La membrana plasma;ca. Trasporto di membrana.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La membrana plasma;ca. Trasporto di membrana."

Transcript

1

2 Tu=e le cellule hanno al meno una membrana che li separa dal ambiente esterno, ma che agisce come una barriera capace di importare ed esportare molecole, di ricevere e trasme=ere informazione e di ada=arsi ai bisogni motori della cellula. Le cellule eucario;che hanno pure tante membrane interne, simili a quella esterna ma ognuna con le sue proprietà par;colari a seconda del suo ruolo.

3 Le membrane biologiche sono doppi lipidici con delle proteine sparse da per tu=o: 1972: il modello del mosaico fluido. Proposto per soddisfare le leggi della termodinamica, collocando le molecole anfipa;che in maniera ada=a per il conta=o con due ambien; acquosi. 50 atomi

4 IL DOPPIO STRATO LIPIDICO E fa=o di lipidi anfipa/ci, con una testa idrofila e due code idrocarburiche idrofobe. I lipidi più abbonda; sono i fosfolipidi, fra i quali la più normale è la fosfa/dilcolina. Altri lipidi di membrana sono gli steroidi (come il colesterolo, in membrane animali) e i glicolipidi (testa saccaridica e code idrocarburiche).

5

6 Le molecole idrofile interagiscono col acqua (testa), ma quelle idrofobe no, e per minimizzare l energia che richiede organizzare l acqua a=orno a loro, queste si condensano fra di loro e lontane dall acqua. Per molecole anfipa;che, il doppio strato chiuso in forma sferica è la soluzione più vantaggiosa: non ci sono fra molecole idrofobiche e acqua: liposomi.

7 Le membrane lipidiche sono flessibili e fluide, sia nel piano della membrana (movimen; laterali, molto comuni e veloci, fortemente dipenden; della temperatura), che trasversalmente (flip- flop, molto rari se non facilita;). La fluidità perme=e pure il movimento delle proteine nel piano della membrana. E molto importante per tu=e le funzioni cellulari collegate alle membrane (segnalazione, endo- ed exocitosi, etc.).

8

9

10 La fluidità della membrana dipende (a temperatura fissa) della composizione lipidica: della lunghezza e doppi legami delle code idrocarburiche. Di più lunghe e dri=e le code, meno fluida la membrana. Idrocarburi di membrana: C, una coda satura e una insatura. - Lievi; e ba=eri: ada=ano la composizione della membrana alla temperatura cambiante. - Cellule animali: usano il colesterolo per regolare la fluidità (e la permeabilità) della membrana: più colesterolo (breve e rigido), più rigida è la membrana ad alta temperatura, ma pure più flessibile a bassa temperatura! Colesterolo: essenziale pure per la segnalazione e la endocitosi, e nella sintesi di ormoni steroidee, vitamina D e acidi biliari. Chi deve inserire più molecole di colesterolo per dare fluidità alla membrana, un topo o un pesce ar;co?

11 I due stra; della membrana sono asimmetrici: uno citosolico e uno extracellulare o verso l interno degli organuli Ogni strato ha una composizione lipidica e proteica par;colare e controllata dalla cellula. fosfa;dilcolina sfingomielina fosfa;dilserina fosfa;dilinositolo fosfa;diletanolamina glicolipidi colesterolo La membrana nuova si forma nel re;colo endoplasma;co. Degli enzimi sinte;zzano ed inseriscono i nuovi lipidi nel strato citosolico della membrana, dopo ci sono altri enzimi (flippasi) nella membrana plasma;ca che distribuiscono i lipidi fra in due stra;, in maniera specifica e asimmetrica. La nuova membrana viaggia alla des;nazione finale formando delle vescicole.

12 Glicolipidi L aggiunta di gruppi saccaridi avviene all interno del Golgi, dopo rimangono nel lato non citosolico della membrana, e finalmente sono des;na; al lato extracellulare della membrana plasma;ca, dove formano parte dello strato glucidico sterno che avvolge la cellula (rives/mento carboidra/co o glicocalice), con funzioni varie: protezione, interazione fra cellule, adesione, etc. Sezione istologica d intes;no tenue Fosfa/dilinositolo Questo fosfolipide si trova solo nel strato citosolico della membrana e ha un importante ruolo nella segnalazione intracellulare.

13 Ci sono delle zone par;colari nella membrana (come macchie) dove la composizione lipidica è diversa: meno fosfolipidi, più sfingomielina, glicolipidi e colesterolo: za;ere lipidiche, dove la membrana è più rigida e si concentrano certe proteine per svolgere la loro funzione.

14 LE PROTEINE DI MEMBRANA Sono il componente eminentemente funzionale della membrana, negli animali 50% circa della massa (anche se meno numerose dei lipidi, che sono più piccoli). Svolgono tan; ruoli diversi, e ci sono diverse proteine in diversi ;pi di membrane. TRASPORTATORI PROT. DI ANCORAGGIO RECETTORI ENZIMI

15 Le proteine si associano in modi diversi al doppio strato lipidico: Proteine di membrana: integrali periferiche TRANSMEMBRANA ASSOCIATE A LEGATE A LIPIDI ASSOCIATE AD UN MONOSTRATO ALTRE PROTEINE

16 Le proteine integrali si possono estrarre soltanto con detergen/ (anfipa;ci) che disgregano i lipidi; le periferiche con metodi più blandi basa; su forza ionica e ph estremo. Una volta isolate dai lipidi, le proteine si possono purificare per il loro analisi.

17 Le proteine trasmembrana ado=ano delle stru=ure ada=e ad a=raversare il doppio strato lipidico minimizzando i dei gruppi idrofobi col acqua: una sola alfa elica per tante proteine di segnalamento, ancoraggio o enzimi; più alfa eliche per proteine che fanno un poro acquoso (come trasportatori e canali), a volte cilindri beta (barili beta) per cer; pori dei ba=eri, mitocondri e cloroplas; (porine).

18 Ad oggi si è riuscito a determinare la stru=ura di tante proteine di membrana per metodi cristallografici (raggi X). Ad esempio, la prima proteina di membrana di mammifero a essere descri=a a livello stru=urale fu la citocromo C ossidasi (da cuore di mucca), per il Dr. Tsukihara della Università di Osaka (Giappone). Con;ene due copie di 13 subunità diverse, per un totale di dalton, e partecipa alla respirazione cellulare.

19 La membrana plasma;ca è molto e fragile, dunque viene rafforzata al interno della cellula da una re=e proteica: il cortex cellulare. Quello che si conosce meglio è il cotex degli eritroci; umani, formato principalmente di molecole di spectrina, lega; fra di loro e alla membrana d altre proteine di collegamento e ancoraggio.

20 Pero la membrana ha pure bisogno di tra=enere certe proteine in cer; pos; (domini di membrana) per la loro funzione, dunque hanno dei sistemi per limitare il loro spostamento nel piano della membrana: Proteine ancorate al cortex cellulare Proteine ancorate alla matrice extracellulare Proteine ancorate a proteine d altre cellule Proteine confinate al dominio apicale o basolaterale per giunzioni intercellulari (cellule epiteliali)

21 Molte delle proteine di membrana sono glicoproteine: hanno legato un oligosaccaride; alcune sono proteoglicani: sono legate a uno o più polisaccaridi. Ques; carboidra;, insieme a quelli dei glicolipidi, formano uno strato esterno alla membrana plama;ca: il rives/mento carboidra/co (o glicocalice), che svolge funzioni e lubrifican;, ma pure di riconoscimento e adesione fra cellule.

