Oltre la norma: applicazioni di rivelazione incendi che si avvalgono di tecnologie complementari

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Oltre la norma: applicazioni di rivelazione incendi che si avvalgono di tecnologie complementari"

Transcript

1 Oltre la norma: applicazioni di rivelazione incendi che si avvalgono di tecnologie complementari FORUM di PREVENZIONE INCENDI - Milano, 19 ottobre Andrea Natale 0

2 Il contesto normativo internazionale CEI (Italia) UNI (Italia) CENELEC (Europa) CEN (Europa) IEC (Internazionale) ISO (Internazionale) Standardizzazione elettrotecnica Standardizzazione altri settori economici* 1

3 Organismi di normazione: UNI Conformità alla norma Prodotti: UNI EN54-xx Sistemi: UNI 9795: 2010 Progettazione, Installazione, Verifica, Esercizio Servizi: UNI

4 Organismi di normazione: UNI Conformità dei prodotti alla norma UNI EN54-xx: Criteri tecnico-funzionali ( requisiti, metodi di prova, prestazioni..) UNI EN 54.1 Definizioni e terminologia UNI EN 54.2 Centrali di controllo e segnalazione UNI EN 54.3 Dispositivi di segnalazione d allarme UNI EN 54.4 Apparecchiature di alimentazione UNI EN 54.5 Rivelatori di Calore e puntiformi con elemento statico UNI EN 54.7 Rivelatori puntiformi di fumo e prove di sensibilità su focolai tipici UNI EN Rivelatori di fiamma UNI EN Pulsanti manuali d allarme UNI EN Rivelatori lineari di fumo UNI EN Componenti dei sistemi di evacuazione audio UNI EN Moduli di isolamento UNI EN Rivelatori ad aspirazione UNI EN Altoparlanti UNI EN Sistemi via radio 3

5 Rivelazione lineare della temperatura in fibra ottica Gallerie stradali, ferroviarie e della metropolitana Stabilimenti ed impianti chimici Centrali ad idrogeno per la produzione di energia Cavidotti, condotte del gas e del teleriscaldamento 4

6 Rivelazione lineare della temperatura in fibra ottica Impianti petroliferi: monitoraggio dei pozzi di petrolio e gas controllo delle pipeline e dei serbatoi di stoccaggio Linee produttive, nastri trasportatori, raffinerie e mulini Magazzini per lo stoccaggio di materie prime, semilavorati e prodotti finiti 5

7 Rivelazione lineare della temperatura in fibra ottica Le operazioni svolte dal sistema raccolta ed archiviazione dei dati e degli allarmi, nell intervallo -190 C / +700 C segmentazione della fibra ottica in zone virtuali, con precisione massima di 1m 1m 20km = 20,000 punti di rilevazione 6

8 Rivelazione lineare della temperatura in fibra ottica Il funzionamento del sistema Unità di analsi DTS Sorgente laser Accoppiatore direzionale Fibra ottica multimodale Raman Backscattering P Elaborazione del segnale Ricevitore ottico 7

9 Rivelazione lineare della temperatura in fibra ottica Architettura del sistema (1): singola unità Software Armadio completo Unità di elaborazione DTS Fino a 16 canali in f.o. internamente Fino a 50 canali in f.o. con interfacce esterne 8

10 Rivelazione lineare della temperatura in fibra ottica Architettura del sistema (2): master / slave Master DTS 40km Cavi in fibra ottica Slave DTS Collegamento Ethernet master/slave Monitoraggio centralizzato di un tratto pari a 40Km 9

11 Rivelazione lineare della temperatura in fibra ottica Architettura del sistema (3): cascata Visualizzazione combinata dei dati provenienti dalle unità DTS in cascata 10

12 Rivelazione lineare della temperatura in fibra ottica Altre caratteristiche del sistema: interfaccia utente semplice ed intuitiva PROBE ALARM ZONE:S5/GH TEMP C DTS#2 11

13 Rivelazione lineare della temperatura in fibra ottica Esempio di integrazione in supervisore di livello superiore: 12

14 Rivelazione lineare della temperatura in fibra ottica Rischi di incendio nei cavedi e canaline porta cavi: surriscaldamento dei cavi uso di apparecchiature elettrotermiche (p.e. saldatrici) rifiuti lasciati durante la lavorazione Possibile disposizione della fibra ottica 13

15 Rivelazione lineare della temperatura in fibra ottica Rischi di incendio nelle scale mobili: surriscaldamento apparecchiature elettriche guasto dei rulli portanti polvere e rifiuti che si accumulano Possibile disposizione della fibra ottica 14

16 Rivelazione lineare della temperatura in fibra ottica Possibile disposizione della fibra ottica Rischi di incendio sui nastri trasportatori: tipologia del materiale trasportato materiale del nastro (p.e. plastica o gomma sintetica) sovratemperature dell ambiente esterno o interno slittamento delle cinghie elettricità statica 15

17 Rivelazione lineare della temperatura in fibra ottica Rischi di incendio nei tunnel: trasporto di merci pericolose incidenti tra veicoli pesanti Possibile disposizione della fibra ottica 16

18 Rivelazione del fumo in galleria tramite tvcc Il sistema T-SMOKE rileva la presenza di fumo in galleria analizzando il segnale video acquisito da una o più telecamere, senza il supporto di ulteriori sensori esterni. T-SMOKE non necessita di telecamere speciali, è compatibile con i comuni standard PAL o B/N. T-SMOKE è disponibile in tre unità di elaborazione hardware: a 1, 4 o 8 ingressi video. 17

19 Rivelazione del fumo in galleria tramite tvcc T-SMOKE individua nell immagine video diversi elementi che sono chiaramente visibili in assenza di fumo. Immagine video iniziale Elementi visibili Come per l occhio umano, il fumo, interponendosi tra la telecamera e tali elementi, ne compromette la corretta visibilità : T-SMOKE fornisce l allarme di presenza fumo. Immagine video dopo 20s Elementi soppressi 18

20 Rivelazione del fumo in galleria tramite tvcc DISTURBI - passaggio veicoli - variazione dell intensità luminosa - rumore elettronico immagine iniziale FILTRI - T-SMOKE utilizza un filtro noise-reduction & edge-preserving (Kuwahara) per eliminare il rumore e preservare i contorni dopo il 1 filtro - T-SMOKE utilizza un secondo filtro per enfatizzare i contorni - T-SMOKE elimina il disturbo causato dai veicoli confrontando i frame dopo il 2 filtro - T-SMOKE riduce la sensibilità nell area di passaggio dei veicoli 19

