Regolamento della Squadra Agonistica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Regolamento della Squadra Agonistica"

Transcript

1 GRUPPO DILETTANTISTICO VELA LEGA NAVALE ITALIANA SEZ. MANDELLO DEL LARIO 1

2 INDICE OGGETTO FINALITA COMPOSIZIONE Il consiglio direttivo Il consigliere allo sport o delegato del consiglio La segreteria Il direttore tecnico Gli allenatori Gli atleti I rappresentanti dei genitori Familiari ATTREZZATURE SOCIALI Uso Cura ATTREZZATURE DI PROPRIETA DELL ATLETA ATIVITA Reclutamento Allenamento Preparazione atletica Lezioni teoriche Allenamento pratico Regate Preparazione trasferta Viaggi Attività a terra Pernottamenti Attività preagonistica DIVISA SOCIALE SPESE E CONTRIBUTI 2

3 OGGETTO La squadra agonistica del Gruppo Dilettantistico Vela Lega Navale Italiana Sez. di Mandello del Lario è un organizzazione senza scopo di lucro che opera nell ambito della vela promuovendo la diffusione e la passione per questo sport. Sono messe a disposizione dei suoi membri le risorse umane, economiche e tecniche necessarie al raggiungimento del suo scopo. Il gruppo è composto da squadre, divise in base alle fasce d età, che svolgono un attività volta alla preparazione tecnico-tattica di regate veliche, nonchè allo svolgimento delle stesse, sotto la direzione degli allenatori. Le imbarcazioni utlizzate dalle squadre sono l Optimist (8-15 anni), classe monotipo di fama internazionale dedicato all attività agonistica ed amatoriale avente lo scopo di forgiare i velisti del futuro, il 420 (da 15 anni in poi), monotipo doppio molto diffuso in tutto il mondo avente lo scopo di introdurre il concetto di equipaggio e di gioco di squadra, il Laser ed il FIV 555. FINALITA Lo scopo principale che la Sezione di Mandello del Lario si è prefissa dando vita alla squadra agonistica è quello di divulgare la passione e la pratica dello sport della vela. L obiettivo è quello di educare i giovani allo sport secondo i principi fondamentali della correttezza, della costanza, della competitività e dello spirito di squadra. Oltre allo sviluppo delle conoscenze tecniche sulla conduzione dell imbarcazione si prevede di raggiungere con gli atleti obiettivi di fondamentale importanza come la cura per le attrezzature, la puntualità, l educazione,l autonomia, l amicizia, i rapporti con i compagni di squadra e con personale esterno. Per formare un velista di successo è altresì importante lavorare sul profilo psicologico dell atleta, soprattutto se si tratta di un bambino, in modo da gestirlo al meglio sia in caso di insuccessi, sia in occasione di vittorie. Infine ci si propone di educare l atleta al rispetto del regolamento di regata e delle norme comportamentali di sportività e corretto navigare. 3

4 COMPOSIZIONE La squadra agonistica si compone di vari soggetti in rapporto organico aventi ciascuno, diverse competenze espressamente disciplinate nel dettaglio da questo regolamento. Si varia da figure di riferimento responsabili dell attività, a figure con semplici competenze operative, ad infine, organi di controllo sull operato delle squadre. IL CONSIGLIO DIRETTIVO: il compito del Consiglio Direttivo è quello di vigilare sulla legittimità degli atti posti in essere dai responsabili e dai sottoposti, approvare i calendari annuali dell attività, approvare l acquisto di materiale tecnico, decidere nel merito su eventuali provvedimenti disciplinari a carico di atleti e approvare il bilancio preventivo di spesa per ogni esercizio. IL CONSIGLIERE ALLO SPORT (o delegato del consiglio): è il rappresentante degli interessi della squadra all interno del Consiglio Direttivo. Presenta il bilancio preventivo annuale e lo sottopone all esame e all approvazione del consiglio direttivo, autorizza le spese straordinarie, si riunisce periodicamente con il direttore tecnico per verificare l andamento dell attività e il raggiungimento degli obiettivi, presenzia alle riunioni con atleti e genitori. LA SEGRETERIA: si occupa dei tesseramenti di tutti gli atleti, della prenotazione di alberghi e delle preiscrizioni alle regate; riscuote e verifica che siano state versate le quote trimestrali di partecipazione all attività da parte delle famiglie degli atleti ed invia a mezzo postale gli eventuali solleciti. Provvede al pagamento dei fornitori per le attrezzature acquistate, al versamento degli onorari del personale e alla spedizione di eventuali comunicazioni alle famiglie. La Segreteria collabora con il Direttore Tecnico nell organizzazione di eventi all interno della sezione e nell organizzazione delle trasferte. IL DIRETTORE TECNICO: è il responsabile di tutta l attività giovanile all interno del circolo. Pianifica i calendari, stabilisce gli obiettivi di ciascuna squadra e ciascun atleta (equipaggio), intrattiene i rapporti con i genitori, programma e organizza le trasferte, aggiorna il blog della squadra inserendo avvisi, documenti, immagini e tutto il materiale didattico necessario alle squadre; stabilisce, di concerto con il Consigliere allo Sport (o delegato), il bilancio preventivo di ogni esercizio, richiede l acquisto di materiale tecnico. Il Direttore Tecnico è altresì responsabile della manutenzione delle attrezzature, del corretto uso delle stesse, dell ordine all interno della base e dell operato dei propri collaboratori. Partecipa alle riunioni in FIV agendo in nome e per conto della Sezione per quanto attinente all attività giovanile. Coordina e vigila su tutta l attività delle squadre e degli allenatori. Allena ed accompagna le squadre alle regate e relaziona costantemente al Consigliere allo Sport sull andamento dell attività 4

5 GLI ALLENATORI: organizzano e gestiscono gli allenamenti delle squadre; intrattengono i rapporti con gli atleti, decidono, di concerto con il Direttore Tecnico, sulle convocazioni degli equipaggi alle trasferte. Accompagnano le squadre alle regate, sono anch essi responsabili di tutto ciò che accade all interno della base durante le ore di lavoro; in caso di problemi riferiscono puntualmente al Direttore Tecnico. Gli allenatori svolgono un ruolo fondamentale e di responsabilità nell ambito della squadra agonistica in quanto, essendo a stretto contatto con gli atleti, devono rappresentare per loro un punto di riferimento, un esempio da seguire sia a terra che in acqua ed in quanto hanno come unico obiettivo quello di ottenere significativi miglioramenti da parte degli atleti nell arco delle varie stagioni. GLI ATLETI: l attività agonistica è rivolta ai Soci della Sezione e nello specifico ai soci cadetti (soci di età compresa tra i 6 anni compiuti ed i 12 anni), ai soci juniores (di età compresa tra 13 ed i 18 anni) ed i soci ordinari (soci maggiori di 18 anni). Gli atleti rappresentano l anima del gruppo agonistico. Partecipano alle attività organizzate con gli unici scopi del divertimento e della pratica dello sport della vela. Gli atleti devono sottostare alle direttive impartite dai membri dello staff tecnico, devono prestare il massimo impegno nell attività sia a terra che in acqua. Essi devono inoltre comportarsi educatamente, evitare l uso di parole o espressioni scurrili, evitare l uso della violenza, mantenere un atteggiamento rispettoso nei confronti di tutto il Personale, di tutti i Soci, dell area della Sezione e delle attrezzature tecniche. Per evidenti ragioni di sicurezza non devono sostare né tantomeno, avvicinarsi alle aree adibite al varo e all alaggio dei natanti; non devono mai allontanarsi dalla sezione senza l espresso consenso da parte di un responsabile; non devono uscire in acqua fino a quando almeno un mezzo di appoggio non sia in acqua. Infine tutti gli atleti devono indossare la divisa sociale durante tutti i momenti trascorsi all interno della Sezione e in trasferta. I RAPPRESENTANTI DEI GENITORI: vengono nominati annualmente all interno dell assemblea dei genitori. presupposto essenziale della nomina a rappresentante è quello di essere facilmente reperibile e quasi sempre presente durante le giornate di allenamento o regata. Egli è punto di riferimento e portavoce di tutte le famiglie ed ha il compito di fungere da tramite tra esse e lo staff tecnico. Inoltre coaudiuva il Direttore Tecnico nell organizzazione logistica delle trasferte (raccoglie i soldi-organizza i trasporti ecc). FAMILIARI: I genitori degli atleti di ogni squadra nominano un loro rappresentante avente i compiti di cui sopra. Nel caso in cui si riscontrassero problemi o questioni di qualsiasi natura, i genitori e i familiari degli atleti sono pregati di rivolgersi al loro rappresentante. I parenti potranno, se lo desiderano, seguire la squadra in trasferta delegando al loro rappresentante l eventuale compito di prenotare alberghi e ristoranti; essi potranno altresì, assistere agli allenamenti senza però interferire con le attività in svolgimento. Al fine di educare gli atleti ad essere autonomi e responsabili delle proprie attrezzature, sarebbe preferibile che tutte le operazioni 5

