E. Alberto Bertolotti Amministratore Delegato ACF SpA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "E. Alberto Bertolotti Amministratore Delegato ACF SpA"

Transcript

1 E. Alberto Bertolotti Amministratore Delegato ACF SpA

2 IL METODO ANALISI DI ALCUNE DELLE PRINCIPALI MISURE AGEVOLATIVE LOMBARDE PER LE PMI INDUSTRIALI MISURE AGEVOLATIVE ANALIZZATE METODOLOGIA ANALISI ECONOMICO FINANZIARIA BANDO FRIM BANDO FRIM FESR BANDO FRIM START UP Circa imprese attive (2013) Fatturato da 2M -50 M Periodo Bilanci normativa italiana Banca dati AIDA (agg. OTTOBRE 2014) 2

3 MISURE AGEVOLATIVE REGIONALI UNA SINTESI 1. Aumento delle domande presentate FRIM - Sviluppo Aziendale: nel triennio le domande presentate a valere sul FRIM sono aumentate del 90% (521). FRIM FESR Linea 1/2: anche per questo bando nell ultimo triennio si evidenzia un aumento dei progetti presentati (da 65 nel 2012 a 90 nel 2014). 2. Percentuale di successo FRIM - Sviluppo Aziendale: la percentuale di successo, in linea con l aumento dei progetti presentati, cresce passando dal 51% del 2012 all 81% del FRIM FESR Linea 1/2 : Nonostante l aumento del progetti presentati si evidenzia un calo del tasso del successo passando dal 57% (2012) al 47% (2014). 3

4 MISURE AGEVOLATIVE REGIONALI UNA SINTESI DOMANDE PRESENTATE FRIM FRIM FESR 4

5 FRIM FONDO DI ROTAZIONE PER L IMPRENDITORIALITÀ SVILUPPO AZIENDALE 5

6 FRIM DOMANDE PRESENTATE Le Società che hanno presentato nel 2014 domanda per adesione al fondo di rotazione per l imprenditorialità sono 521. Netto l aumento del numero delle domande rispetto al triennio precedente (90%). Tale evoluzione è, in parte, riconducibile alla variazione della normativa da ottobre Il nuovo provvedimento prevede, infatti, l ampliamento delle tipologie di soggetti beneficiari. 6

7 FRIM DETTAGLIO PER PROVINCIA 7

8 FRIM CONTRIBUTI E AMMISSIONI Le società che hanno presentato domanda per adesione al FRIM nel 2014 sono 141. La percentuale di ammissione è dell 81%. Distribuzione delle domande presentate Per ammissione % Domande non ammesse 77% Domande ammesse Distribuzione delle domande presentate Per ammissione % 81% Domande non ammesse Domande ammesse

9 FRIM DISTRIBUZIONE PER PROVINCIA Dal grafico sottostante si evidenzia come Brescia, Bergamo e Milano abbiano la più elevata concentrazione di domande presentate per il FRIM 2014, rappresentando nel complesso il 67% del totale. Brescia è prima per numero di progetti presentati. Distribuzione delle Società che hanno presentato progetti Per provincia Bergamo 20% Brescia 28% Sondrio Varese 2% 5% Pavia 1% Mantova 4% Milano 18% Monza/brianza 4% Lodi 1% Como 6% Cremona 4% Lecco 7% 9

10 FRIM DISTRIBUZIONE PER PROVINCIA Dal grafico sottostante si evidenzia come le società ammesse a contributo si concentrino prevalentemente nelle provincie di Brescia, Bergamo e Milano. Brescia è prima per numero di progetti presentati. Distribuzione delle Società ammesse Per provincia Bergamo 21% Brescia 30% Varese 4% Sondrio 2% Pavia 2% Mantova 4% Milano 17% Monza/brianza 4% Como 5% Cremona 3% Lecco 7% Lodi 1% 10

11 FRIM DOMANDE AMMESSE Dal grafico sottostante si evidenzia come per il 2014 la percentuale media di ammissione è di circa il 77%. Da rilevare il decisivo aumento della percentuale di successo nelle province di Bergamo, Lecco, Lodi e Sondrio. 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% % Ammissione

12 Dal grafico sottostante si evidenzia come la provincia di Brescia sia la prima per contributi concessi (il 30% del totale). FRIM DOMANDE AMMESSE CONTRIBUTI CONCESSI BG BS CO CR LC LO MB MI MN PV SO VA 12

13 Le Società che hanno partecipato al Bando FRIM 2014 sono caratterizzate da un rischio di credito scarso: Solo il 35% delle aziende partecipanti ha uno scoring compreso tra AAA e BB. FRIM STATISTICHE QUANTITATIVE Distribuzione delle Società che hanno presentato progetti Per classe di rating BB 35% B 47% Distribuzione delle Società che hanno presentato progetti Per classe di rating B 56% BB 27% BBB 9% A 2% AA 2% CC 1% CCC 4% BBB 3% A 3% AAA 2% CC 2% CCC 7% 13

14 Anche le Società ammesse al bando FRIM 2014 sono caratterizzate da un rischio di credito scarso. Solo il 38% delle aziende partecipanti ha uno scoring compreso tra AAA e BB. FRIM STATISTICHE QUANTITATIVE Distribuzione delle Società ammesse Per classe di rating Distribuzione delle Società ammesse Per classe di rating BB 37% B 43% B 55% BB 30% BBB 10% A 2% AA 2% CC 1% CCC 5% BBB 3% A 3% AAA 2% CC 2% CCC 5% 14

15 FRIM CONFRONTI E CONCLUSIONI Il trend delle domande presentate per il bando FRIM è in forte aumento (dai 57 progetti presentati nel 2009 ai 521 del 2014). L aumento del numero delle domande é riconducibile all ampliamento delle tipologie di soggetti beneficiari, sancito dalla nuova normativa del FRIM DOMANDE PRESENTATE FRIM 15

16 FRIM CONFRONTI E CONCLUSIONI Di pari passo all aumento dei progetti presentati, anche i contributi concessi sono in aumento. Nel 2014 sono stati concessi CONTRIBUTI CONCESSI FRIM 16

17 Dall analisi delle Società che hanno presentato progetti sul bando FRIM nel 2014 emerge che: FRIM CONCLUSIONI I progetti presentati per partecipare al FRIM 2014 sono ben 521. La percentuale di ammissione si attesta al 80,81%. Brescia è la prima provincia per numero di progetti presentati (28%) seguita a stretto giro da Bergamo (21%) e Milano (18%). Le Società che hanno presentato progetti di investimento nel 2014 si collocano principalmente nelle fasce di Rating medio basse. 17

18 FRIM-FESR FONDO DI ROTAZIONE PER L IMPRENDITORIALITÀ FONDO EUROPEO PER LO SVILUPPO REGIONALE RICERCA E SVILUPPO 18

19 FRIM FESR DOMANDE PRESENTATE Nel corso di quest anno 90 Società hanno presentato domanda per adesione al fondo di rotazione per l imprenditorialità FRIM FESR, specializzato nell innovazione e nell applicazione industriale della ricerca. La percentuale di successo si attesta al 46,67%. STRUMENTO ANNI D. PRESENTATE D. AMMESSE % SUCCESSO ,67% FRIM-FESR R&S ,83% ,82% ,92% FRIM-FESR R&S nuovo bando ,06% ,67% 19

20 FRIM FESR DETTAGLIO PER PROVINCIA DOMANDE PRESENTATE 2014 DOMANDE NON AMMESSE DOMANDE AMMESSE TOT. CONTRIBUTO CONCESSO Bergamo ,00 Brescia ,50 Como ,00 Cremona ,00 Lecco ,00 Lodi ,00 Mantova ,00 Milano ,90 Monza/brianza ,00 Pavia ,00 Sondrio ,00 Varese ,00 TOTALE ,40 20