21 Rivelazione della fiamma tramite matrice IR e tvcc I rivelatori di fiamma analizzano le emissioni di energia di un incendio (UV o IR), invece che i prodotti della sua combustione I corpi caldi (sole, macchinari) sono sorgenti potenziali di falsi allarmi FlameVision rivela la fiamma tramite una matrice IR a 256 sensori 20

22 Rivelazione della fiamma tramite matrice IR e tvcc FlameVision invia a un PLC le coordinate e le dimensioni dell incendio per - attivare azioni di soppressione localizzate - triangolare le informazioni provenienti da ulteriori rivelatori 21

23 Rivelazione della fiamma tramite matrice IR e tvcc FlameVision è in grado di rilevare più di un focolare contemporaneamente 22

24 Rivelazione della fiamma tramite matrice IR e tvcc La matrice IR di FlameVision localizza l incendio 23

25 Rivelazione della fiamma tramite matrice IR e tvcc FlameVision supporta il mascheramento elettronico di aree definite 24

26 Rivelazione della fiamma tramite matrice IR e tvcc FlameVision può integrare una telecamera a colori per evidenziare la localizzazione dell incendio 25

Oltre la norma: applicazioni di rivelazione incendi che si avvalgono di tecnologie complementari

Oltre la norma: applicazioni di rivelazione incendi che si avvalgono di tecnologie complementari Oltre la norma: applicazioni di rivelazione incendi che si avvalgono di tecnologie complementari Andrea Natale Roma, 16 giugno 2010 0 Il contesto normativo internazionale CEI (Italia) UNI (Italia) CENELEC

Dettagli

Centro di formazione Vigili del Fuoco. Via Vailetta - Dalmine

Centro di formazione Vigili del Fuoco. Via Vailetta - Dalmine ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO SEMINARIO ANTINCENDIO: NUOVE NORME E SISTEMI Andrea Natale COLLEGIO DEI PERITI INDUSTRIALI DI BERGAMO Centro di formazione Vigili del Fuoco Via Vailetta

Dettagli

SEMINARIO ANTINCENDIO La progettazione di un impianto di rivelazione incendi in base alle norme EN 54 e UNI 9795-2010

SEMINARIO ANTINCENDIO La progettazione di un impianto di rivelazione incendi in base alle norme EN 54 e UNI 9795-2010 ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI SEMINARIO ANTINCENDIO La progettazione di un impianto di rivelazione incendi in base alle norme EN 54 e UNI 9795-2010 Aggiornamenti sulla normativa e casi pratici

Dettagli

Modulo DISPOSITIVI DI SICUREZZA E RIVELAZIONE

Modulo DISPOSITIVI DI SICUREZZA E RIVELAZIONE Facoltà di Ingegneria Master in Sicurezza e Protezione Modulo DISPOSITIVI DI SICUREZZA E RIVELAZIONE IMPIANTI DI RIVELAZIONE INCENDI Docente Fabio Garzia Ingegneria della Sicurezza w3.uniroma1.it/sicurezza

Dettagli

FIRE Detection System. Sistemi automatici per l avvistamento incendi basati su telecamere a raggi infrarossi

FIRE Detection System. Sistemi automatici per l avvistamento incendi basati su telecamere a raggi infrarossi FIRE Detection System Sistemi automatici per l avvistamento incendi basati su telecamere a raggi infrarossi Il FIRE Detection System Un sistema automatico per l avvistamento di incendi pronto per essere

Dettagli

IMPIANTI DI RIVELAZIONE INCENDIO. Ing. PAOLO MAURIZI Corso 818/84

IMPIANTI DI RIVELAZIONE INCENDIO. Ing. PAOLO MAURIZI Corso 818/84 IMPIANTI DI RIVELAZIONE INCENDIO Ing. PAOLO MAURIZI Corso 818/84 GENERALITA E OBIETTIVI Misure di protezione incendi Protezione di tipo attivo Salvaguardia della incolumità delle persone (attraverso un

Dettagli

FIRE DETECTION. Sistema lineare di rilevazione termica a fibre ottiche (LHD) per applicazioni particolarmente a rischio. Leading the Way with Passion.

FIRE DETECTION. Sistema lineare di rilevazione termica a fibre ottiche (LHD) per applicazioni particolarmente a rischio. Leading the Way with Passion. FIRE DETECTION Sistema lineare di rilevazione termica a fibre ottiche (LHD) per applicazioni particolarmente a rischio AP Sensing: il vostro partner di fiducia per il rilevamento incendi AP Sensing è il

Dettagli

IMPIANTI DI RIVELAZIONE E SEGNALAZIONE INCENDIO IN RELAZIONE ALLE AREE DA PROTEGGERE

IMPIANTI DI RIVELAZIONE E SEGNALAZIONE INCENDIO IN RELAZIONE ALLE AREE DA PROTEGGERE IMPIANTI DI RIVELAZIONE E SEGNALAZIONE INCENDIO IN RELAZIONE ALLE AREE DA PROTEGGERE LA RIVELAZIONE INCENDIO IN RELAZIONE ALLE AREE DA PROTEGGERE Lo scopo che si prefigge la rivelazione automatica degli

Dettagli

Sistema di rilevamento integrato a lungo raggio Rilevamento a fibre ottiche e rete di comunicazione integrati

Sistema di rilevamento integrato a lungo raggio Rilevamento a fibre ottiche e rete di comunicazione integrati Sistema di rilevamento integrato a lungo raggio Rilevamento a fibre ottiche e rete di comunicazione integrati Rilevamento interrato, su recinzione, su muri e su tubazioni Distanza fino a 50 km e punto

Dettagli

Controllo integrato in tempo reale di impianti tecnologici URMET IS IN YOUR LIFE

Controllo integrato in tempo reale di impianti tecnologici URMET IS IN YOUR LIFE Controllo integrato in tempo reale di impianti tecnologici URMET IS IN YOUR LIFE SISTEMA DI GESTIONE IMPIANTI DI SICUREZZA OLTRE LA SICUREZZA DEL SINGOLO LUOGO, VERSO IL CONTROLLO INTEGRATO DEGLI ASSET

Dettagli

UNI 9795 ED.2013 - RIVELAZIONE FUMI

UNI 9795 ED.2013 - RIVELAZIONE FUMI franco zecchini (iosolo35) UNI 9795 ED.2013 - RIVELAZIONE FUMI 17 February 2015 In questo articolo tratterò un tema molto importante e tante volte preso, da parte di progettisti ed installatori un po sottogamba,

Dettagli

Seminario tecnico Rivelazione Incendio - Seminario Tecnico - Rivelazione incendio -

