Sistemi di supporto alla vita

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sistemi di supporto alla vita"

Transcript

1 Sistemi di supporto alla vita 1. Introduzione I sistemi di supporto alla vita sono anche chiamati organi artificiali. Questi si interfacciano con il sistema fisiologico e richiedono quindi una cura particolare nella scelta dei materiali e della morfologia, nelle interazioni (dispositivi paracorporei), nei tipi di accesso, nel rispetto delle dimensioni anatomiche e nella biocompatibilità morfologica e funzionale (dispositivi impiantabili). I dispositivi si dividono, in base alla loro collocazione, in: paracorporei, dispositivi che giacciono all interno dell organismo, ma che comunicano con l esterno (ventricolo di assistenza); extracorporei, dispositivi che non sono impiantabili (CEC); impiantabili, dispositivi che restano all interno del corpo (pace maker). A loro volta esiste una classificazione in base al tempo di impiego: temporanei (contropulsatore); permanenti (pacemaker); intermittenti (dialisi); ovviamente i dispositivi impiantabili non possono essere intermittenti. Gli obiettivi primari da perseguire nella progettazione di uno di questi dispositivi sono: biocompatibilità; o affidabilità, o dimensioni, economicità; recupero sociale del paziente. Rispetto all affidabilità e alle dimensioni, passa in secondo piano il problema economico che, però, non può essere completamente dimenticato in fase di progettazione: un dispositivo funzionante, ma eccessivamente costoso non attirerebbe l interesse dell industria e richiederebbe uno spostamento di risorse economiche a discapito di tecnologie piu consolidate nel tempo. Le dimensioni dei sistemi artificiali impiantabili devono rispettare la compatibilità anatomica (volume a disposizione), mentre quelli extracorporei devono possedere volumi tali da non compromettere le funzioni fisiologiche (un eccessivo volume di sangue prelevato porta al collasso e alla morte). In generale, la biocompatibilità non è problema che riguarda solo i materiali, ma anche la forma e le dimensioni. Il materiale biocompatibile vero e proprio, oggigiorno, non esiste; di contro si sono sviluppati

2 tecnologie di rivestimento superficiali e particolari finiture che evitano una risposta infiammatoria da parte dell organismo. In sede di progettazione è utile valutare i tempi di impiego e il fine del dispositivo in modo da poter trovare il giusto compromesso tra costi e tecnologie impiegate nella costruzione. Ad esempio, se un device ad uso intermittente, come un dializzatore, avesse i tubi rivestiti di carbonio turbostratico, il costo di una dialisi sarebbe accessibile solo a pochi facoltosi; basta invece che queste cannule siano in PVC per evitare fenomeni indesiderati per le 3-4 ore di trattamento previste. Nello stesso modo è inutile usare materiali e tecnologie che garantiscano una durata del dispositivo di alcuni anni anche se l impiego previsto è solo di qualche ora dal momento che ciò rappresenterebbe soltanto uno spreco di risorse senza un reale guadagno in termini applicativi. Problematiche più specifiche si incontrano nel caso di organi artificiali che si interfacciano con il sangue. Dal momento che non esiste un materiale completamente emocompatibile, risulta necessario somministrare al paziente degli anticoagulanti (eparina) o antiaggreganti con tutti gli effetti collaterali conseguenti. Ad esempio, l eparina è tossica, quindi risulta improponibile somministrarla per tutta la durata di un dispositivo impiantabile permanentemente (si usano antiaggreganti, meno forti); inoltre, un paziente non può risultare completamente scoperto della funzione coagulante delle piastrine a causa di un eccessivo rischio emorragico in caso di lesione accidentale. Al di là della scelta del materiale, la biocompatibilità (fig.1) deve coprire vari ambiti del progetto: le forme e le dimensioni devono essere simili all organo; il disegno del dispositivo deve garantire al sangue un percorso omogeneo in modo da prevenire l emolisi. La maggior causa di emolisi è dovuta dall azione meccanica legata alla geometria del sistema; non ci devono essere zone di ristagno per il sangue; non devono esistere punti che inducano accelerazioni; bisogna evitare la presenza di variazioni brusche di sezione. Un altro caso è rappresentato dai dispositivi per respirazione. Qui l obiettivo è limitare le resistenze di inspirazione e espirazione come avviene per i pazienti in terapia intensiva e per quelli che invece usano permanentemente tubicini nel naso. A volte le metodiche di ventilazione con il gas possono essere nocive; per questo motivo si usano metodologie a ventilazione liquida: la maggiore biocompatibilità viene garantita, in questo caso, da un sistema apparentemente antifisiologico.

3 biocompatibilità fisiologia fluidodinamica durata interfaccia materiali Tipo di impianto Figura 1: aspetti della biocompatibilità. L affidabilità consiste nel garantire la durata del dispositivo soprattutto per funzionamento di ogni elemento dell impianto durante il periodo previsto; serve affidabilità nel tempo e nella prestazione. Strettamente connesso all affidabilità è il problema della regolabilità del dispositivo che deve essere in grado di adattarsi a diverse situazione fisiologiche grazie alla possibilità di un controllo esterno o di uno automatico. Esempio tipico è la pompa per il cuore che deve garantire il flusso sia a riposo, sia durante la camminata o mentre si corre. 1.1 Supporti per il sistema cardiocircolatorio Q P t t Figura 2: confronto di portata e di pressione erogate da una pompa contnua rispetto a quelle fisiologiche. Questi sistemi sono legati al ripristino della funzione cardiaca (contropulsatori e tutti gli altri sistemi pompanti sia a livello extracorporeo sia a quello intracorporeo). Il sistema più completo è la CEC; questa garantisce una portata di sangue costante con una pressione compresa tra 70 e 90 mmhg. Dall immagine (fig.2) si può vedere come la curva fisiologica (linea tratteggiata) si discosti molto da quella del dispositivo (tratto pieno) sia in termini di portata (a sinistra) sia in quelli di pressione (a destra); questo comporta poca biocompatibilità che può provocare scompensi ematici fino all edema. Esistono inoltre anche problemi di emolisi provocati dalla ridotta sezione di accesso che comporta ulteriori scompensi. Il vantaggio risiede nel fatto che la CEC è utilizzata nel range delle 2 ore (tempo di operazione) e, in questo ambito, è ampiamente tollerata dall organismo. Tempi di

4 impieghi più lunghi potrebbero causare danni o, in alcuni casi, fenomeni di adattamento fisiologico anche se è utile non dimenticare che è sempre il sistema a doversi adattare all organismo e non viceversa. I sistemi di supporto alla vita che interagiscono con il sangue sono costituiti da sottoelementi che, in ciascuno strumento, si interfacciano in maniera differente. Questi sono: pompe tuberia scambiatori di massa scambiatori di calore filtri.

5 2. Le pompe continue La funzione di una pompa è quella di fornire una certa pressione ad un liquido in modo da farlo circolare all interno di un circuito. Nel caso del cuore, che rappresenta il target progettuale di queste pompe, la pressione fornita serve per far arrivare il sangue nei siti di scambio metabolico. Le pompe usate per bypassare la funzione cardiaca possono essere: continue o a pistone o rotativi pulsatili o organi meccanici o pneumatici. Un'altra divisione riguarda l interfaccia con il sangue; esistono pompe con elementi mobili di due tipi: a diretto contatto con il sangue a contatto indiretto mediato da un interfaccia con il sangue. Le caratteristiche fondamentali di una pompa riguardano la non emoliticità, la riduzione dei volumi di ingombro esterni e la limitazione per quelli di riempimento interni. L emolisi è uno dei fattori più gravi da evitare, in quanto l emoglobina libera è tossica sopra certe quantità; la riduzione dei volumi esterni consente una maggiore impiantabilità, mentre volumi di riempimento non eccessivi evitano il collasso del paziente per la brusca diminuzione di pressione indotta dal prelievo del volume iniziale. Ovviamente, per il funzionamento di una pompa serve conoscere la portata da erogare che è funzione delle caratteristiche del paziente. In particolare si calcola la superficie corporea in base al peso, all altezza e al sesso; sapendo sperimentalmente che il cardiac index vale 2,4-2,5 l/(min m 2 ) si risale facilmente alla portata da erogare. 2.1 Sistemi a pistone Questi sistemi rientrano nelle pompe che erogano una portata continua. A ragion del vero, è facilmente intuibile che un pistone di lunghezza finita non può, per sua natura, continuare ad erogare flusso per un tempo infinito in maniera costante, in quanto necessita di un certo periodo di ricarica. Il termine continua riferito alla portata serve per distinguere questi sistemi da quelli pulsatili, concetto che non va frainteso con quello di intermittenti. La differenza risiede nella

6 forma d onda della portata: nel caso di sistemi continui, Q si mantiene costante durante l erogazione e il t rise è estremamente ridotto, mentre nei sistemi pulsatili la forma d onda è parabolica. Questa differenza sussiste anche se tra un onda e la sua successiva trascorre un certo tempo T (di ricarico nel caso del pistone) che genera il fenomeno dell intermittenza (fig. 3). Un modo per evitare l intermittenza intrinseca dei sistemi a pistone, consiste nel porre due pompe sincronizzate in parallelo. Q Questi due sistemi sono entrambi intermittenti, ma quello di sinistra è a portata continua, quello di destra è pulsatile Q Figura 3: confronto tra portata "continua", "intermittente" e "pulsatile". t t 2.3 Pompe rotative Le pompe rotative si basano sulla rotazione di parti meccaniche a contatto diretto o indiretto con il sangue. Il cuore del sistema è il motore elettrico che muove le parti meccaniche preposte alla spinta del liquido. Esistono due tipi di pompe rotative: volumetriche turbopompe. Le pompe volumetriche sono quelle maggiormente impiegate in vari settori biomedicali in quanto garantiscono una portata di fluido e un rendimento costante al variare delle condizioni di carico; in questo modo l energia fornita al liquido è fissa e facilmente regolabile. Tuttavia le soluzioni tecniche per una pompa volumetrica sono molteplici, ma solo alcune possono essere sfruttate nel campo biomedicale. Ad esempio, i sistemi ad ingranaggio, che spingono il fluido attraverso una luce di aspirazione ed una di mandata, non possono essere impiegati per il sangue a causa del eccessivo effetto emolitico provocato dall interferenza delle ruote dentate (vengono impiegate con altri liquidi, come, ad esempio, i fluidi dializzanti). Per l impiego ematico, risultano migliori le viti senza fine a diretto contatto con il sangue, anche se la soluzione usata maggiormente, soprattutto nella CEC, è la pompa roller. Questa è costituita da un piano con bordi rialzati rigidi in grado di ancorare saldamente una parte del tubo flessibile che costituisce la linea di collegamento con il paziente. Sul piano della pompa, collegate ad un motore elettrico, sono disposte alcune palette

7 meccaniche alla cui estremità vi sono dei rulli. Dimensionando accuratamente i bracci delle palette, durante la rotazione i rulli schiacciano il tubo flessibile creando un moto di avanzamento continuo del liquido senza avere un contatto diretto con esso. La pompa genera una certa differenza di pressione tra il liquido in uscita e quello in entrata, che prende il nome di prevalenza: ΔH=P out -P in La portata della pompa dipende dalla sua prevalenza e dal carico applicato; entro un certo range di carico applicato la pompa eroga sempre la stessa portata variando il punto di lavoro a fronte di una differente spesa energetica. Quantitativamente Q è pari a: Q=n giri V intrapp N rulli ζ Dove ζ rappresenta il rendimento volumetrico. Il discorso di idealità, riferito alla portata costante al variare del carico, deve subire una modifica concettuale se si pensa all effetto della pressione a valle quando uno dei rulli abbandona la sede ed il successivo si fa totalmente carico del lavoro di spinta del fluido. Ovviamente la P out agisce solo sul rullo rimasto generando un riflusso che discosta il funzionamento dall idealità. Inoltre, bisogna pensare che l effetto di schiacciamento totale del tubo genera inevitabilmente emolisi; per evitare il fenomeno si costruiscono bracci meccanici telescopici che lasciano un doppio lume di passaggio all estremità della sezione di tubo compressa, in modo da costituire una via di fuga per i globuli rossi. Queste minuscole sezioni di passaggio sono origine di vie di flusso retrogrado e costituiscono una non-idealità (fig. 4).