21 FRIM FESR CONTRIBUTI E AMMISSIONI Le società che hanno presentato domanda per adesione al FRIM FESR nel 2014 sono pari a 90. La percentuale di ammissione è del 47%. Distribuzione delle domande presentate Per ammissione % 58% Distribuzione delle domande presentate Per ammissione 2014 Domande non ammesse Domande ammesse 53% 47% Domande non ammesse Domande ammesse 21

22 FRIM FESR DISTRIBUZIONE PER PROVINCIA Dal grafico sottostante si evidenzia come Brescia e Milano abbiano la più elevata concentrazione di domande presentate per il FRIM FESR 2014, rappresentando nel complesso il 68% del totale Distribuzione delle Società che hanno presentato progetti Per provincia Brescia 32% Bergamo 11% Varese 9% Sondrio 1% Pavia 4% Milano 36% Cremona 1% Lecco 4% Monza/brianza 2% 22

23 FRIM FESR DISTRIBUZIONE PER PROVINCIA Dal grafico sottostante si evidenzia come le società ammesse a contributo si concentrino prevalentemente nelle provincie di Milano e Brescia. Brescia è prima per numero di progetti ammessi Distribuzione delle Società ammesse Per provincia Bergamo 5% Varese 10% Sondrio 2% Pavia 2% Brescia 38% Milano 33% Cremona 3% Lecco 2% Monza/brianza 5% 23

24 FRIM FESR DOMANDE AMMESSE Dal grafico sottostante si evidenzia come, sulle tre province statisticamente più rilevanti, la percentuale di ammissione sia in calo. % Ammissione 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0%

25 Come evidenzia il grafico sottostante la provincia di Brescia ha la più alta concentrazione di contributi concessi (il 44%). FRIM FESR DOMANDE AMMESSE CONTRIBUTI CONCESSI BG BS CR LC MB MI PV SO VA 25

26 Le Società che hanno partecipato al Bando FRIM FESR 2014 sono caratterizzate da un rischio di credito medio: il 40% delle aziende partecipanti ha uno scoring compreso tra AAA e BB. FRIM FESR STATISTICHE QUANTITATIVE Distribuzione delle Società che hanno presentato progetti Per classe di rating B 51% Distribuzione delle Società che hanno presentato progetti Per classe di rating B 50% BB 31% BB 33% BBB 6% CC 2% CCC 10% BBB 5% AA 1% AAA 1% D 1% CC 1% CCC 8% 26

27 Anche per quanto riguarda le Società ammesse al bando FRIM FESR 2014 emerge un rischio di credito medio: il 49% delle aziende partecipanti ha uno scoring compreso tra AAA e BB. FRIM FESR STATISTICHE QUANTITATIVE Distribuzione delle Società ammesse Per classe di rating Distribuzione delle Società ammesse Per classe di rating BB 42% B 43% BB 42% B 43% BBB 7% D 3% CCC 5% BBB 7% D 3% CCC 5% 27

28 FRIM FESR CONFRONTI E CONCLUSIONI Il numero dei progetti presentati per il bando FRIM FESR 2014 risulta in linea con il dato dell anno DOMANDE PRESENTATE FRIM FESR 28

29 FRIM FESR CONFRONTI E CONCLUSIONI Nonostante i progetti presentati si siano mantenuti sugli stessi livelli il contributo concesso nel 2014 è di molto inferiore al dato emerso dal 2013, denotando un calo del 28%. CONTRIBUTI CONCESSI FRIM FESR 29

30 FRIM FESR CONCLUSIONI Dall analisi delle Società che hanno presentato progetti per partecipare al fondo di rotazione per l imprenditorialità FRIM FESR 2014 emerge che: I progetti presentati per partecipare al FRIM FESR 2014 sono pari a 90. La percentuale di ammissione si attesta al 46,67%. Milano e Brescia sono le provincie con il maggior numero di progetti presentati. Le Società che hanno presentato progetti di investimento per la ricerca e l applicazione industriale si collocano principalmente nelle fasce di Rating medio. 30

31 FRIM START UP 31

32 PROGETTI AMMESSI FINANZIAMENTO FRIM START UP DOMANDE PRESENTATE Le Società che hanno presentato nel 2014 domanda per adesione al FRIM START UP sono 981. CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO VOUCHER SERVIZI DI AFFIANCAMENTO Bergamo Brescia Como Cremona Lecco Lodi Milano Monza/brianza Pavia Sondrio Varese TOTALE

33 FRIM START UP DOMANDE PRESENTATE Nell ambito del bando FRIM START UP, rispetto alle 981 aziende che hanno presentato domanda sono 743 i progetti che hanno superato la fase formale e sono state valutate. Distribuzione delle domande presentate Per ammissione Distribuzione delle domande 2014 presentate Per ammissione % 86% 81% 14% Domande Domande non non ammesse ammesse Domande Domande non ammesse 33

34 La misura prevede tre tipologie di agevolazione: FRIM START UP TOTALE AGEVOLAZIONI 1. Finanziamento agevolato fino a ,00 al tasso dello 0,5% finito 2. Contributo a fondo perduto pari ad 5.000,00 3. Voucher per servizi di accompagnamento: tra e FRIM START UP Totale agevolazioni CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO VOUCHER SERVIZI DI AFFIANCAMENTO FINANZIAMENTO

35 FRIM START UP DISTRIBUZIONE AGEVOLAZIONI PER PROVINCIA La provincia di Milano ha ottenuto il 45% del totale delle agevolazioni concesse a valere sul bando FRIM START UP. TOTALE AGEVOLAZIONI BG BS CO CR LC LO MB MI PV SO VA 35

36 MISURE AGEVOLATIVE REGIONALI FOCUS BRESCIA 2014 FOCUS BRESCIA 36

37 MISURE AGEVOLATIVE REGIONALI FOCUS BRESCIA 2014 CONTRIBUTI REGIONALI CONCESSI NEL 2014 ALLE PMI: ,52 TOT. CONTRIBUTO ALTRE PROVINCE ,95 69% TOT CONTRIBUTO BRESCIA ,57 31% 37

38 MISURE AGEVOLATIVE REGIONALI FOCUS BRESCIA 2014 Totale contributi erogati da Regione Lombardia nel 2014 ( ) Per provincia 0 BG BS CO CR LC LO MB MI MN PV SO VA 38

39 Progetti presentati nel 2014 (619) Per provincia MISURE AGEVOLATIVE REGIONALI FOCUS BRESCIA BG BS CO CR LC LO MB MI MN PV SO VA 39

40 Grazie per l attenzione Contatti BRESCIA Via Flero, 46 c/o Centro Direzionale Tre Torri Tel MILANO Via Pantano, 2 Tel

Convenzione Elba Regione Lombardia. Progetto E Analisi e studio di modelli di intervento a favore di imprese artigiane

Convenzione Elba Regione Lombardia. Progetto E Analisi e studio di modelli di intervento a favore di imprese artigiane Convenzione Elba Regione Lombardia Progetto E Analisi e studio di modelli di intervento a favore di imprese artigiane Sintesi del rapporto di ricerca 1 Parte prima Il quadro istituzionale e normativo 2

