UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE Prova finale Il Muro di Israele Viaggio nei territori palestinesi lungo il percorso di una barriera che divide due popoli Candidata: Stefania Bolzan SC Relatore: Prof. Raffaele Fiengo ANNO ACCADEMICO

2 Alla mia più grande sostenitrice, colei che se n è andata in punta di piedi proprio mentre ero davanti al Muro

3 Indice Introduzione UN MURO PER DIVIDERE DUE POPOLI pag 1 Capitolo 1 IN PRINCIPIO ERA IL MURO... pag 3 Come nasce il Muro di Israele pag 3 Dettagli tecnici sul Muro pag 4 Capitolo 2 IL PERCORSO DEL MURO: UN PROGETTO PER CIRCONDARE LA CISGIORDANIA pag 7 Israele e il Muro pag 8 Chilometro dopo chilometro le terre attraversate dal Muro pag Il confine settentrionale pag Jenin pag La parte occidentale pag Tulkarm pag Kalkilya pag Ramallah pag 14 Il progetto per la seconda fase di costruzione pag Da Elkana alla base di Ofra pag Jerusalem pag Bethlehem pag 18 Capitolo 3 ESSERE PALESTINESE OGGI pag 21 Vivere da prigionieri pag 21 La questione dei permessi pag 23 I numeri dei rifugiati pag 24 La situazione in Palestina pag 25 La demografia del conflitto pag 29 Le risorse idriche del Medioriente pag 30 Risorse idriche della regione pag 30 Lo sfruttamento delle falde pag 30 Le risorse idriche nel conflitto israelo-palestinese pag 31

4 Capitolo 4 GENTE DI PALESTINA pag 33 Chi è dentro è dentro pag 33 Vite distrutte dal Muro pag 37 Israeliani contro pag 38 Dal diario di Dorothy pag 39 Diario da Gerusalemme Est pag 42 Appunti di viaggio: Quelle lacrime che non potrò più dimenticare pag 45 Capitolo 5 IL CONFLITTO ISRAELO-PALESTINESE pag 49 Una controversia dalle radici profonde pag 49 La Road Map: tre fasi per portare la pace in Medio Oriente pag 50 Prima fase: fine del terrore e della violenza, normalizzazione della vita dei palestinesi e riconoscimento reciproco pag 51 Seconda fase: la transizione pag 52 Terza fase: fine del conflitto israelo-palestinese pag 52 Le riserve israeliane alla Road Map pag 52 Capitolo 6 LE OPINIONI DEI PRINCIPALI ATTORI SULLA SCENA INTERNAZIONALE pag 55 I contrari al Muro pag 55 Nazioni Unite pag 55 Stati Uniti pag 56 Croce Rossa pag 57 Giovanni Paolo II pag 57 L altro Likud pag 58 Israeliani al confine pag 58 Shimon Peres pag 58 Naomi Chazan pag 59 Yael Dayan pag 59 Yasser Arafat pag 60 Nabil Shaat pag 60 Comitato Italiano di appoggio all Accordo di Ginevra pag 61 I favorevoli al Muro pag 61

5 Ariel Sharon pag 61 Elie Diesel pag 62 Avraham B. Yehoshua pag 62 David Grossman pag 63 Ehul Gol pag 63 Capitolo 7 Capitolo 8 Cronologia ACCADE OGGI: I FATTI SALIENTI DI UN ANNO DI MURO pag 65 IL MURO DI ISRAELE DAVANTI ALLA CORTE DELL AJA pag 75 Il parere della Corte Suprema Israeliana pag 77 Israeliani in appoggio ai palestinesi pag 77 Israele ridisegnerà il percorso pag 77 In attesa davanti a un Muro pag 78 Il Muro viene dichiarato illegale pag 81 Le reazioni del mondo politico pag 82 Il Ministro degli Esteri israeliano pag 82 Il Ministro della Giustizia israeliano Lapid pag 82 Arafat pag 82 Gli Stati Uniti pag 82 La Commissione Europea pag 83 Il Ministro Frattini pag 83 Sharon respinge il giudizio dell Aja pag 84 Scritte sul Muro pag 85 Allegato GLI ACCORDI DI GINEVRA pag 89 La firma degli Accordi pag 89 Primo dicembre 2003: la pace passa per Ginevra pag 89 2 dicembre 2003: lo spirito di Ginevra pag 90 Il governo israeliano critica Powell pag 90 La Santa Sede e gli Accordi di Ginevra pag 90 Il testo ufficiale degli Accordi di Ginevra pag 91 La traduzione italiana degli Accordi di Ginevra pag 114 Cartina illustrativa degli Accordi di Ginevra Pag 139

6

7 Introduzione Un Muro per dividere due popoli Ricordo ancora la totale sorpresa con la quale appresi che in Medio Oriente, a due passi dalla civilissima Europa, gli israeliani avevano cominciato a costruire un Muro di difesa che li avrebbe separati dai palestinesi. Un Muro di protezione, secondo coloro che lo giustificano come l unico mezzo per racchiudere paure e pericoli mai sconfitti, nati da un odio antico che si tramanda di padre in figlio. Un Muro di schiavitù, per tutti quelli che invece ne sono imprigionati all interno, privati di quella libertà e di quel coraggio necessari a rendere più vivibili delle esistenze spazzate dai venti di una Storia impietosa. Un Muro vergognoso e inaccettabile per tutti gli altri che osservano da fuori, che in nome di un perbenismo tipicamente occidentale si indignano di fronte ad un esperimento che ritorna come uno spettro da un passato arido e inglorioso. Eppure, proprio quella parte di mondo, apparentemente partecipe dei gravi problemi internazionali, e che dopo tutto la via della separazione l ha già solcata, sembra non volersi accorgere di ciò che sta accadendo così vicino a noi. Le luci della ribalta di quotidiani e telegiornali, italiani ed esteri, sono puntate altrove, e così le corrispondenze da Gerusalemme servono sì a raccontare al mondo un eterno conflitto che si avvia a piccoli passi verso una pace ancora troppo lontana, ma in esse non c è spazio per il Muro. Del Muro si parla molto poco e ancor meno lo si è fatto in passato. Ecco allora che diventa difficile, in casi di scarsa informazione come questo, capire bene di che cosa si tratti, riflettere sulle implicazioni sottese al progetto, avere delle certezze di fondo che permettano di formarsi un idea. Rimane internet, un po terra di nessuno e un po tuttologia prêt-aporter, una specie di speaker corner globale nel quale un navigatore con 1

8 Introduzione occhio critico può riuscire a dare risposta a interrogativi che altrove non trovano spazio. E proprio a internet deve molto questo mio elaborato, nel quale si tenta di spaziare dalle ragioni storico-politiche che motivano la costruzione del Muro, alle implicazioni geografiche ad esso collegate, fino alle reazioni personali della gente, di chi il Muro l ha visto davvero e di chi col Muro dovrà per forza imparare a convivere. La speranza è quella di essere riuscita a dare voce alle opinioni di esponenti sia israeliani che palestinesi, garantendo così almeno un minimo di imparzialità, doverosa laddove le problematiche sono talmente intricate da non riuscire a stabilire da che parte risieda il torto o la ragione. 2

9 Capitolo 1 In principio era il Muro COME NASCE IL MURO DI ISRAELE E il 16 giugno 2002: nasce così, di domenica, tra reticolati e onde magnetiche, il Muro di Israele. All inizio, il suo aspetto, più che un invalicabile linea difensiva, ricorda una staccionata, accompagnata qua e là da una trincea e da mucchi di terra rimossa da poco. I bulldozer scavano poco più avanti. Gli Israeliani prevedono qualche anno per finire i lavori e giurano che, una volta ultimata, nessun altra opera creata dall uomo potrà esservi paragonata. Categorico è il rifiuto verso qualunque accostamento con altri sbarramenti che l hanno preceduto nella storia e ai quali la mente di ognuno spontaneamente ricorre. Spiegano che sarà un Muro elettronico ad alta tecnologia, e che a seconda delle diverse esigenze del percorso sarà fatto di reticolati ad alta tensione, rotoli di filo spinato, barriere anti-carro, profonde trincee, lastroni di cemento armato alti tre metri, sensori a onde magnetiche, telecamere mobili e torrette di guardia. In certi tratti ci sarà una strada pattugliata da guardie di frontiera, chiusa fra due recinzioni metalliche; in altri sono previsti passaggi, posti di blocco, cancelli per il transito di merci e persone autorizzate. Arafat intanto dichiara: «Non lo accetteremo mai, faremo di tutto per impedirlo, è un atto razzista e fascista di apartheid!». Due sono le motivazioni che spingono fin dall inizio i Palestinesi a protestare per l inizio dei lavori di costruzione del Muro: innanzitutto il fatto che in tal modo vengano legalizzate pratiche che il mondo non ha mai accettato, come la separazione fisica tra popoli e razze, l impossibilità materiale di spostarsi da un luogo all altro, la negazione della libertà di circolare; in seconda istanza, che il Muro non segua fedelmente il tracciato della Linea Verde (la linea di confine stabilita tra Israele e Palestina nel 1967, al termine della Guerra dei sei giorni ), ma che lo costeggi a Est, in un raggio di 5-20 chilometri di distanza, per inglobare alcuni popolosi blocchi di insediamenti ebraici, che sorgono nell area dei Territori occupati. In tal modo, Israele annetterebbe una considerevole porzione di 3

10 Capitolo 1 Cisgiordania, stabilendo un confine arbitrario e violando tutte le norme internazionali. Israele replica che il Medio Oriente avrà sempre bisogno di confini chiari e che comunque una barriera pare assolutamente necessaria per fermare le continue infiltrazioni dei terroristi palestinesi; inoltre, il confine disegnato dal Muro sarà solo un confine di sicurezza e non un confine geo-politico. Da tutte le parti fioccano le proteste: dai partiti nazionalisti, dal movimento dei coloni, dalla vetrina internazionale. L affaire Muro d Israele parte già minato fin dai suoi inizi, al centro di discussioni politiche, dibattiti sociali, manifestazioni atte a scoraggiarne la continuazione Nel frattempo, però, nel mondo occidentale tutto tace: l Onu sottovaluta la situazione, e opinione pubblica e stampa, sia in Europa che negli Stati Uniti, non si occupano minimamente di documentare la grave situazione che si sta creando in una terra già martoriata da troppi conflitti, dovuti a odii laceranti tra le popolazioni, perpetuati nel tempo e aggravati dall inasprirsi degli eventi. DETTAGLI TECNICI SUL MURO Il Muro, costruito lungo il confine della Cisgiordania per impedire ai kamikaze palestinesi di farsi esplodere nelle strade di Gerusalemme o Tel Aviv, una volta terminato, raggiungerà una lunghezza complessiva di 600 chilometri, contro i 350 chilometri della Linea Verde. Il progetto dovrebbe essere terminato per il 2005, ma su questo non ci sono dati certi. Non esiste un piano regolatore del Muro o un progetto ufficiale del governo israeliano: le uniche informazioni disponibili sono le notifiche di esproprio che i palestinesi si vedono recapitare dall esercito israeliano. I lavori, cominciati nel giugno del 2002 intorno al distretto della città di Zububa, all estremo Nord della Cisgiordania, hanno portato, nel luglio del 2003, al completamento del settore Nord, che giunge poco più a Sud della città di Kalkilya. La parte settentrionale del tracciato è lunga 145 chilometri: 132 sono 4

