Fanno reddito le stalle da latte?

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Fanno reddito le stalle da latte?"

Transcript

1 Gli scenari attuali e la realtà economica delle stalle lombarde Fanno reddito le stalle da latte? Analisi di 70 bilanci SATA: quale strada verso la competizione europea? Venerdì 25 ottobre 2013 Fiera Internazionale del Bovino da Latte Cremona Dott. Michele Campiotti Tecnico Specialista Gestione Aziendale Ai dl ed Economia SATA ARAL Dott. Michele Campiotti Tecnico Specialista SATA

2 PROGETTO ECONOMIA 2012

3 Analisi di 70 bilanci su oltre 100 adesioni al Progetto Economia Innanzitutto GRAZIE alle aziende che hanno intrapreso questo lavoro, aderendo al progetto economia Fanno un lavoro utile prima di tutto a loro ed alle loro aziende, in secondo luogo a tutto il settore Grazie a SMEA (Alta Scuola di Management ed Economia Agroalimentare - UCSC Piacenza) per la preziosa collaborazione. Cercheremo comunque di coinvolgere sempre più allevatori in questo prezioso lavoro in cui crediamo molto

4 Partiamo dall azienda d media Dall analisi analisi dei 70 bilanci viene fuori un azienda media 2012 da cui possiamo partire per la spiegazione dei dati di bilancio Poi guarderemo la variabilità dei centri di costo delle varie aziende Infine la variabilità della loro redditività

5 Il campione di 70 aziende per vacc ca enduto p l'anno latte ve al Q.li l Q.li latte venduto per vacca vs N vacche adulte 120,00 110,00 100,00 90,00 80,00 70,00 60, N Vacche adulte allevate Un gruppo di aziende speciali

6 Azienda media del campione RIEPILOGO 2012 Azienda Media ( di 70 totali) VACCHE ALLEVATE 159 x capo LATTE VENDUTO Q.li Totale ,0 HA COLTIVATI 65 di cui HA di PROPRIETA' 32 49,1% UL TOTALI 4,2 di cui UL AGRICOLE 1,7 40,0% UL FAMILIARI 2,2 51,8%

7 Ttt Tutte le entrate t dell azienda d media Altre vendite 1,79 3,24% PAC e Contributi 3,67 6,66% Composizione della PLV Gestione Scorte 0,53 0,96% Vendite animali 3,63 6,58% LATTE ricavi 45,53 82,56% RICAVO DAL LATTE + IVA + PREMI 45,53 ALTRE ENTRATE 9,55 RICAVI TOTALI PER Q.le di LATTE 55,08 RICAVI TOTALI

8 Tutte le uscite dell azienda media Composizione dei costi Q.le latte AMMORTAMENTI; 4,56 ; 8,6% AFFITTI; 1,87 ; 3,5% ACQUISTO ANIMALI; 0,50 ; 0,9% SERVIZI E CONTABILITA'; 132 1,32 ; 25% 2,5% GASOLIO; 2,44 ; 4,6% MANUTENZIONE MEZZI AGRICOLI; 1,55 ; 2,9% BANCA; 1,54 ; 2,9% IVA E TASSE; 1,56 ; 2,9% ALIMENTI ACQUISTATI; 18,01 ; 34,0% ASSICURAZIONI; 0,55 ; 1,0% MANODOPERA STALLA + AGRICOLTURA; 8,44 ; 16,0% STALLA; 4,74 ; 9,0% AGRICOLTURA; 4,56 ; 8,6% COSTI TOTALI PER Q.le DI LATTE 52,48 SOMMA TOTALE DEI COSTI MEDICINALI; 1,27 ; 2,4%

9 Riepilogo bilancio azienda media 1 RICAVO DAL LATTE + IVA + PREMI 45,53 ALTRE ENTRATE 9,55 2 RICAVI TOTALI PER Q.le di LATTE 55,08 RICAVI TOTALI COSTI TOTALI PER Q.le DI LATTE 52,48 SOMMA TOTALE DEI COSTI REDDITO NETTO PERQ.le DI LATTE 259 2,59 REDDITO NETTO TOTALE Cos altro dobbiamo togliere?

10 Reddito netto vs Utile netto: Reddito Netto: ciò che spetta all imprenditore concreto: (Nella maggior parte dei casi comprende, lavoro familiare, beneficio fondiario, interessi sul capitale agrario e di anticipazione) Utile Netto: ciò che spetta all imprenditore teorico: (ciò che rimane dopo avere remunerato tutti i fattori produttivi apportati dall imprenditore concreto) Dott. Michele Campiotti Tecnico Specialista SATA

11 Riepilogo bilancio azienda media 1 RICAVO DAL LATTE + IVA + PREMI 45,53 ALTRE ENTRATE 9,55 2 RICAVI TOTALI PER Q.le di LATTE 55,08 RICAVI TOTALI In sintesi, dopo aver stimato la remunerazione di tutti i fattori produttivi 3 icosti apportati TOTALI dall imprenditore, PER Q.le DI di LATTE per come è stato fatto 52,48 il bilancio dell azienda SOMMA TOTALE media DEI e per COSTI le approssimazioni che contiene, si potrebbe considerare un bilancio sostanzialmente 4 REDDITO NETTO PERQ.le DI LATTE 259 2,59 REDDITO con un NETTO Utile TOTALE Netto vicino allo zero StimaBeneficio fondiario Stima interessi sul capitale agrario e di antic UTILE NETTO PER Q.le DI LATTE 0,55 UTILE NETTO TOTALE 7.642

12 Domanda: Esiste l azienda media? L azienda Lazienda media non esiste! Nessuno di noi è la media

13 Analizziamo la variabilità dei vari dati: campione, entrate e centri costo Nota bene: le aziende, nei grafici che vedremo, sono rappresentate in ordine di redditività: utile netto per vacca allevata l azienda N 1 sarà sempre quella che risulta avere un utile netto per vacca superiore Gestione Aziendale ed Economia Dott. Michele Campiotti Tecnico Specialista SATA

14 Variabilità dei centri di costo CENTRO DI COSTO MEDIA SERVIZI E CONTABILITA' 1,32 ALIMENTI ACQUISTATI 18,01 STALLA 4,74 MEDICINALI 1,27 AGRICOLTURA 4,56 MANODOPERA TOTALE 8,44 ASSICURAZIONI 0,55 IVA E TASSE 156 1,56 BANCA 1,54 MANUTENZIONE MEZZI AGRICOLI 1,55 GASOLIO 244 2,44 TOT. AMMORTAMENTI 4,41 TOT. AFFITTI 1,72 ACQUISTO ANIMALI 0,41 Costo Q.le latte ( /q) 52,48 Costo netto Q.le latte ( /q) - (ULS+PAC) 42,94 %su COSTI TOTALI DEV.ST. MIN. MAX. Coeff.Var. 2,5% 0,74 0,36 2,93 34,3% 3,18 13,30 26,71 9,0% 2,00 1,91 9,12 2,4% 0,61 0,22 4,09 8,7% 1,98 1,17 11,11 16,1% 2,34 4,07 15,92 1,1% 0,47 0,03 2,44 3,0% 0,99 0,08 4,23 2,9% 1,31 0,05 5,50 2,9% 1,24 0,12 6,73 47% 4,7% 087 0, , ,54 8,4% 3,06 0,22 17,37 3,3% 1,48 5,64, 0,8% 1,40 7,07 100,0% 6,90 40,63 73,35 81,8% 5,58 32,14 60,31 55,7% 17,6% 42,1% 48,2% 43,3% 27,7% 85,2% 63,3% 3% 85,2% 80,2% 35,6% 69,3% 85,7% 343,7% 13,1% 13,0%

15 Variabilità dei ricavi RICAVI /q latte LATTE ricavi 45,53 Vendite anim ali 3,63 Altre vendite 1,79 PAC e Contributi 3,67 Gestione Scorte 0,53 TOTALE RICAVI 55,08 % su MEDIA TOTALE DEV.ST. MIN. MAX. Coeff.Var. RICAVI 82,7% 4,59 39,54 61,98 10,1% 6,6% 1,40 1,29 8,15 38,5% 3,2% 2,42 9,15 6,7% 2,17 10,17 59,2% 1,0% 1,23 1,06 4,93 100,0% 0% 6,45 44,84 72,81 11,7% 135,6% 231,8%

16 ALIMENTI ACQUISTATI (euro\q.le latte) mangimi, integratori, fieni acquistati, ecc CENTRO DI COSTO MEDIA % su COSTI TOT. DEV.ST. MIN. MAX. Coeff.Var. ALIMENTI ACQUISTATI 18,01 34,3% 3,18 13,30 26,71 17,6%