8 Vista dall alto Vista in sezione Condizione di non idealità con fori di riflusso per evitare l emolisi Figura 4: pompe roller, principio di funzionamento e non-idealità. In questo tipo di pompe è facile capire come si possa generare una certa intermittenza del flusso, senza, per questo, creare pulsatilità. Le pompe roller sono impiegate per lo più nelle applicazioni dove si richiede di inviare il sangue a degli scambiatori di massa dopo averlo prelevato dal paziente attraverso accessi vascolari debitamente creati. A causa del loro ingombro, non possono essere impiantabili, ma grazie alla loro facilità di regolazione (attraverso il numero di giri) vengono impiegati nel bypassare parzialmente o completamente il cuore durante gli interventi di cardiochirurgia. Altri tipi di pompe che si discostano dal concetto di pompa volumetrica non garantiscono una portata costante e necessitano quindi di flussimetri per la misura del flusso erogato. Questo comporta svantaggi in termini di ingombro e di costo rispetto alle pompe roller. 2.3 Pompe a vite Le pompe volumetriche, sebbene garantiscano sicurezza, affidabilità e controllo dell eventuale cavitazione (tubi trasparenti), mandata aspirazione presentano un basso rendimento pari a 0,5 (dovuto alle non idealità, come, ad esempio, la Viti con filettature opposte presenza di meati) e non risultano impiantabili. motore Figura 5: pompe a vite. Si ricorre per questo ad altre

9 pompe, sempre di tipo volumetrico-rotative, come quelle a vite senza fine. Queste sono costituite da una vite centrale posta in rotazione da un motore elettrico che ne trascina con sé altre due, dimensionalmente uguali e con filettatura opposta, disposte parallelamente a quella principale e inserite all interno di un contenitore (fig. 5). Il moto rotativo aspira il sangue dall esterno, imponendogli un moto a spirale, e lo spinge fino alla camera di mandata. Al contrario di quanto si possa pensare (anche in analogia per quanto avviene nelle pompe ad ingranaggi), il moto delle viti non genera emolisi perché il sangue non viene compresso tra le due filettature poste a contatto, ma ne segue solo il moto avvolgente. I limiti di questi sistemi sono legati all elevato volume di priming richiesto per erogare 5-6 litri di fluido al minuto (dato fisiologico) e alle eventuali perdite di sangue sulla superficie dei componenti metallici che, oltre a rappresentare un problema fisiologico, potrebbero generare anche alterazioni del funzionamento meccanico dovute al sovradeposito di materiale che ostacola il corretto contatto tra le viti. 2.4 Turbopompe Le turbopompe o pompe centrifughe (fig. 6) risultano radicalmente diverse dalle pompe volumetriche sia per aspetti meccanici sia per quelli concettuali. Gli elementi distintivi di questo tipo di pompe sono: il rotore; lo statore. Il rotore è l elemento che, attraverso un motore elettrico, è Direzione del flusso u=ωr posto in moto grazie ad un albero di collegamento o ad una v rotore sospensione magnetica. La possibilità di avere la sospensione w magnetica consente di avvicinare la pompa al paziente eliminando i tubi di connessione per il sangue e sostituendo l albero di collegamento motore-rotore con un filo elettrico. Lo statore è invece la cassa rigida comprendente i cuscinetti e statore il diffusore. Figura 6: pompa centrifuga e triangolo Il funzionamento si basa sulla forza di aspirazione della pompa delle velocità. che aumenta la quantità di moto del fluido; successivamente questo entra nel diffusore (elemento a sezione variabile divergente) rallentando la sua velocità e aumentando la pressione (principio di Bernoulli). Come si può vedere dall immagine la curva caratteristica delle pompe centrifughe è nettamente diversa da quelle volumetriche viste in precedenza (che erogano sempre la stessa portata indipendentemente dal carico) (fig. 7). Nel caso di

10 pompe centrifughe, un aumento di resistenza a valle fa sensibilmente variare la portata per un egual numero di giri del motore. Le elevatissime velocità di rotazione ( rpm per le centrifughe; rpm per le volumetriche, con un tubo da 3/8 di pollice e una portata di 5-6 l) non incrementano in alcun modo gli effetti emolitici che dipendono esclusivamente da urti e sforzi di taglio innescati dalle accelerazioni e dal percorso seguito dal sangue in movimento. È quindi importante che, soprattutto nelle pompe di piccole R dimensioni che presentano le velocità più elevate ΔH Caratteristica per il mantenimento dell asse fisso, le palettature delle pompe volumetriche divergenti, poste sul rotore per imprimere pressione al fluido, siano disegnate secondo principi fluidodinamici che minimizzino gli urti fra particelle in ogni punto della rotazione. Caratteristica delle A tale scopo si calcolano i triangoli delle velocità turbopompe Q Q Q in funzione della portata di progetto. Componendo in ogni punto la velocità V di ingresso del fluido Figura 7: curva caratteristica della pompa centrifuga con quella di rotazione delle pale ωr, si ottiene un posta a confronto con quella della pompa volumetrica. vettore velocità W che, senza palettatura, modificherebbe la sua direzione al variare della posizione della particella di fluido rispetto al centro del rotore. La forma delle pale (che partono dal centro e arrivano alla periferia) deve garantire in ogni punto la minima variazione direzionale del vettore W calcolato rispetto al bordo della paletta stessa; in questo modo si è sicuri di evitare turbolenze e urti delle particelle del sangue. Il profilo di queste palette assomiglia a quello di un ala di un aereo e la loro disposizione ottimale risulta essere divergente e svergolata a partire dal centro (punto di ingresso del fluido). Il calcolo viene effettuato partendo da un numero di palette imposto e da una portata fissa di ingresso (funzione del diametro del tubo) che vengono impiegate nel calcolo del lavoro euleriano (funzione della velocità) in maniera iterativa; dopo un certo numero di cicli, si converge ad un risultato dal quale si ottiene la forma ideale della paletta. 2.5 Ultimi cenni sulle turbopompe Nel progetto di una pompa centrifuga i dati di partenza sono le velocità di ingresso e di uscita in funzione del numero di giri del rotore; in base a questi si calcola la velocità di trascinamento del sangue tra le palette mediante operazioni iterative. Il risultato finale deve garantire un equivalenza

11 di portata tra quella in ingresso e quella in uscita e deve risultare pari alla somma della portata di sangue di ogni paletta. La forma svergolata della paletta è ottimale per una certa portata fissa o variabile, entro un ristretto range di circa 1l/min. Il valore massimo di variazione di portata rappresenta ovviamente un limite per questo tipo di pompe in quanto non risultano in grado di adattarsi alle ampie variazioni richieste dall organismo in condizioni fisiologiche. Anche la soluzione teorica di rendere le palette mobili, in modo tale che il profilo possa adattarsi alle variazioni di portata, non può progettualmente essere presa in considerazione dal momento che la creazione di cerniere genererebbe delle discontinuità geometriche e quindi dei punti di possibile aggregazione sanguigna. Bisogna quindi limitare l impiego clinico delle pompe centrifughe (anche quelle impiantabili) perchè risultano valide soltanto per pazienti in condizioni fisiologiche stabili (ad esempio quelli sedati), ovvero soggetti che non richiedono continui adattamenti di portata. È anche necessario ridurre il tempo di impiego dal momento che questi sistemi generano fenomeni emolitici quando operano fuori dal loro range di portata progettale. Per pazienti operati a livello toracico, ad esempio, si prevede un periodo di svezzamento della respirazione e uno di riabilitazione durante i quali, le resistenze e le compliance dell organismo variano e, di conseguenza, serve un continuo adattamento del ritmo cardiaco. In questi casi le pompe centrifughe impiantabili rappresentano solamente un accomodamento dal punto di vista funzionale. In aggiunta al problema della flessibilità di portata, per questi sistemi impiantabili sorgono anche problematiche nuove rispetto alle pompe centrifughe usate nella CEC: miniaturizzazione, affidabilità (usura dovuta all elevata velocità di rotazione) e approvvigionamento dell energia. Reperire l energia necessaria, per mettere in moto la girante di una pompa centrifuga o di una qualsiasi pompa assiale per recovery, richiede un accesso diretto trans-corporeo mediante un filo elettrico collegato ad una batteria esterna. Il problema dell alimentazione è molto discusso dal momento che riguarda tutti i pazienti che utilizzano sistemi di recovery (maggiormente in USA rispetta all UE) e quelli di bridge al trapianto (molto usati anche in UE). I pazienti in attesa di un cuore da donatore rimangono infatti nelle liste d attesa anche 2 o 3 anni durante i quali la loro funzione cardiaca necessita di un supporto. Un periodo di tempo cosi lungo inficia l ipotesi di un ricovero permanente con assistenza mediante pompe pneumatiche e vincola la scelta all applicazione di pompe assiali con batteria esterna in modo da poter dimettere il paziente e garantirgli una vita sociale agevole.

