I dati relativi ai servizi prima infanzia sono rilevati annualmente dai CRDA-SISS provinciali attraverso la somministrazione di questionari ad hoc ai responsabili di tutti i servizi socio educativi 0-3 anni, pubblici e privati, censiti sul territorio: si fa riferimento sia ai servizi del sistema educativo integrato previsto dalla LR 20/2005, quali i nidi d infanzia, i servizi integrativi e i servizi sperimentali; sia alle c.d. sezioni Primavera 1 attivate presso le scuole di infanzia (non sono state conteggiate le sezioni primavera attivate all interno di nidi di infanzia 2 monitorate complessivamente in provincia di Udine i cui dati, relativi a capienza e iscritti, sono ricompresi in quelli dei nidi di infanzia). Le informazioni presentate nei profili (numero strutture, capienza autorizzata e minori iscritti) sono disaggregate a livello di ambito distrettuale per Comune sede di ubicazione della struttura e provengono dalla rilevazione effettuata dalle Province nel mese di maggio 2014, su dati riferiti al Iscritti alle Scuole statali e non statali I dati riferiti al numero di scuole statali e non statali dei diversi ordini e gradi e ai relativi iscritti hanno come fonte il MIUR-SIDI-USR FVG e sono riferiti all anno scolastico 2013/2014. Le estrazioni sono state effettuate sulle scuole presenti in anagrafe istituzioni scolastiche statali e non statali del MIUR, nel periodo, novembre 2013 febbraio I dati sono presentati disaggregati a livello comunale, per Comune sede di plesso scolastico, scuola o istituto, poi aggregati a livello di ambito distrettuale. Minori certificati ASS - Neuropsichiatria Infantile e La Nostra Famiglia Il numero dei minori certificati L.104/92, è dato dalla somma dei dati forniti dalle Aziende per i Servizi Sanitari e di quelli della Nostra Famiglia. Le informazioni così sintetizzate sono riferite al numero di minori certificati al 30 settembre di ciascun anno e in carico ai rispettivi servizi e sono presentati disaggregati a livello di Comune di residenza del minore. Alunni certificati iscritti alle scuole statali e ore di sostegno - Ufficio Scolastico Regionale I dati si riferiscono agli alunni certificati L.104/92 iscritti nelle scuole statali e alle ore di sostegno effettuate ed hanno come fonte i quattro Uffici di ambito territoriale (Udine, Gorizia, Trieste e Pordenone) dell USR FVG. Le informazioni sono presentate disaggregate per ordine di scuola (infanzia, primarie, secondarie di 1 grado e secondarie di 2 grado) negli anni scolastici 2010/2011, 2011/2012, 2012/2013 e 2013/2014. Oltre al numeri di certificati iscritti ai diversi ordini scolastici viene riportato, per le sole scuole statali, il dato relativo alle ore di sostegno complessivamente assegnate: sono le ore attribuite agli insegnanti di sostegno, insegnanti specializzati, previsti dalla Legge 517/77, assegnati in piena contitolarità con gli altri docenti, alle classi in cui sono inseriti alunni disabili. Il rapporto tra monte ore di sostegno e numero di alunni certificati è, a livello complessivo provinciale, approssimativamente pari a 2, ovvero 1 insegnante (cattedra a tempo pieno) ogni 2 alunni certificati. Le ore equivalenti a una cattedra a tempo pieno sono: 25 ore per la scuola dell infanzia, 24 ore per la scuola primaria, 18 ore per le scuole secondarie di primo e 1 Sezione Primavera o servizio socio educativo integrativo per bambini di età compresa tra i 24 e i 36 mesi, disciplinato dall articolo 1 comma 630 della legge 27 dicembre 2006,n. 296 ( Legge finanziaria 2007 ) e relativi accordi ed intese, da intendersi come servizio socio - educativo integrativo e aggregato alle strutture delle scuole di infanzia e dei nidi di infanzia autorizzate ai sensi della normativa vigente allo svolgimento di attività educative o di insegnamento. La Regione FVG sostiene con appositi contributi il servizio erogato dalle Sezioni Primavera ai sensi dell articolo 7, commi 1 e 2, della legge regionale 29 dicembre 2010, n.22 (Legge finanziaria 2011). 12

13 secondo grado. L assegnazione delle ore ai singoli Istituti, intesi di ogni ordine e grado, viene fatta in base ai posti di sostegno che annualmente il MIUR mette a disposizione dell USR (Ufficio Scolastico Regionale), che a sua volta assegna un contingente di posti alle singole province (USP) in base alle iscrizioni degli alunni disabili al SIDI (anagrafe ministeriale). L Ufficio Scolastico provinciale provvede ad assegnare annualmente i posti di sostegno, dopo aver consultato il GLIP (gruppo di lavoro interistituzionale provinciale), che condivide, per l anno scolastico entrante, i criteri di assegnazione del monte ore settimanale di sostegno alle singole scuole, sulla base della valutazione delle condizioni relative agli alunni disabili iscritti. Sarà poi la Commissione operativa, GLHO (Gruppo di Lavoro per l Handicap Operativo provinciale), formata da insegnanti e dirigenti scolastici, a valutare ogni singolo alunno sulla base della documentazione presentata e su un piano educativo individuale (PEI), assegnando le relative ore. Minori certificati scuole paritarie - Ufficio Scolastico Regionale I dati si riferiscono agli alunni certificati iscritti nelle scuole paritarie e hanno come fonte l Ufficio Scolastico Regionale. Le informazioni sono presentate disaggregate per ordine di scuola (infanzia, primarie, secondarie di 1 grado e secondarie di 2 grado) negli anni scolastici 2010/2011, 2011/2012, 2012/2013 e 2013/2014 con un dettaglio di ambito sulla base della sede di istituto scolastico. Per le scuole paritarie non vi è l assegnazione di ore di sostegno come per le scuole statali, ma è previsto un rimborso spese annuale, da parte del ministero, sulla base del numero di alunni disabili presenti. Non è inoltre disponibile il dato relativo alla gravità dell alunno. I dati relativi agli alunni certificati L.104/92 iscritti sia alle scuole statali, che a quelle non statali della provincia (tab 4-8) sono stati elaborati per ambito distrettuale con riferimento al Comune sede di plesso scolastico o di scuola e non sulla base della residenza dei minori, come invece sono stati rilevati i dati delle Aziende per i Servizi Sanitari e de La Nostra Famiglia (tab 1-3). Se per i primi ordini scolastici (infanzia e primaria) può esserci una certa approssimazione tra i dati delle due fonti, per gli ordini successivi, data la mobilità scolastica territoriale degli alunni, i due dati non risultano comparabili. 13