Seminario tecnico Rivelazione Incendio - Seminario Tecnico - Rivelazione incendio - Seminario tecnico Rivelazione Incendio - Seminario Tecnico - Rivelazione incendio - 18 Novembre 2014 1 Seminario Criteri di scelta tecnico dei Rivelazione rilevatori Incendio - Spunto di riflessione nella

Dettagli

CONTROLLO INIZIALE E MANUTENZIONE DEI SISTEMI DI RIVELAZIONE INCENDI

CONTROLLO INIZIALE E MANUTENZIONE DEI SISTEMI DI RIVELAZIONE INCENDI Milano, Gennaio 2012 NORMA UNI 11224 GIUGNO 2011 CONTROLLO INIZIALE E MANUTENZIONE DEI SISTEMI DI RIVELAZIONE INCENDI Gà la norma UNI 9795/2010 Sistemi fissi automatici di rivelazione, di segnalazione

Dettagli

INFORMAZIONI PROVENIENTI DAGLI STATI MEMBRI

INFORMAZIONI PROVENIENTI DAGLI STATI MEMBRI 25.9.2007 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 225/1 IV (Informazioni) INFORMAZIONI PROVENIENTI DAGLI STATI MEMBRI Comunicazione della Commissione nel quadro dell attuazione della direttiva 2004/108/CE

Dettagli

DANCOM s.r.l. Soluzioni Video Intelligenti

DANCOM s.r.l. Soluzioni Video Intelligenti Pagina 1 di 7 Soluzioni Video Intelligenti Le soluzioni video intelligenti aggiungono ai sistemi di videosorveglianza la caratteristica di essere attivi, cioè la capacità di elaborare le immagini in tempo-reale

Dettagli

Ing. Lorenzo Rossi 1

Ing. Lorenzo Rossi 1 Ing. Lorenzo Rossi 1 Un impianto di rilevazione incendio ha la funzione di rilevare precocemente l innesco di un incendio per permettere alla squadra di emergenza o ai vigili del fuoco di intervenire in

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. Comunicazione della Commissione nell'ambito dell'applicazione della Direttiva del Consiglio 89/336/CEE

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. Comunicazione della Commissione nell'ambito dell'applicazione della Direttiva del Consiglio 89/336/CEE C 77/8 Comunicazione della Commissione nell'ambito dell'applicazione della Direttiva del Consiglio 89/336/CEE (2005/C 77/03) (Testo rilevante ai fini del SEE) Pubblicazione di titoli e riferimenti di norme

Dettagli

LA NUOVA NORMA UNI 9795

LA NUOVA NORMA UNI 9795 Le modifiche Le novità Inserimento di nuovi riferimenti normativi Inserimento della UNI 7546-16 per segnalazione dei pulsanti (cartelli indicatori) Inserimento ISO 6790 per simbologia da utilizzare nei

Dettagli

Tecnologie informatiche - Tecniche per la sicurezza - Sistemi di gestione per la sicurezza delle informazioni - Requisiti

Tecnologie informatiche - Tecniche per la sicurezza - Sistemi di gestione per la sicurezza delle informazioni - Requisiti CEI UNI ISO/IEC 27001 CEI EN 62056-7-6 CEI EN 62056-8-3 S001 Tecnologie informatiche - Tecniche per la sicurezza - Sistemi di gestione per la sicurezza delle informazioni - Requisiti Trazione elettrica

Dettagli

(2006/C 201/02) (Testo rilevante ai fini del SEE) Riferimento e titolo della norma (e documento di riferimento)

(2006/C 201/02) (Testo rilevante ai fini del SEE) Riferimento e titolo della norma (e documento di riferimento) 24.8.2006 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 201/31 Comunicazione della Commissione nell'ambito dell'applicazione della direttiva 89/336/CEE del Consiglio, del 3 maggio 1989, per il ravvicinamento

Dettagli

SEMINARIO TECNICO. Sistemi fissi di rivelazione automatica. La nuova normativa UNI9795. Il suo presente e futuro e TS EN54-14. Ing. Sergio Sanfratello

SEMINARIO TECNICO. Sistemi fissi di rivelazione automatica. La nuova normativa UNI9795. Il suo presente e futuro e TS EN54-14. Ing. Sergio Sanfratello SEMINARIO TECNICO Sistemi fissi di rivelazione automatica. La nuova normativa UNI9795. Il suo presente e futuro e TS EN54-14 Ing. Sergio Sanfratello Scopo e campo di applicazione La presente Norma descrive

Dettagli

(Informazioni) INFORMAZIONI PROVENIENTI DALLE ISTITUZIONI, DAGLI ORGANI E DAGLI ORGANISMI DELL UNIONE EUROPEA COMMISSIONE EUROPEA

(Informazioni) INFORMAZIONI PROVENIENTI DALLE ISTITUZIONI, DAGLI ORGANI E DAGLI ORGANISMI DELL UNIONE EUROPEA COMMISSIONE EUROPEA 19.3.2010 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 71/1 IV (Informazioni) INFORMAZIONI PROVENIENTI DALLE ISTITUZIONI, DAGLI ORGANI E DAGLI ORGANISMI DELL UNIONE EUROPEA COMMISSIONE EUROPEA Comunicazione

Dettagli

UNI 9795 GENNAIO 2010

UNI 9795 GENNAIO 2010 UNI 9795 GENNAIO 2010 1) SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2) RIFERIMENTI NORMATIVI 3) TERMINI E DEFINIZIONI 4) CARATTERISTICHE DEI SISTEMI 5) PROGETTAZIONE E INSTALLAZIONE SISTEMI AUTOMATICI 6) PROGETTAZIONE

Dettagli

Comunicazione della Commissione nell'ambito dell'applicazione della Direttiva del Consiglio 89/336/CEE (2004/C 98/05)

Comunicazione della Commissione nell'ambito dell'applicazione della Direttiva del Consiglio 89/336/CEE (2004/C 98/05) C 98/8 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 23.4.2004 Comunicazione della Commissione nell'ambito dell'applicazione della Direttiva del Consiglio 89/336/CEE (2004/C 98/05) (Testo rilevante ai fini del

Dettagli

La telegestione. a distanza degli impianti

La telegestione. a distanza degli impianti La telegestione L o s t r u m e n t o o t t i m a l e p e r i l c o n t r o l l o e l a g e s t i o n e a distanza degli impianti Campi di applicazione Acqua potabile Controllo e gestione di tutti gli

Dettagli

VT CONTROLLO VISIVO CORSO PER OPERATORI DI II LIVELLO TOTALE ORE : 40 PARTE 1 - PRINCIPI DEL METODO VT 1.0) FONDAMENTI DELL ESAME VT - Energia luminosa - Formazione dell'immagine - Sorgenti luminose -

Dettagli

PROGETTO DI IMPIANTO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E DI SEGNALAZIONE ALLARME INCENDIO

PROGETTO DI IMPIANTO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E DI SEGNALAZIONE ALLARME INCENDIO Ing. Pietro Marco SIMONI Via Roncari, 39/A 21023 BESOZZO (VA) Tel/fax 0332-970793 PROGETTO DI IMPIANTO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E DI SEGNALAZIONE ALLARME INCENDIO RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA (ai sensi

Dettagli

Comune di Siena Spedale Santa Maria della Scala Magazzini della Corticella Relazione Illustrativa impianti elettrico e speciali - Pag.

