UNA RETE CONDIVISA PER IL RILEVAMENTO POST-INCIDENTALE IN STABILIMENTI A RISCHIO DI INCIDENTE RILEVANTE: STATO E PROSPETTIVE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNA RETE CONDIVISA PER IL RILEVAMENTO POST-INCIDENTALE IN STABILIMENTI A RISCHIO DI INCIDENTE RILEVANTE: STATO E PROSPETTIVE"

Transcript

1 UNA RETE CONDIVISA PER IL RILEVAMENTO POST-INCIDENTALE IN STABILIMENTI A RISCHIO DI INCIDENTE RILEVANTE: STATO E PROSPETTIVE Alberto Ricchiuti Italia Agenzia per la Protezione dell Ambiente e per i Servizi Tecnici Responsabile del Servizio Rischio Industriale Sessione Telerilevamento e reti di monitoraggio ambientale Tema: Sicurezza. Inquadramento della tematica del rilevamento post-incidentale negli stabilimenti a rischio di incidente rilevante nel contesto nazionale ed internazionale Nell ambito della prevenzione e controllo del rischio industriale assume una particolare rilevanza l analisi degli eventi anomali occorsi negli stabilimenti, in termini di incidenti, quasi-incidenti ed anomalie d impianto. Si tratta infatti di una componente essenziale nelle attività di sicurezza poste in atto dai gestori:?? per l individuazione dei rischi da riportare nei rapporti di sicurezza;?? per la misura delle prestazioni, che costituisce un elemento chiave nell implementazione di un corretto sistema di gestione aziendale della sicurezza. L attività di analisi dell esperienza storica degli incidenti costituisce poi una fase cruciale nelle attività di controllo sul rischio industriale previste dal D.lgs.334/99, recepimento nazionale della Direttiva europea 96/8/CE Seveso II :?? nell ambito delle attività di valutazione dei rapporti di sicurezza svolte dagli organi istruttori, al fine di giudicare, insieme ad altri strumenti, la congruenza degli scenari incidentali ipotizzabili nello stabilimento e quindi la sua compatibilità con il territorio circostante;?? nell ambito delle verifiche ispettive periodiche sui sistemi di gestione della sicurezza condotte negli stabilimenti a rischio di incidente rilevante (con frequenza annuale negli stabilimenti di prima fascia), al fine di individuare preliminarmente gli elementi gestionali critici da approfondire nelle successive fasi. Si comprende quindi la necessità, da parte degli organi tecnici preposti ai controlli, di disporre di dati sugli incidenti affidabili ed estesi alle principali tipologie di attività industriali, da rendere disponibili agli analisti di rischio incaricati delle valutazioni dei rapporti di sicurezza ed agli ispettori impegnati nelle verifiche ispettive sui sistemi di gestione della sicurezza. La tematica dell analisi incidentale è peraltro fortemente sentita anche a livello internazionale, come è testimoniato dagli obblighi imposti dalla Direttiva Seveso II agli Stati UE di comunicare le informazioni sugli incidenti, e ove tecnicamente di interesse, sui quasi-incidenti, alla Commissione europea mediante il sistema MARS, predisposto e gestito dal Centro Comune di Ricerca di Ispra. A questo circuito si aggiunge quello della rete IMPEL, che prevede incontri periodici di scambio di metodologie ed informazioni tra esperti dei Paesi europei su questa specifica tematica.

2 .Conclusioni emerse dalla Conferenza di Bologna 00 per quanto concerne il rilevamento post-incidentale Nel 00, nell ambito della Conferenza di Bologna, su questo specifico aspetto del sistema dei controlli emerse, in sintesi, che per le attività di reporting e di investigazione post-incidentale a seguito di accadimento di incidente rilevante, si rilevavano forti carenze a livello regionale con sporadica capacità di investigazione, limitata alle realtà dove esisteva un consolidato rapporto con l attività investigativa istituzionale. Nell auspicare l avvio di un efficace azione in questo ambito si evidenziava l esistenza presso l Agenzia nazionale di una banca dati incidentale con adeguato numero di informazioni, che poteva, se alimentata con continuità dal territorio e con le opportune modalità, essere utilmente resa disponibile al Sistema delle Agenzie. Il Gruppo di lavoro APAT/ARPA/APPA Rischio Industriale, che costituisce uno degli strumenti attraverso il quale l APAT svolge le funzioni di indirizzo e coordinamento tecnico nei riguardi delle Agenzie regionali e provinciali per la protezione dell ambiente, ha individuato pertanto tra gli obiettivi prioritari da perseguire il rilevamento e l analisi di dati sugli incidenti occorsi negli stabilimenti industriali a rischio di incidente rilevante presenti sul territorio nazionale. In realtà attività di raccolta e sistematizzazione su scala nazionale dei dati sugli incidenti erano state già avviate in passato in Italia, oltre che da APAT e da soggetti privati, da altri Autorità ed organi tecnici, primi fra tutti il Corpo Nazionale dei Vigili del fuoco, in relazione alla disponibilità dei rapporti di intervento predisposti dalle squadre dei Comandi provinciali chiamate ad intervenire in occasioni di eventi incidentali. Pertanto tale tematica è stata inserita tra gli oggetti principali dell Accordo di collaborazione in atto tra il Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco e l APAT nel campo delle attività di controllo delle attività a rischio di incidente rilevante, sulla base del quale si è pertanto deciso di costituire un Gruppo di lavoro misto ad hoc APAT/ARPA/CNVVF. 3. Quadro evolutivo del contributo delle Agenzie ambientali al rilevamento postincidentale A partire dal 00 il Gruppo di lavoro misto, che vede la partecipazione delle unità centrali APAT (Servizio Rischio Industriale) e del Ministero dell interno (Area Rischi industriali) competenti in materia, cui si sono aggiunti esperti delle Agenzie regionali (Lombardia e Toscana ) e delle Direzioni regionali del CNVVF (Sicilia, Puglia, Friuli Venezia Giulia), ha avviato un progetto per la realizzazione di una rete informativa territoriale condivisa finalizzata alla raccolta, trasmissione, analisi dei dati sugli incidenti ed alla successiva azione di reporting, secondo format prestabiliti e con modalità tempestive, attraverso il coinvolgimento del Sistema Agenziale e delle strutture territoriali del CNVVF. Il progetto prevede a regime la costituzione di una rete con nodi centrali (APAT e strutture centrali del Ministero dell interno-cnvvf) e territoriali (ARPA/APPA e Direzioni regionali e Comandi provinciali del CNVVF) che costituisca uno strumento attivo e continuo di comunicazione e confronto tecnico finalizzato al raggiungimento dei seguenti obiettivi:

