UNA RETE CONDIVISA PER IL RILEVAMENTO POST-INCIDENTALE IN STABILIMENTI A RISCHIO DI INCIDENTE RILEVANTE: STATO E PROSPETTIVE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNA RETE CONDIVISA PER IL RILEVAMENTO POST-INCIDENTALE IN STABILIMENTI A RISCHIO DI INCIDENTE RILEVANTE: STATO E PROSPETTIVE"

Transcript

1 UNA RETE CONDIVISA PER IL RILEVAMENTO POST-INCIDENTALE IN STABILIMENTI A RISCHIO DI INCIDENTE RILEVANTE: STATO E PROSPETTIVE Alberto Ricchiuti Italia Agenzia per la Protezione dell Ambiente e per i Servizi Tecnici Responsabile del Servizio Rischio Industriale Sessione Telerilevamento e reti di monitoraggio ambientale Tema: Sicurezza. Inquadramento della tematica del rilevamento post-incidentale negli stabilimenti a rischio di incidente rilevante nel contesto nazionale ed internazionale Nell ambito della prevenzione e controllo del rischio industriale assume una particolare rilevanza l analisi degli eventi anomali occorsi negli stabilimenti, in termini di incidenti, quasi-incidenti ed anomalie d impianto. Si tratta infatti di una componente essenziale nelle attività di sicurezza poste in atto dai gestori:?? per l individuazione dei rischi da riportare nei rapporti di sicurezza;?? per la misura delle prestazioni, che costituisce un elemento chiave nell implementazione di un corretto sistema di gestione aziendale della sicurezza. L attività di analisi dell esperienza storica degli incidenti costituisce poi una fase cruciale nelle attività di controllo sul rischio industriale previste dal D.lgs.334/99, recepimento nazionale della Direttiva europea 96/8/CE Seveso II :?? nell ambito delle attività di valutazione dei rapporti di sicurezza svolte dagli organi istruttori, al fine di giudicare, insieme ad altri strumenti, la congruenza degli scenari incidentali ipotizzabili nello stabilimento e quindi la sua compatibilità con il territorio circostante;?? nell ambito delle verifiche ispettive periodiche sui sistemi di gestione della sicurezza condotte negli stabilimenti a rischio di incidente rilevante (con frequenza annuale negli stabilimenti di prima fascia), al fine di individuare preliminarmente gli elementi gestionali critici da approfondire nelle successive fasi. Si comprende quindi la necessità, da parte degli organi tecnici preposti ai controlli, di disporre di dati sugli incidenti affidabili ed estesi alle principali tipologie di attività industriali, da rendere disponibili agli analisti di rischio incaricati delle valutazioni dei rapporti di sicurezza ed agli ispettori impegnati nelle verifiche ispettive sui sistemi di gestione della sicurezza. La tematica dell analisi incidentale è peraltro fortemente sentita anche a livello internazionale, come è testimoniato dagli obblighi imposti dalla Direttiva Seveso II agli Stati UE di comunicare le informazioni sugli incidenti, e ove tecnicamente di interesse, sui quasi-incidenti, alla Commissione europea mediante il sistema MARS, predisposto e gestito dal Centro Comune di Ricerca di Ispra. A questo circuito si aggiunge quello della rete IMPEL, che prevede incontri periodici di scambio di metodologie ed informazioni tra esperti dei Paesi europei su questa specifica tematica.

2 .Conclusioni emerse dalla Conferenza di Bologna 00 per quanto concerne il rilevamento post-incidentale Nel 00, nell ambito della Conferenza di Bologna, su questo specifico aspetto del sistema dei controlli emerse, in sintesi, che per le attività di reporting e di investigazione post-incidentale a seguito di accadimento di incidente rilevante, si rilevavano forti carenze a livello regionale con sporadica capacità di investigazione, limitata alle realtà dove esisteva un consolidato rapporto con l attività investigativa istituzionale. Nell auspicare l avvio di un efficace azione in questo ambito si evidenziava l esistenza presso l Agenzia nazionale di una banca dati incidentale con adeguato numero di informazioni, che poteva, se alimentata con continuità dal territorio e con le opportune modalità, essere utilmente resa disponibile al Sistema delle Agenzie. Il Gruppo di lavoro APAT/ARPA/APPA Rischio Industriale, che costituisce uno degli strumenti attraverso il quale l APAT svolge le funzioni di indirizzo e coordinamento tecnico nei riguardi delle Agenzie regionali e provinciali per la protezione dell ambiente, ha individuato pertanto tra gli obiettivi prioritari da perseguire il rilevamento e l analisi di dati sugli incidenti occorsi negli stabilimenti industriali a rischio di incidente rilevante presenti sul territorio nazionale. In realtà attività di raccolta e sistematizzazione su scala nazionale dei dati sugli incidenti erano state già avviate in passato in Italia, oltre che da APAT e da soggetti privati, da altri Autorità ed organi tecnici, primi fra tutti il Corpo Nazionale dei Vigili del fuoco, in relazione alla disponibilità dei rapporti di intervento predisposti dalle squadre dei Comandi provinciali chiamate ad intervenire in occasioni di eventi incidentali. Pertanto tale tematica è stata inserita tra gli oggetti principali dell Accordo di collaborazione in atto tra il Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco e l APAT nel campo delle attività di controllo delle attività a rischio di incidente rilevante, sulla base del quale si è pertanto deciso di costituire un Gruppo di lavoro misto ad hoc APAT/ARPA/CNVVF. 3. Quadro evolutivo del contributo delle Agenzie ambientali al rilevamento postincidentale A partire dal 00 il Gruppo di lavoro misto, che vede la partecipazione delle unità centrali APAT (Servizio Rischio Industriale) e del Ministero dell interno (Area Rischi industriali) competenti in materia, cui si sono aggiunti esperti delle Agenzie regionali (Lombardia e Toscana ) e delle Direzioni regionali del CNVVF (Sicilia, Puglia, Friuli Venezia Giulia), ha avviato un progetto per la realizzazione di una rete informativa territoriale condivisa finalizzata alla raccolta, trasmissione, analisi dei dati sugli incidenti ed alla successiva azione di reporting, secondo format prestabiliti e con modalità tempestive, attraverso il coinvolgimento del Sistema Agenziale e delle strutture territoriali del CNVVF. Il progetto prevede a regime la costituzione di una rete con nodi centrali (APAT e strutture centrali del Ministero dell interno-cnvvf) e territoriali (ARPA/APPA e Direzioni regionali e Comandi provinciali del CNVVF) che costituisca uno strumento attivo e continuo di comunicazione e confronto tecnico finalizzato al raggiungimento dei seguenti obiettivi:

3 . miglioramento degli aspetti quantitativi e qualitativi dei dati raccolti sugli incidenti, e conseguente miglioramento dell attendibilità delle analisi condotte, grazie ad un maggior grado di dettaglio delle informazioni;. ottimizzazione delle attività informative e formative condotte sul tema del rischio industriale e creazione di una base didattica comune; 3. conseguimento di una visione maggiormente esaustiva e sistematica della situazione incidentale a livello nazionale, ad uso sia delle Amministrazioni centrali sia di quelle territoriali coinvolte nel sistema dei controlli. Il progetto prevede a regime:?? l organizzazione di un sistema di comunicazione per: - la raccolta delle informazioni sugli accadimenti incidentali occorsi ed in atto; - l analisi post-incidentale, rivolta in particolare all individuazione delle carenze gestionali causa primaria dell incidente;?? la messa a punto di tecniche di investigazione incidentale e di metodologie di analisi incidentale finalizzata, principalmente, alla individuazione delle carenze gestionali a supporto alle attività di controllo del rischio industriale sia in fase di valutazione, sia di verifica ispettiva;?? la valorizzazione dei dati raccolti e delle analisi effettuate mediante: - aggiornamento delle Banche Dati Incidenti Rilevanti dell APAT e del CNVVF; - diffusione delle lezioni apprese dall analisi dell esperienza storica degli eventi incidentali;?? l omogeneizzazione delle Banche Dati APAT e CNVVF con la creazione di un registro centrale unificato, a disposizione delle ARPA, delle strutture territoriali dei VVF e degli altri organi di controllo. Naturalmente il successo dell iniziativa richiede il convinto coinvolgimento delle Agenzie regionali e dei Comandi ed Ispettorati VVF locali per il reperimento e la trasmissione delle informazioni sui casi incidentali in atto. I responsabili delle unità competenti delle Agenzie e delle strutture locali VVF provvedono infatti all utilizzo degli strumenti predisposti (scheda di rilevamento), ed invio al centro secondo la specifica procedura definita. In tal senso è da sottolineare l importanza della duplice interfaccia tra i due enti centrali e le ARPA e le strutture territoriali VVF, sulla cui efficienza si regge la possibilità di mantenimento e di sviluppo della rete di rilevamento dati. In termini più dettagliati, gli aspetti specifici del progetto ad oggi perseguiti hanno riguardato:?? la predisposizione e la diffusione di una scheda standard per il rilevamento dei principali dati relativi all incidente occorso ad uso delle Agenzie regionali e delle squadre di intervento o di livello superiore delle strutture territoriali CNVVF;?? la messa a punto di una procedura di gestione e comunicazione della scheda che preveda la trasmissione della stessa dai nodi territoriali ai nodi centrali del Gruppo di lavoro misto;?? la valutazione dei primi risultati del progetto di implementazione della rete condivisa tra APAT, ARPA e CNVVF attraverso effettuazione di un analisi tecnica della casistica incidentale rilevata nel periodo

