Il recupero naturalistico degli edifici

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il recupero naturalistico degli edifici"

Transcript

1 Il recupero naturalistico degli edifici Il recupero, la conservazione ed il restauro naturalistico di edifici e manufatti moderni, rurali e storici Bruno Bedonni (Lipu ) - Marco Preziosi (Ars et Natura - Wwf) Castello San Giorgio di Maccarese Venerdì 26 febbraio 2010

2 Di cosa parliamo Conservazione e restauro naturalistico Passeri Rondini, balestrucci e rondoni Le specie animali che coabitano con noi Osservare, conservare, rispettare, implementare Quali tipologie di nidi preferire Le tipologie degli edifici Chirotteri Dimensioni delle cavità idonee

3 La conservazione e il restauro naturalistico Risponde ad un esigenza che deriva da: 1. osservare: la consapevolezza che questa coabitazione già esiste e con reciproco vantaggio 2. la possibilità di ottenere buoni risultati con poco sforzo 3. la possibilità di aiutare delle specie in declino, in particolare specie simboliche: Passera d Italia Rondone e rondine

4 Passera d Italia Passer italiae Una specie apparentemente comune e ampiamente diffusa La diminuzione in Europa negli ultimi 10 anni, pur stimata, è sul 50%. Lo dice BirdLife International in seguito a studi europei In Italia lo confermano i monitoraggi in varie città Per la prima volta il passero è stato incluso nella lista delle specie di uccelli in declino. Similmente lo Storno La drastica diminuzione di una specie che da secoli vive a così stretto contatto con l uomo costituisce un segnale allarmante del forte degrado del nostro ambiente.

5 Rondone e rondine Un calo evidenziato dalle associazioni ambientaliste La rondine svolge un ruolo fondamentale in campagna nel controllo degli insetti. Nelle città e nei borghi il rondone, svolge un ruolo fondamentale nel controllo degli insetti. La minaccia principale per il rondone è costituita dall'ammodernamento dei tetti

6 Cosa vuol dire restauro naturalistico Attenersi ad alcune regole specifiche che favoriscano la conservazione e la creazione di siti riproduttivi all esterno ed all interno di edifici e manufatti A volte bastano semplici accorgimenti, ad esempio: Lasciare aperte cavità e fessure Accessi allo spazio sottostante le tegole Usare un tipo di intonaco ruvido piuttosto che liscio Utilizzare appositi mattoni-nido per creare cavità durevoli Importante è eseguire i lavori tra la fine dell estate e la fine dell inverno

7 Quali tipologie di nidi preferire È preferibile conservare le cavità esistenti o integrare siti di nidificazione artificiali all interno di edifici e manufatti Qualora non fosse possibile è preferibile adottare strutture permanenti piuttosto che nidi artificiali in legno molte specie nidificano in siti storici. L esempio del Fringuello alpino. Nido per fringuello alpino presso la Stazione Ornitologica d alta quotadi Campo Imperatore m (AQ)

8 Tipologie degli edifici e specie tipiche Tipologia edifici Specie caratteristiche ospitate Specie tipiche e/o simboliche Descrizione Sito / Cavità Edifici moderni Ballerina bianca Passera d Italia Falco pellegrino Chirotteri Balestruccio => Delichon urbicum Rondone => Apus apus Spigoli retti tra sporgenza del tetto e pareti, su lati ben esposti e liberi. Cavità con apertura su strapiombo, su alte pareti esposte e libere. accesso orizzontale min 6 x 3 cm Edifici rurali Civetta Passera mattugia Rondone Codirosso Pigliamosche Upupa Barbagianni Chirotteri Passera d Italia => Passer domesticus italiae Rondine => Hirundo rustica Cavità ed anfratti su muri, tetti, coperture, sotto le tegole. accesso vario di 3,5/5 cm di diametro Su supporti e sporgenze all interno di stalle, portici, fienili, ricoveri, magazzini Edifici storici Grillaio Passera d Italia Passera sarda Rondone Rondone pallido Rondone maggiore Codirosso spazzacamino Taccola Ghiandaia marina Chirotteri Gheppio => Falco tinnunculus Passero solitario => Monticola solitarius Barbagianni => Tyto alba Cavità ampie e profonde su alte pareti a strapiombo, libere ed esposte. accesso min 20 x 30 cm Cavità ed anfratti, recessi, in posizioni protette e riparate. accesso quadrato min 8/10 cm di lato ampie cavità, antri, rifugi bui all interno di vecchi edifici tranquilli, ruderi. accesso verticale 15x 20 cm

9 Alcune tipologie abitative analizzate UN EDIFICIO RURALE UN EDIFICIO MODERNO EDIFICI TRADIZIONALI IN UN BORGO STORICO GRANDE EDIFICIO STORICO DOMINANTE

10 Edificio rurale Balestruccio Barbagianni Rondone Civetta Codirosso Passero domestico Rondine

11 Passera d Italia Passer italiae Fondamentale per questa specie è conservare l accesso sotto le tegole e non ostruire altri accessi a siti riproduttivi idonei Nidifica nelle cavità ed anfratti su muri, tetti, coperture, sotto le tegole. Accesso vario di 3,5/5 cm di diametro

12 ristrutturazioni poco accorte Esempi di tetto tradizionale in tegole e parete storica con accessi occlusi

13 Rondine Hirundo rustica Nidifica su supporti e sporgenze all interno di stalle, portici, fienili, ricoveri, magazzini

14 SPECIE (edifici rurali) Passera d Italia Passer italiae Rondine Hirundo rustica Civetta Athene noctua Passera mattugia Passer montanus Rondone Apus apus Codirosso Phoenicurus phoenicurus Pigliamosche Muscicapa striata Upupa Upupa epops Barbagianni Tyto alba TIPOLOGIA di CAVITA ACCESSO MIN. (larghezza x PROFON DITA interna DIM. INTERNE (larghezza, ALTEZZA posizion e altezza); foro/ profondità, DA TERRA diametro se pavimento altezza) min. (metri) rotondo (cm) (cm) min. (cm) Qualsiasi cavità su edifici 3, x15x qualsiasi supporti presso soffitti all interno di stalle ed edifici rurali recessi protetti e oscuri in tetti, muri, alberi, anche all interno, ammassi di pietre EDIFICI, costruzioni, manufatti idonei x10x Rurali, stalle 7 0/5 18x90x Tutti, rurali, storici, urbani, ruderali Cavità su tetti ed edifici, nidi artificiali x15x rurali Fessure orizzontali profonde, solai, apposite rondonaie con fori in serie su muri, pareti, torri Cavità in alberi, edifici, muri, nidi artificiali ovale orizzontale 6x3, x40x Qualsiasi, a strapiombo 5x x10x Rurali, storici, civili sporgenze, piccoli anfratti aperti, piante rampicanti, alberi, strutture, nidi artificiali 15x x13x qualsiasi anfratti in muri in pietra, alberi x20x Rurali, muri anfratto protetto interno oscurato dalla luce lungo strade 15x20 10/15 95x45x Rurali, storici

15 Edificio moderno Rondone Balestruccio Ballerina bianca Pipistrello albolimbato Passero domestico

16 Balestruccio Delichonurbicum Nidifica sotto la sporgenza del tetto e cornicioni, su lati ben esposti e liberi, preferibilmente vicino all acqua. Nidifica al riparo dello sporto di gronda aggettante del tetto.