3 . miglioramento degli aspetti quantitativi e qualitativi dei dati raccolti sugli incidenti, e conseguente miglioramento dell attendibilità delle analisi condotte, grazie ad un maggior grado di dettaglio delle informazioni;. ottimizzazione delle attività informative e formative condotte sul tema del rischio industriale e creazione di una base didattica comune; 3. conseguimento di una visione maggiormente esaustiva e sistematica della situazione incidentale a livello nazionale, ad uso sia delle Amministrazioni centrali sia di quelle territoriali coinvolte nel sistema dei controlli. Il progetto prevede a regime:?? l organizzazione di un sistema di comunicazione per: - la raccolta delle informazioni sugli accadimenti incidentali occorsi ed in atto; - l analisi post-incidentale, rivolta in particolare all individuazione delle carenze gestionali causa primaria dell incidente;?? la messa a punto di tecniche di investigazione incidentale e di metodologie di analisi incidentale finalizzata, principalmente, alla individuazione delle carenze gestionali a supporto alle attività di controllo del rischio industriale sia in fase di valutazione, sia di verifica ispettiva;?? la valorizzazione dei dati raccolti e delle analisi effettuate mediante: - aggiornamento delle Banche Dati Incidenti Rilevanti dell APAT e del CNVVF; - diffusione delle lezioni apprese dall analisi dell esperienza storica degli eventi incidentali;?? l omogeneizzazione delle Banche Dati APAT e CNVVF con la creazione di un registro centrale unificato, a disposizione delle ARPA, delle strutture territoriali dei VVF e degli altri organi di controllo. Naturalmente il successo dell iniziativa richiede il convinto coinvolgimento delle Agenzie regionali e dei Comandi ed Ispettorati VVF locali per il reperimento e la trasmissione delle informazioni sui casi incidentali in atto. I responsabili delle unità competenti delle Agenzie e delle strutture locali VVF provvedono infatti all utilizzo degli strumenti predisposti (scheda di rilevamento), ed invio al centro secondo la specifica procedura definita. In tal senso è da sottolineare l importanza della duplice interfaccia tra i due enti centrali e le ARPA e le strutture territoriali VVF, sulla cui efficienza si regge la possibilità di mantenimento e di sviluppo della rete di rilevamento dati. In termini più dettagliati, gli aspetti specifici del progetto ad oggi perseguiti hanno riguardato:?? la predisposizione e la diffusione di una scheda standard per il rilevamento dei principali dati relativi all incidente occorso ad uso delle Agenzie regionali e delle squadre di intervento o di livello superiore delle strutture territoriali CNVVF;?? la messa a punto di una procedura di gestione e comunicazione della scheda che preveda la trasmissione della stessa dai nodi territoriali ai nodi centrali del Gruppo di lavoro misto;?? la valutazione dei primi risultati del progetto di implementazione della rete condivisa tra APAT, ARPA e CNVVF attraverso effettuazione di un analisi tecnica della casistica incidentale rilevata nel periodo

