annuario della scuola reggiana a.s. 2014/2015 a cura del Servizio Programmazione Scolastica, Educativa ed Interventi per la Sicurezza Sociale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "annuario della scuola reggiana a.s. 2014/2015 a cura del Servizio Programmazione Scolastica, Educativa ed Interventi per la Sicurezza Sociale"

Transcript

1 annuario della scuola reggiana a.s. 2014/2015 a cura del Servizio Programmazione Scolastica, Educativa ed Interventi per la Sicurezza Sociale

2 popolazione scolastica

3 QUADRO RIASSUNTIVO ALUNNI ISCRITTI A.S. 2014/15 Scuola statale Scuola non statale Iscritti % Iscritti % Totale iscritti Diff. anno precedente % Servizi educativi per la prima infanzia 0 0,0% ,0% ,3% Scuola dell'infanzia ,0% ,0% % Scuola primaria ,5% ,5% ,8% Scuola secondaria di I grado ,6% 535 3,4% ,3% Scuola secondaria di II grado ,9% 230 1,1% ,9% Totale ,6% ,4% ,2% Nell a.s. 2014/15 mentre la scuola primaria e secondaria di II grado registra il consueto incremento degli iscritti, nella scuola secondaria di I grado si verifica un leggero calo (- 51). Nel segmento 0-6 anni il calo, che si registra per il secondo anno consecutivo, diventa significativo. Il numero complessivo della popolazione scolastica si attesta pertanto a unità, con un aumento di 175 alunni rispetto all'anno scolastico 2013/14. Gli iscritti alle scuole non statali risultano essere alunni, pari al 20,4% dell'intera popolazione scolastica.

4 A seguito della riorganizzazione della rete scolastica operata nell anno scolastico 2012/13, la totalità delle istituzioni scolastiche del primo ciclo è costituita da istituti comprensivi, a fronte di una percentuale del 82% in Emilia-Romagna e dell 85,4% in Italia. INDICATORI DI SINTESI I cospicui investimenti per l estensione dei servizi per la prima infanzia permettono di dare risposta al 28,8% della popolazione in età (dato riferito al 2012/13), indice leggermente sotto la media regionale, ma decisamente superiore a quello nazionale. Il tempo pieno nella scuola primaria è in continua ascesa, ma ancora sotto la media italiana e regionale. Il tempo prolungato nelle scuole secondarie di I grado è praticamente esaurito, in linea con l andamento regionale e nazionale. Il numero medio di alunni per classe è leggermente diminuito rispetto allo scorso anno, in linea con la media regionale. Per favorire una visione d insieme del sistema scolastico reggiano, vengono presentate le principali informazioni provinciali raffrontate con gli analoghi dati regionali e nazionali.

5 INDICATORI DI SINTESI Le percentuali di alunni disabili nelle scuole statali di ogni ordine e grado in provincia di Reggio Emilia sono particolarmente significative se confrontate con le analoghe percentuali regionali e nazionali. In provincia di Reggio Emilia i nuovi iscritti ai licei e agli istituti tecnici prevalgono leggermente rispetto agli iscritti al primo anno degli istituti professionali. Le percentuali di alunni stranieri nati in Italia sono decisamente superiori alla media regionale e nazionale. Le percentuali degli alunni stranieri in questi ultimi anni si sono stabilizzate e risultano sostanzialmente in linea con quelle regionali, Per ma ancora favorire superiori una alle visione analoghe d insieme del sistema scolastico reggiano, vengono presentate le principali percentuali informazioni nazionali. provinciali raffrontate con gli analoghi dati regionali e nazionali.

6 SERVIZI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA I nidi d'infanzia, i servizi integrativi (spazi bambini, centri per bambini e genitori) e le sezioni primavera (aggregate a scuole dell infanzia) accolgono bambini di età compresa fra 0 e 3 anni, di cui il 52% frequenta i nidi comunali, il 40,2% quelli privati e il 7,8% frequenta i servizi integrativi.

7 SCUOLA DELL INFANZIA Nell'anno scolastico 2014/15 risultano frequentanti il triennio di scuola dell infanzia bambini, di cui il 30% le scuole statali, il 23,1% le scuole comunali e il 46,9% quelle private.

8 SCUOLA PRIMARIA La scuola primaria statale conta iscritti. Agli alunni della scuola statale vanno aggiunti quelli delle scuole primarie non statali, comprendenti iscritti, pari al 5,5% del totale. Dopo il forte calo della popolazione scolastica nel corso dei primi anni novanta, dall'anno scolastico 1996/97 nella nostra provincia si è andata affermando una crescente tendenza all'aumento di alunni. Quest anno l'aumento è stato piuttosto contenuto (+207 alunni).

9 IL TEMPO PIENO NELLA SCUOLA PRIMARIA Nell ultimo decennio si è registrato un aumento degli alunni iscritti al tempo pieno, culminante nell a.s. 2014/15, nel quale risultano iscritti al tempo pieno alunni, pari al 31,8% degli iscritti alla scuola primaria.

10 SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO La scuola secondaria di I grado statale conta iscritti. Molto limitato è il numero di allievi presenti nelle scuole secondarie di I grado non statali: 535, pari al 3,4% del totale. Come già si è verificato nella scuola primaria, dopo un periodo di forte diminuzione, la popolazione scolastica della scuola secondaria di I grado ha invertito la tendenza. Negli ultimi 10 anni si è registrato un continuo aumento degli iscritti, anche se dal 2012/13 è molto più contenuto e nel 2014/15 si è verificato un leggero calo (-0,39%).

11 SCUOLA SECONDARIA DI II GRADO La scuola secondaria di II grado statale conta iscritti. Al numero dei frequentanti le scuole statali vanno aggiunti 422 iscritti ai corsi serali statali, 230 allievi degli Istituti non statali, 656 iscritti ai percorsi IeFP presso gli enti di formazione professionale. Rispetto allo scorso anno l aumento degli alunni dei corsi diurni è stato significativo (+430). Le classi sono sostanzialmente stabili (+2).

12 RIPARTIZIONE ALUNNI ISCRITTI PER GENERE 70,0% 64,5% 64,4% 60,0% 55,3% 50,0% 44,7% 40,0% 30,0% 35,5% 35,6% 20,0% 10,0% 0,0% licei tecnici professionali maschi femmine I licei della provincia di Reggio Emilia registrano una forte presenza femminile: 64,5% a fronte del 35,5% di studenti maschi. Gli istituti tecnici presentano esattamente la situazione opposta: 64,4% di ragazzi a fronte del 35,6% di alunne, per la maggior parte frequentanti gli indirizzi del settore economico. L area professionale risulta più equilibrata con il 55,3% di studenti maschi e il 44,7% di femmine.

13 RIPARTIZIONE ISCRITTI ALLE PRIME CLASSI PER AREA DI STUDI In provincia di Reggio Emilia le aree liceale (34,8%) e tecnica (34,4%) prevalgono leggermente sull area professionale (30,8%), a differenza di quanto si verifica in Emilia- Romagna ed ancor più in Italia, dove la forbice tra i licei e gli istituti professionali è molto più marcata.