17 Eur ro per Q.le di latte 28,00 26,00 24,00 22,00 20,00 18,00 16,00 14,00 12,00 ALIMENTI ACQUISTATI vs Ha SAU per Vacca R² = 0, ,00 0,00 0,20 0,40 0,60 0,80 1,00 1,20 Ettari di SAU per Vacca Serie1 Lineare (Serie1)

18 5 5 GASOLIO (euro per q.le latte) gasolio agricolo, sia per l'utilizzo di unifeed, che dei mezzi agricoli 4,3 4,5 4 4,0 3,9 4,0 4, ,8 2,7 2,5 1,9 1,9 1,0 1,5 2,0 1,4 3,0 3,0 2,3 2,0 3,0 2,3 2,1 1,7 1,5 2,0 3,2 3,4 1,1 1,1 1,6 2,6 2,5 3,3 31 3,1 3,4 3,2 3,2 3,0 1,9 1,3 2,5 1,9 1,8 3,2 2,9 2,7 2,5 2,5 2,1 2,4 2,4 2,4 2,3 2,2 2,0 1,9 0,9 0,9 1,8 3,5 3,5 0,5 CENTRO DI COSTO MEDIA % su COSTI TOT. DEV.ST. MIN. MAX. Coeff.Var. GASOLIO 2,44 4,7% 0,87 0,51 4,54 35,6% ,9 2,2 1,6 31 3,1 2,5 3,0 1,5 2,1 Serie1

19 12 AGRICOLTURA (euro\q.le latte) sementi, concimazioni, diserbanti, insetticidi, ecc. 11,1 10 9, ,4 8,3 8,0 75 7,5 6,4 6,2 6,4 6,5 6,7 6,7 6,9 6,9 6,4 6, ,6 5,5 5,25,1 5,2 5,1 5,1 52 5,2 4,7 4,9 5,1 4,8 4,8 4,3 4,4 4,4 4,6 4,3 4,4 4,2 4,24,2 3,9 4,0 4,1 4,2 3,4 3,5 3,6 3,7 3,8 3,4 3,4 30 3, ,1 2,5 2,6 2,9 2,8 2,9 2,9 3,0 2,3 2,1 2,0 2,0 1,7 1,8 1,3 1,2 CENTRO DI COSTO 1,4 MEDIA % su COSTI TOT. DEV.ST. MIN. MAX. Coeff.Var. AGRICOLTURA 4,56 8,7% 1,98 1,17 11,11 43,3% ,8 3,2 5,8 Serie1

20 8 MANUTENZIONE MEZZI AGR. (euro per q.le latte) mezzi per la conduzione dei campi: trattori, falciatrici, seminatrici, ,5 6,7 6 5 CENTRO DI COSTO MEDIA % su COSTI TOT. DEV.ST. MIN. MAX. Coeff.Var. MANUTENZIONE MEZZI AGRICOLI 1,55 2,9% 1,24 0,12 6,73 80,2% 4, ,2 1,6 1,5 1,4 1,31,2 1,0 0,7 0,8 2,4 3,8 21 2,1 1,6 1,4 1,1 1,6 1,2 1,2 1,6 1,1 0,9 0,2 0,3 1,8 1,2 0,9 1,5 2,2 0,5 3,2 1,3 1, 1,0 0,6 2,6 2,7 2,3 1,1,1 0,6 0,7 0,1 0,3 0,2 0,2 0,2 3,0 1,3 1,5 1,6 1,7 1,4 1,1 1,1 19 1,9 2,0 0,5 1,3 1,1 2,9 3,0 1,5 1,6 1,2 03 0,3 0,3 03 0, Serie1

21 18 16 MANODOPERA TOT. dip.+ fam.(euro\q.le latte) Stipendi, contributi e benefit manodopera stalla e agricoltura 15, ,0 13, ,5 8,2 10,0 8,9 8,7 8,8 8,5 6,2 6,3 10,3 10,0 7,5 8,0 8,1 6,9 6,8 9,3 80 8,0 8,6 7,1 11,7 11,9 11,8 11,0 10,5 10,3 9,7 80 8,0 9,1 9,1 9,5 8,6 7,6 7,0 7,2 7,2 7,1 5,7 6,2 5,3 5,7 5,6 4,1 4,1 4,1 6,2 10,3 9,7 6,6 7,0 8,8 8,2 11,2 10,9 9,0 9,49,6 9,3 6,5 11,0 10,4 8,2 5,0 5,3 8,3 7,7 5,0 Serie1 2 CENTRO DI COSTO MEDIA % su COSTI TOT. DEV.ST. MIN. MAX. Coeff.Var. MANODOPERA TOTALE 8,44 16,1% 2,34 4,07 15,92 27,7%

22 AFFITTI TOT. (euro per q.le latte) 6,0 5,5 CENTRO DI COSTO MEDIA % su COSTI TOT. DEV.ST. MIN. MAX. Coeff.Var. TOT. AFFITTI 1,72 3,3% 1,48 5,64 85,7% 5,0 AFFITTOFABBRICATI FABBRICATI AFFITTO TERRENI 4,5 AFFITTO QUOTE LATTE 4,0 3,5 3,0 2,5 2,0 1,5 1,0 0,

23 18 16 AMMORTAMENTI TOT. (euro per q.le latte) CENTRO DI COSTO MEDIA % su COSTI TOT. DEV.ST. MIN. MAX. Coeff.Var. TOT. AMMORTAMENTI 4,41 8,4% 3,06 0,22 17,37 69,3% 14 AMMORTAMENTO QUOTELATTE AMMORTAMENTO FABBRICATI AGRICOLI AMMORTAMENTO MACCHINARI AGRICOLI AMMORTAMENTO MACCHINARI STALLA

24 45 Stima incidenzacosti costi alimentaritotali totali (euro per q.le latte) alimenti acquistati + gasolio 50% + agricoltura + manut. macchinari agricoli + affitto terreni + ammortamento macchinari agricoli altre vendite agricole = CENTRO DI COSTOcosti MEDIA alimentari DEV.ST. totali MIN. MAX. Coeff.Var. Incidenza Alimentare Q.le latte 31,43 3,81 24,87 41,94 12,1%

25 INCIDENZA COSTI TOTALI DI ALIMENTAZIONE (euro per q.le latte) 80% 75% Incidenza costi alimentazione su totale costi Incidenza costi alimentazione su totale fatturato 70% 65% 60% 55% 50% 45% 40% 35% 30% 25% CENTRO DI COSTO MEDIA DEV.ST. MIN. MAX. Coeff.Var. Incidenza alim su costi 58,2% 7,7% 35,1% 73,5% 13,3% 20%

26 STALLA (euro\q.lelatte) latte) mungitura e detergenti: biocidi, filtri, lettiera, fecondazioni, costi stalla 8,7 8,8 8,8 7,6 6,4 6,5 9,1 9,1 8,5 8,1 82 8,2 7,9 6,9 7,0 6, ,0 4,8 4,3 41 4,1 2,4 2,2 2,1 41 4,1 5,6 3,2 3,3 3,1 4,4 4,0 3,8 4,3 3,8 3,6 3,3 3,2 2,5 5,3 4,9 4,9 2,0 2,4 3,0 3,7 2,7 5,7 4,6 21 2,1 21 2,1 5,4 41 4,1 3,5 3,9 3,2 2,8 5,6 5,7 1,9 5,6 4,2 3,5 4,4 4,8 2,6 2,3 5,3 5,1 5,2 5,4 5,0 5,6 Serie1 1 CENTRO DI COSTO MEDIA % su COSTI TOT. DEV.ST. MIN. MAX. Coeff.Var. STALLA 4,74 9,0% 2,00 1,91 9,12 42,1%

27 300 MEDICINALI (euro per vacca presente all'anno) Tutti i medicinali, vaccinazioni, costi sincronizzazione ecc , ,2 194,6 182,2 183,6 182,1 175,3 168,9 164,2 156,7 163,0 159,9 153,5 150,1 153,8 142,2 140,4 142,7 140,7 132,2 135,1 135,0 128, ,8 127,6 128,9 130,3 130,4 103,8 131,8 112,3 104,3 95,3 103,0 99,7 97,4 100,6 87,0 92,7 76,1 83,1 90,7 93,9 87,0 79,2 79,4 82,7 80,7 78,6 73,3 3 68,8 70,5 71,9 75,4 64,2 64,9 65,7 69,5 59,1 68,7 53,0 54,2 54,9 48,9 44,6 47,9 36,8 40,3 % su COSTI CENTRO DI COSTO MEDIA DEV.ST. MIN. MAX. Coeff.Var. TOT. 15,2 Costo medicinali per vacca 109,94 2,4% 48,36 15,19 243,17 44,0% Costo medicinali per q.le di latte , ,4% , , ,09 48,2% ,1