Dettagli

LE AGEVOLAZIONI FINANZIARIE PER LE PMI IN LOMBARDIA

LE AGEVOLAZIONI FINANZIARIE PER LE PMI IN LOMBARDIA LE AGEVOLAZIONI FINANZIARIE PER LE PMI IN LOMBARDIA Milano, 19 Febbraio 2013 Giulia Podestà Esperta Finanza Agevolata ACF SpA ACF S.P.A. DIPARTIMENTO PIANIFICAZIONE FINANZIARIA E CONTROLLO DI GESTIONE

Dettagli

Politiche a sostegno dell impresa e del lavoro

Politiche a sostegno dell impresa e del lavoro Politiche a sostegno dell impresa e del lavoro Finanziamenti e contributi a fondo perso per sostenere la ripresa Brescia, 17 dicembre 2015 E. Alberto Bertolotti Amministratore Delegato IBS e ACF I NOSTRI

Dettagli

Mercato e crediti: evoluzione e prospettive Fiorenzo Dalu

Mercato e crediti: evoluzione e prospettive Fiorenzo Dalu Mercato e crediti: evoluzione e prospettive Fiorenzo Dalu Milano, 14 aprile 2011 La crisi finanziaria e i suoi riflessi sull economia reale La crisi internazionale Riflessi sull economia Italiana 2008

Dettagli

GARANZIA GIOVANI RAPPORTO DI REGIONE LOMBARDIA RILEVAZIONE DALLA DATA DI AVVIO AL 30 NOVEMBRE

GARANZIA GIOVANI RAPPORTO DI REGIONE LOMBARDIA RILEVAZIONE DALLA DATA DI AVVIO AL 30 NOVEMBRE GARANZIA GIOVANI RAPPORTO DI REGIONE LOMBARDIA RILEVAZIONE DALLA DATA DI AVVIO AL 3 NOVEMBRE 215 SOMMARIO Dall adesione alla presa in carico - Focus 1, 2 e 3 Distribuzione delle prese in carico per fascia

Dettagli

delle aziende in Italia:

delle aziende in Italia: Livello di rischiosità delle aziende in Italia: Lombardia Dati aggiornati a Dicembre 2012 Marketing CRIBIS D&B Agenda Distribuzione delle aziende nella regione Analisi del livello di rischiosità Confronto

Dettagli

GARANZIA GIOVANI RAPPORTO DI REGIONE LOMBARDIA RILEVAZIONE DALLA DATA DI AVVIO AL 19 OTTOBRE

GARANZIA GIOVANI RAPPORTO DI REGIONE LOMBARDIA RILEVAZIONE DALLA DATA DI AVVIO AL 19 OTTOBRE GARANZIA GIOVANI RAPPORTO DI REGIONE LOMBARDIA RILEVAZIONE DALLA DATA DI AVVIO AL 19 OTTOBRE 215 SOMMARIO Dall adesione alla presa in carico - Focus 1, 2 e 3 Distribuzione delle prese in carico per fascia

Dettagli

I Titoli sociali nel sistema dei Piani di Zona della Lombardia. Regione Lombardia D.G. Famiglia e Solidarietà Sociale

I Titoli sociali nel sistema dei Piani di Zona della Lombardia. Regione Lombardia D.G. Famiglia e Solidarietà Sociale I Titoli sociali nel sistema dei Piani di Zona della Lombardia Regione Lombardia D.G. Famiglia e Solidarietà Sociale Fruitori dei titoli sociali Buoni Voucher 2003 2004 10.501 12.155 860 2050 Regione Lombardia

Dettagli

DEPOSITI E PRESTITI BANCARI PROVINCIA DI BRESCIA

DEPOSITI E PRESTITI BANCARI PROVINCIA DI BRESCIA DEPOSITI E PRESTITI BANCARI PROVINCIA DI BRESCIA Dal 31/12/2007 al 30/6/20 QUADERNI DI APPROFONDIMENTO N. 8/20 Ottobre 20 Fonte dati Banca d'italia Elaborazioni Ufficio Studi ed Informazione Statistica

Dettagli

ALLEGATO A al Decreto n.2176 del 5 marzo 2008. Requisiti per l ammissibilità dei Progetti per la Ristrutturazione degli Enti di Formazione

ALLEGATO A al Decreto n.2176 del 5 marzo 2008. Requisiti per l ammissibilità dei Progetti per la Ristrutturazione degli Enti di Formazione ALLEGATO A al Decreto n.2176 del 5 marzo 2008 Requisiti per l ammissibilità dei Progetti per la Ristrutturazione degli Enti di Formazione 1. RIFERIMENTI NORMATIVI Legge 196/1997: Norme in materia di promozione

Dettagli

Piazza Città di Lombardia n.1 20124 Milano. Tel 02 6765.1

Piazza Città di Lombardia n.1 20124 Milano. Tel 02 6765.1 Regione Lombardia - Giunta DIREZIONE GENERALE SALUTE GOVERNO DEI DATI, DELLE STRATEGIE E PIANI DEL SISTEMA SANITARIO FARMACEUTICA, PROTESICA E DISPOSITIVI MEDICI Piazza Città di Lombardia n.1 20124 Milano

Dettagli

GARANZIA GIOVANI RAPPORTO DI REGIONE LOMBARDIA RILEVAZIONE DALLA DATA DI AVVIO AL 16 MAGGIO

GARANZIA GIOVANI RAPPORTO DI REGIONE LOMBARDIA RILEVAZIONE DALLA DATA DI AVVIO AL 16 MAGGIO GARANZIA GIOVANI RAPPORTO DI REGIONE LOMBARDIA RILEVAZIONE DALLA DATA DI AVVIO AL 16 MAGGIO 2016 SOMMARIO Dall adesione alla presa in carico - Focus 1, 2 e 3 Distribuzione delle prese in carico per fascia

Dettagli

Bando Start. Diffusione della cultura imprenditoriale e supporto allo start up d impresa. www.start.lombardia.it

Bando Start. Diffusione della cultura imprenditoriale e supporto allo start up d impresa. www.start.lombardia.it Bando Start Diffusione della cultura imprenditoriale e supporto allo start up d impresa www.start.lombardia.it Finalità dell intervento Promuovere e sostenere la diffusione di cultura imprenditoriale per

Dettagli

Regione Lombardia - Giunta DIREZIONE GENERALE SALUTE. Piazza Città di Lombardia n.1 20124 Milano. Tel 02 6765.1

Regione Lombardia - Giunta DIREZIONE GENERALE SALUTE. Piazza Città di Lombardia n.1 20124 Milano. Tel 02 6765.1 Regione Lombardia - Giunta DIREZIONE GENERALE SALUTE Piazza Città di Lombardia n.1 20124 Milano www.regione.lombardia.it sanita@pec.regione.lombardia.it Tel 02 6765.1 Protocollo H1.2015.0006048 del 24/02/2015

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2009-2010 1 2 INDICE Introduzione... 5 Sezione 1 Le scuole... 7 Il sistema scolastico lombardo... 9 1.1 Scuole statali... 9 1.2 Scuole non statali

Dettagli

Le politiche a sostegno delle start up e il ruolo del sistema camerale

Le politiche a sostegno delle start up e il ruolo del sistema camerale Sondrio, 14 giugno 2013 11ª Giornata dell Economia Le politiche a sostegno delle start up e il ruolo del sistema camerale Roberto Calugi Consorzio camerale per il credito e la finanza Camera di Commercio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE EROGAZIONI EMBLEMATICHE DELLA FONDAZIONE CARIPLO

REGOLAMENTO PER LE EROGAZIONI EMBLEMATICHE DELLA FONDAZIONE CARIPLO REGOLAMENTO PER LE EROGAZIONI EMBLEMATICHE DELLA FONDAZIONE CARIPLO 1. Finalità degli interventi emblematici 2 2. Ammontare delle assegnazioni e soggetti destinatari 2 3. Aree filantropiche di pertinenza