17 Balestruccio Delichon urbicum Nidi naturali protetti e nidi artificiali installati all Elba

18 Nidi artificiali anche come elementi decorativi su pareti di case e nei giardini Piante rampicanti

19 SPECIE (edifici moderni) Balestruccio Delichon urbica Rondone Apus apus Ballerina bianca Motacilla alba Passera d Italia Passer italiae Pellegrino Falco peregrinus Taccola Corvus monedula TIPOLOGIA di CAVITA pareti esterne di edifici tradizionali Fessure orizzontali profonde, solai, apposite rondonaie con fori in serie su muri, pareti, torri Qualsiasi cavità adatta Qualsiasi cavità su edifici sporgenze, davanzali, finestre e ampie feritoie, su torri, ad altezza elevata Cavità ed anfratti in mura, edifici, tetti, monumenti, alberi ACCESSO MIN. (larghezza x altezza); diametro se rotondo (cm) 4,5x2,2 semicerchio ovale orizzontale 6x3,5 PROFO NDITA interna foro/ paviment o (cm) min. DIMENSI ONI INTERN E (larghezz a, profondit à, altezza) min. (cm) ALTEZ ZA posizion e DA TERRA (metri) Edifici, costruzioni, manufatti idonei 11 13x13x Urbani, rurali x40x Qualsiasi, a strapiombo 3,5x6 0/5 15x20x qualsiasi 3, x15x qualsiasi 85x48 10/20 75x75x10 85x40x70 10 (10x10) Industriali, urbani, civili, storici, torri, alti e dominanti 20/40 20x25x Qualsiasi, storici, monumentali, torri

20 Rondone Apus apus Nidifica in cavità con apertura a strapiombo, su alte pareti esposte e libere. Accesso orizzontale min 6 x 3 cm

21 RIFUGI PER CHIROTTERI Cassetta a muro(bat-board): in legno, progettata per piccole specie che frequentano costruzioni in aree urbane e rurali. Viene fissata a parete su muri di edifici in posizione riparata. Bat-board in legno e in cemento sono prodotte dal Cisniare dalla ditta Schwegler, mentre Bat-box in legno contenenti informazioni corrette e dettagliate, sono progettate, e commercializzate in accordo con Coop, dal Museo di Storia Naturale, Università di Firenze sezione di Zoologia "La Specola". Associazioni ambientaliste di volontariato bolognesi (VOLABO), assieme al WWF di Bologna, hanno redatto e prodotto un ottimo opuscolo Quello che tutti devono sapere su vita, amori e lotte dei Pipistrelli in città

22 BAT BOX Museo di Storia Naturale, Università di Firenze sezione di Zoologia "La Specola".

23 Edificio storico - borgo Rondone Passero domestico Grillaio Passero solitario Taccola Balestruccio

24 Edificio storico - rocca Taccola Rondone maggiore Grillaio Ghiandaia marina Rondone Gheppio Rondone pallido Barbagianni Passero solitario

25 SPECIE (edifici storici) Gheppio Falco tinnunculus Passero solitario Monticola solitarius Barbagianni Tyto alba Grillaio Falco naumanni Passera d Italia Passer italiae Passera sarda Passer hispaniolensis Rondone Apus apus TIPOLOGIA di CAVITA ACCESSO MIN. (larghezza x altezza); diametro se rotondo (cm) PROFO NDITA interna foro/ paviment o (cm) min. DIMENSI ONI INTERNE (larghezza, profondità, altezza) min. (cm) ALTEZ ZA posizion e DA TERRA (metri) Edifici, costruzioni, manufatti idonei muri, anfratti, feritoie 40x x30x Rurali, industriali, storici, urbani Cavità appartate su edifici, muri, tetti, rocce anfratto protetto interno oscurato dalla luce anfratti su tetti, solai, lastrici 15x15 15/20 20x Storici, monumentali, ruderi, urbani 15x20 10/15 95x45x Rurali, storici 18x8 0/20 18x28x Storici, rurali, monumentali, ruderali Qualsiasi cavità su edifici 3, x15x qualsiasi Cavità su tetti ed edifici, ammassi di vegetazione fitta Fessure orizzontali profonde, solai, apposite rondonaie con fori in serie su muri, pareti, torri 3, x15x Rurali, urbani, civili ovale orizzontale 6x3, x40x Qualsiasi, a strapiombo

26 Gheppio Falco tinnunculus Nidifica in cavità ampie e profonde su alte pareti a strapiombo, libere ed esposte. Accesso min 20 x 30 cm La struttura interna del nido è simile a quella del barbagianni

27 Barbagianni Tyto alba Nidifica in ampie cavità, antri, rifugi bui all interno di vecchi edifici tranquilli, ruderi. Accesso verticale 15x 20 cm Immagine tratta da:

28 Passero solitario Monticola solitarius Cavità ed anfratti, recessi, in posizioni protette e riparate. Accesso quadrato min 8/10 cm di lato Non a caso D'in su la vetta della torre antica, l abitante simbolo dei centri storici di borghi e città. Come per la Passera d Italia, trae giovamento dalla conservazione delle cavità naturali degli edifici storici.

29 SPECIE (grandi edifici storici dominanti) Rondone pallido Apus pallidus Rondone maggiore Apus melba Codirosso spazzacamino Phoenicurus ochruros Taccola Corvus monedula Allocco Strix aluco Ghiandaia marina Coracias garrulus Storno Sturnus vulgaris Assiolo Otus scops Chirotteri TIPOLOGIA di CAVITA Fessure all interno di grotte, spaccature rocciose, torri, edifici Fessure profonde o fori su edifici, mura, rocce cavità nude in edifici, rocce, chiese Cavità ed anfratti in mura, edifici, tetti, monumenti, alberi spazi protetti e oscuri in alberi, edifici, muri cavità in tronchi, muri, pali, scarpate ACCESSO MIN. (larghezza x altezza); diametro se rotondo (cm) orizzontale 6x3,5 orizzontale 8x5 PROFO NDITA interna foro/ pavime nto (cm) min. DIMENSI ONI INTERNE (larghezza, profondità, altezza) min. (cm) ALTEZZ A posizione DA TERRA (metri) Edifici, costruzioni, manufatti idonei x40x Qualsiasi /30x50x Qualsiasi, a strapiombo 11x11 0/10 11x15x Rurali, storici, civili, urbani 10 (10x10) 20/40 20x25x Qualsiasi, storici, monumentali, torri x25x Rurali, storici 6/ x22x Rurali, storici Qualsiasi cavità x20x qualsiasi su vecchi alberi, anfratti e recessi oscuri in muri Fessure, anfratti, cavità ampie con accesso fessurato, in pareti protette, solai, tetti x20x Rurali, storici, ruderali qualsiasi Rettili (lucertole, gechi) Cavità e fessure di manufatti qualsiasi Artropodi (insetti, ragni, ecc.) Piccole cavità eterogenee qualsiasi

30 Obiettivi Oltre la conservazione, livello minimo, la normativa mirata evoluta Attuazione Direttive UE, Leggi nazionali e regionali Creare le condizioni culturali, informare e sensibilizzare a livello comunale: agire sulla pianificazione urbanistica al fine di inserire specifiche nei Regolamenti Edilizi 2009 Comune di S. Lazzaro (BO): regolamento comunale Diritti degli animali e diritti/doveri dei loro proprietari Art. 14, comma 9. Nelle nuove edificazioni e ristrutturazioni edilizie è obbligatoria l installazione di apposite strutture per il riparo dei Chirotteri (pipistrelli) e di nidi artificiali per rondini, rondoni e balestrucci Marciana (LI) sottoscrizione di intenti Countdown 2010 e biodiversità pan-europea IUCN

31 Il 2010 è l'anno internazionale della Biodiversità: la Natura per migliorare la Vita IUCN

IL CONSIGLIO COMUNALE/LA GIUNTA COMUNALE PREMESSO

IL CONSIGLIO COMUNALE/LA GIUNTA COMUNALE PREMESSO APPROVAZIONE DI MISURE PER LA TUTELA DELLA BIODIVERSITA IN AMBITO COMUNALE A DIFESA DI RONDONI, RONDINI E BALESTRUCCI. ADOZIONE DI INDIRIZZI IN MATERIA DI MODIFICHE DEL REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE. IL