4 La scheda di rilevamento dei dati incidentali, predisposta ad hoc dal Gruppo di lavoro, è strutturata su un modello semplice e contemporaneamente dettagliato, compatibile con il formato della maschera che caratterizza la Banca Dati Incidenti Rilevanti dell APAT. Il modello, infatti, appare semplice, ma anche sufficientemente esaustivo per la raccolta delle informazioni sugli incidenti necessaria per l effettuazione delle diverse analisi richieste. Il modello, inoltre, tiene conto della possibilità di raccolta di dati immediata, all atto dell accadimento dell evento, e di un approfondimento successivo su alcuni aspetti potenzialmente soggetti ad integrazione a seguito di controlli ed esami da effettuarsi successivamente sul luogo dell incidente. Per questo motivo si compone di due sezioni (si veda figura I): sezione: composta da cinque sottosezioni relative a dati identificativi, tecnici, descrittivi, di emergenza e di identificazione dell ente responsabile della registrazione. Tale sezione viene compilata dal funzionario del ente territoriale che effettua il sopralluogo post incidentale, ed inviata entro 4 ore dall accadimento dell evento al corrispondente nodo centrale, per l immediata registrazione dei dati e la condivisione; sezione: riprende le cinque sezioni della prima, fornendo un più ampio spazio per eventuali e successivi approfondimenti del caso. La sezione viene compilata sempre a livello territoriale nei giorni successivi, per l esecuzione di analisi approfondite dell evento, in termini di: - individuazione degli elementi chiave (tipologia scenario, cause generali/specifiche, danni persone/ambiente, apparecchiatura/ componente coinvolta/o, innesco - causa, tempo -, dimensioni nube, quantità di sostanza coinvolta, area evacuazione, fattore umano o operazione carente, ecc ); - valutazione degli aspetti gestionali dell evento, individuazione dei fattori che hanno determinato, congiuntamente agli aspetti impiantistici, il verificarsi dell evento, in riferimento alla lista di riscontro predisposta per la conduzione delle verifiche ispettive presso gli stabilimenti, ai sensi del DM 5 Novembre 997. Per il CNVVF la procedura di gestione della scheda è fissata nella lettera prot. n. NS 757/49 sott., inviata dal Ministero dell Interno, Direzione Generale della Protezione Civile e dei Servizi Antincendi, Servizio Tecnico Centrale (Ispettorato per le Attivita e le Normative Speciali di Prevenzione Incendi) in data Novembre 00, ai Comandi provinciali ed agli Ispettorati Regionali ed Interregionali per avviare la raccolta delle schede. Per le Agenzie ambientali la raccolta delle schede avviene secondo la procedura per ore informale ma concordata nell ambito del Gruppo di Lavoro APAT/ARPA/APPA Rischio Industriale. Alle fasi di raccolta segue, ai sensi dell Accordo APAT-VVF, lo scambio tempestivo delle schede tra i due enti, e l attivazione dell analisi congiunta. In tal senso un utile sperimentazione di questa fase è stata effettuata per lo specifica tipologia dei depositi di GPL, con risultati incoraggianti, specie per quanto concerne l individuazione dei fattori gestionali critici in questo comparto di attività a rischio di incidente rilevante. 4

5 È possibile osservare che la scheda, così come conformata, fornisce informazioni preliminari:?? per l eventuale avvio, da parte del Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio, della procedura di rilevamento dati effettuata per i sopralluoghi post incidentali per la notifica degli incidenti rilevanti alla Commissione Europea secondo il formato MARS;?? per l attività di analisi degli eventi occorsi, prevista nella procedura per l effettuazione delle verifiche ispettive, ai sensi del DM 5 Novembre 997;?? per l alimentazione della Banca Dati BIRD dell APAT, nonché delle altre eventuali banche dati predisposte a livello nazionale che si intende integrare con BIRD per la costituzione di un unico archivio centralizzato. 4. Criticità ed aspetti positivi dell attuale situazione È doveroso sottolineare come la piena realizzazione del progetto richieda adeguate tempistiche ed il dispiegarsi della concreta ed attiva collaborazione di tutti i soggetti coinvolti; ad oggi la situazione riflette una prioritaria necessità di migliorare le attività di rilevamento e trasmissione dati, per poi procedere di conseguenza alla realizzazione delle altre fasi, fermo restando che si tratta in ogni caso di fasi strettamente collegate ed integrate. A tale riguardo le figure II-VI consentono una valutazione dei primi risultati del progetto di implementazione della rete condivisa tra APAT, ARPA e CNVVF per il rilevamento post-incidentale, la raccolta e l analisi dei dati e la successiva azione di reporting, mediante analisi degli incidenti industriali occorsi in Italia nel biennio Gli eventi incidentali significativi considerati corrispondono ad incidenti, quasi incidenti o gravi anomalie di funzionamento che abbiano coinvolto almeno una sostanza pericolosa occorsi negli anni 00 e 00 in stabilimenti industriali e depositi sull intero territorio nazionale. In sostanza si tratta degli eventi registrati in questi anni nella Banca Dati Incidenti Rilevanti dell APAT, con esclusione dei casi relativi al trasporto, sulla base di diverse tipologie di fonti, quali:?? schede ARPA e VVF, come è ovvio;?? Banca Dati europea MARS;?? documentazione tecnica: relazioni, altri rapporti interni di diverse Autorità pubbliche o enti privati;?? stampa;?? rete internet, con particolare riguardo per il sito del Ministero dell Interno- CNVVF. È necessario evidenziare un importante contributo fornito, per le informazioni di carattere generale, dal sito del Ministero dell interno-vvf, da cui sono stati estrapolati molti casi incidentali, per lo più incendi, che ricoprono in modo verosimilmente esaustivo la casistica di questa tipologia di eventi su territorio nazionale. Questo aspetto probabilmente giustifica la forte predominanza di alcuni elementi, come l incendio per gli scenari, e lo stoccaggio in capannoni per le apparecchiature, risultante dalle analisi effettuate. Tale aspetto verrà meglio esplicitato in seguito. In riferimento agli obiettivi suddetti, è possibile innanzitutto osservare che gli esiti dell analisi condotta hanno dimostrato risultati apprezzabili, in termini soprattutto di 5

