Politecnico di Milano. I Scuola di Architettura - Milano. Corso di studio in Architettura. Direzioni incidenti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Politecnico di Milano. I Scuola di Architettura - Milano. Corso di studio in Architettura. Direzioni incidenti"

Transcript

1 Politecnico di Milano I Scuola di Architettura - Milano Corso di studio in Architettura Direzioni incidenti Trasformazione dell area del mercato coperto di Plaza de la Cebada a Madrid in un centro civico organizzato intorno a un sistema di paesaggi interni. Tesi di laurea magistrale di Federico Cabrini - matricola Relatrice: prof.ssa Antonella Contin Anno accademico 2013/2014 1

2 2

3 Indice della relazione Capitolo 1 - Descrizione dell area p Inquadramento generale della piazza p La struttura del mercato p Il progetto del 2007 p. 13 Capitolo 2 - Linee guida d intervento p Definizione dell intervento p Concetti base p Edifici senza facciata p Completamento / Ricostruzione critica p Piani orizzontali sospesi p Sovrapposizione di griglie p Elemento unificante p Dissoluzione della forma / Distruzione dell oggetto p Quarta dimensione del progetto p. 36 Capitolo 3 - Descrizione del progetto p Svuotamento / Riempimento p Aperto / Chiuso p Spazi spezzati p = 5 p Morfologia e funzioni p Aspetti strutturali p Usi non progettati p. 43 Bibliografia p. 44 Ringraziamenti p. 55 3

4 Indice delle figure 1. Mappa storica della piazza p I principali elementi urbani p Scorcio tipico del quartiere p Pianta del mercato ottocentesco p Vista del mercato ottocentesco p Pianta del mercato moderno p Vista del mercato moderno p Rendering del progetto a volo d uccello p Rendering del progetto a livello stradale p Aerofoto dell area p Le vele come richiamo pubblicitario p Vista delle vele con panorama sui tetti della città p Le pareti esterne del mercato p Confronto pieno/vuoto fra la Galleria degli Uffizi e l Unité d Habitation p O.M. Ungers, progetto per Schloßplatz a Berlino p Esempio di piazza nordeuropea, secondo Camillo Sitte p G.B. Nolli, pianta di Roma, XVIII secolo p Confronto fra la pianta di Parma e quella di Saint-Dié p Grande Moschea di Cordova, l esterno p Grande Moschea di Cordova, l interno p Basilica di Santa Sofia a Istanbul, l esterno p Basilica di Santa Sofia a Istanbul, l interno p Sala Nervi a Roma, l esterno p Sala Nervi a Roma, l interno p Stazione di Saragozza-Delicias, l esterno p Stazione di Saragozza-Delicias, l interno p Mercado de la Cebada, l esterno p Mercado de la Cebada, l interno p Le Corbusier, Plan Voisin per Parigi p Mies van der Rohe, Seagram Building a New York p Duck, riportato in Venturi, Learning from Las Vegas p Hans Stimmann, piano urbanistico per il centro di Berlino p Le Corbusier, Scheletro in cemento armato p Giuseppe Samonà, Progetto per Montecitorio p Giuseppe Terragni, Progetto per il quartiere Cortesella a Como p Peter Eisenman, Wexner Center a Columbus p Giuseppe Terragni, Casa Lavezzari a Milano p Giuseppe Terragni, Casa Rustici a Milano p Peter Eisenman, Isolato al Checkpoint Charlie a Berlino p Le Corbusier, Parlamento di Chandigarh p. 30 4

5 41. Louis Kahn, Progetto per Filadelfia p Le Corbusier, Villa Savoye a Poissy p Kallmann, McKinnell, Knowles, Municipio di Boston p La pianta a scacchiera di Manhattan p Il piano di Hausmann per Parigi p Bernini, il colonnato in piazza San Pietro a Roma p Luigi Moretti, Palazzina San Maurizio a Roma p Le Corbusier, Progetto per il nuovo ospedale di Venezia p Sven Markelius, Piano per il centro di Stoccolma p Gabetti e Isola, Unità d abitazione Olivetti a Ivrea p Renzo Piano, Centro Paul Klee a Berna p La Strip di Las Vegas p Frank Lloyd Wright, Museo Guggenheim a New York p Le Corbusier, Promenade architectural e p Griglia di Calle de Toledo p Griglia di Calle de la Ruda p Griglia di Calle Humilladero p Griglia di Calle de la Cebada p Schema della sezione longitudinale p. 41 5

6 Indice delle tavole 1. Sistemi di griglie 2. Struttura 3. Pianta al livello 0 4. Pianta al livello Pianta al livello Pianta al livello coperture 7. Sezioni 8. Vista assonometrica da ovest 9. Vista assonometrica da sud 6

7 Abstract La tesi tratta del progetto di trasformazione dell area di Plaza de la Cebada nel centro storico di Madrid, attualmente occupata in gran parte da un mercato coperto in stato di semi-abbandono. In seguito all annullamento del progetto municipale di costruzione di un polo commerciale di lusso, l area si trova oggi in attesa di una nuova destinazione, con il rischio di trasformarsi sempre più in un luogo degradato. La tesi propone la costruzione di un complesso edilizio integrato con la struttura del mercato esistente, che per la sua forma particolare, con sei volte a vela, rappresenta un luogo riconoscibile e memorizzabile per quell area del centro. 7

8 Testo Capitolo 1 Descrizione dell area 1.1 Inquadramento generale della piazza L area oggetto dell intervento si situa nel pieno centro storico della città di Madrid, a meno di un chilometro a sud della plaza Mayor. Attualmente vi è una costruzione a pianta rettangolare, edificata nel centro di uno slargo detto Plaza de la Cebada, risultante dalle vicende storiche che lasciarono inedificato questo spazio, che tuttavia non si configurò mai come una vera piazza urbana. L origine di questo spazio risale a molti secoli or sono, quando iniziò ad essere utilizzato come zona di mercato, a ridosso dell area più interna della città (fig. 1). Da allora l utilizzo si è mantenuto, pur con l espansione urbana e grazie alla costruzione di diverse strutture, come il mercato in ferro eretto alla fine dell ottocento, e l attuale mercato a cupole risalente al Figura 1- Mappa storica della piazza Da ciò deriva che l area è sempre stata dedicata al commercio e all incontro delle persone, ma secondo dinamiche del tutto diverse da quelle delle piazze rappresentative, come la vicina plaza Mayor. Anche la stessa morfologia della piazza risulta poco equilibrata, sia a causa della forma irregolare ( a farfalla ), sia per l aspetto dimesso delle costruzioni che la fronteggiano. Oltre a ciò, il carattere della zona è da sempre popolare, e anche nella struttura del centro di Madrid la zona è meno ambita rispetto alla 8

9 parte nord, più ricca e frequentata. Le attività commerciali che vi si svolgono sono povere e in declino, e nonostante la posizione centrale manca un passaggio frequente di persone esterne all area. La forma irregolare della piazza deriva dalla presenza, nei tempi antichi, della prima cerchia di mura urbane, con la conseguente formazione di spazi di mercato esterni alle porte, come la puerta de los Moros presente nelle vicinanze. Planimetricamente la piazza ha una larghezza media di 170 metri, e una profondità di circa 80 metri, per un area complessiva di circa un ettaro e mezzo. La piazza è lambita da due assi di una certa importanza: l asse nord-sud (calle de Toledo) è una strada radiale che congiunge la plaza Mayor con i quartieri meridionali, ed è percorsa in sotterraneo dalla metropolitana, con la fermata La Latina in prossimità della piazza stessa; da questo asse ha origine una strada trasversale, detta Carrera de San Francisco, che conduce come asse prospettico alla basilica di San Francisco el Grande, posta a circa un chilometro e caratterizzata da una grande cupola che si configura come landmark urbano (fig. 2). Figura 2 - I principali elementi urbani 9

10 La piazza è contornata da edifici di origine medievale, con la tipica forma allungata dei lotti, di altezza compresa fra i quattro e i sei piani, con facciate più volte rifatte, ma senza mai giungere ad un elevato valore architettonico. L aspetto attuale delle costruzioni risale probabilmente alla fine ottocento, senza elementi architettonici di grande valore. Una parziale eccezione è costituita dagli edifici lungo la calle de Toledo, che a causa della relativa importanza dell asse presentano in alcuni casi un aspetto più elaborato, con qualche elemento liberty e altezze più pronunciate. Ai piani terreni si aprono solitamente attività commerciali, per lo più di alimentari o di commercio di scarso valore (fig. 3). Figura 3 - Scorcio tipico del quartiere 1.2 La struttura del mercato Dopo secoli di utilizzo dell area come mercato a cielo aperto, alla fine dell ottocento l amministrazione cittadina ritenne, per questioni di decoro urbano, di erigere una struttura permanente per ospitare le attività di mercato, così da non disturbare la vita urbana e il traffico crescente. Analogamente ad altre città, si costruì un edificio a struttura in ferro, con le pareti laterali in vetro, secondo lo stile liberty tipico dell epoca (fig. 4 e 5). 10

11 Figura 4 - Pianta del mercato ottocentesco Figura 5 - Vista del mercato ottocentesco Dopo alcuni decenni di utilizzo, il degrado del materiale, di manutenzione costosa, suggerì di sostituire il mercato con un nuovo edificio a struttura di cemento armato, costituita da pilastri che sostengono sei volte a vela, disposte su due file, e muri esterni di riempimento in mattoni a vista. Il nuovo edificio, costruito dal 1959 al 1962, risultò avere una lunghezza di 90 metri e una larghezza di 60 metri, mentre le volte sono di 25 x 20 metri. L altezza dell edificio è di circa 10 metri all imposta delle volte, e di 17 metri alla sommità (fig. 6 e 7). 11