4 La scheda di rilevamento dei dati incidentali, predisposta ad hoc dal Gruppo di lavoro, è strutturata su un modello semplice e contemporaneamente dettagliato, compatibile con il formato della maschera che caratterizza la Banca Dati Incidenti Rilevanti dell APAT. Il modello, infatti, appare semplice, ma anche sufficientemente esaustivo per la raccolta delle informazioni sugli incidenti necessaria per l effettuazione delle diverse analisi richieste. Il modello, inoltre, tiene conto della possibilità di raccolta di dati immediata, all atto dell accadimento dell evento, e di un approfondimento successivo su alcuni aspetti potenzialmente soggetti ad integrazione a seguito di controlli ed esami da effettuarsi successivamente sul luogo dell incidente. Per questo motivo si compone di due sezioni (si veda figura I): sezione: composta da cinque sottosezioni relative a dati identificativi, tecnici, descrittivi, di emergenza e di identificazione dell ente responsabile della registrazione. Tale sezione viene compilata dal funzionario del ente territoriale che effettua il sopralluogo post incidentale, ed inviata entro 4 ore dall accadimento dell evento al corrispondente nodo centrale, per l immediata registrazione dei dati e la condivisione; sezione: riprende le cinque sezioni della prima, fornendo un più ampio spazio per eventuali e successivi approfondimenti del caso. La sezione viene compilata sempre a livello territoriale nei giorni successivi, per l esecuzione di analisi approfondite dell evento, in termini di: - individuazione degli elementi chiave (tipologia scenario, cause generali/specifiche, danni persone/ambiente, apparecchiatura/ componente coinvolta/o, innesco - causa, tempo -, dimensioni nube, quantità di sostanza coinvolta, area evacuazione, fattore umano o operazione carente, ecc ); - valutazione degli aspetti gestionali dell evento, individuazione dei fattori che hanno determinato, congiuntamente agli aspetti impiantistici, il verificarsi dell evento, in riferimento alla lista di riscontro predisposta per la conduzione delle verifiche ispettive presso gli stabilimenti, ai sensi del DM 5 Novembre 997. Per il CNVVF la procedura di gestione della scheda è fissata nella lettera prot. n. NS 757/49 sott., inviata dal Ministero dell Interno, Direzione Generale della Protezione Civile e dei Servizi Antincendi, Servizio Tecnico Centrale (Ispettorato per le Attivita e le Normative Speciali di Prevenzione Incendi) in data Novembre 00, ai Comandi provinciali ed agli Ispettorati Regionali ed Interregionali per avviare la raccolta delle schede. Per le Agenzie ambientali la raccolta delle schede avviene secondo la procedura per ore informale ma concordata nell ambito del Gruppo di Lavoro APAT/ARPA/APPA Rischio Industriale. Alle fasi di raccolta segue, ai sensi dell Accordo APAT-VVF, lo scambio tempestivo delle schede tra i due enti, e l attivazione dell analisi congiunta. In tal senso un utile sperimentazione di questa fase è stata effettuata per lo specifica tipologia dei depositi di GPL, con risultati incoraggianti, specie per quanto concerne l individuazione dei fattori gestionali critici in questo comparto di attività a rischio di incidente rilevante. 4

5 È possibile osservare che la scheda, così come conformata, fornisce informazioni preliminari:?? per l eventuale avvio, da parte del Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio, della procedura di rilevamento dati effettuata per i sopralluoghi post incidentali per la notifica degli incidenti rilevanti alla Commissione Europea secondo il formato MARS;?? per l attività di analisi degli eventi occorsi, prevista nella procedura per l effettuazione delle verifiche ispettive, ai sensi del DM 5 Novembre 997;?? per l alimentazione della Banca Dati BIRD dell APAT, nonché delle altre eventuali banche dati predisposte a livello nazionale che si intende integrare con BIRD per la costituzione di un unico archivio centralizzato. 4. Criticità ed aspetti positivi dell attuale situazione È doveroso sottolineare come la piena realizzazione del progetto richieda adeguate tempistiche ed il dispiegarsi della concreta ed attiva collaborazione di tutti i soggetti coinvolti; ad oggi la situazione riflette una prioritaria necessità di migliorare le attività di rilevamento e trasmissione dati, per poi procedere di conseguenza alla realizzazione delle altre fasi, fermo restando che si tratta in ogni caso di fasi strettamente collegate ed integrate. A tale riguardo le figure II-VI consentono una valutazione dei primi risultati del progetto di implementazione della rete condivisa tra APAT, ARPA e CNVVF per il rilevamento post-incidentale, la raccolta e l analisi dei dati e la successiva azione di reporting, mediante analisi degli incidenti industriali occorsi in Italia nel biennio Gli eventi incidentali significativi considerati corrispondono ad incidenti, quasi incidenti o gravi anomalie di funzionamento che abbiano coinvolto almeno una sostanza pericolosa occorsi negli anni 00 e 00 in stabilimenti industriali e depositi sull intero territorio nazionale. In sostanza si tratta degli eventi registrati in questi anni nella Banca Dati Incidenti Rilevanti dell APAT, con esclusione dei casi relativi al trasporto, sulla base di diverse tipologie di fonti, quali:?? schede ARPA e VVF, come è ovvio;?? Banca Dati europea MARS;?? documentazione tecnica: relazioni, altri rapporti interni di diverse Autorità pubbliche o enti privati;?? stampa;?? rete internet, con particolare riguardo per il sito del Ministero dell Interno- CNVVF. È necessario evidenziare un importante contributo fornito, per le informazioni di carattere generale, dal sito del Ministero dell interno-vvf, da cui sono stati estrapolati molti casi incidentali, per lo più incendi, che ricoprono in modo verosimilmente esaustivo la casistica di questa tipologia di eventi su territorio nazionale. Questo aspetto probabilmente giustifica la forte predominanza di alcuni elementi, come l incendio per gli scenari, e lo stoccaggio in capannoni per le apparecchiature, risultante dalle analisi effettuate. Tale aspetto verrà meglio esplicitato in seguito. In riferimento agli obiettivi suddetti, è possibile innanzitutto osservare che gli esiti dell analisi condotta hanno dimostrato risultati apprezzabili, in termini soprattutto di 5

