La scuola in Lombardia

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La scuola in Lombardia"

Transcript

1 La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico

2 2

3 INDICE Introduzione... 5 Sezione 1 Le scuole... 7 Il sistema scolastico lombardo Scuole statali Scuole non statali paritarie Centri Territoriali Permanenti Centri di Formazione Professionale regionali...15 Sezione 2 Gli alunni Alunni nelle scuole statali Studenti dei Percorsi sperimentali di Istruzione e Formazione professionale Iscritti nei CTP Alunni nelle scuole non statali Alunni nei Corsi di Formazione Professionale regionali Alunni con cittadinanza non italiana...28 Cittadinanze Alunni con cittadinanza non italiana nei C.F.P Scelte dopo la scuola secondaria di primo grado Sezione 3 Classi e dotazioni organiche Classi Dotazioni organiche del personale docente (posti)...44 Scuola dell infanzia...45 Scuola primaria...45 Scuola secondaria di primo grado...46 Scuola secondaria di secondo grado Dotazioni organiche del personale A.T.A. (posti)...47 Sezione 4 Personale della scuola Personale della scuola statale Docenti distaccati su progetti di integrazione Assunzioni a tempo indeterminato Nomine a tempo determinato Docenti di Religione...56 Sezione 5 Spesa per l istruzione e indicatori di sistema Spesa per l istruzione scolastica in Lombardia Indicatori di sistema...61 Appendice Quadri sinottici della Scuola Lombarda e Glossario...65 Riepilogo regionale Provincia di Bergamo...68 Provincia di Brescia...69 Provincia di Como...70 Provincia di Cremona...71 Provincia di Lecco...72 Provincia di Lodi...73 Provincia di Mantova...74 Provincia di Milano...75 Provincia di Pavia...76 Provincia di Sondrio...77 Provincia di Varese...78 Scuola non statale...79 Glossario dei principali termini utilizzati

4 4

5 Introduzione I dati inseriti in questo fascicolo intendono facilitare il compito di quanti desiderano avvicinarsi alla scuola lombarda con consapevolezza e obbediscono, nel contempo, all esigenza di rendicontazione e condivisione delle informazioni e delle linee di azione che è propria di questo Ufficio, nell ottica di un Amministrazione che vuol essere trasparente ed efficiente. Quando si abbraccia una logica di collaborazione, di partenariato, di apertura all esterno e di interrelazione con tanti soggetti diversi è, infatti, doveroso mettere a disposizione del tessuto sociale i dati fondamentali della gestione relativi a risorse, strutture, attori, stakeholders, e utenti. Il sistema di istruzione lombardo si caratterizza per un elevato grado di complessità che il semplice dato numerico non riesce a rappresentare in modo esaustivo. I dati però sono fondamentali rendere comprensibile una realtà articolata e per far emergere le caratteristiche di qualità che la connotano. Nelle pagine che seguono c è la fotografia dell esistente: le scuole presenti sul territorio lombardo, gli studenti, il personale scolastico, la spesa dell Amministrazione per garantire il servizio educativo, gli indicatori di sistema ritenuti più significativi. Laddove è sembrato utile o è stato possibile, si è fornita la serie storica dei fenomeni di maggior rilievo, e non si è trascurato il confronto con il territorio nazionale e con l Europa. Le informazioni essenziali sono state anche inserite in tabelle sinottiche e alcuni termini specialistici sono stati raccolti in un glossario allo scopo di agevolare la lettura ai non addetti ai lavori. La Sezione 1 riporta la situazione delle Scuole (statali, non statali, paritarie); la Sezione 2 quella degli alunni (compresi i disabili e gli iscritti di cittadinanza non italiana); la Sezione 3 comprende dati relativi alle classi e alle dotazioni organiche; la Sezione 4 quelli sul personale della scuola; la Sezione 5 gli indicatori di sistema. I dati provengono dal sistema informativo del M.I.U.R o dagli Uffici Scolastici Provinciali della Lombardia e, generalmente, si riferiscono all anno in corso o a quello appena concluso; sono comunque sempre gli ultimi disponibili all atto della redazione del fascicolo. Giuseppe Colosio Direttore Generale USR Lombardia 5

6 6

7 Sezione 1 Le scuole 7

8 8

9 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO Scuola Statale Scuola non statale Centri di Formazione Professionale (Regione Lombardia) SCUOLE ALUNNI STIMATI PERSONALE STIMATO Nella tabella viene riportata la stima della massa critica del sistema scolastico lombardo, articolata in scuole, alunni e personale. Tutti i dati delle scuole statali sono rilevati al sistema informativo del M.I.U.R. e si riferiscono all anno Gli altri dati sono stimati in base ai parametri degli scorsi anni e agli ultimi dati disponibili ad oggi. I dati degli studenti della scuola non statale e dei C.F.P. riguardano il Il dato relativo al personale tiene conto dei dirigenti scolastici, dei docenti e del personale tecnico e amministrativo. 1.1 Scuole statali I dati nelle tabelle seguenti riassumono la situazione delle istituzioni scolastiche (sedi di dirigenza scolastica) e delle scuole statali (punti di erogazione del servizio) della Lombardia nell anno scolastico e la distribuzione territoriale. Tabella 1.1 Istituzioni scolastiche (sedi di Dirigenza scolastica) per tipologia Tipologia Istituzioni scolastiche Circolo didattico 209 Istituto comprensivo 613 primo grado 103 secondo grado 369 Convitti ed educandati 4 TOTALI Tabella 1.2 Scuole statali (punti di erogazione del servizio) per tipologia Tipologia Scuole Infanzia Primaria primo grado secondo grado 627 Convitti ed educandati 9 Centri territoriali 66 TOTALI

10 Tabella Istituzioni scolastiche e scuole per provincia Provincia Istituzioni scolastiche Scuole Bergamo Brescia Como Cremona Lecco Lodi Mantova Milano Pavia Sondrio Varese TOTALI Sono presenti inoltre 33 scuole presso Istituti ospedalieri, 24 scuole speciali presso gli istituti carcerari e 2 scuole sperimentali. La tabella successiva riporta la distribuzione territoriale delle scuole per provincia e per ordine; i dati complessivi comprendono anche 9 istituzioni educative e 66 Centri territoriali. Tabella Scuole per provincia e per ordine Provincia Infanzia Primaria I grado II grado Bergamo Brescia Como Cremona Lecco Lodi Mantova Milano Pavia Sondrio Varese TOTALE Di seguito sono riportati i dati relativi alle scuole secondarie di II grado in cui sono istituiti corsi serali, che in Lombardia sono 146, di cui 83 attive in organico di diritto (anno scolastico ), sia nel dettaglio per tipologia di istituto, sia nella distribuzione territoriale. 10

11 Tabella 1.5 Scuole con corsi serali per tipologia di indirizzo Tipologia N. scuole di cui attivi in o.d.2009/10 Ist. Prof. per i servizi commerciali 7 3 Ist. Prof. per i servizi pubblicitari 1 0 Ist. Prof. per l'agricoltura 1 1 Ist. Prof. industria e artigianato Ist. Prof. per i servizi alberghieri e ristorazione 3 1 Ist. Prof. per i servizi commerciali e turistici Ist. Prof. per i servizi sociali 2 2 Ist. Prof. per l agricoltura e l ambiente 2 1 Istituto Tecnico Agrario 2 0 Istituto Tecnico Commerciale Ist. Tecnico Commerciale e per Geometri 15 8 Istituto Tecnico Industriale Istituto Tecnico per Geometri 6 3 Istituto Tecnico per il Turismo 1 0 Liceo Artistico 5 2 Liceo Psicopedagogico 3 1 TOTALE Tabella 1.6 Scuole con corsi serali distribuzione territoriale Provincia IST ISTITUTO IST TECNICO PROFESSIONALE MAGISTRALE LICEO ARTISTICO N. scuole di cui attivi in di cui attivi in di cui attivi in di cui attivi in di cui attivi in N. scuole N. scuole N. scuole N. scuole o.d. 2009/10 o.d. 2009/10 o.d. 2009/10 o.d. 2009/10 o.d. 2009/10 Bergamo Brescia Como Cremona Lecco Lodi Mantova Milano Pavia Sondrio Varese TOTALE

12 1.2 Scuole non statali paritarie Le tabelle successive riassumono la situazione delle scuole non statali paritarie della Lombardia, così come si può evincere dalle rilevazioni integrative, e riportano i dati, riferiti all anno scolastico 2008/2009, sia complessivi sia nella distribuzione per ordine di scuola. Tabella Scuole non statali paritarie Tipologia Scuole Classi/Sezioni Infanzia Primaria primo grado secondo grado TOTALI Tabella Scuola dell'infanzia non statale paritaria Provincia Scuole Sezioni Bergamo Brescia Como Cremona Lecco Lodi Mantova Milano Pavia Sondrio Varese TOTALI Tabella Scuola primaria non statale paritaria Provincia Scuole Classi Bergamo Brescia Como Cremona 8 54 Lecco 9 73 Lodi 5 36 Mantova 3 54 Milano Pavia 8 51 Sondrio 1 6 Varese TOTALI

13 Tabella Scuola secondaria di primo grado non statale paritaria Provincia Scuole Classi Bergamo Brescia Como Cremona 3 20 Lecco 8 50 Lodi 3 15 Mantova 2 20 Milano Pavia 5 25 Sondrio 1 3 Varese TOTALI Tabella Scuola secondaria di secondo grado non statale paritaria Provincia Scuole Classi Bergamo Brescia Como Cremona 6 31 Lecco Lodi 3 14 Mantova 6 31 Milano Pavia Sondrio 1 5 Varese TOTALI Al numero complessivo delle scuole paritarie (2.497) vanno aggiunte anche le scuole non statali non paritarie (circa 20). Esistono inoltre, sul territorio regionale, 11 scuole straniere. 13

14 1.3 Centri Territoriali Permanenti Il sistema Eda gestito dallo Stato contava nell anno scolastico nella nostra regione 66 Centri Territoriali Permanenti, dislocati su 293 sedi, di cui 17 in istituti di pena. Il sistema dell istruzione degli adulti subirà una profonda trasformazione con l accorpamento degli attuali Centri Territoriali Permanenti ai bienni degli istituti serali di istruzione secondaria di secondo grado nei nuovi organismi denominati Centri Provinciali per l Istruzione degli Adulti (CPIA). La nascita dei CPIA è stata rinviata all a.s poiché il regolamento relativo non è stato infatti ancora emanato. Tabella 1.12 Sedi di CTP per provincia Provincia n. sedi di cui anche in istituti penitenziari Bergamo 7 1 Brescia 8 1 Como 4 1 Cremona 3 1 Lecco 3 1 Lodi 3 Mantova 20 4 Milano 4 2 Pavia 4 3 Sondrio 3 1 Varese 7 2 TOTALE