14 istruzione per gli adulti

15 CENTRI PROVINCIALI PER L ISTRUZIONE DEGLI ADULTI (C.P.I.A.) (*) * Successivamente alla pubblicazione dell Annuario è stata individuata anche la sede del CPIA Reggio Nord a Correggio, in via Conte Ippolito 22 Il DPR 263/12 ha definito l assetto organizzativo e didattico dei Centri Provinciali per l Istruzione degli Adulti (CPIA), che hanno il compito di coordinare i percorsi di istruzione per gli adulti. Ai CPIA si possono iscrivere coloro che hanno compiuto i 16 anni di età, che non hanno assolto l obbligo di istruzione o non sono in possesso del titolo conclusivo del primo ciclo di istruzione e possono così accedere a percorsi di istruzione di primo livello, finalizzati al conseguimento del titolo conclusivo del primo ciclo di istruzione, percorsi di istruzione di secondo livello (corsi serali nelle scuole secondarie di II grado) e a percorsi di alfabetizzazione e di apprendimento della lingua italiana. In provincia di Reggio Emilia sono stati istituiti due CPIA: Reggio Sud è stato attivato in questo a.s. 2014/15, mentre Reggio Nord prenderà avvio nel prossimo a.s. 2015/16.

16 studenti disabili

17 ALUNNI DISABILI La presenza di alunni disabili nella scuola reggiana ha visto negli ultimi anni una crescita continua. Le percentuali di alunni disabili certificati regolarmente frequentanti la scuola primaria (3,5%), secondaria di I grado (4,1%) e secondaria di II grado (3,4%) sono tra le più elevate in regione. Il rapporto tra il numero complessivo di disabili presenti nella scuola statale e i docenti di sostegno è di 2,1 alunni per docente.

18 ALUNNI DISABILI PER AREA DI STUDI Complessivamente nell ultimo quinquennio la percentuale di alunni disabili iscritti agli istituti professionali è calata (-3,8 punti percentuali) a favore delle aree tecnica (+1,8 punti) e liceale (+2,1 punti), rilevando una tendenza ad una maggior diversificazione nelle scelte scolastiche dopo la scuola secondaria di I grado.

19 studenti stranieri

20 ALUNNI STRANIERI Il fenomeno dell immigrazione ha portato la scuola reggiana ad accogliere, negli ultimi anni, un numero sempre più rilevante di allievi stranieri. Risultano attualmente iscritti nella scuola statale (primaria, secondaria di I e II grado) ragazzi di origine straniera. A questi vanno sommati alunni stranieri presenti nei nidi, nelle scuole dell'infanzia e nelle scuole non statali, per un totale di alunni con cittadinanza non italiana.

21 ALUNNI STRANIERI NELLA SCUOLA STATALE Il trend di crescita degli alunni stranieri nella scuola statale, in costante aumento fino al 2009/10, negli ultimi anni è molto rallentato e nell a.s. 2014/15 si registra per la prima volta un calo. Rispetto allo scorso anno si è passati dal 19,5% al 19,3% nella scuola primaria, dal 18,4% al 17,5% nella scuola secondaria di I grado e dal 13,6% al 13% nella scuola secondaria di II grado. Complessivamente, gli alunni stranieri nella scuola statale sono il 16,7% sul totale degli iscritti.

22 ALUNNI STRANIERI NATI ALL ESTERO / IN ITALIA Tra gli studenti stranieri delle scuole della provincia, oltre la metà è nata in Italia. Nel dettaglio si riscontrano significative differenze tra gli ordini di scuola: se nella scuola secondaria di II grado risulta nato in Italia solo il 26,4% degli alunni stranieri, nella secondaria di I grado la percentuale sale al 54,4% e sale ancor di più nella scuola primaria, dove il 74,8% degli alunni stranieri è nato nel nostro paese. Per la scuola secondaria di II grado si segnala anche un significativo numero di ragazzi (51, pari al 1,9% sul totale degli stranieri nelle scuole secondarie di II grado) che, pur non essendo nati in Italia, hanno acquisito la cittadinanza italiana in quanto figli minori di genitori stranieri che hanno a loro volta acquisito la cittadinanza.

23 PROVENIENZA DEGLI ALUNNI STRANIERI Tra gli studenti stranieri delle scuole della provincia prevalgono quelli provenienti dal continente africano ed in particolare dai paesi del nord Africa. Numerosi risultano anche gli studenti asiatici, dei quali oltre il 70% proviene dalla regione indiana, e quelli provenienti da altre nazioni europee, soprattutto originari dell est Europa. Molto inferiore risulta essere invece il numero di studenti di nazionalità americana, in maggioranza originari dell America centro-meridionale.

24 risultati scolastici

25 I RISULTATI NELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Al sesto anno della reintroduzione dei voti numerici, dopo l impatto iniziale che ha visto un impennata degli insuccessi, la percentuale degli alunni respinti nelle scuole secondarie di I grado è andata via via diminuendo. Nell a.s. 2013/14 si è attestata al 2,7%, come l anno precedente. Notevolmente inferiore la percentuale di insuccesso femminile (1,9%) rispetto a quella maschile (3,3%).

26 I RISULTATI NELLA SCUOLA SECONDARIA DI II GRADO La percentuale complessiva dei respinti è calata rispetto al 2012/13, scendendo dal 13% all 11,9%. Nel primo biennio la quota dei respinti è diminuita di ben due punti percentuali, mentre nel triennio la flessione è stata meno evidente. La diminuzione delle bocciature ha riguardato più i maschi (-1,8%) che le femmine (-0,4%), le quali tuttavia continuano a mostrare performance decisamente migliori.

27 I RISULTATI NEI PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE Su un totale di studenti frequentanti i percorsi IeFP all interno degli istituti professionali, negli scrutini di giugno il 53,3% è stato promosso, il 26,6% sospeso, e il 18,8% respinto. L 1,2% si è ritirato in corso d anno. Il confronto tra le percentuali di alunni respinti nei percorsi IeFP e nella totalità degli istituti professionali rivela una maggior selezione nei primi, soprattutto nelle prime classi, che tende poi ad uniformarsi nelle seconde e terze.

28 università di Modena e Reggio Emilia

29 ISCRITTI ALLE SEDI UNIVERSITARIE DI REGGIO EMILIA L Università di Modena e Reggio Emilia conta nella sede reggiana iscritti nell A.A. 2013/14, con un aumento del 7,6% rispetto all anno precedente. Le facoltà che attraggono più studenti sono Scienze della Comunicazione e dell Economia (39%) e Scienze della Formazione (31%), seguono Ingegneria (14%), Medicina e Chirurgia (11%) ed infine Agraria (5%).

30 PROVENIENZA DEGLI STUDENTI UNIVERSITARI Il 71% degli studenti iscritti nelle sedi reggiane dell Università di Modena e Reggio Emilia proviene da Reggio Emilia e dalle province limitrofe (Modena, Parma e Mantova). Del rimanente 29%, una piccola fetta (6%) è costituita da studenti di cittadinanza non italiana.

31 PERCENTUALI PER GENERE DEGLI STUDENTI UNIVERSITARI Le studentesse costituiscono il 63,6% degli studenti iscritti nelle sedi reggiane dell Università di Modena e Reggio Emilia; sono concentrate soprattutto nelle facoltà di Scienze della Formazione e Medicina e Chirurgia. La facoltà di Ingegneria vede al contrario una netta prevalenza degli studenti maschi, come anche, in misura minore, la facoltà di Agraria. Abbastanza equilibrata risulta la facoltà di Scienze della Comunicazione e dell Economia.