Dettagli

L Avifauna dell Orto Botanico di Brera

L Avifauna dell Orto Botanico di Brera L Avifauna dell Orto Botanico di Brera 1 Censimento dell Avifauna presente all Orto Botanico Braidense, Milano 7 Novembre 1997 Ottobre 1998 a cura di ANTONIO PERUZ Una coppia di Cinciallegra Parus major

Dettagli

AVIFAUNA. 1. Elenco faunistico generale

AVIFAUNA. 1. Elenco faunistico generale AVIFAUNA 1. Elenco faunistico generale A tutt'oggi non risulta l'esistenza di studi specifici e mirati sull'avifauna del Parco del Nera. Pertanto l'elenco è stato redatto, limitandosi alle specie nidificanti,

Dettagli

Rondoni MONUMENTI VIVI

Rondoni MONUMENTI VIVI Rondoni! Ornitho.it un mezzo potente ed unico per costituire una raccolta dati sui rondoni, in particolare sulla loro migrazione e sulla localizzazione delle colonie. Vi proponiamo ora di arricchire le

Dettagli

gennaio DOM LUN MAR MER GIO VEN SAB DOM LUN MAR MER GIO VEN SAB DOM LUN MAR MER GIO VEN SAB DOM LUN MAR MER MAR GIO VEN SAB DOM LUN

gennaio DOM LUN MAR MER GIO VEN SAB DOM LUN MAR MER GIO VEN SAB DOM LUN MAR MER GIO VEN SAB DOM LUN MAR MER MAR GIO VEN SAB DOM LUN gennaio Fratino (charadrius alexandrinus) Piro piro piccolo (actitis hypoleucos) Piviere dorato (pluvialis apricaria) Ragno minatore (segestria florentina) 0 FEBBRAIO Codirosso spazzacamino (phoenicurus

Dettagli

AGGIORNAMENTO SCHEDE UNITA EDILIZIE ALLEGATO G AL PIANO DI GESTIONE delle TENUTE DI TOMBOLO E COLTANO (ESTRATTO)

AGGIORNAMENTO SCHEDE UNITA EDILIZIE ALLEGATO G AL PIANO DI GESTIONE delle TENUTE DI TOMBOLO E COLTANO (ESTRATTO) ENTE PARCO REGIONALE MIGLIARINO SAN ROSSORE MASSACIUCCOLI AGGIORNAMENTO SCHEDE UNITA EDILIZIE ALLEGATO G AL PIANO DI GESTIONE delle TENUTE DI TOMBOLO E COLTANO (ESTRATTO) 1 2 3 UNITA EDILIZIA N. 1 Sono

Dettagli

PROPOSTE DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E CULTURA ECOLOGICA

PROPOSTE DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E CULTURA ECOLOGICA SEZIONE DI ASTI SETTORE EDUCAZIONE AMBIENTALE PROPOSTE DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E CULTURA ECOLOGICA Provincia di Alessandria Provincia di Asti Comune di Asti UNA PENNA PER AMICO Ormai da diversi anni la

Dettagli

Novembre 2011. A cura di: Dr. Alberto Sorace

Novembre 2011. A cura di: Dr. Alberto Sorace Individuazione di habitat e specie di importanza comunitaria, con particolare riferimento alla Classe degli Uccelli, presenti nei circoli di golf italiani (Relazione finale del primo anno di attività)

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA TUTELA E LA TENUTA DEGLI ANIMALI

REGOLAMENTO PER LA TUTELA E LA TENUTA DEGLI ANIMALI COMUNE DI LORENZANA PROVINCIA DI PISA REGOLAMENTO PER LA TUTELA E LA TENUTA DEGLI ANIMALI Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 23 del 30.6.2011. SOMMARIO Titolo I -PRINCIPI Art. 1 - Principi

Dettagli

IL CAPOFONTE ONLUS Associazione di Volontariato

IL CAPOFONTE ONLUS Associazione di Volontariato Progetto Nidi - pag. 1 Reg. Trieste 06/09/2006 N. 4730 C.F. 90111960325 Via alle Cave n. 43-34128 TRIESTE (TS) Tel. +39 040/571623 Fax +39 040/4519594 PROGETTO NIDI Progetto Nidi - pag. 2 PROGETTO NIDI

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SULLA FAUNA PRESENTE NELL OASI PROTETTA ATC 3 SAN COLOMBANO

RELAZIONE TECNICA SULLA FAUNA PRESENTE NELL OASI PROTETTA ATC 3 SAN COLOMBANO RELAZIONE TECNICA SULLA FAUNA PRESENTE NELL OASI PROTETTA ATC 3 SAN COLOMBANO L'ambiente: L'Oasi di San Colombano è situata nel parco collinare del Comune di San Colombano a 40 km. da Milano. Nonostante

Dettagli

Dalle aquile a Rondini e Rondoni

Dalle aquile a Rondini e Rondoni Dalle aquile a Rondini e Rondoni Carmagnola 28/ 6/ 2014 Francesco Mezzatesta Un libro per ricordare e agire Oggi c è ancora bisogno di tanta informazione Divulgare per proteggere All inizio non si sanno

Dettagli

nnidi e mangiatoie nidi e mangiatoie nidi per uccelli Cliccate qui per visionare i nidi con telecamera! PICIDI

nnidi e mangiatoie nidi e mangiatoie nidi per uccelli Cliccate qui per visionare i nidi con telecamera! PICIDI nidi per uccelli Negli ultimi decenni si è assistito ad un drastico calo nelle popolazioni di uccelli selvatici in tutta l'europa. Tra le principali cause del declino c'è lo sviluppo dell'agricoltura intensiva,

Dettagli

L Atlante degli Uccelli nidificanti nella Riserva naturale del Lago di Vico

L Atlante degli Uccelli nidificanti nella Riserva naturale del Lago di Vico Giornata Romana di Ornitologia Metodi, strumenti e approcci nell ornitologia di base e applicata Roma, Università degli Studi Roma Tre 24 Novembre 2012 L Atlante degli Uccelli nidificanti nella Riserva

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE ANNO 2006 SULL ATTIVITA DEL C.R.A.S. DI CUNEO

RELAZIONE ANNUALE ANNO 2006 SULL ATTIVITA DEL C.R.A.S. DI CUNEO C.R.A.S. CENTRO RECUPERO ANIMALI SELVATICI DI CUNEO C.F. 96068440047 Autorizzazione Provincia di Cuneo N 395 del 18/05/2001 Idoneità Min. Amb. animali pericolosi Lex 150/92 N SNC/99/2D/12772 Iscritta al

Dettagli

Strutture e impianti per la difesa dal caldo negli allevamenti di bovini da latte

Strutture e impianti per la difesa dal caldo negli allevamenti di bovini da latte In collaborazione con: Strutture e impianti per la difesa dal caldo negli allevamenti di bovini da latte Gabriele Mattachini, Giorgio Provolo Dipartimento di Scienze Agrarie e Ambientali (DISAA) Università

Dettagli

FESTIVAL DEI RONDONI - SWIFT AND FUN! 2015. Rondoni al nido. L uso di differenti tipologie di edifici per la nidificazione delle specie di rondone

FESTIVAL DEI RONDONI - SWIFT AND FUN! 2015. Rondoni al nido. L uso di differenti tipologie di edifici per la nidificazione delle specie di rondone SEZIONE DI ASTI FESTIVAL DEI RONDONI - SWIFT AND FUN! 2015 Rondoni al nido L uso di differenti tipologie di edifici per la nidificazione delle specie di rondone Asti, sabato 27 giugno 2015 Polo Universitario