MATERIALI DI LAVORO PER L AGGIORNAMENTO DEL

MATERIALI DI LAVORO PER L AGGIORNAMENTO DEL Servizio sociale dei Comuni dell Ambito Distrettuale 3.1 Gemonese MATERIALI DI LAVORO PER L AGGIORNAMENTO DEL PROFILO DI COMUNITÀ SEZIONE MINORI A CURA DELL OSSERVATORIO POLITICHE SOCIALI DELLA PROVINCIA

Dettagli

MATERIALI DI LAVORO PER L AGGIORNAMENTO DEL

MATERIALI DI LAVORO PER L AGGIORNAMENTO DEL Servizio sociale dei Comuni dell Ambito Distrettuale 4.2 Tarcento MATERIALI DI LAVORO PER L AGGIORNAMENTO DEL PROFILO DI COMUNITÀ SEZIONE MINORI A CURA DELL OSSERVATORIO POLITICHE SOCIALI DELLA PROVINCIA

Dettagli

MATERIALI DI LAVORO PER L AGGIORNAMENTO DEL

MATERIALI DI LAVORO PER L AGGIORNAMENTO DEL Servizio sociale dei Comuni dell Ambito Distrettuale 3.2 Carnia MATERIALI DI LAVORO PER L AGGIORNAMENTO DEL PROFILO DI COMUNITÀ SEZIONE MINORI A CURA DELL OSSERVATORIO POLITICHE SOCIALI DELLA PROVINCIA

Dettagli

MATERIALI DI LAVORO PER L AGGIORNAMENTO DEL

MATERIALI DI LAVORO PER L AGGIORNAMENTO DEL Servizio sociale dei Comuni dell Ambito Distrettuale 3.1 Gemonese MATERIALI DI LAVORO PER L AGGIORNAMENTO DEL PROFILO DI COMUNITÀ SEZIONE MINORI A CURA DELL OSSERVATORIO POLITICHE SOCIALI DELLA PROVINCIA

Dettagli

MATERIALI DI LAVORO PER L AGGIORNAMENTO DEL

MATERIALI DI LAVORO PER L AGGIORNAMENTO DEL Servizio sociale dei Comuni dell Ambito Distrettuale 4.3 Cividalese MATERIALI DI LAVORO PER L AGGIORNAMENTO DEL PROFILO DI COMUNITÀ SEZIONE MINORI A CURA DELL OSSERVATORIO POLITICHE SOCIALI DELLA PROVINCIA

Dettagli

MATERIALI DI LAVORO PER COMUNITÀ - SEZIONE MINORI L AGGIORNAMENTO DEL PROFILO DI. Servizio sociale dei Comuni dell Ambito Distrettuale 1.

MATERIALI DI LAVORO PER COMUNITÀ - SEZIONE MINORI L AGGIORNAMENTO DEL PROFILO DI. Servizio sociale dei Comuni dell Ambito Distrettuale 1. Servizio sociale dei Comuni dell Ambito Distrettuale 1.2 Trieste MATERIALI DI LAVORO PER L AGGIORNAMENTO DEL PROFILO DI COMUNITÀ - SEZIONE MINORI A CURA DELL OSSERVATORIO PROVINCIALE SULLE POLITICHE SOCIALI

Dettagli

MATERIALI DI LAVORO PER

MATERIALI DI LAVORO PER Servizio sociale dei Comuni dell Ambito Distrettuale 1.3 Muggia San Dorligo della Valle - Dolina MATERIALI DI LAVORO PER L AGGIORNAMENTO DEL PROFILO DI COMUNITÀ - SEZIONE MINORI A CURA DELL OSSERVATORIO

Dettagli

MATERIALI DI LAVORO PER COMUNITÀ - SEZIONE MINORI L AGGIORNAMENTO DEL PROFILO DI

MATERIALI DI LAVORO PER COMUNITÀ - SEZIONE MINORI L AGGIORNAMENTO DEL PROFILO DI Servizio sociale dei Comuni dell Ambito Distrettuale 1.1 Duino Aurisina MATERIALI DI LAVORO PER L AGGIORNAMENTO DEL PROFILO DI COMUNITÀ - SEZIONE MINORI A CURA DELL OSSERVATORIO PROVINCIALE SULLE POLITICHE

Dettagli

MATERIALI DI LAVORO PER L AGGIORNAMENTO DEL

MATERIALI DI LAVORO PER L AGGIORNAMENTO DEL Servizio sociale dei Comuni dell Ambito Distrettuale 4.3 Cividalese MATERIALI DI LAVORO PER L AGGIORNAMENTO DEL PROFILO DI COMUNITÀ SEZIONE MINORI A CURA DELL OSSERVATORIO POLITICHE SOCIALI DELLA PROVINCIA

Dettagli

MATERIALI DI LAVORO PER LA

MATERIALI DI LAVORO PER LA Provincia di Pordenone Servizio sociale dei Comuni dell Ambito Distrettuale 6.1 Sacile MATERIALI DI LAVORO PER LA COSTRUZIONE DEL PROFILO DI COMUNITÀ PIANI DI ZONA 2013-2015 A CURA DELL OSSERVATORIO PROVINCIALE

Dettagli

MATERIALI DI LAVORO PER LA

MATERIALI DI LAVORO PER LA MATERIALI DI LAVORO PER LA COSTRUZIONE DEL PROFILO DI COMUNITÀ PIANI DI ZONA 2013-2015 A CURA DELL OSSERVATORIO PROVINCIALE POLITICHE SOCIALI DELLA PROVINCIA DI TRIESTE Provincia di Trieste Area Servizi

Dettagli

MATERIALI DI LAVORO PER LA

MATERIALI DI LAVORO PER LA Provincia di Pordenone Servizio sociale dei Comuni dell Ambito Distrettuale 6.5 Pordenone MATERIALI DI LAVORO PER LA COSTRUZIONE DEL PROFILO DI COMUNITÀ PIANI DI ZONA 2013-2015 A CURA DELL OSSERVATORIO

Dettagli

MATERIALI DI LAVORO PER LA

MATERIALI DI LAVORO PER LA Provincia di Pordenone Servizio sociale dei Comuni dell Ambito Distrettuale 6.3 Azzano Decimo MATERIALI DI LAVORO PER LA COSTRUZIONE DEL PROFILO DI COMUNITÀ PIANI DI ZONA 2013-2015 A CURA DELL OSSERVATORIO

Dettagli

Il contributo del FSE per lo sviluppo dei Servizi per la prima infanzia nella Regione Friuli Venezia Giulia: la formazione degli operatori

Il contributo del FSE per lo sviluppo dei Servizi per la prima infanzia nella Regione Friuli Venezia Giulia: la formazione degli operatori Investire nei bambini in Italia: strumenti dell'ue e opportunità di finanziamento Il contributo del FSE per lo sviluppo dei Servizi per la prima infanzia nella Regione Friuli Venezia Giulia: la formazione