6 di armo, disarmo, carico e scarico si svolgessero senza l ausilio dei genitori. Si richiede a tutti i familiari, nel rispetto degli obiettivi della squadra nonchè di tutti gli allenatori, di attendere il termine della giornata stabilito dallo staff prima di lasciare con i propri figli la base. È risaputo che bambini ed adolescenti si trovano in imbarazzo o siano condizionati dalla presenza assidua dei genitori durante l attività; sarebbe quindi preferibile che i genitori non seguissero i propri figli in acqua; nel caso in cui coloro che fossero dotati di mezzi natanti, volessero seguire gli atleti durante le regate, si fà espressa richiesta di mantenere una distanza adeguata dal campo di regata, evitare di prendere contatti con gli atleti fino al rientro a terra ed evitare assolutamente di destabilizzare la concentrazione e l umore del ragazzo/a. Ricordiamo che il regolamento federale circoscrive espressamente la presenza sul campo di regata ai soli allenatori, team leader e addetti ai lavori pena una possibile squalifica dell intera squadra dalla manifestazione in oggetto. ATTREZZATURE SOCIALI G.D.V. L.N.I. Mandello del Lario USO: La Sezione di Mandello del Lario della Lega Navale mette a disposizione dei membri della squadra agonistica le proprie imbarcazioni a titolo di uso non esclusivo. Le barche verranno assegnate agli atleti secondo criteri di merito, costanza ed impegno durante gli allenamenti e le regate. Sarebbe auspicabile che, al termine della prima stagione, le famiglie acquistassero una imbarcazione di proprietà al fine di responsabilizzare maggiormente gli atleti e di permettere alle c.d. nuove leve di usufruire, a loro volta, del servizio sociale. In linea con l obiettivo principale della L.N.I. di favorire la diffusione dello sport della vela nei giovani, la Sezione di Mandello del Lario, in caso di acquisto di una barca di proprietà, offre la possibilità di rilevare le sue imbarcazioni da regata (optimist o 420) ad un prezzo agevolato. CURA: Le imbarcazioni di proprietà della Sezione dovranno essere conservate con la massima cura e diligenza. Esse verranno fornite di una attrezzatura di base. Ogni miglioria e modifica sarà a carico dell atleta. Ogni danno o smarrimento causato da incuria dell atleta sarà addebitato allo stesso. ATTREZZATURE DI PROPRIETA DELL ATLETA: Qualora l atleta utilizzi attrezzatura propria (barca-appendici-vele-alberatura) dovrà riporla con la dovuta cura e ordine nella rimessa all interno della Sede al fine di garantire che niente venga dimenticato sia per gli allenamenti che in occasione delle preparazioni delle trasferte. Qualora, per motivi di manutenzione o altro, l atleta volesse spostare l attrezzatura dalla sede sociale, dovrà avvisare gli allenatori. Nella retta annuale di adesione alla squadra agonistica è compreso il rimessaggio delle attrezzature stesse. 6

7 In ogni caso, l uso di imbarcazioni depositate presso la sede nautica, da parte di soci di età inferiore ai 18 anni, in assenza di propri genitori, deve essere autorizzato per iscritto da chi ne esercita la potestà. ATTIVITA G.D.V. L.N.I. Mandello del Lario RECLUTAMENTO: le selezioni dei nuovi membri della squadra agonistica avvengono annualmente su due gradi: 1. corsi vela; il Direttore Tecnico, su segnalazione degli istruttori della scuola vela, individua settimanalmente i bambini/ragazzi che, in base ai progressi tecnici e al comportamento, dimostrano una maggiore attitudine all attività sportiva agonistica 2. settimana di reclutamento; i selezionati durante i corsi vela estivi vengono convocati per una settimana, durante il mese di settembre, in cui il Direttore Tecnico, di concerto con gli allenatori della squadra recluteranno un numero di atleti variabile di anno in anno in base alla disponibilità di posti nella squadra agonistico. Eccezionalmente ed esclusivamente su richiesta ufficiale dell interessato, il Consigliere allo Sport, sentito il Direttore Tecnico, ammette all interno della squadra nuovi elementi anche successivamente alla settimana di reclutamento. I soci di età inferiore ai 18 anni debbono presentare la domanda di iscrizione alla squadra agonistica, firmata da chi esercita la patria potestà, nella quale deve essere dato esplicitamente l assenso a svolgere l attività sportiva. Tutti i soci del gruppo sportivo sono tenuti, secondo l età, all osservanza delle norme per la tutela sanitaria della attività agonistica emanate dal Ministero della Sanità. Le ammissioni di soci alla squadra agonistica possono essere temporaneamente sospese, quando il loro numero supera la capacità ricettiva dei locali o la disponibilità di istruttori e di materiale sportivo. ALLENAMENTO: la squadra agonistica si allena settimanalmente durante il week-end ed in occasione dei ponti festivi, secondo il calendario annuale stabilito dal Direttore Tecnico e sottoposto all approvazione del Consiglio Direttivo. Al termine di ogni allenamento gli atleti non potranno lasciare la base prima di aver controllato che tutta l attrezzatura personale (dalla barca, alle appendici, fino al vestiario) sia stata riposta correttamente nelle apposite aree di rimessaggio dedicate. Le giornate di allenamento sono suddivise in tre fasi: 1. preparazione atletica: anche nello sport della vela un adeguata preparazione atletica è di fondamentale importanza al fine di essere in grado di affronare regate, anche in condizioni meteorologiche avverse, con la massima lucidità. Di regola ogni giornata 7

8 2. di allenamento avrà inizio con una fase di preparazione atletica della durata di un ora circa. Gli atleti saranno costantemente seguiti da una figura competente che, all inizio dell anno, preparerà delle schede personali con carichi di lavoro ed esercizi differenziati. Periodicamente verranno effettuati dei test al fine di verificare gli eventuali progressi degli atleti specialmente sulla resistenza, agilità e scioltezza articolare. Per gli equipaggi che avessero già superato l età dello sviluppo, si effettueranno anche lavori specifici per la definizione ed il potenziamento delle masse muscolari. 3. lezioni teoriche: al pari della preparazione atletica e della fase pratica in acqua anche le lezioni teoriche sono di fondamentale importanza. Gli allenatori mediante l ausilio di tutti gli strumenti didattici a loro disposizione (fotocamere, videocamere, lavagna, ecc), svolgeranno lezioni improntate su argomenti di teoria generale della barca a vela, elementi di tattica e tecnica, basandosi soprattutto sugli errori e sulle esperienze vissute nelle giornate precedenti. In occasione sia di regate che di allenamenti gli allenatori faranno dei brevi briefing in cui illustreranno le attività, gli esercizi o-nel caso delle regate-le strategie da mettere in atto. Gli atleti, nel corso delle lezioni, dovranno mantenere un comportamento adeguato a pena di una possibile estromissione dal programma della giornata. 4. allenamento pratico: questa è certamente la fase più delicata e più importante di tutta l attività di preparazione alle regate veliche. La loro durata è a discrezione degli allenatori; generalmente la durata di un allenamento in acqua varia dalle tre alle quattro ore. Le attività e gli esercizi vengono concordate settimanalmente dagli allenatori sulla base di precisi obiettivi periodicamente stabiliti. Il carico di lavoro potrà essere differenziato in base al livello degli equipaggi. Si raccomanda una assidua frequenza da parte di tutti gli atleti alle giornate di allenamento. la convocazione alle regate dipende in larga parte dalla frequenza agli allenamenti. REGATE: la partecipazione degli atleti alle manifestazioni sportive non è libera, bensì sempre dipendente dalle convocazioni che il Direttore Tecnico effettua in occasione di ognuna delle trasferte in programma. Le convocazioni avvengono di concerto con gli allenatori e si basano su motivi prettamente tecnici o disciplinari. L organizzazione logistica delle trasferte compete al Direttore Tecnico che, consultati il Consigliere allo Sport e il rappresentante dei genitori, delega la Segreteria ad effettuare le prenotazioni degli alberghi, le preiscrizioni delle regate e le riservazioni dei furgoni in uso. 1. preparazione trasferta: le operazioni di carico scarico avvengono solitamente il giorno precedente alla partenza o al termine dell ultima giornata di allenamento disponibile. Gli atleti sono responsabili delle loro attrezzature; dovranno provvedere personalmente a caricarle e dovranno provvedere alla loro cura e custodia nel corso delle trasferte. 2. 8