Dettagli

COMUNE DI FAUGLIA Provincia di Pisa REGOLAMENTO COMUNALE DEI DIRITTI DEGLI ANIMALI

COMUNE DI FAUGLIA Provincia di Pisa REGOLAMENTO COMUNALE DEI DIRITTI DEGLI ANIMALI COMUNE DI FAUGLIA Provincia di Pisa REGOLAMENTO COMUNALE DEI DIRITTI DEGLI ANIMALI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 72 del 30.11.2009 1 SOMMARIO Titolo I PRINCIPI Art. 1 - Principi

Dettagli

C.R.A.S. CENTRO RECUPERO ANIMALI SELVATICI. Via Alpi 25 12010 Bernezzo (CN) Tel /Fax 017182305 Cell. 3285325296 C.F. 96068440047

C.R.A.S. CENTRO RECUPERO ANIMALI SELVATICI. Via Alpi 25 12010 Bernezzo (CN) Tel /Fax 017182305 Cell. 3285325296 C.F. 96068440047 C.R.A.S. CENTRO RECUPERO ANIMALI SELVATICI Via Alpi 25 12010 Bernezzo (CN) Tel /Fax 017182305 Cell. 3285325296 C.F. 96068440047 www.centrorecuperoselvatici.it e-mail: info@centrorecuperoselvatici.it Relazione

Dettagli

Il calendario delle nidificazioni in Toscana a cura di E. Arcamone, C. Brondi, A Moretti e L. Puglisi (28 marzo 2015)

Il calendario delle nidificazioni in Toscana a cura di E. Arcamone, C. Brondi, A Moretti e L. Puglisi (28 marzo 2015) Il calendario delle nidificazioni in Toscana a cura di E. Arcamone, C. Brondi, A Moretti e L. Puglisi (28 marzo 2015) A distanza di quattro anni dalla prima stesura del calendario delle nidificazioni in

Dettagli

(Tutte le foto di questa presentazione, se non diversamente indicato, fanno parte dell'archivio LAC)

(Tutte le foto di questa presentazione, se non diversamente indicato, fanno parte dell'archivio LAC) (Tutte le foto di questa presentazione, se non diversamente indicato, fanno parte dell'archivio LAC) PASSERIFORMI Le rondini sono simili ai rondoni per convergenza evolutiva, fanno cioè la stessa vita

Dettagli

CENTRO RECUPERO AVIFAUNA SELVATICA DÌ TRENTO Provincia Autonoma di Trento - Servizio Foreste e Fauna. LIPU. Lega Italiana Protezione Uccelli.

CENTRO RECUPERO AVIFAUNA SELVATICA DÌ TRENTO Provincia Autonoma di Trento - Servizio Foreste e Fauna. LIPU. Lega Italiana Protezione Uccelli. CENTRO RECUPERO AVIFAUNA SELVATICA DÌ TRENTO Provincia Autonoma di Trento - Servizio Foreste e Fauna. LIPU. Lega Italiana Protezione Uccelli. CENTRO RECUPERO AVIFAUNA SELVATICA DI SAN ROCCO (TN) RELAZIONE

Dettagli

ocom.it Dove scorre l energia, scorre la vita. La rete di Terna e la biodiversità. www.terna.it Armonia e consapevolezza dell ambiente.

ocom.it Dove scorre l energia, scorre la vita. La rete di Terna e la biodiversità. www.terna.it Armonia e consapevolezza dell ambiente. Dove scorre l energia, scorre la vita. ocom.it La rete di Terna e la biodiversità. www.terna.it Armonia e consapevolezza dell ambiente. Le linee ad alta tensione possono talvolta accogliere la biodiversità:

Dettagli

CONSORZIO PARCO DEL MOLGORA Parco Locale di Interesse Sovracomunale

CONSORZIO PARCO DEL MOLGORA Parco Locale di Interesse Sovracomunale CONSORZIO PARCO DEL MOLGORA Parco Locale di Interesse Sovracomunale IL RUGGITO DELLA ZANZARA Progetto per una strategia integrata di lotta alla zanzara tigre Associazione Ambiente Acqua Onlus INDICAZIONE

Dettagli

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO Sistema insediativo rurale 1.1 Territorio rurale: analisi degli insediamenti e degli edifici isolati di interesse storico SEZIONE 1 - LOCALIZZAZIONE SCHEDA DI INDAGINE N.

Dettagli

Allegati alle NTA. A - Allegati sulla qualità architettonica

Allegati alle NTA. A - Allegati sulla qualità architettonica Allegati alle NTA A - Allegati sulla qualità architettonica AGGIORNAMENTI: Variante n. 232 approvata con atto di C.C. n. 10 del 24.03.2015 A3 - Disciplinare tecnico per la conservazione e il recupero

Dettagli

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO Sistema insediativo storico 1.1 Analisi degli insediamenti e degli edifici accertati o sparsi di interesse storico

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO Sistema insediativo storico 1.1 Analisi degli insediamenti e degli edifici accertati o sparsi di interesse storico COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO Sistema insediativo storico 1.1 Analisi degli insediamenti e degli edifici accertati o sparsi di interesse storico SEZIONE 1 - LOCALIZZAZIONE SCHEDA DI INDAGINE N. 3 Frazione

Dettagli

OSSERVATORIO FAUNISTICO DIDATTICO REMOVIBILE

OSSERVATORIO FAUNISTICO DIDATTICO REMOVIBILE OSSERVATORIO FAUNISTICO DIDATTICO REMOVIBILE LIFE 09/NAT/IT/000095 EC SQUARE AZIONE D2 CARATTERISTICHE TECNICHE LIFE09 NAT/IT/095 EC-SQUARE Project, realized with the contribution of the LIFE Partner:

Dettagli

C.R.A.S. CENTRO RECUPERO ANIMALI SELVATICI

C.R.A.S. CENTRO RECUPERO ANIMALI SELVATICI C.R.A.S. CENTRO RECUPERO ANIMALI SELVATICI Via Alpi 25 12010 Bernezzo (CN) Tel /Fax 017182305 Cell. 3285325296 C.F. 96068440047 www.centrorecuperoselvatici.it - e-mail: info@centrorecuperoselvatici.it

Dettagli

Soc...a r.l., con sede in., via., n.., CF. .., iscritto all ordine, della provincia di.., al n.. RELAZIONE TECNICA

Soc...a r.l., con sede in., via., n.., CF. .., iscritto all ordine, della provincia di.., al n.. RELAZIONE TECNICA OGGETTO: Progetto per la costruzione di un edificio residenziale, in zona sottoposta a vincolo paesaggistico, composto da n.. alloggi, da realizzare nella zona di, in via, denominata. Ditta: Soc...a r.l.,

Dettagli

Sono considerati brutti e antipatici, a molti di noi fanno paura, ma..

Sono considerati brutti e antipatici, a molti di noi fanno paura, ma.. Sono considerati brutti e antipatici, a molti di noi fanno paura, ma.. Sono mammiferi antichissimi: allattano i loro piccoli e hanno il corpo ricoperto di pelo; anziché camminare e correre, volano, grazie

Dettagli

II CONVEGNO ITALIANO RAPACI DIURNI E NOTTURNI

II CONVEGNO ITALIANO RAPACI DIURNI E NOTTURNI ASSOCIAZIONE FAUNISTI VENETI II CONVEGNO ITALIANO RAPACI DIURNI E NOTTURNI a cura di FRANCESCO MEZZAVILLA e FRANCESCO SCARTON Quaderni Faunistici - n. 3 L Associazione Faunisti Veneti (www.faunistiveneti.it,

Dettagli

Progetto "Cassette Nido" Agripolis 2013

Progetto Cassette Nido Agripolis 2013 Progetto "Cassette Nido" Agripolis 2013 Progetto per lo studio e il monitoraggio dell'avifauna e della chirotterofauna nidificante nel campus di Agripolis (Legnaro, Padova) Responsabili del progetto: Flavio

Dettagli

Un amico in più nella lotta alle zanzare!!!!!!!!!!!!!

