OCCUPIAMOCI! : SCELTI I PROGETTI PER DARE A 100 GIOVANI IN TUTTA ITALIA NUOVE OPPORTUNITÀ DI LAVORO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "OCCUPIAMOCI! : SCELTI I PROGETTI PER DARE A 100 GIOVANI IN TUTTA ITALIA NUOVE OPPORTUNITÀ DI LAVORO"

Transcript

1 OCCUPIAMOCI! : SCELTI I PROGETTI PER DARE A 100 GIOVANI IN TUTTA ITALIA NUOVE OPPORTUNITÀ DI LAVORO AREA TIROCINI FORMATIVI Luogo: Verona Nome progetto: INDIPENDENTI - JOB: azioni per l'inserimento professionale di ragazzi e ragazze Neet provenienti da percorsi di tutela sociale. Ente richiedente: Cooperativa Sociale Energie Sociali Beneficiari: 7 giovani tra i 16 e 21 anni La Cooperativa Sociale Energie Sociali si propone di realizzare percorsi personalizzati di avvicinamento al mondo del lavoro, utilizzando lo strumento del tirocinio in aziende del territorio, grazie alla collaborazione con l Agenzia Lavoro e Società per la segnalazione delle realtà produttive che ospiteranno i tirocinanti. I beneficiari sono ex utenti della Comunità Residenziale e del Centro Diurno della Cooperativa o segnalati dai Servizi Sociali del Comune. Si tratta di ragazzi/e con situazioni di disagio marcato e al di fuori dei circuiti di formazione e lavoro. Saranno accompagnati da educatori-tutor e beneficeranno di un indennità di partecipazione pari a 350 euro mensili. Verranno proposte due tipologie di tirocinio a seconda dei casi: la prima ha carattere prevalentemente formativo per i ragazzi più giovani e privi di esperienze lavorative; la seconda maggiormente strutturata e orientata ad un inserimento lavorativo stabile. Gli Enti partner sono: Agenzia Lavoro e Società; Comune di Verona; sette aziende del territorio. Il contributo delle Fondazioni al progetto è di euro per costi del personale educativo e di coordinamento; indennità di partecipazione per i beneficiari; altri costi (assicurazioni e spese generali). Luogo: Crotone Nome progetto: Felice-Mente al lavoro Ente richiedente: Cooperativa Sociale Orizzonti Nuovi Beneficiari: 7 giovani anni I giovani del progetto presentato dalla Cooperativa Sociale Orizzonti Nuovi sono segnalati dai Centri di Salute Mentale di Crotone e Cirò Marina sulla base dei seguenti criteri: rapporto stabile e continuativo con il Centro di Salute Mentale; compenso psichico da almeno 1 anno; motivazione ed attitudine ad intraprendere un percorso di integrazione lavorativa; situazione economica personale e familiare precaria. 1

2 Verranno inseriti in un percorso di formazione iniziale svolto in collaborazione con i Centri di Salute Mentale. Ai 7 giovani verrà poi proposto un tirocinio quale tappa fondamentale per il proprio percorso di riabilitazione. Le aziende ospitanti i tirocinanti saranno selezionate tra quelle presenti sul territorio e in collaborazione con due consorzi di cooperative sociali di tipo B. Ai giovani è offerta un indennità di partecipazione pari a 500 euro mensili e un accompagnamento educativo. È previsto l intervento di un terapista della riabilitazione che accompagnerà i giovani nel percorso. Gli Enti partner sono: Centri di Salute Mentale di Crotone e Cirò Marina, 7 aziende del territorio che ospiteranno di ragazzi. Il contributo delle Fondazioni al progetto è di euro per costi per educatori e per il terapista della riabilitazione, indennità di partecipazione, costi per assicurazioni. Luogo: Palermo Nome progetto: Diamoci da fare Ente richiedente: Associazione Apriti Cuore onlus Beneficiari: 7 giovani tra i 16 e i 21 anni L Associazione Apriti Cuore onlus intende realizzare percorsi di formazione e avvio al lavoro, a partire dai bisogni degli utenti ma anche avendo a disposizione un database di aziende in grado di fungere da enti ospitanti i tirocini. I beneficiari sono selezionati a partire dai servizi gestiti dall Associazione e dagli enti partner sul territorio. Si tratterà nello specifico di: ragazzi dai 16 ai 18 anni in uscita da istituti con rete parentale assente o incapace di accudirli; giovani fino ai 21 anni sottoposti alla tutela da parte dell Autorità Giudiziaria Minorile; minori stranieri non accompagnati. Dopo un periodo iniziale di osservazione e formazione, verranno avviati tirocini di 6 mesi con l obiettivo di fornire competenze lavorative e quando possibile inserire stabilmente al lavoro i giovani, con un tutoraggio educativo e un indennità di partecipazione di 400 euro mensili. Gli Enti partner sono: Associazione InformaGiovani, Asilo Kala (per l accoglienza dei bambini di eventuali ragazze-madri), 7 aziende del territorio che ospiteranno i giovani in tirocinio. Il contributo delle Fondazioni al progetto è di euro per costi del personale educativo e di coordinamento, indennità di partecipazione, costi per assicurazioni e abbigliamento da lavoro. Luogo: Foggia Nome progetto: So-STARE nel Mondo Ente richiedente: Associazione Comunità sulla Strada di Emmaus Beneficiari: 7 giovani 2

3 Il progetto, presentato dall Associazione Comunità sulla Strada di Emmaus, si inserisce nel percorso psico-educativo che i beneficiari stanno svolgendo per proporre un esperienza di formazione e inserimento lavorativo che contribuisce a completare il progetto verso un autonomia possibile. I beneficiari sono provenienti dal bacino d utenza dell Associazione: giovani con pregresse problematiche di dipendenza da droga e/o alcool segnalati dal SerT; minori o neomaggiorenni in possesso di estensione di tutela fino ai 21 anni riconosciuta dal Tribunale per i Minori; giovani a rischio devianza segnalati dai Servizi Sociali del Comune di Foggia. Verranno selezionale aziende particolarmente sensibili ai problemi dei giovani, presso le quali verranno svolti tirocini di 6 mesi con un indennità di partecipazione pari a 450 euro e un tutoraggio da parte di un educatore e di uno psicologo. Gli Enti partner sono: Tribunale per i Minori, Servizi Tossicodipendenza, 7 aziende del territorio che accoglieranno i tirocinanti. Il contributo delle Fondazioni al progetto è di euro per costi per l educatore e lo psicologo, indennità di partecipazione. Luogo: Milano Nome progetto: Officina delle Professioni Ente richiedente: Cooperativa Sociale Officina Lavoro Beneficiari: 10 giovani dai 16 ai 29 anni Il progetto è presentato dalla Cooperativa Sociale Officina Lavoro. I giovani sono segnalati dai servizi Sociali degli 11 Comuni dei due Distretti Sociali che fanno capo a Corsico e Rozzano, in Provincia di Milano. Sono giovani fuori dai circuiti formativi e con seri problemi familiari. Verranno inizialmente inseriti in attività di valutazione delle proprie competenze e orientamento. Saranno successivamente abbinati ad un azienda del territorio per l avvio di un tirocinio con caratteristiche diverse a seconda del bisogno degli utenti: tirocinio di orientamento e socializzante; professionalizzante; finalizzato all inserimento stabile. I tirocinanti beneficeranno di un indennità di partecipazione pari a 300 euro mensili. Gli Enti partner sono: Agenzia AfolSUD; Comuni dei Distretti che fanno capo a Corsico e Rozzano; 10 aziende del territorio che ospiteranno i giovani in tirocinio. Il contributo delle Fondazioni al progetto è di euro per costi del personale educativo, pedagogico e di coordinamento, indennità di partecipazione per i beneficiari. 3