12 Figura 6 - Pianta del mercato moderno Figura 7 - Vista del mercato moderno Dopo pochi anni, a fianco del mercato, sul lato est, venne costruita una piscina coperta con attrezzature sportive, che costituì un elemento di richiamo per l intero quartiere. Il carattere della zona rimase tuttavia molto popolare, con episodi di degrado e piccola criminalità. Per risolvere il problema del carico-scarico delle merci, che fino ad allora si effettuava sulle strade pubbliche, con problemi di decoro e di intralcio al traffico, negli anni novanta si costruì un piano interrato, accessibile mediante due rampe. Ciò ebbe tuttavia uno svantaggio, ovvero la separazione del mercato dai lati ovest e sud, dai quali fu impedito l accesso pedonale. 12

13 1.3 Il progetto del 2007 Nel 2007 l amministrazione cittadina di Madrid varò un progetto di rinnovamento urbano dell intero quartiere, prevedendo l abbattimento del mercato e della piscina coperta, e al loro posto la costruzione di uno shopping-mall di lusso, contenente negozi di moda, un centro fitness, studi professionali e spazi ricettivi di qualità. Nelle intenzioni dell amministrazione, ciò avrebbe innescato meccanismi di valorizzazione urbana, rendendo l area appetibile per gli investitori, anche grazie alla vicinanza alle aree più pregiate del centro (fig. 8 e 9). Figura 8 - Rendering del progetto a volo d'uccello Figura 9 - Rendering del progetto al livello stradale 13

14 Il progetto fu contestato da varie associazioni di quartiere, che denunciarono i rischi di gentrificazione della zona, analogamente a quanto avvenuto in occasione di altri interventi, e lamentarono la scomparsa di spazi pubblici molto utilizzati (anche se degradati) e la loro sostituzione con attività private accessibili solo con costi elevati. L amministrazione proseguì tuttavia nei suoi intenti, che vennerò però interrotti dall improvvisa crisi economica, che comportò fra le altre cose il blocco di quasi ogni attività edilizia. Nel frattempo però la piscina era già stata abbattuta, lasciando nel degrado l area su cui sorgeva, e molte delle attività ospitate nel mercato coperto si erano trasferite altrove. Ne risultò una situazione incresciosa, in cui non era possibile portare a termine i progetti ambiziosi di alcuni anni prima, né ripristinare tutto come in precedenza. Si decise quindi di indire un concorso di idee, a cui non ha ancora fatto seguito una decisione definitiva. 14

15 Capitolo 2 Linee guida d intervento 2.1 Definizione dell intervento Il primo problema che si presenta è la definizione dello spazio nel suo carattere: si tratta di uno spazio vuoto da riempire? oppure di una piazza da ridefinire? oppure ancora di un organismo edilizio complesso da far nascere? La risposta a queste domande non è univoca, e costituisce una scelta progettuale fondamentale, che ha la precedenza su ogni altra considerazione. La traduzione pratica di queste domande si concretizza da subito nella scelta di cosa fare dell esistente struttura del mercato, tuttora in buono stato di conservazione anche se funzionalmente in semi-abbandono. Una possibile linea d intervento potrebbe prevedere la rimozione totale del mercato e la sua sostituzione con una nuova struttura, così da superare l attuale rapporto critico fra il mercato e l intorno. Tuttavia si è ritenuto che le vele costituiscano un elemento architettonico qualificante, più che di disturbo, perché nonostante la loro qualità architettonica non eccelsa, si tratta comunque di elementi facilmente memorizzabili per gli abitanti e per i fruitori occasionali (fig. 10, 11 e 12). Oltre a ciò, anche dopo l eventuale rimozione del mercato, lo spazio risultante non riuscirebbe a configurarsi come vera piazza, a causa della forma estremamente irregolare e della bassa qualità dell edilizia circostante. Figura 10 - Aerofoto dell'area 15

16 Figura 11 - Le vele come richiamo pubblicitario Figura 12 - Vista delle vele con panorama sui tetti della città Resta comunque un problema rilevante nel rapporto del mercato esistente con lo spazio intorno: infatti l attuale struttura parallelepipeda è calata casualmente nello spazio, e crea diverse aree di risulta, di forma irregolare e di utilizzo incerto; inoltre le facciate sono alti muri di mattoni, estremamente pesanti e scuri, che danno un effetto di soffocamento a strade già di per sé strette e poco luminose (fig. 13). 16

17 Figura 13 - Le pareti esterne del mercato Si è ritenuto pertanto di conservare la struttura delle vele, con i pilastri che le sostengono, integrandola in un nuovo complesso edilizio costituito di una successione di piani orizzontali, che possa rapportarsi in modo diverso con l intorno, qualificandolo con la sua stessa presenza. Il concetto di piazza che qui si ricerca non è quello dello spazio classico, uniformemente disegnato come nel caso della plaza Mayor, ma dello stesso spazio configurato in negativo, dove è il pieno (che contiene un altro vuoto) che con la sua presenza disegna, caratterizza e orienta lo spazio esterno (fig ). Figura 14 - Confronto vuoto/pieno fra la Galleria degli Uffizi e l'unité d'habitation 17

18 Figura 15 - O.M. Ungers, progetto per Schloßplatz a Berlino, 1994 Figura 16 - Esempio di piazza nordeuropea, secondo Camillo Sitte Figura 4 - G. B. Nolli, pianta di Roma, XVIII secolo 18

19 Figura 18 - Confronto fra la pianta di Parma e quella di Saint-Dié 19

20 2.2 Concetti base Edifici senza facciata Edifici la cui funzione si svolge principalmente all interno, senza particolari necessità di auto-rappresentazione, o in cui la necessità di autorappresentazione interna sopravanza quella esterna, possono fare a meno delle facciate, e dell immagine esterna complessiva, perché questa viene sostituita dall immagine interna (fig ). Figura 19 - Grande Moschea di Cordova, l'esterno Figura 20 - Grande Moschea di Cordova, l'interno 20

21 Figura 21- Basilica di Santa Sofia a Istanbul, l'esterno Figura 22 - Basilica di Santa Sofia a Istanbul, l'interno 21

22 Figura 23 - Sala Nervi a Roma, l'esterno Figura 24 - Sala Nervi a Roma, l'interno 22

23 Figura 25 - Stazione di Saragozza-Delicias, l'esterno Figura 26 - Stazione di Saragozza-Delicias, l'interno 23

24 Figura 27 - Mercado de La Cebada, esterno Figura 28 - Mercado de la Cebada, l'interno Completamento / Ricostruzione critica L ambientamento degli edifici del Movimento Moderno all interno di un tessuto storico e uniforme si presenta spesso problematico e poco equilibrato. Gli edifici moderni pretendono un unicità e una monumentalità di oggetto singolo e concluso, che non si accordano con la composizione complessiva e auto-rappresentante tipica dell edilizia storica. 24

25 La monumentalità funziona solo nel caso di edifici che hanno una funzione particolare e un carattere emergente; in caso contrario si ottiene un effetto di squilibrio (fig ). Figura 29 - Le Corbusier, plan Voisin per Parigi Figura 30 - Mies van der Rohe, Seagram Building a New York 25

26 Figura 31 - "Duck", riportato in Venturi, Learning from Las Vegas Al contrario, cercare di ridurre un edificio emergente al classico tessuto urbano banale e ordinario lo svilisce e ne nasconde l importanza. Va anche considerata la necessità di un salto di scala, che consenta la trasformazione del tessuto storico, in modo da creare delle relazioni con l intero corpo della metropoli (fig. 32). Figura 32 - Hans Stimmann, piano urbanistico per il centro di Berlino Pertanto è opportuno mediare in modo conveniente fra questi due poli opposti, cioè considerare la funzione emergente e a grande scala dell edificio, facendo sì che eventuali attriti con il tessuto intorno creino effetti di monumentalità e non di estraneità. 26

27 Piani orizzontali sospesi Gli edifici che evidenziano la dimensione orizzontale attraverso la ripetizione di piani orizzontali sospesi consentono di mantenere una possibilità più ricca di percorsi al piano stradale, e consentono di differenziare gli schemi funzionali a seconda del piano e delle esigenze. Questa fu un innovazione fondamentale del Movimento Moderno, tanto da essere inserita da Le Corbusier nei suoi cinque punti della nuova architettura, con il nome di plan libre. Secondo questa concezione, la riduzione della struttura portante a una trama di pilastri avrebbe consentito di progettare ogni piano in maniera indipendente, senza più la necessità di far corrispondere le piante ai diversi livelli (fig ). Figura 33 - Le Corbusier, Scheletro in cemento armato Figura 34 - Giuseppe Samonà, Progetto per Montecitorio 27

28 Figura 35 - Giuseppe Terragni, progetto di risanamento del quartiere Cortesella a Como Sovrapposizione di griglie Progettare seguendo due o più diversi sistemi di orientamento (griglie) dà al progetto una ricchezza che supera quella della semplice somma dei sistemi utilizzati. Un esempio rilevante di questo processo progettuale sono le prime opere di Peter Eisenman, disegnate a partire dalla sovrapposizione di diversi sistemi di griglie, fra loro incrociate (fig. 36). Un processo simile fu proprio anche di alcuni esponenti del Razionalismo, fra cui Giuseppe Terragni, in cui la somma e la composizione di elementi semplici, appartenenti a sistemi distinti, crea una ricchezza che diviene punto di forza del progetto (fig ). 28

