Leggete da voi stessi i segni dei tempi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Leggete da voi stessi i segni dei tempi"

Transcript

1 PADOVA II LUOGHII DELLA MIISSIIONE Leggete da voi stessi i segni dei tempi La nostra missione nella chiesa ci impegna a vivere il mistero del verbo incarnato, venuto in mezzo a noi non per essere servito ma per servire; a testimoniarlo in uno stile di vitale inserimento nella chiesa e nel mondo ed annunciarlo nel messaggio evangelico e nelle scelte apostoliche per la salvezza e santificazione della donna Dalle Costituzioni Suore Orsoline scm E bello per me, questo pomeriggio, essere e stare in mezzo a voi, a partire dal mio essere donna, donna amata e amante che ha scelto ormai da molti anni di percorrere il cammino della vita insieme alla mia famiglia religiosa delle Suore Orsoline del S. Cuore di Maria. E bello, oggi, offrirci questa opportunità di vivere una dilatazione di speranza che ci porta a valicare insieme i confini dei pregiudizi, delle divisioni (anche tra Nord e Sud), dell indifferenza per aprirci con cuore libero al Vangelo dell accoglienza e della solidarietà, al Vangelo della vita. Sono grata a Dio di questo mio cammino per me sempre nuovo, entusiasmante e appassionato che mi fa dire con intima commozione come M. Giovanna Meneghini, nostra Fondatrice, Nell osservare il complesso delle cose, scorgo essere sempre più la mano di Dio che conduce tutto (M. Giovanna Lett. 49). Vorrei iniziare questa mia riflessione, o meglio testimonianza, appoggiandomi ad un passo del Vangelo di Matteo, ripreso anche dall evangelista Luca, in cui Gesù, rispondendo ai farisei e ai sadducei, i quali per metterlo alla prova gli chiedevano di mostrare loro un segno dal cielo, dice: Quando si fa sera, voi dite: bel tempo perché il tempo rosseggia; e al mattino: oggi burrasca perché il cielo è rosso cupo. Sapete dunque interpretare l aspetto del cielo e non sapete distinguere i segni dei tempi? (Mt.16,2 3). E forte qui il richiamo di Gesù! Gesù c invita, ci provoca, a saper riconoscere i segni dei tempi. Anche nei documenti conciliari, in particolare nella Gaudium et Spes, è forte questa esortazione: È dovere permanente della chiesa di scrutare i segni dei tempi e di 1

2 interpretarli alla luce del Vangelo, così che in modo adatto a ciascuna generazione, possa rispondere ai perenni interrogativi degli uomini sul senso della vita presente e futura e sul loro reciproco rapporto. Bisogna infatti conoscere e comprendere il mondo in cui viviamo nonché le sue attese, le sue aspirazioni e la sua indole spesso drammatiche (GS 4); Il popolo di Dio, mosso dalla fede, cerca di discernere negli avvenimenti, nelle richieste e nelle aspirazioni cui prende parte insieme con gli altri uomini del nostro tempo, quali siano i veri segni della presenza o del disegno di Dio. (GS11). E conclude è dovere di tutto il popolo di Dio.. di ascoltare attentamente, capire e interpretare i vari linguaggi del nostro tempo (GS 44). Non sono gli eventi come tali o le condizioni sociali (e ne potremmo citare tanti) a costituire i segni dei tempi, bensì il rapporto che essi hanno in ordine al Regno di Dio e quindi le indicazioni che essi danno per ricercare i luoghi dove l azione di Dio si può esprimere come salvezza. Una volta riconosciuti essi possono indicare l orientamento del cammino della Chiesa. E l oggi della storia, di questo nostro tempo, con le sue particolari caratteristiche: la globalizzazione, l idolatria del mercato, la grave crisi che stiamo vivendo, l era telematica, le nuove povertà, l aumento della violenza sulle donne, le guerre in atto, la mancanza di lavoro, soprattutto per i giovani, il fenomeno della migrazioni, della tratta degli esseri umani, in particolare delle donne e dei minori che diventano sollecitazioni per le comunità ecclesiali a dare risposte salvifiche. Che diventano, per ognuno di noi i luoghi della missione oggi. Luoghi dove l azione amante e liberante di Dio continua ad esprimersi, a manifestarsi nella storia attraverso i suoi testimoni. Don Mazzolari, con la sua umile e alta testimonianza di vita, ha dato voce e carne a una piccola parola che, pur nella sua piccolezza e anche debolezza ha, ancora oggi, la grande forza di cambiare la vita, di cambiare la storia: I care, mi interessa, m impegno. I care è il luogo e lo spazio della nostra testimonianza, oggi, una testimonianza che deve essere viva e appassionata. Una storia, un cuore, un impegno Il mio Istituto Suore Orsoline del S. Cuore di Maria ha come missione la promozione umana e cristiana (integrale) della donna. Nel 1995, all interno del cammino della chiesa e in attenzione ai segni dei tempi (stava emergendo in maniera forte il fenomeno dell immigrazione) l Istituto scelse di porre un segno di presenza uscendo da una terra sicura per abitare una terra altra. Per noi Orsoline era il Veneto, terra del Nord, la terra sicura che ha dato origine alla nostra famiglia religiosa. Aprire una comunità a Caserta era per noi una scelta chiara: abitare una 2