9 3. viaggi: è buona regola, ad eccezione di eventuali problemi di sovrannumero, che tutti gli atleti viaggino sul mezzo sociale insieme agli allenatori, in modo che si abituino ad essere una squadra. Le partenze e gli arrivi avvengono generalmente presso la Sede della Lega Navale. Gli orari di ritrovo ed eventuali loro variazioni, saranno comunicati alle famiglie in modo da evitare spiacevoli ritardi od incomprensioni. Durante i trasferimenti gli atleti dovranno tenere un comportamento consono alla situazione. 4. attività a terra: arrivata a destinazione la squadra dovrà collaborare con gli allenatori nello svolgere le operazioni di carico-scarico dell attrezzatura. Ognuno è responsabile del proprio materiale; gli atleti non si dovranno mai allontanare dal parco barche senza l autorizzazione degli allenatori, dovranno rispettare scrupolosamente gli orari loro comunicati e, essendo ospiti di un altro circlolo, dovranno mantenere un comportamento educato e rispettoso. Prima della regata è consuetudine effettuare un briefing tenuto dagli allenatori alle cui istruzioni la squadra si dovrà attenere. Terminata la regata gli atleti non sono autorizzati a lasciare, neppure sotto la responsabilità dei genitori, il parco barche fintanto che tutte le operazioni di disarmo e carico attrezzature non sia terminato. 5. pernottamenti: durante la stagione velica saranno spesso necessari pernottamenti in alberghi o strutture convenzionate. Dal momento della partenza fino al ritorno alla base gli atleti convocati sono considerati in ritiro ; pertanto dovranno alloggiare tutti nella struttura selezionata dalla squadra, salvo giustificate eccezioni, Gli atleti verranno suddivisi in camere ad insindacabile giudizio degli allenatori, cercando di tenere conto, per quanto possibile, del genere e dell età. Nei momenti trascorsi all interno di queste strutture, nonchè nei locali di ristorazione gli atleti dovranno evitare qualsiasi genere di comportamento poco consono alla situazione. Sono assolutamente vietati urli, schiamazzi, l uso della televisione (e simili) ad alto volume, l uso di eventuali frigobar e cassaforti presenti nelle camere, corse nelle aree comuni degli alberghi, nonchè l abbandono della struttura alberghiera senza il permesso e la presenza degli allenatori. durante le ore notturne dovrà essere osservato l assoluto silenzio e dovranno essere rispettati gli orari stabiliti per cene, colazioni e coprifuoco. Qualora l atleta volesse, per vari motivi, partecipare a titolo personale a regate non previste nel calendario annuale, dovrà farne richiesta al Direttore Tecnico il quale darà il suo parere vincolante in merito. ATTIVITA PRE-AGONISTICA: è istituita la squadra pre-agonistica che avrà lo scopo di accogliere anche giovanissimi atleti che, per limiti di età, non possono ancora regatare. Rispetto a quello della squadra agonistica, il calendario avrà un numero minore di giornate e sarà improntato maggiormente sull attività di allenamento rispetto alle regate. Anche nel caso della pre-agonistica gli atleti avranno diritto all uso di una imbarcazione completa del circolo per la durata di una stagione. La squadra avrà un suo allenatore che concorderà programmi ed obiettivi con il Direttore 9

10 Tecnico. Se possibile alcune parti degli allenamenti si svolgeranno insieme alla squadra agonistica in modo da favorire l integrazione dei nuovi arrivati e in modo da effettuare simulazioni di regate con un considerevole numero di imbarcazioni. Gli atleti della squadra pre-agonistica saranno ammessi alle manifestazioni sportive loro dedicate, sia a livello zonale (raduni) sia a livello nazionale (Trofeo Atlantica, Coppa Primavela). DIVISA SOCIALE La divisa sociale è composta da: tuta da allenamento; felpa blu; polo; k-way; bermuda e borsone. All inizio della stagione viene consegnata ai nuovi atleti e, periodicamente, sostituita a tutti i membri della squadra. Al fine di sviluppare un alto spirito di squadra durante tutte le giornate previste in calendario gli atleti dovranno indossare o la tuta da allenamento o quella da regata. la divisa dovrà inoltre, essere indossata in occasione di tutte le cerimonie ufficiali e premiazioni. La divisa deve essere tenuta con estrema cura e rispetto; non è sostituibile se non per cause di forza maggiore. Eventuali sostituzioni per danni o smarrimento verranno addebitate. Nel caso in cui l atleta non rispettasse queste fondamentali regole la pena è la sospensione dall allenamento o dalla manifestazione del giorno. SPESE E CONTRIBUTI G.D.V. L.N.I. Mandello del Lario Ogni atleta, per accedere alla squadra, è tenuto a perfezionare l adesione in segreteria corrispondendo una retta annuale, pagabile semestralmente in anticipo. La cifra comprende l uso delle imbarcazioni o il posto barca gratuito in caso di imbarcazione di proprietà, onorari degli allenatori, trasporto barche in trasferta e carburante gommoni in occasione di regate zonali o per merito (selezioni nazionali Optimist e Campionati Nazionali Optimist). La cifra non comprende spese di vitto e alloggio atleti e accompagnatori, iscrizioni alle regate, carburante e pedaggi autostradali in occasione di trofei nazionali e internazionali, quota associativa GDVLNI Mandello del Lario, tessera FIV e tessera di classe. 10

IL CIRCOLO DELLA VELA MARCIANA MARINA IN COLLABORAZIONE CON LA CLASSE ORGANIZZA RADUNO INTERZONALE DI CLASSE 01-02 MAGGIO 2014 TROFEO COM.

IL CIRCOLO DELLA VELA MARCIANA MARINA IN COLLABORAZIONE CON LA CLASSE ORGANIZZA RADUNO INTERZONALE DI CLASSE 01-02 MAGGIO 2014 TROFEO COM. IL CIRCOLO DELLA VELA MARCIANA MARINA IN COLLABORAZIONE CON LA CLASSE ORGANIZZA RADUNO INTERZONALE DI CLASSE 01-02 MAGGIO 2014 E TROFEO COM.TE MIELE 03 MAGGIO 2014 PROGRAMMA RADUNO 01 MAGGIO ore 11,00

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO. 10) Nei locali dell Associazione Sportiva è fatto divieto assoluto di fumare.

REGOLAMENTO INTERNO. 10) Nei locali dell Associazione Sportiva è fatto divieto assoluto di fumare. REGOLAMENTO INTERNO 1) L adesione all Associazione Sportiva Dilettantistica in qualità di Socio comporta l accettazione del presente Regolamento, delle norme e delle direttive del CIO e del CONI, delle

Dettagli

ASSOCIAZIONE SPORTIVA NAUTICA PICENA

ASSOCIAZIONE SPORTIVA NAUTICA PICENA ASSOCIAZIONE SPORTIVA NAUTICA PICENA VELE DI PASQUA 2011 2 MEMORIAL ALESSANDRO DEL ZOZZO CLASSE OPTIMIST PORTO SAN GIORGIO (FM) 22-23-24 APRILE 2011 BANDO DI REGATA AGGIORNATO AL 12/04/2011 ORGANIZZAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO DEL GRUPPO SPORTIVO VELA

REGOLAMENTO DEL GRUPPO SPORTIVO VELA REGOLAMENTO DEL GRUPPO SPORTIVO VELA Articolo 1 Il presente Regolamento del Gruppo Vela è redatto in conformità ai principi contenuti nel Regolamento per i Gruppi Sportivi della Lega Navale Italiana, approvato

Dettagli

STAGIONE SPORTIVA 2015/2016

STAGIONE SPORTIVA 2015/2016 STAGIONE SPORTIVA 2015/2016 REGOLAMENTO e MANSIONI STAFF TECNICO Pag. 1 OBIETTIVI - FILOSOFIA E PRINCIPI ISPIRATORI LA LEGACY Uno degli obiettivi della NOSTRA società sportiva è quello di lasciare una

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA VELA

FEDERAZIONE ITALIANA VELA FEDERAZIONE ITALIANA VELA SCUOLE VELA NORMATIVA 2013 - SCUOLE FEDERALI DI VELA (ORGANIZZATE DA AFFILIATI ALLA FIV) - S.V.A. (SCUOLE DI VELA ORGANIZZATE DA ENTI ED ORGANI NON AFFILIATI ALLA FIV) 1 SCUOLE