12 2.6 Pompe assiali Nell anno 2004 il volume di sistemi di assistenza ventricolare usati come ponte al trapianto è pari a circa 250 esemplari all anno in Europa. Il loro costo si aggira attorno ai euro. Questi dati sono ovviamente medi e sono riferiti sia alle pompe centrifughe impiantabili (rare) sia a quelle assiali (più usate). I modelli di pompe più usati in campo di assistenza ventricolare sono quelle assiali a vite. Ne esistono numerosi design, ma tutte si basano sull effetto di aspirazione generato da una vite rotante all interno di un cilindretto. Il modello Debakey (dal nome del fisiologo che ha prestato la sua esperienza nella realizzazione) è formata da un cilindretto lungo 5 cm e con diametro pari a 2 cm per un peso complessivo di 115g. E importante notare che la maggiore difficoltà progettuale consiste nel disegno della filettatura della vite che segue le medesime regole progettistiche delle palette della pompa centrifuga: lo sviluppo dei filetti che minimizzi gli urti delle particelle del sangue durante l aspirazione rende minimo l effetto emolitico. Sullo statore delle pompe assiali sono presenti anche delle contro-filettature che trasformano il moto elicoidale del fluido generato dalla vite in moto assiale. Queste pompe non necessitano di valvole per garantire l unidirezionalità del fluido e lavorano in parallelo con il ventricolo assistito (parzialmente attivo). Il ventricolo malato conserva parte della capacità sistolica, mentre la pompa interviene recuperando il sangue rimasto a livello apicale a causa della sistole parziale ed immettendolo di continuo nell aorta. Per l impianto di questi sistemi bastano quindi due sole anastomosi: una all apice del ventricolo e una in aorta dove convive parte di flusso anterogrado e retrogrado (fig. 8). Aorta e seconda L assistenza ventricolare è generalmente applicata al anastomosi ventricolo sinistro, mentre risulta più rara l assistenza destra. A ragion del vero, è da sottolineare il fatto che un cattivo funzionamento del ventricolo destro è connessione dovuto di solito ad uno spostamento del setto causato Pompa e prima anastomosi dall inefficienza di quello sinistro; in questo caso il recupero del ventricolo sinistro garantisce anche la Figura 8: collegamenti delle pompe assiali con ripresa del destro. Nei casi in cui si necessita di una apice ventricolare sinistra e aorta. doppia assistenza si impiegano pompe differenti per i due ventricoli (spesso una centrifuga per il destro e una pulsatile per il sinistro). Come si vedrà nel capitolo dedicato alle pompe pulsatili, a causa del loro ingombro sterico e del rumore generato dalle valvole e dal colpo del solenoide non è possibile impiantarne due nello stesso paziente.

13 Le pompe assiali hanno l alimentazione elettrica esterna che viene fornita all attuatore mediante un filo passante nella cute del paziente (problemi di infezione). Un alternativa a questo sistema è rappresentato dall accoppiamento induttivo con un alimentatore esterno posto parallelamente all attuatore interno. In questo caso si avrebbe un trasferimento di energia attraverso la cute senza fori passanti; alcuni esprimenti hanno dimostrato che non vi è necrosi tessutale nella zona di impianto anche se l unica applicazione clinica tentata ha dato risultati opposti facendo attualmente abbandonare l idea. In futuro si aspettano altre prove di questa tecnica in modo da ovviare al problema delle infezioni dovute al foro transcutaneo del filo elettrico, migliorando, di conseguenza, anche la vita del paziente, oggi costretto ad una continua disinfezione. Bisogna inoltre ricordare che i soggetti impiantati vengono continuamente trattati con antiaggreganti (non sono eparinizzati) per evitare il problema della formazione di trombi.

14 Come avviene il trapianto? Il meccanismo della destinazione degli organi da trapiantare si fonda sulla presenza di due centri italiani preposti alla gestione delle liste di attesa. Ciascuno dei due centri possiede ed aggiorna continuamente le liste dei pazienti in attesa di un organo da trapiantare e li ordina in un database in funzione dell età, del tempo di malattia, delle condizioni, dell area geografica, delle caratteristiche immunologiche e di quelle biometriche. I pazienti in attesa di trapianto in condizioni fisiologiche estremamente gravi non entrano immediatamente in lista, ma si prevede per questi un iter terapeutico preliminare con l obbiettivo di migliorare le funzionalità epatiche, polmonari e renali (durante questo periodo di recupero si utilizzano i sistemi di ponte al trapianto). Una volta raggiunte le condizioni accettabili il paziente entra nei primi posti della lista in modo tale da minimizzare il tempo di impiego del dispositivo di assistenza e da limitare il consumo di risorse ospedaliere. Una volta giunta la disponibilità di un organo, il centro seleziona subito il paziente più adatto e invia immediatamente l equipe medica preposta al trapianto a prelevare l organo. È importante che i medici che prelevano e che impiantano l organo siano gli stessi dal momento che ogni equipe segue procedure proprie e conosce le tecniche di impianto usate. Nel caso di trapianto cardiaco di solito il paziente ricevente conserva la propria cuffia dell atrio sinistro per evitare di anastomizzare le polmonari. Per l atrio destro si lascia invece libera scelta al chirurgo. Il fascio di Hiss viene tagliato al momento dell impianto per cui la variazione di frequenza avviene grazie alla barocezione, alla chemocezione e alla legge di Starling.

15 3. Assistenza ventricolare pulsatile I sistemi di assistenza ventricolare pulsatili nascono per ovviare ai problemi fisiologici connessi all irrorazione dei distretti corporei con flusso sanguigno continuo. Tale flusso è di fatto superiore alla media tra la pressione fisiologica sistolica e quella diastolica in modo da garantire l irrorazione dei distretti capillari più distanti dal cuore. Questo causa un aumento medio della pressione idraulica che non viene più sufficientemente bilanciata da quella di richiamo. Da questo fenomeno consegue un flusso medio di liquidi sbilanciato tra il distretto sanguigno e quello interstiziale che provoca un fenomeno edematoso simile a quello che avviene per i pazienti in CEC, per i quali è prevista la somministrazione di farmaci per arginare il fenomeno. Dalla formula sotto riportata si può notare che se il valore di P aumenta oltre quello di π (vale a dire che si lavora ad una P media continua superiore ai 100mmHg) si innesca un flusso di liquido in uscita dai vasi sanguigni ed, inoltre, alcuni distretti capillari rimangono continuamente pervi e perfusi mentre altri si chiudono definitamene a causa dell assenza della pulsatilità. J=k(ΔP-Δπ) Per ovviare a questo fenomeno si costruiscono pompe idrauliche pulsatili di due tipi: Pneumetiche (o idrauliche) elettromeccaniche. Per le prime si prevede una grossa pompa al limite dell impiantabilità che genera pulsatilità grazie all immissione di aria compressa mediante un tubo transcutaneo di 6-7 mm di diametro. Questo collegamento con l esterno rappresenta un grosso ostacolo per il rischio di infezione, ma fornisce il vantaggio di essere in grado di gestire la funzione d onda del flusso modulando ΔP/ΔT dell aria compressa. Il sistema è complessivamente ingombrante sia per quanto riguarda la parte interna (3-4 Kg) che deve essere inserita in una sacca addominale preparata ad hoc dal chirurgo sia per quanto concerne il compressore esterno che deve essere trasportato dal paziente in uno zaino. Il sistema elettromeccanico garantisce invece un accesso transcutaneo molto più sicuro dal momento che necessita solo del filo elettrico per attuare il movimento del solenoide, ma la forma d onda del flusso prodotto è a scalino e, per questo, più distante dall idealità (fig. 9). Pompa elettromeccanica Pompa pneumatica Figura 9: confronto tra l'erogazione di portata di una pompa elettromeccanica con quella pneumatica.

16 Per entrambi i sistemi sono previste due anastomosi di collegamento: una a livello dell apice ventricolare e l altra direttamente in aorta. La prima avviene mediante la foratura del ventricolo con il bisturi, seguita dall inserimento di parte del tubo di dacron e conclusa con la sutura finale mediante un collarino di tessuto. La seconda si realizza direttamente tra il vaso sanguigno e il condotto di dacron tagliato a becco di fluato. La portata viene regolata attraverso il controllo della frequenza di pulsazione. L incannulazione avviene a livello apicale solo nel caso di ventricolo sinistro, mentre nel destro si incannula l atrio perché risulta più facile rimettere il sangue nella polmonare dal momento che l arteria ed il cuore sono molto vicini. Il meccanismo di pompaggio in un ventricolo pneumatico si basa sull immissione di aria compressa in un intercapedine formata tra la struttura rigida della pompa e la sacca flessibile contenete il sangue. La sistole e la diastole vengono regolate da un sensore ad effetto Hall che segnala il rigonfiamento della sacca e innesta automaticamente la sistole. Finita questa fase di eiezione, il compressore genera il vuoto nell intercapedine iniziando la fase diastolica. Non è possibile sapere con certezza se la sistole avviene in maniera completa o se rimane un residuo sanguigno all interno della sacca a causa delle elevate resistenze del circuito fisiologico. Per questo motivo si ritiene necessario monitorare il paziente nelle ore successive all impianto. L effetto di vuoto diastolico pari a 3-5 mmhg che la pompa crea nella fase di diastole è sufficiente solo se l incannulazione si trova a livello apicale perché esiste una pressione interna ventricolare più elevata di quella che si avrebbe se l anastomosi fosse eseguita a livello atriale (3-5 mmhg); in questo secondo caso servirebbe quindi una P di aspirazione pari a mmhg che genererebbe un forte rischio di emolisi durante il passaggio dei globuli rossi attraverso le valvole. Per garantire un buon riempimento della pompa è necessario avere una buona pressione di precarico. Il problema di questi pazienti è che hanno una cattiva perfusione degli organi e risultano quindi edematosi, spesso anche a livello polmonare. Per ovviare al problema si somministrano farmaci diuretici che smaltiscono i liquidi in eccesso ma, di conseguenza, fanno diminuire anche il volume di sangue a disposizione. Per questo serve raggiungere un compromesso tra la diminuzione dei liquidi in esubero e la garanzia di pressioni sufficienti a garantire un buon precarico della pompa. Tuttavia sia i sistemi pneumatici sia quelli elettromeccanici non garantiscono un recupero agevole del paziente dal momento che lo vincolano ad essere collegato o al compressore o alla batteria che costituiscono una limitazione notevole per la vita sociale dell individuo.