28 80 RICAVI TOTALI (euro per q.le latte) Gestione Scorte per Q.le latte PAC e Contributi per Q.le latte Altre vendite per Q.le Ql latte ltt Vendite animali per Q.le latte LATTE ricavi per Q.le latte CENTRO DI COSTO MEDIA DEV.ST. MIN. MAX. Coeff.Var. TOT RICAVI PER Q.Le LATTE 55,08 6,5 44,8 72,8 11,8% TOT. AFFITTI TOT. AMMORTAMENTI ACQUISTO ANIMALI GASOLIO BANCA IVA E TASSE ASSICURAZIONI MEDICINALI STALLA SERVIZI E CONTABILITA' MANUT. MEZZI AGR. AGRICOLTURA MANODOPERA ALIMENTI ACQUISTATI composizione costi(euro per q.le latte) CENTRO DI COSTO MEDIA DEV.ST. MIN. MAX. Coeff.Var. Dott. Dott. Michele Campiotti Tecnico Specialista SATA COSTO Settore lordo Gestione Q.le LATTE Aziendale ed Economia 52,48 6,9 40,6 73,4 13,1%

29 Costo produzione latte netto ( qledi q.le latte) ,8 41,6 40,3 36,0 34,2 34,8 35,8 36,5 40,835,237,1 32,1 55,5 35,7 36,3 43,2 36,6 38,7 43,7 37,2 36,3 40,0 40,9 COSTO NETTO Q.LE LATTE (euro per q.le latte) 45,8 46,2 46,7 37,7 38,9 43,3 39,5 51,5 49,2 45,2 45,6 46,0 44,9 41,5 42,8 41,7 41,1 41,5 40,939,539,0 41,8 41,9 41,6 52,2 48,2 36,2 46,6 44,8 42,6 41,6 42,1 41,6 39,6 51,6 45,9 47,547,347,1 49,2 48,2 46,2 45,4 46,4 47,7 55,6 60, Costo di produzione del latte al netto di tutte le altre entrate CENTRO DI COSTO MEDIA DEV.ST. MIN. MAX. Coeff.Var. Costo produzione netto Q.le latte 42,94 5,6 32,1 60,3 13,0%

30 Dati Sata con AndamentoCosti produzione e Ricavi Latte Euro per q.le di latte (*) 1 anno Progetto Economia (70 aziende) (*) Prezzo latte (con IVA e premi) Costo lordo q.le latte

31 Reddito Netto: all anno anno per vacca allevata Reddito netto (euro per vacca allevata) 1.453, , , ,7 910,0 674,2 947,2 704,2 765,1 631,7 654,1 482,7 405,5 637,3 649,9 544,0 622,5 409,6 596,1 521,9 357,5 431,7 386,3 382,3 273,8 344,5 515,9 253,4 264,2 364,5 320,2 341,2 272,2 236,2 308,6 290,3 162,295,7 135,6 144,8 173,2 136,7 56,6 444,0 339,6 263,6 70,0 10,3 39,2 52,2 26,7 103,9 138,2 187,0 109,4 57,0 95,2 5,5 57,1 85,1 214,9 175,7 269,1 363,6 330,7 295,0 413, ,7 951, , aziende su 70 in area negativa

32 Utile netto: all anno anno per vacca allevata Utile netto (euro per vacca allevata) Bilancio MEDIA DEV.ST. MIN. MAX Utile Netto per vacca 55,78 477, , , aziende su 70 in area negativa (vs 50%)

33 Utile Netto: % del fatturato totale 0 Utile netto (% del fatturato totale) 0 20% 16% 16% 0 14% 15% 12% 13% 11% 8% 10% 6% 9% 9% 7% 9% 8%7% 5% 8% 6% 5% 4%5% 4% 4% 3% 2% 2% 3% 2% 1% 1% 1% 1% 1% 0% 1% 1% 1% 1% 2% 2% 3% 3% 3% 3% 4% 4% 5% 5% 5% 6% 6% 5% 6% 0 6% 6% 9% 6% 8% 9% 10% 12% 11% 14% 12% 14% 0 18% 0 Bilancio MEDIA DEV.ST. MIN. MAX. % Utile sui Ricavi totali 0,6% 9,9% 31,5% 19,6% 28% 31% aziende su 70 in area negativa (vs 50%)

34 Utile netto senza PAC e contributi: all anno per vacca allevata Utile netto senza PAC e contributi (euro per vacca allevata) ,0 669, ,2 457,1 419,0 300,9 399,5 257,0 293,6 38,0 175,8 15,0 162,1 131,4 237,8 79,7 21,2 20,4 1,8 239,0 36,8 57,5 286,8 98,0 95,0 125,1 104,8 117,2 175,9 385,6 55,653,0 123,1 220,7 209,9 188,3 290,8 135,1 377,4 355,3 448,7 424,4 317,8 312,1 935,5 340,5 405,4 468,2 450,2 187,0 190,4 385,9 513,4 789,8 606,4 603, , ,0 657,1 704,2 781,2 464,0 568,0 693,3 611,7 911, , , , , aziende su 70 in area negativa (vs 70%)

35 Utile netto + 2 euro per q.le di latte: all anno per vacca allevata Utile netto + 2 euro q.le (euro per vacca allevata) 1.517, ,4 941,4 977,0 838,9 804,3 844,9 923,6 866,0 729,5 774,2 649,3 530,9 642,8 579,7 627,8 631,1604,7 505,9 511,2 481,9 508,5 485,9 428,8 466,9 434,9 298,2 343,6 382,6 344,8 243,5 255,3 262,6 234,9 239,7 147,5 163,1 258,6 172,0 213,5 112,7 121,8 96,617,9 28,1 5,0 128,5 102,0 0 5,6 5,2 2,0 34,4 35,6 57,9 93,5 81,0 92,1 156,4 166,9 197,8 238,3 267,9 348,8 306,9 373,7 396, aziende su 70 in area negativa (vs 30%) 577,3 616, , ,7

36 CHE COSA SPIEGA QUESTE DIFFERENZE (1)? Utilenetto pervacca vs dimensioneaziendale 1.500,00 Ut tile netto per vac cca (euro o) 1.000,00 500,00 500, ,00 R² = 0,0913 Serie1 Lineare (Serie1) 1.500, N vacche adulte allevate

37 CHE COSA SPIEGA QUESTE DIFFERENZE (2)? Ut tile netto per vac cca (euro o) 1.500, ,00 500,00 500, ,00 Utile netto per vacca vs ha di SAU per vacca R² = 0,0001 Serie1 Lineare (Serie1) 1.500,00 0,00 0,20 0,40 0,60 0,80 1,00 1,20 ha di SAU per vacca allevata

38 CHE COSA SPIEGA QUESTE DIFFERENZE (3)? 1.500,00 Utile netto per vacca vs % manodopera familiare Ut ile netto per vac cca (euro o) 1.000,00 500,00 500, ,00 R² = 0,0285 Serie1 Lineare (Serie1) 1.500,00 0% 20% 40% 60% 80% 100% 120% % di manodopera familiare

39 CHE COSA SPIEGA QUESTE DIFFERENZE (4)? 1.500,00 Utile netto per vacca vs IGS Uti ile netto per vac cca (euro o) 1.000,00 500,00 500, ,00 R² = 0, , , , , , , , , , ,00 IGS

40 CHE COSA SPIEGA QUESTE DIFFERENZE (5)? Utilenetto per vacca vs ricavo totale per vacca 1.500,00 tile netto per vac cca (euro o) 1.000,00 500,00 500, ,00 R² = 0,1673 Serie1 Lineare (Serie1) U 1.500, , , , , , , ,00 Ricavo totale per vacca

41 CHE COSA SPIEGA QUESTE DIFFERENZE (6)? 1.500,00 Utile netto per vacca vs costo q.le latte Ut ile netto per vac cca (eur o) 1.000,00 500,00 500, ,00 R² = 0,4021 Serie1 Lineare (Serie1) 1.500,00 30, ,00 40, ,00 50, ,00 60, ,00 Costo produzione qle latte

42 UN IPOTESI DI CONFRONTO Possibili obbiettivi: Ricavi e Costo di Produzione COSTO FATTURATO 70 BILANCI SATA lordo Stima Utile netto totale per LOMBARDI vacca/anno produzione per vacca all'anno Q.le latte MEDIA CAMPIONE a pareggio obbiettivo 75 %tile eccellenza 90 %tile Costi e Ricavi Guardarli sempre insieme!

