Atlante dei Ropaloceri del Veneto: un esperienza di integrazione tra studio di collezioni e rilevamenti sul campo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Atlante dei Ropaloceri del Veneto: un esperienza di integrazione tra studio di collezioni e rilevamenti sul campo"

Transcript

1 MUSEOLOGIA SCIENTIFICA MEMORIE N. 9/ I musei delle scienze e la biodiversità Ferrara, novembre 2010 a cura di Stefano Mazzotti e Giancarla Malerba ISSN Atlante dei Ropaloceri del Veneto: un esperienza di integrazione tra studio di collezioni e rilevamenti sul campo Lucio Bonato Dip. Biologia, Università di Padova, Via U. Bassi, 58B. I Padova. Marco Uliana Museo di Storia Naturale di Venezia, S. Croce, I Venezia. Stefano Beretta Associazione Entomologica Naturalistica Vicentina. Paolo Paolucci Dipartimento Agronomia Animali Alimenti Risorse Naturali e Ambiente, Università di Padova, Viale dell Università, 16. I Legnaro (Pd). Michele Zanetti Associazione Naturalistica Sandonatese, Via Romanziol, 130. I Noventa di Piave (Ve). RIASSUNTO Il progetto Atlante dei Ropaloceri del Veneto, promosso dal Museo di Storia Naturale di Venezia, intende documentare la distribuzione geografica ed ecologica delle specie di farfalle diurne (Ropaloceri) nel territorio del Veneto, anche per valutarne lo stato di conservazione a livello regionale. Intende costruire un database elettronico georeferenziato integrando sia dati ricavati dalle numerose collezioni museali e private esistenti (il cui valore di documentazione scientifica è rimasto finora in larga parte inutilizzato) sia nuovi dati ottenuti da rilevamenti sul campo (condotti da una rete di collaboratori volontari mediante diversi metodi: osservazione, eventualmente con cattura temporanea degli animali; fotografia; raccolta di esemplari). Dopo il primo anno del progetto (2010), sono stati ottenuti più di dati da 60 collaboratori. Tra i dati già validati e analizzati, il 36% deriva da collezioni, il 47% da segnalazioni inedite, gli altri dalla letteratura. Il 92% di questi dati sono stati riferiti a siti relativamente precisi e altri 6% almeno a livello di comune. Parole chiave: Rhopalocera, faunistica, indagine collettiva, collezioni zoologiche. ABSTRACT Atlas of butterflies (Rhopalocera) of the Veneto region: integrating study of collections and field surveys. The Atlante dei Ropaloceri del Veneto project is promoted by the Museum of Natural History of Venice and aims at documenting the geographical and environmental distribution of the species of butterflies (Rhopalocera) living in the Veneto region (north-east Italy), so that to contribute to evaluate their conservation status at the regional scale. A geo-referenced electronic database is going to be assembled by merging data from both the many existent butterfly collections (including public and private collections, whose value as biodiversity documentation has been hitherto underexploited) and either occasional or planned field surveys (performed by a network of volunteers by multiple approaches including visual census, photography and temporary catching, besides collecting specimens). During the first year of the project (2010), more than data have been gathered by 60 collaborators. Out of the total amount of the validated data, 36% came from collections, 47% from original observations or photographs, the remaining data from the literature; 92% of the data have been referred to precise localities and another 6% to municipalities at least. Key words: Rhopalocera, faunistics, partecipatory research, zoological collections. IL PROGETTO ARVE: FINALITÀ E STRATEGIA Il progetto Atlante dei Ropaloceri del Veneto (ARVe) è un iniziativa volta a indagare le cosiddette farfalle diurne che vivono nel Veneto. Nonostante i Ropaloceri siano tra gli insetti più studiati per diversi aspetti della loro biologia ed ecologia, e siano pure tra 107

2 i più apprezzati a livello popolare, la loro distribuzione e il loro stato di conservazione in Italia, e in particolare nel Veneto, sono ancora largamente sconosciuti. Inoltre, i Ropaloceri sono riconosciuti a livello europeo come utili indicatori per la valutazione e il monitoraggio della qualità ambientale, nonché efficaci soggetti per la divulgazione naturalistica e l educazione ambientale. Obiettivi specifici del progetto sono: cartografare la distribuzione geografica delle diverse specie nel territorio del Veneto; ottenere informazioni di base per valutarne lo stato di conservazione in ambito regionale; individuare le aree di maggior valore per le comunità di Ropaloceri e quindi meritevoli di prioritaria attenzione gestionale. Prodotti fondamentali saranno sia un database elettronico georeferenziato, che sarà reso disponibile all amministrazione regionale per le sue attività di gestione territoriale (Salogni, 2008), sia un volume in cui saranno pubblicati i risultati dell indagine, secondo la tradizione degli atlanti floro-faunistici che si è sviluppata negli ultimi decenni anche in Italia (Bonato et al., 2011). Il progetto, ideato e coordinato dagli autori di questo articolo, è sostenuto dal Museo civico di Storia Naturale di Venezia, grazie ad una convenzione stipulata con l amministrazione della Regione Veneto. Il progetto è stato varato all inizio del 2010 e si svilupperà per un triennio. In analogia a precedenti indagini condotte nel Veneto, a livello regionale o provinciale, su gruppi di Vertebrati, il progetto ARVe è stato concepito come un iniziativa collettiva, volontaristica e aperta alla collaborazione di tutti coloro che ne condividono le motivazioni fondamentali di documentazione scientifica e di valorizzazione e conservazione della realtà naturale. Per promuovere l iniziativa e offrire assistenza e formazione ai collaboratori meno esperti, sono stati attivati un servizio di segreteria presso il Museo di Storia Naturale di Venezia, un sito web dedicato (www.farfalleveneto.eu) e altre iniziative di supporto. La metodologia è illustrata in dettaglio nel sito web ed è sintetizzata in Bonato et al. (2011). STUDIO DI COLLEZIONI E INDAGINI SUL CAMPO Con l obiettivo di assemblare un database di segnalazioni georeferenziate quanto più possibile ampio e rappresentativo, oltre a considerare l intera letteratura faunistica esistente per il territorio interessato, è apparso strategico considerare e promuovere contemporaneamente due diversi canali per acquisire dati originali e/o inediti: indagini finalizzate e/o osservazioni occasionali sul territorio. A seconda della difficoltà di identificazione delle diverse specie e dell esperienza personale dei collaboratori, si ottenengono dati utili sia attraverso la semplice osservazione e il riconoscimento in natura delle farfalle, eventualmente mediante la loro cattura temporanea, sia attraverso la fotografia sul campo e la successiva identificazione sulla base delle foto, sia ancora mediante la raccolta di esemplari, che vengono esaminati successivamente da esperti; studio delle collezioni entomologiche. L individuazione e l esame diretto delle collezioni esistenti, museali o private, permette di ottenere dati utili verificando l identificazione degli esemplari preparati e digitalizzando i dati di raccolta riportati sui relativi cartellini. Nella maggior parte dei casi, le indagini faunistiche estese finora condotte in Italia, a livello nazionale o regionale, hanno utilizzato esclusivamente o principalmente l uno o l altro di questi due approcci. Ciò è in relazione alle diverse tradizioni metodologiche di rilevamento e identificazione per i diversi gruppi di animali: essenzialmente osservazioni sul campo, con o senza cattura temporanea, per i Vertebrati (come testimoniato dall abbondante produzione di atlanti distributivi di pesci, anfibi, rettili e uccelli); esame di collezioni di esemplari raccolti e conservati, per gli invertebrati (come, ad esempio, per i Ropaloceri italiani nell ambito del progetto CKmap; Balletto et al., 2005). L integrazione di questi approcci appare invece particolarmente utile e strategica per i Ropaloceri. A differenza di altri gruppi di invertebrati, infatti, la maggiore parte delle specie di Ropaloceri potenzialmente presenti nel Veneto (quasi 200) può essere identificata sulla base di caratteri morfologici e cromatici valutabili anche senza catturare gli animali o comunque senza necessariamente raccoglierli (Lafranchis, 2004). I Ropaloceri, infatti, sono tra i pochi gruppi di invertebrati (come, ad esempio, anche gli Odonati) che possono essere indagati e monitorati in modo efficace utilizzando modalità speditive di rilevamento, anche mediante semplice osservazione, cattura temporanea e/o fotografia in natura, limitando la necessità di raccolta e preparazione secondo modalità tradizionali. D altra parte, nel Veneto così come in generale in Italia, i Ropaloceri sono stati - e continuano ad essere - oggetto di raccolta e collezionismo scientifico da parte di molti appassionati, sia professionisti sia amatoriali. Le numerose collezioni esistenti che si stanno individuando stanno fornendo dati utili sulla fauna regionale dei Ropaloceri. Parte di queste collezioni è conservata presso musei pubblici, sia in Veneto sia nelle regioni circostanti, e molte altre collezioni sono invece private e rimangono da censire. Nella maggior parte dei casi, queste collezioni non sono state ancora considerate e studiate per analisi faunistiche o ecologiche, né ne sono stati pubblicati cataloghi, cosicché il loro potenziale valore per la documentazione della biodiversità regionale è rimasto finora in larga parte inutilizzato. RISULTATI PRELIMINARI Al termine del primo anno del progetto (2010), sono stati raccolti più di dati, forniti da 60 collaboratori. La maggior parte di questi dati (23235, ossia tutti i dati 108 LUCIO BONATO - MARCO ULIANA - STEFANO BERETTA - PAOLO PAOLUCCI - MICHELE ZANETTI

