I PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI IN TEMA DI BONIFICHE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI IN TEMA DI BONIFICHE"

Transcript

1 Settore Bonifiche Bonifiche ed edilizia: criticità ed opportunità I PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI IN TEMA DI BONIFICHE Alternative procedimentali e opportunità di semplificazione. Gli interventi in deroga ammessi dalla norma Milano, 6 ottobre 2015 Alba De Salvia Responsabile del Servizio Progetti di Bonifica 1

2 indice l avvio del procedimento di bonifica le procedure previste dal Dlgs 152/06 (TUA) la procedura ordinaria (ex art 242 TUA) le varie procedure semplificate (art. 249, art. 242bis, DM 31 del febbraio 2015) le tempistiche di conclusione del procedimento le opere e gli interventi eseguibili nei siti inquinati, in pendenza degli interventi di bonifica 2

3 l avvio del procedimento di bonifica al verificarsi di un eventoche sia potenzialmente in grado di contaminare il sito, il responsabile della contaminazione omissis. La medesima procedura si applica anche all atto di individuazione di contaminazioni storiche che possano ancora comportare rischi di aggravamento della situazione di contaminazione immediata comunicazione agli Enti (ex art 304) e adozione misure di prevenzione - entro 24h indagine ambientale preliminare: superamento CSC? NO Comunicazione, entro 48h dalla 1 notifica, a Comune e Province dell avvenuto ripristino, tramite autocertificazione= conclusione procedimento di notifica SI seconda notifica immediatasul superamento CSC a Comune e Province AVVIO DEL PROCEDIMENTO 3

4 CSC e CSR CSC = concentrazioni soglia di contaminazione i livelli di contaminazione delle matrici ambientali che costituiscono valori al di sopra dei quali è necessaria la caratterizzazione del sito e l analisi di rischio sitospecifica se superate, il sito è POTENZIALMENTE CONTAMINATO ANALISI DI RISCHIO CSR = concentrazioni soglia di rischio: i livelli di contaminazione da determinare caso per caso con l applicazione della procedura di analisi di rischio sitospecifica omissis i livelli di concentrazione così definiti costituiscono i limiti di accettabilità per il sito se superate, il sito è CONTAMINATO 4

5 CSC e CSR caratteristiche idrogeologiche del sito quadro della contaminazione (superamenti CSC) scenario edilizio reali scenari di esposizione dei fruitori dell area ANALISI DI RISCHIO CSR obiettivi di bonifica SITOSPECIFICI 5

6 le diverse procedure ed i requisiti di applicabilità Quando può essere applicata? procedura ordinaria ex art 242 procedura semplificata ex art 249 procedura semplificata ex art 242bis procedura semplificata ex DM 31/15 sempre si applica ai siti di ridotte dimensioni (quali, ad esempio, la rete di distribuzione carburanti) oppure per eventi accidentali che interessino aree circoscritte, anche nell ambito di siti industriali, di superficie non superiore a metri quadri (allegato 4 parte IV Titolo V Dlgs152/06) solo ai terreni (N.B. gli obiettivi di bonifica devonoessere le CSC) si applica ai punti vendita carburanti (PV) 6

7 la procedura semplificata ex DM 31/2015 Procedura semplificata ex DM 31/15 Si applica ai punti vendita carburanti (PV) definiti come: la porzione di territorio di limitata estensione, non superiore a 5000 m², interessata dal sedime o dalle pertinenze di un impianto di distribuzione carburanti, intesa nelle diverse matrici ambientali (suolo, sottosuolo ed acque sotterranee) e comprensiva delle eventuali strutture edilizie e impiantistiche presenti, anche destinate alla commercializzazione di altri prodotti e agli interventi di ordinaria e minuta manutenzione e riparazione dei veicoli a motore, assentiti nel rispetto delle disposizioni vigenti Si applica anche: alle istruttorie avviate ma non ancora concluse alla dismissione dei punti vendita carburanti ai punti vendita carburanti con area di sedime inferiore ai 1000 metri quadrati 7

8 la procedura ordinaria Superamento CSC AVVIO DEL PROCEDIMENTO presentazione agli Enti dell analisi di rischio calcolo CSR entro 30gg esecuzione PdC entro 6mesi presentazione agli Enti del Piano di Caratterizzazione Entro 30gg La Regione (*), convocata la Conferenza di Servizi, autorizza il PdC se CSR non superate La Conferenza di Servizi approva l AdR conclusione del procedimento (con o senza richiesta di un piano di monitoraggio) se CSR superate entro 30gg presentazione agli Enti del Progetto Operativo di Bonifica entro 30gg La Regione (*), sentita la CdS, autorizza il POB POB alle CSC (DGR VIII/11348 del 2010) 8

9 la procedura semplificata ex art 249 superamento CSC Immediatanotifica + Adozione di misure di emergenza entro 30gg dalla 1 notifica: aggiornamento della comunicazione con relazione tecnica degli interventi di MISE eseguiti ed eventuale autocertificazione SI interventi di MISE hanno riportato le concentrazioni alle CSC? NO presentazione agli Enti di un unico progetto (alle CSC o con analisi di rischio alle CSR) Entro 60gg approvazione da parte delle Autorità Competenti del POB 9

10 la procedura semplificata ex art 242bis Presentazione del progetto di bonifica alle CSC + cronoprogramma (dall operatore interessato a effettuare a proprie spese interventi di bonifica. NO necessari atti di assenso da parte di altre amministrazioni? SI Entro 30 gg (**) L'operatore è responsabile della veridicità dei dati e delle informazioni forniti, ai sensi e per gli effetti dell'articolo 21 della legge 7 agosto 1990, n (*) la Regione Lombardia ha delegato i Comuni La Regione (*) convoca una Conferenza di Servizi Entro 90 gg La Regione (*) adotta (**) determinazione conclusiva che consente l avvio dei lavori 10

11 la procedura semplificata ex art 242bis avvio lavori (entro 30 gg dall atto di assenso) esecuzione intervento durata max18 mesi presentazione del piano di caratterizzazione entro 45 gg esecuzione in contraddittorio con ARPA approvazione del PdC esito favorevole validazione dati ARPA = certificazione esito negativo presentazione entro 45gg di un integrazione al progetto di bonifica PROCEDURA ORDINARIA 11

12 la procedura semplificata ex DM 31/2015 in presenza di una situazione di inquinamento possibile o in atto ( > CSC ) adozione immediata di misure di prevenzione e di emergenza immediata comunicazione agli Enti le misure di prevenz/emergenza hanno riportato le concentrazioni sotto le CSC? SI aggiornamento entro 60gg della prima comunicazione con relazione tecnica degli interventi eseguiti e autocertificazione che conclude procedimento NO unico progetto di messa in sicurezza o bonifica alle CSC o CSR entro 60gg dall avvio approvazione da parte delle Autorità Competenti 12

13 somma dei tempi istruttorii 1/2 superamento CSC 30 gg 30 gg 180 gg 30 gg 30 gg 30 gg PdC autorizzaz PdC PROCEDURA ART 242 AdR approvaz AdR POB 330 gg autorizz POB 30 gg 60 gg POB AdR+POB 30 gg 30 gg 90gg approvaz POB 90 gg PROCEDURA ART gg POB CdS determina dirigenziale PROCEDURA ART 242 bis CON CDS 13