Comune di Siena Spedale Santa Maria della Scala Magazzini della Corticella Relazione Illustrativa impianti elettrico e speciali - Pag. Relazione Illustrativa impianti elettrico e speciali - Pag.1 SOMMARIO SOMMARIO... 1 1. OGGETTO... 2 2. IMPIANTO ELETTRICO... 2 3. ILLUMINAZIONE... 2 4. ILLUMINAZIONE E SEGNALAZIONE DI SICUREZZA... 3 5.

Dettagli

Progettare impianti di rivelazione incendi

Progettare impianti di rivelazione incendi Progettare impianti di rivelazione incendi 1 Agenda Criteri di scelta dei rilevatori in base all ambiente Tecnologie disponibili La norma UNI9795 Quesiti e dibattito 2 Criteri di scelta dei rilevatori

Dettagli

Perché proteggere i campi fotovoltaici. Perché scegliere un sistema antintrusione per recinzioni

Perché proteggere i campi fotovoltaici. Perché scegliere un sistema antintrusione per recinzioni SECURE YOUR ENERGY Perché proteggere i campi fotovoltaici Per salvaguardare gli investimenti effettuati in un campo fotovoltaico è necessario proteggere l impianto dal furto dei pannelli solari e dagli

Dettagli

Impianti di rilevamento fumi (Norme di installazione)

Impianti di rilevamento fumi (Norme di installazione) Norme di installazione Protezione contro i contatti diretti e indiretti: La protezione contro i contatti diretti ed indiretti degli apparecchi elettrici ed elettronici presenti nell impianto e dei rispettivi

Dettagli

rilevazione incendi peculiarità sistemi autronica

rilevazione incendi peculiarità sistemi autronica www.sispasicurezza.it rilevazione incendi peculiarità sistemi autronica Distributore esclusivo per i marchi 1 indice 1. CARATTERISTICHE UNICHE DI AUTRONICA 4 2. CARATTERISTICHE COMUNI ALLE MIGLIORI MARCHE

Dettagli

GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO

GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO La presente guida mette in risalto solo alcuni punti salienti estrapolati dalla specifica norma UNI 9795 con l

Dettagli

INNOVATION CASE. Sistema di controllo del traffico in una galleria autostradale

INNOVATION CASE. Sistema di controllo del traffico in una galleria autostradale Sistema di controllo del traffico in una galleria autostradale INNOVARE: COSA? L IDEA Ovunque nel mondo si assiste ad un aumento della densità del traffico veicolare. Il fenomeno porta con sé un enorme

Dettagli

Indagini termografiche

Indagini termografiche Indagini termografiche informazioni sintetiche sulle possibili applicazioni in ambito edile, impiantistico ed industriale Servizi di Termografia dbabitat srl fornisce il servizio di analisi, indagine e

Dettagli

Cavi con isolamento estruso in gomma per tensioni nominali da 1 kv a 30 kv. Cavi isolati con polivinilcloruro per tensioni nominali da 1 kv a 3 kv

Cavi con isolamento estruso in gomma per tensioni nominali da 1 kv a 30 kv. Cavi isolati con polivinilcloruro per tensioni nominali da 1 kv a 3 kv CEI 0-16;V2 CEI EN 60947-5-2 CEI EN 62271-3 CEI EN 62271-209 S001 CEI CLC/TS 62271-304 CEI 20-13;V4 Regola tecnica di riferimento per la connessione di Utenti attivi e passivi alle reti AT ed MT delle

Dettagli

Riflessioni sulle manutenzioni norma UNI 11224

Riflessioni sulle manutenzioni norma UNI 11224 ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI COLLEGIO DEI PERITI INDUSTRIALI DI SEMINARIO ANTINCENDIO: NUOVE NORME E SISTEMI Riflessioni sulle manutenzioni norma UNI 11224 Marco Suardi Centro di formazione

Dettagli

Sicurezza impianti elettrici

Sicurezza impianti elettrici Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione Capo III Impianti e apparecchiature elettriche Obblighi del datore di lavoro Il datore di lavoro prende le misure necessarie affinché i materiali, le apparecchiature

Dettagli

SISTEMA DI ALLARME. Sistema automatico di monitoraggio per il rilevamento delle perdite N 1.0

SISTEMA DI ALLARME. Sistema automatico di monitoraggio per il rilevamento delle perdite N 1.0 SISTEMA DI ALLARME Sistema automatico di monitoraggio per il rilevamento delle perdite N 1.0 i s o p l u s IPS-DIGITAL-CU IPS-DIGITAL-NiCr IPS-DIGITAL-Software IPS-DIGITAL-Mobil IPS-DIGITAL isoplus Support

Dettagli

UNI EN 54 11 Sistemi di rivelazione e di segnalazione d incendio Parte 11: Punti di

UNI EN 54 11 Sistemi di rivelazione e di segnalazione d incendio Parte 11: Punti di CONVEGNO ZENITAL FORUM ANTINCENDIO 2011 Milano, 26 ottobre 2011 Ing. Maurizio D Addato Si riportano le principali: Norme EN54 PUBBLICATE ED ARMONIZZATE UNI EN 54 1 Sistemi di rivelazione e di segnalazione

Dettagli

La nuova UNI 9795 Lancenigo di Villorba (TV), 13 ottobre 2010. per realizzare un Impianto secondo

La nuova UNI 9795 Lancenigo di Villorba (TV), 13 ottobre 2010. per realizzare un Impianto secondo La Norma Tecnica impiantistica UNI 9795: 2010 per realizzare un Impianto secondo la Regola dell Arte M. Damoli 1 Norma UNI 9795 NORMA ITALIANA Gennaio 2010 TITOLO: Sistemi Fissi Automatici di Rivelazione

Dettagli

BATIMENTS FSA SYSTEME DE DETECTION INCENDIE RAPPORT TECHNIQUE FABBRICATI FSA IMPIANTO RIVELAZIONE INCENDI RELAZIONE TECNICA SOMMAIRE / INDICE

BATIMENTS FSA SYSTEME DE DETECTION INCENDIE RAPPORT TECHNIQUE FABBRICATI FSA IMPIANTO RIVELAZIONE INCENDI RELAZIONE TECNICA SOMMAIRE / INDICE SOMMAIRE / INDICE RESUME/RIASSUNTO... 3 1. NORMATIVE DELLA SOUMISSION 44 RELATIVE AL PRESENTE PROGETTO... 4 1.1 Norme funzionali... 4 1.2 Norme su Materiali e Apparecchiature... 4 2. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO...