3 segnalazioni riferiti ai Papilionoidei) è già stata sottoposta a una procedura di validazione secondo diversi criteri per valutarne l attendibilità (vedi Bonato et al., 2011), è stata georeferenziata in un sistema GIS ed è stata quindi analizzata, allo scopo di valutare in itinere l andamento del progetto, restituire i primi risultati ai collaboratori e ottenere utili indicazioni per indirizzare le successive indagini verso particolari aree, ambienti e specie. A seguito della procedura di validazione, il 93% dei dati sono stati accettati senza riserva, il 3% sono stati considerati temporaneamente con dubbio (ad esempio: segnalazioni di una specie in un ambiente o in una data inusuali per quella specie; fotografie o esemplari che lasciano dubbi sull identificazione), mentre il 4% sono stati scartati (nella maggior parte dei casi perché segnalazioni ridondanti della stessa specie nello stesso sito nello stesso giorno). Per quanto riguarda la fonte dei dati (fig. 1), il 17% di tutti i dati utili (accettati o dubbi) derivano dallo spoglio della letteratura, che è ancora in corso ma è stato completato per la maggior parte. Il 36% sono stati ottenuti da esemplari presenti in collezioni (finora sono state esaminate 10 collezioni museali e 9 private; tab. 1), mentre il restante 47% consiste in segnalazioni inedite, quando necessario supportate da fotografie ed esemplari raccolti. In relazione alla georeferenziazione, il 92% dei dati utili sono stati riferiti ad un sito in modo non ambiguo e relativamente preciso, il 6% sono risultati attribuibiletteratura 3792 collezioni 8108 Fig. 1. Numero di segnalazioni di Ropaloceri Papilionoidei nel Veneto per ciascuna delle fonti di origine, al termine del primo anno del progetto ARVe. li solo ad un territorio comunale ma senza localizzazione più precisa, mentre il 2% sono risultati solo genericamente riferiti ad un area di estensione sovracomunale. Indicazioni geografiche poco dettagliate e quindi limitanti per la georeferenziazione sono state riscontrate soprattutto per esemplari di collezioni, sulla base di quanto indicato sui rispettivi cartellini. Collezione localizzazione aree principali periodo principale Avventi Claudio Museo civico di Storia Naturale di Verona varie Bizzi Alberto Museo civico di Storia naturale di Ferrara Colli Berici Beretta Stefano privata (Vicenza) Vicentino Bonato Lucio Museo Naturalistico Archeologico di Montebelluna medio Piave Carlotto Leonardo privata (Sandrigo) Vicentino Cogo Lorenzo privata (Trebaseleghe) varie Collezione generale del Museo civico di Storia Naturale di Verona Museo civico di Storia Naturale di Verona rilievi veronesi Collezione generale del Museo di Storia Naturale di Venezia Museo di Storia Naturale di Venezia pianura veneziana Cussigh Fausto Museo Naturalistico Archeologico di Vicenza Vicentino De Martin Paolo privata (Venezia Lido) varie Fontana Paolo Museo Naturalistico Archeologico di Vicenza varie Fracasso Alberto Museo Naturalistico Archeologico di Vicenza varie Longo Turri Giuseppe privata (Quinzano) rilievi veronesi Palmi Paolo privata (Vedano al Lambro) varie Paolucci Paolo Dip. Agronomia ambientale e Produzioni vegetali, Univ. di Padova varie Sala Giovanni privata (Salò) varie Tasca Stefano privata (Crespano del Grappa) Monte Grappa Verza Emiliano privata (Rovigo) Polesine Zangheri Sergio Museo civico di Storia Naturale di Verona varie Tab. 1. Collezioni finora considerate che hanno fornito dati utili sui Ropaloceri del Veneto, al termine del primo anno del progetto ARVe. 109

4 l m o dato certo / coordinate precise dato dubbio / coordinate precise dato certo / presenza a scala comunale dato dubbio / presenza a scala comunale Fig. 2. Distribuzione geografica delle segnalazioni di Ropaloceri Papilionoidei nel Veneto, al termine del primo anno del progetto ARVe. Le segnalazioni sono distinte in base alla precisione geografica (sito preciso oppure territorio comunale) e al giudizio di attendibilità dell identificazione (accettata oppure dubbia). L analisi cartografica di tutti i dati riferiti a siti o almeno a territori comunali (figg. 2-3) ha fornito un indicazione indiretta del grado di copertura del territorio regionale dopo il primo anno del progetto, utile per orientare ulteriori indagini su aree finora meno indagate o del tutto trascurate. RINGRAZIAMENTI Ringraziamo collettivamente tutti i collaboratori che stanno contribuendo volontariamente e generosamente alla costruzione del database, il Servizio Reti Ecologiche e Biodiversità della Regione Veneto che ha supportato il progetto, nonché i musei e gli enti-parco che hanno messo a disposizione le loro collezioni o archivi: Museo civico di Storia naturale di Ferrara (F. Pesarini), Museo Naturalistico Archeologico di Montebelluna (G. Vaccari), Museo di Storia Naturale di Venezia (M. Bon), Museo di Storia Naturale di Verona (L. Latella), Museo Naturalistico Archeologico di Vicenza (A. Dal Lago), Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi (E. Vettorazzo), Parco Naturale delle Dolomiti d Ampezzo (M. Da Pozzo), Parco Regionale dei Colli Euganei (R. Rosa). 110 LUCIO BONATO - MARCO ULIANA - STEFANO BERETTA - PAOLO PAOLUCCI - MICHELE ZANETTI