6 coinvolgimento di ARPA e Comandi/Ispettorati del CNVVF nel lavoro di reporting da compiere, pur se migliorabili negli aspetti quantitativi e qualitativi delle informazioni raccolte. La rilevanza statistica dei risultati, ad ogni modo, è da considerarsi relativa a causa della tipologia e disponibilità di fonti consultate, non sempre dello stesso livello qualitativo per tutti i casi esaminati, e tale da non garantire ancora, attualmente, la rilevazione sistematica di tutti gli eventi incidentali significativi verificatisi sull intero territorio nazionale nel periodo di riferimento. Ferma restando questa premessa, nel periodo considerato sono stati rilevati 5 eventi, con una media di 75 casi all anno (figura II), con punte in Lombardia, Emilia Romagna e Veneto. Tra le fonti consultate la maggior parte degli incidenti è stata desunta ancora dalla stampa (figura III), ma confortante si rivela il dato sulle schede di rilevamento, ricoprenti il 30,5% dei casi censiti nel biennio di interesse; questo elemento positivo potrà migliorare nel tempo, se supportato da adeguata sensibilizzazione degli organismi tecnici locali in merito. A tale riguardo le ARPA e gli Ispettorati/Comandi VVF più attivi al riguardo risultano quelli delle regioni Lombardia, Emilia Romagna, Piemonte e Veneto, anche se il contributo fornito dagli altri organi tecnici locali non appare trascurabile, in rapporto al numero di eventi incidentali di interesse accaduti nei territori di competenza. Interessante è notare l incremento di schede tra il 00 e il 00 (figure IV e V), più marcato per quanto riguarda le schede trasmesse dagli organi del CNVVF. Le ARPA che hanno mostrato maggior impegno nella predisposizione delle schede risultano quelle del Piemonte, Lombardia, Emilia Romagna e Marche (figura VI). Relativamente all analisi tecnica della rilevazione incidentale nel biennio 00-00, si riscontra che gli scenari maggiormente coinvolti appaiono gli incendi (figura VII), verificatisi per lo più in Lombardia e Piemonte. Seguono i rilasci, rilevati soprattutto in Emilia Romagna e Veneto, ed infine le esplosioni, interessanti in particolare Lombardia, Emilia Romagna e Lazio (figura VIII). Sulla prevalenza degli incendi incidono, come anticipato gli eventi individuati tramite il sito web dei Vigili del Fuoco. Le sostanze maggiormente coinvolte nei casi incidentali esaminati (figura IX) risultano gli idrocarburi liquidi/gas, seguiti da plastiche/gomme, e quindi da fibre/polimeri; si evidenziano anche un certo numero di eventi coinvolgenti cloro/composti e esplosivi/polveri. Per ciò che concerne le attività maggiormente coinvolte, si evidenzia (figura X) la rilevanza del comparto chimico/farmaceutico, seguito dall industria in generale (alimentare, costruzioni ed altre attività) e dall attività di produzione-trattamento di gomme, plastiche, polimeri. Ribadendo la rilevanza statistica per ora limitata dei dati analizzati, si registra tra il 00 e il 00 una diminuzione dei danni a persone (figure XI e XII), la cui occasionalità o meno andrà giudicata sulla base dei dati, sperabilmente più completi ed affidabili, rilevati per gli anni successivi. Gli esiti dell analisi tecnica dei dati portano a considerare i guasti meccanici come cause generali più ricorrenti di incidenti nelle attività industriali, seguiti da errori umani e sviluppo di reazioni indesiderate/incontrollate (figura XIII). 6

7 È da evidenziare, comunque, che per la maggior parte degli eventi esaminati non sono disponibili elementi di dettaglio sulle cause, fatto connesso alla non ancora completa attivazione della rete di rilevamento e del conseguente uso estensivo delle schede di rilevamento, che potrà indurre un oggettivo miglioramento qualitativo e quantitativo delle informazioni raccolte, in particolare per l evidenziazione delle cause specifiche degli eventi e l identificazione delle apparecchiature direttamente coinvolte negli eventi. Le cause specifiche per ora evidenziate (figura XIV) si riferiscono ad errori procedurali, seguiti da sovrapressioni e surriscaldamenti; le apparecchiature più colpite risultano magazzini/capannoni di deposito (anche su questo dato influisce la fonte sito web dei Vigili del Fuoco), serbatoi/vasche e quindi tubazioni e valvole (figura XV). In conclusione l esame condotto, se da una parte registra un risultato apprezzabile in termini di attivazione e coinvolgimento degli enti centrali e locali nel progetto di creazione della rete di rilevamento tramite diffusione, compilazione e restituzione delle schede tecniche, dall altra sottolinea l importanza e la necessità di migliorare tale coinvolgimento, con intensificazione dell azione di reporting nelle regioni già ben inserite nel lavoro, e auspicabile estensione del progetto alle regioni meno attive al riguardo, per conferire ad esso un carattere effettivamente nazionale. 5.Prospettive In termini di sviluppi a breve termine, i propositi in materia riguardano essenzialmente:?? il miglioramento dell organizzazione e delle procedure per l azione di reporting e la diffusione a seguito di analisi post-incidentale. Tale azione potrà essere stimolata, da un lato, dall inserimento nella stipulanda Convenzione per il coordinamento delle attività di APAT e CNVVF, previsto dall art.0 del Regolamento dell Agenzia, dell obiettivo della realizzazione di un registro unico condiviso degli incidenti a livello nazionale; ciò dovrebbe auspicabilmente consentire di superare alcune problematiche recentemente emerse riguardo la natura di atti di ufficio delle schede di rilevamento, privilegiandone la natura di strumenti tecnici. Egualmente si riscontra la necessità di una maggiore formalizzazione della rete nell ambito del Sistema Agenziale, con gli strumenti che i vertici agenziali riterranno più opportuni, anche in termini di risorse dedicate.?? l organizzazione di corsi di informazione e formazione periodici per analisti di rischio ed ispettori SGS su stabilimenti a rischio di incidente rilevante su incidenti e relative analisi. A tale riguardo è in corso la predisposizione da parte dell APAT di una specifica guida tecnica per l investigazione post-incidentale.?? la standardizzazione, anche sulla base dell esperienza maturata con le attività connesse alla rete di rilevamento, dei sopralluoghi post-incidentali per reporting al sistema di rilevamento degli incidenti rilevanti MARS della Commissione europea, attualmente effettuati congiuntamente da Commissioni miste degli organi tecnici su richiesta del Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio. 7

8 Figura I.-SCHEDA PER IL RILEVAMENTO DI DATI SULL INCIDENTE SEZ. informazioni disponibili entro le prime 4 ore A) - IDENTIFICAZIONE INCIDENTE Codice : Data incidente : Ora : Ragione Sociale : Località : Comune: Provincia: Area : industriale urbana rurale porto Su : fiume lago mare strada Condizioni meteorologiche: nuvoloso sereno ventilato pioggia neve Attività a rischio di incidente rilevante : si no Giorno: festivo feriale Tipologia attività : trasporto stoccaggio raffineria petrolchimica chimica altro : Presenza ditte esterne: si no Per le attività di : costruzioni servizi manutenzione ordinaria manutenzione straordinaria altro: B) - CARATTERISTICHE TECNICHE Tipo incidente : incendio esplosione rilascio altro : Sostanza/e coinvolta/e : Altre: Stato fisico sostanza maggiorm. coinvolta: gas/vapore gas liquefatto liquido solido polvere altro: Quantità (indicare l unità di misura): coinvolta rilasciata Tipo impianto coinvolto : processo deposito servizi travaso altro specificare l impianto : Condizione impianto: marcia normale manutenzione avviamento fermata Tipologia apparecchiatura/e origine dell evento : C) - DESCRIZIONE INCIDENTE Sintesi dell accaduto. Cause presunte o accertate Conseguenze / danni Morti : si no n : Feriti interni allo stabilimento: si no n : Feriti esterni allo stabilimento: si no n : Impianti limitrofi danneggiati: si no specificare: N abitazioni danneggiate o inagibili all esterno dello stabilimento: Danni ambientali : si no Componente ambientale colpita : suolo fauna flora atmosfera acque superficiali acque sotterranee(falda) ecosistema altro: Interruzione di servizi per oltre ore: si no Tipo: acqua potabile elettricità gas telefono D) - EMERGENZA Attivato piano Emergenza Interno si no Attivato piano Emergenza Esterno si no Interventi post-incidente nell area coinvolta:.. Risorse VVF impegnate: n mezzi: n uomini: durata intervento: E) - IDENTIFICAZIONE REPORT Data rapporto : Firma di chi registra : Ente di appartenenza : 8

9 Figura I.- SCHEDA PER IL RILEVAMENTO DI DATI SULL INCIDENTE SEZ. scheda ulteriori informazioni disponibili successivamente A) - IDENTIFICAZIONE INCIDENTE Codice: Ulteriori approfondimenti:.. B) - CARATTERISTICHE TECNICHE Stato fisico sostanze coinvolte: gas/vapore gas liquefatto liquido solido polvere altro: Quantità (indicare l unità di misura): coinvolta rilasciata Ulteriori approfondimenti:... C) - DESCRIZIONE INCIDENTE Ulteriori approfondimenti sull accaduto. Ulteriori approfondimenti sulle cause presunte o accertate Ulteriori approfondimenti sulle conseguenze / danni Morti : si no n : Feriti interni allo stabilimento: si no n : Feriti esterni allo stabilimento: si no n : Giorni di ricovero presso strutture ospedaliere : Raggio max di estensione dei danni rilevati calcolato dall apparecchiatura origine dell evento (m): Danni economici nello stab.: < milioni EURO > milioni EURO Danni economici esterni allo stab.: < 0,5 milioni EURO > 0,5 milioni EURO Componente ambientale colpita : suolo fauna flora atmosfera acque superficiali acque sotterranee(falda) ecosistema altro: Evacuati o confinati per oltre ore: si no N : Interruzione di servizi per oltre ore: si no Tipo: acqua potabile elettricità gas telefono D) - EMERGENZA Interventi post-incidente nell area coinvolta:... Autorità intervenute: Altre informazioni sulla gestione dell emergenza:. Eventuali ulteriori informazioni generali:... E) - IDENTIFICAZIONE REPORT Data rapporto : Firma di chi registra : Ente di appartenenza : 9