Dettagli

Workshop PRESENTAZIONE PREZZI DEGLI IMMOBILI di Milano e Provincia 4 febbraio 2014

Workshop PRESENTAZIONE PREZZI DEGLI IMMOBILI di Milano e Provincia 4 febbraio 2014 Workshop PRESENTAZIONE PREZZI DEGLI IMMOBILI di Milano e Provincia 4 febbraio 2014 2 MUTUI RESIDENZIALI Sommario 2013 Domanda Offerta Erogazioni Contratti stipulati Compravendite assistite da mutuo Tipologia

Dettagli

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2012

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2012 DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2012 Imprese nel complesso In Lombardia, nel primo trimestre del 2012 le anagrafi camerali registrano un saldo negativo di 1.675 unità. Alla fine di marzo

Dettagli

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 2 trimestre 2011

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 2 trimestre 2011 DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 2 trimestre 2011 Imprese nel complesso In Lombardia, nel secondo trimestre del 2011 le anagrafi camerali registrano un saldo positivo di 6.804 unità. Alla fine di giugno

Dettagli

LOMBARDIA. Denominazione Indirizzo Città Telefono Fax E.mail e Web CONVENZIONE NAZIONALE CON TOYS CENTER VALIDA SINO AL 31/12/2016

LOMBARDIA. Denominazione Indirizzo Città Telefono Fax E.mail e Web CONVENZIONE NAZIONALE CON TOYS CENTER VALIDA SINO AL 31/12/2016 LOMBARDIA (MILANO MI Bergamo BG Brescia BS Como CO Cremona CR Lecco LC Lodi LO Mantova MN Monza e della Brianza MB Pavia PV Sondrio SO Varese VA) Ulteriori convenzioni sono visionabili alle pagine www.ipa-lombardia.it

Dettagli

DIREZIONE GENERALE ARTIGIANATO E SERVIZI

DIREZIONE GENERALE ARTIGIANATO E SERVIZI 10462 15/10/2009 Identificativo Atto n. 170 DIREZIONE GENERALE ARTIGIANATO E SERVIZI APPROVAZIONE DELLE GRADUATORIE DEL BANDO "CONTRIBUTI ALLE MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE (MPMI) PER IL SOSTEGNO DELL'INNOVAZIONE

Dettagli

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2009

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2009 DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2009 Imprese nel complesso In Lombardia, nel primo trimestre del 2009 le anagrafi camerali registrano un saldo negativo di 2.536 unità. Alla fine di marzo

Dettagli

Margini relativi ai prestiti in punti base Categoria di rating

Margini relativi ai prestiti in punti base Categoria di rating Criteri e modalità per l applicazione della Comunicazione 2008/C14/02 della Commissione relativa alla revisione del metodo di fissazione dei tassi di riferimento per il Fondo rotativo Il nuovo prestito

Dettagli

Manuale di supporto alla rendicontazione on line

Manuale di supporto alla rendicontazione on line ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO ECONOMICO E LA COMPETITIVITÀ DEL SISTEMA LOMBARDO ASSE 1- INNOVAZIONE Misura 1.5 Nascita e consolidamento imprese di servizi all innovazione Bando CONTRIBUTI ALLE MICRO,

Dettagli

INNOVARE? Si deve, si può, si fa:

INNOVARE? Si deve, si può, si fa: come ottenere i finanziamenti ed i contributi per fare ricerca & sviluppo MILANO 27 APRILE 2015 RICERCA & SVILUPPO Cos è la Ricerca & Sviluppo nel Nostro tessuto imprenditoriale? INNOVAZIONE DI PRODOTTO

Dettagli

BPER Banca per le imprese innovative. Giuseppe Lisi Firenze, 8 Giugno 2016

BPER Banca per le imprese innovative. Giuseppe Lisi Firenze, 8 Giugno 2016 BPER Banca per le imprese innovative Giuseppe Lisi Firenze, 8 Giugno 2016 BPER Banca per le imprese innovative AGEVOLAZIONI CONTRIBUTIVE Contributi Regionali Bando Smart&Start Patent BOX AGEVOLAZIONI FISCALI

Dettagli

TREND Tecnologia ed innovazione per il Risparmio e l efficienza ENergetica Diffusa

TREND Tecnologia ed innovazione per il Risparmio e l efficienza ENergetica Diffusa TREND Tecnologia ed innovazione per il Risparmio e l efficienza ENergetica Diffusa Il progetto Trend: prime analisi sull efficacia dello strumento e sul patrimonio di dati acquisito Stefania Ghidorzi Cestec

Dettagli

Regione Lombardia - Giunta DIREZIONE GENERALE SALUTE VETERINARIA. Piazza Città di Lombardia n.1 20124 Milano. Tel 02 6765.1

Regione Lombardia - Giunta DIREZIONE GENERALE SALUTE VETERINARIA. Piazza Città di Lombardia n.1 20124 Milano. Tel 02 6765.1 Regione Lombardia - Giunta DIREZIONE GENERALE SALUTE VETERINARIA Piazza Città di Lombardia n.1 20124 Milano www.regione.lombardia.it sanita@pec.regione.lombardia.it Tel 02 6765.1 Protocollo H1.2015.0012934

Dettagli

Valutazione dell'azienda Alfa Spa Report Analisi di Bilancio con Rating Balisea 3 e merito di credito Fondo di Garanzia Mediocredito Centrale

Valutazione dell'azienda Alfa Spa Report Analisi di Bilancio con Rating Balisea 3 e merito di credito Fondo di Garanzia Mediocredito Centrale Valutazione dell'azienda Alfa Spa Report Analisi di Bilancio con Rating Balisea 3 e merito di credito Fondo di Garanzia Mediocredito Centrale Sintesi di Stato Patrimoniale Attivo 31.12.2011 31.12.2012

Dettagli

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Agosto 2012 Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Aumentano le imprese con Ebitda insufficiente per sostenere oneri e debiti finanziari Alla ricerca della marginalità perduta Sintesi dei risultati

Dettagli

CRITERI UTILIZZATI PER L IDENTIFICAZIONE DELLE SCUOLE COLLOCABILI IN FASCIA DI EMERGENZA STRANIERI

CRITERI UTILIZZATI PER L IDENTIFICAZIONE DELLE SCUOLE COLLOCABILI IN FASCIA DI EMERGENZA STRANIERI CRITERI UTILIZZATI PER L IDENTIFICAZIONE DELLE SCUOLE COLLOCABILI IN FASCIA DI EMERGENZA STRANIERI ESIGENZE EMERSE L esigenza è quella di individuare dei criteri per la distribuzione di risorse professionali

Dettagli

DAL BANDO WELFARE AZIENDALE E INTERAZIENDALE ALLO SVILUPPO DI RETI TERRITORIALI. Dott. Piergiorgio Guizzi C.C.I.A.A. di Brescia, 08 ottobre 2013

DAL BANDO WELFARE AZIENDALE E INTERAZIENDALE ALLO SVILUPPO DI RETI TERRITORIALI. Dott. Piergiorgio Guizzi C.C.I.A.A. di Brescia, 08 ottobre 2013 DAL BANDO WELFARE AZIENDALE E INTERAZIENDALE ALLO SVILUPPO DI RETI TERRITORIALI Dott. Piergiorgio Guizzi C.C.I.A.A. di Brescia, 08 ottobre 2013 RETI TERRITORIALI OBIETTIVO Attivazione di reti territoriali