5 Segnalazioni < > 500 Fig. 3. Distribuzione geografica della densità di segnalazioni di Ropaloceri Papilionoidei nel Veneto, sulla base del reticolo UTM di 5x5 km, al termine del primo anno del progetto ARVe. Un ringraziamento particolare a P. Martinelli per aver digitalizzato i dati degli oltre esemplari conservati nelle collezioni del Museo di Verona, e a G. Salogni e E. Romanazzi per aver curato l analisi cartografica dei dati. BIBLIOGRAFIA BALLETTO E., BONELLI S., CASSULO L Insecta Lepidoptera Papilionoidea (Rhopalocera). In: Ruffo S., Stoch F. (eds.), Checklist e distribuzione della fauna italiana. Memorie del Museo Civico di Storia Naturale di Verona. 2 serie. Sezione scienze della vita, pp. + CDRom. BONATO L., ULIANA M., BERETTA S., PAOLUCCI P., ZANETTI M., BON M., Dai vertebrati agli invertebrati: un progetto di indagine sulle farfalle diurne del Veneto. Bollettino del Museo di Storia Naturale di Venezia, 61 (suppl.): LAFRANCHIS T., Butterflies of Europe. Diatheo, 352 pp. SALOGNI G., Banche dati georiferite floro-faunistiche nella gestione dei siti della Rete Natura 2000 del Veneto. Bollettino del Museo di Storia Naturale di Venezia, 58(suppl.):

Dai vertebrati agli invertebrati: un progetto di indagine sulle farfalle

Dai vertebrati agli invertebrati: un progetto di indagine sulle farfalle Lucio Bonato, Marco Uliana, Stefano Beretta, Paolo Paolucci, Michele Zanetti, Mauro Bon Dai vertebrati agli invertebrati: un progetto di indagine sulle farfalle diurne del Veneto Riassunto. Il progetto

Dettagli

www.evolutionmegalab.org/it evolutionmegalabitalia@unife.it

www.evolutionmegalab.org/it evolutionmegalabitalia@unife.it Alla cortese attenzione di: Docenti di Scienze Dirigenti Scolastici Responsabili dei Dipartimenti di Scienze Responsabili dei Laboratori Scientifici scolastici Oggetto: Invito a partecipare al progetto

Dettagli

ASPETTI FLORO-VEGETAZIONALI

ASPETTI FLORO-VEGETAZIONALI - ASPETTI FLORO-VEGETAZIONALI - pag. 1 ASPETTI FLORO-VEGETAZIONALI PARTE 1 a - ANALISI 1 FLORA E VEGETAZIONE Dati disponibili che verranno utilizzati per il presente lavoro: Documento anno Note, possibilità

Dettagli

Atlante delle specie faunistiche indicatrici di qualità ambientale nel territorio della Provincia di Milano

Atlante delle specie faunistiche indicatrici di qualità ambientale nel territorio della Provincia di Milano UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA ANIMALE Atlante delle specie faunistiche indicatrici di qualità ambientale nel territorio della Provincia di Milano A cura di: Dott. Alberto Meriggi

Dettagli

VGI-DSS per la gestione delle emergenze e delle manutenzioni in ambito urbano

VGI-DSS per la gestione delle emergenze e delle manutenzioni in ambito urbano VGI-DSS per la gestione delle emergenze e delle manutenzioni in ambito urbano Luigi De Rosa. ENEA, luigi.derosa@enea.it Parole chiave: VGI; Emergenze urbane; smart city; sicurezza ABSTRACT Obiettivo di

Dettagli

Rilievo e censimento della rete elettrica di bassa e media tensione - Realizzazione di un database informativo territoriale

Rilievo e censimento della rete elettrica di bassa e media tensione - Realizzazione di un database informativo territoriale Rilievo e censimento della rete elettrica di bassa e media tensione - Realizzazione di un database informativo territoriale La SNIE SpA opera da più di un secolo nel settore dell'energia elettrica; Fondata

Dettagli

A STIPULARSI TRA. il MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA (di seguito MIUR ), rappresentato dal Capo Dipartimento, Marco MANCINI,

A STIPULARSI TRA. il MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA (di seguito MIUR ), rappresentato dal Capo Dipartimento, Marco MANCINI, Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ACCORDO ATTUATIVO dell Accordo di collaborazione per la valorizzazione e l integrazione

Dettagli

COME CONSERVANO E VALORIZZANO I BENI NATURALISTICI MUSEALI?

COME CONSERVANO E VALORIZZANO I BENI NATURALISTICI MUSEALI? COME CONSERVANO E VALORIZZANO I BENI NATURALISTICI MUSEALI? A Flusso di attività B - INPUT C Descrizione dell attività D RISULTATO E - SISTEMA PROFESSIONALE ESIGENZA DI CONSERVARE E VALORIZZARE LE PRESENTI

Dettagli

BANCHE DATI NATURALISTICHE REGIONE PIEMONTE (BDNRP) Deontologia e norme per l utilizzo e l accesso ai dati

BANCHE DATI NATURALISTICHE REGIONE PIEMONTE (BDNRP) Deontologia e norme per l utilizzo e l accesso ai dati BANCHE DATI NATURALISTICHE REGIONE PIEMONTE (BDNRP) Deontologia e norme per l utilizzo e l accesso ai dati Sommario 1 Finalità...1 2 Origine dei dati...1 3 Proprietà dei dati...2 4 Proprietà dei software...2

Dettagli

Biodiversità. Università di Roma Tor Vergata

Biodiversità. Università di Roma Tor Vergata Il Network Nazionale della Biodiversità Valerio Sbordoni Dipartimento di Biologia, Università di Roma Tor Vergata Sistema Ambiente 2010 Il Network Nazionale della Biodiversità (NNB) nasce come progetto

Dettagli

CURRICULUM VITAE ASSOCIAZIONE CULTURALE NATURALISTICA SAGITTARIA

CURRICULUM VITAE ASSOCIAZIONE CULTURALE NATURALISTICA SAGITTARIA CURRICULUM VITAE ASSOCIAZIONE CULTURALE NATURALISTICA SAGITTARIA L Associazione Culturale Naturalistica Sagittaria nasce nel gennaio 2006 per volontà di tre tecnici del settore naturalistico - ambientale:

Dettagli

Oasi naturalistica del Parco del Roccolo

Oasi naturalistica del Parco del Roccolo AMICI DEL PARCO DEL ROCCOLO Organizzazione di volontariato - C.F. : 93034320163 Sede Legale: via San Martino 11, 24047 Treviglio (BG). Sede operativa: Parco del Roccolo, Via del Bosco, Treviglio (BG).