Dettagli

MATERIALI DI LAVORO PER LA

MATERIALI DI LAVORO PER LA Servizio sociale dei Comuni dell Ambito Distrettuale 2.2 Basso Isontino MATERIALI DI LAVORO PER LA COSTRUZIONE DEL PROFILO DI COMUNITÀ PIANI DI ZONA 2013-2015 A CURA DELL OSSERVATORIO PROVINCIALE SULLE

Dettagli

MATERIALI DI LAVORO PER LA

MATERIALI DI LAVORO PER LA Servizio sociale dei Comuni dell Ambito Distrettuale 2.1 Alto Isontino MATERIALI DI LAVORO PER LA COSTRUZIONE DEL PROFILO DI COMUNITÀ PIANI DI ZONA 2013-2015 A CURA DELL OSSERVATORIO PROVINCIALE SULLE

Dettagli

RAPPORTO CONDIZIONI DI VITA IN PROVINCIA DI PORDENONE EDIZIONE 2010 ANDAMENTO DEMOGRAFICO. a cura di Osservatorio Provinciale delle Politiche Sociali

RAPPORTO CONDIZIONI DI VITA IN PROVINCIA DI PORDENONE EDIZIONE 2010 ANDAMENTO DEMOGRAFICO. a cura di Osservatorio Provinciale delle Politiche Sociali RAPPORTO CONDIZIONI DI VITA IN PROVINCIA DI PORDENONE EDIZIONE 2010 ANDAMENTO DEMOGRAFICO a cura di Osservatorio Provinciale delle Politiche Sociali 11 Novembre 2010 Andamento della popolazione residente

Dettagli

VIDEOCONFERENZA CON I DIRIGENTI SCOLASTICI

VIDEOCONFERENZA CON I DIRIGENTI SCOLASTICI VIDEOCONFERENZA CON I DIRIGENTI SCOLASTICI sul tema: ORGANICO DI DIRITTO del personale docente a.s. 2007/08 Relatrice: Maria Luisa Altomonte IL SISTEMA SCOLASTICO STATALE IN EMILIA ROMAGNA LE - 1 Le sedi

Dettagli

Appendice Statistica

Appendice Statistica REGIONE CALABRIA Dipartimento Istruzione, Università, Alta Formazione, Innovazione e Ricerca Osservatorio Regionale sull Istruzione e il Diritto allo Studio Dieci anni di scuola calabrese Appendice Statistica

Dettagli

Fonte: Ufficio scolastico territoriale di Rimini per le scuole statali e Segreterie scolastiche per le scuole ed enti non statali Elaborazione :

Fonte: Ufficio scolastico territoriale di Rimini per le scuole statali e Segreterie scolastiche per le scuole ed enti non statali Elaborazione : 1 Fonte: Ufficio scolastico territoriale di Rimini per le scuole statali e Segreterie scolastiche per le scuole ed enti non statali Elaborazione : Provincia di Rimini / Ufficio Scuola 2 LA SCUOLA RIMINESE:

Dettagli

MATERIALI DI LAVORO PER LA

MATERIALI DI LAVORO PER LA MATERIALI DI LAVORO PER LA COSTRUZIONE DEL PROFILO DI COMUNITÀ PIANI DI ZONA 2013-2015 A CURA DELL OSSERVATORIO PROVINCIALE POLITICHE SOCIALI DELLA PROVINCIA DI TRIESTE Contesto demografico Ambito distrettuale

Dettagli

Anno Scolastico 2015-2016. Periodo settembre dicembre 2015 Periodo gennaio giugno 2016

Anno Scolastico 2015-2016. Periodo settembre dicembre 2015 Periodo gennaio giugno 2016 Piano Territoriale dei Servizi di Assistenza Educativa Scolastica a favore degli studenti con disabilità iscritti nella scuola secondaria di secondo grado e nei percorsi di istruzione e formazione professionale

Dettagli

44 BIMBI IN FILA PER 3 COL RESTO DI 2

44 BIMBI IN FILA PER 3 COL RESTO DI 2 Assessorato alle Politiche Sociali Assessorat aes Politichis Socials 44 BIMBI IN FILA PER 3 COL RESTO DI 2 I numeri sui minori e i servizi dedicati in Provincia di Udine SECONDA EDIZIONE Osservatorio Politiche

Dettagli

Circolare n. 347 Trieste, 08 giugno 2013

Circolare n. 347 Trieste, 08 giugno 2013 LICEO ARTISTICO e ISTITUTO STATALE D ARTE Enrico e Umberto NORDIO Distretto scolastico n. XVII - 34143 TRIESTE Via Calvola, 2 - Tel. (040) 30.06.60 - Fax (040) 31.16.46 - Cod. Fisc. 80019860321 Circolare

Dettagli

OGGETTO: INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI DISABILI ATTRAVERSO L INSEGNAMENTO DI SOSTEGNO

OGGETTO: INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI DISABILI ATTRAVERSO L INSEGNAMENTO DI SOSTEGNO Al Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca INTERROGAZIONE a risposta scritta OGGETTO: INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI DISABILI ATTRAVERSO L INSEGNAMENTO DI SOSTEGNO Premesso che:

Dettagli

COMUNE DI PALERMO REGOLAMENTO RECANTE MODALITA E CRITERI PER L ASSISTENZA SPECIALISTICA AGLI ALUNNI DISABILI

COMUNE DI PALERMO REGOLAMENTO RECANTE MODALITA E CRITERI PER L ASSISTENZA SPECIALISTICA AGLI ALUNNI DISABILI COMUNE DI PALERMO REGOLAMENTO RECANTE MODALITA E CRITERI PER L ASSISTENZA SPECIALISTICA AGLI ALUNNI DISABILI TESTO APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI C.C. N 579 DEL 05/10/2012 E INTEGRATO DALLE MODIFICHE APPORTATE

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Friuli Venezia Giulia - Direzione Generale

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Friuli Venezia Giulia - Direzione Generale MIUR.AOODRFR.REGISTRO UFFICIALE(U).0003843.14-05-2015 Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Agli Enti Gestori delle Scuole Paritarie di ogni Ordine e Grado Ai Dirigenti degli Ambiti

Dettagli

REGOLAMENTO DEL GRUPPO DI LAVORO PER L HANDICAP. Art. 1 - Istituzione del Gruppo di Lavoro sull'handicap dell'i.c. di Belvedere M.mo.