15 1.4 Centri di Formazione Professionale regionali I dati nella tabella di seguito riportata riassumono la situazione dei corsi di formazione professionale della Lombardia, suddivisi per provincia e per anno di corso. Tali corsi sono erogati presso i 267 Centri di Formazione professionale (C.F.P.) presenti sul territorio regionale. I dati sono stati forniti dalla Regione Lombardia. Tabella 1.13 Corsi di formazione professionale per provincia - anno Provincia 1 anno 2 anno 3 anno 4 anno totale Bergamo Brescia Como Cremona lecco Lodi Mantova Milano Pavia Sondrio Varese TOTALE

16 16

17 Sezione 2 Gli alunni 17

18 18

19 2.1 Alunni nelle scuole statali Gli studenti iscritti nelle scuole statali lombarde per l anno scolastico sono ormai stabilmente oltre il milione ( ), in aumento di unità rispetto allo scorso anno scolastico (+1,56%). La provincia con la più alta popolazione scolastica è Milano (con alunni) seguita da tre province in cui il dato supera le centomila unità: Brescia ( ), Bergamo ( ) e Varese ( ). Le tabelle successive riportano i dati disaggregati per anno di corso e per provincia. Tabella Numero alunni delle scuole statali 2009/2010 per provincia Provincia infanzia primaria I grado II grado totale di cui disabili Bergamo Brescia Como Cremona Lecco Lodi Mantova Milano Pavia Sondrio Varese TOTALE Tabella Numero alunni 2009/2010 per provincia e per anno di corso - Scuola Primaria Provincia I anno II anno III anno IV anno V anno Pluriclasse Bergamo Brescia Como Cremona Lecco Lodi Mantova Milano Pavia Sondrio Varese TOTALE

20 Tabella Numero alunni 2009/2010 per provincia e per anno di corso - Scuola secondaria di primo grado Provincia I anno II anno III anno Bergamo Brescia Como Cremona Lecco Lodi Mantova Milano Pavia Sondrio Varese TOTALE Tabella Numero alunni 2009/2010 per provincia e per anno di corso - Scuola secondaria di secondo grado Provincia I anno II anno III anno IV anno V anno Bergamo Brescia Como Cremona Lecco Lodi Mantova Milano Pavia Sondrio Varese TOTALE Analizzando l andamento del numero degli alunni iscritti alle scuole statali nel corso degli ultimi 8 anni, si rileva un dato in costante crescita: dal 2002/03 ad oggi la popolazione scolastica regionale è cresciuta in maniera costante (+9,88%), con incrementi particolarmente significativi per la scuola dell infanzia (+14,17%) e la primaria (+12,29%). 20

21 Tabella Alunni iscritti in Lombardia dal 2002/2003 al 2009/2010 Anno scolastico infanzia primaria I grado II grado totale Incremento annuale 2002/ / ,53% 2004/ ,12% 2005/ ,52% 2006/ ,67% 2007/ ,27% 2008/ ,21% 2009/ ,56% Incremento tot % +14,17% +12,39% +8,71% +7,75% +9,88% +9,88% Il confronto con il dato nazionale relativo alla crescita percentuale degli iscritti nel nuovo anno scolastico rispetto a quello appena concluso evidenzia un incremento delle iscrizioni maggiore nelle scuole lombarde (+1,56% a fronte del +0,47% nazionale). Tale tendenza viene rilevata in modo analogo per tutti gli ordini di scuola. Tabella 2.6 alunni iscritti negli ultimi due anni e variazione percentuale Dati nazionali Anno scolastico infanzia primaria I grado II grado totale 2008/ Incremento annuale 2009/ ,47% Incremento tot % 2,91% 0,27% 1,04% -0,63% +0,47% +0,47% 21

22 Alunni delle scuole serali Nella tabella seguente sono riportati i dati relativi agli studenti iscritti ai corsi serali di scuola secondaria di secondo grado della Lombardia disaggregati per provincia. Tabella Iscritti nei corsi serali per provincia Provincia Bergamo Brescia Como 406 Cremona 418 Lecco 157 Lodi 202 Mantova 197 Milano Pavia 581 Sondrio 44 Varese 982 TOTALE

23 2.2 Studenti dei Percorsi sperimentali di Istruzione e Formazione professionale Un dato di particolare rilevo è costituito dagli studenti che frequentano i Percorsi sperimentali di Istruzione e Formazione professionale presso gli Istituti Tecnici e Professionali. Il progetto avviato d intesa con la Regione Lombardia nel gennaio 2004 ha la finalità di qualificare il sistema di istruzione e formazione professionale. Nell ultimo anno ( ) sono stati coinvolti 52 Istituti professionali e tecnici che hanno rilasciato ai propri studenti oltre alla qualifica triennale nazionale, anche quella regionale. Tabella Studenti dei Percorsi sperimentali di Istruzione e Formazione professionale per provincia e per corso ( ) Provincia I anno II anno III anno di cui cittadinanza non italiana % cittad. non italiana Bergamo ,2% Brescia ,6% Como ,8% Cremona ,1% Lecco ,1% Lodi ,0% Mantova ,0% Milano ,6% Pavia ,5% Sondrio ,3% Varese ,0% TOTALE ,9% 23

24 2.3 Iscritti nei CTP Le tabelle sottostanti riportano i darti relativi agli iscritti ai CTP nell anno 2007/2008. I dati sono fondamentalmente stabili, salvo un dato in incremento relativo agli stranieri che cercano un alfabetizzazione funzionale in lingua italiana (che ammontano a rispetto ai del precedente anno). I corsi per conseguimento del titolo di studio sono frequentati da oltre adulti; circa altri utenti sono lavoratori che frequentano corsi di informatica e di inglese. Una quota pari a un sesto del totale (altri utenti) è infine costituita dai frequentanti corsi di altra tipologia. Tabella 2.9 Iscritti ai CTP - anno Provincia iscritti lingua italiana % su totale iscritti iscritti informatica % su totale iscritti iscritti corsi lingua inglese % su totale iscritti iscritti ad altri corsi % su totale iscritti iscritti corsi titolo studio % su totale iscritti totale iscritti Bergamo ,6% ,6% ,0% ,4% 600 5,5% Brescia ,4% 691 8,9% 708 9,1% ,5% 693 9,0% Como ,3% ,1% ,8% ,3% 146 3,5% Cremona ,4% 200 8,7% ,5% ,1% ,4% Lecco ,3% ,4% ,8% ,2% 180 9,3% Lodi ,3% ,0% ,9% ,6% 66 4,2% Mantova ,1% ,5% ,2% 291 9,8% 130 4,4% Milano ,0% ,0% ,6% ,9% ,4% Pavia ,2% ,6% ,4% ,1% 226 5,7% Sondrio ,7% ,7% ,8% ,0% 65 4,8% Varese ,1% ,2% ,3% ,3% 396 7,1% TOTALE ,2% ,1% ,4% ,0% ,2%

25 La tabella successiva riporta i dati relativi agli attestati rilasciati agli studenti che terminano il percorso formativo. Come si evince un significativo numero di iscritti in tutte le tipologie di corsi consegue l attestato. Il dato è sostanzialmente stabile nei diversi anni. Tabella 2.10 Attestati rilasciati nei CTP- anno Provincia n attestati lingua italiana % su iscritti n attestati corsi informatica % su iscritti n attestati corsi inglese % su iscritti n attestati altri corsi % su iscritti n attestati titolo studio % su iscritti totale attestati % su iscritti Bergamo ,2% ,5% ,3% ,1% ,0% ,3% Brescia ,7% ,9% ,4% ,7% ,4% ,8% Como ,5% ,0% ,0% ,3% 82 56,2% ,3% Cremona ,7% ,0% ,4% ,8% ,2% ,2% Lecco ,8% ,6% ,8% ,6% ,1% ,6% Lodi ,7% ,5% ,1% ,8% 40 60,6% ,4% Mantova ,6% ,3% ,4% ,2% 81 62,3% ,5% Milano ,7% ,7% ,2% ,2% ,6% ,4% 1 Pavia ,7% ,7% ,6% ,7% ,8% ,7% Sondrio ,9% ,5% ,1% 91 44,6% 28 43,1% ,5% Varese ,8% ,8% ,9% ,8% ,5% ,3% TOTALE ,1% ,2% ,5% ,2% ,9% ,3% 25

26 2.4 Alunni nelle scuole non statali Gli alunni iscritti nelle scuole non statali lombarde ammontano nel complesso a di cui nelle scuole paritarie. I dati sono stati rilevati nell anno scolastico Come si può evidenziare dalla tabella seguente, la provincia con il maggior numero di iscritti è Milano, in cui il dato supera le centomila unità, seguita da Bergamo e Brescia con un numero superiore ai trentamila alunni. Il segmento scolastico in cui è maggiore la presenza di alunni iscritti alle scuole non statali è la scuola dell infanzia in cui sono presenti complessivamente nella regione alunni, un dato maggiore di quello delle scuole statali. Va rilevato a tale proposito che il dato comprende anche gli iscritti alle scuole dell infanzia comunali. Tabella Numero alunni delle scuole non statali 2008/2009 per provincia e per ordine di scuole Provincia infanzia primaria I grado II grado totale paritarie Bergamo Brescia Como Cremona Lecco Lodi Mantova Milano Pavia Sondrio Varese TOTALE

27 2.5 Alunni nei Corsi di Formazione Professionale regionali La tabella successiva riporta gli studenti iscritti nei corsi di formazione professionale regionali nell anno I dati sono stati forniti dalla Regione Lombardia. Provincia 1 anno 2 anno 3 anno 4 anno TOTALE di cui disabili Bergamo Brescia Como Cremona lecco Lodi Mantova Milano Pavia Sondrio Varese TOTALE