32 grazie per l attenzione

a cura del Servizio Programmazione Scolastica e Diritto allo Studio ANNO SCOLASTICO 2016/2017

a cura del Servizio Programmazione Scolastica e Diritto allo Studio ANNO SCOLASTICO 2016/2017 a cura del Servizio Programmazione Scolastica e Diritto allo Studio ANNO SCOLASTICO 2016/2017 popolazione scolastica QUADRO RIASSUNTIVO ALUNNI ISCRITTI A.S. 2016/17 Scuola statale Scuola non statale Iscritti

Dettagli

annuario della scuola reggiana a.s. 2015/2016 a cura del Servizio Programmazione Scolastica, Educativa ed Interventi per la Sicurezza Sociale

annuario della scuola reggiana a.s. 2015/2016 a cura del Servizio Programmazione Scolastica, Educativa ed Interventi per la Sicurezza Sociale annuario della scuola reggiana a.s. 2015/2016 a cura del Servizio Programmazione Scolastica, Educativa ed Interventi per la Sicurezza Sociale popolazione scolastica QUADRO RIASSUNTIVO ALUNNI ISCRITTI A.S.

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia Ufficio Scolastico Territoriale di Bergamo

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia Ufficio Scolastico Territoriale di Bergamo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia Ufficio Scolastico Territoriale di Bergamo Scuola al via, in classe 171.605 alunni Nelle statali

Dettagli

4 RAPPORTO SULLA COESIONE SOCIALE NELLA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA Anno 2015

4 RAPPORTO SULLA COESIONE SOCIALE NELLA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA Anno 2015 Osservatorio economico, coesione sociale, legalità 4 RAPPORTO SULLA COESIONE SOCIALE NELLA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA Anno 2015 Provincia di Reggio Emilia 1 4. IL SISTEMA FORMATIVO 2 Gli studenti iscritti

Dettagli

INDICATORI SOCIO-ECONOMICI SU FIRENZE

INDICATORI SOCIO-ECONOMICI SU FIRENZE L istruzione a Firenze La diffusione dell istruzione tra le varie classi della popolazione non soltanto misura l efficacia del sistema scolastico di un dato sistema sociale, ma fornisce anche una misura

Dettagli

Fonte: Ufficio scolastico territoriale di Rimini per le scuole statali e Segreterie scolastiche per le scuole ed enti non statali Elaborazione :

Fonte: Ufficio scolastico territoriale di Rimini per le scuole statali e Segreterie scolastiche per le scuole ed enti non statali Elaborazione : 1 Fonte: Ufficio scolastico territoriale di Rimini per le scuole statali e Segreterie scolastiche per le scuole ed enti non statali Elaborazione : Provincia di Rimini / Ufficio Scuola 2 LA SCUOLA RIMINESE:

Dettagli

PROGETTO DITER. Secondaria di I grado

PROGETTO DITER. Secondaria di I grado Scheda D.I.Ter N. 9/aggiornamento a giugno 2013 Allievi stranieri a scuola in Piemonte. Aggiornamento 2012 La crescita del numero di allievi stranieri in Piemonte è proseguita nell anno scolastico 2011/12

Dettagli

Milano. Settore Sistemi Integrati per i Servizi e Statistica. Scuole dell infanzia, Primarie e Secondarie di I grado. Anno scolastico 2008 2009

Milano. Settore Sistemi Integrati per i Servizi e Statistica. Scuole dell infanzia, Primarie e Secondarie di I grado. Anno scolastico 2008 2009 Milano Settore Sistemi Integrati per i Servizi e Statistica Scuole dell infanzia, Primarie e Secondarie di I grado Anno scolastico 28 29 Comune di Milano A cura di: Vittoria Carminati Elaborazione dati:

Dettagli

5DOPO IL DIPLOMA DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ I DIPLOMATI E IL LAVORO LA FAMIGLIA DI ORIGINE

5DOPO IL DIPLOMA DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ I DIPLOMATI E IL LAVORO LA FAMIGLIA DI ORIGINE 5DOPO IL DIPLOMA DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ I DIPLOMATI E IL LAVORO LA FAMIGLIA DI ORIGINE 5.1 DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ 82 Sono più spesso le donne ad intraprendere gli studi universitari A partire

Dettagli

Tavola 1 Istituti per ripartizione geografica Anno 2005. Nord Est. Tipologia Istituto. 1 1 Accademia Nazionale di Danza

Tavola 1 Istituti per ripartizione geografica Anno 2005. Nord Est. Tipologia Istituto. 1 1 Accademia Nazionale di Danza Numero 1 Si riporta di seguito una sintesi dei dati sul sistema dell Alta Formazione Artistica e Musicale in riferimento all anno accademico 2005/2006. Essa è il risultato dell ultima delle rilevazioni

Dettagli

Adult Education. I Centri Provinciali per l Istruzione degli Adulti (CPIA)

Adult Education. I Centri Provinciali per l Istruzione degli Adulti (CPIA) Adult Education I Centri Provinciali per l Istruzione degli Adulti (CPIA) Il contesto Europeo Circa il 75% degli adulti (tra i 25 e i 64 anni) in Europa hanno completato un percorso di istruzione secondaria

Dettagli

Le competenze degli adulti nell ambito delle iniziative PON 2007/2013: modelli di rilevazione e strumenti diagnostici

Le competenze degli adulti nell ambito delle iniziative PON 2007/2013: modelli di rilevazione e strumenti diagnostici Le competenze degli adulti nell ambito delle iniziative PON 2007/2013: modelli di rilevazione e strumenti diagnostici Bagheria 16 settembre 2008 Monitoraggio Nazionale EdA a.s. 2006/07 GestioneProgetti

Dettagli

Milano. Settore Statistica e S.I.T. Scuole Secondarie di II grado. Anno scolastico 2009 2010. Comune di Milano. - Dati di sintesi -

Milano. Settore Statistica e S.I.T. Scuole Secondarie di II grado. Anno scolastico 2009 2010. Comune di Milano. - Dati di sintesi - Milano Settore Statistica e S.I.T. Scuole Secondarie di II grado Anno scolastico 2009 2010 Comune di Milano - Dati di sintesi - A cura di: Vittoria Carminati Elaborazione dati: Ugo Rosario Maria David

Dettagli

Alunni con cittadinanza non italiana

Alunni con cittadinanza non italiana Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direzione Generale per gli Studi, la Statistica e i Sistemi Informativi Direzione Generale per lo Studente, l Integrazione, la partecipazione

Dettagli

I nuovi orizzonti per l'istruzione degli Adulti. Bologna, 18 febbraio 2014

I nuovi orizzonti per l'istruzione degli Adulti. Bologna, 18 febbraio 2014 I nuovi orizzonti per l'istruzione degli Adulti Bologna, 18 febbraio 2014 DPR 263 del 29 ottobre 2012 Regolamento recante norme generali per la ridefinizione dell'assetto organizzativo didattico dei Centri

Dettagli

Convegno Gli altri e noi: la sfida dell educazione interculturale Roma, 26-27 febbraio 2007

Convegno Gli altri e noi: la sfida dell educazione interculturale Roma, 26-27 febbraio 2007 Convegno Gli altri e noi: la sfida dell educazione interculturale Roma, 26-27 febbraio 2007 Quadro statistico: alunni con cittadinanza non italiana nelle scuole statali e non statali di Vinicio Ongini