6 coinvolgimento di ARPA e Comandi/Ispettorati del CNVVF nel lavoro di reporting da compiere, pur se migliorabili negli aspetti quantitativi e qualitativi delle informazioni raccolte. La rilevanza statistica dei risultati, ad ogni modo, è da considerarsi relativa a causa della tipologia e disponibilità di fonti consultate, non sempre dello stesso livello qualitativo per tutti i casi esaminati, e tale da non garantire ancora, attualmente, la rilevazione sistematica di tutti gli eventi incidentali significativi verificatisi sull intero territorio nazionale nel periodo di riferimento. Ferma restando questa premessa, nel periodo considerato sono stati rilevati 5 eventi, con una media di 75 casi all anno (figura II), con punte in Lombardia, Emilia Romagna e Veneto. Tra le fonti consultate la maggior parte degli incidenti è stata desunta ancora dalla stampa (figura III), ma confortante si rivela il dato sulle schede di rilevamento, ricoprenti il 30,5% dei casi censiti nel biennio di interesse; questo elemento positivo potrà migliorare nel tempo, se supportato da adeguata sensibilizzazione degli organismi tecnici locali in merito. A tale riguardo le ARPA e gli Ispettorati/Comandi VVF più attivi al riguardo risultano quelli delle regioni Lombardia, Emilia Romagna, Piemonte e Veneto, anche se il contributo fornito dagli altri organi tecnici locali non appare trascurabile, in rapporto al numero di eventi incidentali di interesse accaduti nei territori di competenza. Interessante è notare l incremento di schede tra il 00 e il 00 (figure IV e V), più marcato per quanto riguarda le schede trasmesse dagli organi del CNVVF. Le ARPA che hanno mostrato maggior impegno nella predisposizione delle schede risultano quelle del Piemonte, Lombardia, Emilia Romagna e Marche (figura VI). Relativamente all analisi tecnica della rilevazione incidentale nel biennio 00-00, si riscontra che gli scenari maggiormente coinvolti appaiono gli incendi (figura VII), verificatisi per lo più in Lombardia e Piemonte. Seguono i rilasci, rilevati soprattutto in Emilia Romagna e Veneto, ed infine le esplosioni, interessanti in particolare Lombardia, Emilia Romagna e Lazio (figura VIII). Sulla prevalenza degli incendi incidono, come anticipato gli eventi individuati tramite il sito web dei Vigili del Fuoco. Le sostanze maggiormente coinvolte nei casi incidentali esaminati (figura IX) risultano gli idrocarburi liquidi/gas, seguiti da plastiche/gomme, e quindi da fibre/polimeri; si evidenziano anche un certo numero di eventi coinvolgenti cloro/composti e esplosivi/polveri. Per ciò che concerne le attività maggiormente coinvolte, si evidenzia (figura X) la rilevanza del comparto chimico/farmaceutico, seguito dall industria in generale (alimentare, costruzioni ed altre attività) e dall attività di produzione-trattamento di gomme, plastiche, polimeri. Ribadendo la rilevanza statistica per ora limitata dei dati analizzati, si registra tra il 00 e il 00 una diminuzione dei danni a persone (figure XI e XII), la cui occasionalità o meno andrà giudicata sulla base dei dati, sperabilmente più completi ed affidabili, rilevati per gli anni successivi. Gli esiti dell analisi tecnica dei dati portano a considerare i guasti meccanici come cause generali più ricorrenti di incidenti nelle attività industriali, seguiti da errori umani e sviluppo di reazioni indesiderate/incontrollate (figura XIII). 6