43 Il Progetto Economia continua: Miglioramento Analisi economica sviluppata nel 2013 Stiamo elaborando anche lo stato patrimoniale necessario per una valutazione economica completa Valuteremo quindi capitale agrario e fondiario, capitale proprio e di terzi Abbiamo sviluppato diversi indici di competitività degli allevamenti Svilupperemo anche un foglio di dialogo verso le banche Stiamo trascrivendo Sata con in un programma compilato per pc e ipad Dott. Michele Campiotti Tecnico Specialista SATA

44 Sulla situazione economica allevamenti (1/4) Rispetto a trent anni fa lo scenario è totalmente cambiato Le aziende da latte non hanno più la redditività di allora ed i costi di produzione sono cresciuti molto più dei ricavi Prendiamo però atto che per alcune aziende esiste ancora oggi una redditività Dott. Michele Campiotti Tecnico Specialista SATA

45 Sulla situazione economica allevamenti (2/4) Abbiamo visto come alcune affermazioni 'classiche non bastano più a spiegare tutte le differenze. Le differenze sono nascoste nella gestione economica, finanziaria e monetaria a breve e a lungo termine delle singole aziende Si può lavorare su questi fattori solo se ci sono dati economici di qualità all'interno della singola azienda, tracciati per più anni. Dott. Michele Campiotti Tecnico Specialista SATA

46 Sulla situazione economica allevamenti (3/4) Aziende che hanno intrapreso un percorso di formazione economica possono guardare più tranquilli alla loro medesima situazione, solo perché avendone piena coscienza hanno pianificato pa le azioni da intraprendere. tape dee Il bilancio, che nelle aziende agricole italiane non è obbligatorio, è diventato "obbligatorio nei fatti" per riuscire a gestire l'azienda comprendendone i segretieconomici economici a fondo. Dott. Michele Campiotti Tecnico Specialista SATA

47 Sulla situazione economica allevamenti (4/4) Nella competizione europea che ci attende, è assolutamente necessario che tutte le nostre aziende, che già hanno fatto e stanno facendo un buon cammino tecnico, siano in grado di avere totale chiarezza della loro situazione economica, finanziaria e monetaria, per pianificare le loro scelte e navigare con mezzi adeguati anche in acque agitate. Dott. Michele Campiotti Tecnico Specialista SATA

48 L apporto del SATA In questi anni l esperienza del SATA presente in modo omogeneo sul territorio ha tracciato una strada tecnica insieme agli allevatori lombardi Dalla collaborazione con gli allevatori e gli enti di ricerca nazionali ed internazionali, si è costituita un esperienza professionale di valore da cui nasce una proposta per gli anni futuri L esperienza Lesperienza in atto ci fa guardare infatti ai prossimi appuntamenti potendo contare sulla consistenza delle nostre aziende, pronti alla competizione europea, coscienti dei nostri punti di forza in un percorso di continuo miglioramento. Dott. Michele Campiotti Tecnico Specialista SATA

49 Grazie! Dott. Michele Campiotti Tecnico Specialista SATA

IL BILANCIO AZIENDALE. come strumento strategico decisionale

IL BILANCIO AZIENDALE. come strumento strategico decisionale IL BILANCIO AZIENDALE come strumento strategico decisionale Il bilancio fornisce un quadro della situazione economica, finanziaria e patrimoniale dell'azienda È strumento di comunicazione, interna ed esterna,

Dettagli

CASO DI STUDIO. La AG ha finanziato gli acquisti suddetti ricorrendo ad un mutuo per complessive 550 mila e per il resto ad indebitamento bancario.

CASO DI STUDIO. La AG ha finanziato gli acquisti suddetti ricorrendo ad un mutuo per complessive 550 mila e per il resto ad indebitamento bancario. CASO DI STUDIO La società AG è stata costituita il 2 gennaio 2010, con capitale sociale di L. 400 mila euro interamente sottoscritto dalla holding del gruppo Aldegheri, operante nel settore agro-alimentare.

Dettagli

S.A.T.A. I CAMBIAMENTI CHE IL FUTURO IMPONE AI PRODUTTORI UNA SFIDA CHE NON VA SUBITA

S.A.T.A. I CAMBIAMENTI CHE IL FUTURO IMPONE AI PRODUTTORI UNA SFIDA CHE NON VA SUBITA I CAMBIAMENTI CHE IL FUTURO IMPONE AI PRODUTTORI UNA SFIDA CHE NON VA SUBITA Perché sfida? Vediamo la variazione di alcuni PREZZI VARIAZIONE PREZZI in Lire Dic. 1980 Gen. 2010 2010/1980 caffè espresso

Dettagli

Oggetto: Bando per la ristrutturazione e l ammodernamento del settore agricolo PIANO DI SVILUPPO AZIENDALE/BUSINESS PLAN

Oggetto: Bando per la ristrutturazione e l ammodernamento del settore agricolo PIANO DI SVILUPPO AZIENDALE/BUSINESS PLAN COMUNE DI VIGGIANO Provincia di Potenza ALL. 3 Piano di Sviluppo aziendale / Business Plan Oggetto: Bando per la ristrutturazione e l ammodernamento del settore agricolo PIANO DI SVILUPPO AZIENDALE/BUSINESS

Dettagli

AL SETTORE LAVORI PUBBLICI UFFICIO AGRICOLTURA

AL SETTORE LAVORI PUBBLICI UFFICIO AGRICOLTURA COMUNE DI Prot. n. Data di presentazione AL SETTORE LAVORI PUBBLICI UFFICIO AGRICOLTURA OGGETTO: D. Legislativi n. 99 del 29/3/2004 e n. 101/05 Domanda di accertamento del possesso dei requisiti di Imprenditore

Dettagli

BILANCIO AZIENDALE. frumento. 6,5 ha frumento CALCOLO DEL FIENO NORMALE (FN) PRODOTTO IN AZIENDA E DELLA PLV-CEREALI. Produzione Totale (q)

BILANCIO AZIENDALE. frumento. 6,5 ha frumento CALCOLO DEL FIENO NORMALE (FN) PRODOTTO IN AZIENDA E DELLA PLV-CEREALI. Produzione Totale (q) BILANCIO AZIENDALE Calcolare il beneficio fondiario (Bf) di un azienda agraria cerealicola-zootecnica, ordinaria, avendo a disposizione i seguenti dati: - Superficie totale 40 ha; superficie improduttiva

Dettagli

Seconda prova. a) Descrizione dell azienda

Seconda prova. a) Descrizione dell azienda Seconda prova Il candidato, con dati verosimiglianti, elabori il bilancio di previsione di un'azienda agraria ad ordinamento foraggero-zootecnico di media estensione e condotta in economia con salariati.

Dettagli

IL BILANCIO DI ESERCIZIO

IL BILANCIO DI ESERCIZIO IL BILANCIO DI ESERCIZIO Mette in evidenza il risultato della gestione annuale e deriva dal sistema contabile il cui scopo è la registrazione di tutti i fatti gestionali che hanno effetti sulle variazioni

Dettagli

Allegato B) al Decreto dell Assessore dell Agricoltura n. 368/DecA/26 del 14.03.2012 -

Allegato B) al Decreto dell Assessore dell Agricoltura n. 368/DecA/26 del 14.03.2012 - Allegato B) al Decreto dell Assessore dell Agricoltura n. 368/DecA/26 del 14.03.2012 - PIANO DI SVILUPPO AZIENDALE E BUSINESS PLAN 1 PARTE DESCRITTIVA A DESCRIZIONE DELL IMPRESA Presentazione dell'impresa

Dettagli

ECONOMIA DEL BESTIAME

ECONOMIA DEL BESTIAME CORSO DI PREPARAZIONE AGLI ESAMI DI ABILITAZIONE PER AGROTECNICO E AGROTECNICO LAUREATO ECONOMIA DEL BESTIAME Docente: Dott. Agr. FRUCI ANTONIO Sezione 2011 Sede di BRIATICO (VV) ECONOMIA DEL BESTIAME

Dettagli

Valutare la redditività di un investimento in stalla

Valutare la redditività di un investimento in stalla EFFETTUARE UN ACQUISTO: DATI ECONOMICI E TECNICI DA ANALIZZARE Valutare la redditività di un investimento in stalla di Michele Campiotti Sul Supplemento a L Informatore Agrario n. 6/25 a pag. 9 abbiamo

Dettagli

AVVERTENZE NELL USO DEI DATI

AVVERTENZE NELL USO DEI DATI AVVERTENZE NELL USO DEI DATI 1. L organizzazione generale dei dati I risultati delle rilevazioni sono organizzati in due serie: i costi di produzione veri e propri e le schede produttive. 1.1. I dati sui

Dettagli

La longevità della vacca da latte è sufficiente per fare reddito?