10 Figura II Numero di incidenti rilevati nel periodo totale incidenti totale incidenti 00 totale incidenti Figura III Distribuzione percentuale incidenti per fonti 7,3 30,5 35, altre Autorità stampa sito VVF schede ARPA-VVF 7, 0

11 Figura IV n schede ARPA ricevute nel periodo schede ARPA tot 4 schede ARPA 00 5 schede ARPA Figura V N schede totali (ARPA e VVF) ricevute nel periodo schede totali schede totali 00 schede totali

12 Figura VI- Distribuzione regionale incidenti comunicati con schede di rilevamento

13 Figura VI bis-distribuzione provinciale incidenti comunicati con schede di rilevamento 3

14 Figura VII Distribuzione incidenti per scenario (n casi) 33 esplosione incendio rilascio

15 Figura VIII Distribuzione incidenti per scenario per regione Emilia Romagna Lombardia Piemonte Lazio Umbria Friuli Venezia Giulia Abruzzo Campania Toscana Veneto Sicilia Sardegna Puglia Marche Calabria Liguria Trentino A.A. rilascio incendio esplosione 5

16 Figura IX Distribuzione incidenti per sostanze (n casi) fibre, polimeri azoto, composti azotati cloro/composti,cloruri, idruri CO, CO, gas tossici HC liquidi /gas(gpl), petrolio/derivati etilene, composti, dieni,ammine plastiche, gomme, PVC acidi solventi, alcoli ossidi, perossidi esplosivi e polveri vernici, resine ammoniaca metalli fosgene benzene/aromatici detergenti altro (n.s.) Figura X Distribuzione incidenti per attività tessile vernici, resine polveri esplosive gomma, plastica, polimeri stoccaggio sostanze pericolose alcoli, solventi 4 petrolchimico chimica, farmaceutica industria metallurgia, acciaieria raffineria altro 6

17 Figura XI Andamento numero morti nel periodo Figura XII Andamento numero feriti nel periodo

18 Figura XIII Distribuzione incidenti totali (5 nel periodo 00-00) per cause generali (n casi) non specificate 6 strumenti servizi esterne 6 reaz 0 urto umano 34 mecc

19 Figura XIV Distribuzione incidenti totali (00-00) per cause specifiche altro guarniz/flangia/conness elettrica reaz/runaway sovrariempim procedura saldatura fatica/rott mix/agitatore esterne blocco corrosione valvola sovrap congelam/fragile surriscaldam

20 Figura XV Distribuzione incidenti per apparecchiature altro bombola colonna forno/camera comb essiccatore reattore tubazione gruppo frigorifero civile discarica elettr/trasformatore capannone/magazzino miscelatore pompa/compressore connessioni/flange scambiatore valvola nastro serbatoio/vasche silo

LE VERIFICHE ISPETTIVE SUI SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA COME STRUMENTO DI PREVENZIONE DEI RISCHI DI INCIDENTE RILEVANTE

LE VERIFICHE ISPETTIVE SUI SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA COME STRUMENTO DI PREVENZIONE DEI RISCHI DI INCIDENTE RILEVANTE LE VERIFICHE ISPETTIVE SUI SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA COME STRUMENTO DI PREVENZIONE DEI RISCHI DI INCIDENTE RILEVANTE Alberto Ricchiuti Italia Agenzia per la Protezione dell Ambiente e per i Servizi

Dettagli

PREMESSA LA BANCA DATI DEGLI INCIDENTI CON IL GPL

PREMESSA LA BANCA DATI DEGLI INCIDENTI CON IL GPL Ing. Giorgio ALOCCI, Arch. Luciano BUONPANE, Ing. Natalia RESTUCCIA*, Ing. Rita CAROSELLI** GPL: STUDI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA SICUREZZA. ANALISI DEGLI EVENTI INCIDENTALI COINVOLGENTI IL GPL REGISTRATI

Dettagli

Banca dati: strumento di conoscenza

Banca dati: strumento di conoscenza Giorgio Alocci, Natalia Restuccia, Luciano Buonpane Banca dati: strumento Analisi degli eventi incidentali coinvolgenti il GPL nell ultimo triennio dalla banca dati degli interventi dei Vigili del Fuoco

Dettagli

DOCUMENTO OPERATIVO PER LA REALIZZAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DI PREVENZIONE IN EDILIZIA 2008-2010 29 novembre 2007

DOCUMENTO OPERATIVO PER LA REALIZZAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DI PREVENZIONE IN EDILIZIA 2008-2010 29 novembre 2007 DOCUMENTO OPERATIVO PER LA REALIZZAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DI PREVENZIONE IN EDILIZIA 2008-2010 29 novembre 2007 1. Premessa: a) la Commissione Salute delle Regioni e Province Autonome ha approvato il

Dettagli

STUDIO SUGLI INCENDI IN ITALIA DAL 2007 AL 2010. Dirigente Superiore Dott. Ing. Maurizio D ADDATO

STUDIO SUGLI INCENDI IN ITALIA DAL 2007 AL 2010. Dirigente Superiore Dott. Ing. Maurizio D ADDATO STUDIO SUGLI INCENDI IN ITALIA DAL 2007 AL 2010 Dirigente Superiore Dott. Ing. Maurizio D ADDATO La ricerca sviluppata ha preso in esame tutte le segnalazioni pervenute al Centro Operativo Nazionale del

Dettagli

Servizi di prevenzione incendi e di vigilanza antincendi svolti dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco.

Servizi di prevenzione incendi e di vigilanza antincendi svolti dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco. Cod. ISTAT INT 00051 AREA: Ambiente e territorio Settore di interesse: Ambiente Servizi di prevenzione incendi e di vigilanza antincendi svolti dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco. Titolare: Dipartimento

Dettagli

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA)

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) (aggiornamento al 31 DICEMBRE 2014) REGIONE PUGLIA 11.310 31.758 22.145 168.396 2.866 208.465 1.819 1.566.140 55 172.237

Dettagli

Francesca Belinghieri. Novara, 11 giugno 2014

Francesca Belinghieri. Novara, 11 giugno 2014 Novara, 11 giugno 2014 "Il Nuovo SET (Servizio Emergenze Trasporti), uno strumento operativo per la gestione delle emergenze a supporto delle Autorità Pubbliche e delle Imprese". Francesca Belinghieri

Dettagli

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE ESERCIZI SPECIALIZZATI. AL 31/12/2013 PIEMONTE Altri prodotti 19 41.235 113 168 281 0 2 3 Articoli igienico-sanitari/materiali da 1 2.493 2 0 2 0 0 0 Articoli sportivi/attrezzatura campeggi 9 25.694 119

Dettagli

CAPITOLO 2 GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

CAPITOLO 2 GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI CAPITOLO 2 - LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 2.1 LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI Nel presente capitolo sono illustrati i dati riguardanti la gestione dei rifiuti speciali sul territorio nazionale negli

Dettagli

Censimento delle strutture per anziani in Italia

Censimento delle strutture per anziani in Italia Cod. ISTAT INT 00046 AREA: Amministrazioni pubbliche e servizi sociali Settore di interesse: Assistenza e previdenza Censimento delle strutture per anziani in Italia Titolare: Dipartimento per le Politiche

Dettagli

Seminario: il Sistema ISPRA/ARPA/APPA Roma 25-26 Giugno 2009

Seminario: il Sistema ISPRA/ARPA/APPA Roma 25-26 Giugno 2009 Le Agenzie hanno dimostrato di potersi guardare all interno per conoscersi e di voler guardare all esterno per confrontarsi e misurarsi. Obiettivo: Individuare buone pratiche da cui poter attingere suggerimenti

Dettagli

Linee guida recanti criteri e procedure per la conduzione, nelle more del decreto previsto dall articolo 25, comma 3 del D.Lgs.334/99, delle verifiche ispettive di cui al decreto del Ministero dell Ambiente

Dettagli

CONCLUSIONI FMS. Dott. Jean Pierre Fosson. Osservatorio Tecnico e Gestionale Prof. Riccardo Beltramo Coordinatore