Un amico in più nella lotta alle zanzare!!!!!!!!!!!!! COMUNE DI PISA Ufficio Ambiente e-mail: ambiente@comune.pisa.it Tel.050 910551 Fax 050910416 sito internet: www.comune.pisa.it ~ orario di apertura: martedì: 9.00 13.00 giovedì: 15.00 17.00 Palazzo Pretorio

Dettagli

Un pipistrello per amico Istituto di Istruzione Superiore "A. Cecchi. (Villa Caprile) Pesaro 15 Ottobre 2010 storia e risultati di un progetto nazionale di divulgazione e di ricerca Paolo AGNELLI Giacomo

Dettagli

La gioia di una natura viva. MATERIALE NATURALE Legno cemento» Durevole» A prova di picchio» Traspirante» Collaudato sul campo N 72 2014-2015

La gioia di una natura viva. MATERIALE NATURALE Legno cemento» Durevole» A prova di picchio» Traspirante» Collaudato sul campo N 72 2014-2015 MATERIALE NATURALE Legno cemento» Durevole» A prova di picchio» Traspirante» Collaudato sul campo PRODOTTI PER LA PROTEZIONE DEGLI UCCELLI E DELLA NATURA N 72 2014-2015 La gioia di una natura viva SCHWEGLER

Dettagli

UN AIUTO A CHI CI AIUTA

UN AIUTO A CHI CI AIUTA Il Divulgatore N.7/ 2003 Quaderni di informazione agro-ambientale "Equilibri naturali da ritrovare" UN AIUTO A CHI CI AIUTA Un progetto rivolto ad agricoltori e proprietari di aree limitrofe ai coltivi

Dettagli

Anno scolastico 2010-2011 - Classe coinvolta: II Liceo Classico

Anno scolastico 2010-2011 - Classe coinvolta: II Liceo Classico Istituto d Istruzione Superiore «G. Carducci» di Volterra (PI) Progetto: Biodiversità e Paesaggio, tra Scienza e Fotografia Responsabile del Progetto: prof. Roberto Guglielmi, docente di Scienze Naturali

Dettagli

EDIFICI COMPRESI NEL NUCLEO DI ANTICA FORMAZIONE. Elaborato modificato a seguito dell'accoglimento delle osservazioni

EDIFICI COMPRESI NEL NUCLEO DI ANTICA FORMAZIONE. Elaborato modificato a seguito dell'accoglimento delle osservazioni COMUNE DI MALGESSO PROVINCIA DI VARESE PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO PIANO DELLE REGOLE art. 10 LR 12/2005 SCHEDE EDIFICI COMPRESI NEL NUCLEO DI ANTICA FORMAZIONE Elaborato modificato a seguito dell'accoglimento

Dettagli

lista avvistamenti Darsena

lista avvistamenti Darsena LegaItalianaProtezioneUccelli AssociazioneperlaconservazionedellaNatura listaavvistamentidarsena 1 LegaItalianaProtezioneUccelli AssociazioneperlaconservazionedellaNatura Premessa: Questalista fruttodiosservazionideisocidilipumilano

Dettagli

COMUNE DI AURONZO DI CADORE Provincia di Belluno. COSTRUZIONI ACCESSORIE: tipologie e normativa

COMUNE DI AURONZO DI CADORE Provincia di Belluno. COSTRUZIONI ACCESSORIE: tipologie e normativa COMUNE DI AURONZO DI CADORE Provincia di Belluno versione gennaio 2006 1 VOLUMI ACCESSORI Sono considerati volumi accessori le strutture di modeste dimensioni, a carattere precario, non adibite a residenza,

Dettagli

Rifugi nella capriata / sotto il tetto

Rifugi nella capriata / sotto il tetto / sotto il tetto Rifugio [nome denominazione dati nel foglio base] Specie di chirottero [si prega di compilare per ogni specie] Tipo di rifugio rifugio di riproduzione rifugio invernale rifugio intermedio

Dettagli

Repertorio dei beni storico ambientali 1

Repertorio dei beni storico ambientali 1 Repertorio dei beni storico ambientali 1 Indice Casate... 3 Oberga... 4 Pagliarolo... 5 Fontanelle... 6 Travaglino... 7 Oratorio di San Rocco... 8 Calvignano... 9 Castello... 10 Valle Cevino... 11 Repertorio

Dettagli

Il Picchio nero Dryocopus martius

Il Picchio nero Dryocopus martius Gli animali della Riserva forestale dell Onsernone Il Picchio nero Dryocopus martius Il Picchio nero è il guardiano della foresta naturale matura. La sua presenza tiene sotto controllo le invasioni degli

Dettagli

LA LISTA ROSSA EUROPEA SCHEDE BOX - LE SPECIE

LA LISTA ROSSA EUROPEA SCHEDE BOX - LE SPECIE LA LISTA ROSSA EUROPEA SCHEDE La Lista rossa dell Iucn é universalmente riconosciuta come il metodo più autorevole e oggettivo per analizzare il rischio di estinzione di una specie. Sebbene sia stato pensato

Dettagli

DIVIDIAMO LE NOSTRE CASE DALL AMBIENTE CHE LE CIRCONDA INSTALLIAMO DEGLI IMPIANTI PER IL RISCALDAMENTO

DIVIDIAMO LE NOSTRE CASE DALL AMBIENTE CHE LE CIRCONDA INSTALLIAMO DEGLI IMPIANTI PER IL RISCALDAMENTO LE NOSTRE CASE E L AMBIENTE CHE CI CIRCONDA DIVIDIAMO LE NOSTRE CASE DALL AMBIENTE CHE LE CIRCONDA INSTALLIAMO DEGLI IMPIANTI PER IL RISCALDAMENTO INSTALLIAMO DEGLI IMPIANTI PER IL RAFFRESCAMENTO E LA

Dettagli

Amministrazione Condomini. Ripartizione spese. Balconi Chi paga Tipo di ripartizione. Frontalini: per usura o vetustà dell'edificio Condominio al 100%

Amministrazione Condomini. Ripartizione spese. Balconi Chi paga Tipo di ripartizione. Frontalini: per usura o vetustà dell'edificio Condominio al 100% Amministrazione Condomini Ripartizione spese Balconi Chi paga Tipo di ripartizione Balconi sporgenti: manutenzione ordinaria struttura, pavimentazione, parapetti e ringhiere Proprietario singolo Balconi

Dettagli

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO Sistema insediativo rurale 1.1 Territorio rurale: analisi degli insediamenti e degli edifici isolati di interesse storico Frazione : CAPOLUOGO Toponimo: CHIESA S. BARTOLOMEO

Dettagli

PROBLEMI DI CONSERVAZIONE DELLE SPECIE CACCIABILI, UTILIZZATE COME RICHIAMI. Marco Gustin - Responsabile Specie Ricerca LIPU

PROBLEMI DI CONSERVAZIONE DELLE SPECIE CACCIABILI, UTILIZZATE COME RICHIAMI. Marco Gustin - Responsabile Specie Ricerca LIPU PROBLEMI DI CONSERVAZIONE DELLE SPECIE CACCIABILI, UTILIZZATE COME RICHIAMI Marco Gustin - Responsabile Specie Ricerca LIPU QUALE LEGISLAZIONE DI RIFERIMENTO SUI RICHIAMI VIVI? La legislazione Nazionale