Dettagli

Batterie di avviamento al piombo Parte 3: Sistema di terminali per batterie a 36 V nominali. Parte 4: Dimensioni delle batterie per veicoli pesanti

Batterie di avviamento al piombo Parte 3: Sistema di terminali per batterie a 36 V nominali. Parte 4: Dimensioni delle batterie per veicoli pesanti CEI EN 60034-3 CEI EN 60034-2-1 CEI EN 60034-30 CEI EN 62058-11 CEI EN 62058-21 CEI EN 62058-31 CEI 20-49;V3 CEI EN 50342-3 CEI EN 50342-4 CEI EN 61534-22 CEI EN 62423 CEI EN 60974-8 CEI EN 60974-9 CEI

Dettagli

Applicazione D.M. 18 Settembre 2002 agli impianti gas medicali: Parte 2: Requisiti specifici

Applicazione D.M. 18 Settembre 2002 agli impianti gas medicali: Parte 2: Requisiti specifici Applicazione D.M. 18 Settembre 2002 agli impianti gas medicali: Parte 2: Requisiti specifici Elio PATETTA Dottore in Ingegneria Biomedica Vice Presidente AIIGM POLITECNICO DI MILANO, 13 Dicembre 2011 SOMMARIO

Dettagli

SOMMARIO. STUDIO CANALI per. ind. LEONARDO GOZZI

SOMMARIO. STUDIO CANALI per. ind. LEONARDO GOZZI Relazione Illustrativa impianti elettrico e speciali - Pag.1 SOMMARIO SOMMARIO... 1 1. OGGETTO E LIMITI DELLA FORNITURA... 2 2. ELENCO ELABORATI... 3 3. DESTINAZIONE e CLASSIFICAZIONE DEI LOCALI... 3 4.

Dettagli

SISTEMA 3D-MBS (Three Dimensional Multi Band System)

SISTEMA 3D-MBS (Three Dimensional Multi Band System) SISTEMA 3D-MBS (Three Dimensional Multi Band System) Sistema 3D-MBS 1 SISTEMA 3D-MBS (Three Dimensional Multi Band System) Il 3D-Multi Band System è un sistema integrato per la gestione della sicurezza

Dettagli

Linee Guida per la progettazione e realizzazione della sicurezza nelle gallerie stradali secondo la normativa vigente

Linee Guida per la progettazione e realizzazione della sicurezza nelle gallerie stradali secondo la normativa vigente linee_g_italia 1-12- 12:16 Pagina 136 gallerie stradali Linee Guida per la progettazione e realizzazione della sicurezza nelle gallerie stradali Rev. Ottobre Pag. 136 di 216 I cicli di ventilazione sono

Dettagli

SPVI: Sistema di Supervisione Integrata per gallerie ferroviarie

SPVI: Sistema di Supervisione Integrata per gallerie ferroviarie SPVI: Sistema di Supervisione Integrata per gallerie ferroviarie SPVI è l abbreviazione di Supervisione Integrata : un sistema di monitoraggio e controllo delle installazioni tecnologiche per la sicurezza

Dettagli

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti e dispositivi di protezione antincendio

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti e dispositivi di protezione antincendio Impianti Meccanici 1 Danni provocati dagli incendi negli stabilimenti : - diretti : distruzione di macchinari, impianti, merci. - indiretti : mancata produzione Mezzi di prevenzione e Provvedimenti di

Dettagli

Gruppo trifase per la misura dell energia elettrica su reti di bassa tensione per forniture multiorarie col rilievo del profilo di carico

Gruppo trifase per la misura dell energia elettrica su reti di bassa tensione per forniture multiorarie col rilievo del profilo di carico GME Gruppo Misura Elettronico Energia Centro Nord Soc. consortile Gruppo trifase per la misura dell energia elettrica su reti di bassa tensione per forniture multiorarie col rilievo del profilo di carico

Dettagli

Città di Rho - Provincia di Milano - Area 3 Servizi a Rete COMUNE DI RHO

Città di Rho - Provincia di Milano - Area 3 Servizi a Rete COMUNE DI RHO COMUNE DI RHO PROVINCIA DI MILANO Area 3 Pianificazione, Gestione, Tutela del Territorio e Lavori Pubblici Servizio Ecologia e Tutela ambientale verde e arredo urbano Strade, Cimiteri Servizi a rete PROGETTO

Dettagli

2. SISTEMA DI GESTIONE DELL IMPIANTO ELETTRICO

2. SISTEMA DI GESTIONE DELL IMPIANTO ELETTRICO Sommario 2. SISTEMA DI GESTIONE DELL IMPIANTO ELETTRICO... 2 2.1. Premessa... 2 2.2. Descrizione dell impianto elettrico esistente... 3 2.2.1 Cabina di trasformazione e quadri elettrici... 3 2.2.2 - Circuiti

Dettagli

La Videosorveglianza e la Salvaguardia degli ambienti

La Videosorveglianza e la Salvaguardia degli ambienti La Videosorveglianza e la Salvaguardia degli ambienti 2015 Un sistema di sicurezza evoluto 01 LA VIDEOSORVEGLIANZA 02 A COSA SERVE? 03 PERCHE GLOBAL SISTEMI La videosorveglianza è un evoluto sistema di

Dettagli

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti industriali 2-2012 1

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti industriali 2-2012 1 Impianti industriali 2-2012 1 RIFERIMENTI NORMATIVI D.M.10/03/98 Criteri generali di sicurezza e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro D.M.04/04/98 Elenco attività normate (soggette a CPI)

Dettagli

Soluzioni Antincendio Wireless

Soluzioni Antincendio Wireless Soluzioni Antincendio Wireless La rilevazione incendio piu avanzata al mondo. Il sistema antincendio wireless più affidabile Teledata ha sviluppato un sistema di rilevazione wireless certificato secondo