29 Figura 36 - Peter Eisenman, Wexner Center a Columbus Figura 37- Giuseppe Terragni, Casa Lavezzari a Milano Figura 38 - Giuseppe Terragni, Casa Rustici a Milano 29

30 Nel caso del mio progetto, la presenza delle griglie come prolungamento degli orientamenti esistenti stabilisce un rapporto con la città storica; la sovrapposizione di griglie diversamente orientate crea spazi diversificati e irregolari, alcuni angusti e di dimensioni ristrette, e altri più ampi. Al contrario una struttura univoca e regolare disegnerebbe solo spazi uniformi. Queste differenze di spazi, attraverso differenze di luce creano una struttura funzionale esplicita: distinguono fra usi pubblici e usi privati; fra spazi serventi e spazi serviti; fra luoghi di rappresentazione e luoghi riservati. Si riportano di seguito alcuni esempi di architetture celebri che riprendono questo concetto (fig ). Figura 39 - Peter Eisenman, Isolato al Checkpoint Charlie a Berlino Figura 40 - Le Corbusier, Parlamento di Chandigarh 30

31 Figura 41 - Louis Kahn, Progetto per Filadelfia Elemento unificante Un tema importante della storia dell architettura è quello di mascherare le differenze e le contraddizioni, unificandole attraverso un elemento ordinatore. Vi possono essere facciate uniformi che nascondono usi diversi; vi possono essere sistemi che visti in pianta appaiono uniformi ma in alzato non lo sono; vi possono essere sistemi complessi sottoposti a uno schema funzionale o visuale uniforme. Questo modo di procedere non sopprime la complessità, ma la inserisce per quanto possibile in un sistema ordinato, anche a posteriori. Figura 42 - Le Corbusier, Villa Savoye a Poissy 31

32 Figura 43 - Kallmann, McKinnell, Knowles, Municipio di Boston Figura 44 - La pianta a scacchiera di Manhattan Figura 45 - Il piano di Hausmann per Parigi 32

33 Figura 46 - Bernini, Colonnato in piazza San Pietro a Roma Nel caso della Cebada questa funzione viene assunta dalle vele, ma secondo una scansione temporale opposta a quella più consueta: non aggiungo un elemento ordinatore a una struttura caotica esistente, ma mantengo un oggetto uniforme esistente, e gli affido la funzione di elemento ordinatore per una struttura complessa (e in un certo senso caotica) che vado ad aggiungere ad esso. Dissoluzione della forma distruzione dell oggetto Il Movimento Moderno ha teorizzato e concretizzato l idea dell edificio come oggetto singolo, concluso in sé stesso e in definitiva senza rapporti con gli edifici circostanti, con i quali la relazione è mediata dallo spazio verde. Questa concezione teorica, applicata nella pratica si è dimostrata molto meno pura di quanto doveva essere nelle intenzioni dei teorici. L inserimento degli edifici del Moderno con una forma conclusa negli spazi irregolari della città storica non ha fatto altro che spostare l irregolarità negli spazi di risulta, a cui è difficile assegnare un uso convincente. A partire dal secondo dopoguerra, alcuni architetti hanno tentato di superare queste prescrizioni, cercando di applicare alla definizione della forma dei criteri che derivassero dalla situazione preesistente. Uno di questi tentativi 33

34 consisteva nella progressiva dissoluzione dell edificio con forma unitaria, a favore di soluzioni più articolate (fig. 47). Un importante esempio fra i primi è il progetto per l ospedale di Venezia di Le Corbusier, in cui l architetto svizzero concepisce un organismo complesso, che da un lato si spegne nella città storica, dall altro risulta quasi invisibile rinunciando a porsi come landmark, dall altro ancora suggerisce un estendibilità teoricamente infinita (fig. 48). Gli sviluppi più recenti, a partire dal piano di Markelius per la city di Stoccolma, si rivolgono ad un uso del suolo e dei dislivelli come assunto principale del progetto; i dislivelli naturali diventano così parte della costruzione, costituendo ora il pavimento interno, ora il tetto dell edificio. Alcuni progetti si spingono a nascondere l intero volume nel terreno (fig ). Figura 47 - Luigi Moretti, Palazzina San Maurizio a Roma Figura 48 - Le Corbusier, progetto per il nuovo ospedale di Venezia 34

35 Figura 49 - Sven Markelius, Piano per il centro di Stoccolma Figura 50 - Gabetti e Isola, Unità d'abitazione Olivetti a Ivrea Figura 51 - Renzo Piano, Centro Paul Klee a Berna 35

36 Quarta dimensione del progetto, ovvero il tempo del movimento La modernità ha introdotto prepotentemente nella nostra vita il concetto di movimento. Soprattutto dall introduzione dell automobile, siamo venuti a conoscenza di un modo molto diverso di percepire gli spazi, per i quali alle tre dimensioni classiche se n è aggiunta una quarta, quella del tempo. Non si tratta di un elemento del tutto nuovo (basti pensare alle strade dei pellegrini, verso Santiago o verso Roma), ma è indubbio che questa concezione si sia enormemente diffusa nell ultimo secolo. La quarta dimensione ha prodotto degli oggetti architettonici progettati espressamente per essere percepiti in movimento: l architettura pubblicitaria delle autostrade, la Strip di Las Vegas, le parkways americane, sono spazi che risulterebbero stranianti, se per assurdo venissero percorsi a piedi, come il centro di una città medievale (fig. 52). La dimensione del movimento tuttavia non si limita all uso automobilistico: per esempio il Museo Guggenheim progettato da Frank Lloyd Wright, visto in tre dimensioni ha una forma rotonda a spirale; ma considerando la quarta dimensione, appare come un percorso lineare e rettilineo (fig. 53). La fruizione mobile degli spazi è stata teorizzata da Le Corbusier con il suo concetto di promenade architecturale, ovvero nello studio di un percorso interno intorno al quale sono disposti spazi e funzioni (fig. 54). Figura 52 - La Strip di Las Vegas 36

37 Figura 53 - Frank Lloyd Wright, Museo Guggenheim a New York Figura 54 - Le Corbusier, Promenade architecturale 37

38 Capitolo 3 Descrizione del progetto 3.1 Svuotamento / Riempimento Per rimediare alla sostanziale estraneità dell edificio odierno rispetto al quartiere circostante, si è ritenuto opportuno di trasformare l attuale rapporto fra pieni e vuoti nel suo opposto. L edificio che ospita il mercato viene svuotato dalle sue funzioni, e le sue pareti esterne, così come le strutture interne, vengono completamente demolite, lasciando in piedi solo la struttura portante, ridotta a puro scheletro. L edificio pertanto non esiste più come tale, e viene trasformato in una piazza coperta, mantenendo però la struttura delle vele, simbolo e memoria del quartiere. Parallelamente, gli spazi vuoti di risulta interclusi fra il vecchio mercato e il quartiere circostante vengono occupati da una serie di strutture, che disegnano ambienti interni destinati alla circolazione o alla sosta pedonale, e spazi chiusi adibiti ad uso commerciale o sociale. Si realizza così una sostituzione del pieno al vuoto, e del vuoto al pieno, secondo una logica di svuotamento / riempimento. 3.2 Aperto / Chiuso Il significato che si intende dare all intervento, costituito da aspetti di curiosità e interesse, suggerisce di trattare questi obiettivi in modo architettonico, introducendo elementi inattesi che creino carattere ed evitino la monotonia. Per far ciò, si è pensato di invertire il rapporto fra spazio aperto e spazio chiuso, rendendolo opposto a quello che ci si potrebbe attendere dalla semplice funzione degli spazi: la piazza interna, dal carattere aperto, è chiusa superiormente dalle vele del vecchio mercato; i passaggi interni della nuova costruzione, pur avendo la funzione di corridoi distributivi, sono aperti superiormente e vengono illuminati dalla luce naturale. 38

39 3.3 Spazi spezzati La definizione interna degli spazi è stata studiata pensando a disegnare una successione continua e fluida di paesaggi interni sempre diversi; per raggiungere questo obiettivo si è agito sulla pianta e sugli alzati. In pianta, si è tentato di eliminare le visioni assiali e simmetriche, nelle quali l occhio tende verso l obiettivo finale, trascurando ciò che è posto sui lati; il disegno dei percorsi avviene secondo assi continuamente spezzati, dove l occhio intuisce la presenza di direttrici lineari principali, ma è continuamente fermato da ostacoli e sporgenze, che segnalano la presenza di spazi e passaggi laterali. Questo disegno così vario tende anche a inibire un uso frettoloso degli spazi, a vantaggio di un esperienza più attenta. Il sistema di linee spezzate su cui si basa l intero progetto deriva dalla sovrapposizione di quattro griglie ricavate dalla lettura del luogo, orientate secondo la Calle de Toledo, la Calle de la Ruda, la Calle Humilladero e la Calle de la Cebada. Quest ultima corrisponde all orientamento del mercato esistente (e pertanto delle vele conservate) e ha funzione di raccordo fra le altre tre e di memoria della preesistenza (fig ). Figura 55 - Griglia di Calle de Toledo 39

40 Figura 56 - Griglia di Calle de la Ruda Figura 57 - Griglia di Calle Humilladero Figura 58 - Griglia di Calle de la Cebada 40