4 Luogo: Genova Nome progetto: Buon lavoro ragazzi! Ente richiedente: La Casa dell Angelo Beneficiari: 10 ragazzi/e di età a partire dai 16 anni in su Il tirocinio formativo di 6 mesi proposto da La Casa dell Angelo ai ragazzi coinvolti è parte del progetto personalizzato volto al raggiungimento dell autonomia. I beneficiari per decreto del Tribunale dei Minorenni sono stati allontanati dalla famiglia di origine, inseriti o in fase di uscita da percorsi in comunità di accoglienza residenziale. Si tratta di giovani fragili dal punto di vista relazionale, che necessitano di un sostegno nel loro percorso verso l autonomia. Con le aziende ospitanti i tirocini viene svolto un lavoro importante di condivisione degli obiettivi. Ai tirocinanti è affiancato, oltre all educatore, un volontario adulto, attivo presso l organizzazione, che svolgerà il ruolo di mentore. Ai tirocinanti viene fornita un indennità di partecipazione pari a 400 euro mensili, che verrà accumulata in un libretto di risparmio, a doppia firma (educatore e ragazzo). Le spese durante il tirocinio saranno concordate. Gli Enti partner sono: Comune di Genova; Agenzia Regionale Liguria Lavoro; dieci aziende del territorio. Il contributo delle Fondazioni al progetto è di euro per costi del personale educativo, indennità di partecipazione per i beneficiari; costi di assicurazione. Luogo: Fabriano (AN) Nome progetto: JOB ON THE ROAD. Lavoro cerca giovani Ente richiedente: Cooperativa Sociale Mosaico Beneficiari: 10 giovani tra i 16 e i 21 anni Il progetto, presentato dalla Cooperativa Sociale Mosaico, prevede un percorso di formazione iniziale per un gruppo di 30 giovani, attivando in collaborazione con alcune aziende del territorio laboratori di condotti direttamente da artigiani del territorio. In seguito verranno selezionati 10 giovani a cui proporre un tirocinio formativo in azienda, con un indennità di partecipazione di 300 euro e un accompagnamento educativo da parte di un tutor, che proseguirà anche al termine dell esperienza per un inserimento lavorativo stabile. I beneficiari sono fuori dai circuiti formativi e di assistenza, segnalati dai servizi sociali o provenienti da altri servizi della Cooperativa (centri di aggregazione giovanile). Si tratterà quindi di giovani fortemente a rischio, che hanno abbandonato la scuola o che sono privi di un efficace supporto familiare. Gli Enti partner sono: Ambito Sociale Territoriale; Confartigianato Imprese Ancona (per la segnalazione delle aziende ospitanti); Centro per l Impiego; 10 aziende ospitanti i tirocinanti. 4

5 Il contributo delle Fondazioni al progetto è di euro per costi dei formatori e del personale educativo, indennità di partecipazione ai beneficiari, costi per locali e materiali per la formazione. Luogo: Sasso Marconi (BO) Nome progetto: MapPE: Modelli e Percorsi di tirocinio Ente richiedente: Associazione Rupe Formazione Beneficiari: 9 giovani dai 16 ai 29 anni Una volta ricevute le segnalazioni dei giovani e avvenuta la presa in carico, verrà svolta dall Associazione Rupe Formazione un attività di formazione in piccolo gruppo o individuale e si procederà con l abbinamento di ogni giovane con un azienda del territorio. Per la segnalazione delle aziende si usufruirà dello sportello LavOrienta di una Cooperativa partner. Durante il periodo del tirocinio i beneficiari saranno accompagnati da un educatori-tutor e beneficeranno di un indennità di partecipazione pari a 450 euro mensili. I ragazzi sono in uscita da percorsi legati alla dipendenza da sostanze, ex detenuti, affetti da disagio psico-sociale, minori in età lavorativa in situazione di difficoltà familiare. Si tratta di soggetti segnalati dall Autorità Giudiziaria, dai Servizi Sociali, dai Centri Salute Mentale o provenienti da comunità facenti parte della rete dell Associazione. Gli Enti partner sono: Centro Accoglienza La Rupe Cooperativa Sociale, Ministero della Giustizia- Ufficio Esecuzione Penale Esterna Bologna e Ferrara, AUSL di Bologna, Dipartimento Salute Mentale, Comune di Bologna, ASC InSieme-Azienda Consortile Intervento Sociali Valle del Reno Lavino e Samoggia, ASP Poveri Vergognosi. Il contributo delle Fondazioni al progetto è di euro per costi del personale educativo, indennità di partecipazione per i beneficiari, costi di assicurazione. 5

AMBITO TERRITORIALE SOCIALE di CASARANO. Regolamento sull Affido Familiare

AMBITO TERRITORIALE SOCIALE di CASARANO. Regolamento sull Affido Familiare CASARANO COLLEPASSO MATINO PARABITA RUFFANO SUPERSANO TAURISANO VISTI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE di CASARANO Regolamento sull Affido Familiare la L.184/1983 Disciplina dell'adozione e dell'affidamento

Dettagli

1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? 3. Quali sono le strutture socioassistenziali per minori?