7 È da evidenziare, comunque, che per la maggior parte degli eventi esaminati non sono disponibili elementi di dettaglio sulle cause, fatto connesso alla non ancora completa attivazione della rete di rilevamento e del conseguente uso estensivo delle schede di rilevamento, che potrà indurre un oggettivo miglioramento qualitativo e quantitativo delle informazioni raccolte, in particolare per l evidenziazione delle cause specifiche degli eventi e l identificazione delle apparecchiature direttamente coinvolte negli eventi. Le cause specifiche per ora evidenziate (figura XIV) si riferiscono ad errori procedurali, seguiti da sovrapressioni e surriscaldamenti; le apparecchiature più colpite risultano magazzini/capannoni di deposito (anche su questo dato influisce la fonte sito web dei Vigili del Fuoco), serbatoi/vasche e quindi tubazioni e valvole (figura XV). In conclusione l esame condotto, se da una parte registra un risultato apprezzabile in termini di attivazione e coinvolgimento degli enti centrali e locali nel progetto di creazione della rete di rilevamento tramite diffusione, compilazione e restituzione delle schede tecniche, dall altra sottolinea l importanza e la necessità di migliorare tale coinvolgimento, con intensificazione dell azione di reporting nelle regioni già ben inserite nel lavoro, e auspicabile estensione del progetto alle regioni meno attive al riguardo, per conferire ad esso un carattere effettivamente nazionale. 5.Prospettive In termini di sviluppi a breve termine, i propositi in materia riguardano essenzialmente:?? il miglioramento dell organizzazione e delle procedure per l azione di reporting e la diffusione a seguito di analisi post-incidentale. Tale azione potrà essere stimolata, da un lato, dall inserimento nella stipulanda Convenzione per il coordinamento delle attività di APAT e CNVVF, previsto dall art.0 del Regolamento dell Agenzia, dell obiettivo della realizzazione di un registro unico condiviso degli incidenti a livello nazionale; ciò dovrebbe auspicabilmente consentire di superare alcune problematiche recentemente emerse riguardo la natura di atti di ufficio delle schede di rilevamento, privilegiandone la natura di strumenti tecnici. Egualmente si riscontra la necessità di una maggiore formalizzazione della rete nell ambito del Sistema Agenziale, con gli strumenti che i vertici agenziali riterranno più opportuni, anche in termini di risorse dedicate.?? l organizzazione di corsi di informazione e formazione periodici per analisti di rischio ed ispettori SGS su stabilimenti a rischio di incidente rilevante su incidenti e relative analisi. A tale riguardo è in corso la predisposizione da parte dell APAT di una specifica guida tecnica per l investigazione post-incidentale.?? la standardizzazione, anche sulla base dell esperienza maturata con le attività connesse alla rete di rilevamento, dei sopralluoghi post-incidentali per reporting al sistema di rilevamento degli incidenti rilevanti MARS della Commissione europea, attualmente effettuati congiuntamente da Commissioni miste degli organi tecnici su richiesta del Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio. 7

8 Figura I.-SCHEDA PER IL RILEVAMENTO DI DATI SULL INCIDENTE SEZ. informazioni disponibili entro le prime 4 ore A) - IDENTIFICAZIONE INCIDENTE Codice : Data incidente : Ora : Ragione Sociale : Località : Comune: Provincia: Area : industriale urbana rurale porto Su : fiume lago mare strada Condizioni meteorologiche: nuvoloso sereno ventilato pioggia neve Attività a rischio di incidente rilevante : si no Giorno: festivo feriale Tipologia attività : trasporto stoccaggio raffineria petrolchimica chimica altro : Presenza ditte esterne: si no Per le attività di : costruzioni servizi manutenzione ordinaria manutenzione straordinaria altro: B) - CARATTERISTICHE TECNICHE Tipo incidente : incendio esplosione rilascio altro : Sostanza/e coinvolta/e : Altre: Stato fisico sostanza maggiorm. coinvolta: gas/vapore gas liquefatto liquido solido polvere altro: Quantità (indicare l unità di misura): coinvolta rilasciata Tipo impianto coinvolto : processo deposito servizi travaso altro specificare l impianto : Condizione impianto: marcia normale manutenzione avviamento fermata Tipologia apparecchiatura/e origine dell evento : C) - DESCRIZIONE INCIDENTE Sintesi dell accaduto. Cause presunte o accertate Conseguenze / danni Morti : si no n : Feriti interni allo stabilimento: si no n : Feriti esterni allo stabilimento: si no n : Impianti limitrofi danneggiati: si no specificare: N abitazioni danneggiate o inagibili all esterno dello stabilimento: Danni ambientali : si no Componente ambientale colpita : suolo fauna flora atmosfera acque superficiali acque sotterranee(falda) ecosistema altro: Interruzione di servizi per oltre ore: si no Tipo: acqua potabile elettricità gas telefono D) - EMERGENZA Attivato piano Emergenza Interno si no Attivato piano Emergenza Esterno si no Interventi post-incidente nell area coinvolta:.. Risorse VVF impegnate: n mezzi: n uomini: durata intervento: E) - IDENTIFICAZIONE REPORT Data rapporto : Firma di chi registra : Ente di appartenenza : 8