28 2.6 Alunni con cittadinanza non italiana Gli studenti con cittadinanza non italiana che hanno frequentato nel 2008/2009 le scuole statali in Lombardia sono complessivamente , pari al 12,4% della popolazione scolastica, con un incremento dell 1,12% rispetto al dato precedente. La provincia con una maggior incidenza percentuale del numero di studenti di cittadinanza non italiana sul totale degli iscritti è Mantova (17,5%), seguita da Brescia (15,8%) e Cremona (15,3%). Il segmento scolastico con la maggior incidenza percentuale è la scuola dell infanzia (16%), con valori provinciali differenziati dal 24% di Brescia al 6% di Sondrio. I dati della presenza di alunni con cittadinanza non italiana sono in costante incremento nel corso degli anni. L incremento percentuale regionale nell ultimo anno è dell 1,12%. Per quel che riguarda l anno in corso si prevede un ulteriore incremento delle iscrizioni di circa alunni, divisi nei diversi ordini di scuola. A questi dati va aggiunto il numero di alunni con cittadinanza non italiana delle scuole non statali che complessivamente è di alunni, suddivisi nei vari ordini di scuola. Le tabelle e i grafici successivi evidenziano la presenza degli alunni con cittadinanza non italiana nei diversi ordini di scuola e nelle diverse province; i grafici rilevano inoltre l incidenza percentuale sia nella scuola statale, sia in quella non statale. 28

29 Tabella 2.12 alunni con cittadinanza non italiana e incidenza percentuale (per provincia e ordine di SCUOLA STATALE a.s. 2008/2009) Provincia Infanzia Primaria I grado II grado totale % totale % totale % totale % totale % Bergamo % % % ,6% ,6% Brescia % % % ,6% ,8% Como % % % ,9% ,5% Cremona % % % ,2% ,3% Lecco % % % 621 5,4% ,8% Lodi % % % 682 7,8% ,4% Milano % % % ,5% ,1% Mantova % % % ,2% ,5% Pavia % % % ,0% ,7% Sondrio 199 6% 474 6% 270 5% 207 2,7% ,6% Varese % % % ,0% ,4% TOTALE % % % ,3% ,4% Percentuale Alunni stranieri Scuola Statale Lombardia 20,0% 18,0% 17,5% 16,0% 15,8% 15,3% 14,0% 12,0% 10,0% 12,6% 9,5% 9,8% 13,4% 12,1% 11,7% 9,4% 8,0% 6,0% 4,0% 4,6% 2,0% 0,0% BG BS CO CR LC LO M I M N PV SO VA 29

30 Tabella alunni con cittadinanza non italiana e incidenza percentuale (per provincia e ordine di SCUOLA NON STATALE a.s. 2008/2009) Provincia infanzia primaria I grado II grado totale totale % totale % totale % totale % totale % Bergamo % 77 1% 20 1% 55 1% ,3% Brescia % 56 1% 43 1% 46 1% ,8% Como 485 5% 65 3% 14 1% 57 2% 621 3,9% Cremona % 20 2% 3 1% 5 1% 398 6,7% Lecco 417 7% 22 1% 12 1% 17 1% 468 4,6% Lodi 280 9% 4 0% 2 1% - 0% 286 6,6% Milano % 512 3% 213 2% 445 3% ,9% Mantova 167 7% 25 8% 2 1% 6 2% 200 6,3% Pavia 373 8% 18 2% 18 3% 19 2% 428 6,0% Sondrio 48 3% - 0% - 0% 0 0% 48 2,2% Varese % 30 1% 21 1% 51 1% ,9% TOTALE % 829 2% 348 1% 701 2% ,5% Percentuale Alunni stranieri Scuola Non Statale Lombardia 20% 18% 16% 14% 12% 10% 8,8% 8% 6% 4% 2% 6,3% 3,9% 6,7% 4,6% 6,6% 6,9% 6,3% 6,0% 2,2% 4,9% 0% BG BS CO CR LC LO M I M N PV SO VA 30

31 Tabella Variazione incidenza alunni con cittadinanza non italiana nel triennio per provincia Provincia 2006/ / /2009 Incremento nel 2008/09 Bergamo 10,13% 11,25% 12,55% +1,30% Brescia 12,63% 14,31% 15,77% +1,46% Como 7,41% 8,55% 9,51% +0,96% Cremona 11,87% 13,50% 15,26% +1,76% Lecco 7,73% 8,62% 9,75% +1,13% Lodi 11,02% 12,17% 13,40% +1,23% Mantova 14,53% 16,03% 17,54% +1,51% Milano 10,20% 11,15% 12,09% +0,94% Pavia 8,63% 10,25% 11,74% +1,49% Sondrio 3,54% 4,17% 4,63% +0,46% Varese 7,63% 8,74% 9,37% +0,63% TOTALE 10,07% 11,26% 12,38% +1,12% Variazione incidenza Alunni stranieri Scuola Statale Lombardia 2,00% 1,80% 1,76% 1,60% 1,46% 1,51% 1,49% 1,40% 1,20% 1,30% 1,13% 1,23% 1,00% 0,96% 0,94% 0,80% 0,60% 0,40% 0,20% 0,46% 0,63% 0,00% BG BS CO CR LC LO M N M I PV SO VA 31

32 Tabella Scuola dell'infanzia: alunni con cittadinanza non italiana Provincia Alunni totali Scuola Statale Alunni con cittadinanza non italiana % Alunni totali Scuola non Statale Alunni con cittadinanza non italiana % Bergamo % % Brescia % % Como % % Cremona % % Lecco % % Lodi % % Milano % % Mantova % % Pavia % % Sondrio % % Varese % % TOTALE % % Percentuale Alunni stranieri Scuole dell'infanzia Statali Percentuale Alunni stranieri Scuole dell'infanzia Non Statali 25% 20% 19% 24% 22% 19% 22% 25% 20% 15% 10% 5% 14% 14% 13% 14% 6% 13% 15% 10% 5% 9% 12% 5% 10% 7% 9% 10% 7% 8% 3% 7% 0% 0% BG BS CO CR LC LO M I M N PV SO VA BG BS CO CR LC LO M I MN PV SO VA 32

33 Tabella Scuola primaria: alunni con cittadinanza non italiana Provincia Alunni totali Scuola Statale Alunni con cittadinanza non italiana % Alunni totali Scuola non Statale Alunni con cittadinanza non italiana % Bergamo % % Brescia % % Como % % Cremona % % Lecco % % Lodi % % Milano % % Mantova % % Pavia % % Sondrio % 117-0% Varese % % TOTALE % % Percentuale Alunni stranieri Scuola Primaria Statale Percentuale Alunni stranieri Scuola Primaria Non Statale 25% 25% 20% 15% 10% 5% 0% 18% 19% 20% 16% 14% 13% 14% 11% 11% 11% 6% BG BS CO CR LC LO M I M N PV SO VA 20% 15% 10% 5% 0% 1% 1% 8% 3% 3% 2% 1% 2% 0% 0% 1% BG BS CO CR LC LO M I MN PV SO VA 33

34 Tabella Scuola secondaria di primo grado: alunni con cittadinanza non italiana Provincia Alunni totali Scuola Statale Alunni con cittadinanza non italiana % Alunni totali Scuola Non Statale Alunni con cittadinanza non italiana % Bergamo % % Brescia % % Como % % Cremona % % Lecco % % Lodi % % Milano % % Mantova % % Pavia % % Sondrio % 52-0% Varese % % TOTALE % % Percentuale Alunni stranieri Scuola di I grado Statale Percentuale Alunni stranieri Scuola di I grado Non Statale 25% 25% 20% 15% 10% 14% 17% 10% 16% 12% 15% 13% 19% 13% 10% 20% 15% 10% 5% 0% 5% BG BS CO CR LC LO M I M N PV SO VA 5% 0% 1% 1% 1% 1% 1% 1% 2% 3% 1% 0% 1% BG BS CO CR LC LO M I M N PV SO VA 34

35 Tabella Scuola secondaria di secondo grado: alunni con cittadinanza non italiana Provincia Alunni totali Scuola Statale Alunni con cittadinanza non italiana % Alunni totali Scuola non Statale Alunni con cittadinanza non italiana % Bergamo ,6% % Brescia ,6% % Como ,9% % Cremona ,2% % Lecco ,4% % Lodi ,8% 248-0% Milano ,5% % Mantova ,2% % Pavia ,0% % Sondrio ,7% % Varese ,0% % TOTALE ,3% % Percentuale Alunni stranieri Scuola di II grado Statale Percentuale Alunni stranieri Scuola di II grado Non Statale 25% 25% 20% 20% 15% 15% 10% 5% 7% 9% 5% 9% 5% 8% 9% 10% 8% 3% 6% 10% 5% 1% 1% 2% 1% 1% 0% 3% 2% 2% 0% 1% 0% 0% BG BS CO CR LC LO M I M N PV SO VA BG BS CO CR LC LO M I M N PV SO VA 35

36 Cittadinanze Nella Lombardia sono rappresentate ben 175 etnie. Dai dati rilevati circa la presenza nelle scuole lombarde degli alunni con cittadinanza non italiana, anche se con leggere variazioni da provincia a provincia, risulta che gli studenti provenienti dal Marocco costituiscono il numero più elevato degli alunni frequentanti, immediatamente a seguire troviamo i ragazzi provenienti da Albania e dalla Romania. Tabella 2.19 Provenienza degli alunni per tipologia di scuola Paese di provenienza Infanzia Primaria I grado II grado MAROCCO ALBANIA ROMANIA ECUADOR INDIA FILIPPINE PERÙ CINA EGITTO PAKISTAN Tabella Provenienza degli alunni per provincia paese BG BS CO CR LC LO MN MI PV SO VA MAROCCO ALBANIA ROMANIA ECUADOR INDIA FILIPPINE PERÙ CINA EGITTO PAKISTAN

37 2.7 Alunni con cittadinanza non italiana nei C.F.P. La tabella sottostante riporta i dati relativi alla presenza degli alunni con cittadinanza non italiana iscritti nei Corsi di Formazione Professionale nell anno , disaggregati per provincia e per anno di corso. La tabella riporta inoltre l incidenza percentuale sul totale degli studenti iscritti. I dati sono stati forniti dalla Regione Lombardia. Tabella Studenti con cittadinanza non italiana dei C.F.P. e incidenza percentuale 1 anno 2 anno 3 anno 4 anno Provincia totale % totale % totale % totale % totale % Bergamo % % % 0,00% ,77% Brescia % % % 0,00% ,46% Como 93 14% 42 7% 39 7% 1 0,48% 175 8,84% Cremona 89 22% 86 24% 66 20% 0,00% ,16% Lecco % 69 19% 54 16% 0,00% ,08% Lodi 46 16% 35 14% 25 11% 1 2,44% ,19% Milano % % % 0,00% ,45% Mantova % % % 4 0,61% ,06% Pavia 86 15% 37 9% 25 7% 0,00% ,59% Sondrio 11 7% 5 4% 8 6% 0,00% 24 5,19% Varese % % 90 11% 0,00% ,66% TOTALE % % % 6 0,33% ,37% 37