REGOLAMENTO DEL GRUPPO DI LAVORO PER L HANDICAP. Art. 1 - Istituzione del Gruppo di Lavoro sull'handicap dell'i.c. di Belvedere M.mo. ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Scuola Infanzia-Scuola Primaria- Scuola Secondaria Statale Padre G. Puglisi VIA G.FORTUNATO, 10 87021 BELVEDERE M. MO (CS) Tel. e Fax 0985/82923 - E mail: csic8as00c@istruzione.it

Dettagli

DGR 399 DD. 20.2.2004 LA GIUNTA REGIONALE

DGR 399 DD. 20.2.2004 LA GIUNTA REGIONALE DGR 399 DD. 20.2.2004 LA GIUNTA REGIONALE VISTA la legge regionale 27 marzo 1996, n. 18 e successive modificazioni ed integrazioni ed in particolare l articolo 6, comma 1 della stessa; VISTA la legge 8

Dettagli

DOTE SCUOLA - Percorsi di Istruzione

DOTE SCUOLA - Percorsi di Istruzione DOTE SCUOLA - Percorsi di Istruzione Componenti : Buono Scuola, Disabilità, Integrazione al reddito Destinatari Studenti residenti in Lombardia, iscritti e frequentanti corsi a gestione ordinaria presso

Dettagli

IL TERZO SETTORE IN FRIULI VENEZIA GIULIA

IL TERZO SETTORE IN FRIULI VENEZIA GIULIA IL TERZO SETTORE IN FRIULI VENEZIA GIULIA Dossier statistico 2013 a cura di In collaborazione con: Presentazione Il dossier illustra in forma grafica la consistenza, in Friuli Venezia Giulia, del Terzo

Dettagli

I dati sulla disabilità

I dati sulla disabilità I dati sulla disabilità In applicazione alla Legge 104/92 viene effettuato l accertamento della presenza di handicap in situazione di gravità. Complessivamente nell anno 2004 nella U.S.L. 5 sono stati

Dettagli

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI Il tema della disabilità mette a prova tutti i passaggi dei cicli di vita delle persone. Attraverso le vicende biografiche di chi attraversa questa particolare condizione è possibile

Dettagli

I NUMERI DELLA SCUOLA

I NUMERI DELLA SCUOLA Ministero della Pubblica Istruzione Dipartimento per la Programmazione Ministeriale, per la Gestione del Bilancio e per le Risorse umane e dell Informazione I NUMERI DELLA SCUOLA settembre 2007 RTI : EDS

Dettagli

Al Presidente della Regione Veneto. Alla Redazione del sito web dell USR

Al Presidente della Regione Veneto. Alla Redazione del sito web dell USR Prot. n. AOODRVE5461 Venezia, lì, 6 maggio 2015 e-mail Ai Dirigenti delle istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado statali e paritarie della regione Veneto Ai Dirigenti Amministrativi e Tecnici e

Dettagli

Le scuole del Veneto all avvio dell anno scolastico 2015/16. Anticipazioni su dati provvisori a.s. 2015/16

Le scuole del Veneto all avvio dell anno scolastico 2015/16. Anticipazioni su dati provvisori a.s. 2015/16 Le scuole del Veneto all avvio dell anno scolastico 2015/16 Anticipazioni su dati provvisori a.s. 2015/16 Dirigenze scolastiche statali a.s. 2015/16 Provincia Direzione didattica Istituto comprensivo Scuola

Dettagli

Avvio del Sistema Nazionale di Valutazione

Avvio del Sistema Nazionale di Valutazione Avvio del Sistema Nazionale di Valutazione Contributi di approfondimento Seminario residenziale per lo Staff regionale e i Nuclei provinciali Gianna Barbieri 3 4 marzo 2015 Salsomaggiore Terme, Parma Il

Dettagli

Convegno Nazionale 25 26 settembre 2009 COMUNE DI VIGEVANO LA FAMIGLIA CON PERSONA DISABILE INTERVENTO OLISTICO

Convegno Nazionale 25 26 settembre 2009 COMUNE DI VIGEVANO LA FAMIGLIA CON PERSONA DISABILE INTERVENTO OLISTICO Convegno Nazionale 25 26 settembre 2009 COMUNE DI VIGEVANO LA FAMIGLIA CON PERSONA DISABILE INTERVENTO OLISTICO L AIUTO SCOLASTICO LA FAMIGLIA Dott. Eugenia Rossana Fabiano Dirigente Scolastico Fase di

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale Ufficio IV dirigenti scolastici e personale della scuola

Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale Ufficio IV dirigenti scolastici e personale della scuola Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale Ufficio IV dirigenti scolastici e personale della scuola Prot.n.AOODRPU 6009 Bari, 26 agosto 2013 il dirigente: C.Nappi Ai Dirigenti degli

Dettagli

ALUNNO CON DISABILITA

ALUNNO CON DISABILITA D.G. Famiglia e Solidarietà Sociale ALUNNO CON DISABILITA NUOVE MODALITA PER L INDIVIDUAZIONE AL FINE DELL INTEGRAZIONE SCOLASTICA NORMATIVA LEGGE 104/92 DPR 24 FEBBRAIO 1994 LEGGE 289/2002 ART.35 COMMA

Dettagli

CARTE DEI SERVIZI TERRITORIALI DIDATTICO/RICREATIVI ED EDUCATIVI DI SUPPORTO ALLA FAMIGLIA LINEE GUIDA PER LA STRUTTURA DEL DOCUMENTO

CARTE DEI SERVIZI TERRITORIALI DIDATTICO/RICREATIVI ED EDUCATIVI DI SUPPORTO ALLA FAMIGLIA LINEE GUIDA PER LA STRUTTURA DEL DOCUMENTO CARTE DEI SERVIZI TERRITORIALI DIDATTICO/RICREATIVI ED EDUCATIVI DI SUPPORTO ALLA FAMIGLIA LINEE GUIDA PER LA STRUTTURA DEL DOCUMENTO INDICE Organizzazione della titolazione, numerazione, indicazione di

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA DISTRETTUALE PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI DISABILI

ACCORDO DI PROGRAMMA DISTRETTUALE PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI DISABILI 1 ACCORDO DI PROGRAMMA DISTRETTUALE PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI DISABILI Distretto di Correggio (Comuni di Campagnola Emilia, Correggio, Fabbrico, Rio Saliceto, Rolo, San Martino in Rio)

Dettagli

Il DIRIGENTE P. IENNACO

Il DIRIGENTE P. IENNACO Prot. n. 19665 Torino 29 giugno 2009 Circ. n. 322 Ai Dirigenti Scolastici Istruzione secondaria di II grado Torino e Provincia Oggetto: C.C.N.I. del 26/6/2009 concernente le utilizzazioni e le assegnazioni

Dettagli

Casi di morte sul lavoro per Provincia Veneto n casi % sul totale in Triveneto % sul totale nella Regione Belluno 2,7% Padova 4 7,4% Rovigo 0 Treviso 2,7% Venezia 4,% Verona,0% Vicenza 2,7% Friuli Venezia

Dettagli

Art. 1 Finalità. Art. 2 Quadro normativo di riferimento. Art. 3 Destinatari

Art. 1 Finalità. Art. 2 Quadro normativo di riferimento. Art. 3 Destinatari Allegato al decreto del direttore centrale 6 agosto 2012 n. 1087/ISTR Bando per il finanziamento delle Sezioni Primavera anno scolastico 2012/2013 Art. 1 Finalità 1. Il presente bando viene emanato al

Dettagli

1) AREA DISABILITA : alunni certificati disabili (L.104/92) -> PEI (Piano Educativo Individualizzato)

1) AREA DISABILITA : alunni certificati disabili (L.104/92) -> PEI (Piano Educativo Individualizzato) Nerina Milletti /10 Considerando tre aree dello svantaggio scolastico, due sottocategorie di alunni con Bisogni Educativi Speciali erano già previste e normate. Ora è possibile estendere a tutti gli alunni

Dettagli

MIUR.AOODRVE.UFF.III/8294/C21 Venezia, 27 giugno 2014. Ai Dirigenti degli Uffici Scolastici Territoriali LORO SEDI e p.c.