9 Figura I.- SCHEDA PER IL RILEVAMENTO DI DATI SULL INCIDENTE SEZ. scheda ulteriori informazioni disponibili successivamente A) - IDENTIFICAZIONE INCIDENTE Codice: Ulteriori approfondimenti:.. B) - CARATTERISTICHE TECNICHE Stato fisico sostanze coinvolte: gas/vapore gas liquefatto liquido solido polvere altro: Quantità (indicare l unità di misura): coinvolta rilasciata Ulteriori approfondimenti:... C) - DESCRIZIONE INCIDENTE Ulteriori approfondimenti sull accaduto. Ulteriori approfondimenti sulle cause presunte o accertate Ulteriori approfondimenti sulle conseguenze / danni Morti : si no n : Feriti interni allo stabilimento: si no n : Feriti esterni allo stabilimento: si no n : Giorni di ricovero presso strutture ospedaliere : Raggio max di estensione dei danni rilevati calcolato dall apparecchiatura origine dell evento (m): Danni economici nello stab.: < milioni EURO > milioni EURO Danni economici esterni allo stab.: < 0,5 milioni EURO > 0,5 milioni EURO Componente ambientale colpita : suolo fauna flora atmosfera acque superficiali acque sotterranee(falda) ecosistema altro: Evacuati o confinati per oltre ore: si no N : Interruzione di servizi per oltre ore: si no Tipo: acqua potabile elettricità gas telefono D) - EMERGENZA Interventi post-incidente nell area coinvolta:... Autorità intervenute: Altre informazioni sulla gestione dell emergenza:. Eventuali ulteriori informazioni generali:... E) - IDENTIFICAZIONE REPORT Data rapporto : Firma di chi registra : Ente di appartenenza : 9

10 Figura II Numero di incidenti rilevati nel periodo totale incidenti totale incidenti 00 totale incidenti Figura III Distribuzione percentuale incidenti per fonti 7,3 30,5 35, altre Autorità stampa sito VVF schede ARPA-VVF 7, 0

11 Figura IV n schede ARPA ricevute nel periodo schede ARPA tot 4 schede ARPA 00 5 schede ARPA Figura V N schede totali (ARPA e VVF) ricevute nel periodo schede totali schede totali 00 schede totali

12 Figura VI- Distribuzione regionale incidenti comunicati con schede di rilevamento

13 Figura VI bis-distribuzione provinciale incidenti comunicati con schede di rilevamento 3

14 Figura VII Distribuzione incidenti per scenario (n casi) 33 esplosione incendio rilascio

15 Figura VIII Distribuzione incidenti per scenario per regione Emilia Romagna Lombardia Piemonte Lazio Umbria Friuli Venezia Giulia Abruzzo Campania Toscana Veneto Sicilia Sardegna Puglia Marche Calabria Liguria Trentino A.A. rilascio incendio esplosione 5

16 Figura IX Distribuzione incidenti per sostanze (n casi) fibre, polimeri azoto, composti azotati cloro/composti,cloruri, idruri CO, CO, gas tossici HC liquidi /gas(gpl), petrolio/derivati etilene, composti, dieni,ammine plastiche, gomme, PVC acidi solventi, alcoli ossidi, perossidi esplosivi e polveri vernici, resine ammoniaca metalli fosgene benzene/aromatici detergenti altro (n.s.) Figura X Distribuzione incidenti per attività tessile vernici, resine polveri esplosive gomma, plastica, polimeri stoccaggio sostanze pericolose alcoli, solventi 4 petrolchimico chimica, farmaceutica industria metallurgia, acciaieria raffineria altro 6

17 Figura XI Andamento numero morti nel periodo Figura XII Andamento numero feriti nel periodo

18 Figura XIII Distribuzione incidenti totali (5 nel periodo 00-00) per cause generali (n casi) non specificate 6 strumenti servizi esterne 6 reaz 0 urto umano 34 mecc

19 Figura XIV Distribuzione incidenti totali (00-00) per cause specifiche altro guarniz/flangia/conness elettrica reaz/runaway sovrariempim procedura saldatura fatica/rott mix/agitatore esterne blocco corrosione valvola sovrap congelam/fragile surriscaldam

20 Figura XV Distribuzione incidenti per apparecchiature altro bombola colonna forno/camera comb essiccatore reattore tubazione gruppo frigorifero civile discarica elettr/trasformatore capannone/magazzino miscelatore pompa/compressore connessioni/flange scambiatore valvola nastro serbatoio/vasche silo

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Marzo 2011 2 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Il Dipartimento per le Comunicazioni, uno dei

Dettagli

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento al 31 dicembre 2013 Marzo 2014 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento

Dettagli

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari.

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari. Avviso agli enti. Presentazione di progetti di servizio civile nazionale per complessivi 6.426 volontari (parag. 3.3 del Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione

Dettagli

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 500 spazi sportivi scolastici e 500 impianti di base, pubblici e privati «1000 Cantieri per lo Sport»

Dettagli

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014 Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della statale A.S. 2013/2014 Premessa In questo Focus viene fornita un anticipazione dei dati relativi all a.s. 2013/2014 relativamente

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI L analisi dettagliata del rapporto tra importazione ed esportazione di rifiuti speciali in Veneto è utile per comprendere quali tipologie di rifiuti non

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica.

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica. DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA Prot. n P 810 / 4101 sott. 72/C.1 (21).4 Roma, 2 LUGLIO 2003 Allegati: n 1 -AI SIGG. ISPETTORI REGIONALI DEI VIGILI DEL FUOCO LORO SEDI -AI

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO A.Romano*, C. Gaslini*, L.Fiorentini, S.M. Scalpellini^, Comune di Rho # * T R R S.r.l.,

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

In accordo alla Direttiva ATEX, gli equipaggiamenti sono progettati in funzione del tipo d atmosfera nella quale possono essere utilizzati.