22 Studio degli spostamen; molecolari nel piano della membrana: - SPT: single par.cle tracking (microscopia tracciante di singole par;celle), marcando molecole par;colari con an;corpi lega; a par;celle d oro.

23 - FRAP: fluorescence recovery a5er photobleaching (recupero della fluorescenza dopo fotosbiancamento).

24 TRASPORTO DI MEMBRANA Per sopravvivere, le cellule hanno bisogno di scambi con;nui col loro ambiente. Ques; sono regola; dalla membrana, che fa passare solo certe sostanze (diffusione passiva), e da proteine di trasporto della membrana, che possono essere: - trasportatori (o ve=ori): trasferiscono piccole molecole organiche e alcuni ioni inorganici; - canali: fanno passare ioni in maniera regolata (canali ionici). Ambi due sono molto e ci sono tan; ;pi di trasportatori e canali, distribui; in maniera specifica in ogni ;po di membrana e di cellula.

25 Per il corre=o funzionamento della cellula, le concentrazioni ioniche al interno e al esterno devono essere diverse, ma la carica ele=rica deve essere bilanciata: la carica di anioni intracellulari si bilancia col K +, la carica di Na + extracellulare si bilancia col Cl -.

26 Una membrana separa due ambien;, dove la concentrazione di un soluto può essere diversa, creando un gradiente chimico. Allo stesso tempo, alcuni di ques; solu; sono carichi (ioni), e si distribuiscono ai due la; in modo che il lato citosolico della membrana è carico nega;vamente e il lato esterno posi;vamente: si genera un potenziale di membrana. La combinazione dei due crea un gradiente ele;rochimico. Il trasporto a=raverso la membrana può essere: - A favore di gradiente: trasporto passivo o diffusione facilitata. - Contro gradiente: trasporto (ques; trasportatori vengono chiama; pompe), che richiede energia.

27 I TRASPORTATORI Sono specifici per un ;po di molecola, che si lega al trasportatore provocando un cambio di conformazione che rilascia la molecola dall altro lato della membrana. Trasportatori passivi: il trasportatore del glucosio (epatoci;): SANGUE Dopo mangiare: il glucosio ema;co entra Ore dopo il pasto: il glucosio epa;co esce CITOPLASMA

28 Trasportatori ci sono tre ;pi diversi: TRASPORTATORE POMPA ALIMENTATA POMPA ACCOPPIATO DA ATP FOTOALIMENTATA - Quelli fotoalimenta/, si trovano sopra=u=o nei ba=eri. - Quelli alimenta/ da ATP, come la pompa per il Na +, che fa uscire Na + contro gradiente ele=rochimico usando energia chimica (ATP). Nelle piante, funghi e ba=eri c e una pompa di H + che svolge un ruolo equivalente a quella di Na +, e funziona in modo simile. - Quelli che usano Il flusso di un soluto a favore di gradiente (ad esempio di Na + ) per il trasporto accoppiato di un altro soluto contro gradiente (simporte o an/porte).

29 In realtà la pompa di Na + è una pompa Na + - K + : per tre ioni sodio che escono, entrano due di potassio, usando una molecola di ATP : la pompa è pure un enzima, la Na + - K + ATPasi.

30 La pompa Na + - K + funziona in maniera complessa ma molto elegante, in maniera di non sprecare ATP inu;lmente

31 La pompa Na + - K + ha tre funzioni molto importan;: - Il gradiente di sodio mantenuto della pompa è molto forte (aprox volte più sodio fuori che dentro) e genera energia potenziale, molto importante per il trasporto de altre sostanze: la cellula usa aprox. 30% della sua energia per mantenere questo gradiente. - Mantenere l equilibrio osmo/co delle cellule animali: l acqua va dove la concentrazione di solu; è più alta (e quella di acqua più bassa), e un eccesso di solu; dentro la cellula potrebbe causare l ingresso di troppa acqua nelle cellule e la ro=ura della membrana per rigonfiamento. La pompa man;ene la concentrazione di Na + alta al esterno, che insieme al Cl - extracellulare mantengono una concentrazione alta di solu; fuori della cellula che equilibra quella di solu; intracellulari. - Mantenere il potenziale di membrana delle cellule animali: l della pompa è fondamentale per il mantenimento della carica nega;va nel lato interno della membrana plasma;ca. Questo potenziale di membrana partecipa pure al equilibrio osmo;co, visto che il gradiente ele=rico man;ene il Cl - al di fuori della cellula, e fa che il K + sia quasi in equilibrio ele=rochimico.

32 - Le cellule vegetali in vece hanno una forte parete cellulare al esterno della membrana plasma;ca, in grado di reggere la pressione generata dalle forze osmo;che (pressione di turgore) originate dalla entrata di acqua nella cellula ricca in solu;. La pressione di turgore man;ene la stru=ura delle piante, per esempio le foglie distese. - Un altra pompa importante per le cellule animali è la ATPasi di Ca 2+, che si trova nella membrana plasma;ca e in quella del re;colo endoplasma;co. In questo caso la cellula ha bisogno di mantenere una concentrazione bassissima di Ca 2+ nel citosole perché questo ione è fondamentale per la segnalazione intracellulare e per la di diverse proteine che legano Ca 2+.

33 Una visione d insieme: le cellule epiteliali del intes;no.

34 I CANALI Alcuni canali: Porine: passo di molecole cariche traverso la membrana ba=erica, di mitocondrie e cloroplas;. Acquaporine: facilitano il flusso di acqua a=raverso la membrana, senza fare passare altre molecole o ioni. CANALI IONICI Sono pori che perme=ono il passaggio passivo di piccole molecole idrosolubili, in par;colare Na +, K +, Cl - e Ca 2+. Ma non sono semplici pori: sono molto e si possono chiudere ed aprire per regolare il flusso d ioni, che passano molto velocemente a favore di gradiente. La è data dal passaggio molto stre=o per gli ioni, senza guaina acquosa e in conta=o dire=o con gli atomi all interno del canale, che per carica e grandezza di poro perme=ono solo il passaggio di un ;po d ione per il filtro

35

36 - L apertura e chiusura dei canali accade spontaneamente, ma viene influenzata da diversi ;pi di s/moli: Controllato Controllato da Controllato da Controllato da dal potenziale un ligando un ligando uno s;molo extracellulare intracellulare meccanico

37 L dei canali ionici si può misurare con la tecnica del patch- clamp:

38 Il potenziale di membrana - Ai due la; della membrana plasma;ca c e una carica diversa nelle vicinanze della membrana, generando una differenza di potenziale che si chiama potenziale di membrana.