3 terra da molti percepita e sentita come periferia come scarto, ma proprio perché scarto, nella linea del Vangelo la più vicina al cuore di Dio. Ormai da circa 18 anni mi trovo a vivere il mio mandato missionario in questa terra campana, assieme ad altre 3 consorelle: sr. Assunta, Maria e Anna. L impatto iniziale con questa realtà non è stato facile. Caserta è sì una terra calda; una terra piena di storia antica, di fascino ambientale, di calore umano ma anche afflitta da tanti mali, come purtroppo tante terre del Sud. E allora, ahimé, Caserta è anche una terra scottante ; una terra che porta in maniera sfacciata, e oserei dire anche violenta, i segni devastanti del disastro ambientale, della mancanza di lavoro, di forme di illegalità diffuse, del malgoverno della politica e dell amministrazione colluse fino all ossa con lo strapotere invasivo esercitato dalla camorra. Una terra dove continua ad essere forte la presenza di un immigrazione clandestina. Ed è proprio questa terra, la sua gente che con rispetto e delicatezza ho imparato ad avvicinare, a conoscere e ad ascoltarne il battito profondo del cuore; è proprio questa terra, questa gente, che lentamente ho e abbiamo scelto di abitare e di entrare in relazione e che abbiamo imparato ad amare. Oggi è la mia terra, la nostra terra. Oggi Caserta è la mia e la nostra casa. Non siamo arrivate a Caserta con un progetto già pensato e preparato in noi la sola forza viva del Vangelo e del nostro carisma e poi la pazienza vigile e umile di ascoltare, di conoscere e di abitare un territorio. Un grande vescovo, Raffaele Nogaro, ci è stato padre e guida sapiente nell accompagnarci in questo cammino di ascolto aperto e libero del grido di tante povertà, in particolare del grido di dignità e di vita di tanti popoli di migranti. Su questo fenomeno spesso siamo abituati a sentire solo numeri, dati, statistiche ma in maniera anche provocatoria, il Dossier Immigrazione Caritas Migrantes del 2012 con il suo titolo: non solo numeri ci ricorda che i migranti hanno un volto, una storia, sono nostre sorelle e nostri fratelli. Girando per le strade della Provincia per conoscere il contesto casertano e incontrare le associazioni che ne facevano parte, vedevo tante ragazze straniere, in particolare di colore, lungo i margine delle strade. Agli inizi della nostra missione ancora non conoscevamo la realtà della tratta delle donne migranti. I responsabili di movimenti, di associazioni, gli stessi direttori di varie Caritas Diocesane, che in varie sedi avevamo incontrato, ci parlavano del fenomeno immigratorio in genere, ma sullo specifico dell immigrazione femminile ammettevano scarsa conoscenza. Le giovani ragazze di colore che vedevamo sulla strada del casertano erano da loro percepite unicamente come delle prostitute. Ma a noi quella definizione stava stretta, troppo stretta. Per noi, donne e consacrate, era forte la provocazione proveniente da queste donne che lavoravano sulla strada. Non ci bastavano le solite risposte: Da che mondo è mondo la prostituzione c è sempre stata; è il mestiere più antico del mondo. Noi volevamo conoscere, volevamo capire, incontrare quei 3

4 volti. Molti ci dicevano che era pericoloso avvicinarle, potevamo rischiare ritorsioni e minacce da parte degli sfruttatori che le controllavano, per nulla disposti a perdere introiti elevati di denaro sporco. Come donne, come religiose, insieme ad altre donne amiche volontarie abbiamo seguito il cuore e non la paura e abbiamo osato l incontro. L 8 marzo del 1997 giornata della donna dopo aver riempito il bagagliaio della nostra vecchia auto di tanti vasetti di primule siamo andate sulla strada per incontrare queste donne e portare loro un fiore e un messaggio di amicizia. Un gesto che ci ha portate a lasciare i confini sicuri e protetti rappresentati dalla vita di comunità per sconfinare sulla strada. La strada luogo incontro delle marginalità, che da sempre dà ospitalità a coloro che sono i perdenti e perciò i rifiutati della storia. La strada luogo santo, continuamente abitato da Gesù, più del tempio, il quale in maniera instancabile la percorreva per incontrare e lasciarsi toccare dai suoi prediletti: i poveri, gli oppressi, i resi schiavi, restituendo loro dignità e salvezza. La strada luogo simbolo di quelle periferie esistenziali a cui anche oggi Papa Francesco ci invia. Quell 8 marzo è stato l inizio di una serie di incontri sconvolgenti. Loro stesse ci avevano chiesto di ritornare. Man mano che cresceva la fiducia, Tina, Rosmery, vera, Mary ci consegnavano le loro storie. Ci parlavano della grande povertà vissuta nel loro Paese, dei figli lasciati per cercare di offrire loro un futuro migliore, degli stupri subiti ancor prima di arrivare in Italia, dell inferno vissuto durante la traversata a piedi del deserto e poi sulla carretta del mare, dei sonni popolati di volti sfigurati di amiche e amici morti durante il viaggio, delle paure e delle minacce di violenza fisica e psicologica, della speranza e delle continue violenze che ora subivano sulla strada, su queste nostre strade. Queste storie ci hanno aperto gli occhi e il cuore su quella drammatica e infame realtà: la tratta delle donne a scopo di sfruttamento sessuale. Queste donne, da tutti etichettate come prostitute, hanno scosso la nostra vita di donne, di consacrate. Non potevamo più nasconderci dovevamo starci, accogliere le inquietanti provocazioni, dovevamo agire. Quelle giovani donne, a volte minorenni, erano delle schiave sulle nostre strade. Il loro grido di dolore: help my, help my era per noi un pugno nello stomaco. L incontro con i loro volti, l ascolto delle loro storie, sono stati per noi rivelatori di una nuova chiamata: accogliere e vivere il Vangelo della liberazione, il Vangelo della vita. *Visione del video Viaggio di non ritorno. Sono venuto perché tutti abbiano vita e vita in abbondanza Gv 10,10 Logo di Casa Rut 4

5 CASA RUT UN LUOGO DI VITA L ascolto e la risposta a quel grido di dolore, a quella nuova chiamata, ha fatto nascere Casa Rut, un luogo di accoglienza, uno spazio di vita. Oggi Casa Rut è articolata in più appartamenti, di I^ e di II^ accoglienza, all interno di condomini, nel cuore della città. Una scelta precisa questa: sia per una maggiore sicurezza da offrire soprattutto alle ragazze, sia perché chi ha vissuto sempre ai margini, considerate spesso come rifiuti, era bene e giusto che abitassero il centro, il cuore della città, e anche perché era doveroso che la città stessa diventasse spazio di accoglienza per queste ragazze. All inizio però non è stato facile, alcuni condomini, vinti da paure e da pregiudizi, non ci volevano. Dall apertura di Casa Rut ad oggi più di 340 giovani donne e circa 50 bambini hanno abitato questo spazio di amore trovando la forza e il coraggio di riprendere il cammino della vita. Giovani donne dell Est: moldave, albanesi, ucraine, rumene e tante dalla Nigeria. Ciò che spinge queste ragazze a partire, ad affrontare il viaggio della speranza che poi, per tante di loro si trasforma in un viaggio verso l inferno, è la condizione di miseria, di impoverimento e di non futuro, che vivono nei loro paesi. Tali condizioni rendono la giovane vulnerabile e perciò facilmente preda delle reti della criminalità organizzata, che organizza e gestisce il traffico. Una rete transnazionale che va dai Paesi di partenza delle ragazze, a quelli di transito e infine di approdo. E chiaro che la criminalità non è disposta a perdere queste ragazze, a lasciarle andare sono per loro una fonte continua di guadagno. Dopo il traffico di armi e di droga è il commercio di donne a fine di sfruttamento sessuale la grande fonte di denaro illegale più redditizia per la criminalità organizzata, con un giro di affari stimato in 12 miliardi di dollari all anno. Si dice che oggi in Italia siano dalle 25 mila alle 40 mila le donne straniere coinvolte in questo traffico. Da vari osservatori viene detto che la tratta degli esseri umani è un fenomeno che continua ad espandersi, cambia in alcune sue modalità, ma non nella sua drammaticità e violenza. Le giovani donne nigeriane, prima della partenza dal loro Paese, vengono sottoposte al rito Woodoo: una grave forma di violenza psicologica accompagnata da intimidazioni e minacce di ritorsioni. Tale rito trova la sua forza in quegli aspetti culturali e religiosi pervasi da credenze magiche e da animismo. Questo rito ha un grande potere sulle vittime, e rappresenta un forte vincolo, una catena psicologica, di cui i trafficanti si servono per controllare le ragazze, e che diventa un ostacolo difficilissimo da superare per coloro che cercano di liberarle. Le ragazze nigeriane, nella maggioranza, arrivano in Italia attraverso il deserto (non più in aereo) e poi sulle carrette del mare. Affrontano viaggi inimmaginabili, che durano mesi, anche anni, soffrendo la fame, la sete, il sonno. Non sempre ce la fanno e se raggiungono vive il nostro Paese, molte di loro, hanno già subito gravi violenze e abusi. Nel deserto qualcuna di loro resta incinta o mette al mondo un figlio senza nome. 5