14 somma dei tempi istruttorii 2/2 superamento CSC 30 gg 30 gg 180 gg PdC autorizzaz PdC PROCEDURA ART 242 AdR 30 gg 30 gg 30 gg approvaz AdR 330 gg POB autorizz POB 30 gg 30 gg POB 60gg determina dirigenziale PROCEDURA ART 242bis senza CdS 60 gg POB 60gg approvaz POB PROCEDURA DM 31/

15 autorizzazione Alba De Salvia esecuzione e completamento degli interventi PROCEDURA ART 242 prestaz garanzie finanz esecuzione interventi collaudo relazione ARPA certificazione CMM autorizzazione PROCEDURA ART 249 esecuzione interventi determina dirigenziale PROCEDURA ART 242bis 45 gg collaudo relazione ARPA certificazione CMM esecuzione interventi PdC approv. PdC esecuz PdC validazione dati da ARPA 15

16 bonifiche per lotti, fasi e matrici Art 242 comma 7: Nel caso di interventi di bonifica o di messa in sicurezza di cui al primo periodo, che presentino particolari complessità a causa della natura della contaminazione, degli interventi, delle dotazioni impiantistiche necessarie o dell estensione dell area interessata dagli interventi medesimi, il progetto può essere articolato per fasi progettuali distinte al fine di rendere possibile la realizzazione degli interventi per singole aree o per fasi temporali successive. La Regione Lombardia con la DGR 23 maggio 2012 n. IX/3509 ha inoltre introdotto la possibilità di eseguire una bonifica per matrici, ossia di separare gli interventi sui terreni da quelli sulla falda, e soprattutto la possibilità di emettere certificazioni separate 16

17 vincoli derivanti dalle procedure di bonifica Il D.Lgs.152/06 (artt. 251 e 253) e la d.g.r.n. 8/2838 prevedono che dal certificato di destinazione urbanistica risultino le seguenti condizioni gravanti su un sito: superamento delle CSR, interventi di bonifica necessari iscrizione dell onere reale solo per gli interventi effettuati d ufficio dalle autorità competenti vincoli derivanti dai programmi di monitoraggio approvati esiti degli interventi adottati per la messa in sicurezza operativa nei siti contaminati con attività in esercizio anche all Agenzia del Territorio (ex UTE) 17

18 vincoli derivanti dalle procedure di bonifica Il Comune di Milano ha deciso di riportare nei certificati urbanistici anche: il vincolo per alcune aree ad essere utilizzate solo per un uso Commerciale-Industrialein virtù dello stato di qualità dei terreni; condizione di superamento delle concentrazioni soglia di contaminazione (CSC) e non delle CSR nella fase post-analisi di rischio con relativi vincoli legati all eventuale modifica dei progetti edilizi gli obiettivi di qualità raggiunti a conclusione dell intervento di bonifica 18

19 interferenze tra cantiere edilizio e di bonifica Ma quali interventi di natura edilizia sono ammessi in un sito in procedura di bonifica? Nel provvedimento di avvio del procedimento c è scritto: La presente comunicazione è trasmessa anche allo Sportello Unico per l Edilizia perché, informato dell attivazione del procedimento di bonifica, possa adottare gli idonei provvedimenti relativi a eventuali titoli abilitativi di natura edilizia. *************************** In attesa della produzione della suddetta documentazione (ndr PdC se art 242, POB se art 249, ecc) e della conseguente definizione della procedura di bonifica, si diffida il destinatario della presente dall eseguire interventi edilizi nonché attività di bonifica e di movimento terra in genere che possano interferire con gli areali di potenziale contaminazione. 19

20 gli interventi consentiti in pendenza di bonifica art 242 comma 9. La messa in sicurezza operativa omissis. Possono essere altresì autorizzati interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria e di messa in sicurezza degli impianti e delle reti tecnologiche, purché non compromettano la possibilità di effettuare o completare gli interventi di bonifica che siano condotti adottando appropriate misure di prevenzione dei rischi. L art 34 del DL133 del 12/09/2014 c.d. SBLOCCA ITALIA (convertito in L 164/2014) come modificato dal DL165 del dettaglia gli interventi consentiti Nei siti inquinati, nei quali sono in corso o non sono ancora avviate attività di messa in sicurezza e di bonifica, ossia: interventi e opere richiesti dalla normativa sulla sicurezza nei luoghi di lavoro, di manutenzione ordinaria e straordinaria di impianti e infrastrutture, compresi adeguamenti alle prescrizioni autorizzative, nonché opere lineari necessarie per l'esercizio di impianti e forniture di servizi e, più in generale, altre opere lineari di pubblico interesse a condizioneche detti interventi e opere siano realizzati secondo modalità e tecniche che non pregiudicano ne' interferiscono con il completamento e l'esecuzione della bonifica, ne' determinano rischi per la salute dei lavoratori e degli altri fruitori dell'area. 20

21 la procedura ex art 34 Sblocca Italia Se sito non ancora caratterizzato: deve essere presentato un piano di caratterizzazione(la norma precisa i contenuti) da CONCORDARE con ARPA che si pronuncia entro il termine perentorio di 30 GG dalla richiesta, eventualmente stabilendo particolari prescrizioni in relazione alla specificita'del sito e dell'intervento. Il proponente, 30GG prima dell'avvio dei lavori, trasmette agli Enti interessati il Piano di caratterizzazione definitivo, comprensivo del piano operativo degli interventi previsti e di un dettagliato cronoprogramma con l'indicazione della data di inizio dei lavori Se sito soggetto a MISO: il proponente, in alternativa alla caratterizzazione di cui alla lettera a), previa comunicazione all'arpa da effettuarsi con almeno 15GG di anticipo, può avviare la realizzazione degli interventi e delle opere. Al termine dei lavori, l'interessato assicura il ripristino delle opere di messa in sicurezza operativa. 21

22 conclusioni La norma vigente fornisce una plurarità di strumenti di semplificazione ed ottimizzazione delle procedure. La condizione necessaria per rendere efficaci questi disposti normativi è una buona preparazione tecnica da parte degli operatori, verso i quali c è una forte responsabilizzazioneed una forte attenzione verso gli aspetti conoscitivi (caratterizzazione) del sito in cui si opera. 22

23 Settore Bonifiche Grazie per l attenzione Alba De Salvia Comune di Milano - Settore Bonifiche Responsabile del Servizio Progetti di Bonifica Via Bernina Milano Tel

VADEMECUM SULLE PROCEDURE DI BONIFICA DEI SITI CONTAMINATI

VADEMECUM SULLE PROCEDURE DI BONIFICA DEI SITI CONTAMINATI VADEMECUM SULLE PROCEDURE DI BONIFICA DEI SITI CONTAMINATI Riferimenti legislativi: D.Lgs 152/2006 e sue integrazioni con il D.Lgs 4/2008 art.242-245-248-249-304-allegato 4, parte IV Realizzazione di un

Dettagli

Aspetti normativi e procedure amministrative

Aspetti normativi e procedure amministrative Comune di Milano Settore Piani e Programmi Esecutivi per l Edilizia Servizio Piani di Bonifica Aspetti normativi e procedure amministrative Ing Alba De Salvia Servizio Piani di Bonifica Settore Piani e

Dettagli

Le procedure delle operazioni di bonifica nell ambito delle aree industriali dismesse

Le procedure delle operazioni di bonifica nell ambito delle aree industriali dismesse Le procedure delle operazioni di bonifica nell ambito delle aree industriali dismesse Decreto Legislativo 3 aprile 2006, N 152/06 Dott.ssa Raffaella Savelli Funzionario del Servizio Ambiente dell Amministrazione