1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? 3. Quali sono le strutture socioassistenziali per minori? 1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? Le procedure per aprire una struttura socioassistenziale sono definite dalla normativa regionale. Il rappresentante

Dettagli

Progetto di solidarietà sociale AFFIDAMENTO FAMILIARE: UNA FAMIGLIA PER OGNI BAMBINO

Progetto di solidarietà sociale AFFIDAMENTO FAMILIARE: UNA FAMIGLIA PER OGNI BAMBINO Progetto di solidarietà sociale AFFIDAMENTO FAMILIARE: UNA FAMIGLIA PER OGNI BAMBINO Ente proponente: Associazione Rimettere le Ali ONLUS Via di Prenestina 468 00171 Roma Indirizzato all attenzione di:

Dettagli

PASSO DOPO PASSO. Progetti per il Reinserimento sociale e lavorativo di persone appartenenti a categorie fragili

PASSO DOPO PASSO. Progetti per il Reinserimento sociale e lavorativo di persone appartenenti a categorie fragili PASSO DOPO PASSO 2. Progetto già avviato Sì No 3. Tipologia di servizio Istituzionale Servizi Essenziali Altro 4. Area tematica Esclusione Sociale 5. Macrotipologia Progetti per il Reinserimento sociale

Dettagli

Servizio Civile Nazionale Bando 2013 Sintesi del progetto

Servizio Civile Nazionale Bando 2013 Sintesi del progetto Servizio Civile Nazionale Bando 2013 Sintesi del progetto Ente proponente CONSORZIO SOLIDARIETÀ SOCIALE COOPERATIVA SOCIALE ARL Titolo del progetto ALTRA VOCE DEL VERBO Settore e ambito di intervento ASSISTENZA

Dettagli

Comune di Bologna. Servizio Sociale Minori IL SISTEMA ACCOGLIENZA DEI MINORI STRANIERI NON ACCOMPAGNATI ASP IRIDES COMUNE DI BOLOGNA

Comune di Bologna. Servizio Sociale Minori IL SISTEMA ACCOGLIENZA DEI MINORI STRANIERI NON ACCOMPAGNATI ASP IRIDES COMUNE DI BOLOGNA Comune di Bologna IL SISTEMA ACCOGLIENZA DEI MINORI STRANIERI NON ACCOMPAGNATI ASP IRIDES COMUNE DI BOLOGNA Riferimenti normativi Il minore straniero non accompagnato è il minore di età che non ha la cittadinanza

Dettagli

Descrizione Normativa Tempi Responsabile procedimento Ufficio Informazionii

Descrizione Normativa Tempi Responsabile procedimento Ufficio Informazionii Procedimenti Settore Servizi alla persona Descrizione Normativa Tempi Responsabile procedimento Ufficio Informazionii Responsabile ufficio Responsabile sostitutivo Assistenza domiciliare Per assistenza

Dettagli

Guide per i cittadini

Guide per i cittadini PIANO DI ZONA AREA FAMIGLIA, INFANZIA ADOLESCENZA E MINORI Guida per i cittadini - Anno 2011 Guide per i cittadini S c h e d e P r o g e t t i Interventi Pablo Picasso Maternità INDICE Interventi di accesso,

Dettagli

C U R R I C U L U M V I T AE

C U R R I C U L U M V I T AE C U R R I C U L U M V I T AE INFORMAZIONI PERSONALI Psicologo/a Data e luogo di nascita Indirizzo DR.SSA CHIARA BRENTAN 08/10/77, MILANO Via Villoresi 28, Milano, Italia. Cell 3480365381 E-mail Sito web

Dettagli

Approvato con deliberazione del C.d.A. n. 1 del 27.02.07

Approvato con deliberazione del C.d.A. n. 1 del 27.02.07 REGOLAMENTO CONSORTILE PER L INSERIMENTO DI MINORI NELLE STRUTTURE RESIDENZIALI Approvato con deliberazione del C.d.A. n. 1 del 27.02.07 1 S O M M A R I O ART. 1 - OGGETTO...3 ART. 2 - FINALITÀ...3 ART.

Dettagli

PUNTO LAVORO CIELI APERTI. Gennaio dicembre 2012

PUNTO LAVORO CIELI APERTI. Gennaio dicembre 2012 Associazione Cieli Aperti ONLUS - Via Lazzerini n 1-59100 Prato Sede operativa: Via Marengo n 51 Cod. Fiscale: 92062880486 - P. Iva: 01939060974 Telefono: 0574 607226 3280809395 - Fax: 0574 607226 E-mail:

Dettagli

GLI ADULTI GLI ADULTI. Domiciliarità Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita, mantenendo la propria autonomia e evitando l'inserimento

GLI ADULTI GLI ADULTI. Domiciliarità Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita, mantenendo la propria autonomia e evitando l'inserimento Carta BISOGNI BISOGNI GLI ADULTI GLI ADULTI Domiciliarità Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita, mantenendo la propria autonomia e evitando l'inserimento in una struttura residenziale. Domiciliarità

Dettagli

Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009. Servizi Socio-Sanitari per la disabilità

Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009. Servizi Socio-Sanitari per la disabilità Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009 Servizi Socio-Sanitari AZIENDA ULSS N. 22 Bussolengo (VR) Unità Complessa Disabilità Direttore Dott. Gabriele Bezzan Funzionario Dott.ssa Liliana Menegoi Segreteria

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

31 dicembre 2010. 14 marzo 2010. Non è stabilita alcuna scadenza per la presentazione delle richieste

31 dicembre 2010. 14 marzo 2010. Non è stabilita alcuna scadenza per la presentazione delle richieste Soggetti finanziatori Progetto Scadenza ALLEANZA ASSICURAZIONI Iniziative che hanno come scopo: 1. progetti di formazione e/o inserimento professionale dei giovani finalizzati all'uscita da situazioni

Dettagli

GUIDA PER LA CONSULTAZIONE DELLA BANCA DATI ONLINE

GUIDA PER LA CONSULTAZIONE DELLA BANCA DATI ONLINE GUIDA PER LA CONSULTAZIONE DELLA BANCA DATI ONLINE 1 Per accedere allo Sportello Sociale On line digitare l indirizzo: www.sportellosociosanitario.it La ricerca e la stampa delle informazioni contenute

Dettagli

Interventi di prevenzione e promozione sociale

Interventi di prevenzione e promozione sociale Assistenziale aiuto e sostegno Sostegno psico-sociale Interventi integrativi e sostitutivi delle funzioni proprie del nucleo familiare Assistenza domiciliare Consultorio Mediazione familiare Tutela salute

Dettagli

1. DISABILI E FAMIGLIA

1. DISABILI E FAMIGLIA 1. DISABILI E FAMIGLIA COSA FA IL CISS OSSOLA PER LE PERSONE CON DISABILITA E LE LORO FAMIGLIE Contribuisce a garantire condizioni di benessere relazionale, ambientale e sociale che valorizzino le risorse