39 - Questa differenza di potenziale si deve alla presenza di anioni e ca;oni inorganici, par;colarmente Na +, K +, Cl - e Ca Il potenziale di membrana dipende dello spostamento di ques; ioni a traverso la membrana, che viene controllato dai canali ionici. E allo stesso tempo ci sono canali ionici controlla; dal potenziale. L apertura di ques; canali fa passare flussi di corrente in grado di generare un segnale ele;rico, come accade nei neuroni, ma pure in protozoi e piante. Canali ionici Potenziale di membrana

40 Come si stabilisce e controlla il potenziale di membrana? - Il potenziale di membrana a riposo dipende di canali di K + che si aprono e chiudono in maniera spontanea nella membrana: canali di dispersione per il K +. Ques; canali fanno uscire il potassio a favore di gradiente chimico (dentro la cellula la concentrazione è volte più alta di fuori), finché il gradiente ele=rico equilibra quello chimico, e il gradiente ele=rochimico per il potassio è zero. In questo momento il potenziale di membrana è di - 20 a mv (dipende del ;po di cellula e di organismo).

41 Come si stabilisce e controlla il potenziale di membrana? - Il potenziale di membrana dipende degli ioni per i quali la membrana è più permeabile, e si può calcolare con la equazione di Nernst: V = (R T/z F) ln (Co/Ci) V = 62 log 10 (Co/Ci) (per ca;oni 1+ a 37 o C) Se uno s;molo fa aprire altri canali e si stabiliscono flussi di altri ioni, il potenziale cambierà e non sarà più quello di riposo. Questo fenomeno è alla base della trasmissione di segnali ele;riche, come succede nei neuroni, le cellule specializzate nella trasmissione d informazione.

42 Come funziona un neurone? (1) - Immaginiamo un neurone in riposo, potenziale di membrana - 60 mv. - A una delle dendrite arriva un segnale chimico che apre canali controlla; da ligando. - Si producono flussi ionici che portano il potenziale di membrana a valori più posi;vi: depolarizzazione locale della membrana. - Questo causa l apertura di canali di sodio controlla; dal potenziale: entra sodio a favore di gradiente ele=rochimico, la depolarizzazione aumenta, portando il potenziale di membrana a valori più posi;vi ancora e aprendo più canali: si raggiunge un valore di soglia (+40 mv), si è sca=ato un potenziale di azione. Il tu=o in un millisecondo! - A +40 mv il sodio è in equilibrio ele=rochimico, e i canali di sodio sono (non entra sodio e non si aprono). - Si aprono altri canali di potassio controlla; dal potenziale, il potenziale torna ai valori di riposo.

43 Come funziona un neurone? (2) - La depolarizzazione di un area della membrana si propaga al area vicina, in direzione contraria ai canali di sodio propagando il potenziale di azione giù lungo l assone. - Dietro del potenziale di azione, la pompa sodio- potassio rigenera i gradien; ionici e i canali di sodio si rigenerano pure, tornando ad essere chiusi e pron; per il prossimo segnale.

44 La trasmissione di segnali ele=rici, come il potenziale di azione (o impulso nervoso), si è studiata intensamente nell assone gigante del calamaro.

La membrana cellulare racchiude il protoplasma, la sostanza vivente che costituisce la cellula, e lo separa dall ambiente esterno, extracellulare.

La membrana cellulare racchiude il protoplasma, la sostanza vivente che costituisce la cellula, e lo separa dall ambiente esterno, extracellulare. Membrana Plasmatica La membrana cellulare racchiude il protoplasma, la sostanza vivente che costituisce la cellula, e lo separa dall ambiente esterno, extracellulare. La sua funzione principale è quella

Dettagli

La classificazione dei lipidi

La classificazione dei lipidi La classificazione dei lipidi Concetti chiave Le proprietà fisiche di un acido grasso sono determinate dalla sua lunghezza e dal suo grado di saturazione. I triacilgliceroli e i glicerofosfolipidi contengono

Dettagli

Le membrane. Struttura e funzione

Le membrane. Struttura e funzione Le membrane Struttura e funzione Le membrane fungono da barriere selettive La membrana plasmatica è importante per molte funzioni Il doppio strato lipidico Molecole anfipatiche FOSFOLIPIDI STEROLI GLICOLIPIDI

Dettagli

Lezione 4 *membrana cellulare *trasporti *specializzazioni del plasmalemma

Lezione 4 *membrana cellulare *trasporti *specializzazioni del plasmalemma Lezione 4 *membrana cellulare *trasporti *specializzazioni del plasmalemma Lezione 3 membrana cellulare Le membrane, sia quelle che delimitano e costituiscono gli organuli cellulari che quelle che rivestono

Dettagli

Il trasporto di membrana e le proprietà elettriche delle membrane. www.fisiokinesiterapia.biz

Il trasporto di membrana e le proprietà elettriche delle membrane. www.fisiokinesiterapia.biz Il trasporto di membrana e le proprietà elettriche delle membrane www.fisiokinesiterapia.biz Membrana cellulare barriera al passaggio della maggior parte delle molecole polari Permette alla cellula di

Dettagli

Il mantenimento dell omeostasi cellulare dipende dai sistemi che permettono lo scambio di molecole tra citoplasma e liquido

Il mantenimento dell omeostasi cellulare dipende dai sistemi che permettono lo scambio di molecole tra citoplasma e liquido Il mantenimento dell omeostasi cellulare dipende dai sistemi che permettono lo scambio di molecole tra citoplasma e liquido extracellulare e dalla loro regolazione. Membrana cellulare Ogni cellula presenta

Dettagli

2. Fisiologia Cellulare Diffusione, Trasporto, Osmosi

2. Fisiologia Cellulare Diffusione, Trasporto, Osmosi 2. Fisiologia Cellulare Diffusione, Trasporto, Osmosi Prof. Carlo Capelli Fisiologia Laurea in Scienze delle attività motorie e sportive Università di Verona Obiettivi Diffusione semplice e mediata da

Dettagli

LA MEMBRANA. www.fisiokinesiterapia.biz

LA MEMBRANA. www.fisiokinesiterapia.biz LA MEMBRANA www.fisiokinesiterapia.biz Struttura della membrana Le membrane sono fondamentali per la vita della cellula Racchiudono la cellula definendone i confini e mantenendo le differenze fondamentali

Dettagli

Integrali (transmembrana), si estendono attraverso l intera membrana. Classificate in famiglie a seconda del numero di segmenti transmembrana.

Integrali (transmembrana), si estendono attraverso l intera membrana. Classificate in famiglie a seconda del numero di segmenti transmembrana. Membrana cellulare Proteine inserite nella membrana cellulare: Integrali (transmembrana), si estendono attraverso l intera membrana. Classificate in famiglie a seconda del numero di segmenti transmembrana.