6 Le vittime, una volta arrivate in Italia si trovano sulle spalle un debito che va dai 50 ai 60 mila euro. Tale cifra diventa il prezzo da pagare per la loro libertà. Qui sulle nostre strade, violentate anche dai nostri uomini, vengono ridotte a non sentirsi più persone, ma unicamente carne per il mercato del sesso. Se pensiamo che una giovane nigeriana è costretta a svendere il propri corpo per 10 o 15 euro facciamo i conti. Per la nostra Comunità accogliere non è semplicemente organizzare un servizio, offrire un posto letto, un luogo dove mettere le proprie cose, dove poter mangiare e stare al caldo; non è solo un fare per chi è nel bisogno ma è soprattutto e anzitutto un fare spazio perché queste giovani donne, violate nel loro corpo, nella loro dignità, possano trovare il calore di una casa, possano abitare le nostre vite. Casa Rut diventa allora un luogo di vita dove le dimensioni dell ascolto, dell incontro tessono e colorano la giornata di gesti essenziali che servono per far vivere (A. Potente), di percorsi che profumano di dignità: umano psicologico sanitari, di apprendimento e miglioramento della lingua italiana, di acquisizione dei vari documenti d identità (permesso di soggiorno, passaporto, carta d identità, codice fiscale, tessera sanitaria), di accompagnamento e sostegno in caso di denuncia, di socializzazione e di formazione e addestramento al lavoro al fine di rendere la donna, nella sempre più piena consapevolezza della sua dignità liberata, protagonista del suo cammino verso l autonomia. Che bello sentire e vedere, in alcuni momenti, la casa riempirsi del canto e della danza di queste donne, magari con i loro piccoli portati sulla schiena o ancora in grembo! Come allora non pensare ad un altra casa dove due donne, entrambe gravide, hanno cantato e danzato il sogno di Dio L anima mia magnificat il Signore e il mio spirito esulta in Dio mio salvatore, perché ha rovesciato i potenti dai troni, ha innalzato gli umili (Lc 1,46 ). Da quel momento ogni casa, forse più del tempio, è diventata luogo santo, spazio aperto e fecondo dove Dio continua a irrompere nella storia rendendo possibile l impossibile, rendendo presente il Suo Regno. In un suo libro la teologa Antonietta Potente dice che quando si sposta una persona non si muove solo una cultura: quando i popoli emigrano, non si spostano solo i modi di vivere di altre realtà e gli spazi geografici, ma cambia anche Dio. Il Dio più bello è un Dio itinerante, che cammina. Ecco allora che diventa importante cercare con loro un esperienza di vita, un altra esperienza di Dio. E bello, io lo sperimento. Questa casa, Casa Rut, permette a me, alle mie consorelle e alle tante persone amiche che ci ruotano intorno di incontrare altri popoli, altre culture, altre religioni e tutto ciò diventa per noi una ricchezza, una crescita in umanità. Ognuno ha bisogno dell altro, ognuno si arricchisce e diventa nuovo dall incontro con l altro. Credo che questo movimento di popoli, di persone ha nel suo fondo una meta ben precisa, che è la dignità e il poter continuare a vivere. Popoli e persone protesi verso la 6

7 vita, sono popoli e persone in cammino. E nella povertà, nella sofferenza che nasce l osare umano, che si aprono cammini di ricerca di un futuro differente. E il dolore che spinge la vita, e provoca i cambi. Rimango sempre profondamente impressionata dal versetto del salmo che dice: l uomo nella prosperità non comprende, è come gli animali che periscono. Proprio così, una vita accomodata nei beni, è una vita chiusa e sterile che spegne la vita. Se per la paura della fragilità del rapporto, delle differenze con l altro ci rifugiamo nella solitudine dei beni di consumo, ci saranno grandi carestie che affameranno le nostre società opulente, di cui già vediamo tutti i sintomi: carestie di beni ambientali ma anche di beni relazionali, di gratuità e quindi carestie di felicità! CASA RUT UNO LUOGO DI VIGILANZA ATTIVA Avere occhi, cuore e intelligenza per esserci e riprendere insieme, in un sinergico lavoro in rete, il volto dell accoglienza. Siamo convinte che ogni azione, ogni progetto per quanto bello e valido, se resta prerogativa di pochi, se non va ad incidere nella mentalità, nella coscienza individuale e comunitaria per diventare spinta di cambiamento e di comportamento nuovo, rimane vano. A tal fine intenso e costante è l impegno di sensibilizzazione, di informazione nel territorio perché cresca un indignazione attiva contro tutto ciò che tende di fatto a deturpare e ad offendere la dignità della persona. "Solo una deterrenza sul piano delle coscienze e un lavoro formativo e culturale che renda sempre più illegittimo, a livello di costume, il ricorso allo sfruttamento sessuale, può dare risultati efficaci (C. Carlo M. Martini). Non possiamo nasconderci la realtà, da alcune statistiche attendibili si dice che siano circa 9 milioni i clienti italiani che vanno a comprare sesso a pagamento.togliendo le donne, i vecchi e i bambini, possiamo dire che è diventato ormai un comportamento normale, per il maschio, andare dalla ragazza di strada. Questa piaga ignominiosa chiede a tutti noi un forte impegno culturale ed educativo. E la domanda, così alta, che alimenta questo mercato. Una domanda, da parte del maschio, che nella sua manifestazione di potere e di dominio riduce la donna a merce, a proprietà. E urgente e indispensabile, oggi, ripartire da un nuovo modo di vivere le relazioni. Relazioni che si devono fondare sul rispetto, sul riconoscimento dell altro, sulla dignità di cui ciascuno è portatore. Ma per imparare a vivere nuovi stili di relazione bisogna avere il coraggio di investire su se stessi, sulle proprie capacità, le proprie doti, la propria interiorità, la propria biografia. E il territorio, attraverso le sue istituzioni civili ed ecclesiali che deve essere continuamente provocato e chiamato ad assumersi responsabilmente l impegno di farsi 7