Dettagli

FRI: Fondo di rotazione per l'internazionalizzazione

FRI: Fondo di rotazione per l'internazionalizzazione FRI: Fondo di rotazione per l'internazionalizzazione Il FRI sostiene investimenti realizzati da imprese lombarde in forma diretta o in joint-venture con altre imprese, finalizzati alla creazione di insediamenti

Dettagli

TERMOVALORIZZATORI IN LOMBARDIA: STATO DELL ARTE. Direttore Generale Dott. Bruno Mori

TERMOVALORIZZATORI IN LOMBARDIA: STATO DELL ARTE. Direttore Generale Dott. Bruno Mori TERMOVALORIZZATORI IN LOMBARDIA: STATO DELL ARTE Direttore Generale Dott. Bruno Mori Milano, 20 Aprile 2011 SOMMARIO competenze di Regione Lombardia; quantitativi di rifiuti inviati ad incenerimento; efficienza

Dettagli

BANDI DI PROSSIMA SCADENZA

BANDI DI PROSSIMA SCADENZA Settembre 2015 BANDI DI PROSSIMA SCADENZA VOUCHER INTERNAZIONALIZZAZIONE Voucher a fondo perduto di importo pari 10mila Euro a fronte di una spesa minima di 13.000 Euro, può essere richiesto da micro,

Dettagli

CONVEGNO GLI ATTUALI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE IMPRESE, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AI BREVETTI E AI MARCHI CONNESSI

CONVEGNO GLI ATTUALI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE IMPRESE, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AI BREVETTI E AI MARCHI CONNESSI CONVEGNO GLI ATTUALI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE IMPRESE, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AI BREVETTI E AI MARCHI CONNESSI Bergamo, 8 Novembre 2011 CONVEGNO FRIM LINEA D INTERVENTO N 8 START UP D IMPRESA

Dettagli

Regione Lombardia - Giunta DIREZIONE GENERALE SALUTE. Piazza Città di Lombardia n.1 20124 Milano. Tel 02 6765.1

Regione Lombardia - Giunta DIREZIONE GENERALE SALUTE. Piazza Città di Lombardia n.1 20124 Milano. Tel 02 6765.1 Regione Lombardia - Giunta DIREZIONE GENERALE SALUTE Piazza Città di Lombardia n.1 20124 Milano www.regione.lombardia.it sanita@pec.regione.lombardia.it Tel 02 6765.1 Protocollo H1.2015.0008706 del 18/03/2015

Dettagli

Agevolazioni a supporto dell internazionalizzazione. Brescia, 5 novembre 2015

Agevolazioni a supporto dell internazionalizzazione. Brescia, 5 novembre 2015 Agevolazioni a supporto dell internazionalizzazione Brescia, 5 novembre 2015 2 Agevolazioni a supporto dell internazionalizzazione Contributi a fondo perduto Voucher Export Manager Campo Libero Bando Reti

Dettagli

Numero convocati Data Ora Sede

Numero convocati Data Ora Sede Provincia Ordine di scuola Classe di concorso o tipologia di posto Numero convocati Data Ora Sede BERGAMO Scuola Primaria Normale Concorso 23/11/2015 9,00 U.S.T. BERGAMO VIA PRADELLO N. 12 BERGAMO Scuola

Dettagli

Analisi economica del settore agricolo

Analisi economica del settore agricolo LE FILIERE BIOLOGICHE IN LOMBARDIA Analisi economica del settore agricolo Alessandro Banterle Dipartimento di Economia e Politica Agraria, Agro-alimentare e Ambientale Università degli Studi di Milano

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA CREDITO INCASSA B2B. ESTRATTO DA NEWSLETTER n. 2 LUGLIO 2015

REGIONE LOMBARDIA CREDITO INCASSA B2B. ESTRATTO DA NEWSLETTER n. 2 LUGLIO 2015 ESTRATTO DA NEWSLETTER n. 2 LUGLIO 2015 Pubblichiamo un estratto delle ultime notizie relative alle opportunità offerte da bandi e finanza agevolata. CHIARI SERVIZI Srl è a Vostra disposizione per fornire

Dettagli

Il sistema dei Confidi lombardi e il ruolo delle Camere di commercio. nel sostegno alle imprese

Il sistema dei Confidi lombardi e il ruolo delle Camere di commercio. nel sostegno alle imprese Il sistema dei Confidi lombardi e il ruolo delle Camere di commercio Gianmarco Paglietti Ufficio Studi del Consorzio camerale Lecco, 16 febbraio 2011 Gli obiettivi Monitorare il processo di razionalizzazione

Dettagli

Regione Lombardia: un esempio virtuoso di sviluppo della rete metano per autotrazione. Paolo Mora Direttore Generale D.G. Commercio, Fiere e Mercati

Regione Lombardia: un esempio virtuoso di sviluppo della rete metano per autotrazione. Paolo Mora Direttore Generale D.G. Commercio, Fiere e Mercati Regione Lombardia: un esempio virtuoso di sviluppo della rete metano per autotrazione Paolo Mora Direttore Generale D.G. Commercio, Fiere e Mercati Intervento a Metano e Trasporti per il governo della

Dettagli

GLI INTERVENTI PER AGEVOLARE

GLI INTERVENTI PER AGEVOLARE NOTE INFORMATIVE SULL ATTUAZIONE DELLE POLITICHE REGIONALI N. 1 Novembre 2005 GLI INTERVENTI PER AGEVOLARE L ACCESSO AL CREDITO DELLE IMPRESE ARTIGIANE (L.R. n. 34/1996) Quali informazioni sono attualmente

Dettagli

I finanziamenti regionali per la famiglia e la conciliazione

I finanziamenti regionali per la famiglia e la conciliazione I finanziamenti regionali per la famiglia e la conciliazione Sono state diffuse nel mese di dicembre le graduatorie relative ai due bandi inseriti nella DGR 2055 del 28 luglio 2011, relativi a progetti

Dettagli

Protocollo M1.2012.0016064 del 25/10/2012 Firmato digitalmente da PAOLO BACCOLO

Protocollo M1.2012.0016064 del 25/10/2012 Firmato digitalmente da PAOLO BACCOLO Giunta Regionale DIREZIONE GENERALE AGRICOLTURA Piazza Città di Lombardia n.1 20124 Milano www.regione.lombardia.it agricoltura@pec.regione.lombardia.it Tel 02 6765.1 Protocollo M1.2012.0016064 del 25/10/2012

Dettagli

Screening del Carcinoma Colon Rettale in Regione Lombardia

Screening del Carcinoma Colon Rettale in Regione Lombardia Screening del Carcinoma Colon Rettale in Regione Lombardia Aggiornamento 2009 Giugno 2011 Pagina 1 di 15 INTRODUZIONE Si riporta di seguito un aggiornamento al 2009 dei dati di attività e risultato dello

Dettagli

SEZIONI SPECIALI PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE FONDO CENTRALE DI GARANZIA PER LE PMI. Casi pratici di intervento

SEZIONI SPECIALI PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE FONDO CENTRALE DI GARANZIA PER LE PMI. Casi pratici di intervento SEZIONI SPECIALI PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE FONDO CENTRALE DI GARANZIA PER LE PMI Casi pratici di intervento SEZIONI SPECIALI PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DEL FONDO CENTRALE DI GARANZIA PER LE PMI Camere

Dettagli

CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale

CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale Realizzato dall EURES Ricerche Economiche e Sociali in collaborazione con il Consiglio Regionale dell Economia

Dettagli

LOMBARDIA AGEVOLATIVI STRUMENTI REGIONE 272 MILIONI PER LE AZIENDE LOMBARDE. Milano, 7 ottobre 2011

LOMBARDIA AGEVOLATIVI STRUMENTI REGIONE 272 MILIONI PER LE AZIENDE LOMBARDE. Milano, 7 ottobre 2011 STRUMENTI AGEVOLATIVI REGIONE LOMBARDIA 272 MILIONI PER LE AZIENDE LOMBARDE Milano, 7 ottobre 2011 1 IL NETWORK ACF SPA SEDI OPERATIVE BRESCIA MILANO BUCAREST BRUXELLES Feedback SOCI 2 DIPARTIMENTI 1.