Dettagli

INTERVENTI DI BONIFICA DI SITI CONTAMINATI: L ESPERIENZA DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI MILANO

INTERVENTI DI BONIFICA DI SITI CONTAMINATI: L ESPERIENZA DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI MILANO INTERVENTI DI BONIFICA DI SITI CONTAMINATI: L ESPERIENZA DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI MILANO RELATORE: Ing. De Salvia Servizio Piani di Bonifica Settore Piani e Programmi Esecutivi per l Edilizia -

Dettagli

ANI. Ind sull pro bon. nifica. DOTT. BONIFICHE LIONETTI S ETTO R IFIU 7 0126 TR. Te Fa. x 0883/1

ANI. Ind sull pro bon. nifica. DOTT. BONIFICHE LIONETTI S ETTO R IFIU 7 0126 TR. Te Fa. x 0883/1 P R O VINCIA DI B A R LETTAA A NDR IA T R A NI Ind irizzi Inter rpretativi sull la chiusura del pro cedimento di bon nifica. DOTT.. VITO BRUNO O DIRIGENTE SETTORE RIFIUTI E BONIFICHB HE ARCH. LUCIA L LIONETTI

Dettagli

Milano, 6 ottobre 2015. Mario Lagorio Comune di Milano - Direttore Settore Bonifiche

Milano, 6 ottobre 2015. Mario Lagorio Comune di Milano - Direttore Settore Bonifiche Settore Bonifiche. Bonifiche ed edilizia: criticità ed opportunità GLI ASPETTI PRINCIPALI DELLE INTERAZIONI TRA BONIFICHE ED EDILIZIA Il raccordo tra i temi ambientali e gli interventi edilizi: adempimenti,

Dettagli

LA BONIFICA DEI SITI CONTAMINATI. (Titolo V - Parte IV)

LA BONIFICA DEI SITI CONTAMINATI. (Titolo V - Parte IV) LA BONIFICA DEI SITI CONTAMINATI (Titolo V - Parte IV) 2 3 Confronto fra alcune normative internazionali in materia di bonifica dei siti contaminati 4 Come cambia la determinazione dell accettabilità della

Dettagli

La bonifica delle aree di ridotte dimensioni D.lgs. n. 152/06- Testo Unico Ambientale Federico Vanetti

La bonifica delle aree di ridotte dimensioni D.lgs. n. 152/06- Testo Unico Ambientale Federico Vanetti La bonifica delle aree di ridotte dimensioni D.lgs. n. 152/06- Testo Unico Ambientale Federico Vanetti Tra le innovazioni introdotte dal D.Lgs. n. 152/06, merita di essere approfondita la nuova disciplina

Dettagli

Il Decreto del Fare : le novità per il settore privato

Il Decreto del Fare : le novità per il settore privato Direzione Legislazione Mercato Privato Il Decreto del Fare : le novità per il settore privato Pesaro, 10 dicembre 2013 Semplificazioni in materia edilizia Semplificazioni in materia di paesaggio (Decreto

Dettagli

Bonifica dei Siti Contaminati - Legislazione di Riferimento - Bonifica dei Siti Contaminati

Bonifica dei Siti Contaminati - Legislazione di Riferimento - Bonifica dei Siti Contaminati Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE Ingegneria Sanitaria - Ambientale Corso di Bonifica dei Siti Contaminati Bonifica dei Siti Contaminati - Legislazione di Riferimento

Dettagli

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 23 - Lunedì 04 giugno 2012

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 23 - Lunedì 04 giugno 2012 Bollettino Ufficiale 5 D.g.r. 23 maggio 2012 - n. IX/3509 Linee guida per la disciplina del procedimento per il rilascio della certificazione di avvenuta bonifica, messa in sicurezza operativa e messa

Dettagli

Rimozione serbatoi interrati

Rimozione serbatoi interrati Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente del Veneto Rimozione serbatoi interrati Giuseppe Stanghellini Normativa di riferimento DGRV 4433 del 7 dicembre 1999 Criteri, requisiti e caratteristiche

Dettagli

Compilazione del modulo di dichiarazione per l utilizzo terre e rocce da scavo come sottoprodotto, ai sensi della legge 9 agosto 2013 n.

Compilazione del modulo di dichiarazione per l utilizzo terre e rocce da scavo come sottoprodotto, ai sensi della legge 9 agosto 2013 n. Compilazione del modulo di dichiarazione per l utilizzo terre e rocce da scavo come sottoprodotto, ai sensi della legge 9 agosto 2013 n. 98 A seguito dell entrata in vigore della Legge 09.08.2013 n. 98,

Dettagli

ALLEGATO 2 PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI

ALLEGATO 2 PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI REGIONE ABRUZZO ALLEGATO 2 PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI DISCIPLINARE TECNICO PER LA GESTIONE E L AGGIORNAMENTO DELL ANAGRAFE DEI SITI CONTAMINATI A cura della Direzione Parchi Territorio Ambiente

Dettagli

ECOMONDO. Quali indicazioni dall esperienza Lombarda Petroli. Nicola Di Nuzzo

ECOMONDO. Quali indicazioni dall esperienza Lombarda Petroli. Nicola Di Nuzzo ECOMONDO Quali indicazioni dall esperienza Lombarda Petroli Nicola Di Nuzzo Workshop Pronto intervento ambientale: le professionalità per gestire l inaspettato 7 novembre 2013 Emergenza fiume Lambro

Dettagli

Piazza Diaz, 1 23900 Lecco (LC) - Tel. 0341/ 481111- Fax. 286874 - C.F.00623530136 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE. Numero 119 Data: 23 febbraio 2011

Piazza Diaz, 1 23900 Lecco (LC) - Tel. 0341/ 481111- Fax. 286874 - C.F.00623530136 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE. Numero 119 Data: 23 febbraio 2011 Città di Lecco Città di Lecco Piazza Diaz, 1 23900 Lecco (LC) - Tel. 0341/ 481111- Fax. 286874 - C.F.00623530136 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Numero 119 Data: 23 febbraio 2011 SETTORE: PIANIFICAZIONE E

Dettagli

Accordo di Programma SIN di Trieste

Accordo di Programma SIN di Trieste Accordo di Programma SIN di Trieste Presentazione alle Aziende 29 maggio 2012 Il Sito inquinato di Interesse Nazionale di TS Individuazione del Sito di Interesse Nazionale: D.M. 18/09/2001 n. 468 Perimetrazione

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO DI NOTORIETÀ

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO DI NOTORIETÀ DICHIARAZIONE IN MERITO AL RISPETTO DEI CRITERI PREVISTI IN TEMA DI RIUTILIZZO DI TERRE E ROCCE DA SCAVO DAL COMMA 1 DELL ART. 41bis DEL DECRETO LEGGE 21 GIUGNO 2013, N 69, RECANTE DISPOSIZIONI URGENTI

Dettagli

ADEMPIMENTI IN CASO DI EVENTO POTENZIALMENTE CONTAMINANTE

ADEMPIMENTI IN CASO DI EVENTO POTENZIALMENTE CONTAMINANTE ADEMPIMENTI IN CASO DI EVENTO POTENZIALMENTE CONTAMINANTE Settore Ambiente Adempimenti in caso di evento potenzialmente contaminante Soggetti interessati Responsabile dell inquinamento Proprietario o gestore