La longevità della vacca da latte è sufficiente per fare reddito? INCONTRI ZOOTECNICI DAL 3 PARTO IN POI: ELIMINAZIONE DELLE VACCHE E IMPLICAZIONI ECONOMICHE La longevità della vacca da latte è sufficiente per fare reddito? Negli ultimi anni si parla con maggior insistenza

Dettagli

STRUTTURA PIANO AGRICOLO AZIENDALE ENTE PARCO REGIONALE DEL CONERO. Via Peschiera 30a 60020 SIROLO (AN)

STRUTTURA PIANO AGRICOLO AZIENDALE ENTE PARCO REGIONALE DEL CONERO. Via Peschiera 30a 60020 SIROLO (AN) STRUTTURA PIANO AGRICOLO AZIENDALE ALLEGATO F ENTE PARCO REGIONALE DEL CONERO Via Peschiera 30a 60020 SIROLO (AN) TEL. 071.9331161 FAX. 071.9330376 Ufficio Urbanistico e Territoriale e-mail: urbanistica@parcodelconero.eu

Dettagli

Tare pro- tare impro- Ripartizione SAU. produzione unitaria

Tare pro- tare impro- Ripartizione SAU. produzione unitaria La superficie catastale di un'azienda ad indirizzo cerealicolo-zootecnico con allevamento di bovini da latte, è pari a ettari 50.75.25 completamente destinati a seminativo e foraggere. Il candidato, descritta

Dettagli

OGGETTO: Decreto legislativo 29 marzo 2004, n.102 e succ. modifiche con D.lgs. n.82/2008. Istanza di ammissione ai benefici di legge.

OGGETTO: Decreto legislativo 29 marzo 2004, n.102 e succ. modifiche con D.lgs. n.82/2008. Istanza di ammissione ai benefici di legge. Modello n. 4 Spett PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE AGRICOLTURA ED EXPO VIA F.LLI CALVI 10 24100 BERGAMO OGGETTO: Decreto legislativo 29 marzo 2004, n.102 e succ. modifiche con D.lgs. n.82/2008. Istanza di

Dettagli

Costi di produzione, prezzo del latte

Costi di produzione, prezzo del latte ASSEMBLEA APROLAV (TREVISO) 21 MAGGIO 2014 Costi di produzione, prezzo del latte Alberto Menghi (a.menghi@crpa.it) Centro Ricerche Produzioni Animali Desideria Scilla A.Pro.La.V. Le domande Il prezzo del

Dettagli

N. posizione INPS (ex SCAU)... Data Iscrizione... titolo di studio posseduto... attività agricola svolta dal...

N. posizione INPS (ex SCAU)... Data Iscrizione... titolo di studio posseduto... attività agricola svolta dal... MODELLO A Al Comune di. OGGETTO: D. Lgs. n. 60/98 - Domanda di accertamento del possesso dei requisiti di imprenditore agricolo a titolo principale al fine di ottenere una concessione edilizia in area

Dettagli

Bilancio (PROVA) DESCRIZIONE AZIENDA

Bilancio (PROVA) DESCRIZIONE AZIENDA Bilancio (PROVA) L imprenditrice agricola professionale xxxxx possiede e gestisce un fondo di circa 45 ettari situato nel comune di xxxxx, provincia di xxx. L imprenditrice vuole valutare la convenienza

Dettagli

Indice 1. LE AZIENDE AGRICOLE... 4 2. I COSTI SOSTENUTI... 11 3. I PRINCIPALI RISULTATI ECONOMICI... 17

Indice 1. LE AZIENDE AGRICOLE... 4 2. I COSTI SOSTENUTI... 11 3. I PRINCIPALI RISULTATI ECONOMICI... 17 Indice 1. LE AZIENDE AGRICOLE... 4 2. I COSTI SOSTENUTI... 11 3. I PRINCIPALI RISULTATI ECONOMICI... 17 Questo volume è frutto di alcuni ricercatori INEA del Servizio 1- Rilevazioni contabili e analisi

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

E dai liquami elettricità e ca

E dai liquami elettricità e ca DOSSIER E dai liquami elettricità e ca Aumentare il numero delle bovine non è più la sola opzione possibile quando si voglia investire. Lo sviluppo delle energie da fonti rinnovabili fa intravedere nuove

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.informatoreagrario.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue sucessive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi

Dettagli

Libro prima nota Data operazione pagamento 01/01/05 apertura conti d ordine. importo netto. aliquota. importo

Libro prima nota Data operazione pagamento 01/01/05 apertura conti d ordine. importo netto. aliquota. importo Anno 2002 II a PROVA SCRITTA Una azienda sita in pianura ed estesa per 12 Ha produce su una metà della superficie coltivabile mais da granella e sulla rimanente porzione colture foraggere a ciclo annuale.

Dettagli

Controllo di gestione per superare l emergenza aziende da latte: i parametri da conoscere

Controllo di gestione per superare l emergenza aziende da latte: i parametri da conoscere Cremona - 29 Ottobre 2016 Fiera Internazionale del Bovino da Latte Controllo di gestione per superare l emergenza aziende da latte: i parametri da conoscere Dott. Michele Campiotti Dottore Agronomo Specialista

Dettagli

Esame di Stato anno scolastico 2011/2012 Svolgimento Tema di Economia aziendale

Esame di Stato anno scolastico 2011/2012 Svolgimento Tema di Economia aziendale Esame di Stato anno scolastico 2011/2012 Svolgimento Tema di Economia aziendale Il tema assegnato per la seconda prova di Economia aziendale nell'indirizzo I.G.E.A. è incentrato sulla differenza tra reddito

Dettagli

ESERCIZI SULLE SINGOLE VOCI DI BILANCIO (ART. 2426)

ESERCIZI SULLE SINGOLE VOCI DI BILANCIO (ART. 2426) ESERCIZI SULLE SINGOLE VOCI DI BILANCIO (ART. 2426) 22 IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI ACQUISTO DI UNA IMMOBILIZZAZIONE MATERIALE DA TERZI CON ACCONTO AL FORNITORE (punto 1, art. 2426) Si faccia l esempio dell

Dettagli

ECONOMIA POLITICA. Modulo 1. Modulo 3. Modulo 4. Modulo 2. Il sistema economico. Il mercato. La moneta, le banche e i titoli di credito

ECONOMIA POLITICA. Modulo 1. Modulo 3. Modulo 4. Modulo 2. Il sistema economico. Il mercato. La moneta, le banche e i titoli di credito Indice IV ECONOMIA POLITICA Il sistema economico Le basi dell economia 1 La scienza economica 3 2 Evoluzione del pensiero economico 4 U.D. 2 Gli elementi del sistema economico 1 Lo scambio 11 2 I beni

Dettagli

Valutazione di diversi atteggiamenti imprenditoriali agricoli. Analisi tecnico economica

Valutazione di diversi atteggiamenti imprenditoriali agricoli. Analisi tecnico economica Valutazione di diversi atteggiamenti imprenditoriali agricoli Analisi tecnico economica 1 Metodo di calcolo utilizzato Inserimento di tutti i dati tecnico-economici al 2006 Azienda 30 ha 3 percorsi: PSR,

Dettagli

Responsabile scientifico del Progetto: Prof. Leonardo Casini

Responsabile scientifico del Progetto: Prof. Leonardo Casini Progetto di ricerca: La multifunzionalità dell agricoltura nelle zone montane marginali: una valutazione qualitativa, quantitativa e monetaria degli impatti ambientali economici e sociali Responsabile

Dettagli

Cognome Nome Sesso. Comune Provincia C.A.P.

Cognome Nome Sesso. Comune Provincia C.A.P. Allegato A Scheda aziendale (schema ) A ----------------------------------------------------------------------- (i quadri sottostanti sono da compilare sempre) - DATI DEL RICHIEDENTE Codice fiscale Cognome

Dettagli

La valutazione dell efficienza: indici tecnici ed economici

La valutazione dell efficienza: indici tecnici ed economici home >> approccio economico >> La valutazione dell efficienza: indici tecnici ed economici La valutazione dell efficienza: indici tecnici ed economici CONCETTO DI EFFICIENZA L'IMPRESA AGRARIA E' EFFICIENTE

Dettagli

!! " # $$%& ' & & && " +,$-./0 1$23" 4&1%53" & &6& &!+$$%9,./0 & + 193" # 4 + & 15,3" &%53 &+8$,$$$2($$$ % + # * # : + $$%# & 89, 8(9 +

!!  # $$%& ' & & &&  +,$-./0 1$23 4&1%53 & &6& &!+$$%9,./0 & + 193 # 4 + & 15,3 &%53 &+8$,$$$2($$$ % + # * # : + $$%# & 89, 8(9 + " ' $$( ' ",$-./0 1$23" 41%53" 6 1,%3"'78583" 9,./0 1993" 193" 4 $ 75-3" 7,53"47-(3" 15,3" %53 8$,$$$2($$$ % 523 89, 8(9 ; =>1 78(93" 723" ' ',83%5$$$2%/ %? 88,$$$ 2($$$ ( @9%/8$$0" $$5/$$, $$( > $$5/$,