Dettagli

Lo stato di salute della scuola torinese

Lo stato di salute della scuola torinese Lo stato di salute della scuola torinese Gli indicatori di salute riferiti al mondo scolastico sono numerosi ma non sempre di facile lettura e reperibilità. Un analisi dettagliata e puntuale della situazione

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2009-2010 1 2 INDICE Introduzione... 5 Sezione 1 Le scuole... 7 Il sistema scolastico lombardo... 9 1.1 Scuole statali... 9 1.2 Scuole non statali

Dettagli

L ISTRUZIONE UNIVERSITARIA NELLA PROVINCIA DI RIMINI

L ISTRUZIONE UNIVERSITARIA NELLA PROVINCIA DI RIMINI L ISTRUZIONE UNIVERSITARIA NELLA PROVINCIA DI RIMINI 1) GLI STUDENTI UNIVERSITARI RESIDENTI NELLA PROVINCIA DI RIMINI 1 Nell anno accademico 2003/2004 i riminesi iscritti a Corsi di Laurea (vecchio e nuovo

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Secondaria di Secondaria di II grado

COMUNICATO STAMPA. Secondaria di Secondaria di II grado Bologna, 24 Febbraio 2016 COMUNICATO STAMPA A.S. 2016/17 - ISCRIZIONE ALUNNI AL PRIMO ANNO DELLE SCUOLE STATALI E PARITARIE DI OGNI ORDINE E GRADO. IN REGIONE SONO PERVENUTE OLTRE 112 MILA DOMANDE. IN

Dettagli

FONDAZIONE CARIPARMA. Espr.it. la comunità genera nuovo welfare. Alcuni dati sulla provincia di Parma EDUCAZIONE E ISTRUZIONE

FONDAZIONE CARIPARMA. Espr.it. la comunità genera nuovo welfare. Alcuni dati sulla provincia di Parma EDUCAZIONE E ISTRUZIONE FONDAZIONE CARIPARMA Espr.it la comunità genera nuovo welfare Alcuni dati sulla provincia di Parma EDUCAZIONE E ISTRUZIONE 1 Scuole per l infanzia Servizi educativi per la prima infanzia Indice di copertura

Dettagli

Gli stranieri nella scuola secondaria di II grado della Provincia di Milano

Gli stranieri nella scuola secondaria di II grado della Provincia di Milano Gli stranieri nella scuola secondaria di II grado della Provincia di Milano Un breve estratto, arricchito di dettagli e approfondimenti, dalla ricerca Gli studenti stranieri nel sistema di istruzione secondaria

Dettagli

Tavola 5.1 Alunni iscritti nelle scuole statali, anno 2007/08 e 2006/07 Infanzia Primaria Sec. I grado Sec. II grado Totale PROVINCIA

Tavola 5.1 Alunni iscritti nelle scuole statali, anno 2007/08 e 2006/07 Infanzia Primaria Sec. I grado Sec. II grado Totale PROVINCIA 5 ISTRUZIONE In questo capitolo sono presentati i dati sull istruzione scolastica ed universitaria, i dati provengono dal Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca, che ora accorpa il

Dettagli

Alunni immigrati, quale scuola? Reggio Emilia 8-9 Maggio 2008

Alunni immigrati, quale scuola? Reggio Emilia 8-9 Maggio 2008 Alunni immigrati, quale scuola? Reggio Emilia 8-9 Maggio 2008 Relazione di Giuliana Casacci docente EMILIA ROMAGNA Questo breve contributo, per motivi organizzativi, non ha un respiro regionale ma riguarda

Dettagli

La comunità egiziana nel mercato del lavoro italiano

La comunità egiziana nel mercato del lavoro italiano La comunità egiziana nel mercato del lavoro italiano Roma, 8 maggio 2014 www.lavoro.gov.it www.integrazionemigranti.gov.it www.italialavoro.it Indice: 1. Presenza e caratteristiche socio-demografiche della

Dettagli

Le caratteristiche dei laureati al loro ingresso all università

Le caratteristiche dei laureati al loro ingresso all università 2. Le caratteristiche dei laureati al loro ingresso all università Nella popolazione indagata si manifesta una sovrarappresentazione dei laureati provenienti da contesti familiari avvantaggiati dal punto

Dettagli

L università piemontese nel 2014/15

L università piemontese nel 2014/15 5/6 6/7 7/8 8/9 9/1 1/11 11/12 12/13 13/14 14/15 L università piemontese nel 214/15 SISFORM Osservatorio sul sistema formativo piemontese ARTICOLO 2/ 215 (AGOSTO) QUANTI UNIVERSITARI STUDIANO IN PIEMONTE?

Dettagli

L integrazione scolastica degli alunni con disabilità a.s.2014/2015. (novembre 2015)

L integrazione scolastica degli alunni con disabilità a.s.2014/2015. (novembre 2015) L integrazione scolastica degli alunni con disabilità a.s.2014/2015 (novembre 2015) La presente pubblicazione fa riferimento ai dati aggiornati al 17 settembre 2015. I dati elaborati e qui pubblicati sono

Dettagli

GIOVANI STRANIERI IMMIGRATI A ROMA

GIOVANI STRANIERI IMMIGRATI A ROMA GIOVANI STRANIERI IMMIGRATI A ROMA Nel corso degli anni 90, il numero di permessi di soggiorno per l ingresso in Italia di minori stranieri è aumentato notevolmente. Si calcola infatti che negli ultimi

Dettagli

L integrazione scolastica degli alunni con disabilità

L integrazione scolastica degli alunni con disabilità L integrazione scolastica degli alunni con disabilità dati statistici A.S. 2012/2013 (ottobre 2013) La presente pubblicazione fa riferimento ai dati aggiornati a ottobre 2013. I dati elaborati e qui pubblicati

Dettagli

Focus Anticipazione sui principali dati della scuola statale A.S. 2015/2016. (Settembre 2015)

Focus Anticipazione sui principali dati della scuola statale A.S. 2015/2016. (Settembre 2015) Focus Anticipazione sui principali dati della scuola statale A.S. 2015/2016 (Settembre 2015) In occasione dell inizio dell anno scolastico si fornisce una breve sintesi dei principali dati relativi alla

Dettagli

Comunicato stampa. L identikit e le scelte dei diplomati calabresi

Comunicato stampa. L identikit e le scelte dei diplomati calabresi Comunicato stampa L identikit e le scelte dei diplomati calabresi I diplomati calabresi si raccontano prima e dopo il diploma. Quest anno la Regione Calabria ha esteso il progetto AlmaDiploma - l associazione

Dettagli

Le caratteristiche dei laureati al loro ingresso all università

Le caratteristiche dei laureati al loro ingresso all università 2. Le caratteristiche dei laureati al loro ingresso all università Nella popolazione dei laureati si manifesta una sovrarappresentazione dei figli delle classi avvantaggiate dal punto di vista socioculturale.