Dettagli

2. MODALITA DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI

2. MODALITA DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI SERVIZI SOCIALI I Servizi Sociali del comune di Pontoglio riuniscono una serie articolata di servizi ed interventi, coordinati tra loro, rivolti ai cittadini residenti, di ogni età, con particolare riferimento

Dettagli

I MINORI E LE FAMIGLIE. Educativa. Educativa

I MINORI E LE FAMIGLIE. Educativa. Educativa BISOGNI BISOGNI I MINORI E LE FAMIGLIE I MINORI E LE FAMIGLIE Educativa Educativa Avere un supporto educativo quando si hanno difficoltà nella famiglia, nella vita di relazione, nell'apprendimento e nei

Dettagli

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO PER MINORI LA TARTARUGA INDICE CAP 1 - Principi generali Art. 1 Definizione del servizio Art. 2 Finalità e obiettivi

Dettagli

ASSISTENZA DOMICILIARE EDUCATIVA

ASSISTENZA DOMICILIARE EDUCATIVA ASSISTENZA DOMICILIARE EDUCATIVA AI MINORI E ALLE LORO FAMIGLIE 2. Progetto già avviato Sì No 3. Tipologia di servizio Istituzionale Servizi Essenziali Altro 4. Area tematica Minori e Famiglia 5. Macrotipologia

Dettagli

SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE H

SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE H 1. NUMERO AZIONE RIEQUILIBRIO PIANO DI ZONA AL 31.12.2009 3 2. TITOLO AZIONE SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE H 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Gli interventi di assistenza domiciliare a favore dei disabili

Dettagli

SINTESI OBIETTIVI ANNO 2014

SINTESI OBIETTIVI ANNO 2014 SERVIZIO/UFFICIO Servizi alla Persona RESPONSABILE dott.ssa Silvana Casamassima OBIETTIVO N. 1 PESO 20 SINTESI OBIETTIVI ANNO 2014 4.3.1- Investimento: - avvio della Comunità socio- educativa per persone

Dettagli

TITOLO DEL PROGETTO: A.A.A. OPPORTUNITÀ DI CRESCITA CERCASI.

TITOLO DEL PROGETTO: A.A.A. OPPORTUNITÀ DI CRESCITA CERCASI. TITOLO DEL PROGETTO: A.A.A. OPPORTUNITÀ DI CRESCITA CERCASI. RAPPRESENTANTE LEGALE e REFERENTE RESPONSABILE DEL PROGETTO: Don Raffaele Panno (Responsabile Area Educativa Rimettere le ali del Borgo Don

Dettagli

Curriculum Vitae. Associazione Capodarco Roma Formazione Onlus

Curriculum Vitae. Associazione Capodarco Roma Formazione Onlus 1 Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e Nome Indirizzo MARTINA STEFANIA Via Cropalati 27-00178 - Roma Telefono 067180676-347.4935246 E-mail stmartina@libero.it Nazionalità Italiana Data di

Dettagli

Per ognuna di queste funzioni è presente nella S.C. SMRIA un modulo funzionale in staff con il responsabile.

Per ognuna di queste funzioni è presente nella S.C. SMRIA un modulo funzionale in staff con il responsabile. PROCEDURA UNIFICATA E CONDIVISA DEI RAPPORTI TRA SERVIZI SOCIALI DELLA PROVINCIA E LA S.C. SMRIA (DSM) AUSL DI FERRARA PER L ATTIVITA SOCIO SANITARIA INTEGRATA PER MINORI. La mancanza di una procedura

Dettagli

REGOLAMENTO NUCLEO INTEGRAZIONE LAVORATIVA

REGOLAMENTO NUCLEO INTEGRAZIONE LAVORATIVA AMBITO TERRITORIALE ALTO SEBINO Comuni di: Bossico, Castro, Costa Volpino, Fonteno, Lovere, Pianico, Riva di Solto, Rogno, Solto Collina, Sovere. REGOLAMENTO NUCLEO INTEGRAZIONE LAVORATIVA INDICE ART.

Dettagli

Progetto Manufacto Piacenza, maggio 2015

Progetto Manufacto Piacenza, maggio 2015 Progetto Manufacto Piacenza, maggio 2015 INDICE CHI SIAMO E COSA FACCIAMO 3 CONTESTO E SITUAZIONE PROBLEMATICA 5 IL NOSTRO PROGETTO 5 2 CHI SIAMO E COSA FACCIAMO Siamo una rete di organizzazioni per l

Dettagli

Gli obiettivi generali di crescita del sistema di welfare locale

Gli obiettivi generali di crescita del sistema di welfare locale Gli obiettivi generali di crescita del sistema di welfare locale Una opzione di fondo della L. 328/2000 è la qualità, intesa non solo come metodo di valutazione degli interventi sociali, ma come strategia

Dettagli

Fondazione OPERA SANTA RITA PRATO CARTA DEI SERVIZI. Il sostegno ai minori in difficoltà

Fondazione OPERA SANTA RITA PRATO CARTA DEI SERVIZI. Il sostegno ai minori in difficoltà Fondazione OPERA SANTA RITA PRATO CARTA DEI SERVIZI Il sostegno ai minori in difficoltà Edizione maggio 2002 1 LA MISSION ED I VALORI LA MISSION Ciascuna persona è titolare di diritti, ad ognuno deve essere

Dettagli

L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI. Regolamento

L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI. Regolamento L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Regolamento Art. 1 Oggetto di regolamentazione e fonti normative 1. Il presente Regolamento disciplina i procedimenti, le modalità di organizzazione e la natura degli

Dettagli

SINTESI PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA GARANZIA GIOVANI

SINTESI PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA GARANZIA GIOVANI SINTESI PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA GARANZIA GIOVANI ENTE 1) Ente proponente il progetto: FONDAZIONE DI RELIGIONE ISTITUTO MARIA REGINA 2) Titolo del progetto: HANSEL

Dettagli

PROGETTO CASCINA MONLUE

PROGETTO CASCINA MONLUE Associazione "La Nostra Comunità" TEL. e FAX +39 02 71 55 35 www.lanostracomunita.it E-mail: info@lanostracomunita.it Codice Fiscale n. 97026250155 PROGETTO CASCINA MONLUE non un nostro sogno ma un sogno

Dettagli

2. Analisi della domanda sociale.

2. Analisi della domanda sociale. 2. Analisi della domanda sociale. La domanda sociale - come si evince dalle caratteristiche demografiche del Distretto, e da quanto è emerso dai lavori del tavolo tecnico del Distretto e dai Focus Groups