8 carico, insieme, di tali problematiche che invocano giustizia e dignità. E questo attraverso una vigilanza attiva affinché nessuno strumentalizzi e usi il povero, l immigrato/a, la donna vittima, per farsi strada. Fare strada ai poveri senza farsi strada (don Milani). In tale ottica e per dare più efficacia e valore ai cammini di liberazione e di accoglienza si sono cercate e si continuano a cercare vie d intesa e di fattiva collaborazione con enti pubblici e del privato sociale: Regione, Comune, Questura, Prefettura, Tribunale Penale e per i Minorenni, ASL, associazioni, ecc. cercando di superare le logiche dell assistenzialismo, dell emergenza, del favore clientelare che sono sempre dei cappi al collo che tengono le persone nella dipendenza e nella non libertà. Sempre in tale ottica il cammino con i laici, per noi fondamentale, è nella linea della partecipazione di un dono condiviso che li rende, insieme a noi, protagonisti sia nelle attività di accoglienza e di accompagnamento delle giovani donne accolte, sia nell azione di informazione, sensibilizzazione e formazione. Una rete di presenze amiche aperte a costruire relazioni di amicizia, di fiducia fondate sul rispetto e valorizzazione della dignità della donna, disponibili a sostenere, a volte anche economicamente, i cammini di accompagnamento; famiglie che si sono rese disponibili all affido temporaneo (6/12 mesi) di figli piccoli per dare l opportunità alle mamme di realizzare l inserimento lavorativo in altre parti d Italia. Un luogo di vigilanza attiva significa anche essere desti e pronti a non tacere di fronte a parole, fatti e leggi che offendono e umiliano la dignità della persona. Per questo, in nome del Vangelo della vita, la voce della nostra comunità spesso si alza, non solo per manifestare pubblicamente il disappunto nei confronti di proposte o di leggi approvate, disumane e disumanizzanti (proposta D.L. Misure contro la prostituzione della ministra Mara Carfagna; approvazione del Pacchetto sicurezza che ha introdotto il reato di clandestinità), ma anche per testimoniare, insieme a tanti altri, che il Vangelo di Gesù Cristo è vita, è speranza per tutte le donne e gli uomini della terra, in particolare per chi non ha voce. Anche in tale senso c è un azione di promozione e presenza a convegni, seminari, incontri nelle scuole, nelle parrocchie, nelle realtà associative per dibattere il grave fenomeno della tratta e della violazione dei diritti umani; la partecipazione a manifestazioni a favore dei diritti degli immigrati, dei richiedenti asilo; promozione e partecipazione a iniziative a favore della pace e contro ogni situazione di oppressione e sfruttamento; coinvolgimento dei mass media: prese di posizione, lettere aperte, ecc. Con quanta sofferenza constatiamo che questa nostra società, anche quella che continuamente si gonfia appellandosi alle radici cristiane, rifiuta i poveri respingendoli, tacciandoli spesso da criminali. Purtroppo sono più le paure in noi che le speranze, più gli interessi che le passioni. 8

9 Non abbiamo un fine senza speranza ma una speranza senza fine. Edith Stein CASA RUT UN LUOGO APERTO ALLA SPERANZA Ogni giorno siamo chiamate a perderci dentro la realtà, dentro le storie concrete delle persone, dei poveri, di queste donne migranti per trasformare, con loro, i luoghi di fatica, le esistenze piegate dal dolore e dalla violenza in luoghi e in esistenze liberati e abitati dalla speranza. Una speranza che ha aperto vie inedite prendendo corpo e forma di una Cooperativa Sociale che porta il nome di newhope nuova speranza, con la W scritta in maiuscolo per dare visibilità allo slancio di chi prende una nuova strada, di chi vuole mettere ali per andare oltre il passato. Ci abbiamo creduto in tanti, ed oggi è realmente uno spazio di speranza per il nostro territorio. Il sogno si è congiunto al segno rendendo concreto l ideale di solidarietà, testimoniando così che può esiste una forma di economia solidale, diversa dall economia di mercato che vede nel profitto il suo unico fine. Dà fiducia vedere che attraverso questa piccola realtà, un laboratorio di sartoria etnica dove le ragazze creano degli originali e unici manufatti confezionati con coloratissime stoffe africane, in 8 anni di r esistenza, tante donne vittime di tratta, molte con figli, hanno avuto l opportunità di una formazione professionale ma anche una educazione alla responsabilità e all etica del lavoro; donne che hanno potuto riconquistare il loro diritto alla partecipazione alla vita sociale del territorio attraverso un lavoro legale e con una giusta retribuzione. E oggi, accanto al laboratorio di sartoria, è nata la Bottega Fantasia (spazio di conoscenza e di vendita), quella fantasia che ogni giorno le ragazze che lavorano nel laboratorio spiegano nei cuscini, nelle tovaglie, nelle borse e nei tanti oggetti che tagliano, cuciono, inventano. La Fantasia, diventata un marchio, davvero di fabbrica, è quella che di ogni giorno fa un giorno nuovo. Ogni manufatto newhope, creato da queste ragazze, ha un valore immenso, racconta di una rinascita e del coraggio della speranza. Da loro, da queste giovani donne, molte diventate madri a Casa Rut, l invito a credere nei germogli di vita sempre nuova che spesso l inverno nasconde e custodisce dentro di sé. Ecco faccio nuove tutte le cose. Ma la forza del segno, che è diventata la cooperativa (Don Tonino Bello parlava del potere dei segni), sta anche nell aver saputo tessere intorno a questo progetto una bella rete di 9