11 costituiti da un recinto elettronico, mentre i restanti 13 chilometri sono in cemento armato. Capitolo 1 Il Muro è alto 8 metri ed è circondato da fossati, larghi dai 60 ai 100 metri, e da reti di filo spinato. Ogni 300 metri è stata posta una torretta di controllo. Lungo il tracciato sono state costruite strade di aggiramento per soli coloni, 41 varchi agricoli e sono stati eretti 9 check-point per pedoni e veicoli. Per la realizzazione di questo tratto settentrionale è stato annesso l 1,6% della Cisgiordania, nel quale si contano 11 colonie, dove vivono ebrei, ma nel quale risiedono anche circa diecimila palestinesi. Il costo complessivo dell operazione è di un milione di dollari al chilometro. Il 1 ottobre 2003 il governo israeliano ha approvato con 18 voti favorevoli, 4 contrari e un astenuto, la fase 2 della costruzione della barriera difensiva, definita dai palestinesi Muro dell apartheid. Contemporaneamente alla prosecuzione del tracciato principale sarà costruito un tracciato separato che ingloberà cinque insediamenti ebraici: Ari el, Beit Arieh-Elkana, Nili-Naaleh, Gush Etzion-Efrat e Yatir-Sussia. I due tracciati potrebbero comunque in futuro unirsi, ma per ora il premier israeliano Ariel Sharon ha preferito rimandare la questione ad un momento successivo. Non esistono comunque mappe ufficiali della parte meridionale del Muro e ciò significa che sono possibili cambiamenti dell ultima ora. Secondo il quotidiano israeliano Haaretz, la barriera difensiva avvolgerà la città di Gerusalemme, ma per inglobare la città santa degli ebrei, dei cristiani e dei musulmani, Israele sarà costretto ad annettere sul versante occidentale del Muro i popolosi insediamenti di Maaleh Adumin, Givon e Har Homa. Alla fine dei lavori circa 200mila palestinesi di Gerusalemme Est si troveranno separati dai connazionali in Cisgiordania. Anche la città di Betlemme subirà l impatto traumatico della costruzione del Muro. Il tracciato, che pure non è stato ufficializzato, dovrebbe assicurare a Israele l annessione della Tomba di Rachele, luogo santo anche per i musulmani. Stessa sorte toccherebbe alla città di Hebron, dove i Luoghi Santi della città sembrano essere destinati a collocarsi sul versante occidentale del Muro. 5

12 6

13 Capitolo 2 Il percorso del Muro: un progetto per circondare la Cisgiordania Un percorso a zig-zag: fin da quando si è cominciato a parlare del Muro, è stato questo a stupire e a far indignare. «E il non rispettare la distanza dalla Linea Verde», si è detto, «è il continuo zigzagare delle mura», «è il costruire recinzioni che neghino le terre, la libertà di movimento e quindi la sopravvivenza alla popolazione palestinese». Questo è ciò che rende davvero ingiusto, agli occhi degli oppositori, il Muro di separazione tra Israele e Palestina. Tracciata nel 1967, all indomani della Guerra dei sei giorni, quella Linea di separazione, segnata sulle carte geografiche col colore verde, non ha, e forse non ha mai avuto, alcun valore precisamente politico, anche se ormai è ad essa che si rifà la parte più moderata dell opinione pubblica palestinese. E questo, dunque, il punto cruciale, il nodo sul quale si discute, dal momento che il disegno del Muro, tracciato dal governo Sharon, in alcuni punti si attiene al percorso della Linea Verde, ma in molti altri si rivela tortuoso e intricato, in un estremo tentativo di separazione tra i due popoli, spingendosi molto all interno nella speranza di salvaguardare le colonie israeliane. Nelle carte geografiche più dettagliate, realizzate dalle Organizzazioni Non Governative palestinesi e in particolare da B Tselem (The Israeli Information Centre for Human Rights in the Occupied Territories), è facile distinguere i tratti della barriera costruiti per primi. Sono il percorso che dal nord della Palestina scende fino alla zona di Kalkilya, i pochi chilometri a sud di Ramallah e il tratto che percorre la parte est di Gerusalemme girandovi attorno fino a cadere a nord di Betlemme. 7

14 Capitolo 2 Ma la progettazione del muro, secondo la documentazione dell Ocha (Office for the Coordination of Humanitarian Affaire per le Nazioni Unite), innescherà a breve una seconda fase di costruzione della barriera, che porterà alla formazione di almeno quattro enclavi, delle quali tre includeranno insediamenti israeliani, mentre la quarta isolerà la città di Tulkarm. Inoltre, obiettivo a lungo raggio sembra essere quello di allacciare i diversi spezzoni del muro perché si congiungano, andando così a recintare completamente i confini a nord, a ovest e a sud della Cisgiordania. ISRAELE E IL MURO LEGENDA: la Linea Verde la parte di Muro già realizzata il progetto della seconda fase di costruzione del Muro 8

15 Capitolo 2 9

16 Capitolo 2 CHILOMETRO DOPO CHILOMETRO LE TERRE ATTRAVERSATE DAL MURO 1. Il confine settentrionale LEGENDA: la parte di Muro già costruito a cui si riferisce il paragrafo seguente Quello costruito a nord, all altezza del check-point di Salem, fu l inizio del primo tratto di Muro: nel giugno del 2002 partirono da lì, a rilento, i lavori, in una zona di campagne e di colline molto esposta, in cui era facilissimo entrare a piedi in Israele. Così infatti facevano moltissimi lavoratori clandestini, che si spingevano oltre la Linea Verde tranquillamente a piedi. Ma il progetto, dopo le esitazioni del primo periodo, ha cominciato a procedere velocemente e tutt ora si sta allargando. I chilometri che già sono percorsi dalla barriera hanno inizio appunto al nord e si estendono ad est fino al villaggio di Al-Mutilla, un piccolo insediamento palestinese. In questo tratto la barriera ricalca abbastanza fedelmente la Linea Verde, costeggiando la zona di Jenin e inglobando due insediamenti di coloni.. 10

17 Capitolo 2 2. Jenin LEGENDA: la parte di Muro già costruito a cui si riferisce il paragrafo seguente Dal Governatorato di Jenin il progetto avanza lungo due tratti, verso est e verso sud. Il primo segue fedelmente il percorso della Linea Verde, dirigendosi verso la valle del Giordano e costeggiando a poca distanza altri due villaggi palestinesi, Bardala e Ein El-Beida. Il tratto che procede verso sud, invece, giunge ad inoltrarsi fino a 8 chilometri oltre la Linea Verde, tagliando fuori i 200 abitanti del piccolo villaggio di Al- Aqaba, e sfiorando in quel punto una base militare israeliana. Al- Aqaba è uno di quei villaggi considerati Area C, cioè Zona non densamente popolata, nella quale, a causa della presenza militare, negli ultimi mesi sono state abbattute diverse abitazioni giudicate non regolari e sono stati negati molti permessi edili. 11

18 Capitolo 2 3. La parte occidentale LEGENDA: la parte di Muro già costruito a cui si riferisce il paragrafo seguente Da Zububa, divisa dalla città israeliana di Salem dal primo tratto di Muro, comincia il cammino verso sud della barriera, in direzione di Tulkarm. Qui è già stata completata durante la prima fase di costruzione quella parte di Muro che costeggia la Linea Verde, equidistante fra tre insediamenti palestinesi e un quarto, Umm el Fahm, in territorio israeliano. Ed è proprio in questo punto che, secondo i piani, verrà effettuata la prima enclave, prevista nel progetto della seconda parte di costruzione: tale enclave avrà come scopo quello di isolare dall insediamento israeliano i tre villaggi palestinesi che costeggiano con grande prossimità la Linea Verde, con un Muro che in questo tratto sarà di cemento. Poco più a sud, invece, il Muro continua con una digressione in territorio cisgiordano, per poi ritornare verso il confine del 67. In questo punto, il tratto costruito crea una seconda enclave attorno a un insediamento palestinese di 9000 abitanti; la barriera progettata nella fase 2 invece, racchiuderà due insediamenti di coloni, spingendosi a 13 chilometri nel West Bank e circondando su tre lati i abitanti della vicina città di Yabad. 12

19 Capitolo 2 4. Tulkarm LEGENDA: la parte di Muro già costruito a cui si riferisce il paragrafo seguente Proseguendo il cammino sempre in direzione sud, si incontra un altra zona completamente circondata dal Muro, con all interno tre insediamenti palestinesi. Siamo qui ancora in prossimità della Linea Verde, che giunge a toccare la città di Tulkarm. Quest ultima, già in partenza separata da Israele nella zona ovest, si preparata ad essere circondata totalmente dalla barriera anche ad est, non appena verrà ultimata la costruzione di un tratto di Muro che finirà letteralmente coll accerchiare i abitanti della zona. Secondo quanto previsto nel progetto iniziale, il Muro che avrebbe circondato Tulkarm si sarebbe dovuto sviluppare in altezza per diversi metri, ma i lavori già avviati hanno lasciato intravedere un impianto di trincee e filo spinato, che dovrebbe quindi sostituirsi alle imponenti barriere in muratura pensate in un primo momento. 13

20 Capitolo 2 5. Kalkilya LEGENDA: la parte di Muro già costruito a cui si riferisce il paragrafo seguente Percorrendo un ulteriore tratto di strada, si giunge a Kalkilya (42000 abitanti). Qui il percorso della barriera si fa piuttosto intricato e il Muro separa la popolazione della città dalle 1500 persone di un vicino villaggio palestinese e dagli insediamenti israeliani inseriti nel territorio circostante. Inoltre, secondo i dati dell Organizzazione Non Governativa Pengon sono rimasti isolati sul lato ovest della città nove pozzi, cinquanta serbatoi e nove villaggi della zona, strettamente connessi sotto il profilo delle risorse economiche a Kalkilya. 6. Ramallah LEGENDA: la parte di Muro già costruito a cui si riferisce il paragrafo seguente 14

21 Capitolo 2 Duemila persone vivono nel piccolo villaggio di Rafat, circondato dalla barriera che l esercito israeliano cominciò a costruire nell agosto del 2002, per un tratto di 8 chilometri proprio a sud di uno dei maggiori centri palestinesi, la città di Ramallah. Questi 8 chilometri costeggiano cinque villaggi palestinesi, e rappresentano il punto cruciale della seconda fase di pianificazione del Muro: essi infatti, andando ad unirsi al tratto di barriera proveniente da nord ovest, permetterebbero l unificazione dei diversi tracciati della barriera. Una volta ultimata anche questa seconda fase di costruzione, il Muro non conoscerebbe più interruzioni da Kalkilya fino a Ramallah, per poi proseguire verso sud, allacciandosi al tratto già costruito nella parte est di Gerusalemme. 15