Dettagli

Legge Regionale 33/2009: lotta al randagismo e tutela degli animali d affezione in Lombardia

Legge Regionale 33/2009: lotta al randagismo e tutela degli animali d affezione in Lombardia Legge Regionale 33/2009: lotta al randagismo e tutela degli animali d affezione in Lombardia 25/11/2010 Dott.ssa Daniela Zucca Per contrastare il fenomeno del randagismo e promuovere il rispetto degli

Dettagli

Progetto di Confcommercio Lombardia Meglio Insieme - Better Together. La costruzione di una Rete: l esperienza di Regione Lombardia

Progetto di Confcommercio Lombardia Meglio Insieme - Better Together. La costruzione di una Rete: l esperienza di Regione Lombardia Progetto di Confcommercio Lombardia Meglio Insieme - Better Together La costruzione di una Rete: l esperienza di Regione Lombardia Programma per la realizzazione di reti d Impresa denominato ERGON Azione

Dettagli

NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA N. 7 Luglio 2013 REGIONE LOMBARDIA NEWS IN EVIDENZA

NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA N. 7 Luglio 2013 REGIONE LOMBARDIA NEWS IN EVIDENZA NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA N. 7 Luglio 2013 REGIONE NEWS IN EVIDENZA AGEVOLAZIONI PER LA RICOLLOCAZIONE DI EX DIRIGENTI E QUADRI, DISOCCUPATI AI SENSI DELLA NORMATIVA VIGENTE Livello Nazionale AGEVOLAZIONI

Dettagli

Il turismo e l immagine della Brianza

Il turismo e l immagine della Brianza Il turismo e l immagine della Brianza Sistema delle imprese, flussi turistici e percezione del territorio A cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio di Monza e Brianza Luglio 2011 I numeri del

Dettagli

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE VETERINARIO VIA BORGO PALAZZO, 130 24125 (BG) Email: direzione.dpv@asl.bergamo.it

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE VETERINARIO VIA BORGO PALAZZO, 130 24125 (BG) Email: direzione.dpv@asl.bergamo.it Regione Lombardia - Giunta DIREZIONE GENERALE SALUTE VETERINARIA PREVENZIONE SANITA' VETERINARIA E TUTELA DEGLI ANIMALI D'AFFEZIONE Piazza Città di Lombardia n.1 20124 Milano www.regione.lombardia.it sanita@pec.regione.lombardia.it

Dettagli

DECRETO N. 9863 Del 18/11/2015

DECRETO N. 9863 Del 18/11/2015 DECRETO N. 9863 Del 18/11/2015 Identificativo Atto n. 326 DIREZIONE GENERALE SVILUPPO ECONOMICO Oggetto DETERMINAZIONI IN MERITO AL BANDO "LINEA 8 FRIM START-UP E RE-START DI CUI AL DECRETO N. 9441/2013

Dettagli

Il fabbisogno di coordinamento

Il fabbisogno di coordinamento Network dei servizi sociali - Cergas Irs AZIENDE SOCIALI: ESPERIENZE A CONFRONTO 9 marzo 2010 Il fabbisogno di coordinamento ELENA MERONI DARIO A. COLOMBO Ne.A.S.S. nasce. 2007 Da un primo convegno di

Dettagli

Epidemiologia del Diabete Mellito di 0po 2 in Lombardia

Epidemiologia del Diabete Mellito di 0po 2 in Lombardia Epidemiologia del Diabete Mellito di 0po 2 in Lombardia Do5.ssa Alessandra Ciucci Stru5ura semplice dipar0mentale Di diabetologia ed Endocrinologia Mariano Comense (como) I sogge@ diabe0ci vengono individua0

Dettagli

GLI IMPIANTI DI CREMAZIONE IN LOMBARDIA Relazione 2014 Attività 2013

GLI IMPIANTI DI CREMAZIONE IN LOMBARDIA Relazione 2014 Attività 2013 D.G. Salute GLI IMPIANTI DI CREMAZIONE IN LOMBARDIA Relazione 04 Attività 03 La presente relazione, a cura della Direzione Generale Salute, costituisce il resoconto dei dati di attività relativamente all

Dettagli

I risultati del bando Audit energetico degli edifici dei comuni piccoli e medi 2006-2008

I risultati del bando Audit energetico degli edifici dei comuni piccoli e medi 2006-2008 I risultati del bando Audit energetico degli edifici dei comuni piccoli e medi 2006-2008 Elaborazioni dalla banca dati AUDIT GIS Elena Jachia Responsabile settore Ambiente Fondazione Cariplo Centro Congressi

Dettagli

JOB MATCHPOINT Le politiche a sostegno delle start up e il ruolo del sistema camerale

JOB MATCHPOINT Le politiche a sostegno delle start up e il ruolo del sistema camerale Milano, 25giugno 2013 JOB MATCHPOINT Le politiche a sostegno delle start up e il ruolo del sistema camerale Roberto Calugi DIRIGENTE AREA SVILUPPO DELLE IMPRESE Camera di Commercio di Milano LE START UP

Dettagli

BANCA POPOLARE DI MILANO Convenzione con garanzia a prima richiesta

BANCA POPOLARE DI MILANO Convenzione con garanzia a prima richiesta BANCA POPOLARE DI MILANO Convenzione con garanzia a prima richiesta Decorrenza: 05.05.2014 Linee di credito di breve termine Le linee sono temporanee garantite al 50% da Confidi, con durata massima di

Dettagli

Strumenti Finanziari: VEXA ex art. 37 Reg. 1303/2013

Strumenti Finanziari: VEXA ex art. 37 Reg. 1303/2013 Strumenti Finanziari: VEXA ex art. 37 Reg. 1303/2013 Comitato di Sorveglianza - 12 maggio 2015 Gli Strumenti Finanziari nella Programmazione 2014-2020 (1/2) Il Contesto Europeo La Programmazione 2014-2020

Dettagli

CENTRO STUDI CNA SCHEDE SINTETICHE

CENTRO STUDI CNA SCHEDE SINTETICHE SCHEDE SINTETICHE Dati al 30.06.2015 Digitalizzazione R&S Tabella di sintesi*/1 Incentivo In vigore dal Attuazione Voucher IT (Information Technology) 24 dicembre 2013 Credito d imposta 24 dicembre 2013

Dettagli

Legge regionale 6/2012 Un nuovo sistema dei trasporti pubblici

Legge regionale 6/2012 Un nuovo sistema dei trasporti pubblici Legge regionale 6/2012 Un nuovo sistema dei trasporti pubblici EPF Conference 2014 Milan March 15th 2014 DG Infrastrutture e Mobilità www.trasporti.regione.lombardia.it 1 Legge regionale 6/2012 Con la

Dettagli

Screening del Carcinoma Colon Rettale in Regione Lombardia Aggiornamento 2012

Screening del Carcinoma Colon Rettale in Regione Lombardia Aggiornamento 2012 Screening del Carcinoma Colon Rettale in Regione Lombardia Aggiornamento 2012 Ottobre 2013 Si riporta l aggiornamento al 2012 dei dati d attività e di risultato dello screening del carcinoma colon-rettale