MIUR.AOODRVE.UFF.III/8294/C21 Venezia, 27 giugno 2014. Ai Dirigenti degli Uffici Scolastici Territoriali LORO SEDI e p.c. MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Schema di regolamento recante Norme per la riorganizzazione della rete scolastica e il razionale ed efficace utilizzo delle risorse umane della scuola, ai sensi dell'articolo 64, comma 4, del decreto-legge

Dettagli

PROTOCOLLO PER L INDIVIDUAZIONE PRECOCE DELLE DIFFICOLTÀ DI APPRENDIMENTO E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO

PROTOCOLLO PER L INDIVIDUAZIONE PRECOCE DELLE DIFFICOLTÀ DI APPRENDIMENTO E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO ISTITUTO COMPRENSIVO DI ROVEREDO IN PIANO Via A.Cojazzi, 1-33080 Roveredo in Piano (Pordenone) tel.0434 94281 - fax. 0434 961891 e-mail: pnic82300r@istruzione.it PROTOCOLLO PER L INDIVIDUAZIONE PRECOCE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI FINO MORNASCO Scuola Infanzia Primaria Secondaria I Via Leonardo da Vinci - 22073 Fino Mornasco (CO)

ISTITUTO COMPRENSIVO DI FINO MORNASCO Scuola Infanzia Primaria Secondaria I Via Leonardo da Vinci - 22073 Fino Mornasco (CO) DELIBERA DEL CONSIGLIO DI ISTITUTO a.s. 2015/16 n. 199 L'anno DUEMILAQUINDICI, giorno TRENTA del mese di NOVEMBRE alle ore 18,00 si è riunito il Consiglio di Istituto con convocazione ordinaria di cui

Dettagli

PROGRAMMA IMMIGRAZIONE 2009

PROGRAMMA IMMIGRAZIONE 2009 PROGRAMMA IMMIGRAZIONE 2009 Indice 1. Premessa 2. Riferimenti normativi 3. Ambiti di intervento 4. Modalità di attuazione 5. Risorse 6. Azioni 7. Riepilogo 1. Premessa La Regione Friuli Venezia Giulia

Dettagli

CONCORSO ORDINARIO 2016 TRIENNIO 2016/17 2017/18 2018/19

CONCORSO ORDINARIO 2016 TRIENNIO 2016/17 2017/18 2018/19 CONCORSO ORDINARIO 2016 TRIENNIO 2016/17 2017/18 2018/19 Scuola dell infanzia e primaria: DDG 105/2016 Scuola secondaria: DDG 106/2016 Posti di sostegno: DDG 107/2016 DOMANDE ESCLUSIVAMENTE ON LINE SUL

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI

ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI di Castelfranco Emilia - Mo Via Guglielmo Marconi, 1 Tel 059 926254 - fax 059 926148 email: MOIC825001@istruzione.it Prot. n. NOTE ORGANIZZATIVE PER UNA CORRETTA GESTIONE

Dettagli

FONDAZIONE CARIPARMA. Espr.it. la comunità genera nuovo welfare. Alcuni dati sulla provincia di Parma EDUCAZIONE E ISTRUZIONE

FONDAZIONE CARIPARMA. Espr.it. la comunità genera nuovo welfare. Alcuni dati sulla provincia di Parma EDUCAZIONE E ISTRUZIONE FONDAZIONE CARIPARMA Espr.it la comunità genera nuovo welfare Alcuni dati sulla provincia di Parma EDUCAZIONE E ISTRUZIONE 1 Scuole per l infanzia Servizi educativi per la prima infanzia Indice di copertura

Dettagli

PIANO TERRITORIALE DEI SERVIZI PER L ASSISTENZA E L INTEGRAZIONE SCOLASTICA A FAVORE DELLE PERSONE CON DISABILITA. ANNO SCOLASTICO 2014-2015

PIANO TERRITORIALE DEI SERVIZI PER L ASSISTENZA E L INTEGRAZIONE SCOLASTICA A FAVORE DELLE PERSONE CON DISABILITA. ANNO SCOLASTICO 2014-2015 Allegato A PIANO TERRITORIALE DEI SERVIZI PER L ASSISTENZA E L INTEGRAZIONE SCOLASTICA A FAVORE DELLE PERSONE CON DISABILITA. ANNO SCOLASTICO 2014-2015 Indice: 1 - Normativa di riferimento pag. 2,3 2 -

Dettagli

I. CLASSI PRIME DELL A.S. 2014-15 MODELLI DI FUNZIONAMENTO E OFFERTA FORMATIVA (Dpr 89/2009)

I. CLASSI PRIME DELL A.S. 2014-15 MODELLI DI FUNZIONAMENTO E OFFERTA FORMATIVA (Dpr 89/2009) M i n i s t e r o d e l l i s t r u z i o n e, d e l l u n i v e r s i t à e d e l l a r i c e r c a Istituto Comprensivo Como Prestino Breccia Via Picchi 6 22100 Como - Tel: 031 507192 - Fax: 031 5004738

Dettagli

Regolamento per i servizi di assistenza scolastica qualificata e di trasporto scolastico a favore degli studenti diversamente abili frequentanti gli

Regolamento per i servizi di assistenza scolastica qualificata e di trasporto scolastico a favore degli studenti diversamente abili frequentanti gli Regolamento per i servizi di assistenza scolastica qualificata e di trasporto scolastico a favore degli studenti diversamente abili frequentanti gli istituti scolastici superiori di secondo grado della

Dettagli

Aggiornamento del piano di dimensionamento delle istituzioni scolastiche della provincia di Pordenone anno scolastico 2015/2016

Aggiornamento del piano di dimensionamento delle istituzioni scolastiche della provincia di Pordenone anno scolastico 2015/2016 Aggiornamento del piano di dimensionamento delle istituzioni scolastiche della provincia di Pordenone anno scolastico 2015/2016 L aggiornamento del piano di dimensionamento della rete scolastica provinciale

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER L OFFERTA DEL SERVIZIO EDUCATIVO DENOMINATO SEZIONI PRIMAVERA DESTINATO AI BAMBINI DI ETA COMPRESA TRA I 24 E I 36 MESI

PROTOCOLLO D INTESA PER L OFFERTA DEL SERVIZIO EDUCATIVO DENOMINATO SEZIONI PRIMAVERA DESTINATO AI BAMBINI DI ETA COMPRESA TRA I 24 E I 36 MESI PROTOCOLLO D INTESA PER L OFFERTA DEL SERVIZIO EDUCATIVO DENOMINATO SEZIONI PRIMAVERA DESTINATO AI BAMBINI DI ETA COMPRESA TRA I 24 E I 36 MESI L Ufficio Scolastico Regionale per le Marche e la Regione

Dettagli

CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI MANDELLO DEL LARIO E LE SCUOLE DELL INFANZIA PERIODO 1 SETTEMBRE 2008/30 GIUGNO 2011.

CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI MANDELLO DEL LARIO E LE SCUOLE DELL INFANZIA PERIODO 1 SETTEMBRE 2008/30 GIUGNO 2011. CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI MANDELLO DEL LARIO E LE SCUOLE DELL INFANZIA PERIODO 1 SETTEMBRE 2008/30 GIUGNO 2011. Premesso: Che l articolo 33, comma 4 della Costituzione assicura un trattamento equipollente

Dettagli

Istanze di riconoscimento della parità scolastica per l anno scolastico 2014/2015

Istanze di riconoscimento della parità scolastica per l anno scolastico 2014/2015 USR Lombardia - via Pola, 11-20124 - Milano - Tel. 02 574 627 1 - PEC drlo@postacert.istruzione.it - CF 97254200153 Istanze di riconoscimento della parità scolastica per l anno scolastico 2014/2015 Indicazioni,

Dettagli

e.p.c. Alla Regione Veneto Direzione Istruzione VENEZIA Al Dirigente Ufficio VI Al Dirigente Ufficio IV SEDE

e.p.c. Alla Regione Veneto Direzione Istruzione VENEZIA Al Dirigente Ufficio VI Al Dirigente Ufficio IV SEDE Prot. MIUR.AOODRVE.UFF.III/ 4511/D11 Venezia, 18 aprile 2013 Ai Dirigenti Uffici Scolastici territoriali Ai Dirigenti Scolastici Direzioni Didattiche e Istituti Comprensivi e.p.c. Alla Regione Veneto Direzione

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2009-2010 1 2 INDICE Introduzione... 5 Sezione 1 Le scuole... 7 Il sistema scolastico lombardo... 9 1.1 Scuole statali... 9 1.2 Scuole non statali

Dettagli

REGOLAMENTO ASSEGNAZIONE FONDI PER PROGETTI DI INTEGRAZIONE RIVOLTI A STUDENTI DISABILI

REGOLAMENTO ASSEGNAZIONE FONDI PER PROGETTI DI INTEGRAZIONE RIVOLTI A STUDENTI DISABILI REGOLAMENTO ASSEGNAZIONE FONDI PER PROGETTI DI INTEGRAZIONE RIVOLTI A STUDENTI DISABILI 1 Art. 1 oggetto 1.1 - Il presente Regolamento disciplina l assegnazione, agli Istituti secondari di secondo grado

Dettagli

PROVINCIA DI LUCCA COMUNE DI CAMPORGIANO BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO A.S. 2011/2012

PROVINCIA DI LUCCA COMUNE DI CAMPORGIANO BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO A.S. 2011/2012 \ PROVINCIA DI LUCCA COMUNE DI CAMPORGIANO BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO A.S. 2011/2012 Vista la L.R. 32 del 26.7.02 Testo unico della normativa della Regione Toscana in materia

Dettagli

MIUR.AOODRER.REGISTRO UFFICIALE(I).0013937.12-11-2014

MIUR.AOODRER.REGISTRO UFFICIALE(I).0013937.12-11-2014 MIUR.AOODRER.REGISTRO UFFICIALE(I).0013937.12-11-2014 INTESA BIENNALE aa.ss. 2013/2014 2014/2015 TRA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE E REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA PROGRAMMAZIONE E LA GESTIONE COMPLESSIVA

Dettagli

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo ed ATA per il 2011/2012

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo ed ATA per il 2011/2012 Di cosa si tratta Si tratta della possibilità che ha il personale della scuola di poter partecipare alla "mobilità annuale", e cioè di poter prestare servizio, per un anno, in una scuola diversa da quella

Dettagli

Convenzione tra il Comune di Casatenovo e le Scuole dell Infanzia Paritarie di Casatenovo

Convenzione tra il Comune di Casatenovo e le Scuole dell Infanzia Paritarie di Casatenovo Convenzione tra il Comune di Casatenovo e le Scuole dell Infanzia Paritarie di Casatenovo TRA Il Comune di Casatenovo (C.F. 00631280138) con sede a Casatenovo (LC), Piazza della Repubblica 7, legalmente

Dettagli

Sedi, alunni, classi, dotazioni organiche del personale della scuola statale. Situazione di Organico di Diritto Anno scolastico 2005/2006

Sedi, alunni, classi, dotazioni organiche del personale della scuola statale. Situazione di Organico di Diritto Anno scolastico 2005/2006 Sedi, alunni, classi, dotazioni organiche del personale della scuola statale Situazione di Organico di Diritto Anno scolastico 2005/2006 Istituzioni scolastiche - prospetto provinciale Circoli didattici

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

(1) Dopo il comma 9 dell articolo 11 della legge provinciale 12 dicembre 1996, n. 24, e successive modifiche, sono aggiunti i seguenti commi 10 e 11:

(1) Dopo il comma 9 dell articolo 11 della legge provinciale 12 dicembre 1996, n. 24, e successive modifiche, sono aggiunti i seguenti commi 10 e 11: q) Legge provinciale 26 gennaio 2015, n. 1 1) Modifiche di leggi provinciali in materia di istruzione, di stato giuridico del personale insegnante e di apprendistato 1) Pubblicato nel supplemento n. 1,

Dettagli

Bando per il finanziamento delle Sezioni Primavera anno scolastico 2014/2015

Bando per il finanziamento delle Sezioni Primavera anno scolastico 2014/2015 Allegato al decreto del Direttore centrale n. 5271/LAVFOR.ISTR dd. 19-08-2014 Bando per il finanziamento delle Sezioni Primavera anno scolastico 2014/2015 Art. 1 Finalità 1. Il presente bando viene emanato

Dettagli

All Ufficio Scolastico Regionale... Il/La sottoscritto/a. nato/a a (prov. ) il. e residente a,