22 Capitolo 2 IL PROGETTO PER LA SECONDA FASE DI COSTRUZIONE 7. Da Elkana alla base di Ofra LEGENDA: la parte di Muro solamente progettatta a cui si riferisce il paragrafo seguente Dovrebbe partire da Elkana il secondo tratto di barriera, avanzando progressivamente lungo un intricato percorso già approvato dal governo Sharon, nel tentativo di includere il maggior numero possibile di insediamenti israeliani, fino ad inoltrarsi nei pressi della città araba di Nablus. Il tratto di Muro in questione percorrerà in questo punto il territorio cisgiordano, estendendosi oltre il confine per una profondità di circa 22 16

23 Capitolo 2 chilometri, e andando a racchiudere, tra gli altri, anche i coloni di Ari el, il secondo insediamento israeliano in Palestina. Una situazione del genere renderebbe particolarmente difficile la vita agli abitanti della zona, tanto che proprio su questo tratto si concentrano molte delle pressioni internazionali, che mirano a far cessare l avanzamento dei lavori. Altre richieste giungono all amministrazione israeliana da parte di coloni e sostenitori, per includere il cosiddetto blocco di Talmon, un area posta a sud, che comprende cinque insediamenti israeliani, ma che per ora è stata aggirata dal percorso del Muro e si trova completamente immersa in territorio palestinese. Nel caso in cui anche tale proposta fosse approvata, in questa zona i chilometri aggiuntivi del tratto di barriera arriverebbero a 155, andando a racchiudere a ovest una trentina di insediamenti di coloni per un totale di cittadini israeliani, mentre palestinesi, raggruppati in sedici villaggi, si ritroverebbero inseriti tra la Linea Verde e il tratto di Muro. Quest ultimo, una volta costruito interamente, si avvierebbe dunque, secondo stime ancora incerte, dalla città di Elkana alla base militare di Ofra. 8. Jerusalem LEGENDA: la parte di Muro già costruito a cui si riferisce il paragrafo seguente la parte di Muro solamente progettatta a cui si riferisce il paragrafo seguente 17

24 Capitolo 2 E proprio nella città tre volte santa, meta principale degli attacchi dei kamikaze, che sono state pianificate e messe in atto più opere per tentare una separazione con i palestinesi nel confine est della città. Qui un primo Muro era stato costruito fin dall inizio del progetto: un Muro alto tre metri, di frequente scavalcato dagli abitanti che da Gerusalemme dovevano passare ad Abu Dis, settore palestinese situato ad est e contiguo alla grande città. Proprio per porre fine a tale attraversamenti, il Muro è stato ricostruito ed ora raggiunge un altezza di 8 metri. Il tratto, che lascia ad est i tre villaggi di Abu Dis, Al- Elzariya e As- Sawahira Ash-Sharqiya prosegue verso sud ovest inoltrandosi tra gli insediamenti palestinesi per giungere fino alla zona a sud di Gerusalemme, circondando il tratto nord della città di Betlemme. Qui il Muro si mantiene distaccato di qualche chilometro dalla Linea Verde, e nella prima fase aveva risparmiato il luogo sacro della Tomba di Rachele. Ora però anche lì si tenta di costruire, per proseguire poi, secondo il piano già approvato dal governo, verso sud costeggiando ancora la Linea Verde e i principali villaggi israeliani che si inoltrano oltre il confine. 9. Bethlehem Una volta ultimato il tratto di Muro a nord di Betlemme, il piano prevede di costeggiare il lato ovest della città e poi di scartare ad est alcuni insediamenti di coloni, dividendo in questo tratto piuttosto nettamente le zone abitate dai palestinesi da quelle ormai divenute israeliane. All altezza del villaggio palestinese di Surif, che verrebbe toccato dalla barriera, i lavori dovrebbero tornare a costeggiare più fedelmente la Linea verde del 67, giungendo fino all estremo sud della Cisgiordania. In debito di qualche chilometro, il confine originario torna invece a restringersi attraverso il progetto del muro che, una volta giunto a sud, si inoltra verso est e circonda le zone palestinesi dividendole dai territori occupati, giungendo nei pressi dell insediamento israeliano di Carmel. 18

25 Capitolo 2 LEGENDA: la parte di Muro solamente progettata a cui si riferisce questo paragrafo Non esistono al momento, però, dati definitivi riguardanti soprattutto quest ultima parte del tracciato, a sud del paese. Modifiche ed eventuali compromessi restano sempre possibili, anche a seconda delle spinte che si abbattono sul governo da direzioni nazionali e internazionali. 19

26 20

27 Capitolo 3 Essere palestinese oggi VIVERE DA PRIGIONIERI Gli israeliani lo chiamano barriera di sicurezza. I palestinesi lo chiamano Muro della vergogna. Il risultato è lo stesso: una barriera di 8 metri di cemento armato, rete elettrificata, trincee, filo spinato e sensori che rilevano i movimenti dei corpi umani, intervallata da torrette di guardia. La decisone di costruire il Muro è stata votata dal Consiglio dei ministri israeliani nel maggio del 2001, in base a una proposta dell ex premier laburista d Israele, Ehud Barak. Il Muro è uno dei pochi argomenti su cui la destra e la sinistra israeliana sembrano essere d accordo. Divergono solo le modalità di costruzione: per il Likud di Sharon bisogna comprendere nella zona della barriera anche gli insediamenti ebraici in Cisgiordania, con penetrazioni fino a 20 chilometri nel territorio che le Nazioni Unite riconoscono come futuro Stato palestinese. I laburisti vorrebbero attenersi al tracciato dei confini stabiliti dalla pace del 1967, la cosiddetta Linea Verde. Per entrambi gli schieramenti politici israeliani, il Muro è fondamentale per fermare gli attacchi terroristici. Questa barriera rischia di imprigionare, tra la Linea Verde e quella del muro, palestinesi che abitano 122 tra villaggi e centri urbani. Di questi palestinesi, circa non godono del diritto di residenza in Israele e questo significa niente scuola, niente servizi sociali e niente libertà di movimento. Inoltre, 31 pozzi d acqua, in un paese che muore di sete, sono stati confiscati e più di ulivi sono stati sradicati. Oltre al Muro infatti, restano tutte le cosiddette by-pass roads, strade riservate agli israeliani per motivi di sicurezza. Un altro pezzo di Cisgiordania finirebbe di fatto annesso ad Israele, rendendo il futuro Stato palestinese una specie di macchia di leopardo senza nessuna continuità territoriale. 21

28 Capitolo 3 Un movimento che si oppone alla costruzione di questa barriera è nato immediatamente e, contrariamente a quello che si potrebbe pensare, è composto non solo da palestinesi, ma anche da israeliani, entrambi contrari a farsi rinchiudere in una prigione a cielo aperto. Le 21 associazioni che si oppongono al Muro si sono unite in un network chiamato Pengon e hanno lanciato una campagna internazionale, chiamata Stop the wall, che ha organizzato una grande manifestazione contro la barriera, che si è svolta il 9 novembre La data non è stata scelta a caso: il 9 novembre 1989 cadeva il Muro di Berlino. Quando si parla di questo Muro, ricorre spesso il paragone con quello che divise Berlino dal 1961 al 1989, che più che una città, divideva il mondo in due blocchi contrapposti. In realtà, oltre che diversi fisicamente (il Muro israeliano risulterà due volte più alto e tre volte più lungo di quello tedesco, e costruito con materiali diversi), le due costruzioni partono da un presupposto diametralmente opposto: quello di Berlino si basava su un trattato internazionale, quello d Israele invece, viene costruito contro qualunque norma di diritto internazionale. Il 9 dicembre 2003 l Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha deciso che la questione del Muro venga trasferita alla competenza della Corte Internazionale di Giustizia dell Aja, massimo organo giuridico dell Onu per risolvere le controversie giuridiche tra Stati. La risoluzione, che non ha potere coercitivo, è passata con 90 voti favorevoli, 7 contrari (tra cui quello di Israele e degli Stati Uniti) e 74 astensioni (compresi i Paesi dell Unione Europea, guidata dalla presidenza di turno dell Italia). Segue di pochi mesi un altra risoluzione di condanna dell Assemblea dell Onu, quella del 22 ottobre 2003, votata da 144 Stati e bocciata da 4 (Israele, USA, Isole Marshall e Micronesia), 12 le astensioni. La costruzione va avanti comunque e, come già ribadito, costa un milione di dollari al chilometro. Israele attraversa una delle crisi economiche più gravi della sua storia: è costretta a dolorosi tagli allo stato sociale, ma il governo di Sharon è assolutamente convinto della necessità di questa barriera per fermare gli attentatori suicidi che, nel corso della seconda Intifada, hanno causato la morte di 854 israeliani. La casistica degli attentati sembra però dargli torto: Hanadi Jaradat, la ventinovenne che si è fatta esplodere nel ristorante Maxim 22

29 Capitolo 3 di Haifa il 4 ottobre 2003, uccidendo 19 persone e ferendone 50, veniva da Jenin. Aveva attraversato il Muro. LA QUESTIONE DEI PERMESSI «Una possibilità di oltrepassare il Muro c è, il problema è che sta in tasca ai soldati israeliani disposti lungo i check point», dicono i palestinesi, vittime della gestione troppo arbitraria dei permessi per oltrepassare il Muro. Nella zona di Gerusalemme, per esempio, erano centinaia i palestinesi che ogni giorno, vivendo nei sobborghi della città, si spostavano per raggiungere i loro luoghi di lavoro, nel centro di Gerusalemme. Ma con la costruzione del Muro, questo non è più possibile. Ottenere un lasciapassare dall esercito israeliano può dipendere da molte cose, in primo luogo dalla fedina penale, e non soltanto quella personale, ma di tutta la famiglia. In una società come quella palestinese, basata sui clan, è molto difficile non avere un cugino o un parente che abbia avuto in passato qualche conto in sospeso con la giustizia. Varie fasce di sicurezza dovrebbero essere state classificate dall esercito di Israele, che, secondo determinate caratteristiche, concede o meno di attraversare per un certo periodo il percorso della barriera. Ma controlli, passaggi burocratici e permessi non hanno una lunga efficacia, e i lavoratori sono costretti a ripetere l intero iter almeno una volta ogni tre mesi. 23

30 Capitolo 3 I NUMERI DEI RIFUGIATI La tabella sottostante illustra l entità numerica del problema dei rifugiati: in Palestina infatti sono moltissime le persone che per gravi motivi di natura economica o politica hanno perso o sono state costrette ad abbandonare le proprie abitazioni per trasferirsi in territori diversi da quello di origine. Come è possibile osservare, spesso le migrazioni avvengono verso altri Stati del Medio Oriente, confinanti con Israele. Posizione Adulti Bambini Famiglie Palestina Jericho 16, ,659 Jerusalem 194,182 1,385 44,918 Hebron 151,395 2,533 31,548 Nablus 278,521 3,155 60,474 Totale Palestina 654,971 7, ,562 Gaza Jabalia 161,965 4,602 31,829 Rimal 145,437 3,451 31,405 Zeitun 116,681 2,843 30,124 Nuseirat 106,700 2,659 21,953 Deir El-Balah 76,406 1,868 16,291 Khan Yunis 152,812 3,824 33,270 Rafah 147,220 3,647 29,930 Totale Gaza 907,221 22, ,802 Libano Beirut 48, ,457 Mountain 78, ,724 Saida 94, ,152 Tyre 99,404 1,017 23,292 Tripoli 54, ,110 Beqaa 15, ,786 Totale Libano 391,679 3,496 96,521 Siria Damascus 321,037 5,634 74,170 South 22, ,148 Homs-Hama 35, ,773 North 29, ,882 Totale Siria 409,662 7,279 94,973 Giordania Amman South 482,736 5,900 87,143 Irbed 300,981 5,085 57,525 Amman North 464,782 5,483 87,152 Zarka 470,268 8,320 85,357 Totale Giordania 1,718,767 24, ,177 Totale 4,082,33 66, ,035 Dati UNRWA, riferiti al 30 giugno