CONCLUSIONI FMS. Dott. Jean Pierre Fosson. Osservatorio Tecnico e Gestionale Prof. Riccardo Beltramo Coordinatore CONCLUSIONI Ad un anno dall avviamento del progetto Osservatorio tecnologico, gestionale e formativo per la sicurezza in montagna, per la tutela dell ambiente montano e delle strutture ricettive alpine

Dettagli

AZIONI di COORDINAMENTO ORGANISMI REGIONALI ANFFAS ONLUS. programmi e stato dell arte. Consigliere Nazionale Cesarina Del Vecchio

AZIONI di COORDINAMENTO ORGANISMI REGIONALI ANFFAS ONLUS. programmi e stato dell arte. Consigliere Nazionale Cesarina Del Vecchio AZIONI di COORDINAMENTO ORGANISMI REGIONALI ANFFAS ONLUS programmi e stato dell arte Consigliere Nazionale Cesarina Del Vecchio 1 PROGRAMMA APPROVATO DALL ASSEMBLEA ASSEMBLEA MAGGIO 2010: Per quanto concerne

Dettagli

Fig.1 - n Verifiche Ispettive completate nella Provincia di Ravenna presso gli stabilimenti soggetti all art.6 del D.Lgs 334/99

Fig.1 - n Verifiche Ispettive completate nella Provincia di Ravenna presso gli stabilimenti soggetti all art.6 del D.Lgs 334/99 Legge Regionale 17 dicembre 23 n.26: Verifiche Ispettive sui Sistemi di Gestione della Sicurezza degli stabilimenti soggetti all art.6 del D.Lgs 334/99 della Provincia di Ravenna Risultanze e commenti

Dettagli

B. Basso, C. Dibitonto, G. Gaido, A. Robotto, G. N. Ruggiero, C. Zonato

B. Basso, C. Dibitonto, G. Gaido, A. Robotto, G. N. Ruggiero, C. Zonato VERIFICHE ISPETTIVE SUL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA CONDOTTE IN REGIONE PIEMONTE IN STABILIMENTI SOGGETTI ALL ART. 6 DEL D.LGS. 334/99: PRIME RISULTANZE E CRITICITÀ EMERSE B. Basso, C. Dibitonto,

Dettagli

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B)

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B) AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) ()/Bx100 120 113,93 109,46 +4,47 +4,09% 480 295,84 277,95 +17,89 +6,44% 700 401,94 375,85 +26,09 +6,94% 1.400 739,55 687,37 +52,18 +7,59% 2.000 1.026,99

Dettagli

Udine Palazzo della Provincia 9 Marzo 2015

Udine Palazzo della Provincia 9 Marzo 2015 Udine Palazzo della Provincia 9 Marzo 2015 ITALIA - ESPORTAZIONE DI RIFIUTI SPECIALI ANNO 2012 A livello nazionale la quantità totale di rifiuti esportata nel 2012 è pari a 4 milioni di tonnellate di cui

Dettagli

IL REGISTRO INAIL DI ESPOSIZIONE A CANCEROGENI PROFESSIONALI

IL REGISTRO INAIL DI ESPOSIZIONE A CANCEROGENI PROFESSIONALI IL REGISTRO INAIL DI ESPOSIZIONE A CANCEROGENI PROFESSIONALI Premessa Presso l Inail è attivo un sistema informativo per la raccolta e l archiviazione di informazioni relative all esposizione professionale

Dettagli

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI Articolo 1 (Campo di applicazione) Il presente decreto si

Dettagli

La Direttiva 2000/60/CE nei siti internet istituzionali delle regioni italiane

La Direttiva 2000/60/CE nei siti internet istituzionali delle regioni italiane La Direttiva 2000/60/CE nei siti internet istituzionali delle regioni italiane a cura di Andrea Cori 3 settembre 2014 La Direttiva 2000/60/CE nei siti internet istituzionali delle regioni italiane Introduzione

Dettagli

IMPIANTI I.P.P.C. ATTIVITA DI CONTROLLO PROGRAMMATA ANNO 2009

IMPIANTI I.P.P.C. ATTIVITA DI CONTROLLO PROGRAMMATA ANNO 2009 IMPIANTI I.P.P.C. ATTIVITA DI CONTROLLO PROGRAMMATA ANNO 2009 ARPA - Sezione Provinciale di Bologna Servizio Territoriale Unita Operativa IPPC Novembre 2010 Attività di controllo programmata 2009 svolta

Dettagli

La Raccolta Differenziata in Italia

La Raccolta Differenziata in Italia 120 Da una prima quantificazione dei dati relativi all anno 2002, la raccolta differenziata si attesta intorno ai,7 milioni di tonnellate che, in termini percentuali, rappresentano il 19,1% della produzione

Dettagli

POLITICHE ENERGETICHE REGIONALI E BURDEN SHARING

POLITICHE ENERGETICHE REGIONALI E BURDEN SHARING POLITICHE ENERGETICHE REGIONALI E BURDEN SHARING Perugia, 30 marzo 2012 XII Congresso Nazionale CIRIAF relatore: Michele Cenci Responsabile a.i. Sezione Tecnologie Servizio Energia Regione Umbria La Direttiva

Dettagli

Atlante degli infortuni sul lavoro nella Regione Veneto

Atlante degli infortuni sul lavoro nella Regione Veneto Atlante degli infortuni sul lavoro nella Regione Veneto Anni 1990-2001 Nedda Visentini Direzione sistema statistico regionale 6 Gli autori Direzione prevenzione Centro operativo regionale per l epidemiologia

Dettagli

IL SISTEMA DI MONITORAGGIO DEGLI INCIDENTI STRADALI IN TOSCANA

IL SISTEMA DI MONITORAGGIO DEGLI INCIDENTI STRADALI IN TOSCANA IL SISTEMA DI MONITORAGGIO DEGLI INCIDENTI STRADALI IN TOSCANA Fabio Voller Dirigente Settore Servizi Sociali Integrati Osservatorio di Epidemiologia Agenzia Regionale di Sanità Toscana Incidenti stradali

Dettagli

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PROCEDURA OPERATIVA: RISCHIO VIABILITA E TRASPORTI Versione 1.0 del 05.03.2013 Redazione a cura di: Corpo Polizia Municipale Reno-Galliera GENERALITA 2.4 - Incidenti

Dettagli

COMUNICATO UFFICIALE N. 10 del 16 aprile 2015

COMUNICATO UFFICIALE N. 10 del 16 aprile 2015 COMUNICATO UFFICIALE N. 10 del 1 aprile 201 1. CAMPIONATI NAZIONALI - SPORT DI SQUADRA AMMISSIONE ALLE FINALI NAZIONALI E COMPOSIZIONE DELLE FASI INTERREGIONALI - Under 14, Allievi, Juniores, Top Junior,

Dettagli

Il Fondo di garanzia per le PMI. (Legge 662/1996, art. 2 comma 100, lett. a)

Il Fondo di garanzia per le PMI. (Legge 662/1996, art. 2 comma 100, lett. a) Il Fondo di garanzia per le PMI (Legge 662/1996, art. 2 comma 1, lett. a) Report mensile I risultati al 3 aprile 215 1 Indice 1. Le domande presentate... 3 1.1 Le domande presentate nel periodo 1 gennaio-3

Dettagli

ATTIVITA DI DOCUMENTAZIONE L.285/97

ATTIVITA DI DOCUMENTAZIONE L.285/97 ATTIVITA DI DOCUMENTAZIONE L.285/97 1) Banca dati dei progetti annualità 2012 2) Analisi dei piani di zona delle città riservatarie e dei piani regionali socio-sanitari 2012 STATO d IMPLEMENTAZIONE della

Dettagli

autosnodato auto-treno con rimorchio totale incidenti trattore stradale o motrice auto-articolato

autosnodato auto-treno con rimorchio totale incidenti trattore stradale o motrice auto-articolato Tab. IS.9.1a - Incidenti per tipo di e - Anni 2001-2013 a) Valori assoluti Anno 2001 o a altri Piemonte 16.953 23.818 19 77 167 146 80 67 1.942 123 254 153 50 59 824 1.920 1.037 653 50 4 23 0 112 31.578

Dettagli

LISTA DI RISCONTRO PER LE VERIFICHE ISPETTIVE DEL SGS

LISTA DI RISCONTRO PER LE VERIFICHE ISPETTIVE DEL SGS LISTA DI RISCONTRO PER LE VERIFICHE ISPETTIVE DEL IN STABILIMENTI SEMPLICI E AD ELEVATO LIVELLO DI STANDARDIZZAZIONE 1. Documento sulla politica di prevenzione, struttura del e sua integrazione con la

Dettagli

ADEMPIMENTI NORMATIVI PER STABILIMENTI SOGGETTI AGLI OBBLIGHI DELL ART. 8 D.LGS. 334/99 e s.m.i.