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UN LOCALE DI BAR-RISTORO Via Monte Generoso n. 71 - VARESE PROGETTO DEFINITIVO

REALIZZAZIONE DI UN LOCALE DI BAR-RISTORO Via Monte Generoso n. 71 - VARESE PROGETTO DEFINITIVO UFFICIO SPECIALE PER L EDILIZIA COMUNE DI VARESE UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA VARESE COMO REALIZZAZIONE DI UN LOCALE DI BAR-RISTORO Via Monte Generoso n. 71 - VARESE PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE

Dettagli

LOTTO n. 6 Castello 1964

LOTTO n. 6 Castello 1964 LOTTO n. 6 Castello 1964 Ubicazione Planimetria Stato dell immobile Caratteristiche estrinseche: Trattasi di fabbricato, esternamente in stato manutentivo normale, con struttura portante in muratura,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA TUTELA DELLA PUBBLICA INCOLUMITA. Art.1

REGOLAMENTO PER LA TUTELA DELLA PUBBLICA INCOLUMITA. Art.1 REGOLAMENTO PER LA TUTELA DELLA PUBBLICA INCOLUMITA Approvato con delibera di C.C. n. 44 del 03/05/2002 e modificato ed integrato con delibera di C.C. n. 98 del 02/10/2003. Art.1 Inagibilità o inabitabilità

Dettagli

Ambienti urbanizzati

Ambienti urbanizzati Ambienti urbanizzati Tortora dal collare orientale (Streptopelia decaocto) Colorazione rosata sul dorso e sul ventre; collarino nero sul collo. Si riproduce su piccoli alberi ma anche su strutture costruite

Dettagli

Tavola Centro recupero animali selvatici della Valle d'aosta: specie ospitate, riabilitate e reintrodotte - Anni

Tavola Centro recupero animali selvatici della Valle d'aosta: specie ospitate, riabilitate e reintrodotte - Anni Tavola 1.14 - Centro recupero animali selvatici della Valle d'aosta: specie ospitate, riabilitate e reintrodotte - Anni 1995-2015 Anni N Specie Deceduti all'entrata Liberati Deceduti Totale Liberati (%)

Dettagli

Progr.: 1 COMUNE DI SPINEA - Provincia di Venezia Scheda B Rilievo dei beni storico-architettonici Scheda: 1

Progr.: 1 COMUNE DI SPINEA - Provincia di Venezia Scheda B Rilievo dei beni storico-architettonici Scheda: 1 Progr.: 1 COMUNE DI SPINEA - Provincia di Venezia Scheda B Rilievo dei beni storico-architettonici Scheda: 1 1.Codifica edificio Scheda: 1 2. Ubicazione indirizzo: ID edificio: 1 via/piazza: Rossignago

Dettagli

valutazione del rischio sismico nei luoghi di lavoro

valutazione del rischio sismico nei luoghi di lavoro valutazione del rischio sismico nei luoghi di lavoro Assergi (AQ), 21 maggio 2011 L Aquila, 12/04/2009 - Interferogramma post-sisma (ad ogni frangia concentrica corrisponde un abbassamento del suolo di

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI MANUFATTI LEGGERI

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI MANUFATTI LEGGERI COMUNE DI REGGELLO PROVINCIA DI FIRENZE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI MANUFATTI LEGGERI (APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 33 DEL 01.04.2014) INDICE Art. 1 - Oggetto e ambito di applicazione

Dettagli

Lavoro di ricerca curato da Enzo, Joëlle, Matteo e Sebastian

Lavoro di ricerca curato da Enzo, Joëlle, Matteo e Sebastian Lavoro di ricerca curato da Enzo, Joëlle, Matteo e Sebastian Il muro a secco si costruiva tanti anni fa. Oggi si comincia di nuovo a costruire con questa tecnica. Alcune persone li ristrutturano cioè distruggono

Dettagli

MONITORAGGIO DEGLI UCCELLI NIDIFICANTI, SVERNANTI E MIGRATORI NELL AREA DEL M. N. DI MONTECASSINO

MONITORAGGIO DEGLI UCCELLI NIDIFICANTI, SVERNANTI E MIGRATORI NELL AREA DEL M. N. DI MONTECASSINO MONITORAGGIO DEGLI UCCELLI NIDIFICANTI, SVERNANTI E MIGRATORI NELL AREA DEL M. N. DI MONTECASSINO Indagine conoscitiva A CURA DI dott. SILVIO G. d ALESSIO e dott. MASSIMO SACCHI ASSOCIAZIONE CIBELE ONLUS

Dettagli

Le scale di accesso alle zone soppalcate sono tutte in metallo a giorno, gli infissi esterni ed interni sono in legno e, nella generalità, originari.

Le scale di accesso alle zone soppalcate sono tutte in metallo a giorno, gli infissi esterni ed interni sono in legno e, nella generalità, originari. UNITÀ IMMOBILIARE: Sita in Roma via Giacomo Venezian, 22, piano primo interno 1 con asservito posto auto via Gaetano Sacchi,19 - DESTINAZIONE D USO: abitazione Prezzo Appartamento più Garage: 870.000 Euro

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA TUTELA DELLA PUBBLICA INCOLUMITA

REGOLAMENTO PER LA TUTELA DELLA PUBBLICA INCOLUMITA REGOLAMENTO PER LA TUTELA DELLA PUBBLICA INCOLUMITA Art. 1 Inagibilità o inabitabilità L inagibilità o inabitabilità di un immobile consiste in un degrado fisico sopravvenuto, superabile non con interventi

Dettagli

La zanzara tigre (Aedes albopictus)

La zanzara tigre (Aedes albopictus) La zanzara tigre (Aedes albopictus) La zanzara tigre (Aedes albopictus) è una zanzara originaria del sud-est asiatico. Inizialmente, infatti, viveva in un area che andava dal Giappone al Madagascar dove

Dettagli

6 ANALISI DELLA DINAMICA - SPECIE DI INTERESSE CONSERVAZIONISTICO

6 ANALISI DELLA DINAMICA - SPECIE DI INTERESSE CONSERVAZIONISTICO 6 ANALISI DELLA DINAMICA - SPECIE DI INTERESSE CONSERVAZIONISTICO Le specie più a rischio non sono oggetto di monitoraggi organici, in mancanza di fondi destinati a questo scopo; gli studi attivati sono

Dettagli

COSTRUZIONI ACCESSORIE ALLA RESIDENZA

COSTRUZIONI ACCESSORIE ALLA RESIDENZA COSTRUZIONI ACCESSORIE ALLA RESIDENZA Per costruzioni accessorie a servizio della residenza si intendono quei manufatti pertinenziali che, per caratteristiche tecniche e dimensionali, sono destinate a

Dettagli

COMUNE DI GALLIO Provincia di Vicenza PIANO REGOLATORE GENERALE VARIANTE PER I CENTRI STORICI DEL CAPOLUOGO E DELLA FRAZIONE DI STOCCAREDDO

COMUNE DI GALLIO Provincia di Vicenza PIANO REGOLATORE GENERALE VARIANTE PER I CENTRI STORICI DEL CAPOLUOGO E DELLA FRAZIONE DI STOCCAREDDO COMUNE DI GALLIO VARIANTE PER I CENTRI STORICI DEL CAPOLUOGO E DELLA FRAZIONE DI STOCCAREDDO SCHEDA DI RILEVAMENTO E DI NORMATIVA N. 182 UNITA DI RILEVAMENTO / CENTRO STORICO del Capoluogo della frazione

Dettagli

Detraibile. Installazione di macchinari esterni

Detraibile. Installazione di macchinari esterni INTERVENTI SULLE SINGOLE UNITA' IMMOBILIARI INTERVENTI MODALITÀ CONDIZIONI DI DETRAIBILITÀ Accorpamenti di locali o di altre unità Spostamento di alcuni locali da una unità immobiliare ad altra o anche