Dettagli

4 CAMPIONATO NAZIONALE DI VELA DEGLI ORDINI DEGLI INGEGNERI D ITALIA Venezia 27/28/29 settembre 2015

4 CAMPIONATO NAZIONALE DI VELA DEGLI ORDINI DEGLI INGEGNERI D ITALIA Venezia 27/28/29 settembre 2015 4 CAMPIONATO NAZIONALE DI VELA DEGLI ORDINI DEGLI INGEGNERI D ITALIA Venezia 27/28/29 settembre 2015 Regate disputate con imbarcazioni a vela monotipo REGOLAMENTO 1 GENERALITÀ Art. 1 Il C.N.I. Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DEL CIRCOLO VELICO MEDIO VERBANO ASD

REGOLAMENTO INTERNO DEL CIRCOLO VELICO MEDIO VERBANO ASD C.O.N.I. F.I.V. CIRCOLO VELICO MEDIO VERBANO Associazione Sportiva Dilettantistica C.V.M.V. 21014 CERRO di Laveno Mombello (Varese) Via Pescatori, 3 Tel e Fax:+39.0332.629010 web: www.cvmv.it e-mail: postmaster@cvmv.it

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA VELA RICONOSCIMENTO ENTI AGGREGATI NORMATIVA 2015

FEDERAZIONE ITALIANA VELA RICONOSCIMENTO ENTI AGGREGATI NORMATIVA 2015 FEDERAZIONE ITALIANA VELA RICONOSCIMENTO ENTI AGGREGATI NORMATIVA 2015 NORMATIVA PER IL RICONOSCIMENTO DEGLI ENTI AGGREGATI DIVERSI DALLE ASSOCIAZIONI NAZIONALI DI CLASSE Secondo quanto previsto dall'art

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE SAN GABRIELE BASKET

REGOLAMENTO GENERALE SAN GABRIELE BASKET PREFAZIONE Questo regolamento rappresenta il punto di riferimento per tutti gli associati della Associazione Sportiva Dilettantistica (di seguito ASD ) che risulta essere un punto d incontro per diffondere

Dettagli

CENTRO VELICO RIVIERAVENTO Associazione Sportiva Dilettantistica

CENTRO VELICO RIVIERAVENTO Associazione Sportiva Dilettantistica 1/ Regolamento generale per la partecipazione alle attività 1. Modalità di partecipazione Per partecipare alle attività del (CVRV) è necessario: essere in regola con la quota annuale di iscrizione (tessera)

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA VELA RICONOSCIMENTO ENTI AGGREGATI NORMATIVA 2016

FEDERAZIONE ITALIANA VELA RICONOSCIMENTO ENTI AGGREGATI NORMATIVA 2016 FEDERAZIONE ITALIANA VELA RICONOSCIMENTO ENTI AGGREGATI NORMATIVA 2016 Sommario: normativa per il riconoscimento di Enti Aggregati diversi dalle Associazioni di Classe primo riconoscimento 3 rinnovo riconoscimento

Dettagli

Associazione sportiva dilettantistica REGOLAMENTO. Versione 1 del marzo 2006

Associazione sportiva dilettantistica REGOLAMENTO. Versione 1 del marzo 2006 REGOLAMENTO Versione 1 del marzo 2006 INDICE 1 COMUNICAZIONE DELLE REGOLE...1 1.1 Modo ordinario... 1 1.2 Modo straordinario... 1 2 QUOTA ASSOCIATIVA E VISITA MEDICO-SPORTIVA...1 3 COMPORTAMENTO DURANTE

Dettagli

1. REGOLAMENTO VIAGGI D ISTRUZIONE

1. REGOLAMENTO VIAGGI D ISTRUZIONE 1. REGOLAMENTO VIAGGI D ISTRUZIONE 1.1 Il presente regolamento contiene i criteri per la programmazione e l'attuazione dei viaggi d'istruzione. Per l organizzazione e lo svolgimento dei viaggi si fa riferimento

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO GRUPPI SPORTIVI ORATORIANI

PROGETTO EDUCATIVO GRUPPI SPORTIVI ORATORIANI PROGETTO EDUCATIVO GRUPPI SPORTIVI ORATORIANI PROGETTO EDUCATIVO LO SPORT LO SPORT come tempo di crescita personale, come mezzo per educare, come scoperta di valori, come proposta ludica, come attività

Dettagli

BANDO DI REGATA. COPPA AICO COPPA TOURING 2013 Trofeo Optimist Italia Kinder + Sport III Tappa LAGO DI BRACCIANO 27-29 luglio 2013

BANDO DI REGATA. COPPA AICO COPPA TOURING 2013 Trofeo Optimist Italia Kinder + Sport III Tappa LAGO DI BRACCIANO 27-29 luglio 2013 IN COLLABORAZIONE CON MAIN PARTNER BANDO DI REGATA COPPA AICO COPPA TOURING 2013 Trofeo Optimist Italia Kinder + Sport III Tappa LAGO DI BRACCIANO 27-29 luglio 2013 1. COMITATO ORGANIZZATORE : COMITATO

Dettagli

Stagione sportiva 2015/2016

Stagione sportiva 2015/2016 COPIA PER L ATLETA REGOLAMENTO SETTORE GIOVANILE SCOLASTICO G.S. CALCIO EVANCON Stagione sportiva 2015/2016 Il presente Regolamento dovrà essere sottoscritto dall atleta e da uno dei genitori, o da chi

Dettagli

PARTE I^ Prot n. 4210

PARTE I^ Prot n. 4210 1 Circolare n. 15 - Anno Sportivo 2014/2015 Roma, 24/09/2014 Oggetto: Rimborsi Spese e Diarie Arbitrali Destinatari: Comitato Nazionale Arbitri, Arbitri, Comitati e Delegazioni Regionali, Fiduciari Regionali

Dettagli

1 Tappa Nazionale RS FEVA Rimini 25-26 aprile 2015 BANDO DI REGATA

1 Tappa Nazionale RS FEVA Rimini 25-26 aprile 2015 BANDO DI REGATA 1 Tappa Nazionale RS FEVA Rimini 25-26 aprile 2015 BANDO DI REGATA 1- COMITATO ORGANIZZATORE Club Nautico Rimini ASD- P.le Boscovich, 12-47921 Rimini Tel.0541.26520 Fax 0541.56878 cnrimini@cnrimini.com

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE VISITE E I VIAGGI DI ISTRUZIONE

REGOLAMENTO PER LE VISITE E I VIAGGI DI ISTRUZIONE REGOLAMENTO PER LE VISITE E I VIAGGI DI ISTRUZIONE Art. 1 - Oggetto, finalità, tipologia Per viaggi d istruzione si intendono i viaggi organizzati dalla scuola che presentano come caratteristica essenziale

Dettagli

Rimborsi Spese e Diarie Arbitrali Anno Sportivo 2015-2016. 1 LA PREMESSA Procedure per i rimborsi spese e delle diarie del Settore Arbitrale

Rimborsi Spese e Diarie Arbitrali Anno Sportivo 2015-2016. 1 LA PREMESSA Procedure per i rimborsi spese e delle diarie del Settore Arbitrale Pag.0 Roma, CIRCOLARE NUMERO 11 Anno Sportivo 2015-2016 Ufficio Tesseramento Protocollo: 4573 Destinatari: Comitato Nazionale Arbitri, Arbitri, Società, Comitati e Delegazioni Regionali, Fiduciari D Area.

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GOLF

FEDERAZIONE ITALIANA GOLF Manuale Azzurro allegato D FEDERAZIONE ITALIANA GOLF Modello per la creazione e gestione di un Club dei Giovani Il modello, tratto dall esperienza maturata nei Circoli che hanno svolto con successo l Attività

Dettagli

Scuola vela bambini e ragazzi Corsi stanziali

Scuola vela bambini e ragazzi Corsi stanziali Scuola vela bambini e ragazzi Corsi stanziali Da Giugno fino a Settembre La Compagnia della Vela di Roma organizza presso la base nautica sul lago di Bracciano corsi di vela settimanali con pernottamento,

Dettagli

COMUNE DI MONTICELLO D ALBA - Provincia di Cuneo- REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA

COMUNE DI MONTICELLO D ALBA - Provincia di Cuneo- REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA COMUNE DI MONTICELLO D ALBA - Provincia di Cuneo- REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 41 DEL 22/12/2010 MODIFICATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO

Dettagli

ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA TENNIS ROMA REGOLAMENTO INTERNO

ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA TENNIS ROMA REGOLAMENTO INTERNO ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA TENNIS ROMA REGOLAMENTO INTERNO 1 ART. 1 - DISPOSIZIONI GENERALI 1.1 Il presente regolamento dell Associazione Sportiva Dilettantistica Tennis Roma (in seguito anche