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in Medicina e Chirurgia Biofisica e Fisiologia I

Corso di Laurea Magistrale in Medicina e Chirurgia Biofisica e Fisiologia I Corso di Laurea Magistrale in Medicina e Chirurgia Biofisica e Fisiologia I BIOFISICA DELLE MEMBRANE BIOFISICA DELLE MEMBRANE Le funzioni biologiche di tutti gli organismi viventi si svolgono mediante

Dettagli

Distribuzione e composizione dei liquidi corporei

Distribuzione e composizione dei liquidi corporei Distribuzione e composizione dei liquidi corporei Cavità principali del corpo umano Dee Unglaub Silverthorn, Fisiologia umana 2010 Pearson Italia S.p.A Organizzazione generale dell organismo: un visione

Dettagli

Funzioni della membrana plasmatica

Funzioni della membrana plasmatica TRASPORTO M.P. -Omeostasi cellulare Funzioni della membrana plasmatica Mantenimento della conc. intracell. di ioni e molecole entro valori corretti Scambi interno - esterno Non c è consumo E Consumo E

Dettagli

LA CELLULA ED I TRASPORTI ATTRAVERSO LA MEMBRANA PLASMATICA

LA CELLULA ED I TRASPORTI ATTRAVERSO LA MEMBRANA PLASMATICA LA CELLULA ED I TRASPORTI ATTRAVERSO LA MEMBRANA PLASMATICA LA FUNZIONE E IL PROCESSO La funzione di un sistema o evento fisiologico è il perché il sistema esiste. Il processo indica la modalità attraverso

Dettagli

TRASPORTO: qualunque tipo di passaggio di sostanze attraverso la membrana cellulare.

TRASPORTO: qualunque tipo di passaggio di sostanze attraverso la membrana cellulare. Membrana citoplasmatica èsedediscambiodi materia, energia e informazione con l ambiente esterno TRASPORTO: qualunque tipo di passaggio di sostanze attraverso la membrana cellulare. Scaricato da www.sunhope.it

Dettagli

Processi di trasporto: Trasporto passivo Diffusione facilitata Trasporto attivo. funzioni della membrana

Processi di trasporto: Trasporto passivo Diffusione facilitata Trasporto attivo. funzioni della membrana Processi di trasporto: Trasporto passivo Diffusione facilitata Trasporto attivo funzioni della membrana Le proteine sono responsabili delle diverse funzioni di membrana : Proteine di trasporto: facilitano

Dettagli

Proprietà della membrana plasmatica

Proprietà della membrana plasmatica Proprietà della membrana plasmatica Delimita il citoplasma formando una barriera meccanica Controlla l accesso dei soluti e dei solventi permettendo che le caratteristiche del citoplasma differiscano da

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in Medicina e Chirurgia Biofisica e Fisiologia I A.A. 2015-16

Corso di Laurea Magistrale in Medicina e Chirurgia Biofisica e Fisiologia I A.A. 2015-16 Corso di Laurea Magistrale in Medicina e Chirurgia Biofisica e Fisiologia I A.A. 2015-16 BIOFISICA DELLE MEMBRANE Negli organismi pluricellulari, a parte i tessuti tegumentari e gli epiteli assorbenti

Dettagli

La pompa Na + /Glucosio: simporto

La pompa Na + /Glucosio: simporto MFN0366-A1 (I. Perroteau) - trasportatori e canali La pompa Na + /Glucosio: simporto Il trasportatore oscilla fra due stati alternativi (A e B); nello stato A la proteina è aperta nello spazio extracellulare,

Dettagli

Potenziale di membrana: Differenza di potenziale elettrico a cavallo della membrana cellulare dovuta ad una diversa distribuzione ionica ai due lati

Potenziale di membrana: Differenza di potenziale elettrico a cavallo della membrana cellulare dovuta ad una diversa distribuzione ionica ai due lati Potenziale di membrana: Differenza di potenziale elettrico a cavallo della membrana cellulare dovuta ad una diversa distribuzione ionica ai due lati della membrana. Il potenziale di membrana (negativo

Dettagli

LA MEMBRANA PLASMATICA

LA MEMBRANA PLASMATICA LA MEMBRANA PLASMATICA 1. LE FUNZIONI DELLA MEMBRANA PLASMATICA La membrana plasmatica svolge le seguenti funzioni: 1. tenere concentrate tutte le sostanze indispensabili alla vita: è proprio la membrana

Dettagli

Bioingegneria Elettronica I

Bioingegneria Elettronica I Bioingegneria Elettronica I Cenni alla fisiologia delle cellule e dei sistemi biologici A. Bonfiglio La cellula struttura generale La cellula Struttura generale della cellula Composizione dei liquidi intracellulare

Dettagli

Membrane Biologiche preservano l individualità della cellula hanno permeabilità altamente selettiva pompe confine attivo canali controllano il flusso di informazione recettori specifici movimento verso

Dettagli

Biologia e sistematica vegetale. Le membrane cellulari

Biologia e sistematica vegetale. Le membrane cellulari Biologia e sistematica vegetale Le membrane cellulari Le cellule richiedono le membrane per la loro esistenza La membrana plasmatica è quella che definisce i confini della cellula e aiuta a creare e mantenere

Dettagli

in Terminazione Neurone Dendriti Soma Fessura sinaptica sinaptica Nucleo dendrite Segmento iniziale Sinapsi inibitoria Segmento mielinico Assone

in Terminazione Neurone Dendriti Soma Fessura sinaptica sinaptica Nucleo dendrite Segmento iniziale Sinapsi inibitoria Segmento mielinico Assone Le funzioni del sistema nervoso si basano sull attività dei neuroni che consiste nel generare, trasmettere ed elaborare informazioni nervose, che dipendono da modificazioni del potenziale di membrana,

Dettagli

TIPI DI CELLULE : PROCARIOTE ED EUCARIOTE

TIPI DI CELLULE : PROCARIOTE ED EUCARIOTE TIPI DI CELLULE : PROCARIOTE ED EUCARIOTE Tutti i tipi cellulari presenti sul nostro pianeta appartengono ad uno di due gruppi fondamentali: procarioti ed eucarioti. I termini procariota (dal greco pro

Dettagli

«Macromolecole» Lipidi

«Macromolecole» Lipidi LIPIDI (1) «Macromolecole» Lipidi Biotecnologie Miscellanea di molecole biologiche che condividono la proprietà di non essere solubili in acqua. Molecole idrofobiche. Es: Grassi Oli (grasso liquido a temperatura

Dettagli

Proteine integrali di membrana legate sul versante esterno a gruppi di carboidrati. Formati da diverse subunità che circoscrivono un poro acquoso che

Proteine integrali di membrana legate sul versante esterno a gruppi di carboidrati. Formati da diverse subunità che circoscrivono un poro acquoso che Canali ionici Proteine integrali di membrana legate sul versante esterno a gruppi di carboidrati. Formati da diverse subunità che circoscrivono un poro acquoso che permette il passaggio selettivo di ioni.