Dettagli

Inserimento professionale dei diplomati universitari

Inserimento professionale dei diplomati universitari 22 luglio 2003 Inserimento professionale dei diplomati universitari Indagine 2002 Nel corso degli ultimi anni l Istat ha rivisitato e notevolmente ampliato il patrimonio informativo sull istruzione e la

Dettagli

Ordinamenti. Scuola dell Infanzia e primo ciclo Regolamento dpr 89/2009 Leggere da art. 2 a art. 5. Scuola dell infanzia

Ordinamenti. Scuola dell Infanzia e primo ciclo Regolamento dpr 89/2009 Leggere da art. 2 a art. 5. Scuola dell infanzia Ordinamenti Il sistema di istruzione nazionale è interessato ad una fase di riforma degli ordinamenti che interessa tutti gli ordini di scuola e che si realizzerà in un arco di tempo molto ampio. Una prima

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Domande inoltrate dalle Famiglie con intermediazione delle scuole

COMUNICATO STAMPA. Domande inoltrate dalle Famiglie con intermediazione delle scuole Bologna, 18 Febbraio 2015 COMUNICATO STAMPA ISCRIZIONE ALUNNI IN REGIONE: PERVENUTE OLTRE 112 MILA DOMANDE OLTRE l 80% DELLE FAMIGLIE HA USUFRUITO DELLA PROCEDURA DI ISCRIZIONE ON LINE DISPONIBILI DA OGGI

Dettagli

Grado di istruzione della popolazione faentina residente al Censimento 2001

Grado di istruzione della popolazione faentina residente al Censimento 2001 Grado di istruzione della popolazione faentina residente al Censimento 2001 Sintesi del rapporto Possiamo affermare di essere un popolo più istruito rispetto al 1991. Aumentano le persone in possesso del

Dettagli

Bologna 76% Urbino 14,8% Milano 2,0% Ferrara 1,8% Ancona 1,5% Altri atenei 4,6%

Bologna 76% Urbino 14,8% Milano 2,0% Ferrara 1,8% Ancona 1,5% Altri atenei 4,6% L ISTRUZIONE UNIVERSITARIA NELLA PROVINCIA DI RIMINI 1) GLI STUDENTI UNIVERSITARI RESIDENTI NELLA PROVINCIA DI RIMINI 1 Il monitoraggio degli studenti riminesi iscritti a corsi di laurea, scuole di specializzazione

Dettagli

COMUNE DI UDINE. Dipartimento Programmazione Risorse finanziarie e patrimoniali - Politiche di acquisto U. Org. Studi e Statistica U.S.

COMUNE DI UDINE. Dipartimento Programmazione Risorse finanziarie e patrimoniali - Politiche di acquisto U. Org. Studi e Statistica U.S. COMUNE DI UDINE Dipartimento Programmazione Risorse finanziarie e patrimoniali - Politiche di acquisto U. Org. Studi e Statistica U.S. Studi ISTRUZIONE 1951-1991 COMUNE DI UDINE U.O. Studi e Statistica

Dettagli

DOSSIER STATISTICO IMMIGRAZIONE 2011 - SCHEDA SU LOMBARDIA E AREA MILANESE

DOSSIER STATISTICO IMMIGRAZIONE 2011 - SCHEDA SU LOMBARDIA E AREA MILANESE DOSSIER STATISTICO IMMIGRAZIONE 2011 - SCHEDA SU LOMBARDIA E AREA MILANESE Le presenze straniere in regione I residenti Secondo i dati Istat, a fine 2010 i residenti stranieri in Lombardia sono 1.064.447,

Dettagli

RAPPORTO SULLA SCUOLA PISTOIESE RILEVAZIONI STATISTICHE SUL SISTEMA SCOLASTICO ATTRAVERSO I DATI DELL OSSERVATORIO SCOLASTICO PROVINCIALE A.S.

RAPPORTO SULLA SCUOLA PISTOIESE RILEVAZIONI STATISTICHE SUL SISTEMA SCOLASTICO ATTRAVERSO I DATI DELL OSSERVATORIO SCOLASTICO PROVINCIALE A.S. RAPPORTO SULLA SCUOLA PISTOIESE RILEVAZIONI STATISTICHE SUL SISTEMA SCOLASTICO ATTRAVERSO I DATI DELL OSSERVATORIO SCOLASTICO PROVINCIALE A.S. 2012/13 Il nuovo Rapporto sulla scuola Pistoiese ultimato

Dettagli

Milano. Settore Statistica e S.I.T. Scuole dell infanzia, Primarie e Secondarie di I grado. Anno scolastico 2009 2010.

Milano. Settore Statistica e S.I.T. Scuole dell infanzia, Primarie e Secondarie di I grado. Anno scolastico 2009 2010. Milano Settore Statistica e S.I.T. Scuole dell infanzia, Primarie e Secondarie di I grado Anno scolastico 2009 2010 Comune di Milano - Dati di sintesi - A cura di: Vittoria Carminati Elaborazione dati:

Dettagli

RELAZIONE PROVE INVALSI 2013 Introduzione

RELAZIONE PROVE INVALSI 2013 Introduzione RELAZIONE PROVE INVALSI 2013 Introduzione L Istituto Nazionale per La Valutazione del Sistema di Istruzione (INValSI), su direttiva del Ministero dell Istruzione, ha predisposto un sistema di rilevazione

Dettagli

I NUMERI DELLA SCUOLA

I NUMERI DELLA SCUOLA Ministero della Pubblica Istruzione Dipartimento per la Programmazione Ministeriale, per la Gestione del Bilancio e per le Risorse umane e dell Informazione I NUMERI DELLA SCUOLA settembre 2007 RTI : EDS

Dettagli

della L.R. n. 28/2001 e codificato secondo quanto previsto dal D.Lgs. 118/2011;

della L.R. n. 28/2001 e codificato secondo quanto previsto dal D.Lgs. 118/2011; 14208 della L.R. n. 28/2001 e codificato secondo quanto previsto dal D.Lgs. 118/2011; di comunicare la presente deliberazione al Consiglio regionale ai sensi dell art. 42 della L.R. n. 28/2001 e successive

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

7ISTRUZIONE E FORMAZIONE

7ISTRUZIONE E FORMAZIONE 7ISTRUZIONE E FORMAZIONE Nell anno scolastico 2012/2013 gli studenti iscritti nelle scuole di diverso grado e ordine sono quasi nove milioni, circa 17.500 in meno rispetto al precedente anno. Gli alunni

Dettagli

3L ALTA FORMAZIONE ARTISTICA

3L ALTA FORMAZIONE ARTISTICA 3L ALTA FORMAZIONE ARTISTICA E MUSICALE IL PERSONALE GLI ISCRITTI I DIPLOMATI LA CONTRIBUZIONE E IL DIRITTO ALLO STUDIO I NUOVI INGRESSI NEI CORSI SUPERIORI 3 L ALTA FORMAZIONE ARTISTICA E MUSICALE Variabile

Dettagli

Allegato: PIANO NAZIONALE L2 INTERVENTI PER L INSEGNAMENTO / APPRENDIMENTO DI ITALIANO L2 PER ALUNNI DI RECENTE IMMIGRAZIONE DI SCUOLA SECONDARIA DI

Allegato: PIANO NAZIONALE L2 INTERVENTI PER L INSEGNAMENTO / APPRENDIMENTO DI ITALIANO L2 PER ALUNNI DI RECENTE IMMIGRAZIONE DI SCUOLA SECONDARIA DI Allegato: PIANO NAZIONALE L2 INTERVENTI PER L INSEGNAMENTO / APPRENDIMENTO DI ITALIANO L2 PER ALUNNI DI RECENTE IMMIGRAZIONE DI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO E SECONDO GRADO Il fenomeno della elevata presenza