Dettagli

Mappe catasto terreni Mappe catasto edifici Planimetria chiesa

Mappe catasto terreni Mappe catasto edifici Planimetria chiesa 1 E una rappresentazione in piano di una superficie, di un terreno o di un edificio. Equivale al concetto di pianta nel disegno tecnico (PO). Tutti i beni immobili vengono registrati al CATASTO, ufficio

Dettagli

Regione Umbria Servizio Sistemi naturalistici e zootecnia Sezione Aree protette e progettazione integrata

Regione Umbria Servizio Sistemi naturalistici e zootecnia Sezione Aree protette e progettazione integrata Regione Umbria Servizio Sistemi naturalistici e zootecnia Sezione Aree protette e progettazione integrata PARCO REGIONALE DEL FIUME NERA Aspetti faunistici Uccelli PSR Umbria 2007-2013 Misura 323 - azione

Dettagli

Studio Rag. De Blasio Giuseppe Alessandro

Studio Rag. De Blasio Giuseppe Alessandro CONDOMINIO: L ATTRIBUZIONE DELLE SPESE Tipo di parte comune e opere necessarie Chi paga Tipo di ripartizione Strutture Muri maestri: struttura, intonaco esterno, coperture esterne, colonne, archi portici

Dettagli

COME SI RIPARTISCONO LE SPESE CONDOMINIALI. Abbaini e finestre (apertura) Singolo proprietario Millesimi di proprietà

COME SI RIPARTISCONO LE SPESE CONDOMINIALI. Abbaini e finestre (apertura) Singolo proprietario Millesimi di proprietà COME SI RIPARTISCONO LE SPESE CONDOMINIALI STRUTTURE CHI PAGA RIPARTIZIONE Abbaini e finestre (apertura) Singolo proprietario Antenna privata Proprietario Al 100% Antenna centralizzata In parti uguali

Dettagli

L immobile si presenta in buone condizioni generali, con le coperture rifatte di recente, insieme ai canali di gronda ed ai discendenti.

L immobile si presenta in buone condizioni generali, con le coperture rifatte di recente, insieme ai canali di gronda ed ai discendenti. RELAZIONE SULLO STATO DI CONSERVAZIONE DELL IMMOBILE DI COGGIOLA DI PROPRIETÀ DELLA FONDAZIONE ITALIANA PER L AUTISMO L immobile si presenta in buone condizioni generali, con le coperture rifatte di recente,

Dettagli

ATLANTE DEGLI UCCELLI NIDIFICANTI NELLA CITTÀ DI BRESCIA 1994-1998 *

ATLANTE DEGLI UCCELLI NIDIFICANTI NELLA CITTÀ DI BRESCIA 1994-1998 * «NATURA BRESCIANA» Ann. Mus. Civ. Sc. Nat., Brescia, 33, 2003: 133-167 ATLANTE DEGLI UCCELLI NIDIFICANTI NELLA CITTÀ DI BRESCIA 1994-1998 * GUIDO BALLERIO 1 E PIERANDREA BRICHETTI 1 Parole chiave Uccelli,

Dettagli

Piano Regolatore Generale 2003

Piano Regolatore Generale 2003 Piano Regolatore Generale 2003 Regolamento Urbanistico COMUNEDI AREZZO Assessorato Urbanistica, Edilizia, CentroStorico Direzione Servizi per il Territorio Ufficio Pianificazione Urbanistica Illustrazionedel

Dettagli

Le agevolazioni fiscali per la tua casa. Quarto video

Le agevolazioni fiscali per la tua casa. Quarto video Quarto video 1 Nel primo video abbiamo parlato di: Le agevolazioni fiscali per la tua casa 1. introduzione alle agevolazioni fiscali; 2. in cosa consiste 3. chi può usufruirne, 4. cumulabilità con altre

Dettagli

COMUNE DI BUCCINO Provincia di Salerno

COMUNE DI BUCCINO Provincia di Salerno Pagina1 SCHEDA UNITA IMMOBILIARE Pianta stato di fatto Localizzazione Comune: BUCCINO c.a.p : 84021 Provincia: Salerno Zona: Centro storico denominazione stradale: Via S.Elia n civico: s.n.c. Superficie

Dettagli

P.I. 1 - Piano degli Interventi Art. 17 LR n 11/2004

P.I. 1 - Piano degli Interventi Art. 17 LR n 11/2004 Comune di Farra di Soligo Re gione del Veneto Pr ovincia di Treviso P.I. 1 - Piano degli Interventi Art. 17 LR n 11/2004 elaborato P-06 D A p r i l e 2 0 1 4 A d o z i o n e D. C. C. n 1 d e l 9. 0 1.

Dettagli

BOSSOLASCO 27 Luglio 2006

BOSSOLASCO 27 Luglio 2006 BOSSOLASCO 27 Luglio 2006 Piano di Sviluppo Locale Coulture di Langa AZIONE 3.2. Interventi di tutela e valorizzazione architettonica e paesaggistica Intervento a)1 Piani e programmi per il recupero di

Dettagli

3.2.8 Parapetti 3.2.9 Gronde e pluviali 3.2.10 Misure contro la penetrazione dei volatili e di animali in genere

3.2.8 Parapetti 3.2.9 Gronde e pluviali 3.2.10 Misure contro la penetrazione dei volatili e di animali in genere 3.2.8 Parapetti Le finestre, i balconi e le terrazze devono avere parapetti di altezza non inferiore a cm. 100. In ogni caso i parapetti, fermo restando che devono garantire sufficiente resistenza agli

Dettagli

Atti del XVI Convegno Italiano di Ornitologia

Atti del XVI Convegno Italiano di Ornitologia Atti del XVI Convegno Italiano di Ornitologia ESCLUSIONE SELETTIVA DEL COLOMBO DALLE BUCHE PONTAIE DE- GLI EDIFICI STORICO-MONUMENTALI, A VANTAGGIO DI RONDONI COMUNI Apus apus E CHIROTTERI Chiroptera Antonio

Dettagli

COMUNE DI LAZZATE Provincia di Milano

COMUNE DI LAZZATE Provincia di Milano COMUNE DI LAZZATE Provincia di Milano Regolamento per la tutela della pubblica incolumità nei casi di inabitabilità o inagibilità di immobili Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 6 del

Dettagli

COSA SI PUO' DETRARRE

COSA SI PUO' DETRARRE COSA SI PUO' DETRARRE Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità alle normative edilizie locali. INTERVENTI

Dettagli

VOLUMI E SUPERFICI IN EDILIZIA Tratto da D. Borri, Lessico Urbanistico, Ed. Dedalo, BARI

VOLUMI E SUPERFICI IN EDILIZIA Tratto da D. Borri, Lessico Urbanistico, Ed. Dedalo, BARI VOLUMI E SUPERFICI IN EDILIZIA Tratto da D. Borri, Lessico Urbanistico, Ed. Dedalo, BARI RICHIAMI DI TECNICA URBANISTICA SUPERFICIE URBANA Insieme delle superfici occupate da costruzioni ed attrezzature,

Dettagli

COMUNE DI BORGHI PIANO STRUTTURALE COMUNALE - Art. 21 L.R. 20/2000

COMUNE DI BORGHI PIANO STRUTTURALE COMUNALE - Art. 21 L.R. 20/2000 PROVINCIA DI FORLI'-CESENA PIANO TERRITORIALE DI COORDINAMENTO PROVINCIALE COMUNE DI PIANO STRUTTURALE COMUNALE - Art. 21 L.R. 20/2000 DISCIPLINA PARTICOLAREGGIATA DEGLI INSEDIAMENTI E INFRASTRUTTURE STORICI