Dettagli

REGOLAMENTO USCITE DIDATTICHE E VIAGGI DI ISTRUZIONE

REGOLAMENTO USCITE DIDATTICHE E VIAGGI DI ISTRUZIONE REGOLAMENTO USCITE DIDATTICHE E VIAGGI DI ISTRUZIONE Il rispetto delle regole si rende necessario anche all esterno della scuola, in particolare durante le uscite scolastiche che costituiscono per gli

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI COMUNE DI CASALBUTTANO ED UNITI (Prov. di Cremona) REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 31 del 14.9.2006 INDICE DEGLI

Dettagli

TIPOLOGIA DI VIAGGI I viaggi di istruzione comprendono diverse iniziative che si possono così sintetizzare:

TIPOLOGIA DI VIAGGI I viaggi di istruzione comprendono diverse iniziative che si possono così sintetizzare: Alleg.N.8 - Viaggi d istruzione e visite guidate I viaggi di istruzione e le visite guidate sono iniziative didattico-culturali finalizzate ad integrare la normale attività della scuola sia sul piano della

Dettagli

ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA SCUOLA CALCIO A 5 REGOLAMENTO. Alla Scuola Calcio a 5 possono iscriversi i bambini e i ragazzi nati negli anni

ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA SCUOLA CALCIO A 5 REGOLAMENTO. Alla Scuola Calcio a 5 possono iscriversi i bambini e i ragazzi nati negli anni ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA SCUOLA CALCIO A 5 REGOLAMENTO CHI PUO ISCRIVERSI ALLA SCUOLA CALCIO Alla Scuola Calcio a 5 possono iscriversi i bambini e i ragazzi nati negli anni 1996/1997/1998/1999/2000/2001/2002/2003/2004.

Dettagli

REGOLAMENTO ANNO SCOLASTICO 2014 2015

REGOLAMENTO ANNO SCOLASTICO 2014 2015 REGOLAMENTO ANNO SCOLASTICO 2014 2015 - 1 - INDICE Articolo 1 Articolo 2 Articolo 3 Articolo 4 Articolo 5 Articolo 6 Articolo 7 Articolo 8 Articolo 9 Articolo 10 Articolo 11 Articolo 12 Articolo 13 Articolo

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA Approvata con deliberazione C.C. n. 4 del 18.02.1999 integrata con deliberazione C.C. n. 18 del 09.03.1999. ART. 1 FINALITA ART. 2 FUNZIONAMENTO ART. 3 MODALITA

Dettagli

Finali Nazionali dei Campionati Studenteschi di VELA. Istituzioni Scolastiche Scuole Secondarie di 1 grado

Finali Nazionali dei Campionati Studenteschi di VELA. Istituzioni Scolastiche Scuole Secondarie di 1 grado Finali Nazionali dei Campionati Studenteschi di VELA Istituzioni Scolastiche Scuole Secondarie di 1 grado Anno scolastico 2013/2014 LAGO DELLE NAZIONI 3-5 giugno 2014 Allegato tecnico CN.VOLANO INDICAZIONI

Dettagli

Finali Nazionali dei Giochi Sportivi Studenteschi di VELA. Istituzioni scolastiche del I (scuole secondarie di I grado) e II Ciclo di Istruzione

Finali Nazionali dei Giochi Sportivi Studenteschi di VELA. Istituzioni scolastiche del I (scuole secondarie di I grado) e II Ciclo di Istruzione Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli Affari Regionali, il Turismo e lo Sport Ufficio per lo Sport Ufficio Scolastico Regionale

Dettagli

RAID DELLA MAGNA GRECIA 2013 9-10-11 AGOSTO 2013 ORGANIZZATORE:

RAID DELLA MAGNA GRECIA 2013 9-10-11 AGOSTO 2013 ORGANIZZATORE: AVVISO DI VELEGGIATA Manifestazione velica del diporto RAID DELLA MAGNA GRECIA 2013 9-10-11 AGOSTO 2013 ORGANIZZATORE: Lega Navale Italiana Sezione di Matera-Castellaneta, Circolo Velico Basilicata Vela

Dettagli

A.F.S.D Annunziatella

A.F.S.D Annunziatella Regolamento della scuola calcio L Associazione Formativo Sportiva Dilettantistica Annunziatella ha approvato, in collaborazione con lo staff tecnico, il Regolamento interno della scuola calcio. Tale regolamento

Dettagli

LEGA NAVALE ITALIANA DELEGAZIONE DI MEINA

LEGA NAVALE ITALIANA DELEGAZIONE DI MEINA Campus vela Meina 2015 Il della Lega Navale Italiana organizza corsi di vela riservati ai ragazzi/e nati negli anni dal 2001 al 2008 (CAMPUS VELA) e a ragazzi/e nati negli anni 1999-2000 (TOUR DEL LAGO).

Dettagli

REGOLAMENTO RAPPRESENTATIVE NAZIONALI ATLETI AZZURRI, ATLETI D INTERESSE NAZIONALE, DIRIGENTI, ALLENATORI, TECNICI, MEDICI FEDERALI, ACCOMPAGNATORI.

REGOLAMENTO RAPPRESENTATIVE NAZIONALI ATLETI AZZURRI, ATLETI D INTERESSE NAZIONALE, DIRIGENTI, ALLENATORI, TECNICI, MEDICI FEDERALI, ACCOMPAGNATORI. REGOLAMENTO RAPPRESENTATIVE NAZIONALI ATLETI AZZURRI, ATLETI D INTERESSE NAZIONALE, DIRIGENTI, ALLENATORI, TECNICI, MEDICI FEDERALI, ACCOMPAGNATORI. 1 Articolo 1 - Definizione di atleta "Azzurro" e d interesse

Dettagli

COMUNE DI SAN DONATO DI LECCE

COMUNE DI SAN DONATO DI LECCE INDICE INDICE...1 Articolo 1 - Denominazione e sede...2 Articolo 2 Durata...2 Articolo 3 Finalità ed attività...2 Articolo 4 Requisiti dei volontari...3 Articolo 5 Diritti dei volontari...3 Articolo 6

Dettagli

COMUNE DI TREVISO BRESCIANO Provincia di Brescia STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE DEL COMUNE DI TREVISO BRESCIANO

COMUNE DI TREVISO BRESCIANO Provincia di Brescia STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE DEL COMUNE DI TREVISO BRESCIANO COMUNE DI TREVISO BRESCIANO Provincia di Brescia STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE DEL COMUNE DI TREVISO BRESCIANO 1 STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE COMUNALE DEL COMUNE DI TREVISO BRESCIANO Art. 1 Istituzione

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA JOLLY ART. 1. - E costituita l Associazione sportiva dilettantistica denominata JOLLY.

STATUTO ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA JOLLY ART. 1. - E costituita l Associazione sportiva dilettantistica denominata JOLLY. STATUTO ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA JOLLY ART. 1 - E costituita l Associazione sportiva dilettantistica denominata JOLLY. L Associazione ha sede in Palazzolo Milanese, Via San Giuseppe 2/4 ed

Dettagli

REGOLAMENTO VIAGGI DI ISTRUZIONE, USCITE DIDATTICHE, SOGGIORNI DI STUDIO (Aggiornamento approvato dal Consiglio d Istituto il 25/5/12)

REGOLAMENTO VIAGGI DI ISTRUZIONE, USCITE DIDATTICHE, SOGGIORNI DI STUDIO (Aggiornamento approvato dal Consiglio d Istituto il 25/5/12) 1 «Jacopo Barozzi» REGOLAMENTO VIAGGI DI ISTRUZIONE, USCITE DIDATTICHE, SOGGIORNI DI STUDIO (Aggiornamento approvato dal Consiglio d Istituto il 25/5/12) Art. 1 FINALITA I viaggi di istruzione devono scaturire

Dettagli

A - diploma di Istruttore di Vela di I Livello. Natura della certificazione: o Accademico Professionale X abilitazione.