Dettagli

Focus: il settore produttivo Monza - Brianza e Lombardia

Focus: il settore produttivo Monza - Brianza e Lombardia Focus: il settore produttivo Monza - Brianza e Lombardia Rilevazione Prezzi Monza e Brianza II semestre 2011 Monza Vimercatese Caratese Cesanese Desiano Stefano Stanzani Responsabile scientifico Ufficio

Dettagli

Milano, 18 gennaio 2011 COMUNICATO STAMPA. ANDAMENTO TURISTICO AUTUNNO 2010 e PREVISIONI PER L INVERNO

Milano, 18 gennaio 2011 COMUNICATO STAMPA. ANDAMENTO TURISTICO AUTUNNO 2010 e PREVISIONI PER L INVERNO Milano, 18 gennaio 2011 COMUNICATO STAMPA ANDAMENTO TURISTICO AUTUNNO 2010 e PREVISIONI PER L INVERNO Bilancio positivo per le strutture ricettive lombarde nell ultimo trimestre 2010 Il 2010 si chiude

Dettagli

Manuale di supporto alla rendicontazione on line

Manuale di supporto alla rendicontazione on line ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO ECONOMICO E LA COMPETITIVITÀ DEL SISTEMA LOMBARDO ASSE 1- INNOVAZIONE Misura 1.5 Nascita e consolidamento imprese di servizi all innovazione Bando CONTRIBUTI ALLE MICRO,

Dettagli

Agevolazioni per le aziende colpite dal sisma Pieve di Coriano, 2 ottobre 2013

Agevolazioni per le aziende colpite dal sisma Pieve di Coriano, 2 ottobre 2013 Agevolazioni per le aziende colpite dal sisma Pieve di Coriano, 2 ottobre 2013 1 Agevolazioni per le aziende colpite dal sisma Regione Lombardia Bando per la ricostruzione delle imprese lombarde colpite

Dettagli

Domanda e offerta di credito

Domanda e offerta di credito 2/5/2013 Domanda e offerta di credito La situazione registrata nel 2012 in provincia di Nel 2012 si è registrata una contrazione della domanda di credito. Rispetto alla media regionale le imprese modenesi

Dettagli

Le rilevazioni trimestrali di T.R.A.V.E.L. EXPO presso le strutture ricettive

Le rilevazioni trimestrali di T.R.A.V.E.L. EXPO presso le strutture ricettive Le rilevazioni trimestrali di T.R.A.V.E.L. EXPO presso le strutture ricettive Il bimestre Giugno-Luglio 2015 Rapporto di sintesi Il team di T.R.A.V.E.L.-EXPO, Settembre 2015 1 Tassi di partecipazione alla

Dettagli

LA LOMBARDIA PER LE IMPRESE. Start-up e Re-start

LA LOMBARDIA PER LE IMPRESE. Start-up e Re-start LA LOMBARDIA PER LE IMPRESE Start-up e Re-start 11 ottobre 2013 30.000.000 per lo start-up e il re-start di impresa 23.000.000 per finanziamenti a tasso agevolato 7.000.000 per contributi a fondo perduto

Dettagli

Lunedì 9 presentazione della ricerca con l assessore Aprea Lombardia, tre laureati su quattro trovano lavoro entro un anno Milano Bergamo Brescia

Lunedì 9 presentazione della ricerca con l assessore Aprea Lombardia, tre laureati su quattro trovano lavoro entro un anno Milano Bergamo Brescia Lunedì 9 presentazione della ricerca con l assessore Aprea Lombardia, tre laureati su quattro trovano lavoro entro un anno Stabile (19%), a termine (18%), stage (12%), impresa (12%) Grazie al Jobs Act

Dettagli

SPECULA LOMBARDIA. La domanda di laureati Territori e settori. Cristina Zanni. 2 dicembre 2014

SPECULA LOMBARDIA. La domanda di laureati Territori e settori. Cristina Zanni. 2 dicembre 2014 SPECULA LOMBARDIA La domanda di laureati Territori e settori Cristina Zanni 2 dicembre 2014 2. Settori 4. Servizi presenza pubblica - variazioni - effetti su contratti 1. Diminuisce la domanda di laureati

Dettagli

POR FESR 2007-2013 Asse 1 Linea 1.2.4. Prestiti partecipativi. Aprile 2012

POR FESR 2007-2013 Asse 1 Linea 1.2.4. Prestiti partecipativi. Aprile 2012 POR FESR 2007-2013 Asse 1 Linea 1.2.4. Prestiti partecipativi Aprile 2012 L obiettivo e la dotazione Regione Liguria, ai sensi del Regolamento (CE) N. 800/2008 della Commissione del 6 agosto 2008 pubblicato

Dettagli

Le situazioni di crisi nel settore metalmeccanico

Le situazioni di crisi nel settore metalmeccanico Osservatorio sindacale Le situazioni di crisi nel settore metalmeccanico 17 S.O.S. INDUSTRIA METALMECCANICA In caduta libera i dati dell occupazione 17 Rapporto sulle situazioni di crisi nel settore metalmeccanico

Dettagli

Fonte: elaborazione Unioncamere Lombardia su dati ASIA Istat. Tabella 2: Imprese per attività economica Lombardia

Fonte: elaborazione Unioncamere Lombardia su dati ASIA Istat. Tabella 2: Imprese per attività economica Lombardia IL SISTEMA PRODUTTIVO LOMBARDO NEL 2006 SECONDO IL REGISTRO STATISTICO ASIA (giugno 2009) Secondo il registro statistico delle imprese attive e delle loro unità locali (ASIA Imprese e Unità locali) sono

Dettagli

Lezione 2. Il rating. Il rating. Sistemi di rating, il rating esterno

Lezione 2. Il rating. Il rating. Sistemi di rating, il rating esterno Lezione 2 Sistemi di rating, il rating esterno Il rating Il modo con cui si combinano: Probabilità di inadempienza (PD) Perdita in caso di inadempienza (LGD) Esposizione all inadempienza (LGD) Scadenza

Dettagli

ELENCO AGEVOLAZIONI DEL MOMENTO

ELENCO AGEVOLAZIONI DEL MOMENTO ELENCO AGEVOLAZIONI DEL MOMENTO NUOVE IMPRESE E INVESTIMENTI PRODUTTIVI TITOLO IMPRESE BENEFICIARIE AGEVOLAZIONE PREVISTA TERMINI DI Finanziamenti agevolati e contributi a fondo perduto per nuove Start

Dettagli

Protocollo dei principali incentivi regionali per le imprese le reti, le aggregazioni e il territorio (WORK IN PROGRESS) BANDI APERTI

Protocollo dei principali incentivi regionali per le imprese le reti, le aggregazioni e il territorio (WORK IN PROGRESS) BANDI APERTI Protocollo dei principali incentivi regionali per le imprese le reti, le aggregazioni e il territorio (WORK IN PROGRESS) BANDI APERTI TIPOLOGIA OBIETTIVO SCADENZA ENTE FART Invito 2/2013 Linea 1 - sviluppo

Dettagli

GLI IMPIANTI DI CREMAZIONE IN LOMBARDIA Relazione attività 2010

GLI IMPIANTI DI CREMAZIONE IN LOMBARDIA Relazione attività 2010 GLI IMPIANTI DI CREMAZIONE IN LOMBARDIA Relazione attività 2010 La presente relazione, a cura della Direzione Generale Sanità, costituisce il resoconto dei dati di attività relativamente all anno 2010