All Ufficio Scolastico Regionale... Il/La sottoscritto/a. nato/a a (prov. ) il. e residente a, Al Dirigente Scolastico dell Istituzione Scolastica...... All Ufficio Scolastico Regionale...... Il/La sottoscritto/a nato/a a (prov. ) il e residente a, docente di Religione Cattolica a Tempo Indeterminato

Dettagli

LA SCUOLA DELL INFANZIA IN ITALIA e NEL VENETO (1) (2) ALUNNI 1.655.386 100% 960.987 58,1% 34.776 2,1%

LA SCUOLA DELL INFANZIA IN ITALIA e NEL VENETO (1) (2) ALUNNI 1.655.386 100% 960.987 58,1% 34.776 2,1% LA SCUOLA DELL INFANZIA IN ITALIA e NEL VENETO Fonti: Ministero Pubblica Istruzione U.R. www.istruzione.it Ufficio Scolastico Regionale del Veneto www.istruzioneveneto.it AGESC Associazione Genitori Scuole

Dettagli

Dalla lettura alla stesura

Dalla lettura alla stesura Dalla lettura alla stesura Elenco dei documenti (documenti diagnostici) DOCUMENTAZIONE Richiesta di accertamento per un/a alunno/a (allegato1a) Diagnosi Funzionale (allegato 2B) Valutazione Funzionale

Dettagli

4 RAPPORTO SULLA COESIONE SOCIALE NELLA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA Anno 2015

4 RAPPORTO SULLA COESIONE SOCIALE NELLA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA Anno 2015 Osservatorio economico, coesione sociale, legalità 4 RAPPORTO SULLA COESIONE SOCIALE NELLA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA Anno 2015 Provincia di Reggio Emilia 1 4. IL SISTEMA FORMATIVO 2 Gli studenti iscritti

Dettagli

ATTIVAZIONE DEI PERCORSI ABILITANTI SPECIALI

ATTIVAZIONE DEI PERCORSI ABILITANTI SPECIALI ATTIVAZIONE DEI PERCORSI ABILITANTI SPECIALI DDG n. 58/2013 pubblicato sulla G.U. del 30 luglio 2013 TERMINI DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE Dal 30 luglio al 29 agosto 2013 Esclusivamente on line con Polis

Dettagli

RILEVAZIONE INTEGRATIVA DELLE SCUOLE DELL INFANZIA NON STATALI ANNO SCOLASTICO 2014/2015. SI di sole scuole non Statali

RILEVAZIONE INTEGRATIVA DELLE SCUOLE DELL INFANZIA NON STATALI ANNO SCOLASTICO 2014/2015. SI di sole scuole non Statali Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per la programmazione e la gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali Direzione Generale per gli Studi, la Statistica

Dettagli

ISTITUTO CESARE ARICI SCUOLA PRIMARIA PARITARIA. Progetto integrazione diversamente abili

ISTITUTO CESARE ARICI SCUOLA PRIMARIA PARITARIA. Progetto integrazione diversamente abili ISTITUTO CESARE ARICI SCUOLA PRIMARIA PARITARIA Progetto integrazione diversamente abili Anno scolastico 2010/2011 Istituto Cesare Arici - Via Trieste, 17-25121 - Brescia tel. 030.42432 fax 030.2400638

Dettagli

ACCORDI DI PROGRAMMA

ACCORDI DI PROGRAMMA ACCORDI DI PROGRAMMA Regolamento modalità e criteri per l individuazione dell alunno come soggetto in situazione di handicap ai sensi dell art.35, comma 7, L. 27/12/2002 n 289 È un processo che va: - dalla

Dettagli

LE SCUOLE DELL INFANZIA: UNA TRADIZIONE VENETA. Paritarie Non paritarie (2) ALUNNI 1.655.386 100% Statali regionali (1) 960.

LE SCUOLE DELL INFANZIA: UNA TRADIZIONE VENETA. Paritarie Non paritarie (2) ALUNNI 1.655.386 100% Statali regionali (1) 960. FEDERAZIONE ITALIANA SCUOLE MATERNE Associazione delle Scuole dell Infanzia paritarie e servizi alla Prima Infanzia Via G. Medici 9/d 35138 PADOVA Tel. 049.8711300 Fax 049.8710833 www.fismveneto.it segreteria@fismveneto.it

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia Ufficio XIX Ambito Territoriale di Pavia Prot. n. 299/C27E Pavia, 7 febbraio 2011 AI DIRIGENTI DELLE

Dettagli

Bisogni e risposte coordinate d intervento provinciale dei servizi promossi dalla rete dei C.T.I. per la provincia a supporto alle scuole.

Bisogni e risposte coordinate d intervento provinciale dei servizi promossi dalla rete dei C.T.I. per la provincia a supporto alle scuole. Conferenza-SEMINARIO di servizio Normativa Bisogni Educativi Speciali: identificare linee comuni operative. Bisogni e risposte coordinate d intervento provinciale dei servizi promossi dalla rete dei C.T.I.

Dettagli

LIBRO PRIMO: TEORIA PARTE PRIMA: LA SCUOLA DELL INFANZIA SEZIONE PRIMA: BAMBINI, BAMBINE, FAMIGLIE E CONTESTI DI SVILUPPO

LIBRO PRIMO: TEORIA PARTE PRIMA: LA SCUOLA DELL INFANZIA SEZIONE PRIMA: BAMBINI, BAMBINE, FAMIGLIE E CONTESTI DI SVILUPPO I N D I C E LIBRO PRIMO: TEORIA PARTE PRIMA: LA SCUOLA DELL INFANZIA SEZIONE PRIMA: BAMBINI, BAMBINE, FAMIGLIE E CONTESTI DI SVILUPPO Capitolo 1: La dimensione sociale nell infanzia 1. Quadro teorico

Dettagli

Rapporto sulle scuole paritarie e non paritarie Le scuole non statali nel Veneto in cifre. Analisi e commenti. A.S. 2006/07

Rapporto sulle scuole paritarie e non paritarie Le scuole non statali nel Veneto in cifre. Analisi e commenti. A.S. 2006/07 MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO - DIREZIONE GENERALE Ufficio IV Parità scolastica, scuole e corsi d istruzione non statali e stranieri Rapporto sulle scuole

Dettagli

PROCEDURA DEL SISTEMA QUALITA GESTIONE DELL ATTIVITA DI SOSTEGNO (PER STUDENTI IN SITUAZIONE DI HANDICAP)

PROCEDURA DEL SISTEMA QUALITA GESTIONE DELL ATTIVITA DI SOSTEGNO (PER STUDENTI IN SITUAZIONE DI HANDICAP) NORME UNI EN ISO 9001:2008 Pag. 1 di 6 GESTIONE L ATTIVITA DI Indice 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. RESPONSABILITA' 4 PROCEDURA 4.1 Definizione delle modalità procedurali 4.2 Modalità di verifica