ADEMPIMENTI NORMATIVI PER STABILIMENTI SOGGETTI AGLI OBBLIGHI DELL ART. 8 D.LGS. 334/99 e s.m.i. AGLI OBBLIGHI DELL ART. 8 D.LGS. 334/99 Data ultimo aggiornamento documento: 09/11/2012 1. Adempimenti per le aziende in art. 8 2. Sanzioni 3. Principali attività della Pubblica Amministrazione I Gestori

Dettagli

La storia. Gennaio 2015. Novembre Dicembre 2014

La storia. Gennaio 2015. Novembre Dicembre 2014 La storia Lettera Presidente Renzi; 1650 Comuni segnalano oltre 3300 richieste. (insieme eterogeneo) Incarico a DIPE per inizio istruttoria sui finanziamenti del DL DPCM 28/10 su allentamento Patto di

Dettagli

Report incentivi ISI 2013

Report incentivi ISI 2013 Report incentivi ISI 2013 Il 29 maggio 2014 si è conclusa regolarmente la procedura telematica per l'assegnazione dei 307,359 milioni di euro stanziati dall INAIL nell ambito del bando degli incentivi

Dettagli

Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014. Rapporto. Alessandro Trigila, Carla Iadanza Rev Data Archivio. Titolo. Tipo.

Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014. Rapporto. Alessandro Trigila, Carla Iadanza Rev Data Archivio. Titolo. Tipo. Titolo Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014 Tipo Rapporto Dipartimento Difesa del Suolo/ Servizio geologico d Italia Servizio Istruttorie, Piani di Bacino e Raccolta Dati Redatto

Dettagli

L E S T E R O. Volontariato. Una panoramica sulle esperienze in Italia e negli altri Paesi

L E S T E R O. Volontariato. Una panoramica sulle esperienze in Italia e negli altri Paesi Natalia Restuccia Volontariato nei Vigili del Fuoco Una panoramica sulle esperienze in Italia e negli altri Paesi Q ualche cifra sul ato dei vigili del fuoco in Italia sarà il punto di partenza del viaggio

Dettagli

Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani

Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani Il campione 2 Chi è stato intervistato? Un campione di 100 soggetti maggiorenni che risiedono in Italia. Il campione

Dettagli

Report incentivi ISI 2011

Report incentivi ISI 2011 Report incentivi ISI 2011 Il 28 giugno 2012 si è conclusa regolarmente la procedura telematica che nell'arco di tre giorni ha coinvolto circa 20.600 imprese per l'assegnazione dei 205 milioni di euro stanziati

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

CONVEGNO Il recepimento della Direttiva Seveso 2012/18/UE 11 Maggio 2015, Roma. L applicazione della Seveso II in Liquigas S.p.A.

CONVEGNO Il recepimento della Direttiva Seveso 2012/18/UE 11 Maggio 2015, Roma. L applicazione della Seveso II in Liquigas S.p.A. CONVEGNO Il recepimento della Direttiva Seveso 2012/18/UE 11 Maggio 2015, Roma L applicazione della Seveso II in Liquigas S.p.A. Agenda > Liquigas > La Sicurezza in Liquigas: un percorso in evoluzione

Dettagli

Gli assicurati e gli infortuni sul lavoro. Adelina Brusco, Daniela Gallieri

Gli assicurati e gli infortuni sul lavoro. Adelina Brusco, Daniela Gallieri Gli assicurati e gli infortuni sul lavoro Adelina Brusco, Daniela Gallieri Ancona, 9 giugno 2009 Assicurati e Infortuni sul lavoro sono rilevati tramite il codice fiscale che individua il Paese di nascita

Dettagli

ISPRA Istituto Superiore per la protezione e la ricerca ambientale Via Vitaliano Brancati, 48 00144 Roma www.isprambiente.it

ISPRA Istituto Superiore per la protezione e la ricerca ambientale Via Vitaliano Brancati, 48 00144 Roma www.isprambiente.it Informazioni legali L istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) e le persone che agiscono per conto dell Istituto non sono responsabili per l uso che può essere fatto delle informazioni

Dettagli

stabile o una serie di appartamenti dove l immigrato può permanere per un periodo già fissato dalla struttura stessa. Sono ancora tantissimi gli

stabile o una serie di appartamenti dove l immigrato può permanere per un periodo già fissato dalla struttura stessa. Sono ancora tantissimi gli P R E M E S S A Con la presente rilevazione, la Direzione Centrale per la Documentazione e la Statistica si propone di fornire un censimento completo delle strutture di accoglienza per stranieri, residenziali

Dettagli

La Seveso: elementi di novità ed esperienze in Piemonte

La Seveso: elementi di novità ed esperienze in Piemonte La Seveso: elementi di novità ed esperienze in Piemonte Direttore Generale Ing. Angelo Robotto La normativa Seveso Incidente del 10 luglio 1976 al reattore chimico dell ICMESA Direttiva 82/501/CE ( Seveso

Dettagli

La valutazione dei danno ambientale

La valutazione dei danno ambientale La valutazione dei danno ambientale Valmontone - Convegno: La Nuova Normativa Ambientale Ecoreati Ing. Leonardo Arru IL QUADRO NORMATIVO IN MATERIA DI DANNO AMBIENTALE La riparazione del danno ambientale

Dettagli

Dossier rincari ferroviari

Dossier rincari ferroviari Nel 2007 i pendolari in Italia hanno superato i 13 milioni (pari al 22% della popolazione) con un incremento del 18% rispetto al 2005. La vita quotidiana è quindi sempre più caratterizzata dalla mobilità,

Dettagli

I Costi Sociali degli Incidenti Stradali Anno 2008

I Costi Sociali degli Incidenti Stradali Anno 2008 I Costi Sociali degli Incidenti Stradali Anno 2008 I Costi Sociali degli Incidenti Stradali La stima dei costi sociali intende quantificare il danno economico subito dalla società, e conseguentemente dal

Dettagli

Comune di Campodoro (PD)

Comune di Campodoro (PD) Comune di Campodoro (PD) Analisi della congruità economica del costo del servizio per la gestione dei rifiuti urbani nel Comune di Campodoro (PD) a supporto della relazione di cui all art. 34 comma 20

Dettagli

anche operatori del recupero ed associazioni della filiera cartaria.

anche operatori del recupero ed associazioni della filiera cartaria. CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI Carta dei Servizi 3 Premessa Per assicurare il riciclo degli imballaggi, in Italia è operativo un sistema consortile costituito da sei Consorzi di filiera, uno per

Dettagli

LE SOLUZIONI ASSICURATIVE DEL MERCATO ITALIANO

LE SOLUZIONI ASSICURATIVE DEL MERCATO ITALIANO LE SOLUZIONI ASSICURATIVE DEL MERCATO ITALIANO Giovanni Faglia Responsabile Pool Inquinamento Convegno ANRA Rischio Inquinamento e soluzioni assicurative, Milano Rischio Inquinamento 2 Inquinamento Fiume

Dettagli

EnErgia particolare.