41 In alzato, si sono previsti sistemi di percorsi differenziati a seconda del piano, creando un gran numero di visuali di carattere diverso. Si è considerato il rapporto del complesso edilizio con l intorno e le aree di risulta attualmente esistenti, evitando di costruire masse troppo abbondanti in vicinanza delle abitazioni per non togliere la luce, e contemporaneamente però riempire gli spazi di risulta. I nuovi volumi raggiungono un altezza di poco inferiore a quella della struttura del vecchio mercato, che in tal modo sembra nascere da un suolo tormentato e in movimento (fig. 59). Figura 59 - Schema della sezione longitudinale = 5 Il progetto ufficiale risultato dal concorso del 2007 è perfetto e concluso, ma forse meno interessante di quanto è possibile fare in quel luogo. Nel mio progetto, ho preferito un approccio diverso, tentando di giungere a una soluzione più complessa e contradditoria, ritenendola più ricca e interessante. In molti punti, il progetto presenta elementi di ambiguità: sono strade interne o corridoi? È una piazza, oppure un patio, oppure un foyer? Quali sono gli spazi aperti e quali quelli chiusi? Le cupole sono parte del progetto, oppure il progetto corre sotto le cupole, assunte come preesistenza? Eccetera. L orientamento degli spazi deriva dalla sovrapposizione e interazione di diverse griglie; questo dovrebbe simboleggare la ricchezza degli spazi della città storica, che non è mai derivata da un progetto coerente, ma sempre da una somma di progetti o casualità che possono anche essere in contraddizione fra loro. Le griglie rappresentano quindi la concretizzazione 41

42 ma contemporaneamente anche l astrazione dei diversi caratteri di cui si compone la città. La sovrapposizione delle griglie crea automaticamente degli spazi ampi affiancati da spazi angusti, e quindi facilita la disposizione delle funzioni di servizio (es bagni, scale, spazi tecnici), evidenzia certi punti a discapito di altri (l irregolarità crea interesse!), vivacizza l immagine. 3.5 Morfologia e funzioni Il complesso conta quattro diverse funzioni, ordinate una di seguito all altra in direzione est-ovest. Partendo da est, si ha l area commerciale, adiacente all importante asse urbano di Calle de Toledo e alla stazione della metropolitana; un altro elemento preesistente limitrofo a quest area è il Teatro de la Latina, particolamente frequentato durante le ore serali. Alla parte commerciale segue la parte sociale, posta parzialmente sotto la struttura del vecchio mercato, che comprende una biblioteca e altri spazi pubblici di quartiere. Segue la piazza interna, riparata superiormente dalle vele, ma aperta lungo le pareti laterali, così da configurarsi come spazio aperto. Infine, verso ovest viene posizionata la piscina coperta, la cui mancanza è oggi particolarmente sentita dalla cittadinanza; all angolo nord-ovest si è ipotizzata una torre panoramica, con vista sulle emergenze monumentali del centro di Madrid. 3.6 Aspetti strutturali L edificio ha struttura portante classica e di concezione semplice, fatta di pilastri o setti continui in calcestruzzo armato che sostengono delle travi organizzate secondo una maglia quadrangolare deformata, che sostengono le solette. Non vi sono particolari difficoltà costruttive, perché il passo degli 42

43 elementi risulta abbastanza contenuto, per evidenziare visivamente la presenza di direzioni prevalenti. La presenza di muri di riempimento non portanti è contenuta al minimo indispensabile, in nome della corrispondenza fra struttura edilizia e struttura architettonica. Lo scheletro del vecchio mercato, composto dai grandi pilastri che sostengono le vele, non viene toccata in quanto non bisognosa di interventi; le parti nuove vengono semplicemente aggiunte e affiancate all esistente. 3.7 Usi non progettati Questo edificio, non avendo un carattere concluso, assume il ruolo di base su cui si innesteranno gli usi futuri. Tutta la struttura non deve configurarsi come un oggetto concluso e immodificabile, ma potrà essere progressivamente arricchita da superfetazioni leggere e temporanee, come dehors, piantumazioni, e se necessario anche segnali e insegne pubblicitarie. In particolare si auspica l uso della vegetazione, prevedendo la possibilità di piantumazioni lungo il limite delle terrazze. 43

44 Bibliografia - [1] Banham, R.; Architettura della prima età della macchina, Milano, Marinotti, [2] Contin, A.; Atlante, Milano, CLUP, [3] Eisenman, P.; La fine del classico, Venezia, CLUVA, [4] Le Corbusier; Verso una Architettura, Milano, Longanesi & C., [5] Lynch, K.; L immagine della città, Venezia, Marsilio, [6] Rowe. C.; Collage City, Cambridge, MIT Press, 1983, - [7] Sitte, C.; L' arte di costruire le città. L'urbanistica secondo i suoi fondamenti artistici, Milano, Jaca Book, [8] Venturi, R.; Complessità e contraddizioni nell architettura, Bari, Dedalo, [9] Venturi, R.; Scott Brown, D.; Izenour, S.; Imparando da Las Vegas. Il simbolismo dimenticato della forma architettonica, Venezia, CLUVA,

45 Ringraziamenti Desidero ringraziare la relatrice, professoressa Antonella Contin, per avermi accordato una fiducia non sempre scontata; i miei genitori, per avermi sostenuto in questi anni; l ingegner Fiore Uliana, per il prezioso aiuto; gli architetti Anna Arioli, Samuele Frosio e Raffaele Pe, per i loro consigli e suggerimenti. 45

Progetti. monestiroli architetti associati Due nuove piazze e tre edifici a Pioltello, Milano. Igor Maglica

Progetti. monestiroli architetti associati Due nuove piazze e tre edifici a Pioltello, Milano. Igor Maglica Progetti Igor Maglica monestiroli architetti associati Due nuove piazze e tre edifici a Pioltello, Milano Dettaglio dell atrio centrale dell edificio della nuova stazione ferroviaria. fotografie Marco

Dettagli

Riqualificazione di Piazza Pellini: complesso di parcheggi, piazza e uffici nel centro Storico

Riqualificazione di Piazza Pellini: complesso di parcheggi, piazza e uffici nel centro Storico Riqualificazione di Piazza Pellini: complesso di parcheggi, piazza e uffici nel centro Storico Concorso, 2 classificato Perugia 2001 Massimo e Gabriella Carmassi con Paolo Vinti Il nostro progetto si propone

Dettagli

La Ville Radieuse di Le Corbusier

La Ville Radieuse di Le Corbusier Modelli 8: la città funzionale La Ville Radieuse di Le Corbusier Riferimenti bibliografici: - Le Corbusier, Verso una architettura, a cura di P. Cerri e P. Nicolin, trad. it., Longanesi, Milano, 1987 -

Dettagli

2.1. Le Corbusier - Villa Savoye. Autore. figura 00

2.1. Le Corbusier - Villa Savoye. Autore. figura 00 Nico Bolla Architetture: 2.1. Le Corbusier - villa Savoye pag 1 2.1. Le Corbusier - Villa Savoye Autore figura 00 Charles-Edouard Jeanneret-Gris assumerà il nome d arte di Le Corbusier (storpiando un poco

Dettagli

Edifici antisismici in calcestruzzo armato. Aurelio Ghersi

Edifici antisismici in calcestruzzo armato. Aurelio Ghersi Incontro di aggiornamento Edifici antisismici in calcestruzzo armato Aspetti strutturali e geotecnici secondo le NTC08 1 Esame visivo della struttura Orizzonte Hotel, Acireale 16-17 dicembre 2010 Aurelio

Dettagli

Scuola di Architettura e Design Eduardo Vittoria UNICAM Esame di Abilitazione all esercizio della professione di Architetto LAUREA SPECIALISTICA

Scuola di Architettura e Design Eduardo Vittoria UNICAM Esame di Abilitazione all esercizio della professione di Architetto LAUREA SPECIALISTICA Scuola di Architettura e Design Eduardo Vittoria UNICAM Esame di Abilitazione all esercizio della professione di Architetto LAUREA SPECIALISTICA Prova pratico-grafica (6 ore) 1 Tema Progetto di Villa Urbana

Dettagli

Spazio espositivo a rotazione n.1 Cardo Nord Ovest. ago. 14

Spazio espositivo a rotazione n.1 Cardo Nord Ovest. ago. 14 Spazio espositivo a rotazione n.1 Cardo Nord Ovest ago. 14 Il Sito Espositivo 935.595 mq di area totale 147 Paesi Partecipanti AREE TEMATICHE PARTECIPANTI UFFICIALI AREE DI SERVIZIO PARTECIPANTI NON UFFICIALI

Dettagli

Costruire il margine:

Costruire il margine: Costruire il margine: un nuovo approdo per l isola di Manhattan Relatore: Prof. ssa Guya Bertelli Correlatore: Prof. Juan Carlos Dall Asta Laureandi: Mattia Fornara 750322 Paolo Nordi 751911 POLITECNICO

Dettagli

ORA 2010 IL MANUFATTO RISULTA ABBATTUTO AD ECCEZIONE DELLA PALAZZINA DEGLI UFFICI

ORA 2010 IL MANUFATTO RISULTA ABBATTUTO AD ECCEZIONE DELLA PALAZZINA DEGLI UFFICI 1 1.1 Comune di Cismon, Cismon. Fabbrica ex Lancia. (ora in parte adibita a fungaia) ORA 2010 IL MANUFATTO RISULTA ABBATTUTO AD ECCEZIONE DELLA PALAZZINA DEGLI UFFICI LUOGO. Cismon, OGGETTO. Fabbrica ex

Dettagli

5.1- LE NORME DI ATTUAZIONE DEL PIANO NORMATIVO 4/3. ART.1 Limite di massima edificazione

5.1- LE NORME DI ATTUAZIONE DEL PIANO NORMATIVO 4/3. ART.1 Limite di massima edificazione 5.1- LE NORME DI ATTUAZIONE DEL PIANO NORMATIVO 4/3 ART.1 Limite di massima edificazione Per questa parte di zona appositamente delimitata, vale esattamente questo piano con le relative norme di attuazione.