Dettagli

La relazione di riferimento e la normativa sulle bonifiche

La relazione di riferimento e la normativa sulle bonifiche Convegno su Il nuovo diritto dell ambiente: le recenti riforme su danno ambientale, bonifiche e IED. Aspetti legali, tecnici e assicurativi La relazione di riferimento e la normativa sulle bonifiche Donatella

Dettagli

LE INDAGINI AMBIENTALI PRELIMINARI E LA GESTIONE DEI MATERIALI DA SCAVO

LE INDAGINI AMBIENTALI PRELIMINARI E LA GESTIONE DEI MATERIALI DA SCAVO Settore Bonifiche. Bonifiche ed edilizia: criticità ed opportunità LE INDAGINI AMBIENTALI PRELIMINARI E LA GESTIONE DEI MATERIALI DA SCAVO Il raccordo tra i temi ambientali e gli interventi edilizi: adempimenti,

Dettagli

TERRE E ROCCE DA SCAVO da allegare al progetto dei lavori privati soggetti a Permesso di Costruire, D.I.A.,SCIA, VIA, AIA

TERRE E ROCCE DA SCAVO da allegare al progetto dei lavori privati soggetti a Permesso di Costruire, D.I.A.,SCIA, VIA, AIA Modello 13 rev.1 del 31/03/2014 relativo alla PO per il sistema della reportistica e modalità di gestione dei procedimenti e dei pareri di competenza del Servizio Ambiente RIFERIMENTO A: PERMESSO di COSTRUIRE:

Dettagli

La gestione dei materiali da scavo e la problematica di riporto: l'esperienza del Comune di Milano

La gestione dei materiali da scavo e la problematica di riporto: l'esperienza del Comune di Milano La gestione dei materiali da scavo e la problematica di riporto: l'esperienza del Comune di Milano Mario Lagorio Convegno sul tema: La gestione dei materiali da scavo Ferrara, 19 Settembre 2014 Il Comune

Dettagli

Il Decreto del Fare : le novità per il settore privato

Il Decreto del Fare : le novità per il settore privato Direzione Legislazione Mercato Privato Il Decreto del Fare : le novità per il settore privato CAGLIARI, 27 settembre 2013 Semplificazioni in materia edilizia Art. 30 Semplificazioni per la ristrutturazione

Dettagli

D.M. 31/2015 Il punto di vista delle Agenzie Ambientali per la Protezione dell Ambiente

D.M. 31/2015 Il punto di vista delle Agenzie Ambientali per la Protezione dell Ambiente Conferenza Nazionale dell Industria sull ambiente e le bonifiche. Direttiva IED e semplificazioni rete carburanti Ferrara, 23 settembre 2015 D.M. 31/2015 Il punto di vista delle Agenzie Ambientali per

Dettagli

Comune appartenente all Unione Terre di Castelli DETERMINAZIONE

Comune appartenente all Unione Terre di Castelli DETERMINAZIONE Direzione Pianificazione Territoriale Servizio Edilizia privata e gestione del territorio - Urbanistica Tel. 059 777512 e-mail: sportelloedilizia@comune.vignola.mo.it Comune appartenente all Unione Terre

Dettagli

Determinazione del Dirigente del Servizio Pianificazione e Gestione Rifiuti, Bonifiche, Sostenibilità Ambientale

Determinazione del Dirigente del Servizio Pianificazione e Gestione Rifiuti, Bonifiche, Sostenibilità Ambientale Determinazione del Dirigente del Servizio Pianificazione e Gestione Rifiuti, Bonifiche, Sostenibilità Ambientale N. 39 9353 / 2013 (numero - protocollo / anno) OGGETTO: AUTORIZZAZIONE DI IMPIANTO DI RICERCA

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO DI NOTORIETÀ (resa ai sensi degli artt. 47 e 38 del D.P.R. 28 dicembre 2000, n.445)

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO DI NOTORIETÀ (resa ai sensi degli artt. 47 e 38 del D.P.R. 28 dicembre 2000, n.445) Spett.le ARPA Lombardia DIPARTIMENTO DI.. Via...... (indirizzare all ARPA territorialmente competente con riferimento al sito di produzione dei materiali da scavo) Dichiarazione relativa al rispetto delle

Dettagli

Procedura semplificata per le operazioni di bonifica. Dicembre 2014

Procedura semplificata per le operazioni di bonifica. Dicembre 2014 Dicembre 2014 NOVITA NORMATIVE E (AUSPICATE) SEMPLIFICAZIONI IN MATERIA DI BONIFICHE DEI SITI INQUINATI E PROCEDURE DI AFFIDAMENTO DEI LAVORI (DAL D.L. N. 91/2014 AL D.L. N. 165/2014) La disciplina delle

Dettagli

TERRE E ROCCE DA SCAVO TECNICHE DI CAMPIONAMENTO IN SITO. Tolmezzo 15/05/2015

TERRE E ROCCE DA SCAVO TECNICHE DI CAMPIONAMENTO IN SITO. Tolmezzo 15/05/2015 TERRE E ROCCE DA SCAVO TECNICHE DI CAMPIONAMENTO IN SITO Tolmezzo 15/05/2015 SRV indagini geologiche srl Geologo Massimo Valent- Geologo Stefano Russo WWW.INDAGINIGEOLOGICHE.IT NORMATIVA VIGENTE 2 DEFINIZIONI

Dettagli

Rapporti del SUAP con le Amministrazioni-Enti esterni per la gestione del procedimento unico Dott. Alessandro Piazza

Rapporti del SUAP con le Amministrazioni-Enti esterni per la gestione del procedimento unico Dott. Alessandro Piazza Formez - Progetto CSI Cellino san Marco 9-10 ottobre 2003 Rapporti del SUAP con le Amministrazioni-Enti esterni per la gestione del procedimento unico Dott. Alessandro Piazza Individuazione di Enti/Amministrazioni

Dettagli

Assessorato territorio e ambiente Dipartimento territorio e ambiente

Assessorato territorio e ambiente Dipartimento territorio e ambiente Assessorato territorio e ambiente Dipartimento territorio e ambiente LINEE-GUIDA PER LA GESTIONE DEI MATERIALI/RIFIUTI INERTI DERIVANTI DALLE ATTIVITÀ DI DEMOLIZIONE, COSTRUZIONE E SCAVO, COMPRESE LE COSTRUZIONI

Dettagli

Circolare N.171 del 21 dicembre 2011

Circolare N.171 del 21 dicembre 2011 Circolare N.171 del 21 dicembre 2011 Manovra salva Italia. Le novità in materia di smaltimento dei rifiuti e snellimento degli adempimenti da parte delle imprese Manovra salva Italia: le novità in materia

Dettagli

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 6232 LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 Semplificazioni del procedimento amministrativo. Modifiche e integrazioni alla legge regionale 12 aprile 2001, n. 11 (Norme sulla valutazione dell impatto ambientale),

Dettagli

MODELLO 1 DA UTILIZZARE PER LA COMUNICAZIONE ALL ARPAV AI SENSI DELL ART. 41BIS, COMMA 1, DELLA LEGGE N. 98/2013 E PER LE EVENTUALI MODIFICHE

MODELLO 1 DA UTILIZZARE PER LA COMUNICAZIONE ALL ARPAV AI SENSI DELL ART. 41BIS, COMMA 1, DELLA LEGGE N. 98/2013 E PER LE EVENTUALI MODIFICHE MODELLO 1 DA UTILIZZARE PER LA COMUNICAZIONE ALL ARPAV AI SENSI DELL ART. 41BIS, COMMA 1, DELLA LEGGE N. 98/2013 E PER LE EVENTUALI MODIFICHE Dichiarazione del proponente/produttore in merito al rispetto