Dettagli

Cavi Tecsun INTEGRATED CABLING SOLUTIONS

Cavi Tecsun INTEGRATED CABLING SOLUTIONS Cavi Tecsun technergy INTEGRATED CABLING SOLUTIONS TM TECSUN Chi siamo Tecsun µ Il gruppo Prysmian è tra i leader mondiali nel settore dei cavi per l energia e per le telecomunicazioni e vanta un forte

Dettagli

GALLERIA VIRGOLO. CARATTERISTICHE STRUTTURALI ed IMPIANTISTICHE

GALLERIA VIRGOLO. CARATTERISTICHE STRUTTURALI ed IMPIANTISTICHE GALLERIA VIRGOLO CARATTERISTICHE STRUTTURALI ed IMPIANTISTICHE CARATTERISTICHE STRUTTURALI entrambe le canne sono costituite da un rivestimento in calcestruzzo conformato ad arco circolare con raggio interno

Dettagli

Our Business Your Continuity

Our Business Your Continuity Our Business Your Continuity Slide tecniche Business Factory I.NET Perché una Business Factory L informazione è il fulcro dell incremento di produttività Alan Greenspan Le attuali necessità di lavoro per

Dettagli

Unità intelligenti serie DAT9000

Unità intelligenti serie DAT9000 COMPONENTI PER L ELETTRONICA INDUSTRIALE E IL CONTROLLO DI PROCESSO Unità intelligenti serie DAT9000 NUOVA LINEA 2010 www.datexel.it serie DAT9000 Le principali funzioni da esse supportate, sono le seguenti:

Dettagli

Sistemi di rivelazione: certificazione SIL, impianti ridondati. Il mondo dell energia chiede sempre maggiore sicurezza

Sistemi di rivelazione: certificazione SIL, impianti ridondati. Il mondo dell energia chiede sempre maggiore sicurezza Sistemi di rivelazione: certificazione SIL, impianti ridondati. Il mondo dell energia chiede sempre maggiore sicurezza FORUM di PREVENZIONE FORUM di PREVENZIONE Certificazione SIL (Safety Integrity Level)

Dettagli

Datasheet Kit Fotovoltaico KIT-FV10W-2 KIT-FV20W-2

Datasheet Kit Fotovoltaico KIT-FV10W-2 KIT-FV20W-2 Datasheet Kit Fotovoltaico KIT-FV10W-2 KIT-FV20W-2 Rev. 2 1 Descrizione del KIT I Kit fotovoltaici Wave sono pensati per alimentare in modo continuo 24 ore su 24 sia gli apparati wireless WaveNet sia telecamere

Dettagli

Banco Prova Caldaie. per generatori di energia termica avente una potenza nominale inferiore a 100kW

Banco Prova Caldaie. per generatori di energia termica avente una potenza nominale inferiore a 100kW Banco Prova Caldaie per generatori di energia termica avente una potenza nominale inferiore a 100kW 1 Generalità Il banco prova caldaie attualmente disponibile presso il nostro Laboratorio è stato realizzato

Dettagli

Nuove Norme CEI del mese di novembre 2003

Nuove Norme CEI del mese di novembre 2003 Nuove Norme CEI del mese di novembre 2003 CEI EN 50329 Applicazioni ferroviarie, tranviarie, filoviarie e metropolitane - Impianti fissi - Trasformatori di trazione CEI EN 50123-7-1 Applicazioni ferroviarie,

Dettagli

>SISTEMA WIRELESS STAND ALONE

>SISTEMA WIRELESS STAND ALONE >SISTEMA WIRELESS STAND ALONE 126 SISTEMI DI SPEGNIMENTO AI TRU SIONE FI CEN DIO >128 UNITÀ CENTRALE >129 >130 RILEVATORI >132 ATTUATORI CENTRI ASSISTENZA TECNICA ORGANIZZAZIONE COMMERCIALE COMUNICATORI

Dettagli

SELEZIONI CEI. Punto UNI CEI di Treviso

SELEZIONI CEI. Punto UNI CEI di Treviso Punto UNI CEI di Treviso SELEZIONI CEI S001 Raccolta Totale Norme CEI S002 Raccolta per l Elettrotecnica generale e materiali per uso elettrico S003 Raccolta per Impianti e Sicurezza di esercizio S004

Dettagli

Guida rapida alla selezione Periferiche LSN per sistemi di rivelazione incendio

Guida rapida alla selezione Periferiche LSN per sistemi di rivelazione incendio Local SecurityNetwork Cablaggio semplice di autoconfigurazione (modalità di apprendimento automatico) Programmazione di tutte le configurazioni del dispositivo dalla centrale Struttura di rete flessibile

Dettagli

Valutazione del rischio per la presenza di miscele esplosive aria/polveri: l approccio metodologico

Valutazione del rischio per la presenza di miscele esplosive aria/polveri: l approccio metodologico Valutazione del rischio per la presenza di miscele esplosive aria/polveri: l approccio metodologico Francesca Bellamino D.Lgs. 81/2008 TITOLO XI: protezione da atmosfere esplosive Capo II: obblighi del

Dettagli

1. IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI

1. IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI 1. IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI 1.1 ELENCO DEGLI IMPIANTI Saranno realizzati i seguenti impianti elettrici e speciali: - modifica al quadro generale di distribuzione esistente (QOO1) esistente - alimentazione

Dettagli

SICUREZZA FRACARRO. Soluzioni per la protezione degli impianti fotovoltaici

SICUREZZA FRACARRO. Soluzioni per la protezione degli impianti fotovoltaici SICUREZZA FRACARRO Soluzioni per la protezione degli impianti fotovoltaici 1 Nell ambito dei Sistemi di Sicurezza, da oltre 25 anni Fracarro offre una gamma completa di soluzioni per la protezione di persone

Dettagli

BROCHURE QUADRO ABE_1200 CON ANALIZZATORE FISSO ABE_1000. Istruzioni operative

BROCHURE QUADRO ABE_1200 CON ANALIZZATORE FISSO ABE_1000. Istruzioni operative BROCHURE QUADRO ABE_1200 CON ANALIZZATORE FISSO ABE_1000 Istruzioni operative A.B.ENERGY S.r.l. Versione 001 www.abenergy.it Caratteristiche principali ABE_1000 analizzatore per Metano (CH4), Anidride

Dettagli

L'idea. Negli edifici del terziario oltre il 30% dell intero costo di costruzione è rappresentato dal costo degli impianti tecnologici.