38 2.8 Scelte dopo la scuola secondaria di primo grado Iscritti alle scuole statali Gli alunni iscritti alle scuole secondarie di secondo grado sono in lieve decremento; il dato ammonta a iscritti alle scuole statali. Rispetto alle scelte effettuate, si registra una sostanziale stabilità nell iscrizione ai licei, una leggera flessione delle iscrizioni agli istituti tecnici ed un incremento lieve per quel che riguarda la scelta degli istituti professionali. Tabella Iscritti al primo anno nelle scuole statali Anno Licei Incidenza% Ist. Tecnici Incidenza% Ist. Profess. Incidenza% I anno 2002/ ,31% ,96% ,73% / ,10% ,80% ,10% / ,21% ,85% ,94% / ,28% ,22% ,50% / ,09% ,91% ,00% / ,78% ,92% ,30% / ,28% ,55% ,17% / ,44% ,05% ,51%

39 Sezione 3 Classi e dotazioni organiche 39

40 40

41 3.1 Classi I dati nelle tabelle successive riportano le classi totali in organico di fatto per l anno scolastico , disaggregati per provincia e per ordine di scuola. Il numero delle classi di ciascuna scuola viene calcolato tenendo conto dei parametri nazionali del MIUR, del numero effettivo degli alunni compresi gli alunni disabili. Tabella Classi totali per provincia Provincia Alunni di cui disabili Classi Bergamo Brescia Como Cremona Lecco Lodi Mantova Milano Pavia Sondrio Varese TOTALE Tabella Classi della scuola dell infanzia Provincia Bambini di cui a orario ridotto Sezioni di cui a orario ridotto Bambini con hand. (di cui alunni totali) Bergamo Brescia Como Cremona Lecco Lodi Mantova Milano Pavia Sondrio Varese TOTALE

42 Tabella Classi di scuola primaria, per provincia e per anno Provincia alunni di cui disabili classi I II III IV V Pluriclassi Bergamo Brescia Como Cremona Lecco Lodi Mantova Milano Pavia Sondrio Varese TOTALE La tabella sottostante riporta il dato della distribuzione percentuale delle classi di tempo pieno nelle diverse province, la distribuzione nella regione presenta notevoli differenze territoriali: si passa dal valore di Milano, con il 91,94% delle classi a tempo pieno, al dato di Como, in cui solo il 7,42% delle classi è a tempo pieno. Tabella Classi di scuola primaria a tempo pieno, per provincia e incidenza percentuale rispetto al totale. Provincia alunni Classi totali di cui a tempo pieno % tempo pieno Bergamo ,49% Brescia ,79% Como ,42% Cremona ,00% Lecco ,52% Lodi ,46% Mantova ,89% Milano ,94% Pavia ,61% Sondrio ,31% Varese ,32% TOTALE ,71% 42

43 Tabella Classi di scuola secondaria di I grado, per provincia Provincia Alunni di cui disabili Classi Bergamo Brescia Como Cremona Lecco Lodi Mantova Milano Pavia Sondrio Varese TOTALE Tabella Classi di scuola secondaria di II grado, per provincia Provincia Alunni di cui disabili Classi Bergamo Brescia Como Cremona Lecco Lodi Mantova Milano Pavia Sondrio Varese TOTALE

44 3.2 Dotazioni organiche del personale docente (posti) Il dato complessivo dei docenti in organico di fatto nella regione è il risultato di tendenze e processi differenziati nei diversi livelli di scuola e nelle diverse province e tiene necessariamente conto dei provvedimenti normativi coerenti con gli obiettivi fissati a livello del M.I.U.R. in risposta alle indicazioni del Ministero dell Economia e delle Finanze. I posti sono calcolati in considerazione degli alunni iscritti che ammontano a , di cui disabili. L organico di fatto per l anno (alla data del 27 agosto 2009), come si evince dalla tabella successiva, ammonta a posti totali, così suddivisi: posti normali e di sostegno. Tabella Dotazioni organiche personale docente Provincia Alunni di cui alunni disabili Classi Posti interi Posti equiv. ore posti normali Posti interi sostegno Posti equiv. Ore sost. posti sostegno* posti Bergamo Brescia Como Cremona Lecco Lodi Mantova Milano Pavia Sondrio Varese TOTALE Confrontando il dato del contingente obiettivo per i posti normali dell anno , che ammonta a unità, con il dato dell organico di fatto del precedente anno scolastico, che risulta di posti, il decremento è di unità pari al 4,79%. Per ciò che concerne il sostegno, confrontando il dato obiettivo dell anno , che ammonta a unità, con quello dello scorso anno, unità, il decremento è di 70 posti pari allo 0,61%. 1 I dati di organico 2009/10 sono da considerare provvisori, in quanto alla data della rilevazione ( ) gli USP non avevano terminato le operazioni di inserimento dati nel sistema informativo del M.I.U.R. Il totale dell'obiettivo dei posti di sostegno è di unità; quello relativo ai posti normali è di unità, per un totale di unità. 44

45 Scuola dell infanzia La popolazione scolastica della scuola dell infanzia in Lombardia è cresciuta in organico di fatto di bambini (pari al 2,5%); le classi aumentano di 8 unità (0,17%); i posti diminuiscono dello 0,35%. Tabella Dotazioni organiche Scuola dell Infanzia - confronto con l anno Provincia Bambini Classi Posti O.F. 09/10 Diff. Diff. % O.F. 09/10 Diff. Diff. % O.F. 09/10 Diff. Diff. % Bergamo ,66% ,53% ,13% Brescia ,88% ,37% ,87% Como ,10% ,44% ,27% Cremona ,00% ,04% ,34% Lecco ,55% ,70% ,35% Lodi ,80% ,00% ,56% Mantova ,65% ,60% ,89% Milano ,55% ,32% ,37% Pavia ,68% ,66% ,00% Sondrio ,24% ,00% ,34% Varese ,12% ,45% ,09% TOTALE ,50% ,17% ,35% Scuola primaria Gli alunni della scuola primaria in Lombardia crescono in organico di fatto di unità, (pari al 1,19%); le classi aumentano di 22 unità (0,10%); i posti diminuiscono del 3,26%. Tabella Dotazioni organiche Scuola Primaria - confronto con l anno Provincia Alunni Classi Posti O.F. 09/10 Diff. Diff. % O.F. 09/10 Diff. Diff. % O.F. 09/10 Diff. Diff. % Bergamo ,98% ,69% ,82% Brescia ,82% ,10% ,19% Como ,24% ,89% ,70% Cremona ,68% ,59% ,32% Lecco ,71% ,17% ,52% Lodi ,80% ,30% ,95% Mantova ,89% ,21% ,69% Milano ,53% ,66% ,59% Pavia ,79% ,56% ,20% Sondrio ,53% ,69% ,76% Varese ,74% ,64% ,47% TOTALE ,19% ,10% ,26% 45

46 Scuola secondaria di primo grado La scuola secondaria di primo grado, in organico di fatto. cresce rispetto allo scorso anno di alunni, (pari al 2,79%); le classi aumentano di 154 unità (1,39%). A fronte di tale aumento, e per effetto di una razionalizzazione delle risorse, i posti in organico di diritto diminuiscono dell 11,05% Tabella Dotazioni organiche Scuola di I grado - confronto con l anno Provincia Alunni Classi posti O.F. 09/10 Diff. Diff. % O.F. 09/10 Diff. Diff. % O.F. 09/10 Diff. Diff. % O.F. 09/10 Bergamo ,24% ,81% ,02% Brescia ,96% ,37% ,88% Como ,53% ,17% ,38% Cremona ,60% ,00% ,56% Lecco ,60% ,83% ,17% Lodi ,54% ,00% ,88% Mantova ,92% ,67% ,83% Milano ,69% ,07% ,89% Pavia ,51% ,99% ,51% Sondrio ,91% ,00% ,22% Varese ,18% ,10% ,24% TOTALE ,79% ,39% ,05% Scuola secondaria di secondo grado Il totale degli iscritti è in crescita, in linea con la tendenza degli ultimi anni (2.663 nuovi iscritti, pari allo 0,79%. Le classi diminuiscono di 170 (-1,12%) e i posti del 3,51%. Tabella Dotazioni organiche Scuola di II grado - confronto con l anno Provincia Alunni Classi posti O.F. 09/10 Diff. Diff. % O.F. 09/10 Diff. Diff. % O.F. 09/10 Diff. Diff. % O.F. 09/10 Bergamo ,27% ,68% ,62% Brescia ,00% ,69% ,32% Como ,66% ,12% ,64% Cremona ,12% ,00% ,80% Lecco ,58% ,40% ,96% Lodi ,37% ,26% ,21% Mantova ,07% ,87% ,77% Milano ,74% ,66% ,43% 1 Pavia ,44% ,66% ,56% Sondrio ,33% ,33% ,05% Varese ,96% ,29% ,92% TOTALE ,79% ,12% ,51% 46

47 3.3 Dotazioni organiche del personale A.T.A. (posti) La tabella sotto riportata comprende il dettaglio dell organico di fatto relativo al personale A.T.A., che ammonta complessivamente a posti. Tabella Dotazioni organiche personale A.T.A. dati o.f Provincia DSGA Ass. Amm. Ass.Tecnico Coll. Scol. Altri profili Bergamo Brescia Como = Cremona Lecco = Lodi Mantova = Milano Pavia Sondrio Varese = TOTALE

48 48

49 Sezione 4 Personale della scuola 49

50 50

51 4.1 Personale della scuola statale Le tabelle sottostanti riportano la situazione relativa ai docenti e al personale A.T.A. con contratto a tempo indeterminato nell anno Tabella Docenti scuole statali a tempo indeterminato totali per provincia Provincia sostegno infanzia primaria I grado II grado totale Bergamo Brescia Como Cremona Lecco Lodi Mantova Milano Pavia Sondrio Varese TOTALE Tabella 4.2-Personale ATA scuole statali a tempo indeterminato totali per provincia Provincia DSGA Ass. Amm. Ass. Tecnico Coll. Scol. Altri profili Bergamo Brescia Como Cremona Lecco Lodi Mantova Milano Pavia Sondrio Varese TOTALE La situazione relativa ai Dirigenti scolastici registra un positivo segnale di stabilità, come appare dalle due tabelle sottostanti. Diminuiscono gli incarichi di presidenza, ma aumentano le reggenze. 51