Dettagli

Esercitazione Bilancio Economico Consuntivo di un azienda agricola

Esercitazione Bilancio Economico Consuntivo di un azienda agricola Esercitazione Bilancio Economico Consuntivo di un azienda agricola Corso in Economia applicata alle risorse naturali. 2003-2004 A cura di: Roberto Fratini, Francesco Riccioli e Claudio Fagarazzi 1 1. DESCRIZIONE

Dettagli

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan TRIESTE 25 gennaio - 15 febbraio 2014 Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan GIORGIO VALENTINUZ DEAMS «Bruno de Finetti» Università di Trieste www.deams.units.it Il business

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE ECAPITAL 2016 PERCORSO DI FORMAZIONE GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PIANO ECONOMICO-FINANZIARIO DOTT. CARLO SCIDA Guida alla compilazione del Business Plan ASPETTI GENERALI L orizzonte temporale previsto

Dettagli

Gestione Economica e Finanziaria degli Allevamenti da Latte

Gestione Economica e Finanziaria degli Allevamenti da Latte Gestione Economica e Finanziaria degli Allevamenti da Latte Costi alimentari e valutazione economica degli allevamenti da latte: cosa è importante guardare? Cosa sarà il mercato del latte italiano dopo

Dettagli

Capitolo 12. Produzione, reddito e occupazione

Capitolo 12. Produzione, reddito e occupazione Capitolo 12 Produzione, reddito e occupazione La produzione e il prodotto interno lordo (PIL) Definizione: PIL di una nazione è il valore complessivo di tutti i beni e servizi finali prodotti per il mercato

Dettagli

La contabilità ed il bilancio delle imprese agricole. L approccio economico-agrario tradizionale e la normativa nazionale e internazionale

La contabilità ed il bilancio delle imprese agricole. L approccio economico-agrario tradizionale e la normativa nazionale e internazionale La contabilità ed il bilancio delle imprese agricole. L approccio economico-agrario tradizionale e la normativa nazionale e internazionale Sintesi lezione corso PAS del 8/05/2014 Maria Andreoli 1 Sintesi

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.informatoreagrario.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi

Dettagli

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi 3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi La scelta di intraprendere

Dettagli

Lezioni di ECONOMIA AZIENDALE Prof. Bruno RICAMO I.T.C. "G.R. CARLI" Corsi Serali

Lezioni di ECONOMIA AZIENDALE Prof. Bruno RICAMO I.T.C. G.R. CARLI Corsi Serali Lezioni di ECONOMIA AZIENDALE Prof. Bruno RICAMO I.T.C. "G.R. CARLI" Corsi Serali Il giorno 1/1/22 l'azienda ACME presenta la seguente situazione contabile: ATTIVITA' PASSIVITA' e C. N. fabbricati 212.

Dettagli

Provincia dell Ogliastra Gestione Commissariale (L.R. n. 15 /2013)

Provincia dell Ogliastra Gestione Commissariale (L.R. n. 15 /2013) BANDO PUBBLICO PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO SPERIMENTALE DI PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELLA COLTIVAZIONE DEL CILIEGIO DOLCE E DEL MELO NELLA PROVINCIA DELL OGLIASTRA ALLEGATO A - PIANO DI SVILUPPO

Dettagli

Costi alimentari e valutazione economica degli allevamenti da latte: cosa è importante guardare?

Costi alimentari e valutazione economica degli allevamenti da latte: cosa è importante guardare? Gestione Economica e Finanziaria degli Allevamenti da Latte Costi alimentari e valutazione economica degli allevamenti da latte: cosa è importante guardare? Cristian Rota Cosa sarà il mercato del latte

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ GENERALE E

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ GENERALE E WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ GENERALE E IL BILANCIO D ESERCIZIO A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO LE NOZIONI DI CONTABILITÀ GENERALE E BILANCIO

Dettagli

COMUNI DI: _l_ sottoscritt. nat_ a il / /, residente in n. civico (via, fraz., loc.) (c.a.p.) (comune) (prov.) CHIEDE

COMUNI DI: _l_ sottoscritt. nat_ a il / /, residente in n. civico (via, fraz., loc.) (c.a.p.) (comune) (prov.) CHIEDE Alla Provincia di Lecco Servizio Agricoltura Piazza L. Lombarda 4 23900 Lecco PEC provincia.lecco@lc.legalmail.camcom.it All Istituto di Credito Filiale di OGGETTO: D. Lgs 29 marzo 2004, n. 102 Interventi

Dettagli

Produzione agricola della canapa da fibra

Produzione agricola della canapa da fibra Produzione agricola della canapa da fibra aspetti economici e scenari produttivi Studio Paroli e Associati Tecnica ed Economia Agraria Via Fiorentina, 84 PONTEDERA (PI) Tel 0587-59016 La coltivazione della

Dettagli

Soluzioni per il fac-simile di prova d esame

Soluzioni per il fac-simile di prova d esame Soluzioni per il fac-simile di prova d esame È da notare che le soluzioni proposte nel presente fac-simile rappresentano solo un esempio di quelle possibili. L obiettivo della presente proposta di soluzioni

Dettagli

Stalle da latte del Centro Italia, alternative per non chiudere

Stalle da latte del Centro Italia, alternative per non chiudere SIMULAZIONE DI DUE SCENARI POSSIBILI Stalle da latte del Centro Italia, alternative per non chiudere di Danluigi Bertazzi, Angelo Frascarelli Il settore del latte oggi è diventato molto più competitivo

Dettagli

Allegato A Scheda aziendale. Al Comune di Farigliano 12060 Farigliano (CN) - DATI DEL RICHIEDENTE Codice fiscale. DATI AZIENDA (barrare una casella)

Allegato A Scheda aziendale. Al Comune di Farigliano 12060 Farigliano (CN) - DATI DEL RICHIEDENTE Codice fiscale. DATI AZIENDA (barrare una casella) Allegato A Scheda aziendale Al Comune di Farigliano 12060 Farigliano (CN) N.B. compilare sempre i quadri sottostanti - DATI DEL RICHIEDENTE Codice fiscale Cognome Nome Sesso Data di nascita Comune Provincia

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO. MISURA 6 Operazione 6.1.1 INSEDIAMENTO GIOVANI AGRICOLTORI. PIANO AZIENDALE di

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO. MISURA 6 Operazione 6.1.1 INSEDIAMENTO GIOVANI AGRICOLTORI. PIANO AZIENDALE di Allegato parte integrante Piano Aziendale Operazione 6.1.1 "Insediamento Giovani Agricoltori" PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014-2020 MISURA 6 Operazione 6.1.1 INSEDIAMENTO

Dettagli

Bplanning. Manuale d uso. Indice

Bplanning. Manuale d uso. Indice Bplanning Manuale d uso Indice Desk... 2 Assumption... 3 Linee Prodotto... 4 Personale... 4 Investimenti... 5 Ammortamenti... 6 Finanziamenti... 7 Imposte... 7 Conto Economico input... 8 Stato Patrimoniale

Dettagli

PRINCIPI DIBASE METODO DELLA PARTITA DOPPIA

PRINCIPI DIBASE METODO DELLA PARTITA DOPPIA PRINCIPI DIBASE METODO DELLA PARTITA DOPPIA CORSO CONTABILITA GENERALE E DEL PERSONALE I.T.C PIAGGIA VIAREGGIO Non si può gestire un azienda e redigere il bilancio senza tenere una contabilità. La contabilitàgenerale

Dettagli

Documento di lavoro SCHEDE RICA. Media Triennale 2011-2013. Dati Ponderati per riporto all Universo delle aziende CE

Documento di lavoro SCHEDE RICA. Media Triennale 2011-2013. Dati Ponderati per riporto all Universo delle aziende CE CENTRO DI RESPONSAB CENTRO DI RESPONSAB CENTRO DI RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVA INEA (CRAI) Documento di lavoro SCHEDE RICA Media Triennale 2011-2013 Stima della Struttura, del bilancio economico, del

Dettagli

Aziende Commerciali e servizi:budget e cash flow per Reparti e Consolidato

Aziende Commerciali e servizi:budget e cash flow per Reparti e Consolidato Aziende Commerciali e servizi:budget e cash flow per Reparti e Consolidato Molto spesso nelle Aziende commerciali e/o di Servizi si ha la necessità di analizzare, sia a livello economico che finanziario,

Dettagli

1 - Il business plan 1.1 Pianificazione con metodo 1.2 Elementi per costruirne uno

1 - Il business plan 1.1 Pianificazione con metodo 1.2 Elementi per costruirne uno 1 - Il business plan 1.1 Pianificazione con metodo 1.2 Elementi per costruirne uno 2 - La pianificazione economico - finanziaria 2.1 - L impresa come sistema 2.2 La struttura economico - finanziaria 1.1