EnErgia particolare. Energia particolare. LA STRUTTURA DEL GRUPPO. Gruppo UNOGAS aree di attività: Area vendita gas Area vendita energia Area servizi energetici e impiantistica Area importazione e trading ABBIAMO FATTO MOLTA

Dettagli

Focus Anticipazione sui principali dati della scuola statale A.S. 2015/2016. (Settembre 2015)

Focus Anticipazione sui principali dati della scuola statale A.S. 2015/2016. (Settembre 2015) Focus Anticipazione sui principali dati della scuola statale A.S. 2015/2016 (Settembre 2015) In occasione dell inizio dell anno scolastico si fornisce una breve sintesi dei principali dati relativi alla

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali L utilizzo dei voucher per le prestazioni di lavoro accessorio (Fonti: Dati MLPS e INPS) REPORT Roma, 22 marzo 2016 L utilizzo dei voucher per le prestazioni

Dettagli

AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE - AIA

AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE - AIA AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE - AIA Direttiva n. 96/61/CE Le finalità: prevenire fenomeni di inquinamento ridurre l inquinamento attuale evitare di trasferire l inquinamento da un comparto all altro

Dettagli

EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE

EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE Scendono del 50% le richieste per l edilizia residenziale, -30% per quella non residenziale. Tengono gli immobili destinati all agricoltura (-12,9%),

Dettagli

PIANI REGIONALI DELLA PREVENZIONE Sorveglianza e prevenzione degli infortuni nei luoghi di lavoro Regione VENETO Epidemiologia degli infortuni nei luoghi di lavoro ( sist. COREO) Obiettivi: promuovere

Dettagli

15 Frazione organica. 15.1 Dati e valutazioni relative al contesto europeo. 15.2 Dati e valutazioni sull andamento del settore a livello nazionale

15 Frazione organica. 15.1 Dati e valutazioni relative al contesto europeo. 15.2 Dati e valutazioni sull andamento del settore a livello nazionale 15.1 Dati e valutazioni relative al contesto europeo La Direttiva discariche n. 31/1999 ha richiesto agli Stati membri della Comunità europea una riduzione progressiva del quantitativo di rifiuti urbani

Dettagli

CHECK-LIST PER L'AUTO-VALUTAZIONE DELLA PRESTAZIONE AMBIENTALE PARTE PRIMA

CHECK-LIST PER L'AUTO-VALUTAZIONE DELLA PRESTAZIONE AMBIENTALE PARTE PRIMA CHECK-LIST PER L'AUTO-VALUTAZIONE DELLA PRESTAZIONE AMBIENTALE PARTE PRIMA DATI GENERALI RIGUARDANTI IL SITO PRODUTTIVO Nome Azienda Sito produttivo/sede Ragione Sociale azienda Codice ISTAT N.ro Telefonico

Dettagli

NUOVA CERTIFICAZIONE MEDICA DI MALATTIA PROFESSIONALE TRASMISSIONE ON-LINE. Dott.ssa Pierina Sgammotta Responsabile processo lavoratori INAIL

NUOVA CERTIFICAZIONE MEDICA DI MALATTIA PROFESSIONALE TRASMISSIONE ON-LINE. Dott.ssa Pierina Sgammotta Responsabile processo lavoratori INAIL NUOVA CERTIFICAZIONE MEDICA DI MALATTIA PROFESSIONALE TRASMISSIONE ON-LINE Dott.ssa Pierina Sgammotta Responsabile processo lavoratori INAIL 1 MALATTIE PROFESSIONALI L incontro odierno costituisce un importante

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Dipartimento per l'istruzione Direzione Generale per il Personale Scolastico

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Dipartimento per l'istruzione Direzione Generale per il Personale Scolastico TABELLA "A" Dotazioni organiche regionali COMPLESSIVE - anno scolastico 2014-2015 a.s. 2011/12 a.s. 2012/13 a.s. 2014/15 rispetto a.s. 2011/12 a b c d e=d-a Abruzzo 5.195 5.124 5.119 5.118-77 Basilicata

Dettagli

Posizioni dirigenziali di prima fascia.

Posizioni dirigenziali di prima fascia. Nota informativa alle Organizzazioni Sindacali sulla proposta di ristrutturazione degli assetti organizzativi dell Agenzia delle Dogane (posizioni dirigenziali di vertice e posizioni dirigenziali di seconda

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per la politica industriale, la competitività e le piccole e medie imprese ex DIV.VIII PMI e artigianato IL CONTRATTO DI RETE ANALISI QUANTITATIVA

Dettagli

RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati

RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati Contesto europeo Secondo i dati resi disponibili da Eurostat, integrati con i dati ISPRA per quanto riguarda l Italia, nel 2011 i 27 Stati membri dell

Dettagli

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 14001 (ed. 2004) 1/9 progetto Tecnico ISO 14001-2004

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 14001 (ed. 2004) 1/9 progetto Tecnico ISO 14001-2004 PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE IN CONFORMITÀ ALLA NORMA UNI EN ISO 14001 (ed. 2004) Rev. 01 del 30/09/06 1/9 progetto Tecnico ISO 14001-2004 La Norma Internazionale UNI EN ISO 14001 specifica

Dettagli

I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA. Vittorio Campione

I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA. Vittorio Campione I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA Vittorio Campione I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA OHSAS 18001:2007 Occupational Health and Safety Assessment Series (Norme per la valutazione della salute e

Dettagli

Lo smaltimento in discarica dei rifiuti contenenti amianto

Lo smaltimento in discarica dei rifiuti contenenti amianto Lo smaltimento in discarica dei rifiuti contenenti amianto ISS Istituto Superiore di Sanità Progetto AMIANTO Roma, 12 dicembre 2013 Rosanna Laraia Patrizia D Alessandro RCA: Metodologia di indagine I dati

Dettagli

7. Assistenza primaria

7. Assistenza primaria 7. Assistenza primaria BSIP Marka Assistenza primaria 7.1. Medicina di base L assistenza distrettuale, allo scopo di coordinare ed integrare tutti i percorsi di accesso ai servizi sanitari da parte del

Dettagli

Il sistema di gestione della sicurezza antincendio previsto dal D.M. 9 maggio 2007

Il sistema di gestione della sicurezza antincendio previsto dal D.M. 9 maggio 2007 Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Ordine degli Ingegneri della Provincia di Bologna Il sistema di gestione della sicurezza antincendio previsto dal D.M. 9 maggio 2007 Seminario La nuova frontiera della

Dettagli

Osservatorio sicurezza sul lavoro Vega Engineering

Osservatorio sicurezza sul lavoro Vega Engineering Anno - Dati aggiornati al Maggio Casi di morte sul lavoro per Regione Regione % sul totale n casi Lombardia,9% 6 Emilia Romagna 9,9% Sicilia 9,% 9 Piemonte 9,% 9 Veneto,% Toscana 6,9% Campania 6,% Abruzzo,9%

Dettagli

Roma, 18/07/2013. e, per conoscenza, Circolare n. 110

Roma, 18/07/2013. e, per conoscenza, Circolare n. 110 Direzione Centrale Organizzazione Direzione Centrale Risorse Umane Direzione Centrale Pianificazione e Controllo di Gestione Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 18/07/2013 Circolare

Dettagli

ATTIVITÀ DELLE SEZIONI PROVINCIALI DELL ANVVF SVOLTE NELL ANNO 2015

ATTIVITÀ DELLE SEZIONI PROVINCIALI DELL ANVVF SVOLTE NELL ANNO 2015 Associazione Nazionale Vigili del Fuoco del Corpo Nazionale Iscritta al n. 161/2002 del Registro delle Persone Giuridiche presso l UfficioTerritoriale del Governo Roma Firmissima est inter pares amicitia

Dettagli

Il trasporto è uno dei settori maggiormente responsabili delle emissioni di gas serra; in Italia

Il trasporto è uno dei settori maggiormente responsabili delle emissioni di gas serra; in Italia del trasporto dei rifiuti, mentre sarebbe interessante studiarne l impatto dal punto di vista economico ambientale. Tutti i rifiuti che vengono prodotti, del resto, sono oggetto di operazioni di trasporto,

Dettagli

Strategia di formazione nell ambito dei Regolamenti REACH e CLP Luigia Scimonelli ISS-Ministero della salute. Scuola. Introduzione

Strategia di formazione nell ambito dei Regolamenti REACH e CLP Luigia Scimonelli ISS-Ministero della salute. Scuola. Introduzione Strategia di formazione nell ambito dei Regolamenti REACH e CLP Luigia Scimonelli ISS-Ministero della salute Introduzione Le esigenze di competenza alla luce della nuova regolamentazione europea in materia

Dettagli

AVVISO PUBBLICO IL DIRETTORE GENERALE

AVVISO PUBBLICO IL DIRETTORE GENERALE Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione Direzione generale per gli ordinamenti scolastici e la valutazione del sistema

Dettagli

AZIENDA ULSS N. 6 VICENZA

AZIENDA ULSS N. 6 VICENZA Servizio Sanitario Nazionale - Regione Veneto AZIENDA ULSS N. 6 VICENZA Viale F. Rodolfi n. 37 36100 VICENZA COD. REGIONE 050 COD. U.L.SS. 106 COD.FISC. E P.IVA 02441500242 Dipartimento di Prevenzione

Dettagli

Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014. Rapporto. Alessandro Trigila, Carla Iadanza Revisione Data revisione Archivio.

Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014. Rapporto. Alessandro Trigila, Carla Iadanza Revisione Data revisione Archivio. Titolo Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014 Tipo Rapporto Dipartimento Difesa del Suolo/ Servizio geologico d Italia Servizio Istruttorie, Piani di Bacino e Raccolta Dati Redatto

Dettagli

Ricorso agli ammortizzatori sociali settore Vigilanza Privata. Anno 2012

Ricorso agli ammortizzatori sociali settore Vigilanza Privata. Anno 2012 Ricorso agli ammortizzatori sociali settore Vigilanza Privata Anno 2012 Premessa Nel settore della vigilanza privata il 2012 è stato un anno di record per gli ammortizzatori sociali, in particolare per

Dettagli

LISTA DI RISCONTRO PER LE VERIFICHE ISPETTIVE DEL SGS

LISTA DI RISCONTRO PER LE VERIFICHE ISPETTIVE DEL SGS LISTA DI RISCONTRO PER LE VERIFICHE ISPETTIVE DEL 1. Documento sulla politica di prevenzione, struttura del e sua integrazione con la gestione aziendale i Definizione della Politica di prevenzione - Verificare

Dettagli

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p.

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p. Gas: le Regioni Italiane con il maggior numero di consumi e quelle con il risparmio più alto ottenibile Indice: Indice. p. 1 Introduzione. p. 2 Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2 Il costo del

Dettagli

AZIENDE AGRICOLE ATTIVITA MANIFATTURIERA

AZIENDE AGRICOLE ATTIVITA MANIFATTURIERA AZIENDE AGRICOLE ATTIVITA MANIFATTURIERA Divisione atmosfera e impianti 1 Inquadramento del tema Per azienda agricola si intende l'unità tecnico-economica costituita da terreni, anche in appezzamenti non

Dettagli

RELAZIONE SEMESTRALE OMISSIONI CONTRIBUTIVE. inadempienze, procedure concorsuali e fallimenti

RELAZIONE SEMESTRALE OMISSIONI CONTRIBUTIVE. inadempienze, procedure concorsuali e fallimenti OMISSIONI CONTRIBUTIVE inadempienze, procedure concorsuali e fallimenti RELAZIONE SEMESTRALE Parte I GESTIONE E PRASSI OPERATIVE 1 La norma Statutaria sull omissione 2 Tipi di mora e calcolo delle stesse

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione. Numeri del Sud. Indicatori regionali del QCS 2000-2006

Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione. Numeri del Sud. Indicatori regionali del QCS 2000-2006 Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione Numeri del Sud Indicatori regionali del QCS 2-26 Bollettino statistico a cura dell'unità di Valutazione degli

Dettagli

ACCORDO DI COLLABORAZIONE PER LO SVILUPPO DELLA RETE PER LA VALUTAZIONE SISTEMATICA DELLE TECNOLOGIE SANITARIE - HTA (RIHTA)

ACCORDO DI COLLABORAZIONE PER LO SVILUPPO DELLA RETE PER LA VALUTAZIONE SISTEMATICA DELLE TECNOLOGIE SANITARIE - HTA (RIHTA) ACCORDO DI COLLABORAZIONE PER LO SVILUPPO DELLA RETE PER LA VALUTAZIONE SISTEMATICA DELLE TECNOLOGIE SANITARIE - HTA (RIHTA) 10/022/CR6d/C7 Accordo di collaborazione (ex art. 15 Legge 7 agosto 1990, n

Dettagli

Le Agenzie Ambientali

Le Agenzie Ambientali C. Bartolini, M.G. Marchesiello Bologna 16 ottobre 2015 Le Agenzie Ambientali SISTEMA DELLE AGENZIE AMBIENTALI L.61/94 modificata D.L.vo 300/99 e dalla L.133/08 delega Regioni e Province Autonome tramite

Dettagli

Fisica Sanitaria. Roma, 17 Febbraio 2012. Michele Belluscio

Fisica Sanitaria. Roma, 17 Febbraio 2012. Michele Belluscio Fisica Sanitaria Roma, 17 Febbraio 2012 Michele Belluscio Fisica Sanitaria: Attività La Fisica Sanitaria svolge attività connesse, in modi e misure diverse, con: -Radioterapia oncologica -Medicina nucleare

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA A RISCHIO DI INCIDENTE RILEVANTE: SVILUPPI E PROSPETTIVE

LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA A RISCHIO DI INCIDENTE RILEVANTE: SVILUPPI E PROSPETTIVE LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA A RISCHIO DI INCIDENTE RILEVANTE: SVILUPPI E PROSPETTIVE DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE - DIREZIONE CENTRALE PER LA

Dettagli

I RIFIUTI URBANI IN SARDEGNA

I RIFIUTI URBANI IN SARDEGNA REPORT STATISTICO I RIFIUTI URBANI IN SARDEGNA ANNI A 2007 2007-20122012 1 I RIFIUTI URBANI IN SARDEGNA 2014 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Redazione a cura della Presidenza Direzione generale della Programmazione

Dettagli

Direzione regionale VV.F. Lombardia

Direzione regionale VV.F. Lombardia Direzione regionale VV.F. Lombardia Corsi di formazione Prevenzione incendi Stabilimenti e piccole aziende Ing. G. Sola 1 File: stabilimenti_ed_aziende Creato il 26 novembre 2005 Aggiornto: il 10 febbraio

Dettagli

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali PRIMA INDAGINE NAZIONALE SULLO STATO DI ATTUAZIONE DELLE RETI ONCOLOGICHE REGIONALI (Dicembre 2014 - Febbraio 2015) Programma Azioni Centrali: DEFINIRE

Dettagli

Fallimenti delle aziende in Italia Dati aggiornati a settembre 2014

Fallimenti delle aziende in Italia Dati aggiornati a settembre 2014 Fallimenti delle aziende in Italia Dati aggiornati a settembre 2014 Marketing CRIBIS D&B Agenda Analisi dei Fallimenti in Italia Company Profile Gli Strumenti Utilizzati e Metodologia 2 Tipologia di analisi

Dettagli

Prot. Pisa 05.05.10. ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA (D.L.vo 30.06.1993 n. 270)

Prot. Pisa 05.05.10. ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA (D.L.vo 30.06.1993 n. 270) ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA (D.L.vo 30.06.1993 n. 270) SEZIONE DI PISA S.S. dell Abetone e del Brennero, 4 56123 PISA Responsabile: dott. Riccardo Forletta email:

Dettagli

FORMAZIONE in ingresso per i neoassunti docenti 2014/2015: sperimentare un modello innovativo per l anno di prova

FORMAZIONE in ingresso per i neoassunti docenti 2014/2015: sperimentare un modello innovativo per l anno di prova FORMAZIONE in ingresso per i neoassunti docenti 2014/2015: sperimentare un modello innovativo per l anno di prova Ing. Davide D Amico MIUR- DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE SCOLASTICO Dirigente Ufficio

Dettagli

Censimento delle strutture socio-riabilitative per tossicodipendenti

Censimento delle strutture socio-riabilitative per tossicodipendenti Cod. ISTAT INT 00009 AREA: Amministrazioni pubbliche e servizi sociali Settore di interesse: Assistenza e previdenza Censimento delle strutture socio-riabilitative per tossicodipendenti Titolare: Dipartimento

Dettagli

FORMAZIONE in ingresso per i neoassunti docenti 2014/2015: sperimentare un modello innovativo per l anno di prova

FORMAZIONE in ingresso per i neoassunti docenti 2014/2015: sperimentare un modello innovativo per l anno di prova FORMAZIONE in ingresso per i neoassunti docenti 2014/2015: sperimentare un modello innovativo per l anno di prova a cura della DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE SCOLASTICO Outline I punti di forza I

Dettagli

Il sistema delle Agenzie Ambientali

Il sistema delle Agenzie Ambientali Il sistema delle Agenzie Ambientali Patrizia Ammazzalorso ARPA Marche Seminario ISPRA/ARPA/APPA Materiali di riferimento, Armonizzazione di metodi ed Accreditamento ento dei laboratori- III Sessione Accreditamento

Dettagli

COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it

COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it unione nazionale r a p p r e s e n t a n t i autoveicoli esteri Analisi UNRAE delle immatricolazioni 2008 AUMENTA DI OLTRE 3 PUNTI LA QUOTA DI CITY CAR

Dettagli

Università Telematica Internazionale Uninettuno Nucleo di Valutazione Rilevazione sulle opinioni degli studenti a.a. 2012/13 aprile 2014

Università Telematica Internazionale Uninettuno Nucleo di Valutazione Rilevazione sulle opinioni degli studenti a.a. 2012/13 aprile 2014 Università Telematica Internazionale Uninettuno Nucleo di Valutazione Rilevazione sulle opinioni degli studenti a.a. 2012/13 aprile 2014 1. Le caratteristiche degli studenti di Uninettuno... 3 2. Il questionario

Dettagli