52 Tabella 4.3 Dirigenti scolastici in servizio serie storica Dirigenti già in servizio Dirigenti in servizio neo assunti Dirigenti in servizio neo assunti da altre regioni Mobilità interregionale/rientro dall estero 4 2 Dirigenti Titolari In particolare posizione di stato Incarichi di presidenza Reggenze Posti Dirigenti Docenti distaccati su progetti di integrazione La tabella sottostante riporta i dati relativi ai docenti distaccati per favorire l inserimento e l integrazione degli studenti stranieri per l anno scolastico ; si tratta dello stesso contingente autorizzato lo scorso anno scolastico. Tabella 4.4 Docenti distaccati su progetti di integrazione Provincia Docenti distaccati Bergamo 25 Brescia 38 Como 9 Cremona 10 Lecco 6 Lodi 6 Mantova 14 Milano 98 Pavia 10 Sondrio 2 Varese 16 TOTALE

53 4.3 Assunzioni a tempo indeterminato Per effetto dei provvedimenti normativi sono state effettuate in Lombardia complessivamente assunzioni di docenti a tempo indeterminato (di cui 524 per il sostegno agli alunni disabili). Tabella 4.5 Personale docente. Assunzioni a tempo indeterminato Provincia sostegno infanzia primaria I grado II grado totale Bergamo Brescia Como Cremona Lecco Lodi Mantova Milano Pavia Sondrio Varese TOTALE Per quel che riguarda le assunzioni a tempo indeterminato del personale ATA, alla stessa data, la situazione risulta essere la seguente: Tabella Personale ATA. Assunzioni a tempo indeterminato Ass. Provincia DSGA Ass. Amm. Tecnico Coll. Scol. Altri profili Bergamo Brescia Como Cremona Lecco Lodi Mantova Milano Pavia Sondrio Varese TOTALE

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

Sedi, alunni, classi, dotazioni organiche del personale della scuola statale. Situazione di Organico di Diritto Anno scolastico 2005/2006

Sedi, alunni, classi, dotazioni organiche del personale della scuola statale. Situazione di Organico di Diritto Anno scolastico 2005/2006 Sedi, alunni, classi, dotazioni organiche del personale della scuola statale Situazione di Organico di Diritto Anno scolastico 2005/2006 Istituzioni scolastiche - prospetto provinciale Circoli didattici

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Conferenza stampa per l avvio dell anno scolastico 2012-2013 Documentazione 11 settembre 2012 Redazione ed editing a cura di: Morena Modenini, Bruna Baggio Ufficio IV - USR Lombardia

Dettagli

I dati del sistema scolastico nel Lazio

I dati del sistema scolastico nel Lazio I dati del sistema scolastico nel Lazio anno scolastico 2013-2014 Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione Generale Via L. Pianciani,

Dettagli

I dati del sistema scolastico nel Lazio

I dati del sistema scolastico nel Lazio I dati del sistema scolastico nel Lazio anno scolastico 2014-2015 Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione Generale Via L. Pianciani,

Dettagli

VIDEOCONFERENZA CON I DIRIGENTI SCOLASTICI

VIDEOCONFERENZA CON I DIRIGENTI SCOLASTICI VIDEOCONFERENZA CON I DIRIGENTI SCOLASTICI sul tema: ORGANICO DI DIRITTO del personale docente a.s. 2007/08 Relatrice: Maria Luisa Altomonte IL SISTEMA SCOLASTICO STATALE IN EMILIA ROMAGNA LE - 1 Le sedi

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia Ufficio Scolastico Territoriale di Bergamo

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia Ufficio Scolastico Territoriale di Bergamo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia Ufficio Scolastico Territoriale di Bergamo Scuola al via, in classe 171.605 alunni Nelle statali

Dettagli

Decreto ministeriale n. 21

Decreto ministeriale n. 21 Decreto ministeriale n. 21 Il Ministro della Pubblica Istruzione Roma, 1 marzo 2007 VISTA la legge 27 dicembre 2006, n. 296, recante: Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello

Dettagli

MIUR.AOODRVE.UFF.III/7656/C21 Venezia, 30 giugno 2010

MIUR.AOODRVE.UFF.III/7656/C21 Venezia, 30 giugno 2010 MIUR.AOODRVE.UFF.III/7656/C21 Venezia, 30 giugno 2010 AI DIRIGENTI UFFICI SCOLASTICI TERRITORIALI LORO SEDI e p.c AI RAPPRESENTANTI REGIONALI DELLE OO.SS. LORO SEDI OGGETTO: ORGANICO DI DIRITTO PERSONALE

Dettagli

DOSSIER STATISTICO IMMIGRAZIONE 2011 - SCHEDA SU LOMBARDIA E AREA MILANESE

DOSSIER STATISTICO IMMIGRAZIONE 2011 - SCHEDA SU LOMBARDIA E AREA MILANESE DOSSIER STATISTICO IMMIGRAZIONE 2011 - SCHEDA SU LOMBARDIA E AREA MILANESE Le presenze straniere in regione I residenti Secondo i dati Istat, a fine 2010 i residenti stranieri in Lombardia sono 1.064.447,

Dettagli

Fonte: Ufficio scolastico territoriale di Rimini per le scuole statali e Segreterie scolastiche per le scuole ed enti non statali Elaborazione :

Fonte: Ufficio scolastico territoriale di Rimini per le scuole statali e Segreterie scolastiche per le scuole ed enti non statali Elaborazione : 1 Fonte: Ufficio scolastico territoriale di Rimini per le scuole statali e Segreterie scolastiche per le scuole ed enti non statali Elaborazione : Provincia di Rimini / Ufficio Scuola 2 LA SCUOLA RIMINESE:

Dettagli

MIUR.AOODRVE.UFF.III/8294/C21 Venezia, 27 giugno 2014. Ai Dirigenti degli Uffici Scolastici Territoriali LORO SEDI e p.c.

MIUR.AOODRVE.UFF.III/8294/C21 Venezia, 27 giugno 2014. Ai Dirigenti degli Uffici Scolastici Territoriali LORO SEDI e p.c. MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia Relazioni internazionali e lingue straniere Incontro con le OO. SS. del 21 dicembre 2010 DOCUMENTO

Dettagli

I NUMERI DELLA SCUOLA

I NUMERI DELLA SCUOLA Ministero della Pubblica Istruzione Dipartimento per la Programmazione Ministeriale, per la Gestione del Bilancio e per le Risorse umane e dell Informazione I NUMERI DELLA SCUOLA settembre 2007 RTI : EDS

Dettagli

INTESA. tra IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA E LE ORGANIZZAZIONI SINDACALI

INTESA. tra IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA E LE ORGANIZZAZIONI SINDACALI INTESA tra IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA E LE ORGANIZZAZIONI SINDACALI Ai fini della ripartizione delle risorse di cui agli artt. 33, 62, 85, 87 del CCNL 2006/2009 per l

Dettagli

annuario della scuola reggiana a.s. 2014/2015 a cura del Servizio Programmazione Scolastica, Educativa ed Interventi per la Sicurezza Sociale

annuario della scuola reggiana a.s. 2014/2015 a cura del Servizio Programmazione Scolastica, Educativa ed Interventi per la Sicurezza Sociale annuario della scuola reggiana a.s. 2014/2015 a cura del Servizio Programmazione Scolastica, Educativa ed Interventi per la Sicurezza Sociale popolazione scolastica QUADRO RIASSUNTIVO ALUNNI ISCRITTI A.S.

Dettagli

MATERIALI DI LAVORO PER LA

MATERIALI DI LAVORO PER LA Servizio sociale dei Comuni dell Ambito Distrettuale 6.1 Sacile MATERIALI DI LAVORO PER LA COSTRUZIONE DEL PROFILO MINORI ANNO 2013/2014 A CURA DELL OSSERVATORIO PROVINCIALE SULLE POLITICHE SOCIALI DELLA

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 1 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO... 7 1.1 Scuole statali... 7 1.2 Scuole non statali paritarie...10 1.3

Dettagli

Focus Anticipazione sui principali dati della scuola statale A.S. 2015/2016. (Settembre 2015)

Focus Anticipazione sui principali dati della scuola statale A.S. 2015/2016. (Settembre 2015) Focus Anticipazione sui principali dati della scuola statale A.S. 2015/2016 (Settembre 2015) In occasione dell inizio dell anno scolastico si fornisce una breve sintesi dei principali dati relativi alla

Dettagli

ISTRUZIONE DEGLI ADULTI (D.P.R 263/2012) LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO

ISTRUZIONE DEGLI ADULTI (D.P.R 263/2012) LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO ISTRUZIONE DEGLI ADULTI (D.P.R 263/2012) **** LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (Art.11, comma 10, D.P.R 263/2012) I risultati di apprendimento attesi in esito ai percorsi di alfabetizzazione

Dettagli

Tasso di copertura della rilevazione. Numero di scuole che hanno risposto

Tasso di copertura della rilevazione. Numero di scuole che hanno risposto MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva de Biasio S. Croce 1299-30135 VENEZIA Ufficio IV - Ordinamenti scolastici -

Dettagli

Rapporto di monitoraggio dell Istruzione degli Adulti Basilicata Anno scolastico 2007/2008

Rapporto di monitoraggio dell Istruzione degli Adulti Basilicata Anno scolastico 2007/2008 Rapporto di monitoraggio dell Istruzione degli Adulti Basilicata Anno scolastico 2007/2008 Indice Introduzione I dati in sintesi 1. Le sedi 1.1. Le tipologie 1.2. La distribuzione dei Centri Territoriali

Dettagli

Alcuni dati sui servizi educativi a favore dei minori stranieri

Alcuni dati sui servizi educativi a favore dei minori stranieri Città di Torino Divisione Servizi Educativi Settore Integrazione educativa Alcuni dati sui servizi educativi a favore dei minori stranieri a cura di Carla Bonino Gli interventi che la Divisione Servizi

Dettagli

Tavola 1 Istituti per ripartizione geografica Anno 2005. Nord Est. Tipologia Istituto. 1 1 Accademia Nazionale di Danza

Tavola 1 Istituti per ripartizione geografica Anno 2005. Nord Est. Tipologia Istituto. 1 1 Accademia Nazionale di Danza Numero 1 Si riporta di seguito una sintesi dei dati sul sistema dell Alta Formazione Artistica e Musicale in riferimento all anno accademico 2005/2006. Essa è il risultato dell ultima delle rilevazioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PROMOZIONE DELLA SOLIDARIETA INTERNAZIONALE E DEI DIRITTI UMANI. Art. 1 Finalità