Dettagli

MODALITA DI TRASPORTO ATTRAVERSO LE MEMBRANE BIOLOGICHE LA MEMBRANA CELLULARE E SELETTIVAMENTE PERMEABILE, CIOE SOLO DETERMINATI TIPI DI MOLECOLE POSSONO AT= TRAVERSARLA LIBERAMENTE (PICCOLE MOLECOLE POLARI;

Dettagli

COMUNICAZIONE TRA CELLULE E AMBIENTE

COMUNICAZIONE TRA CELLULE E AMBIENTE COMUNICAZIONE TRA CELLULE E AMBIENTE 1. LE CELLULE COMUNICANO TRA LORO Le cellule vegetali comunicano attraverso i plasmodesmi. Dato lo spessore della parete cellulare, come possono interagire tra loro

Dettagli

ESISTONO DUE TIPI DI SECREZIONE

ESISTONO DUE TIPI DI SECREZIONE ESOCITOSI ESISTONO DUE TIPI DI SECREZIONE SECREZIONE COSTITUTIVA (modalità continua): - proteine, glicoproteine e glicolipidi di membrana - proteine, glicoproteine e proteoglicani della matrice extracellulare

Dettagli

I composti organici della vita: carboidrati, lipidi, proteine e acidi nucleici

I composti organici della vita: carboidrati, lipidi, proteine e acidi nucleici I composti organici della vita: carboidrati, lipidi, proteine e acidi nucleici La seta della tela di ragno è un insieme di macromolecole, dette proteine. Sono le caratteristiche fisico-chimiche di queste

Dettagli

Segnalazione cellulare e trasduzione del segnale. Comunicazione fra le cellule

Segnalazione cellulare e trasduzione del segnale. Comunicazione fra le cellule Segnalazione cellulare e trasduzione del segnale Comunicazione fra le cellule Le cellule comunicano e interagiscono tra loro tramite il fenomeno della segnalazione cellulare Una cellula segnalatrice produce

Dettagli

Mediatore chimico. Recettore. Trasduzione del segnale. Risposta della cellula

Mediatore chimico. Recettore. Trasduzione del segnale. Risposta della cellula Mediatore chimico Recettore Trasduzione del segnale Risposta della cellula I mediatori chimici sono prodotti da cellule specializzate e sono diffusi nell organismo da apparati di distribuzione Sistemi

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL SISTEMA NERVOSO

ORGANIZZAZIONE DEL SISTEMA NERVOSO ORGANIZZAZIONE DEL SISTEMA NERVOSO L unita funzionale del SN è il neurone -neuroni afferenti sensitivi -interneuroni -neuroni efferenti Trasporto assonale Cellule gliali: sono le cellule di supporto del

Dettagli

BIOMOLECOLE (IN ALIMENTAZIONE SONO CLASSIFICATE TRA I MACRONUTRIENTI)

BIOMOLECOLE (IN ALIMENTAZIONE SONO CLASSIFICATE TRA I MACRONUTRIENTI) BIOMOLECOLE (IN ALIMENTAZIONE SONO CLASSIFICATE TRA I MACRONUTRIENTI) Sono i composti chimici dei viventi. Sono formate da Carbonio (C), Idrogeno (H), Ossigeno (O), Azoto (N), Fosforo (P) e Zolfo (S).

Dettagli

unità C2. Le trasformazioni energetiche nelle cellule

unità C2. Le trasformazioni energetiche nelle cellule unità 2. Le trasformazioni energetiche nelle cellule Il trasporto nelle cellule avviene senza consumo di energia con consumo di energia trasporto passivo trasporto attivo attraverso il doppio strato fosfolipidico

Dettagli

5. Trasporto di membrana

5. Trasporto di membrana 5. Trasporto di membrana contiene materiale protetto da copyright, ad esclusivo uso personale; 1 non è consentita diffusione ed utilizzo di tipo commerciale Le membrane biologiche hanno una permeabilità

Dettagli

Le membrane cellulari

Le membrane cellulari Le membrane cellulari Tutte le cellule, procariote ed eucariote, sono delimitate da una membrana (MEMBRANA PLASMATICA) Molti organelli intracellulari degli eucarioti sono circoscritti da membrane (MEMBRANE

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in Medicina e Chirurgia Biofisica e Fisiologia I

Corso di Laurea Magistrale in Medicina e Chirurgia Biofisica e Fisiologia I Corso di Laurea Magistrale in Medicina e Chirurgia Biofisica e Fisiologia I I TRASPORTI ATTRAVERSO MEMBRANE BIOLOGICHE Movimenti di piccoli soluti attraverso le membrane 2 categorie generali Trasporto

Dettagli

Stru%ura della cellula: la membrana cellulare

Stru%ura della cellula: la membrana cellulare Stru%ura della cellula: la membrana cellulare La cellula eucario3ca Cellula eucario3ca vegetale Membrane cellulari Le membrane cellulari hanno proprietà par3colari che : 1. delimitano uno spazio interno

Dettagli

PROTEINE E TRASPORTO TRANSMEMBRANALE

PROTEINE E TRASPORTO TRANSMEMBRANALE PROTEINE E TRASPORTO TRANSMEMBRANALE Il glucoso ed il galattoso, gli aminoacidi e gli ioni utilizzano apposite proteine per attraversare la MP. L'H 2 O può attraversare con difficoltà lo strato lipidico

Dettagli

PROGRAMMA DI BIOLOGIA. CLASSE 2^ F a. s. 2014 2015. Prof.ssa RUBINO ALESSANDRA

PROGRAMMA DI BIOLOGIA. CLASSE 2^ F a. s. 2014 2015. Prof.ssa RUBINO ALESSANDRA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE DI STATO "ENRICO FERMI" Via Luosi n. 23-41124 Modena Tel. 059211092 059236398 - (Fax): 059226478 E-mail: info@fermi.mo.it Pagina web: www.fermi.mo.it PROGRAMMA DI BIOLOGIA

Dettagli

I segnali elettrici generati nei neuroni sono modificazioni del potenziale di riposo determinate dall apertura o chiusura di canali ionici:

I segnali elettrici generati nei neuroni sono modificazioni del potenziale di riposo determinate dall apertura o chiusura di canali ionici: I segnali elettrici generati nei neuroni sono modificazioni del potenziale di riposo determinate dall apertura o chiusura di canali ionici: Potenziali graduati (risposte passive): modulabili in ampiezza,

Dettagli

MEMBRANE. struttura: fosfolipidi e proteine

MEMBRANE. struttura: fosfolipidi e proteine MEMBRANE struttura: fosfolipidi e proteine I lipidi sono sostanze di origine biologica insolubili in acqua. Vi fanno parte: trigliceridi, fosfolipidi, colesterolo, sfingolipidi, alcoli alifatici, cere,

Dettagli

BIOLOGIA GENERALE. Alessandro Massolo Dip. Biologia Animale e Genetica c/o Prof. F. Dessì-Fulgheri (Via Romana 17) massolo@unifi.

BIOLOGIA GENERALE. Alessandro Massolo Dip. Biologia Animale e Genetica c/o Prof. F. Dessì-Fulgheri (Via Romana 17) massolo@unifi. Biologia generale Massolo Alessandro massolo@unifi.it; Tel. 347-9403330 BIOLOGIA GENERALE Facoltà di Scienze della Formazione Scienze della Formazione Primaria Alessandro Massolo Dip. Biologia Animale

Dettagli

Cellula nervosa tipo. Polarizzazione dinamica. Specificità delle connessioni. Fessura sinaptica Terminazione sinaptica. dendri te Segmento iniziale

Cellula nervosa tipo. Polarizzazione dinamica. Specificità delle connessioni. Fessura sinaptica Terminazione sinaptica. dendri te Segmento iniziale Le funzioni del sistema nervoso, anche le più complesse, si fondano sulle proprietà funzionali dei neuroni. L attività specifica dei neuroni consiste nel generare, trasmettere ed elaborare informazioni.