L'idea. Negli edifici del terziario oltre il 30% dell intero costo di costruzione è rappresentato dal costo degli impianti tecnologici. L'idea Negli edifici del terziario oltre il 30% dell intero costo di costruzione è rappresentato dal costo degli impianti tecnologici. Gli impianti tecnologici contribuiscono in modo molto rilevante ai

Dettagli

DomoDigit. DomoDigit. Il controllo della vostra casa a portata di dito

DomoDigit. DomoDigit. Il controllo della vostra casa a portata di dito DomoDigit Il controllo della vostra casa a portata di dito DomoDigit DomoDigit è la tecnologia che unisce, integra e controlla i dispositivi elettrici ed elettronici utili per la gestione della casa.

Dettagli

ELENCO DELLE NORME (E DEI PROGETTI DI NORME) DI TIPO A, B ARMONIZZATE AI SENSI DELLA DIRETTIVA MACCHINE

ELENCO DELLE NORME (E DEI PROGETTI DI NORME) DI TIPO A, B ARMONIZZATE AI SENSI DELLA DIRETTIVA MACCHINE ELENCO DELLE NORME (E DEI PROGETTI DI NORME) DI TIPO A, B ARMONIZZATE AI SENSI DELLA DIRETTIVA MACCHINE Norme suddivise per tipo di norma: NORME DI TIPO A - NORME DI INTERESSE GENERALE NORME DI TIPO B

Dettagli

Un sistema di controllo accessi ha

Un sistema di controllo accessi ha Norme tecniche per il controllo accessi Il percorso della sicurezza n Produzione e distribuzione n Applicazione n Associazioni n Eventi n Normativa I sistemi per il riconoscimento della persona, il controllo

Dettagli

PLATES. Riconoscimento Targhe

PLATES. Riconoscimento Targhe PLATES Riconoscimento Targhe Plates Che cosa è Plates è un prodotto basato su un algoritmo proprietario di lettura automatica delle targhe che transitano nel campo visivo di una telecamera. Plates A che

Dettagli

L'Azienda. Sistema Qualità Certificato

L'Azienda. Sistema Qualità Certificato Sistemi di Rilevazione L'Azienda ELECTRONIC NEWS ha iniziato la sua attività nel 1978, fornendo le principali aziende italiane ed europee specializzate nel campo dell Automazione e della Strumentazione

Dettagli

(Informazioni) INFORMAZIONI PROVENIENTI DALLE ISTITUZIONI E DAGLI ORGANI DELL'UNIONE EUROPEA COMMISSIONE

(Informazioni) INFORMAZIONI PROVENIENTI DALLE ISTITUZIONI E DAGLI ORGANI DELL'UNIONE EUROPEA COMMISSIONE 5.6.2009 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 126/1 IV (Informazioni) INFORMAZIONI PROVENIENTI DALLE ISTITUZIONI E DAGLI ORGANI DELL'UNIONE EUROPEA COMMISSIONE Comunicazione della Commissione nel quadro

Dettagli

21.4.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 102/19

21.4.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 102/19 21.4.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 102/19 RETTIFICHE Rettifica della comunicazione della Commissione nel quadro dell'attuazione della direttiva 2004/108/CE del Parlamento europeo e del

Dettagli

Linee di interconnessione secondo le evoluzioni normative UNI - CEI

Linee di interconnessione secondo le evoluzioni normative UNI - CEI secondo le evoluzioni normative UNI - CEI Panorama normativo nei sistemi di rilevazione fumi ed EVAC Sistemi di rilevazione fumi rif. UNI 9795 : 2010* Sistemi EVAC rif. UNI ISO 7240-19* 1 UNI TC 72 Ing.Andrea

Dettagli

UNI 9795-2013 COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI VERCELLI. Seminario di aggiornamento Ordine Ingegneri della Provincia di Vercelli

UNI 9795-2013 COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI VERCELLI. Seminario di aggiornamento Ordine Ingegneri della Provincia di Vercelli COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI VERCELLI Seminario di aggiornamento Ordine Ingegneri della Provincia di Vercelli 1 Le normative nei sistemi di rivelazione incendi Progettazione secondo la norma

Dettagli

Le novità della Norma CEI 64-8

Le novità della Norma CEI 64-8 Le novità della Norma CEI 64-8 Giuseppe Bosisio Comitato Elettrotecnico Italiano 1 Le novità della Norma CEI 64-8 -COME CAMBIA - Parte 1- Oggetto, scopo e principi - fondamentali - Parte 2 Definizioni

Dettagli

La nuova UNI 9795 Lancenigo di Villorba (TV), 13 ottobre 2010. Marco Fontana. (Membro CEI Comitato Tecnico 20)

La nuova UNI 9795 Lancenigo di Villorba (TV), 13 ottobre 2010. Marco Fontana. (Membro CEI Comitato Tecnico 20) CONNESSIONE E CAVI Scelta dei tipi di cavi, sigle di designazione e comportamento al fuoco Marco Fontana (Membro CEI Comitato Tecnico 20) 1 Per quanto riguarda le connessioni, cioè la rete di collegamento

Dettagli

(Pubblicazione di titoli e riferimenti di norme armonizzate ai sensi della direttiva)

(Pubblicazione di titoli e riferimenti di norme armonizzate ai sensi della direttiva) (Pubblicazione di titoli e riferimenti di norme armonizzate ai sensi della direttiva) OEN ( 1 ) CEN EN 1010-1:2004 Sicurezza del macchinario Requisiti di sicurezza per la progettazione e la costruzione

Dettagli

CONTROLLO DEL TERRITORIO

CONTROLLO DEL TERRITORIO PROGETTO Nuvolento VIDEOSORVEGLIANZA e CONTROLLO DEL TERRITORIO Sicurezza Urbana Relazione Tecnica di gara Indice Introduzione:... 3 Analisi delle esigenze:... 4 Architettura generale:... 4 Localizzazione:...

Dettagli

SYSCO S.p.A. SISTEMI E DISPOSITIVI PER L INFORMAZIONE AL PUBBLICO

SYSCO S.p.A. SISTEMI E DISPOSITIVI PER L INFORMAZIONE AL PUBBLICO SISTEMI E DISPOSITIVI PER L INFORMAZIONE AL PUBBLICO La qualità dell informazione, offerta al cliente attraverso un sistema standardizzato di presentazione, permette ai viaggiatori di familiarizzare con

Dettagli

Le informazioni qui contenute non possono intendersi come garanzie riguardanti i prodotti mostrati.