Dettagli

Dipartimento Biologia e Biotecnologie. Luigi Boitani. Il monitoraggio della biodiversità nella

Dipartimento Biologia e Biotecnologie. Luigi Boitani. Il monitoraggio della biodiversità nella Dipartimento Biologia e Biotecnologie Luigi Boitani Il monitoraggio della biodiversità nella rete N2000 dell Emilia Romagna Biodiversità in Italia Roma 25 26 Febbraio 2014 Biodiversità in regione Emilia-Romagna

Dettagli

Dalla Biodiversità alla Luce Prof.ssa Flora Marino

Dalla Biodiversità alla Luce Prof.ssa Flora Marino Percorso didattico Dalla Biodiversità alla Luce Prof.ssa Flora Marino I Convegno di Education 2.0 Firenze, 23 aprile 2010 Il problema di partenza Il gruppo di lavoro del Presidio Territoriale ISS percorso

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CIVICO ORTO BOTANICO DI BERGAMO LORENZO ROTA

REGOLAMENTO DEL CIVICO ORTO BOTANICO DI BERGAMO LORENZO ROTA 34 REGOLAMENTO DEL CIVICO ORTO BOTANICO DI BERGAMO LORENZO ROTA ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 15/I93197/2003 P.G. NELLA SEDUTA DEL 02/02/2004 Art. 1 Premessa Il presente regolamento

Dettagli

Erbario Flora Montis Oropae (Biella): la catalogazione informatica come strumento per gestori, storici, floristi e divulgatori

Erbario Flora Montis Oropae (Biella): la catalogazione informatica come strumento per gestori, storici, floristi e divulgatori MUSEOLOGIA SCIENTIFICA MEMORIE N. 2/2008 39-43 Atti del XIV Congresso ANMS Il Patrimonio della scienza. Le collezioni di interesse storico. Torino, 10-12 novembre 2004 a cura di C. Cilli, G. Malerba, G.

Dettagli

I Centri Servizio Volontariato del Veneto

I Centri Servizio Volontariato del Veneto I Centri Servizio Volontariato del Veneto l sette Centri Servizi Volontariato - CSV gestiti dai coordinamenti provinciali del volontariato (Enti gestori), sono enti che raggruppano 1.716 associazioni,

Dettagli

Il Centro di Documentazione Musicale della Toscana: un servizio regionale per la conoscenza e tutela dei fondi musicali

Il Centro di Documentazione Musicale della Toscana: un servizio regionale per la conoscenza e tutela dei fondi musicali STEFANIA GITTO Il Centro di Documentazione Musicale della Toscana: un servizio regionale per la conoscenza e tutela dei fondi musicali ABSTRACT Quaderni Estensi n. 6 (2014), p. 43-45 STEFANIA GITTO, CeDoMus

Dettagli

REGIONANDO 2001. Regione Veneto Area Tecnico Scientifica-Servizio Prevenzione Industriale Censimento Industrie a Rischio di incidente Rilevante

REGIONANDO 2001. Regione Veneto Area Tecnico Scientifica-Servizio Prevenzione Industriale Censimento Industrie a Rischio di incidente Rilevante REGIONANDO 2001 Regione Veneto Area Tecnico Scientifica-Servizio Prevenzione Industriale Censimento Industrie a Rischio di incidente Rilevante Parte 1: Anagrafica Titolo del Progetto: Censimento Industrie

Dettagli

1. AUDIT ENERGETICO DEI 250 EDIFICI PUBBLICI DELLA PROVINCIA DELLA SPEZIA E REALIZZAZIONE DI UNA PIATTAFORMA INFORMATICA Audit GIS

1. AUDIT ENERGETICO DEI 250 EDIFICI PUBBLICI DELLA PROVINCIA DELLA SPEZIA E REALIZZAZIONE DI UNA PIATTAFORMA INFORMATICA Audit GIS Titolo: Dal Censimento dei consumi energetici degli edifici pubblici all attuazione dei PAES della Provincia della Spezia Arch. Paola Giannarelli 18 marzo 2011 ISOLA DI SAN SERVOLO - VENEZIA DAL CENSIMENTO

Dettagli

Bioeccellenze dei Parchi Italiani. LE FILIERE BIOLOGICHE VIRTUOSE NEI PARCHI ITALIANI dalla definizione all implementazione

Bioeccellenze dei Parchi Italiani. LE FILIERE BIOLOGICHE VIRTUOSE NEI PARCHI ITALIANI dalla definizione all implementazione Bioeccellenze dei Parchi Italiani LE FILIERE BIOLOGICHE VIRTUOSE NEI PARCHI ITALIANI dalla definizione all implementazione Il Progetto Le Filiere Biologiche Virtuose dei Parchi Italiani /1 Le aree protette

Dettagli

Il mondo della pesca nel Veneto: numeri, problematiche e iniziative.

Il mondo della pesca nel Veneto: numeri, problematiche e iniziative. Il mondo della pesca nel Veneto: numeri, problematiche e iniziative. Dott. Mario Richieri Dirigente Regionale Unità di Progetto Caccia e Pesca Dott. Luca Tenderini Responsabile Ufficio Pesca Villa Cordellina

Dettagli

BANDO DI CONCORSO. Regione Veneto Provincia di Venezia Comune di Venezia. Assessorato all Istruzione della Provincia di Venezia

BANDO DI CONCORSO. Regione Veneto Provincia di Venezia Comune di Venezia. Assessorato all Istruzione della Provincia di Venezia 1 BANDO DI CONCORSO MAV IL MUSEO DI ALTINO CHE VERRÀ Concorso per le scuole di ogni ordine e grado del Veneto Il concorso, promosso dal Museo Archeologico Nazionale di Altino, dai Servizi Educativi della

Dettagli

Vivere il museo 2013

Vivere il museo 2013 OBIETTIVI DEL PROGETTO: 1. ACQUARIO CIVICO (Sede 91334) Scheda progetto Vivere il museo 2013 apporre migliorie alle vasche espositive del percorso interno supportando il lavoro dei biologi acquaristi nella

Dettagli

Aracnofauna della Sardegna

Aracnofauna della Sardegna Consorzio 21 Edificio 2- Polaris Programma Master and Back Loc. Piscina Manna 09010 Pula Programma di Tirocinio: Aracnofauna della Sardegna 1. Soggetto Proponente (Operante in Sardegna) Ragione Sociale:

Dettagli

Zancan Formazione Srl PROPOSTE FORMATIVE 2012

Zancan Formazione Srl PROPOSTE FORMATIVE 2012 Zancan Formazione Srl PROPOSTE FORMATIVE 2012 La Zancan Formazione Srl si propone di promuovere e diffondere una cultura sociale ispirata ai valori della solidarietà, del rispetto della dignità dei soggetti

Dettagli

TAVOLA ROTONDA: Esperienze a confronto

TAVOLA ROTONDA: Esperienze a confronto CONFERENZA ANNUALE SBBL 16 novembre 2010 TAVOLA ROTONDA: Esperienze a confronto CENTRO DOCUMENTAZIONE BIOMEDICA A.O. NIGUARDA Il personale sanitario dell A.O. Niguarda è costituito da: - 820 dirigenti

Dettagli

Csmon Life, l app che tutela l ambiente e la biodiversità

Csmon Life, l app che tutela l ambiente e la biodiversità www.ninjamarketing.it 04.09.2015 Csmon Life, l app che tutela l ambiente e la biodiversità Quando la tecnologia fa bene alla natura! Sicuramente quest estate vi sarete trovati a tu per tu con qualche pianta

Dettagli

Associazione Nazionale Musei Scientifici XXI Congresso La ricerca nei musei scientifici

Associazione Nazionale Musei Scientifici XXI Congresso La ricerca nei musei scientifici Associazione Nazionale Musei Scientifici XXI Congresso La ricerca nei musei scientifici Gentili e stimati Colleghi, Padova 9-11 novembre 2011 Centro di Ateneo per i Musei Seconda circolare (luglio 2011)

Dettagli

ATTIVITA SVOLTE DAL WWF TRIESTE ONLUS NEL PROGETTO COASTNET ADOTTA UN TRATTO DI COSTA E SCOPRILO INSIEME A NOI

ATTIVITA SVOLTE DAL WWF TRIESTE ONLUS NEL PROGETTO COASTNET ADOTTA UN TRATTO DI COSTA E SCOPRILO INSIEME A NOI ATTIVITA SVOLTE DAL WWF TRIESTE ONLUS NEL PROGETTO COASTNET ADOTTA UN TRATTO DI COSTA E SCOPRILO INSIEME A NOI Bando progetti speciali a.s. 2014-2015 INDICE I. ELENCO DEI PARTNER DI PROGETTO... 2 II. PERIODO

Dettagli

Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi

Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Titolo dello studio: Atti del Convegno-Seravella 2.3.2001 sulla biodiversità coltivata Titolo dello studio: Indagine sui popolamenti ittici dei corsi d acqua nel territorio

Dettagli

PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE PROVINCIALE UN ANNO PER ES.SER.CI.

PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE PROVINCIALE UN ANNO PER ES.SER.CI. PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE PROVINCIALE UN ANNO PER ES.SER.CI. Denominazione Ente: Museo delle Scienze Indirizzo: Via Calepina, 14-38122 Trento Recapito telefonico: 0461 270320 Lara Segata 338 9117153

Dettagli

Griglia di progettazione dell Unita Didattica di Competenza di STORIA

Griglia di progettazione dell Unita Didattica di Competenza di STORIA Griglia di progettazione dell Unita Didattica di Competenza di STORIA Titolo dell unità di competenza: Indagare il passato per comprendere il nostro presente. Denominazione della rete-polo Istituto scolastico

Dettagli

Guida all elaborazione della Tesi

Guida all elaborazione della Tesi Università degli Studi di Torino Scuola di Medicina Dipartimento di Scienze della Sanità Pubblica e Pediatriche Corso di Laurea in Infermieristica Sedi Torino (Città della Salute, TO2, TO4) Guida all elaborazione

Dettagli

PROGETTO GOOD PRACTICE 2012

PROGETTO GOOD PRACTICE 2012 PROGETTO GOOD PRACTICE 2012 Questa breve nota illustra il progetto GoodPractice 2012 (GP2012), nona edizione del progetto GoodPractice. Il progetto, nato nel 1999, ha l obiettivo di comparare le prestazioni

Dettagli

La Rete Ecologica del Veneto

La Rete Ecologica del Veneto La Rete Ecologica del Veneto Convegno Le reti ecologiche nella pianificazione territoriale: il contributo del progetto Life+TEN c/o aula grande - Fondazione Bruno Kessler (FBK) via S. Croce, 77 Trento

Dettagli

COMITATO ADOTTA UN TERRAZZAMENTO

COMITATO ADOTTA UN TERRAZZAMENTO COMITATO ADOTTA UN TERRAZZAMENTO IN CANALE DI BRENTA STATUTO PRESENTAZIONE E FINALITÀ Il Comitato Adotta un terrazzamento in Canale di Brenta si forma a partire dalla convinzione che il processo di abbandono

Dettagli

Camposaz WORKSHOP DI PROGETTAZIONE IN SCALA 1:1 AI PIEDI DELLE DOLOMITI. Oggetto del bando

Camposaz WORKSHOP DI PROGETTAZIONE IN SCALA 1:1 AI PIEDI DELLE DOLOMITI. Oggetto del bando Camposaz WORKSHOP DI PROGETTAZIONE IN SCALA 1:1 AI PIEDI DELLE DOLOMITI Oggetto del bando Il bando mira a selezionare 12 persone al fine di costruire un gruppo che possa partecipare con motivazione, interesse

Dettagli

SISTEMA GIS IP ACEA Informatizzazione della Rete di Illuminazione Pubblica di Acea S.p.A. - Roma

SISTEMA GIS IP ACEA Informatizzazione della Rete di Illuminazione Pubblica di Acea S.p.A. - Roma SISTEMA GIS IP ACEA Informatizzazione della Rete di Illuminazione Pubblica di Acea S.p.A. - Roma IL COMMITTENTE ACEA ILLUMINAZIONE PUBBLICA SpA - Roma ACEA Illuminazione Pubblica S.p.A. è la società che

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE IL BASTIONE

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE IL BASTIONE STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE IL BASTIONE Logo regolarmente registrato presso C.C.I.A.A. della Spezia Il giorno 01 maggio 2001 alla Spezia in Via Cadorna 24, viene costituita l Associazione Culturale

Dettagli

FORMAZIONE IN RETE II EDIZIONE BIODIVERSITÀ E PAESAGGIO 2, 4, 18 Settembre 2015

FORMAZIONE IN RETE II EDIZIONE BIODIVERSITÀ E PAESAGGIO 2, 4, 18 Settembre 2015 CORSO DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO A.S. 2015/2016 FORMAZIONE IN RETE II EDIZIONE BIODIVERSITÀ E PAESAGGIO 2, 4, 18 Settembre 2015 Presentazione A partire dal 2013, attraverso un Accordo di Programma tra

Dettagli

ART. 1 COMPOSIZIONE E ARTICOLAZIONE DEL CATASTO SPELEOLOGICO REGIONALE

ART. 1 COMPOSIZIONE E ARTICOLAZIONE DEL CATASTO SPELEOLOGICO REGIONALE Allegato alla Delib.G.R. n. 44/19 del 29.9.2009 Direttiva per il funzionamento, aggiornamento e accesso al Catasto Speleologico Regionale in attuazione dell art. 9, comma 8, della L.R. n. 4/2007 recante

Dettagli

Cos è Multiplo? Multiplo è il nuovo centro culturale del Comune di Cavriago, inaugurato nel settembre 2011. Un innovativa struttura di 2.800 mq.

Cos è Multiplo? Multiplo è il nuovo centro culturale del Comune di Cavriago, inaugurato nel settembre 2011. Un innovativa struttura di 2.800 mq. Cos è Multiplo? Multiplo è il nuovo centro culturale del Comune di Cavriago, inaugurato nel settembre 2011. Un innovativa struttura di 2.800 mq., inserita in un area verde di 8.500 mq., che vede integrati

Dettagli

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna A r e a F o r m a z i o n e U n a p r o p o s t a f o r m a t i v a p e r i l t e r z o s e t t o r e C o m e f a r e p r o g e t t a z i o n e A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia

Dettagli

Educando nella Provincia di Varese 2012

Educando nella Provincia di Varese 2012 Scheda progetto Educando nella Provincia di Varese 2012 ANCI Lombardia coordina e organizza le azioni degli enti associati in materia di servizio civile definendo una precisa strategia metodologica comune

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA per la promozione, la realizzazione e lo sviluppo del progetto sperimentale

PROTOCOLLO D INTESA per la promozione, la realizzazione e lo sviluppo del progetto sperimentale PROTOCOLLO D INTESA per la promozione, la realizzazione e lo sviluppo del progetto sperimentale EQUILIBRI NATURALI Restituire la Natura ai Bambini e i Bambini alla Natura Tra - l Ente Parco Nazionale dei

Dettagli

BIOBLITZ Italia 2012:

BIOBLITZ Italia 2012: . BIOBLITZ Italia 2012: L Amministrazione Provinciale di Roma e le Università, le Scuole, le Aree Protette, i Bambini, i Ragazzi e le Famiglie INSIEME per l educazione ambientale, per la conoscenza e il

Dettagli

REGIONANDO 2001. Studio e analisi del paesaggio e del territoriorurale della Lombardia

REGIONANDO 2001. Studio e analisi del paesaggio e del territoriorurale della Lombardia REGIONANDO 2001 Regione Lombardia - Direzione Generale Agricoltura Gestione Ambiente Rurale e Foreste Struttura Ambiente Rurale e Fauna Studio e analisi del paesaggio e del territoriorurale della Lombardia

Dettagli

PICENTINI IN LUCE. Dall economia agricola all economia dell immaginario, dal Cinema Moderno a Giffoni Multimedia Valley

PICENTINI IN LUCE. Dall economia agricola all economia dell immaginario, dal Cinema Moderno a Giffoni Multimedia Valley PICENTINI IN LUCE Dall economia agricola all economia dell immaginario, dal Cinema Moderno a Giffoni Multimedia Valley Seminario di studio per insegnanti ed operatori culturali Laboratori didattici per

Dettagli

ISTITUTO CANOSSIANO MADONNA DEL GRAPPA TREVISO. Conegliano 10 settembre 2008 CONOSCERE I DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO DYSLEXIC?