Dettagli

CHIMICA BIOLOGICA. Seconda Università degli Studi di Napoli. DiSTABiF. Corso di Laurea in Scienze Biologiche. Insegnamento di. Anno Accademico 2014-15

CHIMICA BIOLOGICA. Seconda Università degli Studi di Napoli. DiSTABiF. Corso di Laurea in Scienze Biologiche. Insegnamento di. Anno Accademico 2014-15 Seconda Università degli Studi di Napoli DiSTABiF Corso di Laurea in Scienze Biologiche Insegnamento di CHIMICA BIOLOGICA Antimo Di Maro Anno Accademico 2014-15 Lezione 9 I LIPIDI Funzione - Strutturale

Dettagli

La nutrizione e il metabolismo

La nutrizione e il metabolismo La nutrizione e il metabolismo 1. Le sostanze nutritive, o nutrienti 2. Definizione di metabolismo 3. Il metabolismo dei carboidrati 4. Il metabolismo dei lipidi 1 L apparato respiratorio 5. Il metabolismo

Dettagli

Metabolismo: Introduzione

Metabolismo: Introduzione Metabolismo: Introduzione METABOLISMO Insieme delle reazioni chimiche coordinate e integrate che hanno luogo in tutte le cellule C A T A B O L I S M O Ossidazioni esoergoniche Alimenti: Carboidrati Lipidi

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it

scaricato da www.sunhope.it Recettori a tirosina chinasi I recettori a tirosina chinasi presentano vari domini Una regione di legame (extracellulare) Una regione transmembrana Una coda intracellulare con numerose tirosine scaricato

Dettagli

Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di BIOCHIMICA. Angela Chambery Lezione 16

Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di BIOCHIMICA. Angela Chambery Lezione 16 Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di BIOCHIMICA Angela Chambery Lezione 16 Lipidi Concetti chiave: Le proprietà fisiche di un acido grasso sono determinate dalla sua lunghezza e dal suo grado di

Dettagli

scaricatoda www.sunhope.it

scaricatoda www.sunhope.it Membrana citoplasmatica è sede di scambio di materia, energia e informazione con l ambiente esterno TRASPORTO: qualunque tipo di passaggio di sostanze attraverso la membrana cellulare. TRASPORTI NELLA

Dettagli

Il potenziale d azione si propaga a grandi distanze senza decremento permettendo la conduzione dell informazione nervosa.

Il potenziale d azione si propaga a grandi distanze senza decremento permettendo la conduzione dell informazione nervosa. Il potenziale d azione si propaga a grandi distanze senza decremento permettendo la conduzione dell informazione nervosa. Soprasoglia La conduzione del potenziale d azione si basa sulla generazione di

Dettagli

Meccanismi di comunicazione tra neuroni

Meccanismi di comunicazione tra neuroni Meccanismi di comunicazione tra neuroni Sinapsi chimiche ed elettriche Comunicazione tra neuroni La giunzione neuromuscolare come modello di sinapsi chimica Il meccanismo di trasmissione nella sinapsi

Dettagli

Legami chimici. Covalente. Legami deboli

Legami chimici. Covalente. Legami deboli Legami chimici Covalente Legami deboli Legame fosfodiesterico Legami deboli Legami idrogeno Interazioni idrofobiche Attrazioni di Van der Waals Legami ionici Studio delle macromolecole Lipidi

Dettagli

INSOLUBILI IN ACQUA E SOLUBILI NEI SOLVENTI ORGANICI NON POLARI

INSOLUBILI IN ACQUA E SOLUBILI NEI SOLVENTI ORGANICI NON POLARI LIPIDI Una delle quattro principali classi di sostanze biologicamente attive. I lipidi (la parola deriva dal greco lípos, grasso) sono costituenti delle piante e degli animali, caratterizzati da particolari

Dettagli

Modalità di trasporto di membrana (DIFFUSIONE FACILITATA)

Modalità di trasporto di membrana (DIFFUSIONE FACILITATA) Modalità di trasporto di membrana (DIFFUSIONE FACILITATA) Classi di proteine di trasporto presenti nella membrana plasmatica (o CARRIER) Porta girevole Porta aperta I canali ionici Sezione trasversale

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche

Corso di Laurea Magistrale in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche Universita degli Studi di Milano Corso di Laurea Magistrale in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche Tecnologia e Legislazione Farmaceutiche II - 9 CFU Biofarmaceutica - 2 Prof. Andrea Gazzaniga ASSORBIMENTO

Dettagli

Biosintesi dei triacilgliceroli

Biosintesi dei triacilgliceroli Biosintesi dei triacilgliceroli Destino della maggior parte degli acidi grassi sintetizzati o ingeriti: Ø triacilgliceroli (riserva) Ø fosfolipidi (membrane) in base alle necessità metaboliche I triacilgliceroli

Dettagli

Plasma membrane. Endoplasmic reticulum. Nucleus. Golgi apparatus. Mitochondrion Lysosome. Ribosome

Plasma membrane. Endoplasmic reticulum. Nucleus. Golgi apparatus. Mitochondrion Lysosome. Ribosome Endoplasmic reticulum Plasma membrane Nucleus Golgi apparatus Ribosome Mitochondrion Lysosome Funzioni 1- Compartimentazione 2- Localizzazione per attività biochimiche 3- Barriera selettiva 4- Trasporto

Dettagli

I LIPIDI. - gruppo eterogeneo sia dal punto di vista chimico che funzionale; caratteristica comune è l insolubilità in acqua

I LIPIDI. - gruppo eterogeneo sia dal punto di vista chimico che funzionale; caratteristica comune è l insolubilità in acqua I LIPIDI I LIPIDI - gruppo eterogeneo sia dal punto di vista chimico che funzionale; caratteristica comune è l insolubilità in acqua - ruolo fondamentale di fornitori di energia (circa 9 kcal/grammo),

Dettagli

frazionamento). Per ciascuna frazione è determinata la quantità di proteine totali e le unità di attività enzimatica della proteina di interesse.

frazionamento). Per ciascuna frazione è determinata la quantità di proteine totali e le unità di attività enzimatica della proteina di interesse. Ogni passaggio della procedura di purificazione determina la separazione delle proteine totali presenti nel campione in una serie di frazioni (frazionamento( frazionamento). Per ciascuna frazione è determinata

Dettagli

PROTEINE. Amminoacidi

PROTEINE. Amminoacidi PROTEINE Le proteine sono le macromolecole alla base delle attività cellulari. Sono oltre diecimila per cellula, dove svolgono differenti funzioni: Sono ad esempio: enzimi: aumentano la velocità delle

Dettagli

Membrane: barriere a permeabilità selettiva passaggio controllato

Membrane: barriere a permeabilità selettiva passaggio controllato TRASPORTO Membrane: barriere a permeabilità selettiva passaggio controllato MP:Omeostasi cellulare mantenimento della conc. intracell. di ioni e molecole entro valori corretti (oltre ad adesione, interazione

Dettagli

Meccanismi di trasporto attivo e passivo 1

Meccanismi di trasporto attivo e passivo 1 Meccanismi di trasporto attivo e passivo 1 Il trasporto di sostanze attraverso la membrana cellulare può avvenire con la partecipazione attiva della membrana: in questo caso si parla di trasporto attivo