31 Capitolo 3 LA SITUAZIONE IN PALESTINA Il 22% dei bambini palestinesi al di sotto dei 5 anni soffre abitualmente di malnutrizione (il 9,3% in forma acuta, il 13,2% in forma cronica) rispetto al 7,6% del Circa il 15,6% al di sotto dei 5 anni è affetto da un anemia acuta che in molti casi produrrà ripercussioni permanenti sul futuro sviluppo fisico e mentale. Il consumo dei generi alimentari è diminuito del 30% pro capite. Si registra una diffusa scarsità di generi alimentari, soprattutto proteici. Più della metà delle famiglie palestinesi mangia una sola volta al giorno. Molti cercano di sopravvivere nutrendosi unicamente di pane e tè. Il 50% dei palestinesi in territorio occupato è giunto ad indebitarsi per acquistare alimenti. Il prodotto interno lordo si è quasi dimezzato rispetto ai dati di due anni fa. La povertà è aumentata del 60%. Imputato è il governo israeliano. I continui check-point, posti non solo al confine ma anche all interno dei territori palestinesi, rendono difficili gli spostamenti, possibili inoltre solo con permessi rilasciati dalle autorità israeliane, e allungano le distanze provocando così effetti negativi non solo sui prezzi delle merci (il costo dell acqua è aumentato dell 80 % rispetto a settembre 2000) ma anche sulla qualità stessa dei prodotti trasportati. Ad ogni controllo i camion devono essere svuotati da un lato del blocco e ricaricati dall altro lato; i testimoni raccontano di aver visto carichi di frutta e verdura lasciati marcire al sole. Le cisterne non sempre riescono a raggiungere i villaggi perché fermate arbitrariamente dai posti di blocco. Per nulla sembrerebbe incidere la consapevolezza che circa 280 comunità rurali dei territori occupati non hanno accesso ai pozzi o ad acqua corrente o che il 50% dei palestinesi dei territori occupati dipende completamente dagli aiuti alimentari. La situazione per quanto riguarda le risorse idriche infatti non è da sottovalutare. Le autorità israeliane hanno proposto un piano di desalinizzazione alla controparte palestinese, ma ciò è stato giudicato dispendioso per le spese del trasporto e poco utile, dal momento che l acqua potabile è presente nei territori ma è mal distribuita: le statistiche del consumo quotidiano d acqua pro capite indicano che nel 2002 ciascun palestinese ha consumato 70 litri d acqua, rispetto ai 350 degli israeliani nelle colonie. Ciò significa che gli israeliani 25

32 Capitolo 3 ricevono e consumano una quantità d acqua cinque volte maggiore di quella dei palestinesi. Il governo israeliano sta portando avanti una politica di bantustanizzazione della Palestina. Le continue confische da parte della forza di occupazione di terre, risorse idriche e infrastrutture, accompagnate da distruzioni di aziende agricole, di vaste zone coltivate o di case, mirano a confinare la popolazione palestinese a settori sempre più ridotti delle loro terre, in base alla mappa degli insediamenti pianificati e delle strada che gli attraverserà. Il governo israeliano tenterebbe dunque di isolare le comunità palestinesi per creare delle aree, distanziate tra loro, facilmente controllabili. Il bantustan escluderebbe di fatto i palestinesi dall accesso alle proprie risorse territoriali e idriche, offrirebbe a Israele riserve di manodopera a basso prezzo, priverebbe il futuro Stato palestinese di confini coerenti e impedirebbe la costruzione di una nazione palestinese dotata di sovranità reale e capacità di garantire al suo popolo il diritto all alimentazione. Manifestazione evidente che questa sarebbe la direzione assunta dalla politica del governo Sharon sono le cartine del tracciato del recinto di sicurezza/muro dell apartheid. Il recinto o Muro, che dir si voglia, non è posto sui confini tra Israele e i territori precedenti alla guerra del 1967, ma all interno della Cisgiordania. Ecco i dati: 36 comunità (per un totale di palestinesi) sono state separate dalle loro aziende agricole e dai loro pozzi ad Ovest della barriera; 19 comunità (per un totale di persone) sono state quasi completamente imprigionate dall andamento del Muro, tra cui persone, che si sono trovate intrappolate a Kalkilya, circondate in ogni direzione da una muraglia alta 8 metri, con un unica strada disponibile, controllata da un posto di blocco israeliano; 13 comunità (per un totale di persone) sono rimaste intrappolate in un territorio definito come zona militare protetta, situata tra il Muro e la Linea Verde, e sono rimaste tagliate fuori dalla Palestina e senza l autorizzazione ad entrare in Israele. I documenti del Ministero della Difesa israeliano parlano di due fasi della costruzione del recinto di sicurezza. La prima, già iniziata nel giugno 2002, prevede la confisca di 2875 acri di terra, al solo scopo di spianarla, tra le terre più fertili, e molte falde acquifere saranno annesse da Israele. La Cisgiordania sarà privata del 51% delle sue risorse idriche. Molti saranno costretti ad emigrare e si calcola che già persone circa abbiano abbandonato 26

33 Capitolo 3 l area di Kalkilya. La seconda fase vedrà la costruzione del Muro da Salem fino a Bet-Shean, tagliando in due la Cisgiordania e includendo nei territori israeliani l intera Valle del Giordano. La bantustanizzazione procede anche su altri fronti; vengono riportati dati significativi sull avanzata dei coloni nei territori occupati:nel 1999, 44 nuovi insediamenti e avanposti erano stati realizzati in Cisgiordania, 34 nel 2001, mentre altri 14 avevano ricevuto l approvazione del governo israeliano. Israele sarebbe dunque fautrice di una politica della riduzione alla fame. La sua politica di divisione, distruzione, confische viola il diritto all alimentazione. I suoi mezzi non si limitano a salvaguardare l incolumità dello Stato, ma provocano sofferenze tali da essere percepiti come punizioni collettive. Secondo il Centro d Informazione Nazionale Palestinese (PNIC), tra il 29 settembre 2002 e il 31 maggio 2003, le forze di occupazione hanno sradicato e distrutto circa 2,5 milioni di ulivi e oltre un milione tra agrumeti e alberi da frutta. Inoltre, 806 pozzi e 296 magazzini sono stati distrutti e 200 strade, tra arterie principali e secondarie, sono state cinte di filo spinato e migliaia sono state cosparse di montagne di spazzatura. L Associazione Idrologi Palestinesi registra che, tra il giugno 2002 e il febbraio 2003, 42 camion per il trasporto di cisterne d acqua sono stati parzialmente o totalmente distrutti e 9118 cisterne palestinesi per l approvvigionamento idrico sono state smantellate. La Banca Mondiale stima i danni all agricoltura intorno a 217 milioni di dollari, nonché danni alle infrastrutture idriche per un valore di circa 140 milioni di dollari. Questi dati non giustificherebbero azioni di difesa, ma sarebbero ritorsioni e attacchi contro i palestinesi, salvo poi rientrare nel programma di isolamento e di bantustanizzazione di questi territori. Il governo israeliano deve necessariamente rispettare gli obblighi sanciti dal diritto internazionale e umanitario ponendo fine ai blocchi e all occupazione. Intanto, da parte israeliana, viene sottolineato il continuo impegno ad alleggerire le sofferenze dei palestinesi, sempre a condizione della sicurezza del suo popolo. Vengono infatti intrattenuti contatti quotidiani con le organizzazioni umanitarie e si cerca di agevolare i loro movimenti nei territori, nonostante i blocchi di sicurezza. Purtroppo i terroristi approfittano sistematicamente dei trasporti di aiuti umanitari o delle limitate aperture che si concedono per aiutare 27

34 Capitolo 3 il mercato del lavoro palestinese per infliggere brutali attacchi sui civili israeliani. Alla luce di queste considerazioni, la richiesta di abbattere tutte le barriere e i blocchi di sicurezza dimostra, secondo il governo israeliano, come non si abbia avuto cura di comprendere approfonditamente la complessa realtà che quotidianamente si deve affrontare. L ultima parola sulla delicata questione spetta quindi alle Nazioni Unite; tuttavia, non resta che constatare che, al di là delle colpe o delle ragioni, il dato indiscusso rimane purtroppo la drammatica situazione umanitaria nei Territori che non vede una vicina risposta. 28

35 Capitolo 3 LA DEMOGRAFIA DEL CONFLITTO Il problema demografico nel conflitto israelo-palestinese è di estrema importanza anche se a volte si tende a metterlo in secondo piano rispetto ad altre questioni come ad esempio lo status di Gerusalemme. Popolazione in Israele/Palestina, secondo i principali gruppi religiosi: (migliaia) Anno Ebrei Cristiani Musulmani Totale* Incr. annuo % , , , , , , , , , ,8 Incremento annuo: , ,0 * Inclusi i drusi e altre piccole minoranze religiose, e dal 1990, immigrati dall'ex Urss senza affiliazione religiosa Fonti: Fino al 1975: R.Bachi (1977); dopo il 1975: stime di S. Della Pergola basate su Israel Central Bureau of Statistics; Palestinian Central Bureau of Statistics Questa tabella si trova anche nella rivista Limes n.2 del 2002 p.34 29

36 Capitolo 3 LE RISORSE IDRICHE DEL MEDIORIENTE Tutta la regione mediorientale soffre sempre di più con il passare degli anni di uno squilibrio tra l'effettiva disponibilità di acqua e i consumi in forte crescita. Se poi si tiene conto dell'andamento demografico e dello sviluppo economico, questo squilibrio diventa ancor più drammatico. Le risorse idriche sono state da sempre una tra le maggiori cause di conflitto della regione, basti pensare alle alture del Golan (1176 Kmq). Queste furono occupate da Israele durante la guerra dei sei giorni (1967) e successivamente annesse nel 1981 con una legge della Knesset. Il controllo del Golan è fondamentale per due ragioni. In primo luogo la sua posizione strategica permette alle forze israeliane un ottimo controllo della zona soddisfacendo così alle esigenze di sicurezza; in secondo luogo queste alture sono il punto di passaggio e di confluenza di un terzo delle risorse idriche dello Stato ebraico che per consolidare la sua posizione sul territorio ha costruito più di 150 insediamenti agricoli. Risorse idriche della regione Il corso superiore del Giordano è formato da tre torrenti: l'hasbani, il Dan e il Banyias. Il primo nasce in Siria mentre gli altri due dalle alture del Golan. Il corso inferiore del Giordano è alimentato da sorgenti, acque superficiali e dal fiume Yarmuk. Solo il 30% delle risorse idriche proviene da acque superficiali mentre il restante proviene dall'acqua sotterranea. Un altro fiume importante della regione è il Litani: ha una portata minore del Giordano ma il tasso di salinità è notevolmente più basso. Lo sfruttamento delle falde Da una decina di anni sia Israele che la Giordania stanno depauperando le loro falde idriche. Gli israeliani stimano che entro il 2010 il loro deficit idrico salirà a 360 milioni di m 3 mentre quello della Giordania ammonterà a quasi 200 milioni di m 3 e quello della Cisgiordania a 140 milioni di m 3. La questione è la seguente: se il Giordano può garantire solo 1,4 miliardi di m 3 l'anno da dove proverrà l'oro blu mancante? La Giordania ha da poco elaborato un progetto che prevede lo sfruttamento delle riserve d'acqua del Wadi Ram, il deserto di Lawrence d'arabia. Nel deserto, a mille metri di profondità, si estende una falda di diversi miliardi di metri cubi di acqua potabile. La falda dovrà rifornire di acqua la città di 30