Dettagli

CIL e CILA, Permesso di costruire e SCIA. I modelli unici per l edilizia

CIL e CILA, Permesso di costruire e SCIA. I modelli unici per l edilizia CIL e CILA, Permesso di costruire e SCIA. I modelli unici per l edilizia Delibera della Giunta Regionale n. 85 del 09/03/2015 Il 18 dicembre scorso la Conferenza Unificata tra Governo, Regioni ed Enti

Dettagli

Dal D.M. 471/99 alla revisione del D.Lgs. 152/2006: analisi tecnica di una riforma. Alessandro Battaglia Roberto Scazzola ENSR Italia

Dal D.M. 471/99 alla revisione del D.Lgs. 152/2006: analisi tecnica di una riforma. Alessandro Battaglia Roberto Scazzola ENSR Italia Dal D.M. 471/99 alla revisione del D.Lgs. 152/2006: analisi tecnica di una riforma Alessandro Battaglia Roberto Scazzola ENSR Italia La Bonifica pre D.M. 471/99: un anniversario? Sono passati vent anni

Dettagli

Le semplificazioni e i procedimenti introdotti. dal decreto del fare in edilizia

Le semplificazioni e i procedimenti introdotti. dal decreto del fare in edilizia SAMANTA RICCO LUCA GRASSI mercoledì, martedì, 23 18 settembre 2014 2013 Le semplificazioni e i procedimenti introdotti Giornata del Decreto del fare dal decreto del fare in edilizia DISPOSIZIONI IN MATERIA

Dettagli

Servizio URBANISTICA EDILIZIA PRIVATA ELENCO RIFERIMENTI NORMATIVI

Servizio URBANISTICA EDILIZIA PRIVATA ELENCO RIFERIMENTI NORMATIVI Pag. 1 / 6 Origine Documento Ente o Servizio Emittente Tipo Esterna / L. Esterna / L. Descrizione Legge 17.08.1942, n. 1150 Legge Urbanistica Pubblicato G.U. 16.10.1942, n. 244 Legge 06.08.1967, n. 765

Dettagli

Regolamento di procedura per l apertura delle medie strutture di vendita nel territorio comunale.

Regolamento di procedura per l apertura delle medie strutture di vendita nel territorio comunale. Regolamento di procedura per l apertura delle medie strutture di vendita nel territorio comunale. Norme per l esercizio delle attività di vendita al dettaglio in sede fissa. Decreto legislativo 31 marzo

Dettagli

MARKETING DELLE AREE CONTAMINATE

MARKETING DELLE AREE CONTAMINATE MARKETING DELLE AREE CONTAMINATE SEMINARIO Mercoledì 30 gennaio2013 Angelo Elefanti QUADRO NORMATIVO AMBIENTE ENERGIA E RETI Area contaminata: un sito nel quale uno o più valori di concentrazione delle

Dettagli

CONVEGNO. La funzione del notaio nella circolazione dei beni culturali

CONVEGNO. La funzione del notaio nella circolazione dei beni culturali CONVEGNO La funzione del notaio nella circolazione dei beni culturali Ferrara, 20 21 aprile 2012012 a, 20 21 aprile 2012 Beni culturali e normativa urbanistica Giovanni Rizzi Notaio in Vicenza 2 Disciplina

Dettagli

AREA EX FONDERIE DEL QUINTANO PROCEDURA DI BONIFICA COMUNE DI CASTELLI CALEPIO. 13 giugno 2012. Elaborato da ing. Giovanni Filippini

AREA EX FONDERIE DEL QUINTANO PROCEDURA DI BONIFICA COMUNE DI CASTELLI CALEPIO. 13 giugno 2012. Elaborato da ing. Giovanni Filippini Elaborato da ing. Giovanni Filippini 13 giugno 2012 INQUADRAMENTO DELL AREA Area ex Fonderia del Quintano - perimetrazione P.A. post variante Ex area artigianale contigua (falegnameria) inserita in nuova

Dettagli

Terre e rocce da scavo

Terre e rocce da scavo Terre e rocce da scavo INERTI DA TRATTAMENTO RIFIUTI TERRE E ROCCE DA SCAVO EVOLUZIONE NORMATIVA DELLE TERRE DI SCAVO 1997 Le terre e rocce da scavo in un primo tempo erano state escluse dall applicazione

Dettagli

Procedimenti autorizzativi in materia di impianti di distribuzione di carburanti

Procedimenti autorizzativi in materia di impianti di distribuzione di carburanti Procedimenti autorizzativi in materia di impianti di distribuzione di carburanti Marco Marchini Elenco dei principali procedimenti autorizzativi in essere in materia di rete distributiva dei carburanti,

Dettagli

di concerto con il Ministro dell economia e delle finanze,

di concerto con il Ministro dell economia e delle finanze, di concerto con il Ministro dell economia e delle finanze, VISTA la Legge 8 luglio 1986, n. 349 e s.m.i., Istituzione del Ministero dell Ambiente e norme in materia di danno ambientale ; VISTA la Legge

Dettagli

Il Commissario Unico delegato del Governo per Expo Milano 2015

Il Commissario Unico delegato del Governo per Expo Milano 2015 Provvedimento n. 5 dell 8 agosto 2013 OGGETTO: Inquadramento ambientale dell'esposizione universale e delle relative opere (c.d. fase EXPO) anche nell ottica di ottimizzazione delle fasi di gestione del

Dettagli

Assunta il giorno UNDICI del mese di NOVEMBRE dell'anno DUEMILATREDICI dal Sindaco

Assunta il giorno UNDICI del mese di NOVEMBRE dell'anno DUEMILATREDICI dal Sindaco COMUNE DI FINALE EMILIA PROVINCIA DI MODENA O R I G I N A L E ORDINANZA N. 391 Data: 11/11/2013 Ufficio del Sindaco ORDINANZA DEL SINDACO Assunta il giorno UNDICI del mese di NOVEMBRE dell'anno DUEMILATREDICI

Dettagli

Art. 11 Studio di Impatto Ambientale (S.I.A.) Art. 12 Definizione dei contenuti del S.I.A. (scoping)

Art. 11 Studio di Impatto Ambientale (S.I.A.) Art. 12 Definizione dei contenuti del S.I.A. (scoping) LEGGE REGIONALE 18 maggio 1999, n. 9 DISCIPLINA DELLA PROCEDURA DI VALUTAZIONE DELL'IMPATTO AMBIENTALE Testo coordinato con le modifiche apportate da: L.R. 16 novembre 2000 n. 35 Titolo III PROCEDURA DI

Dettagli

Incontro informativo. Le bonifiche nel nuovo Testo Unico Ambientale e il confronto con la normativa britannica e francese

Incontro informativo. Le bonifiche nel nuovo Testo Unico Ambientale e il confronto con la normativa britannica e francese ISO 9001 : 2000 Certificato n. 97039 Settore Territorio Area Ambiente e Sicurezza Incontro informativo Le bonifiche nel nuovo Testo Unico Ambientale e il confronto con la normativa britannica e francese

Dettagli

Edilizia Privata LE NUOVE PROCEDURE DOPO IL D.L. TECNICA DIASSEVERAZIONE. Roma, 24 giugno 2015 Hotel dei Congressi, Viale Shakespeare 29