Dettagli

VIDEOCONFERENZA CON I DIRIGENTI SCOLASTICI

VIDEOCONFERENZA CON I DIRIGENTI SCOLASTICI VIDEOCONFERENZA CON I DIRIGENTI SCOLASTICI sul tema: ORGANICO DI DIRITTO del personale docente a.s. 2007/08 Relatrice: Maria Luisa Altomonte IL SISTEMA SCOLASTICO STATALE IN EMILIA ROMAGNA LE - 1 Le sedi

Dettagli

Giovani, scuola e crisi in Piemonte. Progetto giovani carla nanni

Giovani, scuola e crisi in Piemonte. Progetto giovani carla nanni Giovani, scuola e crisi in Piemonte Progetto giovani carla nanni I giovani in obbligo di istruzione/formativo Descrizione della partecipazione dei giovani in obbligo di istruzione e formazione prima e

Dettagli

Conferenza stampa congiunta per la fine dell anno scolastico 2014/2015. Bolzano, 13 luglio 2015 Ore 11,00. Sala Stampa di Palazzo Widmann

Conferenza stampa congiunta per la fine dell anno scolastico 2014/2015. Bolzano, 13 luglio 2015 Ore 11,00. Sala Stampa di Palazzo Widmann Landeshauptmannstellvertreter Landesrat für italienische Kultur, Bildung, Wohnungsbau, Grundbuch, Kataster, Genossenschaftswesen und öffentliche Bauten Vicepresidente della Provincia Assessore alla Cultura,

Dettagli

IL MERCATO DEI MUTUI SOTTO LA LENTE DEL GRUPPO TECNOCASA ANALISI DEL MUTUATARIO

IL MERCATO DEI MUTUI SOTTO LA LENTE DEL GRUPPO TECNOCASA ANALISI DEL MUTUATARIO IL MERCATO DEI MUTUI SOTTO LA LENTE DEL GRUPPO TECNOCASA ANALISI DEL MUTUATARIO PREMESSA I segnali di ripartenza sul mercato del credito sono sempre più evidenti. Le prime avvisaglie di miglioramento si

Dettagli

Allievi di cittadinanza non italiana nelle scuole di ogni ordine e grado nell'anno scolastico 2005-2006

Allievi di cittadinanza non italiana nelle scuole di ogni ordine e grado nell'anno scolastico 2005-2006 Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte Allievi di cittadinanza non italiana nelle scuole di ogni ordine e grado nell'anno scolastico 2005-2006 a cura di Silvana Mosca, Lorenzo Capisani, Antonio D

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MONTECCHIO EMILIA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MONTECCHIO EMILIA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MONTECCHIO EMILIA COMMISSIONE ORIENTAMENTO COORDINAMENTO DELLE ATTIVITA DI ORIENTAMENTO A.S. 2009-2010 DOMENICO FONTANESI AMILCARE FERRARI MARIA ROSA CROTTI GIUGNO 2010 ..la scuola

Dettagli

1.1 Gli iscritti. Capitolo 1 IL PROFILO DELLA SCUOLA PIEMONTESE. Per informazioni di dettaglio Sezione statistica A

1.1 Gli iscritti. Capitolo 1 IL PROFILO DELLA SCUOLA PIEMONTESE. Per informazioni di dettaglio Sezione statistica A 1 2 3 4 5 il profilo della scuola piemontese Il capitolo propone una lettura d insieme delle caratteristiche strutture, iscritti ed esiti del sistema scolastico piemontese, statale e non statale. Da alcuni

Dettagli

Capitolo 5.2. Relazione Annuale

Capitolo 5.2. Relazione Annuale Capitolo 5.2 Il sistema dell istruzione in Piemonte Luisa Donato, Carla Nanni Si ringraziano Sergio Laterra (Regione Piemonte), Marco Filisetti (MIUR), Mario Gobello (Regione Piemonte), Marco Filisetti

Dettagli

MIUR.AOODRVEUff.4/ n. 16710_C27a Venezia, 29 dicembre 2014

MIUR.AOODRVEUff.4/ n. 16710_C27a Venezia, 29 dicembre 2014 MIUR.AOODRVEUff.4/ n. 16710_C27a Venezia, 29 dicembre 2014 Ai Dirigenti delle Scuole statali e paritarie di ogni ordine e grado del Veneto e p.c. Ai Dirigenti Amministrativi e tecnici della Direzione Generale

Dettagli

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi A cura del Centro Regionale di Documentazione per l Infanzia e l Adolescenza Istituto degli Innocenti Per quanto le adozioni, coerentemente con quanto avviene

Dettagli

1 Istruzione. 1.1 Asilo nido o nido d infanzia

1 Istruzione. 1.1 Asilo nido o nido d infanzia 1 Istruzione In Italia esiste il diritto-dovere all istruzione e alla formazione che inizia a 6 anni. Il sistema nazionale di istruzione è rappresentato dalle scuole pubbliche e private. La scuola dell

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Allegato: Tabella 1 Organico di istituto personale ATA anno scolastico 2012/2013- Circoli didattici, scuole secondarie di I grado e istituti comprensivi di scuola dell infanzia, primaria e secondaria di

Dettagli

Ricerca Uil Scuola. da affiggere all'albo sindacale della scuola, ai sensi dell'art. 25 della legge n. 300 del 20.5.70

Ricerca Uil Scuola. da affiggere all'albo sindacale della scuola, ai sensi dell'art. 25 della legge n. 300 del 20.5.70 Ricerca Uil Scuola da affiggere all'albo sindacale della scuola, ai sensi dell'art. 25 della legge n. 300 del 20.5.70 Non solo bambini Stranieri adulti sui banchi di scuola Una fotografia dell Italia che

Dettagli

LA CIVICA SCUOLA PRIMARIA PER L EDUCAZIONE ALLO SPORT E ALLA MUSICA SAN GIUSTO

LA CIVICA SCUOLA PRIMARIA PER L EDUCAZIONE ALLO SPORT E ALLA MUSICA SAN GIUSTO LA CIVICA SCUOLA PRIMARIA PER L EDUCAZIONE ALLO SPORT E ALLA MUSICA SAN GIUSTO COMMISSIONE EDUCAZIONE 10 APRILE 2013 1 LA SCUOLA PRIMARIA DI VIA S.GIUSTO La Scuola Civica Primaria è stata istituita con

Dettagli

alunni con cittadinanza non italiana

alunni con cittadinanza non italiana Ministero della Pubblica Istruzione Direzione Generale per i Sistemi Informativi Direzione Generale Studi e Programmazione con cittadinanza non italiana scuole statali e non statali anno scolastico /7

Dettagli

Anticipazione dei principali dati

Anticipazione dei principali dati Ministero della Pubblica Istruzione Direzione Generale per i Sistemi Informativi Alunni con cittadinanza non italiana Scuole statali e non statali Anno scolastico 2005-2006 settembre 2006 RTI : EDS Electronic

Dettagli

LA PARTECIPAZIONE DEI GIOVANI AL SISTEMA UNIVERSITARIO ROMANO

LA PARTECIPAZIONE DEI GIOVANI AL SISTEMA UNIVERSITARIO ROMANO LA PARTECIPAZIONE DEI GIOVANI AL SISTEMA UNIVERSITARIO ROMANO Anno accademico 2013-2014 Indice Gli iscritti alle università romane... 3 L offerta formativa... 7 Gli immatricolati per corso di laurea...