10 collaboratori volontari. Una rete di amici che sono e continuano ad essere un aiuto sia per lo sviluppo delle attività produttive ma soprattutto una forza a sostegno dei loro percorsi di integrazione attraverso la nascita di legami di amicizia. Tutti noi abbiamo bisogno di speranza: le donne e gli uomini migranti per riprendersi la loro dignità di persone e noi occidentali, che abbiamo confuso il benessere con il possesso di beni materiali, per riprenderci il senso della vita! La newhope è questo luogo che ha il potere di indicare a tutti noi che altre vie sono possibili e che nessuno può rubarci la speranza, come ci incoraggia papa Francesco. DOMANDE PER I LAVORI DI GRUPPO Leggete da voi stessi i segni dei tempi 1. Quale la nostra lettura oggi del fenomeno immigrazione? Ci prende la paura, lo sconcerto, la paralisi nell agire, o ci vediamo una possibile chiamata, un opportunità di condivisione, di fraternità, di giustizia, di servizio agli ultimi? Da che parte ci troviamo? riusciamo a leggere il cammino della storia nelle sue tendenze e prospettive di futuro? 2. Questa sfida ci mette di fronte alla nostra capacità e qualità di relazione con il diverso. Che dire del fenomeno la tratta delle donne dove si mettono in gioco le realtà di dignità della persona, rapporto uomo donna, potere, denaro, sesso, mentalità? 3. Il valore, la dignità della persona, la relazione costruttiva e non di dominio dell uomo sulla donna, a che cosa ci provocano nel pensare, nel parlare e nell operare? 10

6 gennaio 1936 6 gennaio 2006: 70 anniversario della Prima idea. E il testamento spirituale che Germana ha preparato alle missionarie e per l Istitu-

6 gennaio 1936 6 gennaio 2006: 70 anniversario della Prima idea. E il testamento spirituale che Germana ha preparato alle missionarie e per l Istitu- Vincent Van Gogh, Il Seminatore al tramonto, 1888 6 gennaio 1936 6 gennaio 2006: 70 anniversario della Prima idea E il testamento spirituale che Germana ha preparato alle missionarie e per l Istitu- to.

Dettagli

laici collaborazione Chiesa

laici collaborazione Chiesa Preghiamo insieme Prendi, Signore, e ricevi tutta la mia libertà, la mia memoria, il mio intelletto, la mia volontà, tutto quello che possiedo. Tu me lo hai dato; a te, Signore, io lo ridono. Tutto è tuo:

Dettagli

Istituto Comprensivo Perugia 9

Istituto Comprensivo Perugia 9 Istituto Comprensivo Perugia 9 Anno scolastico 2015/2016 Programmazione delle attività educativo didattiche SCUOLA PRIMARIA Disciplina RELIGIONE CLASSE: PRIMA L'alunno: - Riflette sul significato dell

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

«Il Padre vi darà un altro Paraclito»

«Il Padre vi darà un altro Paraclito» LECTIO DIVINA PER LA VI DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) Di Emio Cinardo «Il Padre vi darà un altro Paraclito» Gv 14,15-21 Lettura del testo Dal Vangelo secondo Giovanni (14,15-21) In quel tempo, Gesù disse

Dettagli

Donna Ì : un milione di no

Donna Ì : un milione di no Ì : un milione di no IL NOSTRO TEAM Siamo un trio ma siamo anche una coppia di fidanzati, due fratelli, due amici che da qualche anno convive e condivide esperienze di vita ma anche interessi sociali e

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare

Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare Il Signore ci fa suoi messaggeri Abbiamo incontrato Gesù, ascoltato la sua Parola, ci siamo nutriti del suo Pane, ora portiamo Gesù con noi e viviamo nel suo amore. La gioia del Signore sia la vostra forza!

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI VIVERE CON E PER CRISTO Evangelizzare significa: Convertire Portare

Dettagli

La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici

La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici Come possono due genitori, entrambi lavoratori e con dei bambini piccoli, fare volontariato? Con una San Vincenzo formato famiglia! La Conferenza Famiglia

Dettagli

Le Donne: il motore della vita

Le Donne: il motore della vita Le Donne: il motore della vita Il team di questo progetto è composto da me stessa. Sono una giovane laureata in Giurisprudenza e praticante avvocato, molto sensibile e attenta al tema riguardante la violenza

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

Intenzioni per l Apostolato della Preghiera 2014

Intenzioni per l Apostolato della Preghiera 2014 Intenzioni per l Apostolato della Preghiera 2014 GENNAIO 2014 Perché venga promosso un autentico sviluppo economico, rispettoso della dignità di tutti gli uomini e di tutti i popoli. Perché i cristiani

Dettagli

Laici cristiani nel mondo di oggi

Laici cristiani nel mondo di oggi Laici cristiani nel mondo di oggi Francesco Benvenuto Roma Centro Nazareth 3 settembre 2015 3 settembre 2015 Roma - Centro Nazareth 1 Una riflessione Dal dopo concilio siamo stati abituati a progettare,

Dettagli

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA.

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. (Cfr. Indicazioni nazionali per il curricolo Sc. Infanzia D.P.R. dell 11-02-2010) Il sé e l altro Le grandi domande,

Dettagli

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Orientamenti pastorali per il triennio 2016/2019 Che cosa ci chiede oggi il Signore? Che cosa chiede alla chiesa pistoiese?

Dettagli

Anno pastorale 2011-2012. Suggerimenti per l animazione in oratorio

Anno pastorale 2011-2012. Suggerimenti per l animazione in oratorio Anno pastorale 2011-2012 Suggerimenti per l animazione in oratorio Premessa: GIOCO E VANGELO Relazione Don Marco Mori, presidente Forum Oratori Italiani Il gioco può essere vangelo? Giocare può diventare

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

diocesi di il giorno in cui è iniziato il viaggio data luogo persone significative emozioni pensieri

diocesi di il giorno in cui è iniziato il viaggio data luogo persone significative emozioni pensieri LA VITA SI RACCONTA Primo momento della mattinata: in gruppo il coordinatore spiega brevemente il lavoro da svolgere personalmente, cosa si farà dopo e dà i tempi. Ogni partecipante si allontana, cercando

Dettagli

Parrocchia Santi Pietro e Paolo. Venite alla festa

Parrocchia Santi Pietro e Paolo. Venite alla festa Parrocchia Santi Pietro e Paolo Venite alla festa Questo libretto e di: Foto di gruppo 2 Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare Occhi: se i miei occhi sono attenti, possono cogliere i gesti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 Scuola Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE FRATELLI CASETTI CREVOLADOSSOLA (VB) WWW.iccasetti.gov.it PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE - competenze sociali