Edilizia Privata LE NUOVE PROCEDURE DOPO IL D.L. TECNICA DIASSEVERAZIONE. Roma, 24 giugno 2015 Hotel dei Congressi, Viale Shakespeare 29 Edilizia Privata LE NUOVE PROCEDURE DOPO IL D.L. SBLOCCA ITALIA E LA RELAZIONE TECNICA DIASSEVERAZIONE Roma, 24 giugno 2015 Hotel dei Congressi, Viale Shakespeare 29 Sblocca Italia (D.l133/2014) Renttobuy(affitto

Dettagli

Ricevuta dal SUAPE in data. Pratica n. Al Responsabile dell Area Urbanistica ed Assetto del Territorio del Comune di MAGIONE (PG)

Ricevuta dal SUAPE in data. Pratica n. Al Responsabile dell Area Urbanistica ed Assetto del Territorio del Comune di MAGIONE (PG) Protocollo Comune di MAGIONE Provincia di PERUGIA Ricevuta dal SUAPE in data (dalla quale decorrono i termini per l efficacia) Pratica n. (Spazio protocollo informatico) Al Responsabe dell Area Urbanistica

Dettagli

PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE

PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE ASSESSORATO TERRITORIO E AMBIENTE DIPARTIMENTO TERRITORIO E AMBIENTE SERVIZIO VALUTAZIONE AMBIENTALE PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE OGGETTO : DICHIARAZIONE DI NON ASSOGGETTABILITÀ A PROCEDURA DI VAS E A PROCEDURA

Dettagli

Nuove normative suoi suoli: dalla centralità della bonifica alla responsabilizzazione dell operatore

Nuove normative suoi suoli: dalla centralità della bonifica alla responsabilizzazione dell operatore Nuove normative suoi suoli: dalla centralità della bonifica alla responsabilizzazione dell operatore avv. Andrea Martelli Convegno sul tema: La gestione dei materiali da scavo Ferrara, 19 Settembre 2014

Dettagli

LA GESTIONE DEI MATERIALI DA SCAVO AL DI FUORI DEL REGIME DELLE TRS

LA GESTIONE DEI MATERIALI DA SCAVO AL DI FUORI DEL REGIME DELLE TRS LA GESTIONE DEI MATERIALI DA SCAVO AL DI FUORI DEL REGIME DELLE TRS Seminario del 29 maggio 2013 Stefania Alemani Provincia di Torino TERRE E ROCCE DA SCAVO L INTERESSE SI SPOSTA DA: PRODUTTORE DELLA TERRA

Dettagli

DETERMINAZIONE. Estensore LEONE FERDINANDO. Responsabile del procedimento F. TOSINI. Responsabile dell' Area F. TOSINI. Direttore Regionale M.

DETERMINAZIONE. Estensore LEONE FERDINANDO. Responsabile del procedimento F. TOSINI. Responsabile dell' Area F. TOSINI. Direttore Regionale M. REGIONE LAZIO Direzione Regionale: Area: TERRITORIO, URBANISTICA, MOBILITA E RIFIUTI CICLO INTEGRATO DEI RIFIUTI DETERMINAZIONE N. G12704 del 09/09/2014 Proposta n. 14985 del 04/09/2014 Oggetto: ECOAMBIENTE

Dettagli

ORDINANZA 139 DEL15 NOVEMBRE 2013

ORDINANZA 139 DEL15 NOVEMBRE 2013 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 ORDINANZA 139 DEL15 NOVEMBRE 2013 RIMOZIONE MACERIE

Dettagli

Attività di edilizia libera (Comunicazione Inizio Lavori)

Attività di edilizia libera (Comunicazione Inizio Lavori) Attività di edilizia libera (Comunicazione Inizio Lavori) Descrizione del procedimento e riferimenti normativi Le attività di edilizia libera sono individuate all art. 6 D.P.R. 6 giugno 2001 n. 380. Ai

Dettagli

PROCEDURA DI CERTIFICAZIONE DEL CREDITO FINALIZZATA ALLA CESSIONE PRO-SOLUTO

PROCEDURA DI CERTIFICAZIONE DEL CREDITO FINALIZZATA ALLA CESSIONE PRO-SOLUTO PROCEDURA DI CERTIFICAZIONE DEL CREDITO FINALIZZATA ALLA CESSIONE PRO-SOLUTO Premessa 1) Istanza di certificazione del credito 2) Avvio della procedura di certificazione 3) Certificazione del credito 4)

Dettagli

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 23 - Mercoledì 08 giugno 2016

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 23 - Mercoledì 08 giugno 2016 Bollettino Ufficiale 5 D.g.r. 31 maggio 2016 - n. X/5248 Linee guida per il riutilizzo e la riqualificazione urbanistica delle aree contaminate (art. 21 bis, l.r. 26/2003 - Incentivi per la bonifica di

Dettagli

DETERMINAZIONE. Estensore FRANZESE MAURIZIO. Responsabile del procedimento FRANZESE MAURIZIO. Responsabile dell' Area F. TOSINI

DETERMINAZIONE. Estensore FRANZESE MAURIZIO. Responsabile del procedimento FRANZESE MAURIZIO. Responsabile dell' Area F. TOSINI REGIONE LAZIO Direzione Regionale: Area: TERRITORIO, URBANISTICA, MOBILITA E RIFIUTI CICLO INTEGRATO DEI RIFIUTI DETERMINAZIONE N. G16480 del 21/12/2015 Proposta n. 20329 del 16/12/2015 Oggetto: S.E.P.

Dettagli

AUTORIZZAZIONE UNICA AMBIENTALE PRIME ISTRUZIONI OPERATIVE

AUTORIZZAZIONE UNICA AMBIENTALE PRIME ISTRUZIONI OPERATIVE AUTORIZZAZIONE UNICA AMBIENTALE PRIME ISTRUZIONI OPERATIVE PROVINCIA DI BERGAMO ASSESSORATO ALL AMBIENTE DIRIGENTE DR. CLAUDIO CONFALONIERI SETTORE AMBIENTE Dr Ing. Claudia Pianello DPR n. 59 del 13.03.2013

Dettagli

ESTRATTO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 141 DEL 12.09.2005

ESTRATTO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 141 DEL 12.09.2005 ESTRATTO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 141 DEL 12.09.2005 OGGETTO: AGGIORNAMENTO DIRITTI DI SEGRETERIA E TARIFFE DEI SERVIZI MODIFICA D.G.C. N 348 DEL 04.07.1992. LA GIUNTA COMUNALE OMISSIS DELIBERA

Dettagli

L autorizzazione Paesaggistica Semplificata. L attività Edilizia Libera

L autorizzazione Paesaggistica Semplificata. L attività Edilizia Libera L autorizzazione Paesaggistica Semplificata L attività Edilizia Libera L Autorizzazione Paesaggistica Semplificata è disciplinata dal D.P.R. 9 LUGLIO 2010 N. 139 IL D.Lgs. 42/2004 prevedeva l emanazione

Dettagli

Servizio Edilizia Pubblica

Servizio Edilizia Pubblica Servizio Edilizia Pubblica SCHEMA ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CUI ALL ARTICOLO 1, COMMA 1, LETT. B) ED E) DEL PIANO NAZIONALE DI EDILIZIA ABITATIVA ALLEGATO AL D.P.C.M.