17 4. Il cuore artificiale Un vero e proprio cuore artificiale non esiste ancora dal momento che non si riesce ad ovviare al problema dell approvvigionamento dell energia escludendo un alimentazione esterna. L ottimo consisterebbe nell avere l energia all interno dell organismo con una fonte inesauribile senza alimentarla dall esterno. Si è pensato di sfruttare l energia muscolare, ma i dati in letteratura scoraggiano la ricerca in tal senso. Per dimensionare il cuore artificiale dal punto di vista energetico bisogna partire dai suoi dati targa: P=2W (fino a 6-7 W sotto sforzo); Q=5l/min (fino a l/min sotto sforzo); η= 10% almeno (il 90% dell energia può essere dissipata senza problemi dal corpo). Una volta ottenute le specifiche bisogna pensare a : una sorgente di energia un convertitore di energia (con un certo η) un ventricolo (attuatore) un accumulatore. Quest ultimo elemento è quello che garantisce la regolabilità del sistema perchè è in grado di conservare l energia proveniente da una fonte continua ed inesauribile e di cederla nei momenti di elevata richiesta. La sua collocazione all interno del sistema meccanico può avvenire tra la sorgente ed il convertitore oppure a monte del ventricolo. La scelta di posizionamento dipende dal tipo di energia accumulata (elettrica, termica o meccanica). Di solito si preferisce la posizione a valle del convertitore per gli accumulatori elettrici mentre si sceglie l altra soluzione per quelli termici. Le fonti energetiche fino ad ora individuate sono: l accoppiamento induttivo gli isotopi radioattivi. Per quest ultima categoria si ritengono interessanti le caratteristiche del plutonio 238 e dell ossido di plutonio che sarebbero in grado di fornire energia sufficiente al funzionamento dell impianto con la possibilità di essere facilmente schermati, senza così procurare grossi danni al paziente. Il tempo di dimezzamento del 238 Pu è di 86 anni e pastiglie di circa 40 g sono sufficienti per fornire tutta l energia necessaria ad un cuore artificiale. Bisogna tenere conto del fatto che costruire un cuore artificiale basato su sistemi energetici di questo tipo necessita della conoscenza dello stile di vita di ogni singolo paziente per cui ogni impianto deve essere tarato ad hoc. Alcuni studi hanno monitorato pazienti americani mostrando grafici P(Watt) vs t(ore) dai quali si evince che la richiesta media di potenza cardiaca è circa 3W; a

18 partire da questo dato, tenendo conto del rendimento del sistema pari a circa il 10%, la fonte di energia deve essere almeno di 30W in continuo. Questo implica la necessità di un accumulatore in grado di conservare l energia prodotta in eccesso dalla pila durante i periodi di calma nei quali è richiesta un potenza inferiore alla media. 4.1 Fonti di energia impiantabili ed inesauribili Uno dei problemi principali delle pompe impiantabili è il collegamento con l esterno per garantire l approvvigionamento di energia. Per eliminare il foro transcutaneo si pensa ad una sorgente di energia posta sopra o sotto la cute, senza collegamento diretto. Nel primo caso si utilizza un accoppiamento induttivo che fornisce energia elettrica all accumulatore per poi essere trasformata in energia meccanica da un convertitore. Nel secondo caso la sorgente di energia può essere costituita da una pastiglia di radioisotopo, in particolare si sceglie il plutonio 238 perché garantisce una fornitura di energia costante durante la vita media di un impianto grazie al suo tempo di dimezzamento pari a circa 86 anni. Oltre alle già citate caratteristiche, il 238 Pu è il materiale d elezione per questo tipo di impianti perchè la sua instabilità lo rende radioattivo a qualsiasi temperatura fino al limite dei 650 C (punto di fusione che non deve essere raggiunto nell impianto), ha un basso rapporto peso/resa e garantisce quindi la potenza necessaria con una massa di materiale molto ridotta. Le radiazioni emesse sono: radiazioni α radiazioni γ raggi χ raggi β Per garantire la salute del paziente serve un apposita schermatura che ripari i tessuti dalle radiazioni emesse. Il livello di radiazioni che non procura danni biologici nel 100% dei casi è stato calcolato a 5-7 Rem/anno (3 Rem in 13 settimane); nel caso di un cuore artificiale si pensa che la radiazione assorbita dall organismo sia pari a circa 8 rem/anno che, su un arco di circa 20 anni, è un quantitativo ampiamente tollerabile. Bisogna inoltre tener presente che esistono organi più soggetti di altri a subire danni da radiazione come la milza, i reni e le gonadi; serve quindi posizionare la sorgente radioattiva il più distante possibile da questi tessuti. È stato calcolato che il quantitativo di radioisotopo necessario per far funzionare il dispositivo è di soli circa 40g, anche se necessita di una schermatura metallica molto più pesante (fig.10).

19 Liquido accumulatore Radioisotopo Metallo schermante Figura 10: schema del posizionamento della pastiglia di radioisotopo rispetto alla barriera schermante ed al liquido accumulatore. La pastiglia emette sempre energia anche quando non è richiesta; quindi serve un accumulatore o un dissipatore. Scegliere di usare un dissipatore è poco utile dal momento che gran parte dell energia prodotta andrebbe persa e non risulterebbe disponibile nei momenti di richiesta massima. La sorgente di energia è infatti tarata per fornire un energia media costante per il fabbisogno cardiaco; quando ne viene richiesta meno (ad esempio durante il sonno) l energia prodotta in eccesso può essere accumulata e restituita nel momento in cui il fabbisogno è superiore alla potenza fornita dal radioisotopo. Serve dunque una sostanza in grado di accumulare calore senza variare le proprie caratteristiche chimico-fisiche. Gran parte delle sostanze note come il legno, il metallo, l acqua ecc. sono in grado di storare calore in transizione di fase, ma ben pochi materiali hanno la caratteristica di non produrre vapore, di non dilatarsi e di mantenere la temperatura della pastiglia del radioisotopo sotto il suo punto di fusione. Per questi motivi si pensa di porre l idruro di litio intorno alla pastiglia radiottaiva in modo da rispondere alle specifiche energetiche richieste e da costituire una seconda schermatura per le radiazioni permettendo il sottodimensionamento della bariera schermante. Per dimensionare correttamente l accumulatore serve sapere l andamento della richiesta di potenza da parte del paziente durante tutta la giornata. Se la potenza media richiesta è di circa 3W e se quella massima è di 6W, un accumulatore di circa 20W conserva l energia quando la richiesta è inferiore alla soglia dei 3W e la cede quando è superiore. Ovviamente più è marcata l oscillazione di richiesta energetica più grande deve essere l accumulatore. È da sottolineare il fatto che se alla fine della giornata l energia spesa è maggiore o minore di quella prodotta, il livello di riempimento

20 dell accumulatore subirà uno shift verso l alto o verso il basso portando, nel primo caso, al surriscaldamento della pastiglia, nel secondo, all insufficienza di energia durante gli sforzi. Un buon accumulatore deve essere costituito da un materiale che abbia un punto di fusione ed un calore latente elevati per garantire una buon livello di conversione energetica da quella termica a quella meccanica (550 C) in transizione di fase. La massa della miscela eutettica necessaria si calcola dal rapporto E max /λ fus. 4.2 La conversione dell energia I metodi per la conversione dell energia si dividono in diretti ed indiretti. Nel primo caso si hanno: termocoppie per effetto Peltier; conversione termoionica per effetto Seebek. Qui si ottiene la conversione dell energia termica in elettrica per la trasformazione successiva in quella meccanica. Per i sistemi di conversione elettrica per le applicazioni nell ambito dei cuori artificiali sono richieste le seguenti caratteristiche: peso ridotto ingombro limitato bassa rumorosità e vibrazioni alto rendimento elevata affidabilità e durata Nel secondo caso invece si hanno: cicli Rankine; cicli Stirling; cicli Joule. In tutti questi sistemi si ha la trasformazione diretta del calore in lavoro mediante cicli a gas che agiscono a due temperature diverse. Nel caso dell applicazione per il cuore artificiale il pozzo freddo è rappresentato dalla temperatura corporea, mentre quello caldo si trova a circa 550 C ed è alimentato dalla pila radioattiva. La massima resa di questi cicli è espressa dal rendimento del ciclo di Carnot che si calcola come: η=l u /Q e = (Q e -Q u )/Q e =1-Q u /Q e

21 che nel caso specifico è pari a: η=1-t f /T c =1-310/823= 62% ciò rappresenta il massimo rendimento teorico ottenibile; già a questo livello c è una perdita energetica pari al 38% I METODI DIRETTI-LA CONVERSIONE TERMOELETTRICA Nella conversione termoelettrica si sfrutta il principio di Peltier per produrre corrente avendo a disposizione una sorgente fredda e una calda. Si utilizza un circuito elettrico costituito da due materiali metallici differenti immersi rispettivamente nelle due sorgenti di calore; a causa dell elevato ΔT si genera un flusso di corrente. Il sistema, costituito da termocoppie, risponde ottimamente alle caratteristiche di peso e di ingombro ridotti, garantisce un alta affidabilità e un riduzione di rumore e di vibrazioni. Il grosso inconveniente risiede però nel rendimento che risulta pari solo ad una frazione di quello ottimale di Carnot: η = γ ΔT/T 1 con γ = (1+Z AB T M ) 1/2-1 / (1+ Z AB T M ) 1/2 -T 1 /T 2 < 1 con Z AB T M =cost dove Z AB rappresenta la cifra di merito che caratterizza il materiale e T M è la temperatura media a cui avviene la trasformazione. Oltre ad una riduzione dovuta solo ad fattore puramente numerico, il rendimento di questi sistemi presenta un altro problema derivato dal suo andamento rispetto al carico applicato. La forma del grafico η vs R a campana rende massimo il valore di η solo in un ristretto range di carico applicato; a livello fisiologico questo fattore rappresenta una grossa limitazione dal momento che le resistenze sono molto variabili in funzione dello stile di vita del paziente. Se il rendimento diminuisce accade che l intero sistema scarica un quantitativo maggiore di calore all interno del sangue che non viene completamente dissipato. Ciò porta a tre conseguenze molto negative: l innalzamento della temperatura sanguigna con i relativi problemi di emolisi; l ulteriore diminuzione del rendimento (la T f aumenta);

22 l insufficienza di energia fornita al cuore durante gli sforzi a causa delle eccessive perdite di energia. Per ovviare a questo problema si potrebbe montare all interno dell intero complesso del cuore artificiale un accumulatore elettrico a valle del convertitore in modo da sfruttare al meglio il suo elevato rendimento di picco pari a circa il 30%. In realtà questa opzione è poco praticabile dal momento che un accumulatore elettrico rappresenterebbe un elemento aggiuntivo rispetto a quelli tradizionalmente previsti per questo tipo di applicazioni ed inoltre non si è oggigiorno in grado di ottenere batterie che possono di rado essere sostituite perchè sottoposte ad un elevata frequenza di cicli di carica e scarica I SISTEMI DIRETTI-LA CONVERSIONE TERMOIONICA Un altro metodo diretto per la trasformazione dell energia termica in elettrica è la conversione termoionica. In questo caso si sfrutta l effetto Seebeck secondo il quale un catodo riscaldato emette elettroni che vengono violentemente attratti da un anodo; da qui la corrente passa attraverso un carico resistivo e ritorna al catodo. Tutte le considerazione energetiche valide per i sistemi termoelettrici lo sono anche per quelli termoionici; in questo secondo caso vi è inoltre un problema di durata dovuto al consumo di anodo e catodo I SISTEMI INDIRETTI- IL CICLO RANKINE Tutti i sistemi indiretti si basano su cicli termodinamici e possiedono l enorme vantaggio di essere miniaturizzati (alcune turbine hanno un diametro inferiore a 1 cm). I cicli termodinamici possono essere a vapore (Rankine) o a gas (Joule e Stirling); un ulteriore classificazione può essere effettuata in funzione del tipo di movimento dei pezzi meccanici: macchine rotative (Rankine e Joule) e macchine volumetriche (Stearling). T liquido 2 3 T c gas 4 4 vapore Il ciclo Rankine (fig.11) si basa sulla trasformazione di fase liquido-vapore di un fluido posto in un sistema Figura 111: ciclo Rankine. S