Dettagli

Birdgarden Un giardino biologico

Birdgarden Un giardino biologico Birdgarden Un giardino biologico - Progettazione del giardino - Scelta delle piante ed essenze vegetali - Creazione di laghetti e/o piccoli stagni - Installazione di nidi e mangiatoie - Come attirare le

Dettagli

Ottimizzare l efficienza energetica degli edifici esistenti: il Progetto AFTER

Ottimizzare l efficienza energetica degli edifici esistenti: il Progetto AFTER SiTI Istituto Superiore sui Sistemi Territoriali per l Innovazione mariagiovanna.dongiovanni@siti.polito.it Seminario HORIZON 2020 Federcasa ATC Torino Scholé SiTI Roma, 10 aprile 2014 Ottimizzare l efficienza

Dettagli

COMUNE DI MORINO PROVINCIA DI L AQUILA REGOLAMENTO CONDOMINIALE

COMUNE DI MORINO PROVINCIA DI L AQUILA REGOLAMENTO CONDOMINIALE COMUNE DI MORINO PROVINCIA DI L AQUILA REGOLAMENTO CONDOMINIALE APPROVATO CON DELIBERA C.C. 13 DEL 26.01.2000 TITOLO I PREMESSE Art 1. Ambito di applicazione Il presente regolamento trova applicazione

Dettagli

Singoli capitoli CPN Edilizia

Singoli capitoli CPN Edilizia Titoli generali (solo in forma cartacea) 1001I/99 Istruzioni per l uso CPN gratuito 1003I/15 Elenco dei capitoli CPN con indice analitico 79.00 1004I/92 Informazioni per l utenza 49.00 1010I Schede tecniche

Dettagli

UNITÀ ABITATIVA SITA IN Roma, Via Monti Parioli n.62, scala B, piano terra, int.1

UNITÀ ABITATIVA SITA IN Roma, Via Monti Parioli n.62, scala B, piano terra, int.1 UNITÀ ABITATIVA SITA IN Roma, Via Monti Parioli n.62, scala B, piano terra, int.1 E BOX AUTO SITO IN Roma, Via Monti Parioli n.62, scala B, piano terra, n.2 2. DESCRIZIONE E IDENTIFICAZIONE DELLE UNITÀ

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA TUTELA DELLA PUBBLICA INCOLUMITA. Art.1

REGOLAMENTO PER LA TUTELA DELLA PUBBLICA INCOLUMITA. Art.1 REGOLAMENTO PER LA TUTELA DELLA PUBBLICA INCOLUMITA Art.1 Inagibilità o inabitabilità L inagibilità o inabitabilità di un immobile consistere in un degrado fisico sopravvenuto superabile non con interventi

Dettagli

Vengono richiesti alcuni distinti pareri su questioni attinenti all edificazione nel territorio agricolo.

Vengono richiesti alcuni distinti pareri su questioni attinenti all edificazione nel territorio agricolo. Parere n. 50/2010 - Edificazione su territorio agricolo Vengono richiesti alcuni distinti pareri su questioni attinenti all edificazione nel territorio agricolo. Si precisa che le risposte ai quesiti posti

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione Ufficio Comune Nuovi Insediamenti

Dipartimento di Prevenzione Ufficio Comune Nuovi Insediamenti ATTIVITÀ SVOLTA IN AMBIENTI INTERRATI E SEMINTERRATI RIFERIMENTI NORMATIVI NAZIONALI Igiene degli abitati urbani art.li 216 del T.U.LL.SS. R.D. 1265/34; D.M.S. 05/09/1994 DPR 06/06/2001 n 380 Igiene del

Dettagli

CORTONA, TOSCANA TENUTA STORICA IN VENDITA

CORTONA, TOSCANA TENUTA STORICA IN VENDITA Rif 600 - DIMORA STORICA CORTONA EUR 3.500.000,00 CORTONA, TOSCANA TENUTA STORICA IN VENDITA Tuoro sul Trasimeno - Perugia - Umbria www.romolini.com/it/600 Superficie: 1800 mq Terreno: 13 ettari Camere:

Dettagli

FESTIVAL DEI RONDONI SWIFTS & FUN 2015. caratteristiche, raccomandazioni, consigli

FESTIVAL DEI RONDONI SWIFTS & FUN 2015. caratteristiche, raccomandazioni, consigli In sintesi FESTIVAL DEI RONDONI SWIFTS & FUN 2015 caratteristiche, raccomandazioni, consigli Cosa non c è rispetto al 2014 e 2013 seminario e altri eventi centralizzati: niente seminario a Carmagnola (2013,

Dettagli

Interventi ammessi alla detrazione irpef del 36%

Interventi ammessi alla detrazione irpef del 36% CARTONGESSO CONTROSOFFITTI SISTEMI DI ISOLAMENTO TERMOACUSTICO TINTEGGIATURE Ufficio: Magazzino: Via Fistomba 8/II Cap. 35131 PADOVA Via Lisbona 8/A Cap. 35127 Z.I. PADOVA P. Iva : 02933440790 P. Iva.

Dettagli

DOTT. ARCHITETTO CESARE ROTA NODARI. COMUNE DI CORNA IMAGNA Via Finilgarello, 9 24030 Corna Imagna (Bergamo)

DOTT. ARCHITETTO CESARE ROTA NODARI. COMUNE DI CORNA IMAGNA Via Finilgarello, 9 24030 Corna Imagna (Bergamo) DOTT. ARCHITETTO CESARE ROTA NODARI 24030 ALMENNO SAN BARTOLOMEO (BG) / VIA G. FALCONE, 1 / TEL./ FAX 035/540020 E-MAIL: crnarch@tiscalinet.it / COD. FISC. : RTN CSR 35D11 A216P / PARTITA IVA 00041690165

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE REGIONE PIEMONTE BU18 07/05/2015 Comune di Rivalta di Torino (Torino) Deliberazione di C.C. n. 4 del 28/01/2015: Regolamento Edilizio Comunale. Modifica e sostituzione articolo 18 e inserimento nuovi articoli

Dettagli

In questa foto si vede l antica chiesa di Creola che si trovava nel vecchio borgo del paese. La strada non è asfaltata e ci sono delle persone che vi

In questa foto si vede l antica chiesa di Creola che si trovava nel vecchio borgo del paese. La strada non è asfaltata e ci sono delle persone che vi In questa foto si vede l antica chiesa di Creola che si trovava nel vecchio borgo del paese. La strada non è asfaltata e ci sono delle persone che vi camminano in mezzo. A destra si nota una macchina d

Dettagli

Prezzario Regionale dei lavori pubblici. Voci finite: Elenco prezzi Volume 4 quinquies

Prezzario Regionale dei lavori pubblici. Voci finite: Elenco prezzi Volume 4 quinquies REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato dei Lavori Pubblici Prezzario Regionale dei lavori pubblici Voci finite: Elenco prezzi Volume 4 quinquies Anno: 2008 Indice Voci finite i Indice D.0012 - RESTAURO..............................................

Dettagli

FESTIVAL DEI RONDONI-SWIFTS & FUN

FESTIVAL DEI RONDONI-SWIFTS & FUN Rondoni! Ornitho.it un mezzo potente ed unico per costituire una raccolta dati sui rondoni, in particolare su: 1- PRIMI ARRIVI: Le registrazioni su ORNITHO.IT dei primi arrivi servono a fornire l informazione

Dettagli

AZIONI DI RISPARMIO TERMICO

AZIONI DI RISPARMIO TERMICO AZIONI DI RISPARMIO TERMICO La maggior parte degli edifici esistenti sono caratterizzati da elevati consumi termici, sia a causa delle dispersioni di calore per trasmissione attraverso le pareti, i tetti,

Dettagli