Dettagli

Allo sportello unico dell edilizia Municipalità di

Allo sportello unico dell edilizia Municipalità di Allo sportello unico dell edilizia Municipalità di MODELLO SCIA.b SCIA.b - 29/08/2011 ASSEVERAZIONE ALLEGATA ALLA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ EDILIZIA ai sensi dell articolo 19, comma 1

Dettagli

della Regione Toscana Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620

della Regione Toscana Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620 Anno XLI Repubblica Italiana BOLLETTINO UFFICIALE della Regione Toscana Parte Seconda n. 12 del 24.3.2010 Supplemento n. 43 mercoledì, 24 marzo 2010 Firenze Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127

Dettagli

Linee Guida Direttive di organizzazione e di funzionamento dello Sportello Unico per le Attività Produttive (SUAP)

Linee Guida Direttive di organizzazione e di funzionamento dello Sportello Unico per le Attività Produttive (SUAP) Linee Guida Direttive di organizzazione e di funzionamento dello Sportello Unico per le Attività Produttive (SUAP) Premesse DEFINIZIONI Ai fini delle presenti direttive: per Regione s intende la Regione

Dettagli

autorità competente autorità procedente proponente Autorità competente:

autorità competente autorità procedente proponente Autorità competente: INDIRIZZI IN MERITO AI PROGETTI RELATIVI AD IMPIANTI DI SMALTIMENTO E DI RECUPERO DEI RIFIUTI IN VARIANTE ALLO STRUMENTO URBANISTICO E COORDINAMENTO PROCEDURE DI VIA - AIA - VAS QUADRO NORMATIVO Il comma

Dettagli

RISCHIO INQUINAMENTO E SOLUZIONI ASSICURATIVE

RISCHIO INQUINAMENTO E SOLUZIONI ASSICURATIVE RISCHIO INQUINAMENTO E SOLUZIONI ASSICURATIVE Giovanni Faglia Pool Inquinamento 21 settembre 2011 Rischio Inquinamento 2 INQUINAMENTO: E UN RISCHIO SPECIALE? E un rischio che richiede specifiche competenze:

Dettagli

Controllo dei cantieri in corso d opera. Francesco Perotti

Controllo dei cantieri in corso d opera. Francesco Perotti Controllo dei cantieri in corso d opera Francesco Perotti Controllo Ambientale Cantieri Riferimenti progettuali ed obblighi contrattuali per la gestione ambientale dei cantieri Riferimenti per la gestione

Dettagli

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 16/22/CU01/C1

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 16/22/CU01/C1 CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 16/22/CU01/C1 INTESA SULLO SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 5, COMMA 2, DELLA LEGGE 7 AGOSTO 2015, N.

Dettagli

D.lgs. 152/06 art. 197

D.lgs. 152/06 art. 197 FUNZIONI DELLA PROVINCIA D.lgs. 152/06 art. 197 1. In attuazione dell'articolo 19 del decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, alle province competono: a) il controllo e la verifica degli interventi

Dettagli

La gestione dei siti contaminati nell esperienza Italferr

La gestione dei siti contaminati nell esperienza Italferr REMTECH 2014 WORKSHOP OICE LE BONIFICHE IN EMERGENZA NELLA REALIZZAZIONE DI GRANDI INFRASTRUTTURE La gestione dei siti contaminati nell esperienza Italferr Ferrara, 18 settembre 2014 Ing. Anna Rita Ferrari

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA REGIONALE SAN CARLO Ospedale San Carlo di Potenza - Ospedale San Francesco di Paola di Pescopagano

AZIENDA OSPEDALIERA REGIONALE SAN CARLO Ospedale San Carlo di Potenza - Ospedale San Francesco di Paola di Pescopagano AZIENDA OSPEDALIERA REGIONALE SAN CARLO Ospedale San Carlo di Potenza - Ospedale San Francesco di Paola di Pescopagano DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE n. 30.2016/00054 del 24/03/2016 OGGETTO SERVIZI TECNICI

Dettagli

Schema/Bozza REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI FINANZIAMENTI AZIENDALI/REGIONALI/STATALI. Allegato A

Schema/Bozza REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI FINANZIAMENTI AZIENDALI/REGIONALI/STATALI. Allegato A Schema/Bozza REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI FINANZIAMENTI AZIENDALI/REGIONALI/STATALI Allegato A Milano 29 giugno 2015 Art. 1 Finalità 1.1 Il presente regolamento ha lo scopo di disciplinare le modalità

Dettagli

Servizio Edilizia Pubblica

Servizio Edilizia Pubblica Servizio Edilizia Pubblica SCHEMA ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CUI ALL ARTICOLO 1, COMMA 1 LETT. B) ED E) DEL PIANO NAZIONALE DI EDILIZIA ABITATIVA ALLEGATO AL D.P.C.M.

Dettagli

Progetto Pilota START UP House

Progetto Pilota START UP House Azione 1.1 Progetto Pilota START UP House L Azione si propone di riqualificare spazi d immobili pubblici mediante il co-finanziamento di lavori di adeguamento per realizzare strutture attrezzate ad accogliere

Dettagli

Progetto Pilota START UP House

Progetto Pilota START UP House Azione 1.1 Progetto Pilota START UP House L Azione si propone di riqualificare spazi d immobili pubblici mediante il co-finanziamento di lavori di adeguamento per realizzare strutture attrezzate ad accogliere

Dettagli

1. Dopo la lettera d) del comma 2 dell articolo 7 della l.r. 81/1995 è inserita la seguente lettera:

1. Dopo la lettera d) del comma 2 dell articolo 7 della l.r. 81/1995 è inserita la seguente lettera: Proposta di legge Norme per l emergenza idrica e per la prevenzione della crisi idropotabile Modifiche alla legge regionale 21 luglio 1995, n. 81 (Norme di attuazione della legge 5 gennaio 1994, n. 36.

Dettagli

ENERGIA PRODOTTA DA FONTI RINNOVABILI

ENERGIA PRODOTTA DA FONTI RINNOVABILI ENERGIA PRODOTTA DA FONTI RINNOVABILI NORMATIVA la promozione dell energia elettrica prodotta da fonti energetiche rinnovabili nel mercato interno dell elettricità Direttiva 2001/77/CE del 27 settembre

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI: GESTIONE RIFIUTI E SOTTOPRODOTTI

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI: GESTIONE RIFIUTI E SOTTOPRODOTTI CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI: GESTIONE RIFIUTI E SOTTOPRODOTTI 1. LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO COME SOTTOPRODOTTI 2. I SITI CONTAMINATI 3. LA GESTIONE IN IMPIANTO DI RECUPERO DEI RIFIUTI DA

Dettagli

REGIONE SICILIANA ASSESSORATO REGIONALE TERRITORIO E AMBIENTE

REGIONE SICILIANA ASSESSORATO REGIONALE TERRITORIO E AMBIENTE REGIONE SICILIANA ASSRATO REGIONALE TERRITORIO E AMBIENTE STATO DEI PUNTI VENDITA CARBURANTE PROVINCIA DI ID P.V.C. COMUNE LOCALITÀ STATO NOTE ED AGGIORNAMENTI XXI APRILE CT2B1 P.V.9844 ACI CASTELLO EX

Dettagli

PIANO URBANO GENERALE PER I SERVIZI DEL SOTTOSUOLO

PIANO URBANO GENERALE PER I SERVIZI DEL SOTTOSUOLO PIANO URBANO GENERALE PER I SERVIZI DEL SOTTOSUOLO E CATASTO REGIONALE DELLE INFRASTRUTTURE E DELLE RETI DI REGIONE LOMBARDIA MILANO, 27 OTTOBRE LA DISCIPLINA REGIONALE PER IL SOTTOSUOLO Misure di efficientamento