A - diploma di Istruttore di Vela di I Livello. Natura della certificazione: o Accademico Professionale X abilitazione. Tipologia : Certificazione: Istruttore I Livello A - diploma di Istruttore di Vela di I Livello Natura della certificazione: o Accademico Professionale X abilitazione X formazione iniziale X formazione

Dettagli

REGOLAMENTO COMBINATA SCI-VELA 2016

REGOLAMENTO COMBINATA SCI-VELA 2016 REGOLAMENTO COMBINATA SCI-VELA 2016 Verrà organizzata la competizione amatoriale tra i soci del C.V.O., Amici velisti del Cusio, e i simpatizzanti della vela e dello sci. Questo evento ha lo scopo di unire

Dettagli

STATUTO GRUPPO INTERCOMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE ISOLA DI ARIANO COMUNI DI

STATUTO GRUPPO INTERCOMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE ISOLA DI ARIANO COMUNI DI Comune di Ariano nel Polesine Comune di Corbola Comune di Taglio di Po Provincia di Rovigo STATUTO GRUPPO INTERCOMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE ISOLA DI ARIANO COMUNI DI

Dettagli

COMUNE DI BONATE SOTTO PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO DEL CENTRO SOCIO-CULTURALE

COMUNE DI BONATE SOTTO PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO DEL CENTRO SOCIO-CULTURALE COMUNE DI BONATE SOTTO PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO DEL CENTRO SOCIO-CULTURALE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale nr. 18 del 20.02.1996 e Modificato con deliberazione del Consiglio

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA TENNIS CLUB TREBASELEGHE

STATUTO ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA TENNIS CLUB TREBASELEGHE STATUTO ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA TENNIS CLUB TREBASELEGHE Art. 1 Costituzione 1. E costituita un Associazione Sportiva Tennistica Dilettantistica, sotto la denominazione Associazione Sportiva

Dettagli

Istituto Comprensivo San Giorgio di Mantova. REGOLAMENTO uscite didattiche, visite guidate e viaggi d istruzione. Premessa

Istituto Comprensivo San Giorgio di Mantova. REGOLAMENTO uscite didattiche, visite guidate e viaggi d istruzione. Premessa Istituto Comprensivo San Giorgio di Mantova REGOLAMENTO uscite didattiche, visite guidate e viaggi d istruzione Approvato dal Consiglio di Istituto con delibera n. 4 del 20/12/2012 Premessa Le uscite didattiche,

Dettagli

REGOLAMENTO LUDOTECA COMUNALE. - Approvato con del. C.C. n. 71-446 del 3.10.2005;

REGOLAMENTO LUDOTECA COMUNALE. - Approvato con del. C.C. n. 71-446 del 3.10.2005; CITTA DI CONEGLIANO PROVINCIA DI TREVISO REGOLAMENTO LUDOTECA COMUNALE - Approvato con del. C.C. n. 71-446 del 3.10.2005; - Data entrata in vigore: 14.10.2005 1 REGOLAMENTO LUDOTECA COMUNALE ARTICOLO 1

Dettagli

DISPOSIZIONI SQUADRE NAZIONALI

DISPOSIZIONI SQUADRE NAZIONALI DISPOSIZIONI SQUADRE NAZIONALI TITOLO I - Campo di applicazione - Art. 1 Soggetti 1. Le presenti disposizioni si applicano: a) agli atleti selezionati a rappresentare le Squadre Nazionali dal settore tecnico

Dettagli

REGOLAMENTO VIAGGI D ISTRUZIONE

REGOLAMENTO VIAGGI D ISTRUZIONE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE LUIGI EINAUDI Via Savonarola, 32-44121 Ferrara REGOLAMENTO VIAGGI D ISTRUZIONE I viaggi d istruzione fanno parte integrante della programmazione educativa e didattica in quanto

Dettagli

PROGETTO DI ATTIVITA SPORTIVA VACANZA VERDE SPORT 23 30 AGOSTO 2012

PROGETTO DI ATTIVITA SPORTIVA VACANZA VERDE SPORT 23 30 AGOSTO 2012 LEGA NAZIONALE ATLETICA LEGGERA PROGETTO DI ATTIVITA SPORTIVA VACANZA VERDE SPORT 23 30 AGOSTO 2012 31 RADUNO TECNICO NAZIONALE DI ATLETICA LEGGERA FORMAZIONE CULTURALE E SPORTIVA ABBADIA S. SALVATORE

Dettagli

CIRCOLO SUBACQUEO MANTOVANO ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA STATUTO *****

CIRCOLO SUBACQUEO MANTOVANO ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA STATUTO ***** CIRCOLO SUBACQUEO MANTOVANO ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA STATUTO ***** - Costituzione e scopi della Società. Art. 1. E costituita in Mantova un associazione di appassionati del mondo sommerso

Dettagli

Campionato di Classe e Master 470 19 20 Luglio 2014 Formia BANDO DI REGATA

Campionato di Classe e Master 470 19 20 Luglio 2014 Formia BANDO DI REGATA Campionato di Classe e Master 470 19 20 Luglio 2014 Formia BANDO DI REGATA 1) ORGANIZZAZIONE Circolo Nautico Caposele, via Porto Caposele, 37 04023 Formia (LT) tel/fax 0771/324567 sito: www.cncaposele.com

Dettagli

IL CALCIO È UN GIOCO PER TUTTI; IL CALCIO DEVE POTER ESSERE PRATICATO DOVUNQUE; IL CALCIO È CREATIVITÀ; IL CALCIO È DINAMICITÀ; IL CALCIO È ONESTÀ;

IL CALCIO È UN GIOCO PER TUTTI; IL CALCIO DEVE POTER ESSERE PRATICATO DOVUNQUE; IL CALCIO È CREATIVITÀ; IL CALCIO È DINAMICITÀ; IL CALCIO È ONESTÀ; IL CALCIO È UN GIOCO PER TUTTI; IL CALCIO DEVE POTER ESSERE PRATICATO DOVUNQUE; IL CALCIO È CREATIVITÀ; IL CALCIO È DINAMICITÀ; IL CALCIO È ONESTÀ; IL CALCIO È SEMPLICITÀ; IL CALCIO DEVE ESSERE SVOLTO

Dettagli

Progetto SNaQ Scuola Magistrale

Progetto SNaQ Scuola Magistrale 1 PROGETTO SCUOLA MAGISTRALE ARGOMENTI TRATTATI Sistema Nazionale di Qualifica dei Tecnici; Qualifiche e Competenze; Crediti formativi; I Quattro Livelli di Qualifica dei Tecnici Sportivi; Formazione permanente.

Dettagli

INTEGRAZIONE ALL ART. 46 DEL REGOLAMENTO D ISTITUTO VIGENTE RIGUARDANTE I VIAGGI D ISTRUZIONE E LE VISITE GUIDATE

INTEGRAZIONE ALL ART. 46 DEL REGOLAMENTO D ISTITUTO VIGENTE RIGUARDANTE I VIAGGI D ISTRUZIONE E LE VISITE GUIDATE INTEGRAZIONE ALL ART. 46 DEL REGOLAMENTO D ISTITUTO VIGENTE RIGUARDANTE I VIAGGI D ISTRUZIONE E LE VISITE GUIDATE Art. 46 - Regolamentazione uscite brevi, visite guidate e viaggi di istruzione La presente

Dettagli

Comune di Rovello Porro Prov. di Como

Comune di Rovello Porro Prov. di Como Comune di Rovello Porro Prov. di Como REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA 1. Oggetto del Regolamento e finalità del servizio. Le norme del presente Regolamento si applicano al servizio

Dettagli

I.I.S.S. Calogero Amato Vetrano. Allegato n 9

I.I.S.S. Calogero Amato Vetrano. Allegato n 9 I.I.S.S. Calogero Amato Vetrano Allegato n 9 Regolamento delle visite guidate, visite aziendali, stages, viaggi di istruzione, gemellaggi e scambi culturali o connessi allo svolgimento di attività sportive

Dettagli

ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA Kayak Club Gallipoli STATUTO TITOLO I. Costituzione e scopo dell Associazione

ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA Kayak Club Gallipoli STATUTO TITOLO I. Costituzione e scopo dell Associazione ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA Kayak Club Gallipoli STATUTO TITOLO I Costituzione e scopo dell Associazione Art. 1 (Costituzione dell Associazione) E costituita l Associazione Sportiva Dilettantistica,

Dettagli

Associazione Sportiva AMP A.S.D.