Dettagli

5. Risultati scolastici nelle scuole statali

5. Risultati scolastici nelle scuole statali 5. Risultati scolastici nelle scuole statali 5.1 Ritardo-parità-anticipo nella scuola secondaria di primo e secondo grado In questo terzo rapporto sulla scuola si è deciso di proseguire l analisi relativa

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MONTECCHIO EMILIA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MONTECCHIO EMILIA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MONTECCHIO EMILIA COMMISSIONE ORIENTAMENTO COORDINAMENTO DELLE ATTIVITA DI ORIENTAMENTO A.S. 2011-2012 DOMENICO FONTANESI CELESTE MASCOLO MARTA DALL AGLIO MARZO 2012 ..la scuola

Dettagli

REGOLAMENTO DI ISTITUTO PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI PRIME E L ASSEGNAZIONE DEGLI ALUNNI ALLE CLASSI

REGOLAMENTO DI ISTITUTO PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI PRIME E L ASSEGNAZIONE DEGLI ALUNNI ALLE CLASSI Istituto Comprensivo GIORGIO GABER Scuola Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria I grado Via Trieste, 85 55041 Lido di Camaiore (LU) Tel. 0584 67563 Fax 0584 67047 e-mail: luic83200q@istruzione.it

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE secondo il Modello CAF. Questionari di gradimento e Indicatori di risultato

AUTOVALUTAZIONE secondo il Modello CAF. Questionari di gradimento e Indicatori di risultato AUTOVALUTAZIONE secondo il Modello CAF Questionari di gradimento e Indicatori di risultato Cristina Cosci Dirigente scolastico Valutatore EFA (External Feedback Actor) Firenze 22 aprile 2013 QUESTIONARI

Dettagli

LICEO ARTISTICO DI VERONA CORSO SERALE

LICEO ARTISTICO DI VERONA CORSO SERALE LICEO ARTISTICO DI VERONA CORSO SERALE Premessa Il CORSO SERALE del Liceo Artistico statale di Verona Nani Boccioni, che prende avvio nell a.s. 2014/15, intende rispondere ai bisogni di un utenza particolare,

Dettagli

Il dirigente scolastico Prof. Michelino Valente

Il dirigente scolastico Prof. Michelino Valente Comunicazione n. 29 Grumo Appula, 19/10/2015 e p.c. Ai docenti dell Istituto Comprensivo Ai genitori degli allievi Ai membri del Consiglio d Istituto All albo del sito web Alla D.S.G.A. SEDE OGGETTO: assicurazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO "ALVARO - GEBBIONE" 89100 REGGIO CALABRIA Via Botteghelle, 29. Tel. 0965/621049 - Fax 0965/591683 e-mail rcic870003@istruzione.

ISTITUTO COMPRENSIVO ALVARO - GEBBIONE 89100 REGGIO CALABRIA Via Botteghelle, 29. Tel. 0965/621049 - Fax 0965/591683 e-mail rcic870003@istruzione. ISTITUTO COMPRENSIVO "ALVARO - GEBBIONE" 89100 REGGIO CALABRIA Via Botteghelle, 29 C.F. 92031140806 C.M.RCIC870003 Tel. 0965/621049 - Fax 0965/591683 e-mail rcic870003@istruzione.it Allegato al POF I CRITERI

Dettagli

Alcuni dati sui servizi educativi a favore dei minori stranieri

Alcuni dati sui servizi educativi a favore dei minori stranieri Città di Torino Divisione Servizi Educativi Settore Integrazione educativa Alcuni dati sui servizi educativi a favore dei minori stranieri a cura di Carla Bonino Gli interventi che la Divisione Servizi

Dettagli

2. GLI INTERNATIONAL STUDENT A MILANO: QUANTI SONO

2. GLI INTERNATIONAL STUDENT A MILANO: QUANTI SONO CAPITOLO 2 indagine QuAntitAtivA Maria Teresa Morana 1. INTRODUZIONE Gli studenti stranieri che decidono di studiare nel Comune di per un breve o lungo periodo possono scegliere tra i corsi di istruzione

Dettagli

Capitolo IX ATTIVITA DI FORMAZIONE DEGLI ADULTI. Qualifica professionale con valutazione dei crediti formativi

Capitolo IX ATTIVITA DI FORMAZIONE DEGLI ADULTI. Qualifica professionale con valutazione dei crediti formativi Capitolo IX ATTIVITA DI FORMAZIONE DEGLI ADULTI Qualifica professionale con valutazione dei crediti formativi Premessa Il corso serale dell I.P.S.I.A. Romolo Zerboni è presente da molti decenni nella qualificazione

Dettagli

Appendice Statistica

Appendice Statistica REGIONE CALABRIA Dipartimento Istruzione, Università, Alta Formazione, Innovazione e Ricerca Osservatorio Regionale sull Istruzione e il Diritto allo Studio Dieci anni di scuola calabrese Appendice Statistica

Dettagli

PROGETTO TUTOR per studenti con Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA)

PROGETTO TUTOR per studenti con Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA) Provincia di Reggio Emilia PROGETTO TUTOR per studenti con Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA) ATTIVITA DI TUTORATO POMERIDIANO PER STUDENTI CON DSA A.S.2012/2013 DSA: cosa sono? I disturbi specifici

Dettagli

I. CLASSI PRIME DELL A.S. 2014-15 MODELLI DI FUNZIONAMENTO E OFFERTA FORMATIVA (Dpr 89/2009)

I. CLASSI PRIME DELL A.S. 2014-15 MODELLI DI FUNZIONAMENTO E OFFERTA FORMATIVA (Dpr 89/2009) M i n i s t e r o d e l l i s t r u z i o n e, d e l l u n i v e r s i t à e d e l l a r i c e r c a Istituto Comprensivo Como Prestino Breccia Via Picchi 6 22100 Como - Tel: 031 507192 - Fax: 031 5004738

Dettagli

La scuola per gli adulti

La scuola per gli adulti Studiare in Italia La scuola per gli adulti In Italia esistono corsi di istruzione e formazione anche per gli adulti (oltre i 16 anni). Dove? nei CPIA nelle scuole superiori serali in rete coi CPIA nella

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Schema di regolamento recante Revisione dell assetto ordinamentale, organizzativo e didattico della scuola dell infanzia e del primo ciclo di istruzione ai sensi dell'articolo 64 del decreto legge 25 giugno

Dettagli

ASSE IV CAPITALE UMANO

ASSE IV CAPITALE UMANO ASSE IV CAPITALE UMANO 1.PERCORSI FORMATIVI E SERVIZI SUCCESSIVI AL CONSEGUIMENTO DELL OBBLIGO Attività SCOLASTICO FINO A 16 ANNI, RIVOLTI ALL ACQUISIZIONE DI UNA QUALIFICA 2. PERCORSI FORMATIVI ANCHE

Dettagli

Per ulteriori approfondimenti si veda l Osservatorio Istruzione 2013, Ires, 2014 (www.sisform.piemonte.it). 2