REGOLAMENTO PER LA PROMOZIONE DELLA SOLIDARIETA INTERNAZIONALE E DEI DIRITTI UMANI. Art. 1 Finalità REGOLAMENTO PER LA PROMOZIONE DELLA SOLIDARIETA INTERNAZIONALE E DEI DIRITTI UMANI Art. 1 Finalità La Provincia di Genova, in attuazione di quanto previsto dal proprio Statuto, promuove la cultura della

Dettagli

Il nuovo sistema dell Istruzione degli adulti è legge di Simone Giusti

Il nuovo sistema dell Istruzione degli adulti è legge di Simone Giusti Idee e materiali Organizzazione Il nuovo sistema dell Istruzione degli adulti è legge di Simone Giusti Con l emanazione della circolare ministeriale 36 e con la pubblicazione delle Linee guida per il passaggio

Dettagli

GLI IMPIANTI DI CREMAZIONE IN LOMBARDIA Relazione 2014 Attività 2013

GLI IMPIANTI DI CREMAZIONE IN LOMBARDIA Relazione 2014 Attività 2013 D.G. Salute GLI IMPIANTI DI CREMAZIONE IN LOMBARDIA Relazione 04 Attività 03 La presente relazione, a cura della Direzione Generale Salute, costituisce il resoconto dei dati di attività relativamente all

Dettagli

GILDA DEGLI INSEGNANTI FEDERAZIONE GILDA-UNAMS. Il fondo d istituto

GILDA DEGLI INSEGNANTI FEDERAZIONE GILDA-UNAMS. Il fondo d istituto Il fondo d istituto Il Fondo è destinato a retribuire le prestazioni rese dal personale docente, educativo ed ata (solo personale interno, sia a tempo determinato che indeterminato) per sostenere il processo

Dettagli

La scuola statale: sintesi dei dati

La scuola statale: sintesi dei dati Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per la programmazione e la gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali Direzione Generale per gli Studi, la Statistica

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l istruzione Direzione generale per il personale della scuola Tabella 1 - Prospetto 1/A Personale amministrativo, tecnico ed

Dettagli

Le scuole che hanno risposto al questionario Aldopaolo Palareti

Le scuole che hanno risposto al questionario Aldopaolo Palareti Le scuole che hanno risposto al questionario Aldopaolo Palareti Le scuole presenti Il Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca riporta sul suo sito, http://www.istruzione.it/, l elenco

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca D.M. N 74

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca D.M. N 74 Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della D.M. N 74 VISTO il Testo Unico delle leggi in materia di istruzione approvato con il Decreto Legislativo 16 aprile 1994, n. 297, e successive modifiche

Dettagli

E. Alberto Bertolotti Amministratore Delegato ACF SpA

E. Alberto Bertolotti Amministratore Delegato ACF SpA E. Alberto Bertolotti Amministratore Delegato ACF SpA IL METODO ANALISI DI ALCUNE DELLE PRINCIPALI MISURE AGEVOLATIVE LOMBARDE PER LE PMI INDUSTRIALI MISURE AGEVOLATIVE ANALIZZATE METODOLOGIA ANALISI ECONOMICO

Dettagli

Fonte: elaborazione Unioncamere Lombardia su dati ASIA Istat. Tabella 2: Imprese per attività economica Lombardia

Fonte: elaborazione Unioncamere Lombardia su dati ASIA Istat. Tabella 2: Imprese per attività economica Lombardia IL SISTEMA PRODUTTIVO LOMBARDO NEL 2006 SECONDO IL REGISTRO STATISTICO ASIA (giugno 2009) Secondo il registro statistico delle imprese attive e delle loro unità locali (ASIA Imprese e Unità locali) sono

Dettagli

DOTE SCUOLA - Percorsi di Istruzione

DOTE SCUOLA - Percorsi di Istruzione DOTE SCUOLA - Percorsi di Istruzione Componenti : Buono Scuola, Disabilità, Integrazione al reddito Destinatari Studenti residenti in Lombardia, iscritti e frequentanti corsi a gestione ordinaria presso

Dettagli

REGOLAMENTO CONCERNENTE I CRITERI, LE MODALITA DI PROGRAMMAZIONE E DI INTERVENTO IN MATERIA DI TRASPORTO REFEZIONE SCOLASTICA

REGOLAMENTO CONCERNENTE I CRITERI, LE MODALITA DI PROGRAMMAZIONE E DI INTERVENTO IN MATERIA DI TRASPORTO REFEZIONE SCOLASTICA REGOLAMENTO CONCERNENTE I CRITERI, LE MODALITA DI PROGRAMMAZIONE E DI INTERVENTO IN MATERIA DI TRASPORTO E REFEZIONE SCOLASTICA Approvato con delibera del Consiglio dell Unione N. 21 del 30/04/2013 CAP.

Dettagli

Appendice 1 - Tavole sulla numerosità delle scuole statali e non statali dell'area PON. Parte 1 - Le scuole statali...iv

Appendice 1 - Tavole sulla numerosità delle scuole statali e non statali dell'area PON. Parte 1 - Le scuole statali...iv Appendice 1 - Tavole sulla numerosità delle scuole statali e non statali dell' Parte 1 - Le scuole statali...iv Istituzioni scolastiche statali interessate per livello... IV Tavola A1.1 - Istituzioni scolastiche

Dettagli

Studenti iscritti e laureati nelle università della provincia di Cremona

Studenti iscritti e laureati nelle università della provincia di Cremona PROVINCIA DI CREMONA UFFICIO STATISTICA SISTEMA STATISTICO NAZIONALE Studenti iscritti e laureati nelle università della provincia di Cremona Anno Accademico 2012-2013 INDICE LE UNIVERSITA CREMONESI pag.

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Allegato: Tabella 1 Organico di istituto personale ATA anno scolastico 2012/2013- Circoli didattici, scuole secondarie di I grado e istituti comprensivi di scuola dell infanzia, primaria e secondaria di

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Secondaria di Secondaria di II grado

COMUNICATO STAMPA. Secondaria di Secondaria di II grado Bologna, 24 Febbraio 2016 COMUNICATO STAMPA A.S. 2016/17 - ISCRIZIONE ALUNNI AL PRIMO ANNO DELLE SCUOLE STATALI E PARITARIE DI OGNI ORDINE E GRADO. IN REGIONE SONO PERVENUTE OLTRE 112 MILA DOMANDE. IN

Dettagli

Adult Education. I Centri Provinciali per l Istruzione degli Adulti (CPIA)

Adult Education. I Centri Provinciali per l Istruzione degli Adulti (CPIA) Adult Education I Centri Provinciali per l Istruzione degli Adulti (CPIA) Il contesto Europeo Circa il 75% degli adulti (tra i 25 e i 64 anni) in Europa hanno completato un percorso di istruzione secondaria

Dettagli

L età dei vincitori La presenza femminile. L età dei vincitori La presenza femminile. Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato

L età dei vincitori La presenza femminile. L età dei vincitori La presenza femminile. Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato Premessa Corso-concorso ordinario L età dei vincitori La presenza femminile Corso-concorso riservato L età dei vincitori La presenza femminile Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato

Dettagli

Disabilità: nuovi servizi e nuovi sistemi di finanziamento

Disabilità: nuovi servizi e nuovi sistemi di finanziamento Disabilità: nuovi servizi e nuovi sistemi di finanziamento Area Disabilità La politica regionale lombarda in quest area è particolarmente attiva, con servizi ed interventi a carattere educativo, formativo

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca MIUR.AOODRSA.REGISTRO UFFICIALE(U).0002781.13-03-2015 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Cagliari, 13 marzo 2015 IL DIRETTORE GENERALE la l. 15.03.97, n. 59 e successive modificazioni;

Dettagli

Studenti iscritti e laureati nelle università della provincia di Cremona

Studenti iscritti e laureati nelle università della provincia di Cremona PROVINCIA DI CREMONA SERVIZIO STATISTICA SISTEMA STATISTICO NAZIONALE Studenti iscritti e laureati nelle università della provincia di Cremona Anno Accademico 2011-2012 INDICE LE UNIVERSITA CREMONESI pag.

Dettagli

MATERIALI DI LAVORO PER L AGGIORNAMENTO DEL

MATERIALI DI LAVORO PER L AGGIORNAMENTO DEL Servizio sociale dei Comuni dell Ambito Distrettuale 3.1 Gemonese MATERIALI DI LAVORO PER L AGGIORNAMENTO DEL PROFILO DI COMUNITÀ SEZIONE MINORI A CURA DELL OSSERVATORIO POLITICHE SOCIALI DELLA PROVINCIA

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI E TURISTICI "L. EINAUDI"

ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI E TURISTICI L. EINAUDI PROPOSTA ATTIVITA A.S. 2008-09 M1/PA08 CURRICOLARE EXTRACURRICOLARE ALTRO Titolo del Progetto Accoglienza- Alfabetizzazione,- Educazione interculturale Responsabile del Progetto Prof. ssa Colombo Lidia

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Dipartimento per l istruzione Direzione Generale per il personale scolastico

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Dipartimento per l istruzione Direzione Generale per il personale scolastico DISPOSIZIONI CONCERNENTI LA DEFINIZIONE DEI CRITERI E DEI PARAMETRI PER LA DETERMINAZIONE DEGLI ORGANICI DEL PERSONALE AMMINISTRATIVO TECNICO ED AUSILIARIO (ATA) DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E EDUCATIVE

Dettagli

REGOLAMENTO ASSEGNAZIONE FONDI PER PROGETTI DI INTEGRAZIONE RIVOLTI A STUDENTI DISABILI

REGOLAMENTO ASSEGNAZIONE FONDI PER PROGETTI DI INTEGRAZIONE RIVOLTI A STUDENTI DISABILI REGOLAMENTO ASSEGNAZIONE FONDI PER PROGETTI DI INTEGRAZIONE RIVOLTI A STUDENTI DISABILI 1 Art. 1 oggetto 1.1 - Il presente Regolamento disciplina l assegnazione, agli Istituti secondari di secondo grado

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE F. BESTA MILANO

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE F. BESTA MILANO ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE F. BESTA MILANO PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI INDICE: PREMESSA 1. FINALITA 2. CONTENUTI 3. LA COMMISSIONE ACCOGLIENZA 4. PRIMA FASE DI ACCOGLIENZA