In accordo alla Direttiva ATEX, gli equipaggiamenti sono progettati in funzione del tipo d atmosfera nella quale possono essere utilizzati. Atmosfere potenzialmente esplosive sono presenti in diverse aree industriali: dalle miniere all industria chimica e farmacautica, all industria petrolifera, agli impianti di stoccaggio di cereali, alla

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014 Lo spettacolo dal vivo in Sardegna Rapporto di ricerca 2014 2014 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Redazione a cura della Presidenza Direzione generale della Programmazione unitaria e della Statistica regionale

Dettagli

AVVISO 2/14 1 Scadenza COMMERCIO TURISMO - SERVIZI PIANI FINANZIABILI, MA NON FINANZIATI PER MANCANZA DI RISORSE SETTORIALI/TERRITORIALI

AVVISO 2/14 1 Scadenza COMMERCIO TURISMO - SERVIZI PIANI FINANZIABILI, MA NON FINANZIATI PER MANCANZA DI RISORSE SETTORIALI/TERRITORIALI PIEMONTE - VALLE D'AOSTA LIGURIA UNIONE COMMERCIO E TURISMO PROVINCIA DI 1 PF1335_PR418_av214_1 SAVONA ASSOCIAZIONE COMMERCIANTI DELLA 2 PF1085_PR313_av214_1 PROVINCIA DI ALESSANDRIA ASCOM-BRA ASSOCIAZIONE

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli)

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) 2013 Maggio Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) Note introduttive Tabella Lordo Netto 2013 Il contributo di solidarietà Introdotto con il Dl n. 138/2011 (legge

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI PUGLIA SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE Antonio Buonavoglia & Vincenzo Barbieri Planetek Italia s.r.l. n 2/2004 pagg. 32-36 PREMESSA Il progetto

Dettagli

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 Analisi statistiche Giugno 2012 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI Anni 2009-2011 Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT

Dettagli

Attività delle regioni e delle province autonome per la prevenzione nei luoghi di lavoro

Attività delle regioni e delle province autonome per la prevenzione nei luoghi di lavoro CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 13/030/CR7c/C7 Attività delle regioni e delle province autonome per la prevenzione nei luoghi di lavoro Anno 2011 Attività delle regioni e delle province

Dettagli

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione BANDO DI CONCORSO per l erogazione di borse di studio in favore dei figli e degli orfani dei dipendenti iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali (art.1,c.245 della legge 662/96)

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

CAPITOLO 10 RIFIUTI. Coordinatore statistico: Cristina FRIZZA 1. Coordinatore tematico: Rosanna LARAIA 1 con il contributo di Andrea LANZ 1) ISPRA

CAPITOLO 10 RIFIUTI. Coordinatore statistico: Cristina FRIZZA 1. Coordinatore tematico: Rosanna LARAIA 1 con il contributo di Andrea LANZ 1) ISPRA 10. RIFIUTI CAPITOLO 10 RIFIUTI Autori: Letteria ADELLA 1, Gabriella ARAGONA 1, Patrizia D ALESSANDRO 1, Valeria FRITTELLONI 1, Cristina FRIZZA 1, Andrea Massimiliano LANZ 1, Rosanna LARAIA 1, Irma LUPICA

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI RUFFANO - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del fuoco SIENA "Noctu et Die Vigilantes" LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM

Dettagli

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 REGOLAMENTO DEL PREMIO LETTERARIO LA GIARA PER I NUOVI TALENTI DELLA NARRATIVA ITALIANA 1) Il Premio fa capo alla Direzione Commerciale Rai, nel cui ambito

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Fonti: Eurostat - Regional statistic; Istat - Politiche di Sviluppo e

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

Istruzioni per la compilazione

Istruzioni per la compilazione ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL RICORSO - RISOLUZIONE STRAGIUDIZIALE DELLE CONTROVERSIE RICORSO ALL ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO Istruzioni per la compilazione ATTENZIONE:

Dettagli

TELECOM ITALIA SPA 1 SEM. Anno di riferimento: 2014 Periodo di rilevazione dei dati: 2 SEM. X ANNO Intero 1/39

TELECOM ITALIA SPA 1 SEM. Anno di riferimento: 2014 Periodo di rilevazione dei dati: 2 SEM. X ANNO Intero 1/39 Qualità dei servizi internet da postazione fissa - Delibere n. 131/06/CSP, 244/08/CSP e 400/10/CONS Anno riferimento: 2014 Periodo rilevazione dei dati: 2 SEM. X Per. Denominazione incatore Tempo attivazione

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

L attività di coordinamento delle strutture di Arpa Piemonte per l attuazione dell IPPC e dei controlli integrati

L attività di coordinamento delle strutture di Arpa Piemonte per l attuazione dell IPPC e dei controlli integrati Cagliari, 25-26 marzo 2010 Caesar s Hotel Sala Conferenze L attività di coordinamento delle strutture di Arpa Piemonte per l attuazione dell IPPC e dei controlli integrati a cura di Massimo Boasso - Area

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

MONITORAGGIO SULL APPRENDISTATO. XIV Rapporto

MONITORAGGIO SULL APPRENDISTATO. XIV Rapporto MONITORAGGIO SULL APPRENDISTATO XIV Rapporto Dicembre 2013 I capitoli 1, 2 e 4 sono stati realizzati dall ISFOL, con il coordinamento di Sandra D Agostino e Silvia Vaccaro. Sono autori dei testi: Arianna

Dettagli

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido.