37 Capitolo 3 Amman, una delle più "assetate" del mondo. La Banca mondiale stima che un cittadino giordano ha accesso a 140 mila litri di acqua all'anno mentre il limite minimo accettabile dalle organizzazioni internazionali sarebbe di mille litri. E' per questa ragione che la Giordania ha deciso di sfruttare questa falda nel deserto piena però di acqua fossile, quindi non rinnovabile! L'oro blu sarà estratto con un centinaio di pozzi profondi circa 1000 metri situati a una settantina di chilometri da Aqaba. Arrivata in superficie, l'acqua sarà trasportata attraverso una condotta di acciaio fino ad Amman. Una volta realizzato il progetto, la capitale giordana potrà usufruire di quest'acqua aggiuntiva per una trentina di anni con un costo di circa 500 milioni di dollari, dopodiché la falda si esaurirà. Le risorse idriche nel conflitto israelo-palestinese Gli accordi di Oslo II del 28 settembre 1995 precisano che "Israele riconosce i diritti dei palestinesi sull'acqua della Cisgiordania". In realtà, secondo la Banca mondiale, il 90% dell'acqua della Cisgiordania è utilizzata da Israele mentre i Palestinesi possono solamente disporre del restante 10%. In particolare oggi Israele consuma l'80% delle sue risorse idriche per l'agricoltura, il 15% per usi domestici e il 5% per l'industria. 31

38 Capitolo 3 Le fonti principali d'acqua sono rappresentate dalle sorgenti sotterranee della striscia di Gaza e dall'acquifero dei territori occupati della Cisgiordania, dove la disparità economica e sociale tra le comunità consente un consumo giornaliero pro capite per gli israeliani di 260 litri e solo di 60 litri ai palestinesi. Inoltre, sono state imposte alcune regole che penalizzano i palestinesi: il divieto di scavare nuovi pozzi senza il possesso dell'autorizzazione militare; l'espropriazione di pozzi e sorgenti ai palestinesi assenti; il divieto di irrigare dopo le ore 16 e una fatturazione dell'acqua senza distinzione tra israeliani e palestinesi, nonostante il diverso tenore di vita" (cfr. M. Canepa, Tutto comincia dall'acqua, in "Israele/Palestina la terra stretta, limes, n.1, Gruppo editoriale L'Espresso, 2001, pp ). Va anche tenuto conto del fatto che il contributo al PIL dell'agricoltura di Israele è del solo 2% mentre quello palestinese è del 15%. Questa situazione è sicuramente causa di ingiustizia e non permetterà al futuro Stato palestinese di essere autosufficiente. Un'equa distribuzione delle risorse idriche dovrà passare forzatamente attraverso un accordo più largo comprendente oltre a Israele e il futuro Stato palestinese anche la Giordania, la Siria e il Libano. 32

39 Capitolo 4 Gente di Palestina CHI E DENTRO E DENTRO...chi è fuori è fuori: da Gerusalemme, attorno a cui si stanno ultimando i lavori del controverso Muro che separa palestinesi da israeliani, palestinesi da palestinesi e, nel paradossale caso di Ar Ram, israeliani da israeliani La storia del Muro di separazione tra Israele e Territori Occupati Palestinesi inizia nel giugno del 2002 con la confisca delle terre e la distruzione delle coltivazioni attorno a Jenin da parte dell esercito israeliano. Tre mesi dopo viene resa pubblica la prima mappa del Muro - che comprendeva solo la parte occidentale - e viene anche approvata dal comitato esecutivo l annessione ad Israele di parte di Betlemme e di Hebron. Nel luglio 2003 il ministro della difesa israeliano annuncia il completamento della prima fase (145 chilometri ) e lo stanziamento di altri 171 milioni di dollari per la costruzione del restante Muro con l aggiunta della parte orientale lungo tutta la valle del Giordano, per un totale di 730 chilometri. Nella Cisgiordania meridionale, dove si stanno recentemente concentrando i lavori, il Muro circonda già Betlemme ed Hebron - inglobando in Israele i luoghi sacri come la tomba di Rachele - e continua a sud di Gerusalemme verso est e verso ovest. A Gerusalemme il Muro circonda la Città Santa e l anello di colonie che le sono state costruite intorno, annettendo entro la sua cerchia gli insediamenti ebraici nelle zone di Ram, Hizma, Ananta, Za im e Azarya. Qui il Muro passa attraverso quartieri periferici, villaggi e campi coltivati, distruggendo i legami familiari ed economici tra i residenti arabi coinvolti. Ora che la costruzione della parte che va da Jenin a Kalkilya (prima fase) è conclusa, i bulldozer stanno proseguendo verso Ramallah. 33

40 Capitolo 4 Le strade che passano per l area di Ar Ram sono una via storica di collegamento con i paesi arabi e tra le parti della Palestina: qui transitano migliaia di persone, che quotidianamente si spostano tra Gerusalemme e Ramallah, il più importante centro della Cisgiordania e sede dell Autorità Palestinese; dopo la costruzione del Muro, funzioneranno come by pass roads, strade esclusivamente israeliane dirette alle colonie in Cisgiordania. La costruzione del Muro è iniziata in questa zona lo scorso febbraio, ma ha avuto una accelerazione quando il mese scorso le forze dell Isreali Defence Force (Idf) hanno iniziato a sollevare l asfalto delle strade coi bulldozer, bloccando gli accessi alla zona per preparare lo spazio al Muro che si prevede sarà alto 8 metri. La barriera in questa zona isolerà oltre persone,

41 Capitolo 4 lavoratori e migliaia di studenti che non potranno piu frequentare le scuole di Gerusalemme. Il Muro di Ar Ram separa anche la comunità locale da quelle dei vicini sobborghi arabi: Beit Hanina, Al Barreed e Atarot. Diversamente dalle altre aree divise dal Muro, la popolazione di Ar Ram e costituita in buona parte da cittadini israeliani o con passaporto Usa, che per motivi di convenienza hanno deciso di vivere nella periferia di Gerusalemme. Infatti, a partire dall occupazione del 1967, Israele diede agli abitanti di Gerusalemme Est lo status di residenti, dotandoli delle carte di identità blu che contraddistinguono le persone autorizzate ad entrare a Gerusalemme e spostarsi ovunque in Israele. Per tutti gli altri, i palestinesi dotati di carta di identità arancione -che li autorizza a spostarsi in Cisgiordania senza attraversare check points -, la possibilità di uscire da Ar Ram sarà limitata a rari permessi speciali. «Il percorso passerà dagli attuali minuti in auto ad una incerta gimcana tra check points di almeno due ore», dice Muhammad Ibrahim, un arabo residente ad Ar Ram. «Ci sono centinaia di bambini, oltre ai miei, che non sanno come faranno a raggiungere le proprie scuole a Gerusalemme». I residenti di Ar Ram pagano le tasse a Israele, molti parlano ebraico e ricevono copertura sanitaria dal governo di Tel Aviv. Il ministero della difesa di Israele difende il provvedimento sostenendo che dalla zona di Ar Ram sono passati negli ultimi tre anni gli autori di 12 attacchi terroristici. Raanan Gissin, un consigliere di Sharon, ha detto che lungo la barriera saranno aperti dei varchi che saranno gestiti da compagnie di sicurezza civili, dichiarandosi consapevole del fatto che «ci saranno dei disagi. Ma non possono essere evitati perchè queste sono proprio le zone in cui i terroristi tentano di infiltrarsi». I residenti ad Ar Ram rifiutano queste affermazioni, ribadendo che il Muro non serve ad impedire l infiltrazione di attentatori, al contrario, è un furto di territorio ai danni dalla comunità palestinese. Il dottor Harnash, un ingegnere del consiglio cittadino di Ar Ram ha dichiarato: «La gente di qui coesiste con Israele, parliamo ebraico e la nostra vita è connessa all economia israeliana».. 35

LA PALESTINA STORICA

LA PALESTINA STORICA LA PALESTINA STORICA TERRITORIO E POPOLAZIONE L intera Palestina ha un territorio di circa 27.000 kmq, pari ad una della maggiori regioni italiane. Lo Stato d Israele ne occupa il 78% (20.700 kmq), con

Dettagli

Storia d Israele in mappe

Storia d Israele in mappe Storia d Israele in mappe INDICE Introduzione............................................................. p. 1 MAPPE DEL PERIODO ANTICO ll regno di Davide e Salomone..........................................

Dettagli

Un progetto di rivitalizzazione

Un progetto di rivitalizzazione MARE MORTO Un progetto di rivitalizzazione Nel dicembre scorso, la Giordania e Israele hanno firmato una convenzione che riguarda la realizzazione di un progetto sponsorizzato dalla Banca Mondiale che

Dettagli

Note riviste sull applicazione dell Articolo 1D della Convenzione del 1951 riguardante lo Status di Rifugiato per i Rifugiati Palestinesi 1

Note riviste sull applicazione dell Articolo 1D della Convenzione del 1951 riguardante lo Status di Rifugiato per i Rifugiati Palestinesi 1 Note riviste sull applicazione dell Articolo 1D della Convenzione del 1951 riguardante lo Status di Rifugiato per i Rifugiati Palestinesi 1 Articolo 1D della Convenzione del 1951 riguardante lo status

Dettagli

Città di Seregno Consiglio Comunale dei Ragazzi anno scolastico 2009/2010. 20 anniversario della CADUTA del MURO di BERLINO

Città di Seregno Consiglio Comunale dei Ragazzi anno scolastico 2009/2010. 20 anniversario della CADUTA del MURO di BERLINO Città di Seregno Consiglio Comunale dei Ragazzi anno scolastico 2009/2010 20 anniversario della CADUTA del MURO di BERLINO Premessa Al termine della seconda guerra mondiale (1939 1945) la Germania, sconfitta,

Dettagli

Nord Uganda. Tra emergenza e ricostruzione. Interventi idrici nelle scuole del distretto di Kitgum

Nord Uganda. Tra emergenza e ricostruzione. Interventi idrici nelle scuole del distretto di Kitgum Nord Uganda Tra emergenza e ricostruzione Interventi idrici nelle scuole del distretto di Kitgum 1 1. NORD UGANDA. IL CONTESTO DELL INTERVENTO. Ad un anno e mezzo dall avvio dei negoziati di pace tra il

Dettagli

G. M. QUER, Democrazia e diritti umani in Israele. Un modello per un mondo che cambia, Milano, Proedi Editore, 2006, pp. 1-79.