Dettagli

Corso di TECNICA PER IL PIANO URBANISTICO a.a. 2008-2009 Arch. Claudia de Biase

Corso di TECNICA PER IL PIANO URBANISTICO a.a. 2008-2009 Arch. Claudia de Biase Corso di TECNICA PER IL PIANO URBANISTICO a.a. 2008-2009 Arch. Claudia de Biase 1 Il DI 1444/68 stabilisce che la quantità minima inderogabile di spazi da destinare a parcheggio è pari a 2.50 mq/ab (in

Dettagli

Ampliamento del centro sportivo Lakua a Vitoria, Spagna

Ampliamento del centro sportivo Lakua a Vitoria, Spagna Progetti Carmen Murua Planimetria. Nella pagina a fianco: veduta della facciata principale. I Paesi Baschi, una delle regioni del nord della Spagna, costituiscono un territorio di grande bellezza naturale,

Dettagli

Facoltà di Economia e Commercio progetto di ristrutturazione dell edificio ex I. R. VE.

Facoltà di Economia e Commercio progetto di ristrutturazione dell edificio ex I. R. VE. Facoltà di Economia e Commercio progetto di ristrutturazione dell edificio ex I. R. VE. LA STORIA DELL EDIFICIO GENERALE La nuova sede dell Ospizio di Carità (Regio Istituto di Riposo per la Vecchiaia),

Dettagli

SCALE MOBILI PER LE CITTÀ

SCALE MOBILI PER LE CITTÀ PER LE CITTÀ L utilizzo di scale mobili e ascensori per facilitare la mobilità delle persone nelle città d arte o in luoghi difficilmente accessibili vede oggi una significativa accelerazione, e dopo il

Dettagli

UBICAZIONE Il Comune di Legnano

UBICAZIONE Il Comune di Legnano Ex Fonderia LEGNANO UBICAZIONE Il Comune di Legnano Il Comune di Legnano ha 60.000 abitanti ed è situato a circa 20 km a nord ovest di Milano. L area della Ex Fonderia, inserita in un contesto prettamente

Dettagli

Tipologie edilizie e costi

Tipologie edilizie e costi Parcheggi 8-10-2007 11:46 Pagina 18 o- o PROGETTARE TECNOLOGIA Progetto Realizzazione Gestione 18 Tipologie edilizie e costi Parcheggi: quanto costa realizzarli Quanto costa realizzare un parcheggio fuori

Dettagli

76 come. spazi esterni

76 come. spazi esterni spazi esterni P r o g e t t i s t a arch. Elena Rossi con la collaborazione, per il progetto del verde, del paesaggista Luigi Raja elena.rossi@architettorossi.eu I m p r e s a E d i l e Edilgreen costruzioni;

Dettagli

Piazzetta Cardo Nord Est. mag. 14

Piazzetta Cardo Nord Est. mag. 14 Piazzetta Cardo Nord Est mag. 14 Il Sito Espositivo 935.595 mq di area totale 147 Paesi Partecipanti AREE TEMATICHE PARTECIPANTI UFFICIALI AREE DI SERVIZIO PARTECIPANTI NON UFFICIALI AREE EVENTI CLUSTER

Dettagli

Cap. 2. L ex- deposito ATAC e il quartiere Della Vittoria. 1. Le prime linee tranviarie elettrificate a Roma e l espansione urbana

Cap. 2. L ex- deposito ATAC e il quartiere Della Vittoria. 1. Le prime linee tranviarie elettrificate a Roma e l espansione urbana Cap. 2. L ex- deposito ATAC e il quartiere Della Vittoria 1. Le prime linee tranviarie elettrificate a Roma e l espansione urbana Fig. 1 Foto aerea del 1924 Il deposito ha avuto un ruolo importante nelle

Dettagli

charles pictet Padiglioni nel parco di una villa a Vandoeuvres, Ginevra

charles pictet Padiglioni nel parco di una villa a Vandoeuvres, Ginevra Progetti Carmen Murua L architetto ginevrino Charles Pictet con la presente opera, terminata nel 2008 e premiata nel 2010 con la Distinction romande d architecture si è confrontato con la progettazione

Dettagli

LA COORDINAZIONE MODULARE

LA COORDINAZIONE MODULARE Università degli Studi della Basilicata Facoltà di Architettura Laurea Specialistica in Ingegneria Edile-Architettura Tecnologia dell Architettura I prof. arch. Sergio Russo Ermolli a.a. 2009-2010 LA COORDINAZIONE

Dettagli

ha un elevata massa termica ed emette un basso valore di anidride

ha un elevata massa termica ed emette un basso valore di anidride CIL141 IN PRIMO PIANO pagine IX-XIV tp bennett architects Quartiere generale della Hanson Building Products Ltd a Stewartby, Regno Unito Stewartby è un villaggio operaio che prende il nome da Sir Malcolm

Dettagli

Torre Isozaki. 1 di 7

Torre Isozaki. 1 di 7 Torre Isozaki Location: Milano, ex polo urbano della Fiera Developer: CityLife S.p.A. Architetti: Arata Isozaki, con Andrea Maffei Destinazione: uffici Tenant: Gruppo Allianz General contractor: Colombo

Dettagli

Roma - Viale Angelico, 84c - scala A - piano primo - int. 1

Roma - Viale Angelico, 84c - scala A - piano primo - int. 1 Roma - Viale Angelico, 84c - scala A - piano primo - int. 1 2. DESCRIZIONE E IDENTIFICAZIONE DELL UNITÀ IMMOBILIARE 2.1 Caratteristiche estrinseche dell edificio in cui è ubicata l unità immobiliare L

Dettagli

I NUOVI PROGETTI DEL XXI sec.

I NUOVI PROGETTI DEL XXI sec. MARTA MATTIOLO CHIARA ROTA MARIA CRIPPA -PROGETTO 21- I NUOVI PROGETTI DEL XXI sec. Negli ultimi anni numerosi sono stati gli interventi architettonici all' interno della città di Lecco. Alcuni di questi

Dettagli

Messinscena: relazione programmatica.

Messinscena: relazione programmatica. Messinscena: relazione programmatica. L intervento per la ristrutturazione del Teatro Vittorio Emanuele di Messina si articola seguendo un piano programmatico che, rispettoso della preesistenza, mira a

Dettagli

Pali di fondazione. modulo B Le fondazioni. La portata dei pali

Pali di fondazione. modulo B Le fondazioni. La portata dei pali 1 Pali di fondazione La portata dei pali Nel caso dei pali di punta soggetti a sforzi assiali, cioè realizzati in terreni incoerenti e infissi in terreno profondo compatto, il carico ammissibile P su ogni

Dettagli

Meccanismi di collasso per effetto di solai di copertura spingenti V. Bacco

Meccanismi di collasso per effetto di solai di copertura spingenti V. Bacco Meccanismi di collasso per effetto di solai di copertura spingenti V. Bacco L evento sismico che ha colpito la città de L Aquila ha messo in evidenza le debolezze dei diversi sistemi costruttivi, soprattutto

Dettagli

Appartamenti in rue Kafka, Parigi

Appartamenti in rue Kafka, Parigi Progetti Elisabetta Pieri olivier brenac & xavier gonzalez Appartamenti in rue Kafka, Parigi cio secondo due diverse direttrici: ai primi tre livelli, i volumi si distendono in orizzontale a definire un

Dettagli

Casa unifamiliare a Morcote, Svizzera A. Paolella, WWF Ricerche e Progetti

Casa unifamiliare a Morcote, Svizzera A. Paolella, WWF Ricerche e Progetti Casa unifamiliare a Morcote, Svizzera A. Paolella, WWF Ricerche e Progetti Il laterizio costituisce il principale materiale da costruzione della casa. La scelta di adottare elementi naturali e sostenibili

Dettagli

Prova Pratico/Grafica (6 + 2 ore)

Prova Pratico/Grafica (6 + 2 ore) Università di Camerino Esame di Stato di Abilitazione ad Esercizio della Professione di Architetto Sessione Novembre 2009 Laurea Specialistica Prova Pratico/Grafica (6 + 2 ore) Tema N.1. Complesso residenziale

Dettagli

La cappella Pazzi 1429-1461

La cappella Pazzi 1429-1461 La cappella Pazzi 1429-1461 Cappella Pazzi era una aula dietro l altare dove la famiglia del committente aveva il diritto di sepoltura. Si pone accanto alla chiesa come una struttura che non ha bisogno

Dettagli

LA SICUREZZA TECNOLOGIE

LA SICUREZZA TECNOLOGIE LA SICUREZZA SI COSTRUISCE SULLA FLOTTA DI MACCHINE, SUGLI UOMINI, SUL SERVIZIO A 360, SUL COORDINAMENTO DEL CANTIERE E SULL ESPERIENZA DEI PROTAGONISTI DI FEDERICA DELUCCHI 110 Demolizione &RICICLAGGIO

Dettagli

Laboratorio di Progettazione IV

Laboratorio di Progettazione IV Università degli Studi di Roma La Sapienza Facoltà di Architettura Valle Giulia Laboratorio di Progettazione IV A.A. 2009/2010 ELEMENTI DELLA PROGETTAZIONE ARCHITETTONICA PROF. ARCH. RODOLFO VIOLO FORME

Dettagli

MOTTO: UN ASSE DI TRADIZIONE E STORIA RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA

MOTTO: UN ASSE DI TRADIZIONE E STORIA RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA MOTTO: UN ASSE DI TRADIZIONE E STORIA RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA INQUADRAMENTO GENERALE Il progetto nasce dalla volontà di riqualificare Piazza Carmelitani attraverso un insieme sistematico di interventi

Dettagli

Come Il giardino segreto di Frances Hodgson Burnett per il castello di Misselthwaite,

Come Il giardino segreto di Frances Hodgson Burnett per il castello di Misselthwaite, Progetti Alberto Ferraresi o donnell + tuomey architects Centro scolastico Cherry Orchard La planimetria generale rivela la concatenazione dei nuovi corpi di fabbrica, cinta dalla piantumazione di ciliegi.