Dettagli

AMVA Apprendistato e Mestieri a Vocazione Artigianale. Provincia di Mantova Palazzo Soardi sala degli Stemmi 24 settembre 2012

AMVA Apprendistato e Mestieri a Vocazione Artigianale. Provincia di Mantova Palazzo Soardi sala degli Stemmi 24 settembre 2012 AMVA Apprendistato e Mestieri a Vocazione Artigianale Provincia di Mantova Palazzo Soardi sala degli Stemmi 24 settembre 2012 ITALIA LAVORO Area Occupazione e Sviluppo Economico Programmi/progetti LOA

Dettagli

Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING

Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING Il Comitato di Basilea Il Comitato di Basilea viene istituito nel 1974 dai Governatori delle Banche Centrali dei 10 paesi

Dettagli

NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA N. 2 Febbraio 2014 REGIONE LOMBARDIA

NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA N. 2 Febbraio 2014 REGIONE LOMBARDIA NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA N. 2 Febbraio 2014 REGIONE LOMBARDIA ANTICIPAZIONI FINANZIAMENTI AGEVOLATI NUOVA SABATINI PER INVESTIMENTI IN MACCHINARI, IMPIANTI, BENI STRUMENTALI, ATTREZZATURE NUOVE

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA E L IMPRESA SOCIALE

REGIONE LOMBARDIA E L IMPRESA SOCIALE Capì questo: che le associazioni rendono l uomo più forte e mettono in risalto le doti migliori delle singole persone, e danno la gioia che raramente s ha restando per proprio conto, di vedere quanta gente

Dettagli

Le imprese edili bresciane e la sfida del rating. Cinzia Dabrassi Prandi Università degli studi di Brescia Facoltà di Economia

Le imprese edili bresciane e la sfida del rating. Cinzia Dabrassi Prandi Università degli studi di Brescia Facoltà di Economia Le imprese edili bresciane e la sfida del rating Cinzia Dabrassi Prandi Università degli studi di Brescia Facoltà di Economia La sfida per le imprese edili Valorizzare i punti di forza delle imprese edili

Dettagli

LE PENSIONI SOCIALI E PER INVALIDI CIVILI GLI ASSEGNI PER INVALIDI DEL LAVORO I REDDITI PER VEDOVE E ORFANI della regione

LE PENSIONI SOCIALI E PER INVALIDI CIVILI GLI ASSEGNI PER INVALIDI DEL LAVORO I REDDITI PER VEDOVE E ORFANI della regione Serie schede tematiche febbraio 2007 - n. 28 - cod. 67456 pag. 1 LE PENSIONI SOCIALI E PER INVALIDI CIVILI GLI ASSEGNI PER INVALIDI DEL LAVORO I REDDITI PER VEDOVE E ORFANI della regione di ogni provincia

Dettagli

Finanziare la Cultura e il Turismo a livello Nazionale e Regionale

Finanziare la Cultura e il Turismo a livello Nazionale e Regionale Finanziare la Cultura e il Turismo a livello Nazionale e Regionale Dott.ssa Letizia Donati donati@eurosportello.eu Eurosportello Confesercenti 9 ottobre 2015 I Fondi Strutturali per la Cultura e Turismo

Dettagli

BASILEA 2. La struttura generale dell accordo LE TAPPE PRINCIPALI

BASILEA 2. La struttura generale dell accordo LE TAPPE PRINCIPALI BASILEA 2 La struttura generale dell accordo Monica Malta LE TAPPE PRINCIPALI 1974 nasce il Comitato di Basilea dei Paesi del G10 1988 stipula dell accordo "Basilea 1 1996 modifica dell accordo 2001 1

Dettagli

CREDITO E SULLA RICCHEZZA FINANZIARIA DELLE IMPRESE ARTIGIANE

CREDITO E SULLA RICCHEZZA FINANZIARIA DELLE IMPRESE ARTIGIANE CREDITO E SULLA RICCHEZZA FINANZIARIA DELLE IMPRESE ARTIGIANE Edizione 2002 in collaborazione con RAPPORTO SUL CREDITO E SULLA RICCHEZZA FINANZIARIA DELLE IMPRESE ARTIGIANE - Edizione 2002 RAPPORTO SUL

Dettagli

METODO PER DARE UN RATING AI CLIENTI

METODO PER DARE UN RATING AI CLIENTI METODO PER DARE UN RATING AI CLIENTI Chiarimenti per applicare questa monografia? Telefonate al nr. 3387400641, la consulenza telefonica è gratuita. Best Control Milano www.best-control.it Pag. 1 Volete

Dettagli

Milano, Lodi, Monza e Brianza CONSORZIO SIS LUCA GHISLETTI Varese CONSORZIO SOL.CO. ROBERTA NISOLI

Milano, Lodi, Monza e Brianza CONSORZIO SIS LUCA GHISLETTI Varese CONSORZIO SOL.CO. ROBERTA NISOLI Regione Lombardia sta per rendere disponibili per le micro e piccole imprese lombarde (da 0 a 49 dipendenti) la somma di 8.700.000 per il miglioramento dei livelli di salute e sicurezza attraverso l avviso

Dettagli

Studenti iscritti e laureati nelle università della provincia di Cremona

Studenti iscritti e laureati nelle università della provincia di Cremona PROVINCIA DI CREMONA SERVIZIO STATISTICA SISTEMA STATISTICO NAZIONALE Studenti iscritti e laureati nelle università della provincia di Cremona Anno Accademico 2011-2012 INDICE LE UNIVERSITA CREMONESI pag.

Dettagli

Stati Generali della Ricerca e dell Innovazione

Stati Generali della Ricerca e dell Innovazione Stati Generali della Ricerca e dell Innovazione «Ricerca & Innovazione: programmazione comunitaria 2014/2020 e Smart Specialisation Strategy gli strumenti di ingegneria finanziaria» Milano, 25 luglio 2013

Dettagli

Sedi, alunni, classi, dotazioni organiche del personale della scuola statale. Situazione di Organico di Diritto Anno scolastico 2005/2006

Sedi, alunni, classi, dotazioni organiche del personale della scuola statale. Situazione di Organico di Diritto Anno scolastico 2005/2006 Sedi, alunni, classi, dotazioni organiche del personale della scuola statale Situazione di Organico di Diritto Anno scolastico 2005/2006 Istituzioni scolastiche - prospetto provinciale Circoli didattici

Dettagli

PANORAMICA SULLE TIPOLOGIE DI FINANZIAMENTO

PANORAMICA SULLE TIPOLOGIE DI FINANZIAMENTO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO MICROIMPRESA E FINANZIAMENTI PUBBLICI: PROBLEMATICHE DI ACCESSO AL CREDITO E NUOVE OPPORTUNITA PANORAMICA SULLE TIPOLOGIE DI FINANZIAMENTO Giovanni D Alessio

Dettagli

CCIAA Regione Interventi

CCIAA Regione Interventi CCIAA Regione Interventi Bergamo Lombardia 1) Deliberazioni n.118/2005-112/2006-107/2007-134/2008-163/2009: Contributi a imprese agricole per l'abbattimento di interessi su finanziamenti garantiti dai

Dettagli

D) ATTI DIRIGENZIALI. Giunta Regionale. Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 8 - Mercoledì 23 febbraio 2011

D) ATTI DIRIGENZIALI. Giunta Regionale. Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 8 - Mercoledì 23 febbraio 2011 Bollettino Ufficiale 15 D) ATTI DIRIGENZIALI Giunta Regionale D.G. Presidenza D.d.s. 16 febbraio 2011 - n. 1387 Direzione centrale Programmazione integrata - Accordo di Programma per lo sviluppo economico

Dettagli