G. M. QUER, Democrazia e diritti umani in Israele. Un modello per un mondo che cambia, Milano, Proedi Editore, 2006, pp. 1-79. G. M. QUER, Democrazia e diritti umani in Israele. Un modello per un mondo che cambia, Milano, Proedi Editore, 2006, pp. 1-79. di Cristina Gazzetta Il libro che qui si segnala al lettore è il risultato

Dettagli

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo:

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo: 01 L Europa divisa La seconda guerra mondiale provoca (fa) grandi danni. Le vittime (i morti) sono quasi 50 milioni. L Unione Sovietica è il Paese con più morti (20 milioni). La guerra con i bombardamenti

Dettagli

Modulo di Storia delle Relazioni Internazionali

Modulo di Storia delle Relazioni Internazionali Modulo di Storia delle Relazioni Internazionali Anno Accademico 2006-2007 Lezione II Docente: Prof. Massimiliano Cricco (Università degli Studi di Urbino Carlo Bo ) Gli anni di Johnson: la polarizzazione

Dettagli

È morta l architetta Zaha Hadid

È morta l architetta Zaha Hadid È morta l architetta Zaha Hadid Edifici distrutti dai bombardamenti del governo siriano a Damasco, il 10 febbraio 2016. (Bassam Khabieh, Reuters/Contrasto) 11MAR 201618.40 La spartizione della Siria è

Dettagli

2. II LABORATORIO. 60 minuti. 3. VISIONE DI VIDEO/FILM + COMMENTI 60 minuti 4. CONSEGNA PERSONAGGI E PRIMA LETTURA 15 minuti

2. II LABORATORIO. 60 minuti. 3. VISIONE DI VIDEO/FILM + COMMENTI 60 minuti 4. CONSEGNA PERSONAGGI E PRIMA LETTURA 15 minuti 2. II LABORATORIO OBIETTIVI: spiegare la storia del conflitto israelo-palestinese in maniera interattiva; avvicinarsi ad una situazione conflittuale attraverso molteplici canali di comunicazione (immagini,

Dettagli

Due idee di base per cominciare

Due idee di base per cominciare FAMIGLIE INDEBITATE: VIENE DAL SOCIALE UNA PROPOSTA DI AIUTO Hanno superato il milione i nuclei che non riescono a far fronte ai debiti. Dall associazione Pro.seguo viene la proposta di una gestione concordata.

Dettagli

VIVERE NELLA PAURA Il circolo vizioso della violenza in Colombia

VIVERE NELLA PAURA Il circolo vizioso della violenza in Colombia VIVERE NELLA PAURA Il circolo vizioso della violenza in Colombia Da oltre 40 anni la vita in Colombia è dominata dalla paura e dai conflitti. Migliaia di colombiani che vivono in zone remote o negli slum

Dettagli

Durata Quattro fasi di lavoro in un arco di tempo complessivo non inferiore a quattro settimane. Si stimano non meno di 16 ore di lavoro in classe.

Durata Quattro fasi di lavoro in un arco di tempo complessivo non inferiore a quattro settimane. Si stimano non meno di 16 ore di lavoro in classe. Laboratorio consigliato per la scuola primaria (II ciclo) Il grande mosaico dei diritti Hai diritto ad avere un istruzione/educazione. Art. 28 della CRC Hai diritto a essere protetto/a in caso di guerra

Dettagli

Agenda 21 Scuola A cura di Daniela Cancelli L.E.A. Laboratorio di Educazione Ambientale Isola del Liri - 13 Maggio 2008

Agenda 21 Scuola A cura di Daniela Cancelli L.E.A. Laboratorio di Educazione Ambientale Isola del Liri - 13 Maggio 2008 Agenda 21 Scuola Un percorso didattico su Agenda 21 e idee per la progettazione partecipata A cura di Daniela Cancelli L.E.A. Laboratorio di Educazione Ambientale Isola del Liri - 13 Maggio 2008 Agenda

Dettagli

BAMBINI E ADOLESCENTI IN MOZAMBICO

BAMBINI E ADOLESCENTI IN MOZAMBICO BAMBINI E ADOLESCENTI IN MOZAMBICO I dati che seguono intendono dare un indicazione di massima della situazione minorile esistente oggi in Mozambico e provengono dall Istituto Nazionale di Statistica del

Dettagli

data, non solo i martiri di Nassiriya, morti per cercare di fermare la guerra civile presente in Iraq, ma anche tutti coloro che hanno perso la vita

data, non solo i martiri di Nassiriya, morti per cercare di fermare la guerra civile presente in Iraq, ma anche tutti coloro che hanno perso la vita Costituita in memoria di Piero Salvati, carabiniere e poi funzionario della Pubblica Amministrazione, ottimo maresciallo dell ANC di Tortona, mancato all affetto dei suoi cari e dei suoi tanti amici il

Dettagli

SIRIA, UNA CRISI SENZA FINE

SIRIA, UNA CRISI SENZA FINE 544 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com SIRIA, UNA CRISI SENZA FINE Le reazioni degli attori internazionali 25 luglio 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Le reazioni degli attori

Dettagli

CONGESTION CHARGE: LE RAGIONI DI UN DISSENSO

CONGESTION CHARGE: LE RAGIONI DI UN DISSENSO CONGESTION CHARGE: LE RAGIONI DI UN DISSENSO 1. Premessa Nei mesi scorsi Assolombarda ha espresso all Amministrazione Comunale la propria contrarietà alla congestion charge, ritenendola un provvedimento

Dettagli

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI La geografia studia le caratteristiche dell ambiente in cui viviamo, cioè la Terra. Per fare questo, il geografo deve studiare: com è fatto il territorio (per esempio se ci

Dettagli

Jeanine vive, e tu voltati

Jeanine vive, e tu voltati Data Jeanine vive, e tu voltati I diritti umani e soprattutto la loro violazione, devono stringere il mondo intero nella solidarietà. Ban Ki-moon 0 1 E tu voltati Indifferenza. Liliana Segre ne ha parlato

Dettagli

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili a cura di Marcello Pezzetti e Umberto Gentiloni Silveri Il volume è frutto della collaborazione della Provincia di Roma

Dettagli

Avocats sans Frontières Italia

Avocats sans Frontières Italia Avocats sans Frontières Italia BAMBINI SOLDATO IN AFRICA UN DRAMMA NEL DRAMMA Presentazione del Rapporto di Amnesty International 21.000 bambini soldato in Liberia Roma 8 Novembre 2004 Processabilità e

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE SEC( 2006 ) 829 DEFINITIVO BILANCIO GENERALE - ESERCIZIO 2006 SEZIONE III - COMMISSIONE TITOLI 23, 31 BRUXELLES, 28.06.2006 STORNO DI STANZIAMENTI N. DEC 27/2006 Aiuti

Dettagli

L AUMENTO DELLA POVERTÀ

L AUMENTO DELLA POVERTÀ L AUMENTO DELLA POVERTÀ A inizio anno la Banca d Italia ha reso disponibili i dati sui bilanci delle famiglie italiane relativi al 24, frutto dell unica indagine sui redditi disponibile in Italia in grado

Dettagli

Per iniziare, guarda questo breve video:

Per iniziare, guarda questo breve video: Per iniziare, guarda questo breve video: http:///la-carestia-in-somalia.htm Per svolgere le attività proposte, ricava notizie dal tuo libro di geografia e dai seguenti siti: https://it.wikipedia.org/wiki/carestia

Dettagli

IL CONFLITTO ISRAELO-PALESTINESE: DARE PRIORITA AI DIRITTI UMANI E AL DIRITTO INTERNAZIONALE. Daniela Pioppi (IAI) e Nathalie Tocci (IUE)

IL CONFLITTO ISRAELO-PALESTINESE: DARE PRIORITA AI DIRITTI UMANI E AL DIRITTO INTERNAZIONALE. Daniela Pioppi (IAI) e Nathalie Tocci (IUE) IL CONFLITTO ISRAELO-PALESTINESE: DARE PRIORITA AI DIRITTI UMANI E AL DIRITTO INTERNAZIONALE Daniela Pioppi (IAI) e Nathalie Tocci (IUE) Si parla molto in questi mesi della necessità di dare nuovo slancio

Dettagli

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa 11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio raccolta integrato dei rifiuti solidi urbani. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa delibera di Consiglio,

Dettagli

L'APARTHEID IN PALESTINA

L'APARTHEID IN PALESTINA L'APARTHEID IN PALESTINA Il rapporto di Human Right Watch sui territori arabi occupati da Israele Sarà presentato il 1 febbraio presso palazzo Ducale, Sala del Camino alle ore 17.30. Parlerà il prof. Alessandro

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

Attivare e facilitare i gruppi di auto/mutuo aiuto

Attivare e facilitare i gruppi di auto/mutuo aiuto LAVORO SOCIALE IN TASCA COLLANA DIRETTA DA M.L. RAINERI Valentina Calcaterra Attivare e facilitare i gruppi di auto/mutuo aiuto Indice Introduzione 9 1. Cos è un gruppo di auto/mutuo aiuto 11 I fondamenti

Dettagli

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare.

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare. 1.1. Ognuno di noi si può porre le stesse domande: chi sono io? Che cosa ci faccio qui? Quale è il senso della mia esistenza, della mia vita su questa terra? Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso

Dettagli

Geografia 5ª. PRIMO PERCORSO Le comunità territoriali organizzate (pag. 102-113) Antares 5 a. Programmazione. Percorsi - conoscenze - competenze

Geografia 5ª. PRIMO PERCORSO Le comunità territoriali organizzate (pag. 102-113) Antares 5 a. Programmazione. Percorsi - conoscenze - competenze VERSO I TRAGUARDI DI COMPETENZA Geografia 5ª si orienta nello spazio circostante e sulle carte geografiche, utilizzando riferimenti topologici e punti cardinali; riconosce e denomina i principali oggetti

Dettagli

La scuola Calcio Barcellona

La scuola Calcio Barcellona La scuola Calcio Barcellona di Raffaele Barra Istruttore CONI FIGC, laureando in Comunicazione, dopo varie esperienze in altre società (nelle categorie pulcini ed esordienti) da 2 anni milita nel Sottomarina

Dettagli

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario)

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA Cerchiamo il significato delle due parole: ADULTO CRISTIANO chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) colui che ha deciso di:

Dettagli

Percorso di visita autoguidata al Lager di Buchenwald

Percorso di visita autoguidata al Lager di Buchenwald Percorso di visita autoguidata al Lager di Buchenwald Capire e rispettare Ti appresti a visitare ciò che resta del Lager nazista di Buchenwald cercando di leggere quei pochi segni originari ancora presenti

Dettagli

Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi

Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi In mare aperto: intervista a CasAcmos Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi Nel mese di aprile la Newsletter ha potuto incontrare presso Casa Acmos un gruppo di ragazzi

Dettagli

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione?