Dettagli

STRUMENTI DI SOSTEGNO ALL INSERIMENTO SOCIO-LAVORATIVO

STRUMENTI DI SOSTEGNO ALL INSERIMENTO SOCIO-LAVORATIVO STRUMENTI DI SOSTEGNO ALL INSERIMENTO SOCIO-LAVORATIVO IN PROVINCIA DI TRIESTE ANNO 2013 Persone in borsa lavoro, soggetti attuatori, tipologie degli strumenti Provincia di Trieste Area Servizi al Cittadino

Dettagli

REGOLAMENTO CONSORTILE PER GLI AFFIDAMENTI FAMILIARI

REGOLAMENTO CONSORTILE PER GLI AFFIDAMENTI FAMILIARI Approvato con Deliberazione C.d.A. N. 12 del 31/05/2004 REGOLAMENTO CONSORTILE PER GLI AFFIDAMENTI FAMILIARI PREMESSA La legge n.184 del 4 maggio 1983, così come modificata dalla Legge n.149 del 28 marzo

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA COORDINAMENTO ISTITUZIONALE AMBITO TERRITORIALE Comune di Palo del Colle Comune di Bitonto RELAZIONE ILLUSTRATIVA In occasione della programmazione delle attività e dei servizi del Piano Sociale di Zona

Dettagli

Comunità Alloggio Minori - WALDEN

Comunità Alloggio Minori - WALDEN Che cos'è la carta dei servizi? 1 di 10 La Carta dei Servizi è il principale strumento di un'organizzazione per far conoscere i progetti che realizza, per informare sulle risorse e le attività a disposizione,

Dettagli

Il Progetto Cicogna: un progetto che nell accoglienza dei piccolissimi integra pubblico, privato, comunitàe affido.

Il Progetto Cicogna: un progetto che nell accoglienza dei piccolissimi integra pubblico, privato, comunitàe affido. Torino 16 ottobre 2013 Il Progetto Cicogna: un progetto che nell accoglienza dei piccolissimi integra pubblico, privato, comunitàe affido. CENTRO ACCOGLIENZA LA RUPE Dott.ssa Piera Poli Pubblico, privato

Dettagli

SERVIZI SOCIALI A cura di Ivan Alborghetti Assessore alle Politiche sociali

SERVIZI SOCIALI A cura di Ivan Alborghetti Assessore alle Politiche sociali SERVIZI SOCIALI A cura di Ivan Alborghetti Assessore alle Politiche sociali Il settore dei servizi sociali comprende varie aree: anziani, handicap, minori, disagio. AREA ANZIANI L'assistenza alle persone

Dettagli

Il Centro CASA: un servizio socio-sanitario per le persone affette da HIV/AIDS

Il Centro CASA: un servizio socio-sanitario per le persone affette da HIV/AIDS Il Centro CASA: un servizio socio-sanitario per le persone affette da HIV/AIDS Maria Bona Venturi CENTRO C.A.S.A. AIDS Dipartimento delle Cure Primarie Azienda USL di Bologna 1 Il Centro C.A.S.A. (Centro

Dettagli

LULE società cooperativa sociale o.n.l.u.s. PROFILO

LULE società cooperativa sociale o.n.l.u.s. PROFILO LULE soc. coop. soc. o.n.l.u.s. PROFILO CHI SIAMO La cooperativa LULE è una cooperativa sociale fondata nel marzo 2001 da un gruppo di professionisti con competenze diverse nelle discipline attinenti le

Dettagli

Regione Misura 3.1_Assistenza indiretta e contributi straordinari Annualità 2014 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4

Regione Misura 3.1_Assistenza indiretta e contributi straordinari Annualità 2014 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4 Regione Misura 3.1_Assistenza indiretta e contributi straordinari Annualità 2014 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4 PARTE SECONDA SOTTOMISURA 3.1 Interventi L.R. 20 / 2006 Regione Misura 3.1_Assistenza

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE DI BARI

AMBITO TERRITORIALE DI BARI Unione Europea Regione Puglia Comune di Bari AVVISO PUBBLICO n. 6/2011 P.O. PUGLIA 2007 2013 Fondo Sociale Europeo 2007IT051PO005 ASSE III Inclusione Sociale PROGETTI INNOVATIVI INTEGRATI PER L INCLUSIONE

Dettagli

cfr. Resilienza Il Pozzo dei Desideri scritto da Gabriella Ferraro Bologna, edito dalla biblioteca di VIVARIUM

cfr. Resilienza Il Pozzo dei Desideri scritto da Gabriella Ferraro Bologna, edito dalla biblioteca di VIVARIUM Associazione FA.T.A. Onlus FA.T.A. FAmiglie Temporanea Accoglienza (www.fataonlus.org) ospita e sostiene bambini e adolescenti che il Tribunale dei Minori allontana dalla famiglia per disagio. L Associazione

Dettagli

Glossario UNITÀ DI RILEVAZIONE

Glossario UNITÀ DI RILEVAZIONE INDAGINE SUGLI INTERVENTI E I SERVIZI SOCIALI DEI COMUNI SINGOLI O ASSOCIATI. ANNO 2012 1 Glossario UNITÀ DI RILEVAZIONE Comune: a questa categoria appartengono tutti i comuni italiani. Distretto/Ambito/Zona

Dettagli

Una nuova IMPRONTA da realizzare

Una nuova IMPRONTA da realizzare Sintesi del progetto di finanziato dalla Regione Lombardia da realizzarsi in 2 mesi (5 ottobre 2009 4 ottobre 200) Scadenza presentazione domande: 27 luglio 2009 L IMPRONTA Associazione Onlus Ente accreditato

Dettagli

Curriculum Cisef. Cooperativa sociale

Curriculum Cisef. Cooperativa sociale Curriculum Cisef Cooperativa sociale Cooperativa Intervento Socio Educativo Formativo C.so C. Battisti 73r 16019 Ronco Scrivia (Ge) Tel. 347 3816248 op 349 2353113 Fax 010 7268050 Sito internet: www.cisef.net

Dettagli

Si riportano alcune indicazioni generali sui principali interventi. Per informazioni potete rivolgervi alle sedi territoriali Cgil o Spi.