Dettagli

VIE DI INTRODUZIONE ED ASSORBIMENTO DEI FARMACI

VIE DI INTRODUZIONE ED ASSORBIMENTO DEI FARMACI VIE DI INTRODUZIONE ED ASSORBIMENTO DEI FARMACI I farmaci possono essere introdotti nell organismo per via enterale e per via parenterale.. Con la somministrazione enterale (enteron = intestino), il farmaco

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

Le MEMBRANE in biologia

Le MEMBRANE in biologia Le MEMBRANE in biologia Le membrana plasmatica Delimitazione delle cellule Genesi del potenziale elettrico trans-membrana Mantenimento delle differenze tra l ambiente intra ed extracellulare Trasferimento

Dettagli

Traffico di vescicole, endocitosi ed esocitosi. Biotecnologie Agro- Industriali. Biologia Cellulare. M.E. Miranda Banos

Traffico di vescicole, endocitosi ed esocitosi. Biotecnologie Agro- Industriali. Biologia Cellulare. M.E. Miranda Banos IL TRASPORTO VESCICOLARE Le vescicole di trasporto collegano i diversi organuli membranosi e l esterno della cellula, entrando per fusione e uscendo per gemmazione con@nuamente. Trasportano proteine, solubili

Dettagli

Corso di elettrocardiografia essenziale

Corso di elettrocardiografia essenziale Corso di elettrocardiografia essenziale Napoli Novembre 2004 ANMCO SIC GISE SIMEU SIS 118 ECG 12 derivazioni preospedaliero Il personale, chiamato ad intervenire nei casi di pazienti con sospetta SCA,

Dettagli

Origine delle cellule e concetti generali

Origine delle cellule e concetti generali Istituto Comprensivo Massarosa 2 Percorsi per capire Laboratori del Sapere Scientifico Origine delle cellule e concetti generali Paolo Ercolini biologo Piano di Conca, 11 novembre 2013 Fonti internet rilevate

Dettagli

Struttura e funzione delle membrane biologiche

Struttura e funzione delle membrane biologiche La membrana plasmatica delimita la cellula e separa l ambiente interno da quello esterno. Non impedisce però tutti gli scambi Struttura e funzione delle membrane biologiche Figure'11)1'!Essen&al!Cell!Biology!(

Dettagli

Helena Curtis N. Sue Barnes

Helena Curtis N. Sue Barnes Helena Curtis N. Sue Barnes LA RESPIRAZIONE CELLULARE INDICE Demolizione del glucosio Glicolisi Fermentazione lattica Fermentazione alcolica Respirazione cellulare Ciclo di Krebs Catena di trasporto degli

Dettagli

11/10/16. Il concetto di MOSAICO FLUIDO. Fosfolipidi Colesterolo Glicolipidi

11/10/16. Il concetto di MOSAICO FLUIDO. Fosfolipidi Colesterolo Glicolipidi Il concetto di MOSAICO FLUIDO Fosfolipidi Colesterolo Glicolipidi 1 DIFFUSIONE SEMPLICE 2 Pressione osmotica Il problema della pressione osmotica 3 Diverse soluzioni al problema della pressione osmotica

Dettagli

Reticolo endoplasmatico Apparato del Golgi Lisosomi

Reticolo endoplasmatico Apparato del Golgi Lisosomi Reticolo endoplasmatico Apparato del Golgi Lisosomi NELLA CELLULA eucariotica: Il Nucleo controlla le funzioni cellulari Il Citoplasma è sede di attività sintetiche e metaboliche della cellula Citoplasma

Dettagli

Respirazione cellulare

Respirazione cellulare Respirazione cellulare L equazione generale della respirazione C 6 H 12 O 6 + 6 O 2! 6 CO 2 + 6 H 2 O + 36 ATP 1 molec zucchero 6 molec ossigeno 6 molec anidride carbonica 6 molec acqua + = + + 36 molecole

Dettagli

Nota dell editore Presentazione

Nota dell editore Presentazione 00PrPag 3-08-2007 11:42 Pagina V Autori Nota dell editore Presentazione XI XIII XV Parte I Chimica 1 Struttura dell atomo 3 Teorie atomiche 3 Costituenti dell atomo 4 Numeri quantici 5 Tipi di orbitali

Dettagli

Sfingolipidi. Ceramidi SEMINARIO!!! 20/12/2013 SFINGOLIPIDI

Sfingolipidi. Ceramidi SEMINARIO!!! 20/12/2013 SFINGOLIPIDI SEMINARIO!!! SFINGOLIPIDI Sfingolipidi Ceramidi Lipidi derivati dall aminoalcool sfingosina. Un acido grasso è legato al gruppo aminico della sfingosina. I diversi gruppi polari (R) legati al gruppo OH

Dettagli

Il punto di fusione della molecola diminuisce proporzionalmente al suo grado di insaturazione : la molecola è + rigida, Ridotta capacità di muoversi

Il punto di fusione della molecola diminuisce proporzionalmente al suo grado di insaturazione : la molecola è + rigida, Ridotta capacità di muoversi LIPIDI Biomolecole insolubili in H 2 O e solubili in solventi apolari: etere, cloroformio FUNZIONI: Componenti strutturali delle membrane Forme di deposito e di trasporto di molecole ricche di energia

Dettagli

TRASDUZIONE DEL SEGNALE

TRASDUZIONE DEL SEGNALE TRASDUZIONE DEL SEGNALE TRASDUZIONE DEL SEGNALE Specificità (specificità riconoscimento) Amplificazione e diversificazione della risposta (cascata enzimatica) Integrazione tra segnali Spegnimento del segnale

Dettagli

La chimica della vita

La chimica della vita La chimica della vita -Elementi : Carbonio (C), Ossigeno (O), Idrogeno (H), Calcio (Ca), Fosforo (P), Magnesio (Mg), Sodio(Na), Potassio (K), Zolfo (S), Cloro (Cl), Ferro (Fe), Zinco (Zn), Rame (Cu), Iodio

Dettagli

Ingegneria delle tecnologie per la salute. Anatomia e istologia umana. Cenni di Biologia

Ingegneria delle tecnologie per la salute. Anatomia e istologia umana. Cenni di Biologia Ingegneria delle tecnologie per la salute Anatomia e istologia umana Cenni di Biologia Macromolecole: Glucidi Lipidi Proteine Acidi nucleici glucidi Monosaccaridi: glucosio, fruttosio, galattosio, desossiribosio,

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE COMMERCIALE STATALE E. MONTALE NUOVO IPC GENOVA. Anno scolastico 2013/ 2014 PROGRAMMA SVOLTO DI BIOLOGIA

ISTITUTO SUPERIORE COMMERCIALE STATALE E. MONTALE NUOVO IPC GENOVA. Anno scolastico 2013/ 2014 PROGRAMMA SVOLTO DI BIOLOGIA PROGRAMMA SVOLTO DI BIOLOGIA TESTO UTILIZZATO: BIOLOGIA La scienza della vita (La cellula A L ereditarietà e l evoluzione B) (Sadava D. Heller H.C.) CLASSI II D LINGUISTICO Prof. DEBORA DAPINO LA STRUTTURA