Dettagli

RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE AZIENDA AGRARIA ANNO 2016

RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE AZIENDA AGRARIA ANNO 2016 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO F.LLI AGOSTI Viale F.lli Agosti, 7 01022 BAGNOREGIO (VT) 0761/780877 vtta020006@istruzione.it-

Dettagli

IL CONTROLLO DI GESTIONE E

IL CONTROLLO DI GESTIONE E IL CONTROLLO DI GESTIONE E IL BUDGET A cura di dottor Alessandro Tullio Studio di Consulenza dottor Alessandro Tullio Il Processo di Budgeting Docente: dottor Alessandro Tullio Corso Canalgrande 90 41100

Dettagli

Conti economici delle principali colture in asciutto

Conti economici delle principali colture in asciutto Conti economici delle principali colture in asciutto Schema idrico del Flumineddu per l alimentazione irrigua della Marmilla Studio di dettaglio sulle aree oggetto dell intervento Distretto irriguo della

Dettagli

INTRODUZIONE ALL ESTIMO CAP. 7

INTRODUZIONE ALL ESTIMO CAP. 7 INTRODUZIONE ALL ESTIMO CAP. 7 Appunti di estimo Di che cosa si occupa l estimo? L estimo si occupa della stima dei beni economici, ossia quelli presenti in natura in quantità limitata. Per questi beni

Dettagli

SUPERFICIE AGRICOLA UTILIZZATA e PRODUZIONE LORDA VENDIBILE

SUPERFICIE AGRICOLA UTILIZZATA e PRODUZIONE LORDA VENDIBILE SUPERFICIE AGRICOLA UTILIZZATA e PRODUZIONE LORDA VENDIBILE SUPERFICIE AGRICOLA UTILIZZATA Azienda agricola: Anno di analisi: Ortaggio analizzato SEVERINO BOZZOLAN 2012 POMODORO DA SUGO DEFINIZIONE DELLA

Dettagli

CAMPANIA, 6 CENSIMENTO GENERALE DELL AGRICOLTURA RISULTATI DEFINITIVI

CAMPANIA, 6 CENSIMENTO GENERALE DELL AGRICOLTURA RISULTATI DEFINITIVI CAMPANIA, 6 CENSIMENTO GENERALE DELL AGRICOLTURA RISULTATI DEFINITIVI Un decennio di profonde trasformazioni: l agricoltura Campana ha affrontato un periodo di grandi cambiamenti nello scenario socio-economico

Dettagli

BUDGET IL BUDGET COME STRUMENTO AZIENDALE

BUDGET IL BUDGET COME STRUMENTO AZIENDALE BUDGET Il budget è un documento amministrativo in cui vengono stabiliti in via preventiva gli atti di gestione che l'azienda intende effettuare in un periodo futuro, al fine di conseguire un determinato

Dettagli

Ciclo di formazione per PMI Contabilità aziendale

Ciclo di formazione per PMI Contabilità aziendale Ciclo di formazione per PMI Contabilità aziendale Desiderate aggiornarvi sul mondo delle PMI? Ulteriori dettagli sui cicli di formazione PMI e sui Business Tools sono disponibili su www.bancacoop.ch/business

Dettagli

ASPETTI DELLA GESTIONE AZIENDALE RAMO FINANZIARIO E RAMO ECONOMICO

ASPETTI DELLA GESTIONE AZIENDALE RAMO FINANZIARIO E RAMO ECONOMICO ASPETTI DELLA GESTIONE AZIENDALE RAMO FINANZIARIO E RAMO ECONOMICO RAMO FINANZIARIO: coinvolge le grandezze finanziarie: denaro, crediti e debiti di varia natura, sia di funzionamento che di finanziamento.

Dettagli

PARTE A 1. Si valuti la convenienza della operazione di acquisto di una posizione di cambio a termine a tre mesi, in assenza di costi di negoziazione.

PARTE A 1. Si valuti la convenienza della operazione di acquisto di una posizione di cambio a termine a tre mesi, in assenza di costi di negoziazione. PARTE A 1 A1) L azienda Beta presenta questi due problemi: a) L azienda vende i propri prodotti ad una società straniera per un importo di 480.000 $, con pagamento a tre mesi. L azienda ha sostenuto i

Dettagli

CASI STUDIO PER LA COSTRUZIONE DEL BUSINESS PLAN PER L IMPRESA AGRICOLA CON L APPLICATIVO INFORMATICO DELLA REGIONE LAZIO

CASI STUDIO PER LA COSTRUZIONE DEL BUSINESS PLAN PER L IMPRESA AGRICOLA CON L APPLICATIVO INFORMATICO DELLA REGIONE LAZIO Facoltà di Agraria Dipartimento di Economia Agroforestale e dell Ambiente Rurale (DEAR) CASI STUDIO PER LA COSTRUZIONE DEL BUSINESS PLAN PER L IMPRESA AGRICOLA CON L APPLICATIVO INFORMATICO DELLA REGIONE

Dettagli

ESERCIZIO 1. La Zelig S.p.A. viene costituita il 1 gennaio 2004 con 1) il versamento da parte degli azionisti di capitale per 1.000.

ESERCIZIO 1. La Zelig S.p.A. viene costituita il 1 gennaio 2004 con 1) il versamento da parte degli azionisti di capitale per 1.000. ESERCIZIO 1 La Zelig S.p.A. viene costituita il 1 gennaio 2004 con 1) il versamento da parte degli azionisti di capitale per 1.000. Nel corso del periodo 1 gennaio 2004 31 dicembre 2004 si svolgono le

Dettagli

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE Le rettifiche su acquisti (vendite) determinano componenti positivi (negativi) di reddito corrispondenti ad una riduzione dei costi di acquisto (ricavi di vendita) rilevati

Dettagli

LA CARATTERIZZAZIONE DELLA MECCANIZZAZIONE DELL AGRICOLTURA ITALIANA ATTRAVERSO LA RICA

LA CARATTERIZZAZIONE DELLA MECCANIZZAZIONE DELL AGRICOLTURA ITALIANA ATTRAVERSO LA RICA LA CARATTERIZZAZIONE DELLA MECCANIZZAZIONE DELL AGRICOLTURA ITALIANA ATTRAVERSO LA RICA Nel corso dei secoli l agricoltura ha subito profondi cambiamenti ma, solo con l invenzione del motore a combustione

Dettagli

Tab. 4.1 - Confronto delle principali caratteristiche strutturali medie delle aziende italiane ed europee - 2010

Tab. 4.1 - Confronto delle principali caratteristiche strutturali medie delle aziende italiane ed europee - 2010 Capitolo quarto L azienda agricola Le principali caratteristiche strutturali aziendali Nel panorama europeo, le 1.620.884 aziende agricole rilevate con il 6 censimento dell agricoltura in Italia, nel 2010,

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA per il coordinamento dell indagine RICA con l indagine REA. Allegato D VARIABILI REA E TIPOLOGICHE

PROTOCOLLO D INTESA per il coordinamento dell indagine RICA con l indagine REA. Allegato D VARIABILI REA E TIPOLOGICHE PROTOCOLLO D INTESA per il coordinamento dell indagine RICA con l indagine REA Allegato D VARIABILI REA E TIPOLOGICHE codice descrizione 1. NOTIZIE IDENTIFICATIVE DELL AZIENDA CFISC PIVA Denom Indir Prov_cond

Dettagli

! "#$%&%! '' ' * +,-..' ( & '" "( $' ( '' '' ' " # 5 +9023,*?& # >

! #$%&%! '' ' * +,-..' ( & ' ( $' ( '' '' '  # 5 +9023,*?& # > ! $%%! ) * +,- /01 * +-23, $ +*, * 6 07)18/+923,+ -318/, :3 ;$ 033)3 --) 18/$)2018/=> +9023,*? >? ):3+$,2:3+, - ;$ -3+=,073 +$,? 2 @ +, A-3 B @ +, +,>? C6!% 8 B! 3 0 A3 6 +073, D 23 E FEF+G, FF B! 6*6$

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 2. L agricoltura italiana a confronto con l Ue IN SINTESI Nel 2011, secondo i conti economici dell agricoltura pubblicati da Eurostat, il reddito agricolo italiano

Dettagli

CALCOLO DEGLI INDICI NELL ANALISI DI BILANCIO

CALCOLO DEGLI INDICI NELL ANALISI DI BILANCIO CALCOLO DEGLI NELL ANALISI DI BILANCIO SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI PRINCIPALI CASO-GUIDA SULLA TECNICA DI CALCOLO DEGLI Principio di revisione n. 570 La valutazione dello stato di salute della società oggetto