Le informazioni qui contenute non possono intendersi come garanzie riguardanti i prodotti mostrati. Soluzioni per la lavorazione del legno COME PROTEGGERE LE LINEE DI PRODUZIONE DAL RISCHIO DI FUOCO E DALLE POLVERI ESPLOSIVE Layout: Alexandra Németh www.grundform.se Le informazioni qui contenute non

Dettagli

ALIMENTARE I SISTEMI DI RIVELAZIONE INCENDI: CRITERI, DIMENSIONAMENTI, OPPORTUNITÀ TECNOLOGICHE

ALIMENTARE I SISTEMI DI RIVELAZIONE INCENDI: CRITERI, DIMENSIONAMENTI, OPPORTUNITÀ TECNOLOGICHE ALIMENTARE I SISTEMI DI INCENDI: CRITERI, DIMENSIONAMENTI, OPPORTUNITÀ TECNOLOGICHE Ing. Fabio Massimo Turani Forum Prevenzione Incendi 2015 Milano, 30 settembre SOMMARIO I requisiti normativi di sistema

Dettagli

TREVIGLIO FUTURA S.p.a. RIQUALIFICAZIONE DI PIAZZA SETTI A DUE PIANI INTERRATI

TREVIGLIO FUTURA S.p.a. RIQUALIFICAZIONE DI PIAZZA SETTI A DUE PIANI INTERRATI Committente: TREVIGLIO FUTURA S.p.a. Societa' Trasformazione Urbana Piazza Manara, 1-24047 Treviglio (BG) Progetto: RIQUALIFICAZIONE DI PIAZZA SETTI A DUE PIANI INTERRATI 00 REVISIONE Emissione disegno

Dettagli

NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2

NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2 NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2 Relazioni con il D.M. 18/09/2002 - La Guida AIIGM Elio PATETTA Dottore in Ingegneria Biomedica Vice Presidente AIIGM CORSO DI FORMAZIONE CARATTERISTICHE E PROGETTAZIONE DEGLI

Dettagli

CEI EN 62428 Energia elettrica - Componenti modali nei sistemi trifase in corrente alternata - Grandezze e loro trasformazioni

CEI EN 62428 Energia elettrica - Componenti modali nei sistemi trifase in corrente alternata - Grandezze e loro trasformazioni CEI EN 50216-9 S001 Accessori per trasformatori di potenza e reattori Parte 9: Scambiatori di calore olio-acqua CEI EN 60669-2-1/A1 CEI UNI ISO 80000-4 Apparecchi di comando non automatici per installazione

Dettagli

In anticipo sul futuro. La tecnica termografica come strumento di verifica e diagnosi di malfunzionamenti

In anticipo sul futuro. La tecnica termografica come strumento di verifica e diagnosi di malfunzionamenti La tecnica termografica come strumento di verifica e diagnosi di malfunzionamenti La tecnica termografica genesi e definizioni Termografia: definizioni e principio di misura Dal greco: Scrittura del calore

Dettagli

Un sistema innovativo per la gestione delle sottostazioni elettriche

Un sistema innovativo per la gestione delle sottostazioni elettriche Memoria presentata al Forum Telecontrollo Bologna 6-7 Novembre 2013 Relatori: Luigi Aurelio Borghi Skema Didelme Maurizio Cappelletti Rockwell Automation Sommario Viene presentata una soluzione, realizzata

Dettagli

(Informazioni) INFORMAZIONI PROVENIENTI DALLE ISTITUZIONI, DAGLI ORGANI E DAGLI ORGANISMI DELL'UNIONE EUROPEA COMMISSIONE EUROPEA

(Informazioni) INFORMAZIONI PROVENIENTI DALLE ISTITUZIONI, DAGLI ORGANI E DAGLI ORGANISMI DELL'UNIONE EUROPEA COMMISSIONE EUROPEA 24.2.2011 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 59/1 IV (Informazioni) INFORMAZIONI PROVENIENTI DALLE ISTITUZIONI, DAGLI ORGANI E DAGLI ORGANISMI DELL'UNIONE EUROPEA COMMISSIONE EUROPEA Comunicazione

Dettagli

Sistemi di comunicazione al pubblico e sistemi audio di emergenza Bosch Praesideo

Sistemi di comunicazione al pubblico e sistemi audio di emergenza Bosch Praesideo Sistemi di comunicazione al pubblico e sistemi audio di emergenza Bosch Praesideo 2 Sistemi di comunicazione al pubblico e sistemi audio di emergenza Bosch Praesideo Con Bosch Praesideo la diffusione del

Dettagli

MANUTENZIONE SIAT Energy S.p.A.

MANUTENZIONE SIAT Energy S.p.A. MANUTENZIONE SIAT Energy S.p.A. 1 - Il modello di Manutenzione e Gestione di SIAT Energy S.p.A. I servizi proposti da SIAT Energy S.p.A. hanno l obiettivo di assicurare il programma e le azioni necessarie

Dettagli

Elenco delle norme UNI Impianti di riscaldamento e climatizzazione relative alle civili abitazioni

Elenco delle norme UNI Impianti di riscaldamento e climatizzazione relative alle civili abitazioni Elenco delle norme UNI Impianti di riscaldamento e climatizzazione relative alle civili abitazioni UNI 5104 Impianti di condizionamento dell'aria - norme per l'ordinazione, l'offerta e il collaudo. UNI

Dettagli

Telecamere termiche di rete Axis. Rilevamento di alta qualità in ambienti oscuri e difficili.

Telecamere termiche di rete Axis. Rilevamento di alta qualità in ambienti oscuri e difficili. Telecamere termiche di rete Axis. Rilevamento di alta qualità in ambienti oscuri e difficili. Tutto ciò che vi aspettate da una telecamera termica oltre alle normali funzionalità offerte da Axis. Proteggete

Dettagli

Come garantire che le reti LAN in fibra di domani siano in buone condizioni

Come garantire che le reti LAN in fibra di domani siano in buone condizioni Come garantire che le reti LAN in fibra di domani siano in buone condizioni Analisi delle tracce OTDR Come diventare un esperto nella risoluzione dei problemi grazie all analisi avanzata delle tracce OTDR.

Dettagli

PREVENZIONE DEGLI INCENDI

PREVENZIONE DEGLI INCENDI PREVENZIONE DEGLI INCENDI M.Tedesco Premessa: a ciascuno il suo mestiere: non siamo Vigili del Fuoco Non siamo formati per estinguere grandi incendi. tel. 115 Ma tra il personale ci possono essere delle

Dettagli

RIF. MD03 MODULO PROGRAMMAZIONE ANNUALE INDIVIDUALE 17/06/09 REV 02

RIF. MD03 MODULO PROGRAMMAZIONE ANNUALE INDIVIDUALE 17/06/09 REV 02 Piano delle attività X Programma effettivamente svolto Sez.D COMPETENZE (da linee guida DPR 15/03/2010, art. 8 comma 3 e direttiva 4 del 16 gennaio 2012) K1 - utilizzare la strumentazione di laboratorio

Dettagli