ISTITUTO CANOSSIANO MADONNA DEL GRAPPA TREVISO. Conegliano 10 settembre 2008 CONOSCERE I DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO DYSLEXIC? ISTITUTO CANOSSIANO MADONNA DEL GRAPPA TREVISO Conegliano 10 settembre 2008 CONOSCERE I DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO DYSLEXIC? CHE COS E L A.I.D. E un organizzazione di volontari senza scopo di

Dettagli

Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Direzione Centrale Risorse Agricole, Naturali, Forestali e Montagna Servizio Territorio Montano e Manutenzioni Manuale dell Utente Luca Bincoletto Ottobre 2006 INDICE

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA Processo Sequenza di processo Area di Attività Qualificazione regionale SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 SERVIZI CULTURALI E DI SPETTACOLO

Dettagli

PROGRAMMA DI COOPERAZIONE Alpine Space 2014-2020

PROGRAMMA DI COOPERAZIONE Alpine Space 2014-2020 PROGRAMMA DI COOPERAZIONE Alpine Space 2014-2020 La presente scheda ha lo scopo di illustrare sinteticamente i contenuti del Programma di Cooperazione per il periodo 2014-2020, approvato dalla Commissione

Dettagli

Progetto MuseiD-Italia. Umbria I Luoghi della Cultura

Progetto MuseiD-Italia. Umbria I Luoghi della Cultura Musei digitali in rete: presentazione dei risultati del progetto MuseiD-Italia Roma, 14 Dicembre, Biblioteca Nazionale Centrale Progetto MuseiD-Italia Umbria I Luoghi della Cultura Ministero per i Beni

Dettagli

LA MAPPATURA DELLE ORGANIZZAZIONI NON PROFIT IN PIEMONTE

LA MAPPATURA DELLE ORGANIZZAZIONI NON PROFIT IN PIEMONTE LA MAPPATURA DELLE ORGANIZZAZIONI NON PROFIT IN PIEMONTE Venerdì 21 novembre 2014 IRES Piemonte Torino Martino IRES Piemonte Il progetto di ricerca Il presupposto è l abbandono del paradigma assistenzialistico

Dettagli

P r o v i n c i a d i P a d o v a Settore Lavoro - Formazione

P r o v i n c i a d i P a d o v a Settore Lavoro - Formazione Sportello Informativo Regionale per gli emigrati e i loro discendenti: percorsi strutturati di inserimento lavorativo, formativo e di cooperazione a favore degli emigrati di ritorno La Provincia di Padova

Dettagli

Progetto Da donna a donna

Progetto Da donna a donna Progetto Da donna a donna Un mosaico di iniziative in occasione dei 40 anni del Circolo BNL Presentato dalla Sezione Palcoscenico CCRS BNL di Roma in collaborazione con Il circolo BNL Nel cuore La fase

Dettagli

RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI

RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI RADICI DEL PRESENTE Progetto promosso da Assicurazioni

Dettagli

COMUNITA MONTANA ALTO E MEDIO METAURO. Antiche varietà. Progetto di recupero e valorizzazione di varietà locali di piante di interesse agrario

COMUNITA MONTANA ALTO E MEDIO METAURO. Antiche varietà. Progetto di recupero e valorizzazione di varietà locali di piante di interesse agrario COMUNITA MONTANA ALTO E MEDIO METAURO Antiche varietà Progetto di recupero e valorizzazione di varietà locali di piante di interesse agrario Premessa La Comunità Montana ha avviato, con la collaborazione

Dettagli

SVILUPPO SOSTENIBILE AL LAGO TRASIMENO

SVILUPPO SOSTENIBILE AL LAGO TRASIMENO L E G A M B I E N T E U M B R I SVILUPPO SOSTENIBILE AL LAGO TRASIMENO Perugia, 3 giugno 2008 A : iniziative e proposte Le proposte elaborate da Legambiente fanno riferimento al Piano di sviluppo sostenibile

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE DI INTERVENTI DI PROMOZIONE DEI DIRITTI UMANI E DELLA CULTURA DI PACE

PROGRAMMA TRIENNALE DI INTERVENTI DI PROMOZIONE DEI DIRITTI UMANI E DELLA CULTURA DI PACE CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO (SETTIMA LEGISLATURA) PROGRAMMA TRIENNALE DI INTERVENTI DI PROMOZIONE DEI DIRITTI UMANI E DELLA CULTURA DI PACE PERIODO 2004-2006 * Allegato alla deliberazione consiliare

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI GEOGRAFIA TURISTICA A.S. 2013/2014 CLASSE 3 D TURISMO ISTITUTO TECNICO BRANCHINA ADRANO PROF. MASSIMO RICCARDO COSTANZO

PROGRAMMAZIONE DI GEOGRAFIA TURISTICA A.S. 2013/2014 CLASSE 3 D TURISMO ISTITUTO TECNICO BRANCHINA ADRANO PROF. MASSIMO RICCARDO COSTANZO PROGRAMMAZIONE DI GEOGRAFIA TURISTICA A.S. 2013/2014 CLASSE 3 D TURISMO ISTITUTO TECNICO BRANCHINA ADRANO PROF. MASSIMO RICCARDO COSTANZO Presentazione Da qualche anno il turismo è diventato in quasi tutto

Dettagli

La Rete regionale per la tutela delle tartarughe marine dell'emilia-romagna e il progetto di estensione della rete ad altre Regioni

La Rete regionale per la tutela delle tartarughe marine dell'emilia-romagna e il progetto di estensione della rete ad altre Regioni NetCet Workshop Città e Regioni per la conservazione e gestione di cetacei e tartarughe marine 8 ottobre 2015 - Arsenale Torre di Porta Nuova, Castello, 30122 Venezia La Rete regionale per la tutela delle

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SISTEMA MUSEALE NATURALISTICO DEL LAZIO - RESINA

REGOLAMENTO DEL SISTEMA MUSEALE NATURALISTICO DEL LAZIO - RESINA REGOLAMENTO DEL SISTEMA MUSEALE NATURALISTICO DEL LAZIO - RESINA Art. 1 - Istituzione del Sistema 1. Il Sistema Museale Naturalistico del Lazio RESINA è istituito ai sensi dell art. 22 della L.R. 42/97

Dettagli

CURRICULUM VITAE. STEFANI LORENZO 213, via dei Laghi, 36100, Vicenza, Italia 24/12/1980. lorenzo.stefani@gmail.com

CURRICULUM VITAE. STEFANI LORENZO 213, via dei Laghi, 36100, Vicenza, Italia 24/12/1980. lorenzo.stefani@gmail.com CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Data di nascita STEFANI LORENZO 213, via dei Laghi, 36100, Vicenza, Italia 24/12/1980 Cellulare (+39) 3281929433 E-mail lorenzostefani@gmailcom Date