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale

Commento al tema di Economia aziendale Commento al tema di Economia aziendale Il tema proposto per la prova di Economia aziendale negli Istituti Tecnici è incentrato sul controllo di gestione ed è articolato in una parte obbligatoria e tre

Dettagli

Componenti della competenza. Competenza ECONOMIA AZIENDALE TERMINE 5 BIENNIO

Componenti della competenza. Competenza ECONOMIA AZIENDALE TERMINE 5 BIENNIO Competenza 1 Competenza Conoscere i fondamenti dell'attività economica e l'azienda, individuando le diverse tipologie e comprendendo le relazioni con l'esterno. Componenti della competenza Conoscenza Bisogno,

Dettagli

La valutazione dell Impresa e l analisi dei flussi 1

La valutazione dell Impresa e l analisi dei flussi 1 Newsletter Phedro dicembre 2007 La valutazione dell Impresa e l analisi dei flussi 1 Prof. Roberto Cappelletto 2 e Dott. Gabriele Toniolo 3 1) Dalla Logica Contabile all Analisi dei Flussi Come si è potuto

Dettagli

OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA

OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA 2015 Cooperazione agroalimentare La cooperativa è un associazione autonoma di persone unite volontariamente per soddisfare le loro aspirazioni e bisogni economici,

Dettagli

Giudizi di convenienza sull esecuzione di un miglioramento fondiario

Giudizi di convenienza sull esecuzione di un miglioramento fondiario DIPARTIMENTO di AGRARIA Corso di Laurea in SCIENZE E TECNOLOGIE AGRARIE Classe L-25: Classe delle lauree in Scienze e Tecnologie Agrarie e Forestali Anno accademico 2012-2013 Corso integrato Economia e

Dettagli

1. Normalizzazione ed omogeneizzazione del reddito

1. Normalizzazione ed omogeneizzazione del reddito 1. Normalizzazione ed omogeneizzazione del reddito Esercizio: utile (euro) tasso d'inflazione aliquota fiscale (t) anno 2009 100 3,00% 50% anno 2010 120 4,00% 50% anno 2011 80 5,00% 50% Eventi: -Nel 2009:

Dettagli

Dott. Maurizio Massaro

Dott. Maurizio Massaro Dott. Maurizio Massaro Ph. D. in Scienze Aziendali Ricercatore Universitario nell Università degli Studi di Udine 09, Ragioneria 1 La misurazione della performance economicofinanziaria. I sistemi fondati

Dettagli

SESSIONE 2007 SECONDA PROVA SCRITTA

SESSIONE 2007 SECONDA PROVA SCRITTA SESSIONE 2007 SECONDA PROVA SCRITTA Il candidato, dopo aver ipotizzato il bilancio di una azienda orticola ad alto reddito, condotta in economia diretta, valuti la convenienza all'introduzione di una nuova

Dettagli

PER ORIENTARE LE SCELTE AZIENDALI CON I NUMERI. I calcoli di Dairy Economics. Michele Campiotti

PER ORIENTARE LE SCELTE AZIENDALI CON I NUMERI. I calcoli di Dairy Economics. Michele Campiotti PER ORIENTARE LE SCELTE AZIENDALI CON I NUMERI Sistemi pratici di calcolo per fare più reddito in stalla Il Sata ha sperimentato su 62 aziende un semplice strumento informatico, «Dairy Economics», per

Dettagli

IL BILANCIO AZIENDALE

IL BILANCIO AZIENDALE IL BILANCIO AZIENDALE come strumento strategico decisionale Matteo Legnani Il bilancio Strumento di comunicazione interna e esterna Possibili destinatari: Imprenditore Economista Politico Estimatore Funzionario

Dettagli

Analisi dei costi di produzione

Analisi dei costi di produzione Analisi dei costi di produzione industriale Analisi dei costi 1 Comportamento dei costi La produzione è resa possibile dall impiego di diversi fattori. L attività di produzione consuma l utilità dei beni

Dettagli

McGraw-Hill. Tutti i diritti riservati

McGraw-Hill. Tutti i diritti riservati Copyright 2004 The Companies srl Caso 2 Stima per capitalizzazione dei redditi di un fondo rustico di ha 40 ubicato nella pianura reggiana. L indirizzo produttivo è zootecnico. L allevamento è basato sui

Dettagli

Le analisi di bilancio

Le analisi di bilancio Le analisi di bilancio Salvatore Loprevite Dott. Salvatore Loprevite 1 Sommario 1) I principi generali di riclassificazione del Conto Economico: le aree della gestione aziendale e le configurazioni parziali

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE LE SCRITTURE DI RETTIFICA E ASSESTAMENTO 1 LA COSTRUZIONE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO Dalla raccolta delle informazioni contabili alla loro sintesi L esercizio La competenza

Dettagli

Manuale di Estimo Vittorio Gallerani, Giacomo Zanni, Davide Viaggi Copyright 2005 The McGraw-Hill Companies srl

Manuale di Estimo Vittorio Gallerani, Giacomo Zanni, Davide Viaggi Copyright 2005 The McGraw-Hill Companies srl Copyright 2005 The Companies srl Caso 17 Stima dell indennità spettante all affittuario per l esecuzione di un drenaggio sotterraneo Indice 1. Conferimento dell incarico e quesito di stima... 2 2. Descrizione

Dettagli

4.1 La rilevazione delle operazioni di gestione

4.1 La rilevazione delle operazioni di gestione Dispensa lezione 4 Contabilità Il bilancio d esercizio 4.1 La rilevazione delle operazioni di gestione Abbiamo visto che la gestione di un impresa si compie tramite una serie di operazioni tra loro coordinate.

Dettagli

Massimizzazione del profitto

Massimizzazione del profitto Massimizzazione del profitto Diversi tipi di impresa Obiettivo dell impresa: massimo profitto Profitto Economico e Profitto Contabile Costo Economico (Costo Opportunità) Profitto Normale e Extra-Profitto

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 Programme de Développement Rural 2007 2013

Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 Programme de Développement Rural 2007 2013 Région Autonome Vallée d Aoste Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 Programme de Développement Rural 2007 2013 ALLEGATO 3: PIANO AZIENDALE (DA ALLEGARE ALLA DOMANDA DI PREMIO DI PRIMO INSEDIAMENTO MISURA

Dettagli

CL Medicina Veterinaria

CL Medicina Veterinaria CL Medicina Veterinaria Anno Accademico 2014-15 il bilancio aziendale indice degli argomenti 1. bilancio economico: definizione e tipologie diapositive 2 2. equazione di bilancio diapositive 5 3. struttura

Dettagli

CRITERI DI RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA DELLO STATO PATRIMONIALE

CRITERI DI RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA DELLO STATO PATRIMONIALE CRITERI DI RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA DELLO STATO PATRIMONIALE ATTIVITA : RAGGRUPPARE GLI ELEMENTI ATTIVI DEL CAPITALE IN RELAZIONE ALLA LORO ATTITUDINE A PROCURARE MEZZI DI PAGAMENTO, ATTRAVERSO LA

Dettagli

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Il Piano Economico Finanziario Il piano economico-finanziario costituisce la porzione più

Dettagli

LINEE GUIDA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO AZIENDALE - BUSINESS PLAN

LINEE GUIDA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO AZIENDALE - BUSINESS PLAN LINEE GUIDA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO AZIENDALE - BUSINESS PLAN Sintesi dei requisiti e dei contenuti Il Piano Aziendale dovrà descrivere: la situazione iniziale dell azienda agricola e gli elementi cardine

Dettagli

Indici di Bilancio. Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo. Milano-Bicocca University All rights reserved

Indici di Bilancio. Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo. Milano-Bicocca University All rights reserved Indici di Bilancio Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo Milano-Bicocca University All rights reserved Milano, marzo 2012 Gli indici di bilancio I dati desumibili dal bilancio possono essere trasformati

Dettagli

Indicatori aziendali: bilancio aziendale dell azoto

Indicatori aziendali: bilancio aziendale dell azoto Indicatori aziendali: bilancio aziendale dell azoto I bilanci colturali e aziendali dell azoto sono degli indicatori semplici della valutazione della gestione dell azoto delle colture e agrotecniche ad

Dettagli

ALLEGATO 1 PIANO DI SVILUPPO AZIENDALE / BUSINESS PLAN (FORMAT)

ALLEGATO 1 PIANO DI SVILUPPO AZIENDALE / BUSINESS PLAN (FORMAT) ALLEGATO 1 PIANO DI SVILUPPO AZIENDALE / BUSINESS PLAN (FORMAT) Sintesi dei requisiti e dei contenuti Il Piano Aziendale dovrà descrivere: la situazione iniziale dell azienda agricola e gli elementi cardine

Dettagli