23 Si effettuano una serie di trasformazioni che sfruttano le proprietà fisiche del fluido usato nel circuito per ottenere una conversione tra energia termica ed elettrica. Dal grafico si evidenziano i seguenti passaggi: 1-2 aumento di pressione 2-3 isobara, aumento di temperatura 3-4 isotermobarica 4-5 espansione in turbina con diminuzione di P e T 5-1 condensazione; P e T costanti Oppure 4-4 isobara; aumento di T 4-5 espansione in turbina 5-5 isobara 5-1 condensazione; P e T costanti. Il circuito si basa su una pompa che comprime il fluido e lo spinge nello scambiatore di calore; qui gli viene fornita l energia necessaria per scaldarsi attraverso una trasformazione isobara. Una volta ottenuto il vapore, questo si espande facendo girare una turbina e termina il suo ciclo all interno di un altro scambiatore di calore che lo condensa. Il rendimento del ciclo Rankine è funzione del tipo di curva limite del fluido e della posizione del suo punto critico rispetto alla temperatura massima che si ha a disposizione. Nel caso di un cuore artificiale il pozzo caldo è a 550 C mentre quello freddo è fissato alla temperatura corporea di 37 C. Usare liquidi con una temperatura critica troppo distante da quella della sorgente calda farebbe diminuire eccessivamente il rendimento dal momento che il ciclo non sfrutterebbe tutta l energia a disposizione. Elementi come l acqua vanno scartati per questo tipo di applicazione dal momento che T c si attesta a 374 C; si preferiscono i fluidi come gli alcalini e il mercurio, anche se il loro costo è elevato e la loro tossicità richiede una buona schermatura. Nella determinazione del η di questo ciclo intervengono poi altre considerazioni riguardanti il rendimento massimo teorico (Carnot) e la pressione di condensazione. In linea di principio, la miglior resa ottenibile è del 62% se si considera costante il ΔT durante il ciclo. Ciò non avviene nel caso di Rankine dove la distanza tra T f e T c varia durante le trasformazioni: l obbiettivo è quello di massimizzare la parte di trasformazione che sottende la curva limite in modo da approssimare al meglio il rendimento di Carnot. Un altro problema, che riguarda maggiormente il mercurio, è rappresentato dal fatto che durante la condensazione, una volta fissata la temperatura (37 C), risulta determinata anche la pressione di lavoro (trasformazione isotermobarica). Nel caso del Hg a 40 C la pressione è pari ad

24 un millesimo di quella atmosferica e questo minaccia il fallimento strutturale dell intero dispositivo oltre che richiedere una serie di pompe e dei booster per lavorare a pressioni cosi basse. È da far notare che esistono due strade da percorre durante un ciclo Rankine: una prevede una fine di espansione con una miscela vapore-fluido, mentre l altra richiede un ulteriore postriscaldamento con una terminazione di espansione con solo vapore. Nell applicazione di questo ciclo per cuori artificiali, la turbina ha un diametro di circa 1 cm e le palette potrebbero essere erose dall urto violento con particelle di fluido che si trovano eventualmente immerse nel vapore durante l espansione. Per ovviare a questo inconveniente o si procede al post-riscaldamento (4-4 ) oppure si usano fluidi che hanno una curva limite inclinata in modo da essere sicuri che dopo l espansione esso si trovi ancora in uno stato di solo vapore e a temperatura maggiore di quella del pozzo freddo, senza la necessità di una postcombusione. Proprio per quest ultimo motivo si rende possibile anche la rigenerazione mediante uno scambio di calore tra il vapore direttamente in uscita dalla turbina ed il liquido in entrata nello scambiatore di pressione. In altri casi non sarebbe possibile rigenerare a causa della difficoltà di effettuare uno spillamento da una turbina miniaturizzata mediante dei capillari che genererebbero dell eccessive resistenze. Fluidi che hanno la curva limite inclinata sono generalmente quelli organici come l esafluorobenzene e l ottofluorociclobutano che hanno però il difetto di degradarsi nel tempo variando le loro caratteristiche fisiche. Un ultima problematica riguarda l influenza della forza di gravità sull intero sistema ed in particolare sul condensatore nel quale le gocce di liquido potrebbero trovarsi in posizione non ideale al funzionamento della macchina nel momento in cui il paziente si venga a trovare per un certo lasso di tempo a testa in giù. Per aggirare questa limitazione si sono progettati dei sistemi, chiamati P P 550 C Topper Hg condensatore Combustore ciclo H 2 O Bottomer H 2 O condensatore 37 C Figura 112: cicli Rakine combinati jet condenser, nei quali si condensa il vapore mediante l immissione in pressione di un flusso di liquido freddo che trascina con se le particelle aeriformi. La condensazione avviene ad una temperatura superiore ai 37 C e perciò necessita di un pozzo caldo a temperatura più elevata dei 550 C, per evitare una diminuzione di rendimento. Si sta studiando di accoppiare una macchina a ciclo Rankine con una termocoppia oppure con un altra macchina Rankine con liquidi diversi in modo da innalzare il rendimento η*=η 1 +η 2 +η 1 η 2. Nel primo caso si pensa di utilizzare come sistema topper la termocoppia e come bottomer un ciclo a vapore con acqua. Nel secondo caso (fig. 12) una macchina può utilizzare un ciclo di fase a vapore con del mercurio,

CENTRALI TERMOELETTRICHE

CENTRALI TERMOELETTRICHE CENTRALI TERMOELETTRICHE Le centrali termoelettriche sono impianti che utilizzano l energia chimica dei combustibili per trasformarla in energia elettrica. Nelle centrali termoelettriche la produzione

Dettagli

14.4 Pompe centrifughe

14.4 Pompe centrifughe 14.4 Pompe centrifughe Le pompe centrifughe sono molto diffuse in quanto offrono una notevole resistenza all usura, elevato numero di giri e quindi facile accoppiamento diretto con i motori elettrici,

Dettagli

Classificazione delle pompe. Pompe cinetiche centrifughe ed assiali. Pompe cinetiche. Generalità POMPE CINETICHE CLASSIFICAZIONE

Classificazione delle pompe. Pompe cinetiche centrifughe ed assiali. Pompe cinetiche. Generalità POMPE CINETICHE CLASSIFICAZIONE Pompe cinetiche centrifughe ed assiali Prof.ssa Silvia Recchia Classificazione delle pompe In base al diverso modo di operare la trasmissione di energia al liquido le pompe si suddividono in: POMPE CINETICHE

Dettagli

Ventilatori. Generalità e classificazione VENTILATORI. Apparecchi per il trasporto degli aeriformi (pneumofore) e pompe da vuoto

Ventilatori. Generalità e classificazione VENTILATORI. Apparecchi per il trasporto degli aeriformi (pneumofore) e pompe da vuoto Generalità e classificazione Apparecchi per il trasporto degli aeriformi (pneumofore) e pompe da vuoto MACCHINE PNEUMOFORE BASSE P applicano energia cinetica Elicoidali In base al moto dell aria Centrifughi

Dettagli

Pompe di circolazione per gli impianti di riscaldamento

Pompe di circolazione per gli impianti di riscaldamento Corso di IMPIANTI TECNICI per l EDILIZIAl Pompe di circolazione per gli impianti di riscaldamento Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D AnnunzioD Annunzio Pescara www.lft.unich.it Pompe

Dettagli

Ciclo Rankine. Macchina tipica di un ciclo a vapore

Ciclo Rankine. Macchina tipica di un ciclo a vapore di Piraccini Davide OBBIETTIVI : Inserire un impianto ORC (Organic Rankine Cycle) nel ciclo di bassa pressione della centrale Enel di Porto Corsini e studiare la convenienza tramite il confronto dei rendimenti

Dettagli

Classificazione delle pompe. Pompe rotative volumetriche POMPE ROTATIVE. POMPE VOLUMETRICHE si dividono in... VOLUMETRICHE

Classificazione delle pompe. Pompe rotative volumetriche POMPE ROTATIVE. POMPE VOLUMETRICHE si dividono in... VOLUMETRICHE Classificazione delle pompe Pompe rotative volumetriche POMPE VOLUMETRICHE si dividono in... POMPE ROTATIVE VOLUMETRICHE Pompe rotative volumetriche Principio di funzionamento Le pompe rotative sono caratterizzate

Dettagli

A. Maggiore Appunti dalle lezioni di Meccanica Tecnica

A. Maggiore Appunti dalle lezioni di Meccanica Tecnica Il giunto idraulico Fra i dispositivi che consentono di trasmettere potenza nel moto rotatorio, con la possibilità di variare la velocità relativa fra movente e cedente, grande importanza ha il giunto

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE. Macchine operatrici idrauliche

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE. Macchine operatrici idrauliche UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE Macchine operatrici idrauliche Prevalenza Si definisce prevalenza manometrica (H m ) di una pompa l'energia di pressione per unità di peso che

Dettagli

Capitolo 1 INTRODUZIONE. Capitolo 1

Capitolo 1 INTRODUZIONE. Capitolo 1 Capitolo 1 INTRODUZIONE Alcune patologie cardiache, congenite o acquisite, come valvulopatie, occlusioni coronariche o malformazioni, per essere risolte necessitano di un intervento chirurgico. Per poter

Dettagli

Impianto Pneumatico. Capitolo 6 - 6.1 -

Impianto Pneumatico. Capitolo 6 - 6.1 - Capitolo 6 Impianto Pneumatico - 6.1 - 6.1 Introduzione In diversi casi è conveniente sfruttare energia proveniente da aria compressa; questo è soprattutto vero quando il velivolo possiede dei motori a

Dettagli

Attuatori Pneumatici

Attuatori Pneumatici Gli attuatori pneumatici sono organi che compiono un lavoro meccanico usando come vettore di energia l aria compressa con indubbi vantaggi in termini di pulizia, antideflagranza, innocuità e insensibilità

Dettagli

Le pompe (Febbraio 2009)

Le pompe (Febbraio 2009) Le pompe (Febbraio 2009) Sommario Premessa 2 Classificazione e campi d impiego delle pompe 3 Prevalenza della pompa 4 Portata della pompa 6 Potenza della pompa 6 Cavitazione 6 Perdite di carico 6 Curve

Dettagli

Introduzione alle Macchine Operatrici (macchine a fluido) IV A IPS M.CARRARA

Introduzione alle Macchine Operatrici (macchine a fluido) IV A IPS M.CARRARA Introduzione alle Macchine Operatrici (macchine a fluido) IV A IPS M.CARRARA Macchine Operatrici Nel presente modulo si vogliono fornire cenni circa le principali macchine operatrici impiegate negli impianti

Dettagli

SISTEMA DI POMPAGGIO (introduzione)

SISTEMA DI POMPAGGIO (introduzione) SISTEMA DI POMPAGGIO (introduzione) Si utilizzano le pompe, per il sollevamento dell acqua dai pozzi e per inviarla ai serbatoi o inviarla ad una rete di distribuzione e comunque per trasferire l acqua

Dettagli

MOTORI ENDOTERMICI di Ezio Fornero

MOTORI ENDOTERMICI di Ezio Fornero MOTORI ENDOTERMICI di Ezio Fornero Nei motori endotermici (m.e.t.) l energia termica è prodotta mediante combustione di sostanze liquide o gassose, generalmente dette carburanti. Si tratta di motori a

Dettagli

GRANDEZZE FISICHE. Prof.ssa Paravizzini M.R.