Per ulteriori approfondimenti si veda l Osservatorio Istruzione 2013, Ires, 2014 (www.sisform.piemonte.it). 2 Capitolo 5.3 Il sistema dell istruzione in Piemonte Numeri della scuola Nel 2012/13 il sistema scolastico e formativo piemontese ha accolto 607mila allievi, circa 3mila in più rispetto all anno precedente

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l istruzione Direzione generale per il personale della scuola Tabella 1 - Prospetto 1/A Personale amministrativo, tecnico ed

Dettagli

Statistiche delle scuole secondarie superiori

Statistiche delle scuole secondarie superiori SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA Statistiche delle scuole secondarie superiori Anno scolastico 1998-99 A cura di:

Dettagli

ISTRUZIONE DEGLI ADULTI (D.P.R 263/2012) LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO

ISTRUZIONE DEGLI ADULTI (D.P.R 263/2012) LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO ISTRUZIONE DEGLI ADULTI (D.P.R 263/2012) **** LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (Art.11, comma 10, D.P.R 263/2012) I risultati di apprendimento attesi in esito ai percorsi di alfabetizzazione

Dettagli

Progetto Non uno di meno per l integrazione positiva delle ragazze e dei ragazzi immigrati

Progetto Non uno di meno per l integrazione positiva delle ragazze e dei ragazzi immigrati Ministero della Pubblica Istruzione Osservatorio nazionale per l integrazione degli alunni stranieri e per l educazione interculturale Progetto Non uno di meno per l integrazione positiva delle ragazze

Dettagli

DOSSIER STATISTICO IMMIGRAZIONE 2008 - SCHEDA SU LOMBARDIA E AREA MILANESE

DOSSIER STATISTICO IMMIGRAZIONE 2008 - SCHEDA SU LOMBARDIA E AREA MILANESE DOSSIER STATISTICO IMMIGRAZIONE 2008 - SCHEDA SU LOMBARDIA E AREA MILANESE Gli stranieri in Lombardia I cittadini stranieri presenti in Lombardia al 31.12.2007 sono oltre 953.600 in base alla stima massima

Dettagli

Test di conoscenza della lingua italiana

Test di conoscenza della lingua italiana Prefettura di Torino Ufficio Territoriale di Governo Test di conoscenza della lingua italiana a cura di Donatella Giunti 51 La legge n. 94/2009 ha previsto che, per ottenere il rilascio del permesso di

Dettagli

La scuola in Italia Un diritto - dovere Informarsi

La scuola in Italia Un diritto - dovere Informarsi La scuola in Italia Un diritto - dovere La Costituzione italiana riconosce il diritto all istruzione e alla formazione per tutti. L istruzione e la formazione non sono solo un diritto, ma sono anche un

Dettagli

5.3 Giudizio sintetico di licenza media e punteggio di diploma di maturità.

5.3 Giudizio sintetico di licenza media e punteggio di diploma di maturità. 5.3 Giudizio sintetico di licenza media e punteggio di diploma di maturità. Il presente capitolo si propone di completare l approfondimento sugli esiti scolastici andando a considerare in dettaglio i giudizi

Dettagli

Investimento sull istruzione e formazione dei giovani Articolazione unitaria del sistema libertà di scelta Flessibilità strutturale

Investimento sull istruzione e formazione dei giovani Articolazione unitaria del sistema libertà di scelta Flessibilità strutturale Investimento sull istruzione e formazione dei giovani per favorire la crescita personale, culturale e professionale in linea con le politiche del capitale umano, assicurando loro conoscenze, abilità, capacità

Dettagli

LA FORMAZIONE POST-LAUREA 1

LA FORMAZIONE POST-LAUREA 1 Università Ricerca AFAM Numero 10 LA FORMAZIONE POST-LAUREA 1 Gli studenti che dopo aver conseguito la laurea proseguono nella loro formazione sono in costante crescita e si aggirano attualmente intorno

Dettagli

Rapporto di ricerca realizzato per la Provincia di Bologna dalla Fondazione di ricerca Istituto Carlo Cattaneo

Rapporto di ricerca realizzato per la Provincia di Bologna dalla Fondazione di ricerca Istituto Carlo Cattaneo Fondazione di ricerca Istituto Carlo Cattaneo CITTADINI STRANIERI IN PROVINCIA DI BOLOGNA CARATTERISTICHE E TENDENZE Cittadini stranieri e percorsi scolastici e formativi in provincia di Bologna Edizione

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

I giovani maceratesi dopo il conseguimento del diploma: percorsi formativi e di lavoro. 2. L indagine «Un anno dopo»: generalità e primi risultati

I giovani maceratesi dopo il conseguimento del diploma: percorsi formativi e di lavoro. 2. L indagine «Un anno dopo»: generalità e primi risultati Un anno dopo I giovani maceratesi dopo il conseguimento del diploma: percorsi formativi e di lavoro Sergio Pollutri Istat ERM sede per le Marche Macerata, 24 ottobre 2014 Indice 1. Premessa 2. L indagine

Dettagli

superiore verso gli esercizi complementari, le cui quote di mercato risultano comunque largamente inferiori a quelle degli alberghi, che raccolgono

superiore verso gli esercizi complementari, le cui quote di mercato risultano comunque largamente inferiori a quelle degli alberghi, che raccolgono 13. Turismo Il turismo nel comune di Roma si conferma uno dei principali assi di sviluppo del territorio, costituendo, all interno del sistema economico e sociale, un elemento centrale di crescita, che

Dettagli

COME STA LA SCUOLA ITALIANA? ECCO I DATI DEL RAPPORTO INVALSI 2014

COME STA LA SCUOLA ITALIANA? ECCO I DATI DEL RAPPORTO INVALSI 2014 Pagina 1 di 5 COME STA LA SCUOLA ITALIANA? ECCO I DATI DEL RAPPORTO INVALSI 2014 No Comments E stato presentato questa mattina al Ministero dell Istruzione il rapporto INVALSI 2014. Complessivamente sono

Dettagli

Uno sguardo sull istruzione: Indicatori dell OCSE 2012

Uno sguardo sull istruzione: Indicatori dell OCSE 2012 SCHEDA PAESE Uno sguardo sull istruzione: Indicatori dell OCSE 2012 PRINCIPALI CONCLUSIONI ITALIA I tassi d iscrizione all università sono aumentati dopo che l Italia ha introdotto una nuova struttura

Dettagli

TESTO UNICO. Art 39 $FFHVVRDLFRUVLGHOO XQLYHUVLWj. REGOLAMENTO ATTUATIVO Art 45,VFUL]LRQHVFRODVWLFD Art 46 $FFHVVRGHJOLVWUDQLHULDOOH università)

TESTO UNICO. Art 39 $FFHVVRDLFRUVLGHOO XQLYHUVLWj. REGOLAMENTO ATTUATIVO Art 45,VFUL]LRQHVFRODVWLFD Art 46 $FFHVVRGHJOLVWUDQLHULDOOH università) 5LIHULPHQWLQRUPDWLYL TESTO UNICO Art 38,VFUL]LRQHGHJOLVWUDQLHUL(GXFD]LRQH LQWHUFXOWXUDOH Art 39 $FFHVVRDLFRUVLGHOO XQLYHUVLWj REGOLAMENTO ATTUATIVO Art 45,VFUL]LRQHVFRODVWLFD Art 46 $FFHVVRGHJOLVWUDQLHULDOOH

Dettagli