Si riportano alcune indicazioni generali sui principali interventi. Per informazioni potete rivolgervi alle sedi territoriali Cgil o Spi. Aiuti alle persone e alle famiglie in condizioni di fragilità - Misure concordate tra sindacato e Regione Lombardia.( a cura dipartimento welfare SPI Lombardia) Cgil, Cisl e Uil con i sindacati dei pensionati

Dettagli

Glossario UNITÀ DI RILEVAZIONE

Glossario UNITÀ DI RILEVAZIONE INDAGINE SUGLI INTERVENTI E I SERVIZI SOCIALI DEI COMUNI SINGOLI O ASSOCIATI. ANNO 2011 1 Glossario UNITÀ DI RILEVAZIONE Comune: a questa categoria appartengono tutti i comuni italiani. Distretto/Ambito/Zona

Dettagli

Un anno straordinario

Un anno straordinario Un anno straordinario L Albero della Vita L Albero della Vita è un organizzazione umanitaria che opera dal 1997 a sostegno dell infanzia in Italia e in alcuni Paesi in Via di Sviluppo, realizzando attività

Dettagli

20 anni al servizio delle persone

20 anni al servizio delle persone 20 anni al servizio delle persone CHI SIAMO Nata a Bologna nel 1994, Àncora è una Cooperativa sociale di servizi alla persona che si occupa della gestione di servizi socio assistenziali, sanitari ed educativi

Dettagli

la presente carta ha validità fino al mese di ottobre 2015

la presente carta ha validità fino al mese di ottobre 2015 carta dei servizi lacomunità Cooperativa Sociale via Brignole de Ferrari 6/9 16125 Genova telefono 010 2465848-010 2531126 fax 010 2461360 info@lacomunita.genova.it www.lacomunita.genova.it Ardini Comunità

Dettagli

Piano di Zona 2010-2012

Piano di Zona 2010-2012 AREA INCLUSIONE SOCIALE PER SOGGETTI APPARTENENTI ALLE FASCE DEBOLI CODICE - IS - COD. AZIONE PAG IS 1 ITINERARIO LAVORO - Tirocini Formativi-Lavorativi per Adulti e Giovani svantaggiati 277 20 NUMERO

Dettagli

In Breve. n. 8/2011. I servizi alla persona: le unità di offerta sociali e socio sanitarie in Lombardia. Informativa Breve. I servizi per gli anziani

In Breve. n. 8/2011. I servizi alla persona: le unità di offerta sociali e socio sanitarie in Lombardia. Informativa Breve. I servizi per gli anziani Servizio Studi e Valutazione Politiche regionali Ufficio Analisi Leggi e Politiche regionali Dicembre 2011 Informativa Breve In Breve 8/2011 I servizi per gli anziani I servizi per la disabilità I servizi

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI ZUMBINI 6 APPRODI INNOVATIVI

CARTA DEI SERVIZI ZUMBINI 6 APPRODI INNOVATIVI CARTA DEI SERVIZI ZUMBINI 6 APPRODI INNOVATIVI La Cordata impresa sociale La Cordata è un impresa sociale che da venti anni offre accoglienza e integrazione a chiunque: turisti, studenti, lavoratori, famiglie,

Dettagli

Guida per accedere al Servizio Civile Regionale

Guida per accedere al Servizio Civile Regionale Guida per accedere al Servizio Civile Regionale Per partecipare ai progetti di Servizio Civile Regionale di questo Comune, è necessario accedere al programma Garanzia Giovani. L accesso al programma è

Dettagli

Finanziamenti finalizzati alla lotta alla droga

Finanziamenti finalizzati alla lotta alla droga Finanziamenti finalizzati alla lotta alla droga Finanziamenti finalizzati alla lotta alla droga FINANZIAMENTI FINALIZZATI AL CONTRASTO DELLE DIPENDENZE ANNI 2003-2004 Nel corso del 2003, con Delibera

Dettagli

PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE NAZIONALE 2015

PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE NAZIONALE 2015 PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE NAZIONALE 2015 Ente: ASSOCIAZIONE PROVINCIALE PER I MINORI Indirizzo: via Valentina Zambra 11 - TRENTO Recapito telefonico: 0461829896 Indirizzo e-.mail: associazioneminori@appm.it

Dettagli

lavorativo di persone con provvedimenti penali detentivi e/o in esecuzione penale esterna.

lavorativo di persone con provvedimenti penali detentivi e/o in esecuzione penale esterna. Allegato alla Delib.G.R. n.32/ 45 del 15.9.2010 L.R. n. 1 del 24.2.2006, art 9, comma 11. L.R. n. 2 del 29.5.2007, art 33, comma 11. Finanziamento di un programma di attività finalizzate al recupero e

Dettagli

SPORTELLO DI CONSULENZA PER DONNE IN DIFFICOLTA

SPORTELLO DI CONSULENZA PER DONNE IN DIFFICOLTA 1. NUMERO AZIONE RIPROGRAMMAZIONE PIANO DI ZONA 2 E 3 ANNO DEL 1 TRIENNIO 6 2. TITOLO AZIONE SPORTELLO DI CONSULENZA PER DONNE IN DIFFICOLTA 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Analisi del Contesto Nel piano

Dettagli

IMPRESA SOCIALE E FORMAZIONE

IMPRESA SOCIALE E FORMAZIONE DESTINAZIONE EUROPA IMPRESA FORMATIVA IMPRESA SOCIALE E FORMAZIONE Un modello economico, pedagogico e sociale di collaborazione tra pubblico e privato per lo sviluppo delle competenze di soggetti disegnati

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Impossibile visualizzare l'immagine. La memoria del computer potrebbe essere insufficiente per aprire l'immagine oppure l'immagine potrebbe essere danneggiata. Riavviare il computer e aprire di nuovo il

Dettagli

1. Le Amministrazioni Comunali dell Ambito distrettuale di Cremona (di seguito denominati Enti per la gestione

1. Le Amministrazioni Comunali dell Ambito distrettuale di Cremona (di seguito denominati Enti per la gestione REGOLAMENTO PER IL LIVELLO ASSOCIATO DELL AFFIDO FAMILIARE Articolo 1 - Oggetto 1. Le Amministrazioni Comunali dell Ambito distrettuale di Cremona (di seguito denominati Enti per la gestione associata

Dettagli

Area Persone con disabilità

Area Persone con disabilità Area Persone con disabilità Componente dell U. d. P. referente e responsabile d Area Nome e cognome Enrichetta La Ragione - Buono Rita - Samuele Guardascione Angela Ferrara Indirizzo e sede Via Vigna,

Dettagli

Guida alle strutture e ai servizi sociali della provincia di Rieti

Guida alle strutture e ai servizi sociali della provincia di Rieti P Guida alle strutture e ai servizi sociali della provincia di Rieti RESENTAZIONE Lavorare per incrementare i servizi sul territorio e rendere maggiormente fruibili quelli già esistenti. Con questo spirito

Dettagli

Regione Lazio. Tassonomia delle strutture e dei servizi sociali del Lazio. (Aggiornata al 30 giugno 2011)

Regione Lazio. Tassonomia delle strutture e dei servizi sociali del Lazio. (Aggiornata al 30 giugno 2011) Regione Lazio Tassonomia delle strutture e dei servizi sociali del Lazio (Aggiornata al 30 giugno 2011) Sommario Famiglia, Minori e giovani... 4 Servizi residenziali e semiresidenziali... 5 Servizi all'infanzia...