Associazione Sportiva AMP A.S.D. ASSOCIAZIONE SPORTIVA AMP A.S.D. REGOLAMENTO ASSOCIAZIONE SPORTIVA AMP - A.S.D. (Associazione Sportiva Dilettantistica) REGOLAMENTO ART. 1 (AMMISSIONE DEI SOCI) L'ammissione dei soci è riservata al Consiglio

Dettagli

TITOLO I APPARTENENZA AGLI ORGANICI TECNICI GIOVANILI FIB E RELATIVI ELENCHI

TITOLO I APPARTENENZA AGLI ORGANICI TECNICI GIOVANILI FIB E RELATIVI ELENCHI REGOLAMENTO QUADRI TECNICI GIOVANILI 1 TITOLO I APPARTENENZA AGLI ORGANICI TECNICI GIOVANILI FIB E RELATIVI ELENCHI ARTICOLO 1 APPARTENENZA AGLI ORGANICI TECNICI DELL AREA SCUOLA FIB E DELL AREA GIOVANILE

Dettagli

Circolo Tennis Barletta Hugo Simmen

Circolo Tennis Barletta Hugo Simmen REGOLAMENTO ART. 1 Il presente regolamento formulato ed approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 11 ottobre 2011, modificato all art. 22 3 comma titolo secondo ( CAMPI DA TENNIS ) con deliberati

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 41 DEL 12.05.2005 FINALITA ART. 1 Il presente regolamento viene emanato in esecuzione di

Dettagli

REGOLAMENTO ORMEGGIO RETONE DI PISA 2013

REGOLAMENTO ORMEGGIO RETONE DI PISA 2013 REGOLAMENTO ORMEGGIO RETONE DI PISA 2013 Art. 1 Premessa L ARCA CDR TOSCANA, mette a disposizione la sede sociale denominata Retone, al fine di divulgare fra i Soci le attività nautiche sportive e ricreative,

Dettagli

REGOLAMENTO PATTINAGGIO Stagione sportiva 2015-2016

REGOLAMENTO PATTINAGGIO Stagione sportiva 2015-2016 Asd Seregno Hockey 2012 Via Giusti 21/A 20831 Seregno (MB) CF e PI: 07859370962 REGOLAMENTO PATTINAGGIO Stagione sportiva 2015-2016 FINALITA ASD Seregno Hockey 2012 esercita l attività sportiva nel settore

Dettagli

1.2 L atto d iscrizione comporta piena accettazione dell impostazione educativa dell Istituto (Progetto educativo lasalliano).

1.2 L atto d iscrizione comporta piena accettazione dell impostazione educativa dell Istituto (Progetto educativo lasalliano). SCUOLA PRIMARIA L Istituto Villa Flaminia è una istituzione educativo - scolastica cattolica, fondata e diretta dai Fratelli delle Scuole Cristiane. Sorta nel 1956, come sede distaccata del Collegio S.

Dettagli

CONVITTO PER SORDI DI ROMA

CONVITTO PER SORDI DI ROMA CONVITTO PER SORDI DI ROMA MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO 00166 ROMA - Vico lo del Casale Lumbroso, 129 06/66180021 fax 06/66180297 RMVC060009@istruzione.it

Dettagli

REGOLAMENTOINTERNO SOCIETA SPORTIVA DILETTANTISTICA BLUE TRIBUNE S.R.L.

REGOLAMENTOINTERNO SOCIETA SPORTIVA DILETTANTISTICA BLUE TRIBUNE S.R.L. REGOLAMENTOINTERNO SOCIETA SPORTIVA DILETTANTISTICA BLUE TRIBUNE S.R.L. ARTICOLO 1 Il presente regolamento, redatto dal Consiglio Direttivo della Società Sportiva Dilettantistica Blue Tribune s.r.l. e

Dettagli

ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI TREVISO

ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI TREVISO ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI TREVISO REGOLAMENTO DELLE COMMISSIONI DI STUDIO SULLE MATERIE OGGETTO DELLA PROFESSIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI

Dettagli

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA AETHALIA TRIATHLON

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA AETHALIA TRIATHLON STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA AETHALIA TRIATHLON TITOLO I NATURA, SCOPI E FINALITA Art. 1 Costituzione È costituita l Associazione sportiva denominata Associazione Sportiva Dilettantistica

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCOGLIENZA E LA CONVIVENZA GUIDATA DELLA CASA DELLE DONNE SOLE E/O CON FIGLI E DELLA CASA DEGLI UOMINI SOLI E/O CON FIGLI,

REGOLAMENTO PER L ACCOGLIENZA E LA CONVIVENZA GUIDATA DELLA CASA DELLE DONNE SOLE E/O CON FIGLI E DELLA CASA DEGLI UOMINI SOLI E/O CON FIGLI, REGOLAMENTO PER L ACCOGLIENZA E LA CONVIVENZA GUIDATA DELLA CASA DELLE DONNE SOLE E/O CON FIGLI E DELLA CASA DEGLI UOMINI SOLI E/O CON FIGLI, IN SITUAZIONI DI DIFFICOLTA Approvato con deliberazione del

Dettagli

L Associazione ha sede legale in Mantova - Piazza Sordello 43 - l Amministrazione Provinciale di Mantova.

L Associazione ha sede legale in Mantova - Piazza Sordello 43 - l Amministrazione Provinciale di Mantova. Art. 1 COSTITUZIONE E costituita una Associazione ai sensi dell art. 36 e seguenti del C.C. che ha carattere aconfessionale e apartitico, avente la denominazione Collegamento Provinciale del Volontariato

Dettagli

Regolamento interno. 1.4 L orario ed il periodo d apertura e di chiusura del Club vengono disposti dal Consiglio di Amministrazione.

Regolamento interno. 1.4 L orario ed il periodo d apertura e di chiusura del Club vengono disposti dal Consiglio di Amministrazione. 1. Norme Generali. 2. Regolamento Club house. 3. Regolamento Segreteria e Club house. 4. Regolamento Campo pratica. 5. Regolamento Campo golf. 6. Regolamento Gare e Sponsors. 7. Regolamento Golf carts.

Dettagli

L attività della categoria Giovanissimi costituisce il primo momento di verifica del processo di apprendimento tecnico-formativo.

L attività della categoria Giovanissimi costituisce il primo momento di verifica del processo di apprendimento tecnico-formativo. 2) ATTIVITÀ GIOVANILE AGONISTICA L attività giovanile è ad indirizzo competitivo e si configura principalmente attraverso i risultati delle gare ed il comportamento disciplinare in campo e fuori di Atleti,

Dettagli

CORSO NAZIONALE PER ALLENATORI DI TERZO GRADO Nona Edizione

CORSO NAZIONALE PER ALLENATORI DI TERZO GRADO Nona Edizione FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO Settore Tecnico CORSO NAZIONALE PER ALLENATORI DI TERZO GRADO Nona Edizione Stagione Sportiva 2011/2012 BANDO DI AMMISSIONE Il presente Bando contiene le norme di ammissione

Dettagli

Disposizioni generali per l utilizzo delle palestre scolastiche

Disposizioni generali per l utilizzo delle palestre scolastiche Disposizioni generali per l utilizzo delle palestre scolastiche Il Comune di Giavera del Montello intende incentivare e facilitare un largo accesso alla pratica sportiva da parte dei cittadini, tanto in

Dettagli

Regolamento per l utilizzo del Pontile e della Banchina con Ufficio di pertinenza presso la Cala di Palermo

Regolamento per l utilizzo del Pontile e della Banchina con Ufficio di pertinenza presso la Cala di Palermo Regolamento per l utilizzo del Pontile e della Banchina con Ufficio di pertinenza presso la Cala di Palermo ARTICOLO 1 GENERALITA Il presente Regolamento disciplina le modalità di assegnazione, i corrispettivi,

Dettagli

A.S.D. LIBERI PODISTI PONTECCHIO via Roma n.314 45030 Pontecchio Polesine (RO) P.IVA 01482050299 www.liberipodistipontecchio.altervista.

A.S.D. LIBERI PODISTI PONTECCHIO via Roma n.314 45030 Pontecchio Polesine (RO) P.IVA 01482050299 www.liberipodistipontecchio.altervista. A.S.D. LIBERI PODISTI PONTECCHIO via Roma n.314 45030 Pontecchio Polesine (RO) P.IVA 01482050299 www.liberipodistipontecchio.altervista.org REGOLAMENTO INTERNO Articolo 1 Finalità Il presente regolamento

Dettagli

Approvato con Deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 54 del 26 settembre 2011

Approvato con Deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 54 del 26 settembre 2011 Approvato con Deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 54 del 26 settembre 2011 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E RIMBORSO SPESE VIAGGIO SOSTENUTE DAI DIPENDENTI (Regolamento a latere

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE ENTE NON COMMERCIALE SENZA FINI DI LUCRO DENOMINATA CIRCOLO DI CULTURA FOTOGRAFICA PHOTOLIFE

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE ENTE NON COMMERCIALE SENZA FINI DI LUCRO DENOMINATA CIRCOLO DI CULTURA FOTOGRAFICA PHOTOLIFE STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE ENTE NON COMMERCIALE SENZA FINI DI LUCRO DENOMINATA CIRCOLO DI CULTURA FOTOGRAFICA PHOTOLIFE Denominazione e scopi Art. 1 In data 10 agosto 2002 è costituito in Lucca,

Dettagli

COME PROCEDERE PER COSTITUIRE UN GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE

COME PROCEDERE PER COSTITUIRE UN GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE COME PROCEDERE PER COSTITUIRE UN GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Indire un assemblea pubblica per pubblicizzare l intenzione dell Amministrazione Comunale di costituire un Gruppo Comunale