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO LEONARDO da VINCI REGGIO CALABRIA PROGRAMMA DI SCIENZE NATURALI CLASSE 2 a SEZ. Q A.S. 2012/2013

LICEO SCIENTIFICO LEONARDO da VINCI REGGIO CALABRIA PROGRAMMA DI SCIENZE NATURALI CLASSE 2 a SEZ. Q A.S. 2012/2013 LICEO SCIENTIFICO LEONARDO da VINCI REGGIO CALABRIA PROGRAMMA DI SCIENZE NATURALI CLASSE 2 a SEZ. Q A.S. 2012/2013 CHIMICA NUCLEO FONDANTE A : MISURE E GRANDEZZE TRASFORMAZIONI CHIMICO-FISICHE DELLA MATERIA

Dettagli

ENZIMI CINETICA ENZIMATICA

ENZIMI CINETICA ENZIMATICA ENZIMI PERCHE UNA REAZIONE AVVENGA, SI DEVONO SODDISFARE TRE CONDIZIONI I SUBSTRATI DEVONO ENTRARE IN COLLISIONE LA COLLISIONE DEVE AVVENIRE CON ORIENTAMENTO CORRETTO I REAGENTI DEVONO AVERE ENERGIA SUFFICIENTE

Dettagli

La trasduzione del segnale intracellulare

La trasduzione del segnale intracellulare La trasduzione del segnale intracellulare Chemical signaling mechanisms Amplification in signal transduction pathways Un aspetto importante è il controllo temporale del comportamento cellulare: il trasferimento

Dettagli

La compartimentalizzazione cellulare

La compartimentalizzazione cellulare SISTEMA DI MEMBRANE La compartimentalizzazione cellulare LE MEMBRANE CELLULARI: UN SISTEMA IN EQUILIBRIO FUNZIONI DELLE MEMBRANE - delimitano i contorni cellulari o degli orgnelli intracellulari - consentono

Dettagli

Le proteine si membrana si possono associare al doppio strato lipidico con modalità differenti

Le proteine si membrana si possono associare al doppio strato lipidico con modalità differenti Le proteine si membrana si possono associare al doppio strato lipidico con modalità differenti Proteine integrali di membrana Proteine periferiche di membrana Le proteine integrali di membrana possono

Dettagli

Canali ionici. O degli accordi complessi

Canali ionici. O degli accordi complessi Canali ionici O degli accordi complessi Trasduzione Con il termine trasduzione si intende un insieme di processi, che convertono il segnale, dall esterno all interno della cellula, mediante il legame tra

Dettagli

LIPIDI e METABOLISMO DEGLI ACIDI GRASSI

LIPIDI e METABOLISMO DEGLI ACIDI GRASSI LIPIDI e METABOLISMO DEGLI ACIDI GRASSI Lipidi I lipidi sono i principali costituenti delle membrane biologiche. Sono biomolecole insolubile in acqua ma solubili in solventi organici. La loro idrofobicità

Dettagli

Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di CHIMICA BIOLOGICA Angela Chambery

Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di CHIMICA BIOLOGICA Angela Chambery Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di CHIMICA BIOLOGICA Angela Chambery Lezione 3 Le proprietà fisiche dell acqua Concetti chiave: Le molecole d'acqua, che sono polari, possono formare legami idrogeno

Dettagli

FONDAMENTI ANATOMO-FISIOLOGICI DELL ATTIVITA PSICHICA

FONDAMENTI ANATOMO-FISIOLOGICI DELL ATTIVITA PSICHICA FONDAMENTI ANATOMO-FISIOLOGICI DELL ATTIVITA PSICHICA Il potenziale di membrana a riposo Per poter comprendere il potenziale di membrana a riposo dobbiamo considerare: i fluidi ricchi di sali presenti

Dettagli

CENNI DI ELETTROCHIMICA

CENNI DI ELETTROCHIMICA CENNI DI ELETTROCHIMICA Gli elettrodi a membrana sono elettrodi che permettono la determinazione rapida e selettiva, per potenziometria diretta, di numerosi cationi ed anioni. Il meccanismo di formazione

Dettagli

Claudia Borgioli Sandra von Borries GENESIS. Scienze della Vita

Claudia Borgioli Sandra von Borries GENESIS. Scienze della Vita Claudia Borgioli Sandra von Borries GENESIS Scienze della Vita UNITÀ 1 La chimica e la cellula elettroni si dispongono prima nei gusci più vicini al nucleo e poi in quelli più lontani.

Dettagli

LA MEMBRANA CELLULARE O PLASMATICA E LA STRUTTURA CHE DELIMITA ESTERNAMENTE LA CELLULA, SIA EUCARIOTICA CHE PROCARIOTICA, SEPARANDO IL COMPARTO INTRAC

LA MEMBRANA CELLULARE O PLASMATICA E LA STRUTTURA CHE DELIMITA ESTERNAMENTE LA CELLULA, SIA EUCARIOTICA CHE PROCARIOTICA, SEPARANDO IL COMPARTO INTRAC MEMBRANA CELLULARE LA MEMBRANA CELLULARE O PLASMATICA E LA STRUTTURA CHE DELIMITA ESTERNAMENTE LA CELLULA, SIA EUCARIOTICA CHE PROCARIOTICA, SEPARANDO IL COMPARTO INTRACELLULARE DA QUELLO EXTRACELLULARE.

Dettagli

MEMBRANA CELLULRE. La membrana plasmatica svolge molteplici funzioni:

MEMBRANA CELLULRE. La membrana plasmatica svolge molteplici funzioni: MEMBRANA CELLULRE MEMBRANA CELLULRE La membrana plasmatica svolge molteplici funzioni: Regola gli scambi di sostanze tra interno ed esterno delle cellule e degli organismi unicellulari Protegge l integrità

Dettagli

Fosforilazione ossidativa

Fosforilazione ossidativa Fosforilazione ossidativa La fosforilazione ossidativa rappresenta il culmine del metabolismo energetico negli organismi aerobi E costituita da due fenomeni strettamente accoppiati: 1. I coenzimi ridotti

Dettagli

Proprieta dei lipidi

Proprieta dei lipidi I LIPIDI 1 Proprieta dei lipidi Alta variabilita strutturale Non sono polimeri (cfr. acidi.nucl., proteine, polisaccaridi) Scarsa solubilita in acqua (estratti in fase organica) Presenti in olii & grassi

Dettagli

Fisiologia Renale 3. Equilibrio acido-base: Principi generali e fisico chimica

Fisiologia Renale 3. Equilibrio acido-base: Principi generali e fisico chimica Fisiologia Renale 3. Equilibrio acido-base: Principi generali e fisico chimica Fisiologia Generale e dell Esercizio Carlo Capelli Facoltà di Scienze Motorie, Università di Verona Obiettivi Definizione

Dettagli

Il potenziale di membrana a riposo

Il potenziale di membrana a riposo Il potenziale di membrana a riposo Per poter comprendere il potenziale di membrana a riposo dobbiamo considerare: i fluidi ricchi di sali presenti su entambe le facce della membrana; la membrana stessa;

Dettagli