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e di formazione

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e di formazione Prot.n. 28710 del 07-09-2015 Ai Direttori generali degli Uffici Scolastici Regionali Ai referenti regionali del piano CLIL LORO SEDI OGGETTO: Organizzazione e avvio dei corsi linguistici per docenti CLIL

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE (integrato con modifiche apportate dal Senato Accademico con delibera n 994

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. VISTA la legge regionale 24 Dicembre 2010, n. 8 Bilancio di previsione della Regione Lazio per l'esercizio 2011;

LA GIUNTA REGIONALE. VISTA la legge regionale 24 Dicembre 2010, n. 8 Bilancio di previsione della Regione Lazio per l'esercizio 2011; Oggetto: Percorsi triennali di IeFP Sistema di finanziamento e piano di riparto delle risorse finanziarie da erogare alle Province per l anno scolastico e formativo 2011-2012. LA GIUNTA REGIONALE SU PROPOSTA

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

IL DIRIGENTE SCOLASTICO ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA I GRADO "A. FOGAZZARO" di BAVENO Via Brera n. 12-28831 Baveno (VB) - Tel. e Fax 0323.924.737 Codice Fiscale 93020510033 - Codice Meccanografico

Dettagli

GLI IMPIANTI DI CREMAZIONE IN LOMBARDIA Relazione attività 2010

GLI IMPIANTI DI CREMAZIONE IN LOMBARDIA Relazione attività 2010 GLI IMPIANTI DI CREMAZIONE IN LOMBARDIA Relazione attività 2010 La presente relazione, a cura della Direzione Generale Sanità, costituisce il resoconto dei dati di attività relativamente all anno 2010

Dettagli

IL COMMERCIO CON L ESTERO DI APPARECCHI ELETTRICI

IL COMMERCIO CON L ESTERO DI APPARECCHI ELETTRICI ŀ IL COMMERCIO CON L ESTERO DI APPARECCHI ELETTRICI Il settore degli Apparecchi elettrici rappresenta una voce importante dell interscambio commerciale locale, soprattutto se si pensa che da tempo 1 genera

Dettagli

POR CALABRIA 2000-2006, MISURA 3.7 AZIONE 3.7.b POR FSE CALABRIA 2007-2013 - ASSE IV CAPITALE UMANO OBIETTIVO OPERATIVO L.1 E L.2

POR CALABRIA 2000-2006, MISURA 3.7 AZIONE 3.7.b POR FSE CALABRIA 2007-2013 - ASSE IV CAPITALE UMANO OBIETTIVO OPERATIVO L.1 E L.2 POR CALABRIA 2000-2006, MISURA 3.7 AZIONE 3.7.b POR FSE CALABRIA 2007-2013 - ASSE IV CAPITALE UMANO OBIETTIVO OPERATIVO L.1 E L.2 PIANO REGIONALE PER LE RISORSE UMANE - PIANO D'AZIONE 2008 Il Centro Linguistico

Dettagli

RELAZIONE FINALE QUESTIONARI DI AUTOVALUTAZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO G. CEDERLE SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO

RELAZIONE FINALE QUESTIONARI DI AUTOVALUTAZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO G. CEDERLE SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca - Dipartimento della Programmazione - D.G. per gli Affari Internazionali Ufficio V Programmazione e gestione dei fondi strutturali europei e nazionali

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Conferenza stampa per l avvio dell anno scolastico 2011-2012 Documentazione 12 settembre 2011 Redazione ed editing a cura dell Ufficio IV: Morena Modenini, dirigente, e prof.sse

Dettagli

e.p.c. Alla Regione Veneto Direzione Istruzione VENEZIA Al Dirigente Ufficio VI Al Dirigente Ufficio IV SEDE

e.p.c. Alla Regione Veneto Direzione Istruzione VENEZIA Al Dirigente Ufficio VI Al Dirigente Ufficio IV SEDE Prot. MIUR.AOODRVE.UFF.III/ 4511/D11 Venezia, 18 aprile 2013 Ai Dirigenti Uffici Scolastici territoriali Ai Dirigenti Scolastici Direzioni Didattiche e Istituti Comprensivi e.p.c. Alla Regione Veneto Direzione

Dettagli

Programma Annuale 2016 Relazione del Dirigente Scolastico al Programma Annuale 2016

Programma Annuale 2016 Relazione del Dirigente Scolastico al Programma Annuale 2016 M i n i s tero de l l'istruzione, dell Univers ità e d e lla R icerca ISTITUTO COMPRENSIVO di RODIGO via Rita Castagna, 1 46040 Rodigo (MN) Tel: 0376 650488-0376 682011 Fax: 0376 684842 e-mail: info@icrodigo.gov.it

Dettagli

Gestione servizio di segreteria (Processo di Supporto)

Gestione servizio di segreteria (Processo di Supporto) Istituto Comprensivo E. Curti di Gemonio Gestione servizio di segreteria (Processo di Supporto) Codice PQ 043 Modalità di distribuzione Copia non controllata Copia controllata numero 1 consegnata a: Dirigente

Dettagli

Ricerca Uil Scuola. da affiggere all'albo sindacale della scuola, ai sensi dell'art. 25 della legge n. 300 del 20.5.70

Ricerca Uil Scuola. da affiggere all'albo sindacale della scuola, ai sensi dell'art. 25 della legge n. 300 del 20.5.70 Ricerca Uil Scuola da affiggere all'albo sindacale della scuola, ai sensi dell'art. 25 della legge n. 300 del 20.5.70 Non solo bambini Stranieri adulti sui banchi di scuola Una fotografia dell Italia che

Dettagli

Alternanza scuola lavoro: a che punto siamo?

Alternanza scuola lavoro: a che punto siamo? Alternanza scuola lavoro: a che punto siamo? Esiti monitoraggio nazionale a.s. 2012/2013 1 Dati in sintesi e trend L alternanza scuola lavoro è una metodologia didattica innovativa del sistema dell istruzione

Dettagli

L INDIRIZZO SPERIMENTALE LINGUISTICO BROCCA

L INDIRIZZO SPERIMENTALE LINGUISTICO BROCCA L INDIRIZZO SPERIMENTALE LINGUISTICO BROCCA Che cos è L indirizzo si caratterizza per lo studio delle lingue straniere in stretto collegamento con il latino e l italiano. L obiettivo primario è far acquisire

Dettagli

IL SISTEMA INFORMATIVO DELL ISTRUZIONE CONTRIBUTO ALLA TRASPARENZA

IL SISTEMA INFORMATIVO DELL ISTRUZIONE CONTRIBUTO ALLA TRASPARENZA IL SISTEMA INFORMATIVO DELL ISTRUZIONE CONTRIBUTO ALLA TRASPARENZA Dott.ssa Maria Letizia Melina Direttore Generale per gli Studi, la Statistica, ed i Sistemi Informativi Panoramica del sistema informativo

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia - Direzione Generale

Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia - Direzione Generale Prot. MIURAOODRLO R.U. 22232 Milano, 9 dicembre 2009 Ai Signori Dirigenti degli UU.SS.PP. della Lombardia Ai Signori Dirigenti delle Istituzioni scolastiche statali di ogni ordine e grado della Lombardia

Dettagli

DOTE SCUOLA - Percorsi di Istruzione

DOTE SCUOLA - Percorsi di Istruzione ALLEGATO A alla ibera n. DOTE SCUOLA - Percorsi di Istruzione Componente : buono scuola Studenti residenti in Lombardia, iscritti e frequentanti corsi a gestione ordinaria presso le scuole primarie, secondarie

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE VILLASIMIUS

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE VILLASIMIUS Via Leonardo da Vinci 1 09049 VILLASIMIUS (CA) Scuola dell Infanzia, Scuola, Scuola Secondaria di I grado di Villasimius e Castiadas Telefono 070/791230 Fax 070/792387 E-mail caic83300x@istruzione.it Codice

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI, TURISTICI, ALBERGHIERI E GRAFICI PUBBLICITARI "Luigi Einaudi"

ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI, TURISTICI, ALBERGHIERI E GRAFICI PUBBLICITARI Luigi Einaudi ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI, TURISTICI, ALBERGHIERI E GRAFICI PUBBLICITARI "Luigi Einaudi" 88046 LAMEZIA TERME - CZ Prot. 2775/C25 del 04/05/13 AI DOCENTI AL DSGA Oggetto:

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI CON DSA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI CON DSA ISTITUTO COMPRENSIVO DI BOBBIO CAPOLUOGO PIAZZA SAN COLOMBANO,5 29022 BOBBIO (PC) PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI CON DSA Non tutto ciò che può essere contato conta, non tutto ciò che conta può

Dettagli

Investimenti fissi lordi per branca proprietaria, stock di capitale e ammortamenti Anni 1970-2009

Investimenti fissi lordi per branca proprietaria, stock di capitale e ammortamenti Anni 1970-2009 1 luglio 2010 Investimenti fissi lordi per branca proprietaria, stock di capitale e ammortamenti Anni 1970- L Istat rende disponibili le serie storiche degli investimenti per branca proprietaria per gli

Dettagli

Piano annuale dell attività di Aggiornamento e Formazione Personale Docente

Piano annuale dell attività di Aggiornamento e Formazione Personale Docente ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE "ANTONIO GRAMSCI" Albano/Pavona ANNO SCOLASTICO 2014/15 Piano annuale dell attività di Aggiornamento e Formazione Personale Docente PREMESSA La formazione e l aggiornamento

Dettagli

UFFICIO STATISTICA. Studenti iscritti e laureati nelle università della provincia di Cremona

UFFICIO STATISTICA. Studenti iscritti e laureati nelle università della provincia di Cremona UFFICIO STATISTICA Studenti iscritti e laureati nelle università della provincia di Cremona Anno Accademico 2013-2014 INDICE LE UNIVERSITA CREMONESI pag. 3 STUDENTI ISCRITTI pag. 4 - Dettaglio delle iscrizioni

Dettagli

SERVIZIO NAZIONALE DI VALUTAZIONE 2010 11

SERVIZIO NAZIONALE DI VALUTAZIONE 2010 11 SERVIZIO NAZIONALE DI VALUTAZIONE 2010 11 Le rilevazioni degli apprendimenti A.S. 2010 11 Gli esiti del Servizio nazionale di valutazione 2011 e della Prova nazionale 2011 ABSTRACT Le rilevazioni degli