Dettagli

CURRICULUM VITAE di Lorenzo RAMACCIATO

CURRICULUM VITAE di Lorenzo RAMACCIATO CURRICULUM VITAE di Lorenzo RAMACCIATO Indirizzo: via Gioberti 43 50121 FIRENZE Tel.: 055/679885 e 333/3698798 E-mail: l.ramacciato@inwind.it Informazioni personali Stato civile: Celibe Data di nascita:

Dettagli

Seminario LA VALUTAZIONE DI INCIDENZA 24-25-26 marzo 2004, Regione Abruzzo, L Aquila

Seminario LA VALUTAZIONE DI INCIDENZA 24-25-26 marzo 2004, Regione Abruzzo, L Aquila Seminario LA VALUTAZIONE DI INCIDENZA 24-25-26 marzo 2004, Regione Abruzzo, L Aquila MATERIALI PER L INTERPRETAZIONE DEI DATI ZOOLOGICI (VERTEBRATI TETRAPODI TERRESTRI E INVERTEBRATI) NELLE VALUTAZIONI

Dettagli

Schema di analisi del contesto per i case study. Dicembre 2007 TEST-BED

Schema di analisi del contesto per i case study. Dicembre 2007 TEST-BED Schema di analisi del contesto per i case study Dicembre 2007 Scopo di questo modello è rendere possibile la raccolta di informazioni di contesto che sono pertinenti a ciascuno dei case study. Grazie a

Dettagli

DESCRIZIONE DELLA PROPOSTA DI PROGETTO

DESCRIZIONE DELLA PROPOSTA DI PROGETTO Modello 2 DESCRIZIONE DELLA PROPOSTA DI PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO BARGO AI GIOVANI SOGGETTO PROPONENTE/TITOLARE Associazione di volontariato I GIULLARI EVENTUALI SOGGETTI PARTNER O ATS AREA DI INTERVENTO

Dettagli

Sistema di gestione di AQ Ricerca. Dipartimentale. Dipartimento di Scienze Chimiche e Geologiche

Sistema di gestione di AQ Ricerca. Dipartimentale. Dipartimento di Scienze Chimiche e Geologiche Sistema di gestione di AQ Ricerca Dipartimentale Dipartimento di Scienze Chimiche e Geologiche Il presente documento illustra il sistema di gestione dell Assicurazione Qualità (AQ) della Ricerca Dipartimentale

Dettagli

PATTO DI GEMELLAGGIO, COLLABORAZIONE ED AMICIZIA

PATTO DI GEMELLAGGIO, COLLABORAZIONE ED AMICIZIA PATTO DI GEMELLAGGIO, COLLABORAZIONE ED AMICIZIA tra IL PARCO DEL DELTA DEL PO dell Emilia Romagna (ITALIA) e L AGENZIA PER LA CONSERVAZIONE DELLA BIOSFERA DEL DANUBIO (ROMANIA) relativamente a cooperazione

Dettagli

Comitato Scientifico:

Comitato Scientifico: restauro tecnologie museografia rilievo conservazione diagnostica recupero paleontologia catalogazione gestione architettura materiali patrimonio culturale valorizzazione exhibition design archeologia

Dettagli

D I C H I A R A Z I O N E D INTENTI

D I C H I A R A Z I O N E D INTENTI D I C H I A R A Z I O N E D INTENTI E PROGRAMMA DI AZIONE P E R L A R E A L I Z Z A Z I O N E D I A T T I V I T À F I N A L I Z Z A T E A L L A C O N S E R V A Z I O N E D I O R S O L U P O L I N C E (Ursus

Dettagli

sis i tema m o ga g ni n c i o o d i d i a ree p r p ot o ette

sis i tema m o ga g ni n c i o o d i d i a ree p r p ot o ette La Lombardia è stata la prima regione a dotarsi di un sistema organico di aree protette (l.r. 86/1983), che comprende: 24 Parchi regionali, 13 Parchi naturali, 65 Riserve naturali, 32 Monumenti naturali.

Dettagli

Azione per il progetto strategico del sistema naturale dei SICANI ALLEGATO TECNICO

Azione per il progetto strategico del sistema naturale dei SICANI ALLEGATO TECNICO REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO TERRITORIO ED AMBIENTE Dipartimento Territorio e Ambiente SERVIZIO 6 Protezione Patrimonio Naturale Via Ugo La Malfa, 169 90146 Palermo Fondo Europeo di

Dettagli

ANALISI E GESTIONE AMBIENTALE

ANALISI E GESTIONE AMBIENTALE Università degli Studi di Palermo Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali MANIFESTO DEGLI STUDI Anno Accademico 2009/2010 CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN ANALISI E GESTIONE AMBIENTALE Classe

Dettagli

4.3.4 Analisi di siti web di eventi culturali temporanei

4.3.4 Analisi di siti web di eventi culturali temporanei 4.3.4 Analisi di siti web di eventi culturali temporanei SCHEDA 4 DATI GENERALI EVENTO CULTURALE: Federico Zandomeneghi, impressionista veneziano LUOGO: Milano, Fondazione Antonio Mazzotta PERIODO: 20

Dettagli

Davvero! Luigi Bazzani, Tablino della Casa della Caccia Antica (VII 4, 48) Fondazione del Monte Via delle Donzelle 2, Bologna

Davvero! Luigi Bazzani, Tablino della Casa della Caccia Antica (VII 4, 48) Fondazione del Monte Via delle Donzelle 2, Bologna Davvero! La Pompei di fine '800 nella pittura di Luigi Bazzani Luigi Bazzani, Tablino della Casa della Caccia Antica (VII 4, 48) Fondazione del Monte Via delle Donzelle 2, Bologna Dal 29 marzo al 26 maggio

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SISTEMA MUSEALE DI ATENEO

REGOLAMENTO DEL SISTEMA MUSEALE DI ATENEO Alma Mater Studiorum-Università di Bologna NormAteneo sito di documentazione sulla normativa di Ateneo vigente presso l Università di Bologna REGOLAMENTO DEL SISTEMA MUSEALE DI ATENEO (Testo coordinato

Dettagli

UN VENETO PIU DIGITALE GRAZIE ALLO SVILUPPO RURALE DECOLLANO I PROGETTI INTEGRATI D AREA RURALI

UN VENETO PIU DIGITALE GRAZIE ALLO SVILUPPO RURALE DECOLLANO I PROGETTI INTEGRATI D AREA RURALI Numero 4 - Luglio 2010 Newsletter a cura della Direzione Piani e Programmi del Settore Primario della Regione del Veneto Diari della Terra Le foto finaliste Serre Massimo Zorzi, Italia 2009 Fotografia

Dettagli

SCUOLA dell' INFANZIA: "FONTECHIARO" Sez. B a.s. 2011-2012

SCUOLA dell' INFANZIA: FONTECHIARO Sez. B a.s. 2011-2012 SCUOLA dell' INFANZIA: "FONTECHIARO" Sez. B a.s. 2011-2012 Inss.: Masci Luana - Del Gatto Paola Per i bambini, scoprire ciò che li circonda è sempre un avventura magica e piena di risorse. La realtà nella

Dettagli

Provincia di Cremona

Provincia di Cremona Provincia di Cremona REGOLAMENTO DELLA CONSULTA PROVINCIALE PER IL COORDINAMENTO DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI CREMONA Approvato con Delibera di Consiglio Provinciale N 17 del