Dettagli

1) Ente proponente il progetto: UNA MANO PER TE SOCIETA COOPERATIVA SOCIALE ONLUS REGIONE PUGLIA

1) Ente proponente il progetto: UNA MANO PER TE SOCIETA COOPERATIVA SOCIALE ONLUS REGIONE PUGLIA Estratto scheda Progetto ENTE 1) Ente proponente il progetto: UNA MANO PER TE SOCIETA COOPERATIVA SOCIALE ONLUS 2) Codice di accreditamento: NZ04068 3) Albo e classe di iscrizione: REGIONE PUGLIA 4 CARATTERISTICHE

Dettagli

Progetto V.A.I. Valorizzazione Accoglienza Integrata. Guida ai servizi degli Enti aderenti alla Rete. Centro di Orientamento dell Alto Friuli

Progetto V.A.I. Valorizzazione Accoglienza Integrata. Guida ai servizi degli Enti aderenti alla Rete. Centro di Orientamento dell Alto Friuli Centro di Orientamento dell Alto Friuli Azienda per i Servizi Sanitari n. 3 Alto Friuli Distretto Socio-sanitario n. 1 Distretto Socio-sanitario n. 2 C.I.C. Centro Informazione e Consulenza Dipartimento

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 41 DEL 12-12-2003 REGIONE LAZIO

LEGGE REGIONALE N. 41 DEL 12-12-2003 REGIONE LAZIO LEGGE REGIONALE N. 41 DEL 12-12-2003 REGIONE LAZIO "Norme in materia di autorizzazione all'apertura ed al funzionamento di strutture che prestano servizi socio-assistenziali" Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE

Dettagli

EDUCATIVA TERRITORIALE

EDUCATIVA TERRITORIALE EDUCATIVA TERRITORIALE L attivazione di questo servizio è subordinata al finanziamento della L. 285/97 (Disposizioni per la promozione di diritti e opportunità per l infanzia e l adolescenza). DEFINIZIONE

Dettagli

C.I.S.A.P. Consorzio Intercomunale Servizi alla Persona Comuni di Collegno e Grugliasco

C.I.S.A.P. Consorzio Intercomunale Servizi alla Persona Comuni di Collegno e Grugliasco C.I.S.A.P. Consorzio Intercomunale Servizi alla Persona Comuni di Collegno e Grugliasco PROGETTO MINORI E LORO FAMIGLIE E PROGETTO ADULTI IN DIFFICOLTA LINEE GUIDA SULLA SPERIMENTAZIONE DI INTERVENTI DI

Dettagli

Presentazione. Il Presidente Rosario Zozzaro

Presentazione. Il Presidente Rosario Zozzaro Curriculum generale delle attività e dei servizi erogati dalla Cooperativa Sociale Arca di Noè Onlus dall agosto 1980 al 2014 Presentazione La Cooperativa Sociale Arca di Noè Onlus rappresenta una delle

Dettagli

il Presidente della Cooperativa I Percorsi Maurizio Cavalli

il Presidente della Cooperativa I Percorsi Maurizio Cavalli Cooperativa SoCiale i percorsi è importante costruire ponti, reti, sinergie, lavorare per la creazione di comunità locali nelle quali mettere sempre più al centro la persona, svantaggiata o meno, nuova

Dettagli

Cooperativa Sociale DOMUS COOP Via Jacopo Allegretti 14 47121 Forlì tel 0543-32852 fax 0543-20881 www.domuscoop.it

Cooperativa Sociale DOMUS COOP Via Jacopo Allegretti 14 47121 Forlì tel 0543-32852 fax 0543-20881 www.domuscoop.it Le Comunità in Area Minori Neomaggiorenni - Donne e Mamme in difficoltà Le nostre Comunità Educative Residenziali sono: - Comunità socio-educativa Casa Santa Chiara - Comunità per gestante e per madre

Dettagli

Curriculum Vitae Marco Cappuccio. 0952542635 marco.cappuccio@aspct.it. Data di nascita 03/12/1960 Nazionalità Italiana

Curriculum Vitae Marco Cappuccio. 0952542635 marco.cappuccio@aspct.it. Data di nascita 03/12/1960 Nazionalità Italiana INFORMAZIONI PERSONALI Marco Cappuccio 0952542635 marco.cappuccio@aspct.it Data di nascita 03/12/1960 Nazionalità Italiana POSIZIONE ATTUALE RICOPERTA ESPERIENZA PROFESSIONALE 05.11.93 a tuttoggi Azienda

Dettagli

SINTESI FILI D ARGENTO 5 Prov. ANCONA

SINTESI FILI D ARGENTO 5 Prov. ANCONA SINTESI FILI D ARGENTO 5 Prov. ANCONA CARATTERISTICHE PROGETTO 1) Titolo del progetto: FILI D ARGENTO 5 Prov. Ancona 2) Descrizione dell area di intervento: Il presente progetto intende promuovere azioni

Dettagli

Interventi Sociali anno 2010

Interventi Sociali anno 2010 Comune di Pesaro Assessorato Servizi Sociali Interventi Sociali anno 2010 Pesaro, 14 maggio 2011 Popolazione residente del Comune di Pesaro al 31/12/2010 fascia di età italiani % stranieri % totale 0-14

Dettagli

Curriculum Vitae Patrizia Quaini

Curriculum Vitae Patrizia Quaini INFORMAZIONI PERSONALI Patrizia Quaini Data di nascita15.07.66 ESPERIENZA PROFESSIONALE da Luglio 2013 (in corso) Contratto libero professionale Tutela Minori Associata Comune di Corsico, Comune di Buccinasco,

Dettagli

Adozione e Affidamento: storie di integrazione famigliare

Adozione e Affidamento: storie di integrazione famigliare Adozione e Affidamento: storie di integrazione famigliare Indice Affidamento familiare Più forme di accoglienza I veri protagonisti dell affidamento: i bambini La Famiglia del bambino La Famiglia affidataria

Dettagli

Titolo del Progetto. To Be HuMan Spazi per l infanzia - Supporto alla genitorialità. Sintesi

Titolo del Progetto. To Be HuMan Spazi per l infanzia - Supporto alla genitorialità. Sintesi Titolo del Progetto To Be HuMan Spazi per l infanzia - Supporto alla genitorialità Sintesi Il progetto To Be HuMan vuole contribuire al miglioramento dei servizi socio-assistenziali all interno del territorio