GRANDEZZE FISICHE. Prof.ssa Paravizzini M.R. GRANDEZZE FISICHE Prof.ssa Paravizzini M.R. PROPRIETA DEL CORPO SOGGETTIVE OGGETTIVE PR.SOGGETTIVE: gusto, bellezza, freschezza, forma MISURABILI PR. OGGETTIVE: massa, temperatura, diametro, ecc.. Le misure

Dettagli

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 SISTEMA CIRCOLATORIO Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2, sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 e cataboliti, per mantenere costante la composizione del liquido

Dettagli

Compressori volumetrici a) Compressori alternativi

Compressori volumetrici a) Compressori alternativi Compressori volumetrici a) Compressori alternativi Il parametro fondamentale per la valutazione di un compressore alternativo è l efficienza volumetrica: η v = (Portata volumetrica effettiva) / (Volume

Dettagli

Prima di analizzare i sistemi di compressione

Prima di analizzare i sistemi di compressione AO automazioneoggi appunti Un aria produttiva appunti L aria compressa è utilizzata in svariate applicazioni ma deve avere caratteristiche operative differenti a seconda della tipologia di impiego: ecco

Dettagli

Il cuore è un organo muscolare situato nella cavità toracica, sotto lo sterno e spostato leggermente a sinistra; esso ha la funzione di far circolare

Il cuore è un organo muscolare situato nella cavità toracica, sotto lo sterno e spostato leggermente a sinistra; esso ha la funzione di far circolare Il cuore è un organo muscolare situato nella cavità toracica, sotto lo sterno e spostato leggermente a sinistra; esso ha la funzione di far circolare il sangue nell organismo per apportare ossigeno e nutrimento

Dettagli

Corrente elettrica. Esempio LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA. Cos è la corrente elettrica? Definizione di intensità di corrente elettrica

Corrente elettrica. Esempio LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA. Cos è la corrente elettrica? Definizione di intensità di corrente elettrica Corrente elettrica LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Cos è la corrente elettrica? La corrente elettrica è un flusso di elettroni che si spostano dentro un conduttore dal polo negativo verso il polo positivo

Dettagli

Impianti di sollevamento

Impianti di sollevamento Idraulica Agraria. a.a. 2008-2009 Impianti di sollevamento Idraulica Agraria-prof. A. Capra 1 Impianto di sollevamento Nel campo gravitazionale, per effetto del dislivello piezometrico esistente tra due

Dettagli

La manutenzione per ridurre i costi dell aria compressa ed incrementare l efficienza degli impianti

La manutenzione per ridurre i costi dell aria compressa ed incrementare l efficienza degli impianti Maintenance Stories Fatti di Manutenzione Kilometro Rosso - Bergamo 13 novembre 2013 La manutenzione per ridurre i costi dell aria compressa ed incrementare l efficienza degli impianti Guido Belforte Politecnico

Dettagli

Esercizi non risolti

Esercizi non risolti Esercizi non risolti 69 Turbina idraulica (Pelton) Effettuare il dimensionamento di massima di una turbina idraulica con caduta netta di 764 m, portata di 2.9 m 3 /s e frequenza di rete 60 Hz. Turbina

Dettagli

HQ03. pompa singola a palette tipo. 20 a 23 gpm) a 1000 rpm e 7 bar.

HQ03. pompa singola a palette tipo. 20 a 23 gpm) a 1000 rpm e 7 bar. HQ3 Descrizione generale Pompa a palette a cilindrata fissa, idraulicamente bilanciata, con portata determinata dal tipo di cartuccia utilizzato e dalla velocità di rotazione. La pompa è disponibile in

Dettagli

a) L altezza del palazzo; b) Di quanti gradi salirà la temperatura della palla dopo l impatto.

a) L altezza del palazzo; b) Di quanti gradi salirà la temperatura della palla dopo l impatto. A_1)Una rana sta poggiata su una foglia di ninfea trasportata dalla corrente ad una velocità di 15 cm/s, ad un certo punto compie un balzo nella stessa direzione della corrente, con un angolo di 30 rispetto

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI RISCALDAMENTO AD ACQUA: GENERALITÀ E COMPONENTI Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com

Dettagli

PRODUZIONE, DISTRIBUZIONE E TRATTAMENTO ARIA COMPRESSA

PRODUZIONE, DISTRIBUZIONE E TRATTAMENTO ARIA COMPRESSA PRODUZIONE, DISTRIBUZIONE E TRATTAMENTO ARIA COMPRESSA Comando pneumatico: è costituito da un insieme di tubazioni e valvole, percorse da aria compressa, che collegano una centrale di compressione ad una

Dettagli

Sistemi ed impianti industriali

Sistemi ed impianti industriali I sistemi impiantistici industriali che presentano i maggiori margini di miglioramento in termini di risparmio ed efficienza energetica energetico sono tipicamente: - i motori elettrici - le reti di aria

Dettagli

6.2 Pompe volumetriche

6.2 Pompe volumetriche 6.2 Pompe volumetriche Le pompe volumetriche sfruttano gli stessi principi di funzionamento degli omonimi compressori, in questo caso però il fluido di lavoro è di tipo incomprimibile. Si distinguono in

Dettagli

Impianti motori termici

Impianti motori termici Impianti motori termici Classificazione: impianto motore termico con turbina a vapore il fluido evolvente nell impianto è acqua in diversi stati di aggregazione impianto motore termico con turbina a gas

Dettagli

FONTI PRO CONTRO. Produce un'energia doppia rispetto al legno. Ha un elevato potere energetico ed è la principale fonte di energia utilizzata

FONTI PRO CONTRO. Produce un'energia doppia rispetto al legno. Ha un elevato potere energetico ed è la principale fonte di energia utilizzata ENERGIA RINNOVABILE (fonti alternative energie pulite green energy) Si definisce energia rinnovabile "una qualsiasi fonte energetica che si rigenera almeno alla stessa velocità con cui si utilizza". In

Dettagli

Capitolo 17 - Argomenti vari

Capitolo 17 - Argomenti vari Appunti di Fisica Tecnica Capitolo 7 - Argomenti vari Ugelli e diffusori... Turbine... Parti principali... Turbine idrauliche (lettura)...3 Turbine a gas (lettura)...3 Turbine a vapore (lettura)...3 Impianti

Dettagli

IL CARBURATORE: I SISTEMI SUPPLEMENTARI

IL CARBURATORE: I SISTEMI SUPPLEMENTARI IL CARBURATORE: I SISTEMI SUPPLEMENTARI Dalla pompa d accelerazione al getto di potenza: le particolari configurazioni di alcuni circuiti che equipaggiano taluni modelli di carburatore. Il sistema di avviamento.

Dettagli

29 Circuiti oleodinamici fondamentali

29 Circuiti oleodinamici fondamentali 29 Circuiti oleodinamici fondamentali Fig. 1. Circuito oleodinamico: (1) motore elettrico; (2) pompa; (3) serbatoio; (4) filtro; (5) tubazione di mandata; (6) distributore; (7) cilindro; (8) tubazione

Dettagli

8. Realizzazione di prototipi di endoscopi

8. Realizzazione di prototipi di endoscopi 8. Realizzazione di prototipi di endoscopi 8.1 Introduzione In parallelo al lavoro di analisi e sintesi riportato nel capitolo 6, sono stati realizzati vari prototipi per verificare la fattibilità pratica

Dettagli

Il ruolo della fluidodinamica computazionale nella progettazione

Il ruolo della fluidodinamica computazionale nella progettazione w h i t e p a p e r Il ruolo della fluidodinamica computazionale nella progettazione Prefazione Questo paper descrive due dissipatori di calore, un presidio medicale di aspirazione, un forno da cucina

Dettagli

LEGGE DI STEVIN (EQUAZIONE FONDAMENTALE DELLA STATICA DEI FLUIDI PESANTI INCOMPRIMIBILI) z + p / γ = costante

LEGGE DI STEVIN (EQUAZIONE FONDAMENTALE DELLA STATICA DEI FLUIDI PESANTI INCOMPRIMIBILI) z + p / γ = costante IDRAULICA LEGGE DI STEVIN (EQUAZIONE FONDAMENTALE DELLA STATICA DEI FLUIDI PESANTI INCOMPRIMIBILI) z + p / γ = costante 2 LEGGE DI STEVIN Z = ALTEZZA GEODETICA ENERGIA POTENZIALE PER UNITA DI PESO p /

Dettagli

I FENOMENI TERMICI. I fenomeni termici Fisica Medica Lauree triennali nelle Professioni Sanitarie. P.Montagna ott-07. pag.1

I FENOMENI TERMICI. I fenomeni termici Fisica Medica Lauree triennali nelle Professioni Sanitarie. P.Montagna ott-07. pag.1 I FENOMENI TERMICI Temperatura Calore Trasformazioni termodinamiche Gas perfetti Temperatura assoluta Gas reali Principi della Termodinamica Trasmissione del calore Termoregolazione del corpo umano pag.1

Dettagli

Lezione IX - 19/03/2003 ora 8:30-10:30 - Ciclo di Carnot, Otto, Diesel - Originale di Spinosa Alessandro.

Lezione IX - 19/03/2003 ora 8:30-10:30 - Ciclo di Carnot, Otto, Diesel - Originale di Spinosa Alessandro. Lezione IX - 9/03/003 ora 8:30-0:30 - Ciclo di Carnot, Otto, Diesel - Originale di Spinosa Alessandro. Ciclo di Carnot Si consideri una macchina termica semplice che compie trasformazioni reversibili,

Dettagli

I.I.S. Giulio Natta Istituto di Istruzione Superiore Tecnico per la meccanica e le materie plastiche Liceo delle Scienze Applicate

I.I.S. Giulio Natta Istituto di Istruzione Superiore Tecnico per la meccanica e le materie plastiche Liceo delle Scienze Applicate I.I.S. Giulio Natta Istituto di Istruzione Superiore Tecnico per la meccanica e le materie plastiche Liceo delle Scienze Applicate Impianti Materie Plastiche Modulo 2 Alimentazione Contenuti 1. Premessa

Dettagli

L APPARATO CARDIO-CIRCOLATORIO

L APPARATO CARDIO-CIRCOLATORIO L APPARATO CARDIO-CIRCOLATORIO L' APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO è un sistema complesso costituito dal cuore e da una serie di condotti, i vasi sanguigni dentro i quali scorre il sangue. Il modo più semplice

Dettagli

La luce proveniente dalla parte immersa dell asticciola viene parzialmente riflessa dalla superficie dell acqua.