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido. Il triangolo dell Incendio Possibili cause d incendio: I carrelli elevatori Particolare attenzione nella individuazione delle cause di un incendio va posta ai carrelli elevatori, normalmente presenti nelle

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

REGOLAMENTO SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

REGOLAMENTO SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI COMUNE DI VIANO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI Approvato con deliberazione di G.C. n. 73 del 28.11.2000 INDICE TITOLO 1 ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 5 ART.

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico-

Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico- Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico- PREMESSA... 3 1. CARATTERISTICHE FISICHE DELLE TS-CNS... 3 1.1. Fronte TS-CNS

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

P.O.S. (POINT OF SALE)

P.O.S. (POINT OF SALE) P.O.S. (POINT OF SALE) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Emilia Romagna società cooperativa Sede legale e amministrativa in Via San Carlo 8/20 41121 Modena Telefono 059/2021111 (centralino)

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA Nicola Mazzei - Antonella Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili - Viale A. De Gasperi, 3-20097 San Donato Milanese Tel.:

Dettagli

La modellistica fotochimica nel Piano della qualità dell aria in Umbria

La modellistica fotochimica nel Piano della qualità dell aria in Umbria La modellistica fotochimica nel Piano della qualità dell aria in Umbria Marco Vecchiocattivi Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale dell Umbria Sommario Introduzione Modellistica fotochimica Applicazione

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA 27/06/13 MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA Gruppo Interprofessionale Provincia di Cremona Seminario di aggiornamento ai sensi del D.M. 5 agosto 2011 27 giugno 2013

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Parere n. 5 del 22/6/2011 Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Oggetto: Programmazione nazionale dei

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

VI Rapporto su enti locali e terzo settore

VI Rapporto su enti locali e terzo settore COORDINAMENTO Michele Mangano VI Rapporto su enti locali e terzo settore A cura di Francesco Montemurro, con la collaborazione di Giulio Mancini IRES Lucia Morosini Roma, marzo 2013 2 Indice 1. PREMESSA...

Dettagli

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO M Innovazione Conoscenza RETE REPOR RT ATTIVITA PATENT LIBRARY ITALIA 213 DIREZIONE GENERALE LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UFFICIO ITALIANO BREVETTI E I Sommario Introduzione... 3 I servizi erogati dalla Rete...

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE Arch. Alverio Camin Progetto Speciale Recupero Ambientale e Urbanistico delle aree Industriali - PAT REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE 1. Esperienza

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

La sicurezza delle centrali nuclear

La sicurezza delle centrali nuclear La sicurezza delle centrali nuclear Milano, 5 maggio 2011 Giuseppe Bolla, Senior Advisor Fondazione EnergyLab EnergyLab - Laboratorio dell Energia Il sistema integrato di gestione in campo nu La sicurezza

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

ITALIA COMPETENZE PER IL LAVORO DI OGGI COMPETENZE PER IL LAVORO DI DOMANI. Cisco Networking Academy CISCO NETWORKING ACADEMY.

ITALIA COMPETENZE PER IL LAVORO DI OGGI COMPETENZE PER IL LAVORO DI DOMANI. Cisco Networking Academy CISCO NETWORKING ACADEMY. Profilo ITALIA COMPETENZE PER IL LAVORO DI OGGI COMPETENZE PER IL LAVORO DI DOMANI CISCO NETWORKING ACADEMY Educazione e tecnologia sono due dei più grandi equalizzatori sociali. La prima aiuta le persone

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Un catalizzatore per una maggiore produttività nelle industrie di processo. Aggreko Process Services

Un catalizzatore per una maggiore produttività nelle industrie di processo. Aggreko Process Services Un catalizzatore per una maggiore produttività nelle industrie di processo Aggreko Process Services Soluzioni rapide per il miglioramento dei processi Aggreko può consentire rapidi miglioramenti dei processi

Dettagli

Prima iscrizione degli immobili al CEU (estensione procedure di cui alla circ. n.1/2009) e controlli sulle titolarità

Prima iscrizione degli immobili al CEU (estensione procedure di cui alla circ. n.1/2009) e controlli sulle titolarità Direzione Centrale Catasto e Cartografia Modalità di aggiornamento relative alle intestazioni catastali presenti nelle dichiarazioni di DOCFA e nelle Domande di Volture Prima iscrizione degli immobili

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

Gli immigrati stranieri: il loro aumento negli anni 90 secondo le diverse fonti

Gli immigrati stranieri: il loro aumento negli anni 90 secondo le diverse fonti LA POPOLAZIONE 17 Gli immigrati stranieri: il loro aumento negli anni 90 secondo le diverse fonti Significato. La presenza nella popolazione di cittadini stranieri è ormai diventata di una certa consistenza

Dettagli