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? Nasce nel 1997 per volontà di cittadini stranieri e italiani, come associazione

Dettagli

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Alberto Majocchi La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Dato che sono del tutto incompetente sul tema oggetto dell incontro odierno, sono

Dettagli

RECORD DI MIGRAZIONI FORZATE

RECORD DI MIGRAZIONI FORZATE RECORD DI MIGRAZIONI FORZATE Il 2015 potrebbe essere un anno record per le migrazioni forzate in tutto il mondo Secondo l'ultimo rapporto "Global Trends" dell'unhcr sono quasi 60 milioni le persone costrette

Dettagli

Il muro di Berlino IL MURO DI BERLINO

Il muro di Berlino IL MURO DI BERLINO Il muro di Berlino IL MURO DI BERLINO Il Muro di Berlino (in tedesco: Berliner Mauer) era una barriera separatoria fatta costruire dal governo della Germania Est (detta anche Repubblica democratica tedesca

Dettagli

INTERVENTO DI LAURA AROSIO

INTERVENTO DI LAURA AROSIO INTERVENTO DI LAURA AROSIO Ricercatrice in Sociologia presso l Università di Milano Bicocca L aumento delle separazioni legali e dei divorzi in Italia BIOGRAFIA Laura Arosio è ricercatrice in Sociologia

Dettagli

L ITALIA IN EUROPA. 1 Voyager 5, pagina 172

L ITALIA IN EUROPA. 1 Voyager 5, pagina 172 L ITALIA IN EUROPA L Italia, con altri Stati, fa parte dell Unione Europea (sigla: UE). L Unione Europea è formata da Paesi democratici che hanno deciso di lavorare insieme per la pace e il benessere di

Dettagli

Emergenza alimentare nel Corno d Africa: supporto alle famiglie vulnerabili in Somalia.

Emergenza alimentare nel Corno d Africa: supporto alle famiglie vulnerabili in Somalia. Emergenza alimentare nel Corno d Africa: supporto alle famiglie vulnerabili in Somalia. Agosto 2011 - Donne e bambini nella Bay Region, Sud Somalia, beneficiari del progetto di COOPI. Foto archivio COOPI.

Dettagli

In occasione della Giornata della Memoria, Green Cross Italia raccoglie le riflessioni del vicepresidente nazionale dell Aned

In occasione della Giornata della Memoria, Green Cross Italia raccoglie le riflessioni del vicepresidente nazionale dell Aned In occasione della Giornata della Memoria, Green Cross Italia raccoglie le riflessioni del vicepresidente nazionale dell Aned Gli anni della persecuzione nazista Dario Venegoni li ha vissuti attraverso

Dettagli

SCHEDA DATI. UNICEF: Rapporto Per ogni bambino la giusta opportunità. Un mondo a misura di bambini e adolescenti Post-2015

SCHEDA DATI. UNICEF: Rapporto Per ogni bambino la giusta opportunità. Un mondo a misura di bambini e adolescenti Post-2015 SCHEDA DATI UNICEF: Rapporto Per ogni bambino la giusta opportunità. Un mondo a misura di bambini e adolescenti Post-2015 Trasformare il circolo vizioso in un circolo virtuoso ha benefici enormi: - Si

Dettagli

I SISTEMI DI NUMERAZIONE

I SISTEMI DI NUMERAZIONE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE G. M. ANGIOY CARBONIA I SISTEMI DI NUMERAZIONE Prof. G. Ciaschetti Fin dall antichità, l uomo ha avuto il bisogno di rappresentare le quantità in modo simbolico. Sono nati

Dettagli

OLIMPIA ARMANI JEANS MILANO

OLIMPIA ARMANI JEANS MILANO OLIMPIA ARMANI JEANS MILANO HEAD COACH ATTILIO CAJA DIFESA SUL PICK AND ROLL Nell analizzare le tendenze offensive delle squadre avversarie ci siamo resi conto di come una grandissima percentuale degli

Dettagli

Breve storia della Palestina e Israele

Breve storia della Palestina e Israele Breve storia della Palestina e Israele Nel III millennio a.c. territorio tra Siria e Palestina coincideva con la regione di Canaan commercia con Egitto Anatolia Terra dei Mesopotamia Si insediano popoli

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Gli strumenti della geografia

Gli strumenti della geografia Gli strumenti della geografia La geografia studia lo spazio, cioè i tanti tipi di luoghi e di ambienti che si trovano sulla Terra. La geografia descrive lo spazio e ci spiega anche come è fatto, come vivono

Dettagli

GLI STRUMENTI DELLA GEOGRAFIA

GLI STRUMENTI DELLA GEOGRAFIA VOLUME 1 CAPITOLO 0 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE GLI STRUMENTI DELLA GEOGRAFIA 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: Terra... territorio...

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

Perché sprecare se...

Perché sprecare se... Perché sprecare se... Emergenza acqua Dal ciclo dell'acqua dipendono sia le condizioni climatiche e ambientali, sia i processi di fotosintesi e respirazione, che rendono possibile la vita sul nostro pianeta.

Dettagli

Come salvare il vostro matrimonio. Come un avvocato divorzista può aiutare un matrimonio

Come salvare il vostro matrimonio. Come un avvocato divorzista può aiutare un matrimonio Flash** Come salvare il vostro matrimonio. Come un avvocato divorzista può aiutare un matrimonio di Laurie Israel* Uno degli aspetti più interessanti e soddisfacenti del mio lavoro è assistere le persone

Dettagli

queste domande e l importanza delle loro risposte, per quanto concerne questo lavoro.

queste domande e l importanza delle loro risposte, per quanto concerne questo lavoro. ABSTRACT La presenti tesi affronterà i problemi legati ai diritti umani, focalizzandosi specificatamente sul trattamento e lo sviluppo di questi diritti in Cina e nelle sue due Regioni Amministrative Speciali,

Dettagli

IL RISORGIMENTO IN SINTESI

IL RISORGIMENTO IN SINTESI IL RISORGIMENTO IN SINTESI La rivoluzione francese ha rappresentato il tentativo violento, da parte del popolo, ma soprattutto della borghesia francese (e poi anche del resto dei paesi europei) di lottare

Dettagli

LA SECONDA GUERRA MONDIALE

LA SECONDA GUERRA MONDIALE CONCORSO A.N.P.I. IC S.P. DAMIANO Scuola secondaria di 1 grado Classe: 3^C Insegnante: Anita Vitali Discipline: Italiano e Storia Abbiamo colto l occasione offerta da questo concorso per affrontare lo

Dettagli

Corso di perfezionamento I giochi di transizione

Corso di perfezionamento I giochi di transizione Contenuto della lezione pratica Osservazioni preliminari Corso di perfezionamento I giochi di transizione La durata del gioco dipende dall intensità. L allenatore deve controllare lo stato fisico dei suoi

Dettagli

L importanza dell acqua dolce. Bene sempre più raro e prezioso, l acqua è una risorsa non rinnovabile e per questo non va sprecata.

L importanza dell acqua dolce. Bene sempre più raro e prezioso, l acqua è una risorsa non rinnovabile e per questo non va sprecata. L importanza dell acqua dolce Bene sempre più raro e prezioso, l acqua è una risorsa non rinnovabile e per questo non va sprecata. Il deficit mondiale di acqua L acqua è un bene indispensabile per la sopravvivenza

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS Maria Luisa Cosso Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007 Via G. Verdi, 8 - Torino Magnifico Rettore, Signor Preside, Professor Conti, Signore e Signori,

Dettagli

Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo

Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo Alice (15 anni, II ITIS, 8 sett. Appr. Cooperativo, marzo-aprile 2005) E una ragazzina senza alcun problema di apprendimento

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

TRANSATLANTIC TRENDS - ITALY

TRANSATLANTIC TRENDS - ITALY TRANSATLANTIC TRENDS - ITALY D.1 Per il futuro dell Italia Lei ritiene che sia meglio partecipare attivamente agli affari internazionali o rimanerne fuori? - Partecipare attivamente - Rimanerne fuori D.2

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il rischio debito affonda le Borse, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta corretta è una soltanto. FRANCOFORTE.

Dettagli

L ASSUNZIONE DI TUTTI I DOCENTI DELLE GAE

L ASSUNZIONE DI TUTTI I DOCENTI DELLE GAE L ASSUNZIONE DI TUTTI I DOCENTI DELLE GAE NEL PROSSIMO ANNO SCOLASTICO SARÀ UN BOOMERANG PER LA SCUOLA? LA BUONA SCUOLA E L ASSUNZIONE DELLE GAE Il governo Renzi sta lavorando al decreto che implementa

Dettagli

Application: the Vajont Landslide

Application: the Vajont Landslide Application: the Vajont Landslide Extract from a meeting in Lecco about landslides By M. Papini www.engeology.eu VAJONT: 9 OTTOBRE 1963 Un sasso è caduto in un bicchiere, l acqua è uscita sulla tovaglia.

Dettagli

INDICE. www.al-maqdese.org. Edizione 4 / Giugno 2011. Introduzione. Le attività del progetto a Gerusalemme. Consulenze psicologiche a Gerusalemme

INDICE. www.al-maqdese.org. Edizione 4 / Giugno 2011. Introduzione. Le attività del progetto a Gerusalemme. Consulenze psicologiche a Gerusalemme Edizione 4 / Giugno 2011 Newsletter mensile pubblicata da: Al-Maqdese per lo sviluppo della società in arabo, inglese, italiano Promozione delle opportunità di pace attraverso la fine dello sfruttamento

Dettagli

In 80 Karten um die Welt [Giro intorno al Mondo in 80 Carte] Gioco di Carte per 3 o 4 giocatori di Ralf Sandfuchs

In 80 Karten um die Welt [Giro intorno al Mondo in 80 Carte] Gioco di Carte per 3 o 4 giocatori di Ralf Sandfuchs In 80 Karten um die Welt [Giro intorno al Mondo in 80 Carte] Gioco di Carte per 3 o 4 giocatori di Ralf Sandfuchs Traduzione: Sargon Componenti 110 Carte 4 Carte WaLaMob 4 Carte Partenza 4 Carte Boiler

Dettagli

La prima Guerra Mondiale. IV F La prima guerra mondiale 1

La prima Guerra Mondiale. IV F La prima guerra mondiale 1 La prima Guerra Mondiale IV F La prima guerra mondiale 1 Temi trattati Le cause della guerra I fronti della prima guerra mondiale Le date della Grande guerra I soldati: la vita in trincea La società civile

Dettagli

LA PRIMA GUERRA MONDIALE

LA PRIMA GUERRA MONDIALE LA PRIMA GUERRA MONDIALE Premessa: Le nazioni europee più forti Vogliono imporsi sulle altre Rafforzano il proprio esercito Conquistano le ultime zone rimaste libere in Africa e Asia (colonie) Si creano

Dettagli

Con le donne per vincere la fame

Con le donne per vincere la fame Con le donne per vincere la fame CAMPAGNA DI RACCOLTA FONDI dal 1 maggio al 1 giugno 2014 Chi è Oxfam Italia Oxfam Italia è parte della confederazione globale Oxfam, presente in oltre 90 paesi del mondo