Dettagli

IL PROGETTO DI RILEVAMENTO, STUDIO E REALIZZAZIONE DEL SITO WEB DEI MUSEI DEL FRIULI VENEZIA GIULIA

IL PROGETTO DI RILEVAMENTO, STUDIO E REALIZZAZIONE DEL SITO WEB DEI MUSEI DEL FRIULI VENEZIA GIULIA IL PROGETTO DI RILEVAMENTO, STUDIO E REALIZZAZIONE DEL SITO WEB DEI MUSEI DEL FRIULI VENEZIA GIULIA Il progetto è stato promosso e finanziato dal Ministero per i beni e le attività culturali - Direzione

Dettagli

Manuale di valutazione del personale non titolare di posizione organizzativa

Manuale di valutazione del personale non titolare di posizione organizzativa Manuale di valutazione del personale non titolare di posizione organizzativa 1 Premessa Il presente manuale è stato redatto al fine di fornire uno strumento, rapido e accessibile, per chiarire i presupposti

Dettagli

LA PARTECIPANZA AGRARIA DI NONANTOLA: MILLE ANNI DI STORIA TRA ARCHEOLOGIA E AMBIENTE

LA PARTECIPANZA AGRARIA DI NONANTOLA: MILLE ANNI DI STORIA TRA ARCHEOLOGIA E AMBIENTE LA PARTECIPANZA AGRARIA DI NONANTOLA: MILLE ANNI DI STORIA TRA ARCHEOLOGIA E AMBIENTE Scuola: Istituto comprensivo Fratelli Cervi - Scuola secondaria di I grado Dante Alighieri di Nonantola (Modena) MUSEO:

Dettagli

Assessorato all Istruzione, alla Formazione e al Lavoro www.regione.veneto.it. Azioni innovative per giovani

Assessorato all Istruzione, alla Formazione e al Lavoro www.regione.veneto.it. Azioni innovative per giovani Assessorato all Istruzione, alla Formazione e al Lavoro www.regione.veneto.it Azioni innovative per giovani GRAFICA E ICT, TURISMO E SVILUPPO DEL TERRITORIO 1 2 3 4 5 6 7 8 CENTRO CONSORZI belluno CERTOTTICA

Dettagli

CURRICOLO DI GEOGRAFIA della scuola primaria

CURRICOLO DI GEOGRAFIA della scuola primaria CURRICOLO DI GEOGRAFIA della scuola primaria CURRICOLO DI GEOGRAFIA al termine della classe prima della scuola primaria...2 CURRICOLO DI GEOGRAFIA al termine della classe seconda della scuola primaria...3

Dettagli

Ottobre 2012 - Mese Missionario

Ottobre 2012 - Mese Missionario Un opportunità d incontro e confronto per il tuo Istituto Scolastico Scopri il tuo cuore Missionario Ottobre 2012 - Mese Missionario Proposta per scuole Canossiane Quali sono le origini del mese Missionario?

Dettagli

Biblioteca della Libera Università di Bolzano Regolamento

Biblioteca della Libera Università di Bolzano Regolamento Biblioteca della Libera Università di Bolzano Regolamento Approvato con delibera del Consiglio istitutivo n. 31 del 29.12.1998 Modificato con delibera del Consiglio istitutivo n. 74 del 03.11.1999 Modificato

Dettagli

PROGETTO di PRODUZIONE del DATA BASE TOPOGRAFICO

PROGETTO di PRODUZIONE del DATA BASE TOPOGRAFICO PROGETTO di PRODUZIONE del DATA BASE TOPOGRAFICO PROPONENTE UNICO: PROVINCIA DI BERGAMO ANNO 2009 Indice: Introduzione: scopo e contenuto del progetto... 2 Progetto Tecnico... 2 1. Modalità di realizzazione

Dettagli

AGENDA DELLA GRAVIDANZA

AGENDA DELLA GRAVIDANZA AGENDA DELLA GRAVIDANZA CEFFA M. CARMEN DMI ASL NOVARA- 2012 DGR n. 34-8769 del 12/05/2008 Piano socio-sanitario sanitario regionale 2012-2015. 2015. Area materno-infantile infantile: : definizione obiettivi

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PICCOLE GUIDE, SULLE PISTE DELL APPENNINO

SCHEDA PROGETTO PICCOLE GUIDE, SULLE PISTE DELL APPENNINO SCHEDA PROGETTO PICCOLE GUIDE, SULLE PISTE DELL APPENNINO Percorsi educativi e di ricerca, alla scoperta della Biodiversità e degli Equilibri Naturali nei Parchi Nazionali. I Proponenti del Progetto Promosso

Dettagli

L esperienza della Banca Dati BuoniEsempi.it. Rita Pastore Roma, 4 marzo 2010

L esperienza della Banca Dati BuoniEsempi.it. Rita Pastore Roma, 4 marzo 2010 L esperienza della Banca Dati BuoniEsempi.it Rita Pastore Roma, 4 marzo 2010 Mission Il progetto fin dal 2001 si è posto un duplice obiettivo: offrire alle P.A. - in particolare alle amministrazioni locali

Dettagli

SCIENZIATA E SCIENZIATO DELL ARTE

SCIENZIATA E SCIENZIATO DELL ARTE Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 SCIENZIATA E SCIENZIATO DELL ARTE Aggiornato il 9 luglio 2009 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA...

Dettagli

Appendice. Il disegno della ricerca e le modalità di lavoro

Appendice. Il disegno della ricerca e le modalità di lavoro Appendice. Il disegno della ricerca e le modalità di lavoro Simone Tosi, Tommaso Vitale To cite this version: Simone Tosi, Tommaso Vitale. Appendice. Il disegno della ricerca e le modalità di lavoro. Piccolo

Dettagli

Ulss n.6 Vicenza Dipartimento/progetto dei Servizi per il Territorio VERSO UN DISTRETTO FORTE

Ulss n.6 Vicenza Dipartimento/progetto dei Servizi per il Territorio VERSO UN DISTRETTO FORTE FORUMPA SANITA' 2001 Ulss n.6 Vicenza Dipartimento/progetto dei Servizi per il Territorio VERSO UN DISTRETTO FORTE Parte 1: Anagrafica Titolo del Progetto: VERSO UN DISTRETTO FORTE Amministrazione proponente:

Dettagli

L OFFERTA FORMATIVA DEL 2015

L OFFERTA FORMATIVA DEL 2015 OFFERTA FORMATIVA 2015 Capacità Strumenti Competenze L OFFERTA FORMATIVA DEL 2015 CORSI DI FORMAZIONE Serie di incontri formativi su breve periodo; trattano argomenti specifici e sono aperti alle diverse

Dettagli

SERVIZI EDUCATIVI MUSEALI E DOMANDA DELLE SCUOLE

SERVIZI EDUCATIVI MUSEALI E DOMANDA DELLE SCUOLE 1 SERVIZI EDUCATIVI MUSEALI E DOMANDA DELLE SCUOLE Come i musei si aprono alla società: l organizzazione dei servizi educativi I Servizi educativi dei Musei si collocano nel progetto di valorizzazione

Dettagli

Area Infanzia, Adolescenti, Giovani, Famiglia. Assistenza domiciliare socio-educativa per minori LIVEAS

Area Infanzia, Adolescenti, Giovani, Famiglia. Assistenza domiciliare socio-educativa per minori LIVEAS Area Infanzia, Adolescenti, Giovani, Famiglia Num. Scheda 1 TITOLO AZIONE o o Assistenza domiciliare socio-educativa per minori LIVEAS OBIETTIVI Scopo dell intervento è promuovere un processo di cambiamento

Dettagli