Dettagli

CLASSI: ORC - IRC - MONOTIPI - OPEN MONFALCONE - VENEZIA,

CLASSI: ORC - IRC - MONOTIPI - OPEN MONFALCONE - VENEZIA, C.O.N.I. F.I.V. ADRIATIC UP CLASSI: ORC - IRC - MONOTIPI - OPEN MONFALCONE - VENEZIA, 30 Aprile - 3 Maggio 2015 CIRCOLI ORGANIZZATORI LEGA NAVALE ITALIANA MONFALCONE Via dell Agraria 54 34074 Monfalcone

Dettagli

Delibera n 18 del C.F. 429 del 23/02/2012. Federazione Italiana Vela. Regolamento per gli Equipaggi Azzurri

Delibera n 18 del C.F. 429 del 23/02/2012. Federazione Italiana Vela. Regolamento per gli Equipaggi Azzurri Delibera n 18 del C.F. 429 del 23/02/2012 Federazione Italiana Vela Regolamento per gli Equipaggi Azzurri Titolo I Campo di applicazione Art.1 Finalità 1. Il Regolamento è destinato : a) ad assicurare

Dettagli

Circolo della Vela di Roma

Circolo della Vela di Roma Associazione Sportiva Dilettantistica Sede di Anzio PRESENTAZIONE DEL PROGETTO VELASCUOLA PREMESSA Con questo progetto si intende offrire alle scuole, impegnate ad assolvere alle nuove competenze derivanti

Dettagli

REGOLAMENTO Accademia Dimensione Musica

REGOLAMENTO Accademia Dimensione Musica REGOLAMENTO Accademia Dimensione Musica I Principi generali art.1 oggetto e finalità del regolamento II Finalità art.2 finalità dell associazione III Struttura organizzativa art.3 struttura organizzativa

Dettagli

Progetto INTERNATIONAL FOOTBALL EVENTS ZBexperience. Proposta di partecipazione al Torneo Internazionale Copa Brava (Barcellona/Spagna)

Progetto INTERNATIONAL FOOTBALL EVENTS ZBexperience. Proposta di partecipazione al Torneo Internazionale Copa Brava (Barcellona/Spagna) Ai genitori degli atleti della squadra Allievi 1999 Borussia Ai genitori degli atleti della squadra Giovanissimi 2002 City Ai genitori degli atleti della squadra Giovanissimi 2001-2002 Boca Zero Branco,

Dettagli

REGOLAMENTO SUL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO PIEDIBUS SCUOLA PRIMARIA

REGOLAMENTO SUL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO PIEDIBUS SCUOLA PRIMARIA REGOLAMENTO SUL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO PIEDIBUS SCUOLA PRIMARIA APPROVATO CON DELIBERA C.C. N. 33 DEL 28/11/2014 IL SINDACO (Alberto PILLONI) IL SEGRETARIO COMUNALE (DOTT.SSA Valentina MARVALDI) INDICE

Dettagli

PARTE I Aspetti Generali

PARTE I Aspetti Generali CROCE BLU ASSOCIAZIONE PUBBLICA ASSISTENZA VOLONTARI 33REGOLAMENTO Indice PARTE I Aspetti Generali ART. 1 CONOSCENZA DELLO STATUTO E DEL REGOLAMENTO ART. 2 I SOCI ART. 3 I COLLABORATORI ART. 4 ORGANI E

Dettagli

Regolamento sull Albo e l Assemblea delle associazioni

Regolamento sull Albo e l Assemblea delle associazioni Regolamento sull Albo e l Assemblea delle associazioni Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 16 del 31.03.2014 Immediatamente esecutivo I 20099 Sesto San Giovanni (MI), Piazza della Resistenza,

Dettagli

REGOLAMENTO PER VIAGGI DI ISTRUZIONE E SOGGIORNI LINGUISTICI

REGOLAMENTO PER VIAGGI DI ISTRUZIONE E SOGGIORNI LINGUISTICI REGOLAMENTO PER VIAGGI DI ISTRUZIONE E SOGGIORNI LINGUISTICI Art.1 FINALITA E PRINCIPI La visita di istruzione è un occasione formativa e di apprendimento che consente di allargare i propri orizzonti culturali.

Dettagli

ACCESSO ALLA STRUTTURA...

ACCESSO ALLA STRUTTURA... REGOLAMENTO INTERNO ACCESSO ALLA STRUTTURA... 1 Iscrizione... 1 Quota d iscrizione... 2 Tessera di iscrizione... 2 Ospiti... 2 Calendario delle attivita... 2 UTILIZZO DELLA STRUTTURA... 3 Norme generali...

Dettagli

Tiro a Segno Nazionale di Verona Via Magellano, 15/A - 37138 Verona Tel +39 045 8348328 - Fax+39 045 8306315

Tiro a Segno Nazionale di Verona Via Magellano, 15/A - 37138 Verona Tel +39 045 8348328 - Fax+39 045 8306315 Tiro a Segno Nazionale di Verona Via Magellano, 15/A - 37138 Verona Tel +39 045 8348328 - Fax+39 045 8306315 PROGRAMMA SPORTIVO SEZIONALE 2015 Revisione 22dicembre 2014 Capitolo Titolo pag. 1. Benefici

Dettagli

A.I.C.S. - Solidarietà

A.I.C.S. - Solidarietà STATUTO ART.1 COSTITUZIONE E DENOMINAZIONE E costituita l Associazione Regionale fra Comitati Provinciali della Toscana dell A.I.C.S. che operano nel campo delle attività culturali, sportive e sociali

Dettagli

REGOLAMENTO VISITE DI ISTRUZIONE

REGOLAMENTO VISITE DI ISTRUZIONE REGOLAMENTO VISITE DI ISTRUZIONE ART. 1 - MOTIVAZIONI Le visite d istruzione devono essere coerenti con gli obiettivi educativi e didattici del corso di studi e si possono distinguere in: a- visite dirette

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLO SPORT E DEL TEMPO LIBERO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA SPORTIVA. Art.1 Costituzione

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLO SPORT E DEL TEMPO LIBERO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA SPORTIVA. Art.1 Costituzione REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLO SPORT E DEL TEMPO LIBERO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA SPORTIVA Art.1 Costituzione Il Comune di Ozieri riconosce lo sport come servizio sociale e di volontariato e intende

Dettagli

Federazione Italiana Pallavolo Comitato Territoriale di Livorno Centro di Qualificazione Tecnica www.livorno.federvolley.it

Federazione Italiana Pallavolo Comitato Territoriale di Livorno Centro di Qualificazione Tecnica www.livorno.federvolley.it Livorno, 18 dicembre 2014 Oggetto: Attività relativa al settore Atleti/e - Trofeo delle Province 2015 Comunicazioni. Ai Sigg. Presidenti delle Società dei Comitati FIPAV di Livorno e Grosseto e, p.c. Ai

Dettagli

REGOLAMENTO Settore Giovanile, Minibasket e Scuola (SGMS) COSTITUZIONE, SCOPI E COMPITI

REGOLAMENTO Settore Giovanile, Minibasket e Scuola (SGMS) COSTITUZIONE, SCOPI E COMPITI REGOLAMENTO Settore Giovanile, Minibasket e Scuola (SGMS) COSTITUZIONE, SCOPI E COMPITI Art. 1 FUNZIONI E SEDE 1. Il Settore Giovanile Minibasket e Scuola (SGMS) costituisce un organismo tecnico di settore

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V.

REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V. COMUNE DI ROCCARAINOLA PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V. Il presente atto abroga e sostituisce il precedente regolamento approvato con delibera di

Dettagli

SCHEDA ISCRIZIONE SCUOLA PORTIERI IMPARANDO STAGIONE 2014/2015 STADIO OTTAVIO PIERANGELI MONTEROTONDO SCALO

SCHEDA ISCRIZIONE SCUOLA PORTIERI IMPARANDO STAGIONE 2014/2015 STADIO OTTAVIO PIERANGELI MONTEROTONDO SCALO SCHEDA ISCRIZIONE SCUOLA PORTIERI IMPARANDO STAGIONE 2014/2015 STADIO OTTAVIO PIERANGELI MONTEROTONDO SCALO DATI PARTECIPANTE : Nome : Cognome : Codice Fiscale: Nato a: il: Società di appartenenza: Peso

Dettagli

Tutte le cariche sociali sono assunte e assolte a totale titolo gratuito.

Tutte le cariche sociali sono assunte e assolte a totale titolo gratuito. ALLEGATO A STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE E CULTURALE CARPE DIEM. Art. 1 - DENOMINAZIONE E' costituita nel rispetto del codice civile e della L 383/2000 l'associazione di promozione sociale

Dettagli