Dettagli

Disponibilità annuale pro capite di acqua dolce

Disponibilità annuale pro capite di acqua dolce EMERGENZA ACQUA Disponibilità annuale pro capite di acqua dolce Le società umane si sono sviluppate laddove c era disponibilità d acqua. Le prime civiltà furono, infatti, civiltà fluviali. Il Nilo, il

Dettagli

FACCIAMO I CONTI UN LIBRO BIANCO DEL PRC DI SC ANDICCI

FACCIAMO I CONTI UN LIBRO BIANCO DEL PRC DI SC ANDICCI FACCIAMO I CONTI UN LIBRO BIANCO DEL PRC DI SC ANDICCI Se ritenete di qualche interesse questo libro bianco fatelo circolare; se avete commenti, suggerimenti, osservazioni anche critiche da fare scrivere

Dettagli

UN AZIENDA E TRE FRATELLI: UN «MECCANISMO» PERFETTO

UN AZIENDA E TRE FRATELLI: UN «MECCANISMO» PERFETTO MC n 68 I protagonisti LUCA SCOLARI UN AZIENDA E TRE FRATELLI: UN «MECCANISMO» PERFETTO di Simona Calvi Insieme a Fabio e Marco è alla guida della società creata dal padre negli anni Cinquanta, specializzata

Dettagli

La rivoluzione Francese: cade la Bastiglia, crollano feudalesimo e assolutismo dei re. Guglielmo Spampinato

La rivoluzione Francese: cade la Bastiglia, crollano feudalesimo e assolutismo dei re. Guglielmo Spampinato La rivoluzione Francese: cade la Bastiglia, crollano feudalesimo e assolutismo dei re. Guglielmo Spampinato Data l indecisione sul metodo della votazione ( per stato o per testa) il terzo stato si riunì

Dettagli

Economic Policy Reforms Going for Growth 2009. Riforme di politica economica Obiettivo Crescita - Edizione 2009. Summary in Italian

Economic Policy Reforms Going for Growth 2009. Riforme di politica economica Obiettivo Crescita - Edizione 2009. Summary in Italian Economic Policy Reforms Going for Growth 2009 Summary in Italian Riforme di politica economica Obiettivo Crescita - Edizione 2009 Riassunto in italiano Gestire la crisi è oggi il compito prioritario dei

Dettagli

Il costo delle auto blu: quali tagli sono possibili?

Il costo delle auto blu: quali tagli sono possibili? 177 idee per il libero mercato Il costo delle auto blu: quali tagli sono possibili? di Andrea Giuricin Le auto blu in Italia ritornano spesso nel dibattito politico. Sono state eseguite differenti stime

Dettagli

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto)

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) La Repubblica è una forma di governo. La Repubblica è un modo per governare uno Stato. Nella Repubblica romana c era un Senato e c erano

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

È un sistema composto di interessi generali e di interessi di parte e di tanto altro ancora.

È un sistema composto di interessi generali e di interessi di parte e di tanto altro ancora. Dieci anni di sanità in Puglia 19 maggio 2011 Brindisi di Emilio Gianicolo È arduo il compito di mostrare in poche righe punti di forza e punti di debolezza di un sistema sanitario in confronto ai sistemi

Dettagli

CONOSCERE LA STORIA PER CAPIRE IL PRESENTE E COSTRUIRE UN MONDO DI PACE

CONOSCERE LA STORIA PER CAPIRE IL PRESENTE E COSTRUIRE UN MONDO DI PACE 1 CONOSCERE LA STORIA PER CAPIRE IL PRESENTE E COSTRUIRE UN MONDO DI PACE La passione per la storia risale ai primi anni della mia vita e ora, che ho dieci anni, continuo ad avere interesse per tutto ciò

Dettagli

Parole Chiave. Terra Promessa Diaspora Antisemitismo Pogrom Sionismo Shoah (Olocausto)

Parole Chiave. Terra Promessa Diaspora Antisemitismo Pogrom Sionismo Shoah (Olocausto) Parole Chiave Terra Promessa Diaspora Antisemitismo Pogrom Sionismo Shoah (Olocausto) Cisgiordania Siria Libano Iraq Giordania Arabia Saudita Egitto Qualche nome Fiume Giordano (forma il Lago di Tiberiade

Dettagli

Mario Ambel. Che cos è e come funziona la comprensione del testo - Una simulazione

Mario Ambel. Che cos è e come funziona la comprensione del testo - Una simulazione Mario Ambel Che cos è e come funziona la comprensione del testo - Una simulazione La comprensione è un atto cooperativo che si realizza come L a G rande elaborazione dei segni grafici Mur accesso lessicale

Dettagli

La voce de "Gli Amici"

La voce de Gli Amici La voce de "Gli Amici" Testo più grande Cerca domenica 2 maggio 2004 Home page News Newsletter Disabili mentali: amici senza limiti Handicap e Vangelo Pagina precedente Gli Amici La mostra di pittura Scarica

Dettagli

LA CIVILTÀ CINESE. Dove. Lavoro sul testo. La civiltà cinese è nata lungo il Fiume Giallo, che scende dalla catena dell Himalaya.

LA CIVILTÀ CINESE. Dove. Lavoro sul testo. La civiltà cinese è nata lungo il Fiume Giallo, che scende dalla catena dell Himalaya. LA CIVILTÀ CINESE Dove La civiltà cinese è nata lungo il iume Giallo, che scende dalla catena dell Himalaya. Perché si chiama iume Giallo? Giallastro: un colore giallo sporco, non brillante. Perché in

Dettagli

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri.

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri. 6 LEZIONE: Algoritmi Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10-25 Minuti (a seconda che tu abbia dei Tangram disponibili o debba tagliarli a mano) Obiettivo Principale: Spiegare come

Dettagli

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti Roberto Denti La mia resistenza con la postfazione di Antonio Faeti 2010 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Rizzoli Narrativa novembre 2010 Prima edizione BestBUR marzo 2014 ISBN 978-88-17-07369-1

Dettagli

A Ovest, il Canale di Suez, il Mar Rosso e il Golfo di Aden; A Est, le montagne sugli orli degli altipiani iranico e afgano.

A Ovest, il Canale di Suez, il Mar Rosso e il Golfo di Aden; A Est, le montagne sugli orli degli altipiani iranico e afgano. IL MEDIO ORIENTE Medio Oriente è una denominazione convenzionale, di origine francese, che viene data all Asia occidentale, a quella parte compresa tra l Africa e l India. I suoi confini sono: A Nord il

Dettagli

Da dove nasce l idea dei video

Da dove nasce l idea dei video Da dove nasce l idea dei video Per anni abbiamo incontrato i potenziali clienti presso le loro sedi, come la tradizione commerciale vuole. L incontro nasce con una telefonata che il consulente fa a chi

Dettagli

GLORIA GAGGIOLI. (Comitato internazionale della Croce Rossa, Ginevra)

GLORIA GAGGIOLI. (Comitato internazionale della Croce Rossa, Ginevra) GLORIA GAGGIOLI (Comitato internazionale della Croce Rossa, Ginevra) L INTERRELAZIONE FRA DIRITTO INTERNAZIONALE UMANITARIO E DIRITTI UMANI La questione della relazione tra il diritto umanitario e i diritti

Dettagli

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29 Sono qui da 15 giorni e ho già avuto il primo grosso scombussolamento emotivo: un ondata di dubbi, paure, rabbia, senso di inadeguatezza, solitudine e chi più ne ha, più ne metta. Il tutto stimolato da

Dettagli

SOCIAL SUMMIT CONSULTAZIONE CON LE PARTI SOCIALI E LE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI

SOCIAL SUMMIT CONSULTAZIONE CON LE PARTI SOCIALI E LE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI SOCIAL SUMMIT CONSULTAZIONE CON LE PARTI SOCIALI E LE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI Domenica 29 marzo 2009 Sala delle Conferenze Internazionali Ministero degli Affari Esteri Intervento del Vice Presidente

Dettagli

Economia Italiana: Un confronto per le elezioni

Economia Italiana: Un confronto per le elezioni Economia Italiana: Un confronto per le elezioni Siamo un gruppo di studenti di master in economia. Con questa presentazione vogliamo fare informazione sui temi economici della campagna elettorare. Tutti

Dettagli

LEGGERE DENTRO. Diritti umani in primo luogo. www.al-maqdese.org. Problema 2 / marzo 2011. Introduzione. Le attività del progetto a Gerusalemme

LEGGERE DENTRO. Diritti umani in primo luogo. www.al-maqdese.org. Problema 2 / marzo 2011. Introduzione. Le attività del progetto a Gerusalemme NewsLetter Mensile Emesso da: Al-Maqdese per lo sviluppo della società - in arabo, inglese, e in Italia LEGGERE DENTRO «La promozione di opportunità di pace attraverso lo sfruttamento finale contro i diritti

Dettagli

Il taccuino dell esploratore

Il taccuino dell esploratore Il taccuino dell esploratore a cura di ORESTE GALLO (per gli scout: Lupo Tenace) QUARTA CHIACCHIERATA IL VENTO Durante la vita all aperto, si viene a contatto con un elemento naturale affascinante che

Dettagli

Sulla disoccupazione, tuttavia, ci sarebbe qualcosa da aggiungere. In questi giorni sentiamo ripetere, dai giornali e dalle tv, che il tasso di

Sulla disoccupazione, tuttavia, ci sarebbe qualcosa da aggiungere. In questi giorni sentiamo ripetere, dai giornali e dalle tv, che il tasso di ECONOMIA Disoccupazione mai così alta nella storia d Italia La serie storica dell Istat si ferma al 1977, ma guardando i dati del collocamento e i vecchi censimenti si scopre che nella crisi del 1929 e

Dettagli

QUESTIONARIO. Progetto HOPEurope Speranza Europa

QUESTIONARIO. Progetto HOPEurope Speranza Europa QUESTIONARIO Progetto HOPEurope Speranza Europa Costruire cittadinanza, democrazia, pace e sostenibilità in un Europa unita e multilivello Scuole ed enti d'istruzione e formazione superiore Liguria 2014

Dettagli

LA TATTICA SI IMPARA CON LE DONNE

LA TATTICA SI IMPARA CON LE DONNE LA TATTICA SI IMPARA CON LE DONNE Il calcio è ormai uno sport mondiale, si gioca infatti in ogni angolo del pianeta, anche i più remoti; i praticanti appartengono ad ogni età, razza, religione e sesso.

Dettagli

L OSSERVATORIO. 3 Febbraio 2014 CATEGORIA: POLITICA LA CRISI CHE INFRANGE IL SOGNO EUROPEO

L OSSERVATORIO. 3 Febbraio 2014 CATEGORIA: POLITICA LA CRISI CHE INFRANGE IL SOGNO EUROPEO L OSSERVATORIO 3 Febbraio 2014 CATEGORIA: POLITICA LA CRISI CHE INFRANGE IL SOGNO EUROPEO LA CRISI CHE INFRANGE IL SOGNO EUROPEO 3 Febbraio 2014 E un Europa sospesa tra l essere minaccia e rappresentare

Dettagli