Dettagli

MATERIALI DI LAVORO PER L AGGIORNAMENTO DEL

MATERIALI DI LAVORO PER L AGGIORNAMENTO DEL Servizio sociale dei Comuni dell Ambito Distrettuale 3.2 Carnia MATERIALI DI LAVORO PER L AGGIORNAMENTO DEL PROFILO DI COMUNITÀ SEZIONE MINORI A CURA DELL OSSERVATORIO POLITICHE SOCIALI DELLA PROVINCIA

Dettagli

Prot. n. 4286 Venezia, 27 giugno 2005

Prot. n. 4286 Venezia, 27 giugno 2005 MINISTERO DELL ISTRUZIONE,DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO - DIREZIONE GENERALE Calle dei Miracoli - Cannaregio 6071-30131 VENEZIA Ufficio III - Politiche del

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INTEGRAZIONE E IL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI STUDENTI DISABILI DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA

REGOLAMENTO PER L INTEGRAZIONE E IL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI STUDENTI DISABILI DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA REGOLAMENTO PER L INTEGRAZIONE E IL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI STUDENTI DISABILI DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA Emanato con D.R. n. 686 del 29 novembre 2010 Entrato in vigore il 1 dicembre

Dettagli

Le scuole del Veneto all avvio dell anno scolastico 2015/16. Anticipazioni su dati provvisori a.s. 2015/16

Le scuole del Veneto all avvio dell anno scolastico 2015/16. Anticipazioni su dati provvisori a.s. 2015/16 Le scuole del Veneto all avvio dell anno scolastico 2015/16 Anticipazioni su dati provvisori a.s. 2015/16 Dirigenze scolastiche statali a.s. 2015/16 Provincia Direzione didattica Istituto comprensivo Scuola

Dettagli

CRITERI UTILIZZATI PER L IDENTIFICAZIONE DELLE SCUOLE COLLOCABILI IN FASCIA DI EMERGENZA STRANIERI

CRITERI UTILIZZATI PER L IDENTIFICAZIONE DELLE SCUOLE COLLOCABILI IN FASCIA DI EMERGENZA STRANIERI CRITERI UTILIZZATI PER L IDENTIFICAZIONE DELLE SCUOLE COLLOCABILI IN FASCIA DI EMERGENZA STRANIERI ESIGENZE EMERSE L esigenza è quella di individuare dei criteri per la distribuzione di risorse professionali

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Conferenza stampa per l avvio dell anno scolastico 2013-2014 Documentazione - 11 settembre 2013 INDICE Saluto del Direttore Generale per l avvio dell anno scolastico... 4 Sezione

Dettagli

LEGGE 107/2015 Riforma del sistema nazionale di istruzione e formazione. Legge 107 del 13 luglio 2015 - Elena Centemero

LEGGE 107/2015 Riforma del sistema nazionale di istruzione e formazione. Legge 107 del 13 luglio 2015 - Elena Centemero LEGGE 107/2015 Riforma del sistema nazionale di istruzione e formazione 1 FINALITA Dare piena attuazione all autonomia Innalzare i livelli di istruzione e le competenze Contrastare le disuguaglianze Prevenire

Dettagli

Le competenze degli adulti nell ambito delle iniziative PON 2007/2013: modelli di rilevazione e strumenti diagnostici

Le competenze degli adulti nell ambito delle iniziative PON 2007/2013: modelli di rilevazione e strumenti diagnostici Le competenze degli adulti nell ambito delle iniziative PON 2007/2013: modelli di rilevazione e strumenti diagnostici Bagheria 16 settembre 2008 Monitoraggio Nazionale EdA a.s. 2006/07 GestioneProgetti

Dettagli

1. Il sistema imprenditoriale IL SISTEMA IMPRENDITORIALE

1. Il sistema imprenditoriale IL SISTEMA IMPRENDITORIALE IL SISTEMA IMPRENDITORIALE 1 1.1 Le imprese attive per settore e forma giuridica Nei primi tre mesi del 2015 risultano iscritte nel Registro Imprese della Camera di Commercio di Lodi 21.784 posizioni,

Dettagli

IPOTESI DI SEQUENZA CONTRATTUALE PER IL PERSONALE ATA PREVISTA DALL ART. 62 DEL CCNL 29/11/2007 DEL COMPARTO SCUOLA

IPOTESI DI SEQUENZA CONTRATTUALE PER IL PERSONALE ATA PREVISTA DALL ART. 62 DEL CCNL 29/11/2007 DEL COMPARTO SCUOLA IPOTESI DI SEQUENZA CONTRATTUALE PER IL PERSONALE ATA PREVISTA DALL ART. 62 DEL CCNL 29/11/2007 DEL COMPARTO SCUOLA ART. 1 - COMPITI DEL PERSONALE ATA, MOBILITÀ PROFESSIONALE, VALORIZZAZIONE DELLA PROFESSIONALITÀ

Dettagli

A cura di Stefano Suraniti 1 Marco Bodrato 2 Serena Caruso Bavisotto 3 Anna Alessandra Massa 4

A cura di Stefano Suraniti 1 Marco Bodrato 2 Serena Caruso Bavisotto 3 Anna Alessandra Massa 4 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte Gli di nelle scuole della provincia di Torino 2013/2014 A cura di Stefano Suraniti 1 Marco Bodrato

Dettagli

ATTIVAZIONE DEI PERCORSI ABILITANTI SPECIALI

ATTIVAZIONE DEI PERCORSI ABILITANTI SPECIALI ATTIVAZIONE DEI PERCORSI ABILITANTI SPECIALI DDG n. 58/2013 pubblicato sulla G.U. del 30 luglio 2013 TERMINI DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE Dal 30 luglio al 29 agosto 2013 Esclusivamente on line con Polis

Dettagli

COMUNE DI CALANGIANUS Provincia di Olbia Tempio

COMUNE DI CALANGIANUS Provincia di Olbia Tempio COMUNE DI CALANGIANUS Provincia di Olbia Tempio REGOLAMENTO PER IL DIRITTOALLO STUDIO CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE Il presente regolamento disciplina gli interventi del Comune

Dettagli

Dal 21 aprile 2015 a seguito della riorganizzazione degli Uffici di livello non generale, l Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia è

Dal 21 aprile 2015 a seguito della riorganizzazione degli Uffici di livello non generale, l Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia è Dal 21 aprile 2015 a seguito della riorganizzazione degli Uffici di livello non generale, l Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia è strutturato come di seguito riportato: Ufficio I (Affari generali,

Dettagli

PROVINCIA DI MILANO ASSESSORATO ISTRUZIONE ED EDILIZIA SCOLASTICA

PROVINCIA DI MILANO ASSESSORATO ISTRUZIONE ED EDILIZIA SCOLASTICA PROVINCIA DI MILANO ASSESSORATO ISTRUZIONE ED EDILIZIA SCOLASTICA Assessorato Istruzione ed Edilizia Scolastica PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE CONDIVISA AMBITI TERRITORIALI Referente Progetto: Piera Saita

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca INTESA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA e LA REGIONE LOMBARDIA VISTI - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze esclusive in materia di

Dettagli

Gli stranieri nella scuola secondaria di II grado della Provincia di Milano

Gli stranieri nella scuola secondaria di II grado della Provincia di Milano Gli stranieri nella scuola secondaria di II grado della Provincia di Milano Un breve estratto, arricchito di dettagli e approfondimenti, dalla ricerca Gli studenti stranieri nel sistema di istruzione secondaria

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE EROGAZIONI EMBLEMATICHE DELLA FONDAZIONE CARIPLO

REGOLAMENTO PER LE EROGAZIONI EMBLEMATICHE DELLA FONDAZIONE CARIPLO REGOLAMENTO PER LE EROGAZIONI EMBLEMATICHE DELLA FONDAZIONE CARIPLO 1. Finalità degli interventi emblematici 2 2. Ammontare delle assegnazioni e soggetti destinatari 2 3. Aree filantropiche di pertinenza

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA. Ufficio per il personale delle pubbliche amministrazioni

DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA. Ufficio per il personale delle pubbliche amministrazioni DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA Ufficio per il personale delle pubbliche amministrazioni Circolare n.4/2005 8 novembre 2005 Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri A tutti i Ministeri - Gabinetto

Dettagli

Prot. 2168/B15 Magnago lì 20/09/2015

Prot. 2168/B15 Magnago lì 20/09/2015 Istituto Comprensivo Ada Negri Via Don Milani, 3 20020 Magnago (MI) C. F. 93018880158 cod. mec. MIIC84200D Tel. 0331658080 Fax 0331659612 Posta Elettronica Certificata: MIIC84200D@pec.istruzione.it Prot.

Dettagli

Potenza 18.04.2013 Prot. 2206 AI DIRIGENTI SCOLASTICI LORO SEDI

Potenza 18.04.2013 Prot. 2206 AI DIRIGENTI SCOLASTICI LORO SEDI Potenza 18.04.2013 Prot. 2206 AI DIRIGENTI SCOLASTICI LORO SEDI OGGETTO: CORSI DI FORMAZIONE SULLA SICUREZZA PER LAVORATORI, PREPOSTI, DIRIGENTI - ART. 37 D. LGS. 81/08 Accordi Stato Regioni del 21 dicembre

Dettagli

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2012

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2012 DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2012 Imprese nel complesso In Lombardia, nel primo trimestre del 2012 le anagrafi camerali registrano un saldo negativo di 1.675 unità. Alla fine di marzo

Dettagli

UFFICIO STATISTICA. Studenti iscritti e laureati nelle università della provincia di Cremona

UFFICIO STATISTICA. Studenti iscritti e laureati nelle università della provincia di Cremona UFFICIO STATISTICA Studenti iscritti e laureati nelle università della provincia di Cremona Anno Accademico 2014-2015 INDICE LE UNIVERSITA CREMONESI pag. 3 STUDENTI ISCRITTI pag. 4 - Dettaglio delle iscrizioni

Dettagli

Convegno Gli altri e noi: la sfida dell educazione interculturale Roma, 26-27 febbraio 2007

Convegno Gli altri e noi: la sfida dell educazione interculturale Roma, 26-27 febbraio 2007 Convegno Gli altri e noi: la sfida dell educazione interculturale Roma, 26-27 febbraio 2007 Quadro statistico: alunni con cittadinanza non italiana nelle scuole statali e non statali di Vinicio Ongini

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Centro Servizi Amministrativi di Napoli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Centro Servizi Amministrativi di Napoli Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Centro Servizi Amministrativi di Napoli Prot.n. 13461/651 2005 Napoli, 30 giugno AI DIRIGENTI SCOLASTICI

Dettagli