La luce proveniente dalla parte immersa dell asticciola viene parzialmente riflessa dalla superficie dell acqua. QUESITO 1 Il grafico rappresenta l andamento della velocità di una palla al passare del tempo. Dalle tre situazioni seguenti quali possono essere state rappresentate nel grafico? I- La palla rotola giù

Dettagli

LEZIONE 2. a cura di Simone Laprovitera e-mail: slaprovitera@trevispa.com tel.: 340.46.87.850

LEZIONE 2. a cura di Simone Laprovitera e-mail: slaprovitera@trevispa.com tel.: 340.46.87.850 LEZIONE 2 Aspetti impiantistici di un sistema geotermico integrato a pompa di calore. Principio di funzionamento delle pompe di calore geotermiche. Esempi di schemi funzionali di centrale. a cura di Simone

Dettagli

Turbine idrauliche 1/8. Classificazione

Turbine idrauliche 1/8. Classificazione Classificazione Turbine idrauliche 1/8 Una turbina è una macchina che estrae energia da un fluido in possesso di un carico idraulico sufficientemente elevato. Tale carico (o caduta) è generato dal dislivello

Dettagli

Filobus con marcia autonoma semplificata

Filobus con marcia autonoma semplificata Organizzato da Area Tematica - 2 (Veicolo) Filobus con marcia autonoma semplificata Autore: Menolotto Flavio Ente di Appartenenza: distribuzione energia elettrica Contatti: Tel. 0322 259715 Cell. 328 2154994

Dettagli

MACCHINE DA TINTURA VERTICALI MODELLO GS

MACCHINE DA TINTURA VERTICALI MODELLO GS MACCHINE DA TINTURA VERTICALI MODELLO GS Queste macchine verticali di tintura ad alta temperatura e pressione sono il risultato di una costante e continua ricerca di miglioramenti, lavorando in stretto

Dettagli

Le macchine termiche e il secondo principio della termodinamica

Le macchine termiche e il secondo principio della termodinamica Le macchine termiche e il secondo principio della termodinamica ) Definizione di macchina termica È sperimentalmente verificato che nel rispetto del primo principio della termodinamica (ovvero della conservazione

Dettagli

CAPITOLO 9 COGENERAZIONE

CAPITOLO 9 COGENERAZIONE CAITOLO 9 COGENERAZIONE 9.1. Introduzione er cogenerazione si intende la produzione combinata di elettricità e di calore, entrambi intesi come effetti utili. Essa trova ampio spazio sia in ambito civile

Dettagli

MACCHINE IDRAULICHE Le macchine idrauliche si suddividono in. ELEMENTI DI IDRODINAMICA (3 a PARTE)

MACCHINE IDRAULICHE Le macchine idrauliche si suddividono in. ELEMENTI DI IDRODINAMICA (3 a PARTE) ELEMENTI DI IDRODINAMICA (3 a PARTE) PERDITE DI CARICO NEI TUBI Le tubature comunemente utilizzate in impiantistica sono a sezione circolare e costante, con conseguente velocità del liquido uniforme e

Dettagli

APPLICAZIONI MEDICHE DEL MOTO DEI FLUIDI

APPLICAZIONI MEDICHE DEL MOTO DEI FLUIDI APPLICAZIONI MEDICHE DEL MOTO DEI FLUIDI Il sistema circolatorio Stenosi e aneurisma Fleboclisi, trasfusioni Prelievi di sangue, iniezioni Misurazione della pressione arteriosa Effetti fisiologici della

Dettagli

Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie. Corso di Meccanica e. Meccanizzazione Agricola

Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie. Corso di Meccanica e. Meccanizzazione Agricola Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie Corso di Meccanica e Meccanizzazione Agricola Prof. S. Pascuzzi 1 Motori endotermici 2 Il motore endotermico L energia da legame chimico, posseduta dai combustibili

Dettagli

GLI EFFETTI DELL ESERCIZIO IN ACQUA. Le risposte fisiologiche dell immersione

GLI EFFETTI DELL ESERCIZIO IN ACQUA. Le risposte fisiologiche dell immersione GLI EFFETTI DELL ESERCIZIO IN ACQUA Le risposte fisiologiche dell immersione L acqua È importante che chi si occupa dell attività in acqua sappia che cosa essa provoca nell organismo EFFETTI DELL IMMERSIONE

Dettagli

Motori 4 tempi a ciclo Otto

Motori 4 tempi a ciclo Otto Motori 4 tempi a ciclo Otto 1. Premessa I motori automobilistici più comuni sono del tipo a combustione interna quattro tempi e appartengono a due grandi famiglie, a seconda del tipo di combustibile impiegato

Dettagli

Applicazioni del secondo principio. ovvero. Macchine a vapore a combustione esterna: Macchine a vapore a combustione interna: Ciclo Otto, ciclo Diesel

Applicazioni del secondo principio. ovvero. Macchine a vapore a combustione esterna: Macchine a vapore a combustione interna: Ciclo Otto, ciclo Diesel Termodinamica Applicazioni del secondo principio ovvero Macchine a vapore a combustione esterna: macchina di Newcomen e macchina di Watt Macchine a vapore a combustione interna: Ciclo Otto, ciclo Diesel

Dettagli

Il motore asincrono (4 parte): avviamento, funzionamento da generatore. Lucia FROSINI

Il motore asincrono (4 parte): avviamento, funzionamento da generatore. Lucia FROSINI Il motore asincrono (4 parte): avviamento, funzionamento da generatore Lucia FROSINI Dipartimento di Ingegneria Industriale e dell Informazione Università di Pavia E-mail: lucia@unipv.it 1 Avviamento del

Dettagli

Intensificatori ad alta pressione Cilindri idraulici

Intensificatori ad alta pressione Cilindri idraulici Intensificatori ad alta pressione Cilindri idraulici Increase your fluid power INTENSIFICTORI DI PRESSIONE Gli intensificatori di pressione sono stati progettati per raggiungere con affidabilità una pressione

Dettagli

Motori commerciali Tra le varie applicazioni del motore Stirling, esistono anche motori commerciali, realizzati e testati in laboratorio. Tra questi possiamo illustrarne alcuni: Stirling Power System V160

Dettagli

IL DIFFUSORE ED IL CONTROLLO DELLA PORTATA D ARIA

IL DIFFUSORE ED IL CONTROLLO DELLA PORTATA D ARIA IL DIFFUSORE ED IL CONTROLLO DELLA PORTATA D ARIA Entriamo nel dettaglio del funzionamento del carburatore motociclistico ed esaminiamo i legami tra le grandezze che regolano l erogazione del combustibile.

Dettagli

POMPE DI CALORE. Introduzione

POMPE DI CALORE. Introduzione POMPE DI CALORE Introduzione In impianto tradizionale di riscaldamento si utilizza il potere calorifico di un combustibile (gasolio, metano, legno, carbone, ecc.) per riscaldare a bassa temperatura dei

Dettagli

1.1 Apparato circolatorio 1.1.1 CUORE

1.1 Apparato circolatorio 1.1.1 CUORE 1.1 Apparato circolatorio L apparato cardiocircolatorio è assimilabile ad un circuito idraulico, in cui la pompa è il cuore, arterie e vene sono le condutture ed il liquido circolante è il sangue. La circolazione

Dettagli

MOVIMENTO DI GAS (ARIA)

MOVIMENTO DI GAS (ARIA) BONIFICA ACUSTICA: MOVIMENTO DI GAS (ARIA) Affrontiamo questo problema inizialmente esaminando un impianto RCV (raffreddamento, condizionamento, ventilazione) La generazione del rumore Le cause della rumorosità

Dettagli

Le centrali idroelettriche

Le centrali idroelettriche Le centrali idroelettriche 1 Una centrale idroelettrica può definirsi una macchina in grado di trasformare l'energia potenziale dell'acqua, legata al fatto che l'acqua si trova ad un livello superiore

Dettagli

Formulario di Fisica Tecnica Matteo Guarnerio 1

Formulario di Fisica Tecnica Matteo Guarnerio 1 Formulario di Fisica Tecnica Matteo Guarnerio 1 CONVENZIONI DI NOTAZIONE Calore scambiato da 1 a 2. Calore entrante o di sorgente. Calore uscente o ceduto al pozzo. CONVERSIONI UNITÀ DI MISURA PIÙ FREQUENTI

Dettagli

Rendimento globale: Assegnati combustibile. rapporto

Rendimento globale: Assegnati combustibile. rapporto Esoreattore (turbogetti o ramjets) Spinta: Velocità efficace: Resistenza ram Spinta del getto: Spinta netta (condizioni adattamento: ): Impulso specifico all aria: Consumo specifico di combustibile (TSFC):

Dettagli

SISTEMI ELETTRICI PER LA PRODUZIONE DI CALORE:

SISTEMI ELETTRICI PER LA PRODUZIONE DI CALORE: SISTEMI ELETTRICI PER LA PRODUZIONE DI CALORE: VALUTAZIONI TECNICO-ECONOMICHE TRA POMPE DI CALORE E GENERATORI DI CALORE I CICLI Cicli diretti = cicli termodinamici che riguardano i motori forniscono lavoro

Dettagli

Esercizi sui Compressori e Ventilatori

Esercizi sui Compressori e Ventilatori Esercizi sui Compressori e Ventilatori 27 COMPRESSORE VOLUMETRICO (Appello del 08.06.1998, esercizio N 2) Testo Un compressore alternativo monocilindrico di cilindrata V c = 100 cm 3 e volume nocivo V

Dettagli

Indice. XI Prefazione

Indice. XI Prefazione Indice XI Prefazione 3 Capitolo 1 Introduzione alle macchine a fluido e ai sistemi energetici 3 1.1 Introduzione storica 9 1.2 Fonti di energia 19 1.3 Macchine a fluido e sistemi energetici 25 Capitolo

Dettagli

Azionamenti elettronici PWM

Azionamenti elettronici PWM Capitolo 5 Azionamenti elettronici PWM 5.1 Azionamenti elettronici di potenza I motori in corrente continua vengono tipicamente utilizzati per imporre al carico dei cicli di lavoro, nei quali può essere

Dettagli

Macchinari ausiliari per il funzionamento di un condensatore

Macchinari ausiliari per il funzionamento di un condensatore Approfondimento Macchinari ausiliari per il funzionamento di un Riteniamo utile una breve analisi dei macchinari ausiliari necessari per il corretto funzionamento del, e delle loro principali caratteristiche