Dettagli

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Siamo figli di Dio Dio Padre ci chiama ad essere suoi figli Leggi il catechismo Cosa abbiamo imparato Ci accoglie una grande famiglia: è

Dettagli

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Scarica questo libretto Ascolta le canzoni in MP3 http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Canti con accordi 1 Lo spirito e la sposa z do

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE. -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre

CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE. -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE -Scoprire un mondo intorno a sé; un dono stupendo il creato -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre -L alunno/a sa: -riflettere su Dio

Dettagli

«Io sono la via, la verità e la vita»

«Io sono la via, la verità e la vita» LECTIO DIVINA PER LA V DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) Di Emio Cinardo «Io sono la via, la verità e la vita» Gv 14,1-12 Lettura del testo Dal Vangelo secondo Giovanni (14,1-12) In quel tempo, Gesù disse ai

Dettagli

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO Struttura in 3 sezioni: 1. Il Cuore dell oratorio Le idee sintetiche che definiscono in termini essenziali e vitali

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità

٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità ٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità Dallo statuto leggiamo: Art. 1 L AMI è composta da laici, diaconi, presbiteri che docili all azione dello Spirito Santo intendono vivere una medesima vocazione

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

informa giugno 15 n. 1 I

informa giugno 15 n. 1 I DUE SGUARDI: UN AFRICA Mostra fotografica - Trento, piazza Fiera - 30 maggio - 2 giugno 2015 informa A febbraio 2012 noi studenti e studentesse trentine abbiamo potuto conoscere la realtà ugandese in un

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A»

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A» Prima settimana Le tentazioni di Gesù e le nostre «Gesù fu condotto dallo Spirito nel deserto, per essere tentato dal diavolo» (Mt 4,1-11). 1. Osserviamo il disegno. Tenendo presente il brano del Vangelo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014 Scuola Primaria Classe 1^ - sez. A Disciplina Religione Cattolica Ins. STRIKA LUCIANA Presentazione della classe Livello cognitivo

Dettagli

Per rendere fruttuosa la riunione che faremo, preghiamo tutti di lavorare con la seguente modalità:

Per rendere fruttuosa la riunione che faremo, preghiamo tutti di lavorare con la seguente modalità: Tutti i gruppi delle parrocchie di S.Agnese e S.Andrea sono invitati a confrontarsi sulla seguente bozza di progetto educativo e a dare il proprio contributo nel corso dell incontro di venerdì 28 marzo

Dettagli

DON BOSCO I GIOVANI E IL LAVORO. nanni.unisal.it

DON BOSCO I GIOVANI E IL LAVORO. nanni.unisal.it DON BOSCO I GIOVANI E IL LAVORO nanni.unisal.it I giovani = sostanza della vita di don Bosco= =«da mihi animas» La relazione educativa = il modo di Bosco di vivere insieme con i Giovani don Bosco: UN idea

Dettagli

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo Intervista a Rosita Marchese, Rappresentante Legale dell asilo il Giardino di Madre Teresa di Palermo, un associazione di promozione sociale. L asilo offre una serie di servizi che rappresentano una risorsa

Dettagli

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010.

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. Introduzione E appena passato il tempo delle feste. Tradizionale è lo scambio di regali Quale il regalo

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO Premessa La Scuola Cattolica si differenzia da ogni altra scuola che si limita a formare l uomo, mentre essa si propone

Dettagli

SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI

SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI INTERVENTO ON.LE BOBBA On. Presidente Boldrini, signori Ministri e membri del Governo,

Dettagli

SCUOLA MARIA SS. DEL BUON CONSIGLIO Via delle Vigne Nuove, 104 ROMA ISTITUTO SUORE DEGLI ANGELI PROGETTO EDUCATIVO

SCUOLA MARIA SS. DEL BUON CONSIGLIO Via delle Vigne Nuove, 104 ROMA ISTITUTO SUORE DEGLI ANGELI PROGETTO EDUCATIVO SCUOLA MARIA SS. DEL BUON CONSIGLIO Via delle Vigne Nuove, 104 ROMA ISTITUTO SUORE DEGLI ANGELI PROGETTO EDUCATIVO Anno scolastico 2014-2015 1 PREMESSA La SCUOLA CATTOLICA svolge la sua missione educativa

Dettagli

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per Carissimi Giovani, ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per rivitalizzare la pastorale giovanile diocesana, confrontarvi su tali problemi, per scambiarci opinioni e suggerire rimedi,

Dettagli

VANGELO SECONDO GIOVANNI PROF. CARLO RUSCONI ANNO ACCADEMICO 2012-2013

VANGELO SECONDO GIOVANNI PROF. CARLO RUSCONI ANNO ACCADEMICO 2012-2013 VANGELO SECONDO GIOVANNI PROF. CARLO RUSCONI ANNO ACCADEMICO 2012-2013 1. VANGELO SECONDO GIOVANNI LEZIONE DEL 21-09-2012 ARGOMENTI: a. Introduzione al corso; i. Il Vangelo di Giovanni parla di che cos

Dettagli

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 PREMESSA L Insegnamento della Religione Cattolica (I.R.C.) fa sì che gli alunni

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Scoprire nell'ambiente i segni che richiamano ai cristiani e a tanti credenti la presenza di Dio Creatore e Padre Descrivere l'ambiente di vita di Gesù nei suoi aspetti

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA Istituti Comprensivi di Udine allegato al Piano dell Offerta Formativa CURRICOLO VERTICALE Redatto sulla base delle Nuove Indicazioni Nazionali 2012 e I.N. 2007, in sintonia con le Raccomandazioni del

Dettagli

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA MI FA#-7 Se sarete poveri nel cuore, beati voi: LA6 MI sarà vostro il Regno di Dio Padre. MI FA#-7 Se sarete voi che piangerete, beati voi, LA6 MI perché

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

1. Introduzione. 2. Gli obiettivi. 3. Il percorso 2015 16

1. Introduzione. 2. Gli obiettivi. 3. Il percorso 2015 16 1. Introduzione Il percorso genitori è il cammino che l AC diocesana ha preparato per valorizzare l esperienza associativa che i ragazzi vivono in ACR e per maggiormente condividere con le famiglie e la

Dettagli

progettiamoci Progetto Educativo Gruppo AGESCI Trento 4

progettiamoci Progetto Educativo Gruppo AGESCI Trento 4 progettiamoci Progetto Educativo Gruppo AGESCI Trento 4 Triennio 2009/2012 IL GRUPPO Trento 4 Il gruppo Tn4, nato nel 1947 nella parrocchia di Santa Maria, e lì cresciuto fino a che sono iniziati i lavori

Dettagli

...SULLA BUONA STRADA...