Dettagli

Università di Camerino Esame di Stato di Abilitazione ad Esercizio della Professione di Architetto Sessione Giugno 2009 (Laurea Specialistica 4/s)

Università di Camerino Esame di Stato di Abilitazione ad Esercizio della Professione di Architetto Sessione Giugno 2009 (Laurea Specialistica 4/s) Università di Camerino Esame di Stato di Abilitazione ad Esercizio della Professione di Architetto Sessione Giugno 2009 (Laurea Specialistica 4/s) Tema N.1 Il candidato imposti il progetto di un complesso

Dettagli

Fuori. e dentro. in leggero pendio. gianpiero lucarelli

Fuori. e dentro. in leggero pendio. gianpiero lucarelli gianpiero lucarelli Fuori e dentro nella campagna romana, l architetto gianpiero lucarelli ha sviluppato un giardino concepito come espansione esterna delle funzioni interne in leggero pendio Situato nella

Dettagli

CARTELLA 1 - RELAZIONI GENERALI CARTELLA 2 - CAPITOLATI SPECIALI D'APPALTO CARTELLA 3 - ELENCHI PREZZI UNITARI CARTELLA 4 - COMPUTI METRICI

CARTELLA 1 - RELAZIONI GENERALI CARTELLA 2 - CAPITOLATI SPECIALI D'APPALTO CARTELLA 3 - ELENCHI PREZZI UNITARI CARTELLA 4 - COMPUTI METRICI ELABORATO Titolo cala form. ome file progre fae CARTELLA 1 - RELAZIONI GENERALI RELAZIONI 001 0 0 X X E L 0 3 0 3 OPERE DI CARATTERE GENERALE A5 00XXEL0303.ZIP A+V DI GARA 002 0 0 X X R G 0 1 0 3 OPERE

Dettagli

IL CANNOCCHIALE VERDE

IL CANNOCCHIALE VERDE RELAZIONE DI APPROFONDIMENTO TEMATICO IL CANNOCCHIALE VERDE Codice: GOUDRON8 PERCORSO PROGETTUALE Il CANNOCCHIALE VERDE In questa sintetica metafora crediamo di aver racchiuso l intento, gli obiettivi

Dettagli

Nuovo ampliamento per l Ospedale di Venezia

Nuovo ampliamento per l Ospedale di Venezia Progetti Roberto Gamba Il progetto di un nuovo ospedale per Venezia fu ideato nel 1964 da Le Corbusier; non fu realizzato, ma è rimasto a testimoniare la possibilità di incidere con la nuova architettura

Dettagli

Centro culturale a Villanueva de la Cañada, Madrid

Centro culturale a Villanueva de la Cañada, Madrid Progetti Carmen Murua Schizzo di studio. Nella pagina a fianco: particolare del fronte d ingresso (ovest). Il piccolo paese di Villanueva de la Cañada si trova nei dintorni di Madrid, inserito nel paesaggio

Dettagli

Rilievo morfologico del manto stradale

Rilievo morfologico del manto stradale Rilievo morfologico del manto stradale Federico Ferrari L utilizzo del Laser Scanner D Cyrax System nel campo dell incidentistica stradale per perizie legali è collocabile all interno dei programmi di

Dettagli

ELEMENTI DI COMUNICAZIONE VERTICALE

ELEMENTI DI COMUNICAZIONE VERTICALE ELEMENTI DI COMUNICAZIONE VERTICALE ELEMENTI DI COMUNICAZIONE VERTICALE Gli elementi di comunicazione verticale hanno il compito di consentire a persone e cose di superare un dislivello, internamente o

Dettagli

FINALE LIGURE BISOGNO PRIMARIO. ALASSIO FINALE LIGURE LOANO SASSELLO Social levels 1

FINALE LIGURE BISOGNO PRIMARIO. ALASSIO FINALE LIGURE LOANO SASSELLO Social levels 1 ALASSIO LOANO SASSELLO Social levels 1 2 Il territorio di Finale Ligure si presenta ai visitatori con una conformazione del terreno tipicamente ligure, con montagne che scendono fino al mare, solcate dal

Dettagli

Situazione attuale degli accessi

Situazione attuale degli accessi Situazione attuale degli accessi Attualmente gli accessi al quartiere fieristico si rivolgono prevalentemente verso la città per il naturale effetto delle dinamiche di traffico fino ad ora esistite nel

Dettagli

4.5 MOTEL AGIP, VICENZA, 1968-1970 anno di progettazione 1968. anno di realizzazione 1969-1970. tipo edificio multipiano

4.5 MOTEL AGIP, VICENZA, 1968-1970 anno di progettazione 1968. anno di realizzazione 1969-1970. tipo edificio multipiano 4.5 MOTEL AGIP, VICENZA, 1968-1970 anno di progettazione 1968 anno di realizzazione 1969-1970 tipo edificio multipiano caratteristiche tecniche Struttura portante in cemento armato con solette in latero-cemento.

Dettagli

Centro tedesco-giapponese ad Amburgo

Centro tedesco-giapponese ad Amburgo Progetti Igor Maglica von gerkan, marg und partner Centro tedesco-giapponese ad Amburgo Planivolumetrico. Nella pagina a fianco: l edificio giapponese. Vista del fronte sud con il ponte storico in primo

Dettagli

L edificio oggetto di intervento è situato a Pisa, in via San Benedetto n.10/12.

L edificio oggetto di intervento è situato a Pisa, in via San Benedetto n.10/12. Progetto di ricerca Dottorato in Scienze e Tecniche dell Ingegneria Civile dell Università di Pisa su proposta di APES scpa su un campione di edifici di Edilizia Residenziale Pubblica della Provincia di

Dettagli

INES LOBO LISBON, PORTOGALLO

INES LOBO LISBON, PORTOGALLO arcvision Prize Women and Architecture 2014 La Vincitrice INES LOBO LISBON, PORTOGALLO Ines Lobo, laureata all Università Tecnica di Lisbona (FAULT,1989), è la vincitrice della seconda edizione dell arcvision

Dettagli

ORGANICISMO prof.ssa Emanuela Pulvirenti www.didatticarte.it 26. L ORGANICISMO CORSO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE

ORGANICISMO prof.ssa Emanuela Pulvirenti www.didatticarte.it 26. L ORGANICISMO CORSO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE 26. L ORGANICISMO L ARCHITETTURA ORGANICA In apparente contrasto con l architettura funzionalista, l architettura organica è legata indissolubilmente al nome dell architetto americano Frank Lloyd Wright

Dettagli

LA METROPOLITANA DI ORLY

LA METROPOLITANA DI ORLY LA METROPOLITANA DI ORLY Il secondo scalo della capitale francese si presenta come un esempio di aeroporto collegato al centro urbano mediante una linea metropolitana, anche se con i limiti di un percorso

Dettagli

Prof. Richard Vincent Moore

Prof. Richard Vincent Moore CLIMA e MORFOLOGIA ARCHITETTONICA ARCHITETTURE ATTENTE AGLI ASPETTI CLIMATICI ED ENERGETICI 2008 Prof. Richard Vincent Moore Prof. Richard Vincent Moore, Facoltà di Architettura Valle Giulia A file Le

Dettagli

CIMITERO URBANO 1) Completamento ristrutturazione loculi campo O 264.000,00

CIMITERO URBANO 1) Completamento ristrutturazione loculi campo O 264.000,00 CIMITERO URBANO L elenco delle opere di investimento da eseguire nell arco della temporalità del project financing e nella tempistica che sarà indicata nelle successive fasi progettuali si possono così

Dettagli

DESCRIZIONE DEL SITO TIPO D INTERVENTO

DESCRIZIONE DEL SITO TIPO D INTERVENTO DESCRIZIONE DEL SITO TIPO D INTERVENTO Il complesso immobiliare, oggetto di richiesta di variante, è ubicato in Comune di CAVOUR, Via Gioberti - Piazza San Martino n 2, ed è costituito da un area si sui

Dettagli

La Cité Industrielle di Tony Garnier

La Cité Industrielle di Tony Garnier Prof. Paolo Fusero corso di Fondamenti di urbanistica Facoltà di Architettura Università degli Studi G. D Annunzio - Pescara Modelli 6: città industriale La Cité Industrielle di Tony Garnier Riferimenti