Dettagli

Richiamata la funzione attribuita alla Provincia nel campo delle politiche sociali prevista dalla legge n. 328 del 8 novembre 2000;

Richiamata la funzione attribuita alla Provincia nel campo delle politiche sociali prevista dalla legge n. 328 del 8 novembre 2000; PROTOCOLLO D INTESA PROGRAMMA DI ASSISTENZA SPECIALISTICA A SUPPORTO DELL INTEGRAZIONE SCOLASTICA E SOCIALE DEGLI ALUNNI SORDI DELLA PROVINCIA DI BRESCIA Richiamata la funzione attribuita alla Provincia

Dettagli

Le informazioni raccolte tramite l applicativo ARIS sono le seguenti:

Le informazioni raccolte tramite l applicativo ARIS sono le seguenti: APPLICATIVO ARIS (AREA RISERVATA SCUOLE DEL VENETO) Aggiornamento al 01/10/2015 ARIS (Area Riservata Scuole del Veneto) è uno strumento informatico realizzato per semplificare, uniformare e rendere più

Dettagli

Prot. 1127_/C34 Pagani, 10/02/2015

Prot. 1127_/C34 Pagani, 10/02/2015 Via De Gasperi, n 30/304 8406 Pagani (Sa) Tel -Fax 085598 - www.ipsarpittoni.it CF: 9409550657 Prot. 7_/C34 Pagani, 0/0/05 All Albo Al Sito Web A tutte le scuole della prov. di Salerno Al Comune di Pagani

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Allegato: Tabella 1 Organico di istituto personale ATA anno scolastico 2012/2013- Circoli didattici, scuole secondarie di I grado e istituti comprensivi di scuola dell infanzia, primaria e secondaria di

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA NON STATALE: CONTRATTI, COSTO DEL LAVORO, DIRITTI

SCUOLA DELL INFANZIA NON STATALE: CONTRATTI, COSTO DEL LAVORO, DIRITTI SCUOLA DELL INFANZIA NON STATALE: CONTRATTI, COSTO DEL LAVORO, DIRITTI BOLOGNA, 7 MARZO 2012 MARI (FLC CGIL NAZIONALE)MASSIMO MARI FLC CGIL NAZION IL SISTEMA Il sistema nazionale di istruzione destinato

Dettagli

MOBILITA PER L A.S. 2016/2017 IPOTESI DI CCNI 10 febbraio 2016 LE PRECEDENZE PER L HANDICAP

MOBILITA PER L A.S. 2016/2017 IPOTESI DI CCNI 10 febbraio 2016 LE PRECEDENZE PER L HANDICAP MOBILITA PER L A.S. 2016/2017 IPOTESI DI CCNI 10 febbraio 2016 PERSONALE DOCENTE LE PRECEDENZE PER L HANDICAP LE PRINCIPALI NOVITÀ INTRODOTTE PER L A.S. 2016/2017 Il sistema delle precedenze è regolamentato:

Dettagli

CONCORSO ORDINARIO 2016 TRIENNIO 2016/17 2017/18 2018/19

CONCORSO ORDINARIO 2016 TRIENNIO 2016/17 2017/18 2018/19 CONCORSO ORDINARIO 2016 TRIENNIO 2016/17 2017/18 2018/19 Scuola dell infanzia e primaria: DDG 105/2016 Scuola secondaria: DDG 106/2016 Posti di sostegno: DDG 107/2016 DOMANDE ESCLUSIVAMENTE ON LINE SUL

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Calabria Direzione Generale Ufficio III

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Calabria Direzione Generale Ufficio III Prot. n. AOODRCAL17520 Catanzaro,17/10/2013 Ai Dirigenti degli Ambiti Territoriali Provinciali della Calabria Ai Dirigenti Scolastici degli Istituti Statali di Istruzione Secondaria di II grado della Calabria

Dettagli

C. A. M. P. P. CONSORZIO PER L ASSISTENZA MEDICO PSICOPEDAGOGICA. Tel. 0431/386611 Fax 0431/386600 www.campp.it

C. A. M. P. P. CONSORZIO PER L ASSISTENZA MEDICO PSICOPEDAGOGICA. Tel. 0431/386611 Fax 0431/386600 www.campp.it C. A. M. P. P. CONSORZIO PER L ASSISTENZA MEDICO PSICOPEDAGOGICA Via Sarcinelli n. 113 Via XXIV Maggio n. 46 33052 Cervignano del Friuli (UD) 33052 Cervignano del Friuli (UD) Tel. 0431/386611 Fax 0431/386600

Dettagli

Progetto OSEA Equipe educativa-assistenziale per il sostegno scolastico di alunni disabili

Progetto OSEA Equipe educativa-assistenziale per il sostegno scolastico di alunni disabili Progetto OSEA Equipe educativa-assistenziale per il sostegno scolastico di alunni disabili 1. Illustrazione progetto OSEA L ipotesi progettuale che l Azienda Speciale Servizi alla Persona dell Unione Terre

Dettagli

Capitolo 14 - Sostegno Scolastico

Capitolo 14 - Sostegno Scolastico Capitolo 14 - Sostegno Scolastico 14.1 Il diritto all istruzione Il diritto allo studio degli alunni con disabilità si realizza, secondo la normativa nazionale vigente, attraverso l integrazione scolastica,

Dettagli

1 Assistenza specialistica per gli alunni diversamente abili

1 Assistenza specialistica per gli alunni diversamente abili SCHEDA DI RIEPILOGO Contributi alunni DVA LA SCUOLA/ DD/ IC/ SMS/ ISTITUTO Via N. Cap Zona tel. fax e-mail 1 DELL INFANZIA A Statale B Paritaria 2 PRIMARIA A Statale B Paritaria 3 SECONDARIA DI I GRADO

Dettagli

Al Dirigente scolastico dell Istituto Comprensivo di MONTE URANO 1 sottoscritt.. nat a...il..., insegnante

Al Dirigente scolastico dell Istituto Comprensivo di MONTE URANO 1 sottoscritt.. nat a...il..., insegnante SCHEDA PER LA VALUTAZIONE DEI TITOLI FINALIZZATA ALLA COMPILAZIONE DELLA GRADUATORIA DI ISTITUTO PER L'INDIVIDUAZIONE DEI DOCENTI SOPRANNUMERARI - A.S. 014/015 Al Dirigente scolastico dell Istituto Comprensivo

Dettagli

Focus Anticipazione sui principali dati della scuola statale A.S. 2015/2016. (Settembre 2015)

Focus Anticipazione sui principali dati della scuola statale A.S. 2015/2016. (Settembre 2015) Focus Anticipazione sui principali dati della scuola statale A.S. 2015/2016 (Settembre 2015) In occasione dell inizio dell anno scolastico si fornisce una breve sintesi dei principali dati relativi alla

Dettagli