...SULLA BUONA STRADA... SCUOLA DELL INFANZIA SANT' EFISIO Via Vittorio Veneto, 28 Oristano PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA EDUCATIVO-DIDATTICHE DI RELIGIONE CATTOLICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA BAMBINI - 3-4-5 ANNI Numero sezioni:

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri.

1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri. 1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri. 1) Andare a visitare gli anziani all ospedale 2) Attività in gruppo: vengono proposte diverse immagini sull amore per discutere sui vari tipi di amore

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO. Ente Morale

PROGETTO EDUCATIVO. Ente Morale PROGETTO EDUCATIVO Scuola per l infanzia ASILO INFANTILE Suor Tarcisia PONCHIA Religiosa educatrice direttrice Presente nella scuola per 65 anni Scuola paritaria depubblicizzata Ente Morale con amministrazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO DEL PRETE DI CASSOLNOVO VIA TORNURA 1 27023 CASSOLNOVO (PAVIA) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 SCUOLA PRIMARIA DI CASSOLNOVO:Fossati, Gavazzi e

Dettagli

Una proposta di itinerario per... sposi in cammino

Una proposta di itinerario per... sposi in cammino Una proposta di itinerario per... sposi in cammino dedicato a tutti gli sposi che hanno il desiderio di interrogarsi sul significato del loro matrimonio Sposi in cammino FAMIGLIA SORGENTE DI COMUNIONE

Dettagli

PARROCCHIA DELLA B.V. DEL CARMINE UDINE AVVENTO 2015 ANIMAZIONE DELLE MESSE DA PARTE DEI BAMBINI DELLE ELEMENTARI

PARROCCHIA DELLA B.V. DEL CARMINE UDINE AVVENTO 2015 ANIMAZIONE DELLE MESSE DA PARTE DEI BAMBINI DELLE ELEMENTARI PARROCCHIA DELLA B.V. DEL CARMINE UDINE AVVENTO 2015 ANIMAZIONE DELLE MESSE DA PARTE DEI BAMBINI DELLE ELEMENTARI Quarta Domenica di Avvento 20 dicembre 2015 Accensione della Candela della Corona dell

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

Ciao, avevo bisogno di una mano per stare bene

Ciao, avevo bisogno di una mano per stare bene Cooperativa Sociale Mission. Promuovere e perseguire lo sviluppo d autonomie di persone con svantaggi psicofisici, favorendo l integrazione e la cultura dell accoglienza nella comunità locale, attraverso

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA ELABORATO DAI DOCENTI DELLA SCUOLA PRIMARIA DIREZIONE DIDATTICA 5 CIRCOLO anno scolastico 2012-2013 RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA TRAGUARDI DI COMPETENZA DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA

Dettagli

Giovanna Quadri ROCCONTI

Giovanna Quadri ROCCONTI Racconti Giovanna Quadri ROCCONTI Paura e coraggio. Queste donne con il loro coraggio, il loro amore, nella società e nel farsi prossimo, hanno vinto il male con il bene. La giustizia a trionfato. però

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi per lo sviluppo delle competenze L alunno riflette su Dio Creatore e Padre significato cristiano del Natale L alunno riflette sui dati fondamentali

Dettagli

Scuola Mater Gratiae. Anno Scolastico 2010/2011 EDUCAZIONE ALLA RELIGIOSITÀ

Scuola Mater Gratiae. Anno Scolastico 2010/2011 EDUCAZIONE ALLA RELIGIOSITÀ Scuola Mater Gratiae Anno Scolastico 2010/2011 EDUCAZIONE ALLA RELIGIOSITÀ ASCOLTIAMO INSIEME GESÙ MOTIVAZIONE Una delle priorità importanti nel nostro progetto educativo didattico della scuola dell infanzia

Dettagli

scuola dell infanzia di Vado

scuola dell infanzia di Vado ISTITUTO COMPRENSIVO DI VADO-MONZUNO (BO) scuola dell infanzia di Vado PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI IRC sezione (5 anni) anno scolastico 2014/2015 ins: Formicola Luigi UNITA DIDATTICA 1 Alla scoperta del

Dettagli

DELEGATE DIOCESANE USMI

DELEGATE DIOCESANE USMI DELEGATE DIOCESANE USMI 24-25 GENNAIO 2015 Lo Statuto USMI definisce con la parola animatrice l identità, la fisionomia e il cuore del compito della delegata diocesana. Così recita: la delegata diocesana

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE SAN PIETRO PROGRAMMAZIONE IRC SCUOLA PRIMARIA ***********

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE SAN PIETRO PROGRAMMAZIONE IRC SCUOLA PRIMARIA *********** ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE SAN PIETRO PROGRAMMAZIONE IRC SCUOLA PRIMARIA *********** Classe Prima 1. Dio creatore e Padre di tutti gli uomini. 2. Gesù di Nazareth, l Emmanuele, Dio con noi. 3. La Chiesa,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ ANNO SCOLASTICO 2015/2016 www.ic2sassuolonord.gov.it CURRICOLO IRC 6 11 anni Diocesi di Reggio Emilia

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

Programmazione di religione cattolica

Programmazione di religione cattolica Programmazione di religione cattolica Istituto Comprensivo P. Gobetti Trezzano sul Naviglio Anno Scolastico 2012/2013 INSEGNANTE: Franca M. CAIATI Obiettivi specifici di Apprendimento Questi obiettivi

Dettagli

Maurizio Albanese DONARE È AMARE!