Dettagli

Lezione. Progetto di Strutture

Lezione. Progetto di Strutture Lezione Progetto di Strutture Impostazione della carpenteria Impostazione della carpenteria Definizione dell orditura dei solai e della posizione di travi e pilastri ( La struttura deve essere in grado

Dettagli

Un mausoleo per i cittadini L ampliamento del cimitero di Marore, Architetti Giandebiaggi & Mora

Un mausoleo per i cittadini L ampliamento del cimitero di Marore, Architetti Giandebiaggi & Mora Un mausoleo per i cittadini L ampliamento del cimitero di Marore, Architetti Giandebiaggi & Mora a cura di Stefano Alfieri 204 Il progetto per l ampliamento del cimitero suburbano di Marore (Parma) realizzato

Dettagli

L immagine della città

L immagine della città Kevin Lynch L immagine della città Kevin Lynch è un urbanista, allievo di Frank Lloyd Wright, e professore al Massachussets Institute of Technology. Egli deriva alcuni stimoli, fondamentali per la sua

Dettagli

ARGOMENTI PROPOSTI. - Progettazione per lotti e fruibilità progressiva

ARGOMENTI PROPOSTI. - Progettazione per lotti e fruibilità progressiva Municipio 1 Centro Est Caserma Gavoglio, una rigenerazione urbana di interesse del quartiere e della città: esame delle principali tematiche 20 giugno 2015, dalle ore 09:30 alle ore 13:30, Scuola Duca

Dettagli

P.R.G. COMUNE DI PEIO Censimento del patrimonio edilizio montano esistente e edifici storici sparsi Approvazione Finale nov. 2011

P.R.G. COMUNE DI PEIO Censimento del patrimonio edilizio montano esistente e edifici storici sparsi Approvazione Finale nov. 2011 A ELEMENTI ARCHITETTONICI E FUNZIONALI PIU RICORRENTI Nel patrimonio edilizio tradizionale e nei manufatti storici sparsi non riconducibili dal punto di vista tipologico e formale agli edifici tradizionali

Dettagli

La Rampa Progetto villa singola in classe A Noceto (Pr)

La Rampa Progetto villa singola in classe A Noceto (Pr) La Rampa Progetto villa singola in classe A Noceto (Pr) Albinia Tre srl via Roma 12/2 25049 ISEO (Bs) tel. 030-981959 - fax 030-9868498 www.pelli.it - www.larampa.net email: albiniatre@pelli.it Inserimento

Dettagli

L Elicoidale Snc Relazione aziendale sulla nostra produzione di scale elicoidali in c.a.

L Elicoidale Snc Relazione aziendale sulla nostra produzione di scale elicoidali in c.a. L Elicoidale Snc Relazione aziendale sulla nostra produzione di scale elicoidali in c.a. L Elicoidale Snc nasce il 13/01/1998 dall idea dei due soci fondatori, Zandonà Renzo e Bicego Domenico, di realizzare

Dettagli

COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO (Provincia di Pavia)

COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO (Provincia di Pavia) COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO (Provincia di Pavia) PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO RELATIVO ALL AREA RICOMPRESA TRA LE VIE GRAMSCI, MAZZINI, BANFI, ED IL CONFINE COL TERRITORIO COMUNALE DI CAVA MANARA

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 25 febbraio 2008, n. 7-114/Leg

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 25 febbraio 2008, n. 7-114/Leg DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 25 febbraio 2008, n. 7-114/Leg Regolamento tecnico per la prevenzione dei rischi di infortunio a seguito di cadute dall'alto nei lavori di manutenzione ordinaria

Dettagli

Il gradino deve essere prolungato in piano per 30 cm. in corrispondenza delle interruzioni.

Il gradino deve essere prolungato in piano per 30 cm. in corrispondenza delle interruzioni. 141 LA SCALA Larghezza della scala Caratteristiche del gradino Rapporto alzata/pedata Corrimano Segnalazioni tattili e visive PARAMETRI ESSENZIALI A Larghezza scale pubbliche e di parti comuni: 120 cm.

Dettagli

UN ESEMPIO DI ANALISI TECNOLOGICA E TIPOLOGICA: LE STAZIONI FERROVIARIE

UN ESEMPIO DI ANALISI TECNOLOGICA E TIPOLOGICA: LE STAZIONI FERROVIARIE UN ESEMPIO DI ANALISI TECNOLOGICA E TIPOLOGICA: LE STAZIONI FERROVIARIE 1 di 2 1 1 UN ESEMPIO DI ANALISI TECNOLOGICA E TIPOLOGICA RAGIONI DI INTERESSE Nascita ed evoluzione di un nuovo tipo edilizio Lettura

Dettagli

REALIZZAZIONE NUOVO POLO FIERA MILANO

REALIZZAZIONE NUOVO POLO FIERA MILANO Committente: Fondazione Fiera Milano Progettisti: Massimiliano Fuksas -Studio Altieri, Lombardi & Associati e altri Soggetto attuatore: Fondazione Fiera Milano Inizio attività: Anno 2002 Ultimazione lavori:

Dettagli

Scuola di Architettura e Design Eduardo Vittoria UNICAM Esame di Abilitazione all esercizio della professione di Architetto Temi Giugno 2014

Scuola di Architettura e Design Eduardo Vittoria UNICAM Esame di Abilitazione all esercizio della professione di Architetto Temi Giugno 2014 Scuola di Architettura e Design Eduardo Vittoria UNICAM Esame di Abilitazione all esercizio della professione di Architetto Temi Giugno 2014 Prova pratico-grafica (6 ore) Tema n.1 Consideriamo un edificio

Dettagli

Linea: Roma Viterbo Tratta in esame: tra la fermata Valle Aurelia - Anastasio II e la stazione di Monte Mario Lunghezza del tratto in esame: 5 km

Linea: Roma Viterbo Tratta in esame: tra la fermata Valle Aurelia - Anastasio II e la stazione di Monte Mario Lunghezza del tratto in esame: 5 km 1. CARATTERISTICHE DELLA LINEA Linea: Roma Viterbo Tratta in esame: tra la fermata Valle Aurelia - Anastasio II e la stazione di Monte Mario Lunghezza del tratto in esame: 5 km 2. IL RUOLO DELLE GREENWAYS

Dettagli

VARIANTE AL PRG VIGENTE

VARIANTE AL PRG VIGENTE Comune di Milano ACCORDO DI PROGRAMMA IN VARIANTE AL PRG VIGENTE PER LA TRASFORMAZIONE URBANISTICA DELLE AREE FERROVIARIE DISMESSE E IN DISMISSIONE E IL POTENZIAMENTO DEL SISTEMA FERROVIARIO MILANESE.

Dettagli

05 Pasqualetti progetto 28-01-2004 14:26 Pagina 1

05 Pasqualetti progetto 28-01-2004 14:26 Pagina 1 05 Pasqualetti progetto 28-01-2004 14:26 Pagina 1 05 Pasqualetti progetto 28-01-2004 14:26 Pagina 46 1 05 Pasqualetti progetto 28-01-2004 14:26 Pagina 47 IL PROGETTO DI RECUPERO Roberto Pasqualetti Il

Dettagli

RAPPRESENTAZIONE DI UN

RAPPRESENTAZIONE DI UN RAPPRESENTAZIONE DI UN EDIFICIO Rappresentare un edificio è un operazione complessa, in particolare quando si tratta di fornire informazioni molto diverse e dettagliate di un oggetto ancora inesistente.

Dettagli

PRIMA TAPPA: Case FIAT

PRIMA TAPPA: Case FIAT PRIMA TAPPA: Case FIAT Ritrovo presso la Casa nel parco, sede della Fondazione della Comunità di Mirafiori, all'interno del Parco Colonnetti (Via Panetti, 1 Incrocio con Via Artom). La Casa nel Parco è

Dettagli

Progetti. donnelly turpin architects Complesso multifunzionale in Rathmines Square. Carmen Murua

Progetti. donnelly turpin architects Complesso multifunzionale in Rathmines Square. Carmen Murua Progetti Carmen Murua Il complesso multifunzionale progettato da Donnelly Turpin Architects si trova nel quartiere Rathmines, a sud del centro storico di Dublino, caratterizzato da edifici residenziali

Dettagli

SASSELLO BISOGNO PRIMARIO. ALASSIO FINALE LIGURE LOANO SASSELLO Sentire_Provare_Gustare 1

SASSELLO BISOGNO PRIMARIO. ALASSIO FINALE LIGURE LOANO SASSELLO Sentire_Provare_Gustare 1 ALASSIO FINALE LIGURE LOANO SASSELLO Sentire_Provare_Gustare 1 Il comune di Sassello si presenta come un luogo caratterizzato da forti attrattive culturali e legate alle tradizioni locali. Ciò che emerge

Dettagli

LA STORIA DELL EDIFICIO A1 CONTESTO, TIPO INSEDIATIVO E TIPO EDILIZIO

LA STORIA DELL EDIFICIO A1 CONTESTO, TIPO INSEDIATIVO E TIPO EDILIZIO 18 - scuola in via Montona 3-5 MATRICOLA EDIFICIO.. MUNICIPIO II ARCHIVIO CONSERVATORIA POS. 2713 CATASTO foglio part. TIPO DI SCUOLA asilo nido DENOMINAZIONE ATTUALE Peter Pan DENOMINAZIONE ORIGINALE.