Dettagli

SCIENZE. Il Sistema Circolatorio. Chi sono? il testo:

SCIENZE. Il Sistema Circolatorio. Chi sono? il testo: 01 Chi sono? Uno è piccolo come una mosca, l altro è grande come un giocatore di basket, ma in tutti gli esseri viventi il cibo che essi mangiano (assorbono) e l aria (ossigeno) che respirano devono andare

Dettagli

menoenergia MIGLIORAMENTO DELL EFFICIENZA ENERGETICA NELLE PISCINE

menoenergia MIGLIORAMENTO DELL EFFICIENZA ENERGETICA NELLE PISCINE menoenergia MIGLIORAMENTO DELL EFFICIENZA ENERGETICA NELLE PISCINE Principio di funzionamento Nelle piscine medio grandi, la normativa prevede una ricambio giornaliero dell acqua totale delle vasche, nella

Dettagli

9. TRASFORMAZIONI TERMODINAMICHE E CICLI REALI

9. TRASFORMAZIONI TERMODINAMICHE E CICLI REALI 9. TRASFORMAZIONI TERMODINAMICHE E CICLI REALI 9. Introduzione I processi termodinamici che vengono realizzati nella pratica devono consentire la realizzazione di uno scambio di energia termica o di energia

Dettagli

Fisica per scienze ed ingegneria

Fisica per scienze ed ingegneria Serway, Jewett Fisica per scienze ed ingegneria Capitolo 22 Il primo principio della termodinamica non è altro che una affermazione del principio di conservazione dell energia. Ci dice che se un sistema

Dettagli

Tali fluidi, utilizzati in prossimità del punto di produzione, o trasportati a distanza, possono essere utilizzati per diversi impieghi:

Tali fluidi, utilizzati in prossimità del punto di produzione, o trasportati a distanza, possono essere utilizzati per diversi impieghi: LA COGENERAZIONE TERMICA ED ELETTRICA 1. Introduzione 2. Turbine a Gas 3. Turbine a vapore a ciclo combinato 4. Motori alternativi 5. Confronto tra le diverse soluzioni 6. Benefici ambientali 7. Vantaggi

Dettagli

Si classifica come una grandezza intensiva

Si classifica come una grandezza intensiva CAP 13: MISURE DI TEMPERATURA La temperatura È osservata attraverso gli effetti che provoca nelle sostanze e negli oggetti Si classifica come una grandezza intensiva Può essere considerata una stima del

Dettagli

SISTEMA DI ATTUAZIONE DEI GIUNTI

SISTEMA DI ATTUAZIONE DEI GIUNTI SISTEMA DI ATTUAZIONE DEI GIUNTI Organi di trasmissione Moto dei giunti basse velocità elevate coppie Ruote dentate variano l asse di rotazione e/o traslano il punto di applicazione denti a sezione larga

Dettagli

UNI 10531 Ventilatori Industriali: Metodi di prova e di accettazione

UNI 10531 Ventilatori Industriali: Metodi di prova e di accettazione CORSO DI SPERIMENTAZIONE E PROVE SULLE MACCHINE Docente Prof. L. Postrioti UNI 10531 Ventilatori Industriali: Metodi di prova e di accettazione 1- Generalità La Norma descrive le procedure di prova delle

Dettagli

2.2.3 Comportamento degli organi che trasformano l energia meccanica 32 2.2.3.1 Effetti inerziali 32 2.2.3.2 Effetto della rigidezza e dello

2.2.3 Comportamento degli organi che trasformano l energia meccanica 32 2.2.3.1 Effetti inerziali 32 2.2.3.2 Effetto della rigidezza e dello Indice Prefazione IX 1. Un nuovo approccio alla progettazione e costruzione di macchine 1 1.1 Sistemi tecnici nella costruzione di macchine: esempi 1 1.2 Concetti essenziali del nuovo approccio alla progettazione

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE Fondo Sociale Europeo "Competenze per lo Sviluppo" Obiettivo C-Azione C1: Dall esperienza alla legge: la Fisica in Laboratorio La corrente elettrica Sommario 1) Corrente elettrica

Dettagli

Sistemi VRF/VRV L evoluzione più recente

Sistemi VRF/VRV L evoluzione più recente FEBBRAIO 2012 IMPIANTI CLIMA Il media digitale per l HVAC Numero 02 Microcogenerazione domestica UTA o autonomi Roof Top Sistemi VRF/VRV L evoluzione più recente Compressori a confronto Microcogenerazione

Dettagli

Come funziona una centrale a ciclo combinato? Aggiungere l immagine sotto e fare un mix dei due testi di spiegazione del funzionamento

Come funziona una centrale a ciclo combinato? Aggiungere l immagine sotto e fare un mix dei due testi di spiegazione del funzionamento LA TECNOLOGIA DEL CICLO COMBINATO A GAS NATURALE La maggiore quantità di energia elettrica generata da Edison è prodotta da 28 centrali termoelettriche. Edison sviluppa, progetta e costruisce interamente,

Dettagli

7. Uscita di Raffreddamento

7. Uscita di Raffreddamento 7. Uscita di Raffreddamento 7.1. L uscita di raffreddamento La figura 1 mostra due apparecchi molto simili. Si tratta di motori elettrici ai quali si possono allacciare diversi utensili. Uno trova ut i-

Dettagli

L uso delle pompe negli interventi di Protazione Civile

L uso delle pompe negli interventi di Protazione Civile 1 Pompe Le pompe, più propriamente chiamate macchine idrauliche operatrici, sono quei macchinari che, opportunamente azionati da motrici di diverso tipo, comunicano energia ad un fluido per sollevarlo

Dettagli

Temperatura. V(t) = Vo (1+at) Strumento di misura: termometro

Temperatura. V(t) = Vo (1+at) Strumento di misura: termometro I FENOMENI TERMICI Temperatura Calore Trasformazioni termodinamiche Gas perfetti Temperatura assoluta Gas reali Principi della Termodinamica Trasmissione del calore Termoregolazione del corpo umano Temperatura

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA

LA CORRENTE ELETTRICA L CORRENTE ELETTRIC H P h Prima che si raggiunga l equilibrio c è un intervallo di tempo dove il livello del fluido non è uguale. Il verso del movimento del fluido va dal vaso a livello maggiore () verso

Dettagli

Condensazione e premiscelazione con ARENA

Condensazione e premiscelazione con ARENA Condensazione e premiscelazione con ARENA La tecnologia imita la natura 2 PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO DELLA CONDENSAZIONE Nel loro processo di combustione (tabella 1) tutti i combustibili contenenti idrogeno

Dettagli

TurBinde. Energia, valore da gestire

TurBinde. Energia, valore da gestire TurBinde Guarrdarre all ffutturro,, anttiicciiparre ii ttempii.. Biillancciiando essiigenzze enerrgettiicche e rriisspetttto dellll ambiientte.. Cerrccando ssolluzziionii cche ottttiimiizzzziino ii rrendiimenttii..

Dettagli

L APPARATO CIRCOLATORIO

L APPARATO CIRCOLATORIO L APPARATO CIRCOLATORIO Tutte le cellule del nostro corpo hanno bisogno di sostanze nutritive e di ossigeno per svolgere le loro funzioni vitali. Così, esiste il sangue, un tessuto fluido che porta in

Dettagli

Prevenzione delle malattie cardiovascolari. Percorso per le classi quinte superiori

Prevenzione delle malattie cardiovascolari. Percorso per le classi quinte superiori Prevenzione delle malattie cardiovascolari Percorso per le classi quinte superiori Per cominciare qualche cenno di anatomia Il cuore Il cuore è un organo di tessuto muscolare striato, detto miocardio,

Dettagli

Definizione di sorgente di calore e di macchina termica

Definizione di sorgente di calore e di macchina termica 34 Unità Didattica N 19C I principi della ermodinamica Definizione di sorgente di calore e di macchina termica Sorgente di calore è un corpo ( o un sistema di corpi ) a temperatura costante che ha la proprietà

Dettagli

CAPITOLO 5 IDRAULICA

CAPITOLO 5 IDRAULICA CAPITOLO 5 IDRAULICA Cap. 5 1 FLUIDODINAMICA STUDIA I FLUIDI, IL LORO EQUILIBRIO E IL LORO MOVIMENTO FLUIDO CORPO MATERIALE CHE, A CAUSA DELLA ELEVATA MOBILITA' DELLE PARTICELLE CHE LO COMPONGONO, PUO'

Dettagli

LE CENTRALI ELETTRICHE

LE CENTRALI ELETTRICHE Le centrali elettriche sono impianti industriali utilizzati per la produzione di corrente elettrica L 8 marzo 1833 è una data storica per la produzione di corrente elettrica in Italia, perché a Milano

Dettagli

Attuatori oleodinamici

Attuatori oleodinamici Un sistema oleodinamico con regolazione di potenza utilizza come vettore di energia olio minerale, o sintetico, che in prima approssimazione può essere considerato incomprimibile. Un tale sistema comprende

Dettagli

Stagisti: Bottaini Federico, Konica Francesco Tutor aziendali: Calistri Cesare, Ferri Leonardo Tutor scolastico: Carosella Vincenzo

Stagisti: Bottaini Federico, Konica Francesco Tutor aziendali: Calistri Cesare, Ferri Leonardo Tutor scolastico: Carosella Vincenzo Stagisti: Bottaini Federico, Konica Francesco Tutor aziendali: Calistri Cesare, Ferri Leonardo Tutor scolastico: Carosella Vincenzo 1 Prefazione Lo scopo principale di queste cabine è quello di ottenere

Dettagli

Bruno Jannamorelli, traduzione ed edizione critica La potenza motrice del fuoco di Sadi Carnot, Cuen 1996, pp. 19 e 20. 2

Bruno Jannamorelli, traduzione ed edizione critica La potenza motrice del fuoco di Sadi Carnot, Cuen 1996, pp. 19 e 20. 2 LA LEZIONE Lo studio di una macchina termica ideale [ ] Si può paragonare molto bene la potenza motrice del calore a quella di una cascata d acqua: entrambe hanno un massimo che non si può superare, qualunque

Dettagli

Caldaie murali a condensazione FORMAT DEWY.ZIP

Caldaie murali a condensazione FORMAT DEWY.ZIP Caldaie murali a condensazione FORMAT DEWY.ZIP Caldaie murali FORMAT DEWY.ZIP La condensazione compatta Sime, da sempre al passo con i tempi nell innovazione di prodotto, è presente sul mercato con un

Dettagli

Corso di Laurea. Progetto di Impianti di Propulsione Navale. Università di Trieste

Corso di Laurea. Progetto di Impianti di Propulsione Navale. Università di Trieste Corso di Laurea Progetto di Impianti di Propulsione Navale Università di Trieste DESCRIZIONE E TIPI DI APPARATO MOTORE Apparato Motore. E definito apparato motore l insieme dei componenti atti a consentire

Dettagli