Dettagli

Allegato 1 al Contratto

Allegato 1 al Contratto CONCESSIONE DI DIRITTI D USO SU RISORSE DELLA RETE PUBBLICA REGIONALE (RPR) ai sensi della D.G.R. n.1373 del 18 luglio 2014 Allegato 1 al Contratto PROCEDURE, TEMPISTICHE, SLA, PENALI 1 INDICE 1. PREMESSA

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. Visto il decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, recante norme in materia ambientale;

LA GIUNTA REGIONALE. Visto il decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, recante norme in materia ambientale; Oggetto:Bonifica di siti contaminati. Linee Guida - Indirizzi e coordinamento dei procedimenti amministrativi di approvazione ed esecuzione degli interventi disciplinati dal D.lgs 3 aprile 2006, n. 152

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE, SVILUPPO, TERRITORIO E LAVORO DIREZIONE EDILIZIA PRIVATA. O. d. S. n. 11 / 2013

DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE, SVILUPPO, TERRITORIO E LAVORO DIREZIONE EDILIZIA PRIVATA. O. d. S. n. 11 / 2013 DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE, SVILUPPO, TERRITORIO E LAVORO DIREZIONE EDILIZIA PRIVATA Prot.n 7708 del 31/12/2013.. Cat 6.30.6.6. (da citare nella risposta) Torino, 31/12/2013 O. d. S. n. 11 / 2013 Oggetto:

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Decreto Ministeriale: Disposizioni in materia di medicinali per terapie avanzate preparati su base non ripetitiva IL MINISTRO Visto il decreto legislativo 24 aprile 2006, n. 219,

Dettagli

COMUNE DI TODI SERVIZIO GESTIONE DEL TERRITORIO E SVILUPPO ECONOMICO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA

COMUNE DI TODI SERVIZIO GESTIONE DEL TERRITORIO E SVILUPPO ECONOMICO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA COMUNE DI TODI SERVIZIO GESTIONE DEL TERRITORIO E SVILUPPO ECONOMICO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (Artt. 20 e 21 l.r. 18/02/2004, n. 1) Protocollo n. del Ricevuta dal SUAPE in data (dalla

Dettagli

PROVINCIA DI VERCELLI

PROVINCIA DI VERCELLI PROVINCIA DI VERCELLI Personale e Organizzazione - Tutela Ambientale UFFICIO Rifiuti, Emissioni in Atmosfera, Inquinamenti e Bonifiche N. Mecc. PDET-1333-2013 del 20/05/2013 Atto N. 1331 del 21/05/2013

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI CATANIA. Seminario per candidati agli esami di abilitazione alla professione di ingegnere LAVORI PUBBLICI

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI CATANIA. Seminario per candidati agli esami di abilitazione alla professione di ingegnere LAVORI PUBBLICI ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI CATANIA Seminario per candidati agli esami di abilitazione alla professione di ingegnere LAVORI PUBBLICI Progetto, approvazione, affidamento dott. ing. Orazio

Dettagli

Distributori di carburanti

Distributori di carburanti Segnalazioni Direzione Ambiente, Governo e Tutela del Territorio marzo 2015 Distributori di carburanti Criteri semplificati per la caratterizzazione, messa in sicurezza e bonifica dei suoli e delle acque

Dettagli

8895 07/08/2008. Identificativo Atto N. 621 DIREZIONE GENERALE TERRITORIO E URBANISTICA

8895 07/08/2008. Identificativo Atto N. 621 DIREZIONE GENERALE TERRITORIO E URBANISTICA 8895 07/08/2008 Identificativo Atto N. 621 DIREZIONE GENERALE TERRITORIO E URBANISTICA REGOLARIZZAZIONE DI PICCOLA DERIVAZIONE DI ACQUE SOTTERRANEE DA 3 POZZI AD USO INDUSTRIALE IN COMUNE DI CREMONA (CR).

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI SIRACUSA

PROVINCIA REGIONALE DI SIRACUSA PROVINCIA REGIONALE DI SIRACUSA oggi LIBERO CONSORZIO COMUNALE Settore X - Territorio e Ambiente TIPOLOGIE DI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI. ART. 35. D.Lgs. n. 33/2013 Denominazione del e Osservatorio Provinciale

Dettagli

ORGANIZZAZIONE BANCA DATI

ORGANIZZAZIONE BANCA DATI ORGANIZZAZIONE BANCA DATI SISBON: 1 MARZO 2011 AVVIO PROCEDURE ON-LINE La BANCA DATI dei siti interessati da procedimento di bonifica organizzata nell ambito del SIRA include l ANAGRAFE. In BANCA DATI,

Dettagli

AREA POLITICHE PER LA RIQUALIFICAZIONE, LA TUTELA E LA SICUREZZA AMBIENTALE E PER L ATTUAZIONE DELLE OPERE PUBBLICHE

AREA POLITICHE PER LA RIQUALIFICAZIONE, LA TUTELA E LA SICUREZZA AMBIENTALE E PER L ATTUAZIONE DELLE OPERE PUBBLICHE R E G I O N E P U G L I A AREA POLITICHE PER LA RIQUALIFICAZIONE, LA TUTELA E LA SICUREZZA AMBIENTALE E PER L ATTUAZIONE DELLE OPERE PUBBLICHE SERVIZIO LAVORI PUBBLICI Schema di Disegno di Legge Regionale

Dettagli

Introduzione ai Programmi di intervento per l inquinamento diffuso

Introduzione ai Programmi di intervento per l inquinamento diffuso CONVEGNO Contaminazione delle acque sotterranee e tecnologie innovative di bonifica in Lombardia LUNEDÌ 28 SETTEMBRE 2015, ORE 8.45 17.00 REGIONE LOMBARDIA, PALAZZO PIRELLI AUDITORIUM "GIORGIO GABER«Introduzione

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DI RENDIMENTO DI COMBUSTIONE E DELLO STATO DI ESERCIZIO E MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI. (Del. C.P. n. 36/2009) Art. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente Regolamento

Dettagli

Quadro normativo delle Regioni e Province Autonome sulla VAS LIGURIA. Disciplina della valutazione di impatto ambientale.

Quadro normativo delle Regioni e Province Autonome sulla VAS LIGURIA. Disciplina della valutazione di impatto ambientale. L.R. 4/09/1997, n. 36. Pubblicata nel B.U. Liguria 17 settembre 1997, n. 16, L.R. 30/12/1998, n. 38. Pubblicata nel B.U. Liguria 20 gennaio 1999, n. 1. L.R. 4/08/2006, n. 20. Pubblicata nel B.U. Liguria

Dettagli

DIREZIONE MANUTENZIONE INFRASTRUTTURE E VERDE PUBBLICO - SETTORE STRADE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 2015-155.1.0.-34

DIREZIONE MANUTENZIONE INFRASTRUTTURE E VERDE PUBBLICO - SETTORE STRADE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 2015-155.1.0.-34 DIREZIONE MANUTENZIONE INFRASTRUTTURE E VERDE PUBBLICO - SETTORE STRADE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 2015-155.1.0.-34 L'anno 2015 il giorno 17 del mese di Febbraio il sottoscritto Gatti Gian Luigi in

Dettagli