Dettagli

389 Nuoro-Bitti, Complesso nuragico di Noddule Il nuraghe

389 Nuoro-Bitti, Complesso nuragico di Noddule Il nuraghe Lungo la SS 389 Nuoro-Bitti, prima di raggiungere la Fonte sacra di Su Tempiesu, sono ubicati, vicino alla strada e quindi facilmente accessibili, i complessi monumentali di Noddule e di Su Pradu che si

Dettagli

UNITÀ ABITATIVA SITA IN Roma, Via Monti Parioli n.62, scala B, piano terra, int.1

UNITÀ ABITATIVA SITA IN Roma, Via Monti Parioli n.62, scala B, piano terra, int.1 UNITÀ ABITATIVA SITA IN Roma, Via Monti Parioli n.62, scala B, piano terra, int.1 E BOX AUTO SITO IN Roma, Via Monti Parioli n.62, scala B, piano terra, n.2 2. DESCRIZIONE E IDENTIFICAZIONE DELLE UNITÀ

Dettagli

VILLINO SIMON VIOLET INTERVENTO DI FRAZIONAMENTO E VENDITA DESCRIZIONE

VILLINO SIMON VIOLET INTERVENTO DI FRAZIONAMENTO E VENDITA DESCRIZIONE VILLINO SIMON VIOLET INTERVENTO DI FRAZIONAMENTO E VENDITA DESCRIZIONE L immobile è ubicato nella primissima periferia cittadina in un contesto di alta qualità, con abitazioni circostanti prevalentemente

Dettagli

Contratti di Quartiere II - Milano. Ponte Lambro

Contratti di Quartiere II - Milano. Ponte Lambro Contratti di Quartiere II - Milano 44 Ponte Lambro Quartiere Ponte Lambro Quartiere Ponte Lambro 45 Stato d avanzamento del Programma e sintesi della relazione sull andamento della Progettazione Partecipata

Dettagli

PROGETTO PRELIMINARE di adeguamento degli edifici per il superamento delle barriere architettoniche e per la trasformazione del sottotetto

PROGETTO PRELIMINARE di adeguamento degli edifici per il superamento delle barriere architettoniche e per la trasformazione del sottotetto PROGETTO PRELIMINARE di adeguamento degli edifici per il superamento delle barriere architettoniche e per la trasformazione del sottotetto RELAZIONE TECNICA-FINANZIARIA maggio 2008 STUDIO TECNICO ASSOCIATO

Dettagli

Le scale di accesso alle zone soppalcate sono tutte in metallo a giorno, gli infissi esterni ed interni sono in legno e, nella generalità, originari.

Le scale di accesso alle zone soppalcate sono tutte in metallo a giorno, gli infissi esterni ed interni sono in legno e, nella generalità, originari. UNITÀ IMMOBILIARE: Sita in Roma via Giacomo Venezian, 22, piano primo interno 1 con asservito posto auto via Gaetano Sacchi,19 - DESTINAZIONE D USO: abitazione Prezzo Appartamento più Garage: 870.000 Euro

Dettagli

Il quartiere solare di Linz

Il quartiere solare di Linz Il quartiere solare di Linz di Giordana Castelli La città solare di Linz è un caso di eccellenza dal punto di vista della sostenibilità sociale ed ambientale ed è il risultato della volontà dell amministrazione

Dettagli

IL FELTRE inquadramento

IL FELTRE inquadramento Progettista: Anno di realizzazione: Superficie territoriale: Il quartiere Feltre è localizzato in un area, al tempo della costruzione, estremamanete periferica, per iniziativa dell Istituto Autonomo Case

Dettagli

Progetto per il Concorso per il Centro direzionale di Torino

Progetto per il Concorso per il Centro direzionale di Torino PROGETTO PER IL CONCORSO PER IL CENTRO DIREZIONALE DI TORINO 1 Progetto per il Concorso per il Centro direzionale di Torino B63f/1 Terzo premio Operazione 70-1970 L area destinata dal P.R.G. di Torino

Dettagli

TERMINAL CROCIERE A MIAMI

TERMINAL CROCIERE A MIAMI PORTI MIAMI TERMINAL CROCIERE A MIAMI La capitale del traffico croceristico internazionale presenta numerose strutture per l imbarco e lo sbarco che subiscono però il peso degli anni e del massiccio afflusso

Dettagli

Marcello De Carli Scuola di Architettura del Politecnico di Milano Lezioni brevi IL CENTRO URBANO CONCENTRARSI O DECENTRARSI

Marcello De Carli Scuola di Architettura del Politecnico di Milano Lezioni brevi IL CENTRO URBANO CONCENTRARSI O DECENTRARSI Marcello De Carli Scuola di Architettura del Politecnico di Milano Lezioni brevi IL CENTRO URBANO CONCENTRARSI O DECENTRARSI Disegno urbano 3 Aggiornamento ottobre 2012 ACCESSIBILITÀ AI SERVIZI ED AL MERCATO

Dettagli

IL PARCHEGGIO D INTERSCAMBIO DI FAMAGOSTA

IL PARCHEGGIO D INTERSCAMBIO DI FAMAGOSTA IL PARCHEGGIO D INTERSCAMBIO DI FAMAGOSTA Uno dei maggiori parcheggi periferici di interscambio di Milano, realizzato dalla Metropolitana Milanese, si avvia a servire l area sud del capoluogo lombardo

Dettagli

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA Oggetto: Lavori di miglioramento sismico dell ex convento di San Biagio Importo intervento 120.000,00 RELAZIONE GENERALE DEL PROGETTO ESECUTIVO Articolo 34 del Regolamento approvato con D.P.R.207/2010

Dettagli

Introduzione. Il principio di localizzazione... 2 Organizzazioni delle memorie cache... 4 Gestione delle scritture in una cache...

Introduzione. Il principio di localizzazione... 2 Organizzazioni delle memorie cache... 4 Gestione delle scritture in una cache... Appunti di Calcolatori Elettronici Concetti generali sulla memoria cache Introduzione... 1 Il principio di localizzazione... 2 Organizzazioni delle memorie cache... 4 Gestione delle scritture in una cache...

Dettagli

PETRARCA 20 LA MAGIA DI IERI INCONTRA LA TECNOLOGIA DI OGGI

PETRARCA 20 LA MAGIA DI IERI INCONTRA LA TECNOLOGIA DI OGGI P REATR R PET C AA2 R 0 CA 20 P PETRARCA 20 LA MAGIA DI IERI INCONTRA LA TECNOLOGIA DI OGGI IL PROGETTO Petrarca 20 nasce da un armoniosa unione tra classicità e design. Inizialmente opificio con abitazione

Dettagli

Progetto di ristrutturazione urbana del Lungomare Vanvitelli Concorso a inviti Ancona 2001 Massimo e Gabriella Carmassi

Progetto di ristrutturazione urbana del Lungomare Vanvitelli Concorso a inviti Ancona 2001 Massimo e Gabriella Carmassi Progetto di ristrutturazione urbana del Lungomare Vanvitelli Concorso a inviti Ancona 2001 Massimo e Gabriella Carmassi L area di intervento è caratterizzata oggi da un certo disordine urbano, corrispondente

Dettagli

UNIVERSITA MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE FERROVIARIE LECTURE 05 - LE LINEE

UNIVERSITA MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE FERROVIARIE LECTURE 05 - LE LINEE UNIVERSITA MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE FERROVIARIE LECTURE 05 - LE LINEE Docente: Ing. Marinella Giunta Le linee possono essere a semplice

Dettagli

PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 3 PALAZZO DELLA REGIONE A CRETA, GRECIA

PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 3 PALAZZO DELLA REGIONE A CRETA, GRECIA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 3 PALAZZO DELLA REGIONE A CRETA, GRECIA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 3 Palazzo della Regione a Creta, Grecia 1. DESCRIZIONE DELL'EDIFICIO Tipologia Uffici amministrativi regionali

Dettagli

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 3 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I "DANTE ALIGHIERI"DI COLOGNA VENETA

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 3 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I DANTE ALIGHIERIDI COLOGNA VENETA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI INTERVENTI Pag. 1 di 13 SOMMARIO 1 DESCRIZIONE DELL EDIFICIO... 2 2 DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI... 7 2.1 INTERVENTI ESEGUITI IN FASE 1... 7 2.2 INTERVENTI ESEGUITI IN FASE

Dettagli

5. CALCOLO DELLA CUBATURA URBANISTICA Cubatura parziale Centro comunale/azienda Servizi Sociali di Bolzano 4.310 m³. Totale 4.

5. CALCOLO DELLA CUBATURA URBANISTICA Cubatura parziale Centro comunale/azienda Servizi Sociali di Bolzano 4.310 m³. Totale 4. 1. NOTA GENERALE AL PROGETTO PRELIMINARE Sulla base di quanto stabilito dall Amministrazione Comunale, il presente progetto verrà realizzato per lotti distinti e secondo tempistiche differenti. La prima

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA 2 Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione

POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA 2 Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA 2 Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione Il campanile del Duomo di San Pietro Apostolo in Alessandria. Studi per la conservazione

Dettagli

I lavori sono stati affidati alla ditta Moranda Geom. Alfredo di Corteno Golgi (BS), con contratto d appalto del 14 marzo 2014.

I lavori sono stati affidati alla ditta Moranda Geom. Alfredo di Corteno Golgi (BS), con contratto d appalto del 14 marzo 2014. Il progetto di Risanamento e restauro conservativo dell ex sede della Società Operaia di Mutuo soccorso a Breno (BS) in Via Prudenzini è nato dalla necessità di recuperare un immobile di ampie dimensioni

Dettagli