Maurizio Albanese DONARE È AMARE! Donare è amare! Maurizio Albanese DONARE È AMARE! raccolta di poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Maurizio Albanese Tutti i diritti riservati Ai miei genitori Santo e Maria L associazione Angeli

Dettagli

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani 8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani Introduzione: Oggi, nella festa di Santa Giuseppina Bakhita, ci uniamo in solidarietà con tutte

Dettagli

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame Cos è una Equipe Notre-Dame 1 - Un progetto Vieni e seguimi : questa chiamata, Cristo la rivolge a ciascuno di noi, a ciascuna

Dettagli

VIVERE IL LUTTO SIGNIFICA AMARE

VIVERE IL LUTTO SIGNIFICA AMARE Anselm Grün VIVERE IL LUTTO SIGNIFICA AMARE Vivere le nostre relazioni al di là della morte Queriniana Introduzione Nel nostro convento tengo regolarmente dei corsi per persone in lutto, in particolare

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO L alunno riflette su Dio Padre e si confronta con l esperienza religiosa. Cogliere nel proprio nome un mondo di potenzialità, dono di Dio Padre. Prendere coscienza

Dettagli

1) La VITA dell UOMO come DONO di DIO (8 incontri)

1) La VITA dell UOMO come DONO di DIO (8 incontri) Linee programmatiche per un anno di cammino per Adolescenti PRIMO ANNO TEMA DI FONDO: Il Senso della VITA, qualsiasi essa sia La riflessione su questo tema si sviluppa in quattro tappe per un totale di

Dettagli

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 CURRICOLO DI BASE PER IL PRIMO BIENNIO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE ABILITA Scoprire che gli altri sono importanti per la vita. Saper

Dettagli

CAMMINI di PROSSIMITA. Uno sguardo all esperienza delle Caritas Parrocchiali di Bologna

CAMMINI di PROSSIMITA. Uno sguardo all esperienza delle Caritas Parrocchiali di Bologna CAMMINI di PROSSIMITA Uno sguardo all esperienza delle Caritas Parrocchiali di Bologna Le motivazioni «Sapete ciò che vi ho fatto?» Gv 13, 12 Radici profonde Il servizio alla carità è intrinsecamente legato

Dettagli

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio Celebrare un anniversario non significa rievocare un avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento di grazie una realtà presente che ha

Dettagli

Amicizia, amore, sesso: parliamone adesso.

Amicizia, amore, sesso: parliamone adesso. Anna Contardi Ass.Italiana Persone Down www.aipd.it Amicizia, amore, sesso: parliamone adesso. Esperienze di educazione sessuale per adolescenti con disabilità intellettiva Premessa Esisteun diritto alla

Dettagli

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada Che cos è la Lectio divina La Lectio Divina è l esercizio ordinato dell ascolto personale della Parola. ESERCIZIO: è qualcosa di attivo e, per questo, è importante.

Dettagli

Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio

Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio L incontro con padre Fabrizio è stato molto importante per capire che noi siamo fortunatissimi rispetto a tante altre persone e l anno prossimo

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

L introduzione è forse l unica parte seria di questa pubblicazione,

L introduzione è forse l unica parte seria di questa pubblicazione, INTRODUZIONE L introduzione è forse l unica parte seria di questa pubblicazione, ma quello che segue, che si spera sia anche divertente, dovrebbe essere anche più istruttivo. Però un paio di cose serie

Dettagli

GESU, IL NOSTRO GRANDE AMICO

GESU, IL NOSTRO GRANDE AMICO GESU, IL NOSTRO GRANDE AMICO I.O. A. MUSCO SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 INS. PECI MARIA GIUSEPPA PREMESSA L insegnamento della Religione Cattolica

Dettagli

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29 Sono qui da 15 giorni e ho già avuto il primo grosso scombussolamento emotivo: un ondata di dubbi, paure, rabbia, senso di inadeguatezza, solitudine e chi più ne ha, più ne metta. Il tutto stimolato da

Dettagli

ASCENSIONE DEL SIGNORE LECTIO DIVINA PER LA VII DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) «Io sono con voi» Mt 28,16-20. Di Emio Cinardo

ASCENSIONE DEL SIGNORE LECTIO DIVINA PER LA VII DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) «Io sono con voi» Mt 28,16-20. Di Emio Cinardo ASCENSIONE DEL SIGNORE LECTIO DIVINA PER LA VII DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) Di Emio Cinardo «Io sono con voi» Mt 28,16-20 Lettura del testo Dal Vangelo secondo Matteo (28,16-20) In quel tempo, gli undici

Dettagli

Convegno GIOVANI E LAVORO Roma 13-15 ottobre 2008

Convegno GIOVANI E LAVORO Roma 13-15 ottobre 2008 Convegno GIOVANI E LAVORO Roma 13-15 ottobre 2008 L Ufficio Nazionale per i Problemi Sociali e il Lavoro in collaborazione con il Servizio Nazionale di Pastorale Giovanile e l Ufficio Nazionale per l Educazione,

Dettagli

CONVEGNO NAZIONALE. Palermo, 16-18 gennaio 2005

CONVEGNO NAZIONALE. Palermo, 16-18 gennaio 2005 CONVEGNO NAZIONALE SCUOLA E VOLONTARIATO Palermo, 16-18 gennaio 2005 "Non so quale sarà il vostro destino, ma una cosa la so: gli unici tra voi che saranno felici davvero saranno coloro che avranno cercato

Dettagli

I SIGNIFICATI DEL TERMINE CHIESA.

I SIGNIFICATI DEL TERMINE CHIESA. LA NASCITA DELLA CHIESA (pagine 170-177) QUALI SONO LE FONTI PER RICOSTRUIRE LA STORIA DELLA CHIESA? I Vangeli, gli Atti degli Apostoli le Lettere del NT. (in particolare quelle scritte da S. Paolo) gli

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

IO, CITTADINO DEL MONDO

IO, CITTADINO DEL MONDO Scuola dell Infanzia S.Giuseppe via Emaldi13, Lugo (RA) IO, CITTADINO DEL MONDO VIAGGIARE E UN AVVENTURA FANTASTICA A.S. 2013 / 2014 INTRODUZIONE Quest anno si parte per un viaggio di gruppo tra le culture

Dettagli

Parrocchia del Crocifisso. In cerca d autore. Incontro con i genitori per presentare le attività 2012/13

Parrocchia del Crocifisso. In cerca d autore. Incontro con i genitori per presentare le attività 2012/13 Parrocchia del Crocifisso In cerca d autore Incontro con i genitori per presentare le attività 2012/13 Dal vangelo di Luca [Cap. 9 ver. 10-17] Nel nome del Padre Al loro ritorno, gli apostoli raccontarono

Dettagli

Grido di Vittoria.it

Grido di Vittoria.it COME ENTRARE A FAR PARTE DELLA FAMIGLIA DI DIO La famiglia di Dio del Pastore Mario Basile Il mio intento è quello di spiegare in parole semplici cosa dice la Bibbia sull argomento, la stessa Bibbia che

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 Natura e finalità RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 L insegnamento della religione cattolica si inserisce nel quadro delle finalità della scuola e contribuisce alla

Dettagli

Scopri il piano di Dio: Pace e vita

Scopri il piano di Dio: Pace e vita Scopri il piano di : Pace e vita E intenzione di avere per noi una vita felice qui e adesso. Perché la maggior parte delle persone non conosce questa vita vera? ama la gente e ama te! Vuole che tu sperimenti

Dettagli