Dettagli

COOPERAZIONEFAMIGLIE

COOPERAZIONEFAMIGLIE COOPERAZIONEFAMIGLIE Chi siamo La Cooperativa Sociale CAF nasce nel 2011 a Romano di Lombardia ( BG ) dalla filiazione dell Associazione di Volontariato Sociale CAF Centro Aiuto Famiglia, sorta nel 1986,

Dettagli

SCHEDA TECNICA INT. 22 All. A/2

SCHEDA TECNICA INT. 22 All. A/2 COMUNE DI PALERMO Settore Servizi Socio-Assistenziali U.O. Attuazione e Gestione Piano Infanzia e Adolescenza SCHEDA TECNICA INT. 22 All. A/2 Titolo intervento Centro Aggregativo sovra circoscrizionale

Dettagli

Casa Bordino_Sede di Torino

Casa Bordino_Sede di Torino RELAZIONE ATTIVITA' - ANNO 2014 Casa Bordino_Sede di Torino Nel 2014 Casa Bordino ha continuato ad effettuare sul territorio interventi di aiuto concreto, diversificati nelle varie aree di supporto alle

Dettagli

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA Allegato alla delibera di C.C. n.32 dell 11/05/07 1 ART.1 (Definizione) Il Centro diurno per disabili

Dettagli

L AFFIDO: RISORSA PREZIOSA PER LA COMUNITA

L AFFIDO: RISORSA PREZIOSA PER LA COMUNITA L AFFIDO: RISORSA PREZIOSA PER LA COMUNITA Testi Barbara Raffaeli - Provincia di Rimini, Servizio Politiche Sociali Micaela Donnini e Tamara Zangheri - Azienda Usl di Rimini, S.S. Responsabilità genitoriale

Dettagli

ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI Ufficio di Piano di Zona VT4 rif. L.328/00 SERVIZI ISTITUZIONALI DISTRETTO VT4

ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI Ufficio di Piano di Zona VT4 rif. L.328/00 SERVIZI ISTITUZIONALI DISTRETTO VT4 SERVIZI ISTITUZIONALI DISTRETTO VT4 REPORT SERVIZIO DI PSICOLOGIA SERVIZIO SOCIALE PROFESSIONALE DISTRETTUALE UFFICIO DI PIANO VT4 Il Distretto dei Comuni VT4 ha progettato e realizzato un Servizio Sociale

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Gloria Anna Saracino 12/10/1956 Dirigente Psicologo ASL TA. 3384446283 gl.saracino@libero.it

CURRICULUM VITAE. Gloria Anna Saracino 12/10/1956 Dirigente Psicologo ASL TA. 3384446283 gl.saracino@libero.it CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Cognome Data di nascita Qualifica Professionale Amministrazione Incarico attuale servizio di afferenza Tel. Ufficio Cell. E-mail Gloria Anna Saracino 12/10/1956

Dettagli

Allegato A PROGETTO OPERATIVO C.S.E. VALUTARE PER VALORIZZARE: PER UNA MIGLIORE QUALITÀ DI VITA

Allegato A PROGETTO OPERATIVO C.S.E. VALUTARE PER VALORIZZARE: PER UNA MIGLIORE QUALITÀ DI VITA Allegato A PROGETTO OPERATIVO C.S.E. VALUTARE PER VALORIZZARE: PER UNA MIGLIORE QUALITÀ DI VITA PREMESSA 1. Normativa di riferimento La legge n. 328/00 enuncia all art. 14 le disposizioni per la realizzazione

Dettagli

Servizi Sociali COMUNE DI ALLUMIERE. Denominazione del Servizio Servizio Sociale Professionale Minori Famiglia Adulti - Disabili - Anziani

Servizi Sociali COMUNE DI ALLUMIERE. Denominazione del Servizio Servizio Sociale Professionale Minori Famiglia Adulti - Disabili - Anziani COMUNE DI ALLUMIERE Servizi Sociali CHE COSA E LA CARTA DEI SERVIZI SOCIALI DEL COMUNE DI ALLUMIERE La presente carta dei servizi sociali vuole essere uno strumento per i cittadini per conoscere gli elementi

Dettagli

C O M U N E D I D O L O Provincia di Venezia

C O M U N E D I D O L O Provincia di Venezia C O M U N E D I D O L O Provincia di Venezia Regolamento per l accesso e la gestione del Progetto Sociale Gruppo Appartamento Approvato con delibera C.C. n. 66 del 30.11.2010 - esecutivo INDICE Art. 1

Dettagli

sei stanco di continui bla bla bla? vieni al punto!

sei stanco di continui bla bla bla? vieni al punto! IIS Alessandrini sei stanco di continui bla bla bla? vieni al punto! IPS Lombardini (sezione associata) Le proposte di a ttivita e stage delle associazioni che aderiscono al Punto Scuola Volontariato di

Dettagli

MARGINALITÀ. Detenuti

MARGINALITÀ. Detenuti MARGINALITÀ 156 MARGINALITÀ Il Piano Zonale identifica fra i suoi obiettivi la necessità di intervenire nelle situazioni di povertà e di emarginazione, cercando di individuarne le cause e di contribuire

Dettagli

ASVAP Associazione Volontari aiuto Ammalati Psichici

ASVAP Associazione Volontari aiuto Ammalati Psichici ASVAP Associazione Volontari aiuto Ammalati Psichici Informazioni Accoglienza Condivisione Sostegno e...molto altro ancora! Via Giusti 12, Monza 039/2301658 volontari.asvap@gmail.com www.asvapbrianza.it

Dettagli

Che cosa è l Affidamento?

Che cosa è l Affidamento? Che cosa è l Affidamento? L affidamento,, diversamente dall adozione adozione, è l accoglienza temporanea nella propria casa di un bambino o di un ragazzo. A Torino esiste sin dal 1976,, a livello nazionale

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome DI DEO SILVANA Indirizzo 15/I, via S.Paolo, 66023, Francavilla al mare(ch) Telefono 328/0088830 Fax E-mail dideosilvana@gmail.com Nazionalità

Dettagli

una grande famiglia modulo 1-31gennaio 2009 La famiglia nel sistema locale dei servizi alla persona docente Gabriele Di Bucchianico

una grande famiglia modulo 1-31gennaio 2009 La famiglia nel sistema locale dei servizi alla persona docente Gabriele Di Bucchianico una grande famiglia Corso di Formazione Le risorse per il ben-essere della famiglia, tra servizi di assistenza, strumenti di tutela e opportunità di integrazione nella comunità modulo 1-31gennaio 2009

Dettagli